close

Enter

Log in using OpenID

Addendum - Poste Vita

embedDownload
GruppoAssicurativoPostevita
Atto modificativo al contratto di assicurazione
“Postafuturo Multiutile”
(Mod.0622 Ed. 1 giugno 2014)
Il Decreto Legge n. 66 del 2014, (cd. Decreto Renzi), convertito dalla legge n. 89 del 2014 (pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale del 23.06.2014) ha disposto un incremento generalizzato della tassazione applicabile
ai proventi finanziari di cui all’art. 44 del DPR 917/1986 (Testo Unico delle Imposte sui Redditi), tra i quali
rientrano i proventi da polizze vita e di capitalizzazione.
In particolare, l’art. 3 del Decreto in esame prevede, per tali redditi, l’aumento dell’aliquota d’imposta al
26% (a fronte del previgente 20%), a decorrere dal 1 luglio 2014. L’incremento non opera comunque per la
quota di proventi riferibile ad investimenti effettuati in titoli di Stato e enti territoriali italiani, che continuano
ad essere assoggettati ad imposizione nella misura del 12,50%.
Con il presente atto modificativo la Compagnia intende pertanto apportare talune modifiche al contratto di
assicurazione denominato “Postafuturo Multiutile”, al fine di recepire i predetti interventi normativi.
Pertanto, la seguente previsione all’interno di:
“Nota Informativa” Art. 7 Regime Fiscale - Tassazione delle somme assicurate
“Il presente paragrafo si riferisce alle norme in vigore alla data di redazione della presente Nota Informativa
e non intende fornire una descrizione esaustiva di tutti i possibili aspetti fiscali che potrebbero rilevare,
direttamente o indirettamente, in relazione all’acquisto delle polizze.
Rimane riservata agli Assicurati ogni valutazione e considerazione più specifica relativamente al regime
fiscale applicabile derivante dalla sottoscrizione del presente contratto di assicurazione.
I premi destinati alla copertura dei rischi assicurativi (decesso per infortunio od incidente stradale, ed
invalidità totale e permanente da infortunio), soddisfatti mediante prelievo dal rendimento della Gestione
Separata, sono soggetti all’imposta sulle assicurazioni nella misura del 2,50%.
Le somme corrisposte da Poste Vita S.p.A., in dipendenza dell’assicurazione sulla vita sin qui descritta,
sono soggette a diverse forme di tassazione in base alla causale di pagamento:
• alla scadenza del contratto, o in caso di opzione in rendita vitalizia, o di riscatto totale o parziale, la differenza, se positiva, tra il capitale rivalutato/base di computo per l’erogazione della rendita ed i premi versati
è soggetta all’imposta sostitutiva del 20%. Tale aliquota, tuttavia, sarà ridotta in proporzione alla parte del
rendimento eventualmente riferibile ai titoli di stato ed equiparati, assoggettati all’aliquota del 12,50% (applicata secondo i criteri previsti dal D. Lgs. n. 47/2000 e successive modificazioni e dall’Art. 2, comma 6 del
Decreto Legge 13 agosto 2011 convertito nella Legge 148 del 14 settembre 2011);
• in seguito al decesso dell’Assicurato, il capitale è esente da IRPEF e non si applica l’imposta sulle successioni (Art. 34 D.P.R. n. 601/73 e Art. 6, comma 2 del D.P.R. 917/1986). Lo stesso regime di esenzione
si applica anche per i capitali corrisposti in dipendenza di invalidità permanente;
Edizione agosto 2014
• in caso di opzione in rendita vitalizia, i redditi derivanti dai rendimenti maturati in ciascun periodo di
Poste Vita S.p.A.
00144, Roma (RM), Piazzale Konrad Adenauer, 3 • Tel.: (+39) 06 549241 • Fax: (+39) 06 54924203 • www.postevita.it
• Partita IVA 05927271006 • Codice Fiscale 07066630638 • Capitale Sociale Euro 1.216.607.898,00 i.v. • Registro Imprese di Roma n. 29149/2000,
REA n. 934547 • Iscritta alla Sezione I dell’Albo delle imprese di assicurazione al n. 1.00133 • Autorizzata all’esercizio dell’attività assicurativa in base
alle delibere ISVAP n. 1144/1999, n. 1735/2000, n. 2462/2006 e n. 2987/2012 • Società capogruppo del gruppo assicurativo Poste Vita, iscritto all’albo
dei gruppi assicurativi al n. 043 • Società con socio unico, Poste Italiane S.p.A., soggetta all’attività di direzione e coordinamento di quest’ultima.
q Copia per Poste Vita S.p.A. q Copia per l’Ufficio Postale q Copia per il Cliente
I premi corrisposti per le assicurazioni sulla vita sono esenti dall’imposta sulle assicurazioni.
GruppoAssicurativoPostevita
imposta durante l’erogazione della rendita, costituiscono reddito di capitale ai sensi dell’Art. 44, comma
1, lettera g-quinquies del D.P.R. 917/1986, e sono assoggettati ad un’ imposta sostitutiva sulla differenza
tra l’importo di ciascuna rata di rendita e quello della corrispondente rata calcolata senza tener conto dei
rendimenti finanziari (Art. 45, comma 4-ter, del D.P.R. 917/1986). Tale imposta sostitutiva si applica con
aliquota del 20%, proporzionalmente ridotta per la parte del rendimento eventualmente riferibile ai titoli
di stato ed equiparati, assoggettati all’aliquota del 12,50% (applicata secondo i criteri previsti dal D. Lgs.
n. 47/2000 e successive modificazioni e dall’Art. 2, comma 6 del Decreto Legge 13 agosto 2011 convertito nella Legge 148 del 14 settembre 2011).
L’imposta sostitutiva non è applicata sui proventi corrisposti a soggetti che esercitano attività d’impresa.
Per i proventi corrisposti a persone fisiche o ad enti non commerciali in relazione a contratti di assicurazione sulla vita stipulati nell’ambito dell’attività commerciale Poste Vita S.p.A. non applica l’imposta sostitutiva
qualora gli interessati presentino alla stessa una dichiarazione sulla esistenza di tale requisito”.
dovrà intendersi integralmente sostituite dalla seguente:
“Il presente paragrafo si riferisce alle norme in vigore alla data di redazione della presente Nota Informativa
e non intende fornire una descrizione esaustiva di tutti i possibili aspetti fiscali che potrebbero rilevare,
direttamente o indirettamente, in relazione all’acquisto delle polizze.
Rimane riservata agli Assicurati ogni valutazione e considerazione più specifica relativamente al regime
fiscale applicabile derivante dalla sottoscrizione del presente contratto di assicurazione.
I premi destinati alla copertura dei rischi assicurativi (decesso per infortunio od incidente stradale, ed
invalidità totale e permanente da infortunio), soddisfatti mediante prelievo dal rendimento della Gestione
Separata, sono soggetti all’imposta sulle assicurazioni nella misura del 2,50%.
I premi corrisposti per le assicurazioni sulla vita sono esenti dall’imposta sulle assicurazioni.
• alla scadenza del contratto, o in caso di opzione in rendita vitalizia, o di riscatto totale o parziale, la differenza, se positiva, tra il capitale rivalutato/base di computo per l’erogazione della rendita ed i premi
versati è soggetta ad una imposta sostitutiva determinata con le seguenti aliquote, applicate secondo
i criteri previsti dal Decreto Legislativo 18 febbraio 2000, n. 47, e successive modificazioni, dall’Art. 2
del Decreto Legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito con modificazioni dalla Legge 14 settembre 2011,
n. 148, e dagli Artt. 3 e 4 del Decreto Legge 24 aprile 2014, n. 66, convertito con modificazioni dalla
Legge 23 giugno 2014, n. 89:
12,50% per la parte di rendimento maturato fino al 31 dicembre 2011;
20% per la parte di rendimento maturato dal 1 gennaio 2012 al 30 giugno 2014. Aliquota proporzionalmente ridotta in proporzione alle parte del rendimento eventualmente riferibile ad investimenti in titoli di
Stato ed equiparati, assoggettati a tassazione con aliquota del 12,50%;
Edizione agosto 2014
26% per la parte di rendimento maturato dal 1 luglio 2014. Aliquota proporzionalmente ridotta in proporzione alle parte del rendimento eventualmente riferibile ad investimenti in titoli di Stato ed equiparati,
assoggettati a tassazione con aliquota del 12,50%.
• in seguito al decesso dell’Assicurato, il capitale è esente da IRPEF e non si applica l’imposta sulle successioni (Art. 34 D.P.R. n. 601/73 e Art. 6, comma 2 del D.P.R. 917/1986). Lo stesso regime di esenzione
si applica anche per i capitali corrisposti in dipendenza di invalidità permanente;
• in caso di opzione in rendita vitalizia, i redditi derivanti dai rendimenti maturati in ciascun periodo di
imposta durante l’erogazione della rendita, costituiscono reddito di capitale ai sensi dell’Art. 44, comma
1, lettera g-quinquies del D.P.R. 917/1986, e sono assoggettati ad un’ imposta sostitutiva sulla differenza
tra l’importo di ciascuna rata di rendita e quello della corrispondente rata calcolata senza tener conto
dei rendimenti finanziari (Art. 45, comma 4-ter, del D.P.R. 917/1986). Tale imposta sostitutiva si applica
q Copia per Poste Vita S.p.A. q Copia per l’Ufficio Postale q Copia per il Cliente
Le somme corrisposte da Poste Vita S.p.A., in dipendenza dell’assicurazione sulla vita sin qui descritta,
sono soggette a diverse forme di tassazione in base alla causale di pagamento:
GruppoAssicurativoPostevita
con aliquota del 26%, proporzionalmente ridotta per la parte del rendimento eventualmente riferibile ad
investimenti in titoli di Stato ed equiparati, assoggettati all’aliquota del 12,50% (aliquota di tassazione
in vigore dal 1 luglio 2014, applicata secondo i criteri previsti dal Decreto Legislativo 18 febbraio 2000,
n. 47, e successive modificazioni, dall’Art. 2 del Decreto Legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito con
modificazioni dalla Legge 14 settembre 2011, n. 148, e dagli Artt. 3 e 4 del Decreto Legge 24 aprile 2014,
n. 66, convertito con modificazioni dalla Legge 23 giugno 2014, n. 89);
L’imposta sostitutiva non è applicata sui proventi corrisposti a soggetti che esercitano attività d’impresa.
Per i proventi corrisposti a persone fisiche o ad enti non commerciali in relazione a contratti di assicurazione
sulla vita stipulati nell’ambito dell’attività commerciale Poste Vita S.p.A. non applica l’imposta sostitutiva
qualora gli interessati presentino alla stessa una dichiarazione sulla esistenza di tale requisito”.
La modifica contrattuale, cosi come descritta, forma parte integrante e sostanziale del contratto di assicurazione denominato ”Postafuturo Multiutile” rimanendo ferme e invariate le restanti condizioni contrattuali.
Il Contraente
............................................................
Poste Vita S.p.A.
Poste Vita S.p.A.
…………………………………
…………………………………
Claudio Raimondi
Rappresentante Legale
della Compagnia
Poste Vita S.p.A.
in virtù di Procura Speciale
Alessandro Sonnini
Rappresentante Legale
della Compagnia
Poste Vita S.p.A.
in virtù di Procura Speciale
q Copia per Poste Vita S.p.A. q Copia per l’Ufficio Postale q Copia per il Cliente
Edizione agosto 2014
Data ....../....../............
GruppoAssicurativoPostevita
Atto modificativo al contratto di assicurazione
“Postafuturo Multiutile”
(Mod.0622 Ed. 1 giugno 2014)
Il Decreto Legge n. 66 del 2014, (cd. Decreto Renzi), convertito dalla legge n. 89 del 2014 (pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale del 23.06.2014) ha disposto un incremento generalizzato della tassazione applicabile
ai proventi finanziari di cui all’art. 44 del DPR 917/1986 (Testo Unico delle Imposte sui Redditi), tra i quali
rientrano i proventi da polizze vita e di capitalizzazione.
In particolare, l’art. 3 del Decreto in esame prevede, per tali redditi, l’aumento dell’aliquota d’imposta al
26% (a fronte del previgente 20%), a decorrere dal 1 luglio 2014. L’incremento non opera comunque per la
quota di proventi riferibile ad investimenti effettuati in titoli di Stato e enti territoriali italiani, che continuano
ad essere assoggettati ad imposizione nella misura del 12,50%.
Con il presente atto modificativo la Compagnia intende pertanto apportare talune modifiche al contratto di
assicurazione denominato “Postafuturo Multiutile”, al fine di recepire i predetti interventi normativi.
Pertanto, la seguente previsione all’interno di:
“Nota Informativa” Art. 7 Regime Fiscale - Tassazione delle somme assicurate
“Il presente paragrafo si riferisce alle norme in vigore alla data di redazione della presente Nota Informativa
e non intende fornire una descrizione esaustiva di tutti i possibili aspetti fiscali che potrebbero rilevare,
direttamente o indirettamente, in relazione all’acquisto delle polizze.
Rimane riservata agli Assicurati ogni valutazione e considerazione più specifica relativamente al regime
fiscale applicabile derivante dalla sottoscrizione del presente contratto di assicurazione.
I premi destinati alla copertura dei rischi assicurativi (decesso per infortunio od incidente stradale, ed
invalidità totale e permanente da infortunio), soddisfatti mediante prelievo dal rendimento della Gestione
Separata, sono soggetti all’imposta sulle assicurazioni nella misura del 2,50%.
Le somme corrisposte da Poste Vita S.p.A., in dipendenza dell’assicurazione sulla vita sin qui descritta,
sono soggette a diverse forme di tassazione in base alla causale di pagamento:
• alla scadenza del contratto, o in caso di opzione in rendita vitalizia, o di riscatto totale o parziale, la differenza, se positiva, tra il capitale rivalutato/base di computo per l’erogazione della rendita ed i premi versati
è soggetta all’imposta sostitutiva del 20%. Tale aliquota, tuttavia, sarà ridotta in proporzione alla parte del
rendimento eventualmente riferibile ai titoli di stato ed equiparati, assoggettati all’aliquota del 12,50% (applicata secondo i criteri previsti dal D. Lgs. n. 47/2000 e successive modificazioni e dall’Art. 2, comma 6 del
Decreto Legge 13 agosto 2011 convertito nella Legge 148 del 14 settembre 2011);
• in seguito al decesso dell’Assicurato, il capitale è esente da IRPEF e non si applica l’imposta sulle successioni (Art. 34 D.P.R. n. 601/73 e Art. 6, comma 2 del D.P.R. 917/1986). Lo stesso regime di esenzione
si applica anche per i capitali corrisposti in dipendenza di invalidità permanente;
Edizione agosto 2014
• in caso di opzione in rendita vitalizia, i redditi derivanti dai rendimenti maturati in ciascun periodo di
Poste Vita S.p.A.
00144, Roma (RM), Piazzale Konrad Adenauer, 3 • Tel.: (+39) 06 549241 • Fax: (+39) 06 54924203 • www.postevita.it
• Partita IVA 05927271006 • Codice Fiscale 07066630638 • Capitale Sociale Euro 1.216.607.898,00 i.v. • Registro Imprese di Roma n. 29149/2000,
REA n. 934547 • Iscritta alla Sezione I dell’Albo delle imprese di assicurazione al n. 1.00133 • Autorizzata all’esercizio dell’attività assicurativa in base
alle delibere ISVAP n. 1144/1999, n. 1735/2000, n. 2462/2006 e n. 2987/2012 • Società capogruppo del gruppo assicurativo Poste Vita, iscritto all’albo
dei gruppi assicurativi al n. 043 • Società con socio unico, Poste Italiane S.p.A., soggetta all’attività di direzione e coordinamento di quest’ultima.
q Copia per Poste Vita S.p.A. q Copia per l’Ufficio Postale q Copia per il Cliente
I premi corrisposti per le assicurazioni sulla vita sono esenti dall’imposta sulle assicurazioni.
GruppoAssicurativoPostevita
imposta durante l’erogazione della rendita, costituiscono reddito di capitale ai sensi dell’Art. 44, comma
1, lettera g-quinquies del D.P.R. 917/1986, e sono assoggettati ad un’ imposta sostitutiva sulla differenza
tra l’importo di ciascuna rata di rendita e quello della corrispondente rata calcolata senza tener conto dei
rendimenti finanziari (Art. 45, comma 4-ter, del D.P.R. 917/1986). Tale imposta sostitutiva si applica con
aliquota del 20%, proporzionalmente ridotta per la parte del rendimento eventualmente riferibile ai titoli
di stato ed equiparati, assoggettati all’aliquota del 12,50% (applicata secondo i criteri previsti dal D. Lgs.
n. 47/2000 e successive modificazioni e dall’Art. 2, comma 6 del Decreto Legge 13 agosto 2011 convertito nella Legge 148 del 14 settembre 2011).
L’imposta sostitutiva non è applicata sui proventi corrisposti a soggetti che esercitano attività d’impresa.
Per i proventi corrisposti a persone fisiche o ad enti non commerciali in relazione a contratti di assicurazione sulla vita stipulati nell’ambito dell’attività commerciale Poste Vita S.p.A. non applica l’imposta sostitutiva
qualora gli interessati presentino alla stessa una dichiarazione sulla esistenza di tale requisito”.
dovrà intendersi integralmente sostituite dalla seguente:
“Il presente paragrafo si riferisce alle norme in vigore alla data di redazione della presente Nota Informativa
e non intende fornire una descrizione esaustiva di tutti i possibili aspetti fiscali che potrebbero rilevare,
direttamente o indirettamente, in relazione all’acquisto delle polizze.
Rimane riservata agli Assicurati ogni valutazione e considerazione più specifica relativamente al regime
fiscale applicabile derivante dalla sottoscrizione del presente contratto di assicurazione.
I premi destinati alla copertura dei rischi assicurativi (decesso per infortunio od incidente stradale, ed
invalidità totale e permanente da infortunio), soddisfatti mediante prelievo dal rendimento della Gestione
Separata, sono soggetti all’imposta sulle assicurazioni nella misura del 2,50%.
I premi corrisposti per le assicurazioni sulla vita sono esenti dall’imposta sulle assicurazioni.
• alla scadenza del contratto, o in caso di opzione in rendita vitalizia, o di riscatto totale o parziale, la differenza, se positiva, tra il capitale rivalutato/base di computo per l’erogazione della rendita ed i premi
versati è soggetta ad una imposta sostitutiva determinata con le seguenti aliquote, applicate secondo
i criteri previsti dal Decreto Legislativo 18 febbraio 2000, n. 47, e successive modificazioni, dall’Art. 2
del Decreto Legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito con modificazioni dalla Legge 14 settembre 2011,
n. 148, e dagli Artt. 3 e 4 del Decreto Legge 24 aprile 2014, n. 66, convertito con modificazioni dalla
Legge 23 giugno 2014, n. 89:
12,50% per la parte di rendimento maturato fino al 31 dicembre 2011;
20% per la parte di rendimento maturato dal 1 gennaio 2012 al 30 giugno 2014. Aliquota proporzionalmente ridotta in proporzione alle parte del rendimento eventualmente riferibile ad investimenti in titoli di
Stato ed equiparati, assoggettati a tassazione con aliquota del 12,50%;
Edizione agosto 2014
26% per la parte di rendimento maturato dal 1 luglio 2014. Aliquota proporzionalmente ridotta in proporzione alle parte del rendimento eventualmente riferibile ad investimenti in titoli di Stato ed equiparati,
assoggettati a tassazione con aliquota del 12,50%.
• in seguito al decesso dell’Assicurato, il capitale è esente da IRPEF e non si applica l’imposta sulle successioni (Art. 34 D.P.R. n. 601/73 e Art. 6, comma 2 del D.P.R. 917/1986). Lo stesso regime di esenzione
si applica anche per i capitali corrisposti in dipendenza di invalidità permanente;
• in caso di opzione in rendita vitalizia, i redditi derivanti dai rendimenti maturati in ciascun periodo di
imposta durante l’erogazione della rendita, costituiscono reddito di capitale ai sensi dell’Art. 44, comma
1, lettera g-quinquies del D.P.R. 917/1986, e sono assoggettati ad un’ imposta sostitutiva sulla differenza
tra l’importo di ciascuna rata di rendita e quello della corrispondente rata calcolata senza tener conto
dei rendimenti finanziari (Art. 45, comma 4-ter, del D.P.R. 917/1986). Tale imposta sostitutiva si applica
q Copia per Poste Vita S.p.A. q Copia per l’Ufficio Postale q Copia per il Cliente
Le somme corrisposte da Poste Vita S.p.A., in dipendenza dell’assicurazione sulla vita sin qui descritta,
sono soggette a diverse forme di tassazione in base alla causale di pagamento:
GruppoAssicurativoPostevita
con aliquota del 26%, proporzionalmente ridotta per la parte del rendimento eventualmente riferibile ad
investimenti in titoli di Stato ed equiparati, assoggettati all’aliquota del 12,50% (aliquota di tassazione
in vigore dal 1 luglio 2014, applicata secondo i criteri previsti dal Decreto Legislativo 18 febbraio 2000,
n. 47, e successive modificazioni, dall’Art. 2 del Decreto Legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito con
modificazioni dalla Legge 14 settembre 2011, n. 148, e dagli Artt. 3 e 4 del Decreto Legge 24 aprile 2014,
n. 66, convertito con modificazioni dalla Legge 23 giugno 2014, n. 89);
L’imposta sostitutiva non è applicata sui proventi corrisposti a soggetti che esercitano attività d’impresa.
Per i proventi corrisposti a persone fisiche o ad enti non commerciali in relazione a contratti di assicurazione
sulla vita stipulati nell’ambito dell’attività commerciale Poste Vita S.p.A. non applica l’imposta sostitutiva
qualora gli interessati presentino alla stessa una dichiarazione sulla esistenza di tale requisito”.
La modifica contrattuale, cosi come descritta, forma parte integrante e sostanziale del contratto di assicurazione denominato ”Postafuturo Multiutile” rimanendo ferme e invariate le restanti condizioni contrattuali.
Il Contraente
............................................................
Poste Vita S.p.A.
Poste Vita S.p.A.
…………………………………
…………………………………
Claudio Raimondi
Rappresentante Legale
della Compagnia
Poste Vita S.p.A.
in virtù di Procura Speciale
Alessandro Sonnini
Rappresentante Legale
della Compagnia
Poste Vita S.p.A.
in virtù di Procura Speciale
q Copia per Poste Vita S.p.A. q Copia per l’Ufficio Postale q Copia per il Cliente
Edizione agosto 2014
Data ....../....../............
GruppoAssicurativoPostevita
Atto modificativo al contratto di assicurazione
“Postafuturo Multiutile”
(Mod.0622 Ed. 1 giugno 2014)
Il Decreto Legge n. 66 del 2014, (cd. Decreto Renzi), convertito dalla legge n. 89 del 2014 (pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale del 23.06.2014) ha disposto un incremento generalizzato della tassazione applicabile
ai proventi finanziari di cui all’art. 44 del DPR 917/1986 (Testo Unico delle Imposte sui Redditi), tra i quali
rientrano i proventi da polizze vita e di capitalizzazione.
In particolare, l’art. 3 del Decreto in esame prevede, per tali redditi, l’aumento dell’aliquota d’imposta al
26% (a fronte del previgente 20%), a decorrere dal 1 luglio 2014. L’incremento non opera comunque per la
quota di proventi riferibile ad investimenti effettuati in titoli di Stato e enti territoriali italiani, che continuano
ad essere assoggettati ad imposizione nella misura del 12,50%.
Con il presente atto modificativo la Compagnia intende pertanto apportare talune modifiche al contratto di
assicurazione denominato “Postafuturo Multiutile”, al fine di recepire i predetti interventi normativi.
Pertanto, la seguente previsione all’interno di:
“Nota Informativa” Art. 7 Regime Fiscale - Tassazione delle somme assicurate
“Il presente paragrafo si riferisce alle norme in vigore alla data di redazione della presente Nota Informativa
e non intende fornire una descrizione esaustiva di tutti i possibili aspetti fiscali che potrebbero rilevare,
direttamente o indirettamente, in relazione all’acquisto delle polizze.
Rimane riservata agli Assicurati ogni valutazione e considerazione più specifica relativamente al regime
fiscale applicabile derivante dalla sottoscrizione del presente contratto di assicurazione.
I premi destinati alla copertura dei rischi assicurativi (decesso per infortunio od incidente stradale, ed
invalidità totale e permanente da infortunio), soddisfatti mediante prelievo dal rendimento della Gestione
Separata, sono soggetti all’imposta sulle assicurazioni nella misura del 2,50%.
Le somme corrisposte da Poste Vita S.p.A., in dipendenza dell’assicurazione sulla vita sin qui descritta,
sono soggette a diverse forme di tassazione in base alla causale di pagamento:
• alla scadenza del contratto, o in caso di opzione in rendita vitalizia, o di riscatto totale o parziale, la differenza, se positiva, tra il capitale rivalutato/base di computo per l’erogazione della rendita ed i premi versati
è soggetta all’imposta sostitutiva del 20%. Tale aliquota, tuttavia, sarà ridotta in proporzione alla parte del
rendimento eventualmente riferibile ai titoli di stato ed equiparati, assoggettati all’aliquota del 12,50% (applicata secondo i criteri previsti dal D. Lgs. n. 47/2000 e successive modificazioni e dall’Art. 2, comma 6 del
Decreto Legge 13 agosto 2011 convertito nella Legge 148 del 14 settembre 2011);
• in seguito al decesso dell’Assicurato, il capitale è esente da IRPEF e non si applica l’imposta sulle successioni (Art. 34 D.P.R. n. 601/73 e Art. 6, comma 2 del D.P.R. 917/1986). Lo stesso regime di esenzione
si applica anche per i capitali corrisposti in dipendenza di invalidità permanente;
Edizione agosto 2014
• in caso di opzione in rendita vitalizia, i redditi derivanti dai rendimenti maturati in ciascun periodo di
Poste Vita S.p.A.
00144, Roma (RM), Piazzale Konrad Adenauer, 3 • Tel.: (+39) 06 549241 • Fax: (+39) 06 54924203 • www.postevita.it
• Partita IVA 05927271006 • Codice Fiscale 07066630638 • Capitale Sociale Euro 1.216.607.898,00 i.v. • Registro Imprese di Roma n. 29149/2000,
REA n. 934547 • Iscritta alla Sezione I dell’Albo delle imprese di assicurazione al n. 1.00133 • Autorizzata all’esercizio dell’attività assicurativa in base
alle delibere ISVAP n. 1144/1999, n. 1735/2000, n. 2462/2006 e n. 2987/2012 • Società capogruppo del gruppo assicurativo Poste Vita, iscritto all’albo
dei gruppi assicurativi al n. 043 • Società con socio unico, Poste Italiane S.p.A., soggetta all’attività di direzione e coordinamento di quest’ultima.
q Copia per Poste Vita S.p.A. q Copia per l’Ufficio Postale q Copia per il Cliente
I premi corrisposti per le assicurazioni sulla vita sono esenti dall’imposta sulle assicurazioni.
GruppoAssicurativoPostevita
imposta durante l’erogazione della rendita, costituiscono reddito di capitale ai sensi dell’Art. 44, comma
1, lettera g-quinquies del D.P.R. 917/1986, e sono assoggettati ad un’ imposta sostitutiva sulla differenza
tra l’importo di ciascuna rata di rendita e quello della corrispondente rata calcolata senza tener conto dei
rendimenti finanziari (Art. 45, comma 4-ter, del D.P.R. 917/1986). Tale imposta sostitutiva si applica con
aliquota del 20%, proporzionalmente ridotta per la parte del rendimento eventualmente riferibile ai titoli
di stato ed equiparati, assoggettati all’aliquota del 12,50% (applicata secondo i criteri previsti dal D. Lgs.
n. 47/2000 e successive modificazioni e dall’Art. 2, comma 6 del Decreto Legge 13 agosto 2011 convertito nella Legge 148 del 14 settembre 2011).
L’imposta sostitutiva non è applicata sui proventi corrisposti a soggetti che esercitano attività d’impresa.
Per i proventi corrisposti a persone fisiche o ad enti non commerciali in relazione a contratti di assicurazione sulla vita stipulati nell’ambito dell’attività commerciale Poste Vita S.p.A. non applica l’imposta sostitutiva
qualora gli interessati presentino alla stessa una dichiarazione sulla esistenza di tale requisito”.
dovrà intendersi integralmente sostituite dalla seguente:
“Il presente paragrafo si riferisce alle norme in vigore alla data di redazione della presente Nota Informativa
e non intende fornire una descrizione esaustiva di tutti i possibili aspetti fiscali che potrebbero rilevare,
direttamente o indirettamente, in relazione all’acquisto delle polizze.
Rimane riservata agli Assicurati ogni valutazione e considerazione più specifica relativamente al regime
fiscale applicabile derivante dalla sottoscrizione del presente contratto di assicurazione.
I premi destinati alla copertura dei rischi assicurativi (decesso per infortunio od incidente stradale, ed
invalidità totale e permanente da infortunio), soddisfatti mediante prelievo dal rendimento della Gestione
Separata, sono soggetti all’imposta sulle assicurazioni nella misura del 2,50%.
I premi corrisposti per le assicurazioni sulla vita sono esenti dall’imposta sulle assicurazioni.
• alla scadenza del contratto, o in caso di opzione in rendita vitalizia, o di riscatto totale o parziale, la differenza, se positiva, tra il capitale rivalutato/base di computo per l’erogazione della rendita ed i premi
versati è soggetta ad una imposta sostitutiva determinata con le seguenti aliquote, applicate secondo
i criteri previsti dal Decreto Legislativo 18 febbraio 2000, n. 47, e successive modificazioni, dall’Art. 2
del Decreto Legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito con modificazioni dalla Legge 14 settembre 2011,
n. 148, e dagli Artt. 3 e 4 del Decreto Legge 24 aprile 2014, n. 66, convertito con modificazioni dalla
Legge 23 giugno 2014, n. 89:
12,50% per la parte di rendimento maturato fino al 31 dicembre 2011;
20% per la parte di rendimento maturato dal 1 gennaio 2012 al 30 giugno 2014. Aliquota proporzionalmente ridotta in proporzione alle parte del rendimento eventualmente riferibile ad investimenti in titoli di
Stato ed equiparati, assoggettati a tassazione con aliquota del 12,50%;
Edizione agosto 2014
26% per la parte di rendimento maturato dal 1 luglio 2014. Aliquota proporzionalmente ridotta in proporzione alle parte del rendimento eventualmente riferibile ad investimenti in titoli di Stato ed equiparati,
assoggettati a tassazione con aliquota del 12,50%.
• in seguito al decesso dell’Assicurato, il capitale è esente da IRPEF e non si applica l’imposta sulle successioni (Art. 34 D.P.R. n. 601/73 e Art. 6, comma 2 del D.P.R. 917/1986). Lo stesso regime di esenzione
si applica anche per i capitali corrisposti in dipendenza di invalidità permanente;
• in caso di opzione in rendita vitalizia, i redditi derivanti dai rendimenti maturati in ciascun periodo di
imposta durante l’erogazione della rendita, costituiscono reddito di capitale ai sensi dell’Art. 44, comma
1, lettera g-quinquies del D.P.R. 917/1986, e sono assoggettati ad un’ imposta sostitutiva sulla differenza
tra l’importo di ciascuna rata di rendita e quello della corrispondente rata calcolata senza tener conto
dei rendimenti finanziari (Art. 45, comma 4-ter, del D.P.R. 917/1986). Tale imposta sostitutiva si applica
q Copia per Poste Vita S.p.A. q Copia per l’Ufficio Postale q Copia per il Cliente
Le somme corrisposte da Poste Vita S.p.A., in dipendenza dell’assicurazione sulla vita sin qui descritta,
sono soggette a diverse forme di tassazione in base alla causale di pagamento:
GruppoAssicurativoPostevita
con aliquota del 26%, proporzionalmente ridotta per la parte del rendimento eventualmente riferibile ad
investimenti in titoli di Stato ed equiparati, assoggettati all’aliquota del 12,50% (aliquota di tassazione
in vigore dal 1 luglio 2014, applicata secondo i criteri previsti dal Decreto Legislativo 18 febbraio 2000,
n. 47, e successive modificazioni, dall’Art. 2 del Decreto Legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito con
modificazioni dalla Legge 14 settembre 2011, n. 148, e dagli Artt. 3 e 4 del Decreto Legge 24 aprile 2014,
n. 66, convertito con modificazioni dalla Legge 23 giugno 2014, n. 89);
L’imposta sostitutiva non è applicata sui proventi corrisposti a soggetti che esercitano attività d’impresa.
Per i proventi corrisposti a persone fisiche o ad enti non commerciali in relazione a contratti di assicurazione
sulla vita stipulati nell’ambito dell’attività commerciale Poste Vita S.p.A. non applica l’imposta sostitutiva
qualora gli interessati presentino alla stessa una dichiarazione sulla esistenza di tale requisito”.
La modifica contrattuale, cosi come descritta, forma parte integrante e sostanziale del contratto di assicurazione denominato ”Postafuturo Multiutile” rimanendo ferme e invariate le restanti condizioni contrattuali.
Il Contraente
............................................................
Poste Vita S.p.A.
Poste Vita S.p.A.
…………………………………
…………………………………
Claudio Raimondi
Rappresentante Legale
della Compagnia
Poste Vita S.p.A.
in virtù di Procura Speciale
Alessandro Sonnini
Rappresentante Legale
della Compagnia
Poste Vita S.p.A.
in virtù di Procura Speciale
q Copia per Poste Vita S.p.A. q Copia per l’Ufficio Postale q Copia per il Cliente
Edizione agosto 2014
Data ....../....../............
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
8
File Size
1 021 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content