close

Enter

Log in using OpenID

Attività ISCAPI 2010 - Istituto Calabrese di Politiche Internazionali

embedDownload
ATTIVITÀ 2010
1
Sommario
1. Presentazione................................................................................................................... 3
2. Formazione ...................................................................................................................... 5
2.1 Certificazioni rilasciate da ISCaPI ............................................................................ 5
2.2 Le Scuole di Formazione in Calabria ........................................................................ 5
2.3 Programma Pitagora Mundus anno 2010 ................................................................. 6
2.4.Corsi di Lingua italiana per stranieri ......................................................................... 7
2.5 Corsi di Lingua Inglese, Francese, Spagnolo e Preparazione agli Esami ETS ........ 9
2.6 Summer Peace University ....................................................................................... 10
3. Rapporti Internazionali ................................................................................................. 12
3.1 progetto le muse ...................................................................................................... 13
3.2 Missione in Perù ISCaPI ........................................................................................ 23
3.3 Missione in Algeria ISCaPI................................................................................... 25
3.4 Visita dell’Ambasciatore della Somalia in Calabria .............................................. 28
3.5 Siglati accordi tra L’Egitto e la Calabria ................................................................. 30
4. Eventi ........................................................................................................................... 32
4.1 Settimana della Cultura Egiziana .......................................................................... 32
4.2 Ingrid Betancourt in Calabria .................................................................................. 35
5. Il Network ..................................................................................................................... 39
RAFFAELLA SANTORO
UFFICIO STAMPA ISCAPI
A CURA DI
2
1. Presentazione
Il seguente documento è stato realizzato al fine di presentare le attività di lavoro svolte nell’anno 2010 ed è
diviso in 3 macroaree: Formazione, Relazioni Internazionali ed Eventi.
Per la prima area l’ISCaPI ha offerto un ventaglio di offerte mirate alla formazione nel settore della cooperazione
e progettazione nonché allo studio delle lingue.
Lusinghieri i risultati ottenuti nell’ambito dei Rapporti Internazionali che, in tre anni di attività, ha visto la
struttura partecipare a rapporti di lavoro con pìù di 20 Paesi nel mondo e con più di 50 organismi (tra enti pubblici e
privati) dislocati all’estero.
La rete creata dall’ISCaPI offre oggi numerose opportunità, così da un punto di vista culturale come da un punto
di vista economico.
In particolare la rete cui l’ISCaPI fa riferimento ha dimostrato di essere in grado di:
orientare gli investimenti sul territorio da parte degli imprenditori esteri, fornendo dettagliati rapporti di
rischio e opportunità d’investimento;
mettere in contatto gli investitori con le camere di commercio, gli enti di formazione e gli enti pubblici
afferenti il territorio estero di riferimento;
creare pacchetti orientati alla formazione – lavoro capaci di creare una classe dirigente per l’avviamento
imprenditoriale sul territorio attraverso il coinvolgimento di capitale umano locale;
creare pacchetti formativi orientati al “succession planning” per tutti gli imprenditori che hanno già rapporti
avviati con l’Italia e intendono garantire la continuità aziendale di tali contatti;
Alla cooperazione di tipo “hub and spoke” appena descritta, che ha in ISCaPI il suo centro di propulsione e
sviluppo, bisogna aggiungere la cooperazione “orizzontale” tra i punti della rete, possibilità che aumenta a dismisura
le opportunità di lavoro che un sistema come quello creato dall’Istituto garantisce.
Un altro tassello importante, che si va ad aggiungere alla rete ISCaPI è quello che vede avviarsi un importante
rapporto di collaborazione tra l’Istituto e la Camera di Commercio di Cosenza. A febbraio 2011, infatti, viene siglato un
protocollo d’intesa tra i due enti.
La Camera di Commercio di Cosenza, dopo la stipula del protocollo, ospita il Centro Direzionale dell’Istituto di
Politiche Internazionali diventandone socio onorario.La collaborazione tra L’ente camerale di Cosenza e l’ISCaPI, punta
ad indicare una strategia chiara per sviluppare, un circuito virtuoso tra politiche pubbliche, risorse finanziarie, azione
degli enti e delle società per l’internazionalizzazione e le esigenze delle imprese;
Camera di Commercio di Cosenza e ISCaPI, concorreranno allo sviluppo del sistema economico produttivo,
culturale e del capitale umano attraverso specifiche azioni basate sullo sviluppo di scambi socio-culturali, educativi e
scientifici, stages formativi - presso aziende e istituzioni in ambito locale ed internazionale - unitamente agli scambi
commerciali, mostre, fiere e gemellaggi legati alla formazione ed alla cooperazione internazionale ed alla
internazionalizzazione delle produzioni calabresi.
3
F
ormazione
4
2. Formazione
Il seguente documento è stato realizzato al fine di presentare al meglio le attività formative dell’Istituto
Superiore Calabrese di Politiche Internazionali per l’anno 2010.
In particolare, si è inteso avviare una serie di progetti in grado di ricoprire diversi ambiti di interesse e rivolti a
soggetti socialmente e culturalmente diversi tra loro.
E’ tuttavia in essi è possibile individuare un elaborato filo di arianna utile alla creazione di una rete
internazionale che vede tra i suoi attori principali giovani calabresi e pubbliche amministrazioni.
Le attività qui presenti hanno permesso ai partecipanti di migliorare le loro conoscenze linguistiche e di
approfondire i loro bagagli culturali, per un maggior sostegno allo Sviluppo Locale e Culturale.
2.1 Certificazioni rilasciate da ISCaPI
(A cura del Centro Linguistico iSCaPI)
L’ISCAPI è’ convenzionato con il Centro per la Valutazione e la Certificazione Linguistica dell’Università per
Stranieri di Perugia per l’erogazione della Certificazione CELI - per l’italiano generale - e CIC - per l’italiano
commerciale.
Da gennaio 2009 è anche sede formativa ETS – unica in tutto il territorio provinciale - per la preparazione e il
rilascio della certificazione TOEFL – Test of English as a Foreign Language;
mentre dal mese di luglio 2009 è accreditato – come seconda sede in Italia - per le seguenti certificazioni:
 TOIEC – Test of Enghlish for International Communication
 TFI – Test of Français International
2.2 Le Scuole di Formazione in Calabria
- Scuola della Sapienza presso il Comune di Spilinga (Vv)
Inaugurata nel mese di luglio 2009
- Scuola della Sapienza presso la Casa delle Culture del Comune di Cosenza (cs)
Inaugurata nel mese di novembre 2008
- Scuola della Sapienza presso l’ex Municipio del Comune di Fuscaldo (cs)
Inaugurata nel mese di gennaio 2008
- Scuola della Sapienza presso il Comune di Snata Severina (KR)
Inaugurata nel mese di gennaio 2007
5
2.3 Programma Pitagora Mundus anno 2010
Il Programma Pitagora Mundus – ideato e organizzato dall’Istituto Superiore
Calabrese di Politiche Internazionali (ISCaPI) - è un ambizioso progetto che prevede la
creazione di 10 Scuole della Sapienza dislocate tra i Borghi più belli e antichi della
Calabria, i cosiddetti “Borghi della Sapienza”, che ospitano studenti provenienti dalle
20 Città Pitagoriche, afferenti la rete internazionale ISCaPI.
Il programma è attivo da più di tre anni (grazie anche alla collaborazione dei
ministeri e delle ambasciate straniere, con cui l’ISCaPI è a stretto contatto) e fino ad
oggi ha avuto la partecipazione di moltissimi studenti stranieri (provenienti da varie
parti del mondo) .
È questa, naturalmente, solo la prima fase di un programma di formazione che
si pone come fine ultimo il ricongiungimento in Calabria delle migliori eccellenze in dieci degli ambiti disciplinari che
spaziano dalla salute all’Ambiente, dalle nano tecnologie alle scienze dell’alimentazione.
Lo stesso programma prevede uno scambio tra gli studenti provenienti dai Paesi che aderiscono al progetto,
ovvero gruppi di studenti calabresi a loro volta saranno ospitati all’estero per un periodo di studio.
I due Borghi “Pilota” sono Santa Severina (Kr) e Fuscaldo (Cs). Da novembre 2008 si è aggiunta una ulteriore
Scuola della Sapienza, nonché Centro di Coordinamento del programma, sorta a Cosenza presso la Casa delle Culture
sita nel centro storico cittadino.
Nel 2009 l’ISCaPI in collaborazione con l’amministrazione comunale di Spilinga (Vv) da vita alla Scuola della
Sapienza per la della Dieta Mediterranea con lo scopo di sostenere e diffondere la cultura della “Dieta Mediterranea
Italiana” di riferimento per incentivare la conoscenza e la pratica di un regime alimentare che, attraverso la riscoperta
degli antichi sapori mediterranei, sia in grado di fornire il giusto equilibrio tra un corpo e una mente in perfetta salute.
I Borghi della Sapienza, realizzati fino ad ora, sono completamente coperti dalla rete wi-fi e stanno adeguando le
strutture formative perché diventino ad “emissioni zero”.
Si prevede di giungere ad un totale di 10 Scuole della Sapienza (tra gli altri comuni coinvolti nel programma
Scilla, Rocca Imperiale, Caulonia, Mammola, Decollatura, Riace, San Pietro in Guarano, Tropeai)
Nei primi 5 anni le Scuole della Sapienza, ovvero affascinanti conventi e castelli rivalutati
dalle amministrazioni dei borghi per renderli adatti ad ospitare le lezioni, saranno aperte alla formazione
linguistica.
Negli anni successivi – invece - il programma si completerà con la creazione di 10 Master monografici, collegati a
20 università del Mondo – nell’ambito del quale sarà possibile partecipare a degli stages formativi nelle strutture
convenzionate in grado di aprire agli studenti dei master, le porte del mondo del lavoro internazionale.
Nel 2010 il numero complessivo di studenti che hanno usufruito del Programma Pitagora Mundus è di 126
giovani provenienti da 14 Paesi esteri.
6
2.4.Corsi di Lingua italiana per
stranieri
I corsi di lingua italiana erogati da ISCaPI sono strutturati in modalità full immersion, un metodo innovativo
che permette lo sviluppo delle capacità comunicative senza trascurare la riflessione sulle strutture grammaticali
In particolare, i corsi sono articolati in 3 livelli – secondo le direttive del Quadro Comune Europeo di
Riferimento per le lingue del Consiglio d’Europa – Corso Elementare (Livello QCER – A1/A2), Corso Intermedio (Livelo
QCER - B1/B2), Corso Avanzato (Livello QCER – C1/C2) .
Altresì, l’ISCaPI è convenzionato con il Centro per la Valutazione e la Certificazione Linguistica dell’Università
per Stranieri di Perugia per l’erogazione della Certificazione CELI - per l’italiano generale - e CIC - per l’italiano
commerciale.
Tutti gli studenti stranieri prima di iniziare il corso di lingua e cultura italiana nelle sedi preposte, sostengono i
cosiddetti test d’ingresso che aiutano a determinare il livello di preparazione dei ragazzi e quindi di avere un quadro
più idoneo per affrontare il percorso didattico.
Il test consta di una prova scritta ed un dialogo di presentazione.
Tutti gli studenti, inoltre, durante la loro permanenza nei Borghi sono supportati costantemente dai
coordinatori del corso e da un buddy. I Buddy sono gruppi di ragazze e ragazzi che guidano gli studenti nelle loro
attività extra didattiche.
I nostri corsi, inoltre, affiancano alla didattica d’aula anche 12 ore di Percorsi culturali tesi alla comprensione
della storia e delle tradizioni del Borgo ospitante e delle sue genti.
Percorso Rosso – Corso di Eno-gastronomia mediterranea
Percorso finalizzato all’apprendimento teorico- pratico dei principi di base della dieta
mediterranea come la pasta, gli umidi, il pane e la pizza; esso terminerà con l’organizzazione
di una cena di quanto preparato.
Il corso è organizzato in collaborazione con la Coldiretti Calabria che ne garantisce sia la
qualità della didattica sia la qualità dei prodotti utilizzati.
Percorso Giallo – Corso di Artigianato e Mestieri nel Borgo
Corso a carattere pratico tenuto dai Mastri artigiani locali ed in collaborazione con la
Confartigianato. Durante le lezioni ogni studente realizzerà la propria opera e potrà
conservarla come ricordo di questa esperienza.
Percorso Blu – Corso di Arti visive
Durante le lezioni ogni studente realizzerà la propria opera e potrà conservarla come ricordo di
questa esperienza. Si prevedono anche visite presso i Musei e Gallerie d’Arte della zona e analisi
della storia cinematografica e delle esperienze sperimentali del territorio.
Percorso Verde – Corso di sviluppo territoriale sostenibile
Corso a carattere prevalentemente naturalistico e culturale organizzato in collaborazione con
UNESCO Calabria. Sono previste varie escursioni nei parchi della Sila con la guida di tutor
esperti.
7
LE SCUOLE
SANTA SEVERINA (ROTARY), FUSCALDO, COSENZA, SPILINGA
Nel 2010 presso le Scuole della Sapienza di Santa Severina, Fuscaldo (CS),
Cosenza e Spilinga (VV) hanno partecipato ai corsi di lingua Italiana 90
studenti, tra luglio e settembre, provenienti da: Argentina, Canada, Algeria,
Egitto, Montenegro, Repubblica Ceca, Estonia e Georgia.
Gli studenti del Pitagora Mundus, oltre a promuovere gli scambi
interculturali a livello mondiale, favoriscono anche i flussi turistici in Calabria
che diventa sempre più accogliente e multietnica.
Tra i diversi obiettivi del programma di studi c’è anche quello di mettere a
confronto tradizioni, usi e costumi diversi dai nostri, mescolandoli a quel tratto distintivo che è la nostra “calabresità”
di cui dobbiamo andare fieri ed orgogliosi.”
Si ricorda che gli studenti hanno svolto al mattino attività d’aula per cinque
giorni a settimana, mentre nel pomeriggio hanno seguito una serie di
percorsi culturali, articolatisi in attività extradidattiche volte al confronto,
con maestri artigiani dei Borghi ospitanti, all’apprendimento dei principi di
base della dieta mediterranea ed alla conoscenza delle nostre tradizioni
enogastronomiche, alla visione di film in lingua italiana.
A conclusione del corso ad
ogni corsista ha ricevuto
l’attestato di partecipazione.
8
2.5 Corsi di Lingua Inglese, Francese, Spagnolo e Preparazione agli
Esami ETS
Il corso mira a migliorare il livello di conoscenza della lingua inglese dei partecipanti, prendendo in
considerazione le necessità individuali degli iscritti.
Destinatari: Coloro i quali desiderano migliorare la conoscenza della lingua inglese o necessitano del
certificato internazionale ETS per studiare e lavorare all’estero.
Struttura: il corso prevede in totale uno studio di 120 ore. Le lezioni saranno articolate in 5 incontri
settimanali di circa 180 min. ciascuno. I gruppi potranno essere di livello elementare e livello intermedio/avanzato.
Al termine i discenti dovranno sostenete l’esame ETS per l’ottenimento del certificato TOEFL.
I corsi dono strutturati in 3 livelli – secondo le direttive del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le
Lingue del Consiglio d’Europa: Corso Elementare (Livello QCER – A1/A2); Corso Intermedio (Livello QCER – B1/B2);
Corso Avanzato (Livello QCER –C1/C2). Oltre alle attività frontali d’aula, gli studenti saranno impegnati in attività di
laboratorio.
Certificati: Al termine dell’intero corso, ai partecipanti sarà consegnato un attestato di partecipazione
indicante: la partecipazione al corso, la tipologia del corso sostenuto, il numero delle ore, il livello delle conoscenza
di partenza e quello delle competenze acquisite. In seguito al superamento dell’esame ETS: Certificato TOEFL – Test
of English as a Foreign Language.
L’anno accademico dei corsi di lingua inglese e preparazione agli esami ETS E’ stato avviato nel mese di
ottobre 2009 .
Sono stati attivati i seguenti gruppi di lingua Inglese:
n°1 Livello Elementare
n° 3 Livello Pre-Intermedio e Preparazione TOEFL
n° 1 Livello Elementare e Turismo
n° 2 Corsisti Individuali
Sede di svolgimento
Sede Operativa ISCaPI a Cosenza
Periodo
Ottobre 2009 – Ottobre 2010
Numero complessivo partecipanti: 54
L’ ISCaPI, altresì è sede formativa ETS – unica in tutto il territorio provinciale - per la preparazione e
il rilascio della certificazione TOEFL – Test of English as a Foreign Language; TOEIC/TOEIC Bridge – Test
of Enghlish for International Communication ; TFI – Test of Français International
Sessioni d’esame 2010 TOEFL:

27 Febbraio; 27 Marzo; 24 Aprile; 14 Maggio; 22 Maggio; 19 Giugno; 26 Giugno; 10 luglio;
28 agosto; 25 settembre; 9 ottobre; 13 novembre; 3 dicembre;
9
2.6 Summer Peace University
Agosto/Novembre 2010
In collaborazione con la Ingrid Betancourt Foundation
La Saletta del consiglio comunale di Spilinga
(Vv) ha ospitato la conferenza stampa di presentazione
della seconda edizione della “Summer Peace
University” che si è svolta venerdì 24 settembre in mattinata. L’ Università
della Pace è stata organizzata dall’Istituto Superiore Calabrese di Politiche
Internazionali in collaborazione con la Ingrid Betancourt Foundation, il
Segretariato Permanente dei Premi Nobel per la Pace e l’amministrazione
comunale di Spilinga (Vv).
Il caratteristico centro vibonese ha già ospitato in qualità di Borgo
della Sapienza del Programma Pitagora Mundus gli studenti dell’edizione
passata.
Erano presenti, tra gli altri, il primo cittadino del borgo vibonese Dott. Franco Barbalace e il Presidente
dell’ISCaPI Dott. Salvatore La Porta.
Iniziative come questa ha detto il sindaco di Spilinga “permettono il confronto tra i giovani del nostro borgo e
quelli di altri Paesi consentendo di fare uscire al di fuori dei confini nazionali ed
internazionali quelle che sono le nostre peculiarità, le nostre eccellenze ma
soprattutto la nostra cultura”.
Tra il pubblico i volti incuriositi e sorridenti dei 9 studenti stranieri che a
partire dal 20 settembre hanno frequentando il corso, provenienti dalla Colombia,
dall’Egitto, dall’Irak, dalla Somalia, dalla Georgia e dal Burkina Faso tra cui Pablo
Emilio Moncayo , Sergente dell’esercito colombiano liberato dopo 12 anni di
prigionia. La sorella Tatyana ha, invece, partecipato alla Summer Peace University
2009.
I ragazzi (come per l’anno precedente al quale hanno partecipato
studenti - figli e parenti di rifugiati politici, provenienti da diverse parti del
mondo) hanno seguito il corso di lingua e cultura italiana e partecipeto ai
percorsi culturali pomeridiani; i focus meeting e le lezioni sul tema della Pace e
della Cooperazione tenute da docenti universitari e esperti del settore a livello
nazionale, comunitario e internazionale.
I corsisti della Summer Peace University 2010 sono stati ospiti dia
Spilinga fino all’ 8 ottobre e a Cosenza fino a novembre.
Obbiettivo della SPU:
La Summer Peace University (SPU) è un
progetto di studio (concretizzato dopo l’accordo avviato con la Fondazione
Ingrid Betancourt, l’ISCaPI, la Regione Calabria, nell’ambito del Summit dei
Premi Nobel svoltosi a Parigi nel mese di dicembre 2008) ideato dall’Istituto
Superiore Calabrese di Politiche Internazionali (ISCaPI) al fine di favorire un
clima di confronto sul tema della Pace che conduca ad una collaborazione
costruttiva fra giovani di differenti nazionalità. L’obiettivo primario della
Summer Peace University è di offrire a studenti provenienti da Paesi in
conflitto, sia esso di natura terroristica, economica, religiosa o sociale, la
possibilità di realizzare un’esperienza di studio all’estero che gli permetta di acquisire nuove competenze linguistico culturali e di approfondire le proprie conoscenze sul tema della pace, dei diritti umani e della cooperazione
internazionale.
10
R
apporti
I
nternazionali
11
3. Rapporti Internazionali
Le Relazioni Internazionali sono l’anima stessa dell’ISCaPI e la sua ragion d’essere.
In tre anni di attività la struttura ha chiuso rapporti di lavoro con 20 Paesi nel mondo e con più di 50 strutture
(tra enti pubblici e privati) dislocate all’estero.
La rete creata dall’ISCaPI offre oggi numerose opportunità, così da un punto di vista culturale come da un
punto di vista economico.
In particolare la rete cui l’ISCaPI fa riferimento ha dimostrato di essere in grado di:

mettere in contatto gli investitori con le camere di commercio, gli enti di formazione e gli enti pubblici
afferenti il territorio estero di riferimento;

creare pacchetti orientati alla formazione – lavoro capaci di creare una classe dirigente per l’avviamento
imprenditoriale sul territorio attraverso il coinvolgimento di capitale umano locale;

favorire l’inserimento degli investitori stranieri sul territorio calabrese e del sud Italia in generale tramite
l’avvicinamento alle istituzioni pubbliche e private interessate all’attrazione di capitale;

creare pacchetti formativi orientati al succession planning per tutti gli imprenditori che hanno già rapporti
avviati con l’Italia e intendono garantire la continuità aziendale di tali contatti;

avviare rapporti di cooperazione con la rete degli immigrati nel paese estero, onde favorire un ritorno di
capitale nel paese di origine.
I partner della rete comprendono numerosi enti pubblici che già sviluppano, attraverso la rete ISCaPI , parte
delle loro politiche di internazionalizzazione.
Alla cooperazione di tipo hub and spoke appena descritta, che ha in ISCaPI il suo centro di propulsione e
sviluppo, bisogna aggiungere la cooperazione “orizzontale” tra i punti della rete, possibilità che aumenta a dismisura
le opportunità di lavoro che un sistema come quello creato dall’Istituto garantisce.
12
3.1 progetto le muse
Dalla Calabria all’Argentina
27 gennaio 23 febbraio
Con il Patrocinio dell’Assessorato al turismo della Provincia di Cosenza
Si chiama “Le Muse” il progetto, che ha preso corpo in Argentina dal 27 gennaio al 23 febbraio, organizzato
dall’ISCaPI in collaborazione con la Provincia del Rio Negro, che ha previsto la
creazione di un documentario video il cui scopo è stato quello di rivelare il
senso di appartenenza alla “terra” dei i due popoli (quello calabrese e quello
argentino) evidenziandone differenze e similitudini mettendo arte e cultura a
confronto.
Il documentario, prodotto in tre lingue (italiano, spagnolo e inglese) sarà
successivamente presentato ai Festival internazionali grazie alla collaborazione
dei Partner ISCaPI all’estero.
Il progetto prevede, inoltre la pubblicazione di un testo di ricerca socioantropologica e politologica ed artistico che mira a realizzare documenti utili alla
promozione del territorio calabrese all’estero e della Patagonia stessa utilizzando i canali culturali.
Il lavoro nasce dall’idea di incrementare le attività di cooperazione e interscambio tra l’Italia e l’Argentina, avviate già
da diverso tempo, con la sottoscrizione di un protocollo d’intesa atto a
promuovere il dialogo tra le culture e i popoli tra: la Provincia di Cosenza, la
Provincia del Rio Negro, il Comune di Cosenza, il Comune di Castrolibero, il
Comune di Fuscaldo, la Municipalidad de El Bolson, la Municipalidad de Viedma e
la Municipalidad de Bariloche.
Il gruppo di ricerca coadiuvato da Alberto Ricaldoni, producer del documentario
per la Provincia del Rio Negro, è stato così composto: Francesca Marchese Direttore Artistico dell’Istituto; Daniele Trani – Direttore della fotografia e Luigi
Simone Veneziano – Regista. L’iniziativa è stata sostenuta dalla Provincia del Rio
Negro (Patagonia, Argentina) e dalla Fondazione Rete Solidale di Calabresi nelle
Americhe di Buenos Aires e l’Associazione di calabresi in Patagonia.
Calendario della delegazione
Dal 24 gennaio a l5 febbraio
Nei primi giorni la troupe arrivata in Buenos Aires, si e' tempestivamente mossa verso la Patagonia, location del
documentario che prende il nome di “Arghentalia”.
Ad accogliere il gruppo calabrese con una grande festa oltre al Sindaco di Viedma Jorge Ferreira anche la comunità di
italiani perfettamente integrata con il territorio argentino.
L’incontro con il primo cittadino e tutti gli organizzatori è servito per pianificare le riprese del video e le interviste ai
“che” agli abitanti della terra d’Argentina: contadini, pescatori, artigiani, che insieme a straordinarie location sono
stati i protagonisti del documentario stesso.
Jorge Ferreira ha riconfermato l’interesse dell’amministrazione comunale di Viedma a continuare gli importanti
rapporti di scambio interculturale avviati già da tempo con l’ISCaPI, mostrando grande interesse per l’apertura
dell’ufficio cultura all’interno dell’Istituto.
13
Si è detto, inoltre soddisfatto per l’attiva partecipazione di alcuni suoi
concittadini al progetto.
Le riprese si sono protratte per tutti i giorni di permanenza a Viedma (dal 28
gennaio al 5 febbraio) documentando anche una delle più importanti
tempeste di sabbia degli ultimi tempi. Sono stati visitati: Buenos Aire;
Viedma; Carmen De Patagones; Balneario El Còndor; Isole del Rio Negro; la
Loberia; San Antonio Oeste; Puerto De San Antonio Este; località che
ospitano ancora delle unicità della Patagonia, particolarmente quella dei
pescatori di polipo (attraverso una antica tecnica) a Las Grutas.
Dal 6 al 13 febbraio
Il gruppo si è recato ( per effettuare ulteriori riprese) nell’Alta Vallata del Rio Negro , ospiti di Allen , meglio
conosciuta come città della Pera e centro nevralgico della produttività zoo
alimentare della Patagonia. Il Sindaco Graciano Bracalente, coadiuvato dai suoi
collaboratori più stretti, ha accolto con grande entusiasmo la delegazione
offrendo grandissima ospitalità e supporto all’iniziativa stessa, suggerendo luoghi
da visitare mostrando grande curiosità per la Calabria.
Tutto questo ha coinciso con i 100 anni della nascita della città dove ha preso vita
la Festa Nazionale della Pera frutto che da sempre porta uno straordinario
indotto economico per tutto il territorio, grazie anche alla presenza di
tantissime aziende agroalimentari che utilizzano la ricerca e la sperimentazione
nella coltivazione degli alberi da frutto, creando importanti gemellaggi con
realtà produttive internazionali. Numerosi gli incontri che il gruppo ha avuto con la stampa locale e nazionale che ha
seguito costantemente lo sviluppo del progetto Italia/Argentina.
La zona dell’Alta Vallata è ricca di rare bellezze naturalistiche , dalla cordigliera delle Ande per arrivare poi al mistero
del suo deserto fino alla zona dei laghi.
La particolarità di queste zone sono le “Chacre” ovvero le fattorie dove la troupe ha focalizzato il suo interesse. Le
etnie presenti in questa provincia rappresentano al meglio la gente di
Patagonia, che si esprime attraverso l’artigianato d’eccellenza.
Las Perlas, altro centro visitato, è il borgo degli artisti qui è facile
incontrare artigiani di raro pregio, ognuno con una storia da raccontare è
qui che la troupe ha incontrato Nestor il maestro del “Mate” oggetto di
culto argentino utilizzato per la degustazione della Gerba Mate, quest’
erba è parte integrante del rito del mate che si consuma e si condivide
tra le persone.
Visitati tra gli altri: Villa Regina; Neuquen; General Roca; Cipolletti; Los
Gigantes , città appartenenti alla zona dell’Alta Vallata.
14
Dal 13 al 15 febbraio
L’arrivo dei calabresi a El Bolson .
Ad accogliere il Sindaco Oscar Romera il quale ha avviato con l’iscapi una
serie di accordi di collaborazione finalizzati alla realizzazione di progetti
culturali.
Romera ha presentato alla troupe la realtà dei nativi nella città, ovvero la
comunità “mapuche”.
El Bolson è stata una delle mete più importanti per le riprese del
documentario. Questo posto magico, infatti è carico di una luce
particolarissima. Altro posto straordinario immortalato è stato il
“piltriquitron” (monte appartenete alla Cordigliera delle Ande) teatro di
uno dei rituali più antichi il “Kuranto” ovvero la preparazione delle
vivande in un forno sottoterra, che viene appositamente costruito con un
cerimoniale antico e tramandato da generazione in generazione. In
questa zona un altro incontro importante è stato quello con i “Gauci” i pastori.
Dal 15 al 19 febbraio tappa a San Carlo de Bariloche
La delegazione è stata accolta dalla dott.ssa Alisia Mercedes Grandio – Direttore delle relazioni Istituzionali del
Ministero del Turismo del Rio Negro.
Il gruppo e stato intervistato dalla la stampa che ha realizzato
uno speciale sul loro lavoro e che è andato in onda sulla tv
nazionale.
Le riprese hanno interessato maggiormente la zona del laghi e il
suo interno. In uno dei tanti borghi visitati l’ennesimo
confrontocon una realtà “mapuche”. Ancora a San Carlo de
Bariloche l’incontro con uno dei più importanti artisti argentini
Federico Marchesi detto l’artista delle pietre riconosciuto a livello
mondiale e che ha accompagnato la troupe per un intera giornata
alla conoscenza diretta della pietra come materia viva.
Dal 20 a 21 visita turistica a Buenos Aires e partenza per l’Italia.
15
Seconda Parte Progetto “Le Muse” Calabria
È stata presentata durante una conferenza stampa tenutasi venerdì 23 luglio presso la
Sala degli Stemmi del Palazzo della Provincia di Cosenza.
Presenti tra gli altri, l’Assessore provinciale al
turismo Pietro Lecce; Salvatore La Porta - Presidente
dell’ISCaPI; Alberto Ricaldoni - Producer argentino; Luigi
Simone Veneziano - regista del documentario e Francesca
Marchese –responsabile settore Cultura ISCaPI.
La prima parte del Progetto ha visto impegnata una
troupe Calabro/Argentina nella realizzazione di un
video/documento in Patagonia, dal 27 gennaio al 23
febbraio c.a..
Dal 1 al 25 luglio si è realizzata la seconda parte del documentario, attraverso riprese
filmate, finalizzate alla promozione del patrimonio artistico - culturale del territorio calabrese.
Il gruppo argentino arrivato a Cosenza i primi giorni di luglio per unirsi ai
professionisti calabresi ed organizzare il piano di lavoro.
Il video è parte integrante del Progetto “Le Muse” e rappresenta uno studio comparato
tra la pubblicazione di un testo di ricerca socio-antropologica ed artistica, e una mostra fotografica,
la quale mira a realizzare documenti utili alla promozione del territorio calabrese all’estero e della
Patagonia, utilizzando canali culturali.
Il gruppo di ricerca, coadiuvato da Francesca Marchese verrà prodotto in tre lingue
(italiano, spagnolo e inglese) e sarà successivamente presentato ai Festival Internazionali grazie
alla collaborazione dei Partner ISCaPI all’estero.
Le ricchezze della Calabria e il “patrimonio” dei saperi tramandati, legati alla terra sono
il cuore di questo studio. Ogni Paese rappresenta una realtà unica, ecco perché il desiderio di
raccontarli e di far muovere il gruppo all’interno del territorio calabrese.
La troupe calabro/ argentina ha realizzato le riprese per concludere il documentario in
diversi comuni della provincia di Cosenza che hanno manifestato la loro totale collaborazione
ospitalità.
16
COSENZA 5/6 LUGLIO
Il 6 luglio il gruppo ha incontrato, dopo una visita alla
città antica, il Prof. Conforti memoria storica di Cosenza e grande
conoscitore della Calabria. Ai fini del documentario è stata
realizzata una intervista con lo studioso che ha raccontato in linee
generali le particolarità e il bagaglio storico artistico della città dei
bruzi.
Le riprese si sono snodate raccontando per immagini il suggestivo e
paesaggio Cosentino.
incantevole
Il giorno successivo si è voluta dare la giusta
attenzione ad una tradizione quasi dimenticata quale quella dei
“Tummarinari” ovvero, i costruttori dei tamburi ad uso
specifico delle cerimonie religiose e che hanno caratterizzato gli
echi dei nostri ricordi di bambini.
APRIGLIANO 7/8 LUGLIO
La troupe è stata accolta dall’Assessore alla Cultura del comune di Aprigliano Giulio Le Pera e
dallo storico e studioso del territorio apriglianese Antonio De
Paoli. Dopo una passeggiata nei vicoli del paese la scoperta del
Parco Lardone famoso per essere una radura faunistica e per
ospitare le due sequoie
secolari
uniche
sul
territorio. Le riprese si sono
soffermate nella casa del
Lardone che bene racconta
la magnificenza e la forza
di questo territorio. E proprio in questo magnifico casolare
antico il prof. De Paoli ha accompagnato le riprese
raccontando la storia di Aprigliano conducendo il gruppo
nelle tradizioni del borgo.La prima giornata si è conclusa con il tramonto sulle colline.
17
Puntuale la troupe ha organizzato il secondo giorno
iniziato a casa di Teresa, la sua cucina è diventata un set e mentre le
sue mani impastano “fusilli” il suo racconto è poetico e ci
accompagna nella storia del paese attraverso aneddoti e credenze
popolari.
Nel pomeriggio abbiamo incontrato la signora Ida Zinga la famosa “marra” ovvero, la
prima ricamatrice che oltre a lavorare al “telaietto” con le sue sante mani ci mostra questo lavoro
all’uncinetto, una splendida tovaglia iniziata da anni alla quale lavorano tutte le comari del
quartiere. “U vignanu” diventa per loro momento di convivialità e di condivisione. L’ennesimo
elogio a quei paesi che stanno ormai scomparendo. Si conclude così la due giorni apriglianese.
SANTO STEFANO DI ROGLIANO, 9 LUGLIO
Le riprese a Santo Stefano di Rogliano sono una veloce carrellata che si sofferma nel
portico di casa del signor Silvio Nicoletti. Silvio lo avevamo conosciuto incastonato nella sua Fiat
Uno ricolma di cesti, e incuriositi volevamo andare a trovarlo a casa per
vedere dalle sue nude mani la creazione dei famosi “cisti”. Il ring del suo
lavoro è l’entrata del negozio di verdure di suo nipote dove un cane e tanti
bimbi sono il suo pubblico preferito<mentre lui impaglia, impaglia e
ancora impaglia. Il suo racconto ci porta lontano a quando era bambino e si
conclude con un brindisi da parte della troupe di buon auspicio per le
riprese.
SAN LUCIDO 12 LUGLIO
Il mare è all’orizzonte arrivati nerlla piazza del comune ad accoglierci è il primo
cittadino Antonio Staffa e la suo giovane e brillante
amministrazione.
Ci accompagnano alla scoperta dei vicoli e degli
scorci fino a farci risalire lungo la caratteristica strada della
“Crucetta” famosa per essere la prima strada che portava
gli abitanti della provincia verso il mare.
Una
18
carrellata
di
suggestive
immagini
dall’azzurro del mare al verde delle nostre montagne.
La strada è ancora impervia e qua e là è possibile imbattersi in qualche mucca e in
contadini che con l’amorevolezza di sempre ci invitano a condividere un bicchiere di vino rosso
locale.
Il pomeriggio dopo un intervista al sindaco e la scoperta di una serie di tradizioni
riprese (fra le tante il carnevale estivoche riporta giorni di spensieratezza all’intera popolazione).
San Lucido ha incontrato la nostra attenzione per la sua tradizione di “Guaritori di campagna” che
senza guardarci con sospetto ci hanno accolto e raccontato le eredità di famiglia in gesti e saperi
antichi.
Una di queste la signora Maria Vommaro famosa per essere una forte “Sfascinatrice”.
Proseguendo la nostra passeggiata nella campagna bussiamo alla porta di Rosanna Conforti che
con le sue armi: un fuso ed un filo ci racconta “Il Carmu”.
È sua nonna che le ha tramandato il sapere e lei con gli occhi dolci che solo le mamme
hanno, con il suo bambino vicino, ci racconta della sua infanzia, delle persone che bussavano alla
loro porta e di sua nonna che è stato il regalo più bello della sua vita.
L’ultimo appuntamento di questa intensa giornata è a casa di Teresina Saporito, “Nonna
Teresina” come si fa chiamare che con tanto orgoglio approfitta del dolore al collo di Francesca
mostrando le antiche tecniche.
COMUNE DI SAN FILI, 14 LUGLIO 2010
La delegazione è stata accolta dal vice Sindaco Antonio
Argentino, dallo storico Francesco Iantorno e dall’esperto sulle
tradizioni e credenze popolari Pietro Perri.
Il Comune di San Fili è rientrato all’ interno del progetto Le Muse per l’ importanza che
riveste nella cultura della magia; l’intento era quello di riuscire ad incontrare e ad intervistare una
o più magare del paese.
Nonostante le assicurazioni ricevute, è stato possibile contrare solo la Sig.ra Ida M. la
quale, però, non ha rilasciato alcuna intervista video.
Il metodo della Sig.ra Ida: carta e penna, dell’interessato solo la data di nascita.
Consiglia spesso: il chinino, da distribuire sulle giunture del corpo – contro fatture,
19
magarie, affascino, reumatismi, circolazione.
Preparazione: 7 pillole di chinino schiacciate con alcool puro e conservato in una
bottiglietta di succo di frutta. Utilizzare x sette sere con cotone. Il cotone deve essere bruciato.
A seguire un intervista politologica fatta al Vicesindaco.
COMUNE DI CLETO, 16 LUGLIO 2010
La giornata a Cleto è stata una rivelazione,
non una semplice visita turistica, affascinante e dal punto
di vista storico, sociologico e antropologico. Molto utile e
interessante per le riprese esterne. Ad attendere il gruppo
il promotore dell’ Associazione culturale Trischine, Ivan
Arella. Particolare interessante il recupero “alternativo”
degli immobili da parte di bresciani, francesi e tedeschi in
un Paese ormai fantasma.
L’ incontro con questo paese è stato stimolante ed ha mostrato un aspetto poetico e
ricco di suggestioni ,da aggiungere a quel patrimonio dei paesi fantasma di cui Teti tanto racconta
COMUNE DI SAN GIOVANNI, 19 LUGLIO 2010
Ad accogliere il gruppo delle Muse il Sindaco Antonio Badile a
l’assessore alla Cultura Giovanni Iaquinta.
Lo splendido paese dell’Abate Gioacchino è uno scrigno ricchissimo
di saperi e di tradizioni che vanno di pari passo con l’epoca moderna.
Le giornate di San Giovanni sono state intensissime e piene di
suggestioni .
Le riprese si sono alternate tra bellissimi scorci e interviste intense,
dove alcuni degli eccellenti maestri quali Spadafora, Caruso, Madia e tanti
altri hanno aperto le loro botteghe.
Ma la rivelazione è stata la presentazione delle tradizioni culinarie e la scoperta delle
tipicità gastronomiche, soprattutto degli elisir dei “Sapori Silani”.
20
Comune di San Lucido, 21 luglio 2010
Ritorno a San Lucido per le riprese del famoso carnevale estivo.
Ad accogliere con grande entusiasmo il sindaco e l’amministrazione
comunale.
Comune di Torano, 22 luglio 2010
La delegazione è stata accolta al Comune dal Sindaco Dino Pepe, dal Vice sindaco
Martino di Massimo e dal Consigliere Comunale delegata alle tradizioni popolari Nancy
Carnevale. L’ amministrazione ha offerto una bella giornata presso l agriturismo “La collina” del
Sig. Biagio Sal erno che ci ha accompagnato all’interno del suo bellissimo uliveto. Inoltre ha aperto
la sua cucina per mostrarci la preparazione delle famose
“pittelle e juri” visita utile per la ricerca nutrizionista e
antropologica.
Nel pomeriggio il gruppo ha potuto visitare il
paese e la “Museum domus Alfonso re” antica casa
rappresentativa
con all’interno utensili arcaici che
raccontano un epoca passata. Qui l’intervista a Don
Alfonso detentore delle chiavi.
Ancora un incontro al frantoio di Silvio De Mari (imprenditore) e breve intervista e
carrellata di riprese esterne. A concludere l’intervista politologica al Vice sindaco.
Comune di Civita, 26 luglio 2010.
Accolti dal Sindaco Vittorio Blois, il gruppo è stato
accompagnato a visitare l’antica filanda “Premiato Lanificio Lorenzo
Filardi e Figli – casa fondata nel 1906” per la lavorazione della seta,
coton e, lana e ginestra. In seguito la troupe video ha potuto fare
delle riprese esterne dall’alto del Raganello e del Ponte del Diavolo
E’ stato possibile intervistare il Sindaco. Sig. Vittorio Blois, per la
ricerca politologica. Per la ricerca antropologica, e gli aspetti dedicati
soprattutto alle Valie e alla cultura Arbëreshë.
21
Comune di San Giovanni, 2 e 3 agosto 2010
La delegazione, questa volta composta solo dalla troupe
video, ritorna per intervistare l’orafo Spadafora e, nel pomeriggio fare
la visita al parco Nazionale della Sila per le riprese naturali
accompagnati dalla guardia forestale Pietro Vallone. Tornerà la
mattina seguente per far visita all’agriturismo “ la fattoria dei
ricordi”( ricostruite in stile 800) - del Sig. Biagio Caruso al fine di
riprendere il lavoro dei contadini e dei pastori e una bellissima
passeggiata nel Parco Nazionale della Sila.
Comune di San Nicola Arcella, 5 e 7 agosto 2010
La visita a San Nicola Arcella è un omaggio al mare. Il
gruppo è ospite di un piccolo peschereccio.
Il nostro racconto subisce un imprevisto: il mare grosso,
ma il nostro mare resta comunque uno spettacolo e le riprese si
spostano su la trasformazione della giornata che spesso rende la vita
dei pescatori incerta e piena di sorprese.
Ritorniamo il giorno seguente per l’intervista ai pescatori e l’uscita in mare.
22
3.2 Missione in Perù ISCaPI
27 gennaio 11 febbraio
Dal 27 gennaio all’11 febbraio 2010 l’Istituto Superiore Calabrese di
Politiche Internazionali (ISCaPI) in collaborazione con l’ICOPI – Istituto per la
Cooperazione del Perù in Italia (il cui Presidente è l’ex Ambasciatore del Perù
Carlos Roca Caceres) - con il Patrocinio dell’Assessorato alle Attività Produttive
della Regione Calabria ha organizzato una missione in Perù finalizzata alla
creazione di rapporti di cooperazione multisettoriale tra la Regione Calabria ed
il Perù.
Hanno fatto parte della delegazione Salvatore La Porta, Presidente
dell’ISCaPI, Galileo Violini delegato del Rettore dell’Università della Calabria per
le relazioni internazionali (su esplicito invito dell’Ambasciatore del Perù), Ercole
Barile imprenditore e Maestro orafo, e Francesco Aloe – Imprenditore
Comunicazione ed immagine, nonché fotoreporter della spedizione.
La missione è stata articolata in una serie di incontri tra imprese;
associazioni di categoria; enti pubblici e università.
Gli obiettivi sono stati orientati alla creazione di rapporti di cooperazione tra l’ISCaPI le università, le
imprese calabresi e quelle peruviane, per la promozione di attività culturali, formative ed imprenditoriali.
La delegazione, accompagnata costantemente dall’Ambasciatore Carlos Roca Caceres, ha incontrato diverse
personalità del mondo istituzionale, accademico e delle imprese locali.
Tra questi l’Ambasciata italiana in Perù, il Ministero
dell’Educazione, il Ministero degli Affari Esteri e l’Istituto
Antonio Raimondi ( Istituto Scuole Superiori che fa capo
all’Istituto Italiano di cultura ), l’lCE, la Camera di Commercio
Italiana in Perù, la Camera di Commercio Peruviana, e
l’agenzia per gli investimenti in Perù.
L’ISCaPI ha inteso, prendere contatto con le
Università del territorio peruviano rivolto alla creazione di
interscambi di lingua e cultura locale per trenta studenti che
verranno dal Perù in Italia e viceversa ed in tal senso ha
sottoscritto un protocollo d’intesa con : l’Università Riccardo
Palma, l’Università Inca Garsilasco de la Vega a Lima.
Contestualmente per quanto riguarda il rapporto con le istituzioni pubbliche, l’ISCaPI ha siglato accordi di
cooperazione con la città di Pachacamac (sito dell’antico tempio del Dio Pachacamac) e con la città distretto di Breña
(che ha donato al gruppo le chiavi della città) dove si prevedono una serie di scambi a tutto tondo legati sia alla cultura
che all’interscambio di best preacties.
Il dott. La Porta ha proposto l’adesione al Programma Pitagora Mundus per la creazione di centri di sviluppo
locale in ambito formativo di cooperazione di impresa per la promozione del territorio.
Tali centri chiamati Città Pitagoriche sono collegate alle dieci Scuole della Sapienza dislocate nei borghi più
belli della Calabria, proponendo al Perù di far parte della rete dello stesso programma di studi.
Per quanto riguarda, invece, le azioni legate alla cooperazione d’impresa, la missione ha presentato un
progetto del maestro orafo cosentino Ercole Barile, finalizzato all’avvio di un importante insediamento produttivo e
formativo per lo sviluppo dell’artigianato orafo di eccellenza in Perù.
23
In tal senso la delegazione ha interessato dell’azione i più influenti attori del settore gioielleria, tra cui Ilaria
Ciabatti, la più importante imprenditrice del settore del Paese e Roche Benavir, proprietario della più importante
miniera d’oro in Perù.
L’accordo raggiunto riguarda la realizzazione di un corso di formazione sull’artigianato orafo di eccellenza
che sarà erogato da enti di formazione superiore sia peruviani che italiani rivolto a studenti in una età compresa tra i
13 ai 18 anni. Questo permetterà ai ragazzi di avere un riconoscimento giuridico in entrambi i Paesi. Successivamente
proprio l’Università de La Vega attiverà un corso di Laurea
specialistica di alta gioielleria.
L’incontro della delegazione con gli amministratori del
comune di Breña ha portato, inoltre, ad un accordo che
prevede il supporto tecnico/logistico (del comune stesso)
all’iniziativa. L’avvio dei corsi di studio è previsto entro la fine
del 2010.
Tra gli obiettivi della missione c’è anche quello di
realizzare di una mostra fotografica, ad opera di Francesco Aloe
– addetto alla comunicazione della spedizione - che racconterà
l’esperienza peruviana e che sarà presentato ufficialmente a e
contestualmente a Lima presso l’istituto di Cultura Italiano e a
Roma in collaborazione con l’Ambasciata Peruviana.
“ I progetti proposti in occasione di questa missione si sono caratterizzati per la forte ricaduta sociale”
sostiene il Presidente dell’ISCaPI “anche per l’azione di sostegno offerta dal Governo peruviano è finalizzata
all’erogazione di borse di studio per ragazzi di talento che rappresenteranno la base per lo sviluppo economico locale
con promozione internazionale”.
“Il valore specifico della missione è che il Perù è un Paese che registra una crescita del PIL tra i più alti del
mondo, vanta diversi mercati di libero scambio e ha un basso costo di mano d’opera; malgrado le sue grandi
potenzialità il Paese rimane ancora al di fuori dei più importanti circuiti dell’economia mondiale. La Calabria in tal
senso potrebbe rappresentare la piattaforma promozionale di tale Paese per lo meno in un contesto europeo” ha
dichiarato Salvatore La Porta.
A proposito della missione l’Onorevole Francesco Sulla si è
detto soddisfatto dei risultati ottenuti e degli accordi avviati in Perù
sottolineando l’importanza della concertazione sinergica dei vari
soggetti coinvolti nell’azione.
“La missione in Perù - pur non rientrando nel programma
di Internazionalizzazione della Regione Calabria - è stata un’azione
fortemente sostenuta dall’assessorato alle Attività Produttive sin
dall’incontro avvenuto in Calabria con l’Ambasciatore Carlos Roca.
In un mercato che esige una competizione globale,
l’apertura ad un Paese in forte crescita economica, quale è il Perù, si
inserisce nella logica di una promozione della Calabria nel mondo
finalizzata alla continua ricerca di nuovi mercati che possano rappresentare per le nostre aziende opportunità di
sviluppo sia in termini di cooperazione economico/produttiva che di trasferimento di know how” ha dichiarato
l’Assessore Sulla.
24
3.3 Missione in Algeria ISCaPI
25-28 Aprile 2010
L’Istituto Superiore Calabrese di Politiche Internazionali ha preso parte ad una missione in Algeria, dietro invito del
Forum Algerino per la Cittadinanza e la Modernità (FACM) in collaborazione con l’agenzia di comunicazione The
Mustangue Communication (partner del Programma Pitagora Mundus dal mese di febbraio del 2010).
La delegazione era così composta: dott. Salvatore La Porta, Presidente dell’ISCaPI e capo delegazione; dott. Marco
Locanto, Coordinatore Programma Pitagora Mundus; Francesco Aloe, fotoreporter ufficiale.
Nel corso della missione la delegazione ha avuto modo di incontrare le migliori Università di Algeri e tra le più
importanti Istituzioni Nazionali algerine.
La finalità degli incontri è stata la conoscenza reciproca dei territori e delle loro culture, la possibilità di intraprendere
rapporti di collaborazione e cooperazione nel Mediterraneo in ambito formativo, amministrativo, culturale, nonché
favorire lo sviluppo commerciale della Regione Calabria.
25 aprile 2010, ore 10,00 Algeri. Alger (HEC)
La delegazione – accompagnata da Nourredine Sbia, Presidente del FACM e da
Amine Sbia, Manager di The Mustangue – è stata accolta dal Direttore Generale
Abdesslam Saadi e da un gruppo di docenti (tra cui l’ex Direttore Generale),
dirigenti e studenti.
L’Università (che prima si chiamava Institut National de Commerce), è nata nel
1990 sotto la giurisdizione del Ministero degli Esteri, ora è invece accorpata dal
Ministero della Formazione.
Nell’Università si studia italiano, spagnolo, inglese, francese ed arabo.
Durante gli incontri istituzionali è emerso un vivo interesse per i corsi di italiano in Calabria ed anche per eventuali
stages.
Il Presidente dell’ISCaPI Salvatore La Porta ha presentato i progetti dell’ Istituto chiedendo alle università algerine dei
docenti per il Pitagora Mundus (per gli obiettivi di Agenda 21) sottolineando che “i corsi di lingua sono la base per fare
attività di cooperazione”
Nourredine Sbia ha proposto di firmare un protocollo generico il giorno 28 aprile.
25 aprile 2010, ore 14,00, Algeri. Institut Supérieur de Management (INSIM)
La delegazione ha visitato l’INSIM accompagnati dal Direttore Generale Abdelhak Lamiri.
Appuntamento a 28 aprile per la firma del protocollo generico.
25 aprile 2010, ore 15,00, Algeri. Ecole Supérieur de Commerce (ESC)
Presenti il Direttore Abdelaziz Sebboua, il Vice Direttore ed il Responsabile delle
Relazioni internazionali.
L’Istituto si distingue per il fatto che gran parte delle lezioni si svolgono in lingua
araba (il resto in francese ed in inglese).
L’Istituto organizza dei corsi di Laurea in Contabilità, Finanza, Management,
Marketing. I corsi di Laurea di secondo livello sono due, nello specifico:
accounting ed audit. L’università segnala gli studenti migliori alle aziende.
La delegazione dell’ISCaPI ha proposto di siglare un protocollo di intesa generico,
per scambi futuri tra studenti.
26 aprile 2010, ore 10,00, Algeri. Ambasciata della Repubblica Italiana in Algeria
Il gruppo calabrese è stato accolto dal Primo Segretario Francesco Leone che ha illustrato i progetti di cooperazione
con gli enti di formazione e le istituzioni algerine.
Il Primo Segretario ha suggerito all’ISCaPI alcuni accorgimenti tecnico-burocratici atti a favorire il rilascio dei visti agli
studenti algerini ed invita ad entrare in contatto con l’Istituto Italiano di Cultura di Algeri.
25
26 aprile 2010, ore 15,00, Algeri. Istituto Italiano di Cultura in Algeria
I partecipanti alla missione hanno incontrato il Direttore dell’IIC,
Maria Battaglia.
Dopo aver illustrato il progetto che prevede il potenziamento dei
corsi di italiano attivi presso le università locali, la delegazione
ISCaPI ha offerto all’IIC la possibilità di coordinare la didattica di
tali attività formative.
Il Direttore dopo aver presentato i corsi organizzati dall’IIC
comunica l’intenzione di voler partecipare ai progetti didattici
proposti.
27 aprile 2010, ore 10,00, Algeri. Institut d’Economie Douanière et Fiscale
(IEDF)
A ricevere lo staff calabrese il Direttore Generale Belckacem Mazari che,
durante la presentazione, ha messo in evidenza le numerose politiche di
internazionalizzazione della sua Università. Risulta particolarmente ben
realizzata la cooperazione con gli altri Paesi del Maghreb e con la Francia.
Durante l’incontro l’ISCaPI ha proposto lo scambio di studenti (Italia-Algeria).
27 aprile 2010, ore 15,00, Algeri. Forum Algérien pour la Citoyenneté et la Modernité (FACM)
Il Presidente del Foum, Nourredine Sbia, ha presentato la sua associazione.
Il Facm è un gruppo di persone che si impegna a promuovere la
partecipazione politica e fa da mediatore tra i cittadini ed il potere
politico, tra università ed operatori economici.
Il Forum esprime piena adesione al progetto dell’ISCaPI sottolineando
che il rapporto con l’Italia (in particolare con la Sicilia) è già ben
consolidato.
Il Presidente dell’ISCaPI anche in questa circostanza ha presentato
l’Istituto ed i programmi di cooperazione ed ha invitato il Forum a
suggerire soluzioni atte alla sostenibilità economica delle attività
formative (particolarmente interessante risulta il progetto che Forum ha
realizzato a Malta).
28 aprile 2010, ore 10,00, Algeri. Conseil National Economique et Social (CNES)
Presenti all’incontro: il Presidente del CNES, Mohamed Seghir Babes, il
Segretario Generale del CNES, Derrar Lehtihet.
Dopo le presentazioni Salvatore La Porta ha annunciato la possibilità di offrire
una borsa di studio per la Summer Peace University ed ha invitato il Presidente
del CNES a trascorre un soggiorno presso il Porticello, Ricadi (sede sociale
dell’ISCaPI).
Si è parlato, inoltre, dell’ipotesi di coinvolgere l’associazione che riunisce tutte
le ONG africane.
26
28 aprile 2010, ore 16,00, Algeri. Commission des Affaires Etrangères, de la Coopération et de l’Emigration a
l’Assemblée Populaire Nationale
Presenti : il Presidente della Commissione Abdelhamid Si Afif, un
folto gruppo di deputati tra cui molti rettori o ex rettori.
I rettori eletti in Parlamento si sono dichiarati interessati a
coinvolgere le loro università nel progetto dell’ISCaPI, soprattutto
per dare ai neo-laureati algerini la possibilità di fare degli stages o di
essere impiegati in Italia. Il Presidente della Commisione Affari Esteri
ha comunicato che il Governo intende favorire l’apertura di 200.000
piccole e medie imprese in Algeria.
28 aprile 2010, ore 18,00, Algeri. Forum Algérien pour la Citoyenneté et la Modernité (FACM). Conferenza finale,
firma dei protocolli di intesa.
Presenti tutti i rappresentanti delle istituzioni già visitate, il Capo Gabinetto del Presidente della Repubblica Algerina.
Dopo gli interventi di tutti i rappresentanti, si procede alla firma di cinque protocolli di intesa generici con:
Ecole des Hautes Etudes Commercial Alger (HEC)
Institut Supérieur de Management (INSIM)
Ecole Supérieur de Commerce (ESC)
Institut d’Economie Douanière et Fiscale (IEDF)
Forum Algérien pour la Citoyenneté et la Modernité (FACM)
27
3.4 Visita dell’Ambasciatore della Somalia in Calabria
5-6 Novembre 2010 Lamezia,Cosenza, Catanzaro
L’Ambasciatore della Somalia in Italia S.E Hassan Hussein “Nur Adde” accompagnato da una delegazione di autorità e
imprenditori somali è atterrato venerdì 5 novembre all’aeroporto di Lamezia Terme per intraprendere un viaggio in
Calabria , (5 e 6 novembre tra Lamezia, Cosenza e Catanzaro) con la finalità di
favorire scambi interculturali tra i due territori a livello culturale ma
soprattutto economico.
L’iniziativa è stata organizzata dall’ISCaPI - in collaborazione con la Camera di
Commercio di Cosenza, la Provincia di Cosenza, i Comuni di Lamezia Terme,
Cosenza; Fuscaldo (Cs), la Regione Calabria e il Gruppo Aceto Auto (Sponsor
ufficiale della manifestazione).
L’illustre delegazione in mattinata è
stata accolta dal primo cittadino di Lamezia Terme Gianni Speranza e
dall’assessore alle Politiche sociali, Rosario Piccioni.
Nel pomeriggio il gruppo si è recato a Cosenza dove ha incontrato tra gli altri,
il Presidente della Provincia Mario Oliverio (presso il Palazzo della Provincia),
l’Avv. Antonio Ciacco Presidente del Consiglio del Comune di Cosenza (a
Palazzo dei Bruzi), il gruppo della comunità somala che vive a Cosenza, e infine nella sede
della Camera di Commercio è stato accolto dal Presidente Giuseppe Gaglioti e dai più
importanti rappresentanti dell’imprenditoria, dell’agricoltura e dell’artigianato locale. Gli
amministratori hanno riservato all’Ambasciatore
somalo e agli altri diplomatici una sentita e calorosa
accoglienza.
In tutti gli appuntamenti istituzionali S.E. “Nur
Adde” ha raccontato la condizione passata e attuale del suo Paese e di come
ora, finalmente, si viva un momento fertile per poter pensare ad una
“ricostruzione” avviando importanti scambi internazionali. “La nostra visita ha
lo scopo di osservare la situazione del vostro territorio per capire che tipo di investimenti economici e scambi culturali
poter avviare con la vostra bellissima regione, per noi è un vero onore essere
qui in Calabria che ci sta trasferendo un immagine molto bella ed
interessante” ha affermato nel corso delle visite l’Ambasciatore.
“Lo scopo di questa iniziativa è quella di avviare una conoscenza tra i due
popoli per cercare di individuare possibilità di cooperazione reale e concreta,
quello che fa l’ISCaPI ormai fa da anni è
quello di far incontrare e mettere a
confronto le istituzioni” ha sottolineato
Salvatore La Porta Presidente dell’ISCaPI.
Una cena di gala nel bellissimo Palazzo Compagna nel cuore del centro storico
cosentino ha concluso la prima della due giorni alla scoperta della nostra regione.
La mattina di sabato 6 novembre la delegazione è partita da Cosenza per
raggiungere Fuscaldo sede di una delle Scuole della Sapienza del Programma
Pitagora Mundus.
28
Ad attendere la delegazione somala presso il Palazzo comunale del Borgo il
primo cittadino Davide Gravina, la giunta ed un nutrito gruppo di persone che
ha accolto il gruppo con un fragoroso e sentito applauso. La Sala del Consiglio
comunale, gremita di gente, ha ospitato l’incontro. “L’amministrazione
comunale di Fuscaldo ha sposato in pieno la filosofia dell’ISCaPI di
internazionalizzare il territorio e di dialogare con i popoli. Il nostro intento è
quello di
contribuire fattivamente allo sviluppo dei Paesi del Mediterraneo e dell’Africa
attraverso il dialogo e gli scambi culturali” ha dichiarato Davide Gravina.
L’Ambasciatore della Somalia dopo aver ringraziato per la grande accoglienza ha raccontato anche in questa sede la
condizione del Paese che rappresenta, auspicando un rapido e concreto sviluppo di questa fetta di Africa, grazie anche
a scambi culturali ed economici con altre Nazioni.
Dopo i saluti tutto il gruppo, insieme ai 10 studenti della Summer Peace
University, si è recato presso l’Istituto Tecnico Commerciale dove S.E. “Nur
Adde” ha tenuto la lectio magistralis sul “Caso Somalia”. Il Dirigente
Scolastico prof. Carlo Migliori dell’ITC
con
grande
entusiasmo,
nella
medesima sede, ha dichiarato che
ospiterà per cinque anni cinque
studenti somali proprio nel suo Istituto offrendo loro vitto, alloggio e la
possibilità di studiare.
Dopo il pranzo un tappa obbligata nel meraviglioso Santuario di San Francesco
di Paola luogo di culto e devozione per l’intera regione.
Ultima visita di questa 2 giorni è stata quella a Palazzo Alemanni sede della Regione Calabria a Catanzaro. A ricevere la
delegazione l’Assessore alla cooperazione tra i popoli e alla pace Fabrizio Capua, che ha sottolineato la volontà
dell’ente regionale di istituire un assessorato che dia alla Calabria uno
sviluppo basato sull’internazionalizzazione. “Uno dei nostri obiettivi è quello
di aprire la strada a chiunque voglia investire nella nostra regione. Puntiamo
molto sulla pace perché pensiamo che sia la condizione di base che permette
di
raggiungere
prosperità
economica, sociale e culturale”.
La lunga e intensa giornata si è conclusa con un appuntamento culturale
di grande spessore, al Teatro Politeama di Catanzaro con il “Concerto per
la Pace” in cui si è esibita la Israel Simphony Orchestra diretta dal Maestro
Daniel Oren. Prima dello spettacolo l’Ambasciatore e la delegazione sono
stati salutati con un lungo applauso di benvenuto.
29
3.5 Siglati accordi tra L’Egitto e la Calabria
5-11 Dicembre 2010 Vibo Valentia, Catanzaro, Cosenza
È partita ufficialmente il 5 dicembre a Vibo Valentia la “Settimana della Cultura Egiziana”, manifestazione che ha visto
coinvolta (dal 5 al 9 a Vibo Valentia, giorno 10 a Catanzaro
e Fuscaldo (CS), l’11 a Cosenza) e che ha avuto l’obiettivo
di favorire l’integrazione e il confronto tra i popoli.
L’importante iniziativa è organizzata dall’Istituto Superiore
Calabrese di Politiche Internazionali (ISCaPI), l’Ufficio
Culturale dell’Ambasciata d’Egitto,
il Comune di Vibo
Valentia – Assessorato in collaborazione con l’Assessorato
al Turismo e Cultura, insieme alla Camera di Commercio di
Vibo Valentia i comuni di Pizzo (VV) e Spilinga (VV),
Amministrazione Comunale di Fuscaldo e la Presidenza del
Consiglio dell’Amministrazione comunale di Cosenza.
Nell’ambito dell’evento sono stati siglati importanti accordi tra i
comuni di Vibo Valentia, Pizzo e Spilinga, la Camera di Commercio
di Vibo Valentia, il Sistema Bibliotecario della città vibonese,
l’ISCaPI e alcune importanti governatorati egiziani tra cui Helwan,
Elbehera, Damietta, ancora, con la città di Rasheed, la Camera di
Commercio e Industria di Damietta, con l’Università di Minya e la
biblioteca Mubarak di El Behera.
Inoltre sono stati firmati altri protocolli d’intesa tra la Biblioteca
Civica della città capoluogo e la Biblioteca Mubarack di Damietta.
30
E
31
venti
4. Eventi
4.1 Settimana della Cultura Egiziana
5-11 Dicembre 2010 Vibo Valentia, Catanzaro, Cosenza
In collaborazione con l’Ufficio Culturale dell’Ambasciata Araba d’Egitto in Italia
L’importante iniziativa è organizzata dall’Istituto
Superiore Calabrese di Politiche Internazionali (ISCaPI), l’Ufficio
Culturale dell’Ambasciata d’Egitto, il Comune di Vibo Valentia
– Assessorato in collaborazione con l’Assessorato al Turismo e
Cultura, insieme alla Camera di Commercio di Vibo Valentia i
comuni di Pizzo (VV) e Spilinga (VV), Amministrazione
Comunale di Fuscaldo e la Presidenza del Consiglio
dell’Amministrazione comunale di Cosenza.
Gli sponsor ufficiali della manifestazione sono stati
l’Hotel 501 di Vibo Valentia e il Gruppo Aceto Automobili di
Rende (CS).
Ad accogliere presso il Palazzo Gagliardi una prima parte della delegazione - composta da Taha
Mattar, Direttore dell’Ufficio Culturale dell’Ambasciata Egiziana; da Abdel Ghani, Presidente della Camera
di Commercio di Damietta; un nutrito gruppo di artisti e intellettuali egiziani; Nicolino La Gamba, Assessore
agli Affari Istituzionali, Pasquale La Gamba, Assessore al Turismo e Spettacolo (entrambi del comune di
Vibo); la Vicepresidente del Consiglio Comunale di Vibo Valentia, Rossella Santa Guida ed il Presidente
dell’ISCaPI, Salvatore La Porta.
Anche il Prefetto di Vibo Valentia Luisa Latella ha voluto riservare al gruppo il suo personale saluto,
sottolineando come lo sviluppo della Calabria passi necessariamente dagli scambi interculturali verso i Paesi
del Mediterraneo.
“Sono estremamente onorato di ospitare questa importante iniziativa nella nostra città e, anche a
nome del Sindaco, do un caloroso benvenuto a tutti. Sono certo che questa straordinaria settimana sarà
l’inizio di iniziative importanti per i nostri Paesi” ha così
affermato durante i saluti Nicolino La Gamba.
Anche il prof. Mattar si è detto contento e
soddisfatto per questa iniziativa che ha previsto un grande
sforzo e un intenso lavoro tra i partner coinvolti e che
diventerà certamente volano per uno scambio reale tra l’Italia
e l’Egitto passando, ovviamente, per la Calabria.
“È il percorso frutto di un intenso lavoro di un anno.
32
Per la realizzazione di questa settimana all’insegna dell’arte, della storia e della cultura egiziana abbiamo
portato circa 40 artisti di straordinario spessore e fascino. Ricordiamo che questa è solo la prima fase dell’
iniziativa, ne è prevista, infatti, una seconda in Egitto” ha detto Salvatore La Porta.
Il Presidente dell’ISCaPI ha poi continuato sottolineando che, per fare questo tipo di operazione è
stato necessario il preziosissimo contributo di partner “illuminati e lungimiranti” riservando un
particolare plauso al comune di Vibo, per l’ottimo lavoro svolto e per aver permesso a questa parte
della Calabria di diventare epicentro di questa bellissima manifestazione.
Nel pomeriggio sono state inaugurate ufficialmente le mostre di pittura e scultura dei maestri
Roberto Moschini, Sayed El Wetery, Aicha Djennan e Gamal Meleka, preceduti da un interessante
conferenza di archeologia dal titolo “L’Egitto prima degli egizi: sabbie, rocce e dipinti alle origini del mito” a
cura del dott. Giulio Lucarini.
I visitatori della prima giornata sono stati letteralmente rapiti
dal fascino dei quadri, dei gioielli e dei meravigliosi oggetti esposti a
Palazzo Gagliardi e dalle suggestioni e dalle movenze ammalianti
della danza orientale del gruppo di ballerine “Perla Elias Nemer e
Amirat Dancers” che ha concluso dopo una cena di gala la prima
intensa giornata egiziana.
Il 7 dicembre, nel bellissimo Palazzo Gagliardi di Vibo
Valentia, sono state inaugurate tre nuove mostre: di calligrafia, di
fotografia e di artigianato, a cura dell’Ufficio Culturale dell’Ambasciata della Repubblica Araba d’Egitto in
Roma. Anche le classi della Scuola media Giuseppe Garibaldi di Vibo Valentia hanno partecipato alle
inaugurazioni.
La delegazione, arricchita dalla presenza del Rettore
dell’Università di Minya, Magdy Mohamed Ibrahim Shafik, dall’Assessore
alla Cultura del Governatorato di Damietta, dal dott. Marco Locanto,
addetto alle Relazioni Internazionali dell’ISCaPI, si è recata a Pizzo, dove
ha visitato la meravigliosa Chiesa di Piedigrotta e il caratteristico centro
storico del borgo del vibonese. Presso il Castello Murat il gruppo è stato
accolto dal Vice Sindaco di Pizzo, Giuseppe Tallo che ha dato loro un
caloroso benvenuto.
Ancora un altro momento molto interessante, presso il Museo della Tonnara è stato quello
dedicato alla presentazione del libro sulla Danza dal titolo “Manuale di Danza del Ventre” dell’autrice
calabrese Diana Migliano.
In serata (raggiunti anche dal primo cittadino di Pizzo Fernando
Nicontra) si è conclusa la terza giornata con le sinuose e sensuali
coreografie orientali del gruppo di danzatrici “Perla Elias Nemer e
Amirat Dancers” precedute da una sfilata di meravigliosi abiti orientali a
cura dell’Ufficio Culturale dell’Ambasciata Araba d’Egitto.
Mercoledì 8 dicembre sono stati siglati i protocolli d’intesa per
sancire importanti scambi di cooperazione tra i comuni di Vibo Valentia,
Pizzo e Spilinga, la Camera di Commercio di Vibo Valentia, il Sistema
Bibliotecario della città vibonese, l’ISCaPI e alcune importanti
33
governatorati egiziani tra cui Helwan, Elbehera, Damietta, ancora, con la città di Rasheed, la Camera di
Commercio e Industria di Damietta, con l’Università di Minya e la biblioteca Mubarak di El Behera.
“Siamo arrivati oramai alla penultima giornata, ma senza alcun dubbio, quella più significativa. È
stato un lavoro molto bello perché ha permesso di allacciare importanti rapporti di amicizia tra i nostri
Paesi. Il nostro intento è quello di creare un incastro tra le due culture per avviare delle sinergie concrete e
fattive sia dal punto di vista culturale ma anche e soprattutto economico” si è così espresso l’Assessore
comunale Nicolino La Gamba durante l’incontro.
Sono stati firmati otto protocolli generici, appunto, che
coinvolgono e intersecano le camere di commercio, le università, le
biblioteche e le amministrazioni delle parti coinvolte.
A suggellare questo importante momento, tra gli altri, il Sindaco
di Vibo D’Agostino, i primi cittadini di Spilinga e Pizzo, Franco Barbalace e
Fernando Nicotra, l’Assessore Nicolino La Gamba e Salvatore La Porta,
Presidente dell’ISCaPI, Taha Mattar, Direttore dell’Ufficio Culturale
dell’Ambasciata Araba d’Egitto, Abdel Ghani, Capo della Camera di Commercio e Industria di
Damietta, Maher Gaber, Rettore dell’Università di Minya, Magdy Mohamed Ibrahim Shafik, Assessore alla
Cultura del Governatorato di Damietta, Fathalla Hassan Abdelwahab
Agendy, Sindaco di Rasheed, e Amir Abbas Mahmoud Amin,
Sottosegretario del Governatore di El Behera.
“Siamo veramente soddisfatti di quello che ha portato la
Settimana della Cultura Egiziana qui nella nostra città ma voglio
sottolineare come quella di oggi è solo il primo passo verso il
raggiungimento di un obiettivo importante, ma se ne svilupperanno altri
e ancora più vigorosi in futuro.
Taha Mattar nel ringraziare tutti ha sottolineato l’importante ruolo che ha avuto l’ISCaPI nell’aprire
il varco tra la Calabria e l’Egitto rivolgendo un plauso particolare al
Presidente La Porta.
Non si tratta di un effimera iniziativa fine a sé stessa, ma sarà un’azione
che spingerà Vibo verso il Mediterraneo” ha detto il primo cittadino
Nicola D’Agostino. Dopo la sigla dei protocolli, un convegno sulla
intercultura e letteratura egiziana, preceduto dall’ inaugurazione un'altra
interessante mostra a cura della Biblioteca Mubarak di El Behera ha
concluso la quarta giornata dedicata al seducente mondo egiziano.
Le ultime due giornate si sono concluse con la visita delle autorità
egiziane presso i borghi di Fuscaldo (CS) e Cosenza nelle quali sono stati siglati importanti accordi tra cui
quello tra la Biblioteca Civica della città capoluogo e la Biblioteca Mubarack di Damietta. Le autorità
egiziane hanno partecipato, inoltre alla prima dell’opera “Il Trovatore” presso il Teatro di tradizione della
città bruzia.
34
4.2 Ingrid Betancourt in Calabria
La pacifista colombiana Ingrid Betancourt - Presidente della Ingrid Betancourt
Foundation - accompagnata dalla madre Yolanda Pulecio Vice Presidente della FIB e
dal suo Consigliere Speciale Stefano Angelini ha visitato la Calabria nei giorni 8 e 9
maggio 2010 per un ciclo di incontri istituzionali che si sono conclusi mercoledì 12
maggio a Roma con una visita al Presidente della Camera dei Deputati On. Gianfranco
Fini.
Durante i numerosi appuntamenti sono stati illustrati i progetti della Fondazione per
la difesa dei diritti umani e il sostegno di azioni a favore delle vittime di sequestri e del
terrorismo come la “Summer Peace Univerity”.
Conferenza Stampa di Presentazione
L’evento è stato presentato alla stampa durante una conferenza che si è
svolta giovedì 6 maggio presso l’Hotel 501 di Vibo Valentia dove è stato
annunciato, altresì, l’avvio della seconda edizione della “Summer Peace
University 2010” che si terrà come per l’edizione precedente in alcuni dei
Borghi più belli della Calabria afferenti al Programma Pitagora Mundus
dell’ISCaPI.
L’intera iniziativa è stata sostenuta dalle amministrazioni comunale di Spilinga e Tropea; dalla Provincia di Vibo
Valentia; dalla Regione Calabria e dalla Banca del Credito Cooperativo di San Calogero.
La visita in Calabria - che ha anche segnato il ritorno di Ingrid Betancourt agli impegni
internazionali - è stata finalizzata ad esprimere una testimonianza di gratitudine, della FIB
e del Presidente Betancourt all’ISCaPI – Istituto Superiore Calabrese di Politiche
Internazionali - e a tutte le Istituzioni Calabresi per l’impegno rivolto al programma di studi
della “Summer Peace University” al quale hanno preso parte tra luglio e ottobre 2009
familiari di vittime di sequestro di persone in Colombia da parte delle FARC tra cui Tatiana
Moncayo, la sorella del Sergente dell’Esercito colombiano, Pablo Emilio Moncayo
finalmente liberato dalla FARC il 30 marzo scorso dopo 12 interminabili anni.
Madame Betancourt e Mama Yolanda sono atterrate all’Aeroporto di Lamezia Terme nella
tarda mattinata dell’otto maggio, ad accoglierle oltre a Stefano Agelini e Salvatore La
Porta Presidente dell’ISCaPI c’erano anche Gianni Speranza Sindaco di Lamezia Terme,
Franco Barbalace Sindaco di Spilinga, il Vice Presidente della Regione Calabria Antonella
Stasi ed Enzo Cursio del Segretariato dei Summit dei Premi Nobel per la Pace. Tutto il gruppo si è spostato in una
saletta privata dell’aeroporto per i saluti di rito ed un piccolo rinfresco.
35
Saluti nella Sala Privata dell’Aeroporto
“Questa è una straordinaria opportunità di unirci per portare
avanti i nostri sogni contrastando e combattendo le persone che
tentano di fare del male. Sono venuta in Calabria per ringraziare
tutti per il lavoro svolto per la prima edizione della Summer
Peace University. Dobbiamo arrivare al cuore delle persone
giovani ricordandoci che il bene vince sempre sul male”. Queste
le prime dichiarazione della Betancourt durante l’incontro di
benvenuto.
“ L’ISCaPI con estrema fatica grazie all’aiuto dei sindaci e delle
istituzioni sta cercando di portare avanti dei progetti volti alla pace e per insegnare la pace lavorando sulle giovani
menti attraverso la formazione” ha affermato il dott. La Porta.
Sono stati tutti concordi nell’evidenziare come la presenza delle delegazione della FIB accoglie un messaggio di pace
da portare in tutto il mondo proprio partendo dalla Calabria.
Incontro privato con il Giudice Nicola Gratteri Hotel 501 Vibo Valentia
Dopo il brindisi di ben
venuto tutta la delegazione
si è spostata all’Hotel 501 di
Vibo Valentia. Uno dei
momenti più significativi
della visita è stato senza
dubbio l’incontro privato
con il giudice Nicola Gratteri
su esplicita richiesta del
Presidente della FIB.
Gratteri ha affrontato diversi argomenti: dalla ‘ndrangheta e di come
questa porti tonnellate di cocaina dalla Colombia, fino a discutere della fuga dei cervelli e della totale assenza di
politica serie ed efficiente.
“Non c’è una grande forza politica in Calabria, la nostra regione è povera perché la poca gente che ha soldi non
investe. I beni più “luccicanti” appartengono alla ‘ndrangheta che crea denaro prevalentemente con la cocaina e con il
traffico di armi” ha affermato con grande consapevolezza il magistrato.
Il giudice calabrese, parla di nuove generazioni di affiliati “colti”, medici, avvocati e professionisti figli delle ‘ndrine
storiche che hanno fatto il salto di qualità attraverso gli studi e che si sono insinuati nel tessuto sociale
condizionandone inevitabilmente i meccanismi manipolando tutto.
Gratteri ha poi sottolineato l’importanza di introdurre un efficace sistema di regole che faccia capire alla gente che
delinquere non paga mai.
36
Passeggiata e incontri istituzionali a Tropea
Nel pomeriggio Ingrid Betancourt, Mama Yolanda e gli altri componenti della
FIB si sono recati a Tropea per visitare il bellissimo Borgo, passeggiando nel
corso principale.
Ad attenderli il Vice Sindaco Giuseppe
Rodolico e l’Assessore alla Cultura Sandro
D’Agostino.
“ Per noi è un onore accogliere una donna
di pace e di estremo coraggio emblema della sofferenza. Sono entusiasta di questa
università della pace dell’ISCaPI per promuovere la cultura della solidarietà” ha
dichiarato Rodolico.
Anche l’assessore D’Agostino si è detto soddisfatto e compiaciuto di aver sostenuto un evento così significativo.
“Tropea è onorata di avere un ospite così importante, la nostra città si arricchisce di un simbolo di forza e di coraggio.
Abbiamo organizzato una passeggiata sul corso principale come simbolo di libertà”.
Alla fine degli interventi la Betancourt ha ringraziato tutti evidenziando l’importanza di portare un messaggio di pace e
cambiamento per tutti quelli che lottano per la libertà.
“La libertà è decidere ciò che si vuole essere attraverso l’amore che rompe tutte le catene”.
Incontro a Spilinga “La Pace come sfida del terzo millennio”
Dopo Tropea tutto il gruppo si è spostato a Spilinga (Vibo Valentia) dove è
stato organizzato un dibattito cha ha avuto come tema “La Pace come sfida
del terzo millennio” al quale sono intervenuti anche il Sindaco Barbalace;
Enzo Cursio e Salvatore La
Porta
introdotti
dal
giornalista Piero Muscari.
Nell’ambito del dibattito
Ingrid
Betancourt
ha
raccontato frammenti della
sua storia drammatica, incantando e commuovendo la piazza gremita di
gente comune ed autorità. Il primo cittadino Franco Barbalace ha
consegnato alla politica colombiana le chiavi della città conferendole la
cittadinanza onoraria.
Una cena di gala , nell’ambito della quale sono stati raccolti dei fondi per la Summer Peace University 2010 ha
suggellato ulteriormente questa due giorni così carica di significato e di emozione per tutti coloro i quali hanno
partecipato e dato il loro supporto.
Dopo la sua permanenza in Calabria Ingrid Betancourt ha deciso si essere Ambasciatrice nel mondo della “Summer
Peace University” per le prossime edizioni.
37
Il
N
etwork
38
5. Il Network
Partner ISCaPI nel Mondo
In Algeria:
The Mustangue Communication, Algeri
Ecole des Hautes Etudes Commercial Alger (HEC)
Institut Supérieur de Management (INSIM)
Ecole Supérieur de Commerce (ESC)
Institut d’Economie Douanière et Fiscale (IEDF)
Forum Algérien pour la Citoyenneté et la Modernité (FACM)
In Argentina:
• Rete imprenditori Calabresi del Mercosur
• Camera di Commercio Italiana nella Repubblica Argentina
• Consolato Generale d’Italia a Bahia Blanca
• Comune di El Bolson
• Comune di Viedma
• Universidad Nacional del Comahue
• Universidad Nacional de Quilmes
• Universidad Nacional de Rìo Negro
• Provincia del Rio Negro
• Fondazione Rete Solidaria dei Calabresi in America
• Camera di Commercio, Turismo, Industria e Produzione di Viedma
In Belgio:
• AEGEE - Association des Etats Généraux des Etudiants de l’Europe, Ufficio Centrale per l’Europa
In Brasile:
• Muceu a Céu Aberto
In Bulgaria:
• Fondazione Dialogus et Caritas
In Canada:
• Columbus Center
• Istituto Italiano di Cultura in Toronto
• Comune di Vaughan
• University of Waterloo
In Cile:
• Universidad Adolfo Ibáñez, Santiago
In Cina:
• University of International Business and Economics, Beijing
In Repubblica Dominicana:
• Comune di Santo Domingo Norte
In Egitto:
• Ufficio Culturale dell’Ambasciata d’Egitto in Roma
• Afro-Asian Lawyers Federation for Human Rights
• Governatorato di Damietta
• Governatorato di Helwan
• Governatorato di ElBehera
• City of Rasheed (Città di Rosetta)
• Unione degli Industriali della Regione di Damietta
• University of Minya
• Mubarak Public Library of Damanhour
• Mubarak Public Library of El Behera
39
• Mubarak Public Library of Helwan
In Francia:
• Ingrid Betancourt Foundation
In Grecia:
• Comune di Melitieon-Moraitika
In Guatemala:
• Ambasciata della Repubblica di Guatemala in Italia
In India:
• Banaras Hindu University
In Lituania:
• Klaipeda University
In Giappone:
• Camera di Commercio Italiana in Giappone, Tokyo
In Messico:
• Universidad Autonoma de Chiapas
In Moldavia:
• University of Academy of Science of Moldova, Chisinău
In Perù:
• ICOPI - Instituto para la Cooperation Perù-Italia
• Municipalidad Distrital de Breña
• Municipalidad Distrital de Pachacamác
• Universidad Ricardo Palma en Lima
• Universidad Inca Garcilaso de la Vega
Instituto Superior Tecnológico Latino
In Polonia:
• Fondazione Lech Walesa Institute (ILW)
• Academia de la Lengua
• Young Diplomats Academy
In Ucraina:
• Università Nazionale Agraria di Kiev
• Istituto Italiano di Cultura, Kiev
• Accademia dell'Amministrazione Municipale di Kiev
• Ukrainian League of Industrialist and Entrepreneurs
40
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
1
File Size
3 408 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content