close

Enter

Log in using OpenID

71 Apertura di credito buona impresa start up

embedDownload
Pagina
1
di
FOGLIO INFORMATIVO n. 71
relativo alle
APERTURE DI CREDITO IN CONTO CORRENTE
BUONA IMPRESA – APERTURA DI CREDITO PER START UP
Norme per la trasparenz per clienti micro, piccole e medie imprese ai sensi della
normativa comunitaria
(2003/361/CE del 6.05.2003 (GUL 124 del 20.05.2003) recepita con Decreto
Ministeriale del 18.05.2005 (GURI n.238 del 18.10.2005)
a e pubblicità delle operazioni e dei servizi finanziari e bancari (D.lg. 385/3, modif. CICR 04/03/03, Istruzioni di
Vigilanza della Banca d’Italia n° 170 del 10/09/2009)
29/01/2015
Aggiornato al {Data_Agg_Documento}
INFORMAZIONI SULLA BANCA
BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO Soc.Coop. _CX}
{Globale_Dati_Banca_1
Iscritta all'Albo delle Banche 803 Albo Coop.A162030 R.E.A. BG-2803 _CX}
{Globale_Dati_Banca_2
Aderente al Fondo Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo e al _CX}
{Globale_Dati_Banca_3
Fondo di Garanzia degli Obbligazionisti del Credito Cooperativo
{Globale_Dati_Banca_4
_CX}
Sede e Direzione Generale: via A.Moro, 2 - 24050 Zanica - Bergamo _CX}
{Globale_Dati_Banca_5
tel.035679234, fax0356668222 ,e-mail: [email protected] .bcc.it _CX}
{Globale_Dati_Banca_6
Iscritta al Registro delle Imprese di Bergamo al n. 00325240166
{Globale_Dati_Banca_7
_CX}
C.F.
e
P.IVA
00325240166
ABI:
08940
{Globale_Dati_Banca_8
_CX}
Capitale sociale risultante dall'ultimo bilancio approvato euro 5.771.310,36_CX}
{Globale_Capitale_Sociale
Riserve risultanti dall'ultimo bilancio approvato euro 81.254.416
{Globale_Riserve
_CX}
CHE COS’È L’APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE – BUONA IMPRESA – APERTURA DI
CREDITO PER START UP
L’apertura di credito è destinata a : sopperire ad esigenze connesse con l’avvio di nuove iniziative
imprenditoriali e si rivolge a micro, piccole e medie imprese in possesso di uno dei seguenti requisiti
alla data di presentazione della richiesta di finanziamento:
- essere impresa individuale con titolare sotto i 35 anni d’età;
- essere impresa familiare con titolare sotto i 35 anni d’età;
- essere società di persone con almeno 2/3 del totale dei componenti costituito da giovani
sotto i 35 anni d’età;
- essere società di capitali con almeno 2/3 del totale dei componenti costituito da giovani sotto
i 35 anni;
- essere iscritte al registro delle imprese da non più di 12 mesi.
L’apertura di credito è un contratto mediante il quale la banca mette a disposizione del cliente, a tempo
determinato o indeterminato, una somma di denaro, concedendogli la facoltà di addebitare il conto corrente
fino ad un importo concordato.
Salvo diverso accordo, il cliente può utilizzare (anche mediante l’emissione di assegni bancari), in una o più
volte, il credito concesso e può ripristinare la disponibilità di credito con successivi versamenti, bonifici,
accrediti.
Sulle somme utilizzate nell’ambito del fido concesso, il cliente è tenuto a pagare gli interessi passivi pattuiti.
Il cliente è tenuto ad utilizzare l’apertura di credito entro i limiti del fido concesso e la banca non è obbligata
ad eseguire operazioni che comportino il superamento di detti limiti (c.d. sconfinamento). Se la banca decide
…
7
Pagina
2
di
7
di dare ugualmente seguito a simili operazioni, ciò non la obbliga a seguire lo stesso comportamento in
situazioni analoghe e la autorizza ad applicare tassi e condizioni stabiliti per detta fattispecie.
Tra i principali rischi, va tenuta presente la variazione in senso sfavorevole delle condizioni economiche
(tassi di interesse, se l’apertura di credito è concessa a tempo indeterminato o a tempo determinato a favore
di soggetti diversi da consumatori e micro imprese, ed altre commissioni e spese del servizio) ove
contrattualmente previsto.
NFORMAZIONI SULLA BANCA
CONDIZIONI ECONOMICHE
HE COS’È IL CONTONTE
Le condizioni riportate nel presente foglio informativo includono tutti gli oneri economici posti a carico del
cliente per la prestazione del servizio.
Prima di scegliere e firmare il contratto è quindi necessario leggere attentamente il foglio informativo.
IMPORTO MASSIMO FINANZIABILE
importo massimo finanziabile
€ 10.000,00
INTERESSI DEBITORI MASSIMI
Tasso debitore annuo nominale fisso NON PREVISTO
%
%
per utilizzi nei limiti del fido concesso
per utilizzi oltre i limiti del fido concesso
Gli interessi debitori previsti per gli utilizzi oltre il limite del
affidamento concesso sono calcolati sull’ammontare e
per la durata dello sconfinamento per valuta, nel caso in
cui in cui il saldo per valuta ed il saldo disponibile risultino
contestualmente sconfinanti. Se lo sconfinamento è solo
sul saldo per valuta vengono calcolati gli interessi debitori
previsti per l’utilizzo entro il limite del fido.
Tasso debitore annuo effettivo fisso NON PREVISTO
per utilizzi nei limiti del fido concesso
per utilizzi oltre i limiti del fido concesso
Tasso debitore annuo indicizzato
per utilizzi nei limiti del fido concesso
%
%
Euribor/365 6 mesi media mese precedente +
massimo {5,158} punti percentuali,
SPREAD_TV_MAX
Il tasso di interesse è variato con decorrenza
semestrale sulla base dell’andamento del
parametro riferito a al 1° giorno lavorativo del
mese successivo alla rilevazione.
Il tasso applicato non può mai essere inferiore al
{Tasso_Minimo_DX} %.
per utilizzi oltre i limiti del fido concesso
Gli interessi debitori previsti per gli utilizzi oltre il limite del
affidamento concesso sono calcolati sull’ammontare e
per la durata dello sconfinamento per valuta, nel caso in
cui in cui il saldo per valuta ed il saldo disponibile risultino
…
5,00 punti percentuali in più rispetto al tasso in
vigore nel periodo per l’utilizzo entro il fido
Pagina
contestualmente sconfinanti. Se lo sconfinamento è solo
sul saldo per valuta vengono calcolati gli interessi debitori
previsti per l’utilizzo entro il limite del fido.
Tasso debitore annuo effettivo variabile
per utilizzi nei limiti del fido concesso
per utilizzi oltre i limiti del fido concesso
Tasso annuo per interessi di mora
Capitalizzazione
3
3 punti percentuali in più rispetto all’interesse
corrispettivo in vigore al momento della mora
Gli interessi sono liquidati con periodicità non
inferiore al {GLOBALE_
} e comunque
all’atto dell’estinzione del rapporto.
Gli interessi sono calcolati con riferimento
all’anno civile (365 giorni).
I contratti possono prevedere che gli interessi
siano calcolati osservando il criterio dell’anno
commerciale (360 giorni).
SPESE MASSIME
spese collegate all’erogazione del credito (visure,
accesso a base dati, ecc.)
spese di istruttoria
spese annuali collegate alla revisione periodica del fido
spese per comunicazioni periodiche
- in forma cartacea
- on line
spese per altre comunicazioni, ad eccezione di quelle
concernenti variazioni unilaterali
spese per informazioni o comunicazioni ulteriori o più
frequenti rispetto a quelle previste ai sensi di legge,
richieste dal cliente, ovvero trasmesse, su richiesta del
cliente, con strumenti diversi da quelli previsti nel
contratto
spese per attività di gestione e controllo dello
sconfinamento
Spese per copia documentazione
Commissione di istruttoria veloce (CIV)
La CIV, addebitata su base trimestrale, si applica – nelle
misure e con le modalità qui indicate – a condizione che,
nell’arco del trimestre, si generino, per effetto di uno o più
addebiti, sconfinamenti rispetto al limite dell’affidamento
concesso o incrementi di sconfinamenti preesistenti,
avuto riguardo al saldo disponibile di fine giornata.
La CIV è dovuta esclusivamente nei casi in cui la banca,
in base alle proprie procedure interne, prima di
autorizzare lo sconfinamento svolge un’istruttoria veloce.
La CIV non è dovuta se lo sconfinamento ha avuto luogo
per effettuare un pagamento nei confronti della banca.
Se il cliente riveste la qualifica di consumatore la CIV non
è inoltre dovuta nel caso in cui, lo sconfinamento, anche
derivante
da
più
addebiti,
non
supera
…
7
5,158
{SPREAD_TV_MAX}
%
13,648} %
{Tasso_DBe_oltre_Fido_DX
PERIODICITA_CAPITALIZZAZIONE
Modalità di calcolo degli interessi
di
spese _erogazione}
€ {25,82
non previste
non previste
esente
esente
€ {3,00
spese _invio_cp}…
non previste
non previste
€ {0spese _copia_doc}::
€ 25,00
Pagina
4
di
7
contemporaneamente
- l’importo complessivo di 500 euro e
- la durata di 7 giorni consecutivi.
Questa esenzione è applicata una sola volta per
trimestre.
Casi in cui è svolta l’istruttoria veloce
La Banca svolge un’attività di istruttoria veloce a
fronte di qualsiasi richiesta di sconfinamento.
COMMISSIONI
Commissione sul fido accordato
Fino a € 5.000,00
Oltre € 5.000,01
Esente
0,50} % ogni trimestre
max {cmadf_DX
ALTRI ONERI
a carico del cliente :::
€ {Imposte_SX}
€ {25,82
}
Non previste
Non previste
Non previste
€ {30,00
}
€ {30,99
Globale_Spese_Tenuta_Conto}
Non previste
Imposte e tasse presenti e future
Spese per recupero eventuali spese vive
Spese per rinnovo/conferma garanzie
Spese per gestione rapporto affidato
Spese per affidamento temporaneo
Spese per abbandono domanda già istruita
Spese per tenuta conto
Spese per comunicazioni (comprese quelle periodiche
previste dall’art. 119 D.Lgs. 385/93)
Spese invio altre comunicazioni per raccomandata
Spese per informativa precontrattuale
Globale_Spese_Recupero_Spese_Vive
Globale_Spese_Abbandono_Pratica
€ {10,00
}
Globale_spese_invio_comunicazione_raccomandata_SX
Non previste
Per le informazioni circa la decorrenza delle valute ed i termini di disponibilità sui versamenti e sui
prelevamenti, nonché le altre spese e commissioni connesse al rapporto di conto corrente e ai servizi
accessori, si rinvia ai fogli informativi relativi al contratto di conto corrente.
TASSO ANNUO EFFETTIVO GLOBALE (TAEG)
Si riportano i costi orientativi del fido riferiti all’ipotesi di operatività indicata dalla Banca d’Italia nel documento
denominato “Allegato B” a recepimento della direttiva 2011/90/UE.
E’ possibile ottenere un calcolo personalizzato dei costi, in base alle proprie reali esigenze, utilizzando
l’algoritmo pubblicato sul sito internet della banca.
La formula di calcolo del TAEG su base annua è la seguente:
(nella formula sopra indicata “t”= “tempo”)
IPOTESI
Contratto di affidamento
con durata indeterminata
e applicazione della
…
Accordato: 1.500 euro
Tasso debitore nominale
annuo: { 5,158} %
Commissione sul fido
accordato: non prevista
Tasso_DB_Fido_DX
Durata: 3 mesi
Interessi,
su
base
trimestrale: {19,342
interessi_1} euro
Commissione
sul
fido
accordato,
su
base
Pagina
commissione sul fido
accordato. Si ipotizza
che l’importo totale del
credito sia utilizzato
immediatamente e per
intero.
Utilizzato: 1.500 euro per
tutta la durata
per i fidi inferiori a €
5.000
Rimborso
di
spese
collegate all’ erogazione
del credito: zero
trimestrale: {0,00
5
di
7
} euro
commissione_madf_1
Spese, su base trimestrale:
zero
TAEG = { 5,258} %
ISC_AFFIDAMENTO_1_DX
Il Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM), previsto dall’art. 2 della legge sull’usura (l. n.
108/1996), relativo alle operazioni di apertura di credito in conto corrente, può essere consultato in
www.bccbergamasca.it
filiale e sul sito internet della banca {Globale_
SITO_INTERNET_BANCA
_SX} .
:
RECESSO E RECLAMI
Recesso dal contratto
Se la banca, in presenza di un giustificato motivo, vuole procedere a variazioni unilaterali di tassi (solo se
l’apertura di credito è a tempo indeterminato oppure è a tempo determinato a favore di soggetti diversi da
consumatori e microimprese e ricorrono specifici eventi e condizioni indicati nel contratto), prezzi e ogni altra
condizione del contratto, sfavorevoli per il cliente, deve comunicare per iscritto a quest’ultimo la variazione
con un preavviso minimo di due mesi. La variazione si intende approvata se il cliente non recede dal
contratto entro la data prevista per la sua applicazione, senza spese e con l’applicazione delle condizioni
precedentemente praticate.
Le parti hanno la facoltà di recedere per giusta causa, anche con comunicazione verbale e successiva
conferma scritta, eventualmente anticipata via fax, mail o con altro mezzo, dall’apertura di credito a tempo
determinato. A mero titolo esemplificativo, costituisce giusta causa di recesso per la banca il verificarsi di
una delle ipotesi indicate nell’art. 1186 cod. civ. (insolvenza del Cliente; diminuzione, da parte di questi, delle
garanzie date; mancata concessione delle garanzie promesse) o il prodursi di eventi che incidano
negativamente sulla situazione patrimoniale e finanziaria o economica del cliente, in modo tale da porre in
pericolo la restituzione delle somme dovute alla banca. Per il pagamento di quanto dovuto viene dato al
cliente, con le medesime modalità, un preavviso di 5 giorni.
Se l’apertura di credito è a tempo indeterminato, le parti hanno la facoltà di recedere in qualsiasi momento,
previo preavviso di 5 giorni, anche con comunicazione verbale e successiva conferma scritta, eventualmente
anticipata via fax, mail o con altro mezzo, dall’apertura di credito nonché di ridurla o di sospenderla
seguendo analoghe modalità. In presenza di giusta causa o di giustificato motivo, le parti possono recedere,
con le stesse modalità, anche senza preavviso.
Il recesso, anche verbalmente comunicato, ha l’effetto di sospendere immediatamente l’utilizzo del credito
concesso. Gli eventuali pagamenti allo scoperto che la banca ritenesse di eseguire dopo la scadenza o dopo
la comunicazione di recesso, non comportano ripristino dell’apertura di credito. Il cliente, anche senza
un’espressa richiesta della banca, è tenuto ad eseguire il pagamento di tutto quanto dovuto alla scadenza
del contratto o alla data in cui diviene operante il recesso.
Reclami, ricorsi e mediazione.
I reclami vanni inviati all’Ufficio Reclami della banca:
Via Aldo Moro, 2 24050 Zanica (Bg) Tel. 035 679 250 - 256 Fax 035 666 82 32 , email:[email protected]
{Globale_Banca_Reclami
_SX}
che risponde entro 30 giorni dal ricevimento.
Se il cliente non è soddisfatto o non ha ricevuto risposta entro i 30 giorni, prima di ricorrere al giudice, può
rivolgersi a:
• Arbitro Bancario Finanziario (ABF). Per sapere come rivolgersi all’Arbitro si può consultare il sito
.arbitrobancariofinanziario.., chiedere presso le Filiali della Banca d'Italia, oppure chiedere alla
banca;
…
Pagina
•
6
di
7
Conciliatore BancarioFinanziario. Se sorge una controversia con la banca, il cliente può attivare
una procedura di mediazione finalizzata alla conciliazione, che consiste nel tentativo di
raggiungere un accordo con la banca, grazie all’assistenza di un conciliatore indipendente. Per
questo servizio è possibile rivolgersi al Conciliatore BancarioFinanziario (Organismo iscritto nel
Registro tenuto dal Ministero della Giustizia), con sede a Roma, Via delle Botteghe Oscure 54,
tel. 06.674821, sito internet .conciliatorebancario..
Se il cliente intende rivolgersi al giudice egli - se non si è già avvalso della facoltà di ricorrere ad uno degli
strumenti alternativi al giudizio sopra indicati - deve preventivamente, pena l’improcedibilità della relativa
domanda, rivolgersi all’ABF oppure attivare una procedura di mediazione finalizzata alla conciliazione presso
il Conciliatore BancarioFinanziario. Le parti possono concordare, anche successivamente alla conclusione
del contratto, di rivolgersi ad un organismo di mediazione diverso dal Conciliatore BancarioFinanziario
purché iscritto nell’apposito registro ministeriale.
LEGENDA
Tasso di interesse
debitore
Periodicità di
capitalizzazione degli
interessi
Tasso di interesse
debitore effettivo
Tasso di interesse di
mora
Consumatore
Corrispettivo riconosciuto alla Banca dal cliente per l’utilizzo di mezzi finanziari
concessi a quest’ultimo dalla Banca stessa.
Periodicità con la quale gli interessi vengono conteggiati e addebitati in conto,
producendo ulteriori interessi. Nell'ambito di ogni singolo rapporto contrattuale viene
applicata la stessa periodicità nel conteggio degli interessi debitori e creditori.
Valore del tasso, rapportato su base annua, tenendo conto degli effetti della
capitalizzazione degli interessi.
Importo che il cliente deve corrispondere per il ritardato pagamento delle somme da
lui dovute in caso di revoca, da parte della banca, dal rapporto di apertura di credito
in conto corrente per qualsiasi motivo.
Persona fisica che agisce per scopi diversi dall’attività imprenditoriale, commerciale,
artigianale o professionale eventualmente svolta.
Microimpresa
L’impresa con meno di dieci addetti e un fatturato annuo o un totale di bilancio annuo
non superiore a 2 milioni di euro.
Commissione sul
fido accordato
Compenso per l’impegno della Banca di tenere a disposizione del Cliente riserve
liquide commisurate all’ammontare dell’affidamento concesso. E’ onnicomprensiva e
calcolata in maniera proporzionale rispetto all’importo e alla durata dell’affidamento.
Sconfinamento
Utilizzo da parte del cliente di somme di denaro in eccedenza rispetto all’ammontare
dell’affidamento concesso (utilizzo extrafido).
Tasso Annuo
Effettivo Globale
(TAEG)
Indica il costo totale del credito, espresso in percentuale annua sull’ammontare del
prestito concesso.
Tasso Effettivo
Globale Medio
(TEGM)
Valuta
Tasso di interesse pubblicato ogni tre mesi dal Ministero dell’Economia e delle
Finanze come previsto dalla legge sull’usura. Per verificare se un tasso di interesse
è usurario, quindi vietato, bisogna individuare, tra tutti quelli pubblicati, il TEGM delle
aperture di credito in conto corrente, aumentarlo di un quarto ed aggiungere un
margine di ulteriori 4 punti percentuali. Individuato in questo modo il tasso soglia,
oltre il quale gli interessi si considerano usurari, è possibile accertarsi che quanto
richiesto dalla banca/intermediario non sia superiore. La differenza tra il tasso soglia
e il tasso medio non può inoltre essere superiore a 8 punti percentuali.
Data di inizio di decorrenza degli interessi.
Saldo per valuta
Somma sulla quale vengono calcolati gli interessi attivi e passivi.
…
Pagina
7
di
Saldo disponibile
Somma che può essere effettivamente utilizzata dal cliente per pagamenti o prelievi
Sconfinamento
extra-fido
Utilizzo da parte del cliente di somme di denaro in eccedenza rispetto all’ammontare
dell’affidamento concesso.
29/01/2015
Data {Data_Agg_Documento}
.
…
7
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
369 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content