close

Enter

Log in using OpenID

con vista!

embedDownload
SAIE 2014
SAIE BUILT ENVIRONMENT SYSTEM
la nuova piattaforma per smart cities
e ambiente sostenibile
Fiera di Bologna dal 22 al 25 ottobre
SAIE festeggia i suoi primi
50 anni, impegnandosi in
un nuovo grande progetto
per il futuro delle
costruzioni, insieme con
Smart City Exhibition,
Accadueo, Saie3,
Ambiente Lavoro,
ExpoTunnel
)&5
160 - ottobre novembre
di Stefania Battaglia
6
SAIE, il Salone storico dell’edilizia
italiana, compie 50 anni e guarda
al futuro. “Cinquant’anni fa SAIE
nasceva in un contesto in cui l’edilizia diventava industria. Negli anni
ha saputo accompagnare il mercato e raccontarne la trasformazione – sottolinea Duccio Campagnoli, Presidente di BOLOGNAFIERE. Oggi il salone si pone anche come luogo di networking per
tutti coloro che hanno un ruolo
attivo nella progettazione tecnica,
nella politica sociale e nella cultura
dell’innovazione per il territorio e
le nuove città”.
La fiera bolognese ha debuttato
nel 1965 e ha affiancato tutte le
fasi della crescita tumultuosa e poi
della qualificazione tecnica e progettuale dell’edilizia italiana; è stata vetrina e luogo di dibattito dello
sviluppo dell’edilizia come industria, tecnologia e macchinari di
cantiere e di costruzione, della ricerca, del rapporto tra edilizia e
architettura, fino a vivere la drammatica crisi che ha colpito il settore degli ultimi anni.
Dal 2012 SAIE e BOLOGNAFIERE
hanno voluto cominciare un nuovo
cammino proprio nel momento
più drammatico e difficile per
l’Emilia-Romagna e dopo il terremoto, rivolto a promuovere un
impegno di radicale cambiamento
nel modo di costruire: non più
centrato sull’espansione, ma sulla
riqualificazione e il riuso, più sicuro, efficiente e sostenibile.
Così è cominciato il nuovo SAIE,
che ha voluto innanzitutto racco-
gliere di nuovo attorno a sé, in una
nuova prospettiva, l’impegno e il
partenariato di tutto il mondo
dell’edilizia, l’ANCE e le Associazioni di impresa, i Consigli Nazionali delle professioni, le Università
e i Centri di ricerca.
Nel tempo della più grave crisi
dell’industria italiana delle costruzioni dal dopoguerra, SAIE rilancia
il proprio ruolo di appuntamento
irrinunciabile dove politiche, interessi e ricerca trovano l’occasione
per definire le sintesi giuste a sostegno di un settore strategico per
il nostro Paese.
Per il compleanno dei 50 anni, SAIE si rimette in gioco con un’edizione che non vuole essere solo
una grande fiera, ma anche e soprattutto una piattaforma del costruire del domani, nella convinzione che la crisi stia determinando una ridefinizione di priorità e
processi, così come un profondo
cambiamento della composizione
stessa del mercato italiano delle
costruzioni.
6 MANIFESTAZIONI INSIEME
SAIE si trasforma allora in BUILT
ENVIRONMENT SYSTEM, la nuova
piattaforma per l’Ambiente Costruito, in cui si coordinano 6 manifestazioni in contemporanea. Oltre al SAIE, 5 manifestazioni che
costituiscono veri e propri approfondimenti nel settore della rigenerazione urbana, delle reti, delle
infrastrutture e dei servizi, ma an-
che dell’innovazione produttiva,
della sicurezza nei luoghi di lavoro
e della formazione professionale.
SMART City Exibition: la principale manifestazione dedicata al futuro delle città e alla loro trasformazione. Informazione, tecnologie,
gestione di processi e di reti gli
ambiti di maggiore interesse. Il
luogo privilegiato in cui si confrontano le più avanzate esperienze italiane e internazionali del vivere urbano connesso, sostenibile
e partecipativo.
Accadueo: luogo di incontro. Un
appuntamento consolidato da 20
anni di esperienza per l’intero settore dei servizi idrici. Al suo interno CH4, un forum dedicato alle
tecnologie per il trasporto e la distribuzione del gas.
ExpoTunnel: il salone italiano dedicato alle grandi opere e alle tecnologie del sottosuolo. Il principale appuntamento per committenze, professionalità e aziende protagoniste dei processi di costruzione di infrastrutture e di sistemi
di rete collegati.
SAIE3: il salone internazionale della filiera di produzione del serramento e delle finiture di interni e
di esterni.
Ambiente Lavoro: l’unica manifestazione italiana dedicata alla salute e alla sicurezza nei luoghi di
lavoro. Seminari e convegni si in-
SAIE 2014
I NUMERI DI SAIE 2014:
110 mila m2 di area
espositiva, oltre 150
tra seminari e workshop,
180.000 professionisti
contattati, oltre 4 milioni
di contatti
sui social network
frastrutturazione intelligente dei
servizi, alle tecnologie di controllo,
ai sistemi innovativi di riqualificazione del costruito, ivi comprese le
infrastrutture sportive.
Principali iniziative
Q #LandMaking, in collaborazione
con Linea Verde.
La sicurezza dell’alimentazione,
l’agricoltura sostenibile e la bioeconomia sono le priorità negli
obiettivi strategici comunitari
dell’innovazione e della ricerca nel
programma Horizon 2020. A partire da queste premesse, nasce un
percorso interdisciplinare che si
snoda tra molteplici eventi fieristici per arrivare fino a Expo 2015.
Q SAIESPORT&TECHNOLOGIES,
in collaborazione con FIGC LND.
Un punto di incontro tra lo sport e
le aziende che lavorano nel settore, con test dal vero e aree dimostrative sulle caratteristiche e le
prestazioni dei prodotti più innovativi.
Tecnologie Eco-Performanti:
(Pad. 25-26)
Dedicato a chi ingegnerizza, costruisce e controlla progetti di riqualificazione edilizia e del territorio, presenta le tecnologie e i materiali innovativi ed ecocompatibili
per la protezione sismica e la diminuzione della vulnerabilità ambientale.
Principali iniziative
Q Ricostruiamo l’Emilia
Per il terzo anno consecutivo SAIE
organizza con la Regione l’AREA
RICOSTRUIAMO L’EMILIA, un luogo di confronto tecnico tra le Pubbliche Amministrazioni e le committenze private e le imprese che
stanno lavorando sul territorio.
Q Messa in sicurezza del territorio
e nuovo assetto idrogeologico
Oltre all’esposizione delle aziende
e dei centri ricerca, un importante
evento, con il supporto delle Associazioni del settore: ISI – l’Associazione dell’Ingegneria Sismica Italiana – sarà presente con un suo
convegno dedicato alla progettazione di elementi non strutturali.
Cantiere: (Pad. 35-Area 48)
È il percorso dedicato alle attrezzature, alle macchine, ai sistemi e
alle tecnologie moderne per operare nell’ambiente costruito, sviluppato attraverso l’integrazione
di 3 iniziative: Il Cantiere a impatto zero, sviluppato e organizzato
da Ascomac, centrato sulla progettazione innovativa del cantiere,
integrata alla realizzazione sostenibile di Edifici e Infrastrutture; "R
come CantieRe": Raccolta, Recupero, Reimpiego, Riciclo, ovvero il
nuovo modo di concepire l’edilizia
low impact; Precast technologies,
il salone dedicato ai sistemi, attrezzature e macchine per la prefabbricazione.
)&5
160 - ottobre novembre
Forum
COSTRUIAMO LE CITTÀ
DEL FUTURO
8
SAIE e Smart Cities Exibition, con il
Forum sul tema COSTRUIAMO LE
CITTÀ DEL FUTURO "l’Italia che
vuole ripartire e l’Italia che sa ripartire", chiama al confronto tutti i
soggetti dell’Italia che vuole ripartire – Istituzioni, Governo, Comunità – con il mondo delle imprese innovative della ricerca e dell’università, le migliori esperienze internazionali e con i programmi dell’Agenda Digitale e dei progetti per lo
sviluppo dell’Unione Europea.
“Il coinvolgimento in manifestazione dei massimi livelli della politica
nazionale – dichiara Carlo Mochi
Sismondi, Presidente di FORUM
PA, rappresenta uno snodo cruciale per implementare e consolidare
il patto tra Governo Centrale e Regioni, affinché i consistenti finanziamenti previsti mettano i Comuni nelle condizioni di beneficiare
realmente della capacità finanziaria necessaria ad applicare strategie e strumenti. Ripartire dalle città significa innescare un circolo
virtuoso, sia dal punto di vista sociale che economico”.
RICERCA E FORMAZIONE
Da sempre, la manifestazione bolognese ha prestato attenzione ai
temi dell’innovazione, ma quest’anno ha deciso di creare un’area dedicata alla ricerca e alla formazione, che si sviluppa in 2 iniziative
complementari:
Q Area della ricerca
Oltre 1.000 m2 sono riservati ai
centri di ricerca, alle aziende innovative e alle università che stanno
sviluppando sistemi e tecnologie
eco-performanti. Parteciperanno
oltre 20 centri di ricerca, laboratori universitari, CNR, ENEA, reti di
imprese che presenteranno ai visitatori progetti di ricerca e innovazione tecnologica e brevetti nel
campo delle nuove costruzioni,
delle tecnologie per il rinforzo sismico, dell’efficientamento energetico, dei nuovi materiali.
Un'importante area informativodimostrativa, realizzata con il contributo scientifico delle redazioni
del Gruppo Editoriale Tecniche
Nuove, metterà a disposizione dei
partecipanti all’evento fieristico un
ampio e qualificato palinsesto di
contenuti su alcuni dei temi di riferimento del settore della progettazione e delle costruzioni; soluzioni tecnologiche, alcune delle
quali da poco disponibili sul mercato e altre ancora in fase di sperimentazione, rappresenteranno “il
meglio” di ciò che la ricerca sta
sviluppando nel campo delle costruzioni. Sarà allestita una mostra
di mock-up e prototipi che saranno presentati e illustrati dai ricercatori e dai tecnici delle aziende
presenti.
Percorsi innovativi di ricerca e sviluppo, in collaborazione con Tecniche Nuove, saranno dedicati a:
nuovi involucri e recladding; materiali e tecnologie per il retrofit; realtà aumentata e 3D, gli scenari
digitali per l’architettura e il design.
Q SAIE Built Academy
La piattaforma formativa organizzata da SAIE, in collaborazione
con i Consigli Nazionali delle Professioni e il Comitato Scientifico, si
propone di offrire una risposta
concreta ed evoluta all’esigenza di
aggiornamento dei professionisti.
Dal 2014 tutte le professioni hanno
dovuto avviare un piano di aggiornamento obbligatorio e ciò ha
portato alla nascita di programmi
verticali e trasversali di aggiornamento e formazione sul territorio.
Ma la velocità con cui si muove
oggi l’innovazione tecnica crea alti
tassi di specializzazione che non
sempre si sposano con l’esigenza
di riuscire a diffondere in modo
omogeneo e ampio le informazioni tecniche, in particolare sugli
aspetti più evoluti che toccano
temi importanti non solo delle costruzioni, ma anche dello sviluppo
e della salvaguardia del Paese.
SAIE BUILT ACADEMY prevede un
programma articolato in 35 corsi
di 3 ore, in cui sarà possibile riconoscere ai partecipanti i crediti
formativi professionali, suddivisi in
5 aree tematiche:
– Tutela e sicurezza del territorio;
– Sicurezza del patrimonio edilizio;
– Progettare e Costruire Sostenibile;
– Riqualificazione Urbana;
– Innovazione nella progettazione.
ASSOCIAZIONI
ANIE CONFINDUSTRIA
E IL BACK RESHORING: TORNARE
A PRODURRE IN ITALIA SI PUÒ
informa
Il manifatturiero italiano deve tornare a crescere e per farlo bisogna
ripartire dalla fabbrica. Portare lavoro in Italia si può, a patto che le
aziende che decidono di farlo non
siano lasciate sole.
È questo il messaggio emerso
dall’Assemblea Annuale di ANIE
Confindustria, che si è tenuta a
Milano all’inizio di luglio.
Reshoring, innovazione ed education sono stati i 3 grandi temi
affrontati nel corso dell’evento,
aperto dal Presidente di ANIE,
Claudio Andrea Gemme, alla presenza di Giuliano Pisapia, Sindaco
di Milano; Lisa Ferrarini, Comitato
Tecnico per la Tutela del "made in
Italy" e la Lotta alla Contraffazione
di Confindustria; Diana Bracco,
Presidente di Expo 2015 SpA e
Commissario per Padiglione Italia,
e Maurizio Pernice, Direzione Generale per la Tutela del Territorio e
delle Risorse Idriche.
Dopo la moda, l’industria elettrotecnica ed elettronica rappresenta
il secondo comparto per rimpatri
produttivi. Il Presidente Gemme
ha commentato: “Logistica, controllo e qualità del 'made in Italy'
sono tra i motivi principali del rientro della produzione”.
Il back reshoring, che consiste nel
rientro in patria dei siti produttivi
precedentemente delocalizzati
all’estero, è stato al centro di uno
studio realizzato dalla Federazione con il contributo di Luciano
Fratocchi, professore di Ingegne-
ria economico-gestionale all’Università dell’Aquila e portavoce del
gruppo di ricerca italiano Uni-Club
MoRe Back Reshoring. Dallo studio emerge che i settori ANIE rappresentano quasi il 20% del totale
del fenomeno italiano, piazzandosi in seconda posizione alle spalle
solo di abbigliamento e calzature.
Est Europa (38,5% dei casi) e Cina
(30,8%) sono le aree geografiche
da cui si ritorna di più, per un fenomeno che si origina nel 40% dei
casi dalle piccole e medie imprese.
Tra le motivazioni più rilevanti per
il rientro, il minore controllo della
qualità della produzione all’estero
(“molto rilevante” per un terzo
delle aziende ANIE intervistate), la
necessità di vicinanza ai centri ita-
Dopo la moda, l’industria elettrotecnica ed elettronica rappresenta il secondo comparto per rimpatri produttivi.
Il Presidente Gemme: “Logistica, controllo e qualità del 'made in Italy' tra i motivi principali del rientro della produzione”.
I grafici di seguito sono tratti dallo studio realizzato dalla Federazione ANIE con il contributo di Luciano Fratocchi,
professore di Ingegneria economico-gestionale all’Università dell’Aquila
L’esperienza ANIE: chi parte e chi torna (2009-2014)?
(% su risposte delle imprese)
La caratterizzazione dimensionale dei "rientri"
(% su totale risposte delle imprese)
35,0%
30,0%
29,0%
25,0%
33,3%
20,0%
60,0%
15,0%
8,30%
10,0%
6,7%
5,0%
2,10%
0,0%
Rilocalizzazione
produttiva all'estero
Back-reshoring
effettuato
Back-reshoring previsto
Small (fatturato < 10 Mln ½)
Da dove si ritorna?
(% su totale risposte delle imprese; risposte multiple)
Perché si ritorna?
(% su totale risposte delle imprese; risposte multiple)
0%
45%
40%
Medium (fatturato 10-50 Mln ½)
Large (fatturato > 50 Mln ½)
5%
10% 15% 20% 25% 30% 35%
38,5%
Minore controllo qualità produzione
35%
33,3%
30,8%
30%
23,1%
25%
Vicinanza ai centri R&S italiani
25,0%
20%
15%
Costi logistici
22,2%
Costo della produzione (host country)
22,2%
7,7%
10%
5%
0%
160 - ottobre novembre
Eastern Europe
China
Asia
(other than China)
Others
Costo del lavoro (host country)
11,1%
Come favorire i "rientri"?
(% su totale risposte delle imprese; risposte multiple)
0
5
10
)&5
20
Riduzione cuneo fiscale
Semplificazione burocrazia
30
26,3
17,9
Diminuzione costi energia
15,4
Maggiore tutela prodotto italiano
Altro
25
28,8
Detassazione utili reinvestiti in R&S
12
15
9,6
1,9
35
liani di R&S (25%) e i maggiori
costi della logistica (22%).
“L’ultimo decennio, a causa di 2
violente recessioni estremamente
ravvicinate, ha cambiato la storia
dell’industria manifatturiera – ha
commentato Claudio Andrea
Gemme, Presidente di ANIE Confindustria – Tuttavia la new economy basata solo sulla finanza e
sui servizi è fallita: senza la manifattura il Paese muore. Il nostro
studio ci dice che tornare a produrre in Italia non è utopistico.
Qualcuno ha già iniziato a farlo,
altri lo farebbero se si creassero le
condizioni per poter lavorare: abbattimento della pressione fiscale
e della burocrazia, detassazione
degli utili reinvestiti in ricerca e
innovazione, valorizzazione del
know-how tecnologico e della
qualità del 'made in Italy', promozione degli asset strategici del
Paese. Pur in uno scenario difficile,
le imprese ANIE non si sono rassegnate: dall’indagine presso i nostri
soci è emerso che l’industria elettrotecnica ed elettronica continua
a distinguersi nel panorama nazionale per una spiccata propensione
al cambiamento, all’innovazione e
all’approccio industry 4.0. La forte
componente tecnologica delle
aziende ANIE è assolutamente
pervasiva in tutti i settori industriali e dunque le soluzioni tecnologiche che sanno esprimere garantiscono, e sapranno garantire
ancora di più in futuro, vantaggi
competitivi per tutti”.
Dall’indagine condotta da ANIE
presso le aziende associate emerge la ferma vocazione all’innovazione: il 60% delle imprese ha dichiarato di aver investito in R&S
nel triennio 2011-2013 una quota di
fatturato superiore al 2%; ben il
40% ha inoltre segnalato un’incidenza della spesa in Ricerca &
Sviluppo sul fatturato addirittura
superiore al 4%. Forte anche la
propensione al cambiamento in
ambito aziendale: per il 72% delle
imprese un nuovo modello organizzativo è alle porte e verrà attuato completamente nel settore elettrotecnico ed elettronico già entro
il 2017. Per il 65% degli intervistati,
inoltre, la strada verso nuovi standard di organizzazione aziendale è
già concretamente in atto.
Basti pensare che, secondo lo studio, per oltre la metà delle aziende
ANIE l’adozione delle più moderne
tecnologie di ICT e ITS (Internet of
Things and Services) è completamente avviata da tempo; l’8% di
loro ha appena intrapreso questo
cammino e il 25% conta di farlo
entro breve. Insomma, la fabbrica
4.0 è una realtà molto più prossima di quanto si creda.
ASSOCIAZIONI
Associazione Nazionale Fabbricanti
Serrature Ferramenta e Maniglie
FEDERAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI NAZIONALI
DELL'INDUSTRIA MECCANICA VARIA ED AFFINE
informa
ASSOFERMA COLLABORA
CON L’ASSOCIAZIONE EUROPEA ARGE
Allo studio “environmental product declarations”
Siglato l’accordo tra Assoferma e ARGE. L’Associazione Nazionale Fabbricanti, Serrature, Ferramenta e Maniglie ha infatti confermato il coinvolgimento nel nuovo progetto promosso da ARGE, The European Federation
of Associations of Locks & Builders Hardware Manufacturers.
Il progetto riguarda la stesura di appositi EPD, ovvero “environmental product declarations” che corrispondono
a dichiarazioni sull’impatto ambientale dei prodotti rappresentati dall’associazione. Si tratta di un nuovo standard documentale creato per regolare il consumo di materie prime e di energia in generale, in modo che queste informazioni siano offerte in maniera trasparente all’acquirente.
Ciò permette di valorizzare i prodotti a basso impatto ambientale, apparecchiature che quindi tendano ad abbracciare la filosofia “green”.
Gli EPD si stanno imponendo da qualche anno, soprattutto nei Paesi del Nord Europa, molto sensibili alla cultura dell’efficienza energetica: in varie gare di appalto diviene propedeutico per l’ammissione allegare ai propri
prodotti specifici EPD che dimostrino i requisiti di impatto ambientale dei materiali usati.
Di conseguenza l’environmental product declaration diverrà presto un nuovo metro di valutazione della qualità
dei prodotti che avrà impatto sull’utilizzatore finale degli stessi e quindi sul mercato.
La stesura di singoli EPD direttamente da parte delle aziende comporta costi molto elevati, in termini di tempo
e di competenze richieste per le analisi. Proprio per questa ragione Assoferma ha collaborato con ARGE per lo
sviluppo di un progetto europeo che tenda a centralizzare le attività e quindi i costi, realizzare diversi EPD e
offrirli ai propri associati.
ARGE al momento ha concesso l’esclusiva italiana nei confronti di Assoferma, la quale in prima istanza sarà
l’unica licenziataria a livello italiano degli EPD emessi a livello europeo e quindi l’unica che potrà concedere
questi EPD in uso esclusivo alle aziende del settore.
NASCE LA DODICESIMA
DIVISIONE UNICMI
Con la Divisione Vetrazioni si rafforza la sinergia fra i produttori
di componenti per l’involucro
)&5
160 - ottobre novembre
informa
14
Il 23 luglio 2014 si è costituita la
dodicesima divisione di UNICMI,
l’Unione Nazionale delle Industrie
delle Costruzioni Metalliche,
dell’Involucro e dei serramenti: la
Divisione Vetrazioni.
La Divisione Vetrazioni di UNICMI,
all’atto della costituzione, oltre a
Technoform GlassInsulation Italy,
accoglie 14 aziende leader nella
trasformazione del vetro: Vetreria
Valfon Srl, Vetreria Pescini Srl,
Predari Vetri Spa, Mornagoglass
Srl, Vetreria Romagna Srl, Vetraria Sozzi Srl, Vetreria Rua' Srl,
Vetreria Biava Snc, Vetreria Deserto Srl, Vetreria Lucana Di Vetromat Srl, L'Artigian Vetro, Termovetro Sud Srl, Podda Vetri Srl
e Vitrum & Glass Srl.
La scelta di aggiungere, oltre alla
tradizionale militanza associativa
di materiale, anche l’appartenenza
a UNICMI, contenitore rappresentativo dell’intera filiera produttiva
italiana dell’involucro edilizio e dei
serramenti, risponde a una strategia mirata al rafforzamento delle
sinergie fra i produttori dei diversi
componenti e costruttori del prodotto finale – sia esso una finestra,
una facciata continua o una barriera per infrastrutture stradali o
ferroviarie – nel rapporto commerciale con la domanda, dall’impresa generale al consumatore finale.
La Divisione Vetrazioni di UNICMI,
nel corso della prima assemblea
tenutasi il 19 settembre, ha presentato ai soci i progetti e i documenti tecnici che caratterizzeranno l’attività dei prossimi mesi: dalla Guida alla UNI 7697, alla Guida
al Regolamento CNR DT-210 –
Istruzioni per la Progettazione,
l’Esecuzione e il controllo di Costruzioni con elementi Strutturali
di Vetro, alla revisione dell’UX 73:
Guida alla corretta scelta e messa
in opera degli elementi vetrari
nelle facciate continue e nei serramenti.
ACCESSORI
MAICO
HS-L PER ALZANTI
SCORREVOLI
IN LEGNO
Più 35% di vetro
HS-L è il sistema di ferramenta e accessori Maico con cui costruire alzanti scorrevoli in legno dall'estetica minimalista. Il sistema è caratterizzato da 3 plus principali:
– più 35% di superficie vetrata;
– anta fissa tutto vetro;
– eliminazione di tutti gli accessori che sporgono dal telaio.
Il vetro isola più del legno. Per questo HS-L, con la superficie vetrata più ampia e il profilo meno ingombrante, migliora la trasmittanza termica di circa il 20%. Inoltre i benefici di una superficie vetrata più
ampia si sentono anche sul piano dell’isolamento acustico.
Peraltro il critico nodo centrale diventa facile da isolare se, in alternativa al listello in legno, si applica il
listello termico Maico: materiale isolante, guarnizioni integrate e montaggio facile "a clip".
HS-L propone numerosi dettagli innovativi che lo rendono ideale sul piano estetico e del risparmio
energetico:
1. La cornice più sottile di sempre
Sull'anta mobile si pensava che il limite minimo per lo zoccolo inferiore fosse di 10 cm. HS-L di Maico è
il primo scorrevole in legno ad abbassarlo a soli 8 cm lungo tutto il perimetro.
2. Telaio liscio, gancio invisibile e sicuro
Quando l'infisso è aperto, nessuna antiestetica sporgenza interrompe la pulizia della linea:
il telaio è liscio e senza punzoni perché al loro posto ci sono scontri a incasso. Il gancio
(che è il punto di chiusura con la protezione antiscasso più alta) fuoriesce dall'anta solo
durante la chiusura.
3. Binario superiore a scomparsa
La luce architettonica si espande anche in alto: non più una guida a vista che pende, bensì un binario a scomparsa incassato nel traverso
superiore.
4. Spazzoline sulle ruote
Le spazzole integrate al carrello puliscono il binario inferiore ogni volta che apriamo o chiudiamo.
Così i depositi di sporco non inceppano le ruote e
l'HS-L scorre fluido.
5. Maniglia ammortizzata
HS-L, il sistema di ferramenta e accessori Maico
L'ammortizzatore (accessorio facoltativo) si applicon cui costruire alzanti scorrevoli in legno con
ca sul frontale della serratura delle ante molto
maggiore superficie vetrata, migliora l’abbattimento
grandi e pesanti: per un ritorno della maniglia doltermico e acustico. In foto l'anta fissa dell'alzante
Il listello termico centrale migliora
ce e senza scatti.
scorrevole HS-L, interamente in vetro
l’isolamento. Si monta “a clip”
www.maico.com
SECUREMME
Le serrature HERCULES hanno un meccanismo a ingranaggi che riduce al minimo lo sforzo di rotazione, aumentando la forza della serratura stessa. Comandate da chiave a cilindro europeo sono adatte per
grate, persiane di sicurezza ed estensibili. HERCULES è utilizzabile per tubolari 40x30 mm con spessore 2 mm, entrata da 20/25 mm ed è disponibile nelle seguenti versioni:
– 2172XZB20XX senza frontale, da infilare dall’alto nel tubolare, con 2 punti di chiusura;
– 2183XAI2525 con frontale in acciaio inox e catenaccio a gancio da infilare frontalmente, con 3 punti
di chiusura;
– 2172XAI2525 con frontale in acciaio inox e catenaccio pieno, da infilare frontalmente, con 3 punti di
chiusura;
– 2172XAI2525 con frontale in acciaio inox, senza catenaccio, da infilare frontalmente, con 2 punti di
chiusura.
La corsa delle aste è di 24 mm, mano unica.
Securemme, inoltre, impegnata a proporre nuove soluzioni ha studiato un sistema innovativo di montaggio di cerniere, guida aste e snodi che facilitano l’assemblaggio delle grate e la realizzazione
delle parti metalliche evitando la saldatura. Si ha così un notevole risparmio di tempo, facilità di montaggio e smontaggio dell’anta, oltre a un’estetica migliore e più armoniosa. I guida aste e le cerniere
sono modulari e utilizzabili in tubolari 40x30 mm, con possibilità di allungamento (lato 40 mm) tramite i distanziali da 5 mm. Per esempio: 45x30 - 50x30 - 60x30. Una finitura bianca o nera abbinabile
con tutto è quella proposta per gli accessori, per potere esssere assemblati a verniciatura ultimata. Per
chi ha l’esigenza di montare inferriate blindate a finestre e portefinestre, Securemme propone, la soluzione con snodo, utile soprattutto, in presenza di persiane e scuri. In questi casi, un robusto snodo nel
tubolare, consente di ruotare le ante delle inferriate di 180° a sormonto di persiane o scuri.
)&5
160 - ottobre novembre
SERRATURE
HERCULES
a ingranaggi
e sistema rapido
di montaggio
16
Serratura HERCULES 2172XZB20XX
Cerniere, guida aste e snodi per grate,
persiane di sicurezza ed estensibili
www.securemme.it
SCUOLE
IN SICUREZZA
Un programma
di accessori
per serramenti
La cerniera MECHANICA, grazie
al suo progetto innovativo, coperto
da ben cinque brevetti, garantisce una
robustezza record che le è valso l’EB3.
Produzione Savio
La sicurezza è sempre un valore indispensabile, ma quando si parla di edilizia scolastica è se possibile
ancor più fondamentale. Con il piano di edilizia scolastica fortemente voluto dal Governo Renzi, saranno
coinvolti circa 21.000 edifici scolastici per investimenti di oltre 1 miliardo di euro.
Si tratta di un’opportunità preziosa per il comparto edilizio, in particolare per quelle imprese che hanno
sviluppato competenze e soluzioni in materia di sicurezza negli ambienti pubblici. Da questo punto di
vista Savio offre ai professionisti del settore una gamma di accessori per serramenti capaci di offrire un
livello di affidabilità e sicurezza senza compromessi. All’indirizzo www.savio.it/spotlight/con-savio-lascuola-e-piu-sicura.php l’azienda ha realizzato una speciale pagina di approfondimento.
Scorrendo l’elenco delle soluzioni presentate si trova, per esempio, il nuovo maniglione antipanico JUVARRA, un vero campione di resistenza con i suoi 2 milioni di cicli raggiunti durante i test. Particolarmente interessante lo speciale scrocco piatto traslante, progettato per l’uso con la doppia anta, che
consente un’apertura sempre immediata e fluida eliminando ogni impuntamento.
Per finestre e portefinestre, Savio ha progettato 2 soluzioni che si adattano a situazioni diverse. Il kit
VENTILATION SASH (anta ad apertura controllata) è studiato per infissi ad anta semplice e consente di
limitare l'apertura della finestra sino a una posizione di sicurezza.
Il sistema RIBANTA a manovra logica, invece, è progettato per
serramenti che consentono anche l’apertura vasistas: ruotando
la cremonese di 90° l’anta si apre a ribalta in perfetta sicurezza,
e solo chi possiede la chiave della maniglia può aprire la finestra
sull’asse verticale.
A questi sistemi si aggiunge l’affidabilità di MECHANICA, la prima cerniera in Europa ad aver ottenuto il marchio CE, certificata
sino a 1 milione di cicli e premiata anche dalla certificazione QM.
Grazie al suo progetto innovativo, coperto da ben 5 brevetti,
questa linea di cerniere garantisce una robustezza record – è
stata capace di reggere sino a 1.000 kg di spinta, conseguendo
l’EB3 – e un elevatissimo livello di sicurezza.
Oltre a un insieme completo di prodotti capaci di rispondere
puntualmente alle nuove opportunità offerte dagli interventi
scolastici, uno dei principali punti di forza di Savio è racchiuso
nel fatto che i suoi accessori sono installati solo dai migliori professionisti del settore. Ciò significa limitare al minimo gli interventi di manutenzione nel tempo e mantenere senza sforzi un
altissimo livello di sicurezza; anche in edifici come le scuole, dove questo aspetto è, se possibile, ancor più importante e comNuovo maniglione antipanico JUVARRA.
Produzione Savio
plesso da gestire.
ACCESSORI
SAVIO
www.savio.it
MANITAL
FLASH
Qualità, estetica
e innovazione
“FLASH”, disegnata dallo Studio Manital, è una nuova maniglia in zama per porte e finestre, dal design
elegante e minimale: si caratterizza per l'impugnatura inclinata e snella di circa 7 mm di spessore, che
la rende armoniosa ed ergonomica, facilitando la presa.
Frontalmente la maniglia presenta una delicata curvatura che aggiunge fascino a questo modello,
creando un movimento dinamico e un raffinato gioco di luci e di ombre.
La maniglia FLASH è disponibile in diverse finiture: HHB (ottone lucido PVD), cromato, cromato satinato, nickel satinato, e novità assoluta nei colori moda bianco e nero, ottenuto con vernice epossidica.
Manital garantisce la cura personalizzata di ogni pezzo, la qualità dei materiali impiegati e l’utilizzo delle tecnologie industriali più sofisticate, come quella dello stampaggio.
La strategia aziendale, portata avanti con decisione fin dalla fondazione, come dichiara il titolare Luigi
Bigoloni, è quella "di abbinare design e produzione 100% 'made in Italy', al fine di unire estetica, innovazione e qualità".
La nuova maniglia FLASH di Manital, in due diverse finiture
www.manital.com
17
ACCESSORI
MASTER
NUOVA MANIGLIA
DI TRAINO
A INCASSO
Più ergonomica per
scorrevoli FASTLOCK
La gamma di accessori per sistemi scorrevoli di Master diventa oggi ancora più completa. Infatti, oltre
agli apprezzati sistemi di chiusura multipunto delle linee FASTLOCK e FASTBLOCK, l’azienda aumenta
le possibilità di abbinamento con maniglie e martelline.
A partire da luglio 2014, è disponibile la nuova maniglia di traino a incasso dalle dimensioni maggiorate,
progettata e realizzata per migliorare l’ergonomia e il comfort di trascinamento dello scorrevole, soprattutto in presenza di infissi di notevole peso e specchiatura o sistemi “lift & slide”. Si tratta, infatti, di una
maniglia con profondità di 11 mm, che oltre a consentire il montaggio sui profili a taglio termico, facilita
notevolmente la presa da parte dell’utilizzatore.
Può essere installata in versione abbinata con le martelline della linea Italia o della gamma Comfort,
oppure può essere utilizzata in versione singola grazie al sistema di fissaggio a scatto che consente di
posizionarla in maniera indipendente sul profilo. Il prodotto è realizzato in zama ed è disponibile in tutte le finiture a catalogo, comprese quelle speciali.
La nuova maniglia di traino a incasso dalle dimensioni maggiorate. Produzione Master
www.masteritaly.com
GEZE
ATTUATORE
A CATENA DA PREMIO
SLIMCHAIN vince
l’Universal Design
Award 2014
L’attuatore a catena Geze "SLIMCHAIN" ha vinto l’Universal Design Award 2014. Una giuria di esperti,
composta da designer e architetti e presieduta dal Professor Fritz Frenkler della Technical University di
Monaco, ha esaminato e testato i partecipanti selezionati durante il Business Week Monaco Creative
(MCBW). 118 partecipanti provenienti da 15 Paesi per 9 categorie. Solo 13 prodotti in gara hanno ricevuto l’ambito premio e tra questi l’attuatore a catena SLIMCHAIN di Geze.
I criteri considerati decisivi per la giuria comprendevano la varietà di applicazioni, la flessibilità, il semplice e intuitivo utilizzo, il margine di errore e la sicurezza, così come le caratteristiche ecologiche e di
sostenibilità.
)&5
160 - ottobre novembre
L’attuatore a catena Geze per la ventilazione e l’evacuazione fumo e calore
(RWA) ha già ricevuto il “Plus X Award” nelle categorie ”Elevata Qualità” e
“Funzionalità”, ed è stato nominato per il Design Award tedesco.
"La combinazione tra funzionalità e design sottile è particolarmente importante per noi in termini di progettazione del prodotto", ha dichiarato Andrea Alexandra Alber, Strategy and Marketing Director di Geze.
18
SLIMCHAIN può essere facilmente integrato nella facciata, si adatta alle varie
dimensioni delle finestre e ai requisiti di apertura ed è disponibile nelle varianti di corsa 300, 500 e 800 mm con lunghezze intermedie personalizzabili.
È facile e veloce da installare grazie al sistema SMART FIX, che permette il
semplice inserimento dell’attuatore nella console. Con il cavo di collegamento
rimovibile non c’è nessun problema a effettuare adeguamenti strutturali durante l'installazione o quando si cambia l’automazione.
Flessibilità e un design lineare: le 2 caratteristiche del sottile e compatto SLIMCHAIN,
l’attuatore a catena Geze che si adatta in modo flessibile a un’ampia gamma
di soluzioni per finestre e che ha vinto il prestigioso Universal Design Award 2014
www.geze.it
SERRAMENTI
GRUPPO DE CARLO
CONFIGURATORE
DI PRODOTTO
ON-LINE
L’evoluzione
dell’e-business
B2B e B2C
Le finestre della linea EXTER ALU DESIGN
sono caratterizzate da anta e telaio in legno
lamellare con rivestimento in alluminio;
“DESIGN” identifica la sagoma squadrata
del profilo sia interno che esterno progettata
per ambienti in stile contemporaneo.
Produzione Gruppo De Carlo
Il Gruppo De Carlo di Mottola (Taranto) progetta, produce e commercializza serramenti, finestre e sistemi di oscuramento in legno e in combinazione legno/alluminio, di fascia medio-alta.
La realtà pugliese, che compie 50 anni proprio quest’anno, è oggi tra i leader di mercato per la sua
costante attività di ricerca e innovazione su materiali e finiture, la garanzia di durabilità ed efficienza nel
tempo dei prodotti e il contributo allo sviluppo sociale ed economico del territorio in cui opera.
Con una produzione concentrata totalmente in house, il Gruppo De Carlo segue a 360° tutte le fasi di
filiera, dalla progettazione, prototipazione e produzione dei manufatti alla commercializzazione, rappresentando un esempio eccellente di industria "made in Italy". Nel biennio 2012-2013, con un investimento di oltre un milione di euro in attività di ricerca e innovazione volte a semplificare e migliorare i processi aziendali, il Gruppo De Carlo – attraverso il proprio centro IT e in partnership con la software
house americana INFOR – ha sviluppato il configuratore di prodotto on-line "De Carlo Soft 3.0".
Forma evoluta di e-business B2B e B2C, la nuova soluzione tecnologica permette ad agenti e rivenditori di gestire in maniera efficiente ed efficace tutto il processo di configurazione del prodotto e preventivazione, dall'offerta economica all'ordine di produzione, fino alla consegna del materiale.
Grazie a questo innovativo software, tutto il network di vendita può, contestualmente alla progettazione e in modo autonomo, verificare i vincoli costruttivi, inviare ordini via email e avviare direttamente la
produzione anche da remoto; la soluzione ha consentito una riduzione del 40% sui costi di back office
commerciale e gestione ordini, dell’80% dei tempi di presentazione dei preventivi e del 95% degli errori nella loro compilazione. Con l'utilizzo di questo strumento i rivenditori si sono trasformati in veri e
propri "artigiani digitali": possono formulare progetti e preventivi personalizzati, soddisfacendo a 360°
le richieste dei clienti e le necessità progettuali degli architetti.
Vernici di matrice nanotecnologica
Inoltre il Gruppo, dopo una sperimentazione durata diversi anni e condotta in
collaborazione con i leader del mercato europeo in tema di vernici per il legno,
è stato tra le prime aziende in Italia a eseguire cicli di finitura utilizzando una
vernice all'acqua di "matrice nanotecnologica", che consente un maggiore
mantenimento delle caratteristiche estetiche del prodotto e quindi una maggiore durata. Grazie a migliori proprietà chimico-fisiche della vernice, infatti, si
ottiene un maggiore adattamento della stessa alle rugosità del legno.
Il Gruppo vanta anche un laboratorio interno di test di prodotto all’avanguardia, dedicato all'attività di ricerca e sviluppo sui prodotti verniciati. Nato da un
progetto di ricerca con il Dipartimento PRO.GE.SA dell'Università di Bari, il
laboratorio è dotato delle più moderne tecnologie per il controllo di tutto il
processo di verniciatura e per la fornitura di servizi di personalizzazione del
colore, per le richieste più esigenti della clientela.
www.decarlo.it
DIERRE
)&5
160 - ottobre novembre
VITRA
Sicurezza… con vista!
20
La caratteristica principale della porta blindata VITRA di Dierre è l’ampio cristallo dell’anta, che può
essere, a scelta, trasparente, satinato o sabbiato. Elemento stilistico ma anche funzionale, il vetro è resistente allo sfondamento e all’effrazione e risponde ai più alti standard di sicurezza richiesti dalla norma
UNI 9186.
Inoltre, in base alla collocazione della porta, è possibile optare per una vetrocamera a bassa trasmittanza termica oppure per il vetro VISARM, che può ospitare anche una grata in acciaio antisfondamento in
differenti forme e motivi ornamentali.
La stessa vetrata può avere superficie continua o essere suddivisa in più sezioni, per
adattarsi meglio al contesto architettonico dell’abitazione.
Disponibile nella versione ad anta singola, doppia o ad arco, VITRA ha un telaio che
racchiude tutti gli avanzati sistemi di sicurezza tipici di una porta blindata Dierre.
Tra questi, una scocca in acciaio saldata in un pezzo unico e dotata di una piastra antitrapano esterna che protegge ulteriormente la serratura dagli attrezzi da scasso.
Lungo i lati delle cerniere si trovano invece i rostri fissi che, andando a infilarsi nelle
cavità corrispondenti sul telaio, bloccano la porta e ne impediscono lo scardinamento.
Contro i tentativi di strappo dall’esterno, nella parte superiore e inferiore della porta,
sono posizionati 2 deviatori. Ogni volta che si ruota il pomolo questi, inserendosi nel
telaio, bloccano l’anta rendendola ancora più sicura.
Lo stesso telaio, applicato al muro così da avvolgere il battente su 3 lati, è ancorato da
solide zanche antisfilamento e composto da 2 profili: telaio e controtelaio, entrambi in
acciaio e uniti saldamente tra di loro.
La verniciatura a polveri in poliestere, attraverso un
trattamento non inquinante, rende le superfici resistenti agli agenti atmosferici.
VITRA è una porta blindata originale, con speciali
vetri antieffrazione che offrono un elevato controllo visivo
sull’ingresso di casa. Produzione Dierre
www.dierre.com
SERRAMENTI
NAVELLO SERRAMENTI
OMERO
Il clima ideale
in tutte le stagioni
La sostituzione dei vecchi serramenti con finestre di ultima generazione è un'operazione che permette
un immediato taglio della bolletta – in tutte le stagioni – e sfrutta i vantaggiosi incentivi fiscali del 65%.
Tra i prodotti in commercio, le finestre in legno Navello offrono prestazioni di altissimo livello a fronte
di una manutenzione ridotta e di una grande versatilità di utilizzo, con diversi accessori e configurazioni adatte a ogni architettura.
Al vertice della gamma Navello, la finestra OMERO è quella con i migliori valori di isolamento, grazie a
una tecnica costruttiva che unisce competenze artigianali a materiali di ultima generazione. Con un
telaio dalle dimensioni maggiorate e dotato di doppie guarnizioni di tenuta, e grazie a vetri a doppia
camera, riempiti con gas argon e canaline warm-edge in acciaio inossidabile e polipropilene, la finestra
OMERO è basso-emissiva.
Di serie su tutti i modelli, la doppia apertura a tirare e
a vasistas con forbice da 170 e 13 mm. Così è possibile
aerare le stanze e ridurre la formazione di muffe o
condensa, riducendo al minimo lo scambio termico in
tutte le stagioni.
La soglia a taglio termico in alluminio è di serie su tutti i modelli di portafinestra, così come catenacci con
leva di comando centrale e un pratico gocciolatoio sul
lato inferiore del telaio, che consente all’acqua di defluire, sottraendo il legno ai rischi dell’umidità.
Finestra basso-emissiva OMERO. Produzione Navello
www.navello.it
ESSENZA FINESTRE
)&5
160 - ottobre novembre
FINESTRE
A BATTENTE
ESSENZA
Nuovi tocchi di classe
22
L'esclusiva finestra a battente di ESSENZA vincitrice del Compasso d'Oro ADI 2014 – brand del Gruppo
GSG International SpA – caratterizzata da ante frameless, presenta 2 esclusive novità: l’assenza della
placca della maniglia e la chiusura con chiave tramite cilindro passante. La maniglia, sia per la versione
a finestra sia a portafinestra, viene inserita direttamente sul vetro, garantendo un’essenzialità e una purezza estrema delle forme.
La seconda novità è rappresentata dalla possibilità di scegliere, solo per la portafinestra, una serratura
multipunto per porte, con maniglia interna ed esterna e cilindro passante e nella variante anche con
chiusura solo sul lato interno.
Il sistema ESSENZA
Il sistema ESSENZA è una proposta completa, che presenta, oltre alla finestra e alla portafinestra a battente e scorrevole, anche il sistema fisso, da oggi privo delle guarnizioni esterne, realizzabile in singola
specchiatura vetrata incollata strutturalmente al telaio, eliminando così montanti e traversi, o abbinato
alle altre tipologie di apertura, garantendo sempre la massima trasparenza.
Le ante presentano una linea pulita dove il profilo, in alluminio a taglio termico ossidato, viene incollato
al vetro e occultato tramite una doppia fascia di serigrafia realizzata sulla faccia interna dei vetri, disponibile nei colori bianco, nero e grigio, con possibilità di personalizzazione.
I vetri, disponibili in versione standard e ad abbattimento acustico, sono sempre a doppia camera e con
valori performanti in grado di fornire il miglior comfort abitativo e in linea con le normative per il risparmio energetico.
ESSENZA è sinonimo di altissima qualità: accessori, meccanismi, profili e guarnizioni impiegate all’interno del sistema assicurano un’ottima tenuta agli agenti atmosferici, con valori di resistenza al carico del
vento in Classe C5, permeabilità all’aria in Classe 4 e tenuta all’acqua E 1200 (1.200 PA).
Performance che rispondono perfettamente alle richieste delle normative vigenti e alle attuali linee di
comportamento, in un’ottica di risparmio energetico.
Particolare di una finestra a battente di
ESSENZA con anta a ribalta, vetri tripli
nella versione standard con serigrafia
bianca, nella nuova versione con maniglia
interna inserita direttamente nel vetro
Caratteristiche tecniche
Isolamento termico: Uw = < 1,4 W/m2K.
Isolamento acustico: dipende dal vetro utilizzato (standard o acutisco) fino a 40 dB (EN 140/3, EN717/1).
Permeabilità all’aria: Classe 4 (EN12207).
Tenuta all’acqua: E 1200 (EN12208).
Resistenza al vento: Classe C5 UP TO 2.000 Pa (EN12210).
www.essenzafinestra.it
SCHERMATURE SOLARI
BT GROUP
RICERCA TECNICA
E DESIGN
sono gli elementi alla
base dell’ultima
innovazione riguardante
i pergolati BT Group
R 230 PERGOMASTER, una pergola di nuova generazione che racchiude un design inedito e un alto livello di tecnologia. La struttura presenta un esclusivo sistema "a teli separati" brevettato a livello nazionale ed europeo. I moduli della pergola multifunzionale arrivano a coprire una superficie fino a 10 m di
profondità e sono quindi adatti a diventare l’estrema appendice di abitazioni o luoghi pubblici, ampliando la metratura degli spazi godibili anche nelle stagioni intermedie. La pergola si presenta dunque come
un elemento d’arredo degli spazi aperti, che prolunga il periodo di utilizzo delle diverse location e si
inserisce armoniosamente in ogni contesto, sia naturale che architettonico. Sotto il profilo estetico l’utilizzo di più strisce di copertura, gestite come elementi indipendenti e sfilabili, consente la personalizzazione con diverse tonalità di colore dal forte effetto scenografico.
Di grande rilevanza anche i vantaggi tecnici del sistema, che
garantiscono una maggior facilità di montaggio e una manutenzione più semplice poiché, in caso di danneggiamento del
telo, sarà sufficiente sostituire la singola striscia e non l’intera
copertura della struttura. L’introduzione del sistema a teli separati si contestualizza nella continua ricerca di qualità, stile e
prestigio garantite nel tempo, nonché nella costante attività di
sviluppo di nuove tecnologie che in questi ultimi anni l’azienda
ha messo in atto. L’attenta scelta dei materiali utilizzati, e i
controlli delle fasi produttive rendono BT Group non solo una
scelta di qualità ma uno status symbol che sublima il prodotto
100% "made in Italy".
Caratteristiche tecniche
Teli separati, BT Group è titolare del Brevetto Europeo n°
EP2136012A1.
Facilità di montaggio: 51 colori per la struttura e 46 colori PVC.
Profondità massima: 10 m.
Larghezza massima: 16 m.
Guida: 200x130 mm - Piantana: 200x200 mm - Gronda:
200x200x70 mm.
Grazie all'esclusivo sistema "a teli separati" il montaggio e la manutenzione delle
singole strisce di tessuto (personalizzabili con diverse tonalità di colore dal forte effetto
scenografico) risultano facilitati. R230 PERGOMASTER è un brevetto BT Group
www.btgroup.it
FAKRO
)&5
160 - ottobre novembre
CON FIBRE
VETROSE IN PVC
Tenda 8 volte
più efficace
24
Protagonista di una crescita record che l’ha condotto in poco più di 20 anni a divenire il secondo player
mondiale nelle finestre da tetto, il Gruppo FAKRO ha arricchito la sua ampia gamma di accessori con la
nuova tenda parasole AMZ.
Posizionata all’esterno della finestra e realizzata in tessuto con fibre vetrose in PVC durevoli e resistenti agli agenti atmosferici, questa tenda protegge la mansarda dal caldo con un’efficacia fino a 8 volte
superiore rispetto alle tende interne di qualsiasi tipo, in quanto è in grado di schermare l’irraggiamento
solare prima del vetro, trattenendo il calore all’esterno (in linea con la norma DIN 5034-1). Grazie alla
sua efficacia, l’accessorio AMZ riduce tra l’altro l’uso di energia per gli impianti di condizionamento e,
di conseguenza, l’emissione di anidride carbonica nell’atmosfera.
Pur garantendo la visibilità interna durante il giorno, la tenda AMZ riduce anche il riflesso del sole, assicura una distribuzione uniforme dell’intensità della luce e aumenta quindi il comfort visivo. Non solo; la
nuova tenda permette inoltre, di giorno, anche una buona visibilità dall’interno verso l’esterno, “tutelando” l’esclusività di alcune mansarde che godono di magnifici panorami o comunque offrendo la possibilità di vedere all’esterno dell’edificio. Disponibile in 8 colori e idonea per le diverse tipologie di finestra
– dalla vasistas alla bilico, dalla panoramica alla combinata – AMZ è progettata per essere più ampia rispetto alla misura del vetro della finestra e consente perciò una migliore ombreggiatura dell’interno.
La nuova tenda è infine proposta anche
con alimentazione elettrica (AMZ ZWAVE) o solare (AMZ SOLAR). La prima può essere azionata con un semplice telecomando, oppure con un interruttore a parete; la seconda è dotata
invece di sensore d’intensità luminosa e
si arrotola o srotola automaticamente a
seconda del grado di insolazione (la
modalità automatica può essere anche
disattivata a favore dell’utilizzo di un
telecomando).
AMZ, la tenda parasole per mansarde con fibre vetrose in PVC, è in grado di schermare l’irraggiamento solare
prima del vetro, trattenendo il calore all’esterno. Produzione FAKRO
www.fakro.it
SCHERMATURE SOLARI
PRATIC
BIOCLIMATIC
PLANET
Il nuovo mondo
di coperture solari
Oggi è possibile sfruttare al massimo e durante tutto l'anno gli spazi esterni delle proprie abitazioni grazie alle nuove pergole bioclimatiche di Pratic, azienda italiana che da 54 anni progetta e produce tende
da sole, pergole e strutture di design. Grazie allo stile essenziale e all'alta tecnologia, OPERA e VISION
– così si chiamano le 2 nuove strutture autoportanti di Pratic appartenenti alla nuova linea BIOCLIMATIC
PLANET – si adattano perfettamente a ogni elemento architettonico così come ai diversi tipi di ambiente esterno, ma soprattutto sfruttano l'energia del sole e del vento per offrire un comfort climatico completamente naturale. Realizzate interamente in alluminio, le pergole bioclimatiche OPERA e VISION sono prodotti molto avanzati per tecnica ed estetica; sono infatti progettate in modo tale da creare al loro interno condizioni climatiche di massimo comfort,
grazie a una regolazione naturale della temperatura, ottenuta beneficiando dei raggi
del sole e del ricircolo dell’aria.
Permettono inoltre di modificare a proprio piacimento l'intensità della luce, grazie alle
lame frangisole realizzate in alluminio che possono ruotare di 140° assumendo un’inclinazione variabile. In caso di pioggia, invece, le lame si chiudono, le acque piovane vengono convogliate da gronde perimetrali e pluviali integrate nella struttura, che offre una
protezione pressoché totale. Non solo: le nuove pergole hanno doti di sostenibilità ambientale perché abbattono i consumi per la ventilazione, il riscaldamento, la climatizzazione e l'illuminazione; principi che hanno ispirato la progettazione da parte di PRATIC
CONCEPT, l’avanzato laboratorio di idee interno all’azienda, le cui proposte hanno conquistato il settore outdoor sul mercato nazionale ed europeo.
OPERA ha un profilo portante orizzontale di soli 22 cm di altezza che accoglie, al suo
interno, la tenda verticale. Un accorgimento che garantisce la chiusura completa e la
massima protezione lungo tutto il perimetro della pergola, in uno spazio veramente
ridotto.
VISION invece presenta una struttura pensata per agganciare successivamente il profilo contenente la tenda. Per rispondere a tutte le necessità di protezione solare, OPERA
e VISION sono disponibili nelle versioni autoportanti o addossate a muro. Esse sono,
inoltre, abbinabili a strutture o supporti preesistenti. La singola copertura può raggiungere le dimensioni massime di 24 m2, più strutture possono essere affiancate per ottenere dimensioni ancora maggiori.
Come tutta la produzione Pratic, anche la linea BIOCLIMATIC PLANET è nata in Italia,
a Fagagna (UD).
Con la nuova linea di pergole BIOCLIMATIC PLANET, Pratic introduce un innovativo sistema
di protezione dal sole in risposta ai principi dell'architettura bioclimatica. Speciali lame frangisole in
alluminio permettono di regolare temperatura, luce e condizioni climatiche all'interno della struttura
www.pratic.it
RESSTENDE
26
© 2014 Hunter Douglas Europe BV
)&5
160 - ottobre novembre
SISTEMA NANO
Funzionalità e design
per finestre
di piccole dimensioni
Il sistema NANO nasce per rispondere all’esigenza funzionale di schermare finestre di piccole dimensioni, senza strutture ingombranti, che ben si integrino in spazi limitati, come zone d’angolo o locali con
mensole o suppellettili a ridosso dell’infisso. La capacità di Resstende è stata quella di risolvere un’esigenza progettuale, senza dimenticare l’aspetto estetico della tenda.
Il sistema NANO si configura dunque come soluzione intelligente che accosta elementi di alta tecnicità
a un design pulito ed essenziale: una tenda tecnica frizionata con meccanica a rullo il cui potenziale
risiede nel fatto che il sistema sia integrabile nell’infisso.
L’ampia gamma di teli oscuranti e filtranti ne permette l’applicazione in diversi ambienti, nei quali sarà
possibile gestire in modo pratico e personalizzato luci e ombre.
Con il sistema NANO non ci sono né rulli, né teli che possono ostacolare l’apertura della finestra, ma uno
speciale sistema di fissaggio a vetro o a serramento che riduce al minimo l’ingombro e garantisce una
corretta schermatura solare, priva delle tipiche lame di luce che si creano con le tende non applicate
direttamente sull’infisso.
Originale in tutte le sue caratteristiche, facile da montare e soprattutto da utilizzare, si applica direttamente al vetro e si fissa con 2 strisce in velcro dual lock oppure con apposite clip per l’applicazione
direttamente su serramento.
Il sistema NANO è disponibile in 2 versioni: singolo, con solo cassonetto e relativo rullo per lo scorrimento tradizionale della tenda, oppure doppio, con 2 cassonetti scorrevoli verticalmente, grazie ai
quali è possibile regolare il passaggio
della luce sia dal basso sia dall'alto.
Per entrambe le versioni Resstende ha
messo a punto un'ampia scelta di tessuti,
trame e colori moderni, di design per poter soddisfare ogni gusto e stile di arredo.
Nella scelta tessile spiccano i nuovi tessuti metallizzati, oscuranti e decorativi, ma
anche le 5 proposte tessili decorative
NANO WHITE, dai toni bianchi accostati
a motivi disegnati di un’eleganza fuori dal
comune.
Il sistema di schermature NANO
Alle novità si aggiunge anche la colleziosi avvale di uno speciale sistema
ne CADANS, oggi arricchita di 5 nuove
di fissaggio a vetro o a serramento
tonalità dal grande effetto scenico.
che riduce al minimo l’ingombro
e garantisce una corretta
schermatura solare.
Produzione Resstende
www.resstende.com
POSA IN OPERA
IL MONTAGGIO FINSTRAL
FINSTRAL
Garanzia e qualità certe
www.finstral.com
PROGETTO POSA CERTIFICATA
FASI CERTIFICAZIONE
Il valore di un serramento nel suo complesso è dato
dall'insieme di diversi fattori, come materiali, tecnologie
all’avanguardia, assemblaggio, design e – altrettanto
importante – posa in opera.
La posa in opera permette di definire i valori di isolamento
termoacustico, e la qualità delle applicazioni contribuisce
a renderli sempre migliori.
Le fasi del procedimento di certificazione nel dettaglio sono:
Per questo motivo FINSTRAL è da sempre attenta a tutti
gli aspetti legati al montaggio dei serramenti, formando
i propri dipendenti e i collaboratori dei rivenditori partner
con numerosi corsi specifici proposti più volte l'anno, corsi
di aggiornamento e corsi ad hoc organizzati in corrispondenza
con l'uscita di nuovi prodotti.
In quest'ottica la collaborazione con il prestigioso Istituto ift
di Rosenheim per un progetto denominato “Posa certificata”.
Un'iniziativa che prevede – attraverso ripetute verifiche
dei lavori dei rivenditori partner che vi aderiscono
– la certificazione del lavoro di montaggio, che deve essere
“a regola d'arte” e rispettare i requisiti stabiliti dall'Istituto.
A CHI SI RIVOLGE
FINSTRAL ha scelto di coinvolgere in questa iniziativa alcuni
rivenditori “ipuntiarancio”: un gruppo di aziende selezionate
per la propria grande esperienza nel settore e per le capacità
dimostrate nel gestire il mercato e la clientela. Il progetto
è stato avviato con successo: già 6 di loro hanno visto
quest’anno il proprio impegno premiato dalla certificazione
relativa alla posa in opera.
I tecnici FINSTRAL affiancano attivamente i rivenditori,
mettendo il proprio know-how al servizio delle varie fasi
attuative del programma – anche l'azienda altoatesina, per
prima in Italia, ha ottenuto la certificazione della posa in opera
– e continuano per i lavori successivi.
Q i disegni delle applicazioni, scelte tra quelle che vengono eseguite
più di frequente da ciascun rivenditore, vengono inviati a FINSTRAL
e all’Istituto ift a Rosenheim per la valutazione e l'approvazione dei
dettagli tecnici esecutivi di posa;
Q si definiscono i protocolli di cantiere e la lista dei responsabili
montaggio e dei posatori;
Q la fase successiva riguarda la formazione dei montatori, che
devono frequentare corsi specifici per apprendere le direttive
e le regole di posa dell'Istituto ift. I corsi si ripetono a cadenza
triennale; se un rivenditore vuole modificare l'elenco dei propri
collaboratori partecipanti deve darne comunicazione, a garanzia
della continuità del processo formativo;
Q un tecnico dell’Istituto ift e il responsabile del reparto qualità
FINSTRAL effettuano un primo audit in cantiere per verificare la
documentazione tecnica e il rispetto delle direttive di montaggio
– e per valutare la qualità del lavoro svolto. Se tutti i parametri
richiesti sono stati rispettati, l'Istituto ift può rilasciare
la certificazione per la posa, valida 5 anni – e relativa
ai soli prodotti FINSTRAL. Il rivenditore è ora un'“impresa
di montaggio certificata per prodotti FINSTRAL”;
Q le verifiche ispettive proseguiranno poi annualmente, a garanzia
di elevati standard qualitativi. Almeno una volta l'anno FINSTRAL
effettuerà un audit, durante il quale verranno controllati il rispetto
delle procedure, la relativa documentazione e in particolare
– per più cantieri – la qualità del montaggio, che deve essere stato
eseguito in osservanza delle tipologie di applicazione certificate.
Almeno una volta ogni 3 anni anche i tecnici dell'Istituto ift
effettueranno un audit presso il rivenditore, che seguirà la stessa
rigida procedura delle verifiche seguite da FINSTRAL.
Attraverso questa collaborazione con l'Istituto ift di Rosenheim
FINSTRAL vuole poter garantire ai propri clienti la qualità dell'intero
processo che ruota attorno al serramento, dalla progettazione alla
produzione al montaggio. Grande l'impegno di tecnici e posatori
per rispettare tutti gli standard richiesti.
La certificazione della posa si traduce in un'offerta ancora migliore
sul mercato: i termini “garanzia” e “qualità” hanno un riscontro
concreto, misurabile, definito da precisi parametri stabiliti da un
prestigioso ente certificatore indipendente.
I VANTAGGI DELLA POSA IN OPERA CERTIFICATA
Q I dettagli esecutivi dell’installazione vengono definiti e chiariti
già in fase di trasmissione dell’ordine.
Q I posatori sono preparati e aggiornati in merito ai materiali,
alle loro modalità di utilizzo, alle tipologie di applicazione,
alle caratteristiche dei materiali di posa.
Q La posa in opera certificata garantisce un buon isolamento
sia termico che acustico e un’elevata tenuta ermetica nell’area
di attacco di finestre e porte.
Q I posatori, adeguatamente formati e qualificati, dispongono
del know-how necessario per operare con professionalità in cantiere.
Q I posatori frequentano periodici corsi di formazione
e aggiornamento in merito ai nuovi prodotti, alle tecniche
e modalità di posa, ai nuovi materiali di montaggio.
Q Solo quando installato a regola d’arte, un serramento conserva
tutte le sue prestazioni tecnico-funzionali.
Montaggio standard
Montaggio certificato
27
POSA IN OPERA
ROVERBLOK ENERGY
ROVERPLASTIK
Per la costruzione finita del vano porta e finestra
www.roverplastik.it
SCHEDA PRODOTTO
POSA IN OPERA
RoverBlok Energy è un sistema per la costruzione finita del vano
porta e finestra realizzato su misura, composto da spalle laterali
in polistirene estruso espanso rivestite in fibrocemento, ancorate
a un cassonetto a scomparsa realizzato in polistirene
con rivestimento interno in legno-cemento.
Completo e pronto per essere installato, RoverBlok Energy
è disponibile per scuri a battente, avvolgibili e frangisole
e consente un elevato livello di
personalizzazione. È una soluzione
modulare che integra spalle laterali,
falso telaio, soprabancale
o, eventualmente, cassonetto e
guide per avvolgibili o frangisole.
RoverBlok Energy offre elevate
prestazioni di isolamento termico e
acustico, è realizzato con materiali
che garantiscono il massimo
rispetto dell’ambiente
e rende a prova di errore
il foro-finestra: richiedendo un solo
intervento in cantiere, la soluzione
costruttiva con RoverBlok Energy
prevede un’unica tolleranza di ±3
mm rispetto alle misure di progetto.
Oltre a favorire il risparmio
energetico, questo aspetto
permette al cliente di ordinare
serramenti e avvolgibili senza
ulteriori misurazioni, velocizzando,
economizzando e semplificando
la gestione del cantiere.
Alla struttura già completa di
RoverBlok Energy, è possibile
aggiungere il sottobancale per
chiudere e isolare il foro sui 4 lati,
anche quello inferiore. Questo
optional è sempre più richiesto
perché elimina eventuali ponti
termici e favorisce un isolamento
completo.
Il montaggio e la posa di
RoverBlok Energy in cantiere
avvengono tramite il personale
specializzato di Roverplastik, che si
attiene a specifiche istruzioni e
disegni tecnici.
La prima fase è l’assemblaggio
delle spalle laterali al cassonetto
prefabbricato mediante gli
accessori in dotazione, quali
squadrette e distanziatori. Poi
RoverBlok Energy viene
posizionato all’interno del foro
grezzo nella muratura e, in
seguito, viene messo a piombo e
murato utilizzando apposite
zanche.
Dopo l’installazione, lungo tutto il
perimetro di RoverBlok Energy
viene posizionata una retina
antifessurazione per permettere
un ottimale aggrappaggio
dell’intonaco alla struttura,
evitando così spiacevoli
fessurazioni.
L'attenzione di Roverplastik alle
problematiche del foro-finestra ha
portato allo sviluppo di un percorso di qualifica della posa in opera di
RoverBlok Energy, con l’obiettivo di garantire al cliente eccellenti
prestazioni termiche e acustiche.
A queste, ora, si aggiunge la qualifica del metodo di posa in opera
con una caratterizzazione del nodo primario tra controtelaio e muro,
in termini di tenuta all’aria, all’acqua e di resistenza ai carichi del
vento.
Si è scelto di sottoporre RoverBlok Energy alle prove iniziali di tipo
previste per i serramenti, presso un laboratorio notificato: le
prestazioni del nodo primario hanno raggiunto e superato le massime
classi e la prova di resistenza di sicurezza è stata eseguita a una
pressione del 25% superiore a quella prevista dalla massima classe di
resistenza al vento C5 per i serramenti.
)&5
160 - ottobre novembre
CERTIFICAZIONE E PRESTAZIONI
28
La soluzione costruttiva RoverBlok Energy, realizzata con nuovi
materiali performanti e di basso impatto ambientale, soddisfa
le richieste del marchio “Finestra Qualità CasaClima®” che
identifica quei serramenti che corrispondono a un livello
di tecnologia superiore, in linea con i severi requisiti richiesti
dall’Agenzia CasaClima®.
Roverplastik ha anche ottenuto il “Libretto Prodotto LEED
(Leadership in Energy and Enviromental Design)”, il documento
che attesta la conformità di RoverBlok Energy ai criteri dello
standard LEED, la certificazione a base volontaria, adottata
a livello mondiale, che coinvolge tutte le fasi della progettazione
di un edificio. RoverBlok Energy, inoltre, è stato inserito
all’interno del sito Green Map, il portale di Habitech dedicato
ai prodotti idonei allo standard LEED che hanno ottenuto
il Libretto Prodotto.
Haus Door&Outdoor SHOWROOM
INTERNI IN MINIATURA
E UN’ASSISTENZA A 360°
SCHEDA TECNICA
Superficie espositiva: 160 m2
Numero di addetti: 3
Tipologia prodotti: porte per interni,
blindati e complementi, controtelai
per porte a scomparsa, finestre
in legno, legno alluminio e PVC,
finestre per tetti, coperture
e schermature solari, carte da parati
Marchi: AGS, Albertini, Corradi,
De Faveri, DOOR2000, Eclisse,
Fusital, Greenwood, Henry Glass,
L'invisibile, Mycore, MV Line,
Oknoplast, Pivato, Roofingreen,
ShadeLab, Sun Break, Tender Group,
Uniform, Una, Valli & Valli, Velux,
Vighi, Wall & Decò
Indirizzo
Via Trinacria, 11 - 95030 Tremestieri
Etneo (Catania) tel. +39 095 492481
[email protected]
www.gdhaus.it
,
'
1
(
9
2
7
,/381
7$
Un percorso espositivo strutturato con piccole case che
ripropongono lo spaccato di un’abitazione vera e propria, vista
dall’interno e dall’esterno, ma in miniatura.
Un concept dell’Architetto Roberto Forte che dedica una casa a
ciascuno dei marchi distribuiti. Il visitatore attraversa quindi ambienti
diversi, anche per le sfumature cromatiche, affrontando un percorso
studiato che lo aiuta a focalizzare l’attenzione sui prodotti e a
rievocarli nel momento della scelta d’acquisto.
6(59,=,
Consulenza, preventivazione, sopralluoghi e rilievo misure, progettazione,
posa in opera, assistenza in cantiere, assistenza post-vendita.
L’esposizione Haus Door&Outdoor in località Tremestieri, nella
provincia di Catania, è rivolta in primis al privato ma offre spunti
e soluzioni anche per chi progetta e arreda.
Una scelta precisa quella del titolare, Giuseppe Trapani, il cui intento
è stato quello di differenziarsi dalla concorrenza perché in un
mercato sempre più agguerrito è fondamentale proporre un’offerta
unica e difficilmente replicabile.
La differenziazione non deriva solo dalla modalità di presentazione
dei prodotti, ma si articola in una strategia puntuale il cui obiettivo
è l’assistenza al cliente a 360°, dalla consulenza all’assistenza,
passando ovviamente per la progettazione e la posa in opera.
Estrema attenzione dunque a ogni fase di vendita, in particolare
al post, dove non mancano i servizi ad hoc come per esempio
i sopralluoghi gratuiti a un anno dalla posa, i piani di manutenzione
programmata e molto altro ancora.
Per questo motivo, Haus Door&Outdoor si affida a personale tecnico
qualificato, perché un venditore competente è anche un venditore
in grado di trasmettere sicurezza e fiducia al cliente. Analogamente,
la scelta di proporre solo una ristretta e selezionata gamma
di marchi è stata pensata per garantire il massimo della preparazione
e della specializzazione del personale.
Un’ala dello showroom è dedicata alle attività formative;
qui si svolgono corsi tecnici per i professionisti su tematiche come
il risparmio energetico e l’isolamento termico.
29
SHOWROOM Meval Srl
A REGOLA D’ARTE
Sin dalla scelta in showroom
SCHEDA TECNICA
SHOWROOM MILANO
Superficie espositiva: 100 m2
Indirizzo: Via P. Rossi
angolo Via Trevi 4
SHOWROOM CORMANO
Superficie espositiva: 400 m2
Indirizzo: Via Bizzozzero 67
Tipologia prodotti: Porte per interni,
serramenti, porte blindate,
grate e cancelli blindati, persiane
blindate, tapparelle, zanzariere,
lavorazioni speciali a richiesta
Marchi: Bertolotto Porte, Oknoplast,
Steel Project
www.meval.it
1
(
,
=
$
'
$
6725,
'$
)&5
160 - ottobre novembre
L’attività nasce nel 1985 per volontà del padre degli attuali titolari,
come piccola azienda familiare attiva nella produzione
e installazione di porte blindate.
La volontà di crescere e di incontrare il mercato ha portato
all’introduzione dei serramenti in alluminio, producendoli in proprio
e provvedendo direttamente all’installazione presso i clienti: la logica
evoluzione di questa scelta rendeva imprescindibile il completamento
dell’offerta Meval con le porte per interni.
In 29 anni, l’attività è cresciuta fino all'attuale configurazione; nel
2007 nasce Meval Srl: l’azienda che seleziona i migliori prodotti del
mercato, addestrando i propri installatori con i corsi tenuti
da partner (fornitori/costruttori) e agenzie esterne, specializzate
nella ricerca e sviluppo dei sistemi di posa e della valorizzazione
energetica.
30
Tutta l’impostazione del lavoro di Meval Srl si impernia sulla ferma
determinazione nel fare di ogni lavoro un lavoro a regola d’arte,
sia nella scelta che nell’installazione di un serramento.
Questo è il motivo per il quale il personale MEVAL è parte integrante
del servizio che viene offerto al cliente.
La simbiosi con i partner (la collaborazione con Bertolotto Porte
è quasi giunta al ventesimo anno) è l’altro componente
imprescindibile per ottenere sempre il meglio di ciò che il cliente
può desiderare per la propria casa, ufficio, studio professionale
o attività commerciale.
Oggi MEVAL dispone di 2 moderni showroom,
(Milano e Cormano) per un totale di oltre 500 m2 espositivi,
all’interno dei quali è possibile vedere e toccare i prodotti
e avere a disposizione personale professionale e preparato
a soddisfare le esigenze e i desideri del cliente: per scegliere
con serenità un prodotto destinato a durare decenni.
FINITURE
AREXONS
www.arexons.it
VERNIFER
VERNICE + ANTIRUGGINE
VERNIFER è uno smalto innovativo, prodotto da Arexons in forma di gel morbido; non cola
e unisce le proprietà di uno smalto (copertura, lucentezza, varietà di colori) a quelle di un
fondo antiruggine.
È utilizzabile su manufatti in ferro, anche arrugginiti, e, con buoni risultati, anche su alluminio
(si consiglia l’utilizzo di un primer), legno e cemento. Non necessita dell’applicazione di un
fondo anticorrosivo prima del suo utilizzo.
Adatto per esterni e interni, VERNIFER è disponibile nelle tinte brillanti, satinate, metallizzate
e antichizzanti.
MODALITÀ D’USO: per applicazioni a pennello il prodotto è pronto all’uso. Nel caso di
separazione di liquido superficiale, riomogenizzarlo mescolando.
Prima di utilizzarlo su superfici nuove, sgrassarle con acquaragia e successivamente applicare
il prodotto.
Su superfici già verniciate, spazzolare la vernice scrostata e la ruggine friabile, sgrassare e
procedere con VERNIFER.
Per applicazioni in interno si consiglia di passare una sola mano di vernice. Per applicazioni in
esterno sono consigliate 2 mani.
DISTRIBUZIONE: in vendita presso centri brico, ferramenta, colorifici, grande distribuzione
organizzata e su shop.arexons.com
VERNIFER unisce le proprietà di uno smalto a quelle
di un fondo antiruggine. Prodotto in forma di gel
morbido, non cola. Produzione Arexons
L’AZIENDA: nata nel 1925, Arexons si specializza inizialmente in prodotti chimici per l’industria
delle auto, per poi ampliare la propria produzione alla manutenzione di impianti industriali e al
fai da te.
Oggi Arexons – dal 2007 divisione dell’attuale Petronas Lubricants Italy SpA – è marchio
leader in Italia di prodotti chimici nel settore meccanico. La manutenzione, intesa come difesa
del valore dei beni affinché conservino nel tempo funzionalità ed efficienza, è la missione
aziendale.
ROVER
TUTTOLEGNO AD ACQUA
www.rovercolori.it
L’impregnante finitura cerata per interni ed esterni
TUTTOLEGNO AD ACQUA 5558 di Rover è un impregnante protettivo a finitura cerata per
legno, da utilizzarsi sia in interno che in esterno. Inodore e a rapida essicazione, protegge,
colora e risana ogni tipo di legno, nuovo o sverniciato, rendendolo idrorepellente.
L’impregnante protettivo ad acqua TUTTOLEGNO evidenzia le venature senza alterarle e
conferisce al legno un aspetto satinato, ceroso, morbido e naturale.
Per l’esterno sono consigliabili tinte colorate, perché il pigmento conferisce una maggiore
protezione al legno dai raggi UV.
)&5
160 - ottobre novembre
MODALITÀ D’USO SU LEGNO NUOVO O SVERNICIATO: miscelare bene i prodotti colorati
prima dell’applicazione. Pulire accuratamente la superficie da trattare, eliminando ogni traccia
di polvere, olio, grasso o cera. Lo stesso vale per eventuali residui di sverniciatori utilizzati.
Carteggiare e levigare, se necessario.
Applicare 2 mani di TUTTOLEGNO ad acqua, intervallate da leggera carteggiatura. Si consiglia
una terza mano per legni assorbenti.
L’impregnante teme il gelo. Non applicare a temperature inferiori a 5 °C o superiori a 30 °C.
ESSICCAZIONE A 25 °C e 65% U.R.: asciutto in 1 ora.
La seconda mano dopo 6-7 ore.
32
DISTRIBUZIONE: in vendita presso centri brico, ferramenta, colorifici e grande distribuzione
organizzata.
L’impregnante TUTTOLEGNO è a base
di resine acriliche, additivi e pigmenti specifici,
per la protezione del legno in interni ed esterni.
Produzione Rover
L’AZIENDA: mezzo secolo di storia e un forte orientamento all’innovazione e alla qualità.
Rover, ovvero Romana Vernici, nasce nel 1949. Nel 1968, lo stabilimento si trasferisce ad
Aprilia, in provincia di Latina. La produzione si suddivide in prodotti per edilizia e prodotti per
carrozzeria. Agli inizi degli anni 80, le problematiche ambientali diventano una priorità: dalla
ricerca Rover nascono Lux-Ro e Silky-Ro, tra i primi prodotti ecocompatibili a essere lanciati
sul mercato italiano. Nel 95, Rover Edilizia entra a far parte della Holding Boero Bartolomeo
SpA. Il nuovo stabilimento realizzato nel 2009 nella zona industriale di Rivalta Scrivia
(Tortona) su un’area di circa 100.000 m2, una delle maggiori in Italia dedicate interamente
all’industria del colore, rappresenta l’inizio del percorso di rinnovamento dell’assetto
produttivo del gruppo e dell’azienda. Ampliamento dell’offerta, alta specializzazione e
impegno ambientale sono i must dell’impegno quotidiano di Rover.
ZOOM
DI.BI.
www.dibigroup.com
PORTE BLINDATE
CON CHIUSURA AUTOMATICA
Il comfort di non doversi ricordare di chiudere a chiave
Di.Bi. Porte Blindate propone 2 linee di porte blindate con chiusura
automatica: OPENTECH, la porta
blindata con serratura elettromeccanica e MECCANYA, la prima porta blindata con serratura a chiusura
automatica con meccanismo meccanico. Con entrambe, non è necessario ricordarsi di chiudere a chiave
la porta, la serratura lo fa in automatico ogni volta che viene chiusa.
Ogni volta che la porta viene chiusa, si aziona la serratura automatica
che chiude la porta a chiave.
OPENTECH
OPENTECH è la porta blindata più
tecnologica della gamma Di.Bi. dotata di serratura elettromeccanica e
apertura con impronta digitale,
consente di registrare fino a 99 impronte digitali. Questo tipo di serratura offre numerosi strumenti di
apertura: l'impronta digitale, il codice segreto numerico, il transponder, la card, la chiave tradizionale,
l'sms (opzionale). OPENTECH è
una porta blindata che si apre sia
con dispositivo a funzionamento
elettronico sia con la tradizionale
chiusura meccanica con chiave e
funziona sempre, sia in presenza
che in assenza di corrente elettrica.
Con OPENTECH e MECCANYA non è necessario ricordarsi di chiudere a chiave
la porta, la serratura lo fa in automatico ogni volta che viene chiusa.
Produzione Di.Bi. Porte Blindate
MOTTURA
LINEA MOSTRINE X MODE M2.0
www.mottura.it
La tecnologia amica
)&5
160 - ottobre novembre
X MODE M2.0 garantisce il massimo della sicurezza insieme a un
grande comfort d’uso. La serratura
di Mottura è un dispositivo “amico”
arricchito di moltissime funzionalità, in un ottimale equilibrio tra stile,
design e tecnologia di ultima generazione. Interfacciabile con vari si-
34
MECCANYA
MECCANYA è la nuovissima porta
blindata Di.Bi. che attiva la chiusura
della serratura in modo meccanico
ogni volta che viene chiusa. È una
porta innovativa perché svolge la
stessa funzione di una porta con
serratura elettronica, ma con una
serratura meccanica. MECCANYA
protegge sempre, sia quando si è in
casa, sia quando si è fuori, senza
doversi ricordare di chiudere a
chiave la porta, perché lo fa da sola
in automatico. Il funzionamento è
molto semplice: quando si chiude la
porta, assieme allo scrocco si attivano anche i perni del deviatore e
della serratura che si chiudono in
simultanea. Per riaprire la porta
dall'esterno si sblocca la serratura
con 2 mandate di chiave come le
serrature tradizionali e si attiva lo
scrocco con il pomolo girevole. Per
riaprire la porta dall'interno è sufficiente il semplice gesto di apertura
con la maniglia.
X MODE M2.0 di Mottura garantisce
di avere sempre sotto controllo
la sicurezza dell’abitazione
Mostrina interna con display a colori
(65x90 mm), corpo centrale in finitura
nera o grigia, display a colori
OLED 1,69" risoluzione 160x128,2
LED luminosi e mostrina in metallo
trattato. Finiture: BR bronzato,
CR cromato, OT ottone, PV pvd oro,
AA anodizzato argento,
CS cromo satinato
stemi domotici (Gewiss, BTicino,
Vimar ecc.) attraverso il comando
remoto (opzionale) per verificare
lo stato della porta e tante altre
informazioni utili per la sicurezza
della casa, X MODE M2.0 si apre
dall’esterno con il semplice passaggio di una chiave TAG oppure digitando il codice PIN sulla tastiera,
eliminando così il vecchio e ingombrante mazzo di chiavi. È possibile
Mostrina esterna con lettore
transponder (65x90 mm). Corpo
centrale in finitura nera o grigia, 3 LED
luminosi e mostrina in metallo trattato.
Finiture: BR bronzato, CR cromato,
OT ottone, PV pvd oro, AA anod.
argento, CS cromo satinato
scegliere tra card, chiave o chiave
con sede chiave cilindro. Il controllo remoto domotico consente il
collegamento di varie periferiche
(per esempio impianto antifurto,
lettore di badge, lettore di impronte). La linea mostrine X MODE con
supporto grigio perla è stata studiata in coerenza con le più attuali
tendenze del design d'interni e per
poter essere abbinata alla maggior
parte delle finiture e delle pannellature delle porte blindate diffuse sul
mercato.
Programmazione facile
La programmazione di X MODE
M2.0 si esegue direttamente sulle
mostrine interne senza dover azionare altri elementi meccanici della
serratura e quindi si può variare
con facilità secondo le proprie esigenze. Sulla mostrina interna si
possono programmare gli accessi
in finestre temporali (solo nella versione a chiave protetta); la stessa
mostrina è in grado di fornire informazioni sullo stato porta e tante
altre funzioni innovative.
X MODE M2.0 permette di gestire
in tutta tranquillità gli accessi potendo inserire anche il fermo giorno in fascia oraria. Inoltre, sulla
mostrina interna è possibile inserire un codice parentale in modo da
impedire ai bambini all’interno di
aprire la porta a sconosciuti.
REPERTORIO TECNOLOGICO
ESINPLAST
COBRA
www.esinplast.com
fermaimposte a scomparsa
COBRA è un fermaimposte brevettato da Esinplast completamente a scomparsa.
È progettato per essere installato
su infissi con telaio, senza interventi diretti sull’involucro edilizio.
È proposto nelle versioni con
apertura a 180° e regolabile a diversi gradi di apertura, sia per Camera Europea che R40. In fase di
bloccaggio e sbloccaggio, per una
maggiore sicurezza, viene manovrato senza sporgersi dall’infisso.
In fase di installazione, dopo aver
scantonato in 2 punti uno degli
angoli superiori del profilo anta, si
procede con l’inserimento del
blocchetto di scorrimento (realizzato in poliammide) sulla guida
superiore della ferramenta e l’inse-
)&5
160 - ottobre novembre
Il kit del fermaimposte a scomparsa COBRA, che comprende un braccetto
in acciaio inox, un particolare catenaccio completo di ponte di collegamento,
un terminale sagomato con perno di aggancio, un’asta di comando
e una staffa di sicurezza. Produzione Esinplast
36
rimento del catenaccio sulla guida
laterale dopo aver svitato in parte
la cerniera.
Infine, dopo aver bloccato tramite
2 grani il puntale del catenaccio
nei 2 fori delle leve, si serra il supporto del braccio nella cava superiore della ferramenta del profilo
COBRA è progettato per essere
installato su infissi con telaio, ai quali
consente l’apertura a 180°.
Non essendo necessari interventi
diretti sull’involucro edilizio, è ideale
per l’applicazione in edifici trattati
con sistemi a cappotto
PETTITI
1150SRF
www.pettitispa.com
Cerniera a scomparsa per porte blindate
Leader nella produzione di accessori per serramenti antieffrazione,
la Pettiti Giuseppe SpA ha messo a
punto una nuova cerniera a scomparsa per porte blindate. Con questo articolo, l’azienda conferma il
suo impegno nel campo della sicurezza passiva, uno dei settori che
negli ultimi anni si è dimostrato fra i
più sensibili alle innovazioni, rilanciando il connubio sicurezza-estetica, che ha già caratterizzato la sua
linea di accessori per inferriate, e la
sua linea di inferriate a battente in
alluminio della serie BLINDOWING.
La nuova 1150SRF è una cerniera
invisibile, in quanto il suo corpo è
ospitato nello spazio libero fra il
telaio e il falso telaio della porta.
Quando questa è chiusa, quindi,
tutta la meccanica è occultata, incrementando la resa estetica finale,
e ponendo l’accento sulla finitura
del pannello. Con questa tipologia
di cerniere, inoltre, è possibile realizzare applicazioni a filo, ovvero
con l’anta praticamente complanare con il muro, in accordo con i canoni estetici attuali, minimalisti e
moderni. Il corpo della cerniera è
realizzato in alluminio EN AW6005, una lega che offre una resistenza al carico e alla deformazione
superiore a quella delle leghe normalmente impiegate nell’accessoristica. Il perno centrale, di diametro
La nuova 1150SRF è una cerniera
invisibile, in quanto il suo corpo
è ospitato nello spazio libero fra
il telaio e il falso telaio della porta.
Quando questa è chiusa, quindi, tutta
la meccanica è occultata,
incrementando la resa estetica finale.
Produzione Pettiti Giuseppe SpA
10 mm, in acciaio, ruota all’interno
di boccole sinterizzate annegate
nell’alluminio. Questa soluzione garantisce una maggior fluidità di rotazione e la durata nel tempo delle
prestazioni. Tutte le staffe di fissaggio all’anta e al telaio sono invece in
acciaio zincato. La cerniera 1150SRF,
disponibile nelle 2 versioni, destra e
sinistra, è registrabile per permettere i normali aggiustamenti durante
la posa in opera. La regolazione in
altezza avviene agendo su 2 grani
presenti nel corpo inferiore della
cerniera, accessibili ad anta aperta.
Sempre agendo su di un grano, si
ottiene la regolazione della distanza fra anta e telaio. La terza registrazione, quella in profondità, è
facoltativa, e si può ottenere effettuando delle asolature nei punti di
ancoraggio della staffa che collega
il corpo inferiore della cerniera al
telaio.
telaio. Per ridurre lo sforzo sulle
cerniere, dovuto alla leva con il
fermaimposte, viene installata una
staffa con diverse coperture di colore abbinabile all’infisso.
COBRA, non richiedendo la foratura del muro, è ideale per l’applicazione in edifici trattati con sistemi a
cappotto. Inoltre, poiché non necessita di attrezzaggio di pontoni,
è utile per quelle applicazioni che
devono essere fatte ai piani superiori, così da ridurre i costi e migliorare la sicurezza del cantiere.
Il dispositivo viene commercializzato in un kit, che comprende: un
braccetto in acciaio inox, un particolare catenaccio completo di
ponte di collegamento, un terminale sagomato con perno di aggancio, un’asta di comando e una
staffa di sicurezza.
La Esinplast opera da oltre 40 anni nello sviluppo e nella produzione di sistemi di infissi e serramenti,
vantando una solida presenza nel
mercato internazionale e una garanzia della competenza e delle
forti innovazioni acquisite nel tempo. Il risultato è un ampio catalogo
prodotti, corredato da diverse linee accessori, capaci di risolvere
ogni problematica relativa alla realizzazione e al montaggio degli
stessi.
Installazione
Per facilitare la fase di installazione,
la cerniera può essere già montata
a banco all’interno del profilo del
telaio, prima della posa.
Lo stesso può avvenire con la staffa di fissaggio del corpo superiore
all’anta. Sarà quindi possibile continuare a fissare telaio e falso telaio
al muro senza avere l’ingombro e il
peso della porta, proprio come per
le cerniere tradizionali, e quindi
collegare l’anta al telaio successivamente, semplicemente avvitando delle viti.
L’operazione di posa dell’anta è facilitata da 2 denti di aggancio presenti sulla cerniera, che appendono
letteralmente il lato interno dell’anta stessa alla staffa fissata al telaio.
Questo semplice accorgimento
consente all’installatore di scaricare buona parte del peso della porta
blindata durante la fase di serraggio delle viti di collegamento. In
definitiva, la nuova cerniera a
scomparsa della Pettiti si presenta
sul mercato come una valida alternativa alle cerniere tradizionali,
permettendo di incrementare la
resa estetica del serramento, mantenendo le sue qualità di sicurezza.
Il tutto coniugando sapientemente
la tecnologia di un prodotto innovativo con la semplicità di installazione.
VETRINA
CENTRO DI FRESATURA ITALCON 145LM/ELECTRON PLASTICK
Prestazioni al top grazie agli 8 assi
Partner globale per il serramentista in PVC. Questa la definizione
“su misura” per Ital-Plastick, estrusore nazionale di profili in PVC per
la produzione di sistemi finestra,
scuri e porte in PVC, che si caratterizza anche per produrre una
gamma completa di macchine e
attrezzature per la fabbricazione e
la lavorazione di serramenti in PVC
quali: troncatrici e rulliere, pulitrici
e fresatrici, intestatrici e avvitatori,
ma anche attrezzature curva profili, banchi da lavoro e di vetratura,
centri completi di montaggio ferramenta.
Ital-Plastick si propone come partner globale anche sul fronte del
servizio, per semplificare con efficacia l’entrata di ogni serramentista nel settore del PVC: oltre alla
vendita e alla fornitura di attrezzature per la produzione e la lavorazione di tale materiale, l’azienda
prevede anche l’ottimizzazione
dello spazio necessario al loro inserimento, suggerendo ai serramentisti già in attività layout specifici che valorizzino le superfici
produttive preesistenti, e un servizio tecnico dedicato al serramentista, garantito dal personale
esperto nella produzione degli infissi e la loro posa.
Macchine e attrezzature evolute,
quelle “targate” Ital-Plastick, come
mostra il centro di fresatura
145LM/ELECTRON che andiamo a
illustrare di seguito.
Da sola o in linea
Studiata per essere utilizzata sia
come macchina singola sia come
macchina inserita in una linea
completamente automatizzata,
dove viene posizionata prima della pulitrice, la fresatrice 145LM/E
viene gestita da un pannello di
controllo touch screen a colori con
logica Can Bus per tutti gli azionamenti.
Nel caso venga montata in linea, si
interfaccia direttamente alla saldatrice 4 teste e alla pulitrice, azzerando di fatto la tempistica dedicata alla realizzazione per esempio dei fori scarico acqua, ed evitando movimentazioni manuali dei
pezzi.
La macchina è composta da 3 teste operatrici (elettromandrini)
completamente controllate e gestite su ben 8 assi. Ed è proprio
grazie a questo numero di assi che
la macchina consente di lavorare
qualsiasi profilo, rendendo il cambio di tipologia di lavorazione
semplice e veloce, con ovvi vantaggi in fatto di produttività.
Inoltre, grazie alla gestione del
software, è possibile eseguire
qualsiasi asolatura e foratura con
uno o più passaggi, così da poter
ridurre il rischio di rottura delle
punte operatrici.
Se usata manualmente, poi, questa fresatrice può sostituire anche
un pantografo, in quanto, previo
posizionamento manuale del profilo, si possono eseguire fresature
per cilindri e altre operazioni di
foratura.
Più produttività
Si è detto del suo utilizzo anche
come macchina inserita in una linea completamente automatizzata dando luogo a un autentico
circolo virtuoso: saldatura, fresatura, pulizia.
www.italplastick.com
La linea automatica è composta
da saldatrice a 4 teste in quadrato,
munita di trasferimento automatico per linea di carico del telaio e
suo trasferimento verso la fresatrice automatica per lo scarico
dell’acqua tramite centro di fresatura a controllo, unità di trasferimento automatico alla pulitrice
automatica PA-CNC/RADIUS e
scaricatore automatico del telaio a
fine lavorazione, con posizionamento automatico su carrelli e
spostamento automatico dei carrelli di magazzino, fino a un massimo di 3 carrelli ciascuno con capacità per 15 telai.
37
VETRINA
ROLLING
CENTER
GUIDE A TASSELLARE O A CEMENTARE
Un ampio catalogo "made in Italy"
www.rollingcenter.com
)&5
160 - ottobre novembre
Dopo 40 anni di esperienza Rolling Center SpA è in grado di offrire oltre 1.000 articoli tra cardini,
ruote, guide, piastre e rulli guida,
carrelli, cerniere, cremagliere, cardini e molto altro. Tutto il necessario per la costruzione di cancelli e
portoni industriali e civili con la
qualità del "made in Italy".
Le guide trattate da Rolling Center
possono essere a tassellare o annegate nel cemento.
38
IBBI è prodotto esclusivamente con
materiale di prima scelta ZENDZIMIR
Z200MA. La guida è coordinata con
la giunzione RAPIDA, che permette
un innesto rapido del binario e una più
precisa unione tra le 2 parti, con
la possibilità di unire anche spezzoni
più corti ed eliminando tutti gli scarti.
Produzione Rolling Center SpA
ANGULA e FLOOR sono due serie
di guide a pavimento, studiate e
realizzate per cancelli e portoni, in
ambienti dove è già esistente una
pavimentazione. La serie è fornita
pronta all’uso nella versione inox o
in acciaio zincato e non, in barre
da 6 o 3 m.
ANGULA e FLOOR sono guide
sufficientemente robuste per essere impiegate in ingressi dove la
frequenza di passaggio è media.
Sono eliminati i problemi legati sia
alla saldatura sia all’annegamento
nel cemento.
Le 2 guide si differenziano per la
tipologia di ruote da utilizzare
adattandosi perfettamente alle
gole a “O” per la FLOOR e gole a
“V” per l’ANGULA.
Gli acciai impiegati sono di ottima
qualità, garantiti da un ferreo controllo da parte del personale
dell’azienda.
Quando la frequenza di passaggio
cresce e in proporzione aumentano le sollecitazioni che si scaricano sulla guida, è consigliabile optare per le guide a cementare.
Le guide a cementare marchiate
Rolling Center SpA sono molto
apprezzate dai clienti perché particolarmente resistenti al passaggio frequente di mezzi pesanti.
Alcune guide sono “a livello pavimentazione”: la mancanza di gradino permette un transito più agevole dei mezzi di movimentazione,
in quanto si ha una completa assenza di vibrazioni. Rischi di movimentazioni indesiderate o caduta
del carico sono così di fatto eliminati, come la possibile collisione
con la parte anteriore di carrelli
elevatore particolarmente bassi.
Stiamo parlando della guida HEAVY, ideata principalmente per cancelli scorrevoli, ma utilizzabile anche in altre applicazioni dove sono
necessarie qualità come robustezza, affidabilità e durata nel tempo.
La testa della guida è un tondino
pieno diametro 20 e non un profilo vuoto che con il passare del
tempo può essere deformato e
tutte le parti sono saldate e zincate per una maggior garanzia di
Guida a cementare “a livello
pavimentazione” HEAVY: la mancanza
di gradino permette un transito più
agevole dei mezzi di movimentazione,
ed elimina la possibile collisione con la
parte anteriore di carrelli elevatore
particolarmente bassi. Produzione
Rolling Center SpA
tenuta, sia alle sollecitazioni, sia
agli agenti atmosferici.
HEAVY si distingue anche per la
presenza di tubi di scarico maggiorati per far defluire sporco e ristagno d’acqua dalle parti più sensibili della guida. La dotazione
inoltre di speciali zanche costituisce una solida soluzione all’ancoraggio della guida nella colata di
cemento.
Costruita con i migliori materiali,
HEAVY consente allineamenti perfetti e facilità estrema di unione
tra una barra e l’altra tramite
un’apposita giunzione di serraggio
e allineamento.
Il catalogo Rolling Center SpA comprende anche le seguenti guide:
– SISTEMA, una guida che attraverso un sistema di fori e zanche consente un ancoraggio
ottimale al suolo. Questo è possibile mediante foratura della
lamiera durante la fase di profilatura, con il risultato finale di
una guida di qualità superiore a
un prezzo contenuto. Lo spessore della guida è 3 mm, lo
scorrimento ha diametro 20
mm ed è corredato di apposite
giunzioni.
– IBBI, un binario frutto di continui
studi e aggiornamenti tecnologici, è prodotto esclusivamente
con materiale di prima scelta
ZENDZIMIR Z200MA, disponibile con spessore 4 mm con scorrimento diametro 20 mm in barre con lunghezza da 3 e 6 m per
soddisfare un’ampia gamma di
clienti. La guida è coordinata
con la giunzione RAPIDA, che
permette un innesto rapido del
binario e una più precisa unione
tra le 2 parti, con la possibilità di
unire anche spezzoni più corti
ed eliminando tutti gli scarti. È
disponibile anche la versione
con spessore 3 mm con scorrimento diametro 16.
NEWOMEGA è una guida di facile
installazione brevettata che presenta
molteplici vantaggi, tra cui la capacità
di assorbire assestamenti del terreno
senza subire deformazioni; è pronta
all’uso e già zincata e ha un solo
modello per tutti i carichi.
Produzione Rolling Center SpA
– NEWOMEGA, una guida di facile installazione brevettata che
presenta molteplici vantaggi,
tra cui la capacità di assorbire
assestamenti del terreno senza
subire deformazioni; il peso del
profilo è ridotto, è resistente
all’usura, vengono eliminati sfridi e saldature, è pronta all’uso e
già zincata e ha un solo modello per tutti i carichi. Il processo
produttivo è tecnologicamente
avanzato e unico al mondo.
– NEWOMEGA2: si differenzia
dalla precedente perché, grazie
a 2 profili speciali che vengono
inseriti nel lato destro e sinistro
della NEWOMEGA, consente di
annegare completamente la
guida al pavimento, evitando
dislivelli che potrebbero usurare la guida a causa del continuo
passaggio di mezzi pesanti.
VETRINA
GENIUS
CORALIS
www.geniusgroup.it
Una nuova concezione per le tende avvolgibili
Alcuni modelli della nuova linea di tende avvolgibili per interno CORALIS. I meccanismi sono basati su ingegnosi sistemi
a molla che permettono la movimentazione delle tende in maniera (semi)automatica senza l'ausilio della corrente elettrica
e, di conseguenza, senza bisogno di impianti e allacciamenti. Produzione Gruppo Genius
)&5
160 - ottobre novembre
Il Gruppo Genius, forte della sua
leadership nel settore delle zanzariere avvolgibili, ha recentemente
ampliato la sua offerta rivolta al
mondo delle schermature solari
da interno, proponendo la gamma
CORALIS, una innovativa e completa linea di prodotti.
In 9 diverse tipologie, le tende CORALIS coprono ogni esigenza in
termini di schermatura solare, con
un approccio davvero insolito.
Infatti, i meccanismi sono tutti
semiautomatici e non elettrici.
Funzionano, cioè, grazie a una serie di ingegnosi sistemi a molla
che permettono la movimentazione delle tende in maniera (semi)
automatica, senza l'ausilio della
corrente elettrica (e, di conseguenza, senza bisogno di impianti
e allacciamenti). In ogni modello è
anche implementato un rallentatore di riavvolgimento che ne controlla dolcemente la risalita, evitando richiami violenti dati dalla
forza delle molle.
40
I 9 modelli hanno ciascuno una
loro caratteristica di movimentazione che li rende unici e particolarmente comodi secondo le necessità di ciascuno.
– Il modello "SOLO MOLLA" si
abbassa manualmente e si riavvolge in automatico. Può essere bloccato in qualsiasi posizione con un semplice tocco sia in
discesa che in salita.
– Il modello "COMANDO CORDA" presenta le stesse caratteristiche ma con il comando la-
–
–
–
–
terale a corda. Rispetta le Normative Europee sulla sicurezza
antisoffocamento e risulta particolarmente adatto ad ambienti frequentati dai bambini.
"TOCCA E SALI" è il modello
con comando a catenella che
permette il riavvolgimento automatico. Come i precedenti è
possibile interrompere in qualsiasi posizione il riavvolgimento semplicemente con un tocco. Lo svolgimento è manuale,
comandato dalla catenella.
"TIENI E SALI" è un altro modello a catenella che simula la
sensazione di una tenda motorizzata. Lo svolgimento è manuale, ma il riavvolgimento avviene automaticamente tenendo in tensione la catenella. Al
rilascio della stessa il riavvolgimento si interrompe; si può riprenderlo successivamente o
decidere di riabbassare la tenda, indifferentemente.
Analogamente, ma al contrario,
il modello "TIENI E SCENDI"
permette le stesse operazioni
rovesciate. La tenda si abbassa
automaticamente tenendo la
catenella in tensione, mentre
per riavvolgerla è necessario
intervenire manualmente. Tutte
le posizioni intermedie sono
consentite.
Il modello "CATENA ASSISTITA" è una vera e propria "power chain". Avvolgimento e
svolgimento devono essere
azionati manualmente ma il
meccanismo è supportato dalle
molle che alleviano lo sforzo
nei due sensi. Può essere montato singolo o doppio (da entrambi i lati).
– Per chi preferisce il sistema tradizionale è sempre disponibile
la classica "CATENA SEMPLICE", facilmente installabile e
durevole, azionabile a mano nei
2 sensi.
– Per chi, invece, ha esigenze di
schermatura "multipla" sono
disponibili 2 modelli; "TENDA
DOPPIA" e "MULTIJOINT".
Il primo è un sistema che combina 2 tende su un solo supporto, permettendo l'uso di 2 diversi tessuti per gestire diversi
livelli di filtraggio della luce,
mentre il secondo è una vera e
propria concatenazione di tende che possono essere installate "in linea" fino a 15 esemplari,
azionabili con un solo comando.
Senza motori, senza interruttori, senza problemi.
REALIZZAZIONI
HÖRMANN
UNA CASA SU MISURA
www.hormann.it
Comfort e tecnologia
A Castellana Grotte, una
residenza unifamiliare
progettata con passione e
cura dal proprietario stesso,
scegliendo tecnologie e
componenti di ultima
generazione, tra cui un
portone sezionale Hörmann
EPU40 per il box garage.
Certificata in Classe A, è
interamente gestita da un
sistema domotico
La casa è il luogo che più ci rappresenta, nel quale ciascuno di noi
ritrova se stesso, circondandosi
delle persone e delle cose che gli
sono più care: per questa ragione
molti ambiscono a costruirsela da
soli o, meglio, a farsela realizzare
secondo i gusti e le aspettative
personali. E, in questo caso, lavorare nel settore dell'edilizia è senz'altro d'aiuto. È nata così la nuova
casa della famiglia Carrieri, gli ingegneri Michele e Rosanna Cisternino e le loro 2 splendide bimbe,
una villa indipendente su 3 livelli
recentemente completata a Castellana Grotte, in provincia di Bari.
“Per me – ci spiega Carrieri – si è
trattato della realizzazione di un
sogno coltivato da anni. L'ho pensata e disegnata in ogni particolare
condividendo le scelte con mia
moglie”. L'edificio sorge in una zona di espansione residenziale, non
lontano dalle famose Grotte di Castellana: mette a disposizione circa
120 m2 al piano rialzato, oltre alla
mansarda e ad altri locali situati
nel livello inferiore, dove si trova
anche un box ampio circa 70 m2.
L'immagine è decisamente contemporanea, caratterizzata dalla
prevalenza di superfici bianche
che spiccano rispetto alla ricchezza dei colori del giardino circostante.
“In questo progetto ho profuso
quanto di meglio ho imparato nel
corso della mia carriera professionale, sia per quanto riguarda gli
aspetti architettonici, sia per quelli
tecnico-costruttivi”.
Gli ambienti sono organizzati per
la massima funzionalità: disimpegni piccoli e camere ampie, dotate
di più aperture, che assicurano la
ventilazione naturale; gli oltre 70
m2 di vetri ad alta efficienza energetica rendono la casa estremamente luminosa, senza rinunciare
al comfort e con l’occhio sempre
puntato al rispetto dell’ambiente e
delle risorse energetiche.
a cura di Stefania Battaglia
Scheda progetto
Opera: Residenza unifamiliare
Località:
Castellana Grotte (BA)
Progetto:
Ing. Michele Carrieri
Portone Box auto:
Hörmann modello EPU40
Concessionario:
Mazzarelli G.ppe Srl
)&5
160 - ottobre novembre
L’abitazione di Castellana Grotte
progettata dal proprietario,
l’Ing. Michele Carrieri
42
Il box di Villa Carrieri è dotato di un portone sezionale Hörmann
modello EPU40, con doga tipo M e finitura Woodgrain
Numerosi gli spazi polifunzionali,
come la grande tavernetta per una
serata in compagnia o la mansarda da attrezzare a minipalestra,
mentre il bagno propone un’ampia
vasca con luci policromiche e musica di sottofondo, per un relax
senza compromessi. Linee nette e
prevalenza di bianco all’esterno,
ma con contrasti decisi: è il caso
dei pilastri a pianta circolare, rivestiti con un mosaico sui toni di
grigio e tortora, motivo ripreso
nelle finiture delle alzate dei gradini esterni e del bagno interno, oppure come i pavimenti effetto doghe di nave degli spazi esterni
delle verande e che circondano la
piscina.
La struttura portante è in calcestruzzo armato, mentre le pareti
sono realizzate con blocchi di cemento cellulare intonacato o rivestito dalla trasmittanza non superiore a 0,22 che, assieme ai serramenti in alluminio a taglio termico
con vetrocamera basso emissivi
riempiti da gas argon, massimizzano il comfort riducendo le dispersioni termiche. Gli ambienti
sono rifiniti con materiali e soluzioni di pregio, scelti per armonizzarsi fra loro dal punto di vista
cromatico e materico.
Certificato in Classe energetica A,
l'edificio dispone di impianto radiante a pavimento servito da un
accumulatore da 400 l di acqua
calda alimentato da una caldaia a
condensazione e da pannelli solari
termici situati in copertura. È già
prevista l’installazione di moduli
fotovoltaici per la produzione di
energia elettrica e il funzionamento eventuale di una pompa di calore. Tutti i sistemi sono interamente
gestiti da un sistema domotico: illuminazione, impianto audio, termoregolazione a zone, chiusure
automatiche e impianto antieffrazione e videosorveglianza, irrigazione del giardino, gestione da
remoto ecc.
Come sono stati selezionati i componenti costruttivi?
“Ho prestato estrema attenzione
al miglior rapporto fra prezzo e
qualità, con l'obiettivo di ottenere
il meglio dal budget a disposizione
e, quando necessario, modificando
il progetto rispetto alle soluzioni
più interessanti.
È il caso, per esempio, del portone
del box: in origine avevo previsto
di realizzare 2 varchi ma, dopo essermi documentato su internet e
avendo chiesto alcuni preventivi,
ho preferito optare per un unico
varco delimitato da un portone
Hörmann di grande dimensione. Il
contributo dell'agente di zona è
stato determinante nella scelta: mi
ha mostrato diverse realizzazioni
che mi hanno permesso di mettere
a fuoco la soluzione più adatta alle
mie esigenze, dagli aspetti estetici
a quelli tecnico-pratici e, anche,
dal punto di vista economico: posso sicuramente dirmi soddisfatto
del risultato finale”.
PORTONE SEZIONALE
HÖRMANN EPU40
Il prodotto ideale per la residenza
Il box di Villa Carrieri è dotato di un portone sezionale Hörmann modello EPU40, con doga tipo M e finitura Woodgrain. Il portone (L x H
5.000 x 2.250) è azionato da un motore Supramatic P con comando a
distanza. I portoni EPU40 sono robusti, sicuri, silenziosi e assicurano
elevate prestazioni di contenimento dei consumi energetici: l'ideale
per le applicazioni in ambito residenziale. Sono realizzati con doghe a
doppia parete coibentata e disponibili in dimensioni variabili, da 2.000
a 5.000 mm in larghezza e da 1.875 a 3.000 mm in altezza. Le guarnizioni a elasticità permanente, sui 4 lati, e quelle interposte fra le doghe
realizzano la perfetta tenuta all'aria e agli agenti atmosferici, compensando anche eventuali lievi irregolarità del pavimento.
Le molteplici varianti estetiche della superficie a vista comprendono
differenti tipi di grecature, a cassettoni, finiture (anche in legno massiccio) con possibilità di inserimento di oblò, finestre e porte pedonali
e ampie opportunità di personalizzazione, compresa la scelta fra 16
diverse colorazioni di serie e, a richiesta, di tutte le tonalità della gamma RAL. Prodotti in Germania in base al sistema di gestione di qualità
DIN EN 9001, i portoni sezionali automatici Hörmann sono collaudati e
certificati dall’Ente di sorveglianza tecnica TÜV e soddisfano tutti i
requisiti della norma europea 13241-1 (tranne in caso di porta pedonale inserita e/o finestratura). Hörmann offre una garanzia di 10 anni su
tutti i portoni sezionali e 5 anni sulle proprie motorizzazioni. La fornitura è stata gestita dal concessionario Mazzarelli G.ppe Srl, attraverso
l'agente di riferimento Hörmann per la provincia di Bari signor Domenico Mazzarelli.
TOUR “LA CASA CHE GUADAGNA”
L’iniziativa di
sensibilizzazione,
organizzata da Rete Irene,
è volta a promuovere la
riqualificazione energetica
dei condomini
Il tour “La casa che guadagna”
sponsorizzato da NEOPOR®, ha
l’obiettivo di informare i cittadini
su come poter risparmiare sui consumi
in ambito condominiale
NEOPOR® “il grigio originale”, nato
dalla ricerca e l’innovazione di Basf
nell’ambito del risparmio energetico e della tutela dell’ambiente, è
sponsor tecnico del tour “La casa
che guadagna”. Si tratta di un’iniziativa di sensibilizzazione sulle tematiche dell’efficienza energetica
promossa da Rete Irene (il primo
network di imprese lombarde specializzato in riqualificazione energetica) e Legambiente, nell’ambito
del progetto Condomini Efficienti,
patrocinato dal Comune di Milano
e da ANACI Lombardia.
Il tour, che si è inaugurato il 9 maggio in piazza Castello e che in 22
diverse tappe, di cui 12 a oggi già
realizzate, coprirà tutta l’area milanese e parte della Lombardia, ha
l’obiettivo di informare i cittadini su
come poter risparmiare sui consumi aiutando l’ambiente.
Progetto Condomini Efficienti
Il progetto Condomini Efficienti
parte da una ricerca effettuata dal
Comune di Milano su oltre 200.000
abitazioni che si sono recentemente dotate di un certificato energetico, ricerca dalla quale emerge che
oltre la metà (52%) risultano in
Classe energetica G (la peggiore) e
il 18% in Classe F. In totale quindi il
70% delle case certificate ricade
nelle 2 classi energetiche peggiori,
mentre solo lo 0,6% appartiene alla
Classe A o A+. Il risultato? Un elevatissimo consumo energetico, che
costa sia in termini economici che
ambientali. Obiettivo della campagna è quello di sensibilizzare i cittadini milanesi rispetto al valore
dell’efficienza energetica e di far
comprendere e toccare con mano i
benefici della riqualificazione e
dell’efficientamento.
La sponsorizzazione del tour si colloca all’interno della filosofia che
da molti anni accompagna NEOPOR® di Basf, volta a promuovere
prodotti isolanti dall’elevato standard prestazionale e qualitativo,
per un isolamento termico di qualità e per un'edilizia sostenibile.
Ulteriori informazioni su Rete Irene e sul tour “La casa che guadagna” sono reperibili sul sito www.
reteirene.it
NEOPOR®
Basf è da sempre in prima linea,
attraverso intense attività di ricerca
e sviluppo, nella messa a punto di
prodotti innovativi, dall’elevatissimo standard prestazionale e qualitativo, dedicati al settore dell’isolamento termico. Tra i materiali isolanti di ultima generazione, NEOPOR®, il grigio originale, garantisce
eccellenti performance termiche,
oltre a massima resistenza e durata
nel tempo. I prodotti isolanti in NEOPOR® rappresentano pertanto la
soluzione ideale per bloccare le
perdite di calore e permettono di
isolare con un unico materiale tutte
le zone critiche dell'edificio. Anche
NEWS
NEOPOR® di BASF sponsor tecnico
NEOPOR® è il polistirene espandibile
di ultima generazione in grado
di offrire elevate prestazioni isolanti
grazie a minuscole particelle di grafite
incapsulate al suo interno, che
assorbono e riflettono gli infrarossi.
Produzione Basf
in quelle situazioni in cui è necessario intervenire con isolanti di spessore limitato - quali per esempio la
ristrutturazione di edifici esistenti
- è possibile utilizzare lastre in NEOPOR®, ottenendo le stesse prestazioni isolanti.
NEOPOR® è il polistirene espandibile di ultima generazione in grado
di offrire elevate prestazioni isolanti grazie a minuscole particelle di
grafite incapsulate al suo interno
che assorbono e riflettono gli infrarossi, neutralizzando così l’effetto
dovuto all’irraggiamento del calore
che influenza negativamente la
conducibilità termica. Grazie alla
grafite, quindi, la capacità isolante
del NEOPOR® supera anche del
15% le prestazioni termiche del tradizionale EPS.
ONE VINCE IL RED DOT AWARD 2014
Comelit si aggiudica anche quest’anno il prestigioso premio
per il design con il primo comando domotico touch sensitive
Sono stati consegnati a Essen lo
scorso 7 luglio i Red Dot Award,
dal 1955 uno dei maggiori e più
prestigiosi riconoscimenti a livello
mondiale per il design. E, tra i premiati, vi è stato anche ONE di Comelit, il primo comando domotico
touch sensitive, che si conferma
un prodotto vincente a pochi mesi
dal suo ingresso sul mercato.
Ciò che rende ONE davvero unico è
la perfetta combinazione di tecnologia e design d’avanguardia. “Abbiamo creduto e scommesso sulla
soluzione formale – decisamente
innovativa per una placca domotica
– proposta dai designer Diego Rossi e Innocenzo Rifino dello studio
Habit(s) di Milano. ONE lascia a
bocca aperta chiunque lo veda per
la prima volta; la sua esclusiva tecnologia multipotente permette di
fare veramente tutto con un solo
semplice gesto” commenta Bruno
Pellegrini, Direttore Marketing di
Comelit Group SpA.
Pulizia e semplicità delle linee caratterizzano il comando domotico:
la superficie lucida in policarbonato antigraffio è impreziosita dal
bordo cromato che riflette la finitura del materiale su cui è posizionato, annullando la percezione
ONE, vincitore del Red Dot Award 2014,
è il primo comando domotico touch sensitive;
può gestire fino a 3 pagine e 27 diverse funzioni,
controllare fino a 9 automazioni e 4 scenari domotici.
Riconosce inoltre i più naturali gesti dell’utente
e li traduce in comando. Produzione Comelit
dello spessore. La particolare
struttura retinata conferisce a
ONE un aspetto esclusivo e hitech. Anche il colore e le luci sono
protagonisti: 11 differenti finiture
rendono ONE adatto a ogni tipo di
materiale e di architettura contemporanea, mentre i LED possono essere personalizzati con colori
diversi per differenziare i comandi,
le pagine, le funzioni o, semplicemente, creare combinazioni cro-
matiche. Oltre al design elegante e
minimale, ONE si contraddistingue
per la capacità di personalizzazione senza precedenti, per gestire
fino a 3 pagine e 27 diverse funzioni e controllare fino a 9 automazioni e 4 scenari domotici.
ONE, inoltre, riconosce i più naturali gesti dell’utente e li traduce in
comando: basta un semplice scorrimento per cambiare pagina e
una leggera pressione per attivare
un comando, mentre con una
pressione prolungata si accede
alle pagine speciali.
Con l’assegnazione del Red Dot
Award 2014, Comelit rafforza ulteriormente la propria posizione tra
le aziende leader nel settore.
“L’anno scorso Comelit si è aggiudicata il premio con la pulsantiera
v i d e o c i to fo n i c a 3 1 6 S E N S E ;
quest’anno abbiamo bissato nel
settore della domotica dimostrando, da un lato, che l’eccellenza
Comelit è una prerogativa di tutte
le sue gamme di produzione e,
dall’altro, che la continua ricerca
tecnologica abbinata alla raffinatezza del design sono caratteristiche molto apprezzate dal mercato, anche internazionale” conclude
Bruno Pellegrini.
Comelit, con headquarter a Rovetta San Lorenzo e sedi in 13 Paesi
nel mondo, è presente con i propri
prodotti in oltre 70 Paesi. Da oltre
cinquant’anni progetta e produce
sistemi di Videocitofonia (gamma
SimpleVideo), TVCC (gamma SimpleCctv), Sicurezza (gamma SimpleSafe) e Automazione Domestica (gamma SimpleHome).
45
FOTOVOLTAICO E TERMICO INSIEME
NEWS
Per risparmiare sulla bolletta di luce e gas
La friulana Solar Energy Group,
prima azienda in Italia a produrre,
vendere e installare impianti solari
fotovoltaici e termici "made in
Italy" e a km zero, presenta il “Sistema di Risparmio Energetico
SUPER SOLAR”, una soluzione
appositamente studiata e progettata per la produzione di acqua
calda sanitaria ed energia elettrica insieme.
Il sistema per il risparmio energetico SUPER SOLAR, unisce la produzione di acqua
calda sanitaria ed energia elettrica sopra lo stesso tetto. Il sistema è prodotto
da Solar Energy Group, prima azienda in Italia a produrre, vendere e installare
impianti solari fotovoltaici e termici "made in Italy" e a km zero
)&5
160 - ottobre novembre
un ulteriore guadagno nel tempo
sia in termini economici che nei
confronti dell’ambiente.
46
La grande innovazione della soluzione SUPER SOLAR è quella di
unire in un unico prodotto l’impianto termico e quello fotovoltaico, offrendo alle famiglie, in un’unica formula, un sistema già correttamente dimensionato per soddisfare le esigenze di 4-5 persone.
Tra i principali vantaggi, oltre al
risparmio economico sulle bollette
di luce e gas, c’è la possibilità di
usufruire degli incentivi previsti
dal Conto Energia Termico e di
beneficiare della detrazione fiscale relativa agli interventi per la riqualificazione energetica degli
edifici.
In pratica, installando il Sistema di
Risparmio Energetico SUPER SOLAR sarà possibile recuperare il
65% della spesa totale dell’impianto solare termico in soli 2 anni,
mentre per quanto riguarda il fotovoltaico il ritorno economico è
garantito dalla detrazione d’imposta che restituisce il 50% della
spesa in 10 anni.
Il rendimento combinato dei due
sistemi può portare a un risparmio
annuo in bolletta (luce e gas) che
può raggiungere il 60%.
Grazie all’installazione del prodotto SUPER SOLAR sono anche garantite la valorizzazione dell’immobile su cui è installato l’impianto e minori emissioni di CO2
nell’atmosfera, assicurando così
Proposte complete
per l’utenza residenziale
A determinare la scelta di realizzare un impianto così completo e
tagliato su misura rispetto le esigenze delle famiglie, è la particolare attenzione che Solar Energy
Group presta all’utenza residenziale, suo principale target, offrendo impianti di dimensioni contenute e ad alta affidabilità.
Grazie all’ampia esperienza maturata nel corso degli anni, l’azienda
è in grado di offrire un servizio
d’eccellenza estremamente completo. Dall’analisi di fattibilità alla
valutazione tecnico-economica,
dalla progettazione e valutazione
dei fabbisogni energetici alla gestione di tutti gli adempimenti
amministrativi e burocratici e al
disbrigo delle pratiche necessarie
all’ottenimento degli incentivi statali fino alla manutenzione e all’assistenza post-vendita, Solar Energy Group si occupa di tutte le
procedure necessarie all’installazione dell’impianto, offrendo al
cliente la garanzia e la comodità di
potersi confrontare sempre con un
interlocutore unico.
Configurazione base del sistema
Dal punto di vista tecnico, la configurazione tipica del Sistema di Risparmio Energetico SUPER SOLAR prevede l’installazione integrata di un impianto solare foto-
voltaico da 3 kWp (19,92 m2) e di
uno termico a circolazione forzata,
composto da 3 pannelli (2,60 m2)
e un serbatoio da 300 l di accumulo. La qualità della soluzione per il
risparmio energetico SUPER SOLAR è certificata: l’impianto solare
termico è certificato Keymark e
Solar Pass, mentre l’impianto fotovoltaico, garantito per 25 anni di
produttività, è certificato TÜV InterCert GmbH, IEC 61215:2005 e
EN 61730-1:2007/EN 61730-2:2007.
Solar Energy Group, che aderisce
al consorzio PV-Cycle, si occupa
anche dello smaltimento dei pannelli solari a fine ciclo di vita.
Un’azienda a km zero
Solar Energy Group SpA fondata
nel 1982, è leader a livello nazionale nel settore delle energie rinnovabili: specializzata nella produzione e nella commercializzazione
di impianti domestici per il risparmio energetico, è la prima azienda
italiana che, con il marchio “SUPER SOLAR”', produce, vende direttamente e installa impianti solari fotovoltaici e termici, "made in
Italy" e a km zero.
Solar Energy Group SpA, con sede a San Daniele del Friuli (UD),
conta sulla collaborazione di circa
80 dipendenti e una presenza capillare sul territorio italiano con
una rete commerciale costituita
da 14 filiali e oltre 150 consulenti
per iI risparmio energetico, assicurando così al cliente finale massima vicinanza e un servizio d'eccellenza.
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
1
File Size
5 000 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content