close

Enter

Log in using OpenID

30 giugno 2015 pdf 63.7

embedDownload
IL COMUNE, ANNO XXXIV N. 6 - Periodico bimestrale
Poste Italiane - Tassa Pagata
Invii senza indirizzo DC/DCI/33972003/C Ravenna
Aut. del Trib. di Ra n. 689 del 27/8/1981
Sei mesi insieme
Si avvicinano le feste e, per un attimo, mi
giro e guardo al percorso fatto fin qui: la
presa in carico degli obblighi istituzionali,
la costituzione della giunta, le competenze
da condividere in Unione dei Comuni, le
numerose iniziative estive, la gestione
degli incidenti che purtroppo a volte succedono, le feste di settembre, la fiera biennale della Bassa Romagna, l'apertura del
nuovo anno scolastico, gli eventi promossi in centro assieme alla nuova rete d'impresa, i concerti all'auditorium, le celebrazioni dei primi di novembre, l'accreditamento della Casa Protetta, i matrimoni e i
tanti centenari festeggiati, la gestione del
patrimonio, le elezioni regionali, il rinnovo delle consulte di frazione, le tantissime
richieste dei cittadini, le preoccupazioni e
i problemi a cui non sempre purtroppo è
possibile dare immediata soluzione.
In questi primi mesi non sono certo mancati gli impegni e guai che così non fosse.
Nel susseguirsi incessante delle cose che
succedono ogni giorno è però importante non perdere la direzione, ovvero l'idea
di Fusignano che insieme vorremmo
ritrovare o conquistare per il futuro.
Parlo al plurale perché il governo di una
comunità non è mai una sfida individuale ma sempre collettiva. Una sfida che
non coinvolge solo la giunta e gli uffici
comunali, che ringrazio per le competenze e l'impegno messi al servizio di tutti,
ma che deve avere come protagonisti
attivi i cittadini, le imprese e le associa-
Ben tornato
Don Marco Corradini
DAL 6 DICEMBRE TORNA
ALLA GUIDA DELLA
NOSTRA PARROCCHIA
WWW.COMUNE.FUSIGNANO.RA.IT
zioni perché è solo così che si possono
conquistare le cose importanti.
Fusignano è una comunità che, nonostante il perdurare di “quella crisi che
rende più difficile le cose”, continua a
mettersi in gioco, continua a cercare e
realizzare occasioni per valorizzare le
proprie capacità e le proprie passioni,
continua a darsi una mano per affrontare insieme le difficoltà.
E' questa la Fusignano che ho trovato,
che vorrei ritrovare anche in futuro e
sono sicuro di non essere il solo.
Sono consapevole di quanto sia difficile e
complesso oggi gestire un'attività, ma
sono altrettanto convinto che è proprio
con le capacità e la caparbietà del “fare
impresa” che si possano portare sul territorio quelle opportunità e quel lavoro
fondamentali per far crescere una piccola
comunità come la nostra. La sfida intrapresa con la notte green e con la rete d'impresa di commercianti e artigiani, gli stimoli colti e lanciati alle nuove generazioni, il coinvolgimento attivo nella gestione
dei servizi, la sostenibilità e l'innovazione
verso cui indirizzare gli investimenti sono
le prime azioni con cui l'amministrazione
comunale sta facendo la propria parte per
aiutare e sostenere le imprese e la stessa
comunità a mettersi in gioco.
E' così che a Fusignano e nella Bassa
Romagna abbiamo deciso di affrontare
l'impegnativa sfida che ci attende. Una
sfida per nulla scontata ma che, affrontata insieme e con tenacia, sono convinto
che potrà portarci alla conquista del
futuro che meritiamo.
Ne approfitto per rivolgere a tutti voi il
mio più caro augurio di Buone Feste!
Il Sindaco
Nicola Pasi
FUSIGNANO, DICEMBRE 2014
Mirco Bagnari
eletto in Consiglio
Regionale
Stefano Bonaccini è il nuovo presidente della
Regione Emilia-Romagna. Alla tornata elettorale dello scorso 23 novembre ha ottenuto il
49,05% dei voti. Alan Fabbri (candidato per
Lega Nord, Forza Italia e Fratelli d’Italia) ha
ottenuto il 29,85% dei voti, Giulia Gibertoni
(candidata del MoVimento 5 Stelle) ha ottenuto il 13,30% dei voti, Maria Cristina
Quintavalla (lista civica L’altra Emilia romagna) ha ottenuto il 4% dei voti. Non hanno
superato la soglia del 4%, e quindi non hanno
ottenuto seggi, Alessandro Rondoni (NCD,
UDC, Emilia-Romagna Popolare) e Maurizio
Mazzanti (lista civica Liberi Cittadini).
Molto bassa l’affluenza, che si è attestata al
37,67% (alle Regionali del 2010 fu del
68,06%). Sono sopra la media i risultati nella
provincia di Ravenna, dove l’affluenza è
stata del 41,31%. Per quanto riguarda i
Comuni della Bassa Romagna, la media è
stata del 42,55%; la più alta si è registrata a
Bagnacavallo (47,44%), la più bassa a Massa
Lombarda (38,35%, comunque superiore alla
media regionale).
Tra i candidati alle elezioni regionali ottimo il
risultato dell'ex sindaco di Fusignano Mirco
Bagnari, già attivo e impegnato componente
della Giunta dell'Unione dei Comuni della
Bassa Romagna, che con 5.753 preferenze risulta il primo degli eletti al Consiglio regionale nel
collegio della provincia di Ravenna.
“Il primo dato su cui riflettere è certamente
l'astensione in una regione in cui la partecipazione è sempre stata un elemento caratterizzante - ha sottolineato il presidente dell’Unione dei
Comuni della Bassa Romagna Luca Piovaccari
-. Questo obbliga la politica a porsi delle
domande, è necessario recuperare fiducia nelle
istituzioni, un compito che spetta a tutti coloro
che fanno politica e che svolgono un ruolo nelle
istituzioni. Detto ciò, esprimo grande soddisfazione per l’elezione di Mirco Bagnari, persona
radicata nel territorio, la cui esperienza è riconosciuta e stimata da cittadini e imprese. Mirco
ha contribuito alla creazione dell’Unione dei
Comuni, è un eccellente rappresentante di questo territorio e ora saprà interpretarne le esigenze in Regione, valorizzandone le peculiarità e le
eccellenze. Un imbocca al lupo oggi va a lui, al
presidente Stefano Bonaccini e a tutti i nuovi
consiglieri della Regione”.
ELEZIONI REGIONALI 23/11/2014
Concessione
nuovi loculi
e ossari cimiteriali
A partire dal 12 gennaio 2015 sarà possibile prenotare i loculi cimiteriali che
saranno disponibili nel blocco di prossima costruzione. Maggiori informazioni a pagina 3.
Tra i candidati alle elezioni Regionali ottimo il risultato dell'ex Sindaco di Fusignano Mirco
Bagnari, già attivo e impegnato componente della Giunta dell'Unione dei Comuni della
Bassa Romagna, che con 5.753 preferenze risulta il primo degli eletti al Consiglio Regionale
nel collegio della provincia di Ravenna.
2
•
La Bassa Romagna
predispone
la microzonizzazione
di III livello
L'Unione dei Comuni della Bassa
Romagna, in collaborazione con la Regione
Emilia Romagna, ha avviato una campagna
di indagine specifica sul sottosuolo atta a
definire, approfondire e completare la cosiddetta “microzonazione sismica di III livello”. Scopo di tale indagine è di acquisire
ulteriori e approfonditi elementi conoscitivi
sulle caratteristiche geofisiche e geomorfologiche del territorio, individuare con precisione le aree a maggior rischio di liquefazione ed eventualmente programmare le apposite misure di sicurezza preventiva e strategica
che ne possono derivare. Queste rilevazioni
servono per costruire una mappa aggiornata
sulla probabilità che si verifichino casi locali
di liquefazione delle sabbie in conseguenza di
un eventuale evento sismico.
Nei nove Comuni dell'Unione sono previsti
complessivamente 170 rilievi circa, di cui 50
sono sondaggi geognostici, 100 sono misurazioni di microtremori e 20 sono gli stendimenti per misure geofisiche in array.
L'attività di microzonazione consiste nella
individuazione in ogni comune delle zone in
cui effettuare rilievi di tipo geognostico e geofisico consistenti in alcune perforazioni del
suolo (diametro variabile da 4 a 15 cm e profondità massima da 30 a 50 m), nell’utilizzo
di sensori che misurano i microtremori attraverso un apparecchio simile ad una scatola da
scarpe (dimensioni pari a circa 10 x 20 cm)
appoggiato al terreno e nella stesura di cavi
superficiali (stendimenti con dimensioni
massime sino a circa 80 m lineari o incrociati) collegati a una serie di sensori (geofoni) di
dimensioni decimetriche appoggiati o infissi
nel terreno. Non si farà ricorso all'uso di
micro cariche esplosive, non si produrranno
rumori improvvisi eccetto occasionali colpi di
mazza al suolo utilizzati all’occorrenza per
creare segnali registrabili nel sottosuolo.
Saranno utilizzate tecniche non pericolose
per le persone, gli animali e la stabilità degli
edifici. Ogni singolo rilievo avrà una durata
limitata nel tempo (da alcune decine di
minuti per le prove geofisiche sino a una,
massimo due giornate di lavoro, per le attività di perforazione).
La maggior parte dei rilievi sarà effettuata
su suolo pubblico. In caso di interventi in
aree private i proprietari saranno preavvisati in tempo utile e debitamente informati
dall'Amministrazione comunale di riferimento. Le ditte incaricate sono la Sogeo Srl
di Lugo per sondaggi e un gruppo di professionisti incaricati (RTP) per l'elaborazione
dei dati, i test geofisici in foro e quelli superficiali tramite microtremori e stendimenti in
array. La liquefazione delle sabbie sotterranee è un evento già noto, manifestatosi come
si ricorderà in occasione dei terremoti che nel
2012 colpirono vari comuni delle provincie
di Ferrara, Bologna e Modena. In tale occasione si osservarono questi fenomeni causati
dalla fluidificazione dei banchi di sabbie sotterranee e talvolta dalla loro risalita in
superficie.
La liquefazione si manifesta quando le stratificazioni sabbiose del terreno sono sottofalda e per effetto dell'azione sismica determinano un incremento degli effetti sulla struttura, la stabilità ed in generale sulla capaci-
dall’Unione
tà di resistenza degli edifici. È perciò un fenomeno che deve essere preventivamente valutato e approfondito, soprattutto per le nuove
edificazioni e per le aree di nuova urbanizzazione. Si tratta di una criticità che le amministrazioni locali vogliono superare rapidamente per garantire condizioni di maggior sicurezza ai cittadini, alle imprese e al territorio.
L'intervento di microzonazione sismica di III
livello viene realizzato in attuazione
dell’Ordinanza Dipartimento Protezione
Civile n. 52 del 20/02/2013 e della
Deliberazione GR RER n. 1919/2013.
L'Unione dei Comuni della Bassa Romagna
è stata individuata come territorio “guida”
per lo sviluppo di questa attività a livello
regionale e, al riguardo, ha ricevuto un contributo dalla Regione Emilia-Romagna di
137.500 euro per l'effettuazione dei lavori (il
più alto finanziamento concesso in regione).
Ulteriori informazioni sono reperibili presso
il Servizio Sismica dell'UCBR –
Tel.0545.38301, oltre che sui siti web
dell'Unione e dei singoli Comuni.
Parte il servizio
delle guardie zoofile
volontarie
Dallo scorso mese di ottobre è attivo il servizio di controllo da parte delle guardie zoofile
volontarie. Tante le funzioni affidate alle
guardie, che supporteranno - per ora in via
sperimentale - l’operato della Polizia municipale: protezione e tutela del benessere animale e dell’ambiente, anagrafe canina, detenzione di animali, randagismo e maltrattamento/malgoverno animali, incolumità pubblica
da aggressione, bocconi avvelenati, allevamenti di animali d'affezione, oasi e colonie
feline, igiene urbana. Le guardie hanno inoltre il compito di controllare l’applicazione
delle buone norme di comportamento all'interno delle aree pubbliche, in particolare in
quelle maggiormente soggette al rilascio di
deiezioni canine o problemi comunque legati
alla conduzione di animali domestici nelle
aree verdi e a cattive abitudine da parte dei
padroni.
Ricordiamo che l'omessa raccolta di deiezioni
canine (o anche solo non avere con se idonei
strumenti per la raccolta delle deiezioni) è
sanzionabile per legge, così come l'omesso
uso del guinzaglio e della museruola (€ 50).
E' molto importante rispettare queste semplici norme per rendere più tollerabile la presenza degli amici a quattro zampe nelle città,
per promuovere la cura ed il rispetto degli
spazi pubblici ed anche la sicurezza di tutti.
Le guardie, in conformità con le norme
vigenti, hanno un compito essenzialmente
preventivo, al fine di promuovere l’educazione alla convivenza e il rispetto della legalità,
la mediazione dei conflitti e il dialogo tra le
persone. Ma in materia di protezione degli
animali, i volontari possono svolgere compiti
di agenti accertatori. Tutte le guardie sono
munite di decreto prefettizio a guardia giurata, rilasciato dalla Prefettura di Ravenna.
Il servizio è svolto parallelamente da due
associazioni: ANPANA onlus (Associazione
Nazionale Protezione Animali Natura
Ambiente - Sezione di Ravenna) che opera
nei territori dei comuni di Bagnacavallo,
Bagnara di Romagna, Massa Lombarda; l’associazione onlus Corpo Guardie Zoofile e
dell’Ambiente di Lugo, che è attiva nei comuni di Alfonsine, Cotignola, Conselice,
Fusignano, Lugo e Sant’Agata sul Santerno.
Le Guardie Zoofile opereranno sotto il coordinamento del Comandante della PM
dell'Unione e secondo un programma di
lavoro che verrà stilato periodicamente sulla
base delle esigenze sia di carattere repressivo
che preventivo.
La cimice asiatica
Halyomorpha halys
Continua a diffondersi la cimice asiatica
Halyomorpha halys, trovata nel 2012 nelle
zone di Modena e Bologna. L'insetto ha già
causato gravi danni in alcune aziende agricole e in particolare alle coltivazioni di frutta.
Il servizio fitosanitario della Regione EmiliaRomagna, in collaborazione con l'Università
di Modena e Reggio-Emilia sta effettuando
un monitoraggio per verificare l'effettiva consistenza e diffusione di questa specie nel territorio regionale. Anche le segnalazioni dei cittadini possono fornire un contributo utile alle
indagini in corso.
Pertanto la Regione Emilia-Romagna invita
tutti a prestare particolare attenzione alle
cimici che entrano nelle abitazioni, nei
magazzini e in altri edifici e a segnalare quelle con caratteristiche riconducibili alla
Halyomorpha halys al Servizio fitosanitario o
all'Università di Modena e Reggio-Emilia
utilizzando l'apposito modello (reperibile
anche sul sito www.comune.fusignano.ra.it)
inviandolo, possibilmente corredato di foto, ai
seguenti indirizzi: Lara Maistrello
(Università di Modena e Reggio-Emilia)
[email protected];
Massimo
Bariselli (Servizio fitosanitario regionale)
[email protected]
La cimice è marmorizzata nei toni del grigio
e del marrone, lunga da 12 a 17 mm. E' completamente innocua per l'uomo e gli animali
(non punge e non trasmette malattie). Ha un
alto potere infestante e potrebbe in poco
tempo invadere frutteti, orti e aree verdi danneggiando piante coltivate e spontanee.
Un marchio “slot free”
contro il gioco patologico
È partita la fase operativa del Piano integrato per il contrasto, la prevenzione e la riduzione del rischio di dipendenza
dal gioco patologico 2014-2016 della Regione EmiliaRomagna. Il Piano prevede il coinvolgimento dei Comuni e
degli esercizi commerciali per la diffusione di un apposito
marchio, una vetrofania con il marchio “Slot Free ER” (e lo
slogan: “Dove il gioco d’azzardo non c’è si vive meglio”), da
esporre in bella vista nei locali che aderiranno. In questo
modo, i cittadini possono riconoscere e scegliere un locale
dove non ci sono slot machine o totem per il gioco on line.
Per ottenere il marchio è sufficiente compilare l'apposito
modulo (scaricabile anche sul sito www.comune.fusignano.ra.it) e farlo pervenire allo Sportello
Unico per le Attività Produttive (SUAP) dell'Unione dei Comuni della Bassa Romagna anche
a mezzo Pec all'indirizzo [email protected], o via fax al n° 054538371.
Per gli esercenti che aderiranno, esporre il marchio significherà che nel proprio locale non sono
mai stati installati apparecchi da gioco (slot machine, VLT, totem telematici od apparecchi simili) che permettono vincite in denaro oppure che gli apparecchi che erano presenti sono stati
disinstallati. L'iniziativa si inserisce nel programma di attività già avviate negli anni passati,
sia dall'Unione dei Comuni della Bassa Romagna sia a livello regionale, per contrastare il fenomeno crescente del gioco patologico. Nel 2013 la Bassa Romagna ha infatti avviato una corposa campagna di sensibilizzazione sull'argomento, portando il tema all'attenzione della cittadinanza tramite l'adesione al “Manifesto dei Sindaci per la legalità contro il gioco d’azzardo” e
alla campagna di raccolta firme “1000 piazze contro il gioco d’azzardo”, per sottolineare la
necessità non solo di una nuova legge quadro nazionale sul gioco d’azzardo, ma anche di leggi
regionali specifiche e dell'opportunità di conferirne ai Sindaci il potere di programmazione,
controllo e ordinanza sui temi del gioco d'azzardo. In Emilia-Romagna, nel 2013, questo fenomeno (che ha prodotto un fatturato di circa 6 milioni di euro) ha comportato l’assistenza di
1.102 persone da parte dei SerT delle Aziende Usl. Un dato, questo, fortemente in crescita; si
stima, inoltre, che i giocatori totali siano circa 10mila. Il gioco d’azzardo è la terza industria italiana, con circa 80 miliardi di fatturato pari al 4% del Pil nazionale, 5.000 aziende, 120.000
addetti, 400.000 slot machine, 6.181 punti gioco autorizzati, oltre il 15% del mercato europeo
e oltre il 4,4% del mercato mondiale, il 23% del mercato mondiale del gioco online. Nel
2011 sono stati giocati 79.814 miliardi di euro, 70.262 miliardi nei primi 10 mesi del
2012, il 12% della spesa delle famiglie italiane. Sono 15 milioni i giocatori abituali, 2
milioni quelli a rischio patologico, circa 800.000 i giocatori già malati. Sono necessari 56 miliardi l’anno per curare i dipendenti dal gioco.
attualità
blocco al fine di costituire una “riserva”;
- le domande verranno accettate fino ad esaurimento dei loculi disponibili.
Si coglie l'occasione per ricordare che i concessionari dei loculi e degli ossari cimiteriali sono responsabili della gestione e della manutenzione delle relative lapidi di proprietà. Per ulteriori informazioni è
possibile contattare l'Ufficio Servizi Cimiteriali al
numero 0545.955664.
Sezione lavori
In questi ultimi tempi si è dedicata particolare
attenzione all'area cimiteriale attraverso una rivalutazione di tutta la zona. Oltre all’acquisizione di
nuovi terreni, finalizzati alla realizzazione di nuovi
loculi e ossari, il primo novembre è stato presentato ed esposto presso la bacheca del cimitero il progetto relativo al rifacimento del parcheggio, i cui
lavori sono partiti a fine novembre con obiettivo di
ultimazione a primavera 2015. E' stato inoltre
avviato il ripristino dell'aiuola della pista ciclabile
di via Cantagallo con la piantumazione di cipressi.
Il 2 novembre scorso, in occasione della commemorazione dei defunti, è stata riaperta la chiesetta
monumentale del cimitero, ideata dall'Architetto
Tomba nel 1842, che da tempo era rimasta chiusa.
A tal fine è sono stati necessari lavori di pulizia dell'area oltre a piccoli ripristini sia dell'edificio sia
delle corti annesse.
È intenzione dell'amministrazione utilizzare il
ricavato che deriverà dalle vendite dei loculi e
degli ossari di prossima costruzione, oltre che
per il rientro dei costi di esecuzione, per la realizzazione di opere di manutenzione e ripristino
del cimitero.
Assessore Andrea Minguzzi
Concessione nuovi loculi
e ossari cimiteriali
A partire dal 12 gennaio 2015 sarà possibile prenotare i loculi cimiteriali che saranno disponibili nel blocco di prossima costruzione. Gli interessati dovranno
presentarsi presso l'Ufficio Servizi Cimiteriali
(municipio - primo piano) dalle ore 8.30 alle ore
12.30 muniti di una marca da bollo da € 16,00.
Nella prenotazione dei loculi cimiteriali si terrà
conto dei seguenti criteri/modalità:
- il richiedente sceglie liberamente la posizione e la
fila dei loculi che intende avere in concessione;
- ogni richiedente potrà ottenere la concessione di
non più di due loculi vicini (in senso orizzontale o
verticale);
- almeno una delle persone che il richiedente individua come destinatario della sepoltura deve compiere il 60° anno di età entro il 2015, fatta eccezione per le salme di persone sepolte in via provvisoria
in loculi avuti a prestito dal Comune o da privati;
- il richiedente dovrà provvedere al pagamento del
50% della spesa entro 7 giorni dalla domanda di
prenotazione, mentre il saldo dovrà essere versato a
fine lavori;
- la concessione sarà regolata da apposito contratto le cui
spese (bolli, diritti) saranno a totale carico del richiedente;
- l'amministrazione si riserva il diritto di bloccare
la concessione di una parte dei loculi del nuovo
I soggetti beneficiari sono le imprese intenzionate a
realizzare nella Provincia di Ravenna interventi di
attivazione di nuovi servizi di connettività a banda
ultra larga con velocità pari almeno a 30Mbps in
ricezione. Le domande di contributo vanno presentate entro il 31/12/2014 su apposito modulo allegato al bando (compilabile anche on line) e scaricabile dal sito della Camera di Commercio di Ravenna
all'indirizzo www.ra.camcom.gov.it nella sezione
“contributi”.
Differenziare serve: sale al
93,8% il recupero dei rifiuti
raccolti
Bonus Acqua: c’è tempo
fino al 31/01/15
L'Agenzia Territoriale dell'Emilia-Romagna per i
Servizi Idrici e Rifiuti (ATERSIR) ha approvato il
Regolamento “Agevolazioni tariffarie alle utenze
deboli del servizio idrico integrato” che prevede la
concessione di agevolazioni sulla bolletta dell'acqua
per gli utenti del servizio idrico che si trovino in
condizioni di disagio economico.
Le agevolazioni sono rivolte ai cittadini, residenti
nei Comuni dell'Unione, in possesso dei seguenti
requisiti:
- attestazione I.S.E.E. non superiore ad € 10.000;
- essere utenti domestici con un contratto di fornitura dell'acqua diretto o condominiale.
L'agevolazione, calcolata in base al numero dei
componenti il nucleo familiare anagrafico e al valore dell'Attestazione I.S.E.E., è riconosciuta come
uno sconto direttamente in bolletta. La richiesta di
agevolazione deve essere presentata dall'intestatario dell'utenza o da altra persona del nucleo familiare anagrafico allo Sportello Sociale-Educativo del
Comune di residenza, dove è anche possibile avere
informazioni più dettagliate sui requisiti e le modalità di quantificazione ed erogazione delle agevolazioni. Gli orari di apertura al pubblico dello
Sportello Socio-Educativo di Fusignano sono i
seguenti: lunedì, martedì, mercoledì e venerdì dalle
ore 9,00 alle ore 13,00, sabato dalle ore 8,30 alle ore
12,30 (giovedì chiuso).
Il termine, previsto dal Regolamento, per la presentazione delle domande è stato prorogato fino al 31
gennaio 2015.
Entro tale data è possibile presentare richiesta di
agevolazione per due annualità, il 2013 e il 2014.
Bando incentivi per la banda
ultra larga e la connettività
di rete
Nell'ambito delle iniziative promozionali volte a
favorire lo sviluppo del sistema economico locale, la
Camera di Commercio di Ravenna intende sostenere la domanda di tecnologia legata alla diffusione
della banda ultra larga come condizione necessaria
per lo sviluppo e la diffusione di servizi innovativi.
• PREVENTIVI GRATUITI
• PROGETTAZIONE DI CUCINE
COMPONIBILI E COMPOSTE
• CAMERE DA LETTO MATRIMONIALI
• CAMERE DA LETTO SINGOLE
COMPONIBILI
• DIVANI E POLTRONE
• SOGGIORNI E PARETI ATTREZZATE
• MATERASSI NATURALI
Lo scorso mese di novembre è stata presentata la
quinta edizione del rapporto “Sulle tracce dei
rifiuti”: dati e mappe per scoprire dove va a finire
la raccolta differenziata, che nel ravennate è già
arrivata a quota 58,2%.
Tracciare la filiera del riciclo, dare garanzie sull’effettivo recupero dei rifiuti, rendere chiaro il processo che si attiva grazie allo sforzo dei cittadini
nel fare la raccolta differenziata. Sono questi gli
obiettivi del report con cui il Gruppo Hera illustra
ogni anno i dati sull’effettivo avvio a recupero dei
rifiuti raccolti in modo differenziato.
Uno sforzo di trasparenza verso la comunità
locale, per mettere in luce il forte impegno sul
fronte della sostenibilità, che si snoda durante
tutto il processo di gestione dei rifiuti: dalla
raccolta fino al processo che permette di dare
nuova vita ai materiali che la società scarta.
Quella del recupero è infatti una filiera chiave
della cosiddetta green economy, tra i settori più
promettenti per il futuro dell’economia italiana,
europea e mondiale. Secondo i dati contenuti in
“Sulle tracce dei rifiuti”, in Emilia-Romagna e
nel Nord Est, i risultati parlano chiaro: nel
2013 è stato recuperato il 93,8% di verde, organico, carta, plastica, vetro, legno, metallo e
ferro. Un dato in leggero miglioramento rispetto al 2012, quando si è recuperato il 93,5%. In
media, dunque, la quantità di rifiuti scartata
dagli impianti nel processo di recupero (perché,
ad esempio, non idonea a essere riciclata o
inquinata da corpi estranei) è di appena il
6,2%. In totale gli impianti di recupero coinvolti sono ben 191, di cui 47 collocati nel territorio servito dal Gruppo Hera e, in particolare,
7 nel ravennate (in prevalenza impianti di
recupero del verde): attraverso l’impegno nella
raccolta differenziata da parte dei cittadini alimentano il settore della green economy dedicato al recupero.
Dall’analisi dei dati, anche quest’anno verificati
dall’ente di certificazione indipendente DNVGL, si nota subito che il materiale che si può
recuperare totalmente è il ferro: se ne raccolgono
2,3 kg per abitante e il 100% viene reimmesso
sul mercato o trasformato per il riuso nelle industrie metallurgiche o nelle acciaierie. Anche del
verde si recupera tantissimo: nel 2013 nel territorio gestito da Hera il 96,6% di sfalci e potature hanno trovato nuova vita negli impianti di
compostaggio producendo fertilizzanti e terricci
o, in misura minore, in impianti a biomasse producendo energia rinnovabile. Il legno è stato
recuperato per il 97,3% (sui 18,1 kg raccolti per
•3
abitante) ed è servito a produrre pannelli, cippato o pellet. La plastica, in particolare, viene recuperata all’87% (nel 2012 era all’84,9%), mentre
il recupero della carta viaggia ora intorno al
93,8% (sui 61,6 kg raccolti per abitante).
L’organico si attesta al 91,5% (con 48 kg annuali per abitanti), il vetro al 94,1%. Infine, i metalli come gli imballaggi in alluminio, acciaio e
banda stagnata, al 94%.
Il miglioramento della percentuale di rifiuti
recuperati è legata anche ai buoni progressi della
raccolta differenziata: nelle province dell’EmiliaRomagna servite da Hera il dato ha già raggiunto nei primi 9 mesi del 2014 il 54%, in aumento
di oltre un punto percentuale rispetto allo stesso
periodo del 2012 e di oltre 10 punti percentuali
sopra la media nazionale (43,3%). Nel territorio
ravennate a settembre 2014 la raccolta differenziata è arrivata al 58,2% e in soli 9 mesi ha già
raggiunto il risultato dell’intero 2013 (58,1%).
La regione Emilia-Romagna, con 142 kg pro
capite, è al primo posto in Italia per raccolta di
frazione organica, materiale considerato un indicatore importante per valutare la diffusione e l'efficacia della raccolta differenziata nel suo complesso. Emilia-Romagna ed Hera sono ai vertici
anche per la raccolta pro capite di carta, plastica,
legno e metalli. Le alte rese della raccolta differenziata sono dovute, in particolare, all’assimilazione e alla capillarità dei servizi presenti con differenti modelli di raccolta per i vari target di utenza e i diversi fabbisogni. Lo scorso anno nel territorio servito da Hera la spesa per il servizio di
igiene urbana di una famiglia media di 3 persone
in una casa di 80 mq è stata di circa 236 euro.
Grazie a una raccolta differenziata di qualità, è
stato stimato per il 2013 un risparmio di circa 24
euro per famiglia, pari al 10% della bolletta. La
legge prevede, infatti, che dai costi del servizio di
raccolta differenziata, che vanno a comporre le
tariffe, vengano detratti sia i contributi che gestori e Comuni ricevono dal Conai (Consorzio
nazionale imballaggi) sia i ricavi derivanti dalla
vendita del materiale. Il Conai, che non ha fini di
lucro e si occupa di avviare a effettivo recupero i
rifiuti di imballaggio, si finanzia tramite i contributi delle aziende che producono imballaggi e la
vendita dei materiali raccolti. In questo modo,
può riconoscere a Comuni e gestori dei contributi economici utili a sostenere la raccolta differenziata. Maggiori sono le quantità e la qualità dei
rifiuti raccolti in modo differenziato e ceduti al
Conai, più alta sarà la cifra percepita da Comuni
e gestori, che potrà poi andare ad abbassare i costi
per il cittadino. Nel 2013 i ricavi ottenuti dal
Conai e dalla vendita dei materiali sono stati pari
23,6 milioni di euro, utili a coprire il 25% dei
costi per raccolta e recupero di carta e cartone,
vetro, plastica, lattine, legno e ferro. Separare
bene i rifiuti: fa bene all’ambiente e anche al portafoglio. Tutti i dati sono disponibili on line nella
sezione interattiva e navigabile dedicata a questo
tema all’indirizzo www.gruppohera.it/sulletraccedeirifiuti.
4
•
“Fusignano Natural
Style”: un nuovo modo
di vivere il centro
La prima edizione di Fusignano Natural Style
ha registrato una grande affluenza e molti
consensi da parte dei visitatori e degli
organizzatori, commercianti e altre realtà
appartenenti alla rete di imprese “Fusignano è
più”. Il centro della cittadina, con circa trenta
espositori, è stato letteralmente invaso da
eventi e attività di strada all’insegna del
benessere, per trasmettere qualche idea su
come migliorare la nostra qualità di vita con
alcune soluzioni legate allo stile naturale e allo
“stare bene”. Tutti hanno contribuito alla
riuscita di questa iniziativa, e per
commercianti, artigiani e associazioni è stata
sicuramente una importante vetrina in cui
promuovere e mettere in mostra i propri
prodotti e servizi. Ampio spazio è stato dato
alle attività all’aria aperta per bambini e
ragazzi, con otto associazioni sportive
presenti, una maratona in apertura della due
giorni di benessere con 140 giovani
partecipanti, e tante dimostrazioni di danza,
sport e Parkour. Largo riscontro anche nei
momenti a tema con alcuni grandi personaggi
dello sport, tra cui Paolo Botti e Alan
Marangoni con un ospite speciale, Arrigo
Sacchi, e il convegno “Sport e alimentazione”
con l’intervento dei medici specializzati in
alimentazione e sport Carlo Casadio e
Francesco Contarini. Per le vie della città
inoltre erano allestiti tanti spazi dove fare
attività di laboratori e giochi per bambini, tra
cui un percorso sensoriale coinvolgente e
stimolante per i più piccoli. Sono stati quasi
250 i bambini coinvolti nelle varie attività dei
due giorni. A decretare il successo della
manifestazione anche i piatti e gli aperitivi in
stile “natural” proposti da ristoranti, bar,
pasticcerie e ambulanti, molto apprezzati dai
visitatori per la riscoperta delle ricette della
tradizione e dei prodotti tipici naturali a km
zero. Con Fusignano Natural Style la città ha
inaugurato un nuovo modo di promuovere il
centro storico attraverso iniziative promosse
direttamente dagli operatori organizzati in
rete d'impresa. Un risultato importante che
conferma il valore aggiunto del “fare insieme”
tra commercianti, artigiani, volontariato e
Amministrazione comunale. Un lavoro
comune, coordinato da una cabina di regia
presieduta
dal
sindaco,
con
cui
l'Amministrazione
comunale
intende
programmare e sviluppare gli eventi e le
strategie di promozione del centro e delle
attività economiche per i prossimi anni.
Dolcetto o scherzetto?
Questo lo slogan con cui anche i bambini di
Fusignano
hanno
fatto
“baldoria”
festeggiando la notte di Halloween!! La festa,
che si è svolta venerdì 31 ottobre, è cominciata un
iniziative
po’ per “scherzo”,
quando, un gruppo di
genitori FUSI… hanno
pensato bene di ambientare la tradizionale
festa anglosassone nella
bellissima cornice del
parco Piancastelli, trasformandolo, con autentici e curati addobbi, in un
vero labirinto di insidie
che ha fatto rabbrividire
anche i bambini più
coraggiosi.
Il tutto è cominciato intorno alle 16.30 in
concomitanza con il suono della campanella che
determina la fine delle ore scolastiche pomeridiane,
quando moltissimi bambini hanno preso d’assalto
il parco e relativa strada chiusa al traffico. Streghe,
fantasmi, befane e buffe maschere pronti ad
inventarsi bizzarre “emotion” da intagliare nelle
zucche; per chi non aveva il costume a tema, è
bastato un piccolo passaggio dai trucca-bimbi per
entrare a far parte del clima della festa.
Inoltre, all’interno del parco, è stato allestito un
piccolo stand gastronomico condotto come sempre
dai fantastici genitori “FUSI de PANZA” con
menù tipicamente Romagnolo e un appetibile e
caldo vin brulè proprio a celebrare la fine della
stagione estiva e l’inizio dell’inverno… ormai alle
porte!!! La serata è proseguita con una tenebrosa
caccia al tesoro per tutti i bambini con prove
d’astuzia, abilità e di travestimento al fine di
arrivare alla scoperta del tesoro: un ricco pentolone
da strega pieno di leccornie e caramelle. Al
crepuscolo un gruppo di bimbi, accompagnati da
alcuni genitori-streghe, hanno fatto il giro per i
negozi e bar del paese recitando la famosa frase
“dolcetto o scherzetto” ricevendo in dono
caramelle e dolcetti. Sicuramente una festa ben
riuscita grazie alla collaborazione dei genitori,
dell’Amministrazione Comunale e di tutti i
volontari a cui sta a cuore la voglia di far divertire
i propri figli.
Il comitato genitori
dell'Istituto Comprensivo L. Battaglia
Una gita a Perugia
Un singolare evento ha coinvolto lo scorso 7
novembre il nostro paese. La città di Perugia
ha voluto illustrare, nella sede dove
lavorarono, l’opera di due artisti perugini zio
e nipote, Francesco Moretti e Ludovico
Caselli, autori di vetrate che richiamano una
tradizione che aveva caratterizzato le grandi
vetrate delle cattedrali medioevali. Si tratta
di una vera e propria bottega padrona di una
tecnica raffinatasi nel tempo e che grazie alle
mani dei due artisti ha lasciato significative
creazioni nel duomo di Arezzo, nella basilica
del Vignola di Santa Maria degli Angeli e in
una delle basiliche francescane di Assisi per
citare
monumenti
a
tutti
noti.
Nell’allestimento della mostra com-
memorativa i curatori, in parte discendenti
ancora titolari della celebre bottega, hanno
rinvenuto un disegno preparatorio di una
grande vetrata commissionata ai primi del
‘900 da “un certo Piancastelli Carlo di
Fusignano”. Ecco allora la richiesta al nostro
comune e l’attivarsi degli ex assessori Lino
Costa e Luisa Amaducci ma soprattutto della
figura di maggior spicco dal punto di vista
culturale che la nostra cittadina possa
vantare al momento: Giuseppe Bellosi.
Questi ha subito trovato presso il “Fondo
Piancastelli” che, come è noto, si conserva
alla biblioteca di Forlì, un intero carteggio
intercorso tra gli artisti e l’umanista
fusignanese con l’indicazione della
iconografia che il committente suggeriva. Si
tratta di una Annunciazione realizzata e
posta sull’abside della grande cappella già
dedicata appunto all’Annunciazione e che
Carlo Piancastelli volle sacrario della sua
famiglia. Dalla corrispondenza intercorsa
emerge stranamente come la committenza
dovette insistere per avere la presenza della
tradizionale Colomba-Spirito Santo mentre
gli artisti suggerivano il volto dell’Eterno
Padre tra l’arcangelo Gabriele e Maria. Da
una parte sembra sì una stranezza ma, a mio
modesto avviso, non vi sono testimonianze di
analoghe raffigurazioni o per lo meno sono
molto rare: forse sarebbe stato un unicum che
avrebbe dato più lustro all’opera stessa.
Una delegazione di trentun persone guidata
da Lino Costa e Giuseppe Bellosi ha quindi
presenziato all’inaugurazione della mostra,
accolta dai curatori della medesima e dalle
autorità con la massima cortesia. Non si può
comunque, come si è fatto da queste pagine
più volte, non mettere di nuovo in rilievo
come i fusignanesi lascino cadere in oblio il
Sacrario Piancastelli, una delle poche cose
presenti nel nostro territorio che ha un valore
storico, legato alla figura del grande
umanista e alla sua famiglia, ed artistico per
l’architettura, le ceramiche del grande
ceramista faentino Pietro Melandri e la
vetrata di cui si è parlato. Vorrei invitare a
visitarla e a fermarsi particolarmente sul
volto della Vergine.
Antonio Valgimigli
Fusignano è più... Natale
La rete d’imprese Fusignano è più, che unisce
oltre 70 attività commerciali del Comune di
Fusignano con lo scopo di promuovere il
patrimonio produttivo locale e aumentare
l’attrattiva del territorio, organizza in
occasione del periodo natalizio diverse
iniziative e attività speciali per vivere insieme
e in allegria questo periodo di festa. Le
iniziative si concentreranno principalmente
domenica 21 dicembre. Fra le attività in
programma ricordiamo i laboratori creativi
rivolti ai bambini per realizzare, a partire da
materiali di recupero, originali addobbi
natalizi che andranno ad abbellire le vetrine del
paese, Arte in bancarella, mercatini realizzati
da artisti con materiali di scarto e recupero per
dare ai rifiuti una seconda vita, Instagram
photo contest per documentare i momenti più
significativi del Natale a Fusignano
coinvolgendo tutti coloro che vi parteciperanno. Inoltre, un concerto di Natale con i
bambini della scuola di musica A.Corelli e
racconti di fiabe per far volare la fantasia e
scrivere insieme la storia di Fusiglio.
Per conoscere tutte le iniziative e il programma
dettagliato visita il sito www.fusignanoepiu.it.
Silvia Mengozzi
14 dicembre:
Swap party... libro!
In occasione della Giornata Internazionale
dei Diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza, il
Centro per le Famiglie, in collaborazione con
i Servizi Educativi della Bassa Romana e le
biblioteche, organizza lo swap party. Lo swap
party è soprattutto una festa, un momento
per stare insieme, leggere, ascoltare e fare
attività per i bambini. Lo swap è uno
scambio: sarà possibile portare libri per
l'infanzia già letti (o non più adatti al
proprio bambino) per scambiarli con altri. E'
un modo per fare acquisti a costo zero e per
allungare la vita alle cose. A ogni libro
portato verrà consegnato un gettone valido
come moneta di scambio. Tutti i libri
verranno sistemati sui tavoli e, al suono del
campanello, lo scambio avrà inizio! Nel
frattempo si potrà partecipare a laboratori,
giocare e fare merenda. I libri non scambiati
saranno lasciati in dotazione ai servizi del
territorio. Per maggiori informazioni è
possibile contattare il Centro per le Famiglie
Tel. 0545.38397 – 366.6156306.
Dicembre AVIS
mese del nuovo donatore
Nelle giornate di sabato 6, domenica 21 e
lunedì 22 dicembre, per vecchi e nuovi
donatori, sarà disponibile il calendario 2015
(da muro) realizzato con gli elaborati vincenti
eseguiti dai ragazzi delle scuole in occasione
del 12° concorso grafico dell'Avis provinciale.
iniziative
APPUNTAMENTI
Dal 30 novembre 2014 al 25 gennaio 2015
Bagnacavallo – Fusignano e Cotignola
SELVATICO TRE:
UNA TESTA CHE GUARDA
Ventotto artisti contemporanei e tre musei
su e intorno al volto, tra disegno e pittura.
Giovedì 11 dicembre, sabato 27 dicembre,
sabato 3 e 18 gennaio visite guidate alle tre
sedi della mostra con partenza da
Bagnacavallo. E' possibile lo spostamento
gratuito in pullman tra le tre sezioni della
mostra previa prenotazione obbligatoria.
Per le visite guidate non è necessaria prenotazione.
Info: URP – Tel. 0545.955653-668;
www.comune.fusignano.ra.it.
Dal 2 all'8 dicembre
Sede municipale
Corso Emaldi, 115
AVIS: NON SOLO SANGUE!
Mostra delle opere ammesse al 12° concorso indetto dall'AVIS provinciale.
Info: AVIS Tel. 0545.53462-630.
6 – 7 – 8 – 14 e 21 dicembre
Chiesa del Pio Suffragio – Piazza A. Corelli
ARTE SACRA
Esposizione delle opere del ceramista
Marco Vannini.
Info: Tel. 334.9306464.
Dal 6 dicembre 2014 al 18 gennaio 2015
Centro Culturale “Il Granaio”
TRA OCCHIO E MANO
Mostra delle scuole di arti e mestieri di
Fusignano,
Bagnacavallo,
Massa
Lombarda, Alfonsine e Cotignola e delle
sezioni didattiche dei musei MAR
Ravenna e MIC Faenza.
Info: URP – Tel. 0545.955653-668;
www.comune.fusignano.ra.it.
Domenica 7 dicembre ore 21.00
Auditorium A. Corelli - Corso Emaldi, 109
FEDERICO LECHNER
E SILVIO ZALAMBANI DUO
Il Duo, sax soprano e pianoforte, attivo già
da alcuni anni nei jazz club in Italia e in
Spagna, propone proprie composizioni
originali, d’impostazione jazzistica ma
dalla forte influenza folklorica latina e
spagnola, ed inevitabili sfumature argentine di tango e milonga.
Info: URP – Tel. 0545.955653-668;
www.comune.fusignano.ra.it.
Dall’8 dicembre al 6 gennaio
Spazio Cose Belle – Corso R. Emaldi, 51
TAVOLE IN FESTA
Esposizione di tavole allestite con servizi
Richard Ginori da collezione, tovaglie
ricamate, bicchieri di vario genere e argenteria, per... colorare la festa!
Lunedì 8 dicembre
Centro cittadino
È FESTA RAGAZZI !
Una festa di strada dedicata all’allegria
con tantissime iniziative: arte, musica,
gastronomia, festa del sabadone, mercatini natalizi e la tradizionale festa dei
Bambini. Si parte presto, al mattino con
l’accensione del fuoco di piazza Corelli e
il centro si anima con i colori del tradizionale MERCATINO della FESTA: oggettistica natalizia, modernariato, piccolo antiquariato e curiosità in mostra scambio per
tutto il dì. Al Parco Piancastelli un “rito
tutto romagnolo”: la Pcareja di maiale per
poi pranzare in compagnia. Alle 14,00,
per tutti i piccoli e grandi Amici: attorno
al GRANDE FUOCO DI PIAZZA
CORELLI. Alle ore 16,00 accensione dell’albero in Piazza Corelli con il nostro
Town Crier John Robinson. Iniziativa in
l'Associazione
con
collaborazione
Fusignano è più.
Info: URP – Tel. 0545.955653-668;
www.comune.fusignano.ra.it.
Lunedì 8 dicembre
ore 14.30
Centro Culturale
“Il Granaio”
TRADIZIONALE LABORATORIO
CON LAURA E BETTY
in occasione della mostra
“Tra occhio e mano”.
Info: URP – Tel. 0545.955653-668;
www.comune.fusignano.ra.it.
Lunedì 8 dicembre
La Bustina - Via Repubblica, 8
GIOCHI DI RUOLO
Partendo dal romanzo fantasy "Atlantica
- la genesi" l'autore, Giorgio Zanzi, ripropone le sue avventure sotto forma di
gioco di ruolo. Questo tipo di gioco riunisce ragazzi ed adulti di fronte ad un
tavolo e gli permette di vivere in prima
persona le avventure interpretando personaggi di fantasia, prendendo per lui le
decisioni ed assumendone le relative
responsabilità mentre il fato (il realizzarsi o meno degli eventi) è lasciato ai dadi.
Fatto in gruppo i vari giocatori sono stimolati alla mutua collaborazione per la
sopravvivenza del personaggio che
interpretano e per il comune successo.
Per partecipare bastano la voglia d'avventura e il coraggio di provare.
Info pagina facebook “il regno di
Atlantica”.
Giovedì 11 dicembreore 21.00
Auditorium A. Corelli - Corso Emaldi, 109
MORRIGAN'S WAKE
Il concerto è preceduto dal coro delle voci
bianche della scuola di musica A. Corelli.
Info: www.comune.fusignano.ra.it.
Venerdì 12 dicembre ore 20.30
Auditorium A. Corelli - Corso Emaldi, 109
SERATA IN ONORE
DI OLINDO SIROLI
Una serata di musica e poesia. Interverranno
il Gruppo Corale “A. Corelli”, i poeti
Margotti Adolfo e Marco Grilli.
Durante lo spettacolo AVIS premierà i
donatori benemeriti.
Info: www.avisfusignano.it; 320.4784030.
Sabato 13 dicembre ore 21.30
Cinema Teatro Moderno –
Corso Emaldi, 32
CONCERTO DI NATALE
Big Band Orchestra dei
Giovani di Ravenna in collaborazione con
la Scuola di Musica A. Corelli
Info: www.cinemateatrofusignano.it;
www.facebook.com/teatromodernofusignano; www.twitter.com/teatromoderno.
Sabato 13 e domenica 14 dicembre
Piazza A. Corelli
RACCOLTA FONDI TELETHON
Distribuzione cuori di cioccolato e sciarpe
a favore della campagna Telethon.
Domenica 14 dicembre
dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 18.00
Centro Culturale “Il Granaio”
SWAP PARTY LIBRO
Una festa-scambio dedicata ai libri per
bambini. Durante la giornata di swap è
possibile portare libri per bambini già letti
e scambiarli con altri. Inoltre momenti di
gioco, lettura e... merenda per tutti.
Info: Centro per le Famiglie 0545.38397 –
366.6156306.
Martedì 16 e mercoledì 17 dicembre
ore 20.30
Cinema Teatro Moderno - Corso Emaldi, 32
CANTI DI NATALE
16 dicembre V° scuola primaria e I° della
scuola secondaria di primo grado
17 dicembre II° e III° della scuola secondaria di primo grado
Info: www.cinemateatrofusignano.it;
www.facebook.com/teatromodernofusignano; www.twitter.com/teatromoderno.
Giovedì 18 dicembre
Cinema Teatro Moderno – Corso Emaldi, 32
La compagnia di operetta
“La Belle Epoque” presenta
RADIO AMICA
La storia di un paese attraverso i suoi
ricordi musicali con Dianora Marangoni,
Enrico Zagni, Vittorio Regina e Valentina
Domenicali.
Al pianoforte M° Giorgio Tazzari.
Info: www.cinemateatrofusignano.it;
www.facebook.com/teatromodernofusignano; www.twitter.com/teatromoderno.
Sabato 20 dicembre dalle
14.30 alle 20.30
Circolo Brainstorm
Piazza Corelli
NATALE SOTTO
L'ALBERO
L'a.s.d. D di Danza presenta le
attività dell'associazione: break dance,
danza classica, giocobimbi, giocodanza,
hip hop e danza moderna. Un'occasione
per conoscere di persona il mondo della
danza e informarsi sui corsi che da gennaio ripartiranno a pieno ritmo! Durante le
pause tra una lezione e l'altra si potrà consumare il rinfresco organizzato dai genitori
di ogni corso. Inoltre, per ogni bimbo presente che non fa parte della scuola, un piccolo pensierino per augurare buon Natale a
tutti!
Domenica 21 dicembre ore 16.30
Cinema Teatro Moderno – Corso Emaldi, 32
FESTA DELLA SCUOLA MATERNA
PARROCCHIALE
Domenica
21 dicembre
Centro storico
FUSIGNANO E' PIU'... NATALE
Tante iniziative per vivere assieme l'atmosfera del Natale con laboratori creativi per
bambini, arte in bancarella, instagram
photo contest, concerto di Natale con i
bambini della scuola di musica A.Corelli e
racconti di fiabe per far volare la fantasia e
scrivere insieme la storia di Fusiglio. Info:
www.fusognanoepiù.it.
Mercoledì 24 dicembre dalle 23.00
Piazza A. Corelli
NATALE PER LA PACE
Grande falò, vin brulè e panettone all'uscita
della S. Messa di mezzanotte, con la presenza della slitta di Babbo Natale e note natalizie. Iniziativa a cura dell'AVIS comunale.
Domenica 4 gennaio ore 16.30
Cinema Teatro Moderno - Corso Emaldi, 32
RASSEGNA TEATRO PER RAGAZZI
•5
Teatro del drago presenta PINOCCHIO
Spettacolo musicale per attori, pupazzi e...
un burattino di legno dalle tavole originali
di Alain Letort colorate da Gianni Plazzi.
Iniziativa offerta ai bambini da AUSER
Fusignano in occasione del tradizionale
festeggiamento parrocchiale dell'Epifania.
Info: www.cinemateatrofusignano.it;
www.facebook.com/teatromodernofusignano; www.twitter.com/teatromoderno.
Martedì 6 gennaio ore 15.30
Cinema Teatro Moderno – Corso Emaldi, 32
CONCERTO DI NATALE
DELLA CORALE A. CORELLI
Info: www.cinemateatrofusignano.it;
www.facebook.com/teatromodernofusignano; www.twitter.com/teatromoderno.
Venerdì 9 gennaio ore 21.00
Cinema Teatro Moderno – Corso Emaldi, 32
CONCERTO DEL DUO
WALTER PRONI e CLAUDIA GARAVINI
Melodie d'amore (il salotto di F. P. Tosti).
Info: www.cinemateatrofusignano.it;
www.facebook.com/teatromodernofusignano; www.twitter.com/teatromoderno.
Venerdì 16 gennaio ore 21.30
Cinema Teatro Moderno – Corso Emaldi, 32
MUSIC OF THE NIGHT
Will Weldon Roberson ed Eleonora Mazzotti
L'intensa fusione tra canto, danza e recitazione ha fatto di questo genere un trait
d'union tra diverse tradizioni musicali.
Info: www.cinemateatrofusignano.it;
www.facebook.com/teatromodernofusignano; www.twitter.com/teatromoderno.
Domenica 25 gennaio ore 16.30
Cinema Teatro Moderno – Corso Emaldi, 32
RASSEGNA TEATRO PER RAGAZZI
Teatro pirata presenta
CINDARELLA VAMPIRELLA
Info: www.cinemateatrofusignano.it;
www.facebook.com/teatromodernofusignano; www.twitter.com/teatromoderno.
Venerdì 30 gennaio
Cinema Teatro Moderno – Corso Emaldi, 32
Gli amici del Teatro di Cassanigo presentano la commedia dialettale
ME QUANT AM MARIDI ME
di Nato Stabile.
Info: www.cinemateatrofusignano.it;
www.facebook.com/teatromodernofusignano; www.twitter.com/teatromoderno.
Venerdì 13 febbraio ore 21.30
Cinema Teatro Moderno – Corso Emaldi, 32
BAND ON THE ROOF
Ottime notizie per i nostalgici fan dei
Beatles, per chi non ha mai avuto la fortuna di sentirli suonare dal vivo e soprattutto per gli ammiratori di Paul Mc Cartney.
Info: www.cinemateatrofusignano.it;
www.facebook.com/teatromodernofusignano; www.twitter.com/teatromoderno.
MILONGA E TE:
Incontri di pratica di Tango e cena con la
collaudata “spurtlaza”:
14 e 26 dicembre, 6 gennaio dalle 17.30
alle 23.30. Gli incontri proseguiranno
anche nei mesi successivi (due incontri
mensili). Per informazioni:
Tel. 338.6989327 oppure Tel. 335.471638.
CORSO DI TANGO:
Continua il corso di tango (principianti,
livello intermedio e livello avanzato) a
cura della scuola TangoRè di Bologna.
Per informazioni: Tel. 340.8253149 oppure [email protected]
6
•
LE REGOLE DELLA CASA
Ovvero cosa fare e cosa
non fare in Biblioteca
A Milano c'è una scuola primaria che si chiama Tito Speri. Qui i genitori hanno un ruolo
molto importante: infatti non solo collaborano
con la scuola nella gestione delle varie attività, ma gestiscono persino la biblioteca scolastica, alternandosi nell'effettuare i prestiti e nell'accogliere le classi. Questi “supergenitori”
della Tito Speri hanno pubblicato sul loro sito
internet (perché hanno fatto anche un sito
internet!) il “decalogo per bambini sull'uso
della Biblioteca”. La prima regola dice così:
"Per entrare in biblioteca per prima cosa
occorre aprire la porta. Una volta una classe
ha provato a entrare dalla finestra, ma sono
rimasti chiusi fuori e si è pure messo a piovere". Questa banale e ovvia regolina ci dice che
nell'uso della biblioteca e del libro forse diamo
per scontate alcune regole che scontate non
sono. E le regole sono, come sempre, poche ma
buone. Vorremmo proporvi quattro piccoli
comandamenti o consigli o istruzioni o come
volete chiamarli per un buon uso della biblioteca. Un bugiardino per far funzionare meglio
la medicina. Una guida all'ascolto.
Il silenzio (questo sconosciuto).
La biblioteca non è solo un luogo di lettura. È
un luogo di lettura “libera”, di tutti e per
tutti. La biblioteca, e anche l'angolo lettura al
nido o alla materna, possono essere luoghi di
lettura e di ascolto, ascolto libero, non ingabbiato dai banchi di scuola. Dove si può leggere stesi, seduti, coricati, nascosti, appollaiati,
di fianco, sul tappeto, sul pouf, sul divano, in
piedi. In biblioteca non c'è la rigidità dell'aula, ma per ascoltare ci vuole il silenzio. Perché
la lettura è un'attività che non richiede né
spettacolarizzazione (maschere, trucchi, travestimenti) né multitasking, ovvero si fa solo
quello, non si naviga in superficie ma si va giù
in profondità, nella storia, nei personaggi,
nelle figure. Leggere insegna ad essere “dentro” le cose. Ad essere lì con la testa, il cuore,
la pancia. Certo c'è anche il rumore: non ci
sono più le biblioteche di una volta, per fortuna (e per fortuna non ci sono più nemmeno
certi arcigni bibliotecari o bibliotecarie!). I piccolissimi che entrano in biblioteca abbattono
subito, giustamente, lo stereotipo per cui la
biblioteca è un luogo religiosamente silenzioso, dove parlare sottovoce, muoversi con passo
felpato strisciando lungo i muri; i piccolissimi
che entrano in biblioteca piangono, gorgheggiano, blaterano, sbavano, perdono il ciuccio,
seminano calzini, si trascinano orsetti e dinosauri, strillano, fanno la cacca. Accanto a loro
c'è la mamma che legge un libro alla bimba
più grande, oppure allatta; ci sono i nonni (i
santi nonni!) che accompagnano i nipotini
appena usciti dalla scuola materna, ci sono i
ragazzi delle medie che fanno una ricerca sui
minerali o sulla tettonica a zolle, c'è l'educatrice che sta scegliendo i libri per il progetto
che vuole fare per la sua sezione. Ma c'è anche
il momento del silenzio, dell'ascolto mentre il
bibliotecario o un genitore leggono. E chi legge
si mette in gioco, va rispettato. Va rispettato
comunicare
dai piccoli e dai grandi: provateci voi a leggere davanti ad una masnada di piccoletti ma
soprattutto di adulti! Non è facile per niente,
specie se si sente il ronzio fastidioso delle
chiacchiere che danno la stura a gossip e dintorni. La responsabilità del corretto comportamento dei bambini è pur sempre di chi li
accompagna, genitore o educatore o insegnante che sia.
Ricordiamoci che i bimbi guardano gli adulti,
apprendono per imitazione. Se anche non ci
guardano direttamente, captano tutto, imparano da noi. Se noi rispetteremo la lettura, i
libri e chi legge lo faranno con naturalezza
anche loro. L'amore per i libri si nutre anche
del nostro atteggiamento nei riguardi del
luogo e del momento della lettura.
Unicità di certi libri (ovvero libri diversamente abili).
Oggi l'editoria per bambini e ragazzi è molto
veloce, sforna circa 2.300 libri nuovi all'anno
che però spariscono subito dal mercato. Sono
moltissimi i libri di qualità che non si possono
più comprare, ma che si trovano in Biblioteca.
Qui si gioca l'importanza di una biblioteca:
certi libri si trovano solo lì, non si comprano,
non hanno prezzo. Spesso questi libri particolarmente preziosi sono riposti negli scaffali
più alti: non vuol dire che un utente debba
arrampicarsi sugli scaffali per raggiungere un
libro. Spesso i bibliotecari usano gli scaffali
più alti per i libri più particolari, solo in consultazione o di magazzino. Questo non significa nemmeno che un libro vada maneggiato
in punta di dita o con i guanti come se fosse
un codice miniato. Il libro va usato, sfogliato,
vissuto. Va sfruttato bene. Tant'è che ci sono
libri per bambini che suonano, che si sfiorano,
che si toccano, che sono morbidi, che vanno
persino nella vasca da bagno. I libri possono
anche sporcarsi, se si rompono accidentalmente si sostituiscono, se si fanno segni a matita si
cancellano. Con i libri si gioca. Ma vanno
sempre rispettati. Non si scarabocchiano, non
si strappano, non si lanciano per aria, non si
usano come vassoio per il pane e nutella. E
vanno restituiti possibilmente in tempo alla
biblioteca per far sì che altri possano goderne.
Il libro “vintage” (ovvero gallina vecchia
fa buon brodo).
Oggi il vintage va tanto di moda. Eppure a
volte capita che piccoli e grandi arriccino il
naso di fronte ad un librino vissuto. Allora
perché non insegnare ai bambini che un libro
vecchio, usato, sgualcito non va disprezzato,
al contrario, ha una lunga storia di prestiti?
Un libro vissuto è passato di mano in mano,
ha suscitato emozioni diverse, ha attraversato
tante vite, tante storie, ha fatto tanti viaggi, ha
aiutato altri bimbi ad abituarsi al vasino, a
dire ciao al ciuccio, a consolarsi, a dormire più
sereni, a superare certe paure. È bello portarsi
a casa un libro con le rughe, con gli acciacchi
degli anni, con una pagina un po' strappata,
un'illustrazione un po' sbiadita, la carta un
po' ingiallita, la copertina un po' staccata.
Queste imperfezioni rappresentano il valore di
quel libro. Rappresentano il piacere che ha
regalato a tante persone.
Il libro sullo scaffale (casa dolce casa).
In certi ristoranti la cucina non è nascosta, ma
è a vista. Favoloso. Tu arrivi, ti siedi tranquillo al tuo tavolo, ordini e segui la preparazione
del tuo spaghetto allo scoglio: vedi buttare gli
spaghetti nell'acqua bollente, segui la padella
con l'acquolina in bocca mentre si aprono le
vongole, mentre i calamari sfumati nel vino
bianco sprigionano deliziosi profumini, osservi il coltello che velocissimo trita il prezzemolo, vedi rosolare ben bene gli scampi con i
pomodorini. Quando il piatto ti arriva caldo e
sfrigolante tu lo guardi con adorazione, lo
apprezzi di più perché ne hai seguito il percorso, la creazione. E te lo divori prima di tutto
con gli occhi.
Purtroppo in biblioteca tutto quello che c'è
prima che il libro arrivi sullo scaffale voi non
lo vedete. Peccato, perché è un percorso bello
lungo. Conoscerlo forse ci aiuterebbe a rispettare di più quella che nel gergo bibliotecario è
la “collocazione”, banalmente la posizione su
quel determinato scaffale. Allora proviamo a
rendere visibile ciò che è invisibile, la storia di
quel libro, come è successo che è divenuto
parte della biblioteca. Un libro non viene solo
riposto sullo scaffale. E il bibliotecario non è
solo quello che mette a posto i libri e brontola
se non li ritrova. Un libro attraversa un lungo
percorso di acquisizione nel quale si gioca la
professionalità del bibliotecario: che sceglie un
libro in base alle recensioni di riviste specializzate e ai desiderata degli utenti; dopodiché il
libro viene messo in ordine e comprato con i
soldi di tutti, viene catalogato in base ad un
programma molto sofisticato, collocato, etichettato, timbrato, entrando così a far parte
del patrimonio di una biblioteca e nel catalogo
on line nazionale delle biblioteche. Il lavoro del
bibliotecario, specie in una piccola biblioteca, è
molto vario: spesso ci sono al massimo due
bibliotecari per struttura; in questi casi i
bibliotecari sono come la dea Kalì, ovvero sono
factotum dalle mille braccia che si occupano di
organizzare l'ora del racconto, fanno gli elenchi degli acquisti per i fornitori, sistemano le
sedie per l'incontro di lettura, comprano i
pannolini in dotazione al fasciatoio del bagno,
telefonano all'assessore, cercano di far fronte
ai tagli di bilancio, cercano di capire le esigenze di utenti che chiedono "può trovarmi un
libro? So solo che ha la copertina gialla" oppure "può darmi un libro non troppo lungo, non
troppo impegnativo, allegro ma non stupido,
profondo ma non pesante e magari senza troppi personaggi che poi mi perdo?". I libri di
norma sono collocati in base al sistema
Dewey, un sistema di classificazione complicatissimo che solo quei pazzoidi dei bibliotecari potevano inventare. Il simbolo oscuro che
spesso trovate nell'etichetta indica non solo la
posizione ma anche il contenuto dunque è
determinante per orientarsi nella giungla dei
titoli e degli argomenti. Capìte allora che il
rispetto della collocazione è fondamentale non
solo per la salute mentale del bibliotecario ma
anche per voi: se chiedete un libro di giardinaggio, sul catalogo on line risulta disponibile e a scaffale non c'è perché il giorno prima
qualcuno l'ha preso e riposto a caso tra i libri
di storia contemporanea, che facciamo? La
biblioteca è la casa dei libri di tutti, libri pagati con i soldini di tutti. Dove ogni libro è un
po' di tutti. La biblioteca è anche un posto
dove ci si fanno delle domande, si cercano delle
risposte, si creano dei legami, ci si conosce, ci
si addomestica, come fa il Piccolo Principe con
la volpe: bibliotecario e lettori, a vicenda.
Tempo fa un ministro disse: con la cultura
non si mangia. Come se la cultura fosse un
lusso, che in tempi di vacche magre non ci si
può permettere. Ma pensiamo anche solo al
ruolo di “rassicurazione” che la fiaba ha per i
bambini. Con un libro si può sgonfiare la rabbia terribile di un bambino, si può lenire la
paura, si può instillare la fiducia nelle proprie
risorse interiori perché Pollicino e Cenerentola
alla fine ce la fanno sempre. E Hansel e Gretel,
insieme, sconfiggono la strega perché l'unione
fa la forza. E Nina riesce a rinunciare al suo
adorato ciuccio perché un lupo arrabbiato e
cattivo ne ha più bisogno, per essere più tenero (Christine Naumann-Villemin, “Il ciuccio
di Nina”, edizioni Il Castoro Bambini, 2003).
Forse la stessa cosa accade anche negli adulti.
Forse la cultura non è solo un insieme di cose
da fare solo in tempi di vacche grasse, ma è un
modo di fare, di pensare, di vivere, fondamentale persino, o forse soprattutto, nei momenti
di crisi.
P.s. Se vi siete sorbito tutto questo articolo,
potete risollevarvi leggendo “Un leone in
biblioteca” di Michelle Knudsen, edizioni
Nord Sud, 2007: è un libro non troppo lungo,
non troppo impegnativo, allegro ma non stupido, profondo ma non pesante e senza troppi
personaggi, che poi ci si perde.
Fulvia Tamburini
(bibliotecaria di Bagnacavallo),
M. Elisabetta Ancarani
(Bibliotecaria di Fusignano)
Omar Bonoli: il nostro
Rookie!
Omar Bonoli è un pilota della Red Bull
Rookies Cup 2015. In questa frase sono racchiusi il talento, l’impegno agonistico e il
merito sportivo che pochi giorni fa sono stati
riconosciuti ufficialmente al dodicenne di
Fusignano.
Erano più di 100 infatti, i candidati dal brillante curriculum provenienti da tutto il
mondo sul circuito andaluso di Guadiz (Spa)
per le selezioni al challenge internazionale che
si corre con Ktm 250 4t e che vede schierati i
Baby-piloti di età compresa tra 12 e 16 anni.
Per il centauro sostenuto attualmente dal
Team spagnolo FULL GAS, sono state determinanti le giornate di martedì e giovedì dello
scorso mese di ottobre per dimostrare, sia sull'asfalto bagnato, sia su quello asciutto, che
una delle due piazze disponibili per i portabandiera italiani all'edizione Red Bull
comunicare
Rookies Cup del prossimo anno era destinata
a proprio lui, l'alfiere più giovane tra tutti i
presenti: Omar Bonoli.
Per i non addetti al lavoro, questa è una storia che ricorda molto il racconto biblico di
Davide contro Golia: la storia di un bambino
molto giovane che proviene dalla classe 50cc
del Campionato Italiano (ovvero dalla categoria delle moto di formato ridotto) e che si confronta su campo straniero con una gigantesca
125c, mai guidata precedentemente, con i
migliori interpreti delle ruote alte.
La vita sportiva di Omar Bonoli è cambiata
nel momento in cui Peter Clifford, responsabile generale del trofeo che si corre in concomitanza al mondiale MotoGP (il campionato
di Valentino Rossi, tradotto con le parole di
Bonoli), ha pronunciato con accento anglosassone un confuso "Omar Bonoli from
Italy" (ammesso) che ha lasciato tutti senza
fiato prima, con le lacrime di gioia subito
dopo. In bocca al lupo piccolo campione, là
fuori c’è un “Mondiale” che ti aspetta.
Cris Favero
AAA coristi cercasi...
Da sempre i Cristiani si sono contraddistinti
per il loro "cantare", come gente che canta,
gente del canto. La lode cristiana ha ispirato
nella storia il cuore e la mente di tantissimi
compositori, i quali ci hanno regalato capolavori musicali di eccelsa bellezza.
Ma il cantare è, prima di tutto, un atto profondamente umano. E' importante cantare
per il cristiano perché è importante cantare
per l'uomo. Il canto è una forma altissima di
comunicazione. Con il canto comunichiamo i
nostri sentimenti più profondi tanto che a
stento sapremmo spiegare a parole ciò che
cantiamo con il cuore. Per questo
Sant'Agostino esclamava: "Chi canta prega
due volte!" Oltre al canto Gregoriano, che da
secoli rappresenta in primis il modo di cantare della Chiesa, la tradizione ha riservato un
posto di assoluto rilievo al canto polifonico,
cioè al canto eseguito a più voci: 3, 4, anche 8
voci distinte.
Cantare in polifonia e "a cappella" (cioè senza
l'accompagnamento di strumenti musicali) è
una esperienza davvero unica. Un po' come
accade in cucina, quando abbiniamo elementi
diversi fra loro per ottenere nuovi e sorprendenti sapori, nel canto polifonico, il rincorrersi e il sovrapporsi di melodie differenti crea
un'armonia che scavalca e trascende la semplice somma algebrica delle singole voci.
Sulla base di questi convincimenti, da qualche settimana, in Parrocchia a Fusignano, un
gruppo di amici si ritrova insieme per riscoprire, umilmente ma con determinazione, il
grande valore umano, artistico e religioso del
canto polifonico sacro.
Chiunque volesse unirsi a noi sarà il benvenuto. Non ci sono limiti di età. Solo alcuni
requisiti essenziali:
- Essere intonati (che non vuol dire essere dei
cantanti professionisti, ma semplicemente
saper riprodurre con sicurezza una melodia
dopo averla ascoltata alcune volte).
- Avere desiderio di mettersi in gioco.
Se sei interessato, anche solo a titolo informativo, puoi prendere contatto con Fabio al
numero 329. 9368497.
I Gemelli di Biddulph a
Fusignano
In ottobre, Fusignano ha avuto il piacere di
ricevere e ospitare dieci amici di Biddulph:
Mr John Robinson, Town Crier e presidente
della Biddulph Twinning Association accompagnato dalla moglie Sue, Mr e Mrs Cox, Mr
e Mrs Overy, Mr e Mrs Nevill, Mr e Mrs
Swift. Mr Graham Swift è l'attuale sindaco
di Biddulph. Le coppie sono state ospitate da
famiglie fusignanesi. I nostri amici inglesi
hanno molto apprezzato l'ospitalità e... la
buona cucina romagnola! Hanno visitato
Lugo, Comacchio, l'Enoteca del Cevico e
Ravenna. L'undici ottobre il comitato di
gemellaggio ha preparato una cena, in onore
degli ospiti, presso la Bocciofila. Mr e Mrs
Hall, in visita ad alcuni amici in forma privata, hanno accolto con molto piacere l'invito
ad unirsi al gruppo inglese. Un caloroso grazie a tutti coloro che ci hanno aiutato a realizzare questo importante evento e grazie a tutti
i fusignanesi che hanno partecipato alla cena.
Un ringraziamento particolare è rivolto al
nostro Sindaco, Nicola Pasi, e agli Assessori
Gemignani e Minguzzi per aver condiviso
questo importante momento. Abbiamo avuto
il piacere di avere tra noi anche il Comm.
Medardo Resta, Amanuense, che ha scritto,
in caratteri gotici, il nome di ogni ospite
inglese su un cartoncino e ne ha fatto dono a
ciascuno di loro. L’omaggio è stato molto
apprezzato!!
Lunedì 13 ottobre, il nostro Sindaco ha ricevuto in Municipio Mr Graham Swift, Mayor
di Biddulph e i rappresentanti dei due
Comitati. In questa occasione Mr Robinson
ha ricevuto, dal nostro Sindaco, l'investitura
Le foto di questo numero sono
dedicate all’iniziativa
“Fusignano Natural Style”
organizzata dall’Associazione
Fusignano è più.
di " Town Crier di Biddulph and Fusignano".
Lunedì sera il Comitato e le famiglie ospitanti hanno preparato un barbecue nella tenuta
"Terredure" del Sig. Giuseppe Minguzzi. E'
stata una serata piacevole, trascorsa in allegria, con il camino acceso e tante buone cose
da gustare. I giorni sono trascorsi in fretta e i
nostri amici sono dovuti ritornare al loro
paese. Ci siamo lasciati con la promessa di
rivederci presto. Anche Mr e Mrs Lyne, amici
carissimi e collaboratori del comitato inglese,
al ritorno da una vacanza in Francia, hanno
trascorso alcuni giorni a Fusignano, dove
hanno ricevuto calorosa accoglienza.
Fusignano e Biddulph sono gemellate dal
1987! In questo lungo periodo, le due comunità hanno sviluppato solidi legami di amicizia e collaborazione, destinati a durare nel
tempo. E di questo siamo veramente orgogliosi! Grazie a tutti!
Il presidente del Comitato di Gemellaggio
Alfreda Melandri
•7
I centenari di Fusignano
Fiori, regali e una bellissima torta hanno
arricchito la festa di compleanno organizzata mercoledì 1 ottobre presso la casa protetta
Giovannardi e Vecchi di Fusignano per i
cento anni dell'ospite Maria Boschi. Ai
festeggiamenti ha partecipato, assieme alla
figlia Rosanna e a tutti i suoi cari, il sindaco
Nicola Pasi.
Tantissimi auguri di buon compleanno
anche a Bianca Cortesi che il 31 ottobre
scorso ha compiuto 101 anni. Bianca, anche
lei ospite della nostra Casa di Riposo, ha
festeggiato circondata da tutti i familiari tra
i quali la figlia Ada e la nipote Raffaella,
oltre al vice sindaco Lorenza Pirazzoli.
La festa di San Martino
L'11 novembre scorso si è svolta presso il Bar
Centro la “Festa di San Martino”. La partecipazione è stata numerosa: oltre alla presenza dell'amministrazione comunale nelle presone del Sindaco Nicola Pasi, del Vicesindaco
Lorenza Pirazzoli, dell'Assessore ai Servizi
Sociali Valentina Modena ha partecipato
anche Giancarlo Bertozzi rappresentante provinciale dello SPI-CGIL.
La serata è stata allietata dal gruppo “Interno
3” e con la partecipazione di Mario Gurioli
e... da castagne e cagnina per tutti. Un grazie
sentito allo staff del “Bar Centro”e a tutti i
collaboratori che hanno lavorato per la buona
riuscita dell'evento e a tutti gli intervenuti.
Alla prossima!
Per lo Staff SPI-CGIL
Laura Nuvoli
Confederazione Nazionale
dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa
48010 Fusignano (RA) - 86, c. R. Emaldi
Tel. 0545 50334
Direttore: ORIANO PIRAZZINI
Direttore responsabile: PAOLO PIRAZZINI
c/o Ufficio Attività Culturali - Municipio 48010 Fusignano (Ravenna)
Tel. 0545 955653/68 Fax 0545 50164
Tiratura: 3.400 copie
Stampa: Grafiche Morandi, Fusignano
Il Comune lo trovi anche su
www.comune.fusignano.ra.it
8
•
informazione
AUTOBUS - ORARI INVERNO 2014/2015
Asilo parrocchiale in Festa!
Babbo Natale AVIS
porta i doni fino a casa
I volontari AVIS effettuano il servizio di
ritiro e consegna dei pacchi dono natalizi,
per i bimbi più piccoli, negli orari di seguito indicati:
Ritiro dei doni – lunedì 22 e martedì 23
dicembre dalle 19.00 alle 21.00, mercoledì
24 dicembre dalle 9.00 alle 11.00 presso la
sala prelievi AVIS a Fusignano in Via Monti
n. 13 (Presidio Socio-Sanitario).
Il recapito dei doni, da concordare al
momento del ritiro, sarà effettuato il 24
dicembre dalle 18.00 alle 21.00 o il 25
dicembre dalle 9.00 alle 11.30.
Per ulteriori informazioni è possibile contattare l'AVIS – Tel. 0545.53462/53630, cell.
320.4784030.
I genitori dei bambini iscritti all'asilo
Maria Ausiliatrice di Fusignano invitano i concittadini in piazza Armandi l'8
dicembre. La giornata sarà un’opportunità per conoscersi, far giocare i più piccoli tutti assieme e contribuire alla raccolta fondi per l'asilo. Attraverso un’offerta libera si potrà avere un dolce tipico delle feste, offerto da DECO industrie e Lions Club di Bagnacavallo.
Un gesto costruttivo per la comunità:
tutto il ricavato verrà devoluto all'asilo
parrocchiale di Fusignano.
Portate i bambini in piazza, fate vivere
il vostro paese.
Contributo a sostegno
del reddito familiare
Si ricorda, a tutti coloro che hanno presentato domanda di contributo a sostegno del
reddito familiare, che a partire dal
28/11/2014 verrà pubblicato nell'Albo pretorio on-line sul portale dell’Unione
(www.labassaromagna.it) un avviso di
avvenuta approvazione dei 9 elenchi definitivi degli aventi e non aventi diritto ai
contributi. Tale avviso avrà valore di notifica a tutti gli interessati, con invito a contattare lo Sportello sociale-educativo dove è
stata presentata la domanda per conoscere
l'esito definitivo dell'istruttoria. I contributi
verranno liquidati agli aventi diritto entro il
15/12/2014.
(Per maggiori informazioni consultare il sito www.startromagna.it)
LINEA FUSIGNANO – LUGO
ANDATA FUSIGNANO – LUGO nei giorni FERIALI ore:
6,53 (scol.) – 7,12 (scol.) - 7,15 – 8,20 – 9,00 –10,13 – 11,35 – 12,52 (scol.) – 14,15 (scol.) – 14,56 –
15,32 - 16,55 – 18,07 – 19,00
RITORNO LUGO (Autostazione) – FUSIGNANO nei giorni FERIALI ore:
6,29 (scol.) – 7,30 – 9,19 – 10,35 – 12,02 – 13,08 (scol.) – 13.10 (scol.) – 13,39 (scol.) – 14,03 (scol.) –
14,05 – 14,39 (scol.) – 15,59 – 17,14 – 18,26 – 19,19
LINEA FUSIGNANO – ALFONSINE (Piazza Monti)
ANDATA da FUSIGNANO nei giorni FERIALI ore:
6,47 (scol.) – 7,49 – 9,38 – 10,54 - 12,21 – 13,27(scol.) – 13,58 (scol.) – 14,24 – 14,58 (scol.) – 16,18
– 17,33 – 18,45 – 19,38.
RITORNO da ALFONSINE nei giorni FERIALI ore:
6,35 (scol.) – 6,52 (non scol.) – 6,58 (scol.) – 7,00 (scol.) – 8,02 – 8,40 – 9,55 – 11,17 – 12,39 (scol.) –
13,57 (scol.) – 14,38 – 16,31 – 17,54 (no sab) – 18,47.
LINEA FUSIGNANO - RAVENNA (Via De Gasperi)
PARTENZE da FUSIGNANO nei giorni FERIALI-SOLO GIORNI DI SCUOLA ore: 6,47 - 13,27 - 14,24 - 14,58
RITORNO DA RAVENNA - Via De Gasperi nei giorni FERIALI ore: 6,32 (scolastico) – 13,25 (scolastico) – 14,10 – 18,15
LINEA FUSIGNANO - FAENZA (per Istituto Persolino)
PARTENZE da FUSIGNANO ore: 6,53 (scolastico)
RITORNO DA FAENZA (da Istituto Persolino) ore:
12,55 (scolastico) – 14,00 (scolastico solo martedì e giovedì)
FUSIGNANO – RAVENNA / AUTOLINEE GAMBERINI
PARTENZE DA FUSIGNANO (Via Monti) nei giorni FERIALI ore: 6,30 – 7,20
RITORNO DA RAVENNA ore: 14,05 (da FF.SS. lavorativo) – 17,45 (da Via De Gasperi /lavorativo escluso sabato)
– 18,30 (da via De Gasperi anche festivo)
COMUNE DI FUSIGNANO
Centralino tel. 0545 955611 fax 0545 50164
ORARI DI APERTURA AL PUBBLICO DEGLI UFFICI COMUNALI
INVERNALE DAL 16 SETTEMBRE 2013 A META' GIUGNO 2014
1914-2014: Centenario
della I° guerra mondiale
L'Associazione Famiglie Caduti e Dispersi
in Guerra ringrazia la Signora Elvira
Balducci, vedova Bertozzi, che, assieme
alle figlie, ha donato le composizioni floreali da apporre nel Tempio dei Caduti, lo
scorso 4 novembre, in occasione del centenario dello scoppio della I° guerra mondiale. Ha così ritenuto di fare cosa gradita al
defunto marito Primo Bertozzi, che tanto
soffrì per la perdita del babbo deceduto
durante questo conflitto.
in vigore dal 14 settembre 2014 al 6 giugno 2015
Ufficio Associato Lavori Pubblici
• Signora italiana cerca lavoro (ore diurne e
notturne) come badante, assistenza anziani,
stiro anche a domicilio e baby-sitter.
Contattare Adriana Tel. 340.1497284.
• Signora romagnola, ex dipendente ASL,
seria e volenterosa, cerca casa in affitto modico
oppure in cambio di pulizie e custodia.
Contattare Luisa Tel. 370.3056720.
• Signora residente a Fusignano, automunita,
con qualifica di Operatore Socio Sanitario e esperienza pluriennale cerca lavoro come assistente
per anziani, bambini e come collaboratrice domestica. Contattare Elena Tel. 340.1818199.
• Sig.ra italiana cerca lavoro come badante,
baby-sitter e per lavori domestici. Compenso
modico. Contattare Tina Tel. 338.5942192.
• Signora residente a Fusignano, automunita
e con esperienze precedenti si offre per assistere anziani, svolgere pulizie e lavori domestici,
accudire bambini. In possesso di diploma di
infermiera. Disponibile anche nelle ore notturne. Contattare Maria Tel. 388.9556279.
• Signora residente a Fusignano cerca lavoro
come assistente per anziani, addetta alle pulizie e
cameriera. Contattare Alessia Tel. 388.6318050.
• Ragazzo residente a Fusignano, con patente
tipo B, cerca lavoro come parrucchiere, aiuto
cuoco, operaio agricolo, meccanico. Disponibile
da subito. Contattare Yassine Tel 389.2633488.
MARTEDI'
VENERDI’
SABATO
Ufficio Edilizia Unione
(tel. 0545 38467)
mattino
8,30 - 10,30
10,30 – 13,00
10,30 – 13,00
(tel. 0545 38270)
mattino
8,30 - 10,30
10,30 – 13,00
MERCOLEDI’
VENERDI’
Sportello I.C.I./I.M.U. - Unione
(tel. 0545 955640)
mattino
9,00 – 13,00
VENERDI’
Ufficio Casa Unione
(tel. 0545 955640)
mattino
11,00 – 13,30
11,00 – 13,30
MERCOLEDI’
SABATO
Anagrafe - Stato Civile - Leva – Elettorale
dal LUNEDI’ al VENERDI'
MARTEDI’
SABATO
(tel. 0545 955669-642)
mattino
9,00 – 12,45
9,00 – 12,45
9,00 – 12,00
Urp – Informagiovani – Informazioni Turistiche Attività Culturali
mattino
dal LUNEDI’ al VENERDI'
9,00 – 12,45
MARTEDI’
9,00 – 12,45
SABATO
9,00 – 12,00
Sportello Socio Educativo - Unione
dal LUNEDI' al VENERDI'
GIOVEDI’
SABATO
Polizia Municipale
MARTEDI’
VENERDI’
15,00 – 16,00
(tel. 0545 955653-668)
pomeriggio
15,00 – 16,00
(tel. 0545 955658-955661)
mattino
9,00 – 13,00
CHIUSO
8,30 – 12,30
(tel. 0545 955641 fax 0545 53200)
mattino
9,00 – 11,00
9,00 – 12,00
Segreteria – Protocollo
(tel. 0545 955664-5)
mattino
9,00 – 13,00
dal LUNEDI' al SABATO
Ufficio Ragioneria – Economato
dal LUNEDI' al VENERDI'
(tel. 0545 955649-51)
mattino
9,00 – 13,00
Sportello Unico Attività Produttive - Unione
MARTEDI’
VENERDI’
Biblioteca Comunale Piazza Corelli,16
LUNEDI’
MARTEDI’
MERCOLEDI’
GIOVEDI’
VENERDI’
SABATO
pomeriggio
(tel. 0545 955667)
mattino
9,00 – 11,00
9,00 – 11,00
(tel.0545 9556675 – fax 0545 52607)
mattino
-----9,00 – 12,30
9,00 – 12,30
-----9,00 – 12,30
9,00 – 12,30
pomeriggio
14,30 - 18,30
14,30 - 18,30
14,30 - 18,30
14,30 - 18,30
14,30 - 18,30
-----
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
1 067 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content