close

Enter

Log in using OpenID

(PDF, 167KB)

embedDownload
Normativa sulla Trasparenza Bancaria
(T.U. Leggi Bancarie D.Lvo 385/93 e norme di attuazione)
A – CONTI CORRENTI
- PRIMA PARTE:
- SECONDA PARTE:
- TERZA PARTE:
DEDICATA A CLIENTI CONSUMATORI
DEDICATA AI CLIENTI NON CONSUMATORI (IMPRESE)
CONTENENTE INFORMAZIONI E CONDIZIONI COMUNI A TUTTI I
CONTI CORRENTI ILLUSTRATI NEL PRESENTE FOGLIO
INFORMATIVO
FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E
SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA
Foglio Informativo A – agg. n. 150 del 15/1/2015
INFORMAZIONI SULLA BANCA
Banca Popolare di Vicenza scpa
Via Btg. Framarin 18 - 36100 - Vicenza
Tel.: (numero verde) 800023555 - Fax: 0444-537491
Sito internet: www.popolarevicenza.it
Iscrizione n° 1515 dell’Albo delle Banche e dei Gruppi Bancari – codice fiscale, Partita Iva e n° iscriz. Registro
Imprese C.C.I.A.A. di Vicenza n° 00204010243- Capogruppo del Gruppo Bancario Banca Popolare di Vicenza
CHE COS’E’ IL CONTO CORRENTE
Il conto corrente è un contratto con il quale la Banca svolge un servizio di cassa per il cliente: custodisce i suoi risparmi e
gestisce il denaro con una serie di servizi (versamenti, prelievi e pagamenti nei limiti del saldo disponibile).
Al conto corrente sono di solito collegati altri servizi quali carta di debito, carta di credito, assegni, bonifici, domiciliazione delle
bollette, fido.
Il conto corrente è un prodotto sicuro. Il rischio principale è il rischio di controparte, cioè l’eventualità che la banca non sia in
grado di rimborsare al correntista, in tutto o in parte , il saldo disponibile. Per questa ragione la banca aderisce al sistema di
garanzia Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi che assicura a ciascun correntista una copertura fino a 100.000,00 euro.
Altri rischi possono essere legati allo smarrimento o al furto di assegni, carta di debito, carta di credito, dati identificativi e
parole chiave per l’accesso al conto su internet, ma sono anche ridotti al minimo se il correntista osserva le comuni regole di
prudenza e attenzione.
Quanto sopra indicato vale in generale per qualsiasi tipologia di conto corrente offerto dalla Banca, fermo restando la facoltà
della medesima di valutare nel caso concreto la possibilità di rilasciare carnet assegni e/o carte di debito e/o di credito,
finanziamenti al cliente richiedente, nel rispetto comunque delle disposizioni di legge.
Per saperne di più:
La Guida pratica al conto corrente, che orienta nella scelta del conto, è disponibile sul sito www.bancaditalia.it (sul sito della
banca www.popolarevicenza.it) (e presso tutte le filiali della Banca).
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 2 di 69
INDICE DEL FOGLIO INFORMATIVO DEI CONTI CORRENTI
PARTE PRIMA: CONTI CORRENTI PER “CONSUMATORI” .....................................................................................................................4 CONTO CORRENTE ORDINARIO CONSUMATORI ...................................................................................................................................4 CONTO CORRENTE SEMPREPIU’ FAMIGLIA ...........................................................................................................................................8 CONTO CORRENTE SEMPREPIU’ FAMIGLIA LIGHT .............................................................................................................................11 CONTO CORRENTE SEMPREPIU’ RISPARMIO ......................................................................................................................................15 CONTO CORRENTE SEMPREPIU’ ON LINE ............................................................................................................................................19 CONTO CORRENTE SEMPREPIU’ RENDIMENTO ..................................................................................................................................23 “DEPOSITO SEMPREPIÙ” (Deposito Vincolato di Somme) ..................................................................................................................27 CONTO FEEL FREE ...................................................................................................................................................................................29 CONTO FEEL FREE “STUDENTI”.............................................................................................................................................................33 CONTO CORRENTE BIANCOROSSO.......................................................................................................................................................36 CONTO AMICI .............................................................................................................................................................................................40 CONTO CORRENTE ORDINARIO CONSUMATORI NON RESIDENTI ....................................................................................................42 CONTI CORRENTI NON PIU’ COMMERCIALIZZATI ................................................................................................................................46 PARTE SECONDA: CONTI CORRENTI PER “IMPRESE” .......................................................................................................................47 CONTO CORRENTE ORDINARIO IMPRESE ............................................................................................................................................47 CONTO SEMPREPIU’ IMPRESA RENDIMENTO ......................................................................................................................................48 CONTO SEMPREPIU’ IMPRESA ...............................................................................................................................................................49 “DEPOSITO SEMPREPIÙ” (Deposito Vincolato di Somme) ..................................................................................................................51 CONTO DOMOGEST ..................................................................................................................................................................................53 CONTO DOMOGEST OFFERTA 2015 .......................................................................................................................................................54 CONTO DOMOGEST LIGHT ......................................................................................................................................................................55 CONTO DOMOGEST LIGHT OFFERTA 2015 ...........................................................................................................................................56 CONTI IN EURO DI NON RESIDENTI ........................................................................................................................................................57 CONTO STAFF ...........................................................................................................................................................................................58 PARTE TERZA: PRODOTTI COMUNI A CONSUMATORI E IMPRESE - INDICATORE SINTETICO DI COSTO DEL CONTO
CORRENTE “CONSUMATORI” - INFORMAZIONI E CONDIZIONI COMUNI A TUTTI I CONTI CORRENTI .........................................60 PER: CONTO CORRENTE SEMPREPIU’ WEB - SEMPREPIU’ NET
SI VEDA IL FOGLIO INFORMATIVO APPOSITO DEDICATO AI CONTI A PACCHETTO CON ACQUISTO OBBLIGATORIO DEI
SERVIZI.
PER:
•
•
•
CONTO DI BASE (come da Convenzione ABI, BANCA D’ITALIA , MEF, POSTE ITALIANE, A.I.I.P, del 28/03/2012 come
previsto dal decreto legge 201/2011 convertito nella legge 214/201, pubblicata sul sito MEF il 24/04/2012).
CONTO CORRENTE SEMPREPIU’ OFFERTA SPECIALE PENSIONATI e DEPOSITO VINCOLATO SEMPREPIU’ OFFERTA
SPECIALE PENSIONATI
CONTO CORRENTE SEMPREPIU’ INSIEME e DEPOSITO SEMPREPIU’ INSIEME
SI VEDA IL FOGLIO INFORMATIVO APPOSITO DEDICATO AI “CONTI CORRENTI E ALTRI SERVIZI CON PROMOZIONI
RISERVATE A SPECIFICI DESTINATARI E/O PER PERIODI LIMITATI”.
PER:
• CONTO CORRENTE SOCIO PIU’ VALORE
• CONTO CORRENTE SOCIO PIU’ FAMIGLIA
SI VEDA IL FOGLIO INFORMATIVO APPOSITO DEDICATO AI SOCI (consumatori) DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA.
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 3 di 69
PARTE PRIMA: CONTI CORRENTI PER “CONSUMATORI”
CONTO CORRENTE ORDINARIO CONSUMATORI
CARATTERISTICHE
Questo conto è particolarmente adatto per chi al momento dell’apertura del conto pensa di svolgere un numero
bassissimo di operazioni o non può stabilire, nemmeno orientativamente, il tipo o il numero di operazioni che
svolgerà.
Conto corrente dedicato esclusivamente ai Privati ed in particolare alle famiglie.
Utilizzo del conto per esigenze personali/familiari da parte di soggetti “consumatori”
I “consumatori sono le persone fisiche che utilizzano il conto corrente per scopi estranei all’attività imprenditoriale,
commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta (la definizione di “consumatore” è tratta dall’art. 3 del Dlgs
206/2005 – Codice del consumo).
PRINCIPALI CONDIZIONI ECONOMICHE
QUANTO PUÒ COSTARE IL CONTO CORRENTE
Indicatore Sintetico di Costo (ISC)
PROFILO
SPORTELLO
Conto a Consumo – Operatività bassa (112 oper.)
€ 438,70
Oltre a questi costi vanno considerati: l'imposta di bollo nella misura e nei casi previsti dalla legge, a meno
che non sia contrattualmente a carico della Banca per lo specifico tipo di conto corrente, gli eventuali
interessi attivi e/o passivi maturati sul conto e le spese per l'apertura del conto (attualmente non previste dalla
Banca per questo conto).
Il costo riportato nella tabella è orientativo e si riferisce a un profilo di operatività, meramente indicativo stabilito dalla Banca d'Italia - di conto corrente privo di fido.
Per saperne di più: http://www.bancaditalia.it/vigilanza/normativa/norm_bi/disposizioni-
vig/trasparenza_operazioni/allegato_5/Allegato_5A_calcolo_ISC_c-c.pdf
In calce al presente Foglio Informativo è riportata la tabella con i profili previsti da Banca d’Italia per il calcolo dell’ISC ed
alcune informazioni.
QUANTO PUO’ COSTARE IL FIDO
IPOTESI
Contratto di affidamento per clienti
“consumatori” con durata indeterminata
e che prevede l’applicazione della
Commissione per l’affidamento
Accordato/Utilizzato: € 1.500,00
Tasso Debitore nominale annuo: 15,00%
Commissione per l’affidamento: 2% annuo
Spesa tenuta conto: € 5,00
Spesa per operazione: € 1,50 (2 operazioni)
Calcolo sulla base di
una durata pari a 3 mesi
- Interessi = € 56,25
- Oneri = € 15,50
- TAEG: 20,55%
I costi riportati nella tabella sono orientativi e si riferiscono ad alcune ipotesi di operatività indicate dalla Banca d’Italia.
La formula per il calcolo del TAEG relativo alla durata di un anno è la seguente:
⎡ utilizzato + interessi + oneri ⎤
TAEG = ⎢
⎥ −1
utilizzato
⎣
⎦
t
(nella formula sopraindicata “utilizzato”= “importo del fido accordato” e “ t ” = “tempo”)
E’ possibile ottenere un calcolo personalizzato dei costi con il simulatore pubblicato sul sito internet della Banca:
www.popolarevicenza.it .
Gli affidamenti sono soggetti alla normativa sul Credito ai Consumatori se di importo compreso tra 200 e 75.000 euro e
richiesti da cliente “consumatore” (art. 121 e seguenti del Dlgs 385/1993, Decreto Ministero Finanze 3/2/2011,
Disposizioni di Banca d’Italia 9/2/2011).
Se il consumatore intende richiedere un affidamento di importo compreso tra i suddetti limiti, ha diritto di ricevere le
“Informazioni Europee di base sul Credito ai Consumatori” presso le Filiali della Banca - il rilascio e’ gratuito.
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 4 di 69
Il Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM) previsto dall’art. 2 della legge sull’usura (l. n. 108/1996), relativo ai contratti di
conto corrente, può essere consultato in filiale e sul sito Internet www.popolarevicenza.it
Le condizioni economiche indicate nel presente Foglio Informativo saranno comunque e sempre applicabili solo nel
rispetto del limite massimo del TEG di cui alla citata legge 108/96 relativo alle specifiche operazioni.
Le voci di spesa riportate nel prospetto che segue rappresentano, con buona approssimazione, la gran parte dei costi
complessivi sostenuti da un consumatore medio titolare di un conto corrente.
Questo vuol dire che il prospetto non include tutte le voci di costo. Alcune delle voci escluse potrebbero essere
importanti in relazione sia al singolo conto sia all’operatività del singolo cliente.
Prima di scegliere e firmare il contratto è quindi necessario leggere attentamente anche la sezione “Altre condizioni
economiche”.
Servizi di
pagamento
Spese per l’apertura del conto
Canone annuo del conto corrente
Non previste
Non previsto
N° di operazioni incluse nel canone annuo
non previste
Spese annue per conteggio interessi e competenze
non previste
Canone annuo carta di debito nazionale
Carta non più commercializzata
Canone annuo carta di debito internazionale
€ 15,00
Circuito Maestro.
€ 35,00 Carta Osella Visa
€ 35,00 Carta Paypass Mastercard
Carta non piu’ commercializzata
Canone annuo carta di credito
Canone annuo carta multifunzione
SPESE VARIABILI
Gestione liquidità
Home Banking
SPESE FISSE
Gestione
liquidità
VOCI DI COSTO
Canone annuo per internet banking e phone banking
(Servizio di multicanalità [email protected])
con l’aggiunta di un canone di 2 euro a
bimestre per utilizzo Chiavetta personale
Registrazione di ogni operazione non inclusa nel canone (si
aggiunge al costo dell’operazione)
(Spese classificate di Gruppo 1 e Gruppo 3)
Invio estratto conto
Prelievo sportello automatico presso la stessa banca in Italia
(Gruppo bancario Banca Popolare di Vicenza)
Servizi di
pagamento
- Versione “Free” gratuito.
- Versione “Personal” € 120,00
(€ 10,00 addebitato mensilmente).
- Versione “Over” € 216,00
(€ 18,00 addebitato mensilmente).
Prelievo sportello automatico presso altra banca in Italia
Bonifico verso Italia e UE in euro con addebito in c/c
Bonifico verso Italia e UE fino a 10.329,14 euro con addebito
in c/c:
(limite di importo per l’operatività con il servizio @time)
Domiciliazioni utenze (RID ordinario)
Commissioni per ciascun addebito SDD CORE
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
€ 2,80
con un minimo di € 19,25 per ogni
trimestre e con la possibilità di
concordare
un massimo con la
Banca quale
importo di “spese
forfettarie” fino ad un tetto pari al
totale delle spese dovute per 90
operazioni a trimestre
Fino a € 2,65 con invio cartaceo, a
seconda dei costi sostenuti dalla
Banca per l’invio.
€ 0,00 con invio tramite Internet
Gratuito
€ 2,20
disposto allo sportello a favore di
beneficiario c/o filiali stessa Banca:
€ 3,50
disposto allo sportello a favore di
beneficiario c/o altra Banca: € 5,00
Internet € 1,00
Telefono € 1,05
€ 0,65
€ 0,65
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 5 di 69
Interessi
creditori
INTERESSI
SOMME
DEPOSITATE
VOCI DI COSTO
Tasso creditore annuo nominale
0,010%
(T.A.E. 0,010% )
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate
15,00%
(T.A.E. 15,865%)
2,00% annuo (0,50%
trimestrale) dell’importo
totale degli affidamenti
concessi.
Fino ad un max di
100,00 euro
15,00%
(T.A.E. 15,865%)
Fidi
Commissione per l’affidamento
Altre spese: Spese per Visure Ipocatastali (per affidamenti richiesti
superiori a € 10.000,00)
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate
Commissione di istruttoria veloce – CIV (Clienti “consumatori”)
Sconfinamenti extra-fido
FIDI E SCONFINAMENTI
- per sconfino inferiore o pari a € 500,00 se di durata non superiore a 7
giorni consecutivi (per un massimo di una volta per ciascun trimestre):
- per sconfino inferiore o pari a € 100,00:
0,00€
(franchigia
prevista dalla normativa)
0,00 € (franchigia iniziale
prevista dalla Banca)
- per ogni sconfino oltre le franchigie di cui sopra:
35,00 €
- per ulteriore accrescimento dello sconfino superiore a € 100,00:
35,00 €
- limite massimo della CIV applicabile per trimestre:
200,00 €
Nota bene:
•
l’importo dello sconfinamento è da intendersi con riguardo al
saldo complessivo anche se derivante da più addebiti.
Altre spese
Non previste
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate
15,00%
(T.A.E. 15,865%)
DISPONI
BILITA’
SOMME
VERSAT
E
CAPITALI
ZZAZIONE
Sconfinamenti in assenza di fido
Commissione di istruttoria veloce – CIV (Clienti “consumatori”)
- per sconfino inferiore o pari a € 500,00 se di durata non superiore a 7
giorni consecutivi (per un massimo di una volta per ciascun trimestre):
- per sconfino inferiore o pari a € 100,00:
0,00€
(franchigia
prevista dalla normativa)
0,00 € (franchigia iniziale
prevista dalla Banca)
- per ogni sconfino oltre le franchigie di cui sopra:
35,00 €
- per ulteriore accrescimento dello sconfino superiore a € 100,00:
35,00 €
- limite massimo della CIV applicabile per trimestre:
200,00 €
Nota bene:
•
l’importo dello sconfinamento è da intendersi con riguardo al
saldo complessivo anche se derivante da più addebiti.
Altre spese
Non previste
Periodicità
trimestrale
Contanti
Assegni circolari stessa banca
Stesso giorno
dal 2° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 2° giorno lavorativo
successivo al vers.
Assegni bancari stessa filiale
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 6 di 69
Assegni bancari altra filiale
Assegni circolari altri istituti / vaglia Banca d’Italia
Assegni bancari altri istituti
Vaglia e assegni postali
- Spese Tenuta Conto (addebitate in sede di ogni Liquidazione di Competenze)
- Spesa per comunicazioni ai sensi normativa sulla Trasparenza Bancaria
1) invio in formato cartaceo
2) invio con modalità telematica (servizio “D.O.L” Documenti On line )
- Comunicazione variazione condizioni contrattuali ai sensi art. 118 Dlgs 385/1993 (TUB)
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
€ 34,00
€ 1,30
€ 0,00
€ 0,00 qualunque sia la
modalità di invio
Per le altre condizioni economiche comuni a tutti i conti correnti offerti ai Consumatori, si veda la 3° parte del presente
Foglio Informativo.
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 7 di 69
CONTO CORRENTE SEMPREPIU’ FAMIGLIA
CARATTERISTICHE
Conto corrente a canone dedicato esclusivamente ai Privati ed in particolare alle famiglie.
Utilizzo del conto per esigenze personali/familiari da parte di soggetti “consumatori”
I “consumatori sono le persone fisiche che utilizzano il conto corrente per scopi estranei all’attività imprenditoriale,
commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta (la definizione di “consumatore” è tratta dall’art. 3 del Dlgs
206/2005 – Codice del consumo).
A favore dei titolari del Conto SemprePiù Famiglia, la Banca ha stipulato una convenzione con una compagnia assicurativa
che prevede una Polizza offerta gratuitamente composta da un insieme di assicurazioni e assistenze (Assistenza sanitaria
domiciliare, in viaggio e garanzia rimborso spese mediche). Pertanto all’atto della sottoscrizione del contratto, la Banca
consegna al correntista l’estratto della suddetta polizza assicurativa, descrittivo delle condizioni generali della medesima.
PRINCIPALI CONDIZIONI ECONOMICHE
QUANTO PUÒ COSTARE IL CONTO CORRENTE
Indicatore Sintetico di Costo (ISC)
PROFILO
SPORTELLO
ONLINE
Giovani
(164 oper.)
€ 177,00
€ 158,00
Famiglie con operatività bassa
(201 oper.) € 167,70
€ 148,00
Famiglie con operatività media
(228 oper.) € 188,98
€ 167,48
Famiglie con operatività elevata
(253 oper.) € 196,08
€ 169,48
Pensionati con operatività bassa
(124 oper.) € 164,50
€ 147,00
Pensionati con operatività media
(189 oper.) € 189,18
€ 165,48
Oltre a questi costi vanno considerati: l'imposta di bollo nella misura e nei casi previsti dalla legge, a meno
che non sia contrattualmente a carico della Banca per lo specifico tipo di conto corrente, gli eventuali
interessi attivi e/o passivi maturati sul conto e le spese per l'apertura del conto (attualmente non previste dalla
Banca per questo conto).
I costi riportati nella tabella sono orientativi e si riferiscono ai 6 profili di operatività, meramente indicativi stabiliti dalla Banca d'Italia - di conto corrente privi di fido.
Per saperne di più: http://www.bancaditalia.it/vigilanza/normativa/norm_bi/disposizioni-
vig/trasparenza_operazioni/allegato_5/Allegato_5A_calcolo_ISC_c-c.pdf
In calce al presente Foglio Informativo è riportata la tabella con i profili previsti da Banca d’Italia per il calcolo dell’ISC
ed alcune informazioni.
QUANTO PUO’ COSTARE IL FIDO
IPOTESI
Contratto di affidamento per clienti
“consumatori” con durata indeterminata
e che prevede l’applicazione della
Commissione per l’affidamento
Accordato/Utilizzato: € 1.500,00
Tasso Debitore nominale annuo: 15,00%
Commissione per l’affidamento: 2% annuo
Canone conto corrente € 12,00
Calcolo sulla base di
una durata pari a 3 mesi
- Interessi = € 56,25
- Oneri = € 19,50
- TAEG: 21,78%
I costi riportati nella tabella sono orientativi e si riferiscono ad alcune ipotesi di operatività indicate dalla Banca d’Italia.
La formula per il calcolo del TAEG relativo alla durata di un anno è la seguente:
TAEG
⎡ utilizzato
= ⎢
⎣
+ interessi
utilizzato
t
+ oneri ⎤
⎥ −1
⎦
(nella formula sopraindicata “utilizzato” = “importo del fido accordato” e “ t ” = “tempo”)
E’ possibile ottenere un calcolo personalizzato dei costi con il simulatore pubblicato sul sito internet della Banca:
www.popolarevicenza.it .
Gli affidamenti sono soggetti alla normativa sul Credito ai Consumatori se di importo compreso tra 200 e 75.000 euro e
richiesti da cliente “consumatore” (art. 121 e seguenti del Dlgs 385/1993, Decreto Ministero Finanze 3/2/2011,
Disposizioni di Banca d’Italia 9/2/2011).
Se il consumatore intende richiedere un affidamento di importo compreso tra i suddetti limiti, ha diritto di ricevere le
“Informazioni Europee di base sul Credito ai Consumatori” presso le Filiali della Banca - il rilascio e’ gratuito.
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 8 di 69
Il Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM) previsto dall’art. 2 della legge sull’usura (l. n. 108/1996), relativo ai contratti di
conto corrente, può essere consultato in filiale e sul sito Internet www.popolarevicenza.it
Le condizioni economiche indicate nel presente Foglio Informativo saranno comunque e sempre applicabili solo nel
rispetto del limite massimo del TEG di cui alla citata legge 108/96 relativo alle specifiche operazioni.
Le voci di spesa riportate nel prospetto che segue rappresentano, con buona approssimazione, la gran parte dei costi
complessivi sostenuti da un consumatore medio titolare di un conto corrente.
Questo vuol dire che il prospetto non include tutte le voci di costo. Alcune delle voci escluse potrebbero essere
importanti in relazione sia al singolo conto sia all’operatività del singolo cliente.
Prima di scegliere e firmare il contratto è quindi necessario leggere attentamente anche la sezione “Altre condizioni
economiche”.
VOCI DI COSTO
Servizi di
pagamento
Gestione
liquidità
Servizi di
pagamento
SPESE VARIABILI
N° di operazioni incluse nel canone annuo
Non previste
€ 144,00
(€ 12 addebitati mensilmente)
Illimitate
Spese annue per conteggio interessi e competenze
non previste
Canone annuo carta di debito nazionale
Carta non più commercializzata
Canone annuo carta di debito internazionale
Compreso nel canone del conto
(per n. 2 Carte)
Compreso nel canone del conto
(per n. 2 Carte)
Carta non piu’ commercializzata
Canone annuo carta di credito
Canone annuo carta multifunzione
Home
Banking
SPESE FISSE
Gestione
liquidità
Spese per l’apertura del conto
Canone annuo del conto corrente
(Servizio di multicanalità [email protected])
- Versione “Free” gratuito.
- Versione “Personal” € 120,00
(€ 10,00 addebitato mensilmente).
- Versione “Over” € 216,00
(€ 18,00 addebitato mensilmente).
Registrazione di ogni operazione non inclusa nel canone (si
aggiunge al costo dell’operazione)
Non ci sono operazioni non incluse
nel canone
Invio estratto conto
(sia con invio cartaceo / sia con invio tramite Internet)
Prelievo sportello automatico presso la stessa banca in Italia
(Gruppo bancario Banca Popolare di Vicenza)
Compreso nel canone del conto
Prelievo sportello automatico presso altra banca in Italia
Bonifico verso Italia e UE in euro con addebito in c/c
€ 2,20
disposto allo sportello a favore di
beneficiario c/o filiali stessa Banca:
€ 3,50
disposto allo sportello a favore di
beneficiario c/o altra Banca: € 5,00
Internet € 1,00
Telefono € 1,05
Comprese nel canone del conto
Comprese nel canone del conto
Canone annuo per internet banking e phone banking
Bonifico verso Italia e UE fino a 10.329,14 euro con addebito
in c/c: (limite di importo per l’operatività con il servizio @time
Domiciliazioni utenze (RID ordinario)
Commissioni per ciascun addebito SDD CORE
Gratuito
Interessi
creditori
Tasso creditore annuo nominale
0,010%
(T.A.E. 0,010% )
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate
15,00%
(T.A.E. 15,865%)
2,00% annuo (0,50%
trimestrale) dell’importo
totale degli affidamenti
concessi.
Fino ad un max di
100,00 euro
Commissione per l’affidamento
Fidi
FIDI E
SCONFINAMEN
TI
INTERESSI
SOMME
DEPOSITAT
E
VOCI DI COSTO
Altre spese: Spese per Visure Ipocatastali (per affidamenti richiesti
superiori a € 10.000,00)
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 9 di 69
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate
15,00%
(T.A.E. 15,865%)
Commissione di istruttoria veloce – CIV (Clienti “consumatori”)
Sconfinamenti extra-fido
- per sconfino inferiore o pari a € 500,00 se di durata non superiore a 7
giorni consecutivi (per un massimo di una volta per ciascun trimestre):
- per sconfino inferiore o pari a € 100,00:
0,00€
(franchigia
prevista dalla normativa)
0,00 € (franchigia iniziale
prevista dalla Banca)
- per ogni sconfino oltre le franchigie di cui sopra:
35,00 €
- per ulteriore accrescimento dello sconfino superiore a € 100,00:
35,00 €
- limite massimo della CIV applicabile per trimestre:
200,00 €
Nota bene:
•
l’importo dello sconfinamento è da intendersi con riguardo al
saldo complessivo anche se derivante da più addebiti.
Altre spese
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate
Non previste
15,00%
(T.A.E. 15,865%)
DISPONIBILITA’
SOMME VERSATE
CAPITALI
ZZAZIONE
Sconfinamenti in assenza di fido
Commissione di istruttoria veloce – CIV (Clienti “consumatori”)
- per sconfino inferiore o pari a € 500,00 se di durata non superiore a 7
giorni consecutivi (per un massimo di una volta per ciascun trimestre):
- per sconfino inferiore o pari a € 100,00:
0,00€
(franchigia
prevista dalla normativa)
0,00 € (franchigia iniziale
prevista dalla Banca)
- per ogni sconfino oltre le franchigie di cui sopra:
35,00 €
- per ulteriore accrescimento dello sconfino superiore a € 100,00:
35,00 €
- limite massimo della CIV applicabile per trimestre:
200,00 €
Nota bene:
•
l’importo dello sconfinamento è da intendersi con riguardo al
saldo complessivo anche se derivante da più addebiti.
Altre spese
Non previste
Periodicità
Trimestrale
Contanti
Assegni circolari stessa banca
Stesso giorno
dal 2° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 2° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
Zero
Assegni bancari stessa filiale
Assegni bancari altra filiale
Assegni circolari altri istituti / vaglia Banca d’Italia
Assegni bancari altri istituti
Vaglia e assegni postali
- Spese tenuta conto
- Spese per comunicazioni ai sensi normativa sulla Trasparenza Bancaria (qualunque sia la modalità di
invio)
- Comunicazione variazione condizioni contrattuali ai sensi art.118 Dlgs 385/1993 (TUB)
Comprese nel canone
€ 0,00 qualunque sia la
modalità di invio
Comprese nel canone
Comprese nel canone
- Commissioni per disposizioni permanenti di bonifico
- n. 2 Carte Prepagate Ricaricabili
- Retrocessione delle commissioni sostenute dal cliente per n. 2 prelevamenti eseguiti nel corso del mese
presso Sportelli automatici di altre Banche.
- Diritti di custodia e amministrazione Titoli
€ 0,00
- Spese per Estratto Conto Titoli
Comprese nel canone
Per le altre condizioni economiche comuni a tutti i conti correnti offerti ai Consumatori, si veda la 3° parte del presente Foglio
Informativo.
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 10 di 69
CONTO CORRENTE SEMPREPIU’ FAMIGLIA LIGHT
CARATTERISTICHE
Conto corrente a canone dedicato esclusivamente ai Privati ed in particolare alle famiglie.
Utilizzo del conto per esigenze personali/familiari da parte di soggetti “consumatori”
I “consumatori sono le persone fisiche che utilizzano il conto corrente per scopi estranei all’attività imprenditoriale,
commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta (la definizione di “consumatore” è tratta dall’art. 3 del Dlgs
206/2005 – Codice del consumo).
PRINCIPALI CONDIZIONI ECONOMICHE
QUANTO PUÒ COSTARE IL CONTO CORRENTE
Indicatore Sintetico di Costo (ISC)
PROFILO
SPORTELLO
ONLINE
Giovani
(164 oper.)
€ 140,20
€ 97,40
Famiglie con operatività bassa
(201 oper.) € 121,50
€ 77,00
Famiglie con operatività media
(228 oper.) € 183,58
€ 138,28
Famiglie con operatività elevata
(253 oper.) € 185,28
€ 135,88
Pensionati con operatività bassa
(124 oper.) € 102,90
€ 72,60
Pensionati con operatività media
(189 oper.) € 176,98
€ 127,48
Oltre a questi costi vanno considerati: l'imposta di bollo nella misura e nei casi previsti dalla legge, a meno
che non sia contrattualmente a carico della Banca per lo specifico tipo di conto corrente, gli eventuali
interessi attivi e/o passivi maturati sul conto e le spese per l'apertura del conto (attualmente non previste dalla
Banca per questo conto).
I costi riportati nella tabella sono orientativi e si riferiscono ai 6 profili di operatività, meramente indicativi stabiliti dalla Banca d'Italia - di conto corrente privi di fido.
Per saperne di più: http://www.bancaditalia.it/vigilanza/normativa/norm_bi/disposizioni-
vig/trasparenza_operazioni/allegato_5/Allegato_5A_calcolo_ISC_c-c.pdf
In calce al presente Foglio Informativo è riportata la tabella con i profili previsti da Banca d’Italia per il calcolo dell’ISC ed
alcune informazioni.
QUANTO PUO’ COSTARE IL FIDO
IPOTESI
Contratto di affidamento per clienti
“consumatori” con durata indeterminata
e che prevede l’applicazione della
Commissione per l’affidamento
Accordato/Utilizzato: € 1.500,00
Tasso Debitore nominale annuo: 15,00%
Commissione per l’affidamento: 2% annuo
Canone conto corrente € 5,00
Calcolo sulla base di
una durata pari a 3 mesi
- Interessi = € 56,25
- Oneri = € 12,50
- TAEG: 19,63%
I costi riportati nella tabella sono orientativi e si riferiscono ad alcune ipotesi di operatività indicate dalla Banca d’Italia.
La formula per il calcolo del TAEG relativo alla durata di un anno è la seguente:
TAEG
⎡ utilizzato
= ⎢
⎣
+ interessi
utilizzato
+ oneri ⎤
⎥
⎦
t
−1
(nella formula sopraindicata “utilizzato” = “importo del fido accordato” e “ t ” = “tempo”)
E’ possibile ottenere un calcolo personalizzato dei costi con il simulatore pubblicato sul sito internet della Banca:
www.popolarevicenza.it
Gli affidamenti sono soggetti alla normativa sul Credito ai Consumatori se di importo compreso tra 200 e 75.000 euro e
richiesti da cliente “consumatore” (art. 121 e seguenti del Dlgs 385/1993, Decreto Ministero Finanze 3/2/2011,
Disposizioni di Banca d’Italia 9/2/2011).
Se il consumatore intende richiedere un affidamento di importo compreso tra i suddetti limiti, ha diritto di ricevere le
“Informazioni Europee di base sul Credito ai Consumatori” presso le Filiali della Banca - il rilascio e’ gratuito.
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 11 di 69
Il Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM) previsto dall’art. 2 della legge sull’usura (l. n. 108/1996), relativo ai contratti di
conto corrente, può essere consultato in filiale e sul sito Internet www.popolarevicenza.it
Le condizioni economiche indicate nel presente Foglio Informativo saranno comunque e sempre applicabili solo nel
rispetto del limite massimo del TEG di cui alla citata legge 108/96 relativo alle specifiche operazioni.
Le voci di spesa riportate nel prospetto che segue rappresentano, con buona approssimazione, la gran parte dei costi
complessivi sostenuti da un consumatore medio titolare di un conto corrente.
Questo vuol dire che il prospetto non include tutte le voci di costo. Alcune delle voci escluse potrebbero essere
importanti in relazione sia al singolo conto sia all’operatività del singolo cliente.
Prima di scegliere e firmare il contratto è quindi necessario leggere attentamente anche la sezione “Altre condizioni
economiche”.
Spese annue per conteggio interessi e competenze
Non previste
€ 60,00
(€ 5,00 addebitati mensilmente)
- 60 operazioni annue eseguite allo
sportello (15 trimestrali)
- illimitate se eseguite tramite canali
alternativi allo sportello
non previste
Canone annuo carta di debito nazionale
Carta non più commercializzata
Canone annuo carta di debito internazionale
Compreso nel canone del conto
(per n. 2 carte)
€ 35,00 Carta Osella Visa
€ 35,00 Carta Paypass Mastercard
Carta non piu’ commercializzata
N° di operazioni incluse nel canone annuo
Servizi di
pagamento
SPESE FISSE
Gestione liquidità
VOCI DI COSTO
Spese per l’apertura del conto
Canone annuo del conto corrente
Canone annuo carta di credito
Canone annuo carta multifunzione
(Servizio di multicanalità [email protected])
- Versione “Free” gratuito.
- Versione “Personal” € 120,00
(€ 10,00 addebitato mensilmente).
- Versione “Over” € 216,00
(€ 18,00 addebitato mensilmente).
con l’aggiunta di un canone di 2 euro a
bimestre per utilizzo Chiavetta personale
Gestione liquidità
Registrazione di ogni operazione non inclusa nel canone (si
aggiunge al costo dell’operazione)
(Spese classificate di Gruppo 1 e Gruppo 3)
Invio estratto conto
Prelievo sportello automatico presso la stessa banca in Italia
(Gruppo bancario Banca Popolare di Vicenza)
Servizi di
pagamento
SPESE VARIABILI
Home Banking
Canone annuo per internet banking e phone banking
Prelievo sportello automatico presso altra banca in Italia
Bonifico verso Italia e UE in euro con addebito in c/c
Bonifico verso Italia e UE fino a 10.329,14 euro con addebito
in c/c: (limite di importo per l’operatività con il servizio @time
Domiciliazioni utenze (RID ordinario)
Commissioni per ciascun addebito SDD CORE
€ 1,50 per operazioni allo sportello
(classif. Gr. Operaz. 1)
€ 0,00 per operazioni eseguite
tramite canali alternativi allo sportello
(classif. Gr. Operaz. 4)
Fino a € 2,65 con invio cartaceo a
seconda dei costi sostenuti dalla
Banca per l’invio;
€ 0,00 con invio tramite Internet
Gratuito
€ 2,20
disposto allo sportello a favore di
beneficiario c/o filiali stessa Banca:
€ 3,50
disposto allo sportello a favore di
beneficiario c/o altra Banca: € 5,00
Internet € 1,00
Telefono € 1,05
Comprese nel canone del conto
Comprese nel canone del conto
Interessi creditori
INTERESSI
SOMME
DEPOSITATE
VOCI DI COSTO
Tasso creditore annuo nominale
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
0,010%
(T.A.E. 0,010% )
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 12 di 69
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate
Fidi
Commissione per l’affidamento
Altre spese: Spese per Visure Ipocatastali (per affidamenti richiesti
superiori a € 10.000,00)
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate
15,00%
(T.A.E. 15,865%)
2,00% annuo (0,50%
trimestrale) dell’importo
totale degli affidamenti
concessi.
Fino ad un max di
100,00 euro
15,00%
(T.A.E. 15,865%)
Commissione di istruttoria veloce – CIV (Clienti “consumatori”)
Sconfinamenti extra-fido
FIDI E SCONFINAMENTI
- per sconfino inferiore o pari a € 500,00 se di durata non superiore a 7
giorni consecutivi (per un massimo di una volta per ciascun trimestre):
- per sconfino inferiore o pari a € 100,00:
0,00€
(franchigia
prevista dalla normativa)
0,00 € (franchigia iniziale
prevista dalla Banca)
- per ogni sconfino oltre le franchigie di cui sopra:
35,00 €
- per ulteriore accrescimento dello sconfino superiore a € 100,00:
35,00 €
- limite massimo della CIV applicabile per trimestre:
200,00 €
Nota bene:
•
l’importo dello sconfinamento è da intendersi con riguardo al
saldo complessivo anche se derivante da più addebiti.
Altre spese
Non previste
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate
15,00%
(T.A.E. 15,865%)
DISPONIBILITA’
SOMME VERSATE
CAPITALIZ
-ZAZIONE
Sconfinamenti in assenza di fido
Commissione di istruttoria veloce – CIV (Clienti “consumatori”)
- per sconfino inferiore o pari a € 500,00 se di durata non superiore a 7
giorni consecutivi (per un massimo di una volta per ciascun trimestre):
- per sconfino inferiore o pari a € 100,00:
0,00€
(franchigia
prevista dalla normativa)
0,00 € (franchigia iniziale
prevista dalla Banca)
- per ogni sconfino oltre le franchigie di cui sopra:
35,00 €
- per ulteriore accrescimento dello sconfino superiore a € 100,00:
35,00 €
- limite massimo della CIV applicabile per trimestre:
200,00 €
Nota bene:
•
l’importo dello sconfinamento è da intendersi con riguardo al
saldo complessivo anche se derivante da più addebiti.
Altre spese
Non previste
Periodicità
Trimestrale
Contanti
Assegni circolari stessa banca
Stesso giorno
dal 2° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 2° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
Assegni bancari stessa filiale
Assegni bancari altra filiale
Assegni circolari altri istituti / vaglia Banca d’Italia
Assegni bancari altri istituti
Vaglia e assegni postali
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 13 di 69
- Spese tenuta conto
- Commissioni per disposizioni permanenti di bonifico
- Spesa per comunicazioni ai sensi normativa sulla Trasparenza Bancaria
1) invio in formato cartaceo
2) invio con modalità telematica (servizio “D.O.L” Documenti On line )
- Comunicazione variazione condizioni contrattuali ai sensi art. 118 Dlgs 385/1993 (TUB)
Zero
Comprese nel canone
€ 1,30
€ 0,00
€ 0,00 qualunque sia la
modalità di invio
Per le altre condizioni economiche comuni a tutti i conti correnti offerti ai Consumatori, si veda la 3° parte del presente
Foglio Informativo.
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 14 di 69
CONTO CORRENTE SEMPREPIU’ RISPARMIO
CARATTERISTICHE
Conto corrente dedicato esclusivamente ai Privati ed in particolare alle famiglie.
Utilizzo del conto per esigenze personali/familiari da parte di soggetti “consumatori”.
I “consumatori sono le persone fisiche che utilizzano il conto corrente per scopi estranei all’attività imprenditoriale,
commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta (la definizione di “consumatore” è tratta dall’art. 3 del Dlgs
206/2005 – Codice del consumo).
Il Conto prevede, a fronte della mancata remunerazione delle giacenze, alla canalizzazione degli emolumenti o alla
domiciliazione di un’utenza, la possibilità di ridurre il canone mensile (fino all’azzeramento) in funzione del raggiungimento di
soglie prefissate di saldo contabile medio mensile.
Definizione di saldo contabile medio mensile (in breve: giacenza mensile):
___Somma algebrica dei saldi contabili giornalieri del mese di riferimento___
Totale numero giorni in cui il conto è stato in essere nel mese di riferimento
PRINCIPALI CONDIZIONI ECONOMICHE
QUANTO PUÒ COSTARE IL CONTO CORRENTE
Indicatore Sintetico di Costo (ISC)
PROFILO
SPORTELLO
ONLINE
Giovani
(164 oper.)
€ 121,20
€ 76,40
Famiglie con operatività bassa
(201 oper.)
€ 49,50
€ 2,00
Famiglie con operatività media
(228 oper.)
€ 64,78
€ 15,48
Famiglie con operatività elevata
(253 oper.)
€ 69,88
€ 15,48
Pensionati con operatività bassa
(124 oper.)
€ 36,30
€ 3,00
Pensionati con operatività media
(189 oper.)
€ 68,98
€ 15,48
Oltre a questi costi vanno considerati: l'imposta di bollo nella misura e nei casi previsti dalla legge, a meno
che non sia contrattualmente a carico della Banca per lo specifico tipo di conto corrente, gli eventuali
interessi attivi e/o passivi maturati sul conto e le spese per l'apertura del conto (attualmente non previste dalla
Banca per questo conto).
I costi riportati nella tabella sono orientativi e si riferiscono ai 6 profili di operatività, meramente indicativi stabiliti dalla Banca d'Italia - di conto corrente privi di fido.
Per saperne di più: http://www.bancaditalia.it/vigilanza/normativa/norm_bi/disposizioni-
vig/trasparenza_operazioni/allegato_5/Allegato_5A_calcolo_ISC_c-c.pdf
In calce al presente Foglio Informativo è riportata la tabella con i profili previsti da Banca d’Italia per il calcolo dell’ISC ed
alcune informazioni.
QUANTO PUO’ COSTARE IL FIDO
IPOTESI
Contratto di affidamento per clienti
“consumatori” con durata indeterminata
e che prevede l’applicazione della
Commissione per l’affidamento
Accordato/Utilizzato: € 1.500,00
Tasso Debitore nominale annuo: 15,00%
Commissione per l’affidamento: 2% annuo
Canone conto corrente € 12,00
Calcolo sulla base di
una durata pari a 3 mesi
- Interessi = € 56,25
- Oneri = € 19,50
- TAEG: 21,78%
I costi riportati nella tabella sono orientativi e si riferiscono ad alcune ipotesi di operatività indicate dalla Banca d’Italia.
La formula per il calcolo del TAEG relativo alla durata di un anno è la seguente:
TAEG
⎡ utilizzato
= ⎢
⎣
+ interessi
utilizzato
+ oneri ⎤
⎥⎦
t
−1
(nella formula sopraindicata “utilizzato” = “importo del fido accordato” e “ t ” = “tempo”)
E’ possibile ottenere un calcolo personalizzato dei costi con il simulatore pubblicato sul sito internet della Banca:
www.popolarevicenza.it
Gli affidamenti sono soggetti alla normativa sul Credito ai Consumatori se di importo compreso tra 200 e 75.000 euro e
richiesti da cliente “consumatore” (art. 121 e seguenti del Dlgs 385/1993, Decreto Ministero Finanze 3/2/2011,
Disposizioni di Banca d’Italia 9/2/2011).
Se il consumatore intende richiedere un affidamento di importo compreso tra i suddetti limiti, ha diritto di ricevere le
“Informazioni Europee di base sul Credito ai Consumatori” presso le Filiali della Banca - il rilascio e’ gratuito.
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 15 di 69
Il Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM) previsto dall’art. 2 della legge sull’usura (l. n. 108/1996), relativo ai contratti di
conto corrente, può essere consultato in filiale e sul sito Internet www.popolarevicenza.it
Le condizioni economiche indicate nel presente Foglio Informativo saranno comunque e sempre applicabili solo nel
rispetto del limite massimo del TEG di cui alla citata legge 108/96 relativo alle specifiche operazioni.
Le voci di spesa riportate nel prospetto che segue rappresentano, con buona approssimazione, la gran parte dei costi
complessivi sostenuti da un consumatore medio titolare di un conto corrente.
Questo vuol dire che il prospetto non include tutte le voci di costo. Alcune delle voci escluse potrebbero essere
importanti in relazione sia al singolo conto sia all’operatività del singolo cliente.
Prima di scegliere e firmare il contratto è quindi necessario leggere attentamente anche la sezione “Altre condizioni
economiche”.
Servizi di pagamento
Servizi di
pagamento
SPESE VARIABILI
Gestione
liquidità
Home Banking
SPESE FISSE
Gestione liquidità
VOCI DI COSTO
Spese per l’apertura del conto
Canone annuo del conto corrente
- per giacenza mensili uguali o superiori a € 3.000,00
- per giacenza mensile uguale o superiore a € 1.000,00 e
inferiore a € 3.000,00
- per giacenze mensili inferiori a € 1.000,00
N° di operazioni incluse nel canone annuo
Non previste
Spese annue per conteggio interessi e competenze
non previste
Canone annuo carta di debito nazionale
Carta non più commercializzata
Canone annuo carta di debito internazionale
Compreso nel canone del conto
Canone annuo carta di credito
(Carta di Credito Osella Visa e Carta di credito Paypass
Mastercard)
Canone annuo carta multifunzione
Compreso nel canone del conto
Canone annuo per internet banking e phone banking
- Versione “Free” gratuito.
- Versione “Personal” € 120,00
(€ 10,00 addebitato mensilmente).
- Versione “Over” € 216,00
(€ 18,00 addebitato mensilmente).
(Servizio di multicanalità [email protected])
€ 0,00
€ 48,00 (€ 4,00 mensili)
€ 144,00 (€ 12,00 mensili)
Illimitate
Carta non piu’ commercializzata
con l’aggiunta di un canone di 2 euro a
bimestre per utilizzo Chiavetta personale
Registrazione di ogni operazione non inclusa nel canone (si
aggiunge al costo dell’operazione)
Non ci sono operazioni non incluse
nel canone
Invio estratto conto
Fino a € 2,65 con invio trimestr.
Cartaceo a seconda dei costi
sostenuti dalla Banca;
€ 0,00 con invio tramite Internet
Gratuito
Prelievo sportello automatico presso la stessa banca in Italia
(Gruppo bancario Banca Popolare di Vicenza)
Prelievo sportello automatico presso altra banca in Italia
Bonifico verso Italia e UE in euro con addebito in c/c
Bonifico verso Italia e UE fino a 10.329,14 euro con addebito
in c/c: (limite di importo per l’operatività con il servizio @time
Domiciliazioni utenze (RID ordinario)
Commissioni per ciascun addebito SDD CORE
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
€ 2,20
disposto allo sportello a favore di
beneficiario c/o filiali stessa Banca:
€ 3,50
disposto allo sportello a favore di
beneficiario c/o altra Banca: € 5,00
Internet esenti
Telefono esenti
Comprese nel canone del conto
Comprese nel canone del conto
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 16 di 69
Interessi creditori
INTERESSI
SOMME
DEPOSITATE
VOCI DI COSTO
Tasso creditore annuo nominale
0,00%
(Non remunerativo)
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate
15,00%
(T.A.E. 15,865%)
2,00% annuo (0,50%
trimestrale) dell’importo
totale degli affidamenti
concessi.
Fino ad un max di
100,00 euro
15,00%
(T.A.E. 15,865%)
Fidi
Commissione per l’affidamento
Altre spese: Spese per Visure Ipocatastali (per affidamenti richiesti
superiori a € 10.000,00)
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate
Commissione di istruttoria veloce – CIV (Clienti “consumatori”)
Sconfinamenti extra-fido
FIDI E SCONFINAMENTI
- per sconfino inferiore o pari a € 500,00 se di durata non superiore a 7
giorni consecutivi (per un massimo di una volta per ciascun trimestre):
- per sconfino inferiore o pari a € 100,00:
0,00€
(franchigia
prevista dalla normativa)
0,00 € (franchigia iniziale
prevista dalla Banca)
- per ogni sconfino oltre le franchigie di cui sopra:
35,00 €
- per ulteriore accrescimento dello sconfino superiore a € 100,00:
35,00 €
- limite massimo della CIV applicabile per trimestre:
200,00 €
Nota bene:
•
l’importo dello sconfinamento è da intendersi con riguardo al
saldo complessivo anche se derivante da più addebiti.
Altre spese
Non previste
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate
15,00%
(T.A.E. 15,865%)
DISPONIB
ILITA’
SOMME
VERSATE
CAPITALIZ
-ZAZIONE
Sconfinamenti in assenza di fido
Commissione di istruttoria veloce – CIV (Clienti “consumatori”)
- per sconfino inferiore o pari a € 500,00 se di durata non superiore a 7
giorni consecutivi (per un massimo di una volta per ciascun trimestre):
- per sconfino inferiore o pari a € 100,00:
0,00€
(franchigia
prevista dalla normativa)
0,00 € (franchigia iniziale
prevista dalla Banca)
- per ogni sconfino oltre le franchigie di cui sopra:
35,00 €
- per ulteriore accrescimento dello sconfino superiore a € 100,00:
35,00 €
- limite massimo della CIV applicabile per trimestre:
200,00 €
Nota bene:
•
l’importo dello sconfinamento è da intendersi con riguardo al
saldo complessivo anche se derivante da più addebiti.
Altre spese
Non previste
Periodicità
Trimestrale
Contanti
Stesso giorno
Assegni circolari stessa banca
dal 2° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 2° giorno lavorativo
successivo al vers.
Assegni bancari stessa filiale
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 17 di 69
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
Assegni bancari altra filiale
Assegni circolari altri istituti / vaglia Banca d’Italia
Assegni bancari altri istituti
Vaglia e assegni postali
- Spese tenuta conto
Zero
- Spesa per comunicazioni ai sensi normativa sulla Trasparenza Bancaria
1) invio in formato cartaceo
€ 1,30
2) invio con modalità telematica (servizio “D.O.L” Documenti On line)
€ 0,00
- Comunicazione variazione condizioni contrattuali ai sensi art. 118 Dlgs 385/1993 (TUB)
€ 0,00 qualunque sia la modalità invio
- Commissioni per disposizioni permanenti di bonifico
Comprese nel canone
- In presenza di giacenze contabili uguali o superiori a 3.000 euro è prevista la retrocessione delle commissioni sostenute dal cliente per
n. 2 prelevamenti eseguiti nel corso del mese presso Sportelli automatici di altre Banche
Per le altre condizioni economiche comuni a tutti i conti correnti offerti ai Consumatori, si veda la 3° parte del presente
Foglio Informativo.
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 18 di 69
CONTO CORRENTE SEMPREPIU’ ON LINE
CARATTERISTICHE
Conto corrente dedicato esclusivamente ai Privati ed in particolare alle famiglie.
Utilizzo del conto per esigenze personali/familiari da parte di soggetti “consumatori”
I “consumatori sono le persone fisiche che utilizzano il conto corrente per scopi estranei all’attività imprenditoriale,
commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta (la definizione di “consumatore” è tratta dall’art. 3 del Dlgs
206/2005 – Codice del consumo).
A fronte della mancata remunerazione delle giacenze, Il Conto prevede un canone e condizioni di spesa contenuti, dovuti alle
caratteristiche specifiche di operatività del conto. In particolare le operazioni di versamento e le operazioni eseguite mediante
canali alternativi allo sportello non sono soggette alle “spese per operazione” (spesa di registrazione nell’estratto conto).
PRINCIPALI CONDIZIONI ECONOMICHE
QUANTO PUÒ COSTARE IL CONTO CORRENTE
Indicatore Sintetico di Costo (ISC)
PROFILO
SPORTELLO
ONLINE
Giovani
(164 oper.)
€ 72,80
€ 38,00
Famiglie con operatività bassa
(201 oper.)
€ 63,50
€ 28,00
Famiglie con operatività media
(228 oper.)
€ 119,78
€ 82,48
Famiglie con operatività elevata
(253 oper.)
€ 126,88
€ 84,48
Pensionati con operatività bassa
(124 oper.)
€ 60,30
€ 27,00
Pensionati con operatività media
(189 oper.)
€ 119,98
€ 80,48
Oltre a questi costi vanno considerati: l'imposta di bollo nella misura e nei casi previsti dalla legge, a meno
che non sia contrattualmente a carico della Banca per lo specifico tipo di conto corrente, gli eventuali
interessi attivi e/o passivi maturati sul conto e le spese per l'apertura del conto (attualmente non previste dalla
Banca per questo conto).
I costi riportati nella tabella sono orientativi e si riferiscono ai 6 profili di operatività, meramente indicativi stabiliti dalla Banca d'Italia - di conto corrente privi di fido.
Per saperne di più: http://www.bancaditalia.it/vigilanza/normativa/norm_bi/disposizioni-
vig/trasparenza_operazioni/allegato_5/Allegato_5A_calcolo_ISC_c-c.pdf
In calce al presente Foglio Informativo è riportata la tabella con i profili previsti da Banca d’Italia per il calcolo dell’ISC
ed alcune informazioni.
QUANTO PUO’ COSTARE IL FIDO
IPOTESI
Contratto di affidamento per clienti
“consumatori” con durata indeterminata
e che prevede l’applicazione della
Commissione per l’affidamento
Accordato/Utilizzato: € 1.500,00
Tasso Debitore nominale annuo: 15,00%
Commissione per l’affidamento: 2% annuo
Canone conto corrente € 2,00
Calcolo sulla base di
una durata pari a 3 mesi
- Interessi = € 56,25
- Oneri = € 9,50
- TAEG: 18,72%
I costi riportati nella tabella sono orientativi e si riferiscono ad alcune ipotesi di operatività indicate dalla Banca d’Italia.
La formula per il calcolo del TAEG relativo alla durata di un anno è la seguente:
TAEG
⎡ utilizzato
= ⎢
⎣
+ interessi
utilizzato
+ oneri ⎤
⎥
⎦
t
−1
(nella formula sopraindicata “utilizzato” = “importo del fido accordato” e “ t ” = “tempo”)
E’ possibile ottenere un calcolo personalizzato dei costi con il simulatore pubblicato sul sito internet della Banca:
www.popolarevicenza.it.
Gli affidamenti sono soggetti alla normativa sul Credito ai Consumatori se di importo compreso tra 200 e 75.000 euro e
richiesti da cliente “consumatore” (art. 121 e seguenti del Dlgs 385/1993, Decreto Ministero Finanze 3/2/2011,
Disposizioni di Banca d’Italia 9/2/2011).
Se il consumatore intende richiedere un affidamento di importo compreso tra i suddetti limiti, ha diritto di ricevere le
“Informazioni Europee di base sul Credito ai Consumatori” presso le Filiali della Banca - il rilascio e’ gratuito.
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 19 di 69
Il Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM) previsto dall’art. 2 della legge sull’usura (l. n. 108/1996), relativo ai contratti di
conto corrente, può essere consultato in filiale e sul sito Internet www.popolarevicenza.it
Le condizioni economiche indicate nel presente Foglio Informativo saranno comunque e sempre applicabili solo nel
rispetto del limite massimo del TEG di cui alla citata legge 108/96 relativo alle specifiche operazioni.
Le voci di spesa riportate nel prospetto che segue rappresentano, con buona approssimazione, la gran parte dei costi
complessivi sostenuti da un consumatore medio titolare di un conto corrente.
Questo vuol dire che il prospetto non include tutte le voci di costo. Alcune delle voci escluse potrebbero essere
importanti in relazione sia al singolo conto sia all’operatività del singolo cliente.
Prima di scegliere e firmare il contratto è quindi necessario leggere attentamente anche la sezione “Altre condizioni
economiche”.
VOCI DI COSTO
Servizi di
pagamento
SPESE FISSE
Gestione liquidità
Spese per l’apertura del conto
Canone annuo del conto corrente
Spese annue per conteggio interessi e competenze
Non previste
€ 24,00
(€ 2,00 addebitati mensilmente)
n. 1 operazione di sportello al mese
(n. 3 operazioni a trimestre).
Illimitate se eseguiti tramite canali
alternativi allo Sportello o se relative
a Versamenti in conto.
non previste
Canone annuo carta di debito nazionale
Carta non più commercializzata
Canone annuo carta di debito internazionale
Compreso nel canone del conto
Canone annuo carta di credito
€ 35,00 Carta Osella Visa
€ 35,00 Carta Paypass Mastercard
Carta non piu’ commercializzata
N° di operazioni incluse nel canone annuo
Gestione liquidità
Canone annuo per internet banking e phone banking
(Servizio di multicanalità [email protected])
Registrazione di ogni operazione non inclusa nel canone (si
aggiunge al costo dell’operazione)
Invio estratto conto
Prelievo sportello automatico presso la stessa banca in Italia
(Gruppo bancario Banca Popolare di Vicenza)
Servizi di
Pagamento
SPESE VARIABILI
Home
Banking
Canone annuo carta multifunzione
Prelievo sportello automatico presso altra banca in Italia
Bonifico verso Italia e UE in euro con addebito in c/c
Bonifico verso Italia e UE fino a 10.329,14 euro con addebito
in c/c: (limite di importo per l’operatività con il servizio @time
Domiciliazioni utenze (RID ordinario)
Commissioni per ciascun addebito SDD CORE
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
- Versione “Free” gratuito.
- Versione “Personal” € 120,00
(€ 10,00 addebitato mensilmente).
- Versione “Over” € 216,00
(€ 18,00 addebitato mensilmente).
Chiavetta compresa nel canone
€ 0,00 per operazioni di versamento;
€ 0,00 per operazioni tramite canali
diversi dallo sportello;
€ 2,50 per operazioni di sportello
Fino a € 2,65 con invio cartaceo a
seconda dei costi sostenuti dalla
Banca per l’invio;
€ 0,00 con invio tramite internet
Gratuito
€ 2,20
disposto allo sportello a favore di
beneficiario c/o filiali stessa Banca:
€ 3,50
disposto allo sportello a favore di
beneficiario c/o altra Banca: € 5,00
Internet € 1,00
Telefono € 1,05
Comprese nel canone del conto
Comprese nel canone del conto
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 20 di 69
Interessi
creditori
INTERESSI
SOMME
DEPOSITATE
VOCI DI COSTO
Tasso creditore annuo nominale
0,00%
(non remunerativo)
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate
15,00%
(T.A.E. 15,865%)
2,00% annuo (0,50%
trimestrale) dell’importo
totale degli affidamenti
concessi.
Fino ad un max di
100,00 euro
15,00%
(T.A.E. 15,865%)
Fidi
Commissione per l’affidamento
Altre spese: Spese per Visure Ipocatastali (per affidamenti richiesti
superiori a € 10.000,00)
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate
Commissione di istruttoria veloce – CIV (Clienti “consumatori”)
Sconfinamenti extra-fido
FIDI E SCONFINAMENTI
- per sconfino inferiore o pari a € 500,00 se di durata non superiore a 7
giorni consecutivi (per un massimo di una volta per ciascun trimestre):
- per sconfino inferiore o pari a € 100,00:
0,00€
(franchigia
prevista dalla normativa)
0,00 € (franchigia iniziale
prevista dalla Banca)
- per ogni sconfino oltre le franchigie di cui sopra:
35,00 €
- per ulteriore accrescimento dello sconfino superiore a € 100,00:
35,00 €
- limite massimo della CIV applicabile per trimestre:
200,00 €
Nota bene:
•
l’importo dello sconfinamento è da intendersi con riguardo al
saldo complessivo anche se derivante da più addebiti.
Altre spese
Non previste
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate
15,00%
(T.A.E. 15,865%)
DISPONIBILIT
A’ SOMME
VERSATE
CAPITALIZ
-ZAZIONE
Sconfinamenti in assenza di fido
Commissione di istruttoria veloce – CIV (Clienti “consumatori”)
- per sconfino inferiore o pari a € 500,00 se di durata non superiore a 7
giorni consecutivi (per un massimo di una volta per ciascun trimestre):
- per sconfino inferiore o pari a € 100,00:
0,00€
(franchigia
prevista dalla normativa)
0,00 € (franchigia iniziale
prevista dalla Banca)
- per ogni sconfino oltre le franchigie di cui sopra:
35,00 €
- per ulteriore accrescimento dello sconfino superiore a € 100,00:
35,00 €
- limite massimo della CIV applicabile per trimestre:
200,00 €
Nota bene:
•
l’importo dello sconfinamento è da intendersi con riguardo al
saldo complessivo anche se derivante da più addebiti.
Altre spese
Non previste
Periodicità
Trimestrale
Contanti
Assegni circolari stessa banca
Stesso giorno
dal 2° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 2° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
Assegni bancari stessa filiale
Assegni bancari altra filiale
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 21 di 69
Assegni circolari altri istituti / vaglia Banca d’Italia
Assegni bancari altri istituti
Vaglia e assegni postali
- Spese tenuta conto
- Spesa per comunicazioni ai sensi normativa sulla Trasparenza Bancaria
1) invio in formato cartaceo
2) invio con modalità telematica (servizio “D.O.L” Documenti On line )
- Comunicazione variazione condizioni contrattuali ai sensi art. 118 Dlgs 385/1993 (TUB)
- Commissioni per disposizioni permanenti di bonifico
- n. 1 Carta Prepagata ricaricabile
- Retrocessione di massimo n. 4 voci commissioni mensili
sostenute per prelevamenti presso sportelli automatici di altre
Banche in base alla fascia d’importo in cui si colloca il saldo
medio contabile del mese
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
Zero
€ 1,30
€ 0,00
€ 0,00 qualunque sia la
modalità di invio
Comprese nel canone
Compresa nel canone
- n. 1 operaz. con saldo da 500,00 a 999,99 euro
- n. 2 operaz. con saldo da 1.000,00 a 1499,99 euro
- n. 3 operaz. da 1500,00 a 1999,99 euro
- n. 4 operaz. con saldo superiore a 2.000,00 euro
Per le altre condizioni economiche comuni a tutti i conti correnti offerti ai Consumatori, si veda la 3° parte del presente
Foglio Informativo.
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 22 di 69
CONTO CORRENTE SEMPREPIU’ RENDIMENTO
CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI
Conto corrente riservato esclusivamente a clientela Consumatori e che siano nuovi correntisti della Banca.
Utilizzo del conto per esigenze personali/familiari.
I “consumatori sono le persone fisiche che utilizzano il conto corrente per scopi estranei all’attività imprenditoriale,
commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta (la definizione di “consumatore” è tratta dall’art. 3 del Dlgs
206/2005 – Codice del consumo).
Tra i principali rischi va tenuta presente la variazione che può essere eseguita dalla Banca, in presenza di giustificato motivo,
del tasso applicato a regime, ossia dopo i primi 6 mesi a tasso fisso.
PRINCIPALI CONDIZIONI ECONOMICHE
QUANTO PUÒ COSTARE IL CONTO CORRENTE
Indicatore Sintetico di Costo (ISC)
PROFILO
SPORTELLO
ONLINE
Giovani
(164 oper.)
€ 166,20
€ 125,40
Famiglie con operatività bassa
(201 oper.)
€ 157,50
€ 113,00
Famiglie con operatività media
(228 oper.)
€ 219,58
€ 174,28
Famiglie con operatività elevata
(253 oper.)
€ 221,28
€ 171,88
Pensionati con operatività bassa
(124 oper.)
€ 138,90
€ 108,60
Pensionati con operatività media
(189 oper.)
€ 212,98
€ 163,48
Oltre a questi costi vanno considerati: l'imposta di bollo nella misura e nei casi previsti dalla legge, a meno
che non sia contrattualmente a carico della Banca per lo specifico tipo di conto corrente, gli eventuali
interessi attivi e/o passivi maturati sul conto e le spese per l'apertura del conto (attualmente non previste dalla
Banca per questo conto).
I costi riportati nella tabella sono orientativi e si riferiscono ai 6 profili di operatività, meramente indicativi stabiliti dalla Banca d'Italia - di conto corrente privi di fido.
Per saperne di più: http://www.bancaditalia.it/vigilanza/normativa/norm_bi/disposizioni-
vig/trasparenza_operazioni/allegato_5/Allegato_5A_calcolo_ISC_c-c.pdf
n calce al presente Foglio Informativo è riportata la tabella con i profili previsti da Banca d’Italia per il calcolo dell’ISC ed
alcune informazioni.
QUANTO PUO’ COSTARE IL FIDO
IPOTESI
Contratto di affidamento per clienti
“consumatori” con durata indeterminata
e che prevede l’applicazione della
Commissione per l’affidamento
Accordato/Utilizzato: € 1.500,00
Tasso Debitore nominale annuo: 15,00%
Commissione per l’affidamento: 2% annuo
Canone conto corrente € 8,00
Calcolo sulla base di
una durata pari a 3 mesi
- Interessi = € 56,25
- Oneri = € 15,50
- TAEG: 20,55%
I costi riportati nella tabella sono orientativi e si riferiscono ad alcune ipotesi di operatività indicate dalla Banca d’Italia.
La formula per il calcolo del TAEG relativo alla durata di un anno è la seguente:
TAEG
⎡ utilizzato
= ⎢
⎣
+ interessi
utilizzato
+ oneri ⎤
⎥
⎦
t
−1
(nella formula sopraindicata “utilizzato” = “importo del fido accordato” e “ t ” = “tempo”)
E’ possibile ottenere un calcolo personalizzato dei costi con il simulatore pubblicato sul sito internet della Banca:
www.popolarevicenza.it
Gli affidamenti sono soggetti alla normativa sul Credito ai Consumatori se di importo compreso tra 200 e 75.000 euro e
richiesti da cliente “consumatore” (art. 121 e seguenti del Dlgs 385/1993, Decreto Ministero Finanze 3/2/2011,
Disposizioni di Banca d’Italia 9/2/2011).
Se il consumatore intende richiedere un affidamento di importo compreso tra i suddetti limiti, ha diritto di ricevere le
“Informazioni Europee di base sul Credito ai Consumatori” presso le Filiali della Banca - il rilascio e’ gratuito.
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 23 di 69
Il Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM) previsto dall’art. 2 della legge sull’usura (l. n. 108/1996), relativo ai contratti di
conto corrente, può essere consultato in filiale e sul sito Internet www.popolarevicenza.it
Le condizioni economiche indicate nel presente Foglio Informativo saranno comunque e sempre applicabili solo nel
rispetto del limite massimo del TEG di cui alla citata legge 108/96 relativo alle specifiche operazioni.
Le voci di spesa riportate nel prospetto che segue rappresentano, con buona approssimazione, la gran parte dei costi
complessivi sostenuti da un consumatore medio titolare di un conto corrente.
Questo vuol dire che il prospetto non include tutte le voci di costo. Alcune delle voci escluse potrebbero essere
importanti in relazione sia al singolo conto sia all’operatività del singolo cliente.
Prima di scegliere e firmare il contratto è quindi necessario leggere attentamente anche la sezione “Altre condizioni
economiche”.
Servizi di
pagamento
SPESE FISSE
Gestione liquidità
VOCI DI COSTO
Spese per l’apertura del conto
Canone annuo del conto corrente
Spese annue per conteggio interessi e competenze
Non previste
€ 96,00
(€ 8,00 addebitati mensilmente)
- 60 operazioni annue eseguite allo
sportello(15 trimestrali).
- Illimitate se eseguite tramite canali
alternativi allo sportello.
non previste
Canone annuo carta di debito nazionale
Carta non più commercializzata
Canone annuo carta di debito internazionale
Compreso nel canone del conto
corrente
€ 35,00 Carta Osella Visa
€ 35,00 Carta Paypass Mastercard
Carta non piu’ commercializzata
N° di operazioni incluse nel canone annuo
Canone annuo carta di credito
Gestione liquidità
Canone annuo per internet banking e phone banking
(Servizio di multicanalità [email protected])
- Versione “Free” gratuito.
- Versione “Personal” € 120,00
(€ 10,00 addebitato mensilmente).
- Versione “Over” € 216,00
(€ 18,00 addebitato mensilmente).
con l’aggiunta di un canone di 2 euro a
bimestre per utilizzo Chiavetta personale
Registrazione di ogni operazione non inclusa nel canone (si
aggiunge al costo dell’operazione)
Invio estratto conto
Prelievo sportello automatico presso la stessa banca in Italia
(Gruppo bancario Banca Popolare di Vicenza)
Servizi di
pagamento
SPESE VARIABILI
Home Banking
Canone annuo carta multifunzione
Prelievo sportello automatico presso altra banca in Italia
Bonifico verso Italia e UE in euro con addebito in c/c
Bonifico verso Italia e UE fino a 10.329,14 euro con addebito
in c/c: (limite di importo per l’operatività con il servizio @time
Domiciliazioni utenze (RID ordinario)
Commissioni per ciascun addebito SDD CORE
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
- € 1,50 per operaz. allo sportello
(classif. Gr.operaz. 1);
- esenti per operazioni eseguite
tramite canali alternativi allo sportello
(classif. Gr.operaz. 4)
Fino a € 2,65 con invio trimestr.
Cartaceo a seconda dei costi
sostenuti dalla Banca per l’invio;
€ 0,00 con invio tramite Internet
Gratuito
€ 2,20
disposto allo sportello a favore di
beneficiario c/o filiali stessa Banca:
€ 3,50
disposto allo sportello a favore di
beneficiario c/o altra Banca: € 5,00
Internet € 1,00
Telefono € 1,05
Comprese nel canone del conto
Comprese nel canone del conto
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 24 di 69
Interessi creditori
INTERESSI
SOMME
DEPOSITATE
VOCI DI COSTO
Tasso creditore annuo nominale
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate
Fidi
Commissione per l’affidamento
Altre spese: Spese per Visure Ipocatastali (per affidamenti richiesti
superiori a € 10.000,00)
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate
Per i primi 6 mesi:
- 1,00% fino a 100.000
euro
- 0,25% oltre i 100.000
euro.
Successivamente ai 6
mesi sull’intera giacenza
T.A.N. 0,25%
T.A.E. 0,25%
15,00%
(T.A.E. 15,865%)
2,00% annuo (0,50%
trimestrale) dell’importo
totale degli affidamenti
concessi.
Fino ad un max di
100,00 euro
15,00%
(T.A.E. 15,865%)
Commissione di istruttoria veloce – CIV (Clienti “consumatori”)
Sconfinamenti extra-fido
FIDI E SCONFINAMENTI
- per sconfino inferiore o pari a € 500,00 se di durata non superiore a 7
giorni consecutivi (per un massimo di una volta per ciascun trimestre):
- per sconfino inferiore o pari a € 100,00:
0,00€
(franchigia
prevista dalla normativa)
0,00 € (franchigia iniziale
prevista dalla Banca)
- per ogni sconfino oltre le franchigie di cui sopra:
35,00 €
- per ulteriore accrescimento dello sconfino superiore a € 100,00:
35,00 €
- limite massimo della CIV applicabile per trimestre:
200,00 €
Nota bene:
•
l’importo dello sconfinamento è da intendersi con riguardo al
saldo complessivo anche se derivante da più addebiti.
Altre spese
Non previste
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate
15,00%
(T.A.E. 15,865%)
DISPONIBILIT
A’ SOMME
VERSATE
CAPITAL
IZZAZION
E
Sconfinamenti in assenza di fido
Commissione di istruttoria veloce – CIV (Clienti “consumatori”)
- per sconfino inferiore o pari a € 500,00 se di durata non superiore a 7
giorni consecutivi (per un massimo di una volta per ciascun trimestre):
- per sconfino inferiore o pari a € 100,00:
0,00€
(franchigia
prevista dalla normativa)
0,00 € (franchigia iniziale
prevista dalla Banca)
- per ogni sconfino oltre le franchigie di cui sopra:
35,00 €
- per ulteriore accrescimento dello sconfino superiore a € 100,00:
35,00 €
- limite massimo della CIV applicabile per trimestre:
200,00 €
Nota bene:
•
l’importo dello sconfinamento è da intendersi con riguardo al
saldo complessivo anche se derivante da più addebiti.
Altre spese
Non previste
Periodicità
Trimestrale
Contanti
Assegni circolari stessa banca
Stesso giorno
dal 2° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 2° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
Assegni bancari stessa filiale
Assegni bancari altra filiale
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 25 di 69
Assegni circolari altri istituti / vaglia Banca d’Italia
Assegni bancari altri istituti
Vaglia e assegni postali
- Spese tenuta conto
- Spesa per comunicazioni ai sensi normativa sulla Trasparenza Bancaria
1) invio in formato cartaceo
2) invio con modalità telematica (servizio “D.O.L” Documenti On line )
- Comunicazione variazione condizioni contrattuali ai sensi art. 118 Dlgs 385/1993 (TUB)
- Commissioni per disposizioni permanenti di bonifico
- n. 1 Carta Prepagata Ricaricabile
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
zero
€ 1,30
€ 0,00
€ 0,00 qualunque sia la
modalità di invio
comprese nel canone
compresa nel canone
Per le altre condizioni economiche comuni a tutti i conti correnti offerti ai Consumatori, si veda la 3° parte del presente
Foglio Informativo.
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 26 di 69
“DEPOSITO SEMPREPIÙ” (Deposito Vincolato di Somme)
CARATTERISTICHE
Il “Deposito SemprePiù” è un deposito vincolato di somme in conto (cosiddetto “Time Deposit”) destinato a Privati
fiscalmente residenti in Italia, per il quale il Cliente conclude con la Banca un contratto Quadro.
Con questo Servizio, connesso al conto corrente di corrispondenza, il Cliente richiede di vincolare per una certa durata
una somma di denaro che la Banca custodisce e restituisce alla scadenza convenuta corrispondendo gli interessi pattuiti
con apposito atto.
La durata del vincolo e il limite minimo di importo sottoscrivibile:
• differiscono a seconda che si tratti di giacenze di denaro già in essere presso la Banca, o di nuove giacenze, cioè di
somme di denaro di cui il Cliente non disponga già presso la stessa, sotto qualsiasi forma:
• comportano la suddivisione tra le seguenti categorie:
1. Deposito SemprePiù – Fascia A (riservato a giacenze già in essere)
2. Deposito SemprePiù – Fascia B (riservato a nuove giacenze)
Per ciascun conto corrente è possibile il collegamento con una sola delle due suddette categorie di Deposito Vincolato, che
costituisce una partita contabile accessoria del conto corrente cui è collegato.
Il cliente può vincolare con il “Deposito SemprePiù” più somme in momenti diversi, concordando di volta in volta, per
iscritto, una durata ed un tasso di remunerazione diverso, tasso che per ciascuna sottoscrizione rimarrà fisso per tutta la
durata del vincolo.
Ad ogni sottoscrizione di vincolo il cliente dovrà sottoscrivere un documento che riepiloga l’importo depositato, la durata
del vincolo ed il tasso concordato. In questo documento verranno riepilogati i dati relativi ad eventuali somme vincolate
già presenti nello stesso deposito.
Il cliente avrà diritto al riconoscimento degli interessi solamente se rispetterà il periodo temporale di vincolo, senza
chiedere anticipatamente la disponibilità della somma.
Il “Deposito SemprePiù” è un deposito sicuro. I rischi principali sono:
il rischio di controparte, cioè l’eventualità che la Banca non sia in grado di rimborsare al correntista, in tutto o in parte, il
saldo disponibile. Per questa ragione la Banca aderisce al sistema di garanzia Fondo Interbancario di Tutela dei
Depositi che assicura a ciascun depositante una copertura fino a 100.000,00 euro;
la richiesta di estinzione anticipata da parte del Cliente che comporta il riconoscimento allo stesso del solo tasso
creditore previsto dal contratto di conto corrente, con decorrenza dall’inizio del deposito vincolato estinto
anticipatamente.
PRINCIPALI CONDIZIONI ECONOMICHE
SPESE
FISSE
Gestione
liquidità
SPESE
VARIABILI
Gestione
liquidità
INTERESSI
SOMME
DEPOSITA
TE
Interessi
creditori
VOCI DI COSTO
Spese per l’apertura del deposito
Non previste
Spese annue per conteggio interessi e competenze
Non previste
Registrazione di ogni operazione
Non previste
Deposito SemprePiù - versione “Fascia A”
(richiedibile per giacenze del cliente già in essere presso
la Banca)
Tasso 0,50% per scadenze vincolo a
3/6/12/18/24 mesi
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 27 di 69
CAPITALIZ
-ZAZIONE
Deposito SemprePiù - versione “Fascia B”
(richiedibile per nuove giacenze del cliente)
Tasso 0,50% per scadenze vincolo a
3/6/12/24 mesi
Tasso 1,00% per scadenze vincolo a
18 mesi
Alla data di scadenza del vincolo
Periodicità
OPERATIVITA’ DEPOSITO VINCOLATO DI SOMME
scadenze vincolo possibili
Deposito SemprePiù - versione “Fascia A”
(richiedibile per giacenze del cliente già in essere
presso la Banca)
Importo
minimo
sottoporre a vincolo
Deposito SemprePiù - versione “Fascia B”
(richiedibile sia per nuove giacenze, sia per somme
depositate sul Conto o sull’Opzione SemprePiù
Rendimento per le quali è scaduto il periodo di
remunerazione)
Estinzione totale anticipata dell’importo vincolato
Estinzione parziale dell’importo vincolato
da
scadenze vincolo possibili
Importo
massimo
sottoporre a vincolo
da
- 3 mesi
- 6 mesi
- 12 mesi
- a scadenza libera fino ad un
massimo di 24 mesi
superiore a 5.000 euro e fino a
1.000.000 euro
- 3 mesi
- 6 mesi
- 12 mesi
- a scadenza libera fino ad un
massimo di 24 mesi
superiore a 5.000 euro e fino a
1.000.000 euro
In questo caso la somma
viene ripristinata sul c/c del
cliente con la valuta di
sottoscrizione originaria in
modo tale da garantire la
remunerazione al tasso del
conto corrente del cliente
medesimo.
Non consentita
Imposte
Imposta di bollo
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
come previsto dalla legge
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 28 di 69
CONTO FEEL FREE
CARATTERISTICHE
Questo conto corrente a pacchetto è dedicato esclusivamente ai giovani di età compresa tra i 18 e i 30 anni.
Utilizzo del conto per esigenze personali/familiari da parte di soggetti “consumatori”
I “consumatori sono le persone fisiche che utilizzano il conto corrente per scopi estranei all’attività imprenditoriale,
commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta (la definizione di “consumatore” è tratta dall’art. 3 del Dlgs
206/2005 – Codice del consumo).
Nel caso in cui il Conto venga cointestato, è necessario che le condizioni “di età” richieste siano rispettate da tutti i
partecipanti.
PRINCIPALI CONDIZIONI ECONOMICHE
QUANTO PUÒ COSTARE IL CONTO CORRENTE
Indicatore Sintetico di Costo (ISC)
PROFILO
SPORTELLO
ONLINE
Giovani
(164 oper.)
€ 76,40
€ 49,40
Famiglie con operatività bassa
(201 oper.)
€ 57,70
€ 29,00
Famiglie con operatività media
(228 oper.)
€ 119,78
€ 90,28
Famiglie con operatività elevata
(253 oper.)
€ 121,48
€ 87,88
Pensionati con operatività bassa
(124 oper.)
Non adatto
Non adatto
Pensionati con operatività media
(189 oper.)
Non adatto
Non adatto
Oltre a questi costi vanno considerati: l'imposta di bollo nella misura e nei casi previsti dalla legge, a meno
che non sia contrattualmente a carico della Banca per lo specifico tipo di conto corrente, gli eventuali
interessi attivi e/o passivi maturati sul conto e le spese per l'apertura del conto (attualmente non previste dalla
Banca per questo conto).
I costi riportati nella tabella sono orientativi e si riferiscono ai 4 profili di operatività, meramente indicativi stabiliti dalla Banca d'Italia - di conto corrente privi di fido.
Per saperne di più: http://www.bancaditalia.it/vigilanza/normativa/norm_bi/disposizioni-
vig/trasparenza_operazioni/allegato_5/Allegato_5A_calcolo_ISC_c-c.pdf
In calce al presente Foglio Informativo è riportata la tabella con i profili previsti da Banca d’Italia per il calcolo dell’ISC ed
alcune informazioni.
QUANTO PUO’ COSTARE IL FIDO
IPOTESI
Contratto di affidamento per clienti
“consumatori” con durata indeterminata
e che prevede l’applicazione della
Commissione per l’affidamento
Accordato/Utilizzato: € 1.500,00
Tasso Debitore nominale annuo: 6%
Commissione per l’affidamento: 2% annuo
Canone conto corrente € 1,00
Calcolo sulla base di
una durata pari a 3 mesi
- Interessi = € 22,50
- Oneri = € 8,50
- TAEG: 8,53%
I costi riportati nella tabella sono orientativi e si riferiscono ad alcune ipotesi di operatività indicate dalla Banca d’Italia.
La formula per il calcolo del TAEG relativo alla durata di un anno è la seguente:
⎡ utilizzato + interessi + oneri ⎤
TAEG = ⎢
⎥⎦ − 1
utilizzato
⎣
t
(nella formula sopraindicata “utilizzato” = “importo del fido accordato” e “ t ” = “tempo”)
E’ possibile ottenere un calcolo personalizzato dei costi con il simulatore pubblicato sul sito internet della Banca:
www.popolarevicenza.it
Gli affidamenti sono soggetti alla normativa sul Credito ai Consumatori se di importo compreso tra 200 e 75.000 euro e
richiesti da cliente “consumatore” (art. 121 e seguenti del Dlgs 385/1993, Decreto Ministero Finanze 3/2/2011,
Disposizioni di Banca d’Italia 9/2/2011).
Se il consumatore intende richiedere un affidamento di importo compreso tra i suddetti limiti, ha diritto di ricevere le
“Informazioni Europee di base sul Credito ai Consumatori” presso le Filiali della Banca - il rilascio e’ gratuito.
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 29 di 69
Il Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM) previsto dall’art. 2 della legge sull’usura (l. n. 108/1996), relativo ai contratti di
conto corrente, può essere consultato in filiale e sul sito Internet www.popolarevicenza.it
Le condizioni economiche indicate nel presente Foglio Informativo saranno comunque e sempre applicabili solo nel
rispetto del limite massimo del TEG di cui alla citata legge 108/96 relativo alle specifiche operazioni.
Le voci di spesa riportate nel prospetto che segue rappresentano, con buona approssimazione, la gran parte dei costi
complessivi sostenuti da un consumatore medio titolare di un conto corrente.
Questo vuol dire che il prospetto non include tutte le voci di costo. Alcune delle voci escluse potrebbero essere
importanti in relazione sia al singolo conto sia all’operatività del singolo cliente.
Prima di scegliere e firmare il contratto è quindi necessario leggere attentamente anche la sezione “Altre condizioni
economiche”.
Servizi di pagamento
Spese annue per conteggio interessi e competenze
non previste
Canone annuo carta di debito nazionale
Carta non più commercializzata
Canone annuo carta di debito internazionale
Compreso nel canone del conto
(n. 1 Carta dedicata Feel Free )
Canone annuo carta di credito
€ 35,00 Carta Osella Visa
€ 35,00 Carta Paypass Mastercard
Carta non piu’ commercializzata
Canone annuo per internet banking e phone banking
(Servizio di multicanalità [email protected])
- Versione “Free” gratuito.
- Versione “Personal” € 120,00
(€ 10,00 addebitato mensilmente).
- Versione “Over” € 216,00
(€ 18,00 addebitato mensilmente).
Gestione
liquidità
con l’aggiunta di un canone di 2 euro a
bimestre per utilizzo Chiavetta personale
Servizi di
pagamento
SPESE VARIABILI
N° di operazioni incluse nel canone annuo
Non previste
€ 12,00
(€ 1,00 addebitato mensilmente)
Illimitate
Canone annuo carta multifunzione
Home Banking
SPESE FISSE
Gestione
liquidità
VOCI DI COSTO
Spese per l’apertura del conto
Canone annuo del conto corrente
Registrazione di ogni operazione non inclusa nel canone (si
aggiunge al costo dell’operazione)
(Spese classificate di Gruppo 1 e Gruppo 3)
Invio estratto conto
Non ci sono operazioni non incluse
nel canone
Prelievo sportello automatico presso la stessa banca in Italia
(Gruppo bancario Banca Popolare di Vicenza)
Prelievo sportello automatico presso altra banca in Italia
Bonifico verso Italia e UE in euro con addebito in c/c
Gratuito
Bonifico verso Italia e UE fino a 10.329,14 euro con addebito
in c/c: (limite di importo per l’operatività con il servizio @time
Domiciliazioni utenze (RID ordinario)
Commissioni per ciascun addebito SDD CORE
Comprese nel canone del conto
€ 2,20
disposto allo sportello a favore di
beneficiario c/o filiali stessa Banca:
€ 3,50
disposto allo sportello a favore di
beneficiario c/o altra Banca: € 5,00
Internet € 1,00
Telefono € 1,05
Comprese nel canone del conto
Comprese nel canone del conto
Interessi
creditori
Fidi
FIDI E
SCON
FINAM
ENTI
INTERESSI
SOMME
DEPOSITATE
VOCI DI COSTO
Tasso creditore annuo nominale
0,00%
(non remunerativo)
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate per un
affidamento pari al doppio dello stipendio mensile e con un massimo di
€ 5.000,00.
Commissione per l’affidamento
6,00%
(T.A.E. 6,14% )
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
2,00% annuo (0,50%
Pag. 30 di 69
trimestrale) dell’importo
totale degli affidamenti
concessi.
Altre spese
Non previste
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate
15,00%
(T.A.E. 15,865%)
Commissione di istruttoria veloce – CIV (Clienti “consumatori”)
Sconfinamenti extra-fido
- per sconfino inferiore o pari a € 500,00 se di durata non superiore a 7
giorni consecutivi (per un massimo di una volta per ciascun trimestre):
- per sconfino inferiore o pari a € 100,00:
0,00€
(franchigia
prevista dalla normativa)
0,00 € (franchigia iniziale
prevista dalla Banca)
- per ogni sconfino oltre le franchigie di cui sopra:
35,00 €
- per ulteriore accrescimento dello sconfino superiore a € 100,00:
35,00 €
- limite massimo della CIV applicabile per trimestre:
200,00 €
Nota bene:
•
l’importo dello sconfinamento è da intendersi con riguardo al
saldo complessivo anche se derivante da più addebiti.
Altre spese
Non previste
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate
15,00%
(T.A.E. 15,865%)
DISPONIBILITA’ SOMME
VERSATE
CAPITALIZ
ZAZIONE
Sconfinamenti in assenza di fido
Commissione di istruttoria veloce – CIV (Clienti “consumatori”)
- per sconfino inferiore o pari a € 500,00 se di durata non superiore a 7
giorni consecutivi (per un massimo di una volta per ciascun trimestre):
- per sconfino inferiore o pari a € 100,00:
0,00€
(franchigia
prevista dalla normativa)
0,00 € (franchigia iniziale
prevista dalla Banca)
- per ogni sconfino oltre le franchigie di cui sopra:
35,00 €
- per ulteriore accrescimento dello sconfino superiore a € 100,00:
35,00 €
- limite massimo della CIV applicabile per trimestre:
200,00 €
Nota bene:
•
l’importo dello sconfinamento è da intendersi con riguardo al
saldo complessivo anche se derivante da più addebiti.
Altre spese
Non previste
Periodicità
Trimestrale
Contanti
Stesso giorno
Assegni circolari stessa banca
dal 2° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 2° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
zero
Assegni bancari stessa filiale
Assegni bancari altra filiale
Assegni circolari altri istituti / vaglia Banca d’Italia
Assegni bancari altri istituti
Vaglia e assegni postali
- Spese tenuta conto
- Spesa per comunicazioni ai sensi normativa sulla Trasparenza Bancaria (qualunque sia la modalità di
invio)
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Compresa nel canone
Pag. 31 di 69
- Comunicazione variazione condizioni contrattuali ai sensi art. 118 Dlgs 385/1993 (TUB)
- Mutuo prima casa ( agevolazione non concessa sui prodotti “Mutuo 100%” , sui mutui a tasso fisso e sul
mutuo con tasso massimo)
- Prestiti personali
- Commissione sottoscrizione Pac
€ 0,00 qualunque sia la
modalità di invio
Esenti spese istruttoria.
Tasso fisso 11,99% esenti spese istruttoria
Sconto 50%
Per le altre condizioni economiche comuni a tutti i conti correnti offerti ai Consumatori, si veda la 3° parte del presente
Foglio Informativo.
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 32 di 69
CONTO FEEL FREE “STUDENTI”
CARATTERISTICHE
Questo conto corrente a pacchetto è dedicato esclusivamente a giovani Studenti, di età compresa tra i 18 e i 30 anni.
Utilizzo del conto in qualità di “consumatori” per esigenze personali/familiari, quindi per scopi estranei all’attività
imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta (la definizione di “consumatore” è tratta
dall’art. 3 del Dlgs 206/2005 – Codice del consumo).
Nel caso in cui il Conto venga cointestato, è necessario che le condizioni “di età” richieste siano rispettate da tutti i
partecipanti.
Per aderire:
- è necessario presentare un documento che attesti l’iscrizione ad una Scuola Superiore o l’iscrizione ad una Università;
- per poter mantenere questo Contratto, il correntista deve fornire anche su semplice richiesta della Banca, un documento che
dimostri il persistere dello status di Studente (la mancata esibizione del documento citato, comporterà automaticamente
l’attribuzione del Conto Feel Free – versione ordinaria);
- il Conto non è remunerativo (non sono previsti interessi sulle giacenze depositate);
- non è prevista la possibilità di concessione di affidamenti
PRINCIPALI CONDIZIONI ECONOMICHE
QUANTO PUÒ COSTARE IL CONTO CORRENTE
Indicatore Sintetico di Costo (ISC)
PROFILO
SPORTELLO
ONLINE
Giovani
(164 oper.)
€ 64,40
€ 37,40
Famiglie con operatività bassa
(201 oper.)
Non adatto
Non adatto
Famiglie con operatività media
(228 oper.)
Non adatto
Non adatto
Famiglie con operatività elevata
(253 oper.)
Non adatto
Non adatto
Pensionati con operatività bassa
(124 oper.)
Non adatto
Non adatto
Pensionati con operatività media
(189 oper.)
Non adatto
Non adatto
Oltre a questi costi vanno considerati: l'imposta di bollo nella misura e nei casi previsti dalla legge, a meno
che non sia contrattualmente a carico della Banca per lo specifico tipo di conto corrente, gli eventuali
interessi attivi e/o passivi maturati sul conto e le spese per l'apertura del conto (attualmente non previste dalla
Banca per questo conto).
I costi riportati nella tabella sono orientativi e si riferiscono ai 1 profili di operatività, meramente indicativo stabilito dalla Banca d'Italia - di conto corrente privi di fido.
Per saperne di più: http://www.bancaditalia.it/vigilanza/normativa/norm_bi/disposizioni-
vig/trasparenza_operazioni/allegato_5/Allegato_5A_calcolo_ISC_c-c.pdf
In calce al presente Foglio Informativo è riportata la tabella con i profili previsti da Banca d’Italia per il calcolo dell’ISC ed
alcune informazioni.
Il Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM) previsto dall’art. 2 della legge sull’usura (l. n. 108/1996), relativo ai contratti di
conto corrente, può essere consultato in filiale e sul sito Internet www.popolarevicenza.it
Le condizioni economiche indicate nel presente Foglio Informativo saranno comunque e sempre applicabili solo nel
rispetto del limite massimo del TEG di cui alla citata legge 108/96 relativo alle specifiche operazioni.
Gestione
liquidità
SPESE
FISSE
VOCI DI COSTO
Spese per l’apertura del conto
Canone annuo del conto corrente
Non previste
€ 0,00
N° di operazioni incluse nel canone annuo
Illimitate
Spese annue per conteggio interessi e competenze
non previste
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 33 di 69
Servizi di
pagamento
Canone annuo carta di debito nazionale
Carta non più commercializzata
Canone annuo carta di debito internazionale
compreso nel canone del conto
(n. 1 Carta dedicata Feel Free)
€ 35,00 Carta Osella Visa
€ 35,00 Carta Paypass Mastercard
Carta non piu’ commercializzata
Canone annuo carta di credito
Canone annuo carta multifunzione
Home Banking
Canone annuo per internet banking e phone banking
(Servizio di multicanalità [email protected])
Gestione
liquidità
con l’aggiunta di un canone di 2 euro a
bimestre per utilizzo Chiavetta personale
Servizi di
pagamento
SPESE VARIABILI
- Versione “Free” gratuito.
- Versione “Personal” € 120,00
(€ 10,00 addebitato mensilmente).
- Versione “Over” € 216,00
(€ 18,00 addebitato mensilmente).
Registrazione di ogni operazione non inclusa nel canone (si
aggiunge al costo dell’operazione)
(Spese classificate di Gruppo 1 e Gruppo 3)
Invio estratto conto
Non ci sono operazioni non incluse
nel canone
Prelievo sportello automatico presso la stessa banca in Italia
(Gruppo bancario Banca Popolare di Vicenza)
Gratuito
Prelievo sportello automatico presso altra banca in Italia
Bonifico verso Italia e UE in euro con addebito in c/c
€ 2,20
disposto allo sportello a favore di
beneficiario c/o filiali stessa Banca:
€ 3,50
disposto allo sportello a favore di
beneficiario c/o altra Banca: € 5,00
Internet € 1,00
Telefono € 1,05
Comprese nel canone del conto
Comprese nel canone del conto
Bonifico verso Italia e UE fino a 10.329,14 euro con addebito
in c/c: (limite di importo per l’operatività con il servizio @time
Domiciliazioni utenze (RID ordinario)
Commissioni per ciascun addebito SDD CORE
Comprese nel canone del conto
Interessi creditori
Sconfinamenti
extra-fido
Sconfiname
nti in
assenza di
fido
FIDI E SCONFINAMENTI
Fidi
INTERESSI
SOMME
DEPOSITATE
VOCI DI COSTO
Tasso creditore annuo nominale
0,00%
(non remunerativo)
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate
Commissioni
Non previsto
Non previste
Altre spese
Non previste
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate
Non previsto
Commissioni
Non previste
Altre spese
Non previste
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate
15,00%
(T.A.E. 15,865%)
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 34 di 69
Commissione di istruttoria veloce – CIV (Clienti “consumatori”)
- per sconfino inferiore o pari a € 500,00 se di durata non superiore a 7
giorni consecutivi (per un massimo di una volta per ciascun trimestre):
DISPONIBILITA’
SOMME VERSATE
CAPITALIZZAZIONE
- per sconfino inferiore o pari a € 100,00:
0,00€
(franchigia
prevista dalla normativa)
0,00 € (franchigia iniziale
prevista dalla Banca)
- per ogni sconfino oltre le franchigie di cui sopra:
35,00 €
- per ulteriore accrescimento dello sconfino superiore a € 100,00:
35,00 €
- limite massimo della CIV applicabile per trimestre:
200,00 €
Nota bene:
•
l’importo dello sconfinamento è da intendersi con riguardo al
saldo complessivo anche se derivante da più addebiti.
Altre spese
Non previste
Periodicità
Trimestrale
Contanti
Assegni circolari stessa banca
Stesso giorno
dal 2° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 2° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
zero
Assegni bancari stessa filiale
Assegni bancari altra filiale
Assegni circolari altri istituti / vaglia Banca d’Italia
Assegni bancari altri istituti
Vaglia e assegni postali
- Spese tenuta conto
- Spesa per comunicazioni ai sensi normativa sulla Trasparenza Bancaria (qualunque sia la modalità di
invio)
- Comunicazione variazione condizioni contrattuali ai sensi art. 118 Dlgs 385/1993 (TUB)
- Prestiti personali
Compresa nel canone
€ 0,00 qualunque sia la
modalità di invio
Tasso fisso 11,99% esenti spese istruttoria
Differimento 1^ rata 12
mesi
Per le altre condizioni economiche comuni a tutti i conti correnti offerti ai Consumatori, si veda la 3° parte del presente
Foglio Informativo.
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 35 di 69
CONTO CORRENTE BIANCOROSSO
CARATTERISTICHE
Conto corrente a pacchetto riservato esclusivamente ai Privati e dedicato ai tifosi del Vicenza Calcio.
Utilizzo del conto per esigenze personali/familiari da parte di soggetti “consumatori”
Il Conto Biancorosso prevede le operazioni di versamento e le operazioni eseguite tramite canali alternativi allo sportello non
soggette alle “spese per operazione” (spesa per registrazione nell’estratto conto).
PRINCIPALI CONDIZIONI ECONOMICHE
QUANTO PUÒ COSTARE IL CONTO CORRENTE
Indicatore Sintetico di Costo (ISC)
PROFILO
SPORTELLO
ONLINE
Giovani
(164 oper.)
€ 67,60
€ 38,00
Famiglie con operatività bassa
(201 oper.)
€ 58,30
€ 28,00
Famiglie con operatività media
(228 oper.)
€ 114,58
€ 82,48
Famiglie con operatività elevata
(253 oper.)
€ 121,68
€ 84,48
Pensionati con operatività bassa
(124 oper.)
€ 55,10
€ 27,00
Pensionati con operatività media
(189 oper.)
€ 114,78
€ 80,48
Oltre a questi costi vanno considerati: l'imposta di bollo nella misura e nei casi previsti dalla legge, a meno
che non sia contrattualmente a carico della Banca per lo specifico tipo di conto corrente, gli eventuali
interessi attivi e/o passivi maturati sul conto e le spese per l'apertura del conto (attualmente non previste dalla
Banca per questo conto).
I costi riportati nella tabella sono orientativi e si riferiscono ai 6 profili di operatività, meramente indicativi stabiliti dalla Banca d'Italia - di conto corrente privi di fido.
Per saperne di più: http://www.bancaditalia.it/vigilanza/normativa/norm_bi/disposizioni-
vig/trasparenza_operazioni/allegato_5/Allegato_5A_calcolo_ISC_c-c.pdf
In calce al presente Foglio Informativo è riportata la tabella con i profili previsti da Banca d’Italia per il calcolo dell’ISC ed
alcune informazioni.
QUANTO PUO’ COSTARE IL FIDO
IPOTESI
Contratto di affidamento per clienti
“consumatori” con durata indeterminata
e che prevede l’applicazione della
Commissione per l’affidamento
Accordato/Utilizzato: € 1.500,00
Tasso Debitore nominale annuo: 15,00%
Commissione per l’affidamento: 2% annuo
Canone conto corrente € 2,00
Calcolo sulla base di
una durata pari a 3 mesi
- Interessi = € 56,25
- Oneri = € 9,50
- TAEG: 18,72%
I costi riportati nella tabella sono orientativi e si riferiscono ad alcune ipotesi di operatività indicate dalla Banca d’Italia.
La formula per il calcolo del TAEG relativo alla durata di un anno è la seguente:
TAEG
⎡ utilizzato
= ⎢
⎣
+ interessi
utilizzato
+ oneri ⎤
⎥
⎦
t
−1
(nella formula sopraindicata “utilizzato” = “importo del fido accordato” e “ t ” = “tempo”)
E’ possibile ottenere un calcolo personalizzato dei costi con il simulatore pubblicato sul sito internet della Banca:
www.popolarevicenza.it
Gli affidamenti sono soggetti alla normativa sul Credito ai Consumatori se di importo compreso tra 200 e 75.000 euro e
richiesti da cliente “consumatore” (art. 121 e seguenti del Dlgs 385/1993, Decreto Ministero Finanze 3/2/2011,
Disposizioni di Banca d’Italia 9/2/2011).
Se il consumatore intende richiedere un affidamento di importo compreso tra i suddetti limiti, ha diritto di ricevere le
“Informazioni Europee di base sul Credito ai Consumatori” presso le Filiali della Banca - il rilascio e’ gratuito.
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 36 di 69
Il Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM) previsto dall’art. 2 della legge sull’usura (l. n. 108/1996), relativo ai contratti di
conto corrente, può essere consultato in filiale e sul sito Internet www.popolarevicenza.it
Le condizioni economiche indicate nel presente Foglio Informativo saranno comunque e sempre applicabili solo nel
rispetto del limite massimo del TEG di cui alla citata legge 108/96 relativo alle specifiche operazioni.
Le voci di spesa riportate nel prospetto che segue rappresentano, con buona approssimazione, la gran parte dei costi
complessivi sostenuti da un consumatore medio titolare di un conto corrente.
Questo vuol dire che il prospetto non include tutte le voci di costo. Alcune delle voci escluse potrebbero essere
importanti in relazione sia al singolo conto sia all’operatività del singolo cliente.
Prima di scegliere e firmare il contratto è quindi necessario leggere attentamente anche la sezione “Altre condizioni
economiche”.
VOCI DI COSTO
Servizi di
pagamento
SPESE FISSE
Gestione liquidità
Spese per l’apertura del conto
Canone annuo del conto corrente
Spese annue per conteggio interessi e competenze
Non previste
€ 24,00
(€ 2,00 addebitati mensilmente)
n. 1 operazione di sportello al mese
(n. 3 operazioni al trimestre).
Illimitate se eseguiti tramite canali
alternativi allo Sportello o se relative
a Versamenti in conto.
non previste
Canone annuo carta di debito nazionale
Carta non più commercializzata
Canone annuo carta di debito internazionale
Compreso nel canone del conto
Canone annuo carta di credito
€ 35,00 Carta Osella Visa
€ 35,00 Carta Paypass Mastercard
Carta non piu’ commercializzata
N° di operazioni incluse nel canone annuo
Canone annuo carta multifunzione
Gestione liquidità
(Servizio di multicanalità [email protected])
Registrazione di ogni operazione non inclusa nel canone (si
aggiunge al costo dell’operazione)
(Spese classificate di Gruppo 1 e Gruppo 3)
Invio estratto conto
Prelievo sportello automatico presso la stessa banca in Italia
(Gruppo bancario Banca Popolare di Vicenza)
Servizi di
pagamento
SPESE VARIABILI
Home
Banking
Canone annuo per internet banking e phone banking
Prelievo sportello automatico presso altra banca in Italia
Bonifico verso Italia e UE in euro con addebito in c/c
Bonifico verso Italia e UE fino a 10.329,14 euro con addebito
in c/c: (limite di importo per l’operatività con il servizio @time
Domiciliazioni utenze (RID ordinario)
Commissioni per ciascun addebito SDD CORE
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
- Versione “Free” gratuito.
- Versione “Personal” € 120,00
(€ 10,00 addebitato mensilmente).
- Versione “Over” € 216,00
(€ 18,00 addebitato mensilmente).
Chiavetta compresa nel canone
€ 0,00 per operazioni di versamento;
€ 0,00 per operazioni tramite canali
diversi dallo sportello;
€ 2,50 per operazioni di sportello
Fino a € 2,65 con invio cartaceo a
seconda dei costi sostenuti dalla
Banca per l’invio;
€ 0,00 con invio tramite internet
Gratuito
€ 2,20
disposto allo sportello a favore di
beneficiario c/o filiali stessa Banca:
€ 3,50
disposto allo sportello a favore di
beneficiario c/o altra Banca: € 5,00
Internet € 1,00
Telefono € 1,05
Comprese nel canone del conto
Comprese nel canone del conto
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 37 di 69
Interessi creditori
INTERESSI
SOMME
DEPOSITATE
VOCI DI COSTO
Tasso creditore annuo nominale
0,00%
(non remunerativo)
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate
15,00%
(T.A.E. 15,865%)
2,00% annuo (0,50%
trimestrale) dell’importo
totale degli affidamenti
concessi.
Fino ad un max di
100,00 euro
15,00%
(T.A.E. 15,865%)
Fidi
Commissione per l’affidamento
Altre spese: Spese per Visure Ipocatastali (per affidamenti richiesti
superiori a € 10.000,00)
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate
Commissione di istruttoria veloce – CIV (Clienti “consumatori”)
Sconfinamenti extra-fido
FIDI E SCONFINAMENTI
- per sconfino inferiore o pari a € 500,00 se di durata non superiore a 7
giorni consecutivi (per un massimo di una volta per ciascun trimestre):
- per sconfino inferiore o pari a € 100,00:
0,00€
(franchigia
prevista dalla normativa)
0,00 € (franchigia iniziale
prevista dalla Banca)
- per ogni sconfino oltre le franchigie di cui sopra:
35,00 €
- per ulteriore accrescimento dello sconfino superiore a € 100,00:
35,00 €
- limite massimo della CIV applicabile per trimestre:
200,00 €
Nota bene:
•
l’importo dello sconfinamento è da intendersi con riguardo al
saldo complessivo anche se derivante da più addebiti.
Altre spese
Non previste
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate
15,00%
(T.A.E. 15,865%)
DISPONIBILIT
A’ SOMME
VERSATE
CAPITALIZZAZIONE
Sconfinamenti in assenza di fido
Commissione di istruttoria veloce – CIV (Clienti “consumatori”)
- per sconfino inferiore o pari a € 500,00 se di durata non superiore a 7
giorni consecutivi (per un massimo di una volta per ciascun trimestre):
- per sconfino inferiore o pari a € 100,00:
0,00€
(franchigia
prevista dalla normativa)
0,00 € (franchigia iniziale
prevista dalla Banca)
- per ogni sconfino oltre le franchigie di cui sopra:
35,00 €
- per ulteriore accrescimento dello sconfino superiore a € 100,00:
35,00 €
- limite massimo della CIV applicabile per trimestre:
200,00 €
Nota bene:
•
l’importo dello sconfinamento è da intendersi con riguardo al
saldo complessivo anche se derivante da più addebiti.
Altre spese
Non previste
Periodicità
Trimestrale
Contanti
Assegni circolari stessa banca
Stesso giorno
dal 2° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 2° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
Assegni bancari stessa filiale
Assegni bancari altra filiale
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 38 di 69
Assegni circolari altri istituti / vaglia Banca d’Italia
Assegni bancari altri istituti
Vaglia e assegni postali
- Spese tenuta conto
- Spesa per comunicazioni ai sensi normativa sulla Trasparenza Bancaria (qualunque sia la modalità di
invio)
- Comunicazione variazione condizioni contrattuali ai sensi art. 118 Dlgs 385/1993 (TUB)
- Commissioni per disposizioni permanenti di bonifico
- n. 1 Carta Prepagata ricaricabile
- Retrocessione di massimo n. 4 voci commissioni mensili
sostenute per prelevamenti presso sportelli automatici di altre
Banche in base alla fascia d’importo in cui si colloca il saldo
medio contabile del mese
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
zero
Comprese nel canone
€ 0,00 qualunque sia la
modalità di invio
Comprese nel canone
Compresa nel canone
- n. 1 operaz. con saldo da 500,00 a 999,99 euro
- n. 2 operaz. con saldo da 1.000,00 a 1499,99 euro
- n. 3 operaz. da 1500,00 a 1999,99 euro
- n. 4 operaz. con saldo superiore a 2.000,00 euro
Per le altre condizioni economiche comuni a tutti i conti correnti offerti ai Consumatori, si veda la 3° parte del presente
Foglio Informativo.
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 39 di 69
CONTO AMICI
CARATTERISTICHE
Questo conto corrente è dedicato esclusivamente ai minori di età compresa tra i 13 e i 17 anni.
Il Conto Amici :
- viene intestato al Minore d’età ed il contratto viene sottoscritto da un Genitore (o da un Tutore)
- non può essere cointestato
- prevede a seconda del soggetto che effettua l’operazione (minore o genitore) una diversa operatività con alcuni limiti che
tengono conto della minore età;
- ammette una giacenza massima pari a 10.000,00 euro
- non prevede il rilascio di carnet assegni
- non prevede il pagamento di utenze occasionali e neppure continuative;
- non prevede la disposizione di bonifici occasionali e neppure continuativi.
- non prevede concessioni di affidamenti
Sono inoltre previste contrattualmente limitazioni operative in ordine alle movimentazioni richieste sia da parte dell’intestatario
(Minore), sia da parte dei genitori/tutori.
Al raggiungimento della maggiore età l’intestatario del conto A mici deve contattare la Filiale per la variazione della
tipologia di conto.
PRINCIPALI CONDIZIONI ECONOMICHE
QUANTO PUÒ COSTARE IL CONTO CORRENTE
Indicatore Sintetico di Costo (ISC)
PROFILO
SPORTELLO
ONLINE
Giovani
(164 oper.)
Non adatto
Non adatto
Famiglie con operatività bassa
(201 oper.)
Non adatto
Non adatto
Il conto presenta limiti di operatività tali da renderlo incompatibile con tutti i profili definiti
Famiglie con operatività media
(228
oper.)
adatto
Non adatto
dalla
Normativa Non
Banca
d’Italia
Famiglie con operatività elevata
(253 oper.)
Non adatto
Non adatto
Pensionati con operatività bassa
(124 oper.)
Non adatto
Non adatto
Pensionati con operatività media
(189 oper.)
Non adatto
Non adatto
Per saperne di più: www.bancaditalia.it (al seguente percorso: Vigilanza Ö Quadro normativo Ö Regolamentazione della Banca d'Italia Ö
Disposizioni di vigilanza Ö 9 febbraio 2011 - Trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari; correttezza delle relazioni tra
intermediari e clienti Ö Allegato 5 - Metodologie per il calcolo dell’indicatore sintetico di costo per i conti correnti )
In calce al presente Foglio Informativo è riportata la tabella con i profili previsti da Banca d’Italia per il calcolo dell’ISC ed
alcune informazioni.
Il Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM) previsto dall’art. 2 della legge sull’usura (l. n. 108/1996), relativo ai contratti
di conto corrente, può essere consultato in filiale e sul sito Internet www.popolarevicenza.it
Le condizioni economiche indicate nel presente Foglio Informativo saranno comunque e sempre applicabili solo nel
rispetto del limite massimo del TEG di cui alla citata legge 108/96 relativo alle specifiche operazioni.
Gestione
liquidità
Servizi di
pagamento
SPESE FISSE
VOCI DI COSTO
Spese per l’apertura del conto
Canone annuo del conto corrente
Non previste
Non previsto
N° di operazioni incluse nel canone annuo
non previste
Spese annue per conteggio interessi e competenze
non previste
Canone annuo carta di debito nazionale
Carta non più commercializzata
Canone annuo carta di debito internazionale
Non prevista
Canone annuo carta di credito
Non prevista
Canone annuo carta multifunzione
Carta non piu’ commercializzata
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 40 di 69
Home
Bankin
g
Gestione
liquidità
Servizi di
pagamento
SPESE VARIABILI
Canone annuo per internet banking e phone banking
(Servizio di multicanalità [email protected])
Disponibile gratuitamente solo la
versione del servizio “informativo”
Registrazione di ogni operazione non inclusa nel canone (si
aggiunge al costo dell’operazione)
€ 0,00
Invio estratto conto mensile
€ 0,00 (sia con invio cartaceo, sia
con invio on line)
Non previsto
Prelievo sportello automatico presso la stessa banca in Italia
(Gruppo bancario Banca Popolare di Vicenza)
Prelievo sportello automatico presso altra banca in Italia
Bonifico verso Italia e UE in euro con addebito in c/c
Bonifico verso Italia e UE fino a 10.329,14 euro con addebito
in c/c: (limite di importo per l’operatività con il servizio @time
Domiciliazioni utenze
Non previsto
Non previsto
Non previsto
Non previste
DISPONIBILITA’
SOMME VERSATE
CAPITALIZZAZIONE
Sconfinamenti
extra-fido
Sconfinament
i in assenza
di fido
FIDI E SCONFINAMENTI
Fidi
Interessi
creditori
INTERESSI
SOMME
DEPOSITA
TE
VOCI DI COSTO
Tasso creditore annuo nominale
1,000%
(T.A.E. 1,004% )
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate
Non previsto
Commissioni
Non previste
Altre spese: Spese per Visure Ipocatastali
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate
Non previste
Non previsto
Commissioni
Non previste
Altre spese
Non previste
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate
Non previsto
Commissioni
Non previste
Altre spese
Non previste
Periodicità
Trimestrale
Contanti
Assegni circolari stessa banca
Stesso giorno
dal 2° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 2° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
A carico della Banca
Zero
Zero
Assegni bancari stessa filiale
Assegni bancari altra filiale
Assegni circolari altri istituti / vaglia Banca d’Italia
Assegni bancari altri istituti
Vaglia e assegni postali
- Bolli annuali per produzione Estratto Conto
- Spesa tenuta conto
- Spesa per comunicazioni ai sensi normativa sulla Trasparenza Bancaria (qualunque sia la modalità di
invio)
- Comunicazione variazione condizioni contrattuali ai sensi art. 118 Dlgs 385/1993 (TUB)
€ 0,00 qualunque sia la
modalità di invio
Per le altre condizioni economiche comuni a tutti i conti correnti offerti ai Consumatori, si veda la 3° parte del presente
Foglio Informativo.
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 41 di 69
CONTO CORRENTE ORDINARIO CONSUMATORI NON RESIDENTI
CARATTERISTICHE
Questo conto è particolarmente adatto per chi al momento dell’apertura del conto pensa di svolgere un numero
bassissimo di operazioni o non può stabilire, nemmeno orientativamente, il tipo o il numero di operazioni che
svolgerà.
Conto corrente dedicato esclusivamente ai Privati, Soggetti Non Residenti, per utilizzo del conto per esigenze
personali/familiari.
PRINCIPALI CONDIZIONI ECONOMICHE
QUANTO PUÒ COSTARE IL CONTO CORRENTE
Indicatore Sintetico di Costo (ISC)
PROFILO
SPORTELLO
Conto a Consumo – Operatività bassa (112 oper.)
€ 306,20
Oltre a questi costi vanno considerati: l'imposta di bollo nella misura e nei casi previsti dalla legge, a meno
che non sia contrattualmente a carico della Banca per lo specifico tipo di conto corrente, gli eventuali
interessi attivi e/o passivi maturati sul conto e le spese per l'apertura del conto (attualmente non previste dalla
Banca per questo conto).
Il costo riportato nella tabella è orientativo e si riferisce a un profilo di operatività, meramente indicativo stabilito dalla Banca d'Italia - di conto corrente privo di fido.
Per saperne di più: http://www.bancaditalia.it/vigilanza/normativa/norm_bi/disposizioni-
vig/trasparenza_operazioni/allegato_5/Allegato_5A_calcolo_ISC_c-c.pdf
In calce al presente Foglio Informativo è riportata la tabella con i profili previsti da Banca d’Italia per il calcolo dell’ISC ed
alcune informazioni.
QUANTO PUO’ COSTARE IL FIDO
IPOTESI
Contratto di affidamento per clienti
“consumatori” con durata indeterminata
e che prevede l’applicazione della
Commissione per l’affidamento
Accordato/Utilizzato: € 1.500,00
Tasso Debitore nominale annuo: 15,00%
Commissione per l’affidamento: 2% annuo
Spesa tenuta conto: € 5,00
Spesa per operazione: € 1,50 (2 operazioni)
Calcolo sulla base di
una durata pari a 3 mesi
- Interessi = € 56,25
- Oneri = € 15,50
- TAEG: 20,55%
I costi riportati nella tabella sono orientativi e si riferiscono ad alcune ipotesi di operatività indicate dalla Banca d’Italia.
La formula per il calcolo del TAEG relativo alla durata di un anno è la seguente:
⎡ utilizzato + interessi + oneri ⎤
TAEG = ⎢
⎥ −1
utilizzato
⎣
⎦
t
(nella formula sopraindicata “utilizzato” = “importo del fido accordato” e “ t ” = “tempo”)
E’ possibile ottenere un calcolo personalizzato dei costi con il simulatore pubblicato sul sito internet della Banca:
www.popolarevicenza.it
Gli affidamenti sono soggetti alla normativa sul Credito ai Consumatori se di importo compreso tra 200 e 75.000 euro e
richiesti da cliente “consumatore” (art. 121 e seguenti del Dlgs 385/1993, Decreto Ministero Finanze 3/2/2011,
Disposizioni di Banca d’Italia 9/2/2011).
Se il consumatore intende richiedere un affidamento di importo compreso tra i suddetti limiti, ha diritto di ricevere le
“Informazioni Europee di base sul Credito ai Consumatori” presso le Filiali della Banca - il rilascio e’ gratuito.
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 42 di 69
Il Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM) previsto dall’art. 2 della legge sull’usura (l. n. 108/1996), relativo ai contratti di
conto corrente, può essere consultato in filiale e sul sito Internet www.popolarevicenza.it
Le condizioni economiche indicate nel presente Foglio Informativo saranno comunque e sempre applicabili solo nel
rispetto del limite massimo del TEG di cui alla citata legge 108/96 relativo alle specifiche operazioni.
Le voci di spesa riportate nel prospetto che segue rappresentano, con buona approssimazione, la gran parte dei costi
complessivi sostenuti da un consumatore medio titolare di un conto corrente.
Questo vuol dire che il prospetto non include tutte le voci di costo. Alcune delle voci escluse potrebbero essere
importanti in relazione sia al singolo conto sia all’operatività del singolo cliente.
Prima di scegliere e firmare il contratto è quindi necessario leggere attentamente anche la sezione “Altre condizioni
economiche”.
Servizi di
pagamento
Spese per l’apertura del conto
Canone annuo del conto corrente
Non previste
Non previsto
N° di operazioni incluse nel canone annuo
non previste
Spese annue per conteggio interessi e competenze
non previste
Canone annuo carta di debito nazionale
Carta non più commercializzata
Canone annuo carta di debito internazionale
Canone annuo carta di credito
€ 15,00
Circuito Maestro.
Non prevista
Canone annuo carta multifunzione
Carta non piu’ commercializzata
Canone annuo per internet banking e phone banking
- Versione “Free” gratuito.
- Versione “Personal” € 120,00
(€ 10,00 addebitato mensilmente).
- Versione “Over” € 216,00
(€ 18,00 addebitato mensilmente).
(Servizio di multicanalità [email protected])
con l’aggiunta di un canone di 2 euro a
bimestre per utilizzo Chiavetta personale
Registrazione di ogni operazione non inclusa nel canone (si
aggiunge al costo dell’operazione)
(Spese classificate di Gruppo 1 e Gruppo 3)
Invio estratto conto
Prelievo sportello automatico presso la stessa banca in Italia
(Gruppo bancario Banca Popolare di Vicenza)
Servizi di
Pagamento
SPESE VARIABILI
Gestione
liquidità
Home Banking
SPESE FISSE
Gestione
liquidità
VOCI DI COSTO
Prelievo sportello automatico presso altra banca in Italia
Bonifico verso Italia e UE in euro con addebito in c/c
Bonifico verso Italia e UE fino a 10.329,14 euro con addebito
in c/c: (limite di importo per l’operatività con il servizio @time
Domiciliazioni utenze (RID ordinario)
Commissioni per ciascun addebito SDD CORE
€ 2,10
€ 0,00 (sia con invio cartaceo, sia
con invio on line)
Gratuito
€ 2,20
disposto allo sportello a favore di
beneficiario c/o filiali stessa Banca:
€ 3,50
disposto allo sportello a favore di
beneficiario c/o altra Banca: € 5,00
Internet € 1,00
Telefono € 1,05
€ 0,65
€ 0,65
Interessi
creditori
INTERESSI
SOMME
DEPOSITATE
VOCI DI COSTO
Tasso creditore annuo nominale
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
0,010%
(T.A.E. 0,010% )
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 43 di 69
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate
Fidi
Commissione per l’affidamento
Altre spese: Spese per Visure Ipocatastali (per affidamenti richiesti
superiori a € 10.000,00)
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate
15,00%
(T.A.E. 15,865%)
2,00% annuo (0,50%
trimestrale) dell’importo
totale degli affidamenti
concessi.
Fino ad un max di
100,00 euro
15,00%
(T.A.E. 15,865%)
Commissione di istruttoria veloce – CIV (Clienti “consumatori”)
Sconfinamenti extra-fido
FIDI E SCONFINAMENTI
- per sconfino inferiore o pari a € 500,00 se di durata non superiore a 7
giorni consecutivi (per un massimo di una volta per ciascun trimestre):
- per sconfino inferiore o pari a € 100,00:
0,00€
(franchigia
prevista dalla normativa)
0,00 € (franchigia iniziale
prevista dalla Banca)
- per ogni sconfino oltre le franchigie di cui sopra:
35,00 €
- per ulteriore accrescimento dello sconfino superiore a € 100,00:
35,00 €
- limite massimo della CIV applicabile per trimestre:
200,00 €
Nota bene:
•
l’importo dello sconfinamento è da intendersi con riguardo al
saldo complessivo anche se derivante da più addebiti.
Altre spese
Non previste
Tasso debitore annuo nominale sulle somme utilizzate
15,00%
(T.A.E. 15,865%)
DISPONIBILITA’
SOMME VERSATE
CAPITALIZZAZIONE
Sconfinamenti in assenza di fido
Commissione di istruttoria veloce – CIV (Clienti “consumatori”)
- per sconfino inferiore o pari a € 500,00 se di durata non superiore a 7
giorni consecutivi (per un massimo di una volta per ciascun trimestre):
- per sconfino inferiore o pari a € 100,00:
0,00€
(franchigia
prevista dalla normativa)
0,00 € (franchigia iniziale
prevista dalla Banca)
- per ogni sconfino oltre le franchigie di cui sopra:
35,00 €
- per ulteriore accrescimento dello sconfino superiore a € 100,00:
35,00 €
- limite massimo della CIV applicabile per trimestre:
200,00 €
Nota bene:
•
l’importo dello sconfinamento è da intendersi con riguardo al
saldo complessivo anche se derivante da più addebiti.
Altre spese
Non previste
Periodicità
Trimestrale
Contanti
Assegni circolari stessa banca
Stesso giorno
dal 2° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 2° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
€ 17,00
Assegni bancari stessa filiale
Assegni bancari altra filiale
Assegni circolari altri istituti / vaglia Banca d’Italia
Assegni bancari altri istituti
Vaglia e assegni postali
- Spese Tenuta Conto (addebitate in sede di ogni Liquidazione di Competenze)
- Spesa per comunicazioni ai sensi normativa sulla Trasparenza Bancaria
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 44 di 69
1) invio in formato cartaceo
2) invio con modalità telematica (servizio “D.O.L” Documenti On line )
- Comunicazione variazione condizioni contrattuali ai sensi art. 118 Dlgs 385/1993 (TUB)
- Giorni valuta per Versamento allo sportello di divisa/valuta (contante) diversa da quella del conto corrente
- Commissioni di servizio per movimentazione in Divisa
- Commissione per versamento di banconote estere
- Commissione omnicomprensiva per assegni emessi e/o negoziati all’estero:
per controvalore fino a € 1.550,00
per controvalore oltre € 1.550.00
€ 1,30
€ 0,00
€ 0,00 qualunque sia la
modalità di invio
Stesso giorno
0,215% min. € 6,70
0,500% min. € 9,00
€ 13,00
€ 24,00
Per le altre condizioni economiche comuni a tutti i conti correnti offerti ai Consumatori, si veda la 3° parte del presente
Foglio Informativo.
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 45 di 69
CONTI CORRENTI NON PIU’ COMMERCIALIZZATI
(CONSUMATORI ED IMPRESE)
I seguenti conti correnti:
-
CONTO CONTENTO;
CONTO CONTENTO LIGHT;
CONTO WAVE;
CONTO EUGENIO;
CONTO COUNTRY;
CONTO DI DEPOSITO PER OPZIONE RENDIMENTO;
CONTO PER OPZIONE RENDIMENTO IMPRESA.
non sono qui pubblicizzati in quanto i relativi prodotti non sono più commercializzati dalla Banca.
Non è più commercializzato dal 1/06/2012 nemmeno il CONTO PRIMA BASE in quanto sostituito dal Conto
di Base disciplinato dalla Convenzione ABI, BANCA D’ITALIA , MEF, POSTE ITALIANE, A.I.I.P, del 28/03/2012
come previsto dal decreto legge 201/2011 convertito nella legge 214/2011, pubblicata sul sito MEF il
24/04/2012).
I correntisti che ancora sono intestatari di detti rapporti possono chiedere gratuitamente informazioni allo
sportello.
Solo per i clienti delle Filiali della Toscana (ex-Cariprato) i seguenti prodotti di conto corrente:
- CONTO CORRENTE ORDINARIO CONSUMATORI (ex-Cariprato)
- CONTO CORRENTE ORDINARIO IMPRESE (ex-Cariprato)
- CONTO DI RISPARMIO (ex-Cariprato)
non sono qui pubblicizzati in quanto non sono più commercializzati dalla Banca.
I correntisti che ancora sono intestatari di detti rapporti possono chiedere gratuitamente informazioni allo
sportello.
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte prima: CONSUMATORI
Pag. 46 di 69
PARTE SECONDA: CONTI CORRENTI PER “IMPRESE”
Si intendono in generale i prodotti di conto corrente a disposizione dei soggetti - imprese, ditte, liberi professionisti,
commercianti, artigiani, enti religiosi, curatele ecc. - che utilizzano i conti per finalità relative alla propria attività professionale o
d’impresa o anche dell’ente come tale, senza finalità di lucro, della curatela, del condominio ecc.
CONTO CORRENTE ORDINARIO IMPRESE
Condizioni Economiche
Tasso Interessi Creditori
TAN 0,010% - TAE 0,010% dal 15/09/2009
Ritenuta fiscale sugli interessi Creditori (residenti)
come previsto dalla normativa vigente
In ipotesi di affidamento si applicano solo:
Tasso interessi debitori entro fido
TAN 15,000% - TAE 15,865% dal 01/10/2014
Commissione per l’affidamento
•
2,00% annuo (0,50% trimestrale) dell’importo totale dell’affidamento (o degli affidamenti) concessi.
In ipotesi di utilizzo “oltre” l’importo affidato o in assenza di affidamento si applicano solo:
Tasso Interessi debitori fuori fido (oltre o in assenza )
TAN 15,000% - TAE 15,865% dal 01/10/2014
Commissione
consumatori”)
di
istruttoria
veloce
–
CIV
(Clienti
“non
0,00€ (franchigia iniziale prevista dalla Banca)
- per sconfino inferiore o pari a € 100,00:
- per ogni sconfino oltre la franchigia e
per l’ulteriore
• 60 € per “sconfini” da € 100,01 a € 5.000,00
accrescimento dello sconfino superiore a € 100,00:
• 90 € per “sconfini” da € 5.000,01 a € 50.000,00
• 130 € per “sconfini” oltre € 50.000,00
Nota bene:
•
l’importo dello sconfinamento è da intendersi con riguardo al
saldo complessivo anche se derivante da più addebiti;
•
la CIV sarà addebitata anche a seguito di un accrescimento
dello sconfino che determina un passaggio di scaglione
anche se tale accrescimento è inferiore o pari a € 100,00.
pari al 9% nominale annuo, nel rispetto della normativa antiusura e quindi fatte salve anche le rettifiche in diminuzione
che si rendesse necessario effettuare al fine di ricondurre il
tasso effettivo globale al di sotto della “soglia usura”.
Per quanto attiene alle condizioni per Affidamenti di c/c (Elasticità di cassa – Anticipazione bancarie – Sconti di Portafoglio –
ecc.) si rinvia al relativo Foglio Informativo
Tasso di Mora
Periodicità di invio Estratto Conto (E/C)
Standard Trimestrale.
A scelta e su richiesta del cliente: mensile/semestrale/annuale.
Periodicità di Liquidazione Interessi e spese
Spese e Commissioni:
- Spesa per operazione (diversa da addebito assegni)
Standard Trimestrale
- Spesa per “Addebito assegni”
- Minimo spese (op.diverse da Addeb.Ass.)
- Spese produzione e invio estratto conto
- Spesa Tenuta Conto
- Spesa estinzione conto
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
€ 2,80 con la possibilità di concordare con la Banca un importo di
“spese forfettarie” fino ad un massimo pari al totale delle spese
dovute per
- n° 3.600 operazioni a trimestre per clientela definita “small
business” (*)
- n° 9.000 operazioni a trimestre per imprese non “small
business” (*)
€ 2,80
€ 19,25 al trimestre
€ 2,65 con invio cartaceo
€ 0,00 con invio tramite Internet
€ 34,00 ad ogni liquidazione
€ 0,00
Parte seconda: IMPRESE
Pag. 47 di 69
- Spese per comunicazioni ai sensi normativa sulla
trasparenza bancaria
1) invio in formato cartaceo
€ 1,30
2) invio in modalità telematica “D.O.L.” Documenti on
€ 0,00
line)
- Comunicazione variazione condizioni contrattuali ai
€ 0,00 qualunque sia la modalità di invio
sensi art.118 Dlgs 385/1993 (TUB)
Imposta bollo estratto conto (nei casi in cui è obbligatoria per legge):
Persona giuridica
ƒ Estratto Conto tariffa annuale
€ 100,00
con addebito suddiviso in quote trimestrali; l’addebito è annuale, in unica soluzione, per i clienti con estratto conto annuale.
(*) SMALL BUSINESS: la segmentazione della clientela definita dalla Banca come “Small Business” comprende le Imprese
(inclusi liberi professionisti e studi associati) con fatturato annuo non superiore a € 2.500.000, rilevabili dall’ultima
dichiarazione dei redditi o dall’ultimo bilancio.
GG DISPONIBILITÀ
DESCRIZIONE
Contante
Ass.circolari stessa Banca
Stesso giorno
Dal 2° giorno lavorativo
successivo al vers.
Dal 2° giorno lavorativo
successivo al vers.
Dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
Dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
Dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
Dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
Ass.bancari stessa Filiale
Ass.bancari altre Filiali
Ass.circolari altre Banche e vaglia Banca d’Italia
Ass.bancari altre banche
Vaglia e assegni postali
Il Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM) previsto dall’art. 2 della legge sull’usura (l. n. 108/1996), relativo ai contratti di
conto corrente, può essere consultato in filiale e sul sito Internet www.popolarevicenza.it
Le condizioni economiche indicate nel presente Foglio Informativo saranno comunque e sempre applicabili solo nel
rispetto del limite massimo del TEG di cui alla citata legge 108/96 relativo alle specifiche operazioni.
CONTO SEMPREPIU’ IMPRESA RENDIMENTO
Caratteristiche e rischi tipici
CONTO SEMPREPIÙ IMPRESA RENDIMENTO
Prodotto destinato esclusivamente ai nuovi Clienti rientranti nel criterio di segmentazione della clientela definito dalla Banca
come “Small Business”, che prevede la presenza dei seguenti requisiti:
–
fatturato annuo non superiore a € 2.500.000, rilevabili dall’ultima dichiarazione dei redditi o dall’ultimo bilancio;
–
appartenenza al segmento subgestionale che identifica il programma o modulo specifico per il cliente: Artigiani,
Commercianti, Piccole Aziende, Professionisti (Studi Associati o Liberi Professionisti che necessitano di un conto
con tali caratteristiche per la propria attività professionale), Agricoltori.
Il “Conto SemprePiù Impresa Rendimento” non può essere intestato a più persone fisiche componenti una cointestazione.
L’offerta è articolata e caratterizzata dalla sottoscrizione di un Conto Corrente a canone.
Struttura e funzione economica
E’ disponibile una sola versione del Conto SemprePiu’ Impresa Rendimento, caratterizzata dall’applicazione di un tasso
interessi creditori di favore per i primi sei mesi dall’ apertura del Conto.
Il Conto SemprePiù Impresa Rendimento non può essere affidato nel periodo in cui è in vigore il tasso di favore, e le
provviste che lo alimentano non potranno in nessun caso derivare dall’utilizzo di eventuali affidamenti concessi dalla Banca,
anche se a valere su altri conti dell’impresa.
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte seconda: IMPRESE
Pag. 48 di 69
CONDIZIONI ECONOMICHE applicate al CONTO SEMPREPIU’ IMPRESA RENDIMENTO
Tasso interesse creditore:
Per i primi 6 mesi:
1,00% fino a 100.000 euro
0,25% oltre i 100.000 euro
T.A.N. 0,25% - T.A.E. 0,25%
Successivamente ai 6 mesi sull’intera giacenza:
Canone mensile
€ 7,00
Servizi di conto corrente
Numero annuo operazioni gratuite(1) (forfait)
100
(25 trimestrali)
€ 1,50
comprese
comprese
Spesa per operazione (extra-forfait)
Spese tenuta conto
Spese produzione e invio estratto conto trimestrale
Spese per comunicazioni ai sensi normativa sulla
trasparenza bancaria
1) invio in formato cartaceo
€ 1,30
2) invio in modalità telematica (“D.O.L.” Documenti on line)
€ 0,00
Comunicazione variazione condizioni contrattuali ai sensi
Art. 118 Dlgs 385/1993 (TUB) (qualunque sia la modalità di invio)
€ 0,00
Commissioni per pagamento utenze (su disposizioni permanenti/RID ordinario)
comprese
Commissioni per ciascun addebito SDD CORE
comprese
Commissioni per ciascun addebito SDD B2B
€ 0,65
Commissioni per bonifici permanenti
comprese
Periodicità di Liquidazione
trimestrale
Periodicità invio estratto conto
trimestrale
Per quanto di seguito non riportato valgono le condizioni previste per il Conto Corrente Ordinario Imprese riportato nel
presente Foglio.
(1)
“Numero annuo operazioni gratuite”: per “operazioni gratuite” si intende che per ognuna di esse la Banca non addebita
la “spesa per operazione”.
CONTO SEMPREPIU’ IMPRESA
Caratteristiche e rischi tipici
Offerta destinata ai Clienti rientranti nel criterio di segmentazione della clientela definito dalla Banca, come “Small
Business”, che prevede la presenza dei seguenti requisiti:
–
fatturato annuo non superiore a € 2.500.000, rilevabili dall’ultima dichiarazione dei redditi o dall’ultimo bilancio;
–
appartenenza al segmento subgestionale che identifica il programma o modulo specifico per il cliente: Artigiani,
Commercianti, Piccole Aziende, Professionisti (Studi Associati o Liberi Professionisti che necessitano di un
conto con tali caratteristiche per la propria attività professionale), Agricoltori, Farmacisti.
Il “Conto SemprePiù Impresa” non può essere intestato a più persone fisiche componenti una cointestazione.
L’offerta è articolata e caratterizzata dalla sottoscrizione di uno dei Conti Correnti a canone, disponibile nelle tre versioni,
e dall’adesione ad uno dei 6 Moduli realizzati allo scopo di soddisfare i bisogni specifici di ogni tipologia di attività
(Commercianti, Artigiani, Piccole Aziende, Agricoltori, Professionisti, Farmacisti).
Struttura e funzione economica
Sono disponibili tre versioni del conto: SemprePiù Impresa Small, SemprePiù Impresa Medium e SemprePiù Impresa
Large, che si differenziano per l’importo del canone correlato al numero di operazioni gratuite.
Di seguito viene fornita indicazione dei servizi compresi nel canone mensile:
CONDIZIONI ECONOMICHE applicate al CONTO SEMPREPIU’ IMPRESA
CONTO SEMPREPIU’ IMPRESA
Canone mensile
Servizi di conto corrente
Numero annuo operazioni gratuite(1) (forfait)
Spesa per operazione (extra-forfait)
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
“SMALL”
“MEDIUM”
“LARGE”
€ 7,00
€ 12,00
€ 30,00
100
300
(25 trimestrali)
(75 trimestrali)
€ 1,50
€ 1,50
Parte seconda: IMPRESE
Illimitate
Pag. 49 di 69
Spese tenuta conto
comprese
comprese
Comprese
Spese produzione e invio estratto conto trimestrale
comprese
comprese
Comprese
Spese per comunicazioni ai sensi normativa sulla
trasparenza bancaria
1) invio in formato cartaceo
€ 1,30
€ 1,30
€ 1,30
2) invio in modalità telematica (“D.O.L.” Documenti on
€ 0,00
€ 0,00
€ 0,00
line)
Comunicazione variazione condizioni contrattuali ai sensi
Art. 118 Dlgs 385/1993 (TUB)
€ 0,00
€ 0,00
€ 0,00
(qualunque sia la modalità di invio)
Commissioni per pagamento utenze
comprese
comprese
comprese
(su disposizioni permanenti/RID ordinario)
Ciascun addebito SDD CORE
€ 0,00
€ 0,00
€ 0,00
Ciascun addebito SDD B2B
€ 0,65
€ 0,65
€ 0,65
Commissioni per bonifici permanenti
comprese
comprese
Comprese
Periodicità di Liquidazione
trimestrale
trimestrale
Trimestrale
Periodicità invio estratto conto
trimestrale
trimestrale
trimestrale
Per quanto di seguito non riportato valgono le condizioni previste per il Conto Corrente Ordinario Imprese riportato nel
presente Foglio.
(1)
“Numero annuo operazioni gratuite”: per “operazioni gratuite” si intende che per ognuna di esse la Banca non addebita
la “spesa per operazione”.
Per i nuovi clienti può essere previsto uno sconto/agevolazione sull'importo del canone del conto nel caso in cui vengano
sottoscritti contestualmente ulteriori prodotti bancari. Per informazioni sui prodotti bancari specifici e sull'entità
dell'agevolazione si invita a prendere contatto con la Filiale."
MODULO (O PROGRAMMA) DI CATEGORIA
Il modulo (o programma), al quale il cliente che intende richiedere l’apertura di Conto SemprePiù Impresa dichiara di
appartenere (Artigiani, Commercianti, Piccole Aziende, Agricoltori, Professionisti e Farmacisti), prevede dei prodotti e
servizi mirati al soddisfacimento dei bisogni specifici di ogni tipologia di attività.
Per il dettaglio delle condizioni dei singoli prodotti sotto citati si rinvia allo specifico Foglio Informativo.
A seguito dell’apertura del Conto SemprePiù Impresa il cliente potrà richiedere – a propria discrezione- detti
prodotti/servizi con le relative agevolazioni sotto riportate.
Programma Artigiani
@Time Impresa Light
Carta di Debito Internazionale
Finanziamento Scorte e Magazzino
Per Titolare o Soci dell’Impresa:
Gamma Mutuo Facile
Conto SemprePiù Famiglia Light
Programma Commercianti
Servizio P.O.S. Fisso Singolo
Conto Anticipi su Incassi P.O.S.
Per Titolare o Soci dell’Impresa:
Gamma Mutuo Facile
Conto SemprePiù Famiglia Light
Programma Piccole Aziende
@Time Impresa
Finanziamento Innovazione Tecnologica e Ricerca &
Sviluppo
Finanziamento Brevetti e Marchi
Finanziamento Internazionalizzazione
Finanziamento Credito Solare
Finanziamento Azienda e Ambiente
Per Titolare o Soci dell’Impresa:
Conto SemprePiù Famiglia Light
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
nessun canone per i primi 12 mesi
nessun canone per la seconda carta
esenzione spese di istruttoria
sconto 50% spese di istruttoria
nessun canone mensile numero operazioni gratuite
illimitate (1)
esenzione dal canone mensile
esente spese tenuta conto
sconto 50% spese di istruttoria
nessun canone mensile numero operazioni gratuite
illimitate (1)
nessun canone per i primi 12 mesi
sconto 50% spese di istruttoria
sconto 50% spese di istruttoria
sconto 50% spese di istruttoria
sconto 50% spese di istruttoria
sconto 50% spese di istruttoria
nessun canone mensile numero operazioni gratuite
illimitate (1)
Parte seconda: IMPRESE
Pag. 50 di 69
Programma Professionisti
Servizio P.O.S. Fisso Singolo
Carta di Credito Business
Per Titolare o Soci dell’Impresa:
Gamma Mutuo Facile
Conto SemprePiù Rendimento
Conto SemprePiù Famiglia Light
Programma Agricoltori
Carta di Debito Internazionale
Finanziamento cambiario a breve termine “Mondo Verde”
(sconto di cambiale agraria)
Finanziamento chirografario a breve termine “Mondo
Verde”
Finanziamento chirografario a medio termine “Mondo
Verde”
Finanziamento chirografario a breve termine (settore
vitivinicolo) “Mondo Verde”
Finanziamento ipotecario “Mondo Verde”
Finanziamento Credito Solare
Per Titolare o Soci dell’Impresa:
Gamma Mutuo Facile
Conto SemprePiù Famiglia Light
Programma Farmacisti
@Time Impresa Light
Carta di Credito Business
Servizio P.O.S. fisso Singolo
Conto anticipi su Incassi P.O.S.
Finanziamento per le Farmacie
Per Titolare o Soci dell’Impresa:
Gamma Mutuo Facile
Conto SemprePiù Famiglia Light
esenzione dal canone mensile
esenzione dal primo canone annuo
sconto 50% spese di istruttoria
sconto 50% sul canone
nessun canone mensile numero operazioni gratuite
illimitate (1)
esenzione dal primo canone annuo
sconto 50% spese di istruttoria
sconto 50% spese di istruttoria
sconto 50% spese di istruttoria
sconto 50% spese di istruttoria
sconto 50% spese di istruttoria
sconto 50% spese di istruttoria
sconto 50% spese di istruttoria
nessun canone mensile numero operazioni gratuite
illimitate (1)
nessun canone per i primi 12 mesi
esenzione dal primo canone annuo
esenzione dal canone mensile
esente spese tenuta conto
sconto 50% spese di istruttoria
sconto 50% spese di istruttoria
nessun canone mensile numero operazioni gratuite illimitate
1)
(1) “Numero annuo operazioni gratuite”: per “operazioni gratuite” si intende che per ognuna di esse la Banca non addebita
la “spesa per operazione”.
“DEPOSITO SEMPREPIÙ” (Deposito Vincolato di Somme)
CARATTERISTICHE
Il “Deposito SemprePiù” è un deposito vincolato di somme in conto (cosiddetto “Time Deposit”) destinato ad Aziende
fiscalmente residenti in Italia, per il quale il Cliente conclude con la Banca un contratto Quadro.
Con questo Servizio, connesso al conto corrente di corrispondenza, il Cliente richiede di vincolare per una certa durata
una somma di denaro che la Banca custodisce e restituisce alla scadenza convenuta corrispondendo gli interessi
pattuiti con apposito atto.
Il cliente può vincolare con il “Deposito SemprePiù” più somme in momenti diversi, concordando di volta in volta, per
iscritto, una durata ed un tasso di remunerazione diverso, tasso che per ciascuna sottoscrizione rimarrà fisso per tutta
la durata del vincolo.
Ad ogni sottoscrizione di vincolo il cliente dovrà sottoscrivere un documento che riepiloga l’importo depositato, la durata
del vincolo ed il tasso concordato. In questo documento verranno riepilogati i dati relativi ad eventuali somme vincolate
già presenti nello stesso deposito.
Il cliente avrà diritto al riconoscimento degli interessi solamente se rispetterà il periodo temporale di vincolo, senza
chiedere anticipatamente la disponibilità della somma.
Il “Deposito SemprePiù” è un deposito sicuro. I rischi principali sono:
il rischio di controparte, cioè l’eventualità che la Banca non sia in grado di rimborsare al correntista, in tutto o in
parte, il saldo disponibile. Per questa ragione la Banca aderisce al sistema di garanzia Fondo Interbancario di
Tutela dei Depositi che assicura a ciascun depositante una copertura fino a 100.000,00 euro;
la richiesta di estinzione anticipata da parte del Cliente che comporta il riconoscimento allo stesso del solo
tasso creditore previsto dal contratto di conto corrente, con decorrenza dall’inizio del deposito vincolato estinto
anticipatamente.
Parte seconda: IMPRESE
Pag. 51 di 69
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
PRINCIPALI CONDIZIONI ECONOMICHE
SPESE
FISSE
Gestione
liquidità
SPESE
VARIABILI
Gestione
liquidità
Interessi creditori
OPERATIVITA’ DEPOSITO VINCOLATO
DI SOMME
CAPITALIZ
-ZAZIONE
INTERESSI
SOMME
DEPOSITATE
VOCI DI COSTO
Spese per l’apertura del deposito
Non previste
Spese annue per conteggio interessi e competenze
Non previste
Registrazione di ogni operazione
Non previste
Tasso creditore annuo nominale
Minimo 0,010%
Periodicità
Alla data di scadenza del vincolo
scadenze vincolo possibili
Deposito SemprePiù
(richiedibile sia per nuove Giacenze, sia per
Giacenze del cliente già in essere presso la Banca)
Estinzione totale anticipata dell’importo vincolato
Estinzione parziale dell’importo vincolato
Importo
minimo
sottoporre a Vincolo
da
- 3 mesi
- 6 mesi
- 12 mesi
- a scadenza libera fino ad
un massimo di 24 mesi
superiore a 5.000 euro
In questo caso la somma
viene ripristinata sul c/c del
cliente con la valuta di
sottoscrizione originaria in
modo tale da garantire la
remunerazione al tasso del
conto corrente del cliente
medesimo.
Non consentita
Imposte
Imposta di bollo
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
come previsto dalla legge
Parte seconda: IMPRESE
Pag. 52 di 69
CONTO DOMOGEST
Caratteristiche e rischi tipici
Conto corrente con spese forfetarie trimestrali intestato al Condomìnio.
CONDIZIONI ECONOMICHE applicate al CONTO DOMOGEST
Per quanto di seguito non riportato valgono le condizioni previste nella terza parte “Consumatori/Imprese” all’interno del
presente Foglio.
Servizi di conto corrente
N. annuo operazioni gratuite
200 *
N. annuo operazioni gratuite per addebito assegni
100 *
Spese per operazione
€ 1,06
Spese forfetarie trimestrali
€ 25,00
Spesa tenuta conto
€ 0,00
Spesa per comunicazioni ai sensi normativa sulla Trasparenza Bancaria
1) invio in formato cartaceo
€ 1,30
2) invio con modalità telematica
€ 0,00
Comunicazione variazione condizioni contrattuali ai sensi
Art.118 Dlgs 385/1993 (TUB)
€ 0,00 qualunque sia la modalità di invio
Spesa invio estratto di conto
€ 0,00 (sia con invio cartaceo, sia con invio internet)
Periodicità invio estratto conto (e/c) trimestrale vedi (“Legenda” in calce)
Periodicità di liquidazione
Trimestrale
*Ripartite in base alla periodicità di liquidazione
Servizi di incasso e pagamento
Spese per presentazione all’ incasso di bollettini MAV
Bollettino bancario “Freccia”
•
commissione di accredito bollettino ns.banca/altre
banche
•
pagamento da parte del condomino per conto
•
pagamento da parte del condomino per cassa
Spese per bonifico da Remote Banking (@ Time Impresa)
Commissioni per ciascun addebito SDD CORE
Commissioni per ciascun addebito SDD B2B
Pagamento presso ns. sportelli di spese/quote
condominiali da parte dei condòmini:
•
bonifici per cassa
•
bonifici con addebito in c/c
€ 2,25
€ 0,50
€ 1,00
€ 1,00
€ 0,00
€ 0,65
€ 0,65
esenti da spese per il I° anno (a decorrere dall’accesso a
C/Domogest)
Esenti da spese
Oltre alle condizioni economiche soprariportate il pacchetto prevede agevolazioni sui seguenti prodotti/servizi:
Servizio @ time impresa
Attivazione del servizio
Gratuita
Canone annuo
Gratuito primo anno
Servizio P.O.S.
Installazione
Gratuita
Canone annuo
Gratuito primo anno
Commissione Pagobancomat
0,60 %
Disinstallazione
Gratuita
Il Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM) previsto dall’art. 2 della legge sull’usura (l. n. 108/1996), relativo ai contratti di conto
corrente, può essere consultato in filiale e sul sito Internet www.popolarevicenza.it
Le condizioni economiche indicate nel presente Foglio Informativo saranno comunque e sempre applicabili solo nel rispetto del limite
massimo del TEG di cui alla citata legge 108/96 relativo alle specifiche operazioni.
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte seconda: IMPRESE
Pag. 53 di 69
CONTO DOMOGEST OFFERTA 2015
Caratteristiche e rischi tipici
Conto corrente con spese forfetarie trimestrali intestato al Condomìnio.
Offerta riservata ai nuovi correntisti fino al 31/12/2015.
CONDIZIONI ECONOMICHE applicate al CONTO DOMOGEST
Per quanto di seguito non riportato valgono le condizioni previste nella terza parte “Consumatori/Imprese” all’interno del
presente Foglio.
Servizi di conto corrente
N. annuo operazioni incluse nelle spese forfetarie
illimitate
Spese forfetarie trimestrali
€ 25,00
Spesa tenuta conto
€ 0,00
Spesa per comunicazioni ai sensi normativa sulla Trasparenza Bancaria
1) invio in formato cartaceo
€ 1,30
2) invio con modalità telematica
€ 0,00
Comunicazione variazione condizioni contrattuali ai sensi
Art.118 Dlgs 385/1993 (TUB)
€ 0,00 qualunque sia la modalità di invio
Spesa invio estratto di conto
€ 0,00 (sia con invio cartaceo, sia con invio internet)
Periodicità invio estratto conto (e/c) trimestrale vedi (“Legenda” in calce)
Periodicità di liquidazione
Trimestrale
Servizi di incasso e pagamento
Spese per presentazione all’ incasso di bollettini MAV
Bollettino bancario “Freccia”
•
commissione di accredito bollettino ns.banca/altre
banche
•
pagamento da parte del condomino per conto
•
pagamento da parte del condomino per cassa
RID commerciale:
•
disposizioni su supporto ns. banca
•
disposizioni su supporto altra banca
•
commissione per pagamento da parte del condòmino
(disposizione permanente addebito in c/c)
Spese per bonifico da Remote Banking (@ Time Impresa)
Commissioni per ciascun addebito SDD CORE
Commissioni per ciascun addebito SDD B2B
Pagamento presso ns. sportelli di spese/quote
condominiali da parte dei condòmini:
•
bonifici per cassa
•
bonifici con addebito in c/c
€ 1,00
€ 0,50
€ 1,00
€ 1,00
€ 1,00
€ 1,00
€ 0,65
€ 0,00
€ 0,65
€ 0,65
esenti da spese per i primi 2 anni (a decorrere
dall’accesso a C/Domogest)
Esenti da spese
Oltre alle condizioni economiche soprariportate il pacchetto prevede agevolazioni sui seguenti prodotti/servizi:
Servizio @ time impresa
Attivazione del servizio
Canone annuo
Gratuita
Gratuito primo anno
Il Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM) previsto dall’art. 2 della legge sull’usura (l. n. 108/1996), relativo ai contratti di conto
corrente, può essere consultato in filiale e sul sito Internet www.popolarevicenza.it
Le condizioni economiche indicate nel presente Foglio Informativo saranno comunque e sempre applicabili solo nel rispetto del limite
massimo del TEG di cui alla citata legge 108/96 relativo alle specifiche operazioni.
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte seconda: IMPRESE
Pag. 54 di 69
CONTO DOMOGEST LIGHT
Caratteristiche e rischi tipici
Conto corrente con spese forfetarie trimestrali intestato al Condomìnio.
CONDIZIONI ECONOMICHE applicate al CONTO DOMOGEST LIGHT
Per quanto di seguito non riportato valgono le condizioni previste nella terza parte “Consumatori/Imprese” all’interno del
presente Foglio.
Servizi di conto corrente
N. annuo operazioni gratuite
60 *
N. annuo operazioni gratuite per addebito assegni
20 *
Spese per operazione
€ 1,15
Spese forfetarie trimestrali
€ 10,00
Spese per produzione e invio estratto conto
€ 2,40 con invio cartaceo
€ 0,00 con invio tramite Internet
Spesa tenuta conto
€ 0,00
Periodicità invio estratto conto (e/c) trimestrale
vedi (“Legenda” in calce)
Periodicità di liquidazione
Trimestrale
Spesa per comunicazioni ai sensi normativa sulla Trasparenza Bancaria
1) invio in formato cartaceo
€ 1,30
2) invio con modalità telematica
€ 0,00
Comunicazione variazione condizioni contrattuali ai sensi
Art.118 Dlgs 385/1993 (TUB)
€ 0,00 qualunque sia la modalità di invio
*Ripartite in base alla periodicità di liquidazione
Servizi di incasso e pagamento
Spese per presentazione all’ incasso di bollettini MAV
Bollettino bancario “Freccia”
•
commissione di accredito bollettino ns.banca/altre
banche
•
pagamento da parte del condomino per conto
•
pagamento da parte del condomino per cassa
RID commerciale:
•
disposizioni su supporto ns. banca
•
disposizioni su supporto altra banca
•
commissione per pagamento da parte del
condòmino (disposizione permanente addebito in
c/c)
Spese per bonifico da Remote Banking (@ Time
Impresa)
Commissioni per ciascun addebito SDD CORE
Commissioni per ciascun addebito SDD B2B
Pagamento presso ns. sportelli di spese/quote
condominiali da parte dei condòmini:
•
bonifici per cassa
€ 2,25
€ 0,50
€ 1,00
€ 1,00
€ 4,10
€ 4,30
€ 0,65
€ 0,00
€ 0,65
€ 0,65
esenti da spese per il I° anno (a decorrere dall’accesso a
C/Domogest)
Esenti da spese
•
bonifici con addebito in c/c
Oltre alle condizioni economiche soprariportate il pacchetto prevede agevolazioni sui seguenti prodotti/servizi:
Servizio @ time impresa
Attivazione del servizio
Gratuita
Canone annuo
Gratuito primo anno
Servizio P.O.S.
Installazione
Gratuita
Canone annuo
Gratuito primo anno
Commissione Pagobancomat
0,60 %
Disinstallazione
Gratuita
Il Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM) previsto dall’art. 2 della legge sull’usura (l. n. 108/1996), relativo ai contratti
di conto corrente, può essere consultato in filiale e sul sito Internet www.popolarevicenza.it
Le condizioni economiche indicate nel presente Foglio Informativo saranno comunque e sempre applicabili solo nel
rispetto del limite massimo del TEG di cui alla citata legge 108/96 relativo alle specifiche operazioni.
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte seconda: IMPRESE
Pag. 55 di 69
CONTO DOMOGEST LIGHT OFFERTA 2015
Caratteristiche e rischi tipici
Conto corrente con spese forfetarie trimestrali intestato al Condomìnio.
Offerta riservata ai nuovi correntisti fino al 31/12/2015.
CONDIZIONI ECONOMICHE applicate al CONTO DOMOGEST
Per quanto di seguito non riportato valgono le condizioni previste nella terza parte “Consumatori/Imprese” all’interno del
presente Foglio.
Servizi di conto corrente
N. annuo operazioni incluse nelle spese forfetarie
160*
N. annuo operazioni incluse nelle spese forfetarie per
60*
addebito assegni
Spese per operazione
€ 1,15
Spese forfetarie trimestrali
€ 10,00
Spese per produzione e invio estratto conto
€ 2,40 con invio cartaceo
€ 0,00 con invio tramite Internet
Spesa tenuta conto
€ 0,00
Spesa per comunicazioni ai sensi normativa sulla Trasparenza Bancaria
1) invio in formato cartaceo
€ 1,30
2) invio con modalità telematica
€ 0,00
Comunicazione variazione condizioni contrattuali ai sensi
Art.118 Dlgs 385/1993 (TUB)
€ 0,00 qualunque sia la modalità di invio
Periodicità di liquidazione
Trimestrale
* Ripartite in base alla periodicità di liquidazione
Servizi di incasso e pagamento
Spese per presentazione all’ incasso di bollettini MAV
Bollettino bancario “Freccia”
•
commissione di accredito bollettino ns.banca/altre
banche
•
pagamento da parte del condomino per conto
•
pagamento da parte del condomino per cassa
RID commerciale:
•
disposizioni su supporto ns banca
•
disposizioni su supporto altra banca
•
commissione per pagamento da parte del condòmino
(disposizione permanente addebito in c/c)
Commissioni per ciascun addebito SDD CORE
Commissioni per ciascun addebito SDD B2B
Spese per bonifico da Remote Banking (@ Time Impresa
Light)
€ 1,00
€ 0,50
€ 1,00
€ 1,00
€ 1,00
€ 1,00
€ 0,65
€ 0,65
€ 0,65
€ 0,00
esenti da spese per i primi 2 anni (a decorrere
Pagamento presso ns. sportelli di spese/quote
dall’accesso a C/Domogest)
condominiali da parte dei condòmini:
Esenti da spese
•
bonifici per cassa
•
bonifici con addebito in c/c
Oltre alle condizioni economiche soprariportate il pacchetto prevede agevolazioni sui seguenti prodotti/servizi:
Servizio @ Time Impresa Light
Attivazione del servizio
Canone annuo
Gratuita
Gratuito primo anno
Il Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM) previsto dall’art. 2 della legge sull’usura (l. n. 108/1996), relativo ai contratti di conto
corrente, può essere consultato in filiale e sul sito Internet www.popolarevicenza.it
Le condizioni economiche indicate nel presente Foglio Informativo saranno comunque e sempre applicabili solo nel rispetto del limite
massimo del TEG di cui alla citata legge 108/96 relativo alle specifiche operazioni.
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte seconda: IMPRESE
Pag. 56 di 69
CONTI IN EURO DI NON RESIDENTI
Caratteristiche e rischi tipici
Servizio destinato a facilitare le transazioni commerciali e/o le operazioni finanziarie con l’estero, a dare assistenza alle
operazioni internazionali d’ogni impresa.
Operazione volta all’accensione, a favore di un soggetto non residente, di un rapporto bancario di conto corrente in Euro.
Tra i principali rischi vanno tenuti presenti :
variazione in senso sfavorevole delle condizioni economiche (tassi di interesse ed altre commissioni e spese del
servizio) ove contrattualmente previsto;
utilizzo fraudolento da parte di terzi del libretto degli assegni, nel caso di smarrimento e sottrazione, e di eventuali
atti dispositivi apparentemente riferibili al cliente; pertanto va osservata la massima attenzione nella custodia del
libretto degli assegni e dei relativi moduli di richiesta;
accredito di assegni e di altri titoli similari al salvo buon fine, con conseguente possibilità di non poter disporre degli
importi accreditati sul conto prima della maturazione della disponibilità;
traenza di assegni bancari che risultino senza provvista al momento della presentazione al pagamento con
conseguente iscrizione nella Centrale d’Allarme Interbancaria, istituita presso la Banca d’Italia, qualora non
intervenga il pagamento ai sensi della normativa vigente.
CONDIZIONI ECONOMICHE applicate al CONTO IN EURO DI NON RESIDENTI
Tasso creditore annuo minimo
TAN 0,010% - TAE 0,010% dal 15/09/2009
Tasso debitore annuo massimo
TAN 15,000% - TAE 15,865% dal 01/10/2014
Periodicità di invio Estratto Conto
Mensile
Periodicità di Liquidazione
Standard Annuale
Spesa per comunicazioni ai sensi normativa sulla Trasparenza Bancaria
1) invio in formato cartaceo
€ 1,30
2) invio con modalità telematica
€ 0,00
Comunicazione variazione condizioni contrattuali
ai sensi art.118 Dlgs 385/1993 (TUB)
€ 0,00 qualunque sia la modalità di invio
Commissioni per ciascun addebito SDD CORE
€ 0,65
Commissioni per ciascun addebito SDD B2B
€ 0,65
- Valute
- Accrediti bonifici in euro
nel giorno di ricezione del bonifico da parte della Banca del
beneficiario
Versamenti allo sportello di divisa (contante) uguale Stesso gg operaz.
a quella in cui è espresso il conto
- Versamento allo sportello di divisa (contante)
2gg. Lav. (valuta forex)
diversa da quella in cui è espresso il conto
- Estinzione assegno
data emissione
- Oneri accessori
- Spese produzione e invio estratto conto
€ 2,65 con invio cartaceo
€ 0,00 con invio tramite Internet
- Spesa per operazione
€ 2,10
- Spesa per “Addebito assegno”
€ 2,10
- Spesa tenuta conto
€ 17,00
- Comm. di servizio per movimentazione in divisa
0,200% min. € 5,20
- Commissione per vers.di banconote estere
0,50% min. . € 9,00
- Commissione omnicomprensiva per assegni
emessi e/o negoziati all’estero:
- per importi sino al controvalore di € 1550,00
€ 13,00
- per importi superiori al controvalore di € 1550,00
€ 24,00
Periodicità di invio Estratto Conto (E/C)
trimestrale (a scelta e su richiesta del cliente:
mensile/semestrale/annuale).
Standard
Il Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM) previsto dall’art. 2 della legge sull’usura (l. n. 108/1996), relativo ai contratti di
conto corrente, può essere consultato in filiale e sul sito Internet www.popolarevicenza.it
Le condizioni economiche indicate nel presente Foglio Informativo saranno comunque e sempre applicabili solo nel
rispetto del limite massimo del TEG di cui alla citata legge 108/96 relativo alle specifiche operazioni.
Per le altre condizioni economiche comuni a tutti i conti correnti offerti, si veda la 3° parte del presente Foglio informativo
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte seconda: IMPRESE
Pag. 57 di 69
CONTO STAFF
Il “Conto Staff” è un prodotto il cui rilascio è a completa discrezionalità della Direzione della Banca.
Caratteristiche e rischi tipici
CONTO STAFF
Prodotto destinato a consentire le posticipazioni dei canoni delle operazioni di somministrazione lavoro a tempo
determinato o indeterminato, che si sostanzia in una fornitura a tempo determinato o indeterminato di risorse umane,
effettuata professionalmente da parte di un’agenzia autorizzata alla somministrazione a favore di aziende, utilizzatrici
finali della forza lavoro.
Struttura e funzione economica
Il “Conto Staff” è un prodotto ad operatività particolare e molto limitata; consente esclusivamente il pagamento dei
canoni dovuti alla agenzia di somministrazione del lavoro, addebitati su questo conto mediante addebiti-SDD, la
ricezione della necessaria provvista per farvi fronte, mediante dei Bonifici Permanenti provenienti dal conto principale
dell’impresa utilizzatrice della forza lavoro. Sono parimenti previsti giroconto tra il conto principale e il “conto staff”.
La funzione del conto è la posticipazione nel futuro del costo del lavoro, che altrimenti graverebbe subito sull’azienda
utilizzatrice, per il periodo in cui non può ancora contare sui benefici derivanti dall’aumento di tale forza lavoro.
Condizioni economiche
Tasso Interessi Creditori
Ritenuta fiscale sugli interessi Creditori (residenti)
TAN 0,010% - TAE 0,010%
come previsto dalla normativa vigente
In ipotesi di affidamento si applicano solo:
Tasso interessi debitori entro fido
TAN 15,000% - TAE 15,865% dal 01/10/2014
Commissione per l’affidamento
•
2,00% annuo (0,50% trimestrale) dell’importo totale dell’affidamento (o degli affidamenti) concessi
Commissione di istruttoria veloce – CIV (Clienti “non consumatori”)
- per sconfino inferiore o pari a € 100,00:
0,00€ (franchigia prevista dalla Banca)
- per ogni sconfino oltre la franchigia e per l’ulteriore
accrescimento dello sconfino superiore a € 100,00:
• 60 € per “sconfini” da € 100,01 a € 5.000,00
• 90 € per “sconfini” da € 5.000,01 a € 50.000,00
• 130 € per “sconfini” oltre € 50.000,01
Nota bene:
•
l’importo dello sconfinamento è da intendersi con
riguardo al saldo complessivo anche se derivante da più
addebiti;
•
la CIV sarà addebitata anche a seguito di un
accrescimento dello sconfino che determina un
passaggio di scaglione anche se tale accrescimento è
inferiore o pari a € 100,00.
pari al 9% nominale annuo, nel rispetto della normativa
anti-usura e quindi fatte salve anche le rettifiche in
diminuzione che si rendesse necessario effettuare al fine
di ricondurre il tasso effettivo globale al di sotto della
“soglia usura”.
Per quanto attiene alle condizioni per Affidamenti di c/c (Elasticità di cassa – Anticipazione bancarie – Sconti di
Portafoglio – ecc.) si rinvia al relativo Foglio Informativo
Tasso di mora
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte seconda: IMPRESE
Pag. 58 di 69
Periodicità di invio Estratto Conto (E/C)
Periodicità di Liquidazione Interessi e spese
Standard Trimestrale.
A scelta e su richiesta del cliente:
mensile/semestrale/annuale.
Standard Trimestrale
Spese e Commissioni:
- Spesa per operazione (diversa da addebito assegni)
- Minimo spese (op.diverse da Addeb.Ass.)
- Spese produzione e invio estratto conto
€ 2,35
€ 37,18 al trimestre
€ 2,65 con invio cartaceo
€ 0,00 con invio tramite Internet
- Spesa Tenuta Conto
€ 32,75 ad ogni liquidazione
- Spesa estinzione conto
€ 0,00
- Commissioni per ciascun addebito SDD CORE
€ 0,65
- Spese per comunicazioni ai sensi normativa sulla trasparenza bancaria
-invio in formato cartaceo
€ 1,30
- invio in modalità telematica “D.O.L.” (Documenti on line) € 0,00
- Comunicazione variazione condizioni contrattuali ai sensi
0,00 qualunque sia la modalità di invio
art.118 Dlgs 385/1993 (TUB)
Imposta bollo estratto conto (nei casi in cui è obbligatoria per legge):
Persona giuridica
ƒ Estratto Conto tariffa annuale
€ 100,00
con addebito suddiviso in quote trimestrali; l’addebito è annuale, in unica soluzione, per i clienti con estratto conto
annuale.
Il Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM) previsto dall’art. 2 della legge sull’usura (l. n. 108/1996), relativo ai contratti
di conto corrente, può essere consultato in filiale e sul sito Internet www.popolarevicenza.it
Le condizioni economiche indicate nel presente Foglio Informativo saranno comunque e sempre applicabili solo nel
rispetto del limite massimo del TEG di cui alla citata legge 108/96 relativo alle specifiche operazioni.
Per le altre condizioni economiche comuni a tutti i conti correnti offerti, si veda la 3° parte del presente Foglio informativo.
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte seconda: IMPRESE
Pag. 59 di 69
PARTE TERZA: PRODOTTI COMUNI A CONSUMATORI E IMPRESE - INDICATORE
SINTETICO DI COSTO DEL CONTO CORRENTE “CONSUMATORI” - INFORMAZIONI E
CONDIZIONI COMUNI A TUTTI I CONTI CORRENTI
ALTRE CONDIZIONI ECONOMICHE
OPERATIVITA’ CORRENTE E GESTIONE DELLA LIQUIDITA’
- Spesa per comunicazioni ai sensi normativa sulla Trasparenza Bancaria
1) invio in formato cartaceo
€ 1,30
2) invio con modalità telematica (servizio “D.O.L” Documenti On line )
€ 0,00
- Comunicazione variazione condizioni contrattuali ai sensi art. 118 Dlgs 385/1993 TUB)
€ 0,00 qualunque sia la modalità di invio
- Commissioni per richiesta lettura movimenti
€ 1,10
- Imposta di bollo annuale per produzione Estratto Conto (Persone Fisiche)
(nei casi e importi in cui è obbligatoria per legge)
- Imposta di bollo annuale per produzione Estratto Conto (Persone Giuridiche)
€ 100,00 (nei casi in cui è obbligatoria per legge)
- Ritenuta Fiscale sugli Interessi Creditori
Come previsto da normativa vigente
Tasso di Mora: pari al 9% nominale annuo, nel rispetto della normativa anti-usura e quindi fatte salve anche le rettifiche in diminuzione
che si rendesse necessario effettuare al fine di ricondurre il tasso effettivo globale al di sotto della “soglia usura”.
SERVIZI DI PAGAMENTO
CARTA BANCOMAT “VALID ONLY IN EUROPE”
- Carta dotata di tecnologia micro-chip
- Carta abilitata al circuito Bancomat/Pagobancomat, Maestro, Fastpay, Quimultibanca
- sul fronte della carta è riportata la dicitura “Valid only in Europe” pertanto l’utilizzo è consentito esclusivamente
nei seguenti paesi dell’area geografica europea e in alcuni paesi limitrofi all’Europa nei quali vige la tecnologia a
microcircuito:
-
Albania, Andorra, Armenia, Austria, Azerbaijan, Bielorussia, Belgio, Bosnia-Erzegovina, Bulgaria,
Croazia, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Georgia, Germania, Gibilterra, Grecia, Isole
Faroer, Israele, Italia, Irlanda, Islanda, Kazakistan, Kyrgyzstan, Kosovo, Lettonia, Liechtenstein,
Lituania, Lussemburgo, Macedonia, Malta, Moldavia, Montenegro, Norvegia, Olanda, Polonia,
Portogallo, Principato di Monaco, Repubblica Ceca, Regno Unito, Romania, Russia, San Marino, Serbia,
Slovacchia, Slovenia, Spagna, Stato del Vaticano, Svezia, Svizzera, Tajikistan, Turchia, Turkmenistan,
Ucraina, Ungheria, Uzbekistan.
le operazioni di pagamento Pos e di prelievo contante vengono autorizzate verificando il saldo disponibile del conto
corrente comprensivo di eventuali affidamenti di cassa.
Si precisa che la parola “Estero” con riferimento alla Carta Bancomat “Valid Only in Europe” è sempre da intendersi
come “Europa” nell’ambito dei Paesi sopra elencati.
Commissioni di Prelevamento in Italia tramite ATM – circuito Bancomat
- c/o sportelli ATM Gruppo Banca Popolare di Vicenza
- c/o sportelli ATM altre Banche
Esente
€ 2,20
Commissioni di Prelevamento in Italia tramite ATM – circuito Cirrus/Maestro
- c/o sportelli ATM Gruppo Banca Popolare di Vicenza
- c/o sportelli ATM altre Banche
€ 2,20
€ 2,20
Commissioni di Prelevamento all’Estero tramite ATM – circuito Cirrus/Maestro
- in Paesi aderenti U.M.E.
- in Paesi non aderenti U.M.E.
€ 2,20
€ 4,13
Commissioni per Pagamenti di beni e servizi:
- in Italia tramite Circuito Pagobancomat
- In Italia e paesi U.M.E. tramite Circuito Cirrus/Maestro
- all’Estero tramite Circuito Maestro (Paesi Non U.M.E.)
Esenti
Esenti
€ 0,52
Commissioni utilizzo all’Estero (circuito Cirrus/Maestro)
- Maggiorazione su prelevamenti e pagamenti del tasso di cambio per i Paesi non aderenti
U.M.E.
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte terza:
CONSUMATORI/IMPRESE
1,80%
Pag. 60 di 69
Servizi QuiMultiBanca:
- Pagamento Bollette Telecom presso ATM Gruppo Banca Popolare di Vicenza
- Pagamento Bollette Telecom presso ATM altre Banche
- Ricariche telefoniche
- Ricarica Carte Servizi Gestori Telefonici
- Ricariche servizi Digitale Terrestre
- Commissioni per pagamento canoni RAI
€ 0,77
€ 1,00
Esenti
Gratuite
Gratuite
€ 1,50
Negli impianti Bancomat appositamente attrezzati è possibile:
- Versamento di banconote e/o assegni bancari o circolari:
€ 0,00
L’importo delle banconote versate viene accreditato sul conto di regolamento.
L’importo degli assegni versati viene accreditato sul conto di regolamento della Carta il “giorno di versamento”.
Per “giorno di versamento” si intende:
- lo stesso giorno del versamento, se questo è stato effettuato nei giorni operativi/lavorativi bancari entro l’orario di
apertura al pubblico della Filiale;
- il giorno operativo/lavorativo bancario successivo, se il versamento è effettuato nei giorni festivi oppure oltre l’orario di
apertura al pubblico della Filiale;
Le valute di versamento, i termini di disponibilità ed i termini di non stornabilità degli assegni sono conteggiati a partire
dal “giorno di versamento”.
Valute e termini sono riportati nel Foglio Informativo dei conti correnti.
Servizio Fast Pay:
- Commissioni per pedaggi autostradali
Esenti
Valute di addebito:
- per operazioni di prelevamento
- per operazioni di pagamento beni e servizi
- per pagamenti di pedaggi autostradali
- giorno del prelevamento
- giorno dell’operazione
- media ponderata sui transiti
mensili
- Commissioni per riemissione carta
(a seguito di blocco/furto/smarrimento/smagnetizzazione
€ 10,00
CARTE DI CREDITO: Carta di Credito “Osella” Visa e Paypass Mastercard
Commissione Annuale:
- Carta Principale (monofunzione)
- Carta Aggiuntiva (monofunzione)
€ 35,00
€ 30,00
Altre spese per:
- anticipo contante
- riemissione carta smarrita o rubata
- rifornimento carburante
- qualsiasi comunicazioni inviate al Titolare
- richiesta copia di singolo documento
- richiesta copia Estratto Conto relativa ad un anno intero
- rimborso spese per invio Estratto Conto mensile
- quota associativa annua per Servizio Viacard
- commissioni applicate qualora l’E/C contenga Pedaggi Autostradali
- servizio SMS Alert
- commissioni utilizzo all’Estero (maggiorazione sul tasso di cambio)
- imposta di bollo su estratto conto mensile
4%
€ 22,00
€ 0,77
€ 2,00
€ 0,50
€ 17,00
€ 1,29
€ 15,49
€ 2,00
Gratuito
1,75%
come da normativa vigente
ASSEGNI
Assegni Bancari ns. Banca (emessi e tratti su conti correnti in essere presso la Banca)
- Rilascio carnet assegni “non trasferibili”:
gratuito
- Rilascio carnet assegni “trasferibili”:
imposta di bollo pari a 1,50 euro per
modulo di assegno (pari a 15 euro per
carnet)
- Valuta estinzione (pagamento) assegno:
data emissione
- Per ogni assegno effettivamente utilizzato, addebitato in sede di
chiusura periodica del conto (per i conti aperti ante 31/12/2010 exCariprato)
€ 0,10
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte terza:
CONSUMATORI/IMPRESE
Pag. 61 di 69
-Commissione per la gestione assegni non pagati per mancanza fondi o
altri motivi (a titolo di recupero forfetario di spese):
€ 20,00
La Banca non rilascia moduli di assegni bancari singoli, ma solo libretti completi di 10 moduli.
Pertanto, qualora il Cliente, ricorrendo i presupposti di legge, abbia la necessità di trarre un unico assegno libero e non
intenda chiedere il rilascio di un intero libretto di assegni (che comporterebbe l’addebito dell’imposta di bollo sopra
indicata di 15 euro per tutti i 10 moduli) potrà, come alternativa, richiedere l’emissione di un assegno circolare libero,
sempre nel rispetto del limite previsto dalla Normativa.
Assegni Circolari ns. Banca
- Emissione assegni circolari “non trasferibili”:
- Emissione assegni circolari “trasferibili”:
gratuita
imposta di bollo pari a 1,50 euro
Termini di Non Stornabilità per assegni negoziati presso la Banca
(anche eseguiti a mezzo Cassa Continua)
- Giorni per Assegni Bancari ns. Banca tratti sullo stesso sportello di versamento
- Giorni per Assegni Bancari ns. Banca tratti su altre Filiali
- Giorni per Assegni Circolari ns. Banca
- Giorni per Assegni Circolari di altre Banche
3 giorni lavorativi
6 giorni lavorativi
3 giorni lavorativi
(anche a fronte di Riaccredito a seguito di segnalaz. impagato CHT-Check Truncation)
7 giorni lavorativi
- Giorni per Assegni bancari di altre Banche
(anche a fronte di Riaccredito a seguito di segnalaz. impagato CHT-Check Truncation)
7 giorni lavorativi
Commissioni per Assegni negoziati ritornati protestati/insoluti/richiamati
- Spese/commissioni applicate a seguito di restituzione assegni protestati da parte della Banca
trattaria (alle quali vanno aggiunte le spese di protesto e la commissione interbancaria “cedente” nel
caso di assegni di altre Banche)
- Spese/commissioni applicate a seguito di restituzione assegni insoluti/richiamati
1,500% con minimo di €
5,00 ed un massimo di
€ 31,00 per ogni
assegno
€ 6,20 per assegno
(alle quali vanno aggiunte eventuali spese telegrafiche, telefoniche, eventuali spese reclamate, più la
commissione interbancaria “cedente” nel caso di assegni di altre Banche)
Commissioni per Assegni emessi e/o negoziati all’Estero
(pervenuti per l’incasso)
Commissione omnicomprensiva
- per importi sino al controvalore di € 1.550,00
- per importi superiori al controvalore di € 1.550,00
€ 13,00
€ 24,00
Disponibilità somme versate (da che giorno sono disponibili)
Contante
Ass.circolari stessa Banca
stesso giorno
dal 2° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 2° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
dal 4° giorno lavorativo
successivo al vers.
Ass.bancari stessa Filiale
Ass.bancari altre Filiali
Ass.circolari altre Banche e vaglia Banca d’Italia
Ass.bancari altre banche
Nota esplicativa su “Check Truncation”
La Check Truncation è la procedura tramite la quale è stata eliminata nei primi anni ’90, la trasmissione cartacea – tra Banche – degli
assegni bancari e circolari sotto un certo importo limite che attualmente è il seguente:
•
assegni bancari di importo fino a 5.000,00 euro
•
assegni circolari di qualsiasi importo.
Quando gli assegni rientranti negli importi di cui sopra vengono versati presso la Banca negoziatrice, la stessa non li trasmette in
cartaceo alla Banca trattaria, ma li trattiene presso di sé (cosiddetta “troncatura”) trasmettendo alla trattaria solo un messaggio
telematico contenente i dati descrittivi e contabili dell’assegno negoziato.
Tuttavia, qualora sul conto corrente di traenza non vi sia la provvista (cioè i fondi necessari per pagare l’assegno) o vi siano altri motivi
legali di impedimento al pagamento, la Banca trattaria deve comunicare alla Banca negoziatrice il rifiuto del pagamento dell’assegno,
tramite un apposito messaggio di impagato.
Ricevuto il messaggio di impagato, la Banca negoziatrice ha l’obbligo di inviare l’assegno cartaceo alla Banca trattaria per il tramite
della Stanza di Compensazione, affinché la Banca trattaria proceda nei controlli e adempimenti necessari (eventuale protesto, ecc.).
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte terza:
CONSUMATORI/IMPRESE
Pag. 62 di 69
Detta presentazione in Stanza di Compensazione di assegno già “segnalato impagato in check truncation” costituisce un nuovo ciclo
di incasso, con addebito dell’importo dell’assegno con contestuale riaccredito “salvo buon fine” e nuova decorrenza dei termini di
disponibilità e non stornabilità.
UTENZE
- Commissioni per pagamento per c/c - Utenza Acqua
- Commissioni per pagamento per c/c - Utenza Gas
- Commissioni per pagamento per c/c - Utenza Luce
- Commissioni per pagamento per c/c - Utenza Telefono
€ 3,10
€ 3,10
€ 3,10
€ 3,10
PAGAMENTI RICORRENTI
- Commissioni per Bonifico ricorrente presso ns. Banca
- Commissioni per Bonifico ricorrente presso altra Banca
€ 2,10
€ 2,10
ALTRO
- Commissioni per Pagamento RAV ns. Banca
- Commissioni per Pagamento RAV di altre Banche
- Commissioni per Pagamento Bollettini Bancari ns. Banca
- Commissioni per Pagamento Bollettini Bancari di altre Banche
- Commissioni per pagamento ICI
- Commissioni per pagamento Utenze di Tesoreria
- Commissioni per pagamento Contributi assistenziali
- Commissioni per pagamento altre Imposte
- Commissioni per accredito Bollettini Bancari pagati presso ns. Banca
- Commissioni per accredito Bollettini Bancari pagati presso altre Banche
- Commissioni per Pagamento Bollettini Postali Premarcati tramite Internet Banking Privati
- Commissioni per Pagamento Bollettini Postali Bianchi tramite Internet Banking Privati
- Commissione per disposizione pagamenti attraverso servizio CBILL tramite Internet Banking
Privati e Corporate
- Commissione fissa per ogni autorizzazione al pagamento tramite MyBank
€ 1,60
€ 1,60
€ 1,00
€ 1,00
€ 1,29
€ 1,00
€ 1,55
€ 2,58
€ 0,50
€ 0,50
€ 2,10 (comprensive
della commissione
richiesta da Poste
Italiane)
€ 2,10 (comprensive
della commissione
richiesta da Poste
Italiane)
€ 2,00 (comprensiva
dei diritti da
riconoscersi al
Consorzio CBI,
fornitore del servizio)
€ 0 fino al 30/6/2014
€ 1,50 dal 1/7/2014
Commissioni specifiche previste per il servizio addebito diretto- SDD per :
-
la richiesta del cliente di recuperare – presso la banca del creditore- copia del mandato:
€ 15,00
la richiesta del cliente di introdurre limiti al servizio con riguardo ai soggetti creditori, importi e periodicità: € 5,00
(alla prima richiesta e ad ogni successiva modifica)
la richiesta del cliente di rimborso
€ 4,00
valuta di addebito sul conto corrente del pagatore:
data di scadenza dell’addebito
ALTRI SERVIZI DI PAGAMENTO
Se il correntista riceve (con accredito sul conto corrente) o dispone (con addebito sul conto corrente) un bonifico in
qualsiasi divisa (diversa da euro) da o verso paesi extra UE per qualsiasi importo, deve corrispondere quanto previsto
dalle condizioni economiche per tali tipologie di bonifico, rilevabili dal Foglio Informativo “Estero” a disposizione della
clientela presso le Filiali della Banca e pubblicato sul sito Internet della medesima.
VALUTE
- Giorni Valuta Prelevamento di Contante (come prescritto dalla legge)
- Giorni per Versamento di Contante su Conto
- Giorni per Versamento Assegni bancari stessa Filiale
- Giorni per Versamento Assegni bancari ns. Banca
- Giorni per Versamento Assegni circolari ns. Banca
- Giorni per Versamento Assegni circolari di altre Banche/vaglia Banca d’Italia
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte terza:
CONSUMATORI/IMPRESE
0 giorni
0 giorni
0 giorni
0 giorni
0 giorni
1 giorno lavorativo
Pag. 63 di 69
- Giorni per Versamento Assegni bancari di altre Banche
- Giorni per Versamento Vaglia e Assegni postali
3 giorni lavorativi
1 giorno lavorativo
- Giorni per riaccredito sbf assegni bancari/circolari di altre Banche segnalati pagati
Check Truncation
0 giorni
- Giorni per Versamento a mezzo Cassa Continua di Contante, Assegni Bancari stessa Filiale
Assegni Bancari/Circolari ns. Banca
- Giorni per Versamento a mezzo Cassa Continua di Assegni Bancari/Circolari altre Banche
giorno di
verbalizzazione
dal giorno di
verbalizzazione come
per vers. allo Sportello
data di negoziazione
- Addebito assegno a causa di messaggio di impagato Check Truncation pervenuto
dalla banca trattaria:
- Addebito assegno a seguito messaggio di impagato pervenuto dalla banca
trattaria su nuovo ciclo di incasso (assegno precedentemente negoziato in Check
Truncation):
- Addebito assegno, non check truncation, a seguito di messaggio di impagato
pervenuto dalla banca trattaria:
data di presentazione in
Stanza di
compensazione per il
nuovo ciclo di incasso
data di negoziazione
CONDIZIONI COMUNI ALLE OPERAZIONI DI PAGAMENTO DISCIPLINATE DAL DLGS 11/2010
Recepimento Direttiva Europea sui Servizi Di Pagamento - PSD
TEMPI MASSIMI DI ESECUZIONE DELLE OPERAZIONI DI PAGAMENTO
I tempi di accredito al beneficiario di un ordine di pagamento cambiano a seconda delle modalità con cui l’ordine viene
presentato e se il beneficiario ha il conto corrente presso la stessa nostra Banca o presso banca diversa.
Si veda il seguente schema.
Modalità di presentazione dell’ordine di pagamento
Quando avviene l’accredito alla banca del
beneficiario se DIVERSA da quella dell’ordinante
- se ordine cartaceo di pagamento presentato allo sportello (o entro 2 giorni operativi dalla data di ricezione
su supporto magnetico quali floppy disk, cd-rom, ecc.):
dell’ordine stesso
- se ordine di pagamento inserito in via telematica/on-line:
entro 1 giorno operativo dalla ricezione dell’ordine
- se ordine di bonifico inserito in via telematica (tramite nel giorno indicato dal cliente come “Data valuta
@Time Impresa, altri Remote Banking) ma con indicazione banca”. Inoltre il bonifico viene addebitato sul conto
da parte dell’ordinante della “Data valuta banca”:
dell’ordinante il giorno operativo precedente alla data
di accredito alla banca del beneficiario;
N.B.: se la “Data valuta banca” indicata dal cliente cade in una giornata non operativa o coincide con lo stesso
giorno di inserimento dell’ordine in via telematica, la data valuta banca viene posticipata alla prima giornata
operativa successiva.
Modalità di presentazione dell’ordine di pagamento
- se ordine cartaceo di pagamento presentato allo sportello (o
su supporto magnetico quali floppy disk, cd-rom, ecc.):
- se ordine di pagamento inserito in via telematica/on-line:
Quando avviene l’accredito al beneficiario che
abbia il conto presso la STESSA banca
dell’ordinante (nostra Banca)
entro lo stesso giorno operativo dell’esecuzione
dell’ordine e comunque non oltre 1 giorno operativo
dalla ricezione dell’ordine stesso
nello stesso giorno di ricezione dell’ordine
ORARI LIMITE PER LA RICEZIONE DI ORDINI DI PAGAMENTO (cosiddetto “CUT-OFF”)
Se presentato negli orari limite sotto indicati, l’ordine di pagamento conferito dal cliente in forma cartacea sarà eseguito
dalla Banca non oltre la giornata operativa successiva al giorno della ricezione dell’ordine medesimo, come previsto
dall’art. 20, comma 1, del D.Lgs. 11/2010.
Gli ordini ricevuti dopo l’orario limite sotto indicato (cut-off) si considerano ricevuti nella giornata operativa
successiva:
- per disposizioni allo sportello (supporto cartaceo):
orario di sportello della Banca (da Lunedì a Venerdì)
ore 19.00 delle giornate operative per la Banca
- per disposizioni impartite tramite il canale internet
(da Lunedì a Venerdì)
(www.atime.it):
- per disposizione impartite tramite Remote Banking (@Time
ore 13.30 delle giornate operative per la Banca
Impresa, CBI):
(da Lunedì a Venerdì)
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte terza:
CONSUMATORI/IMPRESE
Pag. 64 di 69
- per disposizioni tramite supporto magnetico (floppy disk, cd rom,.):
- per disposizioni BIR (bonifici di importo rilevante superiori a
500.000,00 euro) e Bonifici Urgenti:
ore 13.30 delle giornate operative per la Banca
(da Lunedì a Venerdì)
ore 15.00 delle giornate operative per la Banca
(da Lunedì a Venerdì)
VALUTE
- Valuta di addebito sul conto corrente del pagatore
- Valuta di accredito sul conto corrente del beneficiario
data di esecuzione del bonifico
giorno di ricezione da parte della Banca del
beneficiario
ALTRE SPESE/COMMISSIONI
Gestione revoca da parte del Cliente di ordine di pagamento
Comunicazione motivata di rifiuto da parte della Banca
dell’esecuzione ordine:
Recupero fondi se identificativo fornito dal Cliente inesatto
(corrispondente a soggetto diverso)
Richiesta specifica di contabile su operazioni eseguite/invio
cartaceo del riepilogo mensile “operazioni di pagamento”
€ 10,00
€ 10,00
€ 15,00, oltre alle eventuali spese reclamate dalla
banca del beneficiario
€ 1,30
RECESSO E RECLAMI
Recesso dal contratto
Si può recedere dal contratto in qualsiasi momento, senza penalità e senza spese di chiusura del conto.
Tempi massimi di chiusura del rapporto contrattuale
Dal momento della richiesta di chiusura del rapporto e della restituzione alla Banca, da parte del Cliente, dei materiali
riguardanti i servizi regolati sul conto corrente (ad esempio la carta di debito, la carta di credito, i moduli di assegni
bancari, ecc.) la Banca ha al massimo 90 giorni per chiudere il conto stesso.
Il termine massimo è indicativo nel senso che, in mancanza di complessità dovute a rapporti collegati al conto da
chiudere, l’operazione di chiusura può avvenire in tempi molto più brevi, così come potrebbe eccezionalmente essere
superato a causa del protrarsi delle situazioni che ne impediscono la chiusura (ad esempio per pratiche di successione
in corso).
Risoluzione stragiudiziale delle controversie: reclami, conciliazione e mediazione
Il Cliente può presentare un reclamo alla Banca, anche per lettera raccomandata A/R, all’Ufficio Reclami -Via Btg
Framarin, 18, 36100 Vicenza o per via telematica a [email protected] (i recapiti, compreso il fax, sono
consultabili anche sul sito internet della Banca).
La Banca deve rispondere entro 30 giorni dalla data di ricezione del reclamo per i reclami relativi ai servizi bancari ed
entro il termine di 90 giorni per i reclami attinenti ai servizi di investimento.
Se il reclamante non è soddisfatto o non ha ricevuto risposta entro i termini suddetti può rivolgersi:
per i reclami relativi ai servizi bancari, all’Arbitro Bancario Finanziario (ABF), per il quale può consultare il sito
www.arbitrobancariofinanziario.it., o chiedere presso le Filiali della Banca d'Italia o della Banca, ove è disponibile la
Guida all’Arbitro Bancario Finanziario, pubblicata anche sul sito internet della Banca stessa. Il ricorso all'ABF
assolve alla condizione di procedibilità della domanda giudiziale di cui all’art. 5 del DLgs 04/03/2010 n. 28;
per i reclami relativi ai servizi di investimento, può rivolgersi alla “Camera di Conciliazione e di Arbitrato” presso la
Consob, per la quale può consultare il sito www.camera-consob.it; o all’Ombudsman-Giurì Bancario, presso il
Conciliatore Bancario Finanziario, consultando il relativo sito internet.
Il ricorso alla “Camera di Conciliazione e di Arbitrato” presso la Consob assolve alla condizione di procedibilità
della domanda giudiziale di cui all’art. 5 del DLgs 28/2010, mentre il ricorso all’Ombudsman-Giurì Bancario non
assolve alla suddetta condizione di procedibilità;
ad altre forme di soluzione stragiudiziale delle controversie quale ad esempio, il Conciliatore Bancario Finanziario –
Associazione per la soluzione delle controversie bancarie finanziarie e societarie – ADR, consultando il sito
www.conciliatorebancario.it.
Anche in assenza di formale reclamo alla Banca, l’art. 5 del DLgs 28/2010 prevede che il Cliente che intenda esercitare
in giudizio un'azione relativa ad una controversia in materia di contratti assicurativi, bancari e finanziari, è tenuto
preliminarmente, assistito dall’avvocato, ad esperire il procedimento di mediazione di cui al citato art. 5 del DLgs
28/2010, presso il Conciliatore Bancario Finanziario sopra indicato oppure presso un organismo iscritto nell’apposito
registro tenuto dal Ministero della Giustizia e specializzato in materia bancaria e finanziaria.
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte terza:
CONSUMATORI/IMPRESE
Pag. 65 di 69
INDICATORE SINTETICO DI COSTO DEL CONTO CORRENTE (ISC) - CONSUMATORI
L’ISC comprende tutte le spese e le commissioni che sarebbero addebitate al cliente nel corso dell’anno, al netto di oneri fiscali e interessi.
Per il calcolo dell’ISC di un dato profilo si considera l’operatività associata al profilo stesso riportata nella tabella 1, si assume inoltre che il
consumatore abbia sul conto una giacenza e un patrimonio investito costante per l’intero periodo di riferimento, come riportato nella tabella 2.
TABELLA 1: PROFILI DI UTILIZZO PER IL CALCOLO DELL’INDICATORE SINTETICO DI COSTO (ISC) PER I CONTI CORRENTI
Conto a pacchetto
Giovani
Operatività corrente
elenco movimenti allo
sportello
Famiglie
con operatività
bassa
gestione della liquidità
10 (0)
elenco movimenti tramite
canali alternativi
Prelievo contante allo
sportello
versamenti in contante e
assegni
comunicazione trasparenza
invio estratto conto
Servizi di pagamento
carta di debito
canone
Prelievo ATM presso
propria banca
verso l'Italia disposti
tramite Internet
pagamenti ricevuti tramite
bonifico
Servizi di finanziamento
Mutuo
Altri finanziamenti
Servizi di investimento
Deposito titoli
Totale operazioni
Famiglie con
operatività
elevata
Pensionati con
operatività
bassa
Pensionati
con
operatività
media
Operatività
bassa
7 (0)
5 (0)
6 (0)
5 (0)
7 (0)
3
22 (32)
17 (24)
21 (26)
35 (41)
5 (10)
18 (25)
3
5 (0)
7 (0)
5 (0)
6 (0)
6 (0)
8 (0)
6
7
9
10
10
6
6
12
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
1
33 (38)
1
36 (43)
1
37 (42)
1
38 (44)
1
28 (34)
1
34 (42)
1
18
7
5
2
4
6
2
2
1
1
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
54
52
20
32
20
1
12
1
12
0
0
1
12
0
0
9
18
2
11
24
2
5
18
2
10
24
2
3
12
0
12
12
0
0
0
0
0
0
0
0
Prelievo ATM presso
5
4
altra banca
prelievo ATM Paesi UE
2
1
carta prepagata
canone / una tantum
1
0
ricariche tramite internet
5
0
operazioni di pagamento con carta di debito (es. Pagobancomat)
operazioni
36
46
carta di credito
Canone
0
0
invio estratto conto
0
0
assegni, utenze, imposte
pagamenti con assegni
2
7
domiciliazione utenze
6
12
pagamenti imposte o
2
4
tasse
pagamenti ricorrenti
rata mutuo
addebito in
0
12
C/C
finanziamento rate acquisti
0
12
addebito in C/C
Bonifici
Accredito stipendio o
pensione
verso l'Italia disposti allo
sportello con addebito c/c
Famiglie
con
operatività
media
Conto a
consumo
6
12
12
12
12
12
12
2 (0)
3 (0)
4 (0)
5 (0)
3 (0)
4 (0)
4
7 (9)
1 (4)
4 (8)
5 (10)
0 (3)
2 (6)
2
4
2
4
6
2
3
2
No
No
Sì
Sì
Sì
No
Sì
No
No
No
No
No
No
No
No
164
No
201
No
228
Sì
253
No
124
Sì
189
No
112
I profili di utilizzo si riferiscono all’operatività del solo titolare del conto, senza considerare eventuali cointestazioni e servizi accessori utilizzati
da un familiare.
Alcune voci dei profili presentano un secondo valore indicato tra parentesi che fa riferimento al numero di operazioni che descrivono l’utilizzo
del conto corrente per un cliente che opera esclusivamente tramite canali alternativi.
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte terza:
CONSUMATORI/IMPRESE
Pag. 66 di 69
I profili riferiti alle “famiglie” vanno utilizzati anche con riferimento ai singoli individui, titolari di conto corrente, diversi da “giovani” e
“pensionati”.
Di seguito si indicano le soglie di giacenza media e patrimonio investito per i profili di utilizzo, funzionali al calcolo del canone per i
prodotti con canone decrescente in funzione della giacenza o del patrimonio investito.
TABELLA 2: SOGLIE DI GIACENZA MEDIA E DI PATRIMONIO INVESTITO DEI PROFILI DI UTILIZZO
Giacenza media
Patrimonio investito
Giovani
€ 1.500
Famiglie con operatività bassa
€ 4.000
€0
€ 6.000
Famiglie con operatività media
€ 5.000
€ 33.000
Famiglie con operatività elevata
€ 5.500
€ 80.000
Pensionati con operatività bassa
€ 4.000
€ 30.000
Pensionati con operatività media
€ 6.000
€ 85.000
LE SUDDETTE INFORMAZIONI SULL’ISC SONO TRATTE DALLA NORMATIVA BANCA D’ITALIA – G.U.n. 47 26/02/2010
LEGENDA
Canone annuo
Capitalizzazione degli
interessi
Conto a pacchetto
(a canone)
Periodicità di Liquidazione
Disponibilità somme versate
Fido o affidamento
Saldo disponibile
Saldo contabile
Saldo liquido
Sconfinamento in assenza di
fido o sconfinamento extrafido
Spesa singola operazione
non compresa nel canone
Spese annue per conteggio
interessi e competenze
Spesa di Tenuta Conto
Spese forfettarie
trimestrali/annue
Spese per invio estratto
conto
Spese fisse per la gestione del conto.
Una volta accreditati e addebitati sul conto, gli interessi sono contati nel saldo e producono a loro
volta interessi
Conto corrente con sistema di tariffazione forfetario delle spese, commissioni ecc.
Cadenza periodica di calcolo degli interessi, indicata in Contratto anche come “Periodicità di
capitalizzazione interessi”; può essere trimestrale, semestrale, annuale, ma sempre uguale con
riguardo agli interessi Dare e Avere.
Giorno successivo alla data dell’operazione a partire dal quale il cliente può utilizzare le somme
versate.
Somma che la banca si impegna a mettere a disposizione del cliente oltre il saldo disponibile.
Somma disponibile sul conto, che il correntista può utilizzare
Saldo risultante dalla mera somma algebrica delle scritture contabili dare/avere in cui sono
compresi importi non ancora giunti a maturazione, per valuta e/o per disponibilità.
Saldo risultante dalla somma algebrica delle scritture dare/avere considerate per data “valuta”; per
data “valuta” si intende la data di decorrenza della maturazione degli interessi debitori/creditori.
Somma che la banca ha accettato di pagare – pur non essendovi obbligata contrattualmentequando il cliente ha impartito un ordine di pagamento (assegno, domiciliazione utenze) senza avere
sul conto corrente la disponibilità, in assenza di affidamento contrattualmente concesso dalla
Banca.
Si ha sconfinamento anche quando la somma pagata eccede il fido utilizzabile concesso dalla
Banca con contratto.
Spesa per la registrazione contabile di ogni operazione oltre quelle eventualmente comprese nel
canone annuo.
Spese per il conteggio periodico degli interessi, creditori e debitori, e per il calcolo delle
competenze.
Spesa per la gestione del conto addebitata in sede di Liquidazione periodica del medesimo.
Prima della sottoscrizione del contratto di conto corrente la Banca e il cliente (sia consumatore che
non consumatore, quindi impresa ecc.) possono concordare che al conto (che non sia a canone)
venga applicato un importo massimo complessivo con riferimento alle spese per operazione,,
avuto riguardo al probabile numero di operazioni al trimestre(o all’anno) che il cliente prevede di
poter fare.
Una volta concordato detto importo forfettario complessivo la Banca non procede all’addebito
puntuale, operazione per operazione, della spesa di registrazione.
Detto importo forfettario è applicato all’atto della liquidazione.
Recupero spese forfettario che la banca applica ogni volta che invia un estratto conto in via
cartacea, secondo la periodicità stabilita nel contratto, a meno che detta spesa non sia già
compresa nel canone o il conto ne sia esente.
Nessuna spesa può essere richiesta, ai sensi di legge, per invio estratto conto con strumenti di
comunicazione telematica (art. 127 bis D.Lgs. 385/1993).
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte terza:
CONSUMATORI/IMPRESE
Pag. 67 di 69
Commissione per
l’affidamento
E’ una commissione omnicomprensiva per il servizio reso dalla Banca per la messa a disposizione
immediata dei fondi per tutto il periodo di durata dell’affidamento, correlata all’importo e alla durata
effettiva del medesimo (art.117 bis D. Lgs.385/1993 e successive modifiche integrazioni che
stabilisce anche che l’importo massimo applicabile al trimestre della somma messa a disposizione
del cliente sia pari a 0,5%).
Esempio:
Importo linea di credito
Aliquota
Durata
Importo spesa
2,000%
92 gg
€ 25,20
€ 2.000,00 Elasticità di cassa
€ 3.000,00 SBF
Totale € 5.000,00
Commissione di istruttoria
veloce
Tasso creditore annuo
nominale
Tasso debitore annuo
nominale
Tasso Effettivo Globale
Medio (TEGM)
Valute sui prelievi
Valute sui versamenti
Servizi di pagamento
soggetti alla normativa
“PSD”
L’importo di € 25,20 si ottiene con la seguente formula: (5.000,00x 0,02x92)/365.
Si ha “sconfinamento” con riferimento alle somme di denaro utilizzate dal Correntista, o comunque
addebitategli, in eccedenza rispetto all’affidamento (“utilizzo extrafido”), o, in mancanza di
affidamento, in eccedenza rispetto al saldo del Correntista (“sconfinamento in assenza di fido”).
La commissione di istruttoria veloce (CIV) (art.117 bis D. Lgs.385/1993 e successive modifiche
integrazioni), viene applicata:
a fronte di addebiti che determinano uno sconfinamento o accrescono l’ammontare di uno
sconfinamento esistente, secondo i casi e gli importi indicati nel presente Foglio Informativo
che tengono conto delle procedure interne della Banca,
quando vi è sconfinamento avendo riguardo al saldo disponibile di fine giornata,
non è applicata se lo sconfinamento:
ha avuto luogo per effettuare un pagamento a favore della Banca,
non ha avuto luogo perché la Banca non vi ha acconsentito,
nel caso di correntista “consumatore” quando ricorrono entrambi i seguenti presupposti:
- per gli sconfinamenti in assenza di fido, se il saldo passivo complessivo– anche se
derivante da più addebiti- è inferiore o pari a 500 euro; per gli utilizzi oltre il limite del fido
(extra fido), se l'ammontare complessivo di questi ultimi -anche se derivante da più
addebiti- è inferiore o pari a 500 euro;
- se lo sconfinamento non ha durata superiore a sette giorni consecutivi.
Tasso annuo utilizzato per calcolare periodicamente gli interessi sulle somme depositate (interessi
creditori), che sono poi accreditati sul conto, al netto delle ritenute fiscali.
Il tasso creditore può essere associato a parametri di mercato quale ad esempio l’Euribor rilevati
sul circuito Reuters oppure pubblicati sul “Il Sole – 24 Ore”
Tasso annuo utilizzato per calcolare periodicamente gli interessi a carico del cliente sulle somme
utilizzate in relazione al fido e/o allo sconfinamento. Gli interessi sono poi addebitati sul conto.
Il tasso debitore può essere associato a parametri di mercato quale ad esempio l’Euribor rilevati sul
circuito Reuters oppure pubblicati sul “Il Sole – 24 Ore”
Tasso di interesse pubblicato ogni tre mesi dal Ministero dell’economia e delle finanze come
previsto dalla legge sull’usura. Per verificare se un tasso di interesse è usurario e, quindi, vietato,
bisogna individuare, tra tutti quelli pubblicati, il TEGM degli affidamenti in conto corrente,
aumentarlo della metà e accertare che quanto richiesto dalla banca non sia superiore.
Il TEGM può essere consultato in Filiale e sul sito Internet della Banca.
Numero dei giorni che intercorrono tra la data del prelievo e la data dalla quale iniziano ad essere
addebitati gli interessi. Quest’ultima potrebbe anche essere precedente alla data del prelievo.
Numero dei giorni che intercorrono tra la data del versamento e la data dalla quale iniziano ad
essere accreditati gli interessi.
E’ stata recepita nel nostro ordinamento la Direttiva Europea sui “Servizi di Pagamento” 2007/64/CE
PSD, con il decreto legislativo 27/01/2010 n° 11.
Le regole sono applicabili ai bonifici e alle carte di pagamento (carte di debito bancomat e carte
prepagate), precisando altresì che la nuova normativa:
•
non riguarda gli assegni e le cambiali;
•
si applica sia ai pagamenti nazionali, sia a quelli da e verso gli Stati membri dell’“Unione
Europea” nonché all’Islanda, Liechtenstein e Norvegia, disposti in euro o in una delle divise
degli Stati membri non aderenti all’EUR qualora le operazioni in tali divise non diano origine a
negoziazione (esempio pagamenti da un conto in Sterline inglesi ad un altro conto espresso
nella stessa divisa);
•
prevede che, entro il 5 luglio 2010, le Banche adeguino le proprie procedure di pagamento
relative agli addebiti diretti e agli incassi (RID, RiBa, Mav ecc).
CAUSALI DI CONTO CORRENTE – Classificazione delle operazioni
Le causali di seguito riportate (“Descrizione Operazione in Estratto Conto”), oltre a descrivere sinteticamente il motivo dell’operazione
di addebito o di accredito eseguite nel conto corrente, generano una registrazione in Estratto Conto per la quale al Cliente viene
addebitato un costo in base alla classificazione indicata come “Gruppo Spesa” (in Estratto Conto il “Gruppo Spesa” è indicato a lato
di ogni movimentazione con “Gr.Op,”).
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte terza:
CONSUMATORI/IMPRESE
Pag. 68 di 69
Il Gruppo Spesa 1 identifica tutte le operazioni di addebito/accredito assoggettate a “Spesa per operazione”, che viene addebitata al
Cliente indipendentemente dal canale attraverso il quale l’operazione è posta in essere: presso lo Sportello, tramite elaborazioni
automatiche (ad es. pagamento bollette in via continuativa), mediante l’utilizzo del servizio di Internet Banking (servizio di
multicanalità @Time) ecc.
Nei Conti correnti ordinari il Gruppo Spesa 3 identifica le operazione di Addebito Assegni che vengono assoggettate alla “Spesa per
Addebito Assegni”.
Il Gruppo Spesa 4 identifica le operazioni non assoggettate a nessun costo di registrazione e per alcuni Prodotti identifica operazioni
svolte tramite canali alternativi allo sportello quali ad esempio utilizzo di apparecchiature automatiche, di Internet banking, ecc..
Si precisa che per alcuni prodotti di conti correnti offerti e illustrati nel presente Foglio, valgono regole di addebito di spesa per
operazione diverse e migliori di quelle sotto illustrate, deducibili dalla descrizione delle condizioni economiche nelle relative schede.
Descrizione Operazione in Estratto Conto
Prelevamento contanti
Disposizione di Giroconto
Pagamento utenza luce
Pagamento utenza gas
Pagamento utenza telefonica
Riversale di Tesoreria
Pagamento imposte Delega Unificata
Imposta Conto Fiscale
Pagamento tributi ex SAC
Pagamento contributi assistenziali
Pagamento ICI
Emissione assegni circolari
Premi assicurativi
Canone cassette sicurezza e custodia valori
Pagamento effetti
Pagamento premio polizza vita
Pagamento ICI Comune di Vicenza
Commissioni
Spese rilascio atti assenso
Spese perizia su mutui
Assicurazione su Mutui
Imposta Scudo Fiscale
Pagamento abbonamento Operazione Studenti
Acquisto Biglietti Spettacoli
Servizi Scolastici Vicenza
Recupero spese forfetario certificazione interessi
Addebito assegno
Disposizione di pagamento MyBank
Addebito canone utilizzo
Imposta di bollo per emissione assegni circ. trasferibili
Pagamento Imposte e tasse
Imposta di bollo per rilascio carnet assegni trasferibili
Commissioni addebito SDD CORE
Imposta di bollo RIBA
Versamento di contante o valori assimilati
Versamento di contante
Versamento assegni circolari ns banca
Versamento assegni bancari di altre Banche
Versamento assegni circolari
Disposizione di Giroconto
Incasso Cedole
Incasso Dividendi
Negoziazione voucher – carte di credito
Accrediti diversi
Accredito per emolumenti
Recupero spese per visure immobiliari
Sovvenzioni Contanti
Pagamento MAV
Emissione Certificato di Deposito
Acquisto di valuta estera
Effetti insoluti e protestati
Effetti richiamati
Comunicazione “esito pagato”
Disposizione di pagamento
Prelievo Bancomat altri Istituti
Prelevamento Bancomat nostro sportello
Pagamento per utilizzo Carta di Credito
Pagamento per utilizzo Viacard
Pagamento per utilizzo Key Client
Pagamento per utilizzo CartaSì
Pagamento per utilizzo carta American Express
Pagamento per utilizzo carta Diners club
Sottoscrizione operazione titoli
Sottoscrizione Fondi
Compravendita titoli e diritti
Compravendita titoli a termine
Sottoscrizione aumento di capitale
Rimborso Finanziamenti
Vendita divise/banc. Estere
Pagamenti diversi
Canone annuo PagoBancomat
Pagamento tramite POS
Diritti di custodia e amministrazione titoli
Imposta di bollo su posizione titoli
Commissioni addebito SDD B2B
Imposta di bollo
Erogazione finanziamenti e mutui
Accredito effetti presentati allo sconto
Accredito per effetti sbf
Vendita di valuta estera
Ricavo Effetti o assegni presentati al Dopo Incasso
Bonifico a vostro favore per ordine e conto
Accredito per rimborso conto fiscale
Accredito pensione
Incasso tramite P.O.S.
Riaccredito assegno SBF segnalato impagato CHT
Foglio Informativo A – agg. n. 151 del 15/1/2015
Parte terza:
CONSUMATORI/IMPRESE
Tipo
movimento
Gr.
Spesa
Addebito
Addebito
Addebito
Addebito
Addebito
Addebito
Addebito
Addebito
Addebito
Addebito
Addebito
Addebito
Addebito
Addebito
Addebito
Addebito
Addebito
Addebito
Addebito
Addebito
Addebito
Addebito
Addebito
Addebito
Addebito
Addebito
Addebito
Addebito
Addebito
Addebito
Addebito
Addebito
Addebito
Addebito
Accredito
Accredito
Accredito
Accredito
Accredito
Accredito
Accredito
Accredito
Accredito
Accredito
Accredito
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
3
1
4
4
4
4
4
4
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
Pag. 69 di 69
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
469 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content