close

Enter

Log in using OpenID

Brochure dei corsi (pdf) - Corso di studio in Finanza Aziendale e

embedDownload
Campusnet
Brochure dei corsi
-1-
Università degli Studi di Torino
Corso di studio in Finanza Aziendale e Mercati Finanziari
ANALISI E GESTIONE DEI RISCHI
RISK ANALYSIS AND MANAGEMENT
Anno accademico:
2014/2015
Codice attività didattica: ECO0120
Docenti:
Prof. Paola De Vincentiis (Titolare del corso)
Prof. Eleonora Isaia (Titolare del corso)
Contatti docente:
011 6706043, [email protected]
Anno:
1° anno
Tipologia:
Caratterizzante
Crediti/Valenza:
9
SSD attvità didattica:
SECS-P/11 - economia degli intermediari finanziari
Erogazione:
Tradizionale
Lingua:
Italiano
Frequenza:
Facoltativa
Tipologia esame:
Scritto
MODALITÀ D'ESAME
Scritto, 6 domande in 1,5 ore. Al punteggio dello scritto, se sufficiente, si aggiungono i punti delle
esercitazioni di gruppo in laboratorio informatico.
PREREQUISITI
italiano
Nozioni di base in materia di: - calcolo del rendimento - calcolo della duration e duration modificata; calcolo del beta di un titolo azionario; - calcolo della deviazione standard e del coefficiente di correlazione;
- calcolo del prodotto di matrici.
english
Basic notions on: - yield of return - duration and modified duration - beta coefficient for a stock price standard deviation and correlations - product of matrix
OBIETTIVI FORMATIVI
italiano
Capire le caratteristiche, i pregi e i limiti delle principali tecniche di misurazione dei rischi di credito, di
mercato e operativi.
english
Understand the features, strenghts and limitations of the main tecniques for measuring the exposure to
market, credit and operational risks.
ATTIVITÀ DI SUPPORTO
Esercitazioni di gruppo in laboratorio incentrate sulla misurazione del rischio di un portafoglio azionario
attraverso varie modalità alternative e backtesting delle misure prodotte.
PROGRAMMA
italiano
Il corso mira ad analizzare le principali tipologie di rischio finanziario alle quali risultano esposte le banche
(rischio di mercato, rischio di credito, rischio di liquidità) e le metodologie di misurazione dell'esposizione a
tali rischi. Una breve parte del corso è dedicata all'analisi del rischio operativo, benché non si tratti di un
rischio di tipo finanziario.
-2-
english
The course aims at analysing various types of financial risks in banking, with particular reference to market
risk, credit risk, operational risk and liquidity risk.
TESTI CONSIGLIATI E BIBLIOGRAFIA
italiano
A. Resti - A. Sironi, Rischio e valore nelle banche, Egea, ultima edizione.
english
A. Resti - A. Sironi, Rischio e valore nelle banche, Egea, last edition.
NOTA
Il Corso di Studio in senso proprio è quello visualizzato all'atto dell'accesso su Campusnet. Nella videata
dell'insegnamento, è indicato impropriamente come "Corso di Studio" il/i percorso/i del Corso di Laurea in
cui l'insegnamento stesso è inserito.
ORARIO LEZIONI
Giorni
Ore
Aula
Lunedì
10:15 - 13:15
Aula 12 Facoltà di Economia
Venerdì
10:15 - 13:15
Aula 12 Facoltà di Economia
Lezioni: dal 16/02/2015 al 16/05/2015
Nota: ORARI PROVVISORI - IN FASE DI DEFINIZIONE Pagina web del corso: http://www.famf.unito.it/do/corsi.pl/Show?_id=zx0c
CORPORATE FINANCE
CORPORATE FINANCE
Anno accademico:
2014/2015
Codice attività didattica: ECO0130
Docenti:
Prof. Nicola Miglietta (Titolare del corso)
Prof. Roberto Schiesari (Titolare del corso)
Enrico Battisti (Assistente)
Contatti docente:
+ 39 011 6706054, [email protected]
Anno:
1° anno
Tipologia:
Caratterizzante
Crediti/Valenza:
9
SSD attvità didattica:
SECS-P/09 - finanza aziendale
Erogazione:
Tradizionale
Lingua:
Italiano
Frequenza:
Facoltativa
Tipologia esame:
Scritto
PREREQUISITI
italiano
OBIETTIVI FORMATIVI
italiano
TESTI CONSIGLIATI E BIBLIOGRAFIA
italiano
NOTA
-3-
Il Corso di Studio in senso proprio è quello visualizzato all'atto dell'accesso su Campusnet. Nella videata
dell'insegnamento, è indicato impropriamente come "Corso di Studio" il/i percorso/i del Corso di Laurea in
cui l'insegnamento stesso è inserito.
ORARIO LEZIONI
Giorni
Ore
Aula
Lunedì
14:00 - 17:00
Aula Verde - SuperFlash Facoltà di Economia
Venerdì
14:00 - 17:00
Aula Verde - SuperFlash Facoltà di Economia
Lezioni: dal 16/02/2015 al 16/05/2015
Nota: ORARI PROVVISORI - IN FASE DI DEFINIZIONE Mutuato da: http://www.ecodir.unito.it/do/corsi.pl/Show?_id=zyhg
Pagina web del corso: http://www.famf.unito.it/do/corsi.pl/Show?_id=fjqx
DIRITTO DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI
LAW OF FINANCIAL INTERMEDIARIES
Anno accademico:
2014/2015
Codice attività didattica: ECO0212
Docente:
Prof. Giuseppe Di Chio (Titolare del corso)
Contatti docente:
011 6706126, [email protected]
Anno:
1° anno
Tipologia:
Caratterizzante
Crediti/Valenza:
6
SSD attvità didattica:
IUS/04 - diritto commerciale
Erogazione:
Tradizionale
Lingua:
Italiano
Frequenza:
Facoltativa
Tipologia esame:
Orale
PREREQUISITI
italiano
OBIETTIVI FORMATIVI
italiano
TESTI CONSIGLIATI E BIBLIOGRAFIA
italiano
NOTA
Il Corso di Studio in senso proprio è quello visualizzato all'atto dell'accesso su Campusnet. Nella videata
dell'insegnamento, è indicato impropriamente come "Corso di Studio" il/i percorso/i del Corso di Laurea in
cui l'insegnamento stesso è inserito.
ORARIO LEZIONI
Giorni
Ore
Aula
Mercoledì
14:00 - 16:00
Aula 12 Facoltà di Economia
Giovedì
14:00 - 16:00
Aula 12 Facoltà di Economia
Lezioni: dal 18/02/2015 al 16/05/2015
Nota: ORARI PROVVISORI - IN FASE DI DEFINIZIONE -
-4-
Pagina web del corso: http://www.famf.unito.it/do/corsi.pl/Show?_id=elov
DIRITTO DELLE ASSICURAZIONI
INSURANCE LAW
Anno accademico:
2014/2015
Codice attività didattica: ECO0406
Docente:
Prof. Oreste Calliano (Titolare del corso)
Contatti docente:
011-670 6116, [email protected]
Anno:
1° anno
Tipologia:
Caratterizzante
Crediti/Valenza:
6
SSD attvità didattica:
IUS/04 - diritto commerciale
Erogazione:
Tradizionale
Lingua:
Italiano
Frequenza:
Facoltativa
Tipologia esame:
Orale
PREREQUISITI
italiano
OBIETTIVI FORMATIVI
Il corso è volto ad introdurre ad una cultura dell'individuazione, valutazione,gestione del rischio d'impresa,
in particolare dei rischi industriali, tramite il contratto di assicurazione, ad effettuare una analisi decisionalmanageriale del diritto delle assicurazioni, una valutazione costi/benefici dei principali contratti di
assicurazione utili per la gestione dell'impresa e ad una cultura della distribuzione dei prodotti e servizi
assicurativi in epoca di crisi e in una società informatizzata.
CONTENUTI
1. La gestione del rischio dalla società industriale a quella informatizzata
2. Le imprese di assicurazione e la loro vigilanza
3. La distribuzione assicurativa
4. Il contratto di assicurazione e la sua gestione
5. Parte speciale semin.:Rischi industriali e contratti di ass.ne per le imprese
Tavola rotonda finale: la distribuzione assicurativa di domani con la partecipazione di rappresentanti di
Agenti assicurativi, Broker, Risk manager, Compagnie di ass.ni, FIBA
;
& nbsp;
&nb sp;
;
& nbsp;
TESTI CONSIGLIATI E BIBLIOGRAFIA
A.Donati,G.Volpe Putzolu, Manuale di diritto delle assicurazioni,x ed.,Giuffrè, 2012
R. Razzante, Manuale breve di diritto delle assicurazioni, Maggioli, 2013.
O.Calliano ( cur.),Informazione e trasparenza nei contratti asimmetrici bancari, finanziari e assicurativi e
diritti del consumatore europeo, Giappichelli, 2012, parti
Il codice delle assicurazioni, appendice ad un codice civile aggiornato
Testi consigliati per approfondimenti:
-5-
R.Calvo,Il contratto di assicurazione. Fattispecie ed effetti,Giuffrè,2012
F. Peccenini, Assicurazione, Commentario al c.c. Scialoja-Branca, Zanichelli, 2011
A. Balzano, Il contratto di assicurazione in Europa , in Trattato di diritto privato europeo, N.Lipari (cur.),
CEDAM, 2003, p.99-254
P.Pellino,R.Pellino,S.Sorgi, Ass.ni. Guida pratica ai prodotti ass.vi, Il Sole 24 ore,
O.M. Calliano, La formazione economico-finanziaria nelle principali esperienze europee, in O. Calliano (
cur.), I rimedi al sovraindebitamento del consumatore . Procedure di composizione della crisi, formazione
economico-finanziaria e assistenza-consulenza, La Scialuppa-CRT, 2013,p.62-85.
V. De Lorenzi, Contratto di assicurazione. Analisi giuseconomica,CEDAM,2008
ORARIO LEZIONI
Giorni
Ore
Aula
Lunedì
14:00 - 16:00
Aula 9 Facoltà di Economia
Martedì
14:00 - 16:00
Aula 9 Facoltà di Economia
Lezioni: dal 15/09/2014 al 06/12/2014
Pagina web del corso: http://www.famf.unito.it/do/corsi.pl/Show?_id=k3nl
DIRITTO TRIBUTARIO INTERNAZIONALE ED EUROPEO
TAX LAW INTERNATIONAL AND EUROPEAN
Anno accademico:
2014/2015
Codice attività didattica: ECO0481
Docente:
Prof. Alessandro Vicini Ronchetti (Titolare del corso)
Prof. Giuseppe Vanz (Titolare del corso)
Contatti docente:
[email protected]
Anno:
1° anno
Tipologia:
Caratterizzante
Crediti/Valenza:
6
SSD attvità didattica:
IUS/12 - diritto tributario
Erogazione:
Tradizionale
Lingua:
Italiano
Frequenza:
Facoltativa
Tipologia esame:
Orale
PREREQUISITI
italiano
Il corso presuppose la conoscenza delle nozioni di base del diritto.
english
The course requires a basic knowledge of law.
OBIETTIVI FORMATIVI
italiano
Il corso si propone di consentire la comprensione e l'analisi critica delle disposizioni normative tributarie
europee ed internazionali.
english
The course's purpose is to allow the comprehension of European and International Tax law provisions.
-6-
RISULTATI DELL'APPRENDIMENTO ATTESI
italiano
Il corso si propone di consentire una valutazione critica delle varie interpretazioni del diritto tributario
europeo ed internazionale. Il corso si propone di far acquisire allo studente la capacità di usare in modo
rigoroso il linguaggio giuridico.
english
The course's purpose is to allow a critical analysis of European and International Tax Law. The course's
purpose is to provide the student with the ability to rigorously use the tax terminology.
PROGRAMMA
italiano
Il corso tratta il diritto tributario europeo e internazionale. In particolare saranno analizzate nella parte
introduttiva – istituzionale le fonti e i principi del diritto tributario europeo e del diritto tributario
internazionale. Successivamente saranno affrontati gli argomenti tematici che più caratterizzano le due
discipline. Nella prima parte del corso, a scopo introduttivo, saranno esaminati i principi generali che
caratterizzano il diritto tributario nazionale e gli aspetti fondamentali della tassazione dei redditi di capitale
e del risparmio gestito, enfatizzando anche in tale contesto gli aspetti internazionali ed europei. Con
riferimento al diritto tributario europeo saranno trattate le fonti, il ruolo della Corte di Giustizia europea e le
principali direttive in materia tributaria. Con riferimento al diritto tributario internazionale saranno trattate le
fonti, le problematiche interpretative e talune componenti reddituali.
english
The course is focused on European and International Tax Law. In particular it will be analyzed, in the first
phase, the principles of European and International Tax Law in addition to domestic tax law elements and
taxation of incomes from capitals.
TESTI CONSIGLIATI E BIBLIOGRAFIA
italiano
Libro di testo: C. Sacchetto, Principi di diritto tributario europeo e internazionale, Giappichelli, 2011
NOTA
Il Corso di Studio in senso proprio è quello visualizzato all'atto dell'accesso su Campusnet. Nella videata
dell'insegnamento, è indicato impropriamente come "Corso di Studio" il/i percorso/i del Corso di Laurea in
cui l'insegnamento stesso è inserito.
ORARIO LEZIONI
Giorni
Ore
Aula
Mercoledì
16:00 - 18:00
Aula 7 Facoltà di Economia
Giovedì
18:15 - 19:55
Aula 7 Facoltà di Economia
Lezioni: dal 17/09/2014 al 06/12/2014
Pagina web del corso: http://www.famf.unito.it/do/corsi.pl/Show?_id=grow
ECONOMIA MONDIALE
WORLD ECONOMICS
Anno accademico:
2014/2015
Codice attività didattica: ECO0151
Docente:
Prof. Roberto De Battistini (Titolare del corso)
Contatti docente:
0116706075, [email protected]
Anno:
1° anno
Tipologia:
Caratterizzante
Crediti/Valenza:
6
SSD attvità didattica:
SECS-P/02 - politica economica
-7-
Erogazione:
Tradizionale
Lingua:
Italiano
Frequenza:
Facoltativa
Tipologia esame:
Orale
PREREQUISITI
italiano
OBIETTIVI FORMATIVI
italiano
TESTI CONSIGLIATI E BIBLIOGRAFIA
italiano
NOTA
Il Corso di Studio in senso proprio è quello visualizzato all'atto dell'accesso su Campusnet. Nella videata
dell'insegnamento, è indicato impropriamente come "Corso di Studio" il/i percorso/i del Corso di Laurea in
cui l'insegnamento stesso è inserito.
ORARIO LEZIONI
Giorni
Ore
Aula
Mercoledì
11:15 - 13:15
Aula Jona Facoltà di Economia
Giovedì
11:15 - 13:15
Aula Jona Facoltà di Economia
Lezioni: dal 18/02/2015 al 16/05/2015
Nota: ORARI PROVVISORI - IN FASE DI DEFINIZIONE Mutuato da: http://www.aca.unito.it/do/corsi.pl/Show?_id=k06v
Pagina web del corso: http://www.famf.unito.it/do/corsi.pl/Show?_id=8khu
ETICA E FINANZA
ETHIC AND FINANCE
Anno accademico:
2014/2015
Codice attività didattica: ECO0222B
Docente:
Prof. Sergio Bortolani (Titolare del corso)
Contatti docente:
0116706001, [email protected]
Anno:
Tipologia:
Di base
Crediti/Valenza:
6
SSD attvità didattica:
Erogazione:
Tradizionale
Lingua:
Italiano
Frequenza:
Obbligatoria
Tipologia esame:
Orale
PREREQUISITI
italiano
OBIETTIVI FORMATIVI
italiano
-8-
PROGRAMMA
italiano
Presentazione “ Tutta l’economia e tutta la finanza, non solo alcuni loro segmenti, devono, in
quanto strumenti, essere utilizzati in modo etico così da creare le condizioni adeguate per lo sviluppo
dell’uomo e dei popoli. E’ certamente utile, e in talune circostanze indispensabile, dar vita a
iniziative finanziarie nelle quali la dimensione umanitaria sia dominante. Ciò, però, non deve far
dimenticare che l’intero sistema finanziario deve essere finalizzato al sostegno di un vero sviluppoâ€​
(BENEDETTO XVI, Caritas in Veritate, 2009, par.65). Programma La citazione, tratta dall’Enciclica
Sociale del Papa, ben sintetizza le due “animeâ€​ del Modulo: 1) mostrare â€" in negativo â€" come la
finanza non debba agire, per evitare il ripetersi di crisi e scandali; 2) illustrare â€" in positivo â€" le
“iniziative finanziarie nelle quali la dimensione umanitaria è dominanteâ€​. Per quanto riguarda la
prima parte, si prende la recente crisi dei mutui sub-prime come esempio di abusi e cattivi
comportamenti, evidenziando conflitti d’interesse, distorti sistemi di remunerazione dei managers,
errati obiettivi di massimizzazione dei profitti a breve termine, criminali sequenze di “finanza
creativaâ€​, carenze nella normativa e nella vigilanza, aberrazioni nell’operato delle banche, delle
assicurazioni, dei gestori di fondi, delle società di rating, delle autorità monetarie. Il tutto per far emergere
le linee-guida di un nuovo modello di finanza, che tenta faticosamente di farsi strada a livello nazionale e
internazionale. Con riferimento alla seconda parte, si esaminano le straordinarie esperienze di
microcredito in varie parti del mondo, mostrando come questa metodologia creditizia â€" universalmente
conosciuta attraverso le idee e le opere di Muhammad Yunus, Premio Nobel per la Pace â€" sia riuscita a
raggiungere milioni di individui “esclusi finanziariamenteâ€​ e a dare loro l’opportunità di avviare
una microimpresa. Si tratta anche delle banche e dei fondi etici. Un accenno viene fatto alla cosiddetta
“finanza islamicaâ€​.
english
Presentation “Insofar as they are instruments, the entire economy and finance, not just certain sectors,
must be used in an ethical way so as to create suitable conditions for human development and for the
development of peoples. It is certainly useful, and in some circumstances imperative, to launch financial
initiatives in which the humanitarian dimension predominates. However, this must not obscure the fact that
the entire financial system has to be aimed at sustaining true developmentâ€​ (POPE BENEDICT XVI, Caritas
in Veritate, 2009, par. 65). Program The quotation, taken from the Pope’s social encyclical letter,
effectively summarises the two “core nucleiâ€​ of the Module: 1) demonstrate â€" in negative â€" how
finance must not behave to avoid re-occurrence of crises and scandals; 2) illustrate â€" in positive â€" the
“financial initiatives in which the humanitarian dimension predominatesâ€​. As regards the first part, the
recent sub-prime loan crisis is taken as an example of abuse and malpractice, highlighting conflicts of
interest, distorted management remuneration systems, ill-advised objectives of maximising short-term
profits, criminal sequences of “creative financeâ€​, regulatory shortcomings, aberrant behaviour of
banks, of insurance companies, of fund managers, of rating companies, of monetary authorities, in order to
trace the guidelines of a new model of finance that attempts, with great fatigue and difficulty, to gain
ground at national and international level. The second part examines the extraordinary experiences of
microcredit in various parts of the world, demonstrating how this method of financing â€" known
universally through the ideas and works of Muhammad Yunus, Nobel Peace Prize Winner â€" has
succeeded in reaching millions of “financially excludedâ€​ individuals, offering them the opportunity to
start a small business. Ethical banks and ethical funds are also addressed. Mention is also made of the socalled “Islamic financeâ€​.
TESTI CONSIGLIATI E BIBLIOGRAFIA
italiano
Libri di testo • Tutto il materiale didattico viene caricato su Moodle, via via che le lezioni del corso si
susseguono.
english
Text books Will be notified at the start of the course and published on Moodle
NOTA
Il Corso di Studio in senso proprio è quello visualizzato all'atto dell'accesso su Campusnet. Nella videata
dell'insegnamento, è indicato impropriamente come "Corso di Studio" il/i percorso/i del Corso di Laurea in
cui l'insegnamento stesso è inserito.
Pagina web del corso: http://www.famf.unito.it/do/corsi.pl/Show?_id=gvsy
-9-
ETICA E SISTEMA FINANZIARIO (corso integrato) Modulo di MERCATI E
SOCIETA'
ETHICS AND FINANCIAL SYSTEM
Anno accademico:
2014/2015
Codice attività didattica: ECO0222
Docente:
Prof. Willem TOUSIJN (Titolare del corso)
Prof. Maria Cristina Martinengo (Titolare del corso)
Contatti docente:
011-6706094, [email protected]
Anno:
2° anno
Tipologia:
Caratterizzante
Crediti/Valenza:
6
SSD attvità didattica:
SPS/09 - sociologia dei processi economici e del lavoro
Erogazione:
Tradizionale
Lingua:
Italiano
Frequenza:
Facoltativa
Tipologia esame:
Scritto
MODALITÀ D'ESAME
Durata h: 1
PREREQUISITI
italiano
OBIETTIVI FORMATIVI
italiano
Il corso si propone di:
1) Fornire conoscenza e comprensione dei principali approcci teorici e dei principali concetti della
sociologia economica
2) Fornire capacità di applicare approcci teorici e concetti ai fenomeni economici e finanziari
3) Fornire capacità di utilizzare autonomamente questi concetti per la comprensione dei fenomeni
economico-sociali
4) Migliorare la capacità di esprimere correttamente i contenuti oggetto del corso
5) Sviluppare le capacità logiche e concettuali
RISULTATI DELL'APPRENDIMENTO ATTESI
italiano
1) Conoscenza e comprensione dei principali approcci teorici e dei
principali concetti della sociologia economica
2) Capacità di applicare approcci teorici e concetti ai fenomeni economici
e finanziari
3) Capacità di utilizzare autonomamente questi concetti per la
comprensione dei fenomeni economico-sociali
4) Capacità di esprimere correttamente i contenuti oggetto del corso
5) Sviluppo delle capacità logiche e concettuali
PROGRAMMA
italiano
Presentazione
Il modulo si propone di inquadrare il recente dibattito sull'etica nei fenomeni economici all'interno della più
generale questione dei rapporti tra economia e società, oggetto della sociologia economica.
Programma
- 10 -
La parte iniziale del modulo, tenuta dal prof. Tousijn, prenderà le mosse da una discussione sui concetti di
economia e di mercato, e sulla loro relazione con le altre forme dello scambio (reciprocità,
redistribuzione).
Alla luce degli apporti forniti dai classici della sociologia (Weber, Polanyi, Durkheim, Simmel), saranno presi
in esame i contributi più recenti della sociologia economica, che pongono l'accento sulle logiche
istituzionali e sulla costruzione socio-culturale dell'agire economico. Alcuni concetti importanti (potere,
istituzione sociale, embeddedness o radicamento sociale dell'economia, reti e capitale sociale) saranno
utilizzati per analizzare fenomeni socio-economici rilevanti, come il funzionamento dei mercati, le diverse
forme di organizzazione industriale, i regimi di welfare
capitalism, le trasformazioni del lavoro e del suo mercato, l'economia informale, la diversità dei capitalismi
e il processo di globalizzazione. Un'attenzione specifica sarà dedicata ad alcune ricerche che applicano
al settore bancario gli approcci teorici attualmente più accreditati.
Successivamente, il modulo si concentrerà sull'analisi sociologica dei mercati. Lo spunto iniziale è fornito
dalle ricerche di Viviana Zelizer e di altri su alcuni mercati particolari (assicurazioni sulla vita,
organi, prostituzione), che mostrano il processo di costruzione sociale dei mercati e conducono a
discutere l'idea diffusa dell'esistenza di due sfere separate e conflittuali della vita sociale: la sfera
economica, orientata alla razionalità e all'efficienza, e la sfera affettiva, orientata all'irrazionalità ed ai
sentimenti. La tesi di fondo è che le persone mescolano continuamente nelle loro azioni aspetti economici
ed aspetti affettivi, in un intreccio che dà luogo a forme complesse di integrazione delle due dimensioni
della vita sociale. La parte finale del modulo, tenuta dalla prof.ssa Martinengo, si concentra sulle relazioni
tra denaro, indebitamento e cultura del consumo.
TESTI CONSIGLIATI E BIBLIOGRAFIA
italiano
1) BORGHI V. e MAGATTI M., Mercato e società. Introduzione alla sociologia economica, Carocci, Roma
2002
2) ZELIZER V., Vite economiche. Valore di mercato e valore della persona, il Mulino, Bologna 2009
(Introduzione, capitoli I, III, IV e VI).
3) MARTINENGO M.C., Denaro-libertà e denaro-incertezza nel passaggio dalla modernità industriale alla
società attuale,, in M.G. Lucia (a cura di), Finanza e territorio, Roma, Aracne, 2012.
4) MARTINENGO M.C., Crisi, indebitamento e modello di consumo nella società del rischio, materiale online
a cura del docente.
5) Materiale integrativo pubblicato sul sito dell'insegnamento
NOTA
Il Corso di Studio in senso proprio è quello visualizzato all'atto dell'accesso su Campusnet. Nella videata
dell'insegnamento, è indicato impropriamente come "Corso di Studio" il/i percorso/i del Corso di Laurea in
cui l'insegnamento stesso è inserito.
ORARIO LEZIONI
Giorni
Ore
Aula
Lunedì
14:00 - 16:00
Aula 12 Facoltà di Economia
Martedì
14:00 - 16:00
Aula 12 Facoltà di Economia
Lezioni: dal 16/02/2015 al 16/05/2015
Nota: ORARI PROVVISORI - IN FASE DI DEFINIZIONE Pagina web del corso: http://www.famf.unito.it/do/corsi.pl/Show?_id=esh7
ETICA E SISTEMA FINANZIARIO (corso integrato) Modulo di ETICA E
FINANZA
ETHICS AND FINANCIAL SYSTEM
Anno accademico:
2014/2015
Codice attività didattica: ECO0222
Docente:
Prof. Sergio Bortolani (Titolare del corso)
Contatti docente:
0116706001, [email protected]
- 11 -
Anno:
2° anno
Tipologia:
Di base
Crediti/Valenza:
6
SSD attvità didattica:
SECS-P/11 - economia degli intermediari finanziari
Erogazione:
Tradizionale
Lingua:
Italiano
Frequenza:
Facoltativa
Tipologia esame:
Orale
MODALITÀ D'ESAME
Durata h 2
PREREQUISITI
italiano
OBIETTIVI FORMATIVI
italiano
TESTI CONSIGLIATI E BIBLIOGRAFIA
italiano
NOTA
Il Corso di Studio in senso proprio è quello visualizzato all'atto dell'accesso su Campusnet. Nella videata
dell'insegnamento, è indicato impropriamente come "Corso di Studio" il/i percorso/i del Corso di Laurea in
cui l'insegnamento stesso è inserito.
ORARIO LEZIONI
Giorni
Ore
Aula
Lunedì
16:00 - 18:00
Aula 12 Facoltà di Economia
Martedì
16:00 - 18:00
Aula 12 Facoltà di Economia
Lezioni: dal 16/02/2015 al 16/05/2015
Nota: ORARI PROVVISORI - IN FASE DI DEFINIZIONE Pagina web del corso: http://www.famf.unito.it/do/corsi.pl/Show?_id=6cdj
FINANZA AZIENDALE INTERNAZIONALE
International Business Finance
Anno accademico:
2014/2015
Codice attività didattica: MAN0062
Docente:
Prof. Milena Viassone (Titolare del corso)
Contatti docente:
0116706055, [email protected]
Anno:
1° anno
Tipologia:
Di base
Crediti/Valenza:
6
SSD attvità didattica:
SECS-P/09 - finanza aziendale
Erogazione:
Tradizionale
Lingua:
Italiano
Frequenza:
Facoltativa
Tipologia esame:
Scritto
- 12 -
MODALITÀ D'ESAME
SOLO SCRITTO (durata h.: 2)
PREREQUISITI
Si vedano i prerequisiti previsti dal Corso di Studio.
OBIETTIVI FORMATIVI
Nello scenario economico internazionale la capacità di governo delle risorse finanziarie rappresenta una
condizione essenziale per rendere l'impresa competitiva e vitale. Il Corso di Finanza aziendale
internazionale si propone di fornire agli studenti le cognizioni di base e le metodologie applicative per
consentire all'impresa di superare questa sfida.
RISULTATI DELL'APPRENDIMENTO ATTESI
Il corso di Finanza aziendale internazionale presuppone la conoscenza, da parte dello studente, dei
principi fondamentali di Finanza aziendale e l'applicazione degli strumenti quantitativi di analisi
matematica e statistica.
Il corso sviluppa negli studenti la capacità di fornire chiavi interpretative e spunti di riflessione sugli
argomenti base della Finanza aziendale internazionale.
ATTIVITÀ DI SUPPORTO
Esercitazioni, testimonianze aziendale, case study.
CONTENUTI
Nello scenario economico internazionale la capacità di governo delle risorse finanziarie rappresenta una
condizione essenziale per rendere l'impresa competitiva e vitale. Il Corso di Finanza aziendale
internazionale si propone di fornire agli studenti le cognizioni di base e le metodologie applicative per
consentire all'impresa di superare questa sfida.
PROGRAMMA
1. Introduzione alla Finanza aziendale internazionale
2. Il ruolo dell'Europa nell'internazionalizzazione dei mercati: attori o spettatori?
3. Le teorie dell'internazionalizzazione dell'impresa
4. Il Project Financing
5. Il venture capital
6. Innovazione finanziaria e sviluppo imprenditoriale nelle operazioni di Leveraged Buyout. L'esperienza
italiana
7. La gestione dei rischi: il rischio di cambio, il rischio di tasso di interesse e il rischio paese
8. Le operazioni di Merger & Acquisition
TESTI CONSIGLIATI E BIBLIOGRAFIA
TARDIVO G., VIASSONE M., Finanza aziendale internazionale. La gestione finanziaria dell'impresa
multinazionale, ISEDI, Torino, 2011.
(Capitoli: 2, 3, 11, 12, 13, 14, 16).
NOTA
Il Corso di Studio in senso proprio è quello visualizzato all'atto dell'accesso su Campusnet. Nella videata
dell'insegnamento, è indicato impropriamente come "Corso di Studio" il/i percorso/i del Corso di Laurea in
cui l'insegnamento stesso è inserito.
ORARIO LEZIONI
Giorni
Ore
Aula
Mercoledì
9:15 - 11:15
Aula 12 Facoltà di Economia
Giovedì
9:15 - 11:15
Aula 12 Facoltà di Economia
Lezioni: dal 18/02/2015 al 16/05/2015
Nota: ORARI PROVVISORI - IN FASE DI DEFINIZIONE Pagina web del corso: http://www.famf.unito.it/do/corsi.pl/Show?_id=99yq
- 13 -
MERCATI E SOCIETA'
MARKET AND SOCIAL SYSTEM
Anno accademico:
2014
Codice attività didattica: ECO0222A
Docente:
Prof. Maria Cristina Martinengo (Titolare del corso)
Contatti docente:
[email protected]
Corso di studio:
FINANZA AZIENDALE E MERCATI FINANZIARI
Anno:
2
Tipologia:
Affine/Integrativa
Crediti/Valenza:
6
SSD attvità didattica:
SPS/09
Erogazione:
Lingua:
Italiano
Frequenza:
Tipologia esame:
Orale
PREREQUISITI
italiano
OBIETTIVI FORMATIVI
italiano
Ilcorsosipropone di: 1) Fornire conoscenza e comprensione dei principali approcci teorici e dei principali
concetti della sociologia economica 2) Fornire capacità di applicare approcci teorici e concetti ai
fenomeni economici e finanziari 3) Fornire capacità di utilizzare autonomamente questi concetti per la
comprensione dei fenomeni economico-sociali 4) Migliorare la capacità di esprimere correttamente i
contenuti oggetto del corso 5) Sviluppare le capacità logiche e concettuali
PROGRAMMA
italiano
Presentazione Il modulo si propone di inquadrare il recente dibattito sull’etica nei fenomeni economici
all’interno della più generale questione dei rapporti tra economia e società , oggetto della sociologia
economica. Programma La parte iniziale del modulo, tenuta dal prof. Tousijn, prenderà le mosse da una
discussione sui concetti di economia e di mercato, e sulla loro relazione con le altre forme dello scambio
(reciprocità , redistribuzione). Alla luce degli apporti forniti dai classici della sociologia (Weber, Polanyi,
Durkheim, Simmel), saranno presi in esame i contributi più recenti della sociologia economica, che
pongono l’accento sulle logiche istituzionali e sulla costruzione socio-culturale dell’agire
economico. Alcuni concetti importanti (potere, istituzione sociale, embeddedness o radicamento sociale
dell’economia, reti e capitale sociale) saranno utilizzati per analizzare fenomeni socio-economici
rilevanti, come il funzionamento dei mercati, le diverse forme di organizzazione industriale, i regimi di
welfare capitalism, le trasformazioni del lavoro e del suo mercato, l’economia informale, la diversitÃ
dei capitalismi e il processo di globalizzazione. Un’attenzione specifica sarà dedicata ad alcune
ricerche che applicano al settore bancario gli approcci teorici attualmente più accreditati.
Successivamente, il modulo si concentrerà sull’analisi sociologica dei mercati. Lo spunto iniziale è
fornito dalle ricerche di Viviana Zelizer e di altri su alcuni mercati particolari (assicurazioni sulla vita,
organi, prostituzione), che mostrano il processo di costruzione sociale dei mercati e conducono a
discutere l’idea diffusa dell’esistenza di due sfere separate e conflittuali della vita sociale: la sfera
economica, orientata alla razionalità e all’efficienza, e la sfera affettiva, orientata all’irrazionalitÃ
ed ai sentimenti. La tesi di fondo è che le persone mescolano continuamente nelle loro azioni aspetti
economici ed aspetti affettivi, in un intreccio che dà luogo a forme complesse di integrazione delle due
dimensioni della vita sociale. La parte finale del modulo, tenuta dalla prof.ssa Martinengo, si concentra sulle
relazioni tra denaro, indebitamento e cultura del consumo.
TESTI CONSIGLIATI E BIBLIOGRAFIA
italiano
- 14 -
italiano
1) BORGHI V. e MAGATTI M., Mercato e società . Introduzione alla sociologia economica, Carocci, Roma
2002 2) ZELIZER V., Vite economiche. Valore di mercato e valore della persona, il Mulino, Bologna 2009
(Introduzione, capitoli I, III, IV e VI). 3) MARTINENGO M.C., Denaro-libertà e denaro-incertezza nel passaggio
dalla modernità industriale alla società attuale,, in M.G. Lucia (a cura di), Finanza e territorio, Roma,
Aracne, 2012. 4) MARTINENGO M.C., Crisi, indebitamento e modello di consumo nella società del rischio,
materiale online a cura del docente. 5) Materiale integrativo pubblicato sul sito dell’insegnamento
NOTA
Il Corso di Studio in senso proprio è quello visualizzato all'atto dell'accesso su Campusnet. Nella videata
dell'insegnamento, è indicato impropriamente come "Corso di Studio" il/i percorso/i del Corso di Laurea in
cui l'insegnamento stesso è inserito.
Pagina web del corso: http://www.famf.unito.it/do/corsi.pl/Show?_id=lxua
METODI NUMERICI PER I CALCOLI FINANZIARI
NUMERICAL METHODS FOR FINANCIAL CALCULATIONS
Anno accademico:
2014/2015
Codice attività didattica: ECO0260
Docente:
Prof. Giulio Diale (Titolare del corso)
Contatti docente:
0116705744, [email protected]
Anno:
1° anno
Tipologia:
Caratterizzante
Crediti/Valenza:
6
SSD attvità didattica:
SECS-S/06 - metodi matematici dell'economia e delle scienze att. e finanz.
Erogazione:
Tradizionale
Lingua:
Italiano
Frequenza:
Facoltativa
Tipologia esame:
Orale
MODALITÀ D'ESAME
Prova scritta tradizionale con carta, penna, calcolatrice tascabile Colloquio orale su discussione della
prova scritta e sulla implementazione completa dei modelli Excel sviluppati in aula in bozza, con obbligo
da parte dello studente di giustificare ogni soluzione tecnica adottata, anche con riferimento ai presupposti
matematico finanziari di ogni formula inserita. L¿intervallo di tempo intercorrente fra la prova scritta ed il
colloquio orale sarà di non più di 10 giorni
PREREQUISITI
italiano
OBIETTIVI FORMATIVI
Obiettivo del corso è introdurre i concetti, le tecniche di calcolo finanziario applicate ai problemi formulabili
mediante modellideterministici (matematica della finanza in condizioni di certezza) di esempi tratti dalla
vita quotidiana, mostrandone direttamente la realizzazione su foglio elettronico.
RISULTATI DELL'APPRENDIMENTO ATTESI
Conoscenza e capacità di comprensione Padronanza dei concetti finanziari di base, capacità di
interpretare le conseguenze matematiche di un contratto finanziario. Capacità di applicare conoscenza e
comprensione Capacità di costruire modelli finanziari su foglio elettronico, sfruttando funzioni e strumenti
non elementari, ponendo l'attenzione alla flessibilità e agli ausili grafici. Autonomia di giudizio Gli studenti
dovrebbero essere in grado di valutare correttamente l'onerosità di un contratto finanziario, riconoscere
l'incoerenza di certe pratiche finanziarie in uso.
MODALITÀ DI VERIFICA DELL'APPRENDIMENTO
Esame scritto ed orale. Compiti da svolgere a casa ogni settimana.
CONTENUTI
- 15 -
CONTENUTI
1. Contratti finanziari, operazioni finanziarie ed operazioni finanziarie semplici, leggi finanziarie ad una e
due variabili. BOT e ZCB 2. Rendite. 3. Piani d'ammortamento e di costituzione. 4. Valore attuale netto e
tasso implicito di rendimento di un'operazione finanziaria. Funzione valore al tempo t di un'operazione
finanziaria valutata al tasso di interesse composto i e sua rappresentazione grafica. 5. Vendite rateali e
contratti di leasing. TAN e TAEG 6. Struttura tassi per scadenza 7. Obbligazioni con cedole 8. Duration e
convexity
TESTI CONSIGLIATI E BIBLIOGRAFIA
Materiale didattico essenziale, disponibile in formato elettronico su Moodle: - Appunti di Matematica
finanziaria - Presentazione dei richiami di teoria e dei modelli finanziari oggetto di sviluppo in Excel su
lucidi - Testi esercitazioni, suddivisi per modulo Per eventuali approfondimenti: Paolo GUCCINI, Excel 2002
macro, Apogeo 2002 Sono disponibili anche successive edizioni, fino al 2013 Simon BENNINGA, Modelli
finanziari, la finanza con Excel, con CD, edizione italiana a cura di Costanza Torricelli, Mc Graw Hill 2010
NOTA
Il Corso di Studio in senso proprio è quello visualizzato all'atto dell'accesso su Campusnet. Nella videata
dell'insegnamento, è indicato impropriamente come "Corso di Studio" il/i percorso/i del Corso di Laurea in
cui l'insegnamento stesso è inserito.
ORARIO LEZIONI
Giorni
Ore
Aula
Mercoledì
11:15 - 13:15
Aula 2 Facoltà di Economia
Giovedì
16:00 - 18:00
Aula 2 Facoltà di Economia
Lezioni: dal 17/09/2014 al 06/12/2014
Pagina web del corso: http://www.famf.unito.it/do/corsi.pl/Show?_id=uc74
PRIVATE E CORPORATE BANKING
PRIVATE E CORPORATE BANKING
Anno accademico:
2014/2015
Codice attività didattica: ECO0171
Docente:
Prof. Marina Damilano (Titolare del corso)
Prof. Patrizia Pia (Titolare del corso)
Contatti docente:
011-6706044, [email protected]
Anno:
1° anno
Tipologia:
Caratterizzante
Crediti/Valenza:
9
SSD attvità didattica:
SECS-P/11 - economia degli intermediari finanziari
Erogazione:
Tradizionale
Lingua:
Italiano
Frequenza:
Facoltativa
Tipologia esame:
Scritto
MODALITÀ D'ESAME
solo scritto (2 ore max)
PREREQUISITI
italiano
OBIETTIVI FORMATIVI
l presente corso fa riferimento alla tipologia di clientela servita dall'attività di intermediazione finanziaria ed
è suddiviso perciò in due moduli paralleli: uno dedicato all'analisi dell'attività di private banking e l'altro
all'attività di corporate banking. Per entrambe vengono esaminate le caratteristiche della domanda e
- 16 -
all'attività di corporate banking. Per entrambe vengono esaminate le caratteristiche della domanda e
dell'offerta, i modelli di riferimento, gli strumenti, i servizi e le principali problematiche
RISULTATI DELL'APPRENDIMENTO ATTESI
Capacità di cogliere le problematiche del settore
MODALITÀ DI VERIFICA DELL'APPRENDIMENTO
Esame scritto
CONTENUTI
PRIVATE BANKING (prof.ssa Patrizia Pia) - Definizione e caratteristiche del private banking - Analisi della
domanda e dell'offerta - Stili di gestione del portafoglio - Caratteristiche e problematiche delle asset
classes tradizionali ed alternative CORPORATE BANKING (prof.ssa Marina Damilano) - Analisi dei fabbisogni
finanziari delle imprese e "mappatura" dei servizi di corporate e investment banking - Principali operatori
del mercato - Partecipazione al capitale di rischio delle imprese: private equity e venture capital Strumenti di finanziamento "near equity": prestiti subordinati e mezzanine financing - Servizi di assistenza
nelle operazioni di finanza strutturata: project financing, securitization classica e sintetica.
PROGRAMMA
Definizione e caratteristiche del private/corporate Banking
TESTI CONSIGLIATI E BIBLIOGRAFIA
Il programma del modulo Private è unificato per frequentanti e non frequentanti. Il testo è PAOLA MUSILE
TANZI "Manuale del Private Banker" 6° ed. EGEA cap. 1, 2, 5, 6, 7, 9, 10, 12, 13, 14.
Textbooks will be available at the beginning of the course.
NOTA
Il Corso di Studio in senso proprio è quello visualizzato all'atto dell'accesso su Campusnet. Nella videata
dell'insegnamento, è indicato impropriamente come "Corso di Studio" il/i percorso/i del Corso di Laurea in
cui l'insegnamento stesso è inserito.
ORARIO LEZIONI
Giorni
Ore
Aula
Lunedì
10:15 - 13:15
Aula 7 Facoltà di Economia
Martedì
10:15 - 13:15
Aula 7 Facoltà di Economia
Lezioni: dal 15/09/2014 al 06/12/2014
Pagina web del corso: http://www.famf.unito.it/do/corsi.pl/Show?_id=7b1b
SCIENZA DELLE FINANZE
PUBLIC FINANCE
Anno accademico:
2014/2015
Codice attività didattica: ECO0178
Docente:
Prof. Pier Marco Ferraresi (Titolare del corso)
Contatti docente:
[email protected]
Anno:
1° anno
Tipologia:
Caratterizzante
Crediti/Valenza:
6
SSD attvità didattica:
SPS/03 - storia delle istituzioni politiche
Erogazione:
Tradizionale
Lingua:
Italiano
Frequenza:
Facoltativa
- 17 -
Tipologia esame:
Orale
PREREQUISITI
italiano
OBIETTIVI FORMATIVI
italiano
TESTI CONSIGLIATI E BIBLIOGRAFIA
italiano
NOTA
Il Corso di Studio in senso proprio è quello visualizzato all'atto dell'accesso su Campusnet. Nella videata
dell'insegnamento, è indicato impropriamente come "Corso di Studio" il/i percorso/i del Corso di Laurea in
cui l'insegnamento stesso è inserito.
ORARIO LEZIONI
Giorni
Ore
Aula
Mercoledì
14:00 - 16:00
Aula 2 Facoltà di Economia
Giovedì
14:00 - 16:00
Aula 2 Facoltà di Economia
Lezioni: dal 17/09/2014 al 06/12/2014
Pagina web del corso: http://www.famf.unito.it/do/corsi.pl/Show?_id=o5x3
STRATEGIE E TECNICHE DI NEGOZIAZIONE DI BORSA
STRATEGIES AND TECHNIQUES OF FAIR TRADING
Anno accademico:
2014/2015
Codice attività didattica: ECO0250
Docente:
Prof. Giovanni Cuniberti (Titolare del corso)
Contatti docente:
[email protected]
Anno:
2° anno
Tipologia:
Caratterizzante
Crediti/Valenza:
9
SSD attvità didattica:
SECS-P/11 - economia degli intermediari finanziari
Erogazione:
Tradizionale
Lingua:
Italiano
Frequenza:
Facoltativa
Tipologia esame:
Scritto
MODALITÀ D'ESAME
ESAME SCRITTO 10 DOMANDE UN ORA E 30 MINUTI
PREREQUISITI
italiano
OBIETTIVI FORMATIVI
italiano
ATTIVITÀ DI SUPPORTO
ESERCITAZIONI IN AULA
- 18 -
CONTENUTI
Il corso si struttura in due parti.
La prima parte riguarda l'analisi dei mercati finanziari, attraverso l'analisi tecnica, fondamentale
macroeconomica e dei volumi. La seconda riguarda i future , le opzioni e le strategie implementabili con
questi strumenti.
TESTI CONSIGLIATI E BIBLIOGRAFIA
italiano
NOTA
Il Corso di Studio in senso proprio è quello visualizzato all'atto dell'accesso su Campusnet. Nella videata
dell'insegnamento, è indicato impropriamente come "Corso di Studio" il/i percorso/i del Corso di Laurea in
cui l'insegnamento stesso è inserito.
ORARIO LEZIONI
Giorni
Ore
Aula
Mercoledì
14:00 - 17:00
Aula 9 Facoltà di Economia
Venerdì
14:00 - 17:00
Aula 9 Facoltà di Economia
Lezioni: dal 17/09/2014 al 06/12/2014
Pagina web del corso: http://www.famf.unito.it/do/corsi.pl/Show?_id=u2fi
STRUMENTI E TECNICHE PER LA QUALITA' AGROALIMENTARE
Anno accademico:
2014/2015
Codice attività didattica: MAN0128
Docente:
Contatti docente:
Anno:
2° anno
Tipologia:
A scelta dello studente
Crediti/Valenza:
9
SSD attvità didattica:
SECS-P/13 - scienze merceologiche
Erogazione:
Tradizionale
Lingua:
Italiano
Frequenza:
Facoltativa
Tipologia esame:
Orale
Mutuato da: http://www.profcont.unito.it/do/corsi.pl/Show?
_id=ilw5;sort=DEFAULT;search=%7bdocente%7d%20%3d~%20%2f%5egpeira%20%2ev%2e%2fm%20and%20%7
Pagina web del corso: http://www.famf.unito.it/do/corsi.pl/Show?_id=n8fg
VALUTAZIONE D'AZIENDA E MERGER & AQUISITION
CORPORATE ASSESSMENT AND MERGER & AQUISITION
Anno accademico:
2014/2015
Codice attività didattica: ECO0252
Docente:
Prof. Roberto Schiesari (Titolare del corso)
Enrico Battisti (Assistente)
Contatti docente:
011 6706054, [email protected]
Anno:
2° anno
- 19 -
Tipologia:
Caratterizzante
Crediti/Valenza:
9
SSD attvità didattica:
SECS-P/09 - finanza aziendale
Erogazione:
Tradizionale
Lingua:
Italiano
Frequenza:
Facoltativa
Tipologia esame:
Scritto
MODALITÀ D'ESAME
Si veda quanto pubblicato su Moodle.
PREREQUISITI
italiano
Il corso presuppone la conoscenza, da parte dello studente, dei principi fondamentali di Economia
aziendale, Finanza d'impresa e Corporate Finance nonché di strumenti quantitativi di analisi matematica e
statistica.
english
OBIETTIVI FORMATIVI
italiano
Il corso si propone di fornire un inquadramento tecnico ed operativo dei processi di valutazione delle
imprese e delle acquisizioni. Criteri strumenti e problematiche della valutazione d'azienda sono affrontati
in relazione a diverse finalità: acquisizione/cessione, fusioni con cambio e misurazione della performance
d'impresa. Il corso si propone anche di evidenziare i nessi e le relazioni tra strategie e valutazione.
english
RISULTATI DELL'APPRENDIMENTO ATTESI
italiano
Lo studente dovrà acquisire capacità di analisi critica dei principali strumenti di valutazione delle imprese
e delle acquisizioni.
english
PROGRAMMA
italiano
- Inquadramento teorico. - La valutazione dell'azienda: finalità e procedure. - Principi generali e Giudizio
Integrato di Valutazione. - La valutazione patrimoniale. - Il patrimonio intangibile. - Problematiche comuni
alle diverse metodologie: il costo del capitale di rischio ed il WACC; il tasso di crescita g; la
normalizzazione del reddito ed i suoi influssi sul flusso monetario atteso. - Il metodo reddituale. - Il metodo
misto. - Il metodo finanziario. - I criteri relativi: metodo dei multipli di borsa e delle transazioni comparabili. La relazione di valutazione. - Casi pratici di valutazioni. - Valutazione d'azienda e i Principi Contabili
Internazionali: cenni. - Le operazioni di M&A e la creazione di valore. - Il processo di acquisizione. - Il ruolo
della due-diligence. - Il valore limite di acquisizione. - I rapporti di cambio nelle operazioni di fusione.
english
TESTI CONSIGLIATI E BIBLIOGRAFIA
italiano
L. GUATRI, M. BINI, La valutazione delle aziende, EGEA, Milano, 2007. V. CONCA , Le acquisizioni. Valutare e
gestire i processi di crescita, EGEA Editore, 2010.
english
NOTA
- 20 -
Il Corso di Studio in senso proprio è quello visualizzato all'atto dell'accesso su Campusnet. Nella videata
dell'insegnamento, è indicato impropriamente come "Corso di Studio" il/i percorso/i del Corso di Laurea in
cui l'insegnamento stesso è inserito.
ORARIO LEZIONI
Giorni
Ore
Aula
Mercoledì
11:15 - 14:00
Aula 7 Facoltà di Economia
Venerdì
8:15 - 11:15
Aula 13 Facoltà di Economia
Lezioni: dal 17/09/2014 al 06/12/2014
Pagina web del corso: http://www.famf.unito.it/do/corsi.pl/Show?_id=nyfb
Stampato il 26/10/2014 05:33 - by CampusNet
- 21 -
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
137 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content