close

Enter

Log in using OpenID

CARTA DEI SERVIZI C.R.I. CAMPANIA 2014 ( FILE Pdf )

embedDownload
CARTA DEI SERVIZI 2014
CROCE ROSSA ITALIANA
COMITATO REGIONALE CAMPANIA
Persone in prima Persona
PREMESSA
“
A cura del Presidente Regionale C.R.I. Campania Avv. Stefania Pisciotta
E’ con immenso piacere che Vi presento la prima Carta dei Servizi del
Comitato Regionale CRI Campania, uno strumento nato per indicare ai
cittadini ed agli associati, volontari e dipendenti, la Mission della Croce
Rossa Italiana nella regione Campania, la sua storia, i suoi obiettivi.
L'obiettivo che la Croce Rossa si prefigge, da oramai 150 anni, è quello di
arrivare laddove vi è più bisogno, inseguendo tutt'oggi quell'idea
ispiratrice del Movimento, base sulla quale costruire la nostra quotidiana
azione
a
supporto
dei
più
vulnerabili,
indipendentemente
dall'appartenenza sociale, politica o religiosa delle persone bisognose di
aiuto.
La Croce Rossa conta sul valore aggiunto del fascino del suo emblema,
riconosciuto quale emblema protettore tanto dalle persone inserite quanto
da quelle emarginate, tanto dalle autorità quanto dal cittadino bisognoso
di aiuto ed intervento.
Al fine di portare avanti la propria missione, risulta, fondamentale una
precisa rendicontazione dell'operato rispetto ai valori ed agli impegni
assunti, nell'ottica di una piena trasparenza e del dialogo con i portatori
d'interesse; è altresì, importante fornire informazioni sull'impatto sociale
delle attività, sulle caratteristiche e sui valori della Croce Rossa.
La Carta dei Servizi, di cui il Comitato CRI della Provincia Autonoma di
Bolzano - Alto Adige si è dotato, rappresenta dunque un importante
strumento di comunicazione con la comunità nella quale,
quotidianamente,operiamo. Croce Rossa, proprio perché ente di diritto
pubblico, ha l'onere di rendicontare in modo chiaro e trasparente, le
proprie attività, i servizi fruibili dai cittadini, nonché le risorse di cui l'ente
dispone per dare risposta, in modo efficace ed efficiente, ai bisogni ed
alle vulnerabilità del territorio.
I cittadini potranno così valutare, in un continuo reciproco scambio con
l'ente, il raggiungimento degli obiettivi che la CRI si è preposta, nonché, la
qualità dei servizi offerti. Attraverso la Carta dei Servizi i cittadini
potranno, altresì, ottenere utili informazioni su come accedere ai
numerosi servizi offerti da Croce Rossa sul territorio, oltre a scoprire
come poter diventare parte di un Movimento che conta, oggi, oltre 120
milioni di persone in tutto il mondo.
E’ ricordando questo passato e volgendo lo sguardo verso il future che
intendiamo riassumere, per quanto possibile in queste poche righe, la
meritoria opera di assistenza e soccorso che, ancora oggi, gli Operatori
della Croce Rossa della Campania svolgono sul territorio.
E’ un opera che, nel rispetto dei sette Principi Fondamentali,
universalmente riconosciuti, mira ad alleviare le sofferenze di coloro che
si trovano, per vari motivi, in un qualsiasi stato di necessità.
Nella mia semplice funzione di Presidente Regionale Vi auguro una
buona lettura e Vi invito, se vorrete, a condividere con noi gli ideali che si
spingono, talvolta sino al sacrificio estremo della vita, adorare una parte
della nostra vita a coloro che si trovano in difficoltà
VIVA LA CROCE ROSSA !!!
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
INDICE
INDICE
1. Perché una Carta dei Servizi CRI
2. La nostra Storia
3. I nostri 7 Principi Fondamentali
4. La nostra Mission
5. Il Comitato Regionale CRI Campania
6. Le nostre Aree di Intervento
7. Il Centro di FormAzione CRI Campania
8. Le Attività Speciali CRI Campania
9. Come usufruire dei nostri servizi
10. Relazioni con il Pubblico
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
PERCHE UNA
CARTA DEI SERVIZI DEL
COMITATO REGIONALE CRI
CAMPANIA
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
…UNA CARTA DEI SERVIZI,
AL SERVIZIO DEL TERRITORIO
La Carta dei Servizi 2014 del Comitato Regionale della Croce Rossa Italiana della Campania,
nasce con la precisa intenzione di voler rendere chiara e trasparente l’azione associativa a
tutti i cittadini della regione, agli altri Enti Pubblici e alle Associazioni di Volontariato della
Campania con cui lavoriamo per rendere un servizio nei confronti dei più vulnerabili e nei
confronti del territorio.
Un’azione più chiara, più forte e più incisiva, nell’ottica di “fare di più, fare meglio ed ottenere
un maggior impatto”.
Questa Carta dei Servizi 2014 pertanto si pone questi obiettivi:
1) far conoscere al territorio i nostri sette Principi Fondamentali, i nostri Valori ed il nostro
costante servizio verso tutti i cittadini reso da volontari e dipendenti che, 24 ore su 24,
garantiscono grazie all’impegno nelle nostre diverse Aree di Intervento.
2) inoltre con la nostra azione associativa, ci poniamo l’obiettivo di contribuire a far crescere
una società civile più giusta, più solidale e senza discriminazione di sesso, razza, opinioni
politiche, religiose e sessuali, proprio come afferma la nostra Carta Costituzionale all’articolo 3
3) vogliamo dare ai cittadini ed agli enti pubblici e privati che fruiscono del nostro servizio uno
strumento per controllare e verificare la qualità e l’efficienza del servizio stesso che eroghiamo
quotidianamente, al fine di poter lavorare costantemente al miglioramento della nostra azione,
perché vogliamo continuamente offrire un livello di qualità a chi ne ha bisogno.
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
LA NOSTRA STORIA
2
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
UNA STORIA LUNGA
OLTRE 150 ANNI
24 giugno 1859, la battaglia di Solferino
«...nell'Ospedale e nelle Chiese di Castiglione sono stati depositati, fianco a fianco, uomini di
ogni nazione. Francesi, Austriaci, Tedeschi e Slavi, provvisoriamente confusi nel fondo delle
cappelle, non hanno la forza di muoversi nello stretto spazio che occupano. Giuramenti,
bestemmie che nessuna espressione può rendere. Risuonano sotto le volte dei santuari. Mi
diceva qualcuno di questi infelici: "Ci abbandonano, ci lasciano morire miseramente, eppure
noi ci siamo battuti bene!". Malgrado le fatiche che hanno sopportato, malgrado le notti
insonni, essi non riposano e, nella loro sventura, implorano il soccorso dei medici e si rotolano
disperati nelle convulsioni che termineranno con il tetano e la morte...».
da "Un souvenir de Solferino" di Henry Dunant, 1859
Henry Dunant, questo è il suo nome, è passato alla storia come il fondatore della Croce
Rossa e l'ispiratore dei principi che ne sono alla base. Nel giugno del 1859 Dunant si trovava
in Lombardia per questioni d'affari; è il caso, quindi, che lo vuole spettatore di uno degli
episodi più tragici nella storia dell'indipendenza italiana: la Battaglia di Solferino, nei pressi
di Mantova, dove si fronteggiavano l'esercito franco-piemontese e quello austriaco, fu infatti
una vera carneficina.
Impressionato dal gran numero di morti e dalla disorganizzazione delle Intendenze Militari nel
recupero e nella cura dei feriti, Dunant scelse di partecipare personalmente all'opera di
soccorso. Migliaia di feriti furono trasportati nella città vicina di Castiglione delle Stiviere dove
ricevettero le cure dalle donne del posto e dove chiese, scuole e case private furono messe a
loro disposizione come ospedali temporanei.
Le impressioni di Dunant, le sue esperienze e le sue proposte furono raccolte nel libro "Un
ricordo di Solferino", da lui pubblicato poco tempo dopo. Da quel momento egli perseguì l'idea
di costituire associazioni di volontari e comitati organizzati in tempo di pace per offrire
soccorso ai feriti in caso di conflitti. Dall'iniziativa di Dunant e di altri 4 cittadini svizzeri che ne
condividevano gli ideali si concretizzava il progetto di una vera e propria organizzazione
assistenziale capace di restituire alla guerra una sua "umanità".
Nel 1863 nacque il "Comitato Internazionale per il Soccorso ai Feriti di Guerra", che nello
stesso
anno
diventerà
il
Comitato
Internazionale
della
Croce
Rossa.
Il suo simbolo era infatti una croce rossa in campo bianco, in omaggio alla patria del suo
fondatore, la cui bandiera era identica ma con i colori invertiti. Venivano così raccolti non solo i
suggerimenti degli amici elvetici di Dunant, ma anche quelli di Florence Nightingale
(antesignana britannica della Croce Rossa che si era distinta nel soccorrere i feriti della guerra
di Crimea, nel 1854, senza prestare alcuna attenzione alla nazionalità di appartenenza) e le
intuizioni e le dichiarazioni del medico italiano Ferdinando Palasciano (esperto partenopeo di
questioni militari e sanitarie che operò attivamente a favore dei feriti nell'assedio di Messina,
città
che
nel
1848
si
era
ribellata
al
dominio
borbonico).
Il 22 agosto 1864 in seno a una Conferenza diplomatica 12 Nazioni firmarono la prima
Convenzione di Ginevra, che si pose a fondamento dell'attività della Croce Rossa. Il
documento garantisce neutralità e protezione ad ambulanze, ospedali e personale medico;
stabilisce inoltre l'obbligo di curare i prigionieri e di sgomberare i feriti dal campo di battaglia.
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
L'emblema della Croce Rossa fu adottato non solo per contraddistinguere feriti, soccorritori,
mezzi e presidi sanitari di ogni Paese, ma anche per garantire la loro protezione.
La Croce Rossa Italiana viene fondata con il nome di Comitato dell'Associazione Italiana per il
soccorso ai feriti ed ai malati in guerra a Milano il 15 giugno 1864, ad opera del Comitato
Medico Milanese dell'Associazione Medica Italiana, ben due mesi prima della firma della
Convenzione di Ginevra. Venne successivamente definita ente morale ai sensi del R.D. 7
febbraio 1884, n. 1243.
Il Comitato inizia subito la sua attività sotto la presidenza del dottor Cesare Castiglioni, il quale,
due mesi dopo la costituzione del Comitato, viene chiamato a Ginevra, insieme ad altri
delegati italiani, per esporre quanto fatto a Milano e cosa pensa di fare in avvenire in favore
dei feriti e dei malati in guerra. Il 22 agosto 1864 viene sottoscritta, anche dall'Italia, la
Convenzione di Ginevra. Il giorno 11 dicembre dello stesso anno si tiene, a Milano, un
congresso in cui si approva il regolamento del Comitato di Milano come Comitato Centrale per
il coordinamento delle attività dei costituendi nuovi comitati.
Il 20 giugno 1866 l'Italia dichiara guerra all'Austria e le prime quattro "squadriglie" di volontari
partono alla volta di Custoza. Nel 1872 la C.R.I. viene trasferita a Roma, dove si costituisce il
Comitato Centrale. Da allora la Croce Rossa Italiana è sempre presente e attiva nei conflitti
che vedono impegnata l'Italia, sino alla seconda guerra mondiale. Nello stesso tempo si
occupa della lotta alla tubercolosi e alla malaria. Crea stazioni, ambulatori e ambulanze
antimalariche nelle Paludi Pontine, in Sicilia e in Sardegna.
Da allora la C.R.I. è presente su tutto il territorio nazionale, operando nelle emergenze
quotidiane, nell'assistenza ai bisognosi ed anche nelle maxi-emergenze, a partire dal
terremoto di Ischia agli inizi del XX secolo e presente in tutti gli eventi catastrofici naturali e/o
originati dall'uomo del nostro Paese, in applicazione del motto "Primi ad arrivare, ultimi a
ripartire". Assieme alle molteplici attività ed opere svolte in Italia, nei campi della sanità,
l'assistenza sociale, la protezione e la difesa civile, la CRI è storicamente attiva e partecipe ai
programmi di solidarietà umanitaria in campo internazionale, al fianco delle Società Nazionali
di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, sotto il coordinamento degli organismi internazionali del
Movimento.
Durante la sua storia la CRI viene prima classificata tra gli enti pubblici parastatali (1975), fino
a diventare nel 1980 ente privato di interesse pubblico.
Il Movimento Internazionale della Croce Rossa è un’organizzazione internazionale non
governativa istituzionalizzata nel 1928 dalla XIII Conferenza Internazionale dell’Aja e coordina
numerosi membri: il Comitato Internazionale della Croce Rossa, la Federazione Internazionale
delle Società Nazionali della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa e le Società Nazionali.
ll Comitato Internazionale della Croce Rossa ha sede a Ginevra, è una organizzazione
neutrale e indipendente che assicura aiuto umanitario e protezione alle vittime delle guerre e
della violenze armate; nei conflitti armati il CICR è responsabile delle attività internazionali di
soccorso di tutto il Movimento.
La Federazione Internazionale delle Società Nazionali della Croce Rossa e della
Mezzaluna Rossa ha sede a Ginevra. Sua attività specifica è quella di agire in qualità di
organo permanente di coordinamento tra le Società Nazionali, portare assistenza, soccorso
alle vittime delle catastrofi, organizzando e coordinando l’azione a livello internazionale. Si
impegna, inoltre, a favorire la creazione e lo sviluppo di nuove Società Nazionali e a
collaborare con il CICR nella diffusione del Diritto Internazionale Umanitario.
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
LA RIFORMA
Risultava ormai fondamentale per la CRI assumere un nuovo e più incisivo ruolo sia per
attività che per immagine, idoneo ad affrontare in modo moderno ed efficiente le
problematiche associate alle vulnerabilità.
Con il Decreto Legislativo n. 178 del 28 settembre 2012, c.d. decreto di riordino della Croce
Rossa Italiana, si sono, quindi, gettate le prime basi per la creazione di una struttura di diritto
privato idonea a conferire dinamicità alla CRI e che, assicurando vantaggi alle sue strutture,
sia in grado di affrontare le sfide del territorio, progressivamente riducendo e via via
eliminando aree di inerzia e passività nella gestione delle attività tipiche del sistema
pubblicistico.
Inoltre con l'approvazione del nuovo regolamento dei volontari della Croce Rossa Italiana si è
usciti dalla logica delle componenti, le quali avevano, oggi, esaurito il ruolo per il quale erano
nate e si erano, per anni sviluppate.
Oggi, esistono, quindi, i volontari della Croce Rossa Italiana, oltre alle due componenti
ausiliarie delle forze armate: Corpo Militare ed Infermiere Volontarie
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
I NOSTRI
7 PRINCIPI FONDAMENTALI
2
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
UMANITÀ
"Nata dalla preoccupazione di recare soccorso senza alcuna discriminazione ai feriti nei campi
di battaglia, la Croce Rossa, sotto il suo aspetto internazionale e nazionale, si sforza di
prevenire e di alleviare in ogni circostanza le sofferenze degli uomini. Essa tende a proteggere
la vita e la salute e a far rispettare la persona umana, favorisce la comprensione reciproca,
l'amicizia ed una pace duratura fra tutti i popoli".
NEUTRALITÀ
"Al fine di conservare la fiducia di tutti, si astiene dal prendere parte alle ostilità e, in ogni
tempo, alle controversie di ordine politico, razziale, religioso e filosofico".
IMPARZIALITÀ
"La Croce Rossa non fa alcuna distinzione di nazionalità, di razza, di religione, di condizione
sociale e appartenenza politica. Si adopera solamente per soccorrere gli individui secondo le
loro sofferenze dando la precedenza agli interventi più urgenti".
INDIPENDENZA
"La Croce Rossa è indipendente. Le Società nazionali, ausiliarie dei poteri pubblici nelle loro
attività umanitarie e sottomesse alle leggi che reggono i loro rispettivi paesi, devono però
conservare un'autonomia che permetta di agire sempre secondo i principi della Croce Rossa".
VOLONTARIATO
"La Croce Rossa è un'istituzione di soccorso volontaria e disinteressata".
UNITÀ
"In uno stesso Paese può esistere una ed una sola Società di Croce Rossa. Deve essere
aperta a tutti ed estendere la sua azione umanitaria a tutto il territorio".
UNIVERSALITÀ
"La Croce Rossa è un'istituzione universale in seno alla quale tutte le Società hanno uguali
diritti ed il dovere di aiutarsi reciprocamente".
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
LA NOSTRA MISSION
2
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
UNA REGIONE AL SERVIZIO
DEL TERRITORIO
Riteniamo che la mission principale del Comitato Regionale CRI Campania sia quella di
rappresentare un service ai Comitati Locali della regione Campania ed ai loro territori; essi
rappresentano il cuore pulsante dell’azione associativa nel paese che pone al centro le
esigenze dell’uomo, attraverso l’educazione, sin da giovani, di uno stile di vita sano e sicuro; la
prevenzione, dai rischi della salute e dalle catastrofi e calamità; l’assistenza, verso coloro che
si trovano in condizioni difficili e richiedono un nostro intervento.
In particolare, le parole chiavi che consentono di raggiungere la nostra mission sono:
SVILUPPO: rafforzare i Comitati Locali CRI già esistenti, renderli più incisivi nella loro azione
sul loro territorio di competenza e ampliare la nostra presenza su aree della regione che
ancora non vedono la presenza della CRI. Tutto questo per rendere la CRI in Campania più
forte e più capace di rispondere ai bisogni dei cittadini.
PARTECIPAZIONE: i Soci Attivi della Croce Rossa Italiana della Campania sono protagonisti
del loro presente e del futuro dell’Associazione, attraverso costanti momenti di confronto e
condivisione delle scelte strategiche del Comitato Regionale. Medesimo principio deve valere
per coloro che usufruiscono dei nostri servizi, attraverso la creazione di strumenti di feedback
che ci consentano di migliorare le nostre attività nel futuro.
CONDIVISIONE: riteniamo che il Comitato Regionale CRI Campania, essendo un’entità al
servizio del territorio, debba condividere la propria azione con i Comitati territoriali per il tramite
dei rispettivi Presidenti e/o Delegati e/o Referenti, affinché si possa lavorare collettivamente
per un fine ed un obiettivo comune.
FORMAZIONE: senza formazione non si hanno Operatori CRI che possano agire sul territorio
in modo etico e professionale. Per questo, attraverso il nostro Centro di Formazione,
composto da personale altamente qualificato, proponiamo costantemente ai Soci dei Comitati
Locali della regione ed ai cittadini programmi didattici rivolti ad aumentare la consapevolezza
della salute, nonché ai fini di prevenzione.
PARTENARIATO: lavoriamo costantemente in rete con tutti gli Enti Pubblici, le Istituzioni e le
Associazioni di Volontariato della regione per rendere il nostro servizio più efficace ed
efficiente.
TRASPARENZA: nel rispetto della normativa della Pubblica Amministrazione, lavoriamo nella
completa trasparenza, pubblicando sul sito istituzionale www.cricampania.it gli atti ufficiali del
Comitato Regionale, accessibili da chiunque interessato.
SERVIZIO: tutte le attività della Croce Rossa Italiana , Comitato Regionale CRI Campania,
concorrono ad un’unica prospettiva, il benessere della persona.
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
IL COMITATO REGIONALE
CRI CAMPANIA
2
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
UNA STRUTTURA DI PERSONE
IN PRIMA PERSONA
Il Comitato Regionale CRI della Campania è costituito da xx Comitati Locali giuridicamente
autonomi.
All’interno della regione operano oltre 10000 Soci Attivi, divisi tra Volontari, Corpo Militare e
Corpo delle Infermiere Volontarie, ed oltre 50 dipendenti che garantiscono l’amministrazione e
l’operatività dei Servizi Socio-Sanitari sul territorio regionale in orario diurno e notturno.
La struttura del Comitato Regionale CRI Campania è composta da:
– un Presidente del Comitato Regionale, avente la funzione di coordinamento, organizzazione
e proposta che rappresenta i Volontari C.R.I. di tutta la regione e ne coordina le attività;
– dalla Consulta dei Presidenti avente la funzione di condivisione e decisione delle linee
strategiche del Presidente Regionale;
– dalla Consulta dei Giovani avente la funzione di condivisione e decisione delle linee
strategiche dei Giovani Volontari CRI della Campania;
– da uno Staff di Presidenza, formato dal Direttore Amministrativo Regionale, dal Direttore
Sanitario Regionale e da un Responsabile Affari Generali;
– da uno Staff di Comunicazione, che si occupa della comunicazione istituzionale del Comitato
Regionale CRI Campania;
– da Sei Delegati Tecnici Regionali delle Aree di Intervento del Comitato Regionali, affiancati
da Referenti su specifiche attività e progetti;
– da un Centro di Formazione, con il compito di supportare i Comitati Locali nella formazione
degli Operatori su tutti i campi di azione della CRI.
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
ORGANIGRAMMA
PRESIDENTE COMITATO REGIONALE CRI CAMPANIA
Avv. Stefania Pisciotta
[email protected]
Direttore Amministrativo
Dott. Claudio Iocchi
Direttore Sanitario
Dott.ssa Antonella Molese
VERTICI DELLE COMPONENTI AUSILIARIE DELLE FF.AA.
X Centro di Mobilitazione
“Corpo Militare”
1° Capitano com. CRI Pasquale Mancuso
X Centro di Mobilitazione
“Infermiere Volontarie”
S.lla Mariarosaria Bisogno
DELEGATI TECNICI REGIONALI
Area I
“Tutela e Protezione della Salute e la Vita”
Dott. Roberto Cascata
Area II
“Favoriamo il Supporto e l’inclusione Sociale”
Dott.ssa Maria Rosaria Villani
Area III
“Preparazione della Comunità e Risposta ad
Emergenze e Catastrofi”
Sig.ra Erika Naomi Riccardi
Area IV
“Disseminazione del Diritto Internazionale
Umanitario, dei Principi Fondamentali…”
Avv. Stefano Tangredi
Area V
“Gioventù”
Area VI
“Sviluppo, Comunicazione e Promozione del
Volontariato”
Dott.ssa Annamaria Docimo
REFERENTI TECNICI REGIONALI
“Cultura Donazione del Sangue”
Dott. Aldemino Ardolino
“BLSD”
Dott. Claudio de Luca
“Formazione Sanitaria e MDPED, P-BLSD”
Dott.ssa Bernadette Scognamiglio
“T.S.S.A – Trasporto Sanitario Servizio
Ambulanza”
Sig.ra Daniela Volpe
“Simulazione & Trucco”
Sig. Gennaro Spavone
“Servizio Psicosociale”
Dott. Domenico Nardiello
“Servizio Minorili e Ministero di Giustizia”
Dott.ssa Annalisa Daniele
“Formazione ASA”
Sig.ra Aran Cleopatra
“Clownerie”
Sig.ra Claudia Senneca
“Responsabile S.O.R. Sala Operativa
Regionale”
Sig. Salvatore Ruocco
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
“S.M.T.S.”
Sig. Luca Consalvo
“O.P.S.A.”
Sig. Ciro Gifuni
“N.B.C.R.”
Sig. Giuseppe Nocerino
“Radiocomunicazione”
Ing. Raffaele de Falco
“A.C.I. – Area Cooperazione
Internazionale”
Sig.ra Debora Nigro
“Ed. Sessuale e Prevenzione M.S.T.”
Sig. Felice Cientanni
“I.D.E.A.” – Igiene, Dieta ed
Educazione Alimentare”
Sig. Maurizio Arnone
“Migration”
Sig. Raffaele Barbato
“Climate in Action”
Dott.ssa Anna D’Orsi
“A.P.G. – Attività per i Giovani”
Dott.ssa Grazia Vodola
“Educazione alla Pace”
Sig. Giorgio Raia
“Percorso Formativo di Approfondimento”
Dott.ssa Alessandra Caligiuri e
Sig.ra Nunzia Scognamiglio”
“Ufficio Stampa CRI Campania”
Avv. Francesco Cimmino
“Fundraising”
Dott.ssa Valeria Sessa
“Gestione delle Risorse Umane”
Sig. Ciro Scognamiglio
UFFICI DEL COMITATO REGIONALE
“Addetto del Direttore Sanitario”
M.llo Capo CRI Fracesco Biscardi
“Ufficio 1° - Affari Generali”
Ten. Colonello Com. CRI Luigi Grosso
“Protocollo”
Sig. Emilio Balestra
“Centralino”
Sig. Gennaro Esposito
“Ufficio 2° - Segreteria della Direzione”
M.llo Magg. CRI Michele Mauro
“Ufficio 3° - Segretaria della Presidenza”
M.llo Magg. CRI Luigi Forino
“Ufficio 5° - Affari del Personale”
M.llo Capo CRI Bruno Balzano
“Ufficio 6° - Bilanci”
M.llo Magg. Dott. Vito Rotondo
“Addetto Bilanci”
Sig. Pasquale Sodano
“Ufficio 7° - Acquisti”
M.llo Capo CRI Salvatore Ruocco
“Addetto Acquisti”
Sig. Vincenzo Esposito
“Ufficio 8° - Beni Mobili e Immobili”
M.llo Capo CRI Tiberio Cecere
“Addetto Beni Mobili e Immobili”
M.llo Capo CRI Rosario Romeo
“Ufficio 9° Informatica”
M.llo Capo CRI Giuseppe Villani
“Cassa Economale”
M.llo Capo CRI Francesco Biscardi
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
LE NOSTRE AREE DI INTERVENTO
2
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
GLI OBIETTIVI STRATEGICI
2020
Gli Obiettivi strategici 2020 della Croce Rossa Italiana sono basati sull'analisi delle necessità e
delle vulnerabilità delle comunità che quotidianamente serviamo e sono ispirati ai nostri
Principi Fondamentali e Valori Umanitari.
Essi identificano le priorità umanitarie dell'Associazione, a tutti i livelli, e riflettono l'impegno di
soci, volontari ed operatori CRI a prevenire e alleviare la sofferenza umana, contribuire al
mantenimento e alla promozione della dignità umana e di una cultura della non violenza e
della pace.
Formulati in linea con la Strategia 2020 della Federazione Internazionale delle Società di
Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, essi forniscono quindi il quadro strategico di riferimento che
guiderà l'azione della Croce Rossa Italiana verso il 2020.
L'adozione dei sei Obiettivi Strategici 2020 s'inserisce nell'ambito del processo di costruzione
di una Società Nazionale più forte.
Alla base di una Croce Rossa Italiana più forte vi è una rete capillare di unità territoriali che
vogliono "fare di più, fare meglio ed ottenere un maggiore impatto", operando in maniera
trasparente nei confronti dei beneficiari e fornendo servizi affidabili, concepiti all'interno di un
piano strategico basato sull'analisi dei bisogni e delle vulnerabilità della comunità alla quale
rivolgono il loro operato, tenendo in considerazione le capacità e le risorse che possono
essere ottenute in maniera sostenibile.
Le unità territoriali servono le rispettive comunità dall'interno, grazie all'azione quotidiana
organizzata di volontari che hanno scelto di aderire al Movimento Internazionale di Croce
Rossa e Mezzaluna Rossa e ai Principi Fondamentali e Valori Umanitari, che conoscono e
condividono gli indirizzi e gli obiettivi strategici della propria Società Nazionale e della
Federazione Internazionale delle Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa.
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
Lo sviluppo dell'individuo passa necessariamente anche attraverso la promozione della salute,
intesa come "uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale" (OMS), che richiede
quindi un approccio globale ed integrato all'individuo, basato sulla persona nel suo intero e nei
diversi aspetti della sua vita.
Ecco perché la Croce Rossa Italiana pianifica e implementa attività e progetti di assistenza
sanitaria e di tutela e promozione della salute volti alla prevenzione e alla riduzione della
vulnerabilità individuale e della comunità, incoraggiando l'adozione di misure sociali e
comportamentali che determinino un buono stato di salute.
Obiettivi specifici:
Migliorare lo stato di salute delle persone e delle comunità;
Proteggere la vita e fornire supporto socio-sanitario alle comunità;
Costruire comunità più sicure attraverso la promozione della salute;
Assicurare l'acquisizione di competenze da parte della comunità per proteggere la
propria vita e quella degli altri.
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
LE ATTIVITÀ DELL’OBIETTIVO STRATEGICO 1 DEL
COMITATO REGIONALE CRI CAMPANIA
All'interno di questa visione il Comitato Regionale CRI Campania supporta le attività dei
Comitati Locali rivolte all'incremento del benessere dell'individuo.
Sono presenti sul territorio Regionale le seguenti attività e progetti:
Attività di assistenza sanitaria in emergenza-urgenza svolta in convenzione
continuativa ed estemporanea 118
Il servizio di emergenza-urgenza viene regolarmente svolto mediante l'ausilio di personale per
lo più volontario afferente alle diverse sedi locali. L'attività si inserisce nel sistema di gestione
territoriale contribuendo a garantire una copertura 24 ore su 24 tutti i giorni dell'anno. Il
personale volontario adibito a tale servizio effettua un corso ed ottiene l'abilitazione al servizio
dopo superamento di esame.
Attività di assistenza sanitaria alle manifestazioni sportive ed eventi pubblici in genere
Le numerose manifestazioni sportive ed eventi maggiori presenti sul nostro territorio
richiedono costantemente la presenza di assistenza sanitaria dedicata. Croce Rossa Italiana
supporta l'organizzazione di questi eventi garantendo la presenza di personale volontario
qualificato alla gestione dell'emergenza. Numerosi esempi di questo servizio sono facilmente
visibili in occasione di eventi di rilievo quali l'assistenza alla Corri Napoli, Giffoni Film Festival,
Stadio di San Paolo. Anche in questo caso il servizio si integra all'interno dei servizi superiori
di gestione dell'emergenza sanitaria.
Trasporti sanitari su richiesta dell'utenza
In parallelo al servizio di soccorso emergenza-urgenza, i Comitati Locali offrono ai cittadini
servizi di trasporto sanitario e sanitario semplice per lo più volti a fornire assistenza a coloro
che, richiedendo terapie specifiche, necessitano di saltuari o continuativi accessi agli ospedali
della zona. Tali servizi sono offerti sia in servizio continuativo in accordo con le locali ASL o
estemporaneamente su richiesta dei singoli cittadini.
Tali servizi sono comunemente svolti col supporto di personale volontario formato e certificato
seguendo regolari percorsi formativi. L'utente sarà assistito durante il trasporto da personale
volontario che garantirà l'assistenza del soggetto durante tutta la durata del trasporto. Su
richiesta è possibile avere assistenza medico-infermieristica durante l'accompagnamento.
Corsi di Formazione Soccorritore e/o Operatore di Trasporto Sanitario in ottemperanza
alla normativa regionale
In ogni Comitato Locale è possibile frequentare all'interno dell'anno corsi di formazione rivolti
ad acquisire la qualifica di Soccorritore operante nei servizi di emergenza-urgenza e/o di
Operatore di Trasporto Sanitario e Sanitario Semplice.
Tali corsi sono strutturati in ottemperanza alle normative regionali vigenti sotto la vigilanza del
Centro di Formazione CRI Regionale. Al termine del corso la qualifica sarà rilasciata dopo
superamento di un esame. La Regione Campania conta su oltre 2000 volontari CRI con
qualifica di soccorritore che regolarmente svolgono servizio presso le sedi locali.
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
Corsi di Formazione di Primo Soccorso alla popolazione
All'interno del suo programma di formazione e mediante l'ausilio di specifiche figure
appositamente formate (Monitori di Croce Rossa), i Comitati Locali della Regione, offrono
diverse tipologie di corsi “brevi” rivolti alla popolazione con lo scopo di diffondere la cultura del
soccorso e dell'assistenza sanitaria ai cittadini.
L'ambito di insegnamento spazia su più campi:
• Corsi di primo soccorso, prevenzione infortuni e protezione civile per:
a. la popolazione adulta
b. le scuole medie inferiori
• Corsi di Assistenza al malato e all’anziano in famiglia
• Corsi Madre e Bambino
• Corsi di Educazione alla Salute per:
a. popolazione adulta e scuole superiori
b. scuole medie inferiori
c. scuola elementare.
Corsi di Formazione al personale di aziende in ottemperanza alla normativa 81/08
Una nota a parte merita l'attività svolta dai Monitori CRI nell'ambito dell'insegnamento del
primo soccorso rivolto nello specifico alle aziende. Croce Rossa Italiana fornisce corsi di primo
soccorso aziendale per aziende di categoria A, B e C. L'elevato standard di qualità dei corsi è
garantito dall'utilizzo di personale specificatamente formato e sottoposto a periodiche
valutazioni.
Diffusione del BLSD
Ampio riscontro trova l'attività svolta da Croce Rossa nella diffusione dell'insegnamento della
defibrillazione precoce sul territorio in accordo con la recente normativa regionale. I Comitati
Locali di Croce Rossa offrono inoltre supporto a colori i quali (provati o aziende) decidessero
di dotarsi di apparecchiature atte alle manovre di defibrillazione laica, dando assistenza non
solo nella formazione ma anche nella gestione dei progetti stessi.
Progetto Manovre Disostruzione Pediatriche
Ogni anno in Italia circa 50 famiglie sono colpite da una tragedia: la morte di un bambino per
soffocamento da corpo estraneo. Questi bambini perdono la vita per il corpo estraneo che
hanno ingerito accidentalmente ma, soprattutto, perché chi li assiste nei primi drammatici
momenti non conosce le manovre di disostruzione. Il non sapere genera errori: prendere per i
piedi un bambino che è ostruito, o peggio ancora mettere le dita in bocca, sono le prime due
cose che vengono fatte dal soccorritore occasionale non preparato e che di solito cagionano la
morte del bambino.
Nella maggior parte dei casi i famigliari (genitori, nonni, zii, ecc.) e le figure che lavorano a
stretto contatto con i bambini (insegnanti, personale scolastico, educatori, baby sitter, ecc.)
non saprebbero come intervenire qualora ad un bambino si verificasse un episodio di
ostruzione delle vie aeree da corpo estraneo. Molteplici casi di cronaca riguardanti tragiche
morti di bambini testimoniano il fatto che, se le persone che si trovavano accanto ai bambini
negli istanti successivi all’ostruzione avessero saputo mettere in atto le semplici manovre di
disostruzione, probabilmente molti di essi si sarebbero potuti salvare. Numerose sono infatti le
lettere di mamme e papà che, dopo aver partecipato a lezioni e corsi, sono riusciti a salvare il
loro figlio perché hanno saputo cosa fare salvandogli la vita.
Croce Rossa organizza su tutto il territorio regionale, perseguendo con straordinario impegno
l’obiettivo di “sconfiggere il non sapere” con il motto “Chi salva un bambino, salva il mondo
intero”, due tipologie di evento.
1. Lezione Interattiva. Ha lo scopo di promuovere la conoscenza delle manovre di
disostruzione in età pediatrica, sensibilizzare sulla prevenzione degli incidenti e sul sonno
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
sicuro dei bambini. È interamente gratuita; vengono rilasciati a ciascun partecipante un
“attestato di partecipazione” e del materiale informativo.
2. Corso operatore laico. Ha l’obiettivo di addestrare personale laico alle manovre di
disostruzione delle vie aeree in età pediatrica. Viene rilasciato a ciascun partecipante
materiale informativo e, qualora l’esito delle verifiche in itinere sia positivo, un “attestato di
partecipazione certificativo-operatore laico”.
La verifica si articola nella valutazione pratica delle manovre sia sul lattante sia sul bambino,
ottenendo una performance accettabile su entrambe le prove.
Nel caso di fallimento dell’obiettivo didattico a seguito di prove con due Istruttori differenti, il
partecipante sarà invitato a presentarsi ad un nuovo corso.
Il corso ha la validità di due anni, salvo introduzione di nuove linee guida. Superato tale
termine l’interessato deve eseguire un nuovo corso.
Telemedicina
La Telemedicina, servizio messo a disposizione dal Comitato Provinciale CRI Casera, ovvero
l’insieme di tecniche mediche ed informatiche che permettono la cura di un paziente a
distanza o più in generale fornire servizi sanitari a distanza.
Donazione del Sangue
Si stima che vi sia bisogno di 40 unità di sangue l'anno ogni 1000 persone, cioè circa
2.400.000 unità per la sola Italia. In Italia mancano mezzo milione di donatori di sangue. La
maggior parte di noi può donare il sangue e molti, almeno una volta nella vita, potrebbero
averne bisogno. La Croce Rossa Italiana, lavora costantemente con i propri Comitati Locali
della regione nell’educare e promuovere la donazione del sangue, come comportamento
solidale nei confronti di chi ha bisogno e al tempo stesso sano, in quanto consente un costante
monitoraggio del donatore di sangue.
Inoltre, nei confronti dei più giovani è attiva la campagna "Club 25”, che mira ad incoraggiare i
giovani a donare il sangue 25 volte entro il compimento dei 25 anni di età, stimolando a loro
volta la donazione da parte dei propri amici con il racconto della propria esperienza. Il nome
"Club 25" fa intendere come si voglia sviluppare, nei donatori così coinvolti, un senso di
appartenenza ad un gruppo ben più numeroso che, per poter donare, mantiene uno stile di
vita corretto ed al riparo di comportamenti a rischio. I giovani donatori diventano così agenti
del cambiamento non solo della loro stessa vita, avendo riguardo della propria salute e di
quella dei loro pari, ma anche di quella dei riceventi.
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
La Croce Rossa Italiana realizza un intervento volto a promuovere lo "sviluppo" dell'individuo,
inteso come "la possibilità per ciascuno di raggiungere il massimo delle proprie potenzialità, di
vivere con dignità una vita produttiva e creativa, sulla base delle proprie necessità e scelte, pur
adempiendo i propri obblighi e realizzando i propri diritti" (Strategia 2020).
Perseguiamo quest'obiettivo mediante la pianificazione e implementazione di attività e progetti
volti a prevenire, mitigare e rispondere ai differenti meccanismi di esclusione sociale che, in
quanto tali, precludono e/o ostacolano il pieno sviluppo degli individui e della comunità nel suo
complesso. Attraverso il suo intervento, la Croce Rossa Italiana contribuisce quindi alla
costruzione di comunità più forti e inclusive.
Obiettivi specifici:
• Ridurre le cause di vulnerabilità individuali e ambientali;
• Contribuire alla costruzione di comunità più inclusive;
• Promuovere e facilitare il pieno sviluppo dell'individuo.
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
LE ATTIVITÀ DELL’OBIETTIVO STRATEGICO 2 DEL
COMITATO REGIONALE CRI CAMPANIA
Attività sociale ed assistenziale
Croce Rossa Italiana garantisce, tramite i suoi Comitati Locali, il supporto a Comuni e
Comunità in genere nella gestione assistenziale dei propri cittadini mediante servizi di
ambulatori locali, attività integrative a supporto di case di riposo e/o accoglienza e fornendo
supporto logistico nella distribuzione dei generi di prima necessità secondo le disposizioni
europee.
Progetto Metropolitano “La CRI per i Clochards”
Il servizio di Unità di Strada è stato attivato a fronte di vari decessi dovuti al freddo, che
avevano avuto ampia risonanza nei media.
Era sovente accaduto, nei periodi precedenti all’avvio del progetto, che Prefettura e Questura
avessero richiesto, nel cuore della notte, un intervento estemporaneo della C.R.I. per dare
urgente assistenza ai senza fissa dimora.
L’attività di assistenza alle persone senza dimora consiste nel distribuire generi di conforto a
persone che non hanno una casa, che non vivono in comunità o infrastrutture sociali e che per
scelta o per necessità dormono in strada, trovando rifugio sotto i portici dei palazzi, negli
androni, nelle stazioni ferroviarie, nei giardini pubblici, etc.
I fini di questo intervento sono molteplici:
• Contribuire, soprattutto nel periodo invernale, al miglioramento delle condizioni di vita
contingenti degli utenti, aiutandoli a sopportare le rigidità del clima tramite la distribuzione di
bevande calde, coperte, sacchi a pelo ed indumenti.
• Conoscere gli utenti cercando di ricevere il maggior numero di informazioni sulla loro
situazione, sulle cause che l’hanno determinata e sulle loro esigenze primarie.
• Sulla base dei dati e delle notizie raccolte determinare una serie di contatti e di interventi atti
a migliorare la situazione degli utenti.
• Favorire il recupero di gravi situazioni di disagio e il reinserimento nel contesto sociale dando
le giuste indicazioni.
Lo scopo del servizio, quindi, non è soltanto la distribuzione delle bevande e del vestiario ma
anche alleviare gli utenti dalla solitudine di cui soffrono. Spesso valgono di più quattro parole
che una brioche.
Attività Psicologiche e Psicosociali a favore di individui e di collettività
La Croce Rossa Italiana nell'implementare la dimensione psicologica in accordo con le
revisioni sul supporto psicologico della Federazione Internazionale di Croce Rossa e di
Mezzaluna Rossa, promuove, gestisce e coordina progetti e programmi psicologici e
psicosociali in contesti di vita quotidiana e in situazioni di emergenza, in Italia e all'estero.
Particolare attenzione è rivolta all'azione di prevenzione del disagio psichico e alla promozione
del benessere psicologico e psicosociale rivolta alla comunità nonché al personale di staff e
volontario.
Considerando la risorsa umana formata quale perno strategico sia per ottenere un risultato di
eccellenza con i destinatari dell'intervento, sia per lavorare in scenari di complessità e ad alto
impatto emotivo quali sono le azioni di soccorso o di assistenza a categorie particolarmente
vulnerabili, Croce Rossa Italiana fornisce a staff e volontari supporto psicosociale e training su
tematiche psicosociali.
La Croce Rossa Italiana è parte di ENPS (European Network for Psychosocial Support) che
ha l'obiettivo di facilitare lo scambio delle esperienze e degli sviluppi della dimensione
psicologica tra le Società Nazionali di Croce e di Mezzaluna Rossa in Europa.
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
Pet Teraphy e Ippoterapia
La"Pet Terapy" o "terapia riabilitativa" per bambini, anziani e diversamente abili e l'ippoterapia
(o "riabilitazione equestre") sono programmi di intervento riabilitativo preparati e
periodicamente verificati in rapporto agli obiettivi prefissati per ogni persona assistita.
L'approccio multidisciplinare utilizzato prevede l'ausilio di medici specialisti, terapisti della
riabilitazione, istruttori di equitazione, operatori socio-sanitari e volontari specificatamente
competenti nella riabilitazione e nell'equitazione. I destinatari di questo servizio sono, di solito,
i malati di sclerosi multipla,i traumatizzati cranio-encefalici, i soggetti affetti da paralisi
cerebrale infantile, da autismo, da schizofrenia, da sindrome di Down e da disturbi del
linguaggio a vari livelli.
Pronto Farmaco
Il personale C.R.I. porta la sua assistenza socio sanitaria al domicilio di persone anziane,
malate o diversamente abili, assicurando ad esempio il controllo di parametri vitali, e
provvedendo un aiuto alla persona nel disbrigo di piccole incombenze come consegna della
spesa, fornitura farmaci. Questo servizio viene svolto utilizzando scooter attrezzati, in
collegamento con la sala operativa tramite radio.
Distribuzione Viveri alle famiglie indigenti
La crisi economica sempre più diffusa colpisce sempre più i cittadini: famiglie che, con la crisi
in atto, non riescono ad arrivare alla fine del mese vessati da problemi di mutui, affitti, lavoro
precario.
I Comitati Locali della Croce Rossa Italiana della Campania, in collaborazione con l'Agenzia
per le Erogazioni in Agricoltura (AGEA) e finanziato annualmente con fondi europei, eroga
generi di prima necessità (riso, biscotti, latte, formaggio, pasta, etc.).
L'attività che la CRI svolge da anni prevede la distribuzione periodica, più volte nell'arco
dell'anno, di viveri di prima necessità ai beneficiari (anziani, malati e senza fissa dimora),
assistiti direttamente casa per casa dall'ampia rete territoriale della CRI o indirettamente
attraverso associazioni (tra parrocchie, comunità d'accoglienza, chiese evangeliche, mense
per i poveri) iscritte al programma.
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
La Croce Rossa Italiana si adopera per garantire un'efficace e tempestiva risposta alle
emergenze nazionali ed internazionali, attraverso la formazione delle comunità e lo sviluppo di
un meccanismo di risposta ai disastri altrettanto efficace e tempestivo. ˇ
La gestione sistematica delle emergenze e dei disastri inizia con la preparazione ad un'azione
condotta da volontari e staff organizzati ed addestrati, nonché con la pianificazione ed
implementazione di attività volte a ridurre il rischio di disastri ed emergenze, anche
incoraggiando l'adozione di misure comportamentali ed ambientali, ed a prevenire e ridurre la
vulnerabilità delle comunità.
Gli effetti di un disastro possono essere ridotti se la situazione viene stabilizzata il prima
possibile, consentendo quindi alle persone di iniziare a ricostruire le proprie vite e la propria
comunità. L'intervento a seguito di un disastro mira a facilitare il ristabilimento dei meccanismi
interni della comunità colpita, promuovendo la ricostruzione di una società più inclusiva e
riducendo il rischio di vulnerabilità in caso di disastri futuri.
Obiettivi specifici:
• Salvare vite e fornire assistenza immediata alle comunità colpite dal disastro;
• Ridurre il livello di vulnerabilità delle comunità di fronte ai disastri;
• Assicurare una risposta efficace e tempestiva ai disastri ed alle emergenze nazionali ed
internazionali;
• Ristabilire e migliorare il funzionamento delle comunità a seguito di disastri.
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
LE ATTIVITÀ DELL’OBIETTIVO STRATEGICO 3 DEL
COMITATO REGIONALE CRI CAMPANIA
All'interno di questa visione il Comitato Regionale CRI Campania lavora in una triplice
direzione: la prima, a supporto dei Comitati Locali della regione nella gestione delle
emergenze a livello comunali e/o sovra comunali; la seconda, livello regionale, nella gestione
delle grandi emergenze regionali e nazionali e dei grandi eventi di qualsiasi tipologia; la terza,
centralizzata a livello nazionale con la Sala Operativa Nazionale CRI.
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
La Croce Rossa Italiana condivide con gli altri membri del Movimento Internazionale di Croce
Rossa e Mezzaluna Rossa il mandato istituzionale della disseminazione del Diritto
Internazionale Umanitario, dei Principi Fondamentali e dei Valori Umanitari.ˇ
La Croce Rossa Italiana, in quanto membro del Movimento Internazionale di Croce Rossa e
Mezzaluna Rossa, gode del vantaggio comparativo di poter lavorare in rete con le altre
Società Nazionali di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, nonché con gli altri membri del
Movimento Internazionale, al fine di migliorare l'intervento in favore dei vulnerabili.
Coerentemente con il Principio Fondamentale di Universalità, la Croce Rossa Italiana
condivide le conoscenze, le esperienze e le risorse con altre Società Nazionali.
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
LE ATTIVITÀ DELL’OBIETTIVO STRATEGICO 4 DEL
COMITATO REGIONALE CRI CAMPANIA
• Adempiere il mandato istituzionale della diffusione del Diritto Internazionale Umanitario, dei
Principi Fondamentali e dei Valori Umanitari;
• Sviluppare opportunità di collaborazione all'interno del Movimento Internazionale, coerentemente
con il Principio Fondamentale di Universalità.
• La disseminazione del Diritto Internazionale Umanitario;
• la disseminazione dei Principi Fondamentali e dei Valori Umanitari del Movimento Internazionale;
• i progetti di cooperazione (bilaterali e/o multilaterali) con le altre Società Nazionale sia a livello
nazionale che decentrato;
• le attività volte alla promozione della tutela dell'emblema;
• l'IDRL (International Disaster Response Laws, Rules and Principles, promosso dalla Federazione
Internazionale).
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
La Croce Rossa Italiana, in linea con le indicazioni della Federazione Internazionale delle
Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa (Youth Policy, Strategia 2020), realizza un
intervento volto a promuovere lo "sviluppo" del giovane.
Contribuisce a sviluppare le capacità dei giovani affinché possano agire come agenti di
cambiamento all'interno delle comunità, promuovendo una cultura della cittadinanza attiva.ˇ
Nel quadro della strategia complessiva della Croce Rossa Italiana, i giovani volontari
coordinano in prima persona i processi di pianificazione e gestione di attività e progetti che si
caratterizzano per la metodologia della peer-education, basata su un approccio tra pari.ˇ
Nel perseguire quest'obiettivo la Croce Rossa Italiana promuove una cultura della
partecipazione, favorendo quindi la partecipazione attiva dei giovani volontari ai processi
decisionali.
Riconoscendo il valore del dialogo e della collaborazione intergenerazionale nel
raggiungimento della sua mission, la Croce Rossa Italiana favorisce la partecipazione dei
giovani volontari a tutte le attività dell'Associazione.
La Croce Rossa Italiana riconosce il valore dello specifico contributo che la collaborazione tra
giovani di differenti Società Nazionali apporta alla sua azione volta all'empowerment dei
giovani.
Obietti specifici:
• promuovere lo sviluppo della fascia giovane della popolazione e favorirne l'empowerment;
• promuovere ed educare alla cultura della cittadinanza attiva.
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
LE ATTIVITÀ DELL’OBIETTIVO STRATEGICO 5 DEL
COMITATO REGIONALE CRI CAMPANIA
All'interno di questa visione il Comitato Provinciale di Milano, in supporto ai Comitati Locali
della provincia, svolge attività indirizzate ad un target giovanile, che si sviluppano
principalmente nei luoghi di aggregazione dei giovani, come scuole, locali, associazioni
giovanili, ecc.
Si tratta di sensibilizzare i giovani sui temi connessi al concetto di salute per renderli
consapevoli dei fattori di rischio e quindi attivi nella tutela della salute e della vita.
Portiamo avanti, quindi, campagne sull’educazione alla sessualità e sulle malattie
sessualmente trasmesse, sull’educazione alla sicurezza stradale, sull’educazione alimentare e
sulla donazione volontaria del sangue.
Sviluppiamo attività rivolte ai più piccoli tramite doposcuola, attività in comunità alloggio,
pediatrie e attività di animazione in generale.
Contribuiamo alla diffusione di una cultura della pace e della non violenza, volta alla non
discriminazione e alla valorizzazione delle diversità.
Favoriamo gli scambi nazionali e internazionali organizzati dai network di Croce Rossa e da
associazioni o enti esterni, in moda tale da creare rete e restare sempre aggiornati con i
cambiamenti in atto nella società.
Collaboriamo con altri Enti ed Associazioni, nell’ottica di cooperare per lo sviluppo dei progetti
(vedi l’organizzazione di campi estivi in collaborazione con il dipartimento della gioventù).
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
Essere una Società Nazionale forte significa essere capace di prevenire e affrontare in modo
efficace le vulnerabilità delle comunità.
La costruzione di una Società Nazionale forte passa attraverso una crescita sostenibile, volta
a garantire livelli sempre più elevati di efficacia, efficienza e integrità delle attività operative e
dei processi di gestione, e attraverso l’accountability nei confronti dei beneficiari e di chi
sostiene le nostre attività, nonché attraverso il rafforzamento e lo sviluppo della nostra rete di
volontari.
In questo contesto, la Croce Rossa Italiana riconosce il valore strategico di una comunicazione
che permetta di catalizzare l'attenzione pubblica sui bisogni delle persone vulnerabili, favorisca
la riduzione delle cause della vulnerabilità prevenendo quelle future e mobiliti maggiori risorse
per un'azione sempre più efficace.
Le attività che la Croce Rossa Italiana svolge quotidianamente rappresentano un terreno
sicuro per azioni costanti di diplomazia umanitaria, volte a mantenere in primo piano i bisogni
umanitari delle persone che "non hanno voce".
Obiettivi specifici:
• aumentare la capacità sostenibile della Croce Rossa Italiana, a livello locale e nazionale, di
prevenire ed affrontare in modo efficace le vulnerabilità delle comunità;
• rafforzare la cultura del servizio volontario e della partecipazione attiva;
• assicurare una cultura di responsabilità trasparente nei confronti dei nostri stakeholder;
• mantenere gli statuti, regolamenti e piani d'azione in linea con le raccomandazioni e decisioni
internazionali;
• adattare ogni nostra azione all'evoluzione dei bisogni delle persone vulnerabili.
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
LE ATTIVITÀ DELL’OBIETTIVO STRATEGICO 6 DEL
COMITATO REGIONALE CRI CAMPANIA
Uno dei compiti che si prefigge quest’area di lavoro è quello di organizzare, a livello regionale,
una rete di comunicazione atta a far conoscere al pubblico tutte le attività che vengono svolte
all’interno del Comitato, sensibilizzando l’opinione pubblica sulle nostre cause di advocacy.
Perorare la causa ed essere attivi nel cercare di ridurre le problematiche che portano alla
vulnerabilità delle persone sono compiti della Croce Rossa che, per il Comitato Regionale,
vengono svolti dal Delegato Tecnico Provinciale dell’Area 6.
Una buona comunicazione verso l’esterno agevola le attività finalizzate alla ricerca di
onatori/finanziatori, che con i propri lasciti/finanziamenti danno la possibilità di mettere in atto
i progetti indirizzati sia alla riduzione delle cause della vulnerabilità sia allo sviluppo
dell’associazione in generale: più è efficace la comunicazione, maggiore sarà la accountability
esterna, che si creerà verso gli stakeholder, con una conseguente migliore risposta nel fund
raising e nel reclutamento di nuovi Volontari o nuovi Soci, con relative agevolazioni nello
svolgimento delle attività istituzionali.
In conclusione, tutte le azioni proiettate allo sviluppo associazionistico, alla promozione delle
attività del Comitato , al reclutamento ed alla fidelizzazione dei Soci attivi sostenitori, allo
sviluppo dei partenariati strategici e al fundraising sono attività dell’Area 6.
Prerogative di quest’area sono l’advocacy e la trasparenza assoluta sulle attività svolte non
solo verso gli stakeholder ma anche verso la popolazione in genere (l’impiego dei fondi ricavati
dalle attività di fund raising e dal tesseramento Soci è a disposizione di chi fosse interessato
alla consultazione).
L’attività di comunicazione esterna delle attività delle diverse Aree del Comitato Regionale,
attraverso i media on line e off line e attraverso i social network in cui il Comitato Regionale
stesso è presente con la propria pagina ufficiale, è gestita dallo “Staff comunicazione”, che
risponde direttamente all’Ufficio del Presidente e che si pone al servizio delle esigenze di
divulgazione delle attività dei Comitati locali, laddove ce ne fosse richiesta.
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
IL CENTRO DI FORMAZIONE
CRI CAMPANIA
2
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
IL CENTRO DI FORMAZIONE
CRI CAMPANIA
Il Centro di Formazione della Croce Rossa della Campania, viene costituito nel 2013, a
seguito dell’esigenza di coordinare al meglio i numerosi corsi organizzati dall’Associazione.
Attualmente il Centro di Formazione funge da coordinamento e organizzazione per l’intera
formazione della Croce Rossa.
Il Comitato Regionale CRI Campania vi ha quindi trasferito gran parte dell’intera attività
didattica e quindi la formazione e l’aggiornamento del proprio personale dipendente e
volontario, ma anche i Corsi di Primo Soccorso ed Educazione Sanitaria per la popolazione, le
aziende, altri enti e associazione e per le scuole. Per fare ciò, il Centro di Formazione si
avvale della collaborazione del proprio personale docente: Capomonitori, Monitori, Istruttori,
Medici ed Infermieri.
La sua sede è situata presso il Comitato Regionale CRI Campania - Via San Tommaso
d’Aquino 15 – Napoli.
CORSI ALLA POPOLAZIONE, ALLE SCUOLE E ALLE AZIENDE
L’attività didattica non si esaurisce con la formazione del personale sanitario CRI, ma è
integrata con l’insegnamento del Primo Soccorso che i Monitori svolgono attraverso i Corsi per
la Popolazione e gli incontri con gli alunni delle varie scuole della Provincia. Molte lezioni
vengono infatti richiesta da insegnanti delle scuole elementari, medie e superiori non solo per
fornire agli alunni le nozioni basi dell’Educazione Sanitaria, ma anche per avvicinare i più
giovani al mondo del Volontariato Sociale.
L’interesse per il Primo Soccorso del personale “Laico”, cioè non appartenente ad un servizio
istituzionale di soccorso, è sempre maggiore visto che apprendere tecniche di primo soccorso
è nell’interesse di gran parte dei cittadini in quanto potenziale risorsa per il salvataggio di vite
umane.
Numerosi Corsi di Primo Soccorso sono inoltre organizzati su richiesta delle singole aziende
per la formazione degli “Addetti all’Emergenza in relazione alla legge sulla sicurezza sul
lavoro, che evidenzia la necessità di prevedere persone adeguatamente formate nell’ambito
delle attività di prevenzione e gestione della sicurezza sul lavoro; l’obiettivo del Primo
Soccorso, infatti, comprende da un lato la prioritaria e tempistica attivazione del sistema
esterno di emergenza, dall’altro l’attuazione di ciò che può essere fatto nella fase dei soccorsi
professionali.
CORSI DI RECLUTAMENTO DEI VOLONTARI
L’accesso alla CRI è permesso a chiunque senza discriminazione dovuta a sesso, razza, età,
salute, orientamento sessuale, credo politico o fede religiosa o altre condizioni.
Per diventare Volontario CRI occorre frequentare un corso di formazione he permetterà di
consocere le principali attività svolte dalla Croce Rossa a carattere internazionale, nazionale e
locale. Superata la verifica finale del corso di formazione di base, il Volontario può accedere
agli ulteriori corsi di formazione specialistici previste dalle aree dell’attività CRI e rientranti negli
obiettivi strategici CRI e nella Carta dei Servizi.
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
LE ATTIVITA’ SPECIALI
CRI CAMPANIA
2
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
LE ATTIVITA’ SPECIALI
CRI CAMPANIA
Le Unità Cinofile sono Unità specializzate costituite da Volontari preparati
nelle tecniche di soccorso sanitario e in grado di muoversi agevolmente su
terreni accidentati di varia natura, i cosiddetti conduttori, e da cani
addestrati alla ricerca di persone disperse.
Le Unità cinofile intervengono quindi in operazioni di soccorso e di ricerca
di vario genere, in particolare dopo frane, crolli, valanghe. Per costituire
un'Unità Cinofila da Soccorso è necessario, oltre a far parte di una
componente volontaristica della C.R.I., possedere un cane, assicurare il
cane per le attività addestrative ed operative attraverso un Corso per Unità Cinofile, nel quale
vengono insegnate materie specifiche come la psicologia canina, i diversi modi di
segnalazione del cane a seconda del tipo di intervento, l'uso degli apparati radio.
Al binomio conduttore-cane si affianca un altro operatore non dotato di cane operativo, il
logista cinofilo, che coadiuva il conduttore svolgendo funzioni di supporto organizzativo,
addestrativo e sanitario: ogni volontario adeguatamente addestrato può ricoprire questo
incarico. Indispensabili, infine, per l'addestramento dei cani sono i cosiddetti figuranti, operatori
attraverso i quali si insegna ai cani a cercare le persone disperse e segnalarle al conduttore.
Per diventare figurante è necessario effettuare un test di abilitazione, durante il quale è
valutata la capacità di interagire con il cane, oltre a seguire un corso per unità cinofile.
I Volontari Clown di Corsia, denominati Dottor Clown, svolgono le loro
attività nel settore socio assistenziale con l'intento di alleviare la sofferenza
delle
persone.
In contesti di disagio sociale o fisico operano sdrammatizzando, ironizzando,
utilizzando le tecniche della Clown Terapia e la competenza della geotologi
per ridurre la percezione dolorosa e per prevenire il peggioramento delle
condizioni di salute, dovuto a depressione, tristezza, senso di solitudine e
abbandono. Per raggiungere lo scopo che muove la sua attività il Dottor Clown deve
possedere:
1. Competenze artistiche mutuate dall'arte della clownerie: pantomima, improvvisazione
teatrale,
comicità,
creatività
manuale,
piccola
magia
e
giocoleria
2. Capacità relazionali, pensiero positivo, equilibrio della personalità, buona attitudine
all'ascolto, capacità di stabilire una comunicazione consapevole con se stessi e con gli altri,
capacità di lavoro in coppia e in gruppo, umiltà, empatia e tolleranza
3. Conoscenza delle tecniche di comunicazione e dei contesti operativi in cui si agisce
4. In ambito operativo, un forte senso di responsabilità nel rispetto di norme (igiene, sicurezza
sul lavoro), regolamenti, privacy, sicurezza e autoprotezione, consapevolezza e senso del
limite
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
Le Squadre di Soccorso per l’Emergenza Psicologica (SSEP) della Croce
Rossa Italiana sono formate da psicologi e soccorritori psicosociali per
l’emergenza psicologica (volontari che hanno seguito un apposito corso di
formazione). Ogni evento critico, sia esso una grande catastrofe o un incidente
stradale, un attentato terroristico o la morte sul lavoro, comporta, accanto alle
sofferenze fisiche anche delle importanti sofferenze psicologiche. Se le prime appaiono del
tutto evidenti, le seconde, anche se nascoste e misconosciute, sono in grado di determinare
sofferenze anche per periodi molto lunghi dopo la fine dell’evento scatenante.
Le Squadre di Soccorso per l’Emergenza Psicologica (SSEP) si pongono l’obiettivo di dare
risposta a questa sofferenza, sia essa espressa dalle vittime dell’evento critico o dai
soccorritori intervenuti.
Al fine di perseguire gli obiettivi proposti, le SSEP si sono dotate di linee guida formulate in
osservanza delle “Guidelines for the implementation of a psychological support programme in
emergencies” redatte ed adottate dalla Federazione Internazionale della Croce Rossa, in
particolare dal suo gruppo ENPS (European Network for Psychological Support )
Le SSEP delle CRI possono intervenire nelle emergenze locali, nazionali ed internazionali.
Ogni SSEP ha la suo interno un numero di psicologi e di soccorritori psicosociali, adeguato a
costituire anche più unità di intervento. Gli psicologi impiegati nella SSEP possiedono
un’adeguata formazione clinica e in psicologia dell’emergenza, si impegnano a partecipare ad
ogni attività formativa idonea a mantenere elevata la propria professionalità in materia.
All’interno di ogni SSEP possono essere presenti più psicologi e, in questo caso, uno di loro,
su indicazione del Coordinatore nazionale, assume il ruolo di Coordinatore Psicologo della
SSEP stessa. Gli psicologi, al di fuori dell’impiego operativo, hanno i seguenti compiti:
 garantire la formazione permanente dei soccorritori psicosociali, secondo le linee guida
nazionali;
 fornire adeguata assistenza psicologica a tutti i volontari della CRI, sia partecipando alle
attività formative, sia garantendo interventi di attenuazione dello stress da impiego.
Il soccorritore psicosociale per l’emergenza psicologica è un volontario di CRI, debitamente
formato, che presta la sua opera:
 in coordinamento con lo psicologo negli interventi operativi;
 in supporto alle persone colpite da aventi critici o da situazioni catastrofiche;
 in supporto ai colleghi volontari che dovessero attraversare momenti critici nel corso del
proprio lavoro di soccorritori. Tale attività non si sostituisce a quella dello psicologo, ma
agisce da prima interfaccia con il collega in difficoltà. Essa ha anche l’obiettivo di portare
all’interno di tutta l’organizzazione di soccorso CRI la sensibilità all’attenzione alle
sofferenze non materiali.
Tra i Soccorritori psicosociali per l’emergenza psicologica sarà individuato, a cura della SSEP
stessa, il Coordinatore Operativo della Squadra.
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
I Truccatori della Croce Rossa Italiana sono Volontari
adeguatamente istruiti ad utilizzare specifiche tecniche di trucco
volte a rendere quanto più reale possibile la simulazione di un
evento che produca traumi fisici sulla persona, utilizzabili in
occasione di esami, corsi di formazione, manifestazioni, gare ed esercitazioni di Primo
Soccorso e Protezione Civile.
I Simulatori della Croce Rossa Italiana sono volontari adeguatamente istruiti su specifiche
tecniche di recitazione volte a rendere quanto più reale possibile la simulazione di un evento
che produca traumi fisici sulla persona; sono impiegabili in occasione di esami, corsi di
formazione, manifestazioni, gare ed esercitazioni di Primo Soccorso e Protezione Civile.
Chi sono gli Operatori Polivalenti di Salvataggio in Acqua della Croce
Rossa Italiana (OPSA)?
La risposta non è certo facile e troppo facile è definirci come "i bay-watch
italiani" ma proveremo a darla col minor numero di parole possibile. Gli
O.P.S.A. sono Volontari che impiegano il loro tempo libero nel volontariato
per fornire un servizio di assistenza presso le coste e le acque interne.
I nostri interventi operativi coprono un largo spettro di azione: assistenza ai
bagnanti sulle spiagge e le acque interne, assistenza alle gare sportive acquatiche di ogni tipo,
interventi di elisoccorso, protezione civile per calamità naturali o incidenti, interventi subacquei,
emergenze dove è necessaria una camera iperbarica, assistenza in acqua ai portatori di
handicap, trasporto infermi in acqua, prevenzione.
I Volontari specializzati in Soccorsi con Mezzi e Tecniche Speciali sono
addestrati a prestare la loro opera in situazioni dove è possibile agire solo
con l'ausilio di adeguata attrezzatura e preparazione, in particolare in
condizioni ambientali e/o contingenti (calamità o catastrofi) che esigono
l'adozione di particolari procedure di intervento.
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
COME USUFRUIRE DEI
NOSTRI SERVIZI
2
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
DOVE TROVARE LA
CROCE ROSSA IN CAMPANIA
COMITATO REGIONALE CRI CAMPANIA
INDIRIZZO
Via S. Tommaso d’Aquino, 15 - 80133 - Napoli
TELEFONO
081/5524745 - 2520066
081/5520833
[email protected][email protected]
Avv. Stefania Pisciotta
FAX
E-MAIL
PRESIDENTE
I COMITATI LOCALI DELLA PROVINCIA DI AVELLINO
COMITATO PROVINCIALE CRI AVELLINO
INDIRIZZO
TELEFONO
FAX
E-MAIL
PRESIDENTE
Via Cannaviello,57 - 83100 - Avellino
0825/24122 - 21537
0825/1800437
[email protected][email protected]
Sig.ra Sabata Venezia
COMITATO LOCALE CRI ARIANO IRPINO
INDIRIZZO
TELEFONO
FAX
E-MAIL
PRESIDENTE
Via Giacomo Matteotti - 83031 – Ariano Irpino (AV)
0825/825531
0825/829721
[email protected] – cl.arianoirpino @pec.cri.it
Dr.ssa Patrizia Savino
I COMITATI LOCALI DELLA PROVINCIA DI BENEVENTO
COMITATO PROVINCIALE CRI BENEVENTO
INDIRIZZO
TELEFONO
FAX
E-MAIL
PRESIDENTE
Via Martiri d’Ungheria - 82100 - Benevento
0824/314846
0824/314863
[email protected] – cp.beneventopec.cri.it
Avv. Stefano Tangredi
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
I COMITATI LOCALI DELLA PROVINCIA DI CASERTA
COMITATO PROVINCIALE CRI CASERTA
INDIRIZZO
TELEFONO
FAX
E-MAIL
PRESIDENTE
C.so Giannone, 1 - 81100 - Caserta
0823/321204
0823/353612
[email protected][email protected]
Dr. Aniello Leonardo Caracciolo
COMITATO LOCALE CRI AURUNCO
INDIRIZZO
TELEFONO
FAX
E-MAIL
PRESIDENTE
Via Santuario,1 - 81030 – Sessa Aurunca (CE)
0823/735055
0823/735065
[email protected][email protected]
Sig. Cesare Viglione
COMITATO LOCALE CRI CASERTA NORD
INDIRIZZO
TELEFONO
FAX
E-MAIL
PRESIDENTE
Via P.A. Iannotta, 34 - 81020 – Casapulla (CE)
0823/493865
0823/1760415
[email protected][email protected]
Sig. Giuseppe Papillo
I COMITATI LOCALI DELLA PROVINCIA DI NAPOLI
COMITATO PROVINCIALE CRI NAPOLI
INDIRIZZO
TELEFONO
FAX
E-MAIL
PRESIDENTE
C.so S. Giovanni a Teduccio,45 - 80133 - Napoli
081/2286811
081/2286854
[email protected][email protected]
Dr. Paolo Monorchio
COMITATO LOCALE CRI NAPOLI NORD
INDIRIZZO
TELEFONO
FAX
E-MAIL
PRESIDENTE
Via S. Ten. G.Esposito - 80020 – Casavatore (NA)
081/5734409
081/19305334
[email protected][email protected]
Sig. Giambattista Ganzerli
COMITATO LOCALE CRI NAPOLI SUD
INDIRIZZO
TELEFONO
FAX
E-MAIL
PRESIDENTE
Via S. Bartolomeo,72 - 80053 – C/Mare di Stabia (NA)
3384063104
081/19305190
[email protected][email protected]
Dr. Antonio Coppola
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
COMITATO LOCALE CRI ERCOLANO
INDIRIZZO
TELEFONO
FAX
E-MAIL
PRESIDENTE
C.so Resina, 119 - 80056 – Ercolano (NA)
081/7775600
081/19305643
[email protected][email protected]
Sig. Ciro Scognamiglio
COMITATO LOCALE CRI FRATTAMAGGIORE
INDIRIZZO
TELEFONO
FAX
E-MAIL
PRESIDENTE
Via Cumana, 33 - 80025 – Frattamaggiore (NA)
081/8890410
081/8890410
[email protected][email protected]
Sig.ra Michelina Del Prete Damiano
COMITATO LOCALE CRI POMPEI
INDIRIZZO
TELEFONO
FAX
E-MAIL
PRESIDENTE
Via Aldo Moro, 2 (IV Trav.) – 80045 – Pompei (NA)
081/8507325
081/8508875
cl.pompei @cri.it – [email protected]
Sig. Angelo Raimondo Eliano
COMITATO LOCALE CRI PORTICI
INDIRIZZO
TELEFONO
FAX
E-MAIL
PRESIDENTE
C.so Garibaldi, 55 - 80055 – Portici (NA)
081/470505
081/470505
[email protected][email protected]
Sig. Domenico Monte
I COMITATI LOCALI DELLA PROVINCIA DI SALERNO
COMITATO PROVINCIALE CRI SALERNO
INDIRIZZO
TELEFONO
FAX
E-MAIL
PRESIDENTE
Via S. Leonardo, 161 - 84131 - Salerno
0829/331872
0829/332614
[email protected][email protected]
Sig. Renato Del Mastro
COMITATO LOCALE CRI DELL’AGRO
INDIRIZZO
TELEFONO
FAX
E-MAIL
COMMISSARIO
Via Cristoforo Colombo,1 - 84012 – Angri (SA)
081/5131626
[email protected][email protected]
Sig. Alessandro Scutiero
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
COMITATO LOCALE CRI AGROPOLI E CILENTO
INDIRIZZO
TELEFONO
FAX
E-MAIL
PRESIDENTE
Via Lombardia - 84043 – Agropoli (SA)
0974/1855112
0974/1855111
[email protected][email protected]
Dr. Vincenzo Della Monica
COMITATO LOCALE CRI CAVA DEI TIRRENI
INDIRIZZO
TELEFONO
FAX
E-MAIL
COMMISSARIO
…
…
…
…
Sig. Antonio Abate
COMITATO LOCALE CRI CAPACCIO-PAESTUM
INDIRIZZO
TELEFONO
FAX
E-MAIL
COMMISSARIO
P.za Gromola - 84047 – Capaccio (SA)
0828/724999
0828/724999
[email protected][email protected]
Sig. Luigi Scala
COMITATO LOCALE CRI COSTA D’AMALFI
INDIRIZZO
TELEFONO
FAX
E-MAIL
PRESIDENTE
Via Pasitea, 120 - 84017 – Positano (SA)
089/811912
089/8123220
[email protected][email protected]
Sig.ra Daniela Volpe
COMITATO LOCALE CRI GIFFONI VALLE PIANA
INDIRIZZO
TELEFONO
FAX
E-MAIL
COMMISSARIO
Via Beneventano,1 - 84095 – Giffoni Valle Piana (SA)
089/866088
089/9828126
[email protected][email protected]
Sig. Bruno Rinaldi
COMITATO LOCALE CRI SALERNO
INDIRIZZO
TELEFONO
FAX
E-MAIL
PRESIDENTE
Via Roma, 258 - 84100 - Salerno
089/254455
089/222001
[email protected][email protected]
Sig. Antonio Carucci
COMITATO LOCALE CRI SAPRI
INDIRIZZO
TELEFONO
FAX
E-MAIL
PRESIDENTE
Loc. Mocchie - 84073 – Sapri (SA)
0973/603181
0973/603166
[email protected][email protected]
Avv. America Carmen Luisa Marotta
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
COMITATO LOCALE SERRE
INDIRIZZO
TELEFONO
FAX
E-MAIL
PRESIDENTE
Via Ennio D’Aniello,1 - 84028 – Serre (SA)
0828/977000
0828/974006
[email protected][email protected]
Sig. Giovanni Addis
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
RELAZIONI CON IL PUBBLICO
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
SOSTIENI LE NOSTRE ATTIVITÀ E I
NOSTRI PROGETTI
DIVENTA VOLONTARIO CRI
Sono Volontari della C.R.I. coloro i quali svolgono in maniera regolare un'attività di volontariato
per la Croce Rossa Italiana.
Essi:
• traducono in azione il principio fondamentale della Volontarietà, secondo il quale il
Movimento Internazionale è “un'istituzione di soccorso, disinteressata e basata sul principio
volontaristico”;
• svolgono in modo personale ed a titolo spontaneo e gratuito un'attività materiale o
intellettuale per la Croce Rossa Italiana, senza avere fini di lucro, anche indiretto, e senza
esserne costretti per pressioni di natura sociale, economica o politica;
• intendono beneficiare le persone vulnerabili e le loro comunità, nel rispetto dei Principi
Fondamentali del Movimento, della strategia della Federazione Internazionale delle Società di
Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, dello Statuto e degli obiettivi strategici della Croce Rossa
Italiana;
• operano, adeguatamente formati e preparati, in tutte le attività associative secondo le proprie
inclinazioni ed a tutti i livelli istituzionali, ed improntano la propria azione alla reciproca intesa e
mutua collaborazione;
• sono organizzati a tutti i livelli da un Presidente di Comitato C.R.I., da loro eletto a norma di
Statuto, al quale è riconosciuto il compito di rappresentare l'Associazione al proprio livello
istituzionale;
• possono svolgere i servizi ausiliari alle Forze Armate all'interno del Corpo Militare C.R.I. e del
Corpo delle Infermiere Volontarie C.R.I.
Il Volontario C.R.I. acquisisce la qualifica di "Volontario C.R.I. sostenitore" ove versi anche la
quota associativa integrativa, stabilita annualmente dal Consiglio Direttivo Nazionale della C.R.I.
La qualifica di Volontario C.R.I. sostenitore ha durata annuale. I fondi raccolti con il
versamento delle quote dei Volontari C.R.I. sostenitori devono essere utilizzati esclusivamente
per attività di supporto ed inclusione sociale realizzate nei Comitati C.R.I. Locali.
La qualifica di Volontario C.R.I. sostenitore non comporta l'attribuzione di diritti ulteriori rispetto
a quelli degli altri Volontari C.R.I.
Per diventare un Volontario della CROCE ROSSA ITALIANA, contatta la sede CRI più vicina a te.
Un nostro Operatore ti dirà quando inizia il prossimo Corso di Formazione.
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
FAI UNA DONAZIONE AL COMITATO REGIONALE CRI CAMPANIA
• con Bonifico Bancario alla Banca Nazionale del Lavoro - IT47R100503400000000200500
Fare una donazione alla CROCE ROSSA ITALIANA ha i suoi vantaggi fiscali!
[art. 138 punto 14 Legge 388 del 23/12/2000 - TU 917 del 22/12/1986 integrato dall'art 10 D Lgs 460/97]
RECLAMI
Nel caso in cui lo ritenesse opportuno, può presentare un reclamo circa i servizi forniti dalla
Croce Rossa Italiana - Comitato Regionale CRI Campania, a cui verrà data risposta scritta
entro 30 giorni.
La informiamo che la presentazione del reclamo non sostituisce il ricorso amministrativo e
giurisdizionale. È possibile scrivere una mail a [email protected] oppure
[email protected] una comunicazione scritta intestata a CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Regionale CRI Campania, Via S. Tommaso d’Aquino 15 - 80133 Napoli o verificare
le altre possibilità sul sito www.cri.it
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
CROCE ROSSA ITALIANA
COMITATO REGIONALE CRI CAMPANIA
Via S. Tommaso d’Aquino, 15
80133 – Napoli
Telefono: 081/5524745 - 2520066
Fax: 081/5520833
E-mail: [email protected] - [email protected]
Versione
Carta dei Servizi CRI Campania – Vers 1.0
CARTA DEI SERVIZI
CRI CAMPANIA
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
1 395 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content