close

Enter

Log in using OpenID

Classifiche Calcio Qualificazioni agli Europei 2016 Francia

embedDownload
Gecom 770
Gestione 770/2014
Istruzioni operative 770/2014
2/105
INDICE
Premessa ........................................................................................................................................................... 4
Novità del modello 770/2014 Semplificato ........................................................................................................ 5
Frontespizio ............................................................................................................................................. 5
Redazione della dichiarazione ...................................................................................................................... 5
Firma della dichiarazione .............................................................................................................................. 6
Comunicazione dati lavoro dipendente, assimilati ed assistenza fiscale ................................................ 7
Comunicazione dati certificazioni lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi ................................... 8
Frontespizio: compilazione di alcuni riquadri ..................................................................................................... 9
Redazione della Dichiarazione ................................................................................................................ 9
Firma della Dichiarazione ...................................................................................................................... 16
Impegno alla trasmissione telematica ................................................................................................... 18
Operazioni societarie ....................................................................................................................................... 19
Operazioni straordinarie senza estinzione del soggetto cedente ......................................................... 19
Dati fiscali ................................................................................................................................................... 19
Dati previdenziali ed assicurativi ................................................................................................................. 19
Assistenza fiscale ....................................................................................................................................... 19
Prospetti riepilogativi SS, ST, SV e SX ....................................................................................................... 19
Prospetti ST, SV e SS: modalità di esposizione delle addizionali e dei dati relativi all’assistenza fiscale ... 20
Attivazione delle operazioni straordinarie senza estinzione del soggetto cedente in G770 ........................ 20
Trasformazione di società ..................................................................................................................... 21
Dati fiscali ................................................................................................................................................... 21
Dati previdenziali ed assicurativi ................................................................................................................. 21
Prospetti riepilogativi ST, SV e SX.............................................................................................................. 21
Operazioni straordinarie con estinzione del soggetto cedente ............................................................. 22
G770 - Attivazione operazioni straord. con estinzione del soggetto cedente e prosecuzione dell’attività ... 22
Dati fiscali ................................................................................................................................................... 23
Dati previdenziali ed assicurativi ................................................................................................................. 24
Prospetti riepilogativi ST, SV, SS ed SX ..................................................................................................... 24
Successione “mortis causa” .................................................................................................................. 26
Guida alla compilazione delle comunicazioni e prospetti ................................................................................ 27
Prospetto SD – Dati lavoro dipendente – Parte A ................................................................................. 27
Dati relativi al dipendente, pensionato o altro percettore ............................................................................ 27
Prospetto SD – Dati lavoro dipendente – Parte B ................................................................................. 28
Dati fiscali ................................................................................................................................................... 28
Esposizione addizionali all’irpef .................................................................................................................. 29
Soggetti che si sono avvalsi dell’assistenza fiscale – Assistenza fiscale sospesa ..................................... 31
Altri dati ....................................................................................................................................................... 32
Dati relativi ai conguagli .............................................................................................................................. 33
Somme erogate per l’incremento della produttività da altri soggetti............................................................ 34
Redditi assoggettati a ritenuta a titolo d’imposta......................................................................................... 35
Trattamento di fine rapporto e indennità equipollenti .................................................................................. 36
Dati relativi al coniuge e familiari a carico ................................................................................................... 53
Prospetto SD – Dati lavoro dipendente – Parte C................................................................................. 55
Dati previdenziali ed assistenziali INPS e INPS gestione dipendenti pubblici (ex INPDAP) ....................... 55
Dati assicurativi INAIL................................................................................................................................. 55
Prospetto SD – Dati lavoro dipendente – Parte D................................................................................. 57
Assistenza fiscale prestata ......................................................................................................................... 57
Prospetto SA – Dati lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi ...................................................... 65
Associati in partecipazione ......................................................................................................................... 65
Prospetto SS – Dati riassuntivi .............................................................................................................. 66
Prospetto ST – Ritenute operate, tratt. per ass. fiscale e imposte sostitutive....................................... 71
Prospetto SV – Trattenute addizionali comunali all’Irpef....................................................................... 76
Funzionalità di gestione dei prospetti ST ed SV ................................................................................... 77
Esempi di compilazione del prospetto ST ed SV .................................................................................. 78
Prospetto SX – Riepilogo crediti e compensazioni ............................................................................... 82
Prospetto SY – Dati relativi a pignoramenti presso terzi ....................................................................... 90
Trasmissione telematica 770 ........................................................................................................................... 91
Riepilogo compilazione Completamento dati ........................................................................................ 91
Generazione 770 Telematico: sequenza operativa............................................................................... 94
Dichiarazione “correttiva nei termini” o “integrativa” ........................................................................................ 97
Istruzioni operative 770/2014
3/105
Modalità operative ................................................................................................................................. 98
Dichiarazione integrativa/correttiva totale ................................................................................................... 98
Dichiarazione integrativa/correttiva parziale ............................................................................................... 98
Rettifiche dei prospetti (dichiarazione integrativa/correttiva parziale) ......................................................... 99
Stampe per controllo dati ............................................................................................................................... 101
CONLD – Controllo dati quadratura lavoro dipendete ........................................................................ 101
CONFIS – Controllo dati fiscali mod. 770 ........................................................................................... 102
CONDAT – Stampa controllo dati mod. 770 ....................................................................................... 105
Istruzioni operative 770/2014
4/105
Premessa
La dichiarazione dei sostituti d’imposta si compone di due parti, in relazione ai dati richiesti in ciascuna di
esse: il Mod. 770/Semplificato e il Mod. 770/Ordinario.
Il Mod. 770/Semplificato deve essere utilizzato dai sostituti d’imposta, comprese le Amministrazioni dello
Stato, per comunicare in via telematica all’Agenzia delle Entrate i dati fiscali relativi alle ritenute operate
nell’anno 2013 nonché gli altri dati contributivi ed assicurativi richiesti. Detto modello contiene i dati relativi
alle certificazioni rilasciate ai soggetti cui sono stati corrisposti in tale anno redditi di lavoro dipendente,
equiparati ed assimilati, indennità di fine rapporto, prestazioni in forma di capitale erogate da fondi pensione,
redditi di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi nonché i dati contributivi, previdenziali ed assicurativi
e quelli relativi all’assistenza fiscale prestata nell’anno 2013 per il periodo d’imposta precedente.
Il Mod. 770/Ordinario deve essere utilizzato dai sostituti d’imposta, dagli intermediari e dagli altri soggetti
che intervengono in operazioni fiscalmente rilevanti, tenuti, sulla base di specifiche disposizioni normative, a
comunicare i dati relativi alle ritenute operate su dividendi, proventi da partecipazione, redditi di capitale
erogati nell’anno 2013 od operazioni di natura finanziaria effettuate nello stesso periodo, nonché i dati
riassuntivi relativi alle indennità di esproprio e quelli concernenti i versamenti effettuati, le compensazioni
operate e i crediti d’imposta utilizzati.
La scadenza per la presentazione di entrambi i modelli di dichiarazione è fissata al 31 luglio 2014.
Entrambi i Modelli di dichiarazione devono essere presentati esclusivamente in via telematica, in forma
diretta o mediante intermediari abilitati alla trasmissione.
I soggetti che predispongono la propria dichiarazione possono scegliere di trasmetterla direttamente, senza
avvalersi di un intermediario abilitato.
In tal caso devono obbligatoriamente utilizzare:
- il servizio telematico Entratel, qualora la dichiarazione sia presentata per un numero di soggetti
superiore a venti;
- il servizio telematico Internet (Fisconline), qualora la dichiarazione sia presentata per un numero di
soggetti non superiore a venti.
Per il computo dei soggetti da considerare, al fine dell’utilizzo dei due diversi servizi per la trasmissione
telematica sopramenzionati, occorre fare riferimento al numero di comunicazioni indicate nel riquadro
“Redazione della dichiarazione” contenuto nel frontespizio e presenti nei campi “Numero cert. Lav.
dipendente” e “Numero cert. Lav. autonomo” all’interno della sezione “Completamento dati” di QUA770.
Il sostituto d’imposta tenuto a presentare anche il Mod. 770 Ordinario, può produrre il modello 770
Semplificato comprensivo dei prospetti ST, SV e SX qualora non abbia operato compensazioni
“interne” ai sensi dell’art. 1 del D.P.R. n. 445 del 10 novembre 1997 tra i versamenti attinenti al Mod.
770/Semplificato e quelli relativi al Mod.770/Ordinario.
Viceversa, nel caso in cui siano state operate compensazioni interne, il sostituto non può produrre il modello
770 Semplificato comprensivo dei prospetti ST, SV e SX
Ai sostituti d’imposta è data facoltà di suddividere il Mod. 770/Semplificato inviando, con il frontespizio, le
sole Comunicazioni dati lavoro dipendente ed assimilati ed i relativi prospetti SS, ST, SV, SX ed SY
separatamente dalle Comunicazioni dati lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi e dai relativi prospetti
SS, ST, SX ed SY, purché risultino soddisfatte entrambe le seguenti condizioni:
1. che debbano essere trasmesse sia Comunicazioni dati lavoro dipendente ed assimilati, sia
Comunicazioni dati lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi;
2. che non siano state effettuate compensazioni “interne” tra i versamenti attinenti ai redditi di lavoro
dipendente e quelli di lavoro autonomo, né tra tali versamenti e quelli riguardanti i redditi di capitale.
Istruzioni operative 770/2014
5/105
Novità del modello 770/2014 Semplificato
Frontespizio
Redazione della dichiarazione
Nella sezione in oggetto è stato inserito il campo “Casi di non trasmissione dei prospetti ST, SV e/o SX”, da
compilare per indicare le situazioni nelle quali il sostituto può non allegare i prospetti ST, SV e/o SX al
modello 770 Semplificato. Sono previsti i seguenti valori:
1. nel caso di amministrazioni dello Stato, comprese quelle con ordinamento autonomo;
2. nel caso di sostituto che non abbia operato ritenute relative al periodo d’imposta 2013.
Per tale casistica è stato inserito il corrispondente campo nella sezione “Completamento dati” della gestione
quadri (QUA770), nel quale è possibile indicare il valore richiesto:
Istruzioni operative 770/2014
6/105
Firma della dichiarazione
Come previsto dall’art. 1, co. 574, L. 147/2013 (Legge di stabilità 2014), i contribuenti che utilizzano in
compensazione i crediti per importi superiori a 15.000 euro annui, hanno l’obbligo di richiedere l’apposizione
del visto di conformità (di cui all’articolo 35, c. 1, lett. a), del citato D.Lgs n. 241 del 1997).
In alternativa, i soggetti incaricati del controllo contabile, devono sottoscrivere la dichiarazione al fine di
attestare l’esecuzione dei controlli di cui all’art. 2, c. 2, del regolamento di cui al decreto del Min. delle
Finanze n. 164/1999. A tal fine, i soggetti che esercitano il controllo qualora sottoscrivano la dichiarazione
anche ai fini dell’attestazione di cui al decreto n. 164/1999, sono tenuti a barrare la nuova casella
“Attestazione” inserita nella sezione “Firma della dichiarazione”:
Per tale casistica è stato inserito il corrispondente campo nella sezione “Completamento dati” della gestione
quadri (QUA770), nel quale è possibile indicare il valore richiesto:
Istruzioni operative 770/2014
7/105
Comunicazione dati lavoro dipendente, assimilati ed assistenza fiscale
Parte B – Dati fiscali
Altri dati
Inserito il seguente campo, già presente nel modello CUD 2014:
130 – “Totale oneri sostenuti non esclusi dai redditi indicati nei punti 1 e 2”
Tale valore viene prelevato dal corrispondente campo del GESCUD.
Eliminati i seguenti punti, così come già previsto nel modello CUD 2014:
• 118 – Detrazione fruita comparto sicurezza;
• 119 – Compenso erogato comparto sicurezza;
• 136 – Reddito al netto del contributo di perequazione;
• 137 – Contributo di perequazione;
• 352 – Compenso erogato comparto sicurezza (compensi relativi agli anni precedenti);
• 354 – Detrazione (compensi relativi agli anni precedenti).
TFR e altre indennità
Altre indennità maturate al 31/12/2000
• Punto 450 - “Titolo”
Sono stati inseriti i codici “N” ed “O” in sostituzione dei codici “G” ed “H”, presenti modello 770/2013,
per indicare rispettivamente il saldo e l’acconto relativi all’incentivo all’esodo agevolato.
TFR ed altre indennità maturate dal 1/1/2001
Inseriti i seguenti campi:
454 - “Datore di lavoro”
Deve essere barrato dal datore di lavoro nella sola ipotesi di erogazione del TFR maturato dal
1/1/2007 da parte del Fondo di Tesoreria istituito presso l’INPS. In questo caso nel punto 461 il
datore di lavoro deve indicare il TFR complessivamente maturato dal lavoratore a partire dal
1/1/2001 fino alla data di cessazione del rapporto di lavoro, mentre nel punto 462 (TFR erogato nel
2013) la sola parte di tale TFR di sua competenza.
Il punto 454 viene compilato in automatico in caso di erogazione nel 2013 di TFR a carico del datore
di lavoro e presenza nello stesso anno o in anni precedenti di TFR a carico del Fondo di Tesoreria
non erogato a seguito di incapienza contributiva.
Per verificare questa seconda condizione il programma controlla la compilazione del campo
“Erogazione TFR INPS no capienza” della sezione DIPE > “Indennità di anzianità > Tassazione” o
del campo “TFR Inps non erogato” della sezione DIPE > “Indennità anzianità” (riquadro “Tassazione
dal 2001”).
In funzione delle indicazioni previste dalle specifiche tecniche del modello 770 Semplificato, tale
campo non viene comunque compilato per i dipendenti aventi data inizio rapporto successiva al
31/12/2006.
Istruzioni operative 770/2014
8/105
455 - “Fondo tesoreria”
456 - “Codice fiscale del datore di lavoro che ha erogato il TFR maturato al 31/12/2006”
La compilazione di tali campi riguarda esclusivamente l’INPS.
Il punto 455 deve essere compilato in caso di erogazione del TFR maturato dall’1/1/2007 dal Fondo
di Tesoreria. In questo caso l’INPS dovrà indicare nel successivo punto 456 il codice fiscale del
datore di lavoro che ha erogato il TFR maturato fino al 31/12/2006.
Dati riepilogativi – Importo a tassazione ordinaria
Inserito il seguente campo
508 – “Anni precedenti”
Indicare l’importo eccedente un milione di euro tassato ordinariamente in luogo della tassazione
separata negli anni precedenti.
Campo a compilazione manuale.
Parte D – Assistenza fiscale 2013
Le caselle dei punti 107, 111, 116 e 120 “Richiesta di minore acconto” devono essere barrate nel caso
di richiesta di minore secondo o unico acconto (nel modello dello scorso anno per la stessa casistica
era prevista la compilazione del campo con il codice A).
Comunicazione dati certificazioni lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi
Inseriti i seguenti campi:
Dati relativi al percipiente delle somme
11 - “Codice comune”
Dati relativi alle somme erogate
33 – “Addizionale comunale a titolo d’acconto”
34 – “Addizionale comunale a titolo d’imposta”
35 - “Addizionale comunale sospesa”
I suddetti nuovi campi devono essere compilati solo nel caso di indicazione del codice “N” nel punto 19
“Causale” (compensi erogati nell’esercizio diretto di attività sportive dilettantistiche o in relazione a rapporti di
collaborazione coordinata e continuativa di carattere amministrativo-gestionale di natura non professionale
resi a favore di società e associazioni sportive dilettantistiche).
Il prelievo dati compila in automatico tali campi nel caso di collegamento con la procedura MULTI ("Si" al
campo “Collegamento con procedura MULTI” di tabella “Personalizzazione procedura" PERSPRO).
Nella sezione Redditi erogati da altri soggetti sono stati inseriti tre campi (53, 54 e 55) per riportare le
analoghe informazioni. Per la modalità di compilazione si rimanda al capitolo “Appendice” del Manuale
770/2014.
Punto 19 - “Causale”
È stato eliminato il codice “F” (prestazioni rese dagli sportivi con contratto di lavoro autonomo).
Istruzioni operative 770/2014
9/105
Frontespizio: compilazione di alcuni riquadri
Redazione della Dichiarazione
Il riquadro “Redazione della dichiarazione” permette di indicare le modalità con le quali viene trasmessa la
dichiarazione.
Esso si compone di quattro sezioni che vanno utilizzate alternativamente, a seconda della modalità di
presentazione prescelta:
1. Sezione I – Trasmissione integrale 770 Semplificato;
2. Sezione II – Trasmissione del 770 Semplificato con successivo invio dei prospetti ST, SV ed SX
allegandoli al 770/Ordinario;
3. Sezione III – Trasmissione separata solo dati lavoro dipendente;
4. Sezione IV – Trasmissione separata solo dati lavoro autonomo.
Nella sezione “Completamento dati” di QUA770 è presente il campo “Presentazione separata
ST/SV/SX”, al quale si accede solo se il dichiarante è tenuto a presentare anche il modello 770
Ordinario (flag al campo “770 ordinario”).
Tale campo deve essere compilato qualora l’utente desideri inviare i prospetti ST/SV/SX del modello
770 Semplificato separatamente dai prospetti ST/SV/SX del 770 Ordinario.
In questo caso, la gestione dei prospetti ST e SV (Semplificato/Ordinario) resta unica; è il programma
che provvede automaticamente alla compilazione dei prospetti, alla stampa del modello ed alla
generazione dei dati per il telematico in base al codice tributo presente nei singoli righi.
La compilazione del prospetto SX, invece, avviene in maniera disgiunta. La parte riferita al 770
Semplificato viene compilata automaticamente dal programma, mentre il prospetto SX riferito al
modello Ordinario, in presenza di compensazioni tra ritenute su redditi di capitale, è a cura esclusiva
dell’utente.
Istruzioni operative 770/2014
10/105
Nelle situazioni in cui il sostituto non è obbligato alla compilazione dei prospetti ST, SV e/o SX, è necessario
compilare il campo “Casi di non trasmissione dei prospetti ST, SV e/o SX” indicando:
1, nel caso di amministrazioni dello Stato, comprese quelle con ordinamento autonomo;
2, nel caso di sostituto che non abbia operato ritenute relative al periodo d’imposta 2013.
Le schermate che seguono illustrano le modalità di compilazione della pagina “Completamento dati” di
QUA770 in base alla tipologia di presentazione prescelta.
1. Sezione I – Trasmissione integrale 770 Semplificato
La sezione I è riservata ai sostituti d’imposta che intendano procedere alla trasmissione integrale del Mod.
770 Semplificato (Frontespizio, Comunicazioni dati lavoro dipendente ed assimilati e/o comunicazioni dati
lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi, prospetti SS, ST, SV, SX e SY).
La sezione in oggetto deve essere compilata in maniera differenziata a seconda che:
A. il sostituto sia tenuto a presentare esclusivamente il Mod. 770/Semplificato;
B. il sostituto, pur essendo tenuto alla presentazione anche del Mod. 770 Ordinario e, non avendo effettuato
compensazioni “interne” tra i versamenti attinenti al Mod. 770 Semplificato e quelli relativi al Mod. 770
Ordinario, abbia optato per l’invio integrale del Mod. 770 Semplificato (comprensivo dei prospetti ST, SV
ed SX).
A. Assenza di 770 Ordinario ed assenza di “Dichiarazione trasmessa da più soggetti”
In presenza di tale casistica, occorrerà indicare il numero delle comunicazioni di cui è composta la
dichiarazione barrando la casella SS. Inoltre è necessario barrare le caselle ST, SV e SX qualora siano state
operate ritenute ed effettuate compensazioni nonché la casella SY nel caso di somme liquidate a seguito di
procedura di pignoramento presso terzi e/o di ritenute operate di cui all’art. 25 del D.L. n. 78/2010.
Istruzioni operative 770/2014
11/105
B. Presenza di 770 Ordinario e assenza di “Dichiarazione trasmessa da più soggetti”
In presenza di tale casistica, occorrerà indicare il numero delle comunicazioni di cui è composta la
dichiarazione, barrando la casella SS. Inoltre, devono essere barrate le caselle ST, SV, SX e SY qualora
siano state operate ritenute ed effettuate compensazioni, nonché la casella “Presenza di modello 770
ordinario 2014”.
Istruzioni operative 770/2014
12/105
2. Sezione II – Trasmissione del 770 Semplificato con successivo invio di ST, SV ed SX nel
770/Ordinario
La sezione II deve essere compilata dai sostituti d’imposta che procedono alla trasmissione del Mod. 770
Semplificato, con successivo inoltro dei prospetti ST, SV ed SX nell’ambito del Mod. 770 Ordinario.
Nel compilare la sezione va sempre indicato il numero delle comunicazioni di cui è composta la
dichiarazione, barrando altresì la casella SS nonché la casella SY nel caso di somme liquidate a seguito
di procedure di pignoramento presso terzi e/o di ritenute operate di cui all’articolo 25 del D.L. n. 78 del
2010.
Istruzioni operative 770/2014
13/105
3. Sezione III – Trasmissione separata solo dati lavoro dipendente
La sezione III deve essere compilata dai sostituti d’imposta che intendano separare il Mod. 770 Semplificato
ed inviare, con il frontespizio, le sole comunicazioni relative a certificazioni lavoro dipendente ed assimilati
ed i relativi prospetti SS, ST, SV, SX e SY.
Il sostituto può avvalersi di tale facoltà qualora risultino soddisfatte entrambe le seguenti condizioni:
- che debbano essere trasmesse sia Comunicazioni dati lavoro dipendente ed assimilati, sia
Comunicazioni dati lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi;
- che non siano state effettuate compensazioni “interne” tra i versamenti attinenti ai redditi di lavoro
dipendente e quelli di lavoro autonomo, né tra tali versamenti e quelli riguardanti i redditi di capitale.
In questo caso, deve essere indicato il numero delle comunicazioni trasmesse relative a certificazioni lavoro
dipendente ed assimilati barrando la casella SS. Inoltre devono essere barrate le caselle ST, SV ed SX
qualora siano stati effettuati versamenti ed eseguite compensazioni nonché la casella SY nel caso di somme
liquidate a seguito di procedure di pignoramento presso terzi e/o di ritenute operate di cui all’articolo 25 del
D.L. n. 78 del 2010, specificando, nell’apposito spazio, il codice fiscale del soggetto che presenta la restante
parte della dichiarazione.
In caso di successivo invio del Mod. 770 Ordinario deve essere barrata, anche la casella “Presenza di
modello 770 Ordinario 2014”.
La schermata che segue illustra la modalità di compilazione della pagina “Completamento dati” in presenza
di Modello 770/Ordinario. In assenza del Modello 770/Ordinario i campi “770 Ordinario” e “Presentazione
separata ST/SV/SX” non devono essere contrassegnati.
Istruzioni operative 770/2014
14/105
4. Sezione IV – Trasmissione separata solo dati lavoro autonomo
La sezione IV deve essere compilata dai sostituti d’imposta che intendano separare il Mod. 770 Semplificato
ed inviare, con il frontespizio, le sole comunicazioni relative a certificazioni lavoro autonomo, provvigioni e
redditi diversi ed i relativi prospetti SS, ST, SX ed SY.
Il sostituto può avvalersi di tale facoltà qualora risultino soddisfatte entrambe le seguenti condizioni:
- che debbano essere trasmesse sia Comunicazioni dati lavoro dipendente ed assimilati, sia
Comunicazioni dati lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi;
- che non siano state effettuate compensazioni “interne” tra i versamenti attinenti ai redditi di lavoro
dipendente e quelli di lavoro autonomo, né tra tali versamenti e quelli riguardanti i redditi di capitale.
In questo caso, deve essere indicato il numero delle comunicazioni trasmesse relative a certificazioni lavoro
autonomo, provvigioni e redditi diversi barrando la casella SS. Inoltre barrare le caselle ST e SX qualora
siano stati effettuati versamenti ed eseguite compensazioni, nonché la casella SY nel caso di somme
liquidate a seguito di procedure di pignoramento presso terzi e/o di ritenute operate di cui all’articolo 25 del
D.L. n. 78 del 2010 specificando, nell’apposito spazio, il codice fiscale del soggetto che presenta la restante
parte della dichiarazione.
In caso di successivo invio del Mod. 770 Ordinario deve essere barrata, anche la casella “Presenza di
modello 770 Ordinario 2014”.
Istruzioni operative 770/2014
15/105
Nella pagina “Completamento dati” di QUA770 è presente il campo “Forzatura numero sezione”. Tale
campo, nel caso di dichiarazione trasmessa da più soggetti, consente di indicare se compilare la III o la IV
sezione del riquadro “Redazione della dichiarazione”. Il campo in oggetto deve essere valorizzato
esclusivamente nel caso in cui non siano presenti né righi di lavoro dipendente né righi di lavoro
autonomo e risulterebbe quindi impossibile determinare automaticamente la sezione da compilare.
Istruzioni operative 770/2014
16/105
Firma della Dichiarazione
La dichiarazione deve essere sottoscritta dal dichiarante o da chi ne ha la rappresentanza legale, negoziale
o di fatto, nonché dai soggetti che sottoscrivono la relazione di revisione.
In particolare:
in caso di controllo contabile effettuato da una società di revisione, in tale sezione andrà riportato il codice
fiscale della società di revisione nonché il codice fiscale e la firma del responsabile della revisione (ad
esempio socio o amministratore della società di revisione);
in caso di controllo effettuato dal collegio sindacale, in tale sezione andrà riportato il codice fiscale e la
firma di ciascun membro del collegio.
Per ciascuno dei soggetti interessati deve essere inserito il codice fiscale e la relativa firma, indicando nella
colonna “Soggetto” il corrispondente codice identificativo:
1
revisore contabile iscritto nel Registro istituito presso il Ministero della giustizia;
2
responsabile della revisione in caso di controllo affidato ad una società di revisione;
3
società di revisione incaricata (in tal caso è richiesto il relativo codice fiscale senza compilazione del
campo firma);
4
membro del collegio sindacale.
Il campo “Attestazione” deve essere contrassegnato nel caso in cui (come previsto dall’art. 1, co. 574, L.
147/2013) il contribuente abbia utilizzato in compensazione i crediti per importi superiori a 15.000 euro ed i
soggetti che esercitano il controllo contabile sottoscrivano la dichiarazione anche al fine di attestare
l’esecuzione dei controlli di cui all’art. 2, c. 2, del regolamento di cui al decreto n. 164/99.
Con il campo “Invio avviso telematico all’intermediario” il contribuente può richiedere che l’eventuale invito
dell’Amministrazione Finanziaria a fornire chiarimenti in merito alla dichiarazione, venga inviato direttamente
all’intermediario incaricato della trasmissione della dichiarazione, mediante avviso telematico.
L’intermediario, a sua volta, dovrà accettare di ricevere l’avviso telematico, barrando la casella “Ricezione
avviso telematico” presente nel riquadro “IMPEGNO ALLA PRESENTAZIONE TELEMATICA” del mod. 770.
Le informazioni richieste devono essere indicate nella pagina “Presentazione della dichiarazione” della
sezione “Completamento dati” (pagina 2).
Istruzioni operative 770/2014
17/105
Al fine di riportare il nome e cognome dei soggetti che sottoscrivono la dichiarazione, all’interno dei
rispettivi campi “Firma” del modello, l’utente dovrà indicare “Si” al campo “Stampa firma sui
modelli” di PERSPRO-“Personalizzazione procedura” > scheda MOD770.
Per la firma digitale della dichiarazione, è disponibile il servizio “Firma grafometrica” (o firma biometrica)
che consente di inserire nei documenti informatici una firma digitale riconoscibile, al fine di identificare in
modo certo l’utente che firma e di ottimizzare il trattamento e l’archiviazione digitale dei documenti firmati.
La gestione della firma grafometrica viene attivata mediante il campo “Attiva firma grafometrica” presente
nella scheda “MOD770” della tabella “Personalizzazione procedura” (PERSPRO). Per il funzionamento del
servizio si rinvia al Manuale 770/2014.
E’ prevista la possibilità per il contribuente di evidenziare particolari condizioni che riguardano la
dichiarazione dei redditi, indicando un apposito codice nella casella “Situazioni particolari”. La casella può
essere compilata solo se l’Agenzia delle entrate comunica uno specifico codice da utilizzare per indicare la
situazione particolare.
Nella sezione “Completamento dati” di QUA770 (pagine 1 e 3) sono presenti i campi “Codice situazioni
particolari” che consentono la compilazione della casella in esame all’interno dei modelli 770 Semplificato e
Ordinario.
Istruzioni operative 770/2014
18/105
Impegno alla trasmissione telematica
Il riquadro deve essere compilato e sottoscritto dall’intermediario che presenta la dichiarazione in via
telematica.
L’intermediario deve riportare:
- il proprio codice fiscale;
- se si tratta di CAF, il proprio numero di iscrizione all’albo;
- la data (giorno, mese e anno) di assunzione dell’impegno a presentare la dichiarazione;
- la firma.
Inoltre, nella casella “Impegno a presentare in via telematica la dichiarazione”, deve essere indicato il
codice 1 se la dichiarazione è stata predisposta dal contribuente ovvero il codice 2 se la dichiarazione è
stata predisposta da chi effettua l’invio.
Il campo “Ricezione avviso telematico” dovrà essere barrato dall’intermediario al fine di accettare di
ricevere l’avviso telematico dall’Amministrazione Finanziaria, come richiesto dal contribuente mediante il
campo “Invio avviso telematico all’intermediario”.
Nella pagina “Presentazione della dichiarazione” (pagina 2 della sezione “Completamento dati”) è possibile
gestire la casella “Impegno a presentare in via telematica la dichiarazione” e “Ricezione avviso telematico”
nonché indicare la data di assunzione dell’impegno a presentare la dichiarazione:
Le altre informazioni richieste vengono prelevate dal codice della tabella “Anagrafica mittenti” (ANAMITT)
collegata al campo “Codice mittente” del “Completamento dati”.
Per consentire al programma di stampare nome e cognome dell’intermediario nell’apposito spazio della
dichiarazione, l’utente dovrà indicare il codice S al campo “Stampa firma su modelli” di Tabella
Personalizzazione > scheda MOD770.
Istruzioni operative 770/2014
19/105
Operazioni societarie
Di seguito si fornisce un riepilogo della disciplina delle operazioni societarie evidenziandone i riflessi nella
compilazione e predisposizione della dichiarazione 770.
SENZA Estinzione del soggetto cedente
Trasformazione
Scissione parziale
Cessione o conferimento d’azienda
Conferimento da parte dell’imprenditore individuale
di ramo d’azienda
CON Estinzione del soggetto cedente
Fusione
Scissione totale
Scioglimento società
Conferimento da parte dell’imprenditore individuale
dell’unica azienda posseduta
Operazioni straordinarie senza estinzione del soggetto cedente
In presenza di operazioni straordinarie che non determinano l’estinzione del soggetto preesistente ciascun
sostituto è tenuto a compilare il modello 770 per la parte di propria competenza.
Dati fiscali
Soggetto cedente
Nel caso di passaggio di dipendenti, il sostituto cedente non tenuto al rilascio del Modello Cud dovrà
provvedere a redigere il proprio Modello 770 indicando le retribuzioni erogate al suddetto personale fino al
momento della cessione. In corrispondenza del campo 207 delle comunicazioni dei dipendenti trasferiti al
nuovo soggetto dovrà essere indicato il codice 8.
Soggetto cessionario
Il sostituto d’imposta che subentra è tenuto ad effettuare le operazioni di conguaglio di fine anno ed a
rilasciare il Modello CUD. Lo stesso, pertanto, emetterà una comunicazione comprensiva di tutti i redditi
percepiti dai dipendenti acquisiti evidenziando, nei punti da 204 a 220 le somme corrisposte dal precedente
sostituto e in particolare ai punti:
204 e/o 205 = i redditi erogati dal soggetto preesistente;
206 = il codice fiscale del soggetto cedente;
207 = il codice 1.
Dati previdenziali ed assicurativi
Il cambiamento della matricola INPS e/o il codice cliente INAIL (con la relativa PAT), comporta la
suddivisione delle informazioni nelle relative sezioni separando quindi i due periodi.
Nei dati previdenziali e assistenziali Inps, il soggetto che subentra, dovrà indicare solo i dati riferiti al suo
rapporto di lavoro dal momento che tali dati, con riferimento al precedente rapporto di lavoro, saranno
denunciati dall’azienda cedente.
Assistenza fiscale
In caso di passaggio di dipendenti senza interruzione del rapporto di lavoro e senza estinzione del soggetto
preesistente, il sostituto cedente dovrà indicare nel proprio 770 quanto da lui rimborsato e trattenuto nei mesi
di conguaglio ed esporre il residuo non rimborsato e non trattenuto indicando il codice F nel campo 147.
Il sostituto che subentra deve esporre unicamente i dati degli importi da lui rimborsati e trattenuti a seguito
dell’assistenza fiscale prestata nel 2013.
Prospetti riepilogativi SS, ST, SV e SX
Ogni azienda presenta il prospetto SS, ST, SV e SX relativamente alla gestione di propria competenza.
Istruzioni operative 770/2014
20/105
Prospetti ST, SV e SS: modalità di esposizione delle addizionali e dei dati relativi all’assistenza fiscale
Per i sostituti d’imposta che hanno operato un passaggio di dipendenti con prosecuzione del rapporto di
lavoro, senza estinzione del precedente sostituto d’imposta, sono previste particolari modalità di
compilazione dei prospetti ST e SV per esporre distintamente i dati relativi:
alle rate residue di addizionale regionale/comunale all’IRPEF non prelevate per effetto del predetto
passaggio, dovute a seguito delle operazioni di conguaglio relative all’anno d’imposta 2012 e alle rate
residue dell’acconto delle addizionali comunali relative all’anno d’imposta 2013;
alle rate residue di addizionale regionale/comunale all’IRPEF non prelevate per effetto del predetto
passaggio, dovute a seguito di assistenza fiscale.
Il sostituto d’imposta cedente indicherà i dati relativi alle residue rate non prelevate per effetto
dell’operazione straordinaria nel rigo SS4 (punti da 1 a 15) del prospetto SS.
Il sostituto d’imposta cessionario, dovrà riportare per ciascun periodo di riferimento i dati degli importi da
esso prelevati per effetto del passaggio di dipendenti con le ordinarie modalità, riportando il codice “N” al
punto 10 del prospetto ST / SV.
Lo stesso dovrà procedere per gli altri dipendenti che non sono stati interessati all’operazione straordinaria,
alla compilazione di un distinto rigo senza l’indicazione del codice “N” al punto 10.
Attivazione delle operazioni straordinarie senza estinzione del soggetto cedente in G770
I prospetti ST e SV vengono automaticamente compilati dal programma di prelievo, con le modalità sopra
descritte, indicando “S” al campo “Passaggio diretto dipendenti” della sezione “Dati Paghe” dell’anagrafica
ditta (QUA770 – Dati anagrafici), sia nella ditta cedente che nella ditta cessionaria.
Il programma individua i dipendenti ceduti per i quali non sono state trattenute interamente le addizionali e
le rate dell’assistenza fiscale in base ai seguenti parametri:
- Anagrafica dipendente, Dati generali, “Stato dipendente” uguale a 9;
- Anagrafica dipendente, Dati generali, assenza della data di licenziamento;
Istruzioni operative 770/2014
21/105
- Anagrafica dipendente, Progressivi – Irpef e detrazioni (seconda pagina), anno 2012, addizionali versate
inferiori alle dovute;
- Anagrafica dipendente, Altri dati – Assistenza fiscale, anno 2013, conguaglio assistenza fiscale non
completato.
I dipendenti acquisiti vengono invece rilevati in base ai seguenti parametri:
- Anagrafica dipendente, Dati generali, data di assunzione nell’anno;
- Anagrafica dipendente, Altri dati – Lavoro precedente, presenza di almeno un record in cui al campo
“Soggetto estinto” sia impostato “No” o “X”;
- Anagrafica dipendente, Progressivi – Irpef e detrazioni (seconda pagina), presenza nell’anno
precedente di addizionali dovute o pagina “Altri dati – Assistenza fiscale”, differenza tra importi
conguagliati per assistenza fiscale ed importi ricalcolati dallo storico (GESSTO) a partire dalla data
di assunzione.
Trasformazione di società
Tra le operazioni straordinarie che non determinano l’estinzione del precedente soggetto, la Trasformazione
da società di persone in società di capitali o viceversa presenta alcune peculiarità.
Le modalità di presentazione del Modello 770 sono le seguenti:
Dati fiscali
Va presentata un’unica dichiarazione/comunicazione con i dati fiscali conguagliati dalla nuova società (nei
dati anagrafici riportati nel frontespizio deve essere indicata la nuova denominazione o ragione sociale della
società).
Non vanno compilate le caselle da 204 a 220.
Dati previdenziali ed assicurativi
Se la trasformazione comporta il cambiamento della matricola INPS e/o del codice cliente INAIL o Pat, le
informazioni vanno comunicate in relazione ai due periodi in cui l’azienda ha operato, prima e dopo la
trasformazione. Qualora il codice ditta, la PAT e la matricola Inps dell’azienda restino invariate si dovrà
compilare un’unica sezione sia ai fini Inps che Inail.
Prospetti riepilogativi ST, SV e SX
Deve essere compilato un unico prospetto ST, SV e SX che riepiloga i movimenti dell’intero periodo prima e
dopo la trasformazione.
Istruzioni operative 770/2014
22/105
Operazioni straordinarie con estinzione del soggetto cedente
Operazioni straordinarie senza prosecuzione dell’attività da parte di altro soggetto
In situazioni quali liquidazione, fallimento, liquidazione coatta amministrativa la dichiarazione deve essere
presentata dal liquidatore, curatore fallimentare o commissario liquidatore in nome e per conto del soggetto
estinto relativamente al periodo dell’anno in cui questi ha effettivamente operato. Nel frontespizio del
modello, nel riquadro “Dati relativi al sostituto” e nelle comunicazioni che compongono la dichiarazione
devono essere indicati i dati del sostituto d’imposta estinto ed il suo codice fiscale; il liquidatore,
curatore fallimentare o commissario liquidatore che sottoscrive la dichiarazione deve esporre i propri dati
esclusivamente nel riquadro del frontespizio “Dati relativi al rappresentante firmatario della dichiarazione”.
Operazioni straordinarie con prosecuzione dell’attività da parte di altro soggetto
Il soggetto che succede nei rapporti del sostituto d’imposta preesistente deve presentare il Modello 770
Semplificato che deve essere comprensivo dei dati relativi al periodo dell’anno in cui il soggetto estinto ha
operato.
G770 - Attivazione operazioni straord. con estinzione del soggetto cedente e prosecuzione dell’attività
In presenza di operazioni straordinarie che determinano l’estinzione del soggetto cedente e con
prosecuzione dell’attività, nell’applicativo G770 è necessario intervenire nei “Dati anagrafici/Ditta” di QUA770
al campo “Operazioni straordinarie”, sia nella ditta estinta che nella ditta dichiarante.
Nella ditta dichiarante va indicato il codice “D” e tramite il tasto funzione “F4=Tabella ditte collegate” il codice
della ditta estinta.
Nella ditta soggetto estinto al campo “Operazioni straordin.” va indicato il codice “E” e nel campo a fianco il
codice della ditta dichiarante.
Istruzioni operative 770/2014
23/105
Se più soggetti succedono nei precedenti rapporti facenti capo al sostituto d’imposta estinto (es. scissione
totale), ciascuno di essi è obbligato in solido alla trasmissione del prospetto SS dei dati riassuntivi, dei
prospetti ST e SV dei versamenti effettuati dal soggetto estinto, del prospetto SY dei dati relativi alle somme
liquidate a seguito di procedure di pignoramento presso terzi nonché quelli relativi alle ritenute operate di cui
all’articolo 25 del D.L. n. 78 del 2010, delle comunicazioni dati relative alle certificazioni di lavoro autonomo
provvigioni e redditi diversi rilasciate dallo stesso e, limitatamente ai dipendenti cessati prima dell’estinzione
della società scissa non transitati nelle società beneficiarie, delle comunicazioni di dati certificazioni di lavoro
dipendente, assimilati e assistenza fiscale.
Tali prospetti e comunicazioni dovranno essere integralmente inviati soltanto da uno dei soggetti coobbligati
per evitare una duplicazione dei dati.
In presenza di tale casistica l’attivazione dell’operazione straordinaria (indicazione del codice “D”
nell’anagrafica ditta di QUA770) va operata solamente in una delle aziende coobbligate; nella stessa
anagrafica ditta deve inoltre essere valorizzato il campo “Parziale”.
In questo modo il programma preleva, fra tutti i dipendenti dell’azienda cedente estinta (indicazione del
codice “E” nell’anagrafica ditta di QUA770), solo i dati dei dipendenti transitati nell’azienda dichiarante e i
dati dei dipendenti cessati prima dell’estinzione dell’azienda cedente non transitati nelle aziende cessionarie,
oltre al prospetto ST relativo ai versamenti effettuati dal soggetto estinto.
Qualora le suddette operazioni siano avvenute nell’anno 2013 o 2014 prima della presentazione del Modello
770 Semplificato, il dichiarante deve provvedere alla compilazione ed all’invio:
delle comunicazioni dati certificazioni di lavoro dipendente ed assimilati;
delle comunicazioni dati certificazioni di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi;
dei dati riassuntivi di cui al prospetto SS;
dei versamenti eseguiti e delle compensazioni effettuate di cui ai prospetti ST, SV e SX se
presentati;
dei dati relativi alle somme liquidate a seguito di procedure di pignoramento presso terzi nonché
quelli relativi alle ritenute operate di cui all’articolo 25 del D.L. n. 78 del 2010 di cui al prospetto SY,
se presenti.
Dati fiscali
Con riferimento ai redditi di lavoro dipendente ed assimilati si possono verificare le seguenti fattispecie:
A. Operazioni di conguaglio effettuate dal soggetto estinto
Qualora le operazioni di conguaglio siano state effettuate dall’estinto, il dichiarante dovrà trasmettere
un’unica comunicazione per ciascun percipiente contenente i risultati di tali operazioni.
Sulla comunicazione il soggetto dichiarante deve indicare:
il proprio codice fiscale nello spazio contraddistinto dalla dicitura “Codice fiscale”;
quello del soggetto estinto nel rigo “Codice fiscale del sostituto d’imposta”.
Tale modalità di compilazione è ad esempio richiesta:
⇒ se il soggetto estinto ha effettuato le operazioni di conguaglio di fine anno e non possa presentare il
Mod. 770 Semplificato a causa dell’avvenuta operazione straordinaria che ne ha determinato
l’estinzione;
⇒ se il dipendente ha cessato il rapporto di lavoro o è stato collocato a riposo dal soggetto
successivamente estintosi per effetto dell’operazione straordinaria intervenuta.
Istruzioni operative 770/2014
24/105
B. Operazioni di conguaglio effettuate dal nuovo soggetto
Qualora le operazioni di conguaglio siano state effettuate dal soggetto tenuto alla presentazione della
dichiarazione, nella comunicazione contenente per ciascun percipiente i risultati delle predette
operazioni, il sostituto deve indicare nello spazio contraddistinto dalla dicitura “Codice fiscale”
esclusivamente il proprio codice fiscale evidenziando, nei punti da 204 a 220, le somme e i valori
corrisposti dal precedente sostituto e in particolare i punti:
204 e/o 205 = redditi erogati dal soggetto preesistente
206 = codice fiscale del soggetto cedente
207= codice 1
Anche nel caso in cui il rapporto di lavoro cessi anteriormente all’estinzione del sostituto d’imposta e
successivamente il dipendente venga riassunto (nel corso dello stesso periodo d’imposta) dal sostituto
subentrante, quest’ultimo è tenuto ad effettuare le operazioni di conguaglio tenendo conto di tutte le
retribuzioni percepite dal dipendente; in tal caso però non deve essere evidenziato il codice fiscale
dell’estinto nell’apposito rigo “Codice fiscale del sostituto d’imposta” presente nella comunicazione. In
questo caso nel campo 207 non va indicato il codice 1.
Dati previdenziali ed assicurativi
Il cambiamento della matricola INPS e il codice cliente INAIL (con relativa PAT), comporta la suddivisione
delle informazioni nelle relative sezioni separando quindi i due periodi.
Prospetti riepilogativi ST, SV, SS ed SX
Prospetti ST e SV
Per quanto riguarda l’eventuale trasmissione dei dati dei versamenti, è necessario compilare più prospetti
ST e SV al fine di esporre separatamente le situazioni riferibili allo stesso dichiarante ovvero a ciascuno dei
soggetti estinti.
Nella compilazione dei prospetti ST e SV relativi ad ogni soggetto estinto il dichiarante deve indicare:
il proprio codice fiscale nello spazio contraddistinto dalla dicitura “Codice fiscale”
quello dell’estinto nel campo “Codice fiscale del sostituto d’imposta” (righi ST1 e SV1, colonna 1),
specificando, inoltre, nel campo “Eventi eccezionali” l’eventuale codice dell’evento eccezionale relativo
a tale sostituto.
Particolarità di compilazione dei prospetti ST e SV
Per le operazioni societarie straordinarie e per le successioni (ad es. nell’ipotesi di fusione per
incorporazione) per le mensilità in cui le ritenute sono state operate dal soggetto estinto (azienda
incorporata) ma il versamento è stato eseguito dal soggetto dichiarante (azienda incorporante) quest’ultimo
provvederà a presentare anche i prospetti ST e SV intestati alla prima società compilando esclusivamente le
seguenti caselle:
- casella 1
- casella 2
- casella 10 = indicare il codice “K”
- casella 11
Nei prospetti ST e SV intestati alla società incorporante, è necessario compilare ogni punto secondo le
ordinarie modalità, ad eccezione del punto 2 che non deve essere compilato, ed indicando il codice “L” al
punto 10.
In questo caso il punto 7 corrisponderà alla differenza tra l’importo indicato al punto 2 del prospetto ST o SV
del soggetto estinto ed i punti 4, 5 e 6 del prospetto ST o SV del soggetto incorporante.
Questa operazione va eseguita in QUA770 in modo manuale con le relative esposizioni nei prospetti
ST e SV.
Istruzioni operative 770/2014
25/105
Tali modalità di indicazione dei dati dovranno essere rispettate nel prospetto ST anche qualora la società
estinta abbia effettuato trattenute a titolo di addizionali all’IRPEF ma il relativo versamento è stato eseguito
dalla società risultante dall’operazione societaria straordinaria. In questo caso, nel prospetto ST (II sezione)
intestato alla società estinta andranno compilati i punti 1, 2, 10,11 e 13.
Prospetto SS e SY
Per quanto concerne la trasmissione dei prospetti SS e SY dovranno essere compilati più prospetti per dare
distinta evidenza dei dati riassuntivi riferibili al dichiarante ovvero al soggetto estinto. Le modalità di
compilazione sono le stesse previste per i prospetti ST e SV.
Prospetto SX
In tutti i casi di operazioni straordinarie comportanti estinzione del sostituto d’imposta con prosecuzione
dell’attività da parte di altro soggetto il prospetto SX è unico e deve pertanto riepilogare sia i dati del
dichiarante che dei soggetti estinti.
Istruzioni operative 770/2014
26/105
Successione “mortis causa”
Successione senza prosecuzione dell’attività da parte dell’erede
Qualora l’attività della persona fisica deceduta non sia proseguita dagli eredi, il Modello 770 deve comunque
essere presentato da uno di essi in nome e per conto del deceduto relativamente al periodo dell’anno in cui
questi ha operato.
L’erede che sottoscrive la dichiarazione dovrà indicare:
nel frontespizio del modello, nel riquadro persone fisiche, i dati anagrafici del sostituto d’imposta
deceduto;
nel riquadro “Dati relativi al rappresentante firmatario della dichiarazione” i propri dati;
nelle comunicazioni e prospetti che compongono la dichiarazione dovrà esser data evidenza del
solo codice fiscale del deceduto nello spazio contraddistinto dalla dicitura “Codice fiscale”.
Successione con prosecuzione dell’attività da parte dell’erede
Nel caso di successione avvenuta nel periodo d’imposta 2013, o nel 2014 ante presentazione del Modello
770 Semplificato, con prosecuzione dell’attività da parte dell’erede, quest’ultimo ha l’obbligo di presentare la
dichiarazione dei sostituti d’imposta anche per la parte dell’anno in cui ha operato il soggetto estinto.
Operazioni di conguaglio effettuate dal “De cuius”
A. Operazioni di conguaglio effettuate dal “De cuius”
Con riferimento ai redditi di lavoro dipendente e assimilati, qualora le operazioni di conguaglio siano
state effettuate dal de cuius, l’erede dovrà trasmettere un’unica comunicazione per ciascun
percipiente contenente i risultati delle predette operazioni. In tale comunicazione l’erede indicherà,
oltre al proprio codice fiscale nello spazio contraddistinto dalla dicitura “Codice fiscale”, quello del de
cuius nel rigo “Codice fiscale del sostituto d’imposta”.
B. Operazioni di conguaglio effettuate dall’erede
Qualora le operazioni di conguaglio siano state effettuate dall’erede, nella comunicazione dati
certificazione lavoro dipendente ed assimilati, contenente per ciascun percipiente i risultati delle
predette operazioni, egli avrà cura di indicare esclusivamente il proprio codice fiscale nello spazio
contraddistinto dalla dicitura “Codice fiscale”, evidenziando nei punti da 204 a 220 le somme e i
valori corrisposti dal precedente sostituto.
Prospetto SS
Per quanto concerne la trasmissione del prospetto SS dovranno essere compilati più prospetti per dare
distinta evidenza dei dati riassuntivi riferibili all’erede e al de cuius.
Prospetti ST e SV
In relazione alle ritenute operate e ai versamenti effettuati, dovranno essere compilati due prospetti ST e
SV per dare distinta evidenza della situazione riferibile all’erede e di quella relativa al de cuius. A tal fine
l’erede nel redigere il proprio prospetto, avrà cura di riportare nello spazio contraddistinto dalla dicitura
“Codice fiscale”, il proprio codice fiscale mentre nei prospetti ST e SV relativi al de cuius dovrà altresì
indicare rispettivamente nei righi ST1 e SV1, colonna 1 “Codice fiscale del sostituto d’imposta”, il codice
fiscale di quest’ultimo e nella colonna 2 “Eventi eccezionali” l’eventuale codice dell’evento eccezionale
relativo a tale sostituto, rilevabile dalle istruzioni riferite alla casella “Eventi eccezionali” posta nel frontespizio
del Mod. 770. Analoghe modalità di compilazione dovranno essere osservate con riferimento ai prospetti SS
e SY.
Prospetto SX
Il prospetto SX è unico (salvo il caso in cui il dichiarante, ricorrendone i presupposti, abbia optato per la
trasmissione separata del Mod. 770 Semplificato) e deve riguardare sia i dati dell’erede dichiarante che del
de cuius.
Istruzioni operative 770/2014
27/105
Guida alla compilazione delle comunicazioni e
prospetti
Prospetto SD – Dati lavoro dipendente – Parte A
Dati relativi al dipendente, pensionato o altro percettore
•
Punto 9 – Data iscrizione al fondo
In tale campo deve essere riportata la data di iscrizione al fondo di previdenza complementare effettuata
successivamente alla data di entrata in vigore del D. Lgs. 252/2005, relativamente ai lavoratori di prima
occupazione a decorrere dal 1° gennaio 2007.
Il programma riporta la data eventualmente indicata al campo “Data prima adesione a fondo” presente nel
riquadro “Informazioni su prima occupazione” della scheda “Fondi” di DIPE.
•
Punto 12 – Domicilio fiscale all’1/1/2013
In tale casella deve essere riportato il domicilio fiscale del contribuente alla data del 1/1/2013, ovvero il
comune di riferimento per la determinazione dell’acconto e del saldo dell’addizionale comunale 2013.
Tale informazione viene prelevata dal campo “Comune di residenza al 01/01” presente nella
sezione “Progressivi > Irpef e detrazioni” (sez. addizionali) di DIPE, con riferimento all’anno 2013.
•
Punto 20 – Codice sede
Come indicato nelle istruzioni del 770 Semplificato, i sostituti d’imposta hanno l’obbligo di ricevere
attraverso il flusso telematico per il tramite dell’Agenzia delle entrate, i 730-4 dei dipendenti che hanno
richiesto assistenza fiscale ad un CAF o a un professionista abilitato; tale flusso telematico viene
trasmesso all’indirizzo telematico appositamente comunicato dal sostituto.
Il sostituto di imposta che, per proprie esigenze organizzative, abbia più sedi operative presso le quali far
pervenire i modelli 730-4 al fine dello svolgimento delle operazioni di conguaglio, è tenuto ad attribuire a
ciascuna sede un codice identificativo di tre cifre (da 001 a 999, a scelta dell’azienda) da riportare nel
campo “Codice sede”.
Nella scheda “Anagrafica” di AZIE è presente il campo “Codice sede” nel quale l’utente può indicare il
codice identificativo della sede relativa ai dipendenti dell’azienda/filiale selezionata.
Nel prospetto SD-Lavoro dipendente della “Gestione quadri 770” (QUA770) al campo “Codice sede”
verrà automaticamente riportato il codice (3 cifre) eventualmente presente nel corrispondente campo
dell’anagrafica dell’azienda/filiale di appartenenza del dipendente.
Istruzioni operative 770/2014
28/105
Prospetto SD – Dati lavoro dipendente – Parte B
Dati fiscali
Le informazioni richieste in questa sezione sono le stesse riportate nella certificazione modello CUD.
I dati, visualizzabili in GESCUD, vengono prelevati dall’archivio DATICUD presente in nella directory CED.
Redditi erogati da altri sostituti
In presenza di redditi erogati da altri soggetti, la sezione "Dati relativi ai conguagli" va compilata indicando il
codice fiscale, la causa che ha determinato il conguaglio dei redditi erogati da altri soggetti, il reddito
conguagliato, le ritenute operate, l'addizionale regionale e comunale e le eventuali ritenute sospese per
effetto delle disposizioni emanate a seguito di eventi eccezionali. I dati relativi a questa sezione vengono
acquisiti dalla pagina “Lavoro precedente” della sezione “Altri dati” di DIPE in presenza di:
- compensi erogati da terzi;
- indennità erogate dall'INAIL;
- indennità erogate dall'INPS;
- redditi corrisposti da altri soggetti di cui il dipendente ha chiesto il conguaglio;
- passaggio di dipendenti dovuto a operazioni straordinarie senza interruzione del rapporto di lavoro,
indipendentemente dall’estinzione del precedente sostituto d’imposta.
Compensi relativi agli anni precedenti soggetti a tassazione separata
Relativamente alla erogazione di arretrati riferiti ad anni precedenti le istruzioni per la compilazione del Mod.
770 Semplificato specificano che la casella 362 deve essere compilata nelle ipotesi di operazioni
straordinarie comportanti il passaggio di dipendenti indicando il codice fiscale del precedente sostituto che
ha erogato gli emolumenti arretrati.
Tali compensi devono essere esposti distintamente in base all’anno di riferimento ed in base al sostituto di
imposta che ha effettuato l’erogazione.
Nelle caselle 351, 352, 353 e 354 vanno inseriti i valori totali degli arretrati, con le relative ritenute operate;
tali dati vengono prelevati dai relativi campi del riquadro “Arretrati anni precedenti” della sezione “Progressivi
> Indennità anzianità” di DIPE.
Nelle caselle da 356 a 362 devono essere indicati separatamente gli importi degli arretrati in funzione del
diverso anno (periodo di imposta) di riferimento o del diverso sostituto d’imposta che ha erogato il
compenso, compilando diversi righi aggiuntivi in ognuno dei quali andrà indicato lo specifico periodo
d’imposta a cui è riferito l’arretrato (casella 361) ed il codice fiscale del sostituto che ha effettuato
l’erogazione (casella 362) se diverso dal dichiarante.
Le informazioni richieste vengono prelevate dalla sezione “Arretrati” presente nella sezione “Progressivi >
Indennità anzianità” di DIPE; si ricorda che, tale sezione viene automaticamente compilata mediante l’utilizzo
di apposite voci di calcolo riportando in ciascuna riga i valori degli arretrati riferibili al medesimo anno; inoltre,
in caso di trasferimento con passaggio diretto del dipendente, mediante il comando PSIN30, il programma
inserisce nell’apposito campo il codice fiscale del sostituto di partenza se differente da quello di
destinazione.
Somme corrisposte agli eredi
Deve essere compilata una comunicazione con i redditi e le altre somme corrisposte al dipendente deceduto
e tante comunicazioni, quanti sono gli eredi, per le somme di loro spettanza.
I dati fiscali utili per la compilazione delle comunicazioni degli eredi vengono acquisiti da GESCUD ad
eccezione degli importi non presenti nel CUD relativi gli arretrati anni precedenti che vengono prelevati dalla
sezione “Altri dati > Eredi” di DIPE (“anno arretrati”, “Detrazione su arretrati”, “arretrati no detrazioni”, “anno
apertura successione” e “ritenute irpef sospese”).
Nel caso di corresponsione agli eredi di emolumenti arretrati, l’anno in cui si è aperta la successione (punto
355) deve essere indicato nella suddetta pagina “Eredi” di DIPE, all’interno del record relativo al deceduto
(record “zero”).
Nella comunicazione intestata all’erede viene riportato il codice Z nella casella 10 “Categorie particolari”
della Parte A (“Dati relativi al dipendente, pensionato o altro percettore delle somme”).
Istruzioni operative 770/2014
29/105
Esposizione addizionali all’irpef
In aggiunta alle informazioni presenti nel modello CUD, nel 770 sono presenti ulteriori caselle per
l’esposizione dei dati relativi alle addizionali regionali e comunali trattenute e/o sospese dal sostituto nel
corso del periodo d’imposta di dichiarazione:
▪ Punto 7: Addizionale regionale 2012 trattenuta nel 2013
In tale punto va indicato l’ammontare dell’addizionale regionale relativa all’anno 2012 trattenuta dal
sostituto nel corso dell’anno 2013; l’importo deve essere comprensivo dell’imposta eventualmente
sospesa (punto 16).
A tal fine, il programma preleva dallo storico delle voci di calcolo (GESSTO) l’importo delle voci utilizzate
nei cedolini del 2013 per la trattenuta dell’addizionale regionale (voce collegata al campo “Codice voce
addizionale regionale” di TB0407) e per l’evidenziazione dell’eventuali rate sospese (voce descrittiva
collegata al campo “Sospensione addizionale regionale” di TB1201).
Passaggio diretto di dipendenti
In presenza di operazioni straordinarie che comportino il passaggio diretto di dipendenti, la modalità di
prelievo dati per la compilazione del punto 7 rimane la stessa sopra descritta (prelievo dallo storico e
dalla sezione “Altri Dati > Altri progressivi” di DIPE.).
Va sottolineata comunque la distinzione fra passaggio diretto con o senza estinzione del precedente
sostituto d’imposta.
In entrambi i casi le informazioni della sezione “Progressivi > Irpef e detrazioni” (scheda “Addizionali”) di
DIPE relative alle addizionali Irpef vengono ricalcolate, riportando nell’anagrafica dipendente dell’azienda
cessionaria il solo importo ancora da trattenere (differenza fra dovuto e versato).
a) In caso di passaggio diretto senza estinzione, il modello 770 dovrà essere presentato da entrambi i
sostituti d’imposta, ognuno per il periodo di sua competenza. Con le apposite scelte del comando
PSIN30 (scelta 5 o 14) lo storico delle voci non viene trasferito, pertanto nel punto 7 della
dichiarazione verrà inserito l’importo trattenuto a titolo di addizionale dal singolo sostituto d’imposta.
b) In caso di passaggio diretto con estinzione, il modello 770 dovrà essere presentato solo dal sostituto
cessionario, comprensivo delle informazioni relative al sostituto cedente. Con le relative scelte del
comando PSIN30 (scelta 6 o 13) lo storico delle voci viene trasferito nella nuova posizione, pertanto, il
punto 7 della dichiarazione verrà compilato con l’importo trattenuto sia dal sostituto cedente che dal
sostituto cessionario.
Istruzioni operative 770/2014
30/105
▪ Punto 8: Addizionale regionale 2013 rapporti cessati
Va indicato l’importo dell’addizionale regionale per l’anno 2013 trattenuta nello stesso anno dal sostituto,
in seguito alla cessazione del rapporto di lavoro nel corso del 2013; tale valore risulta già compreso
nell’importo indicato al punto 6 (“Add. reg. all’Irpef”); l’importo va esposto al lordo dell’imposta
eventualmente sospesa (punto 15)
Il programma determina tale valore prelevando e sommando i seguenti importi:
campo “Addizionali Irpef regioni – Versata” della sezione “Progressivi > Irpef e detrazioni” (scheda
“Addizionali”) di DIPE, relativamente all’anno di dichiarazione (2013) nel caso in cui il dipendente
risulti licenziato
campo “Irpef regionale” della sezione “Altri dati > Lavoro Precedente” di DIPE, relativamente ai
progressivi derivanti da precedenti rapporti di lavoro con lo stesso sostituto di imposta che effettua la
dichiarazione (totale visibile richiamando il progressivo 98).
Può essere utile sottolineare che nel caso in cui vi sia un unico rapporto di lavoro nel 2013 e tale rapporto
sia cessato nel corso dell’anno, i valori indicati nel punto 6 (Addizionale regionale all’Irpef) e nel punto 8
(Add. regionale 2013 rapporti cessati) risulteranno coincidenti.
Collaboratori con versamento immediato dell’addizionale
Per i collaboratori è possibile optare per la trattenuta in un’unica soluzione dell’addizionale dell’anno (flag
al campo “Versamento immediato addizionali dell’anno” nella scheda “Dati generali” di DIPE).
In tal caso, l’addizionale regionale del 2013 verrà inserita nel punto 8 anche in assenza di licenziamento,
in quanto, analogamente ai dipendenti licenziati, l’addizionale dell’anno relativa ai suddetti collaboratori è
stata trattenuta nell’anno stesso.
▪ Punto 9: Saldo 2012 (Addizionale comunale)
Va indicato l’ammontare del saldo dell’addizionale comunale relativa al 2012 trattenuta dal sostituto nel
corso del 2013.
Tale importo viene determinato dal programma con le stesse modalità descritte con riferimento
all’addizionale regionale 2012 versata nel 2013 (punto 7), precisando che:
- la voce di calcolo dalla quale viene prelevato l’importo è quella collegata al campo “Codice voce
addizionale comunale” di TB0407;
- la voce di calcolo dalla quale viene prelevato l’importo sospeso è quella collegata al campo
“Sospensione addizionale comunale” di TB1201
▪ Punto 12: Rapporti cessati 2013 (Addizionale comunale)
Va indicato l’ammontare del saldo di addizionale comunale 2013, trattenuto nello stesso anno dal
sostituto, in seguito alla cessazione del rapporto di lavoro nel corso del 2013. Tale importo, già compreso
nel punto 11, deve essere riportato al netto dell’acconto indicato al punto 10.
Analogamente a quanto indicato con riferimento all’addizionale regionale (punto 8), il valore da esporre al
punto 12 viene determinato prelevando e sommando i seguenti importi:
solo per i dipendenti licenziati nel 2013, l’importo presente al campo “Addizionale irpef comuni –
Versata” di sezione “Progressivi > Irpef e detrazioni” (scheda “Addizionali”) di DIPE (se maggiore di
zero);
addizionale comunale a saldo (differenza fra campo “Irpef comunale” e “Acconto add. comunale
versata”) presente nella sezione “Altri dati > Lavoro Precedente” di DIPE caratterizzati dallo stesso
codice fiscale del sostituto dichiarante (cod. progressivo 98).
In tale punto viene riportata anche l’addizionale comunale 2013 relativa ai collaboratori con versamento
immediato delle addizionali dell’anno (vedi sopra).
Istruzioni operative 770/2014
31/105
▪ Punto 16: Addizionale regionale sospesa per trattenute 2013
Va indicato l’importo dell’addizionale regionale non trattenuta nel 2013 in quanto sospesa in seguito ad
eventi eccezionali; l’importo di addizionale sospesa deve essere compreso nei punti 7 e 8.
Tale informazione viene ottenuta prelevando e sommando i seguenti importi:
campo “Addizionale regionale sospesa” della sezione “Altri Dati > Altri progressivi” di DIPE relativa
all’anno precedente a quello di dichiarazione (2012);
in caso di dipendenti licenziati nel 2013, l’importo esposto nella casella “Addizionale regionale all’Irpef
sospesa” (punto 15) già presente nell’equivalente campo del modello CUD (GESCUD).
▪ Punto 19: Addizionale comunale sospesa – su trattenute 2013 a saldo
Va indicato l’importo di addizionale comunale a saldo non trattenuta nel 2013 in quanto sospesa in
seguito ad eventi eccezionali; tale importo è già compreso in quelli indicati ai punti 9 e 12.
Tale informazione viene ottenuta prelevando e sommando i seguenti importi:
campo “Addizionale comunale sospesa” della sezione “Altri Dati > Altri progressivi” di DIPE relativa
all’anno precedente a quello di dichiarazione (2012);
in caso di dipendenti licenziati nel 2013, l’importo esposto nella casella “Addizionale comunale all’Irpef
sospesa” (punto 18) già presente nell’equivalente campo del modello CUD (GESCUD).
▪ Punto 20: Addizionale comunale sospesa – su trattenute 2013 in acconto
Va indicato l’importo di addizionale comunale che avrebbe dovuto essere trattenuta dal sostituto nel 2013
a titolo di acconto, ma che è stata sospesa in seguito ad eventi eccezionali; tale importo è già compreso
in quello indicato al punto 10.
Tale informazione viene ottenuta prelevando l’importo eventualmente presente al campo “Acconto add.
comunale sospesa” della sezione “Altri Dati > Altri progressivi” di DIPE relativa all’anno di dichiarazione.
In caso di più rapporti di lavoro con lo stesso sostituto d’imposta dichiarante (progressivo 98 di “Altri dati
> Lavoro Precedente” di DIPE valorizzato), il programma verificherà il suddetto campo di “Altri Dati > Altri
progressivi” di DIPE con riferimento a tutte le matricole aventi il medesimo codice fiscale.
Soggetti che si sono avvalsi dell’assistenza fiscale – Assistenza fiscale sospesa
Nella sezione “Dati per la eventuale compilazione della dichiarazione dei redditi – Assistenza fiscale
sospesa”, punti da 29 a 35, vanno indicati rispettivamente, per i soggetti che si sono avvalsi dell’assistenza
fiscale, gli importi di saldo Irpef, addizionale regionale all’Irpef, saldo all’addizionale comunale all’Irpef,
acconto tassazione separata, imposta sostitutiva sui premi di produttività, cedolare secca su locazioni,
nonché di contributo di solidarietà, relativi all’assistenza fiscale prestata, che non sono stati trattenuti dal
sostituto per effetto delle disposizioni emanate a seguito di eventi eccezionali. Tali importi, già evidenziati nel
modello CUD 2014 in corrispondenza dell’annotazione BR, vengono prelevati nel caso in cui risulti
contrassegnato il campo “No conguaglio automatico” nella sez. “Altri dati > Assistenza fiscale” di DIPE e
risulti presente un importo di Irpef sospesa (sez. “Altri dati > Altri progressivi” di DIPE).
Istruzioni operative 770/2014
32/105
Altri dati
•
Punto 133 – Codice fiscale degli enti o casse
Va riportato il codice fiscale dell’ente o cassa avente fine assistenziale ai quali sono stati versati contributi
per assistenza sanitaria.
Per la compilazione di tale campo, il programma preleva il codice fiscale presente nella relativa “Tabella
descrizione altri enti” (TB0305), con riferimento agli enti collegati nella tabella “Enti assistenziali” di
GESCUD.
•
Punti 143 e 144 – Redditi esenti
Con riferimento ai redditi esenti, nel punto 143-“Codice” deve essere indicato il codice identificativo della
specifica tipologia di reddito esente:
1
Redditi dei docenti e dei ricercatori Legge 2/2009 (abbattimento della base imponibile pari al 90%
dell’ammontare erogato);
2
Redditi Legge 238/2010 per le categorie individuate dal Decreto Ministero Economia e Finanze
del 3.6.2011 (abbattimento della base imponibile pari all’80% per le lavoratrici e al 70% per i
lavoratori);
3
Redditi totalmente o parzialmente esentati da imposizione in Italia in quanto il percipiente risiede
in uno Stato estero con cui è in vigore una convenzione per evitare le doppie imposizioni in
materia di imposte dirette;
4
Retribuzioni corrisposte a dipendenti residenti nel territorio dello Stato da Enti e organismi
internazionali nonché corrisposte da rappresentanze diplomatiche e consolari e missioni;
5
Redditi prodotti in zona di frontiera da soggetti residenti nel territorio dello stato;
6
Somme corrisposte per borse e assegni di studio o per attività di ricerca esenti sulla base di
specifiche disposizioni normative;
7
Somme esenti o che non hanno concorso a formare il reddito imponibile da parte dell’INAIL;
8
Somme esenti o che non hanno concorso a formare il reddito imponibile da parte dell’INPS.
Nel punto 144-“Ammontare” deve essere indicato il corrispondente importo.
In caso di dipendente identificato come esente Irpef (codice 5 al campo “Trattamento IRPEF” della
scheda “Dati generali” di DIPE), il programma compilerà i campi relativi ai redditi esenti (punti 143Codice e 144-Ammontare) con le modalità di seguito descritte:
- in assenza di valori al campo “Somme esenti” della sezione “Altri dati > Oneri” di DIPE, nel punto 143
viene riportato il codice 3 e nel punto 144 viene inserito l’importo del campo “Imponibile Irpef” della
sezione “Progressivi > Irpef e detrazioni” di DIPE;
- in presenza dei codici 4, 6, 7 o 8 nella prima casella del suddetto campo “Somme esenti” (ed assenza
dell’importo nella seconda casella), lo stesso codice viene riportato nel punto 143 e nel punto 144
viene inserito l’importo del campo “Imponibile Irpef” della sezione “Progressivi > Irpef e detrazioni” di
DIPE.
In tutti gli altri casi, il codice e l’importo del reddito esente verranno prelevati dalle corrispondenti caselle
del campo “Somme esenti” della sezione “Altri dati > Oneri” di DIPE.
In caso di dipendente identificato come esente Irpef e presenza del codice 50 tali campi non verranno
compilati.
Istruzioni operative 770/2014
33/105
Dati relativi ai conguagli
•
Punto 202 – Irpef trattenuta dal sostituto successivamente al 28 febbraio 2013
In tale casella va indicato l’importo dell’Irpef che è stata trattenuta dal sostituto successivamente al 28
febbraio 2013 a causa di incapienza in sede di conguaglio; tale valore costituisce un “di cui” dell’importo
indicato nel punto 201.
L’informazione va inserita manualmente dall’utente all’interno dell’apposito campo presente in “Gestione
quadri 770” (QUA770 > SD-Lavoro dipendente).
•
•
Punto 214 – Imposta sostitutiva sospesa
L’importo dell’imposta sostitutiva non operata per effetto delle disposizioni emanate a seguito di eventi
eccezionali, va inserita manualmente dall’utente in “Gestione quadri 770” (QUA770).
Punto 217 – Addizionale comunale acconto 2013
Va indicato l’importo trattenuto a titolo di acconto di addizionale comunale per il 2013 relativamente a
redditi erogati da altri soggetti; l’importo deve essere comprensivo di quello eventualmente sospeso
(punto 220).
Il programma riporta il valore presente nel campo “Acc. add. comunale versata” dei progressivi della
sezione “Altri dati > Lavoro Precedente” di DIPE aventi codice fiscale diverso da quello dell’azienda
dichiarante.
•
Punto 218 – Addizionale comunale saldo 2013
Va indicato l’importo a saldo di addizionale comunale 2013, trattenuto in relazione a redditi erogati da altri
soggetti; l’importo deve essere comprensivo di quello eventualmente sospeso (punto 219).
Il programma inserisce la differenza tra il valore del campo “Irpef comunale” e quello del campo “Acc.
add. comunale versata” dei progressivi della sezione “Altri dati > Lavoro Precedente” di DIPE aventi
codice fiscale diverso da quello dell’azienda dichiarante.
•
Punti 219 e 220 – Addizionale comunale sospesa (a saldo e in acconto)
Nei punti 219 e 220 va indicato l’importo di addizionale comunale sospesa con riferimento al saldo e
all’acconto evidenziati rispettivamente nei punti 218 e 217. I due campi sono a compilazione manuale.
Istruzioni operative 770/2014
34/105
Somme erogate per l’incremento della produttività da altri soggetti
Nei punti 210 e 213 vanno indicati rispettivamente l’importo delle somme erogate per incremento della
produttività del lavoro corrisposto da altro soggetto e conguagliato dal sostituto d’imposta e le eventuali
imposte sostitutive operate da altro soggetto comprensive anche di quelle sospese indicate nel punto 214.
Tali campi devono essere compilati nel caso in cui le predette somme siano state assoggettate, dal
precedente sostituto, ad imposta sostitutiva e in sede di conguaglio vengano assoggettate dal nuovo
sostituto a tassazione ordinaria, per l’intero ammontare.
Le medesime modalità di compilazione dei predetti punti devono essere seguite anche nelle ipotesi di
operazioni straordinarie comportanti il passaggio di dipendenti.
Nei punti da 256 a 261 vanno specificati i dati relativi alle somme erogate per l’incremento della produttività
del lavoro erogate da altri soggetti.
Nel caso in cui le somme in oggetto siano state assoggettate, dal precedente sostituto, a tassazione
ordinaria e, in sede di conguaglio vengano, per l’intero ammontare, assoggettate ad imposta sostitutiva si
dovranno compilare i punti 256 (codice fiscale del precedente sostituto), 257 (somme erogate dal
precedente sostituto), 260 (indicazione della precedente tassazione ordinaria).
Le medesime modalità di compilazione dei predetti punti dovranno essere osservate anche in caso di
operazioni straordinarie comportanti il passaggio di dipendenti.
Per la compilazione dei campi relativi alle somme erogate per l’incremento della produttività del lavoro
erogate da altri soggetti, il programma verifica se tali somme sono state oggetto di conguaglio da parte del
sostituto e, in tal caso, viene verificato il tipo di tassazione applicata (imposta sostitutiva o tassazione
ordinaria).
Se il sostituto NON ha effettuato il conguaglio delle somme corrisposte da altri soggetti (TB1203, campo 102
= N), NON vengono compilati né i punti 210 e 213 né i punti da 256 a 260.
Se il sostituto HA effettuato il conguaglio delle somme corrisposte da altri soggetti (TB1203, campo 102 =
S), viene verificata il tipo di tassazione applicata.
A. Applicazione imposta ordinaria (Imposta sost. dl 93/2008, sezione “Progressivi > Irpef e detrazioni”
(Irpef) + sezione “Altri Dati > Lavoro precedente” di DIPE, uguale o inferiore a 0)
Se “Imp. sost. dl 93/2008” (Altri Dati-Lav. prec) > 0:
vengono compilati i punti 210 “Straordinario
conguagliato” e 213 “Imposta sostitutiva” (il
precedente sostituto ha applicato la tassazione
sostitutiva mentre il sostituto che ha effettuato il
conguaglio ha applicato la tassazione
ordinaria).
Non vengono compilati i punti da 256 a 260.
In presenza di imposta sostitutiva non operata
a seguito di eventi eccezionali, tale imposta,
già compresa nel punto 213, deve essere
evidenziata manualmente al punto 214.
Se “Imp. sost. dl 93/2008” (Altri Dati-Lav. prec) = 0:
vengono compilati i campi 256 “Codice fiscale”,
257 “Redditi”, 260 “Vedere istruzioni” (il
precedente sostituto ha applicato la tassazione
ordinaria e il sostituto che ha effettuato il
conguaglio ha confermato tale modalità di
tassazione).
Istruzioni operative 770/2014
35/105
B. Applicazione tassazione sostitutiva (Imposta sost. dl 93/2008, sezione Progressivi > Irpef e
detrazioni (Irpef) + sezione Altri Dati > Lavoro precedente, maggiore di 0)
Se “Imp. sost. dl 93/2008” (Altri Dati-Lav. prec) > 0:
vengono compilati i campi 256 “Codice fiscale”,
257 “Redditi”, 258 “Ritenute operate” (il
precedente sostituto ha applicato la tassazione
sostitutiva e il sostituto che ha effettuato il
conguaglio ha confermato tale modalità di
tassazione).
Se “Imp. sost. dl 93/2008” (Altri Dati-Lav. prec) = 0
vengono compilati i campi 256 “Codice fiscale”,
257 “Redditi”, 260 “Vedere istruzioni” (il
precedente sostituto ha applicato la tassazione
ordinaria mentre il sostituto che ha effettuato il
conguaglio ha applicato la tassazione
sostitutiva).
Nei casi di compilazione del campo 257 “Redditi”, l’importo viene prelevato dal campo “Imponibile” della
sezione “Altri Dati > Lavoro precedente” di DIPE (sezione “Imposta sostitutiva dl 93/2008”); se
l’imponibile risulta pari a zero, viene prelevato l’importo presente al campo “Retribuzione netta”.
In entrambi i casi l’importo viene trasferito al punto 257 fino ad un massimo di 2.500 euro.
Se la somma degli “Imponibili dl 93/2008” dei vari record presenti nella sezione “Altri Dati > Lavoro
precedente” supera i 2.500 euro, la parte eccedente tale limite viene evidenziata al punto 210 e la relativa
imposta sostitutiva al punto 213 (ad esempio, è il caso di coloro che, per la presenza di due distinti
sostituti hanno percepito somme assoggettate ad imposta sostitutiva per un importo superiore
alla soglia di € 2.500; in fase di conguaglio l’importo eccedente il limite massimo di 2.500 euro è
stato assoggettato a tassazione ordinaria e conseguentemente vengono compilati i punti 210 e
213).
Nei punti 255 e 261 (Redditi non imponibili art. 51, comma 6 del Tuir) vanno indicate le somme erogate per
l’incremento della produttività, che non concorrono alla formazione del reddito imponibile ai sensi dell’art. 51,
comma 6 del Tuir (es. indennità di volo).
Il punto 255 viene prelevato dal corrispondente campo del modello CUD (prelievo da GESCUD); il punto
261, relativo ai corrispondenti importi erogati da altri soggetti, è a compilazione manuale.
Redditi assoggettati a ritenuta a titolo d’imposta
•
Punti 301 / 316 – Redditi assoggettati a ritenuta a titolo di imposta
Nei punti da 301 a 305 vanno riportati gli importi complessivi dei redditi assoggettati a ritenuta a titolo
d’imposta, con le relative ritenute, così come indicati nelle equivalenti caselle del modello CUD 2013; il
programma compila tali campi prelevando gli importi da GESCUD.
Le informazioni evidenziate nei suddetti punti, vanno dettagliate nei successivi punti da 306 a 316,
suddividendo gli importi complessivi in base al relativo codice causale da indicare nel punto 306 (1-l.s.u.,
2-coll. non resid., 3/4-prestazioni di previdenza complementare erogate sotto forma rispettivamente di
rendita o di capitale).
La sezione in oggetto viene compilata dal programma indicando il codice 2 al campo 306 (“Causale”) e
riportando nei punti da 307 a 312 (escluso il punto 308) gli stessi importi presenti nei corrispondenti punti
da 301 a 305.
Qualora l’utente avesse modificato manualmente nel CUD i valori da 301 a 305 per indicare compensi
diversi da quelli percepiti da collaboratori non residenti, sarà necessario verificare ed eventualmente
modificare gli importi presenti nei campi da 306 a 316.
Istruzioni operative 770/2014
36/105
Trattamento di fine rapporto e indennità equipollenti
I dati relativi a questa sezione vengono prelevati dalle pagine “Indennità anzianità”, “Indennità di anzianità –
Tassazione” e “T.F.R.” della sezione “Progressivi” di DIPE, dove le indennità erogate risultano suddivise in
apposite sezioni (Tassazione ante 2001 – Tassazione dal 2001) a seconda che si tratti di somme corrisposte
fino al 31.12.2000 o successivamente a tale data.
Somme corrisposte agli eredi
Nel caso di erogazione di indennità di TFR agli eredi di un dipendente deceduto, è necessario compilare una
certificazione per ciascun avente diritto o erede. I dati vengono prelevati dalle pagine “Indennità anzianità” e
“T.F.R.” della sezione “Progressivi” e dalla pagina “Eredi” della sezione “Altri dati” dell’anagrafica dipendente.
La sezione relativa all’indennità di fine rapporto va compilata nel seguente modo:
nella comunicazione relativa alla certificazione intestata a ciascun coerede:
1. le caselle da 401 a 407 vanno compilate riportando l’indennità maturata complessivamente in
capo al deceduto;
2. nel punto 408 deve essere indicata la percentuale spettante all’avente diritto o erede al quale è
consegnata la certificazione;
3. nel punto 512 va indicato il codice fiscale del dipendente deceduto
4. nelle annotazioni (cod. AB) devono essere indicati il codice fiscale, i dati anagrafici del deceduto
e se trattasi di eredità;
5. vanno compilati i punti da 414 a 511;
nella comunicazione relativa alla certificazione intestata al dipendente deceduto, in relazione al
TFR erogato agli aventi diritto o eredi, il sostituto è tenuto a compilare per ogni avente diritto o erede
(multirigo) esclusivamente i punti 513 (Cod. fis. dell’avente diritto) e 514 (Quota spettante per le
indennità erogate). I punti da 414 a 511 non devono essere compilati.
Collaboratori coordinati e continuativi
Qualora il diritto alle indennità corrisposte per la cessazione di rapporti di collaborazioni coordinate e
continuative risulti da atto di data certa anteriore all’inizio del rapporto di collaborazione, le somme
corrisposte a tale titolo sono soggette a tassazione separata.
Pertanto, in presenza di trattamenti di fine mandato corrisposti ai collaboratori coordinati continuativi, vanno
compilate le seguenti caselle: 401, 402, 403, 404, 405, 406, 407, 414, 415, 449, 450, 451, 452, 496, 499,
500, 503, 504, 505 e 506.
Le informazioni necessarie alla compilazione delle suddette caselle vengono prelevate dalla sezione
“Progressivi > Collaboratori” (seconda pagina) dell’anagrafica del collaboratore. Per la descrizione
dettagliata si rimanda al paragrafo “Trattamento di fine rapporto: dettaglio dei campi”.
Più corresponsioni TFR per lo stesso percipiente
Nell’ipotesi di più corresponsioni di TFR, a seguito di cessazioni del rapporto di lavoro, relative al medesimo
percipiente intervenute nel periodo d’imposta, è necessario inviare all’Agenzia delle Entrate più
“Comunicazioni dati certificazioni lavoro dipendente, assimilati ed assistenza fiscale” all’interno del modello
770 Semplificato. Il programma in sede di prelievo del modello 770 compila più certificazioni
indipendentemente dal valore impostato al campo “Esposizione TFR dipendenti con più rapporti di lavoro” di
tabella TB1203 > scheda “CUD” di PAGHE.
Incentivo all’esodo
In caso di erogazione di indennità per incentivo all’esodo il sostituto d’imposta è tenuto ad indicare nella
casella 401 l’intero ammontare dell’indennità corrisposta, e nelle caselle 449 e 469 l’ammontare ridotto al
50%.
Ai campi 450 (maturate al 31/12/2000) e 470 (maturate dal 1/1/2001) va indicato il titolo dell’erogazione (N o
O rispettivamente in caso di saldo o acconto).
Il prelievo dati riporta in tali caselle sempre il codice relativo al saldo (N).
In presenza di erogazioni sia di incentivo all’esodo che di altre indennità, il programma esporrà i rispettivi dati
generando distinti righi della dichiarazione (multirigo).
Istruzioni operative 770/2014
37/105
Operazioni straordinarie e compilazione della sezione TFR e altre indennità
In presenza di operazioni straordinarie che comportino il passaggio di dipendenti senza interruzione del
rapporto di lavoro (passaggio diretto) è prevista una particolare compilazione della sezione relativa
all’erogazione del trattamento di fine rapporto o di altre indennità soggette a tassazione separata; questo al
fine di distinguere i compensi erogati a tale titolo dal sostituto cedente da quelli erogati dal sostituto
cessionario (dichiarante), il quale dovrà indicare nella casella 419 del Mod. 770 il codice fiscale del sostituto
cedente che abbia erogato, a qualsiasi titolo, compensi di TFR.
La sezione andrà compilata diversamente in base alle seguenti possibili situazioni:
1. Nel caso di anticipazione erogata dal sostituto d’imposta cedente in anni precedenti e di
anticipazione, acconto o saldo erogato dal sostituto d’imposta dichiarante nell’anno 2013,
quest’ultimo dovrà trasmettere per il medesimo percipiente una sola Comunicazione avvalendosi del
multirigo. In particolare egli dovrà:
esporre il dato complessivo (dati relativi al rapporto di lavoro, TFR maturato, erogato etc.)
compilando tutti i punti necessari ad esclusione del punto 419 (multirigo 1);
esporre quanto operato dal precedente sostituto d’imposta compilando esclusivamente i punti 419,
444, 466 e 503 (multirigo 2).
2. Nel caso di anticipazione erogata dal sostituto d’imposta cedente nell’anno e di anticipazione,
acconto o saldo erogato dal sostituto d’imposta dichiarante nell’anno, quest’ultimo dovrà:
esporre il dato complessivo compilando tutti i punti necessari ad esclusione del punto 419
(multirigo 1);
esporre quanto operato dal sostituto d’imposta cedente compilando tutti i punti necessari compreso
il punto 419 (multirigo 2).
3. Nel caso di anticipazione erogata esclusivamente dal sostituto d’imposta cedente in anni
precedenti, il sostituto d’imposta dichiarante non deve esporre alcun dato relativo a tale anticipazione
nell’anno in cui è avvenuto il passaggio dei dipendenti.
4. Nel caso di anticipazione erogata esclusivamente dal sostituto d’imposta cedente nell’anno in cui
è avvenuto il passaggio dei dipendenti, il sostituto d’imposta cessionario osserverà le ordinarie
regole compilando tutti i punti necessari, compreso il punto 419.
Va inoltre precisato che:
- in tutte le ipotesi sopra indicate, il sostituto d’imposta cedente non estintosi è tenuto alla compilazione
della propria Comunicazione con le ordinarie modalità.
- nell’ipotesi di una pluralità di operazioni straordinarie comportanti il passaggio di dipendenti senza
interruzione del rapporto di lavoro nel punto 419 dovrà essere indicato il codice fiscale dell’ultimo
sostituto d’imposta cedente che ha erogato il TFR.
Il programma verifica la presenza di informazioni nella sezione “Progressivi > Indennità anzianità”
dell’anagrafica dipendente dell’azienda cessionaria, all’interno della sezione “TFR operazioni straordinarie”.
Istruzioni operative 770/2014
38/105
Ricordiamo che queste informazioni vengono memorizzate dal programma in occasione di un passaggio
diretto di dipendenti se, nel tipo di trasferimento dipendenti selezionato (scelta 1 di PSIN30), è indicato il
codice “R” alla riga “TFR operazioni straordinarie”.
I dati relativi al TFR contenuti nelle pagine “Indennità anzianità” e “TFR” della sezione “Progressivi” di DIPE
vengono trasferiti dall’anagrafica dipendente dell’azienda cedente a quella dell’azienda cessionaria e, se il
sostituto cedente ha erogato somme a titolo di TFR, le stesse vengono memorizzate nella sezione “TFR
operazioni straordinarie”.
Il programma scrive “Mese e anno dell’operazione straordinaria” (ovvero la data di trasferimento impostata
nel comando PSIN30) ed il codice fiscale del sostituto d’imposta cedente.
In questo modo le informazioni relative all’eventuale TFR erogato dal sostituto cedente vengono evidenziate
nell’anagrafica dipendente del sostituto cessionario, rappresentando un “di cui” di quanto complessivamente
riportato nella sezione “Progressivi > Indennità anzianità”.
Infatti, in caso di erogazione di ulteriori somme a titolo di TFR da parte del sostituto cessionario dopo la data
dell’operazione straordinaria, nella sezione “Progressivi > Indennità anzianità” del dipendente saranno
presenti le somme erogate e le ritenute complessivamente operate (sia dal sostituto cedente che dal
sostituto cessionario), mentre nella sezione “TFR operazioni straordinarie” sono identificate le somme
erogate e le ritenute operate dal solo sostituto d’imposta cedente.
Il programma stabilisce se l’eventuale erogazione di TFR avvenuta nell’anno e presente nella sezione
“Progressivi > Indennità anzianità > Tassazione” è di competenza del sostituto cedente, del sostituto
cessionario o di entrambi in base alla data dell’operazione straordinaria. Possono verificarsi le seguenti
situazioni:
A. Erogazione di TFR di competenza del sostituto d’imposta cedente (data operazione straordinaria
successiva all’ultimo mese presente nella sezione “Progressivi > Indennità anzianità >
Tassazione”)
Il programma compila un’unica sezione relativa al TFR secondo le ordinarie regole, compreso il punto
419 (campo “Cod Fisc sostituto cedente” della sezione “tFr op. str”.della sezione “Progressivi >
Indennità anzianità” di DIPE).
Istruzioni operative 770/2014
39/105
B. Erogazione di TFR di competenza del sostituto d’imposta cessionario (data operazione
straordinaria anteriore o uguale al primo mese presente nella sezione “Progressivi > Indennità
anzianità > Tassazione”)
Il programma compila due sezioni relative al TFR:
nella prima vengono compilate le caselle 419, 444, 466 e 503, prelevando le informazioni dalla
sezione “TFR operazioni straordinarie” (pulsante “tFr op. str”) della sezione “Progressivi > Indennità
anzianità” di DIPE. I campi prelevati sono i seguenti:
Punto 419:
campo “Cod.Fis. sostituto cedente”;
Punto 444:
campo “Somme erogate nell’anno” + campo “Somme erogate anni precedenti”,
nel limite del valore presente al campo “Anticipazioni TFR” della sezione
“Tassazione ante 2001” della sezione “Progressivi > Indennità anzianità”;
Punto 466:
campo “Somme erogate nell’anno” + campo “Somme erogate anni precedenti”,
oltre il limite del valore presente al campo “Anticipazioni TFR” della sezione
“Tassazione ante 2001” della sezione “Progressivi > Indennità anzianità”;
Punto 503:
campo “Ritenute operate nell’anno” + campo “Ritenute operate in anni
precedenti”.
nella seconda sezione vengono compilati tutti i punti secondo le ordinarie modalità, ad esclusione
del punto 419.
C. Erogazione di TFR da parte di entrambi i sostituti (sezione “Progressivi > Indennità anzianità >
Tassazione” presente sia prima che dopo la data di operazione straordinaria)
Il programma compila due sezione relative al TFR:
nella prima espone quanto operato dal sostituto d’imposta cedente compilando tutti i punti necessari
compreso il punto 419;
nella seconda espone il dato complessivo compilando tutti i punti ad esclusione del punto 419.
Istruzioni operative 770/2014
40/105
Dettaglio dei campi
Trattamento di fine rapporto, altre indennità e somme soggette a tassazione separata
Casella
(401)
Descrizione
Indennità, acconti,
erogate nell'anno
Campo
anticipazioni
e
somme
Va indicato l’ammontare complessivo corrisposto al
netto di quanto destinato a fondo pensione e
comprensivo della rivalutazione maturata a far data
dal 1° gennaio 2001.
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità > Tassazione
+ Indennità di preavviso
+ Indennità di buonuscita
+ Incentivazione esodo
+ Patto non concorrenza
+ Anticipazioni TFR
+ Indennità di anzianità
+ Acconto indennità anzianità
- Erogazioni TFR Inps no capienza
Per i co.co.co.:
DIPE > Progressivi > Collaboratori (2^
pagina)
+ Compenso cessazione rapporto
(402)
Acconti ed
precedenti
anticipazioni
erogati
in
anni
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità
+ Anticipazioni TFR (ante 2001)
+ Anticipazioni TFR (dal 2001)
+ Anticipazioni altre IA
Per i co.co.co.:
Progressivi > Collaboratori(2^ pagina)
Compenso cessazione rapporto A.P.
(403)
Detrazione
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità > Tassazione
+ Detrazioni 2008 (Tassazione ante 2001)
+ Detrazioni 2008 (Tassazione dal 2001)
(404)
Ritenuta netta operata nell’anno
Devono essere indicate le sole ritenute operate
sulle somme esposte nella casella 401. L’imposta
sostitutiva determinata sulla rivalutazione del
trattamento di fine rapporto erogato non deve,
quindi, essere inclusa in questa casella.
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità > Tassazione
+ Imposta (Tassazione ante 2001)
+ Imposta netta (Tassazione dal 2001)
Ritenute sospese
Vanno indicate le ritenute sospese relative agli
importi di TFR e altre indennità soggette a
tassazione separata erogati nell’anno (punto 401) e
già comprese nel totale ritenute operate nell’anno
(punto 404)
DIPE > Altri dati > Altri progressivi
+ Irpef TFR1 sospesa
+ Irpef TFR2 sospesa
(405)
Oppure
Progressivi > Collaboratori (2^ pagina)
Ritenuta Irpef cessazione rapporto
Per i co.co.co
Progressivi > Collaboratori (2^ pagina)
+ Ritenuta Irpef cessazione rapporto
sospesa
Istruzioni operative 770/2014
(406)
Ritenute operate in anni precedenti
41/105
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità
+ Ritenuta fiscale AP
+ Ritenuta fiscale
Per i co.co.co.:
Progressivi > Collaboratori (2^ pagina)
Ritenuta Irpef cessazione rapporto A.P.
(407)
Ritenute di anni precedenti sospese
Vanno indicate le ritenute sospese relative agli
importi di TFR e altre indennità soggette a
tassazione separata erogati in anni precedenti
(punto 402) già comprese nel totale ritenute
operate in anni precedenti (punto 406)
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità
Ritenute TFR sospese anni precedenti
(408)
Quota spettante per indennità erogate ai sensi
dell’art. 2122 del codice civile
DIPE > Altri dati > Eredi (Anno 2013)
% di eredità
(409)
TFR maturato fino al 31/12/2000 e rimasto in
azienda
Dato prelevato dal corrispondente campo
di GESCUD
(410)
TFR maturato dall’ 01/01/2001 e rimasto in azienda
Dato prelevato dal corrispondente campo
di GESCUD
(411)
TFR maturato fino al 31/12/2000 e versato al fondo
Dato prelevato dal corrispondente campo
di GESCUD
(412)
TFR maturato dall’1/1/2001 al 31/12/2006 e versato
al fondo
Dato prelevato dal corrispondente campo
di GESCUD
(413)
TFR maturato dall’1/1/2007 e versato al fondo
Dato prelevato dal corrispondente campo
di GESCUD
(414)
Data di inizio rapporto di lavoro
Va indicata la data di inizio del rapporto di lavoro;
nel caso di passaggio del dipendente senza
interruzione del rapporto di lavoro da un sostituto
ad un altro, deve essere indicata la data di inizio
del rapporto con il primo sostituto.
DIPE > Dati generali
Data inizio rapporto
(415)
Data di cessazione rapporto di lavoro
Va indicata la data di cessazione del rapporto di
lavoro.
In caso di anticipazione del TFR va indicata la data
della richiesta dell’anticipazione, o, in alternativa, il
31/12/2012 (data prescelta per il calcolo del reddito
di riferimento ai fini della tassazione).
Dal momento che il programma effettua il calcolo
del reddito di riferimento alla data di richiesta
dell’anticipazione viene riportata in automatico la
data in cui viene erogata l’anticipazione.
DIPE > Dati generali
Data licenziamento
In caso di anticipazione:
Per i DIPE:
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità
La data prelevata dal programma
corrisponde all’ultimo giorno del mese
presente a pagina 9 /T.
Se sono presenti più erogazioni viene
prelevata la data dell’ultimo mese.
Per i co.co.co.:
Progressivi > Collaboratori (2^ pagina)
Data erogazione (se al campo “Titolo”
della stessa pagina è presente il valore
“Anticipazione”).
Istruzioni operative 770/2014
42/105
(416)
Quota eccedente
Campo a compilazione manuale
(417)
Giorni di sospensione
Campo a compilazione manuale
(418)
Tempo determinato
La casella va barrata nel caso di rapporti di lavoro a
tempo determinato di durata effettiva non superiore
ai due anni ancorché il periodo di commisurazione
possa risultare superiore alla predetta durata per
effetto di cause di sospensione del rapporto ex art.
2110 del c.c. (ad esempio infortunio o gravidanza).
Tale casella viene barrata in automatico
per i rapporti di lavoro a tempo
determinato con durata non superiore a
24 mesi.
Se il rapporto di lavoro risulta essere
superiore a 24 mesi per effetto di una
delle di cause di sospensione del
rapporto ex art. 2110 del c.c. (infortunio,
gravidanza, ecc) le caselle 418 e 417
(giorni di sospensione) devono essere
compilate manualmente.
(419)
Operazioni straordinarie
(Codice fiscale del sostituto)
Vedi sezione “Operazioni straordinarie”
(pag. 37)
N.B.: La sezione “Indennità equipollenti e altre indennità” (caselle da 420 a 434) non viene compilata
in automatico dal programma.
TFR e altre indennità maturate al 31/12/2000 – Passaggi da indennità equipollenti a TFR
Casella
Descrizione
Campo
(435)
Periodo di commisurazione
Indicare il periodo di commisurazione al 31
dicembre 2000, espresso in anni e mesi, per il
quale è maturato il diritto alla corresponsione del
TFR, delle altre indennità e somme non connesse
alla cessazione del rapporto di lavoro generatore
dell’indennità principale
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità > Tassazione
“Mesi presi a base” dell’ultimo mese
presente nella pagina “Tassazione” solo
per il periodo fino al 31/12/2000.
La differenza viene poi indicata nel
campo 420.
(436)
Periodo convenzionale
Va indicato il periodo convenzionale al 31/12/2000.
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità > Tassazione
Viene prelevato il valore presente al
campo “Mesi convenzionali” nell’ultimo
mese presente nella sezione “Tassazione
ante 2001”.
(437)
Tempo parziale
Va indicato l’eventuale periodo, espresso in anni e
mesi, di lavoro svolto a tempo parziale riferiti al
periodo indicato nel punto 435.
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità
Mesi tempo parziale
(438)
Tempo parziale – %
Va indicata la percentuale di lavoro a tempo
parziale relativa al periodo indicato al punto 435.
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità
Percentuale tempo parziale
(439)
TFR maturato
Va indicato l’ammontare del TFR maturato al 31
dicembre 2000, inteso come importo accantonato
fino a tale data, aumentato delle relative somme
destinate
alle
forme
pensionistiche,
delle
anticipazioni e degli acconti eventualmente già
erogati.
DIPE > Progressivi > TFR
+ Quota fondo 2000
+ Quota TFR a previdenza 2000
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità
+ Anticipazioni TFR
Istruzioni operative 770/2014
43/105
(440)
TFR erogato nel 2013
Va indicato l’ammontare del TFR erogato nel 2013
riferibile al TFR maturato al 31 dicembre 2000.
DIPE > Progressivi > TFR
Fondo 2000 erogato
(441)
Titolo
Va indicato a che titolo è stato erogato l’importo di
TFR di cui al precedente punto (A = anticipazione,
B = saldo, C = acconto, M = saldo corrisposto in
due ovvero in tre rate annuali ex art. 12, c. 7, DL
n.78/2010).
La casella viene compilata con i codici A,
B e C in funzione del tipo di erogazione
presente in DIPE > Progressivi >
Indennità di anzianità > Tassazione
(442)
(443)
Rate
In presenza del codice M al precedente campo:
- nel punto 442 va indicato il numero della rata
erogata;
- nel punto 443 va indicata la modalità di
rateazione utilizzata
L’indicazione del codice M (dipendenti
delle amministrazioni pubbliche con
ammontare complessivo della prestazione
superiore a 90.000 €) è manuale.
Campi a gestione manuale
(444)
TFR erogato in anni precedenti
Va indicato l’importo di TFR erogato dal 1974 al
2012, riferibile al TFR maturato al 31/12/2000.
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità
Anticipazioni TFR
(445)
Anno di ultima erogazione
Anno di ultima erogazione delle somme di cui al
campo precedente.
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità
“Anno di ultima erogazione” indicato nella
prima casella del campo “Anticipazioni
TFR” della sezione “Tassazione ante
2001”.
(446)
TFR destinato al fondo pensione
Va indicato l’ammontare complessivo del TFR
destinato alle forme pensionistiche di previdenza
complementare riferibile al TFR maturato al
31/12/2000 di cui al punto 439.
DIPE > Progressivi > TFR
+ Quota previdenza 2000
DIPE
>
Progressivi
previdenza
+ Smobilizzo TFR 2000
>
Fondo
(447)
Percentuale
Va indicata la percentuale di riduzione calcolata in
funzione del TFR destinato al fondo pensione al
31/12/2000.
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità
% deduz. TFR a prev. compl.
(448)
Riduzioni riconosciute dal fondo
Va indicata la quota di riduzioni che deve essere
riconosciuta dal fondo pensione ed esposta nel
punto 495 del mod. 770 trasmesso dal fondo.
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità
+ Deduzione complessiva
- Deduzioni maturate AP
Istruzioni operative 770/2014
(449)
(450)
44/105
Altre Indennità – Ammontare erogato nel 2013
Va indicato l’ammontare complessivo delle altre
indennità e somme corrisposte nel 2013 e
comprese nel maturato al 31/12/2000; va altresì
indicato l’importo ridotto al 50% delle somme
corrisposte nel 2013 a titolo di incentivo all’esodo
agevolato esclusivamente all’atto della cessazione
del rapporto di lavoro riferibile al maturato al
31/12/2000.
In caso di erogazione di altre indennità e somme
non commisurate alla durata del rapporto di lavoro
(ad es. indennità di mancato preavviso, indennità di
non concorrenza) nonché di somme erogate a titolo
di incentivo all’esodo agevolato, nel presente punto
deve essere indicata la parte corrispondente al
rapporto tra il TFR maturato al 31/12/2000 ed il
TFR complessivamente maturato.
Il restante importo andrà indicato nel punto 466.
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità > Tassazione
+ Indennità di preavviso
+ Indennità di buonuscita
+ Patto non concorrenza
+ Incentivazione esodo ( 50% )
Altre Indennità – Titolo
Va indicato il titolo dell’erogazione delle altre
indennità e somme di cui al precedente punto.
(A=Anticipazione; B=Saldo; C=Acconto; D=Anticip.
non connessa alla cessazione del rapporto;
E=Saldo non connesso alla cessazione del
rapporto; F=Acconto non connesso alla cessazione
del rapporto; N=saldo relativo all’incentivo all’esodo
agevolato; O=acconto relativo all’incentivo all’esodo
agevolato)
Il programma riporta in automatico
esclusivamente i codici:
A (anticipazione): se la data di
erogazione è anteriore alla data di
licenziamento del dipendente o se la data
di licenziamento è assente;
L’importo viene riproporzionato in base al
rapporto tra il TFR maturato al
31/12/2000 e il TFR complessivamente
maturato.
B (saldo): se la data di erogazione è
uguale o successiva alla data di
licenziamento.
In caso di incentivo all’esodo, in luogo
dei suddetti codici viene riportato il codice
N (saldo di incentivo all’esodo).
(451)
Altre Indennità – Erogato in anni precedenti
Va indicato l’importo delle altre indennità e somme
erogate dal 1974 al 2012 a qualunque titolo
(anticipazione, acconto, saldo nel caso di
riconoscimento nel 2013 di ulteriori somme con
conseguente obbligo di riliquidazione) e compreso
nel maturato al 31 dicembre 2000.
Va inoltre indicato l’importo, ridotto al 50%,
dell’incentivo all’esodo erogato, a qualunque titolo,
in anni precedenti e riferibile al maturato al
31/12/2000.
Se negli anni precedenti sono state corrisposte
indennità non commisurate alla durata del rapporto
di lavoro occorre indicare nel presente punto la
parte corrispondente al rapporto tra il TFR maturato
al 31/12/2000 ed il TFR complessivamente
maturato. L’importo residuo andrà indicato nel
punto 468.
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità
Anticipazioni altre indennità
L’importo viene riproporzionato in base al
rapporto fra TFR maturato al 31/12/2000
e il TFR complessivo.
L’eventuale incentivo all’esodo erogato in
anni precedenti deve essere inserito
manualmente.
Istruzioni operative 770/2014
45/105
(452)
Altre Indennità – Anno di ultima erogazione
Indicare l’anno di ultima erogazione delle somme di
cui al precedente punto 451.
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità
“Anno di ultima erogazione” indicato nella
prima casella del campo “Anticipazioni
altre IA” della sezione “Tassazione dal
2001”.
Con riferimento all’incentivo all’esodo
l’anno di ultima erogazione è a gestione
manuale.
(453)
Codice fiscale sostituto
Va compilato nella sola ipotesi che le altre
indennità e somme connesse alla cessazione del
rapporto di lavoro e/o l’incentivo all’esodo
agevolato evidenziati rispettivamente nei punti 449
siano stati erogati da un sostituto d’imposta diverso
da quello che ha erogato il TFR. In tal caso indicare
nel punto 453 il codice fiscale del sostituto che ha
erogato il TFR.
Campo a compilazione manuale
TFR e altre indennità maturate dal 01/01/2001
Casella
Descrizione
Campo
(454)
Datore di lavoro
Deve essere barrato dal datore di lavoro nella sola
ipotesi di erogazione del TFR maturato dal
1/1/2007 da parte del Fondo di Tesoreria istituito
presso l’INPS, nel caso quindi di mancata
erogazione del TFR a Fondo Tesoreria per
incapienza dei contributi. In questo caso nel punto
461 il datore di lavoro deve indicare il TFR
complessivamente maturato dal lavoratore a partire
dal 1/1/2001 fino alla data di cessazione del
rapporto di lavoro, mentre nel punto 462 la sola
parte di tale TFR di sua competenza.
(455)
Fondo di tesoreria
Deve essere barrato esclusivamente dall’INPS in
caso di erogazione del TFR maturato dall’1/1/2007
dal Fondo di Tesoreria. In questo caso l’INPS dovrà
indicare nel successivo punto 456 il codice fiscale
del datore di lavoro che ha erogato il TFR maturato
fino al 31/12/2006
La casella viene compilata in caso di
erogazione nel 2013 di TFR a carico del
datore di lavoro e presenza di TFR a
carico del Fondo di Tesoreria non erogato
a seguito di incapienza contributiva
(nell’anno o negli anni precedenti).
Il programma verifica la compilazione del
campo “Erogazione TFR INPS no
capienza” della sezione DIPE > “Indennità
di anzianità > Tassazione” e del campo
“TFR Inps non erogato” della sezione
DIPE > “Indennità anzianità” (riquadro
“Tassazione dal 2001”).
Tale campo non viene comunque
compilato per i dipendenti aventi data
inizio rapporto successiva al 31/12/2006.
Casella di competenza esclusiva INPS.
(456)
Codice fiscale del datore di lavoro che ha
erogato il TFR maturato al 31/12/2006
Casella di competenza esclusiva INPS.
Istruzioni operative 770/2014
46/105
(457)
Periodo di commisurazione
Indicare il periodo di commisurazione dal 1 gennaio
2001, espresso in anni e mesi, per il quale è
maturato il diritto alla corresponsione del TFR, delle
altre indennità e somme non connesse alla
cessazione del rapporto di lavoro generatore
dell’indennità principale.
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità > Tassazione
“Mesi presi a base” dell’ultimo mese
presente solo per il periodo dal
01/01/2001.
(458)
Periodo convenzionale
Va indicato il periodo
01/01/2001.
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità > Tassazione
Viene prelevato il valore presente al
campo “Mesi convenzionali” nell’ultimo
mese presente nella sezione “Tassazione
dal 2001”.
(459)
Tempo parziale – Periodo
Va indicato l’eventuale periodo di lavoro, espresso
in anni e mesi, svolto a tempo parziale riferito al
periodo indicato nel punto 457.
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità
Mesi tempo parziale
(460)
Tempo parziale – %
Va indicata la percentuale di lavoro a tempo
parziale relativa al periodo indicato al punto
precedente.
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità
Percentuale tempo parziale
(461)
Tfr maturato (dal 1/1/2001)
Va
indicato
l’ammontare
del
TFR
maturato/accantonato dal 1° gennaio 2001
(comprensivo dell’eventuale quota versata al Fondo
Tesoreria INPS), aumentato delle relative somme
destinate a forme pensionistiche, delle anticipazioni
e degli acconti eventualmente già erogati ed al
netto delle rivalutazioni già assoggettate ad imposta
sostitutiva.
In caso di erogazione di TFR a titolo di
acconto o saldo
convenzionale
dal
DIPE > Progressivi > TFR
+ TFR spettante
- Quota fondo 2000
+ TFR destinato a previdenza
+ TFR a previdenza ap
+ Anticipazioni
- Rivalutazione TFR netta AP
- Rivalutazione netta (*)
(*) se in tabella “Personalizzazione
procedura” (PERSPRO) è stato indicato
S al campo “TFR maturato al netto delle
rivalutazioni dell’anno”
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità
+ Anticipazioni TFR dal 2001
DIPE > Progressivi > Fondo previdenza
+ Smobilizzo TFR 2000
+ Smobilizzo TFR
In caso di anticipazioni, l’ammontare da indicare nel
campo è quello maturato alla data della richiesta o
al 31/12/2012.
Il programma riporta in automatico l’importo
maturato alla data di richiesta dell’anticipazione in
quanto il reddito di riferimento è stato calcolato in
funzione di tale data.
In caso di erogazione di anticipazioni:
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità > Tassazione
(Reddito di riferimento /144) x
Mesi presi a base –
TFR maturato al 31/12/2000 (casella 439
del 770)
Istruzioni operative 770/2014
(462)
(463)
(464)
(465)
TFR erogato nel 2013
Va indicato l’ammontare del TFR erogato nel 2013
compreso nel maturato dal 1/1/2001. L’importo
erogato deve essere indicato al netto delle
rivalutazioni assoggettate ad imposta sostitutiva.
Titolo
Va indicato il titolo dell’erogazione della somma di
cui al precedente punto (A = anticipazione, B=
saldo, C = acconto, M= Saldo corrisposto in due
ovvero in tre rate annuali ex art. 12, c. 7, DL
n.78/2010).
Rate
In presenza del codice M al precedente campo:
- nel punto 461 va indicato il numero della rata
erogata;
- nel punto 462 va indicata la modalità di
rateazione utilizzata
47/105
DIPE > Progressivi > TFR
+ TFR erogato
- Fondo 2000 erogato
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità > Tassazione
- somma dei campi “Rivalutazione”
- Erogazioni TFR INPS no capienza
+ Riv. TFR INPS no cap. Anno e AP (F4
al campo Erog. TFR INPS no capienza)
La
casella
viene
compilata
automaticamente con i codici A, B e C in
funzione del tipo di erogazione presente
in DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità > Tassazione.
L’indicazione del codice M (dipendenti
delle amministrazioni pubbliche con
ammontare complessivo della prestazione
superiore a 90.000 €) è manuale.
Campi a gestione manuale
(466)
TFR erogato anni precedenti
Va indicato l’importo di TFR erogato dal 1974 al
2012 riferibile al TFR maturato dal 01/01/2001 al
netto della rivalutazione.
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità
+ Anticipazioni TFR
- Rivalutazione anno precedente *
* Rivalutazione anno prec.= Rivalutazione
erogata (Progressivi > TFR) – somma dei
campi “Rivalutazione esente” (Progressivi
> Indennità di anzianità > Tassazione)
(467)
Anno di ultima erogazione
Anno di ultima erogazione delle somme di cui al
campo precedente.
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità
“Anno di ultima erogazione” presente
nella
prima
casella
del
campo
“Anticipazioni
TFR”
della
sezione
“Tassazione dal 2001”.
(468)
TFR destinato al fondo
Va indicato l’ammontare del TFR destinato alle
forme pensionistiche di previdenza complementare
già compreso nel TFR maturato dal 1/1/2001 di cui
al punto 461.
DIPE
>
Progressivi
previdenza
+ Smobilizzo TFR
DIPE > Progressivi > TFR
+ TFR destinato a previdenza
+ TFR a previdenza AP
>
Fondo
Istruzioni operative 770/2014
(469)
(470)
Altre Indennità – Ammontare erogato nel 2013
Va indicato l’ammontare complessivo delle altre
indennità e somme corrisposte nel 2013 riferibile al
maturato dal 01/01/2001; va altresì indicato
l’importo ridotto al 50% delle somme corrisposte nel
2013 a titolo di incentivo all’esodo agevolato
esclusivamente all’atto della cessazione del
rapporto di lavoro riferibile al maturato dal 1/1/2001.
In tale punto vanno indicate anche le somme
corrisposte a titolo di indennità per la cessazione
dei rapporti di collaborazione coordinata e
continuativa.
In caso di erogazione di altre indennità e somme non
commisurate alla durata del rapporto di lavoro (ad
es. indennità di mancato preavviso, indennità di non
concorrenza) nel presente punto deve essere
indicata la parte corrispondente al rapporto tra il TFR
maturato
dal
01/01/2001
ed
il
TFR
complessivamente maturato (eccedenza di quanto
indicato al punto 449).
Altre Indennità – Titolo
Va indicato il titolo dell’erogazione della somma di
cui al precedente punto (A=Anticipazione; B=Saldo;
C=Acconto; D=Anticipazione non connessa alla
cessazione del rapporto di lavoro; E=Saldo non
connesso alla cessazione; F=Acconto non connesso
alla cessazione; G=Anticipazione per indennità di
cessazione dei rapporti di co.co.co; H=Saldo per
indennità di cessazione dei rapporti di co.co.co; L=
Acconto per indennità di cessazione dei rapporti di
co.co.co; N=Saldo relativo all’incentivo all’esodo
agevolato; O=Acconto relativo all’incentivo all’esodo
agevolato).
48/105
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità > Tassazione
+ Indennità di preavviso
+ Indennità di buonuscita
+ Patto non concorrenza
+ Incentivazione esodo ( 50% )
L’importo viene riproporzionato in base al
rapporto
fra
TFR
maturato
dal
01/01/2001 e il TFR complessivo.
Per i co.co.co.:
DIPE > Progressivi > Collaboratori (2^
pagina):
+ Compenso cessazione rapporto
- Contributi su cessazione rapporto
Per i dipendenti, il programma riporta in
automatico solamente i codici:
A (anticipazione): se la data di
erogazione è anteriore alla data di
licenziamento del dipendente o se la data
di licenziamento è assente;
B (saldo): se la data di erogazione è
uguale o successiva alla data di
licenziamento.
Per i collaboratori, tale punto viene
compilato in base al valore indicato al
campo “Titolo” della sezione “Progressivi
> Collaboratori” (seconda pagina) di
DIPE (Anticipazione; Saldo; Acconto).
In caso di incentivo all’esodo, in luogo
dei suddetti codici viene riportato il codice
N (saldo di incentivo all’esodo).
(471)
Altre indennità – Erogato in anni precedenti
L’importo delle altre indennità e somme erogato dal
1974 al 2012 a qualunque titolo (anticipazione,
acconto, saldo nel caso di riconoscimento nel 2013
di ulteriori somme con conseguente obbligo di
riliquidazione) riferibili al maturato dal 1 gennaio
2001; va altresì indicato l’importo, ridotto al 50%,
dell’incentivo all’esodo agevolato, erogato in anni
precedenti.
Se negli anni precedenti sono state corrisposte
indennità non commisurate alla durata del rapporto
di lavoro (nonché importi di incentivo all’esodo)
occorre indicare nel presente punto la parte
corrispondente al rapporto tra il TFR maturato dal
01/01/2001 ed il TFR complessivamente maturato.
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità
Anticipazioni altre indennità
L’importo viene riproporzionato in base al
rapporto fra TFR maturato dal 1/01/2001
e il TFR complessivo
Per i co.co.co.:
DIPE > Progressivi > Collaboratori (2^
pagina):
+ Compenso cessazione rapporto (anni
precedenti)
- Contributi su cessazione rapporto (anni
precedenti)
L’eventuale incentivo all’esodo erogato
in anni precedenti deve essere inserito
manualmente.
Istruzioni operative 770/2014
(472)
Anno di ultima erogazione
Indicare l’anno di ultima erogazione delle somme di
cui al precedente punto 471.
49/105
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità
“Anno ultima erogazione” indicato nella
prima casella del campo “Anticipazioni
altre IA” della sezione “Tassazione dal
2001”.
In caso di incentivo all’esodo, l’anno di
ultima erogazione è a gestione manuale.
Per i co.co.co.:
DIPE > Progressivi > Collaboratori (2^
pagina):
Anno ultima erogazione
(473)
Codice fiscale del sostituto
Va compilato nella sola ipotesi che le altre indennità
e somme connesse alla cessazione del rapporto di
lavoro e/o l’incentivo all’esodo agevolato evidenziati
nel punto 469 siano stati erogati da un sostituto
d’imposta diverso da quello che ha erogato il TFR;
in tal caso nel punto 473 andrà indicato il codice
fiscale del sostituto che ha erogato il TFR.
Campo a compilazione manuale
N.B.: La sezione relativa alle “Prestazioni in forma di capitale” (Caselle da 474 a 493) non viene
compilata in automatico dal programma.
Dati riepilogativi
Casella
Descrizione
Campo
(494)
Reddito di riferimento
Indicare il reddito di riferimento ai sensi dell’art. 19
del TUIR.
Tale punto deve essere compilato nelle ipotesi di
erogazione di indennità equipollenti, TFR, altre
indennità e somme non connesse alla cessazione
del rapporto di lavoro, prestazioni in forma di
capitale a “nuovi iscritti” nonché a “vecchi iscritti”
con esclusione della erogazione definitiva di
prestazioni maturate al 31/12/2000 tassate con
l’aliquota del TFR.
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità > Tassazione
Reddito riferimento ultimo mese presente
(495)
Vedere istruzioni
Campo da barrare in caso di “vecchi iscritti a vecchi
fondi”.
Campo a compilazione manuale
Istruzioni operative 770/2014
(496)
Aliquota
Va indicata l’aliquota, calcolata sul reddito di
riferimento, applicata alle indennità equipollenti, al
TFR, alle altre indennità e somme non connesse
alla cessazione del rapporto di lavoro.
In tale punto va altresì indicata l’aliquota applicata
alle indennità corrisposte per la cessazione dei
rapporti di collaborazione coordinata e continuativa.
Clausola
Nel caso in cui nella determinazione dell’aliquota
calcolata sul reddito di riferimento si sia tenuto
conto, in quanto più favorevoli, delle aliquote e
degli scaglioni di reddito vigenti al 31/12/2006
(clausola di salvaguardia), va indicato il codice A;
in caso in non applicazione della clausola di
salvaguardia va indicato il codice B.
(497)
Aliquota
Va indicata l’aliquota applicata alle altre indennità e
somme connesse alla cessazione del rapporto di
lavoro.
In caso di contestuale erogazione di TFR ed altre
indennità connesse, il presente punto non deve
essere compilato.
Clausola
Indicare il codice A in caso di applicazione della
clausola di salvaguardia o, in caso contrario, il
codice B.
50/105
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità > Tassazione
Ultima
aliquota
presente
per
anticipazioni, acconti e indennità di
anzianità
Per i co.co.co.:
DIPE > Progressivi > Collaboratori (2^
pagina):
Ritenuta Irpef cess. / (diviso)
(Comp. Cess. Rapp. – Contr. Cess.
Rapp.)
Il programma inserisce automaticamente
il codice A in presenza del codice “X” al
campo “Tassazione TFR: utilizzare
scaglioni IRPEF 2006” di TB1203 >
scheda “CEDOL 1”; diversamente viene
inserito il codice B.
Per le indennità corrisposte per la
cessazione di rapporti di collaborazione
coordinata e continuativa viene sempre
indicato il codice B.
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità > Tassazione
Ultima aliquota presente per Indennità di
preavviso, buonuscita, incentivo all’esodo
e patto di non concorrenza
(Vedi punto precedente)
(498)
Riduzioni
Va indicato il totale delle riduzioni applicate ai fini
della determinazione degli imponibili.
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità > Tassazione
“Deduzioni applicate” presenti nell’ultimo
mese in cui risulta un’erogazione
(499)
Totale Imponibile
Va indicato il totale imponibile riferito a tutte le
somme erogate sia nel 2013 che in anni
precedenti, al netto delle riduzioni già indicate nel
precedente punto 498.
Modello 770
E’ costituito dalla somma dei seguenti
campi del modello:
424 + 428 + 430 + 432 + 440 + 444 + 449
+ 451 + 462 + 466 + 469 + 471 + 476 +
478 + 484 + 486 – 498
Per i co.co.co.:
DIPE > Progressivi > Collaboratori (2^
pagina):
+ Compenso cessazione rapporto
– Contributi su cessazione rapporto
+ Compenso cessazione rapporto A.P.
– Contributi su cessazione rapporto A.P.
Istruzioni operative 770/2014
(500)
Imposta complessiva
Va indicata l’imposta complessiva che si ottiene
applicando le aliquote esposte nei punti 496 e 497
ai rispettivi imponibili dichiarati.
51/105
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità > Tassazione
Sommatoria mesi da 1 a 12 “Imposta
ante 2001”
+ sommatoria mesi da 1 a 12 “Ritenuta
lorda”
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità
+ Ritenute fiscali AP
Per i co.co.co.:
DIPE > Progressivi > Collaboratori (2^
pagina):
+ Ritenuta Irpef cessazione rapporto
+ Ritenuta Irpef cessazione rapporto A.P.
(501)
Detrazioni di imposta
Va indicato l’importo delle detrazioni spettanti sul
TFR maturato dal 1/1/2001 (art. 19, comma 1-ter
del TUIR).
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità > Tassazione
“Detrazioni” (1^ casella) ultimo mese
presente.
(502)
Detrazioni di cui al decreto 20/03/08
Va indicato l’ammontare della detrazione spettante
sul TFR e sulle indennità equipollenti ai sensi
dell’art.1 del decreto 20 marzo 2008.
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità > Tassazione
+ Detrazioni 2008 Tassazione ante 2001
+ Detrazioni 2008 Tassazione dal 2001,
ultimo mese presente.
(503)
Ritenute operate in anni precedenti
Vanno indicate le ritenute sulle somme già erogate
dal 1974 al 2012.
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità
+ Ritenuta fiscale AP
+ Ritenuta fiscale
Per i co.co.co.:
DIPE > Progressivi > Collaboratori (2^
pagina):
Ritenuta Irpef cessazione rapporto A.P.
(504)
Ritenute di anni precedenti sospese
Va indicato l’importo delle ritenute non operate per
effetto delle disposizioni emanate a seguito di
eventi eccezionali, già comprese nell’importo
indicato nel precedente punto 503.
Campo a compilazione manuale
(505)
Ritenute operate nel 2013
Importo delle ritenute operate nel 2013.
DIPE > Progressivi > Indennità di
anzianità > Tassazione
Sommatoria mesi da 1 a 12 “imposta
ante 2001”
+ Imposta netta dal 2001 (ultimo mese)
Per i co.co.co.:
DIPE > Progressivi > Collaboratori (2^
pagina):
Ritenuta Irpef cessazione rapporto
Istruzioni operative 770/2014
(506)
Ritenute del 2013 sospese
Va indicato l’importo delle ritenute non operate per
effetto delle disposizioni emanate a seguito di
eventi eccezionali, già comprese nell’importo
indicato nel precedente punto 505.
52/105
DIPE > Altri dati > Altri progressivi
+ Irpef TFR1 sospesa
+ irpef TFR2 sospesa
Per i co.co.co.:
DIPE > Progressivi > Collaboratori (2^
pagina):
Rit. irpef cessazione rapporto sospesa
(507)
Importo a tassazione ordinaria – Anno 2013
Indicare l’importo già compreso nel punto 1, relativo
alla quota delle indennità e dei compensi corrisposti
alla cessazione di un rapporto di lavoro dipendente
o di collaborazione, erogati in denaro o in natura,
che eccede l’importo di un milione di euro e che, ai
sensi dell’art. 24, co. 31, DL 201/2011 (convertito
con modificazioni dalla L. n. 214/2011) è stato
assoggettato a tassazione ordinaria in luogo della
tassazione separata.
Campo a compilazione manuale
(508)
Importo a tassazione ordinaria – Anni
precedenti
Indicare l’importo eccedente un milione di euro
tassato ordinariamente in luogo della tassazione
separata negli anni precedenti.
Campo a compilazione manuale
(509)
Ris. 33/2003
Indicare l’importo dell’eccedenza d’imposta,
risultante dal conguaglio con anticipazioni di
prestazioni in forma di capitale erogate in anni
precedenti ed assoggettate a tassazione separata,
utilizzato a scomputo dell’imposta dovuta sulla
prestazione in forma di capitale maturata dal
1.1.2001 al 31.12.2006 ed assoggettata a
tassazione ordinaria.
Campo a compilazione manuale
(510)
Ritenute post 01/01/2007
Indicare l'importo relativo all'eccedenza d'imposta
risultante dal conguaglio con anticipazioni di
prestazioni in forma di capitale erogate in anni
precedenti utilizzata a scomputo delle imposte
dovute.
Campo a compilazione manuale
(511)
Rivalutazioni sul TFR già assoggettate ad
imposta
Indicare l’importo complessivo della rivalutazione
del TFR ai sensi dell’art. 2120 c.c., già
assoggettata ad imposta sostitutiva al netto della
relativa imposta.
Tale punto, deve essere compilato esclusivamente
in caso di erogazioni a qualsiasi titolo nel 2013 di
TFR e altre indennità e somme connesse alla
cessazione del rapporto di lavoro ancorché riferibili
al maturato al 31 dicembre 2000.
In caso di erogazione di TFR a titolo di
acconto o saldo:
DIPE > Progressivi > TFR
+ Rivalutazione TFR AP
+ Rivalutazione netta anno se in tabella
“Personalizzazione
procedura”
(PERSPRO) è stato indicato S al campo
“TFR maturato al netto delle rivalutazioni
dell’anno”.
In caso di erogazione di anticipazioni:
DIPE > Progressivi > TFR
+ Rivalutazione TFR AP
+ Rivalutazione netta dell’anno calcolata
alla data di richiesta dell’anticipazione.
Istruzioni operative 770/2014
53/105
Per la compilazione della sezione “Art. 2122 Codice Civile” (Caselle da 512 a 514) si rimanda alla
sezione “Somme corrisposte agli eredi” del precedente paragrafo.
Dati relativi al coniuge e familiari a carico
Nella sezione “Dati relativi al coniuge e ai familiari a carico” devono essere indicati i dati relativi ai familiari
che nel 2013 sono stati fiscalmente a carico del dipendente ai fini della corretta attribuzione delle detrazioni.
Sono richieste le seguenti informazioni:
- Relazione di parentela:
barrare la relativa casella
701 C Coniuge
704 F1 Primo figlio (nella gestione del prospetto SD in QUA770, il primo
figlio viene identificato dal codice “P”)
711 F Figlio successivo al primo
712 A Altro familiare
- Codice fiscale:
inserire il codice fiscale nella casella corrispondente al relativo familiare
(702 per il coniuge, 706 per il primo figlio, 714 per altri figli o altri familiari
a carico).
- Figlio con disabilità
barrare la casella 705 o 713 rispettivamente in caso di primo figlio oppure
altri figli con disabilità (nella gestione del prospetto SD in QUA770, il figlio
disabile viene identificato con il codice “D”).
- Numero mesi a carico:
indicare nelle caselle 703, 707 e 715 i mesi in cui il relativo familiare è
risultato a carico.
- Minori di tre anni:
indicare nelle caselle 708 e 716 il numero dei mesi in cui il figlio a carico
risultava essere minore di tre anni. Il campo è un di cui del campo
“Numero mesi a carico”.
- Percentuale di
detrazione spettante:
con riferimento ai figli o altri familiari a carico nel 2013, indicare nelle
caselle 709 e/o 717 la relativa percentuale di detrazione applicata.
- Detrazione 100%
affidamento figli:
le caselle 710 e 718 devono essere contrassegnate in caso di
separazione legale ed effettiva o di annullamento, scioglimento o
cessazione degli effetti civili del matrimonio, qualora il percipiente abbia
fruito della detrazione per figli a carico nella misura del 100%.
Tali informazioni vengono automaticamente prelevate dalla scheda “Detrazioni” di DIPE relativa all’anno
2013.
Il programma preleva il codice fiscale del familiare a carico se presente e se risulta corretto; gli utenti che
volessero riportare anche i codici fiscali che risultano errati devono provvedere ad inserire il valore “Si” al
campo “Prelievo codici fiscali errati dai familiari a carico” della tabella “Personalizzazione procedura”
(PERSPRO > scheda TRA770).
In assenza del codice fiscale, il programma riporta comunque tutte le altre informazioni richieste.
Per la determinazione del numero dei mesi a carico il programma controlla i “Flag detrazioni” presenti in
corrispondenza dei singoli mesi dell’anno; per la compilazione del campo “Minore di tre anni” viene verificato
il codice fiscale.
Nel caso in cui nel corso del 2013 siano variate le percentuali di spettanza delle detrazioni per familiari a
carico si dovrà procedere alla compilazione di due distinti righi.
Pertanto, il familiare che, in relazione alle diverse percentuali a carico, risulta più volte inserito nella scheda
“Detrazioni” di DIPE, verrà allo stesso modo riportato su più righi del modello 770, ognuno con la relativa
percentuale di detrazione spettante.
Istruzioni operative 770/2014
54/105
In caso di applicazione per il primo figlio delle detrazioni previste per il coniuge viene barrata la casella
“Spetta detrazione coniuge (coniug. mancante)”, posta a destra del campo “Percentuale di detraz.spettante”
(nel prospetto SD di QUA770).
Infatti nelle specifiche tecniche per la trasmissione telematica del modello 770 è indicato di compilare il
campo “Percentuale detrazione spettante” alternativamente con una percentuale oppure, in caso di
applicazione per il primo figlio delle detrazioni previste per il coniuge, con la lettera C.
Il programma valorizza il campo in oggetto se nella scheda “Detrazioni” di DIPE è presente il codice C al
campo “Flag detrazioni” (anche se le detrazioni per il coniuge sono risultate inferiori a quelle per figlio).
I campi 710 e 718 (Detrazione 100% affidamento figli) vengono automaticamente contrassegnati se lo stato
civile del dipendente risulta “separato” o “divorziato” e la percentuale a carico risulta pari al 100.
Nel punto 719 va indicata la percentuale della detrazione spettante ai sensi del comma 1-bis dell’art. 12 del
TUIR (detrazione per contribuenti con almeno 4 figli a carico).
Il programma compila automaticamente tale campo per i soli dipendenti che presentano il valore “M” o “C” al
campo “Ulteriore detrazione 4 figli” della scheda “Detrazioni” di DIPE.
In tal caso viene riportata la percentuale determinata come di seguito descritto:
a) se non risulta compilata la sezione “Gestione percentuali” (pulsante “Gestione percentuali” nel campo
“Ulteriore detr. 4 figli”) il programma inserisce la percentuale del 50% in caso di dipendente coniugato
(cod. 2 al campo “Stato civile” della scheda “Anagrafica” di DIPE) senza coniuge a carico;
diversamente (dipendente non coniugato o con coniuge a carico) viene inserita la percentuale del
100%;
b) in caso di compilazione della suddetta sezione “Gestione percentuali”, il programma inserirà in tale
punto la percentuale ottenuta come media aritmetica dei valori inseriti nella sezione stessa.
Istruzioni operative 770/2014
55/105
Prospetto SD – Dati lavoro dipendente – Parte C
Dati previdenziali ed assistenziali INPS e INPS gestione dipendenti pubblici (ex INPDAP)
Le informazioni richieste in questa sezione sono le stesse riportate nella certificazione modello CUD.
I dati, visualizzabili in GESCUD, vengono prelevati dall’archivio DATICUD della procedura PAGHE.
Dati assicurativi INAIL
In tale sezione devono essere indicati i dati assicurativi INAIL riferiti a tutti i soggetti per i quali ricorre la
tutela obbligatoria ai sensi del D.P.R. N. 1124/1965, già soggetti alla denuncia nominativa di cui alla L. n.
63/1993.
Punto 34 “Posizione assicurativa territoriale”
In tale campo viene riportato il codice della posizione assicurativa territoriale di riferimento (9 cifre) ed il
relativo codice di controllo (2 cifre).
Punti 35 e 36 Periodo di inclusione del soggetto assicurato nella PAT di riferimento
In tali campi deve essere indicato il periodo di inclusione del soggetto assicurato nella posizione assicurativa
indicata al punto precedente.
L’indicazione è obbligatoria nei seguenti casi:
- periodo non coincidente con l’anno solare;
- modifica in corso d’anno della posizione assicurativa di riferimento.
Nei casi in cui si sia verificata in corso d’anno una variazione della qualifica del soggetto assicurato e/o delle
condizioni contrattuali o una trasformazione del tipo di rapporto del soggetto stesso (ad esempio, da
contratto di formazione a contratto a tempo indeterminato) è necessario utilizzare più righi riportando su
ognuno di essi, le informazioni relative al periodo assicurato.
Nell’applicativo PAGHE, i dati vengono prelevati dalla pagina “Progressivi > INAIL” di DIPE, in base alla data
di assunzione e/o cessazione del rapporto di lavoro e, per i soci non artigiani, dalla sezione “Soci” della
scheda “INAIL” di AZIE.
Soci e Associati non artigiani
In tale sezione vengono riportati i dati dei soci e degli associati di aziende non artigiane. Il controllo viene
effettuato nella scheda “Dati contributivi” di AZIE al campo “Tipologia azienda” (N=Non artigiana).
Punto 33 “Qualifica”
Tale punto deve essere compilato solo in caso di soggetto appartenente ad una delle categorie indicate nella
tabella “Ulteriori categorie” contenuta nelle istruzioni 770.
Il dato viene rilevato dal campo “Qualifica INAIL” della anagrafica percipiente (ANAPERC).
Quest’ultimo campo viene automaticamente compilato in fase di prelievo con le modalità di seguito indicate:
Cod.
Prelievo
B
soggetto inserito come “Tirocinante” nella sezione “Soci” di una PAT aziendale.
E
Viene riportato il valore “E” nei seguenti casi:
- soggetto inserito nella sezione “Soci” (AZIE > scheda “INAIL” > tasto “Funzioni”), con
l’indicazione di “Socio” al campo “Tipo”;
- soggetto inserito in anagrafica dipendenti con l’indicazione del valore 6 (socio) al campo
“Trattamento IRPEF” della scheda “Dati generali” di DIPE.
F
Viene riportato il valore “F” in caso di associato in partecipazione (codice “A” al campo “Trattamento
IRPEF” della scheda “Dati generali” di DIPE).
G
soggetto inserito come “Collaboratore” nella sezione “Soci” di una PAT aziendale.
H
soggetto inserito come “Collab. familiare art. 230/bis” nella sezione “Soci” di una PAT aziendale.
Istruzioni operative 770/2014
56/105
Gli ulteriori codici previsti al campo “Qualifica” possono essere inseriti, ai fini del prelievo nel modello 770,
all’interno del campo “Categoria INAIL” della scheda “Trattenute” di DIPE.
Punto 37 / 38 “Codice comune” / “Personale viaggiante”
Nel punto 37 va indicato il codice del comune in cui è stata svolta in modo prevalente l’attività lavorativa.
Il codice del comune di lavoro viene prelevato dal campo “Comune di lavoro” della scheda “Trattenute” di
DIPE oppure, in assenza, nella sezione “Dati Anagrafici” della scheda “Anagrafica” di AZIE.
In caso di soggetto appartenente alla categoria del personale “viaggiante”, deve essere compilato il punto 38
in luogo del punto 37; a tal fine è necessario contrassegnare manualmente il corrispondente campo presente
nella sezione “Dati assicurativi INAIL” della sezione “SD – Lavoro dipendente” di QUA770.
Istruzioni operative 770/2014
57/105
Prospetto SD – Dati lavoro dipendente – Parte D
Assistenza fiscale prestata
La parte D va compilata riportando i dati relativi alle operazioni di conguaglio effettuate a seguito
dell’assistenza fiscale prestata nel corso del 2013, dal sostituto stesso, da un Caf-dipendenti o da un
professionista abilitato al quale il contribuente si è rivolto.
Il sostituto non può rimborsare crediti risultanti dalle operazioni di conguaglio di assistenza fiscale utilizzando
importi da lui anticipati né successivamente utilizzare nel Mod. 770 Semplificato tali importi a scomputo di
ritenute operate al fine di recuperare le somme anticipate effettuando versamenti inferiori rispetto al dovuto.
L’art. 19 del D.M. n. 164 del 31/05/99, recante norme per l’assistenza fiscale resa dai Centri di assistenza
fiscale per le imprese e per i dipendenti, dai sostituti d’imposta e dai professionisti ai sensi dell'articolo 40 del
decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, prevede, infatti, che le somme risultanti a credito a seguito delle
operazioni di conguaglio di assistenza fiscale, vengano rimborsate mediante una corrispondente riduzione
delle ritenute dovute dal dichiarante nel mese di luglio, ovvero utilizzando, se necessario, l’ammontare
complessivo delle ritenute operate dal medesimo sostituto.
Nel caso che anche l'ammontare complessivo delle ritenute risulti insufficiente a consentire il rimborso delle
somme risultanti a credito, il sostituto rimborsa gli importi residui operando sulle ritenute d'acconto dei mesi
successivi dello stesso periodo d'imposta.
Assistenza 2013
Nella compilazione della sezione relativa all’assistenza fiscale prestata le informazioni relative al conguaglio
da assistenza fiscale devono essere distinte fra dichiarante e coniuge.
Per ciascun soggetto e per ciascuna tipologia di tributo, sono richieste in particolare le seguenti informazioni:
Saldo Irpef / Addizionale regionale / Saldo addizionale comunale / Acconto addizionale Comunale /
Imposta sost. premi produttività
- Importo rimborsato (punti 2, 7, 20, 26, 31, 37, 42, 48, 62, 67)
- Imposta trattenuta (punti 3, 8, 21, 27, 32, 38, 43, 49, 63, 68)
- Interessi (punti 4, 9, 22, 28, 33, 39, 44, 50, 64, 69)
Prima rata acconto Irpef / Acconto tassazione separata / Cedolare secca locazioni 2012 / Prima rata
acconto cedolare secca / Contributo di solidarietà / Seconda o unica rata acconto Irpef / Seconda o
unica rata acconto cedolare secca
- Imposta trattenuta (punti 11, 16, 53, 58, 71, 76, 80, 85, 89, 94, 103, 108, 112, 117)
- Interessi (punti 12, 17, 54, 59, 72, 77, 81, 86, 90, 95, 104, 109, 113, 118)
- Importo rimborsato a seguito di rettifica (punti 13, 18, 55, 60, 73, 78, 82, 87, 91, 96, 105, 110, 114,
119)
Le informazioni relative alle addizionali IRPEF risultano già distinte fra dichiarante e coniuge (sia nella
pagina “Altri dati > Assistenza fiscale” di DIPE che nell’archivio storico in cui sono presenti le voci generate
dal conguaglio 730); per le altre tipologie di tributo (saldo IRPEF, 1^ rata acconto, 2^ rata acconto, imposta
sost. 10%, acconto tassazione separata, cedolare secca e contributo di solidarietà) il programma è
predisposto per suddividere fra dichiarante e coniuge l’importo complessivamente conguagliato, in quanto i
valori inseriti nella pagina “Altri dati > Assistenza fiscale” di DIPE sono stati accorpati prima dell’effettuazione
del conguaglio stesso.
La stessa suddivisione fra dichiarante e coniuge è presente nella sezione “Conguagli non effettuati o non
completati” e nella sezione “Rettifiche” del mod. 770.
Per la corretta compilazione del Mod. 770, le eventuali compensazioni operate fra dichiarante e coniuge
relativamente al debito/credito di saldo IRPEF, e le compensazioni operate fra debiti e crediti di diverse
tipologie di tributo devono essere considerate come importi trattenuti o rimborsati.
Istruzioni operative 770/2014
58/105
Punti “Importo rimborsato” / “Imposta trattenuta”
I dati per la compilazione dei campi sopra elencati vengono acquisiti da:
1.
Archivio storico:
dall’archivio STORIA, visualizzabile mediante il comando GESSTO,
vengono prelevati gli importi delle voci di calcolo utilizzate per la
trattenuta o il rimborso delle risultanze dell’assistenza fiscale (voci
collegate nelle tabelle TB0503 “Voci conguaglio Irpef assistenza
fiscale” e TB0504 “Voci conguaglio addiz. Irpef assistenza fiscale”), a
partire dal mese specificato in tabella “Mesi e compenso assistenza
fiscale” (TB0502), in base al tipo di retribuzione dell’azienda indicato
al primo campo della scheda “IRPEF” di AZIE (nel mese o nel mese
successivo).
Va sottolineato che le voci rilevate nell’archivio storico risultano al
netto di eventuali compensazioni operate fra dichiarante e coniuge
relativamente al saldo IRPEF (di seguito denominate compensazioni
“interne”) e fra le diverse tipologie di tributo (compensazioni
“esterne”).
2.
Compensazioni “interne”:
compensazioni operate all’interno dello stesso tributo (possibili solo
con riferimento al saldo Irpef ed al saldo cedolare secca) fra il debito
ed il credito del dichiarante e del coniuge; l’ammontare di tali
compensazioni, vengono rilevate dal programma verificando gli
importi presenti nel relativo riquadro della pagina “Altri dati >
Assistenza fiscale” di DIPE.
3.
Compensazioni “esterne”:
compensazioni fra diverse tipologie di tributo operate determinando il
“saldo complessivo” di cui all’Allegato D della Circolare di
liquidazione del Mod. 730; l’ammontare di tali compensazioni
vengono rilevate verificando la colonna “compensato” di pagina “Altri
dati > Assistenza fiscale” di DIPE.
Per la determinazione degli importi conguagliati (trattenuti o rimborsati) e la suddivisione di questi importi
fra dichiarante e coniuge, il programma opera come di seguito descritto.
Assenza di Dichiarazioni integrative o rettificative
A) Se i valori del dichiarante e del coniuge risultano entrambi di debito o di credito, l’importo
complessivamente conguagliato (prelevato dallo storico) viene ripartito fra i due soggetti in
proporzione ai valori inseriti nelle rispettive posizioni della pagina “Altri dati > Assistenza fiscale”
dell’anagrafica dipendente.
La medesima suddivisione viene effettuata per l’eventuale importo di interessi.
B) Se i valori del dichiarante e del coniuge risultano l’uno a credito e l’altro a debito o viceversa e quindi
in parte compensate fra loro (situazione possibile solo con riferimento al saldo di IRPEF e di cedolare
secca), la compilazione dei campi in questione viene effettuata con le seguenti modalità:
- L’importo minore fra quello relativo al dichiarante e quello relativo al coniuge viene considerato
come interamente rimborsato (se a credito) o trattenuto (se a debito).
- Per l’altro soggetto lo stesso importo viene considerato in maniera opposta come
trattenuto/rimborsato.
Di seguito si riportano due esempi delle situazioni sopra descritte.
Istruzioni operative 770/2014
59/105
Esempio A:
Si ipotizzi la seguente situazione in pagina Altri dati – Assistenza fiscale di DIPE, relativamente al saldo
IRPEF:
Debito
Credito
1000
200
1200
Dichiarante
Coniuge
Totale
L’importo conguagliato, prelevato dall’archivio STORIA, risulta essere 960 (conguaglio non completato).
Al fine di suddividere l’importo conguagliato fra dichiarante e coniuge, il programma effettua la seguente
proporzione:
960
1200
x
1000 =
960
1200
x
200 =
800 (Imposta trattenuta dichiarante – punto 3 del mod. 770/2014)
160 (Imposta trattenuta coniuge – punto 8 del mod. 770/2014)
Per differenza fra gli importi iniziali e quelli conguagliati, vengono determinati i valori da riportare nella
sezione “Conguaglio non effettuati o non completati”:
1000 – 800 =
200
(Importo non trattenuto dichiarante – punto 149)
200 – 160 =
40
(Importo non trattenuto coniuge – punto 151)
Esempio B:
Si ipotizzi la seguente situazione in pagina “Altri dati – Assistenza fiscale” di DIPE, relativamente al saldo
IRPEF:
Debito
Credito
1000
Dichiarante
Coniuge
Totale
1000
200
200
L’importo conguagliato, prelevato dall’archivio STORIA, risulta essere 700 (conguaglio non completato).
L’importo inferiore (200 credito coniuge) viene considerato come interamente conguagliato, quindi
riportato nella casella “Importo rimborsato” relativa al saldo Irpef del coniuge (punto 7).
Relativamente al dichiarante, la somma dell’importo compensato e dell’importo conguagliato rilevato dallo
storico viene considerato come trattenuto, quindi:
200 + 700 = 900 (“Imposta trattenuta” per saldo Irpef dichiarante – punto 3)
Per differenza fra gli importi iniziali e quelli conguagliati, vengono determinati i valori da riportare nella
sezione “Conguagli non effettuati o non completati”:
1000 – 900 =
100
200 – 200 =
0
(Importo non trattenuto dichiarante – punto 149)
(relativamente al coniuge non viene riportato alcun importo nella sezione
“Conguaglio non effettuati o non completati”)
Istruzioni operative 770/2014
60/105
C) Nel caso in cui sia stata operata una compensazione fra le diverse tipologie di tributo (determinazione
del “saldo complessivo”, ottenuta mediante il collegamento dell’apposita voce di calcolo al campo
“Codice voce credito compensato 730” della tabella TB0503 – vedi note CONG730), l’importo
trattenuto/rimborsato viene determinato sommando gli importi rilevati nell’archivio storico con gli
importi che risultano memorizzati nella colonna “Compensato” della sezione “Altri dati > Assistenza
fiscale” di DIPE.
Tali importi, con riferimento a ciascun tipo di tributo, vengono evidenziati come di seguito descritto:
- Il credito compensato viene considerato come “Importo rimborsato”;
- Il debito compensato viene considerato come “Importo trattenuto”.
Di seguito si riporta un esempio di tale casistica.
Esempio C:
Si ipotizzi la seguente situazione in pagina “Altri dati > Assistenza fiscale” di DIPE, dove il debito relativo
al saldo IRPEF risulta in parte compensato con crediti relativi ad altri tributi:
IRPEF
Debito
Dichiarante
Coniuge
Totale
Compensato
1000
1000
Debito
Regionale
Comunale
Credito
200
200
100
Addizionali coniuge
Credito
Compensato
60
-60
40
-40
L’importo conguagliato, prelevato dall’archivio STORIA, risulta essere 700 (conguaglio completato).
Con riferimento al saldo IRPEF, l’importo inferiore (200 credito coniuge) viene considerato come
interamente conguagliato, quindi riportato nella casella “Importo rimborsato” relativa al saldo Irpef del
coniuge (punto 7).
Sempre per il coniuge, gli importi di credito di addizionale regionale e di addizionale comunale risultano
compensati con debiti su altri tributi, pertanto:
-
il credito di addizionale regionale (60) viene inserito nella corrispondente casella “Importo
rimborsato” (punto 26);
-
il credito di addizionale comunale (40) viene inserito nella corrispondente casella “Importo
rimborsato” (punto 37).
Relativamente al debito di saldo IRPEF del dichiarante, l’importo conguagliato viene determinato come di
seguito descritto:
+
+
200
100
700
1000
(Deb. compensato con credito del coniuge all’interno dello stesso tributo)
(Deb. compensato con crediti derivanti da altri tributi)
(Deb. conguagliato rilevato dallo storico)
(Imposta trattenuta dichiarante – punto 3)
Istruzioni operative 770/2014
61/105
Punto 1 e 102 – “Mese”
In tali punti deve essere indicato il mese in cui sono iniziate le operazioni di conguaglio. Per la
compilazione di tali punti il programma verifica il tipo di retribuzione adottato dall’azienda (rilevando
eventuali variazioni storiche) con riferimento al primo mese in cui sono presenti delle voci di conguaglio
da assistenza fiscale (verifica da Storico voci - GESSTO).
Punti 5, 14, 23, 34, 45, 56, 65, 74, 83, 92, 106, 115 – “Importo effettivamente trattenuto”
Con riferimento a ciascuna tipologia di tributo, al campo “Importo effettivamente trattenuto” (unico per
dichiarante e coniuge) devono essere indicati gli importi effettivamente trattenuti complessivamente fra
dichiarante e coniuge.
Il programma determina tale importo sommando per ciascun tributo, il relativo valore trattenuto al
dipendente (rilevato dallo storico delle voci di calcolo) e l’ammontare eventualmente compensato con
crediti relativi ad altri tributi (colonna “compensato” di pagina “Altri dati > Assistenza fiscale” di DIPE).
Relativamente al saldo di IRPEF e cedolare secca, per il quale può verificarsi una compensazione interna
allo stesso tributo fra gli importi relativi al dichiarante e al coniuge, il campo “Importo effettivamente
trattenuto” (punto 5 e 74) viene compilato solo in caso di situazione complessivamente a debito (debito
dell’uno superiore al credito dell’altro) evidenziando l’importo del debito al netto della compensazione
effettuata. In caso contrario (credito dell’uno superiore al debito dell’altro), nel campo in oggetto viene
riportato il valore 0 (zero).
Punto 98 – “Tipo conguaglio”
Va indicato il codice che identifica il tipo di conguaglio, in assenza di rettifiche. I codici da riportare sono:
A – conguaglio tardivo derivante da Mod. 730-3
B – conguaglio tardivo derivante da comunicazione Mod. 730-4 pervenuta nei termini
C – conguaglio conseguente a comunicazione tardiva di Mod. 730-4
D – Mod. 730-3 o Mod. 730-4 dal quale non risulta alcun debito o credito
Il campo viene compilato automaticamente.
Punto 101 – “Mod. 730/2013”
Tale punto viene compilato se è valorizzato il campo “730 non liquidabile” nella sezione “Altri dati >
Assistenza fiscale > Pagina 2” di DIPE.
Punti 107, 111, 116 e 120 – “Richiesta di minore acconto”
Anche tale campo è presente sia per il dichiarante che per il coniuge.
In entrambi i casi i campi vengono barrati automaticamente se è valorizzato il campo “Richiesta di minore
secondo o unico acconto” nella sezione “Altri dati > Assistenza fiscale> “Pagina 2” di DIPE.
Istruzioni operative 770/2014
62/105
Integrazioni
In presenza di Modello 730 integrativo, dal quale risultano a favore del contribuente dei rimborsi (a titolo di
saldo Irpef, addizionale regionale e comunale all’Irpef e di acconto del 20 per cento su alcuni redditi soggetti
a tassazione separata e/o di imposta sostitutiva dell’Irpef, di cedolare secca e contributo di solidarietà) il
sostituto deve compilare i campi del riquadro “Assistenza 2013” indicando gli importi complessivamente
trattenuti (indipendentemente dai rimborsi effettuati a seguito dell’integrazione) e gli importi
complessivamente rimborsati, senza effettuare nessuna compensazione tra tali valori.
In caso di conguagli derivanti da Modello 730 integrativo il programma CONG730 provvede a generare nel
cedolino le voci di rimborso relativamente agli importi riportati nella colonna “Integrazioni” nella sezione “Altri
dati > Assistenza fiscale” di DIPE.
Di conseguenza nell’archivio STORIA sono presenti sia le voci di trattenuta (relative alle risultanze del
Modello 730) sia le voci di rimborso (relative alle risultanze del Modello 730 integrativo) per i rispettivi importi
conguagliati.
In presenza di modello 730 integrativo viene compilato il punto 100 “Integrativo”.
Rettifiche
In presenza di Modello 730 rettificativo il sostituto deve compilare i campi del riquadro “Assistenza 2013”
indicando gli importi complessivamente rimborsati e trattenuti, anche a seguito di rettifiche, senza
effettuare nessuna compensazione tra tali valori.
Gli importi trattenuti a seguito di rettifica devono essere esposti anche nei punti da 122 a 141 e nei punti da
143 e 146 (al netto degli interessi trattenuti), indicando nei punti 121 e 142 il mese in cui sono iniziate le
operazioni di conguaglio a rettifica (sezione “Rettifiche”).
A tal fine il programma controlla i dati presenti nella sezione “Altri dati > Assistenza fiscale” di DIPE.
Il controllo viene effettuato per ciascun soggetto (dichiarante e coniuge) e per ciascuna tipologia di tributo
presente:
- se l’importo presente nella colonna “Rettifiche” è maggiore di quello presente nella colonna “Debito”, il
730 rettificativo ha determinato un maggior debito rispetto il 730 iniziale e la differenza, nel limite
dell’importo conguagliato, viene riportata nei rispettivi punti da 122 a 141.
- se l’importo presente nella colonna “Rettifiche” è minore di quello presente nella colonna “Debito”, il 730
rettificativo ha determinato un minor debito rispetto al 730 iniziale con conseguente generazione di un
rimborso, e di conseguenza i punti da 122 a 141 non vengono compilati.
Nel punto 121 “mese” deve essere indicato il mese (da 8 a 12) in cui sono iniziate le operazioni di
conguaglio a rettifica. Il programma riporta il mese presente nella sezione “Altri dati > Assistenza fiscale >
Pagina 2” di DIPE al campo “Mese inizio conguaglio integrazione/rettifica” in presenza della data al campo
“Ricezione 730/4 rettificativo” (o il mese successivo a quello indicato se l’azienda retribuisce nel mese
successivo).
Nel punto 99 “Rettificativo” va indicato il codice che identifica il tipo di rettificativo. Il programma riporta il
codice presente al campo “Tipo rettificativo” della sezione “Altri dati > Assistenza fiscale fiscale > Pagina 2”
di DIPE.
Integrazioni / rettifiche: suddivisione fra dichiarante e coniuge degli importi rimborsati/trattenuti
Situazione iniziale di credito (saldo Irpef) oppure di debito senza rateizzazione
L’importo complessivamente conguagliato, viene suddiviso tra dichiarante e coniuge distinguendo
l’importo conguagliato prima dell’intervenuta integrazione o rettifica e quello conguagliato
successivamente a tale integrazione o rettifica; a tal fine il programma verifica il campo “Mese inizio
cong. integrazione/rettifica” presente nella sezione “Altri dati > Assistenza fiscale” (seconda pagina) di
DIPE.
Istruzioni operative 770/2014
63/105
a) L’importo conguagliato nei mesi precedenti a quello di inizio conguaglio da integrazione/rettifica,
viene determinato dall’importo delle relative voci di calcolo presenti nello storico, sommato
all’importo delle eventuali compensazioni operate tra dichiarante e coniuge e tra tributi diversi
(colonna “compensato” della sezione “Altri dati > Assistenza fiscale” di DIPE).
Tale importo viene ripartito in proporzione ai dati di debito/credito inseriti nella sezione “Altri dati >
Assistenza fiscale” relativamente alla situazione originaria.
b) L’importo conguagliato nei mesi successivi a quello di integrazione/rettifica viene determinato dalle
voci presenti nello storico a partire dal mese di inizio del conguaglio da integrazione/rettifica.
Tale importo viene ripartito come di seguito indicato:
- in caso di rettifica, viene ripartito in proporzione alle differenze fra i valori di debito/credito
risultanti dalla rettifica (colonna “rettifiche” della sezione “Altri dati > Assistenza fiscale” di DIPE)
e gli importi precedentemente conguagliati;
- in caso di integrazione, viene ripartito in proporzione alle differenze fra i valori originari sommati
agli importi indicati nella colonna “Integrazioni” e gli importi precedentemente conguagliati.
Nelle caselle “Importo rimborsato / trattenuto” della sezione “Assistenza 2013”, il programma riporterà
la somma dei valori determinati come sopra descritto (punto a + b).
Nella sezione “Rettifiche” della Parte D del Mod. 770, invece, verranno riportati solo gli importi relativi
alle variazioni conseguenti al modello rettificativo ricavati dalla differenza fra la colonna “rettifiche” e la
rispettiva colonna “debito/credito” della sezione “Altri dati > Assistenza fiscale” di DIPE.
Situazione iniziale di debito con rateizzazione
Il programma opera in maniera differenziata a seconda della variazione apportata con la dichiarazione
integrativa o rettificativa (incremento o decremento del debito totale, con incremento o decremento per
uno o per entrambi i soggetti).
L’importo complessivamente conguagliato (comprensivo degli importi eventualmente compensati)
viene ripartito sulla base delle informazioni ricavate della sezione “Altri dati > Assistenza fiscale” di
DIPE, in modo tale da riportare nelle rispettive caselle del mod. 770 l’effettiva situazione degli importi
trattenuti e/o rimborsati al dichiarante e al coniuge.
Conguagli non effettuati o non completati
I punti da 147 a 195 devono essere compilati nei casi in cui il sostituto non sia riuscito ad effettuare oppure a
completare le operazioni di conguaglio; anche tali informazioni devono essere indicate separatamente fra
coniuge e dichiarante, oltreché per tipologia di tributo.
Il programma determina tali dati come differenza fra i debiti/crediti presenti per ciascun soggetto nella
sezione “Altri dati > Assistenza fiscale” di DIPE (tenendo conto anche degli importi presenti nelle colonne
integrazioni e rettifiche) ed i rispettivi importi conguagliati (al netto degli interessi), evidenziati distintamente
per dichiarante e coniuge nella precedente sezione “Assistenza 2013” del Mod. 770.
Nel punto 147 (“Esito”) va indicato il codice che identifica il motivo per il quale il conguaglio non è stato
effettuato o completato. I valori ammessi sono:
A – cessazione del rapporto di lavoro;
B – aspettativa senza retribuzione;
C – decesso;
D – retribuzione insufficiente;
E – rimborso non effettuato in tutto o in parte per in capienza del monte ritenute;
F – passaggio di dipendenti senza interruzione del rapporto di lavoro.
Il programma compila automaticamente tale campo, ad eccezione del codice “B” che deve essere gestito
manualmente.
Istruzioni operative 770/2014
64/105
Passaggio diretto di dipendenti senza estinzione del soggetto cedente
In caso di passaggio di dipendenti senza interruzione del rapporto di lavoro e senza estinzione del soggetto
preesistente, il sostituto cedente dovrà indicare nel proprio 770 quanto rimborsato e trattenuto nei mesi di
conguaglio ed esporre il residuo non rimborsato e trattenuto indicando il codice F nel campo 147.
Il sostituto che subentra deve esporre unicamente i dati degli importi da lui rimborsati e trattenuti a seguito
dell’assistenza fiscale prestata nel 2013.
La modalità di compilazione richiesta viene effettuata automaticamente dal programma in presenza delle
seguenti impostazioni:
- indicazione del valore “S” al campo “Passaggio diretto dipendenti” della sezione “Dati Paghe”
dell’anagrafica ditta in QUA770;
- “Stato dipendente” pari a 9 ed assenza della data di licenziamento nella scheda “Dati generali” di DIPE.
Nel caso di operazioni straordinarie con estinzione del sostituto d’imposta, il dichiarante dovrà esporre nella
parte D i dati complessivi delle operazioni di conguaglio effettuate nei mesi da luglio a dicembre 2013.
Istruzioni operative 770/2014
65/105
Prospetto SA – Dati lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi
Associati in partecipazione
Con il prelievo dati (TRA770 o QUA770 > Prelievo dati, scelta 1) vengono trasferiti nel quadro SA i dati
relativi ai compensi erogati agli associati in partecipazione.
Le informazioni riportate in gestione vengono prelevate dai progressivi fiscali (sez. “Progressivi > Irpef e
detrazioni”) e contributivi (sez. “Progressivi > Contributi sociali“) del dipendente, verificando l’anno di
riferimento, con lo stesso criterio adottato per la stampa della Certificazione dei compensi (CERTASS).
Vengono compilati i seguenti punti:
Punto 19 “Causale”:
Punto 22 “Ammontare lordo corrisposto”:
somma dei campi “Imponibile Irpef” e “Somme non soggette”
della sezione “Progressivi > Irpef e detrazioni” di DIPE
Punto 24 “Codice”:
Punto 25 “Altre somme non soggette a ritenuta”:
importo prelevato dal campo “Somme non soggette” della
sezione “Progressivi > Irpef e detrazioni” di DIPE
Punto 26 “Imponibile”:
Punto 27 “Ritenute a titolo d’acconto”:
ritenuta operata, prelevata dal campo “Irpef netta” della sezione
“Progressivi > Irpef e detrazioni” di DIPE.
Punto 29 “Ritenute sospese”:
Punto 38 “Contributi previdenziali a carico del soggetto erogante”:
viene riportato il codice C
viene riportato il codice 3 se presenti importi nel successivo
punto 25; è cura dell’utente variare manualmente tale codice in
presenza delle casistiche identificate dai codici 1 e 2
importo prelevato dal campo “Imponibile Irpef” della sezione
“Progressivi > Irpef e detrazioni” di DIPE
ritenute sospese prelevate dal campo “Irpef ordinaria sospesa”
della sezione “Altri dati > Altri progressivi” di DIPE.
contributi sociali a carico dell’azienda, prelevati dal campo
“Contributi IVS c/azie” della sezione “Progressivi > Contributi
sociali” di DIPE
Punto 39 “Contributi previdenziali a carico del percipiente”
contributi sociali a carico dell’associato, prelevati dal campo
“Contributi sociali” della sezione “Progressivi > Irpef e detrazioni”
di DIPE.
Istruzioni operative 770/2014
66/105
Prospetto SS – Dati riassuntivi
Nel prospetto SS devono essere evidenziati i dati riassuntivi delle informazioni riportate nelle comunicazioni
contenute nel modello di dichiarazione ovvero i valori complessivi dei dati riportati nelle varie certificazioni di
lavoro dipendente (prospetti SD) e di lavoro autonomo (prospetti SA).
Il prospetto SS viene generato automaticamente dal programma in fase di accesso al prospetto stesso
oppure all’atto della chiusura della dichiarazione (QUA770 > Chiusura 770 semplificato / Chiusura 770
Ordinario).
Fanno eccezione i campi della sezione SS4 “Importi non prelevati a seguito di operazioni straordinarie” che
vengono aggiornati dal prelievo dati dalla procedura PAGHE.
Rigo SS2: Comunicazione dati certificazione lavoro dipendente, assimilati ed assistenza fiscale
I punti da 1 a 24 del rigo SS2 riepilogano i dati relativi alla Parte B – DATI FISCALI del prospetto SD.
In particolare:
• Punto 1 – Ritenute IRPEF
In tale punto va riportato il totale delle ritenute IRPEF indicate al punto 5 al netto della parte non
trattenuta in sede di conguaglio (punti 201 e 203) e della parte trattenuta da un soggetto diverso dal
sostituto dichiarante (ritenute relative a redditi erogati da altri soggetti indicate al punto 211).
Nel caso in cui i redditi erogati da altri soggetti (indicati ai punti 204 e 205) siano riferiti a somme erogate
da curatori fallimentari o commissari liquidatori, le ritenute evidenziate al punto 5 non devono essere
considerate al netto delle ritenute indicate al punto 211.
• Punto 2 – Ritenute IRPEF sospese
In tale punto va riportato il totale delle ritenute IRPEF sospese indicate al punto 14 al netto di quelle
relative a redditi erogati da altri soggetti indicate al punto 212.
Nel caso in cui i redditi erogati da altri soggetti (indicati ai punti 204 e 205) siano riferiti a somme erogate
da curatori fallimentari o commissari liquidatori, le ritenute sospese indicate al punto 14 non devono
essere considerate al netto delle ritenute sospese indicate al punto 212.
• Punto 3 – Crediti recuperati
Totale degli importi indicati ai punti 106 e 112
• Punto 4 – Addizionale regionale 2012 trattenuta nel 2013
Totale degli importi indicati al punto 7
• Punto 5 – Addizionale regionale 2013 rapporti cessati
Totale degli importi indicati al punto 8
• Punto 6 – Addizionale regionale sospesa
Totale degli importi indicati al punto 16
• Punto 7 – IRPEF trattenuta dopo il 28 febbraio 2013
Totale degli importi indicati al punto 202 (IRPEF trattenuta successivamente al 28 febbraio 2013 a causa
di incapienza in sede di conguaglio)
• Punto 8 – Addizionale comunale 2012 a saldo trattenuta nel 2013
Totale degli importi indicati al punto 9
• Punto 9 – Addizionale comunale acconto 2013
Totale degli importi indicati al punto 10 (acconto addizionale comunale per il 2013) al netto di quanto
indicato al punto 217 (acc. add. com. 2013 trattenuto da altro soggetto).
Nel caso in cui i redditi erogati da altri soggetti (indicati ai punti 204 e 205) siano riferiti a somme erogate
da curatori fallimentari o commissari liquidatori, l’acconto di add. comunale 2013 indicato al punto 10 non
deve essere considerato al netto del relativo importo indicato al punto 217.
• Punto 10 – Addizionale comunale 2013 rapporti cessati
Totale degli importi indicati al punto 12
• Punto 11 – Addizionale comunale a saldo sospesa
Totale degli importi indicati al punto 19
Istruzioni operative 770/2014
67/105
• Punto 12 – Addizionale comunale in acconto sospesa
Totale degli importi indicati al punto 20
• Punto 13 – Contributo di solidarietà
Totale degli importi indicati al punto 137
• Punto 14 – Contributo di solidarietà sospeso
Totale degli importi indicati al punto 138
Con riferimento alle somme erogate per l’incremento della produttività del lavoro sono richieste le seguenti
informazioni:
• Punto 15 – Ritenute operate
Totale dell’imposta sostitutiva 10% indicata al punto 252, al netto della parte eventualmente operata da
altro sostituto (punto 258)
• Punto 16 – Ritenute sospese
Totale dell’imposta sostitutiva sospesa indicata al punto 253, al netto dell’eventuale parte relativa ad altro
sostituto (punto 259)
Con riferimento ai redditi assoggettati a ritenuta a titolo d’imposta, sono richieste le seguenti informazioni:
• Punto 17 – Ritenute IRPEF
Totale delle ritenute indicate al punto 302.
In caso di operazioni straordinarie comportanti il passaggio di dipendenti ed in presenza di redditi
assoggettati a ritenuta a titolo d’imposta erogati dal precedente sostituto d’imposta (punto 316 compilato),
le ritenute di cui al punto 302 devono essere prese al netto di quanto indicato al punto 309 ovvero della
parte di ritenute trattenute dal precedente sostituto.
• Punto 18 – Addizionale regionale IRPEF
Totale degli importi indicati al punto 303.
Analogamente al punto precedente, nel caso in cui risulti compilato il punto 316, l’addizionale regionale di
cui al punto 303 deve essere presa al netto di quanto indicato al punto 310.
• Punto 19 – Ritenute IRPEF sospese
Totale degli importi indicati al punto 304.
Analogamente ai punti precedenti, nel caso in cui risulti compilato il punto 316, le ritenute IRPEF sospese
di cui al punto 304 devono essere prese al netto di quanto indicato al punto 311.
• Punto 20 – Addizionale regionale IRPEF sospesa
Totale degli importi indicati al punto 305.
Analogamente ai punti precedenti, nel caso in cui risulti compilato il punto 316, l’addizionale regionale
sospesa di cui al punto 305 deve essere presa al netto di quanto indicato al punto 312.
Con riferimento ai compensi arretrati soggetti a tassazione separata, sono richieste le seguenti informazioni:
• Punto 21 – Ritenute operate
Totale degli importi indicati al punto 353.
Nel caso in cui risulti compilato il punto 362 (cod. fiscale del sostituto d’imposta precedente ad una
operazione straordinaria), le ritenute di cui al punto 353 devono essere prese al netto della parte indicata
al punto 358 relativamente agli arretrati corrisposti dal precedente sostituto.
• Punto 22 – Ritenute sospese
Totale degli importi indicati al punto 354.
Analogamente al punto precedente, nel caso in cui risulti compilato il punto 362, le ritenute sospese di cui
al punto 354 devono essere prese al netto di quanto indicato al punto 359.
Istruzioni operative 770/2014
68/105
Con riferimento alle erogazioni di TFR, indennità equipollenti, altre indennità e prestazioni in forma di
capitale, sono richieste le seguenti informazioni:
• Punto 23 – Ritenute operate nell’anno
Totale delle ritenute indicate al punto 505.
• Punto 24 – Ritenute sospese
Totale delle ritenute sospese indicate al punto 506.
I punti da 25 a 48 del rigo SS2 riepilogano i dati relativi alla Parte D – ASSISTENZA FISCALE,
raggruppando, con riferimento alle addizionali Irpef, gli importi relativi al dichiarante ed al coniuge.
In particolare:
• Punto 25 – Saldo IRPEF 2012
Totale degli importi indicati al punto 5
• Punto 26 – Interessi saldo IRPEF 2012
Totale degli importi indicati ai punti 4 e 9
• Punto 27 – Primo acconto IRPEF 2013
Totale degli importi indicati al punto 14
• Punto 28 – Interessi primo acconto IRPEF 2013
Totale degli importi indicati ai punti 12 e 17
• Punto 29 – Addizionale regionale 2012
Totale degli importi indicati al punto 23
• Punto 30 – Interessi addizionale regionale 2012
Totale degli importi indicati nei punti 22 e 28
• Punto 31 – Saldo addizionale comunale 2012
Totale degli importi indicati al punto 34.
• Punto 32 – Interessi saldo addizionale comunale 2012
Totale degli importi indicati nei punti 33 e 39
• Punto 33 – Acconto addizionale comunale 2013
Totale degli importi indicati al punto 45
• Punto 34 – Interessi acconto addizionale comunale 2013
Totale degli importi indicati nei punti 44 e 50
• Punto 35 – Secondo acconto IRPEF 2013
Totale degli importi indicati al punto 106
• Punto 36 – Interessi secondo acconto IRPEF 2013
Totale degli importi indicati ai punti 104 e 109
• Punto 37 – Acconto tassazione separata
Totale degli importi indicati al punto 56
• Punto 38 – Interessi acconto tassazione separata
Totale degli importi indicati ai punti 54 e 59
• Punto 39 – Imposta sostitutiva premi di produttività
Totale degli importi indicati al punto 65
• Punto 40 – Interessi Imposta sostitutiva premi di produttività
Totale degli importi indicati ai punti 64 e 69
• Punto 41 – Cedolare secca 2012
Totale degli importi indicati al punto 74
• Punto 42 – Interessi cedolare secca 2012
Totale degli importi indicati ai punti 72 e 77
Istruzioni operative 770/2014
69/105
• Punto 43 – Prima rata acconto cedolare secca 2013
Totale degli importi indicati al punto 83
• Punto 44 – Interessi prima rata acconto cedolare secca 2013
Totale degli importi indicati ai punti 81 e 86
• Punto 45 – Contributo di solidarietà
Totale degli importi indicati al punto 92
• Punto 46 – Interessi contributo di solidarietà
Totale degli importi indicati ai punti 90 e 95
• Punto 47 – Seconda rata acconto cedolare secca 2013
Totale degli importi indicati al punto 115
• Punto 48 – Interessi seconda rata acconto cedolare secca 2013
Totale degli importi indicati ai punti 113 e 118
IM PORT ANTE
Operazioni straordinarie con estinzione del sostituto cedente
Con riferimento ai dipendenti per i quali le operazioni di conguaglio sono state effettuate
successivamente all’operazione straordinaria, i redditi corrisposti dal sostituto estinto dovranno
essere certificati dal sostituto subentrante, compilando l’apposita sezione del relativo prospetto SD
(campi da 204 a 220 – “Redditi erogati da altri soggetti”).
In tal caso il sostituto dichiarante dovrà provvedere alla compilazione di uno specifico prospetto SS,
con indicazione del codice fiscale del sostituto estinto (campo “Codice fiscale del sostituto
d’imposta” – rigo SS1), nel quale andranno riepilogati i dati contenuti nei suddetti punti da 204 a
220.
Rigo SS3: Comunicazione dati certificazione lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi
• Punto 1 – Ritenute a titolo di acconto
Totale degli importi indicati al punto 27 al netto di quanto indicato al punto 47.
• Punto 2 – Ritenute a titolo d’imposta
Totale degli importi indicati al punto 28 al netto di quanto indicato al punto 48.
• Punto 3 – Ritenute sospese
Totale degli importi indicati al punto 29 al netto di quanto indicato al punto 49.
• Punto 4 – Addizionale regionale a titolo d’acconto
Totale degli importi indicati al punto 30 al netto di quanto indicato al punto 50.
• Punto 5 – Addizionale regionale a titolo d’imposta
Totale degli importi indicati al punto 31 al netto di quanto indicato al punto 51.
• Punto 6 – Addizionale regionale sospesa
Totale degli importi indicati al punto 32 al netto di quanto indicato al punto 52.
• Punto 7 – Addizionale comunale a titolo di acconto
Totale degli importi indicati al punto 33 al netto di quanto indicato al punto 53.
• Punto 8 – Addizionale comunale a titolo d’imposta
Totale degli importi indicati al punto 34 al netto di quanto indicato al punto 54.
• Punto 9 – Addizionale comunale sospesa
Totale degli importi indicati al punto 35 al netto di quanto indicato al punto 55.
Istruzioni operative 770/2014
70/105
Rigo SS4: Importi non prelevati a seguito di operazioni straordinarie
La sezione SS4 deve essere compilata in caso di passaggio di dipendenti con prosecuzione del rapporto di
lavoro, senza estinzione del precedente sostituto d’imposta.
In particolare, quest’ultimo dovrà indicare nei punti da 1 a 15 del rigo SS4 l’ammontare complessivo delle
residue rate di addizionale regionale e comunale all’IRPEF nonché gli importi dovuti a seguito di conguaglio
da assistenza fiscale, non prelevati per effetto della predetta operazione straordinaria.
La compilazione della sezione SS4 viene effettuata indicando “S” al campo “Passaggio diretto dipendenti”
della sezione “Dati Paghe” dell’anagrafica ditta (QUA770 – Dati anagrafici), sia nella ditta cedente che nella
ditta cessionaria (vedi pag. 20).
Istruzioni operative 770/2014
71/105
Prospetto ST – Ritenute operate, tratt. per ass. fiscale e imposte sostitutive
Il Prospetto ST del Modello 770 risulta suddiviso nelle sezioni “Erario” e “Addizionale regionale”.
La sezione I – “Erario” del prospetto ST deve essere utilizzata per indicare i dati relativi alle ritenute IRPEF
operate e alle imposte sostitutive prelevate, nonché per esporre tutti i relativi versamenti.
La sezione II – “Addizionale regionale” deve essere utilizzata per indicare i dati relativi alle trattenute di
addizionale regionale all’IRPEF comprese quelle effettuate in sede di assistenza fiscale, nonché per esporre
tutti i relativi versamenti.
Con riferimento ad entrambe le sezioni, si riportano di seguito le modalità di compilazione di alcuni campi del
Prospetto ST.
Colonna 1: Periodo di riferimento
Il programma di prelievo ricava il periodo di riferimento del versamento relativo ai vari codici tributo in
funzione della modalità di retribuzione adottata dall’azienda (nel mese / nel mese successivo) nello specifico
mese in cui è stata effettuata la trattenuta, rilevandola dalle variazioni storiche presenti.
Colonna 2: Ritenute operate
La colonna 2 contiene l’importo delle ritenute operate, prelevate dalle pagine “Irpef”, “Addizionale regionale”
e “Assistenza fiscale” dei Progressivi di AZIE (Irpef dovuta), esposte nella sezione I se riferite all’IRPEF
dovuta all’Erario o nella sezione II se riferite ad addizionali regionali.
In caso di aziende con più sedi ubicate anche in regioni a statuto speciale, le informazioni relative alle
ritenute operate con riferimento agli specifici codici tributo vengono prelevate dall’apposita sezione “Regioni
statuto sp” (tasto “Funzioni” della sezione “Progressivi > IRPEF” di AZIE.
Qualora nel corso delle operazioni di conguaglio di fine anno o per cessazione del rapporto di lavoro
dipendente in corso d’anno, il sostituto abbia restituito ritenute operate in eccesso utilizzando il monte
ritenute disponibile nel mese sui redditi di lavoro dipendente e assimilati corrisposti nel 2013, nel punto 2
deve essere indicata la differenza, pari all’importo da versare.
Qualora per effetto delle suddette operazioni di conguaglio relative al 2013, la restituzione delle ritenute
operate in eccesso è effettuata dal sostituto d’imposta anticipandone l’ammontare ovvero attingendo dagli
importi trattenuti a titolo di addizionale regionale e comunale all’IRPEF e/o dalle ritenute relative ad altre
categorie di reddito devono sempre essere compilati appositi righi per esporre gli importi relativi alle
trattenute a titolo di addizionale regionale all’IRPEF nonché alle ritenute relative a redditi diversi da quelli di
lavoro dipendente e assimilati, ancorché non versati per effetto delle predette restituzioni.
Colonna 3: Versamento crediti recuperati
Nella colonna 3, presente solo nella sezione “Erario” del Prospetto ST, va indicato il versamento relativo
all’importo totale dei crediti per famiglie numerose e per canoni di locazione che il sostituto in sede di
conguaglio ha provveduto a recuperare.
I crediti per famiglie numerose recuperati sono memorizzati nella sezione “Progressivi > IRPEF” di AZIE,
all’interno dei campi relativi all’IRPEF 1001. L’importo viene ricavato dall’archivio storico delle voci utilizzate
nei cedolini (voce collegata al campo “Trattenuta credito non più spettante” di tabella TB1201), nei limiti
dell’importo indicato nei rispettivi campi del prospetto LD (punto 106).
L’eventuale credito per canoni di locazione recuperato viene rilevato dall’archivio storico delle voci di calcolo
utilizzate, (importo della voce collegata al campo “Codice voce trattenuta credito canoni locazione” di
TB0407).
Istruzioni operative 770/2014
72/105
Colonna 4: Importi utilizzati a scomputo
Nella colonna 4 va indicato l’importo che il sostituto ha utilizzato in compensazione interna a scomputo di
quanto evidenziato nei punti 2 e 3, al netto degli importi relativi alle eccedenze di versamento che devono
essere indicati nel successivo punto 5.
I dati vengono acquisiti dalle pagine “Irpef”, “Addizionale regionale” e “Addizionale comunale” dei
Progressivi di AZIE per la parte relativa ai crediti.
In caso di aziende con più sedi ubicate anche in regioni a statuto speciale, vengono rilevati anche i crediti
presenti nella sezione “Regioni statuto sp” dei progressivi IRPEF dell’azienda.
Tra le somme anticipate dal sostituto d’imposta sono compresi i rimborsi effettuati durante l'anno per
licenziamenti e conguagli con situazione creditoria senza capienza IRPEF, i crediti da IRPEF e da
addizionali derivanti da assistenza fiscale, i crediti da addizionale regionale e comunale determinati in fase di
conguaglio.
In caso di utilizzo in compensazione interna di crediti riconosciuti per famiglie numerose e canoni di
locazione deve essere indicato nel punto 4 l’ammontare del credito utilizzato a scomputo riportando il codice
“T” al punto 10 (“Note”); all’interno del prospetto SX, tali crediti, a differenza degli altri importi utilizzati a
scomputo, non vanno riportati nel rigo SX4 colonna 5.
Nel caso in cui per la medesima ritenuta operata sono stati utilizzati a scomputo sia crediti per famiglie
numerose/canoni di locazione (nota “T”) che altri crediti, è necessario compilare 2 righi separati del prospetto
ST, ognuno relativo al tipo di scomputo evidenziato.
Esempio:
Ritenuta operata: € 1000
Utilizzo a scomputo di crediti con nota “T”: € 200
Utilizzo a scomputo di altri crediti: € 300
Importo versato: € 500 (data di versamento 17/06/13)
Compilazione prospetto ST:
Col. 2 Ritenute operate
Col. 4 Importi utilizzati a scomputo
Col. 7 Importo versato
Col. 10 Note
200
200
0
T
800
300
500
Col. 14 Data di versamento
17/06/2013
In caso di utilizzo in compensazione interna di crediti di imposta sostitutiva 10%, derivanti da conguaglio di
somme precedentemente assoggettate ad imposta sostitutiva e poi a tassazione ordinaria, è necessario
indicare nel punto 4 l’ammontare del credito utilizzato a scomputo, riportando il codice “P” al punto 10; nel
prospetto SX, tali crediti andranno evidenziati nell’apposita casella SX1, colonna 5.
Colonna 5: Utilizzo di versamenti in eccesso
Nel campo “Utilizzo di versamenti in eccesso” deve essere indicato l’importo che il sostituto ha utilizzato in
compensazione interna a scomputo di quanto evidenziato ai punti 2 e 3, che si è generato a seguito di
versamenti relativi al 2013 effettuati, anche per errore, in misura eccessiva rispetto al dovuto. La somma di
tali importi dovrà essere riportata nel rigo SX4, colonna 5 del prospetto SX.
Gli eventuali versamenti in eccesso utilizzati a scomputo devono essere inseriti manualmente
dall’utente, sia al campo 5 del prospetto ST che al campo SX4, colonna 5 del prospetto SX.
Colonna 6: Crediti di imposta utilizzati a scomputo
Nella colonna 6 va indicato l’importo dei crediti d’imposta utilizzati in compensazione interna direttamente a
scomputo di quanto indicato nel punto 2; non devono essere riportati i crediti d’imposta utilizzati mediante il
modello di pagamento F24.
In automatico viene riportato:
il credito sulla tassazione separata relativo agli acconti TFR versati negli anni 1997-1998 (L 662/96)
presente in pagina “Altri dati – Acconto TFR” di AZIE e compensato con le ritenute 1012
Il credito per i marittimi imbarcati presente al campo “Credito di imposta utilizzato” di pagina “Progressivi
> IRPEF” di AZIE.
Istruzioni operative 770/2014
73/105
Colonna 7: Importo versato
La colonna 7 contiene l’importo delle ritenute versate prelevato dalle pagine “Irpef”, “Addizionale regionale” e
“Assistenza fiscale” dei Progressivi (Irpef versata) di AZIE.
Tale importo, che deve trovare riscontro di quanto indicato nella colonna “Importi a debito versati” del
modello di pagamento F24, corrisponde alla differenza tra la casella 2 e 3 e quanto eventualmente
evidenziato nelle caselle 4, 5 e 6.
Se indicato “S” al campo “Trasferimento in F24 di importi inferiori ad 1,03 euro” di TB1203
“Personalizzazione procedura” > scheda “QUADR” della procedura PAGHE, nel punto 7 dei prospetti ST/SV
vengono riportati anche gli eventuali importi inferiori al limite minimo di € 1,03.
Colonna 14: Data di versamento
La data di versamento dei vari tributi viene prelevata dalla delega F24. In assenza del dato all’interno della
delega o in caso di delega non stampata, la data di versamento viene prelevata dalla tabella presente
all’interno del prospetto ST visualizzabile mediante il tasto “Date vers.”.
La tabella “Date vers.” può essere impostata a livello generale o a livello di singola azienda; le date inserite
in tale sede, inoltre, possono essere prelevate in luogo di quelle presenti in delega F24 contrassegnando il
campo “Impone anche se data già presente”.
Precisazioni per la compilazione del Prospetto ST
Imposta sostitutiva su rivalutazione TFR
Per l’imposta sostitutiva sulla rivalutazione TFR vanno riportati gli importi complessivamente dovuti per
l’anno 2013, sia in acconto (versati a dicembre 2013 con il codice tributo 1712) che a saldo (versati a
febbraio 2014 con il codice tributo 1713).
Sia per l’acconto che per il saldo al punto 1 del Prospetto ST (Sez. I) deve essere indicato il periodo
convenzionale 12/2013 (Circ. n. 34/2002). Negli archivi PAGHE gli importi vengono prelevati nel modo
seguente:
Acconto
sezione “Progressivi > IRPEF” di AZIE campo RIVA del mese 11/2013
Saldo
pagina “Progressivi > IRPEF” di AZIE campo RIVS del mese 1/2014
In presenza di credito di 1713 la compilazione dei prospetti ST ed SX è la seguente:
Prospetto ST:
il credito 1713 viene sottratto dalle ritenute operate nel rigo relativo al 1712 (acconto imposta
sostitutiva) evidenziando sulla stessa riga un importo versato maggiore del dovuto.
Prospetto SX:
l’importo versato in eccesso viene evidenziato nella colonna 4 del rigo SX1 e nella colonna 4 del rigo
SX4.
In presenza di credito d’imposta per anticipazione delle imposte sul TFR (L.n. 662/96; codice tributo 1250),
la compensazione con i codici tributo 1712 e 1713 viene effettuata in delega F24. In tal caso, pertanto,
l’imposta sostitutiva trattenuta viene interamente riportata nella colonna 2 del prospetto ST, senza indicare
alcun importo nella colonna 4 (importi utilizzati a scomputo).
Istruzioni operative 770/2014
74/105
Assistenza fiscale con compensazioni “esterne”
Nel caso in cui sia stata operata la compensazione fra diverse tipologie di tributo determinando il “saldo
complessivo” di cui all’Allegato D della Circolare di liquidazione del Mod. 730, il programma provvede a
compilare i prospetti di versamento incrementando gli importi che vengono prelevati dai progressivi
dell’anagrafica azienda (AZIE) con il valore compensato.
Il programma ricerca la voce di compensazione nello storico voci (GESSTO) e se presente, individua il mese
di riferimento per la compilazione del rigo di versamento dei prospetti ST e SV.
In presenza di un valore positivo nella colonna “compensato” della sezione “Altri Dati > Assistenza fiscale” di
DIPE, vengono incrementate le colonne 2 “Ritenute operate” e 4 “Importi utilizzati a scomputo” del quadro
ST con riferimento allo specifico codice tributo.
Nel quadro SX, viene incrementata la colonna 5 “Ammontare utilizzato a scomputo dei versamenti 2013” per
lo specifico ente a cui il tributo si riferisce (righi da SX5 a SX30).
In presenza di un valore negativo nella colonna “compensato” di pagina “Altri Dati - Assistenza fiscale” di
DIPE, viene incrementato il rigo SX1, colonna 2 “Credito derivante da conguaglio assistenza fiscale” e, per lo
specifico ente a cui il tributo si riferisce (righi da SX5 a SX30) la colonna 4 “Crediti maturati nel 2013”.
Versamenti effettuati con codici tributo errati
Nel caso di errata indicazione nel modello di pagamento F24 del codice tributo, la regolarizzazione può
avvenire soltanto previa comunicazione all’Ufficio locale dell’Agenzia delle Entrate.
La compilazione del prospetto ST deve essere effettuata secondo le ordinarie modalità riportando il codice
tributo corretto.
Ravvedimento art. 13 DLgs n. 472/97
Il versamento eseguito avvalendosi del ravvedimento, relativo a più adempimenti omessi risultanti dal
prospetto ST e individuati dal medesimo codice tributo deve essere riportato sul medesimo F24, avendo
cura di compilare un distinto rigo della delega di pagamento per ciascun rigo del prospetto ST; in base alla
risoluzione n. 395/2007 non è più possibile versare cumulativamente, a seguito di ravvedimento, stesse
ritenute relative a più mesi.
In caso di ravvedimento, la compilazione del prospetto ST deve essere effettuata manualmente.
Addizionali regionale ALL’IRPEF
Nel prospetto ST le addizionali calcolate in sede di conguaglio 2012 e trattenute in forma rateizzata nell’anno
2013 e le addizionali dovute per cessazione del rapporto di lavoro avvenuta nel corso del 2013 devono
essere evidenziate in due righi distinti, in quanto riguardano un diverso periodo di imposta.
L’addizionale IRPEF relativa al periodo di imposta in corso trattenuta in un'unica soluzione ai dipendenti
cessati deve essere evidenziata utilizzando il codice S al punto 10.
Una particolare modalità di esposizione delle addizionali è prevista nelle ipotesi di passaggio di dipendenti
con prosecuzione del rapporto di lavoro, senza estinzione del precedente sostituto d’imposta. In merito si
rinvia al paragrafo “Operazioni straordinarie senza estinzione del soggetto cedente – Prospetto ST: modalità
di esposizione delle addizionali e dei dati relativi all’assistenza fiscale”.
Interessi determinati in sede di assistenza fiscale
Anche gli importi dovuti a titolo di interessi determinati in sede di assistenza fiscale, di competenza dell’anno
d’imposta corrente, devono essere evidenziati distintamente con l’indicazione del codice S al punto 10.
Pertanto, oltre che per gli importi di addizionale regionale relativa al periodo di imposta in corso, nel
prospetto ST viene riportata la nota S anche per gli interessi da rateizzazione della prima rata di acconto
IRPEF e della prima rata di acconto cedolare secca (codice tributo 1630) rilevati dal campo “Interessi
rateizzazione acconti” della sezione “Progressivi > Assistenza fiscale” di AZIE
Istruzioni operative 770/2014
75/105
Eventi eccezionali
Il campo “Eventi eccezionali” (rigo ST1, punto 2) deve essere compilato esclusivamente in caso di
operazioni straordinarie con estinzione del sostituto cedente. Il programma riporta il codice presente nel
completamento dati della ditta estinta.
Versamento imposte sospese per sisma regione Abruzzo
Con riferimento alle ritenute e trattenute versate a seguito della ripresa della riscossione relative agli importi
sospesi a causa degli eventi sismici regione Abruzzo del 6 aprile 2009, nel punto 10 del prospetto ST ed del
prospetto SV deve essere indicato il codice “Q”.
Tali importi vengono prelevati dalla sezione “Trib. sospesi/altro” dei progressivi IRPEF dell’azienda (pulsante
“Funzioni” nella sezione “Progressivi > IRPEF” di AZIE).
Si precisa che, per le aziende che retribuiscono nel mese successivo con chiusura IRPEF per competenza,
vengono riportati nei prospetti ST e SV anche i tributi sospesi e recuperati nel mese di dicembre 2012 in
quanto, non essendo chiaro se possibile applicare anche in tale situazione il principio di cassa allargato, tali
tributi sono stati trasferiti in F24 con periodo di riferimento 01/2013.
Istruzioni operative 770/2014
76/105
Prospetto SV – Trattenute addizionali comunali all’Irpef
Il Prospetto SV deve essere utilizzato per indicare i dati relativi alle trattenute di addizionale comunale
all’IRPEF effettuate anche in sede di assistenza fiscale, nonché per esporre tutti i relativi versamenti.
Nel Prospetto SV le informazioni relative all’addizionale comunale non devono essere distinte in
base al codice del comune di riferimento, a differenza di quanto previsto a decorrere dal 2008 per
l’esposizione in delega F24; l’esposizione dei dati di versamento deve essere effettuata in forma
aggregata con riferimento alla data di versamento.
Pertanto, tutte le addizionali versate nella stessa data devono essere riepilogate in un unico rigo benché
riferite a diversi comuni; al contrario, va esposta separatamente l’addizionale relativa al medesimo comune
ma versata in date diverse.
A parità di data di versamento, vanno comunque evidenziati in righi distinti i versamenti che:
- presentano un diverso periodo di riferimento;
- presentano un diverso codice tributo (3845, 3846, 3847 o 3848);
- presentano un diverso codice al campo “Note” (punto 10);
- sono stati effettuati per ravvedimento;
- sono stati effettuati in tesoreria.
Si precisa che il programma di prelievo dati 770 mantiene comunque separati i versamenti effettuati a
diversi codici comune, evidenziando righi distinti nella gestione del prospetto (QUA770 > SV);
l’esposizione aggregata (per data di versamento, codice tributo, ecc.) viene effettuata in fase di
stampa del modello 770 ed in fase di generazione del relativo file telematico.
Nel Prospetto SV sono richieste le stesse informazioni previste nella Sezione II del Prospetto ST, ad
esclusione del campo “Codice regione”. Per la compilazione del prospetto in questione si rimanda al
precedente paragrafo, precisando che le relative informazioni vengono in tal caso prelevate dalla sezione
“Progressivi > Addizionale comunale” di AZIE.
Nel prospetto SV le addizionali comunali calcolate in sede di conguaglio 2012 e trattenute in forma rateizzata
nell’anno 2013 e le addizionali dovute per cessazione del rapporto di lavoro avvenuta nel corso del 2013
devono essere evidenziate in due righi distinti, in quanto riguardano un diverso periodo di imposta.
L’addizionale IRPEF relativa al periodo d’imposta in corso, trattenuta in un'unica soluzione ai dipendenti
cessati, deve essere evidenziata utilizzando il codice “S“ al punto 10.
La nota “S”, inoltre, viene inserita anche con riferimento agli interessi per rateizzazione dell’acconto di
addizionale comunale determinati in sede di assistenza fiscale. Tale importo, versato con codice tributo
3795, viene rilevato dal campo “Interessi rateizzazione” (riquadro “Ass.fisc. acconto addiz. comunale”) della
sezione “Progressivi > Addizionale comunale” di AZIE.
Una particolare modalità di esposizione delle addizionali è prevista nelle ipotesi di passaggio di dipendenti
con prosecuzione del rapporto di lavoro, senza estinzione del precedente sostituto d’imposta. In merito si
rinvia al paragrafo “Operazioni straordinarie senza estinzione del soggetto cedente – Prospetto ST: modalità
di esposizione delle addizionali e dei dati relativi all’assistenza fiscale”.
Istruzioni operative 770/2014
77/105
Funzionalità di gestione dei prospetti ST ed SV
QUA770 - Blocco prelievo
Nel prospetto ST ed SV è presente la possibilità di bloccare le singole righe acquisite dal prelievo. Se
vengono effettuate variazioni nelle righe compilate dal prelievo dati, la singola riga dopo la variazione viene
bloccata ed evidenziata con un asterisco. Questa condizione inibisce un eventuale nuovo prelievo del
prospetto.
All’interno dei prospetti in oggetto viene evidenziato il tasto “Sblocca prelievo” che permette di ripristinare la
situazione iniziale e consentire quindi di prelevare nuovamente i dati dei versamenti.
Tipo tributo
In gestione del prospetto ST ed SV, in corrispondenza del codice tributo è presente il tasto “F4=Tipo tributo”
che consente di specificare, nel caso di presentazione separata dei modelli ST/SV ed SX e di caricamento di
codici tributo uguali sia per l’Ordinario che per il Semplificato, se il tributo deve confluire nel prospetto ST/SV
Ordinario o Semplificato.
Il tasto F4 viene visualizzato solo se il campo “Presentazione separata ST / SV / SX” del completamento dati
è contrassegnato.
Impostazione filtro per tributo / regione / comune
Nei prospetti ST ed SV è presente il tasto funzione “Filtri” che consente di selezionare e quindi visualizzare
uno specifico codice tributo. Nella sezione II del prospetto ST, e nel prospetto SV oltre alla selezione del
codice tributo interessato è possibile selezionare anche rispettivamente il codice della regione o del comune
che si intende visualizzare.
La presenza di un filtro impostato viene evidenziata con la dicitura “Filtro attivo” nella parte inferiore destra
della videata:
Per l’eliminazione del filtro è sufficiente accedere al pulsante “Filtri” e cancellare la selezione inserita oppure
uscire e rientrare nel prospetto stesso.
Istruzioni operative 770/2014
Esempi di compilazione del prospetto ST ed SV
Prospetto ST sezione “Erario”
Utilizzo credito 770 anno precedente
ritenute mese gennaio = 1546,19
recupero da SX4 colonna 6 del
modello 770/2012 = 150
versato 1546,19 – 150 = 1396,19
Utilizzo credito irpef da conguaglio per cessazione
ritenute mese settembre = 519,50
credito irpef addizionale regionale
da conguaglio per cessaz. = 8,38
versato 519,50 – 8,38 = 511,12
Compensazione ritenute su indennità di fine rapporto con acconto di imposta su TFR
ritenute operate 1012 = 25,46
acconto di imposta su tfr = 10,41
importo versato = 25,46 – 10,41 =
15,05
Versamento con codice tributo errato
ritenute operate e versate = 568,15
codice tributo errato = 1004
codice tributo corretto = 1001
78/105
Istruzioni operative 770/2014
Assistenza fiscale - credito
ritenute lavoro dipendente = 648,09
cred. irpef assistenza fiscale = 18,40
importo versato = 629,69
Assistenza fiscale – debito
debito irpef assistenza fiscale = 92
importo versato = 92
interessi = 0,30
Imposta sostitutiva acconto
Imposta = 19,34
Importo versato = 19,34
Imposta sostitutiva saldo
Imposta = 21,33
Importo versato = 21,33
79/105
Istruzioni operative 770/2014
Imposta sostitutiva a credito
Acconto pagato 19,34
Imposta dovuta 10,67
Il prospetto SX viene compilato nel seguente modo:
Prospetto ST sezione “Addizionale regionale”
Versamento addizionale regionale da cessazione (addizionale anno 2013)
ritenute addiz. regionale = 92,78
importo versato = 92,78
80/105
Istruzioni operative 770/2014
Versamento addizionale regionale da cessazione (rateizzazione addizionale 2012)
ritenute addiz. regionale = 57,20
importo versato = 57,20
Prospetto SV
Versamento addizionale comunale da cessazione (anno 2013)
ritenute addiz. comunale = 60,34
importo versato = 60,34
Versamento addizionale comunale da cessazione (rateizzazione addizionale 2012)
ritenute addiz. comunale = 7,14
importo versato = 7,14
81/105
Istruzioni operative 770/2014
82/105
Prospetto SX – Riepilogo crediti e compensazioni
Nel prospetto SX vanno riportati i dati riepilogativi delle compensazioni effettuate dal sostituto d’imposta
relativamente agli importi indicati nel prospetto ST e SV tra debiti e crediti esistenti nei confronti dell’erario,
delle singole regioni e dei comuni nonché delle regioni a statuto speciale, al fine di consentire il necessario
riscontro e la ripartizione tra i vari enti impositori.
Riportiamo di seguito il dettaglio degli importi presenti nei righi SX1, SX4, SX6, SX35, SX37, SX38, SX39 e
SX40. Per ogni punto descritto, vengono indicati i campi dell’anagrafica azienda, del modello 770 o del
modello F24 da cui vengono prelevati i dati.
SX1
Descrizione casella
Archivio
Campi
SX1 - colonna 1 Credito derivante da
conguaglio di fine anno o per cessazione
del rapporto di lavoro in corso d’anno
In questa casella vengono inseriti:
• il credito IRPEF Azienda dal conguaglio 2013
• il credito Addiz. Regionale dal conguaglio
2013
• il credito Addiz. Comunale dal conguaglio
2013
• i crediti infrannuali da licenziamento dei
dipendenti
• i crediti di “1013” di Gennaio e Febbraio 2014
AZIE
Progressivi
IRPEF
Pag. 1
+ Credito Irpef mese attuale
– Credito dipendenti A.P. mese attuale
– Credito Irpef mese precedente
(Il risultato viene acquisito solo se
positivo)
AZIE
Progressivi
IRPEF
Pag. 2
+ Irpef 1013 e imposta sostitutiva 1053
dovuta negativa, presente nei mesi di
Gennaio e Febbraio 2014
Per ogni regione
AZIE
Progressivi
Add.regionale
+ Credito Add. residuo mese attuale
– Credito Add. residuo mese preced.
(Il risultato viene acquisito solo se
positivo)
+ Crediti ceduti mese attuale
– Imposta a credito mese attuale da
assistenza fiscale
(Il risultato viene acquisito solo se
positivo e per l’importo eccedente il
credito residuo mese precedente)
Per ogni comune
AZIE
Progressivi
Add.comunale
+ Credito Add. residuo mese attuale
– Credito Add. residuo mese preced.
(Il risultato viene acquisito solo se
positivo)
+ Crediti ceduti mese attuale
– Imposta a credito mese attuale da
assistenza fiscale
(Il risultato viene acquisito solo se
positivo e per l’importo eccedente il
credito residuo mese precedente)
+ compensazioni interne fra tributi di
natura diversa
Le formule indicate vengono applicate per
ciascun mese del periodo:
– Dicembre 2012/Novembre 2013 per aziende
con chiusura Irpef per cassa;
– Gennaio 2013/Dicembre 2013 per aziende
con chiusura Irpef per competenza.
Istruzioni operative 770/2014
Per ogni regione a statuto speciale
83/105
AZIE
Progr. IRPEF
Reg. statuto
speciale
+ Importi negativi di Irpef ed imposta
sostitutiva 10% dovuta (mese e mese
succ.)
AZIE
Progressivi
Add.regionale
+ Imposta a credito da assistenza fiscale
AZIE
Progressivi
Add.comunale
+ Imposta a credito da assistenza fiscale
AZIE
Progressivi
Assist. fiscale
+ Crediti da assistenza fiscale
AZIE
Progr. IRPEF
Reg. statuto
spec.
+ Credito saldo Irpef
DIPE
Altri Dati
Assist. Fiscale
+ importi di segno negativo presenti nella
colonna “Compensato”
SX1 - colonna 3 Credito derivante da
compenso per assistenza fiscale
AZIE
Progressivi
Assist. fiscale
+ Importo credito per compensi da
assistenza fiscale
SX1 – colonna 4 Versamenti 2013 in
eccesso
deve
essere
indicato
l’ammontare
complessivo dei versamenti in eccesso
risultanti dai prospetti ST e SV
AZIE
Progressivi
IRPEF
Pag. 2
Il
campo
viene
compilato
automaticamente dal programma in
presenza di saldo imposta sostitutiva su
rivalutazione TFR a credito (importo
negativo al campo “Irpef RIVS dovuta”).
In tutti gli altri casi è a compilazione
manuale
SX1 – colonna 5 Credito derivante da
conguaglio su somme di cui al decreto n.
93/2008
Va indicato l’importo del credito d’imposta
sostitutiva 10%, generatosi a seguito di
effettuazione di conguaglio su somme di cui al
decreto n. 93/2008 (somme erogate per
incremento della produttività)
AZIE
Progressivi
IRPEF
Pag. 2
Colonne “Irpef trattenuta nel mese” e
“Irpef trattenuta mese successivo”,
campo “Imposta sost. dl 93/2008” (se
presente valore negativo)
SX1 - colonna 2 Credito derivante da
conguaglio di assistenza fiscale
+ importi negativi
sostitutiva 10%
tardivo (mese
riferimento ai
febbraio 2014)
di Irpef ed imposta
dovuta da conguaglio
e mese succ., con
mesi di gennaio e
(sia quelli “utilizzati in compensazione” di
debiti da assistenza fiscale che quelli
“acquisiti dall’IRPEF”)
Istruzioni operative 770/2014
84/105
SX4: il rigo è strutturato su sei colonne in cui vanno indicati i dati relativi al credito ed alle
compensazioni effettuate nell’anno 2013.
Descrizione casella
Archivio
L’ammontare del credito da riportare
nella colonna 2 si ottiene dalle
seguenti colonne del mod. 770/2013:
SX32 (colonna 2 – colonna 1) + SX33
(colonna 2 – colonna 1)
SX4 - colonna 2 Credito risultante dalla
dichiarazione relativa al 2012
Va indicato l’importo a credito risultante dalla
precedente dichiarazione (770/2013).
SX4 - colonna 3 Credito risultante dalla
dichiarazione relativa al 2012 utilizzato nel
modello F24
L’importo compensato nel modello F24, viene
letto dall’archivio F24.
Se, oltre a detti codici tributo, sono stati utilizzati
altri codici, sarà necessario integrare l’importo
prelevato.
F24
SX4 - colonna 4 Crediti maturati nel 2013
SX
SX4 - colonna 5: Ammontare utilizzato a
scomputo dei versamenti 2013
Viene distribuito nei vari enti (Erario, Regioni,
Comuni) la somma delle colonne 4 e 5 dei righi
della I e II sez. del prospetto ST e delle colonne
4 e 5 dei diversi righi del prospetto SV cioè gli
importi
utilizzati
per
le
compensazioni
relativamente alle eccedenze.
ST
SX4 – colonna 6: Credito da utilizzare in
compensazione
Va indicato il credito, pari all’importo di colonna 2
meno colonna 3 più colonna 4 meno colonna 5,
che si intende utilizzare in compensazione ai
sensi del D.Lgs. n. 241 del 1997 avvalendosi del
Mod. F24, o che sarà utilizzato per diminuire, ai
sensi dell’art. 1 del D.P.R. n. 445 del 1997, i
versamenti di ritenute relativi all’anno 2014
senza effettuare la compensazione del Mod.
F24.
Campi
Codici tributo 1678, 6781, 6782, 6783,
1713, 3802, 3803 e 4731 con periodo
di riferimento 2012.
+ SX1, colonna 1
+ SX1, colonna 2
+ SX1, colonna 3
+ SX1, colonna 4
+ SX1, colonna 5
Importi utilizzati a scomputo dei righi
da ST2 a ST25 e da SV2 a SV13 ad
esclusione dei crediti per famiglie
numerose e dei crediti per canoni di
locazione contraddistinti dalla lettera
“T” al campo “Note”.
Nel caso in cui l’utente abbia
compilato la colonna 5 “Utilizzo di
versamenti in eccesso” del prospetto
ST, lo stesso importo dovrà essere
indicato manualmente anche nel rigo
SX4, colonna 5.
Campo compilato (in alternativa alla
successiva colonna 7) su indicazione
dell’utente in fase di chiusura del
prospetto SX.
Istruzioni operative 770/2014
85/105
Campo compilato (in alternativa alla
precedente colonna 6) su indicazione
dell’utente in fase di chiusura del
prospetto SX.
SX4 – colonna 7: Credito di cui si richiede il
rimborso
Va indicato l’importo di colonna 2 meno colonna
3 più colonna 4 meno colonna 5, chiesto a
rimborso.
SX5: devono essere esposte le quote degli importi indicati nelle corrispondenti colonne del rigo SX4 che
sono di competenza dell’Erario.
In particolare:
SX5 – colonna 4
SX
+ SX4, colonna 4
– somma SX6 / SX30, colonna 4
(regioni, comuni e reg. statuto spec.)
SX7 / SX30: devono essere esposte le quote degli importi indicati nelle corrispondenti colonne del
rigo SX4 che sono di competenza degli enti regionali / comunali specificati.
In particolare:
SX7 / SX30 – colonna 4
Regione
AZIE
Progressivi
Add.Regionale
+ Imposta addizionale dovuta
+ Imposta anno precedente
+ Imposta addizionale (Trattenute
mese successivo)
+ Imposta anno precedente
(Trattenuta mese successivo)
Se il risultato < 0
+ Imposta a credito (Assist. fiscale)
Comune
AZIE
Progressivi
Add.Comunale
+ Imposta addizionale Dovuta
+ Imposta anno precedente
+ Imposta addizionale (Trattenute
mese successivo)
+ Imposta anno precedente
(Trattenuta mese successivo)
Se il risultato < 0
+ Imposta a credito (Assist. fiscale)
Regione a statuto speciale
AZIE
Progr. IRPEF
Reg. statuto
speciale
+ Importi negativi di Irpef ed imposta
sostitutiva 10% dovuta (mese e
mese succ.)
+ importi negativi di Irpef ed imposta
sostitutiva
10%
dovuta
da
conguaglio tardivo (mese e mese
succ.)
+ credito saldo Irpef (730)
Istruzioni operative 770/2014
86/105
Gli importi evidenziati nella colonna 5 “Ammontare utilizzato a scomputo dei versamenti 2013” dei righi da
SX5 a SX30 vengono prelevati dall’applicativo PAGHE e non dai prospetti ST ed SV. Pertanto, in caso di
compilazione manuale della colonna 4 del prospetto ST/SV, l’utente dovrà provvedere ad indicare tali importi
anche nella rispettiva colonna del prospetto SX.
SX6: deve essere esposto il credito di addizionale comunale 2007 sorto prima dell’entrata in vigore
del decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 5 ottobre 2007 che ha disciplinato il
versamento per singolo codice comune.
Il programma di conversione riporta gli
importi presenti nel rigo SX6, colonna
6 del mod. 770/2013.
SX6 – Addizionale comunale 2007
SX31: Regioni a statuto speciale
Tale campo viene contrassegnato
automaticamente
in
base
all’ubicazione del domicilio fiscale
dell’azienda (verifica del campo “Sede
centrale” del riquadro “Regioni a
statuto speciale” nella scheda “IRPEF”
di AZIE) ed alla presenza nel prospetto
ST dei codici tributo specifici per le
regioni a statuto speciale.
SX31 – Regioni a statuto speciale
SX35: va indicato il credito corrispondente alle ritenute di cui all’art. 25, ultimo comma del DPR n.
600 del 1973, restituite ai sensi dell’art. 4 del Decreto legislativo n. 143 del 30 maggio 2005, da
utilizzare in compensazione esclusivamente mediante il modello di pagamento F24 (codice tributo
6788).
SX35 – colonna 1 Credito maturato nel 2013
Va indicato l’importo a credito risultante dalla
colonna 3 del rigo SX35 della precedente
dichiarazione nonché il credito maturato nel 2013
a seguito del rimborso, in tale anno, delle ritenute
operate dal 1° gennaio 2004 al 26 luglio 2005, a
società o stabili organizzazioni di società situate in
altro stato membro dell’Unione Europea, e non
dovute ai sensi dell’art. 26-quater, del D.P.R. n.
600 del 1973.
Prosp. LA
SX35
+ Colonna
precedente
3
mod.
770
anno
Il programma preleva i crediti presenti
nel modello F24 e utilizzati con il
codice tributo 6788.
SX35 – colonna 2 Credito utilizzato in F24
SX35 – colonna 3 Ammontare credito residuo
Ritenute rimborsate (punto 41)
SX35
Colonna1 – Colonna 2
Istruzioni operative 770/2014
87/105
SX37: devono essere forniti i dati relativi al credito d’imposta derivante dal versamento negli anni
1997 e 1998, dell’anticipo delle imposte da trattenere ai lavoratori dipendenti all’atto della
corresponsione dei trattamenti di fine rapporto.
Descrizione casella
Archivio
SX37 – colonna 1 Credito spettante nel 2013
Va indicato l’importo del credito residuo rivalutato
utilizzabile alla data del 1 gennaio 2013 (credito
risultante dal rigo SX37, col. 6 precedente
dichiarazione rivalutato).
AZIE
Altri Dati
Acc. TFR
Campo manuale
SX37 - colonna 3 Credito ceduto
Va indicato l’importo del credito ceduto per effetto
di operazioni straordinarie verificatesi nel corso
del 2013 che non comportano estinzione del
sostituto d’imposta (es. cessione di azienda).
SX37 - colonna 5 Credito utilizzato a scomputo
Va indicato l’importo del credito indicato nelle
precedenti colonne 1 e 2 utilizzato nel punto 6 del
prospetto ST della presente dichiarazione a
scomputo delle ritenute operate nell’anno sul TFR
erogato.
Campo manuale
F24
AZIE
Altri Dati
Acc. TFR
SX37 c.4
AZIE
Altri Dati
Acc. TFR
SX37 c.4
SX37 – colonna 6 Ammontare credito residuo
Va indicato l’importo del credito residuo risultante
alla data del 31 dicembre 2013.
Credito inizio anno
Aziende con chiusura per cassa
Credito inizio anno
+ credito dicembre anno precedente
SX37 – colonna 2 Credito acquisito
Va indicato l’importo del credito acquisito per
effetto di operazioni straordinarie verificatesi nel
corso del 2013 che non comportano estinzione
del sostituto d’imposta (es. acquisto di azienda).
SX37 - colonna 4 Credito utilizzato in F24
Va indicato l’ammontare del credito indicato nelle
precedenti colonne 1 e 2 utilizzato nel mod. F24
dal 1° gennaio 2013 al 31 dicembre 2013 (codice
tributo 1250) a compensazione delle ritenute
operate nell’anno sul TFR a qualunque titolo
erogato o della imposta sostitutiva sulla
rivalutazione del TFR.
Campi
SX37
Il programma preleva dal modello F24,
per il periodo da gennaio a dicembre
gli importi presenti in corrispondenza
del codice tributo 1250.
Credito utilizzato
-credito utilizzato in F24
Aziende con chiusura per cassa
Credito da dicembre anno precedente
a novembre anno in corso
-credito utilizzato in F24
+ colonna 1
+ colonna 2
- colonna 3
- colonna 4
- colonna 5
Istruzioni operative 770/2014
88/105
SX38: il rigo SX38 è riservato ai sostituti d’imposta che hanno riconosciuto il credito per famiglie
numerose di cui all’art. 12, comma 3 del TUIR relativo all’anno d’imposta 2013.
Descrizione casella
Archivio
Campi
SX38 – colonna 1 Anno 2013
Va indicato l’importo del credito per famiglie
numerose riconosciuto nell’anno d’imposta 2013.
In funzione dei controlli effettuati in fase di
trasmissione telematica del 770, il credito indicato
in tale campo deve essere comprensivo
dell’importo che è stato successivamente
recuperato.
AZIE
Progressivi
IRPEF
Pag. 1
Totale
campi
“Credito
ulteriore
detrazione figli” e “Credito ulteriore
detrazione figli MS” della sezione
“Progressivi > IRPEF” di AZIE.
SX38 – colonna 2 Credito recuperato
Prosp. LD
Totale importi delle caselle 106 delle
certificazioni lavoro dipendente
SX39: il rigo SX39 è riservato ai sostituti d’imposta che hanno riconosciuto il credito per canoni di
locazione di cui all’art. 16, comma 1-sexies del Tuir relativo all’anno d’imposta 2013.
Descrizione casella
Archivio
Campi
SX39 – colonna 1 Anno 2013
Va indicato l’importo del credito per canoni di
locazione riconosciuto nell’anno d’imposta 2013.
In funzione dei controlli effettuati in fase di
trasmissione telematica del 770, il credito indicato
in tale campo deve essere comprensivo
dell’importo che è stato successivamente
recuperato.
AZIE
Progressivi
IRPEF
Pag. 1
Totale campi “Credito detrazioni Art.16”
e “Credito detrazioni Art.16 MS” della
sezione “Progressivi > IRPEF” di AZIE.
SX39 – colonna 2 Credito recuperato
Prosp. LD
Totale importi della casella 112 delle
certificazioni lavoro dipendente
SX40: devono essere forniti i dati relativi al credito scaturito dalla liquidazione definitiva delle
prestazioni in forma di capitali.
Descrizione casella
Archivio
Campi
SX40 – colonna 1 Credito spettante nel 2013
Va indicato l’importo relativo all’eccedenza
d’imposta
risultante
dal
conguaglio
con
anticipazioni di prestazioni in forma di capitali
erogate in anni precedenti e non utilizzata a
scomputo delle imposte dovute.
Campo manuale
SX40 – colonna 2 Credito utilizzato
Campo manuale
SX40 – colonna 3 Credito residuo
SX40
Colonna 1 – colonna 2
Istruzioni operative 770/2014
89/105
Nel prospetto SX è attivo il controllo nella chiusura del prospetto con il calcolo e la proposta, nella riga erario,
dell’importo da richiedere in compensazione o a rimborso (SX4, colonna 6 o 7).
Per calcolare l’importo di chiusura della parte erario, viene effettuata la seguente operazione:
SX4 colonna 2 – SX4 colonna 3 + SX4 colonna 4 – SX4 colonna 5
Insieme al dato viene richiesto in quale colonna esporlo tramite i bottoni riporto e rimborso, rispettivamente
per la colonna 6 o 7.
Se l’importo da chiedere in compensazione o a rimborso è di competenza di un ente diverso dall’erario, è
cura dell’utente spostare tale importo dal rigo SX5 (colonna 6 o colonna 7) nel rigo riferito allo specifico ente
impositore.
Chiudendo il prospetto, se l’utente decide di portare in compensazione il credito, tale importo viene
automaticamente trasferito nel campo SX32.
Nel caso in cui il credito derivi da ritenute di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi il relativo importo
va inserito manualmente al campo SX33.
Assistenza fiscale con compensazioni “esterne”
Si precisa che, nel caso in cui sia stata effettuata la compensazione fra diverse tipologie di tributo
determinando il “saldo complessivo” di cui all’Allegato D della Circolare di liquidazione del Mod. 730, le
informazioni contenute nel dettaglio presente in questo paragrafo vanno integrate con le istruzioni fornite a
pagina 74.
Istruzioni operative 770/2014
90/105
Prospetto SY – Dati relativi a pignoramenti presso terzi
In tale prospetto vanno indicati i dati relativi alle somme liquidate a seguito di procedure di pignoramento
presso terzi di cui all’art. 21, comma 15, della legge 27 dicembre 1997, n. 449, come modificato dall’art. 15,
comma 2, del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78, convertito in legge 3 agosto 2009, n. 102 nonché le
ritenute operate ai sensi dell’art. 25 del D.L. n. 78/2010
Il prospetto si compone di tre sezioni: la prima sezione deve essere compilata dal soggetto erogatore delle
somme, la seconda sezione deve essere compilata dal debitore principale, la terza sezione deve essere
compilata dalle banche e dalle Poste Italiane S.p.a.
Qualora i righi del prospetto non siano sufficienti devono essere utilizzati ulteriori prospetti. In questo caso va
numerata progressivamente la casella “Mod. N.” posta in alto a destra dei singoli prospetti utilizzati.
Il programma provvede alla compilazione automatica della prima sezione del prospetto SY, riservata al
soggetto erogatore delle somme liquidate a seguito di procedure di pignoramento.
In tale sezione devono essere indicati il codice fiscale del debitore e del creditore pignoratizio, le somme
erogate e le ritenute operate.
La compilazione del prospetto SY da parte del sostituto d’imposta erogatore è dovuta anche nel caso in cui
non sia stata operata alcuna ritenuta sulle somme erogate (Circolare n. 8/E del 2 marzo 2011). In tal caso
deve essere contrassegnato il punto “Ritenute non operate” della sezione in questione.
Ai fini della compilazione del prospetto SY, il programma verifica le informazioni memorizzate nella sezione
“Progressivi > Contributi sociali” di DIPE (quinta pagina) relativamente a tutti i dipendenti dell’azienda,
rilevando gli eventuali pagamenti effettuati nell’anno (verifica del campo “Periodo versamento”) a favore di
creditori per i quali risulta contrassegnato il campo “Soggetto 770” nella relativa tabella “Soggetti creditori”
(TB0013).
Con riferimento a tali pagamenti, nella Sezione I del prospetto SY verrà riportato:
il codice fiscale del dipendente/debitore e del soggetto creditore (punto 1 e 2);
l’importo trattenuto/erogato nell’anno (punto 3);
l’importo della relativa ritenuta 20% operata (punto 4).
In assenza di ritenute (campo “Applico ritenuta” della relativa tabella TB0013 non contrassegnato), verrà
contrassegnato l’apposito campo “Ritenute non operate” (punto 5).
Si precisa che le ritenute 20% applicate sulle somme liquidate per pignoramento presso terzi, vengono
automaticamente riportate anche nel prospetto delle ritenute operate (prospetto ST) con l’apposito codice
tributo 1049.
Istruzioni operative 770/2014
91/105
Trasmissione telematica 770
La dichiarazione dei redditi da parte dei sostituti d’imposta deve essere presentata obbligatoriamente per via
telematica.
I soggetti utilizzeranno il servizio telematico e potranno spedire:
tramite un intermediario abilitato;
tramite il servizio telematico Entratel (per percipienti superiori a 20);
tramite il servizio telematico Fisconline (per percipienti non superiori a 20);
Per il computo dei soggetti al fine dell’utilizzo dei due diversi servizi di trasmissione telematica occorre fare
riferimento al numero di comunicazioni indicate nel frontespizio e presenti nei campi “Numero certificazioni
lavoro dipendente” e “Numero certificazioni lavoro autonomo” della scelta “Completamento dati” di QUA770.
Riepilogo compilazione Completamento dati
Di seguito sono riportate le casistiche che si possono presentare in base alla modalità di compilazione delle
dichiarazioni, tramite il modello 770 semplificato, o il modello 770 ordinario in forma autonoma. Prima di
approntare i file per l'invio telematico è consigliabile controllare e completare le informazioni relative alla
presentazione della dichiarazione contenute nella scelta “Completamento dati” di QUA770.
In base alla casistica specificata nella prima colonna della seguente tabella (tipologia di utenti) verificare le
informazioni inserite o da inserire nel completamento dati.
Tipologia di utenti
Utenti che predispongono il
modello 770/2014 ordinario
Trasmissione separata dei dati
del lavoro dipendente o del
lavoro autonomo in
presenza di modello
770/2014 ordinario
QUA770 > 1
Pag
Campo
2
1
2
2
20
17
1
3
1
1
1
2
1
1
2
2
1
1
1
1
Trasmissione separata dei dati
del lavoro dipendente o del
lavoro autonomo in assenza
del modello 770/2014
ordinario
Informazioni da controllare
Inserire il codice della tabella mittente che contiene i dati
dell'intermediario abilitato alla trasmissione
Controllare la data di presentazione inserita in fase di chiusura
Indicare il codice 1 o il codice 2 se la dichiarazione è predisposta dal
contribuente o da chi la trasmette
Barrare con “X” la casella 770 ordinario
Controllare e/o completare le "C" in corrispondenza dei prospetti da
trasmettere
Barrare con “X” la casella 770 ordinario
Inserire il codice della tabella mittente che contiene i dati
dell'intermediario abilitato alla trasmissione
Controllare la data di presentazione inserita in fase di chiusura
20
Indicare il codice 1 o il codice 2 se la dichiarazione è predisposta dal
17
contribuente o da chi la trasmette
Controllare che sia presente il flag nel campo “Presentazione
c. 1,
casella 2 separata ST/SV/SX”
Controllare che sia presente il numero di certificazioni nel campo
4/5
“Numero certificazioni lavoro dipendente” e/o “Numero certificazioni
lavororo autonomo”
Barrare con "X" la scelta di dichiarazione trasmessa da più soggetti
9
Indicare, nel caso, il codice fiscale del soggetto che trasmette la
10
parte restante
2
1
2
2
20
17
1
4/5
1
1
9
10
Inserire il codice della tabella mittente che contiene i dati
dell'intermediario abilitato alla trasmissione
Controllare la data di presentazione inserita in fase di chiusura
Indicare il codice 1 o il codice 2 se la dichiarazione è predisposta dal
contribuente o da chi la trasmette
Controllare che sia presente il numero di certificazioni nel campo
“Numero certificazioni lavoro dipendente” e/o “Numero certificazioni
lavororo autonomo”
Barrare con "X" la scelta di dichiarazione trasmessa da più soggetti
Indicare il codice fiscale del soggetto che trasmette la parte restante
Istruzioni operative 770/2014
Tipologia di utenti
Utenti che predispongono il
modello 770/2014
Semplificato con successivo
invio dei prospetti ST, SV, SX
ed SY
Utenti che predispongono il
modello 770/2014
semplificato integralmente
(comprensivo dei prospetti SS,
ST, SV, SY ed SX)
QUA770 > 1
Pag
Campo
1
1
1
4/5
2
1
2
2
20
17
1
1
9
10
2
1
2
2
20
17
1
6
92/105
Informazioni da controllare
Barrare con “X” la casella 770 ordinario
Controllare che sia presente il numero di certificazioni nel campo
“Numero certificazioni lavoro dipendente” e/o “Numero certificazioni
lavororo autonomo”
Inserire il codice della tabella mittente che contiene i dati
dell'intermediario abilitato alla trasmissione
Controllare la data di presentazione inserita in fase di chiusura
Indicare il codice 1 o il codice 2 se la dichiarazione è predisposta dal
contribuente o da chi la trasmette
Barrare con "X" la scelta di dichiarazione trasmessa da più soggetti
Indicare il codice fiscale del soggetto che trasmette la parte restante
Inserire il codice della tabella mittente che contiene i dati
dell'intermediario abilitato alla trasmissione
Controllare la data di presentazione inserita in fase di chiusura
Indicare il codice 1 o il codice 2 se la dichiarazione è predisposta dal
contribuente o da chi la trasmette
Controllare la compilazione delle caselle dei prospetti SS, ST, SV,
SY, SX
Di seguito, a titolo esemplificativo, si riportano le pagine del “Completamento dati” in caso di trasmissione del
modello 770 semplificato con successivo invio di ST, SV ed SX nel modello ordinario (sezione II del riquadro
“Redazione della Dichiarazione” del Modello 770 Semplificato 2014).
COMPLETAMENTO DATI – PAGINA 1
Istruzioni operative 770/2014
93/105
COMPLETAMENTO DATI – PAGINA 2
N.B.: In pagina 2 del completamento dati verificare le impostazioni relative alle firme qualora queste siano
omesse ovvero sia presente la firma dell’organo di controllo.
COMPLETAMENTO DATI – PAGINA 3
Istruzioni operative 770/2014
94/105
Generazione 770 Telematico: sequenza operativa
Utenti
Tutti gli
utenti
Operazioni da eseguire
Comando
Creare la tabella “Anagrafica mittenti” (ANAMITT) con le specifiche
dell’intermediario che invia telematicamente le dichiarazioni.
L’elemento di tabella creato va inserito al campo "Codice mittente" di pagina 2
del completamento dati di QUA770
Gestione
tabelle
▼
Anagrafica
mittenti
Controllare le informazioni presenti nel completamento dati delle ditte in base
alle modalità di compilazione della dichiarazione (vedere il "riepilogo
completamento dati" nelle pagine precedenti)
QUA770
▼
1 – Compl.to
dati
Solo utenti
Windows
con
programma
Entratel
sullo stesso
computer
Gli utenti che hanno il programma 770 in versione Windows e utilizzano il
medesimo computer per l’invio telematico possono inserire il percorso nel Trasmissione
quale generare il file da inviare al Ministero e quello da cui prelevare i file delle telematica 770
▼
ricevute inviate dal Ministero.
Gestione
“Indirizzario file da inviare” ... percorso a piacere
indirizzari
“Indirizzario ricevute”..............es: C:\entratel\documenti\ricevute
Tutti gli
utenti
Trasmissione
Selezionare la scelta “770 Semplificato” o “770 Ordinario” in relazione alla telematica 770
▼
tipologia di 770 per i quali si intende procedere all’elaborazione del telematico.
770 semplif.
770 ordinario
Generare il file per la spedizione telematica indicando i codici delle ditte da
includere nell'invio.
Tutti gli
utenti
Trasmissione
telematica 770
Viene richiesto il codice dell'intermediario (creato in tabella mittente e
▼
collegato nella scelta completamento dati di QUA770) e la selezione ditte.
Generazione
Dati
Viene generato un file che contiene i dati delle ditte selezionate.
(GEN770S /
77S14xxx per il 770 semplificato dove la xxx indica il numero della spedizione
GEN770O)
77O14xxx per il 770 ordinario dove la xxx indica il numero della spedizione
Copiare il file da spedire, selezionando il relativo numero di spedizione:
Trasmissione
confermando la selezione, sarà possibile copiare il file in uno specifico
telematica 770
percorso indicato dall’utente (pulsante “Esporta”) o copiare il file su floppy disk
▼
(“Formatta e copia” o “cOpia”).
Copia
Sono esclusi gli utenti Windows con il programma ENTRATEL installato sullo
telematico
stesso computer che hanno scelto di copiare direttamente il file.
(COP770S / O)
Tutti gli
utenti
Trasmettere i file al ministero con il programma ENTRATEL
Programma
ENTRATEL
Scaricare le ricevute del ministero con il programma ENTRATEL
Programma
ENTRATEL
Copiare il file delle ricevute nel computer in cui è installata la procedura G770. Trasmissione
Sono esclusi gli utenti Windows con il programma ENTRATEL installato sullo telematica 770
▼
stesso computer che hanno scelto di copiare direttamente il file
Copia ricevute
Istruzioni operative 770/2014
Utenti
Operazioni da eseguire
95/105
Comando
Elaborare il file delle ricevute per memorizzare i numeri di protocollo nelle Trasmissione
telematica 770
rispettive dichiarazioni presentate.
▼
Viene richiesto il numero della spedizione le cui ricevute sono presenti nel file.
Elaborazione
ricevute
(ELA770S / O)
Terminata
l'operazione
verrà
riportato
il
protocollo
assegnato
dall'amministrazione finanziaria nelle singole dichiarazioni con esito positivo.
L'esito delle dichiarazioni è visualizzabile con la scelta "Riepilogo spedizioni".
Tutti gli
utenti
Trasmissione
telematica 770
Situazioni possibili dopo l'elaborazione delle ricevute:
▼
- Dichiarazione inviata con successo = colonna esito ---> OK
Riepilogo
spedizioni
- Dichiarazione scartata = colonna esito ---> motivo dello scarto (errore dati,
errore tecnico, non inviata perché scartata successivamente ( RIE770S / O )
dall'amministrazione)
- Spedizione inviata con successo ma con necessità di un nuovo invio per
esito negativo di una o più dichiarazioni; in questo caso rieseguire l'invio
con una nuova spedizione
Negli ultimi due casi rieseguire l'invio delle dichiarazioni scartate con una
nuova spedizione.
Tra le scelte del programma di invio telematico ve ne sono alcune che Trasmissione
telematica 770
consentono di effettuare dei controlli sulle operazioni eseguite, tra queste:
Riepilogo
Controllo delle spedizioni
spedizioni
Consente di controllare il contenuto del file di spedizione
( RIE770S / O )
Viene proposto l'ultimo numero di spedizione generata
Con F2 è possibile visualizzare l'elenco delle spedizioni
Richiamando il codice viene visualizzato l'elenco dei dichiaranti contenuti
nella spedizione e, dopo l’elaborazione delle ricevute, il relativo numero di
protocollo e sottonumerazione.
Tutti gli
utenti
Stampa elenco
Stampa elenco dichiaranti
nominativo
Consente di stampare un elenco dei dichiaranti contenuti in ciascuna
(STA770S / O)
spedizione.
Ricerca
Ricerca dichiaranti nelle spedizioni effettuate
dich.te / invio
Consente di individuare in quale spedizione è stato inserito un determinato ( RIC770S / O )
dichiarante.
Situazione
Stampa della situazione delle dichiarazioni
dichiarazioni
Consente di stampare un elenco delle ditte con lo stato della dichiarazione e ( SIT770S / O )
la data di trasmissione inserite dallo studio e, dopo l'elaborazione delle
ricevute, gli estremi dell'invio telematico forniti dall'amministrazione finanziaria.
Istruzioni operative 770/2014
Utenti
Operazioni da eseguire
96/105
Comando
Gestione dati
Gestione dati telematico
Consente di visualizzare i dati generati con la scelta “Generazione dati” e di telematico
( GES770S / O)
effettuare delle modifiche
Controllo file telematico
Controllo file
Tale scelta consente di eseguire il controllo del file telematico generato dalla
telematico
procedura, sulla base delle specifiche utilizzate dal programma di controllo
(CON770S / O)
dell’Agenzia delle Entrate (programma Sogei).
Lo stesso controllo può essere effettuato anche prima di procedere alla
generazione del file telematico, utilizzando le apposite funzioni (pulsanti F5 ed
F6) presenti nella gestione dei quadri (QUA770).
Istruzioni operative 770/2014
97/105
Dichiarazione “correttiva nei termini” o “integrativa”
Dichiarazione correttiva nei termini
Nell’ipotesi in cui il sostituto d’imposta intenda, prima della scadenza del termine di presentazione,
rettificare o integrare una dichiarazione già presentata, deve compilare una nuova dichiarazione, completa di
tutte le sue parti, barrando la casella “Correttiva nei termini”.
Dichiarazione integrativa
Scaduti i termini di presentazione della dichiarazione, il sostituto d’imposta può rettificare o integrare la
stessa presentando una nuova dichiarazione completa di tutte le sue parti, barrando la casella
“Dichiarazione integrativa”.
Presupposto per poter presentare la dichiarazione integrativa è che sia stata validamente presentata la
dichiarazione originaria. Con riguardo a quest’ultima, sono da considerarsi valide anche le dichiarazioni
presentate entro novanta giorni dal termine di scadenza, fatta salva l’applicazione delle sanzioni ex art. 13,
comma 1, lett. c) del D. Lgs. n. 472/1997.
In particolare, il sostituto d’imposta può integrare la dichiarazione:
- nell’ipotesi di ravvedimento prevista dall’art. 13, comma 1, lett. b) del D. Lgs. n. 472 del 1997, entro il
termine per la presentazione della dichiarazione relativa all’anno successivo;
- nell’ipotesi prevista dall’art. 2, comma 8 del D.P.R. n. 322 del 1998, entro il 31 dicembre del quarto
anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione, per correggere errori od omissioni
cui consegua un maggior debito d’imposta e fatta salva l’applicazione delle sanzioni;
- nell’ipotesi prevista dall’art. 2, comma 8- bis del D.P.R. n. 322 del 1998, entro il termine previsto per la
presentazione della dichiarazione relativa al periodo d’imposta successivo, per correggere errori od
omissioni che abbiano determinato l’indicazione di un maggior debito d’imposta o di un minor credito. In
tal caso l’eventuale credito risultante da tale dichiarazione può essere utilizzato in compensazione ai
sensi del D.Lgs. n. 241 del 1997.
Dichiarazione correttiva/integrativa parziale
I sostituti d’imposta che presentano il Modello 770 Semplificato possono produrre la dichiarazione “correttiva
nei termini” o quella “integrativa” mediante l’invio anche delle singole comunicazioni che si intendono
integrare o rettificare. In tal caso è necessario barrare anche la casella “Correttiva/Integrativa parziale”.
Tale facoltà è consentita ai soli sostituti d’imposta che hanno presentato il Mod. 770/Semplificato contenente
un numero di comunicazioni superiori a 200.
In particolare la dichiarazione dovrà essere costituita dal frontespizio, contrassegnato nelle relative caselle
(“Correttiva nei termini” o “Dichiarazione integrativa” e Correttiva/integrativa parziale”) ed in quelle relative
alle comunicazioni oggetto di integrazione o rettifica, indicando gli stessi numeri progressivi delle
comunicazioni originarie.
Nell’ipotesi in cui la dichiarazione “correttiva nei termini” o “integrativa” sia utilizzata per trasmettere ulteriori
comunicazioni si dovrà rispettare la progressione numerica riportando nello spazio “progressivo
comunicazione” il numero successivo a quello utilizzato per l’invio dell’ultima comunicazione contenuta nel
Modello 770 Semplificato oggetto di rettifica.
Nelle precedenti ipotesi il sostituto dovrà indicare nel frontespizio il numero aggiornato delle comunicazioni
trasmesse e inviare altresì il prospetto SS integralmente compilato, aggiornato alle modifiche apportate nelle
comunicazioni.
Le stesse modalità possono essere utilizzate per correggere o integrare i prospetti ST, SV e/o SX e SY,
ricompilando integralmente detti prospetti.
Istruzioni operative 770/2014
98/105
Modalità operative
Per rettificare i dati trasmessi occorre effettuare una dichiarazione integrativa/correttiva totale (Modello 770
Ordinario e Semplificato) o correttiva parziale (Modello 770 Semplificato).
Il dichiarante può sostituire o cancellare ogni singola comunicazione (CUD e/o certificazioni lavoro autonomo
e provvigioni) o inviare ulteriori comunicazioni precedentemente non trasmesse in luogo della trasmissione
di una nuova dichiarazione completa di tutte le sue parti.
La trasmissione comporta l’invio del frontespizio, in cui va barrata la casella “Correttiva nei termini” o
“Dichiarazione integrativa”.
Per predisporre dichiarazioni integrative o correttive nei termini va attivata la relativa scelta all’interno della
sezione “Completamento dati” (QUA770, scelta 1).
Sono presenti le seguenti opzioni:
integrativa/correttiva totale semplificato (QUA770 – Completamento Dati, pagina 1)
integrativa/correttiva parziale semplificato (QUA770 – Completamento Dati, pagina 1)
integrativa/correttiva totale ordinario (QUA770 – Completamento Dati, pagina 3)
Dichiarazione integrativa/correttiva totale
La dichiarazione integrativa/correttiva totale consente di inviare una dichiarazione completa nelle sue parti in
sostituzione di quella precedentemente trasmessa.
Dopo aver contrassegnato l’apposita casella presente nel completamento dati di QUA770 (pagina 1 se
Semplificato e pagina 3 se Ordinario), indicando se si tratta di dichiarazione integrativa o correttiva e dopo
avere apportato alla dichiarazione le modifiche o integrazioni necessarie all’interno dei relativi prospetti,
vanno eseguiti i passaggi previsti per la normale trasmissione telematica (sez. “Trasmissione telematica 770”
di G770).
Dichiarazione integrativa/correttiva parziale
La dichiarazione integrativa/correttiva parziale consente di inviare la sola parte da rettificare o integrare
rispetto alla dichiarazione inviata in precedenza a tal fine occorre barrare la casella “Integrativa/Correttiva
parziale” della sezione “Completamento dati” (scelta 1 di QUA770).
Per approntare la dichiarazione correttiva parziale occorre effettuare le seguenti operazioni:
1. Contrassegnare la casella interessata del campo “Dichiarazione integr./corr.” della sezione QUA770 >
“Completamento dati” e quindi la successiva casella “Dich. integr./corr. parziale”.
L’accesso a quest’ultimo campo è consentito solo se non risulta contrassegnato il campo “770
ordinario” e se il totale dei campi “Numero certificazioni lavoro dipendente / autonomo” risulta superiore
a 200.
Viene richiesta l’indicazione del numero di protocollo assegnato alla dichiarazione già trasmessa.
Nel caso in cui la rettifica riguardi anche i prospetti SS, ST, SV, SX e/o SY, è necessario indicare nella
corrispondente casella la tipologia di rettifica da apportare (I=inserimento; A=aggiornamento;
C=cancellazione).
Istruzioni operative 770/2014
99/105
2. Eseguire le rettifiche nei prospetti interessati (v. parag. successivo);
3. Ripetere le procedure di trasmissione telematica (sez. “Trasmissione telematica 770” di G770).
Rettifiche dei prospetti (dichiarazione integrativa/correttiva parziale)
Rettifiche dei prospetti SD e SA
Se la correzione è relativa ai prospetti SD e/o SA, le operazioni vanno diversificate in base al tipo di modifica
da apportare (aggiornamento / cancellazione o nuovo inserimento).
A. Operazione di cancellazione o aggiornamento
1. Selezionare il prospetto da rettificare;
2. Richiamare il percipiente;
3. Scegliere la funzione “Nr certificazione” presente nella parte inferiore della videata che consente di
inserire due informazioni contenute nella parte superiore destra della videata
a. Oper: indicare il tipo di operazione (C = cancellazione o A = aggiornamento)
b. Certificazione: indicare il numero della certificazione inviata in precedenza (proposto
automaticamente dal programma).
Istruzioni operative 770/2014
100/105
B. Operazione di inserimento
1. Selezionare il prospetto in cui inserire delle certificazioni;
2. Richiamare il nuovo percipiente o il nuovo numero d’ordine;
3. Inserire la certificazione introducendo i dati relativi al prospetto;
4. Scegliere la funzione “Nr certificazione” presente nella parte inferiore della videata che consente di
inserire due informazioni contenute nella parte superiore destra della videata
a. Oper: indicare il tipo di operazione (I = inserimento)
b. Certificazione: indicare il numero successivo a quello utilizzato per l’invio dell’ultima
comunicazione contenuta nella dichiarazione oggetto di rettifica ossia il numero successivo a
quello riportato nel completamento dati di QUA770 (campi “N. certificazione lavoro
dipendente/autonomo”).
Controllare la corrispondenza fra il numero delle certificazioni lavoro dipendente/autonomo
aggiornato in automatico nel frontespizio ed i numeri nei corrispondenti campi “N. certificazione
lavoro dipendente/autonomo” della pagina 1 del completamento dati di QUA770).
Rettifiche dei prospetti ST, SV, SX e/o SY
Se la correzione è relativa ai prospetti ST, SV, SX e/o SY, è sufficiente apportare le modifiche richiamando i
singoli prospetti da modificare.
Istruzioni operative 770/2014
101/105
Stampe per controllo dati
Nella sezione “Controllo dati 770” sono disponibili le scelte di seguito descritte, che consentono di stampare
dei prospetti per agevolare l’utente nel controllo dei dati previdenziali e fiscali.
CONLD – Controllo dati quadratura lavoro dipendete
Il comando CONLD consente di effettuare un controllo sugli importi indicati nel prospetto relativo ai dati
lavoro dipendente, con riferimento all’IRPEF da tassazione ordinaria (punto 5) nonché ai valori di addizionale
regionale e comunale dell’anno e dell’anno precedente.
A tal fine il programma verifica la coerenza fra i dati presenti nel relativo prospetto 770 ed i dati rilevati nelle
quadrature storiche dell’anno (comando STOQUA, scelta 1, della procedura PAGHE).
In caso di incongruenze rilevate dal controllo dati fiscali (CONFIS), il programma CONLD può essere utile al
fine di verificare il dettaglio dei dipendenti per i quali esiste una differenza tra le ritenute operate e
memorizzate dalla quadratura, e quelle evidenziate nel modello 770. Tali differenze possono derivare ad
esempio dalle seguenti gestioni errate:
riassunzione del dipendente presso lo stesso datore di lavoro, non eseguita mediante il comando PSIN30
(quindi senza trasferimento dello storico voci, dal quale vengono rilevati gli importi di addizionale IRPEF
trattenuti);
conguagli non effettuati correttamente, ad esempio in caso di:
- riassunzione e successiva erogazione sulla matricola cessata di ulteriori importi, senza conseguente
adeguamento del progressivo “Lavoro precedente” della matricola riassunta;
- riassunzione effettuata prima dell’aggiornamento del cedolino di licenziamento.
Le differenze evidenziate possono essere riportate in un file PDF, mediante la scelta di stampa inserita
all’interno del pulsante “Funzioni”:
Il suddetto controllo non può essere utilizzato nel caso di aziende con chiusura Irpef per cassa, né in caso di
azienda interessata da operazione straordinaria con estinzione del soggetto cedente.
Istruzioni operative 770/2014
102/105
CONFIS – Controllo dati fiscali mod. 770
La stampa di controllo dei dati fiscali è composta di 4 prospetti.
Di seguito sono riportati gli schemi con i relativi controlli che vengono effettuati dal programma.
Prospetto 1
Descrizione tributi
RITENUTE VERSATE 770
RITENUTE VERSATE F24
Lettura dal prospetto ST / SV degli
importi dei versamenti (casella 7) dei
codici tributo specificati a lato, esclusi
i versamenti identificati dalla nota “Q”.
I codici tributo relativi alle regioni a
statuto speciale confluiscono nei
corrispondenti codici tributo standard
(es. 1901 - Sardegna - confluisce nel
1001).
Lettura dal modello F24 degli importi
dei versamenti dei codici tributo
specificati a lato.
Redditi lavoro dipendente
1001, 1002, 1004, 1013, 1618
Redditi lavoro dipendente tfr
1012, 1018
Redditi lavoro autonomo
1038, 1040, 1019, 1020
Assistenza fiscale compresi interessi
per incapienza
4201, 4730, 4731, 3803, 3846, 3845,
1057, 1846, 1845, 1619
Imposta sostitutiva
1712, 1713
Addizionale regionale anno 2012
3802
Addizionale regionale anno 2013
3802
Addizionale comunale anno 2012
3848
Addizionale comunale anno 2013
3848
Addizionale comunale acconto
3847
Interessi per rateizzazione assistenza
fiscale
1630, 3795, 3790
Imposta sostitutiva dl.93/2008
1053
Imposta recuperata – sosp. Abruzzo
Somma di tutti i tributi presenti nel
prospetto ST / SV, caratterizzati dal
codice “Q” al campo “Note” (punto 10)
Ritenute su pignoramenti
1049
Totali
Differenza (totale 1 – totale 2)
Totale 1
Totale 2
Istruzioni operative 770/2014
103/105
Prospetto 2
RITENUTE EFFETTUATE 770
(lettura dai prospetti SD, SA e SY)
RITENUTE OPERATE 770
(lettura dal prospetto ST e SV,
escludendo i tributi contraddistinti
dalla nota “Q”)
Ritenute redditi di lavoro dipendente e
assimilati da SD
Prospetto SD (B) casella 5 + 302 +
358 + 106 + 112 – 211 + 137
Totale casella 2 e 3 dei codici
1001; 1002; 1004; 1013; 1618
Ritenute redditi lavoro dipendente tfr
Prospetto SD (B) casella 505 (imposta
2013)
Totale casella 2 del codice 1012;
1018
Redditi lavoro autonomo
Prospetto SA casella 27 + 28
Totale casella 2 dei codici 1038; 1040;
1019; 1020
Assistenza fiscale (D)
(N.B. gli interessi per incapienza sono
compresi solo nella seconda colonna)
Prospetto SD (D) caselle 5 + 14 + 23
+ 34 + 45 + 56 + 65 + 74 + 83 + 92 +
106 + 115
Totale casella 2 dei codici
4201; 4730; 4731; 3803; 3846; 3845;
1057; 1846; 1845; 1619
Rimborsi assistenza fiscale
AZIE
“Progressivi > Assistenza fiscale”
campi “Crediti da assistenza fiscale”
(dovuto mese e mese succ.) delle
sezioni
“Crediti
utilizzati
in
compensazione” e “Crediti acquisiti
dall’IRPEF”
+
“Progressivi > Addizionale regionale”,
campi “Assistenza fiscale – Imposta a
credito” (mese e mese succ.)
+
“Progressivi > Addizionale comunale”,
campi “Assistenza fiscale – Imposta a
credito” (mese e mese succ.) + “Ass.
fisc. acconto addiz. comunale –
Imposta a credito” (mese e mese
succ.)
Compensazioni dipendente
DIPE > “Altri Dati > Assistenza fiscale
> Compensato”
Imposta sostitutiva
AZIE > “Altri Dati > Acconto TFR >
Tassazione rivalutazione TFR >
Acconto” + “Saldo”
Totale casella 2 dei codici 1712 e
1713
Addizionale regionale 2012
Prospetto SD (B) casella 7
Totale casella 2 del codice 3802
senza codice “S” al campo “Note”
Addizionale regionale 2013
Prospetto SD (B) casella 8
Totale casella 2 del codice 3802 con
codice “S” al campo “Note”
Addizionale comunale 2012
Prospetto SD (B) casella 9
Totale casella 2 del codice 3848
senza codice “S” al campo “Note”
Addizionale comunale 2013
Prospetto SD (B) casella 12
Totale casella 2 del codice 3848 con
codice “S” al campo “Note”
Addizionale comunale acconto
Prospetto SD (B) casella 10 – 217
(se la differenza è maggiore di 0)
Totale casella 2 del codice 3847
Istruzioni operative 770/2014
104/105
Interessi rateizzazione ass. fiscale
(N.B. gli interessi per incapienza sono
compresi solo nella prima colonna)
Prospetto SD (D) casella 4 + 9 + 12 +
17 + 22 + 28 + 33 + 39 + 44 + 50 + 54
+ 59 + 64 + 69 + 72 + 77 + 81 + 86 +
90 + 95 (+ 113 + 118)
Totale casella 2 dei codici 1630; 3795;
3790
Imposta sostitutiva dl 93/2008
Prospetto SD (B) casella 252 – 258
Totale casella 2 del codice 1053
Ritenute su pignoramenti
Prospetto SY (sez. I) Totale casella 4
Totale casella 2 del codice 1049
Restituzioni utilizzate
Crediti riconosciuti
Importi utilizzati a scomputo prospetto
ST e SV
Crediti riconosciuti per ulteriore
detrazione e canoni di locazione (solo
se poi non recuperati)
AZIE > “Progressivi > Irpef”, campi
“Credito ulteriore detrazione figli /
Credito ulteriore detrazione figli MS” e
“Credito detrazione art. 16 / Credito
detrazione art. 16 MS” in base alla
modalità di retribuzione dell’azienda
Crediti utilizzati
AZIE > “Altri Dati > Acconto TFR”
Totale casella 6
campo “Credito Utilizzato” (codice
tributo 1250 presente in F24)
Totali
Totale 3
Totale 4
Differenza (totale 3 – totale 4)
Eventuale differenza dovuta a crediti di fine anno o ad importi non versati
perché inferiori ad 1,03 euro
Prospetto 3
Riepilogo
Lettura dati da:
A) Riporto credito SX 770/2013 (da riportare al campo SX4 col. 2
del mod. 770/2014)
di cui Credito residuo azienda anno 2012
770/2013 rigo SX4 col. 6
AZIE > “Progressivi > Irpef”, campo “Credito Irpef”
B) Totale trattenuto
Totale 3 (prospetto 2) + “Imposta recuperata – sosp.
Abruzzo” (prospetto 1)
C) Totale versato
Totale 1 (prospetto 1)
Differenza (B – A – C) dovuta a credito residuo relativo all’azienda anno 2013 corrispondente al valore presente in AZIE
sezione “Progressivi – Irpef”, campo “Credito Irpef” + altri crediti da indicare al rigo SX4 col. 6 o 7
Istruzioni operative 770/2014
105/105
Prospetto 4
Quadratura SX
Lettura dati da:
A) Riporto credito SX Mod.770/2013 (SX4 col. 2)
Mod. 770/2013, rigo SX4 col. 6
B) Credito 2012 compensato in F24 (SX4 col. 3)
Gestione F24
C) Versamenti 2013 in eccesso e restituzioni (SX4 col. 4)
AZIE > “Progressivi” > “IRPEF”, “Add. regionale”,
“Add. comunale” e “Assistenza fiscale”
D) Ammontare utilizzato a scomputo (SX4 col. 5)
Prospetti ST colonna 4 (al netto degli importi indicati
con la nota “T”) e SV colonna 4.
E) Credito residuo azienda anno 2013 (SX col. 6 o 7)
AZIE > “Progressivi - IRPEF” campo “Credito Irpef”
+ “Progressivi - Addizionale regionale” campo
“Credito addizionale residuo” + “Progressivi Addizionale comunale” campo “Credito addizionale
residuo”
Differenza (A – B + C – D – E)
Altri crediti
L’importo E) + l’importo Differenza vanno riportati nel rigo SX4 col. 6 o 7.
CONDAT – Stampa controllo dati mod. 770
Questa scelta consente di stampare l’elenco delle anomalie rilevate dalla funzione di controllo dati presente
in “Gestione quadri 770” > QUA770.
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
7 033 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content