close

Enter

Log in using OpenID

dépliant - Centro Studi di Osteopatia Tradizionale srl

embedDownload
Centro Studi di
Osteopatia Tradizionale
Anno scolastico 2014/2015
Norma UNI ISO 9001:2008
Azienda con sistema di
certificazione CERMET n. 9928
Scuola che aderisce ai criteri
Formativi stabiliti dal R.O.I.
Registro degli Osteopati d’Italia
La scuola è membro dell’OsEAN
Osteopathic European
Academic Network
OSTEOPATIA: TRA SCIENZA E FILOSOFIA
Si leggono molte definizioni che cercano di spiegare cosa sia l’osteopatia, alcune molto tecniche altre più
filosofiche.
La realtà, a nostro parere, sarebbe che entrambe siano corrette e che per capire l’essenza dell’osteopatia è
indispensabile analizzare le radici su cui fonda questa arte terapeutica manuale.
Il suo ideatore è il medico statunitense Andrew Taylor Still, figlio di un pastore e personaggio attivo negli impegni
politici del suo tempo.
A.T. Still era un attento osservatore della natura, delle sue forme e delle sue leggi e, a seguito della perdita di
alcuni familiari a causa della meningite, cominciò la sua riflessione sull’incapacità della medicina ufficiale del suo
tempo di combattere le malattie.
Questo tragico episodio rafforzò la sua certezza dell’esistenza di Dio e della divina discendenza dell’essere umano
e lo spinse a credere che Dio non avrebbe mai lasciato la sua creatura senza possibilità di difesa. Ecco come si
fondono tecnica e filosofia. La visione d’insieme di A.T. Still gli permette di studiare l’anatomia e la fisiologia e le
relazioni stabilite tra i differenti tessuti con l’attitudine di colui che deve comprendere come stimolare
la “farmacia di Dio” (il corpo umano), affinché venga prodotto il giusto rimedio (condizione di Autoguarigione). La nascita dell’osteopatia e ne enuncia i tre principi fondamentali.
Unità del corpo. L’osteopatia mette in relazione tutte le strutture del corpo considerandole interdipendenti
in un rapporto che si stabilisce attraverso il movimento e che costituiscono una unità funzionale.
Relazione tra struttura e funzione. Consta dell’equilibrio che esiste tra le differenti zone del corpo e il loro
funzionamento. La “disfunzione somatica” è il termine che si usa per indicare la struttura che ha perso la sua
funzione e la zona che sta influenzando negativamente lo stato di salute.
Autoguarigione. Ovvero la capacità intrinseca dell’organismo di autoregolarsi/curarsi. L’osteopatia stimola le
strutture del corpo a sviluppare il processo di autoguarigione e/o autoriparazione già insito nella fisiologia.
Il ruolo dell’osteopata è quello di individuare le zone di “restrizione del movimento”, di alterazione dei tessuti e
ristabilirne la funzionalità attraverso l’uso esclusivo di un approccio manuale che si avvale di tecniche manipolative articolatorie, cranio sacrali, fasciali, viscerali e muscolari.
Oggi l’osteopatia è una scienza medica riconosciuta e indipendente in molti paesi, a partire dagli Stati Uniti a
paesi europei, supportata da ricerche scientifiche che hanno saputo spiegare e dimostrare scientificamente
alcuni aspetti prima considerati puramente filosofici.
L’osteopatia si rivolge a tutti, dagli adulti ai neonati, anche se è diffusa l’idea che l’osteopata aiuti principalmente
in caso di problemi legati alla colonna vertebrale.
Non è raro durante le sedute scoprire che i dolori muscolo-scheletrici possono essere collegati a disfunzioni di
altra natura (per esempio viscerali o del sistema cranio sacrale). In ogni caso, l’osteopatia interagisce con le
regole del corpo umano e non intende combattere un sintomo, bensì ha l’obiettivo di stimolare le risorse interne
al corpo affinché esso sia in grado di autodifendersi dalle malattie.
Alessia Beltramme D.O. mROI -Assistente e Tutor-
IL C.S.O.T.
Fondato nel 1997, il C.S.O. di Roma, forte della sua esperienza decennale, ha deciso di dare nuovo impulso alle sue
risorse concentrando la propria azione nella sede di origine.
Quest'azione di rinnovamento viene evidenziata nel nome, da oggi divenuto Centro Studi di Osteopatia Tradizionale,
in riferimento alla fondazione anglosassone dell'osteopatia integrata con l'apporto fondamentale della tradizione
italiana, belga e francese.
Lo scopo della scuola è quello di continuare a fornire una formazione d'eccellenza, offrendo corsi di livello elevato che
corrispondono agli standard internazionali di insegnamento osteopatico. Il conseguimento del titolo di D.O. (Diploma
di Osteopatia) è fortemente segnato dallo scambio con le realtà europee di maggiore interesse, nell'ottica di una
formazione completa nei diversi settori della materia per una professionalità pienamente competente e responsabile.
Il Centro Studi di Osteopatia Tradizionale è una scuola di osteopatia accreditata dal Registro degli Osteopati d'Italia
(ROI). Il ROI è un’associazione che svolge attività di autoregolamentazione, autodisciplina, rappresentanza, coordinamento, indirizzo e governance del sistema educativo, deontologico, culturale e professionale al quale si adeguano
volontariamente i suoi iscritti, Osteopati Diplomati presso le Scuole che aderiscono ai criteri formativi del ROI stesso.
Il C.S.O.T. è inoltre membro attivo di un network europeo di scuole di osteopatia, l'Osteopathic European Academy Network (OSEAN), che opera per l'uniformità e la qualità della didattica, la cooperazione tra le scuole europee
e la ricerca clinica in osteopatia.
OBIETTIVI DELLA FORMAZIONE
Il fine dell’insegnamento è quello di formare un professionista in osteopatia che abbia le competenze chiave che lo
guidino nella diagnosi, nella gestione e nel trattamento dei propri pazienti. Tali competenze, che saranno acquisite
attraverso il nostro programma formativo, costituiscono le fondamenta dell’approccio osteopatico e sono essenziali
per la pratica osteopatica.
L’osteopatia si basa sul contatto manuale nella fase di diagnosi e trattamento. Essa rispetta la relazione tra corpo,
mente e spirito in condizioni di salute e malattia: l’accento viene posto sull’integrità strutturale e funzionale dell’organismo e la tendenza intrinseca di quest’ultimo verso l’autoguarigione. Conoscere il rapporto tra struttura e funzione
permette di ottimizzare le capacità di autoregolazione e autoguarigione dell’organismo.
Per arrivare alla padronanza di tale approccio olistico, l’osteopata deve:
- conoscere le materie di base quali l’anatomia, fisiologia, biologia, chimica, fisica, biochimica, istologia e embriologia.
- conoscere la biomeccanica articolare, viscerale, craniale.
- possedere specifiche abilità palpatorie e sensibilità della mano.
- riconoscere, identificare e stabilire, attraverso la diagnosi manuale osteopatica, la differenza tra strutture anatomiche e processi normali e anormali nel corpo umano.
- conoscere le varie tecniche di normalizzazione dei distretti in disfunzione.
- avere una conoscenza delle malattie umane sufficiente ad ispirare il giudizio clinico, a comprendere che il problema
evidenziato potrebbe nascondere patologie sottostanti e a riconoscere disturbi inadatti al trattamento osteopatico.
- avere la capacità di relazionarsi con altri operatori in ambito sanitario.
- saper trovare, valutare e applicare alla pratica osteopatica la relativa documentazione di ricerca.
I corsi di materie di base prevedono 240 ore di 60 minuti corrispondenti a 24 CFU.
Le materie caratterizzanti prevedono studi in ambito Muscolo-Scheletrico, Viscerale, Craniale, Mio-Fasciale, Sintesi,
Integrazione e Clinica Osteopatica, Medicina Osteopatica, Deontologia e Razionale dell'OMT, per un totale di 924 ore
di 60 minuti corrispondenti a 75 CFU.
Per la Metodologia della Ricerca ed Elementi di Statistica Sanitaria e per il Progetto di Ricerca e Tesi sono previste 330
ore di 60 minuti corrispondenti a 15 CFU.
Il Tirocinio Pratico Osteopatico, a partire dal 4° anno, prevede 180 ore di 60 minuti corrispondenti a 7 CFU.
Programma 1° anno
Introduzione all’Osteopatia
Storia, filosofia, concetti osteopatici. Le tre leggi di Still, l’osteopatia in Europa e la scuola inglese, la scoperta dell’osteopatia
cranio sacrale.
Le diverse tecniche utilizzate in osteopatia applicate ai diversi modelli biomeccanico, neurologico, metabolico.
Cenni sull’origine e le ragioni della disfunzione osteopatica, definizioni.
Premesse per il razionale osteopatico.
OSTEOPATIA STRUTTURALE
Arto Inferiore: anatomia topografica, fisiologia, semeiotica palpatoria, biomeccanica, meccanismi disfunzionali, disfunzioni
osteopatiche, test e tecniche di normalizzazione, la clinica osteopatica.
Articolazione tibio-peronea-astragalica: test attivi e passivi, correzioni.
Articolazione sottoastragalica e piede: test attivi e passivi, correzioni.
Articolazione del ginocchio: test attivi e passivi, correzioni.
Articolazione dell’anca: test attivi e passivi, correzioni.
La pelvi: anatomia topografica, fisiologia, biomeccanica, semeiotica palpatoria, meccanismi disfunzionali, test e tecniche di
normalizzazione, la clinica osteopatica.
TRATTAMENTO GENERALE OSTEOPATICO (General Osteopathic Treatment)
Teoria del T.G.O., definizione, principi, storia. Test e tecniche in posizione supina, prona, decubito laterale, posizione seduta.
T.G.O. applicato alla neurofisiologia della postura.
OSTEOPATIA CRANIALE
Presentazione cranio e sviluppo generale. Embriologia delle ossa craniche. Anatomia topografica. Anatomia (Osteologia) e
fisiologia delle ossa craniche e del sacro.
I 5 Elementi del M.R.P.: Motilità del S.N.C., Fluttuazione del L.C.R., Mobilità delle Membrane a Tensione Reciproca, Mobilità
delle ossa del Cranio, Mobilità involontaria del Sacro tra le Ossa Iliache. Palpazione, punti di repere, la flessione estensione
delle ossa del cranio.
Materie Mediche
Elementi di Patologia generale
Elementi di Malattie dell’apparato cardiovascolare
Elementi di Neurologia S.R.P.
Elementi di Malattie dell’apparato respiratorio
Elementi di Radiodiagnostica: l’osso, l’età ossea, sviluppo e ossificazione. Arto inferiore e superiore.
Esami teorico-pratici da sostenere:
• Osteopatia Strutturale 1
• TGO
• Osteopatia Craniale 1
Le materie mediche prevedono un esame scritto da sostenere durante l’anno.
dicono
di noi...
Dall’incontro con la scuola è venuta fuori solo la possibilità di avere tante risposte in più, sia
nel lavoro che nella vita, quel pizzico di coraggio che mi mancava per affrontare un percorso del genere, ma soprattutto PASSIONE allo stato puro! (Cristina, studentessa 3° anno)
Programma 2° anno
OSTEOPATIA STRUTTURALE
La pelvi e il rachide: anatomia topografica, fisiologia, semeiotica palpatoria, biomeccanica, meccanismi disfunzionali, disfunzioni
osteopatiche, test e tecniche di normalizzazione, la clinica osteopatica.
Il bacino - Il rachide lombare - Il rachide dorsale e coste, tecniche strutturali e miotensive.
Arto Superiore: anatomia topografica, fisiologia, semeiotica palpatoria, biomeccanica, meccanismi disfunzionali, disfunzioni
osteopatiche, test e tecniche di normalizzazione, la clinica osteopatica.
Spalla - Gomito - Polso e Mano
OSTEOPATIA FUNZIONALE
Introduzione alla metodica Johnston: tecniche dirette e indirette. Il punto neutro locale. Basi neurofisiologiche della tecnica
funzionale: riferimento agli studi di neurofisiologia osteopatica.
Principi generali dell’approccio diagnostico: la valutazione funzionale di un sistema mobile dotato di segmenti mobili (unità funzio
nali). Il limite dei test articolari. Tre livelli di test per la valutazione dell’intero sistema, delle regioni, dei segmenti. Esercitazione
pratica per l’affinamento delle capacità percettive nei test di primo e secondo livello.
OSTEOPATIA CRANIALE
Presentazione disfunzioni cranio: flesso/estensione. Presentazione quadranti. Palpazione quadranti anteriori e posteriori in disfunzione.
Esercizi di percezione della disfunzione e palpazione. Disfunzione in Torsione e SBR. Palpazione quadranti. Esercitazioni pratiche.
Disfunzioni non fisiologiche della SSB: strain verticali sfenoide alto, sfenoide basso, strain laterali. La compressione. Nervi cranici.
Principi della diagnosi: anamnesi, osservazione e palpazione. Principi di trattamento. Obiettivi e modalità del trattamento applicati
alle disfunzioni studiate.
Tecniche di normalizzazione suturali osso temporale.
Materie Mediche
Elementi di Radiodiagnostica: rachide lombare e pelvi.
Elementi di Endocrinologia
Elementi di Immunologia
Elementi di Medicina Fisica e Riabilitativa e Apparato Locomotore
Esami teorico-pratici da sostenere:
• Osteopatia Strutturale 2 (bacino)
• Osteopatia Strutturale 3 (tratto lombare)
• Osteopatia Strutturale 6 (arto superiore)
• Osteopatia Funzionale 1
• Osteopatia Craniale 2
Le materie mediche prevedono un esame scritto da sostenere durante l’anno.
dicono
di noi...
I docenti, gli assistenti e i tutor sono vicini agli studenti. (Roberto, studente 5° anno)
Programma 3° anno
OSTEOPATIA STRUTTURALE
Anatomia topografica, fisiologia, semeiotica palpatoria, biomeccanica, meccanismi disfunzionali, disfunzioni osteopatiche,
test e tecniche di normalizzazione, la clinica osteopatica.
Il rachide lombare, il trattamento delle ernie, il rachide dorsale e coste, il rachide cervicale medio e alto con tecniche strutturali
e miotensive.
Modelli della Disfunzione Osteopatica e la diagnosi differenziale. Indicazioni e controindicazioni.
OSTEOPATIA FUNZIONALE
Analisi 1°-2°-3° livello: il rachide lombare, rachide dorsale, rachide cervicale. Approccio funzionale alla regione sacro pelvica:
i segmenti funzionali del bacino.
OSTEOPATIA CRANIALE
Principi di diagnosi osteopatica in ambito cranio-sacrale. Osservazione. Palpazione per la posizione e per il movimento.
Obiettivo del trattamento. Modalità di trattamento. Disfunzioni delle singole ossa craniche. Anatomia e fisiologia del liquido
cefalo rachideo. Definizione come tecnica liquorale e indicazioni di trattamento. Tecnica di drenaggio dei seni venosi.
Materie Mediche
Elementi di Semeiotica
Elementi di Nefrologia e Urologia
Elementi di Reumatologia
Elementi di Radiodiagnostica: il rachide toracico e cervicale.
Elementi di Neurologia S.N.V.
Esami teorico-pratici da sostenere:
• Osteopatia Strutturale 4 (tratto dorsale e torace)
• Osteopatia Strutturale 5 (tratto cervicale)
• Osteopatia Funzionale 2
• Osteopatia Craniale 3
Per le materie mediche Semeiotica, Nefrologia e Urologia, Reumatologia è previsto un esame orale. Le restanti prevedono un
esame scritto da sostenere durante l’anno.
dicono
di noi...
C.S.O.T. significa professionalità degli insegnanti, preparazione dei tutor, quantità di assistenti
durante le lezioni, umiltà e possibilità di dialogo con i docenti, qualità della struttura nella
quale si svolge il corso. (Leonardo, studente 4° anno)
Programma 4° anno
OSTEOPATIA STRUTTURALE
Anatomia topografica, fisiologia, semeiotica palpatoria, biomeccanica, meccanismi disfunzionali, disfunzioni osteopatiche,
test e tecniche di normalizzazione, la clinica osteopatica. La biomeccanica osteopatica, le cerniere del rachide: occipite atlante,
C7/T1, T12/L1, 11° e 12° costa, L5/ S1. Le tecniche di energia muscolare o miotensive applicate alle estremità.
OSTEOPATIA FUNZIONALE
Il rachide toracico e la gabbia toracica, la regione cervicale, la regione sacro pelvica. L’arto inferiore e l’arto superiore.
OSTEOPATIA CRANIALE
Principi di diagnosi osteopatica in ambito cranio-sacrale. Anatomia e fisiologia del liquido cefalo rachideo.
Osteopatia in ambito oftalmologico. Osteopatia in ambito otorinolaringoiatrico.
OSTEOPATIA VISCERALE
Introduzione all’osteopatia viscerale, test di mobilità e motilità, test di ascolto generale, test di ascolto locale, test di ascolto
da supino, test di inibizione, tecniche di normalizzazione.
Apparato digerente. Esofago, stomaco. Fegato e colecisti. Duodeno, pancreas, intestino tenue, colon, diaframma addominale
e pelvico. Clinica osteopatica viscerale.
METODOLOGIA DELLA RICERCA
Ricerca in ambito osteopatico: necessità scientifiche e sociali. Epistemologia della ricerca.
Modelli di ricerca in ambito osteopatico. Ricerca della letteratura.
MEDICINA OSTEOPATICA E RAZIONALE OSTEOPATICO
La facilitazione spinale. Il modello nocicettivo. Il riflesso del ganglio dorsale.
L’attività serotoninergica quale funzione anti-infiammatoria nell’approccio manipolativo.
Sensibilizzazione, Abitudine, Memoria.
SINTESI ED INTEGRAZIONE OSTEOPATICA
Giornate di pre-clinica e tirocinio clinico guidato con tutor.
Materie Mediche
Elementi di Otorinolaringoiatria
Elementi di Gastroenterologia
Elementi di Malattie apparato visivo
Elementi di Radiodiagnostica: apparato digerente, apparato uro-genitale, gabbia toracica.
Esami teorico-pratici da sostenere:
• Osteopatia Strutturale 7 (cerniere)
• Osteopatia Funzionale 3
• Osteopatia Craniale 4.1
• Osteopatia Viscerale 1 (apparato digerente)
Le materie mediche prevedono un esame scritto da sostenere durante l’anno.
dicono
di noi...
Mi sento guidata e tutelata in questo percorso, perché i docenti amano quello che fanno e
amano insegnarlo, sono un libro aperto, mai gelosi o restii a donare la loro esperienza!
Perché, nonostante la bravura e i riconoscimenti, si respira tanta aria di umiltà...
(Elisa, studentessa 3° anno)
Programma 5° anno
OSTEOPATIA STRUTTURALE
I Pivot. La clinica osteopatica e le basi fisiologiche della postura, lotta antigravitazionale, esame clinico posturale, test clinici,
diagnostica clinica e terapia applicate. Normalizzazioni posturali.
OSTEOPATIA FASCIALE
Il sistema fasciale e principi osteopatici delle tecniche fasciali. Embriologia e neurofisiologia, struttura e funzione. Test e tecniche
di normalizzazione dell’arto inferiore, dell’arto superiore, bacino-rachide-coste. Sintesi osteopatica. Test e trattamento vertebre
dorsali, cervicali/cranio.
OSTEOPATIA CRANIALE
Metodologia diagnostica CRS. Principi di diagnosi osteopatica in ambito cranio-sacrale. Obiettivo e modalità di trattamento.
Valutazione funzionale dell’A.T.M., muscoli e legamenti, test e tecniche di normalizzazione. Disfunzioni intraossee: Occipite Sfenoide - Temporale - Mascellare - Sacro.
OSTEOPATIA VISCERALE
Anatomia descrittiva e topografica, fisiologia, biomeccanica. Palpazione, reperimento organi, particolarità osteopatiche, test di
mobilità, motilità e tecniche di normalizzazione.
Rene e ureteri, apparato genitale femminile e maschile, apparato cardio-respiratorio.
MEDICINA OSTEOPATICA, RAZIONALE E DEONTOLOGIA PROFESSIONALE
I principi della deontologia.
Il modello Cannabinoide. Modello in vitro. La Tensegrità. Il riflesso Viscero-Somatico.
METODOLOGIA DELLA RICERCA
Modelli di ricerca in ambito osteopatico. Ricerca qualitativa, storica, case-report, studio caso-controllo, studi di coorte, RCT,
rewiews, meta-analisi, outcome research.
SINTESI ED INTEGRAZIONE OSTEOPATICA
Giornate di pre-clinica e tirocinio clinico guidato con tutor.
Materie Mediche
Elementi di Pediatria generale e specialistica
Elementi di Radiodiagnostica: cranio, massiccio facciale, denti, A.T.M. Neuroradiologia (encefalo e midollo).
Elementi di Ginecologia ed Ostetricia
Elementi di Psicologia
Elementi di Psicologia clinica
Neurofisiologia apparato podalico vestibolare oculomotore
Esami teorico-pratici da sostenere:
• Osteopatia Fasciale
• Osteopatia Craniale 4.2
• Osteopatia Viscerale 2 (apparato cardio-polmonare)
• Osteopatia Viscerale 3 (apparato urogenitale)
È inoltre previsto, previo superamento degli esami di 5° anno, un esame globale sull’intero quinquennio.
Le materie mediche prevedono un esame scritto da sostenere durante l’anno.
dicono
di noi...
I punti di forza della scuola? Competenza, disponibilità, comprensione e umanità! (Simona,
studentessa 6° anno)
Programma 6° anno
OSTEOPATIA VISCERALE
Fascial-Motion UltraSonographic Anatomic Evaluation - approccio viscerale secondo le ultime ricerche in campo bio-medico,
ecografie dal vivo con le evidenze sui movimenti degli organi e i possibili diversi metodi di armonizzazione delle disfunzioni.
Osteopatia e gravidanza - La gravidanza e il feto. L’esame osteopatico e l’esame palpatorio. L’approccio clinico durante le varie
fasi della gravidanza nella donna e per il feto. La preparazione al parto, conseguenze e incidenze: l’approccio osteopatico.
SINTESI ED INTEGRAZIONE OSTEOPATICA
Sintesi ed integrazione osteopatica, approccio al paziente nella sfera della clinica osteopatica in ambito viscerale, metabolico,
neurologico e strutturale. Anamnesi, piani di trattamento delle sedute, metodologia osteopatica, aspetti relazionali del trattamento. I traumi, il trattamento dello sportivo, sintomi, quadro clinico, segni clinici e palpatori, i disturbi associati. Integrazione
osteopatica nel campo ortodontico. Osteopatia e pediatria. Il dolore viscerale, somatico e semeiotica del dolore. L’approccio
osteopatico al dolore.
DEONTOLOGIA PROFESSIONALE
Principi del codice deontologico. Il senso di responsabilità, nell’ambito delle capacità e competenze. L’intervento in modo
corretto, autonomo ed appropriato.
METODOLOGIA DELLA RICERCA
Strutturazione della Tesi per il conseguimento del D.O. Presentazione e discussione critica in aula dei progetti di tesi degli
studenti.
Materie Mediche
Elementi di Ortodonzia e Gnatologia
Elementi di Farmacologia
Esami teorico-pratici da sostenere:
• Esame interno di 6° anno con commissione interna
• Esame D.O. con commissione esterna
Le materie mediche prevedono un esame scritto da sostenere durante l’anno.
dicono
di noi...
Ho trovato nella scuola competenza, professionalità, eccellenze e semplicità delle
persone che ci lavorano. (Mauro, studente 4° anno)
Direzione e Responsabili Dipartimenti
Giacomo Lo Voi - D.O. MROI
Responsabile Dipartimento Osteopatia Strutturale
Fabrizio Antonilli - D.O. MROI
Vito Adragna - D.O. MROI
Isabella Baccarini - D.O. MROI
Riccardo Desideri - D.O. MROI
Renzo Molinari - D.O. GOsC
Valerio Zucconi - D.O. MROI
Franck Guillon-Xénard - M.D.
Direttore Didattico
Responsabile Dipartimento Osteopatia Strutturale
Responsabile Dipartimento Ricerca
Responsabile Dipartimento Ricerca
Responsabile Dipartimento Osteopatia Craniale
Responsabile Dipartimento Osteopatia Viscerale
Responsabile Corsi Postgraduate
Responsabile Dipartimento Osteopatia Funzionale
Responsabile Materie Mediche
Docenti
Vito Adragna - D.O. MROI
Docente di Metodologia della Ricerca
Fabrizio Antonilli - D.O. MROI
DocentediOsteopatiaStrutturale
Isabella Baccarini - D.O. MROI
Docente di Osteopatia Craniale
Davide Bongiorno - D.O. MROI - M.D. spec. in Chirurgia Generale
Relatore e titolare in workshop in congressi internazionali di medicina
osteopatica per l’uso dell’indagine ecografica nella validazione scientifica
e clinica (Fascial-motion UltraSonographic Anatomic Evaluation - F.U.S.A.E.™)
Docente di Osteopatia Viscerale
Marjorie Boussemart - D.O. GOsC (GB) MROI
Docente di Osteopatia Strutturale - TGO
Alain Ceccaldi - D.O. (Francia)
Coautore dei libri I pivot osteopatici e
L'homme debout, au repos et en déplacement
Docente di Osteopatia Strutturale- Pivot - Linee
di Forza
Bernard Choux - D.O. MROF (Francia)
DocentediOsteopatiaStrutturale-Neurovegetativo
Riccardo Desideri - D.O. MROI
Docente di Osteopatia Viscerale
Francesca Faliva - D.O. MROI
Docente di Osteopatia Craniale
Jean François Favre - D.O. Dott. Es-Scienze (Francia)
Coautore dei libri I pivot osteopatici e
L'homme debout, au repos et en déplacement
Docente di Osteopatia Strutturale - Pivot - Linee
di Forza
Federica Ferraro - D.O. MROI
Docente di Osteopatia Strutturale e Craniale
Marie-Odile Fessenmeyer - D.O. MROF (Francia)
Autrice del libro L’osso, un elemento di diagnosi
Docente di Osteopatia Pediatrica
Giampiero Fusco - D.O. MROI
Docente di Fisiopatologia osteopatica
Maria Paola Gennamari - D.O. MROI
M.D. spec. in Ginecologia e Ostetricia
Docente di Ginecologia e Ostetricia
Franck Guillon-Xénard - M.D.
Docente delle materie mediche
Alain Jourcin - D.O. MROF
Esperto in osteopatia veterinaria
Docente di Osteopatia Fasciale
Philippe Lambert - D.O. (Belgio)
Allievo del Dott. L. H. Jones
Docente di Osteopatia Funzionale
Concetta Ljoka - M.D. spec. in Medicina Fisica e Riabilitativa
Docente di Medicina Fisica e Riabilitativa
Giacomo Lo Voi - D.O. MROI
Docente di Osteopatia Strutturale
Luciano Maresca - M.D. spec. in Radiodiagnostica
Docente di Radiodiagnostica
Annalisa Meli - M.D. spec. in Otorinolaringoiatria
Docente di Otorinolaringoiatria
Renzo Molinari - D.O. GOsC (UK)
Professore associato di Osteopatia presso la European School of
Osteopathy (ESO), fondatore dell’OSEAN (Osteopathic European
Academic Network), Coordinatore europeo della American Academy of Osteopathy, Consulente dell’Università del Galles.
Docente di Osteopatia Ostetrica
Ennio Ori - D.O. MROI
Autore del libro Tecniche funzionali in osteopatia
Docente di Osteopatia Funzionale
Jonathan Parsons - D.O. MSc PGCE GOsC (UK)
Coautore del libro Osteopatia. Modelli di diagnosi,
trattamento e pratica
Sergio Perrone - Odontoiatra
Docente di Osteopatia Strutturale
Vincenzo Pipitone - M.D. spec. in Radiodiagnostica
Docente di Radiodiagnostica
Carmelo Provazza - D.O. MROI
Docente di Osteopatia Craniale
Francesca Rossi - Farmacista
Docente di Farmacologia
Maria Concetta Ruffini - Psicologa
Docente di Psicologia
Raffaele Santoro - M.D. spec. in Oftalmologia
Docente di Oftalmologia
Paola Sciomachen - D.O. MROI
Docente di Osteopatia Craniale
Marco Tomassini - M.D. spec. in Radiodiagnostica
Docente di Radiodiagnostica
Valerio Zucconi - D.O. MROI
Docente di Osteopatia Funzionale
Docente di Odontoiatria
Assistenti e Tutor
Vito Adragna - D.O. MROI
Alessia Beltramme - D.O. MROI
Ignazio Bernasconi - D.O. MROI
Bruno Maria Camerani - D.O. MROI
Mario Cerqua - D.O. MROI
Manlio Cicoira - D.O. MROI
Giacoma Maria Di Miceli - D.O. MROI
Andrea Di Salvatore - D.O. MROI
Franco Favaro - D.O. MROI
Cristina Feliziani - D.O. MROI
Luca Franchi - D.O. MROI
Maria Paola Gennamari - D.O. MROI
Giulia Giannotti - D.O. MROI
Massimo Moretti - D.O. MROI
Riccardo Orlandi - D.O. MROI
Mario Palmeroni - D.O. MROI
Marco Paternesi - D.O. MROI
Antonio Pellegrino - D.O. MROI
Tiziana Ridolfi - D.O. MROI
Federica Sozio - D.O. MROI
Valeria Tontini - D.O. MROI
Marco Vitturini - D.O. MROI
Legenda
D.O. - Diploma in Osteopatia
M.D. - Dottore in Medicina
MROI - membro Registro Osteopati d'Italia
MROF - membro Registro Osteopati di Francia
GOsC - General Osteopathic Council
Assistente Didattica Osteopatica
Assistente Didattica Osteopatica
Assistente Didattica Osteopatica
Assistente Didattica Osteopatica
Assistente Didattica Osteopatica
Assistente Didattica Osteopatica
Assistente Didattica Osteopatica
Assistente Didattica Osteopatica
Assistente Didattica Osteopatica
Assistente Didattica Osteopatica
Assistente Didattica Osteopatica
Assistente Didattica Osteopatica
Responsabile tirocinio clinico
Assistente Didattica Osteopatica
Assistente Didattica Osteopatica
Assistente Didattica Osteopatica
Assistente Didattica Osteopatica
Assistente Didattica Osteopatica
Assistente Didattica Osteopatica
Assistente Didattica Osteopatica
Assistente Didattica Osteopatica
Assistente Didattica Osteopatica
Assistente Didattica Osteopatica
Tutor tirocinio clinico
Tutor tirocinio clinico
Tutor tirocinio clinico
Tutor tirocinio clinico
Tutor tirocinio clinico
Tutor tirocinio clinico
Tutor tirocinio clinico
Tutor tirocinio clinico
Tutor tirocinio clinico
Tutor tirocinio clinico
Tutor tirocinio clinico
Tutor tirocinio clinico
Tutor tirocinio clinico
Tutor tirocinio clinico
Tutor tirocinio clinico
Tutor tirocinio clinico
Tutor tirocinio clinico
Tutor tirocinio clinico
Tutor tirocinio clinico
Tutor tirocinio clinico
Perché formarsi al C.S.O.T.
Assistenza e
Tutoraggio capillari
Tirocinio clinico
pratico guidato
Formazione continua
docenti e assistenti
Docenti nazionali
e internazionali
Corso a
numero chiuso
Ricerca
Osteopatica
Ambiente
stimolante
Corsi
ECMinterni
Possibilità
di stage all’estero
Anno scolastico 2014/2015
Date dei seminari
Da mercoledì 12/11/14 a domenica 16/11/14
Da mercoledì 14/01/15 a domenica 18/01/15
Da mercoledì 11/02/15 a domenica 15/02/15
Da mercoledì 18/03/15 a domenica 22/03/15
Da mercoledì 06/05/15 a domenica 10/05/15
Da mercoledì 03/06/15 a domenica 07/06/15
La Scuola, in caso di necessità, si riserva la possibilità di apportare modifiche alle date sopraindicate.
Orari dei corsi
9.00-13.00 e 14.00-18.30
La scuola è a numero chiuso: max 28 studenti
Costo della formazione
La quota per l’iscrizione al 1° anno è di € 2.900,00* + IVA, così suddivisa:
- € 238,00 all'iscrizione
- € 550,00 da versare mensilmente a partire da novembre per un totale di sei rate (dicembre escluso)
La quota annuale si intende comunque dovuta interamente anche in caso di assenza.
Quote per gli anni successivi
2° e 3° anno: € 2.900,00 + IVA
4° e 5° anno: € 2.800,00 + IVA
6° anno: € 2.600,00 + IVA
*Le quote di iscrizione comprendono sempre polizza assicurativa, esami di fine anno, tirocinio, esame D.O.
e tesi. Restano esclusi dalla quota eventuali esami di seconda sessione.
Sedi dei corsi
c/o Centro Congressi gli Archi
Largo Santa Lucia Filippini, 20 - Roma
Via delle Fornaci, 161 - Roma
Piazza dell'Enciclopedia Italiana, 50 - Roma
Il C.S.O.T. è una scuola a tempo parziale che aderisce ai criteri formativi del ROI.
Requisiti di ammissione:
- laurea in fisioterapia o titolo equipollente in possesso di diploma di scuola media superiore
- laurea triennale di primo livello in scienze motorie o diploma ISEF
- laurea triennale di primo livello nelle professioni sanitarie, rilasciata dalla facoltà di medicina e chirurgia, e riabilitative: scuole statali e regionali (terapisti della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva e terapisti occupazionali) o titolo
equipollente conseguito con la normativa precedente (corsi biennali di formazione specifica, ex legge 86/42 di terapista della riabilitazione e successive modifiche)
- laurea magistrale di secondo livello nelle professioni di ruolo sanitario (medicina e chirurgia e odontoiatria) o superamento completo dei curricula didattici del 5° anno del corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia, salvo l’obbligo
di conseguire la laurea come prerequisito necessario all’iscrizione alla prova finale per il conseguimento del D.O.
Modalità di iscrizione
È possibile iscriversi attraverso il sito www.csot.it.
Assicurazione
Il C.S.O.T. include nella propria retta annuale una polizza assicurativa RCT, che cautela ciascuno studente esclusivamente durante lo svolgimento dell’attività didattica con esercitazioni osteopatiche pratiche sia in ambito scolastico
(sui propri compagni e/o insegnanti durante i corsi) che extrascolastico.
Quest’ultimo ambito comprende tirocini ed esercitazioni e/o prestazioni (nell’ambito delle tecniche osteopatiche
apprese) non remunerati, ma comunque assoggettati a fatturazione come gratuiti (con finalità di formazione e orientamento professionale), esperiti c/o ospedali, cliniche, ASL e simili strutture esterne ed estranee alla scuola stessa.
È comunque consigliabile che ogni studente si cauteli individualmente con un’assicurazione RCT per la pratica professionale dell'osteopatia anche in virtù dell’obbligatorietà che sarà introdotta dalla riforma delle professioni (Dpr
137/2012). Agli allievi interessati il C.S.O.T. suggerisce una polizza, proposta dalla AXA Assicurazioni, che evidenzia in
particolar modo la copertura nell'esercizio dell'attività professionale di osteopata.
Agenzia ZANAFREDI S.r.l.
Ref. Dott.ssa Marta Romersa
Tel. 0375 - 42249 Fax: 0375 - 200116
E-mail: [email protected]
Direttore Didattico:
Giacomo Lo Voi D.O.
[email protected]
Responsabile segreteria:
Dott.ssa Emanuela Dell’Isola
[email protected]
Dipartimento Ricerca:
[email protected]
Assistenti:
[email protected]
Sede Segreteria:
Piazza dell’Enciclopedia Italiana, 50
00186 Roma
tel. 06.68809385 fax 06.68211182 cell. 338.1230097
Sito web: www.csot.it
E-mail: [email protected]
Sede legale:
Piazza dell'Enciclopedia Italiana, 50
00186 Roma
C.F./P.I. 10475671003
Segreteria: Piazza dell’Enciclopedia Italiana, 50 - 00186 Roma Tel. 06 68809385
Fax 06 68211182 www.csot.it - [email protected] - [email protected]
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
2 981 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content