close

Enter

Log in using OpenID

1-2014 - Fogolâr Furlan Milano

embedDownload
ˆ
IL FOGOLAR FURLAN
DI MILANO
NOTIZIARIO DELL’ASSOCIAZIONE
Sede Amministrativa: Via A. M. Ampère, 35 20131 Milano tel. 02 26680379 www.fogolarmilano.it
CARO
T
SOCIO, TI SEI TRASFERITO E
di Marco Rossi
ra le impegnative vicende della
gestione di una associazione
come il nostro Fogolâr, affrontiamo oggi il problema particolare del
rinnovo delle quote annuali; o meglio
del “non intendo rinnovare”…
Periodicamente via posta elettronica
riceviamo messaggi del tipo: «Spettabile Fogolâr, non intendo rinnovare la
quota sociale per l’anno in corso, in
quanto mi trasferisco in Friuli…».
Secondo me è clamoroso, inconcepibile, assurdo, credere che il senso di appartenenza ad una associazione come
un Fogolâr sia legata alla geografia del
nostro paese: come se il legame di appartenenza si dovesse misurare in chilometri. E sappiate che di messaggi
come questi ne arrivano sistematicamente all’indirizzo di posta elettronica
del nostro sodalizio: non abito più a Milano, ritorno in Friuli, vado ad abitare
in un altro comune…
Pensate poi che nella maggior parte
dei casi si tratta di persone che non si
sono mai viste nel corso della vita del Fogolâr, che non hanno partecipato a gite,
non sono intervenute a cene sociali, non
sappiamo se siano venute o meno agli
eventi della «Settimana Culturale».
Forse hanno preso parte alla tradizionale
messa natalizia in Duomo, ma non si
sono certo presentate per un saluto, per
farsi conoscere, per dire io c’ero!
Allora sorge spontanea la domanda:
perché iscriversi ad un Fogolâr se poi
non si vive in alcun modo questa realtà?
Solo per ricevere a casa comodamente
il nostro notiziario? In questo caso il sottoscritto, in qualità di direttore responsabile del Giornale, e tutta la redazione
non possono certo sentirsi lusingati! E
per di più, quando si trasloca, ci si
prende anche la briga di avvertire. Cortesia?
Mi sembra un assurdo dei nostri
tempi. Ci si iscrive per tradizione? Per
vicinanza geografica? Per origine? Perchè si crede in qualche cosa?
Sono anni che cerco di avvicinare i
giovani, come del resto stanno tentando di fare in tutti i modi le associazioni come la nostra. Sono anni che
spiego al Consiglio direttivo che la mia
strategia è quella di “avvicinare” i giovani, di “farli incontrare tra loro” sotto
l’ombrello del Fogolâr Furlan di Milano:
non voglio dire sotto l’ala protettiva, mi
sembra piuttosto presuntuoso. Ma sono
anche anni che propongo questo avvicinamento solamente per creare un
motivo di incontro tra persone di origine friulana, che sono a Milano per
studio o per lavoro, che spesso non si
conoscono, che frequentemente sono
travolte dalla frenesia milanese. Sono
sicuramente persone a cui due chiacchiere in marilenghe, un aperitivo, magari con qualche prodotto della Piccola
Patria, non fa affatto male, anzi.
Sia chiaro: sono anni che promuoviamo questo genere di incontri e - ci
tengo a sottolinearlo - sono anni che in
queste occasioni non chiediamo assolutamente ai partecipanti di iscriversi al
Fogolâr. Sarà una manovra antiecono-
mica: un iscritto porta un piccolo sostegno all’associazione; ma in questo caso
la nostra filosofia è totalmente diversa.
Vogliamo avvicinare i friulani di Milano; e non solo: vogliamo coinvolgerli
nelle nostre attività, vogliamo capire
quali sono i loro interessi, il loro modo
di vivere questa complessa metropoli
lombarda.
Insomma, proprio tra questi non
iscritti spesso raccogliamo piccole gratificazioni. Tanto per fare un esempio:
la presentazione dello scorso novembre
de “La Patrie dal Friûl” è stata promossa
da una giovane friulana di Aviano, non
socia, che ha coinvolto altri giovani
non soci. Con queste persone continuo
è lo scambio di commenti, notizie e informazioni sulle pagine dei social networks; e per di più siamo anche riusciti
a trovare nuove firme per il nostro giornale. Un piccolo passo, che però ha
creato nuovi contatti e nuovi rapporti.
E allora quale misterioso disegno circonda la tua decisione di non versare la
quota sociale in seguito ad un trasferimento di residenza? Forse il mantenere
un legame con il Friuli e con un Fogolâr crea un conflitto di interessi? Forse
ritornare in Friuli significa non essere
obbligati a sostenere il Fogolâr che per
anni ti ha informato su quanto accade a
Milano e nello stesso Friuli?
Allora cosa dovrebbero dire quei nostri soci che abitano a Modena, a Brescia, a Bergamo, a Sondrio, a Lucca, a
Piombino? E i soci di vecchia data in
Piemonte; e soprattutto i soci assidui e
fedelissimi in Friuli: a Udine, a Tolmezzo, a Lucinico, a Sedilis, a Carpacco… Ed ancora: che dire del gruppo
di soci che si è trasferito in Liguria ma
ha voluto mantenere l’iscrizione al nostro Fogolâr? E il socio che risiede addirittura negli USA?
E come non citare quel socio del Fogolâr di Roma, che appena arrivato a
Milano si è iscritto al nostro Fogolâr,
poi è stato trasferito a Bruxelles e infine
è ritornato a Milano: ma non ha mai
smesso di essere “socio” e di dialogare
con noi, anche a distanza!
Molte di queste persone hanno lasciato Milano e sono comunque orgogliose di far parte del nostro Fogolâr.
Alla fine quello che conta non è una
sterile polemica sulla distanza, ma piuttosto la voglia di far parte di una istituzione, di una associazione. Ed allora per
par condicio ricordiamo quelle persone
che proprio dal Friuli arrivano a Milano
e cercano il nostro Fogolâr, vogliono informazioni, ci vengono a trovare.
Qualche altro giovane propone articoli per il giornale... da Milano o da Ziracco di Remanzacco! Possiamo forse
dire che per ogni persona che si “trasferisce” ne abbiamo un’altra che si iscrive:
una sorta di contropartita.
Far parte di qualche cosa che funziona fa sempre piacere. Anche solo
con qualche pagina di un giornale, con
qualche momento di incontro, con un
biglietto o una telefonata per ricordarci
che anche noi siamo una piccola parte
di qualche cosa di più grande!
Buine Pasche a ducj!
LA SCUELE
...
DI
FURLAN
DAL
Anno
XLV n. 1
1° trimestre 2014
Distribuzione
gratuita ai soci del
Fogolâr Furlan di
Milano
FOGOLÂR
di Sandri dai Juris
A
ncje cheste mi è tocjât di sintî, de bocje di une biele siore, elegant e dulinziose, che
e fevelave cun ande sigure: “A mi no
mi covente la Scuele di Furlan: jo il
furlan lu ài imparât in cjase, di gno
pari e di mê mari!”.
A son discors che no mertaressin
nancje rispueste; e difat, sul moment,
rispueste no àn vude. Istès, daspò, ti
ven di pensâi sore; e scuasi tu saressis lì par butâ il mani daûr de manarie: parcè e par cui, tu ti domandis, strassâ timp e peraulis?
Ma nancje fâlu apueste, leint l’ultin Strolic Furlan de Filologjiche, mi capite sot
i voi un articolut redazionâl: “Il furlan tes
scuelis”. Va ben che al
fevele di scuelis publichis, di mestris e di professôrs; e cualchidun –
par esempli la siore di
culì disore – al podarès
dî: chê code no va su
par chê agnele. Veretât:
ma l’articulut al è scrit
intune maniere che al
va ben ancje par une
scuelute privade, come
chê dal nestri Fogolâr; e
al somee fat apueste par
sclarî lis ideis e parâ vie
ducj i dubis. Inalore o ai
pensât di tirâ jù, peraule par peraule, il tocut
plui significatîf: pal mestri, che cussì si sintarà
gratificât; pai arlêfs, che
no si sintaran bocons di mus; e forsit par chê siore, ancje se cun pocje
sperance che i zovi. Velu culì, il tocut che nus interesse:
... «Cualchi gjenitôr al pense che
nol coventi notâ il frut a furlan, par-
cè che “Tant nô o savìn za fevelâ il
furlan”. A cheste obiezion, par ridi,
o podaressin rispuindi: “E alore parcè mandaiso il frut a fâ talian: no lu
saial za fevelâ?”. Il fat al è che nol baste savê fevelâ une lenghe. Cuasi ducj
chei che a fevelin furlan, par esempli, no son bogns ni di leilu ni di scrivilu. Però cuasi ducj chei che a fevelin talian (ancje i furlans) a son
bogns di lei e di scrivi par talian. Cemût mai? Parcè che a fevelâ si impare
in cjase, ma a lei e a scrivi si impare a scuele.
Cence contâ che a scuele si pues
lan”, parcè che ancje tes fameis furlanis tantis voltis i gjenitôrs ai fruts
ur fevelin par talian. E duncje i
fruts lu san pôc e mâl...».
Massime chestis ultimis riis mi àn
plasût une vorone. Intant, par vie
che te nestre Scuele di Furlan – che
chest an e finìs sedis agns! – si dài un
grum di impuartance ae leterature e
ae culture furlane intai siei aspiets
plui diferents, ma soredut ae “scriture
creative” dai arlêfs, che si puarte daûr
ducj i riclams che a coventin: di vocabolari, di gramatiche e di orto-
Joibe Grasse de Scuele di Furlan dal Fogolâr (foto Corradino Mezzolo)
imparâ ancje alc su la storie, su la leterature e su la gjeografie dal Friûl e
altris bielis robis. Duncje, a fâ furlan
a scuele si à dut di vuadagnâ. Nol è
timp pierdût.
Ma a dîle sclete, però, no je nancje simpri vere che “O savìn za il fur-
grafie. In secont lûc, provait mo a
pensâ ce race di furlan che nus tocje di sintî simpri plui dispès, par strade, intes buteghis e, piês cun piês, par
television. Dal gjenar “ricote afumicade”, par fâ il prin esempli che mi
ven tal cjâf!
Gnovis dipendencis
di Pieri Grassi
ornât a Milan dopo putrops mês passâts in campagne e, doprant par movimi ducj i publics mieçs, o ai notât
cun spavent che dispès ducj, o scuasit ducj i viazadôrs, e àn il cjâf sul telefonin; e ancje cuant che a
T
dismontin, o a montin sù, no distachin mai i voi di chel malandret di imprest.
Cheste dipendence dal telefonin e fâs part di une gnove categorie: chê des dipendencis cence sostance,
puartadis daûr dai gnûfs bisugns de nestre societât atuâl. E chest al capite ancje lant a pît pes stradis!
E alore jo, zovin par ledrôs, o mi domandi: ma ce mont si viodial, se si ten simpri i voi che e cjalin fis, ancje
par oris, un "schermo" di telefonin o di television? Ce saraial de lôr vite, de lôr culture, dal lôr madressi? Si
sierin dentri intun mont dissavît che ju slontane dal mont reâl, dulà che al è di sante scugne il vivi. Mi ricuardi
che dilunc dai viaçs che o ai fat ca e là par la Europe o vevi simpri il spirt e i voi atents a ce che si sintive e
si viodeve; ancje se une volte mi è tocjât di sintîmi a dî che nol è segnâl di buine creance cjalâ in muse une
persone e scuadrâle di cjâf a pîts, come che si fâs in Italie: al è miôr cjalâ di un'altre bande. Ma cuant mai in
Italie, massime intune grande citât, ti sucedial di sintîti scuadrât di cjâf a pîts? Mai! Ma nancje cjalât in muse:
il prossim nol esist plui in chest mont!
Mi è tornade a ments une batude di un comic che o ai sintût par television: «O ai miârs di amîs in
"Facebook", ma fossio bon di cjatândi un che mi dedi une man cuant che o sbusi une gome!».
Anticipazioni di Primavera 2014
itorna la Primavera e ritornano anche gli appuntamenti organizzati dal Fogolâr Furlan di Milano. Si tratta di due moR
menti di incontro dedicati ai soci per proseguire la tradizione dell’arrivo della bella stagione. Per informazioni in merito alla partecipazione rivolgersi alla sede del Fogolâr Furlan di Milano.
Venerdì 9 maggio 2014
«BINARI D’EUROPA»
Presentazione del libro di Romano Vecchiet
Ritorna a Milano Romano
Vecchiet, direttore della Biblioteca Civica «V. Joppi» di
Udine ed esperto di ferrovie
per presentare il suo ultimo libro, «Binari d’Europa».
L’evento si terrà presso la
sede della Fondazione «C.
Pozzo» di Via San Gregorio
48 a Milano con la collaborazione della Associazione
Rotabili Storici Milano Smistamento.
Venerdì 16 maggio 2014
«BRANCA MUSEUM»
Visita alla collezione della storica azienda
Ospitata nello storico stabilimento di Milano, in via Resegone, 2, la collezione raccoglie
materiali iconografici, poster
(ricordiamo Metlicovitz con il suo
soggetto dell'aquila che afferra il
globo) e bozzetti di campagne degli anni Settanta e Ottanta. A
questi materiali si aggiungono
mortai, alambicchi e distillatori circondati dalla magica atmosfera creata da aromi, erbe e
spezie utilizzate in produzione.
Il Fogolâr Furlan di Milano I trimestre 2014
Notiziario dal Fogolâr
PADRE DAVID MARIA TUROLDO
ESERCITAZIONI DI ENOGASTRONOMIA FRIULANA
XXII ANNVERSARIO
di Corradino Mezzolo
di Elena Colonna
NEL
C
hi avesse voglia di un aperitivo molto speciale, o
volesse fare un rapido spuntino a mezzogiorno o
una cenetta leggera, magari prima o dopo il cinema o
il teatro; o semplicemente passare un’ora con amici davanti a un bel bicchiere di vino particolare o di ottima
birra, tenga presente questo localino aperto di recente
in corso Garibaldi 75 (ingresso da via Solera Mantegazza 2, fra via Legnano e corso Garibaldi).
Gestito da Valerio Jacuzzi insieme con i suoi soci
Alex e Alessandro, il locale offre vini eccellenti, fra i
quali molti friulani, birre artigianali italiane - più di
200 tipi diversi, anche di Sauris, Forni Avoltri, Cividale e San Pietro al Natisone. Provetto sommelier, Valerio ti consiglia con garbo e competenza cosa bere e
cosa mangiare: squisite bruschette di pane casereccio
appena appena tostato, con formaggi, salumi, verdure, un tocco di miele o di aceto balsamico, fettine di frutta - davvero
eccezionali. Se poi si desidera qualcosa di più, il locale offre ricche insalate e piatti unici diversi: frico di patate, straccetti di carne con salsine speciali, polenta con ragù di capriolo, salumi vari… Il menu varia di giorno in giorno, ma si
tratta comunque sempre di prodotti di eccellenza, pur mantenendo prezzi accettabili.
Da non sottovalutare, inoltre, l’accoglienza cordiale e la simpatia di Valerio e dei suoi collaboratori che, in quell’ambiente
un po’ bohemien dall’arredamento volutamente semplice e rustico, ti fanno davvero sentire un graditissimo ospite.
Quasi dimenticavo di precisare che Valerio è figlio di Sergio Jacuzzi, vecchio socio e attivo collaboratore del nostro Fogolâr.
OSTERIA DELLA STAZIONE
ulla porta d’ingresso troviamo un cartellino: “SpinS
gere – Push – Sburtàit”. Restiamo un po’ sorpresi
perché, avendo già frequentato il locale in passato, non
ci risultava fosse gestito da friulani. Invece ora è proprio
così: veniamo accolti con esuberante cordialità da
Gunnar Guido Cautero, udinese doc, il cui primo
nome è dovuto a frequentazioni svedesi di suo padre
per motivi di lavoro, e ci sediamo a consultare il menu,
che davvero ci mette in imbarazzo con i suoi diversi
piatti, tutti attraenti.
Le specialità della casa, oltre a salumi e formaggi,
friulani e no, sono tagliolini al prosciutto di San Daniele e sclopìt, cassoela fatta con brovade al posto delle
verze (curiosa commistione friulo-meneghina!), coniglio con polenta, frico, una specie di fonduta di formadi frant, e altri primi e secondi piatti che qui non
c’è lo spazio per elencare. Gunnar è una forza della
natura: accoglie i clienti, evidentemente affezionati, con baci e abbracci, si siede un momento ai diversi tavoli per
chiacchierare un po’ con tutti, consiglia, scherza, racconta. Da noi si versa un bicchiere di Refosco e ogni tanto passa
a berne un sorso e a scambiare due parole. Una bella serata, veramente: e non solo per l’ottima cena.
Ancora una volta quasi dimenticavo di precisare che, al termine della cena, Gunnar Guido Cautero si è
iscritto, seduta stante, al nostro Fogolâr!
(Osteria della Stazione - Via Popoli Uniti, 26, Milano. Tel. 0228381700)
LA BIBLIOTECA DEL NOSTRO FOGOLÂR
di Fulvia Cimador
A
bbiamo parlato
spesso della nostra
sede: dei due piccoli
locali ove una volta alla settimana la segreteria è aperta per soci ed amici, ove da
gennaio a giugno si tiene
un corso di lingua, letteratura e cultura friulana. Da
sempre questo piccolo spazio dispone di una biblioteca.
Gli scaffali che accolgono i libri sono collocati in
entrambe le stanze: e i libri
crescono a vista d’occhio!
La Regione Friuli Venezia Giulia, numerose istituzioni friulane, editori,
parecchi soci ed amici regolarmente fanno donazioni alla nostra biblioteca,
che si arricchisce di giorno
in giorno. Tra gli scaffali è
presente una donazione di
Ardito Desio, offerta dagli
eredi; una raccolta di pubblicazioni lascito di Piero e Sandra Chiussi; un piccolo fondo regalato dagli eredi di Alberto Tonini.
Ogni anno, a novembre, il Fogolâr organizza le «Settimane della Cultura Friulana a Milano». Ed ecco arrivare scrittori, editori, poeti, giornalisti, che al termine di ogni presentazione immancabilmente fanno dono della loro opera
alla nostra biblioteca.
Il Fogolâr Furlan di Milano si avvicina al 70° anniversario dalla fondazione: si può facilmente immaginare quanti libri siano arrivati nella nostra sede in questo lungo periodo di attività. Sergio ed io siamo gli ultimi “bibliotecari”, in ordine di tempo, ad aver messo mano a questo notevole patrimonio della vita e della cultura friulana. Alla
fine dello scorso maggio abbiamo iniziato una nuova catalogazione sistematica di tutti i libri presenti, suddivendoli per argomenti, applicando nuove etichette sul dorso dei volumi e inserendo un numero di inventario.
Il lavoro sta ancora procedendo: ci stiamo avviando verso la fine di un considerevole impegno , ma con la soddisfazione di vedere finalmente tutti i libri sistemati, in ordine, per essere consultati con sempre maggiore facilità.
Durante questo immane lavoro abbiamo trovato anche parecchi volumi doppi o addirittura tripli. Li abbiamo raccolti e messi in disparte, a disposizione di coloro che ne fossero interessati.
Invitiamo pertanto soci, friulani simpatizzanti ed altri Fogolârs a contattarci telefonicamente o mediante posta elettronica per approfittare di questa occasione: i libri non devono essere gettati via, ma sfogliati, letti, conservati!
La nostra sede è aperta ogni martedì dalle 15.00 alle 18.00, ma se necessario possiamo anche renderci disponibili per un incontro in altri giorni e in altri orari. Attendo fiduciosa visite di persone interessate: se non altro per la
curiosità di venirci a trovare in sede!
Mandi. Fulvia
M
ilano, 8 febbraio 2014.
Una pioggia insistente mi
accompagna nel percorso
cittadino verso la Basilica di San
Carlo al Corso a Milano, dove
questa sera avrà luogo una commemorazione di Padre Turoldo nel
XXII anniversario della scomparsa.
Alle ore 19 inizierà la celebrazione
di una Liturgia Eucaristica con la
Comunità e gli amici, in suffragio e
a ricordo dell’indimenticabile e indimenticato frate friulano di Coderno. Poi in serata, alle ore 21, un
evento artistico di grande rilevanza: un
concerto vocale e strumentale su testi di
David Maria Turoldo.
Durante il percorso cittadino non posso evitare di fare congetture sull’opportunità di celebrare di sabato questo anniversario: molti Milanesi partono per il
fine settimana verso le località turistiche
o i luoghi di provenienza; e quelli rimasti frequentano ben altri “santuari” del centro, dai quali si vedono sciamare gratificati e carichi di pacchi e pacchettini di
ogni colore e misura. Tutto questo, penso, potrebbe compromettere la partecipazione dei fedeli alla celebrazione. Ma,
come al solito, le mie previsioni si rivelano sbagliate: al mio arrivo, la Basilica è
gremita di gente venuta a testimoniare il
suo affettuoso ricordo per Padre David; e
fra la gente sono tanti i volti noti di friulani, soci ed amici del nostro Fogolâr.
La Liturgia Eucaristica, presieduta da Padre Ermes Maria Ronchi, è stata animata, come di consueto, dallo storico coro
friulano tenuto a battesimo dallo stesso Padre Turoldo il 22 febbraio 1990.
Ha fatto seguito, dopo breve intervallo, il concerto dei “Nuovi Trovadori”, dal
titolo «Torniamo ai giorni del rischio»,
con musiche e arrangiamenti di Germano Cherchi e Raffaele Brancati su testi di
David Maria Turoldo. Mi piace ricordare che il complesso “Nuovi Trovadori”
(nella foto in alto alcuni elementi) è nato in
seno alla Casa della Carità, voluta dal cardinale Carlo Maria Martini e presieduta
Foto C. Mezzolo
IL BEERBACCO
Foto C. Mezzolo
2
da Don Virginio Colmegna, nell’ambito
di un progetto di integrazione con le famiglie Rom ivi accolte. È con queste premesse che nel 2012, nel XX anniversario
della scomparsa di Padre David, a lui è stato dedicato questo progetto, musicando
otto delle sue poesie, ora portate in concerto con la direzione artistica di Ciro Menale (nella foto in basso insieme a Padre Ermes Ronchi). La presentazione di ciascun
brano fatta da Padre Ermes con la sua dialettica sobria, vigorosa e persuasiva, ha conferito al concerto un indubbio valore aggiunto. Particolarmente emozionante,
nella prolusione di padre Ermes, il brano
“Senti che è di troppo”, che ricorda le prediche di Padre David nel Duomo di Milano, durante la guerra, e che così ho rivissuto: il Frate, Vangelo alla mano, proteso in avanti ad ammonire con voce tonante i presenti – Popolo, Chiesa, Autorità – di fronte alla tragedia di una guerra fratricida; mentre la polizia lo aspetta in
sacrestia per arrestarlo. Ma la Provvidenza aiuta il suo Servo ad eclissarsi da una porta secondaria, per trovare riparo in periferia fra mura amiche.
Una serata straordinaria: bravissimi gli
esecutori, con tre voci soliste, chitarre, clarinetto, fisarmonica, quartetto d’archi, contrabbasso e percussioni; raffinate e intense
le interpretazioni. Anche la scenografia,
con gli artisti disposti nell’ampio coro, insolitamente illuminato con luci rosse e azzurre, con alla sinistra gli archi, alla destra
fisarmonica, chitarra e percussioni e, al
centro, le voci soliste, ha magicamente
catturato il pubblico raccolto sotto la volta imponente della Basilica. Alla fine del
concerto, convinti e ripetuti applausi da
parte del pubblico presente.
Poi il ritorno a casa. Fuori continua a piovere, negozi chiusi, sotto i portici pochi passanti frettolosi; ma tra questi c’è anche chi,
con cartoni e qualche coperta sottobraccio, cerca un posto, un riparo di fortuna,
per passare la notte, imitando altri che si
sono già adagiati. Sono “Gli Ultimi” del
XXI secolo, così vicini a quelli ricordati con
tanto amore da padre Turoldo.
Guai a vô, siorons!
di Pieri Grassi
i è capitât di lei un articul di monsignor Ravasi, che al presente un pâr
di libruts scrits di Sant Ambrôs, cuant che al jere Vescul di Milan, par
M
dâ cuintri a la ingordisie dai siorons; e al ripuarte cualchi slambri di une des
predicjis che Pari David M. Turoldo al veve fat su chel stes argoment intal Domo
di Milan, dulà che al predicjave dutis lis domeniis, come che o savìn, su incarghe dal cardinâl Idelfonso Schuster.
Pari David cussì al tonave: “Fin dulà, siorons, rivarêso a slungjâ lis vuestris bramis? Forsit o volaressis rivâ a stâ di cjase dome voaltris su cheste tiere, reclamant
un dirit esclusîf di proprietât ! La tiere e je stade dade in proprietât a ducj, siôrs
e puars: e alore, parcè pratindeiso di jessi voaltris i parons? E no dome chest: o
volês ancje il cîl, l’aiar, il mâr! Lis vuestris tacis e gotin dal sanc di ducj chei che
o ves scjafoiât... lis vuestris taulis si nudrissin cul sanc de puare int!”.
E al leve indevant cussì, cuntune ponte di mare ironie: “O soi vignût parfin a savê che un sioron, cuant che i metevin
in taule un ûf, si gramave pal fat che cussì al piardeve la pussibilitat di vê il poleç!”.
E al concludeve: “Tu, cjâr il gno sioron,
cuant che tu fasis la caritât, al puar no tu i dâs
nuie dal to, dome tu i tornis indaûr il so: di fat,
dut ce che al è stât dât a ducj, tù tu lu pratindis
dome par te. E alore, paie il to debit a chel che
al à dibisugne, parcè che no tu puedis, in nissun altri mût bonâ nestri Signôr par colpe de tô
tristerie!”.
Subite dopo la messe, il solit trop di fedei inrabiâts par chel che ur è tocjât di sintî, al cor dal
Cardinâl a protestâ par cheste gnove infamie dal
frari; che cussì al ven convocât une altre volte
in Curie par scrutinâ i sfueis de sô predicie. Dopo
vê let chescj sfueis cun grande atenzion, il Cardinâ al salte sù in pîts esclamant: “Ma chest nol
è nuie altri che Sant Ambrôs!”. E alore al congjede il frari cu la sô benedizion e zontant la sô
detule: “Ricuarditi di fâ ben il ben!”.
Il Fogolâr Furlan di Milano I trimestre 2014
Notiziario dal Friuli
A Tarcento
Ricordando Angelico Piva
PREMIO EPIFANIA 2014
di Alessandro Secco
L’amicizia è la musica del cuore: canta il dolore e la speranza,
l’affetto e il rimpianto, ma quel dolore sa unire e seminare altre stagioni
nel ricordo di una persona speciale, come Angelico era.
Allora il “mandi” è nella preghiera, nella voce dei bambini,
nelle note della fisarmonica che il vento antico porta via con sé.
Con la luce di una lacrima e un “grazie” a fior di labbra.
Mandi, Angelico: ti vin volût ben ancje nô, furlans di Milan.
Ziracco di Remanzacco
ECHI DI UN FAVOLOSO CONCERTO DI NATALE
di Alessandro Secco
erata di venerdì 27 dicembre 2013,
S
chiesa di Santa Maria Assunta di
Ziracco di Remanzacco: un concerto
indimenticabile di canti natalizi, nell’ambito del «Festival of World Christmas Carols», proposto da tre affiatatissimi gruppi corali di Roveredo in
Piano (PN): l’Ottetto Hermann (direttore Alessandro Pisano), il Gruppo Corale “Gialuth” (direttore Lorenzo
Benedet) e il Gruppo Giovanile “Gialuth” (direttore Nicola Pisano), con
Marco Rossi all’organo per gli interludi strumentali.
La serata, organizzata da un cantore
del coro Brigata Alpina Julia, Marcello Turcutti, con il sostegno e la collaborazione della Parrocchia di Santa Maria Assunta e del Comune di Remanzacco, è stata introdotta dalla presentazione del sindaco di Remanzacco
Dario Angeli, affiancato dall’assessore
Daniela Briz.
Il programma del concerto seguiva un
percorso musicale essenzialmente storico, muovendo dall’antico canto gregoriano attraverso le melodie sacre e profane del medioevo fino ai motivi popolari del nostro tempo e di diversi paesi
- Inghilterra, Francia, Germania, toccando persino il Venezuela e l’Ungheria - per raggiungere il nostro Friuli.
Le elaborazioni e le armonizzazioni ovviamente quelle originali, come “Es
ist ein’ Ros’ entsprungen” di Praetorius,
ma anche quelle di realizzazione recente
- rispettano il più possibile i canoni dell’epoca: un esempio tipico è l’applicazione del contrappunto medievale per
armonizzare le melodie più antiche. Il
risultato è sempre molto gradevole e non
suona artificioso e anacronistico. I pezzi corali in programma sono collegati da
intermezzi organistici di autori antichi
e moderni e la loro successione è scandita in “sezioni” che ricostruiscono la vicenda del Natale: l’Annunciazione;
l’Avvento; Gesù è nato; Esultiamo nel
nome del Signore; Dormi dormi, bambino mio; E’ Natale; E festa sia.
La scelta dei brani ci è apparsa av-
Foto Teo Luca Rossi
Foto C. Mezzolo
il presidente Piero Pittaro per Friuli nel
Mondo (nella foto in basso con Bruno Pizzul e mons. Duilio Corgnali), il professor
Giovanni Frau per la cultura accademica, l’organarius sublimis Gustavo Zanin e il sorridente affabulatore Dino Persello; infine - last but not least - l’immancabile Bruno Pizzul, già Premio
“Friulano della Diaspora 1998” del nostro Fogolâr e ora venuto da Milano a
ricevere il “Premio Epifania 2014”.
D’altronde, il nostro fotografo ufficiale, Corradino Mezzolo, ha immortalato puntigliosamente tutti gli
Foto C. Mezzolo
I
incontri e i momenti clou della serata.
Ci resta da aggiungere, doverosamente, un rapido flash con i nomi dei
quattro premiati (nella foto in alto, da
sinistra, il fratello di Giuliano Fantino,
Dante Spinotti, Bruno Pizzul e Diego
Causero):
- Diego Causero (Moimacco, 1940).
Ordinato sacerdote nel 1963, è entrato al servizio diplomatico della Santa
Sede e assegnato a diverse Nunziature
Apostoliche. Arcivescovo titolare di
Grado, è stato Nunzio Apostolico in
Ciad, Congo, Siria, Repubblica Ceca;
e dal 2011 presso la Nunziatura di Berna. Oltre alle cinque lingue europee che
parla correntemente, usa il friulano
negli incontri con i corregionali.
- Giuliano Fantino (Treppo Grande,
1942). Emigrato in Canada a dieci
anni, nel 2010 è eletto deputato; dal
2011 è ministro di Stato. Uomo di chiesa e di famiglia, è il nume tutelare della Famee Furlane di Toronto.
- Bruno Pizzul (Udine, 1938), trasferito subito a Cormòns, ha avuto la
formazione scolastica di base
presso lo Stellini di Udine. E’
laureato in giurisprudenza. Calciatore professionista, insegnante
di lettere, infine impiegato alla
RAI come radiotelecronista, ha
trasmesso la cronaca di migliaia di incontri calcistici con il suo
stile simpatico e personalissimo.
E’ da sempre impegnato nel
mondo del volontariato e della
solidarietà.
- Dante Spinotti (Tolmezzo,
1943). Inizia a Milano presso la
RAI la carriera di operatore.
Dopo un incontro con Dino De
Laurentis, si cimenta con la
grande cinematografia e presto
diventa uno dei più apprezzati
direttori di fotografia, fino a conquistare
Hollywood. Fitta di opere importanti
è la sua filmografia, con due nomination
per l’Oscar e moltissimi premi e riconoscimenti di pubblico e di critica.
Vive tra Los Angeles, Roma e Tolmezzo, ma torna spesso nella casetta natia a Muina di Ovaro.
In chiusura di serata gli incontri con
amici e personalità si moltiplicano
esponenzialmente, davanti a tavole
doviziosamente imbandite e scintillanti di cristalli, in un’atmosfera informale, vivace e festosa.
I
l 29 dicembre scorso, in un ospedale di Padova, dov’era in attesa di intervento chirurgico, si è spento Angelico Piva. Aveva 79 anni. Lo ha
pianto tutto il Friuli, e il Fogolâr di Milano ricorda con affetto e profondo
rimpianto ‘il plui Bintar dai Bintars’ - così lo chiamava il nostro Notiziario,
titolando un articoletto dell’agosto 2001 - per i tanti anni di sincera e feconda amicizia nel nome della più schietta friulanità.
“Era la fisarmonica con il sorriso, un ‘bintar’ senza età, che ha amato profondamente il Friuli, le sue tradizioni e la sua gente”. Così scrive di lui sul
Messaggero Veneto l’amico Nicola Cossar. Personalmente ho avuto il piacere di conoscere Angelico a Milano nel giugno 1996 e di apprezzarlo subito
in occasione della “Grande Festa per il Cinquantesimo” al Centro Gallaratese in un trascinante concerto con i suoi Bintars.
La conoscenza ha avuto un sostanziale approfondimento pochi mesi dopo,
nel corso di una visita assieme a Spartaco, amico di Angelico di vecchia data,
nella sua accogliente casa di Vernasso, in Val Natisone. Scopo della visita:
un’intervista al personaggio - ormai famoso per un venticinquennio “di musiche furlane ator pal mont” - per la monografia “Cinquant’anni di Fogolâr
a Milano”, allora in corso di realizzazione.
L’intervista è stata pubblicata nella monografia, che a pag. 73 ci racconta
dello storico Coro “Montagnutis” diretto da Angelico Piva, sorto nel 1955
come successore di un primissimo Coro del Fogolâr e anticipatore del Coro
“Fogolâr Furlan di Milano”, nato 35 anni dopo, nel febbraio 1990.
L’amicizia e i contatti del Fogolâr con Angelico non sono venuti mai
meno; ma un nuovo evento musicale a Milano, dopo quello del Quartiere
Gallaratese, ha dovuto attendere quasi un decennio. Ne valeva la pena: nel
2002 “I Bintars”, che nel frattempo si erano esibiti in tutto il mondo, festeggiavano il loro 25° anno di attività; e il Fogolâr
Furlan di Milano ha voluto invitare Angelico Piva nella città in cui aveva vissuto per quasi 25 anni, a festeggiare assieme
ai suoi musicanti. Ne è nato un gioioso pomeriggio presso il Centro Polifunzionale del Polo Ferrara. I quattro esecutori, di
straordinaria bravura, si sono avvicendati tra villotte e ballate popolari, con richiami all’intero Friuli: dalle montagne della
Carnia, alle colline, alle Valli del Natisone. “Divertimento e follia tipici degli emigranti”, commentava Marco Rossi nella
cronaca del Notiziario.
Trascorso un altro decennio, nell’aprile 2012 Spartaco manda ad Angelico un affettuoso messaggio in friulano di apprezzamento e di stima, prospettandogli un nuovo spettacolo a Milano per festeggiare il 35° anniversario dei Bintars: Angelico si dichiara disponibile, e a titolo grazioso. Ma le cose, purtroppo, non sono andate com’era nei progetti.
Mi sia concesso di chiudere questa triste corrispondenza citando integralmente la bellissima e dolente epigrafe scritta per
Angelico dall’amico Nicola Cossar:
veduta e godibilissima e l’esecuzione del
programma ineccepibile. Un aspetto
particolarmente interessante, che ha trasformato il concerto in un vero e proprio spettacolo, con una coreografia quaFoto Teo Luca Rossi
Foto C. Mezzolo
di Alessandro Secco
l Premio Epifania - ormai, per
comune consenso, “Il Cavalierato del Friuli” - è giunto alla 59a
edizione. La fastosa cerimonia della
consegna, allietata da una schiera di
belle ragazze nell’elegante costume del
gruppo folcloristico “Chino Ermacora” e preceduta da un’esecuzione
corale di canti friulani, costituisce
ogni anno un’interessante, unica e
piacevole occasione di incontri per la
presenza di autorità - comunali, provinciali, regionali - nonché di personalità del mondo ecclesiastico, politico, culturale.
Quest’anno ha aperto la serata il delizioso piccolo coro “Musica Nova” di
Magnano in Riviera, diretto dalla tarcentina Maria Giovanna Michelini, che
alla brillante carriera di soprano lirico
ha affiancato l’attività di maestro direttore di coro. Per quanto riguarda i nostri incontri personali, ci limiteremo a
ricordare gli amici Feliciano Medeot per
la Filologica, il senatore Mario Toros
(nella foto sotto con Alessandro Secco) e
3
si da balletto, è stato l’avvicendamento dei tre gruppi corali, che si spostavano
intersecandosi con ritmo preciso ed elegante, assecondando lo svolgimento
del racconto musicale. Siamo certi che
anche questa componente della serata
ha avuto l’effetto di catturare l’attenzione degli ascoltatori che gremivano la chiesa: e che alla fine dell’esecuzione hanno scaricato la percepibile tensione accumulata in un
lungo,
caloroso
applauso.
Una nota “extramusicale”, che riteniamo doverosa. Non conoscevamo Ziracco,
località in mezzo alla campagna, fuori dai
nostri percorsi usuali. Ma abbiamo scoperto
un paesino delizioso, lindo, con strade invidiabili, case dipinte di fresco e locali pubblici invitanti. La chiesa di Santa Maria Assunta, poi, uno spazio architettonico pulito e spirituale, un’oasi di pace e di meditazione. E dall’altra parte della strada, nella sala parrocchiale, ecco, bisogna dirlo: ad
accogliere i cantori, i musicisti, gli invitati, uno splendido e memorabile apparecchio,
di squisita e cordiale ospitalità.
Il Fogolâr Furlan di Milano I trimestre 2014
Notiziario da Milano e dal Friuli
4
PREMIO LETTERARIO «PER LE ANTICHE VIE» TERZA EDIZIONE
M
artedì 4 febbraio, nella sala stampa della Provincia di Pordenone, in una riunione promossa da Vittorio Comina, presidente del comitato organizzatore,
ha preso il via il Bando del Premio Letterario “Per le antiche vie”, giunto quest’anno alla sua terza edizione.
La partecipazione al concorso è aperta a tutti gli autori, emergenti o esordienti, che
alla scadenza del Bando siano maggiorenni. Si concorre inviando entro l’8 giugno 2014
un racconto in lingua italiana a tema libero, della lunghezza massima di 12.000 caratteri. I racconti, i cui contenuti possono ispirarsi alla realtà o essere frutto dell’invenzione degli autori, devono essere ambientati completamente o in parte nella Regione Friuli Venezia Giulia. Va sottolineato che il territorio deve avere un ruolo significativo e non essere presente solo con semplici citazioni di luoghi.
Il Bando è stato presentato al pubblico l’8 febbraio a Palazzo Toffoli di Montereale Valcellina. La giuria del Premio per il 2014 è composta dal presidente Piero Angelillo e dai giurati Alessandro Canzian, Angela Felice, Franco Marchetta, Francesca Pessotto, Marco Salvadori.
La giuria, che avrà a disposizione i racconti in forma rigorosamente anonima, selezionerà
una rosa di finalisti, fra i quali saranno scelti i primi tre classificati, che verranno premiati
con assegni rispettivamente di 600, 300, 150 €.
Il regolamento è praticamente lo stesso della seconda edizione, che ha visto la partecipazione di 103 concorrenti provenienti dal Friuli Venezia Giulia e da varie regioni italiane del nord, del centro e del sud.
Il Fogolâr Furlan di Milano, che ha dato il suo patrocinio all’iniziativa, si adoprerà per far conoscere e promuovere la partecipazione al concorso fra soci e amici, in particolare fra gli allievi della Scuola di Lingua e Cultura Friulane. Una copia del bando e il modulo per la domanda di partecipazione al Premio è disponibile per chi ne farà richiesta presso la Segreteria del Fogolâr.
Una pagina di ricordi famigliari
«Ingrisignît»
di Giorgio Aleardo Zentilomo
embra facile per un “furlan”, ma mettetevi nei panni di un bambino che, attraversata in treno tutta la pianura padaS
na, arrivato a Tarcento dopo un lungo viaggio, si sente apostrofare dalla Nonna Margherita: “Po ce fastu lì, puar frutin, dut ingrisignît? Ven ca che ti scjaldi lis manutis e ti regoli chei gritui che tu as sul cjâf!” (all’epoca avevo un testone
con tanti boccoli biondi).
Il concetto generale era abbastanza comprensibile; restava però il mistero del termine “ingrisignît”. Forse, per
assonanza, precocemente ingrigito? Mah!
Quanto sopra mi è accaduto in occasione di un viaggio in Friuli, prima della guerra, per le festività natalizie; e
a dire il vero, tra i pochi ricordi di allora, la cosa che mi rimase particolarmente impressa nella memoria è stata
la parola “ingrisignît”, di cui allora non ero in grado di dare una plausibile traduzione nel contesto della frase, benché abituato all’ascolto delle frequenti conversazioni in friulano della Mamma con le Zie Ottavia e Aurora, anch’esse abitanti a Milano, nella nostra stessa casa.
La grande casa dei Nonni a Molinis di Tarcento, costruita nel 1902, non aveva riscaldamento; e d’inverno, nelle ampie camere al primo piano, il calore si diffondeva (poco) grazie al fuoco dell’unico “fogolâr” situato al pian terreno. Non
c’era neanche il gabinetto all’interno: i bisognini si facevano nel vaso da notte (e al mattino si trovava la pipì gelata),
posizionato sotto il letto, il cui materasso era un ampio saccone riempito di scricchiolanti “scus di panole”.
Fu così che dopo l’accoglienza all’arrivo da Milano ed al ripetersi dell’enigmatica parola “ingrisignît” durante l’invernale soggiorno, finalmente ne capii il significato. “Ingrisignît” non vuol dire semplicemente “infreddolito” ma è anche
una postura, un atteggiamento un po’ dimesso di persona affaticata. Magra soddisfazione perché il freddo gelido era davvero intenso e insopportabile, non solo all’aperto ma anche in casa. Per sopperire in parte ai rigori della stagione, mi facevano indossare certe fastidiose maglie e calzettoni di lana grezza, che pizzicavano la pelle e irritavano i talloni. E
bisogna notare che io ero “un frut dilicât”.
Ma di questo viaggio in Friuli c’era anche un aspetto affascinante. Già l’attesa della partenza suscitava positive tensioni. Sotto le arcate della stazione Centrale di Milano tra fumi e vapori, era tutto un andirivieni di persone in arrivo
e in partenza. In testa al lungo treno, composto dalle carrozze con tante maniglie gialle di ottone, il Capostazione con il berretto rosso attendeva lo scoccare dell’orario di partenza per dare il via al macchinista con la verde paletta
rotonda ed il trillo del fischietto. La sbuffante e mostruosa locomotiva nera con
le enormi ruote dipinte di rosso fremeva sulle rotaie. Dopo tanti scossoni e tanto fumo nero, a Verona, tra vapori e scrosci d’acqua scaricati sul “tender” del
carbone, veniva cambiata la locomotiva. A Mestre poi si scendeva dalla carrozza con i sedili di legno di terza classe e si cambiava treno per proseguire verso Udine. Nell’attesa del nuovo treno in coincidenza, mi accompagnavano al
“posto di ristoro” (non si chiamava bar) della stazione avvolta nella nebbia, a
bere un “frappè”. Evidentemente era da qui che incominciavo, a mia insaputa, ad “ingrisignirmi”.
Ritratti friulani: Elio Martina
di Elena Colonna
N
ella biblioteca del nostro
Fogolâr si possono trovare due volumetti scritti dal nostro personaggio di
oggi: “India - Diario di viaggio”
e “Uganda - I nonni al battesimo dell’Annina”.
Sono appunti di viaggio e considerazioni personali, interessanti, circostanziate, spesso commoventi. Per questo, quando ci
siamo recati a intervistare Elio
Martina, avevamo già l’impressione di conoscerlo bene, pur
avendolo solo incontrato qualche volta fuggevolmente al Fogolâr. Ma in
parte ci sbagliavamo: in oltre due ore
di colloquio siamo venuti a sapere tante cose, anche sorprendenti; e speriamo che la nostra memoria e i nostri
frettolosi appunti ci soccorrano nel delineare il ritratto di quest’uomo dai
molteplici interessi, attivo e generoso,
colto e umanissimo.
Elio Martina ci accoglie cordialmente nella sua bella casa di Milano, insieme alla moglie Anna Maria; non abbiamo nemmeno bisogno di rivolgergli
le domande convenzionali, perché ci
racconta già tutto spontaneamente.
“Mi sono avvicinato al Fogolar nel
’76, all’epoca del terremoto - esordisce
- quando, con alcune altre persone, fra
cui il dottor Ravioli, particolarmente
attivo ed entusiasta, abbiamo raccolto denaro e coinvolto altra gente in un
comitato, la «Società Resurrezione».
Conservo ancora la lettera di ringraziamento che Ardito Desio mi inviò a
suo tempo. Raccoglievamo soldi e ci recavamo spesso in Friuli, sia per renderci
conto di persona di quali fossero le diverse necessità, sia per portare conforto
anche con la presenza e con le parole: cose che a volte sono non meno utili degli aiuti materiali.
Poi sono rimasto sempre iscritto, anche se non posso frequentare molto le
manifestazioni. In questo momento mi
occupo in particolare della ricostruzione del nostro albergo di famiglia a
Chiusaforte, impresa non facile, che
ancora non so se mi riuscirà”.
A questo punto il dott. Martina mi
mostra una fotografia dell’ “Albergo
Martina” prima del terremoto: una bella costruzione dalle sobrie e armoniose linee novecentesche.
“ I libri che ho scritto? Beh, quello
sull’Uganda è nato dal viaggio che mia
moglie ed io abbiamo fatto per conoscere la nostra nuova nipotina, Anna
Maria. Mia figlia Cristina si trovava lì
con suo marito, medico volontario, e
lei stessa si occupava dell’ammini-
strazione dell’AVSI, l’organizzazione
per cui lavoravano. Abbiamo cinque
figli e a tutt’oggi sette nipoti: devo dire
che i ragazzi li ha tirati su mia moglie;
e, se sono riusciti tutti bene e non sono
diventati dei drogati è tutto merito suo”
– scherza, scambiando un’occhiata affettuosa con la signora.
“Dove eravamo rimasti? Ah, sì, in
India. L’India ho avuto modo di conoscerla un po’ dopo che sono andato in pensione (sono stato per 36
anni dirigente alla BNL, di cui gli ultimi dieci ispettore all’estero: ecco
perché ho viaggiato molto). In India
sono stato diverse volte come consulente di una società che progettava di
costruire un impianto galvanico. E’ una
terra affascinante, nel mio libro ne descrivo un po’ i colori, gli odori, i cibi,
la vita delle persone comuni, ma
quello che ti colpisce e che ti resta
dentro è la loro filosofia di vita: sono
così sereni, si accontentano di quello che hanno, ti fanno riflettere e quasi vergognare dell’attivismo, dell’ambizione, dei bisogni indotti di noi occidentali. Vivendo con loro ti senti
parte di quell’umanità”.
Un’altra passione di Elio Martina,
per noi del tutto inattesa, è il calcio.
Martina ha appartenuto per cinquant’anni all’Associazione Italiana Arbitri - ci mostra con comprensibile orgoglio l’attestato rilasciatogli lo scorso anno - e ha arbitrato ben 73 partite di serie A come assistente di linea;
e, se nella nostra ignoranza dell’argomento abbiamo capito bene, come giudice di gara. Quando gli chiediamo
una fotografia per accompagnare il nostro breve articolo, ce ne propone una
dove appare insieme con Nicola Rizzoli, uno degli arbitri prescelti per i
prossimi mondiali in Brasile (a sinistra
nella foto in alto).
Il pomeriggio è volato: ci congediamo affettuosamente da Elio Martina e
dalla signora Anna Maria, augurandoci
sinceramente di vederli presto a qualche manifestazione del nostro Fogolâr.
LA «CARNIA» NELLE FOTOGRAFIE DI GIOVANNI EDOARDO NOGARO
di Marco Rossi
L
unedì 3 marzo 2014, presso il Circolo Fotografico Milanese, un
pubblico attento e partecipe ha
assistito ad una inconsueta e sorprendente serata friulana; o più propriamente una “performance” carnica,
come ci ha tenuto a definirla l’eccezionale protagonista, il fotografo tolmezzino Giovanni Edoardo Nogaro.
In realtà è stata una travolgente carrellata di immagini, nella quasi totalità
in bianco e nero, frutto del decennale lavoro di questo prorompente personag-
gio, che non ha lasciato respiro al pubblico intervenuto numeroso.
Una fantastica serie di fotografie scattate tra il 1960 ed il 1975 che ci hanno
trasportato in una realtà forse dimenticata, forse inusuale agli occhi di molti:
ritratti di vecchi e bambini, scorci di antichi borghi, scene di vita quotidiana, botteghe artigiane, momenti tra le montagne, interni familiari, fogolârs, cucine, stufe, salumi appesi alle vecchie travi, malghe, casere … e molte immagini di luoghi oggi forse irriconoscibili. Sauris,
Paularo, Enemonzo, Ampezzo, Timau,
Comeglians, Maranzanis, Gorto, Ovaro… una sorta di tour tutt’altro che virtuale, per leggere uno spaccato di storia
del Friuli, anzi della Carnia come orgogliosamente Nogaro ha citato più volte.
E’ difficile descrivere tutte le emozioni
vissute, qualche fotografo milanese ha
lamentato l’eccesso di immagini proiettate. A noi la sequenza ha invece affascinato: una serie di soggetti, di dettagli
impossibili da dimenticare, dagli sguardi dei vecchi, al movimento dei bambini
fermato dallo scatto fotografico. Grande tecnica dell’autore che, con maestria,
ha impresso sulle lastre dei momenti di
vita unici, senza fare uso del flash, ma
piuttosto giocando sulle lunghe pose, obbligando i soggetti ad una sorta di immobilità che traspare dalle foto.
La scelta del bianco e nero è fondamentale, come ricorda il fotografo:
«Oggi viviamo ormai in un mondo
immerso in una cultura completamente a colori.
Chi si avvicina al bianco e nero, poi
potrà anche continuare a fare fotografie a colori, ma gli resterà sempre una certa nostalgia. Se la fotografia a colori è descrizione, nel bianco e nero i toni di colore vengono tramutati in toni di grigio
che danno significati e risultati descrit-
tivi diversi: lo sguardo viene catturato
dall’estrema sintesi della luce. Il bianco
e nero è fondamentale per la ricerca dell’equilibrio dato dal rapporto tra masse
bianche, nere, tonalità di grigi e la
luce che illumina il soggetto.
Il grigio ha una grandissima capacità espressiva: i suoi passaggi tonali, oltre ad essere piacevoli da vedere, ci danno immagini essenziali di un’aura di nobiltà, eleganza che danno una grande
soddisfazione al fotografo anche dal pun-
to di vista creativo. Il bianco e nero è
lo “scheletro della realtà” che ci racconta
e ci emoziona in modo immediato. E’
il senso, l’anima, l’essenza delle cose».
Nogaro, classe 1937, fotografo professionale dal 1960, vive in Lombardia
a Missaglia, ha un importante curriculum e vanta una interminabile serie di
mostre ove predomina la passione per
l’architettura. Nel 2005 ha ricevuto il
premio internazionale “Fotografia 2005”
della Regione Friuli Venezia Giulia.
Il Fogolâr Furlan di Milano I trimestre 2014
Conoscere il Friuli
Lo stemma comunale
Il territorio
Il Comune di Talmassons - di 43 kmq
- si trova in provincia di Udine, ed è
formato dal capoluogo e dalle frazioni di Flambro, Flumignano e Sant'Andrat del Cormor. Un comune di
circa 4.200 abitanti, situato nella
media-bassa pianura friulana.
Degno di menzione il “Biotopo delle
risorgive di Flambro”, ove sopravvivono
autentici lembi di flora preistorica, in
un ambito la cui tutela è garantita dalla Comunità Europea. È possibile osservare vaste estensioni di zone umide,
sopravvissute alle bonifiche ed alle
conseguenti riduzioni degli habitat
naturali che hanno interessato la pianura friulana durante il secolo scorso.
Le risorgive rappresentano uno dei
più interessanti fenomeni naturali della pianura friulana.
Lo Stella è il “fiume di risorgiva” più
caratteristico del Friuli, e nasce proprio nel territorio del comune di Talmassons.
Origini e sintesi storica
Talmassons come tutti i villaggi che
componevano il distretto di Codroipo
fu donato da Alessandro III nel 1174
al Patriarca di Aquileia che ne esercitò oltre che il dominio spirituale anche
quello temporale.
Storicamente più rilevante è la
“Plebs Flambri”, citata fra le più antiche
chiese del Patriarcato di Aquileia, in un
documento datato 1126. Dunque una
"Pieve matrice", la quale esercitava il diritto di crearne di nuove, nelle terre da
colonizzare, probabilmente quelle a
nord della linea delle risorgive.
Questi territori entrarono in seguito a far parte della Contea di Gorizia,
costretti a subire diverse incursioni da
parte dei Turchi. Particolarmente feroce
fu quella del 1477 che distrusse parte
dei villaggi allora esistenti, tra questi
Sanvidotto, ove ancora oggi è possibile ammirare la chiesetta dedicata a S.
Antonio Abate (di seguito illustrata).
Nel 1497 Leonardo, ultimo conte di
Gorizia, cedette queste terre all'Imperatore Massimiliano d’Austria. La Repubblica di Venezia non si dimostrò
molto soddisfatta, vantando su di esse
un possesso che poi ottenne nel 1515.
Queste terre furono dunque cedute in
feudo alla famiglia
Savorgnan, quale ricompensa dell'appoggio prestato alla
Serenissima, in particolar modo per la
difesa di Osoppo, assediato dalle truppe
imperiali.
1797 Trattato di
Campodormido: Talmassons passa sotto
l'Austria dove rimane fino al 1866, anno
dell’annessione al 3
A sua perenne memoria una piazza
del capoluogo e la scuola primaria
sono a lui dedicate.
TALMASSONS
Il 29 novembre
1975 il Presidente
della Repubblica ha
concesso al comune
di Talmassons lo
stemma ed il gonfalone.
Nel I semitroncato-partito si vuole
ricordare il periodo in cui Talmassons
era feudo del Patriarca di Aquileia (pastorale d'oro in campo azzurro), nel II
semitroncato il dominio esercitato dai
Savorgnan sui territori del Comune
(scaglione nero in campo argento) e nel
III la grande presenza di allevamenti bovini nel territorio comunale (il toro furioso d'argento in campo rosso).
di Laura Comuzzi
Padre Cornelio Fabro (Flumignano).
Cornelio Fabro nasce a Flumignano il
24 agosto 1911. Un’infanzia segnata
dalla malattia e dalla povertà. Nel
1922 entra nel Seminario minore dei
padri Stimmatini a Verona dove frequenta il ginnasio e muove i primi passi della vita religiosa.
Al termine del suo noviziato fu destinato a Roma per proseguire gli studi filosofici e teologici. La prima Messa solenne è stata celebrata il 29 giugno
1934, festa dei SS. Pietro e Paolo. Perito al Concilio Vaticano II. Onora il
suo sacerdozio esercitando il ministero per quasi 50 anni nella parrocchia di
Santa Croce in Via Flaminia (Roma).
Muore a Roma il 4 maggio 1995.
La sua salma riposa oggi nel prestigioso Cimitero del Verano in Roma.
A sua perenne memoria la casa canonica della frazione di Flumignano
è a lui dedicata.
1
Regno d’Italia. Inizia dunque un periodo di gravi difficoltà economiche,
dovute all'insufficienza dell'agricoltura, che inducono molte persone del
comune ad emigrare, sia in Europa,
che nelle Americhe.
Quel che più coinvolse la popolazione, ad inizio Novecento, fu il primo conflitto mondiale.
A Flambro un avvenimento storico
di notevole rilievo, che ancora
2 oggi si ricorda: alla fine di ottobre del 1917, nei pressi della
chiesetta di S. Giovanni, un intero reparto di Granatieri di Sardegna, comandati dal colonnello Emidio Spinucci, si immola per proteggere la ritirata
delle truppe italiane dopo la disfatta di Caporetto. Al colonnello è intitolata la via che
dalla chiesa conduce all’abitato e la vecchia scuola elementare, oggi dismessa.
Il fascismo ebbe l'effetto di una svolta autoritaria, ma alla sua caduta si manifestarono chiare volontà di rinnovamento. Dal combattere per la patria
e per la libertà si passò a difendere con
il voto le libere istituzioni democratiche, dimostrando un alto senso civico.
Negli ultimi due secoli, godendo di
relativa tranquillità, Talmassons ha donato i natali a figure di spicco non solo
a livello locale, ma addirittura internazionale: Pacifico Valussi, padre Cornelio Fabro, Fabio Mangilli, Annibale Frossi, di cui in seguito verranno illustrate la vita e le opere.
Edifici storici di pregio
Villa Savorgnan (Flambro). Nel 1346
lo scontro Savorgnan-Del Torre portò
alla distruzione del castello di Flambro,
che fu definitivamente distrutto nel 1348
a causa di un grave terremoto che devastò la regione. Nel 1420 il dominio di
Venezia si estese anche al Friuli.
Sotto il dominio della Serenissima
fu dato l'ordine di ricostruire tutti i castelli che erano stati abbattuti, ed ecco
che anche a Flambro fu ricostruito il
nucleo centrale del vecchio castello.
Il primo nucleo della villa è infatti della fine del 1400.
Nel 1515 Venezia dona a Giulio Savorgnan le terre di Flambro, per essersi schierato al fianco di Venezia. La villa di Flambro rimane sotto il controllo dei Savorgnan dal 1515 all'inizio del
1800, quando sarà donata ad Andrea
Moro, originario di Venezia. Nel 1692
la grave esondazione del Tagliamento,
danneggiò gravemente l'archivio dei
Savorgnan che si trovava nella zona di
Belgrado di Varmo. Per un periodo l'archivio fu spostato a Bertiolo dunque a
Flambro. Questo comportò una grande visibilità per il piccolo centro friulano. Nel corso del 1800 la villa è stata donata a Giacomo Bertuzzi. Fino al
1957 abitata in pianta stabile, durante tutto l'anno. Negli ultimi anni abitata in modo saltuario.
Questa villa dispone di una cappella
gentilizia dedicata alla “Madonna della salute”, inaugurata nel marzo 1736,
frutto della volontà di Paolina Savorgnan.
Chiesetta di S. Antonio Abate
(Flambro). La chiesetta dedicata a S.
Antonio Abate che possiamo ammirare
oggi, è una costruzione risalente al 1700.
Presenta un’aula rettangolare con soffitto decorato di stucchi e dipinti settecenteschi. Il presbiterio è a pianta
quadrata con soffitto centinato a crociera e dipinto con i simboli degli
Evangelisti.
In una targa, posta sulla facciata, si
leggono queste parole scolpite nella
pietra: “Questa antica chiesetta nel
1400 dalla fede degli avi dedicata a S.
Antonio Abate, diruta dal tempo e dal
terremoto del 1976, il gruppo alpini di
Flambro, con l’aiuto delle comunità di
Lestizza, Talmassons e Flambro volle restaurarla nel 1982 a ricordo di tutti gli
alpini caduti e dispersi.”
Chiesetta di S. Giovanni (Flambro).
La chiesetta dedicata a S. Giovanni
Battista è una costruzione che possiamo far risalire alla seconda metà del
1500. Rimaneggiata nel 1800 con aggiunta e rifacimento del portico. Presenta un’aula rettangolare con soffitto
piatto; coro quadrato con soffitto a crociera. Nel 1962 è stata riedificata interamente e fedelmente in memoria dei
Granatieri morti per la patria.
Una targa ivi collocata reca queste parole: “In questa chiesa che memori i commilitoni friulani auspice l'associazione nazionale granatieri vollero con cristiana carità ed amor patrio restaurata e ridonata al
culto trovano pieno asilo gli eroici granatieri
del 2 reggimento immolatisi con il loro comandante colonnello Emidio Spinucci medaglia d'oro per la difesa della patria invasa” 30 ottobre 1917-28 ottobre 1962.
Di fronte alla chiesetta è possibile
ammirare un cippo commemorativo
ove sono incise sulla pietra queste parole: “Nel LXV anniversario degli aspri
combattimenti qui svoltisi che nella scia gloriosa di gesta trisecolari incisero pagine perenni di sacrificio anche supremo. I Granatieri del Friuli Venezia Giulia posero a
monito e memoria” 31 ottobre 1982.
Villa Mangilli (Flumignano). Villa
Mangilli è stata la casa natale del marchese Fabio Mangilli, figura di spicco del mondo dell’equitazione; medaglia d’oro alle olimpiadi di Tokyo
del 1964.
La villa risale alla metà del 1800. Il
marchese Mangilli acquistò i terreni di
Flumignano, con l'obiettivo di costruire proprio in questa zona la sua re-
5
sidenza, che seguì in prima persona nella progettazione e nella direzione dei lavori di costruzione. In origine era destinata a centro della gestione agricola ed al contempo a residenza estiva della famiglia. Nel 1917 l’edificio fu occupato dalle truppe austroungariche,
4
che trasformarono il piano terra in scuderie per i loro muli. Da allora la villa
non è stata più abitata, la famiglia preferì infatti ristrutturare uno dei rustici
attigui, per adibirlo a residenza padronale. In seguito al terremoto del
1976, i dissesti al manto di copertura e le successive infiltrazioni d’acqua,
causarono il crollo delle strutture di
copertura distruggendo gran parte
dei solai e dello scalone ligneo che
portava al secondo piano.
Villa Mangilli è circondata da un
giardino, considerato tra i giardini storici più belli del Friuli.
Personaggi illustri tra Ottocento
e Novecento
Pacifico Valussi (Talmassons). Pacifico Valussi nasce a Talmassons il 30
novembre 1813. Presso la casa paterna, grazie agli insegnamenti di un prozio sacerdote, apprende i primi rudimenti di storia, latino e grammatica.
Completa a Udine gli studi ginnasiali
prima e liceali poi. Legge e traduce autori quali Voltaire, Rousseau, Montesquieu. Dunque il trasferimento a Padova e l’iscrizione alla
facoltà di matematica. 5
Dimostra una spiccata attenzione per le
problematiche politiche e sociali dell'epoca. Importanti per la
formazione di Valussi:
Niccolò Tommaseo,
Vico, Condorcet.
Vive per un periodo a
Venezia ed a Trieste,
dove collabora anche
con testate quali il
“Giornale del Lloyd
Austriaco” e ”Osservatore Triestino”.
Nel 1866 su invito
di Quintino Sella dirige il “Giornale di Udine”, organo della Destra storica. Deputato per tre legislature. Si dedica con successo al giornalismo ed alla saggistica. Muore a Udine nel 1893.
March. Fabio Mangilli (Flumignano).
Fabio Mangilli nasce a Flumignano il
13 luglio 1911. Fin da fanciullo monta i cavalli di famiglia dimostrando grande coraggio. Nel 1931 come volontario ordinario al Reggimento Savoia Cavalleria con sede in Milano, riceve un
encomio solenne per aver salvato la vita
ad un commilitone che, a cavallo,
stava per essere travolto da un treno.
Nel 1941 volontario in Albania nel
Reggimento Lancieri di Milano, ottiene
la medaglia d'argento al valor militare sul campo, per aver salvato la vita al
comandante.
L'8 settembre 1943 è prigioniero dei
tedeschi. Fuggito dalla prigione entra
nella Brigata Osoppo operante in Friuli. Riprende l'attività agonistica dopo
la guerra. Partecipa a diversi concorsi nazionali ed internazionali fino
all’oro olimpico a Tokyo nel 1964. Fabio Mangilli affermò che “si può ottenere il massimo da un cavallo solo rispettandone l'indole e l'integrità fisica.
Due anime in un corpo solo”. Muore a
Udine il 9 gennaio 1986.
A sua perenne memoria il campo
sportivo della frazione di Flumignano
è a lui dedicato.
Annibale Frossi (Flambro). Annibale Frossi nasce a Muzzana del Turgnano
il 6 agosto 1911.
L’esordio nel calcio professionistico con
l'Udinese nel 1930. Affetto da miopia
sin da giovanissimo, ha saputo correggere questo disturbo visivo utilizzando
gli occhiali dai quali non si separava
mai, neanche in campo.
Scoperto dall'allenatore della Nazionale italiana Vittorio Pozzo, mentre
militava in Serie B, fu convocato per
i Giochi olimpici del 1936, in una rosa
che vedeva tutti giocatori esordienti.
L'ala friulana Annibale Frossi, vinse
la medaglia d'oro. Allenatore dell'Inter, del Napoli, del Genoa, e della Triestina. Negli anni Settanta
collabora con il “Corriere della Sera”.
Muore a Milano il 26 febbraio 1999.
Annibale Frossi ha vissuto a lungo a
Flambro ed è qui sepolto accanto ai suoi
genitori ed a sua moglie. A sua perenne memoria il campo sportivo della
frazione è a lui dedicato.
1. Sede municipale (Talmassons);
2. Biotopo delle risorgive di Flambro;
3. Villa Mangilli (Flumignano);
4. Chiesetta di S. Antonio Abate (Flambro);
5. Chiesetta di S. Giovanni (Flambro).
Il Fogolâr Furlan di Milano I trimestre 2014
6
Cultura e... dal Friuli
LA CHIESETTA DI SANTA DOROTEA
A CAMPOROSSO
Canti di Soldati
di Alessandro Secco
F
acendo ordine in un mucchio
scompaginato di vecchi incartamenti, mi è capitato tra le mani
- sorpresa! - un fascicolo pubblicato
nel primo dopoguerra: purtroppo non
si tratta di una copia originale dell’edizione numerata di 5.000 esemplari, ma una fotocopia recente.
Recita il titolo:
CANTI DI SOLDATI
raccolti da PIERO JAHIER
tenente degli alpini
armonizzati da VITTORIO GUI
tenente del genio
pubblicati dalla Sezione “P”
della 1. Armata
in TRENTO REDENTA
Capodanno 1919
Il fascicolo mi era stato donato parecchi anni fa dal socio e amico
Franco Zentilomo; ma, come purtroppo talvolta può succedere, me ne
ero completamente dimenticato.
I due autori del fascicolo erano nomi famosi nel
secolo scorso e tali rimangono tutt’oggi per gli specialisti; ma molto probabilmente i lettori più giovani non li conoscono:
corre quindi l’obbligo delle presentazioni.
Pietro Jahier, nato a Genova nel 1884, era figlio di
un pastore protestante di
origine valdese. Dapprima
studente di teologia, poi
impiegato nelle ferrovie,
infine laureato in legge e in
lettere. Nel 1915 parte volontario per la guerra come
ufficiale degli alpini. Nel
1919 pubblica due libri
esemplari: “Ragazzo”, opera intensa e altamente poetica; e “Con me e con gli
alpini”, raccolta di prose e
di versi, una delle più valide testimonianze sulla
guerra del 1915-18. Fermamente avverso al regime fascista,
Jahier è perseguitato, imprigionato e
impedito di pubblicare. Nel 1943, già
sessantenne, partecipa alla lotta partigiana. Muore a Firenze nel 1966.
Vittorio Gui, nato a Roma nel
1885, compositore e direttore d’orchestra, è stato uno degli interpreti più
sensibili della musica sinfonica del primo ’900 e del melodramma italiano.
Nel 1928 fonda l’Orchestra stabile di
Firenze, da cui si svilupperà in seguito il Maggio Musicale Fiorentino.
Muore a Firenze nel 1975.
Pietro Jahier ha raccolto 31 canti
lombardi, veneti, ma soprattutto friulani – una quindicina, tra i più famosi
e significativi – e Vittorio Gui li ha
armonizzati magistralmente a tre e
quattro voci maschili, trascrivendoli
sul rigo con una calligrafia chiara ed
elegante; e, ciò che più si apprezza, evitando stravaganze musicali e modulazioni insolite, ma rimanendo nel-
l’ambito armonico ristretto che è tipico del canto popolare.
Ci sembra interessante riportare
uno stralcio dalla prefazione di Jahier
alla raccolta:
“Queste villotte sono scelte fra quelle
che più si sentono nel paese e più volentieri cantano i soldati friulani.
Il popolo del Friuli sopra ogni cosa ama
la sua terra e la casa; ma la guerra ogni
tanto e l’emigrazione ogni anno lo distaccano dal suo amore. Per questo nei
suoi canti si sente sempre la nota della
lontananza, che talvolta è palesata nelle parole, ma sempre trova riposta in fondo alla sua mirabile musica, la quale deve
essere cantata almeno a tre voci, con tempo largo e con prolungate cadenze...
Sono i più belli fra i “Canti di Soldati”
che avevo raccolto per conforto del fante in trincea. Mi crucciava che mancassero le arie. Ma ho trovato Gui. E
Gui le ha trascritte, con fraterno cuore di soldato, alla pianola scalcinata di
un Presidio. Mentre gliele cantavo, l’altipiano fiammeggiava dei nostri cannoni vendicatori...”.
La raccolta si chiude con questa epigrafe dettata da Pietro Jahier, tenente degli alpini e poeta:
RINGRAZIAMENTO
Agli ignoti poeti di popolo
che han creato – senza ambizione
questi canti così semplici e vivi
Ai soldati
che cantandoli con me
nelle montagne
e sulle strade
mi han suggerito l’idea
di raccoglierli
per memoria comune
Al buon compagno profugo
capitano Carlo Battistella
che ha curato quelli
della sua terra armoniosa
VIVA E CRESCA
nella giustizia
la patria italiana
che al più umile figliolo
dà un cuore di poeta
Flavio Zambon - Dizionario della parlata di Dardago
di Alessandro Secco
“’Sto libre lo ’veve ’n te la ment da tant tenp,
ma ài dovùt rivà a pì de thincuanta àins pa’
podèlo scuminthià e po dopo a sessànta,
compith, pa’ podèlo stanpà. I soi stat drio
par la beletha de oto àins, ma a la fin mi
crede, o almanco spere, de esse stat bon de
mete in piè calcossa che ’l vade bin...”.
E’ questo l’incipit della presentazione che l’autore fa della sua creatura, venuta ora alla luce in veste lussuosa ed elegante dopo otto anni di gestazione. Il volume ci è stato regalato dall’Autore, per
mano del socio del nostro Fogolâr Augusto Bastianello, con la dedica: “A tutti gli amici del Fogolâr Furlan di Milano per ricordare che nel Friuli Occidentale ci siamo anche noi. Con simpatia, Flavio Zambon”.
La prima impressione del lettore comune è che la parlata di Dardago sia veneta piuttosto che friulana. Fa questo effetto, ad esempio, la cosiddetta vocale di
appoggio in –e anziché in –i; e la vocale finale in –o anziché in –u (’sto libre lo
veve... par podèlo... e così via); poi,
come in inglese, compare il suono th,
(thincuanta... scuminthià); e più avanti anche il suono dh, (dhovin... dhoiba); e questo fa pensare al bellunese o al trevigiano. Ma invece, proseguendo nella lettura
della presentazione e più ancora sfogliando il dizionario, si incontrano forme che ci riconducono decisamente al
friulano: la palatizzazione di ca- e ga-, per
cui avremo el cian e el giat, non già el can
e el gato dei veneti; poi l’infinito e il participio passato dei verbi come in friulano: magnà e magnàt, che sono all’opposto del veneto magnar e magnà; e poi ancora il friulanissimo plurale in -s dei nomi
terminanti in consonante: paron/parons, sedon/sedons ...
Ma qui ci fermiamo; e rimandiamo il
lettore curioso all’ottimo manuale “I dialetti del Friuli” del prof. Giovanni Frau
(S.F.F.- Udine,1984), il quale si sofferma in particolare sulle parlate della cosiddetta “fascia di transizione friulano veneta”, che è - annota Frau - “uno dei
territori della nostra regione meno indagati sotto il profilo linguistico”.
Insomma, il Comune di Budoia con
le frazioni di Dardago e Santa Lucia, è
un’isola linguistica tutta speciale, isolata
e quasi sconosciuta. “Per non perdere
2000 anni di storia”: così «l’Artugna»,
periodico della comunità locale, titola la sua introduzione al dizionario. E a
questo punto finalmente veniamo a conoscere il significato del termine “Comót”, stampato in coperina con grande evidenza grafica: è questo il nomignolo che i locali danno al loro sorprendente dialetto. Citiamo ancora:
“Comót?... Comót ela?... Comót ato
fat?... Comót, nella parlata dardaghese, più che una semplice e convenzionale parola d’inizio conversazione, è un rituale affettivo, uno
scambio reciproco confidenziale”.
Siamo quindi andati a vedere il lemma relativo nel dizionario e leggiamo:
“comót? avv. interr. come? in che modo?
Comót vala la vita? = Come va la vita?”
Questa parola che suona così strana,
dunque, corrisponde semplicemente e
senza dubbio alcuno al cemût del friulano centrale. Siamo andati anche a vedere altri lemmi, qua e là, per giudicarne il trattamento grammaticale e lessicale e la chiarezza delle definizioni. Un
esempio simpatico, ad apertura di pagina
(ma che combinazione!): “clintón s.m.
Tipo di uva, un tempo comunissima nei
territori agricoli dardaghesi, resistente
a qualsiasi parassita, molto vegetativa,
grappoli abbastanza grandi e tozzi, acini molto grossi; il vino da essa ottenuto era di una fragranza inimitabile, al gusto sapeva di frutta, all’odorato di miscellanea di fiori...”.
Una definizione precisa e dettagliata, quasi da enciclopedia più che
da dizionario. E, guarda caso, in perfetta sintonia con le sensazioni gustative e olfattive rilevate dallo scrivente sul contenuto di una rara bottiglia di clinton di Faedis ricevuta recentemente in regalo.
Lasciando da parte queste divagazioni personali, notiamo che il Dizionario
della parlata di Dardago di Flavio Zambon raccoglie più di 7.000 vocaboli; ed
offre ai linguisti uno strumento unico per
studiare le particolarità grammaticali dell’idioma locale, in attesa di completare il progetto con la raccolta delle varianti di Budoia e di Santa Lucia. E ci
piace terminare con una citazione tratta da una conferenza del prof. Giovanni Frau «Lingua e società in Friuli con
particolare riferimento all’area di Dardago»: “Perdere il dialetto di Budoia,
Dardago, Santa Lucia sarebbe come buttare via oltre 2000 anni di Storia”.
di Roberto Scloza
Il professor Giovanni Frau, illustre friulanista e amico di lunga data del Fogolâr
di Milano, ha inviato al direttore del nostro giornale una interessante segnalazione, che abbiamo molto gradito, anche per le garbate parole di apprezzamento, e
che riteniamo di dover portare a conoscenza dei lettori.
Preseât diretôr,
tant par fâ viodi che mi svanti di jessi un letôr avonde atent dal simpri interessant sfuei «Il Fogolâr Furlan di Milano», mi permet di segnalâ che inte
ben informade pagjine dedicade di R. Scloza a Tarvis, al mi somee che no
sedi stade ricuardade la gotiche gleseute di Sante Dorotee a Cjampros, che
seont me e je une des plui preziosis zois artistichis dal Comun, cun cuasi dutis lis parêts – ancje se in part ancjmò taponadis di malte plui resinte – cuviertis di frescs dal '400 (par saventi alc di precîs baste lâ su Internet).
Mi scusi de interference e o saludi di cûr zontant auguris.
G. Frau.
Risponde Roberto Scloza, autore dell’articolo su Tarvisio.
iportare la sintesi storica e le origini di una
R
cittadina, i dati statistici e
demografici; descrivere (sia
pur sommariamente) le caratteristiche del suo territorio, gli edifici di culto e
di pregio, i monumenti
(corredandoli con appropriate immagini); ricordare fatti peculiari e personalità illustri, il tutto su
un’unica pagina, non è
impresa sempre fattibile:
talvolta bisogna ‘sacrificare’ qualcosa o qualcuno.
Approfittando dello spazio concessomi, ora posso
tentare di ‘colmare la lacuna’ riproducendo due foto e
accennando per sommi capi
all’edificio, con alcuni ragguagli storico-artistici.
La chiesetta di Santa Dorotea, edificata nei primi
anni Mille in stile goticocarinziano su uno sperone
roccioso sopraelevato, è dotata di minuscolo pronao con tetto ligneo. L’interno conserva un altare composto di marmi policromi (della fine del ’700),
un tabernacolo, un organo ed una pala d’altare con l’immagine della Santa
(decapitata nel 287 durante la persecuzione di Diocleziano). Sulle pareti intonacate ed imbiancate dell’aula e dell’abside, grazie ai recenti lavori di restauro, sono emersi uno o più strati di affreschi. L’accurato rilievo grafico ha
messo in evidenza strati affrescati di epoche diverse: sulla parete nord un lacerto di affresco di età più antica (XV sec.) emerge al di sotto del Corteo dei
Magi che copre quasi interamente
la superficie murale. Nell’intero palinsesto spiccano per l’espressività e
per i particolari cruenti la Strage degli Innocenti (vedi foto a sinistra) e
il Martirio di Santi. Interessanti pure
la Fuga in Egitto (alquanto deteriorata) e San Sebastiano affiancato da due soldati. La tecnica pittorica adottata e lo stato di conservazione degli affreschi sono buoni.
Le campane del campanile che affianca la chiesetta - in analogia a
quelle del campanile della parrocchiale di Sant’Egidio - furono asportate dagli Austriaci nel luglio del
1917 quali ‘bottino di guerra’ e restituite nell’immediato dopoguerra;
esse furono poi rifuse dalla fonderia
De Poli di Udine e ricollocate nella cella campanaria nel 1928.
Bucaneve
ono spuntati ai primi tepori ad annunciare l’arrivo della Primavera. Due
S
le specie botaniche, dai nomi difficili in greco e latino, ma poeticissimi
nel loro significato:
Galanthus nivalis, fiore di latte delle nevi; e Leucojum vernum, violetta bianca primaverile.
In italiano entrambe le specie si chiamano allo stesso modo: “Bucaneve”.
Anche in friulano si usa ormai lo stesso nome, benché vi siano tanti nomi
friulani specifici, che variano da paese a paese. Noi ne abbiamo scelti due,
fra i più gentili e facili da ricordare:
“Dindins” per il Galanthus; e “Campanelis” per il Leucojum. Ne parleremo la prossima volta. (foto: a sinistra il Galanthus, a destra il Leucojum)
Il Fogolâr Furlan di Milano I trimestre 2014
La pagjine furlane di Sandri dai Juris
7
O
sin di Carnevâl, fin ae prime domenie di Març; e nus è vignude gole di savôrs sclets di cjase, uso crostui e fritulis, magari di compagnâ cuntune tace di chel clinto dal nestri ort che al veve i profums di mil
rosis. Savôrs e profums simpri plui lontans te memorie, simpri plui idealizâts. E cussì o vin decidût, par cheste volte, di meti dongje une pagjine furlane divierse dal solit. Alore: nuie “Flôrs dal nestri zardin” – tant a dî che o lassarìn polsâ i Grancj des letaris nostranis – cun cetant displasê par cualchidun dai nestris letôrs.
I darìn lûc, invezit, aes nestris “Rosutis di prât”, ven a stâi a chê floridure plui modeste, ma che e je robe di cjase nestre, nassude tal broili dal Fogolâr Furlan di Milan. E o varin ancje “Il cjantonut des sflocjis” par fâ insiemit une ridade, se al è ancjimò pussibil cui timps che a corin; e “Il cjanton dai arlêfs” de Scuele di Furlan, cu la sô produzion straordenarie di “scriture creative”.
ROSUTIS
DI PRÂT
heste volte dal nestri broili o vin dôs rosutis raris: une poesie e une conte. La poesie nus e à mandade la nestre socie NeC
rine, ma e risulte firmade cun trê nons. No vin rivât a vê sclariments; e alore nus tocje presumi che i vedin metût man
in trê di lôr: une siore le varà pensade, chê altre le varà dade dongje e il mestri le varà metude jù in biele.
Ma no je finide cussì: ancje nô o vin scugnût meti man a cheste poesie, che si presentave in vot strofutis curtis curtis, a jemplâ dut il sfuei come intun svoletâ di paveis. E par fâle stâ intal pôc sît disponibil, o vin pensât di cumbinâ lis strofutis a dôs
a dôs: e cumò o vin dome cuatri strofis, ma inte forme des cuartinis classichis de vilote furlane. Provait a cjantâlis, par esempli sul motîf “Se savessis fantacinis – che che son sospîrs d’amôr: a si mûr, si va sot tiare – e ancjimò si sint dolor”. Sperìn
che a Nerina e colaboratôrs ur vadi ben cheste risoluzion.
La conte che e ven dopo la poesie le à scrite il nestri soci Elio Martina. Di lui nol covente dî altri, par vie che o podês lâ a lei
a p. 4 la interviste che i à fat Elena. Lassaitmi dome zontâ che e je une conte fantastiche, anzit: metafisiche.
La sêt tal cûr
Dami un cop di aghe frescje
che la sêt vuei distudâ:
jo mi sint intor l’arsure
come un cjamp prin di bagnâ.
Se la brame mi consume
come un çoc intal spolert,
une flame ardint mi bruse,
jenfri al pet un batiment.
Al è amôr chest sintiment
che la vite mi savolte
fin di cuant che ti ai viodude
dongje il poç cul buinç in man.
D’in chê dì jo no ai pi recuie,
nò, no sai pi di vê pâs:
ti prei, dami chê aghe frescje
e al gno spirt torni la pâs.
Loris dai Açans
cun Nerine Braida e Anute Martine
Ancje chest an tal ort dai Juris e je floride la Ardile,
par talian «Rosa di Natale», pai botanics Helleborus niger.
A son vincj agns che torne a dânus il Bon Nadâl
La preiere insieme
di Elio Martina
Aromai, cuant che o soi a Scluse, e je une mê usance, apene rivât lâ a poiâmi sore chel çuc dal ort-zardin il dopomisdì, tal cidinôr de mê anime e dal gno jessi pinsirôs e spirituâl.
Il puest che o ai sielt al è adat par viodi, ben lontan, viers l’orizont: il cîl e lis monts a somein plui dongje, si fasin cuasi tocjâ.
O jeri bessôl cuant che mi inviavi sul çuc tai prins timps: content di jessi bessôl cul gno jessi e di vierzi il gno cûr
al Altissim.
Dopo cualchi timp, la gjate Sissy – di une vore di agns oremai une istituzion dal Albergo Martina – viodintmi a
polsâ su chel sît, si jere tirade dongje a cirî cjarecis e a fâsi figotâ. Di in chê volte, nol passe dì che a la mê meditazion la gjate Sissy no vegni a fâmi companie. E salte fûr di cui sa ce cjanton dal zardin; e apene che mi sint e ven
a scrufuiâsi dongje.
Se o fâs finte di no inacuarzimi di jê, e slungje une talpute viers di me e mi invide a cjalâle. Il so mût di fâ al è discret, ma jê e insist fin che o cêt: o ai di cjareçâle su la schene e lassâ che si strussi cuintri i miei bregons. Daspò si
met sotsore e si slungje cu la panze par aiar. Dopo chest tentatîf mi lasse in pâs a lis mês meditazions e si sente a
flanc dai pîts, cuasi che e sintìs i miei pinsîrs. O ai la impression che si rindi cont dal moment de preiere e che e
vueli, a so mût, jessi in sintonie, partecipant cu la so presince.
Di cualchi mês, il nestri cjatâsi di ogni dì al è stât osservât dal cjan di curtîl dai nestris vicins di cjase, che nol
mancjave di fâ sintî la sô vôs ruzinante, fasint dut un davoi cuintri di nô. O vin provât a no fâi câs, a ignorâlu, a
fâ finte di no sintîlu, a lassâlu al so baucâ gnervôs. La so insistence, cuasi une sfide, nus à persuadûts che no varessin podût fâ finte di nuie; e cussì, Sissy e jo, o vin rispuindût ai siei salûts, fasintlu baulâ inmò di plui. Ogni dì
e saltà fûr une cerimonie a tre vôs: a pene rivât sul çuc e rivade ancje Sissy, al tacave un salût rabiôs cence fin
dal gnûf vicin di cjase.
La convivence e scomençà tra une cuiete e un acaniment, cul scambi di salûts tra i doi adalt, tra une gnaulade e
un “tas!” e un vuacament dabas, lassant plui spazi al baulâ gnervôs e insistent di Willy, pôc preparât a meditazions
e preieris e plui puartât a fâ viodi la sô presince tant che un rapuart di fuarce.
Cul timp la pazience, la cognossince di un cul altri e il desideri di partecipâ a la preiere a jan dât cuarp a une cordiâl ispirazion fra i trê sogjets rivolts a adotrâ l’Altissim.
Sissy, cidine, e sintive lis vôs, dopo di vê gjoldût lis cjarecis; Willy al faseve scoltâ la sô vôs, che aromai e jere deventade une cjantose di laude inte part centrâl dal incuintri.
La finâl mi vignive lassade a mi e al cidinôr che al nasseve dopo dal cjant di laude. Al jere il moment plui biel:
ducj i trê, impegnâts in laudis e ringraziaments, o jerin alì cul cuarp, ma il spirt e il cûr a svuelavin adalt, parsore
lis niulis.
Willy, une dì, mi domande: “Parcè vegnistu di bessôl sore chest çuc? No isal nissun altri che al vueli stâ insieme?”.
I rispuint: “Nol è nissun che al alci i voi al cîl. Ma noaltris trê o fasìn un grop e o sin bielzà alc”.
IL CJANTONUT DES SFLOCJIS
Sflocjute teologjiche di Pieri Grassi
Il plevan, inte predicje di Messe Grande, al cîr di fâ capî ai fedei cetant fals che al è il concet di Diu che tancj di lôr a
dimostrin di vê. “Se il vuestri Diu - al dîs - al è chel che us salve o us gjave fûr des maloris, e je ore che o si meteis a cirî il
Diu vêr!”. E par spiegâsi miôr, al conte une storiute.
“Un om, lât al marcjât, al lasse jù cence custodie la sô biciclete, gnove di balin, e al va a fâ lis sôs spesis. Ma dome la dì dopo
si impense de biciclete; e alore al torne di buride sul marcjât, bielzà sigûr di no cjatâle plui. E invezit la biciclete e je ancjemò
là che le veve lassade. Sclopant de contentece, al jentre intune glesie lì dongje par ringraziâ Diu di vêje cussì ben custodide.
Ma, tornât fûr de glesie, la biciclete no je plui: sparide in chel lamp”.
E alore il Plevan al tire la conclusion: “Int di pocje fede – al dîs – no pensarês mighe che Diu, chel vêr, al sedi li a fâ il custode
des vuestris bicicletis!”.
Aghe di bevi di Sergjo Jacuzzi
Su pes nestris monts, in plene Estât, un frutat furlan si cjate dongje di un riul cuntune aghe che e cor jù pai claps tant clare
e frescje di fâ gole. Si sbasse par bevi, ma un contadin dal lûc che al è daûr a seâ il prât, lu ferme di bot e i spieghe intal so
sclet furlan:
- Siorut, che nol stedi a bevi chê aghe li! Plui ad alt si è rote une condote de fogne e il riul cumò al è incuinât. Si riscje malatiis
come il tifo e il colera!
Intant che i doi a stan fevelant, si fâs dongje un triestin, ancje lui seneôs di bevi chê aghe che e semee tant biele e frescje,
e i domande al frutat:
- La me scusi, cosa ghe ga dito el mato?
Il frutat i rispuint, par talian: - Ha detto di bere adagio, perchè l’acqua è molto fredda.
IL
CJANTON DAI ARLÊFS
IL PUINT DAL DIAUL di Gianni Colussi
Timp indaûr, te Ete di Mieç, la int di Cividât e jere disperade parcè che nissun
architet al jere stât bon di meti adun cuntun puint lis spuindis dal Nadison.
Une dì al Borgomastri, plui che mai preocupât de facende, no savint a ce Sant
avodâsi, i scjampe di dî che al varès dât la anime al Diaul pûr di risolvi la situazion.
No vessial mai fevelât! In bote il Diaul in persone si presente a cjapâ l’impegn
di fâ sù il puint la dì dopo, a pat di puartâsi vie la anime dal prin che i fos passât parsore. Nol jere tant ce sielzi, di mût che il pat al ven cumbinât daurman.
Po e ven jù la gnot: une gnot di infiâr, l’aiar intrunît di bots, di cigons e scriuladis, di vos mai sintudis.
La int spaventade e cu la tremarole si è sierade dentri tes cjasis, a preâ intor
dal fogolâr.
Sul cricâ dal dì, ducj i rumôrs si fermin, e torne la cuiete. Alore la int e scomence a saltâ fûr des cjasis e cun grande maravee si cjate devant il puint plui
biel e plui perfet che e varès mai podût insumiâsi.
Ma purtrop e viôt ancje une robe che di gnûf le fâs sgrisulâ: dilà dal puint e
je ferme la figure scure dal Diaul, in spiete de prime anime che e fos passade
sul puint, par puartale vie cun se.
Intant, si da dongje simpri plui une sdrume di int che e rive denant il puint
e si ferme a spietâ.
Al improvîs si vierç un passaç framiez de int e al salte fûr un cjan, che di corse al traviarse il puint e al va a finî tal sac dal Diaul.
E il Diaul, cjatantsi la anime di une bestie in pît di chê di un cristian, masse tart si inacuarç de sbefade e alore, sberlant di rabie, si sprofonde imbesteât tal infiâr par une buse daûr Madone di Mont, che ancjemò al dì di vuê e
ven clamade la Buse dal Diaul.
Cheste e je la storie che o sintivi a contâ di frut.
Par dî la veretât, la costruzion dal puint e je stade lungje e di fadie, par mancjance di mieçs, par spietà il moment just e soredut par vie de costruzion une
vore ardide.
A tira sù un puint di clap, che al à cjapât il puest di un di len, i lavôrs a son
scomençâts tal 1442 e a son lâts indenant, par une schirie di malintops, fin
al 1558.
Il puint, daspò, al è stât comodât une prime volte tal 1680 e une seconde tal 1836.
Tal 1917, al timp de ritirade di Cjaurêt, al è stât butât jù, ma tornât a fâ sù l’an
dopo dai todescs. E infin al è stât rimetût in sest dopo la vuere dal 1945.
Il puint dal Diaul al è la costruzion plui cognossude di Cividât; e ben che no si
puedi difinîlu un monument, al à un sît dut speciâl tal pinsîr dai Cividalês, ma
ancje dai forestîrs; e di fat al è considerât il simbul de Citât.
Di sigûr la sô notorietât no je leade dome a la costruzion ardide e intrigose, ma
ancje al spetacul che si vierç tra lis dôs rivis insioradis di cjasis, di glesiis e di zardins, che a van jù revidis ta lis aghis verdis dal Nadison.
Al è naturâl che cheste viste senografiche e vedi dât ispirazion a scritôrs e poetis, pitôrs e artiscj de fotografie, ma soredut emozions a chei che a vuelin nome
passisi i voi.
DÕS CONTIS di Spartaco Iacobuzio
IL GNO GJATUT
Di picinin lu tignivi a durmî cun me. Lu ai dispatussât a fâi fâ ’sisin te sô casselute. O pues dî che o vivevin in simbiose: cuant che o fasevi i compits di scuele, lui si distirave su lis mês spalis e cul so ron ron e il so clip mi tignive companie. La matine mi dismoveve tociantmi la muse cu la çatute.
Mi compagnave a scuele par un toc di marcjepît, si fermave prime de crosere.
Di li mi tignive a ments fin al cjanton dal tabachin. Simpri su chel cjanton mi
spietave, puntuâl, par tornâ a cjase insieme.
I amîs di scuele si divertivin a metimi tal mieç di lôr, par confondilu: lui, cu la
code alte e il so ron ron, al vignive a strussâsi tor des mês gjambis; e ducj insieme o fasevin l’ultin toc di strade.
Cuant che al ploveve tant, mi spietave, puntuâl, sul tapetut de puarte di cjase.
Al jere un zugatolon, i plaseve tombolâsi tra lis cjartutis e lis fueis secjis ingrumadis tal gatul devant cjase.
Une dì, doi cjanats lu an vualmât e spietât che al vignìs fûr; e lu an sbranât, devant dai miei voi.
O ai cirût di parâju vie. No son servidis a nuie lis mês implorazions disperadis
al paron dai cjans: lui, cun bocje di ridi, si gjoldeve il spetacul.
Il gno gjatut nol è muart subite. Lu vin assistît: jo, i amîs e lis frutis dal curtîl,
par doi dîs e dôs gnots; e, simpri insieme, lu vin sepulît tal zardin, sot di une plante di ortensiis, poiât tune scjatule di scarpis peade cul spali, voluçât te cuviartute de pipine di mê sûr.
SPAVENTEPASSARIS INAMORÂT
Mi àn plantât ta chest cjamput apene semenât, par spaventâ e tignî lontanis lis passaris.
Il paron al crôt che mostrâ un pipinot di stranc, vistût di omp, al basti a parâlis vie.
Dome a pensâ di stâ ca dibessol, massime di gnot, mi avilìs.
A dî la veretât, jo no le ai cui uceluts, mi fasaressin companie, al è biel viodiju svolâ, sintîju cjantâ.
«Soio propit cussì brut? Che nissun ucel al olsarà vignîmi dongje? Che al varà
pôre ancje de mê ombrene?»
Nancje il timp di un be e un scjap di passaris a plombin su la tiere apene mote
e subit a svolin vie.
«Vustu viodi che il paron al a reson! »
Passade la prime pôre, lis passaris a tornin a pojâsi sul teren a becotâ il semenât.
Passudis e contentis, si poin a polsâ sul gno cjapielat e sul baston des mês spalis.
A cisichin la lôr sodisfazion, prime di svolâ vie. E van vie dutis, mancul une.
Une passare biele, ninine, no vûl savênt di lâ cun chês altris. Da la mê spale e saltuce fin su la pistagne de gjachetate, si imbuse intal patùs fin a rivâ al
gno cûr; e li e fâs il so nît.
Mi dîs: “O vuei restâ simpri cun te”. Une tenerece mai provade mi scjalde il
cûr di stranc. O passi cun jê i plui biei dîs de mê vite pustice. La sô invasion
no mi da fastidi, anzit, mi fâs companie e un pôc di ghiti: no soi plui dibessôl. Ma o sai che chest paradîs nol pues durâ.
I dîs: “Jo, pal paron, no vâl un carantan. Mi a fat cun doi raclis in crôs, paie e peçots: finît di doprâmi mi butarà vie”.
Une brute dì o sint mans grevis che, cuntun tiron, mi slidrisin e mi butin par
tiere. La passare e svole buride fûr dal nît; e va a poiâsi suntun ramaç. Di lì
e viôt la mê fin. Dut finît!
Ma di chê dì, ogni volte che il cjamput al ven semenât, e torne a poiâsi su
chel ramaç.
Il Fogolâr Furlan di Milano I trimestre 2014
8
Varie
VETRINETTA
Loretta Bert
QUANDO IL SORRISO NASCE DAL DOLORE
Sampognaro Lupi edizioni
G
ià il titolo è alquanto accattivante: un bellissimo verso, un endecasillabo. Ma non
si tratta di un libro di poesia, né di un romanzo, né di un’autobiografia – anche
se un lettore attento vi può scoprire qualcosa di tutte queste categorie.
Nel suo lavoro Loretta Bert prende in considerazione la tecnica dello Yoga della
Risata (Laughter Yoga in inglese, Hasya Yoga in sanscrito), tecnica che nasce dall’idea di un medico indiano, Madan Kataria, che fondò il primo “Club della Risata”
a Mumbay nel 1995. Da allora questo movimento si è esteso in tutto il mondo, con
decine di migliaia di club in oltre 75 Paesi.
Sarebbe fin troppo facile “ridicolizzare” questa pratica con ironica sufficienza o qualunquismo, osservando che “risus abundat in ore stultorum”, il riso abbonda sulla bocca degli sciocchi; ma non sempre le dotte frasi latine sono perle di saggezza.
Non dimentichiamo che Loretta Bert, con la sua solida laurea in fisica e con la sua
vasta esperienza di lavoro specialmente nel campo dell’informatica, ha dalla sua una
ragguardevole formazione scientifica.
E in effetti lo Yoga della Risata – che con lo Yoga ha diversi punti di contatto,
come la respirazione e la meditazione – ha aiutato e aiuta le più svariate categorie di persone: ammalati e depressi,
persone stressate dal lavoro o dalle circostanze avverse, o semplicemente persone che sentono il bisogno di trovare
serenità e gioia, di sciogliere inibizioni, di liberarsi dalle pastoie che la vita ci impone. Non è una “cura” miracolosa, non sostituisce medicine o terapie, ma qualche piccolo o grande miracolo lo ha compiuto, come ci racconta l’Autrice attraverso testimonianze ed esperienze personali. Viene sperimentato perfino con ammalati oncologici e con
i loro terapeuti, e perfino con i carcerati.
In alcuni punti, attraverso il libro e in particolare nell’ultimo capitolo, Loretta Bert accenna, con discrezione, con pudore, alla sua stessa vicenda umana non scevra di dolore e di esperienze traumatiche. E non manca
neppure di nominare il nostro Fogolâr: “il Fogolâr è legato alla mia tradizione, al sentirmi, almeno per metà, friulana, figlia di una terra amatissima che non ha risparmiato alla sua gente patimenti di ogni tipo: le guerre, la povertà, il terremoto”.
E’ un libro, questo, che ci sentiamo di consigliare non soltanto a chi sia interessato a questo tipo di pratiche, ma
a qualsiasi lettore semplicemente curioso e aperto, anche per il suo contenuto umano e filosofico. (E.C.)
Emilio Salgari
IL CORSÂR NERI
Aviani & Aviani editori
di avventure di Emilio Salgari (prego: Salgàri!) hanno goduto di immenI“Isaromanzi
popolarità fra le giovani generazioni del secolo scorso. “Il ritorno di Sandokan”,
Pirati della Malesia”, “Le tigri di Mompracem”, “Il Corsaro Nero”... In totale un’ottantina di romanzi, alcuni dei quali tradotti in una ventina di lingue, europee ed extraeuropee. Recentemente perfino in malese: ed è stato così che Sandokan ha potuto finalmente parlare la sua lingua madre, più di un secolo dopo la prima comparsa
sulla scena letteraria italiana.
Mancavano traduzioni in friulano. Ma finalmente ci ha pensato la “Associazione
Friulana Emilio Salgari”, affidando l’arduo compito della traduzione di quello che è
considerato il capolavoro del romanziere – “Il Corsaro Nero”, appunto – a Roberto
Jacovissi, noto giornalista, insegnante e scrittore gemonese. Arduo compito, abbiamo detto: perché la lingua friulana non è certamente una miniera di termini marinareschi; e l’ambientazione della storia nell’America Centrale del 1600 – per dire:
le Antille, Maracaibo, la Tortuga – non facilita una descrizione convincente e avvincente del paesaggio e delle situazioni. Rendiamo il merito, quindi, all’abilità, al coraggio e alla costanza del traduttore. Ma, se ci è consentito un piccolo appunto, il testo friulano, esemplarmente rigoroso nel lessico e nella grafia, qua e là si presenta di lettura un poco ostica e fa venire il desiderio di un andamento più leggero e disinvolto.
Un piccolo esempio, dalla prima pagina: “Chei doi oms... viodint chê grande ombre che çumave net sul font perlin a l’orizont, fra il lupiament des stelis, si scambiarin une cjaladure malcuiete”.
In conclusione, ci congratuliamo con la “Associazione Friulana Emilio Salgari”, di cui abbiamo scoperto l’esistenza
con meraviglia, per la felice riuscita di questa impresa, veramente impegnativa. E approfittiamo per ringraziare la
gentile signora Marilena Castenetto, che ha voluto farmi dono di questo libro singolare e imprevedibile per la Biblioteca del nostro Fogolâr. (A.S.)
In spiete de Pasche
di Pieri Grassi
i ricuardi che, in timp di Cuaresime, in dutis lis fameis si cjacarave des netisiis
M
di fâ in cjase in spiete de Pasche. Par solit i oms a pensavin dulà dâ almancul
une man di blanc; e lis feminis si preparavin pes grandis lissiis di Vierte.
Chestis manovris a vevin ancje un significât rituâl, intal sens che a jerin il simbul de rinassite dopo il frêt e il cjalin dal Unvier. E ancje par nô fruts a presentavin
un zûc une vore divertent: intune biele zornade di soreli, si tratave di cori par dutis
lis stradis dal borc, o miôr ancjimò pes gravis, strissinantsi daûr il cjadenaç dal fogolâr, che dopo jessi stât doprât par mês al jere dut infrosegnât di cjalin, fintremai
che al tornave biel lustri.
Chest zuc nus al conte ben Alberto Picotti intune poesie intal so furlan di Secuals:
Visilia di Pasca lontana
Pi di ogni altra dì
la gnagna Lina
’a neta vuì la cjasa.
Fin l’ultima pulina
il barba Feo al scova
fôr dal gjalinâr!
E nun canaes
’j dispicjn, contens,
il neri cjadenàs dal fogolâr.
’J ’zin a strissinâlu
ta la Miduna
su la sô grava blancja
scunfinada,
e lui si ven davôr
come un madrac.
Ma chistu bis di fier
al vai su la pedrada,
intant che nun curìn
cencia sintî un lament:
le’ lagrimes lu lavin tant pulît
che, sot la napa,
adès, al pâr di arzent.
Plantas velenosas - bielas, ma... fierbias!
di Marco Rossi
ome ormai consuetudine segnaliamo ai lettori il tradizionale Lunari realizzato
C
dalla Scuola Primaria a Tempo Pieno di Prato Carnico.
Il «Lunari 2014» porta il titolo «Plantas velenosas», ad ogni mese corrisponde
la descrizione di alcune essenze, con le relative caratteristiche e soprattutto con
il grado di tossicità e con un avviso in merito alla pericolosità di fiori, frutti, bacche o bulbi. A fondo pagina, sul retro del mese un glossario illustra numerosi
termini specifici. Insomma, ancora una volta un ottimo lavoro didattico. Cicuta, Tasso, Fusaggine, Bucaneve, Celidonia, Colchico, Belladonna, Dulcamara,
Veratro e molto altro è descritto con attenzione. Di ogni pianta si riporta anche una breve descrizione in lingua friulana, nella varietà di carnico della Val
Pesarina, con l’aggiunta che cualchi toc al
è sta scrit ta varietât di Cjanal.
Sempre molto gradevole la ricca e coloratissima tavolozza dei disegni che illustrano i mesi dell’anno.
Guerrino Ermacora
I GIORNI DEL CROCIATO
La Nuova Base Editrice
Udine, 2011
i Guerrino Ermacora abbiamo parlato sul nostro giornale precedente (IV trimestre
D
2013, p. 3), in occasione della presentazione del suo romanzo storico «Terra di
uomini» nell’ambito delle «Settimane della Cultura Friulana a Milano».
Ora approfittiamo di questa rubrica per ricordare un’altra avvincente opera di
ambientazione friulana del nostro scrittore. Si tratta di un romanzo storico di ampio respiro narrativo, ambientato negli anni 1228 - 1230. Il protagonista della vicenda è Adalberto di Camino, un giovane che, partito dall’Abbazia di Sesto al Reghena, nel corso della sua vicenda diventa Cavaliere, prende la croce e si mette
al seguito di Federico II di Svevia, l’imperatore determinato a riconquistare la Terrasanta in modo incruento e a riportare a Gerusalemme il controllo del mondo cristiano con la sesta crociata.
Adalberto sarà protagonista di una serie di situazioni complesse, orbitanti nel mondo medievale da Venezia a Candia, in diversi luoghi bagnati dal Mediterraneo, tra
battaglie navali e scontri sulla terraferma, con un risvolto romantico che lo rende un eroe sui generis con tutta la positività del suo ruolo.
Adalberto tornerà in patria dopo vicende drammatiche per concludere la sua vita nell’amata terra friulana.
Ancora una volta Guerrino Ermacora ci mostra la sua vasta cultura e l’interesse per il mondo antico, con un’intensa
passione per la letteratura e la ricerca storica, che lo ha portato alla specializzazione in storiografia antica e medievale.
Un libro corposo che però, al pari di altri testi dal medesimo carattere, si legge tutto d’un fiato, immedesimandosi
nelle complesse vicende di un focoso mondo epico tra cavalieri e sovrani, tra amori e furiose battaglie. (M.R.)
Gigi Garanzini
NEREO ROCCO
La leggenda del paròn continua
Oscar Mondadori, 2009
on posso dire di esser un esperto di calcio, e neppure un sostenitore di questo sport, per di più si tratta di una biografia dedicata ad un grande sportivo
N
triestino!
Ma la sola dedica è sufficiente per giustificare queste poche righe di recensione:
«Mister te sarà ti, muso de mona. Mi son el signor Nereo Rocco», un pungente
motto che in poche parole descrive questa storica figura del calcio italiano!
Gigi Garanzini racconta Nereo Rocco (Trieste, 1912-1979), calciatore e allenatore, con amore e stile, rincorrendo le radici della passione che ha influenzato milioni di Italiani negli anni del post-dopoguerra e del boom economico.
Dalle sue pagine la figura del Paròn diventa motivo per trasmettere i valori che già
allora si scontravano con le prime avvisaglie della modernità: amicizia, convivialità, rispetto, sportività, umorismo, umiltà.
Sono le cose che dovrebbero stare sempre al centro dell’attenzione e che Nereo
Rocco ha testimoniato per tutta la sua vita. (M.R.)
Due pagine del «Lunari»: a sinistra il Bucaneve (Genâr) e a destra il mese di Març
QUOTE SOCIALI PER IL 2014
Soci ordinari euro 35.00 - Soci sostenitori euro 60.00
Soci benemeriti euro 200.00 - Soci familiari conviventi e minori di anni 12 euro 15.00
Soci neonati (per il primo anno di associazione) omaggio
«Sostenete il Fogolâr Furlan di Milano, ambasciatore delle tradizioni,
dei costumi, della lingua e della cultura del Friuli»
Il versamento della quota sociale, che oltre al giornale permette di
ricevere le comunicazioni per tutte le manifestazioni friulane
che vengono organizzate o patrocinate dal Fogolâr Furlan di Milano,
va effettuato sul c/c postale n. 55960207 intestato a:
Il Fogolâr Furlan di Milano - Via A. M. Ampère, 35 - 20131 Milano
Sede Sociale: Via A. M. Ampère, 35 - 20131 Milano - tel. 02 26680379
e-mail segreteria AT fogolarmilano.it (AT = @) www.fogolarmilano.it
La segreteria è aperta il martedì dalle 15.00 alle 18.00
Redazione: Alessandro Secco (caporedattore), Marco Rossi (coordinamento e editing),
Elena Colonna, Roberto Scloza
Autorizzazione Tribunale di Milano del 13.3.1970, n. 108 del Reg. Direttore responsabile Marco Rossi
la redazione di questo giornale è stata chiusa il 21 marzo 2014
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
1 286 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content