close

Enter

Log in using OpenID

BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2013

embedDownload
BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2013
EGEA - BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2013
BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2013
Il Bilancio di Sostenibilità 2013 è stato redatto da Antilia s.c.
con la collaborazione dell’Ufficio comunicazione del Gruppo Egea
e dei responsabili dei diversi settori.
www.antilia.to.it
www.egea.it
COORDINAMENTO EDITORIALE
Sandro Baraggioli – Antilia s.c.
Elisa Broccardo – Gruppo Egea
Elisabetta Biestro – Gruppo Egea
CUSTOMER SATISFACTION
Dario Albino – Antilia s.c.
Salvatore Cominu – Antilia s.c.
PROGETTO GRAFICO E STAMPA
Publialba sas - Alba
Un ringraziamento particolare è rivolto a tutti gli stakeholder del Gruppo Egea:
soci e finanziatori, amministratori pubblici e fornitori, collaboratori e professionisti,
rappresentanti dei lavoratori e associazioni di consumatori
che hanno reso possibile la stesura di questo documento
arricchendolo con la loro esperienza e testimonianza.
SEDE LEGALE
Via Vivaro, 2 - 12051 ALBA (Cn)
PER INFORMAZIONI SUL BILANCIO SOCIALE
Ufficio Comunicazione Gruppo Egea: [email protected] - Tel. 0173 441155
SOMMARIO
LETTERA AGLI STAKEHOLDER . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
NOTA METODOLOGICA E PERIMETRO DI RENDICONTAZIONE. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
1. IL GRUPPO EGEA. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
Dal cuore del Piemonte al Nord-Ovest alimentando sinergie virtuose.
Intervista a PierPaolo Carini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
Egea, strumento per migliorare la qualità della vita sul territorio.
Intervista a Fulvio Baratella. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
La storia. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
La struttura del Gruppo Egea. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
I servizi gestiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
Missione e valori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
Obiettivi e strategie. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
2. I RISULTATI ECONOMICI DEL GRUPPO EGEA. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
Obiettivo: protagonisti della ripresa economica.
Intervista a Valter Bruno. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
I risultati del Gruppo Egea. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
Calcolo e distribuzione del “valore aggiunto” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
3. IL MODELLO EGEA DI SOSTENIBILITÀ
E RESPONSABILITÀ SOCIALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
Sostenibilità e responsabilità sociale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
Gli strumenti di governo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
Gli stakeholder. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
Dinamismo ed efficienza, le nostre parole d’ordine.
Intervista a Sebastiano Contegiacomo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
Egea si declina al futuro. Intervista a Giuseppe Zanca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
PERSONALE. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
AZIONISTI E FINANZIATORI. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60
CLIENTI. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
L’INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
COLLETTIVITÀ. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86
FORNITORI. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
4. EGEA E L’AMBIENTE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94
EGEA E L’ENERGIA. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
L’energia “su misura”. Intervista a Piergiorgio Carotta. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
Cogenerazione e teleriscaldamento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 104
Rinnovabili. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114
Fotovoltaico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115
Biogas. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
Risparmio ed efficienza energetica. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118
Impatti ambientali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
CICLO IDRICO E SERVIZI AMBIENTALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124
Egea e la tutela del territorio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
Una grande partita da giocare su ciclo idrico e raccolta rifiuti.
Intervista a Lorenzo Veronese. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
Il servizio idrico integrato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 128
Il servizio ambientale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
APPENDICE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
Obiettivi di miglioramento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
Il Gruppo in Sintesi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136
Indicatori GRI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 142
Questionario di valutazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 144
LETTERA AGLI “STAKEHOLDER”
Con l’edizione 2013 del Bilancio di Sostenibilità, Egea
testimonia la volontà di informare i propri stakeholder
in modo trasparente e approfondito sulle performance
economiche, sociali e ambientali del Gruppo.
Il Bilancio Sociale affianca idealmente il Bilancio
di Esercizio e si propone come strumento di
approfondimento, di dialogo e quindi di confronto con
chi fosse interessato ad integrare la propria conoscenza
del Gruppo Egea.
Allo stesso tempo, attraverso la stesura di questo
documento, abbiamo voluto dotarci di un importante
supporto per la gestione dei processi interni all’impresa
raccogliendo, sistematizzando e presentando in modo
divulgativo dati, strategie, iniziative che coinvolgono il
Gruppo e i propri portatori di interesse.
La realtà di Egea è in costante evoluzione. Il Gruppo
segna anche quest’anno un aumento in tutti i principali
indici di performance economica nonostante il contesto
economico sfavorevole, la contrazione generalizzata
dei consumi e un mercato del credito poco favorevole.
Questo significa che abbiamo costruito un modello di
business competitivo e solido, un modello che ha nel
radicamento territoriale la propria spina dorsale, un
modello che è destinato a svilupparsi nel tempo per aree
contigue di territorio e in maniera graduale coinvolgendo
nuovi territori, nuovi mercati.
Egea è oggi uno dei principali soggetti multiutility presenti
in Italia, il primo operatore locale del sud Piemonte, un
punto di riferimento per il sistema delle imprese e per
le comunità che vivono e lavorano su questo territorio.
Attraverso il Bilancio di Sostenibilità abbiamo voluto
testimoniare la peculiarità del nostro Gruppo, la storia,
il presente e le ambizioni che ci caratterizzano; siamo
da sempre attenti a crescere in armonia con l’ambiente
circostante proseguendo nel nostro programma
di investimenti nelle energie rinnovabili, in quelle
assimilate e più in generale nella riduzione dell’impatto
6
ambientale dei servizi pubblici. Il nostro core-business,
il teleriscaldamento, in cui vantiamo una leadership
nazionale negli impianti per le piccole e medie città,
è un sistema di distribuzione efficiente di calore a
imprese e famiglie che riduce in modo significativo le
emissioni di gas in atmosfera e consente un risparmio
generale sui consumi energetici. Allo stesso modo, lo
sviluppo degli impianti a biogas rimanda alla capacità
di generare energia pulita dagli scarti degli allevamenti
e dell’agricoltura rendendo un duplice servizio
all’ambiente: riduzione degli scarti e degli sprechi e
minore impatto delle emissioni derivanti dai processi di
generazione energetica.
Rispetto al documento precedente l’edizione 2013
si caratterizza per una maggiore ricchezza di dati e
informazioni, sia attraverso la rendicontazione di un
numero maggiore di indicatori e variabili, sia perché
pone la propria attenzione su un perimetro “allargato”
rispetto al passato.
Si è infatti deciso di ampliare lo sguardo sul Gruppo Egea
estendendo la rendicontazione sociale e ambientale
alle 28 società partecipate non incluse all’interno del
perimetro di consolidamento.
La scelta nasce dalla volontà di offrire agli stakeholder
una fotografia più nitida e di maggior dettaglio sulle
attività che coinvolgono il Gruppo e sull’universo
strategico in cui opera Egea.
Con questa nuova edizione del Bilancio di Sostenibilità
ci auguriamo di poter comunicare con efficacia e
completezza i risultati raggiunti fino ad oggi e gli obiettivi
di miglioramento per il futuro.
Un caro saluto
Il team di lavoro sul Bilancio di Sostenibiltà
Gruppo Egea
NOTA METODOLOGICA
IL BILANCIO DI
SOSTENIBILITÀ 2013
Il Bilancio di Sostenibilità è stato redatto secondo i principi di rendicontazione e gli indicatori di performance
proposti nelle Linee guida GRI (Global reporting initiative), l’organizzazione internazionale leader mondiale
nell’elaborazione di linee guida sulla rendicontazione
di sostenibilità (“Sustainability Reporting Guidelines,
Versione G3.1)” e del supplemento “Utility” del Settore
elettrico (Sustainability Reporting Guidelines & Electric
Utility Sector Supplement, RG Version 3.1/EUSS).
Le linee guida proposte dalla GRI sono state assunte
come riferimento dalla larga maggioranza delle imprese
di maggiori dimensioni che elaborano report di rendicontazione sociale nei vari Paesi del mondo.
I contenuti previsti dal GRI sono stati integrati con il
prospetto di determinazione e distribuzione del Valore
aggiunto elaborato secondo i Principi di redazione del
bilancio sociale previsti dal “Gruppo di studio sul Bilancio Sociale” (GBS), una delle organizzazioni italiane che
si occupano di rendicontazione.
I contenuti del bilancio sono stati predisposti tenendo
conto delle informazioni considerate rilevanti per gli stakeholder aziendali, rispettando i principi di trasparenza,
completezza, verificabilità, inclusività, accuratezza, chiarezza, tempestività, rilevanza, neutralità.
Il processo di coordinamento dell’attività di rendicontazione sociale è stato gestito internamente dall’area Comunicazione del Gruppo; i dati sono stati raccolti attraverso un’intensa attività di coinvolgimento e confronto
con i referenti delle aree e delle funzioni considerate
rilevanti al fine della rendicontazione. Le informazioni
sono state raccolte all’interno di specifiche schede predisposte ad hoc per la rendicontazione di sostenibilità.
Al fine di ottenere un maggior coinvolgimento degli stakeholder interni al Gruppo sin dalla fase di progettazione
del Bilancio e via via attraverso le fasi di raccolta delle
informazioni e di redazione del Bilancio di Sostenibilità,
è stata realizzata una ricognizione qualitativa attraverso testimonianze dirette di “testimoni privilegiati” che
hanno contribuito alla ricostruzione delle attività e delle
modalità di lavoro del Gruppo Egea utilizzando punti di
vista diversi e distanti, evidenziando non solo i principali
elementi di forza dell’azienda e le eventuali criticità, ma
anche la ricchezza della rete di relazioni intessuta con il
territorio.
I CONTENUTI DEL RAPPORTO
Il Rapporto si riferisce ai dati operativi e quantitativi del
2013. Il processo di rendicontazione che il Gruppo Egea
ha intrapreso con la stesura del Bilancio di Sostenibilità
si fonda sull’equilibrio di tre dimensioni fondamentali
(Economica, Sociale e Ambientale) che delineano l’impresa sostenibile come un’organizzazione finalizzata
alla creazione di valore nel lungo periodo, invece che
alla massimizzazione del profitto nel breve.
Attraverso il Bilancio di Sostenibilità l’organizzazione verifica la propria capacità di gestire l’equilibrio tra le tre
diverse dimensioni e realizza il monitoraggio, la rendicontazione e la comunicazione delle proprie performance ambientali, sociali ed economiche.
La prima sezione del Bilancio è dedicata alla descrizione dell’Identità aziendale, alla storia del Gruppo, al suo
assetto organizzativo e all’identificazione dei servizi erogati, nei diversi territori serviti e agli obiettivi strategici
per il futuro.
La sezione numero 2 ospita i Risultati Economici del
2013, la determinazione e la distribuzione del “Valore
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Introduzione
7
aggiunto” secondo le linee guida del GBS e secondo la
loro formalizzazione come norme di rendicontazione sociale per le amministrazioni pubbliche.
in questi ultimi mesi. La scelta di inserire questa iniziativa è volta a restituire informazioni, dati e interpretazioni
sul rapporto tra il Gruppo Egea e i propri clienti.
I dati ambientali, presentati nella Sezione 4, sono stati
raccolti attraverso l’utilizzo di dettagliate schede di rilevazione distribuite ai diversi referenti di settore. La raccolta è stata condotta su un numero elevato di indicatori
(circa 200) ampliando lo sguardo rispetto all’edizione
precedente e ha interessato i dati relativi alla produzione
dei diversi servizi, all’impatto sull’ambiente delle attività
industriali, alle emissioni prodotte e risparmiate, al risparmio energetico conseguito.
La sezione 3, denominata il Modello Egea, identifica il
peculiare sistema di relazioni in cui è inserito il Gruppo,
la specificità del proprio assetto azionario, di governo e
di rapporto con i diversi stakeholder.
Si è scelto, come per l’anno passato, di non inserire il
tema del governo del Gruppo nella Sezione 1 sull’identità ma di inquadrarlo nella Sezione 3 trattandolo come
esito diretto di una specifica e particolare configurazione
dell’assetto azionario di Gruppo.
IL PERIMETRO DI RIFERIMENTO
Egea ha un azionariato fortemente improntato al locale, i soci sono in larga maggioranza soggetti pubblici e
privati del territorio del territorio stesso su cui il Gruppo
opera, pertanto, il tema del governo è essenzialmente un
tema di rapporto con il sistema socio-economico locale.
Il perimetro di riferimento per la redazione del rapporto
varia in relazione agli ambiti considerati. Per quanto riguarda la “Responsabilità economica” sono considerate
nel perimetro di rendicontazione tutte le società direttamente o indirettamente controllate dalla capogruppo
Egea Spa (area di consolidamento) presenti nel Gruppo
per l’intero anno.
A seguire è stato dedicato uno specifico capitolo per
ognuna delle categorie di stakeholder per offrire un quadro omogeneo, completo e trasparente dell’organizzazione e dei rapporti che il Gruppo Egea ha costruito con
i propri portatori di interesse.
Per quanto riguarda la “Responsabilità ambientale e sociale” oltre alle società presenti all’interno del perimetro
di consolidamento sono state incluse società non consolidate in cui Egea detiene una quota significativa del
capitale e contribuisce alla loro gestione operativa.
In apertura di ciascun capitolo dedicato ai diversi stakeholder vengono riportati gli obiettivi di miglioramento
per il futuro, e i principali dati quantitativi rilevanti per il
2013. Sempre all’interno della sezione 3 è stata inserita
la sintesi dell’Indagine di Customer Satisfaction condotta
Il documento si chiude con una scheda di valutazione
utile a raccogliere i giudizi, le impressioni e i suggerimenti dei lettori per consentire il miglioramento futuro
dello strumento nelle sue edizioni prossime.
GRI APPLICATION LEVEL
Il gruppo di lavoro dichiara di aver raggiunto il LIVELLO A di rendicontazione.
G3 Performance
Indicators &
Sector Supplement
Performance
Indicators
B+
Report on all criteria listed for Level C plus:
1.2
3.9, 3.13
4.5 - 4.13, 4.16 - 4.17
Management Approach
Disclosures for each
Indicator Category
Report on a minimum of 20 Performance
Indicators, at least one from each of:
Economic, Environmental, Human rights,
Labor, Society, Product Responsibility.
A
A+
Same as requirement for
Level B
Management Approach
Disclosures for each Indicator Category
Report Externally Assured
OUTPUT
Reprt on a minimum of 10 Performance
Indicators, including at least
one from each of: Economic,
Social and Environmental.
B
Report Externally Assured
OUTPUT
Report on:
1.1
2.1 - 2.10
3.1 - 3.8,3.10 - 3.12
4.1 - 4.4,4.14 - 4.15
Not Required
G3 Management
Approach
Disclosures
OUTPUT
Standard Disclosures
G3 Profile
Disclosures
C+
Report Externally Assured
C
Report Application Level
Report on each core G3 and Sector Supplement* Indicator with due regard to the
Materiality Principle by either: a) reporting
on the Indicator or b) explaining the reason
for its omission.
*Sector supplement in final version
8
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Introduzione
9
1.0
IL GRUPPO EGEA
L’impresa al centro del territorio
e il territorio al centro dell’impresa
Egea è una delle maggiori multiutility locali in Italia,
il primo tra i gruppi a maggioranza privata; ma soprattutto Egea è un’impresa del territorio.
Nata come società per la distribuzione del gas nella città di Alba ha saputo crescere, affrontando le sfide e le opportunità della liberalizzazione dei mercati energetici, perseguendo una strategia di diversificazione dell’offerta focalizzata essenzialmente, non esclusivamente, sull’area del medio basso Piemonte, e conquistando una posizione di leadership in provincia di Cuneo.
Egea ha sviluppato un proprio modello di business fondato sui valori della concretezza,
dell’ambizione e della prudenza, gli stessi che identificano la storia e l’etica del lavoro
nelle Langhe, gli stessi che guidano le tante imprese che da questo territorio
sono partite per conquistare prestigio nazionale e internazionale.
Diventare leader sul territorio nella gestione dei servizi pubblici locali e consolidarsi come punto di riferimento per lo sviluppo delle infrastrutture,
dei servizi e della qualità della vita delle aree in cui opera è l’ambizione che ha guidato
il Gruppo negli anni passati ed è la mission che continua a perseguire.
Il modello del teleriscaldamento identifica in pieno la strategia:
realizzare investimenti locali e far crescere competenze ed eccellenze collaborando
con le Amministrazioni Pubbliche e il sistema industriale del territorio,
con l’obiettivo di migliorare i servizi al cittadino e la qualità dell’ambiente a cui siamo tutti,
indissolubilmente, legati e della cui tutela siamo tutti responsabili.
In questo settore il Gruppo Egea si è ritagliato un ruolo di spicco in ambito nazionale
raggiungendo posizione di leadership nella realizzazione e gestione
di impianti di cogenerazione e sistemi di teleriscaldamento per le città sotto i 30.000 abitanti.
Per il Gruppo Egea essere impresa di
sistema ha da sempre significato grandi investimenti e l’apertura di nuovi
spazi di intervento: dal gas all’energia elettrica, dal teleriscaldamento ai
servizi ambientali e del ciclo idrico
integrato, dalle energie rinnovabili
all’efficientamento energetico. Egea
si è messa al servizio del territorio
promuovendo iniziative mirate, disegnate sulle specifiche esigenze locali e ha aperto il proprio capitale alle
Pubbliche Amministrazioni, al sistema
imprenditoriale e a quello finanziario
del territorio.
520 DIPENDENTI
849 MILIONI DI EURO DI VALORE DELLA PRODUZIONE
76,5 MILIONI DI EURO DI INVESTIMENTI
NEGLI ULTIMI 4 ANNI; 13,1 NEL 2013
71,2 MILIONI DI EURO DI INDOTTO GENERATO
DI CUI 31 MILIONI DI EURO SUL TERRITORIO DEL CUNEESE
28.960 CLIENTI ENERGIA ELETTRICA
51.400 CLIENTI GAS
143.000 ABITANTI SERVITI DALLA RACCOLTA RIFIUTI
254.000 UTENTI DEL SERVIZIO IDRICO
5,5 TWh DI ENERGIA ELETTRICA VENDUTA
320 MILIONI DI METRI CUBI DI GAS VENDUTO
4.700 TONNELLATE DI RIFIUTI GESTITI
20 MILIONI DI METRI CUBI DI ACQUA FATTURATA
CAPACITÀ TERMICA INSTALLATA: 447 MW
PRODUZIONE DA FONTI RINNOVABILI: 25,89 GWh
LUNGHEZZA RETE DI DISTRIBUZIONE GAS: 1200 KM
LUNGHEZZA RETE DI ACQUEDOTTO: 3592 KM
15 CITTÀ TELERISCALDATE: Acqui Terme, Alba, Canale,
Cairo Montenotte, Carmagnola, Corneliano, Cortemilia,
Fossano, Magliano Alfieri, Nizza Monferrato, Ormea,
Piobesi, Piossasco, Bra (alle quali aggiungere
Alessandria che entrerà in funzione nel 2014)
11
DAL CUORE DEL PIEMONTE
AL NORD-OVEST,
ALIMENTANDO SINERGIE VIRTUOSE
Continueremo a crescere proseguendo su quel percorso di sviluppo, organico e
a cerchi concentrici sul territorio, che ha contraddistinto la storia del Gruppo
Egea negli ultimi anni.
Quanto è cambiato il Gruppo Egea e quali sono le
tappe più significative che ne hanno contraddistinto la storia?
L’avventura industriale di Egea ha origine all’inizio degli anni Ottanta, in particolare dal 1983, anno in cui
l’Ingegner Emanuele Carini, mio padre, dopo una lunga carriere in Eni e in alcune delle maggiori aziende
municipali italiane, giunse ad Alba con l’obiettivo di
trasferire qui il modello virtuoso della municipalizzazione in particolare emiliano-romagnola; un modello
fondato sullo sviluppo multiservizi, allora centrato sul
gas metano; realizzazione industriale, inoltre, che vedeva la propria diffusione su tutto il territorio, e non
solo nelle città, e che era basato sull’idea che l’impresa
locale avesse come dovere lo sviluppo di infrastrutture
e servizi di qualità per le amministrazioni pubbliche e
le comunità locali. Con questa logica Egea è cresciuta
già nei quindici anni successivi aggregando nuovi servizi, in primis il teleriscaldamento di Alba (tra i primi in
Italia dopo Brescia, Torino e Reggio Emilia), il servizio
idrico, e la raccolta dei rifiuti.
12
in rappresentanza delle comunità locali, e successivamente molti rilevanti soggetti del mondo industriale e
finanziario del territorio. È in particolare questo secondo aspetto che ci caratterizza, ancora oggi, come una
delle maggiori utility di sistema locale, una sorta di cerniera e di complemento tra il sistema produttivo locale,
le amministrazioni locali e le famiglie.
Quali sono state le scelte strategiche conseguenti?
Ci siamo resi conto di essere solo all’inizio di un processo di consolidamento industriale; quanto realizzato
fino a 15 anni fa è stata la premessa allo sviluppo che ci
ha portati ad essere tra le prime 10 multiutility in Italia
per fatturato. I nostri soci, che prima erano solo nostri
clienti, sono oggi nostri partner industriali e finanziari;
hanno creduto in Egea e continuano ad investire nei
progetti che portiamo avanti. Questa è la forza di Egea:
creare sinergie territoriali tra soggetti diversi, consegnando al territorio valore, sotto forma di investimenti,
lavoro, servizi all’avanguardia.
Si è andato consolidando un modello innovativo
per il territorio?
Il teleriscaldamento è forse il vostro “asset” più
rilevante...
Si sono poste le basi e compiuti alcuni passaggi fondamentali per trasformare la vecchia azienda consortile
sovracomunale per il gas in un soggetto multiservizio
per le comunità di Alba, della Langa e del Roero, e del
cuneese. Per completare il percorso e la transizione
verso l’attuale assetto del nostro Gruppo era, tuttavia,
necessario che i soggetti cui offrivamo i servizi partecipassero in prima persona allo sviluppo di Egea, condividendone la strategia, gli obiettivi, le scelte. Nel 1997 e
nel 2003 sono diventati nostri soci da prima i Comuni,
Abbiamo anzitutto un valore: la competenza territoriale. Siamo in grado di proporre iniziative condivise dai
soggetti del territorio, sostenute e finanziate con partner spesso locali, in accordo con le amministrazioni
che ospitano gli investimenti. Il teleriscaldamento è il
servizio che più ci identifica sul mercato, quello su cui
abbiamo investito con maggior forza fino a diventare
leader nazionale negli impianti per le piccole e medie
città. Ritengo tuttavia più corretto immaginarci come
un Gruppo capace di proporre “soluzioni” complete ai
Intervista a
PIERPAOLO CARINI
Presidente del Consiglio di Gestione di Egea Spa
nostri partner e clienti: dal miglioramento dell’efficienza energetica per le imprese e gli edifici residenziali,
allo sviluppo del ciclo di raccolta dei rifiuti, alla distribuzione e depurazione delle acque, all’investimento in
tecnologie per la sostenibilità ambientale.
Guardando al futuro quali sono i vostri obiettivi?
L’Egea di domani continuerà ad essere un punto di riferimento per il territorio, un crocevia tra pubblico e
privato. Siamo in grado di proporci come punto di riferimento per un territorio allargato rispetto a quello servito fino ad oggi, e intendiamo mutuare il nostro modello e crescere per aree concentriche principalmente
nel Nord-Ovest, stringendo accordi con soci industriali e
coinvolgendo le amministrazioni locali.
Crediamo in questo modello di sviluppo e vogliamo
diffondere i livelli di eccellenza raggiunti ad Alba. Di
recente abbiamo investito sull’efficienza energetica
dell’illuminazione pubblica a Savigliano, Acqui Terme e
Bra e nella gestione calore di edifici pubblici; abbiamo
aperto nuovi sportelli sul territorio e potenziato quelli
esistenti per avere una presenza capillare e un contatto diretto con i nostri clienti; stiamo realizzando nuovi
impianti di teleriscaldamento ad Alessandria e a Bra e
abbiamo in progetto altri notevoli investimenti.
In un contesto territoriale che annovera eccellenze riconosciute a livello mondiale Egea vuole contribuire allo
sviluppo di servizi eccellenti, innovando, con la competenza e la qualità che le hanno permesso di affermarsi
in questi anni.
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Interviste
13
EGEA, STRUMENTO PER
MIGLIORARE LA QUALITÀ
DELLA VITA SUL TERRITORIO
Anche a fronte dello sviluppo della multiutility, i soci pubblici continuano a rivestire un
importante ruolo di monitoraggio e condivisione delle strategie del Gruppo, collaborando
alla gestione dei servizi pubblici locali.
Nel suo ruolo di rappresentante dei soci pubblici come ritiene si possano coniugare i legittimi
interessi delle comunità locali ad avere servizi
sempre migliori a costi contenuti e le esigenze di
crescita del Gruppo?
Egea è una realtà per certi versi peculiare, è la maggior
utility in Italia a maggioranza privata, l’unica che ha
aperto il proprio capitale ai soci pubblici e lo ha fatto con l’obiettivo di coinvolgere, comprendere e condividere con la rappresentanza della comunità locale
le proprie strategie. È stato un segnale importante per
il territorio: in un mondo abituato ai processi di delocalizzazione Egea ha scelto di radicarsi ancora di più.
Attraverso il Consiglio di Sorveglianza i soci pubblici
(rappresentanti degli enti locali, e dunque del territorio) possono monitorare e condividere le strategie; in
questo modo esercitano il loro ruolo di controllo per far
sì che le scelte siano indirizzate a sostenere il miglioramento della qualità della vita. Allo stesso tempo i soci
pubblici sono molto attenti alla solidità economica del
Gruppo perché solo se i conti sono in ordine è possibile
fare gli investimenti che si rendono necessari sui territori che amministrano.
gono azioni rivalutate di un’impresa in salute, la stessa
impresa che opera i servizi pubblici sul loro territorio e
che, dunque, in qualità di soci, possono controllare e
contribuire ad indirizzare strategicamente.
Quali sono i passi più significativi computi nel
2013 e quali le prospettive per il prossimo futuro? Da Presidente del Consiglio di Sorveglianza
immagina importanti cambiamenti?
La realtà di Egea è in costante mutamento sia a livello
di business, con la diversificazione dei mercati locali in
cui opera, sia nella compagine azionaria nella quale,
per l’ennesimo anno consecutivo, si è registrato l’ingresso di nuovi investitori che credono nel progetto e intendono farne parte. Questa è una grande attestazione
della credibilità che Egea si è conquistata e della serietà
con la quale opera. La progressiva espansione e diversificazione delle attività del Gruppo sta interessando, in
modo particolare negli ultimi tempi, il settore dei servizi avanzati per la diminuzione degli sprechi di energia
e per l’ammodernamento degli impianti. Servizi erogati alle imprese e, in primo luogo, agli enti pubblici, ai
Vi è in ogni caso un beneficio economico diretto
nell’investimento fatto in Egea circa 15 anni fa.
Non v’è dubbio. Si pensi che il Comune di Alba, per fare
un esempio, acquistò le azioni Egea a 50 centesimi l’una
e ora quelle stesse azioni valgono più di 100 euro ciascuna. Una crescita di questa intensità è davvero difficile da trovare sul mercato, soprattutto perché si tratta di
una progressione costante negli anni. Possiamo dire che
i comuni hanno ottenuto un duplice vantaggio: posseg-
14
quali Egea offre competenze specifiche trasformando in
maniera significativa il proprio modo di operare: non
solo vendere energia, ma promuovere soluzioni complete per l’efficienza e il risparmio energetico. Anche
in questo senso lo sviluppo di Egea e il miglioramento
delle tecnologie che è in grado di mettere in campo generano benefici ai soci pubblici; del resto esistono enormi spazi di efficientamento per gli immobili pubblici, i
sistemi di illuminazione e la segnaletica stradale.
Intervista a
FULVIO BARATELLA
Presidente del Consiglio di Sorveglianza di Egea Spa
L’avvio del progetto su Alessandria, e la realizzazione di un significativo lotto del teleriscaldamento di Bra sono due grandi sfide avviate nel
2013: il teleriscaldamento si conferma il punto di
forza di Egea?
La strategia di crescita per cerchi concentrici e aree
contigue porta il Gruppo a incontrare i capoluoghi del
basso Piemonte. Egea ha le carte in regola per confrontarsi con sistemi urbani più ampi e complessi mettendo
a frutto le competenze acquisite. Quella di Alessandria
è una sfida importante che potrebbe aprire nuove opportunità di crescita. A Bra, Egea intende confermare la
propria leadership locale affermandosi definitivamen-
te in una delle realtà che maggiormente beneficiano
dei servizi erogati dal Gruppo. Il teleriscaldamento è
il core-business: Egea è leader nelle piccole città e sta
studiando per crescere nei medi e grandi centri urbani
piemontesi. L’auspicio è di continuare a trovare nuovi
partner sul territorio stringendo solidi legami anche con
le amministrazioni locali così come fatto fino ad oggi.
L’obiettivo è di crescere federando aree limitrofe, anche
quelle che necessitano di investimenti e non dispongono di servizi di standard elevati quali quelli che Egea è
in grado di offrire. Il teleriscaldamento di Alba ha raggiunto il 90% degli abitanti; la città è la nostra vetrina:
quel modello può essere esportato anche altrove.
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Interviste
15
LA STORIA
1956
1983
Nasce Egea
(inizialmente acronimo di
“Esercizio Gas e Affini”
trasformato successivamente
in “Ente Gestione Energia e
Ambiente”);
è l’azienda distributrice del
gas per il solo comune di
Alba.
2000
Egea, attraverso
la partecipata
“Calore verde”,
avvia il progetto
di teleriscaldamento della
città di Ormea
alimentato da una
centrale a legna
vergine a filiera
corta.
16
➜
Dopo una brillante e lunga carriera prima all’Eni e poi ai vertici di alcune tra le più
importanti aziende municipalizzate del nord Italia, l’ingegner Emanuele Carini trasferì ad
Alba, in Egea, il proprio bagaglio di esperienze, unite alle sue indubbie capacità tecniche.
Piacentino d’origini, l’ingegner Carini ha creduto fortemente nella politica dello sviluppo
del gas metano e l’ha perseguita nel corso di tutta la sua carriera, distinguendosi come
uno dei principali protagonisti dell’affermazione delle aziende multiservizi.
Nasce il Consorzio del gas di Alba Langhe e Roero. Egea ne è la concessionaria e avvia
l’estensione della rete per la distribuzione del metano nell’albese.
In dieci anni i comuni serviti sono 41.
2002
Nasce “Egea commerciale”
in seguito al processo di
liberalizzazione del mercato
energetico italiano. Il settore
della vendita di energia elettrica
e gas cresce a ritmi vertiginosi e
ben presto “Egea commerciale”
si distingue, non solo a livello
locale, come fornitore privilegiato
del mondo industriale prima, e,
negli anni a seguire, delle piccole
e medie imprese e delle utenze
commerciali e domestiche.
2003
➜
Egea apre le porte a nuovi soci privati; ad acquistare
partecipazioni sono perlopiù attori industriali e finanziari
dell’albese.
Dopo essersi aggiudicata, a fine 2002, il servizio di
distribuzione gas nel comune di Burago di Molgora (MB),
Egea ottiene l’affidamento del servizio anche a Besana in
Brianza (MB) e Casarile (MI).
Presso l’impianto di potabilizzazione di via dell’Acquedotto,
ad Alba, è installato un innovativo potabilizzatore a
membrane di ultrafiltrazione, primo in Italia con questa
tecnologia; produce 140 litri al secondo di acqua potabile.
1986
È avviato l’innovativo
progetto di
teleriscaldamento
della Città di Alba
2004
“Tecnoedil” ottiene
la gestione del ciclo
idrico integrato di
Bra
Egea adotta, tra
le prime aziende
italiane, il regime
di governance duale
introdotto con la
riforma del diritto
societario.
1994
Egea vince la gara
per la gestione
trentennale
dell’acquedotto di
Alba
2005
1996
1997
➜
Egea acquisisce le quote di “Stirano”
segnando così il proprio ingresso nel
settore dei servizi ambientali potenziato,
poco più tardi, dalla costituzione di
“Alse”, in partnership con la Comunità
montana “Alta Langa”. In un anno Egea
arriva a gestire servizi idrici ed energetici
per un bacino di 100.000 abitanti.
Successivamente nel 1998 Egea acquisisce
“Tecnoedil” e si rafforza nel settore
dell’acqua potabile con i pozzi del Roero e
la gestione del servizio idrico integrato di
quel territorio.
Egea diventa una
multiutility misto
pubblico-privata:
i Comuni entrano
nella società,
acquisendo
quote di capitale.
2006
➜
Egea acquisisce una partecipazione del 44% in “Alpi
Acque”, società che gestisce il servizio idrico delle
aree fossanese, saluzzese e saviglianese; salgono a
300.000 gli abitanti che usufruiscono di servizi idrici
gestiti dal Gruppo.
È costituita la società “Alba power” (in partnership
paritetica con il colosso dell’industria dolciaria
“Ferrero”) per la realizzazione di una centrale di
cogenerazione che provveda ai fabbisogni energetici
di “Ferrero”, alimenti il teleriscaldamento di Alba e
produca energia elettrica per i clienti Egea.
➜
Egea sigla con il comune di Fossano, la
convenzione per la realizzazione e la
gestione del servizio di teleriscaldamento
cittadino.
L’Ato (Ambito Territoriale Ottimale)
numero 4, che gestisce il servizio idrico
integrato del cuneese, affida sino al luglio
del 2017 la gestione dei servizi alle società
del Gruppo; viene costituita “Aeta scarl”
per il coordinamento delle attività nel
settore.
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Il Gruppo Egea
17
LA STORIA
2007
Egea avvia progetti di teleriscaldamento a Canale,
nella zona industriale di
Carmagnola e, attraverso
“Sep”, in partnership con
“Eredi Campidonico”, a
Piossasco.
“Stirano” vince le gare
per la gestione dei servizi
ambientali nelle aree di
Roero, Langhe e Alba in
associazione temporanea
con la ditta “Aimeri”;
raddoppia così il proprio
fatturato e il numero di
abitanti serviti.
Egea amplia il novero dei
propri soci: acquisiscono
quote partner industriali
e finanziari provenienti
dall’intera provincia
cuneese.
Attraverso “Langhe e
Roero power”, società
in cui Egea affianca il
colosso tessile “Miroglio”,
viene avviato il progetto
di una centrale di cogenerazione a servizio dello
stabilimento di Govone di
“Miroglio”.
18
2008
Egea, in associazione con “A2A”,
si aggiudica la realizzazione e la
gestione del teleriscaldamento
nel comune di Acqui Terme.
In seguito Egea acquisirà tutte
le quote della società “Acqui
energia” divenendo unica
attrice dell’iniziativa.
Vengono costituite tra Egea
e “Elyo Italia”, società del
gruppo “Suez-Gaz de France”,
le società “Ege.Yo”, per la
realizzazione e la gestione del
teleriscaldamento fossanese,
e “El.Ea”, per la gestione della
centrale di produzione di
energia elettrica e termica
sita presso lo stabilimento
“Michelin” di Fossano.
Nasce la società “Ardea”
con l’obiettivo di realizzare
studi, progetti e impianti
di generazione di energia
elettrica da fonti rinnovabili
in Piemonte. La società
è partecipata da Egea,
“FinPiemonte Partecipazioni”
e altri partner industriali e
finanziari di rilievo.
“Alse” si aggiudica l’appalto per
la gestione rifiuti in Alta Langa.
2009
2010
➜
Egea ottiene
l’affidamento della
gestione dei servizi
ambientali di diversi
comuni dell’astigiano.
Egea si aggiudica i lavori
per la realizzazione e
la gestione della rete di
teleriscaldamento di Cairo
Montenotte.
“Egea commerciale”
acquisisce quote di
“2B energia”, attore
di rilevanza nazionale
nell’approvvigionamento
di gas metano.
Egea si aggiudica il servizio
di distribuzione del gas nel
comune di Acqui Terme in
partnership con un altro
operatore del settore.
Egea installa un motore
di cogenerazione
alimentato a gas
naturale (potenza 1
MWe) presso l’ospedale
“Santa Croce” di Cuneo.
L’intervento, affidato
tramite gara nazionale,
attesta le capacità
tecniche maturate dalla
multiutility nel settore.
“Ardea” avvia i primi cantieri
nel settore fotovoltaico a
Fossano, a Torino e a Valenza
per complessivi 3MW.
“Egea produzioni e
teleriscaldamento” avvia
i lavori finalizzati alla
realizzazione di un impianto
fotovoltaico totalmente
integrato a Enna da 1MW.
Il Gruppo realizza due
impianti a biogas, uno
a Ozegna (potenza 625
kW) alimentato da reflui
zootecnici bovini, suini e
avicoli e biomasse vegetali, il
secondo a Marene (potenza
250 kW), alimentato con
reflui bovini.
2012
Egea acquisisce il 100% delle quote
di “Stirano”.
“Egea produzioni e
teleriscaldamento” si aggiudica
la gara per il servizio di gestione
energetica e riqualificazione
tecnologica degli edifici comunali di
Alba per nove anni.
Nasce “Monferrato energia”,
società di scopo che si occuperà
della realizzazione e della gestione
del teleriscaldamento di Nizza
Monferrato. Il primo lotto e la
centrale sono inaugurati a fine
2012.
“Egea produzioni e
teleriscaldamento” si aggiudica la
concessione a derivare acqua per
uso idroelettrico sul fiume Tanaro, a
Santa Vittoria d’Alba.
Nel corso dell’anno vengono
realizzati anche due impianti
a biogas, uno a Vottignasco
alimentato da reflui suini, bovini
e insilati vegetali e uno a Caluso,
alimentato da reflui zootecnici
bovini e da biomasse vegetali.
“Tecnoedil” si aggiudica la gestione
tecnica del ciclo idrico integrato di
Bordighera (IM).
Nasce “Bra energia” che avvia
i lavori per la realizzazione del
teleriscaldamento di Bra.
2013
Egea consolida la propria leadership nella realizzazione di impianti di
teleriscaldamento di piccola e media taglia. Nasce “Alessandria calore” società tra
Egea e il Gruppo Gavio, che realizzerà il teleriscaldamento di Alessandria; è avviato
il progetto su Bra (il primo lotto e la centrale sono inaugurati in ottobre); vengono
realizzati il secondo lotto di lavori a Nizza Monferrato e il terzo a Carmagnola;
viene avviato il quarto lotto di lavori su Acqui Terme, se pur rallentato rispetto al
previsto a causa dei numerosi ritrovamenti di reperti archeologici; è completato
il teleriscaldamento di Cairo Montenotte e sono realizzate alcune importanti
estensioni sulle reti di Fossano e di Alba.
Cresce sensibibilmente la produzione da fonte rinnovabile con l’entrata a regime
degli impianti alimentati a biogas a Vottignasco (inaugurato in primavera) e Caluso.
Sono appaltati i lavori per la realizzazione della centrale idroelettrica sul Tanaro, nel
comune di Santa Vittoria, a cura di “Tanaro power”.
Egea sviluppa una nuova strategia competitiva nei servizi ambientali stringendo
partenrship con la multiutility Asp di Asti e iniziando a misurarsi nelle competizioni
per il servizio in Piemonte, Liguria e in altre regioni italiane. Significativa è a questo
proposito l’aggiudicazione del servizio di raccolta rifiuti a Ospedaletti (Imperia) e a
Fano, nelle Marche.
Il settore del ciclo idrico integrato vive importanti cambiamenti a livello nazionale;
nella fase di definizione dei nuovi quadri regolatori emergono le capacità
imprenditoriali delle società che fanno capo a Egea e il valore di appartenere a un
Gruppo solido anche dal punto di vista economico. Le tariffe applicate da Egea si
confermano tra le più basse del cuneese e il Gruppo sceglie di applicare la nuova
impostazione tariffaria solo in presenza di un quadro deliberativo chiaro in merito; si
evitano così confusioni e disservizi nell’utenza. Proseguono intanto gli investimenti.
In autunno è inaugurato il nuovo impianto di depurazione di Savigliano.
Si conferma l’ascesa di “Egea commerciale” che conquista fette sempre più ampie di
mercato per quanto riguarda la vendita di energia elettica e gas. Il Gruppo continua
a perseguire la scelta di potenziare la rete di sportelli sul territorio (Saluzzo, Cuneo,
Mondovì e Novara) e la rete di agenti dedicati alle Pmi.
Vengono riorganizzati i processi amministrativi interni con l’adozione di un nuovo
modello contabile e il passaggio di 28 società del Gruppo al sistema contabile “Sap”
nuovo software gestionale che snellisce i processi legati all’amministrazione, al
controllo e alla logistica.
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Il Gruppo Egea
19
LA STRUTTURA DEL GRUPPO EGEA
ENERGIA
PRODUZIONE ENERGIA
ELETTRICA, TERMICA,
TELERISCALDAMENTO
PRODUZIONE DI ENERGIA
ELETTRICA DA FONTI
RINNOVABILI
DISTRIBUZIONE GAS
Egea PT Srl 100,00%
Egea Commerciale Srl 100,00%
Egea New Energy Spa 100,00%
Egea Spa
Holding
Acqui Energia Spa
100,00%
2B Energia Srl
Tanaro Power Spa Valenza Rete Gas Spa
50,00%
Acqui Rete Gas Srl
50,00%
Bra Energia Spa
70,68%
Monferrato Energia Spa
90,00%
SEP Spa
56,00%
Carmagnola Energia Spa 56,00%
Ege.Yo Srl
51,00%
Albapower Spa
49,00%
El.Ea Srl
49,00%
Valbormida Energia Spa 49,00%
Langhe e Roero Power Spa
49,00%
Calore Verde Srl
20,81%
Alessandria Calore Srl
50,00%
Mondo Energia Spa
1,30%
ATC Si Srl
20
VENDITA DI ENERGIA
ELETTRICA E GAS
35,00%
32,50%
100,00%
Cons. Monviso Gas Stock 4,20%
Agrinord Energia Srl 40,00%
E-gas Srl
Ardea Energia Srl 41,36%
65,00%
AMBIENTE
IDRICO
Tecnoedil Spa
ALTRO
LAVORI
100,00%
Tecnoedil Lavori Scarl 100,00%
AMBIENTE
Stirano Srl
100,00%
Tanaro Servizi Acque Srl 48,36%
Alpi Ambiente Srl
37,00%
Alpi Acque Spa
49,00%
Alse Spa
40,00%
AETA Scarl 47,00%
Alma Srl
50,00%
ALSE Spa 40,00%
Mondo Acqua Spa
Edis Srl
50,00%
Roero Park Hotel Srl
67,86%
1,66%
La struttura del Gruppo Egea si è sviluppata negli anni in maniera sempre più articolata; la filosofia che ha guidato
questa trasformazione è stata quella di privilegiare la progettazione e la realizzazione di nuove iniziative imprenditriali
in capo a newco dedicate, sia per esigenze di chiarezza e autonomia dei business, sia per potere accogliere specifici
partner nell’azionariato del veicolo societario.
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Il Gruppo Egea
21
I SERVIZI GESTITI
Il Gruppo Egea è un soggetto multiutility che opera nelle
diverse fasi della filiera dei servizi pubblici locali; il
portafoglio di business è suddiviso tra servizi in regime
di libero mercato, quali energia elettrica (produzione e
vendita), vendita di gas naturale, energia termica per
teleriscaldamento (produzione, distribuzione e vendita)
e attività regolate: distribuzione di gas naturale, ciclo
ambientale (raccolta e spazzamento) e servizio idrico
integrato, con una prevalenza delle prime sui ricavi
totali del Gruppo.
A livello regionale il Gruppo Egea è la seconda realtà
industriale del settore per fatturato e numero di clienti
serviti. Il posizionamento peculiare nei segmenti della
cogenerazione e del teleriscaldamento fa sì che il Gruppo
Egea possa proporsi come partner di soggetti pubblici e
attori privati per la fornitura di servizi a 360°.
TELERISCALDAMENTO,
PRODUZIONE
ENERGIA ELETTRICA
ED ENERGIA TERMICA
Cogenerazione di energia e calore
Il Gruppo Egea è attivo nel settore della produzione
energia elettrica, termica e teleriscaldamento attraverso
“Egea produzioni e teleriscaldamento” e le diverse
società di scopo costituite per la realizzazione di progetti
specifici.
Egea persegue un proprio modello di sviluppo nella
generazione di energia elettrica: nel corso degli anni il
Gruppo ha deciso di investire in quest’ambito ponendo
l’accento sulla flessibilità di utilizzo e sull’adattabilità
delle produzioni in funzione della domanda di energia
e calore. Mentre i maggiori operatori nazionali erano
impegnati nella realizzazione di centrali standalone, ovvero impianti termoelettrici dedicati alla
pura produzione di energia, Egea ha pianificato il
proprio sviluppo industriale realizzando impianti di
cogenerazione remunerativi al servizio di specifiche città
e stabilimenti industriali.
Questa strategia ha consentito lo sviluppo di un parco
cogenerativo estremamente efficiente e flessibile, capace
di rispondere alle variabili esigenze dei clienti a seconda
della fase dell’anno e delle richieste di consumo.
22
Nel complesso il Gruppo ha prodotto 480 GWh di energia
elettrica nel 2013 in parte con impianti alimentati a gas
in ciclo combinato cogenerativo e il resto con motori
endotermici a gas anch’essi in assetto cogenerativo.
La produzione e vendita di calore è cresciuta anche nel
2013; questo trend è in parte determinato dall’entrata
a regime dell’impianto di Carmagnola, dall’avvio della
centrale di Bra e soprattutto dall’aumento dei volumi
venduti nei comuni di Acqui Terme, Fossano e Cairo
Montenotte per la naturale messa a regime di impianto
e rete.
Quattordici città sono oggi teleriscaldate dal Gruppo
Egea: Acqui Terme, Alba, Bra, Canale, Cairo Montenotte,
Carmagnola, Corneliano, Cortemilia, Fossano, Magliano
Alfieri, Nizza Monferrato, Ormea, Piobesi, Piossasco; una
si aggiungerà definitivamente nel 2014: Alessandria.
GENERAZIONE
DA FONTI RINNOVABILI
Il gruppo Egea opera nelle energie alternative attraverso
tre società: “Ardea energia”, “Egea produzioni e
teleriscaldamento” ed “Egea new energy”.
“Ardea energia” si occupa d’impianti fotovoltaici
valorizzando superfici marginali del territorio
(discariche e cave esaurite, zone industriali, parcheggi,
tetti di capannoni) attraverso le soluzioni tecniche più
innovative. Il Gruppo partecipa in questa società al
fianco di soggetti di rilievo sul territorio piemontese
come “FinPiemonte partecipazioni”, “Fondazione Crc” e
“Sinloc”.
“Egea pt” ha realizzato a Enna un impianto fotovoltaico
totalmente integrato sulle pensiline per il posteggio delle
auto dello stabilimento della “Laterlite” (gruppo Buzzi),
prima azienda produttrice di argilla espansa in Italia.
“Egea new energy” si occupa in prevalenza di
cogenerazione da digestione anaerobica grazie alla
realizzazione di impianti a biogas (reflui zootecnici
di allevamenti avicoli, bovini e suini, scarti vegetali
derivanti dall’agricoltura, colture energetiche come
insilati di mais e insilati d’erba, loietto, triticale - un
ibrido artificiale tra la segale e il frumento - e sorgo).
Egea attraverso la partecipata “Calore verde” lavora al
potenziamento della centrale idroelettrica nel comune
di Ormea (CN). Ogni anno l’impianto genererà 0,9 GWh.
Nel corso del 2013 sono entrati e regime due importanti
centrali a biogas che hanno permesso al Gruppo di
superare i 20 GWh di produzione.
Provincia di Cuneo. Si tratta di una percentuale in
progressiva riduzione a seguito dell’acquisizione di
nuovi clienti in aree diverse da quelle dove il Gruppo
è stato storicamente presente. Attraverso la società
“E-gas” costituita nel 2007 con Acea Pinerolese, “Egea
commerciale” acquisisce quote di “2B Energia”, attore
di rilevanza nazionale nell’approvvigionamento di gas
metano. “Egea commerciale” conta su oltre 50.000
clienti gas.
VENDITA DI
ENERGIA ELETTRICA E GAS
Energia elettrica
Il comparto commerciale è quello che, negli ultimi
anni, ha vissuto una più spiccata espansione. “Egea
commerciale”, operatore di riferimento nel Sud
Piemonte, è cresciuta di pari passo con il processo di
liberalizzazione del settore energetico conquistando
spazi di mercato sempre più ampi anche tra le utenze
residenziali.
Ad oggi “Egea commerciale” soddisfa quasi il 70% del
mercato della zona di Alba e Bra, quasi il 60% di quello
della Provincia di Cuneo e circa il 26% del mercato
piemontese e si conferma come operatore di riferimento
anche a livello nazionale.
I clienti che affidano la propria fornitura di energia
elettrica a “Egea commerciale”, hanno raggiunto, a fine
2013, quota 28.960 in ulteriore crescita rispetto al 2012.
Nel corso degli ultimi due anni l’attività commerciale è
stata incrementata in tutto il Nord Italia e ha consentito
di ottenere buoni risultati grazie al potenziamento della
rete di vendita. Egea ha investito sull’acquisizione di
nuovi clienti nelle fasce delle Piccole medie imprese
e retail; grazie agli investimenti effettuati Egea è oggi
presente in 108 province italiane su 110. Nel corso del
2013 i volumi di energia venduti sono destinati per il
70% a clienti industriali. Al fine di minimizzare il rischio
di credito determinato dall’aumento del numero di
clienti e della loro diffusione su scala nazionale il
Gruppo ha deciso di assicurare la totalità dei propri
crediti industriali.
Gas
Con un volume di vendita superiore ai 320 milioni di
metri cubi e 51.400 clienti Egea si posiziona tra le realtà
locali più significative del panorama italiano, dietro ai
grandi soggetti industriali (ex monopoli nazionali) del
mercato dell’energia e le grandi imprese multiutility.
Operatore di riferimento per i clienti industriali cuneesi,
negli ultimi anni Egea ha ottenuto sempre più consensi
anche da parte di clienti residenziali. Oggi le utenze
business sono circa il 65% del totale.
Dal punto di vista della distribuzione geografica, la
maggior parte delle utenze del Gruppo si trova in
SERVIZI DI
EFFICIENTAMENTO ENERGETICO
Negli ultimi anni, forte del know-how maturato nel
settore energetico e nell’ottica di rispondere alle
esigenze di risparmio e rispetto dell’ambiente dettate
anche dalle nuove normative, Egea ha potenziato la
linea di servizi dedicata all’efficientamento energetico
degli edifici e degli impianti. L’attività è rivolta tanto ai
fruitori del servizio di teleriscaldamento, quanto a utenti
non raggiunti dal servizio presso i quali possono essere
attivate specifiche forniture energetiche.
L’offerta è declinata “su misura” per far fronte alle
istanze sia di privati, sia di Enti locali, sia di utenze
industriali e costituisce una vera e propria linea di
business del Gruppo. Nell’ambito delle tecnologie
disponibili è possibile valutare, accanto alla fornitura
energetica o termica, riqualificazioni impiantistiche
quindi a impianti di illuminazione e centrali termiche,
progetti legati alle energie rinnovabili, opere inerenti
l’involucro edilizio (sostituzione serramenti, insufflaggi,
termoregolazione ecc.). L’affidamento della successiva
gestione per un congruo periodo permette di proporre
azioni incisive e tecnologicamente all’avanguardia, di
cui Egea si fa carico sia dal punto di vista economico che
operativo.
I servizi relativi all’efficientamento energetico
costituiscono, per il Gruppo Egea, un terreno sul
quale esprimere, in forma integrata, le competenze
raggiunte e rappresentano per i clienti, siano essi
Pubbliche Amministrazioni, aziende o privati,
un’occasione dalla quale trarre differenti benefici:
dall’adeguamento normativo di impianti e stabili, alla
riduzione dell’inquinamento (atmosferico, luminoso…)
fino al miglioramento dell’efficienza energetica e alla
conseguente miglior fruibilità degli edifici interessati e
al relativo risparmio economico.
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Il Gruppo Egea
23
24
E-FUEL
SERVIZIO IDRICO
È in piena fase di start-up il progetto legato alla
produzione e alla commercializzazione di “E-fuel”,
carburante utilizzabile sia per il riscaldamento che per
l’autotrazione. Si occuperà della commercializzazione
la “Edis srl- E-fuel distribuition”, nuova società del
Gruppo alla quale partecipa al 50% “Egea new energy”.
L’iniziativa consentirà a Egea di sviluppare un’ulteriore
linea di servizi che ben coniuga la volontà di rafforzare la
presenza nel mercato dei vettori energetici, e l’esigenza
di confermarsi una realtà che sa cogliere e proporre
soluzioni all’avanguardia mantenendo un’elevata
attenzione alla tutela dell’ambiente. L’obiettivo è di
avviare quanto prima l’attività di commercializzazione
dell’“E-fuel” partendo, in fase di test, da quell’area del
Sud Piemonte in cui Egea è maggiormente radicata per
estendere poi l’iniziativa all’intera regione e, in seguito,
a tutta la Penisola. Il prodotto, almeno in questa prima
fase, sarà proposto ad aziende di trasporti e a grandi
distributori che si occupino della vendita al dettaglio del
carburante.
Il Gruppo opera nell’ambito delle diverse fasi del Servizio
Idrico Integrato in 89 comuni appartenenti all’A.T.O. 4
Cuneese, corrispondenti al 54% del territorio della
provincia di Cuneo e al 60% dei suoi abitanti. Egea è
per questo il primo operatore provinciale e il secondo a
livello regionale.
Il servizio è svolto attraverso tre società partecipate:
- Alse (area dell’Alta Langa), la più piccola, opera in 20
Comuni in cui eroga servizi di acquedotto, fognatura e
depurazione;
- Alpi Acque (aree del fossanese, saluzzese e saviglianese)
che conta su una rete di 1.250 km e collega oltre 54.000
utenze e 100.000 residenti (Pra).
- Tecnoedil (aree di Alba, Bra, Langhe e Roero), la
maggiore tra le tre società, opera in 43 Comuni attraverso
una rete che si estende per 2.200 chilometri e raggiunge
più di 82.000 utenze corrispondenti a 150.000 residenti
(Pra). L’esperienza maturata da Egea nel settore del ciclo
idrico integrato ha consentito alla società di emergere
anche al di fuori dell’ambito strettamente territoriale; ne
è prova la recente aggiudicazione della gestione tecnica
del servizio della Città di Bordighera (IM).
DISTRBUZIONE GAS
SERVIZIO AMBIENTALE
Il servizio gas rappresenta il business storico del Gruppo.
Egea nasce nel 1956 come distributore per il solo
Comune di Alba. A partire dagli anni Ottanta con la
nascita del Consorzio del gas di Alba, Langhe e Roero,
Egea è divenuto il secondo operatore della provincia
di Cuneo. Tra gli anni Novanta e l’inizio del Duemila
l’attività si è progressivamente estesa sfruttando le
opportunità offerte dalla liberalizzazione del mercato.
Tra il 2002 e il 2003 l’operatività è stata allargata in
Lombardia ai comuni brianzoli di Besana in Brianza
e Burago di Molgora e nel milanese a Casarile. Più di
recente, tra il 2010 e il 2012, Egea si è aggiudicata le
gare per l’affidamento del servizio di Acqui Terme (AL)
e Valenza (AL) in partnership con operatori locali e di
Calolziocorte (LC), portando il Gruppo a raddoppiare la
clientela servita.
Nel corso del 2013 il Gruppo Egea ha servito circa 73.000
clienti veicolando oltre 126 milioni di metri cubi
Il gruppo Egea è operativo nei settori della raccolta rifiuti
e dell’igiene urbana attraverso due società: Stirano,
che nel 2013 ha continuato a estendere la propria
attività dalle colline delle Langhe a tutto il Roero, fino
all’astigiano (oltre 100.000 abitanti serviti) e Alse, società
misto pubblico-privata, che opera in 32 comuni dell’Alta
Langa e delle aree montane della Provincia Granda
(20.000 abitanti serviti che raddoppiano nella stagione
estiva), il 20% dell’Ato cuneese. Nel corso del 2013 il
Gruppo ha operato il servizio di raccolta sul territorio di
116 Comuni per circa 143.000 abitanti. Sempre nel 2013
si sono poste le basi per una profonda riorganizzazione
strategica del business ambientale; nel corso dell’anno
il Gruppo ha avviato una serie di collaborazioni e
partnership strategiche dirette ad ampliare la propria
capacità competitiva nella gare per l’affidamento dei
servizi di raccolta in altri territori e allo stesso tempo per
diversificare la propria offerta nel settore (trasporto e
smaltimento di rifiuti speciali).
MISSIONE E VALORI
Il Gruppo Egea intende:
- Contribuire al benessere e alla crescita del territorio in cui opera e restituire saperi, investimenti e competenze, collaborando così alla crescita responsabile del
comune sistema a cui appartiene;
- Proseguire nell’impegno di tutela dell’ambiente,
riducendo l’impatto generato dalle attività industriali attraverso la qualità dei servizi forniti alla comunità e alla
collaborazione con industrie locali all’avanguardia;
- Garantire investimenti mirati e contribuire così
alla crescita di eccellenze locali;
- Confermare la scelta della cogenerazione e del
teleriscaldamento, nella convinzione della necessità di
un miglioramento dell’efficienza energetica e di riduzione dell’impatto ambientale;
- Trasferire elementi di innovazione e di progresso
economico e civile alla comunità, nel pieno rispetto dei
valori primari dell’azienda ovvero l’etica del lavoro e la
trasparenza;
- Perseguire la propria volontà di essere un’azienda sulla quale si può contare perché presente attivamente sul territorio e in grado di fornire, in ogni momento,
soluzioni su misura che rispondano alle diverse esigenze
dei propri Clienti, presso gli sportelli e attraverso tutto il
proprio staff di professionisti.
Il Gruppo Egea si impegna ad essere punto di riferimento
per le comunità locali, il sistema della pubblica amministrazione e le imprese del territorio giocando un ruolo da
attore di sistema, come fornitore di tutti i principali servizi pubblici essenziali per la crescita e lo sviluppo delle
comunità locali.
Essere impresa di sistema locale significa condividere le
proprie scelte e le proprie strategie con le istituzioni, i
soggetti economici e la comunità di uno specifico spazio
locale; significa, in altre parole, agire strategicamente
come protagonista del territorio valorizzando le risorse,
le qualità e le competenze presenti per produrre ricchezza, esternalità positive e un accrescimento costante del
capitale umano.
L’impresa di sistema cresce con il territorio mantenendo con questo uno scambio costante fatto di conoscenze
e saperi così come da strade, infrastrutture e impianti.
Questo ruolo richiama con forza il concetto di responsabilità.
All’impresa di servizi pubblici locali è richiesto uno sforzo
aggiuntivo rispetto a quello di essere sana e profittevole:
deve sapere investire e insieme offrire servizi essenziali
allo sviluppo della comunità; deve creare i presupposti
per la crescita economica contribuendo ad attirare nuovi
residenti e nuove attività economiche, migliorare la qualità della vita, accrescere il patrimonio infrastrutturale e
contribuire alla riduzione dell’impatto ambientale.
Il Gruppo Egea interpreta questo ruolo attraverso gli investimenti, l’apertura di nuovi spazi di intervento: dal
gas all’energia elettrica, dal teleriscaldamento ai servizi
ambientali, dalle energie rinnovabili all’efficientamento
energetico.
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Il Gruppo Egea
25
OBIETTIVI E STRATEGIE
Il modello di sviluppo di Egea si caratterizza per una crescita costante e bilanciata su aree contigue di territorio,
sfruttando la capacità di interlocuzione con le amministrazioni pubbliche e i solidi di rapporti di collaborazione con il sistema delle imprese. Punto di forza del Gruppo è da sempre la grande capacità di leggere le esigenze
energetiche del territorio e di predisporre, di conseguenza, soluzioni per il miglioramento dei servizi ritagliate a
misura delle esigenze dei propri clienti.
All’interno di un quadro competitivo che, in tempi di
crisi economica, ha costretto molti gruppi industriali a
rivedere i propri assetti strategici, Egea ha mantenuto il
proprio focus sul sistema della “provincia” piemontese,
ha ampliato la propria presenza e si è proposta come
interlocutore su nuovi mercati locali.
Il 2013 segna una serie di passaggi importanti destinati
a lasciare un’impronta sullo sviluppo futuro del Gruppo
nei prossimi anni: si tratta di una naturale evoluzione
del progetto strategico che fino ad oggi ha caratterizzato
la storia del Gruppo Egea.
Il settore del teleriscaldamento continua ad essere il core-business del Gruppo. L’impetuoso sviluppo degli ultimi anni e i risultati raggiunti testimoniano l’adeguatezza
della strategia perseguita e soprattutto dello spazio di
mercato su cui si è investito. Egea è cresciuta sviluppando soluzioni di teleriscaldamento in ambiti territoriali a
medio-bassa intensità abitativa, incontrando una forte
domanda da parte degli utenti e soprattutto l’interesse
di amministratori pubblici attenti all’efficienza e alla riduzione delle emissioni in atmosfera.
Nel 2013 si sono pose le basi per il passaggio ad una “scala” superiore di complessità: l’intervento avviato nella
Città di Alessandria apre le porte ad una dimensione urbana inedita per il gruppo. Partendo dal quartiere Cristo
l’ambizione è di estendere la rete in città allacciando un
numero sempre maggiore di utenze. In prospettiva, Egea
ritiene di poter intraprendere un ruolo di primo piano
nello sviluppo del settore nel Piemonte di “provincia”
stringendo partnership strategiche con altre utilities e
con soci industriali e finanziari. Del resto l’’esperienza
26
di Iren di Torino, la città più teleriscaldata di Europa, e
quella di Alba (realizzata da Egea), e delle altre realtà in
cui la rete di teleriscaldamento copre la quasi totalità
delle utenze, sono esempi di un settore in cui il Piemonte ha saputo esprimere eccellenze e che offre ancora tanti margini di crescita sia sul versante meridionale della
regione che nel quadrate vercellese e novarese.
Tra il prossimo anno e il 2015 si svolgeranno le gare per
la gestione del servizio di distribuzione gas in Italia; il
Regolatore ha delimitato gli Ambiti per i quali le imprese
andranno a sfidarsi ed Egea potrà svolgere un ruolo da
protagonista nel suo settore di business storico. Il Gruppo
si candida a continuare a gestire la rete di distribuzione
gas con gli stessi presupposti di efficienza che la caratterizzano da sempre, attrezzandosi finanziariamente per
sostenere lo sforzo e costruendo alleanze e partnership
con altri soggetti per accrescere la propria competitività.
Nel settore del servizio idrico integrato, a valle di un quadro normativo oggi più chiaro e definito, la scommessa
per il futuro è rappresentata da una riorganizzazione degli operatori presenti, in particolare in ambito cuneese.
Egea intende mantenere gli impegni di investimento che
sino ad oggi ha sempre onorato, risultando al contempo
il soggetto che offre il servizio idrico a costi che sono tra
i più bassi in tutta la provincia. Nei prossimi anni il mercato del servizio idrico andrà incontro ad un processo
di concentrazione degli operatori: le dimensioni finanziarie necessarie ad implementare i piani di investimento richiedono una solidità patrimoniale e una capacità
di indebitamento difficilmente sostenibile sia da parte
delle piccole imprese sia delle amministrazioni locali e
quali mantengono le gestioni in economia. Egea continua a perseguire il dialogo con gli operatori presenti
perché il territorio cuneese sia in grado di esprimere un
progetto strategico comune, che consenta di proseguire
un percorso di innovazione e sviluppo fondato su investimenti, riduzione delle perdite di rete, miglior gestione
delle risorse idriche e progressiva riduzione dell’impatto
inquinante delle acque reflue.
Nel servizio ambientale il 2013 costituisce un momento
di passaggio. Il Gruppo ha scelto di mettere alla prova le
competenze maturate sino ad oggi per affrontare nuovi
mercati e al contempo ha intrapreso un percorso di diversificazione che lo porterà, lungo il 2014, alla pressoché
totale autosufficienza nel trasporto dei fanghi da depurazione prodotti e nello smaltimento degli stessi in una
discarica di proprietà. Per compiere questa trasformazione Egea ha come sempre costruito forme di partnership
operative e insieme strategiche con altri operatori con il
duplice scopo di accrescere la propria competitività e di
effettuare investimenti rilevanti nell’impiantistica.
Sul versante dell’efficientamento energetico il Gruppo
Egea ha da tempo impostato la propria strategia di crescita abbinando all’attività di vendita di energia elettrica
e gas alle imprese servizi avanzati di auditing e consulenze specifiche per migliorare i processi energetici degli
impianti dei propri clienti. La competizione tra fornitori
di energia ha spinto Egea a distinguere la propria offerta sviluppando vere e proprie soluzioni energetiche “su
misura” delle imprese per ridurre la loro bolletta energetica, ad acquistare l’energia nei momenti più favorevoli,
a eliminare gli sprechi. La sfida del futuro si giocherà
sul passaggio da impresa fornitrice semplice di energia
a partner strategico capace di collaborare con l’impresa
suggerendo come modificare i propri processi produttivi
in direzione di una crescente efficienza e un conseguente risparmio economico.
Questa è la carta vincente che il Gruppo sta già oggi
giocando e che viene apprezzata dalle imprese; Egea
intende mettere a frutto il vantaggio competitivo di
essere un’impresa del territorio e porsi come punto di
riferimento per soggetti industriali e pubblici in cerca
di soluzioni complesse di revisione delle proprie spese
energetiche.
Allo stesso modo Egea si candida a innovare le infrastrutture pubbliche, a partire dagli impianti di illuminazione
e quelli semaforici utilizzando la tecnologia led, a migliorare la gestione calore degli edifici con interventi
strutturali e non, diretti a ridurre la dispersione e a potenziare l’efficienza energetica degli edifici
Il Gruppo Egea continuerà così a crescere sul territorio,
ricercando le opportunità migliori di investimento con
lo spirito e i valori di concretezza, ambizione e prudenza
che da sempre ne caratterizzano la storia e identificano
il legame con il suo territorio.
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Il Gruppo Egea
27
2.0
I RISULTATI ECONOMICI
DEL GRUPPO EGEA
VALORE AGGIUNTO (euro)
2013
2012
832.669.798 778.317.293
6,98%
128.115 134.814
(4,97)%
Incrementi di immobilizzazioni per lavori interni
7.062.112 10.064.644
(29,83)%
Altri ricavi
9.086.674 9.068.334
0,20%
Valore della produzione
848.946.699 797.585.085
6,44%
Costo materie prime, sussidiarie, di consumo e merci
772.003.413 725.396.538
6,43%
Costo per servizi
23.117.023 22.617.085
2,21%
Costo del lavoro
13.866.661 13.603.530 1,93%
4.345.043 4.264.200 1,90%
11.963.209 11.588.602 3,23%
24.134.357
21.128.072
14,22%
10.037.217 8.589.732 16,85%
14.038.640
12.515.840
12,17%
Oneri finanziari
6.813.484
5.043.443
35,10%
Risultato prima delle imposte
5.686.016
7.554.952
(24,74)%
Imposte
3.831.482
3.460.565
10,72%
1.854.534
4.094.387
(54,71)%
Ricavi dalle vendite e altre prestazioni
Variazione dei lavori in corso su ordinazione
Per godimento di beni di terzi
Altri oneri
EBITDA
Ammortamenti e svalutazioni
EBIT
Utile netto
2013/2012
Siamo l’energia del tuo territorio
Egea: ci puoi contare
VALORE DELLA PRODUZIONE
848,9 MILIONI DI EURO (+ 6,4%)
+ 22,4% rispetto al 2011
EBITDA
24,1 MILIONI DI EURO (+ 14,2%)
+ 24,2% rispetto al 2011
INVESTIMENTI
76,5 MILIONI DI EURO
NEGLI ULTIMI 4 ANNI
13,1 milioni di Euro nel 2013
POSIZIONE FINANZIARA NETTA
-70,4 MILIONI DI EURO (+3,2%)
VALORE AGGIUNTO DISTRIBUITO
32 MILIONI DI EURO
29
OBIETTIVO: PROTAGONISTI
DELLA RIPRESA ECONOMICA
I risultati economici e finanziari confermano le previsioni e, in alcuni casi, le hanno
superate; i margini complessivi sono andati oltre le attese iniziali.
Ci lasciamo alle spalle un anno generalmente
difficile, l’ennesimo della lunga crisi. Come si è
mossa Egea nel 2013?
Nel 2013 abbiamo vissuto una fase di contrazione
del mercato del credito che ha segnato l’intero
sistema economico nazionale. Egea, come tutte
le altre imprese, ha dovuto fare i conti con la
progressiva riduzione della disponibilità ad
attivare linee di credito e di finanziamento a
tassi sostenibili e, per questo, è stata chiamata
a compiere delle scelte importanti. Abbiamo,
innanzitutto, rimandato al 2014 una serie di
operazioni di finanziamento, in attesa di condizioni
di credito più vantaggiose, abbiamo rinegoziato
i contratti di fornitura e abbiamo fatto un po’ di
“compiti a casa” finalizzati alla razionalizzazione
e al contenimento dei costi. La rivisitazione dei
processi amministrativi interni con l’adozione di
un nuovo modello contabile e amministrativo
di Gruppo e l’attivazione di 28 società sul nuovo
software gestionale ”Sap” hanno favorito questo
importante obiettivo di razionalizzazione e
semplificazione di tutti i processi amministrativi,
di controllo e della logistica.
In generale quali difficoltà ha incontrato e come
ha reagito?
Nel 2013 non era né conveniente, né tantomeno
opportuno esporci in un mercato così fortemente
condizionato dalle difficoltà del sistema bancario
e dalla prolungata recessione dei consumi.
Abbiamo reagito facendo forza sulla nostra
capacità di generare cassa con le società come
“Egea commerciale” che hanno raggiunto una loro
maturità e hanno potuto contribuire portando
30
flussi finanziari utili al resto del Gruppo. Altre
utility più piccole e meno strutturate di Egea
probabilmente hanno subito ripercussioni anche
pesanti; noi, avevamo la capacità di far fronte a
questa difficoltà.
Avete trovato collaborazione tra gli istituti di
credito per sostenere questa strategia?
Il rapporto con i nostri finanziatori storici è
ottimo: conoscono Egea e la sua solidità, e non
è stato difficile aprire un canale di confronto per
rimodulare le scadenze ed impostare la strategia di
sviluppo che genererà i primi importanti sviluppi
già nel 2014. Oggi, le condizioni del credito sono
decisamente migliorate ed è possibile rilanciare
il percorso sui finanziamenti a lungo termine
fondamentali per sostenere gli investimenti del
servizio idrico e soprattutto il piano di espansione
del teleriscaldamento.
Nel modello Egea le banche del territorio giocano
un ruolo importante…
In questo processo abbiamo coinvolto tutte le
banche e gli istituti del territorio che da sempre
ci seguono e investono su di noi; non a caso
molte di esse siedono anche tra i nostri azionisti.
Cerchiamo sempre di coinvolgere le banche
locali quando dobbiamo attivare un progetto
specifico su un territorio dando seguito, anche sul
piano finanziario, all’impostazione di fondo che
identifica il Gruppo Egea: costruire partnership
territoriali sia a livello industriale sia a livello
finanziario con soggetti radicati che beneficiano
direttamente dei vantaggi delle nuove tecnologie
Intervista a
VALTER BRUNO
Responsabile Area Amministrazione
Finanza e Controllo Gruppo Egea
e degli investimenti prodotti. In parallelo,
coltiviamo rapporti di grande collaborazione con
istituti di livello nazionale e, sempre in ottica
di diversificazione del portafoglio investitori,
ci stiamo attivando per poter collaborare con
i principali soggetti che finanziano lo sviluppo
infrastrutturale come la Banca Europea degli
Investimenti e la Cassa Depositi e Prestiti.
Quali settori e quali attività hanno contribuito
maggiormente al miglioramento dei vostri
risultati nel 2013?
Si tratta, in realtà, di una crescita omogenea su
tutto il Gruppo che vede, tuttavia, i numeri più
significativi nella commercializzazione di energia
elettrica e gas, nella crescita del teleriscaldamento
e nel servizio idrico integrato. In particolare per
quanto riguarda la commercializzazione di energia
e gas, abbiamo operato con grande abilità sul
mercato riuscendo ad ottenere prezzi vantaggiosi
che, rapportati ai grandi quantitativi gestiti, ci
hanno consentito di migliorare la marginalità
generale.
Il 2014 sarà un altro anno di crescita: con la
progressiva stabilizzazione normativa e un mercato
del credito più vivace, abbiamo più facilità a
programmare le attività e scegliere le strategie
più opportune. Con l’ingresso di nuove società
che fanno capo al Gruppo e che hanno concluso la
fase di start-up nel perimetro di consolidamento,
faremo registrare numeri ancor più positivi; allo
stesso tempo puntiamo sulle nostre attività core
e sulla vendita di servizi avanzati per l’efficienza
energetica ai nostri clienti. Dal 2012 abbiamo
spostato il nostro focus di espansione strategica
sulle Piccole e medie imprese, selezionando solo
quelle con un rating elevato per non incorrere
nel rischio di morosità; puntiamo a cavalcare
la ripresa economica offrendo ai nostri clienti
servizi di alta qualità e un supporto costante
per il miglioramento e l’ottimizzazione dei loro
fabbisogni energetici.
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Interviste
31
I RISULTATI DEL GRUPPO EGEA
I risultati economici del Gruppo Egea* (milioni di €)
2013
Valore della Produzione
848,9
Ebitda**
24,1
Ebit ***
14,0
Utile netto
1,9
Posizione finanziaria netta ****
-70,4
Investimenti *****
13,1
2012
2011
797,6
21,1
14,1
4,1
- 68,2
24,1
693,6
19,4
11,4
3,8
- 64,1
21,4
*
I risultati si riferiscono al perimetro consolidato di Gruppo.
** Risultato della gestione prima degli interessi, delle tasse, del deprezzamento dei beni e degli ammortamenti.
*** Risultato della gestione prima delle imposte e degli interessi passivi.
**** Esposizione dell’azienda nei confronti di banche, obbligazionisti e società finanziarie.
**** Comprende gli investimenti finanziati mediante leasing.
Per quanto riguarda l’energia elettrica commercializzata, il valore della produzione è di 637,8 milioni di
euro (+3,7% rispetto al 2012), mentre i ricavi dovuti alla
commercializzazione del gas sono pari a 130,2 milioni
(+22,9%). Un risultato positivo dovuto alla costante implementazione di strategie commerciali mirate all’acquisizione di clienti industriali, Pmi e retail in entrambi i
settori. Oltre che all’incremento dei volumi dispacciati,
la dinamica delle entrate dipende anche dall’aumento
del costo della materia prima e degli oneri accessori, una
tendenza che ha contraddistinto i mercati nel corso del
2013. Il valore della produzione di teleriscaldamento e
cogenerazione è pari a 15,1 milioni di euro, in lieve diminuzione rispetto al dato registrato a fine 2012, causa del
clima più mite e del progressivo incremento degli interventi di efficienza energetica realizzati con la consulenza
tecnica di Egea.
Dal punto di vista degli impianti di energie rinnovabili, le entrate derivanti si attestano a 3,4 milioni di euro
(+142% rispetto al 2012), ivi incluse quelle degli impianti fotovoltaici e degli impianti a biogas di proprietà di
“Egea new energy”. Infine, per il servizio idrico integrato il valore della produzione si attesta a 19,2 milioni
di euro, +7,1%. Tale dinamica dipende principalmente
dall’adozione, disposta dall’Autorità competente, di un
diverso metodo di contabilizzazione delle voci di costo
e ricavo relative ai servizi di acquedotto, depurazione e
fognatura.
VALORE DELLA PRODUZIONE 2010-2013
848,9 MILIONI DI EURO (+6,4%) - +22,4% RISPETTO AL 2011
518,4
mln€
2010
693,6
mln€
2011
795,3
mln€
2012
848,8
mln€
2013
EBITDA 2010-2013
24,1 MILIONI DI EURO (+14,2%) - +24,2% RISPETTO AL 2011
L’Ebitda è l’utile calcolato prima degli interessi passivi,
delle imposte e degli ammortamenti sui beni materiali
e immateriali. In sintesi è un indicatore che esprime il
risultato della gestione operativa, escludendo gli effetti
delle decisioni finanziarie e contabili.
32
18
mln€
2010
19,4
mln€
2011
21,1
mln€
2012
24,1
mln€
2013
INVESTIMENTI PER SETTORE DI SOCIETÀ CONSOLIDATE INTEGRALMENTE IN EGEA (MILIONI DI €)
Settore
2013
2012
2011
2010
2009
2008
Produzione energia elettrica,
termica, teleriscaldamento
4,2
5,3
5,9
9,5
8,4
3,0
Energie rinnovabili
0,3
5,1
10,1
2,6
-
-
Distribuzione gas
1,8
4,4
0,6
0,9
0,9
0,5
Ciclo idrico integrato e ambiente
3,5
5,9
4,2
4,8
3,6
3,8
Altro
3,5
3,5
0,5
-
0,6
3,6
13,1
24,4
21,3
17,8
13,5
10,9
TOTALE
INVESTIMENTI DI SOCIETÀ CON PARTNERSHIP EGEA (MILIONI DI €)
Società
2013
Acqui rete gas
2012
2011
2010
0,5
0,6
-
Agrinord energia (società agricola)
2009
-
2008
-
-
-
3,0
-
-
-
-
Albapower
Alessandria calore
0,8
0,2
-
-
0,2
-
2,1
-
1,6
-
Alpi acque
Alse
1,4
0,5
2,0
0,1
2,9
0,2
1,3
0,8
1,4
0,4
1,6
0,1
Ardea energia
0,2
-
3,0
9,1
-
-
7,7
3,1
0,6
consolidate
0,4
0,8
2,0
0,5
consolidate
0,7
6,5
1,2
consolidate
1,5
3,0
consolidate
4,1
3,4
4,7
1,5
10,9
8,3
2,4
1,5
4,1
-
-
-
-
Sep
consolidate
consolidate
consolidate
consolidate
0,5
0,6
Stirano
consolidate
consolidate
0,3
0,1
0,2
0,2
0,3
0,4
17,4
0,9
14,9
0,7
16,3
3,6
22,2
14,2
25,7
Bra energia
Carmagnola energia
Ege.Yo
Egea new energy e Langhe e Roero power
El.Ea
Monferrato energia
Valbormida energia
Valenza rete gas
TOTALE
INVESTIMENTI
76,5 MILIONI DI EURO NEGLI ULTIMI QUATTRO ANNI
RAPPORTO DEBITO / PATRIMONIO NETTO
DAL 2008 AL 2013
13,1 MILIONI NEL 2013
1,09
1,05
0,96
10,9
mln€
2008
13,5
mln€
2009
17,9
mln€
2010
21,4
mln€
2011
0,93
0,92
0,93
2011
2012
2013
24,1
mln€
13,1
mln€
2012
2013
POSIZIONE FINANZIARA NETTA
-70,4 MILIONI DI EURO (+3,2%)
La crescita dell’indebitamento a medio-lungo termine
deve essere ricondotta alla dinamica positiva degli investimenti effettuati dal Gruppo come emerge dal grafico
precedente.
2008
2009
2010
Quando il rapporto tra indebitamento e patrimonio
netto dell’azienda, o Debt/Equity, è compreso tra 0 e 1,
l’impresa sta effettuando investimenti a fronte di una situazione finanziaria assolutamente sostenibile.
Nel caso di Egea il grafico evidenzia un’evoluzione
positiva di tale rapporto (che comunque non è mai
stato particolarmente sbilanciato verso il debito): dal
2010 il patrimonio netto disponibile è costantemente
maggiore dell’indebitamento.
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Il Gruppo Egea
33
CALCOLO E DISTRIBUZIONE
DEL “VALORE AGGIUNTO”
In questa sezione illustriamo i prospetti di produzione
e distribuzione del “valore aggiunto” che rappresenta il
principale tramite di relazione con il bilancio di esercizio
e che rende evidente l’effetto economico che l’attività
d’azienda ha prodotto sulle principali categorie di
stakeholder.
Il parametro del “valore aggiunto” misura la ricchezza
prodotta dall’azienda nell’esercizio, con riferimento
agli interlocutori (stakeholder) che partecipano alla sua
distribuzione.
In altre parole possiamo dire che il “valore aggiunto”
illustra come le attività dell’azienda contribuiscano
al benessere della società producendo e distribuendo
ricchezza per gli stakeholder: al personale tramite gli
stipendi, alla Pubblica amministrazione con le tasse
e con i canoni, ai finanziatori con gli interessi, agli
azionisti con i dividendi, all’azienda stessa mediante
l’utile accantonato, alla comunità locale attraverso le
liberalità esterne e i contributi sociali.
Tali grandezze, che nel Bilancio d’esercizio sono delle
uscite computate come componenti negative, nel
Bilancio di Sostenibilità diventano, invece, valori positivi
in quanto considerate benefici diretti e indiretti, risorse
Determinazione del valore aggiunto
(milioni di €)
distribuite per il territorio.
Il calcolo del “valore aggiunto” si ottiene riclassificando
alcune grandezze del Bilancio d’esercizio, redatto nel
rispetto delle norme civilistiche e verificato dagli organi
di controllo.
Il processo di calcolo riclassifica i dati del conto
economico in modo da evidenziare la produzione e
la successiva distribuzione del “valore aggiunto” agli
stakeholder di riferimento.
Il “valore aggiunto” è rappresentato in due prospetti
distinti e coerenti:
-
il prospetto di determinazione del “valore
aggiunto”, individuato dalla contrapposizione
dei ricavi e dei costi intermedi;
-
il prospetto di riparto del “valore aggiunto”,
ricomposto
quale
sommatoria
delle
remunerazioni percepite dagli interlocutori
interni all’azienda e delle liberalità esterne.
I dati utilizzati sono tratti direttamente dal Bilancio
Consolidato, redatto nel rispetto delle norme civilistiche
e verificato dagli organi di controllo.
2013
2012
2011
Ricavi della produzione tipica
848,2
795,3
691,1
Costi intermedi della produzione
-805,4
-757,2
-660,1
42,8
38,1
30,9
-1,5
-0,2
-0,1
41,3
37,9
30,9
9,3
7,8
7,1
32,0
30,1
23,8
Valore Aggiunto caratteristico lordo
Componenti accessori e straordinari
Valore Aggiunto globale lordo
- Ammortamenti
VALORE AGGIUNTO GLOBALE NETTO
Il “Valore aggiunto” generato per i diversi interlocutori del Gruppo Egea nel 2013 è stato pari a 32 milioni di
euro.
34
NEL TRIENNIO 2011-2013 IL GRUPPO HA DISTRIBUITO 85,9 MILIONI DI EURO AI PROPRI INTERLOCUTORI
Distribuzione del valore aggiunto
(milioni di euro)
2011-2013
2013
2012
2011
Personale
44,8 (52,1%)
17,0
16,2
11,5
Pubblica amministrazione
12,8 (14,9%)
5,2
3,9
3,8
Finanziatori
17,5 (20,4%)
7,6
5,6
4,4
Azionisti
2,7 (3,2%)
1,0
1,0
0,8
Azienda
7,0 (8,2%)
0,9
3,1
3,0
Comunità locale
1,1 (1,2%)
0,4
0,3
0,3
85,9
32,0
30,1
23,8
TOTALE
La quota di valore aggiunto destinata al personale è
quella più importante: 44,6 milioni di euro pari al 52,5%
del totale, mentre è di 12,5 milioni quella per la Pubblica
Amministrazione (il 14,7%).
Un’altra parte importante della ricchezza prodotta è
stata utilizzata, sotto forma di utili reinvestiti, per far
crescere il valore dell’azienda stessa: 7,3 milioni di euro
(8,6%).
I finanziatori hanno ricevuto 16,8 milioni (il 19,8%),
mentre gli azionisti 2,8 milioni (il 3,3%) e la comunità
Comunità
locale 1%
Azienda
Azionisti 13%
3%
Finanziatori
19%
locale circa 1 milione di euro (1,1%).
Dal 2011 al 2012 la percentuale di “valore aggiunto”
distribuita al personale è sempre aumentata passando
dal 48% fino ad arrivare al 55% del totale nel corso
dell’ultimo esercizio.
In attesa delle Deliberazioni della prossima Assemblea
dei Soci la percentuale “azionisti”, relativa all’esercizio
2013, rappresenta la proposta di dividendo.
Personale
48%
2011
Valore Aggiunto
distribuito
23,8 mln €
Azienda
Azionisti 10%
3%
Comunità
locale 1%
Azienda
3%
Personale
54%
Azionisti
3%
Pubblica Amministrazione
16%
Finanziatori
19%
2012
Valore Aggiunto
distribuito
30,1 mln €
Comunità
locale 1%
Personale
53%
Finanziatori
24%
2013
Valore Aggiunto
distribuito
32 mln €
Pubblica Amministrazione
13%
Pubblica Amministrazione 16%
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Il Gruppo Egea
35
3.0
MODELLO EGEA
La sostenibilità di un’impresa si misura nella capacità di partecipare alla crescita economica
e allo sviluppo sociale del territorio in cui è collocata e da cui trae la propria forza. Per
ogni impresa lo sviluppo sostenibile è un concetto che va al di là della tutela delle risorse
naturali del territorio.
La sostenibilità è il carattere dell’impresa che disegna il proprio modello di sviluppo e basa
le proprie scelte strategiche in funzione del soddisfacimento dei propri stakeholder: gli
azionisti, naturalmente, così come i clienti, i finanziatori, la Pubblica amministrazione
e i fornitori ma, soprattutto, la comunità locale che con l’impresa condivide il proprio
spazio di vita e di lavoro.
Il Gruppo Egea ha saputo costruire un modello vincente di relazione con il territorio
ponendosi al centro di un sistema complesso di relazioni e agendo come coagulo o
elemento di aggregazione tra le migliori forze della sfera pubblica e privata.
Egea ha disegnato il proprio modello di governance per includere, aggregare e coinvolgere
gli stakeholder locali superando il modello del “fornitore” di servizi ai propri clienti per
divenire “partner strategico” e socio nei progetti di riqualificazione energetica e sviluppo
sostenibile.
Il “modello Egea” di sostenibilità e responsabilità sociale si esprime nella peculiare capacità
di costruire sinergie territoriali tra gli stakeholder, generando, al contempo, ricadute positive
sullo sviluppo economico del territorio e tutelando la qualità e la ricchezza dell’ambiente
circostante.
Per il Gruppo Egea i temi della sostenibilità e della responsabilità sociale si declinano
in modo peculiare identificando un proprio
e compiuto modello di relazione con il territorio. Egea si impegna ad essere punto di riferimento per le comunità locali, il sistema
della Pubblica amministrazione e le imprese
del territorio. Nel perseguire il miglioramento
dell’efficienza e della qualità dei servizi erogati, Egea vuole continuare a crescere insieme al
territorio agendo come volano per lo sviluppo
economico, sociale e ambientale della propria
area di riferimento, investendo e costruendo
collaborazioni sempre più strette con i propri
clienti. Il Gruppo si propone come fornitore di
tutti i principali servizi pubblici locali, distinguendosi per la grande capacità di realizzare
soluzioni a misura del sistema locale e delle
sue esigenze.
Modello di governance duale per garantire la piena
rappresentatività e il protagonismo dei soci e una corretta
separazione tra il piano di indirizzo e quello gestionale.
I soci pubblici esprimono la presidenza del Consiglio di
Sorveglianza
Una parte rilevante dei soci è al contempo partner industriale
in alcune iniziative promosse e cliente dei servizi erogati
dal Gruppo a testimonianza della grande fiducia che i soci
ripongono in Egea
175 milioni di euro di investimenti sul territorio negli ultimi
5 anni, di cui 76 a vantaggio di imprese appartenenti al
sistema economico cuneese
Investimenti in cultura, turismo e formazione, nelle
scuole del territorio, per accrescere la qualità della vita e
trasmettere valori di sostenibilità e rispetto dell’ambiente
Attenzione e vicinanza al cliente attraverso soluzioni
disegnate su misura, una rete capillare di agenti e sportelli
sul territorio in grado di rispondere tempestivamente a tutte
le richieste
37
SOSTENIBILITÀ E
RESPONSABILITÀ SOCIALE
Il concetto di sostenibilità si concretizza nella capacità
dell’impresa di perpetuarsi evolvendo e adattandosi alle
esigenze dei principali portatori di interesse. La triplice
declinazione classicamente utilizzata nella reportistica
dei bilanci sociali prevede che si intersechino le dimensioni economiche, sociali e ambientali del concetto per
analizzare la caratteristiche di sostenibilità di un’impresa.
Se la sostenibilità viene inquadrata e trattata come
obiettivo dell’impresa moderna, in quanto il profitto è
oggi considerato fondamentale a qualificare la condotta
economica ma non sufficiente per determinare il valore
generale dell’impresa, è la responsabilità sociale di impresa a qualificare l’atteggiamento, le scelte e il ruolo
che le aziende giocano all’interno di un sistema socioeconomico complesso.
La responsabilità è un valore e, insieme, il modo in cui
l’impresa si relaziona con il sistema locale, inteso come
ambiente naturale, ambito di comunità, sistema di culture e saperi, consapevole del proprio ruolo nel favorire
lo sviluppo del contesto territoriale.
L’impresa responsabile persegue il profitto perché da
questo trae la possibilità di sostenere il proprio modello, promuovere gli investimenti, pagare i fornitori e retribuire i propri dipendenti; il profitto è un mezzo che
l’impresa utilizza per garantirsi il futuro. Le scelte strategiche di indirizzo dell’impresa ne identificano, invece, la
responsabilità e l’aderenza alle dinamiche economiche e
sociali del territorio. L’impresa, in quanto soggetto complesso che agisce in un contesto di forte eterogeneità,
vive di rapporti, relazioni e interscambi con il proprio
sistema territoriale di riferimento, sistema dal quale non
può prescindere.
Il concetto di responsabilità è multidimensionale e multiforme perché segue i molteplici rapporti che le imprese
intrattengono con gli stakeholder del territorio e con il
sistema ambientale locale. L’impresa responsabile costruisce con il territorio in cui opera un legame diretto
fatto di relazioni con i propri dipendenti i cui saperi, la
cui cultura, è in larga misura frutto del territorio in cui
vivono e lavorano. L’impresa si arricchisce delle compe-
38
tenze e della qualità del capitale umano che raccoglie
sul territorio, e contribuisce ad alimentare questa risorsa
formando le persone e mettendole nelle condizioni di
realizzare i propri obiettivi di vita.
L’impresa responsabile concepisce la propria presenza
sul territorio non come un fatto incidentale, ma come
parte di un sistema complesso in cui altre imprese e, soprattutto, diverse comunità vivono e si perpetuano. Per
questa ragione l’impresa agisce per tutelare le risorse naturali del territorio contribuendo al miglioramento della
qualità della vita dei cittadini e definendo un modello di
sviluppo in grado di salvaguardare, ove non migliorare,
i caratteri naturali del sistema ambientale circostante.
Nel caso delle imprese che operano nei settori del servizio pubblico locale questo aspetto vale ancora di più
perché forniscono servizi essenziali alla crescita economica e allo sviluppo umano del territorio attraverso investimenti.
Egea ha definito un proprio modello di responsabilità
sociale che si fonda su due macro-dimensioni:
-
la dimensione interna al Gruppo, in cui i temi della
responsabilità si applicano al clima aziendale interno, al rapporto tra i lavoratori, al governo dell’impresa, al rapporto con i soci.
-
la dimensione esterna, ovvero il Gruppo Egea e il
territorio in cui opera, dove la responsabilità emerge nei confronti dell’ ambiente esterno, dei rapporti con le comunità locali, con il sistema economico
locale, con le istituzioni che governano il territorio.
Il Gruppo Egea si percepisce come un attore rilevante
della scena locale e ritiene di dover svolgere un ruolo
propulsivo per lo sviluppo del territorio per due ragioni
intimamente connesse: innanzitutto, perché eroga servizi essenziali per il sistema locale ed è pertanto sua precisa responsabilità e dovere; in seconda battuta, perché
il miglioramento della qualità della vita, una maggior
dinamica economica, una miglior attrattività del sistema
locale rappresentano un’opportunità di crescita per il
Gruppo stesso che dal territorio raccoglie le competenze,
le risorse, la propria forza.
Il modello di responsabilità sociale di impresa si concretizza in una peculiare forma di governance del Gruppo in
cui l’anima pubblica e quella privata condividono compiti di indirizzo (Consiglio di Sorveglianza) e sulla componente manageriale (Consiglio di Gestione) cui è affidato il
perseguimento dell’utile e di una corretta gestione della
multiutility. Egea è un’azienda con profonde radici famigliari che ha saputo gestire in maniera efficace il passaggio dalla prima alla seconda generazione d’imprenditori.
È una realtà che negli anni non ha diversificato solo prodotti e mercati di riferimento, ma anche la composizione
del proprio capitale sociale. È in tale capacità di aprirsi
a un mondo esterno (visto come fonte di competenze,
stimolo al cambiamento e rete di relazioni utili per crescere insieme) che Egea si distacca nettamente da tante
altre imprese famigliari italiane.
Allo stesso modo, l‘azione responsabile verso l’esterno si
esplica attraverso la promozione di investimenti locali
capaci di far crescere un indotto di imprese, di promuovere un miglioramento nell’erogazione dei servizi tali
da accrescere la qualità della vita, di assumere un ruolo
culturale nei confronti delle comunità locali per l’uso responsabile dei servizi al fine di ridurre gli sprechi e gli
impatti sull’ambiente delle attività umane. In altri termini, l’impresa agisce responsabilmente all’esterno tutelando e sviluppando le risorse stesse di cui si avvantaggia
per il proprio sviluppo e la propria sostenibilità futura.
Lo sviluppo dei servizi di teleriscaldamento è la sintesi
del modello Egea: realizzare investimenti locali per far
crescere competenze ed eccellenze, collaborando con le
Amministrazioni pubbliche e il sistema industriale del
territorio, con l’obiettivo di migliorare i servizi al cittadino e la qualità dell’ambiente. In questo settore Egea si
è ritagliata un ruolo di spicco in ambito nazionale ed ha
raggiunto una posizione di leadership nella realizzazione
e nella gestione di impianti di cogenerazione e sistemi
di teleriscaldamento per le città di taglia medio-piccola,
sotto i 50.000 abitanti.
Nel corso degli ultimi anni è inoltre cresciuto l’impegno
nella valorizzazione delle energie rinnovabili con investimenti nel settore fotovoltaico, nel biogas e nella produzione di energia da fonte idroelettrica. A completare
la gamma di servizi erogati Egea, attraverso le proprie
società controllate, è il primo operatore del servizio idrico integrato dell’Ato 4 (Ambito territoriale ottimale) Cuneese e, nel corso del 2013, ha offerto i servizi di igiene
ambientale a circa 100 comuni del sud Piemonte.
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Il modello Egea
39
GLI STRUMENTI DI GOVERNO
“GOVERNANCE”: LA SCELTA DEL
SISTEMA DUALE E IL RUOLO
DEGLI ENTI TERRITORIALI
Egea è stata una delle prime realtà italiane che ha adottato il modello dualistico di gestione, un sistema di amministrazione e controllo delle società di capitali di origine tedesca.
Tale modello di governance, insieme a quanto previsto
dai soci in sede di revisione dello Statuto, permette sia
di giungere a decisioni strategiche condivise tra tutti i
numerosi membri dell’Assemblea, sia di creare rapporti
di equilibrio tra i soci pubblici e i soci privati assegnando
a ciascuno un ruolo più vicino alle diverse peculiarità e
punti di forza. I soggetti privati gestiscono, quelli di diritto pubblico presiedono gli organi incaricati di sorvegliare il buon andamento dell’azienda e, per quanto possibile, garantiscono la ricerca di un punto di equilibrio tra le
esigenze di profitto e la natura intrinsecamente “sociale”
dei servizi essenziali erogati dal Gruppo.
In estrema sintesi ciò che distingue il modello dualistico
è la presenza di un nuovo organo, il Consiglio di Sorveglianza, cui sono demandate alcune delle funzioni d’indirizzo e controllo svolte tradizionalmente dall’Assemblea dei soci e dal Collegio sindacale.
Il ruolo e i compiti del Consiglio di Amministrazione
sono affidati a un organo nominato dal Consiglio di Sorveglianza: il Consiglio di Gestione. Il modello, quindi, si
regge su tre gambe: l’Assemblea e i due Consigli. Oltre
a questi tre organi, previsti dal Codice Civile, Egea si è
dotata di un Comitato interno di Controllo, presieduto
da un rappresentante individuato dai soci pubblici, che
garantisce un ulteriore monitoraggio della situazione
amministrativa, finanziaria e gestionale del Gruppo e di
un Comitato Strategico. Quest’ultimo svolge funzioni di
approfondimento su temi specifici e di consultazione al
servizio dell’Assemblea e degli altri organi.
40
stabilisce che il Presidente dell’Assemblea debba necessariamente essere designato dai soci di diritto pubblico.
In dettaglio l’Assemblea:
• Nomina, ed eventualmente revoca, i membri del
Consiglio di Sorveglianza.
•
Stabilisce il compenso annuale sia del Consiglio di
Sorveglianza, sia del Consiglio di Gestione.
•
Nomina il Presidente del Consiglio di Sorveglianza.
Anche questo ruolo in base alle previsioni statutarie
deve essere affidato a uno dei due membri del Consiglio indicati dai soci pubblici.
•
Sentito il Consiglio di Sorveglianza, conferisce per
tre anni l’incarico del controllo contabile a un revisore o a una società di revisione iscritti all’apposito
Registro presso il Ministero di Giustizia.
•
Decide l’eventuale distribuzione degli utili e, in caso
di mancata approvazione da parte del Consiglio di
Sorveglianza, approva il Bilancio d’esercizio.
•
Delibera in merito a eventuali aumenti di capitale e
modifiche dello Statuto.
L’ Assemblea dei soci non percepisce compensi, i soci
sono remunerati attraverso gli utili. L’Assemblea stabilisce il monte complessivo dei compensi da riconoscere
al Cosiglio di Sorveglianza e al Consiglio di Gestione e la
ripartizione tra i membri è stabilita all’interno di ogni
singolo Consiglio.
Consiglio di Sorveglianza
Composto da cinque a sette consiglieri, ha funzioni di
indirizzo e controllo. Secondo quanto stabilito all’art. 4.1
dello Statuto “la nomina di due componenti del Consiglio
di Sorveglianza è riservata congiuntamente ai soci pubblici Enti territoriali […]. I componenti designati dai Soci
pubblici decadono per volontà degli Enti che li hanno designati secondo le regole stabilite dagli Enti stessi”.
Lo Statuto stabilisce in maniera esplicita quali compiti
spettano a quest’organo:
Assemblea dei soci
•
L’Assemblea è composta da tutti quelli che sono in possesso di quote del capitale sociale dell’azienda e si riunisce almeno una volta l’anno. Lo Statuto sociale di Egea
Nomina, e revoca, i membri del Consiglio di Gestione e può indicare il consigliere incaricato di presiederlo.
•
Approva il Bilancio d’esercizio e il Consolidato, o ne
demanda l’approvazione all’Assemblea.
•
In alcuni casi, esprime un parere vincolante sui trasferimenti di azioni superiori al 7,5% del capitale sociale.
•
Vigila sull’osservanza della legge e dello Statuto, sui
principi di corretta amministrazione da parte dell’organo di gestione e, in particolare, verifica “l’adeguatezza dell’assetto organizzativo, amministrativo, contabile
adottato dalla Società e sul suo corretto funzionamento”
(art. 4.5 dello Statuto Sociale).
•
Affinché diventino operative, il Consiglio di Sorveglianza deve espressamente approvare alcune politiche proposte dal Consiglio di Gestione; si tratta di scelte che
potrebbero avere un impatto significativo sul territorio
e/o sull’ambiente: nuovi insediamenti territoriali, approvvigionamenti di combustibili e provenienza dell’energia elettrica utilizzata, politiche ambientali, tariffe
all’utenza, rapporti finanziari con gli Enti locali soci.
Consiglio di Gestione
È l’organo amministrativo di Egea che ha, in modo esclusivo, la responsabilità della gestione operativa dell’impresa e
del raggiungimento dello scopo sociale. Come anticipato, il
Consiglio di Gestione svolge un ruolo molto simile a quello
del più tradizionale Consiglio di Amministrazione; a differenza di questo, però, è sottoposto al controllo diretto del
Consiglio di Sorveglianza e ne attua gli indirizzi generali di
sviluppo. Ha inoltre il compito di:
•
Predisporre il Bilancio d’esercizio e il Bilancio consolidato per l’approvazione.
•
Convocare l’Assemblea dei soci.
•
Ogni sei mesi deve riferire al Consiglio di Sorveglianza
sull’andamento generale della gestione e sulla prevedibile evoluzione delle operazioni di maggior rilievo
effettuate da Egea o dalle società controllate
•
Il Cdg stabilisce compensi per gli amministratori muniti
di particolari cariche. Le funzioni esecutive e le attività operative che, su mandato del Consiglio di gestione
stesso, sono svolte da singoli amministratori a favore
della società sono oggetto di remunerazione separata,
con l’assegnazione, quindi, a favore dei singoli interessati, di specifici ulteriori compensi, deliberati di volta
in volta ad personam dallo stesso Consiglio di gestione,
sentito il parere del Consiglio di sorveglianza, ai sensi
degli artt. 2389 codice civile e 5.7 del vigente statuto,
tenuto conto anche di quanto attualmente in essere
per analoghi incarichi per quanto attiene a modalità e
livello dei compensi.
CONSIGLIO DI GESTIONE
ha competenze sull’operatività dell’azienda
e il raggiungimento dell’oggetto sociale
Ing. PierPaolo Carini – Presidente
(designazione privata)
Dott.ssa Carla Perotti – Consigliere
(designazione privata)
Rag. Giovanni Biestro – Consigliere
(designazione industriale)
ELEGGE
CONSIGLIO DI SORVEGLIANZA
ha funzioni di indirizzo e controllo.
Ing. Fulvio Baratella – Presidente
(designazione pubblica)
Prof. Luigi Carosso – Consigliere
(designazione pubblica)
Dott. Pier Fausto Finazzi – Consigliere
(designazione privata)
Ing. Renzo Capra – Consigliere
(indipendente)
Prof. Giovanni Del Tin – Consigliere
(indipendente)
Prof. Francesco Gullì – Consigliere
(indipendente)
Dott. Giuseppe Miroglio Consigliere
(designazione industriale)
Comitato Interno
di Controllo.
Verifica la situazione
amministrativa,
finanziaria e
gestionale del Gruppo
Prof. Luigi Carosso
(Presidente)
Dott. PierFausto
Finazzi
Prof. Francesco Gullì
Comitato
Strategico
ha funzioni di
consultazione e
approfondimento.
Ing. Fulvio Baratella
Presidente
Ing. Renzo Capra
Prof. Giovanni Del Tin
Prof. Francesco Gullì
Ing. PierPaolo Carini
(funzioni consultive)
ELEGGE
ASSEMBLEA DEI SOCI
DI EGEA SPA
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Il modello Egea
41
IL CODICE ETICO
Il Codice Etico ruota attorno ad alcuni principi generali
di seguito sintetizzati:
•
Responsabilità. Nella realizzazione della missione
aziendale i comportamenti di tutti gli stakeholder
interni del Gruppo devono essere ispirati dall’etica
della responsabilità ed essere in sintonia con i principi della probità e integrità. Il rispetto della normativa vigente è e deve essere sempre al primo posto
rispetto all’interesse dell’impresa.
•
Trasparenza, cioè veridicità, accuratezza, tempestività e completezza dell’informazione sia all’esterno
sia all’interno dell’azienda. I contratti con l’utenza
devono essere chiari e comprensibile da tutti i punti
di vista, “assicurando sempre il mantenimento della
condizione di pariteticità con i clienti”.
•
Correttezza, un principio che implica il rispetto dei
diritti e delle opportunità di tutti i soggetti coinvolti
nell’attività lavorativa e professionale e, allo stesso
tempo, impone l’eliminazione di qualsiasi discriminazione e di ogni possibile conflitto d’interessi tra
dipendenti e azienda.
•
Efficienza: ogni attività lavorativa deve essere realizzata mediante economicità nella gestione delle
risorse impiegate nell’erogazione dei servizi, assumendo inoltre l’impegno di offrire un servizio adeguato rispetto alle esigenze del cliente e secondo gli
standard più avanzati.
Il codice etico approvato da Egea nel luglio 2007 rappresenta l’espressione di valori condivisi, riconosciuti
e accettati non solo all’interno dell’organizzazione tra
collaboratori e management, ma anche all’esterno tra le
diverse società controllate che compongono il Gruppo.
Si tratta, come espresso nello stesso Codice, di uno strumento “di deontologia aziendale che ha l’obiettivo di comunicare pubblicamente i valori e i principi di condotta in
essere nell’ambito del Gruppo Egea creando le condizioni
per la corretta applicazione di politiche e procedure specifiche”.
È quindi uno strumento operativo concreto, non una
semplice dichiarazione d’intenti: la stesura del Codice
rientra, infatti, nell’ambito di un percorso articolato di
trasparenza attuato da Egea nel corso degli anni. Percorso che comprende sia l’ottenimento delle certificazioni
internazionali di Qualità (UNI EN ISO 9001) e Ambiente
(UNI EN ISO 14001), sia l’aver inserito all’interno dello
Statuto l’adozione di una “Carta dei servizi” conforme
alla normativa per ciascuno dei servizi gestiti e approvata dal Presidente del Consiglio di Gestione, sia, nel 2006,
la stesura del primo Bilancio sociale del Gruppo seguito
nell’esercizio 2013 dalla realizzazione del primo Bilancio
di sostenibilità ambientale.
42
•
•
•
•
Spirito di servizio: le persone cui il Codice è rivolto devono condividere la missione aziendale volta a
fornire un servizio di alto valore sociale, alta qualità
e utilità alla collettività, adeguando in tal direzione
tutti i loro comportamenti.
Rapporti con la collettività e tutela ambientale. Egea, nella consapevolezza che le proprie attività
incidono profondamente sullo sviluppo e sulla qualità della vita dei territori in cui opera, si impegna a
salvaguardare l’ambiente e a contribuire allo sviluppo sostenibile del territorio.
Valorizzazione delle risorse umane. La crescita di un’azienda non può prescindere dalle risorse
umane, dalle donne e dagli uomini coinvolti ogni
giorno nel perseguimento della mission di Egea. Ne
deriva che il Gruppo tutela e promuove la crescita
professionale dei propri collaboratori per arricchire
il patrimonio di competenze professionali possedute. Allo stesso tempo Egea è consapevole che la
buona reputazione e la credibilità aziendale favoriscano gli investimenti degli azionisti, i rapporti con
le istituzioni locali, la fedeltà dei clienti, lo sviluppo
delle risorse umane e la correttezza e affidabilità dei
fornitori.
Il sistema di governo è conforme alla normativa vigente e in linea a quelle prassi in materia di
organizzazione aziendale che si sono rivelate più
efficaci; è anche volto ad assicurare un’equilibrata
collaborazione tra le diverse componenti al fine di
raggiungere un punto di equilibrio tra i diversi ruoli
di gestione, di indirizzo e di controllo.
•
La comunicazione rivolta all’esterno si basa sul rispetto del diritto all’informazione e sul principio di
verità per cui in nessun caso è permesso divulgare
notizie e commenti falsi o tendenziosi. Tutte le attività di comunicazione realizzate dal Gruppo Egea
oltre a rispettare leggi, regole e pratiche di condotta
professionale devono essere improntate alla maggior chiarezza, trasparenza e tempestività possibili.
IL MODELLO ORGANIZZATIVO
ALLA LUCE DI QUANTO
PREVISTO DAL D.LGS. 231/2001
L’adozione del modello di governance dualistico e del
Codice etico (così come le altre attività improntate alla
trasparenze sopra citate) si affiancano ai Modelli organizzativi ex Decreto n. 231 del 2001 adottati da Egea per
prevenire che siano commessi i reti previsti nell’ambito
del Decreto.
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Il modello Egea
43
GLI “STAKEHOLDER”
Gli stakeholder rappresentano tutti i soggetti, individui
od organizzazioni, attivamente coinvolti nelle iniziative
economiche di un’impresa, i cui interessi sono negativamente o positivamente influenzati dall’andamento, dalle dinamiche, dai risultati dell’impresa stessa.
Il concetto, volutamente ampio e poco definito, di “portatore di interesse” rimanda all’essenza stessa dell’impresa come attore tra gli attori di un determinato sistema economico. Ogni soggetto economico, infatti, deriva
la propria essenza dall’utilizzo a fini produttivi di risorse
umane, ambientali e istituzionali; al contempo, l’azione economica dell’impresa produce impatti sul sistema
stesso generando esternalità a livello sociale, sul territorio, sulle condizioni di vita e di riproduzione della comunità, sui modelli di consumo, sulla cultura locale e sulla
ricchezza degli individui.
Ragionare in termini di stakeholder analysis significa
pertanto concepire un’azienda come un soggetto interdipendente rispetto al sistema socio-economico in cui ha
preso vita. L’impresa appartiene al territorio in quanto
le risorse del territorio sono elementi essenziali dello
sviluppo dell’impresa stessa. Questo determina un’interdipendenza e impone un ruolo di responsabilità dell’impresa sulla qualità della vita delle comunità locali e sullo
sviluppo economico sociale, culturale ed ambientale del
sistema.
Significa analizzare il ruolo del personale come risorsa
del territorio (prodotto della cultura, delle relazioni e del
sistema formativo locale) di cui l’azienda si appropria e
impiega a fini produttivi, e che può contribuire, a sua
volta, ad arricchire attraverso percorsi di formazione e
professionalizzazione.
44
Significa concepire la catena di fornitura come componente essenziale del processo produttivo e, al contempo, esternalità generata dall’azienda stessa sul sistema
locale.
Significa inquadrare il ruolo di soci e finanziatori in
quanto figure essenziali al sostegno dell’iniziativa economica che l’impresa remunera attraverso la sua capacità
di produrre reddito.
Significa analizzare i clienti dell’impresa come fruitori
dei beni prodotti e come soggetti che dall’impresa acquistano beni e servizi necessari alla propria crescita
In concreto cosa vuol dire “tener conto” dei portatori d’interesse? Certamente significa essere disposti ad
ascoltare, ma questa disponibilità, nell’ambito della responsabilità sociale d’impresa, non può rimanere lettera
morta, “slogan da brochure”. Deve necessariamente tradursi in azioni semplici, ma concrete ed efficaci, come
da tradizione piemontese, più ancora delle Langhe, in
strategie aziendali volte a far sì che gli stakeholder siano
pienamente consapevoli del proprio ruolo e abbiano i
mezzi e le informazioni utili per partecipare attivamente
alla vita dell’azienda.
Azioni semplici che vanno dall’impegnarsi per rendere
le bollette facilmente comprensibili da tutti i clienti, agli
incontri diretti in azienda o sul territorio, dalle presentazioni dei bilanci di esercizio alle newsletter inviate ai soci,
dalle occasioni di confronto informale con i dipendenti
fino ai comunicati stampa con cui periodicamente sono
rendicontate sulla stampa locale, e talvolta nazionale,le
nuove iniziative realizzate.
Si tratta di attività realizzate con impegno e convinzione per migliorare costantemente la comunicazione tra
Egea e i membri della rete a cui fa capo, comprendere le
aspettative e le esigenze di tutti gli stakeholder riguardo
alle strategie aziendali e migliorare in questo modo la
sostenibilità globale del Gruppo.
La mappa degli stakeholder evidenzia tutti gli interlocutori rilevanti per l’azienda, personale, azionisti, clien-
ti, finanziatori, fornitori, Pubblica amministrazione, comunità e territorio, nella consapevolezza che il
rapporto tra azienda e stakeholder non è mai qualcosa
di statico.
Piuttosto è una relazione continuamente ridefinita, e
arricchita, durante la pratica quotidiana del lavoro, nel
gestire luce, acqua, gas e rifiuti in un territorio in costante espansione.
MAPPA DEGLI “STAKEHOLDER”
CLIENTI
PERSONALE
AZIONISTI
FINANZIATORI
PUBBLICA
AMMINISTR.
COMUNITÀ E
TERRITORIO
FORNITORI
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Il modello Egea
45
DINAMISMO ED EFFICIENZA,
LE NOSTRE PAROLE D’ORDINE
Il Gruppo è cresciuto in maniera esponenziale, le attività si sono moltiplicate
come, di conseguenza, le interazioni con l’esterno, i dipendenti hanno
superato ormai le 500 unità. La nuova sede è la prossima sfida.
Guardandolo dalle sue competenze, quanto è
cambiato, negli ultimi anni, il Gruppo Egea?
È stato un mutamento sostanziale. Alla fine degli anni
Novanta eravamo qualche decina di dipendenti, una
grande famiglia. Oggi siamo oltre 500 e operiamo in
una realtà imprenditoriale dinamica e all›avanguardia,
di rilievo nazionale. Sono stati incrementati con servizi
specifici e diversificati i settori di attività del Gruppo,
le partecipazioni, le società operative. Di conseguenza si sono intensificate l›organizzazione interna e le
interazioni con l›esterno. La nostra macchina organizzativa si è fatta trovare preparata, scansando il rischio
dell›inefficienza.
Egea ha sempre considerato il rapporto con il
territorio elemento caratterizzante della propria
azione? Come si coniuga quest’attenzione con il
progressivo ampliarsi dell’area di riferimento del
Gruppo?
In primo luogo curando con attenzione le interazioni
con l’esterno, con il territorio, appunto, e con quanti,
a vario titolo, lo rappresentano. Ormai pressoché quotidianamente partecipiamo a riunioni e incontri a ogni
livello. Dialoghiamo con le Pubbliche amministrazioni,
con i soci, con gli esponenti del tessuto economico e
imprenditoriale, con le associazioni di categoria, con
le realtà aggregative che animano iniziative a livello sociale, culturale e sportivo, con le associazioni dei
consumatori con le quali abbiamo avviato un’intensa
collaborazione. Si sviluppano sinergie su molti fronti tra
tutte queste realtà, si fa squadra. Egea funge spesso da
collettore e da punto di snodo, strumento attraverso cui
46
dar voce alle sollecitazioni provenienti dal territorio e
individuare soluzioni condivise.
A livello di struttura interna nel corso del 2013 è
stato potenziato l’ufficio risorse umane. Da dove
nasce quest’esigenza?
Egea è in costante crescita e continua ad assumere anche durante gli anni della crisi, in controtendenza rispetto al mercato locale. Di questo andiamo fieri. Con la
riorganizzazione dell’ufficio personale abbiamo voluto
accrescere l’efficienza nella gestione dei processi interni
e migliorare il rapporto tra dipendenti e impresa.
Come si lavora in Egea?
Vogliamo che i nostri collaboratori siano orgogliosi e
appagati del proprio lavoro, per questo cerchiamo di
agevolare lo sviluppo di un clima di collaborazione e
cooperazione tra i dipendenti, favorendo gli scambi informativi e sostenendo con forza il coinvolgimento di
tutti nelle decisioni. Allo stesso tempo siamo sempre
attenti a cogliere le esigenze dei dipendenti e a favorire
la costruzione di percorsi di crescita professionale. Nel
corso del 2013 abbiamo operato alcuni spostamenti in
ruolo e lo abbiamo fatto investendo sulle persone. Negli incontri tra i Direttori di divisione abbiamo messo
sul piatto alcune ipotesi di riorganizzazione e potenziamento di alcune strutture, provando a conciliare le
aspettative di crescita di alcuni dipendenti e la qualità
da loro dimostrata con le opportunità offerte dall’azienda. Abbiamo avuto risultati sorprendenti in termini
di produttività.
Intervista a
SEBASTIANO CONTEGIACOMO
Direttore Organizzazione e Affari generali Gruppo Egea
Per quanto concerne le nuove assunzioni, quali
sono i canali di reclutamento che avete utilizzato
negli ultimi anni e quali gli obiettivi per il futuro?
Noi offriamo a molti giovani laureati e diplomati la
possibilità di intraprendere un percorso di professionalizzazione. Ogni anno, grazie alle convenzioni con
il Politecnico di Torino, gli istituti industriali e tecnici
del territorio, inseriamo figure in stage; durante questo
periodo abbiamo modo di consentire loro di accostarsi
al mondo del lavoro e di selezionare i soggetti che si
dimostrano più capaci. Nel 2013 abbiamo stabilizzato
alcuni dipendenti che erano legati a noi con contratti
a termine o che provenivano da agenzie di lavoro interinale. Intendiamo proseguire su questa strada per il
futuro: le nuove assunzioni passeranno sempre da un
training interno che consenta ad Egea di valutarne le
capacità e al lavoratore di accrescere il proprio bagaglio
di esperienze.
Quali sono le scommesse che coinvolgeranno la
sua divisione nel prossimo futuro?
Stiamo lavorando a un ambizioso progetto di potenziamento e riorganizzazione del call-center e del front-office, primo e fondamentale punto di contatto tra i clienti e l’azienda. L’obiettivo è di migliorare l’accoglienza
presso gli sportelli e il servizio erogato diminuendo i
tempi di attesa e garantendo ancor maggiore tempestività nella risoluzione dei problemi. Il prossimo traguardo cui guardiamo, inoltre, è la realizzazione, ad Alba, di
una nuova sede per il Gruppo, quella definitiva, in via
dell’Acquedotto alla quale stiamo lavorando con grande impegno.
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Interviste
47
EGEA SI DECLINA AL FUTURO
Sane radici sulle quali basare un’ulteriore crescita guardando con particolare attenzione
alla nuova linea di business legata all’efficientamento energetico
L’impatto della crisi nel settore delle utilities ha
evidenziato i limiti dei gradi processi aggregativi
su scala nazionale. Con la ripresa in atto quali saranno le direttrici del rilancio? Quali sono i punti di forza di Egea e come si sta attrezzando per
competere nel nuovo scenario?
Le aggregazioni non hanno prodotto, salvo rarissime
eccezioni, strutture compatte dal punto di vista né organizzativo né decisionale. Di conseguenza sono state
sviluppate strategie non sempre chiare e a tratti contradditorie, in parte legate a specifiche situazioni degli azionisti pubblici. Il rilancio dovrà necessariamente
passare da una riorganizzazione e revisione del processo decisionale e dalla definizione di nuovi programmi.
Egea non ha subito nessun processo di aggregazione, ma
è cresciuta in modo “sano” e seguendo una strategia trasparente, a cerchi concentrici, con un fortissimo legame
con il territorio e ruoli chiari, in termini decisionali, tra
pubblico e privato. Questo tipo di approccio consentirà
ad Egea un ulteriore significativo sviluppo, anche in ambiti territoriali relativamente contenuti.
Egea si propone come partner delle imprese per
l’ottimizzazione dei consumi energetici e il miglioramento dell’efficienza dei propri processi produttivi. Quali opportunità vede i questi mercati?
Benché si parli di risparmio energetico, e più recentemente di efficientamento, da circa 25 anni la strada ancora da percorrere è molto ampia, sia a livello pubblico
che privato, per diversi motivi: economici, decisionali e
tecnici. Egea è un partner potenzialmente ideale, poiché si tratta di un Gruppo fortemente integrato, con
competenze specifiche nei diversi settori, dall’impiantistica alla produzione e vendita di energia alle energie
48
rinnovabili, ed è quindi in grado di dare una risposta
completa a qualsiasi tipologia di committenza. Si tratta,
in generale, di progetti ad alta intensità di capitale, con
tempi di ritorno lunghi, che necessitano di continuità
gestionale. In questo senso le proposte di Egea sono
particolarmente vantaggiose per gli Enti pubblici e offrono ottime soluzioni tecniche anche per gli operatori
privati.
Il settore pubblico esprime un forte deficit di efficienza e di qualità delle proprie infrastrutture
e dei propri sistemi energetici. Quale ruolo può
svolgere Egea per i comuni e le diverse istituzioni
pubbliche del territorio?
Il settore pubblico esprime una chiara necessità di efficientare le proprie strutture energetiche per diversi motivi: innanzitutto economico-finanziari, ovvero carenza
di risorse derivanti dai processi di spending-review e dai
vincoli dovuti al patto di stabilità interno; in seconda
battuta tecnici, a causa di strutture obsolete da riqualificare e mettere sia a norma sia in sicurezza. Vi è un
terzo motivo che limita la capacità di adeguamento
delle strutture e infrastrutture pubbliche ai più elevati standard di efficienza ed è rappresentato dai limiti
organizzativi stessi della macchina pubblica che manca di strutture interne dedicate alla gestione dei propri
impianti. Le norme sugli appalti pubblici consentono,
sulla carta, ampi spazi di manovra agli Enti. Le difficoltà
sia amministrative che tecniche nel predisporre bandi
innovativi e calati sulla singola situazione locale ne limitano tuttavia l’efficacia, prediligendo soluzioni semplici come l’adesione a convenzioni regionali e nazionali. Una risposta a questo tipo di difficoltà, specie con
Enti di piccole e medie dimensioni, e quindi proporzio-
Intervista a
GIUSEPPE ZANCA
Direttore Sviluppo Gruppo Egea
nalmente meno strutturati dei grandi centri, possono
essere il project financing e la convenzione di servizi. Si
tratta di procedure che per il proponente sono onerose
e sotto certi aspetti incerte sia per i tempi sia per gli esiti, ma che offrono all’Ente che ne beneficia la possibilità di ottenere risposte mirate e specifiche per le proprie
esigenze. Egea, per la sua conoscenza del territorio, può
svolgere in tal senso un ruolo molto importante nell’identificare gli enti più “aperti” a questo tipo di approccio, e proporre le soluzioni più idonee.
Il mercato italiano ha visto il moltiplicarsi di
emissioni obbligazionarie da parte delle imprese per tutto il 2013. Questo trend è destinato a
durare anche nel 2014? Come si colloca Egea in
questo scenario?
Il mercato italiano delle obbligazioni è relativamente
limitato, così come il mercato azionario. L’emissione di
obbligazioni è un valido complemento al finanziamento bancario, ma per comprensibili motivi le aziende che
hanno accesso in parte più “facile” al credito bancario
sono le stesse che sono in grado di lanciare emissioni
obbligazionarie a tassi decenti. Per le aziende non quotate e con indicatori non eccellenti, questo mercato è
da ritenersi praticamente precluso. Ragionamento a
parte, ancora tutto da valutare, è quello dei nascenti minibond, ma a quali tassi? Egea, sebbene non sia
quotata, ha la possibilità di emettere prestiti obbligazionari: questo grazie soprattutto alla composizione del
suo portafoglio, molto equilibrato, con una quota significativa di mercato regolato e con progetti di durata
trentennale, attraverso concessioni e convenzioni con
enti locali, con una serie di iniziative nel settore delle
energie rinnovabili, a condizioni predefinite e con una
possibilità di crescita regolare.
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Interviste
49
1.
2.
3.
4.
Coltivare un clima lavorativo di grande collaborazione che prediliga
la costruzione di rapporti di tipo orizzontale tra i collaboratori.
Costruire percorsi di progressione personale che partano da una mappatura delle
competenze interne e offrano ai dipendenti la possibilità di accrescerle.
Offrire un servizio sempre migliore ai propri clienti sia attraverso le attività di
front-office sia continuando a sviluppare servizi di alta qualità.
Offrire opportunità di professionalizzazione per giovani al primo impiego
favorendo un collegamento tra mondo della formazione, università e lavoro .
OBIETTIVI
PERSONALE
DIPENDENTI TRA IL 1997 E IL 2013
518 520
340
300
247
236
215
199
200
273
306
283
164
113
100
74
0
Se si prendono in considerazione
anche le aziende dell’indotto, il totale degli occupati coinvolti nella
“filiera Egea” è pari a 1.189 persone (+ 12,5% rispetto alle 1.057 del
2010).
516
418
400
2013
2012
2008
2007
2006
2005
2004
2003
2002
2001
2000
1999
35
1998
Al 31 dicembre 2013 l’organico era
composto da 520 persone, un dato
che conferma la dinamica positiva
dell’occupazione in essere da 16
anni.
504
2011
500
2010
600
2009
CHI SONO
LE PERSONE CHE
LAVORANO PER EGEA?
1997
OBIETTIVI
LA COMPOSIZIONE
1189
Totale occupati Egea + indotto
1133
1077
1057
504
311
516
518
352
360
520
412
242
209
235
257
2010
2011
2013
2013
51
PERSONALE
Nella maggior parte dei casi si tratta di donne e uomini che vivono in Provincia di Cuneo, il che conferma il forte legame instauratosi tra Egea e il territorio di riferimento.
Non è insignificante, d’altronde, quel 13%
circa di dipendenti che vive in altre province o regioni e che, negli ultimi quattro
anni, è sempre leggermente aumentato.
Evidentemente si preferisce il territorio, ma
si sanno anche trovare le professionalità di
cui l’azienda ha bisogno là dove sono disponibili, senza preclusioni.
Il personale femminile aumenta in maniera costante sia in termini assoluti (da 139 a
162 dipendenti donne negli ultimi quattro
anni), sia dal punto di vista del peso percentuale sul totale: dal 15% del 2003, al 27,6%
del 2010 al 31% dell’ultimo esercizio.
Il Gruppo garantisce l’assenza di discriminazioni nell’applicazione delle politiche di selezione, assunzione, formazione, gestione,
sviluppo e retribuzione.
DIPENDENTI PER PROVINCIA DI RESIDENZA (2011-2013)
2011
2012
2013
Provincia di residenza
N.
%
N.
Provincia di Cuneo
452
87,6
453
87,5 449
86,3
59
11,4
60
11,6
66
12,7
5
1,0
5
1,0
5
1,0
Altre province del Piemonte
Altre regioni
Totale
516
%
N.
%
520
518
DIPENDENTI PER GENERE (2011-2013)
100%
90%
80%
70%
60%
365
374
360
358
139
27,6%
142
27,5%
158
30,5%
162
31,0%
2010
2011
2012
2013
50%
40%
30%
20%
10%
0%
Uomini
La qualifica professionale maggiormente
presente è quella degli impiegati (quasi il
57% nel 2013), cui seguono operai, quadri
e dirigenti.
Il Gruppo garantisce l’assenza di discriminazioni nell’applicazione delle politiche di
selezione, assunzione, formazione, gestione, sviluppo e retribuzione.
DIPENDENTI PER QUALIFICA E GENERE (2011-2013)
Qualifica
2011
N.
Dirigenti
Quadri
2012
%
8
1,6
N.
2013
%
8
1,5
N.
%
10
1,9
18
3,5
18
3,5
20
3,9
297
57,6
299
57,7
296
56,8
Operai
193
37,4
193
37,3
194
37,4
Totale
516
518
520
Uomini
2011
2012
2013
N.
N.
N.
10
Impiegati
Dirigenti
Quadri
Impiegati
8
8
18
17
19
163
150
145
Operai
185
185
184
Totale
374
360
358
Donne
2011
2012
2013
N.
N.
N.
Dirigenti
0
0
0
Quadri
0
1
1
Impiegati
52
Donne
134
149
151
Operai
8
8
10
Totale
142
158
162
ETÀ MEDIA DEI DIPENDENTI PER QUALIFICA
38
36
35
51
48
47
43
41
40
37
39
32
31
30
2011
2012
2013
41
Totale dipendenti
Dirigenti
Quadri
Impiegati
Opera
ANZIANITÀ AZIENDALE MEDIA
DEI DIPENDENTI, PER QUALIFICA
Anni di anzianità
in azienda, per
qualifica
2011
2012
2013
Dirigenti
18
19
17
Quadri
12
12
11
Impiegati
13
14
14
Operai
10
11
11
Anzianità media
dei dipendenti
12
13
13
SUDDIVISIONE DEI DIPENDENTI
PER TITOLO DI STUDIO
100
90
80
70
53%
49%
45%
Anche l’età dei dipendenti, negli ultimi tre esercizi, ha seguito un andamento sostanzialmente
stabile, con una tendenza a diminuire che potrà trovare una conferma definitiva solo grazie
a future rilevazioni di medio o lungo periodo.
È comunque possibile affermare che Egea, con
un’età media di 36 anni, è un’azienda giovane.
39%
L’età aumenta con il crescere della qualifica
professionale che, ovviamente, rappresenta
il coronamento di carriere spesso cominciate
subito dopo il diploma o la laurea, “partendo
dalla gavetta”. Il dato si riflette anche sull’anzianità aziendale dei dipendenti: 17 anni per i
dirigenti nel 2013, “solo” 11 per gli operai.
Il livello d’istruzione risulta in crescita: la percentuale di laureati è passata dal 15% del 2010
al 21 del 2013, quella dei diplomati dal 32 al
40%. Nell’ultimo anno la somma di queste due
categorie ha superato per la prima volta il 60%
del totale dei dipendenti.
60
50
40
30
32%
34%
35%
40%
20
10
15%
17%
20%
21%
0
2010
Laurea
2011
2012
2013
Diploma di scuola media superiore
Altro titolo di studio
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Il modello Egea
53
PERSONALE
PERCENTUALE ADDETTI CON
CONTRATTO ATIPICO SUL TOTALE
Sotto il profilo del contratto di lavoro, l’incidenza percentuale dei
lavoratori “atipici” sul totale degli
addetti nell’ultimo triennio è diminuita dal 16,4 al 15,5%. Per “atipici” s’intende la somma dei dipendenti a tempo determinato, degli
interinali e dei para-subordinati.
100%
90%
80%
70%
60%
50%
40%
30%
20%
10%
16,4%
16,3%
2011
2012
15,5%
0%
2013
Contratti atipici
DIPENDENTI PER QUALIFICA E GENERE (2011-2013)
Al 31 dicembre 2013 i lavoratori
a tempo indeterminato (a tempo
pieno o parziale) rappresentano
oltre l’88% dei dipendenti e l’85%
degli addetti totali di Egea.
Tra i non dipendenti, la forma contrattuale più diffusa è il contratto
di somministrazione (56 persone)
a fronte di 6 contratti a progetto.
2011
Dipendenti
N.
%
N.
%
448
86,8
451
87,1
459
88,2
Dipendenti part-time
a tempo indeterminato
31
6,0
32
6,2
33
6,36
Dipendenti a tempo determinato
37
7,2
35
6,8
28
5,4
-
-
-
-
-
-
Dipendenti a tempo indeterminato
Formazione lavoro
Totale
516
N.
Contratto a progetto
520
2012
%
N.
53
93,0
4
7,0
2013
%
N.
55
93,2
4
6,8
%
56
90,3
6
9,7
Totale
57
59
62
TOTALE ADDETTI
573
577
582
% sul
totale
N.
Dipendenti coperti da CCNL
57
Dipendenti appartenenti
alle categorie protette
6
N.
11,0
59
% sul
totale
N.
% sul
totale
11,4%
62
11,9%
6
6
ASSUNZIONI PER QUALIFICA E
TIPOLOGIA CONTRATTUALE (2011 - 2013)
Qualifica
2011
2012
2013
Dirigenti
2
-
1
Quadri
2
2
3
Impiegati
Operai
Totale
Tipologia contrattuale
Tempo indeterminato
Tempo determinato
8
13
21
10
10
15
22
25
40
2011
2012
2013
18
20
31
4
5
9
Apprendistato
-
-
-
Contratto inserimento
-
-
-
22
25
40
Totale
54
518
2011
Interinali o somministrazione
Egea sta attuando una strategia di
espansione commerciale in altri
territori cui corrisponde un aumento delle assunzioni. In totale
tra il 2011 e il 2013, ottantasette
persone sono entrate a far parte
del personale, l’86% (58 persone in
valori assoluti) con un contratto a
tempo indeterminato.
2013
N.
Non dipendenti
ASSUNZIONI
E CESSAZIONI
2012
%
CESSAZIONI PER MOTIVO DI RISOLUZIONE DEL CONTRATTO
E ANZIANITÀ AZIENDALE DEGLI USCITI (2011 - 2013)
2011
Dimissioni
Risoluzione consensuale
Pensione
Decesso
Licenziamento
Mobilità verso altre società del Gruppo
Inabilità capacità lavorativa
Scadenza contratto a termine
Totale
Anzianità aziendale media dei dipendenti usciti,
in anni:
2012
2013
5
1
6
4
1
5
5
2
7
20
20
28
TURNOVER DEL PERSONALE PER GENERE (2011 - 2013)
Turnover del personale
Uomini
Donne
2011
Turnover totale
Tasso di turnover
Tasso “negativo”: (lavoratori usciti/lavoratori a inizio
anno)*100
Tasso di compensazione del turnover
(Lavoratori entrati nell’anno / lavoratori usciti nell’anno)*
2013
9
3
12
2012
-14
16
2
1,2%
1,0%
1,4%
366,7%
500,0%
557,1%
-2
3
1
ORE DI LAVORO ORDINARIE E STRAORDINARIE (2011 - 2013)
Ordinarie
Straordinarie
Totale
Variazione %
Variazione %
2013/2011
2013/2012
2011
2012
2013
580.087
623.459
586.239
1,1
-6,0
67.129
43.244
42.535
-36,6
-1,6
647.216 666.703 628.774
-2,8
-5,7
Le cessazioni, invece, nel 2013 sono
state 7 (18 nell’ultimo triennio) dovute esclusivamente a dimissioni
spontanee (5 casi) e al raggiungimento dei requisiti pensionistici
(2 casi). Il numero non elevato di
cessazioni, così come l’assenza
di licenziamenti e scadenze dei
contratti a termine, sembra rappresentare un indicatore positivo
sulla soddisfazione reciproca tra
azienda e dipendenti.
Il turnover, calcolato come la differenza tra i dipendenti all’1/01 e
quelli al 31/12 mostra dinamiche
sostanzialmente simili, che, dal
punto di vista del genere, confermano il progressivo aumento percentuale delle dipendenti donne
sul totale. Il tasso degli ultimi tre
anni si attesta sempre su valori inferiori al 1,5%.
Nel 2013 si è verificata una lieve
diminuzione delle ore lavorate
rispetto al 2011 (-2,8%), mentre il
calo in rapporto all’esercizio 2012
è più sensibile (-5,7%). In termini
percentuali il saldo negativo delle ore è dovuto quasi interamente
alla diminuzione delle ore di straordinario effettuate tra il 2011 e il
2012 che sono state in parte compensate con nuove assunzioni.
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Il modello Egea
55
PERSONALE
Le ore di assenza mostrano una
dinamica relativamente stabile
nel corso degli ultimi tre anni con
variazioni percentuali da un anno
all’altro tra il “meno” e il “più” 3%.
Diminuiscono le ore di assenza
dovute a infortuni: in termini
assoluti si è passati dalle 4.518
del 2011, alle 1.215 ore dell’anno
successivo fino alle 847 del 2013;
in percentuale la diminuzione è
stata prima dell’88 e poi del 30%.
Allo stesso modo tra il 2013 e il
2012 sono migliorati quasi tutti gli
indicatori connessi con il verificarsi
di infortuni rispetto al totale dei
dipendenti Egea.
ORE DI ASSENZA COMPLESSIVE
E PRO-CAPITE DEI DIPENDENTI (2011 - 2013)
Ore di assenza totali
Malattia
Maternità
Infortunio
Sciopero
Assemblee e permessi sindacali
Altro
Ore di assenza pro-capite
Malattia
Maternità
Infortunio
Sciopero
Assemblee e permessi sindacali
Altro
2011
34.053
5.169
4.518
0
69
68.106
Totale 111.915
2011
66
10
3
0
0,1
132
Totale
211,1
Infortuni
Numero totale infortuni
Indice di frequenza
(totale infortuni/ore lavorate x 1.000.000)
Giorni di assenza per infortuni
Indice di gravità
(giorni assenza/ore lavorate x 1.000)
2011
Durata media infortunio
(giorni assenza/ n. totale infortuni)
Infortuni in itinere
FORMAZIONE E
SICUREZZA SUL LAVORO
56
2013
31.668
15.985
847
92
138
63.335
112.065
2013
61
31
1,6
0,2
0,3
122
216,1
NUMERO DI INFORTUNI, DURATA,
INCIDENZA E GRAVITÀ (2011 - 2013)
Indice di incidenza
(totale infortuni/ n. dipendenti x 100)
A fronte di 576 ore di formazione erogate nel corso dell’ultimo
anno, Egea ha sostenuto un costo
pari a 53.690 euro. L’importanza
data al miglioramento delle competenze professionali dei propri
collaboratori trova un’ulteriore
conferma nell’aumento del monte
ore effettuato +51,6% rispetto al
2011, mentre l’attenzione rivolta
alla sicurezza si evince dal +62,5%
registrato nell’ambito delle ore di
corso dedicate a questo tema specifico.
2012
32.841
8.964
1.215
0
69
65.682
108.771
2012
63
17
2,3
0
0,13
127
209,43
2012
2013
6
9
8
6,3
13,5
12,7
201
168
119
0,21
0,25
0,19
1,2
1,7
1,5
33,5
18,6
14,9
0
1
3
ORE DI FORMAZIONE PER TIPO DI CORSO
(INTERNO/ESTERNO) E TEMATICA (2011 – 2013)
Tipo di corso
Formazione interna
Corsi di formazione/seminari/convegni
esterni
Totale
Ore di formazione da imprese esterne
Tematica
Sistemi certificati, sicurezza, ambiente
Addestramento e formazione specialistica
Formazione manageriale
Informatica di base
Informatica specialistica
Altro
Totale
2011 2012 2013
Variazione %
2013/2011
70
108
116
+ 65,7
310
294
460
+ 48,4
380
310
402
294
576
460
+ 51,6
2011 2012 2013
160
150
30
0
0
40
380
160
172
30
0
0
40
402
260
180
40
0
0
96
576
Variazione %
2013/2011
62,5
20,0
33,3
0,0
0,0
140,0
51,6
ORE DI FORMAZIONE SUI SISTEMI DI GESTIONE QUALITÀ,
AMBIENTE, SICUREZZA PRO-CAPITE PER QUALIFICA (2011 - 2013)
2011
Ore totali
(ore di corso x numero
partecipanti)
Ore di formazione
erogate per qualifica
Dirigenti
Quadri
Impiegati
Operai
2012
Variazione % Variazione %
2013/2011
2013/2012
2013
11.173 15.256 24.124
2012
2013
64
144
2.392
4.632
7.232
64
144
4.752
4.632
9.592
160
160
9.440
6.208
15.968
Ore di formazione
pro-capite totali per
qualifica
2011
2012
2013
Dirigenti
Quadri
Impiegati
Operai
13,4
11,3
13,0
36,0
18,4
12,4
24,0
40,0
37,2
15,0
48,0
48,0
Totale
177,6
37,3
264,3
34,0
115,9
102,2
25,0
98,7
20,6
58,1
Variazione % Variazione %
2013/2011
2013/2012
2011
Dirigenti
Quadri
Impiegati
Operai
58,1
134
184
372
204
224
280
3.887
7.128
14.160
6.948
7.720
9.312
Totale 11.173 15.256 24.124
Ore di formazione sulla
sola sicurezza, per
qualifica
115,9
150,0
11,1
294,6
34,0
120,8
150,0
11,1
98,7
34,0
66,5
Variazione % Variazione %
2013/2011
2013/2012
177,6
32,7
269,2
33,3
102,2
21,0
100,0
20,0
SPESE PER ATTIVITÀ SOCIO-RICREATIVE
ED ASSISTENZIALI (2011 - 2013)
2011
2012
2013
Negli ultimi tre anni tutti i dipendenti a prescindere dalla qualifica
(dirigenti, quadri, impiegati e operai) hanno partecipato ad almeno
un corso, con tassi di aumento
percentuali nel triennio particolarmente significativi tra i dirigenti,
+177,6 e +102,2%, e tra gli impiegati, +264,3 e +98,7%.
Variazione %
2013/2011
Variazione %
2013/2012
Attività
ricreative
€ 18.750
€ 21.500
€ 19.000
1,3
-11,6
Attività
assistenziali
€ 59.535
€ 61.327
€ 65.331
9,7
6,5
Totale € 78.285
€ 82.827
€ 84.331
7,7
1,8
Infine, un ultimo aspetto che ha
un impatto importante sulla qualità del tempo dedicato al lavoro
e, di riflesso, sui tempi di vita: le
risorse investite dall’azienda per le
attività ricreative e assistenziali a
favore dei propri dipendenti.
Si sottolinea inoltre che da oltre
trent’anni i dipendenti possono
usufruire, dopo due anni dall’assunzione, di una Cassa mutua
aziendale destinata soprattutto alle spese sanitarie. L’azienda
contribuisce a proprio carico con
importi pari a quelli versati dai
lavoratori. Circa ogni sei mesi un
apposito Comitato interno verifica
la congruità delle spese con lo Statuto della Cassa e liquida le spese
sostenute dal dipendente e dalla
sua famiglia.
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Il modello Egea
57
PERSONALE
REMUNERAZIONE E INCENTIVI
Circa l’80% dei dipendenti del Gruppo è inquadrato
nel contratto collettivo FedergasAcqua (a esclusione
dei lavoratori a progetto per i quali non è presente
una contrattazione collettiva) un contratto che prevede 14 mensilità e un premio di produttività i cui
parametri sono stabiliti in accordo con le organizzazioni sindacali ed è calcolato partendo dal livello
di inquadramento. Gli iscritti al fondo pensione di
categoria (Pegaso) sono meno del 10% del totale dei
dipendenti del Gruppo.
Tutti i lavoratori del Gruppo con contratti di somministrazione di lavoro hanno gli stessi trattamenti economici previsti dai contratti applicati ai lavoratori a
tempo indeterminato (incluso il premio di risultato).
Dal punto di vista dei meccanismi d’incentivazione,
poiché il management del Gruppo crede anche nelle
positive ripercussioni dei sistemi di incentivazione
economica legati a quei risultati particolari e specifici raggiunti dai singoli individui, i dipendenti Egea
possono ottenere premi individuali.
Euro
Minimo da
contratto
nazionale
Differenza
Minino Egea/ minimo contratto
Differenza
da media Egea/ minima contratto
Quadri
2.799
43%
62%
Impiegati*
1.697
0
39%
Operai*
1.697
0
21%
* Riferimento III livello anno 2013
58
La tabella mostra le differenze tra le retribuzioni lorde mensili di Egea e quelle previste dal contratto di
lavoro. Il confronto tra lo stipendio minimo previsto
dal contratto e quello minimo applicato in Egea è
stato effettuato considerando tre categorie di lavoratori: quadri, impiegati, operai. Per quanto riguarda
le ultime due non si segnalano differenze rispetto
quanto previsto dal contratto nazionale, nel caso dei
quadri, invece, in Egea la retribuzione è superiore
del 43%.
Va aggiunto, inoltre, che dalla comparazione tra le
retribuzione delle donne e degli uomini in Egea non
sussistano differenze sostanziali sia tra gli operai
che tra gli impiegati. Le assunzioni degli ultimi anni
hanno premiato l’ingresso nel Gruppo di numerosi
giovani, uomini e donne, cui è stata garantita una
assoluta parità di trattamento. Nella categoria dei
quadri la differenza è marcata dalla presenza di una
sola donna che ha raggiunto il livello in anni recenti
e per questa ragione sconta rispetto ai colleghi una
minore anzianità di servizio.
Paragonando i livelli di retribuzione media dei dipendenti Egea suddivisi nelle tre categorie con i
minimi previsti dal contratto nazionale si notano
differenze più marcate: i quadri percepiscono mediamente il 62% in più, gli impiegati il 39%, gli operai il 21% in più.
Il Gruppo Egea è attento a promuovere lo sviluppo
delle competenze espresse e potenziali di tutto il
personale, allo scopo di accrescere il bagaglio di conoscenza e il contributo di innovazione dei propri
collaboratori. Per il perseguimento di questi obiettivi, il Gruppo opera attraverso la formazione e allo
stesso tempo sul piano organizzativo e su quello della motivazione del singolo. Attraverso l’analisi delle
competenze interne e la definizione dei gruppi di
lavoro, ogni settore opera in direzione della valorizzazione delle proprie risorse anche favorendo la mobilità interna aziendale. I dipendenti che si candidano per cambiare mansione di lavoro o che vengono
selezionati per ricoprire nuovi incarichi, vengono
supportati nello svolgimento della loro nuova attività da un programma di addestramento individuale
che prevede un monitoraggio costante e una valutazione passo passo dei risultati raggiunti in fase di
inserimento.
I Dirigenti di settore redigono periodicamente report
e analisi di performance e di redditività delle risorse
in staff, che prevengono presentati alla Direzione per
eventuali avanzamenti di carriera e riconoscimenti.
A seguito di tali relazioni seguono incontri specifici
con i vari addetti.
Per quanto concerne i temi della sicurezza tutte le
società appartenenti al Gruppo convocano riunioni
periodiche in materia di salute e sicurezza dei lavoratori, a cui presiedono tutti gli organismi deputati
in tale materia: i Dirigenti preposti, il medico competente, i rappresentanti alla sicurezza, i rappresentanti dei lavoratori.
La capogruppo Egea Spa ha inoltre ottenuto la Certificazione OHSAS 18.001:2007 in materia di sicurezza,
applicando un sistema operativo calato sulle realtà,
sistema monitorato e in costante fase di miglioramento/adeguamento.
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Il modello Egea
59
1.
Proseguire lungo il percorso di crescita del valore che ha caratterizzato il
Gruppo negli ultimi anni, continuando a garantire ai propri azionisti un
ritorno economico significativo del capitale investito.
2.
Ampliare la compagine azionaria a nuovi investitori interessati a sostenere
lo sviluppo del Gruppo Egea.
3.
Accrescere la redditività delle attività di Gruppo investendo sui settori core
come il teleriscaldamento che hanno garantito importanti ritorni economici
e interessanti prospettive di sviluppo.
4.
Crescere su nuovi mercati locali aprendo il capitale all’ingresso di soci
industriali e pubblici dei territori su cui si concentrano i nuovi investimenti.
OBIETTIVI
AZIONISTI E
FINANZIATORI
OBIETTIVI
GLI AZIONISTI
DI EGEA
I SOCI
La storia di Egea è senza dubbio peculiare. Al contrario
di quanto avvenuto nella totalità delle ex imprese municipali tra gli anni 90 e l’inizio del 2000, durante il lungo
processo di privatizzazione delle imprese e di ingresso
di capitali privati nella compagine azionaria, nel 1997
Egea ha aperto il proprio capitale fino ad allora al 100%
privato all’ingresso di soci pubblici dei territorio in cui
operava e in cui eroga a tutt’oggi i propri servizi.
Con la nascita della società mista pubblico privata, Egea
ha dato un segnale importante di apertura al territorio e
alla rappresentanza delle comunità locali; lo stesso è avvenuto negli anni successivi nelle diverse occasioni in cui
si è assistito all’ingresso di nuovi soci privati provenienti
anch’essi dal territorio locale e attirati dalla possibilità
di investire in una realtà imprenditoriale dinamica e di
grandi prospettive.
EVOLUZIONE DEL CAPITALE SOCIALE DAL 2008 AL 2013
100%
90%
80%
70%
60%
50%
40%
30%
20%
10%
0%
Capitale sociale
in milioni di Euro
Valore nominale di
un’azione in EUro
2003
2004
2005
2006
2007
2010
2011
2012
0,51
,6
6,49
,9
17,7
44,2
47,2
47,7
47,7
0,52
1,50
5,50
8,50
14,00
35,00
35,00
35,00
35,00
Famiglia Carini
Soci pubblici
2013
Soci privati
La capogruppo Egea è oggi partecipata da 52 soci pubblici e da 31 soci privati che detengono rispettivamente il
9,3% e il 21,9% del capitale sociale del Gruppo.
Nel 2010, l’Assemblea dei soci ha deliberato un aumento del capitale sociale passato da 17,6 milioni di euro a
47 milioni di euro, in parte in forma gratuita, mediante
utilizzo delle riserve disponibili, e in parte a pagamento.
L’operazione si è inserita nel piano di rafforzamento, di
crescita e di espansione territoriale del Gruppo a cerchi
concentrici e si è sostanziata, per la parte di aumento
a titolo oneroso, in una ricerca “mirata” di azionisti in
territori contigui l’area di attuale maggiore presenza del
Gruppo.
La scelta era indirizzata a sostenere lo sviluppo industriale di Egea in nuovi territori attraverso partner strategici
su progetti d’investimento specifici. Sottoscritto pressoché dalla totalità dei soci industriali nell’esercizio del
diritto di opzione, l’aumento di capitale ha segnato l’ingresso di dieci nuovi soci privati.
Il valore economico di Egea, è cresciuto in maniera esponenziale nel corso degli anni. Parallelamente sono aumentate anche altre esternalità positive che danno un
senso forse più profondo alle diverse operazioni di aumento di capitale.
ANDAMENTO DEI DIVIDENDI DAL 2008 AL 2013
utile per azione
dividendo per azione
1,35
1,05
0,78
1,09
0,73
0,5
1,45
0,6
0,7
0,75*
0,3
0,11
2008
2009
2010
2011
2012
2013
La politica dei dividendi è in linea con quella degli anni passati
e mostra una dinamica positiva e costante nel tempo.
(*) Il dividendo 2013 sarà approvato nel corso dell’Assemblea dei
soci durante la seduta del 10 luglio 2014. Il valore riportato è
quello che sarà proposto ai Soci in quell’occasione.
61
AZIONISTI E
FINANZIATORI
62
PRIVATI
ALBA UFFICIO SRL
BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI ALBA, LANGHE E ROERO
BANCO AZZOAGLIO SPA
BRAGAS SRL
C.M. CALCESTRUZZI DI MARMO ROBERTO & C. SNC
CAPETTA SRL
CARAGLIO SRL
CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO SPA
CASSA DI RISPARMIO DI BRA SPA
CASSA DI RISPARMIO DI FOSSANO SPA
CASSA DI RISPARMIO DI SALUZZO SPA
DIMAR SPA
DUILIO SCAVINO SRL
EDITEL SPA
EL.TEC DI OBERTI RENATO
EREDI CAMPIDONICO SPA
FTS SPA
FIDERSEL FIDUCIARIA ERSEL SPA
FINBAL SRL
IBIS SPA
IDG SPA
ING. PRUNOTTO SPA
MIROGLIO SPA
MOLLO FRATELLI SPA
MONDO SPA
ONDALBA SPA
PREVE COSTRUZIONI SPA
SIA SRL
SIMIC SPA
SOCIETÀ SEMPLICE AMBRA
SOCIO PRIVATO (PERSONA FISICA)
STROPPIANA SPA
PUBBLICI
COMUNE DI ALBA
COMUNE DI ALBARETTO TORRE
COMUNE DI ARGUELLO
COMUNE DI BALDISSERO D’ALBA
COMUNE DI BARBARESCO
COMUNE DI BAROLO
COMUNE DI BENEVELLO
COMUNE DI BERZANO S. PIETRO
COMUNE DI BORGOMALE
COMUNE DI BOSIA
COMUNE DI BOSSOLASCO
COMUNE DI BRA
COMUNE DI CANALE
COMUNE DI CARMAGNOLA
COMUNE DI CASTAGNITO
COMUNE DI CASTELLINALDO
COMUNE DI CASTELNUOVO DON BOSCO
COMUNE DI CASTIGLIONE FALLETTO
COMUNE DI CERRETTO LANGHE
COMUNE DI CISSONE
COMUNE DI CORNELIANO D’ALBA
COMUNE DI CRAVANZANA
COMUNE DI DIANO D’ALBA
COMUNE DI FEISOGLIO
COMUNE DI GOVONE
COMUNE DI GRINZANE CAVOUR
COMUNE DI GUARENE
COMUNE DI LEQUIO BERRIA
COMUNE DI MAGLIANO ALFIERI
COMUNE DI MONTALDO ROERO
COMUNE DI MONTE LUPO ALBESE
COMUNE DI MONTEU ROERO
COMUNE DI MONTICELLO D’ALBA
COMUNE DI MORANSENGO
COMUNE DI NEVIGLIE
COMUNE DI PIOBESI D’ALBA
COMUNE DI PRIOCCA
COMUNE DI RODDI
COMUNE DI RODDINO
COMUNE DI RODELLO
COMUNE DI SANTA VITTORIA
COMUNE DI SANTO STEFANO ROERO
COMUNE DI SERRALUNGA D’ALBA
COMUNE DI SERRAVALLE LANGHE
COMUNE DI SINIO
COMUNE DI SOMANO
COMUNE DI SOMMARIVA PERNO
COMUNE DI TREISO
COMUNE DI TREZZO TINELLA
COMUNE DI VEZZA D’ALBA
COMUNE DI VILLAFRANCA D’ASTI
COMUNITA’ MONTANA ALTA LANGA
Negli ultimi anni Egea ha favorito l’ingresso nella capogruppo di azionisti privati, nella fattispecie aziende
industriali o artigiane locali o appartenenti a territori immediatamente contigui, continuando a ritenere
quest’apertura un potenziale arricchimento allo sviluppo di nuove pratiche di gestione e un aumento di opportunità.
Nel 2013, come negli anni precedenti, si è assistito all’ingresso nell’azionariato della capogruppo di aziende, così
come, contestualmente, all’incremento di quote da par-
te di soci “storici”, che confermano il sostegno alla Società e puntano sui futuri sviluppi.
La peculiarità del modello Egea è data non soltanto
dall’assetto di governance duale, i soci privati che partecipano il Gruppo sono in molti casi finanziatori e partner
all’interno di specifiche iniziative industriali. In altri termini il supporto proveniente dal mondo privato si concretizza in un investimento diretto su specifici business
circoscritti e al contempo in un investimento più ampio
sulla solidità e redditività del Gruppo Egea.
I FINANZIATORI
Per quanto riguarda i finanziatori prosegue il percorso di
diversificazione degli istituti di credito sia a livello locale,
sia a livello nazionale. Le politiche del Gruppo riguardo
al credito sono coerenti con i princìpi generali enunciati
di realizzare investimenti e far crescere competenze ed
eccellenze locali collaborando con le amministrazioni
pubbliche e il sistema industriale del territorio.
2013
12%
73,1%
98,5%
1,5%
14,9%
Banche locali socie
Altre banche locali
Banche nazionali
Banche locali
Altri istituti
SUDDIVISIONE PERCENTUALE DELLE LINEE DI CREDITO NEL TRIENNIO 2011 – 2013,
PER TIPOLOGIA DI ISTITUTO
Finanziatori
Istituto di credito di rilievo nazionale
Istituto di credito di rilievo nazionale
Istituto di credito di rilievo nazionale
Istituto di credito di rilievo nazionale
Istituto di credito di rilievo nazionale
Banca locale
Istituto di credito di rilievo nazionale
Istituto di credito di rilievo nazionale
Banca locale
Banca locale
Altri istituti
TOTALE
2013
23,7%
13,3%
10,6%
9,1%
8,4%
7,2%
5,1%
2,9%
2,7%
2,1%
14,9%
100,0%
2012
24,6%
12,6%
15,5%
9,9%
7,5%
9,8%
7,1%
2,6%
3,2%
1,5%
5,8%
100,0%
2011
27,3%
12,6%
9,7%
11,3%
8,5%
11,1%
7,4%
2,9%
3,7%
1,7%
3,8%
100,0%
N.b. a ciascuna riga della tabella corrisponde un diverso Istituto di credito
La tabella mostra la composizione delle principali linee di credito (mutui, leasing e factoring) in base alla tipologia di
istituto: banche di rilievo nazionale o locale.
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Il modello Egea
63
1.
2.
3.
4.
Attrarre un numero sempre maggiore di clienti industriali sfruttando la
capacità di proporre soluzioni energetiche innovative disegnate su misura
elle esigenze delle imprese.
Potenziare l’offerta commerciale e i servizi di vendita sia attraverso la rete
di agenti sul territorio dedicati in particolare alle Piccole e medie imprese,
sia attraverso la rete di sportelli. Potenziare le convenzioni con associazioni
di categoria e realtà che operano nei settori sportivo e culturale per
proporre offerte vantaggiose agli associati.
Promuovere un progressivo restyling degli sportelli per migliorare
l’ambiente in cui accogliere i clienti e la qualità del servizio in termini di
efficienza e tempestività delle risposte.
Estendere ulteriormente i servizi di teleriscaldamento sul territorio
potenziando gli impianti e le infrastrutture presenti. Al contempo cogliere le
opportunità di sviluppo per nuovi sistemi urbani in altre città del territorio.
OBIETTIVI
CLIENTI
OBIETTIVI
I CLIENTI
DEL GRUPPO
Egea vanta un portafoglio clienti fortemente diversificato
a livello di settori di business distribuito principalmente
nel Nord Italia, particolarmente concentrato nell’ambito
di mercato del medio e basso Piemonte con una storica
e forte presenza nel cuneese.
Il portafoglio clienti del Gruppo è costituito da:
- Clienti business (dalla singola partita iva alle Pmi ai
grandi clienti industriali) e retail (le famiglie) del servizio di vendita di energia elettrica in regime di mercato libero e in regime di maggior tutela, attraverso
“Egea commerciale”
- Clienti business (dalla singola partita iva alle Pmi ai
grandi clienti industriali) e retail (le famiglie) del servizio di vendita gas, attraverso “Egea commerciale”
- Clienti del servizio di teleriscaldamento attraverso
“Egea pt” e le diverse società di scopo responsabili
dei singoli sistemi di teleriscaldamento.
- Clienti del servizio idrico integrato cui il Gruppo fornisce i servizi di potabilizzazione e distribuzione di
acqua potabile, fognatura e depurazione delle acque reflue: attraverso le società “Tecnoedil”, “Alse”,
“Alpi Acque”
- Clienti del servizio ambientale; svolto dalle controllate “Alse” e “Stirano”
- Enti pubblici locali: per i quali il Gruppo svolge servizi energetici, servizi di gestione calore, fornitura
di energia e gas, igiene ambientale e servizio idrico.
Il comparto commerciale di Egea è quello che, negli ultimi anni, ha vissuto una più spiccata espansione. Già
poco dopo l’avvio della liberalizzazione del mercato
energetico “Egea commerciale” era un operatore di riferimento nel Sud Piemonte, soprattutto legato al segmento industriale. Il completamento del processo di
liberalizzazione, che ha consentito a ciascun cliente, a
prescindere dal consumo annuale, di scegliere il proprio
fornitore di energia elettrica e di gas, ha segnato per
“Egea commerciale” un’ulteriore occasione di crescita, in
particolare nel settore retail.
Via via l’azienda, pur senza perdere il forte legame con il
Piemonte meridionale, suo naturale bacino di riferimento, ha esteso all’intero panorama nazionale le proprie
proposte, sia quelle dedicate alla clientela residenziale,
sia quelle riservate alle utenze commerciali e industriali.
L’affidabilità e la piena rintracciabilità del servizio sono
i fattori che maggiormente hanno contribuito a consolidare la fiducia in “Egea commerciale”. Aspetti questi
che trovano concretezza nella capacità di mantenere gli
impegni contrattuali, nella rete di sportelli attivi specie
sul territorio di riferimento dell’azienda, nella volontà di
dialogare costantemente con il cliente che si traduce in
un servizio declinato sulle sue esigenze.
La crescita di Egea negli ultimi anni è testimoniata dal
costante aumento dei propri clienti grazie alle strategie
di sviluppo del Gruppo che si caratterizzano per un forte
investimento sul territorio nei servizi alla clientela. Ad
oggi “Egea commerciale” soddisfa quasi il 70% del mercato della zona di Alba e Bra, quasi il 60% di quello della
Provincia di Cuneo e circa il 26% del mercato piemontese
e si conferma come operatore di riferimento anche a livello nazionale.
Nel 2013 sono stati venduti più di 5,5 miliardi di kWh di
energia elettrica a oltre 28.000 clienti e quasi 400 milioni di metri cubi di gas a più di 51.000 clienti: sono
numeri lusinghieri quelli ottenuti con l’ultima campagna
commerciale che ha portato Egea a conquistarsi un posto di assoluto rilievo nel panorama energetico italiano,
preceduta solo dai grandi colossi, ex monopoli nazionali.
Tutto questo malgrado l’ulteriore e sensibile riduzione
dei consumi energetici registrata anche nel 2013 con un
65
CLIENTI
calo della domanda che ha sfiorato, a livello nazionale, il
3,4% sull’energia elettrica e il 6% sul gas.
La strategia di fondo che ha consentito a “Egea commerciale” di ottenere simili risultati va individuata nello
spostamento dell’azione commerciale più energica sui
settori della Piccola e media impresa e del retail. Sono
almeno tre le motivazioni che giustificano una scelta di
questo tipo.
In primo luogo “Egea commerciale” già fornisce la gran
parte delle principali industrie del Nord Italia: clienti fidelizzati con i quali la struttura commerciale si confronta da tempo dimostrando, peraltro, una buona dimestichezza nella gestione del settore.
In seconda battuta occorre considerare che la difficile
congiuntura economica, oltre a causare una riduzione
dei consumi avvertita in maniera significativa soprattutto nel comparto industriale, ha imposto a “Egea commerciale” di concentrare la propria attività di vendita su
clienti con ottimo rating finanziario e solida reputazione
industriale per tutelarsi da eventuali criticità.
Non ultima, va sottolineata la convinzione di avere ancora un elevato potenziale da esprimere nei segmenti di
mercato retail e Pmi, in piena linea con la mission aziendale dell’agire locale e dell’assoluta rintracciabilità.
Di qui hanno origine le scelte di rafforzare la rete degli sportelli aperti al pubblico (i più recenti interventi
sono sulle strutture di Saluzzo, Cuneo, Mondovì, Novara)
e quella di agenti dedicati alle Pmi e al micro-business,
di potenziare la campagna promozionale dedicata agli
utenti domestici e di irrobustire le attività promozionali
che accrescono la notorietà di Egea presso il grande pubblico, come quelle legate alla mascotte Egeolo. Del resto,
il radicamento territoriale di Egea ne accresce la competitività e l’efficacia dell’azione commerciale proprio su
questo tipo di target: negli ultimi dodici mesi sono quasi
raddoppiate le famiglie che hanno scelto “Egea commerciale” come proprio fornitore di luce e gas, mentre, malgrado l’intensa e a tratti asfissiante pressione commerciale del mercato, è insignificante il numero di clienti che
la lascia i servizi offerti dall’azienda.
Nel business del teleriscaldamento i clienti sono cresciuti
del 10% raggiungendo quota 110.000 abitanti equivalenti, seguendo una progressione costante negli anni.
Per quanto concerne l’area Ambiente il Gruppo è leader
nell’ambito delle diverse fasi del Servizio idrico integrato
in 89 Comuni appartenenti all’Ato 4 Cuneese, corrispondenti al 54% del territorio della provincia di Cuneo e al
60% dei suoi abitanti. Egea è per questo il primo operatore provinciale e il secondo a livello regionale con oltre
254.000 abitanti serviti.
Nei settore della raccolta rofiuti e dell’igiene urbana nel
corso del 2013 il Gruppo ha servito 143.000 abitanti in
116 comuni.
I CLIENTI DEL GRUPPO EGEA
2013
2011
Clienti gestiti energia elettrica
28.960
26.500
23.000
Clienti gestiti gas
51.900
50.547
48.600
- di cui a maggior tutela
19.800
20.500
21.000
Clienti energia elettrica e gas
18.960
16.900
15.000
Clienti distribuzione gas
72.879
62.500
54.522
Popolazione servita dal teleriscaldamento
(abitanti equivalenti)
110.00
100.000
85.000
Abitanti Servizio idrico integrato
254.00
254.000
254.000
143.000
120.000
120.000
Abitanti serviti dalla raccolta rifiuti
66
2012
STRATEGIE
COMMERCIALI
NEI MERCATI
ENERGY
Il Gruppo Egea vuole diventare il punto di riferimento
per il sistema dei servizi pubblici locali del medio e basso Piemonte ampliando la propria base clienti e muovendosi a cerchi concentrici per aree contigue, quelle di
radicamento storico. Egea vuole riaffermare la propria
capacità di gestire servizi con elevati standard qualitativi
e una peculiare attenzione e vicinanza al cliente potenziando le strutture commerciali, la rete di agenti sul territorio e la presenza di sportelli rivolti ai clienti.
Lo stile di Egea, basato sui principi della piena rintracciabilità e dell’interazione con il cliente, vengono declinati
nei singoli segmenti di mercato e si sviluppano nella capacità di rispondere alle specifiche esigenze di ciascuno
di essi con soluzioni “tagliate su misura”.
Questa scelta ���������������������������������������
�����������������������������������������
stata premiata con un significativo aumento di contatti e di clienti gestiti che hanno trovato
nella qualità e nella competenza del servizio offerto,
oltre che nella chiarezza e convenienza delle proposte
commerciali, gli elementi di maggior concorrenzialità
rispetto ad altri competitor.
I GRANDI CLIENTI
Il Gruppo Egea mantiene la propria posizione di operatore di riferimento per le imprese, specie piemontesi.
Il mutare dello scenario economico e dello stesso contesto energetico ha imposto l’individuazione di nuove
“strategie” di vendita e di strumenti che consentano una
maggior competitività soprattutto in termini di servizi
erogati.
Da un lato, infatti, la recessione ha mutato i ritmi di produzione di molte aziende e di conseguenza il loro fabbisogno energetico, meno prevedibile e più oscillante
proporzionalmente alle commesse da soddisfare. D’altro
canto, si è notevolmente contratta la possibilità per le
aziende fornitrici di energia elettrica e gas di incidere in
maniera determinante sul costo complessivo della bol-
letta anche per i clienti particolarmente energivori. Quei
costi sono infatti costituiti in misura sempre maggiore da
oneri e imposte.
In questo contesto “Egea commerciale” si muove, dunque, in una logica di totale partnership con i propri clienti industriali per cogliere tutte le possibili opportunità di
risparmio; questo significa affinare la capacità di previsione dei trend di mercato, supportare il cliente nell’acquisto di energia parzializzato e distribuito nel tempo,
modulare costi ed emissione delle fatture in base al fabbisogno e ai periodi di picco di produzione.
É una buona capacità, dunque, quella dimostrata da
Egea di stare al passo con i tempi facendo fronte ai
cambiamenti del mercato, ma senza perdere di vista le
proprie radici e gli antichi adagi, come quello per il quale
“il primo modo di risparmiare è consumare meno”. Per
questo il gruppo Egea si propone presso tutti i propri
clienti, specie quelli industriali, come consulente in fatto
di audit energetici finalizzati alla proposta di interventi
strutturali di efficientamento energetico. Interventi che,
a seconda dei casi, si riferiscono alla cogenerazione, all’illuminazione, agli isolamenti, al telecontrollo e così via. Il
Gruppo ne cura sia la proposta tecnico-economica, sia la
fase di progettazione, sia l’analisi del ritorno dell’investimento, sia la realizzazione, promuovendo così, a tutti gli
effetti, un progetto di efficientamento “chiavi in mano”.
LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE
Grazie ad accordi specifici con le associazioni di categoria
e a proposte ad hoc per gli associati, “Egea commerciale”
è riuscita a diffondere in maniera capillare sul territorio
le proprie offerte e a raggiungere, fidelizzandole, masse
critiche.
Anche in questo caso, a fare la differenza è il servizio
“su misura” che, nel caso delle piccole e medie imprese
si declina con la presenza periodica di agenti presso le
sedi associative, disponibili a chiarire dubbi e a rimodulare i contratti, con particolari offerte casa-azienda
e, in alcuni casi, con partnership finalizzate a sostenere
la realizzazione di iniziative di approfondimento e formazione dedicate ai soci delle associazioni di categoria
convenzionate.
La concorrenzialità dei prezzi proposti e l’assoluta trasparenza dei contratti costituisce il valore aggiunto di
“Egea commerciale” anche in questo segmento di mercato, accanto alla rete di agenti dedicati al comparto delle
piccole e medie imprese. Non ultimo, va sottolineato che
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Il modello Egea
67
CLIENTI
“Egea commerciale” sottoscrive in genere convenzioni
con le sezioni locali delle associazioni di categoria; in
questo modo dimostra ampia flessibilità e capacità di
rispondere alle istanze particolareggiate di specifiche fasce di clientela. Oggi “Egea commerciale” vanta convenzioni con numerose Ascom (Confcommercio) piemontesi,
alcune sezioni di Confindustria, Confcommercio, Confapi, Federfarma... e non sono che esempi.
“RETAIL”
Al mercato retail, quello delle famiglie e dei contratti
residenziali, “Egea commerciale” ha guardato con particolare attenzione nel corso del 2013 proponendo offerte competitive sia per quanto riguarda i prezzi, sia per
quanto attiene ai servizi. Non a caso nei dodici mesi presi in esame sono quasi raddoppiate le famiglie che hanno scelto “Egea commerciale” come proprio fornitore di
luce e gas; un dato, quest’ultimo, ancor più significativo
se letto anche alla luce del pressione commerciale dei
competitor, particolarmente intensa nell’area di riferimento di “Egea commerciale”.
La competitività dei prezzi è originata in primo luogo
dalla trasparenza dell’offerta (che palesa la volontà di
68
contenere i margini) in seconda battuta dal potersi avvalere, almeno in parte, di energia autoprodotta nei propri
impianti, non ultimo dallo studio accurato dei messaggi pubblicitari basati molto più sul “passaparola” tra i
clienti che sugli slogan di famosi (e costosi) testimonial.
Quanto ai servizi, l’elemento di Egea che senza dubbio
fa la differenza è la filosofia degli sportelli aperti al pubblico nei quali incontrare i clienti, rapportarsi con loro,
a volte magari anche discuterci, ma pur sempre garantendo una presenza e la volontà di “metterci la faccia”.
In controtendenza rispetto a molti altri operatori il Gruppo Egea continua a scommettere sugli sportelli sia potenziando quelli esistenti, sia aprendone di nuovi per incrementare la propria presenza sul territorio. Lo sportello
non è solo luogo di dialogo e interazione con il cliente,
ma è elemento attraverso cui l’azienda garantisce la serietà della propria proposta, facendo perno sull’assoluta
rintracciabilità.
La vendita porta a porta piuttosto che la proposta telefonica tout-court non rientrano dunque nello stile Egea,
un Gruppo che ha scelto altre vie per incrementare e fidelizzare la propria clientela, strade forse meno battute,
forse non in voga, eppure proficue guardando ai risultati
raggiunti.
GLI SPORTELLI EGEA
La crescita di Egea negli ultimi anni è testimoniata dal costante aumento dei propri clienti grazie alle strategie di
sviluppo del Gruppo che si caratterizzano per un forte investimento sul territorio nei servizi alla clientela. Egea ha
operato in controtendenza rispetto ai competitor aprendo
sportelli per i clienti nelle province di Cuneo, Asti, Novara, Milano e Monza, Brianza; l’obiettivo è quello di
facilitare lo scambio di informazioni e la risoluzione dei
problemi offrendo un rapporto diretto e “faccia a faccia”
con il cliente.
In altre parole il cliente Egea ha la possibilità, sempre
meno scontata, di rapportarsi con una persona fisica,
in grado di sorriderle di dialogare “faccia a faccia”, di
ascoltare, oltre che rispondere alle domande e risolvere
un’eventuale difficoltà.
Da qui nasce un rapporto stretto che cresce giorno dopo
giorno tra azienda e territorio, e da esso, insieme alla
qualità del servizio offerto e alla gestione di tutte le questioni successive al contratto vero e proprio, si origina il
senso di elevata affidabilità che i clienti riconoscono a
Egea.
Gli sportelli sono fondamentali nel loro ruolo di “biglietti
da visita” dell’azienda; le persone che vi operano sanno
perfettamente di essere in ogni momento espressione
diretta della realtà che rappresentano. Sono dotate di
autonomia e sanno gestire con efficienza le eventuali
criticità e fornire risposte che, in tempo reale, portano
alla risoluzione dei più comuni quesiti presentati.
Per questo sono selezionate con particolare cura per le
loro attitudini comunicative e per le spiccate competenze relazionali, otre che commerciali.
Seguono corsi di formazione e di aggiornamento e le
loro impressioni sono considerate la cartina di tornasole
della soddisfazione dei clienti.
Per quanto l’investimento negli sportelli sia oneroso,
Egea ha deciso di guardare al lungo periodo puntando
sulla fidelizzazione di una clientela che non si accontenta di scegliere il proprio fornitore in base al prezzo finale
di energia elettrica e gas.
Dall’Indagine di customer satisfaction 2014 commissionata da Egea e condotta presso gli sportelli della multiutility, emerge chiaramente il desiderio dei clienti di
poter ottenere servizi aggiuntivi dal proprio fornitore,
come la possibilità di discutere faccia a faccia con un
operatore le questioni tecniche, commerciali e burocratiche che periodicamente li coinvolgono.
Non a caso, ogni anno, oltre 90.000 clienti si recano a
visitare i 13 sportelli attivi sul territorio: un gruppo nutrito di persone che ha testimoniato l’importanza dello
strumento e che sceglie Egea anche e soprattutto perché
è un istituzione del territorio ed è vicina al cliente.
La maggior parte degli accessi agli sportelli avviene da
parte di soggetti che preferiscono discutere gli importi
e pagare le proprie bollette con l’assistenza di un operatore e da clienti che desiderano aderire alle offerte commerciali di Egea perché le ritengono più adeguate ai loro
stili di consumo, passando ad Egea da un altro fornitore.
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Il modello Egea
69
CLIENTI
Il livello di soddisfazione raggiunto dal servizio di sportello raggiunge una media di 8,4 su 10, un giudizio più che lusinghiero che supera addirittura il 9 a Ceva e Fossano.
LIVELLO DI SODDISFAZIONE DEI CLIENTI EGEA PER SPORTELLO
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
9,33
Ceva
9,02
Fossano
8,86
Cuneo
8,75
Saluzzo
8,52
Alba
Mondovì
8,45
Savigliano
8,42
Bra
8,35
Novara
8,33
7,99
Casarile
7,80
Asti
7,74
Besana
7,13
Burago
Guardando al servizio, emerge come i clienti apprezzino,
in particolare, la qualità e la professionalità degli operatori di sportello insieme alla chiarezza delle informazioni ricevute e alla capacità di risolvere problemi posti
loro. Gli sportelli raccolgono una domanda di assistenza
e supporto da parte dei clienti che i competitor di Egea
hanno preferito destinare unicamente ai call-center o a
strumenti web. Non a caso i clienti Egea, pur disponendo
anch’essi degli stessi strumenti telefonici e web, continuano a recarsi di persona agli sportelli.
VALUTAZIONE DELLE MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEGLI SPORTELLI EGEA
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
8,7
Cortesia
8,7
Disponibilità del personale
8,6
Competenza del personale
Chiarezza delle informazioni ricevute
8,6
Capacità di risolvere i problemi
8,6
Tempi di risposta
8,5
Diffusione sul territorio
8,4
8,3
Facilità raggiungimento
8,2
8,1
Organizzazione e facilità fruizione
8,0
Adeguatezza spazi
Orari di apertura
Tempi di attesa
L’insieme di questi elementi ha consentito a “Egea commerciale” di acquisire la fornitura di quasi il 60% dei volumi di energia erogata in provincia di Cuneo, oltre che
70
7,7
7,5
di ottenere una forte espansione anche a livello nazionale e di permettere all’azienda di crescere al ritmo di
migliaia di nuovi clienti al mese.
GLI SPORTELLI DEL GRUPPO EGEA
BESANA IN BRIANZA
BURAGO DI MOLGORA
NOVARA
BRA
CASARILE
CARMAGNOLA
ASTI
NIZZA MONFERRATO
ALBA
SALUZZO
SAVIGLIANO
SPORTELLI E PUNTI VENDITA EGEA
FOSSANO
CEVA
CUNEO
PROSSIMA APERTURA
MONDOVÌ
SPORTELLI E PUNTI VENDITA
ALBA - Corso Nino Bixio, 8 - Tel. 0173 441155
Lunedì, mercoledì e venerdì: 8,00-13,00
Martedì e giovedì: 8,00-17,00
Sabato: 8,00-12,00
Via Vivaro, 2
Giovedì: 8,00-12,00
BRA - Via Marconi, 89 - Tel. 0173 441155
Lunedì, martedì e giovedì: 8,30-12,30
Mercoledì e venerdì: 8,30-12,30 e 14,30-17,00
CUNEO - Via Roma, 8 - Tel. 0171 411597
Martedì: 9,00-13,00 e 14,00-16,00
Mercoledì, giovedì e venerdì: 9,00-13,00
Sabato: 8,30-12,30 (2° e 4° del mese)
FOSSANO - Piazza Dompè, 3 - Tel. 0172 60433
Lunedì: 8,30-12,30 e 14,00-16,00
Mercoledì e venerdì: 8,30-12,30
CEVA - Piazza Vittorio Veneto, 10 - Tel. 0174 701358
Lunedì, martedì, mercoledì e venerdì: 9,00-12,30
1° sabato del mese: 9,00-12,30
MONDOVI’ - Via delle Ripe,1 - Tel. 0174 42019
Martedì, mercoledì, giovedì e venerdì: 9,30-12,30 e 15,30-19,30
Sabato: 9,30-13
ASTI - Piazza Vittorio Veneto, 9 - Tel. 0141 410420
Martedì, giovedì, venerdì e sabato: 8,30-12,30
Mercoledì: 8,30-17,00
NOVARA - C.so Torino, 24/B - Tel. 0173 441155
Lunedì: 16,30-19,00 Martedì, mercoledì, giovedì e venerdì:
9,30-12,30 e 16,30-19,00
BESANA IN BRIANZA - Via del Castano, 17 - Tel. 0362 915260
Martedì, mercoledì e giovedì: 9,00-13,00
SALUZZO - Via Torino, 51/a
Martedì e mercoledì: 8,30-12,30
Giovedì: 8,30-12,30 e 14,00-16,00
BURAGO DI MOLGORA - P.zza Matteotti 12 - Tel. 039 6082656
Lunedì: 9,00-13,00
SAVIGLIANO - Via Carello, 5 - Tel. 0172 372400
Martedì: 8,30-12,30 e 14,00-16,00
Giovedì e venerdì: 8,30-12,30
CASARILE - Via Carducci, 13 - Tel. 02 90090227
Venerdì: 9,00-13,00
2° e 4° martedì del mese: 9,00-13,00
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Il modello Egea
71
CLIENTI
INDAGINE DI SODDISFAZIONE
DELLA CLIENTELA EGEA 2014
Il progetto di indagine customer satisfaction condotto di
recente presso gli sportelli Egea, nasce nel 2013 con l’intento di indagare le valutazioni espresse dai clienti del
Gruppo sui servizi erogati, sulla qualità e competenza
del personale di sportello, sulla fiducia e la reputazione
del Gruppo anche in riferimento ai competitor di mercato.
Nel progettare la rilevazione non ci si è limitati a tracciare il livello di soddisfazione di alcuni utenti scelti attraverso campionamenti casuali sull’intera popolazione
servita da Egea. Sulla customer satisfaction si è scelto
di concentrare l’attenzione sui clienti che si recano agli
sportelli del Gruppo come riferimento paradigmatico
non della clientela generale di Egea, quanto di quella
che si avvale di uno dei servizi di valore aggiunto che distingue l’offerta di Egea rispetto a quella dei competitor.
Nel corso degli anni numerose utility hanno abbandonato il presidio del territorio preferendo delegare il rapporto con il cliente al canale informatico (portali, servizi
mail) e telefonico (call-center). Egea, pur potenziando
anche questi strumenti, si è mossa controcorrente investendo con forza sull’apertura di nuove sedi territoriali
presso cui accogliere le richieste dei clienti e risolvere i
problemi interagendo faccia a faccia con loro.
Scegliere di condurre l’indagine di customer satisfaction
su questa porzione di clientela ha significato, pertanto,
interrogare i clienti che ricercano il supporto dell’azienda per risolvere particolari problemi nell’erogazione del
servizio, una porzione di clienti più sensibile alla capacità di interazione con l’azienda, più esigente e per questo
dotata di un approccio critico giustificato dalla propri
esperienza diretta.
Operare questa scelta comporta sicuramente dei rischi
ma offre al contempo uno sguardo più significativo e
completo sul rapporto tra Egea e i suoi clienti, giudizi
ponderati e meno di circostanza.
L’indagine è stata condotta presso i 13 sportelli attivi del
Gruppo dislocati nelle province di Cuneo, Asti, Novara,
Monza Brianza, Milano.
L’affluenza totale agli sportelli di Egea è di 91.500 passaggi l’anno, con una presenza più massiccia degli sportelli storici di Alba, Bra e Fossano e interessanti sviluppi
nei nuovi sportelli attivati più di recente: Saluzzo, Cuneo,
Asti.
72
Gli intervistatori hanno coinvolto i clienti in una breve
intervista della durata media di 10 minuti con il supporto di un tablet e hanno esplorato le diverse componenti
del rapporto tra il cliente ed Egea indagando in particolare 5 aspetti:
-
le ragioni e le modalità attraverso le quali Egea
è stata scelta come fornitore dei propri servizi
-
il livello di soddisfazione nei confronti dei servizi erogati
-
il livello di fiducia e reputazione assegnato al
Gruppo
-
il rapporto tra il Gruppo Egea e il territorio
-
la qualità dei servizi di assistenza alla clientela
SPORTELLO
Alba
Bra
Fossano
Ceva
Cuneo
Saluzzo
Savigliano
Asti
Casarile
Burago
Besana
Mondovì
Novara
Totale
CLIENTI/ANNO
28.000
18.000
12.000
5.000
2.000
2.000
2.000
2.000
5.000
5.000
8.000
2.000
500
91.500
IL PROFILO DEGLI INTERVISTATI
La rilevazione condotta nell’arco di 30 giorni ha coinvolto circa 1500 utenti dei servizi di sportello cui è stato
somministrato il questionario strutturato a risposta multipla.
- L’età media dei rispondenti è inferiore ai 50 anni, Il
29% circa ne ha meno di 40, mentre la percentuale
di ultrasessantenni è pari al 28%. Si tratta di un campione di clienti Egea con una significativa presenza
di persone giovani. Gli uomini rappresentano il 54%
dei rispondenti.
- Il 43% appartiene a categorie intermedie (impiegati,
insegnanti, artigiani), il 25% circa è in pensione, il
15% è imprenditore o svolte alte professioni.
- Chi si reca allo sportello vive soprattutto in coppia
(35%) o in nuclei familiari composti da 3 (25%) o più
persone (26,5%). I single rappresentano il 13% del
totale.
- Dal punto di vista del titolo di studio, è un gruppo in
-
linea con i dati nazionali. Il 32% ha la scuola dell’obbligo, oltre il 42% un diploma superiore, circa il 13%
è in possesso di un titolo universitario, mentre l’11%
ha frequentato scuole professionali.
Interessante il dato sulla proprietà degli immobili
cui sono allacciati i servizi offerti da Egea: ben il il
32% è in affitto, un dato in controtendenza rispetto
a quello nazionale dove il rapporto tra proprietari e
locatari è mediamente di 80 a 20.
Tra gli intervistati il 92% si è recato allo sportello come
cliente residenziale a testimoniare l’importanza dello
strumento per il target retail e le necessità delle famiglie.
La metà dei soggetti ha un contratto per l’energia elettrica (di questi oltre l’80% lo è diventato negli ultimi 5
anni), il 78% dei rispondenti è cliente dei servizi gas (di
questi il 50% da meno di 5 anni).
Estremanete limitata le percentuali di quanti hanno lasciato Egea negli ultimi 5 anni: 4,3% per l’energia, 6,1%
per il gas. Buona parte di queste persone è poi tornata a
usufruire dei servizi erogati dal Gruppo.
PERCHÉ HANNO SCELTO EGEA
0
10
20
30
40
45,9
Territorialità (l'azienda ha sportelli sul territorio)
37,4
Prezzo
21,5
Offerta personalizzata sulle mie esigenze
19,1
Qualità percepita
8,3
Immagine (affidabilità, solidità percepita)
Consuetudine
Rispetto per l'ambiente
50
6,1
0,3
Emerge una chiara gerarchia tra i rispondenti. La territorialità è l’aspetto che pesa di più nell’orientare le decisioni degli utenti. Chi sceglie Egea lo fa perché trova vataggio nel potersi confrontare con facilità con l’azienda;
non a caso il campione preso a riferimento è presente in
una delle sedi proprio per poter usufruire di servizi che
altre imprese non offrono.
Solo al secondo posto il prezzo, quindi la personalizzazione dell’offerta e la qualità. Paga il rapporto concreto
con il territorio (indicato dal 45,9% delle persone), più
della consuetudine (6,1%) verso un fornitore che “c’è
sempre stato”.
Distinguendo la clientela tra i cienti retail (famiglie) e le
imprese (business) si notano interessanti differenze: le
famiglie mettono al primo posto il criterio della territorialità (47%), per le imprese questo asset è secondo per
importanza ripetto alla possibilità di usufruire di offerte
“disegnate su misura” (42,5%) a testimoniare le differenti
necessità espresse dai due target di clienti e dall’importanza di un’interlocuzione diretta con il proprio fornitore per individuare le soluzioni più adatte alle proprie
esigenze.
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Il modello Egea
73
CLIENTI
Clienti Residenziali
territorialità
32,9
prezzo
qualità percepita
14,3
offerta personalizzata
consuetudine
37,2
19
18,8
18,8
10,8
6,3
8,4
8,4
immagine
0,4
0,4
rispetto per l'ambiente
51,6
47
gas
energia elettrica
Imprese
37,8
offerta personalizzata
28,9
territorialità
33,3
32,5
prezzo
20
qualità percepita
immagine
consuetudine
rispetto per l'ambiente
5
8,9
8,8
8,9
42,5
38,8
21,3
0
0
gas
energia elettrica
LA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI EGEA
Le domande, formulate secondo la classica scala da 1
a 10, avevano l’obiettivo di indagare la valutazione dei
clienti per ognuno dei servizi erogati dal Gruppo e insieme di mettere a confronto l’offerta di Egea rispetto a
quella dei competitor di mercato.
Nel corso dell’analisi tali giudizi sono stati utilizzati per
calcolare il livello di soddisfazione complessivo riferito
ai servizi di acqua (nelle zone in cui il servizio è gestito
dalla società “Tecnoedil”), vendita energia elettrica, vendita e distribuzione gas. Ai soli residenti ad Alba è stato
inoltre richiesto di esprimere un parere sul teleriscaldamento
Il livello di soddisfazione complessiva registrato è alto,
una media di 7,6 punti con un picco fatto registrare ad
Aba, l’area storicamente di più forte e di più lunga presenza del Gruppo.
8,5
Alba
Cuneo
7,7
Fossano
7,7
Saluzzo
7,6
Novara
7,6
Besana
7,4
Bra
7,4
7,3
Burago
7,1
Saviglian
7,0
Asti
6,9
Casarile
Mondovì
Ceva
74
6,8
6,6
Media
7,6
Ragionando a livello settoriale i giudizi più alti sono stati raccolti per il servizio di teleriscaldamento di Alba e più in
generale per la gestione del Servizio idrico integrato e la distribuzione gas.
SERVIZIO IDRICO INTEGRATO
Regolarità del servizio
Risoluzione
Regolarità
delproblemi
servizio tecnici
Regolarità del servizio
Chiarezzatecnici
delle bollette
Risoluzione problemi
Risoluzione problemi tecnici
Giudizio
sulla
qualità acqua
Chiarezza
delle
bollette
Regolarità
del servizio
Chiarezza
delle
bollette
Regolarità
del
servizio
Giudizio sulla
qualità acqua
Risoluzione
problemi
Giudizio
sulla
qualità
acqua
Risoluzione
problemi
tecnici tecnici
7,9
Gestione disservizi
Chiarezza
delle bollette
Gestione
disservizi
Chiarezza delle bollette
Chiarezza delle Gestione
bollette disservizi
Gestione disservizi
Chiarezza delle bollette
8,5
7,9 7,8
7,9
7,8
7,8
8,7
8,7
8,5
8,5
Chiarezza delle bollette
Giudizio sulla qualità acqua
Gestione disservizi
8,78,5
8,7
SERVIZIO
IDRICO8,5
INTEGRATO
SERVIZIO
IDRICO
INTEGRATO
Chiarezza delle bollette
Giudizio sulla qualità acqua
8,7
SERVIZIO IDRICO INTEGRATO
SERVIZIO IDRICO INTEGRATO
7,9
7,8
7,8
7,9
VENDITA ENERGIA ELETTRICA
VENDITA ENERGIA ELETTRICA
VENDITA ENERGIA ELETTRICA
7,5
7,5
7,4
7,5
VENDITA ENERGIA
ELETTRICA
VENDITA ENERGIA
ELETTRICA
7,4
7,4 7,5
7,5
7,4
Chiarezza delle bollette
7,4
VENDITA GAS
VENDITA GAS
VENDITA
GAS
7,3
Gestione disservizi
Gestione disservizi
Gestione
disservizi
Chiarezza
delle bollette
Chiarezza delle bollette
Chiarezza delle Gestione
bollette disservizi
7,3
7,3
7,3
7,3 7,3
7,3
VENDITA GAS
Chiarezza
delle bollette
Gestione
disservizi
7,3
7,3
Chiarezza delle bollette
Regolarità del servizio
Regolarità del servizio
Servizio
di del
pronto
intervento
Regolarità
servizio
Servizio di pronto intervento
Regolarità del servizio
Servizio
pronto
intervento
Qualità di
delle
prestazione
tecniche
Servizio tecniche
di pronto intervento
Qualità delle prestazione
Qualità delle
prestazione
tecniche
Tempi
di risposta
disservizi
Regolarità
delper
servizio
Qualità
delle
prestazione
tecniche
Tempi di risposta
per disservizi
TempiServizio
di risposta
per
disservizi
di pronto intervento
Tempi di risposta per disservizi
Qualità delle prestazione tecniche
Tempi di risposta per disservizi
Chiarezza bollette
Chiarezza bollette
Chiarezza bollette
Chiarezza
bollette
Gestione
disservizi
Gestione disservizi
Gestione disservizi
Gestione disservizi
Regolarità
del Servizio
Regolarità del Servizio
Regolarità
del
Servizio
Regolarità
del Servizio
Chiarezza
bollette
Gestione disservizi
Regolarità del Servizio
VENDITA GAS
DISTRIBUZIONE
GAS
7,3
DISTRIBUZIONE GAS
8,8
DISTRIBUZIONE GAS
8,8GAS
DISTRIBUZIONE
8,7
8,8
8,7 8,8
8,7
8,6
DISTRIBUZIONE
8,7
8,6 GAS
8,6 8,8 8,6
8,6 8,6
8,6 8,7
8,6
8,6
TELERISCALDAMENTO (ALBA)
8,6
TELERISCALDAMENTO (ALBA)
TELERISCALDAMENTO
(ALBA)
8,3
TELERISCALDAMENTO (ALBA)
8,3
8,3 8,3
8,1
8,1
8,1
TELERISCALDAMENTO (ALBA)8,1
8,6
8,6
8,6
8,3 8,6
8,1
8,6
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Il modello Egea
75
CLIENTI
Agli intervistati è stato, inoltre, richiesto di esprimere un
giudizio sulla vantaggiosità dell’offerta di Egea rispetto a
quella di altri operatori. Egea raccoglie i consensi maggiori laddove è storicamente presente, ma si segnala un
vantaggio verso i concorrenti anche presso gli sportelli
localizzati in aree di penetrazione commerciale più re-
cente. Non sono state registrate differenze significative
tra i clienti “storici” e quelli meno recenti.
Alla domanda: «quanto ritiene vantaggioso il servizio offerto da Egea rispetto a quello di altri fornitori? Esprima
da 1 a 10 il suo giudizio» gli intervistati hanno formulato un giudizio medio pari a 7,7.
8,3
Alba
Cuneo
8,3
Fossano
8,2
Novara
8,0
Saluzzo
7,7
Bra
7,5
Savigliano
7,4
Ceva
7,3
Asti
7,2
Mondovì
7,2
Burago
7,2
Besana
7,1
Casarile
6,7
Giudizio
medio
7,7
LA FIDUCIA IN EGEA
Dopo aver dato un voto sugli aspetti tecnico-gestionali
dei servizi erogati, gli intervistati hanno espresso la propria opinione su tre dimensioni di analisi: la qualità della relazione che Egea instaura con i propri clienti, il grado di fiducia nell’azienda, la reputazione sul territorio.
Il questionario proponeva una serie di variabili/dimen-
sioni attraverso le quali è stato scomposto e indicizzato
il concetto di fiducia; l’analisi delle risposte e il calcolo
sul numero di rispondenti hanno permesso di costruire
un “indice di fiducia complessivo” capace di ponderare
le risposte e esplicitare il giudizio degli intervistati. La
valutazione raggiunta da Egea è di 7,8.
8,2
Gruppo
8,2
Solidità economica dell’azienda
7,8
Chiarezza dei contratti
Trasparenza delle bollette
76
7,6
7,4
Un secondo aspetto rilevante nelle determinazione del
livello di fiducia nei confronti di un’impresa è legato alla
sua reputazione agli occhi dei clienti e successivamente al grado di raccomandabilità del fornitore tra clienti.
Se è vero che un soggetto apprezza i servizi ottenuti da
un fornitore questo lo si può osservare con particolare
evidenza a fronte di un atteggiamento di apertura o di
ulteriore “concessione di credito” del cliente nei confronti del proprio fornitore. In parallelo il lvello di fiducia è
particolarmente significativo ove un cliente si senta di
raccomandare i servizi del fornitore ad altri soggetti delle propria cerchia di riferimento.
Egea raccoglie buoni consensi da parte degli intervistati.
Alla domanda “Affiderebbe a Egea altri servizi oltre quelli di cui già usufruisce?” il 58,7% dei rispondenti risponde
in modo affermativo (“Sì” il 16% e “Probabilmente Sì” il
42,7%).
Tra quanti rispondono negativamente (il 26% del totale)
sono state analizzate le motivazioni per valutare le motivazioni di un eventuale giudizio negativo sul Gruppo.
In realtà dal quadro emerge che quasi il 60% di coloro
che non intendono affidare altri servizi ad Egea lo fa per
una sorta di inerzia, perché si trova bene con il fornitore attuale e non ha mai preso in considerazione l’ipotesi di cambiare. Si tratta dunque di un atteggiamento
conservatore dettato in qualche misura da una passività
originata più da scarso interesse al cambiamento come
testimonato da un ulteriore 8,5% che teme di incontrare
lungaggini e problemi nella fase di cambio del fornitore.
16,0
22,4
7,0
Perchè non affiderebbe
altri servizi a EGEA?
8,5
42,7
2,9
59,2
15,3
No
Probabilmente No
Probabilmente Si
Si
BONUS SOCIALE
Il Gruppo Egea non ha mancato uno dei suoi più importanti appuntamenti con la solidarietà e il sostegno alle fasce
più deboli tornando a proporre, anche nel 2013, il “Bonus
sociale Egea” che ha inglobato in sé anche il bonus teleriscaldamento. L’iniziativa è intesa dalla multiutility come
una sorta di dovere morale inalienabile per chi ha fatto del
radicamento territoriale un elemento imprescindibile della
propria crescita. Il bonus si propone così come contributo
al territorio e come piccolo ma significativo segno per le
famiglie che si trovano ad affrontare momenti di difficoltà,
facendole sentire pienamente inserite in un sistema-territorio capace anche di gesti concreti di solidarietà. Particolarmente apprezzato, nel contesto di una cultura sempre
più sensibile alle problematiche sociali come quella che si
sta formando, è poi il circolo virtuoso che genera quest’iniziativa: i clienti Egea, pagando le loro bollette, contribuiscono ad alleviare quelle di chi, loro malgrado, si trovano
in una situazione di difficoltà.
Si trova bene con il fornitore attuale
Teme che la procedura sia complicata / lunga
Non ci ha mai pensato
Teme che costerebbe di più / non si fida abbastanza
Altro
Come detto, a partire dal 2013 anche il teleriscaldamento è
stato inserito tra i servizi per i quali i clienti Egea possono
beneficiare del bonus sociale. Al contempo, con l’obiettivo di ampliare il numero di nuclei familiari destinatari del
contributo, l’Isee per poter richiedere il sostegno è stato
innalzato da 8 mila a 9 mila euro.
Per l’iniziativa, il Gruppo Egea ha stanziato un tetto massimo di 50.000 euro. Ciascun bonus ha un valore di 100 euro
accreditati agli aventi diritto direttamente sulla bolletta di
uno dei servizi erogati dalla multiutility a scelta del cliente
(energia elettrica, gas, acqua e teleriscaldamento). Il contributo economico viene erogato anche a utenti morosi e,
in tal caso, copre totalmente o parzialmente gli insoluti.
Oltre all’Isee inferiore ai 9000 euro, per poter accedere al
bonus sociale occorre risiedere in uno dei 47 comuni che
fanno capo al Consorzio socio assistenziale Alba Langhe e
Roero che, insieme al Comune di Alba, affianca Egea nella
realizzazione e gestione dell’iniziativa. Nel corso del 2013
sono stati erogati 383 bonus, 33 in più rispetto all’anno
precedente
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Il modello Egea
77
CLIENTI
LE INIZIATIVE DI COMUNICAZIONE
Da sempre il Gruppo Egea ha ricercato il dialogo e il confronto con il territorio. Uno stile che ha costantemente
alimentato sia innovando gli strumenti storicamente
utilizzati per comunicare con i propri stakeholder (soci,
clienti, fornitori… e, più in generale, abitanti delle aree
raggiunte dai servizi della multiutility), sia individuando i mezzi di comunicazione più attuali per raggiungere
masse critiche. L’obiettivo è di parlare ai diversi livelli
di una realtà variegata e in continua
espansione, ora per sunteggiare
gli aspetti salienti dell’attività di
Egea, ora per recepire e sviluppare gli stimoli provenienti dal
informa
contesto in cui il Gruppo opera,
ora per essere pungolo alla crescita di quel contesto territoriale.
In quest’ottica va letto l’intenso
rapporto che Egea ha instaurato
negli anni con la carta stampata prima e oggi anche con i nuovi
media. Parallelamente all’ampliarsi delle attività del Gruppo e del
relativo ambito territoriale di riferimento, esso ha alimentato l’interesse suscitato a livello mediatico
dalla multiutility: nel corso del 2013
sono statti centinaia gli articoli comparsi a livello locale e nazionale relativi all’attività di Egea. A fine anno è
entrato, inoltre, in piena operatività
il nuovo sito web (www.egea.it), vetrina
on-line dell’azienda, tramite la quale essere sempre aggiornati su servizi erogati, orari degli sportelli, iniziative
ed eventi.
Il Bilancio di sostenibilità e “Egea informa”
Nel solco dell’assoluta trasparenza e della piena apertura verso l’esterno vanno inoltre collocati due novità nelle
quali Egea ha riposto (senza vederle deluse) molte aspettative in termini di rafforzamento della propria comunicazione. Si tratta del Bilancio di sostenibilità 2012 e di
“Egea informa”, due strumenti che negli anni erano stati
accantonati e sui quali, nel corso del 2013, il Gruppo è
tornato a scommettere con un investimento consistente,
superiore ai 100.000 euro.
Il Bilancio di sostenibilità, in quanto strumento atto ad
evidenziare quegli indicatori che palesano come e quanto Egea incida sulla società e sul territorio con i quali
78
si rapporta, era ormai una scelta improcrastinabile alla
luce dello sviluppo e della notorietà raggiunti dalla multiutility negli ultimi anni. Il dialogo e l’interazione hanno costituito la base del documento realizzato coinvolgendo con interviste rappresentanti dei principali gruppi
di stakeholder.
Dopo una pausa di circa cinque anni, il Gruppo ha deciso inoltre di riproporre il periodico di
informazione “Egea informa”, in una
nuova veste grafica e rinnovandone rautIlI
InformazIonI
dicalmente i contenuti. Il formato, quelper I CIttadInI
lo del magazine in carta riciclata, pone
l’accento sull’importanza del risparmio
e della sostenibilità ambientale. I conteEGEa:
SoLiDa
nuti intendono informare i clienti Egea
EnErGia
e i cittadini, non solo sulle offerte comTE
ViCino a
merciali, ma più in generale sull’intera
attività del Gruppo, proponendo peComunicare
con Egea,
faccia a faccia
raltro anche “pillole” di sostenibilità e
di approfondendo sui temi ambientaea
Scegliere Eg
li. Il giornale è stato distribuito in olconviene
tre 447.000 copie su tutto il territorio
di riferimento di Egea.
LE
SPECia
n°1 - novembre
2013
aL SErViZio
o
DEL TErriTori
a pagina 4
LUCE & GaS
a pagina 6
rE
Da ConSEreVa
Come legger
le bollette
a pagina 8
In termini più squisitamente commerciali, nel corso del 2013 Egea ha
investito circa 150.000 euro nella
campagna pubblicitaria relativa
alle offerte di vendita luce e gas
destinate, in particolare, ai clienti
domestici e alle Pmi.
La campagna è stata proposta sulla carta stampata locale e nazionale, online (banner fissi su portali web), e
attraverso l’affissione di manifesti nelle principali città della “provincia” piemontese. Per quanto riguarda
il soggetto è stata confermo quello della famiglia, già
adottato nel corso del 2011, optando per quattro personaggi (mamma, papà e due figli) realizzati con la tecnica
a disegno-fumetto, che hanno immediatamente incuriosito il pubblico in quanto “testimonial” insoliti, ma al
tempo stesso capaci di evocare un senso di appartenenza relativo all’ambiente domestico e familiare. I quattro personaggi, ritratti in scena di vita quotidiana, sono
oggi immediatamente affiancati dal grande pubblico ai
messaggi della multiutility, anche nelle loro declinazioni
più recenti: il soggetto “papà” intento nella lettura che
comunica la vantaggiosità del servizio energia elettrica
di Egea commerciale e il soggetto “mamma” in cucina
per il servizio gas.
Per evitare
salti nel buio.
Per ev
facil
Per evitare
facili scottature.
Sce
Egeolo
In quanto a comunicazione, infine, è da sottolineare
come nel 2013 si sia affermato presso il grande pubblico
Egeolo, la versione animata del logo aziendale, la goccia
blu, verde e gialla, simbolo del Gruppo trasformata in
una vera e propria mascotte, protagonista di un tour a tutta energia sulle
tante piazze del cuneese e dell’astigiano. La sorridente ed enorme
goccia porta tra la gente i valori e per
i colori
diserenità.
Egea:
Egea: Luce e Gas senza pensieri,
la tua
il verde,
simbolo
Un team con più di 500 persone del territorio. Oltre
50 addetti qualificati
nei 14
sportelli del Sud Piemonte e nel call center in sede. 40 professionisti dello staff
dell’ambiente,
il
commerciale al tuo servizio. Più di 300 milioni di metricubi di gas e 5 miliardi di
kWh di luce forniti nel 2012 per oltre 50.000 Clienti
Gas
e
30.000
Clienti
giallo, simboloLuce.
Call Center
Questi i numeri di Egea che significano risparmio, qualità e affidabilità.
0173 44 11 55
dell’energia
e
Luce e Gas per te, per la tua casa, per la tua azienda. Egea: ci puoi contare.
il blu, simbolo
Gli sportelli più vicini li trovi ad ASTI | CUNEO | ALBA | BESANA | BRA | BURAGO | CASARILE
dell’acqua.
Egeolo
CEVA | FOSSANO | MONDOVÌ | NIZZA MONFERRATO | NOVARA
| SALUZZO | SAVIGLIANO
non è una semplice
mascotte o un pupazzo
con puri propositi commerciali.
l’acqua, l’energia elettrica,
il gas e il teleriscaldamento
Egea: Luce e Gas senza pensieri, per la tua s
facendo tutt’uno conUn
il team
territorio,
con chi lo rappresenta
con più di 500 persone del territorio. Oltre 50 addetti qual
e prima ancora con chi
lo
abita,
e
di
quei servizi
è sede. 40 professionis
sportelli del Sud Piemonte
e nel callquindi
center in
commerciale
al
tuo
servizio.
Più
di
300
milioni
il primo e principale fruitore. In una parola: è il deside- di metricubi di gas e
kWh di luce forniti nel 2012 per oltre 50.000 Clienti Gas e 30.000
rio di Call
fareCenter
sinergia guardando
condiparticolare
attenzione
Questi i numeri
Egea che significano
risparmio, qualità e affidabi
0173 44 11 55
all’ambiente inteso come
daper
valorizzare
Luce e risorsa
Gas per te,
la tua casa, e
perdilacui
tua azienda. Egea: ci pu
“prendersi cura”. Con le sue fattezze che ispirano immeGli sportelli più vicini li trovi ad ASTI | CUNEO | ALBA | BESANA | BRA | BURAGO
diatamente
simpatia| MONDOVÌ
Egeolo è il| NIZZA
tramite
attraverso cui
la
CEVA | FOSSANO
MONFERRATO
| NOVARA
| SALUZZO | SA
multiutility comunica su larga scala i principi della sostenibilità ambientale, della razionalizzazione dei consumi
e del risparmio energetico, oltre che quell’aderenza al
territorio in cui opera che è la mission del Gruppo fin
dalle sue origini.
Scegli Egea.
É un progetto che prende
forma in modo sempre
più tangibile. È la volontà di erogare servizi
pubblici essenziali come
Egeolo, una goccia piena di energia che distribuisce sorrisi, buffe pose, palloncini e soprattutto consigli su come
contribuire, tutti insieme, a tutelare il territorio in cui
viviamo
ha presenziato ad alcuni dei principali eventi
www.egea.it
del Piemonte, ha saputo animare festosamente i maggiori centri commerciali del cuneese e i più conosciuti
eventi sportivi del territorio ed ha portato sulle piazze
della “Granda” il progetto “Egea scalda la piazza”, un
infopoint a tutto calore dove i cittadini hanno potuto
riscaldarsi durante l’inverno e ricevere suggerimenti su
come risparmiare. Ha infine privilegiato gli incontri con
i più piccoli: le nuove generazioni si sono dimostrate, infatti, assai recettive, preparate e desiderose di diffondere
i valori della sostenibilità ambientale e sociale.
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Il modello Egea
79
1.
2.
3.
4.
Garantire un atteggiamento di assoluta trasparenza nei confronti del territorio
sentendosi coinvolti e parte attiva nel percorso del suo sviluppo socio-economico.
Promuovere la crescita del contesto socio-culturale continuando a sostenere
iniziative che animano il territorio su cui opera il Gruppo Egea senza che
l’ampliamento dell’attività della multiutility sia causa di uno scollamento dalla
storica realtà di riferimento.
Sostenere le iniziative sportive legate in particolare alle attività di piccoli gruppi
locali nel settore dilettantistico, ma capaci di coinvolgere le fasce giovanili e di
trasmettere loro i valori dell’aggregazione e dell’onestà annessi allo sport.
Educare, in primo luogo attraverso l’impegno nelle scuole di ogni ordine e grado,
la comunità ad atteggiamenti e comportamenti sostenibili dal punto di vista
ambientale.
OBIETTIVI
COLLETTIVITÀ
OBIETTIVI
OBIETTIVI
Nel corso degli ultimi anni è inoltre cresciuto l’impegno nella valorizzazione delle energie
rinnovabili con investimenti nel settore fotovoltaico, nel biogas e nella produzione di energia
Nel corso degli ultimi anni è inoltre cresciuto l’impegno nella valorizzazione delle energie
rinnovabili con investimenti nel settore fotovoltaico, nel biogas e nella produzione di energia
LA RESPONSABILITÀ
SOCIALE DI EGEA
Nel corso degli ultimi anni è inoltre cresciuto l’impegno nella valorizzazione delle energie
rinnovabili con investimenti nel settore fotovoltaico, nel biogas e nella produzione di energia
€ 389.442
€ 400.000
€ 350.000
€ 331.114
€ 339.800
€ 279.209
€ 300.000
€ 108.963
€ 112.300
€ 167.920
€ 162.500
€ 155.258
€ 65.000
€ 66.264
2012
2013
€ 250.000
€ 93.226
€ 200.000
€ 35.500
€ 147.561
€ 150.000
€ 100.000
€ 150.483
€ 50.000
€ 74.590
€0
2010
Sponsorizzazioni sociali & sportive
2011
Iniziative sociali
Egea ha da sempre inteso il proprio operare sul territorio
nei termini della collaborazione e del coinvolgimento,
della partecipazione. Va collocato in questo contesto
l’impegno dell’azienda a favore delle realtà che animano
le aree in cui essa opera. Un impegno declinato nei termini della responsabilità sociale ovvero della condivisione di risorse e di esperienze maturate sostenendo anche
economicamente iniziative di tipo culturale, sociale,
sportivo.
Il budget destinato a questo tipo di attività è cresciuto
nel tempo e si aggira sui 400 mila euro annui; nello
specifico la multiutility ha investito in queste iniziative
390.000 euro nel 2013, 50.000 euro in più rispetto all’anno precedente. Si è esteso, del resto, progressivamente
anche il raggio d’azione del Gruppo Egea, dunque il ter-
Iniziative culturali
ritorio di riferimento al quale ampliare l’impegno sociale dell’azienda. Questo processo di sviluppo è avvenuto
continuando a fare perno sulla zona che ha dato i natali
a Egea (Alba e allbese, in primis, il cuneese in senso più
ampio), senza dunque che la progressiva estensione
dell’area in cui la multiutility albese è operativa abbia
diminuito le attenzioni rivolte al territorio d’origine. Le
sponsorizzazioni tout-court rivestono un ruolo affatto
marginale all’interno dell’attività del Gruppo Egea. Sempre più, anche a fronte di una costante crescita di richieste, i contributi vengono erogati previo un confronto e
un coinvolgimento delle Amministrazioni comunali (in
alcuni casi addirittura attraverso esse), interlocutori privilegiati del territorio, capaci di segnalarne con maggior
efficacia e obiettività le esigenze e le istanze.
81
COLLETTIVITÀ
LE INIZIATIVE A SFONDO CULTURALE,
SOCIALE E SPORTIVO
Il concetto di sostenibilità si concretizza pertanto nella
Egea ha concretizzato la propria responsabilità sociale in
vari settori. Accanto al bonus sociale, di cui già abbiamo
detto, sono parte integrante dell’attenzione rivolta dal
Gruppo alle iniziative a sfondo sociale le attività formative con le quali la multiutility mette a disposizione della
popolazione le competenze maturate nei settori energetico, idrico e ambientale.
In questo senso interlocutore di riferimento sono le
scuole, di ogni ordine, con le quali Egea ha organizzato
anche nel 2013 percorsi formativi per gli studenti. Questi ultimi hanno la possibilità di interagire con i migliori
tecnici che lavorano presso la multiutility e di visitare gli
impianti del Gruppo.
I percorsi sono realizzati ad hoc in base alle esigenze manifestate dai docenti degli istituti scolastici che ne fanno richiesta e vanno dalle semplici visite agli impianti
di potabilizzazione (e all’annesso parco dell’acqua) che
coinvolge dai bambini che frequentano la scuola dell’infanzia ai ragazzi delle scuole superiori, fino ai progetti
formativi più strutturati (destinati in genere agli alunni
del triennio delle superiori), scanditi su più incontri.
Egea sostiene inoltre iniziative dedicate alla collettività sia con intenti formativi e divulgativi (per esempio
“M’illumino di meno” o le proposte legate agli orti didattici curate dalle Condotte Slow food), sia con finalità socializzanti e ricreative (come la ruota panoramica
allestita ad Alba e gli altri eventi che hanno animato le
82
festività natalizie anche a Savigliano e Fossano), sia destinati a migliorare l’aspetto e la fruibilità delle città (come
il sostegno agli allestimenti floreali di Bra).
In ambito culturale le principali sponsorizzazioni di Egea
riguardano eventi di rilievo che suscitano l’interesse non
solo degli abitanti dei comuni che li propongono, ma di
tutto il territorio di riferimento; ne sono un esempio le
stagioni teatrali (quella del teatro “Busca” di Alba in primis) o il premio “Acqui storia” di respiro internazionale
Per quanto riguarda il settore sportivo si privilegiano, in
genere, le realtà che operano nel settore dilettantistico
con un forte coinvolgimento dei giovani, proponendo
uno sport “sano”, occasione di aggregazione e di crescita.
Uno sport inteso ancora come valore. A “L’Alba volley”,
realtà sportiva che coinvolge i giovani di tutta l’area albese di cui storicamente Egea è partner, si è aggiunto,
più recentemente, l’ “Olimpo basket” grazie all’accordo
con il quale è stata allestita a Corneliano la struttura
sportiva oggi nota come “Pala Egea”.
E ancora hanno beneficiato del sostegno di Egea, nel
corso del 2013,: la “Settimana dello sport” di Fossano, il
giovane tennista Matteo Donati del “Match ball Bra”, la
Pallacanestro Saluzzo e così via…
Realtà piccole e grandi che contribuiscono a diffondere
il nome di Egea nel cuneese e in Piemonte, rendendone
tangibile l’impegno a favore della collettività.
locandina 2013_Layout 1 28/11/13 08.31 Pagina 1
Con il contributo di
Comune di
Savigliano
PROGRAMMA EVENTI 2013
In Via Torino e Corso Roma nei giorni 8, 14, 15, 21, 22 e 24 dicembre dalle 15,30 alle
18,30 BABBO NATALE distribuisce le caramelle
Domenica 1 DICEMBRE
ore 10.45 – Palazzo Taffini: APERITIVI IN MUSICA Vincitori 18° Concorso
Internazionale per Cantanti Lirici Spazio Musica Orvieto. A cura Associazione Amici
della Musica. Ingresso a pagamento
ore 11.00 – Palazzo Miretti: SCHEGGE DI MEMORIA - ATTENTI AL CIBO! Antiche strategie cittadine per una sicura alimentazione, tra storie di ordinaria sofisticazione,
pregiudizi ed emergenze alimentari. A cura Archivio Storico Comunale
ore 15.00/18.00 – Palazzo Miretti: SCHEGGE DI MEMORIA - IL RE E’ SERVITO! Sultani,
imperatori e principesse ospiti a Savigliano. Spettacolo itinerante e degustativo a
cura compagnia teatrale “La Barca dei Soli” in collaborazione con Archivio Storico
Comunale, Fondazione Live Piemonte dal Vivo, Ristorante “Sapori in Movimento”,
Associazione “L’Altalena” e Civico Istituto Musicale “G.B. Fergusio”. Ingresso a
pagamento
Venerdì 6 DICEMBRE
ore 21.00 – Sala Crosà Neira: SCHEGGE DI MEMORIA - DAL CIBO MANGIATO AL CIBO
RACCONTATO. A tu per tu con BRUNO GAMBAROTTA e i suoi gustosi racconti
ore 21.00 – Palazzo Miretti: UN BOSCO PER LA CITTA’. Gli uccelli del bosco di Solere.
A cura Associazione CuneoBirding
Sabato 7 DICEMBRE
ore 10/12.30 e 14/17 - Museo Ferroviario: TRENINI DI NATALE. Modelli funzionanti e
divertimento sul circuito ferroviario in scala a “vapore vivo”. Ingresso a pagamento
ore 15/18.30 – Museo Civico A. Olmo: TERESA E MARIA MILANOLLO Insigni violiniste saviglianesi. Visite guidate alla donazione Milanollo e proiezione filmato
“Teresa Milanollo racconta” realizzato e interpretato da Grazia Isoardi. Ingresso a
pagamento
ore 21.00 – Palazzo Taffini: CONCERTO Aspettando Natale con la Corale
dell’Università delle Tre Età di Savigliano e del Coro Tre Valli di Saluzzo
Domenica 8 DICEMBRE
dalle 9,00 alle 18,00 – centro cittadino: MERCATINO DELL’ANTIQUARIATO
ore 10/12.30 e 14/17 - Museo Ferroviario: TRENINI DI NATALE. Modelli funzionanti e
divertimento sul circuito ferroviario in scala a “vapore vivo”. Ingresso a pagamento
ore 10.45 – Teatro Milanollo: MUSICA IMMORTALE in onore di Teresa Milanollo.
Ingresso a pagamento
ore 15/18.30 – Museo Civico A. Olmo: TERESA E MARIA MILANOLLO Insigni violiniste saviglianesi. Visite guidate alla donazione Milanollo e proiezione filmato
“Teresa Milanollo racconta” realizzato e interpretato da Grazia Isoardi. Ingresso a
pagamento
Giovedì 12 DICEMBRE
Ore 21.00 – Teatro Milanollo: Stagione d’Opera - LA TRAVIATA con Orchestra
Filarmonica Italiana. Ingresso a pagamento
Sabato 14 DICEMBRE
ore 10/12.30 e 14/17 - Museo Ferroviario: TRENINI DI NATALE. Modelli funzionanti e
divertimento sul circuito ferroviario in scala a “vapore vivo”. Ingresso a pagamento
dalle ore 15 alle 18 – ex Convento S. Agostino: I NONNI DELLA “PLAY”! Grandi e piccini alle prese con biglie colorate e moderni videogiochi: chi vincerà? A cura Centro
della Memoria
dalle ore 15.30 alle ore 18.30 – piazza del Popolo (angolo Via Alfieri): MERCATINO
DI NATALE organizzato dagli alunni delle classi 4ª della Scuola Primaria Santorre di
Santarosa
ore 21.00 – Teatro Milanollo: spettacolo teatrale MISERIA E NOBILTA’. Ingresso a
pagamento
ore 21.00 - Chiesa S. Pietro: NOTE DI NATALE con la partecipazione della Corale
Milanollo, Coro Fergusio e Coro Polifonico Città di Savigliano
Domenica 15 DICEMBRE
ore 10/12.30 e 14/17 - Museo Ferroviario: TRENINI DI NATALE. Modelli funzionanti e
divertimento sul circuito ferroviario in scala a “vapore vivo”. Ingresso a pagamento
ore 10.15 – Santuario della Sanità: Inaugurazione della PALA DELL’ASSUNTA di
Maria Vergine
Dalle ore 15 alle 18 – ex Convento di S. Agostino: CIANCE E BAROTE - una vjà tutta
speciale in chiave “saviglianese”. Racconti e storie cittadine con personaggi e aneddoti memorabili. Intermezzi musicali dal vivo di Sabrina Pallini e Maurizio Guzzi. A
cura Centro della Memoria
ore 21.00 – Teatro Milanollo: Spettacolo di ballo ENSEMBLE FOR YOU a cura School
of Dance. Ingresso a pagamento (l’incasso della serata sarà devoluto a favore de “La
Rosa Blu”)
Giovedì 19 DICEMBRE
ore 18.00 – Parco di Via Chicchignetto – Inaugurazione primo impianto a led realizzato da Egea
Venerdì 20 DICEMBRE
ore 18.00 – ex Convento S. Agostino: CANTO DI NATALE per voce recitante, flauto e
arciliuto. Tratto dal racconto di Charles Dickens. Organizzato da Biblioteca Civica
ore 21.00 – Sala Crosà Neira: CONCERTO DI NATALE del Complesso Bandistico Città
di Savigliano con la collaborazione della Corale Alpini “R. Celoria”
Sabato 21 DICEMBRE
ore 10,30/12,30 e ore 14,30/19,00 – centro cittadino: TRENO DI NATALE organizzato
in collaborazione con Pro Loco Savigliano. Fermate lungo il percorso: partenza P.zza del Popolo (Ala polifunzionale), P.zza S. Giovanni, C.so Roma – Municipio, P.zza
Santa Rosa, Via Saluzzo – zona commerciale, Via Allione, P.zza Arimondi, Via Coloira
– Museo Ferroviario. Ritorno: P.zza Cavour, P.zza del Popolo (Ala polifunzionale) arrivo
ore 15.30 – Salone parrocchiale S.M. Pieve: CONCERTO “Faber in Fabula” del
Complesso “Gli amici del melo” del Liceo Arimondi. Possibilità per i più piccoli di giocare in oratorio
ore 21.00 – Chiesa San Pietro: CONCERTO con la partecipazione dell’Orchestra “Gli
Armonici di Bra”, il coro “Gandino Spiritual’s Friends’ e il coro delle voci bianche –
raccolta offerte per cristiani parrocchia di Gerico
Domenica 22 DICEMBRE
ore 9,30/12,30 e ore 14,30/19,00 – centro cittadino: TRENO DI NATALE organizzato
in collaborazione con Pro Loco Savigliano. Fermate lungo il percorso: partenza P.zza del Popolo (Ala polifunzionale), P.zza S. Giovanni, C.so Roma – Municipio, P.zza
Santa Rosa, Crosà Neira, Via Saluzzo – zona commerciale, Via Allione, P.zza
Arimondi, Via Coloira – Museo Ferroviario. Ritorno: P.zza Cavour, P.zza del Popolo
(Ala polifunzionale) - arrivo
ore 16.00/19.00 – Sala Crosà Neira: ASPETTANDO NATALE!!! Con l’Associazione Le
Nuvole e la sua animazione di Natale, la StileLiberoBand (voci Antonella Bellissimo
e Pino Colucci), ospite CelenTino, Babbo Natale, distribuzione cioccolata calda e
golosità varie… si balla, si ascolta, si mangia, ci si diverte. Partenza alle ore 15.45 da
p.zza Santarosa in compagnia dell’orso della Pro Loco di Castelletto Stura. A cura
Pro Loco Savigliano in collaborazione con Associazione ConTE
ore 17.30 e 21.00 – Teatro Milanollo: Spettacolo di danza …SCRITTI COL CUORE a
cura ASD Out of Dance. Ingresso a pagamento
Lunedì 23 DICEMBRE
ore 21.00 – Sala Crosà Neira: CONCERTO A THRILL OF HOPE A Christmas Musical by
Joel Raney, concerto per coro e orchestra a cura Coro Polifonico Città di Savigliano
Martedì 24 DICEMBRE
ore 15.30/19.00 – P.zza Santa Rosa: ASPETTANDO IL NATALE – un momento di spensieratezza in pieno clima natalizio. Animazioni, giochi e momenti solidali con esibizione del CORO VOXES ensemble vocale a cappella, Trucca Bimbi e Maghi dei
Palloncini, Babbi Natale e diretta su TRS Radio. Organizzato in collaborazione con
TRS Radio e Associazione A.S.HA.S.
Mercoledì 25 DICEMBRE
ore 20.00 – In onda su TRS Radio FM 104.80 – MUSICA, MAESTRO! NOTE DI LETTERATURA - L’Acustica Perfetta, a cura Biblioteca Civica e Associazione Attività e
Cultura per Savigliano
Mercoledì 1 GENNAIO
ore 17.00 – Teatro Milanollo: CONCERTO DI CAPODANNO – Orchestra filarmonica
di Stato Ucraina di Lugansk. Organizzato dall’Associazione Amici dell’Ospedale
SS. Annunziata in collaborazione con l’Associazione Amici della Musica
ED INOLTRE...
dal 30 novembre al 6 gennaio 2014 – OGNI SPESA UNA SORPRESA! Concorso a
premi con la Shooppi Card di ASCOM
4, 5, 7, 14 e 15 dicembre 2013 – ex Convento di S. Agostino: APERTURA CENTRO
DELLA MEMORIA. Racconti e immagini sulla Savigliano del ‘900
dall’8 dicembre 2013 al 6 gennaio 2014 – Ala polifunzionale – ATTRAZIONI GONFIABILI
dal 13 al 18 dicembre 2013 – Museo Civico “A. Olmo”: IL MONDO IN MINIATURA: il
modellismo, passione artistica. Nell’ambito dell’iniziativa “Mestieri professioni
passioni in sintonia con i musei”. A cura Museo Civico “A. Olmo”
dal 15 dicembre 2013 al 6 gennaio 2014 – Confraternita dell’Assunta, piazza
Molineri: Mostra di presepi “MONDOPRESEPE IN SANGIU” a cura Gruppo Amici del
Presepe di Savigliano
F. SANTAROSA - TEL. 0172713929
In collaborazione con: Archivio Storico Comunale/Centro della Memoria, ASD Out of Dance, ASD School Dance, Associazione Amici dell’Ospedale SS. Annunziata, Associazione Amici della Sanità,
Associazione Amici della Musica, Associazione A.S.HA.S. Associazione Attività e Cultura per Savigliano, Associazione ConTE, Associazione CuneoBirding, Associazione “L’Altalena”, Associazione
“Le Nuvole” – Teatroterapia onlus, Biblioteca Civica “L. Baccolo”, Civico Istituto Musicale “G.B. Fergusio”, Compagnia teatrale “La Barca dei Soli”, Complesso Bandistico Città di Savigliano, Corale
Alpini “Rino Celoria", Coro Polifonico Città di Savigliano, Coro Università delle Tre Età Savigliano, Fondazione Live Piemonte Dal Vivo, Gruppo Amici del Presepe di Savigliano, Museo Civico “A.
Olmo”, Museo Ferroviario Piemontese, Orchestra Filarmonica Italiana, Parrocchie Saviglianesi, Pro Loco di Savigliano, Ristorante “Sapori in Movimento”, TRS Radio
sUMMer sChooL
v i e d i z i o n e 2 0 1 3
“reLigioni e sfera pUBBLiCa”
Mar 17/09
Cuneo, Spazio incontri Cassa di Risparmio 1855, via Roma 15
Lectio magistralis inaugurale – ore 21
in memoria di Pier Cesare bori
mercato e Cristianesimo nella storia dell’Occidente
Giacomo Todeschini (Università di trieste)
Sergio Carletto (CespeC – CUneo)
Modera:
Mer 18/09
Cuneo, Sede universitaria “Mater Amabilis”, via A. Ferraris di Celle 2
PRIMA SeSSIone – ore 9,30 -13
Le grandi religioni e le origini del capitalismo
Mario Miegge (Università di ferrara)
Maria Chiara Giorda (Università di torino)
Daniel Atzori (fondazione eni)
Modera: Stefano Sicardi (Università di torino)
SeConDA SeSSIone – ore 15-18,30
mercato, persona e bene comune
Gianni Manzone (Università Lateranense di roMa)
Angelo Miglietta (iULM – MiLano)
enrico Guglielminetti (Università di torino)
Modera:
Cuneo, Salone d’onore del Municipio, via Roma 28
DIbATTITo SeRALe – ore 21
La crisi e le risposte
Giuseppe berta (Università BoCConi – MiLano)
Paolo Perulli (Università deL pieMonte orientaLe)
Mauro Mantelli (CespeC)
Modera:
L’evento è organizzato da
Gio 19/09
Cuneo, Sede universitaria “Mater Amabilis”, via A. Ferraris di Celle 2
TeRZA SeSSIone – ore 9,30-13
LbA
IAno-A
2013
17• 2e 1
SAVIGL
Cuneo-
settem
br
Le sfide
della crisi
eConoMIA, ReLIGIonI
e VALoRI neLLA SoCIeTà
DeLLA ConTRAZIone
Un ciclo di conferenze, riflessioni e dibattiti
aperti a tutti gli interessati. Per comprendere
a fondo la crisi in cui viviamo e il ruolo
che le religioni possono giocare in essa
Per informazioni: www.cespec.it • [email protected]
in collaborazione e
con il patrocinio di
Con il patrocinio di
esiti della crisi economica e percorsi di lettura
Amedeo Cottino (Università di torino)
Giovanni Leghissa (Università di torino)
Davide Sisto (Università di torino - CespeC)
Modera:
InConTRo DeI ReLAToRI FRAnCeSI Con Le SCuoLe SuPeRIoRI – ore 10,00
QuARTA SeSSIone – ore 15-18,30 (sezione in franCese)
Les contradictions du capitalisme et la crise du système social
Jean Robelin (Università di nizza)
Arnauld Leclerc (Università di nantes)
Pierre-Yves Quiviger (Università di nizza)
Modera: Graziano Lingua (Università di torino - CespeC)
Cuneo, Salone d’onore del Municipio, via Roma 28
DIbATTITo SeRALe – ore 21
Un’altra economia è possibile
Livio bertola (aipeC – eConoMia di CoMUnione)
Pierpaolo Carini (egea s.p.a.)
Fabio Silva (BanCa etiCa)
Modera: Fabrizio Pepino (provinCia oggi)
Ven 20/09
SAVIGLIAno, Polo universitario - ex-Convento di Santa Monica, via Garibaldi 6
QuInTA SeSSIone – ore 9,30-13
Non solo per denaro: agire economico e vincolo etico-sociale
Sergio Caruso (Università di firenze)
Mario Signore (Università di LeCCe)
Lorenzo Sacconi (Università di trento)
Paola borgna (Università di torino)
Modera:
WoRKSHoP con i borsisti – ore 15-18,30
intervento di sei Borsisti seLezionati traMite CaLL for paper
SAVIGLIAno, Palazzo Taffini, via Sant’Andrea 53
DIbATTITo SeRALe – Tavola rotonda – ore 21
La crisi e le trasformazioni del lavoro
Alessandro Casiccia (Università di torino)
Angelo Pichierri (Università di torino)
Sergio Carletto (CespeC – CUneo)
Modera:
Sab 21/09
ALbA
InConTRo Con Le SCuoLe SuPeRIoRI – ore 10,30
Alessandro Casiccia (Università di torino)
Angelo Pichierri (Università di torino)
inContrano gLi stUdenti sUL teMa deLLa Crisi eConoMiCa
Tutti gli incontri sono a ingresso libero
realizzata grazie al contributo di
Città di Savigliano
Università di torino
dipartimento di
giurisprudenza
Università di torino
dipartimento di
Filosofia e Scienze
dell’educazione
Tessere del passato
Il restauro del mosaico
di via Mariscotti
ad Acqui Terme
Presentazione degli atti
del convegno
Venerdì 28 marzo 2014 - ore 17,30
Sala Monviso Gruppo Egea
Corso Nino Bixio 8 - Alba
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Il modello Egea
Presentazione degli atti del convegno
e dell’allestimento museale
Venerdì 4 aprile 2014 - ore 16,30
Civico Museo Archeologico, Castello dei Paleologi
83
COLLETTIVITÀ
ENERGIA SOSTENIBILE E “GREEN” A CONVEGNO:
LA FORMAZIONE PRIMA DI TUTTO
Il gruppo Egea ormai da tempo si pone come collettore
e punto di snodo delle differenti istanze che arrivano dal
territorio, proponendo spesso anche sollecitazioni all’approfondimento dei temi più attuali per l’individuazione
di soluzioni condivise ed efficaci.
Costituisce un esempio tangibile di questo ruolo assunto
dalla multiutility nella propria area di riferimento (e non
solo) il convegno organizzato presso la sede dell’Auditorium Ferrero il 29 novembre 2013. Un appuntamento di
ampio respiro, indetto a livello nazionale; un momento
di riflessione collettiva, utile per presentare da un lato il
Piano d’azione per l’energia sostenibile di Alba e dall’altro per creare un’occasione di confronto e dialogo con
cittadini, Enti locali e stakeholder. Questo lo scopo del
convegno “Obiettivo 2020: il Patto dei Sindaci per l’energia sostenibile”, organizzato dal Gruppo Egea in collaborazione con la Cooperativa Erica e sostenuto dal Comune
di Alba, che ha coinvolto un ricco panel di esperti di rilievo internazionale chiamati ad affrontare, insieme agli
studenti degli istituti albesi, tematiche quali sostenibilità, energia pulita e rispetto dell’ambiente.
Obiettivo principale dell’appuntamento è stato far conoscere su larga scala il Piano d’azione per l’energia sostenibile (Paes): prevista all’interno del Patto dei Sindaci,
l’iniziativa è promossa dalla Commissione europea per
coinvolgere attivamente Enti locali e cittadini nella strategia europea del “20-20-20”, che individua specifiche
azioni da compiersi affinché si realizzi un’effettiva riduzione di emissioni inquinanti del 20% entro il 2020. Il
Comune di Alba ha sottoscritto nel luglio 2012 l’adesione
al Patto, grazie ad un piano d’azione elaborato in collaborazione con il Gruppo Egea e la Cooperativa Erica.
84
I cittadini sono dunque chiamati ad impegnarsi in prima
persona nella lotta ai cambiamenti climatici, attraverso
progetti innovativi che influiscano sulla qualità della vita.
Alba è a metà strada: negli ultimi 10 anni le particelle inquinanti sono state ridotte di oltre il 10%; servono però
interventi di sensibilizzazione e metodologie didattiche
mirate, soprattutto rivolte alle generazioni future.
Il convegno ha coinvolto figure e professionalità di spicco, i rappresentanti delle istituzioni e degli enti pubblici
piemontesi, provinciali e del territorio albese, i vertici
del Gruppo Egea. Nel corso del dibattito è emerso come
anche il mondo dell’industria dei servizi è chiamato, oggi
più che mai, a confrontarsi direttamente con queste tematiche. Lo sviluppo delle iniziative legate ad un utilizzo
razionale e sostenibile dell’energia rappresenta infatti un
dovere civile e sociale e al contempo si prefigura come
una notevole opportunità industriale. Il modello offerto
dalla realizzazione del piano energetico e ambientale
della Città di Alba con il suo territorio di riferimento rappresenta inoltre una vetrina visibile ed identificabile per
le tante realtà della cosiddetta “provincia” italiana”. Protagonisti della prima parte del convegno sono stati invece gli studenti delle scuole primarie e secondarie di Alba
e dell’albese, i primi “ambasciatori della sostenibilità”.
Nel corso della mattinata hanno raccontato ed esposto
tramite video realizzati ad hoc il loro progetto per rendere Alba più green e sostenibile. Con loro si è confrontato Luca Mercalli, presidente della Società metereologica
italiana, che ha approfondito le conseguenze a lungo
termine dei cambiamenti climatici e ciò che è possibile
fare nel quotidiano.
Convegno Obiettivo 2020:
il Patto dei Sindaci
per l’energia sostenibile
Venerdì 29 novembre
Auditorium Fondazione Ferrero - Strada di Mezzo 44
Alba (CN)
09.00
Registrazione dei partecipanti e coffee welcome
09.30
Saluti delle Autorità:
Saluti della Regione Piemonte
Saluti della Provincia di Cuneo
Fabrizio Spada, Direttore Rappresentante Regionale Commissione Europea in Italia
Maurizio Marello, Sindaco di Alba
Fulvio Baratella, Presidente Consiglio di Sorveglianza EGEA SpA
SESSIONE MATTUTINA
Il Paes e i ragazzi di Alba
Presentazione dei lavori realizzati dai ragazzi delle scuole primarie, secondarie di Alba. Una
classe rappresentante per ogni plesso di scuola primaria e secondaria di primo grado verrà a ritirare l’attestato di “Esperto!” dopo aver ricevuto a scuola una lezione sulle buone
pratiche energetiche. Inoltre avverrà la premiazione del concorso video “Raccontiamo il
PAES” realizzato dagli studenti delle scuole secondarie di secondo grado, i filmati vincitori
verranno proiettati.
POSTE ITALIANE. S.P.A. - SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - D. L. 353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 N°46) ART. 1, COMMA 1, DCB/CN NR. 42/13 - €
1,00
11.30
“Le conseguenze dei cambiamenti climatici”
Luca Mercalli, Presidente Società Metereologica Italiana
SESSIONE POMERIDIANA
Il Paes e il piano per lo Sviluppo sostenibile
Sindaco di Alba, Maurizio Marello
Modera: Piero Bianucci, giornalista e scrittore de “La Stampa”
AZIENDE E POLITICA
PER IL TERRITORIO
IL “SAN GIUSEPPE”
AD ANDREA AGNELLI
“FIERA FREDDA”:
SPECIALE DI 16 PAGINE
Venerdì 29
novembre
Auditorium
Fondazione
Ferrero
Strada
di Mezzo 44
Alba
14.00
14.20
14.40
15.00
15.20
“Il ruolo degli Enti Locali nel raggiungimento degli obiettivi del Piano 20/20/20”
On. Agostino Ghiglia, Assessore Ricerca ed Energia Regione Piemonte
e Coordinatore Conferenza Stato-Regioni
“Che cos’è il Patto dei Sindaci per l’Energia Sostenibile”
Roberto Balzani, Sindaco di Forlì, Comune premiato al WWF Earth Hour 2012
per le buone pratiche di sostenibilità urbana
“Il Piano di azione per l’Energia Sostenibile: il modello di Alba, Langhe e Roero”
Pierpaolo Carini, Amministratore Delegato EGEA
“Perché si devono ridurre le emissioni di CO2?”
Marco Carlo Masoero, Direttore Dipartimento Energia Politecnico di Torino
Tavola Rotonda
“Ridurre le emissioni del 20% entro il 2020: con il Patto dei Sindaci si può”
Partecipano:
On. Stella Bianchi,
Commissione Ambiente della Camera - Partito Democratico
On. Andrea Fluttero,
già Segretario Commissione Ambiente Senato - Popolo delle Libertà
Sen. Carlo Martelli,
Vicepresidente Commissione Ambiente Senato - Movimento 5 Stelle
On. Salvatore Matarrese,
Commissione Ambiente della Camera - Scelta Civica
On. Roberto Della Seta,
già Commissione Ambiente Senato - Fondatore Green Italia
Daniela Luise, Direttore Coordinamento Agende 21 Locali Italiane
Roberto Ronco, Assessore all’Ambiente Provincia di Torino
Fulvio Baratella, Presidente Consiglio di Sorveglianza EGEA SpA
Modera: Roberto Cavallo, Presidente E.R.I.C.A. Soc. Coop.
16.45
Convegno nazionale di Egea
e Comune di Alba
Conclusioni, a cura di EGEA
Segreteria organizzativa E.R.I.C.A. soc.coop. - Tel.:335.63.09.971 - [email protected]
ANNO XXVIII - N. 42 - 28 NOVEMBRE 2013 - WWW.IDEAWEBTV.IT
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Energia
85
1.
2.
3.
4.
Mantenere un dialogo costantemente aperto con il territorio e con i
suoi rappresentanti nelle sedi istituzionali, continuando a coinvolgere
attivamente gli Enti locali nella realizzazione dei progetti del Gruppo.
Accompagnare gli Enti locali nel percorso sempre più attuale di valorizzazione delle loro risorse sia proseguendo gli investimenti sostenuti dal
Gruppo per potenziare e ammodernare le infrastrutture pubbliche sia
ideando nuovi servizi ad hoc per gli Enti locali.
Accompagnare gli Enti locali nel percorso sempre più attuale di
valorizzazione delle loro risorse sia proseguendo gli investimenti
sostenuti dal Gruppo per potenziare e ammodernare le infrastrutture
pubbliche sia ideando nuovi servizi ad hoc per gli Enti locali.
Potenziare le linee di servizi dedicate all’efficientamento energetico e
alla gestione calore degli edifici di proprietà comunale e all’illuminazione pubblica.
Proseguire il costante confronto con le associazione categoria per alimentare occasioni di dialogo e confronto, contribuire fattivamente allo
sviluppo del comparto industriale e del settore energetico a livello nazionale e promuovere occasioni di formazione per i propri dipendenti.
OBIETTIVI
PUBBLICA
AMMINISTRAZIONE
OBIETTIVI
OBIETTIVI
Nel corso degli ultimi anni è inoltre cresciuto l’impegno nella valorizzazione delle energie
rinnovabili con investimenti nel settore fotovoltaico, nel biogas e nella produzione di energia
Nel corso degli ultimi anni è inoltre cresciuto l’impegno nella valorizzazione delle energie
rinnovabili con investimenti nel settore fotovoltaico, nel biogas e nella produzione di energia
I RAPPORTI CON
GLI ENTI TERRITORIALI
Nel corso degli ultimi anni è inoltre cresciuto l’impegno nella valorizzazione delle energie
rinnovabili con investimenti nel settore fotovoltaico, nel biogas e nella produzione di energia
Il Gruppo Egea persegue i propri obiettivi di sviluppo collaborando attivamente con le Istituzioni locali, gli organismi di regolazione e controllo, le associazioni di settore
e le rappresentanze sindacali e dei consumatori al fine
di facilitare lo scambio informativo, raccogliere pareri,
discutere gli indirizzi (pur mantenendo piena autonomia
e responsabilità nelle decisioni) e migliorare l’efficacia e
l’efficienza nell’erogazione dei propri servizi.
Gli Amministratori dei Comuni soci rappresentano per
Egea uno dei principali portatori d’interesse perché parte rilevante dell’azionariato e perché rappresentanze
territoriali della comunità cui il Gruppo eroga i propri
servizi. Sono presenti forme strutturate di dialogo con i
Sindaci, nonché forme strutturate di interlocuzione con
l’Autorità d’ambito 4 Cuneese e l’Ato-R per i servizi locali
regolati, l’Aeeg per quanto attiene la regolazione dei servizi energetici (e dal 2013 il servizio idrico).
A livello di governance il modello Egea afferma la propria peculiarità sul panorama nazionale dei servizi
pubblici locali; la partnership pubblico - privato che ne
identifica l’assetto azionario nasce dall’ingresso relativamente recente dei comuni in un’impresa sino ad allora
privata e non dall’apertura del capitale ai privati come
nel caso delle ex imprese municipali. La condivisione
degli orizzonti strategici da parte di tutti gli Azionisti e
il forte legame con il territorio sottolineano il ruolo economico del Gruppo per lo sviluppo del sistema locale nel
suo complesso. Va in particolare sottolineato come i soci
pubblici godano di una forte rappresentanza all’interno
del Consiglio di Sorveglianza del Gruppo, organo che presiedono secondo le indicazioni statutarie. Interessante in
questo senso inquadrare le ragioni che hanno spinto i
soci pubblici a acquisire una parte di Egea.
- In quanto soci, i Comuni partecipano alla costruzione
delle scelte di indirizzo attraverso il modello di governance duale; allo stesso tempo si avvantaggiano della
crescita di valore del Gruppo e dei dividendi distribuiti.
- In quanto clienti, I Comuni beneficiano della capacità
di approvvigionamento del Gruppo sul mercato ottenendo servizi a condizioni vantaggiose. Allo stesso tempo,
negli ultimi anni Egea ha sviluppato una serie di servizi innovativi legati al miglioramento dell’efficienza dei
consumi energetici delle pubbliche amministrazioni sia
operando sulla gestione calore degli edifici sia attraverso una piena riqualificazione degli impianti pubblici di
illuminazione.
Dai dati emerge inoltre l’ammontare dei canoni che il
Gruppo paga alle Amministrazioni locali a fronte dell’utilizzo di beni pubblici per l’erogazione dei propri servizi.
Le imposte dirette sul reddito dell’esercizio 2013 sono
pari a circa 3,46 milioni di euro. I Canoni e i corrispettivi
versati alle Comunità Montane e alle Ato superano 1,3
milioni di euro. I dati, così come i risultati economici,
ci mostrano un modello di partnership pubblico-privato
che funziona anche perché dinamico, in costante evoluzione e in grado di adattarsi in maniera dialettica alle
esigenze di un contesto socio-economico che cambia e
pone a imprese e amministratori sempre nuove sfide da
affrontare.
CANONI VERSATI DAL GRUPPO NEL 2013
Imposte e tasse pagate (dirette)
Imposte e tasse pagate (indirette)
di cui Imposte e tasse
di cui Tasse Occupazione Suoli e Aree Pubbliche
Canoni e corrispettivi Comunità Montane
€
€
€
€
€
3.460.565,00
692.273,49
12.937,10
77.446,33
1.144.129,60
87
PUBBLICA
AMMINISTRAZIONE
IL CODICE ETICO
Il Gruppo si impegna a perseguire i propri obiettivi di
redditività e crescita economica salvaguardando l’ambiente attraverso la stretta osservanza dei piani d’ambito e delle normative sull’inquinamento. Si impegna,
inoltre, a garantire la massima integrità e correttezza
nei rapporti con la Pubblica Amministrazione attraverso
un modello di organizzazione, gestione e controllo, teso
a individuare gli specifici rischi inerenti ai reati previsti
dal D.Lgs. 231/2001. I principi generali di: trasparenza,
responsabilità, correttezza, efficienza, spirito di servizio,
tutela dell’ambiente, valorizzazione delle risorse umane
indicati all’interno del “Codice etico” del Gruppo Egea
guidano l’azione della multiutility e garantiscono il rispetto e la tutela del sistema dei valori, delle persone e
dell’ambiente circostante.
LE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA
Al fine di creare occasioni di confronto e di collaborazione con altre aziende e per favorire l’aggiornamento
normativo e tecnologico, il Gruppo Egea attraverso le
proprie partecipate, o direttamente con la Capogruppo,
aderisce a numerose associazioni di settore tra cui:
AIRU - ASSOCIAZIONE ITALIANA
RISCALDAMENTO URBANO
L’associazione, senza scopo di lucro, ha la finalità di promuovere e divulgare l’applicazione e
l’innovazione dell’impiantistica energetica territoriale, nel settore del teleriscaldamento e teleraffreddamento in ambito urbano. Airu è impegnata, attraverso accordi nazionali e locali, nella
promozione di queste tecnologie e dei benefici
che queste apportano alla qualità ambientale ed
energetica italiana. L’Ing. Paolo Galliano di Egea
è uno dei vicepresidenti di “Airu”.
88
UNIONE INDUSTRIALI CUNEO
Associazione delle imprese industriali della provincia di Cuneo, dal 1926 Confindustria si propone di contribuire, insieme alle istituzioni politiche e alle organizzazioni economiche, sociali e
culturali, alla crescita economica e al progresso
sociale nazionale, favorendo lo sviluppo delle
attività imprenditoriali e promuovendo la diffusione della cultura d’impresa. L’Amministratore
Delegato di Egea, Ing. PierPaolo Carini, ricopre
incarichi sia nella Giunta sia nel Consiglio Direttivo di Confindustria Cuneo.
ASSOGAS
Fondata nel 1979 e legata a Confindustria, è
un’associazione di categoria che opera a livello
nazionale per promuovere e tutelare gli interessi
di oltre 80 aziende del comparto del gas e dei
servizi collegati. Il principale obiettivo che si prefigge è quello di afferma affermare i principi del
libero mercato, per sostenere continue opportunità di sviluppo anche a favore dei consumatori.
L’Amministratore Delegato di Egea, Ing. PierPaolo Carini, è vicepresidente di Assogas.
Il Gruppo è il punto di riferimento centrale (il minimo
comune denominatore) che mette in rete attori anche
molto diversi tra loro: piccole imprese e grandi aziende, soggetti pubblici e privati, organizzazioni e cittadini,
produttori e consumatori, sindacati e imprenditori.
Un network informale che ha iniziato a tessere nuove e
fruttuose relazioni orizzontali al proprio interno, in gra-
CONFSERVIZI
PIEMONTE VALLE D’AOSTA
Sindacato di impresa che rappresenta, promuove
e tutela aziende ed enti che gestiscono i servizi di
pubblica utilità. È espressione di oltre 1.600 soggetti gestori di servizi pubblici locali, che operano sia in settori industriali sia in ambiti legati ai
servizi sociali e alla persona. Tra gli scopi quello
di qualificare e sostenere l’evoluzione delle imprese, oltre che rendere disponibili, accessibili
ed efficaci i servizi rivolti alla qualità della vita.
FIPER
Fiper, acronimo di Federazione italiana di produttori di energia da fonti rinnovabili, riunisce
i gestori di teleriscaldamento a biomassa legnosa e i produttori di biogas di origine animale e
vegetale del Nord e Centro Italia. L’attività degli
impianti di teleriscaldamento garantisce la gestione e cura dei boschi sostenibile, lo sviluppo
delle piantagioni dedicate e la messa a punto
di biocombustibili di qualità.
do di stimolare la nascita di sinergie fertili e durature.
Da segnalare, infine, è la grande collaborazione esistente con le associazioni dei consumatori che hanno affiancato il Gruppo Egea in numerose campagne contro
le truffe perpetrate a danno dei clienti e in sinergia con
le quali la multiutility promuove azioni di formazione e
informazione, rivolte in particolare ai clienti domestici,
su come orientarsi nel mercato energetico.
FEDERUTILITY
Federazione che dal 1947 raggruppa le aziende
di servizi pubblici locali che operano nei settori
di energia elettrica, gas e acqua, ed è firmataria
del Contratto collettivo unico di lavoro per i dipendenti delle aziende che gestiscono tali servizi. Rappresenta l’Italia negli organismi di settore
europei e mondiali ed insieme a Asstra e Federambiente ha dato vita a Confservizi.
CONSORZIO
MONVISO AGROENERGIA
Il consorzio raggruppa 80 impianti per la produzione di energia rinnovabile da fonte agricola del
Piemonte. Si pone l’obiettivo di creare sinergie
fra i produttori, ponendo a confronto le varie
esperienze e costituendo un punto di aggregazione economica e tecnica a servizio delle imprese. Il consorzio riunisce alcuni fra i più importanti impianti di produzione di biogas regionale.
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Energia
89
1.
2.
3.
4.
Porre la massima attenzione nella scelta dei fornitori privilegiando, accanto alla qualità e alla convenienza delle forniture, la territorialità dei
prodotti e delle aziende alle quali in via principale il Gruppo si rivolge
per i propri acquisiti.
Continuare a garantire la massima trasparenza per quanto riguarda le
forniture.
Guadare con costante attenzione alle più recenti evoluzioni del mercato in modo da garantire ai clienti un servizio ottimale in termini di
efficienza e di efficacia.
Instaurare rapporti di collaborazione con i propri fornitori in modo da
proporre azioni sinergiche e comuni di promozione dei rispettivi marchi e delle loro specificità.
OBIETTIVI
FORNITORI
OBIETTIVI
OBIETTIVI
Nel corso degli ultimi anni è inoltre cresciuto l’impegno nella valorizzazione delle energie
rinnovabili con investimenti nel settore fotovoltaico, nel biogas e nella produzione di energia
Nel corso degli ultimi anni è inoltre cresciuto l’impegno nella valorizzazione delle energie
rinnovabili con investimenti nel settore fotovoltaico, nel biogas e nella produzione di energia
L‘INDOTTO GENERATO
DAL GRUPPO EGEA
Nel corso degli ultimi anni è inoltre cresciuto l’impegno nella valorizzazione delle energie
rinnovabili con investimenti nel settore fotovoltaico, nel biogas e nella produzione di energia
PORTAFOGLIO FORNITORI E IMPATTO ECONOMICO
Le attività e i beni acquistati dai fornitori impattano sulla
qualità e sulla reputazione delle aziende, per questo è
fondamentale monitorare la catena di fornitura, dando
particolare rilievo agli aspetti socio ambientali. Il processo di selezione e gestione dei fornitori del Gruppo si
fonda su principi di trasparenza; è innanzitutto interesse
di Egea costruire forme di partnership e relazioni di fornitura con soggetti che ripongano la stessa attenzione,
lo stesso rispetto, la cura e la tutela dell’ambiente che il
Gruppo Egea assicura alle proprie attività.
Le modalità di selezione dei fornitori dipendono, ovviamente, dagli obblighi di legge derivanti dalla natura del
servizio erogato. In alcuni casi il Gruppo deve seguire le
stesse procedure degli Enti Pubblici, quindi gare d’appalto e procedure a evidenza pubblica.
In altri la scelta dei partner di filiera avviene con modalità decise internamente cercando, a parità della qualità
del prodotto, il prezzo più competitivo. Ege si muove lungo queste linee guida nella consapevolezza che la scelta
di un bravo fornitore prima o poi si ripercuote sempre
sulla qualità del servizio erogato ai cittadini.
Per il 2013 i fornitori iscritti nell’anagrafica del
Gruppo Egea sono 2.834, di questi:
- 1.258 imprese, ovvero il 44,4% hanno sede in
provincia di Cuneo;
- Il 24,3%, pari 688 imprese è insediato nelle altre province piemontesi;
- Il 30,7% (870 imprese) provengono dalle restanti regioni italiane.
- Una quota marginale di fornitori (0,6%) è straniera.
DISTRIBUZIONE FORNITORI DEL GRUPPO PER AREA GEOGRAFICA DI APPARTENENZA 2013
Estero
0,6%
Altre Regioni italiane
30,7%
Provincia di Cuneo
44,4%
Altre province del
Piemonte
24,3%
91
FORNITORI
Sebbene per il 2013 si sia scelto di variare il perimetro di
rendicontazione, ampliando l’analisi alle 28 società che
compongono il Gruppo (vedi nota metodologica) e, pertanto, non si possano effettuare vere e proprie comparazioni con i dati della scorsa edizione del Bilancio di sostenibilità, emergono interessanti elementi di continuità
nella suddivisione percentuale del sistema di fornitura.
Guardando all’impatto economico generato dagli acquisti del Gruppo si è già sottolineato (capitolo Personale)
come, in base ad una stima, circa 669 addetti derivino la
propria occupazione da attività svolte per conto di Egea.
Nel corso del 2013 il Gruppo Egea ha emesso ordini di acquisto per un totale di 71,2 milioni di euro,
di questi:
Il Gruppo Egea conferma la spiccata impronta locale del
proprio sistema di fornitura: questo elemento di radicamento dimostra l’interdipendenza funzionale del Gruppo dal sistema di imprese locali e al contempo i benefici
che il Gruppo distribuisce sul territorio.
- circa 31 milioni di euro sono stati spesi in favore
di imprese insediate in Provincia di Cuneo: il 43,4%
del totale;
- il 20,7% (pari a 14,7 milioni di euro) è stato erogato a
imprese con sede negli altri territori piemontesi, portando così il totale degli acquisti effettuati in Piemonte a 45 milioni di euro;
- 25,3 milioni di euro (35,5%) sono andati a fornitori nazionali provenienti da altre regioni;
- lo 0,4% andato in favore di soggetti stranieri.
La scelta di ampliare l’area di rendicontazione per il 2013
deriva dalla volontà di indagare con maggiore dettaglio
e approfondimento proprio questo elemento che è alla
base della filosofia e della storia del Gruppo Egea. Va naturalmente sottolineato che, nelle procedure di acquisto,
non esistono specifici criteri di vantaggio per le imprese
del territorio; i risultati sono il riflesso di una competitività del sistema locale e soprattutto della fidelizzazione
di alcuni fornitori che con Egea sono cresciuti e che oggi
dispongono di un’affidabilità e di una competenza superiore a molti concorrenti.
Allo stesso tempo, la forte impronta locale è una conseguenza diretta del tipo di settore industriale in cui opera
il Gruppo: si pensi alle attività terziarizzate di pronto intervento, le attività di scavo, le manutenzioni ordinarie
che impongono la presenza costante sul luogo di squadre di lavoratori. In questi casi la fornitura sul territorio
risulta essere più competitiva e con tutta probabilità con
un maggior grado di esperienza sugli impianti e con le
procedure.
Il processo di selezione e la valutazione dei fornitori si
basa su principi di trasparenza e non discriminazione,
nonché sulla verifica della sussistenza di specifici requisiti di qualità tecnica, economica, organizzativa dei diversi soggetti e del rispetto delle norme ambientali e sulla
sicurezza. Ai fornitori sono richiesti i medesimi requisiti
di osservanza dei principi e dei valori che segue il Gruppo Egea nell’operare sul territorio. La qualificazione dei
fornitori avviene attraverso procedure competitive aperte o limitate ad alcune imprese selezionate. Le verifiche
da parte del Gruppo Egea sulla qualità della fornitura
avvengono nel momento del ricevimento dei beni o del
servizio o, nei casi specifici, attraverso un percorso di
monitoraggio in itinere del lavoro del fornitore fino alla
consegna finale del bene o del servizio richiesto.
DISTRIBUZIONE ACQUISTI DI GRUPPO PER AREA GEOGRAFICA DI APPARTENENZA 2013
Estero
0,4%
Provincia di Cuneo
43,4%
Altre regioni
35,5%
Altre province del Piemonte 20,7%
92
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Energia
93
4.0
EGEA E L’AMBIENTE
L’impegno di EGEA
Sviluppare progetti di sostenibilità ambientale coniugando il rispetto del territorio,
l’utilizzo responsabile delle risorse naturali e la riduzione delle diverse forme
di inquinamento: le scelte strategiche del Gruppo sono da sempre indirizzate
a promuovere l’innovazione in campo ambientale con l’introduzione di nuove
tecnologie e nuovi processi produttivi.
Nel corso degli anni il Gruppo Egea ha sostenuto un posizionamento strategico in
linea con gli obiettivi indicati in sede europea e capaci di sposare la sostenibilità
economica con quella ambientale. La riduzione delle emissioni in atmosfera viene
perseguita attraverso lo sviluppo delle energie rinnovabili, l’efficienza energetica
grazie alla crescita costante del settore del teleriscaldamento e gli investimenti
in moderni impianti di cogenerazione, la riduzione degli impatti ambientali con
servizi innovativi alle imprese e alle pubbliche amministrazioni, gli interventi
anche strutturali che potenziano l’efficientamento energetico degli edifici (valvole
termostatiche, insufflagi…) e gli investimenti per ridurre le perdite delle reti idriche e
la depurazione delle acque.
In questo quadro generale il Gruppo sta svolgendo un ruolo da protagonista nel
miglioramento della qualità dei servizi offerti ai propri clienti affermandosi come
un vero e proprio strumento di coesione e rinnovamento in chiave sostenibile del
territorio del medio e basso Piemonte.
Nata originariamente come utility della
distribuzione del gas metano, Egea è
oggi un soggetto multiutility che opera
nelle diverse fasi della filiera dei servizi
pubblici locali e si pone come punto di
riferimento per il territorio e partner
strategico per le Amministrazioni
pubbliche locali e per il sistema delle
Piccole e medie imprese. Le strategie
di Egea sono indirizzate a promuovere
l’innovazione dei processi produttivi
per i propri clienti con un’attenzione
particolare alla sostenibilità e agli
impatti sul territorio.
505 GWh di energia elettrica prodotta (+3,4%
rispetto al 2012) di cui 26 GWh da fonti rinnovabili
con un importante contributo dal settore biogas
che ha triplicato la propria produzione
La produzione di calore è cresciuta di 39 GWh nel
2013 facendo registrare +6,8% rispetto al 2012 e
+20,5% rispetto al 2011. La volumetria teleriscaldata
ha superato i 9 milioni di m3 (+2,4% rispetto al 2012)
con un progresso del 12% negli ultimi 3 anni;
il numero di utenti serviti ha superato le 110.00 unità
Nel corso degli ultimi tre anni il totale della Co2
“risparmiata” all’ambiente è andato costantemente a crescere facendo segnare +19,6% (equivalente a quasi 10.000 tonnellate di anidride
non emessa) rispetto allo scorso anno e +31% se
rapportato al 2011
Nel 2013 la produzione del Gruppo ha permesso
di evitare quasi 60 mila tonnellate di Co2,
pari alle emissioni annuali di 65.000 vetture
95
Egea intende confermare il trend di crescita che ha caratterizzato negli anni
il settore energia del Gruppo e ribadire le linee guida che l’hanno ispirato:
cogliere le opportunità offerte dalla “provincia” concretizzandole con le
soluzioni tecniche più innovative e adeguate alle peculiari istanze di ciascun
territorio a sua volta coinvolto in forma armonica ed equilibrata nei singoli
progetti.
1.
2.
3.
4.
TELERISCALDMENTO
Accrescere la volumetria teleriscaldata e le utenze servite consolidando la propria
presenza nelle città già servite; ampliare l’offerta su nuovi mercati confermando
la leadership nella realizzazione di impianti di piccola e media taglia.
RINNOVABILI
Ottimizzare gli impianti a biogas incrementandone la produzione. Sviluppare
la filiera del biometano. Individuare soluzioni progettuali innovative legate agli
impianti di teleriscaldamento del gruppo diversificandone l’approvvigionamento
rispetto al solo gas naturale (biomasse, geotermia, solare termico).
EMISSIONI
Contribuire allo sviluppo sostenibile attuando politiche di riduzione delle emissioni dei gas sia attraverso la diffusione del teleriscaldamento sia attraverso la
produzione di energia da fonte rinnovabile e assimilata. Al contempo migliorare
i processi puntando al soddisfacimento del “Pacchetto clima-energia 20-20-20”.
EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO
Crescere nel settore dei servizi alle imprese proponendo soluzioni energetiche
avanzate. Contribuire allo sviluppo di infrastrutture moderne per la pubblica amministrazione studiando interventi diretti a migliorare la gestione dell’illuminazione pubblica e una più efficiente gestione calore degli edifici.
OBIETTIVI
ENERGIA
OBIETTIVI
EGEA E L’ENERGIA
I territori delle Langhe e del Roero rappresentano un’eccellenza riconosciuta a livello internazionale dal punto di
vista naturalistico, ambientale e della qualità della vita.
La peculiarità di quest’area del Piemonte sta nel connubio unico tra la presenza di medie e grandi imprese che
hanno saputo innovare e crescere sui mercati internazionali e, allo stesso tempo, il basso impatto ambientale generato dallo sviluppo industriale, che ha permesso
la salvaguardia delle risorse naturali senza ostacolare il
mantenimento di una forte impronta legata ai mestieri
della terra: agricoltura, allevamento, viticoltura.
Il Gruppo Egea è figlio di queste terre e ne conserva
lo spirito imprenditoriale, la capacità di crescere
mantenendo un profondo rispetto per il territorio. Il
Gruppo si impegna a tutelare il futuro delle comunità
locali attraverso una gestione responsabile delle risorse
naturali con l’utilizzo di tecnologie all’avanguardia,
efficienti e a basso impatto ambientale.
Queste azioni diventano concrete osservando i dati riferiti all’energia prodotta da fonti rinnovabili e assimilate
che compongono pressoché la totalità della capacità di
generazione di Egea.
In un quadro di forte sofferenza per gli operatori energetici, stretti tra il calo dei consumi, determinato dalla
recessione, e la scarsa resa degli impianti di produzione
tradizionali, Egea ha saputo costruirsi un posizionamento strategico peculiare fondato su: un forte radicamento
locale, un rapporto stretto con i propri clienti e la costruzione di partnership con soggetti industriali e pubbliche
amministrazioni locali.
Il Gruppo Egea ha perseguito un modello che premia la
costruzione di impianti e infrastrutture a misura delle
necessità del territorio, ponendo l’accento sulla flessibilità di utilizzo e l’adattabilità delle produzioni in funzione della domanda di energia e calore. Mentre i maggiori
operatori nazionali erano impegnati nella realizzazione
di centrali stand-alone, ovvero impianti termoelettrici
dedicati alla pura produzione di energia, Egea ha pianificato il proprio sviluppo industriale realizzando impianti
di cogenerazione remunerativi al servizio di specifiche
città e stabilimenti industriali.
Questa strategia ha consentito lo sviluppo di un parco
cogenerativo estremamente efficiente e flessibile, capace di rispondere alle variabili esigenze dei clienti a seconda della fase dell’anno e delle necessità di consumo.
Dal primo impianto di cogenerazione realizzato nel 1986
nella Città di Alba, Egea è diventata il punto di riferimento del settore per gli impianti al servizio di realtà urbane
di taglia media e medio-piccola al di sotto dei 100.000
abitanti.
97
ENERGIA
LA COGENERAZIONE
tati a gas in ciclo combinato cogenerativo, con motori
endotermici a gas anch’essi in assetto cogenerativo, con
impianti fotovoltaici e di produzione di biogas.
La produzione di energia elettrica e termica a servizio di
reti di teleriscaldamento è il core-business: il Gruppo si
colloca ai vertici in Italia per milioni di metri cubi teleriscaldati ed è la prima realtà industriale dopo le grandi
imprese multiutility di carattere interregionale che occupano il 70% del mercato.
Il Gruppo Egea è attivo nel settore della produzione
energia elettrica, termica e teleriscaldamento attraverso
“Egea produzioni e teleriscaldamento” e diverse società
di scopo costituite per la realizzazione di progetti specifici a servizio di singole realtà urbane, più aderenti alle
caratteristiche specifiche del territorio; il settore ha una
valenza centrale per il Gruppo e ne rappresenta oggi una
delle parti più rilevanti del fatturato globale.
Nel complesso il Gruppo Egea ha prodotto nel 2013,
505,89 GWh energia elettrica lorda con impianti alimen-
Fra i tanti aspetti relativi ai servizi energetici quelli che
maggiormente hanno rilevanza a livello ambientale possono essere riassunti nello slogan “produrre meglio, usare al meglio la risorsa energetica”.
“Produrre meglio”, ovvero, con l’utilizzo delle migliori
tecniche disponibili, le cosiddette “Bat” (Best available
techniques) privilegiando la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili e assimilate (cogenerazione).
“Usare al meglio” ovvero sviluppare attività volte a potenziare il risparmio energetico sia dei propri impianti,
sia degli impianti pubblici affidati in gestione al Gruppo,
sia delle strutture private con specifici interventi di consulenza ed efficientamento.
ENERGIA PRODOTTA DAL GRUPPO EGEA
Produzione da impianti
di cogenerazione e caldaie
2013
2012
2011
Energia elettrica prodotta
GWh
480
475
467
Energia termica prodotta
GWh
611
572
507
TEP/000
26,28
29,69
29,19
GJ
1.100.459
1.242.956
1.222.022
Energia
elettrica prodotta
GWh
7,5
8,2
4,1
Energia
primaria fossile sostituita
TEP/000
1,40
1,53
0,77
Energia risparmiata
GJ
58.720
64.200
32.100
Energia primaria fossile sostituita
Energia risparmiata
Produzione fotovoltaico
Produzione biogas
Energia
elettrica prodotta (immessa in rete)
GWh
18,39
6
4,90
Energia
primaria fossile sostituita
TEP/000
3,44
1,12
0,92
Energia risparmiata
98
GJ
143.981
46.976
38.364
550
La tabella indica
la produzione di energia
elettrica degli impianti
del Gruppo (GWh).
Il totale può non
corrispondere
a quella immessa in rete
in quanto una parte
di essa può essere
utilizzata in altri
processi produttivi.
505,89
489,2
500
476
450
400
350
300
2013
2012
18,39
6
4,9
fotovoltaico
7,5
8,2
4,1
cogenerazione e caldaie
480
475
467
biogas
2011
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Egea e l’ambiente
99
ENERGIA
GLI IMPIANTI DEL GRUPPO EGEA
Enna
Oleggio
Caluso
Ozegna
Rondissone
Valenza
Torino
Carmagnola
Piossasco
Alessandria
Piobesi
Canale
Marene
Magliano Alfieri
Corneliano
Nizza Monferrato
BRA
Vottignasco
ALBA
Acqui Terme
S. Vittoria d’Alba
Savigliano
Cortemilia
Fossano
Cairo Montenotte
Ormea
100
Impianti Teleriscaldamento:
Impianti Fotovoltaici:
Centrali Idroelettriche
Acqui Terme, Alba, Bra, Canale, Cairo Montenotte,
Carmagnola, Corneliano, Fossano, Magliano Alfieri,
Nizza Monferrato, Piobesi, Piossasco
Fossano (2 impianti), Valenza, Torino,
Rondissone, Oleggio, Alba, Savigliano, Enna
Ormea
Alessandria (in fase di realizzazione)
Impianti Biogas:
Santa Vittoria d’Alba
(in fase di realizzazione)
Cortemilia, Ormea
Marene, Ozegna, Caluso, Vottignasco
GLI ASPETTI AMBIENTALI
DELLA GENERAZIONE ELETTRICA
Il “Pacchetto clima-energia 20-20-20”, all’interno della
strategia di crescita sostenibile dell’Unione Europea si
propone di raggiungere al 2020 il taglio delle emissioni
di gas serra del 20% rispetto ai livelli del 1990, portare
la quota delle energie rinnovabili ad almeno il 20% del
consumo finale lordo di energia e, infine, ridurre i consumi all’interno dell’Unione Europea di almeno il 20%,
grazie all’implementazione di misure che promuovano
l’efficienza energetica.
A partire da questi obiettivi e dal quadro di incentivazione nazionale, le utilities hanno promosso in questi anni
importanti investimenti, soprattutto nello sviluppo delle
energie pulite; la generazione di energia da fonte rinnovabile, cresciuta esponenzialmente sia in Europa sia
in Italia, rappresenta senza dubbio l’elemento di forza
della strategia di sostenibilità dell’Unione Europea. Nel
2013 il contributo delle fonti rinnovabili sulla produzione energetica nazionale è salito al 32,4% (dati Terna), tuttavia, il raggiungimento dei parametri impone di agire
su altre leve: la ricerca di una migliore efficienza energetica attraverso tecnologie innovative e la riduzione
dell’impatto ambientale dei processi produttivi.
In tabella vengono indicati i principali impatti ambientali derivanti dallo svolgimento delle attività del Gruppo.
PROCESSO
Servizi Energetici
RISORSE UTILIZZATE
Energia
Acqua
Materie Prime
Risorse Naturali
Sostanze Chimiche
IMPATTO AMBIENTALE
-
Emissioni in atmosfera
-
Contaminazione del suolo
-
Produzione di rifiuti
-
Scarico di acque reflue
-
Inquinamento acustico
-
Impatto visivo
-
Emissioni di rumore e odorose (in caso di emergenza)
-
Campi elettromagnetici
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Egea e l’ambiente
101
L’ENERGIA “SU MISURA”
Il mercato energetico continua a soffrire la dinamica recessiva che investe l’Italia:
riduzione dei consumi e sovraccapacità produttiva hanno contratto i margini delle
imprese imponendo nuove strategie di mercato, con proposte personalizzate per i singoli
e specifici segmenti di clientela.
La contrazione dei mercati degli ultimi anni è
destinata a durare nel prossimo futuro?
È bene inquadrare il problema all’interno di una cornice
generale. Siamo scesi, su base nazionale, al livello di
consumi di 10 anni fa, ma oggi possediamo un parco
di generazione molto più sviluppato. Gli imprenditori
che hanno investito in centrali a gas nell’ultimo
decennio lo hanno fatto alla luce di uno scenario
di espansione e di recupero del ritardo tecnologico
che il nostro Paese dimostrava rispetto ad altri Stati
europei. In parallelo abbiamo assistito al boom delle
rinnovabili senza una regia unitaria e forte da parte
degli Enti regolatori. Questo ha prodotto una situazione
paradossale: il prezzo dell’energia elettrica è crollato,
molto più di quello del gas su cui insistono resistenze
di natura politica; morale: produrre energia dal gas è
oggi antieconomico. I produttori non guadagnano, i
trader non riescono a fare previsioni ma i clienti non
beneficiano di questa contrazione dei prezzi perché
sullo loro bollette si riversano praticamente tutti i costi
degli incentivi alle rinnovabili, al punto che si paga più
di oneri passanti che di componente elettrica. Questo
quadro è destinato a produrre ripercussioni per anni,
nonostante una prevedibile ripresa dei consumi.
Come sta reagendo il Gruppo Egea?
Differenziare i clienti (famiglie, Pmi, ovvero “piccole
e medie imprese”, e grandi clienti) consente di avere
più leve di intervento in caso di sofferenze. A ognuno
dei segmenti di clientela è fondamentale portare
servizi a valore aggiunto, accrescendo la fidelizzazione
e proponendosi in modo innovativo, come punto di
riferimento.
102
Pertanto soluzioni diverse e a misura dei diversi
clienti?
Sì, ma tutte accomunate da un unico obiettivo
strategico. “Egea commerciale” non può essere uno dei
tanti fornitori di energia e gas generalisti e anonimi.
Noi ci proponiamo come punto di riferimento, specie
per le grandi imprese e le Pmi, anche per l’efficienza
energetica e il controllo dei consumi. In una parola
siamo un energy-manager completo per le imprese
e per le famiglie. Abbiamo cambiato pelle: sembrerà
paradossale ma noi insegniamo a consumare meno
individuando soluzioni energetiche specifiche per ogni
realtà, partendo dall’analisi dei consumi energetici e
dagli obiettivi dei nostri clienti. Diminuisce la quantità
di energia venduta ai singoli clienti, ma si potenzia il
rapporto di fiducia. Questo è a tutti gli effetti un circolo
virtuoso.
Nei confronti delle famiglie come si distingue il
servizio offerto da Egea?
Siamo l’impresa del territorio. Abbiamo investito molto
nell’apertura di sportelli ottenendo un grande ritorno
commerciale e di immagine. Oggi i clienti sanno di
potersi recare ai nostri sportelli e di trovare risposta
alle loro esigenze parlando con personale qualificato
e disponibile: questo ci distingue dalla concorrenza.
Garantiamo inoltre risparmi alle famiglie alle quali
offriamo il servizio di teleriscaldamento proponendo
interventi strutturali finalizzati alla riduzione dei
consumi. La nostra offerta per il territorio si completa
con i servizi innovativi per le Amministrazioni
Pubbliche: siamo in grado di assicurare ai Comuni
maggior efficienza nella gestione del calore e nel
consumo energetico degli impianti di illuminazione
pubblica.
Intervista a
PIERGIORGIO CAROTTA
Direttore Divisione Energia Gruppo Egea
Quali sono le prospettive di sviluppo per i
prossimi anni?
Nel 2013 abbiamo sviluppato le reti del teleriscaldamento ad Acqui Terme, Alba, Fossano, Cairo Montenotte e avviato i lavori per il teleriscaldamento a Bra
e ad Alessandria. Stiamo valutando nuovi investimenti
procedendo con il passo cadenzato, accorto e vigile di
chi scala le montagne, consapevole della quota ma orgoglioso del cammino percorso.
La recessione ha ripercussioni anche sui progetti
di teleriscaldamento?
Il nostro modello di sviluppo è il punto di forza che ci
consente di resistere anche di fronte alla turbolenza
dei mercati. Intendiamo continuare ad essere presenti
sul territorio con investimenti mirati. Possiamo
crescere su nuovi mercati ma lo faremo, come sempre,
proponendoci come partner delle realtà industriali
locali e dei Comuni: non vogliamo colonizzare il
territorio ma contribuire al miglioramento dei servizi
con l’esperienza maturata, dunque, lavorando e
coinvolgendo i sistemi locali in un comune percorso di
sviluppo.
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Interviste
103
ENERGIA
COGENERAZIONE
E TELERISCALDAMENTO
Il teleriscaldamento è un sistema di produzione
centralizzata di calore mediante centrali termiche e
distribuzione attraverso una fitta rete di doppie tubazioni
isolate e interrate che trasportano l’acqua calda
(surriscaldata o vapore) fino alle abitazioni allacciate.
È alternativo alle tradizionali caldaie autonome o
condominiali perché permette di concentrare la
produzione in poli di produzione garantendo un uso
efficiente dell’energia primaria, un maggior controllo
sulla produzione di gas di scarico e dunque una
riduzione delle emissioni di alcune sostanze nocive per
l’atmosfera, rispetto a quanto avviene utilizzando le
caldaie domestiche.
L’allacciamento al servizio di teleriscaldamento consente
all’utente di fare a meno della caldaia con due vantaggi
immediati e conseguenti: l’aumento della sicurezza
domestica e l’eliminazione dei costi annuali
di manutenzione e messa a norma degli impianti,
senza al contempo ridurre la possibilità di regolare
autonomamente il calore domestico.
In tutta l’area Baltica, secondo i dati dell’Iea, l’Agenzia
Internazionale per l’energia, il 70% delle case è scaldato
grazie a questa tecnologia : in Danimarca, Paesi Bassi e
Finlandia la quota è intorno al 60% e la Germania ha in
progetto il raggiungimento del 25% nei prossimi anni.
In Italia il teleriscaldamento ha una diffusione ancora
limitata (4% delle utenze) e a macchia di leopardo
anche per evidenti fattori climatici. Non a caso le città
italiane teleriscaldate sono concentrate principalmente
104
al Nord (Lombardia, Piemonte, Emilia-Romagna, Veneto,
Trentino Alto Adige, Valle d’Aosta). Le stime prevedono,
tuttavia, un forte sviluppo nei prossimi anni proprio a
seguito dei vantaggi che questo servizio è in grado di
offrire.
Il Gruppo Egea opera da quasi trent’anni nel settore del
teleriscaldamento e oggi si afferma come leader nello
sviluppo di sistemi per città e centri di medie e piccole
dimensioni. L’esperienza, iniziata ad Alba nel 1986,
ha dato vita ad un vero e proprio modello innovativo
di sviluppo del teleriscaldamento oggi esportato
con successo in altre realtà urbane. La volumetria
teleriscaldata dal Gruppo Egea è triplicata nell’arco
dell’ultimo decennio, tant’è che oggi Egea, nonostante il
proprio carattere di impresa locale, ha saputo collocarsi
tra i maggiori operatori del settore, alle spalle delle
grandi multiutility nazionali.
Due sono i punti fermi di modello Egea: lo sviluppo di
soluzioni “a misura” del territorio ponendo massima
attenzione alla domanda dei residenti, alla morfologia
del territorio, alla distribuzione della comunità; dall’altro
lato, un rapporto di costante collaborazione con
le Amministrazioni locali e con partner industriali
affidabili con i quali condividere i progetti, gli obiettivi e
i tempi di realizzazione.
Con una strategia federativa e inclusiva il Gruppo Egea
ha promosso uno sviluppo innovativo e partecipato
proponendosi come punto di riferimento sul territorio
per lo sviluppo di sistemi innovativi di teleriscaldamento.
Il carattere modulare degli impianti
consente di adattare gli interventi
in funzione della domanda e di
seguire per questo la sua evoluzione
nel tempo
AMMINISTRAZIONI
PUBBLICHE LOCALI
Dialogo con il territorio allo scopo di favorire
il coinvolgimento e la condivisione di progetti
di sviluppo dall’alto impatto economico e dal
significativo beneficio
SOLUZIONI
A MISURA DEL
TERRITORIO
Nel corso degli anni Egea ha stretto partnership con soggetti industriali locali
e grandi gruppi del calibro di Ferrero, Miroglio, Cofely Gdf Suez e Michelin
PARTNER
INDUSTRIALI
DATI E EVOLUZIONE
Nel 2013 è proseguito lo sviluppo del servizio di
teleriscaldamento, sia con l’estensione della rete e
la connessione di nuovi clienti, sia con interventi di
razionalizzazione dei sistemi di produzione del calore.
La capacità termica installata ha raggiunto i 447,7 MW
con un incremento su base annua di 15 MW (+3,5%)
che aggiunti ai 20MW installati nel 2012 porta ad un
incremento nel triennio pari al 8,5%.
CAPACITÀ TERMICA INSTALLATA DAL GRUPPO EGEA (MW)
460
447,7
450
440
432,5
430
420
412,7
410
400
390
2011
2012
2013
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Egea e l’ambiente
105
ENERGIA
Il Gruppo Egea gestisce il servizio di teleriscaldamento in
14 città: Acqui Terme, Alba, Bra, Canale, Cairo Montenotte,
Carmagnola, Corneliano, Cortemilia, Fossano, Magliano
Alfieri, Nizza Monferrato, Ormea, Piobesi, Piossasco. Ad
esse si aggiungerà, nel corso del 2014, Alessandria.
Come è evidente la multiutility continua a potenziare
il proprio impegno consolidando la presenza in questo
settore e guardando con interesse a nuove opportunità.
A partire dal 2004, del resto, ha inaugurato almeno un
nuovo impianto di teleriscaldamento l’anno concludendo
la realizzazione della centrale e del primo lotto di lavori
nell’arco di dodici mesi.
La capacità di lavorare contemporaneamente su più
fronti gestendo anche più cantieri “complessi” a livello
tecnico, è stata ulteriormente confermata nel corso del
2013.
È stato avviato nel 2013 il progetto su Bra (il primo lotto
era operativo a ottobre) a cura di “Bra energia” per la
quale è da segnalare anche un cambiamento nell’assetto
societario: “Ardea energia” ha rilevato la quota del
socio privato che aveva affiancato “Egea produzioni e
teleriscaldamento” agli esordi dell’iniziativa.
A livello tecnico sono stati realizzate in tempi record
la nuova centrale in strada Falchetto integralmente
alimentata a metano, e la dorsale principale della rete
con l’attraversamento della ferrovia e l’ingresso in
città dalla dorsale est-ovest (con relativi allacciamenti
di utenze) fino al raggiungimento dell’ospedale Santo
Spirito, primo edificio pubblico braidese a venire
teleriscaldato. Complessivamente, in circa due mesi,
sono stati posati 5 chilometri di tubazione.
In contemporanea, nel corso del 2013 è stato realizzato
il secondo lotto di interventi nell’ambito del progetto di
Nizza Monferrato con l’estensione della rete nella zona
a sud della città e l’allacciamento di numerosi edifici sia
privati, sia pubblici tra i quali l’ospedale e una scuola
superiore.
È stato completato anche il terzo lotto del progetto di
Carmagnola con un’estensione significativa della rete
(tre chilometri circa) in particolare nella zona ad est
della città dove è stata raggiunta un’importante area
residenziale. L’assetto societario di “Carmagnola energia”
è mutato con l’ingresso di un partner al fianco di Egea
anche in altri progetti: “Eredi Campidonico”.
Il quarto lotto di lavori su Acqui Terme è stato
particolarmente rallentato nel 2013 dai numerosi
ritrovamenti archeologici interessando una zona della
città notoriamente ricca di reperti. I ritmi ridotti con i
quali ha viaggiato il progetto di teleriscaldamento sono
stati però compensati dal grande contributo che gli scavi
per la posa delle tubature hanno dato alla riscoperta
della Città antica e della sua storia.
È stata estesa per un chilometro la rete di Piossasco che
si è spinta a ovest, lungo la dorsale di via Pinerolo.
Sono datati 2013 anche il completamento del progetto
su Cairo Montenotte, l’allacciamento, a Fossano, del
complesso sportivo comunale “Santa Lucia” con la
relativa estensione della rete, e alcune piccole estensioni
della rete di Alba.
La costituzione di “Alessandria Calore” società paritetica
tra Egea e il Gruppo Gavio, che si occuperà della
realizzazione del teleriscaldamento di Alessandria, resta
uno dei principali risultati raggiunti nel corso del 2013.
Il progetto di teleriscaldamento per il quartiere Cristo,
uno dei più popolosi di Alessandria, sarà concretizzato
in buona parte nel corso del 2014 (investimento
complessivo: 10 milioni di euro) e segna l’ampliamento
dell’orizzonte di intervento di Egea in questo settore
dalle realtà di provincia alle città di dimensioni più
consistenti.
ESTENSIONE DELLA RETE DI TELERISCALDAMENTO DEL GRUPPO EGEA (CHILOMETRI)
2011
2012
2013
106
76
80,9
83,8
La produzione di calore è cresciuta sensibilmente nel
2013 facendo registrare un incremento di 39 GWh di
energia termica prodotta (+6,8% rispetto al 2012 e
+20,5% rispetto al 2011).
In parallelo il calore venduto triplica dal 2011 (+29,4%)
facendo segnare una crescita su base annua dell’11,6%
(+24 GWht venduti). La crescita è in parte determinata
dal forte contributo offerto dagli impianti di Fossano
(+23%), Cairo Montenotte (+29%), e Carmagnola, oggi a
regime (+54%).
ENERGIA TERMICA PRODOTTA
DAL GRUPPO EGEA 2011-2013 (GWht)
IL CALORE VENDUTO DAL GRUPPO EGEA
230,3
206,3
+20,5%
500
200
611
39
65
600
507
177,9
+29,4%
150
400
100
300
200
50
100
0
0
2011
2012
2013
2013
Calore venduto (GWHt)
2011
2012
2013
177,9
206,3
230,3
LA VOLUMETRIA TELERISCALDATA DAL GRUPPO EGEA
La volumetria teleriscaldata ha superato i 9 milioni di m3 (+2,4% rispetto al 2012) con un progresso del 12% negli
ultimi 3 anni e, di conseguenza, il numero di utenti serviti calcolato con il criterio degli abitanti equivalenti ha
superato le 110.00 unità con un incremento del 10% su base annua.
9,2
9,08
8,86
9
8,8
8,6
8,4
8,08
8,2
8
7,8
7,6
7,4
Volumetria Teleriscaldata (Mln
M3)
2011
2012
2013
8,08
8,86
9,08
POPOLAZIONE SERVITA DAL TELERISCALDAMENTO (ABITANTI EQUIVALENTI)
110.000
100.000
85.000
2011
2012
2013
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Egea e l’ambiente
107
ENERGIA
La tabella seguente espone i consumi di energia
termica assorbiti dalle reti di teleriscaldamento
gestite dal Gruppo. Come è ovvio gli incrementi
maggiori si registrano in corrispondenza dei sistemi di
teleriscaldamento interessati da sostanziali o comunque
cospicue estensioni nel corso dell’estate del 2013.
In parallelo si evidenzia il caso di Alba, il sistema di
teleriscaldamento più grande del Gruppo, che dopo la
crescita sensibile del 2012 segna una sostanziale staticità
(-2,2%) per effetto di due fattori combinati.
In primo luogo il clima particolarmente mite che ha
COMUNE
CONSUMI IN GWh
2010
ALBA
2011
2012
2013
116,52
99,23
104,02
101,67
ACQUI TERME
19,72
21,18
26,57
32,91
FOSSANO
30,78
31,79
34,88
36,68
CAIRO MONTENOTTE
1.24
5,96
9,62
12,40
NIZZA MONFERRATO
-
-
0,98
5,01
CANALE
3,33
3,24
3,49
4,05
CORTEMILIA
2,66
1,89
1,95
1,95
PIOBESI D'ALBA
0,39
0,36
0,42
0,42
CARMAGNOLA
0,29
1,76
10,57
16,29
CORNELIANO
0,05
0,04
0,03
0,03
MAGLIANO ALFIERI
0,14
0,13
0,12
0,13
PIOSSASCO
7,74
7,56
8,38
9,23
ORMEA
5,72
4,85
5,29
5,25
-
-
-
2,60
BRA
108
caratterizzato gli ultimi mesi del 2013 e che ha inciso
sulle vendite di gas e calore di tutti gli operatori
nazionali. Inoltre è da segnalare la riduzione dei
consumi conseguente al processo di efficientamento
energetico su edifici pubblici e privati promossi e dal
Gruppo (valvole termostatiche e interventi strutturali)
con intense campagne di incentivazione nelle realtà in
cui il teleriscaldamento ha raggiunto un maggiore livello
di maturità.
Questo elemento ha consentito il miglioramento
dell’efficienza energetica delle abitazioni e un crescente
risparmio energetico per gli utenti.
I VANTAGGI DEL TELERISCALDAMENTO
Uso razionale delle fonti energetiche con conseguente
minore consumo complessivo di combustibile e
riduzione delle emissioni in atmosfera (CO2, SO2,
NOx, particolato);
Eliminazione delle caldaie distribuite e
loro sostituzione con un’unica centrale
termica che consente l’adozione delle
migliori tecnologie di abbattimento degli
inquinanti;
Creazione di competenze tecniche a livello
territoriale in grado di funzionare da volano per
uno sviluppo locale sostenibile;
Sviluppo degli investimenti sul territorio per la messa
in opera della centrale delle reti di sottoservizio, cui
va aggiunta l’attività di manutenzione ordinaria e
straordinaria.
Esecuzione di azioni ed interventi di uso razionale
dell’energia e di demand side management
presso le utenze finali, progettati e
coordinati dalla società di gestione del
calore
Efficienza energetica elevata grazie alla
co-generazione di elettricità e calore.
A parità di energia utile prodotta, la
produzione combinata di energia elettrica e
termica (cogenerazione) consente un minor consumo
di combustibile, massimizzando lo sfruttamento
delle risorse immesse.
Semplice da utilizzare, sicuro e economico.
Distribuendo acqua calda, non è più necessario
installare presso l’abitazione o il condominio
la centrale termica e tutte le infrastrutture
connesse al suo funzionamento, come
canne fumarie, locali appositi, scarichi di
sicurezza o cisterne.
Scompare anche la caldaia presso l’utenza,
eliminando così i rischi di esplosione ed
intossicazione da fumi, visto che le prescrizioni
di legge sulle verifiche di sicurezza e di efficienza
energetica delle caldaie non vengono sempre
osservate e risulta difficile effettuare controlli a
tappeto su un numero tanto elevato di impianti.
Risparmio da parte dell’utente finale dei costi relativi
a manutenzione, riparazione e sostituzione degli
impianti: le apparecchiature della sottocentrale,
infatti, sono semplici e le spese di manutenzione
minime.
L’utente paga solo il calore già pronto
all’uso, e lo paga a consumo effettuato, ad
una tariffa normalmente inferiore a quella
del calore prodotto tramite combustione
in una caldaia individuale alimentata a gas
naturale.
Tutti i moderni impianti di teleriscaldamento
prevedono sistemi di contabilizzazione per ogni
singolo alloggio, affiancati a sistemi di controllo dei
tempi di funzionamento e delle temperature.
Benefici
collettivi
Benefici
individuali
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Egea e l’ambiente
109
ENERGIA
GLI IMPIANTI
Nelle pagine seguenti proponiamo una sintesi dei dati tecnici, delle caratteristiche e delle evoluzioni
delle principali centrali del Gruppo Egea che alimentano le reti di teleriscaldamento.
110
La centrale “Alba power”, realizzata in partnership con il Gruppo Ferrero, provvede al fabbisogno energetico dell’azienda dolciaria, fornisce energia elettrica
ai clienti Egea e alimenta la rete di teleriscaldamento di Alba, la cui realizzazione fu avviata a fine degli anni Ottanta (prima di “Alba power” la rete era
alimentata dalla centrale di via Vivaro).
L’impianto è un esempio virtuoso di sinergia tra le esigenze industriali del
principale stabilimento albese, i fabbisogni energetici civili, e l’attenzione alla
tutela ambientale; con la sue entrata in esercizio è, infatti, stato possibile
dismettere la centrale termica dello stabilimento Ferrero e la centrale storica
del teleriscaldamento. Il cuore dell’impianto “Alba power” è costituito da una
turbina a gas di derivazione aeronautica, con annessa caldaia per il recupero
del calore dai fumi e ulteriori caldaie di integrazione e riserva; completa
l’impianto una turbina a vapore in grado di utilizzare il vapore in esubero
producendo ulteriore energia elettrica. La rete del teleriscaldamento albese
(realizzata e gestita da “Egea produzioni e telerisaldamento”) si estende per
circa 35 chilometri e ha ormai raggiunto oltre il 90% dell’area teleriscaldabile
della Città.
ALBA
L’impianto di teleriscaldamento di Fossano coniuga da un lato la volontà
dell’Amministrazione di dotare il Comune di un moderno sistema di questo
tipo anche per le positive conseguenze che genera in termini di impatto ambientale, dall’altro le esigenze dello stabilimento Michelin di Cussanio che ha
tratto notevoli benefici dal progetto, abbattendo i costi in precedenza sostenuti per soddisfare il fabbisogno energetico necessario alla propria attività.
La centrale di cogenerazione “El.Ea”, società tra Egea e “Cofely” (gruppo “Suez
Gas de France“), è stata realizzata all’interno dello stabilimento “Michelin”;
è formata da due moduli di cogenerazione, aventi potenza elettrica di 2 e
2,4 MWe, e da quattro caldaie per complessivi 33 MWt. L’energia elettrica è
completamente assorbita dallo stabilimento industriale, che in tal modo ha
drasticamente ridotto i propri prelievi dalla rete elettrica nazionale, mentre la
quasi totalità dell’energia termica viene consegnata alla rete del teleriscaldamento gestita dalla società “Ege.Yo” (anch’essa partecipata in forma paritetica
da Egea e “Cofely”) e, quindi, consegnata alle utenze pubbliche e private. La
rete del teleriscaldamento fossanese si estende per circa 20 chilometri ed è
stata interessata, nel corso del 2013, da un’ulteriore espansone a sud della
città.
FOSSANO
Ubicazione della centrale:
area limitrofa allo stabilimento Ferrero
Data inizio attività della centrale:
gennaio 2007
Potenza elettrica:
50.000 kWe
Potenza termica:
250.000 kWt
Produzione elettrica:
400.000.000 kWhe
Produzione termica:
350.000.000 kWht
Ubicazione della centrale:
stabilimento Michelin di località
Cussanio
Data inizio attività:
ottobre 2007
Potenza elettrica:
4.375 kWe
Potenza termica:
37.250 kWt
Produzione elettrica:
30.000.000 kWhe
Produzione termica:
75.000.000 kWht
PRODUZIONI E TELERISCALDAMENTO
La centrale è stata realizzata da “Calor verde” società partecipata essenzialmente dal Comune di Ormea (che ebbe l’idea di dar vita al progetto e ottenne,
insieme alla Comunità montana Alta Val Tanaro anche alcuni finanziamenti
regionali ed europei per la concretizzazione dell’iniziativa) e “Egea produzioni
e teleriscaldamento”, individuata dalla parte pubblica come partner privato
e tecnico per la realizzazione e la gestione dell’opera. La centrale (circa 4MWt
installati, due caldaie) è alimentata esclusivamente a cippato e a legna vergine a filiera corta, ovvero principalmente estratta dalla pulizia dei boschi della
zona. La rete di teleriscaldamento si estende su tutto il centro della città per
quasi 11 MWt allacciati.
ORMEA
Ubicazione della centrale:
via Borganza
Data inizio attività: dicembre 2000
Potenza termica: 3.900 kWt
Produzione termica: 7.962.200 kWht
PRODUZIONI E TELERISCALDAMENTO
La centrale è stata realizzata dal Comune che ha individuato in “Egea produzioni e teleriscaldamento” il proprio partner tecnico per la gestione dell’impianto e della rete di teleriscaldamento ampliata di un paio di chilometri
dal coinvolgimento di Egea nell’iniziativa. Oltre alle utenze pubbliche e di
proprietà comunale sono state infatti allacciate anche alcune utenze private.
La volumetria riscaldata è di 90.000 metri cubi. L’impianto è alimentato a
biomasse, principalmente gusci di nocciola.
CORTEMILIA
Ubicazione della centrale:
via Salino
Data inizio attività: 2005
Potenza elettrica: 234 kWe
Potenza termica: 1878 kWt
Produzione elettrica: 365.336 kWhe
Produzione termica: 2.372.360 kWht
PRODUZIONI E TELERISCALDAMENTO
Tra le realizzazioni e le gestioni di Egea, Il sistema di teleriscaldamento di
Canale è, insieme a quelli di Corneliano e Magliano Alfieri, uno degli impianti
più piccoli in quanto a estensione della rete, ma più grandi e significativi
in quanto a valore del progetto. Costituisce, infatti, un esempio tangibile di
come la multiutility sappia mettersi a servizio del territorio e declinare le proprie competenze tecniche per rispondere alle esigenze emergenti. Alla rete
del teleriscaldamento cittadino sono allacciate utenze comunali,scuole, casa
di riposo e ospedale.
CANALE
Ubicazione della centrale:
viale del Pesco
Data inizio attività: ottobre 2005
Potenza elettrica: 740 kWe
Potenza termica: 4.262 kWt
Produzione elettrica: 879.125 kWhe
Produzione termica: 4.738.440 kWht
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Egea e l’ambiente
111
ENERGIA
SOCIETA’ ENERGETICA PIOSSASCO
112
Il teleriscaldamento di Piossasco è realizzato da “Sep” (Società energetica Piossasco), partecipata da Egea e da “Eredi Campidonico”. L’impianto è posto a
servizio del complesso “Supercondominio”, quartiere costituito da oltre 400
unità abitative per il quale “Sep” ha realizzato una nuova centrale termica la
cui produzione è integrata da un motore a cogenerazione da 1 MWe e da un
ulteriore impianto di produzione con caldaia per circa 3 MWt delocalizzati
sulla rete di distribuzione del calore. La rete del teleriscaldamento si è sviluppata, nel corso del 2013, sulla dorsale di via Pinerolo.
PIOSSASCO
La centrale di cogenerazione di via Capitan Verrini, nella zona sud-ovest della città è un impianto di produzione dedicato in via esclusiva al teleriscalda
mento; sono installati moduli di cogenerazione (per circa 4,5 MWe complessivi), in grado di coprire il carico termico di base, e caldaie per la produzione
di acqua calda (complessivamente per circa 25 MWt) per soddisfare i carichi
di punta e assolvere alla funzione di backup. Un’ottimizzazione dell’impianto
di Acqui Terme si potrebbe raggiungere sfruttando la geotermia; in tal senso
proseguono gli studi volti a individuare il possibile posizionamento di un pozzo per l’estrazione di acqua calda.
ACQUI TERME
Nel 2010, segnando il superamento dei confini regionali, sono state inaugurate la centrale a cogenerazione e la prima parte della rete di teleriscaldamento
di Cairo Montenotte, nel savonese. L’impianto è stato realizzato da “Valbormida Energia”, costituita in partnership con “Finingest”, gestore calore della
città. L’impianto è attualmente a regime. La centrale di cogenerazione che
alimenta la rete del teleriscaldamento, è ubicata nella zona nord della città:
1,1 MWe con un motore di cogenerazione e circa 10 MWt di caldaie ne costituiscono l’assetto definitivo.
CAIRO
MONTENOTTE
Ubicazione della centrale:
zona est della città
Data inizio attività: ottobre 2007
Potenza elettrica: 1.020 kWe
Potenza termica: 8.870 kWt
Produzione elettrica:
2.000.000 kWhe
Produzione termica:
15.000.000 kWht
Ubicazione della centrale:
via Capitan Verrini
Data inizio attività: ottobre 2009
Potenza elettrica: 4.619 kWe
Potenza termica: 27.853 kWt
Produzione elettrica: 18.000.000 kWhe
Produzione termica: 55.000.000 kWht
Ubicazione della centrale:
via Cortemilia
Data inizio attività: ottobre 2010
Potenza elettrica: 1.127 kWe
Potenza termica: 10.060 kWt
Produzione elettrica:
4.200.000 kWhe
Produzione termica: 16.600.000 kWht
carmagnola
e
n
e
r
g
i
a
L’ENERGIA SOSTENIBILE
Nel 2011 Egea, attraverso la società di scopo “Carmagnola energia” cui partecipa oggi anche “Erdi Campidonico”, partner storico della multiutility albese,
ha avviato i lavori per il potenziamento del teleriscaldamento di Carmagnola.
La rete di distribuzione che ha superato i 14 chilometri di lunghezza, è stata
estesa a buona parte dell’area urbana. Ad alimentarla è una centrale di cogenerazione a gas metano (a regime 30 MW termici). L’impianto di produzione
si trova nell’area industriale di via Racconigi, a sud-ovest del centro storico. In
città il Gruppo Egea precedentemente aveva curato la realizzazione dell’impianto di teleriscaldamento a servizio dell’area industriale.
CARMAGNOLA
Attraverso la controllata “Monferrato Energia” e il progetto di teleriscaldamento di Nizza Monferrato, Egea si affaccia sull’area dell’astigiano. La centrale
è stata realizzata nella zona artigianale della città ed ha la configurazione
classica motore (1,1 MWe) più caldaie (10 MWt). É stata realizzata già nella
configurazione definitiva, ovvero per servire tutta l’utenza prevista a regime.
La rete ha raggiunto ormai quasi il 90% dell’utenza prevista.
NIZZA MONFERRATO
Ubicazione della centrale:
strada degli Occhini
Data inizio attività: ottobre 2010
Potenza elettrica: 2.900 kWe
Potenza termica: 22.872 kWt
Produzione elettrica: 14.700.000 kWhe
Produzione termica: 38.500.000 kWht
Ubicazione della centrale:
via Fitteria
Data inizio attività: ottobre 2012
Potenza elettrica: 1.161 kWe
Potenza termica: 10.400 kWt
Produzione elettrica: 3.000.000 kWhe
Produzione termica: 16.000.000 kWht
PRODUZIONI E TELERISCALDAMENTO
I lavori per la realizzazione del sistema di teleriscaldamento di Bra sono stati
particolarmente intensi nel corso dell’estate 2013 e hanno consentito, nei soli
mesi estivi, di realizzare al centrale e circa 5 chilometri di rete ovvero la dorsale principale con l’attraversamento della ferrovia e l’ingresso in città fino al
raggiungimento dell’ospedale “Santo Spirito”. La centrale, nella sua configurazione definitiva, avrà una potenza elettrica di 4MWe e una potenza termica
di 35 MWt. Con la conclusione dei lavori sulla centrale, prevista entro l’estate
del2014, sarà avviata anche la produzione elettrica. La rete, guardando al progetto definitivo, avrà un’estensione di oltre 20 chilometri che saranno realizzati in tre successivi lotti, entro il 2016. Il numero di utenze, perlopiù private,
già allacciate attesta un ottimo livello di apprezzamento del progetto; i lavori
realizzati nel 2014 consentiranno l’allacciamento di un importante gruppo di
utenze comunali. Il progetto è realizzato dalla società “Braenergia” costituita
da “Egea produzioni e teleriscaldamento” e da “Ardea energia”.
BRA
Ubicazione della centrale:
strada Falchetto
Data inizio attività: ottobre 2013
Potenza elettrica: 2 MWe
Potenza termica: 18 MWt
Produzione elettrica: 19.000.000 kWh
Produzione termica: 57.000.000 kWh
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Egea e l’ambiente
113
ENERGIA
ENERGIE RINNOVABILI
Secondo i dati elaborati da Terna, nel primo trimestre
2014 il contributo delle fonti rinnovabili (inclusi circa
3 TWh di bioenergia) sulla produzione nazionale è del
39,8%; nel primo trimestre 2013 era stato del 32,4%.
Analizzando i dati preconsuntivi del Bilancio energetico
nazionale (BEN) relativo al 2013 la percentuale di energia
primaria consumata dal nostro Paese e fornita da fonti
rinnovabili è salita al 15%, il doppio rispetto a 5 anni fa.
Le opportunità di sviluppo del settore, agevolato da un
quadro di incentivazione particolarmente premiante,
hanno spinto numerose utility ad investire nella realizzazione di impianti fotovoltaici, parchi eolici e, in misura minore, impianti di recupero del biogas e impianti
geotermici.
Il gruppo Egea opera nelle energie rinnovabili attraverso
tre società: “Ardea energia”, “Egea produzioni e teleriscaldamento” ed “Egea new energy”.
“Ardea energia” si occupa in prevalenza d’impianti fotovoltaici valorizzando superfici marginali del territorio (discariche e cave esaurite, zone industriali, parcheggi, tetti
di capannoni) attraverso le soluzioni tecniche più innovative. Il Gruppo partecipa in questa società al fianco di
soggetti di rilievo sul territorio piemontese come “FinPie-
monte partecipazioni”, “Fondazione Crc” e “Sinloc”.
“Egea pt” ha realizzato a Enna un impianto fotovoltaico
totalmente integrato sulle pensiline per il posteggio delle auto dello stabilimento della “Laterlite” (gruppo Buzzi), prima azienda produttrice di argilla espansa in Italia.
“Egea new energy” si occupa in prevalenza di cogenerazione da digestione anaerobica grazie alla realizzazione
di impianti a biogas (reflui zootecnici di allevamenti avicoli, bovini e suini, sottoprodotti vegetali derivanti dall’agricoltura, colture energetiche come insilati di mais, loietto, triticale - un ibrido derivato dal grano - e sorgo).
Egea attraverso la partecipata “Calore verde” lavora al
potenziamento della centrale idroelettrica sul fiume Tanaro nel comune di Ormea (Cn). Ogni anno l’impianto
genererà 1 GWh.
Nel corso del 2013 la produzione di energia da fonte
rinnovabile è cresciuta sensibilmente (+82%) per effetto principalmente dello sviluppo del biogas: l’entrata in
esercizio degli impianti di Caluso e Vottignasco, ha coperto la leggera flessione del fotovoltaico (-8,5%) e trascinato la performance del Gruppo nel settore.
ENERGIE DA FONTI RINNOVABILI PRODOTTA DAL GRUPPO EGEA
2013
25,89
2012
14,2
2011
9
0
5
2011
GWh
114
9
10
15
2012
14,2
20
25
2013
25,89
30
FOTOVOLTAICO
Il parco generativo del Gruppo Egea si compone di 17 impianti:
- in provincia di Cuneo, entrambi a Fossano, sono ubicati
due impianti: il primo, montato su strutture di tipo fisso, è
stato realizzato sulla superficie di una discarica di inerti e
produce oltre 2,2 GWh/anno; il secondo, installato su strutture “ad inseguimento mono-assiale”, si trova sull’area di una
cava esaurita e garantisce la produzione di 1, 5 GWh/anno.
- In provincia di Alessandria è stato realizzato un impianto
sulla copertura della sede espositiva dell’arte orafa di Valenza, per una produzione di circa 0,4 GWh all’anno.
- In provincia di Torino il Gruppo Egea ha realizzato l’impianto ubicato sulla copertura del parco multimediale “Virtual reality multimedia park” per una produzione di 0,05
GWh/anno e un secondo impianto, sito nel Comune di Rondissone, nei pressi dell’area industriale, in grado di produrre
circa 1,2 GWh/anno.
- In provincia di Novara, è stato realizzato un impianto sulla
copertura dello stabilimento “Beldì” di Oleggio, su strutture
di tipo fisso per una produzione di 0,95 GWh/anno.
- In sinergia con il gruppo piemontese Buzzi-Unicem, Egea
ha colto l’opportunità di sfruttare le vantaggiose condizioni
d’irraggiamento del sito di Enna realizzando un impianto
fotovoltaico totalmente integrato sulle pensiline per il posteggio auto dello stabilimento “Laterlite”. La produzione di
energia elettrica è pari a circa 1,55 GWh/anno.
Il calo della produzione nel 2013, per quanto limitato (-8%),
è imputabili a fattori straordinari avvenuti nel periodo, in
particolare, i furti di cavi di rame avvenuti nell’impianto di
Fossano Acaja e in quello di Rondissone.
In parallelo va sottolineata l’incidenza di un irraggiamento
meno favorevole che ha caratterizzato il 2013 rispetto all’anno precedente e, in minima parte, il naturale decadimento
delle prestazioni di impianto con l’invecchiamento.
IMPIANTO
PROV
GWh
FOSSANO PRINCIPI DI ACAJA
CN
2,32
FOSSANO SAN LORENZO
CN
1,5
EXPO PIEMONTE DI VALENZA
AL
0,38
VIRTUAL REALITY & MULTI MEDIA PARK
TO
0,05
RONDISSONE
TO
1,3
OLEGGIO
NO
1
ENNA LATERLITE
EN
1,6
ALBA (9 impianti)
CN
0,02
ALPI ACQUE SAVIGLIANO
CN
0,04
TOTALE
8,21
In tema di impianti fotovoltaici, il 2013 è stato, per
il Gruppo Egea, l’anno del cambio di rotta rispetto al
percorso fino a quel momento compiuto. La drastica,
ulteriore, riduzione degli incentivi destinati a queste
realizzazioni e l’opportunità di coinvolgere anche i tecnici del Gruppo impegnati in quel settore nelle linee
di bussiness alle quali più recentemente ha guardato
la multiutility, hanno suggerito di spostare l’attenzione dagli impianti fotovoltaici di taglia medio grande a
quelli di piccola taglia, a uso specifico dei singoli edifici
sui quali vengono collocati, destinandoli a soddisfare
i fabbisogni energetici della singola struttura più che
all’immissione in rete dell’energia prodotta. È il caso
dei nove piccoli impianti realizzati nel 2013 su immobili pubblici di Alba nell’ambito del servizio di gestione
energetica degli edifici comunali ottenuto mediante
gara pubblica. È il caso dei piccoli impianti che saranno realizzati sulle centrali di cogenerazione che alimentano le reti di teleriscaldamento di Alessandria e
Bra (produzione complessiva 0,14 TWh/anno).
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Egea e l’ambiente
115
ENERGIA
BIOGAS
Tra le fonti rinnovabili meno celebrate vi è sicuramente
il biogas la cui produzione e il cui impiego come combustibile in impianti di cogenerazione ha impatti minimi
in termini di produzione di CO2 e permette di smaltire
sottoprodotti agricoli e reflui zootecnici.
La produzione di questo combustibile presenta numerosi vantaggi in termini ambientali e attiva un circuito
positivo di sviluppo sul territorio; l’impiego del biogas
consente di risparmiare i combustibili fossili, evitando al
contempo il rilascio nell’ambiente di ulteriore anidride
carbonica e metano.
La generazione di energia dal recupero e dalla combustione di biogas è, oltretutto, estremamente flessibile; i
materiali trattabili da cui è possibile ottenere, mediante
la digestione anaerobica, il biogas sono vari: di origine
vegetale come mais, sorgo e i residui colturali; di origine
animale come i liquami e i letami. Naturalmente il recupero del biogas per la produzione di energia si colloca
in un processo integrato che coinvolge aziende agricole
e allevatori.
L’impianto a biogas si basa sinteticamente su due elementi: il digestore, in cui avviene la produzione del biogas, e il gruppo di cogenerazione in cui avviene la trasformazione del biogas in energia. É importante che ci
sia un continuo controllo della gestione del processo di
fermentazione, ma è fondamentale che il modulo di cogenerazione sia dimensionato e realizzato con le soluzioni tecnologiche più performanti, perché è dal gruppo di
cogenerazione che dipende il rendimento energetico ed
economico dell’impianto. Naturalmente, la combustione del biogas genera CO2 ma, la quantità di CO2 emessa
corrisponde alla quantità utilizzata in precedenza dalle
piante e dagli animali per generare la materia prima da
cui ricavare il biogas.
Non vi è, dunque, emissione di anidride carbonica supplementare.
La cogenerazione di energia elettrica da biogas presenta
numerosi vantaggi per il sistema locale:
-Maggior controllo dello spandimento dei liquami e dei
digestati.
- Spandimento di digestato qualitativamente migliore
rispetto al liquame.
- Riduzione delle aree necessarie allo spandimento del
refluo zootecnico per impianti dotati di sistema di abbattimento dell’azoto (quale lo strippaggio ammoniacale).
- Riduzione del consumo di fertilizzanti e ammendanti
di origine sintetica.
- Minore inquinamento da odori e minore presenza di
insetti.
- Creazione di opportunità di lavoro.
- Indennità di disagio al Comune con conseguente possibilità di realizzazione di opere d’interesse comunale.
- Maggior ricavo per allevatori e agricoltori.
Il Gruppo Egea, attraverso proprie controllate, si occupa della realizzazione e gestione d’impianti a biogas e
biomasse. Principalmente sono avviati agli impianti di
digestione anaerobica le deiezioni zootecniche di allevamenti avicoli, di bovini e suini, gli scarti vegetali derivanti dall’agricoltura, le colture energetiche come insilati di
mais, triticale, loietto e sorgo.
A fine 2013 erano attivi 4 impianti di cogenerazione a
biogas, per una potenza installata complessiva di 3 MW
elettrici. Gli impianti sono stati realizzati grazie a sinergie territoriali particolarmente intense, con il coinvolgimento diretto di agricoltori, amministrazioni locali, associazioni di agricoltori e consorzi di allevatori.
PRODUZIONE DA IMPIANTI A BIOGAS
2013
116
2012
2011
TOTALE BIOGAS
TEP
5246
1534
1398
- di cui prodotto di origine animale
TEP
3672
1074
978
- di cui prodotto di origine vegetale
TEP
1574
460
420
ENERGIA PRODOTTA DA BIOGAS DETTAGLIO IMPIANTI (GWh)
IMPIANTO
2011
2012
2013
BIOGAS MARENE
1,3
1,7
1,9
BIOGAS OZEGNA
3,6
4,1
4,6
BIOGAS CALUSO
-
-
6,4
BIOGAS VOTTIGNASCO
-
-
7,1
4,9
5,8
20,0
TOTALE
Gli impianti si distribuiscono in due macro aree: nella
zona di Savigliano, presso i Comuni di Vottignasco e Marene; nel Canavese, a Caluso e Ozegna.
- Biogas Marene (CN) Potenza installata: 250 kWe.
L’impianto è alimentato unicamente da reflui dell’allevamento bovino adiacente (letame da tori da ingrasso).
L’impianto è in produzione dal 2011.
- Biogas Vottignasco (CN). Potenza installata: 999 kWe
L’impianto, in produzione dal mese di dicembre 2012
e inaugurato il 6 aprile 2013, rappresenta la soluzione
pressoché integrale del problema dell’azoto al servizio
degli allevatori di suini di una vasta area e costituisce un
caso al momento unico per la Regione Piemonte. Non
a caso l’impianto otterrà nel 2014 il premio nazionale
“Migliori pratiche bioenergy” conferito nell’ambito deli
“Bioenergy Italia” di Cremona. L’impianto è dotato di sistema di abbattimento dell’azoto nel digestato (strippaggio ammoniacale) al fine di ridurre l’impatto dei nitrati
sulle falde freatiche ed agevolare così gli allevamenti
facenti parte del consorzio creato appositamente per la
raccolta dei reflui.
Un vantaggio indiretto fondamentale è la riduzione degli odori legati allo spandimento del refluo sui terreni
agricoli. Con la realizzazione dell’impianto, infatti, si ha
spandimento del digestato che, oltre ad essere un ottimo
ammendante, è inodore a differenza del refluo tal quale.
base delle disponibilità dei soci conferitori. L’impianto è
in produzione da dicembre 2012.
- Biogas Ozegna (TO). Potenza installata: 625 kWe.
L’impianto è alimentato da reflui da allevamenti bovini
e suini oltre che da insilati vegetali (mais, triticale, sorgo e loietto). Il digestato ottenuto è utilizzato come ammendante dei terrenisui quali viene coltivata la frazione
vegetale destinata all’alimentazione dell’impianto. L’impianto è in produzione dal 2011.
Nel corso del 2013 sono stati portati a regimanzione gli
impianti di Vottignasco e di Caluso. Sugli impianti di
Ozegna e Marene sono state invece condotte scelte strategiche finalizzate a potenziarne la produzione anche
ottimizzandone l’alimentazione.
- Biogas Caluso (TO) Potenza installata: 999 kWe
“Egea new energy” partecipa, con alcuni imprenditori
agricoli dell’area di Caluso, alla società “Agrinord energia” costituita per la realizzazione e la gestione di un
impianto biogas di potenza installata pari a 999 kWe.
L’impianto presenta un’alimentazione mista: reflui zootecnici ed insilati principalmente di mais, sorgo e triticale.
La gestione delle biomasse e lo spandimento del digestato sono seguiti interamente da “Agrinord energia”, sulla
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Egea e l’ambiente
117
ENERGIA
RISPARMIO E EFFICIENZA ENERGETICA
Il profilo industriale del Gruppo è improntato all’efficienza energetica, la produzione avviene da fonti rinnovabili
e assimilate e soprattutto da un parco di dieci centrali
in assetto cogenerativo ad elevata efficienza; lo sviluppo
del teleriscaldamento, core-business aziendale, permette
di sostituire forme di produzione di calore tradizionale,
riducendo il fabbisogno energetico complessivo.
Le scelte strategiche del Gruppo sono da sempre indirizzate alla massimizzazione dello sfruttamento delle
centrali e dal loro impiego flessibile, nei vari periodi
dell’anno, in funzione della domanda locale; questo ha
permesso anche nel 2013 di raggiungere livelli elevati di
operatività.
Il dato è reso ancor più significativo dal confronto nazionale. Assoelettrica dichiara che, nel 2012, il fattore di
carico medio degli impianti a ciclo combinato non co-
generativi è sceso sotto le 2000 ore (equivalenti a piena
potenza), pari a circa il 22%, mettendo in pericolo l’equilibrio economico-finanziario delle società che li detengono. I cicli combinati cogenerativi, che godono di
priorità di dispacciamento e di un migliore rendimento
energetico totale, funzionano a livello più soddisfacente,
mediamente 4700 ore nel 2012 (54%), anche se sensibilmente inferiore al passato.
Il rendimento medio del parco impianti di cogenerazione di Egea cresce ulteriormente rispetto all’anno passato
raggiungendo il 78,6% (+0,2% su base annua) ben al di
sopra della media nazionale; dall’altro lato l’availability
factor scende sotto il 50% del 2012.
2013
2011
Rendimento energetico medio parco impianti di cogenerazione
%
78,6%
78,4
78,4
Availability factor impianti di cogenerazione
%
48
50
51
L’aumento della produzione in cogenerazione, unita
all’alta efficienza operativa degli impianti, e lo sviluppo
della produzione da fonte rinnovabile hanno permesso
di conseguire nel 2013 un risparmio di energia primaria
pari a 57.200 tonnellate equivalenti di petrolio, con un
incremento del 7,6% rispetto al risparmio del 2012 (4000
tonnellate equivalenti circa).
Nell’arco dei 3 anni il Gruppo ha saputo così ridurre di
8.500 tonnellate (pari al 17,5%) il consumo equivalente
di petrolio per produrre energia.
Sul fronte dell’efficienza energetica il Gruppo Egea ha
sviluppato in questi anni iniziative rivolte all’individuazione e alla progettazione di soluzioni per l’ottimizzazione energetica rivolte alle imprese e alle Pubbliche
Amministrazioni. Negli ultimi anni, forte del know-how
maturato nel settore energetico e nell’ottica di rispondere alle esigenze di risparmio e rispetto dell’ambiente dettate anche dalle nuove normative, Egea ha potenziato
118
2012
la linea di servizi dedicata all’efficientamento energetico
degli edifici e degli impianti.
L’attività è rivolta tanto ai fruitori del servizio di teleriscaldamento, quanto a utenti non raggiunti dal servizio
presso i quali possono essere attivate specifiche forniture
energetiche.
L’offerta è declinata “su misura” per far fronte alle istanze sia di privati, sia di Enti locali, sia di utenze industriali e costituisce una vera e propria linea di business del
Gruppo. Nell’ambito delle tecnologie disponibili è possibile valutare, accanto alla fornitura energetica o termica,
riqualificazioni impiantistiche quindi a impianti di illuminazione e centrali termiche, progetti legati alle energie rinnovabili, opere inerenti l’involucro edilizio (sostituzione serramenti, insufflaggi, termoregolazione ecc.).
L’affidamento della successiva gestione per un congruo
periodo permette di proporre azioni incisive e tecnologicamente all’avanguardia, di cui Egea si fa carico sia dal
punto di vista economico che operativo.
I servizi relativi all’efficientamento energetico costituiscono, per il Gruppo Egea, un terreno sul quale esprimere, in forma integrata, le competenze maturate e
rappresentano per i clienti, siano essi Pubbliche Amministrazioni, aziende o privati, un’occasione dalla quale
trarre differenti benefici: dall’adeguamento normativo
di impianti e stabili, alla riduzione dell’inquinamento
(atmosferico, luminoso…) fino al miglioramento dell’efficienza energetica e alla conseguente miglior fruibilità
degli edifici interessati e al relativo risparmio economico.
Nel corso del 2013 la linea di servizi dedicati all’efficientamento energetico degli edifici è stata ulteriormente
potenziata guardando in particolare, dopo i buoni risultati ottenuti con le Pubbliche Amministrazioni, ai clienti
privati, in particolare le grandi aziende. L’indagine energetica sulle strutture e sugli impianti e la conseguente
proposta di innovazioni tecniche e interventi strutturali
finalizzati al risparmio (cogenerazione, illuminazione,
isolamenti e telecontrollo) sono parte integrante del
“pacchetto commerciale” proposto ai clienti luce e gas di
Egea, specie quelli più energivori, nell’ambito di un’offerta integrata e completa.
È proseguita, in contemporanea, la realizzazione degli
interventi previsti nell’ambito del servizio di gestione
energetica degli edifici comunali di Alba, che Egea si aggiudicò, tramite gara pubblica, nel 2012 per i nove anni
successivi. In affiancamento alla gestione calore e alla
fornitura del vettore energetico, termico o elettrico, Egea
propone e realizza interventi finalizzati alla diminuzione
dei consumi e a una miglior fruibilità dei singoli edifici
(interventi su infissi, realizzazione di cappotti termici e
isolamenti, insufflagi…).
ILLUMINAZIONE PUBBLICA
Parte integrante dell’attenzione all’efficientamento energetico è la nuova linea di servizi legati all’illuminazione
pubblica che ha subito una particolare accelerazione nel
2013. I progetti avviati ad Acqui Terme, Bra e Savigliano
sono stati in precursori dello sviluppo nel settore che,
grazie ai contatti avviati negli ultimi mesi, potrebbe portare Egea a gestire entro fine 2014, oltre 16.000 punti
luce per un investimento che supera i 5 milioni di euro.
Ai Comuni quali viene proposta un’analisi del parco impiantistico dell’illuminazione pubblica finalizzata a un
progetto di riqualificazione delle strutture esistenti che
il Comune ripaga attraverso un canone annuale inferiore alla spesa attualmente sostenuta per l’illuminazione.
In qualità di soggetto proponente Egea viene dunque
nominata, qualora il progetto sia ritenuto interessante dall’Amministrazione comunale, come promotore
di una gara di project-financing; una gara pubblica alla
quale molti operatori del settore possono partecipare,
nella quale il promotore ha diritto di last-call ovvero di
realizzare l’iniziativa promossa anche accettando offerte eventualmente inferiori proposte da competitor. Le
competenze maturate, insieme alla forte rintracciabilità
hanno consentito a Egea d’imporsi su molti competitor
e di aggiudicarsi la realizzazione di importanti progetti affacciandosi su questo segmento di mercato in maniera molto promettente. Gli interventi promossi vanno
dall’ammodernamento tecnologico e funzionale della
rete, alla messa a norma dell’impiantistica, alla sostituzione dei punti luce con lampade a led di ultima generazione ad altissima efficienza e resa cromatica fino al
telecontrollo che consente di monitorare costantemente
il funzionamento dei punti luce, intervenendo con tempestività in caso di guasti e adeguando il flusso luminoso
alle condizioni del traffico e agli orari.
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Egea e l’ambiente
119
ENERGIA
IMPATTI AMBIENTALI
CONSUMI ENERGIA DIRETTI E INDIRETTI
Consumi energetici diretti per fonte energetica
Totale gas naturale
Totale gas naturale
Totale carburante per automezzi (diesel)
Totale biogas
Totale biogas
di cui prodotto di origine animale
di cui prodotto di origine vegetale
Il Gruppo Egea gestisce impianti di cogenerazione a servizio del teleriscaldamento, che producono energia termica ed elettrica generata per la vendita ai clienti. I consumi energetici diretti presi a riferimento riguardano,
innanzitutto, gli impieghi di combustibile per alimentare gli impianti di produzione del Gruppo e, in seconda
battuta, i combustibili utilizzati per lo svolgimento delle
proprie attività e dunque non direttamente connessi alla
generazione di energia elettrica.
Di questo secondo insieme fanno parte il consumo degli automezzi del parco veicolare del Gruppo, in quanto strumentali alla generazione energetica; per quanto
concerne il consumo indiretto, ovvero il consumo di
energia e, più in generale, di risorse energetiche necessarie a soddisfare il fabbisogno delle diverse sedi delle
società che fanno capo al Gruppo, è bene sottolineare
come la quasi totalità dell’energia utilizzata sia di fatto
autoprodotta degli impianti del Gruppo e pertanto non
è stata considerata.
Nel 2013 si registra un aumento dei consumi generali di
Gruppo riferibili in particolare al maggior impiego di gas
necessario ad alimentare gli impianti di cogenerazione.
La crescita delle volumetria teleriscaldata e dei clienti si
riflette in un aumento di circa 6.500 (Tep - tonnellate
equivalenti di petrolio) con un progresso su base di annua del 6%.
In parallelo il consumo di gasolio dei mezzi aziendali è
sceso dell’11,6% attestandosi a 237.000 litri dopo la crescita del 2012. Questa evoluzione è da attribuirsi ad un
uso più razionale e accorto dei mezzi aziendali, unito
ad un parziale rinnovo del parco veicolare di gruppo.
Per quanto riguarda il primo aspetto, legato al controllo dei consumi, è stato ribadito, nel corso del 2013, il
regolamento per l’utilizzo delle auto aziendali con l’o-
120
MC/000
TEP
LT/000
MC/000
TEP
TEP
TEP
2013
2012
2011
140.000
114.800
237,6
11.030
5.246
3.672
1.574
132.000
108.240
248,6
3.224
1.534
1.074
460
130.000
106.600
210,4
2.940
1.398
978
420
biettivo di monitorare più attentamente come vengono
utilizzate le auto operative, con quali finalità e con quali
destinazioni. Le procedure interne di controllo sono state potenziate. Inoltre, il Gruppo Egea ha proseguito nel
2013 l’aggiornamento del proprio parco mezzi: sono stati sostituiti negli ultimi dodici mesi 60 mezzi di categoria
inferiore all’euro 4 con altrettanti veicoli euro 5 e euro
6. Si tratta sia di veicoli operativi, sia di auto concesse
in benefit ad alcuni dipendenti. L’obiettivo è di ottenere
migliori prestazioni e soprattutto una maggior protezione dell’ambiente attraverso la riduzione delle emissioni.
Emissioni in atmosfera prodotte
dal parco mezzi di Gruppo
CO
2013
T.
1,728
CO2
T.
1.082,559
COV
T.
0,232
NOx
T.
6,167
PM10
T.
0,348
EMISSIONI
L’anidride carbonica (nota anche come biossido di carbonio o diossido di carbonio) è una sostanza fondamentale
nei processi vitali delle piante e degli animali. Al contempo è uno dei principali gas responsabili dell’effetto
serra presenti nell’atmosfera terrestre.
Secondo Eurostat nel 2012 l’Italia era la terza nazione
in Europa per emissioni di CO2 dopo Germania e Regno
Unito con percentuali in calo rispetto al 2011 in controtendenza rispetto agli altri due Stati. La maggior parte di
queste emissioni (31%) dipende dalla produzione di elettricità, cui seguono i trasporti (27%), gli usi civili (20%),
l’energia per l’industria (14%), l’agricoltura (7,8%), i processi industriali (7,5%) e i rifiuti (4,2%) (Rapporto Ambiente Italia 2013 di Legambiente).
Il tema della riduzione delle emissioni è da tempo al
centro del dibattito pubblico e delle decisioni dei regolatori. Tra gli obiettivi del pacchetto “Clima-Energia 2020-20” vi è anzitutto la riduzione di 1/5 delle emissioni
entro il 2020 (rispetto ai valori del 1990), riduzione che
nel nuovo pacchetto sarà ancora più marcata: il 40% di
diminuzione al 2030. In assenza di indicazioni precise
sulle quote di energia da fonte rinnovabile è giocoforza
credere che il prossimo decennio si giocherà soprattutto
sul tema dell’efficienza energetica e sulla rivoluzione dei
processi produttivi all’insegna di una sempre maggior
sostenibilità ambientale e di un minore impatto sull’ambiente.
In questa sezione sono prese in considerazione le emissioni dirette di CO2, ovvero quelle generate da sorgenti
di proprietà o controllate dal Gruppo Egea attraverso
processi di trasformazione di energia primaria (ad es. attraverso processi di combustione) o attraverso processi
di altra natura.
Le emissioni in atmosfera di ossidi di azoto (Nox) e di anidride carbonica (Co2) sono rimaste stabili nel 2013 rispetto a quanto fatto segnare al 2012, pur in presenza
di un sensibile aumento della produzione. Il rapporto
tra quantità emesse e energia prodotta evidenzia infatti
una riduzione del 3% su base annua. In generale il Gruppo Egea ha prodotto 259.288 tonnellate di Co2 di cui:
70.801 da impianti di produzione (in leggero aumento)
e 188.587 da impianti di cogenerazione (in lieve contrazione).
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Egea e l’ambiente
121
ENERGIA
EMISSIONI IN ATMOSFERA
2013
2012
CO2 dirette totali
T.
259.288
262.171
250.897
CO2 dirette totali da impianti di produzione
T.
70.701
69.572
67.597
CO2 dirette totali da impianti di cogenerazione
T.
188.587
192.599
183.300
Emissioni indirette derivanti dal consumo di elettricità
acquistata
T.
2.965
2.344
2.039
Emissioni di CO2 da impianti cogenerativi e centrali
termiche
G/kWh
480
495
490
Emissioni di NOX da impianti cogenerativi
G/kWh
0,14
0,14
0,13
Emissioni specifiche di NOX da cogenerazione e centrali
termiche
T.
52
51,4
47,3
Emissioni di ossidi di carbonio (COX) da impianti
cogenerativi e centrali termiche
T
63,5
62,4
64,6
RIDUZIONE DELLE EMISSIONI CO2 2011-2013 (TONNELLATE)
58710
60000
55000
49070
50000
45000
44581
40000
35000
30000
2011
122
2011
2012
2013
La gestione dei sistemi di abbattimento ha permesso un
controllo migliore delle emissioni con conseguenze dirette sulle quantità emesse.
Il profilo del Gruppo si caratterizza per l’importante presenza di centrali di cogenerazione, efficienti e dal minor
impatto in termini di emissioni rispetto alle centrali tradizionali. In parallelo, il contributo offerto dalla quota di
energia prodotta da fonte rinnovabile e assimilata consente al Gruppo Egea di operare un serio contenimento delle emissioni derivanti dai processi di generazione
energetica.
Il Gruppo Egea monitora costantemente le emissioni intervenendo tempestivamente qualora emergessero sco-
stamenti rilevanti rispetto ai parametri di riferimento e
insieme, promuovendo azioni tese a contenerle.
Nel corso degli ultimi tre anni il totale della Co2 “risparmiata” all’ambiente è andato costantemente a crescere
facendo segnare un +19,6% (equivalente a quasi 10.000
tonnellate di anidride non emessa) rispetto allo scorso
anno e un ancor più lusinghiero +31% se rapportato al
2011.
In totale nel 2013 la produzione del Gruppo ha permesso di evitare quasi 60 mila tonnellate di CO2, pari alle
emissioni annue di 65.000 vetture o, ancora, alle emissioni di un’auto che compia per 10.000 volte il giro del
mondo passando dall’equatore.
Dettaglio riduzione delle emissioni di Co2
2013
2012
2011
Totale riduzione di emissioni di CO2 ottenute
T.
58.710
49.070
44.581
- da teleriscaldamento
T.
44.740
42.366
40.762
- da fotovoltaico
T.
2.980
3.310
1.486
- da biogas
T
10.990
3.394
2.333
- Ossidi di azoto (NOX)
T.
110
98.5
85
- Ossidi di carbonio (COX)
T.
35
31,3
27
Emissioni evitate con il teleriscaldamento
In termini di contenimento delle emissioni in atmosfera
prodotte dal Gruppo, anche il settore del ciclo idrico integrato ha dato il proprio contributo, sia applicando tutti
gli accorgimenti possibili per effettuare gli approvvigionamenti idrici secondo criteri di efficienza e di efficacia,
sia operando una precisa scelta di efficientamento energetico. Sono stati infatti ottimizzati gli impianti elettrici
legati ai sistemi di approvvigionamento con un conseguente risparmio dell’energia consumata.
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Egea e l’ambiente
123
Lo sviluppo dell’attività di Egea nel settore dell’ambiente si muoverà su tre
direttrici: confermare e consolidare nel cuneese il ruolo di operatore di
riferimento nell’erogazione di servizi ambientali raggiunto; esportare questo
modello operativo anche in altre aree analoghe; proseguire nel processo
di armonizzazione e integrazione della propria attività all’interno di quella
del Gruppo, interlocutore di riferimento privilegiato anche per testare nuovi
servizi in ambito ambientale.
1.
CICLO IDRICO INTEGRATO
Proseguire il programma di investimenti previsti dal Piano d’ambito inerenti le
gestioni del servizio idrico in capo al Gruppo.
2.
CICLO IDRICO INTEGRATO
Continuare a richiedere con forza la proroga dei termini di scadenza della concessione del servizio idrico ai fini di valorizzare gli investimenti effettuati sul sistema
e sugli impianti del territorio.
3.
4.
SERVIZI AMBIENTALI
Potenziare i servizi legati al trasporto ma anche e soprattutto al trattamento dei
rifiuti speciali raggiungendo in primo luogo l’autonomia del Gruppo per quanto
riguarda i fanghi di depurazione.
SERVIZI AMBIENTALI
Alimentare, anche federando realtà affini, un modello gestionale (fondato su
principi etici chiari e imprescindibili) di servizi ambientali da applicare sul territorio.
OBIETTIVI
CICLO IDRICO
E SERVIZI
AMBIENTALI
OBIETTIVI
EGEA E LA TUTELA
DEL TERRITORIO
Il territorio in cui Il Gruppo si muove è uno spazio complesso
di attività e relazioni situate in un contesto ambientale da rispettare, proteggere e in alcuni casi recuperare. Le tecnologie
meno impattanti, i diversi modi di svolgere le attività di erogazione dei servizi pubblici sono elementi di sostenibilità che
consentono di preservare oggi e domani le risorse naturali che
ci circondano.
In termini generali, all’interno di un sistema territoriale per
sostenibilità ambientale si intende la capacità di valorizzare
l’ambiente in quanto “elemento distintivo” del territorio, garantendo al contempo la tutela e il rinnovamento delle risorse naturali e del patrimonio. L’impegno responsabile di Egea
passa anche da una gestione attenta delle diverse fasi che
compongono il ciclo idrico e delle attività di raccolta dei rifiuti
perché dai materiali di scarto sia possibile recuperare materie
prime preziose e re-immetterle nel circuito produttivo senza
sprechi e senza ulteriori consumi di energie ed emissioni in
atmosfera.
Il Gruppo Egea è una multiutility nel Dna. Caratteristica distintiva del Gruppo è da sempre quella di porsi come globalprovider per il territorio, un soggetto in grado di intervenire
sullo sviluppo delle infrastrutture e dei servizi connessi alla
produzione di servizi pubblici per le istituzioni, le imprese e
le famiglie del territorio. Il servizio idrico integrato e quello
ambientale completano un’offertache spazia tra diversi settori ma resta connotata da una forte relazione con il territorio e
i soggetti che lo popolano.
Fornire prestazioni di qualità unendo a questo un forte rispetto per l’ambiente, significa pianificare investimenti e processi
su un periodo medio-lungo, addirittura immaginare i fabbisogni e le esigenze per le prossime generazioni. In questo senso va letto lo sforzo in termini di investimenti che “Stirano”,
“Alse” e “Alpi acque” portano avanti nel servizio idrico integrato, un settore che sembra oggi aver riconquistato un assetto
normativo stabile e che necessita di ingenti sforzi finanziari
per soddisfare le carenze attuali e ancor più, prevenire i problemi del futuro.
Con il passaggio al nuovo metodo tariffario, e già adesso, nella
fase transitoria, sono cresciute le tariffe in risposta agli investimenti effettuati. Egea si conferma ancora una volta l’operatore con il costo dell’acqua più basso nella provincia di Cuneo
pur in presenza di un importante programma di investimenti
fino ad oggi pienamente rispettato nei tempi secondo le disposizioni dell’Autorità d’Ambito.
Sul lato del servizio ambientale la riduzione nella produzione
dei rifiuti, la differenziazione delle materie raccolte, la tutela del decoro dell’ambiente circostante, ad esempio implementando sistemi di raccolta porta a porta che sottraggono i
cassonetti alla vista, sono obiettivi che guidano le scelte operative perché figli di una visione comune: ridurre l’impatto
ambientale delle attività sul territorio.
Sostenibilità è inoltre coinvolgimento. Il contributo della popolazione nello sviluppo della raccolta differenziata è essenziale, non solo perché una corretta gestione dei rifiuti consente di abbattere lo spreco di risorse e materie prime preziose
ma soprattutto perché il coinvolgimento è un mezzo di adesione ai valori della sostenibilità. L’operazione di differenziazione dei rifiuti è in sé un processo di responsabilizzazione
dell’individuo perché impone un protagonismo del singolo e
insieme gli consente di aderire ad un processo di miglioramento dell’ambiente circostante.
Processo
Risorse utilizzate
Impatto ambientale
Servizi
Ambientali
Energia
Acqua
Risorse Naturali
Sostanze Chimiche
- Emissioni in Atmosfera
- Contaminazione del Suolo
- Produzione di Rifiuti
- Scarico di Acque Reflue
- Inquinamento Acustico
Servizi Idrici
Acqua di Falda
Acqua di Superficie
Energia
Risorse Naturali
Sostanze Chimiche
- Emissioni in Atmosfera
- Contaminazione del
Suolo e Sottosuolo
- Produzione di Rifiuti
- Scarico in Corpi Idrici
- Emissioni Odorose
125
UNA GRANDE PARTITA
DA GIOCARE SU
CICLO IDRICO E RACCOLTA RIFIUTI
A fronte delle tariffe dell’acqua più basse della provincia di Cuneo si stanno completando
tutti gli investimenti previsti sul sistema del ciclo idrico integrato. Ma il vero cambiamento
sta avvenendo nel settore rifiuti dove Egea, maturata la propria nuova “mission” nel
comparto, ha avviato una strategia più competitiva guardando a nuovi mercati e
stringendo “partnership”.
Il 2013 segna un passaggio importante nella
riorganizzazione del servizio idrico integrato.
Con l’istituzione dell’Authority e l’evoluzione
delle Autorità d’Ambito come cambia lo scenario
per Egea?
Il quadro in cui si muovono le nostre società, Alpi Acque,
Alse e Tecnoedil, ha subito importati cambiamenti: oggi
l’Autorità d’Ambito è un Ente autonomo, più strutturato;
è un interlocutore più solido. Inoltre, l’assegnazione delle
competenze di regolazione all’Autorità per l’Energia
Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico offre un orizzonte di
stabilità e maggiore sicurezza per i gestori, dopo anni
di incertezze anche normative. Con l’applicazione dei
nuovi sistemi tariffari il Gruppo Egea si è confermato il
soggetto che applica le tariffe più basse in provincia di
Cuneo; ciononostante stiamo rispettando gli impegni di
investimento previsti dai Piani d’Ambito. Va, tuttavia,
segnalato che dal 2012 le regole introdotte dall’Aeegsi
hanno modificato le aliquote degli ammortamenti e le
conseguenti modalità di riconoscimento in tariffa degli
investimenti effettuati, basando il nuovo metodo sulla
vita utile del bene anziché sulla base dei criteri fiscali.
Questo cosa comporta nelle strategie di Egea?
È necessario riaprire un tavolo di confronto con
l’Autorità d’Ambito e discutere di investimenti e delle
future gare in calendario dal 2017. Siamo disponibili
ad un confronto con gli altri operatori del territorio che
scongiuri una riduzione degli investimenti paventata da
alcuni e restituisca alle imprese un orizzonte di stabilità
in cui continuare ad operare. Noi abbiamo continuato
ad investire rispettando la programmazione decisa nel
2007 ma è evidente che il nuovo scenario impostato
dall’Aeeg richiede una riformulazione degli accordi,
per non rallentare il piano di riammodernamento del
sistema idrico provinciale.
126
Come vede il futuro del settore del servizio idrico
in ambito cuneese?
Esistono dinamiche contrastanti, comuni all’intero
scenario nazionale e non solo. Da un lato si affermano
aggregazioni di dimensioni sempre maggiori, player
che operano a livello regionale e interregionale con
migliore accesso ai mercati del credito e grande capacità
di investimento. D’altro canto il settore è ancora
caratterizzato da piccole gestioni locali nelle quali la
forza finanziaria dei soci pubblici è limitata al punto
da rendere difficilmente sostenibili gli investimenti
necessari. La direzione è quella dell’affermazione di
soggetti più grandi e solidi finanziariamente, capaci
di sostenere i mutui necessari a una vera e propria
riqualificazione strutturale del sistema idrico. Il
modello ottimale, ancorché in scala di sub-ambito,
è quello di Alpi Acque, fortemente impegnata nel
riammodernamento dell’acquedotto di Fossano e dei
depuratori di Savigliano e Saluzzo.
Passiamo al settore dei rifiuti… in questo contesto
Egea sta cambiando pelle.
Con Stirano abbiamo perso per 0,17 punti su 100
la gara per la gestione del servizio di raccolta rifiuti
nelle Langhe e nel Roero dove operavamo da tempo.
Avremmo potuto scegliere di mantenere un profilo
marginale nel settore; abbiamo deciso di rilanciare
l’attività, stringendo nuove alleanze e proponendoci
all’esterno come gestori di servizi, e di attivare
nuove linee di servizio (trasporto e smaltimento di
rifiuti speciali). Infatti, abbiamo acquisito il servizio
di raccolta a Ospedaletti, in Liguria, con l’obiettivo
di crescere sul territorio; con Asp di Asti abbiamo
rilevato la Sea (“Soluzioni ecologiche ambientali”) di
Villanova Canavese e soprattutto abbiamo vinto la gara
per la raccolta rifiuti nelle Marche, a Fano, con l’idea
Intervista a
LORENZO VERONESE
Direttore Divisione Ambiente Gruppo Egea
di proporci come partner per i prossimi anni anche
di altre amministrazioni locali. Dal luglio abbiamo
attivato la linea di trasporto di rifiuti speciali (solidi
e liquidi): abbiamo dunque sviluppato e confermato
la consapevolezza di poter offrire servizi competitivi
anche in questo settore.
Quali sono le strategie per i prossimi anni?
I servizi di raccolta, spazzamento e trasporto dei rifiuti
rappresentano un mercato ampio. Le imprese municipali
e i grandi player si avvalgono sempre più spesso di
aziende cui terziarizzano queste fasi. Con queste
prime iniziative stiamo dimostrando di poter giocare
anche noi la partita. Stiamo oltretutto investendo nel
segmento dello smaltimento che offre maggior valore
aggiunto, realizzando in partnership con Alpi Acque e
con aziende del settore, una stazione di trattamento
liquidi non pericolosi (vitivinicoli, percolati, caseari…)
da 30.000 tonnellate a Fossano. Intendiamo inoltre
rafforzare la proposta per il trasporto dei rifiuti speciali
che ha già garantito la piena autonomia nel servizio
alle società del gruppo per quanto riguarda i fanghi di
depurazione, i servizi di autospurgo e i trasporti di scarti
di lavorazione dei vari cantieri e attività del gruppo. Ci
muoviamo a tutto tondo sfruttando le opportunità che
si presentano, consapevoli delle nostre potenzialità e
attenti a ricercare partnership e alleanze sul territorio
e non solo.
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Interviste
127
CICLO IDRICO E
SERVIZI AMBIENTALI
IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO
Il Gruppo opera nell’ambito delle diverse fasi del servizio
idrico integrato in 89 comuni appartenenti all’Ato 4 Cuneese, corrispondenti al 54% del territorio della provincia di
Cuneo e al 60% dei suoi abitanti. Egea è per questo il primo operatore provinciale e il secondo a livello regionale.
Il servizio di potabilizzazione è svolto presso 89 comuni e
gli utenti serviti sono rimasti pressochè stabili negli anni a
quota 254.000. In parallelo si registra un leggero aumento del totale dell’acqua fatturata che nel 2013 sfiora i 20
milioni di m3.
Il servizio di fognatura copre l’area di 85 comuni per un
totale di 199.000 utenti; la depurazione è effettuata su 66
comuni e serve oltre 170.000 utenti.
Il servizio di potabilizzazione è svolto attraverso tre società partecipate:
- “Alse” (area dell’Alta Langa), la più piccola, opera in 20
comuni in cui eroga servizi di acquedotto, fognatura e depurazione;
- “Alpi acque” (aree del fossanese, saluzzese e saviglianese)
che conta su una rete di 1.250 chilometri e collega oltre
54.000 utenze e 100.000 residenti (Pra).
- “Tecnoedil” (aree di Alba, Bra, Langhe e Roero), la maggiore tra le tre società, opera il servizio in 43 comuni attraverso una rete che si estende per 2.200 chilometri e
raggiunge più di 82.000 utenze corrispondenti a 150.000
residenti (Pra).
La Conferenza d’ambito ha riconosciuto le gestioni del
servizio idrico in capo al Gruppo Egea fino al 2017, approvando il relativo piano di investimenti con interventi
per oltre 40 milioni di euro tra il 2007 e il 2010 e con un
altro stralcio del valore di circa 60 milioni di euro fra il
2011 e il 2017.
L’esperienza maturata da Egea nel settore del ciclo idrico
integrato ha consentito alla società di emergere anche al
di fuori dell’ambito strettamente territoriale; ne è prova
l’aggiudicazione della gestione tecnica del servizio della
Città di Bordighera (Im).
Il territorio servito da Egea è morfologicamente ampio e
variegato. Il Gruppo si è impegnato in forti investimenti per raggiungere con le reti centrali i punti più lontani
e anche per procedere alla separazione tra le condotte
128
dedicate alla raccolta delle acque reflue e quelle per l’acqua piovana. Non di minor rilievo sono gli sforzi operati
da Egea tesi a eliminare gli impianti di depurazione più
piccoli.
L’acqua distribuita da “Alse” proviene essenzialmente
dall’Acquedotto delle Langhe, fornitore anche di “Tecnoedil” e “Alpi acque”; “Alpi acque” si approvvigiona principalmente da pozzi a servizio dei singoli comuni mentre
l’acqua distribuita da “Tecnoedil” proviene almeno per il
25% dal fiume Tanaro (e arriva all’utenza dopo un avanzato processo di filtrazione e depurazione), per il 40% da
pozzi del Roero e da altri pozzi comunali (Cherasco, Bra...)
e per la restante parte dall’Acquedotto delle Langhe.
Nel corso del 2013 il Gruppo ha investito complessivamente per interventi sulle reti e sugli impianti 5,4 milioni
di euro così ripartiti: 3,5 milioni “Tecnoedil”, 0,5 milioni
“Alse” e 1,4 milioni “Alpi acque”. Tra gli interventi principali, accanto a quelli effettuati dalle tre società per adeguare gli impianti e per potenziare e rinnovare le infrastrutture idriche limitando le perdite, citiamo, per quanto
riguarda “Tecnoedil”, gli interventi finalizzati al potenziamento dell’approvvigionamento con la realizzazione
di nuovi pozzi (Narzole, Santo Stefano Roero), la realizzazione dell’adduttrice Alba-Treiso, l’adeguamento dell’impianto di potabilizzazione di Alba e degli impianti di
depurazione di Neive, e di Bra, con il consistente investimento sul depuratore della Bassa. I lavori più consistenti
e significativi che hanno impegnato “Alpi acque” sono: il
risanamento deli impianti fognari di Cussanio (Fossano),
la sostituzione di un importante tratto di tubatura dell’acquedotto a Villafaletto, la realizzazione dell’impianto di
potabilizzazione di Cervere, e del pozzo di località Chiamima di Verzuolo. Nel corso del 2013 si sono, infine, conclusi gli interventi per il completo rinnovo e adeguamento del depuratore della Città di Savigliano.
A seguito anche di questi interventi la reti gestite dal Gruppo Egea raggiungono i 5.000 chilometri, di cui 3.592 per
la rete di acquedotto e 1340 chilometri di rete fognaria.
I sistemi di trattamento delle acque ai fini della potabilizzazione cambiano a seconda della provenienza delle stesse. Da processi di ossidazione per la rimozione di ferro e
manganese, resi così facilmente eliminabili attraverso la
filtrazione, a operazioni più complesse ed elaborate nel
caso in cui ci si avvalga di acque superficiali.
Nel caso di Alba l’acqua viene erogata dopo un complesso
processo di potabilizzazione per ultrafiltrazione che, oltre
alla depurazione chimico-fisica, trattiene i virus e riduce
l’esigenza di cloro. Il potabilizzatore, costruito con l’obiettivo di diventare funzionale anche ad altri acquedotti, è
un fiore all’occhiello per Egea, unico impianto di questo
tipo attivo in Italia.
Sono 322 gli impianti di depurazione gestiti complessivamente dal Gruppo Egea, sommando quelli di piccola
potenzialità, quelli con potenzialità compresa tra i 1.000
e i 35.000 abitanti e l’impianto di Bra che ha una potenzialità di 63.000 abitanti.
Gli impianti maggiori assolvono peraltro anche al compito di depurare le acque reflue industriali generate dalle aziende del territorio. Oltre alle tecniche tradizionali,
l’impiantistica presente è in forte rinnovamento, con l’inserimento di tecniche di defosfatazione, nonché comparti
di nitro-denitro mediante le migliori tecnologie.
REAGENTI E SOSTANZE UTILIZZATE PER LA POTABILIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE ACQUE
2013
2012
T.
390
429
394
- di cui policloruro di alluminio
T.
107,6
121.56
133,9
- di cui ipoclorito di sodio
T.
92,9
104,1
131,74
- di cui acido cloridrico
T.
88,56
97,52
53,16
- di cui clorito di sodio
T.
94,62
98,36
64,45
- di cui carbone attivo
T.
2,5
4
6
- di cui altri reagenti/sostanze
T.
4,25
4,08
5,3
Totale
2011
REAGENTI E SOSTANZE USATE PER LA DEPURAZIONE
2013
2012
2011
T.
361
190,8
75
T.
25
26
15
- di cui cloruro ferrico/ferroso
T.
310
160
60
- di cui ossigeno
T.
10
-
-
- di cui ipoclorito di sodio
T.
6
4,8
-
- di cui acqua ossigenata
T.
10
-
-
Totale
-
di cui polielettrolita
Accanto agli enti preposti, il laboratorio di analisi interno a Egea controlla le caratteristiche delle acque scaricate, verificando l’efficienza dei depuratori. Egea è l’unica
realtà a livello provinciale a garantire anche la qualità
dei reflui oltre alla qualità dell’acqua erogata.
Il laboratorio analisi del Gruppo svolge oltre 16.000 controlli all’anno sull’acqua potabile e 2.000 analisi sulle
acque reflue.
2013
2012
2011
Totale campioni effettuati
di acque potabili e acque reflue
N.
7.106
6.607
6.218
Totale parametri analizzati
su acque potabili e acque reflue
N.
54.828
50.337
45.706
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Egea e l’ambiente
129
CICLO IDRICO E
SERVIZI AMBIENTALI
In relazione a quanto previsto dal Testo Unico Ambientale (D.l.gs. n. 152/2006 del 3 aprile 2006) gli abbattimenti medi
annui dei principali depuratori sono:
2013
2012
2011
Concentrazioni medie annue
depuratori COD
T.
20.000
18.000
19.000
Savigliano
%
82,56
80,77
79,83
Fossano
%
80,20
88,69
77,12
Saluzzo
%
83.58
85,57
78,75
Bra
%
81,25
88,56
83,63
Narzole
%
86,25
88,72
90,90
Concentrazioni medie annue
depuratori BODS
T.
11.000
9.500
10.500
Savigliano
%
82,56
89,76
90,05
Fossano
%
89,05
91,77
85,79
Saluzzo
%
89,37
92,65
88,52
Bra
%
89,77
92,89
89,31
Narzole
%
94,36
93,13
94,63
Concentrazioni medie annue
depuratori SST
T.
4524
4370
4426
Savigliano
%
90,45
72,44
86,09
Fossano
%
95,23
96,46
79,58
Saluzzo
%
94,63
87,54
84,18
Bra
%
88,37
91,80
86,02
Narzole
%
87,05
92,03
92,82
ACQUE REFLUE TRATTATE NEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DEL GRUPPO (*)
2013
2012
2011
Totale
MC/000
27.249.247
25.708.215
26.263.495
Savigliano
MC/000
2.637.215
2.420.444
2.345.114
Fossano
MC/000
3.295.727
2.306.914
2.810.643
Saluzzo
MC/000
4.004.135
4.094.360
3.986.182
Bra
MC/000
3.928.179
3.640.358
4129.656
Narzole
MC/000
1.010.081
651.269
309010
(*): si precisa che il dettaglio delle acque reflue trattate viene fornito solo per i principali impianti in gestione. Il dato
totale riguarda, invece, tuti gli impianti di depurazione gestiti, compresi quelli minori.
130
BIODIVERSITÀ
La salvaguardia della biodiversità è un principio fondamentale, su cui si fonda il mantenimento degli ecosistemi terrestri in condizioni tali da consentire lo sviluppo
della vita dell’uomo e delle altre specie viventi.
L’attenzione al paesaggio e alla biodiversità sono principi fondamentali che guidano le scelte e l’operatività
del Gruppo Egea e si traducono in interventi e investimenti diretti a ridurre l’impatto ambientale determinato
dalla realizzazione e dall’operatività degli impianti sul
territorio. Il Gruppo Egea è consapevole degli impatti che
le proprie attività producono sul territorio e per questa
ragione progetta, realizza e gestisce i propri impianti e
pianifica le proprie azioni con l’obiettivo di mitigare e
più in generale di ridurre l’incidenza sul sistema ambientale circostante.
Nello specifico, il Gruppo Egea segue le misure imposte
dalla Regione Piemonte nell’ambito del Piano di Tutela delle Acque dirette ad abbattere i nutrienti. Queste
misure, che riguardano tra le altre cose gli impianti di
depurazione del Gruppo, prevedono specifici limiti di
concentrazione allo scarico ed obiettivi di abbattimento
percentuale per i parametri fosforo e azoto (75%). I valori
di abbattimento sono, per gli impianti maggiori, più elevati rispetto ad altri perché devono offrire un contributo
più significativo alla riduzione complessiva dei nutrienti.
Gli impianti più grandi sono, inoltre, dotati di trattamenti terziari convenzionali per la rimozione biologica
dell’azoto e di sezioni per la precipitazione chimica del
fosforo; per i rimanenti è stato stabilito un programma
di adeguamento, che è contenuto all’interno del Programma degli investimenti, ove sono appunto descritti
gli investimenti infrastrutturali previsti per i prossimi
anni al fine di raggiungere gli obiettivi di abbattimento
fissati.
Il Gruppo, attraverso alcune delle proprie società, ha recentemente condotto studi ed analisi in collaborazione
con il Politecnico di Torino e con l’Universita' di Trento.
Infine, in via sperimentale, è stato applicato il nuovo
sistema “Mbbr” su una linea di denitro del depuratore
di Savigliano. Tale esperienza ha convinto di prevedere
questa tecnologia, applicata sia in ossidazione sia in denitro, anche nel revamping dell'impianto di depurazione
di Cherasco.
131
CICLO IDRICO E
SERVIZI AMBIENTALI
SERVIZIO AMBIENTALE
Il gruppo Egea è operativo nei settori della raccolta rifiuti
e dell’igiene urbana attraverso due società:
- “Stirano”, la cui attività si è estesa anche nel 2013 dalle
colline delle Langhe a tutto il Roero, fino all’astigiano
(oltre 100.000 abitanti serviti)
- “Alse” che opera in 32 comuni dell’Alta Langa e delle
aree montane della provincia “Granda” (20.000 abitanti serviti che raddoppiano nella stagione estiva), il 20%
dell’Ato cuneese.
Complessivamente il bacino di “Stirano” ha un livello di
differenziazione pari al 60%. “Alse” supera il 35% in forte
crescita grazie alla corretta gestione dei centri di conferimento e della raccolta differenziata.
L’ingresso del Gruppo Egea nel settore della raccolta rifiuti e dell’igiene urbana va letto alla luce del suo sviluppo come soggetto multiutility a servizio del territorio. Il
numero di utenti serviti è pressoché raddoppiato tra il
2004 e il 2010 e il Gruppo ha iniziato a cogliere le possi-
bilità offerte dai segmenti a maggior valore aggiunto del
ciclo ambientale (trattamento e smaltimento rifiuti solidi urbani oltre che trasporto, trattamento e smaltimento
dei rifiuti speciali).
Nel corso del 2013 il Gruppo Egea ha raccolto 16.600 tonnellate incrementando di oltre il 60% le quantità rispetto
all’anno precedente. Questo è avvenuto per la scelta di
“Stirano” di ampliare i propri servizi presso i privati, in
particolare per quanto riguarda gli spurghi. Al contempo
“Alse” ha ampliato il proprio raggio d’azione nell’Alta
Valle Tanaro acquisendo il servizio di raccolta e trasporto
rifiuti in nuovi comuni. Complessivamente il Gruppo così
è passato da 98 a 116 comuni serviti e ha incrementato
il numero di utenti finali: 143.000 al 31 dicembre 2013
rispetto ai 120.000 del 2012. Il servizio di porta a porta
ha fatto registrare un incremento di 1.750 tonnellate e
allo stesso tempo i centri di raccolta hanno triplicato le
quantità conferite.
IL SERVIZIO DELLA RACCOLTA RIFIUTI
2013
2011
Comuni serviti dalla raccolta rifiuti
N.
116
98
98
Abitanti serviti dalla raccolta rifiuti
N./000
143
120
120
Totale rifiuti da raccolta differenziata (per modalità di raccolta)
T.
16.600
10.100
10.100
- di cui porta a porta
T.
8.750
7.050
6.450
- di cui centri di raccolta/ecostazioni
T.
1.810
550
680
- di cui servizi presso privati
T.
4.400
-
- di cui cassonetti
T.
1.640
2.500
La perdita, per uno scarto minimo, della gara pubblica
per l’affidamento della gestione del servizio di raccolta
rifiuti nei comuni delle Langhe e del Roero, non ha scoraggiato il Gruppo, anzi,è stata da pungolo per “Stirano”.
L’azienda ha posto le basi per un’importante evoluzione
strategica nel settore mettendosi in competizione con
altri soggetti per la conquista di nuovi spazi di mercato
nelle diverse gare bandite dalle pubbliche amministrazioni o nelle procedure competitive promosse dai gestori
del servizio alla ricerca di formule di esternalizzazione di
una parte delle proprie attività.
132
2012
2.970
Del resto Il mercato dei servizi ambientali in Italia è profondamente frammentato, lunga la filiera; le fasi che la
compongono rappresentano ambiti competitivi diversi
che conservano in molti casi interessanti opportunità di
crescita. Egea ha scelto di mettersi alla prova scommettendo sulle proprie competenze con obiettivo di espandere le proprie attività al di fuori della propria area di
riferimento. Le opportunità presenti sono numerose e
fanno perno sull’obiettivo di crescere in segmenti nei
quali “Stirano” già da tempo si muove e sulla scorta del
bagaglio di esperienze maturate, investendo su servizi
a maggior valore aggiunto anche attraverso partnership
con altri attori strategicamente rilevanti.
In questo senso va letto l’ampliamento dei servizi erogati
da “Stirano” anche al trasporto di rifiuti pericolosi, agli
spurghi e allo spazzamento manuale e meccanizzato,
settori in cui l’azienda intende crescere ancora.
In questo senso va letta l’attenzione con la quale “Stirano” guarda alle opportunità da cogliere anche oltre i
confini del Sud Piemonte che le ha consentito, attraverso l’acquisizione di ramo d’azienda di estendere i propri
servizi di raccolta rifiuti nel comune di Ospedaletti (Im).
In questo senso va letta, soprattutto, la partnership con
la multiutility astigiana “Asp”, azienda di servizi di riferimento di tutto l’astigiano e, in particolare per la Città
di Asti, che ne detiene le quote di maggioranza. Partecipandovi in misura paritetica, “Stirano” e “Asp” hanno
costituito “Alma”. L’operazione rafforza ulteriormente la
presenza del Gruppo Egea nel torinese, nel Monferrato e
nel Sud Piemonte, anche nel settore dei servizi ambientali. Inoltre, “Alma” risponde alla volontà di coniugare in
maniera stabile le esigenze di due territori più che di due
aziende e ambisce a dar vita a un modello gestionale (e
fondato su principi etici chiari e imprescindibili) di servizi ambientali da applicare sul territorio e da esportare.
Ad attestare la validità del progetto sono le vittorie ottenute nelle gare per la raccolta rifiuti in alcuni comuni a
Sud dell’astigiano e a Fano, nelle Marche.
Tanto più in un settore come quello dei servizi ambientali nel quale, come la cronaca conferma, è frequente rav-
visare comportamenti che con la moralità poco hanno
a che vedere Egea ritiene di poter ancora rappresentare
un modello, forte di una notevole esperienza acquisita
nell’erogazione di servizi pubblici essenziali; un’esperienza maturata coniugando la funzionalità e la remuneratività del progetto industriale con le sollecitazioni
espresse dal territorio e declinate nei termini dell’interesse collettivo. La composizione stessa dell’azionariato
di Egea, misto pubblico-privata, rappresenta sotto questo aspetto un ulteriore elemento di garanzia.
In parallelo il Gruppo Egea ha iniziato ad operare nel
servizio di trasporto dei rifiuti liquidi o di rifiuti solidi
speciali (fanghi di depurazione) o di oli destinati al recupero, mediante mezzi speciali compattatori, mezzi
scarrabili e auto spurghi reinternalizzando nel Gruppo
attività in precedenza svolte esternamente e proponendosi sul mercato locale come competitor in grado di aggiudicarsi il servizio presso altri clienti.
La multiutility, in partnership con un’azienda privata, e
con un investimento complessivo di circa un milione di
euro, ha avviato nel corso del 2013 la realizzazione, sul
territorio comunale di Fossano, di un impianto di trattamento che a regime potrà gestire fino a 30.000 tonnellate l’anno di rifiuti da attività produttive. In particolare
la stazione tratterà reflui organici (vitivinicoli, caseari,
zootecnici). Sarà operativa dall’estate del 2014.
I RIFIUTI PRODOTTI DAL GRUPPO EGEA
PRODUZIONE RIFIUTI
Totale rifiuti prodotti
2013
T.
2012
2011
81
80
101
- di cui pericolosi (totale e %)
T. (%)
16 (19%)
8 (10%)
13(13%)
- di cui non pericolosi (totale e %)
T. (%)
66 (81%)
72 (90%)
87 (87%)
- di cui smaltimento/trattamento
T. (%)
8 (10%)
9 (12%)
8 (8%)
- di cui recupero/riciclo
T.(%)
73 (90%)
71 (88%)
92 (92%)
Egea pone infine la massima attenzione alla salvaguardia del territorio anche attraverso un agestioneattenta e corretta
dei rifiuti autoprodotti, il 90% dei quali viene destinato al recupero o al riciclo.
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Egea e l’ambiente
133
OBIETTIVI DI MIGLIORAMENTO
PERSONALE
Coltivare un clima lavorativo di grande collaborazione che prediliga la costruzione di rapporti di tipo orizzontale tra i collaboratori
Costruire percorsi di progressione personale che partano da una mappatura delle competenze interne e offrano ai dipendenti la possibilità di accrescerle
Offrire un servizio sempre migliore ai propri clienti sia attraverso le attività di front-office
sia continuando a sviluppare servizi di alta qualità
Offrire opportunità di professionalizzazione per giovani al primo impiego favorendo un
collegamento tra mondo della formazione, università e lavoro
AZIONISTI E FINANZIATORI
Proseguire lungo il percorso di crescita del valore che ha caratterizzato il Gruppo negli
ultimi anni, continuando a garantire ai propri azionisti un ritorno economico significativo
del capitale investito
Ampliare la compagine azionaria a nuovi investitori interessati a sostenere lo sviluppo del
Gruppo Egea
Accrescere la redditività delle attività di Gruppo investendo sui settori core come il teleriscaldamento che hanno garantito importanti ritorni economici e interessanti prospettive di
sviluppo
Crescere su nuovi mercati locali aprendo il capitale all’ingresso di soci industriali e pubblici
dei territori su cui si concentrano i nuovi investimenti
CLIENTI
Attrarre un numero sempre maggiore di clienti industriali sfruttando la capacità di proporre soluzioni energetiche innovative disegnate su misura elle esigenze delle imprese
Potenziare l’offerta commerciale e i servizi di vendita sia attraverso la rete di agenti sul
territorio dedicati in particolare alle Piccole e medie imprese, sia attraverso la rete di sportelli. Potenziare le convenzioni con associazioni di categoria e realtà che operano nei settori
sportivo e culturale per proporre offerte vantaggiose agli associati
Promuovere un progressivo restyling degli sportelli per migliorare l’ambiente in cui accogliere i clienti e la qualità del servizio in termini di efficienza e tempestività delle risposte
Estendere ulteriormente i servizi di teleriscaldamento sul territorio potenziando gli impianti e le infrastrutture presenti. Al contempo cogliere le opportunità di sviluppo per nuovi
sistemi urbani in altre città del territorio
134
COLLETTIVITÀ
Garantire un atteggiamento di assoluta trasparenza nei confronti del territorio sentendosi
coinvolti e parte attiva nel percorso del suo sviluppo socio-economico
Promuovere la crescita del contesto socio-culturale continuando a sostenere iniziative che
animano il territorio su cui opera il Gruppo Egea senza che l’ampliamento dell’attività
della multiutility sia causa di uno scollamento dalla storica realtà di riferimento
Sostenere le iniziative sportive legate in particolare alle attività di piccoli gruppi locali nel
settore dilettantistico, ma capaci di coinvolgere le fasce giovanili e di trasmettere loro i
valori dell’aggregazione e dell’onestà annessi allo sport
Educare, in primo luogo attraverso l’impegno nelle scuole di ogni ordine e grado, la comunità ad atteggiamenti e comportamenti sostenibili dal punto di vista ambientale
PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
Mantenere un dialogo costantemente aperto con il territorio e con i suoi rappresentanti
nelle sedi istituzionali, continuando a coinvolgere attivamente gli Enti locali nella realizzazione dei progetti del Gruppo
Accompagnare gli Enti locali nel percorso sempre più attuale di valorizzazione delle loro
risorse sia proseguendo gli investimenti sostenuti dal Gruppo per potenziare e ammodernare le infrastrutture pubbliche sia ideando nuovi servizi ad hoc per gli Enti locali
Potenziare le linee di servizi dedicate all’efficientamento energetico e alla gestione calore
degli edifici di proprietà comunale e all’illuminazione pubblica
Proseguire il costante confronto con le associazione categoria per alimentare occasioni di
dialogo e confronto, contribuire fattivamente allo sviluppo del comparto industriale e del
settore energetico a livello nazionale e promuovere occasioni di formazione per i propri
dipendenti
FORNITORI
Porre la massima attenzione nella scelta dei fornitori privilegiando, accanto alla qualità e
alla convenienza delle forniture, la territorialità dei prodotti e delle aziende alle quali in
via principale il Gruppo si rivolge per i propri acquisiti
Continuare a garantire la massima trasparenza per quanto riguarda le forniture
Guadare con costante attenzione alle più recenti evoluzioni del mercato in modo da assicurare ai clienti un servizio ottimale in termini di efficienza e di efficacia.
Instaurare rapporti di collaborazione con i propri fornitori in modo da proporre azioni
sinergiche e comuni di promozione dei rispettivi marchi e delle loro specificità
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Appendice
135
IL GRUPPO IN SINTESI
HIGHLIGHT
Unità
2013
RISULTATI ECONOMICI
Clienti gestiti energia elettrica
n.
28.960
Ricavi dalle vendite e altre
prestazioni
euro
832.669.798
Clienti gestiti gas
n.
51.900
Variazione dei lavori in corso
su ordinazione
euro
128.115
Clienti energia elettrica e gas
n.
18.960
euro
Clienti distribuzione gas
n.
72.879
Incrementi di immobilizzazioni
per lavori interni
Popolazione servita dal
teleriscaldamento (Abitanti
equivalenti)
Altri ricavi
euro
9.086.674
n.
110.000
Valore della produzione
euro
848.946.699
Comuni Servizio Idrico
n.
89
Costo materie prime,
sussidiarie, di consumo e merci
euro
Abitanti Servizio Idrico Integrato
n.
254.000
Costo per servizi
euro
23.117.023
Comuni serviti dalla raccolta
rifiuti
n.
116
Costo del lavoro
euro
13.866.661
Abitanti serviti dalla raccolta
rifiuti
n.
143.000
Per godimento di beni di terzi
euro
4.345.043
Altri oneri
euro
11.963.209
Ebitda
euro
24,1
Ammortamenti
euro
9.291.645
Volumetria teleriscaldata
mc mln
9,08
Energia elettrica venduta
GWh
5.500
Calore venduto
GWht
230,3
772.003.413
Gas venduto
mc mln
320
Accantonamenti e svalutazioni
euro
804.072
Acqua venduta/fatturata
mc mln
19,9
Variazione delle rimanenze
euro
(483.007)
Ebit
euro
14,038
Utile prima delle imposte
euro
5.686.016 Imposte
euro
Utile netto
euro
Gas distribuito
mc
126.648.319
Lunghezza rete distribuzione gas
km
1.202,74
Lunghezza rete
teleriscaldamento
km
83,8
Lunghezza rete acquedotto
km
3.592
Lunghezza rete fognaria
km
1.340
Impianti di depurazione
n.
322
Stazioni ecologiche attrezzate
n.
3
GOVERNANCE
136
7.062.112
Consiglio di Sorveglianza: Membri
indipendenti e non esecutivi
n.
3
Consiglio di Gestione: Membri
indipendenti e non esecutivi
n.
-
Totale membri CdS
n.
7
Totale membri CdG
n.
3
N° Riunioni del CdS
n.
7
N° Riunione CdG
n.
9
3.831.482
1.854.534
VALORE AGGIUNTO
Valore aggiunto distribuito
mln euro
32
Personale
mln euro
17
Pubblica Amministrazione
mln euro
5,2
Finanziatori
mln euro
7,6
Azionisti
mln euro
1
Azienda
mln euro
0,9
Comunità locale
mln euro
0,4
GAS
ENERGIA E CALORE
Clienti distribuzione gas per provincia
Capacità di produzione elettrica
del Gruppo
MW
84,14
- di cui elettrico
(in assetto cogenerativo)
MW
75,04
- di cui da fotovoltaico
MW
6,20
- di cui da biogas
MW
2,90
Totale capacità
termica installata
MW
Energia termica prodotta
(lorda)
GWh
611
Energia elettrica prodotta
(lorda)
GWh
524,28
447,7
- da impianti di
cogenerazione
- Cuneo
n.
34.885
- Alessandria
n.
20.717
- Milano
n.
1.764
- Lecco
n.
6.384
- Monza Brianza
n.
9.129
Clienti vendita gas e distribuzione %
per provincia
- Cuneo
32.538
(93.3%)
- Milano
1.475
(83.6%)
- Lecco
4
(0.06%)
- Monza Brianza
5.119
(56.1%)
Rete gas ispezionata (km e %)
Energia elettrica prodotta
Energia primaria
fossile sostituita
Energia risparmiata
GWh
TEP/000
GJ
480
Energia primaria
fossile sostituita
Energia risparmiata
GWh
27
55
Totale interruzione del servizio rete
gas, sicurezza impianti gas
n.
47
2.302.520
- di cui breve e senza preavviso
n.
0
- di cui breve con preavviso
n.
39
- di cui lunghe senza preavviso
n.
0
- di cui lunghe con preavviso
n.
8
Lunghezza rete gas sostituita
km
1,798
Composizione totale rete gas
km
1.202,37
- di cui acciaio
km
1.023,96
- di cui polietilene
km
178,41
Totale perdite di rete gas
n.
193
- di cui su rete
n.
67
- di cui su impianto di derivazione
di utenza su parte interrata
n.
42
- di cui su impianto di derivazione
di utenza su parte aereo
n.
84
T.
3,878
- THT
T.
1,133
- TBM
T.
2,745
n.
1157
7,5
TEP/000
0,64
GJ
27,0
Energia primaria fossile
sostituita
Energia risparmiata
GWh
913,21
(97,19%)
minuti
- da biogas
Energia elettrica prodotta
(immessa in rete)
km.
Tempo medio di arrivo sul luogo di
chiamata di pronto intervento gas
- da fotovoltaico
Energia elettrica prodotta
n.
18,39
TEP/000
1,58
GJ
66,19
Rendimento energetico medio
parco termoelettrico
%
Availability factor impianti
di cogenerazione
%
96
Numero sconnessioni per
il servizio di Energia elettrica
n.
464
40
Totale reagenti e sostanze
per la distribuzione gas
Numero sconnessioni per il servizio gas
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Appendice
137
SERVIZIO IDRICO INTEGRATO
Totale prelievi idrici per fonte
inclusa acqua raffreddamento
-
di cui prelievi acqua
potabile
Totale reagenti e sostanze
utilizzate per la potabilizzazione
e distribuzione acque
-
9.600
mc
9.600
T.
390
di cui policloruro di alluminio
T.
-
di cui ipoclorito di sodio
T.
92,9
-
di cui acido cloridrico
T.
88,56
-
di cui clorito di sodio
T.
94,62
-
di cui carbone attivo
T.
2,5
-
di cui altri reagenti/
sostanze
T.
4,25
-
di cui polielettrolita
T.
25
-
di cui cloruro ferrico/
ferroso
T.
310
-
di cui ossigeno
T.
10
-
di cui ipoclorito di sodio
T.
6
-
di cui acqua ossigenata
T.
10
Totale acque reflue trattate
negli impianti di depurazione
del Gruppo
107,6
mc/000
27.249.247
mc/000
2637215
-
Savigliano
-
Fossano
mc/000
3295727
-
Saluzzo
mc/000
4004135
-
Bra
mc/000
3928179
-
Narzole
mc/000
1010081
Concentrazioni medie annue
depuratori COD
T.
20000
82,56
Fossano
%
95,23
-
Saluzzo
%
94,63
-
Bra
%
88,37
-
Narzole
%
87,05
Composizione totale della rete
idrica
-
materiale plastico
%
54
-
cemento amianto
%
9
-
acciaio
%
30
-
ghisa
%
7
Perdite di rete
10,05
-
di cui Alse
%
30%
-
di cui Tecnoedil
%
32%
-
di cui Alpi Acque
%
33%
-
Rete idrica controllata
km
346 (11%)
Totale campioni effettuati di
acque potabili e acque reflue
n.
7106
Totale parametri analizzati su
acque potabili e acque reflue
n.
54828
SERVIZI AMBIENTALI
Totale rifiuti da raccolta differenziata
(per modalità di raccolta)
T.
16600
-
di cui porta a porta
T.
8750
-
di cui centri di raccolta/
ecostazioni
T.
1.810
-
di cui servizi
presso privati
T.
4400
-
di cui cassonetti
T.
1640
T.
81
-
Savigliano
%
-
Fossano
%
80,20
-
Saluzzo
%
83.58
-
Bra
%
81,25
-
Narzole
%
86,25
Concentrazioni medie annue
depuratori BODS
T.
11000
Totale rifiuti prodotti
-
di cui pericolosi (totale
e %)
T./%
16 (19%)
-
di cui non pericolosi
(totale e %)
T./%
66 (81%)
-
Savigliano
%
82,56
-
Fossano
%
89,05
-
Saluzzo
%
89,37
-
Bra
%
89,77
-
Narzole
%
94,36
Concentrazioni medie annue
depuratori SST
T.
4524
%
90,45
-
138
mc
-
Savigliano
Totale rifiuti smaltiti
T.
81
-
di cui smaltimento/
trattamento
T./%
8 (10%)
-
di cui recupero/riciclo
T./%
73 (90%)
CONSUMI, EMISSIONI,
RIDUZIONE CO2
Emissioni di COv dei
mezzi aziendali
T.
0,232
CONSUMI ENERGETICI
DIRETTI
Emissioni di PM10 dei
mezzi aziendali
T.
0,348
1.082,559
Totale gas naturale
mc (000)
140.000
Emissioni di CO2 dei
mezzi aziendali
T.
Totale gas naturale
tep
114.800
Emissioni di NOX da
impianti cogenerativi
G/kWh
Totale carburante per automezzi
(Diesel)
0,14
lt (000)
237,6
Emissioni specifiche di NOX
da cogen. e centrali termiche
T.
52
Totale biogas
mc (000)
11.030
Emissioni di cOX da impianti
cogen. e centrali termiche
T.
63,5
Totale biogas
tep
5.246
TOTALE RIDUZIONE DI
EMISSIONI DI CO2
T.
58.710
- di cui prodotto
di origine animale
tep
3.672
- da teleriscaldamento
T.
44.740
- di cui prodotto
di origine vegetale
tep
1.574
- da fotovoltaico
T.
2.980
- da biogas
T.
10.990
CONSUMI ENERGETICI
INDIRETTI
EMISSIONI EVITATE CON IL
TELERISCALDAMENTO
Energia elettrica acquistata
da terzi
tep
1109
Ossidi di azoto (NOX)
T.
110
Energia elettrica acquistata
da terzi
MWh
5931
Ossidi di carbonio (COX)
T.
35
PERSONALE
EMISSIONI IN ATMOSFERA
Totale
CO2 dirette totali
CO2 dirette totali da impianti di
produzione
T.
T.
259.288
70.701
Emissioni indirette derivanti
dal consumo di elettricità
acquistata
Emissioni di CO2 da impianti
cogenerativi e centrali termiche
Numero mezzi aziendali a
noleggio e proprietà (diesel)
T.
T.
188.587
2.965
di cui dirigenti
n.
10
-
di cui quadri
n.
20
-
di cui impiegati
n.
296
-
di cui operai
n.
194
n.
358
10
-
di cui dirigenti
n.
-
di cui quadri
n.
19
-
di cui impiegati
n.
145
-
di cui operai
n.
184
Totale donne
G/kWh
n.
480
124
n.
162
-
di cui quadri
n.
1
-
di cui impiegati
n.
151
-
di cui operai
n.
10
n.
6
anni
36
Dipendenti appartenenti alle
categorie protette
Età media dipendenti
Emissioni di NOX dei mezzi
aziendali
Emissioni di CO dei mezzi
aziendali
T.
T.
6,167
1,728
520
-
Totale uomini
CO2 dirette totali da impianti di
cogenerazione
n.
-
di cui dirigenti
anni
48
-
di cui quadri
anni
40
-
di cui impiegati
anni
39
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Appendice
139
-
di cui operai
anni
30
Dipendenti per titolo di studio
-
di cui scuola dell’obbligo
n.
111
-
di cui istituti professionali
n.
98
-
di cui diploma
n.
206
-
di cui laurea
n.
105
Dipendenti per territorio
-
di cui Provincia di Cuneo
n.
449
-
di cui altre province del
Piemonte
n.
66
-
di cui altre regioni
n.
5
Tipologia contrattuale
-
a tempo indeterminato
n.
492
-
a tempo determinato
n.
28
n.
33
Totale dipendenti
con contratto part-time
-
di cui uomini
n.
4
-
di cui donne
n.
29
Totale non dipendenti
n.
62
di cui a tempo
indeterminato
n.
31
-
di cui a tempo
determinato
n.
9
-
di cui apprendistato
n.
-
-
di cui contratto
inserimento
n.
-
Totale uscite nell’anno per motivo
n.
7
-
Dimissioni
n.
5
-
Pensione
n.
2
anni
28
n.
1
Anzianità aziendale media
degli usciti
Turnover del personale
-
Uomini
n.
-2
-
Donne
n.
3
n.
628774
Totale ore lavorate
-
di cui ore ordinarie
n.
586239
-
di cui straordinarie
n.
42535
n.
12065
Totale assenza per tipologia (ore)
-
Malattia
n.
31668
-
Maternità
n.
15985
-
Infortunio
n.
847
-
di cui interinali o
somministrazione
n.
56
-
Sciopero
n.
92
-
di cui a progetto
n.
6
-
n.
138
-
Dipendenti coperti
da CCNL
Assemblee e permessi sindacali
n.
62
-
Altro
n.
63335
Totale assenza Pro-Capite
per tipologia (ore)
n.
216,1
Totale membri CdG + CdS
-
-
di cui uomini
di cui donne
Totale membri CdG + CdS
n.
10
n.
9
-
Malattia
n.
61
n.
1
-
Maternità
n.
31
n.
10
-
Infortunio
n.
1,6
-
Sciopero
n.
0,2
-
Assemblee e
permessi sindacali
n.
0,3
-
Altro
n.
122
ore
576
-
di cui under 30
n.
0
-
di cui 30-50 anni
n.
3
-
di cui over 50
n.
7
anni
13
Anzianità aziendale media
per qualifica
FORMAZIONE
-
di cui dirigenti
n.
17
-
di cui quadri
n.
11
-
di cui impiegati
n.
14
-
di cui formazione interna
ore
116
-
di cui operai
n.
11
-
di cui corsi di formazione/
seminari/convegni esterni
ore
460
n.
39
ore
576
Assunti nell’anno per qualifica
-
di cui dirigenti
n.
1
-
di cui quadri
n.
3
-
di cui impiegati
n.
21
-
di cui operai
n.
15
n.
39
Assunti nell’anno per tipologia
contrattuale
140
-
Totale ore di formazione
per tipologia di corso
Totale ore di formazione per tematica
e tipologia di corso
-
di cui sistemi certificati,
sicurezza, ambiente
ore
260
-
di cui addestramento e
formazione specialistica
ore
180
-
di cui formazione
manageriale
ore
40
-
di cui altro
ore
96
Totale dipendenti coinvolti in
almeno un corso di formazione
n.
519
10
-
di cui dirigenti
n.
-
di cui quadri
n.
20
-
di cui impiegati
n.
295
-
di cui operai
n.
194
n.
15968
160
Totale ore di formazione
sulla sicurezza
-
dirigenti
n.
-
quadri
n.
160
-
impiegati
n.
9440
-
operai
n.
6208
Totale di ore di formazione
erogate
n.
8156
212
-
dirigenti
n.
-
quadri
n.
120
-
impiegati
n.
4720
-
operai
n.
3104
Ore di formazione Pro-Capite totali
Imposte e tasse
euro
3.460.565,00
euro
692.273,49
di cui imposte e tasse
euro
12.937,10
di cui tasse
occupazione suoli
e aree pubbliche
euro
77.446,33
Canoni e
corrispettivi
Comunità Montane
euro
1.144.129,60
Totale fornitori per
area geografica (su numero)
n.
2834
- di cui Provincia
di Cuneo
n./%
1258/44,4%
- di cui altre province
del Piemonte
n./%
688/24,3%
- di cui altre regioni
n./%
870/30,7%
- di cui altri Stati
n./%
18/0,6%
euro
71.227.302,1
- di cui Provincia
di Cuneo
euro/%
30.812.365,26
/43,3%
- di cui altre province
del Piemonte
euro/%
14.735.052,11
/20,7%
- di cui altre regioni
euro/%
25.371.122,79
/35,6%
- di cui altri Stati
euro/%
308.761,94
/0,40%
pagate (dirette)
Imposte e tasse
pagate (indirette)
n.
-
dirigenti
n.
37,2
-
quadri
n.
15
-
impiegati
n.
48
-
operai
n.
48
-
Formazione da imprese
esterne
ore
460
n.
519
Risorse umane coinvolte
ISTITUZIONI
E TERRITORIO
INFORTUNI
Numero totale infortuni
n.
8
Indice di frequenza (totale
infortuni/ore lavorate x 1.000.000)
n.
12,7
Giorni di assenza per infortuni
gg.
119
Indice di gravita
(gg. Assenza/ore lavorate x 1.000)
n.
0,19
Indice di incidenza (totale
infortuni/ n. dipendenti x 100)
n.
1,5
Durata media infortunio
(gg. Assenza/ n. totale infortuni)
gg.
14,9
Infortuni in itinere
n.
3
N° lavoratori formati
sul Codice etico e su politiche
e pratiche anti corruzione
n.
520
FORNITORI
Totale spesa per fornitori per
area geografica (su ordinato)
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Appendice
141
INDICATORI GRI
Indicatore
Tipologia
indicatore
Riferimenti
1. Strategia e Analisi
1.1
C
p. 6, 12-13
1.2
C
p. 26-29, 32-35, 84-85, 105
2. Profilo dell’organizzazione C
4.7
C
p. 40-43
4.8
C
p. 25, 42,43
4.9
C
p. 40-43
4.10
C
p. 40-43
4.11
C
p.40-43
4.12
C
p.40-43
4.13
C
p.88-89
4.14
C
p. 44-45
2.1
C
copertina
4.15
C
p. 44-45
2.2
C
p. 20-21
4.16
C
p.69-77 parziale
2.3
C
p.20-21
4.17
C
p.69-77 parziale
2.4
C
p. 3
2.5
C
N. R. il Gruppo Egea opera
solo in Italia
2.6
C
p.61-63
2.7
C
p. 97, 100, 110-117, 128129, 132-133
2.8
C
p. 11, 22-24, 28, 32-35, 5159, 65-68
2.9
C
2.10
5. Modalità di gestione e Indicatori di performance DMA EC
p. 30-31, Nota integrativa
al Bilancio 2013
e relazione sulla gestione
EU6
C
p. 97-98, 102-103, 104-109,
114-117
EU7
C
p. 102-103
EU8
C
p. 101, 104, 118-123
p. 7, 11, 22-24, 26, 32-35,
51-57, 61-63, 65-68
DMA EN
p. 38-39, 96-101,
DMA LA
p. 51-59
C
N. R. il Gruppo Egea non
ha ricevuto premi
EU14
C
p. 56-57
EU15
C
p. 136-141
EU1
C
p. 98-99, 136-141
DMA HR
p. 42-43, 88-89
EU2
C
p. 99-99, 136-141
DMA SO
p. 80-81
EU3
C
p. 136-141
EU4
C
p. 136-141
EU5
C
N. D.
3. Parametri del report EU19
C
p. 80-81
DMA PR
p. 67-71
EU23
C
p. 67-71
Indicatori di performance economica EC1 C
p. 32-35
EC2
C
Nota integrativa
al Bilancio 2013
3.1
C
p. 7-8
3.2
C
p. 7-8
3.3
C
p. 7-8
EC3
C
p. 58
3.4
C
p.3
EC4
C
p. 32-35,87
3.5
C
p. 7-8
EC5
A
p. 58-59
3.6
C
p. 7-8
EC6
C
p. 90-93
3.7
C
p. 7-8
EC7
C
p. 52, 136-141
3.8
C
p. 7-8, 14-15
EC8
C
p.81-85
3.9
C
p. 7-8, 136-141
EC9
A
p. 90-93
3.10
C
p. 7-8
EU10
C
p. 136-141
3.11
C
p. 7-8
EU11
C
p. 136-141
3.12
C
p. 142-143
EU12
C
p. 136-141
3.13
C
N. D.
4. Governance, impegni, coinvolgimento degli stakeholder 142
p. 40-43; Nota integrativa
al Bilancio 2013
4.6
Indicatori di performance ambientale EN1
C
p. 136-141
EN2
C
l'uso di materiali riciclati
non è rilevante per
l'attività del Gruppo Egea
p. 40-43, 136-141
EN3
C
p. 136-141
C
p. 40-43, 46-47, 48-49,
61-63
EN4
C
p. 136-141
C
p. 40-41
EN5
A
p. 136-141
4.1
C
p. 40-43
4.2
C
p. 40-43
4.3
C
4.4
4.5
EN6
A
p. 104-109, 114-117, 118119
HR3
A
p. 56-57, 136-141
(parziale)
EN7
A
p. 120-123, 136-141
EN8
C
p. 128-130, 136-141
HR4
C
Non si sono verificate
violazioni legate a pratiche
discriminatorie
EN9
A
p. 128-130
EN10
HR5
C
N. R.
A
p.128-130
HR6
C
N. R.
EN11
C
p. 128-131
HR7
C
N. R.
EN12
C
p. 128-131
HR8
A
N. R.
EN13
A
N. D.
HR9
A
N. R.
EN14
A
p. 131
EN15
A
N. D.
SO1
C
p. 38-39, 81-85, 94, 97
EN16
C
p. 121-122, 136-141
SO2
C
p.42-43
EN17
C
p. 121-122, 136-141
SO3
C
p. 136-141 (parziale)
EN18
C
p. 123, 136-141
EN19
C
p. 121-122, 136-141
SO4
C
EN20
C
p. 121-122, 136-141
Non sono stati rilevati
episodi di corruzione nel
2013
EN21
C
p. 128-130, 136-141
SO5
C
p. 38-39, 84-85
EN22
C
p. 132-133
SO6
A
N. R. l'impresa non eroga
contributi a partiti politici
EN23
C
N. R. non si sono segnalati
sversamenti significativi
SO7
A
Non sono stati rilevati
episodi nel 2013
EN24
A
p. 133
EN25
A
p. 131
SO8
C
Non sono stati rilevati
episodi nel 2013
EN26
C
p. 21-24, 67-68, 114-117,
118-119, 121-123
EN27
C
N. R. I prodotti non usano
imaballaggi.
EN28
C
Importi delle sanzioni non
significativi
EN29
A
p. 120
EN30
A
p. 106, 110-113, 114-115,
116-117, 118-119,
Indicatori di performance sociale: pratiche di lavoro
e condizioni di lavoro adeguate Indicatori di performance sociale: Collettività
Indicatori di performance sociale: Responsabilità
di prodotto PR1
C
p. 38-39, 98-101, 126-127
PR2
A
Non sono stati rilevati
episodi nel 2013
PR3
C
Relazione ISO 9001 del
2013
PR4
A
Relazione ISO 9001 del
2013
PR5
A
p. 72-77
PR6
C
p. 78-79
LA1
C
p. 51-59, 136-141
PR7
A
N. R.
LA2
C
p. 49-55, 136-141
PR8
A
LA3
A
p. 51-59
Non sono stati rilevati
episodi nel 2013
LA4
C
p. 51-59
LA5
C
p. 51-59
LA6
A
p. 51-59 (parziale)
LA7
C
p. 136-141
LA8
C
p. 56-57, 136-141
LA9
A
p. 51-59
LA10
C
p. 56-57, 136-141
LA11
A
p. 58-59
LA12
A
p. 58-59
LA13
C
p. 136-141
LA14
C
p. 58-59
Indicatori di performance sociale: Diritti umani HR1
HR2
C
C
N. R. gli investimenti sono
in Italia. Nel rispetto della
normativa nazionale, non
sussiste pericolo di violazione dei diritti umani.
p. 91-92
PR9
C
p. 136 - 141
EU27
C
p. 136 - 141
EU30
C
p. 136 - 141
EU25
C
p. 131 - 136
PR3
C
relazione ISO 9001
PR4
A
relazione ISO 9001
PR5
A
p. 68-73
PR6
C
N. R.
PR7
A
N. R.
PR8
A
Non sono stati rilevati
episodi nel 2013
PR9
C
p. 131 - 136
EU26
C
N. R.
EU27
C
EU28
C
EU29
C
EU30
C
p. 131 - 136
Bilancio di Sostenibilità 2013 - Appendice
143
QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE
DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2013 DEL GRUPPO EGEA
1.Perché ritiene importante che Egea realizzi il Bilancio
PERFORMANCE,
VALORE
AGGIUNTO
E STAKEHOLDER
di sostenibilità?
Per conoscere meglio l’attività dell’azienda
Per la trasparenza dell’azienda
INDICATORI GRI
Per migliorare il rapporto con l’azienda
OBIETTIVI DI
MIGLIORAMENTO
Altro
2.Conosceva già il Bilancio di sostenibilità come
6.Le chiediamo di indicarci eventuali suggerimenti per
migliorare la forma e i contenuti del Bilancio di
strumento di rendicontazione e di comunicazione
dell’attività di un’impresa?
Si, lo conoscevo
No, non lo conoscevo
sostenibilità:
3.Come valuta i contenuti del Bilancio di sostenibilità
2012 del Gruppo Egea?
7.Le chiediamo di indicarci se e come il Bilancio di
sostenibilità ha risposto alle Sue attese e aspettative:
Ottimo
Buono
Sufficiente Insufficiente
Completezza delle
informazioni
Verificabilità delle
informazioni
Infine La preghiamo di fornirci alcune informazioni su di Lei.
Rilevanza delle
informazioni
8.Genere
Uomo
Chiarezza espositiva
Chiarezza grafica
Donna
9.Età
Meno di 35 anni
35-55 anni
56-75 anni
Oltre 75 anni
4.Quali sezioni del Bilancio di sostenibilità ha trovato
più interessanti?
10. Comune di residenza:
Lettera agli Stakeholder
Nota metodologica
Impresa di sistema locale
Carattere multiutility
Performance, Valore Aggiunto e Stakeholder
Indicatori GRI NOTA METODOLOGICA
IMPRESA DI
SISTEMA LOCALE
CARATTERE
MULTYUTILITY
11. A quale categoria di portatori di interessi ritiene di
Obiettivi di miglioramento
Ottimo
LETTERA AGLI
STAKEHOLDER
Buono
Sufficiente
Insufficiente
appartenere?
PERSONALE
AZIONISTI
COMUNITÀ E TERRITORIO
FORNITORI
PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
FINANZIATORI
CLIENTI
Altro
Può compilare il questionario direttamente sul sito di EGEA, all’indirizzo http://www.egea.it/questionario/
In alternativa può inviarlo alla mail [email protected] o via fax al numero 0173 - 441104
Per informazioni: 0173 - 441155
La ringraziamo per la collaborazione. Il Suo contributo ci sarà utile per migliorare il prossimo Bilancio di Sostenibilità.
144
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
9 823 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content