close

Enter

Log in using OpenID

Calorama FB 4000

embedDownload
La linea di Radiatori a gas CALORAMA a Flusso Bilanciato (FB) nasce dall’esigenza di avere un sistema di riscaldamento di alta qualità, semplice nella gestione,dalla linea elegante e utilizzabile in ambienti particolari dove serve alta potenza. Il caloroso apprezzamento di CALORAMA
da parte della Clientela Bartolini evidenzia che tutti gli obiettivi sono stati centrati in pieno. Come gli altri modelli da installazione fissa, presuppone la presenza della rete gas Metano/bombola GPL e l’ausilio di un Tecnico specializzato per la predisposizione e la messa in servizio.
Caratteristiche tecniche
CALORAMA FB è la risposta a tutte le esigenze di alta potenza di
riscaldamento al minimo costo. Si installa facilmente: basta collegarla
all’esterno tramite un’apertura, in modo da permettergli di respirare
fuori dall’ambiente della casa, per garantirsi un riscaldamento salubre
e con alto rendimento. La speciale Camera Stagna tramite il tubo di
scarico fumi provvede a scaricare all’esterno tutti i risultati della combustione che avviene grazie ad un solido Bruciatore inox che eroga
4200 Watt . Non necessita di alimentazione elettrica.
Calorama FB 4000 cod. 189
Sicurezza e Qualità
BAR CODE: 8015937121898
Dati
Gas
Dati
Elettrici
Alimentazione
-
METANO
Bombola gas
[kg]
-
Potenza erogata gas
[W]
da 1400 a 4000
Consumi
[m3/h]
0,38
Volume riscaldabile gas
[m3]
87
Accensione
-
Piezoelettrica
Ventilazione
-
-
Termo Ventilazione
-
-
Potenza erogata elettrica
[W]
-
Volume riscaldabile elettrico
[m3]
-
Dimensioni Prodotto
[cm]
50 x 17 x 59
Dimensioni vano bombola
[cm]
-
Dimensioni Imballo
[cm]
62 x 21 x 69
Peso
[kg]
14,5
n.
-
Quantità collettame 20 HC
n.
-
Dimensioni EPAL 25pz
[cm]
-
Numero pallet 40 piedi
n.
-
Numero pallet Bilico
n.
-
Ingombri Quantità collettame 40 HC
e Pesi
1 - Scambiatore di calore
CALORAMA FB è dotata di uno Scambiatore di calore che utilizza un intelligente “giro fumi”. Grazie a flange rompiflusso vengono
aumentate le turbolenze dei fumi caldi ottimizzando lo scambio
termico; lo stesso sistema di aspirazione di aria fredda dall’esterno,
grazie a tubi coassiali a quelli dei fumi di scarico, funge da recuperatore del calore residuo. Solo così si ottiene il massimo rendimento
raggiungibile con questa tipologia di apparecchi.
2 - Termocoppia
Dispositivo di sicurezza che interrompe automaticamente l’erogazione del gas in caso di spegnimento accidentale (corrente d’aria, etc.).
3 - Materiali
Materiali di alta qualità: Top in pressofusione, Nido d’ape smaltato a
900°C, Guscio con verniciatura cotta in forno a 200°C.
1
2
Via G. di Vittorio, 19 - 06038 Spello (Perugia) Italy
Tel: +39 0742 301904 - Fax: +39 0742 651343 www.bartolini-system.com - email: [email protected]
3
METANO stufe da installazione fissa fiamma libera
Calorama FB 4000
Tutti gli Apparecchi da installazione fissa a gas vanno installati e verificati da un tecnico specializzato.
A [ mm ]
B [ mm ]
C [ mm ]
D [ mm ]
500
250
272
170
Diametri dei tubi di tiraggio
Ø tubo [ mm ]
Ø foro sulla parete [ mm ]
Spessore parete [ mm ]
155
165
300 (500*)
(500*) con tubo di scarico non in dotazione,da richiedere separatamente.
Via G. di Vittorio, 19 - 06038 Spello (Perugia) Italy
Tel: +39 0742 301904 - Fax: +39 0742 651343 www.bartolini-system.com - email: [email protected]
METANO stufe da installazione fissa fiamma libera
Indicazioni per l’installazione,
dati dimensionali dell’apparecchio e delle connessioni gas
INDICE
BARTOLINI CALORAMA
MODELLI FB 2700, FB 4000, FB 5500 FLUSSO BILANCIATO
INSTALLAZIONE …………………………………………………
CARATTERISTICHE TECNICHE…………………………………
ACCENSIONE………………………………………………………
CALORAMA
MODELLI FB 2700, FB 4000, FB 5500 FLUSSO BILANCIATO
IMPORTANTE
 QUESTO APPARECCHIO DEVE ESSERE INSTALLATO DA
UN TECNICO SPECIALIZZATO.
 Prima dell’istallazione assicurarsi che le caratteristiche della rete di
gas locale (identificazione del tipo di gas e sua pressione) siano
compatibili con i settaggi dell’apparecchio.
 Questo apparecchio va installato su una postazione fissa.
 E’ necessario l’intervento di personale specializzato per le
operazioni di straordinaria manutenzione , di regolazione , di
pulizia , di riparazione.
 Vi raccomandiamo di non usare l'apparecchio in ambienti
polverosi.
 La stufa deve sempre essere usata seguendo le istruzioni; Leggerle
attentamente e conservarle in luogo sicuro.
 NON APPOGGIARE abiti o altri materiali sulla stufa, in quanto,
oltre al pericolo di incendio, la loro presenza può pregiudicare il
funzionamento dell'apparecchio .
 NON POSIZIONARE vicino alla stufa tende , poltrone od altri
oggetti infiammabili ecc.
 Le modifiche di installazione e collocazione degli apparecchi
devono essere realizzate soltanto da installatori abilitati.
 Possono essere utilizzati apparecchi e accessori approvati da
laboratori omologati che si riconoscono per la rispettiva targhetta
di approvazione.
 Se accendendo il bruciatore non si riesce a farlo partire, spegnere
per evitare accumulo di gas, ventilare e ripetere l’operazione.
 Controllare periodicamente i condotti di ventilazione dei propri
apparecchi. I gas di combustione che non vengono espulsi
all’esterno sono pericolosi per la salute.
 Non cercare di localizzare perdite di gas mediante l’uso di fiamme
di qualsiasi genere. Farlo solo con acqua saponata: le bollicine
indicheranno la via di fuga.

Prima di accendere qualsiasi bruciatore o apparecchio è conveniente
verificare mediante il posizionamento degli interruttori o mediante
l’olfatto se si è prodotta una perdita di gas. Se si è verificata tale
perdita, spegnere il rispettivo interruttore, far venir meno qualsiasi
fiamma, non accendere né spegnere apparecchiature elettriche e
ventilare l’ambiente.
INSTALLAZIONE
Per tutti i lavori di installazione avvalersi unicamente dei servizi di un
installatore abilitato dalla sua compagnia di distribuzione del gas.
L’installazione ha luogo in quattro fasi, ovvero:
1) Determinare il luogo preciso in cui verrà collocato
l’apparecchio e marcare il centro del tubo di tiraggio
2) Collocare il tubo di tiraggio
3) Collocare l’apparecchio e fissarlo alla parete
4) Effettuare l’attacco del gas.
1° FASE
IMPORTANTE
La vostra BARTOLINI Calorama riscalda mediante circolazione
dell’aria (convezione). Pertanto non “nascondetela” negli angoli o in
cavità distanti.
Se nonostante ciò desiderate incassarla, rispettate le misure minime
indicate nell’illustrazione (Fig.1)
L’apparecchio deve essere necessariamente fissato alla parete ad
almeno 120 mm. di altezza dal pavimento (Fig. 2)
AVVERTENZA
Non appoggiare la stufa su materiali combustibili. In caso contrario sarà
necessario predisporre un adeguato isolamento fra l’apparecchio e la
parete.
MISURE DEGLI APPARTECCHI E DEI LORO ALLACCI
QUOTA
A
B
C
D
MODELLI A FLUSSO BILANCIATO
FB 2700
FB 4000
FB 5500
350
500
700
175
250
350
272
272
277
164
170
180
DIAMETRI DEI TUBI DI TIRAGGIO
2° FASE: COLLOCAZIONE DEL TUBO DI TIRAGGIO
(Per tutti i modelli)
MOD.
FB 2700
FB 4000
FB 5500
Ø tubo [ mm ]
155
155
175
Ø foro sulla
parete [ mm ]
165
165
185
PREPARAZIONE DEL TUBO DI TIRAGGIO
Il tubo di tiraggio è costituito da due tubi. Uno telescopico di diametro
maggiore, per fare entrare l’aria (tubo di immissione), e uno minore, per
fare uscire i gas combusti.
L’apparecchio viene consegnato con il tubo di tiraggio predisposto per
pareti di spessore tra 150 e 300 mm. Nel caso fosse necessario un tubo di
lunghezza superiore può essere richiesto ad un centro assistenza tecnica
Bartolini. (gli apparecchi sono omologati per pareti fino a 500 mm e
sono disponibili tubi fino a questa misura.)
QUOTA “A“
QUOTA “B“
QUOTA “C“
FB 2700
115
310
392
FB 4000
190
310
392
FB 5500
290
315
397
GUIDA ALL’INSTALLAZIONE
1) Segnare alla parete l’orifizio per l’installazione del tubo di
tiraggio.
2) Perforare la parete.
3) Misurare lo spessore della parete.
4) Aggiustare la lunghezza del tubo telescopico che fa entrare l’aria,
in modo che la distanza tra l’esterno del cappellotto e le squadre
ad incastro sia uguale allo spessore della parete più 105 mm.,
come viene mostrato nella Fig. 3. Assicurarsi della misura
collocando del nastro adesivo nella zona di unione fra i condotti.
5) Forare entrambe i tubi con punta di ø (diametro) 2,75 mm.
6) Fissare entrambe i tratti con la vite N. 6 (ø 3,5 mm) in dotazione.
7) Introdurre la vite di congiunzione nella parete dal lato interno
fino ad incastrarsi con le squadre.
8) Fissare le squadre alla parete mediante viti e rondelle.
9) Verificare che il tubo di tiraggio abbia una leggera pendenza
verso l’esterno (versando una piccola quantità di acqua dovrà
scorrere verso l’esterno).
10) Riempire con cemento a presa rapida e sabbia lo spazio tra il
tubo di tiraggio e il foro nella parete.
11) Collocare il tubo di uscita dei gas nel tubo di tiraggio fino ad
incastro e marcare la lunghezza adeguata secondo la Fig. 3. (il
tubo di uscita dei gas deve sporgere di 4 mm. dal tubo di
entrata dell’aria)
12) Tirarlo fuori e tagliarlo.
13) Collocarlo nuovamente e completare l’installazione
dell’apparecchio.
INSTALLAZIONE DEL TUBO DI TIRAGGIO
1. Prima di collegare l’apparecchio al tubo di tiraggio già
installato alla parete, collocare un cordone continuo che funga
da guarnizione a tenuta stagna di circa 5 mm. di diametro
come mostra la figura.
2. Fissare l’apparecchio alla parete collegandolo al tubo di
tiraggio.
3. Continuare con l’installazione come indicato nel manuale delle
istruzioni.
NOTA:
All’interno del tubo di immissione e attraversato dal tubo di uscita dei
gas, potrete trovare un disco di cartone corrugato (vedere Fig. 5).
La funzione dello stesso è facilitare il trasporto dell’accessorio e
assicurarsi che quando il tubo di immissione viene installato alla parete
conservi la sua forma originale, facilitando il successivo montaggio del
calorifero.
Tale disco dovrà essere tolto prima di fissare l’apparecchio, una
volta che il collante sarà asciutto.
ATTENZIONE:
Il tubo di tiraggio deve avere una leggera pendenza discendente verso
l’esterno. Il tubo di immissione deve sporgere di 5 mm. dalla parete
interna alla quale verrà installato l’apparecchio.
La testata deve sporgere verso l’esterno di esattamente 105 mm. (Fig.
2).
Il tubo di minor diametro deve essere posizionato nella parte superiore
(vedere Fig. 6).
Ciò si ottiene osservando che la parola ORBIS rimanga in posizione
orizzontale.
Il perfetto collegamento dei tubi è fondamentale per un buon
funzionamento del sistema bilanciato.
Collocare nuovamente il deflettore superiore fissandolo con le 2 viti ai
deflettori laterali.
IMPORTANTE:
Una buona sigillatura dei tubi evita eventuali infiltrazioni a causa
della pioggia.
3° FASE: FISSAGGIO DELL’APPARECCHIO
Per estrarre la parte frontale, allentare le due viti situate nella parte
bassa posteriore della parte frontale (senza estrarle).
Togliere le due viti superiori, sollevare la parte frontale ed estrarla.
Estrarre il deflettore superiore togliendo le due viti che lo fissano ai
deflettori laterali per accedere ai punti superiori di fissaggio
dell’apparecchio (vedere Fig. 7).
COLLOCARE L’APPARECCHIO (vale per tutti i modelli)
introducendo i tubi di tiraggio e di immissione.
Cominciare dal tubo interno che sporge leggermente per facilitare
l’operazione.
Assicurarsi che l’apparecchio sia bene a livello. Fissarlo alla parete
con le viti e le rondelle corrispondenti.
4° FASE: ATTACCO DEL GAS
IMPORTANTE:
MODALITA’ DI ATTACCO
Quando viene effettuata mediante attacchi flessibili di rame, la
lunghezza degli stessi non deve superare i 500 mm. e gli apparecchi
verranno fissati in forma rigida per evitare spostamenti.
SCHEMA DI ATTACCO DEL GAS
GAS NATURALE
TUTTI I MODELLI Sono preparati per funzionare con GAS
NATURALE, senza l’applicazione di regolatori di pressione o
stabilizzatori.
GAS PROPANO LIQUIDO
In TUTTI I MODELLI la corretta pressione del gas per l’apparecchio
viene stabilita dal regolatore di pressione corrispondente ai tubi o
dalla bombola.
Pertanto l’apparecchio NON DEVE ESSER PROVVISTO DI
STABILIZZATORE di pressione del gas.
Per collegare usare i pezzi forniti con l’apparecchio secondo lo
schema (Fig. 9).
TRASFORMAZIONE DI GAS NATURALE IN GAS PROPANO
LIQUIDO
Ogni cambiamento di stato del gas deve essere effettuato esclusivamente
da un Servizio ufficiale BARTOLINI, o da un installatore abilitato dalla
propria compagnia di distribuzione del gas.
MONTAGGIO DELLA PARTE FRONTALE
Per estrarre la parte frontale, allentare le due viti situate nella parte bassa
posteriore della parte frontale (senza estrarle).
Togliere le due viti superiori, sollevare la parte frontale ed estrarla.
Per tornare a collocarla, porre la parte frontale alla parete posteriore,
agganciare le viti inferiori e abbassarla fino a che le due orecchie
superiori della parte frontale si trovino poste al di sotto delle scanalature
della parete posteriore. In seguito collocare le viti nella parte superiore e
regolare le viti nella parte inferiore.
CARATTERISTICHE TECNICHE
MODELLO
Potenza nominale
Potenza nominale
Consumo
Gas Propano Liquido
Gas naturale
Pressione del gas
Gas naturale
Gas Propano liquido
[ kcal/h ]
[kW]
[g/h]
[m3/h]
[mbar]:
FB 2700
FB 4000
FB 5500
2500
2,9
3400
4,0
4700
5,5
210
291
400
0.27
0.38
0.52
20
28-30
20
28-30
20
28-30
Questo apparecchio è stato approvato dall’IMQ in base a norme europee
EN449
Il numero di matricola si trova sulla placca di approvazione posta su
ogni unità.
PER LA VOSTRA SICUREZZA
Non cercate di localizzare perdite di gas mediante l’uso di fiamme
di nessun tipo.
Farlo solo con acqua saponata: le bollicine indicheranno la via di fuga.
COME OTTENERE IL MIGLIOR RENDIMENTO DELLA
VOSTRA STUFA BARTOLINI
Non collocare indumenti ad asciugare sopra o davanti all’apparecchio.
Ciò provocherebbe il riscaldamento della stufa, oltre a ridurne il
rendimento e a produrre umidità nell’ambiente.
L’aria calda e umida opprime, appanna i vetri e facilita la formazione
di funghi sui rivestimenti delle pareti.
Pulizia: si raccomanda la revisione annuale dell’impianto da parte di
un installatore abilitato, prima che inizi la stagione ad uso intensivo.
ACCENSIONE
VISORE DELLA FIAMMA PILOTA: nella parte superiore del
radiatore esiste uno spioncino attraverso il quale si può comodamente
visualizzare la fiamma pilota.
NOTA: nelle nuove installazioni, o fra una stagione e l’altra,
l’accensione della fiamma pilota può avvenire in ritardo a causa della
presenza di aria nelle tubature.
ACCENSIONE MEDIANTE PIEZO ELETTRICO
1) Aprire il dispositivo di passaggio del gas.
2) Girare la manopola dalla posizione di chiusura alla posizione
pilota (Fig. 10)
3) Premere la manopola fino a farla incastrare. Premere
simultaneamente il tasto di accensione. Con la fiamma pilota
accesa mantenere premuta la manopola per 20 secondi. (I)
4) Rilasciata la manopola, osservare se la fiamma pilota rimane
accesa. In caso contrario ripetere l’operazione 3)
5) Girare la manopola nella posizione desiderata: Minimo –
Massimo.
Se si vuole spegnere il bruciatore principale e lasciare la fiamma pilota
accesa, girare la manopola nella posizione pilota. Se si desidera spegnere
completamente, girare la manopola nella posizione di chiusura.
Con l’apparecchio caldo e la fiamma pilota spenta aspettare 5
minuti prima di riaccendere.
(I) Questo è il tempo necessario per attivare la valvola di sicurezza
incorporata in tutti i prodotti BARTOLINI. Se per qualsiasi ragione si
dovesse spegnere la stufa, questa valvola interrompe completamente il
passaggio del gas, garantendo la massima sicurezza durante il
funzionamento.
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
660 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content