close

Enter

Log in using OpenID

Attività

embedDownload
Attività
Information is provided on onomastics courses held in University faculties; national and
international research projects; studies being prepared by single researchers; associations’
and institutes’ activities; essays and proceedings of conferences and congresses now in press.
Ricerca europea sulle tipologie cognominali.
Pierre Darlu (Paris) e Pascal Chareille
(Tours) hanno realizzato nel 2012 un’indagine sul repertorio dei cognomi francesi per
determinare la quantità e la diffusione territoriale delle principali tipologie motivazionali che sono alla base dei moderni nomi di
famiglia: da nomi personali (patronimici,
matronimici, avonimici), da toponimi ed etnici (provenienza, residenza, ecc.), da soprannomi e da mestieri e altre occupazioni.
Tra i dati più significativi emersi, la distribuzione dei quattro grandi gruppi presenta i
massimi livelli nella Francia sud-orientale e
in Corsica per i cognomi derivanti da nomi
personali; nel Sud-Ovest del Paese per quanto concerne i detoponimici: nel Nord-Est
per i cognomi che continuano denominazioni di mestiere; e in Bretagna e nel NordOvest della Francia, infine, per i nomi di famiglia originatisi da soprannomi.
I due studiosi hanno avviato un progetto
informale europeo, coinvolgendo alcuni colleghi per analizzare in modo analogo i repertori cognominali di altre nazioni. Hanno accolto l’invito Pablo Mateos per i cognomi del
Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del
Nord, Kathrin Dräger la Germania, Roberto
Rodríguez e Franz Manni per la Spagna, Jean
Germain per il Belgio, Gerrit Bloothooft per
i Paesi Bassi e Claire Muller per il Lussemburgo. Il repertorio è costituito dai 100 cognomi
più frequenti per ciascuna delle unità amministrative prescelte come area adeguata al
progetto. Nella classificazione, si tiene conto
– possibilmente in ordine di importanza –
delle motivazioni differenti e dunque delle ti-
pologie molteplici nelle quali un cognome
può essere inscritto.
Il progetto, la cui lingua ufficiale di lavoro è l’inglese e il titolo generale “Surname typology”, sarà presentato da Pascal Chareille e
Pierre Darlu (co-autori Gerrit Bloothooft,
Kathrin Dräger, Jean Germain, Antonella
Lisa, Claire Muller, Roberto Rodríguez) al
XXV Congresso internazionale di Scienze onomastiche di Glasgow nell’agosto 2014. Se
ne riporta qui l’abstract: «An European project on the typology of surname has been recently launched to describe their geographical distribution in France, Spain, German,
Belgium, The Netherland, Luxembourg. It
turns out that this distribution displays
strong patterns both within and between
countries. One assumes that these patterns
can be explained by factors acting on the
naming system established around the XIII
century, among them linguistic diversity,
political and religious influences, social
structure and relationships between segments of the society... All these factors can be
influential on the process of naming. So one
can hopefully extract historical information
by studying the distribution of the various
categories of surnames, at different geographic scale, and clarify how the process of
naming has been diversely introduced in Europe. The sampling of names is done by collecting the 100 more frequent surnames in
each administrative area (NUTS3 of the European nomenclature of territorial units for
statistics). Each name is classified into elementary categories, i.e. Baptismal, Occupational, Title or Dignity, Nickname, Geographical, Topological or Ethnic names;
some could belong to several categories.
329
RION, XX (2014), 1
Rivista Italiana di Onomastica
Synthetic results will be presented at the European scale, while each participant will be
free to present his own results concerning
their data set».
I risultati del progetto europeo saranno inoltre resi noti con varie formule d’analisi sia
sul piano comparativo internazionale, sia in
prospettiva nazionale da parte dei ricercatori
coinvolti.
’ Prof. Pascal Chareille, MCF, UMR7323
Centre d’Études Supérieures de la Renaissance, CMNRS-Université de Tours, 59 rue
Néricault-Destouches, BP 11328, F-37013
Tours Cedex 1 – E-mail: pascal.chareille@
univ-tours.fr.
’ Prof. Pierre Darlu, DR, UMR7206 Ecoanthropologie et ethnobiologie, MNHNCNRS-Université Denis Diderot, 5 rue Thomas Mann, F-75013 Paris – E-mail: darlu@
mnhn.fr.
“Antroponimia plurilingue”: progetto ad Aosta.
“Antroponimia plurilingue: storia della lingua e storia delle identità attraverso i dati dell’ASAVdA-Archivio Storico dell’Antroponimia Valdostana” è un programma di ricerca
condotto da Gianmario Raimondi (Università della Valle d’Aosta); vi partecipano altri
studiosi dell’ateneo valdostano (Luisa Revelli, linguistica italiana; Laura Balbiani, germanistica; Giuseppe Landolfi Petrone, filosofia
del linguaggio) e di altre università (Torino:
Tullio Telmon, Sabina Canobbio, Alessandro Vitale Brovarone; Genova: Rita Caprini), in collaborazione con rappresentanti delle istituzioni regionali (Bureau Régional pour
l’Ethnologie et la Linguistique e Archivio
Storico Regionale) e con il contributo della
Banca di Credito Cooperativo Valdostano.
Il programma, che si concluderà nel giugno 2015, prevede l’ampliamento della base
dati (attualmente incentrata soprattutto su
due grandi blocchi di dati riferiti a docu-
RION, XX (2014), 1
mentazione del XIV e del XVIII secolo) in
direzione delle anagrafi parrocchiali del Cinquecento e del Seicento e delle anagrafi postunitarie, in modo da ottenere un profilo cronologico completo del tesoro antroponimico della regione, ivi compreso il contributo
che l’immigrazione interna ottocentesca e
novecentesca, dal Piemonte prima e poi dalle altre regioni d’Italia, ha portato in termini
di varietà del sistema. Esso si concretizzerà
nella pubblicazione di un Dizionario storicoetimologico dell’antroponimia valdostana, che
ordinerà la documentazione dell’archivio in
un repertorio commentato (con grafici e cartogrammi relativi alla distribuzione nel tempo e nello spazio regionale, nonché di schede
etimologiche) dei nomi personali (nomi di
battesimo) e dei nomi di famiglia (cognomi)
valdostani dal Trecento ad oggi. Una giornata seminariale sul progetto è prevista ad Aosta nel secondo semestre 2014.
Gianmario Raimondi ha presentato il
progetto, insieme ad un’ampia analisi degli
antroponimi valdostani in diacronia, nel suo
volume I nomi di persona nella Valle d’Aosta
fra XIV e XVIII secolo. Interferenze linguistiche, interferenze culturali (vedi qui alle pp.
242-45); dell’argomento si era già occupato in numerosi studi, tra i quali Tracce francoprovenzali nell’antroponimia valdostana a
cavallo dei secoli XV e XVI, in Aa.Vv., Diglossie et interférences linguistiques: néologismes,
emprunts, calques. Actes de la Conférence annuelle sur l’activité du Centre d’Études
Francoprovençales (Saint-Nicolas, 27-28
dicembre 2005), Aosta-Aoste, Région Autonome de la Vallée d’Aoste 2006; ASAVdAArchivio Storico Antroponimico della Valle
d’Aosta, in GIANMARIO RAIMONDI / LUISA
REVELLI (a cura di), La dialectologie aujourdh’hui. Atti del Convegno internazionale “Dove va la dialettologia?” (Saint-Vincent/Aosta/Cogne, 21-24 settembre 2006),
Alessandria, Edizioni dell’Orso 2007, pp.
229-36; Antroponimia familiare in un quadro diglottico: il caso della Valle d’Aosta, in
MARIA ILIESCU / HEIDI SILLER-RUNGGALDIER
330
Attività
/ PAUL DANLER (a cura di), Actes du XXVe
Congrès International de Linguistique et de
Philologie Romanes (Innsbruck 2007), Berlin/New York, De Gruyter 2010, III, pp.
375-84.
’ Prof. Gianmario Raimondi, Università della Valle d’Aosta, Dipartimento di
Scienze umane e sociali, strada Cappuccini
2/A, I-11100 Aosta – T. 0165.306719 – Fax
0165.306749 – E-mail: [email protected]
it – Web: www.univda.it/raimondigianmario.
Toponimi valdostani: una ricerca sulle pronunce variabili.
Luisa Revelli (Università della Valle d’Aosta)
ha completato una ricerca dedicata alla toponomastica valdostana, incentrata sulla variazione nella pronuncia delle denominazioni
comunali (di matrice francofona, ma con forti interferenze da un lato storicamente determinate dal sostrato francoprovenzale, d’altro
lato dall’italofonia ormai capillare nella regione). L’indagine ha contemplato un’inchiesta sul territorio, condotta sul campo da
Hélène Champvillair tra l’ottobre 2012 e il
marzo 2013; sono stati coinvolti 135 parlanti, omogeneamente suddivisi per genere, ripartiti in tre macroclassi di età e provenienti
da diverse aree della regione (il 70% degli intervistati ha dichiarato di utilizzare nel contesto familiare l’italiano, il 30% il francoprovenzale da solo (9%), in alternanza con l’italiano o in combinazione con altri codici).
L’obiettivo era, da un lato, censire e analizzare linguisticamente le forme della polimorfia delle pronunce di un numero selezionato di toponimi; d’altro lato, di verificare
sotto un profilo sociolinguistico e percezionale gli atteggiamenti della popolazione, endogena e no, nei confronti della variazione e
della sovrabbondanza di varianti concorrenti, le attribuzioni di stigma e prestigio eventualmente assegnate ad alcune specifiche soluzioni, le motivazioni sottostanti gli asserti
di principio e la loro coerenza con i comportamenti reali e, in conclusione, le correlazioni rilevabili tra la (percezione della) toponomastica e le rappresentazioni identitarie o
anche particolaristiche.
I principali esiti del lavoro di censimento
linguistico sono stati presentati nel luglio
2013 al Congresso internazionale di Linguistica e Filologia Romanza (CILPR) di Nancy,
mentre gli aspetti più specificamente socio- e
psicolinguistici sono stati oggetto di un contributo pubblicato, in due parti, nella rivista
«ESP – Éducation et societés plurilingues»
(numeri di dicembre 2013 e di giugno 2014).
Tra i risultati della parte dell’inchiesta basata sull’elicitazione delle pronunce, i tratti
rilevanti sono costituiti dalla posizione dell’accento tonico in toponimi bisillabi, dal
trattamento del digramma qu, dalla pronuncia della -d, della -z e della -e finali. Lo studio
si sofferma inoltre sulla lealtà linguistica e
l’appartenenza culturale; lo iato tra fedeltà al
territorio e spontaneità della produzione linguistica, infatti, provoca in alcuni intervistati
un senso di inadeguatezza che si concretizza
nell’uso frequente di enunciazioni ottative ed
espressione formulate attraverso verbi di
tempo condizionale. Peraltro, l’assenza di regolarità nelle pronunce viene da molti ricondotta alla mancanza di canoni fonologici e di
modelli normativi di sicuro riferimento; anche chi si dichara più contrariato dalle oscillazioni manifesta poi dubbi e incertezze nell’orientarsi tra le varie soluzioni disponibili; alcuni giungono addirittura ad auspicare una
codificazione imposta centralmente. Ma se i
più danno per scontato che un modello prescrittivo dovrebbe fare riferimento al francese, altri guardano invece ai canoni del francoprovenzale, mentre rarissime sono le voci inclini a un adattamento verso l’italiano.
’ Prof. Luisa Revelli, Università della
Valle d’Aosta, Dipartimento di Scienze umane e sociali, strada Cappuccini 2/A,
I-11100 Aosta – T. e fax 0165.306719 –
E-mail: [email protected] – Web: www.
univda.it/revelliluisa.
331
RION, XX (2014), 1
Rivista Italiana di Onomastica
L’onomastica nella didattica universitaria.
In vari atenei italiani l’onomastica figura nei
programmi di corsi e seminari, sia pure insieme ad altri temi. Presso il Dipartimento di
Culture europee e del Mediterraneo: Architettura, Ambiente, Patrimoni Culturali (DICEM)
dell’Università degli Studi della Basilicata, l’insegnamento “Lingua e cultura” per il corso di
studio “Operatore di beni culturali” (a.a.
2013-2014) comprende una sezione di linguistica generale e una presentazione dei principali temi della ricerca in campo onomastico:
nomi di luogo, nomi di persona, importanza
della scienza onomastica nella ricostruzione
storico.-culturale. Le ore di laboratorio sono
dedicate all’analisi della toponimia della città
di Matera. La docente è Monica Dell’Aglio.
Fra i testi di riferimento: ITALO MORETTI (a
cura di), Toponomastica e beni culturali. Problemi e prospettive (Firenze, Polistampa 2006).
Presso l’Università degli Studi di Milano,
uno dei laboratori specifici delle lauree magistrali nell’àmbito delle Scienze umanistiche
(a.a. 2013-2014) è dedicato all’etimologia,
dall’antichità classica all’Umanesimo all’avvento della moderna scienza etimologica
con le sue ramificazioni che comprendono
l’antroponomastica e la toponomastica. Il
docente è Dario Mantovani.
Il Dipartimento di Scienze umanistiche,
sociali e della formazione dell’Università degli Studi del Molise ha offerto (a.a. 20122013) per i corsi di laurea magistrali l’insegnamento di Epigrafia greca e romana (docente Cecilia Ricci) con l’onomastica fra i temi principali. Anche nel corso di Epigrafia
cristiana presso la Facoltà di Storia e Beni
Culturali della Chiesa della Pontificia Università Gregoriana (a.a. 2013-2014), il programma ha previsto una sezione dedicata all’onomastica; docente: Ottavio Bucarelli.
Nel corso del 2013 il Dipartimento di
Scienze umanistiche dell’Università degli Studi di Catania ha avviato il primo seminario di
formazione “La Sicilia linguistica e letteraria.
RION, XX (2014), 1
Percorsi didattici”, riservato ai docenti sulla
lingua e cultura siciliana che intendano insegnare la materia a scuola, con la sponsorizzazione inoltre della Fondazione Verga (che ha ospitato gli incontri), del Centro studi filologici
e linguistici siciliani e dell’Opera del Vocabolario siciliano. Coordinatori: Salvatore Trovato e
Iride Valenti. Nelle 120 ore del corso (50 di didattica fronte e 70 di laboratori e studio personale), uno dei nuclei tematici ha riguardato
l’onomastica. Nell’a.a. 2013-2014 l’insegnamento di Glottologia tenuto da Salvatore Trovato presso lo stesso Dipartimento ha compreso lo studio dell’onomastica dei luoghi per le
attività di laboratorio (“La toponomastica della Sicilia, tra tipologia ed etimologia”).
’ Prof. Monica Dell’Aglio, Università
degli Studi della Basilicata, Dipartimento di
Culture europee e del Mediterraneo, Campus di Macchia Romana, viale dell’Ateneo
Lucano 10, I-85100 Potenza – T. 340.
6929769 – E-mail: monica.dellaglio@
unibas.it – Web: http://dicem.unibas.it.
’ Dr. Dario Mantovani, Università degli
Studi di Milano, Dipartimento di Filologia
moderna, via Festa del Perdono 7, I-20122
Milano – T. 02.50312811 – Fax 02.50312955
– E-mail: [email protected] – Web:
http://users2.unimi.it/cdl-lettere/wp-content/
uploads/Guida.Laboratori.2013.14.pdf.
’ Prof. Cecilia Ricci, Università degli
Studi del Molise, Dipartimento di Scienze
umanistiche, sociali e della formazione, II
Edificio Polifunzionale, via De Sanctis,
I-86100 Campobasso – T. 0874.404363 –
Fax 0874.94442 – E-mail: [email protected] – Web: www.unimol.it/unimolise/.
’ Prof. Ottavio Bucarelli, Pontificia Università Gregoriana (PUG), Facoltà di Storia
e Beni Culturali della Chiesa, Dipartimento
di Beni culturali della Chiesa, p.zza della Pilotta 4, I-00187 Roma – T. 06.67015195 –
Fax 06.67015419 – E-mail: ngoncalves@
unigre.it – Web: www.unigre.academia.
edu/OttavioBucarelli.
’ Prof. Salvatore Trovato, Dr. Iride Valenti, Università degli Studi di Catania, Di-
332
Attività
partimento di Scienze umanistiche, p.zza
Fante 32, I-95124 Catania – T. 095.
7102281-393 – Fax 095.7102710 – E-mail:
[email protected]; [email protected] –
Web: www-disum.unict.it/.
Nuovo concorso di toponomastica
femminile.
Anche per l’anno scolastico 2013-14 il gruppo “Toponomastica femminile e la FNISM (Federazione nazionale degli insegnanti) hanno
indetto il concorso “sulle vie della parità”, finalizzato a riscoprire e valorizzare il contributo offerto dalle donne alla costruzione della
società e imperniato su attività di ricerca-azione per descrivere itinerari di genere femminile in grado di riportare alla luce le tracce della
presenze delle donne nella storia e nella cultura del Paese. La proposta progettuale, destinata alle scuole del Lazio, si innesta su un lavoro
più ampio che i gruppi concorrenti potranno
condurre attraverso la ricerca storica, individuando donne che si siano distinte per le loro
azioni, l’attività letteraria, artistica e scientifica, per l’impegno umanitario e sociale – comprese quelle che nell’ambito di una comunità
abbiano consentito la nascita di una diversa e
migliore qualità della vita (benefattrici, fondatrici di asili, scuole, ospizi; ostetriche; prime
laureate, ecc.), o per altri meriti che gli/le studenti riterranno significativi nel territorio di
riferimento; a livello geografico e urbanistico,
a partire dall’osservazione della regione, della
città, del quartiere e delle sue strade, dalla ricostruzione e dallo studio delle dinamiche del
loro sviluppo; riflettendo sulle ragioni delle
intitolazioni presenti e su quelle di tante esclusioni e assenze femminili.
Gli studenti impegnati nel lavoro di ricerca-studio sono stimolati a sviluppare il proprio lavoro in modo autonomo e responsabile, collaborando e partecipando alla vita sociale nel rispetto dei valori dell’inclusione e
dell’integrazione. La conoscenza delle intito-
lazioni (in particolare quelle stradali) e la riflessione sulle molte assenze femminili permetterà di sviluppare forme di cittadinanza
attiva, stimolando la partecipazione alle scelte di chi amministra la città. L’apprendimento è prevalentemente incentrato sull’esperienza diretta, il cooperative learning, le attività
di gruppo alternate ad attività individuali.
La disparità di genere, secondo gli organizzatori, pone la necessità di recuperare la
memoria delle battaglie delle donne delle altre generazioni, sia attraverso i segni che esse
hanno lasciato nelle trasformazioni, sia attraverso i non-segni della cancellazione della
memoria, anche toponomastica.
I toponimi, e nella fattispecie soprattutto
gli odonimi, offrono anche opportunità didattiche di integrazioni interdisciplinari. Docenti di Italiano, Storia, Geografia, Matematica, Scienze, Arte, Lingue straniere, Comunicazione sono invitati a guidare le classi nella
ricerca di storie e nomi femminili che si sono
distinti nel campo della cultura, dell’impegno
sociale e del lavoro, degli studi scientifici e matematici, dell’impresa e della politica. Ogni
classe o gruppo di lavoro può partecipare a una o più delle seguenti sezioni: letteraria; digitale; artistica; comunicazione e design.
’ Gruppo “Toponomastica femminile”,
c/o Prof. Maria Pia Ercolini, via Nanchino
256, I-00144 Roma – T. 333.7607808 – Email: [email protected]; [email protected] – Web:
http://toponomasticafemminile.it; www.facebook.com/groups/292710960778847/.
’ Federazione nazionale degli insegnanti (FNISM) – T. e fax 06.5910342 – E-mail:
[email protected] – Web: www.fnism.it.
Gruppo di studio su donne e famiglia
in Roma antica.
Nel 2013 si è formato un Gruppo di studio
sulle donne e la famiglia in Roma antica-
333
RION, XX (2014), 1
Rivista Italiana di Onomastica
Groupe d’études sur les femmes et la famille
dans la Rome Antique (da cui l’acronimo
GIEFFRA) per raggruppare alcuni romanisti
specialisti di varie discipline: diritto, epigrafia, papirologia, numismatica, archeologia,
storia dell’arte, filologia. Si occuperanno di
approcci intersciplinari su presenze e ruoli
delle figure femminili e su funzioni e caratteristiche delle famiglie nel mondo romano
dall’epoca repubblicana al Tardo antico, in Italia e nelle province.
I fondatori del GIEFFRA sono quattro docenti universitari: Francesca Cenerini (Bologna), François Chausson (Paris 1-Sorbonne), Isabella Cogitore (Grenoble) e Francesca Rohr (Venezia Ca’ Foscari). A partire dal
2014, il gruppo ha in cantiere una serie di incontri internazionali, dopo il primo celebrato a Grenoble sul tema “Les femmes d’influence à Rome, de la fin de la République
aux Sévères”, dedicati alle donne nell’ordine
senatoriale in epoca repubblicana e imperiale, all’onomastica femminile nell’Impero romano, a donne e religione nel mondo romano, alla famiglia e alla religione in Roma antica, ecc.
L’attività scientifica degli studiosi si indirizzerà prevalentemente ai seguenti àmbiti:
istituzioni, diritto, politica, religione, società, parentela, cultura e onomastica. Il
gruppo punta inoltre su una serie di iniziative e di piccole strutture da attivare nelle università di riferimento e su un sito web in corso di attivazione.
’ Prof. Francesca Cenerini, Università di
Bologna “Alma Mater Studiorum”, Dipartimento di Storia Culture Civiltà, via Zamboni 38, I-40126 Bologna – T. 051.2098871 –
E.mail: [email protected] – Web:
www.unibo.it/.
’ Prof. François Chausson, Université de
Paris 1 Panthéon-Sorbonne, Anthropologie
et Histoire des Mondes Antiques (ANHIMA)
UMR 8210, 2 rue Vivienne, F-75002 Paris –
T. +33.1.47038426 – Fax +33.1.74038411 –
E-mail: [email protected] –
Web: http://anhima.fr/spip.php?article55.
RION, XX (2014), 1
Corsi universitari di genealogia al
Link Campus di Roma.
L’Università degli Studi Link Campus University di Roma (già Link Campus – University of Malta, ateneo non statale fondato nel
1998 e legalmente riconosciuto, ha dato vita
nel 2013, su iniziativa di Nicola Pesacane e di
Francesco Ciufo nell’àmbito del Corso di
laura in Studi internazionali, a un corso universitario suddiviso in tre livelli – di 1º livello per chi è in possesso di laurea triennale
(Proficiency Programme First Level in Diritto
nobiliare, Genealogia e Araldica), di 2º livello per chi è in possesso di laurea magistrale e
di 3º livello di perfezionamento. Per la prima
volta in Italia queste materie vengono insegnate in una università e vi è la possibilità di
ottenere un titolo di studio universitario inerente tali materie. I corsi godono del patrociniom tra gli altri, del Sacro Ordine Militare
Costantiniano di San Giorgio, dell’Académie Internationale de Généalogie (AIG) e
della Confédération Internationale de
Généalogie et d’Héraldique (CIGH). Tra i docenti figurano il direttore del corso Franco
Ciufo, il card. Andrea Cordero Lanza di
Montezemolo, Pier Felice degli Uberti, Carlo Tibaldeschi, Luigi Borgia, Michel Teillard
d’Eyry, Marco Horak.
Il programma del corso prevede lo studio
dell’Araldica comparata nei Paesi dell’Unione
Europea, della Genealogia, del Diritto nobiliare e delle Scienze documentarie della Storia
finalizzato all’apprendimento e alla divulgazione di tali materie per «conoscere meglio ed
approfondire, in particolare, le tematiche inerenti il significato e l’etimologia del proprio
cognome e la possibilità di modifica o di aggiunta allo stesso, la ricerca ed il significato del
proprio stemma di famiglia, la ricostruzione
del proprio alberto genealogico ed il reperimento e/o la creazione ex novo di stemmi di
famiglia». La didattica è inoltre finalizzata all’esame dei complessi meccanismi che regolano la materia araldica e nobiliare nelle relazioni internazionali e diplomatiche tra gli Stati.
334
Attività
Nel complesso la preparazione fornita dal
corso rappresenta uno strumento teorico e
operativo per creare o rafforzare figure operanti in campo internazionale e diplomatico
fornendo loro una solida base teorica.
Il corso si articola soprattutto in via telematica (formazione a distanza) in lezioni, seminari, conferenze ed esercitazioni; dodici i
moduli: “Nozioni di Diritto intenazionale,
delle Organizzazioni internazionali e del Diritto comunitario”, “Genealogia e Onomastica”, “Araldica e Vessillologia”, “Scienze
documentarie”, “Evoluzione storica dei ceti
dominanti e Storia del Diritto nobiliare”,
“Sociologia e Storia delle istituzioni”, “Elementi di Demografia storica”, “Genealogia
applicata: i rapporti e le rappresentazioni”,
“La storia degli Ordini cavallereschi e dei sistemi premiali”, “Elementi di Biologia e di
Genetica”, “Elementi di Psicografologia applicata allo studio della Storia di famiglia”,
“Diritti diplomati e consolare. Stile diplomatico, Diritto melitense e Diplomazia onoraria”. Il corso di 1º livello ha una durata
di 200 ore, quello di 2º livello di 800 ore,
quello di 3º livello di 1.200 ore.
’ Prof. Franco Ciufo, Link Campus University, c/o Istituto San Leone Magno, via
Nomentana 335, I-00162 Roma – T.
06.40400201 – Fax 06.40400211 – E-mail:
[email protected]; [email protected] –
Web: www.unilink.it.
’ Dr. Pier Felice degli Uberti, Istituto Araldico e Genealogico Italiano (IAGI), via Cesare Battisti 3, I-40123 Bologna – cas. post.
764, 40100 Bologna – T. 051.236717 – Fax
051.271124 – E-mail: [email protected]; [email protected] – Web: www.iagi.info/.
’ Rivista «Nobiltà», Federazione delle
Associazioni Italiane di Genealogia, Storia di
Famiglia, Araldica e Scienze documentarie
(FAIG), via Cesare Battisti 3, I-40123 Bologna – E-mail: [email protected]
Valle Trompia: concorso “Le memoria del territorio”.
L’Associazione Storico Culturale “Valtrompia Storica” ha lanciato la 3ª edizione del concorso “Storie dalla valle per una valle di storie”, con il titolo “La memoria del territorio.
La riscoperta del proprio territorio attraverso
i nomi di luogo”, in collaborazione con il Sistema dei Beni culturali e ambientali della
Comunità Montana della Valle Trompia, Dipartimento di studio del territorio. Il Progetto proposto per l’anno scolastico 2013-2014
ha il fine di promuovere presso gli alunni delle scuole partecipanti un percorso di approfondimento dello studio dell’origine e del
significato dei nomi dei luoghi. «Recuperare
il dialetto e il significato dei toponimi aiuta a
non perdere la propria identità storica, a non
sganciarsi dalle proprie radici, permette di capire meglio l’ambiente in cui si vive e di vedervi delle significative tracce del passato. Riscrivere la mappa del proprio territorio e riscoprire i vecchi nomi dei luoghi porterà alla
creazione di una carta toponomastica con i
toponimi che i nostri nonni usavano e usano
per indicare le varie località, le strade, contrade, boschi, sentieri, fiumi, monti e valli».
Per raggiungere lo scopo sono previsti: incontri con esperti del settore inviati nelle
scuole dall’associazione; descrizione degli
strumenti, ambiti di ricerca e guida all’individuazione delle categorie dei toponimi; mappe e carte geografiche IGM 1/25.000, regionale 1/10.000, mappe catastali, mappe tecniche urbanistiche per l’individuazione dei toponimi ancora in uso (archivi e uffici comunali); interviste agli anziani, cacciatori, guardie forestali, tecnici comunali, ecc. per recuperare i toponimi orali e altre informazioni.
Al concorso possono partecipare le classi
IV e V della scuola primaria e classi I della secondaria di primo grado della Valle Trompia.
Il concorso è concepito come lavoro di classe
ed è ammessa la collaborazione fra classi di una stessa scuola. Le classi o i gruppi partecipanti hanno accesso gratuito ad alcuni servi-
335
RION, XX (2014), 1
Rivista Italiana di Onomastica
zi predisposti dal Sistema dei Beni culturali e
ambientali della Comunità Montana della
Valle Trompia. Gli elaborati migliori diventeranno parte integrante degli archivi dell’Associazione “Valtrompia Storica”, del Sistema dei Beni Culturali e Ambientali della
Comunità Montana della Valle Trompia e
del Dipartimento di studio del territorio.
’ Sistema dei Beni culturali e ambientali – Comunità Montana della Valle Trompia,
c/o Complesso conventuale di Santa Maria
degli Angeli, via San Francesco d’Assisi,
I-25963 Gardone Val Trompia (Brescia) –
T. 030.8337490 – E-mail: [email protected]
valletrompia.it – Web: http://cultura.valletrompia.it.
’ Associazione Storico Culturale “Valtrompia Storica”, via Fabio Filzi 2, I-25068
Sarezzo (Brescia) – T. 392.3801040 – E-mail:
[email protected] – Web: www.
valtrompiastorica.it.
Savona: i nuovi fascicoli del “Progetto
Toponomastica Storica”.
Il 25 gennaio 2014 la Società Savonese di Storia Patria ha presentato nella Sala Rossa del
Comune di Savona il 20º fascicolo della collana “Progetto Toponomastica Storica”, patrocinata dal Comune di Savona: la pubblicazione è dedicata ai Toponimi del Nemus Saonense (secoli XI-XIII), a cura di Niccolò Cassanello e Furio Ciciliot, il grande bosco che si
estende nelle alte valli dei torrenti Letimbro e
Lavanestro e in quelle parallele del Quiliano,
territorio tutelato da secoli ed esteso per oltre
due milla ettari di carpini, roveri, faggi e degli
ancora misteriori pallari, dove si alternavano
pascoli, coltivazioni, strade, mulini, forse miniere d’argento, cappelle medievali e possibili resti di insediamenti antichi, indizi ricavati
anche dal repertorio toponimico raccolto
nella pubblicazione.
Al Nemus Saonense si è poi aggiunto nel
2014 il fascicolo nº 21 dedicato al territorio
RION, XX (2014), 1
di Ceva, mentre sono in preparazione quelli
relativi ai comuni di Bormida (22), Cairo
Montenotte (23), Spotorno e Vicoforte e sono a buon punto anche le raccolte riguardanti Finale Ligure, Calice e Osiglia.
Ai primi fascicoli editi nel 2011-12 e relativi ai toponimi di Quiliano, Pallare,
Albis(s)ole (Albisola Superiore e Albisola
Marina), Celle Ligure, Mallare, Giusvalla,
Vado Ligure, Stella, Piana Crixia e Carcare)
nel 2013 si sono aggiunti il nº 11 Varazze
(2.004 toponimi comprese le varianti), nº
12 Savona (2.110 toponimi), nº 13 Bergeggi
(725), nº 14 Dego (996), nº 15 Mioglia
(1.690), nº 16 Millesimo (1.300), nº 17 Noli (928), nº 18 Vezzi Portio (1.811) e nº 19
Garessio (1.870). Dal 2013 i primi 4 fascicoli figurano anche in una nuova edizione digitale, disponibile gratuitamente in rete.
Complessivamente le 19 pubblicazioni formano un corpus di 606 pagine cartacee e di
33.905 toponimi schedati, coprendo una
superificie territoriale (19 Comuni della
provincia di Savona e di quella confinante di
Cuneo) di 2.642 kmq; sono stati realizzati da
18 ricercatori principali in collaborazione
con altri 328 ricercatori e informatori locali,
coordinati dai responsabili del progetto Furio Ciciliot e Francesco Murialdo. Il patrimonio toponimico locale viene raccolto con
un approccio storico-documentario, partendo da documenti scritti e verificando con i
residenti la localizzazione dei nomi di luogo
ancora vitali. Le fonti scritte più consone alle finalità del progetto sono state considerate
gli atti notarili (soprattutto quelli dei secoli
XII-XVI) e i catasti antichi (la maggior parte
dei quali riguardano i secoli XVI-XVIII).
Ogni fascicolo si compone di tabelle e di
cartine, suddivise nella sezione “Toponimi
medievali” e “Toponimi dei catasti (secoli
XVII-XVIII)”, preceduti da un capitolo di
“Geografia del territorio comunale” e uno di
”Evoluzione storica ed amministrativa del territorio”, e seguiti da una breve nota “Esempi
di toponomastica” e dalle “Fonti archivistiche
e referenze bibliografiche”. In termini quanti-
336
Attività
tativi, il numero di toponimi pubblicati, comprese le varianti, è fin qui il più cospicuo in Liguria e tra i più rilevanti in campo nazionale.
Tra gli obiettivi si persegue anche il continuo
aggiornamento di quanto pubblicato, grazie
all’inserimento di nuove fonti o all’aggiustamento di eventuali imprecisioni.
Le pubblicazioni del “Progetto Toponomastica Storica” sono state presentate, nel
corso del 2013: a Savona (26 gennaio) il fascicolo dedicato alla toponimia del capoluogo; a Varazze (16 febbraio), a Piana Crixia (5
ottobre) e a Carcare con una relazione di Fiorenzo Toso (19 ottobre) quelli riguardanti i
rispettivi comuni.
’ Dr. Furio Ciciliot, Società Savonese di
Storia Patria, via Pia 14/4, I-17100 Savona –
cas. post. 358, I-17100 Savona – T. e fax
019.811960 – E-mail: [email protected]
patriasavona.it – Web: www.storiapatria
savona.it.
Dalla provincia di Bari “Le strade raccontano”.
Nell’àmbito del programma per le politiche
giovanili “Bollenti Spiriti” promosso dalla
Regione Puglia, è nata nel 2012, ideata da Studiodelta e dalla Cooperativa Informa – enti
gestori dei Laboratori Urbani Ciberlab – e ha
preso corpo nel 2013 l’esperienza “Le strade
raccontano: storia, cultura e tradizioni”. Si
tratta di un percorso di ricerca, formazione e
affiancamento che, attraverso la mappatura
delle strade, uno studio toponomastico e la
valutazione delle testimonianze storiche, ha
portato un gruppo di 18 giovani pugliesi con
i loro mentori a realizzare pubblicazioni online, mostre fotografiche e multimediali (tra l’aprile e il giugno 2013) e a partecipare a pubbliche manifestazioni di animazione culturale
e a rassegne dedicate all’innovazione (come il
“Festival dell’Innovazione”, organizzato dalla
Regione Puglia nel maggio 2013).
Il sito si basa sulla tecnologia della geolocalizzazione e offre mappe con contenuti digitalizzati che ripercorrono la storia di luoghi, personaggi, tradizioni ed eventi all’origine dei nomi delle aree di circolazione di tre
comuni della provincia di Bari: Capurso,
Cellamare e Valenzano. Lo studio si è sviluppato sul piano storico-antropologico, sociale
e urbanistico, contemplando la ricerca di
fonti e materiale documentario, anche iconografico. Nello stesso tempo il portale descrive i processi e la natura delle trasformazioni urbanistiche subite dai tre paesi, per
aumentare e valorizzare la conoscenza del
proprio passato e recuperare la memoria storica della comunità locale.
Gli utenti possono interagire e arricchire
il portale con contributi di idee e di documenti (testimonianze, ricordi, fotografie,
cartoline d’epoca). In questo modo viene a
crearsi un processo di apprendimento partecipato in un quadro di informazione storica,
coesione sociale e promozione turistica. La
Provincia di Bari e la Società di Storia patria
per la Puglia hanno concesso il loro patrocinicio alle iniziative legate a “Le strade raccontano”.
’ Laboratori Urbani Ciberlag di Valenzano, Capurso e Cellamare (Bari) – E-mail:
[email protected] – Web: www.lestraderaccontano.it/.
La nuova banca dati del
Corsica.
CESIT-CISIT
Il progetto è nato presso l’Università “Pasquale Paoli” di Corte dalla constatazione
dell’assenza per la Corsica, a parte alcuni lavori spesso poco conosciuti, di un corpus di
dati affidabili per lo studio dei nomi di luogo
dell’isola e dal fatto che si va perdendo la conoscenza di una parte del patrimonio toponimico corso a causa della regressione dell’uso
delle parlate locali. Il CESIT-CISIT Corsica
(Cumitatu d’Istudii Scentìfichi è Infurmàti-
337
RION, XX (2014), 1
Rivista Italiana di Onomastica
chi di a Tupunimìa di Corsica-Comité d’Études Scientifiques Informatiques et Toponymiques de Corse) ha pertanto costruito uno
strumento informatico per raccogliere informazioni sul campo e dai documenti d’archivio, in primo luogo dal Cadastre Napoléonien
e dal Plan Terrier, e da altre fonti, come gli atti notarili. In effetti questi documenti attestano toponimi ignoti agli archivi del XIX e del
XX secolo e alla tradizione orale. I dati toponimici sono stati geolocalizzati grazie ai sistemi GIS e/o GPS, e sono diventati oggetto d’analisi.
Si legge nel dialetto corso nella presentazione del sito (bilingue: corso e francese): «A
nostra banca di dati mette à dispusizione di
tutti, nomi di lochi chè no avemu racoltu inde e cumune corse. Di fatti, i nostri nomi di
lochi tradiziunali si pèrdenu vìa a situazione
linguìstica di l’ìsula è l’esodiu rurale massicciu. Aduprendu tèchniche oghjinche, u scopu di issu travagliu hè di racòglieli, à u scrittu è à bocca (vìa inchieste di terrenu), è di culucalli dinò. A nostra attività hè sottumessa à
un cumitatu scentìficiu indipindente furmatu da linguisti è infurmàtichi, è ci danu una
manu paisani è appassiunati, per a racolta
stessa di i nomi. Ci tocca à precisà, infine, chì
e cumune sò cuperte da l’inchieste à pocu à
pocu. I dati chì si ponu truvà sò dunque un
statu di u travagliu avviatu».
Il comitato direttivo del CESIT-CISIT, organizzato come associazione, è formato da Stella
Retali-Medori (presidente), Philippe Ollandini, Jean-Louis Santini, Giuvan’ Santu Bartoli,
Francesca Maria Luneschi e Stéphane Orsini.
Del Comitato scientifico internazionale e del
Comitato di patronato sono membri linguisti,
storici e informatici: Maria Giovanna Arcamone (Pisa), Enzo Caffarelli (Roma), JeanAndré Cancellieri (Corti), Marie José Dalbera-Stefanaggi (Corti), Franco Fanciullo (Pisa),
Joseph Mariani (Clermont Ferrand), Mauro
Maxia (Sassari), Lorenzo Massobrio (Torino).
Dopo un periodo di rodaggio del sito, è ora stato allestito un accesso plurilingue (francese, inglese, italiano, corso) e il gruppo di la-
RION, XX (2014), 1
voro è alla ricerca di finanziamenti per cartografare i dati in modo sintetico (carte di tipo
lessicale) il materiale toponimico e migliorare le altre forme di cartografie, con la possibilita di progettare i dati su Google Earth.
Per quanto concerne le schede, è stata stabilita una struttura per l’acquisizione dei dati; la microstruttura di ciascuna scheda contiene informazioni che è possibile scoprire
navigando all’interno della banca dati, mentre la macrostruttura delle schede comprende: la forma in grafia corsa e fonetica (quando essa non è stata raccolta, si segnala la forma del catasto napoleoniano con asterisco);
il nome degli abitanti; i dati del catasto ottocentesco e del nuovo catasto; i dati del Plan
Terrier (documento cartografico francese
della fine del Settecento); i dati d’archivio; la
classificazione dei nomi con quattro livelli:
ricostruzione del significato dell’appellativo,
ricostruzione del tipo lessicale, struttura
morfematica ed etimologia (compresa l’etimologia del suffisso dell’etnonimo); eventuali osservazioni archeologiche; eventuali
osservazioni e commenti; documenti (etnotesti, fotografie, testimonianze sonore).
Attualmente sono oltre 5 mila le schede
che formano il database. È stata eseguita una
prima fase di correzioni e riflessioni sul materiale (classificazioni, ricostruzioni, ecc.) e
sono state risolte questioni relative alla geolocalizazzione dei dati, mentre le correzioni
associate all’ascolto dei dati sonori per la trascrizione fonetica e grafica di ogni nome vengono effettuate manualmente e attentissimanente per assicurare la massima affidabilità dei dati presenti sul sito. I toponimi raccolti e classificati sono per esempio, partendo dal Nord dell’isola, 121 per Ruglianu (i
toponimi vengono indicati nella versione
corsa), 617 per Siscu, 133 per San Gavinu di
Tenda, 133 per Soriu, 222 per Petralba, 570
per Canavaghja, 346 per Ascu, 213 per Lozzi, 208 per Castiglione, 202 per Castirla, 223
per Perelli, 115 per Cuttuli Curtichjatu, 214
per Todda, ecc. La ricerca avanzata consente
di individuare il significato dei toponimi,
338
Attività
tutti i nomi di luogo derivanti da un lemma
o contenenti una certa sequenza di lettere e la
selezione dei lemmi a partire dai toponimi
(classificati in curònimi, macrotopònimi, microtopònimi e pìcculi curònimi).
Per la diffusione delle informazioni presso il grande pubblico e per creare interesse intorno al CESIT, gli studiosi corsi utilizzano
anche i principali social network.
’ Dr. Stella Retali-Medori, CESIT-CISIT
Corsica (Cumitatu d’Istudii Scentìfichi è Infurmàtichi di a Tupunimìa di Corsica-Comité
d’Études Scientifiques Informatiques et Toponymiques de Corse), lieux-dit A Traversa,
Figarella, F-20200 Santa Maria di Lota – Email: [email protected]; [email protected] – Web: www.cesitcorsica.org.
Il “Prix Dauzat” 2013 a Xavier Ravier.
Nel corso della seduta del 21 novembre
2013, presso gli Archives Nationales di Parigi, i membri della Société Française d’Onomastique (SFO) hanno assegnato il prestigioso “Prix Dauzat” a Xavier Ravier, professore
emerito dell’Università di Tolosa-Le Mirail,
per l’insieme dei suoi studi e dei suoi insegnamenti. Nell’occasione il premiato ha tenuto una conferenza sul tema Saint-John
Perse, poète du non lieu.
Il premio istituito nel 1971 dalla vedova
del grande linguista e onomasta Albert Dauzat (1877-1955) viene assegnato in genere ogni due anni per uno studio toponomastico
o antroponomastico di grande interesse relativo alla Francia o ad altri Paesi francofoni.
Ne sono stati insigniti, da allora: Charles Rostaing (1972), Raymond Sindou (1975),
Francis Gouvril (1977), Émile Lambert
(1979), Ernest Nègre (1981), Frank R.
Hamlin (1983), Pierre-François Fournier
(1985), Marcel Baudot (1987), Roger Verdier (1989), Jacques Chaurand (1991), Gérard Taverdet (1993), Marianne Mulon
(1995), François de Beaurepaire (1997),
Paul Fabre (1999), Michel Tamine (2001),
Jean-Claude Malsy (2003), Pierre-Henri
Billy (2005), Jacques Lacroix (2007), Wulf
Müller (2009) e Martina Pitz (alla memoria,
2011).
Xavier Ravier, specialista di occitano e
provenzale, ha studiato, con le scienze linguistiche, in particolare l’etnolinguistica accanto all’etnoletteratura e all’etnografia e la
letteratura; ha insegnato occitano alla Facoltà di Lettere dell’Università di Pau dal
1965 al 1973, è stato direttore di ricerca
presso il CNRS dal 1985 e docente dell’Università Toulouse-Le Mirail nel 1984-85 e dal
1989 al 1997; ha collaborato a vario titolo ad
atlanti linguistici ed etnografici (Languedoc
occidental, Languedoc oriental, Gascogne).
In campo onomastico la sua bibliografia è
particolarmente ricca; possono ricordarsi:
Le traitement de -n- palatal intervocalique
dans certains toponymes de la Basse-Bigorre,
«Revue international de l’onomastique», 1
(1965), pp. 41-48; Toponymes en dunu(m)
dans le domaine aquitano-gascon et configurations géo-dialectales modernes, «Via Domitia
XX-XXI. Annales de la Faculté des Lettres et
Sciences de Toulouse», n.s. fasc. 6, t. XIV
(1978), pp. 83-99; Kalma et autres mots de
substrat dans la région pyrénéenne occidentale:
problèmes de linguistique prélatine, nel vol.
L’Onomastique témoin des Langues disparues.
Actes du Colloque d’Onom. romane de Dijon
1981, Dijon, Université de Dijon 1982), pp.
195-209; Épigraphie, onomastique, linguistique: à propos d’un travail récent sur l’Aquitaine antique, «Annales du Midi», 1988, pp.
101-7; Sur la phénoménologie du nom de lieu,
in ENDRIKE KNÖRR / M. ÁNGELES LÍBANO (a
cura di), Actas de las Ieras Jornadas de Onomástica, Toponimia / I Onomastika Jardunaldien
Agiriak, Toponimia, Vitoria-Gasteiz, abril de
1986, Bilbao-Bilbo, Real Academia de la
Lengua Vasca-Euskaltzaindia 1991, pp.
283-90; La bastide de Marciac et son terroir
d’après la toponymie, in Mémoires et actualité
des pays de Gascogne. Identités, espaces, cultures, aménagement du territoire, Actes du 53º
339
RION, XX (2014), 1
Rivista Italiana di Onomastica
Congrès de la Fédération historique de Midi-Pyrénées, Auch, juin 2000, Auch 2001,
vol. I, pp. 156-66; Sur la toponymie des cartulaires de Saint-Mont (Gers) (première partie),
«Nouvelle revue d’onomastique”, 37-38
(2001), pp. 57-72.
Nel 2003 è uscito, a cura di Jean-Claude
Bouvier, Jacques Gourc e François Pic, Sempre los camps auràn segadas regurgantas. Mélanges offerts à Xavier Ravier (Toulouse, CNRS
– Université de Toulouse-Le Mirail), nella
cui introduzione i curatori scrivono: «En définitive, ce qui caractérise le mieux l’œuvre
de Xavier Ravier et donne un sens à sa démarche, c’est sans doute l’aptitude à explorer
sans cesse de nouvelles voies, à ouvrir son esprit et son cœur aux risques et aux exigences
de l’innovation. Mais cette ouverture est le
contraire de la dispersion. Elle n’est pas autre
chose que la fidelité à une ligne, qui est tout
simplement celle du refus de s’enfermer dans
une discipline, ou dans un champ disciplinaire, et donc de la volonté de dépasser, dans
la création scientifique, les clivages et les
frontières imposés par l’usage et les institutions, à la façon des bergers des Pyrénées
(mais on pourrait en dire autant ce deux des
Alpes) que les frontières géographiques et politiques n’ont pas empêchés de se rencontrer,
d’échanger, de participer des mêmes pratiques languagières et de la même culture».
’ Société Française d’Onomastique
(SFO), 60 rue des Francs Bourgeois, F-75003
Paris – E-mail: [email protected]
asso.fr – Web: www.onomastique.asso.fr.
’ Mme Sylvie Lejeune, 23 allée des Pelouses d’Ascot, F-33270 Bouliac – T. +33.5.
56217091 – [email protected]
Nuovi programmi per la Societat d’Onomàstica.
Cambia volto e modalità organizzative l’Associazione catalana di onomastica (SDO). Il
tradizionale colloquio annuale è stato sosti-
RION, XX (2014), 1
tuito da una conferenza triennale, celebrata
per la prima volta a Barcellona nel settembre
2011, come Sezione 12 del XXIV Congresso internazionale di Scienze onomastiche
(ICOS), e in programma, nella seconda edizione, per l’ottobre 2014 a Manacor con l’organizzazione della Universitat de les Illes Balears (vedi qui alle pp. 324-25); ogni anno si
terrà inoltre una Giornata di studi, generalmente monotematica.
In materia di pubblicazioni, la Societat
d’Onomàstica, che ha perduto dal 2013 il
sostegno economico dell’Institut Cartogràfic de Catalunya che curava anche la newsletter e il ricco sito web di onomastica (<www.
onomastica.cat>), ha in programma di esordire entro il 2014 con una rivista in versione digitale, probabilmente denominata «Noms»,
mentre il tradizionale «But·letí Interior», che
aveva assunto da tempo le vesti di una rivista,
sarà probabilmente sostituito da più semplici pubblicazioni informative.
Presidente della SDO è attualmente Joan
Tort i Donada (Barcelona), con segretario generale Albert Turull i Rubinat (Lleida) e vicepresidenti Joan Peytaví (Perpinyà), Joan Ivars
(Dénia) e Antoni Ordinas (Mallorca); il comitato direttivo è completato da Josep M. Albaigès (Barcelona), Santi Arbós Gabarró
(Fulleda), Òscar Bagur (Maó), Fèlix Bruguera Ligero (Osor), Ventura Castellvell (Barcelona), Anna M. Corredor Plaja (Pals), José
Enrique Gargallo Gil (Barcelona), Antoni Jaquemot Ballarín (Barcelona), Joan Antonio
Rabella i Ribas (Barcelona), Moisés Selfa Sastre (Valls) e Vicent Terol Reig (València).
’ Dr. Joan Tort i Donada, Universitat de
Barcelona, Facultat de Geografia i Història,
Departament de Geografia Física i Anàlisi
Geogràfica Regional, Montalegre 6,
E-08001 Barcelona – T. +34.93.4037870 –
Fax +34.93.4037882 – E-mail: [email protected]
– Web: www.ub.edfu/geofis/jtd.htm.
’ Acadèmia Valenciana de la Llengua
(AVL), Commissió Onomàstica, avenida de
la Constitució 284, E-46019 València – T.
+34.96.3874121 – Fax +34.96.3874036 –
340
Attività
E-mail: [email protected]; [email protected] – Web: www.avl.gva.es.
’ Dr. Rosa Calafat i Vila, Dr. Francisca
Latorre Sánchez, Universitat de les Illes Balears, Servei Lingüístic – Gabinet d’Onomàstica, Edifici Ramon Llull, cra. de Valldemossa, km 7.5, E-07122 Palma de Mallorca
– T. +34.971.173100 – Fax +34.971.
172717 – E-mail: [email protected]; directora.
[email protected]; [email protected] – Web:
www.uib.es/ca/infsobre/serveis/generals/slg/
go/; www.slgonomastica.uib.cat.
Ricordo di Martín Sevilla Rodríguez.
A Gijón-Xixón nelle Asturie, dov’era nato nel
1948, il 16 maggio 2013 ha perduto la sua
battaglia contro una lunga malattia Martín
Sevilla Rodríguez, titolare del Dipartimento
di Filologia classica e romanza presso l’Università di Oviedo-Uviéu, specialista di Linguistica indoeuropea. Laureatosi in Filologia
classica a Salamanca nel 1972, si era addorato
nel 1980 con la tesi Toponimia indoeuropea
prelatina de Asturias, diretta da Luis Michelena Elissalt; la tesi fu approvata all’unanimità e
ottenne il premio straordinario del Dottorato. Titolare di Linguistica indoeuropea nelle
Asturie a partire dal 1985, Martín Sevilla Rodríguez ha centrato la sua carriera di studioso
sulla filologia, dedicando parte delle sue ricerche ad altre discipline collegate con l’indoeuropeistica. Membro della prima Commissione di Toponomastica per la revisione e la correzione del repertorio toponimico asturiano
(1984-1985), ha pubblicato numerosi libri e
articoli in riviste («Archivum», «Revista de Filoloxía Asturiana», «Lletres Asturianes», «Beiträge zur Namenforschung», ecc.) e ha diretto
tesi di laurea e di dottorato, in gran parte dedicate alla lingua asturiana e numerose riguardanti la toponomastica.
Nella sua bibliografia, oltre alla tesi di dottorato pubblicata a Oviedo da IDEA nel 1984,
possono ricordarsi: Topónimos asturianos de
origen indoeuropeo prelatina, «BIDEA», 96-97
(1979), pp. 153-80; Teberga y Valduno, ¿dos
indicios toponímicos de asentamientos prerromanos?, «BIDEA», 103 (1981), pp. 581-89; Los
hidrónimos Porma/Puerma, «Archivum»,
XXXI-XXXII (1981-1982), pp. 689-93; Posibles
vestigios toponímicos de cultos célticos en el Norte
de la Península Ibérica, «Memoria de Historia
Antigua», 3 (1982), pp. 261-71; La toponimia asturiana d’orixen prerromanu, «Lletres
Asturianes», 12 (1984), pp. 55-67; Los orónimos asturianos Carondio, Corondio, Curundi
y el topónimo asturaugustano Curunda, «Beiträge zur Namenforschung», 41 (2006), 1,
pp. 45-47; La toponimia reconstruye el indoeuropeo, in DIETER KREMER (a cura di),
Onomástica Galega. Con especial consideración
da situación prerromana, «Verba. Anuario Galego de Filoloxía», 2007, pp. 107-12. Il suo ultimo saggio, Toponimia de monasterios medievales escaecíos, è apparso in «Lletres Asturianes», 109 (2013), pp. 119-24.
A questa produzione scientifica va aggiunta quella divulgativa, in riviste e giornali,
che lo studioso non disdegnava. Come ha
ricordato nelle «Lletres Asturianes» (109
[2013], p. 220), Ana Mª Cano González,
presidente dell’Academia de la Llingua Asturiana, «Martín Sevilla Rodríguez déxanos un
llargu, rigurosu y granible trabayu investigador y académicu pero, xunto con ello daqué
igual o entá más estimable: l’alcordanza del
apreciu que llogró ente los sos alumnos y compañeros pola la so prudencia, intelixencia,
amabilidá nel tratu y bon facer a lo llargo del
tiempu que con él compartimos».
Da Glasgow per la rete: <onomastics.co.uk>.
Alice Crook e Leonie Dunlop, con l’assistenza di Scott McGready, hanno lanciato dall’Università di Glasgow, che organizza nell’agosto 2014 il XXIV Congresso mondiale di
Scienze onomastiche (ICOS), un portale de-
341
RION, XX (2014), 1
Rivista Italiana di Onomastica
dicato alla discussione sui nomi propri che
vanta dalla fine del 2012 alla primavera 2014
migliaia di visite da tutto il mondo.
Il sito, accompagnato da un’introduzione
di Carole Hough che insegna Onomastica a
Glasgow ed è presidente per il triennio 20112014 di ICOS (International Council of Onomastic Sciences), è soprattutto una raccolta di articoli di argomento vario, firmati
da autori di ogni continente. Si segnalano:
LAURA KOSTANSKI, You study what?; LINE
SANDST, Semantically related names, citieswithin-cities; ELIAN CARSENAT, Monitoring
western investments in Africa: a mapping of
French vs. English director names; PEDER
GAMMELTOFT, Geocoding Place-Names;
JOHN TURL, Ghana Place Names: A Topical
Toponymy; SIMON TAYLOR, The Place-Names
of Fife; PEDER GAMMELTOFT, Batch geocoding – assigning coordinates to multiple placename records; DAVID ROBINSON, Whisky
Place-Names in Tullibody; KELLY KILPATRICK,
The Digital Exposure of English Place-Names;
PEDER GAMMELTOFT, Making GIS-data online;
ELEANOR RYE, The Impact of Diasporas on the
Making of Britain; ELIAN CARSENAT, What’s
in a Twitter name? A glance at the Irish digital
Diaspora; SCOTT MCGREADY, Naming a
business is still the hardest thing I’ve ever done.
’Dr. Alice Crook, E-mail: [email protected]
co.uk – Web: http://onomastic.co.uk/resources.
’ Prof. Dr. Carole A. Hough, University
of Glasgow, English Language, School of
Critical Studies, College of Arts, 12 University Gardens, Glasgow G12 8QQ – T.
+44.141.3304566 – Fax +44.141.3303531
– E-mail: [email protected] –
Web: www.gla.ac.uk/schools/critical/staff/
carolehough/.
A Uppsala il seminario di onomastica
nordica.
Come negli anni scorsi, anche per il 20132014 il Dipartimento di Lingue scandinave
RION, XX (2014), 1
dell’Università di Uppsala con il suo Seminariet för nordisk namnforskning organizza
una serie di incontri puntando sul carattere
interdisciplinare dell’onomastica e alle sue
relazioni con la storia, l’antropologia, la sociologia, la storia della religione, l’archeologia, la geografia culturale, ecc. Diretto da
Staffan Nyström, titolare della cattedra upsaliense di Onomastica, il programma del
Seminario ha carattere internazionale, con
lezioni-conferenze tenute da studiosi di
Uppsala e di altri atenei svedesi, ma inoltre
provenienti da Norvegia, Finlandia, Isole
Fær Øer, Austria, Australia, Scozia, ecc.
Tra gli incontri del primo semestre 20132014: STAFFAN NYSTRÖM, Rapport från årets
internationella namnsymposier och namnkonferenser (con particolare riferimento alla
questione degli endonimi e degli esonimi);
JAN LINNÅ / ANNETTE SVEDIN, Nautiska ortnamn i Sjöfartsverkets grundkartor; TORUN
ZACHRISSON, Tradition i förändring, om skiljet mellan äldre och yngre järnålder i Norden.
Nel secondo semestre 2012-2013 il programma (dal 4 febbraio al 6 maggio), svolto
tradizionalmente il lunedì presso l’Uppsala
arkivcentrum, aveva compreso: HUBERT
BERGMAN, Onomastic aspects of language
contact in Austria; MÄRIT FRÄNDÉN, Hussein och Demir, Krasniqi och Nguyen. Undersökningar av Sveriges invandrade efternamn; KRISTIN MAGNUSSEN, Tradition og
fornyelse i færøske gadenavne. Rapport från ett
avhandlingsprojekt; STAFFAN NYSTRÖM, Det
digitala läromedlet Namnforskning: nästa steg
i processen. Diskussions- och arbetsseminarium; PER VIKSTRAND, Järnålderns bebyggelsenamn. Slutreflektioner från ett forskningsprojekt; KAROLINA KEGEL, Parallella spår?
Arkeologi och ortnamnsforskning som kulturmöte; ROLAND ANDERSSON, Värmländska soldatnamn. Rapport från ett avhandlingsprojekt.
Nel secondo semestre 2011-2012 il seminario aveva ospitato (30 gennaio-21 maggio): MAGNUS KÄLLSTRÖM, Tydisk, Tryrik
ellerTryg? Eller kanske något helt annat? – Till
342
Attività
tolkningen av ett personnamn på runstenen Sö
22 Håga i Mörkö socken; LAURA KOSTANSKI,
Australian toponymy and emerging theories;
ELIN PIHL, Rapport från avhandlingsarbetet;
AUD-KIRSTI PEDERSEN, Forskning på stadnamn og språkkontakt – nokre perspektiv på
tradisjon, metodar og utfordringar; KATHARINA LEIBRING / KRISTINA NEUMÜLLER, Personnamn i stadsmiljöer på 1690- och 1730talet; EVA BRYLLA, En ny personnamnslag
2013? Eva B. tar upp namnfrågor i samband
med den pågående namnlagsutredningen;
STAFFAN FRIDELL, Tönnersa och Tönnersjö.
Nel primo semestre dello stesso anno accademico: KRISTINA NEUMÜLLER, Olof, Karin och Abraham. Personnamn i övre Norrland vid mitten av 1600-talet; FRANDS HERSCHEND, -lev, -löv och -leben – en arkeologisk
geografi; LENNART RYMAN, Kvinnors och
mäns namnfraser i Stockholm 1483-1492. En
översikt med försök till syntes; SVANTE
STRANDBERG, Några uppländska sjönamn;
LEIF NILSSON / ANNETTE TORENSJÖ, Vad
ska tätorten heta? Om tätorter, småorter och
namnval; EVA NYMAN, De norska bygdenamnen Skaun och det svenska sockennamnet
Skön; ALEXANDRA PETRULEVICH, Valda frågor från avhandlingsarbetet.
’ Prof. Dr. Staffan Nyström, Universitet
i Uppsala, Seminariet för nordisk namnforskning, Uppsala Arkivcentrum, von Kraemers allé 19, Box 135, SE-751 04 Uppsala –
E-mail: [email protected]@raa.se; [email protected] – Web: www.nordiska.
uu.se/.
I programmi della Commissione di
Onomastica Slava.
A Minks, in Bielorussia, nel corso del XV
Congresso internazionale degli Slavisti dal
20 al 27 agosto 2013 (vedi qui a p. 293), si
è tenuta l’assemblea della Commissione di
Onomastica Slava presso il Comitato Internazionale degli Slavisti, l’organo che rappresenta gli onomasti slavi nel mondo. Nel corso dell’incontro sono stati presentati i resoconti delle attività onomastiche svolte negli
ultimi anni in alcuni Paesi slavi: Russia, Slovacchia, Slovenia, Bielorussia, Polonia; sono
state segnalate numerose nuove pubblicazioni; si è stabilito di avviare i lavori sulla terminologia onomastica slava. I gruppi internazionali opereranno sui termini onomastici in
varie lingue slave nei seguenti settori: antroponomastica, toponomastica, idronomastica, crematonomastica, onomastica letteraria, altri nomi, onomastica lessicografica,
contatti delle scienze onomastiche con altre
scienze. Ad Artur Gałkowski (Łódź) è stato
rinnovato il mandato di presidente della
Commissione di Onomastica Slava per il
2013-2016, mentre Jaromír Krško (Bratislava) è stato eletto vice-presidente.
I membri della Commissione di Onomastica Slava presso il Comitato internazionale
degli Slavisti sono attualmemte: Igar L. Kapilov e Hanna M. Mezenka (Bielorussia),
Maria Angelova-Atanasova, Liliana Dymitrowa-Todorova e Ludwig Selimski (Bulgaria), Dunja Brozović-Rončević (Croazia),
Inge Bily, Elżbieta Foster, Jurgen Udolph e
Christian Zschieschang (Germania), Enzo
Caffarelli (Italia), Grasilda Blažiene˙ (Lituania), Meri Momirovska e Elka Yacheva-Ulchar (Macedonia), Maria Biolik, Edward
Breza, Aleksandra Cieślikowa, Barbara Czopek-Kopciuch, Jerzy Duma, Artur Gałkowski, Irena Kałużyńska, Władysław Lubaś,
Romana Łobodzińska, Maria Malec, Robert
Mrózek, Mariusz Rutkowski, Adam Siwiec,
Katarzyna Skowronek, Jan Sosnowski, Elżbieta Umińska-Tytoń, Bogdan Walczak e
Ewa Wolnicz-Pawłowska (Polonia), Milan
Harvalík e Miroslava Knappová (Repubblica Ceca), Elena Berezovič, Irina Kryukova,
Tatiana Sokolova e Natalia Vasileva (Russia),
Snežana Gudurić e Radmilo Marojević (Serbia), Jaromír Krško e Pavol Odaloš (Slovacchia), Silvo Torkar (Slovenia), Vasil Lučik,
343
RION, XX (2014), 1
Rivista Italiana di Onomastica
Halyna Matsiuk, Viktor P. Šulgač e Irina M.
Železniak (Ucraina) e Tamás Farkas (Ungheria); membri d’onore della Commissione sono il ceco Rudolf Šrámek e il polacco Karol
Zierhoffer; tra i membri della Commissione
scomparsi negli ultimi anni si ricordano il tedesco Ernst Eichler, lo slovacco Vincent Blanár,
l’ucraino Dmytro Grygorovyč Bučko e la
russa Aleksandra V. Superanskaya (Russia).
La Commissione di Onomastica Slava è
affiliata alla nuova struttura del Comitato
Internazionale degli Slavisti; il coordinatore
di tutte e 35 le commissioni che lo compongono è lo slovacco Peter Žeńuch.
I prossimi incontri della Commissione di
Onomastica Slava si terranno a Bratislava nel
corso della XIX Conferenza Onomastica Slovacca (28-30 aprile 2014), a Glasgow durante il XXV International Congress of Onomastic Sciences (25-29 agosto 2014) e a Poznań
nel corso della XIX Conferenza Internazionale e Polacca Onomastica (20-22 settembre
2014). Il portale informativo della Commissione dell’Onomastica Slava si trova all’indirizzo: <www.onomastyka.uni.lodz.pl>.
’ Prof. Dr. Artur Gałkowski, Zaklad Italianistyki, Uniwersytet Łódzki, ul. Sienkiewicza 21, PL-90-114 Łódź – T. +48.42.
6655150 – E-mail: [email protected] –Web:
http://onomastyka.uni.lodz.pl/archives/2053.
Brno: due corsi di onomastica alla
Masaryk University.
In Cechia, come altrove nel mondo della Slavistica, gli studi onomastici sono particolarmente numerosi e fecondi. Anche la didattica considera i nomi propri un tema di grande interesse e, in particolare, la Facoltà di Educazione dell’Università Masaryk di Brno
propone anche nella primavera 2014 due
corsi, uno di base e l’altro avanzato. Entrambi sono coordinati da Rudolf Šrámek, uno
dei più noti e apprezzati studiosi di nomi
RION, XX (2014), 1
propri nel mondo slavo, con la collaborazione di Ivana Kolářová.
Come si legge nella presentazione internazionale (in inglese), il corso base (“Fundamental Knowledge of Onomastics”) si articola nel modo seguente: “Appellative spheres
and language spheres of propria of proper
nouns/names”; “Meaning of propria of proper nouns/names, object of propria of proper
nouns/names”; “Appellative process of propria of proper nouns/names, a pattern of propria-proper nouns/names, type”; “Classification of onomastics”; “Relationship of place
names and history of the language, history of
the culture, colonisation”; “Anthroponomastics, types of anthroponyms, the so-called
living names”; “Social and cultural conditionality of a Christian/first name selection”.
Con il corso gli studenti «will get acquainted with the conception of appellative
spheres and proprial-language spheres of
proper nouns / names and basic terminology
associated with propria-proper nouns/
names (e.g. propria-proper nouns/names,
types of propria of proper nouns/names; language spheres of propria-proper nouns /
names, meaning of propria-proper nouns/
names), with the conception of onomastics,
and appellative patterns. The attention focuses on toponomy and anthroponomy, classification of surnames/second names and typology of motivation for selecting Christian/first names. In the end of the course
students will be able to explain motivation
(parentage, origin) of types of proper names
and to classify proper names accordance to
various criteria and to put the knowlege to
use in the Czech language teaching in school».
Il corso avanzato, offerto in lingua ceca e
parallelamente in tedesco, «work focuses on
the structural analyses of proper nouns, on
formants of word-formation of the proper
names and on analyses of so-called ono-lexis,
on typology of the motivation of proper
names and on denotative models (types). Attention is paid to the place names and personal proper names (especially “familiar” or
344
Attività
“homy” proper names) and to using of them
in communication. The students specify the
ways how the proper nouns were created and
repertoire of their formal means of formation. Anthroponomy is accentuated». Questo è il programma: “Analysis of toponyms
and hydronyms”; “Analysis of anthroponyms”; “Analysis of concrete proper
nouns/names”; “Onomastics and school.
Use of onomastic knowledge in the Czech
language teaching in basic schools”; “Problems of writing capital letters with proper
nouns/names”; “Interpretation of wordformation means for formation / building
proper nouns/names”.
Tra i principali testi di studio: RUDOLF
ŠRÁMEK, Úvod do obecné onomastiky [Introduzione all’Onomastica generale], Brno,
Nasarykova univerzita 1999, e saggi di Miloslava Knappová, Jan Svoboda e Jana Pleskalová.
’ Prof. Dr. Rudolf Šrámek, Masaryk
University, Faculty of Education, Department of Czech Language and Literature,
Pořiči 623/7, Staré Brno, Brno – T.
+420.549.497215 – Fax +420.549.491620
– E-mail: [email protected] – Web:
www.muni.cz/ped/people/Rudolf.Sramek.
Siviglia: la toponomastica nel Master in
“Estudios Hispánicos Superiores”.
L’Università di Siviglia ha confermato per il
2013-2014 il Master universitario in Estudios Hispánicos Superiores all’interno del
quale si svolge il corso “Toponimia e Historia de la Lengua Española”, diretto presso la
Facoltà di Filologia da María Dolores
Gordón Peral, cattedratica di Dialettologia,
Etimologia e Onomastica.
I contenuti del corso sono così sintetizzati: 1. El problema del nombre propio. 2. La
Onomástica como ciencia. Subdisciplinas
de la Onomástica. Tipología del nombre
propio. Tipología del nombre propio de lugar. Cuestiones terminológicas. 3. Toponomástica y Lingüística. Características
lingüísticas del topónimo. Toponimia y etimología popular. 3.1. Toponimia e Historia
de la Lengua. Estratos lingüísticos en la toponimia hispánica; 3.2. Toponimia, Dialectología y Geografía lingüística; 3.3. Toponimia y Fonética Histórica; 3.4. Toponimia y
Morfología; 3.5. Toponimia y Lexicología y
Semántica histórica; 3.6. Toponimia y Lexicografía. La presencia del nombre propio en
las obras lexicográficas. Diccionarios de
nombres de lugar. Modelo de diccionario etimológico de nombres de lugar. 4. El valor
de la toponimia para otras disciplinas. 5. Metodología en la investigación toponomástica. 6. Proyectos toponímicos 7. La normalización de la toponimia hispánica.
I principali testi di riferimento sono:
MARÍA DOLORES GORDÓN PERAL (a cura
di), Toponimia de España. Estado actual y perspectivas de la investigación (Berlin/New
York, Mouton – de Gruyter 2010); EAD. (a
cura di), Lengua, espacio y sociedad. Investigaciones sobre normalización toponímica en
España (ivi, 2013); EAD., Toponimia sevillana. Ribera, Sierra y Aljarafe (Sevilla, Excma.
Diputación de Sevilla 1995); STEFAN RUHSTALLER, Toponimia de la región de Carmona
(Bern, Francke Verlag 1992); ID., Evolución
lingüística interna del español, in GERHARD
ERNST / MARTIN-DIETRICH GLEßGEN /
CHRISTIAN SCHMITT / WOLFGANG
SCHWEICKARD (a cura di), Histoire des Langues Romanes (Berlin/New York, Walter de
Gruyter 2008).
A Siviglia sono in corso inoltre i progetti
(1) “Diccionario etimológico de los nombres de lugar de la provincia de Sevilla”, (2)
“Diccionario Toponomástico de Andalucía”, e (3) “Proyecto de Recopilación, análisis y normalización de la toponimia de las áreas meridionales de España (PRONORMA)”,
diretti rispettivamente da Stefan Ruhstaller
(1) e dalla stessa María Dolores Gordón Peral (2,3), che hanno portato alla discussione
345
RION, XX (2014), 1
Rivista Italiana di Onomastica
di numerose tesi dottorali sulla toponomastica andalusa.
’ Profa. Dra. María Dolores Gordón Peral, Universidad de Sevilla, Facultad de Filología, c/ Palos de la Frontera s/n, E-41004
Sevilla – T. +34.95.4551532 – Fax +34.95.
4560439 – E-mail: [email protected]; [email protected]; [email protected] – Web: www.us.
es/estudios/master/master_M076/asignatura_50760027/proyecto_965287; www.
masteroficial.us.es; www.siff2.us.es.
Prenomi e nomi di famiglia ungheresi
in rete.
Nel sito dell’Istituto di Linguistica Ungherese (<www.nytud.hu>) è a disposizione degli
utenti un portale sui prenomi ungheresi, allestito per agevolare la scelta del prenome da
assegnare a un nascituro e per offrire informazioni e dati di vario tipo sui prenomi stessi. Il portale e le sue funzioni sono stati presentati dai curatori e responsabili Judit Raátz
e (per la parte informatica) Bálint Sass al
convegno organizzato dalla Classe di Lingua
e Letteratura dell’Accademia delle Scienze
Ungherese l’11 novembre 2013.
Il portale offre informazioni di due tipi in
altrettante sezioni separate. In primo luogo,
si trova la lista ufficiale dei prenomi
(<www.nytud.hu/oszt/nyelvmuvelo/utonevek/index.html>) attualmente registrabili
presso le anagrafi in Ungheria (per assegnare
un prenome che non figuri in questo elenco,
aggiornato al 1º gennaio 2014, gli interessati devono presentare domanda al Ministero
degli Interni, che per ogni singolo caso si avvale della consulenza degli esperti dello stesso Istituto di Linguistica). L’elenco, che attualmente contiene 3.529 prenomi, è costituita da quello ufficiale compilato dall’Istituto nel 1997 su incarico del Ministero degli
Interni; il risultato fu pubblicato anche in un
libro (JÁNOS LADÓ, Magyar utónévkönyv
[Dizionario dei prenomi ungheresi], 1971;
RION, XX (2014), 1
ne fu una rielaborazione LADÓ / BÍRÓ,
Magyar utónévkönyv, 1998). Sul portale dell’Istituto si accede ora alle liste complete di
tutti i prenomi, divisi in maschili e femminili, che negli ultimi decenni – dopo il parere
favorevole degli studiosi che hanno formulato le loro opinioni anche in base alle statistiche delle richieste pervenute direttamente
all’Istituto – sono stati inclusi tra quelli liberamente registrabili dalle anagrafi.
In secondo luogo, nel sito appare come
novità la funzione cercaprenomi (ungh.
utónévkereső), aggiornata al giugno 2013; in
base a una serie di opzioni permette di studiare il sistema prenominale attuale (<http://
corpus.nytud.hu/utonevportal/>). Le opzioni sono le seguenti: ricerca secondo il genere, secondo il significato (digitando nella
casella nomi di concetti quali szép ‘bello’,
nagy ‘grande’, híres ‘famoso’, nemes ‘nobile’,
ecc. che sono stati ricavati, come motivazioni frequenti, dalle descrizioni etimologiche
dei nomi), secondo il giorno onomastico, secondo le forme vezzeggiative, secondo il numero delle sillabe e l’armonia vocalica (un fenomeno importante che caratterizza la lingua ungherese) e inoltre secondo la frequenza del prenome. Le opzioni di ricerca secondo l’“origine del nome” e secondo la “lingua
di origine” si sovrappongono in grande misura, e – almeno per quanto riguarda l’italiano – rivelano alcune contraddizioni. Come
risultato della ricerca appare la lista dei prenomi richiesti seguiti dall’indicazione dell’origine e da una breve etimologia, nonché della frequenza attuale del prenome in Ungheria.
Nella lista dei prenomi ritenuti italiani
appaiono 72 nomi femminili (Agnella, Asszunta, Azura, Beatricse, Bianka, Kozima,
Pasztorella, ecc.) e 37 nomi maschili (Dzsúlió, Fabríció, Marcselló, Rokkó, Szantínó,
ecc.); la grafia dimostra come la legge in vigore imponga l’adattamento ufficiale all’ungherese dei nomi di origine straniera.
Contemporaneamente, nel sito realizzato
con l’appoggio di progetti governativi per la
promozione della cultura ungherese (tra cui
346
Attività
il “Nuovo piano Széchenyi”, il “TÁMOP”,
ecc.) appaiono centinaia di testi – sia di libri
che di articoli – utili per l’insegnamento a
tutti i livelli e per ricerche scientifiche. Il sito
“Biblioteca Digitale dei libri di testo” (Digital Textbook Library, ungh. Digitális
Tankönyvtár), consultabile all’indirizzo <www.
tankonyvtar.hu/en>, offre una quarantina
di volumi pubblicati da Tinta Könyvkiadó
(<www.tintakiado.hu/>) che negli ultimi
decenni è stata la prima editrice ungherese
nell’ambito dei saggi e dizionari di linguistica; tra questi, sono in rete due enciclopedie
antroponomastiche: l’Enciclopedia dei nomi di famiglia ungheresi [Családnevek enciklopédiája] di MIHÁLY HAJDÚ pubblicata nel
2010 (v. RION, XVI [2010], 2, pp. 657-61),
consultabile all’indirizzo <www.tankonyvtar.
hu/hu/tartalom/tinta/TAMOP-4_2_5-09_
Csaladnevek_enciklopediaja/adatok.html>,
e l’Enciclopedia dei prenomi ungheresi [Keresztnevek enciklopédiája] di ERZSÉBET FERCSIK e JUDIT RAÁTZ, edita nel 2009 (v. RION,
XVI [2010], 1, pp. 189-90), all’indirizzo
<www.tankonyvtar.hu/hu/tartalom/tinta/
TAMOP-4_2_5-09_Keresztnevek_enci
klopediaja/adatok.html>).
’ Magyar Tudományos Akadémia,
Nyelvtudományi intézet, <www.nytud.hu/
oszt/nyelvmuvelo/utonevek/index.html>.
’ Digitális Tankönyvtár, <www.
tankonyvtar.hu/en>.
UNGEGN-GENUNG: in preparazione del-
la 28ª sessione.
A fine aprile 2014 si tiene a New York la 28ª
sessione del Gruppo di esperti delle Nazioni
Unite per i nomi geografici (UNGEGNGENUNG) (vedi qui alle pp. 314-15). In preparazione all’assemblea e in continuità con le
specifiche attività che competono loro, i
gruppi regionali e i gruppi di lavoro tematici
si sono incontrati in numerose occasioni.
A Suwon e a Seoul, nella Corea del Sud
(4-6 luglio 2013), il Working Group on Evaluation and Implementation e il Working
Group on Publicity and Funding hanno unito i propri esperti; l’incontro, coordinato da
Sungjae Choo e da Peder Gammeltoft, è stato utile per mettere a punto nuove strategie e
nuovi obiettivi per l’UNGEGN-GENUNG, a
partire da iniziative delle Nazione Unite nell’àmbito del GGIM (Global Geospatial Information Management) e per programmare
l’aggiornamento del sito web dell’organismo
internazionale (dalla banca dati dei nomi
geografici alla lista ufficiale delle autorità nazionali in materia). Il seminario è stato arricchito da due conferenze: il presidente in carica dell’UNGEGN-GENUNG Bill Watt su Getting them right: Cultural and technical accuracy e Sang-Hyun Chi (Kyung Hee University) su New names drive out old names: The case of place-name changes in the construction of
the new administrative town Sejong in Korea.
Il 19 settembre 2013 si è tenuto a Tallinn
un seminario organizzato dai gruppi baltico
e nordico dell’UNGEGN-GENUNG (vedi qui
alle pp. 296-97). Il 14 maggio si erano riuniti nel sultanato del Brunei Darussalam i
componenti dell’Asia South-East Division,
per la prima volta dopo la divisione in due
dell’Asia South East and Pacific South-West
Division. Nell’occasione si è svolto un seminario con vari contributi, sul tema “Placenames Preserving Cultural Heritage”, tra i quali: HJ MOHD ROZAN, An introduction to the
history of geographical place names in Brunei;
MULTAMIA RMT LAUDER, The role of placenames in preserving cultural heritage in Indonesia; HJH DELIMA, Typology and Characteristics of the Toponyms for the Brunei-Muara
and Tutong Districts, Brunei Darussalam. Il
successivo incontro del gruppo si è tenuto a
Lombok, in Indonesia, il 31 marzo e il 1º aprile 2014.
Dal 17 al 21 giugno 2013 il Working
Group on Training Courses in Toponymy,
presieduto da Ferjan Ormeling, ha organizzato ad Antananarivo un corso di formazio-
347
RION, XX (2014), 1
Rivista Italiana di Onomastica
ne cui hanno partecipato studenti provenienti, oltre che dal Madagascar, da Botswana,
Burundi, Etiopia, Kenya e Uganda. Questi i
contenuti: “Teaching the functions of geographical names, terminology”; “Teaching
the naming process”; “Demonstration of the
structures and work of national names authorities”; “Teaching the processing of geographical names”; “Demonstration of field
work preparation”; “Teaching the design of
field work forms”; “Field work demonstration (Andasibe area)”; “Teaching the processing of the names collected during fieldwork, database characteristics”; “Demonstration of the GEONYMS software designed
by UNECA and made available to African
countries and the production of databases
and gazetteers”; “Teaching small-scale applications”; “Teaching the diffusion of the standardised geographical names”, “Cooperation
within Africa”; “Demonstration of the support role of UNGEGN”.
’ Secretariat of the Group of Experts on
Geographical Names (UNGEGN-GENUNG),
c/o Mrs. Sabine Warschburger, Statistics Division (UNSD), Statistical Services Branch,
Department for Economic and Social Affairs (DESA), Room DC2-1682, United Nations, New York, NY 10017 – T. +1.212.
9634297 – Fax +1.212.9634569 – E-mail:
[email protected]; [email protected]
– Web: http://unstat.un.org/unds/geoinfo/.
’ Dr. William (Bill) Watt, Committee for
Geographical Names in Australasia (CGNA),
Department of Transport, Energy and Infrastructure, GPO Box 1354, Adelaide SA
5001 – E-mail: [email protected]
’ Dr. Ferjan Ormeling, Utrecht University, Faculty of Geographical Sciences, Cartography Section, Heidelberglaan 2, Utrecht;
PO Box 80115, NL-3508TC – Fax +31.30.
2540604 – E-mail: [email protected] –
Web: http://cartography.geog.uu.nl/ormeling/.
RION, XX (2014), 1
L’onomastica nel Dizionario Enciclopedico delle Migrazioni Italiane nel
Mondo.
Il Dizionario Enciclopedico delle Migrazioni
Italiane nel Mondo, un’opera ideata e diretta
da Tiziana Grassi, con il coordinamento
scientifico di Delfina Licata, la direzione editoriale di Enzo Caffarelli e la collaborazione della Fondazione Migrantes, è in corso di
stampa (maggio 2014) per i tipi della SER
ItaliAteneo. Il volume si articola in 1.500
pagine con circa 800 lemmi-articoli e oltre
150 box di approfondimento, 17 appendici
monotematiche, 350 illustrazioni a colori e
in bianco e nero; è frutto del lavoro di 161
autori, nella maggior parte dei casi docenti
universitari e rappresentanti di istituzioni e
associazioni impegnate nell’àmbito delle
migrazioni italiane all’estero, supervisionati
da un consiglio scientifico di 50 esperti che
rappresentano l’Italia e numerose altre nazioni.
La linguistica figura in un numero elevato di voci e nell’appendice “Lingua. L’italiano, i dialetti, le parlate miste”. In particolare,
l’onomastica è presente nelle seguenti voci:
Bella Italia (con il box Strade e piazze di Montevideo dedicate agli italiani); cognome (con inoltre il box Cognomi agrigentini in America.
Gli esempi di Licata, Palma di Montechiaro e
Favara); etnici; Little Italy (in particolare il
box “Little Italy”: una definizione messa in discussione dagli storici); Monongah (West Virginia) (il box Monongah, Minonga, Mironga, Milonga... nei dialetti meridionali l’orrore
indimenticato); nome personale; nomi di marchi e insegne; nomi di strade e piazze (con i box
I comuni che ricordano Sacco e Vanzetti e Un
odonimo contestato: Via Italo Balbo a Chicago); paparazzo (con inoltre il box Il marchio
Paparazzi nel mondo); Piazza d’Italia (con inoltre il box Gli odonimi italiani di Buenos
Aires); termini dispregiativi (specie per i nomignoli e blasoni popolari e con il box Guidos e Guidettes: insulto etnico o simpatico ste-
348
Attività
reotipo?); toponimi (replicazione dei) (con inoltre il box La Madonna di Bonaria di Cagliari e Buenos Aires capitale argentina); toponomastica; Via degli Emigranti (con inoltre
il box Gli altri comuni che ricordano gli emigranti nella toponomastica).
Inoltre un’ampia appendice riguarda i
nomi propri, “Nomi, cognomi, toponimi e
marchi degli italiani all’estero”, e si articola
nei seguenti capitoli: Diffusione e alterazione
dei cognomi italiani nel mondo, di Enzo Caffarelli; La mappa dei cognomi italiani; Tragedie umane e scempi onomastici, di Enzo Caffarelli; Toponimi italiani in Brasile, di Vitalina Maria Frosi / Carmen Maria Faggion /
Giselle Olívia Mantovani Dal Corno; L’odonimia di San Francisco de Córdoba tra radici
italiane e identità argentina, di Elena Papa;
Bergoglio, il cognome italiano più famoso in
Argentina, di Alda Rossebastiano; Nomi italiani per autovetture straniere, di Enzo Caffarelli; Le insegne della ristorazione italiana nel
mondo: Bruxelles, Londra, New York, San
Paolo, Buenos Aires, Sydney, in Canada, in
Messico e in alcuni Stati asiatici, di Enzo Caffarelli. Tra gli autori del Dizionario figurano
inoltre Massimo Arcangeli, Cosimo Palagiano, Massimo Pittau, Franco Salvatori, Fiorenzo Toso e Massimo Vedovelli.
Il Dizionario Enciclopedico delle Migrazioni Italiane nel Mondo sarà in vendita nelle migliori librerie ed è acquistabile online
(<www.editriceromana.com>) con uno sconto del 30% (€ 49 anziché 70) e spedizione
gratuita (in Italia) per gli abbonati alla «Rivista Italiana di Onomastica» 2014.
’ SER ItaliAteneo, p.zza Cola di Rienzo
85, 00192 Roma – T. 06.36004654 – Fax
06.36001793 – E-mail: [email protected] – Web: www.editriceromana.com.
In breve...
Collaborazione SEAT PG Italia e «Rivista Italiana di Onomastica». Le banche dati di
PagineBianche, PagineGialle e TuttoCittà di
SEAT PG Italia sono state messe a disposizione
della direzione della «Rivista Italiana di Onomastica» per una serie di ricerche riguardanti
l’antroponimia, la toponimia (in particolare
l’odonimia) e la crematonimia italiane. Le indagini hanno carattere da un lato statistico,
articolandosi in classifiche di frequenza nazionali, regionali, provinciali e comunali;
dall’altro, storico-linguistico, consentendo
analisi sincroniche (e in alcuni casi diacroniche) su aspetti morfosintattici, fonetici, semantici correlati con la formazione per esempio delle insegne stradali o dei marchi commerciali. Un filone di indagine riguarda in
particolare la presenza e l’influenza di uno
stesso nome in antroponimia, odonimia e
marchionimia. Diffusi attraverso i media cartacei e digitali, i risultati delle ricerche sono
approfonditi e riportati con varie formule anche nelle pagine della RION e nel portale del
Laboratorio Internazionale di Onomastica
(LION) dell’Università di Roma Tor Vergata
(<http://onomalab.uniroma2.it/).
La collezione RION in e-book. I primi 37
volumi della «Rivista Italiana di Onomastica» – annate dal 1995 al 2003 – sono acquistabili in versione digitale (<www.editriceromana.com>). Alcuni fascicoli sono ancora disponibili nell’edizione cartacea, mentre
altri sono da tempo esauriti. La redazione
della rivista sta inoltre allestendo un primo
gruppo di numeri monotematici, sempre in
formato e-book, che antologizzeranno gli articoli pubblicati nei primi 19 anni di storia
del periodico: tra gli argomenti figurano i
cognomi, l’onomastica letteraria, i marchionimi e i nomi commerciali, l’odonimia
e le frequenze antroponimiche ([email protected]).
349
RION, XX (2014), 1
Rivista Italiana di Onomastica
Pronti gli Atti di ICOS XXIV (Barcellona).
Joan Tort i Donada guida il gruppo di curatori degli Atti del XXIV Congresso internazionale di Scienze onomastiche (ICOS), “I nomi
nella vita quotidiana” tenutosi dal 5 al 9 settembre 2011 presso l’Università di Barcellona. I materiali saranno pubblicati solo in versione digitale, disponibili in rete e probabilmente in formato CD o DVD per gli autori dei
contributi. Gli Atti riprodurranno gli oltre
300 articoli delle 12 sezioni del congresso: “Terminologia”, “Teoria onomastica”,
“Onomastica e linguistica”, “Nomi nella società”, “Antroponomastica”, “Toponomastica”, “Onomastica e storia”, “Onomastica e
geografia”, “Onomastica e cultura”, “Cartografia e nomi di luogo: nuove piattaforme
per la gestione delle informazioni”, “Onomastica e processi di standardizzazione”,
“Onomastica catalana” ([email protected]).
L’appello di «Onoma» per i numeri 50 e 51.
La rivista dell’International Council of Onomastic Sciences (ICOS), attualmente coordinata da Antti Leino (Helsinki) che ha preso il
posto di Elwys De Stefani (Leuven), ha lanciato in marzo un appello per la scelta dei temi
che figureranno nei prossimi numeri monotematici della rivista «Onoma» (e per l’individuazione dei relativi curatori). Del periodico
sono attualmente in preparazione il nº 47 (data ufficiale: 2012) “Contact and Interference
Phenomena in Onomastics”, che sarà pubblicato a cura di Wolfgang Haubricks e Max Pfister; il nº 48 (2013) “Names and Law”, a cura
di Katharina Leibring e Andreas Teutsch; e il
nº 49 (2014) “Names and Religion”, curato
da Per Vikstrand (www.icosweb.net).
Antroponimia storica e Toponomastica e
territorio: dottorato di ricerca a Torino.
Presso l’Università di Torino, il Dipartimento di Lingue e Letterature straniere e Culture
moderne ha proposto gli àmbiti di indagine
del Dottorato in Lingue e letterature stranie-
RION, XX (2014), 1
re, Linguistica e Onomastica, coordinato da
Paolo Bertinetti. Due degli otto titoli dei
progetti riguardano i nomi propri. In un caso, “Antroponimia storica”, si tratta della
realizzazione di un repertorio antroponimico medievale a partire da fonti italiani e straniere edite e inedite, reperite in Italia e all’estero, con particolare riferimento alle aree
storiche di contatto (Cipro, Malta, Dalmazia); studio e analisi linguistica delle forme. Il
secondo progetto prevede l’implementazione di un repertorio toponimico medievale
con speciale riferimento alla microtoponomastica; studio e analisi linguistica delle forme onomastiche in prospettiva diacronica
( < h t t p : / / d o t t - l o l l e s t r. c a m p u s n e w t .
unito.it/do/home.pl>).
Toponomastica all’Università della Terza
età della Carnia. Barbara Cinausero Hofer
ed Ermanno Dentesano hanno tenuto nel
corso dell’anno accademico 2013-14 un corso di “Toponomastica e identità” presso l’Univeristà della Terza età della Carnia
(<www.utecarnia.com>) . Il ciclo di lezioni
teorico-pratiche era finalizzato a far consocere i nomi di luogo del Friuli, e in particolare
della Carnia, e i loro legami con la storia e la
cultura della regione. I due docenti sono gli
autori del Dizionario toponomastico. Etimologia, corografia, citazioni storiche, bibliografia dei nomi di luogo del Friuli storico e della
provincia di Trieste (Udine, Ribis 2011) con
la collaborazione di Enos Costantini e Maurizio Puntin ([email protected];
[email protected]).
La SNSBI ricorda Joyce Miles. La Society for
Name Studies in Britain and Ireland commemora nella sua Newsletter dell’autunno 2013
(<www.snsbi.org.uk/pdf/SNSBI_Newsletter_
07.pdf>) la figura e l’opera di Joyce Miles,
studiosa già socia della SNSBI e vicepresidente dell’Australian Place Name Society (e collaboratrice di «Placenames Australia. News-
350
Attività
letter of the Australian National Placename
Survey»), scomparsa dopo una lunga malattia nel gennaio 2013. Inglese emigrata a Sydney, Joyce Miles ha dedicato parte delle sue
ricerche alla microtoponimia urbana e in
particolare ai nomi degli edifici – differenze
tra le denominazioni in Europa e in Australia, influenza dei primi insediamenti su tali
nomi, house names come fonte per i nomi di
strade e piazze – e alla toponomastica del
Nuovo Galles del Sud. Tra le sue opere, House
Names around the World (Newton Abbot, David & Charles 1973), The rise of suburban
Exeter and the naming of its streets and houses,
c. 1801-1907 (University of Leicester 1990,
tesi di dottorato inedita) e Owl’s Hoot: How
People Name their Houses (London, John
Murray 2000). Joyce Miles si era occupata anche di divulgazione, partecipando regolarmente a trasmisisoni radiofoniche e televisive.
Premio della Society for Name Studies in
Britain and Ireland. La SNSBI premia ogni
anno con 100 sterline e la possibile pubblicazione nella rivista «Nomina» il miglior articolo di toponomastica o antroponomastica relativo a Inghilterra, Irlanda, Scozia,
Galles, Isola di Man e Isole del Canale
(<www.snsbi.org.uk/essay_prize.html>).
Nel 2011 il riconoscimento è andato a
Gerry Smith (Liverpool) con Place-naming
and space-knowing: an analysis of two Irish
poems; nel 2012 a Harriet Leslie (Glasgow)
con A Study of the child-naming practices of
the Scottish quakers between 1700 and 1825
e ad Eleanor Rye (Nottingham) con A quantative [sic] comparison of Scandinavian
linguistic influences on the minor names of
North Stainley and Nunwith (West Yorkshire)
and Hurworth, Neasham and Sadberge
(County Durham).
PAIGH: formazione toponomastica in America Latina. Il Gruppo di lavoro sui nomi
geografici del Pan American Institute of
Geography and History (PAIGH)-Instituto
panamericano de geografía e historia, presieduto da Roger Payne ([email protected]), organizza corsi annuali di formazione in campo toponomastico e in particolare per creare
banche dati e network digitali per i nomi geografici nei Paesi latinoamericani. Nel 2013 il
“José Joaquín Hungría Morell Geographic
Names Course” si è tenuto a Panama dal 15
al 19 luglio sotto l’egida dell’Instituto Geográfico Nacional Tommy Guardia. Il Gruppo
di lavoro del PAIGH collabora con la Divisione latinoamericana dell’UNGEGN-GENUNG
(Gruppo di esperti delle Nazioni Unite per i
nomi geografici).
Corsica: “Prix du livre insulaire” a Jean
Chiorboli. La légende des noms de famille,
pubblicato a Ajaccio da Albiana e opera di
Jean Chiorboli, docente dell’Université de
Corse, ha vinto il “Prix du livre insulaire”
2013 nella categoria “saggi” (<http://livres.
livre-insulaire.fr/>). Tra le precedenti opere
dell’autore, Langue corse et noms de lieux
(Ajaccio, Albiana 2008). Lo studio prende le
mosse dalla statistica e si basa su un approccio comparativo con il repertorio antroponimico italiano, proponendo varie piste di riflessione (vedi qui alle pp. 221-22).
Assegnati due premi australiani. Il Geographical Names Board del Nuovo Galles
del Sud ha assegnato il “Murray Chapman
Award” 2013 (di 5 mila sterline) ex-aequo a
David Nash (Bulga, Nyrang and other Pidgin Placename of NSW) e a Jim Wafer (Purimbah and the Polysemy of ourin). Il riconoscimento va ad articoli inediti sulla toponimia indigena del Nuovo Galles del Sud,
in onore del grande studioso di lingue e toponimi indigeni Murray Chapman. Il “Placenames Australia Award” 2013 (mille sterline), assegnato dall’Australian National
Place-names Survey, è stato attribuito alla
Port Macquarie Historical Society a soste-
351
RION, XX (2014), 1
Rivista Italiana di Onomastica
gno del progetto di ricerca “The origin and
meaning of names of significant estate
established during the first decade of free
settlement in the Port Macquarie and Hastings region (1830-1840)”, diretto da Tony
Dawson (<www.anps.org.au/documents/
Dec_2013.pdf>).
“People and place names”: corso a York.
L’Università di York, nell’ambito dei programmi di formazione permanente (lifelong
learning) ha proposto nell’anno accademico
2013-14, a partire dal 15 febbraio 2014, il
corso “People and Place Names”, affidato a
Gillian Waters. Il corso è descritto come
un’analisi dei cambiamenti in processo di
tempo della toponimia sul suolo inglese e di
come i nomi di luoghi parlino delle genti –
Celti, Romani, Anglo-Sassoni, Vikinghi,
Normanni, ecc. – che vi hanno vissuto (<http://
store.york.ac.uk/>).
Francis “Name of the Year” 2013 anche
per l’American Name Society. Nel convegno annuale, tenuto dal 2 al 5 gennaio a
Minneapolis, i membri della American
Name Society (ANS) hanno eletto Francis
“Name of the year” 2013 in assoluto e nella
categoria degli antroponimi. La motivazione:
«Francis, chosen by Jorge Mario Bergoglio as
his papal name when he was elected pope
last March, is significant both because it is the
first time in 1,100 years that a pope has chosen a name not used by any previous pope,
and because of its association with St. Francis of Assisi. By choosing this name, Francis
was signaling to the world his desire to make
changes in the Roman Catholic Church and
his desire to live simply and focus on concern
for the poor, like St. Francis». Gli altri vincitori di categoria sono stati Obamacare tra i
nomi commerciali, Ender Wiggins tra i nomi
finzionali e Syria tra i toponimi (<www.
wtsn.binghamton.edu/ans/>).
The Editorial Staff of RION expresses thanks for the valuable cooperation in the following sections:
“Materiali bibliografici”, “Incontri” and “Attività” especially to:
Maria Giovanna Arcamone (Pisa)
Marino Bonifacio (Trieste)
Donatella Bremer (Pisa)
Emili Casanova i Herrero (València)
Pascal Chareille (Tours)
Furio Ciciliot (Savona)
Paolo D’Achille (Roma)
Pierre Darlu (Paris)
Maria Pia Ercolini (Roma)
Zsuzsanna Fábián (Budapest)
Massimo Fanfani (Firenze)
Oliviu Felecan (Baia Mare)
Andrea Finocchiaro (Crema)
Fiorenza Fischer (Wien)
Artur Gałkowski (Łódź)
María Dolores Gordón Peral (Sevilla)
Dieter Kremer (Leipzig/Trier)
RION, XX (2014), 1
Léo La Brie (Gatineau)
Sylvie Lejeune (Bouliac)
Carlo Alberto Mastrelli (Firenze)
Mauro Maxia (Sassari)
Cosimo Palagiano (Roma)
Elena Papa (Torino)
Gianmario Raimondi (Aosta)
Giovanni Rapelli (Verona)
Stella Retali-Medori (Corte)
Luisa Revelli (Aosta)
Alda Rossebastiano (Torino)
Laura Rota (Pisa)
Michel Tamine (Reims)
Stefano Vassere (Bellinzona)
Silvia Verdiani (Torino)
Paul Videsott (Bolzano/Nancy)
Ferenc Vörös (Szombathely)
352
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
2
File Size
186 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content