close

Enter

Log in using OpenID

CE ENTR RO AL LTI ST TUDI I PER R LA DIFE ESA

embedDownload
CE
ENTR
RO AL
LTI ST
TUDII PER
R LA DIFE
ESA
IST
TITUTO
O SUPERIIORE DII STATO MAGGIO
ORE INT
TERFORZ
ZE
GUID
DA DEL
L FREQU
UENTA
ATORE DEL
D
CO
ORSO
SUPERIIORE DI
D STAT O MAGGIORE INTER
RFORZE
E
Ed
dizione 2014
2
Caro Frequentatore,
in qualità di Direttore dell’ISSMI ed anche a nome del Presidente del CASD e del personale del
Quadro permanente, mi è gradito porgerLe il benvenuto a Palazzo Salviati, sede dell’Istituto.
Il Corso superiore di Stato maggiore interforze, che Lei si accinge a frequentare, riveste
particolare valenza nel Suo iter formativo e di impiego, in quanto nei prossimi mesi parteciperà,
con un ruolo da protagonista, allo sviluppo di un programma didattico mirato a farLe acquisire la
capacità di contribuire alla concezione, pianificazione e condotta di attività militari, interforze e di
forza armata, in ambito nazionale ed internazionale, nonché le capacità necessarie per l’eventuale
esercizio di funzioni dirigenziali.
Lo scopo di questa guida è quello di informarLa sulle finalità del corso, sulla struttura
organizzativa dell’Istituto e su quanto dovrà svolgere nei prossimi mesi, nonché di facilitare il Suo
inserimento nell’organizzazione di supporto.
La conoscenza ed il rispetto delle norme in essa contenute, con particolare riguardo a
quelle di vita interna, sono essenziali per agevolare l’opera di quanti sono preposti ai differenti
servizi e per garantire il corretto e proficuo svolgimento di quanto programmato.
Il personale dell’Istituto è a Sua disposizione per ogni esigenza, ma conto anche sulla Sua
qualificata collaborazione per risolvere le varie problematiche, per evidenziare le aree in cui è
necessario apportare miglioramenti e per individuare le possibili soluzioni. Soltanto partecipando
propositivamente allo sviluppo del Corso e condividendone in prima persona gli obiettivi fissati,
Lei potrà divenire il protagonista della propria formazione e l’artefice dei successi dell’Istituto
come è nelle aspettative di tutti.
Nel complimentarmi per la Sua ammissione al Corso, Le formulo i migliori auguri di un
proficuo lavoro e di una buona permanenza presso l’Istituto.
Arrivederci a presto.
IL DIRETTORE DELL’ISSMI
SOMMARIO
PARTE I - CENNI STORICI
pag. 3
1. Il PALAZZO SALVIATI
2. IL CENTRO ALTI STUDI PER LA DIFESA
3. L’ISTITUTO SUPERIORE DI STATO MAGGIORE INTERFORZE
PARTE II - SCOPO ED OBIETTIVI DEL CORSO SUPERIORE
DI STATO MAGGIORE INTERFORZE
pag. 5
1. RIFERIMENTI NORMATIVI
2. SCOPO DEL CORSO
3. OBIETTIVI DEL CORSO
PARTE III - ORGANIZZAZIONE DELL’ISTITUTO
pag. 12
1. STRUTTURA ORGANIZZATIVA
2. SEGRETERIA CORSI
3. SEGRETERIA FREQUENTATORI ESTERI
4. LOCALI ASSEGNATI ALL’ISTITUTO
5. AULE GRUPPI DI LAVORO
6. DOTAZIONI INFORMATICHE
7. MATERIALE DIDATTICO
8. PIATTAFORMA MULTIMEDIALE
9. SERVIZIO FAX
10. NUMERI TELEFONICI DI INTERESSE
PARTE IV - NORME DI VITA INTERNA
pag. 17
1. DOVERI A CARATTERE GENERALE
2. CAPO CORSO, DECANO E SENIOR
3. SEGRETARIO DEL GRUPPO DI LAVORO
4. LEZIONI E STUDIO
5. RILEVAZIONE PRESENZE, LICENZE, PERMESSI, ASSENZE E RITARDI
6. UNIFORMI ED EQUIPAGGIAMENTI
7. NORME DI CARATTERE AMMINISTRATIVO
1
PARTE V - ORGANIZZAZIONE DI SUPPORTO
pag. 26
1. ASSISTENZA SANITARIA
2. PROVE PERIODICHE DI MANTENIMENTO DELL’EFFICENZA
OPERATIVA
3. BIBLIOTECA
4. TRASPORTI
5. PARCHEGGIO INTERNO AUTOVETTURE
6. SERVIZIO POSTALE ORDINARIO ED ELETTRONICO
7. SERVIZIO MENSA
8. SERVIZIO BAR
9. SALA LETTURA “SANTORO”
PARTE VI - LINEAMENTI GENERALI DEL PROGRAMMA DIDATTICO
pag. 31
1. ELEMENTI CARATTERIZZANTI IL CORSO
2. SVILUPPO DEL PROGRAMMA
3. ATTIVITA’ FORMATIVE FUORI SEDE
4. PARTECIPAZIONE E IMPIEGO DEI FREQUENTATORI ESTERI NELLE
ATTIVITA’ DIDATTICHE
5. RICONOSCIMENTI
CONCLUSIONI
pag. 38
ALLEGATI
-
allegato A: Caratteristiche comparative di un corso di alta formazione professionale e un
master universitario;
allegato B: Obiettivi generali di formazione del Corso Superiore di Stato Maggiore
Interforze (ISSMI);
allegato C: Struttura organizzativa e compiti delle articolazioni dell’Istituto Superiore di
Stato Maggiore Interforze;
allegato D: Planimetria;
allegato E: Schema delle attività settimanali;
allegato F: Scheda di autovalutazione dei frequentatori del corso ISSMI;
allegato G: Discipline di studio e schemi a blocchi delle aree/Organizzazione didattica/
formativa del Master
ANNESSO 1: ALTRE ATTIVITA’ FORMATIVE DELL’ISTITUTO
2
PARTE I
CENNI STORICI
1. IL PALAZZO SALVIATI
Il Palazzo Adimari-Salviati sorge a Roma nelle
immediate vicinanze della Città del Vaticano sulle
rive del fiume Tevere ed ai piedi del colle del
Gianicolo, su via della Lungara.
Su tale strada, detta nel Medio Evo “Sancta” perché percorsa dai pellegrini diretti a S. Pietro,
furono edificate alcune tra le più belle opere architettoniche del Rinascimento romano, tra le
quali Palazzo Corsini, attuale sede dell’Accademia dei Lincei.
L’ordine di costruire un palazzo in grado di ospitare il Re di Francia, Enrico II, fu dato dal
Cardinale Bernardo Salviati, il quale lo voleva assolutamente finito per l’anno 1557. Il palazzo
fu terminato nei tempi previsti solo nelle sue forme essenziali, tuttavia la visita d’Enrico II non
avvenne mai.
I documenti d’archivio sono frammentari e insufficienti per fornire un quadro
cronologicamente esatto e completo della costruzione del palazzo.
Diversi studiosi attribuiscono l’inizio della “fabbrica” a Giulio Romano, che in quegli anni
lavorava a Roma nella bottega di Raffaello e del quale era l’allievo prediletto.
Lo stile dell’edificio presentava un carattere piuttosto rustico, con un cortile a forma di “U”,
che lasciava aperto il lato verso il magnifico scenario creato dal paesaggio dell’orto botanico e
della sovrastante collina gianicolense e che si uniformava ai caratteri predominanti dei palazzi
dell’epoca: un grande vestibolo, un’ampia scala, il portico coperto da volte a crociera.
La facciata principale rivolta verso il Tevere – il cui restauro è terminato nella primavera del
2005 – è suddivisa in 5 zone di diversa ampiezza, simmetriche con l’asse dell’edificio e
delimitate da teorie di bugne angolari. L’uso del tutto particolare del “bugnato”, intervallato da
inserti di cortina di mattoni e “opus reticolatum”, manifesta una ricerca di effetti pittorici e
chiaroscurali ed evidenzia la matrice inconfondibile dell’estro architettonico di Giulio Romano.
Nota predominante della parte centrale è l’ampio balcone sorretto da modiglioni rustici che si
protende sopra il grande e quadrato vano d’ingresso, pure ricavato con una geniale
disposizione di bugne, che è opera, come tutta la facciata interna, di Giovanni Lippi detto Nani
di Bacio Bigio (1505 – 1570) al quale, come risulta dai documenti d’archivio, fu affidato
l’incarico di proseguire e ultimare Palazzo Salviati.
3
Degni di particolare nota sono gli affreschi cinquecenteschi della Cappella, opera di Santi di
Tito.
Negli anni e nei secoli che seguirono il palazzo fu ampliato e ristrutturato senza però perdere
l’integrità architettonica – stilistica della facciata. All’interno invece fu aggiunta una nuova ala
nel 1933 che ripete i ritmi architettonici dell’edificio preesistente, ma che stravolge, con la
definitiva chiusura della vista verso il Gianicolo e l’Orto Botanico, l’antica concezione
planimetrica del Palazzo.
Dopo i Salviati l’edificio appartenne, per ragioni di parentela, ai Borghese che ne fecero la loro
residenza romana; il palazzo vide soggiornare numerosi alti prelati e dignitari come la
Principessa Marianna d’Austria, che vi abitò per tre anni.
Il Governo Pontificio acquistò, nel 1820, una larga parte del grande giardino e, vent'anni dopo,
anche il Palazzo per sistemarvi l'Archivio Urbano.
Nel 1849 l'edificio ebbe la prima destinazione militare in quanto vi si collocarono, per circa un
anno, truppe francesi chiamate e difendere lo Stato Pontificio contro gli insorti della
Repubblica Romana. Più tardi fu destinato a caserma dei Dragoni Pontifici.
Nel 1870 divenne proprietà dello Stato italiano che lo destinò a sede del Tribunale Supremo di
Guerra e Marina in un primo tempo, e poi del Tribunale Militare Territoriale.
Accanto a quella tradizionale “giudiziaria” e alla nobile origine aristocratica – clericale, si pone
una terza identità ancora oggi dominante: l’immagine di Palazzo Salviati quale centro di
educazione militare e di cultura. Per ben 60 anni ebbe qui dimora, infatti, il Collegio Militare.
A testimonianza di questa destinazione vi sono gli affreschi ottocenteschi di Annibale Brugnoli
sui soffitti del parlatorio e del circolo ufficiali e professori, ora destinati alla biblioteca,
raffiguranti episodi di guerre risorgimentali.
Questo connubio palazzo – collegio durò fino al 1943. Durante la sua attività, il Collegio
accolse nelle sue aule nomi illustri, fra i quali Umberto di Savoia, Principe di Piemonte (titolo
del principe ereditario), e formò centinaia d’Ufficiali, dei quali ben 40 meritarono la medaglia
d’oro al Valor Militare.
Il palazzo ha continuato, sino ad oggi, ad ospitare insegnanti, ricercatori e frequentatori che
hanno preso il posto di quelli di un tempo: sono i quadri ed i partecipanti dei corsi svolti
presso il Centro Alti Studi per la Difesa (CASD).
4
2. IL CENTRO ALTI STUDI PER LA DIFESA
Il Centro nasce nel 1949 come Istituto Militare Interforze,
diretto e frequentato da militari ed orientato principalmente
verso problematiche militari.
Successivamente, la fisionomia e la denominazione del Centro
vengono
modificate,
includendo,
sia
nel
ampliando
Quadro
i
settori
Permanente
d’interesse,
che
tra
i
Frequentatori, funzionari di rango elevato di altri Ministeri.
Nel 1972 la missione del divenuto Centro Alti Studi Militari (CASM) è così precisata:
“aggiornare e completare la preparazione di Ufficiali e Funzionari delle Amministrazioni dello Stato, di grado
e di qualifica elevati, nel campo dell’organizzazione della difesa nazionale, promovendo lo studio e
l’approfondimento dei complessi problemi ad essa relativi, nei suoi molteplici aspetti, in un quadro unitario e
globale”.
Nel 1979, con decreto del Ministro della Difesa, la denominazione viene modificata in quella
attuale: Centro Alti Studi per la Difesa (CASD), perché i compiti, tesi principalmente a studi di
carattere essenzialmente tecnico – militare, si sono sempre più estesi alla globalità dei problemi
riguardanti la difesa nazionale.
Dal giugno 1987 è costituito nella stessa sede, e posto alle dirette dipendenze del Presidente
del CASD, il Centro Militare di Studi Strategici (CEMISS), con finalità essenzialmente di
studio e di ricerca su problemi di carattere politico – strategico – militare d’interesse nazionale,
per soddisfare precise esigenze del Ministero della Difesa.
Per tali attività si avvale di personale proprio e di collaboratori esterni.
A seguito di una decretazione del Ministro della Difesa del luglio 1994, i cui contenuti sono poi
stati sinteticamente recepiti dall’art. 1 della Legge 28 dicembre 1995 n. 549, viene disposta la
costituzione dell’Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze (ISSMI) nell’ambito del
Centro Alti Studi per la Difesa e il contestuale riordinamento di questo ultimo.
Recentemente, nell’ottica di riorganizzazione della formazione di forma interforze, il Centro
per la Formazione Logistica Interforze (CeFLI) è passato alle dipendenze del CASD che ha
assunto la seguente configurazione:
- Presidente;
- Stato Maggiore;
- Istituto Alti Studi per la Difesa (IASD);
- Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze (ISSMI);
- Centro Militare di Studi Strategici (CEMISS);
- Centro per la Formazione Logistica Interforze (CEFLI).
5
Con tale riassetto il Centro Alti Studi per la Difesa diventa un organismo militare di studio e
formazione a cui compete di:
-
aggiornare e completare la preparazione di Ufficiali e Funzionari delle Amministrazioni
dello Stato, di grado e qualifica elevati, nel campo della organizzazione della difesa
nazionale;
-
sviluppare e perfezionare la preparazione di un’aliquota di Ufficiali superiori delle Forze
Armate per il loro successivo impiego in incarichi di rilievo, sia nel contesto nazionale che
internazionale;
-
effettuare studi e ricerche di carattere strategico – politico – militare.
L’alta direzione del Centro è affidata, fin dalla sua costituzione, al Capo di Stato Maggiore della
Difesa.
Il “Palazzo Marina”, ubicato a Roma tra la Via Flaminia e il Lungotevere delle Navi, è stato la
prima sede del Centro. Dopo alcuni anni di permanenza la sede è stata trasferita più volte in
vari fabbricati civili della città. Dall’anno accademico 1971 – 72 il Centro ha trovato la sede
definitiva nel Palazzo Salviati.
Il distintivo del Centro è un quadro di sintesi che rappresenta i colori e i simboli delle quattro
Forze Armate, “Ut unum sint” è il motto che ne attesta le finalità d’integrazione interforze.
3. L’ISTITUTO SUPERIORE DI STATO MAGGIORE INTERFORZE
L’esigenza di promuovere la formazione di una
cultura e di una mentalità interforze fu avvertita già
all’inizio degli anni ’50, dopo l’unificazione in un
unico Ministero della Difesa dei tre preesistenti
Dicasteri
(della
Guerra,
della
Marina
e
dell’Aeronautica) e in particolare quando si ebbe
consapevolezza che i concetti operativi nazionali e
NATO prevedevano in molti casi operazioni
interforze che postulavano non solo pianificazioni
congiunte, ma anche l’implementazione di piani e
direttive affidate ad organismi e Reparti di più
Forze Armate.
A tale scopo nel 1952 fu istituito l’Istituto Stati Maggiori Interforze (ISMI) per provvedere
all’integrazione culturale e professionale tra le Forze Armate. Tuttavia, all’attività formativa di
tale Istituto non si riservò l’attenzione che avrebbe meritato, specialmente dopo la riforma
dell’organizzazione delle Forze Armate degli anni ’70.
6
Tale riforma, infatti, evidenziò l’autonomia di ciascuna Forza Armata e attribuì allo Stato
Maggiore della Difesa una funzione di coordinamento che, pur se mirata a garantire l’unitarietà
d’indirizzo, non ebbe forza adeguata a far ritenere prioritaria la formazione interforze. Anzi,
proprio il settore della formazione fu un elemento caratterizzante l’identità di ciascuna Forza
Armata.
Dopo l’assestamento della predetta riforma e con il susseguirsi di operazioni nazionali e
internazionali che hanno richiesto un impegno congiunto, si è manifestata l’esigenza di
governo/gestione unitari delle Forze Armate per i quali risultava indispensabile una adeguata
formazione del personale.
Contestualmente allo studio di una nuova normativa legislativa destinata a disciplinare la
condotta unitaria delle Forze Armate, in un’ottica interforze rispettosa delle prerogative
peculiari di ciascuna Forza Armata, nel 1994 fu istituito presso il Centro Alti Studi per la
Difesa l’Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze per la gestione di un corso interforze
complementare (della durata di quattro mesi) ai Corsi Superiori di Stato Maggiore organizzati
dalle Scuole/Istituti di Guerra di ciascuna Forza Armata. In sostanza, dal 1994 al 1998
l’organizzazione e la gestione di detto corso complementare interforze sono state curate dal
CASD avvalendosi, quali Tutor, del personale delle Scuole di Guerra di ciascuna Forza
Armata, aggregato al CASD per il periodo necessario. Ciò ha consentito la realizzazione delle
attività con un minimo incremento di personale per il CASD costituito dal Direttore
dell’Istituto e un ridotto nucleo di segreteria, in attesa dell’emanazione delle disposizioni
attuative per la realizzazione dell’Istituto.
E’ doveroso riconoscere alle Autorità di allora una eccezionale lungimiranza e rilevanti capacità
strategiche nell’applicazione della teoria dei piccoli passi attraverso cui si è reso possibile
costituire l’ISSMI. Infatti, con l’emanazione del D.lgs. n. 464 del 28 novembre 1997
contenente le disposizioni giuridico amministrative istitutive dell’ISSMI (completate dal
regolamento attuativo emanato con D.M. 245 del 12 giugno 1999) a partire dall’anno
accademico 1998-99 l’Istituto è stato incaricato di organizzare un Corso Superiore di Stato
Maggiore completamente a carattere interforze, sostitutivo dei Corsi Superiori di Stato
Maggiore di Forza Armata, e di promuovere attività di scambio con Istituti nazionali ed
internazionali paritetici, attività di studio, ricerca e sperimentazione in materia di formazione
superiore interforze e di sviluppo di tematiche strategico-operative di interesse interforze e di
Forza Armata.
A tale decisione, e diversamente da quanto avvenuto negli anni ’50 e con i primi quattro Corsi
Superiori di Stato Maggiore Interforze, si è pervenuti in quanto la formazione interforze è
ritenuta, oggi, non integrativa bensì sostitutiva della formazione superiore di Forza Armata,
7
nella ferma convinzione che l’Ufficiale destinato ad operare in seno agli Stati maggiori e ad
assolvere funzioni di comando e di rango dirigenziale non può non essere dotato di una
formazione professionale caratterizzata da una connotazione marcatamente interforze.
L’Istituto vanta anche il primato di un’esperienza unica in campo formativo militare: “la
tutorship”, ovvero la gestione dei gruppi di lavoro da parte di altri Ufficiali, già titolati ISSMI,
deputati a facilitare l’apprendimento ed indirizzare i colleghi frequentatori.
I Tutor, designati dagli Stati Maggiori di Forza Armata/Comandi Generali su proposta della
Direzione dell’Istituto, sono scelti fra gli Ufficiali frequentatori dei corsi precedenti, in
possesso di particolari capacità attitudinali e tecnico professionali.
In considerazione del ruolo preminente da loro svolto, i Tutor, a cui risale anche la
responsabilità della gestione delle attività di team, sono all’uopo preparati a mezzo di specifico
modulo formativo.
A partire dall’anno accademico 1999-2000 è stato inoltre assegnato all’ISSMI il compito di
organizzare e svolgere il Corso per Consigliere giuridico nelle Forze Armate previsto dai
Protocolli aggiuntivi alle Convenzioni di Ginevra, che ha una durata complessiva di circa
cinque settimane. Allo stesso partecipa il personale militare designato dagli Stati Maggiori di
Forza Armata/Comandi generali e il personale appartenente alla Croce Rossa Italiana e alle
organizzazioni umanitarie.
Al termine del Corso il personale militare consegue la qualifica di Consigliere giuridico nelle
Forze Armate, mentre al rimanente personale civile viene rilasciato un attestato di frequenza.
Inoltre, a seguito di una convenzione stipulata tra il CASD e una Università opportunamente
individuata, i frequentatori del Corso Superiore di Stato Maggiore Interforze hanno anche la
possibilità di conseguire il master in “Studi internazionali strategico-militari”.
L’iscrizione al master è su base volontaria e gli Ufficiali (in possesso di diploma di laurea o
nelle condizioni previste dal D.lgs. 464/97) che aderiscono al progetto nei termini indicati
dall’apposita convenzione devono assicurare un impegno ulteriore per partecipare all’attività
formativa prevista, in termini di lezioni aggiuntive e periodi dedicati allo studio individuale
indispensabile per superare gli accertamenti previsti.
Il Corso Superiore di Stato Maggiore Interforze è stato concepito come Corso di alta
formazione professionale, come indicato dalle Direttive di SMD e confermato dai requisiti e
obiettivi specifici del corso, mentre lo schema tipico di un master di origine universitaria è
quello di un corso d’avanzamento scientifico e culturale con ricadute di tipo professionale
(Allegato A). Il riconoscimento del predetto titolo universitario al complesso degli studi svolti
nell’ambito del Corso Superiore di Stato Maggiore Interforze va inteso, quindi, come
8
opportunità integrativa di certificazione rispetto al “titolo ISSMI” e rappresenta un obiettivo
complementare alle attività formative istituzionali.
A partire dal 2003 l’Istituto è stato coinvolto nelle attività di formazione europea con impegno
sempre crescente.
Nel quadro delle attività collegate al semestre di presidenza italiana dell’Unione Europea, nel
dicembre 2003 l’Istituto è stato incaricato di organizzare un “Corso di Orientamento sulla
Politica Europea di Sicurezza e Difesa (ESDP Orientation Course)” a favore di Ufficiali e
Funzionari civili provenienti dai vari Paesi dell’unione e candidati membri, di previsto impiego
presso gli Organi internazionali deputati alla Politica di Sicurezza e Difesa dell’Unione
Europea.
A seguito della buona riuscita di detta iniziativa, l’Istituto è stato inserito a pieno titolo nella
organizzazione dei corsi dell’European Security and Defence College (ESDC) dell’Unione Europea
ed incaricato di pilotare le attività per pervenire alla definizione di un “Common curriculum
(programma formativo comune)”.
Nel tempo, l’impegno dell’Istituto si è consolidato nella partecipazione attiva negli organismi
in cui è articolato il college (Steering Committee, Executive Accademic Board, e faculty ai modelli
dell’High level Course) e nel contributo fornito, in proprio o in collaborazione con gli altri Istituti
costituenti il network del college virtuale alle attività di training nel settore dell’ESDP (High level
Course, Orientation Course e High Seminar).
Dal 2007 l’ISSMI è stato incaricato dallo SMD di organizzare e svolgere il Corso di
Cooperazione Civile-Militare (COCIM), finalizzato alla formazione del personale militare e
civile della Difesa, nonché del personale delle competenti articolazioni della P.A. e delle
Società erogatrici di pubblici servizi, in una crescente prospettiva interministeriale ed interagency.
Dal 2011, l’Istituto possiede la certificazione internazionale da parte della società MOODY
INTERNATIONAL, riguardo il Sistema di Gestione della Qualità ai sensi della norma UNI ISO
9001 – Ed. 2008.
9
PARTE II
SCOPO ED OBIETTIVI
DEL CORSO SUPERIORE DI STATO MAGGIORE INTERFORZE
1. RIFERIMENTI NORMATIVI
L’Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze è stato istituito con D.lgs. 28 novembre 1997
n. 464, art. 4. recentemente sostituito con il D.lgs del 15 marzo 2010 n. 66 e dal DPR del 15
marzo 2010 n. 90.
Dette disposizioni sono contenute nella pubblicazione SMD-FORM 002 “Direttive per lo
svolgimento dei Corsi ISSMI” edizione 1999 e nella circolare SMD-N-109 “Tabelle ordinativeorganiche del CASD” edizione 2000.
2. SCOPO DEL CORSO (SMD-FORM 002)
Il Corso Superiore di Stato Maggiore Interforze ha lo scopo di far acquisire agli Ufficiali
frequentatori la capacità di contribuire alla concezione, pianificazione e conduzione di attività
militari interforze e di Forza Armata in ambito nazionale e internazionale, nonché le capacità
necessarie per l’eventuale esercizio di funzioni dirigenziali.
Il titolato non può limitarsi a fare e applicare rigide formule burocratiche e standardizzate, ma
deve essere in grado, all’interno di uno SM, di penetrarne la funzione e le regole, adattandole
intelligentemente, in modo efficace ed innovativo, alle varie situazioni.
3. OBIETTIVI DEL CORSO (SMD-FORM 002)
Gli obiettivi del Corso Superiore di Stato Maggiore Interforze (Allegato B) sono:

rafforzare la mentalità interforze, tramite la conoscenza della filosofia d’impiego delle Forze
Armate e la capacità di impiego sinergico di ciascuna componente;

preparare Ufficiali che sappiano agire con professionalità in ambito nazionale ed
internazionale, ricoprendo con competenza gli incarichi assegnati;

porre le basi per la formazione del dirigente militare, fornendogli una visione moderna ed il
più possibile completa delle problematiche della Difesa e gli strumenti metodologici per la
soluzione dei problemi.
I criteri fondamentali da tenere presenti nel perseguimento dei suddetti obiettivi di formazione
sono:

unitarietà della difesa, sul piano politico-strategico e tecnico-operativo;
10

interdipendenza delle componenti per l’assolvimento delle missioni affidate e massima
utilizzazione delle potenzialità, del patrimonio di esperienze e competenze di ciascuna
componente;

interoperabilità, quale indispensabile requisito di ogni elemento che debba essere
efficacemente inserito in dispositivi interforze, alleati e multinazionali;

formazione continua, ovvero la necessità di un aggiornamento professionale continuo allo
scopo di creare le professionalità ritenute man mano necessarie mantenendo vivo il livello di
competenze ed abilità già acquisito.
11
PARTE III
ORGANIZZAZIONE DELL’ISTITUTO
1. STRUTTURA ORGANIZZATIVA
Gli obiettivi formativi sono perseguiti attraverso una struttura organizzativa (Allegato C) ove
la linea gerarchica pone alle dipendenze del Direttore quattro Vice Direttori incaricati della
formazione e gestione delle Sezioni interforze loro assegnate, nonché della predisposizione e
gestione delle attività specifiche riguardanti la Forza Armata di appartenenza.
Da ciascun Vice Direttore dipendono i Tutor, responsabili dei gruppi di lavoro in cui vengono
suddivisi i frequentatori. La suddivisione in gruppi di lavoro è imposta, oltre che dalle esigenze
di migliorare le capacità e le attitudini al lavoro di gruppo dei frequentatori favorendo la
crescita culturale e intellettuale di una mentalità interforze e internazionale in capo agli stessi,
anche dalla necessità di facilitare l’individuazione di eventuali carenze caratteriali e
comportamentali dei singoli Ufficiali.
E’ previsto che i frequentatori possano ruotare tra i gruppi di lavoro, ma permanendo per
l’intera durata del Corso nella stessa Sezione, al fine di garantire la dipendenza gerarchica
continuativa da un unico Vice Direttore e consentire una migliore conoscenza dei
frequentatori da parte della Direzione.
In tale contesto appare evidente l’importanza della funzione svolta dai Tutor, per i quali è
previsto che:

contribuiscano alle attività formative;

collaborino allo svolgimento del programma didattico;

organizzino e gestiscano le attività affidate ai gruppi di lavoro;

suggeriscano eventuali varianti di natura formativa e organizzativa;

seguano il processo di formazione dei Frequentatori e gli aspetti comportamentali e
caratteriali degli stessi.
Per quanto riguarda, infine, il corpo docenti impegnato nello sviluppo delle conoscenze e delle
capacità
del
frequentatore,
esso
coopera
attivamente
con
gli
organi
di
supervisione/pianificazione/controllo dell’Istituto per la realizzazione ottimale del programma
didattico.
In ambito ISSMI non è prevista docenza residente, cioè facente parte dell’organico della
struttura fatta eccezione per la Pianificazione Operativa; l’Istituto si avvale, infatti, di docenti
provenienti dalle principali Università italiane, di rappresentanti di organizzazioni civili
nazionali ed estere, esperti nei vari settori, di personale militare che svolge od ha ricoperto di
recente particolari incarichi in ambito nazionale ed internazionale.
12
Per ogni area/disciplina sono definiti obiettivi didattici che consentano di soddisfare le
esigenze di formazione indicate nella SMD-FORM 002 (para 2 e 3).
2. SEGRETERIA CORSI
E’ l’elemento di organizzazione deputato alla tenuta della documentazione personale dei
frequentatori e a soddisfare le varie esigenze relative alla loro partecipazione al Corso.
Le principali attività svolte dalla Segreteria riguardano:

documentazione caratteristica;

passaporti di servizio;

richieste per la consultazione di documenti classificati;

fogli di viaggio (raccolta/distribuzione);

fogli di licenza, permessi;

fornitura di cancelleria, manutenzione e sostituzione dei materiali;

richieste di visite mediche;

richieste di parcheggio;

servizio postale;

servizio telefonico, fax.
Al fine di agevolare il lavoro della Segreteria Corsi, tutte le esigenze di carattere
amministrativo/logistico e personale devono essere preventivamente vagliate dal Tutor
responsabile del gruppo di lavoro.
Per quanto riguarda specificatamente i passaporti di servizio, la Segreteria Corsi provvede alla
custodia e gestione, in carico temporaneo, dei documenti.
Al riguardo, gli Enti a cui sono effettivi i frequentatori dovranno preventivamente attivare la
procedura di rilascio e/o rinnovo se il documento è in scadenza durante il periodo di
svolgimento del corso.
3. SEGRETERIA FREQUENTATORI ESTERI
E’ l’elemento di organizzazione deputato a soddisfare le peculiari esigenze relative alla
partecipazione dei frequentatori esteri al Corso, a curare i contatti con lo Stato Maggiore
Difesa – 3° Reparto per quanto riguarda l’ammissione dei frequentatori e le norme relative alla
loro frequenza e con le Ambasciate, i Consolati, la Questura, ecc. per il disbrigo delle pratiche
relative a visti, permessi di soggiorno, ecc..
La Segreteria metterà a disposizione dei frequentatori materiale informativo e turistico di tipo
pratico, al fine di agevolare gli spostamenti e la permanenza a Roma.
Ogni altra esigenza relativa al soggiorno degli Ufficiali frequentatori esteri e dei loro familiari
(scolarità dei figli, assistenza sanitaria, ecc.) può essere fatta presente a tale Segreteria.
13
4. LOCALI ASSEGNATI ALL’ISTITUTO
Nell’ambito del CASD, all’ISSMI sono assegnati i seguenti locali siti nell’ala nord di Palazzo
Salviati (Allegato D):
-
uffici della Direzione e del Quadro permanente al 1° piano e al “giardino d’inverno”;
-
aule per i gruppi di lavoro al 1° e 2° piano;
-
spogliatoi per i frequentatori al piano ammezzato.
5. AULE GRUPPI DI LAVORO
A ogni gruppo di lavoro viene assegnata un’aula attrezzata con materiale didattico e con
supporti informatici per l’effettuazione delle attività di gruppo e per agevolare lo studio
individuale dei frequentatori. Presso ogni aula è disponibile un apparecchio telefonico (linea
militare), collegato alla rete dello Stato Maggiore Difesa, per le comunicazioni di servizio.
Attraverso tale utenza è possibile la connessione alle reti di Forza Armata mediante i seguenti
prefissi:
-
Esercito: 3 (rete Sotrin: 807);
-
Marina: 4;
-
Aeronautica: 600 9 (SMA Centrale telefonica); 6xx 9 (AM Centralino);
-
Carabinieri: 934.
6. DOTAZIONI INFORMATICHE
Le aule dei gruppi di lavoro sono dotate in media di 3 PC, un monitor/TV da 60” e di 1
stampante laser b/n (per le ulteriori esigenze di stampa sono disponibili, al 1° ed al 2° piano,
due fotocopiatrici/stampanti b/n condivise in rete LAN).
I PC sono collegati alla LAN dell’ISSMI e sono abilitati alla connessione ad Internet. Per
effettuare ricerche di testi/pubblicazioni per lo svolgimento delle attività didattiche, i
frequentatori possono altresì verificare on-line, sulla intranet CASD, la disponibilità di
pubblicazioni/testi presso la Biblioteca del CASD.
L’utilizzo dei suddetti ausili didattici è limitato alla sola gestione dei documenti d’interesse del
gruppo di lavoro.
L’installazione di nuovi programmi (software) non è consentita ai singoli utenti, ma
esclusivamente all’amministratore della rete (Nucleo Elaborazione Dati) organicamente
inserito nello Stato Maggiore del CASD.
Qualsiasi problema riferito agli apparati deve essere prontamente segnalato al Tutor, che a sua
volta ne darà comunicazione alla Segreteria ISSMI.
È vietata qualsiasi iniziativa atta a modificare la dislocazione dei PC ed i programmi installati.
14
7. MATERIALE DIDATTICO
Per la distribuzione ai frequentatori del materiale didattico di supporto (dossier, dispense,
documenti, tesi, ecc.) verranno utilizzati appositi box (assegnati ai singoli gruppi di lavoro)
collocati ai lati dello sportello della Segreteria Corsi. Questo materiale, di supporto per la
frequenza del corso, rimarrà al frequentatore anche dopo il periodo trascorso presso l’Istituto.
Ciascun gruppo di lavoro avrà a disposizione materiale didattico integrativo ad uso collettivo
(cartografico, bibliografico e di cancelleria). Tale materiale verrà preso in consegna
dall’Ufficiale italiano più anziano di ciascun gruppo di lavoro. Le eventuali richieste
d’integrazione saranno prese in esame dal personale della Segreteria Corsi previ accordi con il
Dipartimento didattico.
8. PIATTAFORMA MULTIMEDIALE
L’Istituto dispone di una piattaforma informatica per lo sviluppo e lo svolgimento di attività
didattiche a distanza e a supporto delle fasi residenziali.
L’indirizzo della piattaforma è www.piattaforma-issmi.it.
Le modalità di accesso sono disciplinate e gestite dalla sezione Organizzazioni corsi
dell’Istituto.
9. SERVIZIO RIPRODUZIONE
Al 1° e 2° piano sono disponibili due fotocopiatrici adibite alla riproduzione fotostatica dei
lavori di piccola entità connessi all’attività didattica. La riproduzione di documenti più
consistenti e/o di grande tiratura viene effettuato nella tipografia del CASD a seguito di
autorizzazione della Sezione supporto attività didattiche dello SM – Uf. Coordinamento.
10. SERVIZIO FAX
Messaggi di servizio potranno essere ricevuti via fax presso la Segreteria Direzione (0668802299); per l’invio di fax personali i frequentatori dovranno avvalersi di strutture esterne.
10. NUMERI TELEFONICI DI INTERESSE
-
Segreteria Direttore ISSMI: linea Telecom 06-46913101; mil. 2.3101; FAX: 06-68802299;
-
Segreteria corsi: linea Telecom 06-46913007/3226; mil. 2.3007/2.3226;
-
Sezione organizzazione corsi: linea Telecom 06-46913086/3105; mil. 2.3086/2.3105;
FAX: 06-6876379;
15
-
Sezione valutazione e supporti didattici: linea Telecom 06-46913102/3233; mil.
2.3102/2.3233;
-
Servizio amministrativo: linea Telecom 06-46913051/3037; mil. 2.3051/2.3037;
-
Nucleo CC Palazzo Salviati: linea Telecom 06-46913046/3047; mil. 2.3046/2.3047.
16
PARTE IV
NORME DI VITA INTERNA
1. DOVERI A CARATTERE GENERALE
Tenuto conto della delicata funzione formativa del Corso, nonché del livello dei frequentatori
e dei docenti, i partecipanti al Corso Superiore di SM dovranno improntare il proprio
comportamento al massimo rispetto delle norme che regolano la collettività di cui entrano a
far parte.
Abbigliamento/uniforme e la persona dovranno essere particolarmente curate, come pure
dovranno essere rispettati gli orari delle varie attività.
In particolare:
 per le attività didattiche in sede l’abbigliamento (se non altrimenti specificato) è:
 frequentatori militari: uniforme di servizio secondo le disposizioni e/o regolamenti di
ciascuna delle istituzioni militari di appartenenza. Nell’espletamento di particolari
attività o in occasione delle conferenze aperte al pubblico esterno potrà essere
richiesta l’uniforme ordinaria o di servizio con giacca. Inoltre, occasioni particolari
possono richiedere l’uso dell’abito civile (giacca e cravatta per uomini,
abbigliamento classico per le donne);
 frequentatori civili: giacca e cravatta per uomini, abbigliamento classico per le donne.
Per le attività didattiche o culturali fuori sede ai militari è richiesto sempre l’utilizzo
dell’uniforme ordinaria o di servizio con giacca secondo le disposizioni e/o regolamenti di
ciascuna delle istituzioni militari di appartenenza (con impermeabile qualora le condizioni
meteorologiche ne consiglino l’uso). Nel corso dei viaggi di studio l’abbigliamento varia a
seconda delle circostanze per cui saranno date direttive specifiche durante i briefing previaggio;
 è consentito di circolare senza copricapo negli spostamenti interni al comprensorio
Palazzo Salviati – Foresteria Lungara.
 all’inizio delle lezioni/conferenze il frequentatore dovrà trovarsi al posto assegnato.
Pur rimanendo in forza amministrativa presso gli Enti di provenienza, per quanto riguarda
l’attività didattica, gli aspetti disciplinari e tutte le pratiche personali a carattere ufficiale, i
frequentatori dipenderanno dal Vice Direttore che svolge le funzioni di Comandante di
Reparto per la Sezione assegnata.
Le attribuzioni di Comandante di Corpo sono esercitate dal Direttore dell’Istituto.
17
I frequentatori potranno conferire direttamente con il rispettivo Vice Direttore, o con il
Direttore, rispettando le procedure previste dal TUOM.
Nell’esercitare le prerogative del grado sul personale dell’Istituto, i frequentatori non dovranno
interferire con le consegne di servizio di quest’ultimo, rivolgendosi per ogni particolare
necessità al proprio Tutor, già attivato per soddisfare eventuali esigenze contingenti.
Tutti i frequentatori sono tenuti a prendere giornalmente visione degli ordini e delle
comunicazioni di servizio affisse negli appositi albi e bacheche, siti nell’atrio del 1° e del 2°
piano, nonché delle comunicazioni trasmesse in rete su PC in appositi file e sui monitor
dislocati negli atri dei principali locali.
Ai frequentatori non è consentito:

fumare nelle aule o nelle stanze assegnate ai gruppi di lavoro ed in qualunque ambiente di
uso comune che non sia all’aperto;

utilizzare il PC in aula per attività che non riguardino le lezioni in corso;

tenere accesi telefoni cellulari nelle aule;

accedere alla Segreteria Corsi se non per il tempo strettamente necessario al disbrigo delle
pratiche, tenendo presente che il personale della Segreteria non potrà essere utilizzato per
lavori o commissioni che non siano state autorizzate dal Capo della Segreteria;

avanzare personalmente richieste al Comando supporti generali (qualsiasi esigenza dovrà
essere presentata, tramite Tutor, alla Segreteria Corsi);
La Direzione potrà assumere provvedimenti di allontanamento dal Corso qualora un
frequentatore manifesti un costante scarso rendimento o comportamenti disciplinari
censurabili.
2. CAPO CORSO, VICE CAPO CORSO, DECANO, SENIOR E CAPO CLASSE
Il Capo Corso è l’Ufficiale italiano più elevato in grado o più anziano di grado; rappresenta i
frequentatori nei confronti della Direzione per tutti gli aspetti d’interesse generale del Corso.
E’ il responsabile del comportamento dei frequentatori durante le attività didattiche in sessione
plenaria ed ha il compito di presentare militarmente il Corso alle Autorità militari e ai
docenti/conferenzieri. Esplica inoltre compiti accessori stabiliti “ad hoc” dalla Direzione
ISSMI.
Non esercita autorità disciplinare nei confronti dei colleghi meno anziani, fatto salvo per
quanto previsto in generale dal TUOM relativamente alle funzioni del grado.
Il Vice Capo Corso è l’ufficiale italiano più elevato in grado o più anziano dopo il Capo Corso;
coadiuva il Capo corso per tutte le attività come riportate nel presente paragrafo. Sostituisce il
Capo Corso in sua assenza in tutti gli incarichi a lui assegnati.
18
Il Decano degli Ufficiali stranieri è l’Ufficiale più anziano di grado dei frequentatori esteri,
mentre il Decano dei Funzionari è il Dipendente Civile più anziano tra i frequentatori civili
della Difesa, analogamente il Decano degli Universitari è il più anziano anagraficamente tra gli
studenti del Master dell’Università. Il Decano rappresenta i propri colleghi nei confronti della
Direzione per tutti gli aspetti d’interesse generale della categoria e coadiuva il Capo Corso
nell’espletamento degli incarichi a lui assegnati.
I Senior sono gli Ufficiali più anziani di grado delle singole Forze Armate, coadiuvano il Capo
Corso negli incarichi a lui assegnati e partecipano alle riunioni indette dalla Direzione.
Presso ciascuna classe nei vari formati (di semi-corso, di sezione, di G. di L., ecc…), l’Ufficiale
italiano più elevato in grado o più anziano di grado svolge le funzioni di Capo classe. Oltre alla
resa iniziale e finale degli onori, il Capo classe si assicura che i frequentatori occupino il posto
assegnato riportato nella pianta dell’aula.
3. SEGRETARIO DEL GRUPPO DI LAVORO
In ogni gruppo di lavoro, a rotazione in ordine di anzianità, un frequentatore nazionale
ricoprirà l’incarico di Segretario con funzione di raccolta delle esigenze di carattere collettivo e
di quanto espressamente indicato nel presente documento.
Sarà inoltre responsabile di verificare l’integrità e la completezza di tutto il materiale in
dotazione al gruppo (materiale informatico, di cancelleria, testi e pubblicazioni, ausili didattici),
l’ordine dell’aula e l’assetto della stessa al termine dell’attività lavorativa (finestre chiuse, luci
spente, spegnimento dei PC e delle stampanti, ecc.).
Dovrà, inoltre, comunicare tempestivamente al Tutor di riferimento eventuali assenze dei
frequentatori del proprio GDL.
4. LEZIONI E STUDIO
All’orario stabilito per l’inizio di ogni attività didattica, tutti i frequentatori dovranno essere già
nelle aule previste dal programma giornaliero e settimanale e ivi occuperanno il posto a
ciascuno permanentemente assegnato e riportato nell’apposita pianta.
All’inizio e al termine di ogni lezione l’Ufficiale frequentatore più anziano presenterà
militarmente i frequentatori al docente/conferenziere o all’Autorità militare intervenuta. In
caso d’ingresso/uscita di Superiori ad attività avviata non dovranno essere resi onori.
Nel corso delle lezioni e senza mai penalizzare il loro normale svolgimento possono essere
poste domande al docente nel periodo di tempo all’uopo riservato, salvo i casi di didattica
interattiva o se sono state impartite disposizioni diverse dallo stesso insegnante. In ogni caso
l’intervento, che deve essere conciso e contenuto nei tempi, deve essere fatto stando in piedi e
19
dopo essersi presentati (grado e cognome), sempre con un atteggiamento di massimo rispetto
del docente e/o conferenziere.
Le attività di studio si suddividono in studio di gruppo e studio individuale.
Lo studio di gruppo consiste nello svolgimento di attività di riflessione e approfondimento
delle attività di docenza effettuate in aula. La discussione/approfondimento viene condotta e
stimolata dai rispettivi Tutor.
Lo studio individuale viene condotto singolarmente dai frequentatori sia in ore libere da
attività didattica collettiva sia al di fuori dell’orario di servizio. Nello studio individuale rientra
l’attività svolta dal frequentatore per la preparazione della Tesi individuale.
Per la consultazione di documenti classificati si dovrà ricorrere al Punto di Controllo del
CASD, previo coordinamento effettuato dal Tutor.
5. RILEVAZIONE PRESENZE, LICENZE, PERMESSI, ASSENZE E RITARDI
L’attuazione del piano degli studi è basata sul principio della continuità didattica; pertanto
l’assenza del frequentatore non potrà non avere riflessi sul suo profitto e dovrà, quindi, essere
evitata a meno di comprovate cause di forza maggiore.
Le interruzioni del corso, di norma, sono quelle previste dal programma didattico. Nei periodi
d’interruzione delle lezioni per festività natalizie, di fine anno e pasquali, il frequentatore è
inviato in licenza ordinaria/recupero/ferie.
Inderogabili esigenze personali, che non possano essere altrimenti soddisfatte e che richiedano
l’assenza del frequentatore dalle lezioni previste, dovranno essere prospettate al Vice Direttore
responsabile tramite il proprio Tutor (o direttamente al Vice Direttore e al Direttore in caso di
urgenza) e la relativa richiesta dovrà essere presentata alla Segreteria Corsi, di norma, almeno
un giorno prima.
Esse comporteranno l’eventuale concessione di un “permesso orario” con conseguente
registrazione della carenza lavorativa rispetto al monte ore settimanale previsto, ovvero la
concessione di una licenza ordinaria/ferie di uno o più giorni e la conseguente interruzione del
certificato di viaggio.
Licenze/ferie e permessi orari concessi dall’ISSMI verranno successivamente comunicati
all’Ente di appartenenza per gli opportuni aggiornamenti.
Il frequentatore che giunga in ritardo o si assenti dalle lezioni o dalle esercitazioni è tenuto a
giustificarsi con il Vice Direttore.
Il frequentatore che per motivi di salute non possa partecipare a una o più lezioni, ha l’obbligo di informare
sollecitamente il proprio Tutor o la Segreteria Corsi specificando le eventuali esigenze per le quali sollecita un
interessamento da parte del servizio sanitario del CASD.
20
La segnalazione potrà, comunque, comportare l’intervento del medico per una visita di
controllo.
Come da prescrizioni regolamentari, il frequentatore ammalato non può allontanarsi dal
proprio domicilio per tutta la durata del riposo concessogli dal medico o fino a quando egli
non sia ristabilito, a meno che la Direzione del Corso non disponga diversamente su proposta
del medico, e comunque dovrà far pervenire il relativo certificato medico.
Il frequentatore che si ammali fuori dalla località dove è comandato in missione dovrà, oltre a
quanto detto precedentemente, informare tempestivamente l’Istituto facendo pervenire il
relativo certificato medico.
Per tale periodo verrà interrotta la missione e la sua posizione regolata secondo le normative
vigenti.
Le assenze prolungate di un frequentatore, anche non continuative, che raggiungono il limite
temporale fissato dalla normativa in vigore, comporteranno l’esonero dal Corso.
Il periodo per determinare l’esonero dal Corso ai sensi dell’art.620 del DPR 90/2010 è
quantificato in 1/6 della durata del corso di giorni di assenza cumulativi. Eventuali istanze di
esonero e/o rinuncia avanzate in data successiva alla determinazione di ammissione al Corso
da parte del Ca.SMD dovranno pervenire, corredate dei prescritti pareri dei Ca.SM di F.A./C.ti
Gen., alla Direzione dell'Istituto che ne curerà la successiva istruttoria fino alla decisione del
Ca.SMD.
6. UNIFORMI ED EQUIPAGGIAMENTI
Gli Ufficiali frequentatori dovranno portare a seguito le uniformi e gli equipaggiamenti di
seguito elencati:

uniforme ordinaria (compresi gli accessori per la grande uniforme);

uniforme di servizio con maglione;

vestiario/equipaggiamento previsto dalle disposizioni di F.A. per il mantenimento ed il
controllo dell’efficienza psico-fisica/operativa del personale;

impermeabile/soprabito/giubbetto per uniforme di servizio.
In appositi locali spogliatoi sono disponibili armadietti metallici a disposizione dei
frequentatori militari, previa richiesta alla Segreteria Corsi.
7. NORME DI CARATTERE AMMINISTRATIVO
a. Posizione amministrativa
I frequentatori provenienti da sedi di servizio diverse da Roma saranno nella posizione
amministrativa di "servizio isolato" nella sede di Roma e percepiranno l'indennità di missione
prevista dalla normativa vigente.
21
(1)
Frequentatori nazionali
Per il personale militare le posizioni amministrative possono essere le seguenti:
 Ufficiali in missione aggregati;
 Ufficiali in missione oraria o giornaliera;
 Ufficiali non in missione.
I trattamenti economici di missione si uniformano ai criteri generali indicati dai
regolamenti vigenti; gli Ufficiali frequentatori in missione saranno “aggregati” con le
modalità stabilite dalle rispettive F.A. secondo le disposizioni dello SMD I Reparto.
Gli oneri di missione saranno a carico delle assegnazioni attribuite sui competenti
capitoli di bilancio del CASD ad eccezione del personale dell’Arma dei Carabinieri e
della Guardia di Finanza, i cui oneri di missione saranno a carico dei rispettivi
Comandi Generali.
I frequentatori la cui sede di servizio disti meno di 90 minuti da Roma, secondo gli
orari ufficiali dei mezzi di trasporto pubblico, sono considerati in missione oraria
(obbligo di rientro giornaliero in sede: art. 4 Legge n. 417 e art. 3 DPR n. 513) e
dovranno annotare giornalmente l'ora di arrivo e partenza dall'Ente di appartenenza e
dal CASD. Mensilmente lo statino dovrà essere vistato dal proprio Vice Direttore.
Gli statini mensili, al termine di ogni mese, saranno presentati per il tramite della
segreteria corsi al Servizio Amministrativo del CASD per la relativa liquidazione.
Per i frequentatori civili della Difesa valgono le medesime indicazioni riguardanti gli
Ufficiali sopra riportate, fatto salvo diversa disposizione di SMD I Reparto.
(2)
Frequentatori esteri
Le posizioni amministrative possono essere le seguenti:
 Ufficiali ammessi alla frequenza a titolo “gratuito” con oneri a carico della Difesa
italiana;
 Ufficiali ammessi alla frequenza a titolo “parzialmente gratuito” con i soli oneri
relativi all’attività svolta nell’ambito del programma del corso a carico della Difesa
italiana (inclusi viaggi di studio nazionali ed esteri);
 Ufficiali ammessi alla frequenza a “pagamento”, con oneri a carico dei Governi
interessati.
Le modalità particolari di trattamento riguardanti le suddette categorie vengono
stabilite sulla base degli accordi formalizzati con i paesi di provenienza e attuate in
coordinamento con i rispettivi Addetti per la Difesa.
22
b. Inizio del corso
Il frequentatore deve essere inviato al CASD con un foglio di viaggio finalizzato al solo
raggiungimento della sede di missione. Ogni frequentatore deve partire dal proprio Ente in
tempo utile per essere presente all'apertura del corso.
Durante il primo giorno di corso, il Segretario di ciascun gruppo di lavoro raccoglierà e
consegnerà in Segreteria Corsi i fogli di viaggio emessi dagli Enti di appartenenza, completi
di scontrini ferroviari ed eventuali fatture.
La Segreteria Corsi provvederà a consegnarli al Servizio Amministrativo del CASD affinché
si possa provvedere alla loro liquidazione in occasione del pagamento del primo mese di
missione.
I frequentatori sono tenuti a comunicare per iscritto alla Segreteria Corsi il domicilio eletto
e il recapito telefonico segnalando tempestivamente qualsiasi cambiamento.
c. Assenze
La Segreteria Corsi è tenuta a comunicare al Servizio Amministrativo le assenze che
comportano la mancata corresponsione dell'indennità di missione e/o il rimborso delle
spese per il vitto e l'alloggio. Di seguito, le possibili tipologie di assenze:
 assenza per licenza/feria/recupero per motivi privati/permesso orario: comporta l’interruzione del
trattamento di missione per la durata dell’assenza stessa. Il permesso orario non potrà
essere superiore alla metà delle ore lavorative previste per quel giorno;
 assenza per missione fuori sede: le spese e l'indennità di missione vengono corrisposte con il
foglio di viaggio relativo alla missione, indipendentemente da chi imputa a bilancio la
spesa;
 assenza per malattia in sede: la malattia (nonché i relativi giorni di riposo) certificata dal
medico curante o dal Dirigente Sanitario non comporta alcuna riduzione di missione. I
certificati medici vanno allegati in copia conforme agli specchi mensili riepilogativi delle
assenze;
 assenza per malattia fuori sede: comporta l’interruzione del trattamento di missione per la
durata dell’assenza;
 assenza per ricovero presso strutture ospedaliere civili/militari:
 in sede: compete l'indennità di missione (escluso vitto e alloggio) ridotta al 60%;
 fuori sede: comporta l’interruzione del trattamento di missione per la durata
dell’assenza;
 assenza per convalescenza concessa a seguito di ricovero in luogo di cura: comporta l’interruzione del
trattamento di missione e del rimborso spese. Il trattamento di missione ed il rimborso
23
delle relative spese viene ripristinato nel momento in cui l'interessato viene nuovamente
dichiarato idoneo al servizio.
d. Disposizioni a carattere amministrativo
I frequentatori aventi titolo al trattamento di missione giornaliera o di “aggregazione”
dovranno consegnare alla Segreteria Corsi (utilizzando l’apposito stampato in uso al CASD)
la dichiarazione mensile relativa alle presenze ed alle eventuali interruzioni, necessaria per la
corresponsione del trattamento, entro il 5° giorno del mese successivo a quello di
riferimento. Il Servizio Amministrativo, per evidenti ragioni organizzative, provvederà alla
liquidazione solo quando saranno disponibili i documenti amministrativi di tutti i
frequentatori. È perciò importante il rispetto della massima puntualità.
Si richiamano di seguito alcune norme amministrative a carattere generale riguardanti i
certificati di viaggio:
 i fogli di viaggio, nonché le dichiarazioni di liquidazione mensili, devono essere
compilate con cura apponendo, dove prescritto, le necessarie firme e allegando, laddove
necessario, le eventuali autocertificazioni (utilizzando gli appositi stampati in uso al
CASD);
 i certificati non devono presentare correzioni o cancellature. Qualora debbano attuarsi
modifiche, si dovrà apportare una correzione in rosso ed una nuova firma di convalida;
 le fatture/ricevute relative a spese per il vitto e l'alloggio devono riportare il nome del
titolare del certificato di viaggio e non devono presentare correzioni. La documentazione
fiscale probatoria del vitto consumato (fatture, ricevute e scontrini fiscali) non può essere
cumulativa di più pasti.
Lo scontrino fiscale deve tassativamente riportare la natura, qualità e quantità dei generi
consumati e deve altresì contenere l’indicazione meccanografica del codice fiscale del
frequentatore; in caso d’impossibilità di stampa del codice fiscale da parte dell’esercente,
l’interessato dovrà corredare lo scontrino di apposita autocertificazione;
 il limite di spesa per i pasti da consumare per incarichi di missione non inferiori alle 12
ore per il personale militare e civile equiparato, Colonnelli e Generali, ammonta a €
61,10 per due pasti giornalieri, ridotto a € 30,55 per la consumazione di un solo pasto
(per durata della missione non inferiore alle 8 ore). Per il personale nel grado fino a
Tenente Colonnello/Capitano di Fregata, anche se “omogeneizzato”, il limite ammonta
a € 44,26 per due pasti giornalieri, ridotto a € 22,26 per un solo pasto (per durata della
missione non inferiore alle 8 ore);
 i fogli di viaggio emessi a favore dei frequentatori del corso su richiesta dei rispettivi
Comandi per testimonianze, visite mediche, attività varie devono essere compilati
24
indicando sul frontespizio che la spesa è a carico dell'Ente di provenienza o di altro
indicato dal Comando richiedente. Sul frontespizio deve essere autorizzato
esclusivamente il mezzo pubblico; l'uso del mezzo privato è sotto la responsabilità del
frequentatore;
 i biglietti ferroviari non saranno rimborsati se privi di obliterazione (laddove previsto);
 sono a carico dell'Istituto solo i fogli di viaggio connessi con l’attività prevista
nell’ambito del Corso.
25
PARTE V
ORGANIZZAZIONE DI SUPPORTO
1. ASSISTENZA SANITARIA
Presso il Centro Alti Studi per la Difesa è attivata, in orario di servizio, una Sala Medica a cui i
frequentatori potranno rivolgersi per visite mediche e cure ambulatoriali.
Nel limite del possibile dette prestazioni dovranno aver luogo durante i periodi di tempo liberi
da lezioni/esercitazioni od essere specificamente autorizzate dal Tutor negli altri casi.
L’assistenza sanitaria domiciliare con personale medico militare non potrà essere assicurata,
mentre potrà essere svolta ogni azione tesa ad agevolare la risoluzione dei problemi connessi
all’effettuazione di visite specialiste o al ricovero presso Ospedali militari.
Gli Ufficiali di qualunque F.A. dovranno affluire al Corso con le visite mediche periodiche
previste per la propria F.A./Corpo/ruolo/specialità già effettuate.
I frequentatori provenienti da località diversa da Roma potranno usufruire della scelta
temporanea di assistenza medica, presentando all’ASL competente sul territorio nel quale è
sito l’alloggio idonea autocertificazione dalla quale risulti la durata e la località nella quale si
svolge l’attività lavorativa.
Gli Ufficiali esteri che intendessero servirsi di assistenza sanitaria civile dovranno fare riferimento alle
indicazioni specifiche per il Paese di appartenenza previste in materia dalla normativa italiana. Informazioni
dettagliate al riguardo potranno essere richieste alla “Segreteria frequentatori esteri”.
2. PROVE PERIODICHE DELL’EFFICIENZA OPERATIVA
La struttura di supporto del CASD e l’Istituto, di massima, non organizzano le prove di
efficienza operativa per i propri frequentatori che le devono sostenere annualmente secondo le
direttive impartite da ciascuna Forza Armata.
3. SERVIZIO TELEFONICO
Un utente esterno potrà chiamare con linea TELECOM un qualsiasi numero interno del
CASD anteponendovi il numero 06-4691(+ le ultime 4 cifre del numero interno).
I frequentatori dovranno farsi passare le chiamate esclusivamente presso l’apparecchio
telefonico installato nell’aula riservata al proprio gruppo di lavoro, evitando di interessare la
Segreteria Corsi, tranne nei casi di assoluta necessità o gravità.
26
4. BIBLIOTECA
La biblioteca del Centro Alti Studi per la Difesa, ubicata nell’atrio dell’ingresso principale di
Palazzo Salviati, è stata costituita nel 1949 per rispondere alle esigenze di documentazione e
informazione dei frequentatori del Centro, degli studiosi e dei ricercatori.
Il materiale in dotazione rispecchia gli interessi dei piani di studio, in particolare:
 Politica militare;
 Politica e Sicurezza internazionale;
 Studi strategici;
 Storia militare;
 Attività di peace-keeping;
 Controllo degli armamenti;
 Relazioni internazionali;
 Diritto internazionale umanitario.
Il catalogo della biblioteca, che può essere consultato sulla rete intranet del CASD
(http://10.26.16.201/) e on line (http://catalogo.casd.difesa.it), comprende:
 circa 20.000 monografie;
 lo spoglio di periodici italiani e stranieri;
 gli atti di seminari, convegni e tavole rotonde;
 l’archivio completo dei lavori dei frequentatori degli Istituti IASD e ISSMI (su supporto
magnetico);
 l’elenco delle pubblicazioni del Centro Militare di Studi Strategici.
In particolare, sono disponibili gli accessi alle seguenti riviste specializzate on line:
 Jane’s;
 Economist Intelligence Unit.
La biblioteca è aperta secondo i seguenti orari: lunedì-giovedì dalle 0830 alle 1630; il venerdì
dalle ore 0830 alle 1200.
Le pubblicazioni possono essere consultate in loco o chieste in prestito per non più di 30
giorni e per un massimo di 3 volumi alla volta.
L’indirizzo e-mail è il seguente: [email protected]
La guida ai servizi della biblioteca ed altri materiali sono inoltre resi disponibili anche sulla
LAN per i frequentatori (BIBLIODOC).
27
5. TRASPORTI
Le norme in materia di utilizzazione delle autovetture di servizio e la loro scarsa disponibilità
non consentono normalmente di provvedere al trasporto con tali mezzi per i frequentatori,
ancorché si tratti di motivi di servizio.
In casi del tutto eccezionali potranno essere prese in esame richieste di trasporto da parte del
Comando Supporti Generali previa autorizzazione del Direttore o del Vice Direttore.
Per informazioni sui mezzi di trasporto urbano può essere consultato il sito web
www.atac.roma.it
6. PARCHEGGIO INTERNO AUTOVETTURE
La carenza di spazio all’interno del comprensorio non permette di consentire il parcheggio di
autovetture private dei frequentatori. Normalmente i permessi di parcheggio giornaliero sono
limitati ad uno per G. di L.; esigenze eccezionali e limitate nel tempo saranno di volta in volta
esaminate ed eventualmente autorizzate dal Comando Supporti Generali tramite la Segreteria
Corsi.
È possibile accedere al comprensorio con un motociclo, previa richiesta e relativa
autorizzazione.
7. SERVIZIO POSTALE ORDINARIO ED ELETTRONICO
La posta personale in arrivo viene ritirata dal personale della Segreteria Corsi con cadenza
giornaliera. Il Segretario del G. di L. provvederà alla successiva distribuzione.
E’ altresì attivo il servizio di posta elettronica dell’Istituto e della Segreteria Corsi.
L’indirizzo postale dell’Istituto è il seguente:
Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze
Palazzo Salviati
Piazza della Rovere, 83
00165 ROMA
Per quanto riguarda la posta elettronica, l’indirizzo dell’Istituto è: [email protected],
quello della Segreteria Corsi è: [email protected] .
Il CASD inoltre dispone di una propria pagina WEB all’indirizzo http://www.casd.difesa.it.
Ciascun frequentatore in possesso di proprio indirizzo elettronico potrà consultare la propria
corrispondenza avvalendosi del supporto informatico abilitato internet presso la propria aula
di gruppo di lavoro.
In ogni caso, per ciascun gruppo di lavoro è attivata una specifica casella di posta elettronica
disponibile corso durante.
28
8. SERVIZIO MENSA
a. Mensa Unificata
Presso il Palazzo Salviati è disponibile una mensa unificata di servizio (organizzata sul tipo
tavola calda self-service). L'orario di accesso alla mensa è il seguente:
 dal lunedì al giovedì: 1300-1400;
 venerdì: fino alle 1300.
A questa mensa accederanno, per la consumazione del solo pasto meridiano:
 i frequentatori italiani che non usufruiscono di indennità di missione giornaliera (a titolo
gratuito);
 i frequentatori italiani “aggregati”, in missione giornaliera ed in missione oraria.
 Ufficiali frequentatori esteri:
 a titolo gratuito, se ammessi al corso in forma gratuita;
 a pagamento, se ammessi al corso in forma parzialmente gratuita o a pagamento (il
corrispettivo per i pasti consumati dovrà essere versato da parte dell'interessato con
frequenza mensile presso l'Ufficio cassa del Servizio Amministrativo del CASD).
Il venerdì, i frequentatori italiani aventi diritto possono usufruire del pasto a titolo gratuito
solo se svolgono attività lavorativa straordinaria, preventivamente autorizzata, almeno fino
alle 15.30. Restano invece immutate le condizioni di accesso alla mensa per gli Ufficiali
frequentatori esteri.
Il personale che intende utilizzare la suddetta mensa a pagamento è tenuto a segnalarsi,
entro le 08.30, sull’apposito statino disponibile nell'aula riservata a ciascun gruppo di lavoro.
I Segretari dei G. di L. provvederanno a consegnare i suddetti statini alla Segreteria entro le
09.00.
b. Ristorante della Sala Convegno Sottufficiali dell’Esercito (presso il comprensorio
“Lungara”)
Nel comprensorio è altresì ubicata la Sala Convegno Sottufficiali dell’Esercito, presso il cui
ristorante è possibile mangiare pasti a pagamento, previa prenotazione entro le 08.30.
9. SERVIZIO BAR
I frequentatori potranno usufruire dei seguenti bar secondo gli orari di apertura di seguito
riportati:
 “Bar del CASD”, ubicato a piano terra sotto al porticato dell’edificio (lunedì-giovedì:
07.00-15.30; venerdì: 07.00-14.30);
29
 “Bar Sala Convegno Sottufficiali dell’Esercito” (lunedì-venerdì: 07.00-11.00; 12.00-15.00; 19.0023.00).
Sono inoltre disponibili alcuni distributori automatici di caffè/snack/bevande.
10. SALA LETTURA “SANTORO”
Nella sala di lettura dell'Istituto (ubicata al 2° piano) saranno di massima disponibili quotidiani
italiani e internazionali e le principali riviste militari.
11. ALLOGGI
I frequentatori esteri, ammessi alla frequenza a titolo gratuito, possono utilizzare,
rispettivamente e in alternativa, le seguenti sistemazioni alloggiative:
 strutture alberghiere/residence convenzionate con il Servizio Amministrativo del CASD;
 alloggio privato fino ad un importo massimo di euro 775,00 mensili.
30
PARTE VI
LINEAMENTI GENERALI DEL PROGRAMMA DIDATTICO
1. ELEMENTI CARATTERIZZANTI IL CORSO
a. Caratteristiche dei frequentatori
La selezione dei partecipanti è discendente da valutazioni delle Forze Armate, sulla base
delle direttive interforze. In relazione al diverso livello della preparazione propedeutica,
rimane comunque opportuno effettuare un seppur minimo periodo di amalgama iniziale,
nel quale possano essere forniti gli insegnamenti atti a consentire al frequentatore di
affrontare lo studio delle discipline ISSMI con adeguati strumenti di base; ciò sia per
favorire l’ottimizzazione dei programmi didattici, sia per consentire un adeguato
bilanciamento qualitativo dei gruppi di lavoro affinché possano rappresentare un efficace
strumento di applicazione quotidiana della didattica.
Allo scopo è stata prevista l’esecuzione di un blocco introduttivo di 3 settimane di attività
iniziale, che comprende nella prima settimana una fase di Forza Armata, nella seconda una
fase introduttiva dell’Osservatorio ISSMI e del Servizio di Stato Maggiore ed infine, nella
terza, un modulo metodologico per tutti i frequentatori.
b. Numero
Le esigenze delle Forze Armate comportano l’ammissione alla frequenza del Corso di circa
200 unità, tra Ufficiali nazionali, Ufficiali esteri, Dipendenti civili dell’A.D. e frequentatori
civili del Master associato al corso.
Riveste fondamentale importanza il rispetto del rapporto di 1 a 10 tra Tutor e frequentatori
militari nazionali, come indicato nelle Tabelle Organiche del CASD, allo scopo di non
limitare l’efficacia della gestione dei gruppi.
c. Tempi
Il contenitore temporale complessivo (40 settimane) è concepito come contenitore
didattico effettivo, al netto cioè di festività natalizie, d’inizio anno e pasquali.
Per l’attività settimanale è stato adottato un orario che prevede 20 periodi di didattica
frontale/esercitazioni/verifiche nell’arco mattinale, 12 periodi di lavoro di gruppo e di
apprendimento in sede nell’arco pomeridiano e (convenzionalmente) 16 periodi di
apprendimento individuale libero al di fuori dell’orario lavorativo (Allegato E).
d. Studio individuale
Lo studio individuale sarà più intenso nella fase iniziale del corso dedicata alle materie di
natura prettamente conoscitiva, per lasciare spazio alle attività prevalentemente applicative
31
nella fase successiva. In conseguenza di ciò, i materiali didattici forniti per lo studio di
ciascuna disciplina e le registrazioni dell’attività didattica effettuata in sede è resa disponibile
sulla piattaforma ISSMI accessibile tramite internet. I titolari di disciplina provvederanno a
fornire all’Istituto tutto il materiale di studio, ritenuto necessario, prima dell’inizio
dell’attività didattica.
e. Dimensione internazionale
È una dimensione che viene valorizzata con adeguato ricorso a docenza internazionale e
finalizzando i viaggi, le visite e le esercitazioni. Essenziale in questa logica è la conoscenza
della lingua inglese sia per i frequentatori italiani che per quelli esteri.
Nel contesto del Corso Superiore di Stato Maggiore Interforze assume particolare valenza
la partecipazione di Ufficiali esteri provenienti da nazioni alleate e amiche. La loro presenza
sarà preziosa sia nella formazione professionale sia nello scambio culturale.
Il ciclo di presentazioni svolte dai frequentatori esteri è organizzata come un forum
specializzato nell’ambito del corso, attraverso l’esame degli ordinamenti e delle strategie
militari di ciascun paese rappresentato e con l’eventuale partecipazione di specialisti italiani
e stranieri. Come tale il Forum viene riconosciuto anche come attività formativa avente
valore per il master.
Risalto formale viene conferito anche alla celebrazione delle feste nazionali dei Paesi
rappresentati presso l’ISSMI; a tali attività vengono dedicati circa 15 minuti, di massima in
apertura di giornata.
f. Collocazione fisica
Con la disponibilità dell’Auditorium ANDREATTA le condizioni di attività in sessione
plenaria (il ricorso alla tensostruttura come riserva dell’aula di corso è comunque da
prevedere) raggiungono lo standard minimo richiesto per una buona comunicazione. La
disponibilità complessiva di aule e la loro capacità è la seguente:
 aula ANDREATTA (280 posti);
 aula Multimediale (150 posti);
 tensostruttura (300/400 posti);
 sala “Montezemolo” (120 posti);
 sala “Baracca” (75 posti);
 sala “Pittoni” (53 posti);
 sala “Capone” (68 posti);
 sala “Leonardo” (42).
32
g. Crediti
In base alla convenzione stipulata con l’Università per il riconoscimento degli studi ai fini
del rilascio del Diploma del Master di primo livello in “Studi Internazionali Strategico
Militari” a favore dei frequentatori del corso ISSMI, a ciascuna disciplina del Master
vengono riconosciuti i crediti formativi previsti dalla citata convenzione per un totale di 60
CFU.
h. Valutazione
La valutazione riguarda i seguenti aspetti fondamentali:
 la valutazione dei singoli frequentatori (validazione dei risultati formativi, individuali),
basata sui risultati delle verifiche e dei lavori individuali/di gruppo, nonchè
sull’osservazione dello sviluppo di capacità e dei comportamenti;
 la valutazione dell’efficacia dell’attività didattica (validazione del programma e della
docenza), basata sull’osservazione diretta da parte dei Vice Direttori, dei Tutors e del
personale del Dipartimento didattico, nonché della valorizzazione delle osservazioni
dirette dei frequentatori;
 la valutazione dell’efficacia del Corso nel suo insieme (validazione degli obiettivi
formativi e dei job requirement), basata su appositi sondaggi effettuati dopo almeno un
anno di impiego del frequentatore nazionale nella destinazione di impiego successiva al
Corso.
Per quanto riguarda la valutazione dei singoli frequentatori, il processo di misurazione dei
risultati nelle materie d’insegnamento deve essere focalizzato sulle caratteristiche delle stesse
e sui rispettivi obiettivi didattici.
Tutti i frequentatori saranno quindi sottoposti ad accertamento con votazione in trentesimi
nelle discipline di studio indicate nei lineamenti programmatici del Corso approvati dal
Ca.SMD.
L’insufficienza nella verifica individuale comporta una sola ripetizione della prova
esclusivamente ai fini del conseguimento dell’idoneità al master.
i. Guida del processo di formazione
Viene adottato il metodo della “autovalutazione guidata”, che rappresenta un efficace
strumento di formazione messo a disposizione dei frequentatori nonché un utile contributo
alla formulazione dei giudizi stessi.
L’obiettivo è quello di offrire ai partecipanti un momento di riflessione e un counselling
individuale sulle caratteristiche personali, sulle capacità relazionali e sullo sviluppo di
capacità manageriali connesse al proprio ruolo, presente e futuro.
Il processo di autovalutazione guidata si estrinseca in:
33
 osservazione da parte del tutor del processo di sviluppo/acquisizione delle capacità
intellettive, relazionali, realizzative, organizzative e gestionali del frequentatore durante
le varie attività e degli aspetti comportamentali dello stesso (motivazione, impegno,
comportamento);
 autovalutazione da parte del frequentatore dei suddetti aspetti tramite compilazione di
una apposita scheda (Allegato F), sottoposta al confronto con le osservazioni del tutor
durante specifici colloqui periodici;
 parere del Vice Direttore, che effettua una verifica incrociata delle osservazioni del tutor
e delle valutazioni riportate in sede di autoanalisi;
 colloqui del Vice Direttore con il frequentatore, a seconda delle necessità, al duplice
scopo di guidarne il processo di formazione e di metterlo al corrente dei suoi risultati (e
di come vengono percepiti).
j. Organizzazione didattica e Corpo docente
Dati gli obiettivi formativi professionalizzanti, i contenuti disciplinari e i vincoli logistici ed
economici, il piano di studi è stato concepito in maniera lineare e coerente, operando sia sul
versante dell’analisi delle precedenti esperienze, sia su quello della organizzazione didattica
gestionale, sia ancora su quello della micro-progettazione delle attività. In particolare, si è
proceduto in primo luogo a definire le aree didattiche omogenee in termini di contenuti
didattici, all’interno delle quali sono state individuate i moduli delle materie di studio
(Allegato G) finalizzati al conseguimento degli obiettivi formativi previsti dalla direttiva
SMD-FORM-002.
L’ISSMI non dispone di un corpo docente interno, ad eccezione della disciplina
“Pianificazione Operativa” che viene svolta dalla Sezione Pianificazione Operativa ed
Esercitazioni del Dipartimento didattico; i rimanenti titolari di disciplina sono individuati e
incaricati volta per volta a cura della Direzione.
2. SVILUPPO DEL PROGRAMMA
Per consentire un armonico sviluppo del programma, in termini temporali e di contenuti
didattici, si prevede l’adozione del sistema per blocchi di attività:
 prima dell’inizio del corso e nella fase iniziale dello stesso sono previsti due blocchi di
attività propedeutiche, uno in autoistruzione (blocco pre-corso) e uno in sede (blocco
introduttivo), finalizzati ad omogeneizzare la preparazione di base;
34
 successivamente, ad ognuna delle 4 “aree didattiche” corrisponde un “blocco di attività”
da svolgere in un arco temporale ben definito e compatibile con la sommatoria delle ore
dedicate alle discipline comprese nelle singole aree.
Nel dettaglio, il piano di lavoro prevede:
 l’effettuazione di un blocco di lavoro pre-corso mediante la consultazione diretta, a cura
degli ammessi al Corso, del materiale in formato elettronico disponibile sulla Piattaforma
ISSMI internet per lo studio da svolgere in autoistruzione prima dell’inizio delle attività
(luglio – metà settembre;
 l’attivazione di un blocco introduttivo su tre settimane, avente lo scopo di:

facilitare l’inserimento dei frequentatori esteri, con l’introduzione alla lingua italiana
in forma conversazionale e l’illustrazione del “sistema Italia”;

omogeneizzare la preparazione di base dei frequentatori nazionali, utilizzando la
prima fase di Forza Armata per completare l’iter formativo previsto per la
partecipazione al Corso Superiore di Stato Maggiore Interforze;

informare adeguatamente i frequentatori sugli aspetti organizzativi e logistici,
nonché sulle finalità e sui contenuti del programma del corso;

sviluppare gli aspetti metodologici di leadership e problem solving necessari come
substrato a tutto il Corso con attività di team building;
 lo sviluppo dei moduli disciplinari, da svolgere in modo unitario e coerente (senza
intersezioni e sovrapposizioni) durante le 36 settimane successive.
La sequenza temporale dei moduli prevede la trattazione, dal livello politico-strategico al livello
operativo, dei seguenti macro temi:
 il contesto politico, socio-culturale, giuridico ed economico internazionale;
 il contesto dottrinale e strategico militare;
 la pianificazione operativa di operazioni multinazionali ed interforze;
 il management della P.A. ed il Procurement della Difesa,
che consentono nel loro armonico sviluppo di fornire ai frequentatori una comune base di
conoscenza ed accrescerne il livello culturale generale, preparandoli ad espletare le funzioni
connesse con gli incarichi di staff, prima, e le funzioni dirigenziali, dopo. Ciò allo scopo di
dedicare la fase iniziale del corso alle materie di natura prettamente conoscitiva e la fase
successiva a quelle prevalentemente professionali ed applicative.
Nell’ambito del corso saranno inoltre svolte Conferenze/Seminari Integrativi volti a far
acquisire ai frequentatori conoscenze più approfondite su argomenti emergenti quali l’Etica
militare e l’“Asimmetric Warfare” e, compatibilmente con il tempo disponibile, altre esigenze al
35
momento non prevedibili. Al riguardo è previsto anche lo svolgimento del Corso per Dirigenti
sulla prevenzione e protezione dei rischi e tutela della salute sui luoghi di lavoro.
Nell’ambito del Corso sono previste inoltre la redazione e la presentazione di tesi individuali,
di F.A., di gruppo i cui temi saranno rispettivamente assegnati dalla Direzione, dagli
SM/Comandi Generali di Forza Armata, dallo Stato Maggiore della Difesa.
3. ATTIVITA’ FORMATIVE FUORI SEDE
In relazione alle esigenze didattiche e formative già descritte, in ottemperanza a quanto
disposto dalla Direttiva di SMD ed in conformità con quanto già approvato in materia dallo
SMD stesso, le attività fuori sede sono programmate secondo i seguenti obiettivi e criteri:
 attività presso altre Forze Armate, per consentire una conoscenza generale degli aspetti più
significativi delle Forze Armate diverse da quella di appartenenza. L’attività ha durata
complessiva di 1 settimana e riguarda in prevalenza sedi di Comandi e/o unità operative;
-
viaggio di studio all’estero, compatibilmente con la disponibilità di risorse, persegue
prioritariamente obiettivi di conoscenza di realtà anche molto diverse da quella nazionale,
ma che sono significative per una visione ampia sia degli interessi nazionali, che di quelli
dell’Unione Europea, delle connesse problematiche della sicurezza e difesa, degli aspetti
politico-economici, della cooperazione industriale e tecnologica, della cultura e della
struttura sociale. Altro obiettivo è costituito dallo sviluppo culturale generale dei
frequentatori, che assume con la Direttiva un “peso specifico” non secondario alla
preparazione tecnico-professionale;
 attività congiunte con Istituti paritetici esteri, per incrementare le conoscenze tra Ufficiali
di SM dei principali Paesi alleati mediante lo svolgimento di un tema di esercitazione di
interesse comune e scambio di gruppi di frequentatori nelle rispettive sedi. Le attività
comprendono la Combined Joint European Exercise (con Francia, Germania, Regno Unito e
Spagna) e gli scambi bilaterali con Paesi d’interesse individuati nei programmi definiti dallo
SMD;
 eventuale attività presso Comandi NATO e multinazionali, per completare la preparazione
dei frequentatori in materia dottrinale e organizzativa NATO. L’attività, che riguarda
Comandi multinazionali “fuori area” in cui sono impegnati contingenti italiani e i principali
Comandi NATO, sarà effettuata possibilmente prima dello svolgimento delle esercitazioni
di CRO e CJEX per mettere i frequentatori nelle condizioni migliori per affrontare il
confronto con i colleghi degli Istituti omologhi europei.
36
4. PARTECIPAZIONE E IMPIEGO DEI FREQUENTATORI ESTERI NELLE
ATTIVITA’ DIDATTICHE
Gli Ufficiali esteri ammessi al Corso Superiore di Stato Maggiore Interforze seguiranno tutte le
attività formative previste e saranno sottoposti a valutazione del profitto secondo gli standard
previsti per gli Ufficiali italiani. L’eventuale conferimento del master avverrà alle condizioni
previste dalla “Convenzione” per i frequentatori nazionali. Gli Ufficiali esteri saranno
completamente integrati nei gruppi nazionali e saranno chiamati ad assolvere gli stessi compiti
degli Ufficiali italiani.
E’ auspicabile che essi posseggano all’inizio del Corso conoscenze adeguate sulla situazione
italiana al pari della conoscenza della lingua italiana e inglese.
5. RICONOSCIMENTI
Il complesso delle attività didattico-formative svolte presso l’Istituto si concretizza nel
conferimento del:

“titolo ISSMI”: ai frequentatori militari, nazionali ed esteri e ai dipendenti civili dell’A.D.
che avranno superato il Corso Superiore di Stato Maggiore Interforze verrà rilasciato il
diploma di conferimento e relativo distintivo nell’ambito della cerimonia di chiusura
dell’Anno Accademico;

master in “Studi internazionali strategico-militari”: ai frequentatori iscritti al master,
militari e civili, che avranno superato le prove previste verrà rilasciato il relativo diploma
nell’ambito della suddetta cerimonia.
37
CONCLUSIONI
La frequenza del Corso Superiore di Stato Maggiore rappresenta un momento unico e importante
nella vita professionale di un Ufficiale. Le Forze Armate, nel designare parte dei propri Ufficiali
alla frequenza del Corso, hanno selezionato, per le qualità da ciascuno finora espresse, la rosa di
coloro che, entrando a far parte di una ristretta “elite” culturale e professionale, saranno destinati
a ricoprire gli incarichi di maggior rilievo.
Al corso sono ammessi a partecipare i funzionari dell’A.D. individuati dallo SMD che
contribuiscono con la loro presenza a incrementare al carattere interforze e interagency del
percorso formativo sviluppato presso l’Istituto, operando un arricchimento a quel processo di
osmosi di esperienze, conoscenze e abilità tra diversi soggetti che è alla base del successo
dell’attività e obiettivo principale del corso ISSMI.
Durante il Corso i frequentatori avranno l’opportunità di lavorare e confrontarsi in un ambiente
interforze e internazionale, approfondendo la conoscenza delle realtà diverse da quelle della Forza
Armata di appartenenza e rafforzando il convincimento che la collaborazione e le sinergie
interforze ed internazionali costituiscono l’unica possibile risposta alle difficili sfide che lo
strumento militare deve fronteggiare.
Il programma didattico del Corso è impegnativo e articolato in attività pratiche e di aula tali da
consentire il conseguimento sia degli obiettivi di capacità che di conoscenza necessari per la futura
assunzione di responsabilità nella preparazione e nell’impiego dello strumento militare.
I frequentatori dovranno affrontare questo prestigioso ma molto oneroso impegno professionale
con grande energia, ponendosi l’obiettivo di esprimere al meglio le proprie capacità e ricordando
che, pur nella piena compenetrazione dello spirito interforze, agli occhi dei colleghi ciascun
Ufficiale/Funzionario rappresenta costantemente la Nazione e la Forza Armata di appartenenza.
Pertanto, unitamente agli obiettivi citati i frequentatori dovranno sempre considerare l’alta valenza
della consapevolezza del proprio ruolo.
In tal senso non sarà mai trascurata l’importanza conferita a un comportamento perfettamente
coerente con il proprio status, con specifica relazione tanto alle qualità formali che sostanziali che
connotano lo status di Ufficiale di staff e di Funzionario della P.A.
38
ALLEGATI
Allegato A
CARATTERISTICHE COMPARATIVE DI UN CORSO DI ALTA
FORMAZIONE PROFESSIONALE E UN MASTER UNIVERSITARIO
Fonte
Utenti
Obiettivi
Corso di alta formazione
professionale
Analisi dei ruoli o/e profili professionali
master
universitario
Identificazione di grandi aree di attività
applicativi
professionale
Personale già in servizio
Laureati da orientare a un campo applicativo
Acquisire e migliorare abilità
Acquisire abilità operative di base
Avanzamento carriera
Creazione opportunità di carriera
Specializzazione
Specializzazione
Allargamento visione (despecializzazione)
Percorso
Syllabus
(piano
di studi)
Materiali
didattici
Strutturato con master plan analitico
Aperto con enfasi su “tesi” applicative
Addestrativo sofisticato (per specializzati)
Basato su casi reali e capacità di ricerca
Problem solving metodologico (per
individuali
generalisti)
Non addestrativi
Consolidato sulle materie, i moduli e le unità Consolidato solo a livello di materie
didattiche (esercitabile da docenti diversi e
Legato alle prestazioni di docenti specifici e a
non modificabile)
scelte in tempo reale
Lezioni teoriche limitate
Lezioni teoriche
Prevalenza dell’esperienza diretta
Casistica applicativa e talvolta esperienze di
Autoistruzione molto contenuta, e in forma stage
di comunicazione professionale intergruppo Autoistruzione come complemento delle
lezioni teoriche
Valutazione
Esercitazioni
Sui moduli, sul percorso complessivo e su
Sulle singole materie e sulla tesi finale
tutte le componenti di esperienza
Su temi e casi “critici” essenziali alla
Casistica dottrinale spesso legata all’esperienza
professione
del singolo docente
Contatti e visite come applicazione
professionale valutabile
A-1
Allegato B
OBIETTIVI GENERALI DI FORMAZIONE DEL CORSO SUPERIORE DI STATO
MAGGIORE INTERFORZE (ISSMI)
STAFF
DIREZIONE
COMANDO
produzione di pensiero, attività di pianificazione e
controllo, gestione dei gruppi
gestione esecutiva delle
risorse e conseguimento
dei risultati
decisione, mobilitazione
delle risorse umanetecniche-finanziarie per
l’assolvimento di una
missione.
Oltre a quelle di
staff:
Oltre a quelle di
direzione e staff:
principali norme sulle
attività di direzione nella
P.A.;
principali
norme
giuridiche in materia di
esercizio del comando;
saper
applicare
alle
organizzazioni militari le
tecniche di valutazione e
gestione delle risorse, di
cambiamento
organizzativo, di controllo
di
gestione,
di
analisi/valutazione di rischi
e priorità, dei risultati;
sviluppare le capacità di
leadership, connesse con
l’esercizio del comando;
funzioni
tipo di
obiettivi


CONOSCENZA

(concetti di
riferimento)





CAPACITÀ
(funzioni e
metodologie)


ABILITÀ (azioni
efficaci)
e
ATTITUDINI
(potenzialità)



realtà internazionale ed interna sotto il profilo
politico, sociale, culturale, economico e
strategico-militare;
organizzazioni internazionali per la sicurezza (in
particolare ONU, OSCE, NATO e UE);
modo di operare negli S.M. internazionali in cui
è presente una Rappresentanza italiana;
dottrine nazionali e internazionali per la
pianificazione e l’impiego delle forze;
principali norme sull’organizzazione delle F.A.,
regolamenti e procedure ammninistra-tive e del
personale;
ampliamento cultura generale;
saper impiegare le principali tecniche di
gestione dei gruppi, di comunicazione interna
ed esterna, di negoziazione, di motivazione;
saper impiegare le tecniche di soluzione dei
problemi e di ausilio alla decisione, compreso il
metodo per la soluzione dei problemi militari;
saper impiegare le metodologie di concezione e
pianificazione
strategica
(impiego
e
organizzazione delle forze, finanziaria, del
personale, ecc.)
comprendere e trattare le problematiche di tipo
giuridico
(costituzionale,
amministrativo,
internazionale), avvalendosi degli indispensabili
contributi degli esperti di settore;
predisporre regolamenti e direttive di ampio
respiro, multidisciplinari, coerenti al loro
interno e con il contesto normativo in cui si
inseriscono;
sostenere efficacemente le proprie idee a
qualsiasi livello e in qualsiaisi contesto,
gestendo anche situazioni di dissenso e
conflittualità;
svolgere correntemente il proprio lavoro di
S.M. anche nella principale lingua ufficiale
NATO.
B-1
tradurre
gli
obiettivi
politico-strategici nazionali,
le strategie a medio-lungo
termine del Vertice militare
in obiettivi di livello più
specifico, verificandone la
coerenza
al
quadro
generale.
--(obiettivo non valutabile,
ma
conseguibile
indirettamente
mediante
l’acquisizione di un insieme
armonico di conoscenze,
capacità e comportamenti
nell’ambito di tutte le
attività didattico-formative
del Corso).
DIRETTORE
CORPO DOCENTE
CONSIGLIO D’ISTITUTO
DIPARTIMENTO DI
DIRITTO UMANITARIO
E DELLE OPERAZIONI
MILITARI
DIREZIONE
SEZIONE
STUDI
CORSO PER CONSIGLIERE GIURIDICO
SEGRETERIA
SEZIONE
ORGANIZZAZIONE
CORSI
CORSI
DIPARTIMENTO
DIDATTICO
C-1
FREQUENTATORI
ESTERI
CORSO SUPERIORE DI SM
INTERFORZE
VICE
DIRETTORE
AR A
VICE
DIRETTORE
S RC TO
TUTOR
1^ SEZIONE
TUTOR
GRUPPO DI
LAVORO
INTERFORZE
2^ SEZIONE
SEZIONE
SEZIONE
PIANIFICAZIO
PIANIFICAZIONE
NE OPERATIVA
OPERATIVA
ED
ESERCITAZIONI
ED
ESERCITAZION
VICE
DIRETTORE
TUTOR
GRUPPO DI
LAVORO
INTERFORZE
3^ SEZIONE
VICE
DIRETTORE
TUTOR
GRUPPO DI
LAVORO
INTERFORZE
4^ SEZIONE
Allegato C
GRUPPO DI
LAVORO
INTERFORZE
SEZIONE
VALUTAZIONE
E SUPPORTI
DIDATTICI
STRUTTURA ORGANIZZATIVA
QUADRO
PERMANENTE
E ARCHIVIO
SEZIONE
CORSI
segue Allegato C
COMPITI DELLE ARTICOLAZIONI
DELL’ISTITUTO SUPERIORE DI STATO MAGGIORE INTERFORZE
1. DIRETTORE
L'incarico di Direttore dell'Istituto superiore di Stato maggiore interforze è affidato dal
Capo di Stato Maggiore della Difesa ad un Ufficiale con il grado di Generale di Divisione o
grado corrispondente.
Il Direttore:
 esercita la funzione di Comandante di Corpo nei confronti del personale militare in
servizio presso l'ISSMI e degli Ufficiali che frequentano i corsi;
 dirige le attività didattiche e organizzative dell'istituto;
 definisce i criteri per la valutazione del profitto degli Ufficiali che frequentano il Corso
superiore di Stato maggiore interforze, da sottoporre all'approvazione del Capo di Stato
Maggiore della Difesa;
 cura, nel quadro delle direttive generali emanate dal Capo di Stato Maggiore della
Difesa, i rapporti con i paritetici Istituti esteri e con gli Istituti di formazione interforze
e delle singole Forze Armate necessari al coordinamento ed allo sviluppo delle attività
didattiche.
2. VICE DIRETTORI
Gli incarichi di Vice Direttore, ripartiti tra le singole Forze Armate, sono affidati ad
Ufficiali nel grado di Generale di Brigata o grado corrispondente.
I Vice Direttori:
 esercitano il controllo sulle attività didattiche ed organizzative e sul comportamento
disciplinare delle rispettive sezioni;
 svolgono la funzione di coordinatore d'area per le attività didattiche specifiche della
Forza Armata di appartenenza inserite nei programmi di formazione;
 propongono al Consiglio di Istituto il programma delle attività specifiche della Forza
Armata di appartenenza, sviluppato d'intesa con il rispettivo Stato Maggiore, da inserire
nel programma del Corso Superiore di Stato Maggiore Interforze ;
 indirizzano e coordinano i Tutor, assegnati alle rispettive sezioni.
3. CONSIGLIO D’ISTITUTO
Il Consiglio d’Istituto, composto dal Direttore dell’ISSMI che lo presiede e dai Vice
Direttori, ha il compito di:
 predisporre il programma del Corso Superiore di Stato Maggiore Interforze;
 valutare l’attività didattica ed elaborare il piano di potenziamento dei supporti didattici
da sottoporre all’approvazione del Capo di Stato Maggiore della Difesa;
 valutare il profitto conseguito dagli Ufficiali al termine del Corso Superiore di Stato
Maggiore Interforze , formando la relativa graduatoria;
 deliberare sugli argomenti che il Direttore ritiene opportuno sottoporre.
C-2
segue Allegato C
4. TUTOR
Alle Sezioni di frequentatori, sono assegnati Ufficiali Superiori in qualità di Tutor, con il
compito di curare le attività dei gruppi di lavoro ai quali sono preposti, favorendo
l'apprendimento individuale e collettivo, e di fungere da assistenti nelle materie
professionali indicate dal Direttore.
L'incarico è affidato dagli Stati Maggiori di Forza Armata o dal Comando Generale
dell'Arma dei Carabinieri, ovvero del Corpo della Guardia di Finanza, ad Ufficiali scelti in
una rosa di candidati proposta dal Direttore e composta da frequentatori di precedenti
Corsi ISSMI con riconosciuta attitudine all'incarico.
5. DIPARTIMENTO DIDATTICO
E’ responsabile di progettazione, svolgimento, coordinamento e controllo delle attività
didattiche, nonché di fornire al Corpo docenti gli elementi organizzativi, metodologici e
tecnici necessari per il conseguimento dei risultati previsti.
L’incarico di Capo Dipartimento didattico è affidato ad un Ufficiale con il grado di
Colonnello in servizio di Stato Maggiore o equivalente. Dal Capo Dipartimento didattico
dipendono la Sezione organizzazione corsi e la Sezione valutazione e supporti didattici.
Il Capo Dipartimento didattico:
 propone l’aggiornamento alle norme e direttive in materia di Corso Superiore di Stato
Maggiore Interforze;
 definisce l’organizzazione formativa e didattica, progetti di formazione continua e
nuove metodologie;
 valuta complessivamente la didattica e individua/propone azioni di miglioramento di
programmi e risorse;
 propone l’aggiornamento del sistema e dei criteri di valutazione dell’attività didattica;
 raccoglie gli elaborati individuali e di gruppo e custodisce ed elabora i risultati delle
valutazioni individuali di profitto dei frequentatori (a supporto dell’attività valutativa dei
Vice Direttori);
 imposta i lineamenti dei corsi e il promemoria di presentazione, propone i Coordinatori
d’area e i Titolari di disciplina;
 è Segretario del Consiglio d’Istituto e del Comitato Esecutivo Master.
La Sezione organizzazione corsi:
 definisce gli obiettivi didattici, imposta le discipline e le attività applicative connesse;
 studia la metodologia didattica per l’applicazione nel Corso Superiore di Stato Maggiore
Interforze;
 elabora il programma del Corso, comprensivo di viaggi, attività bi-multilaterali, ecc.;
 individua le esigenze dei supporti didattici (compreso il potenziamento
informatico);
 imposta e coordina l’attività per la selezione e la formazione dei Tutor;
 pianifica e programma le esigenze finanziarie;
 costituisce il punto di contatto con i Coordinatori d’area, Titolari di disciplina e
Conferenzieri;
 elabora e diffonde i programmi mensili e settimanali, compreso l’impiego delle aule e
degli ausili didattici (in coordinamento con Sezione cerimoniale del Centro Alti Studi
per la Difesa);
C-3
segue Allegato C
 controlla l’attività giornaliera;
 gestisce le pratiche di pagamento a Coordinatori d’area, Titolari di disciplina,
Conferenzieri;
 aggiorna la situazione degli impegni di spesa per le attività didattiche.
La Sezione valutazione e supporti didattici
 acquisisce, distribuisce, aggiorna e conserva i dossier, testi, cartografia, audiovisivi, ecc.
sia su carta che su supporto informatico (intranet e internet);
 verifica la funzionalità delle aule didattiche e delle aulette dei G. di L. (in contatto con la
Sezione cerimoniale del CASD per quanto di competenza);
 predispone e distribuisce la Guida del Frequentatore;
 predispone il briefing sull’Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze in Italiano,
inglese e francese;
 propone i piani di potenziamento relativi ai sistemi informatici e di simulazione,
acquisizione di Hardware e Software;
 raccoglie ed elabora le schede di valutazione dell’attività didattica;
 organizza e gestisce l’attività di feed-back della formazione;
 predispone i diplomi di fine corso (in coordinamento con Segreteria Corsi);
 predispone la relazione di fine anno accademico.
La Sezione Pianificazione Operativa:
 sviluppa e aggiorna il programma didattico della disciplina al fine di armonizzare i
contenuti con i più recenti sviluppi dottrinali nazionali ed internazionali;
 programma, gestisce e dirige tutte le attività pratiche ed esercitative, comprese le
esercitazioni di Pubblica Informazione e le creazioni e revisione degli scenari;
 concepisce, redige e prepara i materiali didattici, curando l’effettuazione delle lezioni e
la presentazione di case studies finalizzati all’apprendimento dei concetti legati alla
disciplina;
 partecipa alle riunioni di coordinamento nazionali ed internazionali relative alle
esercitazioni previste dal programma didattico.
6. DIPARTIMENTO DI DIRITTO UMANITARIO E DELLE OPERAZIONI
MILITARI
Sulla base delle direttive dello Stato Maggiore Difesa, ha il compito di organizzare e curare:
 lo svolgimento di corsi di formazione, avvalendosi soprattutto di qualificato personale –
militare o civile – esterno al Dipartimento;
 l’effettuazione di seminari, convegni e conferenze finalizzati all’approfondimento e
diffusione di particolari tematiche;
 la formazione continua del personale militare già qualificato nello specifico settore;
 lo svolgimento di studi e la promozione di attività congiunte con Istituti omologhi
nazionali ed internazionali dei Paesi aderenti all’Euro-Atlantic Partnership Council
(EAPC).
L’incarico di Capo Dipartimento è affidato ad un Ufficiale con il grado di Colonnello o
equivalente.
C-4
segue Allegato C
7. SEGRETERIA
Ha il compito di seguire le attività amministrative del Quadro Permanente e dei
frequentatori. E’ inoltre responsabile di assicurare all’Istituto il supporto, tecnico e
logistico, necessario per l’attività formativa e curare tutte le pratiche relative al personale in
aderenza alle normative in vigore.
L’incarico di Capo Segreteria è affidato ad un Ufficiale con il grado di Maggiore o Tenente
Colonnello. Dal Capo Segreteria dipendono i seguenti elementi di organizzazione:
 segreteria Direzione;
 segreteria Quadro Permanente ed Archivio;
 segreteria Corsi;
 segreteria frequentatori esteri.
C–5
Allegato D
PIANO TERRA
Aula Magna
Tenso
struttura
Sala
Galileo
Ingresso frequentatori ISSMI
(Spogliatoi al piano ammezzato)
Sala Convegno
della Lungara
Piazzale d’onore
Biblioteca
Passo carraio
D-1
Dipartimento
Diritto Umanitario
Addetto
PRIMO PIANO
ISSMI
SCALE
Stanza 152
Dipartimento
Diritto Umanitario
Capo Dipartimento
Dip. Didattico
Uf. Ad.
Sez. Valutazione e
Supporti Didattici
Stanza 153
Ca Sz.Org.Corsi
Stanza 162c
Stanza 154
Dip. DIU
ALLE SALE:
MONTEZEMOLO
BERGAMINI
E
BARACCA
Dip. Didattico
Capo
Dipartimento
Didattico
Stanza 157
Stanza 155
Vice
Dip. Didattico
Direttore
Sez. Valutazione
Capo 1
e Spt. Didattici
Sez.
Stanza 158
Vice
Direttore
C.C.
Capo 4^
Sez.
Stanza 162 b
Vice Direttore
Marina
Capo 2^ Sez.
Stanza 161
Stanza 162a
Segreteria
Corsi
Stanza 159a
Rip.
2^ Sezione
TUTOR
5°/6° GDL
D-2
2^ Sezione
GDL 5°
Stanza 91
Stanza 92/93
1^ Sezione
GDL 1°
Stanza 89/90
1^ Sezione
TUTOR
3°/4° GDL
Stanza 88
Vice Direttore
Aeronautica
Capo 3^ Sez.
Fotocopiatrice
e Fax
Segreteria
Stanza 156
Stanza 162
Segr.Freq.
Esteri
1^ Sezione
GDL 2°
Capo Segr. Segr.
Direzione
Stanza 85 Rip.
Stanza 86/87
Stanza 159
Stanza 160a
DIRETTORE
Stanza 163
Sala Riunioni
Stanza 164
Segr.
Archivio
Quadro
WC Permanente ISSMI
WC
Donne. Direz.
Stanza 167 Stanza 167a
TEL.
SALA
SALVIATI
Buvette
TEL.
2^ Sezione
GDL 6°
1^ Sezione
GDL 3°
Stanza 79/80
Stanza 81/82
1^ Sezione
TUTOR
1°/2° GDL
Stanza 83
W.C.
Sezione
Pianif.
Operativa
ed
Esercit
Atrio
Disimpegno
Stanza 97
1^ Sezione
GDL 4°
Stanza 100/101
Dip. Didattico
Sez. Organizzazione Dip.Didattico
Corsi
Archivio
W.C.
Tutor Coord.
1^ Sezione
2^ Sezione
3^ Sezione
4^ Sezione
Scale Frequentatori
ISSMI
(Spogliatoi
al Piano
Ammezzato)
Stanza 102
W.C.
Dip. Didattico
Capo Sez.
Org.Corsi
Dip. Didattico
Uf.Ad.
Sez. Org.Corsi
Nucleo
Rapporti
Univ. Conv.
Dip.Didattico
Archivio
W.C.
segue Allegato D
LEGENDA
SECONDO PIANO
ISSMI
4^ Sezione
GDL 15°
Stanza 283
SCALE
Stanza 255
4^ Sezione
TUTOR
14°/15° GDL
Stanza 284
Stanza 256
4^ Sezione
GDL 14°
Stanza 257
Stanza 285/286
Stanza 258
D-3
4^ Sezione
GDL 13°
Stanza 287/288
Stato Maggiore
Stanza 259
Laboratorio
Fotografico
4^ Sezione
TUTOR
13°/14° GDL
Stanza 260
RIP.
Stanza 289
WC
3^ Sezione
GDL 8°
Stanza 265
Stanza 267/269
SALA
LETTURA
3^ Sezione
GDL 9°
3^ Sezione
TUTOR
8°/9° GDL
4^ Sezione
GDL 12°
Stanza 271/273
Stanza 275
Stanza 277/279
RIP.
TEL.
TUTOR
7°GDL
2^ Sezione
GDL 7°
Stanza 268/270
Stanza 264
Stanza 266
3^ Sezione
GDL 10°
Stanza 272/274
Stanza 276
ATRIO
INGRESSO
3^ Sezione
GDL 11°
LEGENDA
Stanza 278/280
SCALE
Al primo piano
Uffici Direzione e
Quadro Permanente
GDL e TUTOR
al
Piano ammezzato
spogliatoi
1^ Sezione
2^ Sezione
4^ Sezione
segue Allegato D
CEMISS
3^ Sezione
TUTOR
10°/11° GDL
Stanza 290
PIANO
AMMEZZATO
205
204
WC
203
spogliatoio
202
spogliatoio
201
spogliatoio
200
spogliatoio
199
spogliatoio
198
spogliatoio
197
spogliatoio
194
spogliatoio
D- 4
Scale
Frequentatori
ISSMI
Allegato E
SCHEMA DELLE ATTIVITÀ SETTIMANALI
ORARI
GIORNO
1°
periodo
800850
2°
periodo
900950
3°
periodo
10001050
4°
periodo
11101200
5°
periodo
12101300
6°
periodo
14001450
7°
periodo
1450
1540
8°
periodo
15401630
(*)
Lunedì
(*)
Martedì
Mercoledì
Giovedì
Venerdì
DIDATTICA
FRONTALE,
ESERCITAZIONI E
VERIFICHE
(*)
LAVORO DI
GRUPPO
E
APPRENDIMENTO
IN SEDE
(*)
8,00 –
8.50
9,00 –
9.50
10.10 –
11.00
11,10 –
12,00
20 h Didattica frontale, esercitazioni e verifiche;
12 h Lavoro di gruppo e apprendimento in sede;
+ 4h periodi a disposizione della Direzione e dei Tutor per attività integrative/complementari (*).
E-1
Allegato F
Sistema di autovalutazione guidata
SCHEDA PER AUTOVALUTAZIONE GUIDATA
DEI FREQUENTATORI DEL CORSO ISSMI
Frequentatore:................................................................
Corso: ..............…
Sezione: …………….........
Periodo di riferimento: ..................................................
Tutor: ........................................
Gruppo: .....................
Scheda n°……….:…
ASPETTI COMPORTAMENTALI
Motivazione all’apprendimento
0
1
2
3
4
5
0
1
2
3
4
5
0
1
2
3
4
5
Motivazione agli approfondimenti di F.A./Organizzazione di
appartenenza
Orientamento interforze
AREA DELLE MOTIVAZIONI
Determinazione nelle attività
Disciplina intellettuale
Spirito di servizio
Percezione dell’etica professionale
Coscienza del ruolo
0
1
2
3
4
5
0
1
2
3
4
5
0
1
2
3
4
5
0
1
2
3
4
5
0
1
2
3
4
5
AREA DELL’IMPEGNO GENERALE
Rispetto dei propri doveri
Rispetto di norme, orari e disposizioni
Tatto e correttezza generale
0
1
2
3
4
5
0
1
2
3
4
5
0
1
2
3
4
5
0
1
2
3
4
5
0
1
2
3
4
5
0
1
2
3
4
5
0
1
2
3
4
5
0
1
2
3
4
5
0
1
2
3
4
5
AREA DEL COMPORTAMENTO
PROFILO DI CAPACITÀ
Pensiero analitico
Pensiero sintetico
Pensiero progettuale
Innovatività
Flessibilità
Capacità d’apprendimento
F-1
Allegato F
Sistema di autovalutazione guidata
AREA DELLE CAPACITÀ INTELLETTIVE
Decisionalità
Tensione al risultato
Orientamento all’efficienza
0
1
2
3
4
5
0
1
2
3
4
5
0
1
2
3
4
5
0
1
2
3
4
5
0
1
2
3
4
5
0
1
2
3
4
5
0
1
2
3
4
5
0
1
2
3
4
5
0
1
2
3
4
5
0
1
2
3
4
5
0
1
2
3
4
5
0
1
2
3
4
5
0
1
2
3
4
5
AREA DELLE CAPACITÀ REALIZZATIVE
Organizzazione e controllo
Consapevolezza dei ruoli nel gruppo
Gestione dei rapporti con i colleghi
Gestione dei gruppi
Innovatività e flessibilità organizzative
AREA DELLE CAPACITÀ ORGANIZZATIVE E GESTIONALI
Capacità di autopresentazione
Attenzione all’impatto personale
Persuasione diretta
Capacità di “ascolto” di opinioni diverse
Cooperazione attiva
AREA DELLE CAPACITÀ RELAZIONALI
Data compilazione: ....................................
IL FREQUENTATORE
-------------------------------
SCALA DEI PUNTEGGI:
-
punteggio 0 = non valutabile;
punteggio 1 = scarso / poco significativo / appena rilevante;
punteggio 2 = sufficiente / abbastanza significativo / abbastanza rilevante
punteggio 3 = buono / significativo / rilevante;
punteggio 4 = molto buono/ molto significativo /molto rilevante;
punteggio 5 = ottimo / elevato / indispensabile.
F-2
segue Allegato F
Sistema di autovalutazione guidata
OSSERVAZIONI EMERSE NEL COLLOQUIO CON IL TUTOR:
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
________________________________________________________________________
GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI
AUTOVALUTAZIONE DEI FREQUENTATORI DEL CORSO ISSMI
ASPETTI COMPORTAMENTALI
In questa prima parte si analizzano gli aspetti che caratterizzano le azioni del frequentatore nel
corso delle varie attività svolte durante il periodo di assegnazione all’Istituto, comprese cioè quelle
non specificamente didattico-formative.
AREA DELLE MOTIVAZIONI
L’area esplora il campo delle motivazioni possedute dal valutato rivolte ad ampliare ed arricchire
l’attuale patrimonio di conoscenze con riferimento sia a quelle tecnico-specialistiche e gestionali
richieste dalla Forza Armata di appartenenza, sia alle conoscenze di altre funzioni della propria
organizzazione, alle tecnologie, all’impiego ed alle politiche di fondo che regolano l’attività delle
altre Forze Armate e dell’area interforze.
Motivazione all’apprendimento
Motivazione ad ampliare le proprie conoscenze e a diversificare gli interessi anche verso campi
professionali e gestionali diversi dal proprio.
Motivazione agli approfondimenti di Forza Armata/Organizzazione di appartenenza
Attitudine a cogliere le specificità di Forza Armata/Organizzazione di appartenenza, a
valorizzarle e condividerle nell’ambito del processo formativo.
Orientamento interforze
Capacità e miglioramento nell’acquisizione di una cultura interforze attraverso la conoscenza di
altri settori del “sistema Difesa”, dei meccanismi di integrazione e di interfunzione, delle
politiche e delle tecnologie che caratterizzano l’intero sistema.
F-3
segue Allegato F
Sistema di autovalutazione guidata
AREA DELL’IMPEGNO GENERALE
L’area descrive l’approccio del frequentatore nell’affrontare le varie situazioni.
Determinazione nelle attività
Costante volontà di applicazione in tutte le attività programmate.
Disciplina intellettuale
Coerenza di pensiero e capacità di adeguamento alle decisioni prese nell’ambito del gruppo,
anche se discordanti con le proprie idee, intenzioni, valutazioni.
Spirito di servizio
Capacità del frequentatore di anteporre le esigenze e gli obiettivi del gruppo ai propri.
Percezione dell’etica professionale
Modo d’intendere e di rappresentare attraverso i comportamenti l’insieme dei valori che
influenzano la propria professionalità.
Coscienza del ruolo
Consapevolezza della necessità del proprio ruolo nell’ambito delle attività di gruppo, di sezione,
di corso.
AREA DEL COMPORTAMENTO
L’area individua le caratteristiche e le modalità prevalentemente formali che il frequentatore adotta
nelle varie circostanze.
Rispetto dei propri doveri
Secondo il significato comunemente attribuito.
Rispetto di norme, orari e disposizioni
Secondo il significato comunemente attribuito.
Tatto e correttezza generale
Capacità di conformare il proprio comportamento, in ogni circostanza, a principi di discrezione,
garbo e rispetto verso l’interlocutore. Capacità di trattare argomenti sensibili o che possono
urtare la suscettibilità dell’interlocutore, ovvero se quest’ultimo ha posizioni sostanzialmente
diverse dalle proprie.
F-4
segue Allegato F
Sistema di autovalutazione guidata
PROFILO DI CAPACITÀ
In questa seconda parte si analizza il complesso di capacità e attitudini che il frequentatore
manifesta nello sviluppo delle attività didattico-formative, affrontando problematiche e stabilendo
rapporti con i colleghi.
AREA DELLE CAPACITÀ INTELLETTIVE
L’area considera l’insieme delle capacità che consentono di affrontare problemi nel modo più
corretto ed efficace e di individuare la soluzione ottimale.
Non si riferisce, quindi, a caratteristiche operative o decisionali, ma unicamente a caratteristiche
intellettive, ossia alla capacità di concepire, pianificare, portare contributi individuali alla soluzione
dei problemi.
Pensiero analitico
Capacità di scomporre sinteticamente i problemi complessi nelle parti costitutive e di
approfondirne l’esame con rigore e consequenzialità.
Pensiero sintetico
Capacità di cogliere gli aspetti essenziali dei problemi e di sviluppare conseguenze logiche per
trovare soluzioni concrete ed attuabili.
Pensiero progettuale
Capacità di definire obiettivi individuando, con visione di assieme, linee di condotta in una
prospettiva di medio/lungo termine.
Innovatività
Capacità di affrontare i problemi con un approccio autonomo orientato a riformulare i termini
degli stessi per individuare soluzioni migliorative e fattibili, in sintonia con gli obiettivi da
perseguire.
Flessibilità
Capacità di recepire nuovi stimoli e nuovi modelli adattandosi con facilità ai cambiamenti
concettuali ed operativi e dimostrando disponibilità a considerare alternative differenti.
Capacità di apprendimento
Capacità e rapidità nell’acquisizione di nuovi strumenti, sia teorici che pratici, concernenti sia il
proprio campo professionale e gestionale che altri campi diversi dal proprio.
AREA DELLE CAPACITÀ REALIZZATIVE
L’area analizza le modalità di comportamento con cui la persona interagisce con la realtà
circostante per ottenere i risultati attesi anche in situazioni non programmabili che richiedano,
quindi, la gestione dell’incertezza.
F-5
segue Allegato F
Sistema di autovalutazione guidata
Decisionalità
Capacità di assumere decisioni con sicurezza, autonomia e senso di responsabilità, anche in
tempi ristretti o in mancanza di informazioni/direttive.
Tensione al risultato
Volontà di stabilire e raggiungere risultati sfidanti, attivandosi autonomamente verso l'obiettivo,
identificando e utilizzando le fonti di informazione necessarie e assicurando continuità, impegno
ed energia anche per periodi di tempo prolungati e di fronte ad ostacoli imprevisti e
particolarmente complessi.
Orientamento all'efficienza
Attitudine a valutare e ottimizzare il rapporto benefici/costi nella trattazione dei problemi.
AREA DELLE CAPACITÀ ORGANIZZATIVE E GESTIONALI
L’area considera l’insieme delle capacità connesse al raggiungimento di risultati qualitativi e
quantitativi attraverso l’ottimale organizzazione della propria ed altrui attività.
Organizzazione e controllo
Capacità di gestire i processi o le attività stabilendo le priorità e gestendo in modo efficace il
proprio tempo, formulando e schematizzando le varie fasi di lavoro, coordinando
operativamente tutte le risorse a disposizione, predisponendo tutti gli strumenti più idonei a
verificare lo stato di avanzamento dei lavori e a realizzare i necessari interventi correttivi anche
in situazioni mutevoli.
Consapevolezza dei ruoli nel gruppo
Consapevolezza del proprio inserimento in una struttura gerarchicamente organizzata,
rispettando le caratteristiche dei rapporti di autorità e subordinazione, aumentandone
l’efficienza e l’operatività.
Gestione dei rapporti con i colleghi
Capacità di gestire i rapporti con i propri colleghi in modo efficace e finalizzato al
raggiungimento degli obiettivi, impartendo, se in posizione preminente, le direttive necessarie
con sicurezza ed autorevolezza.
Gestione dei gruppi
Capacità di sviluppare cooperazione e spirito di corpo in un gruppo, stimolando l'attività dei
singoli, dando riconoscimenti, riducendo le possibilità di conflitto e trovando soluzioni di cui
beneficino tutte le parti coinvolte.
F-6
segue Allegato F
Sistema di autovalutazione guidata
Innovatività e flessibilità organizzative
Capacità di adeguare il sistema alle diverse situazioni, adottando soluzioni in linea con le nuove
esigenze dell’organizzazione.
AREA DELLE CAPACITÀ RELAZIONALI
L’area esamina le caratteristiche relazionali che consentono di stabilire rapporti positivi all'interno e
all'esterno e di esercitare influenza sugli interlocutori per il raggiungimento degli obiettivi
desiderati.
Capacità di autopresentazione
Capacità di presentarsi in modo gradevole e consono alle circostanze nonché di esprimersi con
buone capacità verbali anche di fronte a gruppi di persone.
Attenzione all’impatto personale
Capacità di prevedere le conseguenze delle proprie parole o azioni e di adottare il
comportamento più idoneo per muoversi nel modo più appropriato, per socializzare a tutti i
livelli ed entrare in sintonia con gli interlocutori, salvaguardando l’altrui e la propria dignità di
persona e di ufficio.
Persuasione diretta
Capacità di convincere gli altri e di guadagnarsi il loro appoggio attraverso le più idonee
modalità relazionali.
Capacità di ascolto di opinioni diverse
Capacità di individuare i punti forti delle opinioni altrui e valorizzarle ai fini del problema da
risolvere o del lavoro da svolgere.
Cooperazione attiva
Capacità di collaborare lealmente e di integrarsi in modo attivo a livello interfunzionale per il
raggiungimento del risultato comune, superando a tal fine atteggiamenti personalistici e
settoriali.
F-7
Allegato G
DISCIPLINE DI STUDIO E SCHEMI A BLOCCHI DELLE AREE
AREE
MODULI DISCIPLINARI
Scienza Politica
POLITICA E
RAPPORTI
Relazioni internazionali e Organizzazioni internazionali
INTERNAZIONALI
Politica Economica Internazionale
Politica di Sicurezza Nazionale e Politica Militare
POLITICA DI
SICUREZZA
Programmazione Finanziaria, Procurament e Industria
della Difesa
Diritto Pubblico
Diritto Internazionale
QUADRO GIURIDICO
E SOCIALE
Diritto Internazionale Umanitario
Diritto Penale Militare e delle Operazioni Militari
Management nella P.A.
Scienze Strategiche
PIANIFICAZIONE
DELLE OPERAZIONI
MILITARI
Pianificazione Operativa
Impiego delle F.A. nelle Operazioni Interforze,
multinazionali e interagency
G-1
ORGANIZZAZIONE DIDATTICA / FORMATIVA DEL MASTER
CAPO SMD
OBIETTIVI E
PROGRAMMI
ISSMI
RETTORE
UNIVERSITA’
OBIETTIVI E
PROGRAMMI
MASTER
PRESIDENTE
CASD
DIRETTORE
DEL DIPARTIMENTO
DI GIURISPRUDENZA
G-2
DIRETTORE
ISSMI
AREA
POLITICA E
RAPPORTI
INTERNAZIONALI
AREA
SICUREZZA
E DIFESA
COORDINATORE
MASTER
AREA
QUADRO GIURIDICO
E SOCIALE
AREA
PIANIFICAZIONE
DELLE
OPERAZIONI MILITARI
DISCIPLINA
TITOLARE DELLA
DISCIPLINA
TITOLARE DELLA
DISCIPLINA
TITOLARE DELLA
DISCIPLINA
TITOLARE DELLA
DISCIPLINA
REFERENTE PER
LA DIREZIONE DELLA
DISCIPLINA
REFERENTE PER
LA DIREZIONE DELLA
DISCIPLINA
REFERENTE PER
LA DIREZIONE DELLA
DISCIPLINA
REFERENTE PER LA
DIREZIONE DELLA
DISCIPLINA
DISCIPLINA
DISCIPLINA
segue Allegato G
DISCIPLINA
Annesso n. 1
ALTRE ATTIVITA’ FORMATIVE DELL’ISTITUTO
1. GENERALITA’
Nell’ambito dell’ISSMI, oltre al Corso Superiore di Stato Maggiore Interforze, vengono svolte a cura
del Dipartimento di Diritto Umanitario e Operazioni Militari le seguenti attività formative:
- Corso interforze per Consigliere Giuridico nelle Forze Armate;
- Corso di Cooperazione Civile e Militare.
Le disposizioni generali contenute nella “Guida del frequentatore del Corso Superiore di Stato
Maggiore Interforze” hanno piena validità, ove applicabili e fatte salvo comunicazioni contrarie.
Quelle amministrative saranno oggetto di precipua trattazione nell’ambito della specifica
documentazione di convocazione al corso.
2. CORSO INTERFORZE PER CONSIGLIERE GIURIDICO NELLE FORZE ARMATE
Il percorso formativo si sviluppa parallelamente a quello dell’ISSMI nell’ambito delle discipline che
si collocano nell’area giuridica, con l’esclusione del modulo di diritto pubblico militare e ordinamenti
militari. Al corso vi partecipano coloro i quali vengono designati dalle singole Forze
Armate/Comando Generale CC, dalla Guardia di Finanza, Università ed eventualmente dalla Croce
Rossa italiana, in misura delle esigenze e della disponibilità logistica dei posti.
Il corso si articola su 2 fasi:
 informativa, propedeutica alla successiva, che si sviluppa su n. 3 moduli didattici1 e mira a far
comprendere e interpretare correttamente le fonti, le norme ed i principi generali in materia di
diritto, per adottare le necessarie misure applicative avvalendosi degli opportuni contributi degli
esperti di settore. Ai partecipanti di questa fase viene rilasciato un attestato di frequenza con
profitto nel rispetto degli esiti delle valutazioni.
 di qualificazione, che si sviluppa su n. 8 segmenti teorico pratici2 ed è rivolta a coloro i quali, già
in possesso di diploma di laurea in giurisprudenza, hanno necessità di esercitare funzioni di
supporto e consulenza in materia di Diritto Internazionale per i conflitti armati e/o in casistiche
di contenzioso. Al suo termine, verrà rilasciato un diploma di qualificazione quale: “Consigliere
Giuridico nelle Forze Armate”. Ai frequentatori civili esterni all’AD, eventualmente ammessi alla
frequenza, sulla base degli esiti delle valutazioni, sarà rilasciato un attestato di partecipazione in
qualità di “uditore”.
2. CORSO DI COOPERAZIONE CIVILE E MILITARE (COCIM)
Ai selezionati partecipanti al corso sulla cooperazione civile-militare, in rappresentanza delle
rispettive Amministrazioni di appartenenza, istituzionali, accademiche, pubbliche e private, si da
l’opportunità di consolidare e rafforzare la conoscenza delle organizzazioni nazionali ed
internazionali deputati alla difesa, sicurezza, protezione e soccorso, con particolare riferimento agli
scenari dell’emergenza. Il percorso didattico mira a favorire una conoscenza reciproca, un linguaggio
comune e per individuare le procedure che danno migliore risposta alle crisi, con la necessaria
speditezza e in un ottica di problem solving. Esso è articolato su due distinti momenti:
 informativo, a distanza, con accesso alla piattaforma e-leaning, su n. 3 settimane;
 di approfondimento teorico-pratico, residenziale su n. 2 settimane3.
Con il contributo di autorevoli esperti di settore nelle 5 aree di studio: militare, civile, industriale,
giuridica e sociale, si affrontano tematiche di attualità derivanti dai principali scenari di situazioni di
crisi e di emergenza nazionale. A tutti i partecipanti viene rilasciato un attestato di frequenza.
1 Diritto internazionale, Diritto internazionale umanitario, Diritto penale militare e diritto delle operazioni militari.
2 Segmento sulla tutela giuridica per: (1) operazioni terrestri, marittime, aeree, (2) Cyber defence e cyber security, (3) parti deboli dei conflitti, (4) lo spazio cosmico, (5) beni
culturali ed ambientali, (6) giustizia penale internazionale, (7) disciplina del contenzioso e misure precauzionali, (8) la pianificazione e condotta di operazioni militari all’estero
(SOFA, MOU, TA, ROE).
3 Con una logica di approfondimento delle nozioni acquisite, attraverso tavole rotonde e sessioni pratiche interdisciplinari di G.diL., per il consolidamento della formazione.
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
796 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content