close

Enter

Log in using OpenID

compilazione rav sez. 4 e 5

embedDownload
La compilazione del RAV
sezioni 4 e 5
Tivoli – 14 aprile 2015
di che parliamo oggi
• come è fatto il RAV
• la raccolta dati
• dall’auto-analisi all’auto-valutazione
• dall’auto-valutazione al piano di miglioramento
dalla raccolta dati alla compilazione del RAV
2
come è fatto il RAV
dalla raccolta dati alla compilazione del RAV
4
il format del RAV: cinque sezioni
• contesto (e risorse)
4 aree
• esiti
4 aree
• processi
7 aree
• riflessione sul processo
unica
• individuazione delle priorità
2 passaggi
dalla raccolta dati alla compilazione del RAV
5
la raccolta dati
da dove provengono i dati
• da Scuola in Chiaro
• contesto (in parte)
• risorse
(in parte)
• esiti
(in parte)
• dalla restituzione dei test INVALSI
• esiti test standardizzati di Italiano e Matematica
• dalla restituzione del Questionario Scuola
• alcuni dati di contesto
• alcuni dati relativi alle risorse
• quasi tutti i dati relativi ai processi
• da altre fonti autonomamente reperite dalle scuole (questionari)
• soprattutto dati di processo
• dati relativi al clima interno
• altri dati ritenuti rilevanti o significativi
dalla raccolta dati alla compilazione del RAV
7
in particolare: dati di contesto e risorse
numero indic.
descrizione
SC
1.1.a.b
popolazione scolastica
X
1.2.a.b.c
territorio e capitale sociale
X
1.3.
risorse economiche e materiali
1.3.a
finanziamenti
1.3.b
edilizia e norme di sicurezza
1.4
TI
QS
X
x
risorse professionali
1.4.a
caratteristiche degli insegnanti
1.4.b
caratteristiche del DS
x
x
SC = Scuola in Chiaro / TI = Test INVALSI / QS = Questionario Scuola
dalla raccolta dati alla compilazione del RAV
8
in particolare: esiti
numero indic.
descrizione
SC
TI
2.1.a
esiti degli scrutini
x
2.1.b
trasferimenti e abbandoni
x
2.2.a
risultati degli studenti nei test INVALSI
x
2.2.b
livelli di apprendimento degli studenti
x
2.2.c
variabilità dei risultati fra le classi
X
2.4.a
prosecuzione negli studi universitari
x
2.4.b
successo negli studi universitari
x
2.4.c
successo negli studi secondari ii grado
x
2.4.d
inserimento nel mondo del lavoro
x
QS
SC = Scuola in Chiaro / TI = Test INVALSI / QS = Questionario Scuola
dalla raccolta dati alla compilazione del RAV
9
in particolare: processi
numero indic.
descrizione
SC
TI
QS
3.1.a
curricolo
x
3.1.d
prove strutturate per classi parallele
x
3.2.a
durata delle lezioni
x
3.2.b
organizzazione oraria
x
3.2.d
episodi problematici
x
3.3.a
attività di inclusione
x
3.3.b
attività di recupero
x
3.3.c
attività di potenziamento
x
3.4.a
attività di continuità
x
3.4.b
attività di orientamento
x
3.5
orientamento strategico e organizzazione
x
3.6
sviluppo e valorizzazione risorse umane
x
3.7
dalla
raccolta
dati alla compilazione
del RAV
integrazione
con
il territorio
e rapporti
…
x
10
dati che il sistema non fornirà
numero indic.
descrizione
QD
QG
altri
2.3
competenze chiave e di cittadinanza
3.1.b
politiche scolastiche
x
3.1.c
progettazione didattica
x
3.2.c
attività e strategie didattiche
x
3.2.e
clima scolastico
x
3.5.--
missione e obiettivi prioritari
x
3.5.--
controllo dei processi
x
3.6.--
valorizzazione delle competenze
x
x
x
QD = Questionario Docenti / QG = Questionari Genitori / Altri = altre fonti
dalla raccolta dati alla compilazione del RAV
11
se si utilizza il Questionario Insegnanti VALES
Indicatore
Descrittore
Domande di riferimento esistenti
3.1.b
3.1.b.1
Punto 1 numeri 3 – 4 – 8 – 9 – 10 – 11 – 12 – 13 – 14 – 16
Punto 2 numeri 6 – 16 – 18 – 19
3.1.c
3.1.c.1
Nessuna
3.1.c.2
Punto 2 numero 6 (???)
3.2.c.1
Tutto il punto 3
3.2.c.2
Tutto il punto 4
3.2.e
3.2.e.3
Punto 1 numeri 1 – 2 – 5 – 6 – 7
Punto 2 numeri 1 – 2 – 3 – 4 – 7 – 8 – 11 – 12 – 13
3.3.a
3.3.a.2
Punto 2 numeri 17 - 20
3.6.c
3.6.c.1
Punto 1 numero 15
Punto 2 numeri 5 – 9 – 14 – 15
3.2.c
Tutti i riferimenti sono al Questionario Insegnanti utilizzato in VALES e in Valutazione&Miglioramento (vedi: sito INVALSI).
Nell’ipotesi che le scuole utilizzino quel questionario, dovrebbero integrarlo con propri item relativi almeno all’indicatore 3.1.c
(per il quale non ci sono domande utili nel questionario originale) nonché agli altri che ritengano sotto-documentati.
dalla raccolta dati alla compilazione del RAV
12
dall’auto-analisi all’autovalutazione
partire dai dati, ma non fermarsi ai dati
• il processo logico di autoanalisi parte dai dati
• attraverso alcune verifiche generali:
• completezza
• cioè pluralità di fonti di informazione sugli stessi fenomeni
• comparazione
• cioè raffronto delle (eventuali) diverse fonti disponibili
• contestualizzazione
• che permette di situare i dati nel contesto di riferimento
• interpretazione
• che consiste nel passare dai dati all’informazione significativa
dalla raccolta dati alla compilazione del RAV
14
errori comuni da evitare
• dai questionari compilati dalle scuole VALES
• emerge una serie ricorrente di problemi
• i limiti nell’analisi compiuta dalle scuole riguardano:
• completezza
• non sono state utilizzate tutte le fonti disponibili
• accuratezza
• non sono stati operati gli opportuni raffronti fra i dati
• qualità dell’analisi
• i dati sono stati “snocciolati”, ma non interpretati
• vedi le schede successive (elaborazione: Poliandri)
• su dati INVALSI
• (in rosso: le anomalie più evidenti)
dalla raccolta dati alla compilazione del RAV
15
dalla raccolta dati alla compilazione del RAV
16
dalla raccolta dati alla compilazione del RAV
17
dalla raccolta dati alla compilazione del RAV
18
come si utilizzano le rubriche di valutazione
• alla fine di ogni area c’è una rubrica di valutazione
• ogni rubrica prevede quattro descrizioni dettagliate
• contrassegnate da numeri dispari (1, 3, 5, 7)
• i numeri pari non hanno descrittori (2, 4, 6)
• sulla base dei dati raccolti e del contesto
•
•
•
•
la scuola sceglie la descrizione che giudica più appropriata
e si attribuisce il valore corrispondente
se la situazione è “a metà” fra due descrizioni
si sceglie il numero pari intermedio
• la scelta effettuata va “motivata”
• con il riferimento ai dati utilizzati ed agli altri elementi valutati
• sono a disposizione 2000 caratteri
• vedi esempio nella scheda successiva
dalla raccolta dati alla compilazione del RAV
19
dalla raccolta dati alla compilazione del RAV
20
dalla raccolta dati alla compilazione del RAV
21
dall’auto-valutazione
al piano di miglioramento
valutare per migliorare
• secondo la Direttiva MIUR 11/2014:
• l’obiettivo di SNV è il miglioramento degli esiti
• in particolare:
•
•
•
•
riduzione della dispersione e dell’insuccesso
riduzione della varianza “fra” e “nelle” scuole
rafforzamento delle competenze di base
valorizzazione degli esiti a distanza
• quindi occorre individuare fra questi temi
• quelli sui quali la scuola rivela criticità più sensibili
• quelli da affrontare attraverso il piano di miglioramento
dalla raccolta dati alla compilazione del RAV
23
i passaggi da compiere
• riflessione sul processo di auto-valutazione compiuto
• attraverso la compilazione della sezione 4 del RAV
• poche domande, che non presentano difficoltà
• si tratta di descrivere il processo seguito
• fornendo alcune informazioni al riguardo
• in seguito, si individuano le priorità da trattare
• 1 o 2 “priorità” in 1 o 2 aree al massimo
• quindi, da un minimo di 1 ad un massimo di 4 priorità
• si suggerisce una via di mezzo: due o tre
• le si descrive brevemente (in 150 caratteri)
• si fissa per ciascuna un traguardo da raggiungere
• in un arco di tempo triennale (traguardi di lungo periodo)
• vedi schede successive
dalla raccolta dati alla compilazione del RAV
24
dalla raccolta dati alla compilazione del RAV
25
dalla raccolta dati alla compilazione del RAV
26
dalla raccolta dati alla compilazione del RAV
27
dalla raccolta dati alla compilazione del RAV
28
dai traguardi di risultato agli obiettivi di processo
• quello cui tendere sono i traguardi di risultato
• ma sui risultati non si interviene direttamente
• la leva su cui agire sono i processi
• occorre dunque una serie di passaggi:
•
•
•
•
identificare i processi che incidono su “quegli” esiti
identificare le azioni concrete da porre in campo
in termini di “traguardi di breve periodo”
da raggiungere di regola in un anno scolastico
• servono come punti di verifica intermedi
dalla raccolta dati alla compilazione del RAV
29
dalla raccolta dati alla compilazione del RAV
30
dalla raccolta dati alla compilazione del RAV
31
la prima fase si conclude qui
• il rapporto di auto-valutazione
•
•
•
•
una volta completato in tutte le sue parti
va pubblicato sul sito web della scuola
va inviato al MIUR per Scuola in Chiaro
entro la fine di giugno 2015
• il piano di miglioramento vero e proprio
• quello che indica le azioni concrete da compiere
• sarà definito all’inizio del 2015-2016
• dopo l’eventuale visita del nucleo esterno
• (per le scuole che ne saranno destinatarie)
• e posto in attuazione subito dopo
dalla raccolta dati alla compilazione del RAV
32
et l’intendance . . .?
• . . . l‘intendance suivra!
• disse Napoleone in partenza per la campagna di Russia
• come è noto, la logistica non seguì e fu la fine
• si vuol dire che occorre pensare anche:
• alla struttura di supporto
• un locale, un PC, linea Internet, armadi, ecc.
• alla struttura amministrativa per il trattamento dati
• coinvolgimento DSGA, un assistente amministrativo
• a rilevare il giudizio anche del personale ATA
• nei questionari di rilevazione autonoma interna
dalla raccolta dati alla compilazione del RAV
33
dalla raccolta dati alla compilazione del RAV
34
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
6
File Size
1 648 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content