close

Enter

Log in using OpenID

Bellinzona di nuovo capitale dei formaggi

embedDownload
Bellinzona e valli
giovedì 14 ottobre 2010
laRegioneTicino
13
Linea 56, inizio col botto
La linea circolare numero 56
del trasporto pubblico di Bellinzona funziona egregiamente.
Tanto che, complice la sua introduzione un anno fa, i trasporti
pubblici cittadini hanno registrato un aumento dei fruitori
pari al 20%. Un risultato positivo
anche se alcuni correttivi alla linea 56 andranno comunque adottati. La questione dei trasporti
pubblici, soprattutto per quanto
riguarda la parte finanziaria, è
stata sollevata anche l’altra sera
in seno al Consiglio comunale.
Ciò durante la discussione sui
conti consuntivi e per chiedere
lumi sul funzionamento, sulle
frequenze e sui costi della nuova
linea circolare. Dati definitivi dovrebbero arrivare solo a novembre, come ha spiegato il responsabile cittadino dei trasporti Filippo Gianoni.
Tuttavia già oggi è possibile affermare, pur sulla scorta di dati
provvisori, che la linea circolare
funziona egregiamente come
conferma al nostro giornale lo
stesso Gianoni. «Come ho sottoli-
neato anche l’altra sera, dati definitivi per ora non ce ne sono ancora. Tuttavia occorre registrare,
pur su dati parziali estrapolati,
una crescita del 20 per cento dei
passeggeri del servizio di trasporto pubblico. Questo aumento, secondo il gestore del servizio, Autopostale Ticino e Moesano, è da attribuire – specifica Gianoni –
principalmente all’introduzione
della linea 56. Per i dati definitivi
occorrerà attendere il mese di novembre. Per il resto non sono stati
registrati problemi particolari le-
gati al funzionamento della linea
circolare. Tuttavia bisognerà apportare alcune modifiche almeno
al percorso. Infatti, secondo le tendenze in auge oggigiorno, una linea dovrebbe fare il medesimo tragitto in andata e in ritorno. Per la
zona di Pratocarasso dove l’andata è ben diversa dal percorso di ritorno, nell’ambito del Programma di agglomerato dovremo studiare i necessari correttivi». Per
quella zona, dunque, il futuro
della linea 56 potrebbe essere rivoluzionato. Stesso problema
nella zona dell’ospedale. «Anche
lì dovremo studiare un percorso
unitario per l’andata e il ritorno.
Questa soluzione – aggiunge e
conclude il capodicastero – potrebbe essere individuata separatamente e anticipata rispetto ai
contenuti del Programma di agglomerato nella sua parte concernente i trasporti pubblici».
In definitiva, malgrado la generale positiva rispondenza
(idem per quanto concerne la cadenza oraria), la linea circolare
dovrà essere oggetto di alcune
TI-PRESS
Trasporti pubblici cittadini, le frequenze crescono del 20 per cento ma servono correttivi
Migliorabile la linea 56 circolare
modifiche di percorso pur tenendo conto che ha colmato parecchie lacune del servizio soprattutto nella zona della piscina e
degli insediamenti scolastici
e amministrativi all’ex campo
SWING
militare.
Clinica, il Municipio aveva i dati giusti già il giorno dopo. Ma ha taciuto
Si arricchisce di un nuovo capitolo la
saga dei dati errati relativi alla votazione del 26 settembre sul referendum contrario alla chiusura della Clinica dentaria. Si apprende ora che già durante la
seduta del lunedì successivo all’appuntamento con le urne il Municipio era in
possesso delle cifre corrette. Non solo, in
quell’occasione era subito balzato all’occhio di uno dei quattro presenti (assente
il sindaco) che i dati non collimavano
con quelli resi pubblici il giorno prima
dalla cancelleria comunale.
Sul momento la differenza di oltre 400
schede (derivante dall’aver dimenticato
di riportare nel totale i dati relativi al
seggio Nord) aveva lasciato perplessi i
quattro presenti. In attesa di chiarimen-
ti la compagine quel lunedì 27 settembre
aveva deciso di passare all’acqua bassa.
Il problema è che lo ha fatto anche nelle
tre successive sedute. Motivo, abbiamo
appreso ieri: nella sostanza l’esito della
votazione non sarebbe cambiato, a parte
l’aumento del 4% della percentuale di
partecipanti al voto.
Lo stallo è durato per ben undici giorni fino a quando giovedì 7 ottobre le rivelazioni di stampa hanno permesso all’opinione pubblica di venire a conoscenza
dell’errore involontario commesso in
cancelleria nel riportare e stampare le
cifre sul comunicato stampa di domenica 26 settembre e sul foglio appeso all’albo comunale. Si è dovuto quindi arrivare alla seduta municipale di lunedì 11 ot-
tobre (ben 15 giorni dopo la votazione)
affinché il Municipio confermasse pubblicamente l’errore e comunicasse l’avvenuta correzione del dato con relativa
nuova pubblicazione all’albo, ciò che dà
diritto ad altri 15 giorni di tempo per
eventuali ricorsi.
La svista, con successivo temporeggiare, è attualmente oggetto di un’interpellanza urgente inoltrata dalla consigliera comunale Ps Clio Rossi e da una
segnalazione al Consiglio di Stato fatta
da un privato cittadino. Ad essi si aggiunge ora il presidente del Plr cittadino, Giorgio Krüsi. Da noi interpellato
auspica vivamente un intervento d’ufficio da parte della Sezione enti locali, l’organo cantonale preposto alla sorveglian-
za del buon funzionamento dei Municipi
e dei Consigli comunali.
Tuttavia proprio in casa liberale radicale Krüsi deve fare i conti con due situazioni anomale. La prima riguarda il municipale Marco Ottini il cui licenziamento dalla Pci è stato confermato lunedì dal governo: «Lo incontrerò presto
per discuterne e vedere il da farsi. È vero,
ha annunciato un ulteriore ricorso al
Tram, ma è anche vero che la prima
istanza di ricorso cantonale ha confermato su tutta la linea la decisione dei vertici
della Pci di licenziarlo. E questo, se facciamo riferimento all’interesse pubblico e
collettivo, mi fa dire che nel Plr c’è imbarazzo e preoccupazione». Per contro, ricordiamo, quando la questione era di-
ventata pubblica i vertici della sezione
avevano espresso solidarietà con Ottini.
Quanto al vicesindaco Decio Cavallini, Krüsi assicura che il suo domicilio
era e rimane a Bellinzona nel pieno rispetto della Legge organica comunale
per quanto riguarda le cariche pubbliche. Di fronte a voci che lo danno invece
‘provvisorio stabile’ a Monte Carasso, il
Municipio – abbiamo appreso – ne ha
brevemente discusso nelle scorse settimane ottenendo dal diretto interessato
garanzie di correttezza. Dopo aver recentemente trasferito il precedente domicilio presso quello dei genitori a Bellinzona, Cavallini troverà presto un nuovo alloggio sempre in città e non fuori
MA.MO.
Comune.
Antenna stadio,
ricorso di Buzzi
respinto dal CdS Nel weekend la 17esima volta della Rassegna animerà piazza Governo
Bellinzona di nuovo capitale dei formaggi
Al mercato
si riflette
sulla fame
Secondo scoglio non superato
per Luca Buzzi (consigliere comunale di Bellinzona vivibile e
Verdi) contrario alla posa di
un’antenna di telefonia mobile
su uno dei tralicci dell’illuminazione dello stadio comunale. La
sua prima opposizione alla domanda formulata da una compagnia telefonica era stata rispedita al mittente dal Municipio, che aveva rilasciato la licenza edilizia. Ora anche il Consiglio di Stato, istanza cui si era
appellato Buzzi, ne ha respinto
il ricorso. Rimane aperta la via
ricorsuale al Tribunale d’appello. Ancora pendente invece il ricorso contrario all’impianto
previsto all’incrocio fra via San
Gottardo e via Geretta.
Torna il prossimo weekend all’ombra dei
castelli il tradizionale appuntamento, giunto ormai alla 17esima edizione, con la Rassegna dei formaggi degli alpi ticinesi organizzata dalla Società commercianti Bellinzona.
La manifestazione si svilupperà nei dintorni di piazza Governo e conterà la presenza
di 33 bancarelle di produttori caseari provenienti da valle Bedretto, regione del San
Gottardo, Leventina, val Pontirone, valle
di Blenio, Lucomagno, Verzasca, Gambarogno, Vallemaggia e anche dalle valli retiche
di Mesolcina e Calanca.
Ad arricchire la manifestazione anche la
presenza, novità assoluta per quest’anno,
dei casari e non solo più dei gestori degli
alpi. Inoltre, quale degno corollario è da segnalare la presenza di otto vinificatori (provenienti da Bellinzonese, Locarnese, Mendrisiotto e Leventina) di cui sarà possibile
degustare i prodotti (previo acquisto del bic-
‘La fame non è una fatalità’.
All’insegna di questo slogan
sabato mattina alcune associazioni legate alla cooperazione
si riuniranno al mercato di
Bellinzona in occasione della
giornata mondiale dell’alimentazione. Saranno presenti
Alliance Sud, Sacrificio quaresimale, Pane per tutti, Helvetas, Fosit, Missione Betlemme Immensee-Interagire, Botteghe del mondo Bellinzona,
Aorep, Conprobio e Acsi. Desiderose di dialogare con la popolazione, esse si adoperano
per il diritto fondamentale di
tutte le persone a un’alimentazione adeguata e promuovono
una cultura del consumo e dell’acquisto responsabile.
Profondo cordoglio in Città per la
morte di Silvano De Bernardi, presidente dell’Unione sindacale di Bellinzona (Usb). Aveva 68 anni e dall’estate
soffriva di un male incurabile. Funzionario in pensione dell’Ufficio di tassazione, è stato politicamente attivo nella sinistra ricoprendo il ruolo di consiPresidente dell’Usb
gliere comunale dal 1985 all’88 e di supplente municipale dal 2000 al 2004. Silvano De Bernardi verrà ricordato in particolare per l’impegno profuso a livello sindacale. Per venticinque anni ha fatto parte del comitato dell’Usb e dal 1994 ne era alla testa. In tale veste si è occupato,
fra l’altro, del rinnovo del Cinema Forum e della vicina Casa del Popolo di proprietà dell’Usb. Nella primavera 2008 non ha inoltre mancato di dare il suo sostegno agli operai delle Officine Ffs in sciopero.
I funerali si terranno sabato 16 ottobre alle 14 al crematorio di Bellinzona. Ai familiari le condoglianze de laRegioneTicino.
piatti tipici di quella regione del canton Friborgo. In funzione, sempre per tutto l’evento, come hanno spiegato ieri il presidente
della locale Commercianti Brenno Pezzini e
il ‘papà’ della rassegna Augusto Solari, una
fornita buvette gestita in collaborazione
con l’Ac Ravecchia.
Domenica, ancora, la giuria di esperti
composta da Renato Bontognali, Enrico
Rezzonico e Aurelio Vizzardi proclamerà i
risultati del concorso al quale hanno aderito tutti i produttori di formaggio della rassegna, assegnando un premio ai primi tre
classificati. Infine quest’anno, come ha ricordato Gregory Jörg, responsabile dell’Ufficio cultura della Città, la rassegna avrà
numerosi punti di contatto con la tappa cittadina della mostra nazionale (inaugurazione alle 18 di sabato a Castelgrande) Helvetia
Park promossa da Pro Helvetia e dedicata
SWING
alla cultura.
Albergheria,
ventuno diplomati
rio); gli impiegati di ristorazione Cédric Faucherre (5.3,
Ludiano), Zoe Vedova (5.2, Prato
Sornico) e Fabrice Nicolas Epper (5.2, Cademario); le impiegate d’albergo Mariangela
Conti (5.3, Menzonio), Diana
Kürsteiner (5.3, Verscio) e Isabella Fornera (5.1, Losone); i
cuochi in dietetica Luca Calderara (5.3, Baraggia, Italia),
Giovanni Guidicelli (5.3, Ponto
Valentino) e Davide Rossatti
(5.2, Pregassona); gli addetti di
cucina Kevin Maciariello (5,
Maggia) e Luca Paglia (5, Arbedo); l’addetta d’albergo Gloria
Batelli (5, Moghegno); i cuochi
Si è svolta martedì sera la cerimonia di premiazione dei migliori corsisti che hanno terminato una formazione nel settore
della gastronomia e albergheria
della Scuola superiore alberghiera e del turismo di Bellinzona. I giovani premiati dal consigliere di Stato Gabriele Gendotti sono stati 21. Le associazioni
che hanno messo a disposizione
i premi sono GastroTicino, hotelleriesuisse Ticino, Hotel &
Gastro Union Ticino e Hotel &
Gastro formazione Ticino.
I diplomati sono i cuochi Leonardo Bielsa (media 5.4, Ascona) e Roberto Cotti (5, Coldre-
<wm>10CAsNsjY0MDAy0TWzNDE1MQIAn44hfA8AAAA=</wm>
<wm>10CEXKMQqAMBAEwBcl7N4lJueVEkEIFiq-QKz9fyXYWEw3vXuO-ExtPdrmBCSFwVJO4pUWheoiGk2LwxQCYiRzoZhW_3doS9jBGTjB-Fz3C6Jn1m5dAAAA</wm>
TI-PRESS/GALLI
È deceduto
Silvano
De Bernardi
chiere ufficiale a 6 franchi, disegnato per
l’occasione da Lulo Tognola) venerdì dalle
18 alle 19, sabato dalle 11 alle 12, dalle 16 alle
17 e dalle 18 alle 19 e domenica dalle 11 alle
12. Presente pure, con relativa bancarella
per la degustazione e vendita di miele, la sezione di Bellinzona della Società ticinese di
apicoltura. Non mancano le note musicali
che accompagnano l’intera manifestazione
con interventi del gruppo I Vitamina, della
Bandella Castellana, dei Tacalà con Kiko
Gregori.
Il pane, come tradizione, sarà preparato
dalla panetteria Peverelli. Così come divenuta pure tradizione della rassegna la presenza di una nutrita pattuglia della ‘Coopérative des producteurs de fromage d’alpage’
della Gruyère, capitanati da André Remy,
Jean-Louis Roch e dal mitico Pierre ‘fondue’
Pfeiffer che tra bancarelle e capannone in
piazza Governo proporranno i prodotti e i
I giovani con il consigliere di Stato Gabriele Gendotti
(art. 33) Fiorenzo Macconi (5.3,
Barbengo) e Monica Faccini
(5.2, Uggiate Trevano, Italia); i
cuochi in dietetica (art. 33)
Stefano Varenna (5.3, Paradiso)
e Tiziano Fasoli (5.1, Ossuccio,
Italia); gli impiegati di ristorazione (art. 33) Simone Bogarelli (5.5, Castelveccana, Italia),
Pierpaolo Fanara (5.2, Como) e
Maria Ignazia Sofia Madau (5.2,
Como).
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
265 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content