close

Enter

Log in using OpenID

Agg. dichiarazione Ambientale 2013

embedDownload
COMUNE DI MEZZOCORONA
Dichiarazione Ambientale 2011 – 2014
Regolamento CE 1221/2009 EMAS III
Dati aggiornati al 31.12.2012
Data revisione 18.01.2013
1
INDICE
PREMESSA ...................................................................................................................................................................... 3 POLITICA AMBIENTALE................................................................................................................................................ 4 INQUADRAMENTO TERRITORIALE........................................................................................................................... 5 ANDAMENTO DEMOGRAFICO.................................................................................................................................... 6 ATTIVITÀ ECONOMICHE SUL TERRITORIO............................................................................................................ 6 LA GESTIONE DELLE ATTIVITA’ DEL COMUNE..................................................................................................... 7 IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE ............................................................................................................... 10 INDIVIDUAZIONE ASPETTI AMBIENTALI E VALUTAZIONE DELLA SIGNIFICATIVITÀ ................................ 11 ASPETTI AMBIENTALI SIGNIFICATIVI DEL COMUNE DI MEZZOCORONA.................................................... 12 COMUNICAZIONE E AZIONI AMBIENTALI DEL COMUNE.................................................................................. 13 Indicatori ..................................................................................................................................................................... 14 Autorizzazioni e norme applicabili .......................................................................................................................... 14 UTILIZZO DEL TERRITORIO/ASPETTI VISIVI ........................................................................................................ 14 Indicatori ..................................................................................................................................................................... 15 Autorizzazioni e norme applicabili .......................................................................................................................... 16 RISORSE IDRICHE....................................................................................................................................................... 17 ACQUE POTABILI .................................................................................................................................................... 17 Indicatori ..................................................................................................................................................................... 19 Autorizzazioni e norme applicabili .......................................................................................................................... 19 SCARICHI IDRICI .......................................................................................................................................................... 20 Indicatori ..................................................................................................................................................................... 20 Autorizzazioni e norme applicabili .......................................................................................................................... 20 RIFIUTI ............................................................................................................................................................................ 21 Indicatori ..................................................................................................................................................................... 24 Autorizzazioni e norme applicabili .......................................................................................................................... 24 SUOLO E SOTTOSUOLO............................................................................................................................................ 25 Indicatori ..................................................................................................................................................................... 25 Autorizzazioni e norme applicabili .......................................................................................................................... 25 RUMORE ........................................................................................................................................................................ 25 Indicatori ..................................................................................................................................................................... 25 Autorizzazioni e norme applicabili .......................................................................................................................... 25 GESTIONE RISORSE................................................................................................................................................... 26 Indicatori ..................................................................................................................................................................... 31 Autorizzazioni e norme applicabili .......................................................................................................................... 31 SICUREZZA E PREVENZIONE INCENDI................................................................................................................. 32 Indicatori ..................................................................................................................................................................... 32 Autorizzazioni e norme applicabili .......................................................................................................................... 32 INQUINAMENTO ATMOSFERICO ............................................................................................................................. 33 EMISSIONI IN ATMOSFERA DERIVANTI DA ATTIVITA’ ECONOMICHE SUL TERRITORIO................... 33 Indicatori ..................................................................................................................................................................... 34 Autorizzazioni e norme applicabili .......................................................................................................................... 34 CAMPI ELETTROMAGNETICI .................................................................................................................................... 35 Indicatori ..................................................................................................................................................................... 35 Autorizzazioni e norme applicabili .......................................................................................................................... 35 TERMINI E DEFINIZIONI ............................................................................................................................................. 36 INFORMAZIONE PER IL PUBBLICO......................................................................................................................... 37 2
PREMESSA
Il Sistema comunitario di Ecogestione e Audit (EMAS = Eco-Management and Audit
Scheme) è un sistema a cui possono aderire volontariamente le imprese e le organizzazioni,
sia pubbliche che private, aventi sede nel territorio della Comunità Europea o al di fuori di
esso, che desiderano impegnarsi nel valutare e migliorare la propria efficienza ambientale.
EMAS è principalmente destinato a migliorare l'ambiente e a fornire alle organizzazioni, alle
autorità di controllo ed ai cittadini uno strumento attraverso il quale è possibile avere
informazioni sulle prestazioni ambientali delle organizzazioni. Il Regolamento EMAS è uno strumento chiave
della politica ambientale della Comunità Europea, con caratteristica di legge per i vari stati che hanno sede
nel territorio della Comunità o la di fuori di esso. L’intero sistema è verificato annualmente da un ente terzo
indipendente, nel caso del Comune di Mezzocorona da Bureau Veritas, che deve attenersi alle prescrizioni
dell’ISPRA, Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale; a seguito dell’istruttoria svolta dai
verificatori accreditati il Comune può essere registrato EMAS dal Comitato Ecolabel e Ecoaudit sezione
Emas. Il Comune di Mezzocorona è registrato EMAS dal 2008. Secondo il RGA Emas è servito per
ottemperare totalmente alla conformità legislativa e per mantenerne il controllo. A Mezzocorona c’è sempre
stata una particolare attenzione all’ambiente a prescindere dalla registrazione Emas, ad esempio per
l’incentivazione della raccolta differenzia, nelle varianze al PRG ci sono sempre stati criteri d’interesse
ambientale (fotovoltaico, CasaClima, Sistema Leed…). La registrazione Emas è stata utile per rendere
sistematico il ragionamento sui dati o per stimolare il miglioramento ambientale rispetto ad una determinata
opera. Ha contribuito a prendere coscienza rispetto al lavoro.
I principali aspetti di miglioramento che hanno caratterizzato il primo triennio di registrazione EMAS
2009-2011 riguardano:
1. L’acquisizione di tutte le agibilità, certificati prevenzione incendi, collaudi statici degli edifici,
a seguito di miglioramenti strutturali e impiantistici;
2. Un aumentato controllo dell’azienda che gestisce la raccolta differenziata (ASIA) con la
finalità di incrementare la raccolta differenziata del Comune;
3. L’aumento della potenzialità dell’allontanamento delle acque bianche con la finalità di
affrontare gli allagamenti periodici;
4. La diminuzione dell’inquinamento elettromagnetico a seguito dell’interramento della linea
elettrica;
5. L’aumento dei chilometri di strada ciclopedonale;
6. La realizzazione di edifici con criteri di bioedilizia, fra cui il Centro Sportivo Giovanile;
7. L’aggiornamento del Regolamento Edilizio Comunale con l’obiettivo di incrementare la
potenzialità del fotovoltaico.
8. Aumentati controlli delle forze dell’ordine e del Comune rispetto agli illeciti in materia
ambientale.
Nel 2013 l’Amministrazione Comunale ha deciso di impegnare risorse umane ed economiche per perseguire
tale progetto per il prossimo triennio. L’Amministrazione crede fermamente nella necessità di instaurare delle
sinergie sul territorio con gli operatori e i cittadini al fine di creare un circolo virtuoso che permetta di tenere
sotto controllo le proprie attività da un punto di vista ambientale e migliorare le proprie prestazioni ambientali.
L’Amministrazione Comunale
3
POLITICA AMBIENTALE
Il rispetto dell’ambiente, il miglioramento continuo delle nostre prestazioni ambientali e la prevenzione
dell’inquinamento rappresentano degli impegni determinati e costanti nell’attività amministrativa del nostro
Comune.
A conferma di detto impegno il Comune di Mezzocorona ha adottato un sistema di gestione ambientale
conforme al Regolamento EMAS III, con lo scopo di mantenere costantemente sotto controllo le proprie
prestazione ambientali e predisporre un’adeguata programmazione degli obiettivi e traguardi ambientali.
Il Comune di Mezzocorona
ritenendo indispensabile impegnarsi fattivamente per la riduzione degli impatti ambientali legati alle attività
che si esercitano sul suo territorio si impegna a:
¾ Assicurare che la presente politica sia aggiornata e mantenuta appropriata alla natura, alla
dimensione ed agli impatti ambientali delle sue attività e servizi.
¾ Applicare puntualmente le prescrizioni legislative e regolamentari che disciplinano la sua attività,
nonché gli altri requisiti dallo stesso sottoscritti.
¾ Diffondere la presente politica a tutto il personale comunale e renderla operativa nella definizione
di obiettivi e traguardi ambientali.
¾ Ridurre i costi di gestione delle strutture e dei servizi comunali, puntando sull’utilizzo di fonti
rinnovabili e sistemi di risparmio energetico, ponendo particolare attenzione alla riduzione degli
sprechi di risorse (acqua, energia, materiali).
¾ Rendere disponibile e diffondere attivamente alla cittadinanza e a chiunque ne fosse interessato la
presente politica ambientale, fornendo contestualmente le informazioni necessarie ad una condotta
“eco-sostenibile”, con particolare attenzione ad agevolazioni e finanziamenti per l’utilizzo di fonti
rinnovabili ed iniziative finalizzate alla riduzione dei consumo energetici.
¾ Erogare la formazione/informazione necessaria ai propri dipendenti al fine di gestire correttamente
gli impatti ambientali correlati alle attività del Comune.
¾ Distribuire la presente politica ambientale ai propri fornitori ed a coloro che operano per conto del
Comune, la cui attività possa provocare un impatto significativo sull’ambiente e comunicare loro
eventuali requisiti ambientali.
¾ Realizzare le nuove strutture comunali secondo criteri eco-sostenibili e volti al risparmio energetico
¾ Monitorare periodicamente le strutture esistenti al fine di ridurre gli sprechi energetici.
¾ Dotare le nuove strutture comunali e, ove tecnicamente opportuno, anche quelle esistenti, di
impianti per la produzione di energia da fonte rinnovabile.
¾ Monitorare le fonti di inquinamento presenti sul territorio comunale, con particolare attenzione a
quello elettromagnetico ed atmosferico, al fine di poter realizzare interventi rapidi e puntuali.
¾ Sensibilizzare la popolazione sulla necessità di diminuire la quantità di rifiuti prodotti e di
aumentare quantità e qualità della loro differenziazione e purezza delle frazioni differenziate.
¾ Migliorare l’aspetto e la vivibilità del centro abitato, con particolare attenzione agli spazi verdi ed
alla viabilità, potenziando i percorsi ciclo-pedonali ed incentivando gli spostamenti con mezzi
alternativi alle automobili.
¾ Collaborare con le varie realtà operanti sul territorio della Piana Rotaliana per il raggiungimento di
obiettivi ambientali comuni e per diffondere il più possibile una mentalità volta al rispetto del “bene
comune”.
¾ Valorizzare attraverso interventi di riordino e sistemazione le zone del territorio comunale occupate
da foreste e montagna.
¾ Salvaguardare il terreno agricolo quale elemento fondamentale per uno sviluppo armonico del
territorio.
¾ Elaborare Piano Energetico Comunale, con definizione di obiettivi specifici di risparmio energetico
e produzione di energia da fonte rinnovabile a medio/lungo termine
¾ Aderire al Patto dei Sindaci, mediante l’impegno a realizzare sul territorio comunale gli obiettivi del
Pacchetto “20-20-20”, definito dalla Commissione Europea quale atto di indirizzo da realizzarsi
entro il 2020.
Mezzocorona, lì 01 marzo 2011
4
INQUADRAMENTO TERRITORIALE
Mezzocorona fa parte della Comunità di Valle della
Piana Rotaliana.
L’abitato sorge a 219 m s.l.m. e si estende su di
una superficie di 25,42 Km2, a poco meno di 25
Km da Trento ed ha una popolazione di 5179
abitanti (al 31/12/2010).
Il territorio comunale è assai vasto: compreso fra il
cosiddetto Monte di Mezzocorona, il fiume Adige,
parte del corso del torrente Noce e la provinciale
per Mezzolombardo, la Rocchetta.
Il nucleo storico del paese si sviluppa sulla collina
ai piedi del Monte Mezzocorona, distesa a nord
della piazza della chiesa e lungo la vecchi strada che venia dalla località “Sotolmont” nella valle Atesina e
proseguiva per la Val di Non. La Borgata negli ultimi 50 anni si è sviluppata nelle direzioni delle strade per
Mezzolombardo e per San Michele all’Adige (via Battisti, via Rotaliana, via Canè) e per Roverè della Luna
(Borgo Nuovo), nonché lungo la retta (via 4 Novembre) che dalla piazza di S. Gottardo muove verso la
stazione ferroviaria.
Il territorio montano di Mezzocorona la cui superficie raggiunge i
1500 ettari, è compreso nella piccola catena montuosa denominata
Gruppo di Roccapiana che si estende dalla gola della Rocchetta,
all’inizio della Val di Non fino alla Val dei Molini, sopra l’abitato di
Roverè della Luna. Dalla Val d’Adige i monti di Mezzocorona
appaiono caratterizzati da un massiccio zoccolo con pareti verticali
che strapiombano nella sottostante pianura; le cime dei monti che
degradano verso Vigo di Ton raggiungono i 1800 metri di altitudine.
A quote progressivamente decrescenti da monte verso valle,
troviamo le ampie spianate della Craun , della Plon , del Monte, e
della Las.
La sorveglianza delle aree boschive
comunali è delegata al Consorzio di
Vigilanza Boschiva, costituito dal Comune
di Mezzocorona (insieme ai comuni di
Rovere’ della Luna, Mezzolombardo,
S.Michele all’Adige, Fai della Paganella,
Zambana, Faedo e Lavis) con delibera del
Consiglio comunale n. 84 del 24 ottobre 1977.
Vengono effettuati dei controlli da parte del Servizio Forestale della PAT e su indicazione dello
stesso vengono scelte le piante da abbattere, che il Comune assegna ai richiedenti, i quali
provvedono poi all’abbattimento.
5
ANDAMENTO DEMOGRAFICO
La popolazione complessiva è pari a:
POPOLAZIONE MEZZOCORONA 2001-2012
Fonte: Comuni-Italiani.it e Ufficio Anagrafe
ATTIVITÀ ECONOMICHE SUL TERRITORIO
Dal punto di vista economico Mezzocorona è un centro piuttosto attivo ed importante.
Le aree industriali occupano una percentuale di territorio leggermente inferiore alle aree residenziali. L’area
agricola occupa la grande maggioranza del territorio comunale.
Il territorio del Comune è fortemente imperniato sulla produzione vitivinicola con la coltivazione di vigneti
pregiati e la presenza di cantine e distillerie.
Particolarmente pregiato è il vitigno Teroldego,
simbolo della enologia trentina, dal quale si ricava
l’omonimo vino.
Sono presenti una cantina sociale (Gruppo
Mezzocorona), numerose cantine private, un
magazzino sociale e uno privato per il conferimento
della frutta(mele).
Accanto agli insediamenti agricoli, a ridosso
dell’abitato, si colloca un piccolo triangolo industriale
che raccoglie industrie di livello internazionale (Sepr
Italia, del gruppo francese Saint Gobain), e importanti
imprese nel settore costruzioni ed estrattivo ( Adige
Bitumi impresa s.p.a., Stradasfalti s.r.l. e Inerti
Mezzocorona
snc
).
Accanto
ai
comparti
tradizionalmente
più
importanti
(agricolo
ed
industriale) sono cresciute negli anni numerose attività artigianali (legno, mobili, meccanica, tessile,
6
manifatture, elettrofusi, distillerie, vetro, confezioni, ecc.), commerciali, alberghiere, di informatica e di servizi
alla persona ed alle imprese; in futuro la trasformazione e riconversione in corso delle aree agroindustriali
nel centro abitato potranno essere occasione per l’insediamento di nuove realtà commerciali o di servizi.
Interessante iniziativa che coinvolge il territorio dei Comuni della Piana Rotaliana (Mezzolombardo,
Mezzocorona, San Michele all’Adige e Faedo) e alcuni Comuni limitrofi (Roverè della Luna, Nave San Rocco
e Zambana ) è quello rappresentato dal Progetto della Strada del Vino e dei Sapori.
LA GESTIONE DELLE ATTIVITA’ DEL COMUNE
I principali servizi erogati dall’Amministrazione comunale sono i seguenti:
Gestione comunale
diretta
Attività
Gestione acquedotto (gestione derivazione,
distribuzione allacciamenti, controlli potabilità)
Gestione fognatura (gestione reti di collettamento)
Gestione illuminazione pubblica
Gestione raccolta e trasporto rifiuti solidi urbani
Servizi cimiteriali
Servizi di biblioteca pubblica
Servizi scuola dell’infanzia
Servizio scuola elementare
Servizi tributi anagrafe, ragioneria, segreteria
Gestione manutenzione infrastrutture
adduzione,
Gestione indiretta
X
X
X
X
X
X
X
X
X
•
Manutenzione rete stradale
X
•
Gestione edifici comunali (manutenzione ordinaria)
X
•
Gestione edifici comunali (manutenzione straordinaria)
Gestione verde pubblico
Controllo del territorio
Gestione aree boschive
Controllo del territorio (carabinieri, protezione civile)
Controllo del territorio (corpo intercomunale dei vigili urbani: 7 in
comando di cui 6 c/o servizio associato PL ROTALIANA –
Koenigsberg e 1 c/o PAT)
X
X
X
X
X
X
X
X
X
La struttura comunale comprende quali organi politici: il Sindaco, la Giunta Comunale e il Consiglio Comunale.
La pianta organica degli uffici comunali è attualmente composta da 36 addetti, suddivisi in tre servizi e 7 uffici,
amministrativo ed attività sociali (ufficio attività culturali, demografico e stato civile, segreteria) finanziario (ufficio
tributi e ragioneria, personale e contratti), tecnico (ufficio edilizia privata, lavori pubblici, gestione patrimonio e
ced.).
Nell’organigramma di seguito riportato è evidenziata l’intera struttura comunale.
Nell’ambito del progetto EMAS sono state definiti ruoli e responsabilità dei vari uffici in relazione agli aspetti
ambientali gestiti dai vari uffici. Di particolare rilevanza sono le seguenti figure:
CONSIGLIO COMUNALE:
•
approva la politica ambientale;
•
approva il bilancio, i regolamenti comunali e i principali strumenti di pianificazione territoriale e di
programmazione.
GIUNTA COMUNALE:
7
•
approva gli obiettivi ambientali e la Dichiarazione Ambientale;
•
effettua il periodico Riesame del Sistema di Gestione Ambientale.
SINDACO:
•
è il principale punto di riferimento nella definizione degli obiettivi ambientali;
•
approva il Manuale del Sistema di Gestione Ambientale.
SEGRETARIO COMUNALE:
•
approva le procedure gestionali di sistema;
•
gestisce l’aggiornamento normativo e la parte relativa alla pianificazione della formazione del
personale.
RAPPRESENTANTE DELLA DIREZIONE:
•
rappresenta il referente politico della Giunta Comunale;
•
ha il compito di riferire all’organo politico sull’andamento del Sistema di Gestione Ambientale.
RESPONSABILE DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE:
•
rappresenta il referente tecnico della Giunta Comunale;
•
gestisce da un punto di vista operativo il Sistema di Gestione Ambientale
•
è il Responsabile dell’Area Tecnica
RESPONSABILI DI AREA:
•
hanno il compito di gestire gli aspetti del Sistema di Gestione Ambientale relativi alle rispettive aree
8
9
IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE
Nell’ambito della propria struttura amministrativa il Comune di Mezzocorona ha deciso di mantenere un
Sistema di Gestione Ambientale (SGA) secondo le prescrizioni del Regolamento CE 1221/2009 EMAS III.
Le differenti fasi di realizzazione di detto sistema possono riassumersi secondo il seguente schema:
Figura - Schema delle fasi di realizzazione sistema di gestione ambientale
ANALISI AMBIENTALE INIZIALE: Il Comune ha effettuato una valutazione degli aspetti ed impatti
ambientali connessi alle proprie attività o legati alle attività di terzi su cui può esercitare un’influenza.
L’Analisi Ambientale Iniziale rappresenta una “fotografia” ambientale del Comune ed ha costituito la base
sulla quale sviluppare un Sistema di Gestione Ambientale (con la definizioni dei ruoli e l’attribuzione delle
responsabilità).
POLITICA AMBIENTALE: L’Amministrazione Comunale ha adottato una propria politica ambientale con la
quale si è pubblicamente impegnata nel perseguimento del rispetto dell’ambiente ed al miglioramento delle
proprie prestazioni ambientali.
OBIETTIVI E PROGRAMMI: Il Comune ha definito i propri obiettivi ambientali e per ogni obiettivo ha definito
i relativi programmi e indicatori di prestazione ambientale.
Annualmente l’Amministrazione valuta lo stato d’avanzamento nel raggiungimento dei propri obiettivi e
ridefinisce nuovi obiettivi ambientali.
COMUNICAZIONE INTERNA ED ESTERNA: Il Comune ha attivato delle specifiche modalità relativamente
alla comunicazione ambientale sia attraverso l’attivazione di sezioni specifiche sul sito internet sia attraverso
pubblicazioni specifiche e predisposizioni di brochure relativamente alle buone pratiche ambientali.
DICHIARAZIONE AMBIENTALE: La Dichiarazione Ambientale rappresenta il documento attraverso cui
l’Amministrazione comunica a tutti gli interessati i dati relativi alle prestazioni ambientali, alle modalità di
gestione degli aspetti ambientali e gli obiettivi ambientali.
10
INDIVIDUAZIONE ASPETTI AMBIENTALI E VALUTAZIONE DELLA
SIGNIFICATIVITÀ
Al fine di valutare gli aspetti ambientali cui è associato un impatto ambientale significativo, il Comune di
Mezzocorona ha identificato tutti gli aspetti ambientali diretti e indiretti correlati ad attività e servizi presenti
sul territorio.
L’analisi ambientale iniziale è stata eseguita prendendo in considerazione tutte gli aspetti ambientali che
hanno a che fare attività svolte dall’organizzazione. L’analisi ambientale viene periodicamente riconsiderata
al fine di verificare se esistono nuovi aspetti ambientali, diretti o indiretti, che devono essere valutati.
Per ogni attività sono stati individuati gli aspetti ambientali correlati e i relativi impatti come previsto dal
Regolamento n. 1221/2009 allegato VI.
Di seguito si riportano alcune definizioni fondamentali estratte dal Regolamento n. 1221/2009:
1. «prestazioni ambientali», i risultati misurabili della gestione dei propri aspetti ambientali da parte di
un’organizzazione;
2. «aspetto ambientale», un elemento delle attività, dei prodotti o dei servizi di un’organizzazione che
ha, o può avere, un impatto sull’ambiente
3. «aspetto ambientale diretto», un aspetto ambientale associato alle attività, ai prodotti e ai servizi
dell’organizzazione medesima sul quale quest’ultima ha un controllo di gestione diretto;
4. «aspetto ambientale indiretto», un aspetto ambientale che può derivare dall’interazione di
un’organizzazione con terzi e che può essere influenzato, in misura ragionevole, da
un’organizzazione;
5. «impatto ambientale», qualunque modifica dell’ambiente, negativa o positiva, derivante in tutto o in
parte dalle attività, dai prodotti o dai servizi di un’organizzazione;
In seguito all’identificazione degli aspetti ambientali, il responsabile del sistema di gestione ambientale in
collaborazione con il rappresentante della direzione, procede alla valutazione della significatività degli impatti
ambientali secondo una procedura apposita e precisamente la PR05. La valutazione della significatività e
della criticità degli aspetti ambientali viene effettuata attribuendo un punteggio che prende in considerazione
fattori ambientali sociali e tecnici e viene effettuata considerando condizioni normali, anomale e di
emergenza.
La presenza di uno degli elementi che caratterizza l’aspetto ambientale:
•
Presenza di una norma cogente (NC); NORMA COGENTE
•
Impatto grave su matrice sensibile (potenziale danno ambientale unito alla fragilità dell’ambiente)
(IG) IMPATTO GRAVE
•
Entità, quantità, frequenza e reversibilità dell’impatto (Q);QUANTIFICAZIONE
•
La sensibilità del contesto (dei dipendenti, del territorio e della collettività, ecc.) (SC).SENSIBILITA’
COLLETTIVA
Unita alla possibilità di intervento migliorativa o mitigativa (tecnico-politica) sulle attività da cui
scaturisce l’impatto del comune (M);MIGLIORABILITA’, porta ad una valutazione significativa
dell’aspetto ambientale analizzato.
La valutazione della significatività degli elementi di un aspetto ambientale è riportata nel M0502 Registro
significatività degli aspetti ambientali costantemente aggiornato e mantenuto in originale presso gli uffici del
responsabile di gestione ambientale.
Sulla base della valutazione degli aspetti ambientali significativi sono applicate le seguenti regole:
- se un impatto ambientale individuato risulta “non significativo” deve essere riverificato
successivamente durante la valutazione degli aspetti ambientali;
- se un impatto ambientale individuato risulta “significativo- esso deve essere verificato
periodicamente con interventi di monitoraggio dell’aspetto frequenti (attraverso procedure o
scadenziari) o possono essere intraprese dei progetti di intervento per il miglioramento.
- se un impatto ambientale individuato risulta “molto significativo” esso deve essere
mantenuto costantemente sotto controllo e devono essere valutati e quando possibile
intrapresi progetti di intervento per il miglioramento immediato con l’obiettivo di farlo rientrare
nella valutazione “significativo oppure non significativo”.
La distinzione significativo o molto significativo è presente per fornire una scala di priorità sugli interventi da
svolgere da parte dell’amministrazione.
11
ASPETTI AMBIENTALI SIGNIFICATIVI DEL COMUNE DI
MEZZOCORONA
In questo capitolo sono descritti gli aspetti ambientali significativi che il Comune di Mezzocorona gestisce
tramite il proprio Sistema di Gestione Ambientale. Per ciascuna tematica sono descritti i principali
aspetti/impatti ambientali e le modalità operative che garantiscono la gestione ed il monitoraggio degli impatti
stessi. Inoltre a fine di ogni paragrafo sono presentati gli obiettivi e gli indicatori di obiettivo ad essa associati.
12
COMUNICAZIONE E AZIONI AMBIENTALI DEL COMUNE
Nel 2012 RGA ha predisposto la procedura per effettuare acquisti verdi, che sarà applicata per gli acquisti
dei nuovi arredi della scuola media certificata LEED. Già nel 2011 nell’appalto “Lavori di rifacimento della
pavimentazione della strada interpoderale delle Fratte”, il Comune ha richiesto esplicitamente che
l’appaltatore utilizzasse materiale riciclato (fresato) nella misura massima del 30% in peso riferito alla
miscela degli inerti, con l’obbligo di attestazione di avvenuto utilizzo del riciclato da parte dell’impianto di
produzione. La ditta appaltatrice ha provveduto a rilasciare un’autodichiarazione in data 10 ottobre 2012 in
cui dichiara di aver utilizzato il 12% di materiale riciclato.
Nel 2012 è partita ufficialmente la sperimentazione del servizio PEDIBUS, partito definitivamente con l’anno
scolastico 2012-2013: coinvolge un centinaio di bambini , venti genitori , nonni e volontari impegnati come
volontari. Il Pedibus rappresenta una buona pratica ambientale e sociale fornendo ai bambini un’importante
momento di socializzazione.
OBIETTIVO – COINVOLGIMENTO DELLA POPOLAZIONE
RESPONSABILE
ASSESSORE
ALL’AMBIENTE
UFFICIO
TECNICO
AMMINISTRATORI
RESPONABILE
SISTEMA DI
GESTIONE
AMBIENTALE
RISORSE
UMANE
E
FINANZIARIE
€ 0,00
Da valutare
€ 0,00
€ 20.000,00
TEMPO
IMPEGNI / AZIONI PER
RAGGIUNGERE L’OBIETTIVO
CICLO DI CONFERENZE (ENERGIA,
RIFIUTI, PRESENTAZIONE PATTO
DEI SINDACI)
La prima conferenza inerente i rifiuti è
PRIMAVERA
prevista per il 2012.
2014
2013 Il patto dei sindaci è stato
approvato il 27.09.12; è stata
realizzata una serata sulla raccolta
differenziata e la TIA a giugno 2012.
Obiettivo 2012: STAMPARE IL
PERIODICO TRIMESTRALE DI
ENTRO IL
MEZZOCORONA SU CARTA
2013
RICICLATA
2013: è stata inviata una richiesta
informale alla tipografia
DIFFONDERE UNA CULTURA
AMBIENTALE
INSTALLAZIONE MOSTRA
ENTRO
“L’AMBIENTE CERTIFICATO EMAS”
2012
DI APPA
2013: nel 2012 non è stato realizzato
l’obiettivo che verrà posticipato nel
2013.
DIFFONDERE UNA CULTURA
AMBIENTALE TRAMITE
L’INSTALLAZIONE DI COLLETTORI
SOLARI PER LE SCUOLE
ELEMENTARI CON IL
ENTRO
COINVOLGIMENTO DEGLI ALUNNI
2011
DELLE SCUOLE MEDIE ED
ELEMENTARI
2013: L’obiettivo è stato raggiunto con
la ditta Kosmos, la quale si impegna a
gestire una formazione specifica per le
elementari e le medie.
13
INDICATORE
N° DI PARTECIPANTI
Riduzione dell’utilizzo
di risorse (acqua e
energia)
N° DI PERSONE
COINVOLTE
N° DI PERSONE
COINVOLTE
ENTRO
2012
€ 2.000,00
DIFFONDERE UNA CULTURA
AMBIENTALE CON REALIZZAZIONE
DI UN VIDEO A TEMATICA
N° DI PERSONE
AMBIENTALE COERENTE CON LA
COINVOLTE
DICHIARAZIONE AMBIENTALE
2013: l’obiettivo è incorso; è stata
N° INVII
contattata una ditta che si occupa di
marketing per verificare la possibilità
di realizzare tale video.
Indicatori
Numero di accessi alle informazioni di carattere ambientale tramite il sito internet mezzocorona.comune.tn.it.
Autorizzazioni e norme applicabili
•
D.Lgs. 19-8-2005 n. 195 Attuazione della direttiva 2003/4/CE sull'accesso del pubblico
all'informazione ambientale
UTILIZZO DEL TERRITORIO/ASPETTI VISIVI
Il territorio del Comune di Mezzocorona è regolato da un strumento pianificatorio ovvero la
PROGRAMMAZIONE
E
PIANIFICAZIONE
TERRITORIALE (ASPETTO AMBIENTALE DIRETTO).
L’Amministrazione intende impegnarsi in uno sviluppo
sostenibile del proprio territorio scegliendo strumenti di
pianificazione territoriale che favoriscano l’adozione da
parte dei privati di strumenti di bioedilizia al fine di
impattare in misura minore sull’ambiente.
Nell’ottica di quanto esposto, l’Amministrazione comunale,
intende nel medio - lungo periodo conformarsi con quanto
previsto dal protocollo LEED, attraverso la costruzione
della nuova scuola media.
L’indicatore ha un fattore alto a seguito, soprattutto, della presenza di seconde case che aumentano
notevolmente il consumo di territorio per attività residenziali.
OBIETTIVO – GESTIONE DEL TERRITORIO
RISORSE
RESPONSABILE UMANE
E
FINANZIARIE
ASS. LAVORI
PUBBLICI
SERVIZI TECNICI
€ 580.000,00
(stanziati a
bilancio)
TEMPO
ENTRO IL
2012
IMPEGNI / AZIONI PER
RAGGIUNGERE L’OBIETTIVO
RIQUALIFICAZIONE DELLA
VIABILITÀ - CICLABILE VIA DEL
TEROLDEGO / SVILUPPO CICLABILI
COMUNALI
2013: Terminata.
14
INDICATORE
N. METRI NUOVI
PISTA CICLABILE /
N. METRI ESISTENTI
COLLEGAMENTO
DEL CENTRO
CITTADINO CON LA
STAZIONE DEI
TRENI E DELLA
TRENTO-MALE’
Indicatori
«Utilizzo del terreno», espresso in m2 di superficie edificata.
La parte di territorio comunale destinata ad uso residenziale ha una superficie di 943.637 mq, con un utilizzo
procapite di 138,75 mq/abitante.
Rilevazioni in materia ambientale da parte della Polizia Locale servizio associato:
Il Comune ha intenzione di installare un programma di video sorveglianza presso le isole ecologiche
nel corso del 2013 al fine di arginare il problema dell’abbandono dei rifiuti.
Luogo
Data
verbale
Norma Violata
Desrizione
Problema
Modalità
Risoluzione
Problema
deposito cartoni contenenti rifiuti
recupero rifiuti da parte di operai
indifferenziati di provenienza
comunali
domestica
in corrispondenza dell'isola
ecologica, deposito a terra
Corso
art.20 c.1 lett.f)
recupero rifiuti da parte di operai
12/04/11
accanto ai cassonetti di diverse
Libertà
Regolamento rifiuti
comunali
buste in plastica contenenti rifiuti
vari
compiva operazione di trattamento
arresto immediato operazioni di
ordinanza 55/2006
sanitario ad una distanza inferiore
Segantini
23/05/11
trattamento sanitario
fitosanitari
ai 15 metri dal confine
compiva operazione di trattamento
Via del
ord. 55/2006
arresto immediato operazioni di
sanitario ad una distanza inferiore
22/07/11
Teroldego
antiparassitari
trattamento sanitario
ai 15 metri dal confine
all'interno del bidone della carta si
rinveniva sacco di plastica di
art. 20 c.1 lett. e
colore nero contenente, calcinacci,
recupero rifiuti da parte di operai
Via Bronzetti 13/12/11
Regolamento
due contenitori di plastica,
comunali
gestione rifiuti
materiale cartaceo e altro
materiale non conforme
art. 8 c. 6
all'interno del bidone della carta si
recupero rifiuti da parte di operai
Via Bronzetti 13/12/211
Regolamento
rinveniva sacco di plastica
comunali
gestione rifiuti
contenente materiale cartaceo
Via del
06/12/11
artt. 192, 255 e
cemento amianto fatiscente
- emessa ordinanza prot. n. 980 del
rampa ponte
della Fosina
01/02/11
art. 8 c. 5 e 7
Regolamento rifiuti
15
Luogo
Data
verbale
Teroldego
Desrizione
Problema
256 D. Lgs.
152/2006
Abbandono rifiuti
Via Canè
10/05/11
Via Fenice
06/04/11
p.f. 1353/4
Loc. Maso
Nuovo
via
S.Giovanni
Bosco
via
S.Giovanni
Bosco
Norma Violata
23/12/12
04/04/12
04/04/12
via F.lli
Bronzetti
07/05/12
Piazza S.
Gottardo
31/05/12
Bronzetti
05/06/12
Via Bronzetti
05/06/12
Via Bronzetti
05/06/12
artt. 192, 255 e
256 D. Lgs.
152/2006
Abbandono rifiuti
artt. 192, 255 e
256 D. Lgs.
152/2006
Abbandono rifiuti
artt. 256, 258 D.
Lgs. 152/06
Art. 20 c. 1 lett. f
Regolamento
Igiene Ambientale
Art. 20 c. 1 lett. f
Regolamento
Igiene Ambientale
Art. 20 c. 1 lett. f
Regolamento
Igiene Ambientale
Art. 11 c. 3 lett. f
Regolamento
Igiene Ambientale
Art. 20 c. 1 lett. f
Regolamento
Igiene Ambientale
Art. 20 c. 1 lett. f
Regolamento
Igiene Ambientale
Art. 20 c. 1 lett. f
Regolamento
Igiene Ambientale
Modalità
Risoluzione
Problema
23/01/2012 per la presentazione del
piano di smaltimento di smaltimento
della copertura in cemento amianto
- In data 13/02/2012 ns. prot. n.
1812 è pervenuta copia del piano di
smaltimento di smaltimento della
copertura in cemento amianto
presentato all'APSS in data
10/02/2012
- Si è in attesa dell'approvazione del
piano di smaltimento di smaltimento
della copertura in cemento amianto
da parte dell'APSS
afflusso anomalo depuratore
Comunicazione Agenzia per la
depurazione PAT dd 04.05.11
deposito rifiuti
recupero rifiuti da parte di operai
comunali
Gestione illecita terre e rocce da
scavo
abbandono rifiuti a terra
recupero rifiuti da parte di operai
comunali
abbandono rifiuti a terra
recupero rifiuti da parte di operai
comunali
abbandono rifiuti a terra
recupero rifiuti da parte di operai
comunali
contenitori rimasti su suolo
pubblico oltre il tempo necessario
per lo svuotamento
recupero rifiuti da parte di operai
comunali
abbandono rifiuti a terra
recupero rifiuti da parte di operai
comunali
abbandono rifiuti a terra
recupero rifiuti da parte di operai
comunali
abbandono rifiuti a terra
recupero rifiuti da parte di operai
comunali
Autorizzazioni e norme applicabili
•
•
•
Legge Provinciale 4 marzo 2008, n. 1 "Pianificazione urbanistica e governo del territorio"
Regolamento Edilizio Comunale del 23/07/2010.
Costituzione Consorzio Vigilanza Boschiva approvato con delibera del C.C. n. 84 del 24.10.1977 Comuni aderenti: Rovere’ della Luna, Mezzocorona, Mezzolombardo, S.Michele A/A, Fai della
Paganella, Zambana, Faedo, Lavis
16
RISORSE IDRICHE
ACQUE POTABILI
Il Comune di Mezzocorona presenta sul suo territorio diverse sorgenti a cui attinge l’acquedotto comunale.
Sono elencate le concessioni e le derivazioni di acque pubbliche intestate al Comune di Mezzocorona per il
consumo umano.
NOME
SORGENTE
Sorgente
Laiti
Sorgente
Malga
Kraum
UTILIZZO
PORTATA MEDIA COMPLESSIVA
DELLA CONCESSIONE
Consumo umano
0,2 l/s
31/12/2018
Consumo umano
0,3 l/s
31/12/2018
N. CONCESSIONE E
SCADENZA
ELENCO DELLE SORGENTI FORNITO DAL SERVIZIO UTILIZZAZIONE ACQUE PUBBLICHE DELLA
PROVINCIA
Il prelievo è subordinato al possesso di una concessione citata nella tabella sovrastante rilasciata dalla
Provincia Autonoma di Trento; il Comune paga un canone annuale alla stessa Provincia. Il Comune
gestisce,inoltre, direttamente la distribuzione a scopo irriguo dell’acqua derivata dalla Roggia Grande e dal
Rio Val Carbonare, regolamentandone gli orari di utilizzo ed effettuando gli interventi di manutenzione.
Il territorio comunale è servito dall’acquedotto di proprietà della società AIR SpA, società registrata EMAS.
La sorgente principale che alimenta l’acquedotto è la sorgente Acqua Santa.
Il Comune di Mezzocorona è cofirmatario
della Convenzione per l’affidamento della
gestione
dell’acquedotto
all’Azienda
Intercomunale Rotaliana Spa, da cui emerge
che il Comune ha il 27, 95% delle quote.
Con contratto di servizio di pubblico
interesse dd. 11/3/1998 rep. n.22 il Comune
ha affidato ad AIR SpA il servizio pubblico di
captazione,
sollevamento,
trasporto,
trattamento, distribuzione e vendita per usi
potabili ed usi diversi ed il servizio di
fognature.
Tutta la manutenzione ordinaria viene
effettuata dalla società AIR SpA mentre
interventi di ampliamento della rete vengono
effettuati dal Comune su indicazione della società: all’Azienda Intercomunale Rotaliana s.p.a. compete, in
effetti, tra le varie cose la manutenzione ordinaria della rete e l’effettuazione degli esami di potabilità
dell’acqua.
Al fine di mantenere costantemente aggiornato il Comune circa eventuali problematiche connesse alla
distribuzione dell’acqua, l’ente gestore invia periodicamente al Comune i risultati delle analisi effettuate sulle
acque nei vari punti di prelievo (48 analisi annue di routine e 12 complete per la sorgente), nonché il
programma degli interventi di manutenzione ordinaria.
17
La qualità dell’acqua risultante dalla analisi effettuate presenta valori ampiamente nei limiti di legge:
PARAMETRI
UNITA' DI
MISURA
LIMITE
DI
LEGGE
Utenza Scuola
Materna
Fontana Piazza
Chiesa
Utenza Scuola
Materna
22/12/10
12/12/11
11/12/12
6,5
10,8
6,6
Temperatura acqua °C
°C
Residuo fisso a 180 °C
mg/l
1.500
151, 0
pH
unità di pH
6,5-9,5
7,8
7,7
8,0
Conduttività elettrica
µS\cm
2.500
236
328
370
0,01
0,01
2
Disinfettante residuo in loco
mg/L
Calcio
mg/l Ca
45,9
52
Magnesio
mg/l Mg
7,4
15
Solfati
mg/l SO4
2,9
15
Nitrati
mg/l NO3
50
2,8
6,3
Cloruri
mg/l Cl
250
1,8
2,9
Nitriti
mg/l NO2
< 0,01
< 0,02
Durezza
°f
14,5
19
Batteri Coliformi a 37°
UFC/100 ml
0
0
0
Escherechia coli
UFC/100 ml
0
0
0
Enterococchi
UFC/100 ml
0
0
0
15-50
DATI SULLA QUALITA’ DELL’ACQUA POTABILE DALLE ANALISI SVOLTE DA DOLOMITI ENERGIA
Descrizione di alcuni parametri riportati nella tabella.
•
Il valore pH esprime la misura del grado di acidità di una soluzione acquosa. È una grandezza che stabilisce se
una sostanza è acida, neutra o basica, a seconda della concentrazione di ioni idrogeno presenti. È misurata su
una scala da 0 a 14, in cui 7 indica che la sostanza è neutra. Valori di pH inferiori a 7 indicano che una
sostanza è acida e gradi di pH superiori a 7 indicano che è basica.
•
La durezza indica la quantità di sali di calcio e magnesio presenti nell'acqua. Viene espressa in gradi francesi
(°F), dove un grado rappresenta 10 mg di carbonato di calcio per litro di acqua. La durezza può influenzare il
gusto dell'acqua ma non dà problemi di salute.
•
Conducibilità: misura la quantità corrente elettrica che passa in un centimetro e dà un indicazione della
concentrazione di Sali disciolti.
•
Carbonio organico totale: contenuto di sostanze organiche espressa come carbonio.
•
Solfati derivano in larga misura dalla trasformazione dei solfuri naturali (sedimenti evaporitici) naturalmente
presenti.
•
Il residuo fisso si ottiene dopo aver fatto evaporare un litro d'acqua a una temperatura di 180° C. È il contenuto
di sali minerali (sodio, potassio, calcio, magnesio, ecc.) disciolti nell'acqua e viene indicato in mg/l. Più è alto il
valore del residuo fisso, maggiore è la concentrazione di sali minerali. Sotto i 500 mg/l l'acqua è classificata
come oligominerale.
•
Calcio e magnesio sono sostanze presenti nel residuo fisso e indicano la quantità di sali presenti
nell'acqua.
•
I nitrati e nitriti sono considerati sostanze nocive. Sono quelle sostanze che giungono nelle falde acquifere
attraverso i terreni a causa della concimazione (con sostanze chimiche ma anche con fertilizzanti naturali)
sistematica e intensiva dei suoli coltivati e dalle attività industriali.
•
I cloruri sono sali importanti per l'organismo umano, se presenti in concentrazioni eccessive possono
modificare il sapore dell'acqua, e se associati a valori di pH acido, favoriscono la corrosione dei metalli nelle reti
di acquedotto.
18
•
Coliformi- Escherichiacoli- Enterococchi: sono considerati indicatori di inquinamento microbiologico delle
acque.
Indicatori
Numero di fuori limite 2010, 2011, 2012: 0
Autorizzazioni e norme applicabili
Piano di Autocontrollo della Qualità delle Acque destinate al consumo umano per i Comuni di
Mezzolombardo, Mezzocorona e S. Michele a/Adige. Redatto da: Gestore degli Impianti AIR S.p.A.
Mezzolombardo, marzo 2012. Inviato all’Apss in data 4 maggio 2012.
1. Deliberazione del Consiglio Comunale dd. 5/8/97 n° 39 approvazione convenzione e statuto del
Consorzio Azienda Intercomunale Rotaliana
2. Deliberazione del Consiglio Comunale dd. 27/6/2002 n. 27 “Trasformazione da Consorzio Azienda
Intercomunale Rotaliana a A.I.R. SpA
3. Deliberazione del C.C. dd.29.12.1997 n. 76 affidamento servizio acqua e fognatura
4. Concessioni per utilizzo principale consumo umano, altri utilizzi: igienico e assimilati – zootecnico:
• n.4 concessioni su sorgente Laiti,
• n.1 concessione su sorgente Malga Kraum
5. Concessioni utilizzo uso irriguo:
• n. 6 concessioni Sch. 1-2-3-4 Roggia Grande, Sch. 5-6-7 Roggia Fratte,
• n. 1 concessioni Rio Val Carbonare C.c. Mezzocorona,
• n. 1 concessioni Sorgente del Piaget – assorbe C/0401
• n. 1 Sorgente Piaget
• n. 1 Rio Maerla c.c. Mezzocorona
• n. 1 Rio al Batol
6. Concessione utilizzo principale igienico e assimilati (gestite da AIR):
• n.1 concessione Sch. 1-2-3-4 Roggia Grande, Sch. 5-6-7 Roggia Fratte
7. Concessione utilizzo consumo umano:
• n.1 concessione pozzo in p.f. 108 c.c. Mezzocorona
8. Concessioni utilizzo principale igienico e assimilati, altri utilizzi zootecnico:
• n. 1 concessioni Rio Maerla c.c. Mezzocorona
9. Concessioni per utilizzo principale consumo umano, altri utilizzi: igienico e assimilati:
• n. 1 Rio al Batol
Tutte le concessioni sono in scadenza al 31/12/2018
19
SCARICHI IDRICI
Il Sistema fognario viene gestito dall’Azienda Intercomunale Rotaliana (AIR) tramite convenzione con il
Comune.
Le reti acque bianche e nere sono completamente sdoppiate:
•
le acque nere confluiscono al depuratore di Mezzocorona, gestito dall’Agenzia per la Depurazione
della Provincia di Trento (ADEP);
•
le acque bianche sono convogliate nel torrente Noce le cui acque sono monitorate dalla Provincia e
in parte destinate ad uso irriguo.
Si riportano di seguito i dati relativi al depuratore di Mezzocorona:
Localizzazione
Corpo idrico recettore
Bacino idrico
Loc. Ischie - Mezzocorona
Fossa di Caldaro
Adige
Mezzocorona, Mezzolombardo, S. Michele all’Adige,
Comuni serviti
Faedo
Potenzialità
26500 Abitanti Equivalenti
Data di messa in servizio
11/02/85
Rispetto alla prestazione di depuratore che serve il Comune, occorre precisare che per quanto riguarda la
rimozione dell'azoto e del fosforo si rimanda alla delibera della G.P. n. 2497 dd. 03 ottobre 2003 avente per
oggetto “Designazione delle aree sensibili ai sensi del decreto legislativo Il maggio 1999 n. 152 in
recepimento della direttiva 91/271/CEE: adozione in via preliminare del documento concernente le misure di
adeguamento degli impianti di depurazione acque reflue urbane recapitanti in aree sensibili e scarichi
industriali sensibili” nella quale sono state definiti aree sensibili tutti i bacini idrici del territorio provinciale.
Inoltre la stessa delibera individua nel fosforo il parametro da controllare e da rimuovere fissando quali limiti
di riferimento i valori di' emissione previsti dalla Tabella 2 dell'allegato 5 al D.Lgs . 152/2006 e ss.mm.
Al fine di monitorare la rete il Comune ha richiesto al gestore il piano di manutenzione della rete fognaria.
In caso di fuori limite l’Agenzia per la depurazione avverte immediatamente il Comune per la valutazione
della risoluzione dell’impatto ambientale.
Indicatori
Numero incidenti ambientali rilevanti: 0 nel 2010,nel 2011, nel 2012.
Autorizzazioni e norme applicabili
•
•
•
•
•
Deliberazione del Consiglio Comunale dd. 5/8/97 n° 39 approvazione convenzione e statuto del
Consorzio Azienda Intercomunale Rotaliana
Deliberazione del Consiglio Comunale dd. 27/6/2002 n. 27 “Trasformazione da Consorzio Azienda
Intercomunale Rotaliana a A.I.R. SpA
Deliberazione del C.C. dd.29.12.1997 n. 76 affidamento servizio acqua e fognatura
Regolamento fognatura comunale n.10 del 26/02/2001
Autorizzazione allacciamento e scarico in pubblica fognatura dell’insediamento civile rilasciata dal
Comune di Mezzocorona prot. 8087 dd. 6.07.2007
20
RIFIUTI
RACCOLTA RIFIUTI SUL TERRITORIO (ASPETTO AMBIENTALE INDIRETTO) IMPATTO SIGNIFICATIVO
Nel 2012 in Comune è stato insignito della menzione da parte di Legambiente di Comune Riciclone, avendo
superato la soglia del 65%.
Il Comune di Mezzocorona ha affidato la gestione dei rifiuti sul territorio comunale alla società ASIA. I
principali compiti del gestore del servizio sono:
−
la gestione del servizio di raccolta e avvio a smaltimento o recupero dei rifiuti solidi urbani;
−
la promozione e gestione della raccolta differenziata;
−
la gestione del Centro di Raccolta Zonale di Lavis;
−
la collaborazione con i Comuni nella gestione dei Centri di Raccolta Materiali.
Con il primo gennaio 2012 sono cambiate le modalità di determinazione della tariffa di igiene ambientale
(TIA) che viene calcolata sul numero di svuotamenti e si è inoltra modificato la Convenzione Asia-Comune di
Mezzocorona Gestione di un CRM di rifiuti provenienti da raccolta differenziata approvata con Delibera n°64
dd 17.11.2011.
Complessivamente il sistema di raccolta rifiuti introdotto nel 2006 ha portato ha raggiungere percentuali di
raccolta differenziata che si avvicinano al 70% alla fine del 2012, ma che rispetto all’anno precedente ha
registrato un leggero calo.
Fonte: Asia
21
Fonte: Asia
Fonte: Asia
RACCOLTA RIFIUTI CENTRO RACCOLTA MATERIALI
Sul territorio comunale è presente un Centro raccolta materiali (CRM) presso il quale possono conferire solo
le utenze domestiche. Il Centro Raccolta Materiali è gestito dal Comune mentre le operazioni di asporto e
movimentazione dei container sono effettuate dal gestore del servizio di raccolta la società ASIA. Presso il
CRM è possibile conferire le seguenti tipologie di rifiuti:
rifiuti ingombranti
imballi in cartone
ramaglie (potature e sfalci)
carta
metalli ferrosi
RAEE – apparecchi elettronici e apparecchiature
elettroniche
22
abiti usati
imballi in plastica
legno
olio alimentare
contenitori inquinati in plastica
accumulatori al piombo (batterie auto)
pile e batterie
vetro e barattolame
pneumatici
imballaggi in materiali compositi
vernici, inchiostri, adesivi. Bombolette spray vuote
olio minerale esausto (olio motore)
toner e cartucce esauste
filtri olio
farmaci scaduti
Il sistema di raccolta prevede il conferimento delle tipologie sopra elencate direttamente al CRM; sono state
eliminate le isole ecologiche ad eccezione dei contenitori destinati alla raccolta della carta e umido.
Anche le utenze non domestiche possono conferire i propri rifiuti assimilati presso il CRM gestito da Asia..
Vengono di seguito riportati i dati relativi alla raccolta dei rifiuti sul territorio del Comune di Mezzocorona per
gli anni 2004-2012 (dati forniti dalla società ASIA):
elaborazione dati forniti da ASIA*
Tale aspetto risulta significativo dalla valutazione effettuata dal Comune.
In relazione a tale aspetto l’Amministrazione Comunale ha fissato degli obiettivi al fine di incentivare
ulteriormente la riduzione della produzione di rifiuti.
*Il MULTIMATERIALE apparentemente ha subito un decisivo incremento, ma questo si spiega unicamente
per le modifiche apportate alla modalità di conteggio della raccolta differenziata scelta dall’ente gestore dei
rifiuti, che ha deciso di comprendere in un unico dato gli imballaggi di plastica, le lattine, il barattolame e il
tetrapak.
La carta e il cartone dal 2012 vengono conteggiati assieme e non più separatamente, inoltre si è deciso di
introdurre nello schema sopra riportato la percentuale di RSU raccolti.
23
Per i dati della qualità della raccolta differenziata si invita a visionare la DICHIARAZIONE
AMBIENTALE di ASIA Azienda Speciale Igiene Ambientale.
Rifiuti prodotti dal comune
Sia i rifiuti pericolosi che i rifiuti assimilati agli urbani vengono smaltiti dal gestore del servizio A.S.I.A..
Annualmente il Comune presenta la dichiarazione MUD. Dalla dichiarazione MUD del 2012 relativa ai rifiuti
prodotti nell’anno 2011 emerge che sono stati prodotti Kg 1,00 di bombolette spray (Codice CER 150111*),
Kg 0,80 di stracci imbevuti d’olio (codice CER 150202*) e kg 5,20 di tubi al neon (codice CER 200121*).
OBIETTIVO – ACQUISTI VERDI
OBIETTIVO – GESTIONE RISORSE
RISORSE
RESPONSABILE UMANE
E
FINANZIARIE
SEGRETARIO
COMUNALE
€ 80.000,00
ASS. AI LAVORI
PUBBLICI
€ 25.000,00
SERVIZI
TECNICI
TEMPO
IMPEGNI / AZIONI PER RAGGIUNGERE
L’OBIETTIVO
SVILUPPARE UNA POLITICA DI
ACQUISTI VERDI (fresato, prodotti per le
pulizie, arredi …)
2012
2013: è stata elaborata una procedura per
gli acquisti verdi. Per i prodotti delle pulizie
si rimanda al 01/01/2014 quando sarà
definito un nuovo appalto.
AMPLIAMENTO CRM
PROGETTAZIONE CRM
È stato dato l’incarico al progettista: è in
corso lo studio a seguito degli eventuali
DICEMBRE
accordi con il Comune di San Michele.
2011
2013 è stato redatto il progetto preliminare
e inviata in APPA e PAT –Servizio
Urbanistica, attualmente in attesa del
parere positivo.
INDICATORE
N° bandi emessi con
requisiti ambientali
REALIZZAZIONE
DELL’OPERA
Indicatori
1. «produzione totale annua di rifiuti», suddivisa per tipo, espressa in tonnellate
Autorizzazioni e norme applicabili
•
•
•
•
Convenzione Asia-Comune di Mezzocorona Gestione di un CRM di rifiuti provenienti da raccolta
differenziata approvata con Delibera n°64 dd 17.11.2011.
SISTRI in data 26 febbraio 2010; il numero di iscrizione è TN_32297
D.M. 22 febbraio 2011 Adozione dei criteri ambientali minimi da inserire nei bandi gara della
Pubblica amministrazione per l'acquisto dei seguenti prodotti: tessili, arredi per ufficio, illuminazione
pubblica, apparecchiature informatiche.
LEG. PROV_Delibera_GPP_PAT n 885_2010.
24
SUOLO E SOTTOSUOLO
Le attività associate a possibile contaminazione del suolo, sono principalmente i serbatoi interrati presso
edifici comunali (ASPETTO AMBIENTALE DIRETTO) – impatto non significativo
Sul territorio non sono presenti serbatoi interrati.
PRESENZA DISCARICA INERTI (ASPETTO AMBIENTALE INDIRETTO) – IMPATTO
NON SIGNIFICATIVO
Nel territorio comunale esiste una discarica per materiali inerti sita in località Maso Nuovo- chiusa in data 4
settembre 2010 e nel 2012 si sono completati definitivamente i lavori di ripristino ambientale.
Indicatori
Incidenti ambientali rilevanti 2010, 2011, 2012 = 0
Autorizzazioni e norme applicabili
•
•
•
•
Decreto legislativo 13 gennaio 2003, n. 36, Attuazione della direttiva 1999/31/CE relativa alle
discariche di rifiuti - Articolo 13 Gestione operativa e post-operativa.
Approvazione delle modifiche al piano di adeguamento della discarica per inerti alle previsioni del D.
Lgs. 13.1.2003 n. 36 in data agosto 2005.
Autorizzazione della discarica del 4 ottobre 2010
Comunicazione di chiusura della discarica di marzo 2011
RUMORE
In seguito ai rilievi fonometrici realizzati nel 2007 in occasione della classificazione acustica, sono emerse
alcune problematiche imputabili al traffico veicolare. Tali problematiche sono state gestite attraverso
interventi ad hoc riportati nella Relazione illustrativa del Piano di Risanamento Acustico del 28.06.08. La
zonizzazione acustica è stata approvata con deliberazione del consiglio Comunale n. 5 dd. 12/02/2008.
Indicatori
Numero di denuncie = 0.
Autorizzazioni e norme applicabili
Documento di zonizzazione acustica e relativo regolamento di attuazione in data 5.2.2008
Relazione illustrativa del piano di risanamento acustico del 28.06.08.
25
GESTIONE RISORSE
CONSUMI ENERGIA ELETTRICA
La gestione dell’energia elettrica e dell’illuminazione pubblica è stata affidata alla società AIR SpA, società
costituita dal Comune di Mezzolombardo insieme ai Comuni di Mezzocorona e San Michele all’Adige per la
gestione dei servizi di pubblica utilità (acquedotto, fognature, energia elettrica).
La parte preponderante dei consumi delle utenze comunali concerne l’illuminazione pubblica, che sia per
l’anno 2011 sia per l’anno 2012 costituisce il 65%.
Dati forniti da Trenta 2011
Dati forniti da Trenta 2012
Il grafico sotto riportato evidenzia una riduzione dei consumi inerenti l’ILLUMINAZIONE PUBBLICA del
Comune tra il 2010 e il 2011, situazione generatasi da una più accorta politica del Comune rispetto al
risparmio energetico (si veda obiettivi sotto riportati).
560 MWH
543 KWH
540 MWH
520 MWH
518 KWH
513 MWH
500 MWH
469 MWH
480 MWH
460 MWH
440 MWH
420 MWH
2009
2010
2011
26
2012
2009
2010
2011
2012
Fonte: dati forniti da Trenta SpA: ILLUMINAZIONE PUBBLICA
Nel corso del 2012, i consumi di energia inerenti all’illuminazione pubblica sono calati a dispetto
dell’aumento dei punti luce, a seguito di una più accurata gestione dell’illuminazione pubblica e dell’aumento
dei punti luci LED, in via Sotto Dossi, Corso Libertà, tutti i percorsi interni al Centro Sportivo Sotto Dossi e
Via del Teroldego.
OBIETTIVO – GESTIONE RISORSE
RISORSE
RESPONSABILE UMANE
E
FINANZIARIE
TEMPO
Installazione
fotovoltaico
2012
ASS. LAVORI
PUBBLICI
SERVIZI
TECNICI
€ 435.000,00
IMPEGNI / AZIONI PER RAGGIUNGERE
L’OBIETTIVO
% DI RISPARMIO
RIDUZIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA
Pari al 57,95% sui
ELETTRICA - INSTALLAZIONE
consumi degli edifici
FOTOVOLTAICO SCUOLE
comunali (considerando
ELEMENTARI, CENTRO PROTEZIONE
una produzione annua
CIVILE E PALSPORT
pari KWh 1150/KW
2013: realizzati entrambi (80 KW per il
installato per il Centro
Centro Protezione Civile + 20 KW per la
Protezione Civile e la
Scuola elementare) ed inoltre è stato
Scuola Elementare e
installato un impianto al Palasport
pari a KWh 1000/KW
comunale da 49 KW per un totale
installato per il Palasport
complessivo pari a 149 KW.
comunale.
RIDUZIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA
ELETTRICA - RIFACIMENTO PUBBLICA
ILLUMINAZIONE VIA SEGANTINI.
Nel 2011 è stato terminato il progetto
inerente l’illuminazione pubblica di via
Segantini aumentando i punti luce e
l’intensità da 12 a 20. Nonostante
Illuminazione
l’utilizzo di lampade a risparmio
Via
energetico, l’obiettivo di riduzione dei
Segantini
consumi non è stato raggiunto poiché
2012
sono aumentati i punti luce – vedasi
dati a destra - (vedasi prescrizione
altezza per ragioni di sicurezza della
Trentino Trasporti spa)
2012 : terminata con lampade a risparmio
energetico l’illuminazione di Via Segantini.
ASS. AMBIENTE
ASS. AMBIENTE
€ 0,00
€ 450.000
Dicembre
2012
2015
€ 65.000,00
per la
progettazione.
ASS. AMBIENTE
€ 370.000,00
per
realizzazione
interventi.
Dicembre
2013
INDICATORE
ADESIONE AL PATTO DEI SINDACI
EUROPEI
Il Comune ha aderito al patto dei sindaci
in data 27.12.2011.
Piano d’azione energie sostenibile: tra gli
obiettivi più rilevanti si annoverano la
metanizzazione, l’impianto fotovoltaico e
l’efficientamento degli edifici comunali.
Il 27.12.12 c’è stata l’approvazione del
piano d’azione per il patto dei Sindaci.
ELABORAZIONE P.R.I.C.
La progettazione del PRIC è stata
ammessa al finanziamento nel corso del
mese di gennaio 2013 dall’A.P.E. della
Provincia Autonoma di Trento ed è stata
affidata la redazione del PRIC con
delibere della Giunta Comunale n. 48 e n.
49 del 14/03/2013.
27
Lettura Trenta spa di
dati di fatturazione e
non di consumi
effettivi
di Via Segantini
2010: 10.114 KWh
2011: 8.947 KWh
2012: 18.453,000
KWh
Adesione al patto
1.800 ton/Co2 non
emesse all’anno
% DI RISPARMIO
PARI AL 20%
OBIETTIVO – GESTIONE RISORSE
RISORSE
RESPONSABILE UMANE
E
FINANZIARIE
ASS. AMBIENTE
SERVIZI
TECNICI
ASS.
URBANISTICA
SERVIZI
TECNICI
COMUNICA
ZIONI
DIA
CONCESSIO
NE EDILIZIE
rilasciate
con criteri
ecologici
€ 48.000,00
€ 28.000,00
TEMPO
IMPEGNI / AZIONI PER RAGGIUNGERE
L’OBIETTIVO
INDICATORE
ENTRO
2012
PROGETTAZIONE NUOVA SCUOLA
MEDIA CON CRITERI DI BIOEDILIZIA
TALI DA CONSENTIRE
L’OTTENIMENTO DELLA
CERTIFICAZIONE SECONDO IL
CRITERIO LEED LIVELLO SILVER E
CERTIFICAZIONE ARCA
Nel corso del 2012 il progetto è stato
oggetto di valutazione da parte del CTA
della PAT che ha richiesto delle modifiche
della progettazione.
2013: il nuovo progetto definitivo,
riformulato con struttura in legno ai fini
dell’ottenimento della certificazione
ARCA, andrà in valutazione e
approvazione da parte del CTA della PAT
nel corso di aprile 2013.
Realizzazione del
progetto
DICEMBRE
2011
INCENTIVARE I PRIVATI AD
ADOTTARE PRATICHE EDILIZIE
ECOCOMPATIBILI (vedi tabella
sottostante)
N. DI RICHIESTE CHE
SI AVVALGONO DEI
CRITERI AMBIENTALI/
N. COMPLESSIVO DI
RICHIESTE RICEVUTE
2010
2011
8 Installazione pannelli
fotovoltaici
3 Installazione pannelli
solari
5 Sostituzione generatore di
calore
22 Installazione pannelli
fotovoltaici
7 Installazione pannelli solari
2 Realizzazione cappotto
3 Sostituzione manto
copertura/coibentazione
termica/risanamento tetto
29 Sostituzione infissi
esterni
37 Installazione pannelli
fotovoltaici
5 Installazione pannelli
solari
11 Realizzazione cappotto
18 Sostituzione manto
copertura/coibentazione
termica/risanamento tetto
7 Sostituzione generatore di
calore
14 Sostituzione infissi esterni
12 Installazione pannelli
fotovoltaici
3 Installazione pannelli solari
7 Realizzazione cappotto
10 Sostituzione manto
copertura/coibentazione
termica/risanamento tetto
2 Sostituzione generatore di
calore
•
Ristrutturazione,
ampliamento e
sopraelevazione edificio
•
Realizzazione casa
d'abitazione
•
Costruzione di un
nuovo edificio residenziale
•
Costruzione
complesso residenziale
•
Ampliamento edificio
•
Ristrutturazione
edificio residenziale e rustico
annesso con installazione
collettori solari
•
Costruzione nuova
officina e autolavaggio
28
2012
3 Sostituzione infissi esterni
17 Installazione pannelli
fotovoltaici
7 Installazione pannelli solari
1 Sostituzione manto
copertura/coibentazione
termica/risanamento tetto
16 Sostituzione generatore di
calore
11 Sostituzione infissi esterni
7 Installazione pannelli
fotovoltaici
4 Realizzazione cappotto
7 Sostituzione manto
copertura/coibentazione
termica/risanamento tetto
1 Sostituzione generatore di
calore
•
ristrutturazione
edificio
•
realizzazione nuovo
edificio di civile abitazione
•
sopraelevazione
edificio con realizzazione
nuovi impianti
•
ristrutturazione
edificio con realizzazione
cappotto termico e
•
Sostituzione manto
di copertura e installazione
generatore fotovoltaico,
esclusivamente per la parte
ricadente
•
Riqualificazione
energetica e manutenzione
straordinaria coperture
•
Realizzazione
impianto fotovoltaico su tetto
esistente e nuova struttura
tettoia per fabbisogno
energetico aziendale
sostituzione serramenti
esterni
•
sopraelevazione
edificio
•
realizzazione di due
case unifamiliari
•
ristrutturazione
edificio con sostituzione
serramenti esterni
•
ristrutturazione
edificio con rifacimento tetto
•
rifacimento tetto con
istallazione impianto
fotovoltaico
•
ristrutturazione
edificio
•
rifacimento tetto con
istallazione pannelli solari
•
sostituzione
serramenti esterni
Fonte: Dati forniti dall’Ufficio Edilizia Privata
GAS METANO
La gestione del servizio gas metano è affidata tramite convenzione alla Trenta Spa.
Tutti gli edifici comunali sono forniti da gas metano, utilizzato per il funzionamento degli impianti termici che
forniscono acqua calda e riscaldamento.
La scuola media è dotata di 2 generatori di calore a condensazione ai quali sono collegati 10 pannelli solari
sottovuoto (per una superficie netta captante di circa 23 m2), che garantiscono una riduzione di circa il 2025% dei consumi. Il recupero è stato infatti stimato in 525 Mwh/anno per m2 corrispondenti a 12.075 kW
risparmiati pari a circa 1450 m3 di gas metano/ anno. Mentre la scuola elementare ha un impianto termico
risalente al 1986, che comporta maggiori sprechi come evidenziato dal grafico sotto riportato.
Le centrali termiche che forniscono acqua calda e riscaldamento agli edifici di proprietà del Comune sono
state date in gestione ad una ditta specializzata con incarico di terzo responsabile.
Ad essa compete la regolare effettuazione degli interventi di manutenzione, pulizia e controllo dei fumi,
secondo le tempistiche imposte dalla legislazione vigente.
Il Comune verifica l’effettiva effettuazione degli interventi aggiornando il relativo scadenziario e richiedendo
alla ditta incaricata l’invio periodico della programmazione degli interventi da effettuarsi.
Attualmente presso gli edifici comunali sono in funzione gli impianti termici riportati nel diagramma
sottostante.
29
Fonte: dati forniti da Trenta SpA
CONSUMI DI ACQUA
Nel 2010 il consumo di acque dell’intero territorio è stato di 446.882 m3, di cui 278.891 m3 per uso
domestico e nel 2011 488.275 m3, di cui 289.087 m3 per uso domestico; nel 2012 i consumi sono stati
458.312 m3 di cui 270.312 per uso domestico.
Fonte: dati forniti da AIR
30
Il funzionamento delle fontane dislocate sul territorio comunale e l’irrigazione di aiuole e parchi pubblici
rappresentano la fonte di maggior consumo della risorsa idrica da parte del Comune di Mezzocorona.
Il consumo di acqua negli edifici di proprietà del Comune nel 2011 registra un aumento a seguito della
riattivazione del Centro Sotto Dossi, ove sono presenti i campi da tennis.
Il trend in aumento del 2011 è stato confermato nel 2012 a seguito dell’aumento dei consumi della scuola
Elementare, del campo da calcio e del parco urbano di Piazza Leonardelli e soprattutto del Centro di
Protezione Civile, che incide notevolmente con l’aumento di 1.700 mc circa per arrivare ad un consumo di
2.000 mc.
Fonte: dati forniti da Trenta SpA
Indicatori
1. relativamente al «consumo totale diretto di energia», il consumo totale annuo di energia espresso in
MWh o GJ
2. relativamente al «consumo totale di energie rinnovabili», la percentuale del totale annuo di consumo
di energia (elettrica e termica) prodotta dall’organizzazione da fonti rinnovabili
Autorizzazioni e norme applicabili
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Piano Regolatore Illuminazione Comunale (P.R.I.C.)
Deliberazione del Consiglio Comunale dd. 5/8/97 n° 39 approvazione convenzione e statuto del
Consorzio Azienda Intercomunale Rotaliana
Deliberazione del Consiglio Comunale dd. 27/6/2002 n. 27 “Trasformazione da Consorzio Azienda
Intercomunale Rotaliana a A.I.R. SpA
Deliberazione del C.C. dd.29.12.1997 n. 76 affidamento servizio acqua e fognatura
Deliberazione del C.C. dd.29.12.1997 n. 76 affidamento servizio acqua e fognatura
Convenzione tra Dolomiti Reti SPA con scadenza 2016.
Verbale approvazione convenzione per la concessione del servizio gas metano n. 25 del 26 maggio
1986
Deliberazione n. 48 prot. 126 del 27 marzo 2007 allegato progetto del 7.2.2007
Regolamento edilizio comunale del maggio 19991 ultima modifica con deliberazione del Consiglio
Comunale n. 51 del 29.11.2007 – disponibile su internet
Ultima variante PRG: delibera consiglio comunale n. 4 del 10.03.2009, delibera Giunta Provinciale n.
724 del 03.04.2009, IN VIGORE DAL 15 APRILE 2009.
31
SICUREZZA E PREVENZIONE INCENDI
Relativamente alle emergenze correlate alla gestione degli immobili di proprietà comunale, è stata effettuata
una valutazione da tecnici competenti come richiesto dal D.Lgs. 81/2008 legata prevalentemente al rischio
incendi ed esplosioni.
Presso gli edifici comunali sono presenti i piani di emergenza ed evacuazione, riportanti l’ubicazione dei
dispositivi antincendio (estintori e manichette) e le uscite di sicurezza.
Tutti gli edifici comunali per i quali risulta necessario il Certificato Prevenzione Incendi (CPI) sono in
possesso della documentazione prevista dalla normativa antincendio e sono soggetti ai controlli periodici di
sicurezza.
Scadenza
CPI
13/02/2017
Edificio
Attività per la quale è necessario il CPI
Municipio (Palazzo Firmian)
N° 74.A: centrale termica da 116 kW fino ai 350 kW
N° 67.B: scuola per oltre 100 persone presenti fino a 300
persone
N° 74.B: centrale termica oltre i 350 kW fino a 700 Kw
N° 74.A: centrale termica da 116 kW fino ai 350 kW
N° 74.C: centrale termica oltre 700 kW
N° 67.C: scuola per oltre 300 persone
N° 65. C: locali di spettacolo e di trattenimento in genere con
capienza superiore a 200 posti
20/03/2016
N° 74.A: centrale termica da 116 kW fino ai 350 kW
23/06/2016
Scuola elementare
Centro sportivo Sottodossi
Scuola media
Campo calcio via S.G.Bosco
Alloggi anziani (centro
S.Gottardo)
Palazzetto dello Sport
Centro protezione Civile
CRM
N° 65. C: locali di spettacolo e di trattenimento in genere con
capienza superiore a 200 posti
N° 74.A: centrale termica da 116 kW fino ai 350 kW
N° 74.A: centrale termica da 116 kW fino ai 350 kW
N° 75.A: Autorimesse fino a 1000 m2
N°34.B: Depositi di carta, cartoni e prodotti cartotecnici,
archivi di materiale cartaceo, biblioteche, depositi per la cernita
della carta usata, di stracci di cascami e di fibre tessili per
l'industria della carta, con quantitativi in massa fino a 50.000
kg
N°44.B: Stabilimenti, impianti, depositi ove si producono,
lavorano e/o detengono materie plastiche, con quantitativi in
massa fino a 50.000 kg 25/02/2017
12/04/2017
26/02/2017
17/04/2014
19/02/2016
13/03/2015
La manutenzione dei dispositivi antincendio è garantita da ditte specializzate, che provvedono
all’effettuazione degli interventi secondo le tempistiche previste dalla legge.
E’ stata inoltre nominata una squadra di emergenza composta da 8 dipendenti del Comune, adeguatamente
formata per intervenire in caso di necessità secondo quanto previsto dagli appositi piani di emergenza.
Gli edifici di proprietà del Comune gestiti da terzi (es. scuola elementare) vengono monitorati da parte del
Comune in occasione delle periodiche verifiche ispettive interne, durante le quali viene verificata la corretta
gestione della documentazione e dei presidi antincendio.
Indicatori
Incidenti ambientali rilevanti
Autorizzazioni e norme applicabili
•
•
Decreto
Presidente
Repubblica
n°
151
del
01/08/2011
Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione degli
incendi, a norma dell'articolo 49, comma 4-quater, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78,
convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122.
Scadenziario edifici comunali
32
INQUINAMENTO ATMOSFERICO
La fonte di emissioni in atmosfera di maggior rilevanza è rappresentata dal traffico veicolare. In particolare la
situazione viaria del territorio può essere così riassunta:
• SS43 su territorio di Mezzolombardo e San
Michele A/A
• SP90
• SP29 diventata comunale
• Autostrada del Brennero e casello autostradale su
territorio comunale.
Il Comune di Mezzocorona ha previsto una serie di
interventi sulla rete viaria cittadina al fine di ridurre il
traffico nel centro storico e migliorarne la pedonalità.
Le emissioni derivanti dai gas di scarico dei mezzi di
proprietà del Comune sono da considerarsi poco
significative in considerazione del limitato numero dei
mezzi (6 autoveicoli e 3 macchine operatrici) e del loro
utilizzo saltuario.
Dai dati forniti dall’Agenzia Provinciale per la Protezione
dell’Ambiente (APPA) è stato possibile ricavare il seguente andamento:
SO2
PM10
biossido di polveri
zolfo
sottili
NO2
CO
O3
biossido di monossido di
ozono
azoto
carbonio
Massima
media
oraria
µg/m3
Media
giornaliera
µg/m3
Massima
media
oraria
µg/m3
Massima
Massima
media
media 8 ore
oraria
mg/m3
µg/m3
Indice
di
inquinamento
nd
29
64
nd
24
Basso
nd
46
70
nd
13
Basso
23 novembre 2011
nd
31
56
nd
21
Basso
23 ottobre 2011
nd
24
30
nd
59
Trascurabile
19 febbraio 2012
nd
104
79
nd
22
Elevato
19 dicembre 2012
nd
14
64
nd
40
Trascurabile
19 febbraio 2013
nd
23
87
nd
59
Trascurabile
Inquinanti
23 gennaio 2012
23 dicembre 2011
EMISSIONI IN ATMOSFERA DERIVANTI DA ATTIVITA’ ECONOMICHE SUL
TERRITORIO
Le emissioni in atmosfera sono mantenuti sotto controllo in base a quanto previsto dalla normativa vigente.
Le autorizzazioni all’emissione in atmosfera vengono rilasciate dall’Agenzia Provinciale per la Protezione
dell’Ambiente che monitora il rispetto delle stesse.
Il Comune riceve in copia conoscenza le autorizzazioni alle emissioni in atmosfera rilasciate dall’APPA alle
aziende richiedenti ed i risultati dei periodici autocontrolli che vengono effettuati dalle aziende.
33
AUTORIZZAZIONI ORDINARIE ALLE EMISSIONI IN ATMOSFERA
NUMERO
AZIENDE
3
1
1
1
TIPOLOGIA
Impianto per la riparazione e verniciatura di veicoli
Impianto per la produzione di travature
Impianto per la produzione di sigillanti per l'edilizia
Impianto per il lavaggio di cassette adibite al trasporto
di carni
Impianto per la produzione di conglomerati bituminosi
1
AUTORIZZAZIONI INTEGRATE AMBIENTALI
Impianti per la fusione del vetro con capacità di
fusione di oltre 20 t/g
Impianti per la fusione di sostanze minerali compresi
quelli destinati alla produzione di fibre minerali, con
una capacità di fusione di oltre 20 t/g
3,3
3,4
NUMERO DENOMINAZIONE
AZIENDE
1
O-I MANIFACTURING
ITALY SPA
1
SEPR ITALIA SPA
Impianto di depurazione per l'eliminazione di rifiuti non
pericolosi
5,3
1
TIPOLOGIA
CODICE
CONSORZIO LAVORO
AMBIENTE SOCIETA'
COOPERATIVA
Indicatori
Numero di ordinanze di chiusura al traffico per sforamenti nel 2010 = 0; 2011 = 0 2012 = 0
Autorizzazioni e norme applicabili
Contratti presenti negli scadenziari comunali.
Accensione Impianti Termici: il limite massimo consentito è di 14 ore giornaliere dal 15 ottobre al 15 aprile
34
CAMPI ELETTROMAGNETICI
Sul territorio comunale sono presenti varie sorgenti di radiofrequenza (come evidenziato nella cartografia
sotto riportata fornita dall’APPA), installate sotto il controllo comunale ed in particolare secondo quanto
previsto dalla deliberazione del Consiglio comunale n. 15 del 2 aprile 2004 “DPGP 29.06.2000 nr. 13-31/Leg.
E s.m. Direttive comunali e individuazione siti per l’eventuale insediamento di nuovi impianti di
telecomunicazioni.
Le direttive contenute in tale delibera tengono conto della necessità di minimizzare l’esposizione della
popolazione ai campi elettrici e magnetici e si prefiggono l’obiettivo di esaltare le specifiche esigenze locali,
perseguendo la salvaguardia di aree che presentano particolare interesse sotto il profilo ambientale e di
potenziale sviluppo urbanistico. A tal fine sono state individuate quattro particelle catastali di proprietà
comunale (particelle fondiarie 536/2, 937/1, 937/2 e 1518/2) che vengono messe a disposizione di chi
intende realizzare nuove stazioni radio base.
Al fine di limitare l’immissione di onde elettromagnetiche in zone residenziali il Comune ha in progetto
l’interramento delle linee elettriche ad alta tensione di Terna ed Edison al di fuori del centro abitato.
L’intervento interesserà 2 dei 4 Km di linee aeree esistenti.
Indicatori
Rispetto dei limiti imposti dalle autorizzazioni.
Autorizzazioni e norme applicabili
Deliberazione n.15 dd.2 aprile 2004 “DPGP 29.06.2000 nr. 13-31/Leg. E s.m. Direttive comunali e
individuazione siti per l’eventuale insediamento di nuovi impianti di telecomunicazioni”
1. Vodafone: p.f. 1598/1: delibera G.C. n. 15 del 23/01/2007
2. Radio Italia: p.f. 1592/1: delibera G.C. n.294 del 29/12/2006
3. TIM: p.f. 925: delibera per concessione ad edificare n. 5701/7748 del 2//07/2000
Relazione tecnica di valutazione delle condizioni di sicurezza sanitaria e ambientale prot. 7597 del.
25/07/2000
35
TERMINI E DEFINIZIONI
Ambiente
Analisi
iniziale
Area circostante al luogo in cui opera l’organizzazione, comprendente aria, acqua,
terreni, risorse naturali, flora, fauna, persone e loro interazioni (in questo contesto
l’area circostante si estende dall’interno dell’organizzazione al sistema globale)
ambientale Esauriente analisi iniziale dei problemi, dell’impatto e delle prestazioni ambientali
connesse all’attività di una organizzazione
APPA
Agenzia Provinciale per la Protezione dell’Ambiente
Aspetto Ambientale
Elemento di un’attività, prodotto o servizio di un’organizzazione che può interagire con
l’ambiente. Un aspetto ambientale significativo (AAS) è un aspetto ambientale che
determina un impatto ambientale significativo
Audit Ambientale
Processo di verifica sistematico e documentato per conoscere e valutare, con
evidenza oggettiva, se il sistema di gestione ambientale di una organizzazione è
conforme ai criteri definiti dall’organizzazione stessa per l’audit del sistema di gestione
ambientale e per comunicare i risultati di questo processo alla direzione
Dichiarazione
Ambientale
Dichiarazione preparata dall’Amministrazione conforme a quanto previsto dal
Regolamento EMAS III
Impatto Ambientale
Qualunque modificazione dell’ambiente, negativa o benefica, totale o parziale,
conseguente ad attività, prodotti o servizi di un’organizzazione
Miglioramento
continuo
Processo di accrescimento del sistema di gestione ambientale per ottenere
miglioramenti della prestazione ambientale complessivi in accordo con la politica
ambientale dell’organizzazione
Obiettivo
ambientale
Il fine ultimo ambientale complessivo, derivato dalla politica ambientale, che
un’organizzazione decide di perseguire e che è quantificato ove è possibile
Parti Interessate
Individui o gruppi di individui, interessati o influenzati dalle prestazioni ambientali
dell’organizzazione
PEFC
Programme for Endorsement of Forest Certificazion schemes (schema internazionale
per la gestione forestale sostenibile)
Politica ambientale
Obiettivi e principi generali di azione di un’organizzazione rispetto all’ambiente, ivi
compresa la conformità a tutte le pertinenti disposizioni regolamentari sull’ambiente e
l’impegno a un miglioramento continuo delle prestazioni ambientali; tale politica
ambientale costituisce il quadro per fissare e riesaminare gli obiettivi e target
ambientali.
Prestazioni
Ambientali
Risultati misurabili del sistema di gestione ambientale, conseguenti al controllo
esercitato dall’organizzazione sui propri aspetti ambientali, sulla base della sua politica
ambientale, dei suoi obiettivi e dei suoi traguardi
Regolamento EMAS Regolamento CE 1221/2009 – del Parlamento Europeo e del Consiglio del 25
III
novembre 2009 sull’adesione volontaria delle organizzazioni ad un sistema volontario
di ecogestione ed audit (EMAS)
Sistema di gestione La parte del sistema di gestione che comprende la struttura organizzativa, le attività di
ambientale
pianificazione, le responsabilità, le prassi, le procedure, i processi, le risorse per
elaborare, mettere in atto, conseguire, riesaminare e mantenere attiva la politica
ambientale
Traguardo
ambientale
Dettagliata richiesta di prestazione, possibilmente quantificata, riferita a una parte o
all’insieme di una organizzazione, derivante dagli obiettivi ambientali e che bisogna
fissare e realizzare per raggiungere questi obiettivi
36
INFORMAZIONE PER IL PUBBLICO
Il Comune di Mezzocorona attraverso la Dichiarazione Ambientale fornisce informazioni sugli aspetti
ambientali delle proprie attività a tutti i soggetti interessati, quali enti pubblici, imprese, associazioni e a tutta
la popolazione.
La dichiarazione Ambientale è disponibile presso la segretaria del Municipio nonché sul sito Internet del
Comune all’indirizzo http://www.comune.mezzocorona.tn.it.
Per informazioni rivolgersi a:
Ing. Matteo Zandonai
Rappresentante della Direzione (RD) e Assessore all’Ambiente
Geom. Mario Bazzanella
Responsabile del Sistema di Gestione (RSG) e Responsabile dell’Ufficio
gestione manutenzione patrimonio e C.E.D.
Comune di Mezzocorona
Piazza della Chiesa, 1
38010 Mezzocorona (TN)
Telefono:
0461/608111 (centralino)
Fax:
0461/603607
Indirizzo e-mail: [email protected]
CAMPO DI APPLICAZIONE :
ATTIVITA’ GENERALI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
Classificazione NACE 84.11 Attività generali di amministrazione pubblica
N° dipendenti e addetti 38
Verificatore:
Bureau Veritas Italia S.p.A.
Via Miramare 15
20126 Milano (I)
n° Accreditamento IT-V-0006
Stemma risalente all’lmpero austro-ungarico
37
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
1
File Size
2 211 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content