close

Enter

Log in using OpenID

011E_a-i_E_EDV - Comune di Massa Marittima

embedDownload
Milano, Marzo 2014
Restauro delle Mura antiche tratto CD - DE (III Stralcio)
Progetto esecutivo del terzo stralcio
Progetto Architettonico:
MTa Associati
Antonio Troisi, responsabile di progetto
Monica Mazzolani
Andrea Chiarolini
collaboratori
Annalisa Ingala, Mattia Demaria
consulenti:
Architettura dei giardini e del paesaggio
Arch. Maria Chiara Piracini
Illuminazione e impiantistica
Ing. Claudio Smilovich
Strutture
Ing. Simone Francioli
Rilievo
Università degli Studi di Firenze
Dipartimento di Progettazione dell'Architettura
Sezione Architettura e Disegno
Responsabile Scientifico Prof. Emma Mandelli
Coordinatore della Sicurezza
in fase di progettazione
Arch. Vania Bargagli
Responsabile del Procedimento Area 4
Arch. Sabrina Martinozzi
MTa Associati Via Crocefisso, 6 20122 Milano t.+39 0248011832 f.+39 248194667 [email protected]
C.F. e P.IVA 05106340960
MTa
Associati
ELENCO DESCRITTIVO DELLE VOCI
articolo
Codice
descrizione
unità di
misura
CANTIERE
4.8. 10.0
NOLEGGIO mensile, o frazione di mese PER CARTELLONISTICA DI CANTIERE, con segnaletica a norma, realizzati
in materiale plastico flessibile, con indicazione delle misure di sicurezza e/o informazioni sull'opera (committenza,
direzione lavori, imprese, ...):
A.001
4.8.10.2
4.14.4.0
A.002
A.003
4.14.4.3
4.14.4.4
4.15.0.0
dim. 1380x980 mm
BOX IN LAMIERA GRECATA ZINCATA struttura tubolare d'acciaio, montaggio ad incastro, apertura a due battenti, tetto
a due falde:
dim. 2,60x2,60x h esterna 2,00 m, per il primo mese o frazione
c.s., per ogni mese successivo al primo o frazione
SERVIZI IGIENICI compresi: trasporti, montaggi, piazzamenti, smontaggi, allacciamenti elettrici, idrici e di scarico a
impianti predisposti e valutati a parte, ove non diversamente indicato, sono escluse eventuali basi di appoggio
WC a funzionamento chimico in cellula bagno in polipropilene, con lavamani, compresi: pulizie e smaltimenti dei reflui
settimanali:
per ogni 30 gg. o frazione
VALIGETTA ERMETICA da cantiere, completa di medicamenti ai sensi degli allegati 1 (aziende dei gruppi A e B, oltre 2
persone) e 2 (aziende del gruppo C, fino a 2 persone) del D.M. 388 del 15 luglio 2003 del Ministero della Salute, art.
(comma 1 e 2) e art. 2:
4.15.1.0
A.004
4.15.1.1
4.18.1.0
A.005
4.18.1.1
4.18.5.0
A.006
4.18.5.1
4.20.1.0
A.007
4.20.1.11
402.0.0.0
in polipropilene antiurto e supporto per attacco a parete, dim. 40x28x13 cm ca
LAVAOCCHI A FLUSSO AERATO a comando manuale, con valvola in bronzo nichelato o cromato, verniciatura a
polveri epossidiche:
vaschetta in polipropilene per montaggio a parete, comando laterale
ESTINTORE PORTATILE A POLVERE omologato D.M. 7.1.2005, classificazioni a norma UNI-EN 3/7:2004 o
equivalente, con supporto fissato a parete
con carica da 6 kg, per ogni 30 gg. Successivi ai primi
MONTAGGI DI STRUTTURE PROVVISORIE, nei prezzi di questo archivio viene considerata la sola esecuzione
compresi: trasporti, carichi e scarichi, montaggi e smontaggi, sollevamenti e cali a terra, pulizie, non sono considerati i
noli, che decorrono dalla consegna dell'opera finita, nè eventuali oneri per progettazione ove occorra e tasse di
occupazione di suolo pubblico da quotarsi a seconda dei casi ed in relazione alle disposizioni comunali ove sussistano
cad
cad
cad
cad
cad
cad
cad
402.1.0.0
PONTEGGI ESTERNI, i ponteggi metallici di servizio per i lavori di restauro su edifici di interesse storico artistico,
dovranno essere eseguiti con opportuni accorgimenti e cautele per non danneggiare le parti architettoniche; dovrà
essere posta la massima cura nelle fasi del montaggio, dello smontaggio e nell'esecuzione degli ancoraggi; sono
compresi eventuali piccoli adattamenti in corso d'opera necessari all'esecuzione delle diverse tipologie e categorie di
lavori; si intendono tutti realizzati in ottemperanza alle norme antinfortunistiche e ove necessario sono sempre compresi
parapetti, tavole fermapiede, mantovane, parasassi, scale perfettamente agibili
402.1.1.0
Esecuzione di PONTEGGIO VERTICALE ESTERNO di servizio con tavoloni sp. 5 cm a tutti i ripiani con struttura in
tubolari e giunti metallici completi di ancoraggi, controventature, scale, parapetti, fermapiede, mantovane, parasassi
ecc., misurato in proiezione verticale
A.008
A.009
402.1.1.1
402.1.1.2
4.1.2.0
montaggio per h fino a 20 m
smontaggio per h fino a 20 m
Ponteggio a Tubo Giunto per facciata semplice, di eguale profondita' per tutta l'altezza, completo di tavoloni o piani di
calpestio e scale, a tutti i piani, teli di protezione, segnaletica ecc.; esclusi sbalzi; misurato in proiezione verticale
dell'intera facciata di lavoro, nel caso di facciate adiacenti ogni loro elemento d'angolo va conteggiati una sola volta:
mq
mq
A.010
4.1.2.2
per i successivi 30 gg o frazione o per solo nolo
mq
MTa
Associati
ELENCO DESCRITTIVO DELLE VOCI
articolo
Codice
descrizione
unità di
misura
ARCHITETTONICO
B.001
37.3.3.1
Pietra arenaria toscana per pavimentazioni esterne
PIETRA ARENARIA toscana per pavimentazioni esterne in lastre segate in piano con coste fresate:
pietra serena larghezza cm 40/ 45/ 50, lunghezza a correre (lastrico) , spessore 8 cm
203.6.1.3 Rinterro o riempimento di scavi o di buche
Rinterro o riempimento di scavi o di buche eseguiti con mezzi meccanici:
- con
materiali aridi di cava, compresi nel prezzo
207.2.1.12 Magrone – cemento C16/20 S5 CONGLOMERATO CEMENTIZIO PRECONFEZIONATO a prestazione garantita secondo le norme UNI EN 206-1 e UNI
11104 in conformita' al DM Infrastrutture 14.01.08 (in: S.O. 30 alla G.U. n.29 del 4 febbraio 2008); i parametri
identificativi sono la resistenza caratteristica C, espressa in MPa (megaPascal), le classi di consistenza S, le classi di
esposizione X e la loro combinazione, l'aggregato e' considerato con d. max 31,5 mm salvo diversa indicazione; il cls
proviene da centrale di betonaggio secondo quanto indicato al capitolo CALCESTRUZZI PRECONFEZIONATI nel
settore materiali e come al capitolo precedente; i getti in elevazione non sono considerati ma vanno valutati con le
aggiunte del capitolo maggiorazioni (vedi 207.12.0.0)
CALCESTRUZZO per getti non armati o debolmente armati:
C16/20 : S5
mq
B.004
207.2.12.2 Massetti armati e cordoli di fondazione – cemento C25/30 XC2 S4 CONGLOMERATO CEMENTIZIO PRECONFEZIONATO a prestazione garantita secondo le norme UNI EN 206-1 e UNI
11104 in conformita' al DM Infrastrutture 14.01.08 (in: S.O. 30 alla G.U. n.29 del 4 febbraio 2008); i parametri
identificativi sono la resistenza caratteristica C, espressa in MPa (megaPascal), le classi di consistenza S, le classi di
esposizione X e la loro combinazione, l'aggregato e' considerato con d. max 31,5 mm salvo diversa indicazione; il cls
proviene da centrale di betonaggio secondo quanto indicato al capitolo CALCESTRUZZI PRECONFEZIONATI nel
settore materiali e come al capitolo precedente; i getti in elevazione non sono considerati ma vanno valutati con le
aggiunte del capitolo maggiorazioni (vedi 207.12.0.0)
CALCESTRUZZO IN CLASSE XC2 esposto a corrosione da carbonatazione, per ambiente bagnato, raramente asciutto,
a/c max minore di 0,6:
C25/30 : S4
mc
B.005
mq
B.006
207.30.1.2 Casseforme
CASSEFORME IN LEGNO con tavole a filo sega compresi puntelli e disarmo:
per getti di fondazioni rettilinee, continue, quali travi rovesce, murature di sotterraneo, ecc.
207.40.2.1 Acciaio ad aderenza migliorata
ACCIAI, compreso: tagli, sagomature, legature, sfridi, cali e/o sollevamenti
ACCIAIO AD ADERENZA MIGLIORATA sagomato in cantiere:
tipo Fe B 450 C controllato
B.007
211.1.5.1
mc
B.008
218.2.2.1
B.009
250.1.3.3
B.010
250.6.1.3
B.011
B.002
B.003
Sottofondo in pietrisco spezzato
SOTTOFONDO IN PIETRISCO SPEZZATO compreso stesura e compattazione eseguite con mezzi meccanici:
per spessore non inferiore a cm 20
Massetto di pendenza
SOTTOFONDO per pavimentazioni rigide ( cotto, marmo e simili), eseguito con malta di cemento R 32,5 a 250 kg
battuto e spianato con fratazzo:
spessore cm 5
mc
mc
kg
mq
Assistenza per la posa di cancello
ASSISTENZA PER LA POSA DI CANCELLO in ferro pieno e/o scatolare di sezioni e disegni commerciali:
di peso oltre 25 kg/mq posta su supporti in c.a.
Cancello in ferro a disegno semplice
CANCELLO a disegno semplice con elementi in ferro piatto, saldati o imbullonati, fissati su montanti di idonea sezione
completo di accessori di sostegno, movimento, chiususra con serratura a scatto e a chiave tipo Yale :
di peso oltre 31 kg/mq
mq
267.4.1.9
Tubazione drenante in PEHD corrugata e rigida
Tubazione drenante in PEHD corrugata e rigida a doppia parete, con rigidità anulare SN4 (UNI EN ISO 9969), superficie
fessurata su tuttala circonferenza (6 fessure), in matasse da 50 cm, comrpeso manicotto di giunzione ( diametro esterno
= de; diametro interno= di):
- de/di 200/175 mm
m
B.012
276.3.1.1
Posa in opera di lastrichino in pietra
POSA IN OPERA DI LASTRICHINO IN PIETRA (da conteggiarsi a parte) in pezzi di qualsiasi forma ma con dimensioni
minime 40x60x12h cm, piombati per due terzi dell'altezza nelle facce laterali con base spianata:
murato con malta cementizia a 350 kg di cemento R 32,5 dello spessore medio di 8 cm ivi compresa ''calzatura'' in
conglomerato cementizio C8/10, la stuccatura dei giunti con malta cementizia a 450 kg di cemento R 32,5
mq
B.013
360.2.2.1
Scavo di sbancamento
Scavo di sbancamento eseguito in c.s. ma con il carico ed il trasporto e scarico fino alle pubbliche discariche o in aree
indicate dalla Direzione dei Lavori fino alla distanza di 20 km:
- fino alla
quantità di 5000 mc
mc
B.014
360.4.2.1
Scavi a sezione ristretta obbligata continua
Scavi a sezione ristretta obbligata continua eseguito c.s. ma con carico, trasporto e scarico alle pubbliche discariche od
in aree indicate dalla D.L. fino alla distanza di 20 km:
- fino ad
una profondità di 1,50 m
mc
B.015
361.1.1.1
Scarificazione superficiale di pavimentazione stradale bitumata
Scarificazione superficiale di pavimentazione stradale bitumata eseguita con mezzi meccanici e manuali, compreso il
trasporto a rifiuto o in aree indicate dalla Direzione dei Lavori dei materiali di risulta, fino alla distanza di 20 Km:
spinta fino alla profondità massima di 10 cm
mq
B.016
361.2.1.1
m
B.017
361.3.1.1
Taglio di pavimentazione stradale
Taglio di pavimentazione stradale in conglomerato bituminoso spinto fino alla profondità di 20 cm:
con martello demolitore
Demolizione di corpo stradale bitumato o a macadam
Demolizione di corpo stradale bitumato o a macadam eseguito con mezzi meccanici, compreso il carico su mezzi di
trasporto e l'allontanamento del materiali di risulta al pubblico scarico od in aree indicate dalla D.L., fino alla distanza di
20 km:
- con sottofondo
in scapoli di pietra
kg
mc
MTa
Associati
ELENCO DESCRITTIVO DELLE VOCI
articolo
Codice
descrizione
unità di
misura
B.018
375.1.1.5
Strato di base in conglomerato
Strato di base in conglomerato con bitume distillato 50-70 o 70-100 secondo UNI EN 12591 ed aggregati secondo UNIEN 13043, steso con vibrofinitrice, compreso mano di attacco con 0,8 kg/mq di emulsione bituminosa al 55% e
compattazione con rullo vibrante:
- con
aggregato pezzatura 0/25 mm, spessore compresso 10 cm
mq
B.019
375.1.2.3
Strato di collegamento (binder)
Strato di collegamento (binder) in conglomerato bituminoso, steso con vibrofinitrice, previa mano d'attacco con 0,80
kg/mq di emulsione bituminosa al 55%, compresa rullatura con rullo vibrante:
- con
aggregato pezzatura 0/25 mm, spessore compresso 6 cm
mq
B.020
375.1.3.3
Tappeto di usura in conglomerato bituminoso
Tappeto di usura in conglomerato bituminoso ma steso e rullato con soli mezzi manuali previa mano d'attacco con
emulsione bituminosa al 55% in ragione di 0,80 kg/mq compresa rullatura:
- con aggregato 0/10 per spessore finito compresso 3 cm
mq
B.021
375.1.4.2
mq
B.022
379.4.9.1
Tappeto di usura
Tappeto di usura c.s. ma steso e rullato con soli mezzi manuali:
- per
ogni cm in più alla voce precedente
Cordonato tipo martellinato
Cordonato tipo martellinato vibrato murato con malta cementizia c350 kg di cemento R 32,5, compresa la stuccatura dei
giunti con malta cementizia a 450 kg di cemento R 32,5, esclusa la fondazione:
dimensioni 12x25x100 cm, diritto
B.023
382.1.1.1
cad
B.024
382.2.3.2
B.025
Z b.01
Rimozione segnale verticale
Rimozione segnale verticale compreso trasporto del,materiale che resta di proprietà della Stazione Appaltante:
- di
segnale esistente compreso sostegno
Ripasso segnaletica orizzontale
Ripasso segnaletica orizzontale con vernice spartitraffico rifrangente bianca o gialla, in strisce continue o discontinue: di larghezza 15 cm
Pavimentazione in lastre autobloccanti in calcestruzzo vibrocompresso
Pavimentazione in lastre autobloccanti in calcestruzzo vibrocompresso tipo Rocciablock a doppio strato. Provvisti di
marctura CE ai sensi del DPR n. 246/93 e rispondenti a tutte le caratteristiche tecnico-prestazionali richieste dalla
normativa vigente UNI EN 1339.
Pavimentazione su un piano di posa (a carico del committente) ben costipato e spianato, al fine di evitare possibili
cedimenti, stendere uno strato di sabbia, dello spessore pari a 3-4 cm, e successivamente livellarlo e compattarlo.
Procedere quindi alla posa a secco delle lastre direttamente sulla sabbia. Nel caso venga richiesta la semina di erba tra
una lastra e l'altra prevedere una idonea larghezza della fuga. La posa sarà fatturata in base al materiale effettivamente
posato in cantiere e misurato in contraddittorio. La misurazione verrà fatta vuoto per pieno con trazione fori superiori a
mq 1 e della sola parte eccedente. Sarà cura dell'impresa di posa accatastare in cantiere in modo ordinato gli imballi e i
materiali di risulta.
B.026
Z b.02
Pavimentazione in lastre autobloccanti in calcestruzzo vibrocompresso
Pavimentazione in lastre autobloccanti in calcestruzzo vibrocompresso tipo Rocciablock a doppio strato. Provvisti di
marctura CE ai sensi del DPR n. 246/93 e rispondenti a tutte le caratteristiche tecnico-prestazionali richieste dalla
normativa vigente UNI EN 1339.
Pavimentazione su un piano di posa (a carico del committente) ben costipato e spianato, al fine di evitare possibili
cedimenti, stendere uno strato di sabbia, dello spessore pari a 3-4 cm, e successivamente livellarlo e compattarlo.
Procedere quindi alla posa a secco delle lastre direttamente sulla sabbia. Nel caso venga richiesta la semina di erba tra
una lastra e l'altra prevedere una idonea larghezza della fuga. La posa sarà fatturata in base al materiale effettivamente
posato in cantiere e misurato in contraddittorio. La misurazione verrà fatta vuoto per pieno con trazione fori superiori a
mq 1 e della sola parte eccedente. Sarà cura dell'impresa di posa accatastare in cantiere in modo ordinato gli imballi e i
materiali di risulta.
Pavimentazioni su un piano di posa (a carico del committente), ben costipato e compattato, procedere come segue:
- stesura di un massetto di malta dosata a kg/mc 250 di cemento, avente uno spessore di circa 4/6 cm;
- spolverare con cemento in polvere;
- posare immediatamente le lastre avendo cura di livellarle con un asse di legno, livella e martello di gomma.
Realizzare la pavimentazione avendo cura di predisporre adeguata pendenza (circa pari ad 1 cm al metro) in modo da
garantire l'adeguato deflusso delle acque meteoriche ed evitare (soprattutto nelle zone fredde) che la pavimentazione
rimanda “in immersione”. Le lastre possono essere posate con o senza fuga; nel caso vengano posate con fuga la
larghezza consigliata è pari a 8 mm circa. La sigillatura può essere fatta con una normale boiacca di cemento o con altri
preparati specifici che si trovano in commercio. E' bene bagnare abbondantemente le lastre prima di fugarle e pulirle
subito dopo con una spugna umida. Effettuare la fugatura delle marmette avendo cura di riempila fino all'inizio del bisello
per correggere eventuali lievi irregolarità del bisello delle lastre. Si raccomanda di fare attenzione a non sporcare con la
malta il pavimento (nel caso pulire subito prima che il cemento abbia fatto presa). Già in fase di progetto prevedere in
giunzione delle dimensioni e della forma geometrica del pavimento idonei giunti di dilatazione. Nelle zone
particolarmente fredde è consigliato prevedere la fuga cementizia per garantire una miglior tenuta.
La posa sarà fatturata in base al materiale effettivamente posato in cantiere e misurato in contraddittorio. La misurazione
verrà fatta vuoto per pieno con detrazione fori superiori a mq 1 della sola parte eccedente. Sarà cura dell'impresa di
posa accatastare in cantiere in modo ordinato gli imballi e i materiali di risulta.
mq
m
m
mq
MTa
Associati
ELENCO DESCRITTIVO DELLE VOCI
articolo
Codice
B.027
Z b.03
B.028
Z b.04
B.029
Z b.05
B.030
Z b.05
descrizione
unità di
misura
cad
Elemento porta lampada in acciaio corten compreso piano di appoggio in cls
Fornitura e posa in opera di elemento porta lampada in acciaio corten, compreso piano di appoggio in cls.
cad
Elemento prefabbricato porta lampada di acciaio corten
Fornitura e posa in opera di elemento prefabbricato porta lampada - tipo iGuzzini mod. Light-up Balisage B897 - in
acciaio corten come realizzato nel I°stralcio tratto AB-BC
a corpo
Nuova porta di accesso alla città
Fornitura e posa in opera di elemento in acciaio corten come da disegno
kg
Parapetti e recinzioni in acciaio corten
Fornitura e posa in opera di parapetti e recinzioni metalliche in acciaio Corten, realizzati con profilati normalizzati
laminati a caldo a sezione sia piena che tubolare, completi di eventuali corrimano metallico, piastre di appoggio, ecc.,
eseguiti ed assemblati come da disegni esecutivi e calcoli statici. Il prezzo si applica anche per la parte di struttura
metallica di parapetti e recinzioni da completare successivamente con altri materiali quali: legno, grigliati metallici
prefabbricati, ecc., che saranno invece compensati separatamente.
Nel prezzo si intende compensato, e quindi non rientrante nel peso, il maggior onere per lo sfrido, la bulloneria ad alta
resistenza (dadi, bulloni, viti e tasselli ad espansione o per fissaggi chimici), le saldature (compresi elettrodi ed energia),
ed ogni altro materiale accessorio.
Il peso del manufatto è da determinarsi in base al peso teorico dei singoli elementi (profilati, barre, ecc.) costituenti il
manufatto stesso, al netto della bulloneria necessaria ai fissaggi ed eventuali parti di completamento che verranno
computate a parte.
La direzione lavori potrà disporre, ad insindacabile giudizio, eventuali pesature di verifica dei manufatti.
Nel prezzo si intendono inoltre compresi e compensati gli oneri per i trasporti, sollevamenti ed abbassamenti e quanto
altro necessario per dare il lavoro finito a regola d'arte.
E' prevista l'applicazione di un prezzo differenziato: uno per i primi 20 Kg/mq di peso del manufatto e un altro per la parte
eccedente i 20 Kg/mq.
Parapetti e recinzioni in acciaio Corten piane per il peso o la quota fino a 20 kg/mq
MTa
Associati
ELENCO DESCRITTIVO DELLE VOCI
articolo
Codice
descrizione
unità di
misura
OPERE A VERDE
abbattimenti
Estirpazione cespugli
Estirpazione cespugli compreso lo scavo per l'eliminazione dell'apparato radicale - oltre 1,5 m
Rimozione alberi
rimozione alberi altezza fino a 10 m
C.001
Z c.01
C.002
Z c.02
C.003
Z c.03
C.004
Z c.04
C.005
Z c.05
C.006
Z c.06
C.007
Z c.07
fornitura di arbusti
Fornitura di arbusti in vaso cm 24 tipo: Lavandula spica, Genista lydia, Spartium junceum, Rosmarinus officinalis
cad
C.008
Z c.08
cad
C.009
Z c.09
messa a dimora
dimensioni vaso 18 ÷ 24 cm, buca da 28 x 28 x 28 cm – altezza arbusti fino a 100 cm
pacciamatura arbusti
pacciamatura arbusti con iuta; compreso il fissaggio tra telo e telo con sormonto di 10 cm, il fissaggio al terreno con
cucitrice di fermi a "U", gli sfridi e i tagli per la posa delle piante; in opera.
C.010
Z c.10
mq
cad
prose aromatiche
a corpo
Giardino medioevale
Giardino localizzato nel lotto interno alle mura, articolato in tre settori suddivisi da aree calpestabili in ghiaia, arredati con
pergolato in legno, pannelli didattici, strutture di contenimento in legno. I tre settori che compongono il giardino sono
rispettivamente Pomarium, Viridarium, Hortus.
Pomarium
Area piantumata con filari di alberelli da frutto, selezione di piante a medio-basso sviluppo. Ciliegio acido o amareno
(Prunus cerasus), Susino (Prunus domestica), Nespolo europeo (Mespilus germanica), Pero corvino (Amelanchier
ovalis), Sorbo degli uccellatori (Sorbus aucuparia), Albicocco (Prunus armeniaca), Corbezzolo (Arbutus unedo),
Mandorlo (Prunus dulcis).
Viridarium
Area dedicata ai piccoli frutti e agli alberelli con bacche commestibili, rose selvatiche e specie arbustive spontanee
presenti nella regione (Cornus sanguinea L., Periploca graeca L., Inula viscosa L., Smilax aspera L., Rubus idaeus L.,
Rubus ulmi L., Rubus caesius L., L., Juniperus L., Crataegus monogyna J)
Hortus
Area coltivata, composta aiuole rialzate, contenute da cordoli in salice intrecciato e circondate da sentieri calpestabili. Le
aiuole saranno delimitate e tematizzate e per enfatizzare le finalità didattiche si propone di raccontare attraverso le
essenze le varie fasi della vita quotidiana di comunità in epoca medioevale.
Ogni aiuola corrisponderà a una precisa funzione, per esempio relativa alla cucina, con una selezione di aromatiche
usate nella cucina tradizionale (salvia, rosmarino, santoreggia e origano, maggiorana…) altre aiuole potrebbero essere
dedicate piante tessili e di uso domestico (saponaria, canapa, cardo dei lanaioli, lino), alle piante tintorie (reseda,
Reseda luteola e ginestra Genista tinctoria), alle piante decorative che in ogni orto e in ogni chiostro medievale erano
presenti e dedicate al culto Mariano, rose candide e profumate (Rosa damascena, Rosa moschata, Rosa alba), i gigli
(Lilium candidum, Lilium martagon), fiordalisi (Centaurea cyanus), papaveri (Papaver rhoeas), nigelle (Nigella
damascena), margherite (Bellis perennis), scabiose (Scabiosa columbaria) e salvie (Salvia nemorosa).
Percorso e pergolato
Rose botaniche e di macchia (Rosa canina, Rosa moschata, Rosa damascena), usate originariamente come utili
barriere spinose ma anche in alimentazione ed erboristeria e in cosmetica vengono fatte arrampicare su graticci che
incorniciano il percorso in ghiaia che attravera il giardino
Compreso:
Estirpazione cespugli, preparazione del terreno e concimazione, fornitura e messa a dimora dic.ca 12 alberi da frutto a
medio basso sviluppo, fornitura messa a dimora di c.ca 60 arbusti, fornitura messa a dimora di c.ca 180 aromatiche,
fornitura e posa di recinzioni in salice intrecciato cca 100 ml, fornitura e posa di graticci in legno c.ca 38 mq,, fornitura e
messa a dimora di 15 arbusti rosa
Escluso:
Impianto di irrigazione
Fornitura di terriccio
Fornitura di terriccio di coltivazione in sacchi da 70/80 litri ottenuto per compostazione aerobica di materiali vegetali e/o
torba
Stesa e modellazione terriccio
stesa e modellazione terriccio, meccanica, con i necessari completamenti a mano
arbusti e aromatiche
fornitura di piante aromatiche
fornitura di piante aromatiche della specie Lavandula spp, Lippia Citriodora in varietà, Matricaria Camomilla in varietà,
Melissa Officinalis in varietà, Menta Glaciale in varietà, Myrtus Tarentina in varietà, Origanum Majorana in varietà,
Origanum Vulgare in varietà, Rhem Rhabarbarum in varietà, Rosmarinus Officinalis in varietà, Ruta Graveolens in
varietà, Salvia Officinalis in varietà, Santolina Camaecyparissus in varietà,Thymus spp, Valeriana Officinalis in varietà; le
piante dovranno essere con garanzia d'uso, di pronto effetto, prive di malattie, ben accestite e con apparato radicale ben
sviluppato, franco cantiere; diametro vaso: -18 cm
cad
mc
cad
mq
a corpo
Irrigazione
Fornitura e posa impianto di irrigazione
installazione serbatoio da esterno capacità 5000 litri circa (colore azzurro, mattone o grigio a scelta) raccordato per il
riempimento dell’acqua, massimo livello e uscita alimentazione sistema irrigazione;
elettropompa sommersa tipo “EBARA M40/10A” 1 hp-0,75kw con galleggiante a bordo e pressoflussostato;
5 settori irrigui controllati da programmatore tipo “TORO DDCWP” a 6 zone alimentato a batteria, elettrovalvole con
solenoide bistabile montate su collettore in PVC a smontaggio rapido contenute in pozzetti interrati ispezionabili;
4 zone irrigazione a pioggia con irrigatori dinamici tipo “T5 TORO” e irrigatori statici tipo “serie 570 TORO” raccordati alla
colonna principale, realizzata con tubazione polietilene diametro 32 mm PN8, tramite sistema facilitato tipo “FUNNY
PIPE” e prese a staffa rapide tipo “BLAZING”;
1 zona irrigazione a goccia bassa pressione con riduttore di pressione, gocciolatori tipo “UNIFLEX” regolabili;
MTa
Associati
ELENCO DESCRITTIVO DELLE VOCI
articolo
Codice
unità di
misura
descrizione
IMPIANTI
D.001
203.3.1.1
Scavo a sezione ristretta obbligata continua
Scavo a sezione ristretta obbligata continua eseguito con mezzi meccanici in terreno di media consistenza, con
sistemazione ed accatastamento nell'ambito del cantiere sino alla distanza di m.50 dal fronte dello scavo del materiale
scavato fino alla profondità di m. 1,50:
- cavidotti
mc
D.002
203.4.10.1 Sovrapprezzo
Sovrapprezzo agli scavi di sbancamento ed a larga sezione per la presenza di roccia e/o trovanti rocciosi, eseguiti con
l'ausilio di escavatore con martello demolitore da kg200, io tutto computato con il volume di roccia effettivamente
demolita e rimossa, per trovanti superiori a mc 0.50:
- terreno roccioso
mc
D.003
203.6.1.1
mc
D.004
203.6.1.3
D.005
Rinterro o riempimento di scavi o di buca
Rinterro o riempimento di scavi o di buche eseguiti con mezzi meccanici con materiale terroso depositato sull'orlo dello
scavo
Rinterro o riempimento di scavi o di buca
Rinterro o riempimento di scavi o di buche eseguiti con mezzi meccanici, con materiali aridi di cava, compresi nel prezzo
207.2.11.1 Calcestruzzo in classe XC1
Conglomerato cementizio preconfezionato a prestazione garantita secondo UNI EN 206-1, in classe xc1 esposta a
corrosione da carbonatazione per ambiente asciutto o permanentemente bagnato, a/c max minore di 0.6 , Rck 30: S3
- plinti
mc
mc
D.007
207.40.2.1 Acciaio ad aderenza migliorata
Acciaio ad aderenza migliorata sagomato in cantiere tipo Fe B 450 C controllato:
plinti
371.5.1.3 Pozzetto prefabbricato
D.008
Pozzetto prefabbricato in cls, senza fondo e lapide per derivazione e di linea, compreso letto di posa su sabbia spessore
10 cm, rinfianchi in cls Rck20 di spessore non inferiore a 10 cm, calo eseguito con mezzi meccanici, escluso chiusino.
lapide o soletta di copertura, dim. int. 60x60x63 cm
372.5.2.12 Chiusino
D.009
394.1.1.1
D.010
Tubazione in PEHD protettiva a doppia parete esterna corrugata ed interna liscia, in barre da 6metri, compresi giunti,
letto di posa, rinfianchi e strato superiore all'estradosso tutti in sabbione con spessore non inferiore a 10 cm:
con d. minore o uguale a 125mm
501.8.3.15 Cavo FG70R multipolare
m
D.011
Provvista e posa in opera di cavo flessibile isolato con gomma sottoguaina di PVC, non propagante l'incendio ed a
ridotta emissione di gas corrosivi, conforme alle norme CEI 2013, 20-22 e 2037-I, posto in opera a giorno o entro
cavidotto. a due conduttori, tipo FG7OR-06/1Kw:
- della
sezione di 2 x 4,00 mmq
501.8.3.06 Cavo FG70R multipolare
m
D.006
D.012
D.013
D.014
kg
-
Chiusino classe B resistenza 125 kN murato a malta cementizia, con rinfianco perimetrale in cls Rck20 dim. 600x600
Tubazione in PEHD protettiva
Provvista e posa in opera di cavo flessibile isolato con gomma sottoguaina di PVC, non propagante l'incendio ed a
ridotta emissione di gas corrosivi, conforme alle norme CEI 2013, 20-22 e 2037-I, posto in opera a giorno o entro
cavidotto. a due conduttori, tipo FG7OR-06/1Kw:
- della
sezione di 2 x 2,5 mmq
503.1.13.11 Punto luce interrotto
Punto luce realizzato in vista con apparecchiature IP55 con tubo TAZ in acciaio diam 16/20, organi di comando sul
quadro, scatole da esterno in lega ed accessori, interrotto con cavo FG7O-R
503.1.13.14 Punto luce aggiunto
Punto luce realizzato in vista con apparecchiature IP55 con tubo TAZ in acciaio diam 16/20, organi di comando sul
quadro, scatole da esterno in lega ed accessori, aggiunto con cavo FG7O-R
Z d.11
Quadro elettrico
Quadro elettrico Q ILL: fornitura e posa in opera di quadro elettrico di bassa tensione ANS-ASD a Norma CEI EN 60439
(CEI 23-51) fornito in opera cablato, montato e perfettamente funzionante, completo di prove, modifiche e certificazioni
provvista delle norme e debitamente documentate, del tipo a centralino stagno IP55, per alloggiamento di interruttori di
tipo modulare, completo dello schema costruttivo che l'installatore dovrà redigere a sua cura e spese e sottoporre
all'approvazione della D.L., il tutto in opera essendo compreso e compensato ogni onere accessorio, il tutto come da
schema esecutivo.
cad
cad
m
cad
cad
N
MTa
Associati
ELENCO DESCRITTIVO DELLE VOCI
articolo
D.015
D.016
D.017
D.018
Codice
unità di
misura
Z d.01
Corpo illuminante stradale
Z d.02
Fornitura e posa in opera di corpo illuminante stradale tipo iGuzzini mod. Platea 7699 a luce diretta per lampade ad
alogenuri metallici per installazione su palo, costituito da vano ottico tipo stradale e cornice in lega di alluminio, vetro di
chiusura temperato, viteria in acciaio inox, lampada ad alogenuri metallici in 150 W HIT-DE, braccio corto lungh. 538
mm in alluminio per fissaggio al palo, palo altezza 7 mt, acciaio zincato a caldo e verniciato con polveri acriliche, asola di
ingresso cavi, sistema per fissaggio a terra tramite plinto di fondazione ( questo valutato ), il tutto comprese morsettiera
in cl.II, accessori, collegamenti elettrici e meccanici e quant'altro a dar finita e funzionante l'opera.
Illuminazione lineare
m
Z d.03
Fornitura e posa in opera di apparecchi per illuminazione della ringhiera tipo iGuzzini mod. Ledstrip tube, completo di
profilo, coperchio e staffe di fissaggio, il tutto compreso di opere di predisposizione per l'alloggiamento e alimentatore
elettronico del tipo di sicurezza con protezione ai cortocircuiti, accessori, collegamenti elettrici e meccanici e quant'altro
a dar finita e funzionante l'opera
Illuminazione a luce diretta
N
Z d.04
Fornitura e posa in opera di apparecchi per illuminazione a luce diretta finalizzato all'utilizzo di sorgenti luminose a
scarica tipo iGuzzini mod. iTeka BA04 costituiti da un corpo rettangolare in lega di alluminio e ottica AL, vetro temperato,
cornice con viti inox a vista completo di lampada 35W HIT (CDM-TC), il tutto compreso di kit di fissaggio per applicazioni
su plinto di calcestruzzo, opere di predisposizione per l'alloggiamento e alimentatore elettronico, accessori, collegamenti
elettrici e meccanici e quant'altro a dar finita e funzionante l'opera
Illuminazione da terra
N
D.019
Z d.06
D.020
Z d.07
D.021
Z d.08
D.022
Z d.09
D.023
descrizione
Z d.10
Fornitura e posa in opera di apparecchi per illuminazione da terra tipo iGuzzini mod. Light-up Balisage B897, a
pavimento per luce radente con emissione di luce su tre lati per sorgenti luminose a led costituiti da un corpo tondo in
acciaio inox AISI 304, vetro temperato extrachiaro, completo di lampada 3x1W, il tutto compreso di controcassa in
alluminio 5935, opere di predisposizione per l'alloggiamento e alimentatore elettronico, accessori, collegamenti elettrici e
meccanici e quant'altro a dar finita e funzionante l'opera
Orologio
Fornitura di orologio interruttore modulo DIN da quadro 230V per accensione luci
Struttura di protezione
Fornitura e posa in opera di struttura di protezione vetrata antivandalismo e antiscottatura per corpi illuminanti tipo iTeka
compreso e compensato ogni onere accessorio per il fissaggio ai corpi illuminanti
Interruttore crepuscolare
Fornitura di interruttore crepuscolare 230V per accensione luci
Giunti a resina
Fornitura e posa in opera di giunti a resina colata epossidica bicomponente autoestinguenti e a bassa emissione di fumi
e gas tossici per l'isolamento di collegamenti elettrici nei pozzetti di derivazione e in corrispondenza delle morsettiere dei
pali
Oneri per l'allaccio di utenza ENEL
Oneri per l'allaccio di utenza ENEL monofase in corrispondenza del quadro elettrico generale di illuminazione
a corpo
N
N
N
N
m
MTa
Associati
ELENCO DESCRITTIVO DELLE VOCI
articolo
Codice
descrizione
unità di
misura
RESTAURO
404.4.1.0
E.001
404.4.1.1
404.5.1.0
E.002
E.003
404.5.1.5
Z e.04
E.004
E.005
E.006
E.007
E.008
408.1.2.0
408.1.2.2
408.1.10.0
408.1.10.1
Z e.01
308.2.1.0
308.2.3.0
PERFORAZIONE MECCANICA con perforatrice a corona diamantata, con estrazione delle carote
d. 43 - 80 mm
INIEZIONI DI BOIACCA FLUIDA DI CEMENTO per consolidamento con montaggio e smontaggio attrezzature:
con cemento in sacchi
SOVRAPPREZZO per esecuzione di iniezioni con calce idraulica
CONSOLIDAMENTO DI STRUTTURE MURARIE (escluso: riprese, regolarizzazioni, nuovi intonaci)
CONSOLIDAMENTO CON IL METODO SCUCI CUCI, eseguito in muratura a malta cementizia, per tratti non contigui di
lunghezza inferiore a m 0,50; compreso la demolizione della muratura interessata e del relativo intonaco, calo e
scarrettamento dei materiali di risulta, ricostruzione delle strutture esistenti, il puntellamento delle strutture sovrastanti su
ambedue le facciate della parete
308.2.3.1
Z e.03
di strutture murarie in mattoni pieni con mattoni pieni
SOVRAPPREZZO per esecuzione su muratura in conci di pietra con uso di malta di calce idraulica naturale,
opportunamente dosata per avere le resistenze meccaniche, a maturazione avvenuta, idonee al tipo d’impiego.
MURATURA DI PIETRAME RETTILINEA andante in elevazione per muri a retta, recinzioni e simili, spessore minimo cm
45
con scapoli di pietra locale commerciale e malta bastarda
SOVRAPPREZZO per esecuzione su muratura in blocchi di pietra con uso di malta di calce idraulica naturale,
opportunamente dosata per avere le resistenze meccaniche, a maturazione avvenuta, idonee al tipo d’impiego.
INTONACO ad altissima porosità, igroscopicità e traspirabilità su murature piane o curve, orizzontali o verticali; eseguito
a mano salvo diversa indicazione:
"traspirante deumidificante" a ridotto assorbimento capillare d'acqua su murature di mattoni, pietra o miste umide e
saline con malta preconfezionata composta da calce idraulica naturale NHL 3,5 EN 459-1 pozzolana finissima e sabbia
silicea e di calcare dolomitico granulometria 0-2,5 mm; costituito da intonaco in 2 strati spessore minimo totale 20 mm
che dovrà garantire: resistenza vapore acqueo "ni" inferiore-uguale a 3 wppm, porosità malta indurita maggiore-uguale a
40% conducibilità termica pari a 0,47 W/mk, aria occlusa nell'impasto maggiore uguale 25%; corredato di certificato
WTA-Merkblatt 2-2-91 Sanierputzsysteme o equipollente e secondo EN 998/1-GP/CS11/W1 adesione 0,2 N/nmq,
reazione fuoco classe A1
313.1.1.0
E.009
E.010
313.1.1.1
Z e.09
421.3.3.0
E.011
E.012
E.013
E.014
ROTTURA A FORZA PER APERTURE IN BRECCIA DI MURATURA di mattoni pieni o mista di mattoni e piettrame di
qualsiasi spessore superiore a 15 cm esclusa la formazione di architravature e ripristini in genere:
per superfici superiori a 0,50 mq
RIMOZIONE DI INTONACO a distacco agevole fino a ritrovare il vivo delle murature, scarnitura dei giunti e
spazzolatura delle murature stesse
di calci idrauliche o cementizie in buone condizioni di consistenza
SCARNITURA DEI GIUNTI DI MALTA per giunti di malta cementizia. Rimozione meccanica di stuccature eseguite
durante interventi precedenti con materiali che per composizione possono interagire con quelli costitutivi che hanno
perduto la loro funzione conservativa o estetica, profondità massima 3 cm; su tutti i tipi di paramento murario inclusi gli
oneri relativi al consolidamento ed alla protezione di bordi e delle superfici circostanti.
421.3.3.9
421.3.5.0
STUCCATURA DI PARAMENTI MURARI FACCIAVISTA comprendente spazzolatura, raschiatura e lavatura prolungata
connettiture, stuccatura profonda a punta di mestola con malta preconfezionata di calce idraulica naturale NHL 3,5,
pozzolana finissima e sabbia silicea e di calcare dolomitico curva granulometrica 0-2,5 mm:a malta di calce bastarda e
finitura a grassello
421.3.5.1
431.6.1.0
431.6.1.1
Z e.02
432.1.5.0
su murature in pietra
MANTELLINA di protezione su murature, compreso pulizia e preparazione piano di posa in malta di cemento:
"a baule", in malta cementizia antiritiro e spezzoni di mattone
SOVRAPPREZZO per esecuzione mantelline con calce idraulica colorata
RIFACIMENTO A TRATTI DI ACCOLTELLATO con mattoni fatti a mano posti in accompagnamento all'esistente,
compreso: risistemazione del fondo, pulizia e preparazione degli incastri, stuccatura profonda e pulizia finale:
larghezza 0,40-0,42 cm con ribasso ogni 2 m
IDROPULITURA di paramento in bozze di pietra o mattoni, compresa la preventiva rimozione, eseguita a mano, delle
incrostazioni tenaci e di calcare:
con idrupulitrice a pressione adeguata
TRATTAMENTO BIOCIDA mediante prima applicazione a pennello di soluzione, successiva spazzolatura delle
superfici; accurato lavaggio con acqua demineralizzata, ripetizione del trattamento dopo 24 ore:
con soluzione di sale di ammonio quaternario (cloruro di beuralconio) ed acqua ossigenata a 120 volumi
Rimozione di depositi superficiali coerenti, incrostazioni, concrezioni, fissativi alterati mediante applicazione di
compresse imbevute di soluzione satura di sali inorganici o carbonato di ammonio; inclusi gli oneri relativi ai saggi per la
scelta della soluzione e dei tempi di applicazione idonei e alla successiva rimozione meccanica dei depositi solubilizzati
mediante pennellesse, spazzole, bisturi, specilli
E.015
432.1.5.1
439.1.1.0
E.016
439.1.1.1
439.3.1.0
E.017
E.018
439.3.1.1
Z e.05
E.019
Z e.06
Rimozione di depositi coerenti di notevole spessore quali croste nere, strati carbonatati, strati di scialbo, graffiti, su
superfici in materiale resistente e in buono stato di conservazione, inclusi gli oneri relativi ai saggi per la calibratura dello
strumento, esclusi gli oneri per la sigillatura e protezione di eventuali aperture o di elementi circostanti non inclusi
nell'operazione, con sabbiatrice di precisione a bassa pressione (massimo 2 atm) con ugello 0,2 - 0,3 mm
E.020
Z e.08
E.021
Z e.07
Rimozione meccanica di elementi metallici quali perni, staffe, grappe, etc. che risultino possibili causa di degrado non
siano più utili
Revisione cromatica per eliminare gli squilibri eccessivi creatisi nel tono generale del paramento murario e delle
integrazioni, da eseguirsi mediante velature con acqua di calce pigmentata; operazione da valutare al mq sui mq
diffusamente interessati dal fenomeno
E.022
Z e.10
E.023
Z e.11
E.024
Z e.12
Analisi petrografiche dei materiali esistenti mediante microscopio ottico per l'individuazione delle caratteristiche
composizionali, morfologiche e tessiturali di malte, intonaci, laterizi, materiali lapidei e calcestruzzi, secondo
raccomandazioni Normal 14/83
E.025
Z e.13
Prove per la determinazione delle proprietà meccaniche per la determinazione della resistenza a compressione
mc
mq
mq
mq
mc
mc
mc
mc
mc
mc
mq
mq
mq
mq
mq
mq
mq
mq
mq
Trattamenti dissuasivi per volatili mediante realizzazione di opportuni bauletti di malta trattata con specifici prodotti ed
ausili
Rilievo stratigrafico e tecnologico dell'elevato al fine della documentazione dello stato di fatto della muratura e dei
rapporti stratigrafici da eseguirsi mediante rilievo dell'elevato oppure tramite analisi di carotaggi. L'analisi comprende
l'interpretazione dei dati, la restituzione computerizzata in scala appropriata, relazione finale.
cad
mq
mq
mq
cad
cad
MTa
Associati
ELENCO DESCRITTIVO DELLE VOCI
articolo
Codice
descrizione
unità di
misura
COSTI AGGIUNTIVI SICUREZZA
4.8.1.0
F.001
4.8.1.1
4.8.5.0
F.002
4.8.5.1
4.8.7.0
F.003
4.8.7.2
26.5.1.0
F.004
26.5.1.0
F.005
F.006
F.007
26.5.1.5
26.5.2.0
26.5.2.1
95.7.5.0
95.7.5.1
4.4.5.0
F.008
4.4.5.3
508.1.1.0
F.009
508.1.1.1
508.2.1.0
508.2.1.1
Z f.01
F.010
F.011
95.3.2.0
F.012
F.013
F.014
F.015
F.016
95.3.2.2
95.3.6.0
95.3.6.5
95.3.6.0
95.3.6.6
95.6.1.0
95.6.1.5
95.7.1.0
95.7.1.1
Z f.02
F.017
Z f.03
F.018
4.9.3.0
F.019
F.020
4.9.3.2
Z f.04
SEGNALE MOBILE STRADALE VERTICALE temporaneo, nei colori, figura e forma secondo D.P.R. 16/12/1993 n. 495,
completo di treppiede o asta e base, per un periodo minimo di 5 giorni e fino a 30 gg. Oltre riduzione 35%
fino a 10 unità, al giorno
LANTERNA MOBILE a luce fissa e/0 lampeggiante rossa o gialla per integrazione segnaletica funzionante con
crepuscolare e batteria, per un periodo minimo di 5 giorni e fino a 30 gg. Oltre riduzione 20%
fino a 10 unità, al giorno
SEMAFORO MOBILE a tre luci, coppia, omologato, compreso due cartelli di preavviso, collegamento, messa in
funzione, controllo, sorveglianza, con accumulatore (compreso quota caricabatteria) o collegato a rete elettrica (linea di
connessione esclusa) per periodo minimo 5 giorni e fino a 30 gg. oltre riduzione 20%
per ogni giorno oltre i primi 5
Segnale mobile verticale in camicia di ferro 10/10 verniciato a fuoco interamente in pellicola rifrangente a normale
efficienza classe1, compreso del necessario per attacco e di sostegno realizzato con transenna mobile in acciaio con
zavorre in sacchetti di appesantimento in PVC arancio
fondo color giallo con segnale di senso alternato, limite di velocità 10 km/h e divieto di accesso ai non residenti. (dim.
120x100 cm.)
Segnale mobile verticale in camicia di ferro 10/10 verniciato a fuoco interamente in pellicola rifrangente a normale
efficienza classe1, compreso del necessario per attacco al sostegno
circolare (classe1) d. 60 cm
Sostegno a tre piede per segnaletica mobile in profilato di ferro
base 60 cm. , h=80 cm. per segnali normali
Indumenti di segnalazione per addetti ai lavoratori stradali o in condizione di scarsa visibilità:
gilet in poliestere con striscie retroriflettenti grigio argento a luce riflessa, traspirante
PONTE MOBILE DI SERVIZIO, ad elementi prefabbricati sovrapponibili ad innesto con ruote e stabilizzatori completo di
piano di lavoro, a base rettangolare, nolo minimo 5 giorni
dimensioni 2,50x1,2 m.; di altezza fino a 6 m., al giorno
Impianto di messa a terra. picchetto a croce normale in profilato di acciaio zincato sp.5 mm, infisso manualmente o con
utensili manuali in terreni ordinari, compreso collegamento al conduttore, già predisposto, per l'interconnessione fra i
diversi elementi del dispersore:
lunghezza 1,5 m., 50x50 mm
Dispersore in corda di rame nudo con fili elementari d. 1,8 mm.
sezione 35 mmq
Impianto di protezione contro le scariche atmosferiche
installazioni e dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche, parafulmini ad asta
Protezione delle vie respiratorie. Semimaschera a norma CE secondo EN 140,141,143 a due elementi filtranti con
cartucce intercambiabili
in silicone
Filtro per semimaschere
per vapori organici, gas inorganici e acidi A1 B1 E1 e polveria P3
Filtro per semimaschere
per vapori organici, gas inorganici e acidi A1 B1 E1 e ammoniaca K1
Protezione degli arti superiori. Guanti a norma CE secondo EN 374 (rischio chimico e microbiologico) , al paio:
con rivestimento in plastoprene, per lavorazioni in presenza di acidi e aggressivi chimici
Protezioni del corpo. Tuta monouso, omologata Ce:
in polietilene stratificato e polimerizzato (tyvek) per protezione abiti, categ. 1
Misure di prevenzione e protezione collettiva.
Presenza di un responsabile dell'impresa alle riunioni di coordinamento e ai sopralluoghi di verifica richiesti dal
coordinatore in fase di esecuzione dei lavori.
Misure di prevenzione e protezione collettiva delle interferenze
Presenza di un preposto individuato dall'impresa con compiti di supervisione durante le operazioni interferenti o richieste
nel PSC.
Recinzione modulare in rete metallica in pannelli 3,4x2,1 m, di rete zincata saldata a montanti in tubolari completa di
plinti prefabbricati in c.a., assemblati fra loro per periodo minimo 7 gg., al giorno: fino a 60 pannelli
c.s. oltre i primi 7 giorni
Installazione del cantiere comprensivo di impianto eletrico con quadro generale di distribuzione posto in opera su
struttura isolante e cavi elettrici; impianto idrico con tubazione in acciaio zincato 3/4'', compreso gli allacciamenti, le
giunzioni, i pezzi speciali e due colonnine con rubinetto.
cad
cad
cad
cad
cad
cad
cad
cad
cad
m
cad
cad
cad
cad
cad
cad
ore
ore
m
cad
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
264 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content