close

Enter

Log in using OpenID

Catalogo Chimicor

embedDownload
CATALOGO GENERALE
LABORATORIO CHIMICOR©
Chimicor nasce nel 1996 a Rossano Veneto una piccola cittadina
del Vicentino immersa nella campagna veneta, è qui che i coniugi
Wrastor-Cortese decidono di aprire
un laboratorio per la produzione di
prodotti omeopatici ed integratori
alimentari.
La dr. Alix Wrastor, medico e ricercatrice, da oltre 50 anni si occupa
di omeopatia e medicina naturale,
è stata il primo medico a portare
la medicina naturale nella regione
Veneto, dopo anni di ricerca e divulgazione nel 1996 decide con il
marito L’ing. Cortese, di fondare il
laboratorio Chimicor.
Oggi Chimicor tutt’ora guidato dalla dr. Wrastor è una consolidata
azienda, presente sul mercato con
una vasta gamma di prodotti, omeopatici, integratori alimentari, e per
fitoterapia, presente in modo capillare in farmacie, parafarmacie ed
erboristerie.
INDICE
Speciale Complessi
3
Terapia Oligo-Catalittica
12
Terapia Oligocomplesso
18
Gamma TIB
20
Complementi Alimentari
22
Dietetici Dimagranti
32
ACNEFIT
ARTROS
(composto di Dulcamara - Bardana - Salsapariglia)
(composto di Glucosamina, Condroitina, Collagene,
Acido Citrico, Sorbato di potassio, Vitamina C)
È un antiacne.
POSOLOGIA: 30 gocce 2 volte al giorno
————————————
ALLERGIANE
50 ml
(ingredienti: idromele - sciroppo di acerol
principio attivo UOVA DI QUAGLIA)
Integratore alimentare
Favorisce il benessere di naso e gola, la fluidità
della secrezione bronchiale.
POSOLOGIA: 8 a 10 gocce 2 volte al giorno
Flaconi da 50 ml
————————————
ANTIDEPRESFIT
(composto di Millepertuis - Valeriana)
Questo rimedio fitoterapico permette di prendere in carica l’insieme dei sintomi dell’ansia, senza
provocare effetti secondari dei medicinali tradizionali nel creare assuefazione; peraltro diversi studi
hanno dimostrato che l’associazione di Millepertuis e Valeriana ha un’efficacia equivalente, se non
superiore, a quella degli antidepressori chimici; il
millepertuis contiene una sostanza (l’Hypericina)
che stimola la secrezione di melatonina, ormone
secreto dal cervello; ricerche cliniche hanno dimostrato l’efficacia di queste piante nel trattamento
della depressione e dell’ansia. La Valeriana ha effetto inibitore e tranquillante.
POSOLOGIA: 30-50 gocce 2 volte al giorno
30 ml
————————————
ANTIVERMFIT
(composto di Artemisia vulgaris, Tanacetum vulgare)
Elimina ossiuri, ascaridi; per migliorare la costituzione dei soggetti con affezioni croniche e recidive
di parassiti; Artemisia vulgari: crampi dei bambini
infestati da vermi; Tanacetum vulgare: disturbi causati da vermi con spasmi e scatti durante il sonno.
POSOLOGIA: fino a 6 anni 30 gocce al giorno
da 6 anni in poi 30 gocce 2 volte al giorno
30 ml
Artros è il campione del mondo per combattere
l’artrosi! Contiene 5 ingredienti, tutti dimostrati
scientificamente efficaci nella protezione della cartilagine, prevenendone l’assotigliamento.
Contiene solfato di glucosamina e solfato di condroitina, gli integratori più rinomati per il trattamento
dell’artrosi (assottigliamento della cartilagine nelle
articolazioni). Frena l’assottigliamento della cartilagine, in articolazioni quale il ginocchio e l’anca, ma
anche le altre articolazioni ne traggono beneficio,
contribuisce alla formazione di cartilagine sana.
Allevia il dolore, migliora la lubrificazione delle
giunture e rende perciò le articolazioni più agili.
Stimola la produzione di collage, che a sua vola
contribuisce a rinforzare la cartillagine, contiene
acido ialuronico, componente importante del lubrificante delle giunture. Non ha effetti collaterali, al
contrario di molti antidolorifici e antinfiammatori.
POSOLOGIA: da 15 a 20 ml giornaliere
Flaconi da 200 ml
————————————
CALCAFIT
(composto di Equisetu, Alfaalfa, Betulla)
Disturbi del metabolismo del calcio, crosta lattea,
disturbi dello sviluppo osseo, osteoporosi, patologie ossee, rachitismo, spamofilie, dentizione difficile, cisti ossee, periostiti, carie dentaria, tetania,
asma bronchiale; stimola l’osteogenesi nei ritardi
di consolidazione delle fratture.
POSOLOGIA: 30 gocce 2 volte al giorno
30 ml
————————————
CLIMAGYN
(composto di Salvia, Luppolo, Rubus)
Disturbi del climaterio, vampate, vasomotorie di
calore, sudorazione, diminuizione del rendimento
fisico, apatia, depressione, cefalea, irregolarità del
flusso mestruale, prurit vulvare, fluor vaginalis.
POSOLOGIA: 30 gocce 2 volte al giorno
30 ml
CHIMICOR
CATALOGO GENERALE
| 3
SPECIALE COMPLESSI
DEPURAFIT
(composto di Assenzio, Centaurea, Salvia, Salsapareilla)
È un depurativo e un diuretico.
POSOLOGIA: 50 gocce al giorno lontano dai pasti
50 ml
————————————
DIAFIT
(composto di Acido Phosphorico - Lycopodium,
Alchemilla, Taraxacum, Crespino, Vacc., Mirtillo)
Il prodotto trova principalmente impiego nella terapia del diabete mellito.
POSOLOGIA: si consiglia un trattamento con 3 dosi
giornaliere di 30 gocce in poca acqua prima dei
pasti. Dopo aver conseguito un miglioramento clinico, ridurre a 30 gocce 2 volte al giorno.
50 ml
————————————
DOLORFIT
Antidolorifico.
60 compresse
————————————
ENZIMI MIX PROTECTOR
(ingredienti: Amido di riso fermentato - Curcuma Longa
- Condurango)
Integratore alimentare favorisce i processi digestivi.
Amido di riso fermentato contenente gli enzimi
digestivi purificati quali: amilasi, proteasi, lipasi e
cellulari lattosi - alfa galattosidasi, papaina, aspergillus niger - curcuma longa (estratto-rizhoma).
POSOLOGIA: 20 ml 1 volta al giorno, miscelare con
un pò d’acqua o con la bevanda preferita.
Flacone da 200 ml
————————————
GASTRODRAIN
(composto di Chelidonium, Lycopodium)
Ulcere duodenale e parapilorica, erruttazioni, meteorismo, flatulenza, sindrome gastro cardiaca.
POSOLOGIA: 30 gocce 2 volte al giorno
30 ml
————————————
GEMMOACU
(composto di Crataegus, Citrus, Zea mais)
GEMMOASM
(composto di Santa herba, Lobelia, Crataegus)
Antiasma; Santa Herba: bronchite, asmatiforme
associata a tosse e rantoli respiratori; Lobelia:
asma bronchiale, tosse convulsa.
POSOLOGIA: 30 gocce 2 volte al giorno.
50 ml
————————————
GEMMOCALM
(composto di Betulla, Tillia)
Astenia fisica e psichica, tonico nervoso, per studenti in periodo di esami, insonnia, nervosismo.
POSOLOGIA: 50 gocce 2 volte al giorno.
50 ml
————————————
GEMMOCEPH
(composto di Gelsenium, Sanguinaria)
Emicrania.
————————————
GEMMOCISTO
(composto di Berberis, Cantharis)
Infezione delle vie urinarie; Berberis, azione terapeutica per la rigidità della regione dorsale associata a ipoestesia. Dolori in regione lombare;
Cantharis, disuria con stranguria, tracce ematiche
nelle urine, cistiti acute.
POSOLOGIA: 30 gocce 2 volte al giorno
30 ml
————————————
GEMMOCOL
Disturbi intestinali
POSOLOGIA: 30 gocce 2 volte al giorno
50 ml
————————————
GEMMOEPATO
(composto di Chelidonium, Lycopodium, Nux vomica)
Vie biliari
POSOLOGIA: 30 gocce 3 volte al giorno
————————————
GEMMOGASTRO
Acufene, disturbi acustici; Crataegus, agente cardiotonico e tonico del circolo.
POSOLOGIA: 30 gocce 2 volte al giorno.
30 ml
————————————
GEMMOALLERG
Gastrite, duodenite.
POSOLOGIA: 30 gocce 2 volte al giorno
————————————
GEMMOGOT
(composto di Ribes nigrum, Betulla)
(composto di Viscum, Rubia, Betulla)
Agisce come corticosteroidici.
POSOLOGIA: 30 gocce 3 volte al giorno.
————————————
GEMMOARTRO
Gotta.
30 ml
(composto di Berberis, Dulcamara)
Dolori reumatismi.
4 |
CATALOGO GENERALE
30 ml
(composto di Ficus carica, Anacardium)
POSOLOGIA: 30 gocce 2 volte al giorno.
————————————
GEMMOGYN
30 ml
30 ml
(composto di Rudus Idaeus)
30 ml
CHIMICOR
30 ml
Dismenorrea, algie pelviche, regolarizza la secrezione ovarica sindrome iperfollicolico.
POSOLOGIA: 50 gocce al giorno.
30 ml
GEMMOPELLE
(composto di Berberis, Ribes nigrum, Cedrus)
Eczemi.
POSOLOGIA: 30 gocce 2 volte al giorno.
————————————
GEMMOPULM
30 ml
(composto di Eucalyptus, Alnus incana)
Sindrome influenzale, mucositi catarali delle vie
respiratorie, tosse;
Eucalyptus per flogosi congestizia delle mucose;
Alnus incana: agisce come febbrifugo.
POSOLOGIA: 30 gocce 2 volte al giorno.
30 ml
————————————
GEMMOTEN
(composto di Crataegus, Olea, Solidago)
Ipertensione arteriosa essenziale, arteriosclerosi. Crataegus, migliora l’inotropismo miocardico, esercita un
effetto miocardiotonico e dilata il territorio capillare.
POSOLOGIA: 30 gocce 3 volte al giorno.
50 ml
————————————
GEMMOVEN
(composto di Aesculus Hipp, Sorbus)
Disturbi venosi, varici, emorroidi.
POSOLOGIA: 30 gocce 2 volte al giorno.
————————————
GEMMOVIR
50 ml
(composto di Sequoia gigante, Rosmarinus)
Sequoia gigante che agisce sul piano geriatrico,
come antisenescenza, provoca euforia, ritorno di
gioventù, forza psichica e morale. Ipertrofia e adenoma della prostata.
POSOLOGIA: 50 gocce 2 volte al giorno.
50 ml
————————————
GELFIT
(Silice organico)
Crema antidolorifica (malattia della pelle).
100 ml
————————————
GRAVIOLA
(ingredienti: Graviola, Rusco, Magnesio)
L’ALBERO DELLA GRAVIOLA viene dal profondo
della foresta Amazzonica. Estratti di questa pianta miracolosa possono aiutare nella lotta contro
il cancro con una terapia naturale che non causa
nausea, perdita di peso e perdita di capelli, protegge il sistema immunitario ed evita infezioni
che per alcuni pazienti potrebbero essere mortali.
Test di laboratorio effettuati fin dal 1970 hanno
evidenziato la sua efficacia nel colpire e uccidiere
le cellule maligne in 12 tipi di cancro, tra cui quello del colon, del seno, della prostata, del polmone e del pancreas. I componenti dell’albero della
Graviola hanno dimostrato di essere fino a 10.000
volte più forti nel rallentare la crescita delle cellule tumorali rispetto all’Adriamicina, un farmaco
chemioterapico comunemente usato nella cura
del cancro. A differenza della chemioterapia, il
composto estratto dall’albero della Graviola uccide solo le cellule tumorali senza danneggiare
le cellule sane. Varie parti dell’albero di Graviola
compresa la cortecca, le foglie, le radici, la frutta
e i semi, sono stati utilizzati per secoli dagli uomini della medicina Indiani nativi d’America per
curare le malattie cardiache, asma, problemi al
fegato e l’artrite.
Quando una nota società farmaceutica americana venne a saperlo riversò denaro e risorse per
provare le proprietà antitumorali dell’albero della
Graviola, rimanendo scioccata dai risultati.
Questo albero ai sensi del diritto federale non è
però brevettabile, non c’era dunque modo di fare
profitti con la Graviola accaparrandosi il principio, così lo studio è rimasto segreto per anni.
Oggi però la graviola è disponibile in alcuni integratori alimentari come “ANNONA MURICATA”.
POSOLOGIA: 1-2 capsule al giorno.
capsule da 300 mg
————————————
HARPAGOPHYTUM
Pomata antidolorifica.
100 ml
————————————
IPERICOFIT
Per sistema nervoso.
60 compresse
————————————
MAGRAFIT
(composto di Anice verde, Cicoria, Orthosiphon)
Il prodotto trova principalmente impiego nella terapia dell’eccesso di peso e della ritenzione idrica.
POSOLOGIA: 50 gocce 2 volte al dì 1 ora prima dei
pasti.
100 ml
————————————
MELATONINA
30 ml
————————————
OLIGOELEMENTO SELENIUM
Eczema (specialmente sulle mani), laringiti croniche, atonia digestiva, stanchezza, prurito, seborres, caduta dei capelli, astenia e cefalea dovute al
caldo d’estate, debolezza sessuale.
14 fiale
————————————
PLASMA DU DR QUINTON SPRAY NASALE
Per riniti, decongestionante.
30 ml
————————————
PROPOLI
30 tavolette
————————————
SPRAY PLASMA +
PROPOLI ORALE QUINTON
30 ml
————————————
RINOSINUS
(composto di Arnica, Eucaliptus, Baptisia)
Il prodotto trova prevalentemente impiego: nelle
sinusiti acute e croniche, nel catarro dei seni paraCHIMICOR
CATALOGO GENERALE
| 5
SPECIALE COMPLESSI
nasali frontali e mascellari, nelle riniti, in presenza
di polipi nasali, iposmia e ipogenzia.
POSOLOGIA: nei casi acuti somministrare 10 gocce in poca acqua, ogni 1-2 ore. Processi flogistici
cronici e fenomeni catarrali, richiedono l’impiego
di 10-15 gocce, in poca acqua prima dei pasti 3-4
volte al giorno.
30 ml
————————————
SILAFIT
Silice organico, intregatore alimentare.
200 ml
————————————
TONICO VEGETALE
(con Ginseng, Gingko Biloba, Zingiber off.)
Per sportivi - studenti
Il Ginseng contiene glucosidi, acido panax e un olio
essenziale Panacen, vitamina B1 e B2, componenti
estrogeni e provocanti stimoli sessuali nonchè un
glucoside Ginsenin di effetto simpatotropico, componenti minerali tra i quali spicca un alto contenuto
di Zolfo (ca 15%). L’effetto corroborante del Ginseng si spiega probabilmente con una armoniosa
azione congiunta di tutti componenti parziali.
100 ml
————————————
TRICOFIT
Caduta capelli.
60 compresse
————————————
UNI FORMULE
(ingredienti: Muira Puaina, Zenzero, Timo, Ulmaria)
Integratore alimentare azione tonica.
Per il benessere dell’uomo e della donna in ogni
momento della vita.
POSOLOGIA: 15 ml al giorno, miscelare con un pò
d’acqua o con la bevanda preferita. Flacone da 200 ml
————————————
URTICAFIT
(composto di Apis mellificat, Rhus tox)
Il prodotto trova principalmente impiego: negli eczemi acuti e cronici, negli esantemi ed etiologia
allergica, nell’orticaria.
POSOLOGIA: 30 gocce 2 volte al giorno preferibilmente la mattina e prima di coricarsi
30 ml
————————————
VERTIGFIT
(composto di Gingko biloba, Cocculus valeriana)
Il prodotto trova facilmente impiego elle vertigini
di varia etiologia, sindrome di Menier, disturbi cerebrovascolari su base arteriosclerotica e ischemica, disturbi vascolari di origine neurovegetativa,
cinetosa (mal di treno).
POSOLOGIA: 30 gocce 2 volte al giorno
30 ml
————————————
VITAMINA B15
Integratore alimentare.
Naturali difese dell’organismo.
Dell’ACIDO PANGAMICO ne parlò per prima
6 |
CATALOGO GENERALE
CHIMICOR
Krebs nel 1951, fu pubblicato in Russia dal 1960
al 1970 e chiamata Vitamina B15.
È una SOSTANZA NUTRITIVA IDROSOLUBILE,
è prodotta naturalmente dall’organismo a partire dai derivati aminoacidi colina e dalla betaina,
questa sostanza nutritiva è stata descritta come
“ossigeno istantaneo” ed è stata utilizzata per
anni dagli atleti russi per ottenere risultati competitivi. Quasi tutte le ricerche riguardanti questa sostanza nutritiva provengono dalla Russia.
Viene oggi utilizzata presso alcune cliniche come
elemento del programma di sostegno nutrizionale per i pazienti tumorali. Si ritiene che abbia una
forte azione antiradicali liberi. L’acido pangamico
è ritenuto anche essere una sostanza che porta
energia all’organismo.
FUNZIONI ORGANICHE FACILITATE
DELLA VITAMINA B15
Ossigenazione e respirazione cellulare, migliora
l’utilizzazione dell’ossigeno da parte delle cellule
e il metabilismo aerobico, favorendo i processi di
respirazione cellulare e l’ossigenazione del glucosio, previene l’accumulo di acido lattico che è
causa di uno stato di affaticamento metabolico.
Metabolismo delle proteine, dei grassi e dei carboidrati, stimolazione del sistema neuro-endocrino, migliora la risposta umorale è noto anche per
le sue proprietà immunostimolanti, infatti l’acido
pangamico promuove i processi di difesa dell’organismo modulando la produzione di anticorpi e
linfociti e diminuisce la sensibilità agli allergeni,
è inoltre ritenuto un nutriente contro lo stress
cardiovascolare e riduce i tempi di recupero fisico, migliorando l’utilizzazione dell’ossigeno e
del glicoleno, di fatto evita infiltrazioni di grasso
epatiche ed agisce da disintossicante.
APPLICAZIONI TERAPEUTICHE
Asma, arteriosclerosi, ipercolesterolemie, enfisema, cardiopatie, malattie degenerative collegate
alla senescenza, alcolismo e droga, problemi cardiaci e sanguigni, malattie della pelle e del fegato, contribuisce e decontaminare il fegato, pulendolo dalla tossine e lo protegge da cirrosi, aiuta a
neutralizzare i veleni del corpo, abbassa i livelli di
colesterolo nel sangue.
LE FUNZIONI ORGANICHE
SONO FACILITATE CON LA VITAMINA B15
Ossidazione e respirazione cellulare, metabolismo delle proteine dei grassi e dei carboidrati,
stimolazione del sistema neuro endocrino. I sintomi da carenza di Vitamina B15 sono disfunzioni cardiache, nervose, ghiandolari. Consigliata
per problemi di alcolismo, asma, arteriosclerosi,
ipercolesterolemia, enfisema, cardiopatie, senilità prematura, migliorare la risposta umorale.
POSOLOGIA: 1/2 capsule al giorno.
Capsule da 20 mg
PERLTAV COMPLESSI
PERLE E TAVOLETTE
EVENINFIT
(ingredienti: olio di Oenothera Biennis 70 %, Gelatina
alimentare, Agente di resistenza: glicerolo)
Disturbi mestruali, ipercolesterolemia, ipertensione arteriosa, stati di affaticamento.
L’olio di questa pianta appartenente alla famiglia
delle Enotacee, nota anche con il nome di Evening
Primerose, ha un contenuto di Acidi grassi essenziali importati, che fanno parte della categoria
degli 6. Inizialmente il suo impiego fu limitato nei
casi generici in cui ci fosse necessità di integrare
la dieta con queste sostanze. Solamente più tardi
si scoprirono le molteplici attività degli Alfa contenuti in essa.
EVENINFIT viene impiegata con grande successo nei disturbi legati al ciclo mestruale, in quanto
apporta il noto Acido Y-Linolenico e, per lo stesso
motivo, si giova delle sue proprietà anche nell’ipercolesterolemia, nell’ipertensione arteriosa e negli
stati di indebolimento delle difese immunitarie.
POSOLOGIA: 2-3 perle gelatinose al giorno, in funzione dell’età e del bisogno, per cicli di due mesi.
Nella sindrome premestruale lo stesso apporto
nella settimana precedente al ciclo.
60 perle da 708 mg
————————————
BOSWELLIA NATURALE
Agisce sulla funzione fisiologica svolta dalle articolazioni, ne limita le conseguenze dovute all’età
e ne mantiene il corretto funzionamento.
60 compresse da 330 mg
————————————
OMEGAGELFIT
Omega 3 (olio di pesce).
100 compresse
————————————
OLIGOCOMPLESSO
Integratore per rinforzare le difese immunitarie.
12 fiale da 5 ml
————————————
BORRAFIT
(ingredienti: olio di Borrago Officinali L. 71,7%, Gelatina
alimentare, agente di resistenza: glicerolo)
Rivitalizzante della pelle, riequilibrio ormonale
menopausa, prevenzione infarti e arteriosclerosi.
La Borragine è una delle fonti naturali più generose di GI.A (Acido Y-Linolenico) metabolita dell’acido linoleico.
Stress, vita sregolata, abuso d’alcool, età e una
cattiva alimentazione possono provocare tra le
altre conseguenze una diminuizione dell’attività
dell’enzima delta 6 desaturasi, causando così un
grave calo della fisiologica produzione di GLA.
Quest’acido grasso sta alla base della biosintesi delle PGEI, di fondamentale importanza per il
buon funzionamento del nostro organismo. Esse,
controllano il tasso di colesterolo a livello ematico
e regolano la pressione arteriosa.
È indicato generalmente per mantenere il benessere della pelle stimolando inoltre la produzione
di collagene da parte dei fibroblasti. Utilizzata con
grande successo anche nei problemi patologici a
carico del derma quali psoriasi eczemi, ecc.
È consigliato durante il ciclo mestruale e nella menopausa per il suo potere riequilibrante a livello
ormonale.
Agisce favorevolmente sull’apparato cardio vascolare prevenendo l’aggregazione piastrinica e
delle materie grasse nocive PGE2 allontanando il
rischio d’infarti e d’arteriosclerosi.
Nel sistema venoso risulta utile se impiegata nelle emorroidi e nelle vene varicose. Stimola l’individuo aiutandolo a contrastare gli effetti dello
stress, contrasta l’invecchiamento, aiuta a vincere
le distonie neurovegetative.
POSOLOGIA: 2-3 perle gelatinose al giorno, in funzione dell’età e del bisogno, per cicli di due mesi.
Negli anziani 1 perla al dì tutti i giorni per cicli di
due mesi come integratore dell’alimentazione.
60 perle da 695 mg
————————————
CHOLESFIT
(composto di the verde PU/PS, betaphitosterolo, carciofo es., cardo mariano es., addensato, celluloso microcristallino, biossido di silicio, mg. stearato)
Trova principalmente impiego nel trattamento del
colesterolo.
POSOLOGIA: 2 compresse 1/2 ore prima dei pasti. Pilloliere da 60 compresse
————————————
CURCUMA
Nome comune, nome botanico: CURCUMA LONGA,
famiglia delle zingiberacee
Nome inglese: Turmeric - Nome cinese: JIANGHUANG
Prevenire i tumori e contribuire al suo trattamen-
to, trattare le ulceri dello stomaco, trattare i disturbi digestivi, i disturbi del fegato e i disturbi infiammatori (artriti reumantoidi).
Si impiega nella medicina ayurvedica come depurativo generale, come rimedio digestivo, in presenza di febbre, infezioni, dissenteria, artrite, itterizia e vari disturbi epatici.
La medicina cinese impiega la CURCUMA per problemi epatici e alla cistifellea, per le emorragie,
per le congestioni al petto ed i disturbi mestruali,
nelle flatulenze, nel sangue nelle urine, nel mal di
denti, nelle contusioni e ulcerazioni. Recenti studi
sulla CURCUMA tendono a dimostrare addirittura
un’azione anticolestero, cardio protettiva, preventiva contro la formazione di emboli e contrastante
nei confronti dei radicali liberi responsabili dell’invecchiamento e delle degenerazioni cellulari.
POSOLOGIA: Prendere 2 volte al dì 500 mg di CURCUMA, ingerire prima dei pasti. Essendo priva di
glutine può essere assunta anche dai celiaci.
PRODOTTO NOTIFICATO AL MINISTERO DELLA
SANITÀ INTEGRATORE ALIMENTARE.
CHIMICOR
CATALOGO GENERALE
| 7
SPECIALE COMPLESSI
DIGESTFIT
(ingredienti: Ulmus, Campo, Elettaria, Ardanomum,
Zingiber Off., Angelica Archang, Gentiana, Lutea, Matricaria, Camomilla, Olio essenziale, Laurus Nobilis, Citrus
Aurantum, Menta Pip.)
Digestivo potente e antifermentivo a livello intestinale. Stimola le secrezioni gastriche favorendo la
digestione degli alimenti. Agisce sulla muscolatura liscia dell’intestino come antispasmodico. Svolge un’attività antinfiammatoria e demulcente sulle
pareti intestinali. Ha inoltre proprietà antinausea e
rinfrescanti dell’alito.
60 tavolette
————————————
LAXAFIT
(ingredienti: Cassia Anewstifolia, Ramno Alpino, Aloe
Vera, Ruta Graveolens)
Formula lassativa. Agisce nell’arco di poche ore
senza provocare forti dolori addominali grazie alla
presenza della ruta.
POSOLOGIA: 2/3 tavolette di sera prima di coricarsi
con abbondante acqua.
Conservare in luogo fresco e asciutto.
60 Tavolette
————————————
NATURTAKE
Integratore alimentare
(composto di Shitake - Reish-Maitake - Nopal - Magnesio Gelatine)
NATURALI DIFESE DELL’ORGANISMO
I funghi qui presenti hanno natura terapeutica e
svolgono una forte azione disintossicante. Purchè
possano svolgere al meglio questo loro funzione
e non risultino invece dannosi per l’organismo è
necessario che riescono in coltivazioni controllate e possibilmente biologiche secondo parametri
rigorosi che ne assicurino la qualità. R E C E N T E MENTE, RICERCATORI GIAPPONESI E AMERICANI sono riusciti a mettere in evidenza, attraverso
ricerche e sperimentazioni l’azione antivirale, antitumorale, ipocolesterolemizzanti e ipoglicemica
del fungo SHITAKE. È un alimento ricco di glucide
e polisaccaridi, minerali importanti come il potassio, sodio, fosforo, silice, magnesio, alluminio,
calcio, zolfo e ferro, importanti vitamine del gruppo B come la tiamina, riboflavina e la niacina. Il
REISH è un fungo molto noto nel mondo è capace
di rinforzare le difese dell’organismo, migliorando
la funzione immune, è un rimedio immunostimolante/immunomodulante le ricerche scientifiche
mostrano che il REISH può persino aiutare a conservare il livello delle difese immunitarie e a prevenire e contrastare tipi di tumore, ciò sembra dovuto a meccanismi di inibizione dell’angiogenesi
e di induzione dell’apoptosi (morte programmata)
delle cellule tumorali, è un antinfiammatorio - protezione del fegato - regolazione del colesterolo riequilibrio della pressione sanguinia - riduzione
della glicemia - antiossidante. Il MAITAKE è un
integratore alimentare che agisce favorevolmente
sulla capacità dell’organismo di conservare il livello delle difese immunitarie. Il NOPAL, è partico8 |
CATALOGO GENERALE
CHIMICOR
larmente ricco di fibre alimentari, ricco di vitamine soprattutto vitamina A, vitamina C e vitamina
K, ma anche di riboflavina e vitamina B 6 di sali
minerali soprattutto magnesio, potassio e manganese, anche ferro e rame. Si può utilizzare in gravidanza e nel periodo dell’allattamento.
PRODOTTO NOTIFICATO AL MINISTERO DELLA
SANITÀ INTEGRATORE ALIMENTARE.
60 capsule da 500 mg
————————————
SHITAKE
Lentinus edodes
Abbassano il colesterolo, antiossidanti, anti radicali
liberi, prevengono le malattie infettive e degenerative, utili nelle disfunzioni sessuali.
Funghi Shitake. Il nome deriva da shil (quercia) e
take (fungo). Crescono spontaneamente sui tronchi
di questi alberi; provengono dall’estremo oriente
dove sono molto diffusi in Cina e sono parte integrante anche della dieta giapponese. Sono ricchi di
proteine vegetali, ferro, fibre, minerali e vitamine e
sono invece poveri di contenuti calorici. Contengono vitamina B1, B2, B6, B12, e D2 assieme ad alti
contenuti in riboflavina e niacina. La eritadenina è
un aminoacido in grado di abbassare i livelli di colesterolo nel sangue prevenendo l’indurimento delle
arterie e di riflesso anche l’ipertensione arteriosa.
Contengono anche la chitina che aiuta ad abbassare il colesterolo. La superossidodismutasi è uno
degli enzimi presenti negli Shitake ed è in grado di
far diminuire la perossidazione dei lipidi elementi
contribuendo così a prevenire le malattie coronariche degenerative. Contengono inoltre lentinia, uno
zucchero che stimola la produzione di linfociti e cellule killer. Importanti nella prevenzione dei radicali
liberi, con azione preventiva antitumorale nel tratto
intestinale, epatico, nello stomaco, nei polmoni e
delle infezioni in generale. Contengono inoltre un
induttore di interferone, l’ergosterolo, che è uno
steroide vegetale il quale viene convertito in vitamina D a seguito dell’esposizione ai raggi ultravioletti,
che sono utilizzati nell’essicazione dei funghi. Contengono interferone (alfa-intergerone e gamma - interferone 9, un induttore dell’iterferone) che aiuta a
contrastare le forme virali; gli antiossidanti (vitamina A, E, C) ed il selenio contribuiscono a stimolare
anche loro la produzione di interferone con buoni
effetti antivirali e con azione protettiva verso le malattie degenerative. L’acido linolico contenuto negli
Shitake viene convertito dall’organismo in diversi
tipi di prostaglandine. La prostaglandina fu per la
prima volta isolata nel liquido seminale e si ritenne
che fosse escreta dalla ghiandola protatica. Oggi si
sa che è invece prodotta da molte parti dell’organismo. Viene utilizzata nell’uomo per favorire l’erezione tramite iniezioni intramuscolari. Il 75% dei grassi
presenti negli Shitake sono rappresentati da acido
linoleico. Inoltre la lentinia stimola la produzione di
linfociti T, i quali a loro volta stimolano la produzione di prostaglandina. La glutamina è l’aminoacido a
più alta concentrazione contenuto negli Shitake ed
è essenziale per i muscoli, in caso di traumi o dopo
operazioni chirurgiche. L’arginina è un altro degli
aminoacidi presenti in questi funghi assieme a glicina, serina, metionina e cisteina; sono ricchi anche
di zinco il quale è essenziale per l’attività sessuale
maschile. Contengono inoltre 50 diversi enzimi tra
i quali lipasi, cellulasi ed enzimi digestivi come la
pepsina, la tripsina e l’asparaginasi.
Proprietà degli Shitake:
•Donano vigore e preservano al vitalità
•Aiutano i processi digestivi
•Possiedono proprietà antivirali
•Alzano le difese immunitarie
•Svolgono attività di prevenzione del cancro
•Contribuiscono ad abbassare il colesterolo, riducono la pressione arteriosa, prevengono i problemi trombotici, la formazione di emboli, diminuiscono la viscosità sanguigna
•Sono in grado di potenziare l’effetto fell azt nel
trattamento antivirale dell’Aids
•Migliorano la circolazione del sangue e risultano
utili nei problemi di impotenza sessuale
•Stimolano la produzione di endorfine.
————————————
SILICE ORGANICA
SILAFIT SCIROPPO integratore alimentare
SILAFIT LOZIONE Molecola di SILANE TIROL
Una molecola con straordinarie proprietà che vi può
aiutare in tutte le seguenti affezioni: Acne, acufeni,
neurodistrofie, allergie diverse, alzheimer, artriti,
artrosi, asma, arteriosclerosi, ustioni, cancro, difficoltà di cicatrizzazione, cefalea cronica, colesterolo,
cirrosi, difficoltà di concentrazione, intellettuale,
contusione, geloni, morbo di Crohn, difficoltà di crescita dei bambini, decalcificazione, depressione, alterazioni endocrine, diabete, malattia di Dupuytren,
eczema, lussazioni, affaticamento sportivo, piaghe
da decubito, stanchezza generale o cronica, fibromi,
fratture, edemi, emorroidi, epatiti, herpes, aids, insonnia, intossicazione da metalli pesanti, memoria,
menopausa (disturbi), miopatie, nervosismo, osteoporosi, morbo di Parkinson, fragilità delle unghie
e dei capelli, punture di insetti, irritazioni dovute
a piante diverse, problemi della bocca (mughetto,
funghi, gengiviti), problemi cardiovascolari, problemi circolatori, problemi digestivi ed intestinali,
problemi muscolari, oculari, cataratta, glaucoma,
ipertensioni, invecchiamento, allergie, problemi
respiratori, psoriasi, piorrea, reumatismi, reaumatismi deformanti, sclerodermia, sclerosi multipla,
sinusiti, tendinite, tensione (iper/ipo), tiroidi (iper/
ipo), malattia d’Hascimoto, disturbi digestivi, ulcere, varici, invecchiamento cutaneo, vertigini, zona,
ecc... NB SILAFIT ha la stessa efficacia sulle patologie animali, e può essere utilizzato dai bambini e
dalle donne incinte.
DOSAGGIO: I trattamenti devono essere adattati
secondo la cronicità, l’intensità del dolore e della
gravità del problema. Si utilizza SILAFIT al mattino a digiuno o a 15 minuti prima dei pasti (se è
necessario). Il dosaggio può essere aumentato o
diminuito senza nessun rischio. Le applicazioni
esterne del liquido vanno applicate sotto forma
di compresse sulla parte dolente. Le applicazioni
interne ed esterne sono vivamente consigliate per
un’ottima sinergia.
Esempio: Problema al fegato = Trattamento interno + applicazione sul fegato, Artrosi = trattamento
interno + applicazione sulla parte dolente tramite
compresse. Negli occhi e nelle orecchie = micro
lavaggi. Utilizzare anche per i lavaggi vaginali e
anali. Trattamento intensivo = da uno a tre cucchiai per 3 e 6 mesi, si può aumentare sino a 6/9
cucchiai al giorno + applicazioni esterne. Trattamento di mantenimento = uno, due o tre cucchiai
al giorno senza limitazioni di tempo. Applicazioni
esterne = compresse con liquido da 3 a 5 volte al
giorno. Lasciare agire da 10 a 30 minuti.
PARTE TECNICA COMPOSIZIONE DEL SILAFIT
1) Famiglia: organo-silice o (silice organica)
2) Denominazione scientifica: Monomethyl Silane
triol
3) PH: 6,6
4) Aspetto: limpido e incolore
5) Sapore: leggermente acre ma può avere un gusto diverso secondo il problema.
6) Durata di conservazione: a temperatura ambiente 1 anno e 3 anni se il flacone non è aperto.
7) Composizione dei prodotti pronti all’uso: 0,2 di
Monomethyl silane triol più acqua.
UTILIZZO INTERNO ED ESTERNO
Il SILAFIT ricarica l’organismo di silice organica
ricca di ioni negativi e positivi che permettono di
ristabilire l’equilibrio ionico delle cellule danneggiate o indebolite, e rilanciare lo scambio cellulare
di conseguenza. Il Salifit permette di risolvere un
gran numero di problemi molto vari.
L’utilizzo del SILAFIT provato da più di 50.000 pazienti permette di affermare che il prodotto è:
- Efficace (test ufficiali e molteplici testimonianze di medici e pazienti confermati da documenti
scientifici di ogni tipo).
•Atonico e ipo-allergenico senza effetti collaterali
e contro indicazioni, anche se abbinato ad altri
trattamenti, dopo molti anni di utilizzo.
•Completamente assimilabile dall’organismo
umano e da quelli animali e vegetali.
•Ristruttura le fibre di Elastina e di Collagene.
•Gioca un ruolo importante nella rimineralizzazione del metabolismo generale dell’organismo,
ristrutturando le ossa e la cartilagine.
•Potente antinfiammatorio e antidolorifico.
•Protegge e rinforza disintossicando il metabolismo cellulare, agendo sull’organismo interno,
riequilibrando gli organi e il loro funzionamento
derivato da carenze.
•Accelera la cicatrizzazione.
•Ristora e rinforza il sistema immunitario e ha
un’azione preponderante nel bilanciamento endocrino.
•Può essere usato su ogni tipo di animale per risolvere diversi problemi.
CHIMICOR
CATALOGO GENERALE
| 9
SPECIALE COMPLESSI
5) Test ufficiali realizzati secondo le norme americane (37 CFR § 1, 132) dal professore Jean Cahn,
direttore dell’Istituto SIR INTERNATIONAL professore di farmacologia e neuro biologia della facoltà
di medicina di Pavia (Italia)
6) Test ufficiali realizzati dal laboratorio EVIC CEBA
in conformità alla direttiva Europea 86/609/CEE
del 24 novembre 1986.
DA DOVE VENGONO I VOSTRI DOLORI?
L’elasticità della cartillagine è essenziale perchè
protegge le ossa dai miniurti costanti provocati
dai movimenti, diminuendo l’attrito nell’articolazione. Le conseguenze? La peggiore delle conseguenze: il dolore è la peggiore perchè è lì onnipresente. Quando va via avete paura che ritorni. è
all’origine di un circolo infernale, abbiamo spesso
più dolore in seguito ad un’attività fisica e il dolore si calma e scompare a riposo. La tentazione è
grande di fare a meno della ginnastica e di risparmiarsi fisicamente, ma l’attività è indispensabile
per mantenere le giunture morbide.
L’invecchiamento? Per rigenerare costantemente
le nostre cartillagini abbiamo bisogno di un elemento fondamentale: il Silicio che è dopo l’ossigeno il principale elemento. Più invecchiamento più
e difficile per noi assimilare la Silice. L’alimentazione moderna è povera di silice. Sfortunatamente
più invecchiamo, meno il nostro stomaco fabbrica
l’acido necessario all’assimilazione del Silicio. Il
silicio è meno assimilabile e invecchiando siamo
carenti di silice. La silice è vitale per la sistesi delle
fibre di collagene presenti nella cartilagine.
L’ALIMENTAZIONE:
L’alimentazione industriale moderna ha tendenza
a provocare in noi una preponderanza agli acidi
(acidosi) che ha come conseguenza una demineralizzazione e accelera l’impoverimento della silice nel nostro corpo. Alcuni alimenti favoriscono
la produzione di acido urico, che è molto dannoso
per le nostre articolazioni.
•Carni rosse
•Prodotti lattiferi
•Salumi vari
•Zuccheri rapidi
L’ideale sarebbe di aumentare il numero di alimenti ricchi di Silicio. La tabella vi aiuterà:
Segale............................... 600 mg per 100 g
Miglio................................ 500 mg per 100 g
Patate.................................................200 mg
Grano.................................................160 mg
Topinambur.........................................36 mg
Granturco............................................19 mg
Asparagi...............................................18mg
Orzo....................................................230 mg
Riso......................................................17 mg
Colza....................................................16 mg
I professori
DUFFAUT/LERIBAULT impiegarono
Girasole...............................................15
mg 30
anni per stabilire la formula che dà dei risultati inPrezzemolo..........................................13 mg
10 |
CATALOGO GENERALE
CHIMICOR
sperati per i casi di artrosi e reumatismi. Prevenire
con un’alimentazione ricca di Silicio è una buona
forma di prevenzione. Sfortunatamente questo
non basta a guarire da un’artrosi perchè il Silicio
è di difficile assorbimento, e questo stato di cose
peggiora con l’avanzare dell’età. I ricercatori (LOEPPER e GOLAN) hanno dimostrato che i depositi
adiposi nei vasi sanguigni provocano una diminuzione della silice nelle pareti arteriose.
Unghie e capelli:
Prendete una lente e guardate le vostre unghie,
sono perfettamente lisce o notate delle strisce?
Le strisce sono la prova di una carenza di Silice.
Assumendo regolarmente la Silice organica le unghie ritroveranno il loro aspetto di gioventù. È la
stessa cosa con i capelli, la Silice organica rallenta
notevolmente la scomparsa dei capelli bianchi. In
3 mesi, secondo un autore tedesco, la Silice organica ferma la caduta dei capelli.
ALTRI UTILIZZI:
Conoscendo l’innocuità della Silice organica e le
sue numerose virtù terapeutiche, ecco alcuni utilizzi che i pazienti mi hanno raccontato. La qualità
antinfiammatoria e rigeneratrice della silice spiega i risultati ottenuti.
Molti problemi di pelle sono migliorati con l’uso
della Silice organica.
Foruncoli, ascessi, emorroidi, eczema, bruciature,
punture d’insetti, morsicature.
Un ricercatore della “UCLA” “Carliste” ha scoperto la perfetta correlazione tra la carenza di Silice e
il deposito di alluminio nel cervello al quale si attribuisce la malattia del morbo di Alzheimer. Per la
cura della bocca la Silice rinforza le gengive, cura
le affezioni come l’afta o piaghe. Uno dei miei amici utilizza con successo la Silice organica in applicazione locale quotidiana sulla prostata, e la sua
prostatica è notevolmente regredita. È normale
quando si sa che i problemi di prostata sono molto spesso legati ad una carenza di silice nel corpo.
CONCLUSIONE:
Spero che quanto scritto abbia aperto in voi la curiosità di saperne di più sulla Silice organica. Di
tutte le scoperte della scienza questa mi sembra
una delle più promettenti, perchè è naturale e senza pericoli. Se voi non potete fermare il tempo,
tutt’al più potete ritardare i danni. La silice organica, se siete sofferenti, dovrebbe far parte delle
vostre armi per rimanere giovani più a lungo. Parlatene al vostro medico. Nel nostro mondo, dove
solo le cattive notizie fanno, la buona notizia confermata da numerose testimonianze dei piccoli
miracoli che può realizzare la Silice organica renderà speranza a tutti quelli che soffrono, dare loro
felicità e, perchè no, una più grande longevità.
PRODOTTO NOTIFICATO AL MINISTERO DELLA
SANITÀ INTEGRATORE ALIMENTARE
THE VERDE
Dimagrante
POSOLOGIA: 2 compresse 1/2 ore prima dei pasti. Pilloliere da 60 compresse
————————————
VITAPLUS
VITAPLUS è un integratore alimentare composto
da CREATINA che serve ad aumentare la massa
muscolare, la resistenza e migliorare il recupero
dopo uno sforzo fisico. Per questo viene usata con
successo da molti atleti in campo professionistico
che amatoriale. La creatina è una aminoacido scoperto nella carne dal francese CHEVREUIL (1832).
Il nostro corpo è in grado di sintetizzarla autonomamente a partire da altri tre aminoacidi chiamati rispettivamente argina, glicina e metionina. La
creatina viene prodotta a livello epatico, renale e
pancreatico, dopo la produzione è trasportata al
cervello, cuore e sopratutto muscoli (95%). Il fabbisogno giornaliero di creatina è di circa 2 gr e viene soddisfatto per un 50% dalla dieta (1 gr) e per
l’altro 50% dalla sintesi endogena. Gli effetti positivi della creatina sulla performance derivano dalla sua capacità di liberare energia nei momenti di
massima richiesta metabolica, è infatti un precursore per la formazione di ATP, la principale forma
di energia utilizzata dalle cellule. Viene convertita
nell’organismo a fosforatine (circa il 70% all’interno del muscolo) acquistando un atomo di fosforo.
La CARNITINA è un aminoacido che il corpo utilizza per convertire i grassi in energia. Nonostante non venga considerata un nutriente essenziale
(dato che il corpo è in grado di sintetizzarla autonomamente a partire dagli aminoacidi metionina
elisina) viene utilizzata come integratore alimentare per aumentare l’ossidazione delle riserve adipose a scopo energetico o dimagrante.
La carnitina è un acido carbossilico a corta catena
contenente azoto, sintetizzato a livello epatico e
renale da due aminoacidi chiamati rispettivamente metionina e lisina in presenza di ferro, vitamine
c b1 e b6. All’interno del nostro corpo la carnitina
si trova concentrata sopratutto a livello muscolare (circa 95% e cardiaco, modeste quantità sono
presenti anche nei reni, nel fegato e nei testicoli).
La carnitina facilita l’ingresso degli acidi grassi a
lunga catena all’interno dei mitocondri dove vengono ossidati per produrre energia. Essa viene
generalmente somministrata a persone con problemi cardiaci. Il nostro cuore infatti consuma prevalentemente acidi grassi per soddisfare le proprie richieste energetiche ed è quindi importante
garantire l’efficienza di questo sistema, aumenta
inoltre la vasodilatazione periferica migliorando
così il flusso e la distribuzione dell’ossigeno, si è
dimostrata utile nel trattamento dei pazienti affetti
di claudicato intermittens.
Recenti studi attribuiscono alla carnitina anche
un ruolo importante nell’abbassamento dei livelli
ematici di colesterolo e trigliceridi. Altre ricerche
suggeriscono che potrebbe essere utile nella terapia della sterilità, del diabete di tipo II, nel recu-
pero dopo un ciclo chemioterapico che in alcuni
malattie renali ed epatiche anche abbassamento
dei livelli ematici di colesterolo e trigliceridi.
La TAURINA è un aminoacido condizionatamente
essenziale che viene aggiunto in molti integratori,
svolge un ruolo fondamentale nella sintesi degli
acidi biliari.
La TAURINA contrasta il processo di invecchiamento grazie alla sua azione antiradicali liberi, questo
prezioso aminoacido è inoltre importante per la
sintesi di ossido nitrico, un potente agente vasodilatatore. Nello sport la TAURINA sembra stimolare
l’efficienza e la contrattilità cardiaca aumentando
l’apporto di sangue al miocardio, in campo estetico
viene utilizzata per ridare forze e vitalità ai capelli,
in campo medico per le malattie cardio vascolari,
infertilità maschile, (scarsa motilità degli spermatozoi) ipercolesterolemia, epilessia, diabete, degenerazione maculare, morbo di Alzheimer, disordini
epatici, alcolismo e fibrosi cistica.
IL COENZIMA Q10 aumenta l’energia che aiuta a
pompare il sangue in modo più efficente e per pazienti che soffrono di emicrania.
Il GINSENG, appartenenti alla famiglia delle araliacea e deriva dalla parola cinese “rensheng”
considerato un rimedio quasi universale, veniva
usato soprattutto contro l’invecchiamento, i disturbi gastrointestinali e come preparato afrodisiaco e rivitalizzante.
Il BICARBONATO DI POTASSIO. L’utilizzo del potassio si basa su diversi presupposti: Ristabilire
l’equilibrio acido-base dei tessuti. Reintegrare le
riserve di questo minerale spesso carente a causa della nostra alimentazione, alfine di ristabilire il
giusto rapporto con il sodio troppo speso sbilanciato a favore di quest’ultimo. Ha effetto protettivo a livello cardiocircolatorio. Esplica un’azione
immunostimolante sull’organismo sotto forma di
ascorbato di potassio e come tale utilizzato in profilassi in alternativa naturale agli antibiotici, come
antivirale, per potenziare il sistema immunitario
indebolito e deficitario.
POSOLOGIA: 1- 2 compresse al dì.
60 capsule da 500 mg
CHIMICOR
CATALOGO GENERALE
| 11
TERAPIA
OLIGO-CATALITTICA
OLIGOELEMENTI
Se il ruolo degli oligoelementi ha potuto essere
esattamente fissato in un certo numero di casi,
come ad esempio, nei fenomeni di ossidazione intracellulare, è anche vero che il loro meccanismo
di azione, in altri casi, rimane ancora non completamente approfondito: impegnati in molecole
organiche molto variate, intervengono infatti in
molteplici reazioni.
La materialità della loro azione è così evidente che
ha permesso di stabilire le basi di una terapeutica
particolare, capace di oggettivare una nuova medicina ed una nuova patologia, di carattere essenzialmente funzionale.
I primi preparati oligocatalitici italiani destinati
alla medicina umana e animale sono stati realizzati dai nostri laboratori, specializzati in questo
nuovo settore. Sono ampiamente prescritti oggi
sotto il nome di OLIGOL sinonimo di un insieme
di garanzie che di seguito elenchiamo.
CHE COS’È UN OLIGOL?
È un soluto che comprende uno o più “oligoelementi” e “forma catalitica” che caratterizza gli
OLIGOL ed assicura loro l’efficacia terapeutica.
Non tutti gli oligoelementi sono obbligatoriamente dotati di potere catalitico, la presenza di tracce
di “veleni della catalisi”, oppure la sua concentrazione anomala, possono essere alcuni motivi che
possono togliere loro ogni attività.
Nonostante al relativa anzianità della scoperta delle
nozioni di catalisi e di oligoelementi, è solo molto
più tardi che abbiamo potuto utilizzare le possibilità
terapeutiche aperte da questa via. Le difficoltà di
realizzazione di preparazioni stabili e attive hanno
complicato lunghe ricerche prima di ottenere la forma stabile che caratterizza gli OLIGOL.
VERIFICA IN BIOLOGIA VEGETALE
Raulin, Pasteur, Bertrand, Javillier... per citare solo
i principali, hanno messo in evidenza l’influenza
12 |
CATALOGO GENERALE
CHIMICOR
considerevole delle tracce di metalli sullo sviluppo
dei microrganismi.
Così, per esempio, in assenza totale di manganese
in una cultura, alcune muffe (Sterigmatocystis Nigra) non possono assolutamente svilupparsi. Una
concentrazione di 10 permette lo sviluppo, ma
non la riproduzione.
Con 10 applicazioni si ottengono i primi conidi
gialli, ma serve arrivare ad una quantità del 10 per
ottenere la formazione di conidi neri, unici riproduttori della specie. Aumentandone progressivamente la concentrazione, si favorisce la crescita
fino ad un certo valore al di là del quale si ha una
diminuzione dell’effetto.
Tuttavia, al di là di una certa concentrazione critica, un oligoelemento può manifestarsi con degli
effetti inibitori sfavorevoli, o addirittura con un’azione opposta a quella che presentava con una
bassa concentrazione.
Numerosi lavori effettuati nel mondo intero hanno
confermato il ruolo indispensabile di alcuni minerali, generalmente presenti in tracce nei tessuti viventi: gli oligoelementi.
COME PUÒ AGIRE UN OLIGOELEMENTO?
Tutti gli organismi viventi abbisognano per assumere le loro diverse funzioni della presenza di metalli, il più delle volte agli stati di tracce.
Gli ioni metallici come il rame, il cobalto, lo zinco
e il magnesio esistono all’interno di cellule viventi
sotto forma di complessi biologici stabili, mentre
il sodio, il potassio, i cationi più mobili, giocano
un ruolo nella conduzione nervosa, ed il magnesio
nel provocare la contrazione muscolare.
Qualunque sia la loro funzione fisiologica, gli ioni
metallici seguono, nell’organismo, gli stessi processi metabolici dell’ossigeno e cioè accumulazione e trasporto di proteine sotto forma di metallo:
mioglobina e emoglobina per l’ossigeno, ceruloplasmia per il rame. Enzimi della vitamina B per il
cobalto, trifosfatasi e enolasi per i manganese ed
il magnesio.
In tutti questi casi, il metallo rappresenta il centro
attivo dell’enzima e l’attività cresce, con la concentrazione come cofattore, ma secondo una curava
ad andamento iperbolico: quando la concentrazione del cofattore è bassa ed inferiore ad una certa soglia, la concentrazione del complesso attivo,
enziomea-cofattore è bassa e varie proporzionalmente; quando la concentrazione del cofattore è
superiore alla soglia, ogni enzima è abbinato al
cofattore: l’attività è massimale e non varia più
(legge di Michaelis Henry).
La forza catalitica di uno ione è quindi legata al
suo potere di formare dei complessi con alcune
proteine le quali, in mancanza della sua presenza,
non costituiscono che un’apo-enzima o sottratto
inattivo dell’enzima.
TERAPIA OLIGO-CATALITICA
CAMPI D’AZIONE E D’IMPIEGO
La terapeutica oligo-catalitica è innanzitutto indirizzata agli stati diatesici, cioè allo stadi reversibile
che precede o che segue l’instaurarsi di disordini
organici caratteristici.
Dall’insorgere di lesioni istologiche o di disturbi
metabolici gravi, la terapeutica oligocatalitica non
può essere che un elemento contributivo (a volte
molto prezioso) tra i metodi classici.
I BASSI DOSAGGI UTILIZZATI NELLA TERAPEUTICA REGOLATRICE PER MEZZO DEGLI OLIGOELEMENTI HANNO A VOLTE FATTO CREDERE
CHE SI TRATTAVA DI UNA VARIANTE DELL’OMEOPATIA.
Non è affatto vero, perchè:
•l’allopatia fornisce all’organismo, a dosi relativamente forti, gli elementi che gli mancano o quelli
che gli permettono di combattere il sintomo con
dei processi esempio).
•l’omeopatia, basata sulla legge dei simili, sollecita le risposte dell’organismo con una stimolazione specifica, utilizzando dosi infinitesimali
(dell’ordine di 10 in generale).
Mentre:
La terapeutica oligocatalitica è una terapeutica con
intento eziologico: l’introduzione del catalizzatore,
con una concentrazione di alcuni gamma a millilitro ed allo stato di ione, è sufficiente per ottenere
la regolarizzazione dei diversi circuiti metabolici
che sono regolati dagli enzimi messi in causa durante lo stoccaggio ed il trasferimento dello ione
considerato.
Ne risulta che lo stesso elemento può avere il ruolo di fattore comune ad un numero di funzioni tanto diverse quanto sono diversi i corpi chimici che
gli servono da esponenti.
Questa terapeutica è quindi indirizzata ad ogni
sintomatologia suscettibile di essere collegata ad
una disfunzione metabolica, a suo stato diatesi cm
o ad una sindrome de pre o post lesione reversibile e costituisce quindi la terapeutica funzionale
per eccellenza.
OLIGOL FORME DI PREPARAZIONE
Prevalentemente gli Oligol sono preparati sotto
forma di Gluconati perchè questo derivato organico presenta il massimo di vantaggi:
•facile dissociazione ionica,
•assenza dell’effetto irritante e tossico,
•perfetta stabilità nel tempo,
•facile integrazione nel ciclo metabolico normale,
•isotonia,
•gusto gradevole.
La somministrazione e l’utilizzazione di un elemento metallico pone dei problemi complessi per
la scelta del derivato desiderato.
Anche se l’attività degli oligoelementi non dipende solo da questa scelta, è comunque questo uno
dei fattori importanti della loro attività.
In soluzione sotto forma di sali metallici, gli oligoelementi hanno infatti un’attività molto variabile a
secondo del radicale acido.
INDICAZIONI
DEGLI OLIGOELEMENTI
ALLUMINIO
•Difficoltà intellettive dell’infanzia
•Lentezza d’immaginazione
•Atonia cerebrale
•Ritardi di sviluppo intellettivo
•Alcune insonnie in soggetto ansioso, stressato,
scrupoloso, che ripensa ai problemi della giornata impedendo il sonno
•Sequele da encefalite vaccinale.
————————————
ARGENTO
•Colibacillosi
•Staphylococcie
•Reumatismi infettivi.
————————————
CALCIO
•Allattamento, carie ossee, crescita, decalcificazione, demineralizzazione, fratture, gravidanza,
osteomalacea, osteoporosi, rachitismo, reumatismi, spasmofilia.
————————————
COBALTO
•Regolatore del sistema neuro vegetativo
•Tranquillante, anti paura sia prima che durante
esami e prove di genere
•Blocchi digestivi e manifestazioni spasmodiche
tipo crisi di aerofagia, di singhiozzo, ecc.
•Spasmi e blocchi vascolari, arteriali in particolare, arteriti degli arti inferiori. Sindrome di
Raynaud, spasmi dei vasi sanguigni oculari, ecc.
•Varici
•Anemia
•Acrocianosi
•Astenia fisica ed intellettiva
CHIMICOR
CATALOGO GENERALE
| 13
TERAPIA OLIGO-CATALITTICA
•Cellulite
•Dismenorree
•Emorroidi
•Ipertensione
•Obesità
•Neoplasie.
————————————
FERRO
•Amenorree, anemie (specie Ferroprive),
convalescenza, crescita ritardata, dismenorree,
leucorree, pubertà.
————————————
FLUORO
•Regolatore del metabolismo del Calcio
•Turbe della calcificazione
•Osteoporosi
•Artrosi osteoporotiche
•Iperlassità legamentose
•Turbe della statica vertebrale
•Scoliosi
•Malattia di Paget
•Ritardi di consolidamento delle fratture (ritardo
nella formazione del callo osseo)
•Carie dentaria a ripetizione
•Rachitismo artro-tubercolare
•Terreno varicoso.
————————————
FOSFORO
•Stati di contrazione muscolare dolorosa
•Morbo di Dupuytren (+ organoterapia paratiroidea + Cu - Ag - Ag)
•Spasmofilia in relazione a disfunzione paratiroidea che si rivela con iperflessia tendinea con
Chvostek positivo
•Tetania
•Turbe spasmodiche vascolari
•Fenomeni spasmodici respiratori: spasmi da
singhiozzo, accessi spasmodici nelle affezioni
asmatiformi, pertosse e tosse spasmodica
•Astenie cerebrali
•Osteoporosi (+ Fluoro se iperflessia tendinia associata: Chvostek positivo).
————————————
IODIO
•Disfunzioni tiroidee (sia in ipo che in iper) (gozzo,
malattia di Basedow)
•Dismenorree (sia di tipo ipo che iper)
•Obesità di tipo tirodeo
•Ipertensione arteriosa
•Neuro-artritismo della cinquantina con distrofia
(+Mn -Co)
•Ipertiroidismo (+Mn -Co)
LA SUA SOMMINISTRAZIONE CONSENTE:
•L’aumento di Tiroxina
•L’aumento del metabolismo e l’eliminazione dei
cataboliti
•L’aumento della resistenza alle intossicazioni
•L’azione antisettica ed antimicotica
•L’azione su tutte le sclerosi organiche: arteriosclerotiche ed ipertensione
•Reumatismo ed artritismo
14 |
CATALOGO GENERALE
CHIMICOR
•Enfisema
•In pediatria, di avere risposte positive del linfatismo, nelle turbe della crescita, nel geloni.
————————————
LITHIO
•Azione curativa e soprattutto profilattica delle ciclotimie
•Modeste turbe dell’umore e del comportamento
•Nervosismo, irritabilità, agitazione, inibizione
•Aggressività, ansietà, angoscia, pruriti
•Nevrosi persino con manifestazioni somatiche
(non irreversibili)
•Alcalosi
•Arteriosclerosi diffuse
•Gotta
•Insonnia ansiosa
•Manie
•Obesità
•Ossessione di carattere depressivo
•Litiasi renale, uremia, urecemia
•Nel bimbo: turbe del carattere e di adattamento
familiare e scolare
•Instabilità
•Nell’anziano: aggressività, ansietà, sclerosi vascolari, cerebrale.
————————————
MAGNESIO
•Coliti post-infettive parassitarie e amebiche
•Dolori reumatici
•Fenomeni nevrotici (specie algie di origine artrosica per infiammazione della radici nervose)
(+Potassio e trattamento diatesico)
•Manifestazioni funzionali della spasmofilia
•Favorisce la fissazione del calcio e del fosforo
•Matolismo del calcio (crescita, decalcificazione +
Fluoro)
•Demineralizzazione (gravidanza, allattamento,
rachitismo)
•Stimola gli scambi cellulari (nell’astenia ed in geriatria)
•Turbe da squilibrio neuro-vegetativo
•Psicopatia, ritardi intellettivi
•Turbe epatobiliari
•Talune dermatosi (acne, prurito, orticaria, eczema e psoriasi)
•Citofilassia (verruche) (+ Fluoro)
•Coliti
•Senescenza
•Enuresi
•Sterilità
•Terreno cancerinico
•Turbe intestinali (dolico e megacolon).
————————————
MANGANESE
•Asma climatico con predominanza notturna,
asma di origine non infettiva
•Corizza spasmodica o raffreddore da fieno
•Emicranie con turbe digestive, oculari e di origine tradizionalmente epatica
•Variazioni di tensione sia ipotensive che ipertensive mal tollerate, con cefalee, turbe visive, vertigini, tachicardia
•Orticaria, edema di Quincke e le reazioni pruriginose periodiche
•Taluni eczemi tipicamente di natura allergica
•Dolori articolari di tipo artritico, con carattere erratico, fugace senza modificazioni anatomiche,
nè aumento della V.E.S.
•Epatismi con intolleranze digestive diverse di
tipo più o meno allergico
•Dismenorrea ripetitive ed a flusso abbondante
•Disfunzioni tiroidee di solito tipo iper, para Basedowiane
•Astenia mattutina in soggetto di facile affaticabilità, che abbisogna di attività e che ha difficoltà a
prendere sonno
•Comportamento psichico nervoso instabile, sovente irascibile, con fondo ottimismo.
————————————
MANGANESE-COBALTO
•Tutte ledistonie neuro-vegetative
•Tube circolatorie degli arti inferiori
•Ipertensione cronica tendenza all’arteriosclerosi
•Cefalee d’origine circolatoria
•Precordialgie angoscianti
•Turbe prepara-menopausiche
•Ansietà, perdita di memoria, emotività, instabilità caratteriale, insonnia, turbe dell’umore
•Esordi d’artrosi con dolori periodici
•Artrosi e sequele con manifestazioni nevrotiche,
gotta, malattia di Paget
•Eczemi cronici, specie se accompagnati da turbe
circolatorie alle gambe
•Tutte le manifestazioni distoniche epigastriche
ed addominali, ulcera di stomaco e del duodeno,
discenesie biliari e litiasi, coliti destre spasmodiche, retto-coliti, meteorismi
•Prove di eliminazione perturbate, uremia, litiasi
renale, acido urico ed ossalico, litiasi vescicale
•Passaggio dell’asma semplice all’enfisema (nella diatesi distonica, cui appartiene il manganesecobalto, l’eliminazione renale è sovente alterata
e di norma si ha ipercolesterolemia).
————————————
MANGANESE-RAME
•Tutte le manifestazioni infettive a ripetizione
•Manifestazioni artritiche
•Asma bronchitica
•Orticaria
•Eczema
•Sensibilità respiratoria bronco-polmonare e delle vie aeree superiori
•Rino-faringiti frequenti, sino alla tubercolosi nelle sue forme più evolute
•Otiti
•Bronchiti, bronchiti croniche e dilatazione dei
bronchi
•Sinusiti recidivanti
•Enterocoliti sinistre
•Fenomeni enterocolitici, con alternanza di diaree
e stipsi
•Stanchezza cronica
•Reazioni linfatiche e adenopatie localizzate più
evolute e suppuranti
•Cistiti recidivanti
•Ipotiroidismi con freddolosità
•Determinate affettive cutanee del tipo pruriginoso, acne, eczemi facilmente infetti
•Ipomenorree con mestruazioni corte e distanziate
•Sul piano mentale e caratteriale sono tipi pessimisti, con fragilità psichica, che hanno difficoltà
a fissare la propria attenzione.
————————————
MANGANESE-RAME-COBALTO
•Tutte le anemie: convalescenza, crescita, gravidanza, ipocromi
•Astenia psico-fisica post-influenzale, post-infettiva, pubertà.
————————————
NICKEL
•Cellulite, riequilibrio epato-pancreatico, diabete,
neoplasie obesità, sovraffaticamento.
————————————
NICKEL-COBALTO
•Regolatore del metabolismo pancreatico non insulinico
•Difficoltà digestive dei grassi
•Lentezza digestiva, feci grasse, talune costipazioni, certe fermentazioni
•Colibacillosi
•Diabete
•Obesità
•Pruriti
•Sonnolenza post-prandiale
•Disfunzioni neurormonali
•Disturbi menopausa e andropausa
•Disturbi circolatori cerebrali.
————————————
ORO
•Emorroidi, ipertensione, neoplasie, reumatismi,
turbe cardio-vascolari, tubercolosi, varici
•Stati infettivi, specie in acuzie.
————————————
FOSFORO
•Astenie cerebrali, asma spasmodica, extra sistole, morbo di Dupuytren, miastenia, sclerodermia, spasmofilia, tetania, turbe paratiroidee.
————————————
PLATINO
•Diabete, neoplasie in generale
————————————
POTASSIO
•Artrosi post-menopausiche, diuresi, miastenia,
turbe del metabolismo dell’acqua, obesità per
ritenzione idrica, oliguria, reumatismo cronico.
————————————
RAME
•Favorisce l’elaborazione degli anticorpi, la resistenza alle infezioni ed alle tossine, l’inibizione
di certi virus e potenzia l’azione degli antibiotici
eventualmente somministrati
•Manifestazioni infettive ed infiammatorie acute
•Malattie infiammatorie croniche con notevole
aumento della V.E.S.
•Antivirale
•Stati influenzali
CHIMICOR
CATALOGO GENERALE
| 15
TERAPIA OLIGO-CATALITTICA
•Crisi infiammatori della poliartrite reumatoide,
della malattia di Bouillaud, della spondilartrite
anchisolante
•Anemie
•Cellulite
•Neoplasie in generale e stati precancerosi
•Nefrosi lipidica
•Obesità
•Psoriasi
•Reumatismi; spondilartrite anchilosante, tubercolosi ossea
•Turbe epatiche.
————————————
RAME-ORO-ARGENTO
•Le astenie e gli stati depressivi che accompagnano o seguono le malattie infettive
•L’assenza di auto-difesa
•Le tube funzionali che resistono alle terapie
usuali
•La perdita di vitalità generale ed intellettiva
•La senescenza prematura
•I reumatismi infiammatori
•Stati infiammatori acuti
•Stafilococcie ribelli (furuncolosi), streptococcie
•La psicoastenia con fenomeni depressivi più
omeno accentuati ed idee di morte, malinconia,
ossessioni morbose
•Scomparsa dell’entusiasmo, desiderio di rinuncia
•Indifferenza sessuale
•Leucemia, lupus
•Sclerodermia
•Senescenza, senilità
•Tubercolosi evolutiva.
————————————
SILICEA
•Artro-tubercolosi in via di stabilizzazione, colesterolemia alterata, ipertensione, linfatismo,
rigenerazione cutanea, decalcificazione (specie
adolescenti).
————————————
ZINCO
•Azione specifica sull’ipofisi
•Rinforza l’azione delle gonadotropine
•Interviene nell’attività endocrina del pancreas
•Astenie cicliche o globali
•Crescita ritardata
•Ipomenoree
•Impotenza
•Insufficienza ipofisaria
•Malattia di Basedow
•Psoriasi
•Turbe epato-pancreatiche
•Turbe del sistema nervoso.
————————————
ZINCO-NICKEL-COBALTO
•Disfunzioni pancreatiche ed ipofiso-pancreatiche
•Insufficienza ormonale interessante tutte le
ghiandole endocrine
•Gli stati pre-diabetici, diabete
•Turbe della regolazione glicemica
•Astenia pre-prandiale
•Sonnolenza post-prandiale
16 |
CATALOGO GENERALE
CHIMICOR
•Astenie cliniche con turbe dell’alimentazione
•Obesità con turbe metaboliche dei liquidi.
————————————
ZINCO-RAME
•Regolatore endocrino
•Ogni disfunzione dell’asse ipofiso-genitale ed
ipofiso-surrenale
•Numerose disfunzioni ovariche e turbe delle mestruazioni
•Ritardi di sviluppo generale e locale dovuto a
causa endocrina
•Sindrome adiposo-genitale
•Enuresi, criptorchidie
•Turbe caratteriali puberali
•Indifferenza, impotenza sessuale funzionale
•Menopausa, andropausa
•Dismenorree.
————————————
ZOLFO
(viene prescritto come grosso complemento agli
oligoelementi diatesici)
•Artriti, artrosi ed artralgie
•Reumatismo acuto e cronico
•Emicranie
•Dermatosi ed eczemi in generale
•Manifestazioni allergiche (+ Manganese)
•Effetto desensibilizzante nell’eczema, nell’acne,
nell’orticaria.
•Infiammazione cronica dell’albero respiratorio
•Intossicazioni diverse (proprietà ossido-riduttive)
•Insufficienze digestive epato-biliari, disfunzioni
epato-biliari, insufficienza epatica
•Laringiti croniche
•Ozena
•Turbe degli annessi cutanei: unghie, capelli, peli
•Sindrome iposteniche (+ Manganese - Rame)
•Sindromi neuro-artritiche (+ Manganese - Cobalto).
CHE COS’È UN OLIGOCOMPLESSO?
È un soluto che comprende più oligoelementi sotto
forma biocatalitica. È l’associazione di questi due
termini “oligoelementi” e “forma catalitica” che
assicura l’efficacia terapeutica del prodotto.
COME AGISCE UN OLIGOCOMPLESSO?
Tutti gli organi viventi per assumere le loro diverse funzioni abbisognano della presenza di elementi
metallici, il più delle volte allo stato di tracce.
Qualunque sia la loro funzione fisiologica, gli ioni
metallici seguono nell’organismo gli stessi processi metabolici dell’ossigeno e, cioè, accumulazione
e trasporto sotto forma di metalloproteine, mioglobina ed emoglobina per l’ossigeno; ceruloplasmina per il rame; enzima della vitamina B per il
cobalto; triptasi ed enolasi per il manganese e il
magnesio.
Per le diverse patologie indicate, i trattamenti devono essere di almeno due mesi, con due ampolle al
dì in mezzo bicchiere d’acqua minerale.
Confezioni da 12 fiale da 5 ml
OLIGOCOMPLESSO B
Manganese
0,020 gr/litro
Parahydroxybenzoate di methyl sode 0,100 gr/litro
NaCL
9,000 gr/litro
Glycerina
100 ml/litro
Acqua demineralizzata
900 ml/litro
INDICAZIONI: Effetto benefico come modificatore
del terreno particolarmente per allergie - eczemi psoriasis - ulcera di stomaco.
POSOLOGIA: 2 fiale bevibile da 5 ml al dì dose massima giornaliera Manganese 500 mg.
————————————
OLIGOCOMPLESSO C
Zinco
0,020 gr/litro
Parahydroxybenzoate di methyl sode 0,100 gr/litro
NaCL
9,000 gr/litro
Glycerina
100 ml/litro
Acqua demineralizzata
900 ml/litro
INDICAZIONI: Effetto benefico come modificatore
del terreno particolarmente per affezioni cutanee.
————————————
OLIGOCOMPLESSO A
Magnesium 5,000 gr/litro
Parahydroxybenzoate di methyl sode 0,100 gr/litro
NaCL 9,000 gr/litro
Glicerina 100 ml/litro
Acqua demineralizzata 900 ml/litro
INDICAZIONI: Effetto benefico come modificatore
del terreno, particolarmente per stati neurovegetativi e stati di spasmofili-infezioni-intossicazione.
POSOLOGIA: 2 Fiale bevibile in acqua da 5 ml al dì
dose massimale giornaliera; dose massima magnesium 50 mg.
POSOLOGIA: 2 fiale di acqua da 5 ml al dì dose massimale giornaliera Zinco 200 mg.
————————————
OLIGOCOMPLESSO D
Magnesium gluconate
5,000 gr/litro
Rame gluconate
0,200 gr/litro
Cobalt gluconate
0,020 gr/litro
Parahydroxybenzoate di methyl sode 0,100 gr/litro
NaCL
9,000 gr/litro
Glycerina
100 ml/litro
Acqua demineralizzata
900 ml/litro
INDICAZIONI: Effetto benefico come modificatore
del terreno particolarmente per stati astenici.
POSOLOGIA: 2 fiale bevibile in acqua da 5 ml al dì
dose massimale giornaliera Magnesio 50 mg,
Rame 20 mg, Cobalt 200 mg.
18 |
CATALOGO GENERALE
CHIMICOR
OLIGOCOMPLESSO E
Cobalt
Parahydroxybenzoate sode
NaCL
Glycerina
Acqua demineralizzata
0,020 gr/litro
0,100 gr/litro
9,000 gr/litro
100 ml/litro
900 ml/litro
OLIGOCOMPLESSO I
Argentum
0,200 gr/litro
Parahydroxybenzoate di methyl sode0,100 gr/litro
NaCL 9,000 gr/litro
Glycerina 100 ml/litro
Acqua demineralizzata 900 ml/litro
INDICAZIONI: Effetto benefico come modificatore
INDICAZIONI: Effetto benefico come modificatore
del terreno particolarmente per emicrania - Virosein generale - malattie cardiovascolari.
del terreno particolarmente per stati virali della sfera ORL - influenza - periartriti reumatismi.
POSOLOGIA: 2 fiale bevibile da 5 ml al dì dose massimale giornaliera Cobalt 200 mg.
————————————
OLIGOCOMPLESSO F
Potassium
0,020 gr/litro
Parahydroxybenzoate de methyl
0,100 gr/litro
NaCL
9,000 gr/litro
Glycerina
100 ml/litro
Acqua demineralizzata
900 ml/litro
INDICAZIONI: Effetto benefico come modificatore
POSOLOGIA: 2 fiale bevibile in acqua da 5 ml al dì
dose massimale giornaliera Argentum 2 mg.
————————————
OLIGOCOMPLESSO K
Rame 0,020 gr/litro
Aurum 0,050 gr/litro
Argentum 0,020 gr/litro
Parahydroxybenzoate di methyl sode 0,100 gr/litro
NaCL
100 ml/litro
Glycerina
100 ml/litro
Acqua demineralizzata
900 ml/litro
del terreno particolarmente in manifestazioni muscolare funzionale - fibromi - fibrocisti - verruche.
INDICAZIONI: Effetto benefico come modificato-
POSOLOGIA: 2 fiale da 5 ml al dì bevibile in acqua;
dose massimale giornaliera Potassium 200 mg.
————————————
OLIGOCOMPLESSO G
Silicium
2,000 gr/litro
Parahydroxybenzoate di methil-sode 0,100 gr/litro
NaCL
9,000 gr/litro
Glycerina
100 ml/litro
Acqua demineralizzata
900 ml/litro
re del terreno particolarmente per convalescenza
- malattie infettive - astenie - malattie del sistema
nervoso centrale.
POSOLOGIA: 2 fiale bevibile da 5 ml al dì dose massimale giornaliera Rame 2 mg - Aurum 0,5 mg - Argentum 2 mg.
INDICAZIONI: Effetto benefico come modificatore
del terreno particolarmente in corso di stati di infezione - affezioni reumatismale - ricostituente delle
difese immunitarie.
POSOLOGIA: 2 fiale bevibile da 5 ml al dì bevibile in
acqua; dose massimale giornaliera Silicium 20 mg.
————————————
OLIGOCOMPLESSO H
Rame
0,200 gr/litro
Parahydroxybenzoate sode
0,100 gr/litro
NaCL 9.000
gr/litro
Glycerina
100 ml/litro
Acqua demineralizzata
900 ml/litro
INDICAZIONI: Effetto benefico come modificatore
del terreno particolarmente per stati di infezioni influenza - dolori infiammatori e reumatici - bronchite acuta e cronica - asma - tosse
POSOLOGIA: 2 fiale bevibile da 5 ml al dì dose massimale giornaliera Rame 2 mg.
CHIMICOR
CATALOGO GENERALE
| 19
GAMMA
TIB
Trattamento immunologico.
Integratore alimentare.
C7A TIB COMPLEX
(ingredienti: Acqua, Glicol etilenico (5 ml), Echinacea,
Potassio , Iodio, Ascorbato di potassio)
INDICAZIONI: Lo iodio contribuisce alla normale pro-
C3 TIB COMPLEX
(ingredienti: Acqua, Glicol etilenico (5 ml), Aloe, Potassio ioduro, Ascorbato di potassio, Iodio)
INDICAZIONI: Migliora la funzione tiroidea
12 fiale da 10 ml
POSOLOGIA: 1-2 fiale al giorno, miscelare con un pò
d’acqua o con la bevanda preferita
————————————
C5 TIB COMPLEX
(ingredienti: Acqua, Glicol etilenico (5 ml), Calendula,
Potassio fosfato, Ascorbato di potassio)
INDICAZIONI: Contrasta i disturbi del ciclo mestrua-
le sostiene il trofismo e la funzione della pelle. Contribuisce al normale funzionamento del sistema
nervoso
12 fiale da 10 ml
POSOLOGIA: 1-2 fiale al giorno, miscelare con un pò
d’acqua o con la bevanda preferita
————————————
C7 TIB COMPLEX
(ingredienti: Acqua, Glicol etilenico (5 ml), Calendula, Sodio fosfato, Potassio ioduro, Iodio, Ascorbato di potassio)
INDICAZIONI: Migliora la funzionalità della mucosa
orofaringea e del tono della voce. Contrasta i disturbi del ciclo mestruale, sostiene il trofismo e la
funzione della pelle.
Il potassio contribuisce al normale funzionamento
del sistema nervoso
12 fiale da 10 ml
POSOLOGIA: 1 fiala al giorno, miscelare con un pò
d’acqua o con la bevanda preferita.
20 |
CATALOGO GENERALE
CHIMICOR
duzione di ormoni della tiroide. Contribuisce alle
naturali difese dell’organismo e benessere delle vie
urinarie. Funzionalità delle prime vie respiratorie.
12 fiale da 10 ml
POSOLOGIA: 1-2 fiale al giorno, miscelare con un pò
d’acqua o con la bevanda preferita
————————————
C15 TIB COMPLEX
(ingredienti: Acqua, Etilen glicol, Aloe, Potassio, Ioduro,
Ascorbato di potassio, Iodio)
INDICAZIONI: Migliora il transito intestinale e coa-
diuva la funzione digestiva ed epatica.
Benefico per le malattie del sistema nervoso centrale, lo iodio contribuisce alla normale produzione
di ormoni della tiroidea.
12 fiale da 10 ml
POSOLOGIA: 1-2 fiale al giorno, miscelare con un pò
d’acqua o con la bevanda preferita
————————————
D8 TIB COMPLEX
(ingredienti: Acqua, Peg 14, Calendula, Magnesio cloruro, Ascorbato di potassio)
INDICAZIONI: Azione emolliente e lenitiva, miglio-
ra la funzionalità della mucosa orofaringea e tono
della voce. Contrasta i disturbi del ciclo mestruale.
Sostiene il trofismo e la funzionalità della pelle.
Riduzione della stanchezza e dell’affaticamento.
12 fiale da 10 ml
POSOLOGIA: 1-2 fiale al giorno, miscelare con un pò
d’acqua o con la bevanda preferita.
D9 TIB COMPLEX
(ingredienti: Acqua, Ethilen glicol, Calendula, Magnesio
cloruro, Potassio ioduro, Ascorbato di potassio)
INDICAZIONI: Azione emolliente e lenitiva, miglio-
ra la funzionalità della mucosa orofaringea e tono
della voce. Contrasta i disturbi del ciclo mestruale.
Sostiene il trofismo e la funzionalità della pelle.
Riduzione della stanchezza e dell’affaticamento.
12 fiale da 10 ml
POSOLOGIA: 1-2 fiale al giorno, miscelare con un pò
d’acqua o con la bevanda preferita
MODO DI AZIONE T.I.B.
I T.I.B. agiscono su tutte le cellule destabilizzate
(cancerose, virotiche, che hanno subito un’aggressione chimica, meccanica, elettromagnetica) destabilizzate a livello della membrana sul piano lipidico.
Dotati di un potere perossidasico, essi hanno un’azione antalgica e antinfiammatoria per la distruzione dei mucopolisaccaridi.
L’eliminazione dell’eccesso dei linfociti B, all’origine della produzione di anticorpi bloccanti, permette
un’azione sulle malattie autoimmuni, e il potenziamento dell’immunità cellulare.
L’E.R.P. (molecola centrale), avendo un’azione complessante, conferisce al T.I.B. il ruolo di trasportatore.
Così altre molecole complessate penetrano all’interno della cellula per esercitarvi un’azione di di-
struzione o di ristrutturazione. Noi avremo così in
funzione della scelta del T.I.B. un’azione antimitotica, ormonale (K. dipendente dagli ormoni), un’azione di ristrutturazione per il ripristino della pressione ionica grazie all’apporto minerale (K, Mg, Io,
Cu complessati all’E.R.P.) o una potente azione antivirale per le aldeidi solubilizzate, (l’azione di inattivazione di HIV delle aldeidi è stata dimostrata dal
prof. Roger HENRION, (Le donne e l’AIDS; Flammarion 1988).
I T.I.B. devono essere utilizzati in funzione della patologia e seguendo i protocolli generali in vigore.
Alcuni risultati sul campo (FRED, profili proteici,
tipizzazione linfocitica, SHAM ...) permettono di
adattare esattamente il protocollo al paziente, nel
quadro di una strategia globale che comprenda un
insieme di terapie.
Penetrazione nella cellula
Complessazione di altre molecole
Azione antalgica
Inattivazione virale
Azione antinfiammatoria
Distruzione dei mucopolisaccaridi
Eliminazione degli anticorpi bloccanti
CHIMICOR
CATALOGO GENERALE
| 21
PLASMA DU DR. QUINTON
ISOTONICO
Renè Quinton
1866-1925
Dottore in biologia e Filosofia
Fondatore degli “Istituti Marini” (1907)
Fondatore de La Ligue Aérienne Nationale (1908)
Presidente de La Ligue Aéronautique de France (1910)
Commandeur de La Légion d’Honneur (1916)
Membro de l’Accadémie des Sciences
Renè Quinton nacque il 15 dicembre 1866 a Chaumes-en-Brie (Francia).
Il suo carattere impetuoso lo spinse ben presto ad
interessarsi a numerose vicende che lo circondavano ed a guardare ad esse sin da giovane con occhi
critici e curiosi; ebbe un ruolo decisivo nella storia
dell’aviazione francese perchè ne intuì subito l’importanza: fu fondatore de La Ligue Aérienne Nationale ed in seguito Presidente de La Ligue Aèronautique de France.
Quinton fu eroe di guerra. Egli prese parte ad innumerevoli battaglie che gli valsero la più alte riconoscenze: fu nominato Commandeur de La Légion
d’Honneur. Quinton approfondì i suoi studi soprattutto nel campo della biologia e le sue continue ri-
22 |
CATALOGO GENERALE
CHIMICOR
cerche lo portarono alla enunciazione di teorie, che
in seguito vennero dimostrate a livello scientifico,
sulla validità terapeutica dell’acqua di mare. Famose restano le sue conclusioni sulle origini della vita
che lo anteposero alle teorie di Darwin.
Per Quinton. le prime cellule viventi sono apparse
nel mare. L’evoluzione e la successione delle forme
animali si è fatta conservando alcune costanti: costante termica, costante acquatica, costante osmotica. Di conseguenza, ogni organismo appare come
un acquario marino dove continuano a vivere, nelle
condizioni acquatiche di origine, le cellule che lo costituiscono - legge di costante marina di Quinton.
I primi esperimenti portarono Quinton, nel giugno
1897 al Collegio di Francia, a dissanguare a bianco
un cane di 10 kg e a sostituirgli la sua massa sanguigna con dell’acqua di mare naturale (Plasma du Dr.
Quinton). Dopo 24 ore, il cane si muoveva nel suo
laboratorio ed aveva già ripreso un aspetto normale
e dopo 8 giorni si constatava addirittura vivacità e
reazioni superiori. Il cane visse per altri 15 anni.
Nel rimpiazzare in un esperimento successivo l’acqua di mare con dell’acqua salata fisiologica, nessun animale sopravvisse alla trasfusione. Con ciò,
Quinton dedusse che l’acqua di mare naturale non
può essere modificata senza perdere le sue proprietà, perchè in essa vi è la composizione ottimale del
nostro ambiente interno.
Quinton ha lasciato opere inedite nel campo della
filosofia, della biologia e della medicina. Tra le più
famose “Origine marine de la vie”; “L’eau de mer
milieu vital des organisme élevés”; “L’eau de mer
en puériculture et en Pédiatrie”. Famose restano
inoltre “Les Maximes sur la Guerre”.
L’acqua di mare è prelevata al largo delle coste di
Arcachon nell’Oceano Atlantico ed in profondità in
condizioni che assicurano la completa purezza. La
sterilizzazione speciale del “Plasma du Dr. Quinton”
permette di conservare all’acqua di mare sia la vitalità che la composizione iniziale. Il “Plasma du Dr.
Quinton” è suddiviso in ampolle di vetro neutro ed
inattaccabile dai fluoruri marini.
I processi attuali di fabbricazione ed il controllo di
ogni ampolla prima del confezionamento, ci permettono di garantire che:
•tutte le fiale di “Plasma du Dr. Quinton” sono
praticamente otticamente vuote
•l’apirogenità è anche la maggiore possibile pur
conservando all’acqua di mare il suo carattere di
“ambiente vivente”
L’utilizzazione dell’acqua di mare in terapeutica deriva dal lavoro biologico di Renè Quinton sulle origini
della vita, lavoro che l’ha portato a concludere:
1 che tutti gli animali sono di origine acquatica
2 che questa origine acquatica è marina e dunque
che la vita animale allo stato di cellula è apparsa nei mari
3 che il liquido che presiede alla vita cellulare
dei mammiferi è dal punto di vista minerale:
dell’acqua di mare.
La verifica sperimentale di questo terzo dato fu fatta
da Quinton e Mallion al Collegio di Francia in tre
gruppi di esperienze:
•il 1 gruppo prova che è possibile rimpiazzare la
massa sanguigna di un cane con l’acqua di mare
senza disturbi per l’organismo;
•il 2 gruppo mette in evidenza il riassorbimento e
la eliminazione stupefacente dell’acqua di mare
nell’organismo: i cani trasfusi hanno una portata
renale 60 volte superiore alla loro portata abituale;
•il 3 gruppo di esperimenti comparava l’efficacia
del “Plasma du Dr. Quinton” con quella dell’acqua salata fisiologica e delle altre preparazioni
sintetiche: dei cani di questa seconda serie nessuno è sopravissuto alla trasfusione della quasi
totalità della massa sanguigna.
Così dunque:
Il “Plasma du Dr. Quinton” - acqua di mare naturale che non può essere modificata, senza perdere le
sue proprietà, perchè possiede la composizione salina integrale del nostro ambiente interno. Rispetto
alle combinazioni sintetiche meglio studiate, essa
conserva l’equilibrio molecolare di questo complesso fragile che è la formula salina degli oceani. Da
qui l’utilizzazione dell’acqua di mare in terapia. La
preparazione del “Plasma du Dr. Quinton” a partire dall’acqua di mare prelevata al largo delle coste
d’Arcachon, avviene in condizioni di tutta sicurezza;
una sterilizzazione speciale permette di conservare
all’acqua di mare la sua vitalità e la sua composizione iniziale.
COMPOSIZIONE
Elementimg/kg
Cloro.................................................... 18980
Sodio.................................................... 10561
Solfato................................................... 2649
Magnesio............................................... 1272
Calcio....................................................... 400
Potassio................................................... 380
Bromo........................................................ 65
Carbone..................................................... 28
Stronzio..................................................... 13
Boro.......................................................... 4,6
Silicio................................................... 0,02-4
Fluoro........................................................ 1,4
Azoto................................................. 0,01-0,7
Alluminio.................................................. 0,5
Litio........................................................... 0,1
Fosforo............................................ 0,001-0,1
Bario........................................................ 0,05
Iodio........................................................ 0,05
Arsenico.......................................... 0,01-0,02
Ferro.............................................. 0,002-0,02
Manganese................................... 0,001-0,01
Rame............................................. 0,001-0,01
Zinco..................................................... 0,005
Piombo................................................. 0,004
Uranio................................................. 0,0015
Argento............................................... 0,0003
Nichel.................................................. 0,0001
Mercurio........................................... 0,00003
Oro.................................................. 0,000006
Ph fra 7 e 8,5
GLI ELEMENTI
DELLA CURA MARINA
Dalla somministrazione di acqua di mare per via
orale o parenterale sino all’influenza del clima marino, passando per la balneoterapia, il mare offre
una gamma terapeutica molto estesa. Il numero dei
mezzi che è possibile mettere in opera, le loro interferenze, le loro sinergie, spiegano senza dubbio la
complessità che la talassoterapia è prima di tutto
una questione di empirismo.
Senza dimenticare che in un tale ambito un’analisi
è sempre arbitraria, tratteremo in questo capitolo
soprattutto:
•la talassoterapia interna.
LA TALASSOTERAPIA INTERNA
“L’acqua di mare ambiente organico” un secolo
e mezzo dopo l’opera del medico inglese Richard
CHIMICOR
CATALOGO GENERALE
| 23
COMPLEMENTI ALIMENTARI
Russel “A disertion of the sweater on the diseas of
the glands” il biologo francese Renè Quinton rilanciava con questa formula, la terapeutica marina. La
sua opera, che è stata oggetto di diversi commentatori, è divenuta classica. Limitiamoci a ricordare
la stretta analogia che esiste tra l’acqua di mare e
il liquido che bagna tutte le nostre cellule, una volta deplasmatizzato, questo ambiente che Quinton
chiamava “l’ambiente vitale”, e di cui ha dimostrato tutta l’importanza delle esperienze da lui fatte sul
cane.
Il perfezionamento dei nostri mezzi di indagine
non ha fatto altro che confermare le sue concezioni. Tutti i sali minerali che esistono negli esseri
viventi, acquatici o no, ancorchè in quantità infinitesimale si trovano nell’acqua di mare nelle stesse
proporzioni.
Ha detto Quinton “la vita animale apparsa allo stato
di cellule nei mari ha teso a mantenere attraverso la
serie zoologica, per il suo alto funzionamento cellulare, le cellule componenti ciascun organismo in un
ambiente marino. Questo ambiente non si è mantenuto in tutti gli organismi, ma quelli in cui questa
conservazione non è stata effettuata hanno subito
una decadenza vitale”.
È così che la più abbondante delle acque minerali
messe a nostra disposizione è del pari alla più ricca. Così abbondante e così ricca che Fonsegrives
ha potuto scrivere “l’acqua di mare è un medicamento mirabile che viene sdegnato unicamente a
causa della sua abbondanza. Così, per assurdo, se i
bacini marini si inaridissero e non rimanessero qua
e là che poche pozze di quest’acqua i malati vi accorerebbero così come ora vanno alle sorgenti più
rinomate”.
L’acqua di mare è in effetti un’acqua minerale che
contiene in media 35 grammi di sali per litro. Se
essa è prima di tutto un acqua clorurata di sodio
media, dal momento che contiene più di 10 grammi di cloruro di sodio per litro, è del pari clorurata
di magnesio come pure solfatata di magnesio e si
può dire persino che il tasso di solfato di magnesio
che essa racchiude è importante abbastanza perchè
la si possa classificare come acqua “clorosolfatata
forte”.
L’acqua di mare racchiude ancora in proporzioni notevoli solfato di calcio, solfato di sodio, solfato di
potassio, carbonato di stronzio, bromuri e ioduri. La
sua densità, molto elevata, è in rapporto con la sua
ricchezza salina: 1,020 nella Manica; 1,028 nell’oceano; 1,032 nel mediterraneo. Il suo ph è debolmente alcalino e varia in generale al largo tra 7,7 e
8,4. Richiamata così in breve la composizione fisicochimica dell’acqua di mare, conviene insistere sul
ruolo di tutti i corpi minerali che essa contiene allo
stato di tracce infinitesimali e che rappresentano
un campionario pressochè completo di tutti i corpi
semplici. Questi vi si trovano nelle medesime proporzioni che si riscontrano nell’organismo e, siano
fissati a delle molecole organiche oppure liberi, allo
stato molecolare o allo stato ionico, si presentano
sotto la forma più direttamente assimilabile dall’es24 |
CATALOGO GENERALE
CHIMICOR
sere vivente. Sono gli oligoelementi, i bioelementi
altrettanto indispensabili alla vita che gli ormoni,
le vitamine e gli enzimi. è sufficiente richiamare il
ruolo del Ca++ o del K+ nell’equilibrio ionico delle
nostre cellule o nel ritmo cardiaco, del fluoro nella
calcificazione delle ossa, dello iodio nell’insieme del
metabolismo e nella crescita, del rame nei fenomeni
di ossidoriduzione e le virtù terapeutiche di elementi quali il bromo, l’arsenico, il ferro o il magnesio per
rendersi conto dell’importanza della composizione
minerale dell’acqua di mare.
L’acqua di mare, infine, contiene numerosi elementi
allo stato radioattivo: radio-calcio, radio-manganese, radio-fosforo, radio-iodio, e tale proprietà può
essere all’origine di virtù terapeutiche supplementari.
Ma l’acqua di mare non è soltanto una soluzione
di sostanze minerali e di gas disciolti (O, N, CO2),
è anche e soprattutto un ambiente vivente. Essa è
l’ambiente naturale di animali e di vegetali che vanno dai batteri non patogeni per l’uomo fino ai mammiferi.
Miriadi di piccoli crostacei o zooplancton si nutrono
dell’immensa prateria di minuscole alghe fluttuanti o fitoplancton. È questa popolazione che regola
la composizione fisico-chimica dell’acqua di mare,
che fissa certe sostanze minerali allo stato organico così come decompone le sostanze organiche
in sali minerali. La nozione recente delle variazioni
così importanti del pH dell’acqua di mare secondo le stagioni, l’esposizione al sole, la latitudine, la
profondità, lascia presumere tutta la complessità
di questa attività biochimica. Un esempio concreto dell’importanza del metabolismo delle sostanze
minerali ad opera degli organismi marini è fornito
dalle alghe. Queste sono dei veri accumulatori di
oligo-elementi. Le Laminarie ed il Fucus in particolare concentrano lo iodio e lo zolfo, ma non soltanto
queste alghe concentrano selettivamente nel loro
plasma lo iodio sulla base dell’1% del loro peso fino
a contenerne in proporzioni più elevate della stessa
acqua di mare, esse giungono persino a “mettere
dopo una trasmutazione chimica dello iodio volatile” (De La Farge).
Ambiente vivente ove pullulano i microrganismi
animali e vegetali, sarebbe sorprendente che l’acqua di mare contenga una o più sostanze antibiotiche o quantomeno possegga un potere antibiotico?
Nel suo libro sulla microbiologia, Brissou, pone il
problema. Egli cita delle esperienze fatte a Tolone
che consistevano nel calcolare la quantità di germi
patogeni a differenti distanze della costa.
E così che ha rilevato 5000 colibacilli a 50 metri dalla riva mentre ne ha trovati 200 soltanto a 500 metri e appena 50 a 800 metri. Studi più vasti furono
intrapresi l’indomani della liberazione sotto l’egida
del Ministero della Ricostruzione conseguentemente alle inquietudini determinate dall’inquinamento
delle coste marine ad opera degli scarichi cittadini.
Questo rapporto, da una parte, mette in luce la rapida auto-depurazione delle acque del litorale insudiciate dagli scoli, d’altra parte, l’esistenza di un po-
tere antibiotico dell’acqua di mare di fronte a germi
d’origine enterica (comunicazione fatta alla Accademia Nazionale di Medicina dal Prof. Louis Tanon il
20 ed il 27 gennaio 1963).
Parecchie enumerazioni di germi sono state effettuate nell’acqua di mare prelevata tra le bocche di
scarico e un punto zero sito al riparo del loro inquinamento, e sono state ottenute le seguenti cifre: a
Caravan allo sbocco dell’emissario, sono stati contati 800.000 colibacilli per centimetro cubo mentre
a 20 metri, nella zona di dispersione, 200.000 o anche solo 100.000 a seconda dei punti. Ad Antibes, si
sono contati 2.500 coli allo sbocco dell’emissario ed
appena un centinaio più al largo.
Certamente possono entrare in gioco fenomeni
puramente fisici: diluizione, salinità, esposizione al
sole, agitazione dell’acqua, ma questi fenomeni non
saprebbero spiegare nè il fatto che i germi presenti
nell’acqua di mare posta all’uscita di un canale di
scolo no scompaiano rapidamente, nè che colonie
di batteri messe in presenza di acqua di mare prelevata al largo delle coste non vi si sviluppano e che
questa azione batteriostatica diminuisce progressivamente con l’invecchiamento dell’acqua, come
pure non saprebbero spiegare come certi batteri
enterici Gram negativi, coli bacillo di Eberth, para A,
para B, bacillo di Friedlander, proteo, enterococco,
perfringens, possiedano una sensibilità elettiva.
Si tratta in realtà di un potere antiobitico che Hin de
Balzac, Bertozzi e Gourdin danno nel loro rapporto
fatto all’Accademia di Medicina il 07.10.52:
•Il potere antibiotico è indipendente dalla salinità
dell’acqua di mare, sparisce dall’acqua di mare
a seguito del suo invecchiamento in laboratorio,
attenuandosi a partire dal 3° giorno di conservazione per scomparire al 10° giorno.
•L’acqua di mare sintetica non presenta alcun potere antibiotico. Il potere antibiotico scompare
per riscaldamento, tindalizzazione a 70° e autoclave 120°.
•Il potere antibiotico è conservato dopo filtraggio
d’acqua di mare su candela Chamberland 3L.
•Il potere antibiotico non è influenzato dall’insolazione, resta costante per l’acqua di mare raccolta
di notte come per quella raccolta di giorno.
•Il potere antibiotico non può essere attribuito ad
una azione batteriofaga. La ricerca negativa dei
batteriofaghi dei batteri enterici è stata in particolar modo effettuata da Buttiaux. Un fattore
sinergico dell’azione antibiotica è l’agitazione
dell’acqua di mare, che l’accelera. Ugualmente
è per l’ossigenazione. Il potere antibiotico delle
acque dell’Atlantico è più attivo di quello delle
acque del Mediterraneo (verifiche a Biarritz, La
Rochelle, Lorient di Souchard). A. Buttiaux ha
constatato un potere antibiotico d’una rapidità
folgorante a S. Malo, mentre l’attività del potere
antibiotico è rallentata nelle acque del litorale tunisino”.
Gli autori terminano il paragrafo consacrato alle caratteristiche di questo potere antibiotico dicendo:
“Resta da portare avanti una lunga serie di studi
sulla natura di questo potere antibiotico, da isolare dall’acqua di mare il corpo unico o il complesso
che possiede questo potere e da determinare la sua
origine. L’esistenza, nelle acque di mare, di corpi ad
azione antibiotica, risultanti dall’attività biochimica
degli esseri acquatici non avrebbe niente di più sorprendente dell’esistenza delle sostanze antibiotiche
conosciute attualmente. Sarebbe una delle forme
della lotta per il possesso degli ambienti, tramite
agenti chimici tra esseri viventi partecipanti alle
biogenesi”. Un’altra proprietà biologica dell’acqua
di mare sarebbe la presenza di enzimi e di amminoacidi. Le Floch stima che gli amminoacidi presenti
nell’ambiente fito-marino attivano gli effetti dell’anidrasi carbonica che può essere inibita dal fluoro
eccessivo, i sulfamidici e gli antibiotici.
L’acqua di mare potrebbe dunque correggere gli effetti nefasti delle sostanze che inibiscono l’anidrasi
carbonica. Prelevata al largo delle coste, in profondità e poi filtrata, l’acqua di mare di cui abbiamo
appena riassunto in breve la composizione e la
struttura minerale e biologica, potrà essere somministrata per via orale o parenterale.
La posologia sarà la seguente: per os da 2 a 4 fiale
da 10 ml secondo l’età, in mezzo bicchiere d’acqua
aumentando progressivamente la dose per arrivare
a 4 fiale tre volte al dì nell’arco di 4 settimane. Si
tornerà in seguito, nello stesso lasso di tempo, alle
dosi iniziali. In iniezioni intramuscolo le dosi medie
saranno da 30 a 100 cc. Si potrà essere portati a
praticare, sotto la pelle dell’addome, delle iniezioni
massive che si risolvono lentamente “realizzando
una vera balneazione dei tessuti” (G. De La Farge).
È il classico Plasma du Dr. Quinton. È la ricchezza
dell’acqua di mare in sali minerali che ha permesso
di utilizzarla con successo nei poppanti in caso di
gastro-enteriti, distrofie, ipotrofie e atrepsie. Vedremo nel capitolo seguente consacrato alle indicazioni della talassoterapia, che alcuni autori ne fanno
uso in altre numerose affezioni.
STUDIO DELL’ACQUA DI MARE
del Dr. Aury
Dal punto di vista farmacologico, l’acqua di mare
si compone di cloruro di sodio e dei sali omologhi
di potassio, calcio e magnesio, cui si aggiungono
quantità infinitesimali di altri corpi inorganici (gli
oligoelementi) e organici, quali il fito e lo zoo-plancton, o ancora le secrezioni ormonali della fauna
marina. L’acqua di mare non è dunque una semplice soluzione di sali, bensì un composto complesso
la cui vera e propria sintesi parrebbe estremamente
difficile da realizzare.
Come per le acque medicinali, i diversi costituenti
minerali dell’acqua di mare esercitano la loro azione, sia dissolvendosi direttamente nell’organismo,
sia soprattutto, sembrerebbe, con la sinergia delle
loro relazioni con altri elementi (il termine usato è
“transmineralizzazione”). Alla fine del secolo scorso, Quinton aveva già stabilito che il rene umano è
CHIMICOR
CATALOGO GENERALE
| 25
COMPLEMENTI ALIMENTARI
due volte più permeabile all’acqua di mare naturale
e fresca (cioè ancora “vivente”) che al siero artificiale avente la medesima concentrazione.
Nelle esperienze di questo autore (ciascuna serie
comparativa di iniezioni di acqua di mare e di siero artificiale veniva praticata sullo stesso animale),
si constatava che l’organismo si sbarazzava dei liquidi estranei che gli erano stati somministrati con
una rapidità ed una intensità maggiori per l’acqua
di mare. Il tenore molecolare delle urine eliminate
dopo iniezioni di acqua di mare era più elevato malgrado l’influenza di una diuresi più abbondante.
Calcio, magnesio e potassio si trovano nell’acqua di
mare in combinazioni complesse, secondo un rapporto quantitativo determinato.
Le loro azioni biologiche sono associate: diciamo
rapidamente che il calcio è antiallergico, disidrata
ed agisce sulla permeabilizzazione della parete cellulare, si comporta come antagonista del sodio. Il
potassio è del pari antiallergico ed esercita inoltre
un’azione stimolante sulla diuresi, contribuendo
così a regolare il tenore idrico dell’organismo.
Il magnesio favorisce le reazioni di difesa e stimola
il tono muscolare e la funzione cellulare; ha stretti
rapporti col timo, che agisce come suo regolatore
(azione favorevole anche nella prevenzione dell’arteriosclerosi, grazie al suo ruolo riduttore della colesterolemia).
È stabilito che una cura per os di acqua di mare moltiplica in alcune settimane il tenore di magnesio nel
sangue per 8 o per 10.
L’esistenza di un metabolismo minerale normale si
fonda su una azione armonicamente coordinata di
questi differenti sali. Gli ioni metallici che l’acqua
di mare contiene in dosi infinitesimali, hanno un’azione non meno importante: il ruolo del rame è di
attivare il metabolismo del ferro nella formazione
dell’emoglobina; il manganese ha un’azione ormonale: conservante della coagulabilità sanguigna ad
un tasso normale e preventiva della carie l’azione
del fluoro.
UTILIZZAZIONE PRATICA
PSORIASI
Si arriva rapidamente alle dosi elevate. Si può consigliare la seguente posologia:
1° settimana: 3 iniezioni da 30 cc
2° settimana: 3 iniezioni da 50 cc
3° settimana: 3 iniezioni da 50 cc
in seguito passare a dosi da 100 ed anche 150 cc,
variando le dosi con ogni malato a secondo dei risultati ottenuti.
————————————
ECZEMA
Impone la sospensione di ogni trattamento locale
irritante. Somministrare solo piccole dosi. Diminuire la dose se il giorno dell’iniezione o l’indomani
si verifica una puntata precoce d’eczema reattivo.
Se viceversa il risultato è insufficiente ravvicinare le
iniezioni senza aumentare la dose:
26 |
CATALOGO GENERALE
CHIMICOR
a) Adulti: una iniezione 3 volte la settimana da 10 cc;
poi 20 quindi 20 cc.
b) Bambini: 10 cc, all’occorrenza 20 cc tre volte la
settimana.
Per eczemi secchi, lichenizzati, il dottor Basset consiglia dosi un pò più forti: fino a 50 cc 3 volte la settimana. Appena ottenuto il miglioramento, attenersi
alla stessa dose.
————————————
ENTERITI E COSTIPAZIONE DELL’ADULTO
Cessare tutti i lassativi irritanti dall’inizio del trattamento.
Cessare poco a poco la dieta per tornare progressivamente ma rapidamente ad una alimentazione
normale.
Quali che siano l’età del malato e la forma di enterite, il trattamento marino è di una efficacia estrema
e la guarigione ottenuta è generalmente durevole.
In caso di recidiva nei mesi successivi è sufficiente
qualche iniezione di Plasma du Dr. Quinton per riportare un funzionamento intestinale normale.
Iniziare con 30 cc, una iniezione ogni 3 giorni; poi
50 e 100 cc.
Far bere il malato secondo la sete.
————————————
ENTERITE ACUTA
In caso di enterite acuta infantile, ricorrere senza
esitazione a dosi forti di Plasma: 50 e 100 cc fino al
cessare del fenomeno acuto.
Riprendere l’alimentazione dall’inizio del trattamento in più pasti frazionati secondo il metodo Quinton.
————————————
TUBERCOLOSI ESTERNA
Il trattamento marino con Plasma du Dr. Quinton è
un coadiuvante prezioso nella cura elio-marina. Il
miglioramento è considerevole tanto nello stato generale che nello stato locale delle lesioni.
Posologia: 3 iniezioni da 30 cc, una ogni 3 giorni
quindi passare a 50 cc;
————————————
TUBERCOLOSI POLMONARE
Il trattamento che tende soprattutto a far risalire lo
stato generale, deve essere condotto con estrema
prudenza: in assenza di puntate evolutive, a dosi
molto deboli, con il controllo delle curve termiche,
del peso e della velocità di sedimentazione. Interrompere il trattamento come si produce un rialzo
della temperatura, quindi attenersi alla medesima
dose debole che è stata sufficiente a provocare una
ripresa ponderale.
————————————
ATREPSIA
Si comincerà con dosi piccole, riprendendo subito
l’alimentazione: pasti multipli e frazionati, da 6 a 12
biberon la cui razione totale sarà calcolata in base
ad 1/5, 1/4 o 1/36 del peso secondo il grado di atrepsia.
In caso di atrepsia con complicazioni d’enterite cronica si comincerà con grosse dosi ripetute, come
nelle sindromi neurotossiche.
GASTROENTERITE DEI LATTANTI
Anche in questo caso di assoluta intolleranza digestiva, il trattamento con il Plasma du Dr. Quinton
consente l’immediata rialimentazione del lattante.
Grazie a dosi massive, accettano e tollerano un biberon di Plasma du Dr. Quinton calcolato secondo
la normale razione in base al peso e all’età.
————————————
NEL CORSO DELLA GRAVIDANZA
Il plasma è efficace:
•Per la madre: è il trattamento dei vomiti e delle
nausee gravidiche, che richiedono grosse dosi di
Plasma.
•Per il bimbo: è il trattamento prenatale l’applicazione più feconda del Plasma di Dr. Quinton.
In effetti, dopo gravidanze che hanno portato alla
nascita di nati morti, o di prematuri, di deboli o ancora a bimbi portatori di tare fisiologiche, alcune
madri, grazie al trattamento marino in occasione
della gravidanza successiva, hanno dato alla luce
bimbi normali, che si sviluppano con regolarità e
che dopo anni di osservazione troviamo in perfetto
stato.
————————————
TOSSICOSI ACUTA
Se il bambino è troppo debole per succhiare i primi
giorni lo si alimenterà con il cucchiaino.
Un’ora dopo le prime ampolle (almeno 30 cc) somministrargli un primo biberon d’acqua Sangemini
se la febbre tocca o supera i 39°.
Un’ora dopo dargli un biberon di acqua Sangemini
non zuccherata, lasciando che il bambino si regoli
in base alla sete.
Se il bambino vomita, iniziare sostituendo il latte
con del Plasma du Dr. Quinton diluito al 50% con
acqua Sangemini.
————————————
COME SOLVENTE DI ANTIBIOTICI
Il Plasma du Dr. Quinton è posto in commercio in
fiale da 10 cc. Reso isotonico con la diluizione a un
terzo con acqua sterile, il Plasma rende ogni iniezione indolore, ed inoltre all’azione infettiva dell’antibiotico il Plasma du Dr. Quinton aggiunge gli effetti stimolanti del trattamento marino. Sostituisce
dunque vantaggiosamente la soluzione fisiologica
abitualmente utilizzata come solvente.
INDICAZIONI GENERALI
La durata del trattamento marino è di minimo 1/2
mesi.
Dopo una prima serie di 15-18 iniezioni sarà solitamente conveniente praticarne una seconda dopo
un’interruzione di 1 mese o 2.
Nelle affezioni croniche il Plasma non presenta tossicità alcuna ed il trattamento potrà essere indefinitivamente protratto senza alcun inconveniente.
Nelle affezioni acute, in cui il miglioramento è spettacolare, occorre tuttavia continuare il trattamento
sino ad aver concluso il ciclo di almeno 12 iniezioni
o 24 ampolle per os.
Incidenti: le prime iniezioni possono determinare
una reazione passeggiera, con eccitazione e febbre
più o meno marcata. Questa “reazione iniziale”, di
buon auspicio e di indice dell’efficacia del trattamento, è comunque dovuta al fatto che la “dose utile” è stata superata. In questo caso conviene ridurre
la dose all’iniezione successiva, per risalire gradualmente alla dose inizialmente mal tollerata.
INDICAZIONI PARTICOLARI
Bisogna che il malato si disseti, con l’assunzione
di acqua pura 3 o 4 volte al giorno, nel corso della
giornata dell’assunzione. Per i lattanti in stato di tossicosi o di diarrea utilizzare il preparato diluito ad un
terzo con acqua sterile.
TECNICA DELLE INIEZIONI
L’iniezione del Plasma du Dr. Quinton è indolore, il
trattamento ambulatoriale, e non deve essere interrotto al momento delle mestruazioni.
•Lattanti e Bambini: iniezione sottocutanea e sotto la scapola.
•Adulti ed adolescenti: iniezione intramuscolare,
nella regione glutea (retro troncartierale).
Le iniezioni si praticano con la siringa.
A partire dai 50 cc conviene utilizzare una boccia Richardson o un altro sistema trasfusionale che consenta d’accelerare l’operazione praticandola con un
flessibile goccia a goccia (attualmente la confezione
da 50 cc non è disponibile).
POSOLOGIA ORALE
•Adulti: da 10 a 50 ml, un’ora prima dei pasti (da 1
a 5 fiale) in acqua minerale naturale.
•Bambini: da 10 a 30 ml, un’ora prima dei pasti.
•Lattanti: 1 ampolla da 10 ml sciolta nel biberon 3
volte al giorno. Il trattamento per lattanti è particolarmente indicato in tutti i disturbi digestivi e
anoressie.
TRATTAMENTO DELLA
PSORIASI CON INIEZIONI
DI ACQUA DI MARE
Dr. Jean Mon Fort
“Parlare del trattamento della psoriasi costituisce
una prova terribile. Ecco un luogo comune che deve
incitarci ad uno scetticismo negativo, perchè bisogna pure impegnarsi a trattare questa misteriosa
affezione, croce di tanti malati, come anche preoccupazione dei dermatologi.
I lavori recenti (immunologia eistochimica, soprattutto) ci informeranno forse, in un più o meno
prossimo futuro sul meccanismo ezio-patogenetico di questa dermatosi e quindi sui rimedi adeguati. In questa attesa bisogna comunque che ci
applichiamo ad alleviare le pene degli psoriaci.
L’esperienza ce ne ha insegnato le difficoltà e ben
si comprende la citazione di Margarot che parte
da Rimbaud “la scoperta di nuovi farmaci della
psoria ci sarà sempre preziosa, ma i limiti delle
possibilità che essi comportano, aggiungeranno
CHIMICOR
CATALOGO GENERALE
| 27
COMPLEMENTI ALIMENTARI
ai loro crescenti vantaggi, la rivalorizzazione dei
medicamenti antichi”. È cosi che il trattamento di
Garkeman degli anni Venti conobbe un ritorno di
notorietà, con psoralene (Puva).
È con lo stesso spirito che abbiamo pensato che
fosse utile far parte di un’esperienza iniziata negli
anni Cinquanta col nostro amico, Prof. Basset.
Conoscendo il lavoro di Quinton (eczema e psoriasi), poi quello di Tennesson alla fine del secolo scorso, Basset si era interessato alla talassoterapia della
psoriasi, molte volte migliorata da un semplice soggiorno sull’oceano.
La frequentazione del dispensario Quinton ci aveva
permesso in quell’epoca (dal 1952 al 1957) di verificare l’efficacia relativa delle iniezioni di acqua di
mare nelle sporiasi. Su circa 600 cartelle cliniche,
abbiamo osservato il 28% di risultati positivi.
Ecco perchè, dopo la sconfitta dei corticoidi, degli
immunodepressori e delle terapie classiche, abbiamo ripreso questa vecchia terapia, vantaggiosamente sprovvista di rischi iatrogeni.
Presentiamo qui di seguito in dettaglio le nostre osservazioni, i commenti che esse ispirano e la tecnica
utilizzata per le iniezioni di Plasma du Dr. Quinton
(la somministrazione orale) prima di giungere a formulare le nostre conclusioni.
I benefici dell’acqua di mare sono noti da tempo
immemorabile: non troviamo forse su una tavoletta sumera del III millennio precedente la nostra era
(trad 1930) una “prescrizione” comprendente sale
marino? Madame de Savignè aveva ugualmente
vantato le qualità dell’acqua di mare, e la creazione
delle grandi stazioni balneari oceaniche durante il II
impero rispecchiava questo punto di vista. La talassoterapia ha acquisito diritto di cittadinanza nei nostri costumi medici e sociali. Dopo aver letto i lavori
di Quinton (“Acqua di mare, ambiente organico”) e
le applicazioni terapeutiche in materia di eczema e
psoriasi, di Tannesson, Duflocq e Vasquez, Basset
aveva osservato che i soggiorni all’oceano migliorano considerevolmente le psoriasi e certi eczemi
costituzionali in soggetti provenienti dall’ambiente
urbano durante le vacanze estive e anche nel corso
di soggiorni invernali.
Certamente si poteva invocare il sole ma come
spiegare degli “sbiancamenti” delle vacanze di fine
anno passate al mare? Bisognava pur ammettere
alla prova dei fatti, che i soggiorni in montagna non
avevano gli stessi effetti felici, nemmeno con pieno
sole. In ogni caso l’azione benefica, quando si produceva, non aveva la stessa rapidità.
Del resto l’inchiesta presso gli abitanti psoriaci del
litorale atlantico mostrava (specie presso i pescatori di altura) che le campagne di pesca al gran largo avevano un effetto “sbiancante” molto netto,
mentre i ritorni a terra erano segnati, a più o meno
lungo termine, dalla riapparizione delle lesioni cutanee. Con altri dermatologi abbiamo fatto le stesse
osservazioni e risulta che nell’insieme, in un gran
numero di casi, il Mediterraneo non sembra avere
la stessa efficacia dell’oceano, sole o meno sole.
Come spiegare questi fatti? Per quanto ne sappia28 |
CATALOGO GENERALE
CHIMICOR
mo, nessuna prova sperimentata soddisfacente è
stata fornita, al di là delle ipotesi, che mettono in
gioco il ruolo di iodio, delle nebulizzazioni (polverizzazioni locali) o bagni e perchè no? del semplice
riposo, fattore comune ad ogni vacanza.
I numerosi studi effettuati da organismi qualificati
(Cnezo, Hoffmann Laroche, Istituto di Monaco, ecc.)
vi forniranno forse lumi in futuro.
Qualunque sia il ruolo salutare dell’Oceano sulle
psoriasi, certamente (anche se in modo empirico
o per logica il metodo merita tentativi terapeutici)
questo notevole contributo terapeutico è stato dato
dal Plasma du Dr. Quinton (l’Autore e Tenesson l’utilizzavano dapprima per via endovenosa) che abbiamo conosciuto negli anni ‘50 per via sottocutanea.
Ricordiamo che la vecchia pediatria ne faceva un
mezzo di reidratazione apprezzato per le tossicosi e
che ai nostri giorni l’arte veterinaria è ricorsa a questa terapia per le perdite idriche e ioniche in certe
gravi diarree animali.
Per quanto ci riguarda, noi lo utilizziamo in iniezioni
sottocutanee profonde in fiale da 30 e 50 ml, o per
via orale almeno 50/100 cc al giorno. Ma l’esperienza ha dimostrato che dosi superiori, ad un ritmo più
elevato, non sono pericolose.
LAVORO SPERIMENTALE
Il nostro lavoro è iniziato con la compilazione di più
di 1.500 schede di psoriaci. Su queste 1.500 schede,
400 erano state trattate con Plasma du Dr. Quinton.
La consultazione di questi 400 dossier, ci ha permesso di ritenere purtroppo solo 141 osservazioni,
accuratamente classificate, seguite e precise; 259
schede erano imprecise, non riviste o mal seguite.
Tra i soggetti concernenti questa disgraziata serie
una trentina avrebbe potuto essere utilizzabile, ma
secondo l’ammissione dei pazienti, i trattamenti
erano stati fantasiosi, quanto al ritmo e alla quantità
delle prescrizioni.
Si riterrà comunque, che i numerosi titolari di queste 259 schede sono stati rivisti per altre ragioni.
Nessuno ha conservato cattivi ricordi del trattamento e non hanno accusato incidenti o accidenti. Restano dunque 141 dossier completi seguiti durante
parecchi mesi (alcuni fino a tre anni).
Questi soggetti sono stati visti almeno 3 volte in 5
mesi.
31 osservazioni trattavano di psoriasi localizzate,
disperatamente croniche:
•20 al cuoio capelluto soltanto
•4 forme unicamente ungueali
•2 al ghiande
•5 palmo-plantari con lingua pieghettata
Siamo stati costretti a constatare che dopo 6 mesi
di trattamento continuo (da 30 a 50 ml di Plasma al
giorno al ritmo di 3 alla settimana), lo scacco è stato totale. Questo non stupirà i dermatologi esperti;
l’ostinazione stupefacente delle forme plantari è il
particolare da sottolineare.
Per onesta che sia, questa constatazione non è stata
incoraggiante; ciò nonostante abbiamo continuato
con ostinazione.
Questo accurato spulciamento ci ha in fin dei conti lasciato 110 osservazioni piene d’insegnamenti.
Questi 110 malati presentavano tutti delle forme
generalmente nettamente individualizzate, tutti appartenevano all’ambiente urbano (Parigi e dintorni).
Si dividevano in 58 femmine e 25 maschi con età
variabile da 5 a 72 anni. Ci sembrava interessante
notare che 45 femmine (cioè il 77%) aveva meno di
40 anni alla prima consultazione.
Il 48% dei soggetti di sesso maschile aveva più di 40
anni, certi casi si svolgevano da più di 20 anni.
Sul piano clinico si terranno presenti due aspetti:
1. Aspetto eziologico:
a) - 50% circa sono apparsi dopo fenomeni rino-faringei (angine) sopratutto femmine;
b) - 20% provengono da antecedenti familiari;
c) - 5% sono difficili da classificare: per eredità diabetica, fattori endocrini (6 delle nostre donne hanno visto le loro affezioni cominciare con le prime
mestruazioni), incidenti psico-somatici (emozioni,
traumi psicoaffettivi, ecc.); 4 dei nostri uomini erano
diabetici pletorici.
Nella nostra inchiesta eziologica, non abbiamo incontrato particolarità originali.
2. Aspetto morfologico:
a) I nostri 110 casi avevano portato a delle forme
eruttive generalizzate a tutto il tegumento. Erano
dei semenzai di placche papillonummulari, o grandi
placche eritemali squamose (psoriasi loricata) sovente con sfoghi papuloso-lenticolari (psoriasi guttata). Non abbiamo trattato forme eritrodermiche
pustulente generalizzate, la cui urgenza necessita
di mezzi appropriati. La maggioranza dei casi erano
forme stagionali (primavera, inverno) che i nostri
soggetti conoscevano bene, essendo certe “poussées” la conseguenza di angine severe, molto febbrili.
b) Il 22% circa non erano che l’aggravamento improvviso. Uno sfogo senza altra plausibile spiegazione che il cambio di stagione; localizzazioni abitualmente quiescenti con le quali il paziente aveva
una coabitazione familiare (gomiti, ginocchia, placche tibiali anteriori).
In pratica, i nostri 110 casi si rifacevano a forme
estese, alcune rare, con sfoghi articolari (una sola
presentava vds).
Il bilancio generale era soddisfacente, a parte il
caso di diabete, e sul piano renale e cardiovascolare niente era stato segnalato (ci torneremo più tardi)
se si escludono due attacchi di cistite da colibacilli
il cui ruolo determinante sullo sfogo potrà essere
discusso all’infinito senza conclusione.
Tutti questi casi (salvo il bambino di 5 anni, trattato
con iniezioni di Plasma da 5 e 10 ml) hanno subito
lo stesso schema terapeutico:
Inizio con una prima serie di dodici iniezioni da 30
ml (3 alla settimana per un mese) seguite da 6 o 12
da 50 ml (3 alla settimana) secondo l’effetto, sem-
pre sotto pelle dell’addome.
Il trattamento non ha mai ecceduto i 3 mesi (12 iniezioni mensili da 30 o 50 ml, secondo i casi).
A tre riprese ci è accaduto di sostituire le 12 iniezioni
da 30 ml con 18 da ml per 2 settimane. Si trattava di
casi particolarmente estesi e pruriginosi in soggetti
ipernervosi (caffè, ecc.).
Benchè il risultato ci sembrasse eccellente, soprattutto sul prurito, abbiamo raggruppato i nostri risultati in 3 rubriche:
1 - Buono e molto buono
2 - Abbastanza buono
3 - Fiasco totale
1) Risultato buono e molto buono
Lo sbiancamento è ottenuto in meno di due mesi
(chi oserebbe mai dire guarigione in luogo di sbiancamento?).
2) Risultato abbastanza buono
Dopo i due mesi suddetti, lo sbiancamento è ottenuto in meno di 3mesi, l’esperienza mostra che
gli attacchi migliorerebbero spontaneamente in un
tempo da 3 a 6 mesi.
Il bilancio dopo le informazioni e i criteri visti più
sopra, si stabilisce come segue:
- Risultati buoni e molto buoni: 28 (25% circa)
- Risultati abbastanza buoni: 20 (19% circa)
- Fiasco totale: 62 (56% circa).
Notiamo che questa terapeutica
era utilizzata da sola e alcune volte con della fluorescenza locale, in soluzione acquosa all’uno per
mille, al di fuori di qualunque soggiorno marino o
anche si qualsiasi esposizione solare: In vari casi si
è visto che le prime iniezioni erano seguite da attacchi locali: In due casi si è notato un miglioramento alla quarta iniezione (seconda settimana). Dopo
il terzo mese di trattamento, senza modificazioni,
pensiamo che è un fiasco totale.
Il 56% di questa specie nella nostra serie sono
tutt’altro che trascurabili. D’altro canto, ci pare che
il 25% dei risultati buoni vadano tenuti presenti,
anche se bisogna temperarli col 19% di risultati abbastanza buoni. Tutto questo ci mostra i limiti delle
nostre possibilità e ci incita alla modestia...
Ma proviamo a considerare gli altri metodi terapeutici. Il paragone non va certo a sfavore delle iniezioni di Plasma du Dr. Quinton, che risultano bene
accette ai pazienti, dopo una spiegazione esauriente. In effetti, sappiamo bene come siano diffidenti
questi nostri psoriaci, in un’epoca in cui l’informazione medica corre sbrigliata quando non proprio
fantasiosa.
Su un totale di 110 osservazioni si sono verificati
due soli incidenti. In ambedue i casi l’iniezione era
stata effettuata maldestramente nel muscolo addominale. Un ematoma, esteso e doloroso, aveva
complicato il primo caso mente e per il secondo ne
era derivata un’impotenza funzionale di 10 giorni (il
soggetto non poteva contrarre i muscoli addominaCHIMICOR
CATALOGO GENERALE
| 29
COMPLEMENTI ALIMENTARI
li). A seguito di questi due incidenti, dovuti ad una
cattiva conoscenza delle tecniche d’iniezione, si è
rivelato un terzo inconveniente: la reticenza del personale infermieristico a praticare delle iniezioni giudicate voluminose. È del resto curioso constatare
che infermieri molto qualificati e molto abili provano una certa ripulsa a tali iniezioni, mentre questo
personale, dalla competenza e dal valore insostituibile, non esita ad eseguire delle perfusioni da 500
ml o 1 litro di soluzione fisiologica. Evidentemente
siamo in presenza di una capacità della siringa (50
ml) che può lasciare perplessi, ma è abbastanza facile lasciare l’ago in loco per riempire due o tre volte
la siringa e terminare la fiala. Quanto poi al gonfiore
dell’edema si riassorbe senza storia nel giro di una
massimo due, tre ore. Non abbiamo osservato altri
incidenti; con questo metodo, che riteniamo praticamente senza pericoli, sprovvisto di ogni rischio
iatrogeno su soggetti scelti accortamente; il che significa (ma è meglio precisarlo) che questa tecnica
è da bandire formalmente nel caso di ammalati che
accusino una ritenzione salina (edematosa, cirrotica, renale o cardiovascolare) così come ci si informerà su un eventuale trattamento anticoagulante.
Terminiamo questo esposto clinico con alcune osservazioni che ci hanno colpito.
1) Sig.na H - 16 anni. Dalla prima iniezione (30 ml)
sfogo pruriginoso su tutte le placche sopraggiunte
dopo angina. Questa buttata dura 3 giorni, dopo di
che gli elementi decrescono per scomparire in un
mese.
2) Sig.na K - 28 anni. Vista 4 volte in 1 anno per una
psoriasi presente dall’età di 18 anni, buttate primaverili, con insuccesso del triamcinolone, zolfo e arsenico nonchè del trattamento locale con Alphosyl.
Sbiancamento in 5 settimane, con 12 fiale da 30 e 2
da 50; senza recidiva la primavera seguente.
3) Sig. L. 40 anni, coperto di una psoriasi primaverile avvenuta in seguito ad una crisi di R.A.A., 5 anni
prima. L’osservazione durata due anni ha permesso
di constatare lo sbiancamento totale.
Il Sig. B. 60 anni ed il Sig. D. 58 anni, di fronte al successo di una cura di vecchia psoriasi fanno sistematicamente da 3 anni delle cure trimestrali di 12 fiale
da 50 ml che hanno dato loro la “pace” da 3 anni,
questo malgrado la nostra messa in guardia contro
dei disturbi di ritenzione idrosalina. Infine il Sig. W.
50 anni, ha visto una psoriasi generalizzata, vecchia
di 25 anni scompariva ogni mese dopo due anni.
Prima di concludere tentiamo una sintesi basata
sulla riflessione che queste 110 osservazioni ci ispirano.
1) - Questo metodo non è certo peggiore di un altro
per trattare una psoriasi in forme estese.
2) - In effetti non si può ignorare il 25% di risultati
buoni ai quali bisogna aggiungere il 19% di risultati
tutto sommato validi, quando si tratta una psoriasi
generalizzata, quale ne sia la causa.
3) - L’assenza di spiegazione scientifica certa dell’attività di questo metodo con iniezioni d’acqua di
mare non è un argomento che permetta di rifiutar30 |
CATALOGO GENERALE
CHIMICOR
la perchè è compensata dalla sua totale assenza di
pericolo.
4) - All’innocuità del prodotto si aggiunge effettivamente un impiego relativamente agevole, a condizione di introdurre il Plasma du Dr. Quinton per via
sottocutanea nel tessuto cellulare molle dell’epidermide addominale e, piegandosi soprattutto alla
controindicazione formale che costituisce una causa di ritenzione idro-salina.
In breve, se l’ora del “gaudemus igitus”, cara a
Orazio, non è suonata in materia di terapeutica
psoriatica, è necessario accordare un posto di rilievo alle iniezioni di Plasma du Dr. Quinton e, concluderemo sul fatto che, in una serie di 110 casi,
abbiamo ottenuto il 56% di successi a lato di 19%
di risultati soddisfacenti. Nel 1977, aspettando le
conclusioni, e forse la luce, delle belle ricerche in
corso, non possiamo che essere soddisfatti di questa terapeutica che comporta una qualità maggiore: la sua assenza totale di iatrogenia alla quale si
può aggiungere un’accettazione facile da parte di
soggetti psoriatici.
A conclusione di questa piccola ricerca monografica sicuramente necessaria a tutti quei professionisti
che utilizzano o che utilizzeranno questo polivalente
farmaco auguriamo il massimo successo terapeutico, confortati in questo dall’esperienza acquisita
nel lavoro pluridecennale dei risultati sino ad oggi
ottenuti.
Per tale motivo riteniamo opportuno segnalare le
importanti applicazioni che il Plasma du Dr. Quinton
trova in campo dermo cosmetico ed in altre applicazioni particolari. Riportiamo di seguito l’indicazione
di questi prodotti unitamente ad alcuni stralci dei
moltissimi articoli comparsi in questi ultimi sulle
maggiori riviste del settore che non hanno potuto,
affrontando il tema dei benefici delle cure marine,
tralasciare di citare gli stupendi studi e sperimentazioni di Quinton.
Per questo siamo orgogliosi di aver fatto riscoprire
attraverso depliant, commercializzazione, illustrativi, corsi d’omeopatia e quant’altro legato alla nostra
attività questo famoso e potente farmaco che per i
primi ed unici in Italia distribuiamo sin dal 1972 e
che da anni è legato alla nostra società con marchio
internazionale al fine ultimo di salvaguardare dalle
speculazioni commerciali tutti coloro che al Plasma
du Dr. Quinton s’affidano con fiducia.
CATALYONS
(ingredienti: Argento, Oxy Immu, Rame)
sinergia di 3 oligo elementi
stimolatori delle difese naturali
Argento, battericida potente, completa l’azione del
rame cntro le infezioni. Utile nelle influenze, sinusiti,
mal di gola, infezioni all’apparato genitale e urinario, eccesso di secrezioni acide delle stomaco, antifungicida.
Oxy Immu è un potente rigeneratore e detossinante,
disintossicante dai metalli pesanti, anti ossidante,
anti invecchiamento, ossigenatore cellulare, stimola fortemente il sistema immunitario. Stanchezza
cronica, stati depressivi, dolore, infezioni virali croniche, fegato, problemi articolari in generale, protezione delle arterie, affezioni della pelle, tensione,
affezioni degli occhi.
Oxy Immu si trova nell’aglio, nel ginseng, nel shitake e nell’aloe.
Il Rame è consigliato per gli stati di infezione, stimola le difese immunitarie, gli stati infiammatori
che hanno cause allergiche, contribuisce all’assorbimento e alla mobilitazione del ferro, interviene
nel metabolismo del calcio e del fosforo, necessario
alla produzione delle elastine e del collagene per la
salute delle ossa, delle cartillagini e della pelle, alla
sintesi della melanina che favorisce la pigmentazione della pelle e dei capelli, regola le ghiandole,
riproduce gli ormoni.
Consigliata per le influenze e le infiammazioni delle articolazioni. Rinforza le fibre nervose necessarie
alla produzione di energia, inibisce gli ormoni dello
stress. Antiossidante utile per gli edemi e la perdita
del gusto, attiva più di 100 enzimi.
Prodotto notificato al Ministero della Sanità.
Integratore alimentare.
POSOLOGIA: 10 ml per 2 volte al giorno
Flacone da 200 ml
CHIMICOR
CATALOGO GENERALE
| 31
DIETETICI
DIMAGRANTI
DIET LIMÃO
CINTURINA
INDICAZIONI: Integratore alimentare.
45 bustine + 30 capsule da 19,5 g
Ingredienti per capsula
(ingredienti: Estratto di garcinia cambogia, Estratto di
caffè verde (coffea arabica L), estratto di cannella (cinnamoum zeylanicum), Estratto di papaya (Carica papaya L),
Piridossina cloridrato, Cromo picolinato, Antiagglomerante, Sali di magnesio degli acidi grassi. Capsula: gelatina. Puo contenere tracce di glutine, pesce, latte di soia).
POSOLOGIA: assumere 1 capsula al giorno a metà
mattina con un bicchiere d’acqua.
Ingredienti per 3 bustine
(ingredienti: Eccipiente: Isomalto. Dolcificante; Acesulfame K, Glucomannano (Amorphophallus konjac), Aroma
di limone naturale. Acidificante: Acido citrico. Antiagglomerante: Silice. Colorante: Beta carotene. Contiene una
fonte di fenilalanina).
INDICAZIONI: Non è indicato in caso di gravidanza
o allattamento. Non consigliato in caso di ipersensibilità o allergia ad uno qualsiasi degli ingredienti
di questa formulazione. Da non usarsi in caso di
ulcera gastrica o duodenale, ostruzione intestinale,
malattie infiammatorie intestinali, riflusso gastroesafogeo o disturbi gastrointestinali. in caso di utilizzo di altri farmaci assumere l’integratore a 2 ore di
distanza (prima e dopo).
POSOLOGIA: 3 bustine al giorno con 1/2 bicchiere
d’acqua prima dei pasti e con una dieta a basso valore energetico.
32 |
CATALOGO GENERALE
CHIMICOR
(ingredienti: Cassia, Cascara Sagrada, Aloe, Alghe, Fibra di limone Ontano Nero. Agenti Volume: polivinilpirrolidone, talco, amido di mais Agenti antiagglutinanti:
Sali di magnesio degli acidi grassi, Biossido di silice.)
INDICAZIONI: Obesità, aiuta a bruciare i grassi in ec-
cesso, aiuta a combattere la stipsi.
50 compresse da 17,05 g
POSOLOGIA: 1-2 compresse mattina e sera con un
bicchiere d’acqua. Per il mantenimento, ridurre la
dose ad 1 compressa al giorno.
————————————
DIET LIMÃO GOLD
(ingredienti: Fibra di limone, Casia, Cascara Sagrada,
Aloe, Lattosio, Alghe, Ontano nero, Cromo, Povidone,
Talco, Amido di mais, Sali di magnesio degli acidi grassi, Biossido di silice, Contiene: lattosio, iodio)
INDICAZIONI: Favorisce il processo di controllo del
peso ed eliminazione del grasso. Migliora il regolare flusso intestinale. Aiuta a controllare l’eccessiva
assunzione di carboidrati.
60 compresse da 28,2 g
POSOLOGIA: 1-2 compresse mattina e sera con un
bicchiere d’acqua. Per il mantenimento, ridurre la
dose ad 1 compressa al giorno.
RASPBERRY KETONE FORTE
TRIFAST FORTE
(ingredienti: Glicerina, Propilene glicol, etanolo, raspberry ketone, Acqua demineralizzata, Aroma, Zucchero lattosio, Alcool 15%)
(ingredienti: Composto di acidi grassi ricco di acido linoleico coniugato. Capsula: (gelatina di pesce, acqua
depurata, glicerolo, colorante), estratto di tè verde, proteine del siero di latte. Stabilizzatore: silice. Antiaderente: cera d’api gialla, estratto di mela naturale).
Non contiene: zucchero, glutine, lievito.
INDICAZIONI: Superconcentrato liquido. Non utiliz-
zare in gravidanza e nei bambini per periodi prolungati senza sentire il parere del medico non eccedere la dose giornaliera raccomandata.
flacone da 100 ml
POSOLOGIA: Per adulti 2,5 ml misurati con il tappo
da prendere 2 volte al giorno prima dei pasti principali, pranzo e cena, sempre diluiti con acqua o
bibite.
INDICAZIONI: Integratore alimentare.
60 compresse da 76 g
POSOLOGIA: assumere 3 capsule al giorno prima
dei pasti principali.
CHIMICOR
CATALOGO GENERALE
| 33
Via Nosellare, 12
36028 Rossano Veneto (VI)
Tel. 0424 502527
Fax 0424 502535
E-mail [email protected]
www.chimicor.it
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
3
File Size
534 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content