close

Enter

Log in using OpenID

Corriere Avis Torino

embedDownload
SOMMARIO
3
Editoriale
di Igino Arboatti
29
30-32
Attività Masters
di Maurizio Macchi
Eventi a Torino
4
Statistica
5
Calendario prelievi
6
Spettacolo pomeridiano
giornata del volontario
34-35
Carabinieri: 200 anni
Elenco premiati
36-37
Le mostre
7-15
15
Commemorazione
defunti
16
Vita associativa
17
di Graziano Cestino
Comunicazioni
ai donatori
di Igino Arboatti
33
di Giulia Maria Bouquiè
Campioni d’Italia
di Alessandro Nidi
di Giulia Maria Bouquiè
di Angelo Mistrangelo
38-39
Passione fotografica
40-41
Il ricordo
del cantautore
di Giorgio Debernardi
di Michele Bonavero
42
Gita all’Acquario
di Genova
18-19
Al nostro fianco
di O.A. Intergruppo Piemonte
43
Chat... e messaggini
20
Un aiuto contro
il diabete
44
Storia minore
45
Collezionismo
di Patrizia Biancucci
21-24
INSERTO
“Cos’è la prostata”
25
La giornata dello sport
26
Pedalavis 2014
27
Flashmob in stazione
28
Gita a Recco
46
di Giovanni Borgogno
del Gruppo Giovani
del Gruppo Giovani
del Gruppo Anziani
47
di Giulia Maria Bouquiè
di Renzo Rossotti
dii Renzo Rossotti
L’ingegno montanaro
di Damaride
e Franco Gilardi
Anagrafe Avisina
Per la pubblicazione degli articoli
sul prossimo numero il materiale
deve essere inoltrato entro e non oltre
il 15 novembre 2014 all’indirizzo:
[email protected]
Corriere Avis Torino
Direttore responsabile
Alessandro Fisso
Caporedattore
Graziano Cestino
Redazione
Giulia Maria Bouquiè
Giorgio Debernardi
Franco Gilardi
Maurizio Macchi
Damaride Moccia
Con la collaborazione
del consiglio direttivo dell’Avis
Comunale di Torino, dei responsabili
dei gruppi anziani, giovani, aziendali
e del CCS (Centro Culturale Sportivo
«Luciano Penna»)
e della Commissione Avis Scuola.
Direzione, redazione
e amministrazione
10127 Torino, via Piacenza 7
Tel. (011) 613.341
Numero verde 800.265.508
Sito internet: www.avistorino.it
Indirizzi e-mail:
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
Registrazione tribunale di Torino
n. 1250 del 24-7-1958
Conti correnti postali:
- Avis Comunale Torino 26146100
- Fondo Solidarietà Avis 27891100
Realizzazione grafica
Walter Brusa
Giuseppe De Blasi
Stampa
Arti Grafiche Cuneo
12100 Madonna dell’Olmo (CN)
Associato
all’Unione Stampa
Periodica Italiana
Registrato dalla Ulrich’s International
Periodicals Directory
di New Providence, N.J. (USA)
A cura di
Igino Arboatti
Editoriale
Accreditamento regionale:
certificazione Iso 9001
E
ra il lontano 1971, mi ero
appena abilitato alla professione e cominciavo a fare le
mie prime uscite come medico prelevatore per l’Avis: il sangue donato
era raccolto in contenitori di vetro e
non poteva essere frazionato, gli esami erano limitati al minimo, i controlli della pressione venivano effettuati in comune, non c’era privacy, la
donazione si faceva da seduti con il
braccio appoggiato ad un tavolo o ad
una mensola, il ristoro (oltre al panino) era costituito da un generoso bicchiere di vino (si sa che il vino fa
buon sangue) o di marsala.
……Ne è passata di acqua …o di
vino…. sotto i ponti….
Adesso la Medicina Trasfusionale
è una branca riconosciuta in campo
medico-scientifico ed il sangue viene
equiparato ad un farmaco a tutti gli
effetti, per cui è necessario rispettare
tutte le norme che ne garantiscono la
sicurezza e la completa tracciabilità:
ogni operazione, dal momento in cui
il donatore si presenta a donare a
quando l’unità di sangue viene infusa
al paziente o il plasma viene utilizzato per la produzione di emoderivati,
deve essere rintracciabile e deve
sempre essere identificato l’operatore coinvolto in qualsiasi fase del
processo. Ogni operazione: l’accettazione del donatore, la determinazione dell’emoglobina prima della
donazione, la visita medica, il prelievo di sangue o di plasma o di piastrine, deve essere regolata da procedure
specifiche che ogni operatore è tenuto a rispettare. La selezione del donatore è condizionata da precise norme
di legge. Tutte le apparecchiature
utilizzate, dagli emoglobinometri
alle bilance, devono essere validate e
ricontrollate almeno due volte
l’anno, il trasporto del sangue raccolto deve avvenire in modo da garantirne, evidenziandola, la corretta
conservazione. I medici e gli infermieri che intervengono nella raccolta
devono essere formati secondo linee
guida specifiche promulgate a livello
nazionale e convalidate a livello regionale e devono fare un corso di
aggiornamento almeno una volta
l’anno.
L’adeguamento a tutte queste nuove
regole ha portato l’Avis Intercomunale
“Arnaldo Colombo” ad effettuare un
grande lavoro, durato un paio d’anni
(molto intenso nell’ultimo) a cui hanno
partecipato tutti gli operatori e la Dirigenza, riuscendo a conseguire un brillante risultato, in quanto oltre ad ottenere il 22 luglio l’accreditamento
regionale/nazionale senza alcuna segnalazione negativa, ha acquisito anche la certificazione ISO 9001 in data
18 giugno.
La politica che l’Avis ha sempre
rispettato, ma che con queste verifiche ci è stata pienamente riconosciuta viene specificata in questi punti
fondamentali:
contribuire alla realizzazione
dell’autosufficienza di sangue
programmare la raccolta secondo
quanto stabilito dal Centro
Regionale Sangue
garantire la sicurezza del donatore
garantire un approccio orientato
alla prevenzione ed al
miglioramento
diffondere linee guida e
protocolli operativi per la
raccolta del sangue
tutelare la salute e la sicurezza
di tutte le parti interessate
all’attività
ridurre i costi dovuti
all’inefficienza nella conduzione
perseguire il costante
aggiornamento del personale
e delle tecnologie
garantire la sicurezza della
conservazione e del trasporto
del sangue raccolto
garantire la sicurezza e l’efficacia
degli emocomponenti prodotti,
monitorando i punti critici
della raccolta presso il Centro
di Produzione e Validazione
Emocomponenti.
Il raggiungimento di questi obiettivi ci ha gratificati e riempiti di orgoglio, mentre la prospettiva di proseguire verso un costante miglioramento sarà uno stimolo costante
in tutti noi.
Dare il meglio ai donatori, metterli
in situazione di maggior sicurezza e
confort (anche le donazioni di sangue intero, non solo quelle di plasma,
si possono prenotare per evitare attese a volte estenuanti), informarli sul
tipo di donazione a loro più consono
a seconda del gruppo sanguigno, migliorare l’indagine anamnestica,
contribuirà ad avere una raccolta
sempre più mirata e specifica e ad
avere un prodotto di qualità sempre
migliore.
Tutto questo a vantaggio di chi,
più sfortunato, ricoverato in ospedale
o sottoposto a terapie particolari, necessita del supporto terapeutico di
quel “farmaco” indispensabile che è
il sangue umano.
Al centro
di questo numero
potete trovare
quattro pagine
estraibili
da conservare.
"La prostata,
conoscenza
e prevenzione"
Si ringrazia
l’Avis Regionale
Veneto per
l’autorizzazione
della pubblicazione
3
Statistiche
INTERCOMUNALE PRELIEVI EFFETTUATI NEL 1° SEMESTRE 2013 E 2014
Sangue
Plasma
Multicomponent
TOTALE
Differenza
2013
2014
2013
2014
2013
2014
2013
2014
GENNAIO
5.203
4.867
1.187
1.164
513
507
6.903
6.538
-365
FEBBRAIO
5.614
5.069
1.248
1.109
522
501
7.384
6.679
-705
MARZO
7.145
6.052
1.360
1.274
530
485
9.035
7.811
-1224
APRILE
5.587
5.322
1.268
1.114
508
489
7.363
6.925
-438
MAGGIO
6.334
5.623
1.427
1.307
626
496
8.387
7.421
-966
GIUGNO
5.899
5.151
1.334
1.120
509
419
7.742
6.690
-1.052
35.782
32.084
7.824
7.088
3.208
2.897
46.814
42.064
-4.750
TOTALI
CONFRONTO 1° SEMESTRE 2013 E 2014 PER PROVENIENZA DONATORI
Intercomunale
Comunale Torino
Altre comunali
2013
2014
differenza
2013
2014
differenza
2013
2014
differenza
GENNAIO
6.903
6.538
-365
4.426
4.071
-355
2.477
2.473
-4
FEBBRAIO
7.384
6.679
-705
4.351
4.118
-233
3.033
2.606
-427
MARZO
9.035
7.811
-1.224
4.979
4.626
-353
4.056
3.364
-692
APRILE
7.363
6.925
-438
4.388
4.127
-261
2.975
2.654
-321
MAGGIO
8.387
7.421
-966
4.970
4.307
-663
3.417
3.050
-367
GIUGNO
7.742
6.690
-1.052
4.328
3.760
-568
3.414
2.908
-506
46.814
42.064
-4.750
27.442
25.009
-2.433
19.372
17.055
-2.317
TOTALI
CONFRONTO RACCOLTA GENNAIO/DICEMBRE
PER PUNTI DI PRELIEVO
Da Intercomunale
Da Comunale Torino
2011
2012
2013
2011
2012
2013
2012/2013
3.626
3.600
3.506
3.228
3.225
3.105
-4,00%
VIA PIACENZA
22.003
21.230
20.151
20.058
19.301
18.125
-6,01%
PIANEZZA
20.601
20.614
19.734
15.336
15.201
14.095
-7,30%
CHIESE
1.001
1.068
788
935
874
628
-28,10%
SCUOLE
3.546
4.073
5.705
3.312
3.380
3.908
15,60%
201
150
260
194
134
189
36,00%
S. GIOVANNI BOSCO
3.590
3.510
3.502
3.252
3.133
3.111
-0,90%
PORTA NUOVA
1.940
2.093
984
1.827
1.949
886
-54,80%
PORTA SUSA
3.911
4.273
4.716
3.740
3.915
4.061
3,80%
PARCO RUFFINI
4.240
4.657
4.394
4.231
4.655
4.390
-5,90%
149
269
243
140
143
53
-60,00%
PROV. TORINO
18.460
19.277
16.250
371
353
0
--
PROV. CUNEO
9.862
8.219
8.364
7
11
0
--
PROV. VERCELLI
138
111
144
1
0
0
--
TOTALI
93.268
93.164
88.741
56.632
56.274
52.551
-6,60%
SANGUE INTERO
72.433
72.556
68.164
40.607
40.450
36.738
-9,20%
PLASMA
15.000
14.856
14.505
10.810
10.661
10.339
-3,00%
253
243
66
230
215
60
-72,00%
MULTIPLI
5.582
5.509
6.006
4.985
4.948
5.414
9,50%
TOTALI
93.268
93.164
88.741
56.632
56.274
52.551
-6,60%
CTT
CASERME
PUNTI VARI
PIASTRINE
4
PERCENTUALE
DONAZIONI
PER PROVENIENZA
DONATORI
2013
Comunale Torino
58,60%
41,40%
Prov. Torino/CN/VC
2014
Comunale Torino
59,40%
40,60%
Prov. Torino/CN/VC
Dove e quando donare
Le donazioni
nei prossimi mesi
L
e donazioni che si possono effettuare si suddividono in:
donazioni di sangue intero
effettuabili ad intervalli di almeno 90
giorni per gli uomini e 180 per le donne
in età fertile;
di solo plasma in “aferesi” ad intervalli
stabiliti dai medici e a volte anche inferiori a quelli previsti per il sangue intero;
di piastrine, in aferesi, ad intervalli stabiliti dai sanitari per ogni donatore, o
“multicomponenti”, cioè di due “prodotti” già separati all’atto del prelievo: plasma e sangue intero, oppure plasma e
piastrine.
In ogni caso, purché preceduta da visite
mediche appropriate, tutti i tipi di donazione sono eseguiti con aghi ed accessori
monouso, cioè utilizzati una sola volta e
poi eliminati, e non arrecano alcun danno al donatore.
Ogni anno l’Avis premia i propri asso-
ciati che hanno raggiunto il numero di
donazioni o di fedeltà di appartenenza
all’Avis previste dal regolamento associativo. Le donazioni di sangue intero si
possono effettuare, senza prenotazione,
tutti i giorni feriali e festivi esclusi Natale
e Capodanno:
presso la sede di via Piacenza 7, Torino orari feriali 7,30 - 11,45 / festivi 8 11,45, con possibilità di usufruire anche
dell’ampio parcheggio per il tempo necessario a donazioni e visite;
presso l’unità di raccolta di Pianezza, via Torino 19 (autobus 32 biglietto
suburbano e ampia disponibilità di parcheggio) con i seguenti orari:
feriali 7,30 - 11,45 / festivi 8 - 11,45.
Tutti i giorni feriali, anche presso il
Centro Trasfusionale dell’ospedale
OIRM S. Anna, di via Baiardi 43 con
entrata da via Ventimiglia 1, dalle 8 alle
12 (sabato escluso) e presso l’ospedale
Maria Vittoria, ingresso via Medail 1,
con orario: dal lunedì al venerdì dalle
8,30 alle 11,30 ed il sabato dalle 8,30 alle
10,30.
Per le prime donazioni presentarsi entro
le 10,45. Sulle autoemoteche dell’Avis
torinese donazioni e visite si possono effettuare:
nei soli giorni feriali in piazza del
Donatore di sangue (ex Largo Gottardo), davanti all’ospedale Giovanni Bosco, dalle 7,45 alle 11,45;
a Porta Nuova in corso Vittorio 58
angolo via XX Settembre dalle 7,45
alle 11,45, solo il venerdì;
a Porta Susa, in piazza XVIII Dicembre, dalle 7,45 alle 11,45;
nel parco Ruffini, in corso Trapani
angolo corso Rosselli, dalle 7,45 alle
11,45.
Le domeniche con orario dalle 8,30
alle 11,30 davanti alle chiese.
2014
DATE E PRELIEVI
LE PROSSIME DOMENICHE DAVANTI ALLE CHIESE
7
Gesù Nazareno
via Duchessa Jolanda/Palmieri
San Bernardino da Siena,
via San Bernardino, 11
21
San Giuseppe Cottolengo
corso Potenza, 130
San Pellegrino Laziosi
corso Racconigi, 24
14
Madonna della Divina Provvidenza
via A. di Bernezzo, 44
San Giuseppe Lavoratore, corso Vercelli, 206
28
Madonna del Pilone
corso Casale, 195
12
Madonna di Campagna
via Cardinal Massaia, 98
Santi Apostoli, via Togliatti, 35
26
San Vincenzo de Paoli
via Sospello, 124
19
Santa Giulia, piazza Santa Giulia
SS. Nome di Maria, via G. Reni, 96/140
1
Cimitero Monumentale
corso Novara, 135
Cimitero Parco Sud
via Bertani, 80
9
San Giuseppe Cafasso
corso Grosseto, 72
Santa Maria Goretti
via Pietro Cossa / Via Actis
2
S. Antonio Abate
piazza Stampalia, 17
16
Nostra Signora della Salute
piazza Vittoria / Via Vibò
7
Nostra Signora
del Sacro Cuore di Gesù
via Val Lagarina, 25
14
San Giuseppe Lavoratore
corso Vercelli, 206
21
Natale del Signore, via Boston, 37
Santa Rita, piazza Santa Rita
Dicembre
Settembre
Ottobre
23
S. Alfonso Maria Dé Liguori
via Cibrario / C.so Tassoni
30
Madonna della Guardia
via Monginevro, 251
Novembre
5
Vita associativa
La Festa
del Volontario
si preannuncia
anche quest'anno
come un'intera
giornata
di condivisione,
di riconoscimento
reciproco
dell'impegno
e di allegria,
rispecchiando
in pieno lo spirito
avisino di cui
noi tutti andiamo
tanto fieri
A cura di
Graziano Cestino
Passioni che si incontrano
Entusiasmo avisino ed esperienze di musica
e di condivisione al Teatro Nuovo
Il 9 novembre tenetevi liberi!
Si festeggia il volontario Avis e, com'è giusto che sia,
si festeggerà in maniera allegra, travolgente e sfavillante... esattamente come sanno fare i nostri volontari!
L'appuntamento è al Teatro Nuovo - ricordatevi, il 9
novembre! -, e per l'occasione i volontari avisini incontreranno altre persone con la stessa capacità di mettersi
in gioco e di creare, questa volta attraverso la musica,
qualcosa di grande, qualcosa che sa scaldare il cuore...
I Barriera Republic
The Flight Gospel Choir
È una realtà corale che nasce a Caselle Torinese nel
2012. Spirito di amicizia e amore per la musica sono gli
ingredienti che ne hanno permesso la crescita, stimolata
e ispirata dalla guida del giovane direttore Giuseppe
Crea. Il coro propone un repertorio che parte dai classici spiritual a cappella per arrivare al più animato gospel
contemporaneo. L'entusiasmo è una delle componenti
fondamentali di questo coro, che grazie al suo spirito
travolgente e al talento dei suoi componenti sa stupire
e trasportare il pubblico fin nei meandri più profondi
e emozionanti della musica gospel.
Non sono un gruppo musicale. Sono un collettivo musicale interculturale che accoglie musicisti con la passione per “i suoni e le melodie
provenienti da tutte le parti del mondo”: ogni partecipante porta alcuni
brani, spesso di grande successo nelle proprie zone d'origine ma sconosciute ai più. I brani sono rielaborati dai musicisti e assumono caratteri nuovi attraverso l'aggiunta di strumenti tradizionali o inaspettati.
Il gruppo nasce all'interno dell'associazione ASAI ed è coordinato
dall'educatore Riccardo D'Agostino. I membri attualmente sono sedici
(a cui si aggiungono diversi membri attualmente “in giro per il mondo” o in “licenza di paternità”), provenienti da Perù, Kenya, Senegal,
Italia e non solo... ma il numero, proprio grazie ai confini più elastici
donati dall'idea di “collettivo”, è sempre tendente all'aumento.
Il nome rende omaggio al quartiere torinese Barriera di Milano, a cui tutti i membri del collettivo sono legati, per residenza o per “adozione”.
Nell'aprile 2013 è stato prodotto il loro primo album, “In Barriera”,
e non è detto che l'anno prossimo non ne appaia un altro...
er
Mago Alexand
Prima Che Faccia Notte
lo pomeridiano
Allo spettaco ente con il suo
es
.
sarà anche pr
ago Alexander mpre
m
il
lo
co
se
spetta
è
i
ar
ri annivers
A tutti i nost e a grande richiesta
te
en
stato pres
tato.
ovamente invi o” - ci permettiamo
nu
o
ic
lo abbiam
m
ancare un “a ividere con tutti
Non poteva m
nd
co
r
lo tale - pe
di considerar anni di fondazione.
i sono
85
i
gl
entazioni, tant ecipato.
es
i donatori
pr
di
o
gn
so
rt
pa
ha bi
Alexander non spettacoli televisivi a cui ha iani si occupaid
e
i
ot
ut
qu
ev
li
ric
pa
i
ci
i prem
li e i prin
na
or
gi
le
e di Polizia.
te
i
rz
i
fo
Nel 2007 tutt ti-borseggio tenuto alle
an
rono del corso
6
È una band di ragazzi diversamente giovani - sono loro stessi a definirsi così - che propongono un genere blues e rithm and blues popolare. La scelta di brani di autori jazz anglosassoni si lega con pezzi di
autori italiani contaminati da suggestioni di qualche anno fa.
La musica deve suscitare emozioni e ricordi di chi suona e di chi
ascolta, il tutto “prima che faccia notte” o “prima che sorga il sole”,
dipende dai punti di vista.
PROGRAMMA DELLA GIORNATA
ORE 8,30
Santa
Messa
ORE 9,30
Inizio cerimonia
e consegna
benemerenze
ORE 15
Spettacolo musicale con
partecipazione del mago Alexander.
Presenta Mario Brusa
Avisini benemeriti
La giornata
del Volontario
I
l 9 novembre prossimo, al Teatro Nuovo – C.so Massimo
D’Azeglio 17 – la Comunale di
Torino celebrerà la giornata del volontario.
Unico momento nel quale i donatori
escono dall’anonimato per ricevere
dalle autorità cittadine le benemerenze al merito trasfusionale, acquistate
dalla stessa Avis con propri fondi.
Sono in corso di spedizione gli inviti
a tutti i donatori aventi diritto: che
hanno raggiunto o stanno raggiungendo , gli indici previsti dal regolamento associativo. Chi ritenesse di
essere incluso tra i premiati e non
risultasse inserito nell’elenco, telefoni alle segreterie di Via Piacenza 7
a Torino o di Via Torino 19
a Pianezza.
Ci scusiamo per eventuali disguidi.
Il regolamento associativo prevede
le seguenti benemerenze:
8 donazioni distintivo in rame
16 donazioni distintivo in argento
24 donazioni distintivo
in argento dorato
50 donazioni distintivo in oro
75 donazioni distintivo in oro
con rubino
100 donazioni distintivo in oro
con smeraldo
120 donazioni distintivo in oro
con diamante
ECCO L’ELENCO DEI VOLONTARI CHE SARANNO PREMIATI
DISTINTIVO IN RAME (8 donazioni)
ABBAMONTE
Federica
ABBATE Alessandro
ABBUNDO Francesco
ABDALLA Alessio
ABIS Marco
ACAMPA Carmela
ACCORDINO Francesca
ACCORNERO Tommaso
ACCOSSATO Giuseppe
ACELLA Elena
ACTIS MARTINO Laura
AGHIORGHIESEI Vasile
Cristinel
AGLI' Davide
AGLIERI RINELLA Antonio
AGOSTO Luigi
AIASSA Monica
AIMASSO Laura
AIMASSO Serena
ALBANESE Stefano
ALBANESE Vincenzo
ALBERT Luisa
ALBERTI Marinella
ALBERTINO Gianpaolo
ALCAMO Piero
ALDIGHIERI Paolo
ALEOTTI Manuele
ALESSANDRI Antonietta
ALESSI ANGHINI Claudio
ALESSIO Giovanni Mario
Antonio
ALESSIO Riccardo
ALFERO Giorgia
ALIFREDI Cristina
ALLAIS Sabrina
ALLASIA Alessandro
ALLIOD Valentina
ALLISIARDI Fabrizio
ALLOCCA Alessandro
ALLOUANI Salah
ALTEA Giulia
AMATO Antonino
AMATO Martina
AMBERTI Marco
AMBERTI Roberta
AMBROSACCHIO Luca
AMERIO Diego
AMIROUCHE Omar
AMITAY Yinnon
AMMAZZAGATTI Emanuele
A
AMORE Giovanni
AMORUSO Lucrezia
AMZIANE Lahcen
ANATONE Francesco
ANDONI Giuliana
ANDREOTTI Roberto
ANDRIOLLO Cristina
ANILE Valentina
ANNARO Mayori
ANSELMI Giulia
ANTENUCCI Laura
ANTONACCI Fabio
ANTONACCI Nicola Saverio
ANTONELLO Davide
ANTONOV Serioja
ANZELMO Valentina
APA Alessandro
APPIANO Debora
ARAMU Jessica
ARCERI Massimiliano
ARCURI Valeria
ARDUINO Giulia
ARFO' Enzo
ARNONE Cristian
ARRIGO Daniele
ARRIO Roberto
ARUANNO Marilisa
ATZEDI Andrea
AUCIELLO Luca
AUDENINO Stefania
AUGELLI Maria Lucia
Cristina
AUSILI Alessandro Domenico
AVERSA Giuseppe
AVIDANO Gabriele
AYAMUANG Romeo
AZAIS Eleonora
AZZIMATO Patrizio
BADINI Loredana
BAGLIO Maurizio
BAGNALE Donatella
BAILO Laura Claudia
BALBIANO Elisabetta
BALBO Arianna
BALDO Massimo
BALIA Tiziana
BALLAURI Paola
BALSANO Valentina
BANIN Roberto
BANONE Giorgio
B
BARABANCEA George
BARALE Carlo
BARBAROSSA Giuseppe
BARBERIS Marco
BARDELI Aldo
BARETTINI Stefano
BARONE Eliana
BARONE Elisabetta
BARONE Federica
BARRECA Gaetano
BASSINO Giada
BATTAGLIA Claudio
BATTAGLIO Denise
BATTEZZATI Niccolo'
BATTISTA Valentina
BATTISTI Rainero
BAUDINO Massimiliano
BAVA Andrea
BAVUSO Fabio
BECCATI Alberto
BECCUTI Vanessa
BEDETTI Elena
BELFIORE MARCOLIN
Cecilia
BELLACICCO Laura
Elisabetta
BELLANCA Xavier
BELTRITTI Valentina
BENEDETTO Giovanna
BENEDETTO Giovanni
Battista
BENTIVEGNA Giuseppe
Nicolo'
BENVENUTI Giorgia
BENVENUTO Marianna
BENZAN Alessandro
BERARDO Alice
BERGALLO Andrea Lorenzo
BERGAMINI Chiara
BERGANO Marilisa
BERIO Filippo
BERNARD Antonella
BERRONE Silvia
BERRUTI Claudia
BERRUTI Maria Teresa
BERTACCINI Valeria
BERTAGNA Giuseppe
BERTO Emanuela
BERTOLA Flavio
BERTOLINO Elio
BERTOLINO Giulia
BERTOLINO Massimiliano
BERTOLOTTI Silvia
BETTINELLI Christian
BETTIONI Daniele Primo
BEVAR Massimo
BIANCHI Antonella
BIANCHI Lidia
BIANCO Paola
BIANCO Simone Francesco
BIBBO' Sharon Eloise
BIDDAU Giovanni
BIGDAD Naima
BILANZUOLI Matteo
BISACCO Francesca
BISCARETTI DI RUFFIA
Carlo Alberto
BLENGIO Diego
BOBBIO Marco
BOCCHIARDO Martina
BOCCIARELLI Ferruccio
BODALE Mihaela
BONADIES Manuelita
BONAFFINI Viviana
BONANNO Laura
BONANSINGA Federica
BONETTI Marianella
BONFANTE Andrea
BONGO Monica
BONO Claudio
BORDINO Simona Lara
BORINATO Alessia
BOROTTO Manuela
BORTOLIN Cristina
BOSCO Alessio
BOSIO Cristian
BOSIO Maria Grazia
BOSSI Elena
BOTTO Simona
BOURGEOIS Roberto
BOVA Chiara
BOVINO Paolo
BRACESCO Martina
BRAGA Stefano
BRANDA Teodora
BREGOLIN Filippo
BRIA Federico
BRINDISI Federico
BRIZZI Chiara
BROGGINI David
BROGNA Roberto
BRUNETTO Federico
BRUNI Luciana
BRUNO Antonio
BRUNO Giuseppe
BRUNO Luciano
BRUNO Roberta
BRUNO Simona
BRUNO Valeria
BRUNO VENTRE Edoardo
BRUSCHI Giovanna Piera
BUFFARDI Emilio
BUONAFEDE Marco
BUONAFEDE Sara
BUONSANTO Federica
BURDISSO Francesca
BUREI Elisa Angela
BURELLO Flavio
BURGONIO William Suarez
BUSANO Maurizio
BUSO Serena
BUSSOLINO Chiara
BUTE Mihaela
CACERES
CASARETO
Jesus Andres
CACIOPPO Desire'
CACIOPPO Vincenzo
CADEDDU Davide
CADILI RISPI Pietro Umberto
CAGLIOTI Michele
CALABRESE Francesco
CALABRESI Giovanni
CALAMIA Emanuela
CALAVITA Federica
CALLIPO Valentina
CALMANTI Claudia
CALO' Francesco
CAMBIANO Alessia
CAMINITI Davide
CAMMARATA Carmelo
CAMMISA Elena
CAMPANA Ivan
CAMPIS Roberto
CAMPOLONGO Simona
CANAVESE Massimo
CANCEMI Simona
CANGI Marilena
CANNELLA Anna
CANNINO Nicola
CANTARUTTI Matteo
CANZIANI Paolo
C
7
Avisini benemeriti
8
CAPELLO Roberto
CAPETTA Simonetta
CAPISTA Francesco
CAPITANI Ilaria
CAPIZZI Maria Daniela
CAPORICCI Maria Giovanna
CAPPA Fulvio
CAPPELLUTI Enzo
CAPRINO Nicola
CAPUANO Maria Rosaria
CAPUTO Alessandro
CAPUTO Donato
CAPUTO Marco
CARAPELLI Cecilia
CARBONE Andrea
CARBONE Luca
CARBONE Martina
CARCIONE Valentina
CARDENAS RODRIGUEZ
Heidi Janeth
CAREDDU Livio
CARERE Davide
CARICATO Mario
CARIDDI Rosanna
CARLONE Manuel
CARLUCCI Igor
CARLUCCI Maria Grazia
CARMINE Marco
CARPANESE Barbara
CARRABBA Antonio
CARRERA Riccardo
CARRONE Roberto
CARTA Claudia
CARTELLA' Angela
CASALE Giovanni
CASALONE Piera
CASAPIERI Elena
CASELLA Alessandro
CASILLO Immacolata
CASSANDRO Paolo
CASSANO Stefano
CASSETTA Alessandro
CASSOLINI Luigi
CASSOTTA Eugenio
CASTAGNERI Alberto
CASTALDO Martina
CASTELLANO Claudio
CASTELLANO Vito
CASTELLI Stefano
CASTIGLIA Ivan
CATALANO Alessio
CATALANO Enrico
CATANIA Desiree
CATAPANO Giuseppe
CATARINOLO Erika
CATENA Nello
CATTANEO Daniele
CATTELAN Alessandro
CAVAGLIATO Caterina
CAVALLERO Stefano
CAVALLO Daniela
CAVALLO Giorgia
CAVALLO Ivana
CAVALLO Pasqualina
CAVANNA Dafne
Emmanuelle
CAVIGLIA Giampiero
CAZZUOLA Dario
CECCA Anna
CECCARINI Iacopo
CELA Shpresa
CELOTTO Luca Paolo
CERAGIOLI Francesca
CERAOLO Simona
CERAVOLO Giuseppe Davide
CERETTO CASTIGLIANO
Angelo
CERRATO Samanta
CERVASEL Jean Michel
CHAKOUB Abdelkerim
CHAREUN Matilde
CHARRIER Elisa
CHIARA Claudio Enzo
CHIARA Miriam
CHIARAMELLO Ester
CHIARELLO Chiara
CHIAVASSA Fabrizio
CHIOTTO Paola
CHIRICA Oana Mihaela
CHITIC Claudiu
CHIUMMENTO Sirio
CIAVARRELLA Pietro
CIBRARIO Andrea
CICCHESE Felice Alessandro
CICCHINO Selene Anna
CIGOLINI Elisa
CILIBERTI Maria Altomare
CIOFFI Giuseppe
CIRULLI Alessandro
CIVARDI Alessandra
CIVRA Massimiliano
CLAPERO Fabiana
CLAVERIO Rosalba
COGATO Carla
COJANU Cristian
COJANU Denisa Milena
COLASANTI Valentina
COLETTO Manuela
COLLETTI Giuseppe
COLMUTO Elisa
COLOTTI Barbara
COLTILETTI Giuseppe
COLUCCI Sabrina
COMANDONE Rita
COMBERIATI Annina
COMITO Enrico
CONCA Luigi
CONFLITTI Davide
CONROTTO Alberto
CONTE Fabio
CONTI Alessandro
CONTI Alessia Franca
CONTI Christian
CONTIN Felix
COPPA Cinzia Katia
CORAGGIA Alessia
CORNEANU Ana Maria
CORTELLINO Giuseppe
CORVASCE Cristian
COSENTINO Pier Paolo
COSMA Simone
COSTA Silvia
COSTANTINI Simona
COSTANZA Federica
COSTELLA Paolo
COTUGNO Alessia
COVIELLO Silvia
COVRE Gianluca
COZZOLINO Pietro
CREA Alvin
CREA Igor
CRINIERI Gennaro
CRISCITELLI Lucia
CRISTIANO Antonio
CRISTIANO Antonio
CROCE Eleonora
CROCIONI Stefano
CROTTO Silvano
CUCINOTTA Eleonora
CUTRONE Gian Franco
D'ADDETTA Antonio
D'AGATA Angelo
D'AGOSTINO Filippo
D'ALBERTI Luigi
D'ALESSANDRO Giulia
D'ALESSANDRO Nicola
D'ALESSANDRO Pasquale
DALLA CHIUSA Luis Miguel
DALL'AGNOL Riccardo
DALMASSO Mauro
D'AMATO Elisabetta
DAMIANO Daniela
D'AMICO Fabio
D'AMORE Clara
D'AMORE Francesca
D'ANDREA Giuseppe
DANESE Maurizio
D'ANGELO Marzia
DANIELE Alessandro
DAO Manuela
D'APUZZO Arianna
DARABANU Ciprian
DATTRINO Marco
D'AURIA Marianna
DE ANGELIS Rita
DE BIASE Mafalda
DE CARO Maurizio
D
DE CHIARA Letizia
DE CICCO Gisella Gilda
DE COLELLIS Benvenuto
DE FEO Luca
DE FILIPPI Dario
DE FLUMERI Gianpiero
DE MARINIS Valentina
DE NICOLA Silvia Anna
DE STRADIS Giosia
DECAROLI Gessica Paola
DEFLORA Giuseppina
DEGRANDI Flavio
DEGRANDI Renato Sergio
DEIDDA Barbara
DEL GAUDIO Roberta
DELFINO Mario
DELISE Alessio
DEMATTEIS Letizia
DEMICHELIS Alessandro
DENTAMARO Nicola
DEPAOLI Fiorenzo
DEPLANO Andrea
DEPUTATO Maria Teresa
DESIDERI Elena
DEVIARDI Luca
DI GIOIA Francesca
DI BARBARO Erika
DI BENEDETTO Alessia
Silvia
DI BIASE Nadia
DI CELLO Caterina
DI CHIARO Patrizia
DI CORSO Giuseppe
DI CRISCIENZO Fabio
DI DIO Silvia
DI FLUMERI Angelica
DI GAETANO Loreto
DI GIACOMO Gloria
DI IULLO Luana
DI LABIO Paolo
DI LEVA Angelo
DI MAIO Michelangelo
DI MEO Gennaro
DI PAOLA Daniele
DI PAOLO Antonio
DI PIERRO Nunzia
DI PLACIDO Angelo
DI RIENZO Carmela
DIAZ SILVA Mabila Maura
DIBISCEGLIA Nicola
DICARLO Federica
DICHIARO Manuel
D'INDIA Pietro
DINH Francesco
DINU Cristian
DISPENZA Francesca Maria
DITTA Vincenzo
DIVELLI Manuela
DOLCE Marta
DONATO Paolo
D'OTO Alfredo
DRAICCHIO Fabio
DROVANDI Sara
DUCHENE Simone
DUGUET Piero
DURANDO Marco
EL BARGUI Bouchaib
EL MAZRIA Ali
EPICOCO Cosimo
ESPINOZA PILOZO Jenny
Elizabeth
ESPINOZA RAMOS
Elizabeth Mercedes
ESPOSITO Eugenio
ESPOSITO Gianluca
ESPOSITO Giovanni
ESPOSITO Giuseppina
ESPOSITO Massimo
ETERNO Fabio
ETTANGI Davide
E
FACCINI Raffaella
FACCIO Enrico
FALCONI Giuseppe
FALZONE Cinzia
FANFANI Daniela
FANTINI Caterina
FARINA Marco
F
FARINA FINZI Luca
FARINELLI Camilla
FARINETTI Silvia
FASSINO Mauro
FEA Chiara
FELLETTI Riccardo
FEMIA Valentina
FENOGLIO Laura
FERRANTE Guido
FERRANTE Nadia
FERRARO Andrea Carlo
FERRAROTTI Fabrizio
FERRAZZANO Concetta Nadia
FERRERO Emanuele
FERRERO Francesco
FERRIGNO Giuseppe
FERRIGNO Marisa
FICELI Loredana
FICHERA Fabio
FICHERA Filippo
FILIPPI Roberto
FINATTI Cristiana
FIORE Elvira
FIRULLO Cristina
FOGLIASSO Paolo
FOGLIATO Serena
FOGO Massimo
FONTOLAN Matteo
FORGIA Deborah
FORMICHELLI Sara
FORTUNATO Stefano
FORZANI Gabriella
FOSSARI Davide
FOTI Beatrice
FRACASSI Federico
FRAIRE Monica
FRANCESETTI Luca
FRANCIONE Fabrizio
FRANCONERI Marinella
FRANZIN Sara
FREGONESE Davide
FRESU Stefania
FRIEDRICH Sebastian
FRIGGERI Monica
FRISARDI Marco
FURCI Matteo
GABRIOLOTTI
Simone
GAETA Gianluca
GAGINO Davide Fabrizio
GALANO Enrica
GALATI Gianpiero
GALIETTI Anna
GALLICCHIO Armando
GALLO Fabrizio
GALLO Valentina
GAMBARDELLI Alessandro
GAMBINO Cinzia
GAMBINO Sergio
GANDOLFO Andrea
GARDINO Marco
GARENA Giovanni Maria
GARGANO Debora
GARGIULLO Giorgio
GARIMANNO Marco
GAROFALO Gaspare
GARRONE Carlo Angelo
GARZO Maria Daniela
GASCHINO Gianluca
GATTO Christian
GAUTIER Maria Cristina
GAVRILESCU Andreea Elena
GAZZERA Guido
GENOVESE Sara
GENTA Federico
GENTILE Lorenzo
GENTILE Tania
GERBALDO Giorgio Antonio
GERMENA Riccardo
GERMIN Maria Angela Teresa
GHELIUC Nicoleta Varvara
GHELLER Federica
GHIA Francesca
GHIAZZA Raffaella
GHIRLANDA Enrico
Giuseppe
GIALLOMBARDO Maria
GIALLORETO Assunta
G
GIAMBARRESI Loredana
GIAMMARCO Fabiola
GIAMPAOLETTI Laura
GIANNONE Giuseppe
GIANUSSO Giorgio
GIARDINO Marco
GILI Simona
GINDRI Enrico
GINO Angelo
GIOANNINI Elvira
GIOMBINI Silvia
GIORCELLI Lorenzino
GIORDANO Caterina
GIORDANO Giuseppe
GIORDANO Marisa
GIOVANNONE Gaia
GIRARDI Matteo Luca
GIULIANO Claudia
GIURA Michele
GIUSIANO Claudia
GOIA Giorgio
GOLLESSI Pierluigi
GONCHARENKO Ganna
GORGERINO Dario
GORREA Valter
GOSTI Davide
GOTTARDI Simona
GOURCHE Kenbouchia
GRAMEGNA Denise
GRANDE Enrico
GRANZIERO Enea
GRASSO Fabrizia
GRASSO Luigi
GRASSONE Claudia
GRAZIANI Giada Roberta
GRECO Luigia
GRECO Vincenzo
GRIGORAS Ionut
GRISA' Nunzia
GRISORIO Domenico
GROSSO Elisa
GUARNERI Ivan
GUERRA Giacomo
GUGLIELMO Gabriele
GUGLIELMO Palma
GUIDO Federico
GUIDOLOTTI Anna
GUIDONE Armando
GULINO Dario
GUSBERTI Maria Ersilia
HADIF Bouchaib
HAGI ELMI
Fahima Husein
HERMANN Manuela Tanja
HSSINE Cherki
H
IACONETTI
Marcello
IANNELLO Graziella
IANNIELLI Donato
IANNOTTA Maria
IFTODE Andreea Claudia
IGNAT Ion
IMPALA' Filippa
INGLESE Federica
IPPOLITO Fabrizio
ITALIA Paolo
ITALIANO Giovanni
ITCUS Doina
IZZO Lucia
I
JARA Karen
JELMINI
Gioacchino Maria
JOYEUSAZ Marco
J
KASHIPAZHA Dawod
KHZIBA Abdessamad
KISSOU Rachid
KRAVCHENKO Yuliya
KUNYAVSKAYA Yulia
K
LA BARBERA
Stefano Salvatore
LA MALFA Christian
LA MONICA Fabio
LA PERNA Adele
LADISA Giorgio
L
Avisini benemeriti
LAGO Eleonora
LALLO Danilo
LAMACCHIA Alessandro
LAMATTINA Stefania
LAMPUGNANI Vito
LAMURA Stefano
LANCELLOTTI Mario
LANDI Silvia
LANTERNONE Manuela
LANZILOTTI Vittoria
LAROCCA Mariangela
LATERZA Vincenzo
LAVOPA Rosa
LAZAR Cozma
LECASELLE Walter
LECCISI Patrizia
LEITE Massimiliano
LEMBO Martina
LEONE Agazio
LESTINGI Ilaria
LIGUORI Giorgio
LIISTRO Sebastiana
LIMONE Eros Cali'
LIMONE Marco
LINGUA Roberto
LIONETTO Ezio
LISA Edoardo
LISI Carmine
LIVESI Marco
LLANA CARBAJAL Milagros
LO BARTOLO Alessandra
LO VERDE Roberta
LOBO VILORIA Lina Marcela
LOCANE Katia Anna
LOCHE Andrea
LOFRANO Vincenzo
LOIACONO Emilio
LOIACONO Gina
LOMBARDO Daniela
LOMBARDO Massimiliano
LONARDI Elena
LONGO Natale
LONGO Pasquale
LOPERFIDO Andrea
LORE' Giovanna
LORUSSO Stefano
LOSPINOSO Barbara
LOTITO Antonio Federico
LUCA' Mara
LUPAN Neli
LUPO Alessandra
LUPPINO Ivan Francesco
LUSCO Andrea
LUZZATI Marco
MACRI' Simone
MADDALENA Anna
MADDALENA Chiara
MAFFEI Paola
MAFFEO Cristina
MAGGIORA Stefania
MAIARIS Alberto
MAIARIS Andrea
MAINA Manuela
MAININI Marina
MAINOLFI Davide
MAIOLO Antonella
MALARA Pasquale
MALENGO Fabrizio
MALFITANO Delia
MALGIOGLIO Manuel
MALPARTIDA MATEO
Carol Marilyn
MALZONE Antonietta
MAMMOLITI Maria Stella
MAMPASI Nimambumbu Precia
MANCIN Chiara
MANCUSO Angela
MANCUSO Maria Francesca
MANCUSO Noemi
MANFREDA Maria
MANFREDI Francesco
Domenico
MANFREDINI Nicolo'
MANGIAPANE Giuseppe
MANNARINO Gabriella
MANTOVANI Miria
MANZI Francesco
MANZI Luigi
M
MANZI Silvestro
MANZO Christian
MARANGON Germano
MARASCO Pasquale
MARCHESI Paolo
MARCHISCIANO Giuliana
MARCHISIO Claudia
MARIANO Andrea Maria
MARIELLA Giuseppe
MARIETTI Alessandra
MARIGLIANO Chiara
MARLETTI Luciana
MARRAS Stefano
MARRAZZO Francesco
MARRO Matteo
MARRONE Gaetano
MARTELLO Antonio
MARTINAS Alina Adriana
MARTINOTTI Massimo
MASCARO Marco
MASSARO Mara
MASSARO Nico
MASTROIANNI Giuseppe
MASTROIANNI Maria
MASTROLUCA Graziano
MASUCCI Giuseppina
MATEO ASTOCONDOR
Ena Delia
MAURINO Erica
MAURO Dario
MAUTINO Alessandro
MAZIRI Khalid
MAZZEI Antonello
MAZZOCCO Davide
MAZZONE Andrea
MECCA Andrea
MELONI Federica
MENEGATTI Lorenzo
MENEGON Andrea
MERANTE Marisa
MERLIN Adriana
MERLIN Luciana
MERLINO Stefano
MERLO Antonino
MERLO Giulia
MESINI Nadir
MESSINA Francesco
MESSINA Francesco Calogero
MICCINESI Maura
MIELE Davide
MIHOC Marius Cristian
MILANA Giuseppina
MILANI Federica
MILAZZO Luca
MILITARU Daniela Elena
MINGOIA Franca Maria
MINNITI Marina
MIONE Barbara
MIRABILE Girolamo
MIRACCO Michele
MIRARCHI Giulia
MIRENZI Antonio
MITA Alberto
MITTICA Simone
MOGOS Radu Gabriel
MOHAMED Emad
MOIA Fabrizio
MOLA Marco
MOLLO Antonio Franco
MONACO Maurizio
MONGELLI Massimo
MONGIELLO Andrea
MONTALDO Carlotta Maria
MONTARULI Domenico
MONTELEONE Daniele
MONTES Daniela Salvatrice
MONTRUCCHIO Luca
MONTUORI Mariarosa
MORANDO Silvia
MORBIDELLI Gianluca
Massimo
MORELLI Roberta
MORELLO Ingrid
MORETA FICK Miguel
MORIOTTI Massimiliano
MOSCA Barbara
MOUDNIB Abdellatif
MOURGLIA Yvonne
MURZIO Andrea Natale
MUSCOLINO Adele
MUSCOLINO Rita
MUSSO Alessandro Oreste
NARSETE Rossana
NASATTI Federica
NASTA
Michele Luciano
NATOLI GIRINO Matteo
NEACSU Alecsandra Elena
NECULA Anca
NEGRO Davide
NEMET Marian Gheorghe
NICHILE Vincenzo
NICOLOTTI Valentina
NICOTRA Paola Sebastiana
NIRINA Mamie
NIVOLO Elisabetta Magda Maria
NIZZA Marisa
NOCENTE Giuseppe
NOCERA Lorena
NOTARANGELO Noemi
NOTARIO Giusi
N
OBLIGATO Lucia
ODETTI Vittoria Elena
OGGERO Silvia
OLDIN Andrea
OLIVA Simone
OLIVERI Vittorio
OLIVERO Francesca
OLIVERO Giovanni
OLIVERO Roberto
OPEZZO Marta
OPPES Salvatore
OPREA Elena Ecaterina
OREGLIA Elisa
ORLANDO Giulia
ORSOLANI Alice
ORTOLANO Danilo
ORTU Valentina
O
PACE Vito
PAGANI Renata
PAGANOTTO Martina
PALAZZOLO Salvatore
PALERMO Alessia
PALERMO Filippo
PALMA Cristina
PALUDETTO Gloria
PANARELLI Vincenzo
PANETTA Alex
PANZANI Giuliana
PAOLINO Giorgio
PAONESSA Dario
PAPIN Catia
PARADISO Davide
PARADISO Fabio
PARISIO Davide
PARLADORI Elisa
PARLANTI Silvia
PAROLA Daniele
PAROLDO Mirella
PASCU Marius
PASQUALICCHIO Fabio
PASQUARIELLO Giulia
PATANELLA Tiziana
PATERNO' Manuela
PATRIGNANI Francesca
PATT Sandra
PAUTASSO Cinzia
PECCETTI Alessandra
PECORINO Massimiliano
PEINETTI Giorgio
PEIRA Paolo
PELLEGRINO Vincenzo
PELLICCIA Teresa
PERANI Roberta
PEREIRA Luis Alberto
PERETTI Claudio
PERIODO Vincenzo
PERO Renato
PERRICONE Eugenia
PERROTTA Federico
PETIT YNGA Jose' Edwin
PETRICCIUOLO Salvatore
PETROCCA Giuseppe
PETRONE Giuseppe
PETRONE Silvana Teresa
P
PETRUCCI Alessandro
PETRUCCI Francesco
PEZZAROSSA Massimo
PIAZZESE Giambattista
PICCIATI Paola
PICCOLO Davide
PICCOLO Lucia
PIEPOLI Renato
PIERRO Fabio
PIGNARI Piero
PILLON Chiara
PILONE Roberto
PIRAMIDE Federico
PIREDDA Antonella
PIRONE Gisella
PIRVU Roxana Gabriela
PISANO Francesco
PISCIOTTA Anna
PISCITELLI Anastasia
PISTOIA Angela
PISTONO Stefano
PITZALIS Luca
PIUMETTI Alessandra
PIZZO Luca
POCOROBA Rita
POCUSTA David
POLIMENI Domenica
POLITO Domenico
PONCINI Elisa
PONZANO Matteo
PORCARELLI Annamaria
PORCELLANA Mathieu
PORRO Leonarda
POSELLA Antonio
POTENZA Giovanna
POZZI Gabriele
PRESICCE Ester
PRIGAN Nurit
PRIMERANO Stefania
PRISCIANO Chiara
PROCENTESE Immacolata
PROFICO Davide
PROIETTI Moreno
PRONO Patrizia Maria
PROTTI Giulia
PRUDENZA Virginia
PRUTEANU Claudiu Ioan
PUCCIO Vito
PUGNALIN Cristina
PUGNI Valentina
PULITANO' Domenico
PULLARA Carlo
PUPILLO Fabio
PUSTIANU Andreea Ioana
Q
QUARELLO
Federico
QUASSOLO
Piercarlo
RABAGLIATI Matteo
RADATTI Donato
RADI MOHAMED
AHMED ISSAWI Mohamed
RAGO Vitantonio
RAIMONDI Michele
RAIMONDO Sergio
RAMELLO Patrizia
RAMONDA Bruna
RAMPINO Stefano
RAPALLO Samuele
RAPESI Walter
RAPETTI Cristina
RAPISARDA Simone
RAVALLI Alessio
RAVIZZANI Monica
RAZZANO Mario
REA Diego Umberto
REALI Gloria
REGANO Pasquale
REGINATO Gianmarco
REGOLI Fabrizio
REHO Federica
REINA Piera
REMANI Claudio
RENAULT DE HAAS Stefane
REVELLO Federica
RIBEIRO SILVA Eunice
R
RIBONE Cristina
RICCOBONO Francesca
RIGHETTI Claudia
RIGOLI Antonella
RIGOTTI Luca
RINALDO Davide
RINDONE Maurizio
RIPA Rosa
RISTA Massimiliano
RITUCCI Angelo
RIVA Beatrice
RIVERSO Domenico
RIVIEZZO Valentina
RIZZA Fabrizio
RIZZI Emanuel
RIZZICO Daniele
RIZZITANO Francesco
RIZZO Nunzio
RIZZOTTI Simone
ROBBA Fausto
ROCCA Domenico
ROCCI Giulio
RODIO Enrico
ROLLE Deborah
ROMAGNUOLO Manuel
ROMANO Stefania
ROMEO Eleonora
ROMEO Giuseppe
ROMEO Roberto
RONC Daniela
RONCEN Nicolo'
RONCHETTI Mattia
ROSATI Fulvia
ROSSETTI Giuseppe Raoul
ROSSI Federica
ROSSI Piergiorgio
ROSSO Alberto
ROSSONI Patrizia
RUGGIERI Michela
RUJAN Vasile
RUME' Noemi
RUO ROCH Irene
RUSSO Francesco
RUSSO Manuela
RUSSO Sabrina
RUSSO Stefania
RUSSO Tiziana
RUVA Rita Loredana
SABATO Lucia
SABETTA Marina
SACCHI Sandra
SACCO Federico
SACCO Maria
SALA Ornella Maria
SALAFIA Davide
SALLUCE Debora
SALUSTRI Alessandro
SALVEMINI Chiara Beatrice
SALVO Pietro
SANITATE Lorenzo
SANNICANDRO Samantha
SANNINO Marco
SANSEVERINO Agostino
SANTACROCE Fabrizio
SANTAGATA Emilio
SANTOLIQUIDO Martino
SANTOS SILVA Marcio
SARALE Flavia
SARDELLA Marco
SARTORI Maria Angela
SASSANO Giuseppe
SAVA Giulia
SAVATTA Rocco Erminio
Andrea
SAVEI Ionela
SAVINO Anna
SAVOCA Marco Vittoriano
SCAFFIDI Giuseppina
SCALISE Maria Giuseppa
SCALONE Carmela
SCARDINO Naike
SCARLATA Francesco
SCARLATA Marco
SCARLATELLI Alessandra
SCARNICCI Loredana
SCARPITTA Wanda
SCAVUZZO Paolo
SCHIAVON Daniel
S
9
Avisini benemeriti
SCHIPOR Mirela Maria
SCIANCALEPORE Annalisa
SCICCHITANO Marco
SCICOLONE Alessio
SCIOLLA Michele
SCOLAMIERO Mauro
SCOPECE Cesare Andrea
SCOTECE Assunta
SCRIVANO Francesco
SCUDIERO Valentina
SCUDU Luca
SCUTIGLIANI Massimo
SEGGIANI Marco
SELLITRI Barbara
SELVAGGIO Simona
SERGENTI Simone
SETTE Francesco
SFICHI Adrian Ionel
SHKILNYAK Lyudmyla
SICCO Renato
SIDOTI Loredana
SILVERA Gustavo
SIMION Andreea Ioana
SIMONETTI Francesco
SINESI Gianluca
SIRIANNI Angelina
SODANO Katiuscia
SOLDANO Rosario
SOLDO Marco
SOLE Giovanni
SOMMA Annalisa
SORACE Mirella
SORAGNA Roberto
SORBARA Cristina
SORBELLO Marco
SORDELLA Antonio
SORIENTE Giulia
SOSSO Fabrizio
SOTTEMANO Stefano
SPAGNUOLO Erika
SPANDRE Valeria
SPERANDIO Marco
SPINA Angela
SPINA Massimiliano
SPITERI Teresa
SPULBER GHERASIM Stelian
STAWOWCZYK Joanna Maria
STEFANELLI Leonardo
STEFANELLI Paola
STERI Stefano
STORNELLO Denis
STORNELLO Vittoria
STRAZZULLO Emanuela
SURACE Antonio
SURIANO Maria Teresa
SURRUSCA Giuseppe
SYERTAKOVA Maryna
TABONE Paola
TABORRI Giuseppe
TADEI Alessandro
TALIANO Marco
TAMPELLINI Anna
TANGA Maria Rosaria
TASCA Annamaria
TAVERNITI Deborah
TEDDE Ilaria
TEDESCO Aldo
TEDESCO Marisa
TENDAS Sabine
TESTA Chantal
TESTA Giacomo
T
TESTA Giovanni
TESTA Giulio
TESTA Martina
TOCE Giuseppina
TODARO Daniela
TOMASELLI Adele
TONARELLI Giulia
TONDA Giulia
TONELLO Maria Cristina
TORAZZA Riccardo Luigi
TORRE Vittorio
TORRETTA Fabio
TORTA Erica
TOSCANO Gessica
TRASTU Claudio
TRAVERSO Rebecca
TRECCOSTA Giovanni
TREVISAN Sonia
TRIBERTI Roberta
TRIPODI Francesco
TRIPOLI Veronica Michela
TROILO Riccardo
TROMBETTA Valentina
TROVATO Paola
TUDOR Ciprian Adrian
TURANO Federico
TURAZZI Diego
TURCONI Marco
TURINETTI Massimo
UBAUDI Carla
UBERTI Elena
UGHETTI Marco
URGESE Gianvito
URGESI Michele
URSO Annalisa
U
VACCA Carmela
VACCARO Federica
VACQUER Sergio
VALENTE Aldo
VALLERIN Marco
VALSANIA Marta
VALSANIA Viviana Maria
VAMPO Marina
VANELLA Rosanna
VANZETTI Chiara
VANZILLOTTA Alessandro
VARAGNOLO David
VARGIU Suzanne Sylvie
VASCIAVEO Giulia
VELLA Barbara
VELLISCIG Valentina
VENCATO Leonardo
VENCATO Maurizio
VENTRONE Sabrina
VENTUROLI Lara
VENUTI Giulia
VERALDI Roberto
VERGNANO Giuseppina
VERNETTI Laura
VERNICE Alessandro
VERRA Livio
VIALE Lorenzo
VIALE Simonetta
VIGANO' Giorgia
VIGATO Mara
VIGORELLI Luisa
VILCHEZ Eric Frank
VINCI Giuseppe
VIOLATO Cinzia
VIRELLI Valentino
VIRZI Andrea
V
VISENTIN Viviana
VITA Paolo
VITRANI Manuela
VOCALE Mauro
VOCALE Savino
VOGOGNA Teresa
VOLPE Dario Giuseppe
VOTO Egidio
VULLO Davide
VUOLO Carlo
VURCHIO Filomena
X
Y
Z
XILLO
Giorgio
YAJIB
Ez Zohra
ZACCARIA
Paolo Pietro
ZAGO Mauro
ZAMBUTO Patrizia
ZAMENGO Marzia
ZAMPIERI Rossella
ZANFARDIN Riccardo
ZARRA Giuseppe Michele
ZENI Giovanni
ZILIO Luca
ZINNAI Antonio
ZITOLI Sergio
ZUCARO Maria Valeria
ZUPPA Davide
DISTINTIVO IN ARGENTO (16 donazioni)
ABBATE Riccardo
ACCORNERO
Cristina
ADDAMO Giorgio Antonio
AICHINO Paolo
AIELLO Giuseppe
AIRALDI Marina
ALABISO Paolo
ALBANESE Vincenzo
ALBARANO Mauro
ALBRILE Giovanni
ALESSANDRO Bruno
ALFINO Ivan Francesco
ALIO Mario
ALLADIO Valentina
ALLASIA Aurelio
ALLEGRI Fabio
ALLOIS Luigino
ALTAVILLA Aldo
ALTOBELLO Vincenzo
AMADIO Vito
AMARI Giovanni Pietro
AMORETTI Alberto
AMPRIMO Stefania
ANDRONACO Amedeo
ANGIOLILLO Flavio
ANGITANO Alessandro
ANRO' Liliana
ARMAROLLI Susanna
ARONE Francesco
ARUTA Marco
ASSUMMA Manuela Bianca
ATTANASIO Lorenzo
AVRAMUT Cristina Florentina
AZZALIN Dario
AZZOUZI Abdellatif
A
B
10
BAGLIONE Ivan
BAIMA Giorgio
BALDASSARRE
Stefano
BALESTRA Pasquale
BALSARIN Claudio
BALZARETTI Giuditta
BALZINO Fabio
BANARI Vadim
BANCHERO Claudio
BARALDI Francesco
BARATELLA Daniele
BARATTO Stefano
BARBERIS Laura
BARROCU Gianfranco
BARTONE Andrea
BASILE Andrea
BASSO Luca
BATTAGLIA Nicola
BAU' Marco
BECK Giancarlo
BEDETTI Sibilla
BELLAGAMBA Roberta
BELLAMINO Claudia
BELLETTI Selena
BELLINO ROCI Alice
BELTRAME Federico
BENATTI Daniele
BENOTTO Corrado
BERGERO Daniela
BERTERO Luca
BERTINO Pierangelo
BERTONE Simone
BIANCHI Stefano
BIANCHINI Enea
BIANCO Cristina
BIANCO Giuseppe Daniele
BIANCO Paolo
BILETI Vincenzo
BIZZOCO Vito
BLANDIN SAVOIA Germana
BLANDINO Paola Anna
BOCCARDO Anna
BOLLINO Vincenzo
BOLOGNA Mattia
BOLOGNESI Christian
BOLOGNINO Barbara
BONELLI Sergio
BONGIOVANNI Alessandro
BONGIOVANNI Enrica
BONNI' Stefano
BONUGLI Simona
BORDONE Luca
BORELLO Laura
BORRELLI Antonella
BOSCOLO Mauro
BOSIO Marta
BOSMA Gerhard Carst
BOTTO Franco
BOVERO Andrea
BOZZA Nicholas
BRAI Emanuele
BRAMARDI Marco
BRANDONI Marco
BROAS Marika Tuulia
BROSO Pasquale Rocco
BRUNELLI Marco
BRUNETTI Luisa
BRUNO Rosaria
BRUSCAGIN Mauro
BUCCI Felice
BUCCI Gualtiero
BUCCINO Attilio
BUETTO Giuseppe
BUFANO Salvatore
BUGNANO Sara
BUSCEMI Sabrina
BUSSOLINO Roberta
CACACE Roberta
CACCIATORE Fabio
CACCIN Sonia
CADEI Marilia
CAGNASSO Paola
CALABRESE Emiliano
CALLERI Lidia
CALZOLARI Roberto
CAMERINI Paola
CANTA Daniele
CANTELLA Carmela
CAPANO Domenico
CAPELLO Silvia
CAPOBIANCO Andrea
CAPOMOLLA Giuseppe
CAPPONE Sean Edward
CAPUTO Esterina
CAPUTO Francesca
CARBONALE Vincenza
CARIDI Paolo
CARILLO Alfredo
CARISSIMO Concetta
CARLUCCI Michael
CARNOVALE Gina
CARRA Pierangela
C
CARRELLA Luca
CARRETTO Marco
CARULLI Michele
CASALE Omar
CASAMASSIMA Davide
CASCIATO Ernesto
CASTRONOVI Roberto
CATTABRIGA Barbara
CAUDA Sergio
CAZZANIGA Roberta
CECCATO Delio
CERETTO Nicoletta Cecilia
CERIA Renato
CERINO William
CERIONI Enrico
CERRATO Riccardo
CESARE Stefano
CHERTI Alberto
CHETRARU Cristina
CHIADO' PULI Andrea
CHILELLI Pietro
CHIRIO Manuela
CIAMBA Roberto Antonio
CIBRARIO Davide
CIMINO Marco
CIMMARUSTI Lucia
CIOCIA Alessandro
CIONE Gennaro
CIPOLLA Dario
CISELLA Paolo
CITRO Filippo
CIVETTA Daniele
COCOZZA Luca
COMANDATU Mihaela
COMOLLO Pierluigi
CONA Giuseppe
CONFORTI Anna
CONSALES Antonella
CONSERVA Marco
CONTE Stefano
COPPOLA Salvatore
CORRENTI Angelica
COSTA Ariel Omar
COSTA Davide
COSTA Laura
COSTA Rocco
COSTABILE Giuliana
COSTANTE Ilenya
COTTINO Fabrizio
COVIELLO Domenico
CRAVERO Marco
CRISCENTI Vincenzo
CRISPINO Luca
CUDA Omar
CUSENZA Luigi Maurizio
DA SILVA
CARVALHO Poliana
DACARRO Paolo
D'AGOSTINO Katia
D'AGUANNO Gaetano
D'AMARO Alfonso
D'ANDRIA Jacopo
DANESIN Carlo
D'ANGELA Giuseppe
D'ANGELO Antonino
DANIELE Riccardo
DARAIO Antonio
DARDANO Clara
D'ARRISSO Marco
DE BARTOLO Tommaso
DE CHIARA Federico
DE GRANDIS Andrea
DE IORIO Luca
DE MARIA Simonetta
DE NUNZIO Ernesto
DEBERNARDI Gianluca
DEGLI ANTONINI Giorgio
DEL GIUDICE Valentina
DEL MEDICO Daniela
D'ELIA Leonardo
DELLACASA VERA Yasmin
Asuncion Del Rosario
DELPIANO Claudia
DERIU Salvatore
DESERAFINO Davide
DI CARLO Carmela
DI FRANCO Vincenzo
DI GIACOMO Cristina
DI GIOIA Vincenzo
DI LORITO Fiorella
DI MAGGIO Gioacchino
DI MAGGIO Giovanni
DI NARDO Emilia
D
Avisini benemeriti
DI NICOLA Gasperino
DI NICOLI Cristina
DI NUNZIO Silvana
DI PIAZZA Gianvito
DI SALVO Rocco
DI TERLIZZI Lorenzo
DI TOMMASO Francesco
DI VITO Massimo
DICARLO Giuseppe
DIGILIO Cristiano
DIGILIO William
DIMARCO Angelo
DIMODUGNO Davide
DINA Francesca
DIPALMA Nunzio
DOBOS Gabriel
DONADIO Riccardo
DONATO Igor
DOUROUKAS Anastasios
DOVETTA Rita Antonella
DUCHINI Vera Teresa Uga
DURANTE Francesco
ELIA Roberto
ERNANDES Carlo
ESPOSITO Elena
ESPOSITO Gianluca
ESPOSITO Grazia
E
FABIANO Norma
FADDA Luigi
FALCETTA Antonio
FALCHI Enrico
FALCO Francesco
FALSETTA Mario
FANTASIA Anna Maria
FAORO Umberto
FARINA Dario
FARINACCI Giuseppe
FARONATO Danilo
FAVRO Ilario
FAZZARI Gabriella
FELISIO Alberto
FEMIANI Marco
FENU Simone
FENUCCI Alba
FERRAMOSCA Francesco Paolo
FERRARIS Nicolo' Cesare Aldo
FERRARO Massimo
FERRERO Daniele
FERRIANI Monia
FERRO Massimo
FIANO Giuseppe
FILIPPELLI Vincenzo
FIORE Claudio
FIORENTI Clem Francois
FIORENTINI Maria Teresa
FIORIO Roberto
FLORIDIA Ignazio
FOLCATO Maurizia
FONTANA Daniele
FORMICA Andrea
FRANCESCHINI Angela
FRANCHINO Roberto
FRANCO Cesare
FRANCO Daniele
FRANZIN Alberto
FRAPPAOLO Anna Maria
FURNARI Vincenzina
FUSETTI Mauro
F
GALASSI Massimo
GALLIANO Massimo
GALLO Maria Grazia
GANDOLFO Alfia Giacomina
GANO Simona
GARA Andrea
GARIBALDI Monica
GATTI Gian Luca
GATTI Giorgio Marcello
GATTI Stefano
GAVIOLI Mario
GENTILE Alessandra
GENTILE Michele
GIACALONE Maria
GIACOMAZZI Anna
GIACOTTO Loredana
GIANNETTO Giovanna
GIANNONE Marco
G
GIANNOPOLO Antonino
GIANUZZO Sergio
GIGI Maurizio
GIGLIOTTI Mario
GILI VINARDI Aldo
GIOLITTI Maria Amelia
GIOLITTI Riccardo Carlo
GIORDANO Carlo
GIORDANO Luca
GIORGIS Susanna
GIOVINAZZO Girolamo
GIOVINE Massimo
GIRAUDO Livia
GRANATELLA Denis
GRANATO Gerarda
GRANELLO Francesco
GRANERO Alexio
GRASSO Claudio
GRECO Lorenzo
GRIECO Daniele
GROSSO Domenico
GUADALUPI Teodoro Davide
GUARISE Tiziana
GUARNIERI Rossano
GUASTELLA Valentina
GUELI Francesco
GUIDO Andrea Giuseppe
GURLINO Stefania
GUTTA' Cosimo
IAIA Gennaro
IAZZI Felice
IEMMO Giuseppe
IMPLICITO Daniela
INTRALIGGI Giuseppe
ISEPPON Sara
I
LA BRUNA
Nicolo' Maria
LA PALOMENTA
Pascal Andrea
LA VILLA Marco
LACAVA Giuseppina
LAMPONE Giacomo
LANDI Maurizio
LARIZZA Giada
LASARACINA Enrico
LAZZARONE Vincenzo
LEDDA Omar
LEDDA Riccardo
LENTINI Antonio
LENZA Orazio Davide
LEONE Fabio
LER Mario Renato
LIBRIZZI Biagio
LIOTTI Luca
LISI Lorenzo
LIUNI Gloria
LO PIANO Angelo
LO VETRO Gerlando
LOBEFARO Giovanni
LOBERTO Dario
LOFORTE Mario
LOGOZZO Andrea
LOMBARDO Domenico
LONARDO Roberto
LONGOBARDI Vincenzo
LOPRETE Donatello
LOVERA Danilo
LOVERRE Giuseppe
LUCANIA Daniela
LUCIANO Clementina
LUNA Eusapia Antonia
LUNARDI Gaetano
LUPARELLO Antonella
LUPARELLO Paolo
L
MACARIO Gianpaolo
MACORINI Dario
MADAIO Luigi
MAGHINI Roberto
MAGNASCO Antonio
MAGNONE Luca
MAINA Alberto
MAIOCCHI Valentina
MALVICINO Eugenio
MALVINDI Antonio
MANA Giulia
MANCARELLA Maria Cristina
M
MANCUSO Anna
MANCUSO Fabio
MANNINO Francesco
MANTOVANO Sabino
MANZO Daniele
MANZO Guido
MANZONE Marco
MARANGONI Sergio Simone
MARCATO Simone
MARCHESANO Carlo
MARCHESE Maurizio
MARCHESE Ornella
MARCHESE Stefano
MARCHETTI Giorgio
MARCHETTI Kety
MARCIANO Roberto
MARCONE Gianluigi
MARENGO Marco
MARGANI Massimiliano
MARGIOTTA Alessandro
MARIETTA ODONE Andrea
MARINELLI Nicolo'
MARINO Aldo
MARINO Lorenzo
MAROTTA Maria Maddalena
MARRAS Davide
MARTIN Davide Pietro Vittorio
MARTIN Mariagrazia
MARTINELLI Adriano
MARTINI Andrea
MARTINO Marcangelo
MARTINOTTI Ferruccio
MARTUCCI Ettore
MASETTI Davide
MASSARO Aurelio
MATTA Sandro
MATTEONI Marco Celso
MATTIA Giuseppe
MATTIODA Nicoletta
MATVIYCHUK Valeriya
MAURO Gianluca
MAZZE' Mario
MAZZEI Francesco
MAZZILLI Mario
MAZZONE Enrico
MAZZONE Noretta
MEDDIS Davide
MELANO Claudio
MELE Delio Tiziano
MELOTTO Stefania Maria
MERCURI Mimmo
MEREU Anna Margherita
MESSINA Danilo
MESSINA Sebastiano
METTA Nicole
MEZZADRI Valter
MICUCCI Giovanni
MIGLIASSO Federica
MILAN Claudio
MINA Simona
MINARDI Marcello
MINARELLI Caterina
MINERVA Francesco
MINERVINI Cosimino
MINICHETTI Mario
MINTRONE Marco C/o Heer
MIRABELLA Umberto Moreno
MOCHINO Roberto
MOLINENGO Tania
MOLINO Sarah
MONACO Raffaella
MONASTEROLO Cristina
MONTIS Gabriele
MORANDI Mauro
MORANDI Paolo
MORGANTE Enrico Maria
MORLINO Guglielmo
MORO Marina
MORO Mose'
MOSSO Marco
MOTTICA Ivan
MUCCILLI Cristina
MUCEDOLA Marco
MURACA Michelangelo
Domenico Carmelo
MUSCIO Alessandro Nicola
MUSOLINO Davide
MUSTI Raffaele
MUZZUPAPPA Giancarlo
NAPOLITANO Luigi
NAPPIONE Anna
NARDO Maria Luisa
NERONE Mario
NIERO Fabio
NOTA Alessandro Domenico
NUOVO Mirko
NUZZO Maurizio
N
OLIVERI Giacinto
OLIVERO Irene
OMEDEI Andrea
ORLANDINI Loredana
ORLANDO Ilaria
ORTALDA Fulvio
OSELLA Claudia
OTTONELLO Mara
O
PACIA Raffaele
PACIFICO Luca
PACILLO Francesca
PADRINU Antonio
PAGLIUCA Anna Maria
PALAZZOLO Giacomo
PALUMBO Rocco
PANATARO Elena
PANELLA Giovanni
PANERO Luciano
PANNI Antonia Maria
PARATORE Damiano
PARIGI Bartolomeo
PARISI Egidio
PARISI Emanuele
PASCALE Isacco
PASQUALETTI Cristian
PASSERONE Lorenza Manuela
PATROCCO Davide
PATTOGLIO Maurizio
PAVIA Clemente
PAVIA Mauro
PEGORARO Marina
PEGORIN Alessandro
PELUSO Cosimo Gianluca
PENNA Michelangelo
PENONE Elisa
PERINETTI Armando Ugo
PERNA Salvatore
PERNACI Michele
PEROSINO Roberto
PIAZZA Giuseppe
PICCATTO Monica
PICCO Enrico
PICOTTO Cesare
PIERUZ Cristina
PILECI Teresa
PINNERI Maria Antonia
PINTORE Patrizia
PIO Domenico
PIOVANO Paolo
PIOVESAN GAMBERONI Paola
PISCHEDDA Francesco
PISTONI Nicola
PITTORE Laura Luisella
PIVETTA Marco
PIZZICOLI Cira
POLES Tiziana
POLIDORO Marisa
POLITO Stefania
POLLONE Guido
PONTAROLLO Fabio
PORCELLANA Giovanni Battista
PORTOLANO Vincenza
PRATELLI Letizia
PRESTIA Francesco
PRESTINICE Maria
PRINCI Filippo
PROBO Giovanni
PROSIO Renato
PUCCIA Roberta
PUNZO Giuseppe
PUONZO Daniele
PUPELLO Alessandro
P
RANDAZZO Vincenzo
RASCANO Dario
RASCHIO Valerio
RAVANI Roberto
RAVERDINO Fabrizio
REALE Cecilia
R
RECANO Ernesto
RECCHIA Angelo
REVIGLIO Angelo
REVIGLIO Patrizia
RIBERO Alessio
RICCIARDI Noemi
RIETTO Maria
RIGGIO Giancarlo
RIVIECCIO Giuseppa
RIZZIOLI Carmela
RIZZUTO Francesco
ROCCHIA Fabio
RODA Andrea
RODIO Pasquale
RODRIQUENS Giampasquale
ROLFINI Luca Emanuele
ROLFO Matteo
ROMANO Attilio
ROMANO Calogero
ROMANO Davide
ROMANO Lucia
ROMANO' Antonio
RONCAGLIA Grazia
ROSELLINI Laura
ROSSI Michela
ROTUNNO Franco
RUBINO Marco
RUCCI Francesco
RULLENT Antonello
RUSSO Antonio
RUSSO Antonio
RUSSO Antonio
RUSSO Michele
RUSSO Pierino
RUSSO Vincenzo
RUSSOTTO Maria Pina
SACCA' Concetta
SACCO Alessandro
SACCO Angela
SACCO Paolo
SAELI Alessandro
SAGLIETTI Andrea
SALONE Davide
SALUTE Luca
SALVATI Paola
SANDRONE Corrado
SANGREGORIO Antonio
SANTACROCE Massimo
SANTALUCIA Cristina
SANTORO Innocenzo
SARIGU Maurizio
SARTOR Fabio
SARTORI Alberto
SCAFI Stefano
SCANU Claudio
SCARANARI Marco
SCARFONE Luigi Maria
SCARSO Luca Michele
Roberto Enrico
SCAVINO Luigi
SCHIAVI Gabriella Maria
SCIALUGA Francesca
SCIARA Sabrina
SCIBETTA Vito
SCIFO Paolo
SCOLLANTE Anna
SEBER Pierpaolo
SEGRETO Daniele
SELLITTI Lucia
SENTINELLA Loredana
SEQUENZIA Alfredo
SEREN Renata
SERRA Alessandro
SERRA Silvia
SERVETTI Lia
SESSA Barbara
SETTE Pietro
SFERRUZZI Massimo
SIBIO Carmelo
SILVELLO Ornella
SIMBOLO Savino
SIMONATO Mattia
SIMONETTI Raffaele
SIRECI Erika
SMIROLDO Gianfranco
SODANO Calogero
SOFFIETTI Federico
SOGNO Elisabetta
S
11
Avisini benemeriti
SOLARI Gian Piero
SOLINAS Antonello
SORRENTINO Luigi
SPALLINA Simone
SPALLONE Antonio Mauro
SPERA Vitale
SPEZIALE Antonina
SPEZZATTI Stefano
SPIANELLI Laura
SPIGOLON Alba Antonia
SPIMPOLO Silvia
SPINA Fabio
SPINELLI Elena
SPROCATI Domenico
STABILE Benedetto
STARITA Pietro
STORACE Mario
SUPERBI Paola
SVEVI Claudio
TACHIS Antonio
TALUCCI Davide
TANCREDI Riccardo
TARDANICO Angelo
TASSINARI Emma
TAVERNITI Saverio
TEMIS Massimo
TERIGI Silvia
TERRITO Davide
TIBERIO Mariapaola Rosa
TOLINI Marco
TOMASSO Meri
TOMO Giuseppe
TORRACO Antonio
TORRIGLIA Rosangela
TOSETTO Denis
TREVISAN Walter
TREVISANI Davide
TRISOLINO Alessandro
T
TRIVELLIN Luca
TRIVI Gaia
TRUA Vincenzo Cristian
TRUFFO Fabienne
TUDISCO Gaetano
TUFARIELLO Andrea
UGHETTO
PIAMPASCHET
Daniela
URSINO Adriana
URSO Grazia
URSO Marco
U
VAGLIO BIANCO
Luca
VALLELUNGA
Francesco
VALLERO Luisa
V
VALPIANI Giuseppe
VARONE Paolo
VASCHETTI Laura
VASCO Valeria
VENNERI Giorgio
VENTURA Giuseppina
VENTURIELLO Davide
VERDE Daniele
VERGADORO Mariano
VERNO Enrico
VEZZETTI Mariateresa
VICARI Paolo
VICIDOMINI Samuele
VIETTI Elisa
VIGATO Paolo
VIGNA Fabrizio
VIONE Enrica
VIVAN Tiziana
VIVIANI Renato
VOLA Manuela
VOLPE Alfonso
VONA Giovanni
VONO Antonio
VOTO Federica
W
Z
WULLERICH
Hanna Maria
ZAMBRINO Carmine
ZANCHI Anna
ZAPPATERRA Silvana
ZEPPOLA Nicola
ZITO Concetta
ZITO Giovanni
ZORGNIOTTI Giuliano
ZULLI Ivano
DISTINTIVO IN ARGENTO DORATO (24 donazioni)
ABBONDANZA
Donato
ABRATE Ivana
ACQUAFRESCA Michele
AIMONE Ernesto
ALEO Maurizio
ALFINITO Giancarlo
ALOI Alessandro
AMIONE Giovanni
AMORMINO Eleonora
ANDREANO Antonio
ANGELINI Elena
ANNUCCI Giuseppe
ANZELLOTTI Sergio
ARCURI Omar
ARDITA Carmine
ARIAUDO Mauro
ARIENO Pietro
ARINGHIERI Marco
ARNAUDO Daniela
ARRIGO Francesco
ARUGA Aldo
ASSANDRO Andrea
ATTANASIO Francesco
AVALLE Lorenzo
AVE Barbara
AYROLDI Vincenzo
AZZARELLO Luca
A
BADALIN Claudia
BAGNA Giuseppe
BALANI Francesca
BALDO Marco
BALLESIO Mauro
BALMA Giorgio
BALZANO Fabio
BANCHE NICLOT Maurizio
BARATELLA Barbara Ilva
BARBERO Anna Maria
BARBI Marco
BARBIERO Francesco
BARONE Salvatore
BARONI Andrea
BARRANCA Giulia Bianca
Caterina
BARZAGHI Claudio
BASCHENIS Guido
BASILIO Stefano
BASSIGNANA Paolo
BASSIGNANA Vittorio
BASSIS Ugo
BAUDINO Enrico
BELDONO Orlando
BELLANTUONO Luca
BELLUCO Mariuccia
BELTRAMI Laura Maria
BENEDETTI Alessandra
BENENATO Nunzio
BENEVENTI Rito
BENIGNO Daniele
BENINCASO Gianluca
BENTIVOGLIO Mariangela
BERNARDINI Vincenzo
BERTERO Romano
B
12
BERTOCCO Walter
BERTOLOTTO Valerio
BERTOTTI Federica
BICO Caterina
BISCOTTI Federica
BISOGNO Federico
BO Marzio
BOANO Fulvio
BOCCHETTA Vincenzo
BOEMIO Pasqualino
BOLEA Stefano
BOLOGNA Dino
BONFANTI Lorenzo
BONSI Massimo
BORELLO Tiziana
BORGESE Francesco
BORGHERO Francesca
BORGOGNO Giuseppe
BORLO Andrea
BORRA Corrado
BOSCOLO Sandra
BOSUSCO Sabrina
BRISCESE Donato
BRIZZI Giuseppe
BROCARDO Ezio
BRONZINO Federico
BRUNETTI Stefano
BRUNI Oronzo
BRUZZONE Silvia
BUCCI Eusapia
BUFFOLINO Fabio
BURASCHI Giuliano
BURZIO Claudio
BUSATO Vittorio
CABERLON Stefano
CACCESE Milva
CAFERRO Giuseppe
CAGLIERIS Riccardo
CALDARESI Massimiliano
CALDERARO Guido
CALLEGARO Luca
CAMANDONA Silvia
CAMASSA Angelo
CAMBIANO Dario
CAMILLERI Emanuele
CAMPANARO Aldo
CANIGLIA Pierfrancesco
CANNAVA' Ferdinando
CANNILLO Luigi
CANOLA Simonetta
CANTAFFIO Giuseppe
CANU Giovanni Raffaele
CAPACCIO Marco
CAPASSO Franco
CAPILATO Francesco
CAPOSIENA Rita
CAPRIATI Franco
CARAMANNA Amedeo
CARATOZZOLO Luca
CARBONE Carmelinda
CAREDDA Maximiliano
CARELLA Domenico
CARELLO Rita
C
CARESIO Bruna
CARFORA Egidio
CARNOVALE Juan Jose'
CARRIERO Michela
CARROZZA Silvana
CARTOLARO Astrid
CARUSO Annalisa
CASELLATO Emanuela
CASOLARO Giulia
CASTIGNONI Franco Luigi
Riccardo
CATANO Pietro
CATTALANO Fabrizio
CAVALLO Giuseppe
CAVUOTI Massimiliano
CECILIANI Fabrizio
CEDDIA Luigi
CELANO Giorgio
CENTOLA Marcello
CERULLI Francesco
CHIADO' COTTINO Bernardo
CHIARINI Graziella
CHIARLE Marco
CHIESA Walter
CHIMIENTI Franco
CHIOCCHIO Nadia Antonietta
CHIURA Anna Lucia
CICCONE Furio
CIMINO Dafne
CIPRIANO Massimo
CIRASOLA Pasqua
CIRCOLO Massimiliano
CITRARO Francesco
CLIMA GABBAN Amerigo
COLLINO Anna Maria
COLLURA Marco
COLTILETTI Emanuele
COMOGLIO Emanuel
CONDELLO Gioacchino
COPPI Michele
COPPOLA Enrico Vito
COPPOLA Sabato
CORAZZA Cinzia
CORAZZA Livio
CORSI Daniela
COSTANTINO Rosanna
COSZACH Edi
COTRONE Antonietta
CRAVAREZZA Tomaso
CRAVERO Mario
CRAVERO Patrizia
CREMA Marco
CRESCIMANNO Alberto
CRESCIMONE Giacomo
CRISCIONE Fabrizio
CRISTOFARO Massimo
CUCCHIARA Gabriella
CUCCHIARA Giuseppe
CURCIO Carlo
DALMASSO Guglielmo
D'AMBROSIO Marco
DANERO Daniela
DANESI Nadia
D'ANGELO Luca
DANIELE Marco Maurizio
DANISI Ciro
D'AVERSA Claudio
DE ANGELIS Stefano
DE BENEDITTIS Domenico
DE CESARE Nicola
DE DONNO Giuseppe
DE FRANCESCO Giuseppe
DE GIROLAMO Massimo
Antonio
DE LETTERIIS Luigi
DE LUCA Antonio
DE MARINO Aniello
DE MESTRIO Isabella
DE NUZZO Patrizia
DE PACE Guido
DE PAOLI Fabrizio
DE PASQUALE Ciro
DE ROSA Claudio
DE SIO Mariano
DE STEFANI Fabio
DEIANA Massimiliano
DEL VECCHIO Nicola
D'ELIA Enrico
D'ELIA Luigi
D'ELICIO Riccardo
DELL'AGNELLO Davide
DELL'AQUILA Pasquale
DELL'AQUILA Tiziana
DELLAVALLE Flora
DEMARCHI Gianfranco
DI BLASI Marco
DI DIO Vittorio
DI DOMENICA Raffaele
DI GIOIA Gian Luca
DI GIOVINE Luigi Roberto
DI LECCE Vincenzo
DI MAIO Elio
DI MARCO Filippo
DI MASCOLO Lisa
DI PIERO Alberto
DI SALVATORE Luigi
DILIZIA Antonio
DIMATTEO Gaspare
DIMATTEO Giulio
DIOGUARDI Francesco
DIOTTO Loredana
DISCIANNI Mario
DONNA Laura
D'ONOFRIO Michele
D'ORAZIO Luca
D'ORIA Emanuela
DROGO Maria Tina
DURANDO Marco
DACOMO Ivano
DACOMO Sergio
DAL GRANDE
Jean Claude
ELMO Santo
ERARIO Luigi
ERRANI Paola
ESPOSITO Rosario
D
E
FACCINCANI Walter
FALVO Stefano
FAMIGLI Gianni
FANARA Antonio
FANTASIA Giuseppe
FANTINI Gian Piero
FAVINO Roberto
FAZIO Annetta
FELLETTI Stefano
FERRANTE Rosario
FERRARI Giuseppe
FERRARI Pierpaolo Giovanni
FERRARIS Giovanni
FERRERI Claudio
FERRO Pier Giorgio
FILANNINO Nicolantonio
FINO Andrea
FIORE Antonino
FIORIO Chiara
FIORIO Enrico
FLESIA Emanuela
FLORA Matteo
FOLLIERO Michele
FONTANAROSA Paolo
FORGIONE Adriana
FORGIONE Natale
FORLEO Davide
FORNERO Giovanni
FRAU Nadir
FRENDA Cristina
FREZZA Antonio
FRUTTAROLO Diego
FUSCA Samuel
F
G
GABRIELE Rosalba
GABUTTO Marco
GALANTUCCI
Pasquale
GALLETTO Clizia
GALLO Erica
GALLO Nicola Luciano
GALLUCCI Giuseppe
GARGIULO Nicola
GARNERO Enrico
GASBARRO Eleonora
GAUDIOSI Michelino
GEMIGNANI Sabrina
GENNARO Damiana
GENOCCHI Barbara
GENTILE Raffaele
GENTILI Diego
GERARDI Sabino
GERIO Gian Paolo
GERMAK Laura Teresa
GERMAK Vittorio
GHERRA Gian Mario
GHIRARDELLI Gaudenzio
GIACOMELLO Marco
GIAMMALVA Edoardo
GIANLORENZI Marco
GIOFFRE' Concetta
GIONCO Marisa
GIORDANO Alessandro
GIORDANO Roberto
Avisini benemeriti
GIORGI Alberto
GIORS Monica
GIULIANOTTI Eleonora
GOLZIO Massimo
GRAMAZIO Marco
GRANATA Angelo
GRIMALDI Mauro
GRISORIO Carlo
GROSSI Anna Paola
GROSSO Patrizia
GRUBER Silvia
GUARIO Vittorio
GUASTAFIERRO Giovanni
GUGLIOTTI Pasquale
GUIDO Massimo
GULINO Salvatore
GULINO Vincenzo
GULLONE Marco
GUZZINATI Fabrizio
GUZZON Alessandro Alfonso
IANNELLO
Rosario Paolo
IMPINNA Salvatore
INFANTI Calogero
INGANGARO Marco
INGLESE Aldo
INO Domenico
IZZO Giovanni
I
LA ROCCA Gaetano
LAGUARDIA Maria
LAI Vittorio
LAMBIASE Massimo
LAMIA Francesca
LANDE Francesco
LANDI Lorenzo
LANNA Giuseppe Massimiliano
LANZA Maria Rosa
LAPOLLA Saverio
LAURIOLA Maria Luigia
LELLA Giacomo
LEONE Antonino
LEONE Maria Teresa
LEPORE Elisabetta
LEPORE Franco
LIUZZI Giuseppe
LO VECCHIO Giuseppe
LOGOZZO Giovanni
LOIACONO Grazia
LOMBARDO Emanuele
LONARDO Maurizio
LORUSSO Cinzia
LORUSSO Leonardo
LOVAGLIO Caterina
LOVALENTE Gaetano Gian
Luca
LUCCHESE Mario
LUCIANO Clemente
L
MACCHIOTTI Dino
MADONNO Elena
MAFFEI Matteo
MAGHENZANI Daniele
MAGNI Doriano
MAIDA Maria
MAINA Cristina
MAITA Gaetano
MALABAILA Federico
MALASPINA Fabrizio
MALFA Filippo
M
MALOSSO Giorgio
MAMELI Umberto
MANA Antonella
MANCINI Alessandra
MANCINI Ivano
MANTOVANELLI Francesca
MARANGON Stefano
MARCHESE Andrea
MARCHETTO Chiaffredo
MARCON Marco
MARENGHI Walter
MARINACCIO Natalina
MARIUCCI Luca
MARRANO Fabio
MARRAS Paola
MARTELLI Andrea
MARTIGNONI Ennio
MARTURANO Giuseppina
MARVELLI Gaetano
MASCIULLO Fabio
MASELLI Rosangela
MASSARO Marina
MASTROFRANCESCO Vito
MAZZA Luigi
MEDDA Fabio
MELLE Barbara
MEREU Rocco
MESSINA Maurizio
MICCOLI Antonello
MICOTTI Stefano
MILANIN Silvia
MILAZZO Marco
MILIA Giuseppe
MINERO Tiziana
MINETTI Francesco Armando
MINNI Emilio
MIOLA Arianna
MIRABELLA Benedetto
MOCCIOLA Rita
MODICA Giuseppe
MONTI Claudio
MONTICONE Luca
MONTONE Maria
MORELLI Flavio
MOROLLA Renzo
MORRA Giovanni
MOSCA Riccardo
MUNAREVA Irina
MUSOLINO Ornella
MUSSO Danila
MUSTACCIOLI Massimiliano
PALLOTTA ALBANO
Saverio
PALMA Leonardo
PALMIERI Genni
PANEPINTO Giuseppe
PAOLELLA Luigi
PAPPALARDO Antonio
PAPPALARDO Salvatore
PAPPONETTI Elena
PARADISO Carolina
PARADISO Michele
PARLATANO Pierdavide
PARRETTA Carmelo
PASERO Gianfranco
PASOTTO Marco
PASSERA Ernestino
PASTORE Cosmo Damiano
PASTORINO Michele
PATERNOSTER Massimiliano
PAUTASSO Marzia
PAVANELLO Denis
PAVANELLO Fabio
PEIRANO Claudia
PELLEGRINO Rosario
PERGA Daniele
PERRERO Renato
PIANGIOLINO Annunziata
PICCIONNE Rubens Diego
PICCIRILLO Diego Costabile
PICCO Marco
PIN Davide
PINNA Antonello
PINTAUDI Giuseppe
PIOTTO Matteo
PIREDDA Omar
PIROSCIA Vincenzo
PISTIS Stefano
PITTANA Claudio
POLLIO Berardino
PONZIO Francesca
PORTINARI Andrea
POTO Alberto
PRESTIGIOVANNI Maria
PREZIOSO Giovanni
PROFITA Teodoro
PUCCIO Eleonora
PUGLIATTI Giuseppa
PUGNO Stefano
PULETTO Rosario
PULPITO Eva
PUSCEDDU Piero
NAPPI Maurizio
NARDONE Mario
NEGRO Giovanni
NERI Gabriele
NICOLETTI Michele
NICOSIA Pietro
NIGRO Paolo Antonino
NOCERINO Raffaele
NOVACO Roberto
NUCERA Giuseppe
Q
R
N
OCCHINO Andrea
ODIARDO Annalisa
ODIARDO Maurizio
OLLINO Paolo
O
P
PACIFICO
Massimiliano
PACINO Silvestro
QUARANTA
Andrea
RACCA Danilo
RADIOSI Fabrizio
RAGIONIERI Enrico
RAPISARDA Giovanni
RASI Williams
RAUGI Gianluca
RAVA Alessandro
RAZZETTO Fabio
REGANO Laura
REVIGLIO Mauro Mario
RIBONI Sergio
RICCIARDELLI
Massimiliano
RICIGLIANO Sebastiano
RISTORTO Michele
RIZZO Nicasia
ROBBA Marinella
ROBUTTI Lorena
ROCCA Manuela
ROCCHI Alessio
ROLANDO Alice
ROLANDO Fiorina
ROMA Luigi
ROMAGNA Giovanni
ROMANELLI Dario
ROMEO Antonio
ROMEO Carmela
ROMEO Domenico
ROMEO Elena
ROMEO Manuele
ROMEO Margherita
RONCO Elena
RORO Roberto
ROSSETTO Silvia
ROSSI Alberto
ROSSOTTO Stefania
RUSSELLI Antonino
RUSSO Claudio
SABATINO Rosalba
SACCO Silvia
SALPIETRO Salvatore
SALVEMINI Sergio
SALVINI Donato
SANDRI Davide Bartolomeo
SANDRI Giorgio
SANDRI Marcello
SANNA Francesco Graziano
SANNA Monia
SANTAGATA Alessandro
SANTOMAURO Sergio
SANTOVITO Marco
SANTOVITO Vincenzo
SAVARESE Giuseppe
SAVINO Mario
SCAFFINI Emanuela
SCAGLIONE Milko
SCALICI Piero
SCARANO Sandro
SCARCELLI Roberto
SCARDINA Mariagrazia
SCEBBA Giuseppina
SCHEMBRA Fabio
SCHIAVONE Giuseppe
SCHIRRAPA Domenico
SCIRE' Daniela
SERRA Claudio
SERRAO Diego
SETTIMO Laura
SICILIANO Alessandro
SIRSI Rocco
SOLIMINE Giuseppe
SOMMO Pietro
SONCO Marinella
SOTTILE Francesco
SPADAFORA Barbara
SPINELLO Marialinda
SPIOTTI Eugenio
SPITALE Samuele
STELLATO Laura
STORTIERO Antonio
STRAFILE Renato
STRAMAGLIA Vincenzo
SURDU Lacramioara
SUSINNO Rossana
S
TABACCO
Michelangelo
TANTILLO Filippo
TARANTINI Rosanna
TARANTINO Giuseppe
TARTARINI Gianluca
TASINATO Renzo
TAURISANO Ivan Marco
TECCHIATO Giorgio
TESSARI Fulvia
TESTA Cosimo Gerardo
TIRANTI Guido
TODARO Fabrizio
TODDE Claudio
TODISCO Antonella
TOMMASIELLO Roberto
TONZAR Michela
TRAINA Daniele
TRISCIUZZI Oriana
TRIVERO Gian Carlo
TROMBETTA Pietro
TUCCI Allegra
T
VAI Sergio
VALLINI Gianpaolo
VALLINO Antonio
VARETTO Dario
VASCHETTI Luigi
VASONI Marco
VASSALLO Lucia
VENANZIO Ciro
VENTURATO Clemente
VENTURI Alessandro
VETERE Luigi
VIARO Luca
VICHI Valentina
VIGLIONE Filomena
VIGNA Mario
VINCI Piera
VIOLA Fernando
VIOLA Pasquale
VIRELLI Giuseppe
VIRI PIVANO Fabio
VITERBO Domenico
VITOLO Luciano
VITROTTI Roger Alessandro
V
ZAINO Antonio
ZAMPARELLA
Francesco
ZANELLATO Paolo
ZANFORLIN Fiorella
ZANGARI Luca
ZANNELLA Franco
ZAPPULLA Veronica
ZARBA Luca
ZAZA Gianluca
ZEPPEGNO Silvia
ZERBINATI Andrea
ZIINO Giuseppe
ZIN Claudia
ZITO Elisa
ZUCCA Francesco
ZULLE Alex
ZULLO Giancarlo
ZULLO Michele
Z
DISTINTIVO IN ORO (50 donazioni)
ABRAMO Biagina
ACCORDINO Antonio
ADDESE Domenico
AIMONE Silvana
ALCAMO Francesco
ALEMANNO Stefano
ALESSIO Claudio
ALLARIO Giorgia
ALMERIGI Paola
AMERIO Elvio
AMERIO Roberto
ANDREATA Daniela
A
ARENA Renato
ARMILLOTTA Francesco
ASCALONE Sandro
BAFARO Raffaela
BANCHERO
Piergiorgio
BANNONE Annarosa
BARBERA Giovanni
BASILE Salvatore
BAU' Giorgio
BELCHIO Silvia Maria
B
BELLETTIERI Vito
BELLUCCI Andrea
BENAZZI Marco
BERRUTI Giorgia
BERTOLI Rodolfo
BERTONE Ezio
BIANCHI Marino
BOERO Pietro
BOLLANO Gianmario
BONADE' BOTTINO Adriano
BONASERA Carmelo
BONCORE Mario
BONGIOVANNI Carlo
BONIFACIO Antonio
BONIOLO Ottorino
BONON Pierluigi
BORGATO Mariella
BOSCA Giuliano
BOTTO Giorgio
BOZZONE Claudia
BROGLIATTO Marina
BRUNETTI Sandro
BRUSOTTI Sergio
BRUZZESE Filippo
BUOSO Sandro
CABODI Giorgio
CACCAMO
Mariagrazia
CAGLIOTI Giuseppe
CALAMAI Gianluca
CALICCHIO Franco
CAMANDONA Ezio
CANAZZA Tamara
CAPPELLETTI Mirco
CAPPUCCELLI Peppino
C
13
Avisini benemeriti
CAPRA QUARELLI Ferruccio
CARELLO Carlo
CAROLI Cosimo
CARRARO Elena Anna
CARUSO Giuseppe
CARUSO Maurizio
CASALINO Francesco
CASSANO Enzio
CASTELLI Fabrizio
CASULA Italo
CATONE Claudio
CAVALLO Pietro
CAVANNA Pier Luigi
CELOZZI Roberto
CEPPI Claudio
CESARANO Alfonso
CHIUSOLO Nicola
CIANNILLO Ciro
CICLONA Patrizia
CIOCCA VASINO Enrica Maria
CIRCHIRILLO Ciro
CLEMA Daniele
COCO Vincenzo
COLACE Fortunato
COLIANNI Marco
COLOMBANO Simona
COMITO Fabio
CORNIL Paolo
CORRADIN Mariella
COSCARELLI Giovanni
COSTANZA Emanuela Antonietta
COSTANZA Vera Maria Rita
COVIELLO Leonardo
CREPALDI Graziano
CRISCIONE Giancarlo
CROCCO Alessandro
CURTI Massimo
D
DABBENE Paolo
D'ALESSANDRO Rita
DALLA GASSA
Enrico
DALLE GRAVE Luca
DAMETTO Tecla
D'ANGELO Domenico
DAVIE' Fabio
DE LILLO Savino
DE LOTTO Enrico
DE MARINIS Rosa
DE NICOLA Claudio
DE NIGRIS Mario
DEMARIE Davide
DI GILIO Lucia
DI GIOIA Aldo
DI TOMMASO Giuseppe
DILIBERTO Enza Maria
DISTEFANO Annamaria
DOTOLO Luigi
DOVIZIO Roberto
DRAGO Valter
D'URSO Rosanna Maria
E
F
ELIA Antonio
ESPOSITO Antonio
FACCIOLI Amalia
FAGGIONATO Mauro
FANTOLINO Stefano
FARAONE Dario
FARFARIELLO Mauro
FERRARESI Anna
FERRARI Nicola
FERRARIS Luca
FERRARIS Roberto
FERRERO Anna
FERRERO Mario Pietro
FERRONE Alfredo
FILARDI Fabrizio
FONTANA Daniele
FONTE Vincenzo
FORNERIS Diego
FORTE Vincenzo
FRANCESCHINI Angelo
FRANCHINO Enzo
FRANCHINO Giovanni
FRATESI Massimiliano
FRATUSCO Donatella
FREGONARA Carlo
FRISARDI Giovanni
FUSCA Giovanni
GAGLIARDI Sergio
GALAVERNA Davide
GAMBA
Alessandra Maria
GANCI Maria
GARASSINO Mauro
GARIBALDI Domenico
GARRO Maurizio Maria
GATTO Sergio
GENOVESE Renzo
GENTILE Franco
GIACHINO Daniela Francesca
GIACOTTO Paolo
GIAGU Antonio
GIAMMARINO Luca
GILLIO Teresio
GIOANNINI Danilo
GIORDA Monica
GIORDANO Daniele
GIORGIS Maurizio Domenico
GIOVALE Giuseppe
GIRIBALDI Paolo
GIRIVETTO Silvio
GIULIANI Giovanna
GIULIANO Cataldo
GIULIANO Laura
GOIA Andrea
GRANERIS Andrea
GRASSO Fausto
GRAZIANO Marco Alberico
GUARIGLIA Pasquale
GUARINO Vincenzo
GUARNIERI Vincenzo
GURLINO Giovanni
G
I
L
IANNESSI Fulvio
IAZZETTA Aniello
IUNCO Alessandro
LA PERNA Federico
LAEZZA Vincenzo
LATTANZIO
Francesco
LAVALLE Hector Hugo
LAZZARI Franco
LEMMI Cristina
LEONCEDIS Dianella
LEONE Luigi
LI RANZI Salvatore
LIBRERA Manolo
LIONETTI Gerardo
LO VETERE Rosa
LOMBARDI Massimo
LORUSSO Giuseppe
LOTITO Natale
LUCIANO Giovanni Battista
LUPI Alessandro
M
MACARIO Anna
Maria
MAGANZA Claudio
MAGGI Alberto
MAGGIORA Bruno
MALARA Diego
MANDRINO Giorgio
MANUELLO Giuseppe Carmine
MARCATO Valeria
MARCHELLI Massimiliano
Angelo Giulio
MARCHETTI Elio
MARRA Giovanni
MARSALA Massimo
MARTINO Mauro
MARTINOTTI Remo
MAZZARINO Alfonso
MERLO Lorenzo
MILAZZO Biagio
MILONE Roberto
MOI Massimo
MOLINARO Andrea
MOLITERNO Cosimo
MONCHIERO Marco
MONTALCINO Monica
MONTALTI Aurelio
MONTANARELLA Raffaele
MORRA Domenico
MOTTA Alberto
MUSTI Paolo
N
NEGRO Mauro
NETTIS Domenico
NOTARIANNI
Domenico
NURRA Patrizia
O
P
PACINI Riccardo
PADOVAN Massimo
PARETO Mauro
PARRELLI Franco
PASQUARIELLO Vito
PASTERIS Giorgio
PAVESE Roberto
PAZZI Cristina
PELLITTERI Maria
PERO Gianni Maria
PERRETTA Tiziana
PETRUZZA Francesco
PIAN Alberto
PIANA Barbara
PIANO Florindo
PIOVANO Laura
PIRANDELLO Luigi
PITITTO Nicola
POCHETTINO Giovanni
POLESE Annamaria
PONZA Costanzo
POPOLO Carmela
PRONESTI Arcangelo
Q
QUAGLIA Fulvio
QUARANTA Giorgio
QUARELLO Vanna
QUARIO Stefano
QUINTO Angelo Raffaele
R
RAIA Nunzio
RAIMONDI Filippo
RAINERI Giampaolo
RALLO Bartolomeo
RAMAT Piero
RAPALINO Roberto
RAVALLI Domenico
RE Laura
RESSIA Alessio
REVELLI Fulvio
REVELLO Monica
RICCARDI Franco
RINALDI Albino
RINALDI Alessandro
RINDONE Salvatore
RIVELLA Roberto
RIZZITANO Maria
ROCCIA Erio
ROMANINI Mario
ROMANO Domenico
RONCHI DELLA ROCCA
Barbara
ROSSI Andrea
ROSSI Mauro
ROVERA Riccardo
RUBINO Sebastiano
RULLO Nicola
RUTIGLIANO Giuseppe
OCCHETTI Annamaria
ONATIBLAS
Raffaele
S
SACCHETTO Claudio
SACCO Alessandro
SALASCO Armando
SALIERNO Luigi
SANGREGORIO Giovanni
SANTAGOSTINO Roberto
SANTI Giovanni
SCHIAVETTA Massimo
SCIRE' Sebastiano
SCONOSCIUTO Maria Teresa
SCORDO Pietro
SECCHIERI Graziano
SEMERARO Denis
SENTINA Marco
SILANOS Michele
SIMEONE Anna
SIRO Francesco
SOBRERO Roberto
SONCIN Pier Paolo
SORANNA Vito
SORGENTE Roberto
SORIANO Orsola
SORIENTE Maria
SORNATALE Vito
SUITA Paolo
T
TAGLIENTE Enzo
TANCREDI
Domenicantonio
TANESE Antonio
TARALLO Silvio
TARONNA Luca
TAVERNESE Roberto
TERRANO Francesco
TIANI Sabina
TIRINATO Silvana
TOMAINO Pasqualina
TOMASI Roberto
TOMMASI Alessandro
TOPINO Mauro
TRECCA Gian Luca
TROVATO Vincenzo
U
V
UNALI Roberto
URGNANI Mauro
Z
ZERBINI Enzo
ZUCARO Eleonora
VACCHINA Roberto
VARA Filomena
VARETTO Marco
VASSALLO Luciano
VAULA Alessandro
VELLA Angelo
VENTURA Corrado
VERALDI Dario
VERTERAMO Bruno
VIETTI Gianni
VIGLINO Luciano
VITELLA Gabriella
VITULANO Monica
DISTINTIVO D’ORO CON RUBINO (75 donazioni)
A
B
ABALDI Emilia
AGRESTA Antonio
AULINO Maurizio
BALLARE' Danila
BAUSANO Pierangelo
BERTINOTTI Simone
BIANCO Luciano Michele
BOARETTO Massimo
BOLLINI Antonella Maria
BOTTA Enrico
BRIZZI Giuseppe
CACCHERANO
Giuseppe
CALAMUSA Marcello
CALCULLI Antonio
CANDELA Pietro
CAPUSSO Paola
CARASSO Stefano
CARRANO Roberto
CASTELLO Antonino
CASTELNUOVO Ersilia
CAULA Francesco
CAVALETTO Pier Paolo
CESARELLO Ferdinando
CHIMIENTI Gregorio
CICCIA Antonio
C
14
CIVIERO Mauro
CONTI Alberto
DE BERNARDI
Alberto
DE LOTTO Gianluca
DI CORSO Marco
DONADON Danilo
D
F
G
FILIPPI Daniela
FORNI Silvio
GALLETTA Giovanni
GALLO Claudio
GALLUCCI Gerardo
GARETTO Maurizio Maria
GARLASSI Mauro
GHEZZO Monica
GIARRIZZO Cateno
GILARDI Domenico
GISARIO Paolo
GIZZARELLI Paola
GOLDIN Claudio
GUADAGNO Antonietta
GULINO Francesco
I
L
IENNACO Massimo
INNAIMO Domenico
O
P
OLIVA
Claudio
Q
R
QUINCI
Francesco
LA GATTA Ezio
LAMUSTA Cosimo
LANZA Francesco
LAPOLLA Angelo Raffaele
LEOMBRUNI Massimo
LIBRERA Felice
LOGUERCIO Lucio
LUCA' Arcangelo
LUPO Piercarlo
LUPPINO Mimmo
PAPALIA Domenico
PAPANDREA Elena
PAVONE Giorgio
PENAZZI Vincenzo
POGNANTE Lorenzo
PONTE Claudio
MACARIO Valter
MAINENTE Stefano
MANISCALCO Silvana
MARENTINO Roberto
MARRONE Giuseppe
MARTIN Luca
MASSARENTI Gianfranco
MEJNARDI Giulia
MILANO Giuseppe
MINA Piercarlo
RESTAINO Rita
REY Adriano
ROLFO Silvana Rosa
ROTUNNO Davide
RUSSO Angela
M
N
NERATTINI
Davide
SARACCO Ezio
SARZOTTI Alessandro
SCHIRONE Luigi
SCIARA Michele
SCORDINO Renato
SERENTHA' Ivo
SORANZO Loris
S
SPAGNUOLO Elisa
SPICCI Luigi
STROPPIANA Mario
SURACE Filippo
TAFFARELLO Luca
TANI Antonio
TORREGGIANI Carlo
TRENTANOVE Carlo
TREVISAN Claudio
TURATI Arturo
T
VACCARI Paolo
VALLONE Caterina
VANZO Eleonora
VILLA Marco Paolo Guido
VITETTA Aldo
VIVIANI Roberto
V
Z
ZACCARELLA
Lorenzo
Avisini benemeriti
DISTINTIVO
D’ORO CON
SMERALDO
(100 donazioni)
DISTINTIVO
D’ORO CON
DIAMANTE
(120 donazioni)
BOIN Giovanni
ALBERTO Massimo
BLANCO Fulvio Domenico Carlo
BO Giuseppe
BONADONNA Francesco
CAPOGNA Francesco
CAVALLERO Marina
CIMBERLE Dario
CORA Silvio
DAVICO Antonello
DEVALLE Pietro
DI MICELI Rosolino
FARA Mario
FERRERO Paola
GADO Fedele
GATTI Giovanni Giuseppe
GEUNA Gian Piero
GOFFI Mario
GUARIO Roberto
GUERRIERI Pietro
HOSMER ZAMBELLI Daniele
MARCHESINI Fabio
MIA Carlo
MIA Silvio
QUESTA Andrea
ROMANO Antonio Mauro
ROTUNNO Michelina
SQUARCIO Giuseppe
TRIVERO Alberto
TULINO Alberto
ZATTI Pier Giuseppe
BOSCO Nadia
BRUSASCHETTO Claudio
CICIRIELLO Nicola
GIUSSANI Massimo
MARINO Pasquale
NOVARO Fulvio
PENGUE Filippo
PERICO Paolo
REALMUTO Mariano
SPAGNA Pierre
TELESCA Salvatore
VITULANO Francesco
ZANNONI Severino
ZUCARO Michele
COMMEMORAZIONE DEFUNTI
L’Avis torinese ricorderà tutti i donatori defunti dal 1°novembre 2013 ed in particolare
quelli di cui è venuta a conoscenza, con due cerimonie presso il Cimitero Monumentale
alle ore 8.30 ed al Cimitero Parco alle ore 10.30 con la deposizione di una corona
DEFUNTI DAL 1° NOVEMBRE 2013
Bernardi Giovanni Battista, Busso Vittorina,
Caldarola Lina, Canuto Musanti Elda,
D’Agostaro Giacomo, Da Rolt Angela,
Ferro Mario, Gatti Maria Teresa,
Gilardi Stefano, Goi Defendente,
Graziano Adriana, Guala Cecilia,
Isabello Dante, La Porta Francesco,
Lavagnino Anna Maria,
Marengo Lucia, Martoglio Bruno,
Polliani Armida, Riva Giovanni,
Rosa Maria Adelaide, Succio Rosa
A tutte le famiglie dei donatori
scomparsi le più sentite condoglianze
15
Vita associativa
A cura di
Graziano Cestino
Dal pomodoro al pesce
L’invito al dono del sangue
D
alla Armando Testa, il più autorevole studio del settore
pubblicitario, avevamo ottenuto gratuitamente il famoso “pomodoro” metà rosso e metà da riempire, a ricordo del settantesimo compleanno
dell’Avis Comunale di Torino. Ancora
gratuitamente lo studio Testa aveva proposto un calice ripieno di rosso sangue
con gli auguri a tutti i donatori. Da parte
sua, Marcello Peola, pittore e valente
grafico, aveva redatto alcune cartoline
illustranti i monumenti della nostra
città (dal Caval ‘d brons alla
cupola del Duomo, alla
Chiesa della Gran Madre) con gli auguri
per lo stesso anniversario.
Nello scorso numero del Corriere
Avis sono apparse
le nuove idee per la
campagna promozionale
curate
dalla
Newton-ic.com. La mano
che sta per premere il cam-
Sei di Torino
se oltre...
16
panello che annuncia “Adesso è il tuo
turno, dona il sangue” e quella con il dito
sul cronografo con la scritta “Basta un attimo”. L’amico Claudio Lupica ha illustrato il messaggio apparso sulla copertina del Corriere con il motto “Buttati a
pesce, dona il sangue”.
Riteniamo di dover esprimere un sentito grazie a tutti gli artisti che hanno
ideato le diverse copertine apparse negli
anni passati: dal caldo clima favorente
l’arrossarsi del pomodoro al brindisi con
il succo rosso sangue.
Analogo ringraziamento
rivolgiamo a Claudio
Lupica che ha trasferito
nei piccoli pesci rossi
le gocce raccolte
dall’Avis.
È un grande libro aperto verso il mondo e aggrega in
gruppi o singolarmente tantissime persone di ogni estrazione sociale, culturale e religiosa, senza distinzione alcuna.
Il nostro Gruppo di Facebook "Sei di Torino se oltre....."
ha deciso di organizzare un "Evento" che andasse veramente "oltre....."iniziando un percorso volto a sensibilizzare tutti
coloro che non intendano rimanere solo dietro un monitor,
ma che vogliano realizzare qualcosa di concreto per la
comunità.
Per questo motivo, il giorno 23 luglio 2014, alcuni amici
del gruppo con una delle nostre "admin" Alessandra, hanno
voluto, per la prima volta, iniziare il percorso per diventare
Donatori Avis; la speranza è quella di coinvolgere altri tra
gli oltre 8.000 amici iscritti al nostro Gruppo, sempre nel
rispetto della libertà di pensiero e azione di ognuno di loro.
Certo questa è una goccia, ma il mare è composto da
gocce, noi speriamo che questo mare diventi un oceano,
perchè una vita non ha prezzo, razza o religione....è sacra.
Ringraziamo tutto il Personale Avis di Torino via Piacenza, per l'accoglienza e la disponibilità dimostrataci in
quella mattinata.
Un grazie particolare è rivolto anche al nostro Presidente
sig. Cestino, al Direttore sanitario Dott. Arboatti e al Dott.
Ravera, che ci hanno permesso e aiutato nell'organizzare
questo evento.
A cura di
Igino Arboatti
Comunicazioni ai donatori
Il virus del Nilo-occidentale:
un pericolo per le donazioni
E
così anche quest’anno è arrivata l’estate, portando con sé,
oltre al caldo e al sole, anche la
giusta quantità di quegli “insettini” noiosi e fastidiosi che si divertono a pizzicarci e a succhiarci un po’ di sangue:
le zanzare.
Da qualche anno alle vecchie e care
zanzare facenti parte della Comunità Europea (ottimo lo spread ed il pil) si sono
aggiunte anche quelle tropicali, importate o tramite container che trasportano copertoni di gomme per auto con al loro interno un ristagno di acqua contenente le
larve di questi insetti oppure dagli uccelli
migratori che permettono lo spostamento del virus dall'Africa alle zone temperate (le zanzare che pungono gli uccelli
migratori asportano sangue infetto, infettando se stesse e ogni altro animale,
uomo compreso, di cui assumono il sangue successivamente).
La loro caratteristica è che hanno la
bruttissima abitudine di colpire durante
tutta la giornata, per cui tornando da passeggiate nei parchi, nei giardini o in qualsiasi area verde (e non solo) anche a fine
mattinata o nel primo pomeriggio corriamo il rischio di trovare sulla nostra pelle
dei ponfetti fastidiosissimi e pruriginosi.
L’aspetto negativo di tutto ciò è però
dato dal fatto che queste zanzare possono
trasmettere delle malattie che fino a qualche anno fa da noi erano sconosciute.
Fra tutte queste quella che ci interessa
maggiormente, perché sta incrementando la sua diffusione e può essere trasmessa anche attraverso trasfusioni di sangue
infetto, è la malattia causata dal West
Nile Virus.
WEST NILE VIRUS
Il West Nile Virus (WNV) o Virus del
Nilo Occidentale deriva il suo nome dal
distretto di West Nile in Uganda, dove è
stato isolato per la prima volta nel 1937
in una donna che soffriva di una febbre
particolarmente alta. La malattia è diffusa soprattutto in Africa (specie in Egitto),
in Medio Oriente, in India e più recentemente, come già detto, in Europa e negli
USA. I principali vettori sono le zanzare
del genere “Culex”, per cui tutti i fattori
che favoriscono la proliferazione delle
zanzare come piogge abbondanti, irriga-
zioni, ristagni di acqua in generale
(anche nei sottovasi dei fiori) o temperature alte fanno aumentare il rischio di
contagio.
Nella maggior parte dei casi, se contagiati, la malattia decorre completamente
senza sintomi o per lo più possono comparire, dopo i circa 4/6 giorni di incubazione, febbre moderata, malessere generalizzato, mancanza di appetito, nausea,
mal di testa, dolore oculare, mal di schiena, dolori muscolari, a cui possono aggiungersi tosse con difficoltà respiratoria, arrossamenti della pelle, diarrea, ingrossamento dei linfonodi. In meno del
15% dei casi, negli anziani e nei soggetti
più deboli, possono aggiungersi gravi
complicazioni neurologiche tipo meningite o encefalite. Nei casi più gravi, possono comparire febbre molto elevata con
forte mal di testa, grave debolezza, possibilità di paralisi, confusione mentale, tremori, eruzioni morbilliformi ed anche
episodi convulsivi. In linea di massima la
risoluzione è spontanea, però eccezionalmente la malattia può essere mortale, soprattutto in individui anziani e immunodepressi.
Dal novembre 2008 il Ministero della
Salute ha dato il via ad un piano di sorveglianza straordinaria su questa malattia,
dichiarata ormai endemica nel nostro
Paese. Con il piano di sorveglianza straordinaria, effettuato sia da medici che da
veterinari, si intensificano le misure straordinarie di sorveglianza “finalizzate alla
cognizione dell'espansione del fenomeno”. Per questo motivo vengono ricercate presenze virali in zanzare e in coloro
che manifestano sintomi riconducibili
alla malattia, per cui se ad una persona
viene diagnosticata una malattia riconducibile al WNV, anche se in forma lieve, tutta la provincia di appartenenza viene messa in quarantena per le donazioni
di sangue: cioè chi ha soggiornato anche
solo per una notte nella provincia a rischio nel periodo 1° luglio/30 novembre
deve astenersi dalla donazione per 28
giorni dal rientro.
Come già detto tutta l’Europa e gli
USA sono potenzialmente a rischio e
quindi la restrizione stabilita in Italia per
le province coinvolte vale anche
per lo stato estero in cui si sia
Differenti
tra di loro
Il maschio
è più piccolo
della femmina
ed ha l'apparato
boccale con
gli stiletti meno
sviluppati;
possiede inoltre
gli organi di senso
(antenne e palpi)
più sviluppati
rispetto
alla femmina
manifestato anche solo un caso di malattia da WNV.
Al momento della redazione di queste
righe sono stati segnalati casi in provincia di
Brescia, Bergamo, Cremona, Vicenza, Verona, Rovigo, Bologna, Ferrara, Ravenna,
Piacenza, Reggio Emilia, Modena, Lodi,
Mantova, Udine, Olbia, Tempio Pausania e
come stati esteri sono coinvolte BosniaErzegovina, Serbia e Grecia (isole escluse).
Invitiamo quindi tutti i donatori che si
siano spostati dalla propria provincia nel periodo interessato, a consultare, prima di donare
sangue, il sito dell’Avis, che verrà regolarmente aggiornato ad ogni segnalazione da parte del
Centro Nazionale Sangue. Da parte nostra le
segretarie, tutte le volte che convocheranno un
donatore per effettuare la donazione sia di sangue che di plasma o di piastrine, avranno
l’avvertenza di richiedere se la persona interpellata ha soggiornato nelle zone coinvolte.
Tarso
5° 4° 3° 2°
Maschio
Femmina
SOTTO
LA LENTE
Zampa
anteriore
1°
Metatarsi
Apparato
boccale
Palpo
CAPO
Tibia
Femore
TORACE
Occhio
composto
Antenna
Ala
anteriore
Bilanciere
I
II
ADDOME
III
IV
V
Segmenti
addominali
VI
VII
Zampa
mediana
Zampa
posteriore
17
Al nostro fianco
Il cibo
è un
problema
per te?
Il tuo peso
influisce sul tuo
modo di vivere?
Hai cercato
di metterti
a dieta fallendo
ogni volta?
Mangi quando
non hai fame?
Mangi per
sfuggire a
preoccupazioni,
guai, noia o paura?
Il tuo
comportamento
alimentare rende
infelice te
o gli altri?
A cura di
O.A. Intergruppo Piemonte
Una soluzione
per il disagio
con il cibo
L’
associazione “Overeaters Anonymous” (O.A.) nasce in California nel 1960 su iniziativa di
una signora americana, Rosanne. Una
sera accompagnando un amico ad una riunione dei “Giocatori Anonimi” viene a
conoscenza di un approccio nuovo per i
problemi derivanti dalla dipendenza dal
gioco. Ascoltando le testimonianze di
chi si stava recuperando dalla dipendenza del gioco e dell’alcol, intuisce
che lo stesso metodo poteva essere applicato anche ai suoi problemi con il
cibo (il mangiare compulsivo) e così,
nel suo salotto di casa, utilizzando il
programma dei Dodici Passi e Dodici
Tradizioni degli Alcolisti Anonimi, insieme ad un’amica, dà inizio alla storia
di questa associazione.
Si parla di mangiare compulsivo quando la persona mangia in modo smodato e
sente di non essere capace di fermarsi,
neanche quando ha raggiunto o superato
la sazietà.
“Tutti i mangiatori compulsivi hanno
una cosa in comune: sono spinti a mangiare di più o di meno del necessario, in
modi che non sono razionali”.
I disturbi alimentari sono svariati:
dall’anoressia alla bulimia, al mangiare
compulsivo. L’anoressia si manifesta
con il rifiuto del cibo, la bulimia invece
con abbuffate seguite da una compensazione quale può essere il vomito,
l’eccessivo esercizio fisico, l’assunzione
di lassativi e diuretici e, sovente per facilitarne l’espulsione, anche più sistemi
contemporaneamente.
MANGIATORI COMPULSIVI ANONIMI
COME TROVARE O.A.
IN PIEMONTE
Telefono:
389.92.45.526
E-mail:
[email protected]
Sito web:
www.overeatersanonymous.it
www.oa-italia.it
18
Non è solo la quantità di cibo ingerito
che definisce il “mangiatore compulsivo”, ma i modi in cui cerca di controllare
il cibo o di eliminarne le conseguenze.
Alcuni mangiatori compulsivi mangiano
in segreto, mentre altri ancora alternano
digiuni al mangiare in eccesso.
L’Associazione accoglie chiunque abbia problemi di questo tipo ed il preambolo, che viene letto all’inizio di ogni riunione in ogni parte del mondo, ne chiarisce gli intenti e recita:
“Overeaters
Anonymous
è
un’associazione di uomini e donne che,
condividendo le proprie esperienze e sostenendosi reciprocamente, vivono il recupero dal mangiare compulsivo. Diamo
il benvenuto a chiunque voglia smettere
di mangiare in modo compulsivo. Non ci
sono quote o iscrizioni da pagare per essere membri; noi siamo autosufficienti
attraverso le nostre contribuzioni, né sollecitiamo o accettiamo donazioni esterne. O.A. non è affiliata ad alcuna organizzazione politica, ideologia o dottrina
religiosa; non prendiamo posizione su
controversie esterne. Il nostro scopo primario è di astenerci dal mangiare compulsivo e di portare questo messaggio di
recupero a quelli che ancora soffrono”.
Alcuni si chiedono se sia necessario
essere in sovrappeso per entrare in O.A.:
l’esperienza ha dimostrato che il Programma dei Dodici Passi, che tende al
Al nostro fianco
Metto le mani nelle tue,
e insieme possiamo fare
quello che da soli
non avremmo mai potuto
recupero a 3 livelli, fisico, emotivo e spirituale, funziona per tutti coloro che vogliono recuperarsi dai disturbi alimentari, non importa quale sia la loro taglia.
L’unico requisito per essere membri di
OA è il “desiderio” di smettere di mangiare in modo compulsivo. Il recupero
del mangiatore compulsivo in O.A. è
fondato sulla partecipazione gratuita ed
anonima alle attività del gruppo. I gruppi
sono auto-organizzati, composti da mangiatori compulsivi ”in recupero” e non
prevedono la presenza di conduttori, figure professionali e non si avvalgono di
strutture esterne.
O.A. è comunque aperta alle relazioni con chiunque operi nel settore dei
disturbi del comportamento alimentare
o delle dipendenze, collabora con qualunque organismo del settore ma non si
lega formalmente ad altre organizzazioni o istituzioni.
L’attenzione della comunità scientifica verso questo programma è una riprova che pazienti e medici possono
interagire nella ricerca di una cura, pur
lavorando in ambiti ben distinti.
L’associazione sostiene che il disordine
alimentare è una malattia dell’anima,
come l’alcolismo e la tossicodipendenza, che può essere affrontata con
il Programma dei Dodici Passi di
O.A. e la frequenza al gruppo.
Attualmente
l’Associazione,
presente a livello internazionale,
conta 6500 gruppi nel mondo in
più di 65 nazioni. In Italia è nata
nel 1988 ed è strutturata quale
A.P.S. (Associazione a Promozione Sociale); sul territorio nazionale sono attivi più di 60 gruppi dei
quali 6 gruppi tra Torino città e
provincia.
Nei mesi scorsi i gruppi piemontesi hanno festeggiato i 20
anni di attività.
Nel prossimo mese di ottobre
si terrà a Rimini, la XXV Convention Nazionale, che prevede domenica 19 una riunione
aperta. Sono invitati coloro
che pensano di avere un problema col cibo o che sono
preoccupati per un amico o
familiare e coloro che operano nel settore.
LO SAPEVI
Tra una donazione
di sangue e l’altra
devono intercorrere
minimo 90 giorni
?
19
Al nostro fianco
A cura di
Patrizia
Biancucci
Origano
e rosmarino
Un aiuto «saporito» contro il diabete
O
rigano e rosmarino, due piante,
oltre che deliziose erbe aromatiche, molto diffuse in cucina.
Pare siano ricche di composti efficaci nel
controllare i livelli di glucosio nel sangue, rivelandosi un valido aiuto contro il
diabete alimentare tipo 2, malattia di notevole rilievo per il rischio di sviluppare
complicanze soprattutto vascolari a carico di diversi organi e apparati dell'organismo, con impatto importante sulla
qualità di vita dei pazienti e sulla pubblica salute. Il farmaco di prima scelta nella
terapia ipoglicemizzante è a tutt'oggi la
metformina, ma lo studio condotto all'Università dell'Illinois e pubblicato sul
Journal of Agricultural and Food
Chemistry dimostra l'efficacia
delle spezie nella prevenzione
del diabete. Di origine greca
l’origano, proveniente dal
Messico il rosmarino, risultano più ricche di sostanze
bioattive (soprattutto
se coltivate in vivaio)
rispetto alle equivalenti erbe secche commerciali. “I polifenoli e i flavonoidi contenuti in queste spezie sono in grado
di inibire alcuni enzimi,
chiamati PTP1B e DPPIV, che giocano un ruolo
chiave nella secrezione
dell'insulina” spiega Elvira Gonzalez de Mejia, responsabile di un team di
ricercatori. Sarà
poi la sperimentazione su
un campione
umano a confermare eventualmente i
20
risultati in vivo. Esperta nella gestione
delle complicanze del diabete al Centro
unificato di diabetologia delle Molinette
di Torino, la dottoressa Valeria Inglese
invita, tuttavia, alla prudenza:
“Le proprietà farmacologiche delle
erbe sono note sin dall'antichità ed è verosimile, come descritto nello studio statunitense, che rosmarino e origano contengano sostanze in grado di contrastare i danni indotti da meccanismi patologici. Il loro utilizzo nella dieta della persona affetta da diabete è sempre stato
suggerito ma mi preme ribadire che si
tratta di una malattia seria e come tale
va affrontata con tempestività rivolgendosi ai professionisti del settore. Non
gestita con una cura “fai da te” come
certe notizie sensazionalistiche indurrebbero a fare”. Sebbene non esistano
al momento evidenze cliniche che consentono di promuovere l'utilizzo delle
erbe aromatiche in alternativa ai tradizionali farmaci, si può sempre insaporire
i piatti con una maggior quantità di queste spezie “antidiabetiche”.
Il «Mellito»
È la forma di diabete più importante.
Una sindrome dismetabolica essenzialmente caratterizzata da una ridotta utilizzazione del glucosio a livello dei tessuti conseguente a una carenza assoluta
o relativa dell'insulina, l'ormone secreto
dalle cellule beta del pancreas endocrino
(isole di Langherans). La malattia, di
origine genetica, insorge quando intervengono altri fattori considerati di
rischio: età superiore a 45 anni, sovrappeso specialmente addominale, vita sedentaria, parentela con un diabetico, glicemia a digiuno alterata (fra 110 e 125
mg/di), ipertensione arteriosa, intolleranza al glucosio per le donne che abbiano partorito un figlio di peso superiore a
4 Kg o abbiano sofferto di diabete gestazionale, appartenenza a gruppi etnici ad
alto rischio (ispanici, asiatici, africani).
I soggetti predisposti
allo sviluppo del diabete
POSSONO RIDURRE
FINO AL 60% IL RISCHIO
DI MALATTIA
semplicemente seguendo
un corretto stile di vita,
con poche regole:
alimentazione sana
esercizio fisico
dieta bilanciata
con meno grassi e
più frutta e verdura
controllo del peso
niente fumo
regolari controlli periodici
Dott.sa Valeria Inglese
Nei casi di diabete insulinodipendente, la terapia prevede
iniezioni regolari di insulina
e una dieta in cui il consumo
di carboidrati sia distribuito
lungo tutto l'arco della giornata.
I
INSERTO STACCABILE
II
INSERTO STACCABILE
III
INSERTO STACCABILE
IV
INSERTO STACCABILE
Vita associativa
A cura di
Giovanni Borgogno
Avis e lo sport
sfidano la pioggia
I
l 14 giugno si è svolta la terza edizione della manifestazione “Avis
nello sport”, in occasione della
Giornata Mondiale del dono del sangue.
Malgrado il tempo incerto, le gare si
sono svolte in un clima festoso e con una
grande partecipazione, come testimoniano i numeri:180 ciclisti, oltre 100 podisti
e 74 giocatori di bocce.
Alle 8.30 ha preso il via la prima gara,
quella delle bocce, che si è prolungata
fino alle 20.00. Alle 15.30 sono partiti i
ciclisti, seguiti dai podisti, con la piacevole colonna sonora della banda musicale dell’Avis.
Purtroppo tutto è durato poco a causa del maltempo: i ciclisti giunti ad
Orbassano sono tornati indietro e così
anche i podisti che hanno dovuto accorciare il loro percorso.
Al termine, i volontari dei due gruppi
hanno provveduto a dissetare i loro atleti
ed a preparare le rispettive premiazioni.
Intanto le volontarie del gruppo bocce
iniziavano la distribuzione a tutti i presenti di pizza e crostata . Alla festa ha
partecipato l’Assessore Regionale al lavoro ed all’istruzione Gianna Pentenero,
presenza istituzionale che ha dato ulteriore visibilità ed autorevolezza alla nostra manifestazione. Giornata dedicata ai
milioni di donatori che, in tutto il mondo,
si recano generosamente a donare per
consentire l’utilizzo del loro sangue e
permettere ad altri di curarsi o continuare
a vivere.
Il nostro grazie a loro, all’Assessore
Pentenero ed al Consigliere Provinciale Pomponio, che con la loro presenza
hanno voluto sottolineare il valore sociale di questo impegno.
Alle 20.30 è terminata la gara di bocce
con la conseguente premiazione. Sul podio: al primo posto a pari merito le formazioni Avis (Mario Rossi-Bruno Montalto) e Sis (Orlando-Orlando); al terzo
posto ancora un ex aequo fra la formazione Lusigliese (Bruno-Cavoretto) e
Villastellone (Perrono-Cossolo).
Il successo ormai consolidato della
manifestazione è garantito da molte persone a cui vanno i nostri ringraziamenti:
dal vicepresidente Avis Torino Carlo
Mantelli, alla segretaria Palmira Merlo,
la tesoriera dell’Avis Provinciale Gloria
Speranza, a tutte le volontarie e volontari, alla banda musicale Avis ed al Presidente Graziano Cestino, che durante tutta la fase di organizzazione e programmazione ci ha supportato e, perché no,
sopportato.
Infine un ringraziamento ai responsabili dei gruppi direttamente coinvolti:
Italo Precoma per i ciclisti, Matteo Dimeo per i podisti, Giovanni Borgogno
per i bocciofili.
DI BOCCE
74 GIOCATORI
I NUMERI
DELLA FESTA
100
PODISTI
Distribuzione di pizza
e crostata per più di
300
PERSONE
180
CICLISTI
L’assessore regionale Gianna Pentenero
tra Carlo Mantelli, vice presidente, e Giovanni Borgogno
25
Vita associativa
Santina
Marco
Gruppo Giovani Avis Torino
PedalAvis 2014
«Buona la prima»
L
‘
Prima delle vacanze
estive, il GGA
ha deciso di venire
incontro alle esigenze
di chi lavora e delle
(giovani) famiglie,
organizzando una
domenica pomeriggio
all'insegna dell'allegria
con un gioco all'aria
aperta: il minigolf,
sempre amato
da grandi e piccini!
Anche la location
sembra l'ideale
per sfuggire
alla calura cittadina:
il minigolf Oasis
di viale Thovez 54,
nella fresca
precollina.
Ora che abbiamo
imparato a giocare,
potremmo anche
replicare...
La prossima volta
vuoi partecipare
anche tu?
A cura di
edizione 2012 della PedalAVIS - passeggiata in bici non
competitiva per tutti - era stata
un grande successo, con quasi 200 partecipanti. Forte di questo precedente, il
Gruppo Giovani di Torino si è impegnato a riproporre un'edizione 2014 di questo evento che, su richiesta della Presidenza, è stato inserito nell'ambito delle
celebrazioni per l'85° della fondazione
della Comunale di Torino, programmate
per metà giugno. Come già la passata
edizione, anche questa volta l'evento è
stato studiato con la preziosa collaborazione di Bici&Dintorni FIAB Torino,
ONLUS specializzata nel settore. Ecco
quindi che, dopo mesi di preparativi, il 1°
giugno si sono regolarmente aperte le
iscrizioni, precedute da un'impegnativa
campagna pubblicitaria che ci ha visti
diffondere la nostra bella locandina un
po' ovunque (non però sul
Corriere, a causa di un disguido), ma anche da
un maggio molto
piovoso: a giugno il peggio sembrava
passato, con una vera e propria estate
esplosa in anticipo, e invece... previsioni
meteo disastrose per domenica 15,
puntualmente concretizzatesi, hanno
scoraggiato molti interessati costringendoci a rinviare la pedalata alla domenica
successiva. Ma se è
vero che "quando
il gioco si
fa duro, i
duri
Gruppo Giovani
Avis Torino
entrano in gioco", il Gruppo Giovani ha
dimostrato di essere
una vera roccia: con grande resistenza e
gioco di squadra, siamo riusciti ad avvisare tutti i partecipanti (il rinvio per
maltempo era già previsto, ma non si sa
mai) e soprattutto a rimettere in moto
tutta la macchina organizzativa, in una
sola settimana, con i permessi necessari
ed il lavoro gratuito dei Volontari, così
26
da essere nuovamente pronti per domenica 22 giugno. E allora, partenza dal
Parco del Valentino: la comitiva dei ciclisti, i due gazebo dello staff, i volontari
di Bici&Dintorni, la frutta della Coldiretti e l'immancabile mascotte "Benny",
per la gioia di grandi e piccini; il tutto accompagnato dalla musica della Filarmonica Torino Mirafiori (che ringraziamo)... e questa volta, finalmente illuminati anche da un bel sole!
La pedalata vera e propria si è svolta
su un percorso (fino al Parco del Meisino, e ritorno) facile ma bellissimo,
che per un paio d'ore fa dimenticare di
trovarsi ancora in città, e nel frattempo
i Volontari rimasti ai gazebo hanno
ben rappresentato l'Associazione attirando l'attenzione di passanti e curiosi,
fornendo loro tutte le informazioni
necessarie.
Insomma, non siamo forse riusciti a
bissare lo straordinario successo di due
anni fa, ma ce l'abbiamo messa tutta e soprattutto non ci siamo persi d'animo di
fronte alle difficoltà di questa edizione,
finendo col superarle brillantemente: un
ottimo incentivo per continuare ad impegnarsi, con l'aiuto di chi vorrà unirsi a
noi, e... appuntamento alla prossima
iniziativa!!!
A cura di
Vita associativa
Debora e Claudia
Gruppo Giovani Avis Torino
Flashmob
in stazione
M
a che ve lo raccontiamo a
fare??? Dovevate esserci...
un 14 giugno decisamente
particolare quello di quest’anno per festeggiare l'11° anniversario che ci ha
coinvolto molto come gruppo giovani.
Per coloro che ancora non lo sapessero in
questa giornata si celebrano tutti i donatori di sangue del mondo e noi per
l’ennesima volta non potevamo farci non
notare… Grazie all’idea e al supporto di
Avis Nazionale con la campagna promozionale “La prima volta… con Avis” si è
messo letteralmente in scena, oltre alla
solita distribuzione di volantini, un evento avisino in tutta Italia nello stesso momento. L’appuntamento era alle ore
12.00 presso le principali stazioni italiane ed altri luoghi molto frequentati per
una grande iniziativa: un flash mob avisino in contemporanea sulle note della
canzone “Dare (La La La)” di Shakira.
Nel caso Torino il tutto si è svolto presso
l’atrio della stazione di Porta Nuova ed
ha visto coinvolti il nostro gruppo giovani, tra cui le nuove “reclute” e i vecchi
“pilastri” del GGA ed alcuni rappresen-
tanti senior del Consiglio,
che non hanno voluto mancare a questo
importante ed unico momento. Il tutto si
è svolto nel migliore dei modi grazie anche alla fattiva collaborazione di alcuni
rappresentanti delle Avis della Provincia
di Torino. Sicuramente il tutto non sarebbe stato così perfetto (…e pertanto li ringraziamo tutti immensamente), sia per
quanto riguarda le doti da ballerini che
come numero di presenti grazie alla partecipazione degli allievi, senza l’aiuto
dell’istruttore di zumba Lorenzo Poletto
che insegna presso Omnifit, Palestre Torino e 360Maffei, dell’insegnante Flora
Cutino della Scuola Danza “Laboratorio
Danza” di Sangano e dei giovanissimi
dell’Associazione Sportiva Sole e Luna.
Si ringrazia in ultimo, ma sicuramente di
fondamentale importanza, Fabio “Inki”
Moliterni per il supporto tecnico-audio.
Per concludere, vi lasciamo con le impressioni rilasciate da alcuni excomponenti del GGA. Da veterane, nelle
fila del Gruppo Giovani Avis di Torino,
riteniamo di aver vissuto un'esperienza
strepitosa!
L'idea del flashmob
è stata vincente per coinvolgere grandi e
piccini e, grazie alle prove effettuate con il
video tutorial, ognuno di noi si è trasformato
in un ballerino.
Gli stili di ballo erano diversi, ma
l’obiettivo era uno solo e condiviso da tutti:
sorridere e divertirci pensando alla grande
gioia che si offre con il dono del sangue”.
È possibile vedere
i video del flashmob
di Torino
ai seguenti link:
http://on.fb.me/1kYYGWi
(Alessio Chieffalo - Gruppo
Giovani Avis Torino)
http://bit.ly/1kYYTsO
(Felice Verduci - Video Avis Comunale di Nichelino)
http://bit.ly/1kYYW7K
(Felice Verduci - Foto Avis Comunale di Nichelino)
http://bit.ly/1kYYMgL
(Lorenzo Poletto - Omnifit,
Palestre Torino e 360Maffei)
http://on.fb.me/1kYYAOD
(Maria Luigia Antonacci Associazione Sportiva
Sole e Luna)
E
T
A
T
S
E
sinonimo di caldo,
afa e sole
Il modo migliore per poter sopravvivere alle giornate di fuoco è evitare alcolici, cibi grassi e difficilmente digeribili.
Quindi? Acqua fresca a volontà, anche
se non si ha necessariamente sete, insieme a verdura e frutta. Si, frutta, questa
sconosciuta: ricca di acqua, vitamine e
sali minerali è uno dei migliori alleati del
corpo umano, soprattutto per contrastare
il caldo e i suoi effetti.
Dato che donare sangue non significa
solo presentarsi all’appuntamento periodico con Dracula, ma anche prendere coscienza e prendersi cura del proprio corpo, l’iniziativa del Gruppo Giovani Avis
di Torino di trascorrere una serata in
compagnia presso il “Chiosco delle angurie” di Piazza Massaua ha avuto
un suo perché di fondo.
Ci siamo ritrovati alle 21,30 del
25 luglio e, dopo qualche risata, ci siamo accomodati: un bel posto, accogliente e allegro. E’ stata un’occasione per
discutere di tutto: dalle vacanze, alle
prossime gite organizzate da AVIS
(mi raccomando la partecipazione
alla gita di Gardaland di settembre);
dal confrontarsi sulle tante tematiche di attualità, sino al discutere dei
propri progetti a breve termine.
Cogliamo l’occasione per salutare
tutti i nostri lettori! Ciao!
A cura di Alessio
Gruppo Giovani
Avis Torino
27
Viaggi
A cura del
Gruppo Anziani
Una giornata tra sole,
mare e FOCACCIA!!
C
PROSSIME
GITE
16
NOVEMBRE
on la complicità di una splendida giornata di sole (unica tra
due settimane di pioggia), un
gruppo di 64 persone tra Avisini e simpatizzanti è partito, in perfetto orario,
per una giornata all’insegna di aria,
mare e FOCACCIA.......
Viaggio tranquillo sino a Santa Margherita Ligure dove un battello ha caricato la comitiva che, navigando lungo
costa, ha potuto ammirare rocce a strapiombo sul mare trapuntate da ulivi e
pini marittimi, per raggiungere Portofino, piccolo villaggio di pescatori, meta e
passerella del miglior turismo internazionale, che si allarga come un arco di
luna attorno al bacino, e dove si possono
ammirare, riflesse nello specchio delle
acque, le case ad anfiteatro circondate
da un giardino mediterraneo ricco di fiori, roseti e pergolati.
È stato possibile visitare le Chiese di
San Martino e San Giorgio, il Faro e il
Castello, passeggiare nella celebre Piazzetta, ammirare i negozi che attraggono
molti Vip internazionali e vari yacht ormeggiati alla banchina.
Proseguendo, la minicrociera ha raggiunto San Fruttuoso, obbligatoriamente
via mare, perché non esistono strade per
arrivarci, se non sentieri tra i boschi circostanti, ed ha attraccato all’esclusivo
pontile, a fianco di una spiaggetta dove si
poteva anche fare il bagno. È stato possibile, per chi lo avesse desiderato, visitare
l’Abbazia, il Chiostro e la tomba dei Doria. Purtroppo il brutto tempo dei giorni
precedenti non ha permesso di ammirare
Liguria
il “Cristo degli abissi” in quanto le acque
torbide ne impedivano la visuale.
Un ultimo tratto in battello ed ecco
raggiunta la destinazione finale: Recco,
sede storica della famosissima focaccia,
rinomata in tutto il mondo, da cui prende
il nome, che proprio quel giorno ne celebrava la festa. Con la piantina cittadina,
gentilmente recuperata dall’autista che ci
aveva preceduto e ed era ad attenderci
all’attracco, si è potuto partecipare alla
tradizionale sagra, apprezzando e soprattutto assaggiando la famosa focaccia,
che veniva servita gratuitamente dai vari
“forni aperti” che disegnavano un percorso per poter, contemporaneamente
agli assaggi, visitare la città. Alle 18.30 il
gruppo si ritrovava al pullman per riprendere la strada del ritorno.
Un sentito ringraziamento all’autista e
all’accompagnatrice che si sono prodigati affinché la giornata si svolgesse nel
migliore dei modi, a tutti i partecipanti e
al Gruppo Donatori Smat, con il quale
ci si augura di continuare una proficua
collaborazione.
Arrivederci ai prossimi appuntamenti.
A7
A26
GENOVA
Arenzano
A6
Varazze
SAVONA
28
Mar
Ligure
Rapallo
RECCO
Chiavari
Sestri Levante
PORTOFINO
Levanto
Sport
A cura di
Maurizio Macchi
Masters: buon sangue
non mente...!
Intensa attività e ottimi risultati
C
on i mesi estivi la stagione
dell’Atletica, a qualsiasi livello, è entrata nel vivo ed anche i
Masters non sono da meno.
Nei mesi di giugno e luglio si sono
svolte infatti, oltre ad i soliti “meeting”
sparsi un po’ in tutta la regione, tanto per
tenersi “in forma”, le competizioni più
importanti della stagione agonistica: la
fase regionale dei “Campionati nazionali
di società” svoltisi a Santhià dal 22 al 23
giugno ed i “Campionati italiani individuali” svoltisi a Modena dal 4 al 6 luglio.
Nel corso di questi eventi la nostra Società: “Atletica Torino Avis” ha ottenuto
buoni risultati sia a livello individuale
che, di riflesso, a livello societario; difatti la fase regionale dei “Campionati di
Società”, oltre a vederci secondi in Piemonte, ci ha collocati al 29° posto in Italia, a soli 4 posizioni dall´accesso alla
fase finale, con il rammarico di aver
mancato l’obiettivo di poche centinaia
di punti.
Di rilievo le prove di Vittorio Pareschi, 80 anni, già medagliato eccellente
durante i World Masters Games, che ha
fatto man bassa nella gara di getto del
peso e lancio del disco, del “sempreverde” Luigi Medros nei 100 e nei 200 mt
piani, della staffetta veloce composta da
Luigi Medros, Giorgio Furfaro, Gaetano
Bonifacio e Adriano Rebaudengo, del
salto in lungo con Adriano Rebaudengo
e del salto triplo con Giorgio Poggioli.
Ovviamente il risultato complessivo,
seppur ottimo
grazie alle prestazioni di tutti
e ad un passo
dalla qualificazione alle finali
nazionali, ci stimolerà a far meglio per la prossima edizione, cercando di aumentare l’impegno e
anche la partecipazione che, seppur come sempre
“battagliera”, ha risentito di alcune
defezioni dovute ad
infortuni vari.
Nel corso dei “Campionati italiani individuali”
dobbiamo
evidenziare
l’ottimo risultato ottenuto dal solito Luigi Medros, che in barba ai suoi 67 anni
suonati ha conquistato un prestigioso
“argento” sui 100 mt piani, con il tempo
di tutto rispetto di 13”55/100; un bel
“bronzo” è stato conquistato anche dal
giovane trentacinquenne Enrico Chesi
nel salto triplo, con un balzo felino
di 11 mt e 86 cm.
Dobbiamo dare conto anche
dell’ormai tradizionale appuntamento
nato anni orsono come “Memorial Cesare De Matteis”, indimenticato ed indimenticabile presidente del CUS Torino
Masters e diventato ormai da tre edizioni
“Challenge Master Cesare De Matteis
e Ottavio Missoni” che si è svolto sempre a Santhià il 13 luglio.
Il Meeting ha registrato una buona
partecipazione della nostra società ed
un’affluenza cospicua anche da regioni
non propriamente “dietro l’angolo”
come Sicilia e Sardegna, partecipazione
che conferma l’attaccamento del mondo
Masters a questi due atleti e grandi personaggi dentro e fuori le piste e le pedane dell’atletica.
Ora è il momento di riposare un po’;
torneremo dopo le vacanze più abbronzati e agguerriti che mai, per divertirci e
cullare qualche sogno di vittoria!
L´Atletica Torino
nasce nel
settembre 2005.
È affiliata
alla Fidal
con codice TO204
dal 2006
29
Eventi a Torino
A cura di
Giulia Maria Bouquiè
Programmazione
settembre - dicembre 2014
MOSTRE IN PROGRAMMAZIONE
Settembre - dicembre 2014 e oltre
Torino continua a confermarsi grande città di cultura, con la sua
costantemente rinnovata offerta di mostre e giornate all'interno dei
suoi musei e all'apertura del nuovo Museo Ettore Fico e della sezione
Cronometristi al Museo dello Sport.
Per l'elenco completo e aggiornato delle mostre aperte al pubblico.
www.abbonamentomusei.it
www.comune.torino.it/musei/
Percorsi autunnali
del Gran Tour 2014
5 settembre - 22 novembre
Il Gran Tour 2014 prosegue con la sua selezione
di oltre 100 percorsi e itinerari a Torino e nel territorio piemontese. Sarà possibile visitare abbazie, luoghi del lavoro dell'uomo (risaie, alpeggi),
osservare i mutamenti urbani e godere
dell'arte contemporanea...
I percorsi sono classificati come legati all'arte
e alla storia, ai musei e ai monumenti, alla natura.
Sono previsti percorsi meno impegnativi,
per tutta la famiglia, e percorsi
per camminatori più allenati.
È necessaria la prenotazione.
www.piemonteitalia.eu
Per consigli
sui prossimi
eventi inviaci
una mail
all’indirizzo
[email protected]
30
4 - 21 settembre
Torna il grande festival della musica, oramai al suo ottavo anno, che
lega Torino e Milano in quanto sedi di grandi palcoscenici per i generi musicali più diversi (MITO viene definito “il festival di tutte le musiche”).
Quest'anno parteciperanno 2200 musicisti provenienti da 27 paesi
differenti; i 182 appuntamenti avranno luogo in sale da concerto, stabilimenti industriali, musei, chiese, cortili...
Quest'anno in programmazione anche eventi legati alla Prima Guerra
Mondiale (per il centenario 1914-2014) e l'African Day.
www.mitosettembremusica.it
Radis, Sergin canta Gipo
14 settembre - Teatro Erba
A pochi mesi dalla scomparsa dell'amato cantautore
piemontese Gipo Farassino, Sergio Cavallari, in arte
“Sergin”, gli rende omaggio con la sua nuova opera
teatrale. Per l'occasione la sua “Sangon Blues Band” sarà
integrato da quattro musicisti “storici” di Gipo. Lo spettacolo ha anche il fine di perpetrare e conservare la lingua
piemontese, che nelle nuove generazioni si sta lentamente
perdendo, ma non è detto che non ci sia un ritorno...
24 - 28 settembre
Decima edizione di questo festival, che promuove il confronto
tra coscienze, fedi, culture e religioni diverse. L'evento stesso è
frutto di un dialogo continuo tra associazioni, enti, istituzioni e istituti di ricerca e in ogni edizione i partecipanti sono accompagnati da filosofi, artisti, teologi, scienziati, politici provenienti da tutto il mondo.
Il tema di quest'anno, “Il cuore intelligente”, è volto all'approfondimento
del rapporto tra ragione ed emozioni, tra “curiosità di pensiero e apertura di
cuore”, e sarà trattato in oltre 100 appuntamenti da 130 voci diverse. Un grande appuntamento di riflessione e di maturazione interiore attraverso il dialogo.
www.torinospiritualita.org
Eventi a Torino
XIV Mezza Maratona
di Torino
28 settembre
Si ripropone agli appassionati podisti amanti delle
lunghe distanze la Mezza Maratona di Torino, giunta alla sua quattordicesima edizione e per il dodicesimo anno consecutivo in memoria del vice sindaco
torinese Domenico Carpanini.
www.sportorino.com
C'era una volta in Italia.
Il cinema di Sergio Leone
2 ottobre 2014 - 11 gennaio 2015
Museo Nazionale del Cinema
Mostra che celebra la figura del grande regista amato in tutto il
mondo. Saranno esposti immagini, documenti, costumi e pistole e si
potranno udire testimonianze per addentrarsi nella straordinaria eredità culturale lasciataci dal visionario e ammiratissimo Sergio Leone.
www.abbonamentomusei.it
25 - 28 settembre - Lingotto
Fiera nazionale della manualità creativa, ManualMente dal 2004 è sempre più il punto di riferimento per il fai-da-te e per l'hobbistica. Obiettivo
dell'evento è incentivare la cultura della manualità. Saranno presenti i principali produttori nazionali e esteri di questo settore;
il pubblico inoltre potrà partecipare
ai numerosi laboratori per apprendere le arti manuali antiche, tradizionali e quelle più innovative.
www.manualmente.it
Venaria Reale - Parco della Mandria
Santena
11 ottobre - Teatro Helios ore 21
11 - 12 ottobre
Giunta alla sua terza edizione, viene riproposta quest'anno
“Una corsa da Re”, la mezza maratona del Parco della Mandria. La mezza maratona, competitiva e non competitiva, avrà
luogo sì nel Parco, ma anche nella Reggia e nella città di Venaria. Sarà possibile correre per un percorso alternativo di dieci
chilometri, o anche solo per uno di quattro -in cui è prevista anche una semplice camminata- sempre nelle atmosfere suggestive del parco di una delle residenze reali più belle d'Italia.
L'11 ottobre avrà luogo la “Corsa del Principino”,
una corsa/camminata di 500 metri e di 1 km per i bambini fino
ai 12 anni, nonché una camminata di 8 km nel Parco.
Il Cai di Santena con il patrocinio del
Comune organizza un concerto dei coro
del Cai Uget con proiezioni di foto di
montagna. Ingresso libero.
23 - 27 ottobre - Lingotto
Decima edizione dell'appuntamento, ormai imperdibile, in calendario a Torino
ogni due anni. Il Salone del Gusto è un salone dedicato all'enogastronomia nato nel
1966; Terra Madre è un progetto di Slow Food, una delle realizzazioni della sua filosofia. La rete di Terra Madre è formata da tutti coloro che desiderano promuovere
una nuova cultura del cibo, fondata sulla tutela della biodiversità, del lavoro,
delle culture e delle tradizioni e naturalmente dell'ambiente.
Dal 2012 Terra Madre e Salone del Gusto si fondono in un unico evento attento alla tavola
e alla produzione del cibo sostenibile sotto tutti i suoi aspetti.
Quest’anno il salone si riallaccia alla proclamazione da parte delle Nazioni Unite del 2014
come “Anno internazionale dell’Agricoltura Familiare” e affronta il tema della differenza tra
l'agricoltura “familiare” (troppe volte sminuita come semplice agricoltura di sussistenza) e
quella industriale, del degrado ambientale dovuto ai metodi di coltivazione industriali e della
denuncia dei suoi metodi di sfruttamento (del suolo, dei lavoratori, degli animali) ricercando un
nuovo paradigma sostenibile per ottenere il motore della vita, il cibo.
www.salonedelgusto.it
www.terramadre.info
31
Eventi a Torino
Concorso di arte contemporanea
Creatività e Riciclo
5 - 21 novembre
Piazza dei Mestieri
Terza edizione del concorso d'Arte contemporanea in cui i giovani artisti under 25 hanno la possibilità di esprimersi e di acquistare visibilità in quanto artisti emergenti. Le opere
partecipanti dovranno essere presentate entro il 30 settembre, e tra il 5 e il 21 novembre le
15 opere vincitrici saranno esposte nella Piazza dei Mestieri (che compie dieci anni).
Il tema di quest'anno è volto a stimolare la creazione di opere d'arte sostenibili e mostrare la trasformazione di oggetti che, da banali che erano, acquistano nuove identità.
www.piazzadeimestieri.it
8 novembre - Lingotto
Definita come un “osservatorio sulla migliore ricerca nel
campo delle arti visive e un evento culturale imperdibile per addetti ai lavori”, dal 1994 Artissima è un punto di riferimento per
l'arte contemporanea internazionale.
La fiera dell'anno scorso è risultata la quinta in ordine
di importanza nella classifica delle migliori 30 fiere internazionali di arte contemporanea secondo Skate’s Art Market Research, New York.
www.artissima.it
XVIII
Giornata
del volontario Avis
9 novembre - Teatro Nuovo
Per noi Avisini l'appuntamento più importante.
Avrà luogo, come tradizione, la consegna delle
benemerenze; a seguire festeggeremo tutti insieme con il coro gospel The Flight Gospel
Choir, la band rhythm and blues Prima Che
Faccia Notte, il collettivo musicale dell'associazione ASAI Barriera Republic, con la partecipazione del mago Alexander.
16 novembre
Gran Premio
LA STAMPA
(gara internazionale
IAAF inserita nel
campionato AIMS)
PARTENZA-Torino
piazza San Carlo
ARRIVO-Torino
piazza Castello
Informazioni sul sito:
www.turinmarathon.it
32
AUTOEMOTECA
A PORTA NUOVA
Dal mese di giugno è presente
solo il venerdì mattina.
Per maggiori informazioni
contatta le segreterie
di Torino
011.61.33.41
e Pianezza
011.96.61.668
Peter Gabriel on tour
20 novembre - Palaolimpico
Spinto dal successo dello scorso anno, Peter Gabriel
torna in Italia con due date, una a Torino e una a
Bologna. È grande l'attesa per l'ex cantante dei
Genesis, polistrumentista (flautista e percussionista in primis) e attivo nell'impegno umanitario,
ultimamente impegnato nel campo della
world music e nello studio di nuovi metodi
di diffusione dei brani musicali on line.
I biglietti stanno già andando a ruba...
A cura di
Alessandro Nidi
Dalla Polizia Municipale
Campioni d’Italia!
Ciclismo: il GS Polizia Municipale
di Torino vince il titolo a squadre
‘
L
atleta Manuel Bonardi conquista anche due titoli nazionali individuali nella categoria Cadetti. Nonostante l’intensa ondata
di caldo che si è abbattuta nel mese di
giugno sulla nostra Penisola, il Gruppo
Sportivo Polizia Municipale di Torino si
è reso artefice di un altro entusiasmante
miracolo sportivo: nella splendida cornice di San Severo (Foggia) gli atleti piemontesi hanno issato il vessillo sabaudo
sul gradino più alto del podio al termine
della prova nazionale di ciclismo in linea
e cronometro, laureandosi campioni
d’Italia a squadre. La compagine gialloblù, coordinata da Massimiliano Lenta,
si è dimostrata agguerrita ed estremamente determinata sin dal primo giorno
di gare, quando è andata in scena la prova a cronometro: su un percorso lungo
13,4 km e costantemente sferzato da pericolose raffiche di vento, che rendevano
precario l’equilibrio dei ciclisti, Manuel
Bonardi del GSPM Torino si è imposto
nella categoria Cadetti, bissando il successo l’indomani nella prova in linea e
guadagnandosi anche la maglia riservata
al vincitore del trofeo “Alto Tavoliere
delle Puglie”, assegnato in base alla somma dei punteggi conseguiti in ambedue
le giornate. Degni di nota anche i piazza-
GSPM
TORINO
menti degli altri due portacolori torinesi,
Massimiliano Lenta e Andrea Bologna:
il primo, appartenente alla categoria Senior, ha ottenuto un terzo posto nella cronometro e un secondo posto nella gara in
linea, mentre Bologna, iscritto nella sezione Veterani, ha conquistato due medaglie d’argento. Massimo Re, Presidente del Gruppo Sportivo Polizia Municipale di Torino e consigliere nazionale
delegato per le competizioni ciclistiche,
commenta così la riuscita della manifestazione: “Indubbiamente è stata
un’esperienza positiva, in quanto sia Antonio Ciociola (responsabile del settore
ciclismo del Comando di San Severo)
che Dino Pistillo (Presidente del Bike
Team di San Severo) hanno messo in
piedi un’organizzazione davvero efficiente per entrambe le prove, con
un tracciato che ha permesso di
disputare un campionato incerto
sino all’ultimo, sintomo di
enorme qualità da parte degli
atleti ASPMI. La Puglia si è
dimostrata una terra calda
e accogliente e ha portato
fortuna al nostro gruppo, che si è aggiudicato
il titolo a squadre oltre
a due tricolori individuali”.
Archiviata l’euforia generale per questo risultato galvanizzante, il Gruppo
Sportivo Polizia Municipale si è spostato a
San Vincenzo per i campionati nazionali
ASPMI di tennis dal 15 al 21 giugno.
Appuntamento al quale il GSPM Torino si è presentato in qualità di campione a
squadre uscente.
I risultati nel prossimo numero
del Corriere.
Rigori fatali: il GSPM Torino
è medaglia d’argento di calcio a 5
Il Gruppo Sportivo Polizia Municipale di Torino
ha conosciuto il primo, tremendo epilogo, classificandosi al secondo posto nel campionato italiano ASPMI
di calcio a 5, tenutosi a Ostuni dal 21 al 28 giugno.
“In finale abbiamo disputato tre quarti di gara praticamente perfetti” - commenta Franco Caporusso, responsabile del team calcistico torinese - “portandoci sul
2- 0 e sfiorando almeno per tre volte il 3-0. Poi, complici gli infortuni dei nostri giocatori più esperti e un calo
fisico evidente, negli ultimi dieci minuti abbiamo concesso due reti agli avversari, la seconda delle quali è
scaturita da un nostro errore a centrocampo. Ai calci di
rigore, la sorte ha deciso di premiare i nostri rivali,
capaci di realizzare tutti i tiri dal dischetto, mentre noi
siamo stati meno precisi, fallendone due”.
33
Al nostro fianco
A cura di
Giulia Maria
Bouquiè
Carabinieri
200 anni di stima
C
dal 2002
Araldica
dell’Arma
dal 1989
dal 1977
dal 1952
dal 1935
34
hi non si è mai affidato a
loro? Sono il punto di riferimento ovunque si trovino: se nelle grandi città
sono un appiglio sicuro per i
cittadini per quanto riguarda
le questioni di sicurezza, in
provincia e nei paesi i loro compiti si estendono anche a faccende
più informali, dalla sicurezza alla festa
del paese -in cui sono, al di là della presenza professionale, ospiti “d'onore” e
i cui compiti, oltre a quelli “formali”,
comprendono l'assaggio dei manicaretti che i compaesani offrono insistentemente... e che il ruolo non permette
di rifiutare- alla risoluzione di dispute
minori, di questioni di vicinato e di
convivenza civile.
Sono loro, i carabinieri, il corpo
di polizia più amato d'Italia.
Le loro mansioni spaziano dai compiti di polizia giudiziaria a quelli di polizia amministrativa e militare, nonché
naturalmente alle questioni di pubblica
sicurezza. Oggi sono una certezza grazie alla loro presenza capillare sul territorio e al loro contatto costante con la
gente, tanto che è facile pensare che
l'Arma sia eterna, presente da sempre
accanto a noi. In effetti, l'Arma ha una
lunga storia, e quest'anno ha compiuto
i duecento anni d'età.
Correva l'anno 1814, e il re di Sardegna Vittorio Emanuele I di Savoia,
ispirato dalla Gendarmerie francese,
decise di fondare un corpo analogo per
il suo regno. La nascita ufficiale del
corpo avvenne il 13 luglio 1814 a Torino -ma l'idea si era formata a Cagliari il
mese precedente-, con la legge reale
delle “Regie Patenti”, e il corpo degli
allora Reali Carabinieri raccoglieva
l'eredità dei Cacciatori Reali e dei Regi
Cavalleggeri. Era un corpo di fanteria
leggera -caratterizzato, come si comprende dal nome, dalla carabina- e
d'élite: per poterne far parte era indispensabile saper leggere e scrivere; i
primi componenti erano stati scelti,
inoltre, dalle eccellenze dei reparti
piemontesi.
Nel 1861 entrarono ufficialmente a
far parte del Regio Esercito, venendo
addirittura definiti “la prima Arma”
-da qui il nome di “Arma” per antonomasia. Dal 2000 sono considerati forza
armata autonoma, dipendente direttamente dal Ministero della Difesa. Essendo parte, fino agli anni 2000, dell'Esercito, hanno partecipato a tutte le
guerre combattute dal regno di Sardegna e, in seguito, dall'Italia, dal 1815
(battaglia di Grenoble) in avanti.
La loro storia è ricca di gesti altruistici, uno per tutti il sacrificio del vice
brigadiere Salvo D'Acquisto, caduto il
23 settembre del 1943 perchè autoaccusatosi colpevole di un attentato,
presso Torre di Palidoro, per salvare la
vita di ventidue prigionieri condannati
a morte.
Per questo e per molti altri gesti l'Arma ha ricevuto dalla popolazione l'appellativo di “benemerita”. Il loro motto
è “Nei secoli fedele”: si racconta sia
stato Gabriele D'Annunzio a coniarlo,
anche se alcune fonti affermano che la
paternità di tale motto vada attribuita al
capitano Cenisio Fusi. Concesso da
Vittorio Emanuele III nel 1933 il motto, conosciuto anche da coloro che non
hanno a che fare direttamente con l'Arma, è andato a sostituire il precedente
“Usi obbedir tacendo e tacendo morir”, versi di Costantino Nigra.
13 luglio 1814, 13 luglio 2014:
quest'anno, naturalmente il 13 luglio,
tutta
Italia
ha
festeggiato
il duecentesimo anniversario della
fondazione dell'Arma. I festeggiamenti sono stati particolarmente sentiti nella nostra Torino, che si è mostrata giustamente orgogliosa di aver dato i natali al corpo di polizia più amato in assoluto dai civili.
La manifestazione si è svolta in due
giorni, domenica 13 e lunedì 14 luglio.
I torinesi hanno potuto assistere, la domenica, alla Sfilata del reggimento a
cavallo e l'esibizione delle Fanfare,
partita dal parco del Valentino e terminata in piazza Castello, e alla sera al
concerto della prestigiosa Banda
dell'Arma; il 14 la città di Torino ha
conferito la cittadinanza onoraria al
Corpo per “la meritevole attività svolta
sul territorio ed in considerazione del
profondo legame storico e di affetto
che intercorre tra i torinesi e i Carabinieri”. Inoltre è stata inaugurata in via
Cigna 96 la nuova Stazione, “TorinoBarriera Milano”.
I festeggiamenti si sono conclusi
allo stadio Primo Nebiolo con il lancio
dei paracadutisti della Sezione Sportiva del Reggimento Carabinieri Paracadutisti, atterrati portando i vessilli
dell'Arma, della Regione Piemonte e
del Comune di Torino, seguiti dal famoso Carosello Equestre, l’esibizione
del Reggimento Carabinieri a cavallo,
unica al mondo per numero di cavalli e
cavalieri e anche per questo tanto attesa dai cittadini. La Città ha reso omaggio all'amato Corpo anche proiettando sulla Mole Antonelliana il logo del bicentenario
Al nostro fianco
per ben tre sere, il 12, 13 e 14 luglio.
I festeggiamenti in tutta Italia, però,
sono iniziati il 5 giugno, presso la sede
del Comando Generale dell'Arma
-la caserma Hazon-, con la consegna
del Premio annuale a venticinque Comandanti di Stazione particolarmente
meritevoli.
In serata ha avuto luogo in Piazza di
Siena, a Roma, una solenne cerimonia
alla presenza del Presidente della Repubblica, del Presidente del Consiglio,
del Ministro della Difesa, dei Presidenti della Camera dei Deputati e del Senato e del Comandante Generale
dell'Arma dei Carabinieri.
Oltre alle presenze di rito delle più
alte cariche politiche e di rappresentanti del mondo culturale e imprenditoriale, è l'affluenza numerosa dei cittadini
a rendere onore all'Arma dei Carabinieri. Ecco come l'Arma, quest'anno,
ha ricevuto una volta di più le dimostrazioni di stima, ma soprattutto di affetto, da parte della popolazione e delle
alte cariche.
Tanti auguri,
Benemerita!
Caroselli nella città del Re
Alcune immagini della festa del bicentenario del 12 luglio
Alcuni
gradi
dell’Arma
Carabiniere
semplice
Appuntato
Brigadiere
Maresciallo
Luogotenete
(Maresciallo aiutante)
Tenente
Capitano
Colonnello
con incarichi
di comando
Generale di Corpo
d’Armata
(Comandante Generale)
35
Mostre a Torino e provincia
A cura di
Angelo Mistrangelo
Le mostre
ROY LICHTENSTEIN
TORINO, GAM, via Magenta 31,
27 settembre 2014-25 gennaio 2015
Roy Lichtenstein
Drawing for Oh, Jeff...I Love You, Too...But..., 1964
Grafite e matita colorata su carta
© Estate of Roy Lichtenstein
INTENZIONE MANIFESTA
IL DISEGNO IN TUTTE
LE SUE FORME
SOPHIE CALLE. MA(D)RE
RIVOLI, CASTELLO
«MUSEO D’ARTE CONTEMPORANEA»
Ottobre 2014-Febbraio 2015
Il calendario di eventi per i trent’anni di attività
del Castello di Rivoli si arricchisce, a partire dall’11
ottobre, delle mostre «Intenzione manifesta. Il disegno in tutte le sue forme» (sino al 25 gennaio 2015),
a cura della direttrice Beatrice Merz con Marianna
Vecellio, e «Sophie Calle. Ma(d)re» (sino al 16 febbraio 2015) sempre curata da Beatrice Merz.
Un percorso, quindi,che va dalla notissima artista
francese Sophie Calle, con i progetti «Rachel, Monique» e «Voir la mer», alle pagine di graficadisegno di Picasso, Mirò, Balla, Klee, Licini, Guttuso, Robin Rhode, Mario Merz, Nan Goldin, Giulio
Paolini, Giovanni Anselmo,
Lara Favaretto, Shirin
Neshat, Chen Zhen.
36
Curata da Danilo Eccher, la mostra «Roy Lichtenstein. Opere su carta»
si apre il 27 settembre nelle sale della GAM-Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino, realizzata in collaborazione con
l’Estate e la Roy Lichtenstein Foundation.
Insieme a grandi dipinti e alcune sculture, si possono vedere, per la prima volta in Europa, i lavori su carta, che costituiscono le «Prime idee», il
punto di origine della sua poetica, le immagini di una personale visione
della realtà. Esponente della Pop Art, Lichtenstein, nato a New York il 27
ottobre del 1923, dove è scomparso il 29 settembre 1997, ha frequentato
i corsi di pittura di Hoyt Sherman.
Dopo la laurea è stato assunto come Assistant professor alla New York
State University e, successivamente, ha insegnato al Douglass College,
nel New Jersey. Invitato alla Biennale di Venezia del 1966 e a Documenta
di Kassel nel 1968 e 1972, le sue opere su carta riflettono il clima di una ricerca che si è sviluppata all’insegna di una interiore e illuminante idea,
mentre vengono esposti i «fogli», annotazioni e progetti, che «in un secondo tempo sono divenuti i grandi capolavori internazionalmente noti».
Catalogo Edizioni Skirà
Mostre a Torino e provincia
SAN SEBASTIANO
SAN SECONDO DI PINEROLO,
CASTELLO DI MIRADOLO
4 ottobre 2014-8 marzo 2015
L’affascinante mostra «San Sebastiano. Bellezza e integrità nell’arte tra
Quattrocento e Seicento», offre, a partire dal 4 ottobre, un percorso storicoartistico intorno alla figura di San Sebastiano, il giovane soldato convertitosi al cristianesimo condannato a morte dall’imperatore Diocleziano.
Negli spazi del Castello di Miradolo, a San Secondo di Pinerolo, le opere
selezionate per questa esposizione, ideata e curata da Vittorio Sgarbi con la
collaborazione di Antonio D’Amico, costituiscono un documento della
straordinaria capacità degli artisti di creare capolavori assoluti unendo devozione, spiritualità e raffigurazione di alto livello espressivo.
E sono circa quaranta i dipinti che concorrono a delineare l’itinerario
della rassegna promossa dalla Fondazione Cosso, presieduta da Maria
Luisa Cosso, con vicepresidente la figlia Paola Eynard, impegnate nella
promozione del Pinerolese nel campo della cultura tra arte figurativa, musica, conferenze.
E si possono ammirare quadri come il San Sebastiano di Francesco Raibolini e quello del Guercino, il «Martirio di San Sebastiano» del Ribera e le
tele di Luca Giordano, Mattia Preti, Rubens, Tiziano, Carracci.
I PICCOLI PRINCIPI
STUPINIGI,
PALAZZINA DI CACCIA
Sino al 30 dicembre 2014
Nella Palazzina di Caccia di
Stupinigi, in piazza Principe
Amedeo 7, è aperta la preziosa
mostra «Piccoli principi a Stupinigi» con ritratti di bambini legati
alla rappresentanza di casa Savoia. I dipinti, che arredavano la
Galleria dei Ritratti della Palazzina, attentamente studiati da Federico Zeri, sono stati esposti al Lingotto nel 1995 e ora costituiscono
un’occasione - sottolineano Giovanni Zanetti e Cristiana Maccagno - per celebrare «la dignità del
museo», degli arredi, delle decorazioni, dei tesori Mauriziani. Promossa
dalla Fondazione Ordine Mauriziano, la mostra, collocata
nell’Antibiblioteca e nella Biblioteca alfieriane, è curata da Elisabetta Ballaria e Angela Griseri, con la supervisione scientifica di Annamaria Bava e
Franco Gualano della Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte, mentre l’allestimento di Massimo Venegoni si
avvale di strutture messe a disposizione dalla Consulta per la valorizzazione dei Beni Artistici e Culturali di Torino. E così si possono vedere, tra le
altre opere, «Carlo Felice con spadino e cagnolino», 1762, dipinto da Giuseppe Duprà, «Maria Luisa Gabriella con pappagallino e savoiardi»
del 1733 eseguito da Maria Giovanna Battista Clementi
detta La Clementina ed «Elisabetta di Lorena»
del 1720 attribuito
a Pierre Gobert.
Atti del convegno
«Che cosa è verità»
Tenutosi al «Centro cicogne» di Racconigi,
nel mese di giugno 2014, ha proposto interventi
su temi tra scienze umane e naturali, promossi
dall’Associazione «All’ombra del Monviso»,
presieduta da Mario Abrate. Testi di scrittori,
critici d’arte, esperti tra i quali Umberto Casale,
Martina Corgnati, Beppe Artuffo,
Anna Cavallera, Piero Flecchia, Sergio Soave,
Ugo Volli, Gino Fornaciari, Gianni Rabbia,
Vanna Pescatori.
Edizioni Elledi Arti Grafiche Carmagnola
«La Bela Gigogin»
di Pier Giorgio Gili, il volumetto «Caminada».
La poesia rappresenta da sempre uno degli
aspetti della sua ampia esperienza culturale, di una
particolare adesione e ricerca intorno alla letteratura, al teatro e a una scrittura dove i versi in piemontese sono tesi ad esprimere il senso profondo
dell’esistenza: «Mi i savia pa./Antan l’univers
a sesbianchiss»
«Vorrei rubare un mazzo di stelle»
di Luigia Lucia Freschi, Team Service Editore.
Un libro di ricordi dell’infanzia, di incontri,
di emozioni tra tenerezza e riflessioni.
Pagine scritte con sensibilità che racchiudono
i momenti della vita, il rapporto tra madre
e figlia, il fluire delle stagioni.
Notizie
Lo scultore
Riccardo Cordero
ha esposto
alla Galerie
Ferrari Art
in Svizzera, sul
Lago di Ginevra
e in tre rassegne
dedicate
alla scultura
in Germania:
«Zeller Kustwege
2014, «Il cammino
dell’arte»,
Zell Am
Hammersbach;
Stahl Werk,
«Skulptur&Zeichnu
ng» a Neubau
del Kreissparkasse,
Rottweil; «Summer
Exhibition»,
Galerie
Wohlhuter,
Leibertingen
A Giuseppe
Penone, scultore
del movimento
«Arte Povera» di
Germano Celant,
è stato assegnato in Giappone
il Praemium
Imperiale:
un ambito
riconoscimento
con opere
alla GAM e alla
Reggia di Venaria
Il pittore
Roberto Demarchi
è stato invitato
ad esporre
all’Istituto
Italiano di Cultura
di Tokyo.
Intitolata
«Haiku»,
la mostra, curata
dal direttore dei
Musei Vaticani
Antonio Paolucci,
è un omaggio alla
poesia giapponese con quadri
astratti
Catalogo
Allemandi&C, testi
di Antonio Paolucci
e Lauretta Colonnelli
37
Passione Fotografia
Tanti tipi
di obiettivi:
generalizzando
possiamo dividerli
grandi
in
categorie:
2
FISSI
Focale fissa
ZOOM
Focale
variabile
38
A cura di
Giorgio Debernardi
Quali obiettivi
per le nostre fot
I
fissi hanno la caratteristica di
non avere la focale variabile,
quindi un 35mm sarà sempre
e solo un 35mm, mentre gli zoom
hanno la focale variabile, cioè
possono andare ad esempio da
18mm a 55mm per un 18-55
(nel caso del tipico obiettivo kit). Molte persone
sono convinte che lo zoom
sia l’equivalente del teleobiettivo, mentre non è così. I
teleobiettivi sono quelli che hanno una focale superiore a tot mm e
basta. Ad esempio un 200mm è un
tele, ma non è uno zoom. Un 70/200
invece è uno teleobiettivo zoom.
Più sono i mm di un obiettivo e più
sarà l’ingrandimento che può dare.
Nelle macchine a pellicola un obiettivo più corto di 35mm si chiama
grandangolare, uno superiore ai 65
si chiama teleobiettivo. Tra 35mm e
65mm si dicono normali. Come
abbiamo visto però le macchine
entry level sono aps-c, quindi
bisognerà moltiplicare
queste focali per 1,5.
In sostanza il nostro
18-55 in realtà si comporterà come si comporterebbe un 27-82
circa. Ne consegue che
l’obiettivo del kit classico è uno zoom
che va dal
grandangolo
fino al piccolo teleobiettivo. Questo
porta a una
considerazione: tutte
le macchine
col sensore
ridotto “perdono”
sul
grandangolo, ma “vincono” sul tele, perché un 28mm che
era un grandangolo su pellicola e
consentiva magari di inquadrare tutto un monumento o un palazzo, diventa un 42mm su aps-c, il che significa che quel palazzo o monumento
non ci staranno più. Comunque c’è
da dire che siccome il mercato sta
spingendo sempre di più sul formato
aps-c gli obiettivi moderni che hanno
focali appositamente studiate per il
sensore ridotto sono sempre di più.
L’altro dato che dobbiamo guardare
se cerchiamo un obiettivo è il valore
di diaframma che può tenere. Sempre prendendo ad esempio il 18-55
notiamo che di fianco c’è scritto
f:3,5/5,6. Questo significa che se lo
usiamo a 18mm l’obiettivo potrà
aprire il diaframma fino al valore di
f:3,5, mentre se allunghiamo lo zoom
fino a 55mm il valore minimo sarà
f:5,6, quindi entrerà molta meno
luce.
variare la focale viene bilanciato dalla qualità superiore dell’immagine e
dalla luminosità, ma sono adatti per
quegli utenti che conoscono già il
loro modo di fotografare e sanno
quali sono le focali che usano maggiormente.
DIAFRAMMA
Tutti gli obiettivi hanno in comune
alcuni comportamenti: ai diaframmi
estremi (tutta apertura o tutta chiusura) lavorano peggio e la qualità
dell’immagine è inferiore rispetto ai
diaframmi ottimali. I diaframmi ottimali sono quelli centrali, quindi di
solito quelli compresi tra f:8 e f:11.
TEST
f2.8
f8
f22
LIVELLO SUPERIORE
Gli obiettivi di livello superiore
hanno spesso invece il diaframma ad
apertura costante, ad esempio un
70/200 f:2,8 sta a significare che indipendentemente da quanto usiamo
lo zoom il minimo valore f sarà sempre di 2,8. Questi obiettivi sono molto luminosi, ma più grandi, ingombranti, pesanti e costosi. Sono anche
qualitativamente superiori rispetto a
un 50-200 f:4/5,6.
Gli obiettivi fissi, avendo una sola focale disponibile, hanno ovviamente solo un valore f e
non due, ad esempio un
50mm f:1,4. Sono generalmente più luminosi
degli zoom e qualitativamente superiori.
Il fatto che non si possa
Scattiamo la stessa immagine a
f:3:5 e poi a f:11; ingrandiamola al
computer al 100%. Noterete che
l’immagine scattata a f:3,5 è meno
nitida. Se fate la stessa foto ancora a
f:22 o f:32 noterete che c’è qualcosa
che non va. Sono fenomeni ottici che
si notano perché stiamo “tirando”
l’obiettivo al limite della sua resa.
A tutta apertura si possono notare
in casi di forti variazioni di contrasto
(ad esempio dei rami contro un cielo
molto illuminato) delle linee color
porpora intorno ai rami. E’ un fenomeno che si chiama Aberrazione
Cromatica (della CA) o Purple Fringe, dovuto alla lunghezza d’onda diversa della luce nei canali Rosso,
Verde o Blu; se chiudete un po’ il
diaframma il fenomeno scompare o
comunque si riduce considerevolmente.
Passione Fotografia
Pillole
http://www.helmutnewton.com/
Scelti per voi
STABILIZZAZIONE
Alcuni obiettivi sono “stabilizzati”, cioè è presente all’interno
dell’obiettivo un sistema giroscopico
che fa fare dei piccoli movimenti alle
lenti. Questo serve per compensare i
micromovimenti che involontariamente facciamo quando teniamo in
mano la macchina. Gli obiettivi dotati di questo sistema sono però anche più costosi e delicati degli altri.
MOTORI INTERNI
HSM, USM, SDM e varie altre sigle come queste stanno spesso a indicare che l’obiettivo è dotato di un
motore interno ultrasonico che permette una messa a fuoco più precisa
e più veloce. Sono più delicati e costosi rispetto agli altri, ma danno
risultati notevoli.
Ho sempre pensato
che la fotografia
fosse come
una barzelletta:
se la devi spiegare
non è venuta bene.
Ansel Adams
Le fotografie
sono la nostra
memoria nel tempo,
quando i nostri
ricordi iniziano a
perdersi nel tempo
che passa.
http://www.elliotterwitt.com/lang/index.html
Silvana Stremiz
http://annieleibovitz.tumblr.com/
Le vostre foto
Se passa un giorno
in cui non ho fatto
qualcosa legato
alla fotografia,
è come se avessi
trascurato qualcosa
di essenziale.
È come se mi fossi
dimenticato
di svegliarmi.
Per ogni numero pubblicheremo tre foto scelte tra quelle che i
donatori possono inviare a questo indirizzo di posta elettronica:
[email protected]
Tutte le altre foto saranno visibili sul sito www.avis.it
Le foto devono essere jpg e dimensionate
con il lato lungo a 1.200 pixel
Richard Avedon
VECCHI OBIETTIVI
Alcuni marchi permettono di montare ottiche vecchie anche di più di
30 anni senza bisogno di acquistare
anelli adattatori.
Si possono perdere alcuni automatismi, come l’autofocus, o potrebbe
essere necessario gestire i diaframmi
direttamente dall’obiettivo anziché
dalla rotella della macchina, ma con
pochi euro si possono portare a casa
obiettivi validissimi che anni fa costavano quanto uno stipendio e le ottiche buone restano ottiche buone.
Nella creazione di una fotografia
e nella qualità dell’immagine
l’obiettivo influisce molto più del
corpo macchina.
A mio parere l’ordine ascendente
di importanza di quello che contribuisce a scattare una “buona” foto è:
Al quarto posto il corpo macchina
e il sensore.
Al terzo la capacità di sviluppo dei
file RAW.
Al secondo l’obiettivo.
Al primo posto voi, solamente voi.
, Franco
nt Valley
Monume
Piccolo Budda, Roberto Rav
era
Gilardi
Michela,
Simone
Noi fotografi
abbiamo sempre
a che fare con cose
che svaniscono
di continuo,
e quando
sono svanite
non c’è espediente
che possa
farle ritornare.
Non possiamo
sviluppare
e stampare
un ricordo
Henri
Cartier-Bresson
Cutrono
39
Il ricordo del cantautore
A cura di
Michele Bonavero
Continuiamo a cantare
per ricordare Gipo
1a parte
GIUSEPPE
FARASSINO
nato a Torino
l’11 marzo 1934,
una grave
malattia se
l’è portato via
lo scorso
dicembre
Cantautore
e attore,
ha pubblicato
nella sua carriera
decine di album
Gipo è stato
segretario
della Lega Piemonte
dal 1987 al 1996,
ed è stato eletto
al Parlamento
Europeo nel 1994
40
Q
uand che mi sarai mòrt /
andevne pura a spass / su ’s
fassolèt ëd tèra / ch’a l’ha
s-ciapame j’òss...”
(Quando sarò morto / andatevene
pure a spasso / su questo fazzoletto di
terra / che mi ha spaccato le ossa).
Queste sono parole di una canzone di
Gipo Farassino che ci restano, fra le tante
che ci ha donato, quasi come suo testamento. Gipo se n’è andato, in punta di
piedi, piegato dal male che non perdona.
Il palcoscenico è vuoto, l’orchestra tace.
Noi siamo rimasti soli, anche se in tanti,
a continuare a cantare le sue canzoni che
sono poesie in musica.
Noi lo sappiamo che lui ha piacere di
restare un po’ tranquillo con quella parte
della sua famiglia che è andato a trovare
da vicino: «Lasseme sté, lasseme sté,
lasseme sté, / Ch’i deurma ’nt ij linseuj
/ mal sopatà ’nt ël fum ëd le fornase...»
(Lasciatemi stare, lasciatemi stare, lasciatemi stare / che io dorma nelle lenzuola
/ mal scrollate nel fumo delle fornaci).
Noi lo lasceremo stare in questo nuovo angolo di barriera: l’angolo dei vivi
che cantano i morti perché non sono
morti davvero, sono sempre vivi anche
se sono un po’ di più lontani rispetto a
prima «Lasseme sté, lasseme sté, lasseme sté, / ch’i viva a la giornà, / sugnand
ël di ch’im n’andareu lontan. / Lasseme
sté, lasseme sté, lasseme sté, / co’l tut,
co’l tròp, co’l gnente. / Lasseme sté.»
(Lasciatemi stare, lasciatemi stare, lasciatemi stare, / che io viva alla giorna-
ta, / sognando il giorno che me ne andrò
lontano. / Lasciatemi stare, lasciatemi stare, lasciatemi stare, / con il tutto, con il
troppo, con il niente. / Lasciatemi stare...).
Tuttavia non lo dimentichiamo, i veri
amici non si dimenticano, loro sono parte di noi, sono un pezzo del nostro cuore.
Neppure dimenticheremo «Col matin
che l’oma mnate al Simiteri / tuti ij fieuj
a seguìo ’l forgon co’l cheur sarà, / se
cheidun parlava fòrt, cheidun rijìa /
l’era mach për nen pioré coma ’d masnà...» (Quel mattino che t’abbiamo portato al cimitero / tutti i ragazzi seguivano
il furgone con il cuore serrato, / se qualcuno parlava forte, qualcuno rideva /
era solo per non piangere come dei bambini), e già quel bel mattino di sole di dicembre quando tu «It ses andatne, vestì
’d bleu, sarà ’n quatr ass...» (Te ne sei
andato, vestito di blu, chiuso fra quattro
assi), proprio come quel buon diavolo di
«Gioanass» e se lui se n’era andato «con
le bòce sota al brass» (con le bocce sotto
al braccio) Gipo aveva la chitarra in
mano e il sigaro in bocca.
Nell’ultima passeggiata è passato nel
suo borgo, oggi così cambiato, ma non
abbastanza per chi ha buona memoria
nel ricordare le sue parole «A l’é ’l borgh
ch’a l’ha mostrame / ch’as peul vive ’n
mes ’d na stra / a l’é ’l borgh ch’a l’ha
mostrame / a crijé fòrt për tiré ’l fià...»
(È il borgo che mi ha insegnato / che si
può vivere in mezzo ad una strada, / è il
borgo che mi ha insegnato / a gridare
forte per respirare...), le sue esclamazioni di rivolta «Ah! Che borgh anvelenà...
/ ma l’é ’l borgh andoa son nà...» (Ah!
Che borgo avvelenato... / ma è il borgo
dove sono nato... ) e la sua fiducia o
l’ultima richiesta «E prima dë s-ciopé, /
mè ùltim desideri / sarà ’d torné lagiù /
andoa ij ricòrd as perdo / fra cun-e e simiteri.» (E prima di crepare, / il mio
ultimo desiderio / sarà di tornare laggiù / dove i ricordi si perdono /
fra culle e cimiteri).
Certamente Gipo si è portata appresso
quella solitudine che lo accompagnava
anche quando era fra la gente, quando faceva da polo d’attrazione cantando su di
un palco o in mezzo ad una piazza, quando vestiva l’abito di un altro se stesso, là
in un teatro. Una solitudine con un velo
grigio, una sfumatura di rispetto per
quelli meno baciati dalla fortuna «Mia
solitudin a l’ha ’n vel / fàit ëd miserie e
d’arcansiel, / un vel da sposa soagnà /
da giornà ’d sol angarlandà, / da neuit
profonde e tribulà, / da s-ciavitù e libertà» (La mia solitudine ha un velo / fatto di
miserie e d’arcobaleni, / un velo da sposa
arricchito / da giornate di sole inghirlandate, / da notti profonde e sofferte, / da
schiavitù e libertà), ma è una solitudine
alla quale è stato legato stretto, come ad
una sua compagna, come alla sua sposa
«Nò, / sarai mai sol con chila avzin, / a
l’é mia sposa e mi i-j veuj bin» (No, / non
sarò mai solo con lei accanto, / è la mia
sposa e io le voglio bene).
Passando lungo i viali alberati, nelle
contrade amiche di una Torino che sembra ormai troppo straniera per fermarsi e
togliersi il cappello, come si usava un
tempo, ci sono invece delle figure strane
o anacronistiche che escono dalla penombra. Chi sono? Sono quelle cui la
sua fantasia ha dato forma e vita... già la
sua fantasia, proprio quella che
Il ricordo del cantautore
LE SUE CANZONI
I suoi brani in piemontese più famosi sono:
Ël 6 ëd via Coni
Sangon Blues
(il 6 di via Cuneo)
Un monologo profondamente
autobiografico, che porta
nel titolo l'indirizzo
della casa in cui nacque
e visse Gipo negli anni
della povertà.
(il blues del Sangone)
Un beffardo blues dedicato
al fiume Sangone,
dove si descrivono
varie umanità grottesche
e divertite, intente nell'arte
del cariè
(cioè del "rimorchiare")
Cor nen va pian
(non correre, vai piano)
Struggente ritratto dell'infanzia
di Gipo, una Torino che non c'è più:
il rimpianto per la spensieratezza
dell'infanzia e "[…] con questa città
che scivola sotto gli occhi,
correre di un fiato su per le scale
di casa, con gli occhi puntati
al primo piano,
dove mia madre mi dice...
non correre vai piano"
(originale in piemontese)
Montagne
dël mè Piemont
(montagne del mio Piemonte)
Praticamente un inno
per tutti i "bogianen",
un grido di orgoglio
e di affermazione
del proprio essere
piemontesi
«Chërdìa / che ’n pòch ëd fantasìa /
as mes-cèissa con la nebia / ansima ai
cop dë sta sità...»
(Credevo / che un po’ di fantasia / si mescolasse con la nebbia / sopra ai tetti di
questa città...).
Guardatele! Ci sono tutti quei volti
inventati: c’è «Maria dij gat» (Maria
dei gatti), «... dròla e ’n pò garola, / a
buta ’l paltò ’dcò d’istà, / a son-a ’l
saxòfono, a parla da sola, / a smija ’n
buracio scarpentà...» (... strana e un
po’ sciocca, / mette il cappotto anche
d’estate, / suona il sassofono, parla da
sola, / pare un pupazzo spettinato), sì
proprio quella che «...të stërme tò bon
cheur ant ij pachèt, / ël mond a savrà
mai che tuti ij di / it goèrne tò pì bel
pachèt për mi...» (... nascondi il tuo
buon cuore nei pacchi, / il mondo non saprà mai che tutti i giorni / conservi il tuo
più bel pacchetto per me...).
C’è la sua Angiolin-a «... na cita da
gnente, un ratin...» (una bimba da niente,
un topolino... ), quella cui ha lasciato il
suo cuore, se ne ricorderà ancora?
Sono passati tanti anni, era «’ns le rive
dla Dòira, a Turin, / na sèira d’agost
pien-a ’d lun-a / dël milaneuvsentsinquantun...» (sulle rive della Dora, a Torino, / una sera d’agosto piena di luna /
del millenovecentocinquantuno...).
Periodo
di attività
1961-2013
Genere
Musica
d’autore
Folk
Album
pubblicati
30
Studio
Live
25
2
Raccolte
3
continua...
41
Stili di vita
A cura di
Giulia Maria Bouquiè
Chat, e-mail
e messaggini
Istruzioni per la sopravvivenza
O
rmai è inevitabile: le “nuove tecnologie” non possono più essere
ignorate, sono anzi diventate ufficialmente parte integrante della nostra
vita da quasi quindici anni (e ufficiosamente da molto più tempo...): i bambini
nati dagli anni 2000 in avanti sono definiti nativi digitali, considerano il mondo
digitale naturale e quindi non provano
nessuna ansia nel rapportarvisi, in più il
loro apprendimento è mediato e guidato
principalmente dall'uso di queste nuove
tecnologie.
Senza guardare al caso limite delle
nuove e nuovissime generazioni, molti
settori della vita di tutti sono stati profondamente modificati, dalla ricerca di
informazioni agli atti burocratici online;
ma la più grande rivoluzione si è avuta
nella comunicazione. Un account su almeno uno dei più grandi social network
o quantomeno un indirizzo e-mail sono
diventati indispensabili per il proprio
profilo lavorativo e i cellulari sono diventati vere e proprie protesi digitali.
Tuttavia, nonostante questa diffusione
capillare e impetuosa di queste tecnologie e nonostante le potenzialità a loro legate, o forse proprio per questo, c'è ancora un'incertezza generale, soprattutto tra
chi nativo digitale non è, nell'utilizzare
correttamente questi mezzi comunicativi, anche per i comportamenti più banali:
come si deve impostare una e-mail?
E' vero che usare le “faccine” è maleducazione? Perchè l'ultimo messaggio ricevuto è scritto TUTTO IN LETTERE MAIUSCOLE? Cosa significa
quel maiuscolo così vistoso?
In rete si possono trovare decine di
manuali di buona educazione informatica, denominata netiquette
(termine composto da net, rete, e
etiquette, etichetta): spesso i consigli sono specifici per una determinata situazione e rischiano
di risultare poco comprensibili
per chi vi si avvicina per la
prima volta. In realtà la co-
municazione virtuale, molto banalmente, non è altro che una comunicazione
tra due o più persone reali, con la sola
differenza rispetto alle comunicazioni
“faccia a faccia” di avere uno schermo
come mediatore.
Nelle situazioni più formali le difficoltà della comunicazione digitale sono simili a quelle della comunicazione cartacea: una e-mail di lavoro tra persone che
non si conoscono non è distinguibile dalle vecchie lettere.
La comunicazione informale, invece,
è più “turbolenta” e le sue regole mutano
molto rapidamente. Per non incorrere in
malintesi spesso si utilizzano le “faccine” per segnalare ironia nel testo o differenti stati d'animo: “:)” per la contentezza, “:D” per la felicità, “XD” per
il divertimento (ma anche per segnalare
che si sta facendo “buon viso a cattivo
gioco”), “:3” per segnalare qualcosa
che si è apprezzato particolarmente...
ed altre ancora, spesso inventate sul
momento dagli utenti. L'uso delle faccine è in generale molto apprezzato, ed
in alcuni casi è indispensabile per far
comprendere il senso delle frasi. Quindi,
a meno che non dobbiate scrivere una email all'amministratore di condominio
per lamentarvi di qualcosa, usare le faccine non è maleducazione, anzi! In realtà, i metodi per una comunicazione efficace
sono banali e
intuitivi: essere sintetici (in particolare
con questi mezzi l'attenzione del lettore cala molto rapidamente), rileggere
ciò che si è scritto, non essere invadenti
e non provocare (è molto più facile scatenare discussioni, flames, in questi
contesti)... insomma, nella maggior parte dei casi basta applicare le regole di
buon senso: del resto, si tratta sempre
di comunicare con un'altra persona!
Un consiglio: si scrive sempre in caratteri minuscoli. UN TESTO IN CARATTERI MAIUSCOLI, COME
QUESTO, È UN TESTO
“GRIDATO”.
Infine, ogni comunicazione ha le sue
regole. L'unico modo per capire esattamente cosa bisogna scrivere e come lo si
deve fare è osservare cosa e come scrivono gli altri partecipanti... ma se si tratta di
“messaggiare” con un ragazzino non c'è
scampo, l'unica soluzione per decifrare
quei geroglifici è chiedere che vengano
tradotti: se lo si fa scherzando e mostrando interesse, anche gli adolescenti più
“duri” crolleranno e correranno in soccorso del povero adulto in difficoltà...
43
Storia minore
A cura di
Renzo Rossotti
Quella casa
a Villarbasse
N
ella bruma del primo mattino,
quel 4 marzo del 1947, tre uomini vennero uccisi a fucilate
alle Basse di Stura. Era, quello, l’atto
conclusivo di una terribile storia che aveva tenuto il pubblico , in specie quello torinese e dei dintorni, con il fiato sospeso
per parecchi giorni, da quando era venuta alla luce una tragedia senza precedenti
negli annali giudiziari torinesi.
Il 20 novembre del 1945- si era
nell’immediato dopoguerra – dieci persone erano di colpo scomparse da una
cascina di Villarbasse: tutto pronto per la
cena,una cucina in ordine, ma i commensali non c’erano, spariti. Le ricerche furono affannose, quasi un rastrellamento
per individuare dove potessero trovarsi
quei dieci: rapiti, uccisi, portati via e perché? Alla fine la macabra scoperta, tutti
massacrati a colpi di bastone e poi gettati
in una cisterna, a due passi dalla cascina
che allora si chiamava “Simonetto”.
Quella tragedia ho avuto modo di rievocarla, nell’Ottobre del 2002 nel libro
“Villarbasse cascina fatale” (ed. Il Punto). Non ho potuto non sorprendermi vedendo che, come dire?il mio volume di
alcuni anni fa, ha avuto un seguito, un ottimo racconto, tanto minuzioso nei particolari quanto ben raccontato, quasi minuto per minuto. A scriverlo è stata una
signora, Marinella Grosa, che, anche in
una serie di successioni ereditarie, si trova ora proprietaria della cascina in cui si
svolse il massacro.
Il libro, non a caso, è intitolato “La
casa ritrovata” (Effatà editrice): una suggestiva rievocazione dei fatti e, in particolare, una “rivisitazione” dei muri, delle
camere, delle persone, in una lunga sciarada le cui origini risalgono all’inizio del
Settecento.
Il racconto – con il sapore di un romanzo – ha un eloquente sottotitolo: Storia (e storie) della cascina Simonetto di
Villarbasse.
I tre giustiziati alle Basse di Stura, Puleo, La Barbera e D’Ignoti, erano stati
processati a Torino, nell’Aula della
Corte d’Assise, nel vecchio
e storico Palazzo di
Giustizia,
nel
dell’epoca, con i ritagli e i primi titoli
sulla scomparsa dei dieci e, poi, il massacro.
Come qualcuno forse ricorderà, in un
primo tempo venne considerato fra i
principali responsabili del crimine, certo
Carmelo il Boia, poi del tutto riabilitato,
anche nel filmato che, dopo il delitto,
ebbe un enorme successo di pubblico.
Il libro di Marinella Grosa è tutto da
scoprire, non solo per la cronaca di un assassinio, ma come documento di costume, in un’epoca in cui tutto era diverso
da oggi, un trauma dopo la terribile parentesi della guerra, con i fantasmi di allora che, nonostante gli anni, ancora incombono.
A Marinella Grosa si deve anche un
elegante volumetto di poesie intitolato,
non a caso, in modo accattivante “La
casa rotta” (edito da Achille e la Tartaruga). Pagine che rivelano una evidente
sensibilità, soprattutto un desiderio di
guardare avanti, nonostante tutto, cogliendo il magico e il bene che la vita non
manca di offrire.
FILATELIA
Settembre annuncia i nuovi cataloghi
per il 2015, alcuni già in distribuzione, con
prezzi che confermano le posizioni raggiunte dai francobolli migliori, più che
portare aumenti in un periodo di certo non
facile per il mercato. Si potrebbe dire che
Italia, San Marino e il Vaticano, più che
“avanzare” segnano il passo.
corso
di un dibattito che
aveva richiamato in via
Corte d’Appello
una folla sterminata.
Nel libro di Marinella Grosa è rilevante la documentazione fotografica,
con la cascina, gli angoli meno
conosciuti, la cappella con la Madonna Nera.
Notevole la ricerca sui giornali
44
A cura di
Renzo Rossotti
Collezionismo
PAPA FRANCESCO
Il nuovo pontificato ha portato una ventata di emissioni, alcune delle quali
senz’altro curiose, come l’esemplare,
emesso in foglietto, per il 125° anniversario della nascita del celebre Charlot, ossia
Charlie Chaplin. Risulta fra le più richieste
la serie per i viaggi nel mondo compiuti
dal Papa emerito, Benedetto XVI.
L’UNGHERIA
È tra i paesi dell’est europeo che ottengono più simpatie dai filatelisti per le più recenti emissioni che toccano varie tematiche,
come i trasporti (soprattutto treni) e animali
del bosco, del deserto e da pelliccia.
DAL COMMONWEALTH
La vetrina delle novità è ricca,
anche in questo settore,
soprattutto per quanto riguarda
le serie pittoriche per il
sessantesimo
dell’incoronazione
della regina Elisabetta II.
Risultano esaurite alcune
delle serie emesse
per celebrare la nascita
del principino George.
LA LISTA NOZZE
C’È CHI PROTESTA
Per gli sposi è entrata ormai nell’uso.
Numerosi collezionisti (non solo in ItaDal Canadà giunge notizia di come vi sia- lia) levano una protesta per il gran numero
no collezionisti di queste “liste” che ven- di francobolli che vengono emessi ogni
nero ideate a Londra, dai grandi magazzini settimana. Diventa così difficile sistemare
“Selfridges”, di Oxford Street, nel 1909 negli album e nei classificatori così
per incrementare le vendite. Una trovata tante serie, alcune anche per eventi
che non mancò di fare presa sugli sposi, trascurabili, con l’esborso
suggerendo acquisti mirati “per evitare che mensile che comportano.
cinque o sei amici vi
mandino a casa la solita
teiera….”. Nella quantità di materiale cartaceo,
la raccolta di liste nozze
può dirsi senz’altro inNati come “moneta d’emergenza “, in
solita, bizzarra.
mancanza di spiccioli metallici, ebbero
QUEI MINIASSEGNI…
grande popolarità fra il 1976 e il 1978,
dando origine ad un fiorente collezionismo. A poco a poco sono tramontati; chi
ne ha messi insieme un buon numero, ben
allineati in album appositi, oggi cerca con
difficoltà di riuscire a disfarsene. Uguale
sorte per le carte telefoniche, eliminate
quasi del tutto per la diffusione dei telefoni
cellulari. Ogni epoca ha il proprio collezionismo. Così fu per bisnonni e nonni attirati
per anni dalle famose figurine Liebig, con
ben 1866 soggetti e circa settemila serie.
Nell’era tecnologica riescono ad emergere
ancora di tanto in tanto, con brevi comparse nei popolari mercatini
IL QUIZ
L’astronomo
da indovinare era
Giuseppe Piazzi
(1747- 1826)
a cui Torino
ha dedicato
una via
nel quartiere
Crocetta.
Nel 1801 scoprì
il primo dei
pianetini
denominato
Cerere
Risulta vincitrice
del quiz:
FEDERICA
SARASSO
IL NUOVO
QUIZ
Pentesilea,
regina delle
Amazzoni, figlia
di Ares, è rimasta
immortalata per
aver preso parte
a combattimenti
alla testa dei
Troiani.
Sapete dire
da chi venne
uccisa?
Le risposte devono
pervenire presso la sede
AVIS -concorso quizVia Piacenza 710127 Torino
Oppure via e-mail
all’indirizzo
[email protected]
entro il 30 novembre 2014.
Il premio del precedente
quiz deve essere ritirato
entro il 30 novembre 2014
45
L’artista
A cura di
Damaride
e Franco Gilardi
Ivrea
VRÙ
Cuorgnè
Lanzo
Torinese
A4
Caselle
Susa
A32
TORINO
L’ingegno montanaro
alle porte di Torino
V
rù, frazione di Cantoira, Val Grande di
Lanzo, 1100 metri di altitudine, un gruppo
di baite in rovina, sei residenti, un piccolo
bar - trattoria specializzato nella preparazione della polenta. Una frazione montana come tante, alle
porte di Torino.
Poco oltre il gruppo di baite, a quota 1500 metri, era in funzione una miniera di talco, il cui prodotto veniva estratto manualmente e trasportato a
valle da una ardimentosa teleferica. Dalla frazione Villa sino a Pessinetto su carri trainati da cavalli, ove veniva lavorato.
La scarsa produttività e gli alti costi di ammodernamento e manutenzione hanno fatto sì che
la miniera fosse chiusa intorno agli anni ‘50.
E non solo.
Qui vale la pena di visitare il presepe meccanico, opera di un montanaro di questa frazione,
Francesco Berta, noto come Cichin, che l'ha pazientemente e ingegnosamente costruito. L'ambiente e i personaggi riproducono fedelmente il
modo di vivere della montagna. Il movimento è
stato realizzato sfruttando una piccola sorgente
che permette il trascinamento delle cinghie,
per dare vita ai numerosissimi personaggi.
I modelli riproducono l’architettura
della valle: le baite sono tutte
realizzate in pietra, i personaggi
quasi tutti scolpiti nel legno
e vestiti con ritagli di stoffa.
46
Ora del presepe si occupano i due figli, Laura,
che accompagna i visitatori mostrando la realizzazione del papà e Giovanni, addetto alla manutenzione periodica di questa piccola opera d’arte.
Alcuni oggetti tipici della vita dei montanari
(attrezzi da lavoro, un vecchissimo tornio a mano,
alcuni telai, la zangola per fare il burro, preziosi
lavori all’uncinetto) sono gelosamente custoditi in un’altra stanza di questo piccolo museo.
Altra curiosità di Vrù è la chiesa con le sue
cupole che ricordano l’architettura bizantina.
Proseguendo a piedi in direzione della
vecchia miniera della Brunetta si possono
ammirare altre opere del medesimo autore
nella borgata Rivrin, che si raggiunge seguendo una comoda mulattiera a circa
quindici minuti dalla frazione Vrù.
Qui “Cichin” ha costruito due copie
della Torre di Pisa e della Mole Antonelliana alte alcuni metri, oltre alla
riproduzione di un mulino.
Anagrafe avisina
Note liete
SONO NATI
Per la gioia di papà Alessandro
e mamma Valentina e della sorellina Francesca, è nato
LORENZO MOCCIARO
nipote del donatore Mocciaro Luciano.
Tanti auguri e tanta salute
Col sole di primavera è arrivato
RODRIGO
a scaldare i cuori di mamma
e papà!!!
E' nato
MASSIMO IANNONE
lo annunciano le sorelline Virginia
ed Emma, papà Roberto e mamma
Francesca. Confidiamo anche in lui
affinché diventi un bravo donatore
come suo papà
19 aprile 2014
giorno del loro
50° anniversario
di matrimonio
(nozze d'oro)
E’ arrivato
LEONARDO SEFFUSATTI
figlio del donatore Davide e nipote dei
donatori Mario e Maria Teresa Bosi
È arrivata
VIOLA CAMPAGNARO
per la gioia di nonno Lorenzo
e nonna Luigina
Il 7 agosto è nato
GABRIEL MAESTRO
per la gioia di papà Omar
COMPLEANNI E AUGURI
LAUREA
Un augurone speciale a
MICHELLE
per i suoi primi sei anni dalle due
persone più importanti della sua vita:
mamma e nonno
Il giorno 11 marzo 2014 la donatrice
ROSSELLA ABRIOLA
ha conseguito a pieni voti la laurea
in Economia e Management Internazionale. Congratulazioni da
mamma, papà e Luca
l'amico
Luca Sarain
vuole far giungere
ai coniugi
Augusto Cilli e
Romana Lepraro
un sincero augurio
stringendoli in un
abbraccio che gli
trasmetta anche
l'affetto del caro
figlio Riccardo
che dal cielo
li protegge
con amore
Lutti
SONO DECEDUTE
Il 13 agosto è mancata
BUSSO VITTORINA
IN MORDIGLIA
- 71 donazioni - Ciao Vittorina,
si dice che quando ci lascia una persona cara, un pezzetto di noi se ne va
con lei. Non esistono parole che possano colmare il dolore che si prova.
Rimarranno sempre nel nostro cuore la
tua simpatia, il tuo sorriso e la tua voglia di vivere. Con sincera commozione esprimiamo ai familiari il nostro più
vivo cordoglio.
Gruppo Anziani Avis
Dopo lunga sofferenza
il 26 giugno 2014, ci ha lasciati
LAVAGNINO ANNA MARIA
medaglia d’oro Avis ed esempio di
altruismo. La ricorda con affetto
l’adorato nipote Edoardo con mamma, papà e nonno
Per le pubblicazioni
in Anagrafe Avisina
inviare il materiale a
[email protected]
COMMEMORAZIONI
I figli Enzo e Fabrizio e tutti i parenti ricordano con tanto amore
LIDIA PIZZOLANTE VOZZA
a 4 anni dalla sua scomparsa
Nel quinto anniversario dalla perdita di
LEARCO SANTONI
lo ricordiamo con affetto: la moglie,
figli, nuore, genero e nipoti
Ad un anno dalla scomparsa di
GIANNI CERRI
la famiglia e il gruppo REBA lo ricordano con tanto affetto
47
w w w. a v i s t o r i n o . i t
Ai mercatini di Natale
Norimberga
6-7-8 dicembre
Quota di partecipazione
da versare al momento
dell’iscrizione:
DONATORI
280 euro
FAMILIARI
290 euro
AGGREGATI
Uno dei più bei mercatini
di natale ci attende.
Sarà un emozionante tuffo
nella suggestiva atmosfera
della tradizione natalizia.
Una stupenda passeggiata
tra luci, profumi ed odori caratteristici.
Tre giorni meravigliosi.
Una visita ad una città ricca d’arte,
con la sua stupenda cattedrale
ed il campanile
più alto d’Europa
(presentati da un donatore)
310 euro
Le iscrizioni presso le segreterie Avis
di Torino - via Piacenza 7 e Pianezza - via Torino 19 entro il 15 novembre
2014
Programma disponibile
presso le segreterie
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
13
File Size
8 643 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content