close

Enter

Log in using OpenID

BORGHETTO Passeggiata e pista ciclabile il

embedDownload
12
46 .Riviera Finale
STAMPA
.LA
MARTEDÌ 17 FEBBRAIO 2015
IL PROGETTO CHE RIGUARDA IL LITORALE DI BORGHETTO PREVEDE UNA SPESA DI 1,9 MILIONI
FINALE L. QUAGLIENI CHIAMA «STRISCIA»
Passeggiata e pista ciclabile
il lungomare cambia volto
“Tre grattacieli
nelle ex aree Piaggio
ipotesi devastante”
Giovedì in Consiglio la variante urbanistica per il tratto di Ponente
«Proponiamo che “Striscia la
notizia” si occupi del caso delle
torri ipotizzate sulle aree Piaggio di Finale. A dirlo Pier Franco Quaglieni, direttore del Centro Pannunzio. Spiega: «L’ipotesi di tre grattacieli vicino al
mare di 25 piani si rivela devastante per l’immagine turistica
di Finale e rende legittimo il
dubbio di un possibile grande
speculazione edilizia in un momento nel quale, tra l’altro, il
settore appare fermo. Fa bene il
sindaco di Finale a dire che non
ci sono conclusioni e che è contento che si sia aperto un dibattito perchè su questi temi non
sono possibili blitz. Il nostro
che ha partecipato in più occasioni a manifestazioni culturali
a Finale, ritiene sbagliata l’ipotesi dei grattacieli anche per ciò
che attiene la tutela dell’ambiente. La Piaggio poteva essere negativa per il turismo, ma in
passato garantiva posti di lavo-
AUGUSTO REMBADO
BORGHETTO S.S.
Cambierà (finalmente) volto
la passeggiata a mare di Ponente a Borghetto. Un’opera
da 1,9 milioni di euro, che prevede anche una pista ciclabile. Giovedì è all’ordine del
giorno del Consiglio comunale convocato alle 12,30, la variante urbanistica per la zona
del «litorale marino e sede
ferroviaria finalizzata al rifacimento della passeggiata a
mare di Ponente e al collegamento con Ceriale».
Il progetto, cofinanziato
dalla Regione con un milione e
cinquecentomila euro (a carico del Comune 400 mila euro), prevede il rifacimento del
lungomare Matteotti nella zona tra la stazione ferroviaria
(quasi abbandonata) e il confine con Ceriale, attraverso
l’ampliamento del camminamento a sbalzo verso la spiaggia, la sistemazione a verde
dell’area con la piantumazione di nuove palme e la realizzazione di un ampio piazzale
nell’area sottostante Capo
Santo Spirito, con la possibilità di realizzare un piccolo
chiosco per favorire la frequentazione della zona. Spiega l’assessore ai lavori pubblici Emanuele Parrinello: «La
prosecuzione della passerella
lungo il Capo con la discesa
verso Ceriale verrà realizzata
tramite una nuova scalinata,
che si manterrà sul lato mare
rispetto alla ferrovia. Lungo
tutto il percorso sarà realizzata una pista ciclabile. Sul lungomare la zona dedicata ai cicloamatori affiancherà quella
pedonale, mentre nella zona
del Capo le biciclette potranno essere portate a mano facilmente, grazie alla realizzazione di due canaline sui lati
delle due scalinate. Si tratta di
un intervento fondamentale
per valorizzare e rivitalizzare
una delle zone più belle del nostro territorio, che, insieme
alla riqualificazione del vicino
Castello Borelli e al prossimo
completamento, dalla parte
opposta del nostro litorale,
dell’approdo turistico, contribuirà a rendere ancora più
bella e appetibile la nostra zo-
Lavori
Sopra e
a destra
due rendering
che illustrano
come diventerà il tratto
di lungomare
Sotto la scala
di collegamento con
l’Aurelia
Loano
Lavoriincorso
sullaviaAurelia
1 Lavori in corso a
na a mare». I lavori saranno appaltati in primavera, mentre
l’intervento vero e proprio dovrebbe iniziare in autunno.
Da alcune settimane, intanto, è diventata finalmente utilizzabile la passerella-passeggiata, completata da alcuni anni,
In breve
Borghetto S.S.
Cade da un muretto
grave Sergio Cuziol
1 Un
cinquantaquattrenne residente a Borghetto S.
Spirito e originario di Ivrea,
Sergio Cuziol, è ricoverato
nel reparto di Rianimazione
dell’ospedale Parini di Aosta in condizioni disperate.
Per due volte è stato sottoposto a intervento chirurgico alla testa. Dalle prime ricostruzioni, Cuziol sarebbe
caduto da un muretto alto
circa tre metri dove era seduto finendo ai piedi di una
scalinata. Il fatto è successo
a Point-Saint-Martin, in
provincia di Aosta. L’uomo
ha battuto la testa e la schiena con violenza. Nell’urto ha
riportato un trauma lombare e un trauma cranico importante. Soccorso dal 118, è
arrivato all’ospedale Parini
alle 23,15 di domenica. Nella
notte è stato sottoposto a un
primo intervento, seguito da
un secondo ieri per bloccare
l’emorragia alla testa. Per accertare cosa sia effettivamente accaduto all’uomo stanno
indagando i carabinieri di
Pont-Saint-Martin.
[D.GE.]
Loano
Un aiuto per le bollette
delle famiglie indigenti
1 Il
Comune di Loano ha
prorogato al 31 maggio il termine per la presentazione delle domande per l'assegnazione di contributi economici per
il pagamento delle bollette di
gas, acqua ed energia elettrica a persone o famiglie in difficoltà. Le domande devono essere presentate all'Ufficio relazioni con il pubblico, che si
trova al piano terra del palaz[M.BEL.]
zo comunale.
che corre a sbalzo sull’Aurelia
nella zona del Capo. Era stata
realizzata dalla Servizi Ambientali (società pubblica) durante la posa delle condotte per
la depurazione che collegano la
rete fognaria di Ceriale con
l’impianto delle ex cave Fazzari.
Loano per la realizzazione dei nuovi passaggi pedonali rialzati sulla via Aurelia, all’altezza della rotatoria dei
Pontassi e del residence Casarino, e in via delle Caselle. Gli attraversamenti sono evidenziati con vernici di colore rosso e bianco. Spiega l’assessore Luca Lettieri: «Questi interventi
hanno l’obiettivo di aumentare la sicurezza
dei pedoni, perché obbligano i veicoli a rallentare». Altri passaggi
rialzati sono già stati
realizzati sul lungomare e all’ingresso delle
scuole in via Foscolo.
Aggiunge Lettieri: «E’
un programma di riorganizzazione degli
spazi viari, in parte già
attuato, che prevede
rotatorie, restringimenti delle corsie di
marcia, dossi artificiali
nelle zone 30, isole di
traffico e nuove aree di
sosta».
[M.BEL.]
REPORTERS
Pier Franco Quaglieni
ro. I grattacieli sono soltanto negativi, forse persino per chi ritiene che si tratti di un affare economico. Come ad Albenga a fianco
di Antonio Ricci nel recente passato siamo stati fermamente
contro la costruzione di 4 torri di
80 metri, così ci sentiamo impegnati contro la possibile devastazione ambientale di uno dei cen[A.R.]
tri più belli del Ponente».
LOANO. CONSIGLIO CONVOCATO IL 26
Unione dei Comuni
si complica l’iter
per i 5 enti “in fuga”
Si complica, fra molte polemiche, la decisione di 5 Comuni
(Pietra, Tovo, Borgio, Magliolo e Giustenice) di uscire dall’Unione della Riviera delle
palme e degli ulivi. Il presidente, Luigi Pignocca, sindaco di Loano ha convocato il
Consiglio per il 26. Per l’uscita
dall’Unione dev’essere modificato lo statuto appena votato dai Consigli dei 10 Comuni
che ne fanno parte. Lo statuto
dice che per tre anni non si
può uscire dal nuovo ente e
per poterlo fare devono essere tutti d’accordo. Si profila
un lungo percorso burocratico. I 5 Comuni «in fuga» dovranno poi dar vita alla nuova
Unione. Duro il commento dei
gruppi di minoranza consigliare di Tovo. Scrivono:
«L’Unione per la cui costituzione sono stati spesi gli ultimi mesi e per la quale l’ammi-
nistrazione aveva svolto
un’azione di propaganda, sia il
Consiglio che con i cittadini, si è
spenta. Come minoranza siamo
ignari ed esterrefatti. Come cittadini, vista la sconcertante instabilità delle scelte politiche,
possiamo solo votarci a gesti
esorcizzanti temendo ciò che
possa accadere in futuro. I nostri gruppi avevano ritenuto di
aderire all’Unione “ben consci
che il futuro delle Istituzioni è
nell’aggregazione e non nella divisione”. Oggi, dopo aver messo
in gioco noi e i nostri elettori, ci
sentiamo traditi da coloro a cui
avevamo dato fiducia. Abbiamo, involontariamente, assecondato una politica da operetta alla quale la gente è giustamente ostile». «Il dietrofront
sull’Unione? Tattica politica anche in vista delle regionali», è il
commento di Matteo Canciani
(Forza Silvio Pietra).
[A.R.]
SARÀ COLLEGATA CON ALBENGA E LOANO
Rete di videosorveglianza
primi test al comando
dei vigili di Finale Ligure
Primi test, in questi giorni,
al Comando di via Ghiglieri,
per la nuova rete della videosorveglianza di Finale Ligure. In funzione anche telecamere con capacità di riconoscimento (anche di
notte) delle targhe delle auto. Il servizio andrà presto
a regime. Entro l’anno, finanziamenti permettendo,
saranno collegate fra loro,
attraverso le fibre ottiche,
le reti della videosorveglianza urbana di Finale,
Loano ed Albenga, le tre polizie municipali che sono associate da tempo. Ieri ad Albenga si è svolta una riunio-
ne anche in vista del progetto
per la costituzione di un’unica centrale operativa a rotazione fra i tre Comuni.
Il costo totale del progetto
di Finale supera i 500 mila euro e comprende la realizzazione di tutto il sistema di gestione, della rete di telecomunicazione, dell’impianto di alimentazione e cablaggio per 27 telecamere e la fornitura di 17
telecamere fra le quali tutte
quelle con capacità di riconoscimento le targhe delle auto.
Il primo stralcio di lavori ha
visto l’installazione di dieci telecamere, per le quali è previsto il cofinanziamento di sog-
Il comando della polizia municipale di Finale Ligure
getti privati. Realizzati i lavori
del sistema di trasmissione
via radio (a carico del progetto SiCom), e il cavidotto sul
fronte mare del rione di Marina per il passaggio del cavo in
fibra ottica. Il sistema di videosorveglianza progettato per
Finale prevede in totale l’installazione di sessanta telecamere, oltre al complesso tecnologico di supporto composto dal sistema di gestione:
moduli hardware e software
funzionali alla gestione al con[A.R.]
trollo, server, monitor.
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
143 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content