close

Enter

Log in using OpenID

Clicca qui per scaricare

embedDownload
Da non perdere a Firenze
• I Musei Civici Fiorentini
I Musei Civici Fiorentini sono costituiti da una
straordinaria ricchezza e varietà articolata di
luoghi e di collezioni: si tratta del Museo di Palazzo Vecchio, del Museo di Santa Maria Novella,
del Museo Novecento presso l’antico complesso
delle Leopoldine, del Museo Stefano Bardini,
della Cappella Brancacci in Santa Maria del Carmine, della Fondazione Salvatore Romano presso
il cenacolo di Santo Spirito e di Forte Belvedere.
A La Galleria degli Uffizi
Gli Uffizi, sorti per volere di Cosimo I de’ Medici e
per opera del suo architetto Giorgio Vasari al fine
di ospitare le tredici magistrature cittadine degli
Uffici, vennero ideati come una prosecuzione del
Palazzo Ducale, ovvero Palazzo Vecchio, portando a una profonda trasformazione dell’assetto
urbanistico. Oggi il museo è uno dei più famosi
al mondo e ospita una collezione eccezionale
di scultura antica e pittura, soprattutto per i tre
secoli d’oro del panorama artistico fiorentino che
vanno dal XIV al XVI secolo.
I Luoghi degli Stati Generali
della lingua Italiana
mosaici della cupola e dell’abside.
E Il complesso di Santa Croce
Il complesso francescano di Santa Croce è uno dei
luoghi più rappresentativi della storia fiorentina:
la basilica custodisce – oltre alle tombe di personaggi illustri come Machiavelli, Michelangelo
e Galileo che la resero il “tempio dell’itale glorie”
di foscoliana memoria – cicli affrescati di Giotto,
Agnolo e Taddeo Gaddi e altri grandi maestri del
Medioevo, oltre a celebri capolavori come la Croce
di Donatello o il pulpito di Benedetto da Maiano.
1 PALAZZO VECCHIO
Da oltre sette secoli il Palazzo della
Signoria, più noto come Palazzo
Vecchio, è il simbolo della città di Firenze. Eretto tra la fine del Duecento
e l’inizio del Trecento per ospitare i
Priori delle Arti e il Gonfaloniere
di Giustizia, il supremo organo di
governo della città, nel corso del
tempo è stato oggetto di numerosi
interventi di ampliamento e trasformazione. Il suo aspetto attuale
si deve in massima parte alle grandiose opere che vi furono eseguite
nei decenni centrali del XVI secolo,
per adeguarlo alla nuova funzione
di Reggia ducale alla quale Cosimo I
de’ Medici lo aveva destinato.
F Ponte Vecchio
Ponte Vecchio è il più antico ponte cittadino: una
delle più famose inondazioni dell’antichità, nel
1333, distrusse l’ennesima versione lignea del
ponte spingendo i fiorentini a realizzare quello
attuale (1345). Sarà Ferdinando I de’ Medici, alla
fine del XVI secolo, a stabilire che il ponte venga
occupato solo da botteghe di gioiellieri e orafi
(commercio che mantiene ancora oggi), dopo
che per secoli aveva ospitato l’attività maleodorante dei beccai, ovvero dei macellai.
B La Galleria dell’Accademia
La Galleria dell’Accademia, sorta nel 1784 sulla
scia della cinquecentesca Accademia delle Arti
del Disegno, custodisce oggi importanti dipinti e
sculture ed è universalmente nota per i Prigioni,
il San Matteo e il David di Michelangelo Buonarroti, qui trasferito da Piazza Signoria nel 1873 per
essere collocato nell’apposita Tribuna.
G Palazzo Pitti
Palazzo Pitti, il cui nucleo architettonico fu edificato per volere di Luca Pitti nel 1458, venne
acquistato nel Cinquecento dalla famiglia Medici
per essere arricchito e ampliato nei decenni successivi, al fine di diventare adeguata residenza
dei Granduchi di Toscana. Ospita oggi importanti
collezioni – fra queste la Galleria Palatina o il Museo degli Argenti – ed è affiancato dal Giardino di
Boboli, tra i primi e più famosi giardini italiani.
C La Cattedrale di Santa Maria
del Fiore
La maestosa Santa Maria del Fiore, finanziata
dall’Arte della Lana e la cui costruzione è avviata
da Arnolfo di Cambio nel 1296, avrà una complicata gestazione e vedrà l’avvicendarsi di vari
capomastri che nel tempo apporranno modifiche
al progetto originario. Il cantiere si concluderà
con la realizzazione della celebre cupola, progettata da Filippo Brunelleschi e oggi simbolo
del Rinascimento fiorentino, a eccezione della
facciata che verrà realizzata solo nell’Ottocento
su progetto di Emilio De Fabris.
H Complesso di Santa Maria Novella
Il convento domenicano di Santa Maria Novella
si trova nei pressi della stazione ferroviaria che
porta il suo nome. Ospita una serie di capolavori
straordinari del Medioevo e del Rinascimento: fra
questi gli affreschi di Domenico Ghirlandaio per
la Cappella Maggiore, le celebri Croci di Giotto,
Masaccio e Brunelleschi, il ciclo di Paolo Uccello
e bottega per il Chiostro Verde e quello di Andrea
Bonaiuti per la Sala del Capitolo. Rinomata è
anche la facciata marmorea della basilica, progettata da Leon Battista Alberti e fra le opere più
importanti del Rinascimento fiorentino.
D Il Battistero
Il Battistero di San Giovanni Battista è uno degli
edifici più antichi di Firenze, consacrato ufficialmente nel 1059. L’esterno, in marmo bianco
di Luni e verde di Prato, propone un gioco di
geometrie desunte dalla classicità e riformulate
in stile romanico. In età medievale il patronato
del monumento è dell’Arte di Calimala, che vi
finanzia importanti opere e arredi: fra queste le
celebri porte bronzee realizzate da Andrea Pisano
e Lorenzo Ghiberti. All’interno si segnalano gli
splendidi intarsi del pavimento e i meravigliosi
I Piazzale Michelangelo
Disegnato nel 1869 dall’architetto fiorentino Giuseppe Poggi, Piazzale Michelangelo offre una
bellissima vista panoramica su Firenze e sulla
valle dell’Arno ed è una delle tappe d’obbligo
per residenti e turisti. Concepito come parte integrante di un grandioso progetto urbanistico di
rinnovamento della collina di San Miniato, è dedicata al grande artista Michelangelo Buonarroti
e ospita la copia bronzea del suo celebre David.
2 TEATRO DELLA PERGOLA
Aperto a metà del XVII secolo, il
Teatro della Pergola costituisce
uno dei più antichi esempi italiani:
la sala unica venne progettata da
Ferdinando Tacca, presupponendo
una visione degli spettacoli analoga
a quella dei cortili dei palazzi rinascimentali con una serie di palchi
riservati alle singole famiglie. Per i
primi tempi teatro di corte, dal 1718
fu aperto al pubblico pagante e conobbe tra Sette e Ottocento una felicissima stagione teatrale, ospitando fra le altre opere di Vivaldi, Bellini
e Verdi; ancora oggi è uno dei poli
culturali più vivaci della città.
COME ARRIVARE A FIRENZE
Dall’aeroporto di Peretola
Autobus > VolaInBus
(ogni 30 minuti dall’aeroporto alla stazione SMN)
Taxi > Taxi Firenze 055-4242/055-4390
Dalla stazione Firenze S.M.N.
A piedi > 15 minuti per arrivare a Palazzo Vecchio
Autobus > C2 Fermata “Ghibellina 03” per Palazzo Vecchio
3 BIBLIOTECA DELLE OBLATE
La Biblioteca delle Oblate è una
biblioteca di pubblica lettura, inaugurata nel 2007, che trova la propria
sede nel suggestivo ex-convento
delle Oblate. Il complesso corrisponde infatti al primitivo nucleo
ospedaliero fondato a fine Duecento da Folco Portinari (e ben presto
trasferitosi sul lato opposto della
strada, dove è ancora oggi l’ospedale di Santa Maria Nuova), accanto
al quale si sviluppò subito anche la
comunità di suore infermiere oblate
dedite all’assistenza dei malati.
4 BIBLIOTECA MEDICEA LAURENZIANA
La Biblioteca Medicea Laurenziana,
progettata da Michelangelo Buonarroti per volere di papa Clemente VII Medici al fine di custodire la
preziosa collezione di manoscritti
di famiglia, è una delle più raffinate
testimonianze architettoniche della
città. Celebri sono il vestibolo con lo
scalone monumentale e la raffinata
sala di lettura, che ancora oggi mantiene intatta la sua struttura cinquecentesca ed espone sui plutei lignei
pregiati manoscritti.
5 PALAGIO DI PARTE GUELFA
Il palagio dei Capitani di parte guelfa, edificato agli inizi del Trecento
per ospitare la magistratura guelfa,
è uno degli edifici più rappresentativi del Medioevo fiorentino. Rinnovato e ampliato nel corso del secolo
successivo (si deve a questo periodo anche l’edificazione della Sala
Brunelleschi, così chiamata perché
attribuita al celebre architetto) sia
la struttura architettonica sia l’impianto decorativo hanno subito nel
corso dei secoli notevoli modifiche.
6 SOCIETÀ DANTE ALIGHIERI
La Società Dante Alighieri, fondata
nel 1889 da un gruppo di intellettuali guidati da Giosuè Carducci, ha
lo scopo di “tutelare e diffondere la
lingua e la cultura italiane nel mondo, ravvivando i legami spirituali dei
connazionali all’estero con la madre
patria e alimentando tra gli stranieri
l’amore e il culto per la civiltà italiana”.
Ha diverse sedi in Italia ma si impegna in tutto il mondo nella diffusione della lingua italiana.
7 CENACOLO DI SANTA CROCE
L’antico cenacolo di Santa Croce,
edificato nella prima metà del Trecento, è un vastissimo ambiente
rettangolare con copertura a capriate, la cui parete di fondo è stata
affrescata da Taddeo Gaddi con l’Ultima Cena e l’Albero della Vita, ispirato al Lignum vitae di Bonaventura
da Bagnoregio. Facente parte del
Museo di Santa Croce, ospita oggi
importanti capolavori provenienti
dalla basilica: fra questi la grande
Croce di Cimabue, pesantemente
danneggiata dall’alluvione del 1966.
v. S
.
Jac
opi
Ville di Castello,
Petraia e Corsini
i
er u
bin
isti
Ar t
v. d
e
gli
oli
ti
F an
v.le
ia
ialo
t ti
v. S
c
e no
n do
i Mo
po d
v. Ca
o
v. V
ic
no
Mondo
n du
hirlanda
v. del G
or e
ofi
mp
Ca
el
v. d
a
tin
4
en
v. Arnolfo
v. P
Giov
Angelico
iag
ine It
v. Fra’ G.
AREZZO
SS 69
v. Orcagna
gli Abruzzi
alia
v.le Duca
de
p.zza
Alberti
v. Quntino Sella
lungarno Pecori
Giraldi
lungarno del Temp
A1
Autostrada
io
ponte S. Niccolò
lungarno Cel
lini
PIAZZALE
v.le Poggi
MICHELANGELO
lla Fo
I
rnac
e
v. d
e
Fiume Arno
lungarno Ferrucci
p.zza
Ferrucci
i Ba
stio
ni
v. Salutati
nte
l Mo
v. F
o
to a
lo
v. Marsuppini
inia
ng e
r tin
PARCO
DI RUSCIANO
i
helangel
o
S. M
hela
lile
i
v.le Mic
a Ca
v. d
i
nina
Mic
CAMPING
oli
v.le
Chiesa di
S. Salvatore
al Monte
v. Orsini
Rip
v.le
A
Certosa
del Galluzzo
SIENA / S. GIMIGNANO
Autopalio
B
C
D
3
c ci
v. Giober ti
io
v. Capo di
v. Giotto
a Vecchia
v. de
ci
ll’Ert
i
Ammirato
lungarno Colombo
p.zza
Poggi
Cro
onardo
v. de
ar p
i
v. d
a
loia
v. Cimabue
lieri
della
v. M
a
v. Scipione
v. di Rusciano
nin
P. S
v. L
a
v. Giober ti
v. di Ricorboli
Ca
cia
v. G
.
p.zza
Beccaria
v.le
tenti
S. Niccolò
lle
r ta
ra’
ristori
ea
ll’E
v. F
v. Campanella
v. Tripoli
on t
v. d
e
v. S
Br u
lla M
v. de
v. Pao
lcon
v. M
i
e
PIAZZALE MICHELANGELO
na
p.zza
Oberdan
atto
r du
v. C
a
ci
’ Mac
v. de
Mac
v. de
’
v. de
lle C
borg
ci
on c e
o All
egri
no
tofa
Cris
v. S.
naia
c ci
i
zzin
Ma
lla M
rini
v. F
a
oti
onarr
v. Bu
o
z z an
’ P ep
v. de
v. d
e
na
sola
v. Fie
inti
go P
b or
rdi
v. V
e
Verr
a
e c hi
gliab
v.le
naia
at to
gola
P er
ella
v. d
ri
lmie
v. P
a
nci
’ Be
v. d
e
he
r ac
lle B
v. d
e
a
osc
la Croc
lvedere
GIARDINO
DI CARRAIA
air
v. C
us a
er i
v. A
lfi
ti
Pin
go
b or
i
er v
v. del Proconsolo
o ni
’ Le
v. M
i x io
v. F
r
o ni
pp
Ca
ino
v. G
li
v. de’
v. de’ Cerchi
v. B
o
ra
mo
v. C
h
Pira
v. L
a
r
vou
v. C
a
as o
v. R
ic
Martel
li
. Lore
v. Roma
v. d. Medici
v. d. Calzaiuoli
v. d
e
v. di
Porta
S. Miniato
ni
Ga
agli
t ta
v. M
ma
p.zza
Annigoni
p.zza
Madonna
della neve LE MURATE
v. Ghibe
llina
ine
C as
e
ll
e
v. Th
v. d
o ua
r
’ Ma
br o
v. Colletta
v. Leopardi
Mercato
S. Ambrogio
v. de
om
v. de’ Baldovini
’ Serr
v. L
a
ta
ar a
Rep
v. S
.
o
Gall
v. S
.
e’ S
i
agliant
ell
v. d
o
v. R
o
v. P
il
o
Gall
v. S
.
v. C
a
m ar
obi
Z an
v. S
.
or i
v. G
in
e
Stufa
La Noc
v. della
borgo
nzo
ell
a
v. T
o
sc
an
v. Calimala
ria
Ma
r S.
v. Tornabuoni
v. Pellicceria
v. P
o
Fe
e’
v. d
od
i S.
v. Co
M
vere
g gio ar tin
lli
o
v. Ma
est
v. P
r
laio
Teg
o
go
b or
borgo
S
v. d. Conti
v. Tornabuoni
hi
or o
r ig
de
el M
v. de’ Pescioni
or o
el M
v. d
i
os s
e’ F
v. d
v. d
aie
al d
eC
v. d. Vecchietti
a
llan
rce
Po
elle
agli
’ Serr
rgi
v. de
r
vou
ra
v. Z
a
ia
ndr
’Ale
ad
erin
C at
nale
v. d
ci
na c
’ Ca
v. d
e
v. d
f fia
v. M
a
ne
v. de
v. de
ll’Ard
iglio
on e
l Le
v. d
e
v. S
.
nell
i
nt a
v. M
o
azio
v. N
er o
ll’Alb
a v.
de
er r
ig u
Fin
as o
v. M
o
ago d’Or
v. del Dr
li
ldo
ma
’ Ca
v. d
e
aola
v. Ram
i
llar
rice
iO
Or t
gli
v. d
e
cia
. Lu
v. S
v. S. O
nofrio
iovan
v. S. G
iosto
v.le Ar
di P
sco
nc e
Fr a
v. S
.
ni
s sa
o
b an
B ar
v. d
i
lla
tade
v. Cit
cell
ai
v. R
u
ald
i
arib
v. G
o
s tr
al e
v. P
ura
o le M
v. lung
ni
v. Z
a
v. de’ Sassetti
re
elfio
v.le
B
Pale
i da
rluig
v. P
ie
nt a
ag e
v. M
nconel
la
v. dell’A
nell
a
zzoli
v. Go
illa
pp e
v. B
o
ss
v.Nigra
v. V
v. da
sa
ar o
a
strin
i
v. G
u
llotti
v. Cava
to
Ulive
p.zza
Ghiberti
elli
o
v. F
i
ann
borgo
v. dell’
Agnolo
iuse
olin
Cenacolo
di Andrea
del Sarto
io
onte
v. M
icc
anin
les
v. di M
igo
Sospeso
’Arr
ni
Fiume Arno
lungarno Ser
GIARDINO
VEGNI
r da
lta
2
e
v. T
S. G
zz
Ma
ini
vio
G io
v. S. Le
Pace
p.zza
S. Ambrogio
v. Pietrapiana
CENACOLO DIv.
SANTA CROCE Ghibellina
v. Lupo
S.
na della
ezzo
lungarno della Zecc
v. di S. Niccolò
FORTE
BELVEDERE
FORTE BELVEDERE
v. N
p.zza
de’ Ciompi
rtiri d
el P o
polo
v. dell’Ulivo
v. d
.
v. M
v.le Segni
o
v. B
ta
p.zza
Demidoff
v. de’ Renai
le
oD
v. G
io
p.zza
D’Azeglio
v. Ma
6
Ma
v.le
ti
cia
p.zza
de’ Mozzi
1
Mil
STADIO
A. FRANCHI
i
pe t
cos
p uc
r ch
e
v. R
v. Ghibellina
tt
de i
Stazione
CAMPO DI MARTE
ccio
v. de’ Pandolfini
i Se
v.le
nti
e Sa
mp
as a
borgo degli Albizi
rè
v. M
rdi
c ar
a
v. C
o
p.zza
Salvemini
na
v. Madon
v. di M
Ba
ta S
elli
io
ponte alle Grazie
MUSEO
STEFANO BARDINI
e’
cos
ann
iani
v. d
agnoli
PALAZZO PITTI
rrig
v. M
s ti
v.le Amendola
o To
a
v. V
bia
Egid
up
v.le
z zi
v. S
.
v. de
ag n
ar n
as t
v. G
iu
R ob
lung
i
ar d
lla
ri
i
v. D
ti
er r a
usie
he t
ni
chib
v. N
u
v. G
e
v. d
o Ar
’ Bard
PALAZZO
G
PITTI
v. M
ar s
PIAZZA PITTI
ili
p.zza
S. Felice
riuolo OBLATE
Fiesole
ina
nzo
sca
F ar
a
v. M
ar n
el C
a
v. L
PIAZZALE
DONATELLO
v. Vigna Vecchia
TEATRO
p.zza VERDI
p.zza
v. d.DIBurella
S. Simone
S. Firenze MUSEO
PALAZZO VECCHIO
v. d
ell’A
ng u
borgo de
illar
’ Greci
a
v. d.
v. d.
Corn
p.zzaCOMPLESSO PIAZZA E
N
o
inna v. V
GALLERIA
S. CROCE
dei Peruzzi
DI SANTA CROCE
in
e
DEGLI UFFIZI gia
p.zza
Chiesa
v. d
d. Grano
e’ N d. S. Remigio
er i
ce
S. Cro
borgo
p.zza
d. Giudici
v. de’ Vagellai
p.zza
lungar
corso
no Gen Mentana
BIBLIOTECA
de’ T
erale
NAZIONALE
intori
Diaz
p.zza
lungarno delle Grazi
e
Cavalleggeri
A
ad
GIARDINO
DELLA GHERARDESCA
ci
er te
ar c
g na
ms
v. de
mb
olo
Gra
PONTE VECCHIO
ia
icc
u
v. G
lung
po
i
rdin
v. L
a
mb
v.le
e
F
le
v. M
dr e
ia
v. G
ni
Jaco
v. dell’O
PALAZZO
VECCHIO
v. Calimaruzza
PIAZZA
DELLA SIGNORIA
v. Vac
chere
ccia
F
rconi
v. Ma
v.le
de i
Mil
n
v. A
pp o
o SS
. Ap
osto
o Ac
li
PONTE
ciaio
li
VECCHIO
Ter
m
ccio
r Ca
lle
l Pr
p.zza
Vasari
ie
v. P
o S.
v. del Corso
e
v. d
ino
atell
ia
v. del Ponte
ponte
al Pino
ini
as a
ino
obb
ar n
v. d. Oche
de’ M
ma
nvic
v. M
ic
v. F
R
lla
i
borg
v. de
’
v. d Vellutin
e
i
v. S ’ Vellu
gua ti
zza
ido
p.zzale
di Porta Romana
eli
GALLERIA
DELL’ACCADEMIA
v. C
. Ba
ttis
ti
3
1
v. della Condotta
costa
lo
ic h
p.zza
SS. Annunziata
PALAGIO DI v. Alighieri
PARTE GUELFA
v. Porta Rossa
v. d
e
i
sco
6
SOCIETÀ
DANTE ALIGHIERI
ot t
ponte S. Trinita
ini
5
p.zza
della Calza
v. F
o
DA NON PERDERE
A FIRENZE
e
v. d
p.zza
S. Marco
B
v. Monti
LUOGHI DEGLI STATI
GENERALI DELLA
LINGUA ITALIA
p.zza
del Lungo
t te
lung
iard
borg
it t
v. Pindemonte
LEGENDA:
niv
Ma
ri
v. di Be
5
e
v. B
v.le
p.zza
S. Trinita
i
ne
v. Ser Um
ci
on e
v. Tosinghi
ria
o
v. R
ini
sin
l Pari
p.zza
Strozzi
’P
et ta
Ma
zzie
BIBLIOTECA MEDICEA
LAURENZIANA
p.zza
della
Repubblica
ito FONDAZIONE
p.zza
SALVATORE
ROMANO
Frescobaldi
az z
io
C or
e
r.d
v. M
ne
uc c
v. S
.
GIARDINO
TORRIGIANI
v.le Petrarca
C as o
mp
Spir
uicc
no
sd
o
v. de
l
Bella
S.A.M.
Spazio Arti
e Mestieri
l Ca
oG
PIAZZA
S. SPIRITO
stin
sa
v. d
e
ar n
v. de
v. de
g ar
v. del Campidoglio
v. degli Strozzi
Nuova
lla Vigna
pr o
hie
a
A go
lla C
v. Giano della
v. di Bellosguardo
p.zza
S. Francesco
di Paola
lung
v. S.
.
v. S
v. d
e
onac
ia
v. M
a
r ta
diano
da
llo S
p.zza
Tasso
in i
o
t ol
iell
Pra
h
urc
v.le
iB
Chiesa
S. Maria
del Carmine
om
p.zza
N. Sauro
S pa
e
v. d
v. d
v. S.
M
lun
ponte alla Carraia
CAPPELLA
PIAZZA BRANCACCI
bo
DEL CARMINE rgo della
Stella
p.zza
Piattellina
g an
o
v. T
S. Fre
iac
zio
Orto
ne z
na
i
ien
tr i
an
v. dell’
rni
borgo
v. V
e
o de
as
oS
p.zza
de’ Nerli
ri
Pil
ell
4
p.zza
Goldoni
p.zza
del Cestello lu
ng a
r no
Chiesa
S od
erin
S. Frediano
i
in Cestello
p.zza
del Tiratoio
Bo
ra’
v. F
ei
i
v. M
v. d
rtolin
Ara
elfa
v. dello Studio
f fa
di
v. Ba
v. d
.
t ti
Ra
lear
p.zza
Ognissanti
ponte A. Vespucci
porta
S. Frediano
v. B
e
Chiesa S. Salvatore
d. Ognissanti
nn e
v.le
v.le
A
o
i
a
v. Z
v. Pisana
ell
Donne
v. d. Belle ole
osa
uc c
lo
.S
p.zza
P. Vettori
no
Ves
p
z uo
v. d
S. R
ar n o
laz
la
arno
lung
e Ar
alo
v. V
E
dola
p.zza
Savonarola
2
ca
lung
Fium
v. P
a
aS
liani
teb
Ca
e
v. L
aur
a
o
tonin
. An
v. d
v. S
MUSEO DI SANTA
ella
p.zza
Colo
v. d
MARIA NOVELLA
p.zza
egli
nn a
dell’Unità
p.zza
p.zza
S. Lorenzo
Alfa
d’Italia
Brunelleschi
ni
v. d. Melarancio Madonna
Aldobrandini
io
TEATRO
llacc
te
s
o
a
i
DELLA PERGOLA
lC
v. de
ig l
v. de
’ P uc
lG
CATTEDRALE
DI
v. d
ci
de
C
v. n
S. MARIA
e’ v.
D
IL BATTISTERO
uo v
v. BDEL FIORE
Pa
PIAZZA
ad
nz a
ufa
e
’C
BIBLIOTECA
SANTA MARIA
ni
lin
i
DELLE OBLATE accin
NOVELLA
v. de’ Banch
i
p.zza
i li v. de’ Cerretani
TEATRO
l
S. Maria Nuova
p.zza
DELLA PERGOLA
ine
d
dell’Olio
v. Trebbi . Ron
p.zza
S.
Giovanni
o v
PIAZZA DUOMO
v. de’ Pecori
p.zza
H
della Stazione
ell
v. So
g
on
.
v. S
iena
v. d
a
v. M
nti
nderi
ne
sa
lla Fo
ato
ni s
v. de
urt
Og
3
v. C
lo
r go
alia
p.zza
Gaddi
z uo
bo
so It
laz
da S
v. G
c ci
v. P
a
a
terin
Vin
c or
no
da
TEATRO
COMUNALE
er i
largo
COMPLESSO
DI
Alinari
S.
MARIA NOVELLA
iran
i
Vesp
u
to
FI-PI-LI
arno
ol f
4
ien
lung
MUSEO
NOVECENTO
TRAMVIA
dde
a
p.zza
del Mercato
Centrale
ll’Ar
ponte alla Vittoria
Stazione
SANTA MARIA NOVELLA
v. G
u
le
ica v. T
an
a
e
v. d
v. S
v. P
e nz a
o
v. d
.
v. Fa
ell
v. D
o
ile
elfa
aM
ni
v. G
u
i
me
teb
pp o
nin
v. Fiu
la
on
r ato
p.zza
V. Veneto
A pr
ic
v. P
ell
od
ot t
en
llat
eo
t te
v. C
ca
v. M
VII
lom
Ma
o
v. X
X
r to
v.le
z za
aS
ell
cet
P
v. Il
i
nte
a
v. d
iac
PALAFFARI
p.zza
Adua
i
.D
m ann
ni
od
a
ggia
c op
v. Ala
bb u
Olm
Ma
trin
or t e
p.zza
dell’Indipendenza
Ba
ra’
v. F
es
lla F
olfi
PIAZZA LIBERTÀ
al v
v. R
id
Parterre
v. S
s se
v. J
a
Piazzale
di Porta al Prato
v. Valfond
Mo
2
egli
a
zzi
PALACONGRESSI p.zza
del Crocifisso
i
ssell
PARCO DELLE CASCINE
v.le d
lle
te
v. d
e
nisi
alle
F. Ro
v.le
g gi
R uo
ozzi
le Str
v. Dio
v.
nte
STAZIONE
LEOPOLDA
v. d
e
lle
ie
ve
a
v. G
IPPODROMO
D
ini
avagn
e
v. d
uo
v.le Stro
o
lung
eN
onte
or t
c ci
o
o
v. P
elu
ac
v. P
o
FORTEZZA DA BASSO
le M
eP
ich
on
Ghiaccia
v. M
a
p.zz
t ti
v. delle
rla
ell
v. M
usi
v.le L
ifico
r do
p.zza
Caduti dei Lager
M ag n
os t
ca
v. d
v. B
a
nzo il
upi
v. L
v. S
v. Paisiello
1
v. B. Marcello
v. Lore
r Ca
o
s se
C
ie
v. P
llia
n
B
Rifredi
ona
v. G
a
A1 / A 11
Autostrada
e
v. L
Aeroporto
A. Vespucci
D’A
Mo
p.zza
S. Jacopino
A
i
ca
alle
tin
u
v. D
nte
v. S
n
po
i
v.le Red
v. P
o
s el
li
v. C
im
v. T
o
CIMITERO DELLE PORTE SANTE
E
F
Chianti
SS 222
5
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
411 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content