close

Enter

Log in using OpenID

AT - Liceo classico "Jacopo Stellini"

embedDownload
Inverter solari ABB
Manuale hardware
Inverter centrali PVS800-57
(da 100 a 1000 kW)
Pubblicazioni correlate
Manuale hardware degli inverter
PVS800-57 Hardware Manual
Codice (inglese)
3AUA0000053689
Codice (italiano)
3AUA0000083888
1)
Manuale firmware degli inverter
PVS800 Central Inverters Firmware Manual
Adaptive Program Application Guide
3AUA0000058422
3AUA0000091276
3AUA0000094313
1)
Manuali e guide dei dispositivi opzionali
Manuali e guide rapide per moduli di
estensione I/O, moduli adattatori bus di
campo, ecc.
1)
In formato cartaceo, fornito con l'inverter.
Manuale hardware
Inverter centrali PVS800-57
(da 100 a 1000 kW)
Indice
1. Norme di sicurezza
4. Installazione meccanica
6. Installazione elettrica
8. Avviamento
 2014 ABB Oy. Tutti i diritti riservati.
3AUA0000083888 Rev H
IT
VALIDITÀ: 09-07-2014
5
Indice
Pubblicazioni correlate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
1. Norme di sicurezza
Contenuto del capitolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Uso delle avvertenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Sicurezza nell'installazione e nella manutenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Precauzioni prima degli interventi elettrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Sicurezza elettrica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Messa a terra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Sicurezza generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Schede a circuiti stampati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Cavi in fibra ottica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Avviamento e funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
11
11
12
12
14
15
16
18
18
19
2. Introduzione al manuale
Contenuto del capitolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Destinatari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Contenuto del manuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Pubblicazioni correlate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Categorie in base al telaio e ai codici opzionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Flowchart di installazione, messa in servizio e funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Terminologia e sigle . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
21
21
21
22
22
22
23
3. Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware
Contenuto del capitolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Panoramica del prodotto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Rappresentazione schematica di un impianto fotovoltaico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Esempio di schema del circuito principale del sistema dell'inverter (R8i) . . . . . . . . . . . .
....................................................................
Esempio di schema del circuito principale del sistema dell'inverter (2 × R8i) . . . . . . . . .
Alimentazione ausiliaria esterna 100 Vca, 115 Vca o 200 Vca (opzioni +G396,
+G397 e +G398) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Alimentazione ausiliaria dal circuito principale dell'inverter (opzione +G415) . . . . . .
Legenda dei simboli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Esempio di schema del circuito principale del sistema dell'inverter (3 × R8i) . . . . . . . .
Alimentazione ausiliaria esterna 100 Vca, 115 Vca o 200 Vca (opzioni +G396,
+G397 e +G398) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Alimentazione ausiliaria dal circuito principale dell'inverter (opzione +G415) . . . . . .
Legenda dei simboli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Funzioni di supervisione della rete elettrica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Messa a terra del polo positivo o negativo (opzioni +F282 e +F283) . . . . . . . . . . . . . . .
Funzionamento a potenza ridotta in caso di guasti hardware . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Layout degli armadi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Configurazione dell'armadio del telaio R7i . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Configurazione dell'armadio del telaio R8i . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Configurazione dell'armadio del telaio 2 × R8i . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Configurazione dell'armadio del telaio 3 × R8i . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
25
26
27
31
32
34
35
35
36
38
39
39
40
41
42
42
43
44
45
46
48
6
Componenti sullo sportello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Modulo inverter (R7i) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Modulo inverter (R8i) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Panoramica di collegamenti e interfacce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Esempi di collegamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Pannello di controllo CDP-312R . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Etichette di identificazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Etichetta dell'inverter . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Etichetta del modulo inverter . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Codice di identificazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Unità da -0100kW-A a -0315kW-B . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Unità da -0500kW-A a -1000kW-C . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
49
50
50
52
54
55
56
56
57
58
58
60
4. Installazione meccanica
Contenuto del capitolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Controllo del luogo di installazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Attrezzi necessari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Controllo della fornitura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Movimentazione dell'unità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Collocazione dell'unità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Panoramica della procedura di installazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Fissaggio dell'armadio al pavimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Alternativa 1 – Dispositivi di fissaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Alternativa 2 – Fori all'interno dell'armadio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Altre procedure . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Come evitare il ricircolo dell'aria calda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Condotto di ventilazione all'uscita aria dell'armadio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Calcolo del valore di pressione statica richiesto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Canalina a pavimento sotto l'armadio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
63
63
64
64
65
66
66
67
67
68
69
69
69
70
71
5. Pianificazione dell'installazione elettrica
Contenuto del capitolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Limitazione di responsabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Selezione del trasformatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Requisiti per il trasformatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Selezione del dispositivo di sezionamento (scollegamento dalla rete) . . . . . . . . . . . . .
Selezione del dispositivo di sezionamento dell'ingresso in c.c. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Verifica della compatibilità di generatore fotovoltaico e inverter . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Selezione dei cavi di potenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Regole generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Tipi di cavi di uscita in c.a. raccomandati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Cavi di potenza non consentiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Selezione dei cavi di controllo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Regole generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Segnali in cavi separati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Segnali trasmissibili con lo stesso cavo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Cavo per relè . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Luoghi di installazione ad altitudini superiori a 2000 m (6560 ft) . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Posa dei cavi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Canaline separate per i cavi di controllo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Protezione da cortocircuito e sovraccarico termico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Protezione dell'inverter e del cavo di uscita in c.a. in caso di cortocircuito . . . . . . . .
73
73
73
74
75
75
75
75
75
77
77
77
77
78
78
78
78
78
79
79
79
7
Protezione del generatore fotovoltaico e del cavo di ingresso in c.c. in caso di
cortocircuito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Protezione dell'inverter e del cavo di uscita in c.a. dal sovraccarico termico . . . . . . .
Alimentazione di potenza per i circuiti ausiliari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Funzione di autoalimentazione in presenza di bassa tensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Alimentazione di circuiti dall'uscita in c.a. dell'inverter . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Monitoraggio dei guasti a terra per sistemi IT (senza messa a terra) . . . . . . . . . . . . . . .
Dispositivo di monitoraggio dell'isolamento (opzioni +Q954, +Q976 e +Q981) . . . . .
Informazioni sulla sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Cablaggi a cura del cliente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Avviamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Ulteriori informazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Esecuzione della messa a terra del polo positivo o negativo (opzioni +F282 e
+F283) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Limitazione dei disturbi condotti con il filtro EMC
(opzione +E216) nelle reti in bassa tensione TN (senza messa a terra) . . . . . . . . . . . .
Istruzioni per gli inverter forniti senza fusibili di ingresso in c.c. (opzione +0F291) . . . . .
Installazione meccanica dei fusibili di ingresso in c.c. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
79
79
80
80
80
81
81
81
82
82
82
82
82
82
82
6. Installazione elettrica
Contenuto del capitolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Avvertenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Controllo dell'isolamento del gruppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Inverter . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Cavo di uscita in c.a. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Cavo/i di ingresso in c.c. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Generatore fotovoltaico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Controllo della compatibilità con sistemi IT (senza messa a terra) . . . . . . . . . . . . . . . . .
Collegamento dei cavi di potenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Schema di collegamento di un cavo schermato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Schema di collegamento di un sistema a quattro conduttori . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Procedura di collegamento del cavo di ingresso in c.c. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Procedura di collegamento del cavo di uscita in c.a. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Collegamento del cavo di alimentazione esterna per il circuito ausiliario . . . . . . . . . . . .
Controllo del cablaggio del trasformatore di tensione ausiliaria (opzioni +G396,
+G397, +G398 e +G415) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Collegamento dei segnali di misurazione della corrente in c.c. a un regolatore
esterno (opzione +G416) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Collegamento dell'alimentazione della cassetta di connessione (opzione +G410) . . . . .
Collegamento del filtro EMC (opzione +E216) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Collegamento dei cavi di controllo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Schema di collegamento degli I/O di default (RDCU – A43) . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Schema di collegamento degli I/O di default (RDCU – A41) . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Collegamenti di I/O di default (RDIO su RDCU – A41) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Procedura di collegamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Messa a terra a 360° in corrispondenza della piastra passacavi dell'armadio
per i cavi di controllo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Collegamento dei cavi ai morsetti di I/O . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Collegamento di un PC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Installazione dei moduli opzionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Installazione meccanica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Cablaggio dei moduli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
83
83
83
83
83
83
84
84
84
84
85
86
87
89
89
90
91
91
91
92
93
94
95
95
96
96
96
96
96
8
7. Checklist di installazione
Contenuto del capitolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
Checklist . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
8. Avviamento
Contenuto del capitolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
Procedura di avviamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
SICUREZZA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
CONTROLLI PRIMARI E DELLE CONDIZIONI AMBIENTALI . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
IMPOSTAZIONE DEL DISPOSITIVO DI MONITORAGGIO DELL'ISOLAMENTO
(opzioni +Q954, +Q976 e +Q981) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 100
IMPOSTAZIONE DEI TRASDUTTORI DI CORRENTE (opzione +G417) PER
TUTTI GLI INGRESSI IN C.C. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101
REGOLAZIONE DELLA RESISTENZA DI TERRA PER LA MESSA A TERRA
DEL POLO POSITIVO O NEGATIVO (opzioni +F282 e +F283) . . . . . . . . . . . . . . 101
IMPOSTAZIONI PARAMETRICHE PER IL PRIMO AVVIAMENTO . . . . . . . . . . . . 101
PRIMO AVVIAMENTO (modalità di controllo locale) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101
IMPOSTAZIONE DEL CONTROLLO BUS DI CAMPO (opzione +K454, +K458,
+K466 o +K467) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
REGISTRAZIONE DELL'INVERTER . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
Collegamento di DriveWindow . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 104
Configurazione del modulo adattatore Ethernet NETA-01 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 104
Configurazione del tool di monitoraggio remoto NETA-21 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 104
9. Ricerca dei guasti
Contenuto del capitolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
LED . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Messaggi di guasto e allarme visualizzati dal pannello di controllo CDP-312R . . . . .
Guasto: "Same ID numbers" . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Ricerca dei guasti del dispositivo di monitoraggio dell'isolamento (opzioni +Q954,
+Q976 e +Q981) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
105
105
106
106
106
10. Manutenzione
Contenuto del capitolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Intervalli di manutenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Legenda dei simboli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Manutenzione annuale raccomandata – a cura dell'utente . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Intervalli di manutenzione raccomandati dopo l'avviamento . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Pulizia dell'interno dell'armadio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Sostituzione dei filtri aria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Filtri di ingresso sullo sportello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Pulizia del dissipatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Controllo e pulizia dei collegamenti di alimentazione
(R8i, 2 × R8i, 3 × R8i) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Ventole . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Sostituzione della ventola di raffreddamento del filtro LCL (R7i) . . . . . . . . . . . . . .
Sostituzione della ventola di raffreddamento del filtro LCL
(R8i, 2 × R8i, 3 × R8i) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Sostituzione delle ventole sugli sportelli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Sostituzione delle ventole sul tetto dell'armadio (R8i) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
107
107
107
108
108
109
109
109
110
111
112
112
113
114
115
9
Sostituzione della ventola di raffreddamento del modulo inverter (R7i) . . . . . . . . . .
Sostituzione della ventola di raffreddamento del modulo inverter (R8i, 2 × R8i,
3 × R8i) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Sostituzione del modulo inverter (telai R8i, 2 × R8i, 3 × R8i) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Rimozione del modulo dall'armadio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Inserimento del modulo nell'armadio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Sostituzione del filtro LCL . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Condensatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Ricondizionamento dei condensatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
116
117
118
118
120
120
121
121
11. Dati tecnici
Contenuto del capitolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Valori nominali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Declassamento per altitudine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Curve di declassamento per temperatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Declassamento per temperatura delle unità -0100kW-A e -0250kW-A . . . . . . . .
Declassamento per temperatura delle unità -0315kW-B e -0630kW-B . . . . . . . .
Declassamento per temperatura delle unità -0500kW-A, -0875kW-B e
-1000kW-C . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Declassamento per altitudine con compensazione di temperatura . . . . . . . . . . . . .
Tabella delle equivalenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Fusibili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Fusibili in c.a. del circuito principale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Fusibili in c.c. dell'inverter . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Fusibili in c.c. per 2 collegamenti di ingresso in c.c. (opzione +2H382) . . . . . . . . . .
Fusibili in c.c. per 4 collegamenti di ingresso in c.c. (opzione +4H382) . . . . . . . . . .
Fusibili in c.c. per 5 collegamenti di ingresso in c.c. (opzione +5H382) . . . . . . . . . .
Fusibili in c.c. per 8 collegamenti di ingresso in c.c. (opzione +8H382) . . . . . . . . . .
Fusibili in c.c. per 10 collegamenti di ingresso in c.c. (opzione +10H382) . . . . . . . .
Fusibili in c.c. per 12 collegamenti di ingresso in c.c. (opzione +12H382) . . . . . . . .
Fusibili in c.c. per 15 collegamenti di ingresso in c.c. (opzione +15H382) . . . . . . . .
Fusibili in c.c. per 16 collegamenti di ingresso in c.c. (opzione +16H382) . . . . . . . .
Fusibili in c.c. per 20 collegamenti di ingresso in c.c. (opzione +20H382) . . . . . . . .
Fusibili per inverter forniti senza fusibili di ingresso in c.c. (opzione +0F291) . . . . .
Interruttori automatici miniaturizzati in c.c. (opzione +H377) . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Interruttori automatici miniaturizzati per le opzioni +G300 e +G410 . . . . . . . . . . . . .
Dimensioni, pesi e requisiti di spazio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Perdite, dati di raffreddamento e rumorosità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Morsetti e piastre passacavi per i cavi di alimentazione di ingresso in c.c. . . . . . . . . .
Morsetti e piastre passacavi per il cavo di potenza dell'uscita in c.a. . . . . . . . . . . . . . .
Specifiche per il collegamento dell'uscita in c.a. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Specifiche per il collegamento dell'ingresso in c.c. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Dati per il collegamento dell'unità di controllo (RDCU/RMIO) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Ingressi analogici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Uscita a tensione costante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Uscita potenza ausiliaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Uscite analogiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Specifiche per il collegamento dell'alimentazione ausiliaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Ingressi digitali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Uscite relè . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Collegamento DDCS a fibre ottiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Ingresso di potenza 24 Vcc . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Schema di isolamento e messa a terra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
123
123
124
124
124
125
126
126
127
127
127
127
128
128
128
128
128
129
129
129
129
130
131
131
132
133
133
135
136
137
138
138
138
138
138
138
139
139
139
139
140
10
Rendimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Gradi di protezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Classe di protezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Condizioni ambientali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Materiali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Consumo di corrente del circuito ausiliario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Norme e requisiti applicabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Marchio CE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Conformità alla Direttiva europea Bassa tensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Conformità alla Direttiva europea EMC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Conformità alle norme EMC EN 61000-6-2:2005 e EN 61000-6-4:2007 . . . . . . . . . . .
Rete a media tensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Rete in bassa tensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Marchio "C-tick" . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
141
143
143
144
145
146
147
147
147
147
147
148
148
148
12. Disegni dimensionali
Contenuto del capitolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Telaio R7i . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Telaio R8i . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Telaio 2 × R8i . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Telaio 3 × R8i . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Ulteriori informazioni
149
150
153
160
168
Norme di sicurezza 11
1
Norme di sicurezza
Contenuto del capitolo
Questo capitolo contiene le norme di sicurezza da osservare durante l'installazione, il
funzionamento e la manutenzione dell'inverter. Il mancato rispetto di queste norme può
mettere a repentaglio l'incolumità delle persone, con rischio di morte, o danneggiare
l'inverter, il generatore fotovoltaico e le apparecchiature adiacenti.
Uso delle avvertenze
Le avvertenze segnalano condizioni che possono mettere a repentaglio l'incolumità delle
persone, con rischio di morte, o danneggiare le apparecchiature. Le avvertenze indicano
anche come evitare i pericoli. Le note richiamano l'attenzione su una particolare
condizione o fatto, o danno informazioni su un argomento.
In questo manuale vengono utilizzati i seguenti simboli di avvertenza:
Tensione pericolosa: segnala la presenza di alte tensioni che possono
mettere a repentaglio l'incolumità delle persone, con rischio di morte, o
danneggiare le apparecchiature.
Avvertenza generica: indica le situazioni che possono mettere a repentaglio
l'incolumità delle persone, con rischio di morte, o danneggiare le
apparecchiature per cause diverse dalla presenza di elettricità.
Dispositivi sensibili alle scariche elettrostatiche: segnala il rischio di
scariche elettrostatiche che possono danneggiare le apparecchiature.
12 Norme di sicurezza
Sicurezza nell'installazione e nella manutenzione
 Precauzioni prima degli interventi elettrici
Queste indicazioni sono rivolte agli operatori che intervengono sull'inverter, sui suoi cavi di
ingresso e di uscita, sul trasformatore e sul generatore fotovoltaico.
AVVERTENZA! Rispettare le seguenti norme di sicurezza. Il mancato rispetto di
queste norme può mettere a repentaglio l'incolumità delle persone, con rischio di
morte, e danneggiare le apparecchiature. Gli interventi di installazione e
manutenzione devono essere eseguiti solo da elettricisti qualificati. Seguire questa
procedura prima di ogni intervento di installazione e manutenzione.
1. Identificare con chiarezza il luogo di lavoro.
2. Scollegare tutte le sorgenti di tensione.
• Aprire il sezionatore di rete in c.a. (Q1) e l'interruttore principale in c.c. (Q2)
dell'inverter.
• Aprire il sezionatore del trasformatore, perché il sezionatore di rete in c.a. (Q1)
del convertitore non rimuove la tensione dalle busbar in c.a. del convertitore.
• Aprire gli interruttori automatici in c.c. delle cassette di collegamento degli array
fotovoltaici.
• Fare in modo che non sia possibile ricollegarli. Bloccare i sezionatori in
posizione aperta e apporvi dei cartelli di avvertenza.
• Dopo aver scollegato l'inverter, attendere sempre 5 minuti per consentire lo
scarico dei condensatori del circuito intermedio prima di procedere.
3. Proteggere dal contatto tutte le altre parti sotto tensione nell'area di
intervento.
4. Prestare la massima attenzione ai conduttori nudi.
5. Verificare che non siano presenti tensioni nell'installazione.
• Effettuare una misurazione con un tester con impedenza minima di 1 Mohm.
• Verificare che la tensione tra i morsetti di uscita in c.a. dell'inverter (L1, L2, L3) e
la busbar di messa a terra (PE) sia prossima a 0 V.
• Accertarsi che la tensione tra i morsetti UDC+ e UDC- del modulo inverter e la
busbar di terra (PE) sia prossima a 0 V.
• Verificare che la tensione tra i morsetti di ingresso in c.c. L+ e L- e la busbar di
messa a terra (PE) sia prossima a 0 V.
Norme di sicurezza 13
6. Eseguire una messa
a terra temporanea
conforme alle
normative vigenti
nel luogo di
installazione.
Collegare le busbar in
c.a. e c.c. al circuito di
terra (PE) utilizzando
un attrezzo idoneo
alla messa a terra
temporanea.
Il diametro della manopola
di collegamento è 25 mm.
Vista della messa a terra
delle busbar in c.a.
7. Richiedere al responsabile dell'impianto elettrico l'autorizzazione a
effettuare l'intervento.
14 Norme di sicurezza
 Sicurezza elettrica
Queste avvertenze sono rivolte agli operatori che intervengono sull'inverter, sui suoi cavi
di ingresso e di uscita, sul trasformatore e sul generatore fotovoltaico.
AVVERTENZA! Rispettare le seguenti norme di sicurezza. Il mancato rispetto di
queste norme può mettere a repentaglio l'incolumità delle persone, con rischio di
morte, e danneggiare le apparecchiature.
•
Gli interventi di installazione e manutenzione devono essere eseguiti solo da
elettricisti qualificati.
•
Non intervenire mai sul generatore fotovoltaico, sull'inverter o sui suoi cavi di ingresso
e di uscita quando l'inverter è collegato a un sistema di alimentazione elettrica o al
generatore fotovoltaico. Dopo avere scollegato l'inverter dall'alimentazione e
dall'ingresso in c.c., attendere sempre 5 minuti per consentire la scarica dei
condensatori del circuito intermedio prima di intervenire sull'inverter, sui suoi cavi di
ingresso e di uscita o sul generatore fotovoltaico.
Verificare sempre mediante un tester (impedenza minima 1 Mohm) che:
1) La tensione tra le fasi dell'inverter (L1, L2, L3) e il telaio sia prossima a 0 V.
2) La tensione tra i morsetti del modulo inverter (UDC+ e UDC-) e i morsetti di
ingresso in c.c. dell'inverter (L+ e L-) e il telaio sia prossima a 0 V.
•
Prima di lavorare all'interno dell'armadio dell'inverter, isolare i cavi della linea in c.a. e
le busbar dal sistema di alimentazione elettrica con il sezionatore del trasformatore di
alimentazione. Isolare anche l'inverter dal generatore fotovoltaico con l'interruttore di
sicurezza del generatore o con altri dispositivi. Il dispositivo di sezionamento
(scollegamento della rete) dell'inverter non isola i cavi e i morsetti di uscita in c.a.
dall'alimentazione elettrica. Gli interruttori principali in c.c. e gli interruttori automatici di
ingresso in c.c. non isolano i cavi e i morsetti di ingresso in c.c. dalla tensione in c.c.
alimentata dal generatore fotovoltaico.
•
Prima di lavorare all'interno dell'armadio dell'inverter, scollegare o isolare
l'alimentazione di tensione ausiliaria dall'inverter.
•
Prima di intervenire sull'unità, eseguire una messa a terra temporanea. Vedere pag.
12.
•
Non lavorare sui cavi di controllo quando l'inverter o i circuiti di controllo esterni sono
alimentati. Anche quando l'inverter non è alimentato, al suo interno possono essere
presenti tensioni pericolose provenienti dai circuiti di controllo esterni.
•
Le parti sotto tensione all'interno dell'armadio sono protette dal contatto diretto quando
sono installati tutti i coperchi protettivi in plastica e le schermature metalliche. Prestare
particolare attenzione nel maneggiare le schermature metalliche con bordi affilati.
•
Non eseguire alcuna prova di isolamento o di rigidità dielettrica sull'inverter né su
alcuno dei suoi moduli.
Nota:
• Sui morsetti di collegamento in c.c. (UDC+, UDC-, L+ e L-) è presente una tensione in
c.c. pericolosa (fino a 1100 V).
•
Il cablaggio esterno può portare tensioni pericolose sui morsetti delle uscite relè (RO1,
RO2 e RO3).
•
In base ai cablaggi esterni e interni, possono essere presenti tensioni pericolose (115
V o 230 V) in corrispondenza dei morsetti dell'unità di collegamento dei circuiti
ausiliari.
Norme di sicurezza 15
•
Con le opzioni +F282 e +F283, uno dei poli del generatore fotovoltaico è messo a
terra; l'altro polo porta pertanto l'intera tensione verso terra (fino a 1100 V).
•
Quando le celle del generatore fotovoltaico sono esposte alla luce (anche se di scarsa
intensità), il generatore alimenta tensione in c.c. all'inverter.
Messa a terra
Le seguenti norme sono dirette ai responsabili della messa a terra dell'inverter.
AVVERTENZA! Rispettare le seguenti norme di sicurezza. Il mancato rispetto di
queste norme può mettere in pericolo l'incolumità delle persone, con rischio di
morte, danneggiare le apparecchiature e aumentare le interferenze
elettromagnetiche.
•
•
Gli interventi di messa a terra devono essere eseguiti solo da elettricisti qualificati.
•
Verificare che la conduttività dei conduttori di terra sia sufficiente. Vedere la sezione
Selezione dei cavi di potenza a pag. 75. Attenersi alle normative locali.
•
In installazioni con più inverter, collegare ogni inverter separatamente alla busbar di
terra (PE) del quadro del trasformatore.
•
Quando vengono utilizzati cavi di potenza in c.a., predisporre una messa a terra ad
alta frequenza a 360° all'ingresso dei cavi in corrispondenza della piastra passacavi
dell'armadio, per sopprimere i disturbi elettromagnetici. Inoltre, per soddisfare le
normative di sicurezza, le schermature dei cavi devono essere collegate al circuito di
terra (PE).
•
•
•
Non è consentito utilizzare filtri EMC all'uscita in c.a. dell'inverter.
Eseguire sempre la messa a terra dell'inverter e delle apparecchiature adiacenti. È
una misura necessaria per la sicurezza delle persone. Una corretta messa a terra,
inoltre, riduce le emissioni e le interferenze elettromagnetiche.
Non installare l'inverter in sistemi TN (con messa a terra).
Non installare il filtro EMC opzionale (+E216) per il lato di rete del trasformatore di
bassa tensione in sistemi senza messa a terra.
Nota:
• Le schermature dei cavi di potenza si possono utilizzare come conduttori di terra solo
se hanno una conduttività sufficiente.
•
Poiché la normale corrente di dispersione dell'inverter è superiore a 3.5 mA in c.a. o
10 mA in c.c., è necessario predisporre un collegamento a terra di protezione fisso.
Vedere la norma IEC/EN 62109, 5.2.5.
16 Norme di sicurezza
 Sicurezza generale
Queste norme sono rivolte agli operatori che eseguono l'installazione e la manutenzione
dell'inverter.
AVVERTENZA! Rispettare le seguenti norme di sicurezza. Il mancato rispetto di
queste norme può mettere a repentaglio l'incolumità delle persone, con rischio di
morte, e danneggiare le apparecchiature.
•
Poiché l'inverter non è completamente protetto dal rischio di folgorazione sull'array
fotovoltaico, la norma IEC/EN 62109-2 (sezione 4.8.3.6) esige che l'inverter sia
installato e utilizzato all'interno di un'area elettrica chiusa.
•
Spostare il modulo convertitore con attenzione:
•
•
Indossare calzature di sicurezza con la punta rinforzata in metallo.
•
Sollevare il modulo dall'alto utilizzando esclusivamente gli appositi fori sulla
sommità!
Prestare estrema attenzione durante la movimentazione di inverter e moduli con
filtro LCL su ruote. Estendere le gambe di supporto del modulo dopo averlo
rimosso dall'armadio! Non inclinare il modulo! I moduli sono pesanti e hanno il
baricentro alto. Possono cadere facilmente.
Norme di sicurezza 17
•
Per rimuovere un modulo dotato di ruote, estrarre lentamente il modulo
dall'armadio lungo la rampa. Prestare attenzione a non impigliare i cavi. Tirare per
la maniglia ed esercitare una pressione costante con un piede alla base del
modulo per evitare che si ribalti. Indossare calzature di sicurezza con la punta
rinforzata in metallo.
•
Per sostituire un modulo dotato di ruote, spingere il modulo lungo la rampa e
inserirlo nell'armadio. Tenere le dita lontane dal bordo della piastra anteriore del
modulo per evitare di schiacciarle tra il modulo e l'armadio. Esercitare una
pressione costante con un piede alla base del modulo per stabilizzare il
movimento.
•
Non utilizzare la rampa con basamenti alti più di 50 mm. La rampa fornita con
l'inverter è adatta a basamenti alti 50 mm (l'altezza standard dei basamenti degli
armadi ABB). Serrare i quattro bulloni di fissaggio della rampa.
max 50 mm
18 Norme di sicurezza
•
Prestare attenzione alle pale della ventola di raffreddamento. Le ventole possono
continuare a ruotare per un breve periodo dopo aver scollegato l'alimentazione
elettrica.
•
Prestare attenzione alle superfici calde. Alcune parti all'interno dell'armadio
dell'inverter, come i dissipatori dei semiconduttori di potenza, rimangono calde per un
breve periodo dopo aver scollegato l'alimentazione elettrica.
•
Assicurarsi che i detriti generati da forature e smerigliature non si infiltrino nell'inverter
durante l'installazione. La presenza di polvere elettricamente conduttiva all'interno
dell'unità può provocare danni o malfunzionamenti.
•
Si sconsiglia di fissare l'armadio mediante saldatura ad arco. Se tuttavia fosse
necessaria la saldatura, assicurarsi che il filo di ritorno sia collegato correttamente in
prossimità della saldatura, al fine di evitare danni alle apparecchiature elettroniche
presenti nell'armadio. Evitare inoltre di inalare i fumi di saldatura.
Schede a circuiti stampati
AVVERTENZA! Indossare un polsino antistatico prima di manipolare le schede a
circuiti stampati. Non toccare le schede se non strettamente necessario. Le
schede contengono componenti sensibili alle scariche elettrostatiche.
Cavi in fibra ottica
AVVERTENZA! Rispettare le seguenti norme di sicurezza. Il mancato rispetto di
queste norme può causare il malfunzionamento delle apparecchiature e
danneggiare i cavi in fibra ottica.
•
•
•
Manipolare con cautela i cavi in fibra ottica.
•
Non piegare eccessivamente i cavi in fibra ottica. Il raggio di curvatura minimo
consentito è 35 mm (1.4 in).
Per scollegare i cavi, afferrare sempre il connettore e non il cavo stesso.
Non toccare le estremità delle fibre a mani nude, poiché la fibra è estremamente
sensibile alle impurità.
Norme di sicurezza 19
Avviamento e funzionamento
Le seguenti avvertenze devono essere rispettate da coloro che eseguono la messa in
servizio, pianificano il funzionamento e utilizzano l'inverter.
AVVERTENZA! Rispettare le seguenti norme di sicurezza. Il mancato rispetto di
queste norme può mettere a repentaglio l'incolumità delle persone, con rischio di
morte, e danneggiare le apparecchiature.
•
Chiudere gli interruttori principali in c.a. e c.c. dell'inverter e gli interruttori automatici
miniaturizzati in c.c. (opzione +H377) prima dell'avviamento.
•
Non aprire gli interruttori principali in c.a. e c.c. dell'inverter o gli interruttori automatici
miniaturizzati in c.c. (opzione +H377) quando l'inverter è in funzione.
AVVERTENZA! Rispettare le seguenti norme di sicurezza. Il mancato rispetto di
queste norme può mettere a repentaglio l'incolumità delle persone, con rischio di
morte, e danneggiare le apparecchiature.
•
Prima di regolare l'inverter e di metterlo in servizio, assicurarsi che tutte le
apparecchiature siano idonee al funzionamento.
•
Il numero massimo consentito di accensioni collegando l'alimentazione è cinque in
dieci minuti.
Nota:
• Se è stata selezionata una sorgente esterna per il comando di marcia e si trova su
ON, l'inverter parte immediatamente dopo il reset dei guasti.
•
Quando la postazione di controllo non è impostata sul funzionamento locale (sulla riga
di stato del display non compare la lettera "L"), il tasto di arresto sul pannello di
controllo non arresta l'inverter. Per arrestare l'inverter dal pannello di controllo,
premere il tasto LOC/REM e poi il tasto di arresto
.
20 Norme di sicurezza
Introduzione al manuale 21
2
Introduzione al manuale
Contenuto del capitolo
Questo capitolo descrive i destinatari e il contenuto del manuale. Presenta inoltre una
flowchart che sintetizza le fasi di verifica della fornitura, installazione e messa in servizio
dell'inverter. La flowchart fa riferimento ai capitoli/sezioni di questo manuale e ad altri
manuali.
Destinatari
Questo manuale è destinato al personale addetto alla pianificazione dell'installazione,
all'installazione, messa in servizio, uso e manutenzione dell'inverter. Leggere il manuale
prima di intervenire sull'inverter. Si presume che i destinatari del manuale possiedano
nozioni di base in materia di elettricità, cablaggi e componenti elettrici, e che conoscano i
simboli utilizzati negli schemi elettrici.
Questo manuale è destinato ai lettori di tutto il mondo. Nel manuale vengono utilizzate sia
le unità di misura del sistema metrico che quelle del sistema britannico.
Contenuto del manuale
Di seguito vengono descritti brevemente i capitoli del manuale.
Norme di sicurezza contiene le norme di sicurezza relative all'installazione, alla messa in
servizio, all'uso e alla manutenzione dell'inverter.
Introduzione al manuale dà informazioni introduttive su questo manuale.
Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware descrive sinteticamente il principio
di funzionamento e la struttura dell'inverter.
Installazione meccanica descrive la procedura di installazione meccanica dell'inverter.
22 Introduzione al manuale
Pianificazione dell'installazione elettrica contiene le istruzioni da seguire per la selezione
dei cavi e dei dispositivi di protezione, per la posa dei cavi e per il funzionamento del
sistema dell'inverter.
Installazione elettrica descrive la procedura di installazione elettrica dell'inverter.
Checklist di installazione contiene un elenco per la verifica dell'installazione meccanica ed
elettrica dell'inverter.
Avviamento descrive la procedura di avviamento dell'inverter.
Ricerca dei guasti guida nella ricerca dei guasti dell'inverter.
Manutenzione contiene le istruzioni per la manutenzione preventiva dell'inverter.
Dati tecnici contiene i dati tecnici dell'inverter.
Disegni dimensionali contiene alcuni esempi di disegni dimensionali dell'inverter.
Pubblicazioni correlate
Vedere la seconda di copertina.
Categorie in base al telaio e ai codici opzionali
Istruzioni, dati tecnici, dimensioni e pesi che riguardano solo determinati telai dell'inverter
sono contrassegnati dal codice del telaio (es. R8i). Il tipo di telaio non è riportato
sull'etichetta dell'inverter. Per identificare il telaio della propria unità, consultare le tabelle
dei valori nominali nel capitolo Dati tecnici.
Le istruzioni e i dati tecnici che riguardano solo alcune selezioni opzionali sono
contrassegnati dai codici delle opzioni (es. +Q951). Le opzioni incluse nell'inverter
possono essere identificate dai codici opzionali visibili sull'etichetta di identificazione
dell'inverter stesso. Gli elenchi dei codici opzionali sono riportati nella sezione Codice di
identificazione a pag. 58.
Flowchart di installazione, messa in servizio e
funzionamento
Attività
Vedere...
Pianificare l'installazione.
Dati tecnici
Verificare condizioni ambientali, valori nominali, flusso
dell'aria di raffreddamento richiesto, collegamento della
potenza di ingresso e di uscita, compatibilità con il
generatore fotovoltaico e altri dati tecnici.
Pianificazione dell'installazione elettrica
Manuali dei dispositivi opzionali (se inclusi nella
fornitura)
Selezionare i cavi.
Rimuovere l'imballaggio e controllare gli elementi forniti.
Movimentazione dell'unità (pag. 65).
Verificare che siano presenti tutti i moduli opzionali e le
apparecchiature richieste.
Se il convertitore non è stato utilizzato per oltre un
anno, è necessario ricondizionare i condensatori
del collegamento in c.c. Vedere Capacitor
Reforming Instructions (3BFE64059629 [inglese]).
È possibile avviare solo unità integre.
Introduzione al manuale 23
Attività
Controllare il luogo dell'installazione.
Vedere...
Controllo del luogo di installazione (pag. 63).
Dati tecnici
Posare i cavi.
Posa dei cavi (pag. 78)
Installare l'inverter. Collegare i cavi di alimentazione.
Collegare i cavi di controllo e i cavi di controllo ausiliari.
Installazione meccanica (pag. 63), Installazione
elettrica (pag. 83)
Controllare l'installazione.
Checklist di installazione (pag. 97)
Mettere in servizio l'inverter.
Avviamento (pag. 99), PVS800 Central Inverters
Firmware Manual (3AUA0000058422 [inglese])
Terminologia e sigle
Termine/sigla
Spiegazione
AINT
Scheda a circuiti stampati principale all'interno del modulo inverter.
APBU
Unità di distribuzione per collegamenti a fibre ottiche che utilizzano il protocollo
PPCS. L'unità viene utilizzata per la connessione alla RDCU di moduli inverter
collegati in parallelo.
Ingresso in c.c.
Punto di collegamento dall'array fotovoltaico all'inverter. Un ingresso è composto da
un morsetto positivo e un morsetto negativo.
DDCS
Distributed Drives Communication System; un protocollo utilizzato nella
comunicazione a fibre ottiche all'interno e tra i convertitori di frequenza e gli inverter
ABB.
EMC
ElectroMagnetic Compatibility, compatibilità elettromagnetica.
Telaio
Si riferisce alla struttura del componente in esame. Il termine viene spesso usato in
riferimento a gruppi di componenti che hanno una struttura meccanica analoga.
Per determinare il telaio di un componente, fare riferimento alle tabelle dei valori
nominali nel capitolo Dati tecnici.
IGBT
Insulated Gate Bipolar Transistor; un tipo di semiconduttore pilotato in tensione,
ampiamente utilizzato negli inverter per la sua facile controllabilità e l'alta frequenza
di commutazione.
Inverter
Unità installata in armadio, che contiene tutti i moduli inverter con la relativa
elettronica di controllo, e i componenti ausiliari e di I/O. Il modulo inverter trasforma
la tensione in c.c. in tensione in c.a. Il suo funzionamento è controllato dalla
commutazione degli IGBT.
I/O
Input/Output, ingresso/uscita.
MCB
Miniature Circuit Breaker, interruttore automatico miniaturizzato.
MPPT
Maximum Power Point Tracking, inseguitore del punto di massima potenza; una
tecnologia software integrata negli inverter, che fa funzionare automaticamente il
generatore fotovoltaico nel suo punto di massima potenza.
NAMU
Unità di misurazione ausiliaria
24 Introduzione al manuale
Termine/sigla
Spiegazione
NDPA
Scheda PC, scheda di comunicazione DDCS; hardware di comunicazione del PC
per DriveWindow.
NDPC
Trasmettitore/ricevitore ottico; hardware di comunicazione del PC per DriveWindow.
NETA
Modulo adattatore Ethernet
Cella fotovoltaica,
generatore, modulo,
stringa, campo
fotovoltaico (array) e
cassetta di
collegamento
dell'array
In questo manuale vengono utilizzati i seguenti termini chiave per la definizione
degli impianti fotovoltaici: cella fotovoltaica, modulo fotovoltaico, campo fotovoltaico
o array, stringa fotovoltaica e cassetta di connessione dell'array.
PGND
Scheda di monitoraggio della messa a terra
PLC
Programmable Logic Controller, controllore a logica programmabile.
PPCS
Power Plate Communication System; un protocollo utilizzato nel collegamento a
fibre ottiche che controlla i semiconduttori di uscita di un modulo inverter.
RAIO
Modulo di estensione degli I/O analogici.
RDCO
Modulo di comunicazione DDCS inseribile a scatto sulla scheda RMIO per
aggiungere i canali in fibra ottica disponibili.
RDCU
Unità di controllo. La RDCU è un'unità separata costituita da una scheda RMIO in
un involucro in plastica.
RDIO
Modulo di estensione degli I/O digitali
RFI
Radio-Frequency Interference, interferenze da radiofrequenza.
RMIO
Scheda di controllo e degli I/O all'interno dell'unità di controllo RDCU.
RUSB
Adattatore USB-DDCS per collegare il tool PC DriveWindow all'inverter. L'adattatore
si collega alla porta USB del PC e al canale in fibra ottica del modulo RDCO.
Campo fotovoltaico
(array)
Insieme di stringhe fotovoltaiche collegate in parallelo
Cassetta di
connessione
dell'array
Dispositivo che collega le uscite di diversi circuiti fotovoltaici (stringhe) in uno o più
circuiti di uscita combinati.
Cella fotovoltaica
Elemento che converte la radiazione solare in elettricità sfruttando l'effetto
fotovoltaico.
Generatore
fotovoltaico
Generatore costituito dall'insieme delle stringhe di un sistema fotovoltaico, collegate
fra loro elettricamente.
Modulo fotovoltaico
Insieme di celle fotovoltaiche collegate fra loro.
Stringa fotovoltaica
Insieme di moduli collegati elettricamente in serie
THD
Total Harmonic Distortion, distorsione armonica totale.
Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware 25
3
Principio di funzionamento e
descrizione dell'hardware
Contenuto del capitolo
Questo capitolo contiene una breve descrizione della struttura e del principio di
funzionamento dell'inverter.
26 Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware
Panoramica del prodotto
Il PVS800-57 è un inverter centrale per la conversione, la regolazione e la trasmissione
della potenza generata da un generatore fotovoltaico al sistema di alimentazione elettrica.
L'inverter è installato in armadio, raffreddato ad aria e destinato all'uso in ambienti chiusi.
L'ingresso dell'aria di raffreddamento avviene attraverso le grate nella porzione inferiore
dello sportello dell'armadio. L'uscita dell'aria è sul tetto dell'armadio.
PVS800-57-0100kW
PVS800-57-0250kW e PVS800-570315kW
PVS800-57-0500kW e PVS800-57-0630kW
PVS800-57-0875kW e PVS800-57-1000kW
Normalmente, il generatore fotovoltaico è collegato ai morsetti di ingresso in c.c.
dell'inverter mediante busbar e collegamenti con fusibili. In opzione PVS800-57-0100kW,
è possibile utilizzare interruttori automatici miniaturizzati (+H377) per collegare le cassette
di connessione dell'array fotovoltaico.
Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware 27
Rappresentazione schematica di un impianto fotovoltaico
La figura seguente mostra schematicamente la struttura di un impianto fotovoltaico:
l'inverter permette di collegare gli array di stringhe fotovoltaiche al sistema di
alimentazione elettrica.
3
1
5
2
PV
S8
00
6
-57
1…20
1
Modulo fotovoltaico
2
Stringa fotovoltaica
3
Array fotovoltaico
4
Generatore fotovoltaico
5
Cassetta di collegamento dell'array
6
Inverter
4
28 Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware
Esempio di schema del circuito principale del sistema
dell'inverter (R7i)
1
Alimentazione cassette di
connessione max. 6 A. Con
protezione dalle correnti di
guasto. Opzione +G410.
5
Alimentazione ausiliaria
2
3
Solo rete IT
4
Opzione +E216
Rete
Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware 29
Simbolo
Morsetto/Componente
Descrizione/Funzionamento
1
Morsetti di ingresso in
c.c.
Il generatore fotovoltaico è collegato ai morsetti di ingresso in c.c.
dell'inverter mediante busbar o interruttori automatici miniaturizzati
(opzione +H377).
2
Uscita in c.a.
I morsetti di uscita in c.a. collegano l'inverter al sistema di
alimentazione in c.a. in bassa tensione.
3
Ingresso tensione di
controllo ausiliaria
Il cliente fornisce una tensione di controllo ausiliaria monofase da
230 Vca alle schede a circuiti stampati, alla/e ventola/e di
raffreddamento e ai circuiti di controllo dei contattori dell'inverter.
4
Trasformatore
Il trasformatore collega il lato in c.a. dell'inverter alla rete di
distribuzione in bassa o media tensione.
5
Alimentazione della
cassetta di connessione
(opzione +G410)
L'inverter alimenta potenza alla cassetta di connessione attraverso
il morsetto X21. Max 6 A. Con protezione dalla corrente di guasto.
A20
Scheda di messa a
terra (con le opzioni
+F282 e +F283)
Protegge i fusibili ed esegue il monitoraggio della corrente. Vedere
la sezione Messa a terra del polo positivo o negativo (opzioni +F282
e +F283) a pag. 42.
A50
Varistori
Per la protezione dalle sovratensioni
C11
Condensatore del filtro
EMC
Riduce le interferenze elettromagnetiche.
F2
Fusibili in c.c.
dell'inverter
Proteggono il modulo inverter.
F50
Dispositivi di protezione
da sovratensione (F50
solo con l'opzione
+F263)
Dispositivi per la protezione dalle sovratensioni, determinate ad
esempio da cause meteorologiche (fulmini).
K1
Contattore in c.a.
L'inverter controlla il contattore in c.a. in base allo stato operativo.
K2
Contattore in c.c.
L'inverter controlla il contattore in c.c. in base allo stato operativo.
Quando necessario, il generatore fotovoltaico viene scollegato
dall'inverter.
K19
R1
F19.1
F20.1
Circuito di carica
L'inverter controlla il contattore di carica dopo aver ricevuto un
comando di avviamento.
K20
Contattore di messa a
terra (con le opzioni
+F282 e +F283)
Il software dell'inverter controlla la disconnessione della messa a
terra dei poli positivo/negativo. Vedere la sezione Messa a terra del
polo positivo o negativo (opzioni +F282 e +F283) a pag. 42.
Q1
Sezionatore di rete in
c.a. con fusibili
Interruttore manuale che collega l'inverter al sistema di
alimentazione elettrica. L'interruttore contiene i fusibili di rete in c.a.
C21
F51
F52
Il sezionatore di rete in c.a. può essere azionato in qualsiasi
momento. Se azionato durante il funzionamento, l'inverter scatta
quando viene a mancare l'alimentazione di rete.
Q2
Interruttore principale in
c.c.
Interruttore manuale che collega l'inverter al generatore
fotovoltaico. L'interruttore è interbloccato con il contattore in c.c.:
non è possibile aprirlo se il contattore in c.c. non è aperto.
L'interruttore non può essere azionato se nell'inverter non è
presente la potenza ausiliaria; in questo caso l'interruttore rimane
nella posizione in cui si trova.
30 Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware
Simbolo
Morsetto/Componente
Descrizione/Funzionamento
Interruttore della
tensione di controllo
ausiliaria
Interruttore manuale che collega la tensione di controllo ausiliaria
all'inverter.
U1
Modulo inverter
Trasforma la tensione in c.c. in tensione in c.a. Il funzionamento è
controllato dalla commutazione degli IGBT.
U3
Filtro LCL
Rende più lineare la forma d'onda di corrente e tensione.
Filtro nel modo comune
(CMF)
Riduce le tensioni e le correnti nel modo comune all'interno del
generatore fotovoltaico e nel circuito principale e nell'uscita in c.a.
dell'inverter.
Filtro EMC (opzione
+E216)
Filtro EMC per le reti di distribuzione in bassa tensione.
Q10
Z1.1-3
Z10
Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware 31
Esempio di schema del circuito principale del sistema
dell'inverter (R8i)
1
1
Alimentazione cassette di
connessione max. 6 A. Con
protezione dalle correnti di
guasto. Opzione +G410.
5
Alimentazione ausiliaria
2
3
Solo rete IT
4
Opzione +E216
Rete
32 Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware
Simbolo
Morsetto/Componente
Descrizione/Funzionamento
1
Morsetti di ingresso in
c.c.
Il generatore fotovoltaico è collegato ai morsetti di ingresso in c.c.
dell'inverter mediante busbar e collegamenti con fusibili.
2
Uscita in c.a.
I morsetti di uscita in c.a. collegano l'inverter al sistema di
alimentazione in c.a. in bassa tensione.
3
Ingresso tensione di
controllo ausiliaria
Il cliente fornisce una tensione di controllo ausiliaria monofase da
230 Vca alle schede a circuiti stampati, alla/e ventola/e di
raffreddamento e ai circuiti di controllo dei contattori dell'inverter.
4
Trasformatore
Il trasformatore collega il lato in c.a. dell'inverter alla rete di
distribuzione in bassa o media tensione.
5
Alimentazione della
cassetta di connessione
(opzione +G410)
L'inverter alimenta potenza alla cassetta di connessione attraverso il
morsetto X21. Max 6 A. Con protezione dalla corrente di guasto.
A20
Scheda di messa a
terra (con le opzioni
+F282 e +F283)
Protegge i fusibili ed esegue il monitoraggio della corrente. Vedere
la sezione Messa a terra del polo positivo o negativo (opzioni +F282
e +F283) a pag. 42.
A50
Varistori
Per la protezione dalle sovratensioni
C11
Condensatore del filtro
EMC
Riduce le interferenze elettromagnetiche.
F2,1
Fusibili in c.c.
dell'inverter
Proteggono il modulo inverter.
F3.x
Fusibili di ingresso in
c.c.
Proteggono i collegamenti di ingresso in c.c. Il numero esatto di
fusibili dipende dal numero di collegamenti di ingresso in c.c.
F50
Dispositivi di protezione
da sovratensione (F50
solo con l'opzione
+F263)
Dispositivi per la protezione dalle sovratensioni, determinate ad
esempio da cause meteorologiche (fulmini).
K1
Contattore in c.a.
L'inverter controlla il contattore in c.a. in base allo stato operativo.
K2
Contattore in c.c.
L'inverter controlla il contattore in c.c. in base allo stato operativo.
Quando necessario, il generatore fotovoltaico viene scollegato
dall'inverter.
K19
R1
F19.1
F20.1
Circuito di carica
L'inverter controlla il contattore di carica dopo aver ricevuto un
comando di avviamento.
K20
Contattore di messa a
terra (con le opzioni
+F282 e +F283)
Il software dell'inverter controlla la disconnessione della messa a
terra dei poli positivo/negativo. Vedere la sezione Messa a terra del
polo positivo o negativo (opzioni +F282 e +F283) a pag. 42.
Q1
Sezionatore di rete in
c.a. con fusibili
Interruttore manuale che collega l'inverter al sistema di
alimentazione elettrica. L'interruttore contiene i fusibili di rete in c.a.
C21
F51
F52
Il sezionatore di rete in c.a. può essere azionato in qualsiasi
momento. Se azionato durante il funzionamento, l'inverter scatta
quando viene a mancare l'alimentazione di rete.
Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware 33
Simbolo
Morsetto/Componente
Descrizione/Funzionamento
Q2
Interruttore principale in
c.c.
Interruttore manuale che collega l'inverter al generatore fotovoltaico.
L'interruttore è interbloccato con il contattore in c.c.: non è possibile
aprirlo se il contattore in c.c. non è aperto. L'interruttore non può
essere azionato se nell'inverter non è presente la potenza ausiliaria;
in questo caso l'interruttore rimane nella posizione in cui si trova.
Q10
Interruttore della
tensione di controllo
ausiliaria
Interruttore manuale che collega la tensione di controllo ausiliaria
all'inverter.
U1
Modulo inverter
Trasforma la tensione in c.c. in tensione in c.a. Il funzionamento è
controllato dalla commutazione degli IGBT.
U3
Filtro LCL
Rende più lineare la forma d'onda di corrente e tensione.
Filtro nel modo comune
(CMF)
Riduce le tensioni e le correnti nel modo comune all'interno del
generatore fotovoltaico e nel circuito principale e nell'uscita in c.a.
dell'inverter.
Filtro EMC (opzione
+E216)
Filtro EMC per le reti di distribuzione in bassa tensione.
Z1.1-3
Z10
34 Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware
Esempio di schema del circuito principale del sistema
dell'inverter (2 × R8i)
1
5
1
1
1
1
1
Alimentazione ausiliaria
2
3
Solo rete IT
4
Opzione +E216
Rete
1
1
Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware 35
 Alimentazione ausiliaria esterna 100 Vca, 115 Vca o 200 Vca
(opzioni +G396, +G397 e +G398)
5
3
 Alimentazione ausiliaria dal circuito principale dell'inverter (opzione
+G415)
300 Vca /
350 Vca / 400
Vca
36 Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware
 Legenda dei simboli
Simbolo
Morsetto/Componente
Descrizione/Funzionamento
1
Morsetti di ingresso in
c.c.
Il generatore fotovoltaico è collegato ai morsetti di ingresso in c.c.
dell'inverter mediante busbar e collegamenti con fusibili.
2
Uscita in c.a.
I morsetti di uscita in c.a. collegano l'inverter al sistema di
alimentazione in c.a. in bassa tensione.
3
Ingresso tensione di
controllo ausiliaria
Il cliente fornisce una tensione di controllo ausiliaria monofase da
230 Vca alle schede a circuiti stampati, alla/e ventola/e di
raffreddamento e ai circuiti di controllo dei contattori dell'inverter.
Per le altre tensioni, vedere la sezione Alimentazione ausiliaria
esterna 100 Vca, 115 Vca o 200 Vca (opzioni +G396, +G397 e
+G398) a pag. 39.
4
Trasformatore
Il trasformatore collega il lato in c.a. dell'inverter alla rete di
distribuzione in bassa o media tensione.
5
Alimentazione della
cassetta di connessione
(opzione +G410)
L'inverter alimenta potenza alla cassetta di connessione attraverso
il morsetto X21. Max 6 A. Con protezione dalla corrente di guasto.
A20
Scheda di messa a
terra (con le opzioni
+F282 e +F283)
Protegge i fusibili ed esegue il monitoraggio della corrente. Vedere
la sezione Messa a terra del polo positivo o negativo (opzioni +F282
e +F283) a pag. 42.
A50
Varistori
Per la protezione dalle sovratensioni
C11
Condensatore del filtro
EMC
Riduce le interferenze elettromagnetiche.
C16
F1.1
Fusibili in c.a.
Proteggono il modulo inverter e i componenti del circuito principale.
Fusibili in c.c.
dell'inverter
Proteggono il modulo inverter.
F3.x
Fusibili di ingresso in
c.c.
Proteggono i collegamenti di ingresso in c.c. Il numero esatto di
fusibili dipende dal numero di collegamenti di ingresso in c.c.
F50
Dispositivi di protezione
da sovratensione (F50
solo con l'opzione
+F263)
Dispositivi per la protezione dalle sovratensioni, determinate ad
esempio da cause meteorologiche (fulmini).
Contattori in c.a.
L'inverter controlla il contattore in c.a. in base allo stato operativo.
Contattori in c.c.
L'inverter controlla il contattore in c.c. in base allo stato operativo.
Quando necessario, il generatore fotovoltaico viene scollegato
dall'inverter.
Circuito di carica
L'inverter controlla i contattori di carica dopo aver ricevuto un
comando di avviamento.
Contattore di messa a
terra (con le opzioni
+F282 e +F283)
Il software dell'inverter controlla la disconnessione della messa a
terra dei poli positivo/negativo. Vedere la sezione Messa a terra del
polo positivo o negativo (opzioni +F282 e +F283) a pag. 42.
F1.4
F2,1
F2.3
F51
F52
K1.1
K1.2
K2.1
K2.2
K19.1
K19.2
R1.1
R1.2
F19.1
F20.1
F20.3
K20
Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware 37
Simbolo
Q1
Morsetto/Componente
Descrizione/Funzionamento
Sezionatore di rete in
c.a.
Interruttore manuale che collega l'inverter al sistema di
alimentazione elettrica.
Il sezionatore di rete in c.a. può essere azionato in qualsiasi
momento. Se azionato durante il funzionamento, l'inverter scatta
quando viene a mancare l'alimentazione di rete.
Q2
Interruttore principale in
c.c.
Interruttore manuale che collega l'inverter al generatore
fotovoltaico.
Q10
Interruttore della
tensione di controllo
ausiliaria
Interruttore manuale che collega la tensione di controllo ausiliaria
all'inverter.
T10
Trasformatore di
tensione ausiliaria (con
le opzioni +G396,
+G397, +G398 e
+G415)
Fornisce la tensione ausiliaria per le schede a circuiti stampati, le
ventole di raffreddamento e i circuiti di controllo dei contattori
dell'inverter.
U1
Modulo inverter
Trasforma la tensione in c.c. in tensione in c.a. Il funzionamento è
controllato dalla commutazione degli IGBT.
Filtro LCL
Rende più lineare la forma d'onda di corrente e tensione.
Filtro nel modo comune
Il filtro riduce le tensioni e le correnti nel modo comune all'interno
del generatore fotovoltaico e nel circuito principale e nell'uscita in
c.a. dell'inverter.
Filtro EMC (opzione
+E216)
Filtro EMC per le reti di distribuzione in bassa tensione.
U3
U2
U4
Z1.1-3
Z2.1-3
Z10
38 Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware
Esempio di schema del circuito principale del sistema
dell'inverter (3 × R8i)
1
5
1
1
1
1
1
Alimentazione ausiliaria
2
3
Solo rete IT
4
Opzione +E216
Rete
1
1
Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware 39
 Alimentazione ausiliaria esterna 100 Vca, 115 Vca o 200 Vca
(opzioni +G396, +G397 e +G398)
5
3
 Alimentazione ausiliaria dal circuito principale dell'inverter (opzione
+G415)
300 Vca /
350 Vca / 400
Vca
40 Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware
 Legenda dei simboli
Simbolo
Morsetto/Componen
te
Descrizione/Funzionamento
1
Morsetti di ingresso in
c.c.
Il generatore fotovoltaico è collegato ai morsetti di ingresso in c.c.
dell'inverter mediante busbar e collegamenti con fusibili.
2
Uscita in c.a.
I morsetti di uscita in c.a. collegano l'inverter al sistema di
alimentazione in c.a. in bassa tensione.
3
Ingresso tensione di
controllo ausiliaria
Il cliente fornisce una tensione di controllo ausiliaria monofase da
230 Vca alle schede a circuiti stampati, alle ventole di
raffreddamento e ai circuiti di controllo dei contattori dell'inverter. Per
le altre tensioni, vedere la sezione Alimentazione ausiliaria esterna
100 Vca, 115 Vca o 200 Vca (opzioni +G396, +G397 e +G398) a
pag. 39.
4
Trasformatore
Il trasformatore collega il lato in c.a. dell'inverter alla rete di
distribuzione in bassa o media tensione.
5
Alimentazione della
cassetta di
connessione (opzione
+G410)
L'inverter alimenta potenza alla cassetta di connessione attraverso il
morsetto X21. Max 6 A. Con protezione dalla corrente di guasto.
A20
Scheda di messa a
terra (con le opzioni
+F282 e +F283)
Protegge i fusibili ed esegue il monitoraggio della corrente. Vedere la
sezione Messa a terra del polo positivo o negativo (opzioni +F282 e
+F283) a pag. 42.
A50
Varistori
Per la protezione dalle sovratensioni.
C11
Condensatore del
filtro EMC
Riduce le interferenze elettromagnetiche.
C16
F1.1
Fusibili in c.a.
Proteggono il modulo inverter e i componenti del circuito principale.
Fusibili in c.c.
dell'inverter
Proteggono il modulo inverter.
F3.x
Fusibili di ingresso in
c.c.
Proteggono i collegamenti di ingresso in c.c. Il numero esatto di
fusibili dipende dal numero di collegamenti di ingresso in c.c.
F50
Dispositivi di
protezione da
sovratensione (F50
solo con l'opzione
+F263)
Dispositivi per la protezione dalle sovratensioni, determinate ad
esempio da cause meteorologiche (fulmini).
Contattori in c.a.
L'inverter controlla il contattore in c.a. in base allo stato operativo.
Contattori in c.c.
L'inverter controlla il contattore in c.c. in base allo stato operativo.
Quando necessario, il generatore fotovoltaico viene scollegato
dall'inverter.
F1.4
F1.7
F2.1
F2.3
F2.5
F51
F52
K1.1
K1.2
K1.3
K2.1
K2.2
K2.3
Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware 41
Simbolo
Morsetto/Componen
te
Descrizione/Funzionamento
Circuito di carica
L'inverter controlla i contattori di carica dopo aver ricevuto un
comando di avviamento.
K20
Contattore di messa a
terra (con le opzioni
+F282 e +F283)
Il software dell'inverter controlla la disconnessione della messa a
terra dei poli positivo/negativo. Vedere la sezione Messa a terra del
polo positivo o negativo (opzioni +F282 e +F283) a pag. 42.
Q1
Interruttore principale
in c.a.
Interruttore manuale che collega l'inverter al sistema di
alimentazione elettrica.
K19.1
K19.2
K19.3
R1.1
R1.2
R1.3
F19.1
F20.1-6
L'interruttore principale in c.a. può essere azionato in qualsiasi
momento. Se azionato durante il funzionamento, l'inverter scatta
quando viene a mancare l'alimentazione di rete.
Q2
Interruttore principale
in c.c.
Interruttore manuale che collega l'inverter al generatore fotovoltaico.
Q10
Interruttore della
tensione di controllo
ausiliaria
Interruttore manuale che collega la tensione di controllo ausiliaria
all'inverter.
T10
Trasformatore di
tensione ausiliaria
(con le opzioni +G396,
+G397, +G398 e
+G415)
Fornisce la tensione ausiliaria per le schede a circuiti stampati, le
ventole di raffreddamento e i circuiti di controllo dei contattori
dell'inverter.
U1
Modulo inverter
Trasforma la tensione in c.c. in tensione in c.a. Il funzionamento è
controllato dalla commutazione degli IGBT.
Filtro LCL
Rende più lineare la forma d'onda di corrente e tensione.
Filtro nel modo
comune (CMF)
Il filtro riduce le tensioni e le correnti nel modo comune all'interno del
generatore fotovoltaico e nel circuito principale e nell'uscita in c.a.
dell'inverter.
Filtro EMC (opzione
+E216)
Filtro EMC per le reti di distribuzione in bassa tensione.
U3
U5
U2
U4
U6
Z1.1-3
Z2.1-3
Z3.1-3
Z10
Funzioni di supervisione della rete elettrica
Il programma di controllo dell'inverter comprende delle funzioni di supervisione della rete
elettrica. L'inverter esegue ad esempio il monitoraggio di sovratensione, sottotensione,
sovrafrequenza, sottofrequenza e variazioni di frequenza nel sistema di alimentazione
elettrica. Le funzioni scollegano l'inverter dal sistema di alimentazione se nel sistema si
verificano guasti. I tempi di scollegamento e i limiti di frequenza dipendono dal
responsabile del sistema di alimentazione e dalla legislazione vigente.
L'inverter esegue le funzioni di supervisione della rete elettrica anche con relè di
monitoraggio certificati (opzioni +Q969, +Q974, +Q975 e +Q980).
42 Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware
Messa a terra del polo positivo o negativo (opzioni +F282
e +F283)
Le opzioni di messa a terra dei poli positivo e negativo si possono utilizzare quando i
moduli fotovoltaici richiedono la messa a terra dei poli in c.c. dell'inverter. La messa a terra
dei poli è conforme alla norma IEC 62109-2. Per alcuni tipi di moduli fotovoltaici a film
sottile, e se richiesto dalle normative vigenti, è necessario mettere a terra una linea in c.c.
La messa a terra è sempre collegata quando è collegata l'alimentazione ausiliaria, tranne
durante la verifica automatica dell'isolamento del generatore fotovoltaico prima
dell'avviamento dell'inverter.
Il filo di messa a terra è protetto da un fusibile sulla scheda PGND-02. Per la protezione
degli operatori, la messa a terra viene scollegata quando il monitoraggio della corrente del
filo di messa a terra rileva improvvise variazioni di livello.
L'utente può regolare la resistenza di messa a terra. Per le istruzioni, vedere pag. 101.
Funzionamento a potenza ridotta in caso di guasti
hardware
In caso di guasto di un modulo inverter o di un filtro LCL, l'inverter può continuare a
funzionare riducendo la corrente di uscita. In queste situazioni l'inverter controlla solo i
moduli pienamente operativi. La corrente di uscita dell'inverter viene ridotta in base ai
moduli rimossi. Se, ad esempio, si è rotto un modulo inverter di PVS800-57-1000kW-C, la
corrente di uscita dell'inverter viene ridotta al 66.7% del valore nominale. Il funzionamento
a potenza ridotta non è possibile con gli inverter che hanno un solo modulo.
Per utilizzare il PVS800 a potenza ridotta, è necessario rimuovere i fusibili del circuito di
carica indicati nelle tabelle sottostanti. Non è tuttavia necessario rimuovere il modulo
inverter rotto o il filtro LCL, ma si possono isolare i componenti guasti con contattori in c.a.
e c.c. all'interno dell'armadio del PVS800. Per rimuovere i componenti guasti, seguire le
istruzioni riportate nel capitolo Manutenzione.
I moduli inverter sono suddivisi in due gruppi di controllo, da abilitare e disabilitare
secondo le esigenze. Se un gruppo di moduli viene disabilitato, non si utilizzeranno i
moduli inverter che fanno parte di quel gruppo. Le tabelle seguenti elencano le
combinazioni di controllo possibili per il funzionamento a potenza ridotta.
PVS800-57-500kW-A e PVS800-57-630kW-B:
Parametro 16.05 USED
MODULES dell'unità di
controllo inverter
Descrizione
Riduzione
corrente di
uscita
Fusibili del
circuito di carica
da rimuovere
GRUPPO 1
Si utilizza il modulo inverter
sinistro (U1).
50%
F20.3-4
GRUPPO 2
Si utilizza il modulo inverter
destro (U2).
50%
F20.1-2
GRUPPI 1 e 2 (default)
Si utilizzano i moduli inverter
sinistro (U1) e destro (U2).
100%
Nessuno
Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware 43
PVS800-57-875kW-B e PVS800-57-1000kW-C:
Parametro 16.05 USED
MODULES dell'unità di
controllo inverter
Descrizione
Riduzione
corrente di
uscita
Fusibili del
circuito di carica
da rimuovere
GRUPPO 1
Si utilizza il modulo inverter
sinistro (U1).
33.3%
F20.3-6
GRUPPO 2
Si utilizzano i moduli inverter
centrale (U3) e destro (U5).
66.7%
F20.1-2
GRUPPI 1 e 2 (default)
Si utilizzano i moduli inverter
sinistro (U1), centrale (U3) e
destro (U5).
100%
Nessuno
Vedere PVS800 Central Inverters Firmware Manual (3AUA0000058422 [inglese]) per le
istruzioni dettagliate su come abilitare il funzionamento a potenza ridotta.
Layout degli armadi
Le figure seguenti mostrano esempi di layout degli armadi per diversi tipi di telai. In base
alle opzioni selezionate, la configurazione effettiva può differire da quella illustrata in
figura.
44 Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware
 Configurazione dell'armadio del telaio R7i
La figura seguente mostra l'armadio di un telaio R7i con gli sportelli aperti e le protezioni
rimosse.
B
A
Descrizione
13
7
17
18
6
5
12
8
A
Armadio di ingresso
B
Armadio moduli inverter
1
Piastre passacavi in c.c.
2
Morsetti di collegamento del generatore
fotovoltaico
3
Morsetti di collegamento e interruttore della
tensione di controllo ausiliaria
4
Dispositivo di monitoraggio dei guasti a terra
(opzioni +Q954 e +Q976)
5
Relè di monitoraggio della rete (opzioni +Q969
e +Q974)
6
Contattore in c.c.
7
Fusibili in c.c. dell'inverter
8
Modulo inverter
4
9
14
10
3
16 16
2
11
15
1
9
Ventola di raffreddamento del modulo inverter
10
Filtro LCL
11
Ventola di raffreddamento del filtro LCL
12
Contattore in c.a.
13
Sezionatore di rete in c.a. con fusibili (Q1)
14
Morsetti di uscita in c.a. (collegamento alla rete)
15
Piastre passacavi di uscita in c.a.
16
Resistenza di riscaldamento (opzione +G300)
17
Alimentazione della cassetta di connessione
(opzione +G410)
18
Interfacce di controllo esterne (dietro il
telaio incernierato)
1
Unità di controllo RDCU (A41, unità di controllo
inverter)
2
Unità di controllo RDCU (A43, unità di controllo
master)
18
1
2
Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware 45
 Configurazione dell'armadio del telaio R8i
La figura seguente mostra l'armadio di un telaio R8i con gli sportelli aperti e le protezioni
rimosse.
B
A
D
C
D
Armadi
22
A
26
7
13
8
5
23
6
11
9
4
4
3
14
15
19
20
Armadio di uscita
Armadio moduli inverter
D
Armadio di ingresso
Interfacce di controllo esterne
4
23 Unità di controllo RDCU (A41,
unità di controllo inverter) Moduli
adattatori bus di campo
opzionali: +K454, +K458,
+K466, +K479.
3
2
2
25
21
B
C
6
24
18
Armadio controllo ausiliario
20
16
12
17
10
20
24 Unità di controllo RDCU (A43,
unità di controllo master)
16
20
1
16
1
25 Adattatore Intelligent Ethernet
NETA-x1 (opzioni +K464 e
+K484)
26 Data logger VSN700-05 (opzioni
+K485 e +K486)
Descrizione
1
Piastre passacavi in c.c.
2
Morsetti di ingresso in c.c. (protetti da fusibili)
3
Fusibili di ingresso in c.c.
4
Manopole di collegamento per la messa a terra temporanea delle busbar in c.c. per interventi
sull'unità
5
Interruttore principale in c.c.
6
Dispositivo di monitoraggio dei guasti a terra (opzioni +Q954 e +Q976)
7
Contattore in c.c.
8
Fusibili in c.c. dell'inverter
9
Modulo inverter
10
Ventola di raffreddamento del modulo inverter
11
Filtro LCL
12
Ventola di raffreddamento del filtro LCL
13
Contattore in c.a.
14
Sezionatore di rete in c.a. con fusibili (Q1)
15
Morsetti di uscita in c.a. (collegamento rete) con manopole di collegamento per la messa a terra
temporanea per interventi sull'unità
16
Ventole armadio (sugli sportelli)
17
Piastre passacavi di uscita in c.a.
18
Relè di monitoraggio della rete (opzioni +Q969, +Q974 e +Q980)
19
Morsetti di collegamento e interruttore della tensione di controllo ausiliaria 115/230 V
20
Resistenza di riscaldamento (opzione +G300)
21
Alimentazione della cassetta di connessione (opzione +G410)
22
Ventola sul tetto
46 Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware
 Configurazione dell'armadio del telaio 2 × R8i
La figura seguente mostra l'armadio di un telaio 2 × R8i con gli sportelli aperti e le
protezioni rimosse.
A
B
C
C
D
14
8
14
8
13
7
13
7
11
9
11
9
22
D
21
5
4
4
6
4
3
3
15
2
2
6
19
17
16
17
17
20
12
20
10
20
18
12
10
20
20
1
17
1
A
Armadi
A
27
Armadio controllo ausiliario
B
Armadio di uscita
C
Armadio moduli inverter
D
Armadi di ingresso
25
26
Interfacce di controllo esterne
28
29
23
24
23
Alimentazione della cassetta di connessione
(opzione +G410)
24
Morsetti di collegamento e interruttore della
tensione di controllo ausiliaria 115/230 V (Q10)
25
Unità di controllo RDCU (A41, unità di controllo
inverter) Moduli adattatori bus di campo
opzionali: +K454, +K458, +K466, +K479.
26
Unità di controllo RDCU (A43, unità di controllo
master)
27
Unità di distribuzione APBU
28
Modulo adattatore Intelligent Ethernet NETA-01
(opzione +K464)
29
Tool di monitoraggio remoto NETA-21 (opzione
+K484) e data logger VSN700-05 (opzioni
+K485 e +K486)
Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware 47
Descrizione
1
Piastre passacavi in c.c.
2
Morsetti di ingresso in c.c. (protetti da fusibili)
3
Fusibili di ingresso in c.c.
4
Manopole di collegamento per la messa a terra temporanea delle busbar in c.c. per interventi
sull'unità
5
Interruttore principale in c.c.
6
Dispositivo di monitoraggio dei guasti a terra (opzioni +Q954, +Q976 e +Q981)
7
Contattore in c.c.
8
Fusibili in c.c. dell'inverter
9
Modulo inverter
10
Ventola di raffreddamento del modulo inverter
11
Filtro LCL
12
Ventola di raffreddamento del filtro LCL
13
Contattore in c.a.
14
Fusibili in c.a.
15
Sezionatore di rete in c.a. (Q1)
16
Morsetti di uscita in c.a. (collegamento rete) con manopole di collegamento per la messa a terra
temporanea per interventi sull'unità
17
Ventole armadio (sugli sportelli)
18
Piastre passacavi di uscita in c.a.
19
Relè di monitoraggio della rete (opzioni +Q969, +Q974, +Q975 e +Q980)
20
Resistenza di riscaldamento (opzione +G300)
21
Adattatore modulo di I/O AIMA
22
Fusibili del circuito di carica
48 Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware
 Configurazione dell'armadio del telaio 3 × R8i
La figura seguente mostra l'armadio di un telaio 3 x R8i con gli sportelli aperti e le
protezioni rimosse.
A
B
C
14
22
13
C
8
7
14
13
C
14
8
7
13
D
D
D
8
5
7
21
11
9
11
9
11
9
6
6
4
3
3
4
15
19
4
2
2
16
17
3
17
20
12
10
20
18
12
10
20
12
10
20
20
1
17
17
17
20
2
1
1
A
Armadi
A
27
Armadio controllo ausiliario
B
Armadio di uscita
C
Armadio moduli inverter
D
Armadi di ingresso
25
26
28
29
23
24
Interfacce di controllo esterne
23
Alimentazione della cassetta di connessione
(opzione +G410)
24
Morsetti di collegamento e interruttore della
tensione di controllo ausiliaria 115/230 V (Q10)
25
Unità di controllo RDCU (A41, unità di controllo
inverter) Moduli adattatori bus di campo
opzionali: +K454, +K458, +K466, +K479.
26
Unità di controllo RDCU (A43, unità di controllo
master)
27
Unità di distribuzione APBU
28
Modulo adattatore Intelligent Ethernet NETA-01
(opzione +K464)
29
Tool di monitoraggio remoto NETA-21 (opzione
+K484) e data logger VSN700-05 (opzioni
+K485 e +K486)
Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware 49
Descrizione
1
Piastre passacavi in c.c.
2
Morsetti di ingresso in c.c. (protetti da fusibili)
3
Fusibili di ingresso in c.c.
4
Manopole di collegamento per la messa a terra temporanea delle busbar in c.c. per interventi sull'unità
5
Interruttore principale in c.c.
6
Dispositivo di monitoraggio dei guasti a terra (opzioni +Q954, +Q976 e +Q981)
7
Contattore in c.c.
8
Fusibili in c.c. dell'inverter
9
Modulo inverter
10
Ventola di raffreddamento del modulo inverter
11
Filtro LCL
12
Ventola di raffreddamento del filtro LCL
13
Contattore in c.a.
14
Fusibili in c.a.
15
Sezionatore di rete in c.a. (Q1)
16
Morsetti di uscita in c.a. (collegamento rete) con manopole di collegamento per la messa a terra
temporanea per interventi sull'unità
17
Ventole armadio (sugli sportelli)
18
Piastre passacavi di uscita in c.a.
19
Relè di monitoraggio della rete (opzioni +Q969, +Q974, +Q975 e +Q980)
20
Resistenza di riscaldamento (opzione +G300)
21
Adattatore modulo di I/O AIMA
22
Fusibili del circuito di carica
Componenti sullo sportello
Le porte dell'armadio sono dotate di:
• un pannello di controllo inverter
•
•
maniglie di azionamento degli interruttori principali in c.a. e c.c.
•
un pulsante di reset dell'arresto di emergenza (con opzione +Q951) e un pulsante di
indicazione/reset dei guasti a terra (con opzione +Q954) nei telai R7i e R8i.
un pulsante di arresto di emergenza nei telai 2 × R8i e 3 × R8i (opzione +Q951 in R7i
e R8i)
Il pulsante di arresto di emergenza è cablato all'ingresso digitale DI6 dell'unità di controllo
inverter A43. Quando si preme il pulsante, l'interruttore S20 nel circuito di controllo si apre
e lo stato di DI6 diventa zero. L'inverter interrompe la modulazione e apre i contattori in
c.a. e c.c.
50 Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware
Modulo inverter (R7i)
La ventola di raffreddamento alla base del modulo inverter è alimentata dalla tensione
ausiliaria.
1
1
Descrizione
1
Collegamenti in c.c. (ingresso)
2
Busbar di uscita
3
Ventola di raffreddamento
4
Collegamento alimentazione per la ventola
di raffreddamento (X41)
5
Connettori per fibre ottiche
5
3
2
4
Vista frontale senza
ventola di
Modulo inverter (R8i)
I moduli sono dotati di ruote e, grazie anche al connettore rapido in corrispondenza
dell'uscita in c.a., consentono l'immediata sostituzione dei moduli per la manutenzione.
Il modulo inverter è dotato di una ventola di raffreddamento a velocità controllata, che
comprende una scheda di alimentazione e una scheda per l'inverter che invia alla ventola
una frequenza nel range tra 15 e 55 Hz. La ventola è regolata in base alla temperatura
dello stadio di uscita del modulo. L'alimentazione per la ventola è fornita dal circuito in c.c.
intermedio.
Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware 51
1
3
5
2
6
4
4
N.
Spiegazione
1
Collegamenti in c.c. (ingresso)
2
Busbar di uscita in c.a. Compatibili con la presa del connettore rapido montata nell'armadio.
3
Connettori a fibre ottiche della scheda AINT. Collegati all'unità di controllo RDCU.
4
Gambe di supporto retraibili
5
Maniglia
6
Ventola di raffreddamento
52 Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware
Panoramica di collegamenti e interfacce
Lo schema seguente illustra i collegamenti di potenza e le interfacce di controllo degli
inverter PVS800-57.
RDCU
(A43)
PLC
Pannello
di controllo
1
+24 Vcc
alim.est.
X20
X21
X22
X23
X25
X26
X27
SLOT 1
Rxxx
4
CH2
0
Rxxx
SLOT 1
RDIO
SLOT 2
RDCO
CH3
I
2
Inverter
TXD
RXD
DDCS
CDP312R
Pannello
di controllo
+24 Vcc
alim.est.
X20
X21
X22
X23
X25
X26
X27
Rxxx
SLOT 2
RDCU
(A41)
DDCS
RDCO
CH0
CH2
CH0
5
3
Internet
DriveWindow
NETA
PC
L+
...
L-
L+
L-
APBU CNTL 1
6
NAMU
CH1
CH2
CH3
AINT
AINT
AINT
2×I
Q10
2
4
PE
L
N 230 Vca
PE
X21
1
2
3
Cassetta
di
connessione
3×U
L1
L2
L3
PE
1)
Monitoraggio e/o controllo dell'inverter. 2) Relè di monitoraggio della rete (opzione +Q969, +Q974, +Q975
o +Q980).
3) Vedere pag. 96. 4) Monitoraggio dei guasti a terra (opzione +Q954, +Q976 o +Q981).
5) Monitoraggio
remoto (collegamento di default). Per la topologia ad anello, vedere il Manuale firmware con
le relative impostazioni parametriche.
6)
Unità di distribuzione APBU e collegamento alle schede AINT tramite APBU solo nei telai 2 × R8i e 3 ×
R8i. Nei telai 1 × R7i e 1 × R8i, i cavi in fibra ottica da A41 sono collegati direttamente ad AINT. 2 × R8i
utilizza i canali CH1 e CH2 per il collegamento.
Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware 53
Vedere il capitolo Installazione elettrica per le istruzioni di cablaggio e la sezione Dati per il
collegamento dell'unità di controllo (RDCU/RMIO) a pag. 138 per le specifiche dell'unità di
controllo. Per ulteriori informazioni sui collegamenti, vedere gli schemi elettrici forniti con
l'inverter.
Elemento
Descrizione
RDCU
Unità di controllo master dotata di scheda RMIO che contiene il programma di
controllo master dell'inverter fotovoltaico PVS800.
(A43)
Morsettiera
X20, X21
Tensione di riferimento +10 Vcc
X21
Ingressi (3 pz.) e uscite (2 pz.) analogici
X22
Ingressi digitali (7 pz.)
X23
Ingresso e uscita tensione ausiliaria 24 Vcc
da X25 a X27
Uscite relè (3 pz.)
+24 Vcc alim.est. Ingresso alimentazione esterna
Slot 1
Rxxx-0x
Modulo adattatore bus di campo RETA-01, RETA-02, RPBA-01 o RMBA-01
Slot 2
Rxxx-0x
Modulo adattatore bus di campo RMBA-01
DDCS
RDCO-0x
Modulo adattatore di comunicazione DDCS
PC
Per utilizzare i tool per PC dell'inverter
NETA-0x
Modulo adattatore Ethernet per il monitoraggio remoto tramite browser web dell'inverter
RDCU
Unità di controllo inverter dotata di scheda RMIO che contiene il programma di
controllo dell'inverter fotovoltaico PVS800.
(A41)
Morsettiera
X20, X21
Tensione di riferimento 24 Vcc
X21
Ingressi e uscite analogici (5 pz.). Riservati. Contattare ABB se è necessario utilizzarli.
X22
Ingressi digitali (7 pz.), un ingresso riservato per il monitoraggio opzionale dei guasti a
terra.
X23
Ingresso e uscita tensione ausiliaria 24 Vcc
da X25 a X27
Uscite relè (3 pz.)
Alim. est. +24
Vcc
Ingresso alimentazione esterna
SLOT 1 (Questo slot è riservato per le unità 2 × R8i e 3 x R8i.)
SLOT 2
RDIO-01
Riservato per i segnali dei relè di controllo dell'inverter e di monitoraggio della rete.
DDCS
RDCO-01
Modulo adattatore di comunicazione DDCS
54 Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware
 Esempi di collegamento
Lo schema seguente mostra un esempio di collegamento per SCADA, PLC o data logger
quando si utilizza un collegamento Modbus/RTU.
SCADA / Data logger /
PLC
Inverter 1
RDCU
(A43)
SLOT 1
RMBA-01
SLOT 2
•••
Inverter n
RDCU
(A43)
SLOT 1
SLOT 2
RMBA-01
Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware 55
Lo schema seguente mostra un esempio di collegamento per SCADA, PLC o data logger
quando si utilizza un collegamento Modbus/TCP.
SCADA / Data logger /
PLC
Inverter 1
RDCU
(A43)
Switch
Ethernet
SLOT 1
RETA-0x
SLOT 2
•••
Inverter n
RDCU
(A43)
SLOT 1
RETA-0x
SLOT 2
 Pannello di controllo CDP-312R
Il pannello di controllo CDP-312R è l'interfaccia utente dell'unità inverter; consente di
impartire i comandi fondamentali, come avviamento/arresto/reset/riferimento, e di
impostare i parametri per i programmi di controllo dell'inverter. Il pannello di controllo è
collegato alle unità RDCU. Per informazioni sull'uso del pannello di controllo, vedere il
Manuale firmware.
56 Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware
Etichette di identificazione
 Etichetta dell'inverter
L'etichetta dell'inverter riporta i valori nominali, i marchi validi, un codice e un numero di
serie che consentono l'identificazione univoca di ciascuna unità. L'etichetta di
identificazione si trova sul coperchio anteriore dell'armadio dell'inverter. Di seguito è
riportato un esempio di etichetta.
4
3
1
2
N.
Descrizione
1
Numero di serie. La prima cifra del numero di serie identifica l'impianto di produzione. Le
successive quattro cifre si riferiscono all'anno e alla settimana di produzione dell'unità. Le
restanti cifre completano il numero di serie e contraddistinguono in modo univoco ciascuna
unità.
2
Codice, vedere la sezione Codice di identificazione di seguito.
3
Marchi applicabili
4
Valori nominali dell'inverter
Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware 57
 Etichetta del modulo inverter
L'etichetta del modulo inverter riporta i valori nominali, i marchi validi, un codice e un
numero di serie. L'etichetta di identificazione si trova sul pannello anteriore del modulo
inverter. Di seguito sono riportati due esempi di etichette.
4
3
2
1
N.
Descrizione
1
Numero di serie. La prima cifra del numero di serie identifica l'impianto di produzione. Le
successive quattro cifre si riferiscono all'anno e alla settimana di produzione dell'unità. Le
restanti cifre completano il numero di serie e contraddistinguono in modo univoco ciascun
modulo.
2
Codice
3
Marchi applicabili
4
Valori nominali del modulo inverter
58 Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware
Codice di identificazione
Il codice contiene informazioni sulle specifiche e la configurazione dell'inverter. Le prime
cifre da sinistra indicano la configurazione base, es. PVS800-57-250kW-A. Di seguito
sono indicate le selezioni opzionali, separate da segni "+", es. +Q951. Di seguito sono
descritte le principali selezioni. Non tutte le selezioni sono disponibili per tutti i tipi di unità.
Per ulteriori informazioni, vedere PVS800-57 Ordering Information (3AXD10000021367),
disponibile su richiesta.
 Unità da -0100kW-A a -0315kW-B
Selezione
Serie prodotti
Unità
Alternative
Serie prodotti PVS800 (inverter centrali ABB)
57
Inverter centrale installato in armadio. Se non è selezionata alcuna
opzione: IP42 (UL Tipo 2), contattore in c.a., fusibili in c.c. (100 kW),
fusibili gPV (250 kW e 315 kW), sezionatore con fusibili, morsetti per
tensione di controllo esterna 230 Vca, pannello di controllo CDP312,
RDIO per controllo interno, modulo RDCO-03 per la comunicazione
ottica, filtraggio EMC, filtro nel modo comune, programmi di controllo
inverter solari PVS800, ingresso e uscita cavi dal basso, schede
verniciate, massima tensione in c.c. 1000 Vcc, ingresso in c.c. senza
messa a terra, uscita in c.a. IT (senza messa a terra), protezione
dell'ingresso in c.c. da sovratensioni e picchi, protezione dell'uscita in
c.a. da sovratensioni con varistori, morsetti di messa a terra in c.a. sulle
busbar di uscita, busbar di ingresso in c.c. (il numero degli ingressi in
c.c. va selezionato con un codice "+"), interruttore principale e contattore
in c.c., morsetti di messa a terra in c.c. sulle busbar di ingresso, funzione
di supervisione della rete elettrica, funzioni di supporto della rete
elettrica, un set di manuali, garanzia 12/24 mesi.
Potenza in c.a. nominale xxxkW Vedere le tabelle dei valori nominali, pag. 123.
Tensione
A
300 Vca (range di tensione operativa in c.c. [MPPT] 450…825 Vcc)
B
350 Vca (range di tensione operativa in c.c. [MPPT] 525…825 Vcc)
+ opzioni
Filtri
E216
Filtro EMC/RFI per il lato di rete del trasformatore in reti in bassa
tensione TN (con messa a terra)
Opzioni per armadio e
C178
Approvazione VDE
configurazione
G300
Scaldiglia armadio
G396
Alimentazione ausiliaria, 100 V, per Si può selezionare solo una delle
unità 250 kW e 315 kW
opzioni G396, G397 e G398. Se è
G397
Alimentazione ausiliaria, 115 V, per selezionata l'opzione G415, non è
possibile selezionare le opzioni
unità 250 kW e 315 kW
G398
Alimentazione ausiliaria, 200 V, per G396, G397 e G398.
unità 250 kW e 315 kW
G410
Alimentazione della cassetta di connessione
J401
Display di monitoraggio inverter
Opzioni di linea
F263
Protezione potenziata da sovratensione e picchi di tensione dell'uscita in
c.a.
F282
Messa a terra, c.c. positivo
F283
Messa a terra, c.c. negativo
0F291 Senza fusibili di ingresso in c.c.
Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware 59
Selezione
Cablaggio
Bus di campo
Specialità
Opzioni di sicurezza
Lingua della
documentazione
Alternative
H377
Collegamenti di ingresso in c.c. protetti da MCB: 4 × interruttori
automatici miniaturizzati per unità 100 kW
H382
1 × collegamenti di ingresso in c.c. protetti da fusibili per unità 100 kW
2H382 2 × collegamenti di ingresso in c.c. protetti da fusibili per unità 250 kW e
315 kW
4H382 4 × collegamenti di ingresso in c.c. protetti da fusibili per unità 250 kW e
315 kW
8H382 8 × collegamenti di ingresso in c.c. protetti da fusibili per unità 250 kW e
315 kW
K454
Modulo adattatore PROFIBUS DP Slot 1: si può selezionare solo una
RPBA-01
delle opzioni K454, K458, K466 e
K458
modulo adattatore Modbus RMBA- K467.
01 (slot 1)
K464
Modulo adattatore Intelligent
Ethernet NETA-01
K466
Modulo adattatore Ethernet/IP™ e
Modbus/TCP RETA-01
K467
Modulo adattatore Ethernet
PROFINET IO e Modbus TCP/IP™
RETA-02
K484
Tool di monitoraggio remoto NETA21 e unità di estensione NEXA-21
per DDCS
K485
Data logger VSN700-05 e modulo
adattatore Modbus RMBA-01
K486
Data logger VSN700-05 e modulo
adattatore Ethernet/IP™ e
Modbus/TCP RETA-01
P902
Configurazione personalizzata (descritta nell'appendice tecnica)
P926
Garanzia estesa 24/30 mesi
P927
Garanzia estesa 36/42 mesi
P928
Garanzia estesa 60/66 mesi
Q951
Arresto di emergenza
Q954
Monitoraggio dei guasti a terra per sistemi IT (senza messa a terra)
Q976
Monitoraggio dei guasti a terra per sistemi IT (senza messa a terra)
(ABB CM-IWN.5)
Q980
Relè di monitoraggio della rete, approvato BDEW, per unità 500 kW e
630 kW
Q969
Relè di monitoraggio della rete, approvato ENEL
Q974
Relè di monitoraggio della rete, approvato VDE0126
R701
Tedesco (la fornitura può includere manuali in lingua inglese)
R702
Italiano (la fornitura può includere manuali in lingua inglese)
R707
Francese (la fornitura può includere manuali in lingua inglese)
R708
Spagnolo (la fornitura può includere manuali in lingua inglese)
60 Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware
 Unità da -0500kW-A a -1000kW-C
Selezione
Serie prodotti
Unità
Alternative
Serie prodotti PVS800 (inverter centrali ABB)
57
Inverter centrale installato in armadio. Se non è selezionata alcuna
opzione: IP42 (UL Tipo 2), contattore principale in c.a., fusibili gPV,
sezionatore lato c.a., morsetti per tensione di controllo esterna 230 Vca,
pannello di controllo CDP312, modulo RDCO-03 per la comunicazione
ottica, marchio CE secondo LV e EMC, programmi di controllo inverter
solari PVS800, ingresso e uscita cavi dal basso, schede verniciate,
massima tensione in c.c. 1100 Vcc, ingresso in c.c. senza messa a terra,
uscita in c.a. IT (senza messa a terra), protezione dell'ingresso in c.c. da
sovratensioni e picchi (tipo 1+2), protezione dell'uscita in c.a. da
sovratensioni con varistori, morsetti di messa a terra in c.a. sulle busbar
di uscita, busbar di ingresso in c.c. (il numero degli ingressi in c.c. va
selezionato con un codice "+"), interruttore principale e contattore in c.c.,
morsetti di messa a terra in c.c. sulle busbar di ingresso, funzioni di
supporto della rete elettrica (l'autoalimentazione in presenza di bassa
tensione disabilita l'anti-islanding, produzione di potenza reattiva nelle
ore notturne), un set di manuali, garanzia 12/24 mesi.
Potenza in c.a. nominale xxxkW Vedere le tabelle dei valori nominali, pag. 123.
Tensione
B
350 Vca (range di tensione operativa in c.c. [MPPT] 525…825 Vcc)
C
400 Vca (range di tensione operativa in c.c. [MPPT] 600…850 Vcc)
+ opzioni
Filtri
E216
Filtro EMC/RFI per il lato di rete del trasformatore in reti in bassa
tensione TN (con messa a terra)
Opzioni per armadio e
C175
Opzione container per PVS800-IS Deve essere selezionata per
configurazione
PVS800-IS PVS1 e PVS2.
C176
Sportelli con cerniere sul lato sinistro
C178
Approvazione VDE
G300
Scaldiglia armadio
G396
Alimentazione ausiliaria, 100 V
Si può selezionare solo una delle
opzioni G396, G397 e G398. Se è
G397
Alimentazione ausiliaria, 115 V
selezionata l'opzione G415, non è
G398
Alimentazione ausiliaria, 200 V
possibile selezionare le opzioni
G396, G397 e G398.
G410
G415
G416
G417
Opzioni di linea
F263
F282
F283
0F291
Alimentazione della cassetta di connessione
Alimentazione ausiliaria dal circuito principale
Trasduttori di corrente per tutti gli ingressi in c.c. Segnali di tensione a un
regolatore esterno.
Trasduttori di corrente per tutti gli ingressi in c.c. Monitorati e
supervisionati internamente.
Protezione potenziata da sovratensione e picchi di tensione dell'uscita in
c.a.
Messa a terra, c.c. positivo
Messa a terra, c.c. negativo
Senza fusibili di ingresso in c.c.
Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware 61
Selezione
Cablaggio
Bus di campo
Specialità
Opzioni di sicurezza
Lingua della
documentazione
Alternative
4H382 4 × collegamenti di ingresso in c.c. protetti da fusibili per unità 500 kW e
630 kW
5H382 5 × collegamenti di ingresso in c.c. protetti da fusibili per unità 500 kW e
630 kW
8H382 8 × collegamenti di ingresso in c.c. protetti da fusibili per unità 500 kW,
630 kW, 875 kW e 1000 kW
10H382 10 × collegamenti di ingresso in c.c. protetti da fusibili per unità 500 kW,
630 kW, 875 kW e 1000 kW
12H382 12 × collegamenti di ingresso in c.c. protetti da fusibili per unità 500 kW,
630 kW, 875 kW e 1000 kW
15H382 15 × collegamenti di ingresso in c.c. protetti da fusibili per unità 500 kW,
630 kW, 875 kW e 1000 kW
16H382 16 × collegamenti di ingresso in c.c. protetti da fusibili per unità 875 kW
e 1000 kW
20H382 20 × collegamenti di ingresso in c.c. protetti da fusibili per unità 875 kW
e 1000 kW
K454
Modulo adattatore PROFIBUS DP Slot 1: si può selezionare solo una
RPBA-01
delle opzioni K454, K458, K466 e
K458
Modulo adattatore Modbus RMBA- K467.
01
K464
Modulo adattatore Intelligent
Ethernet NETA-01
K466
Modulo adattatore Ethernet/IP™ e
Modbus/TCP RETA-01
K467
Modulo adattatore Ethernet
PROFINET IO e Modbus TCP/IP™
RETA-02
K484
Tool di monitoraggio remoto NETA21 e unità di estensione NEXA-21
per DDCS
K485
Data logger VSN700-05 e modulo
adattatore Modbus RMBA-01
K486
Data logger VSN700-05 e modulo
adattatore Ethernet/IP™ e
Modbus/TCP RETA-01
P902
Configurazione personalizzata (descritta nell'appendice tecnica)
P926
Garanzia estesa 24/30 mesi
P927
Garanzia estesa 36/42 mesi
P928
Garanzia estesa 60/66 mesi
Q954
Monitoraggio dei guasti a terra per sistemi IT (senza messa a terra)
(BENDER Iso-PV)
Q976
Monitoraggio dei guasti a terra per sistemi IT (senza messa a terra)
(ABB CM-IWN.5)
Q981
Monitoraggio dei guasti a terra per sistemi IT (senza messa a terra)
(ABB CM-IWN.6S)
Q969
Relè di monitoraggio della rete, approvato ENEL
Q974
Relè di monitoraggio della rete, approvato VDE0126
Q975
Relè di monitoraggio della rete, approvato UK G59
Q980
Relè di monitoraggio della rete, approvato BDEW
R701
Tedesco (la fornitura può includere manuali in lingua inglese)
R702
Italiano (la fornitura può includere manuali in lingua inglese)
R707
Francese (la fornitura può includere manuali in lingua inglese)
R708
Spagnolo (la fornitura può includere manuali in lingua inglese)
R711
Russo (la fornitura può includere manuali in lingua inglese)
62 Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware
Installazione meccanica 63
4
Installazione meccanica
Contenuto del capitolo
Questo capitolo descrive la procedura di installazione meccanica dell'inverter.
Controllo del luogo di installazione
Vedere la sezione Condizioni ambientali a pag. 144 per le condizioni operative consentite,
e la sezione Dimensioni, pesi e requisiti di spazio a pag. 132 per i requisiti di spazio intorno
all'unità.
Il pavimento sul quale viene installata l'unità deve essere di materiale non infiammabile, il
più liscio possibile e sufficientemente resistente per sopportare il peso dell'unità. È
necessario verificare la linearità del pavimento con una livella prima di installare gli armadi
nella loro posizione finale. La massima deviazione consentita rispetto al livello della
superficie è di 5 mm ogni 3 m. Il luogo di installazione deve essere livellato, se necessario,
in quanto l'armadio non è dotato di piedini regolabili.
64 Installazione meccanica
Nota: per facilitare la manutenzione, non installare l'inverter a un livello sopraelevato
rispetto al pavimento. Se l'inverter viene collocato più in alto, non sarà possibile utilizzare
la rampa fornita in dotazione per la sostituzione dei moduli inverter.
La parete dietro l'unità deve essere di materiale non infiammabile.
Attrezzi necessari
Gli attrezzi necessari per spostare l'unità nella posizione definitiva, fissarla al pavimento e
serrare i collegamenti sono i seguenti:
• gru, carrello elevatore o per pallet (controllare la capacità di carico!); sbarra di ferro,
martinetto e rulli
•
•
•
cacciaviti Pozidrive e Torx (2.5-6 mm) per serrare le viti del telaio
chiave dinamometrica
set di chiavi e brugole.
Controllo della fornitura
La fornitura dell'inverter contiene:
• sistema di armadi dell'inverter
•
•
•
•
moduli opzionali (se ordinati) installati sulle unità di controllo RDCU
rampa per la sostituzione dei moduli inverter (telaio R8i)
manuali dell'inverter e manuali dei moduli opzionali
documenti relativi alla fornitura.
Controllare che non siano presenti segni di danneggiamento. Manuali e altri componenti
sciolti si trovano all'interno dell'inverter. Prima di procedere all'installazione e all'uso,
verificare le informazioni riportate sull'etichetta di identificazione dell'inverter per
assicurarsi che i dispositivi forniti siano corretti. Vedere le sezioni Etichette di
identificazione a pag. 56 e Codice di identificazione a pag. 58.
Installazione meccanica 65
Movimentazione dell'unità
Spostare l'unità con una gru (A), un carrello elevatore o per pallet (B), o utilizzando dei rulli
(C) come illustrato nelle figure seguenti.
A
A
B
C
Utilizzare le barre di sollevamento in acciaio presenti sulla sommità dell'armadio. Inserire le
corde o le imbragature di sollevamento nei fori delle barre.
Le barre possono essere rimosse (non obbligatoriamente) dopo aver collocato l'armadio nella
posizione definitiva. Se le barre di sollevamento vengono rimosse, i bulloni dovranno
essere nuovamente fissati per garantire il grado di protezione dell'armadio.
B
L'unità deve essere spostata solo in posizione verticale. Il baricentro è alto. Prestare dunque
molta attenzione durante il trasporto dell'unità. Non inclinare l'armadio.
Se si usa un carrello per pallet, verificarne la capacità di carico prima di spostare l'unità.
Se l'armadio deve essere appoggiato sul lato posteriore, va sostenuto da sotto in
prossimità delle giunture, come illustrato nella figura seguente. a) supporto, b) pannello
posteriore armadio. Nota: L'unità può essere trasportata in posizione orizzontale
(appoggiata sul lato posteriore) solo se è stata predisposta in fabbrica per questo tipo di
trasporto.
a
b
66 Installazione meccanica
Collocazione dell'unità
Spostare l'armadio nella posizione definitiva con una sbarra di ferro e un supporto di legno
all'estremità inferiore dell'armadio. Posizionare il supporto di legno in modo tale da non
danneggiare il telaio dell'armadio!
Panoramica della procedura di installazione
L'unità deve essere installata in posizione verticale. Si può installare contro una parete o a
contatto con un'altra unità (lato posteriore contro lato posteriore o unità affiancate). Fissare
l'armadio al pavimento (e al soffitto) come descritto in Fissaggio dell'armadio al pavimento,
pag. 67.
Nota 1: lasciare lo spazio libero richiesto intorno all'unità. Vedere pag. 132.
Nota 2: La regolazione dell'altezza può essere effettuata inserendo spessori in metallo tra
la base del telaio e il pavimento.
Installazione meccanica 67
Fissaggio dell'armadio al pavimento
Fissare l'armadio al pavimento utilizzando i dispositivi di fissaggio lungo il bordo della
base, oppure imbullonandolo al pavimento dall'interno attraverso i fori presenti.
 Alternativa 1 – Dispositivi di fissaggio
Inserire i dispositivi di fissaggio nelle due fessure uguali lungo il bordo anteriore e
posteriore del telaio dell'armadio e fissarli al pavimento con un bullone. La distanza
massima raccomandata tra i dispositivi di fissaggio è 800 mm (31.5").
Se lo spazio di lavoro dietro l'armadio non è sufficiente per eseguire il montaggio, fissare
la sommità dell'armadio alla parete con staffe a L (non incluse nella fornitura). Utilizzare i
fori e i bulloni di fissaggio (M16) delle barre di sollevamento.
Dettaglio della fessura, vista frontale (dimensioni in
mm)
Dispositivo di fissaggio
Larghezza
armadio
Distanza tra fessure
400 mm
250 mm (9.85”)
600 mm
450 mm (17.7”)
800 mm
650 mm (25.6”)
a
M16
b
Dimensioni del dispositivo di fissaggio (in
mm). La linea tratteggiata indica il telaio
dell'armadio.
Fissaggio dell'armadio alla sommità con staffe a L
(vista laterale)
a) Staffa a L
b) Tetto dell'armadio
68 Installazione meccanica
 Alternativa 2 – Fori all'interno dell'armadio
L'armadio può essere fissato al pavimento utilizzando i fori di fissaggio al suo interno, se
risultano accessibili. La distanza massima raccomandata tra i punti di fissaggio è di 800
mm (31.5").
Se i fori di fissaggio sul retro non sono accessibili, fissare la sommità dell'armadio alla
parete con staffe a L (non incluse nella fornitura). Utilizzare i fori e i bulloni di fissaggio
(M16) delle barre di sollevamento.
a
M16
25 mm (0.985")
b
Fissaggio dell'armadio alla sommità con staffe a
L (vista laterale)
a) Staffa a L
b) Tetto dell'armadio
b
Fori di fissaggio all'interno dell'armadio.
a) Larghezza armadio
b) Distanza tra i fori di fissaggio. Diametro
esterno 31 mm (1.22"). Dimensioni bulloni:
M10 o M12
Larghezza aggiuntiva:
Pannelli laterali dell'armadio: 15 mm (0.6")
Pannello posteriore dell'armadio: 10 mm (0.4")
Distanza tra armadi (mm):
IP42
a
(mm)
b
400
250 mm (9.85”)
600
450 mm (17.7”)
800
650 mm (25.6”)
≈ 0.5
(0.02”)
Installazione meccanica 69
Altre procedure
 Come evitare il ricircolo dell'aria calda
Impedire la circolazione dell'aria calda all'esterno dell'inverter dirigendo il flusso d'aria
calda in uscita lontano dalla zona della presa d'aria in ingresso nell'inverter. Assicurarsi
anche che l'aria calda proveniente dall'armadio del modulo inverter non entri negli armadi
adiacenti.
 Condotto di ventilazione all'uscita aria dell'armadio
È possibile costruire un condotto di ventilazione in corrispondenza dell'uscita dell'aria
dell'armadio dell'inverter. Se si installa una ventola di aspirazione, questa deve avere
capacità sufficiente. Vedere Perdite, dati di raffreddamento e rumorosità a pag. 133.
Nota: l'impianto di ventilazione deve mantenere la pressione statica nel condotto di uscita
aria al di sotto della pressione del locale dove è installato l'inverter, affinché le ventole
dell'armadio producano un flusso d'aria sufficiente attraverso l'armadio. Impedire il ritorno
di sporcizia o aria umida verso l'inverter (anche quando questo è spento e anche durante
gli interventi di manutenzione su inverter o impianto di ventilazione).
70 Installazione meccanica
Calcolo del valore di pressione statica richiesto
La differenza tra la pressione statica del condotto di uscita aria e la pressione
dell'ambiente di installazione dell'inverter si calcola con questa formula:
ps = (1.5…2) • pd
ǻ
dove
pd = 0.5 • • vm2
vm = q / Ac
pd
pressione dinamica
densità dell'aria (kg/m3)
vm
velocità media dell'aria nel condotto o nei condotti di uscita (m/s)
q
flusso aria nominale dell'inverter (m3/s)
Ac
sezione del condotto o dei condotti di uscita (m2)
Esempio:
L'armadio ha 3 uscite aria da 315 mm di diametro. Il flusso d'aria nominale dell'armadio è
3760 m3/h = 1.0 m3/s.
Ac = 3 • 0.3152 • / 4 = 0.234 m2
vm = q / Ac = 1.0 / 0.234 = 4.3 m/s
pd = 0.5 • • vm2 = 0.5 • 1.1 • 4.32= 10 Pa
La pressione richiesta nel condotto di uscita aria sarà quindi 1.5…2 • 10 Pa = 15…20 Pa,
al di sotto del valore di pressione dell'ambiente.
Per ulteriori informazioni: contattare ABB.
Installazione meccanica 71
 Canalina a pavimento sotto l'armadio
È possibile costruire una canalina per il passaggio dei cavi sotto la parte centrale
dell'armadio. La larghezza della canalina non deve superare 450 mm. Il peso dell'armadio
poggia sulla sezione anteriore di 100 mm di larghezza e sulla sezione posteriore di 50 mm
di larghezza, che il pavimento deve sostenere.
Impedire il prelevamento di aria di raffreddamento dalla canalina mediante l'uso delle
piastre inferiori. Per garantire il mantenimento del grado di protezione dell'armadio,
utilizzare le piastre inferiori originali fornite con l'unità. In presenza di ingressi cavi definiti
dall'utente, prestare attenzione al grado di protezione, alla protezione antincendio e alla
conformità EMC.
a
a
Area consentita per la canalina (vista
dall'alto). a) Lato anteriore armadio.
L'area ombreggiata in grigio può essere
utilizzata per la canalina.
50 mm
100 mm
Larghezze minime per il supporto del
pavimento (vista laterale). a) Lato
anteriore armadio.
1
2
Impedire il prelevamento di aria di
raffreddamento. 1) Cavi. 2) Piastre inferiori.
72 Installazione meccanica
Pianificazione dell'installazione elettrica 73
5
Pianificazione dell'installazione
elettrica
Contenuto del capitolo
Questo capitolo contiene le istruzioni da seguire per la selezione dei cavi, del
trasformatore e dei dispositivi di protezione, per la posa dei cavi e per il funzionamento del
sistema dell'inverter.
Limitazione di responsabilità
l'installazione deve essere pianificata ed eseguita sempre nel rispetto delle normative
locali e delle leggi vigenti. ABB declina qualsiasi responsabilità per installazioni non
rispondenti alle leggi e/o ad altre normative locali. Inoltre, in caso di mancato rispetto delle
raccomandazioni fornite da ABB, l'inverter potrebbe essere soggetto a problemi non
coperti da garanzia.
Selezione del trasformatore
I trasformatori specifici per le applicazioni fotovoltaiche sono disponibili presso ABB. Ogni
inverter deve essere isolato galvanicamente dagli altri inverter e dalla rete in bassa e
media tensione per mezzo di un trasformatore o di un avvolgimento dedicato. Se è
previsto il collegamento degli inverter in parallelo, contattare ABB per ulteriori informazioni.
ABB raccomanda di utilizzare trasformatori idonei per l'ambiente in cui saranno installati,
conformi alla norma IEC 60076 sui trasformatori di potenza e testati secondo la norma
IEC 61378-1 sui trasformatori convertitori standard per applicazioni industriali. Inoltre,
attenersi scrupolosamente alle normative nazionali vigenti.
74 Pianificazione dell'installazione elettrica
 Requisiti per il trasformatore
•
•
•
idoneo a tensione in c.a., corrente e potenza della rete e dell'inverter
•
dotato di una schermatura statica con messa a terra tra gli avvolgimenti in alta e bassa
tensione
•
la resistenza alla tensione dell'avvolgimento in bassa tensione deve essere di almeno
1.6 kV verso terra. Di seguito è illustrata una forma d'onda di tensione tipica verso
terra.
idoneo all'uso con inverter a IGBT
grado di protezione, limiti di temperatura e durata di vita devono essere adatti
all'ambiente
UAC-grid (V)
t (ms)
•
la resistenza alla tensione nel tempo di salita (du/dt) dell'avvolgimento in bassa
tensione deve essere di almeno 1000 V per microsecondo verso terra.
•
l'impedenza di cortocircuito nominale raccomandata (Xk) per ogni inverter deve essere
di circa 6% (±1%)
•
resistente a componenti di corrente in c.c. lato bassa tensione di almeno lo 0.5% della
corrente nominale, preferibilmente senza utilizzare un traferro
•
resistente al 3% della distorsione armonica totale (THD) generata dall'inverter. Si
raccomanda tuttavia di dimensionare il trasformatore per almeno il 5% della THD per
sostenere possibili interferenze esterne dalla rete.
ABB raccomanda di utilizzare trasformatori dotati di commutatori a vuoto per la
regolazione della tensione sul lato in alta tensione dell'avvolgimento, con due gradini del
2.5% nelle direzioni + e -.
L'inverter non richiede una notazione specifica per il trasformatore. ABB raccomanda di
utilizzare notazioni tradizionali, come Dy11d0, Dy11y11, ecc.
Non mettere a terra il punto neutro (stella) del trasformatore e non collegarlo ai punti neutri
di altri avvolgimenti.
Pianificazione dell'installazione elettrica 75
Selezione del dispositivo di sezionamento
(scollegamento dalla rete)
L'inverter è dotato di un sezionatore manuale che isola l'inverter e il generatore
fotovoltaico dal sistema di alimentazione elettrica. Questo dispositivo, tuttavia, non isola le
busbar di uscita in c.a. dell'inverter dall'alimentazione. Pertanto, durante gli interventi di
installazione e manutenzione sull'inverter, è necessario isolare le busbar e i cavi di uscita
in c.a. dal sistema di alimentazione elettrica per mezzo di un sezionatore in
corrispondenza del trasformatore.
Selezione del dispositivo di sezionamento dell'ingresso
in c.c.
L'inverter è dotato come standard di un dispositivo di sezionamento manuale. Su richiesta,
il PVS800-57-0100kW può essere dotato di interruttori automatici miniaturizzati per
l'ingresso in c.c. (opzione +H377). Gli interruttori, tuttavia, non isolano i conduttori e i
morsetti di ingresso in c.c. dell'inverter dalla tensione di ingresso. Le cassette di
connessione, pertanto, devono essere dotate di interruttori per provvedere all'isolamento.
Verifica della compatibilità di generatore fotovoltaico e
inverter
Verificare che:
• la corrente e la tensione del generatore corrispondano ai valori nominali dell'inverter
•
la tensione del circuito aperto del generatore non sia superiore alla tensione in c.c.
massima consentita per l'inverter
•
il range operativo del generatore rientri nei limiti consentiti dalla funzione MPPT
(Maximum Power Point Tracking, inseguitore del punto di massima potenza) del
programma di controllo dell'inverter
•
i requisiti di messa a terra del generatore siano compatibili con l'inverter.
Selezione dei cavi di potenza
 Regole generali
Dimensionare il cavo di ingresso in c.c. e il cavo di uscita in c.a. in base alle normative
locali:
• Il cavo deve essere in grado di sopportare la corrente di carico dell'inverter. Vedere il
capitolo Dati tecnici per i valori nominali di corrente.
•
Il cavo deve essere idoneo a una temperatura massima ammissibile del conduttore in
uso continuo di almeno 70 °C.
•
L'induttanza e l'impedenza del conduttore/cavo PE (collegamento di terra) devono
essere definite in base alla tensione massima ammissibile di contatto che si presenta
in condizioni di guasto (in modo che la tensione nel punto di guasto non aumenti
eccessivamente al verificarsi di un guasto verso terra).
•
Il cavo di uscita in c.a. deve essere idoneo per almeno 0.6/1.0 kVca.
76 Pianificazione dell'installazione elettrica
Per il cablaggio della potenza di ingresso in c.c. è consentito l'uso di un sistema a due
conduttori; è ammissibile anche un cavo schermato.
Schermatura
Per il cablaggio dell'uscita in c.a. è raccomandato un cavo con schermatura simmetrica;
vedere la sezione Tipi di cavi di uscita in c.a. raccomandati più oltre. Rispetto a un sistema
a quattro conduttori, l'uso di un cavo schermato di tipo simmetrico riduce le emissioni
elettromagnetiche dell'intero sistema dell'inverter.
Nota: quando si utilizzano canaline in metallo continue, non è necessario l'uso di un cavo
schermato. La canalina deve avere collegamenti alle estremità come con la schermatura
del cavo.
Perché funga da conduttore di protezione, la conduttività della schermatura secondo IEC
61439-1 deve essere come indicato di seguito se il conduttore di protezione è dello stesso
metallo dei conduttori di fase:
Sezione dei conduttori di Sezione minima del conduttore
fase
di protezione corrispondente
Sp (mm2)
S (mm2)
S
S < 16
16 < S < 35
16
35 < S
S/2
Per un'efficace soppressione delle emissioni in radiofrequenza irradiate e condotte, la
conduttività della schermatura del cavo deve essere pari almeno a 1/10 della conduttività
del conduttore di fase. Questi requisiti possono essere facilmente soddisfatti con l'impiego
di una schermatura in alluminio o rame. La figura seguente riporta i requisiti minimi per la
schermatura dei cavi. Consiste in uno strato concentrico di fili di rame con un'elica aperta
di nastro di rame o filo di rame. Migliore e più stretta è la schermatura, minore è il livello
delle emissioni.
4
1
3
2
1
Guaina isolante
2
Schermatura in filo di rame
3
Elica di nastro di rame o filo di rame
4
Isolamento interno
5
Nucleo del cavo
5
Pianificazione dell'installazione elettrica 77
 Tipi di cavi di uscita in c.a. raccomandati
Di seguito sono illustrati i tipi di cavi di potenza che si possono utilizzare per l'uscita in c.a.
dell'inverter.
PE
Cavo con schermatura simmetrica con tre conduttori di fase e un conduttore PE
concentrico come schermatura. La schermatura deve essere conforme ai requisiti
di IEC 61439-1, vedere sopra. Verificare l'idoneità secondo le normative elettriche
locali/statali.
Cavo con schermatura simmetrica con tre conduttori di fase e un conduttore PE
concentrico come schermatura. Se la schermatura non è conforme ai requisiti di
IEC 61439-1 (vedere sopra), è necessario un conduttore PE separato.
PE
PE
Cavo con schermatura simmetrica con tre conduttori di fase e un conduttore PE
con struttura simmetrica, e schermatura. Il conduttore PE deve essere conforme
ai requisiti di IEC 61439-1.
Sistema a quattro conduttori (tre conduttori di fase e un conduttore di protezione
su un portacavi).
PE
AVVERTENZA! Mettere a terra tutti i supporti conduttivi dei cavi, i fissacavi
e i singoli elementi conduttivi in prossimità dei cavi, come ad esempio i
portacavi. Possono crearsi tensioni pericolose sul rivestimento esterno non
conduttivo del cavo, con conseguenti rischi per l'incolumità e pericolo di morte.
 Cavi di potenza non consentiti
PE
Cavo con schermatura simmetrica con schermature individuali per ogni
conduttore di fase: non consentito per i cavi di potenza.
Selezione dei cavi di controllo
 Regole generali
Tutti i cavi di controllo devono essere schermati.
Per i segnali analogici è necessario utilizzare un doppino intrecciato con doppia
schermatura. Utilizzare un doppino schermato individualmente per ciascun segnale. Non
utilizzare un ritorno comune per segnali analogici diversi.
Benché per i segnali digitali a bassa tensione l'alternativa migliore sia costituita da un cavo
con doppia schermatura, si può utilizzare anche un cavo a doppino intrecciato con
schermatura singola (Figura b).
a
Cavo a doppino intrecciato con doppia
schermatura
b
Cavo a doppino intrecciato con
schermatura singola
78 Pianificazione dell'installazione elettrica
Segnali in cavi separati
I segnali analogici e digitali devono essere trasmessi mediante cavi schermati separati.
Non trasmettere segnali a 24 Vcc e 115/230 Vca con lo stesso cavo.
Segnali trasmissibili con lo stesso cavo
I segnali controllati da relè, purché di tensione non superiore a 48 V, possono passare
negli stessi cavi dei segnali di ingresso digitali. Si raccomanda di trasmettere i segnali
controllati da relè mediante doppini intrecciati.
Cavo per relè
Il tipo di cavo con schermatura metallica intrecciata (es. ÖLFLEX di LAPPKABEL,
Germania) è stato testato e approvato da ABB.
Luoghi di installazione ad altitudini superiori a 2000 m
(6560 ft)
AVVERTENZA! Proteggersi dal contatto diretto durante l'installazione, la messa
in servizio e la manutenzione del cablaggio della scheda RMIO e dei moduli
opzionali collegati alla stessa. I requisiti di protezione da minima tensione (PELV,
Protective Extra Low Voltage) secondo EN 50178 non sono soddisfatti ad
altitudini superiori a 2000 m (6560 ft).
Posa dei cavi
Si raccomanda di installare il cavo di potenza dell'ingresso in c.c., il cavo di potenza
dell'uscita in c.a. e i cavi di controllo su portacavi separati.
Se i cavi di controllo devono intersecare i cavi di alimentazione, verificare che siano disposti
a un angolo il più possibile prossimo a 90°. Non far passare altri cavi attraverso l'inverter.
I portacavi devono essere dotati di buone caratteristiche equipotenziali tra loro e rispetto
agli elettrodi di messa a terra. Per ottimizzare le caratteristiche equipotenziali a livello
locale, si possono utilizzare portacavi in alluminio.
Se si utilizza un cablaggio in c.a. a quattro conduttori, posizionare i cavi delle tre fasi di
uscita in maniera simmetrica e tutti vicini. Un'installazione asimmetrica può generare
correnti verso i cavi di terra e le strutture metalliche.
Di seguito è riportato uno schema relativo alla posa dei cavi.
Inverter
Cavo di uscita in c.a.
Cavo di ingresso in c.c.
min 500 mm (19.7 in.) 90 °
Cavi di controllo
min 500 mm (19.7 in.)
Pianificazione dell'installazione elettrica 79
 Canaline separate per i cavi di controllo
230 V
24 V (120 V)
Far passare i cavi di controllo da 24 V e
230 V (120 V) in canaline separate
all'interno dell'armadio.
230 V
24 V (120 V)
Non ammissibile a meno che il cavo da
24 V non abbia un isolamento da 230 V
(120 V) o una guaina isolante da 230 V
(120 V).
Protezione da cortocircuito e sovraccarico termico
 Protezione dell'inverter e del cavo di uscita in c.a. in caso di
cortocircuito
L'inverter è dotato di fusibili in c.a. interni che riducono i danni all'inverter in caso di
cortocircuito nell'inverter. Per proteggere il cavo di uscita in c.a., installare una protezione
esterna (es. fusibili) in base alle normative locali, alla tensione di linea in c.a. e alla
corrente nominale dell'inverter.
 Protezione del generatore fotovoltaico e del cavo di ingresso in c.c.
in caso di cortocircuito
I fusibili di ingresso in c.c. o gli interruttori automatici miniaturizzati opzionali per l'ingresso
in c.c. (opzione +H377) proteggono il circuito in c.c. dell'inverter e i cavi di ingresso in c.c.
in caso di cortocircuito, purché il cavo sia dimensionato in base alla corrente in c.c.
nominale dell'inverter e ai valori nominali di fusibili e interruttori. Vedere la sezione Fusibili
a pag. 127 per i valori nominali di fusibili e interruttori.
Per proteggere gli inverter forniti senza fusibili di ingresso in c.c. (opzione +0F291),
seguire le istruzioni contenute nella sezione Istruzioni per gli inverter forniti senza fusibili di
ingresso in c.c. (opzione +0F291) a pag. 82.
Nota: l'inverter non protegge il generatore fotovoltaico. Installare dispositivi di protezione
idonei, ad esempio per ogni stringa.
 Protezione dell'inverter e del cavo di uscita in c.a. dal sovraccarico
termico
L'inverter protegge se stesso e il cavo di uscita in c.a. dal sovraccarico termico, purché il
cavo sia dimensionato in base alla corrente nominale dell'inverter. Non è necessario
installare altri dispositivi di protezione termica.
80 Pianificazione dell'installazione elettrica
Alimentazione di potenza per i circuiti ausiliari
Fornire all'inverter la tensione ausiliaria nominale. Proteggere l'alimentazione secondo le
normative locali, ad esempio applicando fusibili e/o interruttori della corrente di guasto.
Non collegare altri dispositivi all'inverter senza prima aver consultato ABB.
Funzione di autoalimentazione in presenza di bassa
tensione
L'utente può definire mediante parametri quando l'inverter deve rimanere collegato alla
rete (ovvero l'entità e la durata del transitorio di tensione di rete). L'utente può definire il
supporto di corrente reattiva capacitiva alla rete da parte dell'inverter durante il transitorio
di tensione di rete. Per ulteriori informazioni, vedere PVS800 Central Inverters Firmware
Manual (3AUA0000058422 [inglese]).
Se si utilizza una funzione di autoalimentazione in presenza di bassa tensione con gli
inverter PVS800-57-100kW-A, PVS800-57-250kW-A e PVS800-57-315kW-B,
l'alimentazione ausiliaria deve essere di tipo UPS (ovvero la tensione ausiliaria non può
avere cadute di tensione). In questi casi si raccomanda l'uso di un gruppo di continuità
(UPS, Uninterruptible Power Supply).
Alimentazione di circuiti dall'uscita in c.a. dell'inverter
Se l'uscita in c.a. dell'inverter viene utilizzata per l'alimentazione di circuiti, predisporre un
isolamento galvanico come illustrato nella figura seguente. "A" rappresenta altre
apparecchiature, mentre "B" è il circuito ausiliario di alimentazione dell'inverter. Vedere
anche Collegamento del cavo di alimentazione esterna per il circuito ausiliario a pag. 89.
Per istruzioni sulla selezione del trasformatore, vedere la sezione Selezione del
trasformatore a pag. 73.
Alta tensione / Bassa tensione
PVS800-57
A
Alta tensione / Bassa tensione
PVS800-57
Q10
B
L N PE
Pianificazione dell'installazione elettrica 81
Monitoraggio dei guasti a terra per sistemi IT (senza
messa a terra)
Il monitoraggio interno dei guasti a terra dell'inverter si basa sulla somma totale delle
misurazioni delle correnti di fase. Il monitoraggio rileva i guasti a terra gravi nei sistemi IT
(senza messa a terra). Spesso, però, la corrente di dispersione verso terra non supera il
livello di scatto e l'inverter rimane in funzione. L'inverter può essere dotato di un dispositivo
di monitoraggio dell'isolamento (opzione +Q954, +Q976 o +Q981); altrimenti il sistema IT
deve essere monitorato con un dispositivo compatibile con l'utilizzo degli inverter. Molti
dispositivi di monitoraggio dei guasti a terra non sono adatti agli inverter per via delle
correnti di dispersione di questi ultimi.
 Dispositivo di monitoraggio dell'isolamento (opzioni +Q954, +Q976
e +Q981)
Le opzioni +Q954, +Q976 e +Q981 includono un dispositivo di monitoraggio
dell'isolamento con un dispositivo di accoppiamento che consente la misurazione della
resistenza di isolamento. Secondo la norma IEC 62109-2, questa misura deve essere
effettuata prima di avviare l'inverter.
Il dispositivo di monitoraggio misura la resistenza di isolamento tra le busbar in c.c. e il
circuito di terra (PE). Quando l'inverter è in funzione, viene misurata indirettamente anche
la resistenza di isolamento tra le busbar in c.a. e il circuito di terra. Il dispositivo di
monitoraggio reagisce a tutti i guasti a terra nei sistemi IT collegati galvanicamente tra loro.
Se la resistenza di isolamento tra i conduttori e la terra scende al di sotto dei valori di
risposta impostati, cambia lo stato del relè di allarme nel dispositivo di monitoraggio
dell'isolamento, e nei telai R7i e R8i si accende il LED di segnalazione sullo sportello
dell'armadio. In base alle impostazioni parametriche, l'inverter scatta o si attiva un allarme.
La misura della resistenza di isolamento si può leggere dai parametri dell'inverter nei telai
3 x R8i dotati di opzione +Q954.
Quando viene interrotta la potenza ausiliaria per il dispositivo di monitoraggio
dell'isolamento, i suoi relè d'allarme passano nella posizione di guasto.
Con l'opzione +Q954, i valori di risposta e i parametri del dispositivo di monitoraggio
dell'isolamento si impostano con i tasti funzione.
Nota: il dispositivo di monitoraggio dell'isolamento misura correttamente la resistenza di
isolamento del generatore fotovoltaico, secondo le impostazioni, quando l'inverter non è in
funzione. Per disabilitare il dispositivo di monitoraggio durante il funzionamento
dell'inverter, contattare ABB.
Informazioni sulla sicurezza
Il dispositivo di monitoraggio dell'isolamento è realizzato in conformità alle più recenti e
severe norme di sicurezza tecnica riconosciute dal settore. Ciononostante, durante il suo
utilizzo possono verificarsi situazioni di pericolo per l'incolumità fisica delle persone, con
rischio di morte, e possono sussistere rischi di danni al dispositivo stesso e alle
apparecchiature/cose adiacenti. Il dispositivo di monitoraggio deve essere utilizzato
esclusivamente
• per lo scopo per il quale è progettato
•
in perfette condizioni tecniche e di sicurezza.
In ogni sistema IT interconnesso è consentito l'uso di un solo dispositivo di monitoraggio
dell'isolamento.
Durante le prove di isolamento o di rigidità dielettrica, il dispositivo deve essere isolato dal
sistema per l'intera durata delle prove.
82 Pianificazione dell'installazione elettrica
La funzione di monitoraggio dei guasti a terra (+Q954, +Q976 e +Q981) non è una misura
di sicurezza del personale né una protezione antincendio.
Cablaggi a cura del cliente
Il dispositivo di monitoraggio dell'isolamento può essere collegato a sistemi esterni.
Vedere gli schemi elettrici forniti con l'inverter.
Avviamento
Vedere il capitolo Avviamento.
Ulteriori informazioni
•
•
schemi elettrici forniti con l'inverter.
Manuale operativo del dispositivo di monitoraggio dell'isolamento, fornito dal
produttore
Esecuzione della messa a terra del polo positivo o
negativo (opzioni +F282 e +F283)
Per alcuni tipi di moduli fotovoltaici è necessario eseguire la messa a terra positiva o
negativa. Accertarsi che il metodo opzionale di messa a terra positiva (+F282) o negativa
(+F283) sia idoneo al tipo di modulo fotovoltaico utilizzato.
Se il tipo di pannello lo richiede, mettere a terra i pannelli durante i fermi per manutenzione
di lunga durata.
Limitazione dei disturbi condotti con il filtro EMC
(opzione +E216) nelle reti in bassa tensione TN (senza
messa a terra)
Sul lato rete del trasformatore in bassa tensione è possibile installare un filtro EMC
opzionale (+E216) per limitare i disturbi condotti verso altre apparecchiature collegate alla
rete. Il filtro ha condensatori collegati alla terra e non è idoneo all'impiego in reti IT (senza
messa a terra). Verificare che il gestore della rete e l'operatore consentano l'installazione di
questo tipo di filtro. L'installazione del filtro deve sempre ottemperare alle normative locali.
Istruzioni per gli inverter forniti senza fusibili di ingresso
in c.c. (opzione +0F291)
Se i fusibili di ingresso in c.c. standard non sono adatti all'applicazione del cliente,
l'inverter può essere fornito senza questi fusibili (opzione +0F291). In questo caso occorre
installare dei fusibili in c.c. adatti a proteggere il circuito in c.c. dell'inverter e i cavi di
ingresso in c.c. in situazioni di cortocircuito. Proteggere i poli positivo e negativo degli
ingressi con fusibili separati. La perdita di un fusibile non può mai superare 25 W.
La tabella nella sezione Fusibili per inverter forniti senza fusibili di ingresso in c.c. (opzione
+0F291) (pag. 130) indica la corrente nominale in c.c. per selezionare i fusibili di ingresso
in c.c.
 Installazione meccanica dei fusibili di ingresso in c.c.
Per collegare i fusibili alle busbar, utilizzare bulloni e dadi M10 o M12.
Installazione elettrica 83
6
Installazione elettrica
Contenuto del capitolo
Questo capitolo descrive la procedura di installazione elettrica dell'inverter.
Avvertenze
AVVERTENZA! Gli interventi descritti in questo capitolo devono essere eseguiti
esclusivamente da elettricisti qualificati. Seguire le Norme di sicurezza riportate
nelle prime pagine del manuale. Il mancato rispetto di queste norme può mettere a
repentaglio l'incolumità delle persone, con rischio di morte.
Controllo dell'isolamento del gruppo
 Inverter
Per tutti gli inverter viene testato in fabbrica l'isolamento tra il circuito principale e il telaio
(2700 V rms 50 Hz per 1 secondo). Pertanto, non eseguire alcuna prova di isolamento o di
rigidità dielettrica sull'inverter (es. mediante hi-pot o megger) né su alcuno dei suoi moduli.
 Cavo di uscita in c.a.
Verificare che l'isolamento del cavo di uscita in c.a. sia conforme alle normative locali
prima di collegarlo all'inverter.
 Cavo/i di ingresso in c.c.
Verificare che l'isolamento del/i cavo/i di ingresso in c.c. sia conforme alle normative locali
prima di collegarlo/i all'inverter.
84 Installazione elettrica
 Generatore fotovoltaico
Assicurarsi che l'isolamento del generatore fotovoltaico sia stato verificato secondo le
istruzioni del produttore. Durante la verifica dell'isolamento, il generatore deve essere
scollegato dall'inverter.
Controllo della compatibilità con sistemi IT (senza messa
a terra)
Il filtro EMC (opzione +E216) non è idoneo all'uso in sistemi IT (senza messa a terra).
Verificare che la rete in bassa tensione sia di tipo TN (con messa a terra). In caso
contrario, contattare ABB.
AVVERTENZA! Se il filtro EMC opzionale +E216 viene installato in un sistema IT
(un sistema di alimentazione senza messa a terra o con messa a terra ad alta
resistenza [superiore a 30 ohm]), il sistema risulterà collegato al potenziale di terra
attraverso i condensatori del filtro EMC. Questo può determinare situazioni di pericolo o
danneggiare le apparecchiature della rete.
Collegamento dei cavi di potenza
 Schema di collegamento di un cavo schermato
PVS800-57
1)
2)
L+
L1
L1
L-
L2
L2
L3
4)
PE
L3
PE
PE
...
3)
1)
L+
L-
1)
Cassetta di connessione dell'array
2)
Se si utilizza un cavo schermato, si raccomanda di eseguire una messa a terra a 360° all'ingresso
dell'armadio. Mettere a terra l'altra estremità della schermatura del cavo di ingresso o del conduttore
PE sul trasformatore.
3), 4) Se si utilizza un cavo schermato (non obbligatorio, ma raccomandato) e la conduttività della
schermatura è < 50% della conduttività del conduttore di fase, utilizzare un cavo PE separato (3) o un
cavo con conduttore di terra (4).
Installazione elettrica 85

Schema di collegamento di un sistema a quattro conduttori
Disporre i cavi come illustrato nella figura seguente per ottenere una distribuzione della
corrente il più possibile uniforme.
L1
L2
L3
L2 L3
L3 L1
L1 L2
Collegare i cavi unipolari senza schermatura protettiva concentrica (armatura) come
illustrato sotto.
L2
L2
L3
L3
PE
~
L1
~
PE
L1
PE
AVVERTENZA! Mettere a terra tutti i supporti conduttivi dei cavi, i fissacavi e i
singoli elementi conduttivi in prossimità dei cavi, come ad esempio i portacavi.
Possono crearsi tensioni pericolose sul rivestimento esterno non conduttivo del
cavo, con conseguenti rischi per l'incolumità e pericolo di morte.
86 Installazione elettrica
 Procedura di collegamento del cavo di ingresso in c.c.
1. Rimuovere la protezione che copre i morsetti della potenza di ingresso.
2. Far passare il/i cavo/i all'interno dell'armadio. Se si utilizza un cavo schermato,
collegare la schermatura alla busbar di terra dell'armadio con un capocorda.
3. Collegare il conduttore DC- al morsetto L- e il conduttore DC+ al morsetto L+.
Nota: nei telai R8i, 2 × R8i e 3 x R8i con collegamenti di ingresso in c.c. protetti da
fusibili, la posizione dei morsetti + e - varia in base al numero di collegamenti di
ingresso in c.c. Vedere il capitolo Disegni dimensionali.
4. Se viene utilizzato un conduttore PE separato, collegarlo al morsetto di terra
dell'armadio.
5. Reinstallare la protezione sui morsetti della potenza di ingresso.
c
L+
L+
L-
L-
b
b
a
a
a) Piastre passacavi
Morsetti di ingresso in c.c. del telaio R8i
con opzione +4H382 e del telaio 2 × R8i (4
collegamenti di ingresso in c.c. protetti da
fusibili)
b) Supporto cavi
a) Piastre passacavi
c) Interruttori automatici miniaturizzati per ingressi in
b) Supporto cavi
Morsetti di ingresso in c.c. del telaio R7i con opzione
+H377 (4 interruttori automatici miniaturizzati per 4
collegamenti di ingresso in c.c.)
Installazione elettrica 87
 Procedura di collegamento del cavo di uscita in c.a.
1. rimuovere la protezione che copre i morsetti della potenza di uscita.
2. Far passare il/i cavo/i all'interno dell'armadio. Se si utilizza un cavo schermato,
preparare le estremità del cavo e predisporre la configurazione di messa a terra a
360° in corrispondenza dell'ingresso dell'armadio come illustrato nella pagina
seguente. Collegare la schermatura intrecciata del cavo (o dei cavi) di uscita in c.a.
alla busbar PE (terra) dell'armadio con un capocorda.
3. Collegare i conduttori di fase ai morsetti L1, L2 e L3. Collegare il conduttore di messa
a terra/PE separato (se presente) alla busbar PE (terra) dell'armadio.
4. Reinstallare la protezione sui morsetti della potenza di uscita.
L1
L2
L3
PE
PE
a
b
Morsetti di uscita in c.a. di PVS800-57-1000kW
a) Piastre passacavi EMC 360°
b) Supporto cavi
88 Installazione elettrica
PE
PE
PE
Installazione elettrica 89
Collegamento del cavo di alimentazione esterna per il
circuito ausiliario
Collegare i conduttori del cavo di alimentazione esterna ai morsetti dell'interruttore della
tensione di controllo ausiliaria Q10 come mostrato nello schema seguente. Per
l'ubicazione dell'interruttore all'interno dell'armadio, vedere le foto della struttura
dell'armadio nel capitolo Principio di funzionamento e descrizione dell'hardware.
L
N
PE
PVS800-57
Q10
2
4
6
PE
Fusibile max.: 16 A
Nota relativa all'alimentazione da sistemi IT (senza messa a terra): contattare ABB per
istruzioni. Dotare l'alimentazione per il circuito ausiliario di interruttori della corrente di
guasto per la segnalazione e lo scatto in caso di guasti a terra. Se il dispositivo di
protezione da sovratensione dell'ingresso della tensione di controllo ausiliaria causa
troppo frequentemente scatti per guasti a terra, è necessario utilizzare un dispositivo di
altro tipo.
Controllo del cablaggio del trasformatore di tensione
ausiliaria (opzioni +G396, +G397, +G398 e +G415)
I collegamenti del trasformatore di tensione ausiliaria (T10) vengono eseguiti in fabbrica.
Verificare che i collegamenti siano conformi al codice opzionale selezionato (+G396,
+G397, +G398) o alla tensione principale utilizzata (+G415). In caso contrario, spostare il
filo di collegamento sul morsetto di tensione corretto.
230 VV
230
90 Installazione elettrica
Collegamento dei segnali di misurazione della corrente in
c.c. a un regolatore esterno (opzione +G416)
Questa tabella indica i morsetti per il collegamento dei segnali di misurazione della
corrente in c.c. (0…4 V) a un regolatore esterno. I morsetti per collegare i fili di terra sono
X50:9 e X50:29. Per le opzioni di ingresso in c.c. +4H382 e +5H382, la morsettiera si trova
nel primo armadio di ingresso (DCU1). Per le altre opzioni di ingresso in c.c., la
morsettiera si trova nel secondo armadio di ingresso (DCU2). Inserire i cavi di controllo nel
rispettivo armadio di ingresso facendoli passare attraverso la piastra passacavi inferiore.
N. ingresso in c.c.
Fusibile di ingresso in c.c.
Morsetto di uscita misurazione corrente
1
F3:1
X50:11
2
F3:2
X50:12
3
F3:3
X50:13
4
F3:4
X50:14
5
F3:5
X50:15
6
F3:6
X50:16
7
F3:7
X50:17
8
F3:8
X50:18
9
F3:9
X50:19
10
F3:10
X50:20
11
F3:11
X50:31
12
F3:12
X50:32
13
F3:13
X50:33
14
F3:14
X50:34
15
F3:15
X50:35
16
F3:16
X50:36
17
F3:17
X50:37
18
F3:18
X50:38
19
F3:19
X50:39
20
F3:20
X50:40
Installazione elettrica 91
Collegamento dell'alimentazione della cassetta di
connessione (opzione +G410)
Cassetta
di connessione
PVS800-57
F21
230 V
N
Cassetta
di connessione
X21
1
2
3
La corrente massima che si può collegare all'alimentazione è 6 A.
Collegamento del filtro EMC (opzione +E216)
Collegare il filtro EMC sul lato rete del trasformatore in bassa tensione.
PVS800-57
L1
L2
L3
300 V
400 V
EMC
filtro
Collegamento dei cavi di controllo
Di seguito sono illustrati i collegamenti dei cavi di controllo esterni ai morsetti della scheda
RMIO dell'inverter. Per ulteriori informazioni, vedere il Manuale firmware.
92 Installazione elettrica
 Schema di collegamento degli I/O di default (RDCU – A43)
Di seguito sono illustrati i collegamenti dei cavi di controllo esterni alla scheda RMIO per il
programma di controllo master dell'inverter fotovoltaico PVS800 secondo le impostazioni
di default (versione del programma GSXR7360 e successive).
Dimensioni morsettiera:
cavi da 0.3 a 3.3 mm2 (da 22 a 12 AWG)
Coppia di serraggio:
da 0.2 a 0.4 N·m
(da 0.2 a 0.3 lbf·ft)
1) Può essere configurato per
avviamento/arresto o altro uso
mediante impostazioni
parametriche.
2) Corrente massima totale condivisa
tra questa uscita e i moduli
opzionali installati sulla scheda.
3) Se è presente il pulsante di reset
dell'arresto di emergenza sullo
sportello dell'armadio (opzione
+Q951 nelle unità PVS800-570100kW, -0250kW e -0315kW),
mediante impostazioni
parametriche può essere
configurata per il reset del circuito di
arresto di emergenza.
4) Utilizzato/a solo con le opzioni
+F282 e +F283.
5) Scatto del trasformatore (MWS)
6) Configurabile con il parametro
66.03 DO2.
RMIO
X20
1
2
X21
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
X22
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
X23
1
2
X25
1
2
3
X26
1
2
3
X27
1
2
3
VREFAGND
Tensione di riferimento -10 Vcc,
1 kohm < RL < 10 kohm
VREF+
AGND
AI1+
AI1AI2+
AI2AI3+
AI3-
Tensione di riferimento 10 Vcc,
1 kohm < RL < 10 kohm
Misurazione corrente in c.c. -10 … 10 V
Misurazione della corrente di terra.
4…20 mA, Rin = 100 ohm 4)
Misurazione della tensione in c.c. del
generatore fotovoltaico. 0(4)…20 mA, Rin =
AO1+
AO1AO2+
AO2-
Di default non utilizzati. 0(4)…20 mA,
RL < 700 ohm
DI1
DI2
DI3
DI4
DI5
DI6
+24VD
+24VD
DGND1
DGND2
DIIL
Reset
Di default non utilizzato. 1)
Protezione da sovratensioni in c.a. e c.c.
Protezione da sovracorrente del cavo in c.c.
Di default non utilizzato. 5)
Stato del circuito di arresto di emergenza
+24 Vcc max. 100 mA
+24V
GND
Uscita e ingresso tensione ausiliaria, non
isolati, 24 Vcc 250 mA 2)
Di default non utilizzati. 0(4)…20 mA,
RL < 700 ohm
Terra digitale
Terra digitale
Conferma messa a terra in c.c. 4)
RO1
RO1
RO1
Uscita relè 1: di default non utilizzata.
Con opzione +Q951 riservata. 3)
RO2
RO2
RO2
Uscita relè 2: indicazione di guasto 6)
RO3
RO3
RO3
1 = nessun guasto
0 = guasto
Uscita relè 3: controllo interruttore di
messa a terra 4)
Installazione elettrica 93
 Schema di collegamento degli I/O di default (RDCU – A41)
Di seguito sono illustrati i collegamenti dei cavi di controllo esterni alla scheda RMIO per il
programma di controllo dell'inverter fotovoltaico PVS800 secondo le impostazioni di
default (versione del programma ISXR7360 e successive).
Dimensioni morsettiera:
cavi da 0.3 a 3.3 mm2 (da 22 a 12 AWG)
Coppia di serraggio:
da 0.2 a 0.4 N·m
(da 0.2 a 0.3 lbf·ft)
1) Corrente massima totale
condivisa tra questa uscita
e i moduli opzionali installati
sulla scheda.
RMIO
X20
1
2
X21
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
X22
1
VREFAGND
Di default non utilizzati. -10 Vcc,
1 kohm < RL < 10 kohm
VREF+
AGND
AI1+
AI1AI2+
AI2AI3+
AI3AO1+
AO1AO2+
AO2-
Di default non utilizzati. 10 Vcc,
1 kohm < RL < 10 kohm
DI1
Misurazione della resistenza di isolamento
0 … 10 V (opzione +Q954), Rin = 200 kohm
Misurazione temperatura ambiente armadio in
c.a. 4...20 mA -30…+80 °C.
Misurazione temperatura ambiente armadio in
c.c. 4...20 mA -30…+80 °C.
Controllo velocità ventole per filtri LCL.
0(4)…20 mA, RL < 700 ohm
Di default non utilizzati. 0(4)…20 mA,
RL < 700 ohm
Conferma ventola e supervisione temperatura
filtro LCL
Abilitazione marcia. 0 = marcia inverter
disabilitata. 1 = marcia inverter abilitata
2
DI2
3
DI3
Stato del contattore in c.a. K1.1.
0 = aperto, 1 = chiuso
4
DI4
Supervisione dei guasti a terra (opzioni +Q954,
+Q976 e +Q981)
5
6
DI5
DI6
Di default non utilizzato.
Stato del buffer dell'alimentazione ausiliaria
24 V. 0 = buffer non pieno, 1 = buffer pieno
7
8
9
10
11
X23
1
2
X25
1
2
3
X26
1
2
3
X27
1
2
3
+24VD
+24VD
DGND1
DGND2
DIIL
+24 Vcc max. 100 mA
Terra digitale
Terra digitale
Di default non utilizzato.
+24V
GND
Uscita e ingresso tensione ausiliaria, non
isolati, 24 Vcc 250 mA 1)
RO1
RO1
RO1
Uscita relè 1: controllo contattore di
carica
RO2
RO2
RO2
Uscita relè 2: controllo del contattore in
c.a. K1.3
RO3
RO3
RO3
Uscita relè 3: controllo del contattore in
c.a. K1 / K1.1.
94 Installazione elettrica
 Collegamenti di I/O di default (RDIO su RDCU – A41)
Di seguito sono illustrati i collegamenti di default dei moduli di estensione degli I/O digitali
RDIO-01 inseriti sull'unità di controllo dell'inverter.
Ingresso/usci
ta digitale
Morsetto
RDIO
Descrizione
Unità 100 kW e
250 kW
Unità 500 kW e 630
kW
Unità 875 kW e 1000
kW
Stato del contattore in
c.c. K2.
Stato del contattore in
c.c. K2.1.
Stato del contattore in
c.c. K2.1.
0 = aperto
0 = aperto
0 = aperto
1 = chiuso
1 = chiuso
1 = chiuso
-
Stato del contattore in
c.c. K2.2.
Stato del contattore in
c.c. K2.2.
0 = aperto
0 = aperto
1 = chiuso
1 = chiuso
Stato del relè di
monitoraggio della rete
(opzioni +Q969,
+Q974, +Q975 e
+Q980)
Stato del relè di
monitoraggio della rete
(opzioni +Q969,
+Q974, +Q975 e
+Q980)
Stato del relè di
monitoraggio della rete
(opzioni +Q969,
+Q974, +Q975 e
+Q980)
0 = la rete non è OK
0 = la rete non è OK
0 = la rete non è OK
1 = la rete è OK
1 = la rete è OK
1 = la rete è OK
RDIO-01 N. 1 in slot 2 – A412
Ingresso
digitale 1
Ingresso
digitale 2
Ingresso
digitale 3
X11:DI1
X12:DI2
X12:DI3
Uscita relè 1
X21:RO1
Controllo del contattore
in c.c. K2.
Controllo del contattore
in c.c. K2.1.
Controllo del contattore
in c.c. K2.1.
Uscita relè 2
X22:RO2
-
Controllo del contattore
in c.c. K2.2.
Controllo del contattore
in c.c. K2.2.
Stato del contattore in
c.a. K1.2.
Stato del contattore in
c.a. K1.2.
0 = aperto
0 = aperto
1 = chiuso
1 = chiuso
-
Stato del contattore in
c.a. K1.3.
RDIO-01 N. 2 in slot 1 – A411
Ingresso
digitale 1
Ingresso
digitale 2
X11:DI1
X12:DI2
-
-
0 = aperto
1 = chiuso
Ingresso
digitale 3
X12:DI3
-
-
Stato del contattore in
c.c. K2.3.
0 = aperto
1 = chiuso
Uscita relè 1
X21:RO1
-
Controllo del contattore
in c.a. K1.2.
Controllo del contattore
in c.a. K1.2.
Uscita relè 2
X22:RO2
-
-
Controllo del contattore
in c.c. K2.3.
Installazione elettrica 95
 Procedura di collegamento
Messa a terra a 360° in corrispondenza della piastra passacavi dell'armadio per i
cavi di controllo
1. Allentare i tamponi conduttivi EMI.
2. Praticare fori di dimensioni adeguate nei gommini sulla piastra passacavi e far
passare i cavi attraverso i gommini e i tamponi fino all'interno dell'armadio.
3. Spellare la guaina in plastica del cavo sopra la piastra passacavi in misura appena
sufficiente ad assicurare un idoneo collegamento della schermatura nuda e dei
tamponi conduttivi EMI.
4. Serrare i tamponi conduttivi EMI intorno alla schermatura nuda.
3
b
1
c
a
2
Vista laterale della piastra passacavi
a) gommino
b) tampone conduttivo EMI
c) piastra passacavi
Posa dei cavi di controllo
(armadio di controllo
ausiliario di PVS800-570250kW e -0315kW)
Posa dei cavi di controllo
(armadio di controllo ausiliario
di PVS800-57-0500kW, 630kW, -0875kW e -1000kW)
96 Installazione elettrica
Nota: se la superficie esterna della schermatura non è conduttiva:
• Tagliare la schermatura a metà della parte scoperta. Prestare attenzione a non
tagliare i conduttori o il filo di messa a terra (se presente).
•
•
Rovesciare la schermatura per esporne la superficie conduttiva.
Coprire la schermatura rovesciata e il cavo spellato con un foglio di rame per
mantenere la continuità della schermatura.
a) Schermatura cavo
b) Filo di terra
c) Doppino intrecciato schermato
d
a
d) Lamina in rame
c
b
Collegamento dei cavi ai morsetti di I/O
Collegare i conduttori ai corrispondenti morsetti remotabili della scheda RMIO (vedere pagg.
92 e 93). Se fuoriescono filamenti di cavo sulla morsettiera, avvolgerli utilizzando una
guaina termorestringente o del nastro isolante. La schermatura (specie in presenza di più
schermature) si può anche terminare con un capocorda e fissare con una vite al più vicino
morsetto di messa a terra. Lasciare scollegata l'altra estremità della schermatura o metterla
a terra indirettamente utilizzando un condensatore ad alta frequenza di pochi nanofarad, es.
3.3 nF / 630V. La schermatura può anche essere messa a terra direttamente a entrambe le
estremità purché si trovino nella stessa linea di terra senza significative cadute di tensione
tra i due punti estremi. Serrare le viti per fissare il collegamento.
Nota: tenere i doppini dei fili dei segnali intrecciati il più possibile vicino ai morsetti.
Intrecciando il filo con il suo ritorno si riducono i disturbi determinati dall'accoppiamento
induttivo.
Collegamento di un PC
Per collegare un PC all'inverter durante la procedura di avviamento, vedere il capitolo
Avviamento.
Per l'uso normale, collegare il PC attraverso un collegamento a fibre ottiche a CH3 del
modulo RDCO inserito nell'unità di controllo master (A43).
Installazione dei moduli opzionali
 Installazione meccanica
I moduli opzionali, come adattatori bus di campo ed estensioni degli I/O, vengono installati
in fabbrica nello slot dei moduli opzionali sull'unità di controllo RDCU. I moduli sono fissati
con una vite. Vedere pag. 52 per gli slot disponibili.
Nota: per garantire la conformità ai requisiti EMC e il buon funzionamento del modulo è
essenziale installare correttamente la vite.
 Cablaggio dei moduli
Vedere i manuali dei moduli opzionali per le istruzioni specifiche per l'installazione e il
cablaggio.
Checklist di installazione 97
7
Checklist di installazione
Contenuto del capitolo
Questo capitolo contiene un elenco per la verifica dell'installazione meccanica ed elettrica
dell'inverter.
Checklist
Passare in rassegna le voci della checklist insieme a un'altra persona. Seguire le Norme di
sicurezza riportate nelle prime pagine del manuale.
Controllare…
INSTALLAZIONE MECCANICA
Intorno all'unità è stato lasciato uno spazio libero sufficiente. (Vedere pag. 132.)
Le condizioni ambientali di funzionamento sono consentite. (Vedere pag. 144.)
L'unità è ben fissata al pavimento e alla parete. (Vedere Installazione meccanica)
L'aria di raffreddamento può circolare liberamente e il volume d'aria è sufficiente.
INSTALLAZIONE ELETTRICA (Vedere Installazione elettrica)
I condensatori sono stati ricondizionati se rimasti in magazzino per oltre un anno
(vedere Capacitor Reforming Instructions (3BFE64059629 [inglese]).
L'inverter è stato messo a terra in modo idoneo.
La tensione di linea in c.a. corrisponde alla tensione di uscita nominale dell'inverter.
98 Checklist di installazione
Controllare…
Il trasformatore in c.a. è idoneo all'uso con l'inverter. (Vedere la sezione Selezione
del trasformatore, pag. 73.)
L'isolamento del gruppo è sufficiente. (Vedere la sezione Controllo dell'isolamento
del gruppo, pag. 83.)
Il sistema di alimentazione in c.a. è un sistema IT (senza messa a terra).
I collegamenti del cavo di alimentazione in c.a. in corrispondenza di L1, L2 e L3, e
le rispettive coppie di serraggio sono OK.
I collegamenti del cavo di alimentazione in c.c. in corrispondenza di UDC+ e UDC-,
e le rispettive coppie di serraggio sono OK.
I cavi di alimentazione sono collocati lontano dagli altri cavi. (Vedere la sezione
Posa dei cavi, pag. 78.)
I collegamenti del cavo di alimentazione ausiliaria in corrispondenza di Q10 e le
rispettive coppie di serraggio sono OK.
Nelle unità con opzione +G396, +G397 o +G398, il livello di tensione ausiliaria
corrisponde al codice opzionale e al cablaggio del trasformatore.
I collegamenti di controllo esterni all'inverter sono OK (inclusi arresto di emergenza,
bus di campo, ecc.).
I collegamenti dei cavi alla cassetta di connessione e le rispettive coppie di
serraggio sono OK.
Il filtro EMC (opzione +E216), se presente, è installato correttamente.
All'interno dei moduli o dell'armadio non sono presenti attrezzi, corpi estranei né
polvere prodotta dall'esecuzione di fori.
Tutte le protezioni e i coperchi sono installati.
Avviamento 99
8
Avviamento
Contenuto del capitolo
Questo capitolo descrive la procedura di avviamento dell'inverter. Contiene inoltre alcune
indicazioni utili per il funzionamento.
Procedura di avviamento
Per prima cosa, il funzionamento dell'inverter viene testato in modalità di controllo locale
con il pannello di controllo (CDP312R). Successivamente si impostano i parametri del
programma di controllo. La tabella seguente descrive passo per passo la procedura di
avviamento.
SICUREZZA
AVVERTENZA! Attenersi alle norme di sicurezza
durante l'installazione e l'avviamento. Vedere il capitolo
Norme di sicurezza.
L'installazione e l'avviamento dell'inverter devono essere
effettuati solo da elettricisti qualificati.
CONTROLLI PRIMARI E DELLE CONDIZIONI AMBIENTALI
Controllare che l'installazione meccanica ed elettrica dell'inverter
sia OK. Vedere il capitolo Checklist di installazione.
Controllare che l'isolamento del gruppo sia OK. Vedere la
sezione Controllo dell'isolamento del gruppo, pag. 83.
Nota: se l'isolamento non è OK, non
sarà possibile regolare
correttamente il monitoraggio
opzionale della resistenza di
isolamento (opzione +Q954, +Q976
o +Q981).
100 Avviamento
Verificare che le condizioni ambientali per l'avviamento, la
temperatura e l'umidità siano entro i limiti. Vedere la sezione
Condizioni ambientali, pag. 144.
Nota: in base all'umidità o alla temperatura, può essere
necessario utilizzare le scaldiglie dell'armadio per un periodo di
tempo più prolungato e in modo continuo prima dell'avviamento.
Impostare la scaldiglia dell'armadio (opzione +G300):
• Impostare la temperatura massima con il termostato T65
(default 10 °C).
Nota: in ambienti particolarmente umidi, quando l'inverter resta
installato nel sito per un lungo periodo in assenza di
collegamento alla rete, tenere accese le scaldiglie dell'armadio
per diversi giorni prima della messa in servizio.
Selezionare la modalità di controllo collegando il filo di
alimentazione della scaldiglia a uno dei tre seguenti morsetti:
• X5:3 = il riscaldamento viene spento dal termostato T65 e
quando l'inverter è in modulazione.
• X5:4 = il riscaldamento è controllato dal segnale di controllo
24 Vcc del relè di controllo K65 del cliente e dal termostato
T65.
• X5:5 = il riscaldamento è controllato solo dal termostato T65.
La scaldiglia opzionale dell'armadio
ha tre modalità di controllo (vedere
gli schemi elettrici 64 e 65 forniti con
l'inverter). La modalità di controllo si
seleziona spostando il filo di
alimentazione della scaldiglia
nell'armadio di controllo ausiliario.
Per ulteriori informazioni:
schemi elettrici forniti con l'inverter.
Verificare che la radiazione solare sia sufficiente perché l'inverter,
una volta in funzione, alimenti potenza al sistema di
alimentazione in c.a. (rete).
Nota: la luce solare deve essere
sufficiente affinché il generatore
fotovoltaico alimenti l'inverter. In
queste condizioni è possibile
verificare il corretto funzionamento
dell'inverter. Le impostazioni dei
parametri possono essere eseguite
anche in orari serali o in assenza di
irraggiamento solare. La
modulazione dell'inverter può essere
testata anche in assenza di
alimentazione da parte degli array
fotovoltaici.
Controllare che la polarità e la tensione di tutte le stringhe
fotovoltaiche in c.c. collegate siano corrette:
Nota: è necessario compilare un
documento/rapporto attestante che
la polarità e la tensione di ciascuna
stringa fotovoltaica siano corrette.
• Rimuovere i fusibili in c.c. dell'inverter.
• Misurare che il polo + sia collegato al morsetto + e il polo - al
morsetto -, e che la tensione sia corretta.
• Reinstallare i fusibili in c.c.
Verificare la tensione in c.c. prevista. Verificare che la tensione
del circuito in c.c. aperto proveniente dal generatore fotovoltaico
rientri nel range consentito dall'inverter (es. 450…1000 Vcc).
Nota: la tensione in c.c. prevista si
può stimare utilizzando la tensione
del circuito aperto dei moduli
fotovoltaici e il numero dei moduli per
stringa.
IMPOSTAZIONE DEL DISPOSITIVO DI MONITORAGGIO DELL'ISOLAMENTO
(opzioni +Q954, +Q976 e +Q981)
Verificare che sia presente un solo dispositivo di monitoraggio
dell'isolamento per l'inverter nello stesso sistema IT collegato
galvanicamente.
Nota: se sono presenti più di un
dispositivo di monitoraggio
dell'isolamento nello stesso sistema
IT collegato galvanicamente si
avranno risultati errati nella
misurazione dell'isolamento.
Avviamento 101
Controllare che le impostazioni del dispositivo di monitoraggio
siano adatte all'installazione e conformi alle normative locali. Il
limite di scatto viene regolato in fabbrica sul valore di default di
30 kohm.
Per ulteriori informazioni:
• Schemi elettrici forniti con
l'inverter.
• Manuale operativo del dispositivo
di monitoraggio dell'isolamento,
fornito dal produttore
IMPOSTAZIONE DEI TRASDUTTORI DI CORRENTE (opzione +G417) PER TUTTI GLI
INGRESSI IN C.C.
Regolare le impostazioni di monitoraggio per le misurazioni della
corrente in c.c.
Vedere il Manuale firmware.
REGOLAZIONE DELLA RESISTENZA DI TERRA PER LA MESSA A TERRA DEL
POLO POSITIVO O NEGATIVO (opzioni +F282 e +F283)
Di default, la resistenza di terra è impostata su 3 kohm. Se
necessario, modificare la configurazione della resistenza sulla
scheda PGND-02 (A20) nel modo seguente:
• AVVERTENZA! Assicurarsi che la tensione sia scollegata e
che l'interruttore principale in c.c. (Q2) sia aperto.
• Rimuovere la protezione che copre la scheda.
• Modificare il collegamento dei fili dei ponticelli sui morsetti X4
e X5.
IMPOSTAZIONI PARAMETRICHE PER IL PRIMO AVVIAMENTO
Eseguire le impostazioni parametriche necessarie per il primo
avviamento come illustrato nel Manuale firmware.
Vedere la sezione dedicata
all'avviamento nel Manuale firmware.
PRIMO AVVIAMENTO (modalità di controllo locale)
Misurare e registrare la tensione in c.c. proveniente dal
generatore fotovoltaico.
- Unità 100 kW con interruttori automatici miniaturizzati opzionali
(+H377): aprire gli interruttori automatici miniaturizzati. Misurare
e registrare tutti gli ingressi in c.c.
Nota: la tensione in c.c. prevista e la
tensione in c.c. misurata devono
essere approssimativamente uguali.
- Unità 100 kW con interruttori automatici miniaturizzati opzionali
(+H377): chiudere gli interruttori automatici miniaturizzati.
Chiudere gli interruttori principali in c.a. e c.c.
Collegare l'alimentazione ausiliaria.
Le schede di controllo e il pannello di
controllo CDP312R devono
riattivarsi. Se non ci sono guasti
attivi, l'inverter si trova in stand-by.
Sul pannello di controllo compare il
testo "STAND BY". Per le descrizioni
delle modalità dell'inverter, vedere il
Manuale firmware.
1
->
654.0 V
STATE
STAND BY
AC POWER 0,0 kW
AC CURR1
0 A
Nota: può darsi che sul display
lampeggino delle segnalazioni di
guasto o allarme. Verranno resettate
nelle fasi seguenti.
102 Avviamento
Assicurarsi che il pannello di controllo controlli l'unità di controllo
master (A43) verificando il numero di nodo sul display.
Vedere il Manuale firmware.
Unità con funzione di arresto di emergenza opzionale (+Q951):
rilasciare il pulsante di arresto di emergenza e resettare il circuito
di arresto di emergenza.
Unità con messa a terra positiva/negativa opzionale
(+F282/+F283): configurare l'opzione di messa a terra.
Vedere il Manuale firmware.
Resettare tutti i guasti su entrambe le schede di controllo.
Vedere il Manuale firmware.
Controllare che la tensione in c.c. del generatore fotovoltaico
corrisponda al valore di 01.34 PV MODULE DC MEAS nel
programma di controllo master.
Nota: se la tensione in c.c. non
coincide con il valore del parametro,
non avviare l'inverter. Contattare
ABB.
Verificare che l'inverter sia in modalità di controllo locale: sulla
riga superiore del display del pannello di controllo deve
comparire la lettera "L". In caso contrario, sul pannello di
controllo, premere il tasto
.
LOC
REM
Avviare l'inverter premendo il tasto
1 L ->
654.0 V
STATE
STAND BY
AC POWER 0,0 kW
AC CURR1
0 A
sul pannello di controllo.
Descrizione degli eventi in una procedura di avviamento normale
Dopo aver ricevuto il comando di avviamento, l'inverter entra in modalità SLEEP.
1 L ->
598.0 V I
STATE
SLEEP
AC POWER 0,0 kW
AC CURR1
0 A
Se la tensione in c.c. disponibile è sufficiente, l'inverter si avvia in modalità START ISU dopo il ritardo
definito dai parametri del gruppo 31 (il ritardo di default è 10 minuti).
1 L ->
617.0 V I
STATE
START ISU
AC POWER 0,0 kW
AC CURR1
0 A
In questa modalità, l'inverter carica i condensatori in c.c. dall'uscita in c.a. e si sincronizza alla rete. Il
contattore in c.c. si chiude. L'inverter passa in modalità MPPT e comincia ad alimentare potenza attiva
all'uscita in c.a.
1 L ->
570.0 V
STATE
MPPT
AC POWER 20,0 kW
AC CURR1
39 A
I
Se la tensione in c.c. e/o la potenza disponibile non sono sufficienti, l'inverter torna in modalità SLEEP
dopo il ritardo definito dai parametri del gruppo 31.
Durante l'avviamento, può essere utile ridurre temporaneamente i ritardi. I livelli di riattivazione e della
funzione Sleep devono essere adeguati alla tensione in c.c. disponibile.
Avviamento 103
Assicurarsi che l'inverter funzioni correttamente verificando i
valori effettivi dei seguenti parametri nel programma di controllo
master:
• 01.34 PV MODULE DC MEAS
• 01.10 AC POWER
• 01.07 AC CURRENT L1.
Esempio di visualizzazione sul
display:
1 L ->
500.0 V I
STATE
MPPT
AC POWER 102.0 kW
AC CURR1
197 A
La tensione in c.c. deve essere scesa rispetto alla tensione del
circuito aperto e la potenza attiva deve corrispondere alla
corrente di linea e alla tensione in c.a.
Avviare l'inverter premendo il tasto
sul pannello di controllo.
Impostare il parametro 98.08 AUTO LINE ID RUN su NO.
Nota: alcune funzioni relative alla
rete, come l'autoalimentazione in
presenza di bassa tensione e il
monitoraggio della rete, cominciano
a operare solo dopo aver avviato e
arrestato l'inverter almeno una volta.
Questa impostazione parametrica
evita di dover eseguire un'inutile ID
run in caso di perdita
dell'alimentazione ausiliaria della
scheda di controllo.
Nota: se varia l'ordine delle fasi,
impostare 99.07 LINE SIDE ID RUN
su YES per eseguire una volta l'ID
run.
Vedere il Manuale firmware.
IMPOSTAZIONE DEL CONTROLLO BUS DI CAMPO (opzione +K454, +K458, +K466 o
+K467)
Impostare i parametri del bus di campo nel programma di
controllo del master in base al regolatore esterno.
Verificare che l'inverter sia visibile dal PLC.
Verificare di essere in grado di leggere i segnali dall'inverter.
Verificare di essere in grado di avviare e arrestare l'inverter.
Testare i valori effettivi e di controllo.
REGISTRAZIONE DELL'INVERTER
Compilare una relazione di messa in servizio per registrare
l'inverter. Il modello di relazione si trova sul sito web di
InstalledBase.
http://www180.abb.com:8010/logistics/InstalledBase/Pages/Insta
lledBase.aspx
Chi non ha accesso a InstalledBase può richiedere l'iscrizione
effettuando una "Membership Request" sulla home page di
InstalledBase. InstalledBase è riservato al personale interno di
ABB e dei partner di ABB.
Nota: si raccomanda di allegare alla relazione anche l'elenco dei
parametri e i file di backup dell'inverter e del programma di
controllo master.
Vedere PVS800 Central Inverters
Firmware Manual
(3AUA0000058422 [inglese]) e il
manuale del modulo adattatore bus
di campo.
104 Avviamento
Collegamento di DriveWindow
Se nella procedura di avviamento viene utilizzato il tool per PC DriveWindow, procedere
come segue.
Collegare il PC all'inverter con un collegamento ad anello, come illustrato di seguito:
RDCU A43
RDCO
CH3:
RXD
RMIO
TXD
PC
RXD
NDPA-0x
TXD
NDPC-12
RDCU A41
RDCO
CH3:
RXD
RMIO
TXD
o
PC
RUSB-02
Porta USB
RXD
TXD
Avviare il programma DriveWindow e collegarsi all'inverter
scegliendo il server OPC ABB.SMP.
Nota: se le unità di controllo
collegate non sono tutte visibili
attraverso l'anello ottico, verificare
che gli indirizzi di nodo delle schede
RMIO siano stati impostati
correttamente. Collegare le fibre
ottiche al canale CH3 in ognuna
delle schede RMIO e impostare
adeguatamente il parametro
70.15 CH3 NODE ADDR.
Nota: il nuovo indirizzo di nodo
diventa valido solo alla successiva
accensione della scheda RMIO.
Aprire la finestra dei parametri nel programma DriveWindow.
Configurazione del modulo adattatore Ethernet NETA-01
Vedere NETA-01 Ethernet Adapter Module User's Manual (3AFE64605062 [inglese]).
Configurazione del tool di monitoraggio remoto NETA-21
Vedere NETA-21 Remote Monitoring Tool User's Manual (3AUA0000096939 [inglese]).
Ricerca dei guasti 105
9
Ricerca dei guasti
Contenuto del capitolo
Questo capitolo descrive la ricerca e la risoluzione dei guasti dell'inverter.
LED
La tabella seguente descrive i LED dell'inverter.
Dove
Scheda RMIO (A41)
LED
Quando il LED è acceso
Rosso
Guasto all'inverter.
Verde
L'alimentazione sulla scheda è OK.
Rosso
Guasto all'inverter.
Verde
L'alimentazione sulla scheda è OK.
Piastra di fissaggio del
pannello di controllo
Rosso
Guasto all'inverter.
Verde
L'alimentazione di rete +24 V per il pannello di controllo e la
scheda RMIO è OK.
Scheda AINT
V204 (verde)
La tensione della scheda (+5 V) è OK.
V309 (rosso)
Non utilizzato.
V310 (verde)
La trasmissione dei segnali di controllo IGBT alle schede di
controllo del gate driver è abilitata.
Scheda RMIO (A43)
106 Ricerca dei guasti
Messaggi di guasto e allarme visualizzati dal pannello di
controllo CDP-312R
Il pannello di controllo visualizza le segnalazioni di guasto e allarme dell'unità di controllo
inverter che in quel momento sta controllando. I messaggi lampeggianti WARNING, ID:2 o
FAULT, ID:2 sul display del pannello di controllo indicano rispettivamente uno stato di
allarme o di guasto dell'altra unità di controllo. Per leggere il testo relativo all'allarme o al
guasto, attivare la visualizzazione dell'altra unità di controllo sul pannello di controllo.
Vedere il Manuale firmware degli inverter centrali PVS800 (3AUA0000058422 [inglese])
per le descrizioni, le cause e le azioni correttive per ogni segnalazione di guasto e allarme.
Guasto: "Same ID numbers"
Se gli ID di due unità di controllo hanno impostazione identica, il pannello di controllo
smette di funzionare. Per risolvere il problema:
• Scollegare il cavo del pannello dalla scheda RMIO (A43) dell'unità di controllo master.
•
Impostare l'ID della scheda RMIO dell'unità di controllo dell'inverter (A41) su 2. Per la
procedura di impostazione, vedere PVS800 Central Inverters Firmware Manual
(3AUA0000058422 [inglese]).
•
Ricollegare il cavo scollegato alla scheda RMIO (A43) dell'unità di controllo master e
impostare il suo ID su 1.
Ricerca dei guasti del dispositivo di monitoraggio
dell'isolamento (opzioni +Q954, +Q976 e +Q981)
Vedere la sezione Monitoraggio dei guasti a terra per sistemi IT (senza messa a terra),
pag. 81.
Manutenzione 107
10
Manutenzione
Contenuto del capitolo
Questo capitolo contiene le istruzioni per la manutenzione preventiva dell'inverter.
Intervalli di manutenzione
Se installato in ambiente idoneo, l'inverter richiede pochissima manutenzione. Le tabelle
che seguono contengono un elenco degli intervalli di manutenzione ordinaria
raccomandati da ABB. Gli intervalli di manutenzione raccomandati e la sostituzione dei
componenti sono calcolati in base alle condizioni operative e ambientali specificate.
Nota: se l'unità funziona per lunghi periodi a valori prossimi ai limiti nominali massimi
specificati o in condizioni ambientali limite, gli intervalli di manutenzione per alcuni
componenti possono accorciarsi.
Le tabelle seguenti contengono gli interventi che l'utente deve eseguire. Per gli interventi
da effettuare a cura di ABB e per ulteriori dettagli sulla manutenzione, rivolgersi al
rappresentante ABB locale. In Internet, visitare il sito http://www.abb.com/searchchannels.
 Legenda dei simboli
Azione
I
E
S
Descrizione
Ispezione visiva e, se necessario, intervento di manutenzione.
Esecuzione degli interventi on/off-site (messa in servizio, collaudi, misurazioni e altri
interventi).
Sostituzione del componente se la temperatura ambiente è inferiore a 40 °C (104 °F) e in
assenza di carichi ciclici pesanti o carico nominale continuo.
108 Manutenzione
 Manutenzione annuale raccomandata – a cura dell'utente
ABB raccomanda di ispezionare le unità annualmente per garantire la massima affidabilità
e prestazioni ottimali nel funzionamento.
Azione
I
S
E
I
E
I
I
I
Che cosa
Reti di ingresso e uscita aria sugli sportelli dell'armadio
Filtri aria sugli sportelli dell'armadio
Qualità della tensione di alimentazione
Ricambi
Ricondizionamento di condensatori, moduli di ricambio e condensatori di ricambio
Serraggio dei morsetti
Presenza di polvere, corrosione e temperatura
Dissipatore
 Intervalli di manutenzione raccomandati dopo l'avviamento
Componente
3
6
Anni dall'avviamento
9
12 15 18 20
21
Raffreddamento1)
Ventola di raffreddamento principale del modulo inverter
Ventola di raffreddamento del filtro LCL
Ventola di raffreddamento armadio (tetto)
Ventola di raffreddamento armadio (sportello)
Unità inverter
Condensatori elettrolitici del circuito in c.c. e resistenze di scarica
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
S
2)
Scheda di interfaccia circuito principale 2)
Cavi a nastro
Controllo
Batteria di back-up memoria nell'unità di distribuzione APBU
Controllo sensore e trasmettitore di misura della temperatura
dell'armadio (DRMU-W)
Buffer 24 Vcc 3)
Collegamenti e ambiente
Connettore rapido del modulo convertitore
Controllo e pulizia dei collegamenti di alimentazione
S
S
I
I
S
I
I
I
S
I
S
S
S
I
I
I
I
S
I
I
S
I
S
I
I
4FPS10000027105
1) Se l'inverter è utilizzato in modo continuo per la compensazione della potenza reattiva nelle ore notturne,
l'intervallo di sostituzione va dimezzato. Se la compensazione della potenza reattiva è utilizzata solo
parzialmente, controllare le ore di funzionamento delle ventole nel parametro 01.31 FAN ON-TIME del
programma di controllo dell'inverter. Dopo aver sostituito le ventole, resettare il contatore.
2) Intervallo di manutenzione stimato in condizioni ideali: temperatura ambiente compresa tra 0…40° C
(104 °F), per ambienti chiusi (IEC 62109) e senza carichi ciclici gravosi.
3) Se la temperatura operativa è costantemente al di sotto di 40° C (104 °F), sostituzione dopo 12 anni. Se la
temperatura è superiore a 40° C, sostituzione dopo 9 anni. Contattare ABB per la sostituzione.
Manutenzione 109
Pulizia dell'interno dell'armadio
AVVERTENZA! Seguire le norme di sicurezza, pag. 11. Il mancato
rispetto di queste norme può mettere a repentaglio l'incolumità delle
persone, con rischio di morte, e danneggiare le apparecchiature.
AVVERTENZA! Utilizzare un aspirapolvere con tubo e ugello antistatici. L'utilizzo
di un normale aspirapolvere creerebbe scariche elettrostatiche che possono
danneggiare le schede a circuiti stampati.
1. Arrestare l'inverter ed eseguire le operazioni elencate nella sezione Precauzioni prima
degli interventi elettrici a pag. 12 prima di procedere.
2. Se necessario, pulire l'interno dell'armadio con una spazzola morbida e un
aspirapolvere.
3. Pulire le prese e le uscite d'aria delle ventole.
4. Controllare i filtri di ingresso aria sull'armadio. Sostituirli quando necessario; vedere la
sezione Sostituzione dei filtri aria di seguito.
Sostituzione dei filtri aria
Controllare i filtri aria e, se necessario, sostituirli (vedere la sezione Perdite, dati di
raffreddamento e rumorosità a pag. 133 per identificare i tipi di filtro adatti).
 Filtri di ingresso sullo sportello
1. Rimuovere i fermi di fissaggio in cima alla grata.
2. Sollevare la grata e staccarla dallo sportello.
3. Sostituire il filtro aria.
4. Reinstallare la grata eseguendo la procedura in ordine inverso.
1
2
3
4
110 Manutenzione
Pulizia del dissipatore
Sulle alette del dissipatore del modulo inverter si accumula la polvere presente nell'aria di
raffreddamento. Controllare regolarmente che il dissipatore sia pulito. Se il dissipatore non
viene pulito con regolarità, si possono verificare allarmi e guasti da sovratemperatura
nell'inverter. Quando necessario, pulire il dissipatore come segue.
AVVERTENZA! Seguire le norme di sicurezza, pag. 11. Il mancato rispetto di
queste norme può mettere a repentaglio l'incolumità delle persone, con rischio di
morte, e danneggiare le apparecchiature.
1. Arrestare l'inverter ed eseguire le operazioni elencate nella sezione Precauzioni prima
degli interventi elettrici a pag. 12 prima di procedere.
2. Aprire lo sportello dell'armadio dell'inverter.
3. Estrarre il modulo inverter dall'armadio come descritto nella sezione Sostituzione del
modulo inverter (telai R8i, 2 × R8i, 3 × R8i).
4. Rimuovere la ventola di raffreddamento del modulo come descritto nella sezione
Ventole di seguito.
5. Soffiare aria compressa pulita e asciutta (non umida) dal basso verso l'alto e
contemporaneamente aspirare con un aspirapolvere in corrispondenza dell'uscita
dell'aria per raccogliere la polvere. Nota: evitare che la polvere penetri nei dispositivi
adiacenti.
6. Reinstallare la ventola di raffreddamento.
Manutenzione 111
Controllo e pulizia dei collegamenti di alimentazione
(R8i, 2 × R8i, 3 × R8i)
AVVERTENZA! Seguire le norme di sicurezza, pag. 11. Il mancato rispetto di
queste norme può mettere a repentaglio l'incolumità delle persone, con rischio di
morte, e danneggiare le apparecchiature.
1. Arrestare l'inverter ed eseguire le operazioni elencate nella sezione Precauzioni prima
degli interventi elettrici a pag. 12 prima di procedere.
2. Aprire lo sportello dell'armadio dell'inverter.
3. Estrarre un modulo inverter dall'armadio come descritto nella sezione Sostituzione del
modulo inverter (telai R8i, 2 × R8i, 3 × R8i).
4. Controllare che i collegamenti delle busbar siano ben serrati in corrispondenza del
connettore rapido. Applicare le coppie di serraggio indicate nelle tabelle del capitolo
Dati tecnici.
5. Pulire tutte le superfici di contatto del connettore rapido e applicare su di esse uno
strato di apposito prodotto per giunti (es. Isoflex® Topas NB 52 di Klüber Lubrication).
6. Reinserire il modulo inverter.
7. Ripetere i punti da 4 a 7 per tutti gli altri moduli inverter.
112 Manutenzione
Ventole
La durata utile della ventola di raffreddamento dipende dalle modalità d'uso dell'inverter e
dalla temperatura ambiente. Per il segnale effettivo che indica le ore di funzionamento
della ventola, vedere il Manuale firmware.
La probabilità di un guasto imminente è segnalata dall'aumento della rumorosità dei
cuscinetti della ventola e dal graduale aumento della temperatura del dissipatore,
nonostante i regolari interventi di pulizia. Se l'inverter viene utilizzato nella fase critica di un
processo, è consigliabile sostituire la ventola alla prima comparsa di questi segnali. Le
ventole di ricambio sono disponibili presso ABB. Utilizzare esclusivamente parti di
ricambio specificate da ABB.
 Sostituzione della ventola di raffreddamento del filtro LCL (R7i)
AVVERTENZA! Seguire le norme di sicurezza, pag. 11. Il mancato rispetto di
queste norme può mettere a repentaglio l'incolumità delle persone, con rischio di
morte, e danneggiare le apparecchiature.
1. Arrestare l'inverter ed eseguire le operazioni elencate nella sezione Precauzioni prima
degli interventi elettrici a pag. 12 prima di procedere.
2. Aprire lo sportello dell'armadio del filtro LCL.
3. Scollegare la spina di cablaggio.
4. Rimuovere le viti che mantengono l'unità di ventilazione.
5. Estrarre l'unità di ventilazione.
6. Installare la nuova ventola eseguendo la procedura in ordine inverso.
4
4
3
5
Manutenzione 113
 Sostituzione della ventola di raffreddamento del filtro LCL
(R8i, 2 × R8i, 3 × R8i)
AVVERTENZA! Seguire le norme di sicurezza, pag. 11. Il mancato rispetto di
queste norme può mettere a repentaglio l'incolumità delle persone, con rischio di
morte, e danneggiare le apparecchiature.
1. Arrestare l'inverter ed eseguire le operazioni elencate nella sezione Precauzioni prima
degli interventi elettrici a pag. 12 prima di procedere.
2. Aprire lo sportello dell'armadio del filtro LCL.
3. Scollegare la spina di cablaggio della ventola.
4. Svitare la vite del fermo di fissaggio della ventola.
5. Estrarre la ventola.
6. Installare una nuova ventola eseguendo la procedura in ordine inverso.
4
5
3
114 Manutenzione
 Sostituzione delle ventole sugli sportelli
AVVERTENZA! Seguire le norme di sicurezza, pag. 11. Il mancato rispetto di
queste norme può mettere a repentaglio l'incolumità delle persone, con rischio di
morte, e danneggiare le apparecchiature.
1. Arrestare l'inverter ed eseguire le operazioni elencate nella sezione Precauzioni prima
degli interventi elettrici a pag. 12 prima di procedere.
2. Aprire lo sportello dell'armadio.
3. Scollegare i fili di alimentazione della ventola.
4. Allentare le viti di fissaggio della ventola.
5. Installare una nuova ventola eseguendo la procedura in ordine inverso.
3
4
4
Manutenzione 115
 Sostituzione delle ventole sul tetto dell'armadio (R8i)
AVVERTENZA! Seguire le norme di sicurezza, pag. 11. Il mancato rispetto di
queste norme può mettere a repentaglio l'incolumità delle persone, con rischio di
morte, e danneggiare le apparecchiature.
1. Arrestare l'inverter ed eseguire le operazioni elencate nella sezione Precauzioni prima
degli interventi elettrici a pag. 12 prima di procedere.
2. Allentare le quattro viti di fissaggio della piastra di assemblaggio della ventola.
3. Scollegare la spina di cablaggio della ventola.
4. Allentare le viti di fissaggio della ventola.
5. Scollegare i cavi di alimentazione e PE.
6. Installare una nuova ventola eseguendo la procedura in ordine inverso.
2
2
2
2
3
4
4
4
4
116 Manutenzione
 Sostituzione della ventola di raffreddamento del modulo inverter
(R7i)
AVVERTENZA! Seguire le norme di sicurezza, pag. 11. Il mancato rispetto di
queste norme può mettere a repentaglio l'incolumità delle persone, con rischio di
morte, e danneggiare le apparecchiature.
1. Arrestare l'inverter ed eseguire le operazioni elencate nella sezione Precauzioni prima
degli interventi elettrici a pag. 12 prima di procedere.
2. Aprire lo sportello dell'armadio dell'inverter.
3. Scollegare la spina di cablaggio (a).
4. Rimuovere le viti che mantengono l'unità di ventilazione (b).
5. Tirare delicatamente la ventola verso l'esterno e poi verso il basso per sganciarla (c).
6. Installare la nuova ventola eseguendo la procedura in ordine inverso.
b
c
a
Manutenzione 117
 Sostituzione della ventola di raffreddamento del modulo inverter
(R8i, 2 × R8i, 3 × R8i)
AVVERTENZA! Seguire le norme di sicurezza, pag. 11. Il mancato rispetto di
queste norme può mettere a repentaglio l'incolumità delle persone, con rischio di
morte, e danneggiare le apparecchiature.
1. Arrestare l'inverter ed eseguire le operazioni elencate nella sezione Precauzioni prima
degli interventi elettrici a pag. 12 prima di procedere.
2. Aprire lo sportello dell'armadio dell'inverter.
3. Scollegare la spina di cablaggio della ventola (a).
4. Rimuovere le viti di blocco (b).
5. Estrarre la ventola facendola scorrere lungo i binari (c).
6. Installare la nuova ventola eseguendo la procedura in ordine inverso.
b
a
c
118 Manutenzione
Sostituzione del modulo inverter (telai R8i, 2 × R8i,
3 × R8i)
AVVERTENZA! Seguire le norme di sicurezza, pag. 11. Il mancato rispetto di
queste norme può mettere a repentaglio l'incolumità delle persone, con rischio di
morte, e danneggiare le apparecchiature.
AVVERTENZA! Il mancato rispetto di queste norme può mettere a repentaglio
l'incolumità delle persone, con rischio di morte, e danneggiare le apparecchiature.
•
Prestare la massima attenzione quando si movimenta il modulo inverter. Estendere le
gambe di supporto del modulo dopo averlo rimosso dall'armadio! Non inclinare il
modulo! Il modulo è pesante e il suo baricentro è alto. Può cadere facilmente se
movimentato con scarsa attenzione.
•
Sollevare il modulo dall'alto utilizzando esclusivamente gli appositi fori sulla sommità!
•
Non utilizzare la rampa con basamenti alti più di 50 mm. La rampa fornita con l'inverter
è adatta a basamenti alti 50 mm (l'altezza standard dei basamenti degli armadi ABB).
Serrare i quattro bulloni di fissaggio della rampa.
 Rimozione del modulo dall'armadio
1. Arrestare l'inverter ed eseguire le operazioni elencate nella sezione Precauzioni prima
degli interventi elettrici a pag. 12 prima di procedere.
2. Aprire lo sportello dell'armadio.
3. Rimuovere le protezioni delle busbar e degli ingressi dei cavi.
4. Aprire il coperchio trasparente sul lato anteriore del modulo inverter (il modulo
all'estrema destra) e scollegare i cavi in fibra ottica. Spostare lateralmente i cavi.
5. Rimuovere le busbar in c.c. a L alla sommità del modulo.
6. Scollegare la morsettiera (X50) in prossimità delle busbar in c.c.
Manutenzione 119
7. Rimuovere le due viti di fissaggio del modulo (7a) alla sommità. Alla base del modulo,
allentare i due bulloni di fissaggio (7b) ma senza rimuoverli; sollevare delicatamente la
staffa (7c) nella posizione superiore.
8. Inserire la rampa di estrazione del modulo sotto i due bulloni alla base del modulo e
serrare i bulloni senza applicare eccessiva forza.
6
5
5
7c
7c
7c
7a
7a
7b
7b
4
8
8
9. Estrarre attentamente il modulo dall'armadio lungo la rampa. Prestare attenzione a
non impigliare i cavi. Tirare per la maniglia ed esercitare una pressione costante con
un piede alla base del modulo per evitare che si ribalti. Indossare calzature di
sicurezza con la punta rinforzata in metallo.
10. Estendere le gambe di supporto del modulo. Le gambe devono rimanere estese
finché il modulo non viene ricollocato all'interno dell'armadio.
9
10
a
b
max 50 mm
c
120 Manutenzione
 Inserimento del modulo nell'armadio
1. Posizionare il nuovo modulo inverter in prossimità della rampa, quindi ritrarre le
gambe di supporto del modulo.
2. Spingere il modulo sulla rampa e inserirlo nell'armadio. Tenere le dita lontane dal
bordo della piastra anteriore del modulo per evitare di schiacciarle tra il modulo e
l'armadio. Esercitare una pressione costante con un piede alla base del modulo per
stabilizzare il movimento.
3. Riserrare le viti di fissaggio del modulo alla sommità e ricollegare le busbar in c.c. La
coppia di serraggio è 70 N·m per le viti M12.
4. Ricollegare i cavi (X50, cavi in fibra ottica).
5. Allentare i bulloni di fissaggio alla base del modulo e rimuovere la rampa di estrazione.
Piegare la staffa di fissaggio del modulo nella posizione inferiore e serrare le viti.
6. Chiudere lo sportello dell'armadio.
Sostituzione del filtro LCL
Contattare ABB.
Manutenzione 121
Condensatori
Il circuito intermedio dell'inverter impiega diversi condensatori elettrolitici, la cui durata utile
dipende dal carico dell'inverter e dalla temperatura ambiente. La durata dei condensatori
può essere prolungata riducendo la temperatura ambiente. La durata dei condensatori si
riduce ad alte temperature ambiente e in presenza di carichi elevati.
Non è possibile prevedere il guasto a un condensatore. Di norma, un guasto a un
condensatore è seguito da un guasto a un fusibile di rete o da uno scatto per guasto.
Contattare ABB se si sospetta un guasto ai condensatori. I componenti di ricambio sono
disponibili presso ABB. Utilizzare esclusivamente parti di ricambio specificate da ABB.
 Ricondizionamento dei condensatori
Ricondizionare i condensatori di ricambio una volta all'anno attenendosi alle indicazioni
del documento Capacitor Reforming Instructions (3BFE64059629 [inglese]).
122 Manutenzione
Dati tecnici 123
11
Dati tecnici
Contenuto del capitolo
Questo capitolo contiene i dati tecnici degli inverter.
Valori nominali
La tabella seguente riporta i valori nominali degli inverter.
Inverter
PVS800-57…
Telaio
Temp
Valori nominali
IN(AC)
Imax(DC)
A
A
0100kW-A
R7i
40 °C
195
245
0250kW-A
R8i
40 °C
485
600
0315kW-B
R8i
45 °C
520
615
0500kW-A
2×R8i 50 °C
965
1145
0630kW-B
2×R8i 45 °C 1040
1230
0875kW-B
3×R8i 50 °C 1445
1710
1000kW-C
3×R8i 50 °C 1445
1710
* I valori dipendono dai valori nominali dei fusibili.
IN(AC)
PN(AC)
Imax(DC)
UN(AC)
Ppv
kWp
Isc PV
Temp
UN(AC)
PN(AC)
Ppv
IscPV
V
300
300
350
300
350
350
400
kW
100
250
315
500
630
875
1000
kWp
120
300
380
600
760
1050
1200
A
414
1035
1107
2061
2214
3078
3078
Corrente
di ritorno *
A
150
270
270
550
550
440
440
Corrente di
spunto
A
ms
400 200
400 200
400 200
800 200
800 200
800 200
800 200
00592517
Corrente di uscita in c.a. continua.
Potenza di uscita in c.a. continua.
Corrente di ingresso massima alla potenza di uscita nominale a temperatura ambiente
Tensione di uscita nominale
Potenza di ingresso massima raccomandata per assicurare la piena potenza di uscita in
condizioni di irraggiamento normali. L'inverter limita la potenza a un livello sicuro.
kW picco
Corrente di cortocircuito totale massima assoluta dell'array fotovoltaico (c.c.)
Temperatura nominale ambiente. I valori sono validi a questa temperatura.
124 Dati tecnici
 Declassamento per altitudine
La capacità di carico dell'inverter (corrente e potenza) diminuisce se l'installazione si trova
a un'altitudine superiore a 1000 m (3300 ft). Il declassamento è dell'1% ogni 100 m (328
ft). Per l'altitudine massima di installazione, vedere la sezione Condizioni ambientali a pag.
144.
 Curve di declassamento per temperatura
La capacità di carico (corrente e potenza) diminuisce se la temperatura ambiente supera i
valori nominali.
Declassamento per temperatura delle unità -0100kW-A e -0250kW-A
Nel range di temperatura compreso tra +40 °C (+104 °F) e +50 °C (+122 °F), la corrente
nominale di uscita è ridotta come illustrato di seguito.
%
100
90
...
80
0
-15 °C
+5 °F
-5 °C
+41 °F
...
+30 °C
+86 °F
+40 °C
+104 °F
+50 °C
+122 °F
Temperatura nominale ambiente
+55 °C T
+131 °F
Dati tecnici 125
Declassamento per temperatura delle unità -0315kW-B e -0630kW-B
Questa curva descrive la capacità di carico degli inverter -0315kW-B e -0630kW-B come
funzione della temperatura ambiente. La curva è valida ad altitudini inferiori a 1000 m
(3300 ft).
%
110
100
90
...
80
0
-15 °C
+5 °F
-5 °C
+41 °F
...
+20 °C
+68 °F
+30 °C
+86 °F
+40 °C
+104 °F
+50 °C
+122 °F
Temperatura nominale ambiente
+60 °C T
+140 °F
126 Dati tecnici
Declassamento per temperatura delle unità -0500kW-A, -0875kW-B e -1000kW-C
Questa curva descrive la capacità di carico degli inverter 0500kW-A, -0875kW-B e 1000kW-C come funzione della temperatura ambiente. La curva è valida ad altitudini
inferiori a 1000 m (3300 ft).
%
120
110
108
100
90
...
80
0
-15 °C
+5 °F
...
+15 °C
+59 °F
+25 °C
+77 °F
+35 °C
+95 °F
+45 °C
+113 °F
+55 °C +60 °C
+131 °F +140 °F
T
Temperatura nominale ambiente
 Declassamento per altitudine con compensazione di temperatura
Ogni grado di temperatura ambiente massima al di sotto della temperatura ambiente
nominale comporta una compensazione del declassamento per altitudine, ma non bisogna
tuttavia superare la curva di declassamento per temperatura e l'altitudine massima
consentita. Nel calcolo del fattore di declassamento dell'altitudine con compensazione, è
necessario osservare i punti angolari delle curve dei valori nominali di temperatura.
Esempio 1: per gli inverter PVS800-57-0100kW-A e PVS800-57-0250kW-A installati a
1800 m (5900 ft), se la temperatura ambiente massima è limitata a +35 °C (95 °F), il
fattore di declassamento dell'altitudine con compensazione è 100% - 8 · 1% + (40 35) · 1% = 97% o 0.97.
Esempio 2: per gli inverter PVS800-57-0315kW-B e PVS800-57-0630kW-B installati a
2100 m (6890 ft), se la temperatura ambiente massima è limitata a +35 °C (95 °F), il
fattore di declassamento dell'altitudine con compensazione è 100% - 11 · 1% + (45 - 35) ·
0.5% = 94% o 0.94.
Esempio 3: per gli inverter PVS800-57-0500kW-A, PVS800-57-0875kW-B e PVS800-571000kW-C installati a 2800 m (9200 ft), se la temperatura ambiente massima è limitata a
+32 °C (89 °F), il fattore di declassamento dell'altitudine con compensazione è 100% 18 · 1% + (50 - 45) · 1.6% + (45 - 32) · 0.6% = 97.8% o 0.978.
Dati tecnici 127
Tabella delle equivalenze
Inverter
Telaio
Modulo/i inverter utilizzato/i
Filtro/i LCL
PVS800-57-0100kW-A
R7i
PVS800-104-0105kW-A
SLCL-05
PVS800-57-0250kW-A
R8i
PVS800-104-0250kW-A
SLCL-16
PVS800-57-0315kW-B
R8i
PVS800-104-0315kW-B
SLCL-16
PVS800-57-0500kW-A
2×R8i
2×PVS800-104-0250kW-A
2×SLCL-16
PVS800-57-0630kW-B
2×R8i
2×PVS800-104-0315kW-B
2×SLCL-16
PVS800-57-0875kW-B
3×R8i
3xPVS800-104-0315kW-B
3xSLCL-17
PVS800-57-1000kW-C
3×R8i
3xPVS800-104-0315kW-B
3xSLCL-17
Fusibili
Le tabelle seguenti riportano i dati dei fusibili installati in fabbrica. È consentito utilizzare
fusibili di altre marche, purché abbiano gli stessi valori nominali.
 Fusibili in c.a. del circuito principale
Inverter
Fusibili
Q.tà
Corrente
nominale
(A)
Bussmann
Mersen
PVS800-57-0100kW-A
3
400
170M5808D
-
PVS800-57-0250kW-A
3
1000
170M6814D
6,9URD3PV1000
PVS800-57-0315kW-B
3
1000
170M6814D
6,9URD3PV1000
PVS800-57-0500kW-A
6
1000
170M6414
6,9URD33TTF1000
PVS800-57-0630kW-B
6
1000
170M6414
6,9URD33TTF1000
PVS875-57-0875kW-B
9
1000
170M6414
6,9URD33TTF1000
PVS800-57-1000kW-C
9
1000
170M6414
6,9URD33TTF1000
 Fusibili in c.c. dell'inverter
Inverter
Fusibili
Q.tà
Corrente
nominale
(A)
Bussmann
Mersen
PVS800-57-0100kW-A
2
400
170M6303
-
PVS800-57-0250kW-A
2
800
170M5398
11URD73PA0800
PVS800-57-0315kW-B
2
800
170M5398
11URD73PA0800
PVS800-57-0500kW-A
4
800
170M5398
11URD73PA0800
PVS800-57-0630kW-B
4
800
170M5398
11URD73PA0800
PVS800-57-0875kW-B
6
800
170M5398
11URD73PA0800
PVS800-57-1000kW-C
6
800
170M5398
11URD73PA0800
128 Dati tecnici
 Fusibili in c.c. per 2 collegamenti di ingresso in c.c. (opzione +2H382)
Inverter
Fusibili
Q.tà
Corrente nominale
(A)
Bussmann
PVS800-57-0250kW-A
4
400
PV-400AF3
PVS800-57-0315kW-B
4
400
PV-400AF3
 Fusibili in c.c. per 4 collegamenti di ingresso in c.c. (opzione +4H382)
Inverter
Fusibili
Q.tà
Corrente nominale
(A)
Bussmann
PVS800-57-0250kW-A
8
250
PV-250AF2
PVS800-57-0315kW-B
8
315
PV-315AF3
PVS800-57-0500kW-A
8
400
PV-400AF3
PVS800-57-0630kW-B
8
400
PV-400AF3
 Fusibili in c.c. per 5 collegamenti di ingresso in c.c. (opzione +5H382)
Inverter
Fusibili
Q.tà
Corrente nominale
(A)
Bussmann
PVS800-57-0500kW-A
10
400
PV-400AF3
PVS800-57-0630kW-B
10
400
PV-400AF3
 Fusibili in c.c. per 8 collegamenti di ingresso in c.c. (opzione +8H382)
Inverter
Fusibili
Q.tà
Corrente nominale
(A)
Bussmann
PVS800-57-0250kW-A
16
160
PV-160AF2
PVS800-57-0315kW-B
16
160
PV-160AF2
PVS800-57-0500kW-A
16
250
PV-250AF2
PVS800-57-0630kW-B
16
250
PV-250AF2
PVS800-57-0875kW-B
16
400
PV-400AF3
PVS800-57-1000kW-C
16
400
PV-400AF3
 Fusibili in c.c. per 10 collegamenti di ingresso in c.c. (opzione
+10H382)
Inverter
Fusibili
Q.tà
Corrente nominale
(A)
Bussmann
PVS800-57-0500kW-A
20
200
PV-250AF2
PVS800-57-0630kW-B
20
200
PV-250AF2
PVS800-57-0875kW-B
20
315
PV-315AF3
PVS800-57-1000kW-C
20
315
PV-315AF3
Dati tecnici 129
 Fusibili in c.c. per 12 collegamenti di ingresso in c.c. (opzione
+12H382)
Inverter
Fusibili
Q.tà
Corrente nominale
(A)
Bussmann
PVS800-57-0500kW-A
24
200
PV-200AF2
PVS800-57-0630kW-B
24
200
PV-200AF2
PVS800-57-0875kW-B
24
250
PV-250AF2
PVS800-57-1000kW-C
24
250
PV-250AF2
 Fusibili in c.c. per 15 collegamenti di ingresso in c.c. (opzione
+15H382)
Inverter
Fusibili
Q.tà
Corrente nominale
(A)
Bussmann
PVS800-57-0500kW-A
30
160
PV-160AF2
PVS800-57-0630kW-B
30
160
PV-160AF2
PVS800-57-0875kW-B
30
200
PV-200AF2
PVS800-57-1000kW-C
30
200
PV-200AF2
 Fusibili in c.c. per 16 collegamenti di ingresso in c.c. (opzione
+16H382)
Inverter
Fusibili
Q.tà
Corrente nominale
(A)
Bussmann
PVS800-57-0875kW-B
32
200
PV-200AF2
PVS800-57-1000kW-C
32
200
PV-200AF2
 Fusibili in c.c. per 20 collegamenti di ingresso in c.c. (opzione
+20H382)
Inverter
Fusibili
Q.tà
Corrente nominale
(A)
Bussmann
PVS800-57-0875kW-B
40
160
PV-160AF2
PVS800-57-1000kW-C
40
160
PV-160AF2
130 Dati tecnici
 Fusibili per inverter forniti senza fusibili di ingresso in c.c. (opzione
+0F291)
La tabella seguente mostra i valori di corrente in c.c. per selezionare i fusibili di ingresso in
c.c. (vedere la tabella successiva) in base al numero di collegamenti di ingresso in c.c. del
generatore fotovoltaico.
N. di collegamenti di
ingresso in c.c.
Corrente nominale per i fusibili di ingresso in c.c. (A)
-0250kW-A
-0315kW-B
-0500kW-A
-0630kW-B
-0875kW-A
-1000kW-A
2
400 A
400 A
-
-
-
-
3
315 A
355 A
-
-
-
-
4
250 A
250 A
400 A
400 A
-
-
5
200 A
200 A
400 A
400 A
-
-
6
160 A
200 A
355 A
355 A
-
-
7
160 A
160 A
315 A
315 A
-
-
8
160 A
160 A
250 A
250 A
400 A
400 A
9
-
-
250 A
250 A
355 A
355 A
10
-
-
200 A
200 A
315 A
315 A
11
-
-
200 A
200 A
315 A
315 A
12
-
-
200 A
200 A
250 A
250 A
13
-
-
160 A
160 A
250 A
250 A
14
-
-
160 A
160 A
250 A
250 A
15
-
-
160 A
160 A
200 A
200 A
16
-
-
-
-
200 A
200 A
17
-
-
-
-
200 A
200 A
18
-
-
-
-
200 A
200 A
19
-
-
-
-
160 A
160 A
20
-
-
-
-
160 A
160 A
La tabella seguente indica i tipi di fusibili in c.c. raccomandati. Per altri fusibili, contattare
ABB.
Corrente nominale del
fusibile in c.c. dell'inverter
(A)
Fusibili di ingresso in c.c. raccomandati
400 A
PV-400AF3
355 A
PV-355AF3
315 A
PV-315AF3
250 A
PV-250AF2
200 A
PV-200AF2
160 A
PV-160AF2
Dati tecnici 131
Dimensioni dei fusibili raccomandati (mm). 1 mm = 0.0394 in.
Taglia
Codice
A
B
D
E
F
G
H
2
PV-***AF2
81
91
77
61
M10
9.5
24
3
PV-***AF3
82
91
92
76
M12
9.5
30
 Interruttori automatici miniaturizzati in c.c. (opzione +H377)
Inverter
PVS800-57-0100kW-A
Interruttori
Q.tà
ABB
4
S804PV-S80
 Interruttori automatici miniaturizzati per le opzioni +G300 e +G410
Opzione
Interruttore
+G300
S 202-K6
+G410
DS201-C6A30
132 Dati tecnici
Dimensioni, pesi e requisiti di spazio
Di seguito sono indicate le altezze e le profondità degli armadi.
Inverter
Altezza
Profondità
PVS800-57-…
mm
in.
mm
in.
0100kW-A
2130
83.84
690
27.17
0250kW-A
2130
83.84
680
26.77
0315kW-B
2130
83.84
680
26.77
0500kW-A
2130
83.84
708
27.87
0630kW-B
2130
83.84
708
27.87
0875kW-B
2130
83.84
708
27.87
1000kW-C
2130
83.84
708
27.87
Di seguito sono indicate le larghezze degli armadi.
Inverter
Larghezza (mm)
+H377
+H382
+2H382
+4H382
+5H382
+8H382
+10H382
+12H382
+15H382
+16H382
+20H382
PVS800-57-…
0100kW-A
1030
1030
-
-
-
-
-
-
-
-
-
0250kW-A
-
-
1830
1830
-
2230
-
-
-
-
-
0315kW-B
-
-
1830
1830
-
2230
-
-
-
-
-
0500kW-A
-
-
-
2630
2630
3030
3030
3430
3430
-
-
0630kW-B
-
-
-
2630
2630
3030
3030
3430
3430
-
-
0875kW-B
-
-
-
-
-
3630
3630
4030
4030
4430
4430
1000kW-C
-
-
-
-
-
3630
3630
4030
4030
4430
4430
Di seguito sono indicati i pesi degli armadi.
Peso (kg)
Inverter
+H377
+H382
+2H382
+4H382
+5H382
+8H382
+10H382
+12H382
+15H382
+16H382
+20H382
PVS800-57-…
0100kW-A
700
600
-
-
-
-
-
-
-
-
-
0250kW-A
-
-
1100
1200
-
1320
-
-
-
-
-
0315kW-B
-
-
1100
1200
-
1320
-
-
-
-
-
0500kW-A
-
-
-
1640
1650
1760
1770
1880
1890
-
-
0630kW-B
-
-
-
1640
1650
1760
1770
1880
1890
-
-
0875kW-B
-
-
-
-
-
2320
2330
2440
2450
2560
2570
1000kW-C
-
-
-
-
-
2320
2330
2440
2450
2560
2570
Dati tecnici 133
Di seguito sono indicati i requisiti di spazio libero.
Spazio libero richiesto intorno all'unità per il raffreddamento
Davanti
Ai lati
Sopra
Indietro
mm
in.
mm
in.
mm
in.
mm
in.
150
5.91
-
-
500
19.68
-
-
> 400 mm
(15.75 in.)
> 500 mm
(19.68 in.)
IP54
Spazio richiesto per l'apertura degli sportelli: vedere il capitolo Disegni dimensionali.
Perdite, dati di raffreddamento e rumorosità
L'inverter è raffreddato da una ventola interna; la direzione del flusso dell'aria è dal lato
anteriore verso l'alto.
Inverter
Flusso aria di raffreddamento
Dissipazione del
calore 1)
Armadi moduli inverter
m3/h
kW
Rumorosità
Flusso aria totale 2)
ft3/h
m3/h
ft3/h
dB
PVS800-57-0100kW-A
4
-
-
1300
46000
75
PVS800-57-0250kW-A
10
2500
88300
3250
115000
753)
PVS800-57-0315kW-B
10
2500
88300
3250
115000
753)
PVS800-57-0500kW-A
20
5000
177000
6000
212000
753)
PVS800-57-0630kW-B
20
5000
177000
6000
212000
753)
PVS800-57-0875kW-B
30
7950
281000
9450
333700
75
PVS800-57-1000kW-C
30
7950
281000
9450
333700
75
1) per
il dimensionamento della ventilazione della stanza con le apparecchiature elettriche
2)
flusso d'aria di raffreddamento per una configurazione con un solo armadio di ingresso in c.c.
3)
a potenza parziale tipicamente < 65 dB con ventole controllate in velocità
Morsetti e piastre passacavi per i cavi di alimentazione di
ingresso in c.c.
Le busbar in c.c. sono stagnate. È possibile utilizzare capicorda idonei ai materiali
stagnati.
Inverter
N. di piastre passacavi Ø60 mm (2.36")
+H377
+H382
+2/4/5H382
+8/10H382
+12/15H382
+16/20H382
PVS800-57-0100kW-A
3×3
1×3
-
-
-
-
PVS800-57-0250kW-A
-
-
4×4
8×4
-
-
PVS800-57-0315kW-B
-
-
4×4
8×4
-
-
PVS800-57-0500kW-A
-
-
4×4
8×4
12 × 4
-
PVS800-57-0630kW-B
-
-
4×4
8×4
12 × 4
-
PVS800-57-0875kW-B
-
-
-
8×4
12 × 4
16 x 4
PVS800-57-1000kW-C
-
-
-
8×4
12 × 4
16 x 4
134 Dati tecnici
La tabella seguente riporta i dati relativi ai morsetti del cavo di potenza dell'ingresso in c.c.
Unità con collegamenti di ingresso in c.c. protetti da fusibili
Busbar in c.c.
+20H382
+16H382
+15H382
+12H382
+10H382
+8H382
+5H382
+4H382
+2H382
Pz. (più + meno)
+H382
Inverter
PVS800-57-
Busbar PE
0100kW-A
2
-
-
-
-
-
-
-
-
-
0250kW-A
-
4
8
-
16
-
-
-
-
-
0315kW-B
-
4
8
-
16
-
-
-
-
-
0500kW-A
-
-
8
10
16
20
24
30
-
-
0630kW-B
-
-
8
10
16
20
24
30
-
-
0875kW-B
-
-
-
-
16
20
24
30
32
40
1000kW-C
-
-
-
-
16
20
24
30
32
40
Morsetti di PVS800-57-0100kW-A
Bulloni
Coppia di
serraggio
M12
o ½"
70 N·m
(50 lb·ft)
Bulloni
Coppia di
serraggio
M10
30…44 N·m
o
(2…32 lb·ft)
3/8”
Morsetti di PVS800-57-0250kW-A, -0315kW-B,
-0500kW-A, -0630kW-B,- 0875kW-B e -1000kW-C
Unità con collegamenti di ingresso in c.c. protetti da MCB (opzione +H377)
Inverter
PVS800-57- Pz.
Interruttori fotovoltaici
Dimensioni max. filo
(mm2)
0100kW-A
4
6…50 (cavo a treccia)
6…70 (cavo pieno)
Busbar PE
Coppia di serraggio
3…4 N·m
(2.2…3.0 lb·ft)
Bulloni
Coppia di
serraggio
M10 30…44 N·m
(3/8”) (2…32 lb·ft)
Dati tecnici 135
Morsetti e piastre passacavi per il cavo di potenza
dell'uscita in c.a.
Le busbar in c.a. sono stagnate. È possibile utilizzare capicorda idonei ai materiali
stagnati.
Inverter
N. di piastre passacavi Ø60 mm (2.36")
PVS800-57-0100kW-A
3
PVS800-57-0250kW-A
2×3
PVS800-57-0315kW-B
2×3
PVS800-57-0500kW-A
3×4
PVS800-57-0630kW-B
3×4
PVS800-57-0875kW-B
3×4
PVS800-57-1000kW-C
3×4
Inverter
PVS800-57-
Busbar in c.a.
Pz.
0100kW-A
3
0250kW-A
3
0315kW-B
3
0500kW-A
3
0630kW-B
3
0875kW-B
6
1000kW-C
6
Busbar PE
Bulloni
Coppia di serraggio
Vite
Coppia di serraggio
M12
o ½”
70 N·m
(50 lb·ft)
M10
(3/8”)
30…44 N·m
2…32 lb·ft)
Morsetti di PVS800-57-0100kW-A
Morsetti di PVS800-57-0250kW-A e -0315kW-B
Morsetti di PVS800-57-0500kW-A, 0630kW-B, - 0875kW-B e
-1000kW-C
136 Dati tecnici
Specifiche per il collegamento dell'uscita in c.a.
Tensione
Unità -0100kW-A, -0250kW-A e -0500kW-A: 300 Vca trifase ± 10%
Unità -0315kW-B, -0630kW-B e -0875kW-B: 350 Vca trifase ± 10%
Sistema elettrico ammesso
Trasformatore
Corrente di cortocircuito
prevista (IEC 60439-1)
Unità -1000kW-C : 400 Vca trifase ± 10%
Sistema IT (senza messa a terra) trifase. È richiesto l'isolamento galvanico
per ogni inverter.
Il trasformatore deve essere adatto all'uso con inverter basati su IGBT, con
elevati valori du/dt verso terra. Per ogni inverter è necessario un
avvolgimento in bassa tensione dedicato. È richiesta una schermatura
statica, adeguatamente dimensionata, tra gli avvolgimenti.
Per informazioni più dettagliate sulla selezione del trasformatore, vedere
Selezione del trasformatore a pag. 73.
Unità -0100kW-A: la massima corrente di cortocircuito prevista consentita è
10 kA con i fusibili di protezione indicati nelle tabelle.
Unità -0250kW-A … -1000kW-C: la massima corrente di cortocircuito
prevista consentita è 50 kA con i fusibili di protezione indicati nelle tabelle.
Frequenza
Squilibrio
Cali di tensione
Fattore di potenza
fondamentale (cos phi1)
Quando si esegue una messa a terra temporanea per interventi sulle unità (i
cavi di messa a terra sono collegati alle manopole di terra delle busbar in c.a.
e c.c. e al circuito di terra PE dell'inverter): la massima corrente di
cortocircuito prevista consentita scende a 25 kA / 1 s. Se i cavi e i fissacavi di
messa a terra collegati non sono equivalenti alla corrente di cortocircuito
nominale prevista dell'inverter, il valore nominale totale sarà inferiore.
48...63 Hz sostenibili con un normale dimensionamento (la conformità alla
rete può richiedere la disconnessione a valori inferiori). Velocità di variazione
massima 17%/s
Max. ± 3% della tensione nominale di linea in c.a. fase-fase
Max. 25%
Nota: se l'inverter deve essere in grado di sostenere cali di tensione (LowVoltage Ride-Through, LVRT), è necessario garantire un'alimentazione
ausiliaria, ad esempio mediante un gruppo di continuità (UPS).
1
Dati tecnici 137
Range di regolazione del
0…1 capacitivo o induttivo in base al dimensionamento
fattore di potenza (cos phi1) I seguenti grafici illustrano il funzionamento delle apparecchiature con
tensione in c.a. nominale e temperatura ambiente nominale. vedere Valori
nominali a pag. 123.
Unità -0100kW-A e -0250kW-A
Qmax =
Q (%)
Unità -0315kW-B, -0500kW-A, 0630kW-B, -0875kW-B,
-1000kW-C
10 000 - Pact2
Qmax = 0.9 ·
10 000 - Pact2
Q (%)
100
100
90
90
80
80
70
70
60
60
50
50
40
40
30
30
20
20
10
10
0
0
-10
-10
-20
-20
-30
-30
-40
-40
-50
-50
-60
-60
-70
-70
-80
-80
-90
-90
-100
-100
0
10
20 30 40 50 60
70 80 90 100 P/PN (%)
0
10
20 30 40 50 60
Q
Potenza reattiva in percentuale della potenza nominale attiva
P/PN
Potenza attiva relativa
Corrente
Categoria di sovratensione
(IEC 62109, IEC 60664-1)
Distorsione armonica
70 80 90 100 P/PN (%)
Vedere la sezione Valori nominali.
3 (con opzione +F263 la categoria è 1.)
Corrente THD < 3% al carico nominale
Specifiche per il collegamento dell'ingresso in c.c.
Potenza massima in c.c.
(Ppv)
Corrente in c.c. max.
(Imax(DC))
Tensione in c.c. max.
(Umax(DC))
Vedere la sezione Valori nominali.
Vedere la sezione Valori nominali.
Unità -0100kW-A, -0250kW-A e -0315kW-B: 1000 Vcc
Unità -0500kW-A, -0630kW-B, -0875kW-B e -1000kW-C: 1100 Vcc
Range di tensione operativa Unità -0100kW-A, -0250kW-A e -0500kW-A: 450…825 Vcc
in c.c., Umppt(DC)
Unità -0315kW-B, -0630kW-B e -0875kW-B: 525…825 Vcc
Ondulazione di tensione
Categoria di sovratensione
(IEC 62109, IEC 60664-1)
Unità -1000kW-C: 600…850 Vcc
< 3%
2
138 Dati tecnici
Specifiche per il collegamento dell'alimentazione
ausiliaria
Tensione
Frequenza
Sistema elettrico ammesso
Categoria di sovratensione
230 Vca (115 Vca opzionale)
50/60 Hz
Sistema TN-S (con messa a terra). In caso di sistema IT (senza messa a
terra), contattare ABB per istruzioni.
2
(IEC 62109, IEC 60664-1)
Dati per il collegamento dell'unità di controllo
(RDCU/RMIO)
Ingressi analogici
RDCU (A43, programma di controllo master PVS800): un ingresso di
corrente differenziale programmabile (0 mA / 4 mA … 20 mA, Rin =
100 ohm).
RDCU (A41, programma di controllo inverter PVS800): due ingressi
di corrente differenziale programmabili (0 mA / 4 mA … 20 mA, Rin =
100 ohm) e un ingresso di tensione differenziale programmabile (-10 V ...
+10 V, Rin = 200 kohm).
Gli ingressi analogici sono isolati galvanicamente come gruppo.
Tensione di prova di isolamento
500 Vca, 1 min
Tensione massima modo comune ±15 Vcc
tra i canali
Rapporto di reiezione di modo
> 60 dB a 50 Hz
comune
Risoluzione
0.025% (12 bit) per ingresso -10 V … +10 V. 0.5% (11 bit) per ingressi
0…+10 V e 0…20 mA.
Imprecisione
±0.5% (fondo scala) a 25 °C (77 °F). Coefficiente di temperatura: ±100
ppm/°C (±56 ppm/°F), max.
Uscita a tensione costante
Tensione
Carico massimo
Potenziometro applicabile
+10 Vcc, 0, -10 Vcc ± 0.5% (fondo scala) a 25 °C (77 °F). Coefficiente di
temperatura: ±100 ppm/°C (±56 ppm/°F) max.
10 mA
da 1 kohm a 10 kohm
Uscita potenza ausiliaria
Tensione
Corrente massima
24 Vcc ± 10%, a prova di cortocircuito
250 mA (condivisa tra questa uscita e i moduli opzionali installati sulla
scheda RMIO)
Uscite analogiche
Risoluzione
Imprecisione
Due uscite di corrente programmabili: 0 (4)...20 mA, RL < 700 ohm
0.1% (10 bit)
±1% (fondo scala) a 25 °C (77 °F). Coefficiente di temperatura:
±200 ppm/°C (±111 ppm/°F) max.
Dati tecnici 139
Ingressi digitali
RDCU (A43, programma di controllo master PVS800): due ingressi
digitali programmabili (terra comune: 24 Vcc, -15%...+20%) e un
ingresso di interblocco marcia. Isolati come gruppo, possono essere
divisi in due gruppi isolati (vedere Schema di isolamento e messa a terra
più oltre).
RDCU (A41, programma di controllo inverter PVS800): un ingresso
digitale programmabile (terra comune: 24 Vcc, -15%...+20%) e un
ingresso di interblocco marcia. Isolati come gruppo, possono essere
divisi in due gruppi isolati (vedere Schema di isolamento e messa a terra
più oltre).
Tensione di prova di isolamento
Soglie logiche
Corrente di ingresso
Costante di tempo del filtro
Alimentazione interna per ingressi digitali (+24 Vcc): a prova di
cortocircuito. È possibile utilizzare un'alimentazione esterna a 24 Vcc in
sostituzione dell'alimentazione interna.
500 Vca, 1 min
< 8 Vcc
“0”, > 12 Vcc
“1”
DI1...DI 5: 10 mA, DI6: 5 mA
1 ms
Uscite relè
RDCU (A43, programma di controllo master PVS800): due uscite relè
programmabili, o con opzione +Q951 un'uscita relè programmabile
Capacità di commutazione
Corrente continua minima
Corrente continua massima
Tensione di prova di isolamento
RDCU (A41, programma di controllo inverter PVS800): senza
opzione +Q954 un'uscita relè programmabile
8 A a 24 Vcc o 250 Vca, 0.4 A a 120 Vcc
5 mA rms a 24 Vcc
2 A rms
4 kVca, 1 minuto
Collegamento DDCS a fibre ottiche
Con modulo adattatore comunicazione opzionale RDCO. Protocollo:
DDCS (ABB Distributed Drives Communication System)
Ingresso di potenza 24 Vcc
Tensione
Consumo di corrente tipico
(senza moduli opzionali)
Consumo di corrente massimo
24 Vcc ± 10%
250 mA
1200 mA (con moduli opzionali inseriti)
I morsetti della scheda RMIO e dei moduli opzionali installabili sulla scheda sono conformi ai requisiti di
protezione da minima tensione (PELV, Protective Extra Low Voltage) secondo la norma EN 50178, purché
anche i circuiti esterni collegati ai morsetti soddisfino tali requisiti e il luogo di installazione si trovi a
un'altitudine inferiore a 2000 m (6560 ft). Al di sopra dei 2000 m (6560 ft), vedere pag. 78.
140 Dati tecnici
Schema di isolamento e messa a terra
(Tensione di prova: 500 Vca)
X20
1
VREF-
2
AGND
X21
1
VREF+
2
AGND
3
AI1+
4
AI1-
5
AI2+
6
AI2-
7
AI3+
8
AI3-
9
AO1+
10
AO1-
11
AO2+
12
AO2-
Tensione modo
comune tra canali
±15 V
X22
1
DI1
2
DI2
3
DI3
4
DI4
9
DGND1
5
DI5
6
DI6
7
+24VD
8
+24VD
11
DIIL
10
DGND2
Impostazioni ponticello J1:
J1
o
X23
1
+24 V
2
GND
X25
1
RO1
2
RO1
3
RO1
X26
1
RO2
2
RO2
3
RO2
X27
Terra
1
RO3
2
RO3
3
RO3
Tutti gli ingressi digitali
condividono una terra comune. È
l'impostazione di default.
(Tensione di
prova: 4 kVca)
Le messe a terra dei
gruppi di ingressi DI1…DI4
e DI5/DI6/DIIL sono
separate (tensione di
isolamento 50 V).
Dati tecnici 141
Rendimento
Efficienza massima
PVS800-57-0100kW-A
PVS800-57-0250kW-A
PVS800-57-0500kW-A
Tutti i valori seguenti si intendono senza consumi di potenza ausiliaria.
L'inverter è conforme agli standard di efficienza IEC 61683 e EN 50530.
Tensione in c.c.
450 V
600 V
800 V
98.0
97.3
96.6
98.0
97.4
96.9
98.6
98.1
97.6
Rendimento europeo
(EURO-eta)
Tensione in c.c.
600 V
96.5
96.7
97.5
450 V
97.5
97.6
98.2
PVS800-57-0100kW-A
PVS800-57-0250kW-A
PVS800-57-0500kW-A
Efficienza PVS800-570100kW-A
800 V
95.3
95.7
96.5
100.00
98.00
96.00
94.00
K [%]
92.00
90.00
88.00
450V
86.00
600V
84.00
800V
82.00
80.00
0%
25%
50%
75%
100%
P/Pnom [%]
Efficienza PVS800-570250kW-A
100.00
98.00
96.00
94.00
K [%]
92 00
92.00
90.00
88.00
450V
86.00
600V
84.00
800V
82.00
80.00
0%
25%
50%
75%
100%
P/Pnom [%]
Efficienza PVS800-570500kW-A
100.00
98.00
96.00
94.00
K [%]
92.00
90.00
88.00
450V
86.00
600V
84.00
800V
82.00
80.00
0%
25%
50%
P/Pnom [%]
75%
100%
142 Dati tecnici
Efficienza massima
PVS800-57-0315kW-B
PVS800-57-0630kW-B
PVS800-57-0875kW-B
Rendimento europeo
(EURO-eta)
PVS800-57-0315kW-B
PVS800-57-0630kW-B
PVS800-57-0875kW-B
Efficienza PVS800-570315kW-B
525 V
98.6
98.6
98.7
Tensione in c.c.
675 V
98.2
98.2
98.3
825 V
97.7
98.1
97.9
525 V
98.3
98.4
98.5
Tensione in c.c.
675 V
97.7
97.8
97.8
825 V
96.8
97.3
97.1
100.00
98.00
96.00
94.00
η[%]
92.00
90.00
88.00
525 V
86.00
675 V
84.00
825 V
82.00
80.00
0%
25%
50%
75%
100%
P/Pnom [%]
Efficienza PVS800-570630kW-B
100.00
98.00
96.00
94.00
η[%]
92.00
90.00
88.00
525 V
86.00
675 V
84.00
825 V
82.00
80.00
0%
25%
50%
75%
100%
P/Pnom [%]
Efficienza PVS800-570875kW-B
100.00
98.00
96.00
94.00
Ș[%]
92.00
90.00
88.00
525V
86.00
675V
84.00
825V
82.00
80.00
0%
25 %
50 %
P/Pnom [%]
75 %
100 %
Dati tecnici 143
Efficienza massima
PVS800-57-1000kW-C
Rendimento europeo
(EURO-eta)
PVS800-57-1000kW-C
Efficienza PVS800-571000kW-C
600 V
98.8
Tensione in c.c.
750 V
98.4
850 V
98.3
600 V
98.6
Tensione in c.c.
750 V
97.8
850 V
97.4
100.00
98.00
96.00
94.00
Ș[%]
92.00
90.00
88.00
600V
86.00
750V
84.00
850V
82.00
80.00
0%
25 %
50 %
P/Pnom [%]
Gradi di protezione
IP42 (UL tipo 2)
Classe di protezione
Classe I (IEC 62109-1)
75 %
100 %
144 Dati tecnici
Condizioni ambientali
Di seguito sono riportati i limiti ambientali per l'inverter L'inverter deve essere
utilizzato in un ambiente riscaldato, chiuso e controllato.
Altitudine del luogo di
installazione
Nota: se l'installazione ha condotti di ventilazione che sboccano direttamente
all'esterno (es. installazione in container), impedire il ritorno di aria umida e
contaminata da polveri. Vedere la sezione Condotto di ventilazione all'uscita
aria dell'armadio a pag. 69.
Funzionamento
Magazzinaggio
Trasporto
installazione per uso
nell'imballaggio di
nell'imballaggio di
fisso
protezione
protezione
Unità -0100kW-A, 0250kW-A, 0315kW-B:
0...2000 m (6562 ft)
s.l.m.
Unità -0500kW-A,
-0630kW-B, 0875kW-B e
-1000kW-C:
0...4000 m (13123 ft)
Temperatura ambiente
Oltre i 1000 m (281 ft),
vedere la sezione
Declassamento per
altitudine a pag. 124.
Unità -0100kW-A e
-40…+70 °C (-40…+158 -40…+70 °C (-40…+158
-0250kW-A: -15...+55 °C °F)
°F)
(5...131 °F)
Unità -0315kW-B,
-0500kW-A, -0630kW-B,
-0875kW-B e
-1000kW-C: -15...+60 °C
(5...140 °F)
Se la temperatura
operativa scende sotto
0 °C (32 °F), è
necessario utilizzare le
scaldiglie per armadi
(opzione +G300).
Umidità relativa
Categoria ambientale
(IEC 62109-1)
Ambiente umido
(IEC 62109-1)
Grado di inquinamento
Senza ghiaccio. Vedere
la sezione Curve di
declassamento per
temperatura.
5…95%
Max. 95%
Max. 95%
Condensa non ammessa. L'umidità relativa massima consentita è del 60% in
presenza di gas corrosivi.
Se l'inverter è installato in un luogo che potrebbe superare i limiti di umidità
relativa, è necessario utilizzare le scaldiglie per armadi (opzione +G300).
Condizionamento in ambiente coperto
Non è consentito l'uso in ambiente umido. Il luogo di installazione deve
essere asciutto.
2. Normalmente consentito solo l'inquinamento non conduttivo.
(IEC 62109-1)
Livelli di contaminazione
Senza polvere conduttiva.
(IEC 60721-3-3, IEC 60721-3- Gas chimici: Classe 3C1 Gas chimici: Classe 1C2
2, IEC 60721-3-1)
Particelle solide: Classe Particelle solide: Classe
3S2
1S3
Pressione atmosferica
61.6...106 kPa
70...106 kPa
0.7...1.05 atmosfere
0.7...1.05 atmosfere
Gas chimici: Classe 2C2
Particelle solide: Classe
2S2
60...106 kPa
0.6...1.05 atmosfere
Dati tecnici 145
Vibrazioni (IEC 60068-2)
Urti (IEC 60068-2-27)
Max. 1 mm (0.04 in.)
(5...13.2 Hz),
max. 7 m/s2 (23 ft/s2)
(13.2...100 Hz)
sinusoidali
Non ammessi
Caduta libera
Non ammessa
Max. 1 mm (0.04 in.)
(5...13.2 Hz),
max. 7 m/s2 (23 ft/s2)
(13.2...100 Hz)
sinusoidali
Max. 100 m/s2 (330
ft/s2), 11 ms
100 mm (4 in.) per peso
superiore a 100 kg (220
lb)
Max. 3.5 mm (0.14 in.)
(2...9 Hz),
max. 15 m/s2 (49 ft/s2)
(9...200 Hz) sinusoidali
Max. 100 m/s2 (330
ft/s2), 11 ms
100 mm (4 in.) per peso
superiore a 100 kg (220
lb)
Materiali
Armadio
Filtri aria sugli sportelli
dell'armadio
Busbar
Sicurezza antincendio dei
materiali
(IEC 60332-1)
Imballaggio
Smaltimento
Lamiera di acciaio (spessore ca. 1.5 mm) galvanizzato a caldo (spessore ca.
20 µm) con verniciatura a polvere in poliestere termoindurente (spessore ca.
80 µm) sulle superfici visibili eccetto il pannello posteriore. Colore: RAL 7035
(beige chiaro, semilucido).
Armadi larghi 400 mm: AIR-TEX G-150, 318 mm × 540 mm (cod. ABB
64666533)
Armadi larghi 600 mm: AIR-TEX G-150, 518 mm × 540 mm (cod. ABB
646665324)
Alluminio o rame stagnato
Materiali isolanti ed elementi non metallici: prevalentemente autoestinguenti.
Telaio: legno o compensato. Involucro in plastica: PE-LD. Reggette: PP o
acciaio.
L'inverter contiene materie prime che devono essere riciclate al fine di
risparmiare energia e conservare le risorse naturali. I materiali
dell'imballaggio sono ecocompatibili e riciclabili. Tutte le parti in metallo sono
riciclabili. Le parti in plastica possono essere riciclate o incenerite in maniera
controllata in base alle norme locali. La maggior parte dei componenti
riciclabili è contrassegnata dagli appositi marchi.
Se il riciclaggio non è praticabile, tutte le parti tranne i condensatori elettrolitici
e le schede a circuiti stampati possono essere smaltite in discarica. I
condensatori in c.c. (da C1-1 a C1-x) contengono elettrolita e le schede a
circuiti stampati contengono piombo, entrambi classificati come rifiuti
pericolosi nell'Unione europea. Devono essere rimossi e trattati in base alle
norme locali.
Per ulteriori informazioni sugli aspetti ambientali e sul riciclaggio, rivolgersi al
distributore ABB locale.
146 Dati tecnici
Consumo di corrente del circuito ausiliario
Inverter
PVS800-57-0100kW-A
PVS800-57-0250kW-A
PVS800-57-0315kW-B
PVS800-57-0500kW-A
PVS800-57-0630kW-B
PVS800-57-0875kW-B
PVS800-57-1000kW-C
Il circuito ausiliario deve essere alimentato a cura del cliente e
galvanicamente separato dall'uscita dell'inverter.
Totale nel
Totale in stand-by (W)
Consumo extra
funzionamento max.
in stand-by (opzione
(W)
+G300) (max. W)
310
60
150
310
60
250
310
60
250
490
65
350
490
65
350
650
65
450
650
65
450
Note:
• I valori in tabella non includono le ventole di raffreddamento dei moduli
inverter, la cui potenza proviene dal generatore fotovoltaico.
• Ogni armadio di ingresso in più fa aumentare i consumi di potenza
ausiliaria di 50 W nelle unità PVS800-57-0100kW-A…PVS800-570630kW-B e di 25 W nelle unità PVS800-57-0875kW-B…PVS800-571000kW-C.
• Il consumo effettivo dipende dalle opzioni installate.
• Opzione +G300: il consumo effettivo dipende dalla temperatura.
• Opzione +G410: consumo massimo 20 W per cassetta di connessione.
• Il circuito ausiliario deve essere protetto con fusibili gG 16 A. Vedere gli
schemi elettrici forniti con l'inverter.
Dati tecnici 147
Norme e requisiti applicabili
IEC/EN 62109-1:2010
IEC/EN 62109-2:2011
EN 50530:2010
IEC 60529:1989 /
EN 60529:1991
IEC/EN 61000-6-2:2005
L'inverter è conforme alle norme elencate di seguito.
Sicurezza dei convertitori nei sistemi fotovoltaici – Parte 1: Requisiti generali
Sicurezza dei convertitori nei sistemi fotovoltaici – Parte 2: Requisiti
particolari per inverter
L'inverter è conforme alla norma se l'inverter e l'array fotovoltaico sono
installati e utilizzati in un'area elettrica chiusa. In tal caso l'inverter non deve
ottemperare alle sottoclausole 4.8.2.1, 4.8.2.2, 4.8.3.2, 4.8.3.4, e 4.8.3.5.1b.
L'inverter è comunque conforme alle sottoclausole 4.8.2.1 e 4.8.2.2.
Efficienza totale degli inverter fotovoltaici
Gradi di protezione degli involucri (Codice IP)
Compatibilità elettromagnetica (EMC) – Parte 6-2: Norme generiche –
Immunità per gli ambienti industriali
IEC/EN 61000-6-4:2007
Compatibilità elettromagnetica (EMC) – Parte 6-4: Norme generiche –
Emissione per gli ambienti industriali
IEC 61683:1999
Sistemi fotovoltaici – Condizionatori di potenza – Procedura per misurare
l'efficienza
IEC 61000-3-12:2011
Compatibilità elettromagnetica (EMC) – Parte 3-12: Limiti – Limiti per le
correnti armoniche prodotte da apparecchiature collegate alla rete pubblica a
bassa tensione aventi correnti di ingresso >16 A e <75 A per fase.
Nota: l'inverter è conforme alla norma quando la sua potenza di uscita è pari
al 20% della potenza nominale o superiore. Quando la potenza di uscita è
inferiore al 20% della potenza nominale, il valore di cortocircuito Rsce = 250.
Per le altre norme applicabili e i codici delle reti, visitare www.abb.com/solar.
Marchio CE
Sull'inverter è presente il marchio CE che ne attesta la conformità ai requisiti delle Direttive europee Bassa
tensione ed EMC.
 Conformità alla Direttiva europea Bassa tensione
La conformità alla Direttiva europea Bassa tensione è verificata secondo la norma EN 62109.
 Conformità alla Direttiva europea EMC
La Direttiva EMC definisce i requisiti per l'immunità e le emissioni dei dispositivi elettrici all'interno dell'Unione
europea. Le norme EMC EN 61000-6-2:2005 ed EN 61000-6-4:2007 stabiliscono i requisiti per le
apparecchiature elettriche ed elettroniche destinate all'uso in ambienti industriali.
Conformità alle norme EMC EN 61000-6-2:2005 e
EN 61000-6-4:2007
La sigla EMC sta per compatibilità elettromagnetica (Electromagnetic Compatibility). Si tratta della capacità
dell'apparecchiatura elettrica/elettronica di operare senza problemi in ambiente elettromagnetico.
Analogamente, l'apparecchiatura non deve disturbare o interferire con altri prodotti o sistemi presenti
nell'ambiente.
148 Dati tecnici
 Rete a media tensione
I requisiti della Direttiva EMC possono essere soddisfatti nel modo seguente:
1. Si utilizza un trasformatore con schermatura dell'elettricità statica tra gli avvolgimenti del primario e del
secondario per evitare un'eccessiva propagazione di emissioni verso le reti in bassa tensione adiacenti.
2. L'inverter è installato in un sistema IT (senza messa a terra) secondo le istruzioni fornite nel Manuale
hardware.
Rete a media tensione
Rete adiacente
Rete in bassa
tensione
Schermatura statica
PVS800
Apparecchiatura
Apparecchiatura
 Rete in bassa tensione
I requisiti della Direttiva EMC possono essere soddisfatti nel modo seguente:
1. Si utilizza un trasformatore con schermatura dell'elettricità statica tra gli avvolgimenti del primario e del
secondario per evitare un'eccessiva propagazione di emissioni verso le reti in bassa tensione adiacenti.
2. La rete in bassa tensione è di tipo TN (con messa a terra).
3. Il filtro EMC (opzione +E216) è installato sul lato rete del trasformatore in bassa tensione.
4. L'inverter è installato secondo le istruzioni fornite nel Manuale hardware.
Rete in bassa tensione
Filtro EMC1)
Apparecchiatura
Schermatura
statica
PVS800
1)
opzione +E216
Marchio "C-tick"
Il marchio "C-tick" è obbligatorio in Australia e Nuova Zelanda. Il marchio "C-tick" viene applicato agli inverter
per attestarne la conformità alle norme IEC/EN 61000-6-2:2005 e IEC/EN 61000-6-4:2007 emanate dal TransTasman Electromagnetic Compatibility Scheme.
Per i requisiti di conformità alla norma, vedere la sezione Conformità alla Direttiva europea EMC a pag. 147.
Disegni dimensionali 149
12
Disegni dimensionali
Contenuto del capitolo
Questo capitolo contiene alcuni esempi di disegni dimensionali dell'inverter.
150 Disegni dimensionali
3AUA0000083128
Telaio R7i
Disegni dimensionali 151
3AUA0000083128
Uscita in c.a.:
1 ingresso in c.c.
3AUA0000083128
4 ingressi in c.c.
152 Disegni dimensionali
Disegni dimensionali 153
Telaio R8i
3AXD50000016935
R8i – 2 ingressi in c.c. (opzione +2H382) o 4 ingressi in c.c. (opzione +4H382):
154 Disegni dimensionali
3AXD50000016935
R8i – 8 ingressi in c.c. (opzione +8H382):
Disegni dimensionali 155
3AXD50000016935
R8i – Morsetti di uscita in c.a.:
156 Disegni dimensionali
3AXD50000016935
R8i – Morsetti in c.c. di unità con 2 ingressi in c.c. (opzione +2H382):
Disegni dimensionali 157
3AXD50000016935
R8i – Morsetti in c.c. di unità con 4 ingressi in c.c. (opzione +4H382):
158 Disegni dimensionali
3AXD50000016935
R8i – Morsetti in c.c. di unità con 8 ingressi in c.c. (opzione +8H382):
Disegni dimensionali 159
R8i – Vista dall'alto dei punti di fissaggio:
1
2
3AXD50000016935
1) 2 ingressi in c.c. (opzione +2H382), 4 ingressi in c.c. (opzione +4H382)
2) 8 ingressi in c.c. (opzione +8H382)
160 Disegni dimensionali
Telaio 2 × R8i
3AXD50000015007
2 × R8i – 4 ingressi in c.c. (opzione +4H382) o 5 ingressi in c.c. (opzione +5H382):
Disegni dimensionali 161
3AXD50000015007
2 × R8i – 8 ingressi in c.c. (opzione +8H382) o 10 ingressi in c.c. (opzione +10H382):
162 Disegni dimensionali
3AXD50000015007
2 × R8i – 12 ingressi in c.c. (opzione +12H382) o 15 ingressi in c.c. (opzione +15H382):
Disegni dimensionali 163
3AXD50000015007
2 × R8i – Morsetti di uscita in c.a.:
164 Disegni dimensionali
3AXD50000015007
2 × R8i – Morsetti in c.c. di unità con 4 morsetti di ingresso in c.c. (opzione +4H382) o 5
morsetti di ingresso in c.c. (opzione +5H382):
Disegni dimensionali 165
3AXD50000015007
2 × R8i – Morsetti in c.c. di unità con 8 morsetti di ingresso in c.c. (+8H382) o 10 morsetti
di ingresso in c.c. (+10H382):
166 Disegni dimensionali
3AXD50000015007
2 × R8i – Morsetti in c.c. di unità con 12 morsetti di ingresso in c.c. (+12H382) o 15
morsetti di ingresso in c.c. (+15H382):
12 ingressi in c.c.
(+12H382) o 15 ingressi in
c.c. (+15H382)
8 ingressi in c.c. (+8H382)
o 10 ingressi in c.c.
(+10H382)
4 ingressi in c.c. (+4H382)
o
5 ingressi in c.c. (+5H382)
3AXD50000015007
Disegni dimensionali 167
2 × R8i – Vista dall'alto dei punti di fissaggio:
168 Disegni dimensionali
Telaio 3 × R8i
3AXD50000015006
3 × R8i – 8 ingressi in c.c. (opzione +8H382) o 10 ingressi in c.c. (opzione +10H382):
Disegni dimensionali 169
3AXD50000015006
3 × R8i – 12 ingressi in c.c. (opzione +12H382) o 15 ingressi in c.c. (opzione +15H382):
170 Disegni dimensionali
3AXD50000015006
3 × R8i – 16 ingressi in c.c. (opzione +16H382) o 20 ingressi in c.c. (opzione +20H382):
Disegni dimensionali 171
3AXD50000015006
3 × R8i – Morsetti di ingresso in c.a.:
172 Disegni dimensionali
3AXD50000015006
3 × R8i – Morsetti in c.c. di unità con 8 morsetti di ingresso in c.c. (opzione +8H382) o 10
morsetti di ingresso in c.c. (opzione +10H382):
Disegni dimensionali 173
3AXD50000015006
3 × R8i – Morsetti in c.c. di unità con 12 morsetti di ingresso in c.c. (opzione +12H382) o
15 morsetti di ingresso in c.c. (opzione +15H382):
174 Disegni dimensionali
3AXD50000015006
3 × R8i – Morsetti in c.c. di unità con 16 morsetti di ingresso in c.c. (opzione +16H382) o
20 morsetti di ingresso in c.c. (opzione +20H382):
16 ingressi in c.c.
(+16H382) o 20 ingressi in
c.c. (+20H382)
12 ingressi in c.c.
(+12H382) o 15 ingressi in
c.c. (+15H382)
8 ingressi in c.c.
(+8H382) o 10 ingressi in
c.c. (+10H382)
3AXD50000015006
Disegni dimensionali 175
3 × R8i – Vista dall'alto dei punti di fissaggio:
176 Disegni dimensionali
Ulteriori informazioni
Per ulteriori informazioni sui prodotti ABB per le applicazioni fotovoltaiche, visitare:
www.abb.com/solar.
Contatti
www.abb.com/solar
3AUA0000083888 Rev H (IT) VALIDITÀ: 09-07-2014
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
10 101 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content