close

Enter

Log in using OpenID

70. 205 29 04 2014 - 06 05 2014 (29%)

embedDownload
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
VERBALE N° 205
SENATO ACCADEMICO
Seduta del 29 Aprile 2014
L’anno duemilaquattordici addì ventotto del mese di aprile alle ore 09,50 in Palermo, nella sede del
Rettorato presso la Sala “M. Carapezza” di Palazzo Chiaromonte - Steri (Piazza Marina n° 61), si è
riunito il Senato Accademico convocato dal Rettore con avviso prot. n. 28989 del 18 aprile 2014
Sono presenti:
Prof. Roberto Lagalla
Dott. Dario Altieri
Prof. Marcella Aprile
Prof. Laura Auteri
Prof. Ettore Barone
Dott. Alessandro Bruno
Prof. Marco Carapezza
Dott. Cinzia Cerroni
Sig. Alessandra Cianciolo
Prof. M. Concetta Di Natale
Prof. Luigi Dusonchet
Dott. Giorgio Maniaci
Prof. Fabio Mazzola
Prof. Francesco Moschella
Prof. Enrico Napoli
Dott. Fulvio Ornato
Sig. Mario Piazzese
Dott. Antonino Pollara
Sig. Carlotta Provenza
Sig. Mirko Romano
Prof. Giovanni Spinelli
Prof. Attilio Sulli
Prof. Giuseppe Verde
Rettore
Dott. Antonio Valenti
Direttore Generale
Assente giustificato:
Prof. Vito Ferro
Pro Rettore Vicario
Assenti:
Dott. Baldassare Canino
Prof. Ada Maria Florena
Dott. Manfredi Leone
Prof. Michela Morello
Dott. Francesco Pace
Prof. Gaspare Parrinello
Sig. Pasquale Pillitteri
Assume le funzioni di Presidente il Rettore Prof. Roberto Lagalla
1
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
Assume le funzioni di Segretario il Dott. Antonio Valenti.
Sono altresì presenti, nella qualità di collaboratori del Direttore Generale, i dott. Sergio Casella,
Angelo Neri e la sig.ra Annalisa Impeduglia.
Il Presidente, constatata la presenza del numero legale, dichiara aperta la seduta ed invita i
presenti alla discussione del seguente ordine del giorno:
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.
11.
12.
13.
14.
15.
16.
17.
18.
19.
20.
Corsi di Dottorato XXX Ciclo: criteri per la selezione delle proposte
Comunicazioni
Risposte e interrogazioni
Approvazione verbale del 18 marzo 2014
Designazione componente Comitato Direttivo del COT
D.M. 23 Ottobre 2003 n. 198, artt. 3 e 6 D.D.M.M. 9 Agosto 2004 n. 263 e 3 Novembre 2005
n. 492 - “Fondo per il sostegno dei giovani e per favorire la mobilita degli studenti’ Assegnazione borse aggiuntive dottorato di ricerca – Anno 2013/2014 (XXIX Ciclo) – Nota
Ministeriale prot. n. 2900 del 12.02.2014
Convenzione Quadro tra il Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Scienze del Mare
(CONISMA) e l’Università degli Studi Di Palermo.
Parere del Senato Accademico in merito interna alla richiesta di afferenza del Prof. Ignazio
Carreca al Dipartimento di Discipline Chirurgiche, Oncologiche e Stomatologiche
Parere del Senato Accademico in merito interna alla richiesta di afferenza del Prof. Wanda
Cortese al Dipartimento di Cultura e Società
Attivazione dell’ottava edizione del Corso internazionale di studi avanzati (Summer School)
denominato Migrants, Human Rights and Democracy on I fattori di spinta all’immigrazione:
guerre, povertà, disastri ambientali, cambiamenti climatici: “Mitigazione e Adattamento” Direttore Prof. Aurelio Angelini - dal 7 al 12 luglio 2014 – Favignana (TP))
Varie, eventuali e sopraggiunte
Intitolazione dell’atrio della Scuola di Scienze giuridiche ed economico-sociali alla memoria dei
magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino ed integrazione della stele commemorativa
nella sala di ingresso all’Aula Magna
Calendario didattico di Ateneo - A.A. 2014/2015
Prof. Alida Lo Coco – Esonero parziale dell’attività didattica per nomina a Presidente
abilitazione nazionale
Proposta di rinnovo del Centro Interdipartimentale CITC Centro Interdipartimentale di
Tecnologie della Conoscenza
Disattivazione del CIRDPE Centro Interdipartimentale sul Diritto Privato Europeo
Accordo per l’attivazione di un percorso formativo internazionale (Doppio Titolo di Laurea) tra
l’Università degli Studi di Palermo e la Université de Paris-Sorbonne (Francia) nell’ambito del
Corso di Laurea Magistrale in Musicologia di “UNIPA” e il Master in “Musique et Musicologie”
dell’Université de Paris-Sorbonne
Accordo di cooperazione tra l’Università degli Studi di Palermo e la Hanoi University (Vietnam)
per l’attivazione di un percorso formativo (Doppio Titolo di Laurea) nell’ambito del Corso di
Laurea Magistrale in Public Management.
Accordo di cooperazione tra UNIPA e Università di Corsica “Pasquale Paoli” per l’attivazione
di un percorso doppio titolo nell’ambito del Corso di laurea magistrale in Studi storici,
antropologici e geografici LM-84 (prof. Antonio Giuffrida)
Accordo di cooperazione tra UNIPA e Universidad Nacional de “Rosario” per l’attivazione di un
percorso doppio titolo nell’ambito del Corso di laurea magistrale in Scienze statistiche LM-82
(prof. Massimo Attanasio)
2
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
21. Accordo di cooperazione tra UNIPA e Università di “Georg-August-Göttingen” per l’attivazione
di un percorso doppio titolo nell’ambito del Corso di laurea magistrale in Archeologia LM-2
(prof. Elisa Chiara Portale)
22. Accordo di cooperazione tra UNIPA e Università di “Taiwan” per l’attivazione di un percorso
doppio titolo nell’ambito del Corso di laurea magistrale in Ingegneria elettronica LM-29 (prof.
Giuseppe Costantino Giaconia/Alessandro Busacca)
23. Modifica all’Art. 7 del Regolamento Didattico di Ateneo – Parte Generale
24. Master Internazionale di II livello in “Argomentazione Giuridica” in collaborazione con
l’Università di Alicante (Spagna)
25. Prof. Maria Carmela Venuti – congedo per motivi di studio A.A. 2014/2015 a decorrere
dall’1/10/2014 al 30/09/2015; Prof. Giuseppina Pisciotta – congedo per motivi di studio A.A.
2014/2015 a decorrere dall’1/11/2014 al 30/10/2015
26. Regolamentazione dell'istituto della “sospensione” della carriera universitaria
27. Rinnovo convenzione tra l’Università degli Studi di Palermo – Dipartimento di Scienze
Umanistiche e l’Associazione per la Musica Antica “Antonio Il Verso”
28. Convenzione tra Azienda Sanitaria provinciale (ASP) di Agrigento e l’Università degli Studi di
Palermo e l’AOUP “Paolo Giaccone” per affidamento incarichi dirigenti di struttura complessa
29. Comunicazioni del Presidio di Qualità relative all’adunanza del 7.04.2014
30. Procedura di chiusura delle Schede SUA- CdS – Offerta Formativa 2014/15 al 06/05/2014
Il Presidente pone in approvazione l’inserimento dell’ordine del giorno suppletivo dal numero 12 al
numero 30.
Il Senato unanime approva.
Il Presidente anticipa al Senato che oggi saranno trattati solo due punti all’ordine del giorno e che
la seduta sarà interrotta e riprenderà martedì 6 maggio p.v. alle ore15.30.
12. Intitolazione dell’atrio della Scuola di Scienze giuridiche ed economico-sociali alla
memoria dei magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino ed integrazione della stele
commemorativa nella sala di ingresso all’Aula Magna
RELAZIONE DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Visto l’art. 6 del Regolamento per i riconoscimenti onorifici emanato dall’Ateneo di Palermo in data
03 aprile 2014, che disciplina le modalità per l’attribuzione dei riconoscimenti onorifici a persone o
enti che, con il proprio impegno, abbiano contribuito alla crescita dell’Ateneo, alla circolazione del
sapere, al trasferimento delle conoscenze o si siano distinti per atti e comportamenti degni di alta
considerazione civile;
Visto l’estratto del verbale della seduta del 23 aprile 2014 del Consiglio della Scuola di Scienze
Giuridiche ed Economico-sociali, con cui si delibera di dedicare l’atrio della Scuola ai magistrati,
simbolo della lotta alla mafia, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e di integrare la stele collocata
nella sala di ingresso dell’Aula Magna con i nomi dei due magistrati e delle altre personalità che
hanno conseguito la laurea in Giurisprudenza nella Facoltà, ovvero che sono stati docenti della
stessa;
Viste le note, allegate alla proposta della Scuola, con cui studenti della Scuola di Scienze
Giuridiche ed Economico-sociali, chiedono l’intitolazione dell’atrio della Scuola ai magistrati
Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e l’integrazione della stele commemorativa;
Ciò premesso, si propone che il Senato Accademico
ESPRIMA PARERE FAVOREVOLE
3
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
−
−
all’intitolazione dell’atrio della Scuola di Scienze Giuridiche ed Economico-sociali ai magistrati
Giovanni Falcone e Paolo Borsellino;
all’integrazione della stele commemorativa, collocata nella sala di ingresso dell’Aula Magna
della Scuola di Scienze Giuridiche ed Economico-sociali, con i nomi dei magistrati Giovanni
Falcone e Paolo Borsellino e delle altre personalità che hanno conseguito la laurea in
Giurisprudenza nella Facoltà, ovvero che sono stati docenti della stessa.
Il Responsabile del procedimento
f.to Dott.ssa Maria Maira
Il Dirigente ad interim
f.to Dott. Antonio Valenti
Il Senato Accademico
Vista la relazione del Responsabile del procedimento;
all’unanimità,
ESPRIME PARERE FAVOREVOLE
all’intitolazione dell’atrio della Scuola di Scienze Giuridiche ed Economico-sociali ai magistrati
Giovanni Falcone e Paolo Borsellino;
− all’integrazione della stele commemorativa, collocata nella sala di ingresso dell’Aula Magna
della Scuola di Scienze Giuridiche ed Economico-sociali, con i nomi dei magistrati Giovanni
Falcone e Paolo Borsellino e delle altre personalità che hanno conseguito la laurea in
Giurisprudenza nella Facoltà, ovvero che sono stati docenti della stessa
Letto ed approvato seduta stante.
−
Alle ore 10.40 entra la prof. Ada Maria Florena
1. Corsi di Dottorato XXX Ciclo: criteri per la selezione delle proposte
Il Rettore illustra il lavoro svolto dalle Commissioni congiunte e ricorda, inoltre, che i termini di
caricamento delle proposte di dottorati sono stati fissati al 22 maggio p.v.
Invita quindi la prof. Aprile ad intervenire e a leggere il documento esitato dalle Commissioni che di
seguito si riporta:
•
•
•
•
Premessa
Il modello deve risultare snello, di facile applicazione con dati reperiti per quanto possibile per
via automatica dagli uffici, anche alla luce dei tempi strettissimi di presentazione delle richieste
di accreditamento.
Il modello deve tenere conto di una valutazione puntuale della qualità del Collegio che non può
prescindere dai parametri utilizzati per l’accreditamento effettuato dall’ANVUR (R ed X del
Collegio).
Il modello può tenere conto altresì di ulteriori elementi di valutazione riferiti ad aspetti che
risultano favorevoli all’Ateneo nell’attribuzione di risorse da parte del Ministero o nella
valutazione della qualità della ricerca VQR (progetti PRIN, FIRB, VII PQ, risorse esterne).
Il modello può tenere conto anche della vocazione internazionale del dottorato di ricerca
(studenti stranieri negli ultimi cicli, tesi in co-tutela negli ultimi cicli, accordi doppio titolo o titolo
congiunto con Università straniere negli ultimi cicli).
4
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
•
Infine, nel caso di rinnovo, si ritiene che il modello debba risultare premiale, nel caso di pieno
accreditamento ricevuto dai corsi di dottorato del XXIX ciclo.
Aspetti analitici
•
•
•
•
•
•
•
R ed X del collegio così come calcolati dall’ANVUR. Essendo (R+X)max il massimo valore della
somma calcolata per i dottorati di UNIPA.
NResp: n. docenti responsabili nazionali o locali di unità operative di progetti PRIN, FIRB, o
docenti principal investigator o responsabili di unità (Palermo) nell’ambito di progetti VII PQ;
essendo NResp,max il massimo valore del parametro calcolato per i dottorati di UNIPA. Anni
considerati 2013, 2012, 2011.
NRisEst: n. borse esterne (peso 1) o sedi convenzionate o consorziate (peso 1.5) con
conferimento di almeno 3 borse; essendo NRisEst,max il massimo valore del parametro calcolato
per i dottorati di UNIPA. Nel caso di dottorati consorziati il n. minimo di docenti di UNIPA
facenti parte del Collegio è posto pari a 12, mentre nel caso di dottorati internazionali il n.
minimo di docenti di UNIPA è fissato pari a 16.
NInt: con riferimento agli ultimi 2 cicli (XXIX e XXVI) n. studenti stranieri, n. di tesi in co-tutela, n.
di doppi titoli o titoli congiunti di cui è stata stipulata la convenzione, ovvero percorsi doppio
titolo o a titolo congiunto previsti in accordi firmati dai Rettori relativi al XXX ciclo; essendo
NInt,max il massimo valore del parametro calcolato per i dottorati di UNIPA.
α: fattore moltiplicativo sul punteggio totale riferito all’accreditamento ricevuto dai corsi di
dottorato del XXIX ciclo (parametro A4 della simulazione ANVUR sul XXIX ciclo). Il fattore
viene utilizzato nel caso di rinnovo ed è pari a 1.15 per valutazione pienamente positiva (tutti
SI), è pari a 1.10 per valutazione positiva (un solo NO), è pari a 1.05 per valutazione quasi
positiva (due soli NO).
Al fine di favorire possibili eventuali rotazioni in Ateneo, si ritiene inoltre di introdurre un
coefficiente, da utilizzarsi per la proposta di istituzione al ciclo successivo, che risulti
penalizzante (per es. 0.9) per i dottorati che risultino in graduatoria utile per il finanziamento
con riferimento al XXX ciclo.
Si ritiene inoltre di lasciare la possibilità di un tempo minimo, dopo la pubblicazione della
graduatoria, per favorire ulteriori eventuali aggregazioni. In questa ipotesi la graduatoria
complessiva andrà aggiornata.
Alle ore 10,20 escono il Rettore e il Direttore Generale ed assume la presidenza del Senato, il
prof. Fabio Mazzola, assume le funzioni di segretario verbalizzante, il dott. Sergio Casella.
Segue un ampio e approfondito dibattito nel corso del quale vengono discusse alcune delle
tematiche proposte nei criteri.
In particolare la prof. Laura Auteri manifesta qualche perplessità sull’utilizzo del fattore “α” e si
dichiara favorevole a nuove aggregazioni e ad eventuali spostamenti di docenti in altri dottorati.
La dott. Cinzia Cerroni dichiara di essere contraria all’utilizzo del VQR per l’assegnazione dei
dottorati; propone che il numero dei docenti del Collegio per le sede consorziate venga mantenuto
a 12.
5
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
Il prof. Enrico Napoli condivide la proposta della dott. Cinzia Cerroni e propone, inoltre, che il per il
prossimo anno, già in sede di bilancio, sia determinato il numero le borse e che queste vengano
direttamente assegnate ai dipartimenti per l’attivazione dei dottorati. Rileva inoltre che molti
dipartimenti, vista l’esiguità delle borse disponibili, non potranno attivare dottorati, ribadisce
dunque la necessità di attivare un maggior numero di dottorati consorziati.
La prof. Alda Florena chiede che vengano stabilite, già da adesso, delle linee di indirizzo per il
prossimo anno.
Anche il prof. Giovanni Spinelli condivide gli interventi dei proff.ri Napoli e Cerroni e manifesta il
timore che, data esiguità delle borse, alcune aree potranno rimanere scoperte.
Il prof. Attilio Sulli rileva che le formule previste nei criteri possano dare dei risultati imprevisti ed
inoltre si dichiara contrario ad una riapertura dei termini per consentire nuove aggregazioni poiché
i tempi risultano troppo ristretti.
Il prof. Giuseppe Verde sostiene che il numero dei docenti del Collegio, anche per i consorziati,
debba essere di 16 e che è necessario approvare delle linee di indirizzo politico per il prossimo
anno.
Il Prof. Giacomo De Leo propone che per il futuro venga avviato il percorso per giungere alla
costituzione delle Scuole di Dottorato; condivide la proposta avanzata dalla prof. Marcella Aprile.
Propone, inoltre, di stabilire in 14 il numero dei docenti del Collegio.
Il prof. Fabio Mazzola si dichiara favorevole alla riapertura dei termini per far si che, con nuovi
eventuali accorpamenti, si possano salvaguardare un maggior numero di aree.
Alle ore 11.50 escono i dott.ri Alessandro Bruno e Fulvio Ornato.
Alle ore 11.55 esce il prof. Giuseppe Verde.
Alle ore 11.57 escono il dott. Dario Altieri e la rappresentate degli studenti sig.ra Alessandra
Cianciolo.
Ultimati gli interventi la proposta delle Commissioni viene messa ai voti e la stessa viene
approvata dal Senato con le astensioni del prof. Enrico Napoli e della dott. Cinzia Cerroni.
Il Senato Accademico
Visto il documento prodotto dalle Commissioni riunite in seduta congiunta;
sentita la relazione dei Coordinatori delle Commissioni;
a seguito del predetto dibattito,
con l’astensione del prof. Enrico Napoli e della dott. Cinzia Cerroni,
DELIBERA
di approvare la proposta sopra riportata.
Letto e approvato seduta stante.
La seduta è sospesa alle ore 12,00.
La trattazione dei rimanenti punti all’ordine del giorno è rinviata alla prosecuzione della seduta
fissata per martedì 6 maggio 2014 alle ore 15,30.
IL DELEGATO DEL DIRETTORE GENERALE
Segretario
Dott. Sergio CASELLA
IL VICEPRESIDENTE
Presidente
Prof. Fabio MAZZOLA
========================
6
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
L’anno duemilaquattordici addì sei del mese di maggio alle ore 15,30 in Palermo, nella sede del
Rettorato presso la Sala “M. Carapezza” di Palazzo Chiaromonte - Steri (Piazza Marina n° 61), si è
riunito il Senato Accademico convocato dal Rettore con avviso prot. n. 28989 del 18 aprile 2014
Sono presenti:
Prof. Vito Ferro
Dott. Dario Altieri
Prof. Laura Auteri
Prof. Ettore Barone
Dott. Alessandro Bruno
Dott. Baldassare Canino
Prof. Marco Carapezza
Dott. Cinzia Cerroni
Sig. Alessandra Cianciolo
Prof. M. Concetta Di Natale
Prof. Luigi Dusonchet
Prof. Ada Maria Florena
Prof. Fabio Mazzola
Prof. Michela Morello
Prof. Enrico Napoli
Dott. Fulvio Ornato
Dott. Francesco Pace
Sig. Pasquale Pillitteri
Dott. Antonino Pollara
Sig. Carlotta Provenza
Sig. Mirko Romano
Prof. Giovanni Spinelli
Prof. Attilio Sulli
Prof. Giuseppe Verde
Dott. Antonio Valenti
Pro Rettore Vicario
Direttore Generale
Assenti giustificati:
Prof. Marcella Aprile
Dott. Manfredi Leone
Dott. Giorgio Maniaci
Assenti:
Rettore Prof. Roberto Lagalla
Prof. Francesco Moschella
Prof. Gaspare Parrinello
Sig. Mario Piazzese
Assume le funzioni di Presidente il Pro Rettore Vicario prof. Vito Ferro
Assume le funzioni di Segretario il Dott. Antonio Valenti.
Sono altresì presenti, nella qualità di collaboratori del Direttore Generale, i dott. Angelo Neri, Silvia
Palesano e la sig.ra Annalisa Impeduglia.
7
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
Il Presidente, constatata la presenza del numero legale, dichiara aperta la seduta ed invita i
presenti alla discussione a continuare la trattazione dei punti all’ordine del giorno rinviati nella
seduta del 29 aprile u.s.
10.Attivazione dell’ottava edizione del Corso internazionale di studi avanzati (Summer
School) denominato Migrants, Human Rights and Democracy on I fattori di spinta
all’immigrazione: guerre, povertà, disastri ambientali, cambiamenti climatici: “Mitigazione
e Adattamento” - Direttore Prof. Aurelio Angelini - dal 7 al 12 luglio 2014 Favignana (TP))
RELAZIONE DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Con nota prot. n. 4276 del 28/11/2013 (ALL.1) il Preside della Facoltà di Scienze della
Formazione, Prof. Michele Cometa, ha trasmesso alla UOA 07 Cooperazione per la formazione e
la ricerca la richiesta di attivazione del Corso internazionale di studi avanzati (Summer School)
denominato Migrants, Human Rights and Democracy on I fattori di spinta all’immigrazione: guerre,
povertà, disastri ambientali, cambiamenti climatici: “Mitigazione e Adattamento” - Direttore Prof.
Aurelio Angelini (dal 7 al 12 luglio 2014)
Alla predetta nota sono stati allegati la proposta (ALL.2) riportante il programma del corso con
l’indicazione del piano finanziario, del corpo docenti e il facsimile della domanda di iscrizione;
l’estratto del verbale del Consiglio di Dipartimento di Psicologia del 02/10/2013 con il quale il
Consiglio esprime parere favorevole all’approvazione (All.3); l’estratto del verbale del Consiglio di
Facoltà di Scienze della Formazione del 18/11/2013 (All.4) con il quale si approva la predetta
Summer School e il riconoscimento di n. 6 CFU.
Ai fini dell’approvazione della Summer School da parte degli Organi Collegiali di Ateneo,
quest’ufficio ha richiesto, per le vie brevi, l’elenco definitivo relativo alla composizione del corpo
docenti, con l’indicazione di quelli provenienti da università straniere, nonché una riformulazione
del piano finanziario con riferimento alle quote di partecipazione indicate nella proposta.
In data 23 marzo 2014, il Prof. Aurelio Angelini ha trasmesso a mezzo e-mail il nuovo programma
dell’8th Edition of International Summer School: Migrants, Human Rights and Democracy on I
fattori di spinta all’immigrazione: guerre, povertà, disastri ambientali, cambiamenti climatici:
“Mitigazione e Adattamento” dal 7 al 12 luglio 2014 – Favignana (TP), con le modifiche apportate
(All. 5), approvato in data 2 Aprile 2014 dal Consiglio del Dipartimento di Scienze Psicologiche,
Pedagogiche e della Formazione (All. 6).
Verificata la conformità e la completezza degli allegati in relazione al vigente “Regolamento per
l’attivazione dei Corsi internazionali di studi avanzati”, si sottopone la proposta al parere del
Senato Accademico necessario per la successiva approvazione del corso da parte del Consiglio di
Amministrazione.
Pertanto si propone che il Senato Accademico
DELIBERI
in merito al parere all’istituzione dell’8th Edition of International Summer School: Migrants, Human
Rights and Democracy on I fattori di spinta all’immigrazione: guerre, povertà, disastri ambientali,
cambiamenti climatici: “Mitigazione e Adattamento” dal 7 al 12 luglio 2014 – Favignana (TP)
Direttore Prof. Aurelio Angelini, secondo proposta.
8
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
Il Responsabile del procedimento
f.to Antonio Serafini
Il Dirigente dell’Area Ricerca e Sviluppo
f.to Ing. Gandolfo Gallina
Il Senato Accademico
visto il Regolamento per l’attivazione dei Corsi internazionali di studi avanzati approvato in Senato
accademico il 28 luglio 2009 ed emanato con Decreto rettorale n. 4781 del 14/09/2009;
vista la nota del Preside Michele Cometa prot. n. 4276 del 28/11/2013 (ALL.1) e l’estratto del
verbale del Consiglio di Facoltà del 18/11/2013
vista la proposta di attivazione dell’ottava edizione del Corso internazionale di studi avanzati
(Summer School) denominato Migrants, Human Rights and Democracy on I fattori di spinta
all’immigrazione: guerre, povertà, disastri ambientali, cambiamenti climatici: “Mitigazione e
Adattamento” - Direttore Prof. Aurelio Angelini (dal 7 al 12 luglio 2014) corredata dal programma
del corso, il facsimile della domanda di iscrizione, il piano finanziario e l’estratto del verbale del
Consiglio di Dipartimento di Psicologia del 02/10/2013 con il quale si approva l’ottava edizione
della predetta summer school (ALL. 1 e 2);
vista la nuova proposta di attivazione dell’8th Edition of International Summer School: Migrants,
Human Rights and Democracy on I fattori di spinta all’immigrazione: guerre, povertà, disastri
ambientali, cambiamenti climatici: “Mitigazione e Adattamento” dal 7 al 12 luglio 2014 – Favignana
(TP) presentata dal Prof. Aurelio Angelini (dal 7 al 12 luglio 2014) (All. 5)
visto l‘estratto del verbale il Consiglio del Dipartimento di Scienze Psicologiche, Pedagogiche e
della Formazione del 2 Aprile 2014 (All. 6)
vista la proposta del Responsabile del procedimento;
sentita la relazione del Coordinatore della Commissione Attività didattiche e assicurazione della
qualità della formazione;
all’unanimità,
DELIBERA
parere favorevole in conformità alla proposta sopra riportata.
Letto e approvato stante.
17. Accordo per l’attivazione di un percorso formativo internazionale (Doppio Titolo di
Laurea) tra l’Università degli Studi di Palermo e la Université de Paris-Sorbonne (Francia)
nell’ambito del Corso di Laurea Magistrale in Musicologia di “UNIPA” e il Master in
“Musique et Musicologie” dell’Université de Paris-Sorbonne
RELAZIONE DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Dopo una serie di incontri avuti con il Prof. Massimo Privitera relativi all’attivazione di un percorso
doppia laurea finalizzato al rilascio del Doppio Titolo di Laurea tra il Corso di Laurea Magistrale in
Musicologia di UNIPA si è pervenuti alla formalizzazione di un accordo internazionale specifico
redatto anche sulla base delle indicazioni fornite dalla UOB Programmi e ordinamenti didattici
internazionali trasmesso con nota prot. 25603 del 7/4/2014 (All. 1), per il seguito di competenza
9
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
dello scrivente ufficio, unitamente all’estratto del Consiglio di Corso di Studi in “Musicologia del
3/4/2014.
Successivamente, nella seduta del 14/4/2014 il Consiglio di Dipartimento di Scienze Umanistiche
ha approvato l’accordo per il doppio titolo di laurea in oggetto, di cui si allega l’estratto del verbale
(All. 2);
Ciò premesso, si propone che il Senato Accademico
DELIBERI
parere favorevole all’approvazione dell’accordo tra l’Università degli Studi di Palermo e la
Université de Paris-Sorbonne (Francia) per l’attivazione di un percorso formativo (Doppio Titolo di
Laurea) nell’ambito della Corso di Laurea Magistrale in Musicologia di “UNIPA” e il Master in
“Musique et Musicologie” dell’Université de Paris-Sorbonne, che di seguito si riporta nella versione
in italiano:
PROPOSTA di ACCORDO DOPPIO TITOLO DI LAUREA
Premessa
Il presente accordo di collaborazione nasce dalla volontà delle Istituzioni firmatarie di creare e
sviluppare, nello spirito della cooperazione internazionale alla formazione, un sistema di scambi
accademici.
La vocazione europea ed internazionale di entrambe le Istituzioni costituisce la base della loro
collaborazione nei campi dell’insegnamento e della ricerca, nel quadro dei programmi promossi
della Comunità Europea e dalla Comunità Internazionale
Ciò premesso, l’università di Palermo e l’università di Paris-Sorbonne hanno deciso di
intraprendere un programma integrato di studio, basato su principi generali di reciprocità e di
riconoscimento dei rispettivi percorsi formativi, che permette agli studenti di svolgere una parte
della loro carriera universitaria presso l’Università degli Studi di Palermo ed una parte presso
l’Università di Paris -Sorbonne, ottenendo alla fine del percorso il rilascio del titolo di studio sia
dell’Università di Palermo sia dell’Università di Paris-Sorbonne, secondo le condizioni di seguito
specificate.
Articolo 1
Il Presente accordo è corredato da una tabella di corrispondenza delle singole discipline attivate
nell’offerta formativa dei due corsi di studio. La tabella elenca il piano di studi di entrambe i corsi di
studio, le analogie e corrispondenze rispettive dei corsi e corrisponderà ad un minimo di 120 ECTS
(CFU). Tale piano di studi dovrà essere approvato anteriormente dagli organi accademici e di
governo di entrambe le università.
Articolo 2 (per gli studenti dell’università di Palermo che aderiscono al programma)
Gli studenti del Corso di Laurea Magistrale in Musicologia, che hanno superato almeno 30 ECTS
(CFU) del proprio curriculum, possono continuare gli studi presso la Unité de Formation et de
Recherche "Musique et Musicologie" dell’università di Paris-Sorbonne, iscrivendosi nel Corso di
Master 1 e/o 2 (corrispondente alla Laurea magistrale italiana) per conseguire almeno 30 ECTS
(CFU) delle discipline impartite nel corrispondente piano di studi della predetta università.
10
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
I crediti effettuati presso l’Università di Paris-Sorbonne saranno riconosciuti e convalidati
dall’Università di Palermo secondo quanto riportato nella tabella allegata. La conversione dei voti
seguirà le norme previste dalle disposizioni che regolano la mobilità degli studenti. Il numero
minimo di crediti richiesti per il conseguimento del doppio titolo sarà calcolato sul numero di crediti
delle materie corrispondenti a quelle dell’università di origine.
La Tabella di corrispondenza potrà essere modificata in ogni anno accademico ed approvata dal
consiglio del corso di laurea magistrale in Musicologia dell’Università di Palermo e dalla Unité de
Formation et de Recherche “Musique et Musicologie” dell’Università di Paris-Sorbonne.
Il piano di studi di ciascuno studente che utilizzerà il programma di scambio dovrà essere
approvato da entrambe le università. A tal fine verrà stabilito un contratto pedagogico con
indicazione dettagliata degli insegnamenti concordati, che dovrà essere approvata prima della
partenza dello studente.
Tutti gli studenti ammessi al programma di scambio per il conseguimento del doppio titolo di laurea
al loro arrivo presso l’università ospitante dovranno registrarsi ed esibire l’accordo accademico
stipulato tra le due università, nel quale sono riportate le discipline già sostenute presso
l’Università di origine, nonché le discipline che potranno seguire nell’università ospitante, e che
saranno riconosciute e convalidate dall’Università di origine.
Allo stesso modo, al ritorno presso l’Università di origine o alla fine degli studi, lo studente dovrà
presentare il certificato degli esami, con i relativi crediti, sostenuti presso l’università ospitante.
Dopo aver completato un minimo di 120 ECTS (CFU), di cui almeno 30 presso il Corso di Master 1
e/o 2 della Unité de Formation et de Recherche “Musique et Musicologie” dell’Università di Paris Sorbonne, agli studenti sarà rilasciata dall’Università di Palermo la laurea magistrale in
Musicologia e dall’Università di Paris-Sorbonne il titolo di Master en Musicologie. I corsi si terranno
in italiano a Palermo, e in Francese a Parigi. È richiesto a tal scopo la conoscenza della lingua
francese di livello non inferiore a B1. Il possesso di tale requisito può essere dimostrato attraverso
certificazione o verificato tramite un colloquio.
Articolo 3 (per gli studenti della Università di Paris-Sorbonne)
Gli studenti dell’università di Paris-Sorbonne immatricolati nel Master 1 della Unité de Formation et
de Recherche “Musique et Musicologie”, che hanno superato almeno 30 ECTS (CFU) nella propria
università, possono continuare gli studi presso il corso di laurea magistrale in Musicologia
dell’Università di Palermo immatricolandosi al corso di laurea magistrale in Musicologia per
conseguire almeno 30 ECTS (CFU) delle discipline previste nel piano di studi del predetto Corso di
laurea magistrale.
Gli esami sostenuti presso l’Università di Paris-Sorbonne saranno riconosciuti e convalidati
dall’Università di Palermo, secondo quanto riportato nella tabella di corrispondenza. Il numero
minimo di crediti richiesti per il conseguimento del doppio titolo sarà calcolato sul numero di crediti
delle discipline corrispondenti a quelle dell’università di origine.
La tabella di corrispondenza potrà essere modificata in ogni anno accademico ed approvato dal
Consiglio di corso di studi in “Musicologia” dell’Università di Palermo e dal Consiglio dell’Unité de
Formation et de Recherche “Musique et Musicologie” dell’Università di Paris-Sorbonne. Tutti gli
studenti ammessi al programma di scambio per il conseguimento del doppio titolo di laurea alla
loro arrivo presso l’università ospitante dovranno registrarsi ed esibire l’accordo didattico e
accademico stipulato tra le due università nel quale sono riportate le discipline già sostenute
presso l’Università di origine, nonché le discipline che potranno seguire nell’università ospitante e
che saranno riconosciute e convalidate dall’Università di origine.
Allo stesso modo, al ritorno presso l’Università di origine o alla fine degli studi, lo studente dovrà
presentare il certificato degli esami, con i relativi crediti, sostenuti presso l’università ospitante.
Dopo aver completato un minimo di 120 crediti, di cui almeno 30 presso l’Università di Palermo,
agli studenti sarà rilasciata dall’Università di Palermo la laurea magistrale in Musicologia, e
11
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
dall’Università di Paris-Sorbonne il titolo di Master en Musicologie. I corsi si terranno in italiano a
Palermo e in francese a Parigi.
Articolo 4
L’istituzione ospitante garantirà l’assistenza e l’accoglienza tanto logistica che didattica agli
studenti durante la permanenza nel paese ospitante.
Articolo 5
Le autorità responsabili di ambedue le istituzioni decideranno, entro il mese di giugno di ciascun
anno, il numero massimo di studenti che prenderanno parte allo scambio.
La selezione sarà fatta secondo le procedure accademiche generali di ciascuna istituzione. Per
l’Università di Palermo, il coordinatore del CDS in Musicologia nominerà un’apposita commissione
che valuterà il curriculum dei richiedenti e la loro motivazione. Un colloquio, le cui modalità
saranno specificate nel bando, valuterà il livello di conoscenza del francese (che non dovrà essere
inferiore al livello B1).
Articolo 6
Le spese di viaggio e soggiorno degli studenti sono a carico degli stessi. L’Università ospitante si
impegna ad agevolare le procedure di accoglienza degli studenti ed a far loro ottenere le
facilitazioni previste per i propri studenti e/o eventuali borse di studio.
L’Università di origine garantirà, prima della partenza gli studenti dal paese di origine, che le
coperture assicurative richieste siano state effettuate.
Gli studenti che partecipano allo scambio pagheranno le tasse d’iscrizione di frequenza soltanto
nella loro università di origine.
Nessun tipo di tassa verrà da essi corrisposta presso la sede ospitante per tutta la durata dello
scambio.
Articolo 7
L’Università di Paris-Sorbonne e l’Università di Palermo intraprenderanno tutte le azioni comuni
necessarie presso le rispettive autorità nazionali presso la Commissione della Comunità Europea
per assicurare il sostegno finanziario al programma.
Articolo 8
I responsabili del programma di entrambe le istituzioni si riuniranno almeno una volta all’anno per:
•
verificare l’efficacia dei programmi di insegnamento;
•
esaminare i risultati accademici conseguiti dagli studenti alla luce dell’impegno congiunto
delle due istituzioni;
•
proporre ulteriori azioni.
Articolo 9
Il presente accordo sarà immediatamente esecutivo all’atto della firma delle autorità responsabili.
Avrà una durata di cinque anni con possibilità di rinnovo, previa verifica delle attività effettivamente
svolta nel periodo e previo accordo tra le parti.
Le parti possono, per mutuo consenso, apportare modifiche al presente accordo. Ciascuna delle
parti potrà recedere da questo accordo in qualsiasi momento, ed essa non produrrà più alcun
effetto a partire dal 180 giorno da quello dell’avvenuta notifica o comunicazione all’altro contraente
del recesso. La disdetta eventuale non interromperà comunque le attività già intraprese e in corso
di esecuzione.
Articolo 10
12
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
Le parti concordano di definire amichevolmente qualsiasi vertenza che possa nascere
dall’interpretazione del presente accordo.
Nel caso in cui non sia possibile raggiungere in questo modo l’accordo, verrà nominato un collegio
arbitrale composto da un membro designato da ciascuna parte contraente e da una scelta di
comune accordo.
Articolo 11
Allo scopo di promuovere azioni comuni nel campo dell’educazione e della ricerca, l’Università di
Palermo e l’Università di Paris-Sorbonne favoriranno:
gli scambi di visiting professor per moduli di insegnamento reciprocamente concordati;
gli scambi di personale universitario e di ricercatori;
sessioni di studio, workshops e seminari su temi concordati a priori;
scambi di informazioni, di documenti e di pubblicazioni scientifiche.
Lo scambio di persone si realizzerà nel rispetto dei regolamenti e delle procedure vigenti nelle
istituzioni di origine.
Articolo 12
La firma di questo accordo non comporta alcun obbligo finanziario da parte delle istituzioni
contraenti.
Articolo 13
Il presente accordo viene redatto in due versioni, una in italiano e una in francese, i contenuti delle
quali sono equivalenti.
Prof. Roberto Lagalla
Rettore dell’Università di Palermo
Data,
Professeur Barthélémy Jobert
Président de Paris-Sorbonne
Data,
Tabella di conversione fra gli insegnamenti tenuti a Palermo e quelli tenuti a Paris-Sorbonne
A Paris-Sorbonne sono previste due tipologie di corsi: cours, qui indicati con (C), e séminaires, qui
indicati con (S); entrambe sono pienamente convertibili nella tipologia di corsi tenuti a Palermo. Un
cours e un séminaire erogano ciascuno 3 crediti; perciò la somma di 2 cours o séminaires può
essere convertita in un corso palermitano che eroga 6 CFU; e la somma di 4 cours o séminaires
può essere convertita in un corso palermitano che eroga 12 CFU.
Gli insegnamenti tenuti a Palermo hanno intitolazioni e specifiche molto generali, e comportano un
volume orario più consistente di quello di Parigi, mentre i corsi e i seminari tenuti a ParisSorbonne, che comportano un volume orario inferiore, recano intitolazioni molto più dettagliate.
Perciò a gruppi di 1/5 insegnamenti italiani corrispondono gruppi molto più numerosi di
insegnamenti francesi. Nella tabella alcuni insegnamenti di Paris-Sorbonne sono stati posti
prioritariamente in un gruppo, ma secondariamente anche in un altro [racchiusi fra parentesi
quadre], perché possono essere convertiti in più di una delle discipline tenute a Palermo. Sarà
compito del Consiglio di corso di laurea, in sede di valutazione del curriculum dello studente,
scegliere di attribuire i crediti francesi ad un insegnamento italiano piuttosto che ad un altro. Il
contratto pedagogico stabilito preventivamente tiene conto di questa organizzazione degli
insegnamenti.
Insegnamenti tenuti a Palermo
Insegnamenti tenuti a Paris-Sorbonne
Gruppo 1: L-ART/08
13
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
- Antropologia della musica (6 CFU)
- Ethnomusicologie (S)
- Musica bizantina e dell’oriente cristiano (6 - (Séjour sur le) Terrain (C)
CFU)
- Méthodologie de l’enquête de terrain (C)
- Son et image (enquête de terrain) (C)
- Ethnologie (C)
- Musiques rituelles (C)
- Musique médiévale entre manuscrits er
interprétation (S)
- Jazz : analyse, histoire (S)
- Musiques populaires anglo-américaines (S)
- Musicologie des chansons des XXe et XXIe
siècles (S)
- Rythmes brésiliens (C)
[- L’église et sa musique (C)]
[- Interprétation du plain-chant médiéval et des
premières polyphonies (C)]
Gruppo 2: L-ART/07, L-FIL-LET/02
- Storia e analisi della musica 1 (6 CFU)
- Storia e analisi della musica 2 (6 CFU)
- Drammaturgia musicale (12 CFU)
- Filologia musicale (6 CFU)
- Filosofia della musica (12 CFU)
- Storia e tecnologia degli strumenti musicali (6
CFU)
- Cultura musicale della Grecia antica (6 CFU)
- Musique, littérature et théâtre du Moyen-Âge (S)
- La représentation du son au Moyen-Âge (S)
- Musique médiévale : ressources électroniques
et étude codicologique des manuscrits musicaux
(C)
- Lyrique latine et vernaculaire, monodique et
polyphonique du XIIe au XIVe siècles (C)
- L’église et sa musique (C)
- Interprétation du plain-chant médiéval et des
premières polyphonies (C)
- Paléographie musicale (XIVe-XVe siècles) (C)
- Histoire contemporaine de l’interprétation des
musiques anciennes (C)
- Sources de la musique au XVIe siècle (S)
- Le premier baroque musical (S)
- Musique baroque, âge classique (S)
- Approche critique des sources de la musique
baroque (C)
- Sources et interprétations des sonates pour
clavier et violon de Mozart (S)
- Questions de dramaturgie musicale (S)
- Opéra, métaphysique et littérature (S)
- Romantisme et Modernité dans l’œuvre
dramatique de Verdi et Wagner (S)
- Musiques européennes, XIXe-XXIe siècles (S)
- La musique comme art social au XIXe et XXe
siècles (S)
- Historie de l’enseignement musical aux XIXe et
XXe siècles (C)
- Les principales théories et méthodes d’analyse
(C)
14
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
- Analyser un répertorie (S)
- Vecteurs harmoniques (S)
- Musique et texte (C)
- Stylistique des langages musicaux (C)
- Théorie schenkérienne (C)
- De la modalité à la tonalité (S)
- Étude de musiques électroacoustiques (S)
- Initiation à l’édition musicale ou à l’inventaire
des sources sur base données (S)
- Séminaire équipe Lutherie (S)
[- 1913-2013 : centenaire du Théâtre des
Champs-Élysées (S)]
[- Musiques populaires anglo-américaines (S)]
[- Musique médiévale entre manuscrits er
interprétation (S)]
[- Musicologie des chansons des XXe et XXIe
siècles (S)]
[- L’écrit musicologique : théorie et pratique (C)]
[- La construction des identités nationales en
musique aux XIXe et XXe siècles (C)]
Gruppo 3: SPS/08, M-FIL/04
- Sociologia della musica (6 CFU)
- Psicologia della percezione (6 CFU)
- Sociologie de la musique (S)
- Sociologie de la musique et de l’éducation
musicale (C)
- Musique et médias (C)
- La construction des identités nationales en
musique aux XIXe et XXe siècles (C)
- Initiation aux méthodes quantitatives appliquées
à la musique (C)
- 1913-2013 : centenaire du Théâtre des
Champs-Élysées (S)
- Les grands répertoires des musiques savantes
mondialisés par les médias (S)
- Approche perceptive et analytique de l’œuvre
(S)
- Didactique de la musique (C)
- Enseignement de la musique
- Psychologie de l’apprentissage musical
- Spectacles, fêtes et cérémonies aux XVIIe et
XVIIIe siècles (S)
[- La musique comme art social au XIXe et XXe
siècles (S)]
[- Jazz : analyse, histoire (S)]
[- Historie de l’enseignement musical aux XIXe et
XXe siècles (C)]
Gruppo 4: Laboratori
- Laboratorio di strumenti della ricerca - Méthodologie de la recherche et la
musicologica (6 CFU)
documentation en musicologie (C)
- Altre attività formative (Stage) (6 CFU)
- Atelier d’écoute de la musique de la première
15
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
moitié du XXe siècle (C)
- Atelier d’écoute de la musique du XXe siècle
après 1945
- L’écrit musicologique : théorie et pratique (C)
- Traduction Arts du spectacle (italien et roumain)
(C)
- Éléments d’informatique musicale (C)
- Informatique appliquée à la musicologie (C)
- Techniques de direction de chœur (C)
- Anglais pour la musicologie (C)
[- Musique médiévale : ressources électroniques
et étude codicologique des manuscrits musicaux
(C)]
[- Initiation à l’édition musicale ou à l’inventaire
des sources sur base données (S)]
Il Responsabile del procedimento
f.to Antonio Serafini
Il Dirigente dell’Area
f.to Ing. Gandolfo Gallina
Il Senato Accademico
visto l’art. 9 dello statuto dell’Università degli studi di Palermo
visti gli artt. 3, c. 10 e 11, c.7 del Decreto Ministeriale 22 ottobre 2004, n. 270;
visto il D.M. 22 settembre 2010 n. 17;
vista la nota prot. 17 del 16 febbraio 2011 del MIUR – Direzione Generale per l’Università e il
Diritto allo Studio – Ufficio V;
visto il Regolamento Didattico dell’Ateneo di Palermo;
vista la nota della Segreteria Tecnica del Rettore prot. n. 31086 del 05 maggio 2010 avente per
oggetto le Linee Guida del Programma Doppio Titolo di Laurea;
vista la nota prot. n. 25603 del 07/04/2014 del Settore Ordinamenti Didattici e Programmazione;
vista la proposta di Accordo Doppio Titolo di Laurea;
vista la tabella di conversione fra gli insegnamenti tenuti presso l’Universtà degli Studi di Palermo
e quelli tenuti presso la Université Paris-Sorbonne;
visto l’estratto del verbale del Consiglio di Corso di Laurea Magistrale in “Musicologia” del
03/04/2014 (All. 4);
vista la nota prot. 25603 del 7/4/2014 della UOB Programmi e ordinamenti didattici internazionali;
visto l’estratto del verbale del Consiglio di Dipartimento di Scienze Umanistiche del 14/4/2014;
vista la proposta del Responsabile del procedimento;
16
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
sentito il parere della Commissione congiunta che rileva nei manifesti proposti dalle Università
straniere la presenza di insegnamenti che possono trovare, talvolta, una corrispondenza più
puntuale in insegnamenti erogati da altri corsi di studio dell’Ateneo e pertanto suggerisce, ove
possibile, l’inserimento di questi curricula formativi degli studenti stranieri o di individuare idonee
modalità di flessibilità dell’offerta formativa nei confronti degli studenti incoming;
DELIBERA
parere favorevole alla proposta sopra riportata.
Letto e approvato seduta stante.
18. Accordo di cooperazione tra l’Università degli Studi di Palermo e la Hanoi University
(Vietnam) per l’attivazione di un percorso formativo (Doppio Titolo di Laurea) nell’ambito
del Corso di Laurea Magistrale in Public Management.
RELAZIONE DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Con e-mail del 27/1/2014 (All. 1) il prof. Enzo Bivona, del Dipartimento DEMS, ha trasmesso allo
scrivente ufficio l’estratto della delibera del Consiglio di dipartimento DEMS relativa all’inserimento
in Offerta Formativa di un nuovo curriculum in Public Management” in seno al Corso di Laurea
Magistrale LM-63 “ all’interno del quale attivare un percorso internazionale in collaborazione con
l’Università di Hanoi (Vietnam) finalizzato al rilascio del doppio titolo di laurea.
In pari data si è provveduto ad inviare una mail (All. 2) per richiedere le valutazioni di competenza
da parte del Settore ordinamenti didattici e programmazione dell’Area Formazione, Cultura e
servizi agli Studenti in merito alla proposta del Prof. Bivona.
Successivamente, lo stesso Prof. Bivona ha fatto pervenire, brevi manu, il “Framework agreement”
nonché il “Technical memorandum” comprendete anche l’Annex 1, già firmati dal partner straniero,
relativi all’istituzione del predetto percorso internazionale.
In data 17/3/2014 tutta la predetta documentazione è stata inviata a mezzo e-mail (All. 3) alla
Dott.ssa Valeria Floriano, responsabile della UOB Programmi e ordinamenti didattici internazionali.
Con nota prot. n. 27566 del 14/4/2014 (All. 4) il Settore Ordinamenti Didattici e Programmazione,
UOB Programmi e ordinamenti didattici internazionali, ha comunicato il parere positivo per
l’istruzione della proposta di delibera da portare all’approvazione degli Organi Collegiali
competenti, essendo state accettate ed applicate le modifiche proposte dallo stesso ufficio alla
tabella (Annex 1) contenente le corrispondenze tra gli insegnamenti dei due percorsi di studio.
Le modifiche apportate alla documentazione sono state approvate in via preliminare con nota del
24/4/2014 (All. 5), trasmessa a mezzo e-mail in pari data, dal Prof. Alessandro Bellavista in qualità
di Vice-direttore del Dipartimento DEMS e Coordinatore del Corso di Laurea Magistrale in Scienze
delle amministrazioni e delle organizzazioni complesse, curriculum Public Management e saranno
ratificate nella prima seduta utile del Consiglio di Dipartimento “DEMS” e del Consiglio del predetto
Corso di Laurea.
Ciò premesso, si propone che il Senato Accademico
DELIBERI
parere favorevole all’approvazione dell’accordo di cooperazione tra l’Università degli Studi di
Palermo e la Hanoi University (Vietnam) per l’attivazione di un percorso formativo internazionale
(Doppio Titolo di Laurea) nell’ambito della Corso di Laurea Magistrale in Public Management (LM63) che di seguito si riporta nella versione in lingua inglese:
17
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
18
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
19
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
20
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
21
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
22
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
ANNEX 1
EQUIVALENT COURSES IN WHICH EXCHANGE STUDENTS CAN BE ENROLLED
23
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
FIRST YEAR
UNIVERSITY OF PALERMO
CURRICULUM IN
PUBLIC MANAGEMENT
Subject name
1
2
3
4
5
6
7
credits
First Semester
REFORMING THE STATE 6
THROUGH GOVERNANCE
ORGANIZATIONAL
9
PSYCHOLOGY
COMPETITION
AND 9
ANTITRUST LAW
THE
ECONOMICS
OF
ORGANIZATION
TOTAL
SEMESTER
CREDITS
Second Semester
PERFORMANCE
MANAGEMENT IN THE
PUBLIC SECTOR
PLANNING AND CONTROL
SYSTEMS
BUSINESS STRATEGY
TOTAL
SEMESTER
CREDITS
TOTAL
FIRST
YEAR
CREDITS
SECOND YEAR
First Semester
8
LAW
AND
PUBLIC
ADMINISTRATION
9
INTERNATIONAL
TRADE
LAW
10 POLICIES
AND
INSTITUTIONS OF GLOBAL
GOVERNANCE
11 LABOUR
LAW
AND
INDUSTRIAL
RELATIONS
IN THE PUBLIC SECTOR
TOTAL
SEMESTER
CREDITS
Second Semester
THESIS
&
OTHER
TRAINING ACTIVITIES
TOTAL SECOND YEAR
6
30
HANOI UNIVERSITY
CURRICULUM IN
PUBLIC POLICY
Subject name
Equivalen
t credits
First Semester
Public
Administration
and
Leadership skills
Comparative Political Systems
7
8
International Law and Trade 8
regulations
(Anti-Trust
included)
Public Policy and Economic 7
Analysis
TOTAL SEMESTER CREDITS 30
12
Second Semester
Public
Finance
Development Policy
10
Development Economics
10
8
30
International Business
TOTAL SEMESTER CREDITS
10
30
60
TOTAL
CREDITS
9
6
FIRST
& 10
YEAR 60
First Semester
credits
Economic
Institutional 8
Reform in Vietnam
International Economics
7
6
Globalization and Economic 7
Integration
9
Civil Society
30
30
TOTAL
SEMESTER 30
CREDITS
Second Semester
THESIS
30
60
TOTAL
SECOND
8
YEAR 60
24
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
CREDITS
CREDITS
Il Responsabile del procedimento
f.to dott. Antonio Serafini
Il Dirigente ad interim
f.to dott. Antonio Valenti
Il Senato Accademico
visto l’art. 9 dello statuto dell’Università degli studi di Palermo
visti gli artt. 3, c. 10 e 11, c.7 del Decreto Ministeriale 22 ottobre 2004, n. 270;
visto il D.M. 22 settembre 2010 n. 17;
vista la nota prot. 17 del 16 febbraio 2011 del MIUR – Direzione Generale per l’Università e il
Diritto allo Studio – Ufficio V;
visto il Regolamento Didattico dell’Ateneo di Palermo;
vista la nota della Segreteria Tecnica del Rettore prot. n. 31086 del 05 maggio 2010 avente per
oggetto le Linee Guida del Programma Doppio Titolo di Laurea;
vista la nota prot. n. 27566 del 14/04/2014 del Settore Ordinamenti Didattici e Programmazione;
visti il “Framework agreement”, il “Technical memorandum” e l’Annex 1 riportante la tabella di
conversione fra gli insegnamenti tenuti presso l’Università degli Studi di Palermo e quelli tenuti
presso la Hanoi Unversity modificata a seguito delle indicazioni della UOB Programmi e
ordinamenti didattici internazionali;
vista la nota del 24/4/2014 a firma del prof. Alessandro Bellavista;
vista la proposta del Responsabile del procedimento;
sentito il parere della Commissione congiunta che rileva nei manifesti proposti dalle Università
straniere la presenza di insegnamenti che possono trovare, talvolta, una corrispondenza più
puntuale in insegnamenti erogati da altri corsi di studio dell’Ateneo e pertanto suggerisce, ove
possibile, l’inserimento di questi curricula formativi degli studenti stranieri o di individuare idonee
modalità di flessibilità dell’offerta formativa nei confronti degli studenti incoming;
DELIBERA
parere favorevole alla proposta sopra riportata.
Letto e approvato stante.
19. Accordo di cooperazione tra UNIPA e Università di Corsica “Pasquale Paoli” per
l’attivazione di un percorso doppio titolo nell’ambito del Corso di laurea magistrale in Studi
storici, antropologici e geografici LM-84 (prof. Antonio Giuffrida)
RELAZIONE DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Con e-mail del 17/3/2014 (All. 1) il dott. Antonio Serafini, Responsabile UOA 07 – Coop.
Internazionale per la Formazione e la Ricerca, ha trasmesso allo scrivente ufficio, per le
valutazioni di competenza, l’Accordo vigente per il doppio titolo di Laurea tra l'Università di
Palermo - Laurea Magistrale in Studi Storici, Antropologici e Geografici e l'Università della Corsica
Pasquale Paoli - Master Histoire spécialité Histoire et Anthropologie de l’Homme insulaire et
Méditerranéen.
A seguito del mutamento del Master Histoire spécialité Histoire et Anthropologie de l’Homme
insulaire et Méditerranéen, intervenuto dopo la stipula dell’accordo, è risultato necessario
predisporre una nuova tabella di corrispondenza tra gli insegnamenti dei due corsi di studio.
25
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
Dopo alcuni incontri volti a specificare le modalità di riconoscimento dei percorsi e le procedure per
la mobilità degli studenti, il dott. Palermo ha fatto pervenire via mail (16/04/2014, All. 2) una bozza
di delibera del Consiglio di Corso di Studi, relativa alle procedure di riconoscimento degli
insegnamenti, e i manifesti dei due corsi di Laurea partecipanti al programma di scambio.
Lo scrivente ufficio, dopo aver verificato la fattibilità tecnica delle proposte, ha risposto in pari data
Antropologia culturale (6 CFU)
Travaux de terrain (5 ECTS)
Esegesi delle fonti moderne (6 CFU)
Valorisation du patrimoine historique (3 ECTS)
+ Inventaire et valorisation du patrimoines
sociaux (3,5 ECTS)
Laboratorio di studi storici digitali (3 CFU) + Informatique pour les sciences du texte (3
Laboratorio di ricerca storica on-line (3 CFU)
ECTS) + Compte-rendu de recherche (3 ECTS)
Storia
medievale
(6
CFU)
o
Storia Religion et societé (2,5 ECTS) + Démographie
contemporanea (6 CFU)
historique (3 ECTS)
Archeologia e Storia dell’Arte Greca e Romana Valorisation du patrimoine archéologique (4
(6 CFU; insegnamento a scelta dello studente)
ECTS)
via mail (All. 3) approvando le corrispondenze e suggerendo una presentazione grafica della
tabella più funzionale per il suo inserimento come allegato della Convenzione vigente.
In data 28/04/2014 l’ufficio ha ricevuto con nota di trasmissione a firma del Coordinatore prof.
Antonino Giuffrida (All. 4), la delibera del Consiglio di Corso di studi (All. 5) e il Decreto del
Direttore del Dipartimento Culture e Società di approvazione (All. 6) della nuova tabella delle
corrispondenze (All. 7) tra gli insegnamenti e l’Accordo vigente (All. 8).
Lo scrivente ufficio ha verificato la correttezza formale e sostanziale della documentazione
ricevuta, constatando che i suggerimenti concordati sono stati recepiti.
Ciò premesso, si propone che il Senato Accademico
DELIBERI
parere favorevole alla modifica dell’allegato contenente la tabella di corrispondenza degli
insegnamenti a scambio tra l’Università degli Studi di Palermo e l’Università di Corsica “Pasquale
Paoli” in relazione al percorso formativo internazionale (Doppio Titolo di Laurea) nell’ambito del
Corso di Laurea Magistrale in Studi storici, antropologici e geografici (LM-84) che si riporta qui di
seguito:
Allegato: tabella riassuntiva di corrispondenza degli insegnamenti
Palermo
Corsica
Il Responsabile del procedimento
f.to dott. Valeria Floriano
Il Dirigente ad interim
f.to dott. Antonio Valenti
Il Senato Accademico
visti gli artt. 2, 4 e 9 dello Statuto vigente dell’Università degli Studi di Palermo
visti gli artt. 3, c.10 e 11, c.7-o del Decreto Ministeriale 22 ottobre 2004, n. 270;
26
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
visto l’art 2, c.2-II del DM 15 ottobre 2013, n.827, “Linee generali di indirizzo della programmazione
delle università per il triennio 2013-2015”;
visti i DD.MM. 23 dicembre 2013 n. 1059, 30 gennaio 2013 n. 47 e 22 settembre 2010 n. 17;
vista la nota prot. 17 del 16 febbraio 2011 del MIUR – Direzione Generale per l’Università e il
Diritto allo Studio – Ufficio V;
visto il Regolamento Didattico dell’Ateneo di Palermo;
vista la nota della Segreteria Tecnica del Rettore prot. n. 31086 del 05 maggio 2010 avente per
oggetto le Linee Guida del Programma Doppio Titolo di Laurea;
visti l’Accordo vigente e la modifica all’allegato riportante la tabella di conversione fra gli
insegnamenti tenuti presso l’Università degli Studi di Palermo e quelli tenuti presso la l’Università
della Corsica “Pasquale Paoli”, effettuata a seguito delle indicazioni della UOB-05bis Programmi e
ordinamenti didattici internazionali;
vista la delibera del Consiglio di Corso di Studi in Studi Storici, Antropologici e Geografici del
28/04/2014
vista il decreto del Direttore di Dipartimento “Culture e Società” del 28/04/2014;
vista la proposta del Responsabile del procedimento;
sentito il parere della Commissione congiunta che rileva, nei manifesti proposti dalle Università
straniere, la presenza di insegnamenti che possono trovare, talvolta, una corrispondenza più
puntuale in insegnamenti erogati da altri corsi di studio dell’Ateneo e pertanto suggerisce, ove
possibile, l’inserimento di questi curricula formativi degli studenti stranieri o di individuare idonee
modalità di flessibilità dell’offerta formativa nei confronti degli studenti incoming.
Il Senato Accademico, pertanto,
DELIBERA
parere favorevole alla proposta sopra riportata.
Letto e approvato stante.
20. Accordo di cooperazione tra UNIPA e Universidad Nacional de “Rosario” per
l’attivazione di un percorso doppio titolo nell’ambito del Corso di laurea magistrale in
Scienze statistiche LM-82 (prof. Massimo Attanasio)
RELAZIONE DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
A seguito di una richiesta via mail del 05/03/2014 (All. 1) e successivi incontri con il prof. Attanasio,
volti a verificare la fattibilità di un percorso integrato di studi con rilascio di doppio titolo in “Scienze
Statistiche” (LM-82) e “Estadistica Aplicada” tra l’Università degli Studi di Palermo e la Universidad
Nacional de Rosario, si è attivato un intenso scambio di e-mail e incontri tra questo ufficio e il
docente stesso.
Di concerto con il docente e il partner, si è giunti alla predisposizione del “Cooperation
Agreeement” tra le sedi e alla definizione dell’allegato “Annex B” riportante la tabella delle
27
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
corrispondenze tra gli insegnamenti dei due Corsi di Studio coinvolti, tenuto conto dei rispettivi
ordinamenti didattici e della normativa vigente.
In data 30-04-2014, il prof. Attanasio ha trasmesso via mail la delibera di approvazione del
Consiglio di Corso di studi vistata dal Direttore del Dipartimento Scienze Economiche, Aziendali e
Statistiche (All. 2), il “Cooperation Agreement” con la Universidad Nacional de Rosario (All. 3) e
l’allegato (Annex “B”) contenente la tabella delle corrispondenze degli insegnamenti dei due corsi
di Studio coinvolti (All. 4).
Lo scrivente ufficio ha verificato la correttezza formale e sostanziale della documentazione ricevuta
ed ha constatato che le indicazioni concordate sono state osservate.
Pertanto si propone che il Senato Accademico
DELIBERI
parere favorevole all’approvazione dell’accordo di cooperazione tra l’Università degli Studi di
Palermo e l’Università di Rosario per l’attivazione di un percorso formativo internazionale (Doppio
Titolo di Laurea) nell’ambito della Corso di Laurea Magistrale in Scienze statistiche (LM-82) che di
seguito si riporta nella versione in lingua inglese:
COOPERATION AGREEMENT
Between
Consiglio Interclasse Statistica per l'Analisi dei dati e Scienze Statistiche (CSS)
Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Statistiche
University of Palermo (UNIPA)
Piazza Marina 61
90128 Palermo
Italy
and
Maestria en Estadistica Applicada
Facultad de Ciencias Economicas y Estadisticas (-FCEyE)
Universidad Nacional de Rosario (-UNR)
Bv. Oroño 1261
2000 Rosario
Argentina
in respect of
Maestria en Estadistica Aplicada (MEA) and Laurea Magistrale in Scienze Statistiche (LMSS)
PREAMBLE
The parties to the Agreement and its object
The University of Rosario (UNR) and the University of Palermo (UNIPA) agree to collaborate in the
provision of a Programme of Study leading to the award of a Double Master Degree in Statistical
Sciences (DMStat) from the Facultad de Ciencias Economicas y Estadisticas at UNR and the
Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Statistiche at UNIPA.
Facultad de Ciencias Economicas y Estadisticas (FCEyE) at UNR agrees to give credit transfer (at
least 30) for successful completion of the Laurea Magistrale in Scienze Statistiche (LMSS) at
UNIPA. Conversely, Consiglio Interclasse Statistica per l'Analisi dei dati e Scienze Statistiche
(CSS) at UNIPA agrees to give credit transfer (at least 30) for successful completion of their
28
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
Maestria en Estadistica Aplicada (MEA) at UNR. Students of both Universities who initially enrol in
either of the two programmes may thus gain both awards to get both degrees.
The purpose of this Cooperation Agreement
This Agreement sets out the agreement reached between the parties in respect of their
programmes. In particular, it sets out details of the agreement which concern the maintenance of
the academic standard and quality of the programmes and summarizes the matters for which the
parties are responsible.
THE AGREEMENT
The separate responsibilities of the parties
3.1
The parties recognise that under their separate regional and/or national laws, regulations
and administrative controls each is separately responsible for:
a)
overseeing and maintaining the academic standards of the programme in respect of
its own award;
b)
satisfying the separate regional and/or national authorities in respect of approval,
administration, operation, monitoring, reporting upon and review of the programme and any
changes required in consequence.
3.2
To promote the ease of operation of the programme, the parties have further agreed that
each is separately responsible for:
a)
providing the resources necessary for the successful operation of the programme
within the country in which the party normally operates;
b)
informing the partner institution of any significant changes in the programme or in
available resources;
c)
all matters affecting the welfare of students during the period of their study in that
party’s institution.
4.
The joint responsibilities of the parties
The parties recognise that they must jointly contribute to the academic direction,
development and quality of the Programme of Study. The partners agree to assist each other in
meeting the requirements of their separate authorities, and in maintaining the compatibility of
content, teaching and assessment approaches of their programmes in order to ensure mutual
recognition of credit to facilitate students’ progress to the two awards.
ACADEMIC STANDARDS AND QUALITY ASSURANCE
5.
The approval, monitoring, and review of the programme leading to the Master degree
The outcome of assessment for the educational units listed in Annex B taken at FCEyE by
students admitted with credit transfer from UNIPA will be determined by the relevant Examination
Board at FCEyE . The Master degree programme from FCEyE requires that at least courses
(covering at least 30 credits) listed in Annex B or their equivalents were successfully completed
before graduation. All decisions concerning the award of the Maestria en Estadistica Aplicada
(MEA) at UNR will be made by the appropriate authorities at UNR
.
The outcome of assessment for the educational units listed in Annex B taken at LMSS by
students admitted with credit transfer from UNR will be determined by the relevant Examination
Board at LMSS . The Master degree programme from LMSS requires that at least courses
(covering at least 30 credits) listed in Annex B or their equivalents were successfully completed
before graduation. All decisions concerning the award of the Laurea Magistrale in Scienze
Statistiche (LMSS) at UNIPA will be made by the appropriate authorities at UNIPA.
Both universities recognize the mutual correspondance of thier programmes regarding the
remaining courses (beyond the minumun of 30 credits requested by the DMstat) in order to award
the Double Degree in Statistics.
6.
An Examination Master Board appointed by FCEYy will approve examination papers and
coursework assignments for all FCEyE modules, and will moderate student scripts, including those
29
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
of students admitted with credits from UNIPA and UNR students undertaking their projects at
UNIPA. They will not approve papers or moderate scripts of any part of the programme at UNIPA.
An Examination Board appointed by the CCS will approve examination papers and
coursework assignments for all UNIPA educational units, and will moderate student scripts,
including those of students admitted with credits from UNR and UNIPA students undertaking their
projects at UNR . They will not approve papers or moderate scripts of any part of the programme
at UNR .
MANAGEMENT OF THE PROGRAMME
7.
Arrangements to support the partnership
Each partner institution will make at least one member of the teaching staff responsible for
liaison between the partner institutions. It is convenient if at least one member of the academic
staff of each institution will visit the other institution in each academic year. The actual designated
contact persons are listed in Annex A.
Student Admissions
Admission of students to the DMStat will be regulated by each University through an online
admission call.
9.
Student Enrolment
UNR students enrolled on the UNIPA LMSS programme will have the status of UNIPA
students until they have completed the whole programme leading to the DMStat. In addition, they
will have the same rights and status as students enrolled at UNR .
UNIPA students enrolled on the MEA programme will have the status of UNR students
until they have completed the whole programme leading to the DMStat. In addition, they will have
the same rights and status as students enrolled at UNIPA.
10.
Student Disciplinary and Appeal Procedures
Students will be subject to the disciplinary and appeals procedures of the awarding
institution with which they are enrolled, but will also be required to abide by the regulations of the
other party during their period of study there.
Course Marketing
Each party will promote its own programme. For promotional purposes, the following
wording may be used by either party in combination, if required, with the official name and logos of
the parties:
Facultad de Ciencias Economicas y Estadisticas (FCEyE)
Universidad Nacional de Rosario (UNR)
and Consiglio Interclasse Statistica per l'Analisi dei dati e Scienze Statistiche (CSS)
Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Statistiche
University of Palermo (UNIPA)
have agreed to collaborate in the provision of a DPStat leading to the award of both the
MEA from UNR and of the LMSS of the UNIPA. Subject to the terms of this Agreement, students
will be granted credit transfer for study at the partner institutions in pursuit of these awards.
Any variation on this wording or other use of the name or logo of the partner in promotional
material must be agreed by the partner institution.
Tuition Fee
Students are subject to the tuition fee regulations of their home institution. Neither
institution has any liability or responsibility to provide any financial support for its students
participating in this programme. All travel and accommodation costs as well as any other expenses
are to be financed by the students themselves.
RESOLUTION OF DIFFERENCES
13.
Any matters which cannot be resolved by the Responsible Persons (see Annex A) or the
Heads of the Department or School or Facultad in the partner institutions will be referred to the
Rector at UNIPA and the Rector at UNR.
TERMINATION AND REVISION OF THIS AGREEMENT
30
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
14.
Any of the signatories to this Agreement may terminate the collaboration without reason,
giving at least one year’s notice in writing. Immediately following the decision to terminate,
recruitment to the joint programme will cease.
Any of the signatories to this Agreement may propose revisions to it at any time. Revisions
must be agreed in writing by both parties.
PROTECTION OF STUDENTS’ INTERESTS
15.
The parties agree, so far as is within their separate powers, to maintain the Programme of
Study as approved. The parties will inform each other about any intake of students. Alterations to
this Programme which become necessary at short notice must be notified to the partner institution,
and to any students affected.
CAPACITY
16.
Each party declares for itself that it has full capacity to enter into this agreement and each
signatory that he/she is an appropriately empowered officer of the institution with authority to act
for the party he/she represents.
Signed for and on behalf of UNIPA: Signed for and on behalf of UNR :
Signed:
Signed:
Name: Prof. Roberto Lagalla Name: Prof.
Position: Rector of UNIPA Position: Rector of UNR
Place & Date:
Place & Date:
ANNEX A
Responsible Persons
The actual designated contact persons, responsible for ensuring that the agreement is kept current
and report annually to either institution on the cooperation are
for UNR:
NAME
Prof. Nanda Mendez
POSITION
Professor at FCEyE
Prof. Leticia Hachuel
Chairman of MEA
CONTACT DETAILS
+54 341 4802791 int. 111
[email protected]
+54 341 4802791 int.152
[email protected]
for UNIPA
NAME
Prof. Massimo Attanasio
POSITION
Chairman of CCS
Prof. Antonella Plaia
Vice-Chairman of CCS
CONTACT DETAILS
+39 09123895301
[email protected]
+39 09123895244
[email protected]
ANNEX B
Conversion Table for students enrolled at LMSS wishing to enter the DPStat programme of UNR
and UNIPA.
B1.
Students enrolled at LMSS wishing to enter the DPStat programme of UNR and UNIPA
must apply according to the call at UNIPA.
31
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
Laurea Magistrale in Scienze Statistiche
Insegnamento
cfu
sem
hours
Piani
di
campionamento
8
per le scienze
sociali
Statistical
modelling(*)(****)
Stochastic
processes(*)
10
8
1
1
2
60
72
L
2
96
semester
M
May/Jun
2015
50
Introducción a la
Estadística
M
Semiparamétrica
y No Paramética
July-Aug
2014
50
Sep-Oct
2014
50
Nov-Dec
2014
50
Metodi esplorativi
6
e data-mining
1
42
Categorical
analysis(*)
1
42
1
42
1
42
Biostatistics (*)
6
Metodi
statistici
6
per la valutazione
2
42
2
42
Demografia (**)
6
1
statistici 6
2
Modelli
M
Mar-Apr
50
2015
2015 to
50
be
defined
2015 to
be
50
defined
60
Metodi esplorativi
6
e data-mining
Categorical data
6
analysis(*)
M
80
60
2
6
Inferencia
estadistica
Modelos
Lineales
Generalizados
Modelos
Lineales
Generalizados
Modelos
Lineales
hours
Probabilidad e
Introducción
a
M
los
Procesos
Estocásticos
Metodi
statistici
8
non parametrici
data
Maestria en Estadistica Aplicada (i)
Insegnamento
level
period
Metodos
muestrales
aplicados
a L
1o2
censos
y
encuestas
Análisis
Exploratorio de M
Datos
Análisis
de
Datos
M
Multivariados
Analisis
datos
categoricos
de
L
2
112
semester
Analisis
de
datos
de L
supervivencia
1
96
semester
48
Metodos
Cuantitativos en L
Demografia
1
80
semester
48
Metodos
2
L
80
32
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
dei
comportamenti
economici (**)
Estadisticos
aplicados a la
Economia
Series
Tiempo
Analisi
serie
temporali
e 6
spaziali (**)(*****)
1
48
de
semester
2015 to
50
be
defined
M
Analisis
De
Datos
L
Longitudinales
Modelos lineales
para
datos M
longitudinales
2
96
semester
50
* in English
** bachelor
*** only if it was not in the Laurea Triennale
**** 2 courses over 4 of this group correspond to Statistical Modelling
***** just one course either at L or M level
conversion rule: 6 hours = 1 credit at M level; 7 hours=1 credit at L level
Conversion Table for students enrolled at MEA wishing to enter the DPStat programme of UNR
and UNIPA.
B2.
Students enrolled at MEA wishing to enter the DPStat programme of UNR and UNIPA
must apply according to the call at UNR.
Maestría en Estadística Aplicada
Laurea Magistrale in Scienze Statistiche
Horas
totales Asignatura
Horas
totales Sem
Créditos
STOCHASTIC
PROCESSES(*)
60
2
8
STATISTICAL
MODELLING(*) (***)
72
1
10
STATISTICA 4 (**)
72
2
8
Introdución
a
la
Estadística
Semiparamétrica y No Paramétrica
50
METODI
STATISTICI
NON PARAMETRICI
60
2
8
Análisis Exploratorio de Datos
METODI
ESPLORATIVE
DATA MINING
1
6
Asignatura
Probabilidad e Introducción
Procesos Estocásticos
a
los
50
Inferencia Estadística
Modelos Lineales
Modelos Lineales Generalizados
50
50
50
Análisis de Datos Multivariados
50
50
E
42
33
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
Muestreo
Series de Tiempo
Modelos
Lineales
Longitudinales
para
50
METODI
STATISTICI
PER LA VALUTAZIONE 48
2
6
50
ANALISI
TEMPORALI
SPAZIALI (**)
48
1
6
50
BIOSTATISTICS(*)
42
2
6
ECONOMETRIA
48
METODI
STATISTICI
PER IL CONTROLLO
DELLA QUALITÀ
42
ANALISI DI MERCATO 42
2
6
2
2
6
6
PIANI
DI
CAMPIONAMENTO
PER
LE
SCIENZE
SOCIALI
60
1
8
SERIE
E
Datos
Seminario de Estadística Aplicada (****) 50
Metodología de la investigación
60
(*) in English
(**) Bachelor
(***) two courses over three
(****) one course over three
Il Responsabile del procedimento
f.to dott. Valeria Floriano
Il Dirigente ad interim
f.to dott. Antonio Valenti
Il Senato Accademico
visti gli artt. 2, 4 e 9 dello Statuto vigente dell’Università degli Studi di Palermo
visti gli artt. 3, c.10 e 11, c.7-o del Decreto Ministeriale 22 ottobre 2004, n. 270;
visto l’art 2, c.2-II del DM 15 ottobre 2013, n.827, “Linee generali di indirizzo della programmazione
delle università per il triennio 2013-2015”;
visti i DD.MM. 23 dicembre 2013 n. 1059, 30 gennaio 2013 n. 47 e 22 settembre 2010 n. 17;
vista la nota prot. 17 del 16 febbraio 2011 del MIUR – Direzione Generale per l’Università e il
Diritto allo Studio – Ufficio V;
visto il Regolamento Didattico dell’Ateneo di Palermo;
vista la nota della Segreteria Tecnica del Rettore prot. n. 31086 del 05 maggio 2010 avente per
oggetto le Linee Guida del Programma Doppio Titolo di Laurea;
34
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
visti il “Cooperation Agreement” e l’allegato “Annex B” riportante la tabella di conversione fra gli
insegnamenti tenuti presso l’Università degli Studi di Palermo e quelli tenuti presso la “Universidad
Nacional de Rosario”, predisposti su indicazioni della UOB05bis Programmi e ordinamenti didattici
internazionali;
vista la delibera del Consiglio Interclasse dei Corsi di Studio in “Statistica per l’Analisi dei Dati –
L41” e “Scienze Statistiche – LM82” del 29/04/2014, vistata dal Direttore del Dipartimento “Scienze
economiche, Aziendali e statistiche”;
vista la proposta del Responsabile del procedimento;
sentito il parere della Commissione congiunta che rileva, nei manifesti proposti dalle Università
straniere, la presenza di insegnamenti che possono trovare, talvolta, una corrispondenza più
puntuale in insegnamenti erogati da altri corsi di studio dell’Ateneo e pertanto suggerisce, ove
possibile, l’inserimento di questi curricula formativi degli studenti stranieri o di individuare idonee
modalità di flessibilità dell’offerta formativa nei confronti degli studenti incoming.
Il Senato Accademico, pertanto,
DELIBERA
parere favorevole alla proposta sopra riportata.
Letto e approvato stante.
21. Accordo di cooperazione tra UNIPA e Università di “Georg-August-Göttingen” per
l’attivazione di un percorso doppio titolo nell’ambito del Corso di laurea magistrale in
Archeologia LM-2 (prof. Elisa Chiara Portale)
RELAZIONE DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
A seguito di uno specifico incontro con la prof.ssa Portale, volto a verificare la fattibilità di un
percorso integrato di studi con rilascio di doppio titolo in Archeologia - Master of Arts/Laurea
magistrale – tra l’Università degli Studi di Palermo e la Georg-August Universität Göttingen, si è
attivato un intenso scambio di e-mail tra questo ufficio e la docente stessa (All. 1) e,
successivamente, anche con gli uffici del partner straniero (All. 2).
Di concerto con la docente e gli uffici partner, si è giunti alla predisposizione del “Memorandum of
Cooperation” tra le sedi e alla definizione dell’allegato riportante la tabella delle corrispondenze tra
gli insegnamenti dei due Corsi di Studio coinvolti, tenuto conto dei rispettivi ordinamenti didattici e
della normativa vigente.
In data 28-04-2014, la prof.ssa Portale ha trasmesso via mail la delibera di approvazione del
Consiglio di Corso di studi (All. 3), il Decreto del Direttore del Dipartimento Culture e Società (All.
4), il “Memorandum of Cooperation” con la Georg-August Universität Göttingen (All. 5) e la tabella
delle corrispondenze degli insegnamenti dei due corsi di Studio coinvolti (All. 6).
Lo scrivente ufficio ha verificato la correttezza formale e sostanziale della documentazione ricevuta
ed ha constatato che le indicazioni concordate sono state osservate.
Ciò premesso, si propone che il Senato Accademico
DELIBERI
35
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
parere favorevole all’approvazione dell’accordo di cooperazione tra l’Università degli Studi di
Palermo e l’Università di Georg-August-Göttingen per l’attivazione di un percorso formativo
internazionale (Doppio Titolo di Laurea) nell’ambito della Corso di Laurea Magistrale in
Archeologia (LM-2) che di seguito si riporta nella versione in lingua inglese:
MEMORANDUM OF COOPERATION
between
Università degli Studi di Palermo
Piazza Marina 61, 90133 Palermo
Italy
Represented by Rector
Prof. Dr. Roberto Lagalla
[Implementing Institution: Dipartimento di Culture e società: Consiglio di Coordinamento dei Corsi
di Laurea in Beni Culturali e di Laurea magistrale in Archeologia (CCSBCA)]
and
Georg-August Universität Göttingen
Georg-August-Universität Göttingen Stiftung Öffentlichen Rechts
Wilhelmsplatz 1, 37073 Göttingen, Germany,
Both represented by President
Prof. Dr. Ulrike Beisiegel
[Implementing Institution: Philosophische Fakultät]
In respect of
a Double Degree Programme in Archaeology - Master of Arts/Laurea magistrale
PREAMBLE
This Agreement is entered into by and between Università degli Studi di Palermo (hereinafter
Palermo) and Georg-August-Universität Göttingen/Georg-AugustUniversität Göttingen Stiftung
Öffentlichen Rechts (hereinafter Göttingen).
The Parties to this Agreement,
Attaching great importance to institutional autonomy, to academic freedom of research and
teaching, and conscious of the need to uphold and protect these principles;
Having regard to national higher education laws and university bylaws, in specific for Göttingen § 8
(2) 2 NHG; Prüfungs- und Studienordnung für den Master-Studiengang “Klassische Archäologie”;
Having also regard to the “Lisbon Convention on the recognition of qualifications concerning
Higher Education in the European Region” signed 1997 and its corresponding national laws;
United in the aim of promoting a double degree programme in Archaeology between Göttingen and
Palermo;
Have agreed as follows:
36
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
AGREEMENT
Part I – General Provisions
1.
The parties to this Agreement and fields of cooperation
1.1. This Memorandum of Cooperation sets out the agreement reached between the Parties in
respect of the establishment of a double degree programme between Palermo and Göttingen,
wherein Palermo awards the degree Laurea magistrale and Göttingen awards the degree Master
of Arts.
1.2. Cooperation is to be sought especially in, but not limited to,
establishing contacts in research and teaching,
seeking jointly third-party funding for teaching projects, namely EU, national higher education
agencies or industrial partners,
engaging in joint teaching projects, such as, but not limited to, lectures, seminars, field trips,
exchanging information via publications, teaching materials, and electronic networks and
conducting joint supervisions of student projects leading to the award of a double degree.
2.
Terms and Definitions
2.1. For the purposes of this Agreement, the below mentioned terms shall have the following
meaning:
“Student” is defined as any student admitted to either the programme “MasterStudiengang in
Klassischer Archäeologie” of Göttingen or the programme “Laurea magistrale in Archeologia” of
Palermo and the resulting double degree programme.
“Home institution” is defined as the institution in which a student or is originally enrolled and
admitted. The same applies to any staff member which is attached to a partner institution by
appointment or labour contract.
“Host institution” is defined as the institution, which is not his/her home institution, to which a
student is attached by enrolment or to which a staff member is attached by appointment or labour
contract.
“Double Degree Programme” is defined as the jointly agreed upon curriculum, which includes
periods at the home institution and periods abroad at the host institution and leads to the award of
two degrees.
3.
Non-Discrimination
The parties to this Agreement subscribe to a policy of equal opportunity and will not discriminate
on the basis of race, colour, sex, age, national origin or ancestry, marital status, parental status,
sexual orientation or disability.
4.
Responsibilities for both Parties to this Agreement
4.1. The parties recognise that under their separate regional and/or national laws, regulations and
administrative controls each party is responsible for:
overseeing and maintaining the academic standards of the double degree programme in respect of
its own award;
satisfying the separate regional and/or national authorities in respect of approval, administration,
operation, monitoring, reporting upon and review of the double degree programme and any
changes required in consequence.
4.2. To promote the ease of operation of the double degree programme, the parties have further
agreed that each institution is independently and self-sufficiently responsible for:
providing the resources necessary for the successful operation of the double degree programme
within the country in which the party normally operates;
informing the partner institution of any significant changes in the double degree programme or in
available resources;
all matters affecting the welfare of students during the period of their study in that party’s
institution.
4.3.
The parties recognise that they must jointly contribute to the academic direction,
development and quality of the double degree programme. The partner institutions agree to assist
37
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
each other in meeting the requirements of their respective authorities, and in maintaining the
compatibility of content, teaching and assessment approaches of their programmes in order to
ensure mutual recognition of credit to facilitate students’ progress to the two awards.
Part II – Admission and Enrolment
5.
Admission to the double degree programme
5.1. Admission to the double degree programme shall start for the academic year 2014/15 at both
partner institutions.
5.2. Each party to this Agreement admits up to five (5) candidates to this programme. The total
number of students enrolled shall not exceed ten (10) students per academic year.
5.3. Candidates to join this programme must be officially admitted to either:
Göttingen’s programme: “Master-Studiengang Klassische Archäologie (M.A.)”
Palermo’s programme: “Laurea magistrale in Archeologia”
5.4. Once admitted to either Göttingen’s or Palermo’s programme successful candidates must
demonstrate further admission requirements to be admitted to the double degree programme:
Students whose home university is Göttingen must demonstrate intermediate language skills in
Italian, equivalent to level B1 according to the Common European Framework of Reference for
Languages.
Students whose home university is Palermo must demonstrate upper intermediate language skills
in German, equivalent to level B2 according to the Common European Framework of Reference
for Languages.
Students who do not fulfil these additional requirements yet may only be admitted if the current
language level gives reason to expect that within a short period of time the above stated language
requirements can be fulfilled. Nevertheless language skills must meet admission requirements
prior to starting the semester at the host institution.
5.5. Admission is under sole responsibility of the home institution, unless agreed otherwise in
writing.
6.
Nomination
6.1. Once students have been admitted to the double degree programme the home institution
provides to the host institution information on respective students (name and contact details). This
information will be used to prepare enrolment at the host institution, and must meet national data
protection standards.
Göttingen will inform Palermo by December 1st each year.
Palermo will inform Göttingen by June 1st each year.
6.2.
The right to revoke nominations lies with the home institution. The host institution will
normally accept nominations unless compelling academic or institutional reasons conflict.
7.
Enrolment
7.1.
Students shall be enrolled at both institutions in the corresponding programmes. The
additional enrolment at the host institution shall be done at the latest when starting the double
degree programme at the host institution, and must be upheld until graduation or termination.
7.2.
Students enrolled in the programme will have the same rights and status as other students
at the respective institution.
Part III – Academic Standards and Quality Assurance
8.
Duration of the Programme
8.1.
The overall duration of the double degree programme is four semesters. The overall work
load comprises of 120 ECTS. Students who have been admitted may thus after successful
completion receive both degrees within a two year period of study.
8.2.
Göttingen and Palermo agree upon a shared academic curriculum, further outlined in
Annex B. Credits earned for the degree at one institution shall count towards the degree of the
other.
8.3.
Göttingen students spend Semester 2 in Palermo; Palermo students spend Semester 3 in
Göttingen.
38
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
9.
Recognition of credits/Examinations
9.1.
Each party shall recognize periods of study completed at the other partner institution in
conformity with this Agreement, institutional standards and the Convention on the recognition of
qualifications concerning Higher Education in the European Region (Lisbon-Convention).
9.2.
All courses (including examination, content, credits and workload) are the responsibility of
the partner institution which offers them unless the parties to this Agreement agree on a joint
responsibility. Courses shall be organized in modules according to the Qualifications Framework of
the European Higher Education Area.
9.3.
If a student fails a course at the host institution, he/she may request to resit the
examination on-campus of the home institution. This repeat examination will be carried out
according to the standards and under sole responsibility of the host institution. The home institution
shall only provide additional services to facilitate the supervision of the examinee. The request to
resit an examination is excluded if either a resit of this specific course is excluded or the student
had already failed the final attempt of this examination prior to his/her request.
10.
Joint assessment of the master thesis
10.1. After successful completion of the course work (90 ECTS) the master thesis shall be
submitted to the home institution, unless agreed otherwise in writing between the parties. The
master thesis comprises of 30 ECTS and represents the final examination.
10.2. The master thesis must be jointly supervised and assessed by authorized academic staff of
both universities.
For Göttingen two supervisors, one of Göttingen and one of Palermo, jointly assess the master
thesis. There will be no thesis defence.
For Palermo two supervisors, one of Göttingen and one of Palermo, jointly assess the master
thesis. There will be a thesis defence.
11. Award of the Degree
11.1. Upon successful completion of the double degree programme Palermo awards the degree
“Laurea Magistrale”.
11.2. Upon successful completion of the double degree programme Göttingen awards the degree
“Master of Arts” (M.A.).
11.3. A decision by one partner institution not to award the degree does not preclude the other
from awarding the degree.
12. Degree Certificate/Diploma Supplement
12.1. The certificate shall be issued for the double degree programme: Klassische
Archaologie/Archeologia (M.A./L.M.).
12.2. Each institution shall issue degree certificates in compliance with its standard corporate
corporate identity and layout in the national language and in English. Additionally, the degree
certificate must mention that the degree was awarded after completion of a double degree
programme and shall be valid only in conjunction with the degree of the other institution.
12.3. The parties shall strive to develop a joint diploma supplement. For the time being the
parties agree that each institution uses its standard diploma supplement.
Part IV – Responsibilities of Students
13. Students’ obligation
13.1. Student enrolled in the programme are held responsible for:
their own cost of living,
accommodation,
fees eventually applicable at both host- and home university,
costs for mobility between host and home university,
health and other insurances eventually requested.
The parties to this Agreement do not assume any liability for students towards each other or any
third party.
39
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
13.2. The home institution shall inform the students at the earliest opportunity on their obligations
under this Agreement.
14. Fees
14.1. While at the home institution, students are subject to regular tuition and other fee
regulations at the home institution.
14.2. While at the host institution, students are required to pay following fees for students:
For Göttingen: Fees applicable to international exchange students.
For Palermo: no extra fees are applicable to international exchange students.
14.3 Each partner institution shall inform the other partner one (1) month prior to nomination on
the amount of fees applicable for the respective semester at the partner institution.
14.4. Neither institution has any liability or responsibility to provide any financial support for its
students participating in this programme.
15. Code of Conduct for students
15.1. Students under this Agreement are subject to policies, procedures and the laws of both home
and host institutions and the respective country. The students will be disciplined or expelled for
violations in the same manner as other students at the home and host institutions.
Part V – Management of the programme
16. Liaison and contact
Each partner institution shall appoint at least one member of senior academic staff responsible for
liaison between the partner institutions and responsible for the curriculum. Normally, at least one
member of the academic staff of each institution will visit the other institution in each academic
year. Each partner institution shall appoint at least one member of staff responsible for
administration and management of the programme, including nomination of students to the partner
institution and all other non-academic matters. The currently designated contact persons are listed
in Annex A.
17. Marketing, public relations and recruitment
17.1. Each party shall promote the programme within the country in which the party normally
operates without prior consent of the partner institution.
17.2. Any use of the name or logo of the partner institution in promotional print or digital material
must be confirmed by the partner institution.
18. Travel and other Expenses
All expenses, eg. travel and accommodation cost, incurred to staff members of the partner
institutions may eventually be covered by the home institution of this specific member of staff
unless agreed otherwise by the parties to this Agreement.
Part V- Final Provisions
19. Dispute resolution
The parties shall attempt to resolve any dispute arising out of this Agreement through negotiations
between the academic liaison persons (Annex A).
20. Duration, Modifications and Termination
20.1. This agreement will be effective from the date of signature for an initial period of five years.
Thereafter it shall be automatically extended for an additional period of five years at each
expiration date.
20.2. Any of the parties to this Agreement may terminate the collaboration without reason, giving at
least one year’s notice in writing. Immediately following the decision to terminate, recruitment to
the joint programme will cease.
20.3. Any of the signatories to this Memorandum may propose revisions to it at any time. Revisions
must be agreed in writing by both parties. Amendments to the curriculum (Annex B) must be made
in writing and signed by the academic liaison persons of both parties.
In witness thereof the undersigned representatives, being duly authorized, have signed this
Agreement. Done in four copies, whereof two copies shall be for each signing party.
40
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
Università degli Studi di Palermo
Italia/Italy
Göttingen
Deutschland/Germany
Georg-August-Universität
The Rector
The President
Professor Roberto Lagalla
Professor Ulrike Beisiegel
Place & Date :
Academic Liaison Person
Professor
Place & Date :
Academic Liaison Person
Professor Johannes Bergemann
ANNEX A – CONTACT DETAILS
The actual designated contact persons, responsible for ensuring that the agreement is kept current
and report annually to either institution on the cooperation are for the University of
Göttingen/Germany:
41
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
Academic Liaison Person
Director of Institute of Archaeology
Prof. Dr. Johannes Bergemann
E -Mail
[email protected]
Correspondence Address
Georg-August-Universität Göttingen
Philosophische Fakultät
Archäologisches Institut
Nikolausberger Weg 15
D-37073 Göttingen
Phone/Fax
Phone: + 49 (0) 551 39-7502
Fax: +49 (0) 551 39 -22062
Administrative Liaison Person
Dr. Chiara Blasetti Fantauzzi
E -Mail
[email protected]
Correspondence Address
Georg-August-Universität Göttingen
Philosophische Fakultät
Archäologisches Institut
Nikolausberger Weg 15
D-37073 Göttingen
Phone/Fax
Phone: (0551) 39-9236
ANNEX A – CONTACT DETAILS
The actual designated contact persons, responsible for ensuring that the agreement is kept current
and report annually to either institution on the cooperation are for the University of Palermo/Italy:
42
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
Academic Liaison Person
Coordinatore dei Corsi di Laurea in
Beni Culturali e di Laurea Magistrale
in Archeologia
Professor Elisa Chiara PORTALE
E- Mail
[email protected]
Correspondence Address
viale delle Scienze, edificio 12
90128 Palermo
Phone/Fax
Phone: 00393472525505
Fax: 003909123860651
Administrative Liaison Person
Ricercatore - Consiglio di
Coordinamento dei Corsi di Laurea in
Beni Culturali e di Laurea Magistrale
in Archeologia
dott. Aurelio BURGIO
E-Mail
[email protected]
Correspondence Address
viale delle Scienze, edificio 12
90128 Palermo
Phone/Fax
Phone: 00393336740548
Fax: 003909123860651
ANNEX B – Curriculum
Students of University of Göttingen
To be awarded the degrees Master of Arts/Laurea Magistrale students whose home university is
Göttingen have to complete 120 ECTS of which 78 ECTS are “Fachstudium” (Mono-Master).
Göttingen students spend semesters 1, 3 and 4 at Göttingen and semester 2 at Palermo. Students
have to accomplish 33 ECTS during semester 1 (Table 1), 30 ECTS during semester 2 (Table 2 Göttingen), and 27 ECTS during semester 3 (Table 3). In semester 4 students write the master
thesis which equals 30 ECTS (Table 4). The master thesis shall be jointly supervised by academic
staff of Palermo and Göttingen.
Semester 1 in Göttingen (Table 1)
Title
Amount of
ECTS
M.KAR.01
Archäologie als Kulturwissenschaft/
9 ECTS/
Archaeology as a Discipline of Cultural Studies
4 SWS
M.KAR.02b Gattungen, Epochen, Regionen – wissenschaftlicher Diskurs/
12 ECTS/
Classes, Epochs, Regions - Scientific Discourse
4 SWS
M.CAB.20d Gattungen: Interpretation und Präsentation/
6 ECTS/
Classes: Interpretation and Presentation
4 SWS
Schlüsselkompetenzen/
6 ECTS
Key Skills
Total
33 ECTS
Semester 2 in Palermo (Table 2)
43
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
Title
GRUPPO di Attività
formative opzionali II
(una
disciplina
a
scelta)
Group II: max one (1)
option
GRUPPO di Attività
formative opzionali III
(una
disciplina
a
scelta)
Group III: max two (2)
options
17433 Archeologia e civiltà egee /
Aegean archaeology and civilization
17435 Archeologia Greca/
Greek Archaeology (12 ECTS)
17437 Archeologia romana e provinciale/
Roman and Provincial Archaeology (12 ECTS)
06789 Storia dell’archeologia/
History of Archaeology (6 ECTS)
06284 Rilievo e analisi tecnica dei monumenti antichi/
Graphic surveying systems and technical analysis for
study of ancient buildings (6 ECTS)
Ulteriori
attività 11776 Laboratori/Attività sul campo
formative
(2 ECTS + 2 ECTS /4 ECTS)
Other activities: max Students choose 1 or 2 options between Archaeological
two (2) option
Dig (2 or 4 ECTS), Laboratory (2 ECTS), Field Activities
(2 ECTS)
Total
Semester 3 in Göttingen (Table 3)
Title
M.KAR.03
M.KAR.04a
M.KAR.05
Archäologische Analyse und historische Synthese/
Archaeological Analysis and Historical Synthesis
Archäologische Wissenschaftskompetenz /
Archaeological Academic Competence
Wissenschaftliche Profilbildung /
Academic Specialization
Schlüsselkompetenzen/
Key Skills
Total
Semester 4 in Göttingen (Table 4)
Master Thesis under Joint Supervision
Amount of
ECTS
8 ECTS/
4 SWS
18 ECTS/
4 SWS or
6 SWS
4 ECTS
30 ECTS
Amount of
ECTS
9 ECTS/
4 SWS
6 ECTS/
4 SWS
6 ECTS/
2 SWS
6 ECTS
27 ECTS
30 ECTS
ANNEX B
Students of University of Palermo
To be awarded the degrees Master of Arts/Laurea Magistrale students whose home university is
Palermo have to complete 120 ECTS of which 30 ECTS will be done at Göttingen.
Palermo students spend semesters 1, 2 and 4 at Palermo and semester 3 at Göttingen. Students
have to accomplish courses which equal a credit transfer of 24 ECTS up to 38 ECTS during
semester 1 (Table 1), a minimum of 22 ECTS up to 36 ECTS during semester 2 (Table 2), and 30
ECTS during semester (Table 3 - Göttingen). In Semester 4 students write the master thesis which
44
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
equals 30 ECTS (Table 4). The master thesis shall be jointly supervised by academic staff of
Palermo and Göttingen.
Semester 1 in Palermo (Table 1)
Title
Amount of
ECTS
GRUPPO
di
Attività 17431 Storia ed epigrafia greca/
12 ECTS/
formative opzionali I (una Greek history and epigraphy (12 ECTS)
6 SWS
disciplina a scelta)
17434 Storia romana ed epigrafia latina/ Roman
Group I: max one (1) option history and epigraphy (12 ECTS)
GRUPPO di Attività
02660 Drammaturgia del mondo greco e romano/ 8 ECTS/
formative opzionali II (una Greek and Roman Theatre (8 ECTS)
4 SWS
or
disciplina a scelta)
Group II: max one (1) option
0 ECTS in
semester 1
02036 Civiltà bizantina/
and
Byzantine Civilization (8 ECTS)
8 ECTS in
semester 2
GRUPPO di Attività
13594 Archeologia
e
storia
dell’arte [Depending
formative opzionali III (due paleocristiana/
on the option]
discipline a scelta)
Christian archaeology and art (6 ECTS)
12 ECTS/
6 SWS
Group III: max two (2) 02929 Elementi di topografia e fotogrammetria/
options
or
Topography and photogrammetry (6 ECTS)
6 ECTS
GRUPPO di Attività
03602 Geofisica
per
i
Beni
[Depending
formative opzionali IV (una
Culturali/
on the option]
disciplina a scelta)
Geophysics for the Cultural Heritage (6 ECTS)
6 ECTS/
Group IV: max one (1)
4 SWS
option
or
0 ECTS
Total
24
to
38
ECTS
ANNEX B – Curriculum
Semester 2 in Palermo (Table 2)
Title
GRUPPO
di
Attività
formative opzionali II (una
disciplina a scelta)
Group I: max one (1) option
17433 Archeologia e civiltà egee/
Aegean archaeology and civilization (8 ECTS)
[Only if students have not selected this module in
semester 1 and choosed 02660 Drammaturgia
del mondo greco e romano/ Greek and Roman
Theater, or Byzantine Civilization]
GRUPPO di Attività
17435 Archeologia Greca/
formative
opzionali
III Greek Archaeology (12 ECTS)
(discipline a scelta fino a 17437 Archeologia romana e provinciale/
completare i 30 CFU Roman and Provincial Archaeology (12 ECTS)
richiesti)
Group III: max three (3) 06789 Storia dell’archeologia/
options
History of Archaeology (6 ECTS)
Amount of
ECTS
8 ECTS/
4 SWS
[Dependiing
on
options
and modules
selected
in
Semester 1]
18 ECTS/
4 or 6 SWS
45
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
06284 Rilievo e analisi tecnica dei monumenti
antichi/
Graphic surveying systems and technical analysis
for study of ancient buildings (6 ECTS)
Ulteriori attività formative
11776 Laboratori/Attività sul campo
Other activities: max two (2) (2 ECTS + 2 ECTS /4 ECTS)
options
Students choose 1 or 2 options between
Archaeological Dig (2 or 4 ECTS), Laboratory (2
ECTS), Field Activities (2 ECTS)
GRUPPO di Attività
formative opzionali IV (una
disciplina a scelta)
Group IV: max one (1)
option
or
24 ECTS
or
30 ECTS
4 ECTS
15119 Chimica applicata ai Beni Culturali/ 6 ECTS/
Chemistry for the Cultural Heritage (6 ECTS)
4 SWS
[(Only if students have not selected 03602
Geofisica per i Beni Culturali/ Geophysics for the
Cultural Heritage (6 ECTS) in semester 1]
Total
22
to
ECTS
36
Semester 3 in Göttingen (Table 3)
Title
M.KAR.01
Amount of
ECTS
Archäologie als Kulturwissenschaft/
9 ECTS/
Archaeology as a Discipline of Cultural 4 SWS
Studies
M.KAR.03
Archäologische Analyse und historische 9 ECTS/
Synthese/
4 SWS
Archaeological Analysis and Historical
Synthesis
M.KAR.05
Wissenschaftliche Profilbildung /
Academic Specialization
M.KAR.04a
Archäologische Wissenschaftskompetenz 6 ECTS/
/
4 SWS
Archaeological Academic Competence
6 ECTS/
2 SWS
= Disciplina a scelta (8
CFU):
01412
-Archeologia
della Magna Grecia
= Gruppo di Attività
formative opzionali V (8
CFU):
17438 Topografia e
urbanistica del mondo
antico (8 CFU)
= Gruppo di Attività
formative opzionali VI
(8 CFU), a scelta tra:
17552 Etruscologia e
antichità italiche (8
CFU);
03128 Archeologia del
mondo punico (8 CFU)
=
Ulteriori
attività
formative 6 CFU
13351
Altre
conoscenze utili per
l’inserimento nel mondo
del lavoro I (3 CFU)
16852
Altre
conoscenze utili per
l’inserimento nel mondo
del lavoro II (3 CFU)
46
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
Total
30 ECTS
Semester 4 in Palermo (Table 4)
Master Thesis under Joint Supervision
30 ECTS
Allegato: Tabella riassuntiva di corrispondenza degli insegnamenti
GOETTINGEN
1st semester
UGOE
PALERMO (AGRIGENTO)
UP
M.KAR.01
Archäologie
als
Kulturwissenschaft
/
Archaeology as a Discipline of Cultural Studies
(9C/4SWS)
Il modulo viene frequentato a Gottinga nel III
semestre e convalidato come Archeologia
della Magna Grecia nell’ambito Discipline a
scelta (8 CFU)
M.KAR.02b
Gattungen,
Epochen,
Regionen
–
wissenschaftlicher Diskurs / Classes, Epochs,
Regions - scientific discourse
(12 C / 4SWS)
Gruppo di Attività formative opzionali I (12
CFU). Una disciplina a scelta tra:
Storia ed epigrafia greca (due moduli) (12
CFU)
Storia romana ed epigrafia latina (due moduli)
(12 CFU)
M.CAB.20d
Una disciplina di 6 CFU del Gruppo di Attività
Gattungen: Interpretation und Präsentation / formative opzionali III*:
Classes: Interpretation and presentation
Archeologia e storia dell’arte paleocristiana
(6 C / 4SWS)
Oppure al II semestre: Storia dell’archeologia 6
CFU
*Al I semestre si possono conseguire 12 dei 30
CFU richiesti in totale nell’ambito Gruppo di
discipline opzionali III; se anziché 12 si
sostengono solo 6 CFU scegliendo una sola
delle discipline in programma nel I semestre
(Archeologia e storia dell’arte paleocristiana,
Elementi di topografia e fotogrammetria) al II
semestre sono da conseguire altri 24 CFU
nell’ambito (anziché 18).
Schlüsselkompetenzen / Key skills
(6 C)
Una disciplina del Gruppo di Attività formative
opzionali III* (6 CFU):
Elementi di topografia e fotogrammetria 6 CFU
Oppure al II semestre: Rilievo e analisi tecnica
dei monumenti antichi 6 CFU
Schlüsselkompetenzen / Key skills
Gruppo di Attività formative opzionali IV (6
47
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
(6 C)
CFU).
Una disciplina a scelta:
Geofisica per i Beni Culturali (6 CFU)
Oppure al II semestre: Chimica applicata ai
Beni Culturali (6 CFU)
Gruppo di Attività formative opzionali II (8 cfu):
Drammaturgia del mondo greco e romano o
Civiltà bizantina (SE non si sceglie Archeologia
e civiltà egee al II semestre)
2nd semester (the students of UGOE spend the 2nd Semester at UP)
2 options between (18 C):
Due discipline a scelta del Gruppo Attività
formative opzionali III (totale 18 CFU), oppure,
se al I semestre sono stati conseguiti solo 6
cfu di tale gruppo, due o tre discipline pari a 24
CFU, a scelta tra:
Greek Archaeology
Archeologia greca (12 CFU divisi in due moduli
di 6 CFU ciascuno)
Roman and Provincial Archaeology
Archeologia romana e provinciale (12 CFU
divisi in due moduli di 6 CFU ciascuno)
History of Archaeology
Storia dell’archeologia (6 CFU)
Graphic surveying systems and technical Rilievo e analisi tecnica dei monumenti antichi
analysis for study of ancient buildings
(6 CFU)
Aegean Archaeology and Civilization (8 C)
Gruppo di Attività formative opzionali I (se non
si è scelta al I semestre Drammaturgia del
mondo greco e romano o Civiltà bizantina dallo
stesso gruppo I):
Archeologia e civiltà egee (8 CFU)
UAF (Additional formative activities)
1/2 options between:
Archaeological Dig (2 or 4 C)
Laboratory (2 C)
Field Activities (2 C)
UAF (Ulteriori Attività Formative) 4 CFU
Laboratori/Attività sul campo, a scelta tra:
Scavo archeologico (2 o 4 CFU)
Laboratorio (2 CFU)
Attività sul campo (2 CFU)
Schlüsselkompetenzen / Key skills
Gruppo di Attività formative opzionali IV. Una
(6 C)
disciplina a scelta (6 CFU) [se non si è scelta
UGOE students get these C in the 3rd Geofisica per i Beni Culturali al I semestre]:
semester
Chimica applicata ai Beni Culturali (6 CFU)
3th semester (the students of UP spend the 3th Semester at UGOE)
Da convalidare come Disciplina a scelta (8
M.KAR.01
Archäologie
als
Kulturwissenschaft
/ CFU):
Archaeology as a Discipline of Cultural Studies Archeologia della Magna Grecia
(9C/4SWS)
M.KAR.03
Da convalidare come disciplina del Gruppo di
48
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
Archäologische Analyse und historische Attività formative opzionali V (8 CFU):
Synthese / Archaeological Analysis and Topografia e urbanistica del mondo antico (8
Historical Synthesis
CFU)
(9 C / 4 SWS)
M.KAR.04a
Archäologische Wissenschaftskompetenz
Archaeological Academic Competence
(6 C / 4 SWS)
Da convalidare come Ulteriori attività formative
/ (6 CFU):
Altre conoscenze utili per l’inserimento nel
mondo del lavoro I (3 CFU)
Altre conoscenze utili per l’inserimento nel
mondo del lavoro II (3 CFU)
M.KAR.05 Wissenschaftliche Profilbildung / Da convalidare come una disciplina del
Academic Specialization (6 C / 2 SWS)
Gruppo di Attività formative opzionali VI (8
CFU), a scelta tra:
Etruscologia e antichità italiche (8 CFU)
Archeologia del mondo punico (8 CFU)
4th semester
Master Thesis
(30 C)
Il Responsabile del procedimento
f.to dott. Valeria Floriano
Tesi di laurea (30 CFU)
Il Dirigente ad interim
f.to dott. Antonio Valenti
Il Senato Accademico
visti gli artt. 2, 4 e 9 dello Statuto vigente dell’Università degli Studi di Palermo
visti gli artt. 3, c.10 e 11, c.7-o del Decreto Ministeriale 22 ottobre 2004, n. 270;
visto l’art 2, c.2-II del DM 15 ottobre 2013, n.827, “Linee generali di indirizzo della programmazione
delle università per il triennio 2013-2015”;
visti i DD.MM. 23 dicembre 2013 n. 1059, 30 gennaio 2013 n. 47 e 22 settembre 2010 n. 17;
vista la nota prot. 17 del 16 febbraio 2011 del MIUR – Direzione Generale per l’Università e il
Diritto allo Studio – Ufficio V;
visto il Regolamento Didattico dell’Ateneo di Palermo;
vista la nota della Segreteria Tecnica del Rettore prot. n. 31086 del 05 maggio 2010 avente per
oggetto le Linee Guida del Programma Doppio Titolo di Laurea;
visti il “Memorandum of Cooperation” e l’allegato riportante la tabella di conversione fra gli
insegnamenti tenuti presso l’Università degli Studi di Palermo e quelli tenuti presso la “GeorgAugust Universität Göttingen”, predisposti su indicazioni della UOB Programmi e ordinamenti
didattici internazionali;
vista la delibera del Consiglio di Corso di Studi in “Archeologia” del 28/04/2014
49
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
vista il decreto del Direttore di Dipartimento “Culture e Società” del 28/04/2014;
vista la proposta del Responsabile del procedimento;
sentito il parere della Commissione congiunta che rileva, nei manifesti proposti dalle Università
straniere, la presenza di insegnamenti che possono trovare, talvolta, una corrispondenza più
puntuale in insegnamenti erogati da altri corsi di studio dell’Ateneo e pertanto suggerisce, ove
possibile, l’inserimento di questi curricula formativi degli studenti stranieri o di individuare idonee
modalità di flessibilità dell’offerta formativa nei confronti degli studenti incoming.
Il Senato Accademico, pertanto,
DELIBERA
parere favorevole alla proposta sopra riportata.
Letto e approvato stante.
22. Accordo di cooperazione tra UNIPA e Università di “Taiwan” per l’attivazione di un
percorso doppio titolo nell’ambito del Corso di laurea magistrale in Ingegneria elettronica
LM-29 (prof. Giuseppe Costantino Giaconia/Alessandro Busacca)
RELAZIONE DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
A seguito di una richiesta via mail del 09/04/2014 (All. 1) e successivi incontri con il prof. Busacca,
volti a verificare la fattibilità di un percorso integrato di studi con rilascio di doppio titolo in
Ingegneria Elettronica (LM-29) tra l’Università degli Studi di Palermo e la Da Yeh University of
Chunghua (Taiwan), si è attivato un intenso scambio di e-mail tra questo ufficio e il docente stesso
e, successivamente, col Coordinatore del Corso di Studi prof. Giaconia (All. 2) e anche con
rappresentanti e intermediari del partner straniero (All. 3).
Di concerto con i docenti e il partner, si è giunti alla predisposizione del “Memorandum of
Understanding” tra le sedi e alla definizione dell’Annex riportante la tabella delle corrispondenze
tra gli insegnamenti dei due Corsi di Studio coinvolti, tenuto conto dei rispettivi ordinamenti didattici
e della normativa vigente.
In data 29-04-2014, il prof. Giaconia ha trasmesso via mail la delibera di approvazione del
Consiglio di Corso di studi (All. 4), la nota del Direttore del Dipartimento Energia, Ingegneria
dell'Informazione e Modelli Matematici (All. 5), il “Memorandum of Understanding” con la Da Yeh
University of Chunghua Taiwan (All. 6) e la tabella delle corrispondenze degli insegnamenti dei
due corsi di Studio coinvolti (All. 7).
Lo scrivente ufficio ha verificato la correttezza formale e sostanziale della documentazione ricevuta
ed ha constatato che le indicazioni concordate sono state osservate.
Ciò premesso, si propone che il Senato Accademico
DELIBERI
parere favorevole all’approvazione dell’accordo di cooperazione tra l’Università degli Studi di
Palermo e l’Università di Taiwan per l’attivazione di un percorso formativo internazionale (Doppio
Titolo di Laurea) nell’ambito del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria elettronica (LM-29) che
di seguito si riporta nella versione in lingua inglese:
50
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
CO-OPERATION AGREEMENT
BETWEEN
THE “UNIVERSITÀ degli STUDI di PALERMO” (UNIPA)
AND
DA YEH UNIVERSITY OF CHUNGHUA (R.O.C.)
The “UNIVERSITÀ degli STUDI di PALERMO” (hereafter UNIPA), represented by the Rector, Prof.
Roberto Lagalla
AND
The Da Yeh University (hereafter DYU) represented by the Rector, Prof. Dong-Sing Wuu
IN VIEW OF
the mutual interest in facilitating cultural, scientific and research cooperation at international level;
the mutual interest in supporting the international mobility of students, teachers, researchers and
administrative staff in order to improve the training quality in the frame of the European, Chinese,
and international education;
the Italian ministerial decree, D.M. 15 October 2013, n.827 referring to the Planning of the Italian
University System 2013-15, establishing the guide lines for Actions in the frame of the
Internationalization of the Italian University System.
the Taiwan Ministry of Education decree called FEPZ (Free Economics Pilot Zones) of 2 April 2014
on internationalization of Taiwanese University.
THE FOLLOWING AGREEMENT IS REACHED AND SIGNED
ART.1 – COOPERATION ACTIVITY
The contracting parties intend to establish a Double Degree Master in Electronic Engineering
based on the existing Curriculum offered by UNIPA in Italy and based on the Bologna Protocol of
credits.
In addition to the scheme of students and Professors exchange, this agreement establishes the
equivalence of the courses of the Master Program (as in the ANNEX A).
Each party is responsible for executing the Master Program at his location, and will grant students
of both party the diploma, upon completion of the required courses at their premise. Each hosting
institution provides all necessary resources and the facilities for the execution of the program.
Adequate multi-media means (e.g. e-conference, e-learning) will be made available in DYU and
UNIPA in order to facilitate the cooperation activity.
ART.2 – COOPERATION AIMS
The cooperation between the contracting parties will have the following aims:
establish a Double Degree Master in Electronic Engineering;
promote mobility and exchange of teachers, researchers and students in the frame of the Master
Program;
at the discretion of the parts, extend the offer of courses/programs/curricula to foreign students,
from Asia and Europe;
develop the joint realization of complementary scientific and integrated actions in didactics and
research;
in recognition of credits assigned according to Bologna Protocol and the equivalence of courses,
grant to successful students the diploma of both institutions.
ART.3 AREAS COVERED AND IMPLEMENTATION
51
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
The cooperation will cover programs of teaching and research.
Proposals of common activity will be formulated annually by a Joint Cooperation Board (JCB) to be
appointed jointly by UNIPA and DYU. Activities will be conducted under the supervision of the JCB.
The scientific coordinators of each Institution will supervise, in each Country, the coordination of
the activities and will act as contact point should any difficulty arise.
UNIPA and DYU will offer a Master in Electronic Engineering according to the structure and rules
of the Master offered in UNIPA. Professors of UNIPA and other Universities, as required to fill the
schedule, will be appointed by JCB at the beginning of the classes to deliver their courses in DYU.
DYU, will provide facilities in the campus, including but not limited to classrooms, equipment,
administrative resources, laboratories, professor research rooms, tangible and intangible
resources.
ART.4 – FINANCE AND ACCOMMODATION
When implementing the activities covered by this agreement, each contracting party shall ensure
that all assistance will be given in their country to participants sent by the other party.
Each contracting party will use its best endeavors, on its own or jointly, to seek and obtain funding
from outside sources that will facilitate the implementation of all activities stipulated in this
agreement.
The contracting parties will do their best to ensure accommodation and meals facilities on the
basis of complete equality and reciprocity.
All the activities will be carried out in compliance to the National (Italian and Taiwanese) applicable
laws and operating rules.
ART.5 – LENGTH AND VALIDITY
The agreement will be considered effective in case the concerning project, applied in the frame of
the above mentioned Internationalization of the Italian University System. It will come into force
when signed and shall operate for three years.
At the expiration date of the Agreement, the contracting parties will decide whether to continue or
terminate the cooperation. If the latter be the case, written notice will be given six months before
the expiration date.
UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI PALERMO
THE RECTOR
Date
Prof. Roberto Lagalla
Da Yeh University
THE RECTOR
Date
Prof. Dong-Sing Wuu
ANNEX A
CO-OPERATION AGREEMENT
BETWEEN
THE “UNIVERSITÀ degli STUDI di PALERMO” (UNIPA)
AND
DA YEH UNIVERSITY OF CHUNGHUA (R.O.C.)
This Annex A specifies the terms and conditions of a co-operation program aimed at a Double
Degree Master program between UNIPA and DYU and discussed in the above co-operation
agreement.
Each contracting parties undertakes to implement a co-operation program within the framework of
the rules and regulations of each institution and in accordance with the rules of the Italian Ministry
of Education, University and Research (MIUR) for the Italian part and the Taiwan Ministry of
Education
In particular:
all the common activities will be proposed annually by a Joint Cooperation Board (JCB) to be
appointed jointly by UNIPA and DYU. Activities will be conducted under the supervision of the JCB.
The JCB will be appointed with a separate statement;
52
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
exchange students are not financially supported by the program for the period they spend abroad
and shall remain eligible for any scholarships, bursaries, loans or other financial aid eventually
awarded;
Exchanged students can apply for a Double Degree Master Program if they satisfy all the following
rules:
Exchanged students are regularly enrolled in their own Institution and they pay normal tuition fees
to their home Institution;
Exchanged students are responsible for conforming to the immigration requirements of the country
in which the host institution is located;
Level of English language skills, correspondent at least to the Level B2 of the Cambridge
qualification (FCE) or similar;
A maximum number of admitted students (30 exchanging students for the 2014-2015 academic
year) will be decided every year by Joint Cooperation Board (JCB) and student will be selected
with criteria based on a good level of proficiency in their university career, to be verified by UNIPA
and DYU Institutions by following the rules described in point 5 of this ANNEX;
Students from other Far East countries are admitted to the Double Degree master if they meet the
following requirements:
a) they have followed a study curriculum of at least 12 pre-university years and an Electronic
Engineering Bachelor of 1+3 years (or 13 pre-university years and an Electronic Engineering
bachelor of 3 years) equivalent to 180 Italian credits or 90 Taiwanese credits).
b) They passed with a minimum of 70/100 score an entrance technical exam prepared by UNIPA
to test their basic preparation.
Minimum credit units to pass in the foreign Institution (15 DYU credits for Italian students going
abroad; and 30 UNIPA credits for Taiwan students going abroad);
Optional courses can be freely chosen among the activated list, within the relative host Institutions,
with the only limitation that they cannot be approved if their contents are present in others courses
already passed by the student.
The following figure shows the Equivalence Table containing the course names that will be
validated by the two Institutions upon students request:
Allegato: tabella riassuntiva di conversione degli insegnamenti
LAUREA
MAGISTRALE
IN
ELETTRONICA, UNIPA
OPZIONE: MICROENGINEERING
Corrispondenza
ore/CFU:
9ore/CFU
Anno
INGEGNERIA Program for Master of Science Degree, Department of Electr
Engineering, Da-Yeh University
CURRICULUM: SEMICONDUCTORS AND ELECTRO-OPTICS
Corrispondenza ore/CFU: 18ore/CFU
1° SEMESTRE
SSD
Elettronica Applicata
INGINF/01
1
CFU Year
1
SSD
Electronics Circuit Design
ING-INF/01
Power Electronics
ING-INF/01
Solid State Physics
FIS/03
9
Fisica dei Materiali per l'Elettronica
FIS/03
(gruppo opzionale I) *
Fondamenti di Chimica per le
Microtecnologie (gruppo opzionale CHM/07
I) *
INGFotonica (gruppo opzionale II) **
INF/01
1° SEMESTER
C
3
6
Special Topics on Chemical Compound
Semicondutors
CHM/07
3
9
Semiconductor Laser + **
6
ING-INF/01
53
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
Insegnamenti
studente
a
scelta
dello
18
Optional
2° SEMESTRE
3
2° SEMESTER
Optional
Microtecnologie (gruppo opzionale INGII)
INF/01
INGINF/01
Microelettronica ***
ING-INF/01
VLSI Design ***
ING-INF/01
Advanced System Design***
ING-INF/01
Computer Architecture and Design***
ING-INF/01
Embedded Systems***
ING-INF/01
6
3
3
9
Solid-State Electronic Devices
ING-INF/01
3
Inglese (gruppo opzionale I)
6
Technical English
L-LIN/12
3
L-LIN/12
69
1° SEMESTRE
SSD
INGINF/01
Comunicazioni ottiche
Fondamenti
di
Dispositivi
INGOptoelettronici (gruppo opzionale
INF/01
III)
Fondamenti di Biofotonica (gruppo INGINF/01
opzionale III)
Nanoelettronica (gruppo opzionale INGIV)
INF/01
2
Microelectronic Device Technology
Dispositivi a eterostruttura (gruppo INGopzionale I)
INF/01
TOTALE 1° ANNO
Anno
6
3
1° SEMESTER
SSD
C
6
Fiber Optics Communications
ING-INF/01
3
ING-INF/01
3
ING-INF/01
3
Nano Structured Materials + Sub-micron
VLSI Technology
ING-INF/01
6
6
Optoelectronic Semiconductor Devices
6
Prova Finale
TOTALE 2° ANNO
Special Topics in Optoelectronics
9
2
Formative
30
CFU Year
2° SEMESTER
Ulteriori Attività
Art.10) - Tirocinio
TOTAL 1° YEAR
2° SEMESTER
Optional
6
Master Thesis
9
(ex
6
18
51
TOTAL 2° YEAR
30
* Gli insegnamenti "Fisica dei Materiali per l'Elettronica" e "Fondamenti di Chimica per la Microingegneria" sono in alternativa fra
loro
54
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
** L'insegnamento "Fotonica" viene soddisfatto dal superamento di Semicondutor Laser + un altro insegnamento a scelta fra:
Laser instrumentation
LED for lighting and Photovoltaics
Optical display technologies
Organic optoelectronics and electronics
*** Una delle materie del gruppo è equipollente a "Microelettronica"
Le "Ulteriori Attività Formative (ex Art.10) - Tirocinio" non sono sostituibili con materie a scelta
Il Responsabile del procedimento
f.to dott. Valeria Floriano
Il Dirigente ad interim
f.to dott. Antonio Valenti
Il Senato Accademico
visti gli artt. 2, 4 e 9 dello Statuto vigente dell’Università degli Studi di Palermo
visti gli artt. 3, c.10 e 11, c.7-o del Decreto Ministeriale 22 ottobre 2004, n. 270;
visto l’art 2, c.2-II del DM 15 ottobre 2013, n.827, “Linee generali di indirizzo della programmazione
delle università per il triennio 2013-2015”;
visti i DD.MM. 23 dicembre 2013 n. 1059, 30 gennaio 2013 n. 47 e 22 settembre 2010 n. 17;
vista la nota prot. 17 del 16 febbraio 2011 del MIUR – Direzione Generale per l’Università e il
Diritto allo Studio – Ufficio V;
visto il Regolamento Didattico dell’Ateneo di Palermo;
vista la nota della Segreteria Tecnica del Rettore prot. n. 31086 del 05 maggio 2010 avente per
oggetto le Linee Guida del Programma Doppio Titolo di Laurea;
visti il “Memorandum of Understanding” e l’”Annex” riportante la tabella di corrispondenze fra gli
insegnamenti tenuti presso l’Università degli Studi di Palermo e quelli tenuti presso la Da Yeh
University of Chunghua (Taiwan), predisposti a seguito delle indicazioni della UOB05bis
Programmi e ordinamenti didattici internazionali;
vista la delibera del Consiglio di Corso di Studi in Ingegneria elettronica del 29/04/2014;
vista la nota del Direttore di “Dipartimento Energia, Ingegneria, dell'Informazione e Modelli
Matematici” del 29/04/2014;
vista la proposta del Responsabile del procedimento;
sentito il parere della Commissione congiunta che rileva, nei manifesti proposti dalle Università
straniere, la presenza di insegnamenti che possono trovare, talvolta, una corrispondenza più
puntuale in insegnamenti erogati da altri corsi di studio dell’Ateneo e pertanto suggerisce, ove
55
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
possibile, l’inserimento di questi curricula formativi degli studenti stranieri o di individuare idonee
modalità di flessibilità dell’offerta formativa nei confronti degli studenti incoming.
Il Senato Accademico, pertanto,
DELIBERA
parere favorevole alla proposta sopra riportata.
Letto e approvato stante.
24. Master Internazionale di II livello in “Argomentazione Giuridica” in collaborazione con
l’Università di Alicante (Spagna)
RELAZIONE DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
VISTO il D.M. n.509 del 3 novembre 1999 e in particolare l’art.3 comma 8;
VISTO il D.M. 270/2004 e in particolare l’art.3 comma 9;
VISTI i Regolamenti che disciplinano i Corsi di Perfezionamento e i Corsi di Master;
VISTO l’estratto del Verbale del Dipartimento di Scienze Giuridiche, Sociali, Politiche e dello Sport
del 13 dicembre 2012 con cui la Prof.ssa Trujillo comunica di avere ricevuto dal Prof. Manuel
Atienza Coordinatore del Master in Internazionale di II livello in “Argomentazione
Giuridica”dell’Università di Alicante (Spagna), la proposta di coinvolgere l’Università di Palermo
come partner al Master suindicato;
VISTO l’Accordo Quadro firmato in data 29/04/2013, dal Rettore dell’Università di Alicante e dal
Rettore dell’Università di Palermo;
VISTO il Decreto del Direttore del Dipartimento di Scienze Giuridiche, della Società e dello Sport
N. 47, Prot.1754 del 28.04.2014, che sarà portato a ratifica alla prima adunanza utile del Consiglio
di Dipartimento, che approva la proposta di Accordo specifico di collaborazione interuniversitaria
per la realizzazione del Master Internazionale di II livello in “Argomentazione Giuridica” con
l’Università di Alicante (Spagna), con rilascio con titolo doppio;
Si propone che il Senato Accademico
DELIBERI
L’adesione al progetto per la realizzazione del Master Internazionale di II livello in
“Argomentazione Giuridica”;
L’approvazione del seguente Accordo specifico di collaborazione interuniversitaria:
ACCORDO SPECIFICO DI COLLABORAZIONE INTERUNIVERSITARIA
Da una parte, il Magnifico Rettore della Universidad de Alicante, signor Manuel Palomar Sanz, che
agisce in nome e per conto di questa Università in virtù del Decreto del Consell de la Generalitat n.
82/2012 del 1 giugno 2012 e in virtù delle attribuzioni conferitegli in ragione della sua carica, in
conformità con quanto disposto dall’art. 64, par. h, dello Statuto della Universidad de Alicante;
e dall’altra il Magnifico Rettore dell’Università di Palermo, signor Roberto Lagalla, che agisce in
nome e per conto di questa Università, con domicilio a Palermo, piazza Marina 61, Italia, e con
poteri sufficienti a rappresentarla nell’ambito di questo accordo;
Manifestano:
56
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
Primo. Che la Universidad de Alicante impartisce annualmente un corso post-lauream in
“Argomentazione giuridica” sin dall’anno 2004. Dapprima come corso di specializzazione in
“Argomentazione giuridica” e, a partire dall’anno 2010, come Máster en “Argumentación Jurídica”,
organizzato dal Departamento de Filosofía del Derecho y Derecho Internacional Privado e sotto la
direzione del prof. Manuel Atienza.
Secondo. Che l’adesione dell’Università degli studi di Palermo al Máster en “Argumentación
Jurídica” della Universidad de Alicante costituisce una eccellente opportunità di migliorare il
rendimento del Master per gli studenti, tanto per la partecipazione di Professori della Università di
Palermo come per la possibilità di ottenere un doppio titolo emesso anche dalla suddetta
Università.
Terzo. Che questo accordo specifico è altamente vantaggioso per le due parti. All’Università degli
studi di Palermo consente di partecipare mediante i suoi docenti al Máster en Argumentación
Jurídica della Universidad de Alicante, e di rilasciare un titolo doppio, e alla Universidad de
Alicante offre un riconoscimento internazionale del suo titolo.
Quarto. Che, in considerazione di tutto ciò, entrambe le istituzioni ritengono conveniente
sottoscrivere un accordo di cooperazione in conformità con le seguenti
CLAUSOLE:
Prima. Finalità dell’accordo
L’Accordo ha tre finalità:
consentire la partecipazione dei professori del Dipartimento di scienze giuridiche, sociali e dello
sport dell’Università degli studi di Palermo al Máster en Argumentación Jurídica dell’Università di
Alicante;
rilasciare il doppio titolo di Master di II livello in “Argomentazione giuridica”;
promuovere l’inserimento del Master di II livello in “Argomentazione giuridica” nell’offerta formativa
della Università di Palermo e nel relativo Manifesto degli Studi;
Seconda. Vigenza
Il presente accordo entrerà in vigore al momento della sua firma e avrà una durata di 5 anni,
rinnovabili tacitamente per un uguale periodo, finché non sia appositamente richiesto da una delle
parti, che lo dovrà comunicare per iscritto con almeno due mesi di anticipo dalla data di scadenza.
La rescissione di una delle parti in nessun caso implicherà la perdita del diritto a terminare il corso
di studi riconosciuto allo studente immatricolato al Master, in conformità con quanto stabilito dal
presente accordo.
Terza. Obblighi dell’Università degli studi di Palermo
Con il presente accordo specifico, l’Università di Palermo assume i seguenti obblighi:
Procedere all’inserimento del titolo di Master di II livello in Argomentazione giuridica all’interno
dell’offerta formativa della Università di Palermo e nel relativo Manifesto degli Studi, a partire
dall’anno accademico 2014/2015 e seguenti, per tutta la durata del presente accordo;
Attribuire il doppio titolo di Master di II livello in “Argomentazione giuridica”, con l’Universidad de
Alicante, a quegli studenti che, avendo ottenuto il titolo di Máster en Argumentación Jurídica dalla
Universidad de Alicante e in conformità con la normativa e i requisiti fissati dalle autorità
accademiche italiane, abbiano presentato agli uffici competenti dell’Università di Palermo la
seguente documentazione:
il titolo di Master della Universidad de Alicante;
57
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
la copia in formato elettronico della tesi sostenuta nel Master;
eventuale ulteriore documentazione richiesta dalla normativa e dai requisiti fissati dalle
autorità accademiche italiane per il rilascio del titolo;
ricevuta del bonifico relativo alla quota di rimborso delle spese per la emissione del titolo;
Stabilire e rendere pubbliche in modo adeguato le condizioni e la procedura per l’ottenimento del
doppio titolo di Master di II livello in “Argomentazione giuridica” rilasciato dall’Universidad de
Alicante e dall’Università degli studi di Palermo;
Assumere la supervisione di tesi di Master secondo l’assegnazione fatta dalla direzione del Máster
en Argumentación Jurídica della Universidad de Alicante;
Facilitare il compimento di periodi di ricerca presso l’Università degli studi di Palermo per la
redazione di tesi di Master, per quegli iscritti che abbiano come tutor professori di questa
Università, mettendo a loro disposizione le strutture dell’Università nelle forme che saranno
stabilite dai competenti organi accademici.
Quarta. Obblighi della Universidad de Alicante
Con il presente accordo specifico, l’Universidad de Alicante assume i seguenti obblighi:
Fornire tempestivamente tutte le informazioni necessarie perché l’Università degli studi di Palermo
possa adempiere agli obblighi indicati ai paragrafi a e c della precedente clausola;
Promuovere per la durata del presente accordo, e non appena il titolo di Master di II livello in
“Argomentazione giuridica” sia inserito nell’offerta formativa della Università di Palermo, un modulo
di Ermeneutica giuridica nel Máster en Argumentación Jurídica della Universidad de Alicante,
tenuto dai professori designati dall’Università degli studi di Palermo, per 1 credito (10 ore di lezioni
frontali);
Includere come tutor i professori dell’Università degli studi di Palermo che abbiano preso parte al
Master. Il corrispettivo per l’attività di tutor sarà a carico della Universidad de Alicante, nei limiti del
budget del Máster en Argumentación Jurídica.
Le spese di viaggio, vitto, alloggio e il corrispettivo per la docenza derivanti dal punto b della
presente clausola saranno a carico del budget del Máster en Argumentación Jurídica, senza che
ciò rappresenti un impegno di ulteriori obblighi economici da parte della Universidad de Alicante.
Quinta. Commissione mista
Entrambe le parti, di comune accordo, costituiranno una Commissione mista in regime paritario
alla quale saranno attribuite funzioni di programmazione, controllo e valorizzazione delle attività
derivanti dal presente accordo, così come di arbitrato in caso di controversia.
Sesta. Norma transitoria
In deroga a quanto previsto dalla clausola terza lettera a), gli studenti iscritti al Master in
Argumentación Jurídica della Universidad de Alicante nell’A.A. 2013/2014 potranno conseguire, su
loro richiesta e secondo le modalità previste dalla clausola terza lettera b), il doppio titolo.
A conferma degli impegni assunti, le parti convenute firmano in duplice copia il presente
documento, nel luogo e nella data indicati.
Alicante, ________________
Palermo, _____________
Per la Universidad de Alicante
D. Manuel Palomar Sanz
Rector
Responsabile per Alicante
58
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
D. Manuel Atienza
(Direttore del Master)
Per l’Università degli Studi di Palermo
Roberto Lagalla
Rector
Responsable per Palermo
Isabel Trujillo
CONVENIO ESPECÍFICO DE COLABORACIÓN INTERUNIVERSITARIO
De una parte, D. Manuel Palomar Sanz, Señor Rector Magnífico de la Universidad de Alicante,
nombramiento que acredita mediante Decreto 82/2012 de 1 de junio 2012 del Consell de la
Generalitat, y en nombre y representación de este organismo, en virtud de las atribuciones que
tiene conferidas en razón de su cargo conforme a lo dispuesto en el artículo 64, apartado h del
Estatuto de la Universidad de Alicante.
Y de otra, el Señor Rector Magnífico de la Università degli Studi di Palermo, D. Roberto Lagalla,
actuando en nombre y representación de este organismo, con domicilio en Palermo, P.zza Marina
61, Italia, con poderes suficientes para la representación de este acto.
EXPONEN
PRIMERO.- Que la Universidad de Alicante imparte anualmente un posgrado en argumentación
jurídica desde el año 2004. Primero como curso de especialista en Argumentación Jurídica y,
desde el año 2010, como Máster en Argumentación Jurídica, organizado por el Dpto. de Filosofía
del Derecho y Derecho Internacional Privado y dirigido por el Prof. D. Manuel Atienza.
SEGUNDO.- Que la adhesión de la Universitá degli Studi di Palermo al Máster en Argumentación
Jurídica de la Universidad de Alicante, constituye una valiosa oportunidad de mejora del
rendimiento del máster para los estudiantes, tanto por la participación de Profesores de esa
Universidad como por la posibilidad de obtención de un doble título en colaboración emitido
también por la misma Universidad.
TERCERO.- Que este convenio específico es sumamente provechoso para todas las partes. Para
la Università degli Studi di Palermo supone participar con su profesorado en el Máster en
Argumentación Jurídica de la Universidad de Alicante y expedir un doble título y para la
Universidad de Alicante un reconocimiento internacional de su título.
QUARTO.- Que, por todo ello, ambas instituciones estiman conveniente suscribir un convenio de
cooperación de acuerdo con las siguientes
CLÁUSULAS
Primera.- Finalidad del Acuerdo
El convenio tiene tres finalidades
59
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
Establecer la participación de los profesores del Dipartimento di Scienze giuridiche, della Società e
dello sport de la Università Degli Studi di Palermo en el Máster en Argumentación Jurídica de la
Universidad de Alicante.
Expedir el doble título de Master de II nivel en “Argomentazione giuridica”;
Insertar en la oferta formativa de la Universidad de Palermo el Master de II nivel en
“Argomentazione giuridica” como también en el Manifesto degli Studi de dicha Universidad.
Segunda.- Vigencia
El presente Convenio entrará en vigor en el momento de su firma y tendrá una duración de 5
años, renovable tácitamente por períodos iguales, salvo denuncia por alguna de las partes, que lo
deberán comunicar por escrito con al menos dos meses de antelación a la fecha que lo vayan a
dar por finalizado. La rescisión por una de las partes en ningún caso implicará la pérdida del
derecho del estudiante matriculado en el máster a terminar sus estudios, conforme a lo acordado
en el convenio.
Tercera.- Obligaciones de la Università degli Studi di Palermo
Con el presente acuerdo, la Università di Palermo asume las siguientes obligaciones:
Proceder a la inserción del título de Master di II livello in “Argomentazione giuridica” en la oferta
formativa de la Università di Palermo y en el relativo Manifesto degli Studi, a partir del curso
2014/15 y sucesivos, durante la vigencia del presente convenio.
Otorgar el doble título de Master di II livello in “Argomentazione giuridica” a aquellos estudiantes
que, habiendo obtenido el título de Máster en “Argumentación Jurídica” por la Universidad de
Alicante y cumpliendo con la normativa y requisitos determinados por las autoridades académicas
italianas, hayan presentado en las oficinas competentes de la Universidad de Palermo la siguiente
documentación:
título del master expedido por la Universidad de Alicante;
copia electrónica de la tesis defendida en el master;
eventual ulterior documentación establecida pedida por las normas y requisitos fijados por las
autoridades académicas italianas para la expedición del título;
recibo del bonifico relativo a la cuota de reembolso de gastos para expedición del doble título
según lo establecido al punto b.
Establecer y publicar oportunamente las condiciones y trámites para la obtención del doble título
de Máster de segundo nivel en “Argumentación Jurídica” por la Universidad de Alicante y la
Università degli Studi di Palermo.
Asumir la tutoría de tesis de máster de acuerdo con la asignación que para cada curso determine
la dirección del Máster en “Argumentación Jurídica” de la Universidad de Alicante.
Facilitar la estancia de investigación en la Università degli Studi di Palermo para la redacción de la
tesis de máster, para aquellos matriculados que tengan como tutores a profesores de dicha
Universidad, poniendo a disposición de ellos las estructuras de la Universidad de Palermo en las
formas establecidas por los competentes organismos de la Universidad.
Cuarta.- Obligaciones de la Universidad de Alicante
Con el presente acuerdo, la Universidad de Alicante asume las siguientes obligaciones:
Remitir en plazo toda la información necesaria para que la Università degli Studi di Palermo pueda
cumplir las obligaciones señaladas en los apartados a y c de la cláusula anterior.
Promover durante la vigencia de este convenio, y tan pronto como el título de Master di II livello in
“Argomentazione giuridica” sea inserto en la oferta formativa de la Università di Palermo, un
módulo de hermenéutica jurídica en el Máster en Argumentación Jurídica de la Universidad de
60
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
Alicante impartido por los profesores designados por la Università degli Studi di Palermo, de 1
crédito formativo (10 horas de docencia presencial).
La inclusión como tutores a los profesores de la Università degli Studi di Palermo participantes en
el máster. El pago por la asistencia como tutores correrá a cargo de la Universidad de Alicante, de
acuerdo con el presupuesto del Máster en Argumentación Jurídica.
Los gastos de viaje, dietas y pago de docencia derivados de los punto b correrán a cargo del
presupuesto del Máster en Argumentación Jurídica, sin que suponga compromiso alguno de
adicionales obligaciones económicas por parte de la Universidad de Alicante.
Quinta.- Comisión Mixta
Ambas partes, de común acuerdo, constituirán una Comisión Mixta en régimen paritario a la que
serán confiadas funciones de programación, seguimiento y valoración de las actividades
derivadas del presente Convenio, así como el arbitraje en el caso de conflicto.
Sesta.- Norma de transición
En derogación respecto a lo establecido en la clausola tercera, letra a), los estudiantes
matriculados en el Master en Argumentación Jurídica de la Universidad de Alicante en el curso
2013/2014 podrán conseguir, si harán instancia y según las modalidades previstas en la clausola
tercera letra b), el doble título.
Y en prueba de conformidad de los compromisos adquiridos, las partes intervinientes firman por
duplicado el presente documento, en el lugar y fecha arriba indicados.
Alicante, _____________
Palermo, _____________
Por la Università di Palermo
Roberto Lagalla
Rector
La responsable por Palermo
Isabel Trujillo
Por la Universidad de Alicante
Manuel Palomar Sanz
Rector
El responsable por Alicante
Manuel Atienza
Il Responsabile del procedimento
f.to Sig.ra Liliana Mortelliti
Il Dirigente dell’Area Formazione, cultura e
servizi agli studenti ad interim
f.to Dott.Antonio Valenti
Il Senato Accademico
61
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
vista la proposta del Responsabile del procedimento;
sentita la relazione del Coordinatore della Commissione Attività didattiche e assicurazione della
qualità della formazione;
sentito il Delegato del Rettore alla Didattica, Pro Rettore Vicario Prof. Vito Ferro
all’unanimità,
DELIBERA
Di approvare in conformità alla proposta sopra riportata.
Letto e approvato seduta stante.
26. Regolamentazione dell'istituto della “sospensione” della carriera universitaria
RELAZIONE DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
In seguito all'aumento delle richieste di “sospensione” della carriera universitaria, pervenute da
parte di studenti, immatricolati/iscritti ai corsi di studio (laurea, laurea specialistica, laurea
magistrale, laurea specialistica a ciclo unico, laurea magistrale a ciclo unico) ad accesso libero e
ad accesso programmato, finalizzate ad interrompere, per almeno un anno accademico, la carriera
universitaria per la contemporanea frequenza di altri Corsi, si rende necessario regolamentare tale
istituto, in conformità alle modalità di iscrizione e di immatricolazione previste dal Regolamento
Didattico d'Ateneo (artt. 25 e 30), per l’eventuale richiesta di frequenza di:
Master di I e II livello;
Scuole di specializzazione;
Corsi di Dottorato di Ricerca;
Corsi di studio di una Accademia militare;
Corsi di studio di un Ateneo estero;
Corsi PAS;
Corsi di Tirocinio Formativo Attivo (TFA);
Corsi di studio di una Accademia di Belle Arti o di altre Istituzioni AFAM.
Premesso che l’istituto della sospensione consente allo studente di non violare, ai sensi del
vigente Regolamento didattico d'Ateneo, il divieto della contemporanea iscrizione a più Corsi di
Studio nel medesimo anno accademico, si propone che:
Durante il periodo di sospensione, lo studente conservi l’iscrizione all’anno accademico in modalità
“sospesa”, relativamente alla matricola attribuitagli per il corso di studio sospeso e abbia, per lo
stesso anno accademico, una iscrizione attiva sul corso di studio che ha generato la sospensione
(anche presso altro Ateneo o altra Istituzione);
A seguito del conseguimento, dopo il periodo di sospensione, del titolo accademico nel corso di
studio di appartenenza, lo studente che riprenda l'iscrizione al corso di studio sospeso non potrà
chiedere alle autorità accademiche il riconoscimento degli studi effettuati durante il periodo di
sospensione in analogia a quanto indicato nella delibera n. 14 del S.A. del 29/05/2012. Il periodo di
sospensione, comunque, non potrà essere preso in considerazione ai fini della valutazione del
merito e/o per l’ottenimento di benefici per il diritto allo studio universitario;
La sospensione può essere chiesta una sola volta all’interno del periodo corrispondente alla durata
legale del corso di studio di immatricolazione/iscrizione dello studente. Nessun limite è imposto nel
caso in cui la “sospensione" venga chiesta da uno studente “fuori corso”. La richiesta di
sospensione della carriera non è revocabile nel corso dell’anno accademico anche se la durata del
corso per il quale la sospensione è stata richiesta sia inferiore a quella dell’anno accademico;
62
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
La sospensione della carriera deve essere richiesta, preventivamente, rispetto al momento in cui lo
studente perfeziona l’iscrizione al corso di studio causa della sospensione. La richiesta di
sospensione esonera lo studente dal pagamento delle tasse relative al corso sospeso. Durante il
periodo di sospensione lo studente non può compiere alcun atto di carriera né fruire di alcun
servizio didattico e amministrativo relativamente al corso di studio sospeso;
Nel caso in cui la richiesta di sospensione sia inoltrata in corso d'anno accademico le tasse e i
contributi versati per l'iscrizione o l'immatricolazione non sono rimborsabili. Su richiesta dello
studente può essere disposto il rimborso solo della seconda rata;
Al momento della richiesta di riattivazione della carriera, se il corso di studi al quale lo studente era
iscritto fosse stato disattivato o sia in via di disattivazione e lo studente non avesse i requisiti per
rientrare in un anno di corso ancora attivo, sarà resa possibile l’iscrizione in un altro corso di
studio, su indicazione della struttura didattica competente, senza partecipazione al test di accesso,
purché si tratti di un corso, nell’ambito della stessa classe, che rappresenti la naturale
trasformazione del corso precedente. Nel caso in cui lo studente si trovasse nella situazione
predetta, ma con un sospensione effettuata già al primo anno, per potere riprendere gli studi dovrà
superare il test di accesso al corso adito.
Il periodo di sospensione non interrompe né sospende i termini di decadenza previsti dal R.D.
31/8/1933.
La richiesta di sospensione deve essere effettuata mediante domanda in bollo, sottoscritta dallo
studente, accompagnata dalla consegna temporanea del libretto di iscrizione al corso di studio
sospeso e corredata dalla documentazione per cui è richiesta la sospensione che sarà resa
operativa con apposito Decreto Rettorale.
La richiesta di riattivazione della carriera sospesa, che avverrà tramite apposito Decreto Rettorale,
potrà essere presentata dall’interessato o a seguito del conseguimento del titolo, causa della
sospensione, o di rinuncia formale all’iscrizione al corso di studio per il quale si era chiesta la
sospensione. La richiesta di riattivazione della carriera sospesa, con la contestuale richiesta di
restituzione del libretto universitario, deve essere effettuata mediante domanda in bollo, indirizzata
al Rettore, sottoscritta dallo studente.
La riattivazione della carriera, se il corso è ancora attivo, avverrà nel modo seguente:
Nel caso di sospensione ottenuta già al primo anno, lo studente sarà iscritto nuovamente al primo
anno in modalità a tempo pieno;
Nel caso di sospensione ottenuta negli anni successivi al primo, prima o dopo l’avvenuta
iscrizione, sarà tenuto conto dei CFU maturati, nell'anno accademico antecedente la sospensione.
In base all’anno di corso in cui viene richiesta la sospensione e, ai sensi della vigente
regolamentazione, lo studente sarà iscritto in modalità a tempo pieno se ha maturato almeno 12
CFU al primo anno e 18 CFU al secondo anno e negli anni successivi fino alla durata legale del
corso di studio;
In mancanza dei CFU maturati, l'iscrizione potrà riprendere dopo la sospensione esclusivamente in
modalità part-time;
In ogni caso, gli studenti dovranno adeguarsi all’Offerta Formativa prevista nell’anno di rientro dalla
sospensione.
f.to Il Responsabile del Procedimento
Dott.ssa Maria Di Grigoli
f.to Il Dirigente ad interim
Dott. Antonio Valenti
Il Senato Accademico
Vista la proposta formulata dal Responsabile del Procedimento;
Sentito il parere del Dirigente dell’Area Servizi a Rete;
63
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
Visto il parere della Commissione Didattica Attività didattiche e assicurazione della qualità della
formazione;
all'unanimità,
DELIBERA
Di approvare in conformità alla proposta sopra riportata.
Letto e approvato seduta stante.
29. Comunicazioni del Presidio di Qualità relative all’adunanza del 7.04.2014
Il Pro Rettore Vicario ricorda, preliminarmente, che al fine di perseguire il requisito di assicurazione
della qualità AQ2, il Presidio di Qualità, come riportato nel D.M. 47/2013, nel D.M. 1059/2013 e
nelle “Linee Guida per l’accreditamento periodico delle sedi e dei corsi di studio” pubblicate
dall’ANVUR in data 24.04.2015, è tenuto <<ad assicurare che esistano efficaci relazioni tra Corsi
di Studio, Commissione paritetica Docenti-Studenti e Nucleo di Valutazione, e riferisce agli Organi
di Governo>> dell’Ateneo.
Il Pro Rettore Vicario comunica che nella seduta del 24.01.2014 il Presidio di qualità ha approvato i
122 Verbali di riesame ma si è anche impegnato ad enucleare dagli stessi <<quelle “Azioni da
intraprendere” la cui attuazione richiede interventi che vanno oltre gli ambiti decisionali dei singoli
Corsi di Studio, essendo richiesta l’iniziativa dei Dipartimenti di riferimento, delle Scuole, o della
Amministrazione centrale, e di verificare che esse ricevano adeguata ed esplicita considerazione
da parte delle strutture competenti>>.
Con Nota prot. 17089 del 7.03.2014 il Presidente del Presidio di Qualità ha richiesto ai componenti
del Presidio stesso di effettuare questa analisi al fine di predisporre un documento del Presidio che
sintetizzi i risultati delle azioni di riesame compiute in Ateneo.
Per quanto attiene la Scuola di Scienze di Base ed Applicate viene segnalato che il lavoro della
Commissione Paritetica è stato molto accurato nel contesto dell’esame del singolo Cors mentre è
mancata una riflessione sul complesso dell’Offerta Formativa cioè dell’insieme dei Corsi di Studio.
Le Commissioni AQ che hanno redatto i Rapporti di Riesame hanno preliminarmente esaminato lo
stato di attuazione delle azioni precedentemente intraprese ed hanno individuato nuove azioni,
nella quasi totalità dei casi azioni organizzative interne.
Il lavoro delle Commissioni AQ, per circa il 50% dei corsi di studio, è stato adeguatamente
accurato, con impegno ad un puntuale riscontro delle osservazioni della Commissione Paritetica.
Per il restante 50% è da registrare lo scivolamento, più o meno evidente, verso una compilazione
formale, inutilmente verbosa, dei singoli quadri, con la indicazione di azioni da intraprendere
ripetitive di quelle incluse nel precedente Rapporto, spesso riconducibili ad un generico impegno
all’approfondimento delle problematiche, con limitate possibilità di verifica.
Anche per i Corsi di Studio emerge la differenziazione tra alcuni (circa il 30%) che hanno
riconosciuto il valore sostanziale del processo AQ mirato ad un miglioramento permanente e altri
che hanno sbrigativamente approvato i Rapporti di Riesame, senza alcun approfondimento ed in
alcuni casi nel corso di sedute molto brevi.
Per quanto attiene la Scuola di Scienze Giuridiche ed Economico Sociali è stata condotta una
analisi puntuale sui rapporti di riesame che ha evidenziato attività riconducibili all’azione dei
singoli Corsi di studio inerenti la modifica di ordinamenti didattici (L-37), la modifica del manifesto
degli studi(L-16, LMG/01), la mancanza di studenti italiani (LM-63), il rafforzamento del rapporto
con il mondo professionale e dei portatori di interesse in genere, il miglioramento delle risorse
64
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
strutturali (aule e attrezzature) (L-22), il coordinamento degli insegnamenti e l’attivazione di corsi
di recupero (L-15) .
Per quanto attiene la Scuola di Medicina e Chirurgia viene segnalato che la Commissione
Paritetica ha effettuato una analisi dettagliata delle criticità dei singoli Corsi di studio con
particolare riferimento al rapporto tra CFU attribuiti e contenuti dei singoli insegnamenti.
Particolare attenzione è stata dedicata alle criticità delle attività di tirocinio sia nei Corsi di Laurea
che di laurea magistrale, evidenziando che nel 50% dei casi esistono dei limiti strutturali in questa
attività ed in altri casi si manifestano ritardi nella acquisizione dei crediti ad essa attribuiti nell’anno
di pertinenza. Particolarmente critica è stata ritenuta la situazione del Corso di Laurea Magistrale a
ciclo unico in “Medicina e Chirurgia” nella sede di Palermo.
Le Commissioni AQ, dopo un esame delle azioni precedentemente intraprese, hanno individuato
delle azioni per superare le criticità dei singoli Corsi di studio. Nel 50% dei casi il lavoro è stato
accurato, entrando nel merito delle osservazioni della Commissione Paritetica della Scuola mentre
in altri casi le Commissioni AQ si sono limitate a enunciazioni senza contribuire al superamento
delle criticità. Per il Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in “Medicina e Chirurgia” nella sede di
Palermo è stata proposta la nomina di una Commissione che affronti in tempi brevi la
rimodulazione del piano di studi per superare le criticità evidenziate.
I Corsi di Studio hanno nel 50% dei casi riconosciuto il valore del processo AQ come azione
permanente per il miglioramento dei Corsi di studio al fine sia di ottimizzare la performance dello
studente sia come strumento di dialogo fra formato e formatore. I rimanenti Corsi di Studio hanno,
invece, approvato i Rapporti di riesame senza alcun approfondimento o rinviando ad altri la
soluzione delle criticità.
Per quanto attiene la Scuola Politecnica viene segnalato che per la quasi totalità dei Corsi di
Studio, le Commissioni AQ non ravvisano, in occasione del Verbale di Riesame, particolari criticità
che richiedano azioni correttive da parte di organi esterni al Corso di Studio stesso.
Le criticità segnalate nei Rapporti di Riesame (per i Corsi magistrali è opportuno definire i requisiti
curriculari di accesso per consentire eventuali iscrizioni da più corsi di laurea, la preparazione degli
studenti in entrata non sempre appare adeguata per affrontare il percorso universitario, il numero
degli studenti con Obbligo Formativo Aggiuntivo è spesso piuttosto elevato con evidenti
implicazioni nel prosieguo degli studi; carico di studio elevato e non congruo rispetto al numero di
crediti sia per singoli insegnamenti che per il CdS nel suo insieme, sovrapposizioni e ridondanze
nei diversi programmi di insegnamento, qualità del materiale didattico fornito, modalità di
erogazione della didattica intesa a favorire l’articolazione degli insegnamenti su periodi più lunghi,
incremento delle attività di esercitazione e sperimentali presso laboratori attrezzati per gli studenti,
offerta di visite tecniche guidate e di cicli di seminari professionalizzanti, ecc.) richiedono tutte
azioni correttive da parte dello stesso Corso di Studio.
Per quanto attiene la Scuola di Scienze Umane e del Patrimonio Culturale viene segnalato che
nella Scuola si registra generalmente una scarsa attenzione rispetto alle questioni poste dalla
Commissione Paritetica. In generale si procede con autovalutazioni – spesso molto accurate, ma
altrettanto spesso di assoluta superficialità – che dimostrano una scarsa incisività della
Commissione Paritetica stessa se non per il fatto che tutti citano i punti deboli e “auspicano” azioni
correttive. Il valore del processo di AQ è recepito formalmente ma non sostanzialmente.
Manca una riflessione sul complesso dell’Offerta Formativa dell’insieme dei Corsi di Studio.
Rimane problema diffuso quello di un adeguamento dei contenuti delle materie al numero dei CFU
attribuiti oltre alla limitata formazione linguistica nelle lauree che non la prevedono
obbligatoriamente ma che tuttavia si avvantaggerebbero non poco da un incremento della
conoscenza delle lingue straniere (non solo inglese, ovviamente). Un dato più volte evidenziato è
la mancanza di adeguati spazi, di laboratori, di risorse informatiche, tradizionalmente carenti
65
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
nell’area umanistica nel suo complesso, solo parzialmente risolta nel caso delle lingue ma ancora
del tutto vigente in interi settori (didattica, psicologia, scienze dell’antichità, beni culturali etc.).
Le Commissioni di AQ nel Verbale di Riesame hanno individuato nuove azioni, nella quasi totalità
dei casi azioni organizzative interne. Le azioni da intraprendere rimangono per lo più dei
desiderata e scarse sono le azioni effettivamente intraprese. La drammatica situazione del mondo
del lavoro (soprattutto in Sicilia perché in altre parti di Italia i laureati della Scuola trovano
sistemazione) viene impietosamente denunciata, ma non si avvia mai una riflessione sulle
trasformazioni radicali che sarebbe opportuno intraprendere sul piano dell’offerta formativa, nella
stragrande maggioranza orientata al passato e a figure professionali quasi del tutto scomparse,
mentre enormi sono le potenzialità per una ridefinizione delle stesse se solo si considerassero gli
scenari europei e globali. Certe inerzie, persino nella denominazione dei corsi di laurea, si pagano
ben al di là di quanto sarebbe invece dovuto in un mercato del lavoro certo in difficoltà ma che va
aggredito quanto meno con soluzioni innovative.
Anche per i Corsi di Studio emerge la differenziazione tra alcuni (circa il 20%) che hanno
riconosciuto il valore sostanziale del processo AQ mirato ad un miglioramento permanente e altri
che hanno sbrigativamente approvato i Rapporti di Riesame, senza alcun approfondimento o
ripetendo formule già utilizzate in altri rapporti o bilanciando i pro e i contra.
Tra le problematiche da portare all’attenzione del Presidio di Qualità, e da trasferire agli Organi di
Governo, si segnala quanto segue:
a) la necessità di incrementare le attività di laboratorio, di esercitazioni sul campo (escursioni), le
visite tecniche. Questa esigenza è segnalata dai rappresentanti degli studenti (che richiedono un
coinvolgimento nelle attività formative meno passivo della presenza alla lezione frontale), dalle
parti sociali interpellate (che invitano ad ampliare gli aspetti pratici dei percorsi formativi) e dai
Corsi di Studio preoccupati del confronto con corsi di studio similari in altre sedi. La limitazione di
queste tipologie di attività formativa viene indicata come pregiudizievole della qualità dell’offerta
formativa;
b) la necessità di aumentare le risorse (per esempio le Borse PERFEST) destinate a consentire lo
svolgimento delle tesi di Laurea fuori sede (all’estero), per migliorare il grado di
internazionalizzazione dei Corsi di Studio, per agevolare i percorsi post-lauream, e, di
conseguenza, migliorare la attrattività dei Corsi di Studio;
c) la necessità di ampliare lo spettro delle “materie opzionali” o delle “materie a scelta” e, più in
generale, di creare momenti formativi finalizzati ad integrare l’offerta formativa standard;
d) alcune Commissioni AQ auspicano una più incisiva azione di orientamento degli studenti della
Scuola Secondaria, una maggiore efficacia dei Corsi di Recupero OFA (per i quali lamentano
anche una tempistica poco sincronizzata con il calendario didattico). In relazione a questi
argomenti molti Corsi di Studio prevedono di organizzarsi in autonomia rispetto alle iniziative di
Ateneo;
e) molti Rapporti di Riesame evidenziano la limitata utilizzabilità degli esiti della rilevazione
dell’opinione degli studenti, sia per i ritardi con cui vengono comunicati i dati delle analisi, sia per il
grado di aggregazione degli esiti, che spesso ne limita la leggibilità. Alcuni Corsi di Studio
prevedono di organizzarsi (o si sono già organizzati) per autonome rilevazione dell’opinione degli
studenti, forse sottovalutando i rischi che una reiterata richiesta di opinione comporta;
f) molti Corsi di Studio dimostrano affanno nelle analisi della occupazione post-lauream e
richiedono una maggiore assistenza a livello di Ateneo.;
g) da alcuni Rapporti di Riesame emerge la consuetudine di svolgimento di appelli di esame o di
prove in itinere durante il periodo che, secondo il calendario Didattico, è dedicato alle lezioni; in
alcuni casi emerge la consuetudine di sospendere (anche per 10 giorni) le lezioni. In proposito, è
opportuno sottolineare che la approvazione dei Rapporti di Riesame da parte del PQA non
66
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
costituisce, e non può costituire, né autorizzazione né parere favorevole in relazione a deroghe
rispetto a normative di Ateneo;
h) Diversi corsi di studio della Scuola di “Medicina e Chirurgia” chiedono un maggiore impegno
dell’Amministrazione dell’Ateneo nella stipula di convenzioni esterne per le attività di tirocinio,
anche in considerazione dei lavori di ristrutturazione del Policlinico che rendono inagibili alcuni
reparti;
i) tutti i corsi di studio chiedono un incremento delle risorse per migliorare il grado
internazionalizzazione;
l) Il Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in “Medicina e Chirurgia” - sede di Caltanissetta
lamenta la mancanza di alcuni servizi essenziali per gli studenti fuori sede, legati al letargo del
Consorzio;
m) per la Scuola di Scienze Umane e del Patrimonio Culturale devono essere prese in
considerazioni azioni di modifica di ordinamento o di manifesto specie nei casi in cui un
ripensamento dell’offerta formativa è necessario in relazione al dato sull’occupazione effettiva dei
laureati.
Si segnalano le seguenti azioni che il Presidio di Qualità intende intraprendere:
1) incontro con i Presidenti delle Commissioni Paritetiche delle Scuole, per raccomandare il
riconoscimento di un valore sostanziale, e non formale, del processo AQ;
2) In relazione ai punti a) e b), segnalare al Consiglio di Amministrazione quanto emerge dai
Rapporti di Riesame, evidenziando la circostanza che la limitazione di queste risorse è ritenuta
pregiudizievole della qualità dell’Offerta Formativa;
3) In relazione ai punti c) e g) segnalare la opportunità di esplicite previsioni nel Regolamento
Didattico di Ateneo nel rispetto delle limitazioni previste per il parametro DID nella vigente
normativa;
4) In relazione al punto e), valutare l’attuale organizzazione della rilevazione dell’opinione di
studenti, laureandi e docenti in appositi incontri con i soggetti istituzionali preposti;
5) In relazione al punto f) proporre un momento di confronto con gli uffici di Ateneo preposti alla
ricognizione degli esiti occupazionali;
6) Interazione del PQA con le Scuole per incentivare un ottimale utilizzo delle risorse di docenza
con particolare riferimento ai Corsi di studio in cui sono presenti SSD che richiedono una sinergia
fra Scuole diverse;
7) verifica della somministrazione delle attività linguistiche coerente con l’obiettivo
dell’internazionalizzazione;
8) segnalazione ai Corsi di Studio della necessità di incrementare il numero degli studenti in
mobilità ERASMUS.
Il Pro Rettore Vicario comunica, preliminarmente, che al Presidio di Qualità di Ateneo era affidato il
compito di verificare la coerenza tra le proposte di istituzione di nuovi corsi di studio ed il
documento di Programmazione di Ateneo. Il Presidio, nella seduta del 7.04.2014, ha completato il
suo compito di <<organizzazione e verifica dello svolgimento delle procedure di assicurazione
della qualità per le attività didattiche>>, ai sensi del D.R. 584/2014 del 17.02.2014, tenendo conto
delle deliberazioni assunte dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione in sedute
successive.
Il Presidio di Qualità ha evidenziato, nella citata seduta del 7.04.2014, che il Consiglio di
Amministrazione nell’adunanza del 21.01.2014 ha stabilito i criteri, indicati con le lettere da a) a h),
per la valutazione delle proposte di attivazione di nuovi corsi di studio, integralmente trascritti nel
documento “Politiche di Ateneo e Programmazione” deliberato nella seduta del Consiglio di
Amministrazione del 18.02.2014.
Il Consiglio di Amministrazione, nella seduta del 25.02.2014, ha quindi approvato l’elenco dei 122
Corsi di Studio inseriti nell’Offerta Formativa 2014/2015.
67
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
Il Presidio di Qualità ha chiesto al suo Presidente di informare il Senato Accademico e il Consiglio
di Amministrazione delle valutazioni compiute dal Presidio stesso a conclusione della procedura di
attivazione dell’Offerta Formativa 2014/15.
In particolare, il Presidio ha esaminato la coerenza tra la proposta di Offerta Formativa esitata dal
Consiglio di Amministrazione in data 25.2.2014, a seguito di parere favorevole del Senato
Accademico, ed il documento di “Politiche di Ateneo e Programmazione”, che ha fatto propri i
criteri da a) a h) elencati nella delibera del Consiglio del 21.1.2014, giungendo alle seguenti
conclusioni:
Con riferimento al criterio a) (privilegiare le proposte interateneo), il Presidio rileva che nessuno dei
6 nuovi corsi di studio si classifica come interateneo;
Con riferimento al criterio c) (incrementare il numero degli studenti immatricolati mediante
l’incremento del numero delle Lauree), il Presidio rileva che nell’offerta formativa dell’A.A. 2013/14
sono compresi 63 tra Lauree e Lauree Magistrali a ciclo unico e 59 Lauree Magistrali, mentre
nell’A.A. 2014/2015 l’Offerta Formativa prevede 61 tra Lauree e Lauree Magistrali a ciclo unico e
61 Lauree Magistrali. L’Offerta Formativa 2014/15 proposta prevede, pertanto, l’incremento di 2
corsi di Laurea Magistrale e la diminuzione di 2 Corsi di Laurea (in contrasto con il criterio c)). È
tuttavia da evidenziare che la diminuzione del numero di Lauree e Lauree Magistrali a ciclo unico è
nominale, in quanto deriva da una maggiore fruizione del meccanismo “canale”. In relazione, però,
ai requisiti di docenza, l’Offerta Formativa 2014/15 prevede, rispetto al precedente anno
accademico, 1 Corso di Laurea in più e 1 Corso di Laurea Magistrale in più;
Con riferimento al criterio d) (professionalità, prospettive di occupazione, portatori di interesse,
docenza a regime) il Presidio rileva che in base ai documenti di progettazione (gli unici resi
disponibili al Presidio), solo la proposta “Assistenza Sanitaria” individua con chiarezza una
professionalità. Nessuna proposta indica un forte sostegno di portatori di interesse. Per nessuna
proposta è stata verificata la docenza a regime;
Con riferimento al criterio e) (professioni sanitarie in ambito regionale), il Presidio rileva che delle 6
proposte di nuovi corsi, tre (2 Lauree + 1 Laurea Magistrale) riguardano professioni dell’area
sanitaria, ma non prevedono lo schema interateneo;
Con riferimento ai criteri g) e h), che sono criteri per valutare l’opportunità di non attivazione di un
Corso di Studi, il Presidio rileva che questi criteri possono riguardare solo il Corso di Laurea
Magistrale in “Scienze Pedagogiche” di cui è stata attuata la “disattivazione” per l’A.A. 2014/15. Il
Consiglio di Amministrazione ha deliberato nella consapevolezza dei dati relativi al numero di
studenti iscritti nei tre anni accademici precedenti e del numero di docenti di riferimento (le tabelle
sono infatti riportate nel documento di programmazione). Il numero di iscritti al primo anno dell’A.A.
2013/14 risulta essere 129 (nessun Corso di Laurea Magistrale in Ateneo ha un numero di iscritti
al primo anno così elevato); il numero di docenti di riferimento nell’Offerta Formativa 2013/14 è 6,
come per la quasi totalità dei corsi di Laurea Magistrale. Da notare anche che questo corso di
Laurea Magistrale è unico nella classe in Ateneo; è presente anche negli atenei di Catania e
Messina con numerosità di iscritti pari circa a 100, indice di una domanda di formazione massiva e
persistente. Le motivazioni di tale decisione non sono riportate nella delibera del Consiglio di
Amministrazione, assunta su parere positivo del Senato Accademico.
Sentita la relazione del Delegato del Rettore alla Didattica, Pro Rettore Vicario Prof. V. Ferro;
ne prende atto.
Letto e approvato seduta stante.
30. Procedura di chiusura delle Schede SUA- CdS – Offerta Formativa 2014/15 al
06/05/201415. Proposta di rinnovo del Centro Interdipartimentale CITC Centro
Interdipartimentale di Tecnologie della Conoscenza
RELAZIONE DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
68
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
Visto il D.M. 270/2004 del 22/10/2004, “Modifiche al regolamento recante norme concernenti
l’autonomia didattica degli Atenei”;
Visto il Regolamento Didattici di Ateneo, emanato con D.R. n. 3201/2013 del 15/01/2013
Visto il Documento ANVUR sulla procedura AVA emanato in data 28.01.2013;
Vista la “Road Map AVA” pubblicata dall’ANVUR il 29.03.2012;
Visto il D.M. 47/2013 ed in particolare l’Allegato A, lettera e) che prevede che, per ottenere
l’accreditamento iniziale, “Ogni Corso di Studio dovrà compilare la SUA-CdS entro i termini
stabiliti”;
Visto il D.M. n. 1059/2013 del 23/12/2013 “Autovalutazione, accreditamento iniziale e periodico
delle sedi e dei corsi di studio e valutazione periodica – adeguamenti e integrazioni del D.M.
30/01/2013 n. 47”
Visto il D.R. N. 713/2013, Prot. N. 14356 del 25/02/2014, con il quale è stato designato, per
ciascun corso di studio, il Docente referente per la compilazione della Scheda Unica Annuale del
Corso di Studio (SUA-CdS) 2014/2015;
Vista la Nota Prot. N. 93271 del 23/12/2013, avente per oggetto “Linee Guida per l’Offerta
Formativa 2014/2015 – Delibera del Presidio di Qualità di Ateneo;
Vista la Nota Prot.1141 del 09/01/2014, avente per oggetto “Banche dati RAD e SUA-CdS –
definizione Offerta Formativa 2014/2015”
Vista la delibera del Senato Accademico – seduta del 21/01/2014, “Linee guida per la redazione
della scheda SUA-CdS”
Vista la delibera del Presidio di Qualità di Ateneo, nella seduta del 19/02/2014, di approvazione dei
documenti “Progettazione del CdS” per i corsi di studio di nuova attivazione per l’anno accademico
2014/2015;
Tenuto conto delle attività sinora espletate;
Viste le verifiche di compilazione della Scheda SUA-CdS effettuate dal Settore “Ordinamenti
Didattici e Programmazione”;
Alla luce delle verifiche effettuate delle informazioni fornite, dei documenti trasmessi e delle attività
complessivamente svolte dall’ufficio e dal Delegato del Rettore alla Didattica;
Si propone che il Senato Accademico
DELIBERI
di prendere atto della compilazione, da parte dei Referenti, delle schede SUA-C.d.S. per quanto
riguarda i quadri A1, A2a, A2b, A3, A4a, A4b, A4c, A5, B1a, B1b, B2a, B3, B4, D1, D2, D3, D5
della sezione “Qualità”, e la sezione “Amministrazione” e che tali quadri non sono modificabili dopo
la scadenza del 15/05/2014 stabilita dall’ANVUR.
Il Responsabile del procedimento
f.to Dott.ssa Alessandra Sternheim
Il Dirigente ad interim
f.to Dott. Antonio Valenti
IL SENATO ACCADEMICO
Vista la proposta del Responsabile del procedimento;
Sentita la relazione del Delegato del Rettore alla Didattica, Pro Rettore Vicario Prof. V. Ferro;
all’unanimità,
DELIBERA
Di approvare in conformità alla proposta sopra riportata.
69
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
Letto e approvato seduta stante.
15 -Proposta di rinnovo del Centro Interdipartimentale CITC - Centro Interdipartimentale di
Tecnologie della Conoscenza.
RELAZIONE DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Si sottopone all’attenzione del Senato Accademico la proposta di rinnovo del Centro
Interdipartimentale CITC - Centro Interdipartimentale di Tecnologie della Conoscenza.
A tal proposito, gli artt. 34 e 35 del Regolamento Generale di Ateneo espressamente recitano:
“1. I Centri Interdipartimentali di ricerca sono costituiti, ai sensi dell’art. 31 dello Statuto, su
proposta di docenti e/o ricercatori a tempo determinato interessati, afferenti a Dipartimenti diversi.
2. La proposta deve indicare gli ambiti di attività e gli obiettivi, contenuti in un programma di durata
almeno triennale e non superiore ad anni sei.
3. I Centri Interdipartimentali non possono essere sede di riferimento di corsi di studi né sede di
dottorati di ricerca. Possono essere sede di master di I e di II livello. Possono richiedere
l’attivazione di assegni di ricerca di tipo B (art. 22 comma 4 lettera b della L. 240/2010) e stipulare
contratti di collaborazione.
4. La proposta di istituzione deve essere approvata dai Consigli dei Dipartimenti di afferenza dei
proponenti. La delibera di approvazione deve indicare le risorse messe a disposizione anche in
forma non esclusiva.
5. I Centri Interdipartimentali sono istituiti dal Consiglio di Amministrazione previo parere del
Senato Accademico.
6. La gestione amministrativa e contabile dei Centri Interdipartimentali è affidata alla struttura
amministrativa di uno dei Dipartimenti che contribuiscono alla loro costituzione”.
“1. Il Centro Interdipartimentale viene istituito per un periodo strettamente limitato alla durata del
programma di attività, indicato nella proposta di attivazione.
2. È possibile avanzare la proposta motivata di rinnovo. In quest’ultimo caso si applica la
procedura di approvazione e istituzione di cui al precedente articolo”.
Il Senato Accademico nella seduta del 27 marzo 2012 ha deliberato di “rinnovare per due anni i
sotto elencati Centri Interdipartimentali, avendo gli stessi avanzato istanza di rinnovo contenente
gli ambiti e gli obiettivi di ricerca, nonché il programma dell’attività avente una durata almeno
triennale e non superiore a sei anni, acquisite le delibere dei Dipartimenti proponenti e partecipanti
ai Centri Interdipartimentali, nonché l’indicazione dei docenti che ne faranno parte:
- C.I.R.I.A.S. Centro Interdipartimentale di Ricerca di Ingegneria della Automazione e dei Sistemi.
- C.I.B.A. Centro Interdipartimentale di Biotecnologie Applicate.
- C.I.R.D.P.E. Centro Interdipartimentale sul Diritto Privato Europeo.
- C.I.T.C. Centro Interdipartimentale di Tecnologie della Conoscenza.
A conclusione dei periodi così determinati, ciascun Centro Interdipartimentale dovrà presentare
idonea rendicontazione sulla stessa, sia dal punto di vista scientifico che finanziario. Quest’ultima
sarà oggetto di valutazione anche ai fini di ulteriore richiesta di rinnovo”.
Il Direttore del Centro CITC ha presentato motivata istanza di rinnovo contenente gli ambiti e gli
obiettivi di ricerca, nonché il programma dell’attività avente una durata di sei anni, acquisite le
delibere dei Dipartimenti proponenti e partecipanti al Centro Interdipartimentale, nonché
l’indicazione dei docenti che ne faranno parte e la descrizione delle azioni ed obiettivi del Centro.
70
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
Il Direttore del Centro CITC - Centro Interdipartimentale di Tecnologie della Conoscenza ha
trasmesso i verbali dei seguenti Dipartimenti, proponenti e partecipanti al Centro: Dipartimento
Biomedico di Medicina Interna e Specialistica, del Dipartimento di Biomedicina Sperimentale e
Neuroscienze Cliniche (BIONEC), del Dipartimento di Biopatologia e Biotecnologie Mediche e
Forensi, del Dipartimento di Fisica e Chimica, del Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale,
Informatica, Meccanica, del Dipartimento di Matematica e Informatica, Dipartimento di Scienze per
la promozione della salute e materno infantile “Giuseppe D’Alessandro”, Dipartimento di Scienze
Psicologiche, Pedagogiche e della Formazione, del Dipartimento Scienze Umanistiche, con i quali
si esprime parere favorevole al rinnovo del Centro in questione e si indicano i docenti che ne
faranno parte. La durata del progetto è prevista in sei anni.
La gestione del Centro è affidata al Dipartimento di Matematica e Informatica.
Alla luce di quanto esposto, si chiede, pertanto, che il Senato Accademico presa visione della
documentazione allegata, si esprima in merito al rinnovo del Centro citato.
Il Responsabile del procedimento
F.to Dott.ssa Maria Rosa Donzelli
Il Dirigente
F.to Ing. Gandolfo Gallina
Il Senato Accademico
Visti gli artt. 34 e 35 del Regolamento Generale di Ateneo che espressamente recitano:
“1. I Centri Interdipartimentali di ricerca sono costituiti, ai sensi dell’art. 31 dello Statuto, su
proposta di docenti e/o ricercatori a tempo determinato interessati, afferenti a Dipartimenti diversi.
2. La proposta deve indicare gli ambiti di attività e gli obiettivi, contenuti in un programma di durata
almeno triennale e non superiore ad anni sei.
3. I Centri Interdipartimentali non possono essere sede di riferimento di corsi di studi né sede di
dottorati di ricerca. Possono essere sede di master di I e di II livello. Possono richiedere
l’attivazione di assegni di ricerca di tipo B (art. 22 comma 4 lettera b della L. 240/2010) e stipulare
contratti di collaborazione.
4. La proposta di istituzione deve essere approvata dai Consigli dei Dipartimenti di afferenza dei
proponenti. La delibera di approvazione deve indicare le risorse messe a disposizione anche in
forma non esclusiva.
5. I Centri Interdipartimentali sono istituiti dal Consiglio di Amministrazione previo parere del
Senato Accademico.
6. La gestione amministrativa e contabile dei Centri Interdipartimentali è affidata alla struttura
amministrativa di uno dei Dipartimenti che contribuiscono alla loro costituzione”.
“1. Il Centro Interdipartimentale viene istituito per un periodo strettamente limitato alla durata del
programma di attività, indicato nella proposta di attivazione.
2. È possibile avanzare la proposta motivata di rinnovo. In quest’ultimo caso si applica la
procedura di approvazione e istituzione di cui al precedente articolo”.
Vista la propria delibera n. 13 adottata nell’adunanza del 27 marzo 2012;
Considerato che ha presentato motivata istanza di rinnovo il Centro Interdipartimentale CITC –
Centro Interdipartimentale di Tecnologie della Conoscenza.
Vista la relazione del Responsabile del procedimento;
Visto il parere della Commissione “Attività di ricerca”;
71
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
All’unanimità,
ESPRIME PARERE FAVOREVOLE
In merito al rinnovo per sei anni del Centro Interdipartimentale CITC - Centro Interdipartimentale
di Tecnologie della Conoscenza, avendo lo stesso avanzato istanza di rinnovo contenente gli
ambiti e gli obiettivi di ricerca, nonché il programma dell’attività avente una durata di sei anni,
acquisite le delibere dei Dipartimenti proponenti e partecipanti al Centro medesimo, nonché
l’indicazione dei docenti che ne faranno parte.
A conclusione del periodo così determinato, il Centro Interdipartimentale in questione dovrà
presentare idonea rendicontazione sulla stessa, sia dal punto di vista scientifico che finanziario.
Quest’ultima sarà oggetto di valutazione anche ai fini di ulteriore richiesta di rinnovo.
Letto e approvato seduta stante.
7. Convenzione Quadro tra il Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Scienze
del Mare (CONISMA) e l’Università degli Studi Di Palermo.
RELAZIONE DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Con nota e-mail del 15.04.2013 della Segreteria tecnica del Rettore, veniva trasmessa la bozza di
convenzione quadro da stipulare tra il Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Scienze del
mare (di seguito CONISMA) e l’Università degli Studi di Palermo.
Tale proposta perveniva dal Prof. Antonio Mazzola, Direttore del Dipartimento di Scienze della
Terra e del Mare di Ateneo, nonché Vice-presidente del medesimo CONISMA.
Con nota prot. n. 32804 del 2.5.2013, rilevando che il rapporto negoziale aveva per oggetto
l’instaurazione di una collaborazione scientifica tra il CONISMA ed alcuni Dipartimenti di Ateneo
con il fine di realizzare programmi di ricerca comune, questo Servizio esprimeva un primo parere
in ordine al testo convenzionale.
Successivamente perveniva la nota prot. n. 452 del 14.10.2013, con la quale il CONISMA
trasmetteva nuovo testo di convenzione rielaborato.
Quindi, con nota prot. n. 74843 del 28.10.2013, il Servizio scrivente esprimeva nuovo parere
formulando alcuni emendamenti al testo proposto dal Conisma.
Veniva, inoltre segnalata al Prof. Mazzola la necessità di acquisire le deliberazioni dei Consigli di
Dipartimento di Ateneo interessati in ordine all’assunzione da parte dei medesimi degli impegni
contrattuali.
Con nota e-mail del 4.4.2014, il Prof. Mazzola trasmetteva il testo di convenzione rimodulato alla
luce delle proposte di modifica formulate da questo Settore, unitamente ad una breve relazione sul
Consorzio in parola.
Venivano, inoltre, trasmessi gli estratti dei verbali delle sedute del 9.5.2013, del 19.06.2013 e del
27.02.2014, nelle quali i Consigli rispettivamente del Dipartimento di Scienze della Terra e del
Mare (DISTEM), del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Biologiche Chimiche e Farmaceutiche
(STEBICEF) e del Dipartimento di Ingegneria, Civile, Ambientale, Aerospaziale dei Materiali
(DICAM) deliberavano di approvare la stipula della convenzione in parola, impegnandosi ad
adempiere alle relative obbligazioni contrattuali.
Quanto sopra premesso si osserva che il CONISMA è un consorzio interuniversitario partecipato
da 32 Università consorziate, tra cui l’Università degli Studi di Palermo. Il Consorzio si propone di
promuovere e coordinare le ricerche e le altre attività scientifiche e applicative nel campo delle
Scienze del Mare; in particolare il CONISMA si propone di favorire le collaborazioni tra Università,
altri Enti di ricerca, Enti locali e territoriali e Industrie, anche al fine di eventuale partecipazione alla
72
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
costituzione e gestione di laboratori esteri o internazionali operanti nel campo delle Scienze del
Mare.
Il CONISMA ha personalità giuridica (D.M. del MIUR 15.03.1996 e 16.05.1996), è posto sotto la
vigilanza del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, è iscritto all’Anagrafe
Nazionale della Ricerca (n. 515810DU) e fa parte – con un proprio rappresentante - dell’European
Marine Board dell’European Science Foundation.
Dalla relazione trasmessa dal Prof. Mazzola, inoltre, si apprende che il CONISMA è impegnato
nell’esecuzione di vari progetti di ricerca (21 istituzionali e 15 commerciali), tra i quali il progetto
Bandiera RITMARE, l’Accordo con l’ISPRA per la Marine Strategy, i progetti europei quali primo
tra tutti CoCoNET, il progetto BIOMAP con l’ARPA Puglia.
Con la stipula della convenzione quadro in parola le parti concordano di collaborare per la
realizzazione di progetti di ricerca finanziati; previi successivi accordi specifici, sia il CONISMA che
i Dipartimenti interessati potranno partecipare all’esecuzione delle attività di singoli programmi di
ricerca mettendo a disposizione attrezzature, risorse umane e/o locali. Ai fini della stipulanda
convenzione, inoltre, viene localizzata presso il Distem una unità locale di ricerca del CONISMA.
Pertanto si propone che il Senato Accademico deliberi:
- di esprimere parere favorevole alla stipula della convenzione di cui in oggetto, nel testo di seguito
riportato:
CONVENZIONE QUADRO
TRA
Il Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Scienze del Mare (qui di seguito denominato
CoNISMa), con sede legale in Roma, Via Isonzo 32, codice fiscale 91020470109 rappresentata
dal Presidente e legale rappresentante Prof. Angelo Tursi, nato a Taranto (TA) il 7/03/1951,
domiciliato per la carica presso la sede del Consorzio, a quanto segue autorizzato dalla Giunta
Amministrativa del CoNISMa con delibera del 10 ottobre 2013 (Verbale n. 157),
E
l’Università degli Studi di Palermo (qui di seguito Università di Palermo), con sede in Piazza
Marina, - 90133 Palermo - Codice Fiscale 80023730825 - Partita IVA 00605880822, rappresentata
dal Magnifico Rettore prof. Roberto Lagalla nato a Bari il 16/04/1955 a quanto segue autorizzato
dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del….
PREMESSO, CONSIDERATO, RICONOSCIUTO CHE
l’Università è il centro primario della ricerca scientifica oltre che della formazione e che è compito
delle Università elaborare e trasmettere criticamente le conoscenze scientifiche, anche
promuovendo forme di collaborazione con Soggetti di ricerca extra - ovvero intra - universitari per
promuovere l’esecuzione anche congiunta di progetti finanziati dallo Stato e da altri Organismi
pubblici, nazionali, internazionali o Soggetti privati;
in base all’atto costitutivo e allo statuto, il CoNISMa ha il compito di promuovere e coordinare le
ricerche e le altre attività scientifiche e formative nel campo delle Scienze del Mare tra le
Università consorziate, favorendo collaborazioni tra le Università ed altri Enti di Ricerca pubblici o
privati, tanto nazionali che internazionali;
in relazione all’assetto organizzativo dell’Università di Palermo, le attività nel settore delle Scienze
del Mare sono svolte principalmente presso i propri Dipartimenti che già afferiscono al Consorzio e
che di seguito sono evidenziati: Dipartimento di Scienze della Terra e del Mare (DiSTeM);
Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale, Aerospaziale, dei Materiali (DICAM), Dipartimento di
Scienze e Tecnologie Biologiche Chimiche e Farmaceutiche (STEBICEF);
in tal senso, in via estensiva, ulteriori Dipartimenti potranno essere coinvolti nelle problematiche
del mare, anche investendo competenze economiche, giuridiche, sociali, veterinarie ecc., già
73
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
presenti ed attive nell’Università di Palermo ed altre competenze che, di volta in volta, possano
essere coinvolte in attività formative e di ricerca;
è ritenuto opportuno da parte dell’Università di Palermo e del CoNISMa, dare maggiore impulso a
dette attività di ricerca e formative, utilizzando le risorse del Consorzio e valorizzando le sinergie
tra tali risorse ed i mezzi messi a disposizione dall'Università di Palermo;
sussiste la necessità, per i docenti, i ricercatori ed i tecnici dell'Università di Palermo di poter
accedere ai laboratori nazionali e internazionali che operano nel campo delle Scienze del Mare –
ivi incluso l’accesso ai mezzi navali – “facilities” tutte che sono riconducibili al nell’ambito della
propria attività di coordinamento consortile;
il CoNISMa intende favorire la promozione e lo sviluppo delle attività didattiche con azioni di
sostegno e di rafforzamento, con particolare riguardo ai Master ed al Dottorato di Ricerca, e
contribuire alla preparazione di figure professionali altamente qualificate, sia attraverso
l’organizzazione di Scuole nazionali e di corsi di formazione per tecnici, sia attraverso l’appoggio ai
Corsi di Studio e di Perfezionamento, alle Scuole di Specializzazione e alle Scuole di Dottorato,
atteso che tali azioni si esplicheranno tanto mediante il finanziamento di borse di studio (come già
avvenuto numerose volte negli anni addietro), tanto attraverso il coinvolgimento diretto di
ricercatori ed altri esperti di alta specialità e di competenze elevate su indicazione dell’Università
ed in sinergia con la stessa, ed infine utilizzando laboratori e risorse proprie che potranno derivare
da progetti nazionali ed internazionali;
SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE
ART. 1
Considerato quanto espresso nelle “Premesse”, che fa parte integrante della presente
Convenzione, le attività del CoNISMa potranno essere svolte presso i Dipartimenti
precedentemente citati nonché presso gli altri che potranno aggiungersi nel tempo, appartenenti
all’Università di Palermo.
Ai fini della presente Convenzione, l’Unità Locale di Ricerca CoNISMa (qui di seguito ULR) è
localizzata presso il Dipartimento di Scienze della Terra e del Mare (DiSTeM), Via Archirafi, 22 cap
90123 Palermo, stante la maggiore concentrazione di competenze sulle Scienze del Mare
attualmente presenti presso predetto Dipartimento.
ART. 2
Per quanto riguarda gli aspetti generali e per quanto pertiene all’attività di programmazione,
l’esecuzione, applicazione della presente Convenzione è affidata:
per l’Università di Palermo, al Rappresentante dell’Università in seno al Consiglio Direttivo del
CoNISMa;
per il CoNISMa, al Presidente.
Per quanto riguarda gli aspetti operativi, tecnico-scientifici, logistici e amministrativi, legati alla
realizzazione delle attività di uno specifico progetto allocate presso l’Università di Palermo,
l’applicazione delle norme pattuite nella presente Convenzione verrà affidata:
per l’Università di Palermo, al Direttore del Dipartimento dove saranno svolte dette attività;
per il CoNISMa, ad un Responsabile ULR di progetto, nominato dalla Giunta Amministrativa e
comunicato al Rappresentante dell’Università in seno al Consiglio Direttivo del CoNISMa.
ART. 3
I programmi di ricerca che si possono articolare - in quanto alla loro concreta esecuzione - in
progetti specifici dell’ULR CoNISMa sono predisposti, approvati e finanziati dagli Organi direttivi
del CoNISMa, previi accordi con i Dipartimenti coinvolti che autorizzano l’esecuzione delle attività,
sulla base del proprio assetto organizzativo interno, anche per quanto pertiene alla disponibilità di
personale e di attrezzature dei Dipartimenti secondo quanto previsto ai successivi articoli della
presente Convenzione.
La responsabilità dell’attuazione dei programmi approvati è riservata ai Soggetti affidatari di cui al
precedente Art. 2 in base alle rispettive competenze.
ART. 4
74
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
Programmi comuni di ricerca del CoNISMa e dei Dipartimenti di cui all’Art. 1, primo comma,
possono essere finanziati:
direttamente tramite il CoNISMa e i Dipartimenti con la previsione di attivazione di specifici progetti
- inclusi quei progetti che devono essere svolti in determinate aree geografiche indicate da
specifici programmi e o call nazionali e internazionali;
utilizzando i contributi pubblici per i progetti di ricerca scientifica acquisiti e di pertinenza di
ciascuna Parte coinvolta nei programmi stessi.
Il CoNISMa e i Dipartimenti di cui all’Art. 1 potranno assegnare proprio personale alla realizzazione
di tali programmi secondo quanto previsto dai successivi artt. 7 e 8.
Il Direttore del CoNISMa in base ai dati amministrativi ed economici desumibili dal sistema
contabile del CoNISMa e in accordo con il Responsabile ULR di progetto di cui all’Art.2 preparerà
una relazione certificata sull’entità dei finanziamenti stanziati dal CoNISMa per tutti quei
programmi che prevedono il coinvolgimento, e che hanno coinvolto il personale scientifico e
tecnico afferente ai Dipartimenti. Tale relazione verrà trasmessa annualmente e a consuntivo, dal
Presidente del CoNISMa al Rappresentante dell’Università in seno al Consiglio Direttivo del
CoNISMa che provvederà, a sua volta a trasmetterla al Rettore e ai competenti uffici
dell’Università.
ART. 5
I Dipartimenti, previi specifici accordi sottoscritti dalle Parti, potranno consentire che attrezzature
acquistate con risorse del CoNISMa vengano allocate ed installate presso i locali dei Dipartimenti.
I Dipartimenti, compatibilmente con le esigenze di ricerca del CoNISMa potranno utilizzare dette
attrezzature per progetti di ricerca del Dipartimento stesso.
Analogamente, i ricercatori dei Dipartimenti e loro eventuali collaboratori beneficiari di un contratto
ad hoc e di cui ai seguenti artt. 7 e 8 - impegnati nell’esecuzione di progetti del CoNISMa, previi
specifici accordi sottoscritti tra le parti, potranno utilizzare attrezzature dei Dipartimenti,
compatibilmente con le esigenze di ricerca dei Dipartimenti.
I costi di gestione di tali attrezzature ed i materiali di consumo, saranno a carico della Parte che
avrà titolo di utilizzarli.
I costi assicurativi e di manutenzione straordinaria verranno concordati di volta in volta secondo le
peculiarità del caso.
ART. 6
Nell’attuazione dei programmi in relazione a specifici progetti, nei limiti e nelle forme consentite e
previste da ciascuno di essi, verranno riconosciute al Dipartimento ospitante le attività, forme di
ristoro finanziario al fine di compartecipare al rimborso degli oneri di funzionamento ordinario. Detti
interventi finanziari saranno stabiliti secondo modalità tecnico giuridiche compatibili rispetto
all’assetto contrattuale di ciascun progetto, nonché nella misura concordata tra il Responsabile
ULR di progetto ed il Direttore del Dipartimento, i quali daranno comunicazione ufficiale al
Presidente del CoNISMa e al Rappresentante dell’Università in seno al Consiglio Direttivo del
CoNISMa.
In ogni caso, le attività relative ad eventuali progetti di ricerca implementati per conto del CoNISMa
saranno poste in essere dai Dipartimenti accademici interessati nei limiti della quota di progetto ad
essi destinati e nel rispetto del vigente Regolamento per la gestione dei programmi di ricerca
dell’Università degli Studi di Palermo.
ART. 7
L’Università prende atto che il CoNISMa può svolgere i propri programmi utilizzando personale
proprio ai sensi del successivo art. 8 e/o personale dipendente da altri Enti comandato o
distaccato presso l’Unità Locale di Ricerca.
Il personale del CoNISMa, preventivamente informato dal CoNISMa stesso, nella qualità di datore
di lavoro, si dovrà attenere alle norme generali di disciplina e di sicurezza vigenti all’interno dei
75
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
Dipartimenti, norme che il Dipartimento si impegna a comunicare (comprensivi di eventuali
aggiornamenti) e di cui il CoNISMa dichiara di impegnarsi a prendere visione e che dichiara di
accettare e far accettare dal personale che opera presso la struttura Dipartimentale.
I Dipartimenti sono esonerati da qualsiasi responsabilità nei confronti del suddetto personale e per
gli atti dallo stesso personale compiuti nell’ambito delle strutture operative appartenenti ai
Dipartimenti coinvolti. A tal fine il personale del CoNISMa e il personale degli altri enti dovrà essere
coperto da idonea polizza di assicurazione, a carico del CoNISMa o degli enti di appartenenza, per
infortuni e responsabilità civile per tutta la durata delle attività.
La lista del personale di cui al presente articolo, ed ogni sua variazione, sarà concordata tra il
Direttore del Dipartimento ed il Responsabile ULR di progetto e verrà comunicata al Direttore del
CoNISMa e al Rappresentante dell’Università all’interno del Consiglio Direttivo del CoNISMa.
ART. 8
Allo svolgimento dei programmi del CoNISMa articolatisi successivamente nei progetti di comune
interesse con i Dipartimenti, collabora personale docente e tecnici dipendenti dall’Università,
previo assenso degli interessati e nulla osta del Dipartimento di afferenza. A detto personale il
CoNISMa può assegnare un incarico gratuito di ricerca, o di collaborazione tecnica, che preveda,
sotto il profilo finanziario, il solo rimborso delle spese sostenute dai collaboratori stessi per
l’esecuzione delle attività predette. Nei limiti delle norme vigenti, può essere assegnato dal
CoNISMa al personale docente e ricercatore un “incarico di ricerca” retribuito ed ai tecnici associati
agli stessi programmi un “incarico di collaborazione tecnica” retribuito, nel rispetto delle norme
previste nel Regolamento in materia di incarichi retribuiti dell’Università di Palermo e della
normativa nazionale.
L’espletamento degli incarichi deve essere compatibile con il pieno adempimento, da parte degli
interessati, dei propri doveri nei confronti dell’Università.
L’Università accorda al CoNISMa la possibilità di rendicontare i costi correlati all’attività svolta da
detto personale nell’ambito di programmi, nazionali ed internazionali, di comune interesse e nei
quali sia previsto il co-finanziamento tramite il computo di mesi/uomo impegnati nelle attività di cui
trattasi.
L’Università, a sua volta e con le stesse modalità, può utilizzare per le proprie attività scientifiche e
didattiche, previo nulla osta del Responsabile ULR di progetto e consenso degli interessati,
personale dipendente o collaboratore del CoNISMa nell’ambito di attività istituzionali proprie di
condiviso e comune interesse dell’ULR.
ART. 9
Il CoNISMa si impegna, a cadenza annuale ed in occasione della consegna del bilancio
consuntivo annuale, a trasmettere all’Università di Palermo apposita scheda contabile certificata,
estratta dal proprio stesso Bilancio, da cui si desumano le risorse ed i costi per facilities, umane e
strumentali, opportunamente valorizzate anche quali contributi in natura di cui il Dipartimento - in
cui è allocata l’ULR CoNISMa - ha usufruito nel corso dell’anno. Tali risorse, così valorizzate e
certificate, andranno a far parte del Bilancio ampliato agli Enti partecipati dell’Università di
Palermo, ai sensi dell'articolo 6 del Dlgs 27 gennaio 2012 n.18.
ART. 10
Il CoNISMa e l'Università di Palermo concordano sull’opportunità di menzionare reciprocamente
l’altra Parte in ogni opera o scritto scientifico relativo ai propri programmi di attività svolti presso o
con il concorso di una delle Parti, nel quadro della presente Convenzione e si impegnano a vigilare
che gli autori ottemperino a questa indicazione.
ART. 11
Nell’ambito di progetti commissionati a CoNISMa da Enti Pubblici e Privati, il Consorzio potrà
avvalersi, mediante la stipula di appositi contratti a corrispettivo, di prestazioni e servizi dei
Dipartimenti per l’esecuzione di ricerche, consulenze e studi specifici.
76
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
ART. 12
Le Parti aderenti alla presente Convenzione hanno facoltà di recedere unilateralmente dalla
Convenzione stessa; il recesso deve essere esercitato con comunicazione scritta da notificare
all’altra Parte mediante raccomandata a/r o PEC. Il recesso ha effetto decorsi 30 giorni dalla data
di notifica dello stesso. In caso di esercizio di recesso unilaterale, le Parti convengono fin d’ora che
saranno portate a termine tutte le attività in itinere previste dalla Convenzione e da eventuali
accordi attuativi in corso di esecuzione al momento del recesso, salvo diverse pattuizioni
specifiche intervenute tra le Parti.
Per eventuali controversie che dovessero insorgere in merito all’interpretazione e all’esecuzione di
quanto disposto con la presente convenzione sarà competente il Foro di Palermo.
ART. 13
La presente Convenzione ha durata di 4 anni e si ritiene automaticamente rinnovata per un eguale
periodo di durata alla prima scadenza quadriennale a meno che una o entrambe le Parti contraenti
non intendano dar corso al rinnovo. Tale manifestazione di volontà dovrà essere oggetto di
informativa tramite preavviso da comunicarsi almeno tre mesi prima della scadenza.
Palermo, ...............................
IL RETTORE
DELL’UNIVERSITÀ
PALERMO
Prof. Roberto Lagalla
DEGLI
IL
PRESIDENTE
DEL
CONSORZIO
DI NAZIONALE INTERUNIVERSITARIO
PER LE SCIENZE DEL MARE
Prof. Angelo Tursi
STUDI
Il Responsabile del procedimento
f.to Dott. Antonino Pollara
Il Dirigente
f.to Dott. Sergio Casella
Il Senato Accademico
VISTA la delibera del Consiglio di Dipartimento di Scienze della Terra e del Mare (DISTEM) del
09.05.2013 seduta n.3;
VISTA la delibera del Consiglio di Dipartimento di Scienze Chimiche e Tecnologiche, Biologiche
Chimiche e Farmaceutiche (STEBICEF) del 19.06.2013 verbale n.6;
VISTA la delibera del Consiglio di Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale, Aerospaziale, dei
Materiali (DICAM) del 27.02.2014 verbale n.3;
VISTO lo Statuto del CONISMA;
VISTO il testo di convenzione sopra riportato;
VISTA la relazione del Responsabile del procedimento;
SENTITA la relazione del Decano della Commissione “Attività di ricerca”;
RITENUTO di esprimere parere favorevole alla sopra riportata proposta per le motivazioni nella
stessa contenute;
all’unanimità,
DELIBERA
77
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
di approvare in conformità alla proposta sopra riportata.
Letto e approvato seduta stante
Alle ore 16,30 entra il Rettore prof. Roberto Lagalla ed assume la presidenza della seduta.
2. Comunicazioni
Il Rettore informa i presenti che:
il Ministero ha rinviato al 15 maggio la presentazione delle scheda SUA dei Corsi di studio e al
22 maggio la data di scadenza per i Dottorati di ricerca;
il Ministero ha già convocato la Commissione mista paritetica CRUI-Ministero che sta
definendo le nuove modalità di finanziamento del sistema universitario, informa altresì che il 7
maggio ci sarà una riunione dei Rettori della Calabria e della Sicilia;
il 9 giugno al Teatro Massimo ci sarà, alla presenza del Ministro, la proclamazione di tutti i
dottori di ricerca dell’Ateneo per proporre alla città l’importanza dei sistemi di cultura, di alta
formazione, di ricerca e di innovazione, invita quindi gli organi di governo di essere presenti.
Comunica, inoltre, che:
per il 2015 mancheranno 145 milioni di euro già previsti ai quali dovrebbero sommarsi i 45 milioni
di euro aggiuntivi che sono la prosecuzione dei 30 milioni di quest’anno, dovrebbero quindi
mancare da 145 a 190 milioni di euro, con l’aggravante ulteriore che la premialità sale anno per
anno fino ad attestarsi al 20%. L’Ateneo, per la quota di premialità, risulta essere penalizzato e
quindi sollecita i Direttori di Dipartimento di vigilare attentamente sulla prossima VQR;
le borse di dottorato sono diminuite da 120 a 66
gli assegni di ricerca sono stati bloccati su fondi di Ateneo;
ci sono difficoltà a reperire somme sul piano di reclutamento per i ricercatori.
Bisogna prepararsi dunque alla prossima VQR e a compilare bene la scheda SUA.
La quota base attuale che garantisce per ora l’80% della quota fissa sarà rapportata ai seguenti
parametri:
rapporto tra la docenza e l’offerta formativa con riferimento alle materie di base e
caratterizzanti
servizi resi agli studenti e rapporto con il personale TA secondo parametri che si stanno
definendo
le infrastrutture ed altri elementi di specificità e di contesto
esenti tasse.
Nella Commissione mista Crui-Ministero è stato inserito il Rettore di Catania, Prof. Giacomo
Pignataro, per tutelare gli Atenei del Sud e costruire un percorso che non danneggi gli Atenei
meridionali.
Per quanto riguarda il reclutamento della docenza il Rettore fa presente che:
entro il 30 giugno sarà rielaborata e riproposta la modifica del D.M. 49/2012 (che fissa le modalità
di assegnazione dei punti organico alle università in funzione dell’indice di sostenibilità economico
finanziario e in base ai rapporti alle varie fasce del personale).
La Crui sta cercando di ottenere dal Ministero una fascia percentuale di punti organico per tutti
sulla base del liberato per pensionamento negli anni precedenti e lo sganciamento della chiamata
dei professori ordinari dall’obbligo dell’assunzione di ricercatori di tipologia “B”.
Risulta definita la parte del piano straordinario associati che riguarda le chiamate dirette.
78
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
Per il reclutamento dei Ricercatori risultano ancora sospesi una decina di bandi i cui fondi sono
previsti a bilancio. Ritiene opportuno attendere la modifica del DM 49 in modo da recuperare
eventuali ulteriori risorse per aumentare il numero dei soggetti da assumere.
Ricorda al Senato che il nostro Ateneo ha conseguito il peggior reclutamento italiano è l’ultimo in
senso assoluto ossia vale zero, quindi mediamente tutti, come VQR, sono al di sotto la media
nazionale del proprio settore di riferimento. Bisogna quindi mettere dei parametri selettivi per la
partecipazione ai concorsi è un elemento fondamentale
In tempi breve tempo andranno in scadenza i primi posti di ricercatori di tipo A bisognerebbe
cominciare pensare alla loro trasformazione in tipo B (cioè potere diventare associati in qualche
anno). Bisognerà valutare, per ogni settore scientifico disciplinare, il risultato di produzione di
queste persone.
L’Amministrazione ha definito il Bilancio consuntivo 2013.
Il risultato è buono; l’avanzo di amministrazione si attesta a circa 11 milioni di euro.
Il Rettore coglie l’occasione per ringraziare tutti per l’ottimo risultato conseguito.
Tale avanzo disponibile va in parte accantonato per talune delle problematiche, quali ad esempio i
rapporti con il Policlinico e per la definizione dei situazioni pregresse con i Consorzi universitari ed
anche per costituire un fondo di riserva rischi (rendicontazione dei progetti).
Il Bilancio ci rassicura ma comunque non ci permette di potere impegnare 11 milioni di euro.
Si sta effettuando una verifica delle partite che i Dipartimenti hanno comunicato come impegnate
ma sulle quali non c’è una documentazione reale a sostegno dell’impegno.
Quindi una parte minimale, depurata dalle partite di eventuali debiti, sarà restituita ai dipartimenti
per le quote di accantonamento di missioni dell’anno 2013 depurata (circa 436.000 euro da
restituire ai dipartimenti).
Ulteriori assegnazioni potranno essere effettuate, quali quote per interventi straordinari da
programmare (interventi di riorganizzazione interna delle biblioteche all’interno dei dipartimenti e
delle scuole o di materiali didattici), prima dell’estate.
Il corrispettivo di 25 assegni si potrebbe utilizzare per posti di ricercatore a tempo determinato.
Il Rettore, nel proseguire nel proprio intervento, fa presente di avere fatto sviluppare dal Comitato
di monitoraggio, dall’Ufficio di controllo di gestione e dalla Delegata alla statistica di Ateneo tutta
una serie di indicatori sensibili della funzione di Ateneo.
I dati che emergono sono importanti: la caduta degli iscritti è in gran parte in relazione all’esito di
laurea dei fuori corso. Si sono laureati nell’ultimo triennio più di 11.800 persone, quindi significa
che i corsi di recupero hanno funzionato ed adesso stiamo entrando nella fase successiva che è
quella tutorato per prevenire, se è possibile, i fuori corso.
Altri dati importanti sono quelli relativi a:
- una massiccia presenza di stranieri nei Dottorati di ricerca
- un’importante richiesta di internazionalizzazione
- la realizzazione di 20 corsi di laurea a doppio titolo.
Tutti questi segnali incoraggianti dovranno essere consolidati e verranno comunicati a tutti per
una analisi opportuna.
I Presidenti delle Scuole hanno scritto lamentando delle criticità concernenti lo svolgimento delle
loro funzioni poiché rimangono estranei al processo decisionale sulle materie di competenze delle
scuole stesse.
79
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
Chiede pertanto al Senato di autorizzare il Presidente della commissione didattica ad invitare
alle riunioni anche i Presidenti delle scuole, qualora la trattazione dei temi in discussione
necessiti il loro confronto, e costruire così quel raccordo mancante nella nuova normativa vigente.
3. Risposte e interrogazioni
Il Rettore invita i componenti che avessero comunicazioni o interrogazioni a prendere la parola.
La Dott. Cerroni, nel prendere la parola, comunica che le Associazioni sindacali della docenza e
studentesche hanno organizzato la settimana Unipertutti dal 12 al 17 maggio p.v. l’iniziativa è
“aprire le porte dell’università alla cittadinanza” per far si che l’Università sia di tutti.
I docenti disponibili debbono comunicare la data e il luogo dove si svolgeranno le loro lezioni in
modo che possano essere inserite in un calendario nazionale all’uopo predisposto.
Il Rettore, ringrazia la Dott. Cerroni per l’iniziativa proposta e chiede al Senato di approvare
all’unanimità l’adesione dell’Ateneo delegando la Dott. Cinzia Cerroni a fornire ulteriori
comunicazioni sullo svolgimento dell’evento.
4. Approvazione verbale del 18 marzo 2014
Il verbale è approvato all’unamità dei presenti.
5. Designazione componente Comitato Direttivo del COT
Il Rettore fa presente che l’art.4 del Regolamento del COT prevede che il Senato Accademico
nomini un componente del Comitato Direttivo del COT.
Il Rettore propone che sia nominato il prof. Umberto La Commare.
Il Senato
Visto lo Statuto:
Visto l’art.4 del Regolamento del COT;
Vista la proposta del Rettore;
all’unanimità
DELIBERA
di nominare il prof. Umberto La Commare come componente del Comitato Direttivo del COT.
Letto ed approvato seduta stante
6. D.M. 23 Ottobre 2003 n. 198, artt. 3 e 6 D.D.M.M. 9 Agosto 2004 n. 263 e 3 Novembre 2005
n. 492 - “Fondo per il sostegno dei giovani e per favorire la mobilita degli studenti’ Assegnazione borse aggiuntive dottorato di ricerca – Anno 2013/2014 (XXIX Ciclo) – Nota
Ministeriale prot. n. 2900 del 12.02.2014
RELAZIONE DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
VISTA la nota MIUR n. 2900 del 12/02/2014, con la quale si comunica lo stanziamento di Euro
538.239,00 (Cap. 1686, pag. 2, e cap. 1713 pag. 1) assegnato all’Ateneo di Palermo, per il
potenziamento degli analoghi corsi già positivamente valutati dall’ANVUR nell’Anno 2012;
80
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
CONSIDERATO che le borse assegnate, ai corsi valutati positivamente dall’ANVUR erano 11
(vedi nota prot. n. 93719 del 19.12.2012), di cui 9 assegnate al ciclo XXVI e di cui 2 posticipate e
messe a bando per il XXIX ciclo per mancanza di potenziali fruitori;
VISTA l’e-mail inviata dall’Ufficio Dottorati ai Dottori Daniele LIVON e Angelo SIDDI del MIUR, con
la quale si chiedeva conferma che le borse da assegnare fossero 11 e se si poteva procedere
all’assegnazione delle borse ai corsi analoghi del XXIX Ciclo o nei quali erano confluiti quelli del
ciclo precedente, in quanto il numero di corsi attivati era sceso da 37 a 23, tenendo comunque
conto degli ambiti di indagine e dei relativi dottorati selezionati, di cui alla nota prot. n. 93719;
VISTA la risposta fornita dal Dott. Angelo SIDDI all’Ufficio Dottorati in data 11.03.2014, con la
quale conferma che la procedura prospettata dall’Ufficio Dottorati è formalmente corretta;
VISTA la proposta di ripartizione formulata dall’Ufficio, in analogia agli anni precedenti, così
motivata:
“Tenuto conto che le borse assegnate sono n. 11 a fronte di 19 dottorati selezionati, che alcuni
corsi di dottorato sono presenti in più ambiti e che l’assegnazione può riguardare soltanto i corsi
individuati in ciascun ambito, nel formulare la proposta di ripartizione, lo scrivente ufficio propone
di adottare, nell’ordine, i seguenti criteri:
a) garantire almeno una borsa di studio a tutti i corsi selezionati in due ambiti;
b) tenere conto dei dottorati selezionati nei vari ambiti negli anni precedenti, che non hanno
usufruito di borsa;
c) assegnare le borse fra i dottorati selezionati in ragione del maggior numero degli iscritti senza
borsa di studio, non tenendo conto:
- di eventuali dottorandi senza borsa che hanno già rinunciato a fruire di borsa;
- dei laureati all’estero ammessi su posti riservati senza borsa;
- studenti stranieri ammessi su posti in soprannumero;
- di titolari di assegno di ricerca ammessi in soprannumero:
d)
Utilizzare la graduatoria di valutazione dei dottorati approvata dal Senato Accademico per il
XXIX ciclo.
Di conseguenza si propongono le seguenti ipotesi di ripartizione (Vedi anche tabella di seguito
riportata):
Nell’ambito “Salute dell’Uomo (studio e trattamento dei tumori e delle malattie degenerative con
nuovi approcci derivati dalla conoscenza del genoma umano)”: essendo 2 le borse assegnate e 3 i
dottorati destinati a fruirne, in quanto 1 non è stato rinnovato e altri quattro sono confluiti in due
dottorati, e precisamente:
Biomedicina e Neuroscienze
Medicina Molecolare e Biotecnologie
Oncologia e Chirurgia Sperimentali
si propone di assegnare 1 borsa ciascuno ai dottorati:
- “Biomedicina e Neuroscienze” in quanto, nonostante fosse stato selezionato, lo scorso anno non
ha avuto assegnata borsa ed ha 2 iscritti senza borsa di studio;
- “Oncologia e Chirurgia Sperimentali” in quanto ha 5 iscritti senza;
81
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
Di non assegnare borsa al dottorato di “Medicina Molecolare e Biotecnologie” in quanto ha 2 iscritti
senza borsa, mentre 5 sono quelli di “Oncologia e Chirurgia Sperimentali”.
2) Nell’ambito “Rilancio dell’industria farmaceutica anche attraverso la chimica fine dei composti
naturali per nuove applicazioni diagnostiche e nuovi principi attivi”: essendo (1) la borsa assegnata
e (1) il dottorato destinato a fruirne, precisamente “Scienze Molecolari e Biomolecolari”, non ci
sono problemi nell’assegnazione;
3) Nell’ambito “Nuove Applicazioni dell’Industria Biomedicale” essendo (1) la borsa assegnata e
(1) il dottorato destinato a fruirne, “Scienze Economiche, Aziendali e Statistiche”, non ci sono
problemi nell’assegnazione, tenuto conto, peraltro, che l’altro dottorato selezionato lo scorso anno
è in convenzione con l’Università di Catania (sede amministrativa);
4) Nell’ambito “Sistemi di Comunicazione Innovativi a Larga Banda anche con Impiego di Satelliti
per Utenze Differenziate in Materia di Sicurezza, Prevenzione e Intervento in caso di Catastrofi
Naturali”: essendo (1) la borsa assegnata e (1) il dottorato destinato a fruirne, non ci sono problemi
nell’assegnazione, precisamente “Energia e Tecnologie dell’Informazione”;
5) Nell’ambito “Valorizzazione dei prodotti tipici dell’agroalimentare e sicurezza alimentare
attraverso nuovi sistemi di caratterizzazione e garanzia di qualità”: essendo (2) le borse assegnate
e (1) il dottorato destinato a fruirne, precisamente “Scienze Agrarie Forestali e Ambientali”, in
quanto i due dottorati selezionati lo scorso anno sono confluiti in un unico dottorato, non ci sono
problemi nell’assegnazione;
6) Nell’ambito “Trasporti e logistica avanzata, infomobilità di persone e merci”: essendo (2) le
borse assegnate e (1) il dottorato destinato a fruirne, in quanto anche l’indirizzo di “Tecnica ed
Economia dei Trasporti” che faceva parte del Dottorato in “ENERGIA” è confluito in “Ingegneria
Civile, Ambientale, dei Materiali”, possono essere assegnate a quest’ultimo dottorato entrambe le
borse;
7) Nell’ambito “ICT e Componentistica Elettronica”: essendo (1) la borsa assegnata e (2) i
dottorati destinati a fruirne, si propone di assegnare 1 borsa al Dottorato di “Scienze Fisiche“ in
quanto non l’ha avuta lo scorso anno, perché assegnata a “Ingegneria Chimica, Gestionale,
Informatica e Meccanica”, confluito nel Dottorato in “Ingegneria dell’Innovazione Tecnologica;
Infine, nell’ambito “Risparmio Energetico e Microgenerazione Distribuita”, anche qui essendo (1) la
borsa assegnata e (2) i dottorati destinati a fruirne, tenendo conto che due borse sono state
assegnate, nell’ambito 6, al Dottorato in “Ingegneria Civile, Ambientale, dei Materiali” si propone di
assegnare la Borsa al Dottorato in “Energia e Tecnologie dell’Informazione”.
Pertanto si propone che il Senato Accademico
DELIBERI
a) Di ripartire le borse di studio finanziate dal “Fondo per il sostegno dei Giovani e per favorire la
mobilità degli studenti” di cui al D.M. n. 198 del 23.10.2003, come da tabella di seguito riportata.
b) di stabilire che agli assegnatari delle predette borse potrà essere erogato l’incremento del 50%
della Borsa di studio, per formazione all’estero per un periodo massimo di 6 mesi nel triennio.
c) che gli oneri previdenziali INPS a carico dell’amministrazione per il triennio di riferimento delle
borse graveranno sullo stesso capitolo di spesa in uscita 3.3.0004.0004.0003 (Trasferimento
Ministeriale - D.M. 198/03 del 23.10.2003 – Assegnazione borse di dottorato artt. 3 e 6) del
82
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
Bilancio Universitario e che pertanto, a fronte del trasferimento ministeriale, il predetto capitolo,
nelle previsioni di bilancio degli anni 2015 e 2016, deve essere incrementato dei predetti oneri a
carico dell’Ateneo.
d) che i dottorandi assegnatari delle predette borse, che devono comunque risultare essere già
iscritti su posto senza borsa e che saranno convocati secondo l’ordine della graduatoria generale
di merito, dovranno impegnarsi a svolgere la propria ricerca secondo l’ambito di indagine, per cui è
stata assegnata la borsa al dottorato dal MIUR.
83
BIOMEDICINA
NEUROSCIENZE
(INTERNAZIONALE)
Proposta
Distribuzione Borse
N. Iscritti al corso
s.b./potenziali fruitori
Borse assegnate nel
ciclo precedente
2013
Curricula
Dottorato
Cifre Assegnate per
ambito
Borse assegnate per
ambito dal MIUR
Ambito di Indagine
prioritario
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
E 1) BIOMEDICINA
0
2
1
2) NEUROSCIENZE
1) BIOPATOLOGIA
1
Salute dell'uomo (studio e
trattamento dei tumori e delle
malattie degenerative con nuovi 2
approcci
derivati
dalla
conoscenza del genoma umano)
MEDICINA
MOLECOLARE
BIOTECNOLOGIE
97.861,63
2 (di cui 1
1 (Scienze e Biotecnologie ammesso
su
E 2) BIOTECNOLOGIE APPLICATE ALLA Mediche
Sperimentali
e posto riservato
RICERCA BIOMEDICA
Applicate)
a
laureati
all'estero)
3) BIOFISICA E BIOIMAGING
1) ONCOLOGIA
MOLECOLARE
ONCOLOGIA
CHIRURGIA
SPERIMENTALI
(INTERNAZIONALE)
SPERIMENTALE
E
E
2) SCIENZE STOMATOLOGICHE
CHIRURGIA CERVICO-FACCIALE
E 1 (Oncologia
Molecolare)
3) BIOTECNOLOGIE CHIRURGICHE E
MEDICINA RIGENERATIVA
2
Rilancio
dell’industria
farmaceutica anche attraverso la 1
chimica fine dei composti naturali
per
nuove
applicazioni
diagnostiche e nuovi principi
attivi
48.930,81
SCIENZE
MOLECOLARI
BIOMOLECOLARI
0
E 1) SCIENZE CHIMICHE
2)SCIENZE FARMACEUTICHE
Clinica
5 (di cui 1
ammesso
su
e
posto riservato
a
laureati
all'estero)
1 (Biologia Cellulare e 5 (di cui 1
Scienze e Tecnologie del ammesso
su
Farmaco)
posto riservato
a
laureati
all'estero)
1
1
3) TECNOLOGIA DELLE SOSTANZE
BIOLOGICAMENTE ATTIVE
84
Proposta
Distribuzione Borse
N. Iscritti al corso
s.b./potenziali fruitori
Borse assegnate nel
ciclo precedente
2013
Curricula
Dottorato
Cifre Assegnate per
ambito
Borse assegnate per
ambito dal MIUR
Ambito di Indagine
prioritario
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
4) BIOLOGIA CELLULARE
1) ECONOMIA
3
Nuove Applicazioni dell'Industria
1
Biomedicale
48.930,81
SCIENZE
ECONOMICHE,
AZIENDALI
STATISTICHE
2) SCIENZE AZIENDALI
E
1
(Statistica,
Applicata
e
quantitativa)
Statistica
finanza 2
1
3) STATISTICA
4
5
Sistemi
di
Comunicazione
Innovativi a Larga Banda anche
con Impiego di Satelliti per
Utenze Differenziate in Materia di 1
Sicurezza,
Prevenzione
e
Intervento in caso di Catastrofi
Naturali
Valorizzazione dei prodotti tipici
dell'agroalimentare e sicurezza 2
alimentare
attraverso
nuovi
sistemi di caratterizzazione e
garanzia di qualità
1) FISICA TECNICA E INGEGNERIA
NUCLEARE
48.930,81
97.861,63
ENERGIA
E
1 (Ing. Elettrica, Elettronica e
TECNOLOGIE
delle
Telecomunicazioni,
2) INGEGNERIA ELETTRICA
DELL'INFORMAZIONE
Matematica ed Automatica)
3) TECNOLOGIE DELL’INFORMAZIONE
E SCIENZE APPLICATE
SCIENZE
AGRARIE
FORESTALI
E 1) AGRO-ECOSISTEMI MEDITERRANEI
AMBIENTALI
5 (di cui 1
ammesso
su
posto riservato
a
laureati
all'estero)
2 (1 Scienze Agrarie e
Forestali e 1 Sistemi Agro- 4
Ambientali)
1
2
2) GESTIONE FITOSANITARIA ECOCOMPATIBILE IN AMBIENTI AGROFORESTALI E URBANI
3) IDRONOMIA AMBIENTALE
85
Proposta
Distribuzione Borse
N. Iscritti al corso
s.b./potenziali fruitori
Borse assegnate nel
ciclo precedente
2013
Curricula
Dottorato
Cifre Assegnate per
ambito
Borse assegnate per
ambito dal MIUR
Ambito di Indagine
prioritario
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
4) TUTELA DEL TERRITORIO E
VALORIZZAZIONE DELLE PRODUZIONI
AGRO-ALIMENTARI
1) INGEGNERIA
GEOTECNICA
6
Trasporti e Logistica Avanzata,
2
Infomobilità di Persone e Merci
97.861,63
INGEGNERIA
AMBIENTALE,
MATERIALI
STRUTTURALE
2)
INGEGNERIA
CIVILE, INFRASTRUTTURE
DEI GEOMATICA E TRASPORTI
3)
INGEGNERIA
AMBIENTALE
E
DELLE
VIARIE,
IDRAULICA
1
(Ingegneria
Ambientale)
Civile
e
4
2
1
1
E
4) INGEGNERIA DEI MATERIALI
7
ICT
e
Elettronica
Componentistica 1
48.930,81
1) FISICA
SCIENZE FISICHE
INGEGNERIA
INNOVAZIONE
TECNOLOGICA
DELL'
2)
FISICA
STATISTICA
INTERDISCIPLINARE
1) INGEGNERIA
MATERIALI
CHIMICA
ED
E
DEI
2) INGEGNERIA DELLA PRODUZIONE
0
1
(Ingegneria
Chimica, 3 (di cui 1
su
Gestionale, Informatica e ammesso
posto riservato
Meccanica)
a
laureati
all'estero)
0
3) Ingegneria Informatica
86
Proposta
Distribuzione Borse
N. Iscritti al corso
s.b./potenziali fruitori
Borse assegnate nel
ciclo precedente
2013
Curricula
Dottorato
Cifre Assegnate per
ambito
Ambito di Indagine
prioritario
Borse assegnate per
ambito dal MIUR
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
4) PROGETTAZIONE MECCANICA
1) INGEGNERIA
GEOTECNICA
INGEGNERIA
AMBIENTALE,
MATERIALI
8
Risparmio
energetico
microgenerazione distribuita
e
1
STRUTTURALE
2)
INGEGNERIA
INFRASTRUTTURE
CIVILE,
DEI GEOMATICA E TRASPORTI
3)
INGEGNERIA
AMBIENTALE
E
DELLE
VIARIE,
IDRAULICA
0
0
5 (di cui 1
ammesso
su
posto riservato
a
laureati
all'estero)
1
E
48.930,81
4) INGEGNERIA DEI MATERIALI
1) FISICA TECNICA E INGEGNERIA
NUCLEARE
ENERGIA
E
1 (Ing. Elettrica, Elettronica e
2) INGEGNERIA ELETTRICA
TECNOLOGIE
delle
Telecomunicazioni,
DELL'INFORMAZIONE
Matematica ed Automatica)
3)TECNOLOGIE DELL’INFORMAZIONE
E SCIENZE APPLICATE
TOTALE
4
11
538.239,00
11
87
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
Il Responsabile del procedimento
F.to Antonino Leggio
Il Dirigente
F.to Ing. Gandolfo Gallina
Il Responsabile del Settore
F.to Dott.ssa Modesta Semilia
Il Senato Accademico
VISTA la nota MIUR n. 2900 del 12/02/2014, con la quale si comunica lo stanziamento di Euro
538.239,00 (Cap. 1686, pag. 2, e cap. 1713 pag. 1) assegnato all’Ateneo di Palermo, per il
potenziamento degli analoghi corsi già positivamente valutati dall’ANVUR nell’Anno 2012;
CONSIDERATO che le borse assegnate, ai corsi valutati positivamente dall’ANVUR erano 11
(vedi nota prot. n. 93719 del 19.12.2012), di cui 9 assegnate al ciclo XXVI e di cui 2
posticipate e messe a bando per il XXIX ciclo per mancanza di potenziali fruitori;
VISTA l’e-mail inviato dall’Ufficio Dottorati ai Dottori Daniele LIVON e Angelo SIDDI del MIUR,
con la quale si chiedeva conferma che le borse da assegnare fossero 11 e se si poteva
procedere all’assegnazione delle borse ai corsi analoghi del XXIX Ciclo o nei quali erano
confluiti quelli del ciclo precedente, in quanto il numero di corsi attivati era sceso da 37 a 23,
tenendo comunque conto degli ambiti di indagine e dei relativi dottorati selezionati, di cui alla
nota prot. n. 93719;
VISTA la risposta fornita dal Dott. Angelo SIDDI all’Ufficio Dottorati in data 11.03.2014, con la
quale conferma che la procedura prospettata dall’Ufficio Dottorati è formalmente corretta;
VISTA la proposta del Responsabile del procedimento;
VISTO il parere espresso dalla Commissione congiunta “Attività didattiche e assicurazione
della qualità e della formazione” e “Diritto allo studio, servizi e internazionalizzazione”;
all’unanimità,
DELIBERA
di esprimere parere favorevole in conformità alla proposta sopra riportata e come sotto
specificato:
Di ripartire le borse di studio finanziate dal “Fondo per il sostegno dei Giovani e per favorire la
mobilità degli studenti” di cui al D.M. n. 198 del 23.10.2003, come da tabella di seguito
riportata.
di stabilire che agli assegnatari delle predette borse potrà essere erogato l’incremento del
50% della Borsa di studio, per formazione all’estero per un periodo massimo di 6 mesi nel
triennio.
c) che gli oneri previdenziali INPS a carico dell’amministrazione per il triennio di riferimento
delle borse graveranno sullo stesso capitolo di spesa in uscita 3.3.0004.0004.0003
(Trasferimento Ministeriale - D.M. 198/03 del 23.10.2003 – Assegnazione borse di dottorato
artt. 3 e 6) del Bilancio Universitario e che pertanto, a fronte del trasferimento ministeriale, il
VERBALE N. 205 del 29/04/2014 – 06/05/2014
88 di 109
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
BIOMEDICINA
E 1) BIOMEDICINA
NEUROSCIENZE
(INTERNAZIONALE)
2) NEUROSCIENZE
0
2
Proposta Distribuzione
Borse
N. Iscritti al corso
s.b./potenziali fruitori
Borse assegnate nel ciclo
precedente 2013
Curricula
Dottorato
Cifre Assegnate per
ambito
Borse assegnate per
ambito dal MIUR
Ambito di Indagine
prioritario
predetto capitolo, nelle previsioni di bilancio degli anni 2015 e 2016, deve essere incrementato
dei predetti oneri a carico dell’Ateneo.
d) che i dottorandi assegnatari delle predette borse, che devono comunque risultare essere
già iscritti su posto senza borsa e che saranno convocati secondo l’ordine della graduatoria
generale di merito, dovranno impegnarsi a svolgere la propria ricerca secondo l’ambito di
indagine, per cui è stata assegnata la borsa al dottorato dal MIUR.
1
1) BIOPATOLOGIA
1
Salute
dell'uomo
(studio e trattamento
dei tumori e delle
malattie degenerative
2
con nuovi approcci
derivati
dalla
conoscenza
del
genoma umano)
MEDICINA
MOLECOLARE
BIOTECNOLOGIE
97.861,63
1
(Scienze
2)
BIOTECNOLOGIE Biotecnologie
E APPLICATE
ALLA Mediche
Sperimentali
RICERCA BIOMEDICA
Applicate)
3)
BIOFISICA
E
BIOIMAGING
2 (di cui 1
ammesso
su
posto
0
riservato a
e
laureati
all'estero)
e
1)
ONCOLOGIA
SPERIMENTALE
E
MOLECOLARE
SCIENZE
ONCOLOGIA
E 2)
STOMATOLOGICHE
E 1 (Oncologia Clinica
CHIRURGIA
CHIRURGIA CERVICO- e Molecolare)
SPERIMENTALI
FACCIALE
(INTERNAZIONALE)
3)
BIOTECNOLOGIE
CHIRURGICHE
E
MEDICINA
RIGENERATIVA
5 (di cui 1
ammesso
su
posto
1
riservato a
laureati
all'estero)
1) SCIENZE CHIMICHE
2
Rilancio dell’industria
farmaceutica anche
attraverso la chimica
fine dei composti
1
naturali per nuove
applicazioni
diagnostiche e nuovi
principi attivi
48.930,81
SCIENZE
MOLECOLARI
BIOMOLECOLARI
2)SCIENZE
FARMACEUTICHE
1 (Biologia Cellulare
e
Scienze
e
E 3) TECNOLOGIA DELLE
Tecnologie
del
SOSTANZE
Farmaco)
BIOLOGICAMENTE
ATTIVE
4)
CELLULARE
5 (di cui 1
ammesso
su
posto
1
riservato a
laureati
all'estero)
BIOLOGIA
1) ECONOMIA
3
Nuove
Applicazioni
dell'Industria
1
Biomedicale
48.930,81
SCIENZE
ECONOMICHE,
AZIENDALI
STATISTICHE
2) SCIENZE AZIENDALI
E
1
(Statistica,
Statistica Applicata
2
e
finanza
quantitativa)
1
3) STATISTICA
VERBALE N. 205 del 29/04/2014 – 06/05/2014
89 di 109
4
Sistemi
di
Comunicazione
Innovativi a Larga
Banda anche con
Impiego di Satelliti
per
Utenze 1
Differenziate
in
Materia di Sicurezza,
Prevenzione
e
Intervento in caso di
Catastrofi Naturali
1) FISICA TECNICA E
INGEGNERIA
NUCLEARE
48.930,81
1 (Ing. Elettrica,
ENERGIA
E
Elettronica e delle
2)
INGEGNERIA
TECNOLOGIE
Telecomunicazioni,
ELETTRICA
Matematica
ed
DELL'INFORMAZIONE
Automatica)
3)
TECNOLOGIE
DELL’INFORMAZIONE E
SCIENZE APPLICATE
Proposta Distribuzione
Borse
N. Iscritti al corso
s.b./potenziali fruitori
Borse assegnate nel ciclo
precedente 2013
Curricula
Dottorato
Cifre Assegnate per
ambito
Ambito di Indagine
prioritario
Borse assegnate per
ambito dal MIUR
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
5 (di cui 1
ammesso
su
posto
1
riservato a
laureati
all'estero)
1)
AGRO-ECOSISTEMI
MEDITERRANEI
5
Valorizzazione
dei
prodotti
tipici
dell'agroalimentare e
sicurezza alimentare
2
attraverso
nuovi
sistemi
di
caratterizzazione
e
garanzia di qualità
97.861,63
2)
GESTIONE
FITOSANITARIA
ECOCOMPATIBILE
IN
AMBIENTI
AGRO- 2
(1
Scienze
SCIENZE
AGRARIE FORESTALI E URBANI
Agrarie e Forestali e
4
FORESTALI
E
1
Sistemi AgroAMBIENTALI
3)
IDRONOMIA Ambientali)
AMBIENTALE
2
4)
TUTELA
DEL
TERRITORIO
E
VALORIZZAZIONE
DELLE
PRODUZIONI
AGRO-ALIMENTARI
1)
INGEGNERIA
STRUTTURALE
E
GEOTECNICA
6
Trasporti e Logistica
Avanzata,
2
Infomobilità
di
Persone e Merci
97.861,63
2) INGEGNERIA DELLE
INFRASTRUTTURE
INGEGNERIA CIVILE, VIARIE, GEOMATICA E
1 (Ingegneria Civile
AMBIENTALE,
DEI TRASPORTI
4
e Ambientale)
MATERIALI
3)
INGEGNERIA
IDRAULICA
E
AMBIENTALE
4)
INGEGNERIA
MATERIALI
7
ICT
Componentistica
Elettronica
e
1
48.930,81
2
DEI
1) FISICA
SCIENZE FISICHE
2) FISICA STATISTICA
ED INTERDISCIPLINARE
0
1
(Ingegneria
INGEGNERIA DELL' 1)
INGEGNERIA Chimica,
INNOVAZIONE
CHIMICA
E
DEI Gestionale,
TECNOLOGICA
MATERIALI
Informatica
e
Meccanica)
1
1
3 (di cui 1
ammesso
su
posto 0
riservato a
laureati
all'estero)
2) INGEGNERIA DELLA
PRODUZIONE
VERBALE N. 205 del 29/04/2014 – 06/05/2014
90 di 109
Proposta Distribuzione
Borse
N. Iscritti al corso
s.b./potenziali fruitori
Borse assegnate nel ciclo
precedente 2013
Curricula
Dottorato
Cifre Assegnate per
ambito
Borse assegnate per
ambito dal MIUR
Ambito di Indagine
prioritario
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
3) Ingegneria Informatica
4)
PROGETTAZIONE
MECCANICA
1)
INGEGNERIA
STRUTTURALE
E
GEOTECNICA
2) INGEGNERIA DELLE
INFRASTRUTTURE
INGEGNERIA CIVILE, VIARIE, GEOMATICA E
AMBIENTALE,
DEI TRASPORTI
0
MATERIALI
3)
INGEGNERIA
8
Risparmio energetico
e microgenerazione 1
distribuita
IDRAULICA
AMBIENTALE
48.930,81
4)
INGEGNERIA
MATERIALI
11
0
E
DEI
1) FISICA TECNICA E
INGEGNERIA
NUCLEARE
1 (Ing. Elettrica,
ENERGIA
E 2)
INGEGNERIA Elettronica e delle
TECNOLOGIE
Telecomunicazioni,
ELETTRICA
DELL'INFORMAZIONE
Matematica
ed
3)TECNOLOGIE
Automatica)
DELL’INFORMAZIONE E
SCIENZE APPLICATE
TOTALE
4
5 (di cui 1
ammesso
su
posto
1
riservato a
laureati
all'estero)
538.239,00
11
Letto ed approvato seduta stante.
8. Parere del Senato Accademico in merito interna alla richiesta di afferenza del Prof.
Ignazio Carreca al Dipartimento di Discipline Chirurgiche, Oncologiche e
Stomatologiche
RELAZIONE DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Si sottopone al parere del Senato Accademico l’istanza, datata 21 novembre 2013, del Prof.
Ignazio Carreca, in atto afferente al Dipartimento di Scienze Giuridiche, della Società e dello
Sport, con la quale lo stesso chiede di potere afferire al Dipartimento di Discipline Chirurgiche,
Oncologiche e Stomatologiche.
Il docente in questione afferisce dal 01 gennaio 2013 al citato Dipartimento per effetto del
processo di dipartimentalizzazione attuato dall’Ateneo, in ottemperanza alle disposizioni
VERBALE N. 205 del 29/04/2014 – 06/05/2014
91 di 109
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
impartite dalla legge 240/2010, e pertanto non è in possesso del requisito del triennio di
permanenza nel Dipartimento di provenienza.
In proposito, il Rettore, nella adunanza del Senato Accademico dell’11 febbraio 2014, ha
osservato che “sarebbe opportuno non considerare quale termine di decorrenza dei tre anni
solari previsti dall’art.2, comma III, la costituzione dei nuovi Dipartimenti, in quanto si tratta di
accorpamenti non determinati da scelte discrezionali dei singoli”.
In conformità a quanto disposto dal Regolamento emanato con Decreto Rettorale n. 953 del
14 marzo 2014, il Dipartimento di Discipline Chirurgiche, Oncologiche e Stomatologiche, con
nota del 27/01/2014, ha trasmesso a questo Settore il verbale approvato dal Consiglio del
Dipartimento in data 22/01/2014, contenente la proposta di nomina della Commissione di
valutazione dell’istanza, ai sensi dell’art. 5, che così recita: “La Commissione è proposta dal
Consiglio del Dipartimento di destinazione ed è nominata con Decreto del Rettore”.
La suddetta Commissione è stata nominata con Decreto Rettorale n. 487 del 10/02/2014.
La Commissione, riunitasi in data 24 febbraio 2014, ha effettuato la valutazione della istanza
del Prof. Ignazio Carreca, e i relativi esiti, in ottemperanza al Regolamento in materia, sono
stati sottoposti ai pareri del Consiglio del Dipartimento di Discipline Chirurgiche, Oncologiche e
Stomatologiche e del Consiglio del Dipartimento di Scienze Giuridiche, della Società e dello
Sport.
Il Consiglio del Dipartimento di Discipline Chirurgiche, Oncologiche e Stomatologiche, nella
seduta del 26 febbraio 2014, ha approvato all’unanimità la richiesta di afferenza di cui trattasi.
Il Consiglio del Dipartimento di Scienze Giuridiche, della Società e dello Sport, nella seduta
del’08 aprile 2014, ha espresso parere favorevole in merito alla afferenza del Prof. I. Carreca
al Dipartimento di Discipline Chirurgiche, Oncologiche e Stomatologiche.
Alla luce di quanto esposto, si chiede che il Senato Accademico, presa visione dei lavori della
Commissione di valutazione e dei pareri dei Dipartimenti interessati, esprima parere
sull’opportunità del trasferimento del Prof. Ignazio Carreca dal Dipartimento di Scienze
Giuridiche, della Società e dello Sport al Dipartimento di Discipline Chirurgiche, Oncologiche
e Stomatologiche.
Il Responsabile del procedimento
F.to Dott.ssa Marisa Donzelli
Il Dirigente
F.to Ing. Gandolfo Gallina
IL SENATO ACCADEMICO
VISTA la richiesta di afferenza, inoltrata in data 27 novembre 2013 dal Prof. Ignazio Carreca,
al Dipartimento di Discipline Chirurgiche, Oncologiche e Stomatologiche;
TENUTO CONTO che il docente in questione afferisce dal 01 gennaio 2013 al citato
Dipartimento per effetto del processo di dipartimentalizzazione attuato dall’Ateneo, in
ottemperanza alle disposizioni impartite dalla legge 240/2010;
VISTO Il “Regolamento sulla mobilità interna interdipartimentale” dei professori e dei
ricercatori, emanato con D.R. n. 953 del 14 marzo 2014;
VISTA la documentazione trasmessa dalla Commissione di valutazione;
VERBALE N. 205 del 29/04/2014 – 06/05/2014
92 di 109
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
VISTA la delibera adottata in data 26 febbraio 2014 dal Consiglio del Dipartimento di
destinazione (Discipline Chirurgiche, Oncologiche e Stomatologiche), con la quale si esprime
parere favorevole alla richiesta di afferenza sopraccitata;
VISTA la delibera adottata in data 08 aprile 2014 dal Consiglio del Dipartimento di
provenienza, (Scienze Giuridiche, della Società e dello Sport), con la quale si esprime,
parimenti, parere favorevole alla richiesta di afferenza sopraccitata;
VISTA la relazione del Responsabile del procedimento;
SENTITO il Coordinatore della Commissione “Programmazione e risorse umane”;
All’unanimità,
ESPRIME PARERE FAVOREVOLE
in merito all’accoglimento della richiesta avanzata dal Prof. Ignazio Carreca, proveniente dal
Dipartimento di Scienze Giuridiche, della Società e dello Sport, con la quale chiede il
trasferimento al Dipartimento di Discipline Chirurgiche, Oncologiche e Stomatologiche.
Letto e approvato seduta stante.
9. Parere del Senato Accademico in merito interna alla richiesta di afferenza del Prof.
Wanda Cortese al Dipartimento di Culture e Società
RELAZIONE DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Si sottopone al parere del Senato Accademico l’istanza, datata 24 ottobre 2013, della Prof.
Wanda Cortese, in atto afferente al Dipartimento di Scienze Giuridiche, della Società e dello
Sport, con la quale la stessa chiede di potere afferire al Dipartimento di Beni Culturali - Studi
Culturali, ora denominato Dipartimento Culture e Società “….per superare i casi di
incompatibilità previsti dal Codice Etico dell’Università di Palermo….”.
In conformità a quanto disposto dal Regolamento sulla mobilità, emanato con Decreto
Rettorale n. 1735 dell’11 giugno 2013, vigente al momento della presentazione della istanza in
questione, il Dipartimento di Beni Culturali - Studi Culturali ora denominato Dipartimento
Culture e Società, con nota n. 114 del 03/02/2014, ha trasmesso a questo Settore il decreto
del Direttore del Dipartimento, datato 27/01/2014, ratificato dal Consiglio di Dipartimento nella
seduta del 3 febbraio 2014, contenente la proposta di nomina della Commissione di
valutazione dell’istanza, ai sensi dell’art. 5, che così recita: “La Commissione è proposta dal
Consiglio del Dipartimento di destinazione ed è nominata con Decreto del Rettore”.
La suddetta Commissione è stata nominata con Decreto Rettorale n. 486 del 10 febbraio
2014.
La Commissione, riunitasi in data 03 marzo 2014, ha effettuato la valutazione della istanza
della Prof. Wanda Cortese, e i relativi esiti, in ottemperanza al Regolamento in materia, sono
stati sottoposti al parere del Consiglio del Dipartimento Culture e Società e al parere del
Consiglio del Dipartimento di Scienze Giuridiche, della Società e dello Sport.
Il Consiglio del Dipartimento Culture e Società, nella seduta del 28 marzo 2014 ha deliberato
la congruità del trasferimento della Prof. Cortese al Dipartimento.
VERBALE N. 205 del 29/04/2014 – 06/05/2014
93 di 109
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
Il Consiglio del Dipartimento di Scienze Giuridiche, della Società e dello Sport, nella seduta
dell’8 aprile 2014, ha espresso parere favorevole in merito alla afferenza della Prof.ssa Wanda
Cortese al Dipartimento Culture e Società.
Alla luce di quanto esposto, si chiede, pertanto, che il Senato Accademico, presa visione dei
lavori della Commissione di valutazione e dei pareri dei Dipartimenti interessati, si esprima in
merito al trasferimento della Prof. Wanda Cortese dal Dipartimento di Scienze Giuridiche,
della Società e dello Sport al Dipartimento Culture e Società.
Il Responsabile del procedimento
F.to Dott.ssa Marisa Donzelli
Il Dirigente
F.to Ing. Gandolfo Gallina
IL SENATO ACCADEMICO
VISTA la richiesta di afferenza inoltrata, in data 24 ottobre 2013, dalla Prof. Wanda Cortese
al Dipartimento di Beni Culturali – Studi Culturali, ora denominato Dipartimento Culture e
Società;
VISTO il “Regolamento sulla mobilità interna interdipartimentale” dei professori e dei
ricercatori, emanato con D.R. n. 1735 dell’11 giugno 2013, vigente al momento della
presentazione della istanza in questione;
VISTO il D.R. n. 486 del 10/2/2014 con il quale è stata nominata la commissione di
valutazione ai sensi dell’art. 5 del summenzionato regolamento;
VISTA la documentazione trasmessa dalla suddetta Commissione;
VISTA la delibera adottata in data 28 marzo 2014 dal Consiglio del Dipartimento di
destinazione (Culture e Società), con la quale si esprime parere favorevole alla richiesta di
afferenza sopraccitata;
VISTA la delibera adottata in data 08 aprile 2014 dal Consiglio del Dipartimento di
provenienza, (Scienze Giuridiche, della Società e dello Sport), con la quale si esprime,
parimenti, parere favorevole alla richiesta di afferenza sopraccitata;
VISTA la relazione del Responsabile del procedimento;
SENTITO il Coordinatore della Commissione “Programmazione e risorse umane”;
All’unanimità,
ESPRIME PARERE FAVOREVOLE
in merito all’accoglimento della richiesta avanzata dalla Prof. Wanda Cortese, proveniente dal
Dipartimento di Scienze Giuridiche, della Società e dello Sport, con la quale chiede il
trasferimento al Dipartimento Culture e Società.
Letto e approvato seduta stante.
14. Prof. Alida Lo Coco – Esonero parziale dell’attività didattica per nomina a Presidente
abilitazione nazionale
VERBALE N. 205 del 29/04/2014 – 06/05/2014
94 di 109
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
RELAZIONE DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Si ricorda che l’art.16 della legge n. 240/2010, sull’istituzione dell’abilitazione scientifica
nazionale, al comma 3, lettera g), prevede: “…..la possibilità che i commissari in servizio
presso atenei italiani siano,a richiesta,parzialmente esentati dalla ordinaria attività
didattica,nell’ambito della programmazione didattica e senza oneri aggiuntivi per la finanza
pubblica;”
Con nota rettorale n.7315 del 31/1/2013, notificata ai signori Presidi, si sono stabiliti i criteri di
concessione del suddetto esonero, tenendo conto di quanto previsto dall’art. 3, commi 2 e 3,
del vigente Regolamento per il conferimento di incarichi di insegnamento gratuiti e retribuiti e
dall’art. 23, comma 1, ultimo paragrafo, della legge n. 240/2010;
VISTA la precedente delibera n.6 del 17/12/2013 del Senato Accademico, avente per oggetto”
Prof. Giovanna Petrone – Esonero parziale dal carico didattico per prosecuzione attività
connesse al ruolo di Presidente di commissione per l’abilitazione nazionale ai sensi dell’art.16,
comma 3, lett. g) della legge n.240/2010 “ in cui il suddetto consesso, nel non accogliere la
richiesta della docente, dispone che i competenti Uffici Amministrativi dell’Ateneo verifichino
preliminarmente tutte le istanze di esonero parziale o totale dalla attività didattica, motivate,
rispettivamente,dall’attività di Componente o di Presidente di commissione per l’abilitazione
scientifica nazionale, ai sensi dell’art.16, comma 3, della legge n.240/2010.Tali verifiche sono
finalizzate a stabilire gli eventuali effetti delle istanze di esonero parziale o totale ai fini
dell’accreditamento iniziale e periodico dei corsi di studio dell’offerta formativa annuale.
La Prof. Alida Lo Coco, professore ordinario di Psicologia dello Sviluppo e dell’educazione di
questo Ateneo , afferente al settore scientifico disciplinare M-PSI/04, settore concorsuale
11/E2 -, nominata con D.D. n. 735 del 18/12/2012, Componente della Commissione per
l’abilitazione scientifica nazionale per il suddetto settore concorsuale, in considerazione del
fatto che per l’anno accademico 2013/14,sarà impegnata nei lavori della suddetta
Commissione che presiede, data la complessità dell’attività che è chiamata a svolgere nella
suddetta veste, ha chiesto,con nota del 14/01/2014, di essere parzialmente esonerata
dall’attività didattica,ai sensi dell’art.16, 3°comma, lettera g), della legge n. 240/2010,
dichiarando di essere attualmente impegnata nelle seguenti attività didattiche:
nell’insegnamento di “Psicologia dello sviluppo sociale,emotivo ed effettivo” (per 6 CFU)
presso la laurea triennale L24;
nell’insegnamento di “ Scienze e Tecniche Psicologiche Ecologia dello sviluppo”( per 6 CFU)
presso la laurea magistrale 51;
nell’insegnamento di “Psicologia Clinica dell’arco di vita”;
VISTA la delibera del 22/1/2014, con cui il Consiglio di Dipartimento di Psicologia, di afferenza
della prof. Lo Coco, che ha ricevuto l’istanza della suddetta docente, ha deliberato di
accogliere la richiesta avanzata dalla stessa, di esonero parziale dalla ordinaria attività
didattica;
VISTA la nota del 5/3/2014 con cui la Prof. Alida Lo Coco integra la sua istanza di esonero
parziale dall’attività didattica facendo presente che tale esonero riguarda l’insegnamento della
Laurea Magistrale “Ecologia dello sviluppo”;
VISTA la nota n. 13859 del 24/2/2014, con cui il Settore Ordinamenti didattici e
programmazione di Ateneo, interpellato nel merito sulla suddetta documentata istanza,ha
segnalato quanto segue:
VERBALE N. 205 del 29/04/2014 – 06/05/2014
95 di 109
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
“ In relazione alla richiesta citata in oggetto, a seguito di verifica in Banca dati AVA-SUA
chiusa nel rispetto della tempistica ministeriale in data 30/9/2013 e nella procedura di Ateneo
di definizione dei piani di studio Offweb, si evidenzia che la Prof.ssa Alida Lo Coco nel periodo
01/03/2014 - 31/07/2014 risulta essere impegnata nel seguente insegnamento nel primo anno
dell’offerta formativa A.A.2013/2014:
13191 – Ecologia dello sviluppo (6.0CFU) – Insegnamento di secondo semestre del Corso di
laurea in “ Psicologia clinica dell’arco di vita”
Si segnala, inoltre, che la professoressa è stata indicata come docente di riferimento per il
suddetto Corso di Studio con peso pari a 0,5.
Il suddetto Corso di Laurea Magistrale presenta nel portale per la qualità dei corsi di studio
AVA-SUA nell’A.A.2013/2014 un numero totale di docenti di riferimento, computato sulla base
dei pesi indicati, pari a 7,5. Tale numero consente il superamento dei requisiti, a regime, di
docenza anche in assenza della Prof.ssa Alida Lo Coco.
Si segnala, comunque, che la sostituzione della Prof.ssa Lo Coco potrebbe ingenerare
provvedimenti dei valutatori esterni, in caso di eventuali visite in sede previste nel secondo
semestre, poiché il docente non risulterà presente in aula, differentemente da quanto indicato
per l’accreditamento iniziale.”
In considerazione di quanto sopra comunicato, si propone che il Senato Accademico,
competente in merito alle attività didattiche dei docenti in base all’art.18 dello Statuto di
Ateneo ed all’art. 2 (1°comma lettera e) della legge 30/12/2010 n. 240 pubblicata su G.U.R.I.
n. 10 del 14/01/2011, esamini l’istanza della prof. ssa Alida Lo Coco e la relativa delibera del
22/01/2014 in cui il Consiglio di Dipartimento di Psicologia ha approvato la richiesta della
suddetta docente, di esonero parziale dalla propria ordinaria attività didattica, previsto
dall’art.16, comma 3, lettera g), della legge n. 240/2010 e in conformità ai criteri contenuti nella
nota rettorale n. 7315 del 31/1/2013 e
DELIBERI
In merito.
Il Responsabile del procedimento
F.to Dott. Anna Geraci
La Dirigente
F.to Dott. Giuseppa Lenzo
Il Senato Accademico
Vista la legge 30/1272010 n.240, ed in particolare l’art.16 , comma 3, lettera g) che prevede
“………la possibilità che i commissari in servizio presso atenei italiani siano, a richiesta,
parzialmente esentati dalla ordinaria attività didattica, nell’ambito della programmazione
didattica e senza oneri aggiuntivi per la finanza pubblica;”
Vista la nota rettorale n.7315 del 31/01/2013;
Vista la delibera n.6 del 17/12/2013 del Senato Accademico;
Vista l’istanza del 14/01/2014 della Prof.ssa Alida Lo Coco;
Vista la nota del 5/3/2014 presentata dalla docente ad integrazione della sua istanza;
Vista la delibera del Consiglio di Dipartimento di Psicologia del 22/01/2014 con cui si accoglie
la richiesta di esonero parziale dall’attività didattica, presentata dalla Prof.ssa Lo Coco per
l’esercizio delle attività connesse alla veste di presidente di commissione per l’abilitazione
scientifica nazionale;
Vista la nota
n.13859 del 24/02/2014 con cui il Settore Ordinamenti didattici e
programmazione fornisce un parere sulla suddetta richiesta;
Vista la proposta del Responsabile del procedimento;
Sentita la relazione del Coordinatore della Commissione “Programmazione e risorse umane”;
VERBALE N. 205 del 29/04/2014 – 06/05/2014
96 di 109
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
Preso atto che la Prof. Alida Lo Coco ha svolto, fino ad oggi, attività didattica per complessivi
15 cfu per l’A.A.2013/2014;
Considerato che all’incarico di Commissario delle abilitazioni nazionali aggiunge quello di
responsabile del COT dell’Ateneo di Palermo con impegno aggiuntivo a quello riferibile allo
svolgimento dei compiti didattici istituzionali;
Considerato che tale funzione aggiuntiva configura una condizione di specifica e di individuale
peculiarità;
Valutato altresì che, ancorchè docente di riferimento per il Corso di Laurea magistrale in
“Psicologia clinica dell’arco di vita “ (LM51), la posizione della docente non incide ai fini dei
requisiti di sostenibilità previsti dalle norme sull’accreditamento;
Accertato che l’attività didattica per la quale si chiede l’esonero è programmata con inizio dal
9/5/2014;
all’unanimità,
DELIBERA
di autorizzare l’esonero richiesto (per l’a.a. 2013/2014 per l’insegnamento di “Ecologia dello
sviluppo “6 cfu) a condizione che venga garantita, in tempo utile, la sostituzione con altro
docente dello stesso settore scientifico disciplinare.
Sull’applicazione della presente disposizione vigileranno il Presidente del Corso di Laurea e il
Direttore di Dipartimento di afferenza del corso di studio e, per quanto di competenza, il
Presidente della Scuola.
Letto e approvato seduta stante.
25. Prof. Maria Carmela Venuti – congedo per motivi di studio A.A. 2014/2015 a decorrere
dall’1/10/2014 al 30/09/2015; Prof. Giuseppina Pisciotta – congedo per motivi di studio A.A.
2014/2015 a decorrere dall’1/11/2014 al 30/10/2015
RELAZIONE DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
VISTO il D.P.R.11/7/1980 n. 382 ed in particolare l’art. 17, 1° comma;
VISTO il Regolamento sulla concessione ai Docenti, agli Assistenti ordinari R.E. ed ai
Ricercatori universitari dell’autorizzazione a dedicarsi ad esclusiva attività di ricerca scientifica
ai sensi dell’art. 17, commi 1 e 5, del D.P.R. 11/7/80 n. 382 e dell’art. 8, commi 3°- 6°, della
legge 18/3/1958 n. 349, approvato dal Senato Accademico nella seduta del 01/08/2012 con
D.R. 17/9/2012 n.3595;
VISTO l’art. 7 del suddetto Regolamento, che dispone sullo stato giuridico – economico dei
docenti e ricercatori autorizzati a dedicarsi ad esclusiva attività di ricerca scientifica;
VISTE le sottoelencate documentate istanze:
a – la documentata istanza del 29/1/2014 con cui la Prof. Maria Carmela Venuti, professore
ordinario presso il Dipartimento di Scienze giuridiche, della società e dello sport di questo
Ateneo, afferente al ssd. IUS/01 – Diritto Privato -, chiede di poter fruire di un periodo di
congedo per motivi di studio ai sensi dell’art.17, 1° comma, del D.P.R. 11/7/80 n. 382, per
svolgere attività di ricerca per l’Anno Accademico 2014/2015, a decorrere dal 1/10/2014 al
30/9/2015;
b – la documentata istanza del 24/01/2014 con cui la Prof. Giuseppina Pisciotta, professore
ordinario presso il Dipartimento di Scienze giuridiche, della società e dello sport di questo
Ateneo, afferente al ssd. IUS/01 – Diritto Privato -, già autorizzata al godimento del congedo
per motivi di studio per l’a.a. 2013/2014, chiede, al fine di poter completare la ricerca in corso,
di poter fruire di un periodo di congedo per motivi di studio ai sensi dell’art. 17, 1° comma, del
VERBALE N. 205 del 29/04/2014 – 06/05/2014
97 di 109
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
D.P.R. 11/7/80 n. 382, per l’Anno Accademico 2014/2015, a decorrere dal 1/11/2014 al
31/10/2015;
VISTA la nota n. 16125 del 04/3/2014, con cui il Settore Ordinamenti didattici e
programmazione di Ateneo, interpellato nel merito sull’istanza della Prof. Maria Carmela
Venuti,ha segnalato quanto segue:
In relazione alla richiesta, citata in oggetto, a seguito di verifica dell’Ufficio competente in
Banca dati AVA-SUA, chiusa nel rispetto della tempistica ministeriale in data 30/9/2013 e nella
procedura di Ateneo di definizione dei piani di studio Offweb, si evidenzia che la Prof.ssa
Maria Carmela Venuti, nel periodo 01/10/2014- 30/09/2015, non eroga insegnamenti.
Si segnala, inoltre, che la Professoressa è stata indicata come docente di riferimento per il
Corso di Laurea magistrale a ciclo unico in “ Giurisprudenza” con peso pari a 1.
Il suddetto Corso di Laurea magistrale presenta nel portale per la qualità dei corsi di studio
AVA-SUA nell’a.a. 2013/14 un numero totale di docenti di riferimento, computato sulla base
dei pesi indicati, pari a 75,5. Tale numero consente il superamento,a regime, dei requisiti di
docenza anche in assenza della Prof.ssa Maria Carmela Venuti.
Si precisa, in ultimo, che il parere favorevole è subordinato al non impegno, come tra l’altro
garantito dal Coordinatore del Corso di Studio nella documentazione a supporto della richiesta
avanzata dalla docente, come docente di riferimento della Prof.ssa Maria Carmela Venuti al
primo anno dell’offerta formativa 2014/2015.
VISTA la nota n. 16123 del 04/3/2014, con cui il Settore Ordinamenti didattici e
programmazione di Ateneo, interpellato nel merito sull’istanza della Prof.ssa Giuseppina
Pisciotta,ha segnalato quanto segue:
In relazione alle delibere citate in oggetto, a seguito di verifica in Banca dati AVA-SUA chiusa
nel rispetto della tempistica ministeriale in data 30/9/2013 e nella procedura di Ateneo di
definizione dei piani di studio Offweb, si fa presente che la Prof.ssa Giuseppina Pisciotta non
risulta essere impegnata in attività di docenza nel periodo 1/11/2014 – 31/10/2015 e di non
essere stata indicata come docente di riferimento in alcun corso di studio per l’A.A.2013/2014.
Si precisa, in ultimo, che il parere favorevole è subordinato al non impegno come docente di
riferimento della Prof.ssa Giuseppina Pisciotta al primo anno dell’offerta formativa 2014/2015.
VISTE le delibere dell’8/04/2014 con cui il Consiglio del Dipartimento di Scienze giuridiche,
della società e dello sport,valutati i programmi di studio presentati dalle Proff. Maria Carmela
Venuti e Giuseppina Pisciotta, tenuto conto del parere favorevole del Presidente del Corso di
Studi in Giurisprudenza, ha approvato la richiesta di congedo di entrambe le docenti
In considerazione di quanto sopra indicato si propone che il Senato Accademico
DELIBERI
di esprimere parere favorevole in merito alla concessione del congedo per motivi di studio,
richiesto dalle Proff. Maria Carmela Venuti e Giuseppina Pisciotta, ai sensi dell’art. 17, 1°
comma, del D.P.R. 11/7/80 n. 382.
La Responsabile dell’UOB Carriere Professori di 1a e 2a
fascia
F.to Dott. Anna Geraci
La Responsabile del procedimento
F.to Dott. Loredana Ferraro
La Dirigente
F.to Dott. Giuseppa Lenzo
Il Senato Accademico
VERBALE N. 205 del 29/04/2014 – 06/05/2014
98 di 109
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
VISTO il D.P.R.11/7/1980 n.382 ed in particolare l’art. 17, 1° comma;VISTO il Regolamento
sulla concessione ai Docenti agli Assistenti ordinari R.E. ed ai Ricercatori universitari
dell’autorizzazione a dedicarsi ad esclusiva attività di ricerca scientifica ai sensi dell’art. 17,
commi 1 e 5, del D.P.R. 11/7/80 n. 382 e dell’art. 8, commi 3°-6°, della legge 18/3/1958 n.
349,approvato dal Senato Accademico nella seduta del 28/07/2011;
VISTE le istanze di congedo per motivi di studio delle Proff. Maria Carmela Venuti e
Giuseppina Pisciotta;
VISTE le delibere del Consiglio di Dipartimento di Scienze Giuridiche, della Società e dello
Sport del 8/04/2014, di nulla osta al Congedo per motivi di studio delle Proff. Maria Carmela
Venuti e Giuseppina Pisciotta;
VISTE le note n. 16123 e 16125 del 4/3/2014 del Settore Ordinamenti didattici e
programmazione;
VISTA la proposta del Responsabile del procedimento;
SENTITA la relazione del Coordinatore della Commissione senatoriale competente;
all’unanimità,
DELIBERA
a - di esprimere parere favorevole in merito alla concessione del congedo per motivi di studio,
richiesto dalla Prof. Maria Carmela Venuti , ai sensi dell’art. 17, comma 1, del D.P.R. 11/7/80
n. 382, valutato che, pur essendo la stessa, docente di riferimento per il Corso di laurea
Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza, non è previsto il suo impegno in attività didattica
per l’A.A. 2014/15.
b- di autorizzare la proroga del congedo per motivi di studio, richiesto per l’A.A. 2014/15 dalla
Prof. Giuseppina Pisciotta, ai sensi dell’art. 17, 1° comma, del D.P.R. 11/7/80 n. 382,
subordinandola alla prevista presentazione della relazione sull’attività già svolta durante il
primo anno di congedo entro il 30/09/2014.
Letto e approvato seduta stante.
28. Convenzione tra Azienda Sanitaria provinciale (ASP) di Agrigento e l’Università
degli Studi di Palermo e l’AOUP “Paolo Giaccone” per affidamento incarichi dirigenti di
struttura complessa
L’argomento viene ritirato dall’Amministrazione.
23. Modifica all’Art. 7 del Regolamento Didattico di Ateneo – Parte Generale
RELAZIONE DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
VISTO l’art.17, comma 95, della legge 15 Maggio 1997,n.127 e successive modificazioni e
integrazioni;
VISTO il D.P.R. 27 Gennaio 1998,n.25;
VISTO il D.M. 509 del 3 Novembre 1999, n.509 “Regolamento recante norme concernenti
l’autonomia didattica degli Atenei” ;
VISTO il D.M. 22 Ottobre 2004, n.270, con il quale è stato approvato il nuovo “Regolamento
sull’autonomia didattica degli Atenei in sostituzione del D.M. 3 Novembre 1999, n.509”;
VERBALE N. 205 del 29/04/2014 – 06/05/2014
99 di 109
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
VISTA la Legge n.240 del 30/12/2010 Norme in materia di organizzazione delle università, di
personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e
l'efficienza del sistema universitario;
VISTO lo Statuto dell'Università degli Studi di Palermo emanato con D.R. del 19 giugno 2012 n.
2644 e pubblicato nella GURI n. 158 del 9 luglio 2012;
VISTO il Regolamento Didattico dell’Ateneo adottato ai sensi del D.M. 270/2004 ed emanato con
ultime modifiche con D.R. del 15 ottobre 2013 N. 3201;
VISTO il DM 30 gennaio 2013, N. 47 “Decreto autovalutazione, accreditamento iniziale e periodico
delle sedi e dei corsi di studio e valutazione periodica”;
VISTO il DM 23 dicembre 2013 n. 1059 adeguamenti e integrazioni al DM 47/2013;
VISTA la nota 2 dell’allegato tecnico alla circolare MIUR 169 del 31/01/2012 <<Tenuto conto che di
norma ogni dipartimento fa riferimento ad una unica struttura di raccordo, eventuali eccezioni
andranno adeguatamente motivate nel Regolamento didattico di ateneo>>;
POSTO che nella Banca Dati CINECA https://ateneo.cineca.it/legge240 “Adeguamento
regolamenti didattici d'ateneo parte generale” risulta necessario inserire le valutazioni relative
all'afferenza di dipartimenti a più strutture di raccordo, in riferimento alla predetta circolare n.169;
CONSULTATE le delibere del Senato Accademico del 31/07/2013 e del Consiglio di
Amministrazione del 06/08/2013
VISTO il parere espresso dal Consiglio di Amministrazione in data 15/04/2014.
Si propone che il Senato Accademico
DELIBERI
Di approvare la seguente modifica all’articolo 7 del Regolamento Didattico di Ateneo – Parte
generale:
Testo originario
Testo modificato
Articolo 7
Le Strutture di Raccordo e i Consigli di Struttura
Articolo 7
Le Strutture di Raccordo e i Consigli di Struttura
1. La Struttura di Raccordo è sotto l’aspetto
didattico
la
struttura
che
assicura
il
coordinamento
generale e la razionalizzazione delle attività
didattiche, di tutorato e di orientamento, di
internazionalizzazione e di miglioramento della
qualità dell’offerta formativa relativamente ai
Corsi di Studio che hanno come struttura
didattica di riferimento i Dipartimenti che hanno
costituito la struttura stessa.
1. La Struttura di Raccordo è sotto l’aspetto
didattico
la
struttura
che
assicura
il
coordinamento
generale e la razionalizzazione delle attività
didattiche, di tutorato e di orientamento, di
internazionalizzazione e di miglioramento della
qualità dell’offerta formativa relativamente ai
Corsi di Studio che hanno come struttura
didattica di riferimento i Dipartimenti che hanno
costituito la struttura stessa.
2. Ogni Dipartimento per le finalità di cui al
comma 1, e in conformità agli artt. 27 e 32
dello
Statuto,
può
concorrere
alla
costituzione di una o due Strutture di
Raccordo a cui il Dipartimento considerato è
VERBALE N. 205 del 29/04/2014 – 06/05/2014
100 di 109
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
2. La Struttura di Raccordo è retta da un
Consiglio di Struttura, la cui composizione è
determinata dallo Statuto.
3. Il Consiglio di Struttura è presieduto dal
Presidente che lo convoca e cura l’esecuzione
delle
deliberazioni.
4. I compiti del Consiglio di Struttura e le
attribuzioni del Presidente sono stabiliti dallo
Statuto.
didatticamente affine.
3. La Struttura di Raccordo è retta da un
Consiglio di Struttura, la cui composizione è
determinata
dallo Statuto.
4. Il Consiglio di Struttura è presieduto dal
Presidente che lo convoca e cura l’esecuzione
delle
deliberazioni.
5. I compiti del Consiglio di Struttura e le
attribuzioni del Presidente sono stabiliti dallo
Statuto.
Il Responsabile del procedimento
F.to Dott. Claudio Tusa
Il Dirigente
F.to Dott. Antonio Valenti
Il Senato Accademico
Vista la proposta del Responsabile del procedimento;
Sentita la relazione del Coordinatore della Commissione;
Sentito il Delegato del Rettore alla Didattica, Pro Rettore Vicario Prof. V. Ferro;
all’unanimità,
DELIBERA
Di approvare la modifica all’articolo 7 del Regolamento Didattico di Ateneo, in conformità alla
proposta sopra riportata.
Letto e approvato seduta stante.
Alle ore 18,40 esce il prof. Enrico Napoli
13. Calendario didattico di Ateneo - A.A. 2014/2015
RELAZIONE DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
VISTO il D.M. n. 270 del 22.10.2004, Modifiche al regolamento recante norme concernenti
l’autonomia didattica degli Atenei;
VISTO il Regolamento Didattico di Ateneo, emanato con il D.R. n. 3502/2013 del 15.10.2013;
TENUTO CONTO della necessità di programmare le attività didattiche dell’Ateneo ed i relativi
servizi agli studenti;
TENUTO CONTO che la certezza delle procedure e dei tempi sono uno dei presupposti delle
procedure di accreditamento dei corsi di studio;
TENUTO CONTO che l’art. 22, comma 4, lettera a) del vigente Regolamento Didattico di
Ateneo sancisce <<la netta separazione dei periodi di attività didattica da quelli dedicati agli
esami>>;
VISTO il parere espresso dal Presidio di Qualità nella seduta del 7.04.2014 dal quale si rileva
<<che i Corsi di recupero degli Obblighi Formativi Aggiuntivi saranno svolti in modalità e-
VERBALE N. 205 del 29/04/2014 – 06/05/2014
101 di 109
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
learning, come comunicato dal Prof. S. Boca Delegato del rettore al coordinamento delle
azioni orientate allo sviluppo della formazione a distanza, per le discipline “Matematica”,
“Fisica”, “Chimica”, “Biologia” e “Storia”. Per ciascuna di queste cinque discipline dovrà
comunque essere previsto un Tutor di ateneo che curerà la predisposizione e l’erogazione del
test di recupero di fine corso.
L’accesso ai corsi in modalità e-learning sarà garantito, mediante apposita piattaforma
accessibile via web, agli studenti con OFA da una postazione personale o da postazioni
presenti in aule informatiche dell’Ateneo.
Il Presidio richiede che per tutte le altre discipline previste dai “saperi essenziali” delle prove di
accesso dovranno tenersi, nel previsto periodo 1-30 ottobre 2014, dei corsi di recupero svolti
da Tutor che dovranno essere reclutati, mediante apposito bando di selezione, dal Centro di
Orientamento e Tutorato dell’Ateneo in tempo utile e comunque non oltre il 30 giugno 2014.>>
Si propone che il Senato Accademico
DELIBERI
Per l’A.A. 2014/2015, il seguente Calendario Didattico di Ateneo, emanato ai sensi dell’art. 22
del Regolamento Didattico di Ateneo
Corso
di
PROCEDURA
DATA/PERIODO
Studio
1 luglio 2014 – 30 L,
LMCU, Sessione Estiva di Laurea A.A. 2013/2014
luglio 2014
LM
1 luglio 2014 – 28 L, LMCU
Pagamento della tassa di partecipazione ai
agosto 2014
concorsi per l’accesso ai Corsi di Laurea e di
Laurea Magistrale a ciclo unico ad accesso
programmato (nazionale e locale)
1 ottobre 2014 – 31 L,
LMCU, Sessione Autunnale di Laurea A.A. 2013/2014
ottobre 2014
LM
1 settembre 2014 – 26 L, LMCU
Periodo di svolgimento dei test previsti dai bandi di
settembre 2014
concorso per l’accesso ai Corsi di Laurea e di
Laurea Magistrale a ciclo unico ad accesso
programmato (nazionale e locale)
1 settembre 2014 – 5 L, LM
Passaggi di corso, iscrizione seconde lauree,
novembre 2014
abbreviazioni di corso, equipollenze titoli stranieri e
trasferimenti da altre sedi per Corsi di Laurea e di
Laurea Magistrali ad accesso libero
1 settembre 2014 - 5 L,
LMCU, Iscrizione ad anni successivi al primo e fuori corso.
novembre 2014
LM
Scadenza per il pagamento della prima rata delle
tasse e dei contributi per le iscrizioni senza mora
1 agosto 2014 – 31 L,
LM, Trasferimenti ad altra sede (in uscita da unipa)
dicembre 2014
LMCU
2 settembre 2014 – 1 LM
Iscrizione al primo anno di una Laurea Magistrale
dicembre 2014
ad accesso libero
2 settembre 2014 – L, LMCU
Procedure di immatricolazione ai Corsi di Laurea e
fino alla data prevista
di Laurea Magistrale a ciclo unico ad accesso
nei bandi di concorso e
programmato (nazionale e locale)
non oltre il 30 ottobre
Nello stesso periodo devono essere effettuati gli
2014
eventuali scorrimenti di graduatoria
30 settembre 2014
LM
Scadenza per la presentazione della richiesta della
verifica dei requisiti curriculari per l’accesso ad una
Laurea Magistrale ad accesso libero
VERBALE N. 205 del 29/04/2014 – 06/05/2014
102 di 109
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
1 ottobre 2014 – 30 L, LMCU
ottobre 2014
1 ottobre 2014 – 19 LM
dicembre 2014
LMCU,
1 ottobre 2014 – 19 L,
dicembre 2014
LM
30 ottobre 2014
LM
Svolgimento dei corsi di recupero degli Obblighi
Formativi Aggiuntivi (OFA)
Svolgimento delle lezioni del primo anno delle
Lauree Magistrali – PRIMO SEMESTRE
Svolgimento delle lezioni di anni successivi al
primo – PRIMO SEMESTRE
Lo studente, in possesso dei requisiti curriculari,
deve sottoporsi entro questa data alla prova di
verifica della personale preparazione
4 novembre 2014 - 19 L, LMCU
Svolgimento delle lezioni del primo anno – PRIMO
dicembre 2014
SEMESTRE
5 novembre 2014
LM
Scadenza per il pagamento della prima rata delle
tasse e dei contributi per le iscrizioni senza mora
1 dicembre 2014
LM
Scadenza per l’iscrizione ai Corsi singoli che si
svolgono nel primo semestre
31 dicembre 2014
L,
LMCU, Iscrizione ad anni successivi al primo e fuori corso.
LM
Scadenza per il pagamento della prima rata delle
tasse e dei contributi per le iscrizioni con mora
Scadenza per il pagamento della seconda rata
delle tasse e dei contributi per le iscrizioni senza
mora
22 dicembre 2014 – 6 L,
LM, Vacanze Natalizie
gennaio 2015
LMCU
8 gennaio 2015 – 10 L, LMCU
Svolgimento delle lezioni del primo anno – PRIMO
febbraio 2015
SEMESTRE
8 gennaio 2015 – 6 LM
Sessione di esame di fine primo semestre (almeno
marzo 2015
tre appelli e comunque in numero non inferiore a N1, essendo N il numero degli insegnamenti presenti
nel semestre del Manifesto degli Studi) per gli
studenti del primo anno delle Lauree Magistrali
8 gennaio 2015 – 6 L,
LMCU, Sessione di esame di fine primo semestre (almeno
marzo 2015
LM
tre appelli e comunque in numero non inferiore a N1, essendo N il numero degli insegnamenti presenti
nel semestre del Manifesto degli Studi) per gli
studenti di anni successivi al primo
18 febbraio 2015 – 24 L, LMCU
Sessione di esame di fine primo semestre (almeno
marzo 2015
tre appelli e comunque in numero non inferiore a N1, essendo N il numero degli insegnamenti presenti
nel semestre del Manifesto degli Studi) per gli
studenti del primo anno
18 febbraio 2015 – 31 L, LMCU,
Sessione Straordinaria di Laurea A.A. 2013/2014
marzo 2015
LM
10 marzo 2015 – 5 LM
Svolgimento delle lezioni del primo anno delle
giugno 2015
Lauree Magistrali – SECONDO SEMESTRE
10 marzo 2015 – 5 L,
LMCU, Svolgimento delle lezioni di anni successivi al
giugno 2015
LM
primo – SECONDO SEMESTRE
26 marzo 2015 – 19 L, LMCU
Svolgimento delle lezioni del primo anno –
giugno 2015
SECONDO SEMESTRE
31 marzo 2015
LM
Scadenza per l’iscrizione ai Corsi singoli che si
svolgono nel secondo semestre
02 aprile 2015 – 07 L,
LMCU, Vacanze Pasquali
VERBALE N. 205 del 29/04/2014 – 06/05/2014
103 di 109
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
aprile 2015
LM
1 maggio 2015 – 20 L,
LMCU, Scadenza per la presentazione della domanda per
maggio 2015
LM
il conseguimento del titolo finale per la sessione
estiva
Scadenza per il pagamento della tassa di rinnovo
per il conseguimento del titolo finale per la
sessione estiva
16 giugno 2015 – 24 LM
Sessione di esami di fine secondo semestre
luglio 2015
(almeno tre appelli e comunque in numero non
inferiore a N-1, essendo N il numero degli
insegnamenti presenti nel semestre del Manifesto
degli Studi) per gli studenti del primo anno delle
Lauree Magistrali
16 giugno 2015 – 24 L,
LMCU, Sessione di esami di fine secondo semestre
luglio 2015
LM
(almeno tre appelli e comunque in numero non
inferiore a N-1, essendo N il numero degli
insegnamenti presenti nel semestre del Manifesto
degli Studi) per gli studenti di anni successivi al
primo
29 giugno 2015 – 30 L, LMCU
Sessione di esami di fine secondo semestre
luglio 2015
(almeno tre appelli e comunque in numero non
inferiore a N-1, essendo N il numero degli
insegnamenti presenti nel semestre del Manifesto
degli Studi) per gli studenti del primo anno
1 luglio 2015 – 30 L,
LMCU, Sessione Estiva di Laurea A.A. 2014/2015
luglio 2015
LM
1 luglio 2015 – 20 L,
LMCU, Scadenza per la presentazione della domanda per
luglio 2015
LM
il conseguimento del titolo finale per la sessione
autunnale
Scadenza per il pagamento della tassa di rinnovo
per il conseguimento del titolo finale per la
sessione autunnale
31 luglio 2015
Scadenza per il pagamento della seconda rata
delle tasse e dei contributi per le iscrizioni con
mora
Scadenza per il pagamento in soluzione unica delle
tasse e dei contributi per le iscrizioni gravato di due
more
2 settembre 2015 – 25 L,
LMCU, Sessione autunnale di esami (massimo due appelli)
settembre 2015
LM
21 settembre 2015 – L, LMCU,
Sessione Autunnale di Laurea A.A. 2014/2015
20 ottobre 2015
LM
1 gennaio 2016 – 20 L,
LMCU, Scadenza per la presentazione della domanda per
gennaio 2016
LM
il conseguimento del titolo finale per la sessione
straordinaria
Scadenza per il pagamento della tassa di rinnovo
per il conseguimento del titolo finale per la
sessione straordinaria
15 febbraio 2016 – 31 L, LMCU,
Sessione Straordinaria di Laurea A.A. 2014/2015
marzo 2016
LM
Legenda
VERBALE N. 205 del 29/04/2014 – 06/05/2014
104 di 109
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
L = Corso di Laurea (durata tre anni)
LM = Corso di Laurea Magistrale (durata due anni)
LMCU = Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico (durata cinque o sei anni)
Il Responsabile del procedimento
f.to Dott.ssa Alessandra Sterhneim
Il Dirigente
f.to Dott. Antonio Valenti
La Prof. Auteri, Coordinatore della Commissione Didattica, illustra l’argomento evidenziando
quanto emerso nel corso dei lavori istruttori che si sono svolti anche alla presenza dei
Presidenti delle Scuole.
Segue un ampio ed approfondito dibattito nel corso del quale emergono proposte tese a
modificare il documento proposto dall’Amministrazione. Avverso talune modifiche, connesse in
particolare alla possibile utilizzazione dell’appello di esami della sessione autunnale ai fini del
conseguimento della Laurea nella sessione autunnale, il Prof. Ferro manifesta le proprie
perplessità per le ricadute che tali decisioni possano avere sui servizi svolti dagli uffici delle
Segreterie Studenti ai fini dell’istruttoria delle pratiche di laurea.
Il Senato Accademico
Vista la proposta del Responsabile del procedimento;
Sentita la relazione del Coordinatore della Commissione Didattica;
Sentito il Delegato del Rettore alla Didattica, Pro Rettore Vicario Prof. V. Ferro;
A seguito di approfondito dibattito;
all’unanimità,
DELIBERA
di approvare il Calendario Didattico di Ateneo – A. A. 2014/2015 nella seguente formulazione:
CORSO
PROCEDURA AMMINISTRATIVA
DI
STUDIO
1 luglio 2014 – 30 L, LMCU,
luglio 2014
LM
1 luglio 2014 – 28 L, LMCU Pagamento
della
tassa
di
agosto 2014
partecipazione ai concorsi per
l’accesso ai Corsi di Laurea e di
Laurea Magistrale a ciclo unico ad
accesso programmato
1 ottobre 2014 – 31 L, LMCU,
ottobre 2014
LM
1 settembre 2014 – L, LMCU
26 settembre 2014
DATA/PERIODO
1 settembre 2014 – L, LM
5 novembre 2014
ATTIVITÀ DIDATTICA
Sessione Estiva di Laurea
A.A. 2013/2014
Sessione Autunnale di
Laurea A.A. 2013/2014
Periodo di svolgimento dei
test previsti dai bandi di
concorso per l’accesso ai
Corsi di Laurea e di Laurea
Magistrale a ciclo unico ad
accesso programmato
Passaggi di corso, iscrizione
seconde lauree, abbreviazioni di
corso, equipollenze titoli stranieri e
trasferimenti da altre sedi per Corsi
di Laurea e di Laurea Magistrale ad
VERBALE N. 205 del 29/04/2014 – 06/05/2014
105 di 109
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
accesso libero
1 settembre 2014 - 5 L, LMCU, Iscrizione ad anni successivi al
novembre 2014
LM
primo e fuori corso.
Scadenza per il pagamento della
prima rata delle tasse e dei
contributi per le iscrizioni senza
mora
1 agosto 2014 – 31 L,
LM, Trasferimenti ad altra sede (in
dicembre 2014
LMCU
uscita da unipa)
2 settembre 2014 – LM
Iscrizione al primo anno di una
1 dicembre 2014
Laurea Magistrale ad accesso
libero
2 settembre 2014 – L, LMCU Procedure di immatricolazione ai
fino
alla
data
Corsi di Laurea e di Laurea
prevista nei bandi di
Magistrale a ciclo unico ad accesso
concorso e non oltre
programmato.
il 30 ottobre 2014
Nello stesso periodo devono essere
effettuati gli eventuali scorrimenti di
graduatoria
30 settembre 2014
LM
Scadenza per la presentazione
della richiesta della verifica dei
requisiti curriculari per l’accesso ad
una Laurea Magistrale ad accesso
libero
1 ottobre 2014 – 30 L, LMCU
Svolgimento dei corsi di
ottobre 2014
recupero degli Obblighi
Formativi Aggiuntivi (OFA)
29 settembre 2014 – L, LMCU,
Svolgimento delle lezioni
20 dicembre 2014
LM
dei Corsi di Studio –
PRIMO SEMESTRE
30 ottobre 2014
LM
Lo studente, in possesso
dei requisiti curriculari,
deve
sottoporsi
entro
questa data alla prova di
verifica della personale
preparazione
5 novembre 2014
LM
Scadenza per il pagamento della
prima rata delle tasse e dei
contributi per le iscrizioni senza
mora
1 dicembre 2014
LM
Scadenza per l’iscrizione ai Corsi
singoli che si svolgono nel primo
semestre
31 dicembre 2014
L, LMCU, Iscrizione ad anni successivi al
LM
primo e fuori corso.
Scadenza per il pagamento della
prima rata delle tasse e dei
contributi per le iscrizioni con mora
Scadenza per il pagamento della
seconda rata delle tasse e dei
contributi per le iscrizioni senza
mora
VERBALE N. 205 del 29/04/2014 – 06/05/2014
106 di 109
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
23 dicembre 2014 –
6 gennaio 2015
8 gennaio 2015 – 28
febbraio 2015
L,
LM,
LMCU
L, LMCU,
LM
Vacanze Natalizie
Sessione di esame di FINE
PRIMO SEMESTRE (sono
previsti tre appelli e,
qualora previste, solo due
prove
scritte
nella
sessione)
Sessione Straordinaria di
Laurea A.A. 2013/2014
Svolgimento delle lezioni
dei Corsi di Studio –
SECONDO SEMESTRE
1 marzo 2015 – 31 L, LMCU,
marzo 2015
LM
2 marzo 2015 – 30 L, LMCU,
maggio 2015
LM
31 marzo 2015
LM
Scadenza per l’iscrizione ai Corsi
singoli che si svolgono nel secondo
semestre
2 aprile 2015 – 7 L, LMCU,
Vacanze Pasquali
aprile 2015
LM
1 maggio 2015 – 20 L, LMCU, Scadenza per la presentazione
maggio 2015
LM
della
domanda
per
il
conseguimento del titolo finale per
la sessione estiva
Scadenza per il pagamento della
tassa
di
rinnovo
per
il
conseguimento del titolo finale per
la sessione estiva
1 giugno 2015 – 18 L, LMCU
Sessione di esame di FINE
luglio 2015
SECONDO
SEMESTRE
(sono previsti tre appelli e,
qualora previste, solo due
prove
scritte
nella
sessione)
1 luglio 2015 – 30 L, LMCU,
Sessione Estiva di Laurea
luglio 2015
LM
A.A. 2014/2015
1 luglio 2015 – 20 L, LMCU, Scadenza per la presentazione
luglio 2015
LM
della
domanda
per
il
conseguimento del titolo finale per
la sessione autunnale
Scadenza per il pagamento della
tassa
di
rinnovo
per
il
conseguimento del titolo finale per
la sessione autunnale
31 luglio 2015
Scadenza per il pagamento della
seconda rata delle tasse e dei
contributi per le iscrizioni con mora
Scadenza per il pagamento in
soluzione unica delle tasse e dei
contributi per le iscrizioni gravato di
due more
2 settembre 2015 – L, LMCU,
Sessione AUTUNNALE di
26 settembre 2015
LM
esami (sono previsti due
appelli e, qualora prevista,
VERBALE N. 205 del 29/04/2014 – 06/05/2014
107 di 109
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
solo una prova scritta nella
sessione)
Sessione Autunnale di
Laurea A.A. 2014/2015
21 settembre 2015 –
20 ottobre 2015
1 gennaio 2016 – 20
gennaio 2016
L, LMCU,
LM
L, LMCU, Scadenza per la presentazione
LM
della
domanda
per
il
conseguimento del titolo finale per
la sessione straordinaria
Scadenza per il pagamento della
tassa
di
rinnovo
per
il
conseguimento del titolo finale per
la sessione straordinaria
15 febbraio 2016 – L, LMCU,
Sessione Straordinaria di
31 marzo 2016
LM
Laurea A.A. 2014/2015
Nel corso del primo e del secondo semestre le Scuole devono prevedere la sospensione, per
una settimana, delle lezioni per consentire lo svolgimento delle prove in itinere ed eventuali
appelli di esami riservati agli studenti fuori corso e agli studenti iscritti nella modalità a tempo
parziale che non frequentano lezioni nel semestre.
Entro il 31 maggio 2014 ciascuna Scuola invierà all’Area Formazione, Cultura e Servizi agli
Studenti il suo Calendario Didattico.
Deroghe alla prevista calendarizzazione degli esami di Laurea (1 luglio 2014 – 30 luglio 2014,
1 marzo 2015 – 31 marzo 2015, 1 luglio 2015 – 30 luglio 2015, 21 settembre 2015 – 20
ottobre 2015, 15 febbraio 2016 – 31 marzo 2016) potranno essere attuate esclusivamente per
i Corsi di Studio con esame di Laurea abilitante alla professione (Corsi di Laurea delle
Professioni Sanitarie, Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in “Conservazione e Restauro
dei Beni Culturali”, Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in “Scienze della Formazione
Primaria”).
Possono laurearsi nella sessione autunnale 2013/2014 (1 ottobre 2014 – 31 ottobre 2014)
coloro che presenteranno domanda, anche a seguito di rinnovo, nel periodo 1 – 31 luglio 2014
essendo in difetto, alla data di presentazione della domanda di Laurea, al massimo di 2 esami.
Letto e approvato seduta stante.
Alle ore 19,20 esce il Dott. Baldassare Canino
11. Varie, eventuali e sopraggiunte
Il Rettore ricorda che il Senato nella seduta del 29 aprile u.s., su iniziativa di un’Associazione
studentesca, sulla quale il Consiglio della Scuola ha espresso parere favorevole, ha deliberato
l’intitolazione dell’atrio della Scuola di Scienze giuridiche ed economico-sociale ai magistrati
Giovanni Falcone e Paolo Borsellino con la collocazione di una stele commemorativa.
Ricorda altresì che la cerimonia di scopertura della stele avrà luogo venerdì 23 maggio p.v.
alla presenza delle maggiori Autorità dello Stato.
Per tale iniziativa l’Associazione si è fatta anche carico dei costi della realizzazione della targa
e del suo posizionamento. Dall’Associazione studentesca è stato richiesto che, nella parte
finale della targa, venga scritto “Gli studenti di Giurisprudenza e l’Associazione
Contrariamente - RUM posero”.
Il Senato Accademico,
sentito il Rettore;
VERBALE N. 205 del 29/04/2014 – 06/05/2014
108 di 109
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO
vista la propria delibera del 29 aprile 2014 n° 12;
all’unanimità
DELIBERA
di approvare la proposta sopra riportata nella seguente formulazione in calce alla lapide
commemorativa: “Gli studenti tutti di Giurisprudenza posero su proposta dell’Associazione
Contrariamente - RUM”.
Letto e approvato seduta stante.
La seduta è tolta alle ore 19,55.
IL DIRETTORE GENERALE
Segretario
Dott. Antonio VALENTI
VERBALE N. 205 del 29/04/2014 – 06/05/2014
IL RETTORE
Presidente
Prof. Roberto Lagalla
109 di 109
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
2 862 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content