close

Enter

Log in using OpenID

AMIF - Ministero Interno

embedDownload
AMIF – ASYLUM, MIGRATION AND INTEGRATION FUND
Emergency Assistance
MINISTERO DELL’INTERNO
Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione
ASYLUM, MIGRATION AND INTEGRATION FUND
(AMIF)
EMERGENCY ASSISTANCE
FAQ
vs 22/01/15
1
AMIF – ASYLUM, MIGRATION AND INTEGRATION FUND
Emergency Assistance
FAQ - Avviso pubblico per la presentazione di progetti da finanziare a valere sul
Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione 2014-2020 – Assistenza Emergenziale
“Miglioramento della capacità del territorio italiano di accogliere minori
stranieri non accompagnati”
1)
Può l'ente locale (p.e. il comune) essere partner di più proposte progettuali?
L'Ente Locale, così come tutti gli altri soggetti proponenti, non può essere partner di più proposte
progettuali ma solo di una, si veda in proposito il punto 4.2 dell'Avviso in questione.
2)
A chi competono i costi relativi al “trasferimento, a cura degli operatori delle strutture di
accoglienza per mnsa, dai luoghi di sbarco/arrivo presso i centri” ed al “ trasferimento dei mnsa da
strutture temporanee di prima accoglienza verso altre soluzioni di secondo livello”?
Tutti i trasferimenti dei minori sia dai luoghi di sbarco alle strutture temporanee che da quest'ultime
alle strutture di secondo livello sono a carico del progetto.
3)
Cosa si intende per “progetti realizzati e obiettivi conseguiti nel periodo tra 2008/2014”, è
un requisito essenziale per il soggetto proponente ed eventuali partner aver maturato esperienza
specifica nella gestione dei progetti (di cui sopra) nel periodo 2008/2014?
Come indicato all’art. 9.3 lett. b dell'Avviso in questione, ci si riferisce all'esperienza
professionale pregressa maturata nel settore; non è ritenuta requisito essenziale ma dà luogo a
punteggio come indicato nella tabella di valutazione del progetto (art. 14.1 dell’avviso).
4)
Per quanto concerne l’accreditamento/autorizzazione provvisoria, basta la sottoscrizione del
comune in cui ricade l'immobile per l'accoglienza?
L'autorizzazione provvisoria deve essere rilasciata dal soggetto competente rilasciata in base alla
normativa regionale di riferimento.
5)
Nell’avviso si legge che ciascuna proposta progettuale non potrà avere un costo superiore a
€ 741.894,00. Tale costo deve essere considerato come un costo fisso oppure come un costo
variabile che si modifica a seconda delle presenze giornaliere dei minori non accompagnati
all'interno della/e struttura/e?
Il costo di euro 741.894,00 è da intendersi come costo massimo, garantendo tuttavia, per il periodo
di attuazione, la disponibilità di 50 posti giornalieri.
6)
Considerando che l’avviso prevede la disponibilità di 50 posti giornalieri, l'accoglienza potrà
essere garantita all'interno di più strutture? Il team multidisciplinare, composto come indicato al
punto 6.2, dovrà essere garantito per ogni singola struttura?
L'accoglienza potrà essere garantita in più strutture che insistono in una medesima Regione o
Provincia Autonoma per una disponibilità di 50 posti giornalieri. Il team multidisciplinare dovrà
essere garantito ed operare all’interno di ciascuna proposta progettuale.
2
AMIF – ASYLUM, MIGRATION AND INTEGRATION FUND
Emergency Assistance
7)
Come regolarsi in assenza di una specifica normativa regionale per la definizione degli
standard strutturali e organizzativi per l’accoglienza dei minori stranieri non accompagnati?
In assenza di una normativa regionale, le strutture dovranno, in ogni caso, conformarsi ai parametri
individuati nell'avviso in questione, ferma restando la definitiva autorizzazione della Regione.
8)
Un ente pubblico partecipa selezionando una struttura di accoglienza
accreditata
ed
in
possesso
dei
requisiti
previsti
dall’avviso;
tale
struttura
garantirà
le
prestazioni
richieste.
Si
chiede
se
tale
struttura
debba essere inserita con il ruolo di partner o di fornitore.
Se la struttura dovesse essere indicata come fornitore, questa, per legge, dovrebbe essere stata
individuata con procedura ad evidenza pubblica; diversa sarebbe l'individuazione della struttura
come partner che, in quanto tale, agisce proprio in regime di co-partenariato.
9)
L’art. 6.1. lett. a) dell'Avviso prevede il “Trasferimento, a cura degli operatori delle strutture
di accoglienza per MSNA, dai luoghi di sbarco/arrivo ai centri”. In che modo gli operatori delle
strutture dovranno collaborare con le Autorità del Ministero in tale operazione? La previsione è che
gli operatori prelevino i minori dai luoghi di sbarco e li accompagnino sotto la propria
responsabilità al centro di destinazione?
Il trasferimento dei minori dai luoghi di sbarco alle strutture di destinazione deve essere effettuato
dagli operatori del progetto ammesso a finanziamento.
10)
Esaurite le giornate di accoglienza complessive a favore dei msna previste dal progetto, chi
effettuerà la presa in carico dei minori qualora ve ne fosse ancora la necessità?
Al termine del periodo complessivo previsto per la prima accoglienza dei minori stranieri non
accompagnati, questi potranno essere ospitati, secondo quanto previsto dalla circolare di indirizzo
del 25 luglio 2014, in strutture incardinate nelle rete SPRAR - sistema di protezione per i richiedenti
asilo e i rifugiati, e sarà cura del soggetto beneficiario effettuare il trasferimento, preventivamente
sentito l’ANCI Servizio Centrale.
11)
“Ciascun progetto dovrà garantire la disponibilità di 50 posti giornalieri". Con tale
disposizione s'intende affermare la necessità di garantire n. 50 posti letto (e quindi tale requisito
sottintende "residenzialità"), oppure i posti letto da garantire possono essere anche in numero
inferiore a 50 (e dunque il requisito si riferisce ad accoglienza soltanto diurna e, magari in parte,
anche notturna)?
Si tratta di progetto di accoglienza in regime residenziale per 50 posti dislocati anche in varie
strutture.
12)
I progetti possono prevedere la disponibilità di più di 50 posti giornalieri?
La disponibilità della struttura dovrà essere di 50 posti giornalieri; tale disponibilità non potrà essere
modificata, né in eccesso né in difetto.
13)
La regione Calabria non disponendo di normativa autonoma
in tema di
autorizzazioni/accreditamento si rifà a quanto previsto dal DM 308/2001 che prevede il
dimensionamento massimo di 10 posti più 2 di emergenza. Tale stato di cose non permetterebbe
3
AMIF – ASYLUM, MIGRATION AND INTEGRATION FUND
Emergency Assistance
l’autorizzazione di strutture con più di 10 posti. In questo specifico caso esiste una disciplina
derogatoria alla norma? E’ ammessa la proposta progettuale che preveda 5 strutture collegate e
gestite dallo stesso soggetto?
La proposta progettuale può prevedere più strutture, fino al raggiungimento di 50 posti giornalieri,
purché insistano nello stesso ambito regionale o Provincia Autonoma.
14)
La modulistica predisposta per Prefetture/UTG, Comuni e ASP non prevede di esprimere il
proprio assenso se non per strutture già autorizzate, e per quelle in attesa di provvedimento
regionale?
La modulistica inserita è in formato facsimile e, pertanto, può essere modificata inserendo “struttura
in fase di autorizzazione”.
15)
Cosa si intende per provvedimento di accreditamento relativo alla/e struttura/e, rilasciato
dalle Autorità territorialmente competenti?
Il provvedimento di accreditamento rilasciato dalle Regioni autorizza la struttura ad operare a
favore dei minori stranieri non accompagnati.
16)
E’ possibile rendicontare i costi di ristrutturazione della struttura?
Non è possibile ottenere ulteriori risorse per la ristrutturazione del centro; sarà possibile ottenere il
rimborso per le spese di piccola manutenzione / adeguamento della struttura.
17)
È necessario che oltre al capofila si registrino con proprio account anche i partners di
progetto?
Deve registrarsi, tramite il proprio account, solo il Soggetto Proponente Capofila.
18)
I soggetti individuati dall’Avviso all’art 6.3 lettera ii) possono presentare la proposta
progettuale come capofila o partner di progetto?
No, i soggetti individuati al suddetto articolo svolgono azioni di supporto di sistema ai progetti
ammessi al finanziamento e sono da considerarsi Partner del Ministero dell’Interno nell’ambito
della Misura Emergenziale del FAMI.
19)
Un consorzio può avvalersi dell'esperienza maturata dai propri soci nella gestione dei servizi
dedicati ai msna e delle strutture degli enti associati?
SI, ma solo se i suddetti soci ed enti associati partecipano in partenariato con il consorzio alla
proposta progettuale. A tal fine il consorzio proponente dovrà esplicitamente indicare al momento
della trasmissione della proposta, quali siano i soci/enti associati di cui intenda avvalersi ai fini della
partecipazione all’Avviso, tenendo presente comunque il limite di 5 partner in aggiunta al capofila.
20)
In relazione al punto 4.2 "Condizioni di partecipazione" dell'Avviso Pubblico
"Miglioramento delle capacità del territorio italiano di accogliere minori stranieri non
accompagnati" FAMI 2014-2020, in caso di partecipazione di più enti associati come Associazione
Temporanea di Imprese (ATI) o Raggruppamento Temporaneo di Imprese (RTI) questi soggetti
possano essere considerati come un unico soggetto proponente all'interno dei 5 possibili.
4
AMIF – ASYLUM, MIGRATION AND INTEGRATION FUND
Emergency Assistance
La risposta al quesito sopra rimane valida anche per ATI o RTI non ancora costituite, ma che
intendono partecipare alla gara?
La partecipazione/costituzione di Associazioni Temporanee di impresa (ATI) o Raggruppamenti
Temporanei di impresa (RTI), non è pertinente alla fattispecie in oggetto che non si configura come
una gara di appalto bensì come un avviso pubblico.
Fermo restando quanto sopra precisato, gli Enti associati in forma di ATI o RTI non possono essere
considerati come un unico soggetto proponente, ai fini del limite massimo di 5 partner in aggiunta
al capofila, previsto all’art. 4.2 dell’Avviso in oggetto.
21)
La Regione può essere soggetto proponente ai sensi del punto 4.1 dell’avviso, su un solo
(n.1) progetto, pena esclusione, e può contestualmente rilasciare le lettere di attestazione di cui alla
nota 2, punto 6.3, lett i) del suddetto avviso anche su altri e diversi progetti?
La Regione può essere soggetto proponente ai sensi del punto 4.1 dell’avviso e deve (de jure)
rilasciare le lettere di attestazione alle strutture, site all’interno della Regione, individuate da
soggetti proponenti diversi.
22)
Considerato che le azioni previste dall'Avviso pubblico per la presentazione di progetti a
valere sulle Misure Emergenziali FAMI 2014-2020, si chiede di conoscere se in materia di requisiti
strutturali, stante l'assenza di regolamentazione regionale attuativa, vanno considerati vincolanti le
sole previsioni del D.M. 308/2001 con particolare riferimento alle strutture ricettive.
I requisiti strutturali sono decisi e regolamentati dalle Regioni territorialmente competenti. Si prega
pertanto di volersi attenere alle rispettive normative regionali di riferimento.
23)
Possono essere inseriti nel progetto solo i minori che vengono segnalati dal luogo di sbarco
o anche i MSNA che si presentano direttamente presso l’Ente Locale, chiedendo di essere collocati
perché privi di riferimenti parentali?
L’Avviso prevede come destinatari delle proposte progettuali, i MSNA che giungono nel territorio
nazionale a seguito di eventi di sbarco. L’Amministrazione si riserva di dare sul punto indicazioni
di maggior dettaglio in fase di attuazione delle attività progettuali.
24)
Una volta terminati i 60 o i 90 gg di accoglienza, dove dovranno essere trasferiti i MSNA in
seconda accoglienza in assenza di posti nelle strutture SPRAR?
Ciascun Beneficiario Finale, al fine di attuare i trasferimenti dei destinatari presso le strutture di
seconda accoglienza, deve interfacciarsi con il Servizio Centrale del Sistema di Protezione per
richiedenti Asilo e Rifugiati – ANCI per l’individuazione delle soluzioni di accoglienza.
25)
Rispetto al punto 6 – b, essendo l’identificazione e l’accertamento della minore età in capo
alle FF.OO., cosa si intende per “spazio che consenta ai rappresentanti delle competenti Autorità di
svolgere le attività finalizzate alle procedure di identificazione ed accertamento della minore età”
fra i requisiti necessari delle strutture?
Ciascuna struttura individuata nella proposta dovrà essere dotata di spazi che consentano ai
rappresentati delle competenti Autorità, di svolgere le attività finalizzate alle procedure di
identificazione ed accertamento della minore età (Es. spazi comuni, sale riunioni, uffici).
5
AMIF – ASYLUM, MIGRATION AND INTEGRATION FUND
Emergency Assistance
26)
I 50 posti richiesti dovranno essere garantiti esclusivamente ai destinatari MSNA che
giungono in Italia a seguito di eventi di sbarco a partire dal 16 febbraio 2015, o possono accogliere
MSNA già presenti nelle proprie strutture?
Ciascun progetto dovrà garantire la disponibilità di 50 posti giornalieri dedicati in via esclusiva alle
attività previste dal presente Avviso. Si precisa che i posti potranno essere attivati su più strutture
sempre nel limite di 50 posti. L’Amministrazione si riserva di dare sul punto indicazioni di maggior
dettaglio in fase di attuazione delle attività progettuali.
27)
In riferimento al punto 6 – 2 i) dell’Avviso, si vuole comprendere chi dovrà essere
l’interlocutore del Ministero dell’Interno e delle Autorità competenti, tenendo conto che la prassi in
atto, utilizzata dalla Magistratura e condivisa con l’Ente locale, è di attribuire tutela sul minore al
Comune di Milano e non ad altri soggetti.
Ciascuna proposta dovrà prevedere un coordinatore/responsabile che opererà nella/e struttura/ e di
accoglienza individuata/e ed avrà la responsabilità di tutti gli interventi dedicati ai MSNA
all’interno della singola struttura e dovrà interfacciarsi con i referenti per l’Avviso individuati
nell’ambito del Ministero dell’Interno in qualità di Amministrazione procedente, nonché con le altre
Autorità competenti (Es. Tribunale dei Minori, Forze di Polizia).
28)
Possono partecipare con due diverse proposte progettuali un consorzio di cooperative sociali
ed un suo socio?
È fatto assoluto divieto, pena l’esclusione, ai Soggetti Proponenti di partecipare al presente Avviso
in forma singola qualora abbiano partecipato all’Avviso medesimo in consorzio o in altra forma
associata, come previsto dall’art. 4.2 dell’Avviso.
29)
Il punto 6.2 dell’avviso fa riferimento alla presenza in struttura di almeno 4 educatori, 2
operatori di vigilanza per le ore notturne e altre figure professionali. Per quanto riguarda la stesura
del progetto e quindi del piano finanziario, bisogna fare riferimento a una tabella oraria? per quante
ore al giorno dovrebbero essere previste tali figure professionali?
L’Avviso non prevede un numero di ore giornaliere da garantire, ma esclusivamente la presenza,
almeno, di alcune figure per ciascuna categoria professionale che dovrà essere garantita nell’ambito
di ogni proposta progettuale. La commissione di valutazione valuterà tuttavia la congruità della
presenza di dette figure al fine di una più efficace erogazione dei servizi a favore dei MSNA. Si
precisa inoltre che la quantificazione delle ore che si prevede di erogare nell’intero periodo
progettuale, sarà comunque utile a codesto Proponente ai fini della compilazione del Budget (All.5
– Modello di Budget) e della determinazione del costo da sostenere per la singola risorsa.
30)
Si richiede un chiarimento riguardo al budget relativo all'avviso "Miglioramento della
capacità del territorio italiano di accogliere MSNA".
Il budget di € 741.894,00 deve essere comprensivo del cofinanziamento del beneficiario e/o dei
partner oppure al budget complessivo di € 741.894,00 si può aggiungere il cofinanziamento da parte
del beneficiario e/o dei partner?
L’Avviso prevede che ciascuna proposta progettuale possa avere un costo massimo pari ad €
741.894,00, ripartiti tra un finanziamento comunitario fisso pari al 90% del costo complessivo di
6
AMIF – ASYLUM, MIGRATION AND INTEGRATION FUND
Emergency Assistance
progetto e un cofinanziamento nazionale pari al restante 10%. Non sono previste all’interno del
budget ulteriori forme di co-finanziamento.
Si precisa, in aggiunta a quanto sopra rappresentato, che il Modello A - DOMANDA DI
AMMISSIONE AL FINANZIAMENTO - allegato all’Avviso, prevede l’eventualità che il Soggetto
Proponente e/o Capofila possa indicare un cofinanziamento ulteriore rispetto all’importo massimo
previsto dal budget (ripartito tra quota comunitaria e nazionale) per servizi aggiuntivi.
31)
Può essere partner di Progetto un Ente che gestisce progetti SPRAR per adulti, strutture di
accoglienza per l'emergenza sbarchi e interventi rivolti a nuclei famigliari stranieri, ma che non
svolge interventi diretti per MSNA?
Un soggetto con tali caratteristiche può presentare la proposta progettuale essendo l'esperienza
maturata nel settore non ritenuta requisito essenziale ma dà luogo a punteggio, come indicato nella
tabella di valutazione del progetto (art. 14.1 dell’avviso).
32)
L'esperienza richiesta per le figure professionali coinvolte deve essere specifica sui MSNA o
può riguardare i minori in generale?
L'esperienza professionale maturata nel settore non è ritenuta requisito, essenziale ma dà luogo a
punteggio come indicato nella tabella di valutazione del progetto (art. 14.1 dell’avviso).
33)
Un'associazione di nuova costituzione può presentare la propria proposta progettuale
nell’ambito dell’Avviso di cui trattasi?
Un'associazione di nuova costituzione può presentare una proposta progettuale purché abbia i
requisiti richiesti dall’Avviso, tuttavia l’esperienza dà luogo a punteggio, come indicato nella
tabella di valutazione del progetto (art. 14.1 dell’avviso).
34)
E’ necessaria la lettera di adesione da parte del Comune territorialmente competente anche
nel caso in cui il Comune stesso sia Capofila della proposta progettuale?
Si, è necessaria la presentazione della lettera di adesione da parte del Comune competente anche nel
caso in cui questo sia Capofila della proposta progettuale, come specificato all’art. 9.3 lettera h)
dell'Avviso.
35)
I centri da istituire devono essere del tutto nuovi o possono essere regolarizzate, ai fini del
presente Avviso, strutture già esistenti?
Le proposte progettuali possono avvalersi di strutture già esistenti o di nuova istituzione purché
all'atto della presentazione della proposta siano in possesso dei requisiti richiesti dall’Avviso (in
particolare dei requisiti previsti dall’Avviso all’art 6.1).
36)
Il budget di progetto può subire rimodulazioni in diminuzione nel caso in cui le presenze di
minori siano meno di quelle previste, o nel caso in cui i minori vengano presi in carico a scaglioni
successivi un po’ alla volta e non tutti sin dall’inizio?
L’Avviso prevede che ogni progetto garantisca comunque la disponibilità di 50 posti giornalieri,
anche su più strutture, a prescindere dall’andamento del fenomeno di arrivo dei minori, fermo
restando che il budget non possa eccedere il limite dell’avviso.
7
AMIF – ASYLUM, MIGRATION AND INTEGRATION FUND
Emergency Assistance
37)
Secondo quanto indicato nel Par. 3.4.2 delle Linee guida sull’ammissibilità dei costi, i costi
indiretti non sarebbero ammissibili nel caso di una sovvenzione per un progetto assegnata ad un
Beneficiario che riceve già una sovvenzione finanziata dal bilancio dell'Unione durante il periodo in
questione". In proposito chiediamo:
- progetti finanziati dai fondi FER, FEI o SPRAR sono considerati "sovvenzioni finanziate dal
bilancio dell'Unione" se attuati nel periodo in questione?
- e se si, non sono ammissibili costi indiretti sul FAMI a prescindere dall'ammontare dei costi
indiretti riconosciuti sul progetto FER/FEI/SPRAR?
Il par. 3.4.2 della Guida, relativamente all’inammissibilità dei costi, non fa riferimento ad una
“Sovvenzione” ma ad una “Sovvenzione di Funzionamento”. La differenza tra le due tipologie può
essere così rappresentata: lo scopo di una “sovvenzione” per un’azione è quello di cofinanziare tale
azione durante uno specifico periodo di tempo ed attraverso un bilancio specifico che esula dalle
altre attività dell’ente in questione – come, ad esempio, nel caso delle sovvenzioni ricevute
attraverso i Fondi Strutturali o le azioni comunitarie del FER. Una “sovvenzione di funzionamento”
ha uno spettro più ampio. Il suo scopo è quello di fornire un sostegno finanziario volto all’esistenza
stessa ed al funzionamento dell’ente (ad esempio, la gestione e l’esecuzione generale delle proprie
mansioni) durante un periodo di tempo pari al proprio periodo contabile. Tanto premesso, i
Proponenti, anche se Beneficiari nello stesso periodo di un progetto FER/FEI, possono includere i
Costi Indiretti nel Budget di progetto. Lo SPRAR non rileva ai fini di tale previsione in quanto non
rientra tra finanziamenti afferenti al bilancio dell'UE.
38)
L'iva indetraibile sui costi di vitto e vestiario per i MSNA destinatari del progetto, ad
esempio, sostenuti da co-beneficiari privati nella gestione di strutture accreditate per l'accoglienza è
ammissibile?
Purché indetraibile per il soggetto che ha sostenuto la spesa, l’IVA può essere considerato un costo
ammissibile. Secondo le Linee Guida l'IVA non è ammissibile quando le attività finanziate sono
svolte da un Beneficiario in qualità di autorità pubblica nell'esercizio di poteri sovrani o prerogative
esercitate dagli Stati membri. (es. nel caso in cui la legislazione nazionale preveda che tali attività
siano di esclusiva competenza di organismi di diritto pubblico e non possano essere svolte da altri
organismi (privati)). L’Amministrazione si riserva di fornire in fase di attuazione maggiori
chiarimenti in merito all’ammissibilità o meno dell’iva in relazione alla natura del Beneficiario.
39)
nel caso in cui il Proponente scelga di rimborsare i costi di viaggio tramite veicolo privato
sulla base delle proprie regole interne e qualora tale costo risulti maggiore di quello di un biglietto
ferroviario di prima classe, la spesa è ammissibile al 100%?
Per quanto riportato nelle Linee Guida, il rimborso per una determinata tratta non può superare il
costo di un biglietto treno in prima classe. Nelle stesse Linee Guida, si fa riferimento al regolamento
Interno del BF come base per la determinazione dell’importo da rimborsare alla risorsa.
L’Amministrazione si riserva eventualmente di dare sul punto indicazioni in senso di maggiore
flessibilità in fase di attuazione delle attività progettuali per casi particolari e debitamente motivati.
8
AMIF – ASYLUM, MIGRATION AND INTEGRATION FUND
Emergency Assistance
40)
Se il soggetto proponente è un Ente Locale (Comune), è possibile la sottoscrizione della
proposta da parte del Segretario Comunale? In caso affermativo, deve essere considerato soggetto
delegato o direttamente sottoscrittore della domanda?
Nel caso in cui il Comune sia il soggetto proponente della proposta, questa potrà essere sottoscritta
da Segretario Comunale che agirà in quanto soggetto delegato dal Sindaco.
In questo caso lo stesso Proponente è tenuto a presentare tutta la documentazione richiesta
dall’Avviso in caso di delega.
41)
Le lettere d'intenti devono essere prodotte in sede di presentazione del progetto e allegate
alla modulistica, o predisposte dopo, soltanto a progetto finanziato?
Le lettere di intenti/adesione con Ente Locale, Prefettura e AUSL competenti per il territorio in cui
è ubicata la struttura, devono essere presentate in sede di proposta progettuale come anche la Lettera
di Autorizzazione da parte della Regione. Eventuali ulteriori Accordi di confronto/collaborazione
potranno essere indicati nella Proposta Progettuale e formalizzati successivamente.
42)
Nella Regione Sicilia vige un meccanismo per il quale un ente, per avviare una struttura
come quella oggetto dell’Avviso, deve richiedere alla Regione e solo ad essa, l'iscrizione all'Albo
Regionale ai sensi della legge n. 22/86 e decreti attuativi in particolare il D.P. del 13 agosto 2014
(approvazione degli standard strutturali e organizzativi per l'accoglienza in Sicilia dei MSNA).
L'ufficio Albo Regionale richiederà all'ASP di competenza e al Comune un parere relativo alla
struttura. Nessun rapporto quindi esiste tra l'ASP, il Comune, la Prefettura e l'Ente gestore in quanto
la titolarità esclusiva della pratica è della Regione. Non sarebbe quindi possibile farsi predisporre le
lettere di intenti così come da voi richieste conformemente al FAC-Simile. Ciò comporterebbe
automaticamente l’esclusione dalla valutazione del progetto?
Posto che l’autorizzazione all’utilizzo della struttura può essere rilasciata solo dalla Regione, nulla
vieta agli altri Enti (Enti Locali, Ausl e Prefetture-UTG) di poter sottoscrivere una Lettera di Intenti
con la quale ratificano l’intenzione del Proponente di erogare servizi di accoglienza presso strutture
ubicate nel territorio di loro competenza.
43)
La scheda indicatori contenuta nel Mobulo B (che rinvia all'allegato n.4) a cosa fa
riferimento?
Nella scheda indicatori Il Soggetto proponente deve quantificare i risultati attesi. Gli indicatori di
realizzazione rappresentano le realizzazioni materiali e immateriali riferite all’attività realizzata (in
termini di output, azioni, interventi, ecc) e sono misurati in unità fisiche o finanziarie; gli indicatori
di risultato sono gli effetti diretti e immediati sui destinatari delle azioni finanziate.
44)
All'interno dell’allegato n.5 "Budget" viene richiesto il calcolo della spesa media per il
trasporto; la suddetta informazione com'è possibile calcolarla se non conosciamo ad oggi l'eventuale
destinazione dei MSNA? Bisogna considerare tutti i casi possibili o portarne alcuni ad esempio?
Si dovrà necessariamente effettuare una stima in considerazione dell’ubicazione delle strutture,
delle possibile forme di trasporto che si prevede di utilizzare e della distanza rispetto ai luoghi di
sbarco e alle strutture di Seconda Accoglienza in cui potenzialmente potrebbero essere trasferiti i
minori.
9
AMIF – ASYLUM, MIGRATION AND INTEGRATION FUND
Emergency Assistance
45)
In merito alla valutazione dei progetti e nello specifico del sottocriterio "Gruppo di Lavoro"
(pag. 19 del "Avviso MSNA"), chiediamo se ai fini dell'assegnazione dei punti abbia rilevanza che
il Curriculum Vitae allegato sia identificativo di una precisa persona e se possa bastare indicare che
la figura che verrà assunta manterrà tali caratteristiche. (Per es. Operatore "X" titolato con
esperienza triennale è sostitutivo di una persona generica, non meglio identificata ma titolata e con
esperienza triennale?) Si perde, dunque, punteggio non inserendo risorse identificate?
Ai fini della valutazione dei progetti è necessario che le risorse siano già identificate e per ciascuna
di esse è obbligatorio l’invio del Curriculum Vitae. In casi debitamente motivati, è possibile
sostituire le risorse inizialmente individuate posto che le nuove risorse possiedano le medesime
caratteristiche. Un’eventuale rimodulazione del Gruppo di Lavoro dovrà essere tempestivamente
comunicata all’Amministrazione che fornirà un riscontro in merito alla possibile sostituzione.
46)
Nelle lettere di adesione dell’ASL, Enti Locali, UTG, si fa riferimento ad un articolo
dell'Avviso Pubblico, quale esattamente?
L’articolo da inserire nella lettera di adesione è l’art. 9.3 lettera h.
47)
L'allegato "Modello di autorizzazione Regione" è sostituibile con il documento attestante
l'accreditamento?
L’Avviso prevede espressamente che le strutture individuate dalla proposta progettuale siano dotate
di apposito accreditamento/autorizzazione rilasciato in base alla normativa regionale di riferimento.
In subordine, potranno essere dotate di autorizzazione temporanea (si veda modello fac-simile
allegato al presente Avviso). In ulteriore subordine, in caso di mancata disponibilità
dell’autorizzazione temporanea, le proposte progettuali dovranno allegare copia della relativa
richiesta di accredito/autorizzazione alla regione competente. Si sottolinea in ogni caso che, pena
l’inammissibilità della proposta, il provvedimento di autorizzazione temporanea dovrà essere
comunque prodotto dal Soggetto Proponente entro la fine della fase di valutazione delle proposte
progettuali su richiesta della Commissione di valutazione, nel termine perentorio dalla stessa
indicato. In considerazione di quanto premesso si conferma che il documento attestante
l’accreditamento della Regione può essere prodotto in luogo dell’autorizzazione della Regione.
48)
Le fatture emesse in corso di progetto (trasferimento, acquisto beni prima ecc.) vengono
riconosciute in sede di rendicontazione?
La lettera b del punto 3.4.1 delle Linee guida richiede, ai fini dell’ammissibilità delle spese, che le
stesse siano sostenute nel corso del periodo di attuazione del progetto (16 febbraio 2015 - 15
novembre 2015),
Tuttavia, i costi relativi a servizi, beni o attrezzature necessari alla realizzazione del progetto,
possono essere fatturati e pagati anche dopo che il progetto sia stato completato, a condizione che il
servizio, bene o attrezzatura sia stato fornito e utilizzato nel corso di attuazione del progetto, e che
tale circostanza venga indicata in fattura e possa essere verificata. Si raccomanda a tal fine che le
fatture contengano una chiara indicazione del momento in cui il servizio, il bene o l’attrezzatura
siano stati forniti.
Tutte le spese sostenute e rendicontate saranno comunque riconosciute solo se, a seguito delle
verifiche previste, risulteranno ammissibili secondo le disposizioni di cui alle suddette Linee Guida
e all’Avviso.
10
AMIF – ASYLUM, MIGRATION AND INTEGRATION FUND
Emergency Assistance
L’amministrazione si riserva di regolare con maggiore dettaglio il termine entro cui sarà possibile
effettuare i pagamenti e produrre i relativi documenti giustificativi , in una fase successiva alla
selezione delle Proposte (anche in sede di Convenzione).
49)
L'Ente proponente, in qualità di Ente Pubblico non eroga servizi che vengono invece
effettuati dai partner del progetto e da terzi. L' I.V.A. sulle relative fatture di beni e servizi che
l'Ente paga viene riconosciuta?
Purché indetraibile per il soggetto che ha sostenuto la spesa, l’IVA può essere considerato un costo
ammissibile. Secondo le Linee Guida l'IVA non è ammissibile quando le attività finanziate sono
svolte da un Beneficiario in qualità di autorità pubblica nell'esercizio di poteri sovrani o prerogative
esercitate dagli Stati membri. (es. nel caso in cui la legislazione nazionale preveda che tali attività
siano di esclusiva competenza di organismi di diritto pubblico e non possano essere svolte da altri
organismi (privati)). L’Amministrazione si riserva di fornire in fase di attuazione maggiori
chiarimenti in merito all’ammissibilità o meno dell’iva in relazione alla natura del Beneficiario.
50)
In riferimento all'art. 6 punto 2 lett. III è possibile incaricare un unico professionista che
abbia due competenze (es. assistente sociale/esperto diritti dell'infanzia)?
L’avviso richiede che ogni proposta dovrà prevedere - necessariamente - la presenza, almeno, delle
figure professionali indicate, pertanto:
1 un coordinatore/responsabile
2 operatori di vigilanza per le ore notturne,
4 educatori in possesso di adeguato titolo e con esperienza almeno triennale,
1 operatore legale
1 operatore amministrativo;
1 assistente sociale
1 psicologo,
1 medico dell’età evolutiva
1 un esperto di diritti dell’infanzia
interpreti/servizio di interpretariato.
Pertanto si richiede che un soggetto ricopra esclusivamente un solo ruolo nell’ambito del progetto.
51)
La retta giornaliera sostenuta dalle strutture per l'accoglienza del minore può essere indicata,
nella scheda budget, alla lett. D Materiali di consumo , forniture e servizi generali?
Se con “retta giornaliera” si intende il costo di locazione dei locali può essere accettato solo se
direttamente connesso alla realizzazione del progetto, e inserito all’interno della Voce C –
Attrezzature del Budget di progetto.
52)
In caso di Soggetto Proponente in forma associata, le caratteristiche richieste al punto 9.3,
lettera “f)” dell’Avviso, devono essere possedute da tutti i soggetti che compongono la partnership
o soltanto il soggetto capofila della forma associata?
Nel caso di Soggetto Proponente Associato, la dichiarazione di iscrizione o, in subordine,
l’autodichiarazione di cui alla suddetta lettera dell’Avviso, deve essere prodotta sia dal Capofila che
dai singoli Partner. Sono dispensati dall’applicazione delle suddette previsioni solo e soltanto i
soggetti proponenti rientranti nelle categorie di cui all’art. 4.1, lett. a) e b) dell’Avviso.
11
AMIF – ASYLUM, MIGRATION AND INTEGRATION FUND
Emergency Assistance
53)
Nell’Avviso, al punto “9. Domanda di Ammissione – Modulistica”, sottopunto 9.3, lettera
“f)”, cosa si intende con la definizione “recante un oggetto sociale perfettamente compatibile con le
finalità di cui all’Avviso e con la realizzazione del progetto cui partecipa”?
Le attività indicate nell’oggetto sociale di cui all’atto fondante (Statuto/Atto Costitutivo) del
Proponente, non possono essere in contrasto o incompatibili con le finalità e gli obiettivi
dell’Avviso.
54)
Se un Ente non qualificabile come ente di diritto pubblico, non possiede un oggetto sociale
contenente al suo interno attività dirette ai Minori Stranieri non Accompagnati, può partecipare in
forma associata all’Avviso?
L’Avviso non richiede espressamente che l’oggetto sociale del Soggetto Proponente abbia al suo
interno attività dirette a MSNA, ma solo che lo stesso sia:
i)
ii)
iii)
iv)
valido, efficace e regolarmente redatto in conformità alle disposizioni normative
applicabili;
regolarmente registrato, ove richiesto, in uno Stato membro dell’Unione Europea;
recante la chiara finalità dell’assenza di uno scopo di lucro;
recante un oggetto sociale perfettamente compatibile con le finalità di cui all’Avviso e
con la realizzazione del progetto cui partecipa (es. accoglienza per soggetti vulnerabili,
immigrati, temi sociali ed umanitari, etc).
12
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
343 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content