close

Enter

Log in using OpenID

BNL Your Easy Life - BNP Paribas Cardif

embedDownload
Contratto di assicurazione sulla vita
con partecipazione agli utili e unit linked
BNL Your Easy Life
Prodotto REV2
Il presente Fascicolo informativo contenente:





Scheda sintetica
Nota informativa
Condizioni di assicurazione comprensive del Regolamento della Gestione CAPITALVITA® e dei Fondi
interni Easy Life 1 e Easy Life 2
Glossario
modulo di proposta ed Informativa e consenso al Trattamento dei Dati Personali
deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione della Proposta di assicurazione
Prima della sottoscrizione leggere attentamente la Scheda sintetica e la Nota informativa
Mod. T949 – Ed. 10/2014
BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A.
SCHEDA SINTETICA – Codice Prodotto REV2
La presente Scheda sintetica è redatta secondo lo schema predisposto dall’IVASS, ma il suo contenuto non è
soggetto alla preventiva approvazione dell’IVASS.
ATTENZIONE: LEGGERE ATTENTAMENTE LA NOTA INFORMATIVA PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE DEL
CONTRATTO
La presente Scheda sintetica è volta a fornire al Contraente un’informazione di sintesi sulle caratteristiche, sulle
garanzie, sui costi e sugli eventuali rischi presenti nel Contratto e deve essere letta congiuntamente alla Nota
informativa.
1. Informazioni generali
1.a. Impresa di assicurazione
BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. società del gruppo BNP Paribas (di
seguito Cardif Vita S.p.A. o Compagnia).
1.b. Informazioni sulla situazione patrimoniale dell’Impresa
Il patrimonio netto della Compagnia, relativamente all’anno 2013 (ultimo bilancio approvato), ammonta a 1.060.322.497
euro, di cui 130.397.400 euro corrispondono al capitale sociale e 929.925.097 euro corrispondono alle altre riserve
patrimoniali, compreso il risultato di periodo.
L’indice di solvibilità, che rappresenta il rapporto tra l’ammontare del margine di solvibilità disponibile e l’ammontare del
margine di solvibilità richiesto dalla normativa vigente, è pari a 1,43.
1.c. Denominazione del Contratto
BNL Your Easy Life
1.d. Tipologia del Contratto
Le prestazioni previste dal Contratto sono collegate all’andamento delle attività finanziarie che compongono il Portafoglio
di investimento scelto dal Contraente e quindi, in particolare, al valore di attivi contenuti in un Fondo interno e al
Rendimento di una Gestione separata.
Le prestazioni assicurate riferibili ai premi destinati all’investimento in Fondi interni sono espresse in quote il
cui valore dipende dalle oscillazioni di prezzo delle attività finanziarie di cui le quote sono rappresentazione.
Pertanto il Contratto comporta rischi finanziari per il Contraente riconducibili all’andamento del valore delle
quote.
Le prestazioni assicurate riferibili ai premi destinati all’investimento nella Gestione separata sono
contrattualmente garantite dalla Compagnia e si determinano annualmente in base al Rendimento di una
Gestione separata di attivi denominata CAPITALVITA.
1.e. Durata
La durata del presente Contratto essendo la forma assicurativa a vita intera, è indeterminata e coincide con la durata
residua di vita dell’Assicurato. È possibile esercitare il diritto di Riscatto totale trascorso un mese dalla data di
decorrenza contrattuale.
1.f. Pagamento dei premi
Alla data di sottoscrizione del modulo di proposta (di seguito Proposta), il Contraente si impegna a versare il Premio
iniziale entro la data di decorrenza con un minimo almeno pari a 2.000,00 euro.
Nel corso della durata contrattuale il Contraente ha inoltre la facoltà di versare premi aggiuntivi per un minimo di 500,00
euro. In ogni caso la somma dei premi versati non potrà superare i 5 milioni di Euro.
Ed. 10/2014
Scheda sintetica - Pagina 1 di 5
In occasione di ciascun versamento il Contraente indica la ripartizione dell’investimento scegliendo uno dei portafogli di
investimento di seguito definiti:
- Portafoglio Prudente composto dalla Gestione separata CAPITALVITA® e dal Fondo interno Easy Life 1
- Portafoglio Moderato composto dalla Gestione separata CAPITALVITA® e dal Fondo interno Easy Life 2
La percentuale di ripartizione dei premi tra i sottostanti finanziari di ciascun Portafoglio è determinata dalla Compagnia
sulla base di un algoritmo appositamente sviluppato allo scopo di mantenere il profilo di rischio del portafoglio entro limiti
prefissati.
2. Caratteristiche del Contratto
BNL Your Easy Life è un Contratto di assicurazione sulla vita che consente l’investimento in portafogli con diverso
livello di rischio/Rendimento in cui le percentuali di allocazione dei premi tra la Gestione separata CAPITALVITA ed il
Fondo Interno sono variabili e determinate al fine di mantenere il profilo di rischio del portafoglio prescelto all’interno di
un range predefinito. Esso prevede, inoltre, un Bonus che, in relazione all’età dell’Assicurato alla data del decesso,
maggiora di un importo assegnato la Prestazione che è maturata sulla parte investita nel Fondo soddisfacendo così
l’esigenza, in caso di morte dell’Assicurato, di assicurare ai Beneficiari caso morte designati la liquidazione di un
capitale.
La Compagnia preleva parte del premio versato per coprire i costi, pertanto tale parte non concorre alla formazione delle
prestazioni.
Alla Sezione G della Nota informativa è presente un Progetto esemplificativo dello sviluppo delle prestazioni e del valore
di Riscatto relativamente ai premi destinati alla Gestione separata.
La Compagnia è tenuta a consegnare il Progetto esemplificativo elaborato in forma personalizzata al più tardi al
momento in cui il Contraente è informato che il Contratto è concluso.
3. Prestazioni assicurative e garanzie offerte
Il Contratto prevede le seguenti tipologie di prestazioni:
a) Prestazione in caso di decesso dell’Assicurato
In caso di decesso dell’Assicurato, in qualsiasi epoca avvenga, è previsto il pagamento ai Beneficiari caso morte
designati in polizza dal Contraente del Capitale assicurato determinato come indicato al punto 2a) della Sezione B della
Nota informativa.
b) Opzioni contrattuali
Trascorsi 5 anni dalla data di decorrenza, contestualmente alla richiesta di Riscatto, è facoltà del Contraente richiedere
una delle seguenti opzioni:
 opzione da capitale in rendita: la conversione del valore di Riscatto in una rendita pagabile fino a che
l’Assicurato è in vita;
 opzione da capitale in rendita certa e poi vitalizia: la conversione del valore di Riscatto in una rendita
pagabile in modo certo per 5 o 10 anni e successivamente fino che l’Assicurato è in vita;
 opzione da capitale in rendita reversibile: la conversione del valore di Riscatto in una rendita pagabile fino al
decesso dell’Assicurato e successivamente reversibile, in misura totale o parziale, a favore di una persona fino
a che questa è in vita.
Il Rendimento riconosciuto annualmente in base al risultato della Gestione separata viene definitivamente acquisito sul
Contratto.
Maggiori informazioni sono fornite in Nota informativa alla Sezione B. In ogni caso le coperture assicurative ed i
meccanismi di rivalutazione delle prestazioni sono regolati dagli Artt. 11 e 13 delle Condizioni contrattuali.
Ed. 10/2014
Scheda sintetica - Pagina 2 di 5
4. Rischi finanziari a carico del Contraente
La Compagnia di assicurazione non offre alcuna garanzia di capitale o di Rendimento minimo relativamente ai
premi investiti in Fondi. Pertanto il Contratto comporta rischi finanziari per il Contraente riconducibili
all’andamento del valore delle quote. Si tenga presente, inoltre, che l’operazione di Riscatto consente il
recupero dei premi versati relativamente alla parte investita in Gestione separata qualora le rivalutazioni annuali
compensino i costi.
4.a Rischi finanziari a carico del Contraente
Il valore di Riscatto potrebbe risultare inferiore ai premi versati.
La Prestazione per il caso di decesso potrebbe risultare inferiore ai premi versati
4.b Profilo di rischio dei Fondi
Il Contratto presenta profili di rischio finanziario ed orizzonti temporali minimi consigliati di investimento in
funzione del Fondo prescelto dal Contraente e della percentuale di premi ad esso destinata. Nella successiva
tabella sono riportati, in base alla classificazione indicata dall’IVASS, i profili di rischio dei Fondi cui possono
essere collegate le prestazioni:
Basso
Easy Life 1
Easy Life 2
Medio
Basso
Profilo di rischio
Medio
Medio
Alto
X
Alto
Molto
Alto
X
5. Costi
La Compagnia, al fine di svolgere l’attività di collocamento e di gestione dei contratti e di incasso dei premi,
preleva dei costi secondo la misura e le modalità dettagliatamente illustrate in Nota informativa alla Sezione D.
I costi gravanti sui premi, quelli prelevati dalla Gestione separata e quelli prelevati dalla parte investita nel
Fondo riducono l’ammontare delle prestazioni.
Per fornire un’indicazione complessiva dei costi che gravano a vario titolo sul Contratto, viene di seguito
riportato l’indicatore sintetico “Costo percentuale medio annuo” che indica di quanto si riduce ogni anno, per
effetto dei costi, il tasso di Rendimento del Contratto rispetto a quello di un’analoga operazione non gravata dai
costi.
Il predetto indicatore ha una valenza orientativa in quanto calcolato su parametri prefissati.
Il Costo percentuale medio annuo (CPMA) è calcolato con riferimento al premio della Prestazione principale e
non tiene pertanto conto dei premi delle coperture complementari e/o accessorie.
Il Costo percentuale medio annuo in caso di Riscatto nei primi anni di durata contrattuale può risultare
significativamente superiore al costo riportato in corrispondenza del 5° anno.
Il dato non tiene conto degli eventuali costi di overperformance e di switch gravanti sui Fondi, in quanto
elementi variabili dipendenti dall’attività gestionale e dalle possibili opzioni esercitabili a discrezione del
Contraente.
Il Costo percentuale medio annuo è stato determinato sulla base di un’Ipotesi di tasso di Rendimento degli attivi
stabilito dall’IVASS nella misura del 4% annuo ed al lordo dell’imposizione fiscale.
Ed. 10/2014
Scheda sintetica - Pagina 3 di 5
Ipotesi adottate:
Premio alla decorrenza1: € 15.000,00
Età: qualunque
Tasso di Rendimento degli attivi: 4%
Gestione separata CAPITALVITA®
Anno
5
10
15
20
25
CPMA
1,81%
1,61%
1,54%
1,50%
1,48%
Easy Life 1 (profilo di rischio medio)
Anno
5
10
15
20
25
CPMA
2,56%
2,36%
2,29%
2,25%
2,23%
Easy Life 2 (profilo di rischio alto)
Anno
5
10
15
20
25
CPMA
2,66%
2,46%
2,39%
2,35%
2,33%
6. Illustrazione dei dati storici di Rendimento della Gestione separata e dei Fondi
6.1 Gestione separata
In questa Sezione è rappresentato il tasso di Rendimento realizzato dalla Gestione separata CAPITALVITA
negli ultimi 5 anni ed il corrispondente tasso di Rendimento minimo riconosciuto agli Assicurati. Il dato è
confrontato con il tasso di Rendimento medio dei titoli di Stato e con l’indice ISTAT dei prezzi al consumo per le
famiglie di impiegati e operai.
P
Anno
Rendimento realizzato dalla
Rendimento minimo
Rendimento medio
Gestione CAPITALVITA riconosciuto agli Assicurati dei titoli di Stato
P
P
Inflazione
P
2009
3,62%
2,22%
3,54%
0,75%
2010
3,71%
2,31%
3,35%
1,55%
2011
3,76%
2,36%
4,89%
2,73%
2012
3,75%
2,35%
4,64%
2,97%
2013
3,85%
2,45%
3,35%
1,17%
Attenzione: i rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri.
1
Il risultato è il medesimo con premio pari a 5.000 ovvero 30.000 Euro
Ed. 10/2014
Scheda sintetica - Pagina 4 di 5
6.2 Fondi
In considerazione della recente costituzione dei Fondi interni Easy Life 1 e Easy Life 2 non è possibile fornire alcun dato
storico relativo agli ultimi anni.
7. Diritto di ripensamento
Il Contraente ha la facoltà di revocare la Proposta o di recedere dal Contratto. Per le relative modalità leggere la
Sezione E della Nota informativa.
La Compagnia è responsabile della veridicità dei dati e delle notizie contenuti nella presente Scheda sintetica.
Cardif Vita S.p.A.
Il Rappresentante Legale
Isabella Fumagalli
Ed. 10/2014
Scheda sintetica - Pagina 5 di 5
NOTA INFORMATIVA – Codice Prodotto REV2
La presente Nota informativa è redatta secondo lo schema predisposto dall’IVASS, ma il suo contenuto non è
soggetto alla preventiva approvazione dell’IVASS.
Il Contraente deve prendere visione delle Condizioni di assicurazione prima della sottoscrizione del Contratto.
SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL’IMPRESA DI ASSICURAZIONE
1. Informazioni generali
U
BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. società del gruppo BNP Paribas (di
seguito Cardif Vita S.p.A. o Compagnia).
Sede legale e Direzione Generale: Via Tolmezzo, 15 – 20132 Milano (Italia)
Telefono 02/77 22 41
Sito internet: www.bnpparibascardif.it
Posta elettronica: [email protected]
Cardif Vita S.p.A. autorizzata all’esercizio delle assicurazioni con Provvedimento ISVAP del 19.11.1996 (G.U. n° 279 del
28.11.1996), iscritta all’albo imprese di assicurazione e riassicurazione n° 1.00126. Società unipersonale soggetta a
direzione e coordinamento da parte di BNP Paribas Cardif.
Società di revisione dell’Impresa: PricewaterhouseCoopers S.p.A. Via Monte Rosa, 91 - 20149 - Milano (Italia).
SEZIONE B – INFORMAZIONI SULLE PRESTAZIONI ASSICURATIVE, SUI RISCHI
FINANZIARI E SULLE GARANZIE OFFERTE
2. Prestazioni assicurative e garanzie offerte
La durata del presente Contratto, essendo la forma assicurativa a vita intera, è indeterminata e coincide con la vita
residua dell’Assicurato. Il Contraente può risolvere anticipatamente il Contratto mediante richiesta scritta di Riscatto
totale, trascorso almeno un mese dalla data di decorrenza.
Il Contratto prevede le seguenti prestazioni assicurative:
a) Prestazione in caso di decesso
In caso di decesso dell’Assicurato, in qualsiasi epoca avvenga, BNL Your Easy Life prevede la corresponsione, ai
Beneficiari caso morte designati, di un capitale che si ottiene sommando i seguenti importi:
- la somma tra ciascuna “Parte di capitale” investita nella Gestione separata, rivalutata alla “Data riferimento evento”
(come definita all’art 10 delle Condizioni contrattuali);
- l’importo che si ottiene moltiplicando il numero di quote del Fondo ascritte al Contraente per il loro valore unitario
alla data “Data riferimento evento”;
- un Bonus, il cui importo non può comunque superare i 75.000 euro, calcolato in funzione dell’età dell’Assicurato alla
data di decesso secondo il meccanismo definito all’Art. 11 delle Condizioni contrattuali.
b) Opzioni contrattuali
Trascorsi almeno 5 anni dalla data di decorrenza, contestualmente alla richiesta di Riscatto, è facoltà del Contraente
richiedere una delle seguenti opzioni:
- opzione da capitale in rendita: la conversione del valore di Riscatto in una rendita pagabile fino a che l’Assicurato è
in vita;
- opzione da capitale in rendita certa e poi vitalizia: la conversione del valore di Riscatto in una rendita pagabile in
Ed. 10/2014
Nota informativa - Pagina 1 di 17
modo certo per 5 o 10 anni e successivamente fino che l’Assicurato è in vita;
- opzione da capitale in rendita reversibile: la conversione del valore di Riscatto in una rendita pagabile fino al
decesso dell’Assicurato e successivamente reversibile, in misura totale o parziale, a favore di una persona fino a
che questa è in vita.
Le modalità di calcolo di conversione in rendita verranno fornite al cliente su richiesta e comunque al momento della
richiesta dell’opzione.
In considerazione del fatto che la Compagnia non offre alcuna garanzia di Rendimento minimo sulla parte
investita in Fondi, il capitale liquidabile in caso di decesso dell’Assicurato potrebbe risultare inferiore alla
somma dei premi versati; pertanto l’Assicurato si assume il rischio relativo ad un eventuale andamento
negativo del valore delle quote.
Il Rendimento riconosciuto annualmente in base al risultato della Gestione separata viene definitivamente consolidato.
Per gli aspetti di dettaglio, relativi alle prestazioni assicurative del Contratto, si rimanda a quanto disposto dagli Artt. 11 e
13 delle Condizioni contrattuali.
3. Rischi finanziari
Il Contratto descritto nella presente Nota informativa è un Contratto di assicurazione sulla vita di tipo Multiramo ovvero
un Contratto in cui una parte dell’entità delle somme dovute dalla Compagnia è direttamente collegata all’andamento dei
Fondi di riferimento e una parte è collegata alla Gestione separata.
In particolare le prestazioni assicurative derivanti dal presente Contratto, relativamente alla parte investita in Fondi, sono
espressamente correlate alle variazioni del valore delle quote, le quali a loro volta dipendono dalle oscillazioni di prezzo
delle attività finanziarie di cui le quote sono rappresentazioni.
I rischi connessi all’investimento finanziario collegato al presente Contratto sono di seguito illustrati:
a) rischio mercato (connesso alla variazione del prezzo): il prezzo di ciascuno strumento finanziario dipende dalle
caratteristiche peculiari dell’emittente, dall’andamento dei mercati di riferimento e dei settori di investimento e può
variare, in modo più o meno accentuato, a seconda della sua natura. In linea generale, la variazione del prezzo
delle azioni è connessa alle prospettive reddituali degli emittenti e può essere tale da comportare la riduzione o,
addirittura, la perdita del capitale investito, mentre il valore delle obbligazioni è influenzato dall’andamento dei tassi
di interesse di mercato e dalle valutazioni della capacità dell’emittente di far fronte al pagamento degli interessi
dovuti ed al rimborso del capitale di debito a scadenza;
b) rischio connesso alla liquidità: la liquidità degli strumenti finanziari, ossia la loro attitudine a trasformarsi
prontamente in moneta senza perdita di valore, dipende dalle caratteristiche del mercato in cui gli stessi sono
trattati. In generale, i titoli trattati su Mercati regolamentati sono più liquidi e, quindi, meno rischiosi in quanto più
facilmente smobilizzabili dei titoli non trattati su detti mercati. L’assenza di una quotazione ufficiale rende, inoltre,
complesso l’apprezzamento del valore effettivo del titolo, la cui determinazione può essere rimessa a valutazioni
discrezionali;
c) rischio di credito (o di controparte): rischio, tipico dei titoli di debito (es. obbligazioni), connesso all’eventualità che
l’ente emittente, per effetto di un deterioramento della sua solidità patrimoniale, non sia in grado di pagare
l’interesse o di rimborsare il capitale. Il valore del titolo risente di tale rischio variando al modificarsi delle condizioni
creditizie dell’ente emittente;
d) rischio connesso alla valuta di denominazione: per l’investimento in strumenti finanziari denominati in una valuta
diversa da quella in cui è denominato ciascun Fondo, occorre tenere presente la variabilità del rapporto di cambio
tra la valuta di riferimento del Fondo e la valuta estera in cui sono denominati gli investimenti;
e) altri fattori di rischio: le operazioni sui mercati emergenti potrebbero esporre il Contraente a rischi aggiuntivi
connessi al fatto che tali mercati potrebbero essere regolati in modo da offrire ridotti livelli di garanzia e protezione
agli investitori. Sono poi da considerarsi i rischi connessi alla situazione politico-finanziaria del paese di
appartenenza degli emittenti, i rischi legati alle restrizioni imposte agli investitori stranieri, alle controparti, alla
Volatilità di mercato più elevata.
Si tenga presente, infine, che l’operazione di Riscatto consente il recupero dei premi versati relativamente alla parte
investita in Gestione separata qualora le rivalutazioni annuali compensino i costi.
Ed. 10/2014
Nota informativa - Pagina 2 di 17
4. Informazioni sull’impiego dei premi
Alla data di sottoscrizione della Proposta, il Contraente si impegna a versare il Premio iniziale di importo almeno pari a
2.000,00 euro entro la data di decorrenza mediante addebito in conto corrente, assegno bancario o circolare. Nel corso
della durata contrattuale il Contraente ha la facoltà di effettuare versamenti aggiuntivi con le stesse modalità.
Il Contraente ha la facoltà di scegliere che i premi versati vengano investiti in uno e uno solo dei seguenti portafogli di
investimento:
- Portafoglio Prudente composto dalla Gestione separata CAPITALVITA® e dal Fondo interno Easy Life 1
- Portafoglio Moderato composto dalla Gestione separata CAPITALVITA® e dal Fondo interno Easy Life 2
o di altri portafogli che potranno essere resi disponibili successivamente. Le percentuali di allocazione dei premi di
ciascun portafoglio, tra la componente rappresentata dalla Gestione separata e la componente rappresentata dal Fondo
interno, sono variabili nel tempo e definite dalla Compagnia, con un minimo pari al 5% e un massimo pari al 95% per
ciascun sottostante finanziario, al fine di mantenere il profilo di rischio del portafoglio all’interno del Range di seguito
indicato:
- Portafoglio Prudente: Indicatore sintetico di Rischio compreso tra 2,3 e 3,3 (estremi inclusi)
- Portafoglio Moderato: Indicatore sintetico di Rischio compreso tra 3,5 e 7 (estremi inclusi)
L’Indicatore sintetico di Rischio (di seguito ISR) di ciascun portafoglio è la media ponderata dell’Indicatore sintetico di
rischio dei sottostanti finanziari, calcolato da una società italiana, leader nel settore della consulenza economica e
finanziaria, in grado di incorporare in un unico indicatore le tre diverse tipologie di rischio che caratterizzano uno
strumento finanziario: rischio mercato, rischio credito e rischio liquidità.
La Compagnia potrà sostituire l’ISR con altro indicatore di rischio che consideri almeno uno dei rischi misurati
dall’ISR originario (es. volatilità annua), qualora l’ISR non sia più reso disponibile alla Compagnia medesima
dandone comunicazione al Contraente.
La Compagnia effettuerà il calcolo giornaliero dell’ISR di portafoglio al fine di controllare la permanenza del valore tra gli
estremi ammessi e sopra definiti. Nel caso in cui, per cinque giorni di mercato consecutivi, il valore dell’ISR sia
costantemente più alto dell’estremo superiore previsto o costantemente più basso dell’estremo inferiore previsto, la
Compagnia provvederà a calcolare le nuove percentuali di allocazione che consentano il rientro dell’ISR di portafoglio
all’interno del Range definito e ad operare uno switch dell’investimento, tra la componente rappresentata dalla Gestione
separata e la componente rappresentata dal Fondo interno, al fine di raggiungere le nuove percentuali definite (di
seguito “Ribilanciamento automatico”). Tali nuove percentuali di allocazione saranno applicate anche agli eventuali
premi aggiuntivi.
In casi eccezionali, ove le condizioni di mercato rendessero impossibile il mantenimento dell’ISR all’interno del Range
sopra definito, la Compagnia definirà le percentuali di allocazione nel seguente modo:
ISR al di sotto del Range
5% CAPITALVITA – 95% Fondo
ISR al di sopra del Range
95% CAPITALVITA – 5% Fondo
Oltreché nei casi appena descritti, il Ribilanciamento automatico verrà effettuato a partire dal 15/5/2015 con frequenza
semestrale.
Qualora, a seguito di un Ribilanciamento automatico avvenuto tra la data di versamento del Premio e la data di
conversione in quote, le percentuali di allocazione richieste per il mantenimento dell’ISR di portafoglio all’interno del
Range sopraindicato, siano diverse da quelle riportate nella Proposta, la Compagnia si riserva di effettuare
l’investimento secondo le nuove percentuali definite.
Per la parte relativa all’investimento in Fondi, il Contratto prevede la conversione della parte di premio versato indicato,
al netto delle spese contrattuali, in quote del Fondo interno associato al portafoglio di investimento prescelto.
5. Modalità di calcolo e di assegnazione della partecipazione agli utili della Gestione
separata
Il Rendimento annuo della Gestione separata CAPITALVITA® viene annualmente attribuito alla parte di Contratto ad
essa collegata, a titolo di partecipazione agli utili.
Il tasso di Rendimento annuo CAPITALVITA® utilizzato per la rivalutazione è quello calcolato al 30/09, per la
rivalutazione annuale al 31/12 oppure alla fine del terzo mese solare antecedente il mese della data di rivalutazione, per
P
P
P
Ed. 10/2014
Nota informativa - Pagina 3 di 17
la rivalutazione in corso d’anno.
Alla Compagnia spetta una commissione annuale di gestione pari all’1,40%. La misura di rivalutazione annua è pari alla
differenza, solo se positiva, tra il tasso di Rendimento annuo CAPITALVITA® e la predetta commissione annuale di
gestione.
Il Rendimento riconosciuto annualmente in base al risultato della Gestione separata viene definitivamente acquisito dal
Contratto.
Per gli aspetti di dettaglio, relativi alle modalità di assegnazione della partecipazione agli utili della Gestione separata, si
rimanda a quanto disposto dall’Art. 7 delle Condizioni contrattuali.
Allo scopo di illustrare gli effetti del meccanismo di rivalutazione, alla Sezione G viene proposto il Progetto
esemplificativo di sviluppo della Prestazione relativa alla parte investita nella Gestione separata e del relativo valore di
Riscatto. In ogni caso la Compagnia si impegna a consegnare al Contraente entro la data di conclusione del Contratto
un Progetto esemplificativo elaborato in forma personalizzata.
P
P
6. Valore della quota dei Fondi
Il valore della quota dei Fondi interni Easy Life 1 e Easy Life 2 viene calcolato con cadenza giornaliera.
Il valore della quota di ciascun Fondo si ottiene dividendo per il numero delle quote esistenti il valore corrente del
patrimonio del Fondo stesso al netto delle spese previste e indicate al paragrafo “Costi”.
A tal proposito si segnala che il valore della quota di ciascun Fondo è quotidianamente pubblicato sul sito
www.bnpparibascardif.it e nelle forme e modi previsti dalla normativa di tempo in tempo applicabile.
Il valore di riferimento della quota utilizzato per la Prestazione in caso di decesso e per le somme disinvestite in caso di
Riscatto, recesso e switch è quello relativo alla cosiddetta “Data riferimento evento” ovverosia il 4° giorno lavorativo
successivo a quello in cui perviene la richiesta alla Compagnia corredata dell’eventuale documentazione descritta
nell’apposita sezione delle Condizioni contrattuali. Se il disinvestimento delle quote non fosse possibile per cause
oggettive che impediscono la valorizzazione delle quote del Fondo (festività, chiusura dei mercati finanziari, guasti
tecnici sui circuiti telematici dei mercati finanziari, ecc.), si provvederà ad effettuarlo appena possibile, sulla base della
prima quotazione immediatamente disponibile successivamente al venir meno delle cause ostative.
SEZIONE C – INFORMAZIONI SULLA GESTIONE SEPARATA E SUI FONDI A CUI SONO
COLLEGATE LE PRESTAZIONI ASSICURATIVE
7. Gestione separata
Denominazione
CAPITALVITA®
Valuta di denominazione
Euro
Finalità
Obiettivo della gestione finanziaria è la conservazione dei capitali investiti e la
realizzazione di un Rendimento positivo, in quanto ciò sia compatibile con le
condizioni di mercato. I criteri che guidano l’asset allocation sono: il rispetto dei limiti
regolamentari, la sicurezza e la liquidità degli investimenti, l’efficienza in termini di
rischio-Rendimento delle combinazioni individuate, la ricerca del beneficio di
diversificazione, la coerenza col profilo delle varie tipologie di garanzie offerte dai
contratti collegati con la gestione separata valutata sulla base di modelli di Asset
Liability Management.
Periodo di osservazione
Il tasso medio di Rendimento è determinato relativamente al periodo che decorre dal
1° gennaio fino al 31 dicembre. Inoltre, ogni mese viene determinato il Rendimento
medio mensile in relazione al Periodo di osservazione costituito da ciascun mese
solare dell’esercizio e dagli undici mesi immediatamente precedenti, da applicare ai
contratti ai quali viene applicata la clausola di rivalutazione mensile.
Composizione
In linea generale, le risorse di CAPITALVITA® possono essere investite in tutte le
attività ammissibili a copertura delle riserve tecniche ai sensi dell’Art. 38 del Decreto
Lgs. 7 settembre 2005, n. 209, recante il Codice delle Assicurazioni Private e dei
relativi regolamenti attuativi.
Ed. 10/2014
Nota informativa - Pagina 4 di 17
Limiti all’investimento
Stile gestionale
La gestione può investire fino al 100% in titoli obbligazionari di emittenti:
‐ Governativi e assimilati
E’ ammesso l’investimento in titoli emessi e/o garantiti da Stati appartenenti
all’Ocse, da organismi sovranazionali ai quali aderisca almeno uno Stato
membro dell’OCSE, da emittenti locali controllati da emittenti governativi
appartenenti all’OCSE.
‐ Corporate
I titoli di emittenti corporate devono avere un buon merito creditizio che, così
come previsto dall’articolo 11 comma 3, del Regolamento ISVAP n. 36 del 2010,
è valutato dalla Società con riferimento non esclusivo al rating.
L’investimento sul mercato azionario è concentrato prevalentemente nell’area Euro.
L’esposizione azionaria riguarda titoli con un livello di liquidità adeguato
all’investimento effettuato, quotati sui principali mercati borsistici.
L’investimento in titoli obbligazionari o azioni può avvenire direttamente o attraverso
l’acquisto di quote di ETF, SICAV o OICR, al fine di garantire un adeguato livello di
diversificazione.
Gli strumenti finanziari sono selezionati tra tutti i settori merceologici, hanno come
area geografica di riferimento prevalente l’area Euro.
E’ ammesso l’investimento in strumenti di mercato monetario, quali depositi bancari
a vista e time deposit con durata inferiore e superiore a 15 giorni, fondi di liquidità
prevalentemente area euro.
Gli investimenti alternativi (private equity, hedge funds, venture capital) e
l’investimento immobiliare sono ammessi nei limiti regolamentari. L’esposizione sul
comparto immobiliare può avvenire attraverso l’acquisto di partecipazioni in società
immobiliari o attraverso quote di OICR immobiliari.
Il peso dei titoli obbligazionari corporate non può superare il 60% del totale degli
attivi di CAPITALVITA®.
Complessivamente, il peso del comparto azionario non può essere superiore al
20%.
Nell’ottica dell’efficienza gestionale, è possibile investire fino al 20% del patrimonio
della gestione separata in OICR od obbligazioni gestiti o, rispettivamente, emessi da
società appartenenti al gruppo.
Le politiche di gestione e di investimento sono tese a garantire nel tempo un’equa
partecipazione degli assicurati ai risultati finanziari della gestione separata, evitando
disparità che non siano giustificate dalla necessità di salvaguardare, nell’interesse
della massa degli assicurati, l’equilibrio e la stabilità della gestione separata.
Società di revisione della A tutela degli interessi degli Assicurati, il risultato della Gestione viene annualmente
Gestione
certificata dalla PricewaterhouseCoopers S.p.A. Via Monte Rosa, 91 - 20149 Milano (Italia), una Società di Revisione Contabile - iscritta nell’apposito Albo di cui
al D.Lgs. 24/02/98 n. 58.
La Gestione separata CAPITALVITA®, separata dalle altre attività della Compagnia, è disciplinata in base ad apposito
Regolamento contenuto nelle Condizioni contrattuali.
P
P
8. Fondi
Di seguito si riporta la descrizione dei Fondi disponibili alla data di redazione della presente Nota informativa, a cui
possono essere collegate le prestazioni:
Denominazione
Easy Life 1
Data di inizio operatività
6 ottobre 2014 (data di lancio del prodotto BNL Your Easy Life)
Categoria
Bilanciato
Valuta di denominazione
Euro
Ed. 10/2014
Nota informativa - Pagina 5 di 17
Finalità
Ottenere un rendimento complessivo superiore al Benchmark.
Orizzonte temporale minimo
5 anni
consigliato
Profilo di rischio
Medio
Composizione
Gli investimenti ammissibili, nonché la definizione dei limiti quantitativi e qualitativi al
loro utilizzo, sono definiti coerentemente con la normativa di settore vigente, sulla
base di criteri di scelta volti ad assicurare una adeguata redditività, nel rispetto del
profilo di rischio assegnato.
Le risorse destinate al Fondo possono essere investite nelle seguenti tipologie di
attività:
- strumenti finanziari quali titoli di Stato, titoli obbligazionari (o altri titoli similari
che prevedano a scadenza il rimborso del valore nominale), titoli azionari,
strumenti derivati ed altri titoli strutturati;
- strumenti monetari con scadenza non superiore a sei mesi quali depositi
bancari in conto corrente, certificati di deposito, operazioni di pronti contro
termine (con obbligo di riacquisto e deposito titoli presso una banca).
L’investimento nelle tipologie di attività previste può avvenire direttamente o
investendo in quote ed azioni emesse da OICR (Fondi comuni di investimento e / o
SICAV, diversi dai fondi riservati e speculativi), nonché ETF:
 armonizzati ai sensi della Direttiva 85/611/CEE e successive modifiche e
integrazioni o comunque emessi nel rispetto del Testo Unico
dell’intermediazione finanziaria, nazionali o esteri e fondi chiusi mobiliari;
 denominati prevalentemente in Euro;
 che rientrano nelle seguenti categorie: azionari, obbligazionari, liquidità,
bilanciati, flessibili;
 che investono prevalentemente in strumenti finanziari emessi o garantiti da
Emittenti aventi sede legale nei paesi delle seguenti aree geografiche: Area
Euro e USA
La selezione degli strumenti finanziari si basa sull’analisi dell’andamento dei mercati
finanziari e su analisi economico-finanziarie volte ad individuare le migliori
opportunità di investimento.
L’operatività attraverso strumenti finanziari derivati e l’investimento in prodotti
strutturati avviene nel principio di sana e prudente gestione e si conforma alle
disposizioni normative in materia. Gli strumenti finanziari derivati possono essere
utilizzati dall’Impresa sia con finalità di copertura del rischio su titoli in portafoglio, sia
al fine di pervenire ad una gestione efficace del portafoglio stesso.
I limiti di investimento sono
Azionario:
40% - 80%
Obbligazionario:
10% - 50%
Monetario:
0% - 20%
Derivati:
max 10%
Percentuale di investimenti Il Fondo può investire in strumenti finanziari emessi o gestiti da società del gruppo
infragruppo
BNP Paribas fino al 100% dei propri attivi, nel rispetto delle disposizioni di legge
Stile gestionale
Benchmark
Lo stile di gestione è attivo.
30% Euro Stoxx 50, 20% Standard & Poor’s 500, 10% MSCI Emerging Markets,
15% Iboxx Euro Sovereigns Eurozone, 15% Iboxx US Treasuries, 10% EONIA
Euro Stoxx 50 è un indice del mercato azionario che comprende 50 grandi aziende
(blue-chip) europee che operano all’interno delle nazioni della zona euro
Standard & Poor’s 500 è un indice elaborato da Standard & Poor’s Co costruito
prendendo in considerazione 500 titoli rappresentativi dei principali settori economici
Ed. 10/2014
Nota informativa - Pagina 6 di 17
dell’economia americana e quotati al New York Stock Exchange (NYSE).
MSCI Emerging Markets è un indice di capitalizzazione di mercato regolamentato
libero, progettato per misurare le prestazioni del mercato azionario nei mercati
emergenti globali.
Iboxx Euro Sovereigns Eurozone è un indice che rappresenta il debito pubblico
complessivo in Euro emesso dai governi dei paesi dell’area dell’Euro.
Iboxx US Treasuries è un indice obbligazionario che include obbligazioni
governative USA.
EONIA è la media ponderata dei tassi overnight comunicati alla BCE da un
campione di banche operanti nell'area dell'euro. E’ un parametro rappresentativo
della media dei tassi overnight di finanziamento applicati dalle principali Banche
Europee e comunicati quotidianamente alla Banca Centrale Europea (BCE).
Destinazione dei proventi
Modalità
quote
di
A capitalizzazione
valorizzazione Il valore della quota alla data di lancio è pari a 100 Euro.
Il valore della quota si ottiene dividendo, per il numero delle quote esistenti, il valore
corrente del patrimonio del Fondo, al netto delle spese previste ed indicate al
paragrafo “Costi” relativamente al punto 9.2.
Utilizzo di derivati
Società di revisione del Fondo
Il Comparto può utilizzare strumenti finanziari derivati al solo scopo di ridurre i rischi
assunti senza alterare il profilo di rischio
La normativa assicurativa vieta l’utilizzo degli strumenti finanziari derivati a
fini speculativi.
PricewaterhouseCoopers S.p.A. Via Monte Rosa, 91 - 20149 - Milano (Italia), una
Società di Revisione Contabile - iscritta nell’apposito Albo di cui al D.Lgs. 24/02/98
n. 58.
Crediti di imposta
I crediti di imposta sono attribuiti a Fondo nel momento della loro esatta
determinazione e/o utilizzo o rimborso, secondo le modalità di calcolo previste dalla
vigente normativa.
Denominazione
Easy Life 2
Data di inizio operatività
6 ottobre 2014 (data di lancio del prodotto BNL Your Easy Life)
Categoria
Azionario
Valuta di denominazione
Euro
Finalità
Ottenere un rendimento complessivo superiore al Benchmark.
Orizzonte temporale minimo
5 anni
consigliato
Profilo di rischio
Alto
Composizione
Ed. 10/2014
Gli investimenti ammissibili, nonché la definizione dei limiti quantitativi e qualitativi al
loro utilizzo, sono definiti coerentemente con la normativa di settore vigente, sulla
base di criteri di scelta volti ad assicurare una adeguata redditività, nel rispetto del
profilo di rischio assegnato.
Le risorse destinate al Fondo possono essere investite nelle seguenti tipologie di
attività:
- strumenti finanziari quali titoli di Stato, titoli obbligazionari (o altri titoli similari
che prevedano a scadenza il rimborso del valore nominale), titoli azionari,
strumenti derivati ed altri titoli strutturati;
- strumenti monetari con scadenza non superiore a sei mesi quali depositi
bancari in conto corrente, certificati di deposito, operazioni di pronti contro
termine (con obbligo di riacquisto e deposito titoli presso una banca).
L’investimento nelle tipologie di attività previste può avvenire direttamente o
Nota informativa - Pagina 7 di 17
investendo in quote ed azioni emesse da OICR (Fondi comuni di investimento e / o
SICAV, diversi dai fondi riservati e speculativi), nonché ETF:
 armonizzati ai sensi della Direttiva 85/611/CEE e successive modifiche e
integrazioni o comunque emessi nel rispetto del Testo Unico
dell’intermediazione finanziaria, nazionali o esteri e fondi chiusi mobiliari;
 denominati prevalentemente in Euro;
 che rientrano nelle seguenti categorie: azionari, obbligazionari, liquidità,
bilanciati, flessibili;
 che investono prevalentemente in strumenti finanziari emessi o garantiti da
Emittenti aventi sede legale nei paesi delle seguenti aree geografiche: Area
Euro e USA
La selezione degli strumenti finanziari si basa sull’analisi dell’andamento dei mercati
finanziari e su analisi economico-finanziarie volte ad individuare le migliori
opportunità di investimento.
L’operatività attraverso strumenti finanziari derivati e l’investimento in prodotti
strutturati avviene nel principio di sana e prudente gestione e si conforma alle
disposizioni normative in materia. Gli strumenti finanziari derivati possono essere
utilizzati dall’Impresa sia con finalità di copertura del rischio su titoli in portafoglio, sia
al fine di pervenire ad una gestione efficace del portafoglio stesso.
I limiti di investimento sono:
Azionario:
60% - 100%
Obbligazionario:
0% - 30%
Monetario:
0% - 20%
Derivati:
max 10%.
Percentuale di investimenti Il Fondo può investire in strumenti finanziari emessi o gestiti da società del gruppo
infragruppo
BNP Paribas fino al 100% dei propri attivi, nel rispetto delle disposizioni di legge
Stile gestionale
Lo stile di gestione è attivo.
Benchmark
40% Euro Stoxx 50, 26% S&P500, 14% MSCI EM, 5% Iboxx Euro Sovereigns
Eurozone, 5% Iboxx US Treasuries, 10% EONIA
Euro Stoxx 50 è un indice del mercato azionario che comprende 50 grandi aziende
(blue-chip) europee che operano all’interno delle nazioni della zona euro
Standard & Poor’s 500 è un indice elaborato da Standard & Poor’s Co costruito
prendendo in considerazione 500 titoli rappresentativi dei principali settori economici
dell’economia americana e quotati al New York Stock Exchange (NYSE).
MSCI Emerging Markets è un indice di capitalizzazione di mercato regolamentato
libero, progettato per misurare le prestazioni del mercato azionario nei mercati
emergenti globali.
Iboxx Euro Sovereigns Eurozone è un indice che rappresenta il debito pubblico
complessivo in Euro emesso dai governi dei paesi dell’area dell’Euro.
Iboxx US Treasuries è un indice obbligazionario che include obbligazioni
governative USA.
EONIA è la media ponderata dei tassi overnight comunicati alla BCE da un
campione di banche operanti nell'area dell'euro. E’ un parametro rappresentativo
della media dei tassi overnight di finanziamento applicati dalle principali Banche
Europee e comunicati quotidianamente alla Banca Centrale Europea (BCE).
Destinazione dei proventi
Modalità
quote
Ed. 10/2014
di
A capitalizzazione
valorizzazione Il valore della quota alla data di lancio è pari a 100 Euro.
Il valore della quota si ottiene dividendo, per il numero delle quote esistenti, il valore
corrente del patrimonio del Fondo, al netto delle spese previste ed indicate al
paragrafo “Costi” relativamente al punto 9.2.
Nota informativa - Pagina 8 di 17
Utilizzo di derivati
Società di revisione del Fondo
Il Comparto può utilizzare strumenti finanziari derivati al solo scopo di ridurre i rischi
assunti senza alterare il profilo di rischio
La normativa assicurativa vieta l’utilizzo degli strumenti finanziari derivati a
fini speculativi.
PricewaterhouseCoopers S.p.A. Via Monte Rosa, 91 - 20149 - Milano (Italia), una
Società di Revisione Contabile - iscritta nell’apposito Albo di cui al D.Lgs. 24/02/98
n. 58.
Crediti di imposta
I crediti di imposta sono attribuiti a Fondo nel momento della loro esatta
determinazione e/o utilizzo o rimborso, secondo le modalità di calcolo previste dalla
vigente normativa.
La gestione dei Fondi interni è disciplinata in base ad apposito Regolamento contenuto nelle Condizioni contrattuali.
La Compagnia si riserva di rendere disponibili ulteriori Fondi le cui caratteristiche saranno comunicate al Contraente ai
sensi della normativa di riferimento così come eliminarne nell’ambito del processo di razionalizzazione della gamma
dandone comunicazione al Contraente con apposita comunicazione. Per i dettagli si rinvia all’art. 8 delle Condizioni
contrattuali.
SEZIONE D - INFORMAZIONI SU COSTI, SCONTI E REGIME FISCALE
9. Costi
9.1 Costi gravanti direttamente sul Contraente
9.1.1 Costi gravanti sui premi
Sul Premio iniziale e su eventuali versamenti aggiuntivi grava una commissione definita in misura percentuale
sull’importo versato dal Contraente.
In particolare:
a) sul Premio iniziale grava una commissione definita in misura percentuale pari al 2%;
b) sui versamenti aggiuntivi sarà applicata una commissione di importo variabile che sarà di volta in volta resa
nota dalla Compagnia al Contraente prima del versamento.
Le spese di cui al punto a) sono applicate per la copertura degli oneri di acquisto, emissione e gestione del Contratto. In
particolare le Spese di emissione del Contratto sono pari a 50 Euro.
9.1.2 Costi per Riscatto e switch
Non sono previsti costi di riscatto.
Per ogni operazione di switch tra portafogli è previsto un costo pari a 25 Euro. Gli switch automatici effettuati per il
Ribilanciamento dei portafogli sono gratuiti.
9.2 Costi gravanti sui Fondi Interni
Fondo
Commissione di gestione del Fondo
Commissione di incentivo (o di
performance)
Commissioni massime sugli OICR
sottostanti alla data di redazione del
Fondo interno
Easy Life 1
1,80%
Easy Life 2
1,90%
Non prevista
Non prevista
1% su base annua per
singolo OICR
1% su base annua per
singolo OICR
La commissione di gestione dei Fondi è comprensiva del costo per la copertura per il caso di decesso pari allo 0,10%.
L’andamento dei Fondi risente indirettamente della presenza delle commissioni relative agli OICR sottostanti da
moltiplicare per l’effettivo peso dell’OICR stesso.
Nella commissione di gestione dei Fondi non sono inclusi gli eventuali costi connessi con l’acquisizione e la dismissione
delle attività dei Fondi (ad es. i costi di intermediazione inerenti alla compravendita degli strumenti finanziari) in quanto
Ed. 10/2014
Nota informativa - Pagina 9 di 17
non quantificabili alla data di redazione della presente Nota informativa.
La Compagnia non addebita alcun costo per l’acquisizione e la dismissione delle attività dei Fondi emessi o gestiti da
società del Gruppo BNP Paribas.
9.3 Costi applicati mediante prelievo sul Rendimento della Gestione separata
La Compagnia trattiene dal Rendimento annuo della Gestione separata CAPITALVITA® una commissione pari all’1,40%.
Tale commissione può essere ridotta o annullata per consentire il riconoscimento del minimo garantito previsto dal
contratto.
***
La Compagnia corrisponde al distributore del prodotto “BNL Your Easy Life” una commissione pari alla somma di:
a) 100% dei costi di cui al punto 9.1.1.,
b) una percentuale dei costi di cui al punto 9.3 effettivamente prelevati pari al:
- 65% per tutti i versamenti effettuati entro il 31/12/2015
- 60% per tutti i versamenti effettuati dall’1/1/2016
La percentuale di cui alla lettera b) potrà essere ridotta al fine di garantire alla Compagnia una trattenuta di misura
minima pari allo 0,43% del rendimento effettivamente realizzato dalla Gestione separata.
c) una percentuale della differenza tra i costi di cui al punto 9.2 e lo 0,20% e pari al:
- 65% per tutti i versamenti effettuati entro il 31/12/2015;
- 60% per tutti i versamenti effettuati dall’1/1/2016.
10. Sconti
Il caricamento di cui al punto 9.1.1 è azzerato nel caso in cui il Contraente sia un dipendente della Banca Nazionale del
Lavoro S.p.A. nonché un esodato o un pensionato cessato dal servizio con immediato diritto al trattamento pensionistico
o uno dei rispettivi congiunti diretti conviventi (coniuge e figli).
Nel caso vengano meno tali requisiti, le condizioni di miglior favore si intendono revocate e sostituite dalle normali
condizioni praticate dalla Compagnia alla clientela ordinaria a partire dal successivo anniversario di polizza.
11. Regime fiscale
In merito al regime fiscale applicabile al presente Contratto di assicurazione sulla vita ed in particolare relativamente alla
tassazione delle somme assicurate (siano esse corrisposte sotto forma di capitale o a titolo di rendita vitalizia), si
intendono applicate le disposizioni di legge in vigore alla data di stipula del Contratto, salvo successive modifiche.
In particolare, al momento della redazione del presente Fascicolo la normativa di riferimento risulta essere costituita dal
D.P.R. 22 dicembre 1986 n. 917 così come modificato ed integrato in seguito.
A tal proposito si segnalano:
- l’applicazione dell’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi sulle somme corrisposte in forma di capitale
relativamente all’eventuale plusvalenza conseguita2;
- l’esenzione ai fini IRPEF e ai fini dell’imposta sulle successioni delle somme corrisposte in caso di morte
dell’Assicurato;
- in caso di esercizio dell’opzione in rendita l’applicazione dell’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi sulla
differenza, se positiva, tra il capitale in opzione e il premio versato, analoga tassazione annuale dei rendimenti
maturati su ciascuna rata annua di rendita e l’esenzione ai fini IRPEF della rendita erogata (poiché non consente il
Riscatto successivamente all’inizio dell’erogazione).
2
In caso di prestazioni percepite nell’esercizio di attività commerciali l’imposta sostitutiva non viene applicata
Ed. 10/2014
Nota informativa - Pagina 10 di 17
SEZIONE E - ALTRE INFORMAZIONI SUL CONTRATTO
12. Modalità di perfezionamento del Contratto, di pagamento dei premi e di conversione
in quote
Al momento della sottoscrizione della Proposta contrattuale, il Contraente si impegna ad effettuare il versamento del
Premio iniziale in unica soluzione mediante addebito su conto corrente, assegno bancario o circolare ed indica uno ed
un solo portafoglio di investimento tra quelli disponibili.
Il Contraente ha la facoltà di effettuare versamenti aggiuntivi, con le stesse modalità, successivamente alla data di
decorrenza del Contratto. Tali versamenti saranno allocati secondo la ripartizione del portafoglio d’investimento in vigore
sul contratto.
Il Contratto si conclude alle ore 24 del terzo giorno lavorativo successivo alla data di addebito del premio in conto
corrente o di versamento dell’assegno.
Gli effetti del Contratto decorrono a partire dal 6° giorno lavorativo successivo a quello in cui è stato addebitato il premio
in conto corrente del Contraente o di versamento dell’assegno.
La conversione del premio destinato ai Fondi in quote viene effettuata sulla base della quotazione del quinto giorno
lavorativo successivo a quello in cui è addebitato il premio sul conto corrente del Contraente o a quello in cui viene
versato l’assegno (di seguito “data di Valorizzazione”).
Il numero iniziale di quote ascritte al Contraente è determinato dividendo la parte di premio versato, destinato a ciascun
Fondo ed al netto dei costi, per il valore unitario della quota del relativo Fondo da utilizzarsi per la conversione.
Se si dovessero verificare inconvenienti di natura oggettiva (festività, chiusura dei mercati finanziari, guasti tecnici dei
circuiti telematici dei mercati finanziari, ecc.) tali da impedire la conversione secondo la tempistica suddetta, si
provvederà ad effettuarla considerando la quotazione immediatamente disponibile, successivamente al venir meno delle
cause ostative.
Nel caso in cui il Contraente intenda effettuare versamenti di premi in nuovi Fondi o Gestioni separate istituiti
successivamente, la Compagnia è obbligata a consegnare preventivamente al Contraente l’estratto della Nota
informativa aggiornata a seguito dell’inserimento dei nuovi Fondi o Gestioni separate, unitamente al Regolamento della
Gestione separata e/o dei Fondi interni.
Per gli aspetti di dettaglio, si rimanda a quanto disposto dagli Artt. 3, 5 e 9 delle Condizioni contrattuali.
13. Lettera di conferma di investimento del premio
La Compagnia si impegna a comunicare al Contraente entro 10 giorni dalla “data di Valorizzazione” delle quote le
seguenti informazioni:
- l’ammontare del premio versato;
- l’importo e la percentuale del premio investito nella Gestione separata;
- l’importo e la percentuale del premio investito in quote del Fondo;
- la data di decorrenza del Contratto;
- il numero di quote attribuite al Fondo;
- il valore unitario utilizzato per la conversione;
- la data a cui è riferito il valore unitario utilizzato per la conversione.
In caso di versamenti aggiuntivi la Compagnia si impegna a garantire analoga informativa.
14. Risoluzione del Contratto per sospensione pagamento dei premi
Non prevista.
15. Riscatto e riduzione
Il Contraente può risolvere anticipatamente il Contratto mediante richiesta scritta di Riscatto totale, trascorso almeno un
mese dalla data di decorrenza.
Il valore di Riscatto totale è pari alla somma tra il controvalore delle quote del Fondo prescelto e le Parti di capitale
investite nella Gestione separata, entrambi calcolati alla “Data di riferimento evento”.
In considerazione del fatto che non esistono garanzie di Rendimento minimo prestate dalla Compagnia
Ed. 10/2014
Nota informativa - Pagina 11 di 17
relativamente alla parte investita in Fondi, il Contraente deve valutare con attenzione le conseguenze negative
collegate ai rischi dell’investimento che potrebbero far risultare il capitale liquidabile in caso di Riscatto totale
inferiore a quello versato.
Il Riscatto totale della polizza comporta l'estinzione del Contratto e, di conseguenza, la Compagnia non sarà più tenuta
al versamento di alcuna Prestazione in caso di decesso dell’Assicurato.
Relativamente alla parte investita in Gestione separata, allo scopo di illustrare gli effetti della richiesta di Riscatto totale,
è stato predisposto alla Sezione G un Progetto esemplificativo che riporta lo sviluppo del valore di Riscatto. In ogni caso
nel Progetto esemplificativo elaborato in forma personalizzata il Contraente ha la possibilità di rilevare dati più puntuali.
A partire dal 01/07/2015 se è trascorso un mese dalla data di decorrenza del Contratto, il Contraente ha facoltà di
richiedere la liquidazione di una parte del capitale in vigore indicandone la percentuale da riscattare.
A seguito di un’operazione di Riscatto parziale, il Contratto rimane in vigore per il capitale residuo per la parte investita in
Gestione separata e per le quote residue relativamente alla parte investita in Fondi; il Contraente riceverà dalla
Compagnia apposita informativa relativa all’importo del capitale residuo e al numero delle quote residue. In caso di
Riscatto parziale la Prestazione di Bonus in caso di morte sarà determinata sulla base dei premi versati destinati ai
Fondi e riproporzionati moltiplicandoli per il rapporto tra il numero delle quote residue e il numero di quote inizialmente
assegnate.
Per il calcolo del valore di Riscatto sia totale che parziale la quotazione di riferimento è quella relativa alla “Data
riferimento evento”. Se il disinvestimento delle quote non fosse possibile per cause oggettive che impediscono la
valorizzazione delle quote del Fondo (festività, chiusura dei mercati finanziari, guasti tecnici sui circuiti telematici dei
mercati finanziari, ecc.), si provvederà ad effettuarlo appena possibile, sulla base della prima quotazione
immediatamente disponibile successivamente al venir meno delle cause ostative.
In ogni caso la Compagnia, al fine di consentire al Contraente la determinazione del valore di Riscatto della polizza, si
dichiara in ogni momento disponibile a comunicarne l’importo calcolato sulla base delle informazioni disponibili al
momento della richiesta che dovrà essere indirizzata a:
Cardif Vita S.p.A. - Customer Care
Via Tolmezzo, 15
20132 Milano
Numero verde (da rete fissa) 800 900 900
Numero da cellulari e dall’estero: 06/87 40 87 40
Fax 02/30 32 98 62
e-mail: [email protected]
La richiesta di Riscatto, totale o parziale, produce effetti dal giorno in cui perviene alla Compagnia (anche sotto forma di
flusso elettronico).
Non è prevista riduzione.
16. Operazioni di switch
A partire dal 01/07/2015 e purché siano trascorsi 30 giorni dalla data di decorrenza contrattuale, il Contraente ha la
facoltà di effettuare il trasferimento (c.d. switch) ovvero ha la facoltà di trasferire la totalità dell’investimento da un
portafoglio ad un altro disponibile al momento del trasferimento. Non sono ammessi switch tra gli attivi componenti
lo stesso Portafoglio. Nel caso in cui sia richiesto il trasferimento verso portafogli composti da nuovi Fondi e/o Gestioni
separate collegati successivamente al Contratto, la Compagnia si impegna a consegnare al Contraente l’estratto di Nota
informativa aggiornata. La richiesta di passaggio deve pervenire per iscritto alla Compagnia.
L’operazione viene effettuata sulla base delle valorizzazioni del quarto e quinto giorno successivo a quello di
pervenimento della richiesta (di seguito “data switch”).
Nel passaggio da un Portafoglio ad un altro, la Compagnia provvede a:
- determinare la somma tra l’importo da trasferire (moltiplicando il numero di quote del Fondo Interno relativo al
Portafoglio da disinvestire per il valore della quota al quarto giorno successivo alla data switch) e l’importo del
capitale in vigore investita in Gestione separata alla stessa data;
- diminuire tale importo delle spese amministrative di passaggio;
- determinare la somma da reinvestire applicando al capitale di cui al punto precedente le percentuali del nuovo
Portafoglio indicato dal Contraente;
- determinare per la parte destinata al Fondo Interno relativo al nuovo Portafoglio il numero delle quote da attribuire
al contratto dividendo l’importo destinato per il valore della quota al quinto giorno lavorativo successivo alla data
Ed. 10/2014
Nota informativa - Pagina 12 di 17
switch.
Se per cause oggettive (festività, chiusura dei mercati, guasti sul sistema telematico, ecc.) le quotazioni del quarto e/o
del quinto giorno non fossero rilevabili, si prenderà in considerazione la prima quotazione successiva immediatamente
disponibile.
Le spese amministrative di passaggio sono fissate in misura pari a 25 Euro.
Successivamente a ciascuna operazione di switch, la Compagnia comunicherà al Contraente il numero delle quote
disinvestite e di quelle attribuite nonché i rispettivi valori unitari dei giorni di riferimento dell’operazione effettuata e/o il
valore del capitale in vigore come modificato a seguito dello switch.
Con le stesse modalità, allo scopo di mantenere l’ISR di ogni portafoglio all’interno del Range definito contrattualmente
la Compagnia opererà un Ribilanciamento automatico per passare alla nuova allocazione di portafoglio. Ogni
Ribilanciamento automatico è gratuito.
17. Revoca della Proposta
La Proposta del presente Contratto può essere revocata fino al momento della conclusione del Contratto.
La revoca della Proposta deve essere comunicata per iscritto dal Contraente alla Compagnia.
Entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione relativa alla revoca, la Compagnia provvede a rimborsare al
Contraente il premio da questi corrisposto.
18. Diritto di recesso
Il Contraente può esercitare il diritto di recesso entro 30 giorni dalla conclusione del Contratto.
L’esercizio del diritto di recesso implica la risoluzione del Contratto.
La volontà di recedere dal Contratto deve essere comunicata alla Compagnia per iscritto entro il termine di cui sopra ed
avrà efficacia dal momento in cui essa perviene alla Compagnia.
Entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione relativa al recesso, la Compagnia provvede a rimborsare al
Contraente un importo pari alla somma tra:
- la parte del premio versato destinato alla Gestione separata;
- il controvalore delle quote calcolato al quarto giorno lavorativo successivo al ricevimento della richiesta di
recesso aumentato dell’importo dei costi di caricamento trattenuti sulla quota di premio destinato al Fondo;
diminuito delle Spese di emissione indicate al paragrafo 9.1.1 e riportate anche in Proposta e in Condizioni contrattuali.
19. Documentazione da consegnare alla Compagnia per la liquidazione delle Prestazioni
Per ogni pagamento la Compagnia richiede la consegna da parte degli aventi diritto della documentazione
dettagliatamente descritta nell’apposita sezione delle Condizioni contrattuali.
I pagamenti dovuti vengono effettuati dalla Compagnia entro 30 giorni dal ricevimento della documentazione prevista.
L’avente diritto deve inoltrare tempestiva richiesta di liquidazione delle somme assicurate, e comunque entro il termine di
Prescrizione di dieci anni da quando si è verificato l’evento su cui il diritto si fonda, ossia dalla data di decesso
dell’Assicurato (art. 2952 c.c.). In caso di omessa richiesta di liquidazione entro detto termine decennale, il diritto alla
liquidazione delle somme assicurate in polizza si prescrive e tali somme sono obbligatoriamente devolute al Fondo
appositamente costituito presso il Ministero dell'Economia e delle Finanze, secondo quanto disposto dalla legge
23/12/2005 n. 266 e successive modificazioni ed integrazioni.
20. Legge applicabile al Contratto
La legislazione applicabile al Contratto è quella italiana. Nel caso le parti convenissero la scelta di una diversa
legislazione, troveranno comunque applicazione le norme imperative di diritto italiano.
Al Contratto di assicurazione sulla vita si applicano le norme previste dagli artt. 1919 e ss. del codice civile.
Si richiama in particolare l’attenzione sui seguenti articoli:
- ai sensi dell’art. 1920 c.c. il beneficiario acquista, per effetto della designazione un diritto proprio ai vantaggi
dell’assicurazione nei confronti della Compagnia. Ne consegue che le somme corrisposte a seguito di decesso
dell’Assicurato non rientrano nell’asse ereditario.
Ed. 10/2014
Nota informativa - Pagina 13 di 17
ai sensi dell’art. 1923 c.c. le somme dovute in dipendenza dei contratti di assicurazione sulla vita non sono
pignorabili né sequestrabili.
Per le controversie relative al Contratto è competente l’Autorità Giudiziaria del luogo di residenza o di domicilio elettivo
del Consumatore.
-
21. Lingua in cui è redatto il Contratto
Il Contratto ed ogni documento ad esso allegato sono redatti in lingua italiana.
22. Reclami
22.1 Reclami all’Impresa
Eventuali reclami riguardanti il rapporto contrattuale e la gestione dei sinistri devono essere inoltrati per iscritto, mediante
posta, telefax o e-mail all’Impresa e, in particolare, alla funzione Ufficio Reclami, incaricata del loro esame, ai seguenti
recapiti:
BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A.- Ufficio Reclami - Via Tolmezzo, 15 20132 Milano - n° fax 02.77.224.265 - indirizzo e-mail [email protected]
Qualora l'esponente non si ritenga soddisfatto dall'esito del reclamo o in caso di assenza di riscontro nel termine
massimo di quarantacinque giorni, potrà rivolgersi all'IVASS - via del Quirinale 21, 00187 Roma, secondo le modalità
previste per i reclami presentati direttamente all’IVASS sotto elencate ed inviando altresì copia del reclamo presentato
all’Impresa nonché dell’eventuale riscontro da quest’ultima fornito.
22.2 Reclami all’IVASS
I reclami per l’accertamento dell’osservanza della normativa di settore devono essere presentati direttamente all’IVASS
al recapito sopraindicato.
Il reclamo inviato all’IVASS deve riportare chiaramente i seguenti elementi identificativi:
 il nome, cognome e domicilio del reclamante;
 l’individuazione dei soggetti di cui si lamenta l’operato;
 la descrizione dei motivi della lamentela e l’eventuale documentazione a sostegno della stessa.
.
Resta in ogni caso salva la facoltà di adire l’Autorità Giudiziaria
23. Informativa in corso di Contratto
La Compagnia comunicherà per iscritto al Contraente qualunque modifica dovesse intervenire, nel corso della durata
contrattuale, con riferimento alle variazioni degli elementi identificativi della Compagnia medesima, del Contratto, della
Nota informativa e del Regolamento della Gestione CAPITALVITA e dei Fondi interni per effetto di modifiche alla
normativa successive alla conclusione del Contratto.
Entro sessanta giorni dalla chiusura di ogni anno solare, la Compagnia si impegna ad inviare al Contraente un estratto
conto contenente tutte le informazioni relative all’annualità appena trascorsa, indicando in particolare:
a) cumulo dei premi versati dalla data di decorrenza al 31/12 dell’anno precedente a cui si riferisce il rendiconto;
b) capitale in vigore, numero e controvalore delle quote assegnate al 31/12 dell’anno precedente a cui si riferisce il
rendiconto;
c) dettaglio dei premi versati, dei premi investiti nella Gestione e delle quote assegnate relativamente ai premi investiti
nel Fondo di riferimento nell’anno a cui si riferisce il rendiconto;
d) dettaglio degli importi e delle quote trasferite ed assegnate mediante operazioni di switch nell’anno a cui si riferisce
il rendiconto;
e) valori di riscatti parziali effettuati nell’anno a cui si riferisce il rendiconto;
f) capitale in vigore, numero e controvalore delle quote assegnate al 31/12 dell’anno a cui si riferisce il rendiconto;
g) capitale liquidabile in caso di decesso e valore di Riscatto al 31/12 dell’anno a cui si riferisce il rendiconto;
h) tasso annuo di Rendimento realizzato dalla Gestione CAPITALVITA, commissione di gestione applicata e misura
annua di rivalutazione riconosciuta al Contratto.
Oltre alle suddette informazioni l’estratto conto annuale conterrà un aggiornamento dei dati storici di cui al punto 6 della
Scheda sintetica ed alla Sezione F della presente Nota informativa relativamente all’ultima annualità trascorsa.
La Compagnia è tenuta inoltre a dare comunicazione per iscritto al Contraente dell’eventualità che il controvalore delle
quote detenute si sia ridotto, in corso di Contratto, di oltre il 30% rispetto al premio investito nel Fondo e a comunicare
ogni ulteriore riduzione pari o superiore al 10%. La comunicazione sarà effettuata entro dieci giorni lavorativi dal
P
Ed. 10/2014
Nota informativa - Pagina 14 di 17
momento in cui si è verificato l’evento.
24. Conflitto di interessi
La Compagnia si può venire a trovare in possibili situazioni di conflitto di interessi, anche derivanti da rapporti di gruppo,
societari e/o da rapporti di affari propri e/o di società del gruppo di appartenenza, ove per gruppo di appartenenza si
intende il gruppo BNP Paribas.
In particolare, il presente Contratto è distribuito mediante gli sportelli bancari della Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.,
appartenente al gruppo BNP Paribas.
La Compagnia deposita presso BNP Paribas Securities Services, banca depositaria del gruppo, i relativi strumenti
finanziari e la liquidità.
Nel patrimonio della Gestione separata e dei Fondi interni possono essere presenti strumenti finanziari, ivi comprese
quote di OICR e SICAV, emessi e/o intermediati e/o detenuti da società del gruppo BNP Paribas, ad ogni modo sempre
nel massimo rispetto dei limiti qualitativi e quantitativi stabiliti in conformità alle disposizioni normative e di vigilanza.
In relazione alla gestione dei sottostanti il Contratto, la Compagnia riceve un servizio di consulenza in materia di
investimenti:
- Per la gestione dei fondi interni collegati al presente contratto, la consulenza è prestata dalla Banca Nazionale del
Lavoro;
- Per la gestione di CAPITALVITA®, la consulenza è prestata da BNP PARIBAS Investment Partners società del
gruppo BNP Paribas.
Le indicazioni fornite attraverso il servizio di consulenza non sono vincolanti per la Compagnia che, pertanto, effettua le
scelte di investimento in autonomia.
In ogni caso la Compagnia, pur in presenza di potenziali situazioni di Conflitto di interesse, con riferimento al presente
prodotto, non ha in essere accordi di riconoscimento di utilità derivanti dalla restituzione di commissioni o altri proventi
ed opera comunque in modo da non recare pregiudizio ai Contraenti al fine di ottenere per gli stessi il miglior risultato
possibile.
SEZIONE F – DATI STORICI SUI FONDI
25. Dati storici di Rendimento
Poiché i Fondi sono di nuova istituzione di seguito si riporta relativamente al solo benchmark dei Fondi Interni:
 un grafico a barre che rappresenta il Rendimento annuo del Benchmark registrato negli ultimi 10 anni;
 un grafico lineare per rappresentare l’andamento del Benchmark relativamente al 2013.
Fondo “Easy Life 1”
Ed. 10/2014
Nota informativa - Pagina 15 di 17
Fondo “Easy Life 2”
Attenzione: i rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri.
26. Dati storici di rischio
Denominazione Fondo
Easy Life 1
Easy Life 2
Volatilità
ex-ante
6,92%
11,43%
Volatilità
ex-post
n.d.
n.d.
Volatilità del
Benchmark
6,54%
13,46%
27. Total Expense Ratio (TER): costi effettivi dell’OICR
In considerazione della recente costituzione dei Fondi interni non è possibile fornire alcun dato storico.
28. Turnover di portafoglio dei Fondi
Il turnover del portafoglio calcolato come il rapporto percentuale fra la somma degli acquisti e delle vendite di strumenti
finanziari, al netto dell’investimento e del disinvestimento delle quote del Fondo derivanti da nuovi premi e da
liquidazioni, e dal patrimonio netto medio. Tale indicatore vuole rappresentare in modo sintetico al Contraente l’attività di
gestione effettuata sul Fondo in termini di movimentazione dei sottostanti.
In considerazione della recente istituzione dei Fondi interni non è possibile fornire alcun dato di turnover.
SEZIONE G - PROGETTO ESEMPLIFICATIVO DELLA PRESTAZIONE
La presente elaborazione viene effettuata in base ad una predefinita combinazione di premio, durata, periodicità
di versamenti ed età dell’Assicurato, relativamente alla parte investita in Gestione separata.
Gli sviluppi delle prestazioni rivalutate e dei valori di Riscatto di seguito riportati sono calcolati sulla base di
due diversi valori:
A) tasso di Rendimento minimo garantito contrattualmente;
B) un’Ipotesi di Rendimento annuo costante stabilito dall’IVASS e pari al momento della redazione del
presente progetto, al 4%. A tale tasso si applica la commissione di gestione prevista contrattualmente e quindi si
ipotizza di riconoscere al Contratto una misura di rivalutazione pari al 2,60% ottenuta scorporando la predetta
commissione dal 4%;
I valori sviluppati in base al tasso minimo garantito rappresentano le prestazioni certe che la Compagnia è
tenuta a corrispondere, laddove non sia stato sospeso il versamento dei premi, in base alle Condizioni di
polizza e non tengono pertanto conto di Ipotesi su future partecipazioni agli utili.
I valori sviluppati in base al tasso di Rendimento stabilito dall’IVASS sono meramente indicativi e non
impegnano in alcun modo la Compagnia. Non vi è infatti nessuna certezza che le Ipotesi di sviluppo delle
prestazioni applicate si realizzeranno effettivamente. I risultati conseguibili dalla gestione degli investimenti
potrebbero discostarsi dalle Ipotesi di Rendimento impiegate.
Ed. 10/2014
Nota informativa - Pagina 16 di 17
Sviluppo dei premi, della Prestazione e del valore di Riscatto in base a:
A) Tasso di Rendimento minimo garantito
Tasso di Rendimento minimo garantito
Età dell’Assicurato:
Durata:
Ipotesi di decorrenza:
Premio iniziale destinato alla Gestione separata alla decorrenza:
Capitale in caso di decesso
Data
a fine anno
14.700,00
31/12/2014
14.700,00
31/12/2015
14.700,00
31/12/2016
14.700,00
31/12/2017
14.700,00
31/12/2018
...
...
0%
Qualunque
indeterminata
06/10/2014
€ 15.000,00
Valore di Riscatto
a fine anno
14.700,00
14.700,00
14.700,00
14.700,00
14.700,00
...
L’operazione di Riscatto comporta una penalizzazione economica. Come si evince dalla tabella, sulla base del solo
Rendimento minimo garantito, il recupero dei premi versati e destinati alla Gestione separata non potrà
avvenire.
B) Ipotesi di Rendimento finanziario
Tasso di Rendimento finanziario:
Prelievi sul Rendimento finanziario:
Tasso di Rendimento retrocesso:
Età dell’Assicurato:
Durata:
Ipotesi di decorrenza:
Premio iniziale destinato alla Gestione separata alla decorrenza:
4%
1,40%
2,60%
Qualunque
indeterminata
06/10/2014
€ 15.000,00
Data
Capitale in caso di decesso
a fine anno
Valore di Riscatto
a fine anno
31/12/2014
31/12/2015
31/12/2016
31/12/2017
31/12/2018
...
14.790,24
15.174,79
15.569,33
15.974,14
16.389,46
...
14.790,24
15.174,79
15.569,33
15.974,14
16.389,46
...
Le prestazioni indicate nelle tabelle sono al lordo degli oneri fiscali.
Cardif Vita S.p.A. è responsabile della veridicità e della completezza dei dati e delle notizie contenuti nella
presente Nota informativa.
Cardif Vita S.p.A.
Il Rappresentante Legale
Isabella Fumagalli
Ed. 10/2014
Nota informativa - Pagina 17 di 17
CONDIZIONI CONTRATTUALI – Codice Prodotto REV2
Art. 1
Oggetto del Contratto
“BNL Your Easy Life” è la denominazione commerciale della forma assicurativa a “vita intera”, con Bonus per
il caso di decesso collegato all’investimento in Fondi.
“BNL Your Easy Life” è un Contratto di assicurazione sulla vita di tipo Multiramo.
Le prestazioni assicurative sono direttamente correlate ad all’andamento di uno dei portafogli di investimento
disponibili (il “Portafoglio”) composto in parte dalla Gestione separata CAPITALVITA® ed in parte da un Fondo
interno tra quelli descritti all’Art. 8 o successivamente resi disponibili, secondo le percentuali di ripartizione
definite dalla Compagnia.
Il Contratto prevede l’impegno del Contraente, all’atto della sottoscrizione del modulo di proposta (di seguito
Proposta) contrattuale, alla corresponsione di un Premio iniziale mediante addebito su conto corrente, assegno
bancario o circolare. È facoltà del Contraente effettuare versamenti aggiuntivi con le medesime modalità.
In caso di morte dell’Assicurato è prevista la corresponsione ai Beneficiari caso morte designati di un capitale il
cui importo è descritto nel dettaglio all’Art. 11.
Cardif Vita S.p.A., nella propria Home Page Internet (www.bnpparibascardif.it), mette a disposizione dei clienti
la possibilità di accedere ad un'area riservata per la consultazione della propria posizione assicurativa, nei
termini e secondo le modalità previste da IVASS. L'area è consultabile tramite l’utilizzo delle credenziali
assegnate ai clienti al primo accesso in occasione della registrazione.
P
Art. 2
Obblighi della Compagnia
Gli obblighi della Compagnia risultano esclusivamente dalla polizza e dagli allegati rilasciati dalla Compagnia
stessa.
Art. 3
Conclusione, decorrenza, durata del Contratto e cessazione
Il Contratto si conclude alle ore 24 del terzo giorno lavorativo successivo alla data di addebito del premio in
conto corrente o di versamento dell’assegno.
Gli effetti del Contratto decorrono dal 6° giorno lavorativo successivo a quello in cui viene addebitato il
premio in conto corrente del Contraente o a quello di versamento del premio tramite assegno.
La durata del Contratto coincide con la durata residua della vita dell’Assicurato.
Il presente Contratto si estingue a seguito del recesso ai sensi dell’Art. 4, della richiesta di Riscatto totale da
parte del Contraente o a seguito del decesso dell’Assicurato.
Non è previsto alcun limite di età.
Art. 4
Revoca della Proposta e diritto di Recesso dal Contratto
Revoca della Proposta di assicurazione
La Proposta del presente contratto può essere revocata fino al momento della conclusione del Contratto.
La revoca della Proposta deve essere comunicata per iscritto dal Contraente alla Compagnia.
Entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione relativa alla revoca, la Compagnia provvede a rimborsare
al Contraente il premio da questi corrisposto.
Diritto di recesso dal Contratto
Il Contraente può esercitare il diritto di recesso entro 30 giorni dalla conclusione del Contratto.
L’esercizio del diritto di recesso implica la risoluzione del presente Contratto.
La volontà di recedere dal Contratto deve essere comunicata alla Compagnia per iscritto entro il termine di
cui sopra ed avrà efficacia dal momento in cui essa perviene alla Compagnia.
Entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione relativa al recesso, la Compagnia provvede a rimborsare al
Contraente un importo pari alla somma tra:
U
U
Ed. 10/2014
Condizioni contrattuali - Pagina 1 di 18
la parte del premio versato destinato alla Gestione separata;
il controvalore delle quote calcolato al quarto giorno lavorativo successivo al ricevimento della richiesta di
recesso aumentato dell’importo dei costi di caricamento trattenuti sulla quota di premio destinato ai Fondi;
diminuito delle Spese di emissione pari a 50 Euro.
-
Art. 5
Conversione in quote
Il numero di quote da ascrivere al Contratto relativamente al Fondo collegato al Portafoglio prescelto dal
Contraente è determinato dividendo la percentuale del premio versato destinata al Fondo, al netto delle spese,
per il valore unitario della quota del Fondo.
La conversione in quote viene effettuata sulla base della quotazione del quinto giorno lavorativo successivo a
quello in cui è addebitato il premio sul conto corrente del Contraente o successivo alla data di versamento
dell’assegno.
Se per cause oggettive (festività, chiusura dei mercati, guasti sul sistema telematico, ecc.) la quotazione del
quinto giorno non fosse rilevabile, si prenderà in considerazione la prima quotazione successiva
immediatamente disponibile.
Art. 6
Capitale in vigore
Il capitale in vigore ad una certa data è costituito dalla somma tra:
la somma delle “Parti di capitale” relative alle parti di premio versato destinate alla Gestione separata
rivalutate fino a tale data;
il controvalore delle quote del Fondo interno valorizzate a tale data.
L’ammontare di ciascuna “Parte di capitale” è pari all’importo di ciascun premio versato e/o trasferito mediante
operazioni di switch e destinato alla Gestione separata al netto delle spese contrattuali di cui all’Art. 9 e all’Art.
12.
Il numero delle quote relative al Fondo interno è quello determinato come indicato ai sensi dell’Art. 5.
Art. 7
Rivalutazione
La Compagnia riconosce alle “Parti di capitale” destinate alla Gestione separata una rivalutazione annuale delle
prestazioni, nella misura e secondo le modalità di seguito riportate.
La rivalutazione annuale viene applicata il 31/12 di ogni anno solare, (a partire dal 31/12 successivo alla data di
decorrenza) e alla data di anticipata risoluzione del Contratto.
Misura della rivalutazione annuale
Viene attribuita a ciascuna “Parte di capitale” destinata alla Gestione separata la rivalutazione annua
conseguita attraverso la Gestione CAPITALVITA®.
Il tasso di Rendimento annuo da adottare a tale scopo è pertanto quello calcolato al 30/09, per la rivalutazione
annuale al 31/12 oppure alla fine del terzo mese solare antecedente il mese della data di rivalutazione, per la
rivalutazione in corso d’anno.
La misura di rivalutazione annua è pari alla differenza, solo se positiva, tra il tasso di Rendimento annuo
CAPITALVITA® e la commissione annuale di gestione descritta all’Art. 9.
Il Rendimento riconosciuto annualmente in base al risultato della Gestione separata viene definitivamente
acquisito dal Contratto.
Modalità di rivalutazione annuale del capitale
In occasione di ciascuna rivalutazione annuale, relativamente alla parte investita in Gestione separata, la Parte
di capitale in vigore si ottiene sommando:
- il capitale maturato al 31/12 dell’anno precedente (eventualmente riproporzionato in caso di riscatti parziali
e switch) incrementato della rivalutazione annua, nella misura di cui sopra, eventualmente riproporzionata
per il numero di giorni effettivamente trascorsi dall’inizio dell’anno solare nel caso di rivalutazione in corso
d’anno;
- ciascuna “Parte di capitale” acquisita in corrispondenza di ogni premio versato nell’anno solare e di ogni
importo trasferito nella Gestione con un’operazione di switch al netto dei costi, incrementata della
rivalutazione annua nella misura di cui sopra, riproporzionata al numero di giorni effettivamente trascorsi
dalla data di ciascun versamento sino alla data di rivalutazione.
U
U
P
P
Ed. 10/2014
P
Condizioni contrattuali - Pagina 2 di 18
La rivalutazione comporta un incremento annuale delle prestazioni che rimane acquisito a titolo definitivo e, di
conseguenza, si rivaluta a sua volta negli anni successivi.
La rivalutazione annuale delle prestazioni comporta l’aumento, a totale carico della Compagnia, della Riserva
matematica maturata alla data di rivalutazione.
La Compagnia si impegna a dare comunicazione scritta al Contraente della rivalutazione delle prestazioni
assicurate, in occasione di ciascuna rivalutazione annuale.
Art. 8
Caratteristiche dei Portafogli collegati al Contratto
All’atto della sottoscrizione della Proposta, per le sottoscrizioni effettuate entro il 29/05/2015, il Contraente ha la
facoltà di aderire ad uno e un solo Portafoglio tra quelli di seguito definiti:
- Portafoglio Prudente composto dalla Gestione separata CAPITALVITA® e dal Fondo interno “Easy Life 1”
- Portafoglio Moderato composto dalla Gestione separata CAPITALVITA® e dal Fondo interno “Easy Life 2”
Le percentuali di allocazione di ciascun portafoglio sono variabili nel tempo e definite dalla Compagnia al fine di
mantenere il profilo di rischio del portafoglio all’interno del range di seguito indicato, con un minimo pari al 5% e
un massimo pari al 95% per ciascun sottostante finanziario:
- Portafoglio Prudente: Indicatore sintetico di Rischio compreso tra 2,3 e 3,3 (estremi inclusi)
- Portafoglio Moderato: Indicatore sintetico di Rischio compreso tra 3,5 e 7 (estremi inclusi)
L’Indicatore sintetico di Rischio (di seguito ISR) di ciascun portafoglio è la media ponderata dell’Indicatore
sintetico di rischio dei sottostanti finanziari, calcolato da una società italiana, leader nel settore della consulenza
economica e finanziaria, in grado di incorporare in un unico indicatore le tre diverse tipologie di rischio che
caratterizzano uno strumento finanziario: rischio mercato, rischio credito e rischio liquidità.
La Compagnia potrà sostituire l’ISR con altro indicatore di rischio che consideri almeno uno dei rischi
misurati dall’ISR originario (es. volatilità annua), qualora l’ISR non sia più reso disponibile alla
Compagnia medesima dandone comunicazione al Contraente.
La Compagnia opererà al calcolo giornaliero dell’ISR di portafoglio al fine di controllare la permanenza del
valore tra gli estremi ammessi e sopra definiti. Nel caso in cui, per cinque giorni di mercato consecutivi, il valore
dell’ISR sia costantemente più alto dell’estremo superiore previsto o costantemente più basso dell’estremo
inferiore previsto, la Compagnia provvederà a calcolare le nuove percentuali di allocazione che consentirannoil
rientro dell’ISR di portafoglio all’interno del Range definito e ad operare uno switch dell’investimento tra la
componente rappresentata dalla Gestione separata e la componente rappresentata dal Fondo interno, al fine di
raggiungere le nuove percentuali definite ( “Ribilanciamento automatico”). Tali nuove percentuali di allocazione
si applicheranno agli eventuali versamenti aggiuntivi.
Oltre ai casi appena descritti il Ribilanciamento automatico verrà effettuato a partire dal 15/5/2015 con
frequenza semestrale.
Qualora, a seguito di un Ribilanciamento automatico avvenuto tra la data di versamento del Premio e la data di
conversione in quote, le percentuali di allocazione richieste per il mantenimento dell’ISR di portafoglio all’interno
del Range sopraindicato, siano diverse da quelle riportate nella Proposta, la Compagnia si riserva di
effettuare l’investimento secondo le nuove percentuali definite.
Il Contraente ha la facoltà di effettuare versamenti aggiuntivi nel Portafoglio collegato al contratto all’atto del
versamento.
La Compagnia si riserva, dandone notizia al Contraente con apposita comunicazione, di modificare o sostituire i
Portafogli presenti sul Contratto qualora, a seguito di mutamento delle condizioni di mercato, gli stessi non
rispondessero all’esigenza di offrire un investimento il cui profilo di rischio corrisponda a quello originariamente
stabilito. La Compagnia potrà altresì rendere disponibili ulteriori portafogli finanziari le cui caratteristiche
saranno comunicate al Contraente ai sensi della normativa di riferimento. .
Il Contraente potrà richiedere gratuitamente a partire dal 01/07/2015 il trasferimento a tali nuovi portafogli
proposti.
Il valore unitario delle quote dei Fondi è determinato, con cadenza giornaliera, dividendone il valore
complessivo al netto delle spese per il numero delle relative quote.
Il valore unitario delle quote dei Fondi viene giornalmente pubblicato sul sito www.bnpparibascardif.it.
Art. 9
Premio e spese contrattuali
Il Contraente, al momento della sottoscrizione della Proposta, si impegna a versare il Premio iniziale di importo
U
Ed. 10/2014
Condizioni contrattuali - Pagina 3 di 18
minimo pari a 2.000,00 euro in unica soluzione, mediante addebito su conto corrente, assegno bancario o
circolare.
Il Premio iniziale versato entro la data di decorrenza concorre alla formazione del capitale in vigore, al netto di
una commissione espressa in percentuale pari al 2% del premio stesso.
Gli eventuali versamenti aggiuntivi concorrono al capitale in vigore al netto della percentuale di volta in volta
indicata nella documentazione d’offerta che viene consegnata al Contraente prima dell’investimento.
Alla Compagnia spetta una commissione di gestione annuale pari all’1,80% relativamente al Fondo Easy Life 1
e all’1,90% relativamente al Fondo Easy Life 2 prelevate dal patrimonio del Fondo stesso.
Alla Compagnia spetta la commissione annuale di gestione pari all’1,40% prelevata dal Rendimento della
Gestione separata. Il prelievo della commissione nella misura indicata avviene a condizione che il rendimento
della Gestione separata sia almeno pari alla misura stessa. In caso contrario, la compagnia preleverà una
commissione pari al rendimento medesimo con il massimo dell’1,40%.
Le spese amministrative di switch tra Portafogli sono fissate in misura pari a 25 Euro
Le operazioni di Ribilanciamento automatico sono gratuite.
Art. 10 Riscatto totale o parziale
Il Contraente può esercitare, trascorso un mese dalla data di decorrenza del presente Contratto, il diritto di
Riscatto totale mediante richiesta scritta indirizzata alla Compagnia.
Il Riscatto totale della polizza comporta l'estinzione del Contratto e, di conseguenza, la Compagnia non sarà più
tenuta al versamento di alcuna Prestazione in caso di decesso dell’Assicurato.
Il valore di Riscatto totale è pari al capitale in vigore (così come definito all’Art. 6) alla “Data di riferimento
evento” come di seguito definita.
A partire dal 01/07/2015, purché trascorso almeno un mese dalla decorrenza del Contratto, il Contraente ha
inoltre facoltà di richiedere il Riscatto parziale.
Il valore del Riscatto parziale può essere indicato dal Contraente mediante richiesta scritta indirizzata alla
Compagnia in percentuale del valore del Portafoglio in vigore.
A seguito di ciascuna operazione di Riscatto parziale le “Parti di capitale” ed il numero di quote vengono ridotti
di una percentuale pari al rapporto tra l’importo riscattato ed il valore di Riscatto totale calcolato alla “Data di
riferimento evento”.
Per Data riferimento evento si intende il quarto giorno lavorativo successivo alla data di ricezione (anche in
formato elettronico) da parte della Compagnia dell'intera documentazione descritta nell'apposita sezione
“Documentazione necessaria in caso di liquidazione”. Se per cause oggettive (festività, chiusura dei mercati,
guasti sul sistema telematico, ecc.) la quotazione relativa alla Data riferimento evento non fosse rilevabile, si
prenderà in considerazione la prima quotazione successiva immediatamente disponibile.
Art. 11 Decesso dell’Assicurato
Ai Beneficiari caso morte designati spetta, in caso di decesso dell’Assicurato, la liquidazione di un importo che
si ottiene sommando i seguenti importi:
- il capitale in vigore alla data di ricevimento della documentazione richiesta nell’apposita sezione;
- il Bonus, il cui importo non può comunque superare 75.000 Euro, determinato moltiplicando la percentuale
assegnata in funzione dell’età dell’Assicurato alla data di decesso, riportata nella seguente tabella, e la
somma dei premi versati nella componente collegata al Fondo (eventualmente riproporzionati in caso di
precedenti riscatti parziali e switch):
Da anni (inclusi)
A anni (inclusi) Bonus %
0
69
10%
70
89
0,60%
90
Oltre
0,20%
In caso di designazione di una pluralità di Beneficiari caso morte, la richiesta scritta dovrà essere effettuata
dai medesimi congiuntamente.
La Compagnia destina lo 0,10% incluso nella commissione di gestione annua prevista sul fondo per la
Prestazione aggiuntiva (Bonus).
Il Capitale per il caso di decesso previsto dal presente Contratto è liquidabile dalla Compagnia a seguito di
Ed. 10/2014
Condizioni contrattuali - Pagina 4 di 18
tempestiva richiesta scritta avanzata dal Beneficiario caso morte, nel rispetto dei termini previsti dalla
legge.
Art. 12 Operazioni di trasferimento (o switch)
A partire dal 01/07/2015, purché sia trascorso un mese dalla data di decorrenza, il Contraente ha la facoltà di
effettuare operazioni di trasferimento (“switch”) tra gli importi investiti in un Portafoglio verso un altro di quelli
collegati al Contratto.
La richiesta di switch deve pervenire per iscritto alla Compagnia.
Le spese amministrative di switch sono indicate all’Art. 9.
Successivamente a ciascuna operazione di switch, la Compagnia comunicherà al Contraente gli estremi
dell’operazione effettuata.
La Compagnia allo scopo di mantenere il profilo di rischio del Portafoglio all’interno degli estremi previsti
opererà operazioni di switch automatico qualora previsto dalle condizioni di mercato e semestralmente a partire
dal 15/05/2015. Tali operazioni di switch sono gratuite.
Art. 13 Opzioni contrattuali
Trascorsi 5 anni dalla data di decorrenza, contestualmente alla richiesta di Riscatto, è facoltà del Contraente
richiedere una delle seguenti opzioni:
- opzione da capitale in rendita: la conversione del valore di Riscatto in una rendita pagabile fino a che
l’Assicurato è in vita;
- opzione da capitale in rendita certa e poi vitalizia: la conversione del valore di Riscatto in una rendita
pagabile in modo certo per 5 o 10 anni e successivamente fino che l’Assicurato è in vita;
- opzione da capitale in rendita reversibile: la conversione del valore di Riscatto in una rendita pagabile fino al
decesso dell’Assicurato e successivamente reversibile, in misura totale o parziale, a favore di una persona
fino a che questa è in vita.
Al fine della quantificazione della rendita verranno utilizzati i coefficienti demografico-finanziari in vigore alla
data di conversione coincidente con la Data riferimento evento.
Le modalità di calcolo di conversione in rendita verranno indicate al momento della richiesta dell’opzione
effettuata per iscritto alla Compagnia.
Art. 14 Pagamento delle prestazioni
Per ogni pagamento la Compagnia richiede preventivamente agli aventi diritto la documentazione
necessaria descritta nell’apposita sezione “Documentazione necessaria in caso di liquidazione”.
Verificatosi l’evento o la risoluzione anticipata del Contratto, la Compagnia esegue il pagamento entro 30 giorni
dal ricevimento dell’intera documentazione richiesta. Decorso tale termine sono dovuti gli interessi legali, a
partire dal termine stesso, a favore degli aventi diritto.
La liquidazione della Prestazione avverrà con le modalità di pagamento di volta in volta concordate tra la
Compagnia e gli aventi diritto.
Art. 15 Designazione Beneficiario
Il Contraente ha la facoltà di designare il Beneficiario o i Beneficiari caso morte, a cui corrispondere la
Prestazione assicurativa prevista per il caso di decesso dell’Assicurato. La designazione del Beneficiario caso
morte va indicata nella Proposta di assicurazione e può essere effettuata anche in modo generico.
Per effetto della designazione, il Beneficiario caso morte acquista un diritto proprio ai vantaggi
dell’assicurazione.
La designazione del Beneficiario caso morte può essere revocata o modificata in qualsiasi momento, tranne nei
seguenti casi:
- dagli eredi dopo la morte del Contraente ovvero dopo che, verificatosi l’evento, il Beneficiario caso morte
abbia dichiarato per iscritto di voler profittare del beneficio;
- dopo che il Contraente abbia rinunciato per iscritto al potere di revoca ed il Beneficiario caso morte abbia
dichiarato al Contraente di voler profittare del beneficio.
Ed. 10/2014
Condizioni contrattuali - Pagina 5 di 18
In tali casi, le operazioni di Riscatto, pegno o vincolo di polizza, richiedono l’assenso scritto dei Beneficiari.
Le modifiche relative alla designazione del Beneficiario caso morte devono essere comunicate per iscritto
alla Compagnia o disposte per testamento.
Art. 16 Prestiti
Il presente Contratto assicurativo, data la sua peculiare struttura, non ammette la concessione di prestiti o
anticipazioni sulle prestazioni maturande.
Art. 17 Cessione del Contratto
Il Contraente può cedere ad altri il Contratto, secondo quanto previsto agli artt. 1406 e ss. del codice civile.
La cessione diventa efficace quando la Compagnia riceve la relativa comunicazione scritta da parte del
Contraente uscente (cedente) e del Contraente entrante (cessionario) contenente l’accettazione dell’Assicurato
ove diverso dal Contraente.
La Compagnia provvede a comunicare l’avvenuta cessione alle parti.
Art. 18 Pegno e vincolo
Il Contraente può dare in pegno ad altri il Contratto o vincolare le prestazioni del Contratto.
Tali atti diventano efficaci quando la Compagnia riceve la relativa comunicazione scritta del Contraente.
La Compagnia provvede ad annotare la costituzione di pegno o vincolo su apposita appendice contrattuale.
Art. 19 Tasse e imposte
Le tasse e le imposte relative al Contratto assicurativo sono a carico del Contraente o degli aventi diritto.
Art. 20 Foro Competente
Per le controversie relative al Contratto è competente l’Autorità Giudiziaria del luogo di residenza o di domicilio
elettivo del consumatore.
Ed. 10/2014
Condizioni contrattuali - Pagina 6 di 18
REGOLAMENTO della Gestione Separata
CAPITALVITA®
redatto ai sensi del Regolamento ISVAP n. 38/2011, concernente la costituzione e l’amministrazione delle gestioni
separate delle imprese che esercitano l’assicurazione sulla Vita, ai sensi dell’Articolo 191, Comma 1, Lettera e), del
decreto legislativo 7 settembre 2005, N.209 – Codice delle Assicurazioni Private.
Articolo 1
DENOMINAZIONE, VALUTA E VALORE DELLE ATTIVITA’
1.1 CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. (CARDIF VITA), ed iscritta al n. 1.00126
dell’Albo ha istituito la Gestione separata CAPITALVITA®, che costituisce un portafoglio di investimenti gestito
separatamente dagli altri attivi detenuti da CARDIF VITA. In data 21.07.2014 il Consiglio di amministrazione di
CARDIF VITA ha approvato il presente regolamento. L’attività di gestione rispetta le norme di legge, i regolamenti e
le disposizioni delle Autorità di vigilanza e del presente regolamento.
1.2 CAPITALVITA® è una gestione denominata in Euro e collegata alla raccolta delle polizze rivalutabili ed è rivolta a
tutte le tipologie di clientela.
1.3 Il valore delle attività della Gestione separata CAPITALVITA® non sarà inferiore alle riserve matematiche, costituite
per i contratti a prestazioni rivalutabili in base ai rendimenti realizzati dalla Gestione stessa.
1.4 Il valore delle attività è pari al valore di iscrizione nell’ultimo bilancio approvato o, in mancanza, quello di carico nella
contabilità generale della Compagnia.
1.5 Il presente Regolamento è parte integrante delle Condizioni di assicurazione dei contratti collegati alla Gestione
separata.
Articolo 2
OBIETTIVI E POLITICHE DI INVESTIMENTO, TIPOLOGIE, LIMITI QUALITATIVI E QUANTITATIVI DELLE ATTIVITA’
Obiettivi e politiche di investimento
2.1 Obiettivo della gestione finanziaria è la conservazione dei capitali investiti e la realizzazione di un Rendimento
positivo, in quanto ciò sia compatibile con le condizioni di mercato. I criteri che guidano l’asset allocation sono: il
rispetto dei limiti regolamentari, la sicurezza e la liquidità degli investimenti, l’efficienza in termini di rischioRendimento delle combinazioni individuate, la ricerca del beneficio di diversificazione, la coerenza col profilo delle
varie tipologie di garanzie offerte dai contratti collegati con la Gestione separata valutata sulla base di modelli di
Asset Liability Management. Le politiche di gestione e di investimento sono tese a garantire nel tempo un’equa
partecipazione degli assicurati ai risultati finanziari della Gestione separata, evitando disparità che non siano
giustificate dalla necessità di salvaguardare, nell’interesse della massa degli assicurati, l’equilibrio e la stabilità della
Gestione separata.
Tipologie di attività
2.2 In linea generale, le risorse di CAPITALVITA® possono essere investite in tutte le attività ammissibili a copertura
delle riserve tecniche ai sensi dell’Art. 38 del Decreto Lgs. 7 settembre 2005, n. 209, recante il Codice delle
Assicurazioni Private e dei relativi regolamenti attuativi.
Limiti qualitativi e quantitativi delle attività
2.3 La Gestione può investire fino al 100% in titoli obbligazionari di emittenti:
‐ Governativi e assimilati
E’ ammesso l’investimento in titoli emessi e/o garantiti da Stati appartenenti all’Ocse, da organismi
sovranazionali ai quali aderisca almeno uno Stato membro dell’Ocse, da emittenti locali controllati da emittenti
governativi appartenenti all’Ocse.
‐ Corporate
I titoli di emittenti corporate devono avere un buon merito creditizio che, così come previsto dall’articolo 11
comma 3, del Regolamento ISVAP n. 36 del 2010, è valutato dalla Società con riferimento non esclusivo al
rating. Il peso dei titoli obbligazionari corporate non può superare il 60% del totale degli attivi di CAPITALVITA®.
Ed. 10/2014
Condizioni contrattuali - Pagina 7 di 18
2.4 L’investimento sul mercato azionario è concentrato prevalentemente nell’area Euro. L’esposizione azionaria
riguarda titoli con un livello di liquidità adeguato all’investimento effettuato, quotati sui principali mercati borsistici.
Complessivamente, il peso del comparto azionario non può essere superiore al 20%.
2.5 L’investimento in titoli obbligazionari o azioni può avvenire direttamente o attraverso l’acquisto di quote di ETF,
SICAV o OICR, al fine di garantire un adeguato livello di diversificazione.
2.6 Gli strumenti finanziari sono selezionati tra tutti i settori merceologici, hanno come area geografica di riferimento
prevalente l’Area Euro.
2.7 E’ ammesso l’investimento in strumenti di mercato monetario, quali depositi bancari a vista e Time Deposit con
durata inferiore a 15 giorni, nel limite massimo complessivo del 15%,e in fondi di liquidità prevalentemente area
euro e Time Deposit con durata superiore a 15 giorni in misura non superiore al 30%
2.8 Gli investimenti alternativi (private equity, hedge funds, venture capital) sono ammessi nei limiti del 5%.
L’esposizione sul comparto immobiliare, realizzata anche attraverso l’acquisto di partecipazioni in società
immobiliari o attraverso quote di OICR immobiliari, non deve superare il limite massimo del 15%.
2.9 L’impiego di strumenti finanziari derivati avviene nel principio di sana e prudente gestione; è ammesso con finalità
di copertura e gestione efficace, con le modalità e i limiti regolamentari fissati dalla normativa di attuazione dell’Art.
38 del Decreto Lgs. 7 settembre 2005, n. 209.
2.10 Le attività di CAPITALVITA® sono di piena e libera proprietà dell’Impresa nonché libere da vincoli o gravami di
qualsiasi natura.
Articolo 3
LIMITI DI INVESTIMENTO IN RELAZIONE AI RAPPORTI CON LE CONTROPARTI DI CUI ALL’ARTICOLO 5 DEL
REGOLAMENTO ISVAP 27 MAGGIO 2008, N. 25
3.1 Le operazioni con le controparti di cui all’Art. 5 del Regolamento ISVAP 27/05/2008 n.25, sono ammesse nei limiti e
con le modalità previste dalla normativa in materia, e non devono pregiudicare gli interessi degli assicurati. Sono
effettuate a condizioni di mercato, ovvero a condizioni che è possibile ottenere da imprese o soggetti indipendenti
(principio della c.d. “best execution”).
3.2 Nell’ottica dell’efficienza gestionale, è possibile investire fino al 20% del patrimonio della Gestione separata in OICR
od obbligazioni gestiti o, rispettivamente, emessi da società appartenenti al Gruppo.
Articolo 4
PERIODO DI OSSERVAZIONE
4.1 Il tasso medio di Rendimento è determinato relativamente al periodo che decorre dal 1° gennaio fino al 31
dicembre.
Inoltre, ad ogni mese viene determinato il Rendimento medio mensile in relazione al Periodo di osservazione
costituito da ciascun mese solare dell’esercizio e dagli undici mesi immediatamente precedenti, da applicare ai
contratti ai quali viene applicata la clausola di rivalutazione mensile.
Articolo 5
REGOLE PER LA DETERMINAZIONE DEL TASSO MEDIO DI RENDIMENTO
5.1 Il tasso medio di Rendimento annuo si ottiene rapportando il risultato finanziario di competenza relativamente al
Periodo di osservazione, alla giacenza media delle attività assegnate alla Gestione nel medesimo Periodo di
osservazione.
5.2 Concorrono alla determinazione del risultato finanziario di CAPITALVITA®:
 i proventi finanziari di competenza del Periodo di osservazione, compresi gli scarti di emissione e di
negoziazione di competenza,
 gli utili e le perdite derivanti dall’alienazione delle attività finanziarie assegnate alla Gestione, se effettivamente
realizzati nel Periodo di osservazione.
Gli utili realizzati comprendono anche i redditi derivanti dalla retrocessione di commissioni o di altri proventi ricevuti
dall’Impresa in virtù di accordi con soggetti terzi e riconducibili al patrimonio di CAPITALVITA®.
Il risultato finanziario è calcolato al lordo delle ritenute di acconto fiscali ed al netto delle spese e degli oneri
deducibili di cui al successivo Articolo 6.
5.3 Gli utili e le perdite da realizzo sono determinati con riferimento al valore di iscrizione delle corrispondenti attività
nel libro mastro. Il valore di iscrizione nel libro mastro di una attività di nuova acquisizione è pari al prezzo di
Ed. 10/2014
Condizioni contrattuali - Pagina 8 di 18
acquisto; nel caso di trasferimento di attività dal patrimonio dell’Impresa il valore di iscrizione è pari valore corrente
rilevato alla data di immissione delle attività nella Gestione separata.
5.4 La giacenza media delle attività è pari alla somma delle giacenze medie nel Periodo di osservazione dei depositi in
numerario, degli investimenti e di ogni altra attività della Gestione separata. La giacenza media è calcolata sulla
base del valore di iscrizione nel libro mastro nella Gestione separata.
5.5 I criteri di valutazione delle giacenze medie descritti potranno essere modificati solo in casi eccezionali. In tale
eventualità, il Rendiconto della Gestione separata sarà accompagnato da una nota illustrativa che indicherà le
motivazioni dei cambiamenti nei criteri di valutazione utilizzati e il loro impatto economico sul tasso medio di
Rendimento di CAPITALVITA®.
Articolo 6
SPESE ED ONERI DEDUCIBILI
6.1 Le uniche forme di prelievo consentite sono relative a:
‐ Attività di verifica contabile effettuata dalla Società di Revisione;
‐ Spese effettivamente sostenute per l’acquisto e la vendita delle attività della Gestione separata.
6.2 Non sono consentite altre forme di prelievo, in qualsiasi modo effettuate.
Articolo 7
REVISIONE CONTABILE
7.1 La Gestione separata CAPITALVITA® è sottoposta alla verifica da parte di una Società di revisione iscritta
nell’apposito registro previsto dalla normativa vigente, la quale effettua le verifiche ed esprime i giudizi richiesti dalla
vigente normativa regolamentare.
Articolo 8
FUSIONI E SCISSIONI
8.1 Nell’interesse dei contraenti, per garantire l’efficienza gestionale l’Impresa può decidere di fondere o scindere la
Gestione separata CAPITALVITA®, nel rispetto della normativa vigente.
Articolo 9
MODIFICHE AL REGOLAMENTO
9.1 Ferme restando le vigenti disposizioni di legge e regolamentari, il consiglio di amministrazione della Compagnia
potrà apportare al presente regolamento eventuali modifiche per garantire l’adeguamento dello stesso alla
normativa primaria e secondaria vigente oppure a causa di mutati criteri gestionali con esclusione, in tale ultimo
caso, di quelle meno favorevoli per l’Assicurato.
Ed. 10/2014
Condizioni contrattuali - Pagina 9 di 18
REGOLAMENTO del Fondo interno assicurativo
“Easy Life 1”
Art. 1 – Istituzione e denominazione
La Compagnia ha istituito e gestisce, secondo le modalità previste dal presente regolamento, un fondo interno (di
seguito Fondo) denominato: Fondo "Easy Life 1".
Il Fondo è espresso in quote, denominato in Euro e di tipo ad accumulazione: l’incremento del valore del patrimonio del
Fondo non viene distribuito, ma determina l’incremento di valore delle quote nelle quali risulta suddiviso il patrimonio del
Fondo stesso.
La quotazione iniziale è posta pari a 100 Euro alla data di avvio del Fondo.
Le quote potranno essere frazionate, su decisione dell'organo amministrativo della Società di gestione, in decimi,
centesimi, millesimi o decimillesimi, denominati "frazioni" di quote.
La Compagnia investe i capitali nel rispetto degli obiettivi della gestione e delle caratteristiche del Fondo, coerentemente
con il Benchmark di riferimento e lo stile di gestione, come descritto ai successivi Art. 2 e 3.
Ogni Fondo costituisce un patrimonio distinto a tutti gli effetti da quello della Compagnia, nonché da ogni altro Fondo
gestito dalla stessa.
E’ ammessa la possibilità di scissione o fusione del Fondo con altri fondi interni della Compagnia aventi caratteristiche
similari, come descritto nel successivo Art. 6 del presente regolamento.
Art. 2 – Obiettivi e profilo di rischio
L’obiettivo di investimento del Comparto è di ottenere un rendimento complessivo superiore al Benchmark.
Il Fondo attua una politica di investimento rivolta in modo significativo a strumenti finanziari di natura azionaria.
L’investimento azionario può prevedere nel breve termine il rischio di perdite sul capitale investito.
L’orizzonte temporale dell’investimento pertanto è di 5 anni e il profilo di rischio del Fondo è medio.
I principali fattori di rischio ai quali risulta esposto il patrimonio del Fondo e di conseguenza il Contraente sono:
 Rischio di perdita in conto capitale: la performance del Fondo potrebbe non essere in linea con le aspettative e
il montante finale dell’investimento potrebbe essere inferiore al capitale investito;
 Rischio di credito, derivante dal rischio che gli emittenti delle attività finanziarie in portafoglio non adempiano
alle loro obbligazioni nei modi e nei tempi previsti;
 Rischio di tasso di interesse, inteso come l’effetto di variazioni nella struttura a termine dei tassi di interesse sul
valore dell’investimento obbligazionario;
 Rischio connesso alla variazione andamento del paniere di azioni, il valore dei singoli titoli costituenti il paniere
di azioni può variare nel corso del tempo e può aumentare o diminuire in dipendenza di una molteplicità di
fattori. In tal senso, cambiamenti nel valore di tali titoli avranno effetto sul valore del patrimonio del Fondo
 Rischio di volatilità delle attività finanziarie utilizzate dalla strategia di gestione inclusi gli strumenti derivati.
Al fine di meglio perseguire la strategia di investimento, e di raggiungere l’obiettivo di massimizzare il rendimento del
Fondo interno, la Società adotta il benchmark di seguito riportato:
BENCHMARK
Eurostoxx 50 (SX5E Index)
Standard & Poor’s 500 (SPX Index)
MSCI Emerging Markets (MXEF Index)
Iboxx Euro Sovereigns Eurozone (QW1A Index )
Iboxx US Treasuries (ITRROV Index)
Capitalized EONIA (OISEONIA Index)
PESO
30%
20%
10%
15%
15%
10%
Si riporta di seguito una breve descrizione degli indici che compongono il benchmark:
Eurostoxx 50 è un indice del mercato azionario che comprende 50 grandi aziende (blue-chip) europee che operano
all’interno delle nazioni della zona euro
Ed. 10/2014
Condizioni contrattuali - Pagina 10 di 18
Standard & Poor’s 500 è un indice elaborato da Standard & Poor’s Co costruito prendendo in considerazione 500 titoli
rappresentativi dei principali settori economici dell’economia americana e quotati al New York Stock Exchange (NYSE).
MSCI Emerging Markets è un indice di capitalizzazione di mercato regolamentato libero, progettato per misurare le
prestazioni del mercato azionario nei mercati emergenti globali.
Iboxx Euro Sovereigns Eurozone è un indice che rappresenta il debito pubblico complessivo in Euro emesso dai governi
dei paesi dell’area dell’Euro.
Iboxx US Treasuries è un indice obbligazionario che include obbligazioni governative USA.
EONIA è la media ponderata dei tassi overnight comunicati alla BCE da un campione di banche operanti nell'area
dell'euro. E’ un rappresentativo della media dei tassi overnight di finanziamento applicati dalle principali Banche
Europee e comunicati quotidianamente alla Banca Centrale Europea (BCE).
Art. 3 – Caratteristiche
La gestione del Fondo e l’attuazione delle politiche di investimento competono alla Compagnia, che vi provvede
attuando una gestione professionale del patrimonio del Fondo stesso. Nell’ottica di una gestione più efficiente, la
Compagnia può affidare le scelte di investimento ad intermediari abilitati a prestare servizi di gestione di patrimoni, nel
quadro dei criteri di allocazione del patrimonio periodicamente predefiniti; resta comunque in capo alla Compagnia
l’esclusiva responsabilità nei confronti dei destinatari delle prestazioni per l’attività di gestione del Fondo.
Gli investimenti ammissibili, nonché la definizione dei limiti quantitativi e qualitativi al loro utilizzo, sono definiti
coerentemente con la normativa di settore vigente, sulla base di criteri di scelta volti ad assicurare una adeguata
redditività, nel rispetto del profilo di rischio assegnato.
Le risorse destinate al Fondo possono essere investite nelle seguenti tipologie di attività:
- strumenti finanziari quali titoli di Stato, titoli obbligazionari (o altri titoli similari che prevedano a scadenza il
rimborso del valore nominale), titoli azionari, strumenti derivati ed altri titoli strutturati;
- strumenti monetari con scadenza non superiore a sei mesi quali depositi bancari in conto corrente, certificati di
deposito, operazioni di pronti contro termine (con obbligo di riacquisto e deposito titoli presso una banca).
L’investimento nelle tipologie di attività previste può avvenire direttamente o investendo in quote ed azioni emesse da
OICR (Fondi comuni di investimento e / o SICAV, diversi dai fondi riservati e speculativi), nonché ETF:
 armonizzati ai sensi della Direttiva 85/611/CEE e successive modifiche e integrazioni o comunque emessi nel
rispetto del Testo Unico dell’intermediazione finanziaria, nazionali o esteri e fondi chiusi mobiliari;
 denominati prevalentemente in Euro;
 che rientrano nelle seguenti categorie: azionari, obbligazionari, liquidità, bilanciati, flessibili;
 che investono prevalentemente in strumenti finanziari emessi o garantiti da Emittenti aventi sede legale nei
paesi delle seguenti aree geografiche: Area Euro e USA
La selezione degli strumenti finanziari si basa sull’analisi dell’andamento dei mercati finanziari e su analisi economicofinanziarie volte ad individuare le migliori opportunità di investimento.
L’operatività attraverso strumenti finanziari derivati e l’investimento in prodotti strutturati avviene nel principio di sana e
prudente gestione e si conforma alle disposizioni normative in materia. Gli strumenti finanziari derivati possono essere
utilizzati dall’Impresa sia con finalità di copertura del rischio su titoli in portafoglio, sia al fine di pervenire ad una gestione
efficace del portafoglio stesso.
I limiti di investimento sono
Azionario: 40% - 80%
Obbligazionario: 10% - 50%
Monetario: 0% - 20%
Derivati: max 10%
Considerata la politica di investimento adottata, il Fondo potrà anche investire le somme in esso confluite in fondi di
investimento mobiliare ed altri strumenti finanziari emessi, promossi o gestiti da società del gruppo di appartenenza
entro i limiti previsti dalla normativa vigente.
La diversificazione valutaria del Fondo prevede un’esposizione potenziale a tutte le principali valute.
La diversificazione settoriale del Fondo contempla la possibilità di effettuare investimenti in tutti i settori merceologici
disponibili nei mercati di riferimento.
Lo stile di gestione è attivo.
La gestione dei rischi si basa sull’analisi dell’esposizione ai singoli fattori di rischio e sull’analisi della volatilità degli
strumenti finanziari in portafoglio.
Ed. 10/2014
Condizioni contrattuali - Pagina 11 di 18
Art. 4 – Valutazione del patrimonio del Fondo Interno e calcolo del valore della quota
Il valore della quota del Fondo viene calcolato dalla Compagnia con cadenza giornaliera.
Il valore unitario della quota è disponibile sul sito internet della Società ed è pubblicato nelle forme e modi previsti dalla
normativa di tempo in tempo applicabile.
Il valore unitario di ogni singola quota è pari al valore netto complessivo del Fondo, diviso per il numero di quote in
circolazione, entrambi relativi al giorno di valorizzazione. Il valore netto complessivo del Fondo viene determinato in
base ai valori di mercato delle attività, al netto delle passività e delle spese, riferiti allo stesso giorno di valorizzazione o
al primo giorno utile precedente.
In particolare quindi:
- per gli strumenti finanziari quotati, il valore è determinato in base all’ultimo prezzo disponibile rilevato sul mercato
di negoziazione. Per gli strumenti trattati su più mercati si fa riferimento al mercato più significativo, considerate le
quantità ivi trattate e l’operatività del Fondo. Sono invece valutati in base ai criteri previsti per gli strumenti
finanziari non quotati quegli strumenti quotati che, sebbene ammessi alla negoziazione, siano o sospesi
individualmente dalle negoziazioni (ad esempio a causa di eventi di turbativa dei mercati o per decisione degli
organi di borsa) o scambiati in misura poco rilevante, con frequenza degli scambi ridotta tale da non consentire la
formazione di prezzi significativi.
- per gli strumenti finanziari non quotati diversi dalle partecipazioni, la valutazione è eseguita al costo di acquisto
svalutato o rivalutato al fine di ricondurlo al presumibile valore di realizzo sul mercato, individuato su un’ampia
base di elementi d’informazione oggettivamente considerati e concernenti sia la situazione dell’emittente e del
suo paese di residenza che quella di mercato.
- per gli strumenti finanziari derivati, quelli trattati “Over the Counter” (OTC) sono valutati al valore corrente (c.d.
costo di sostituzione) secondo pratiche prevalenti sul mercato basate su metodologie di calcolo affermate e
riconosciute, applicate su base continuativa e tenendo conto di tutti gli elementi rilevanti d’informazione
disponibili, con costante aggiornamento dei dati che alimentano le procedure di calcolo. Le tecniche di
valutazione adottate assicurano una corretta attribuzione degli effetti finanziari (positivi e negativi) durante l’intera
durata dei contratti stipulati, indipendentemente dal momento in cui si manifestano profitti o perdite.
- le quote e azioni di OICR sono valutati in base all’ultimo valore reso noto al pubblico, eventualmente rettificato
per tener conto di prezzi di mercato, nel caso in cui le quote siano ammesse alla negoziazione su un mercato
regolamentato, o di eventuali elementi oggettivi di valutazione relativi a fatti verificatisi dopo la determinazione
dell’ultimo valore reso noto al pubblico, nel caso di OICR di tipo “chiuso”.
- per le altre componenti patrimoniali, le disponibilità liquide, le posizioni debitorie ed i depositi bancari “a vista”
sono determinate in base al loro valore nominale, per i finanziamenti con rimborso rateizzato, ci si riferisce al
debito residuo in linea capitale; per le altre forme di deposito si tiene conto delle caratteristiche e del rendimento
delle stesse.
Rientrano, inoltre, nella valorizzazione del patrimonio del Fondo gli interessi di conto corrente, i dividendi, le spese a
carico del fondo, ogni altra attività e passività di pertinenza del Fondo non precedentemente indicata.
Eventuali crediti d’imposta verranno attribuiti al Fondo.
Le commissioni di gestione eventualmente retrocesse dai gestori di OICR nei quali il Fondo abbia fatto investimenti sono
riconosciute al Fondo stesso.
In caso di eventi di rilevanza eccezionale per il Fondo e/o di turbativa dei mercati che abbiano come effetto la
sospensione della quotazione di uno o più OICR e/o di altri strumenti finanziari, che rappresentino una parte sostanziale
degli attivi di una linea di gestione, la Compagnia si riserva la facoltà di sospendere il calcolo del valore della quota del
fondo interno per un termine non superiore a due settimane.
Per eccezionali eventi di turbativa si intendono sospensioni e restrizioni di mercati, interruzioni delle telecomunicazioni o
dei sistemi di calcolo, impossibilità di rimpatriare i Fondi al fine di effettuare pagamenti, che pregiudichino la
valorizzazione degli investimenti dei singoli OICR e/o di altri strumenti finanziari.
Art. 5 – Spese
Sul Fondo gravano le seguenti spese:
1. una commissione annua di gestione applicata dalla Compagnia direttamente sul fondo.
2. oneri inerenti all’acquisizione e alla dismissione delle attività del fondo e ulteriori oneri di diretta pertinenza
3. le imposte e tasse
4. le spese di amministrazione e custodia delle attività del fondo, di pubblicazione del valore delle quote,
nonché quelle sostenute per l’attività svolta dalla società di revisione in relazione al giudizio sul rendiconto
del fondo
5. commissioni di gestione applicate dalle S.G.R. per un massimo pari all’1%.
Ed. 10/2014
Condizioni contrattuali - Pagina 12 di 18
Art. 5.1 – Commissione annua di gestione
La commissione annua di gestione applicata dalla Compagnia al fondo interno è pari a 1,80%.
Tale commissione è comprensiva del costo relativo alla maggiorazione della prestazione caso morte prevista dal
Contratto a cui il Fondo è collegato ed è per il resto interamente destinata al servizio di asset allocation e ai costi per
l'amministrazione dei contratti; viene calcolata giornalmente e prelevata dal fondo trimestralmente.
Art. 6 Modifiche regolamentari e eventuali fusioni con altri Fondi interni
La Compagnia si riserva di apportare modifiche al presente regolamento che si rendessero necessarie a seguito dei
cambiamenti della normativa primaria e secondaria vigente oppure a fronte di mutati criteri gestionali, con esclusione di
quelle meno favorevoli per il Contraente. Tali modifiche verranno trasmesse all’IVASS, con evidenza degli effetti sui
Contraenti, e comunicate al Contraente stesso.
Per esigenze di adeguatezza dimensionale, nell’ipotesi che un’eventuale riduzione delle masse gestite renda troppo
onerosa l’incidenza dei costi fissi gravanti sul fondo, impedendo una corretta gestione finanziaria dello stesso, ovvero
per esigenze di efficienza gestionale, avendo sempre a riferimento il perseguimento dell’interesse dei Contraenti, è
ammessa la possibilità di fusione del Fondo con altri fondi interni della Compagnia aventi sia analoghe caratteristiche sia
politiche di investimento omogenee, anche in conseguenza di operazioni di fusione tra imprese o trasferimenti di
portafoglio.
Detta circostanza verrà prontamente comunicata ai clienti per iscritto dalla Compagnia. – il contraente, entro sessanta
giorni dalla data di ricezione della comunicazione, potrà far pervenire alla Compagnia la richiesta di trasferire
gratuitamente le quote già attribuite al contratto ad altro/i fondo/i interno/i collegato/i al contratto, comunicando per
iscritto il fondo o i fondi interni prescelti.
Art. 7 – Revisione Contabile
La gestione del Fondo è annualmente sottoposta a verifica contabile da parte di una società di revisione iscritta all’albo
di cui all’art. 161 del D.Lgs n.58 del 24/02/1998, che attesta la rispondenza della gestione al presente regolamento e
certifica l’adeguatezza delle attività gestite rispetto agli impegni assunti, sulla base delle riserve matematiche e della
determinazione del valore unitario delle quote.
Annualmente, alla chiusura di ogni esercizio, la Compagnia redige il rendiconto della gestione di ciascun Fondo; tale
rendiconto, insieme alla relazione di certificazione predisposta dalla società di revisione, è a disposizione – del
contraente sul sito Internet e presso la sede della Compagnia.
Il presente regolamento fornisce parte integrante delle condizioni di polizza.
Ed. 10/2014
Condizioni contrattuali - Pagina 13 di 18
REGOLAMENTO del Fondo interno assicurativo
“Easy Life 2”
Art. 1 – Istituzione e denominazione
La Compagnia ha istituito e gestisce, secondo le modalità previste dal presente regolamento, un fondo interno (di
seguito Fondo) denominato: Fondo "Easy Life 2".
Il Fondo è espresso in quote, denominato in Euro e di tipo ad accumulazione: l’incremento del valore del patrimonio del
Fondo non viene distribuito, ma determina l’incremento di valore delle quote nelle quali risulta suddiviso il patrimonio del
Fondo stesso.
La quotazione iniziale è posta pari a 100 Euro alla data di avvio del Fondo.
Le quote potranno essere frazionate, su decisione dell'organo amministrativo della Società di gestione, in decimi,
centesimi, millesimi o decimillesimi, denominati "frazioni" di quote.
La Compagnia investe i capitali nel rispetto degli obiettivi della gestione e delle caratteristiche del Fondo, coerentemente
con il Benchmark di riferimento e lo stile di gestione, come descritto ai successivi Art. 2 e 3.
Ogni Fondo costituisce un patrimonio distinto a tutti gli effetti da quello della Compagnia, nonché da ogni altro Fondo
gestito dalla stessa.
E’ ammessa la possibilità di scissione o fusione del Fondo con altri fondi interni della Compagnia aventi caratteristiche
similari, come descritto nel successivo Art. 6 del presente regolamento.
Art. 2 – Obiettivi e profilo di rischio
L’obiettivo di investimento del Comparto è di ottenere un rendimento complessivo superiore al Benchmark.
Il Fondo attua una politica di investimento rivolta in modo significativo a strumenti finanziari di natura azionaria.
L’investimento azionario può prevedere nel breve termine il rischio di perdite sul capitale investito.
L’orizzonte temporale dell’investimento pertanto è di 5 anni e il profilo di rischio del Fondo è alto.
I principali fattori di rischio ai quali risulta esposto il patrimonio del Fondo e di conseguenza il Contraente sono:
 Rischio di perdita in conto capitale: la performance del Fondo potrebbe non essere in linea con le aspettative e
il montante finale dell’investimento potrebbe essere inferiore al capitale investito;
 Rischio di credito, derivante dal rischio che gli emittenti delle attività finanziarie in portafoglio non adempiano
alle loro obbligazioni nei modi e nei tempi previsti;
 Rischio di tasso di interesse, inteso come l’effetto di variazioni nella struttura a termine dei tassi di interesse sul
valore dell’investimento obbligazionario;
 Rischio connesso alla variazione andamento del paniere di azioni, il valore dei singoli titoli costituenti il paniere
di azioni può variare nel corso del tempo e può aumentare o diminuire in dipendenza di una molteplicità di
fattori. In tal senso, cambiamenti nel valore di tali titoli avranno effetto sul valore del patrimonio del Fondo
 Rischio di volatilità delle attività finanziarie utilizzate dalla strategia di gestione inclusi gli strumenti derivati.
Al fine di meglio perseguire la strategia di investimento, e di raggiungere l’obiettivo di massimizzare il rendimento del
Fondo interno, la Società adotta il benchmark di seguito riportato:
BENCHMARK
Eurostoxx 50 (SX5E Index)
Standard & Poor’s 500 (SPX Index)
MSCI Emerging Markets (MXEF Index)
Iboxx Euro Sovereigns Eurozone (QW1A Index )
Iboxx US Treasuries (ITRROV Index)
Capitalized EONIA (OISEONIA Index)
PESO
40%
26%
14%
5%
5%
10%
Si riporta di seguito una breve descrizione degli indici che compongono i benchmark:
Ed. 10/2014
Condizioni contrattuali - Pagina 14 di 18
Euro Stoxx 50 è un indice del mercato azionario che comprende 50 grandi aziende (blue-chip) europee che operano
all’interno delle nazioni della zona euro
Standard & Poor’s 500 è un indice elaborato da Standard & Poor’s Co costruito prendendo in considerazione 500 titoli
rappresentativi dei principali settori economici dell’economia americana e quotati al New York Stock Exchange (NYSE).
MSCI Emerging Markets è un indice di capitalizzazione di mercato regolamentato libero, progettato per misurare le
prestazioni del mercato azionario nei mercati emergenti globali.
Iboxx Euro Sovereigns Eurozone è un indice che rappresenta il debito pubblico complessivo in Euro emesso dai governi
dei paesi dell’area dell’Euro.
Iboxx US Treasuries è un indice obbligazionario che include obbligazioni governative USA.
EONIA è la media ponderata dei tassi overnight comunicati alla BCE da un campione di banche operanti nell'area
dell'euro. E’ un parametro rappresentativo della media dei tassi overnight di finanziamento applicati dalle principali
Banche Europee e comunicati quotidianamente alla Banca Centrale Europea (BCE).
Art. 3 – Caratteristiche
La gestione del Fondo e l’attuazione delle politiche di investimento competono alla Compagnia, che vi provvede
attuando una gestione professionale del patrimonio del Fondo stesso. Nell’ottica di una gestione più efficiente, la
Compagnia può affidare le scelte di investimento ad intermediari abilitati a prestare servizi di gestione di patrimoni, nel
quadro dei criteri di allocazione del patrimonio periodicamente predefiniti; resta comunque in capo alla Compagnia
l’esclusiva responsabilità nei confronti dei destinatari delle prestazioni per l’attività di gestione del Fondo.
Gli investimenti ammissibili, nonché la definizione dei limiti quantitativi e qualitativi al loro utilizzo, sono definiti
coerentemente con la normativa di settore vigente, sulla base di criteri di scelta volti ad assicurare una adeguata
redditività, nel rispetto del profilo di rischio assegnato.
Le risorse destinate al Fondo possono essere investite nelle seguenti tipologie di attività:
- strumenti finanziari quali titoli di Stato, titoli obbligazionari (o altri titoli similari che prevedano a scadenza il
rimborso del valore nominale), titoli azionari, strumenti derivati ed altri titoli strutturati;
- strumenti monetari con scadenza non superiore a sei mesi quali depositi bancari in conto corrente, certificati di
deposito, operazioni di pronti contro termine (con obbligo di riacquisto e deposito titoli presso una banca).
L’investimento nelle tipologie di attività previste può avvenire direttamente o investendo in quote ed azioni emesse da
OICR (Fondi comuni di investimento e / o SICAV, diversi dai fondi riservati e speculativi), nonché ETF:
 armonizzati ai sensi della Direttiva 85/611/CEE e successive modifiche e integrazioni o comunque emessi nel
rispetto del Testo Unico dell’intermediazione finanziaria, nazionali o esteri e fondi chiusi mobiliari;
 denominati prevalentemente in Euro;
 che rientrano nelle seguenti categorie: azionari, obbligazionari, liquidità, bilanciati, flessibili;
 che investono prevalentemente in strumenti finanziari emessi o garantiti da Emittenti aventi sede legale nei
paesi delle seguenti aree geografiche: Area Euro e USA
La selezione degli strumenti finanziari si basa sull’analisi dell’andamento dei mercati finanziari e su analisi economicofinanziarie volte ad individuare le migliori opportunità di investimento.
L’operatività attraverso strumenti finanziari derivati e l’investimento in prodotti strutturati avviene nel principio di sana e
prudente gestione e si conforma alle disposizioni normative in materia. Gli strumenti finanziari derivati possono essere
utilizzati dall’Impresa sia con finalità di copertura del rischio su titoli in portafoglio, sia al fine di pervenire ad una gestione
efficace del portafoglio stesso.
I limiti di investimento sono
Azionario:
60% - 100%
Obbligazionario:
0% - 30%
Monetario:
0% - 20%
Derivati:
max 10%.
Considerata la politica di investimento adottata, il Fondo potrà anche investire le somme in esso confluite in fondi di
investimento mobiliare ed altri strumenti finanziari emessi, promossi o gestiti da società del gruppo di appartenenza
entro i limiti previsti dalla normativa vigente.
La diversificazione valutaria del Fondo prevede un’esposizione potenziale a tutte le principali valute.
La diversificazione settoriale del Fondo contempla la possibilità di effettuare investimenti in tutti i settori merceologici
disponibili nei mercati di riferimento.
Ed. 10/2014
Condizioni contrattuali - Pagina 15 di 18
Lo stile di gestione è attivo.
La gestione dei rischi si basa sull’analisi dell’esposizione ai singoli fattori di rischio e sull’analisi della volatilità degli
strumenti finanziari in portafoglio.
Art. 4 – Valutazione del patrimonio del Fondo Interno e calcolo del valore della quota
Il valore della quota del Fondo viene calcolato dalla Compagnia con cadenza giornaliera.
Il valore unitario della quota è disponibile sul sito internet della Società ed è pubblicato nelle forme e modi previsti dalla
normativa di tempo in tempo applicabile.
Il valore unitario di ogni singola quota è pari al valore netto complessivo del Fondo, diviso per il numero di quote in
circolazione, entrambi relativi al giorno di valorizzazione. Il valore netto complessivo del Fondo viene determinato in
base ai valori di mercato delle attività, al netto delle passività e delle spese, riferiti allo stesso giorno di valorizzazione o
al primo giorno utile precedente.
In particolare quindi:
- per gli strumenti finanziari quotati, il valore è determinato in base all’ultimo prezzo disponibile rilevato sul mercato
di negoziazione. Per gli strumenti trattati su più mercati si fa riferimento al mercato più significativo, considerate le
quantità ivi trattate e l’operatività del Fondo. Sono invece valutati in base ai criteri previsti per gli strumenti
finanziari non quotati quegli strumenti quotati che, sebbene ammessi alla negoziazione, siano o sospesi
individualmente dalle negoziazioni (ad esempio a causa di eventi di turbativa dei mercati o per decisione degli
organi di borsa) o scambiati in misura poco rilevante, con frequenza degli scambi ridotta tale da non consentire la
formazione di prezzi significativi.
- per gli strumenti finanziari non quotati diversi dalle partecipazioni, la valutazione è eseguita al costo di acquisto
svalutato o rivalutato al fine di ricondurlo al presumibile valore di realizzo sul mercato, individuato su un’ampia
base di elementi d’informazione oggettivamente considerati e concernenti sia la situazione dell’emittente e del
suo paese di residenza che quella di mercato.
- per gli strumenti finanziari derivati, quelli trattati “Over the Counter” (OTC) sono valutati al valore corrente (c.d.
costo di sostituzione) secondo pratiche prevalenti sul mercato basate su metodologie di calcolo affermate e
riconosciute, applicate su base continuativa e tenendo conto di tutti gli elementi rilevanti d’informazione
disponibili, con costante aggiornamento dei dati che alimentano le procedure di calcolo. Le tecniche di
valutazione adottate assicurano una corretta attribuzione degli effetti finanziari (positivi e negativi) durante
l’intera durata dei contratti stipulati, indipendentemente dal momento in cui si manifestano profitti o perdite.
- le quote e azioni di OICR sono valutati in base all’ultimo valore reso noto al pubblico, eventualmente rettificato
per tener conto di prezzi di mercato, nel caso in cui le quote siano ammesse alla negoziazione su un mercato
regolamentato, o di eventuali elementi oggettivi di valutazione relativi a fatti verificatisi dopo la determinazione
dell’ultimo valore reso noto al pubblico, nel caso di OICR di tipo “chiuso”.
- per le altre componenti patrimoniali, le disponibilità liquide, le posizioni debitorie ed i depositi bancari “a vista”
sono determinate in base al loro valore nominale, per i finanziamenti con rimborso rateizzato, ci si riferisce al
debito residuo in linea capitale; per le altre forme di deposito si tiene conto delle caratteristiche e del rendimento
delle stesse.
Rientrano, inoltre, nella valorizzazione del patrimonio del Fondo gli interessi di conto corrente, i dividendi, le spese a
carico del fondo, ogni altra attività e passività di pertinenza del Fondo non precedentemente indicata.
Eventuali crediti d’imposta verranno attribuiti al Fondo.
Le commissioni di gestione eventualmente retrocesse dai gestori di OICR nei quali il Fondo abbia fatto investimenti sono
riconosciute al Fondo stesso.
In caso di eventi di rilevanza eccezionale per il Fondo e/o di turbativa dei mercati che abbiano come effetto la
sospensione della quotazione di uno o più OICR e/o di altri strumenti finanziari, che rappresentino una parte sostanziale
degli attivi di una linea di gestione, la Compagnia si riserva la facoltà di sospendere il calcolo del valore della quota del
fondo interno per un termine non superiore a due settimane.
Per eccezionali eventi di turbativa si intendono sospensioni e restrizioni di mercati, interruzioni delle telecomunicazioni o
dei sistemi di calcolo, impossibilità di rimpatriare i Fondi al fine di effettuare pagamenti, che pregiudichino la
valorizzazione degli investimenti dei singoli OICR e/o di altri strumenti finanziari.
Art. 5 – Spese
Sul Fondo gravano le seguenti spese:
1. una commissione annua di gestione applicata dalla Compagnia direttamente sul fondo.
2. oneri inerenti all’acquisizione e alla dismissione delle attività del fondo e ulteriori oneri di diretta pertinenza
3. le imposte e tasse
Ed. 10/2014
Condizioni contrattuali - Pagina 16 di 18
4. le spese di amministrazione e custodia delle attività del fondo, di pubblicazione del valore delle quote,
nonché quelle sostenute per l’attività svolta dalla società di revisione in relazione al giudizio sul rendiconto
del fondo
5. commissioni di gestione applicate dalle S.G.R. per un massimo pari all’ 1%
Art. 5.1 – Commissione annua di gestione
La commissione annua di gestione applicata dalla Compagnia al fondo interno è pari a 1,90%.
Tale commissione è comprensiva del costo relativo alla maggiorazione della prestazione caso morte prevista dal
Contratto a cui il Fondo è collegato ed è per il resto interamente destinata al servizio di asset allocation e ai costi per
l'amministrazione dei contratti; viene calcolata giornalmente e prelevata dal fondo trimestralmente.
Art. 6 Modifiche regolamentari e eventuali fusioni con altri Fondi interni
La Compagnia si riserva di apportare modifiche al presente regolamento che si rendessero necessarie a seguito dei
cambiamenti della normativa primaria e secondaria vigente oppure a fronte di mutati criteri gestionali, con esclusione di
quelle meno favorevoli per il Contraente. Tali modifiche verranno trasmesse all’IVASS, con evidenza degli effetti sui
Contraenti, e comunicate al Contraente stesso.
Per esigenze di adeguatezza dimensionale, nell’ipotesi che un’eventuale riduzione delle masse gestite renda troppo
onerosa l’incidenza dei costi fissi gravanti sul fondo, impedendo una corretta gestione finanziaria dello stesso, ovvero
per esigenze di efficienza gestionale, avendo sempre a riferimento il perseguimento dell’interesse dei Contraenti, è
ammessa la possibilità di fusione del Fondo con altri fondi interni della Compagnia aventi sia analoghe caratteristiche sia
politiche di investimento omogenee, anche in conseguenza di operazioni di fusione tra imprese o trasferimenti di
portafoglio.
Detta circostanza verrà prontamente comunicata ai clienti per iscritto dalla Compagnia. – il contraente, entro sessanta
giorni dalla data di ricezione della comunicazione, potrà far pervenire alla Compagnia la richiesta di trasferire
gratuitamente le quote già attribuite al contratto ad altro/i fondo/i interno/i collegato/i al contratto, comunicando per
iscritto il fondo o i fondi interni prescelti.
Art. 7 – Revisione Contabile
La gestione del Fondo è annualmente sottoposta a verifica contabile da parte di una società di revisione iscritta all’albo
di cui all’art. 161 del D.Lgs n.58 del 24/02/1998, che attesta la rispondenza della gestione al presente regolamento e
certifica l’adeguatezza delle attività gestite rispetto agli impegni assunti, sulla base delle riserve matematiche e della
determinazione del valore unitario delle quote.
Annualmente, alla chiusura di ogni esercizio, la Compagnia redige il rendiconto della gestione di ciascun Fondo; tale
rendiconto, insieme alla relazione di certificazione predisposta dalla società di revisione, è a disposizione – del
contraente sul sito Internet e presso la sede della Compagnia.
Il presente regolamento fornisce parte integrante delle condizioni di polizza.
Ed. 10/2014
Condizioni contrattuali - Pagina 17 di 18
DOCUMENTAZIONE NECESSARIA IN CASO DI
LIQUIDAZIONE
Per tutti i pagamenti della Compagnia, debbono essere preventivamente consegnati alla stessa i documenti
necessari a verificare l’effettiva esistenza dell’obbligo di pagamento e ad individuare gli aventi diritto.
Per ciascuna delle casistiche contrattuali che comportino una liquidazione da parte della Compagnia, viene di seguito
definita la documentazione da consegnare alla stessa: ogni richiesta di pagamento deve essere comunque effettuata da
parte degli aventi diritto sottoscrivendo la richiesta di liquidazione presso le reti di vendita tramite le quali è stato
sottoscritto il Contratto.
La Compagnia si riserva comunque di richiedere nuova o ulteriore documentazione in considerazione di particolari
esigenze istruttorie o di modifiche legislative.
Riscatto
Nel caso di liquidazione dovuta a Riscatto (totale o parziale), devono essere consegnati:
- richiesta di liquidazione firmata dal Contraente (o dal rappresentante pro tempore se il Contraente non è una
persona fisica);
- fotocopia del documento di identità del Contraente (o del rappresentante pro tempore se il Contraente non è una
persona fisica).
U
Decesso dell’Assicurato
Per i pagamenti conseguenti al decesso dell’Assicurato, nei termini stabiliti dal Contratto, devono essere presentati:
- richiesta di liquidazione effettuata e firmata singolarmente da ciascun Beneficiario caso morte corredata della firma
del Contraente se persona diversa dall’Assicurato deceduto (o comunque dal rappresentante pro tempore dei
medesimi se non corrispondono a persona fisica);
- fotocopia dei documenti di identità di ciascun Beneficiario caso morte (o del rappresentante pro tempore se l’avente
diritto non è una persona fisica);
- certificato di morte dell’Assicurato.
Nel caso di decesso del Contraente che sia anche l’Assicurato del presente Contratto occorre inoltre presentare una
copia autenticata del testamento del Contraente o un atto notorio attestante l’assenza di quest’ultimo firmato da uno dei
Beneficiari caso morte richiedenti.
Se la designazione beneficiaria è di tipo generico (ad esempio: gli eredi, i figli, ecc.), l’atto notorio dovrà contenere i
nominativi dei Beneficiari caso morte.
U
Casi particolari
Si segnalano, inoltre, alcuni casi di particolare rilevanza per i quali sono richiesti speciali accorgimenti:
a) se l’avente diritto alla Prestazione è un minore o un maggiore interdetto, la richiesta di liquidazione dovrà essere
sottoscritta da chi ne esercita la potestà o dal tutore. Prima di procedere alla liquidazione, la Compagnia dovrà
ricevere il decreto di autorizzazione del giudice tutelare.
b) nel caso in cui il Contratto sia dato in pegno, la richiesta di liquidazione viene sottoscritta dal creditore titolato e
firmata per benestare dal Contraente.
c) nel caso in cui il Contratto sia sottoposto a vincolo viene richiesto il consenso scritto del creditore vincolatario che,
pertanto, è tenuto a firmare per benestare la richiesta di liquidazione.
d) nel caso di beneficio irrevocabile ai sensi dell’art.1921 del codice civile, la richiesta di Riscatto (totale o parziale)
dovrà essere sottoscritta dal Contraente e firmata per benestare dal Beneficiario.
Ed. 10/2014
Condizioni contrattuali - Pagina 18 di 18
GLOSSARIO
Il presente glossario contiene le definizioni relative ad alcuni termini utilizzati nel Fascicolo Informativo (indicati con
l’iniziale maiuscola)
Assicurato: persona fisica sulla cui vita viene stipulato il Contratto; tale figura può coincidere o meno con il Contraente.
Le prestazioni previste dal Contratto sono determinate in funzione dei suoi dati anagrafici e degli eventi attinenti alla sua
vita.
Attivi di tasso: l’insieme di attivi che comprende strumenti di natura obbligazionaria o comunque aventi una liquidazione
analoga a quella dei titoli al reddito fisso
Below Investment Grade: Basso merito creditizio di un titolo. Secondo le scale di valutazione attribuite da primarie
agenzie di Rating, Below Investment Grade è quello minore di BBB-.
Benchmark: portafoglio di strumenti finanziari tipicamente determinato da soggetti terzi e valorizzato a valore di
mercato, adottato come parametro di riferimento oggettivo per la definizione delle linee guida della politica di
investimento di alcune tipologie di fondi/comparti.
Beneficiario caso morte: persona fisica o giuridica designata dal Contraente, che può anche coincidere con il
Contraente stesso e che riceve la Prestazione prevista dal Contratto quando si verifica l’evento assicurato.
Bonus per il caso di decesso: in caso di decesso dell’Assicurato nel corso della durata contrattuale, importo
riconosciuto sotto forma di maggiorazione del capitale assicurato secondo una misura prefissata nelle Condizioni
contrattuali.
Capitale per il caso di decesso: in caso di decesso dell’Assicurato nel corso della durata contrattuale, pagamento del
capitale assicurato al Beneficiario caso morte.
Categoria ANIA: classificazione adottata da ANIA allo scopo di fornire un punto di riferimento per la valutazione
immediata delle caratteristiche dei fondi in grado di caratterizzare l’offerta dei prodotti di investimento delle imprese
assicuratrici in modo trasparente e condiviso.
Commissioni di gestione: compensi pagati mediante addebito diretto sul patrimonio del fondo per remunerare l’attività
di gestione in senso stretto e per attività esercitate dalla Compagnia. Sono calcolati quotidianamente sul patrimonio
netto del fondo e prelevati ad intervalli più ampi (mensili, trimestrali, ecc.). In genere sono espresse su base annua.
Compagnia: Società di assicurazione autorizzata all’esercizio dell’attività assicurativa con la quale il Contraente stipula
il Contratto di assicurazione.
Comunicazione in caso di perdite: comunicazione che la Compagnia invia al Contraente qualora il valore finanziario
della parte investita in Fondi si riduce oltre una determinata percentuale rispetto ai premi investiti in Fondi.
Conclusione del Contratto: il momento che coincide con le ore 24 del terzo giorno lavorativo successivo alla data di
addebito del premio in conto corrente o di versamento dell’assegno.
Condizioni contrattuali (o di polizza): insieme delle clausole che disciplinano il Contratto di assicurazione.
Conflitto di interesse: insieme di tutte quelle situazioni in cui l’interesse della Compagnia può collidere con quello del
Contraente.
CONSOB: Commissione Nazionale per le Società e la Borsa la cui attività è rivolta a tutela degli investitori, all’efficienza,
alla trasparenza e allo sviluppo del mercato mobiliare italiano.
Contraente: persona fisica o giuridica, che può coincidere o no con l’Assicurato o il Beneficiario caso morte, che stipula
il Contratto di assicurazione e si impegna al versamento del premio alla Compagnia.
Contratto con partecipazione agli utili: Contratto di assicurazione sulla vita caratterizzato da vari meccanismi di
accrescimento delle prestazioni quali, ad esempio, la partecipazione al Rendimento di una Gestione separata.
Controvalore delle quote: prodotto del numero delle quote per il loro valore unitario.
Costi di caricamento: parte del premio versato dal Contraente destinata a coprire i costi commerciali e amministrativi
della Compagnia.
Costo percentuale medio annuo: indicatore sintetico di quanto si riduce ogni anno, per effetto dei costi prelevati dai
premi ed eventualmente dalle risorse gestite dalla Compagnia, il potenziale tasso di Rendimento della polizza rispetto a
quello di un’ipotetica operazione non gravata da costi.
Ed. 10/2014
Glossario - Pagina 1 di 3
Data di Valorizzazione: giorno lavorativo di riferimento per il calcolo del valore complessivo netto del Fondo e
conseguentemente del valore unitario della quota del Fondo stesso.
Dati storici: il risultato ottenuto in termini di rendimenti finanziari realizzati dal fondo negli ultimi anni, confrontati con
quelli del Benchmark (se previsto).
Destinazione dei proventi: politica di destinazione dei proventi in relazione alla loro redistribuzione agli investitori
ovvero alla loro accumulazione mediante reinvestimento nella gestione medesima.
Estratto conto annuale: riepilogo annuale dei dati relativi alla situazione del Contratto di assicurazione, che contiene
l’aggiornamento annuale delle informazioni relative al Contratto.
Età assicurativa: si determina considerando il numero di anni compiuti dall’assicurato alla data di calcolo,
eventualmente aumentato di uno nel caso siano trascorsi più di sei mesi dall’ultimo compleanno.
Fascicolo informativo: l’insieme della documentazione informativa da consegnare al potenziale cliente, composto da
Scheda sintetica, Nota informativa, Condizioni di assicurazione, glossario e modulo di proposta.
Fondo (Comparto): strumento finanziario espresso in quote.
Fondi armonizzati: fondi sottoposti alle direttive comunitarie n. 611/85 e 220/88 recepite nel nostro ordinamento con il
Decreto Legislativo n. 83/92. La legge comunitaria prescrive una serie di vincoli sugli investimenti con l'obiettivo di
contenere i rischi e salvaguardare i sottoscrittori.
Gestione separata: gestione finanziaria appositamente creata dalla Compagnia e gestita separatamente rispetto al
complesso delle attività, in cui confluiscono i premi versati dai Contraenti al netto dei costi. Dal Rendimento ottenuto
dalla Gestione separata deriva la rivalutazione da attribuire alle prestazioni assicurate.
Grado di rischio: indicatore sintetico qualitativo del profilo di rischio del fondo in termini di grado di variabilità dei
rendimenti degli strumenti finanziari in cui è allocato il capitale investito. Il grado di rischio varia in una scala qualitativa
tra: “basso”, “medio-basso”, “medio”, “medio-alto”, “alto” e “molto alto”.
Impignorabilità e insequestrabilità: principio secondo cui le somme dovute dalla Compagnia al Contraente o al
Beneficiario caso morte non possono essere sottoposte ad azione esecutiva o cautelare.
Imposta sostitutiva: imposta applicata alle prestazioni che sostituisce quella sul reddito delle persone fisiche; gli importi
ad essa assoggettati non rientrano più nel reddito imponibile e quindi non devono venire indicati nella dichiarazione dei
redditi.
Impresa di assicurazione (o Impresa): vedi “Compagnia”.
Indicatore sintetico di Rischio (o ISR): indice che misura il rischio di uno strumento finanziario in base al rischio mercato,
rischio credito e rischio liquidità dello strumento stesso.
Investment Grade: Merito creditizio almeno pari a BBB secondo scale di valutazione attribuite da primarie agenzie di
Rating.
Intermediario: Banca Nazionale del Lavoro.
Ipotesi di Rendimento: Rendimento finanziario ipotetico fissato dall’IVASS per l’elaborazione delle esemplificazioni e
dei progetti personalizzati da parte della Compagnia.
IRPEF: Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche.
IVASS: Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni che svolge funzioni di vigilanza nei confronti delle imprese di
assicurazione.
Mercati regolamentati: per Mercati regolamentati si intendono quelli iscritti dalla CONSOB nell’elenco previsto dall’art.
63, comma 2, ovvero nell’apposita Sezione prevista dall’art. 67, comma 1, del D. Lgs. n. 58/98.
Multiramo: prodotto caratterizzati dalla combinazione delle assicurazioni di ramo I con le assicurazioni di ramo III e V di
cui all’articolo 2, comma 1 del D.Lgs. 209/05
Nota informativa: documento redatto secondo le disposizioni dell’IVASS che la Compagnia deve consegnare al
Contraente prima della sottoscrizione del Contratto di assicurazione, e che contiene informazioni relative alla
Compagnia, al Contratto stesso e alle caratteristiche assicurative e finanziarie della polizza.
OICR: Organismi di Investimento Collettivo del Risparmio, in cui sono comprese le società di gestione dei fondi comuni
d’investimento e le SICAV.
Orizzonte temporale di investimento consigliato: orizzonte temporale consigliato espresso in termini di anni e
determinato in relazione al grado di rischio e alla tipologia di gestione.
Parte di capitale: l’importo di ciascun premio versato e/o trasferito mediante operazioni di switch e destinato alla
Gestione separata al netto delle spese contrattuali eventualmente riproporzionato in caso di Riscatto parziale e/o switch
verso altro sottostante.
Ed. 10/2014
Glossario - Pagina 2 di 3
Periodo di osservazione: periodo di riferimento in base al quale viene determinato il Rendimento finanziario della
Gestione separata.
Portafoglio finanziario: logica di investimento in percentuali di allocazione predefinite dalla Compagnia tra la Gestione
separata ed un Fondo interno collegato al Contratto.
Premio iniziale: premio che il Contraente corrisponde in un’unica soluzione alla Compagnia di assicurazione al
momento della sottoscrizione del Contratto.
Prescrizione: estinzione del diritto per mancato esercizio dello stesso entro i termini stabiliti dalla legge. I diritti derivanti
dai contratti di assicurazione sulla vita si prescrivono nel termine di dieci anni.
Prestazione assicurata: somma pagabile sotto forma di capitale che la Compagnia corrisponde agli aventi diritto al
verificarsi dell’evento assicurato.
Prodotto di tipo unit linked: Contratto di assicurazione sulla vita a contenuto finanziario con prestazioni collegate al
valore delle quote di attivi contenuti in un fondo interno o in un OICR.
Proposta: documento o modulo sottoscritto dal Contraente, in qualità di proponente, con il quale egli manifesta alla
Compagnia la volontà di concludere il Contratto di assicurazione in base alle caratteristiche ed alle condizioni in esso
indicate.
Range: intervallo numerico che definisce gli estremi entro cui l’Indicatore sintetico di rischio deve essere mantenuto
Rating: indice di solvibilità e di credito attribuito all’Emittente del Titolo di riferimento a cui sono collegate le prestazioni.
Viene attribuito da apposite agenzie internazionali quali Moody’s, Standard&Poor’s, Fitch IBCA, ecc
Rendiconto annuale della Gestione separata: riepilogo aggiornato annualmente dei dati relativi al Rendimento
finanziario conseguito dalla Gestione separata.
Rendimento: risultato finanziario ad una data di riferimento dell’investimento finanziario, espresso in termini percentuali,
calcolato dividendo la differenza tra il valore del capitale investito alla data di riferimento e il valore del capitale nominale
al momento dell’investimento per il valore del capitale nominale al momento dell’investimento.
Riscatto: facoltà del Contraente di interrompere anticipatamente il Contratto, richiedendo la liquidazione del capitale
maturato risultante al momento della richiesta e determinato in base alle Condizioni contrattuali.
Rischio demografico: rischio di un evento futuro e incerto (ad es. morte) relativo alla vita dell’Assicurato al verificarsi
del quale la Compagnia si impegna ad erogare le coperture assicurative previste dal Contratto.
Riserva matematica: importo che deve essere accantonato dalla Compagnia per far fronte agli impegni nei confronti
degli Assicurati assunti contrattualmente. La legge impone alla Compagnia particolari obblighi relativi a tale riserva e alle
attività finanziarie in cui essa viene investita.
Scheda sintetica: documento informativo sintetico redatto secondo le disposizioni dell’IVASS che la Compagnia deve
consegnare al potenziale Contraente prima della conclusione del Contratto, descrivendone le principali caratteristiche in
maniera sintetica per fornire al Contraente uno strumento semplificato di orientamento, in modo da consentirgli di
individuare le tipologie di prestazioni assicurate, le garanzie di Rendimento, i costi e i dati storici di Rendimento delle
gestioni separate o dei fondi a cui sono collegate le prestazioni.
Società di revisione della Gestione separata: società diversa dalla Compagnia di assicurazione, prescelta nell’ambito
di un apposito albo cui tali società possono essere iscritte soltanto se godono di determinati requisiti, che controlla e
certifica i risultati della Gestione separata.
Spese di emissione: spese fisse (ad es. spese di bollo) che la Compagnia sostiene per l’emissione del prodotto
assicurativo.
Turnover: indicatore del tasso annuo di movimentazione del portafoglio dei fondi, dato dal rapporto percentuale fra la
somma degli acquisti e delle vendite di strumenti finanziari, al netto dell’investimento e disinvestimento delle quote del
fondo, e il patrimonio netto medio calcolato in coerenza con la frequenza di valorizzazione della quota.
Valore del patrimonio netto: il valore del patrimonio netto, anche definito NAV (Net Asset Value), rappresenta la
valorizzazione di tutte le attività finanziarie oggetto di investimento da parte del fondo, al netto degli oneri fiscali gravanti
sullo stesso, ad una certa data di riferimento.
Valore della quota/azione: il valore unitario della quota di un fondo anche definito Unit Net Asset Value (NAV), è
determinato dividendo il valore del patrimonio netto del fondo per il numero delle quote in circolazione alla data di
riferimento della valorizzazione.
Versamento successivo: importo che il Contraente ha facoltà di versare in qualsiasi momento successivo alla data di
decorrenza.
Volatilità: grado di variabilità di una determinata grandezza di uno strumento finanziario (prezzo, tasso, ecc.) in un dato
periodo di tempo.
Ed. 10/2014
Glossario - Pagina 3 di 3
INFORMATIVA ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/03
La Compagnia, in qualità di Titolare del trattamento, informa che i dati personali del Contraente, dell’Assicurato e dei Beneficiari (di
seguito gli ’”Interessati”), ivi compresi quelli sensibili (per esempio: informazioni in merito allo stato di salute) e giudiziari, forniti dagli
Interessati o da terzi, sono trattati ai fini, nei limiti e con le modalità necessarie all’attuazione delle obbligazioni relative alla copertura
assicurativa stipulata, nonché per finalità derivanti da obblighi di legge, da regolamenti, dalla normativa comunitaria, da disposizioni
impartite da aut orità a c iò l egittimate dal la l egge o da or gani di v igilanza e di c ontrollo, i vi c ompresa l a nor mativa i n m ateria di
antiriciclaggio e contrasto al terrorismo. Il mancato conferimento dei dati, assolutamente facoltativo, può precludere l’instaurazione o
l’esecuzione del c ontratto as sicurativo. C on r iferimento ai dat i “sensibili” i l t rattamento pot rà av venire s olo c on i l c onsenso scr itto
degli Interessati.
Il trattamento dei dati personali avviene mediante strumenti manuali e automatizzati, in forma cartacea e/o elettronica, con modalità
strettamente correlate alle finalità sopra indicate e, comunque, in modo da garantire la sicurezza, la protezione e la riservatezza dei
dati medesimi.
All’interno della nostra Compagnia, possono venire a c onoscenza dei dati personali, in qualità di Incaricati o R esponsabili del loro
trattamento, i dipendenti, le strutture o i collaboratori che svolgono per conto della Compagnia medesima servizi, compiti tecnici, di
supporto (in particolare: servizi legali; servizi informatici; spedizioni) e di controllo aziendale.
La C ompagnia può al tresì c omunicare i dat i per sonali a s oggetti appar tenenti ad al cune c ategorie ( oltre a quel le i ndividuate per
legge) affinché s volgano i correlati trattamenti e comunicazioni. Tra questi si citano: i soggetti costituenti la c osiddetta “catena
assicurativa” (per esempio: intermediari; riassicuratori; coassicuratori) i soggetti che svolgono servizi bancari finanziari o assicurativi;
le s ocietà appar tenenti al G ruppo B NP Paribas, o c omunque da es so c ontrollate o al lo s tesso c ollegate; s oggetti c he f orniscono
servizi per il sistema informatico della Compagnia; soggetti che svolgono attività di lavorazione e t rasmissione delle comunicazioni
alla/dalla clientela; soggetti che svolgono attività di archiviazione della documentazione, soggetti che prestano attività di assistenza
alla clientela; soggetti che gestiscono sistemi nazionali e i nternazionali per il controllo delle frodi; consulenti e collaboratori esterni;
soggetti c he s volgono at tività di c ontrollo, r evisione e c ertificazione del le at tività pos te i n essere dal la C ompagnia anc he
nell’interesse della clientela; società di recupero crediti. I soggetti appartenenti a t ali categorie, i cui nominativi sono riportati in un
elenco aggiornato (disponibile presso la sede della Compagnia) utilizzeranno i dati personali ricevuti in qualità di autonomi “Titolari”,
salvo i l c aso i n c ui s iano s tati des ignati dal la Compagnia “Responsabili” dei t rattamenti di l oro s pecifica c ompetenza. La
comunicazione potrà avvenire anche nel caso in cui taluno dei predetti soggetti risieda all’estero, anche al di fuori dell’UE, restando
in ogni caso fermo il rispetto delle prescrizioni del D.Lgs n. 196/2003. Nel caso in cui i dati personali venissero trasferiti all’estero, si
sottolinea che gli stessi potrebbero essere trattati con livelli di tutela differente rispetto alle previsioni della normativa vigente in Italia.
In nessun caso i dati personali saranno trasferiti per finalità diverse da quelle necessarie all’attuazione delle obbligazioni relative alla
copertura assicurativa stipulata. La Compagnia non diffonde i dati personali degli Interessati.
Ogni Interessato ha di ritto d i conoscere, in ogni momento, qual i sono i propri dati personali trattati presso la Compagnia e c ome
vengono utilizzati; ha inoltre il diritto di farli aggiornare, integrare, rettificare, chiederne il blocco ed opporsi al loro trattamento.
Per ottenere ulteriori informazioni e per l’esercizio dei diritti di cui all’art. 7 del D. Lgs n. 196/2003, può rivolgersi a:
BNP Paribas Cardif Vita Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. presso la sede di Via Tolmezzo n. 15, 20132 Milano;
e-mail [email protected]
MODULO DI PROPOSTA
PROPOSTA/POLIZZA N.
PRODOTTO:
CODICE:
CONVENZIONE/CONDIZIONI PARTICOLARI DI VERSAMENTO:
B
CONTRAENTE
COGNOME/NOME :
DATA DI NASCITA:
DENOMINAZIONE SOCIALE:
PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
NATURA GIURIDICA:
INDIRIZZO:
INDIRIZZO DI
CORRISPONDENZA:
DOCUMENTO:
DATA RILASCIO:
CODICE FISCALE
LUOGO DI NASCITA:
PARTITA IVA:
N.
SESSO:
LOCALITA’ E PROV.
CAP:
LOCALITA’ E PROV.
RILASCIATO DA:
LOCALITA’ RILASCIO:
CAP:
ASSICURATO
COGNOME/NOME:
DATA DI NASCITA:
INDIRIZZO:
CODICE FISCALE:
LUOGO DI NASCITA:
LOCALITA’ E PROV
RAPPRESENTANTE DEL CONTRAENTE
COGNOME/NOME:
DATA DI NASCITA:
INDIRIZZO:
DOCUMENTO:
N.
DATA RILASCIO:
CODICE FISCALE:
LUOGO DI NASCITA:
LOCALITA E PROV’:
RILASCIATO DA:
LOCALITA’ RILASCIO:
CAP:
CAP:
SESSO:
SESSO:
BENEFICIARI
IN CASO DI MORTE DELL’ASSICURATO:
PIANO ASSICURATIVO
DECORRENZA:
DURATA:
PREMIO UNICO SPOT: €
FONDO DI RIFERIMENTO, LIVELLO DI RISCHIO, CLASSE DI APPARTENENZA E PERCENTUALI DI INVESTIMENTO:
STRATEGIA D’INVESTIMENTO
PERIODICITA’, MODALITA’ DI PAGAMENTO DEI PREMI E VALUTA
IL PREMIO SARA’ VERSATO IN UNICA SOLUZIONE E SECONDO UNA DELLE SEGUENTI MODALITA’ PRESCELTE DAL CONTRAENTE:
- ADDEBITO IN CONTO CORRENTE
- VERSAMENTO DI ASSEGNO BANCARIO O CIRCOLARE
IL TITOLARE DEL CONTO CORRENTE SOTTOINDICATO AUTORIZZA LA BANCA NAZIONALE DEL LAVORO S.P.A.
AD ADDEBITARE IN CONTO:
IL PREMIO UNICO SPOT:
ABI
CAB
C/C
INTESTATARIO
FIRMA DEL TITOLARE
%
LA VALUTA DI ADDEBITO DEI PREMI È PARI AL GIORNO DI SOTTOSCRIZIONE PER IL PRIMO VERSAMENTO.
LA REVOCABILITÀ DELLA PROPOSTA ED IL DIRITTO DI RECESSO DAL CONTRATTO SONO ESPRESSAMENTE REGOLATI DALL’APPOSITA
CLAUSOLA CONTENUTA NELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI.
LE SPESE PER EMISSIONE CONTRATTO SONO PARI A:…..
ADEGUATEZZA PRODOTTO ASSICURATIVO
- Obiettivi che il Contraente intende perseguire:
- Attuale stato occupazionale del Contraente:
- Attuale situazione familiare del Contraente:
- Il Contraente dichiara di essere informato dal qui presente intermediario che, sulla base delle informazioni fornite e di
eventuali informazioni disponibili, la proposta assicurativa risulta adeguata alle proprie esigenze assicurative.
- Il Contraente dichiara di essere informato dal qui presente intermediario che, sulla base delle informazioni fornite e di
eventuali informazioni disponibili, la proposta assicurativa non risulta o potrebbe non risultare adeguata alle proprie
esigenze assicurative, per motivo/i ….. e dichiara altresì di voler comunque sottoscrivere il relativo contratto.
- Il Contraente dichiara di non voler rispondere alle domande riportate nel Questionario per la valutazione dell’adeguatezza
del contratto o ad alcune di esse, nella consapevolezza che ciò ostacola la valutazione dell’adeguatezza del contratto alle
proprie esigenze assicurative.
Firma del Contraente:
Firma dell’Intermediario
DICHIARAZIONI DI SOTTOSCRIZIONE
Con l’apposizione delle rispettive firme in calce:
- il Contraente e l’Assicurato (se persona diversa) dichiarano veritiere le informazioni rese nella presente;
- l’Assicurato (se diverso dal Contraente) esprime il consenso alla stipula dell’Assicurazione sulla propria vita ai sensi dell’art.
1919 del Codice Civile;
Il Contraente dichiara di aver ricevuto, prima della sottoscrizione del presente modulo di proposta:
 la s cheda si ntetica, l a nota i nformativa, il glossario e le condizioni contrattuali, c ontenenti a nche i l
regolamento della Gestione Separata e/o del Fondo Interno previsti;
 la comunicazione informativa sugli obblighi di comportamento cui gli intermediari sono tenuti nei confronti
dei contraenti (Mod. 7 A) e il documento c ontenente l e i nformazioni ge nerali s ull’intermediario, s ulle
potenziali situazioni di conflitto d’interessi e sugli strumenti di tutela del contraente (Mod. 7B).
Firma del Contraente
Firma dell’Assicurato
(se diverso dal Contraente)
Ho preso visione dell’informativa sul trattamento dei dati personali, ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs 30 Giugno 2003 n. 196 (il
“Codice della Privacy”), fornita da BNP Paribas Cardif Vita Compagnia di Assicurazione e R iassicurazione S.p.A., che mi
impegno a rendere nota agli altri interessati.
Sono consapevole che il mancato consenso al trattamento dei dati personali e, sensibili, necessari alla Compagnia per le
finalità iv i illustrate, c omporta l ’impossibilità di dare es ecuzione al r apporto c ontrattuale. E sprimo i l m io c onsenso al
trattamento dei dati personali, ivi compresi quelli sensibili, effettuato da parte della Compagnia e dei soggetti indicati nella
suddetta informativa, per le finalità e c on le modalità illustrate nella stessa, inclusa l'attività di intermediazione di prodotti e
servizi della Compagnia.
Firma del Contraente
Firma dell’Assicurato
(se diverso da Contraente)
DATI RIGUARDANTI L’INTERMEDIARIO
Intermediario:
Codice punto distributivo:
codice collocatore (n. matricola ____________________) cognome e nome
______________________________________________________________________
Il soggetto incaricato della raccolta della proposta dichiara di avere personalmente riscontrato la
corretta e completa compilazione del presente modulo e proceduto all’identificazione del Contraente ai
sensi della legge n. 231 del 21/11/2007 e successive modifiche.
Timbro e Firma dell’Incaricato dall’intermediario
______________________________________
IL PRESENTE MODULO DI PROPOSTA NON DEVE RECARE ABRASIONI, CANCELLATURE O CORREZIONI DI QUALSIASI TIPO.
CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A
Sede sociale: Via Tolmezzo 15, Palazzo D - 20132 Milano - Tel. +39 02 77 22 41 - Fax +39 02 76 00 81 49 – www.bnpparibascardif.it
Società per azioni - Capitale Sociale Euro 130.397.400 i.v. - P.I., C.F. e numero di iscrizione al Reg. Imprese Milano 11552470152 - REA n° 1475525
Autorizzata all’esercizio delle assicurazioni con provvedimento ISVAP del 19.11.1996 (G.U. n° 279 del 28.11.1996)
Iscritta all’Albo Imprese di Assicurazione e Riassicurazione n. 1.00126
Società unipersonale soggetta a Direzione e Coordinamento da parte di BNP Paribas Cardif
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
800 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content