close

Enter

Log in using OpenID

14. MAY. 2014. 16:07 385 1 6169200 MINT NABAVA #2217 P.002

embedDownload
14. MAY. 2014. 16:07 385 1 6169200
MINT NABAVA
#2217 P.002/0
REPUBBLICA DI CROAZIA
MINISTERO ALLE FINANZE UFFICIO DELLE
IMPOSTE – SEDE CENTRALE
Pratica n: 410-19/14-01/241
N. protocollo: 513-07-21-01/14-01
Zagabria, 31 marzo 2014.
UFFICO DELLE IMPOSTE
UFFICIO AMMINISTARTIVO
REGIONALE
-a tutti -
Oggetto: Annuncio per servizio trasporti autobus senza sede nella Repubblica di Croazia
L'articolo 20, comma 1 - della Legge sul valore aggiunto (Gazzetta ufficiale n 73/13 99/13
Delibera della Corte Costituzionale della Repubblica di Croazia, 148/13 1163/13 -Delibera
CCRC), stabilisce che sia ritenuto luogo delle prestazioni dei servizi di trasporto passeggeri nel
luogo dove si svolge il trasporto in proporzione alla distanza percorsa. Pertanto, i contribuenti
stranieri che nella Repubblica di Croazia svolgono l’attività di servizi di trasporto stradale
regolare o di transito, di passeggeri stranieri o nazionali, in autobus, mini-bus, furgoni o taxi,
hanno l’obbligo, prima di iniziare l’offerta dei servizi di trasporto passeggeri, di annunciarsi fini
1
dell'IVA nella Repubblica di Croazia
I contribuenti stranieri che hanno sede nell'Unione europea possono nominare nella
Repubblica di Croazia un rappresentante fiscale, mentre i contribuenti che hanno la sede al di
fuori dell'UE hanno l’obbligo di nominare un rappresentante fiscale. Il rappresentante fiscale
deve essere registrato in Croazia come contribuente IVA e deve essere autorizzato a ricevere e
ritirare la documentazione, a presentare la dichiarazione IVA e a effettuare tutte le altre
procedure necessarie connesse all’accertamento e il pagamento dell'IVA del contribuente.
Per registrarsi ai fini dell’IVA in Croazia, gli operatori stranieri, che svolgono l’attività di
trasporto passeggeri sul territorio croato, sono tenuti a:



richiedere l'attribuzione della partita IVA - numero di identificazione (ID IVA)
ottenere il codice di identificazione personale OIB
nominare un rappresentante fiscale (obbligatorio per i contribuenti con sede al di
fuori dell'UE
1. REGISTRAZIONE
Allo scopo di ottenere il numero di ID IVA il contribuente deve presentare;
a) La richiesta per la determinazione e l'assegnazione di un numero di identificazione
personale (PIN)
b) Modulo P-IVA (Richiesta di registrazione ai fini dell’IVA).
1
Nel testo originale l'abbreviazione e' PDV rispettivamente del testo in croato Porez na dodanu vrijednost. N.d.T.
www. porezna-uprava. hr
2
14. MAY. 2014. 16:07 385 1 6169200
MINT NABAVA
#2217 P.003/0
Al fine di ottenere il numero di identificazione personale (OIB) il contribuente deve essere
presentare;
a) La richiesta per la determinazione e l'assegnazione dell’OIB
- in lingua croata: http;//www.porezna-uprava.hr/HR
obrasci/Documents/OSOBNI%20IDENTIFIKACIJSKl%20BROJ/zahtiev-OIB.pdf.
- in lingua inglese:http;//www.porezna-uprava,hr/en/EN_obrasci/Documents/PlNrequest.pdff. i
- in lingua tedesca: http://www.porezna-uprava.hr/en/EN
obrasci/Documents/Deutsche beantragenPIN.pdf.
b) L’atto costitutivo dell’associazione (la delibera o l’estratto del registro imprese, che deve
essere in lingua croata o tradotto in croato da un interprete giudiziario).
Se il contribuente straniero è un imprenditore individuale o un artigiano ha l’obbligo di
presentare alle autorità fiscali la seguente documentazione:
1. La richiesta per la determinazione e l'assegnazione dell’OIB
2. Il passaporto - presentare l’originale allegando una copia alla richiesta.
In via eccezionale, se un imprenditore individuale o commerciante stranieri non sono in
possesso di passaporto hanno l’obbligo di allegare alla richiesta;
- la carta d'identità europea (cittadini comunitari)
- documento d’identità del paese di provenienza che comprovi la cittadinanza.
Quando la richiesta viene presentata della persona autorizzata a nome della persona (fisica o
giuridica) oltre ai suddetti documenti (copie di documenti) deve essere allegato l’Atto di
delega.
La Delega deve essere rilasciata per la determinazione e l'assegnazione del numero di
identificazione personale OIB. L’Atto di delega deve essere scritto in lingua croata o tradotto in
lingua croata, considerando che la lingua ufficiale nella Repubblica di Croazia è il croato.
L’Atto di delega viene mantenuto nel relativo Ufficio delle imposte locale e deve essere
autenticato da un notaio solo in via eccezionale se esistono dubbi nella sua autenticità. Se
l'autorizzazione è rilasciata a un notaio, a un avvocato, un’autorità pubblica o a una banca non
è necessaria l’autenticazione dell’Atto di delega. Se la richiesta è presentata da una persona
fisica per una persona cittadina straniera, è necessaria l’autenticazione dell’Atto di delega.
I documenti necessari per la determinazione e l'assegnazione del numero personale OIB ai
soggetti stranieri possono essere scaricati;
- in lingua inglese:
http:/www.porezna-uprava.hr/HR_OIB/Documents/oib% 20dokumentacija% 20% 20 ore (2). pdf.
e
- in lingua tedesco:
http:/www.porezna-uprava.hr/HR_OlB/Documents/oib% 20dokumentacija_de.pdf.
All’Ufficio imposte, Ufficio circondariale di Zagabria, Avenija Dubrovnik 32, Servizio per il
rimborso dell'IVA ai soggetti stranieri, si presenta la richiesta per la determinazione e
l'assegnazione del numero di identificazione personale OIB e del Modulo P-PDV (IVA).
In aggiunta ai moduli menzionati devono essere presentati i seguenti documenti:
www. porezna-uprava. hr
3
14. MAY. 2014. 16:07 385 1 6169200
MINT NABAVA
#2217 P.004/0
a) certificato di registrazione della persona (atto costitutivo, o un estratto del registro di
competenza)
b) l’attestato fiscale dell’ufficio imposte dello Stato in cui ha la sede legale che certifichi sia
registrato come contribuente
c) la dichiarazione o un’altra prova che intende operare nella Repubblica di Croazia
d) l’atto di delega autenticato dal notaio (se si opera tramite un agente fiscale)
I documenti specificati devono essere in lingua croata ovvero tradotti e certificati in lingua
croata.
Se un contribuente straniero, che esegue il trasporto internazionale su strada di passeggeri, ha
nominato un rappresentante fiscale, in questo caso l’agente fiscale per conto del contribuente
deve presentare le richieste necessarie e altri documenti per la registrazione ai fini IVA.
Sulla verifica dei Moduli e documenti presentati l'amministrazione, al contribuente fiscale sarà
assegnato il numero PDV ID entro 8 giorni.
2. DICHIARAZIONE DELL'IVA
I contribuenti ai quali è stato assegnato il numero partita IVA (PDV ID) vengono iscritti nel
registro IVA e sono tenuti a presentare mensilmente la dichiarazione IVA (Modulo IVA) nella
Repubblica di Croazia fino al momento del rilascio della partita IVA. Solo in via eccezionale, i
contribuenti stranieri che eseguono occasionalmente il trasporto internazionale di passeggeri
su strada sul territorio croato sono tenuti a presentare le dichiarazioni dei redditi mensili per il
periodo contabile in cui sono stati prestati tali servizi. Essi sono in ogni caso tenuti a
presentare una dichiarazione annuale IVA (modulo PDV-K), indipendentemente dal numero di
mesi della durata di prestazione di questi servizi durante l'anno di calendario. Ai sensi delle
disposizioni di cui all'articolo 2, punto 4 del Regolamento (CE) n. 1073/2009 del Parlamento
europeo e del Consiglio, del 21 ottobre 2009, relativo alle norme comuni per l'accesso al
mercato internazionale dei servizi di trasporto autobus, che ha modificato il regolamento (CE)
n. 561/2006 il trasporto occasionale implica i servizi di trasporto che non rientrano nella
definizione di servizi di linea regolari, compresi i servizi di linea regolari specializzati, la cui
caratteristica principale è che trasportano gruppo di passeggeri su iniziativa di committenti o
del trasportatore stesso.
Le dichiarazioni mensili dell’IVA devono essere presentate entro il 20 di ogni mese per il mese
precedente, e le dichiarazioni IVA annuali (modello PDV-K) entro la fine di febbraio per l'anno
precedente. La dichiarazione sommaria (modello ZP) e la Dichiarazione per l'acquisizione di
beni e servizi ricevuti da altri Stati membri dell'Unione europea (modello PDV-S) devono essere
presentate entro il 20 di ogni mese per il mese precedente, a condizione che il contribuente
svolga la fornitura di beni e di servizi all'interno dell'Unione europea, ovvero che acquisisca
beni e usufruisca di servizi all'interno dell'Unione europea. Le domande devono essere
presentate in via elettronica attraverso il portale di e-Porezna. Le informazioni su come
diventare utente dei servizi elettronici dell'amministrazione fiscale sono disponibili sul sito:
http://www.porezna-uprava.hr/HR_ ePorezna/Stranice/novi_korisnik.aspx.
Informazioni più dettagliate sull'uso dei servizi di e-Porezna, le istruzioni, le richieste, i modelli,
i moduli e le procure sono scaricabili sul sito internet FINA-e: http://rdc.fina.hr/.
Informazioni sull’assegnazione dei certificati digitali a entità aziendali, sono scaricabili sul sito
internet: http://www.fina.hr/Default-asp?art=10744.
Altri collegamenti utili:
- ePorezna – domannde frequenti:
http://www.poreznauprava.hr/HR_ePorezna/Knjiznica%20ePorezn
a/Nova%20aplikacija%20ePorezna/ePoreznaFAQ.pdf.
www. porezna-uprava. hr
4
14. MAY. 2014. 16:07 385 1 6169200
MINT NABAVA
#2217 P.005/0
Bisogna rilevare che per la presentazione elettronica dei modelli è necessario che il
contribuente e la persona a nome di cui sarà intestato il certificato digitale, siano in possesso
dell'OIB (numero di identificazione personale).
Se il contribuente che esegue il trasporto internazionale su strada di passeggeri nomina un
rappresentante fiscale, allora i modelli menzionati sono presentati dal delegato fiscale a nome
del contribuente.
3. CALCOLO DELLA BASE IMPONIBILE
La base imponibile è il prezzo che il contribuente riceve in proporzione al numero di
chilometri nella Repubblica di Croazia.
4. DETRAZIONE FISCALE
Il contribuente ha diritto alla detrazione iniziale dell'imposta per la fornitura di beni e
prestazioni di servizi che comportano la tassazione, da parte di altri contribuenti IVA nella
Repubblica di Croazia, per l’usufrutto ai fini dell'esercitazione dell'attività dell’impresa. Per
usufruire del diritto alla detrazione è necessario a ogni consegna di servizio, ricevuti da altri
fornitori, consegnare il numero di partita IVA croata (PDV ID). La detrazione fiscale è consentita
per esempio per le fatture riguardanti i pedaggi stradali, autostradali, tunnel o ponti, per
l’acquisto di carburante, le riparazioni inaspettate di veicoli e altro simile.
Da recapitare a:
1. Ufficio per i servizi elettronici e le pubblicazioni.
www. porezna-uprava. hr
5
14. MAY. 2014. 16:07 385 1 6169200
www. porezna-uprava. hr
6
MINT NABAVA
#2217 P.006/0
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
172 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content