close

Enter

Log in using OpenID

Brochure - Università degli Studi di Messina

embedDownload
D
opo aver raggiunto felicemente, con la scorsa edizione, il prestigioso traguardo dei
25 anni di ininterrotta attività, I Concerti dell’Ateneo Messinese si ripresentano con una
nuova stagione, in mezzo a difficoltà sempre più gravi, ma sostenuti dal forte intento
dell’ERSU, con l’apporto dell’Università, di non rinunciare ad un’ormai consolidata occasione di
socializzazione e di accrescimento culturale, che rappresenta un appuntamento atteso dagli studenti,
da tutte le altre componenti universitarie ed anche dall’intera cittadinanza.
Tuttavia, dando una prima occhiata al cartellone, il pubblico ormai affezionato noterà subito
che, per le suddette difficoltà, si è dovuto sacrificare lo spettacolo più importante (ma anche il più
oneroso...), cioè il tradizionale concerto orchestrale, che si teneva nell’Auditorium di Papardo.
Non si è voluto, invece, rinunciare agli altri ben noti scopi dell’iniziativa: l’esibizione di artisti
di rilevanza nazionale e spesso internazionale; la presentazione di formazioni musicali estremamente
varie, per far scoprire i variegati aspetti del mondo musicale; l’allestimento di programmi di facile
presa, o perché contenenti brani celebri o perché comunque noti al pubblico - soprattutto agli
studenti - per la loro quotidiana frequentazione con la musica moderna.
I concerti si svolgeranno tutti nell’Aula Magna dell’Università, ormai prestigiosa sede
tradizionale, il giovedì alle ore 21, con ingresso gratuito.
La stagione si aprirà il 16 gennaio 2014, con l’esibizione del Quartetto d’archi “Benedetto
Marcello” e del pianista Roberto Issoglio, che proporranno la versione cameristica di due splendidi
Concerti per pianoforte e orchestra di W.A. Mozart.
Scorrendo rapidamente il programma dei successivi concerti, il 23 gennaio si darà spazio
alle “melodie immortali” dei Notturni di Chopin, eseguiti dal pianista Sergio Marchegiani. La settimana
successiva (30 gennaio) sarà la volta dell’originale Duo Estense (flauto traverso e chitarra), che
presenterà “Dalla Serenata dell’Ottocento al Caffè Concerto”.
Il 6 febbraio ascolteremo l’Ensemble d’archi “La Corte Sveva” (con Alessandro Perpich
solista), nell’esecuzione di un altro grande classico della musica: le Quattro Stagioni di Vivaldi. Il
giovedì successivo (13 febbraio) sarà la volta del duo pianistico Sollini-Barbatano, che farà rivivere
i virtuosismi di Liszt e Rachmaninov. Ancora un duo, ma dall’organico diverso, si esibirà il 20 febbraio
e vedrà impegnati il “campione del mondo” di fisarmonica Gianluca Campi ed il pianista Claudio
Cozzani, alle prese con un repertorio molto gradito ai giovani: Tango e Flamenco. Il 27 febbraio
toccherà al Disney Quartet, che riporterà alla mente di tutti “Il magico mondo di Walt Disney”.
Un interessante “Invito alla Danza” sarà proposto, il 6 marzo, dal Duo chitarristico di Siracusa.
Molto originale anche il concerto del 13 marzo, con il Trio des Alpes che presenterà “Donne in
musica”, brani di rarissimo ascolto di alcune compositrici di fine ’800. Ancora programmi accattivanti
per i due appuntamenti successivi: il 20 marzo un trio voce, violino e pianoforte proporrà “Dal
Classico al Musical”, mentre il 27 marzo un originale duo violino e arpa (Buccini-Perolini) spazierà
dall’800 alle colonne sonore.
Il 3 aprile il duo Lanzini-Montomoli (clarinetto e chitarra) renderà omaggio alla musica
italiana, mentre il 10 aprile avremo un originale mix di musica e cabaret, con il noto comico
televisivo Enrico Beruschi supportato dal duo Carbotta-Barbareschi (flauto e pianoforte). Dopo la
pausa per le festività di Pasqua, il 24 aprile si riprenderà con il duo Scarponi-Michelini (violoncello
e pianoforte), impegnato in un intero programma di musica argentina.
Il concerto del Carinhoso Jazz Quartet (8 maggio) ci coinvolgerà con i trascinanti ritmi
della musica Latino-Americana, mentre la stagione si concluderà il 15 maggio con l’esibizione
dell’Ensemble Duomo, dedicata a celebri musiche da film, attraverso un “viaggio nel mondo delle
colonne sonore”.
Le premesse, dunque, ci sono tutte perché anche la stagione 2014 possa riscuotere ancora
una volta il pieno favore del pubblico.
Non si possono chiudere queste brevi note senza rivolgere il più vivo ringraziamento agli
Organi Accademici e soprattutto al Magnifico Rettore dell’Università di Messina, prof. Pietro Navarra,
che, sulla scia dei Suoi predecessori, ha mostrato di gradire e quindi di sostenere l’iniziativa, fra le
tante che tendono ad elevare il livello culturale degli studenti, oltre a fornire varie occasioni di
incontro, al di là della routine accademica.
Stagione concertistica 2014
REGIONE SICILIANA - E.R.S.U. MESSINA
“I Concerti dell’Ateneo Messinese”
GENNAIO
Giovedì 16
QUARTETTO D’ARCHI “BENEDETTO MARCELLO”
GIANFRANCO LUPIDII (violino) - LUCA MATANI (violino)
CLARA CAMPI (viola) - GRAZIANO NORI (violoncello)
ROBERTO ISSOGLIO (pianoforte)
“Quel genio di Mozart...”
I Concerti per pianoforte e orchestra in versione cameristica
Giovedì 23
SERGIO MARCHEGIANI (pianoforte)
“I Notturni di Chopin”
Giovedì 30
DUO ESTENSE
MATTEO FERRARI (flauto traverso) - ANDREA CANDELI (chitarra)
“Dalla Serenata dell’Ottocento al Caffè Concerto”
FEBBRAIO
Giovedì 6
ENSEMBLE D’ARCHI “LA CORTE SVEVA”
ALESSANDRO PERPICH (violino solista e concertatore) - STEFANO MENGOLI (violino)
ANTONINO BONO (violino) - PAOLA RUBINI (viola) - FILIPPOTREVISAN (violoncello)
MARCO TAGLIATI (contrabbasso) - ELENA MASINA (spinetta)
“Lo splendore del Barocco Veneto: le Quattro Stagioni di Vivaldi”
Giovedì 13
MARCO SOLLINI - SALVATORE BARBATANO (pianoforte a quattro mani)
“La musica sinfonica... senza orchestra!”
I virtuosismi pianistici di Liszt e Rachmaninov
Giovedì 20
DUO GARDEL
GIANLUCA CAMPI (fisarmonica) - CLAUDIO COZZANI (pianoforte)
“Luci fra Tango e Flamenco”
Giovedì 27
DISNEY QUARTET
ROSA SORICE (voce) - GIANNINA GUAZZARONI (violino)
FEDERICA TORBIDONI (flauto) - DEBORAH VICO (pianoforte)
“Il magico mondo di Walt Disney”
MARZO
Giovedì 6
DUO CHITARRISTICO DI SIRACUSA
ROBERTO SALERNO (chitarra) - MARCELLO CAPPELLANI (chitarra)
“Invito alla Danza”
Giovedì 13
TRIO DES ALPES
MIRJAM TSCHOPP (violino) - CLAUDE HAURI (violoncello)
CORRADO GRECO (pianoforte)
“Donne in musica” - Le compositrici di fine ’800
Giovedì 20
EMILIA ZAMUNER (vocalist) - RICCARDO ZAMUNER (violino)
MARIA SBEGLIA (pianoforte)
“Dal Classico al Musical”
Giovedì 27
DUO CHABRIER
ALESSANDRO BUCCINI (violino) - ELEONORA PEROLINI (arpa)
“Il salotto dell’800 - Tango e dintorni - Souvenir di colonne sonore”
APRILE
Giovedì 3
GIOVANNI LANZINI (clarinetto) - FABIO MONTOMOLI (chitarra)
“Ciao, Italia!” - Omaggio alla musica italiana
Giovedì 10
ENRICO BERUSCHI (attore) - MARIO CARBOTTA (flauto)
PIERO BARBARESCHI (pianoforte)
“Tre all’Opera” - Musica e Cabaret
Giovedì 24
IVO SCARPONI (violoncello) - MOIRA MICHELINI (pianoforte)
“Cuore argentino” - Musiche di Ginastera e Piazzolla
MAGGIO
Giovedì 8
CARINHOSO JAZZ QUARTET
ALESSIA MARTEGIANI (voce) - MAURIZIO DI FULVIO (chitarra)
IVANO SABATINI (contrabbasso) - GIACOMO PARONE (percussioni e batteria)
“La musica Latino-Americana”
Giovedì 15
ENSEMBLE DUOMO
ROBERTO PORRONI (chitarra) - LUIGI ARCIULI (flauto)
SILVIA PAUSELLI (violino) - FLAVIO GHILARDI (viola)
MARCELLA SCHIAVELLI (violoncello)
“La musica al cinema” - Viaggio nel mondo delle colonne sonore
INGRESSO GRATUITO
Tutti i concerti si svolgeranno nell’Aula Magna dell’Università, con inizio alle ore 21.
Il programma potrà subire variazioni per cause di forza maggiore.
Per eventuali informazioni rivolgersi ai Servizi Culturali dell’E.R.S.U. di Messina (Tel. 090 3718606 - 090 3718612).
Gli studenti universitari che assisteranno ai concerti otterranno fino a un massimo di 3 crediti formativi universitari
www.ersu.me.it/concerti
Stagione concertistica 2014
MARZO
Giovedì 16 gennaio - ore 21 - Aula Magna dell’Università
QUARTETTO D’ARCHI “BENEDETTO MARCELLO”
GIANFRANCO LUPIDII (violino) - LUCA MATANI (violino)
CLARA CAMPI (viola) - GRAZIANO NORI (violoncello)
ROBERTO ISSOGLIO (pianoforte)
QUARTETTO D’ARCHI “BENEDETTO
MARCELLO” - È costituito dalle prime parti
dell’omonima orchestra da camera che nasce nel
1984 e inizia la propria attività concertistica
interessandosi prevalentemente del vasto
repertorio italiano, soprattutto inedito, del XVIII
secolo.
Il lavoro di ricerca, condotto su composizioni di
G.B. Martini, G. e G.B. Sammartini, G.B. Pergolesi,
J. Quantz, M. Mascitti,T. Albinoni, L. Leo, N. Porpora,
si è concretizzato in diverse incisioni discografiche
per le etichette Bongiovanni, Mondo Musica-Emi,
Nuova Era con riconoscimenti lusinghieri da parte
della critica specialistica nazionale ed estera.
Recentemente ha inciso, per l’etichetta Tactus, lo Stabat Mater di Pergolesi e lo Stabat Mater di L. Boccherini con
la direzione di F.E. Scogna.
L’Orchestra e il quartetto hanno partecipato a diversi Festivals italiani e stranieri ed hanno curato gli allestimenti
degli Intermezzi Livietta e Tracollo, Il Maestro di Musica, La Serva Padrona di G.B. Pergolesi e delle opere L’Italiana in
Londra e il Matrimonio Segreto di D. Cimarosa, quest’ultima in occasione del bicentenario della sua prima esecuzione.
Ha collaborato con i più affermati concertisti internazionali ed ha effettuato numerose tournée all’Estero (Austria,
Germania, Francia, Svizzera, Belgio, Stati Uniti, Egitto, Palestina, Argentina, Sud Africa), sempre con rilevanti riscontri
di pubblico e di critica.
ROBERTO ISSOGLIO - È nato a Torino, dove ha intrapreso gli studi di Pianoforte
poi proseguiti in Germania con Roland Pröll, presso l’Ibach Akademie di Schwelm.
La sua formazione ed il suo perfezionamento si sono in seguito completati con
Maria Gachet e Bruno Canino. Ha frequentato corsi di perfezionamento con Pavel
Gililov e Peter Lang (Universität Mozarteum Salzburg). Si è diplomato in pianoforte
ed ha conseguito la laurea specialistica ad indirizzo concertistico con il massimo dei
voti e la lode. Ha inoltre conseguito il diploma accademico in Didattica del pianoforte.
Svolge attività concertistica sia da solista sia con varie formazioni cameristiche
nazionali ed internazionali; in entrambi i casi si è distinto in numerosi concorsi
musicali ottenendo svariati primi premi.
Nel 2002 ha partecipato ad una produzione suonando con musicisti della BBC
Orchestra e della London Philharmonic Orchestra. Dal 2009 suona con i gruppi da
camera dei Berliner Philharmoniker.
Più volte invitato da varie orchestre a tenere concerti come solista, ha ottenuto
grande consenso da parte della critica, che lo ha indicato come un nuovo talento
per la sua sensibilità interpretativa mozartiana e come eccellente strumentista di solida preparazione.
Nel 1998 la registrazione del CD “Von Mozart bis Chaminade” insieme al flautista Silvano Dematteis gli è valsa, tra
le numerose recensioni positive, quella del noto critico musicale Giorgio Pestelli. Nel 2001 è uscito il suo primo
CD per la casa discografica milanese Videoradio Classics che è stato trasmesso da alcune emittenti tedesche.
Inoltre ha al suo attivo numerose registrazioni di musica da camera.
Dal 2004 ad oggi è stato invitato tre volte a Londra presso “St. Martin in the Fields”.
Ha tenuto corsi di perfezionamento in duo pianistico ed in duo flauto e pianoforte ed è stato membro di giuria nel
Torneo Internazionale di Musica (TIM) nelle edizioni 2006, 2008 e 2010 a Torino e 2007 a Tarascon, Francia.
Nello scorso settembre ha suonato il concerto per due pianoforti ed orchestra di Mozart in duo con Bruno
Canino e la Bayerische Philharmonie di München; per la prossima stagione ha in programma numerosi recital,
concerti cameristici e collaborazioni con varie orchestre europee.
PROGRAMMA
“Quel genio di Mozart...”
I Concerti per pianoforte e orchestra in versione cameristica
W.A. MOZART:
Divertimento in fa magg. K. 138
- Allegro
- Andante
- Presto
Concerto n. 12 in la magg. K. 414
- Allegro
- Andante
- Allegretto
* * *
Concerto n. 13 in do magg. K. 415
- Allegro
- Andante
- Allegro
Giovedì 23 gennaio - ore 21 - Aula Magna dell’Università
SERGIO MARCHEGIANI (pianoforte)
SERGIO MARCHEGIANI - Da molti anni svolge un’intensa attività
concertistica che lo ha portato a suonare in tutta Europa, in Nord e
Sud America, in Asia e Australia e ad esibirsi nelle sale più importanti:
Sala Grande della Carnegie Hall a New York, Sala Grande della
Philharmonie a Berlino, Sala d’Oro del Musikverein e Sala Grande del
Konzerthaus a Vienna, Rudolfinum e Smetana Hall a Praga, Gasteig a
Monaco di Baviera, Sala São Paulo a San Paolo del Brasile e inoltre a
Roma, Milano, Barcellona, Parigi, Oslo, Stoccolma, Mosca, San
Pietroburgo, Montreal, Vancouver, Los Angeles, Philadelphia, Città del
Messico, Montevideo, Baku, Astana, Seoul, Nanchino, Hong Kong,
Bangkok, Singapore, Adelaide, ecc.
Si è esibito come solista con importanti orchestre come i Berliner
Symphoniker, la Budapest Symphony Orchestra, il New York Symphonic
Ensemble, la Prague Radio Symphony Orchestra, l’Orchestra Sinfonica
dello Stato del Messico e la Thailand Philharmonic Orchestra.
Ha registrato per emittenti televisive e radiofoniche nazionali in Italia
(RAI Radio3), Francia (Radio France, in diretta nazionale dalla Roque
d’Anthéron), Repubblica Ceca (Radio3, in diretta nazionale dalla
Dvoøák Hall), Messico, Russia, Germania, Hong Kong, ecc.
Nel giugno 2013 l’etichetta Amadeus ha pubblicato un doppio cd con
l’integrale dei Notturni di Chopin.
Il suo repertorio spazia da Bach alla musica contemporanea ma negli ultimi anni ha lavorato in particolare su
Chopin, autore prediletto del quale è interprete assai apprezzato da pubblico e critica internazionale: “Sergio
Marchegiani appare in perfetta comunione con Chopin che interpreta con rara maestria” (La Provence); “Sergio
Marchegiani e i Notturni incantatori… Le sue mani fluttuano sulla tastiera aprendo uno spazio senza tempo,
sovradimensionato” (La Marseillase).
Nel 2010 è stato invitato a suonare per il bicentenario di Chopin al Festival di Nohant insieme a celebrati solisti
come Kissin, Ciccolini e Berezovsky.
All’attività solistica affianca la passione per la musica da camera, collaborando con musicisti come Bruno Canino,
Marco Schiavo, Simonide Braconi, Adrian Pinzaru, il Quartetto de I Solisti di Mosca e il Bochmann Quartet. Da
molti anni collabora inoltre con il compositore Alberto Colla, del quale è divenuto il principale interprete delle
opere per pianoforte, eseguendo la Prima Assoluta di moltissimi brani.
Nato ad Alessandria, inizia lo studio del pianoforte all’età di cinque anni e si esibisce in pubblico per la prima volta
a dieci. Si diploma al Conservatorio “A.Vivaldi” della sua città con Giuseppe Binasco, un allievo di Arturo Benedetti
Michelangeli e di Alfred Cortot.
Si perfeziona a Milano con Ilonka Deckers Küszler, grande didatta ungherese erede diretta della Scuola pianistica di
Franz Liszt e con Marian Mika, pianista polacco proveniente dalla Scuola di Paderewski; hanno inoltre contribuito
alla sua formazione Alexander Lonquich e Bruno Canino.
Attualmente insegna pianoforte principale al Conservatorio “A.Vivaldi” di Alessandria; è spesso invitato a far parte
della giuria in Concorsi Pianistici e tiene masterclass in tutto il mondo.
PROGRAMMA
“I Notturni di Chopin”
F. CHOPIN:
Due Notturni op. 9
- n. 1 in si bem. min.
- n. 2 in mi bem. magg.
Tre Notturni op. 15
- n. 1 in fa magg.
- n. 2 in fa diesis magg.
- n. 3 in sol min.
Due Notturni op. 27
- n. 1 in do diesis min.
- n. 2 in re bem. magg.
Notturno in si magg. op. 32 n. 1
Due Notturni op. 48
- n. 1 in do min.
- n. 2 in fa diesis min.
Notturno in fa min. op. 55 n. 1
Due Notturni op. 62
- n. 1 in si magg.
- n. 2 in mi magg.
Giovedì 30 gennaio - ore 21 - Aula Magna dell’Università
DUO ESTENSE
MATTEO FERRARI (flauto traverso)
ANDREA CANDELI (chitarra)
MATTEO FERRARI - Nato a Sassuolo e si è diplomato con il
massimo dei voti presso il Conservatorio “L. Campiani” di
Mantova. Ha perfezionato i suoi studi con i migliori flautisti
mondiali: Michele Marasco dell’Orchestra Regionale Toscana,
Andrea Griminelli solista italiano, Benoit Fomange della
Bayerische Rundfunk tedesca, Rien de Reede del Concertgebouw
di Amsterdam,William Bennet del Conservatorio Reale di Londra,
Robert Dick solista di New York.
È stato premiato in diversi Concorsi Nazionali ed Internazionali
tra i quali: Stresa, Genova, Lamezia Terme, Napoli.
Ha partecipato ai Festival di Musica Contemporanea di Gibellina
e di Portofino, suonando musiche di John Cage in esclusiva per
l’Italia. Ha collaborato con il compositore Salvatore Sciarrino,
suonando le sue musiche, in occasione di importanti Rassegne
di musica contemporanea, Seminari di composizione e nella
trasmissione Radio Tre Suite, in diretta radiofonica nazionale,
per il terzo canale RAI di Roma.
Ha affiancato il premio Nobel Dario Fo nella produzione di
“Pierino e il Lupo” come solista dell’Orchestra Giovanile della
Comunità Europea.
Si esibisce con il gruppo “Amarcord” nell’omonimo spettacolo nei seguenti paesi: Ungheria, Repubblica Ceca,
Belgio e Inghilterra.
Ha inciso numerosi CD tra cui: “Greatest Hits” con il soprano Satomi Yanagibashi, “No, No, Nanette” Musical inciso
in esclusiva per l’Italia, “Cormac” con l’omonimo gruppo per la casa discografica Ethno World, “Inaspettata Libertà
Interiore” con brani di propria composizione per il progetto sociale “L’ora d’Arte”, “No(t)te di Natale” con il
gruppo Amarcord in qualità di solista dell’Orchestra di Szeged Ungheria per le edizioni San Paolo.
L’attività concertistica si affianca a quella d’insegnamento: è docente di flauto ed i suoi arrangiamenti didattici
vengono annualmente pubblicati e distribuiti dalla prestigiosa casa editrice Carisch.
ANDREA CANDELI - Modenese, comincia a suonare la chitarra all’età di sette anni. Si diploma in chitarra
classica presso l’Istituto Musicale Pareggiato “O. Vecchi” di Modena nel 1993, sotto la guida dei Maestri Vincenzo
Saldarelli e Florindo Baldissera.
Continua poi lo studio della chitarra classica, perfezionandosi a Parigi con il noto maestro Alberto Ponce e partecipa
a numerosi corsi di perfezionamento.
È stato premiato come solista in numerosi concorsi Nazionali ed Internazionali, tra i quali il Concorso “Riviera dei
Fiori” ad Alassio (primo assoluto), il Concorso “Pasquale Taraffo” a Genova (primo assoluto), il Concorso “Giovani
Musicisti Gargano 92”, il Concorso internazionale di Musica da Camera “Ottocento Festival” a Forlì.
Ha eseguito in prima assoluta un’opera d’autore contemporaneo in occasione dei seminari nazionali “Computer Art”.
È l’ideatore di un nuovo metodo d’insegnamento della chitarra ed ha fondato la scuola di musica “Accademia
Musicale del Frignano” di Pavullo, con la quale promuove i gruppi emergenti.
Nel 1995 gli è stato assegnato il prestigioso “Premio Ghirlandina” città di Modena, per essersi distinto nel campo
artistico musicale.
Nel 2002 si è esibito nella Città del Vaticano, in diretta Rai International, presso l’Aula Paolo VI (Sala Nervi), alla
presenza di Sua Santità Giovanni Paolo II.
Vanta numerose collaborazioni con artisti quali Vladimir Mikulka, Barbara Vignudelli, Karl Potter, Alessio Menconi,
Massimo Foschi, Flavio Bucci.
È docente di chitarra presso il Liceo Musicale Paradisi di Vignola.
Svolge un’intensa attività concertistica in Italia e all’estero, come solista e in diverse formazioni cameristiche.
PROGRAMMA
“Dalla Serenata dell’Ottocento al Caffè Concerto”
W.A. MOZART:
Sinfonia n. 40
Marcia Turca
G. ROSSINI:
La Danza
F. SCHUBERT:
Die Nacht
I. IVANOVICI:
Onde del Danubio
A.VILLOLDO:
El Choclo
Tradizionale:
Butterfly
J. BRAHMS:
Danza ungherese n. 5
V. MONTI:
Czardas
G. MATOS RODRÍGUEZ:
La Cumparsita
A. PIAZZOLLA:
Libertango
Giovedì 6 febbraio - ore 21 - Aula Magna dell’Università
ENSEMBLE D’ARCHI “LA CORTE SVEVA”
ALESSANDRO PERPICH (violino solista e concertatore) - STEFANO MENGOLI (violino)
ANTONINO BONO (violino) - PAOLA RUBINI (viola) - FILIPPO TREVISAN (violoncello)
MARCO TAGLIATI (contrabbasso) - ELENA MASINA (spinetta)
LA CORTE SVEVA - Ensemble fondato da Alessandro
Perpich nel 1992, oltre a costiuire un poliedrico
complesso musicale, si propone quale momento
d’incontro fra artisti italiani capace di creare veri e
propri nuclei di attività musicale, artistica e formativa.
“La Corte Sveva” è risultata vincitrice del premio “alla
Civiltà Veneta”, istituito dalla Fondazione Masi al
Concorso Internazionale “G. Zinetti” di Verona nel 2004.
Il complesso è composto da affermati musicisti che si
sono perfezionati con Corrado Romano al
Conservatorio di Ginevra, con Adriano Vendramelli e
Antonio Meneses all’Accademia Internazionale di Biella,
con Rocco Filippini all’Accademia Stauffer di Cremona,
con Carlo Chiarappa al Festival delle Nazioni di Città
di Castello, suonando in importanti sedi quali: Festival
di Salisburgo, Salle Pleyel e Opera Garnier di Parigi, Avery Fisher Hall di New York, Ravinia Festival di Chicago,
Tanglewood -Boston, Musikverein di Vienna, Coliseum di Buenos Aires, Teresa Carreno di Caracas, Suntory Hall di
Tokyo, Scala di Milano.
“La Corte Sveva” ha suonato nel corso degli anni in numerosi Festivals e tenuto concerti in varie città d’Italia; ha
inoltre contribuito alla riscoperta musicologica e alla realizzazione discografica di musiche inedite del ‘700 e ‘800
strumentale di compositori quali Bini, Marchetti, Vecchiotti; ha inciso inoltre un CD con musiche di Paganini.
Le recensioni dei concerti e le dichiarazioni di stima hanno sempre riscosso consensi ed entusiastici apprezzamenti.
ALESSANDRO PERPICH - Nato a Firenze, ha intrapreso giovanissimo lo studio
della musica sotto la guida del padre e si è diplomato a pieni voti e lode sia in violino
presso il Conservatorio “Benedetto Marcello” di Venezia, sia in viola presso il
Conservatorio “Niccolò Piccinni” di Bari. Ha studiato anche con Vaclav Benda presso il
Conservatorio di Praga e, invitato per due volte, nell’Accademia di Pommersfelden, in
Germania, allievo di Wilhelm Waltz.
Ventenne ha frequentato i corsi di musica da camera di Adriano Vendramelli e,
contemporaneamente, quelli di violino con Corrado Romano conseguendo la massima
votazione all’esame finale presso l’Accademia Internazionale di Biella. Ha quindi proseguito
gli studi con Corrado Romano al Conservatorio di Ginevra sino a ottenere il Premier
Prix de Virtuosité.
Ha tenuto concerti in USA, Sudamerica, Asia, Europa (Festival di Salisburgo, Salle Pleyel
e Opera Garnier di Parigi, Avery Fisher Hall di New York, Ravinia Festival di Chicago,
Tanglewood -Boston, Musikverein di Vienna, Coliseum di Buenos Aires, Teresa Carreno
di Caracas, Suntory Hall di Tokyo, Scala di Milano).
Il suo interesse verso la musica contemporanea lo ha visto collaborare con compositori
dalle più diverse tendenze quali Manzoni, Razzi, Sifonia, Sciarrino, Cardi, Gervasoni, Rotili, Desiante. Nel 1987 è
stato invitato ad eseguire a Roma “L’Elogio per un ombra” di Petrassi alla presenza del Maestro.
Incide per Bongiovanni (Divertimenti per due violini di P. Bini, integrale dell’opera strumentale di G. Giordani) e
per EPR (integrale delle Sonate di Grieg per violino e pianoforte).
Per un decennio ha collaborato con il Festival Musicale Piceno nella ricerca musicologica e alla riscoperta artistica di
compositori marchigiani quali Alaleona, Bini, Marchetti, Vecchiotti, Giordani, Brunetti, Sieber. Dal lavoro sono nati 5 CD.
Con l’ensemble d’archi “La Corte Sveva”, di cui è fondatore, ha inciso vari dischi e suonato alla presenza di Carlo
Azeglio Ciampi. Il primo CD porta musiche di Vivaldi, Bach, Mozart, Paganini. L’ultimo, dedicato a Vivaldi e Dall’Abaco,
è frutto del Premio Speciale della Fondazione “Masi” al Concorso Internazionale “G. Zinetti”.
Vincitore di cattedra al Concorso Nazionale, è stato docente di violino al Conservatorio “N. Piccinni” di Bari e
“E.R. Duni” di Matera. Attualmente insegna al Conservatorio “G. Verdi” di Como, dove tiene sia Corsi Tradizionali
sia Corsi Universitari di II° Livello. Molti fra i suoi allievi hanno vinto primi premi in Concorsi Nazionali e Internazionali.
Suona su un Tommaso Carcassi del 1757 e un Tommaso Landolfi 1750.
PROGRAMMA
“Lo splendore del Barocco Veneto: le Quattro Stagioni di Vivaldi”
A.VIVALDI:
Concerto in do magg. RV 180 “Il Piacere”
per violino, archi e basso continuo
(da “Il Cimento dell’Armonia e dell’Inventione”)
- Allegro
- Largo
- Allegro
(Alessandro Perpich - violino solista)
Concerto in fa magg. RV 551
per tre violini, archi e basso continuo
- Allegro
- Andante
- Allegro
(Antonino Bono, Alessandro Perpich, Stefano Mengoli - violini solisti)
Le Quattro Stagioni
(Concerti per violino, archi, basso continuo e cembalo
op. 8 n. 1-4 da “Il Cimento dell’Armonia e dell’Inventione”)
1. Concerto in mi magg. RV 269 “La Primavera”
- Allegro
- Largo
- Allegro
2. Concerto in sol min. RV 315 “L’Estate”
- Allegro non molto
- Adagio e piano - Presto e forte
- Presto
3. Concerto in fa magg. RV 293 “L’Autunno”
- Allegro
- Adagio molto
- Allegro
4. Concerto in fa min. RV 297 “L’Inverno”
- Allegro non molto
- Largo
- Allegro
(Alessandro Perpich - violino solista)
Giovedì 13 febbraio - ore 21 - Aula Magna dell’Università
MARCO SOLLINI - SALVATORE BARBATANO (pianoforte a quattro mani)
MARCO SOLLINI e SALVATORE BARBATANO - Il Duo
Sollini-Barbatano vede la collaborazione artistica tra Marco Sollini,
pianista dalla ricca carriera internazionale e con numerose
esperienze che vanno dall’attività solistica a collaborazioni
cameristiche con musicisti di chiara fama (quali Bruno Canino,
Antonio Ballista, Alain Meunier, Elena Zaniboni, Quartetto della
Scala, Quartetto di Cremona e molti altri) e Salvatore Barbatano,
giovane artista distintosi per brillanti prerogative e profonda
sensibilità musicale, seguite e sviluppate dallo stesso Sollini quale
suo maestro degli ultimi anni.
Il Duo Sollini-Barbatano affronta sia pagine del repertorio per
pianoforte a 4 mani che significative opere per due pianoforti. Si
è esibito in Italia ed all’estero per importanti associazioni e festival,
tra i quali lo Schouwburg Festival di Jakarta, l’International Music
Festival of Santorini (Grecia), l’Associazione Amici della
Filarmonica di Oslo, la Kursaal di Bad Wildbad (Germania), il
Teatro Politeama per l’Associazione Siciliana Amici della Musica
di Palermo, la Stagione Concerstica “Appassionata” del Teatro
Lauro Rossi di Macerata.
Ha effettuato una registrazione per Radio Vaticana con pagine di Cilea, Leoncavallo e Mascagni, del quale ha
eseguito la grande Sinfonia in fa maggiore, di cui Sollini ne ha curato la stessa pubblicazione per la Boccaccini &
Spada Editori, diffusa poi nel circuito internazionale di Euroradio.
Altre registrazioni del Duo sono state trasmesse da RAI Radiotre e nel loro repertorio figurano anche il Concerto
per due pianoforti e orchestra K. 365 di W.A. Mozart, l’integrale dei Concerti di Johann Sebastian Bach per due
pianoforti e orchestra, incisi per la prestigiosa rivista Amadeus, eseguiti con L’Orchestra da Camera delle Marche
sotto la direzione del M° Francesco D’Avalos, ed anche il Concerto per 3 pianoforti ed orchestra K. 242 “LodronKonzert” di W.A. Mozart, con l’orchestra de I Solisti Veneti diretti da Claudio Scimone che si è così espresso:
“Salvatore Barbatano, vero pianista mozartiano dal tocco leggero ed affascinante... Marco Sollini, grande poeta
della tastiera...”.
Il Duo Sollini-Barbatano è stato anche interprete del Carnevale degli animali di Camille Saint-Saëns e del Carnevale
napoletano di Patrizio Marrone eseguito, con i Solisti dell’Orchestra da Camera della Campania e Luigi Piovano
maestro concertatore, in prima assoluta nell’agosto 2009 e dedicatari dell’opera.
Nel 2011 ha eseguito, in prima mondiale assoluta, “Le Mille e una notte” di Patrizio Marrone con Ugo Pagliai e
Paola Gassman quali voci recitanti.
Il maestro argentino Sergio Calligaris ha scritto e dedicato al duo la sua composizione “Allegro brutale con
Pavana” op. 55 (2011, ediz. Carisch).
Per la casa discografica Concerto hanno realizzato un CD con l’integrale delle composizioni per pianoforte a 4
mani di Sergej Rachmaninov e nell’agosto 2013 è uscito un CD con l’integrale della musica pianistica a 2 e 4 mani
di Pietro Mascagni.
PROGRAMMA
“La musica sinfonica... senza orchestra!”
I virtuosismi pianistici di Liszt e Rachmaninov
S. RACHMANINOV:
Romanza in sol magg.
Vocalise op. 34 n. 14
(versione per pianoforte a 4 mani di G. Anderson)
Six morceaux op. 11
-
Barcarolle
Scherzo
Russian Theme
Valse
Romance
Slava
* * *
F. LISZT:
Les Préludes - Poema sinfonico
(versione per pianoforte a 4 mani dell’Autore)
Mazeppa - Poema sinfonico
(versione per pianoforte a 4 mani dell’Autore)
Giovedì 20 febbraio - ore 21 - Aula Magna dell’Università
DUO GARDEL
GIANLUCA CAMPI (fisarmonica)
CLAUDIO COZZANI (pianoforte)
DUO GARDEL - Il Duo, che prende il nome dal
celebre compositore di tango argentino Carlos Gardel,
è un organico cameristico molto originale, dall’efficace
e coinvolgente impatto timbrico; il tipo di repertorio
proposto è principalmente basato su composizioni
scritte originalmente per altri organici e poi arrangiate
ed elaborate dal duo.
Il Duo Gardel si è formato nel 2005, dall’incontro del
fisarmonicista Gianluca Campi (vincitore del Trofeo
Mondiale nel 2000 in Portogallo) e del pianista Claudio
Cozzani.
Questi due musicisti, entrambi liguri, svolgono
singolarmente da molti anni un’intensa attività artistica,
esibendosi in importanti sedi concertistiche in Italia
ed all’estero (Francia, Germania, Spagna, Polonia, Repubblica Popolare Moldava, Romania, Slovenia, Svizzera, Marocco).
Fin dal suo esordio, il duo si è imposto all’attenzione del pubblico e della critica per l’originalità della formazione
e del repertorio proposto e per le spiccate qualità espressive e virtuosistiche delle proprie interpretazioni.
Nonostante la recente formazione, ha al suo attivo numerosissimi concerti per importanti associazioni e festivals
internazionali, che hanno sempre riscosso un entusiastico successo.
La casa discografica “Il Melograno” Records di Roma ha pubblicato il CD “Duo Gardel live”, che sta riscuotendo
grandi consensi.
GIANLUCA CAMPI - Nato a Genova, a 11 anni ha iniziato a studiare fisarmonica, sotto la direzione di Giorgio
Bicchieri, e armonia, con Paolo Conti.
A 12 anni ha vinto il concorso internazionale di Vercelli per fisarmonica ed in seguito si è classificato nuovamente
al 1° posto al campionato italiano, tenutosi a Genova, riscuotendo enorme successo. A 13 anni ha preso parte
ancora al concorso internazionale di Vercelli, classificandosi al 1° posto e ricevendo i complimenti di Wolmer
Beltrami, che lo definì un “enfant prodige” e il “Paganini della fisarmonica”.
Successivamente ha studiato con importanti maestri quali Jacques Mornet e Gianluca Pica.
Nel 2000 è risultato vincitore del trofeo mondiale in Portogallo.
Si è esibito in numerose sedi concertistiche e in vari Festivals Internazionali in Italia e all’estero ed ha suonato
come solista con orchestre prestigiose, tra cui quella del Teatro Carlo Felice di Genova, diretta dal compositore
Nicola Piovani.
Ha inciso vari CD, fra cui uno dedicato a Niccolò Paganini, con trascrizioni per fisarmonica dei Capricci e dei
Concerti del grande compositore genovese. Quest’incisione ha ricevuto varie segnalazioni da riviste specializzate
ed in particolare dalla celebre rivista “Musica” è stata definita “eccezionale”.
È l’unico esecutore al mondo della fisarmonica Liturgica “M. Dallapè”; nessun altro musicista al di fuori delle mura
vaticane, ha, infatti, avuto il privilegio di utilizzarla in concerto.
All’intensa attività concertistica affianca quella didattica. Inoltre è autore di varie composizioni per fisarmonica
pubblicate anche dalle Edizioni Bèrben.
CLAUDIO COZZANI - Diplomato al Conservatorio “N. Paganini” di Genova, ha studiato con i maestri Roberto
Cappello, Daniel Rivera e Franco Trabucco e si è perfezionato con Pier Narciso Masi, Piero Guarino, Alexander
Lonquich, Joaquin Achucarro e Marek Drewnowski.
Premiato in vari concorsi pianistici, ha tenuto oltre 600 concerti in Italia ed all’estero (Svizzera, Spagna, Germania,
Romania, Repubblica Popolare Moldava, Polonia, Slovenia, etc...).
Svolge attività didattica come docente di pianoforte ed è stato invitato come componente di commissione giudicatrice
in vari concorsi musicali nazionali ed internazionali.
PROGRAMMA
“Luci fra Tango e Flamenco”
E. GRANADOS:
Danza Spagnola n. 5 “Andaluza”
E. LECUONA:
Granada
M. DE FALLA:
Danza Spagnola (da La vida breve)
Danza del Fuego (da El amor brujo)
P. DE SARASATE:
Fantasia sulla “Carmen” di Bizet
* * *
C. GARDEL:
El dia que me quieras
Por una cabeza
R. GALLIANO:
Tango pour Claude
J. PETERSBURSKI:
El sol sueno
(trascrizione di Jacopo Simoncini)
G. MATOS RODRÍGUEZ:
La Cumparsita
A. PIAZZOLLA:
Otoño Porteño
Libertango
Giovedì 27 febbraio - ore 21 - Aula Magna dell’Università
DISNEY QUARTET
ROSA SORICE (voce)
GIANNINA GUAZZARONI (violino)
FEDERICA TORBIDONI (flauto)
DEBORAH VICO (pianoforte)
DISNEY QUARTET - Il Disney Quartet nasce nel
1995, in occasione delle celebrazioni del centenario del
Cinema ed è composto da musiciste unite dalla stessa
passione per la musica e per il cinema, che si presentano
in quartetto con voce, flauto, violino e pianoforte.
Dall’anno della fondazione, il gruppo ha svolto un’intensa
attività concertistica affermandosi per le capacità e
l’originalità della formazione in Europa e in alcuni paesi
extraeuropei, con esibizioni nei più prestigiosi teatri in
Svezia (Stoccolma, Vaesteros), Portogallo (Lisbona,
Coimbra), Egitto (Il Cairo, Alexandria), Germania
(Monaco di Baviera), Francia (Annecy, Lille e Arras),
Croazia (Zagabria, Spalato), Grecia (Patrasso, Rodi,
Salonicco), Turchia (Istanbul, Ankara, Izmir), Azerbaijan
(Baku), Taiwan (Taipei e altre dieci città), Brasile (San
Paolo, Belo Horizonte, Juiz del Fora, Rio de Janeiro), Tunisia (Cartagine), Marocco (Casablanca), Cipro (Limassol,
Nicosia, Pathos, Bellapais), Libano (Beirut), Libia (Tripoli), Siria (Damasco), Lussemburgo (Città di Lussemburgo),
Lettonia (Riga), Nigeria (Buja), Indonesia (Jakarta), Polonia (Varsavia), Kazakistan (Astana).
Fra le numerose esibizioni tenute dal quartetto in varie parti del mondo, di particolare rilievo alcuni concerti in
occasione dell’inaugurazione di Festival Cinematografici Internazionali, fra i quali quelli di Salonicco,Annecy,Villerupt,
Stoccolma, Lussemburgo.
Oltre a diverse registrazioni discografiche, i concerti dell’Ensemble sono stati diffusi dalla Radio e Televisione
Italiana, Radio Vaticana, Televisione Nazionale Portoghese e numerosi Network e Reti di Stato nazionali ed
internazionali.
Recentemente hanno suonato in eventi legati al cinema, in presenza di famosi registi e compositori, quali Stelvio
Cipriani, Ennio Morricone, Ettore Scola, Francesco Rosi e Marco Bellocchio.
Hanno registrato, fra l’altro, il CD “Cinema in Musica”, contenente alcuni grandi capolavori del cinema italiano e
straniero e “Giulietta”, un album interamente dedicato a Giulietta Masina nei 10 anni dalla scomparsa (musiche di
Nino Rota).
Con il Disney Quartet presentano un repertorio particolare, interamente dedicato alle più belle pagine scritte per
i lungometraggi di Walt Disney.
PROGRAMMA
“Il magico mondo di Walt Disney”
W. DISNEY:
La bella addormentata nel bosco
- Walzer
Cenerentola
- Questo è l’amore
- I sogni son desideri
- Bibbidi Bobbidi Boo
Biancaneve e i sette nani
- Con un sorriso
- Fischietta una canzon
Il Re Leone
- L’amore è nell’aria stasera
- Il cerchio della vita
* * *
Lilli e il vagabondo
- La la lu
- Bella Notte
Mulan
- Riflesso
La Bella e la Bestia
- Tema de La Bella e la Bestia
Ribelle
- Il cielo toccherò
La Sirenetta
- Part of your world
Rapunzel
- Il mio nuovo sogno
Mary Poppins
- Con un poco di zucchero
Giovedì 6 marzo - ore 21 - Aula Magna dell’Università
DUO CHITARRISTICO DI SIRACUSA
ROBERTO SALERNO (chitarra)
MARCELLO CAPPELLANI (chitarra)
DUO CHITARRISTICO DI SIRACUSA - Si è
costituito alla fine del 2007 ed ha già all’attivo oltre
cento concerti in varie città italiane, tenuti per
importanti Festivals e Stagioni Concertistiche.
Frequenti sono state le loro esibizioni in Spagna, come
testimonia la loro partecipazione nel 2008 al Festival
de Musica L’Escala-Empuries (città di Girona) e nel 2010
al XIX Encuentro Internacional de Guitarra Ciudad de
Linares “Andres Segovia” presso la Fondazione “Andrès
Segovia” e al Conservatorio della città di Ubeda.
Nel 2011 si sono esibiti in Germania per il Neckar Musik
Festival nelle città di Heidelberg e Lichstein e nel 2013
per XI Dreieicher Musiktage (città di Francoforte).
Sempre nel 2013 hanno tenuto un’importante tourneè
in Messico, esibendosi al XXIII Festival Internacional de Guitarra de Morelia presso Teatro Ocampo, presso l’Escuela
de Bellas Artes de Tultepec (Città del Messico) e all’VIII Festival Internazionale di Chitarra di Ixtlahuaca, dove
hanno ricevuto un’importante onorificenza dall’Università.
Tengono spesso master-class in Italia e all’estero e sono sovente chiamati a far parte delle giurie d’importanti
Concorsi Nazionali e Internazionali.
Hanno appena inciso e il loro primo CD “Danze e variazioni”.
ROBERTO SALERNO - Si è formato musicalmente al Conservatorio “V. Bellini” di Palermo, dove si è diplomato
in chitarra col massimo dei voti, sotto la guida del M° Salvo Pirrello, e in Musica Corale e Direzione di Coro sotto
la guida del M° Marco Ghiglione; nello stesso Istituto ha studiato Composizione con i maestri Eliodoro Sollima,
Marco Betta e Salvatore Bellassai (del quale ha eseguito molte composizioni in prima assoluta).
Si è perfezionato con prestigiosi chitarristi quali Alirio Diaz, Aldo Minella, Oscar Ghiglia, Pepe Romero e
Alberto Ponce.
Dal 1985 svolge intensa attività concertistica in Italia e all’estero, sia come solista che con diverse formazioni
cameristiche e con orchestra. Si è esibito in Argentina, Belgio, Croazia, Giappone, Grecia, Spagna, Messico e Vaticano.
Ha tenuto spesso corsi di perfezionamento in Italia, Belgio, Messico e Spagna.
Nel 2004 ha inciso, per le edizioni Sonus, un CD con musiche del Novecento, distribuito nel mercato asiatico
dalla “Moysicos”.
Autore di un centinaio di brani originali per vari organici (alcuni dei quali pubblicati dalla casa editrice Eurarte),
è docente di chitarra nella S.M.S. ad indirizzo musicale “P. Orsi” di Siracusa e, nella stessa città, all’Istituto
Comunale “Privitera”.
MARCELLO CAPPELLANI - Si è diplomato presso l’Istituto Musicale “V. Bellini” di Catania nel 2002 con il
massimo dei voti e la lode. Nel 2003 ha proseguito i suoi studi a Parigi, perfezionandosi con il M° Alberto Ponce
presso l’Ecole Normale de Musique de Paris Alfred Cortot, conseguendo brillantemente nel 2004 il “Diplôme d’Execution”
e nel 2005 il “Diplôme d’Execution Superieur”.
Nel 2009 ha conseguito la Laurea di II livello in “Discipline Musicali” con la votazione di 110 e lode presso l’Istituto
Superiore di Studi Musicali “V. Bellini” di Catania e nel 2010 la Laurea di II Livello abilitante all’insegnamento dello
strumento.
Numerosi sono i corsi di perfezionamento che ha seguito con celebri Maestri tra i quali: A. Company, L. Calsolaro,
A. Diaz, M. Colonna, T. Hopstock, E. Fisk, N. D’Angelo, A. Ponce.
Ha vinto numerosissimi primi premi in concorsi nazionali ed internazionali.
Ha tenuto diversi recital in importanti festival e stagioni concertistiche nelle principali città italiane oltre che in
Spagna, Francia e Germania.
È docente di chitarra presso la S.M.S. ad indirizzo musicale “Ortigia” di Siracusa.
PROGRAMMA
“Invito alla Danza”
A.VIVALDI:
Sonata in fa magg. RV 52
- Siciliana
- Allemanda
- Giga
J.K. MERTZ:
Mazurka e Tarantella
E. GRANADOS:
Danza n. 2 “Oriental”
M. DE FALLA:
Danza n. 1
J. CARDOSO:
Milonga
R. GNATTALI:
Suite Retratos
-
V. MONTI:
Pixinguinha (Choro)
Ernesto Nazareth (Valsa)
Anacleto de Medeiros (Schottisch)
Chiquinha Gonzaga (Corta-jaca)
Czardas
Giovedì 13 marzo - ore 21 - Aula Magna dell’Università
TRIO DES ALPES
MIRJAM TSCHOPP (violino) - CLAUDE HAURI (violoncello) - CORRADO GRECO (pianoforte)
MIRJAM TSCHOPP - Fin dal suo debutto da solista all’età di 13
anni, ha iniziato un’intensa carriera internazionale sia in qualità di
violinista che di violista.
Suona come solista con orchestre rinomate e allo stesso tempo coltiva
con grande passione la pratica della musica da camera, mettendosi in
luce come componente di ensemble quali quelli di Anne-Sophie Mutter
e Josef Suk.
Ha suonato al Concertgebouw di Amsterdam, alla Wigmore Hall di
Londra, alla Kosciuszko Foundation di New York, alla Filarmonica di
Colonia, alla Sala Glazunov di San Pietroburgo, al Rudolfinum di Praga,
alla Tonhalle di Zurigo e nei Festival di Lucerna, Verbier e Gstaad.
Nel 2003 ha eseguito in prima assoluta il Terzo Concerto per violino
di Nicolas Bacri con la WDR Symphony Orchestra sotto la direzione
di Semyon Bychkov.
I suoi CD dei concerti per violino e viola di A. Adnan Saygun hanno
ottenuto recensioni entusiastiche da parte dei media internazionali.
Vincitrice assoluta dell’edizione del 2000 del Rostal Viola Competition
di Berlino e del Premio “Swiss Ambassador”, ha studiato violino con
Aïda Stucki e Franco Gulli e viola con Christoph Schiller.
Dal 2007 al 2012 ha insegnato violino e viola al Tiroler
Landeskonservatorium di Innsbruck. È attivamente coinvolta nel
progetto educativo “Rhapsody in School” ed è membro di giuria in diversi concorsi.
CLAUDE HAURI - Inizia giovanissimo lo studio del violoncello con il maestro Taisuke Yamashita che lo accompagna
fino al diploma, ottenuto presso il Conservatorio di Lugano. Prosegue poi gli studi con Raphael Wallfisch (con il
quale ottiene il diploma di perfezionamento alla Musikhochschule di Winterthur), Alain Meunier e Zara Nelsova.
Violoncello solista dell’Ensemble Nuovo Contrappunto di Firenze e dell’Ensemble Algoritmo di Roma, ha suonato
come primo violoncello nella Youth World Orchestra della Jeunesses Musicales. Quale solista e in gruppi da camera
ha tenuto concerti in tutta Europa, in Australia e in Sud America in festival quali Marta Argerich di Lugano, National
Academy Melbourne, Teatro El Circulo a Rosario, Foundacion Kinor di Buenos Aires, Festival Lubjiana, Festival
Nancy, Biennale di Venezia, Concerti al Quirinale a Roma, ecc.
In qualità di solista, si è esibito con numerose orchestre (tra cui l’Orquesta Sinfonica Nacional Argentina), sotto la
guida di direttori quali Piero Gamba, Reinaldo Zemba e Luis Gorelik.
Dedica particolare attenzione al repertorio contemporaneo e moltissime sono le prime esecuzioni, spesso a lui
dedicate, e le collaborazioni con compositori quali S. Sciarrino, L. De Pablo, A. Knüsel, P. Glass, L. Quadranti.
I suoi concerti sono stati trasmessi in diretta radiofonica dalle emittanti SSR RSI, DRS, RAI ed ha effettuato incisioni
discografiche per Amadeus, Jecklin, Nuova Era, Szene Schweiz. L’ultima pubblicazione discografica lo vede impegnato
con la violinista Bin Huang (Brilliant Classics).
Suona uno splendido violoncello di Gian Battista Zanoli, liutaio italiano del ’700.
CORRADO GRECO - Si è diplomato in pianoforte a diciannove anni col massimo dei voti e la lode presso
l’Istituto “Bellini” di Catania, perfezionandosi con Alberto Mozzati e a lungo con Bruno Canino. Ha completato la
sua formazione accademica al Conservatorio di Milano, dove si è diplomato a pieni voti in Composizione e in
Musica Elettronica, e dove ora insegna come docente titolare. Premiato in importanti concorsi pianistici nazionali ed
internazionali, suona stabilmente come solista e con orchestra per importanti istituzioni musicali italiane ed estere.
Intensa la sua attività cameristica: vanta collaborazioni con gruppi da camera e solisti di fama quali Mario Ancillotti,
Arturo e Rodolfo Bonucci, Mario Caroli, Massimo Quarta, Giovanni Sollima, Tatjana Vassiljeva, Lorna Windsor.
Negli ultimi anni ha via via intensificato la sua presenza internazionale esibendosi con successo in Francia (Festival
di Nancy), Russia (Teatro Hermitage di S. Pietroburgo), Slovenia (Festival di Lubjana), Croazia, Portogallo, Svizzera,
Egitto, Etiopia, Indonesia, Belgio, Spagna (Festival di Murcia); ha suonato nella Conway Hall a Londra e ha effettuato
due tournée in Giappone.
È stato invitato da importanti Università americane a tenere masterclass e concerti negli Stati Uniti.
Ha registrato per la Radiotelevisione italiana ed è stato invitato due volte a suonare con Rodolfo Bonucci in diretta
Euroradio per i prestigiosi “Concerti del Quirinale” di RadioTre.
Affianca all’attività concertistica un forte interesse per la didattica, la multimedialità e la sperimentazione musicale:
tiene regolarmente seminari, conferenze e lezioni-concerto; ha pubblicato due testi per la Warner Bros italiana e
ha collaborato con Adriano Abbado alla realizzazione di un CD-Rom sul Don Giovanni di Mozart.
PROGRAMMA
“Donne in musica”
Le compositrici di fine ’800
A. BEACH:
Trio in la min. op. 150
- Allegro
- Lento espressivo
- Allegro con brio
L. BOULANGER:
D’un soir triste
D’un matin de printemps
* * *
R. CLARKE:
Trio in mi bem. min.
- Moderato ma appassionato
- Andante molto semplice
- Allegro vigoroso
Giovedì 20 marzo - ore 21 - Aula Magna dell’Università
EMILIA ZAMUNER (vocalist) - RICCARDO ZAMUNER (violino)
MARIA SBEGLIA (pianoforte)
EMILIA ZAMUNER - Nata a Napoli nel 1993, sin da piccola dimostra
grandi doti musicali. Inizia lo studio del pianoforte e successivamente studia
canto lirico sotto la guida del soprano Marilena Laurenza; attualmente frequenta
il triennio di Canto Jazz al Conservatorio S. Pietro a Majella di Napoli.
Ha frequentato la scuola di Teatro del Teatro delle Palme di Napoli,
partecipando alla messa in scena del musical “Notre Dame de Paris”.
Ha partecipato ad uno spettacolo dedicato alle donne con l’attrice Marina
Tagliaferri ed ha collaborato con diversi musicisti tra cui Marcio Rangel,
Marco Sannini, Giulio Martino, Francesco D’Errico, Gianni Conte ecc.
Ha vinto il Primo Premio del Contest “Next Sound” in qualità di voce
solista del gruppo “Tasso street notes”.
Pur essendo giovanissima, ha tenuto numerosi concerti in tutta Italia per
importanti festival e stagioni concertistiche.
Nel 2010 è stata la voce solista della Suite Disney del compositore
Scardicchio, accompagnata dall’Orchestra Sinfonica della Magna Grecia,
nell’ambito del prestigioso Festival “Dal Barocco al Jazz” ad Anacapri.
Nell’estate 2013 è stata la voce solista - sempre con l’Orchestra Sinfonica della Magna Grecia - in due importanti
concerti a Taranto e a Matera, in ricordo di Whitney Houston.
RICCARDO ZAMUNER - Sedicenne napoletano, ha iniziato lo studio del violino a 7 anni con il M° Gabriele
Bernardo. Ha proseguito i suoi studi con il M° Manuel Meo e con il M° Maurizio Lo Bello al Conservatorio “San
Pietro a Majella” di Napoli.
Parallelamente segue master-classes tenute dai maestri Salvatore Accardo, Aldo Matassa e Fabrizio Von Arx.
È risultato vincitore di diversi concorsi nazionali (I premio al “Le Camenae d’Oro” a Pompei nel 2007; I premio al
“Luigi Denza” nel 2008, I premio al “Nettuno d’Oro” a Cetraro nel 2009; I premio e premio speciale Inner Will al
“Vincenzo Mennella” di Ischia nel 2009; I premio al “Luigi Denza” nel 2010; I premio assoluto e medaglia del
Presidente della Repubblica al “Vincenzo Mennella” di Ischia nel 2010; II premio al “Premio Crescendo” di Firenze
nel 2011; vincitore della borsa di studio “Il Rotary per i giovani talenti musicali” indetta dal Rotary Club nel 2011;
I premio al “Luigi Denza” nel 2012).
Nel 2013 ha ricevuto il premio “Civicrazia Napoli per l’eccellenza” per la sezione Musica.
In duo violino e pianoforte ha tenuto diversi concerti in tutta Italia e nel 2012 ha suonato, da solista con l’orchestra
da camera “I Suoni del Sud”, il Concerto in la min. di Bach e i Concerti di Vivaldi e Bach per 2 violini e orchestra.
Ha suonato al Teatro San Carlo di Napoli e nel maggio 2013 ha effettuato una tournèe in Spagna ottenendo grande
successo di pubblico e di critica.
È componente del quartetto d’archi San Pietro a Majella, con il quale ha inaugurato la Fiera della Musica di
Cremona, ha suonato al Parlamento a Roma ed ha partecipato alla serata di premiazione del Premio Internazionale
della Danza a Roma, andato in onda su Rai Uno e alla trasmissione Uno Mattina in Famiglia in rappresentanza del
Conservatorio di Napoli.
Fa parte dell’Orchestra del Conservatorio di Napoli con la quale ha suonato sotto la direzione del M° Riccardo Muti.
MARIA SBEGLIA - Ha iniziato lo studio del pianoforte a tre anni con Emilia Gubitosi ed ha tenuto il suo primo
concerto all’età di cinque anni. Successivamente ha continuato gli studi con il M° Massimo Bertucci al Conservatorio
“S. Pietro a Majella” di Napoli. Si è diplomata sotto la guida della pianista Annamaria Pennella con il massimo dei
voti, la lode e la menzione speciale. In seguito si è perfezionata con il M° Aldo Ciccolini.
È risultata vincitrice del primo premio assoluto in numerosi concorsi nazionali ed internazionali.
Ha suonato per la prima rete nazionale della RAI nelle trasmissioni “Voglia di musica” e “Buona Fortuna”.
Ha tenuto recitals in diverse città italiane per conto di importanti Associazioni, nonché concerti da solista con
l’Orchestra Filarmonica di Skopje, con l’Orchestra da camera di Tolbuchin, al Teatro S. Carlo di Napoli dove ha
eseguito il Concerto in Fa di Gershwin, a Bari con l’Orchestra Sinfonica dove ha partecipato all’integrale dei
Concerti per pianoforte e orchestra di Saint-Saëns, al Teatro “Pergolesi” di Jesi, a Capri, a Roma, ecc.
Ha effettuato tournée in Jugoslavia, Polonia, Bulgaria, Germania, Svizzera.
Suona inoltre in varie formazioni cameristiche, collaborando con diversi artisti tra cui Bruno Canino, Orazio Maione,
Filippo Zigante, Arturo Bonucci, Ilie Jonescu, Mariano Rigillo, Cicci Rossini, Marco Zurzolo, Gianni Conte, ecc.
Dal 1991 suona in duo pianistico con il M° Umberto Zamuner. Il duo ha al suo attivo oltre 500 concerti in Italia e
all’estero (Svizzera, Francia, Kuwait) ed un vasto repertorio sia a quattro mani che a due pianoforti.
È docente presso il Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli ed è regolarmente invitata a far parte di giurie di
concorsi pianistici nazionali ed internazionali.
PROGRAMMA
“Dal Classico al Musical”
L.v. BEETHOVEN:
Sonata in fa magg. op. 24 “La Primavera”
(I movimento: Allegro)
G. GERSHWIN:
Summertime
B. MARTINO:
Estate
C.SAINT-SAËNS:
Introduzione e Rondò capriccioso
G. GERSHWIN:
Someone to watch over me
H. ARLEN:
Over The Rainbow
R. CHARLES:
Georgia on my mind
J. MASSENET:
Méditation da “Thaïs”
R. COCCIANTE:
Ave Maria pagana (da Notre Dame de Paris)
Zingara (da Notre Dame de Paris)
P. DE SARASATE:
Zingaresca
Giovedì 27 marzo - ore 21 - Aula Magna dell’Università
DUO CHABRIER
ALESSANDRO BUCCINI (violino)
ELEONORA PEROLINI (arpa)
ALESSANDRO BUCCINI - Si diploma
brillantemente in viola presso il Conservatorio “A.
Vivaldi” di Alessandria sotto la guida del M° Pietro
Mianiti (violinista e direttore d’orchestra).
Parallelamente continua gli studi di composizione e di
violino con il maestro Lugli. Si specializza in seguito
con il M° Passaggio (prima viola dell’orchestra sinfonica
della Radio di Berlino).
Ha al suo attivo concerti in tutta Europa e nelle
Americhe; ha partecipato a stage musicali tenuti da
musicisti di fama internazionale.
È stato primo violino di spalla dell’Orchestra del
Laboratorio Musicale Europeo di Acqui Terme (AL) ed
ha collaborato con le più importanti orchestre
sinfoniche italiane, quali l’Orchestra della Rai, Orchestra Giovanile Italiana, Filarmonica Italiana, etc...
Si dedica da diversi anni allo studio della viola d’amore.
Effettua regolarmente registrazioni discografiche per le reti Mediaset e la Rai.
Attualmente è il Direttore Artistico delle Scuole musicali giovani talenti “Mozart2000”, che contano ben 500 allievi
nelle quattro sedi italiane.
Dal 1996 ricopre il ruolo di prima viola dell’Orchestra Classica di Alessandria.
ELEONORA PEROLINI - Si è diplomata in Arpa al Conservatorio “G. Verdi” di Milano nel 1988. Nello stesso
anno vince il Concorso del Jeunes de la Mediterranée come prima arpa ed è finalista per le audizioni Ecyo alla
presenza di direttori d’orchestra di fama internazionale tra cui Claudio Abbado e Riccardo Muti.
Ha suonato come solista con prestigiose orchestre tra cui la Rai di Milano, i Pomeriggi Musicali, l’Orchestra di
Bacau (Romania), Filarmonica di Sanremo, Lirico-sinfonica del Piemonte, effettuando numerose registrazioni e
incisioni.
Ha collaborato in duo con S. Gazzelloni, A. Adorjan (con il quale ha effettuato la registrazione del Concerto K. 299
di W.A. Mozart per arpa e flauto), G. Pretto e stabilmente, dal 1991, con M. Kessick effettuando tournée in Europa
e Usa.
Ha registrato numerosi CD per Rusty Record, Edizioni Jump, Classica Viva, tra questi “... quanto rimane sotto il
moggio ...”.
Ha fatto parte di giuria a Concorsi Internazionali tra cui “Rovere d’Oro” di San Bartolomeo (IM), “Giulietta
Simionato” Asti, Concorso Internazionale di Santhià (VC), Concorso Internazionale di Alice Belcolle (AL), Concorso
Internazionale di Belveglio (AT).
È dedicataria di opere di vari autori, tra cui Franco Mannino, Luigi Giachino, Giuseppe Elos, Marlaena Kessick,
Simone Zoia.
PROGRAMMA
“Il salotto dell’800”
F.W. RUST:
Sonata in la magg.
- Allegro
- Andantino grazioso
- Menuet
J. MASSENET:
Thaïs
G.F. HÄNDEL:
Passacaglia
F. KREISLER:
Preludio e Allegro nello stile di Pugnani
“Tango e dintorni...”
M. AMOROSI:
Danze medievali
A. PIAZZOLLA:
Oblivion
Libertango
P. DE SARASATE:
Malagueña
“Souvenir di colonne sonore”
J. PARKEL:
Al mercato persiano
J.WILLIAM:
Schindler’s list
E. MORRICONE:
Gabriel’s oboe
V. MONTI:
Czardas
Giovedì 3 aprile - ore 21 - Aula Magna dell’Università
GIOVANNI LANZINI (clarinetto)
FABIO MONTOMOLI (chitarra)
GIOVANNI LANZINI - Diplomatosi giovanissimo in clarinetto
presso il Conservatorio “L. Cherubini” di Firenze, si è in seguito
perfezionato con illustri strumentisti quali Karl Leister (Orchestra
Filarmonica di Berlino), Primo Borali (Orchestra RAI di Milano) e
Vincenzo Mariozzi (Accademia di Santa Cecilia di Roma).
Da anni svolge un’intensa attività concertistica, che lo ha visto esibirsi
per le più prestigiose Associazioni musicali italiane ed estere (Francia,
Germania, Svizzera, Austria, Croazia, Svezia, Romania, Portogallo, USA)
sia come solista che con i gruppi di musica da camera da lui fondati, tra
i quali il Quartetto Italiano di Clarinetti, il Quartetto di Fiati “Benedetto
Carulli”, il Trio Clarinetto Concertante ed il “Serenatensemble”.
Nel 1987 ha avuto l’opportunità di esibirsi dinanzi a Sua Santità Giovanni
Paolo II in Vaticano e nel 1995 ha rappresentato l’Italia al VI Incontro
Europeo del Clarinetto svoltosi a Pontarlier in Francia, ricevendo
entusiastici consensi che gli hanno valso l’invito a tenere un concerto
l’anno successivo presso il Conservatorio di Musica di Le Havre.
Nel 1990 si è esibito come “solista” nell’ambito del Festival di Spoleto e nel 1997 è stato invitato, con il Quartetto
Italiano di Clarinetti, dalla Società dei Compositori Croati al 34° Festival di Musica Contemporanea di Opatija,
dove ha eseguito “prime assolute” di compositori italiani dedicate al quartetto, registrando per l’occasione per
Radio Zagabria e per la televisione nazionale croata.
Ha effettuato varie registrazioni radiofoniche e televisive per la RAI ed ha al suo attivo l’incisione di otto compactdisc di musica classica e contemporanea per le etichette EMI Classic, Bongiovanni, Miki-Mako, Agenzia Spaziale
Italiana, Iktius, Avvenimenti, San Paolo Audiovisivi, EMA Records.
Premiato in vari Concorsi Nazionali ed Internazionali, nel 1987 ha vinto il Primo Premio Assoluto all’XI Concorso
Internazionale di Musica “Città di Stresa” e nel 1989 il Primo Premio al Concorso Nazionale “Città di Genova”.
Dal 1981 al 2007 è stato docente di clarinetto presso l’Istituto Musicale Comunale di Grosseto.
Dal 1994 ricopre il ruolo di “primo clarinetto” nell’Orchestra Sinfonica “Città di Grosseto”.
Cultore della storia e della letteratura della “famiglia” del clarinetto, affianca spesso nei suoi concerti al clarinetto
moderno strumenti antichi e poco frequentati, quali il “corno di bassetto” e lo “chalumeau”. Con quest’ultimo
strumento ha effettuato due tournée in Italia, Austria e Germania, dove ha eseguito il raro “Concerto in Re min.
per due chalumeaux” di G.Ph. Telemann, suonando tra l’altro nell’ambito del prestigioso “Bachfest” a Lipsia.
Giovanni Lanzini suona strumenti Selmer.
FABIO MONTOMOLI - Si diploma con il massimo dei voti presso il Conservatorio “S. Cecilia” di Roma con il
M° Carlo Carfagna. Frequenta il corso stabile al “Mozarteum” di Salisburgo studiando Klassische Gitarre con il M°
Eliot Fisk ed il M° Joaquin Clerch-Diaz e Barockmusik con il M° Nikolaus Harnoncourt. Inoltre studia contrappunto
e composizione con il M° Francesco Iannitti Piromallo.
Vincitore di primi premi assoluti in sette tra i più importanti concorsi nazionali, nel ‘92 vince il concorso internazionale
di chitarra “Mauro Giuliani”.
Successivamente inizia la carriera concertistica che lo porta a suonare nelle più importanti stagioni concertistiche
in Italia e all’estero: Giappone (Tokyo, Hiroshima, Hayama, Kamakura), Stati Uniti (Miami, Boston, Philadelphia,
Pittsburgh, New York), Messico (Morelia, Paztquaro, Zitaquaro, Ixtlauacha, Zamora, la Piedad, Aguascalientes, Città
del Messico, Queretaro, Pachuca), Finlandia (Tampere, Helsinki, Turku), Germania (Berlino, Colonia, München,
Norimberga, Heidelberg, Wolfsburg, Deggendorf), Spagna (Granada, Valencia, Linares, Girona), Kazakistan (Astana,
Almaty, Karaganda, Kokshetau), Venezuela (Caracas, San Felipe), Argentina (Buenos Aires, Rosario, Bahia Blanca,
Trenquelauque, Gualeguaychù, San Miguel), Camerun (Douala, Yahoundè) ed inoltre a Mosca, Salisburgo, Vienna,
Praga, Malta, Beirut, Belgrado, Santiago de Chile, Varsavia, Singapore, Hong Kong.
Viene invitato regolarmente in alcuni dei più importanti festival chitarristici internazionali, quali Andrès Segovia
Ciudad de Linares (Spagna), Hersbruck Guitar Festival (Germania), Tokyo Guitar Festival (Giappone), Volos winter Guitar
Festival (Grecia), Turku Guitar Festival (Finlandia), Morelia Guitar Festival (Messico), ecc.
Numerose le trasmissioni radiofoniche dove è stato protagonista: Radio Vaticana, Radio Rai 2, Radio Helsinki, ecc.
Incide per la casa discografica “SAM classica”.
Oltre all’attività concertistica si dedica alla didattica, tenendo master-class sia in Italia che all’estero (Spagna, Germania,
Austria, Francia, Grecia, Libano, Messico, ecc.).
È titolare della classe di chitarra presso la scuola a indirizzo musicale “Leonardo da Vinci” e l’Istituto musicale
comunale “P. Giannetti” di Grosseto.
Fabio Montomoli suona una chitarra del liutaio Steve Connor e una del liutaio Antonino Scandurra.
PROGRAMMA
“Ciao, Italia!”
Omaggio alla musica italiana
F. IANNITTI:
La Porta del Sole
(Suite per clarinetto e chitarra
dedicata al duo Lanzini-Montomoli)
-
Canzone
Cantilena
Serenata
Stornello
Elegia (clarinetto solo)
Amalfi (chitarra sola)
Tarantella
V. BELLINI:
Fenesta che lucive
V. D’ANNIBALE:
‘O paese d’ ‘o sole
S. CARDILLO:
Core ’ngrato
L. DENZA:
Funiculì Funiculà
N. PAGANINI:
Il Carnevale di Venezia
G. PUCCINI:
Oh mio babbino caro (da Gianni Schicchi)
Quando men vo’ - Valzer di Musetta (da Bohème)
Nessun dorma (da Turandot)
G. ROSSINI:
Tarantella
Giovedì 10 aprile - ore 21 - Aula Magna dell’Università
ENRICO BERUSCHI (attore) - MARIO CARBOTTA (flauto)
PIERO BARBARESCHI (pianoforte)
ENRICO BERUSCHI - Nato a Milano, lavora per 15 anni come ragioniere presso
la Galbusera, raggiungendo la posizione di vice direttore commerciale. Nel 1972
inizia a sperimentare la carriera artistica presso il Derby Club di Milano; dopo due
anni, decide di lasciare il suo lavoro “diurno” per dedicarsi completamente allo
spettacolo come cabarettista, attività che esercita tuttora.
Nel 1977 è il personaggio “Salvatore l’inventore” nel programma televisivo per
ragazzi Qua la zampa ed è presente anche nel programma Non stop accanto a I Gatti
di Vicolo Miracoli, La Smorfia, Boris Makaresko, Marco Messeri e Nicola Arigliano. Partecipa
anche ad altri programmi della RAI, come La Sberla, Luna park e Tutto compreso.
Negli anni ‘80 è fra i protagonisti della trasmissione di successo Drive In, dove propone gags con personaggi buffi e sfortunati.
Si è cimentato brillantemente anche come cantante, classificandosi 5º al Festival di Sanremo nel 1979, con il brano
Sarà un fiore, che diventerà uno dei tormentoni dell’anno e un grande successo discografico.
In quegli stessi anni, inizia anche l’avventura teatrale con L’angelo azzurro di Amendola-Corbucci (regia di Vito
Molinari), con Minnie Minoprio e Margherita Fumero. L’attività di teatro prosegue per tutti gli anni novanta e
duemila, con contemporanei e classici fino a che, nel 2007, debutta anche come regista teatrale.
Senza pretendere seriosità eccessive, ha sperimentato interpretazione e canto nell’opera lirica, interpretando, tra
l’altro, il ruolo del “Grillo parlante” ne Le avventure di Pinocchio, opera lirica di Antonio Cericola.
Per il cinema ha lavorato nelle classiche “commedie all’italiana” degli anni settanta ed ottanta, oltre che in film più
impegnati come Un borghese piccolo piccolo di Mario Monicelli e la commedia Montecarlo Gran Casinò.
L’attività televisiva prosegue anche nella fiction italiana, con produzioni come Elisa di Rivombrosa e nel 2011 con il
ruolo di protagonista nella sitcom Io e Margherita.
MARIO CARBOTTA - Ha tenuto concerti in tutta Italia, Europa, Europa, Medioriente,
Nord Africa, Corea, Cina, Giappone, Brasile, Messico, Canada e Stati Uniti d’America.
Diplomatosi con il massimo dei voti al Conservatorio di Piacenza, ha continuato gli studi
con Mario Ancillotti ai corsi di alto perfezionamento della Scuola di musica di Fiesole.
Ha suonato in importanti sedi concertistiche, fra cui Grosser Musikvereinssaal a Vienna,
Rudolfinum a Praga, Tiara Koto Hall a Tokyo, Glenn Gould Studio a Toronto, Auditorium
Manuel de Falla a Granada,Teatro dell’Opera al Cairo, Poly Theatre di Pechino, Filarmonica
Lituana di Vilnius, Auditorium della Radio Svizzera a Lugano e i Festival internazionali di
Santander, Castel de Perelada, Torre del Lago Puccini, Ljubljana, Varajdin, Zagreb, Teheran.
In veste di solista si è esibito con rinomate orchestre da camera (Mannheim Kammerorchester, Mainzer
Kammerorchester, DKO Frankfurt am Main, I Virtuosi di Praga, Solisti Aquilani) e sinfoniche (Tonkünstler - Orchester
Niederösterreich di Vienna, Südwestdeutsche Philharmonie di Konstanz, Thüringer Symphoniker, Loh - Orchesters
Sondershausen, Israel Sinfonietta, Orchestra Sinfonica di Istanbul, Orchestra della Radiotelevisione e Cinema della
Repubblica Popolare Cinese, Cairo Symphony Orchestra, Orquestra Classica de Madeira in Portogallo, Orquestra Sinfonica
di Guadalajara, Orchestra I Pomeriggi Musicali di Milano e con l’Amarillo Symphony Orchestra in Texas, USA).
Ha effettuato registrazioni per la RSI (Svizzera Italiana), la Radio lituana, la HRT croata e la CBC di Toronto
(Canada) ed ha registrato numerosi CD per le etichette Dynamic, Tactus, Nuova Era e Rugginenti.
Ha tenuto corsi e master class in Italia, USA, Polonia e al Conservatorio di Tatui in Brasile.
PIERO BARBARESCHI - Nato a La Spezia, ha studiato pianoforte con Martha Del
Vecchio e clavicembalo con Anna Maria Pernafelli, diplomandosi con il massimo dei voti
presso il Conservatorio “Cherubini” di Firenze. Svolge attività come solista ed in varie
formazioni da camera collaborando con solisti prestigiosi come Felix Ayo, Cristiano
Rossi, Franco Mezzena,Thomas Schrott,Thomas Christian, Mario Ancillotti, Mario Carbotta,
Susanne Kelling, nelle più importanti città italiane ed all’estero (Francia, Svizzera, Austria,
Germania, Belgio, Repubblica Ceca, Stati Uniti), ospite d’importanti istituzioni e Festivals.
Ha collaborato con numerose orchestre fra le quali l’Orchestra Sammartini di Milano, I Filarmonici di Torino,
l’Orchestra da camera di Fiesole, i Virtuosi di Praga, Salzburg Chamber Soloists, Orchester Konservatorium Bern,
Jugendsinfonieorchester di Potsdam, I Filarmonici di Verona,Vox Aurae, Orchestra Internazionale d’Italia, Gli Intepreti
Italiani etc. con vari direttori fra i quali Rudolf Barshai, Giuseppe Garbarino, Federico Maria Sardelli, Diego Fasolis.
Già membro della commissione per le selezioni ECYO, ha effettuato registrazioni per la RAI TV e per le case
discografiche Nuova Era, Dynamic, Tactus, Wide Classique e Musikstrasse.
Iscritto all’albo dei giornalisti come pubblicista, si occupa di divulgazione musicale con ascolti guidati, conferenze,
articoli. Fa inoltre parte della redazione di Gothic Network, il portale italiano di recensioni artistiche, occupandosi
di critica discografica e concertistica.
PROGRAMMA
“Tre all’Opera”
Musica e Cabaret
G. ROSSINI:
Il vecchietto cerca moglie (Aria di Berta)
(da Il Barbiere di Siviglia)
G.VERDI:
Fantasia sulla “Traviata”
P. MASCAGNI:
Potpourri su temi dell’opera “Cavalleria Rusticana”
G. PUCCINI:
Capriccio sull’opera “La Bohème”
G. BIZET:
Fantasia brillante sull’opera “Carmen”
Giovedì 24 aprile - ore 21 - Aula Magna dell’Università
IVO SCARPONI (violoncello)
MOIRA MICHELINI (pianoforte)
IVO SCARPONI - È nato a Perugia nel 1971. Si è diplomato in
violoncello nel 1992 con il massimo dei voti e la lode presso il
Conservatorio “F. Morlacchi” di Perugia sotto la guida del M° Vallini. Ha
frequentato poi il corso triennale presso l’Accademia Nazionale di S.
Cecilia sotto la guida del Maestro Franco Maggio Ormezowsky,
diplomandosi brillantemente nel 1995. Si è inoltre perfezionato in musica
barocca presso l’Accademia di Fiesole.
Membro fondatore del Quintetto Scarponi, con il quale ha suonato per
le maggiori associazioni concertistiche Italiane (Società del quartetto,
Amici della Musica, Il Coretto, etc...), ha effettuato numerose registrazioni
Radiofoniche (RAI, RSI) e prime esecuzioni assolute (Fellegara, Gentile,
Molino, D’Amico, Hoch), nonché alcune incisioni discografiche (Nuova
Era, Ricordi).
Ha tenuto concerti sia come solista, che in famosi complessi cameristici
(Solisti Aquilani, Gruppo Musica d’Oggi) in Italia e all’estero (Messico,
Spagna, Austria, Germania, Giappone). È stato primo violoncello di varie
Orchestre: Camera dell’Umbria, Camerata del Titano di S. Marino,
Simphonia Perusina, Sinfonica di Terni. Attualmente fa parte stabile
nell’Orchestra da Camera del M° Uto Ughi.
Ha vinto, nel 1998 e 1999, con l’ottetto d’archi Musicus Novus, numerosi
Concorsi.
Dal 1997 è docente di violoncello presso il “Civico Istituto Musicale Onofri” di Spoleto.
Nell’agosto 2003 ha registrato con il gruppo Hermans Consort (per la casa editrice Bongiovanni) in qualità di
primo violoncello solista, i sei concerti di Von Wassenaer.
Nel 2004 ha formato insieme a Moira Michelini un Duo che si è esibito in numerose tournée in Italia, Spagna,
Francia e Belgio.
Attualmente è primo violoncello nell’Orchestra da camera di Uto Ughi.
MOIRA MICHELINI - Nasce a Terni ed intraprende gli studi musicali nel Conservatorio “G. Briccialdi” della sua
città, diplomandosi in pianoforte sotto la guida del M° Fausto Mastroianni, ottenendo il massimo dei voti, lode e
menzione.
Debutta al teatro “G.Verdi” di Terni nel 1987 e da allora svolge un’intensa attività concertistica sia come solista che
in formazioni cameristiche in Italia e all’estero: Germania, Spagna, Francia, Belgio, Austria, Polonia, Portogallo,
Svizzera, Malesia, Argentina e Giappone.
Numerose le sue collaborazioni con orchestra, tra le quali ricordiamo: l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Malesia,
l’Orchestra di Stato della Romania, l’Orchestra Sinfonica di Buenos Aires, l’Orchestra del Conservatorio di Liegi,
l’Orchestra BonnerJugend di Bonn, l’Orchestra Sinfonica della Murcia, l’Orchestra da camera “I Solisti di Perugia”.
Ha arricchito la sua formazione musicale perfezionandosi con i Maestri: F. Mastroianni, Lya De Barberiis, O. Frugoni
e A. Specchi. Ha frequentato a Bruxelles e a Roma i corsi di alto perfezionamento pianistico del M° Aquiles Delle
Vigne. Ha partecipato a numerosi concorsi nazionali ed internazionali, conseguendo primi premi sia in Italia che
all’estero.
Si è esibita in numerosi Festivals Musicali, suonando in prestigiose sale tra le quali: Monaco, “Sala Gasteig”, Parigi
“Eglise Saint-Merry”, Sala del Conservatorio di Liegi, Museo delle Belle Arti di Buenos Aires, sala “Leopold Mozart”
e “Wiener Saal”, Mozarteum di Salisburgo, Teatro Nazionale “Istana Budaya” di Kuala Lumpur, Sala dei Notari di
Perugia, Chiesa del Borromini di Roma, Teatro di Molina (Spagna), Toledo, ottenendo ovunque ampi consensi di
pubblico e di critica.
Ha partecipato inoltre ai festivals: RAI Internazionale Umbriafiction TV, Festival Valentiniano 2001 (dove ha inciso
un Cd-Live del Concerto in Fa di G. Gershwin per pianoforte e orchestra), Festival di Musica del Mediterraneo di
Murcia, Festival di piano “Sant Pere de Rodes” Girona, Stagione dei Concerti di Piazza Navona (Roma), ecc.
Ha registrato per la RAI-TV ed è regolarmente invitata come membro, in giurie di Concorsi Pianistici.
Nel 1998 ha inciso un CD con Sonate di D. Scarlatti e dello spagnolo A. Soler, esposto al Salone Internazionale della
Musica di Parigi del 2001. Nel gennaio 2006 ha inciso un altro CD-Live delle Quattro Stagioni di Astor Piazzolla
con l’Orchestra Ensemble Metamorfosi.
Da oltre cinque anni suona insieme al violoncellista Ivo Scarponi per importanti associazioni Italiane e per altri Enti
Musicali europei.
PROGRAMMA
“Cuore argentino”
A. GINASTERA:
Pampeana n. 2 (Rapsodia)
A. PIAZZOLLA:
Adios Nonino
Tre Tanghi
- Michelangelo 70
- Butcher’s Death
- Libertango
Grand Tango
Cinco Piezas per pianoforte e violoncello
-
Campero
Romantico
Acentuado
Tristan
Compadre
Giovedì 8 maggio - ore 21 - Aula Magna dell’Università
CARINHOSO JAZZ QUARTET
ALESSIA MARTEGIANI (voce)
MAURIZIO DI FULVIO (chitarra)
IVANO SABATINI (contrabbasso)
GIACOMO PARONE (percussioni e batteria)
CARINHOSO JAZZ QUARTET - Vocalist
del quartetto è Alessia Martegiani, che ha
studiato a lungo la musica contemporanea e
in particolare i ritmi e le sonorità della musica
brasiliana, perfezionando la conoscenza del
repertorio bossa-nova e samba-cançao e
divenendo presto una delle voci italiane più
richieste ed apprezzate a livello internazionale.
Si avvicinata giovanissima alla musica
cominciando con lo studio del pianoforte.
Ha partecipato a seminari sull’improvvisazione
jazz con J. Clayton, J. Taylor, A. Jackson e si è
laureata all’Università DAMS di Bologna.
Ha effettuato tournèe in Brasile, collaborando con importanti musicisti latino-americani e facendo esperienze live
e in studio.
Ha fondato il gruppo Trem Azul con Massimiliano Coclite e Bruno Marcozzi, con il quale nel 2006 ha prodotto il
suo primo lavoro da band leader, cd pubblicato dall’etichetta Wide Sound e scelto dall’Egea per la distribuzione.
Da diversi anni presenta un progetto inizialmente dedicato interamente alle musiche di Antonio Carlos Jobim e, da
alcuni anni, allargato ai diversi generi.
Il chitarrista Maurizio Di Fulvio si è formato artisticamente con musicisti quali J. Bream, A. Carlevaro, J. Scofield,
P. Metheny e ha ottenuto primi premi e vari riconoscimenti in concorsi internazionali.
Svolge una brillante carriera concertistica, in qualità di solista e con formazioni varie, suonando in tutto il mondo
nei festival più prestigiosi a fianco dei più autorevoli chitarristi e musicisti contemporanei e ottenendo lodevoli
testimonianze del pubblico.
È stato docente di chitarra nei Conservatori italiani di Foggia, Verona, Modena e Padova, è membro di giuria di vari
concorsi di chitarra e tiene corsi di perfezionamento e masterclasses nelle Università e nelle Istituzioni musicali di
diversi paesi sulla letteratura chitarristica tradizionale e sull’impiego della chitarra classica nel jazz.
Molti dei suoi concerti sono stati registrati e trasmessi da emittenti televisive e radiofoniche e numerose sono
state le attenzioni di importanti compositori italiani del nostro tempo, tra cui S. Bussotti, L. Berio, S. Sciarrino, che
spesso gli hanno affidato la revisione, l’adattamento e l’interpretazione delle loro opere.
Completano la formazione Ivano Sabatini, contrabbassista esperto e dalla solida preparazione, che passa da
accompagnatore a voce solista, creando atmosfere ricche di bellezza melodica e pregevole musicalità, e il batteristapercussionista Giacomo Parone, che, con equilibrato senso dell’estetica musicale, sottolinea ogni momento
dell’esecuzione con effetti strumentali e particolari trovate ritmiche.
Il concerto presenta un’esecuzione di rara bellezza, con un’interpretazione eclettica e pulsante di “jazz & pop
songs” e allo stesso tempo elegante e trascinante attraverso il “choro brasileiro” e la “bossa-nova” di Tom Jobim.
PROGRAMMA
“La musica Latino-Americana”
PIXINGUINHA (A.Viana):
Carinhoso
A. C. JOBIM:
Chega de saudade
A. PIAZZOLLA:
Oblivion
STING (G. Sumner):
Fragile
M. DI FULVIO:
San Liberatore a Maiella Abbey
Fusion
L. BONFÁ:
Manhã de Carnaval
H.VILLA-LOBOS:
Bachiana brasileira
S.WONDER:
Isn’t she lovely
C. VELAZQUEZ:
Besame mucho
E. NAZARETH:
Odeon
H. ARLEN:
Over the rainbow
Z. ABREU:
Tico Tico
Giovedì 15 maggio - ore 21 - Aula Magna dell’Università
ENSEMBLE DUOMO
ROBERTO PORRONI (chitarra)
LUIGI ARCIULI (flauto)
SILVIA PAUSELLI (violino)
FLAVIO GHILARDI (viola)
MARCELLA SCHIAVELLI (violoncello)
ENSEMBLE DUOMO - Nasce nel 1996 su
iniziativa di Roberto Porroni. Il gruppo,
composto da affermati solisti, si propone la
valorizzazione del repertorio poco eseguito
con una particolare attenzione verso proposte
particolari ed innovative.
In quest’ottica vanno visti i programmi su cui
si incentra l’attività concertistica del gruppo:
“Una chitarra per Vivaldi” (inciso in un CD di
vivo successo) e “Un Haydn inedito”, dedicati
a pagine di rara esecuzione e proposti in una
versione vicina alla sensibilità e al gusto dei
nostri giorni, cui si aggiungono i programmi
“La Musica al Cinema” e “Le Americhe in
Musica”, dedicati ad alcune delle più belle
colonne sonore rivisitate in una nuova dimensione timbrica, incisi in tre CD che hanno riscosso unanimi consensi
di pubblico e di critica. Ennio Morricone ha molto apprezzato il lavoro realizzato da Roberto Porroni portando in
una dimensione classica le musiche da film.
L’Ensemble Duomo si è affermato a livello internazionale come uno dei più originali ed interessanti gruppi da
camera; ha tenuto concerti in vari paesi europei, (Austria, Svizzera, Italia, Germania, Francia, Grecia), in Turchia, in
Medio Oriente, in Africa, in America Centrale e in America Latina, in Australia ed è stato invitato più volte in
tournée in Estremo Oriente (Giappone, Corea, Singapore, Vietnam), suonando per importanti istituzioni
concertistiche, quali il Seoul Arts Center, la Oji Hall di Tokyo, ALTI Auditorium di Kyoto, Nara Centennial Hall,
riportando sempre un grande successo e l’invito a rappresentare l’Italia per l’anno “Italia in Giappone” in una lunga
tournée nel settembre 2001, seguita da altri concerti negli anni successivi.
Nel maggio 2004 ha tenuto una applaudita tournée in Argentina, dove ha suonato al Teatro Colon e al Teatro Gran
Rex di Buenos Aires e in altre città.
Nel giugno 2006 ha debuttato con successo in Brasile. Nel dicembre dello stesso anno ha iniziato una collaborazione
con il baritono Renato Bruson, con un concerto dedicato alle romanze di Tosti.
Nell’ottobre 2011 è stato invitato al prestigioso Schumann Festival di Bonn.
L’Ensemble Duomo si è esibito in concerti in onore di Lorin Maazel e Josè Carreras, che ne hanno molto apprezzato
le qualità artistiche.
PROGRAMMA
“La musica al cinema”
Viaggio nel mondo delle colonne sonore
E. MORRICONE:
C’era una volta il West
C’era una volta in America
Suite
-
N. ROTA:
Suite Felliniana
-
M.THEODORAKIS:
Per le antiche scale
Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto
Giù la testa
Sacco e Vanzetti
Il clan dei siciliani
Metti una sera a cena
La strada
La dolce vita
Prove d’orchestra
8e½
Z - L’orgia del potere
Danze da “Zorba il Greco”
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
3
File Size
2 369 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content