close

Enter

Log in using OpenID

Apri file allegato (concime)

embedDownload
Consumi
Il Salvagente 1-8 maggio 2014
21
Test
Il CONCIME da pollice verde?
Non sempre è il più CARO
Marta Strinati
L’
Ne abbiamo
confrontati 25, venduti
come “universali”, per
“piante fiorite” o
“verdi”. E i risultati
mostrano che si tratta
di una scelta da non
affidare al caso.
guata dose di concime per soddisfare ogni bisogno. La difficoltà è semmai individuare il prodotto idoneo. Basta scorrere l’offerta sugli scaffali dei supermercati e dei negozi di giardinaggio per verificarlo: le informazioni fornite dai produttori sulle confezioni sono quasi sempre
ripetitive e scarne. E il rischio di
sprecare soldi è molto elevato.
Per aiutare i meno esperti nel-
s
inverno è stato lungo e faticoso anche per le piante. Freddo, pioggia e mancanza di cure hanno lasciato il segno. E ora, in
un coro muto unanime, chiedono nutrimento e attenzione. Con
la promessa di tornare rigogliose,
ricche di fiori e profumi per abbellire balconi e terrazze.
La richiesta dei vegetali di casa
è poco impegnativa: spesso basta
la somministrazione di un’ade-
la scelta dei prodotti l’industria
chimica dei fertilizzanti propone
formule con “indicazione” ben definita, a prova di errore. Ve ne sono di specificamente dedicati alle piante verdi, a quelle da fiore,
e tra queste si differenziano gli “integratori” per le acidofile: camelie, azalee, ortensie. Ma offre anche una soluzione trasversale, un
mix definito concime universale,
che dovrebbe mettere d’accordo
tutti i vegetali. Promesse commerciali affidabili?
22
C onsumiTest
Il concime
da pollice
verde?...
Il Salvagente 1-8 maggio 2014
Gli universali
s
Non sempre, come abbiamo verificato confrontando la composizione di 25 concimi liquidi pronti all’uso. In assenza di una normativa di riferimento, non esiste una
ricetta predefinita e ogni produttore sceglie cosa produrre in base
alla sua convenienza, dovendo rendere conto soltanto della sicurezza del prodotto.
La ricetta per tutte
La tipologia più interessante per
chi ha poco tempo da dedicare alle piante in vaso e pochi soldi da investire è senza dubbio il concime
universale: somministrato nelle
giuste dosi promette di fornire nutrienti a tutti i tipi di piante. Una
soluzione che non richiede l’acquisto di vari prodotti, con il conseguente ingombro ed esborso, e permette di nutrire tutti i vegetali in
vaso con una sola irrigazione. Se la
soluzione è semplice per l’utente,
a giudicare dai prodotti in commercio metterla a punto non sembra
altrettanto scontato.
Tra i 12 prodotti campionati sugli scaffali abbiamo trovato combinazioni assai diverse dei tre
macronutrienti necessari a tutte le piante:
azoto, fosforo e potassio. E ancora, trovia-
mo concimi con o senza microelementi, di natura interamente chimica o mista, organico-minerale.
Un campionario ampio, insomma,
in cui è davvero facile perdere la
bussola. E finire per acquistare un
concime improprio, sbilanciato,
come i tre che abbiamo valutato
con mediocre, invece di scegliere
un prodotto più adatto al compito
come i 9 restanti campioni, che risultano più idonei, con le differenze del caso.
Diversamente dagli alimenti, dove prima della quantità di un ingrediente si bada alla qualità, nei
concimi c’è poco da distinguere. A
parità di concentrazione di nutrienti è saggio acquistare il prodotto più economico. E si noti che
nella categoria dei concimi universali le differenze di prezzo variano da 2,50 a 10,49 euro. E le
migliori proposte costano da 3,20
a 6,58 euro al litro.
I concimi dedicati
Belli ma “faticosi”, i fiori sono
la coronazione di un balcone ben
tenuto. Per raggiungere l’obiettivo è però necessario fornire
alle piante il giusto sprint.
Rispetto a quelle verdi
(senza fiori), infatti, le
piante fiorite devono fa-
COMPO
Concime
universale
CONAD
Concime
universale
FLORTIS
Concime
universale
6,42
3,20
4,66
chimico
chimico
chimico
7
8
7
5
5
7
6
5
7
Sì
Sì
Sì
7,9
7,9
7,8
s
re uno sforzo in più per produrre il fiore: un invito agli insetti affinché trasportino i semi, i gameti, e così fecondare altre piante.
L’elemento necessario a sostenere l’impresa è il potassio. Da affiancare - oltre agli altri due macronutrienti - con i microelementi. Rispetto a questo standard, tra
gli 8 concimi per piante fiorite, 3
non superano la prova.
Meno esigenti, bisognose soltanto di mantenere un colore “salutare” delle foglie, le necessità
particolari delle piante verdi si
risolvono principalmente nella
presenza di elementi pigmentanti, ferro innanzitutto. Dettaglio
che rende poco consigliati 2 dei
5 campioni di questa categoria.
Legenda
10-8
ottimo
7,9-6
buono
5,9-4
medio
3,9-2
mediocre
1,9-0
scarso
Un
tut
e
e
ECOVIT
Universale per
tutte le piante
FIORAND
Alga
Factor
23
C onsumiTest
Il Salvagente 1-8 maggio 2014
ONE
DUECI
Concime
universale plus
CONCIME
(Leroy Merlin)
GEOLIA
Concime
universale
2,50
4,90
2,50
3,20
8,60
chimico
organominerale
chimico
organominerale
organominerale
5
3
10
12
13
5
2
---
---
---
5
5,5
5
---
---
No
No
No
No
(solo molibdeno)
No
(solo ferro)
3,8
3,7
3
2,9
2,5
TUTTO PER LE PIANTE
CONAD
COMPO
Concime liquido Concime con Con sangue
universale
sangue di bue
di bue
Prezzo euro/litro
4,90
6,58
chimico
organominerale
6
5,2
10,49
4,50
Tipo di concime
organochimico
minerale
Azoto%
5,5
7
Anidride fosforica %
6
5
5
4
Ossido di potassio %
6
6,4
7,5
5
Microelementi
Sì
Sì
Sì
No
Giudizio finale
7,7
7,6
7,5
3,9
Il nostro confronto
quinamento ambientale) e assicura alla pianta la presenza di nutrienti da assimilare al bisogno.
Tipo di concime. I 25 prodotti campionati sono di due tipi. La
definizione commerciale è riferita
in etichetta, assieme alla composizione. La dicitura “soluzione di
concime” indica un composto interamente chimico: il processo produttivo è uno solo, non vi sono differenze qualitative. L’espressione
“organo-minerale” individua, invece, i concimi organici “arricchiti” con
elementi di sintesi: una soluzione
che l’industria adotta per assicurar-
si una certa rapidità di azione del
prodotto.
Azoto, fosforo, potassio. La
combinazione più versatile dei tre
macronutrienti è tre parti di azoto, una di fosforo e due di potassio. Come si vede, tra i campioni pochi soddisfano questo schema. Alcuni prodotti, sebbene proposti come “universali”, sono persino privi
di uno o più dei tre elementi fondamentali.
Microelementi. Piccole dosi di
microelementi restituiscono alle
piante in vaso le sostanze natural-
s
Prezzo. A parità di concentrazione di nutrienti, i prodotti sono da
considerarsi identici. La convenienza di un concime pronto all’uso,
quindi, si desume semplicemente
comparando il prezzo con le percentuali dei vari elementi, indicati
nell’etichetta. Per i microelementi
non c’è da perdersi nel confronto:
basta appurare la loro utile presenza, senza compararne le percentuali, sempre minime. Fatte queste considerazioni, pagare un prezzo più
elevato è sensato per le formule più
evolute, come il concime granulare a lento rilascio, che impedisce
sprechi (con relativo rischio di in-
24
C onsumiTest
Il Salvagente 1-8 maggio 2014
Per piante fiorite
CONAD
Gerani
CONAD
Piante fiorite
COMPO
Concime
per gerani
ECOVIT
EURO GARDEN EUROSPIN
COMPO
CONCIME
Concime per piante Gerani e piante Piante verdi
(Leroy Merlin)
da fiore
fiorite con guano
e fiorite
TUTTO PER
LE PIANTE
Piante fiorite
Prezzo euro/l
3,20
3,20
7,70
7,70
chimico
Organominerale
4,90
1,59
2,50
2,50
chimico
chimico
chimico
7
4
5,5
5
6
4,5
6
6
5
No
No
No
3,9
3,9
3,9
Tipo di concime
chimico
chimico
chimico
Azoto %
6
6
8
3
5
Anidride fosforica %
4
5
6
4
8
Ossido di potassio %
8
7
6
5
5
Microelementi
Sì
Sì
Sì
Sì
Sì
Giudizio finale
7,9
7,8
7,5
5,9
5,9
Il nostro confronto
I CONSIGLI PER NON SBA GL
s
mente presenti nel suolo. Quando
presenti comportano un prezzo
maggiore, ma compatibile con la loro utilità. Sono inseriti nella miscela in piccole quantità, anche perché
a dosi elevate sono tossici. Ogni microelemento ha una funzione. Ferro, magnesio e manganese per e sempio hanno funzione rinverdente, in quanto elementi pigmentanti. Accanto al nome dei microelementi troviamo spesso citati gli
agenti chelanti: Edta, Dtpa, Eddhsa.
Si tratta di molecole chimiche (più
costose) che rendono solubile l’ele-
mento in condizioni più ampie, favorendone quindi l’assimilazione da
parte delle piante.
A basso tenore di cloro. Alcuni produttori precisano che il concime è a basso tenore di cloro. È un
vantaggio, perché una quantità eccessiva potrebbe nuocere alla pianta, determinare la formazione di elementi ossidanti che potrebbero causare “bruciature” al vegetale. L’informazione tuttavia è invalidata dalla
mancata quantificazione della concentrazione di cloro.
P
er piante fiorite, per piante verdi, universale. Le tre
tipologie di concime liquido
pronto all’uso sembrano studiate su misura per le tre diverse macrovarietà vegetali. Ma
a leggere la composizione del
preparato sorge un dubbio:
come possono rimedi destinati allo stesso gruppo di piante essere tanto diversi?
A orientarci in questa selva
di prodotti ci aiuta Daniele
Massa, ricercatore dell’Unità di ricerca per il vivaismo
e la gestione del verde am-
25
C onsumiTest
Il Salvagente 1-8 maggio 2014
L’organico
E SE USASSIMO IL COMPOST?
“Se
i nutrienti vengono forniti soltanto mediante concime chimico,
la comunità microbica del suolo finisce per inattivarsi. È come
se l’uomo mangiasse solo cibi morbidi. Nell’evoluzione finirebbe per perdere
i denti”. L’utilità di adoperare concime organico la ricorda Giacomo
Pietramellara, professore alla facoltà di Scienze agrarie dell’Università
di Firenze, che invita a considerare l’opportunità di munirsi di un kit per
trasformare in compost gli scarti vegetali domestici. “Il vantaggio è che il
compost è ammendante e concimante, migliora le caratteristiche del suolo,
rendendolo più poroso”. Nei concimi liquidi pronti all’uso nessuno risponde a
questa purezza. Oltre ai prodotti chimici troviamo infatti concimi organominerali, vale a dire misti a molecole sintetiche, che li rendono più reattivi.
Preferibili in quanto più sostenibili per l’ambiente, i concimi organici hanno
un’azione più naturale, quindi più lenta, rispetto ai prodotti di sintesi. Per
la cura delle piante in vaso sono pertanto adatti alla prevenzione e meno
utili per colmare carenze evidenti conclamate. L’origine della parte organica
può essere animale o vegetale. Proprio come avviene in natura, il materiale
può includere sangue e residui cornei (adeguatamente trattati dopo
il recupero nei macelli) oppure alghe e residui vegetali, per esempio
di barbabietola da zucchero. Per i prodotti organici in alcuni casi viene
precisata la possibilità di impiego in agricoltura biologica. Ma viene anche
fornita l’avvertenza di impedire l’accesso degli animali da allevamento per
almeno 21 giorni. “La raccomandazione vale per gli animali che brucano, ma
se il concime viene correttamente versato nel suolo, non ne rimane traccia
nella foglia, che per le piante commestibili (basilico, per esempio) resta
quindi sicura”, precisa il professor Pietramellara.
BA GLIARE DI FRONTE ALLO SCAFFALE
COME TROVARE LA RICETTA
ADATTA A OGNI PIANTA
sale per nutrire adeguatamente tutte le piante è un
concetto poco conforme alla differenziazione esistente
in natura. Inoltre, le piante
seguono un loro ciclo biologico e richiedono elementi
nutrienti diversi a seconda
della fase in cui si trovano:
per esempio l’azoto è un ele-
Ci aiuta a
orientarci
Daniele
Massa,
ricercatore del
Cra-Viv
s
bientale e ornamentale del
Centro di ricerche in agricoltura (Cra-Viv).
Dottor Massa, cominciamo
dai concimi universali. In
commercio troviamo soluzioni con concentrazioni di
nutrienti assai varie. Qual
è la ricetta giusta?
Definire una ricetta univer-
mento maggiormente assorbito durante la fase di massimo sviluppo vegetativo.
Solo dopo questa premessa si può delineare una combinazione di riferimento, valida per tutte le piante, a patto che non abbiano già manifestato i sintomi di carenze nutrizionali marcate, per
le quali è richiesta un’integrazione puntuale. Semplificando, una composizione
“universale” dei tre macronutrienti fondamentali dovrebbe essere quanto più
26
C onsumiTest
Il Salvagente 1-8 maggio 2014
Per piante verdi
CONAD
COMPO
FIORAND
CONCIME
TUTTOGIARDINO
(Leroy Merlin)
Prezzo euro/litro
3,20
7,70
2,50
2,50
Chimico
Chimico
6
6
5
5
5
5
No
No
3,5
3,5
3,50
Tipo di concime
Chimico
Chimico
Chimico
Azoto %
8
7,5
8
Anidride fosforica %
4
3
5
Ossido di potassio %
6
6
5
Microelementi
Sì
Sì
Sì
Giudizio finale
7,9
Come
trovare la
ricetta...
s
possibile vicina a tre parti di
azoto, una di fosforo e due di
potassio.
In diversi prodotti troviamo anche i microelementi:
sono utili?
Sì, lo sono, soprattutto nella fase vegetativa più attiva.
Oltre a ferro e magnesio, che
hanno funzione rinverdente,
includono boro, rame, molibdeno, zinco e manganese.
7,5
Anche calcio e magnesio sono utili, ma il loro appor to
potrebbe essere in parte assicurato dall’irrigazione, essendo presenti nelle acque.
Anche i concimi pronti per
le piante fiorite sono difformi tra loro. Quale mix
scegliere?
Rispetto alla composizione
indicativamente adatta a tutte le piante in buone condizioni, per favorire la fioritura è opportuno aumentare la
percentuale di potassio, e
scegliere un prodotto con
microelementi. Meglio in
7
presenza di agenti chelanti,
che li rendono più facilmente assimilabili per la pianta.
Per le piante verdi, invece,
quali accorgimenti sono necessari per scegliere il concime più adatto?
Nella fase di riposo è utile fornire un concime con una maggiore concentrazione di fosforo, mentre nella fase della ripresa vegetativa, in primavera, è più indicato un prodotto
con una maggiore quota di
azoto, contenente anche i rinverdenti magnesio e ferro, oltre ai microelementi.
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
3 579 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content