close

Enter

Log in using OpenID

Bilancio Sociale 2011

embedDownload
Bilancio Sociale 2011
indice
Chi siamo 3
La Mission del CoorDown 5
Associati, Governo e Struttura 8
Gli Organi Sociali 10
Adesione ad Organismi 12
I nostri portatori di interessi 18
L’Attività Istituzionale 21
La Giornata Mondiale 25
I Global Games 30
La Giornata Nazionale 36
Le Collaborazioni 45
Le Giornate di Sudio 48
Il Progetto C+1
50
Il Bilancio 2011 57
Le associazioni aderenti 68
Lettera del Coordinatore
Per il secondo anno consecutivo il CoorDown pubblica il proprio Bilancio Sociale,
attraverso il quale comunica le scelte, le azioni, i risultati e gli effetti del proprio operato, dando altresì conto delle modalità con cui sono state impiegate e investite le
risorse a disposizione. Con questo insieme organico di notizie il CoorDown presenta
la propria missione, i propri valori di riferimento e il proprio assetto istituzionale
con l’obiettivo di informare sull’attività svolta, in coerenza ai principi etici che ispirano la sua azione.
Il Bilancio Sociale diventa così lo strumento per “rendicontare” l’operato dal punto di vista del lavoro
svolto e per divulgare, in maniera trasparente e facilmente comprensibile, le azioni intraprese e da attuare, i risultati conseguiti, le scelte adottate e le relative decisioni operative.
È una base informativa, organica e completa, che dà modo a tutti di entrare nella vita e nei progetti
che il CoorDown attua su mandato dell’Assemblea e di condividerne gli scopi, le finalità, le motivazioni.
Anno dopo anno il Bilancio sociale del CoorDown diventerà l’occasione per conoscere e comprendere
il valore aggiunto che la sua azione e quelle esercitate sul piano locale dalle associazioni locali, rappresentano per la nostra società, rivelando il senso di responsabilità con cui il terzo settore si relaziona con
la comunità in cui è inserito. È, in altre parole, l’indicazione che bilancio etico e bilancio economico
non sono antitetici tra loro, ma camminano insieme.
Dalla sua nascita nel 2003 ad oggi il CoorDown è riuscito ad incidere profondamente nel tessuto sociale
apportando significativi contributi in termini di progetti e azioni realizzate, soprattutto sul piano della
comunicazione sociale. Di tutto questo, pur visibile ai nostri occhi, il CoorDown stesso ha voluto lasciare
testimonianza attuando una comunicazione trasparente e aperta ai “portatori di interesse” organizzazioni, enti, aziende ed a tutta la popolazione per favorire una riflessione sui suoi scopi, sulle relazioni
instaurate con il territorio, sulle azioni svolte e sugli investimenti realizzati.
Un documento che attesta il legame di fiducia che, reciprocamente, intercorre tra il mondo delle organizzazioni che tutelano le persone con disabilità e la società, una scelta etica che coinvolge tutte le
persone che, nei diversi ruoli e nelle differenti responsabilità, condividono una grande e insostituibile
passione civile.
Sergio Silvestre
Coordinatore Nazionale
1
Nota Metodologica
Motivazioni - obiettivi
della realizzazione
del bilancio sociale
Gli obiettivi con cui il CoorDown realizza il bilancio sociale sono molteplici ma tutti accomunati
dall’esigenza di rendere conto, in maniera trasparente e diffusa, a quanti ne hanno interesse e diritto del
grado di perseguimento della propria missione sociale. In particolare con il bilancio sociale si vuole dare
la possibilità al lettore di valutare:
l’efficacia dei risultati sociali ottenuti (non di tipo reddituale) per superare il rischio di essere
valutati solo sulla base, ad esempio, di quanto speso dei fondi assegnati;
l’efficienza delle attività, che non sempre sono misurabili in termini di costi-benefici di tipo
economico soprattutto per un’organizzazione senza scopo li lucro;
l’effettivo perseguimento della missione;
le relazioni e i rapporti con tutti i portatori di interessi (il CoorDown entra infatti in contatto con
una molteplicità di soggetti diversi e per ognuno si realizza uno scambio sociale significativo);
il livello di “capitale sociale” che il CoorDown produce (valore aggiunto in termini di ricchezza
sociale creata e distribuita).
Percorso di rendicontazione
sociale effettuato
Questo è il secondo bilancio sociale annuale consecutivo.
Relazione tra bilancio sociale
e altri strumenti / processi di
gestione dell’organizzazione
Il bilancio sociale s’integra in maniera organica con gli strumenti di programmazione, amministrazione
e controllo del CoorDown: viene usato infatti come base per (e a sua volta viene alimentato da) gli
strumenti della programmazione (bilancio di Previsione annuale), del monitoraggio (reportistica
periodica sulle attività), dell’amministrazione (bilancio economico e bilancio finanziario), della
comunicazione (campagne di comunicazione sociale, sito internet, facebook), della qualità.
Principi, linee guida e modelli
di rendicontazione sociale
utilizzati
come riferimento
Modello per il bilancio sociale dei Centri di Servizio per il Volontariato - Guida operativa per la
redazione, 2006, CSVnet
Linee guida per la redazione del bilancio sociale per le imprese sociali (Ministero della Solidarietà
Sociale, Decreto del 24 gennaio 2008)
Le linee guida della verifica della completezza e della conformità del bilancio sociale rispetto al
modello dell’Agenzia delle Onlus
Periodo di riferimento
della rendicontazione
2011 e confronto con gli anni precedenti
Ampiezza della
rendicontazione
2
Il presente documento prende in considerazione le attività sviluppate dal CoorDown su tutto il territorio
nazionale
Chi Siamo
ll Coordinamento Nazionale Associazioni delle persone con sindrome di Down nasce nel
2003, in occasione della prima Giornata Nazionale delle persone con sindrome di Down, con lo
scopo di attivare e promuovere azioni di comunicazione unitarie e condivise tra le diverse associazioni
italiane che si occupavano di tutelare e promuovere i diritti delle persone con sindrome di Down. Nel
2008 approva il primo statuto assumendo l’acronimo
di CoorDown Onlus ed individuando, tra gli scopi
principali, le seguenti priorità:
• Condividere esperienze tra le associazioni.
• Individuare e mettere in atto strategie comuni
rispetto a problemi «politici» condivisi
(richieste di modifiche legislative, applicazioni
di leggi, etc.).
• Attivare azioni comuni di comunicazione sociale.
Le associazioni aderenti al coordinamento mantengono
piena autonomia in relazione alle proprie attività e
alla propria azione politica, avendo cura di non creare
conflitto tra la propria azione e quella condivisa con il
coordinamento. Il CoorDown continua a promuovere,
la seconda domenica di ottobre, la consueta Giornata
Nazionale delle persone con sindrome di
Down, anche attraverso la produzione di campagne
pubblicitarie e di comunicazione sociale.
Il 21 marzo di ogni anno, inoltre, organizza e promuove in
Italia la Giornata Mondiale sulla sindrome di Down.
3
I valori e i principi di riferimento
Il CoorDown ispira la propria azione e la propria gestione ad una serie di principi che riguardano sia
l’attività che i rapporti con le associazioni aderenti, nonché i valori più generali del volontariato.
Di seguito, verranno richiamati in sintesi:
• Uguaglianza
• Imparzialità e continuità
• Efficienza ed efficacia
• Vicinanza e prossimità
• Orientamento al servizio
• Informazione
• Trasparenza Su queste basi, il CoorDown
svolge la propria attività su scala nazionale ed internazionale.
Il CoorDown realizza i propri
scopi statutari anche mediante il coinvolgimento delle
risorse interassociative e del
volontariato attivo.
Il CoorDown, inoltre, fa propri i valori riportati nella CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO.
4
La Mission del Coordown
Con
d
Pro ividere
muo
esp
Qua
v
lific ere bu erienze
o
are
• So ne prat
ste
ner iche
e
C
Azi omun
oni
ic
pol azion
itic
e so
he
con ciale
Adv divise
oca
cy
associazioni
aderenti
opinione pubblica
Stato o regioni
enti e istituzioni private
Nella convinzione che una forte presenza del volontariato costituisca un fondamentale
lento progresso sociale, civile ed economico, il CoorDown si propone di promuovere,
qualificare e sostenere le associazioni aderenti e di responsabilizzare la comunità locale
rispetto alle problematiche sui cui esse intervengono.
L’azione del CoorDown si fonda sul riconoscimento ed il rispetto per l’autonomia e
l’identità di tutte le associazioni aderenti. Il suo ruolo vuole essere di supporto, impulso e
affiancamento in modo tale che si sviluppino al loro interno competenze diffuse:
• assumendo, nei confronti delle istituzioni pubbliche, un ruolo di collaborazione
propositiva, mantenendo la propria specificità e diventando un soggetto attivo nella
programmazione, nella gestione e nella valutazione delle politiche promosse come risposta
ai bisogni sociali;
• lavorando in rete, condividendo e scambiando le esperienze.
5
La disabilità in numeri
Disabilità. Sono quasi 3 milioni le persone con disabilità (dati Istat). Di questi, 700 mila hanno
problemi di movimento, oltre 200 mila hanno difficoltà sensoriali (vista, udito, parola). Sfiorano le 400
mila unità le persone con limitazioni che impediscono le normali funzioni della vita quotidiana. 80 milioni
le persone disabili in Europa. Sindrome di Down. Secondo una stima vivono, in Italia, circa 38 mila persone con sindrome di
Down, di cui il 61% ha più di 25 anni. Le anomalie cromosomiche, tra cui le trisomie, sono un evento
abbastanza frequente che interessa circa il 9% di tutti i concepimenti. Lavoro. Sono 20 mila le persone con disabilità avviate al lavoro nel corso del 2009 e oltre 700 mila
gli iscritti alle liste provinciali speciali del lavoro. È il quadro presentato nella “Relazione sullo stato
di attuazione delle norme per il collocamento obbligatorio e mirato delle persone disabili (Legge
68/99)” relativo agli anni 2008-2009. L’indagine sulla formazione e inserimento lavorativo delle
persone con sdD, elaborato dal CoorDown nel 2009, rileva che lavora stabilmente solo il 13%
delle persone collocabili.
6
Scuola. Sono oltre 140 mila gli alunni con disabilità nella scuola italiana (Istat, a.s. 2010-2011); nello
stesso periodo il Miur ne conta 208 mila, includendo la scuola dell’infanzia e la secondaria di secondo
grado, escluse dal calcolo Istat.
Gli alunni stranieri con disabilità frequentanti l’anno scolastico 2009-2010 sono 14.500 (Caritas
italiana, Treelle, Fondazione Agnelli).
L’integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di primo grado
statali e non statali (2010-11).
L’Istituto nazionale di statistica, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca e
con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ha realizzato tra il 26 aprile e il 10 giugno del 2011 una
rilevazione sull’inserimento degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di primo grado,
statali e non statali, che va ad integrare le informazioni già rilevate dal Ministero competente.
Le informazioni provengono da 22.808 scuole, pari al 90% delle scuole oggetto di indagine. Il report è
stato presentato il 12 gennaio 2012.
Tra gli argomenti: gli alunni con disabilità in Italia nell’anno scolastico 2010-2011 e la loro distribuzione
tra scuola primaria e secondaria; il grado di autonomia; il tipo di disturbo; gli insegnanti di sostegno, i
rapporti scuola-famiglia.
La legge finanziaria del 2008 ha
stabilito che, in Italia, deve esserci
un insegnante di sostegno ogni due
alunni con disabilità. Secondo le anticipazioni del Ministero dell’Istruzione (Miur)
sull’anno scolastico 2011-2012 (dati
1/10/2011) gli insegnanti di sostegno sono passati da 90.026
dell’anno scolastico 2008-2009
a 96.089 del 2011-2012. 7
Associati, governo e struttura del CoorDown
La compagine sociale
L’iscrizione al CoorDown è aperta a tutte le associazioni di che si occupano in modo prevalente di
persone con sindrome di Down. Per aderire è sufficiente formulare apposita domanda al Comitato di
Gestione.
Nel corso degli anni il CoorDown si è sempre proposto di avere una compagine sociale variegata ed il
più possibile rappresentativa. Tra i soci, accanto ad alcune grandi organizzazioni o reti nazionali è molto
nutrita la presenza di piccole realtà.
74 associazioni socie al 31.12.2011
Le associazioni socie sono diminuite rispetto agli anni precedenti in quanto alcune hanno avuto
difficoltà organizzative. Motivo per cui tra i programmi futuri è stata prevista una specifica azione di
supporto alle realtà esistenti e di sviluppo della rete associativa soprattutto nelle regioni del Sud.
Ogni associazione ha diritto di partecipare alle assemblee e di esprimere il proprio voto in proporzione
alle persone con sdD rappresentate.
8
Composizione compagine sociale
Associazioni iscritte
79
2007
78
77
2008
2009
Distribuzione per area geografica NORD n.
74
2010
74
2011
35 CENTRO n. 21 SUD n.18
Rappreasentanza in assemblea
Associazioni aderenti 2011
36,8%
Associazioni singole
28,0%
Rete UNIDOWN
35,2%
Rete AIPD
9
Organi Sociali
ASSEMBLEA DELLE ASSOCIAZIONI ADERENTI
COMITATO DI GESTIONE
Sergio Silvestre
Coordinatore Nazionale
Carlo Tiano
Vice Coordinatore Nazionale
Franca Bruzzo Torti Segretario Nazionale
Luciana Basso Giovanni Fatucchi
Giovanni Lacoppola
Rita Le Piane
Elisa Orlandini
Antonietta Porrà
Il Comitato si è riunito
4 volte
27 febbraio 2011 Genova
11 luglio 2011
Genova
19 settembre 2011 Genova
03 dicembre 2011 Genova
REVISORI DEL CONTO
Enrico Pedemonte Presidente del Collegio
Gianni Macchi
Giuseppe Peroli
Il Collegio si è riunito
03 marzo 2011
Genova
10
Membri eletti dall’Assemblea nel biennio 2010-2012
Sergio Silvestre
ASS. DOWN F.V.G
Carlo Tiano
AIPD Saluzzo/Savigliano/Fossano
Franca Bruzzo Torti CEPIM Genova
Luciana Basso
Unidown Nazionale
Manuela Colombo Capirsi Down Monza (dimessa 4 dicembre 2010)
Anna Contardi
AIPD Nazionale (dimessa 14 maggio 2010)
Elisa Orlandini
Da.Di. Padova
Giovanni Lacoppola Air Down Moncalieri
Ivano Grassi
AIPD Bergamo (deceduto 27 maggio 2010)
Rita Le Piane
AIPD Cosenza
Giovanni Fatucchi AIPD Arezzo
Antonietta Porrà Centro Down Cagliari
Gruppi di lavoro
Gruppo scuola
Paola Gherardini
Gruppo sport
Carlo Tiano
Gruppo Lavoro
M.Teresa Calignano
Gruppo stato sociale
Franca Bruzzo
Nicola Tagliani
Giuseppe Peroli
Antonella Falugiani
Giovanni Lacoppola
Grazia Minelli
Adriano Tedeschi
Giuliana Fornaro
Elisa Orlandini
Giovanna Favret
Giovanni Cappellari
Tersilio Pallanca
Luciana Basso
Massimo Rota
Franco Dodero
Gianni Lacoppola
Grazia Liddi
Roberto Morali
Elisa Orlandini
Gianni Vergano
Edoardo Censi
Patrizia Danesi
M. Luisa Petito
Roberto Morali
Adriano Tedeschi
Coordinatrice
Il gruppo si è riunito
4 volte
12 febbraio 2011 a Roma
15 aprile 2011 a Bologna
21 giugno 2011 a Firenze
5 novembre 2011 a Roma
Coordinatore
Coordinatrice
Il gruppo si è riunito
Il gruppo si è riunito
25 gennaio 2011 a Padova
12 settembre 2011 a Roma
Numero totale di soci volontari attivi
n. 30
Ore di volontariato dedicate alle attività interne
Ore di volontariato dedicate alle attività esterne
Coordinatrice
Il gruppo non si è
mai riunito
ma ha lavorato in rete
n. 1.960
n. 1.250
Le nostre risorse (personale, collaboratori, consulenti)
AREA OPERATIVA
Responsabile segreteria
Addetta alla contabilità
Servizi fiscali e amministrativi
Consulente del lavoro
Responsabile sicurezza
Roberta IBBA
dott.ssa Valeria BILANCI
dott.ssa Claudia Rizzato
rag. Luca Degiovanni
Ing. Giovanni Carbone
Consulenza legale
Studio Vivani&Marson
AREA COMUNICAZIONE
Ufficio stampa
Ufficio grafico
Filmmaker
Webmaster
Federico De Cesare Viola
Andrea Spissu (ADcom)
Marzio Mirabella
Gianluca Taras (Sio2)
11
Adesione organismi
Il CoorDown è membro di
European Down Syndrome Association
Si è svolta a Roma in data 15 e 16 ottobre 2011 l’assemblea annuale a cui il CoorDown ha partecipato per la
prima volta. In tale occasione sono stati affrontati diversi argomenti e programmato le varie attività. Rinnovato il
board a cui partecipa, per AIPD, Anna Contardi ricoprendo il ruolo di vicepresidente.
Il CoorDown aderisce a
12
L’Associazione Internazionale, con sede in Gran Bretagna, è stata promotrice di una petizione internazionale,
sostenuta anche dalle associazioni italiane, per spingere le Nazioni Unite a riconoscere il 21 marzo come
Giornata Mondiale di Consapevolezza sulla sindrome di Down.
Lo scorso 10 novembre, l’ONU ha adottato la risoluzione A/C.3/66/L.27/Rev.1 che sancisce ufficialmente il 21 marzo
come Giornata Mondiale sulla sindrome di Down: un riconoscimento di grande importanza e un ulteriore passo in
avanti nel lavoro di tutela e salvaguardia dei diritti e della dignità della persone con sindrome di Down in tutto il
mondo e, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo, dove molte persone con sdD sono discriminate, vittime di pregiudizi
o, nei casi peggiori, relegati all’interno di istituti, senza la possibilità di condurre una vita autonoma e dignitosa.
Gli Stati firmatari.
La risoluzione presentata da Argentina, Australia, Bangladesh, Bielorussia, Bolivia, Brasile, Egitto,
Georgia, Germania, Giamaica, Guatemala, Irlanda, Israele, Malta, Panama, Perù, Polonia, Portogallo,
Repubblica Dominicana, Singapore, Siria, Slovenia, Stati Uniti, Thailandia, Turchia e Uruguay, ha
visto anche l’adesione di Austria, Bulgaria, Canada, Cile, Costa Rica, Cuba, Cipro, Danimarca, Ecuador,
Finlandia, Francia, Grecia, Ungheria, Italia, Lussemburgo, Messico, Monaco, Filippine, Romania,
Spagna e il Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, Albania, Armenia, Bhutan, BosniaErzegovina, Burundi, Colombia, Eritrea, Guyana, Haiti, Honduras, Iraq, Islanda, India, Indonesia,
Giordania, Lettonia, Lituania, Malesia, Mauritania, Marocco, Montenegro, Nicaragua, Paraguay,
Qatar, Repubblica di Corea, la Repubblica di Moldova, San Marino, Serbia, ex Repubblica iugoslava
di Macedonia, Timor Est e Venezuela.
Il CoorDown è membro di
La Conferenza Permanente delle Associazioni, Federazioni e Reti di Volontariato - ConVol - è un
organismo di coordinamento costituito nel 1991. Alla ConVol aderiscono 17 realtà nazionali di volontariato che
agiscono in campo nazionale ed internazionale.
La ConVol è membro effettivo dell’Osservatorio Nazionale per il Volontariato presso il Ministero del
Lavoro e delle Politiche Sociali. Tra i principali compiti la ConVol ha i seguenti scopi:
Promuovere e monitorare l’evoluzione della legislazione sociale nel Paese e nel contesto europeo, vigilando
alla sua corretta applicazione, al fine di ottenere scelte che rispondano alle attese delle persone in difficoltà
materiali o relazionali.
Tutelare il volontariato rispetto a comportamenti delle istituzioni e di qualsiasi altro soggetto non rispettosi del
suo ruolo, della sua funzione e dei suoi valori specifici.
Favorire lo sviluppo di relazioni organiche e continuative di collaborazione fra le organizzazioni di volontariato,
fra queste e gli altri attori sociali: pubblici, privati e del Terzo Settore.
Rappresentare le organizzazioni di volontariato aderenti e il volontariato nazionale, promuovendo azioni
politiche anche in rete con altri organismi di rappresentanza.
CoorDown partecipa attivamente alle attività promosse da ConVol sia in campo nazionale che
internazionale.
Il CoorDown, avendone i requisiti, ha richiesto l’iscrizione all’Albo delle Organizzazioni di volontariato istituito presso la Regione Lazio.
La procedura è tutt’ora in itinere.
Non appena verrà effettuata una modifica formale nell’attuale statuto, verrà emesso il relativo decreto.
13
Osservatorio Nazionale sulla condizione delle persone con disabilità
L’Osservatorio Nazionale sulla condizione delle persone con disabilità è un organismo istituito ai sensi dell’art. 3 della
legge 3 marzo 2009, n. 18 e presieduto dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali.
Il Regolamento dell’Osservatorio è stato disciplinato con il Decreto Interministeriale del 6 luglio 2010 n. 167, pubblicato
sulla Gazzetta Ufficiale n. 236 dell’8 ottobre 2010. Tale organismo durerà in carica tre anni a partire dal 23 ottobre 2010,
data di entrata in vigore del citato regolamento.
L’Osservatorio, che si avvale del supporto di una segreteria tecnica costituita nell’ambito delle ordinarie risorse umane e
strumentali della Direzione generale per l’inclusione e i diritti sociali e la responsabilità sociale delle imprese (CSR) del
Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, ha funzioni consultive e di supporto tecnico-scientifico per l’elaborazione
delle politiche nazionali in materia di disabilità con particolare riferimento:
• alla promozione dell’attuazione della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità,
siglata a New York il 13 dicembre 2006;
• alla predisposizione di un programma di azione biennale per la promozione dei diritti e l’integrazione delle persone
con disabilità, in attuazione della legislazione nazionale e internazionale;
• alla promozione della raccolta di dati statistici e della realizzazione di studi e ricerche sul tema;
• alla predisposizione della relazione sullo stato di attuazione delle politiche sulla disabilità.
All’interno dell’Osservatorio è istituito un Comitato tecnico-scientifico con finalità di analisi ed indirizzo scientifico in
relazione alle attività e ai compiti dell’Osservatorio.
Il Comitato è composto da un rappresentante del Ministero del Lavoro e da uno del Ministero della Salute, da un
rappresentante delle Regioni e da uno delle autonomie locali, da due rappresentanti delle associazioni nazionali
maggiormente rappresentative delle persone con disabilità e da tre esperti facenti parte dell’Osservatorio.
Matilde Leonardi è la coordinatrice del Comitato tecnico-scientifico.
14
Osservatorio Nazionale sulla condizione delle persone con disabilità
MEMBRI EFFETTIVI
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
Orietta Maizza, Dip. della P.A. e innovazione della Presidenza
del Consiglio dei Ministri;
Alessandra de Marco, Dip. per le P.O. della Presidenza
del Consiglio dei Ministri;
Angelo Mari, Dip. per le Politiche per la Famiglia della Presidenza
del Consiglio dei Ministri;
Daniela Bas, Ministero degli Affari Esteri
Massimo Marconi, Ministero dell’economia e delle Finanze;
Corrado Loschiavo, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti;
Raffaele Tangorra, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali;
Enrico Agosti, Ministero della Salute;
Massimo Zennaro, Ministero dell’Istruzione, dell’Università
e della Ricerca;
Fabio Cembrani, Conferenza delle Regioni
e delle Province autonome;
Raffaele Goretti, Conferenza delle Regioni e delle Province
e delle Province autonome;
Francesco Lo Trovato, UPI;
Paolo Anibaldi, ANCI; Anna Radi, INPS;
Ivano Mannucci, INPDAP;
Saverio Gazzelloni, ISTAT;
Antonina Daita, CGIL;
Silvia Stefanovichj, CISL;
Sergio Ricci, UIL;
Giovanni Scacciavillani, UGL;
Fabio Pontrandolfi, Confindustria;
Tommaso Daniele, UIC e FAND;
Ida Collu, ENS e FAND;
Franco Bettoni, ANMIL e FAND;
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
Alessandro Bucci, UNMS e FAND;
Giovanni Pagano, ANMIC e FAND;
Pietro Vittorio Barbieri, FAIP e FISH;
Giampiero Griffo, EDF, DPI e FISH;
Antonio Cotura, FIADDA e FISH;
Ivo Manavella, ANFFAS e FISH;
Donata Vivanti, Autismo Italia, EDF e FISH;
Giuseppe Trieste, FIABA;
Sergio Silvestre, COORDOWN;
Nicola Spinelli, UNIAMO F.I.R.M. Onlus;
Fulvio De Nigris, Gli Amici di Luca;
Paola Menetti, Legacoopsociali e Forum Terzo Settore;
Ugo Campagnaro, Federsolidarietà Reg. Veneto
e Forum Terzo Settore;
Carlo Francescutti, Esperto;
Matilde Leonardi, Esperto;
Mario Melazzini, Esperto. INVITATI PERMANENTI:
1 Angelo Gianfranco Bedin, Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus;
2 Giovanni Paolo Bernini, Comune di Parma;
3 Luciano Bertozzi, R.ETE. Imprese Italia;
4 Antonello Bolis, Cura e Riabilitazione Cooperativa Sociale Onlus;
5 Gianfranco Bordone, Provincia di Torino;
6 Mario Carletti, INAIL;
7 Mario Conclave, Italialavoro;
8 Franco Deriu, ISFOL;
9 Angelo Ferro, Fondazione Opera
Immacolata Concezione Onlus;
10 Sergio Zini, Cooperativa Sociale Nazareno.
15
GRUPPI DI LAVORO
L’Osservatorio ha costituito al proprio interno gruppi di lavoro su specifiche tematiche, il CoorDown partecipa con
rappresentanti facenti parte del Comitato di Gestione a:
Assemblea plenaria: Sergio Silvestre
Gruppo 2 Il sistema di riconoscimento della condizione della disabilità: Franca Bruzzo
Gruppo 3 Inclusione Lavorativa e la protezione sociale: Rita Le Piane
Gruppo 4 Processi formativi e inclusione scolastica: Gianni Lacoppola
Azioni dell’Osservatorio
L’Osservatorio come momento di integrazione informativa e programmatica sul tema della disabilità
attraverso queste azioni:
• orientare con maggiore incisività gli sforzi in atto e le azioni di diverse istituzioni (nazionali, regionali
e comunali);
• l’informazione al servizio del monitoraggio: il problema della definizione di persona con disabilità e il
linguaggio per rappresentarla;
• indicatori per il monitoraggio della condizione delle persone e la valutazione di impatto delle politiche;
• monitorare la situazione e la discriminazione delle persone con disabilità in Italia e le risposte del
sistema;
• analisi delle norme e dei documenti sulle politiche in atto;
• il Piano di Azione sulla Disabilità.
16
Osservatorio Nazionale sulla condizione delle persone con disabilità
Informazione sulla
condizione delle
persone con disabilità
Modalità operativa
Repertorio degli
indicatori statistici
Individuazione
di priorità
nella programmazione
degli interventi
Piano d’azione
Ciclo di lavoro
dell’Osservatorio
Valutazione d’impatto
delle politiche
Report di monitoraggio
per le Nazioni Unite
Relazione al parlamento
sulle politiche per
la disabilità
I Processi
17
I nostri portatori di interessi (stakeholder)
La mappa
Associazioni aderenti
Revisori del Conto
I finanziatori/donatori
I componenti del Comitato
di Gestione
Stakeholders
che concorrono al governo
del CoorDown
Gruppi di lavoro
Stakeholders
di missione
Comunità sociale
I partener
locali
Enti pubblici Ministeri
Il sistema di rete
Scuola e Università
EDSA
DSI
CONVOL
CSVnet , CEV
Le risorse umane
Altre organizzazioni
(Fondazioni)
Reti e Organizzazioni di volontariato
nazionali
Il personale
Altri Organismi di collegamento
del volontariato e del terzo
settore
(FORUM/FISH/FAND)
I volontari
I collaboratori esterni
18
EDSA European Down Syndrome Association
DSI Down Syndrome International
CEV European Volunteer Center
EAASI European Association Amusement Supplier Industry
PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA
MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI
INPS
CIP Comitato Italiano Paralimpico
FISDIR Federazione Italiana Sport Disabilità Intellettive Relazionali
FONDAZIONE CON IL SUD
FONDAZIONE PUBBLICITÀ PROGRESSO
SPES Centro di Servizi per il Volontariato del Lazio
CONVOL Conferenza Permanente Volontariato Italiano
CSVnet
FORUM TERZO SETTORE
FISH Federazione Italiana Superamento Handicap
FAND Federazione tra le Associazioni Nazionali dei Disabili
SUPERANDO.IT
INAIL SUPERABILE.IT
REDATTORE SOCIALE
MEDIA FRENDS ONLUS
RAI Segretariato Sociale
LA7
GRANDI STAZIONI Gruppo Ferrovie dello Stato
OPUS
GAMBERO ROSSO
DEICHMANN CALZATURE
ESSELUNGA
MINITALIA - LEOLANDIA
SAATCHI&SAATCHI
AVERNA
CARTASÌ
ENEL
ILLY
PAMPERS
TOYOTA
VIVANI&MARSON Studio Legale
Il dialogo con tutti gli stakeholder è estremamente importante per concorrere alla costruzione della comunità,
nel creare cioè capitale sociale, quale insieme di fiducia e reciprocità che sono alla base di un’efficace connessione
tra gli individui. Questo dialogo nel corso degli anni è stato attivato e sarà in futuro migliorato anche attraverso
alcuni strumenti di controllo e di pubblicizzazione delle attività:
• Il bilancio sociale
• Il bilancio economico-finanziario (pubblicato su quotidiano a tiratura nazionale)
• Il sito internet (+social network)
19
20
Attività istituzionale: un anno di lavoro in sintesi
24/01/2011
11/03/2011
17/03/2011
08/04/2011
12/04/2011
23/06/2011
24-25/06/2011
06/07/2011
07/07/2011
16-17/09/2011
19/09/2011
24/09/2011
26/09/2011
08/10/2011
08/10/2011
15/10/2011
24/10/2011
5-6/11/2011
Corso di formazione su Comunicazione Sociale c/o Fondazione Pubblicità Progresso
Riunione Coordinamento Veneto - Padova
Conferenza Stampa WDSD - Roma
Riunione Protocollo C+1 Parchi e attrazioni - Bologna
Intervento in trasmissione c/o studio Saxa Rubra RAI - Roma
Manifestazione “I Diritti alzano la voce” - Roma
Assemblea Nazionale Convol - Torino
Osservatorio c/o Ministero - Roma
Convegno Costruttori e Gestori Parchi - Salso Maggiore Terme
Assemblea Convol - Roma
Conferenza Stampa apertura Gobal Games
Manifestazione apertuta Global Games - Genova
Incontro con Saatchi & Saatchi - Milano
Consegna contributi clienti Deichmann - Mestre
Incontro ODV Italia Balcani - Gorizia
Assemblea EDSA - Roma
Convegno Internazionale Parchi - Reggio Emilia
Giornate di Studio - Roma
21
Il Comitato di Gestione
Esperienze diverse a confronto,
un unico obiettivo,
lavorare in team.
22
... e un ricordo particolare ad una persona splendida, un collaboratore prezioso, un amico
che ci ha lasciato troppo presto...
IVANO GRASSI
ciao Ivano
23
Invalidità civile
Accertamenti sanitari nel confronti dei soggetti con sindrome di DOWN
Nel dicembre 2010, su sollecitazione del CoorDown e dopo l’incontro avuto presso la Direzione
Generale, l’INPS emana la presente circolare che in qualche modo vuole chiarire alcune anomalie
verificatesi in fase di verifiche straordinarie:
... Con riferimento alle Linee guida operative predisposte dal Coordinamento Generale Medico Legale in
materia di invalidità civile, si precisa che, nei confronti dei soggetti affetti da sindrome di Down, interessati
da accertamenti sanitari per invalidità civile, deve essere riconosciuto il diritto all’indennità
di accompagnamento e deve essere applicato, ove possibile, il DM 2 agosto 2007, sia in fase di
verifica ordinaria, sia in fase di verifica sulla permanenza dei requisiti sanitari. In tali contingenze, anche
su base meramente documentale, gli interessati devono essere esclusi da qualsiasi visita di controllo sulla
permanenza dello stato invalidante, in conformità alla voce n. 9 dell’allegato al Decreto ministeriale citato.
La circolare, pur non avendo valenza di norma giuridica, esprime l’orientamento, che sarà adottato dalle
commissioni mediche dell’INPS, nella valutazione dei casi in questione di cui l’ente ha competenza primaria.
Le Linee Guida, elaborate con il contributo del Coordinamento Medico Legale, forniscono anche indicazioni
relative ai requisiti sanitari per la concessione dell’indennità di accompagnamento.
È opportuno poi ricordare che – grazie all’articolo 20 della Legge 102/2009 – “In ogni caso l’accertamento
definitivo dell’invalidità è effettuato dall’INPS”.
Quindi le indicazioni interne di INPS risultano, all’atto pratico, per essere prevalenti sulle stesse disposizioni di
legge.
Nel corso del 2011, grazie ai rapporti di collaborazione instaurati dal CoorDown con il Coordinamento
Medico Legale dell’INPS, molti casi segnalati sono stati risolti positivamente con il loro intervento d’ufficio
attraverso procedimenti in autotutela, evitando inutili ricorsi alla giustizia ordinaria.
TUTTE LE RICHIESTE PRESENTATE HANNO AVUTO ESITO POSITIVO!
24
Giornata Mondiale 2011
• 21 Marzo 2011 - Si è tenuta a Roma, presso il Centro Servizi per il Volontariato del Lazio, alla presenza
del Presidente del CIP Luca Pancalli, la conferenza stampa di presentazione, in anteprima nazionale, del
Vademecum Sport a cura di FISDIR e CoorDown “Orientamenti sulla pratica sportiva per gli atleti con
sindrome di Down”.
• Numerose sono state le attività organizzate dalle associazioni su tutto il territorio nazionale sul tema
dell’integrazione sportiva.
• La pagina pubblicitaria della Giornata Mondiale è stata pubblicata da diverse testate giornalistiche ed è stato
dato ampio spazio alla notizia sulla carta stampata, sui mezzi di comunicazione on-line e sui media televisivi,
con diverse testimonianze e interviste di atleti con sdD.
25
26
Pagina pubblicata su “Il venerdì” di Repubblica e su “Affari&Finanza”. Richiamo al sito con elenco delle
associazioni e codici fiscali suddivise per regione.
Campagna 5 x mille 2011
Inserzione a pagamento su
Campagna 5 x 1000 Facebook
Periodo di pubblicazione dal 01 marzo al 30 giugno 2011
Visualizzazioni n. 3.508.854
Clic effettuati dalle visualizzazioni n.953
Accessi totali alla pagina sul sito CoorDown n. 6.850
27
Azioni di protesta
23 giugno 2011 - In piazza
Montecitorio CoorDown manifesta contro i tagli della
manovra finanziaria a fianco
della FISH, FAND, FORUM
TERZO SETTORE ed altre associazioni rappresentative del
mondo della disabilità.
Hanno aderito alla manifestazione le organizzazioni:
28
A.T.I.P.H. Onlus, ActionAid, ADA Nazionale, AICS, Alba Società Cooperativa Sociale onlus, ANFFAS onlus MARTESANA di
Cernusco sul Naviglio, ANTEAS Como, ANTEAS Nazionale, ANTEAS Sondrio, Antigone, Arci, Arciragazzi, ASC - Arci servizio civile,
FAMIGLIE ATTIVE per l’handicap, Associazione “Abitare Insieme”, Associazione Città visibile, Associazione Claudia Bottigelli,
Associazione Cultura Ambiente - ACA, Associazione Democrazia Solidale, Associazione Familiari Alzheimer Pordenone Onlus,
Associazione Italiana Sindrome X Fragile onlus, Associazione Nazionale Educatori Professionali (ANEP), Associazione Welcome,
Auser, Auser Casalmaggiore, Auser Milano, Centro diurno socio-riabilitativo e educativo “Villa Adele”, Centro Iniziative e Ricerche
Euromediterraneo (Cirem) - Napoli, CGIL, Cittadinanzattiva, Comitato 16 Novembre, Comitato Diritti Civili delle Prostitute,
Comitato Il welfare non è un lusso, Comunità Saman, Coop Sociale Ambra di Reggio Emilia, Cooperativa Sociale Aeris, Cooperativa
Sociale Cresciamo Insieme, Cooperativa Sociale Divenire, Cooperativa Sociale Herasmus, Cooperativa Sociale La Mongolfiera,
Cooperativa Sociale La Vigna, Cooperativa Sociale Oasi, Cooperativa Sociale Oltre L’orizzonte, Cooperativa Sociale Terre di
Puglia - Libera Terra, Coordinamento Cooperative Sociali di Roma - Tipo B, Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza
(Cnca), Coordinamento Provinciale del Terzo Settore di Reggio Calabria, Coordinamento sanità e assistenza fra i movimenti di
base (Csa), CoorDown Onlus, Corso Alzheimer - Cooperativa Sociale Centro Assistenza Familiare Acli, Emmaus Italia, Emme
Demum Venturum, Erit Italia, Eurocar e Italia, Federazione Internazionale “Città sociale” - Campania, Federazione Italiana
Organismi per le Persone senza Dimora (fio.PSD), Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap (Fish), Federazione
Scs/Cnos - Salesiani per il sociale, Forum Droghe, Ires Campania, Jesuit Social Network (Jsn) Italia, Lunaria, Movi, Movimento
Rinnovamento Democratico,Officine Bomben Ferruccio & c. srl, Prociv-arci di Gambassi Terme, Roma Social Pride, Federazione
tra le Associazioni Nazionali dei Disabili, Solidarietà e Cooperazione - Cipsi ... E TANTE, TANTE ALTRE ASSOCIAZIONI...
29
Global Games 2011
30
3-4 ottobre 2011 · Inizio competizioni
31
19 settembre 2011 · Municipio di Genova, Conferenza Stampa, delegazione CoorDown
29 settembre 2011 · Sfilata in Piazza De Ferrari a Genova
32
33
Progetto C+1: Test a Minitalia - Leolandia
2 OTTOBRE 2011
Test per l’applicazione in situazione
del protocollo C+1 presso il parco
Minitalia-Leolandia
Partecipano al test ragazzi e famiglie
delle associazioni:
AIPD sez. Bergamo
AIPD Sez. Savigliano
AGPD Milano
Capirsi Down Monza
DADI Padova
Il test, oltre ad essere una stata una
bella esperienza per i partecipanti,
rileva l’ottima applicabilità delle
procedure previste dal protocollo.
34
Da chi ci crede davvero... arrivano anche vere opportunità
La proprietà e i dirigenti di Minitalia si sono sempre dimostrati molto attenti
e sensibili alla nostra causa e sono stati tra i primi a mettere in pratica il
protocollo C+1.
Dall’1 dicembre 2011 è iniziato presso di loro un tirocinio lavorativo di una
signorina con sdD di Bergamo, finalizzato all’assunzione, nel laboratorio
artistico per 340 ore con un sostegno di tutoraggio e un tutor aziendale.
Tutor: operatore AIPD sezione di Bergamo.
35
GNPD 2011 · Il messaggio
Lo Spot video
Lo spot audio
36
GNPD 2011 · I materiali
37
38
Comunicato Stampa
Pagine Pubblicitarie
Articoli redazionali
Spazi di sensibilizzazione TV
Spazi redazionali Radio
Spot
GNPD 2011 · La comunicazione
RASSEGNA STAMPA
TV
90° Minuto - RAI DUE - Spazio di sensibilizzazione nella puntata del 2/10/2011
La Vita in Diretta - RAI UNO - Servizio nella puntata del 12/10/2011
TG3 ed. Nazionale - Servizio nell’edizione delle 19.00 del 8/10/2011
RAI NEWS - Servizio nell’edizione serale del 9/10/2011
Radio Londra - RAI UNO - Puntata del 10/10/2011
RADIO
Isoradio RAI - Intervista 8/10/2011
RAI Radio 1 - Rubrica “Diversi da chi” 9/10/2011
RAI Radio 1 - Giornale Radio 9/10/2011
Radio Vaticana - Segnalazioni nei giornali radio 8 e 9/10/2011
TeleRadio Padre Pio - Intervista 7/10/2011
NOTIZIE E REDAZIONALI SU QUOTIDIANI E WEB
Innumerevoli sono stati gli spazi informativi sulla stampa locale, in molti
casi presentando anche le varie iniziative locali.
Molto nutrita anche la rassegna stampa sul web, da segnalare l’occhiello
in home page su REPUBBLICA.IT e molti altri siti (Redattore Sociale,
Vita, Superando, Superabile) oltre alla presenza in home page dei nostri
stakeholders (Deichmann, CIP, FISDIR).
SPAZI PUBBLICITARI PERIODICI E QUOTIDIANI
Espresso - pagina intera 7/10/2011
Venerdì di Repubblica - pagina intera 7/10/2011
Le Scienze - pagina intera numero ottobre
TV Mia - pagina intera 5/10/2011
La Repubblica - Junior Page 8/10/2011
La Stampa - piede 7/10/2011 e mezza pagina 9/10/2011
Il Giornale - mezza pagina 3/10/2011 e 9/10/2011
Il Messaggero - quarto di pagina 9/10/2011
Libero - mezza pagina 8/10/2011
Il Riformista - pagina intera 29/09, 04/10, 06/10, 09/10
Il Secolo XIX - mezza pagina 8/10/2011
Gazzetta del Mezzogiorno - piede 9/10/2011
Giornale di Sicilia - mezza pagina 8/10/2011
Dati stampa ottobre 2011
PERIODICI
QUOTIDIANI
Il Venerdì di Repubblica
tir. 621.462 - dif. 494.985
Io Donna
tir. 580.716 - dif. 441.024
Sport Week
tir. 409.603 - dif. 292.013
Espresso
tir. 400.814 - dif. 296.263
Tv Mia
tir. 280.279 - dif. 180.240
La Repubblica
tir. 575.639 - dif. 438.171
La Stampa
tir. 382.078 - dif. 274.318
Il Messaggero
tir. 266478 - dif. 192.120
Il Giornale
tir. 264.054 - dif. 159.474
Libero
tir. 195830 - dif. 106.408
Lettori totali 2.875.016
39
GNPD 2011 · I siti web
La pagina relativa alla GNPD presente sul sito www.coordown.it ha ottenuto una buona visibilità con
una visualizzazione di n. 2.580 accessi. L’interazione con la pagina di Facebook ha visto il seguente
andamento nel periodo.
40
GNPD 2011 · Lo Spot
Lo spot ha ottenuto il patrocinio, oltre che dal Presidente della Repubblica anche dalla
Fondazione Pubblicità Progresso. Abbiamo purtroppo avuto delle difficoltà per la
messa in onda dello spot sulle reti RAI a ridosso della GNPD dovute ad incomprensioni
nelle comunicazioni. Avevamo comunque ottenuto il passaggio dello spot nel periodo
immediatamente successivo ma, a causa della comparsa di alcuni loghi non commerciali in
alcune parti del filmato (logo della società di calcio), la messa in onda è saltata all’ultimo minuto.
Lo spot è comunque andato in onda nel circuito televisivo di GRANDI STAZIONI ed è stato
proiettato in 142 sale cinematografiche del gruppo OPUS.
Nel periodo 18-31 dicembre lo spot
è andato in onta su LA7 con i seguenti ascolti:
Spot su LA7 · Dati di audience
Audience media
Contatti lordi
Copertura netta
232.523
7.440.725
5.057.457
Programma
MA ANCHE NO
INTERNO GIORNO
BOOKSTORE
INTERNO GIORNO
LA 7 COLORS
INTERNO GIORNO
LA VALIGIA DEI SOGNI (flc)
8 1/2
S.O.S TATA
ATLANTIDE
OMNIBUS LA 7
(AH)iPIROSO
INTERNO GIORNO
INTERNO GIORNO
THE DISTRICT
INTERNO GIORNO
INTERNO GIORNO
ESTERNO NOTTE
ESTERNO NOTTE
MA ANCHE NO
ESTERNO NOTTE
LA 7 COLORS
LA 7 COLORS
LA 7 COLORS
ESTERNO NOTTE
L'ISPETTORE BARNABY
SEX AND THE CITY (tlf)
IL GRANDE BASKET
LA 7 COLORS
INTERNO GIORNO
NOTTE DI NOTE A CAPODANNO
Audience
188.629
493.086
7.695
460.036
20.038
603.002
312.065
39.157
121.430
216.817
380.276
88.192
478.814
413.327
387.400
191.632
229.672
350.855
70.324
440.225
92.096
19.090
59.384
11.724
275.989
307.866
53.618
355.847
29.613
712.140
30.685
41
Pagina Facebook tipologia utenti
42
Facebook numero visualizzazioni
43
Il sito istituzionale www.coordown.it
Le interazioni con il sito da parte delle associazioni aderenti risulta abbastanza sporadico mentre è molto visitato in occasione della pubblicazione di articoli di attualità.
L’accesso medio per ogni articolo è di circa 800-900
visite con punte fino a 2.500 accessi, con l’eccezionale
numero di 6.850 per la pagina relativa al 5xmille.
44
Utenti totali registrati
Associazioni registrate in area riservata
Numero max download in area riservata
465
57
10
Newsletter inviate
Utenti raggiunti per invio
7
463
La collaborazione con
La società Esselunga ha offerto la sua disponibilità ad ospitare nei propri punti vendita, in occasione della GNPD,
n. 22 associazioni aderenti al CoorDown per offrire stage lavorativi a n. 77 ragazzi e l’allestimento
di n. 22 punti informativi e per la raccolta di fondi.
45
La collaborazione con Deichmann Calzature
Anche nel 2011 la Deichmann Calzature ha sostenuto le attività del CoorDown in diversi modi
• Raccolta fondi presso i punti vendita da parte della clientela
(€ 5.410,00)
• Donazione premi concorso non assegnati
(€ 19.429,26)
• Acquisto tute per atleti partecipanti alla manifestazione Global Games
(€ 3.680,00)
• Realizzazione e distribuzione nei punti vendita di materiale divulgativo personalizzato sia in occasione della
GNPD che per tutto il 2011
(€ 12.000,00)
• n.16 negozi coinvolti, n. 53 stage lavorativi, n.11 postazioni informative presso i propri punti
vendita in occasione della GNPD
46
Un sentito grazie a tutto il personale e alla clientela Deichmann che con tanti piccoli gesti hanno
raccolto una cifra così importante.
47
Giornate di studio - Roma 6 -7 novembre
«Le persone con sindrome di Down e il mondo del lavoro»
Indagine CoorDown: lavora stabilmente solo il 13% delle persone con sindrome di Down. Intermediazione
domanda/offerta, proposto il riconoscimento del ruolo delle associazioni a rappresentante del Ministero Welfare
Malagola: “Disponibili al confronto”.
Un quadro difficile e grave, caratterizzato da numerosi punti critici e da pochissime luci, ma sul quale si può provare
a dialogare con il ministero del Lavoro e delle Politiche sociali per individuare alcuni punti su cui convergere per
rendere più semplice l’inserimento lavorativo delle persone con disabilità in generale e con sindrome di Down
in particolare. È questo il risultato della tavola rotonda organizzata dal CoorDown a conclusione della due giorni
di studio e di riflessione sulla situazione lavorativa delle persone con sindrome di Down.
48
Filmati,
registrazioni
e documenti
Indagine
Mozione
predisposta
al termine dei
lavori
49
Progetto C+1
Un anno di attività per arrivare alla stipula di un protocollo condiviso
8 Aprile 2011
A Bologna si svolge l’incontro conclusivo con tutti i partecipanti al “Progetto C+1 Entertainment” per la definizione
del protocollo che nei mesi precedenti ha subito alcune modifiche e integrazioni recependo suggerimenti e
migliorie. Alcuni parchi presenti sottoscrivono seduta stante la versione definitiva, altri richiedono ancora una
ulteriore verifica con le proprie strutture legali. I legali che rappresentano Gardaland, pur apprezzando il lavoro
svolto, annunciano l’indisponibilità dei propri clienti a sottoscrivere il protocollo in quanto, a loro giudizio,
permangono ancora elementi giuridici ostativi che neanche il protocollo supererebbe, soprattutto rispetto alla
residua responsabilità in capo ai gestori dei parchi.
Il CoorDown annuncia un imminente provvedimento del Governo che potrebbe risolvere la questione. Si decide
di inviare a tutti i partecipanti il testo definitivo per la sottoscrizione formale non appena il governo emanerà le
nuove direttive.
14 aprile 2011
Il CoorDown invia alla commissione parlamentare per la semplificazione una nota con la quale richiede
l’inserimento nel codice del Turismo in corso di approvazione di alcuni emendamenti che sanciscano una
migliore interpretazione degli obblighi dei parchi divertimenti nell’inclusione delle persone con disabilità.
Contestualmente viene inviata analoga richiesta al Ministro competente Vittoria Brambilla. Intervengono
nei giorni seguenti alcuni scambi tra il CoorDown e la struttura legale del Dipartimento del Turismo per il
recepimento delle proposte di emendamento che in parte vengono favorevolmente accolte.
50
2 maggio 2011
il CoorDown invia una lettera al Presidente della Camera On.Fini per sollecitare la calendarizzazione delle
discussione della mozione su Gardaland.
9 maggio 2011
Il Governo approva in via definitiva il codice del Turismo contenente gli emendamenti proposti dal CoorDown. 9 giugno 2011
Il Protocollo “Progetto C+1 Entertainment” viene aggiornato con
l’inserimento delle nuove norme previste nel Codice del Turismo e
inviato definitivamente per la firma a tutti i soggetti coinvolti (gestori
dei parchi, costruttori enti pubblici).
Il protocollo viene sottoscritto da tre parchi, Minitalia-Leolandia,
Zoomarine e Acqualandia, mentre Mirabilandia, pur condividendone
i contenuti, decide pur non sottoscrivendolo, di adottarne alcune
modalità.
IL PROTOCOLLO C+1 Entertainment
51
8 luglio 2011
A Salsomaggiore Terme si svolge un incontro internazionale per la revisione della norma europea
EN13814. Alla presenza di progettisti delle attrazioni e responsabili della sicurezza dei maggiori parchi
europei e d’oltreoceano tra cui DisneyWorld e EuroDisney Paris, viene presentato ufficialmente il
Protocollo C+1 Entertainment, ricevendo dal pubblico presente apprezzamento e condivisione.
Viene inoltre illustrata nell’occasione una nuova formula di assicurazione di responsabilità civile per i
gestori dei parchi, elaborata da una primaria compagnia assicurativa europea, costruita appositamente
sul protocollo e sulle procedure in esso contenute. Tale polizza assicurativa sarebbe efficace nei
confronti dei Parchi che sottoscriveranno il protocollo e ne attueranno i contenuti.
52
2 OTTOBRE 2011
Test per l’applicazione
in situazione del protocollo C+1
presso il parco
Minitalia-Leoalandia
Partecipano al test ragazzi e famiglie delle associazioni:
AIPD sez. Bergamo
AIPD Sez. Savigliano
AGPD Milano
Capirsi Down Monza
DADI Padova
Il test, oltre ad essere una stata una bella esperienza per i
partecipanti, rileva l’ottima applicabilità delle procedure
previste dal protocollo.
53
25 OTTOBRE 2011
Intervento del CoorDown alla Conferenza Internazionale
Parchi Divertimento - Reggio Emilia
I responsabili della sicurezza dei maggiori parchi al mondo apprezzano il progetto
C+1 condividendone modalità e contenuti.
2 dicembre 2011
Il Comitato di Gestione delibera di investire l’Assemblea
del CoorDown sulla decisione di intentare una CLASS
ACTION nei confronti di Gardaland.
Lo studio legale Vivani&Marson elaborerà una strategia
che sarà presentata alla valutazione dell’Assemblea
che dovrà anche deliberare l’eventuale costituzione
di un fondo rischi in caso di soccombenza nella causa
legale.
54
55
56
Bilancio Economico e Finanziario
57
Bilancio economico finanziario
In questo capitolo si intende fornire una visione sintetica della provenienza delle risorse economiche e di come queste
vengono ripartite tra le varie attività, dare evidenza di quanto l’organizzazione dipenda dai contributi provenienti
prevalentemente dall’organizzazione della GNPD.
Entrate pari a € 235.781,31
Uscite pari a € 232.045,07
58
Scostamenti più significativi
sul bilancio 2010
Associazioni partecipanti
2005 200620072008200920102011
59
Bilancio 2011 in numeri
Entrate GNPD
Messaggi cioccolata
60
Investimenti complessivi in attività di comunicazione
2011
2010
2009
2008
2007
2006
2005
Avanzo/disavanzo da sola gestione GNPD
61
Bilancio 2011
RENDICONTO PATRIMONIALE AL 31.12.2011
ATTIVO (Valori in Euro)
ANNO 2011
ANNO 2010
TOTALE
450,00
450,00
2.134,60
2.134,60
TOTALE
1.852,34
– 926,17
926,17
-
TOTALE
7.292,36
– 5.008,53
2.283,83
7.132,46
– 3.566,04
3.566,42
A) CREDITI VERSO ASSOCIATI
1) Quote sociali
I - Immobilizzazioni Immateriali
1) Software
- F.do Amm.to Software
II - Immobilizzazioni materiali
Attrezzature Elettroniche
- F.do Amm.to Attrezzature Elettroniche
III - Immobilizzazioni finanziarie, con separata indicazione, per ciascuna voce dei crediti,
degli importi esigibili entro l’esercizio successivo:
TOTALE
3.660,00
3.566
C) ATTIVO CIRCOLANTE
II - Crediti, con separata indicazione per ciascuna voce, degli importi esigibili entro l’esercizio successivo
1) Credito per contributo specifico v/associate
2) Credito 5 per mille
3) Credito acconto Irap
4) Credito per ritenute su int
5) Anticipo a fornitori
TOTALE
9.394,20
3,58
9.397,78
14.904,48
176,28
360,00
15.440,76
TOTALE
1.800,00
-
TOTALE
9.507,90
9.507,90
10.000,00
10.000,00
TOTALE
3.761,82
164,36
29.808,40
33.734,58
5.020,04
1.060,95
13.774,31
19.855,30
III - Rimanenze finali
IV - Attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni
1) TITOLI
V - Disponibilità liquide
1) Banco Posta n. 65019275
2) Denaro e valori in cassa
3) Banca BCC Pordenonese
62
D) RATEI E RISCONTI ATTIVI
175,54
TOTALE ATTIVO
58.275,80
50.997,08
PASSIVO (Valori in Euro)
ANNO 2011
ANNO 2010
TOTALE
41.056,95
3.736,24
44.793,19
45.948,34
– 4.891,39
41.056,95
TOTALE
-
-
TOTALE
450
450
-
TOTALE
2.294,27
2.294,27
1.376,82
1.376,82
TOTALE
1.624,19
697,00
693,93
930,38
330,69
3.172,08
62,29
327,84
1.949,51
288,00
662,43
10.738,34
1.457,58
706,00
697,36
1.074,64
341,97
1.402,32
70,08
971,26
1.760,50
81,60
8.563,31
TOTALE PASSIVO
58.275,80
54.563,12
A) PATRIMONIO NETTO
I - Patrimonio Libero
1) Capitale netto
2) Risultato gestionale esercizio in corso
II - Fondo di dotazione dell’ente
III - Patrimonio Vincolato
B) FONDI RISCHI
I - Fondi rischi su crediti
C) TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO
1) Fondo tfr
1) Debiti verso Fornitori
2) Debito verso Personale
3) Debito verso Inps
4) Debiti. Rit Lav. Autonomi
5) Debiti Rit. Dip.
6) Fatture da ricevere
7) Debiti v/Inail
8) Carta di credito in attesa di addebito
9) Debiti diversi
10) Debito per Irap
11) Fogli missione da rimborsare
63
RENDICONTO ECONOMICO GESTIONALE AL 31.12.2011
(Valori in Euro)
ONERI ISTITUZIONALI
1) Oneri da attività tipiche
1.1 Acquisto prodotti e trasporti GNPD
1.2 Compenso servizi e ufficio stampa
1.3 Spazi pubblicitari e servizi comunicazione
1.4 Spese assemblea nazionale
1.5 Cancelleria
1.6 Assistenza tecnica
2011
2010
89.808,67
22.830,80
35.115,10
1.587,77
1.199,63
295,40
96.416,79
18.092,00
40.515,38
15.168,40
1.935,79
577,20
PROVENTI ISTITUZIONALI
1) Proventi da attività tipiche
1.1 Contributi per giornata nazionale
1.2 Contributo Spese assemblea
1.3 Contributo vademecum s.
1.4 Quote sociali
1.5 Contributo Spese Conv. Ins. Lav.
1.6 Contributo Fisdir WDSD
2011
2010
175.317,60
821,50
13.000,00
11.303,00
7.860,00
182.020,50
9.120,00
7.233,50
12.375,00
1.7 Rimborsi spese Gruppo Scuola
3.070,91
Totale 208.302,10 210.749,00
12.597,75
1.8 Spese Convegno Inserimento Lavorativo
515,21
1.9 Rimborsi spese partecipazione Osservatorio
7.220,78
7.377,17 1.10 Rimborsi spese incontri Comitato
1.11 Spese WDSD
11.074,22
2.160,00 Totale 185.316,24 182.242,73
2) Oneri promozionali e di raccolta
2) Proventi da donazioni
fondi
e raccolta fondi
2.1 Spese rappresentanza e promozionali
7.482,48
8.665,53 2.1 Oblazioni
671,68
6.905,80
2.2 Spese campagna 5xmille
7.975,09
2.2 Donazioni 5 per mille
295,52
2.3 Donazioni clienti Deichman
5.410,00
2.4 Donazioni Deichmann
19.429,26
Totale 15.457,57
8.665,53
Totale 25.510,94
7.201,32
3) Oneri del personale e prestazioni
3) Proventi da attività accessorie
di terzi
3.1 Irap
472,00
456,60 3.2 Retribuzione dipendente
12.783,01
14.113,56 3.3 Oneri sociali
3.613,53
4.075,97
3.4 TFR
917,45
861,19 3.5 Fondo Est
70,00
84,00 Totale 17.855,99 19.591,32
64
(Valori in Euro)
4 ) Oneri istituzionali
Totale
5) Oneri diver. di gestione
5.1 Telefonia
5.2 Consulenze Fiscali
5.3 Consulenze legali e professionali
5.4 Varie
5.5 Polizze assicurative
5.6 Spese gestione sito
5.7 Spese postali
5.8 Perdite su crediti
Totale
6) Quote ammort. Periodo
6.1 Quota ammort. attrezz. elettroniche
6.3 Quota ammort. Software
Totale
7) Oneri finanziari e patrimoniali
7.1 commissioni e spese c/c
Totale
8) Oneri straordinari
8.1 Sopravvenienze passive
Totale
2011
2010
2.282,64
4.597,96
627,87
306,07
300,00
1.365,86
450,00
9.930,40
2.324,51
998,40
3.577,84
15,87
294,21
2.664,46
826,10
10.701,39
1.442,49
926,17
2.368,66
537,61
537,61
578,60
578,60
2011
4) Proventi finanziari e
1.354,61 patrimoniali
- 4.1 Interessi attivi
1.354,61
Totale
5) Proventi straordinari
5.1 Sopravvenienze attive
542,17
Totale
542,17 6) Rimanenze di magazzino
6.1 Rimanenze Cioccolate
257,27 6.2 Rimanenze materiale informativo
257,27
Totale
168,27
168,27
1.200,00
600,00
1.800,00
2010
113,77
113,77
399,54
399,54
399,54
2011
2010
2011
2010
TOTALE ONERI 232.045,07 223.355,02
TOTALE PROVENTI 235.781,31 218.463,63
AVANZO/DISAVANZO GESTIONE
3.736,24
AVANZO/DISAVANZO GESTIONE
4.891,39
TOTALE 235.781,31 223.355,02
TOTALE 235.781,31 223.355,02
65
Le Associazioni aderenti al Coordown
67
ASSOCIAZIONE
CITTÀ
REGIONE
C. FISCALE
AIPD sezione
L’Aquila
Abruzzo
C.F. 93020030669
Associazione Regionale Bambini Down
Pescara
Abruzzo
C.F. 91003600680
AIPD sezione
Matera
Basilicata
C.F. 93002480775
AIPD sezione
Potenza
Basilicata
C.F. 96021030760
AIPD sezione
Cosenza
Calabria
C.F. 98031850781
AIPD sezione
Vibo Valentia
Calabria
C.F. 96020520795
AIPD sezione
Avellino
Campania
C.F. 92017580645
AIPD sezione
Caserta
Campania
C.F. 93013650614
Ass. Sindrome di Down Reg. Campania Onlus
Napoli
Campania
C.F. 94045610634
CEPS Onlus, C.tro E. Problemi per la T21
Bologna
Emilia Romagna
C.F. 92006010372
GRD Ass. Genitori Ragazzi Down
Cesena
Emilia Romagna
C.F. 90054560405
GRD Ass. Genitori Ragazzi Down
Faenza
Emilia Romagna
C.F. 90023820393
GRD Ass. Genitori Ragazzi Down
Reggio Emilia
Emilia Romagna
C.F. 91095360359
Associazione Centro21 Onlus
Riccione
Emilia Romagna
C.F. 91103040407
Associazione Crescere Insieme Onlus
Rimini
Emilia Romagna
C.F. 91090220400
Associazione Down Friuli Venezia Giulia
Pordenone
Friuli Venezia Giulia
C.F. 91018080936
Ass. Down Friuli Venezia Giulia Sez. Prov.
Udine
Friuli Venezia Giulia
C.F. 94103360304
AIPD sede nazionale
Roma
Lazio
C.F. 96198380584
AIPD sezione
Roma
Lazio
C.F. 96192060588
Fondazione Italiana “Verso il Futuro”
Roma
Lazio
C.F. 96347590588
AIPD sezione
Roma - Castelli Romani
Lazio
C.F. 90055590583
CEPIM Centro Italiano Down Onlus
Genova
Liguria
C.F. 80045970102
Unidown Sede Nazionale
Genova
Liguria
C.F. 95005510102
Associazione Persone Down
Imperia
Liguria
C.F. 91010210085
GI.S.A.L. CEAD
La Spezia - Levanto
Liguria
C.F. 91019260115
ADSO Ass. Down Savona Onlus
Savona
Liguria
C.F. 01357650090
AIPD sezione
Bergamo
Lombardia
C.F. 95144830163
Centro Bresciano Down
Brescia
Lombardia
C.F. 98096970177
DOWN VERSO
Cantù
Lombardia
C.F. 90015620132
AIPD sezione
Mantova
Lombardia
C.F. 93045610206
AGPD Ass. Genitori e Persone con sindr. di Down Onlus
Milano
Lombardia
C.F. 97025060159
VIVIDOWN
Milano
Lombardia
C.F. 97065390151
Capirsi Down
Monza
Lombardia
C.F. 94568000155
Ass. “Più di Ventuno” Onlus
Varese - Cassano Magnago
Lombardia
C.F. 91039670129
AIPD sezione
Macerata
Marche
C.F. 92012370430
AIPD sezione
Campobasso
Molise
C.F. 92030960709
Associazione Centro Down
Alessandria
Piemonte
C.F. 96026240067
AGBD
Arona
Piemonte
C.F. 90005680039
CEPIM Centro Piccoli Down
Asti
Piemonte
C.F. 92018990058
68
ASSOCIAZIONE
CITTÀ
REGIONE
C. FISCALE
Associazione Centro Down
Cuneo
Piemonte
C.F. 96047830045
Associazione Down
Novara
Piemonte
C.F. 94052870030
A.I.R. DOWN Moncalieri
Torino
Piemonte
C.F. 94040190012
AIPD sez.ne Saluzzo Savigliano Fossano
Cuneo
Piemonte
C.F. 94032850045
Associazione Down Onlus
Torino
Piemonte
C.F. 97544800030
CEPIM Centro Persone Down
Torino
Piemonte
C.F. 80102740018
AFFDOWN VERBANIA CUSIO OSSOLA
Verbania
Piemonte
C.F. 92014510033
AIPD sezione
Bari
Puglia
C.F. 93018210729
AIPD sezione
Brindisi
Puglia
C.F. 91025220749
AIPD sezione
Foggia
Puglia
C.F. 94064040713
AIPD sezione
Nardò
Puglia
C.F. 91009920751
AIPD Sezione
Taranto
Puglia
C.F. 90082020737
A.M.A.R. DOWN
Taranto-Martina Franca
Puglia
C.F. 90140830739
CED Centro Down Onlus
Cagliari
Sardegna
C.F. 92009310928
AIPD sezione
Oristano
Sardegna
C.F. 90009590952
Associazione Gruppo Down
Sassari
Sardegna
C.F. 92028420906
AIPD sezione
Milazzo
Sicilia
C.F. 92015330837
A.F.P.D. Ass.Famiglie Persone Down
Palermo
Sicilia
C.F. 97000270823
AIPD Sezione
Termini Imerese
Sicilia
C.F. 96016250829
AIPD sezione
Arezzo
Toscana
C.F. 92039050510
AIPD sezione della Versilia
Capezzano P. Camaiore (LU)
Toscana
C.F. 02170700468
Associazione Trisomia 21 Onlus
Firenze
Toscana
C.F. 94020840487
AIPD sezione
Grosseto
Toscana
C.F. 01331850535
AIPD Sezione
Livorno
Toscana
C.F. 93015840502
Associazione Down Lucca Onlus
Lucca
Toscana
C.F. 92032440460
AIPD sezione
Pisa
Toscana
C.F. 93065190501
“Il sole” A.D.P
Pistoia
Toscana
C.F. 90033890477
“Il Sorriso Das Lacheln” A.G.A.P.D.
Merano
Trentino Alto Adige
C.F. 91038140215
AIPD sezione Trentino
Trento
Trentino Alto Adige
C.F. 96064020223
AIPD sezione
Belluno
Veneto
C.F. 91006840259
Ass. Down “D.A.D.I.” Sez. Euganea Monselice
Padova
Veneto
C.F. 91015000283
Ass. Down Autismo e Disabilità D.A.D.I.
Padova
Veneto
C.F. 92072390286
AIPD sezione Marca Trevigiana
Treviso
Veneto
C.F. 03920950262
AIPD sezione Venezia Mestre
Venezia
Veneto
C.F. 94045330274
AGBD Ass. Sindrome di Down Onlus
Verona
Veneto
C.F. 93037800237
Associazione Più di Uno O.D.V.
Verona
Veneto
C.F. 93191710230
Associazione Down A.GEN.DO. Onlus
Vicenza
Veneto
C.F. 95009020249
Associazione Contro l’Esclusione
Vicenza - Schio
Veneto
C.F. 92002450242
Tutti i dati e i recapiti delle Associazioni sono reperibili sul sito www.coordown.it
Coordown onlus
coordinamento nazionale associazioni
delle persone con sindrome di down
Via delle Milizie 106 · 000196 Roma
www.coordown.it
Sede operativa
Via A. Volta 19/4 · Genova
Tel. 010 5705461 · Fax 010 5956593
e-mail: [email protected]
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
6 247 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content