close

Enter

Log in using OpenID

BEN HARPER - Auditorium Parco della Musica

embedDownload
DOM 4, LUN 5, MAR 6
SAB 10, LUN 12, MAR 13
MAR 20
SEMYON
BYCHKOV
DIRIGE
BEETHOVEN
STÉPHANE
DENÈVE
DIRIGE
POULENC
KRYSTIAN
ZIMERMAN
Honeck: photo by Jason Cohn
BEETHOVEN
LE ULTIME
TRE SONATE
sabato 24/lunedì 26/martedì 27
Honeck
dirige Ciajkovskij
MAGGIO 2014
AUDITORIUM
BEN
HARPER
DOMENICA 11
GIO 1
VEN 16, SAB 17, DOM 18
DA GIO 22 A DOM 25
I CANTI DELLA PRIMA
GUERRA MONDIALE
FESTIVAL
DEL VERDE
E DEL
PAESAGGIO
UN LUNGO WEEKEND
TRA ETOLOGIA,
PSICOLOGIA, STORIE, ARTI,
SPETTACOLI E... PASSIONE
PER GLI ANIMALI!
ORCHESTRA
POPOLARE ITALIANA
AMBROGIO SPARAGNA
MAGGIO 2014
Consiglio
di amministrazione
Bruno Cagli
Presidente - Sovrintendente
Presidente
Aurelio Regina
Antonio Pappano
Direttore Musicale
Amministratore delegato
Carlo Fuortes
Ciro Visco
Maestro del Coro
e del Coro di Voci Bianche
Consiglieri
Francesco Gaetano Caltagirone
Vicepresidente
Luigi Abete
Consiglio
di amministrazione
Presidente
Bruno Cagli
Michele dall’Ongaro
Vicepresidente
Franco Bernabè
Bruno Cagli
GIOVEDÌ 1
LUNEDÌ 5
MUSICA
Sala Sinopoli ore 18
Le Trincee del Cuore - I Canti
Popolari della Prima Guerra
Mondiale
OPI Orchestra Popolare
dell’Auditorium Parco della Musica
Diretta da Ambrogio Sparagna
pag 12
ACCADEMIA DI SANTA CECILIA
Museo degli Strumenti Musicali
ore 19
Spirito Classico – Aperitivo musicale
Ludwig van Beethoven
pag 4
MUSICA
Teatro Studio ore 21
Max e Francesco Gazzè
“Io e mio fratello”
pag 24
ACCADEMIA DI SANTA CECILIA
Sala Santa Cecilia ore 20.30
Orchestra dell'Accademia Nazionale
di Santa Cecilia
Semyon Bychkov, direttore
Kirill Gerstein, pianoforte
Beethoven, Concerto per pianoforte
n. 5 “Imperatore”
Beethoven, Sinfonia n. 3 “Eroica”
pag 4
MUSICA
Studio 2 ore 21
.In My Life.
Giorgio Cerasoli
“The harpsichord in my life”
pag 22
EXTRA
Sala Sinopoli ore 21
Lezioni di Rock
Ernesto Assante e Gino Castaldo
ospite speciale Caparezza
pag 29
SABATO 3
MUSICA
Sala Petrassi ore 21
Agnes Obel
pag 15
VENERDÌ 2
MUSICA
Sala Petrassi ore 21
Peppe Servillo & Solis String Quartet
“Spassiunatamente”
pag 14
Innocenzo Cipolletta
Consiglieri
Aurelio De Laurentiis
Luigi Abete
Adriano De Micheli
Paolo Astaldi
Guido Fabiani
Flavia Barca
Andrea Guerra
Giovanni Carli Ballola
Gianni Letta
Fulvio Conti
Giovanni Malagò
Giuseppe Cornetto Bourlot
Mario Marazziti
Matteo d’Amico
SABATO 3 E DOMENICA 4
Paola Santarelli
Vittorio Di Paola
Renato Viola
Ivan Fedele
EXTRA
Spazio Risonanze
sabato dalle ore 11 alle 20,
domenica dalle ore 10 alle 20
Olio in Piazza
pag 37
Collegio dei revisori
dei conti
Presidente
Pietro Pennacchi
Valter Pastena
Leonardo Quagliata
Gianni Letta
Maurizio Tarquini
Collegio dei revisori
dei conti
Presidente
Giovanni Sapia
Andrea Pirrottina
Antonio Simeoni
MUSICA
Teatro Studio ore 21
Bobo Stenson Trio
pag 24
DOMENICA 4
2
ACCADEMIA DI SANTA CECILIA
Sala Santa Cecilia ore 19.30
Orchestra dell'Accademia Nazionale
di Santa Cecilia
Semyon Bychkov, direttore
Kirill Gerstein, pianoforte
Beethoven, Concerto per pianoforte
n. 5 “Imperatore”
Beethoven, Sinfonia n. 3 “Eroica”
pag 4
EXTRA
Spazio Ascolto ore 21
Lezioni di Ascolto
Paolo Corciulo
“Incisioni, qualità, piacere d’ascolto”
pag 36
L ET T E R AT U R A
Teatro Studio ore 11
Premio Strega:
Classico Contemporaneo
Alessandro Barbero
“Il dolore perfetto”
pag 30
MERCOLEDÌ 7
ACCADEMIA DI SANTA CECILIA
Sala Santa Cecilia ore 18
Orchestra dell'Accademia Nazionale
di Santa Cecilia
Semyon Bychkov, direttore
Kirill Gerstein, pianoforte
Beethoven, Concerto per pianoforte
n. 5 “Imperatore”
Beethoven, Sinfonia n. 3 “Eroica”
pag 4
MUSICA
Sala Petrassi ore 21
Nada
pag 14
R
MARTEDÌ 6
EXTRA
Sala Sinopoli ore 11
Roma. La Storia dell’Arte
Achille Bonito Oliva
“Mario Schifano e Andy Warhol”
pag 28
ACCADEMIA DI SANTA CECILIA
Sala Coro ore 11
Conferenza Amici di Santa Cecilia
“Les Dialogues des Carmélites
sembravano aspettarmi”
Storia di un capolavoro
Fornitore ufficiale degli strumenti
per Fondazione Musica per Roma
all’Auditorium Parco della Musica
MUSICA
Teatro Studio ore 21
Barbara Eramo
“Cantando Emily Dickinson”
pag 24
EXTRA
Sala Petrassi ore 21
Lezioni di Rock
Ernesto Assante e Gino Castaldo
“Tutto Springsteen 1”
pag 29
GIOVEDÌ 8
MUSICA
Sala Petrassi ore 21
Uri Cane e Dave Douglas
pag 15
VENERDÌ 9
ACCADEMIA DI SANTA CECILIA
Sala Sinopoli ore 20.30
Accademia Barocca di Santa Cecilia
Federico Maria Sardelli, direttore
Vivaldi, Concerti per molti Stromenti
pag 6
MUSICA
Sala Petrassi ore 21
Area Mediterranea
“Due viaggi da ‘Melos’ a ‘Blues’”
pag 16
MUSICA
Teatro Studio ore 21
Funk Off
pag 25
Il calendario potrebbe subire delle variazioni
MUSICA
Studio 2 ore 21
.In My Life.
Lucio Perotti
“The piano in my life”
pag 22
SABATO 10
ACCADEMIA DI SANTA CECILIA
Sala Santa Cecilia ore 18
Orchestra e Coro dell'Accademia
Nazionale di Santa Cecilia
Stéphane Denève direttore
Poulenc, Stabat Mater
Poulenc, Les Dialogues
des Carmélites: estratti
pag 5
MUSICA
Sala Sinopoli ore 21
Chick Corea
“Solo Piano”
pag 17
DOMENICA 11
EXTRA
Sala Sinopoli ore 11
Lezioni Di Storia
L’Invenzione dell’Europa
Barbara Spinelli
“Il sogno – Il manifesto di
ventotene”
pag 30
EXTRA
Teatro Studio ore 11
Lezioni di Jazz
Stefano Zenni
Viaggio nel Capolavoro
“Ko-Ko di Charlie Parker”
pag 30
MUSICA
Sala Santa Cecilia ore 21
Ben Harper
pag 18
LUNEDÌ 12
ACCADEMIA DI SANTA CECILIA
Studio 1 ore 16
La viola
Concerto degli allievi del corso di
perfezionamento di Viola
pag 10
ACCADEMIA DI SANTA CECILIA
Sala Santa Cecilia ore 20.30
Orchestra e Coro dell'Accademia
Nazionale di Santa Cecilia
Stéphane Denève direttore
Poulenc, Stabat Mater
Poulenc, Les Dialogues
des Carmélites: estratti
pag 5
L ET T E R AT U R A
Teatro Studio ore 21
Vi Racconto un Romanzo
Dalla Russia con Amore
Antonio Catania legge “Mosca sulla
vodka” di Venedikt Viktor Erofeev
pag 31
MARTEDÌ 13
ACCADEMIA DI SANTA CECILIA
Sala Santa Cecilia ore 10
Antonio Pappano dirige la
JuniOrchestra
Schumann, Sinfonia n.4
Lezione - concerto.
Età consigliata: 11 - 19 anni
pag 11
ACCADEMIA DI SANTA CECILIA
Spazio Risonanze ore 16
Il pianoforte
Concerto degli allievi del corso di
perfezionamento di Pianoforte
pag 10
ACCADEMIA DI SANTA CECILIA
Sala Santa Cecilia ore 19.30
Orchestra e Coro dell'Accademia
Nazionale di Santa Cecilia
Stéphane Denève direttore
Poulenc, Stabat Mater
Poulenc, Les Dialogues
des Carmélites: estratti
pag 5
MUSICA
Teatro Studio ore 21
Steinar Raknes
pag 25
MERCOLEDÌ 14
ACCADEMIA DI SANTA CECILIA
Spazio Risonanze ore 16
Il pianoforte
Concerto degli allievi del corso
di perfezionamento di Pianoforte
pag 10
MUSICA
Sala Petrassi ore 21
Ambrose Akinmusire
pag 19
GIOVEDÌ 15
ACCADEMIA DI SANTA CECILIA
Sala Santa Cecilia ore 10
Tutti a Santa Cecilia
La Banda 100x200
Un anniversario speciale in Musica
Spettacolo. Età consigliata: 6 - 15 anni
pag 11
ACCADEMIA DI SANTA CECILIA
Spazio Risonanze ore 16
Il violino
Concerto degli allievi del corso di
perfezionamento di Violino
pag 10
MUSICA
Sala Petrassi ore 21
Renzo Rubino
pag 19
VENERDÌ 16
ACCADEMIA DI SANTA CECILIA
Spazio Risonanze ore 16
Il violino
Concerto degli allievi del corso di
perfezionamento di Violino
pag 10
ACCADEMIA DI SANTA CECILIA
Sala Sinopoli ore 20.30
Camerata Ducale
Guido Rimonda, direttore e violino
Boccherini, Il Giuseppe riconosciuto,
ouverture
Viotti, Concerto per violino n. 19
Viotti, Concerto per violino n. 24
Paganini, Le streghe
pag 6
MUSICA
Sala Petrassi ore 21
Rossana Casale
“Il signor G e l’amore”
pag 20
MUSICA
Teatro Studio ore 21
PMCE Parco della Musica
Contemporanea Ensemble
Premio Valentino Bucchi – Parco della
Musica
pag 22
MUSICA
Studio 2 ore 21
.In My Life.
Fabio bagnoli
“The oboe in my life”
pag 22
VENERDÌ 16, SABATO 17
E DOMENICA 18
EXTRA
Giardini Pensili
Festival del Verde e del Paesaggio
pag 32
F OTO G R A F I A
Workshop Fotografia
Francesco Jodice
“Di cosa stiamo parlando quando
parliamo di fotografia”
pag 29
SABATO 17
MUSICA
Teatro Studio ore 21
Errare Humanun Est
Eleonora Bordonaro,
Ambrogio Sparagna
“Vinni la bedda”
pag 13
DOMENICA 18
ACCADEMIA DI SANTA CECILIA
Sala Santa Cecilia ore 12
Domenica in musica
Matinée a Santa Cecilia
“La traviata” raccontata da Renata
Scotto con gli Artisti di Santa Cecilia
Opera Studio
pag 10
ACCADEMIA DI SANTA CECILIA
MUSICA PER ROMA
Sala Santa Cecilia ore 18
Lezioni di musica
Stefano Zenni “Duke Ellington”
pag 31
MUSICA
Sala Petrassi ore 18
Errare Humanun Est
Malicanti con Mike Maccarone
“Serenate e balli dei vecchi cantori”
Mascarimirì
“Tam! Pizziche di terra”
pag 13
LUNEDÌ 19
ACCADEMIA DI SANTA CECILIA
Spazio Risonanze ore 16
Il violoncello
Concerto degli allievi del corso di
perfezionamento di Violoncello
Docente, Giovanni Sollima
pag 10
MUSICA
Sala Sinopoli ore 21
Tarja
pag 21
MUSICA
Teatro Studio ore 21
Giovanni Tommaso
Consonanti Quartet
pag 25
MARTEDÌ 20
ACCADEMIA DI SANTA CECILIA
Spazio Risonanze ore 16
Il violoncello
Concerto degli allievi del corso di
perfezionamento di Violoncello
pag 10
ACCADEMIA DI SANTA CECILIA
Sala Santa Cecilia ore 20.30
Krystian Zimerman, pianoforte
Beethoven
Sonata op. 109, op. 110, op. 111
pag 8
EXTRA
Sala Petrassi ore 21
Lezioni di Rock
Ernesto Assante e Gino Castaldo
“Tutto Springsteen 2”
pag 29
MUSICA
Teatro Studio ore 21
Jacky Terrasson
pag 26
MERCOLEDÌ 21
MUSICA
Sala Santa Cecilia ore 21
Francesco Renga
“Tempo reale tour”
pag 20
EXTRA
Sala Sinopoli ore 21
Modigliani – Sull’Orlo dell’Abisso
Giancarlo de Cataldo e Claudio Strinati
“I falsi e I capolavori”
pag 31
MUSICA
Teatro Studio ore 21
Milky Chance
pag 26
GIOVEDÌ 22
MUSICA
Sala Sinopoli ore 21
Ron
pag 21
GIOVEDÌ 22, VENERDÌ 23,
SABATO 24 E DOMENICA 25
EXTRA
Giardini Pensili
Amici Miei 2014
Cani, Gatti e Altri Amici di Famiglia
pag 34
VENERDÌ 23
ACCADEMIA DI SANTA CECILIA
Spazio Risonanze ore 16
Concerto degli allievi del corso di
perfezionamento di Musica da Camera
pag 10
ACCADEMIA DI SANTA CECILIA
Sala Sinopoli ore 20.30
Roma Tre con il Bambino Gesù
Concerto di beneficenza
Orff, Carmina Burana
pag 11
MUSICA
Sala Petrassi ore 21
Lavinia Mancusi
Orchestra Evì Evàn
“Primavera musicale”
pag 16
MUSICA
Teatro Studio ore 21
Franco D’Andrea
pag. 26
SABATO 24
ACCADEMIA DI SANTA CECILIA
Spazio Risonanze ore 16
Concerto degli allievi del corso di
perfezionamento di Musica da Camera
pag. 10
ACCADEMIA DI SANTA CECILIA
Sala Santa Cecilia ore 18
Orchestra dell'Accademia Nazionale
di Santa Cecilia
Manfred Honeck, direttore
Mario Brunello, violoncello
J. Strauss, Voci di Primavera
Mjaskovskij, Concerto per violoncello
Ciajkovskij, Sinfonia n. 5
pag. 7
MUSICA
Teatro Studio ore 21
Walter Beltrami
“Kernel panic”
pag 27
DOMENICA 25
EXTRA
Teatro Studio ore 11
Lezioni di Jazz
Stefano Zenni
Guida all’Ascolto
“In the beginning Duke”
pag 30
ACCADEMIA DI SANTA CECILIA
Sala Petrassi ore 18
“Una voce dentro l’anima”
Per il centenario di Boris Christoff
Artisti di Santa Cecilia Opera Studio
pag 10
MUSICA
Sala Sinopoli ore 19
Orchestra Roma Sinfonietta
Gabriele Bonolis, direttore
Charlie Siem, violino
pag 37
MUSICA
Teatro Studio 21
Contro Spazio Scenico
“Laboratorio contemporanea”
pag 23
LUNEDÌ 26
ACCADEMIA DI SANTA CECILIA
Sala Santa Cecilia ore 20.30
Orchestra dell'Accademia Nazionale
di Santa Cecilia
Manfred Honeck, direttore
Mario Brunello, violoncello
J. Strauss, Voci di Primavera: valzer
Mjaskovskij, Concerto per violoncello
Ciajkovskij, Sinfonia n. 5
pag. 7
EXTRA
Teatro Studio ore 21
Incontri con la Fotografia
Ferdinando Scianna e Francesco Merlo
pag 29
MARTEDÌ 27
ACCADEMIA DI SANTA CECILIA
Sala Santa Cecilia ore 19.30
Orchestra dell'Accademia Nazionale
di Santa Cecilia
Manfred Honeck, direttore
Mario Brunello, violoncello
J. Strauss, Voci di Primavera: valzer
Mjaskovskij, Concerto per violoncello
Ciajkovskij, Sinfonia n. 5
pag. 7
MUSICA
Teatro Studio ore 21
L’Orage
“L’età dell’oro”
pag 27
MERCOLEDÌ 28
ACCADEMIA DI SANTA CECILIA
Sala Santa Cecilia ore 20.30
Jan Lisiecki, pianoforte
Chopin
Grande Valzer Brillante op. 18
24 Preludi op. 28
3 Notturni op. 9
3 Valzer op. 64
Andante Spianato e Grande Polacca
Brillante op. 22
pag 8
EXTRA
Sala Petrassi ore 21
Lezioni di Rock
Ernesto Assante e Gino Castaldo
“Tutto Springsteen 3”
pag 29
MUSICA
Teatro Studio ore 21
Enrico Zanisi
“Keywords”
pag 27
VENERDÌ 30
ACCADEMIA DI SANTA CECILIA
Spazio Risonanze ore 18
Il flauto
Concerto degli allievi del corso di
perfezionamento di Flauto
pag 10
MUSICA PER ROMA
ACCADEMIA DI SANTA CECILIA
Sala Sinopoli ore 21
Coro e solisti dell'Accademia Nazionale
di Santa Cecilia
PMCE Parco della Musica
Contemporanea Ensemble
“Totus Tuus - Omaggio a Franz Liszt”
pag 23
MUSICA
Teatro Studio ore 21
Raffaele Magrone
“MuSix”
pag 16
MUSICA
Studio 2 ore 21
.In My Life.
Massimo Ceccarelli
“The bass in my life”
pag 22
SABATO 31
ACCADEMIA DI SANTA CECILIA
Sala Santa Cecilia ore 18
Orchestra dell'Accademia Nazionale
di Santa Cecilia
Fabio Luisi, direttore
Gabriele Geminiani, violoncello
Lang, Monadologie II, Don Quichote
Strauss, Don Quixote
Schumann, Sinfonia n. 1
M U S I C A / DA N Z A
Sala Petrassi ore 21
Michele Rabbia e Virgilio Sieni
“In an open field”
pag 28
DAL 15 AL 18 MAGGIO
Sala Ospiti
Giovedi 15: ore 12 - 21;
venerdi 16 e sabato 17:
ore 11 - 20;
domenica 18: ore 10 - 20
Caravanserraglio
GIOVEDÌ 1, DOMENICA 11
Giardini Pensili dalle ore 10
Il mercato
di Campagna Amica
3
A C C A D E M I A N A Z I O N A L E D I S A N TA C E C I L I A
Tempo di eroi
Beethoven Sinfonia “Eroica”
Semyon Bychkov
Domenica 4 ore 18
lunedì 5 ore 20.30
martedì 6 ore 19.30
Sala Santa Cecilia
Lo spirito della Rivoluzione francese, gli ideali di uguaglianza e libertà sono presenti in più parti nella produzione di Beethoven, ma una più chiara presa di posizione ‘politica’ è evidente solo nella Terza Sinfonia, ispirata, almeno inizialmente, alla figura e alle gesta di Napoleone Bonaparte che Beethoven - come ricorda
Ferdinand Ries suo allievo, amico e biografo - paragonava ai grandi consoli romani. Questo almeno fino a
Orchestra dell’Accademia
Nazionale di Santa Cecilia
Semyon Bychkov direttore
Kirill Gerstein pianoforte
BEETHOVEN
Concerto n. 5 “Imperatore”
Sinfonia n. 3 “Eroica”
quando non ebbe la notizia che Bonaparte si era proclamato Imperatore e allora rivide il suo giudizio e disse:
“Anche lui è un un uomo comune, asseconderà solo la sua ambizione e diventerà un tiranno”. Corsi e ricorsi
storici, potremmo dire. Beethoven prese la dedica e la strappò in mille pezzi. Questo più o meno accadeva
nel 1804 ed è storia. Ma il riferimento all’uomo che aveva diffuso in tutta Europa ideali libertari e rivoluzionari era stato in effetti alla base dell’ispirazione beethoveniana che lo confermò ai suoi editori così che l’edizione a stampa della Sinfonia, pur non citando direttamente Napoleone, è definita “Eroica”. Con la sua musica
Beethoven si rivolge a un pubblico nuovo, in fermento,
al quale propone l’evoluzione di forme che erano già
Spirito classico
state frequentate dai più grandi compositori e con le
Introduzioneall’ ascoltoconaperitivo
quali egli raggiunge la perfezione. Il Quinto Concerto
Lunedì 5 MUSA ore 19
Ludwig van Beethoven II
Secondo incontro presso il Forum degli
Strumenti Musicali dedicato dal musicologo
Giovanni Bietti a Beethoven.
per pianoforte e orchestra fu chiamato “Imperatore”
alludendo all’anno di composizione, 1809, in cui
Napoleone entrò a Vienna. Sul podio uno dei più importanti direttori della scena internazionale, il russo Semyon
Bychkov, affiancato da Kirill Gerstein al suo debutto a
Santa Cecilia.
4
A C C A D E M I A N A Z I O N A L E D I S A N TA C E C I L I A
Meraviglioso e imperdibile concerto per riascoltare la musica di Poulenc con due
capolavori assoluti del compositore francese. Les Dialogues des Carmélites, eseguito per la prima volta alla Scala nel 1957, ci riporta all’enorme passione di
Poulenc per l’opera, e si basa su una vicenda storica accaduta durante la
Sabato 10 ore 18
lunedì 12 ore 20.30
martedì 13 ore 19.30
Sala Santa Cecilia
Rivoluzione francese, spunto per una fortunata pièce teatrale di Georges Bernanos
Orchestra e Coro dell’Accademia
Nazionale di Santa Cecilia
che l’editore italiano Ricordi chiese a Poulenc di mettere in musica. Nato a Parigi
Stéphane Denève direttore
nel 1899 e parigino fino al midollo, protagonista negli Anni Venti del ricambio
Karen Vourc’h soprano - Blanche
Héléne Guilmette soprano - Costance, Stabat Mater
Sylvie Brunet mezzosoprano - Madame de Croissy
Laurent Naouri baritono - Marquis de la Force
Jean François Borras tenore - Chevalier de la Force
Monica Bacelli mezzosoprano - Mère Marie
generazionale nella musica francese degli inizi del secolo, Poulenc, insieme ad altri
giovani compositori aveva fatto parte del gruppo “dei Sei” e aveva ben chiaro cosa
andasse buttato a mare: prima di tutto la musica di Wagner e Debussy. Niente più
retorica ma una musica vicina al quotidiano e alla vita terrena. Figlio dell’alta borghesia, Poulenc visse una vita piena di tumulti e contraddizioni dovute a una
impostazione cattolica che contrastava con una personalità alquanto disinibita
POULENC
Stabat Mater
Les Dialogues des Carmélites: estratti
accettata solo negli ultimi anni di vita. Il suo amico Benjamin Britten, definì la sua
musica “spiritosa, audace, sentimentale, maliziosa”; piacevolissima, potremmo
aggiungere noi. Testimonianza di tutto ciò la bellezza e l’attualità del suo Stabat
mater “ispirato dal cielo” eseguito dall’Orchestra e dal Coro di Santa Cecilia
diretti da Stéphane Denève.
Conferenza Amici di Santa Cecilia
Domenica 4 maggio
Sala coro ore 11 ingresso libero
Andrea Penna
“Les Dialogues des Carmélites sembravano aspettarmi”
Storia di un capolavoro
Poulenc
Les Dialogues
des Carmélites
5
A C C A D E M I A N A Z I O N A L E D I S A N TA C E C I L I A
Vivaldi
Concerti per molti stromenti
Dopo l’omaggio dello scorso anno a Corelli per i
trecento anni dalla morte, il direttore, musicologo,
compositore e flautista Federico Maria Sardelli,
ospite regolare di istituzioni come il
Concertgebouw di Amsterdam o il Théâtre des
Champs Élysées, che ha al suo attivo oltre quaranta incisioni discografiche con etichette come la
Naïve o la Deutsche Grammophon, propone un
concerto interamente dedicato a Vivaldi. Proprio
un suo disco vivaldiano è stato nominato per il
Grammy Awards, il massimo riconoscimento mondiale della discografia e sarà un’occasione da non
perdere ascoltare Sardelli dirigere l’Accademia
Barocca di Santa Cecilia, - compagine che accoglie
elementi dell’Orchestra che hanno nella loro storia
professionale un legame con la musica antica - in
un’esecuzione filologica di alcuni dei più noti concerti del compositore veneziano. Nella sua vasta
produzione Vivaldi ha esplorato le possibilità timbriche e melodiche di quasi tutti gli strumenti con
una particolare predilezione per il violino, di cui egli
stesso era un virtuoso. I Concerti per molti strumenti documentano dettagliatamente la fantasia
timbrica del Prete Rosso e le possibilità musicali
della famosa orchestra femminile dell’Ospedale
della Pietà di Venezia da lui diretta.
Venerdì 9
Sala Sinopoli ore 20.30
Accademia Barocca di
Santa Cecilia
Federico Maria Sardelli
direttore
VIVALDI
Concerti per molti stromenti
Concerti RV 574, RV 162,
RV 577, RV 535, RV 425,
RV 562
Il violino di Viotti
L’ensemble Camerata Ducale, fondato nel 1992
da Guido Rimonda, ha come obiettivo la divulgazione presso il grande pubblico delle opere del
violinista Giovanni Battista Viotti che, giunto a
Parigi alla fine del Settecento come virtuoso di violino, si trovò ben presto a occupare posti nevralgi-
Venerdì 16
Sala Sinopoli ore 20.30
ci della gestione culturale della città a contatto con
Camerata Ducale
i membri della casa reale, nobili di alto rango, mini-
Guido Rimonda
direttore e violino
stri. Parigi in quegli anni aveva un forte potere di
attrazione sui musicisti, grazie alla stabilità di un
sistema produttivo che facendo capo direttamente
al re creava delle condizioni estremamente favorevoli per l’attività operistica, il mercato editoriale e
l’attività concertistica. E questa situazione rimase
stabile nonostante i turbolenti cambiamenti politici: la fine dell’Ancien Régime, la Rivoluzione, la
Restaurazione. La musica non era influenzata dai
fatti politici e così Viotti, apprezzato virtuoso, divenne punto di riferimento della scuola violinistica di
stampo italiano e impresario di vari Teatri fino a
dirigere nel 1818 L’Académie Royale de Musique.
6
BOCCHERINI
Il Giuseppe riconosciuto,
ouverture
VIOTTI
Concerto per violino n. 19
Concerto per violino n. 24
PAGANINI
Le streghe
A C C A D E M I A N A Z I O N A L E D I S A N TA C E C I L I A
Honeck dirige Ciajkovskij
Stilando una lista dei concerti da non perdere, non potremmo omettere quello in cui il direttore
austriaco Manfred Honeck dirige alcune delle più belle pagine del repertorio romantico. Dopo il travolgente successo riscosso a gennaio, con un concerto imperniato proprio su musiche della famiglia
Strauss, Honeck torna sul podio di Santa Cecilia con un repertorio in grado di valorizzare le capacità
Sabato 24 ore 18
lunedì 26 ore 20.30
martedì 27 ore 19.30
Sala Santa Cecilia
espressive dell’Orchestra dell’Accademia. Apre il concerto Voci di primavera, forse il più noto dei val-
Orchestra dell’Accademia
Nazionale di Santa Cecilia
zer che la premiata ditta Johann Strauss & C. scrisse negli anni magnifici e decadenti della Vienna
Manfred Honeck direttore
fin de siècle. La prima versione del valzer era scritta per voce solista e venne interpretata da un cele-
Mario Brunello violoncello
bre soprano. L’atmosfera si scalda con l’intensità del Concerto per violoncello di Mjaskovskij e raggiunge il suo culmine con la Sinfonia n. 5, la più nota e più sofferta tra quelle composte da
Ciajkovskij, ricca di colori e specchio della varietà di stati d’animo che caratterizzavano la complessa
e instabile personalità del suo autore.
Mjaskovskij e Brunello
J. STRAUSS
Voci di primavera
MJASKOVSKIJ
Concerto per violoncello
CIAJKOVSKIJ
Sinfonia n. 5
Nicolaj Mjaskovskij (1881 -1950) è stato uno dei pochi compositori graditi al regime sovietico, anche se, nonostante la sua posizione dominante nella società musicale russa e il titolo di Artista del Popolo, nel 1948
fu denunciato con le accuse di formalismo e modernismo, dalle quali si
riscattò l’anno seguente componendo la Sinfonia n. 27 che fu premiata
postuma con il Premio Stalin. Il travolgente e struggente Concerto per
violoncello, scritto tra il 1944 e il 1945, è la sua opera più nota e cavallo di battaglia per Mario Brunello, musicista eclettico il cui repertorio spazia con estrema disivoltura dal barocco al jazz, alla musica contemporanea. Primo italiano a vincere il Concorso Ciajkovskij di Mosca, assiduo collaboratore di prestigiose orchestre e di importanti muscisti, Brunello è
appassionato cultore di progetti sperimentali volti ad avvicinare il pubblico a una nuova idea di fare musica.
7
A C C A D E M I A N A Z I O N A L E D I S A N TA C E C I L I A
Zimerman
Beethoven
Martedì 20
Sala Santa Cecilia ore 20.30
Krystian Zimerman pianoforte
BEETHOVEN
Sonata op. 109
Sonata op. 110
Sonata op. 111
Krystian Zimermann per le ultime tre Sonate di Beethoven, op. 109,
110, 111. Dalla vittoria, diciannovenne nel 1975, del più prestigioso
dei Concorsi pianistici internazionali - il Concorso Chopin di Varsavia- il
pianista polacco è acclamato da tempo dalle platee di tutto il mondo.
L’ampiezza del suo repertorio e la particolare sensibilità nell’affrontare
pagine molto distanti stilisticamente, unite alla impeccabile perizia tecnica, lo pongono nell’Olimpo dei grandi. Il suo gradito ritorno a Santa
Cecilia è sulle note delle Sonate per pianoforte scritte da Beethoven
nell’ultimo periodo creativo, spesso incomprensibile per i contemporanei per difficoltà tecniche e di contenuto. Pagine complesse che
Beethoven scrisse come riflessioni personali sulla forma Sonata che
egli aveva sviscerato in tutte le possibilità e che ora poteva essere trascesa in una lunga meditazione interiore. Composte quasi contemporaneamente tra il 1819 e il 1822 le tre Sonate testimoniano l’evoluzione dell’artista e dell’uomo: i temi si frammentano e accolgono elementi nuovi come la fuga e la variazione. Anche la scrittura pianistica fa i
conti con il passato e il presente e ingloba tutte le esperienze tecniche
e sonore frutto dell’evoluzione dello strumento.
A C C A D E M I A N A Z I O N A L E D I S A N TA C E C I L I A
Lisiecki
Chopin
Mercoledì 28
Sala Santa Cecilia ore 20.30
Jan Lisiecki pianoforte
CHOPIN
8
La presentazione di Chopin al pubblico parigino avvenne nel febbraio
del 1832 nella sala Pleyel che conteneva poco più di cento persone, ma
visto che quella sera era presente l’élite musicale questo fu sufficiente
per essere consacrato. Nel giro di un mese tutte le porte dei salotti più
chic si aprirono. Le signore dell’aristocrazia adoravano quel giovane diafano e charmant conteso da tutte come ospite d’onore e Chopin, dal
canto suo, si lasciava volentieri vezzeggiare. Le fanciulle più musicalmente dotate avevano l’onore di diventare sue allieve, per le altre restava
comunque il piacere di serate dove la musica era la protagonista. La novità era nella freschezza e nella malinconia che quelle note portavano con
sé: il ricordo della Polonia lontana trasfigurato a ogni passaggio. A Parigi,
Chopin conobbe George Sand, scrittrice anticonformista che fu la sua
compagna per quasi un decennio. Rapporto burrascoso che accompagnò gli anni più prolifici del compositore polacco. Il primo abbozzo dei
24 Preludi op. 28 è del 1831 anche se poi la raccolta fu rivista nel 1838,
nel corso dell’inverno trascorso con la Sand nella certosa di Vallemosa a
Majorca. Sempre al primo periodo parigino risalgono i Tre Valzer dell’
op. 64 e i Notturni op. 9 dedicati alla pianista belga Marie Moke Pleyel.
Programma composito, che spazia tra i generi più frequentati da Chopin,
affidato a Jan Lisiecki, pianista canadese di origini polacche che pur giovanissimo è un virtuoso dotato di una matura e intensa musicalità che
ne fanno l’interprete ideale.
P A R T N E R D E L L A S E R ATA
ph. Mathias Bothor
Grande Valzer Brillante op. 18
Preludi op. 28
3 Notturni op. 9
3 Valzer op. 64
Andante Spianato e
Grande Polacca Brillante op. 22
A C C A D E M I A N A Z I O N A L E D I S A N TA C E C I L I A
Fabio Luisi
Don Chisciotte
Fabio Luisi, uno dei più apprezzati ambasciatori dell’Opera italiana all’estero, attuale
direttore principale del Metropolitan di New
York, dell’Opera di Zurigo, dei Wiener
Symphoniker, fresco di debutto con la
London Symphony Orchestra, non si tira indietro di fronte a programmi articolati che affrontano linguaggi differenti nello spazio di una sola serata. Il tema conduttore, ispirato al Don Chisciotte, mitico personaggio di
Sabato 31 maggio ore 18
domenica 1 giugno ore 18
martedì 3 giugno ore 19.30
Sala Santa Cecilia
Orchestra dell’Accademia
Nazionale di Santa Cecilia
Fabio Luisi direttore
Gabriele Geminiani violoncello
Cervantes, è affrontato in apertura con Monadologie II Don Quichote, un brano contemporaneo del compositore austriaco Bernhard Lang. Il viaggio fantastico dell’eroe e le sue peripezie insieme al fido scudiero Sancho
tornano nel poema sinfonico di Richard Strauss, capolavoro tra tutte le versioni musicali del testo di Cervantes.
Strauss, fortemente influenzato dagli insegnamenti wagneriani riesce a modulare il tono del discorso tratteggiando delle scene quasi teatrali, in sintonia con le avventure del protagonista rese dalle Variazioni del tema
principale, affidato al violoncello solista interpretato da Gabriele Geminiani, primo violoncello dell’Orchestra di
LANG
Monadologie II Don Quichote
R. STRAUSS
Don Quixote
SCHUMANN
Sinfonia n. 1 “La Primavera”
Santa Cecilia. In conclusione la Prima Sinfonia di Robert Schumann, autentico inno alla vita, ispirata a un’ode alla primavera del poeta tedesco Adolf Böttiger e composta in uno dei rari momenti felici dell’esistenza di
Schumann dopo il sospirato matrimonio con Clara Wieck. La sinfonia, chiamata anche “La Primavera” venne
abbozzata in pochi giorni e completata in meno di un mese, tra il gennaio e il febbraio del 1841.
9
A C C A D E M I A N A Z I O N A L E D I S A N TA C E C I L I A
Renata Scotto
racconta La Traviata
La traviata di Giuseppe Verdi è forse l'opera più rappresentata sui palcoscenici di tutto il mondo. Dopo il fiasco della prima a Venezia nel 1853,
esattamente un anno dopo e nella stessa città, è iniziato un percorso trionfale che l'ha portata a essere l'opera romantica per eccellenza, forse la più
amata dal grande pubblico. Del resto la vicenda della Signora dalle came-
Domenica in musica
lie di Alexandre Dumas figlio aveva già commosso tutta la Parigi
dell'Ottocento che vi vedeva riflessa la parabola esistenziale di Marie
Domenica 18
Sala Santa Cecilia
Duplessis, protagonista delle scintillanti notti parigine. Morta di tubercolosi
a soli ventitré anni, la sua tomba è ancora oggi luogo di devoti pellegrinaggi. E chi meglio di Renata Scotto, che è stata una delle più celebri inter-
ore 11
preti di quest'opera, potrebbe condurci per mano attraverso le indimenti-
Renata Scotto
racconta “La Traviata”
cabili melodie verdiane? Dall'incredibile debutto a soli diciotto anni proprio
ore 12
Concerto
in quest'opera fino alla strepitosa incisione discografica con Riccardo Muti,
Rosa Feola soprano
Davide Giusti tenore
Sergio Vitale baritono
Fabio Centanni pianoforte
Milena Vukoti´
c voce recitante
della quale ha curato anche la regia al Metropolitan di New York in un pre-
Renata Scotto conosce ogni minima sfumatura della partitura verdiana
miatissimo spettacolo. Oggi è Rosa Feola, giovane ma già celebre soprano, a continuare la grande tradizione belcantista che ha avuto modo di
apprendere direttamente da Renata Scotto presso Santa Cecilia Opera
Studio, il prestigioso progetto di formazione per cantanti lirici
dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia, da dove provengono anche il
tenore Davide Giusti e il baritono Sergio Vitale. Saranno loro, insieme a
Rosa Feola, che ci faranno ascoltare i brani più celebri della Traviata.
A C C A D E M I A N A Z I O N A L E D I S A N TA C E C I L I A
Domenica 18 Spazio Risonanze
ore 17
Presentazione della Mostra fotografica
Proiezione in prima mondiale
dei documentari
“La preghiera di Boris Christoff”
regia di Magdalena Manolova
e “Lettera dalla Toscana”
di Gheorghi Toshev
regia di Ema Konstantinova
Celebrazioni per
il centenario
di Boris Christoff
In collaborazione con
“Mi domando se cantare non sia altro che una maniera di vivere”.
Il suono, il canto, il gesto di Boris Christoff non sono mai stati esercizio di
stile, routine, superficialità. Non sono mai stati disgiunti dalla vita: dalla
volontà di scendere dentro l’anima dei personaggi per dirne l’intera - contraddittoria e appassionante, meravigliosa e drammatica - umanità.
Domenica 25 Sala Petrassi
Cantare l’uomo, dare voce alla sua anima, senza paura di cercarne per
Una voce dentro l’anima
ore 17 Ritratto di Christoff
a cura di Maurizio Modugno
anni il fondo più segreto: questa è la lezione che ricordando Boris
Christoff il nostro tempo può, forse deve apprendere.
(Maurizio Modugno)
ore 18 Concerto
Arie antiche e lieder
Boris Christoff debuttava a Roma, nei Concerti dell’Accademia di Santa
Sergio Vitale baritono
Ivo Yordanov baritono
Delyan Slavov basso
Antonio Di Matteo basso
Stefano Giannini pianoforte
Cecilia al Teatro Adriano, il 3 febbraio 1946, cantando l’Addio di Wotan
sotto la direzione di Francesco Molinari Pradelli. Un sodalizio, quello fra il
basso bulgaro e la più antica istituzione musicale romana, che si stenderà
poi per più di trent’anni, chiudendosi con il concerto da camera del 18 febbraio 1977. Il programma di quel concerto viene riproposto oggi e interpretato da alcuni tra i migliori artisti provenienti dal corso di perfezionamento
Il concerto sarà
registrato per
Euroclassical
Santa Cecilia Opera Studio.
A C C A D E M I A N A Z I O N A L E D I S A N TA C E C I L I A
Prendete nota
Accademia Nazionale di
Santa Cecilia
Tutti per uno
Cinque per mille
Firma per destinare
il 5X1000 dell’Irpef
all’Accademia di Santa Cecilia.
Basta scrivere
80143210583
nell’apposito spazio
della dichiarazione dei redditi.
10
Tutti a Santa Cecilia
Giovedì 8
Teatro Studio ore 10 e ore 11.30
Signore e Signori, ecco a voi il Pianoforte
Sette note in… bianco e nero
Laboratorio.
Età consigliata: Scuola Primaria (ore 10)
e Scuola Secondaria (ore 11.30)
A cura del Settore Education dell’Accademia
Nazionale di Santa Cecilia
Allievi dei Corsi di Alto Perfezionamento
dell’Accademia di Santa Cecilia
Tutti sanno cos’è il pianoforte, ma quando è nato?
Chi sono i suoi antenati? In questo spettacolo-laboratorio interattivo verrà effettuato un interessante
viaggio nel tempo alla scoperta delle tastiere, dalla
nascita fino all’avvento degli strumenti elettronici.
Giovedì 15
Sala Santa Cecilia ore 10
La Banda 100 x 200
Un anniversario speciale in Musica
Spettacolo. Età consigliata: 6 - 15 anni
Con la partecipazione
della Banda Musicale dell’Arma dei Carabinieri
Direttore, Ten. Col. Massimo Martinelli
100 musicisti in Concerto in occasione dei festeggiamenti del 200° "compleanno" dell’Arma dei
Carabinieri. Durante lo spettacolo saranno illustrati il
repertorio e le caratteristiche di questa meravigliosa
Orchestra di fiati e percussioni.
A C C A D E M I A N A Z I O N A L E D I S A N TA C E C I L I A
Pappano incontra la JuniOrchestra
La JuniOrchestra
dell’Accademia
Nazionale
di Santa Cecilia
è sostenuta da
Agenzia delle Dogane
e dei Monopoli
La grandezza di un artista si mostra anche quan-
Martedì 13
Sala Santa Cecilia ore 10
do un direttore di fama mondiale come Antonio
Pappano, si mette in gioco con un’orchestra di
Un grande direttore
per i giovani
ragazzi di età compresa tra i 14 e i 19 anni. La
JuniOrchestra Young è una compagine orche-
Antonio Pappano
dirige
strale giovanile che ha occasione di fare piccoli
JuniOrchestra
dell’Accademia
Nazionale
di Santa Cecilia
ma importanti passi di crescita grazie ad autorevo-
SCHUMANN
Sinfonia n. 4
Schumann, con la quale il compositore cerca di
li musicisti che, come Pappano, hanno la generosità di dedicarle il loro tempo e la loro esperienza.
A essere eseguita la Sinfonia n. 4 di Robert
allontanarsi dal modello beethoveniano di temi
contrapposti, proponendo un’alternativa basata su
un solo tema e le numerose varianti che partendo da questo si generano una dall’altra.
A C C A D E M I A N A Z I O N A L E D I S A N TA C E C I L I A
Sabato 17
Sala Petrassi ore 20
LIFA Lega Italiana
per la Fibrosi Cistica
presenta
Concerto per la fibrosi cistica
Il respiro della musica
Il respiro della musica
La LIFA, Lega Italiana per la Fibrosi Cistica, è
un’Associazione che segue i malati offrendo un
Ensembles Strumentali
della JuniOrchestra
dell'Accademia
di Santa Cecilia
sostegno e un punto di riferimento anche alle loro
Roma Tre con il Bambino Gesù
Associazione Culturale InCANTO
presenta
Roma Tre con il Bambino Gesù
Concerto di beneficenza per il Centro di
Riabilitazione Visiva Ospedale Pediatrico
Bambino Gesù - IAPB Italia
C. ORFF Carmina Burana
famiglie. Accanto a ciò ha una ricca attività finaliz-
Cantiones Profanae per soli, coro,
due pianoforti e percussioni
zata alla raccolta di fondi per la ricerca attraverso
Coro Roma Tre
iniziative umanitarie e culturali. Il concerto al Parco
Ensemble percussionistico
Roma Sinfonica
della Musica sarà supportato dalla presenza di
musiche di
MENDELSSOHN, MOZART
DVÓRˇAK, SCHUBERT
HAYDN, BEETHOVEN
Venerdì 23
Sala Sinopoli 20.30
giovani elementi della JuniOrchestra, che eseguiranno musiche, tra gli altri, di Mendelssohn,
Mozart e Beethoven.
Isabella Ambrosini direttore
Pianisti
Massimo Spada, Damyan Tudzharov
Soprano Marta Vulpi
Controtenore Luigi Schifano
Baritono Stefano Meo
Maestro assistente al Coro
Fabio Serani
Carmina Burana Carl Orff
Il Centro di Riabilitazione Visiva Pediatrica
dell’Ospedale Bambino Gesù è nato presso la sede
di Santa Marinella alla fine del 2012, con l’obiettivo
di seguire quei bambini affetti da gravi patologie visive, e per le quali non esistano ulteriori possibilità di
intervento o cura, insegnando loro ad usare al
meglio il residuo visivo di cui dispongono, con la
finalità di renderli autonomi nella vita di tutti i giorni.
L’Orchestra Roma Sinfonica e il Coro Roma Tre, una
compagine di circa 100 giovani musicisti diretti da
Isabella Ambrosini, si esibiranno nei celeberrimi
Carmina Burana di C. Orff, opera di notevole suggestione e di grande impatto fonico.
I proventi del concerto saranno devoluti interamente al Centro di Riabilitazione Visiva Pediatrica per l’acquisto di attrezzature e altri beni di servizio.
A C C A D E M I A N A Z I O N A L E D I S A N TA C E C I L I A
Ingresso libero
Sabato 17
Sala Santa Cecilia ore 18
“Benvenuti!”
Un saluto musicale per genitori
e bambini da 0 a 8 mesi
a cura di Andrea Apostoli
con
Professori d’Orchestra
dell’Accademia Nazionale
di Santa Cecilia
Solisti del
Gordon Ensemble
Benvenuti!
Matinée Invito
Concerti dei Corsi di Perfezionamento
Per la prima volta un concerto con la metodologia
Gordon in Sala Santa Cecilia. I bambini a contatto
con i loro genitori vivranno un momento di
immersione nel suono e nella musica. I genitori
verranno guidati a partecipare con accompagnamenti vocali e ritmici durante l'esecuzione di brani
di repertorio classico e popolare e canti composti
secondo i principi della Music Learning Theory di
E. E. Gordon.
Domenica 11
Spazio Risonanze ore 11
Lunedì 12
Studio 1 ore 16
La Viola
Concerto degli allievi
del corso di perfezionamento
di Viola
Docente Massimo Paris
Lunedì 19 e martedì 20
Spazio Risonanze ore 17
Il Violoncello
Concerto degli allievi
del corso di perfezionamento
di Violoncello
Docente Giovanni Sollima
Martedì 13 e mercoledì 14
Spazio Risonanze ore 16
Il Pianoforte
Concerto degli allievi
del corso di perfezionamento
di Pianoforte
Docente Benedetto Lupo
Venerdì 23 e sabato 24
Spazio Risonanze ore 16
La Musica da Camera
Concerto degli allievi
del corso di perfezionamento
di Musica da Camera
Docente Carlo Fabiano
Giovedì 15
Spazio Risonanze ore 16
Il Violino
Concerto degli allievi
del corso di perfezionamento
di Violino
Docente Sonig Tchakerian
Venerdì 30 maggio
Spazio Risonanze ore 18
Armonie di flauti
Concerto degli allievi
del corso di perfezionamento
di Flauto
Docente Andrea Oliva
* N.B. Genitori e bambini verranno accolti sulle poltrone della Sala Santa Cecilia. Per la buona riuscita
dello spettacolo si prega quindi di non portare bambini più grandi di 8 mesi. Biglietti in vendita solo presso Auditorium Parco della Musica e Call Centre
Ensembles Strumentali
della JuniOrchestra
dell'Accademia
di Santa Cecilia
11
M U S I C A / F E ST I VA L F O L K E M U S I C H E D E L V I A G G I O
Una produzione
I Canti
Popolari
della Prima
Guerra
Mondiale
Giovedì 1
Auditorium
Si Canta Maggio
Settima Edizione
Un progetto originale di
Ambrogio Sparagna
MATTINO
Giardini Pensili
Ingresso gratuito
Dalle ore 10.30
Mostra mercato di prodotti
enogastronomici a cura della Coldiretti Mercato di Campagna Amica. La mostra
mercato proseguirà per tutto il pomeriggio.
Nello stesso spazio saranno allestite
esposizione di strumenti musicali popolari
a cura di artigiani liutai laziali e campani.
Ore 12
Piccolo spettacolo con il duo di 'O Lione,
dedicato ai balli del Vesuvio.
Ore 13
Distribuzione di fave, pecorino e vino
bianco perpetuando l’antica usanza
romana delle uscite fuori porta in
occasione del primo maggio. Durante la
degustazione si esibiranno suonatori di
organetti e tamburelli.
Negli anni della Prima
POMERIGGIO
l'orrore e nella fiera e
Sala Sinopoli ore 18
Biglietto: 18 euro
povera umanità delle
Le trincee del cuore
I canti popolari della
Prima Guerra Mondiale
OPI Orchestra Popolare Italiana
dell’Auditorium Parco della Musica
diretta da Ambrogio Sparagna
e il grande Coro Popolare
diretto da Anna Rita Colaianni
Ospiti speciali
Davide Rondoni
Guerra Mondiale gli italiani si riconobbero nel-
trincee, dove per la
prima volta si mescolarono dialetti, storie e
musiche. Dai dispacci e dai canti i soldati, provenienti dalle terre più remote della penisola, impararono l’italiano, lingua fino ad allora conosciuta e praticata solo da una ristretta parte della popolazione. A 100 anni dallo scoppio della
Prima Guerra Mondiale, lo spettacolo Le Trincee del cuore vuole raccontare gli echi dei tanti canti risuonati tra le pietre delle trincee e nel cuore di quegli uomini. Uomini semplici che cercarono conforto alla disumanità della guerra
anche attraverso la voce e la forza della poesia cantata, dando vita a un nuovo genere musicale originale. L’esperienza
della vita in trincea favorì infatti la formazione di un originale “corpus” di canti popolari caratterizzato da contenuti e
modalità espressive specifiche. Canti che narrano dell’atrocità della guerra, della fierezza del corpo di appartenenza
Gabriella Gabrielli
ma anche di amori lontani, speranze, affetto filiale e momenti di gioia quotidiana. Questa varietà di canti veniva ese-
Nando Citarella
guita prevalentemente in italiano. Non mancano però anche esempi in lingue dialettali. Le Trincee del cuore vuole
Cantori Popolari
di Galati Mamertino (Messina)
proporre alcuni esempi di questo straordinario repertorio nazionale e regionale associando ad essi letture poetiche
Antonio Smiriglia
di importanti autori dell’epoca. Si aggiungono canti ungheresi, sloveni, austriaci che pure raccontano quel tragico
momento della storia europea in modo originalissimo. Per ricordare, con il cuore, i giorni della trincea.
12
Riduzioni: Parco della Musica Card, giovani fino a 26
anni, over 65 anni, ACI, American Express, Bibliocard,
Carta Giovani, Carta Per Due, CTS e cral convenzionati,
Feltrinelli Carta Più, Interclub, Arion Card
M U S I C A / F E ST I VA L F O L K E M U S I C H E D E L V I A G G I O
Siciliana. Le Lingue di Pitrè
“Vinni la bedda”
Eleonora Bordonaro, Ambrogio Sparagna
Seconda edizione del festival di folk e world music ideato per raccontare di viaggi musicali lungo le rotte più curiose. “Umanamente Errando”.
Sabato 17
Teatro Studio ore 21
Il festival apre con un omaggio alla poesia popolare siciliana in un con-
Siciliana. Le lingue di Pitrè
certo che vede protagonisti alcuni solisti dell’Orchestra Popolare Italiana
impegnati a raccontare in musica il mondo antico e ancora attuale della
Sicilia delle donne, lavoratrici, amanti, madri, passionali, selvagge e
sante. Lingue e dialetti dimenticati, come il gallo italico e l’arbereshe,
storie e personaggi emblematici tra versi, parole, melodie tradizionali e
ritmi incantatori.
“Vinni la bedda”
Le donne nella poesia
popolare siciliana
Eleonora Bordonaro voce
Cristiano Califano chitarra
Raffaello Simeoni
voce, fiati popolari,
mandocello
Arnaldo Vacca percussioni
Erasmo Treglia ghironda,
torototela, ciaramella
e con
Eleonora Bordonaro
Ambrogio Sparagna
organetti
Progetto originale
dell'Orchestra Popolare Italiana
dell'Auditorium Parco della Musica
Ambrogio Sparagna
Le Puglie. Dal Gargano al Salento
Malicanti con Mike Maccarone
Mascarimirì
Domenica 18
Sala Petrassi ore 18
Le Puglie.
Dal Gargano al Salento
“Serenate e balli
dei vecchi cantori”
Malicanti
con Mike Maccarone
cantatore di Carpino
dalle tarantelle e le serenate del Gargano arriva all’estremo sud delle
pizziche e delle voci a stisa di Capo di Leuca. I Malicanti e i Mascarimirì
ci guidano alla scoperta di repertori arcaici ma costantemente in trasformazione e rigenerazione. Ospite speciale dei Malicanti e del loro repertorio è l’eccezionale cantatore di Carpino Mike Maccarone, detto
Farfone, musicista novantenne erede della grande tradizione garganica.
Infine presentano il loro nuovo disco “Tam!” i Mascarimirì che, nel panorama musicale salentino, rappresentano senza dubbio uno dei gruppi
più originali e attivi. Dalla loro matrice musicale legata alla comunità gitana fino ai nuovi suoni del mondo raccolti nel corso delle loro importanti collaborazioni internazionali. Da non perdere!
Valerio Rodelli
organetto, voce
Elia Ciricillo
voce, tamburello, chitarra
Enrico Noviello voce, chitarra
battente, tamburello
Giorgio D’Aria voce, tamburo
Pio Gravina voce
Mike Maccarone voce
Malicanti e Mikki Maccaroni
ph. Laura Santoro
Protagoniste della seconda giornata le Puglie con un lungo percorso che
“Tam! Pizziche di terra ”
Mascarimirì
Claudio “Cavallo” Giagnotti
voce, tamburreddhu
Vito Giannone
voce, mandolino, chitarra
Alessio Amato voce,
programmazioni, syinth
Dario Stefanizzi
clarinetto, fiati tradizionali
Mascarimirì
Biglietti: 15 euro a serata. Riduzioni: Parco della Musica Card, giovani fino a 26 anni, over 65 anni, ACI, American
Express, Bibliocard, Carta Giovani, Carta Per Due, CTS e cral convenzionati, Feltrinelli Carta Più, Interclub, Arion Card
13
M USICA
Uno straordinario omaggio alla cultura e alla
canzone classica napoletane. L’incontro tra
questi artisti, tutti di chiara origine campana, dà
vita a un inedito concerto dove l’arte e lo spes-
Sabato 3
Sala Petrassi ore 21
Peppe Servillo
& Solis String Quartet
“Spassiunatamente”
concerto classico in
napoletano
sore di Peppe Servillo si fondono con la maestria degli archi del Solis String Quartet.
Attraverso una lettura raffinata e popolare di un
Spassiunatamente
Peppe Servillo voce
Vincenzo Di Donna violino
Luigi De Maio violino
Gerardo Morrone viola
Antonio Di Francia cello
repertorio di classici che vanno da Raffaele
Viviani a E. A. Mario fino a Renato Carosone, si
racconta una Napoli non convenzionale, una
città che è stata ed è a pieno titolo un’autentica capitale culturale europea. La caratteristica
unica che lo spettacolo realizza è la rilettura dei
classici utilizzando solo un quartetto di archi e
voce. Questa formula e questa scelta artistica
ben precisa, spogliano di tutti gli orpelli questi
Biglietti: 18 euro.
capolavori rendendoli eleganti e raffinati, senza
Riduzioni: Parco della Musica Card, giovani fino a 26 anni, over 65 anni, ACI,
American Express, Bibliocard, Carta
Giovani, Carta Per Due, CTS e cral convenzionati, Feltrinelli Carta Più, Interclub,
Arion Card
smarrire quella forza e quell’incisività che ne
hanno decretato il successo planetario.
“Spassiunatamente” restituisce alla canzone
napoletana un ambiente musicale e vocale di
rara bellezza e gusto.
PEPPE SERVILLO
& SOLIS STRING QUARTET
M USICA
Domenica 4
Sala Petrassi ore 21
Nada
Biglietti: da 22 a 28 euro.
Riduzioni: Parco della Musica Card, giovani fino a 26
anni, over 65 anni, ACI, American Express, Bibliocard,
Carta Giovani, Carta Per Due, CTS e cral convenzionati, Feltrinelli Carta Più, Interclub. Arion Card
Esplosa al festival di Sanremo appena quindicenne con “Ma che
freddo fa”, Nada è riuscita a conquistare non solo l'Italia ma tutto
il mondo. Proseguendo nel suo originale percorso creativo tra
canzone d'autore, rock'n'roll e letteratura, l’artista ha creato
un'opera di grande intensità, in cui il richiamo alla tradizione
musicale italiana (su tutti Piero Ciampi) si fonde con lo spirito
libero che la contraddistingue. Già capitolo fondamentale nella
discografia dell'artista livornese, il nuovo album “Occupo Poco
Spazio” contiene dentro il suo guscio stilisticamente elegante
un'energica anima punk che dà vita a un pop colto e graffiante
che sicuramente lascerà il segno nell'ascoltatore. Il disco racconta di storie piccole e grandi, di amori silenziosi, di solitudini, di
scelte di vita difficili in un mondo che sembra aver dimenticato
il significato più vero della parola Anima. Il concerto sarà occasione non solo per vivere un grande momento musicale ma
anche per avvicinarsi a tematiche sociali di grande attualità, con
14
la partecipazione di Amref come partner benefico.
NADA
© Silva Rotelli
M USICA
Lunedì 5
Sala Petrassi ore 21
Agnes Obel, giovane cantautrice danese che con l’al-
Agnes Obel
opening act
Melanie De Biasio
disco d’oro in Francia, Belgio, Olanda e Danimarca,
bum di debutto “Philharmonics” si è aggiudicata il
arriva in Italia reduce dal successo del suo ultimo lavoro discografico “Aventine”, elogiato dalla stampa internazionale. Originaria di Copenhagen, vive a Berlino
Biglietti: 18 euro
Riduzioni: Parco della Musica Card, giovani
fino a 26 anni, over 65 anni, ACI, American
Express, Bibliocard, Carta Giovani, Carta Per
Due, CTS e cral convenzionati, Feltrinelli
Carta Più, Interclub, Arion Card
AGNES
OBEL
dove ha registrato “Aventine” presso i Chalk Wood
Studios. Come “Philharmonics”, il nuovo album è stato
scritto, arrangiato e prodotto da Agnes, sua la voce e il
pianoforte. Nel disco, insieme ad Agnes Obel, ci sono
Anne Müller al violoncello, Mika Posen dei Timber
Timbre al violino e viola (nei brani “The Curse”, “Pass
Them By” e “Fivefold”), Robert Kondorossi dei
Budzillus alla chitarra (in “Pass Them By”).
«Durante il tour di “Philharmonics” continuavo ad
avere idee per la nuova registrazione e volevo esplorare il mondo del violoncello e degli altri strumenti a
corda» dice Agnes di “Aventine”. Ho registrato tutti gli
strumenti posizionati vicinissimi fra loro, e così i microfoni: tutto in una piccola stanza, con le voci qui, il pianoforte lì, tutto molto vicino. Il suono che ho ottenuto
è rarefatto, ma variando la dinamica delle canzoni
sono praticamente riuscita a creare dei soundscapes,
qualcosa che sembra grande, con questi pochi strumenti»
M USICA
URI CAINE
DAVE DOUGLAS
Giovedì 8
Sala Petrassi ore 21
Uri Caine pianoforte
Dave Douglas tromba
Biglietti: 18 euro.
Riduzioni: Parco della Musica Card,
giovani fino a 26 anni, over 65 anni,
ACI, American Express, Bibliocard,
Carta Giovani, Carta Per Due, CTS e
cral convenzionati, Feltrinelli Carta Più,
Interclub, Arion Card
Dave Douglas e Uri Caine in uno speciale concerto fatto di canti, inni e improvvisazioni. Due dei maggiori
musicisti della scena di New York si propongono qui in una dimensione intima e raffinata che rivela un aspetto inedito di entrambi. Trombettista, compositore, educatore Dave Douglas è tra i più attivi musicisti della
Grande Mela. Il suo contributo nell’ambito della musica improvvisata gli ha portato diversi importanti riconoscimenti come il Guggenheim Fellowship, il premio Aaron Copland e due nomination ai Grammy Awards.
Attualmente è attivo con varie formazioni da lui fondate, è membro del quartetto Masada di John Zorn e collabora con artisti come Anthony Braxton, Don Byron, Uri Caine, Bill Frisell, Han Bennink e Misha Mengelberg.
Pianista e compositore tra i più creativi e avventurosi della scena contemporanea, Uri Caine è cresciuto in una
famiglia di intellettuali e si è avvicinato alla musica fin da bambino. Ha frequentato l'Università della
Pennsylvania e ha studiato composizione con George Rochberg e George Crumb. Ha suonato nei gruppi guidati da Philly Joe Jones, Hank Mobley, Johnny Coles, Mickey Roker, Odean Pope, Jymie Merritt, Bootsie Barnes
e Grover Washington. Tra le sue maggiori collaborazioni degli ultimi anni ci sono quelle con Don Byron, Dave
Douglas, John Zorn, Clark Terry, Arto Lindsay, Barry Altschul, Paolo Fresu.
15
M USICA
Venerdì 9
Sala Petrassi ore 21
Area Mediterranea
Due viaggi da “Melos” a “Blues”
con
Arb Trio e Mario Donatone
& Gio’ Bosco Band
con la partecipazione del
World Spirit Orchestra
special guest
Area
Mediterranea
"Melòs" e "Blues", dopo anni in cui abbiamo assistito alle contaminazioni più diverse, non sono più due suoni così distanti. In questo
concerto diventano una metafora geografica, cioè i due fondamentali luoghi musicali dell'anima di due musicisti, Mario Donatone e
Alessandro Russo. Dal ‘melòs’ delle loro radici legate al
Mediterraneo, all'Atlantico della
musica americana (nord e
sud) questi due percorsi paralleli, attraverso il mare, si incontrano ed ecco che nasce la presentazione comune di due progetti discografici apparentemente lontani ma che si sono
sviluppati in un contesto culturalmente omogeneo.
ARB TRIO E MARIO DONATONE & GIO’ BOSCO BAND
WORLD SPIRIT ORCHESTRA • RODOLFO MALTESE
Rodolfo Maltese
Biglietti: 15 euro.
Riduzioni: Parco della Musica Card, giovani
fino a 26 anni, over 65 anni, ACI, American
Express, Bibliocard, Carta Giovani, Carta Per
Due, CTS e cral convenzionati, Feltrinelli
Carta Più, Interclub, Arion Card
M USICA
Venerdì 23
Sala Petrassi ore 21
Primavera Musicale
Lavinia Mancusi
Orchestra Evì Evàn
Primavera
musicale
LAVINIA MANCUSI
ORCHESTRA EVÌ EVÀN
Lavinia Mancusi presenta il cd “Semilla”, che nasce dalla
collaborazione tra la cantante folk e il percussionista
Biglietti: 15 euro.
Riduzioni: Parco della Musica Card,
giovani fino a 26 anni, over 65 anni,
ACI, American Express, Bibliocard,
Carta Giovani, Carta Per Due, CTS e
cral convenzionati, Feltrinelli Carta Più,
Interclub, Arion Card
Gabriele Gagliarini. “Semilla”, termine derivato dallo spagnolo e indicante la “semina”, vuole essere una metafora del presente: una “semina” di suoni e culture che,
seppur diversi, germogliano nello stesso prato. La musıca tradızionale italiana è utilizzata come punto di vista
privilegiato e nucleo ispiratore di un viaggio musicale
che percorre non solo le coste del Mediterraneo ma
anche quelle del Nuovo Mondo. L’evento sarà impreziosito dalla presenza dell’orchestra italo-greca Evì Evàn.
Impegnata a diffondere la musica Rebetika, è composta
da sette musicisti che propongono un viaggio sonoro
che si
snoda fra Istanbul e Atene, da
Smirne
a
Salonicco. Per l’occasione presenteranno il loro ultimo
cd dal titolo “Itinerario Rebetiko”.
M USICA
Venerdì 30
Teatro Studio ore 21
MuSix
Un concerto “sei generis”
da un'idea di Raffaele Magrone
Biglietti: 15 euro.
Riduzioni: Parco della Musica Card, giovani
fino a 26 anni, over 65 anni, ACI, American
Express, Bibliocard, Carta Giovani, Carta Per
Due, CTS e cral convenzionati, Feltrinelli
Carta Più, Interclub, Arion Card
MuSix
M USICA
RAFFAELE MAGRONE
Un concerto sui generis o meglio “sei generis”, da un'idea di Raffaele
Magrone, a ben rappresentare le diverse esperienze e collaborazioni musicali di questi ultimi 15/20 anni "romani" del musicista originario di Ruvo
di Puglia. Dal duetto classico con arpa, si passerà alla musica africana, a
quella italiana d'autore, al jazz, al Brasile e al pop (senza escludere incursioni tibetane…), con il clarinetto in Sib a far da ambasciatore e testimone in questa inusuale staffetta musicale, all'insegna dell'abbattimento di
ogni tipo di barriere ed etichette, nell'unico ambizioso tentativo di rendere
omaggio alla musica. Compagni di suono una decina di musicisti di varia
estrazione: Augusto Alves, Chiara Calderale, Mario Caporilli, Tiziana De
Angelis, Laurent Digbeu, Claudia Dominici, Sebastiano Forte, Beppe
Frattaroli, Lorenzo “Toto” Giornelli, Mauro Pedone e Giampiero
16
Silvestri.
M USICA
CHICK COREA
Solo Piano
Sabato 10
Sala Sinopoli ore 21
Chick Corea
Solo Piano
Quando
il
leggendario
Chick
Corea
incise
le
“Improvvisazioni per pianoforte” per l'etichetta ECM nel
1971, fu il primo pianista jazz della sua epoca a realizzare una registrazione di questo genere. Quell’album inno-
Biglietti: 35 euro
Riduzioni: Parco della Musica
Card, giovani fino a 26 anni, over
65 anni, ACI, American Express,
Bibliocard, Carta Giovani, Carta
Per Due, CTS e cral convenzionati, Feltrinelli Carta Più, Interclub,
Arion Card
vativo ha letteralmente aperto le porte al genere ‘piano
solo’ che continua ancora oggi ad avere successo. Nel
2014 Corea ha inciso un nuovo CD da solista, dal titolo
“Ritratti” e ha intrapreso un tour mondiale con un’interpretazione ancora più fresca e innovativa. Con un perfet-
to equilibrio tra improvvisazioni istantanee, standard jazz, rappresentazioni classiche
e le inimitabili “Canzoni per bambini e ragazzi”, quello di Corea è un concerto assolutamente imperdibile. Il titolo del CD, “Ritratti”, deriva da una performance che il pianista realizza di tanto in tanto nelle sue mostre personali: l'artista chiede a dei volontari di sedersi uno alla volta vicino al piano per poi dipingerli in un ritratto musicale,
catturando con sorprendente capacità le espressioni di ognuno di loro.
17
M USICA
Fa tappa all’Auditorium
Parco della Musica l’attesissimo tour acustico di
Domenica 11
Sala Santa Cecilia ore 21
Ben Harper
Ben Harper. L’artista ripercorre dal vivo 20 anni di
BEN
HARPER
incredibile carriera, partendo dal suo album di debutto del 1994, “Welcome to the Cruel World” fino al
recente “Get Up!”. Ben Harper si sta godendo un anno di grandissimo successo, uno dei migliori della
Biglietti: da 40 a 60 euro.
Riduzioni: Parco della Musica Card,
giovani fino a 26 anni,
over 65 anni, ACI, American
Express, Bibliocard, Carta Giovani,
Carta Per Due, CTS
e cral convenzionati, Feltrinelli
Carta Più, Interclub, Arion Card
sua carriera. “Get Up!” ha debuttato al numero 1 della classifica blues di Billboard ed è rimasto in Top 10
per 24 settimane consecutive. Per questo nuovo album ha collaborato con il leggendario maestro dell’armonica Charlie Musselwhite: un mix di blues, gospel, folk e R&B, l’album è stato interamente scritto da
Harper, con il contrappunto dell’armonica di Musselwhite a valorizzare la sua voce.
Musicista, artista, produttore e attivista, Harper ha pubblicato undici acclamatissimi album in studio e tre
dal vivo. Che lo faccia tramite la sua anima gospel, la musica funk anni ’70, il blues, il raggae o del semplice e diretto rock’n’roll, Harper ha regalato incredibili performance dal vivo e della musica straordinaria
con la sua chitarra Weissenborn. Ha collaborato e si è esibito con moltissimi artisti di fama internazionale, tra cui Natalie Maines, Rickie Lee Jones, Ringo Starr, Pearl Jam, Jackson Browne. Il suo disco con i Blind
Boys of Alabama, “There Will Be A Light”, ha vinto due Grammy awards per Best Pop Instrumental
Performance e Best Traditional Soul Gospel Album.
18
M USICA
AMBROSE
AKINMUSIRE
Mercoledì 14
Sala Petrassi ore 21
Torna all’Auditorium Parco della Musica una delle
Ambrose Akinmusire
tromba
Ambrose Akinmusire, strumentista dall’inconfondibile
nuove stelle del jazz, il trombettista californiano
stile eclettico e raffinato, che vanta collaborazioni di
grande prestigio con Jon Henderson, Joshua Redman
Biglietti: 18 euro
Riduzioni: Parco della Musica
Card, giovani fino a 26 anni, over
65 anni, ACI, American Express,
Bibliocard, Carta Giovani, Carta
Per Due, CTS e cral convenzionati, Feltrinelli Carta Più, Interclub,
Arion Card
e Steve Coleman. Dopo aver frequentato e portato a
termine la Berkeley High School, la Manhattan School
of Music, l’University of Southern California e il
Thelonious Monk Institute of Jazz, in cui è stato allievo
anche di Herbie Hancock nel 2007, vince la prestigiosa Thelonious Monk Institute of Jazz Competition. Nel
2008 esce l’album di debutto “Prelude: to Cora”
(dedicato alla madre Cora) che colpisce subito la critica e gli addetti ai lavori e gli fa guadagnare un contratto con la Blue Note Records. La caratteristica principale di Ambrose Akinmusire è innanzitutto la ricerca di
un nuovo linguaggio musicale, che lo porta a sperimentare, analizzare, concettualizzare tutti i generi, gli
stili, da Chopin a Bjork. Ma la sua ricerca non è mai
fatta a scapito della bellezza. Ama infatti farsi sorprendere da un silenzio, una tensione, un cambiamento,
come un ascoltatore attento al minimo dettaglio. Il suo
ultimo album “The imagined savior is far easier to
paint” è uscito nel 2013.
M USICA
Giovedì 15
Sala Petrassi ore 21
Renzo Rubino
Biglietti: da 18 a 24 euro.
Riduzioni: Parco della Musica Card,
giovani fino a 26 anni, over 65 anni,
ACI, American Express, Bibliocard,
Carta Giovani, Carta Per Due, CTS e
cral convenzionati, Feltrinelli Carta Più,
Interclub, Arion Card
Per la prima volta all’Auditorium Parco della Musica Renzo Rubino, reduce dall’ultima ribalta sanremese, dove
ha partecipato con i brani “Ora” e “Per sempre e poi basta”, e dal successo ottenuto dall’album “Poppins” del
2013. Rubino nasce 24 anni fa a Martina Franca in Puglia. A 20 anni è già leader della resident band dello
Show Girl, noto night club di Fasano. A 21 realizza il primo lavoro in studio: un cd di sette brani dal titolo
“Farfavole”. Nel 2012 vince il concorso Area Sanremo. Partecipa quindi al Festival di Sanremo 2013 nella
sezione Giovani con il brano “Il postino (amami uomo)”, vincendo il premio della critica “Mia Martini”.
Nel febbraio 2013 esce il suo cd “Poppins” con la partecipazione di Fabrizio Bosso e di altri stimati musicisti:
il bassista Cico Cicognani (già con Vanoni, Finardi, Pausini, Nek, Casale), il batterista Pier Foschi (Jovanotti,
Terence Trent D'Arby, Celentano), Andrea Libero Cito al violino, Fabrizio “Faco” Convertini al violino e Andrea
Benineti alla batteria e al violoncello. Il disco vince il Premio Lunezia e nello stesso mese Rubino è invitato
alle serate finali del Festival Gaber.
RENZO
RUBINO
19
M USICA
Venerdì 16
Sala Petrassi ore 21
Con il patrocinio della Fondazione
Giorgio Gaber, continua il tour di Rossana
Rossana Casale
“Il Signor G e l’Amore”
Casale dedicato al teatro canzone del
“signor G”, alla sua visione controversa
della coppia, del matrimonio e del senti-
Rossana Casale voce
Emiliano Begni pianoforte
Francesco Consaga sassofono
Ermanno Dodaro contrabbasso
mento amoroso. Con lei il pianista
Emiliano Begni, il sassofonista Francesco
Consaga e Ermanno Dodaro al contrab-
con il patrocinio della
basso, musicisti che si muovono tra jazz,
Fondazione Giorgio Gaber
musical e canzone d’autore. «Con loro
ogni concerto diventa un viaggio inaspet-
Biglietti: 15 euro.
Riduzioni: Parco della Musica Card, giovani fino a 26
anni, over 65 anni, ACI, American Express,
Bibliocard, Carta Giovani, Carta Per Due, CTS e cral
convenzionati, Feltrinelli Carta Più, Interclub, Arion
Card
tato ed emozionante», afferma la cantante, insieme al trio già nel tour teatrale
“Circo immaginario”. «L’unione con Gaber
sarà un’ulteriore scoperta meravigliosa».
Interpretando monologhi e canzoni come
“Quando sarò capace di amare”, “Il desiderio” e “Ora che non sono più innamo-
ROSSANA
CASALE
rato”, ne “Il signor G e l’amore” Rossana
Casale rivisita Gaber in chiave jazz attraverso i testi che descrivono l’amore nella
sua complessità, come tensione e insieme desiderio di armonia. Quel dilemma
I l S i g n o r G e l 'A m o r e
che il cantautore milanese, scomparso
dieci anni fa, descriveva così: “L’amore
sarà sempre qualcosa che vola, una farfalla che ti si posa un attimo sulla testa e
ti rende tanto più ridicolo quanto maggiore è la sua bellezza”.
Te m p o R e a l e To u r
M USICA
Dopo il Festival di Sanremo, Francesco Renga torna all’Auditorium Parco della Musica per l’anteprima live di
“Tempo Reale Tour”, il tour di presentazione del nuovo album di cui fanno parte anche “A un isolato da te” e
“Vivendo adesso”, le due canzoni che Renga ha presentato al 64° Festival di Sanremo. Un grande ritorno con
un album che è nato nel segno della più assoluta novità: nuova casa discografica, nuovo produttore, nuovi
autori che hanno dato la possibilità di utilizzare anche la sua voce in maniera diversa, legando il suo canto a
una contemporaneità che lo vede esplorare differenti territori, registri e timbri che non aveva mai usato in
passato. In tutti i suoi album Renga ha messo in luce straordinarie capacità vocali. Rock, melodia, tensione
espressiva e improvvise aperture orchestrali caratterizzano oggi la sua musica. Ha debuttato come frontman
di uno dei più influenti gruppi rock italiani degli anni ’90, i Timoria e ha proseguito da solista pubblicando cinque album che hanno segnato altrettante fasi della sua carriera. Una voce che da sempre viaggia su altezze
e intensità poco frequentate, richiamando da lontano la lezione di un grande artista che di Renga è sempre
stato uno dei principali ispiratori e modelli, il cantante degli Area Demetrio Stratos.
20
Mercoledì 21
Sala Santa Cecilia ore 21
Francesco Renga
"Tempo Reale Tour"
Biglietti: da 30 a 50 euro.
Riduzioni: Parco della Musica Card,
giovani fino a 26 anni, over 65 anni,
ACI, American Express, Bibliocard,
Carta Giovani, Carta Per Due, CTS e cral
convenzionati, Feltrinelli Carta Più,
Interclub, Arion Card
FRANCESCO
RENGA
M USICA
TARJA
Lunedì 19
Sala Sinopoli ore 21
Tarja
Tarja, ex voce della band Nightwish, torna in Italia col
suo nuovo tour teatrale: un concerto imperdibile per gli
Biglietti: da 35 a 45 euro
Riduzioni: Parco della Musica
Card, giovani fino a 26 anni, over
65 anni, ACI, American Express,
Bibliocard, Carta Giovani, Carta
Per Due, CTS e cral convenzionati, Feltrinelli Carta Più, Interclub,
Arion Card
amanti del symphonic metal. Finlandese, conosciuta
anche come interprete di opera e classica, Tarja Soile
Susanna Turunen Cabuli è impegnata nella carriera
solista. Oltre ad aver studiato per anni pianoforte e
musica sacra, ha seguito corsi di canto pop e suonato
flauto traverso e batteria. Nel 1996 Tuomas
Holopainen la invita a unirsi al suo nuovo progetto
musicale come cantante. Diventa così uno dei membri
fondatori dei Nightwish. Nel 1997 viene pubblicato il
primo disco “Angels Fall First” seguito da “Oceanborn”.
Tarja, intanto, canta anche come solista nell'opera
orientata al rock di Waltari, “Evankeliumi” (meglio
conosciuta con il nome latino “Evangelicum”), in diverse performance all'Opera Nazionale finlandese.
Continua a lavorare in tour e in studio con i Nightwish.
Nel 2002 va in tour in Sud America per Noche
Escandinava (notte scandinava), una serie di concerti
lirici sul Natale. Nello stesso anno, parte il tour mondiale di “Century Child”, dopo il quale i Nightwish si prendono un periodo di riposo. La band si riunisce per l'album “Once” e il conseguente tour mondiale del
2004/2005, alla fine del quale Tarja lascerà definitivamente la band per concentrarsi sulla sua carriera solista.
M USICA
Giovedì 22
Sala Sinopoli ore 21
Ron
Biglietti: da 35 a 45 euro.
Riduzioni: Parco della Musica Card,
giovani fino a 26 anni, over 65 anni,
ACI, American Express, Bibliocard,
Carta Giovani, Carta Per Due, CTS e
cral convenzionati, Feltrinelli Carta Più,
Interclub, Arion Card
Dopo la partecipazione al 64° Festival di Sanremo e l’uscita del nuovo album di inediti, “Un abbraccio unico”,
Ron torna ad esibirsi live per presentare un’anteprima
del suo nuovo tour che verrà annunciato prossimamente. Il nuovo album, uscito il 20 febbraio, riporta Ron sulle
scene musicali. «Sono stato fermo 5 anni – dichiara il
RON
cantautore - e questo lavoro li rappresenta tutti.
Lavorare mi rende ancora felice, ho ancora tanto da
raccontare.» Oltre a “Un abbraccio unico” e “Sing in the
rain”, Ron proporrà i brani contenuti all’interno del suo
nuovo lavoro, tra cui un testo inedito di Lucio Dalla,
“America”, di cui il cantante ha curato le musiche.
21
M USICA
In collaborazione con
Fondazione
Valentino Bucchi
Si ringrazia
Universal
Wien
premio valentino bucchi
parco della musica
concorso internazionale
di composizione
Venerdì 16
Teatro Studio ore 21
Premio Valentino Bucchi Parco della Musica
Concorso Internazionale
di Composizione, serata finale
PROGRAMMA
Esecuzione e premiazione
delle opere finaliste
INTERPRETI
PMCE - Parco della Musica
Contemporanea Ensemble
Paolo Fratini, flauto
Paolo Ravaglia, clarinetto
Francesco Peverini, violino
Luca Sanzò, viola
Anna Armatys, violoncello
Antonio Caggiano, percussione
Lucio Perotti, pianoforte
Il Premio Bucchi è il concorso internazionale di musica che vanta la maggior tradizione in Italia. Attivo dal
1978 quest'anno, alla sua 36ª edizione, si rinnova completamente, grazie anche alla collaborazione della
Fondazione Musica per Roma, da quest’anno co-responsabile del Concorso. Tra le novità maggiori
certamente spicca la selezione dei vincitori. La prima selezione vedrà una giuria di 100 musicisti italiani tra
i migliori esperti nel linguaggio musicale contemporaneo. Un numero così elevato per quantità e qualità
non è stato mai raggiunto nella storia dei concorsi europei e offrirà una garanzia di oggettività alle
Tonino Battista direttore
composizioni premiate. La selezione finale avverrà durante questa serata dopo l'esecuzione dei finalisti,
Biglietti: 15 euro.
affidata al PMCE, da parte di giuria ristretta di artisti di rilievo quali Giorgio Battistelli, Ivan Vandor, Francesco
Riduzioni: Parco della Musica Card, giovani fino a 26 anni, over 65 anni, ACI,
American Express, Bibliocard, Carta
Giovani, Carta Per Due, CTS e cral convenzionati, Feltrinelli Carta Più, Interclub,
Arion Card
Dillon, Salvatore Sciarrino e Jay Schwartz. La prestigiosa casa editrice Universal di Vienna (l'editore di Mahler,
Schoemberg e Berio) pubblicherà l'opera selezionata mentre la SIAE (Società Italiana Autori Editori)
premierà la migliore opera italiana.
M USICA
.IN MY LIFE.
Il PMCE - Parco della Musica
Contemporanea Ensemble rappresenta oggi in Italia, senza dubbio,
uno degli organismi di punta per il
repertorio della nuova musica.
Accanto
ai
progetti
Venerdi 2 maggio Studio 2 ore 21
The Harpsichord in my life
Venerdi 9 maggio Studio 2 ore 21
The Piano 1 in my life
Paolo Rotili presenta
Giorgio Cerasoli harpsicord
Ivan Fedele presenta
Lucio Perotti pianista
NON SENZA FATIGA SI GIUNSE AL 2014
Musiche di Michael Nyman, Luciano Berio, Francesco Pennisi,
Girolamo Frescobaldi, Paolo Rotili, György Ligeti, JacobTV
Musiche di John Adams,
Venerdi 16 maggio Studio 2 ore 21
The Oboe in my life
Venerdi 30 maggio Studio 2 ore 21
The Bass in my life
Silvia Colasanti presenta
Fabio Bagnoli oboista
Fabio Cifariello Ciardi presenta
Massimo Ceccarelli bassista
Musiche di Bruno Maderna, Heinz Holliger,
Gyorgy Kurtàg, Luciano Berio, Silvia Colasanti
Musiche di Stefano Scodanibbio, Ennio Morricone,
Fabio Cifariello, Fernando, Massimo Ceccarell, Rocco Scott,
Marco Morgantini, Lucia Ronchetti, AK2deru, Tom Johnson
realizzati
espressamente per l'ensemble
abbiamo voluto raccogliere una
Ivan Fedele, Frederic Rzewski
nuova sfida: la formula del concerto per un solo interprete. In .IN MY
LIFE. ogni solista, oltre al programma proposto, ha scelto uno o più
compositori (prevalentemente di
area romana) che presenteranno
il concerto al pubblico.
Tonino Battista
22
Biglietti: 8 euro per ogni serata. Riduzioni:
Parco della Musica Card, giovani fino a 26
anni, over 65 anni, ACI, American Express,
Bibliocard, Carta Giovani, Carta Per Due, CTS e
cral convenzionati, Feltrinelli Carta Più,
Interclub, Arion Card
M USICA
Domenica 25
Teatro Studio ore 21
Contro spazio scenico
Laboratorio Contemporanea
contro
Spazio
scenico
laboratorio contemporanea
Tre serate
dedicate
alla parola
CONTRO. I ragazzi e professori delle
tre grandi Istituzioni di formazione
La seconda serata sarà dedicata al rapporto tra attore e musicista “contro” con un’opera storica quale
“Coming Together/Attica” di Rzewski con un’appassionante “cronaca” sulla rivolta del 1968 del penitenziario
artistica della Capitale, Conservato-
di Attica su testo di Sam Melville, leader politico afroamericano condannato per atti di terrorismo e ucciso
rio di Musica di Santa Cecilia,
proprio durante questa rivolta in maniera misteriosa e inquietante. Con la rivolta di Tupac Amaru del
l'Accademia
Nazionale
compositore Luigi Ceccarelli lo spazio e il tempo entro cui si svolge l’azione rispetto a Rzewski si dilatano di
Drammatica
Silvio
di
Arte
D'Amico,
il
Centro Sperimentale di Cinema-
cinquecento anni. Dall’epopea del principe Inca Tupac Amaru, che sollevò gli indios contro i conquistadores
tografia - Scuola Nazionale di
nove anni prima della Rivoluzione Francese, fino al recente sequestro all’ambasciata giapponese, conclusosi
Cinema si incontrano per la prima
con l’efferato sterminio dei guerriglieri Tupac Amaru operato dall’ex presidente del Perù Fujimori. Una vicenda
volta per ideare, produrre e realizza-
epica a tinte forti in cui si fondono e si confondono passato e presente, uniti nella leggenda della liberazione
re in scena all'Auditorium opere
dedicate a questa parola dai significati estremi e rivoluzionari.
dei popoli dell’America Latina dai conquistadores di tutti i tempi. A completamento di questa serata dedicata
ai performer si potranno vedere nuove opere di Francesco Telli e Antonio Di Pofi insieme a creazioni di
PROGRAMMA
Frederic Rzewski,
Coming together, Attica (1972)
Luigi Ceccarelli, Tupac Amaru (1997)
Francesco Telli, nuova opera
Antonio Di Pofi, nuova opera
Gabriele Campagna, nuova opera
Francesco Leineri, nuova opera
Marco Mazzè Alessi, nuova opera
INTERPRETI
Attori dell’Accademia
Nazionale d’Arte Drammatica
Silvio D’Amico
PMCE - Parco della Musica
Contemporanea Ensemble
Tonino Battista direttore
Biglietti: 15 euro.
Riduzioni: Parco della Musica Card, giovani
fino a 26 anni, over 65 anni, ACI, American
Express, Bibliocard, Carta Giovani, Carta Per
Due, CTS e cral convenzionati, Feltrinelli
Carta Più, Interclub, Arion Card
giovani futuri compositori del Conservatorio.
M USICA
In coproduzione con
TOTUS
TUUS
omaggio a
FRANZ LISZT
Condotti per mano attraverso la guida dell'ultimo periodo
di Liszt, un cavaliere impenitente che diventa sempre più
riflessivo, cristallino, essenziale.
È da questa combinazione magica di intensa complessità
e tranquilla pacata dolcezza che naturalmente si arriva
nel mondo della musica sacra dell'Europa orientale e
baltica che di questa dolcezza ungherese ne hanno fatto
tesoro indimenticabile. Capolavori eseguiti per la prima
volta nella nostra città per un pubblico di aspiranti al
paradiso.
Venerdì 30
Sala Sinopoli ore 21
Totus Tuus
Omaggio a Franz Liszt
PROGRAMMA
Franz Liszt, Ossa Arida
Gyia Kancheli, Caris Mere
Franz Liszt, Ave verum corpus
Peteris Vasks, Plainscapes
Franz Liszt, La lugubre gondola
Arvo Pärt, My heart's in the Highlands
Franz Liszt, Romance oubliée
Henryck Gorecki, Totus Tuus
INTERPRETI
Coro e solisti dell'Accademia
Nazionale di Santa Cecilia
Ciro Visco direttore
PMCE - Parco della Musica
Contemporanea Ensemble
Francesco Peverini, violino
Luca Sanzò, viola
Lucio Perotti, pianista
Biglietti: 15 euro.
23
M USICA
GAZZÈ
Venerdì 2
Teatro Studio ore 21
Continua la Residenza artistica all’Auditorium Parco della Musica di Max Gazzè, per l’occasione impegnato con il fratello Francesco in uno spettacolo-concerto in cui condurrà gli
spettatori alla scoperta della relazione artistica tra lui e il fratello, autore dei testi di molte
sue canzoni. Sono relazioni strette, complesse, delicate. Sono relazioni meravigliose e
imprevedibili quelle che legano due fratelli. Meravigliose le relazioni che legano le parole e
la musica di una canzone. Ed è tale che si svelerà al pubblico la relazione artistica che lega
i fratelli Gazzè: un rapporto intenso, capace di sorprendere, meravigliare. Un rapporto consolidato, nato per scherzo e per
Io e mio fratello
MAX E FRANCESCO
Max e Francesco Gazzè
“Io e mio fratello”
Riduzioni: Parco della Musica Card, giovani fino a 26 anni, over 65 anni, ACI,
American Express, Bibliocard, Carta
Giovani, Carta Per Due, CTS e cral convenzionati, Feltrinelli Carta Più, Interclub,
Arion Card
ph. Barbara Oizmud
Biglietti: 20 euro.
amore quasi vent'anni fa. “Io e
mio fratello” è l'attraversamento di
questo percorso comune, il ritratto
del come le canzoni nascano e si
sviluppino dai versi scritti da
Francesco a quelli cantati da Max.
Sul palco i due fratelli cercheranno
di portare in scena l'articolato,
variegato processo col quale compongono una canzone partendo
dal talento letterario dell'uno e da
quello musicale dell'altro. Tra parole e musica.
© Roberto Masotti / ECM Records
M USICA
Sabato 3
Teatro Studio ore 21
Bobo Stenson Trio
Bobo Stenson
Anders Jormin
John Fält
Biglietti: 20 euro.
Riduzioni: Parco della Musica Card,
giovani fino a 26 anni, over 65 anni,
ACI, American Express, Bibliocard,
Carta Giovani, Carta Per Due, CTS e
cral convenzionati, Feltrinelli Carta Più,
Interclub, Arion Card
Pianista e compositore raffinato,
Bobo Stenson ha contribuito a
definire con il suo stile il jazz
nordeuropeo e l'estetica dell'etichetta bavarese ECM. A partire
dagli anni ‘70 ha iniziato a
espandere gli orizzonti estetici
del linguaggio jazz e del piano
trio operando una sintesi creativa tra la tradizione della musica
afroamericana e la musica europea, dando origine a un suono e una scuola europea di musica improvvisata. Con il proprio trio ha sempre portato avanti un preciso percorso musicale che ha conseguito ormai piena
maturità e consapevolezza. Nei suoi ultimi dischi, oltre a brani originali firmati da lui stesso e dal contrabbassista Anders Jormin, compaiono composizioni di Ornette Coleman, Henry Purcell, Charles Ives, Alban Berg,
Astor Piazzolla, insieme a musiche derivanti dalla tradizione popolare svedese. Anders Jormin è tra i contrabbassisti più interessanti della scena internazionale. Grande compositore e virtuoso dello strumento, collabora
con Stenson fin dagli anni ‘80. John Fält ha debuttato con il trio registrando il disco “Cantando” del 2007.
BOBO STENSON
TRIO
M USICA
M USICA
Cantando Emily Dickinson
Lunedì 5
Teatro Studio ore 21
Barbara Eramo
“Cantando Emily Dickinson”
lavoro discografico “In Traspa-
Barbara Eramo
voce, ukulele, tamburo, electronics
Stefano Saletti chitarra acustica,
elettrica, electronics, drums kit, cori
Martina Bertini basso, electronics, cori
Cristiana della Vecchia tastiere, cori
Etta Lomasto, Federica Fruscella voce
il nuovo disco dal titolo "Emily",
ospiti
Alice Noris trombone e tip tap
Claudio Martinez armonica
Biglietti: 15 euro.
24
A distanza di 6 anni dall'ultimo
Riduzioni: Parco della Musica Card, giovani
fino a 26 anni, over 65 anni, ACI, American
Express, Bibliocard, Carta Giovani, Carta Per
Due, CTS e cral convenzionati, Feltrinelli
Carta Più, Interclub, Arion Card
renza”, Barbara Eramo presenta
un concept di brani da lei composti
su
poesie
di
Emily
Dickinson. In “Emily”, presentato
in prima assoluta all’Auditorium
BARBARA
ERAMO
Parco della Musica, Barbara Eramo ha scelto di dar voce e suono ai mondi musicali
che più la ispirano creativamente, senza alcun vincolo stilistico preconcetto, rivolgendosi alla libertà poetica e immaginifica della Dickinson. Quello che emerge è un
suono denso, ricco di chiaroscuri con aperture post rock, spaziosità sperimentali e
rarefatte. “Emily” è un disco autoprodotto/indipendente, nato dalla volontà di Barbara
di seguire completamente l'istinto. Impareggiabile alleato creativo è Stefano Saletti,
coarrangiatore/produttore del disco, fautore di preziose intuizioni sonore nonché esecutore di quasi tutte le parti strumentali.
M USICA
Venerdì 9
Teatro Studio ore 21
Funk Off
Biglietti: 15 euro.
Riduzioni: Parco della Musica Card,
giovani fino a 26 anni, over 65 anni,
ACI, American Express, Bibliocard,
Carta Giovani, Carta Per Due, CTS e
cral convenzionati, Feltrinelli Carta Più,
Interclub, Arion Card
I Funk Off sono stati la prima funky marchin’ band italiana a proporre un tipo di musica che unisce il
groove della black music ad arrangiamenti di tipo jazzistico, il tutto condito con movimenti e coreografie
di grande impatto. Oggi, dopo 15 anni di attività e più di 600 concerti, continuano a proporre una musica
coinvolgente e originale - scritta e arrangiata da Dario Cecchini, fondatore e leader - e a collezionare
importanti collaborazioni come quelle con Paolo Fresu, David Liebman, Horacio “El Negro” Hernandez,
Stefano Bollani, Gegè Telesforo, Maurizio Giammarco, Fabrizio Bosso e molti altri. Dario Cecchini,
musicista con una carriera più che ventennale sia in ambito jazzistico che pop, è il deus ex machina e
fondatore della band. Con i Funk Off analizza e sviluppa il concetto di “banda” fino ad estremizzarlo in
tutte le sue componenti: armonica, timbrica, ritmica e visiva.
FUNK
OFF
ph. Hole Hesledalen
M USICA
Steinar Raknes è considerato uno dei migliori talenti
della nuova generazione del jazz norvegese. Inizia a
studiare il contrabbasso a 15 anni e durante gli studi
Martedì 13
Teatro Studio ore 21
Steinar Raknes
presso il prestigioso NTNU di Trondheim fonda ed è
leader di una serie di gruppi fra cui Urban Connection
(premiato col Norwegian Grammy nel 2001) e The
Core. Diventa subito una figura di spicco nella scena jazz
norvegese, da decenni ricca di innovazione e fermento.
STEINAR
RAKNES
Biglietti: 12 euro.
Riduzioni: Parco della Musica Card,
giovani fino a 26 anni, over 65 anni,
ACI, American Express, Bibliocard,
Carta Giovani, Carta Per Due, CTS e
cral convenzionati, Feltrinelli Carta
Più, Interclub, Arion Card
Con il progetto “Stillhouse”, Raknes esplora nuove
possibilità musicali al confine fra il blues, il jazz e il folk
attraverso riletture personalissime di classiche canzoni
americane mescolate a canzoni proprie scritte
appositamente per questo progetto che ha riscosso
grande successo di pubblico e critica sia in Norvegia che
all’estero.
M USICA
T
E
T
R
A
U
Q
I
T
N
A
N
SO
N
O
C
O
AS
M
M
O
T
I
N
N
A
V
O
GI
enta
pres
rium
udito
a all’A
n
r
arzo
o
t
dì 19
e 21
aso
nel m
Lune Studio or
rima
rà
Tomm
r
p
i
e
e
n
t
v
n
n
a
e
a
v
dio
o in
a Gio
Teatro
g Stu
ebutt
sica
aso
ato d
cordin
o il d
a Mu
o ide
e
ll
t
p
t
R
e
o
e
Tomm tet
d
t
d
ie
r
r
i
a
o
a
e
o
c
u
n
s
r
ic
n
q
s
a
n
n
a
Il
P
a
ha
Mu
a nell
Quar
dalla
Giov
della
ti che
rientr
cato
nanti
usicis
Parco
ande
o
r
m
ubbli
s
certo
g
p
n
e
n
il
o
u
e
basso
o
r
c
C
. Il
età,
esse
arte d
ntrab
e
e
r
c
p
o
n
e
o
c
o
a
c
p
2013
v
n
o
e
ve
as
gio
la pr
o fan
rato li
Tomm
ne: la
o e
artett
uo
regist
emic
vanni alini sax
el qu
comu
del s
d
io
D
a
e
in
c
G
.
n
c
s
rd
Cig
tiche
un
iano
elazio
rso a
Reco
ra riv
Mattia Zanisi p
atteris
ivo e
perco
eria
splos
e car
ni, ve
à, il
li
o
e
n
it
o
a
t
u
ic
iv
t
o
r
i batt
t
ig
t
lc
c
n
a
le
n
C
a
E
tale
geluc
isi, e
attia
la cre
o
n
n
u
M
,
a
A
s
o
Z
t
o
il
la
alt
rico
per
talen
. Alla
Nico
l sax
o En
2012
posto
rità. A
a
l pian
z del
v
i è im
z
A
s
o
a
matu
u
.
J
e
e
n
h
giot
c
ten
a Top
Card,
della
ento
e po
euro. lla Musica ni, ACI,
he,
lassific
liori
c
le
strum
c
5
ig
a
1
a
o
in
m
ll
e
an
tti:
ei
mas
to ne
d orig
Biglie ni: Parco d i, over 65 Carta
no d
rare
talen
i Tom
soun
cci, u
most
vann
uovo
iduzio a 26 ann ibliocard, ral conlu
io
R
n
e
a
r
G
g
r
o
An
no
ec
mb
s, B
sso
ommigli
vani fi an Expres Due, CTS ,
icola
a, se
abba
ne c
ria N
contr
arrier
Più
eric
propo
e
Per
c
t
l
m
ta
n
ta
r
A
A
r
io
e
batte
a
a
r
a
g
e.
erto
lun
elli C
ni, C
ssam
razion
Giova ati, Feltrin rd
Il rep
sua
espre
, è
gene
Ca
critto
ativa.
zion
rtetto
e la
s
e
t
n
n
a
r
e
n
c
u
io
a
v
r
a
q
h
t
s
so
del
lub, A
no
vena
nono
mma
Interc
ome
ti sia
ibile
he To
onen
i, il n
esaur
c
t
p
n
a
n
r
li
’i
m
a
e
a
n
o
n
v
u
i c
na
rigin
onso
che
tiva, u
ioni o
to. C
posiz
zione
roget
a crea
s
p
in
e
v
t
o
n
n
t
o
c
ues
o d’i
per q
per la
inedit
rreno
celto
s
e
t
n
o
t
u
sta
vare
i a tro
riuscit
za”.
onan
“cons
25
M USICA
JACKY
TERRASSON
Martedì 20
Teatro Studio ore 21
Jacky Terrasson
pianoforte
Biglietti: 15 euro.
Riduzioni: Parco della Musica Card, giovani fino a 26 anni, over 65 anni, ACI,
American Express, Bibliocard, Carta
Giovani, Carta Per Due, CTS e cral convenzionati, Feltrinelli Carta Più, Interclub,
Arion Card
Jacky Terrasson è uno dei più acclamati pianisti jazz della sua generazione. Il concerto in Auditorium è un’occasione per scoprirne il brillante talento e la personalità dello
stile, derivante da una perfetta conoscenza della tradizione, una spiccata vitalità creativa e uno straordinario gusto per il blues e la classica. Classe 1965, nato a Berlino
da madre americana e padre francese ma cresciuto a Parigi, Terrasson si avvicina al
pianoforte a 5 anni, compiendo poi studi classici e appassionandosi al jazz. Studia al
Berklee College Of Music di Boston, dove vince nel ’93 la Thelonious Monk
International Jazz Competion, uno dei concorsi più importanti al mondo. Con la prestigiosa etichetta Blue Note realizza i
suoi primi tre dischi in trio, “Jacky
Terrasson”,
“Reach”
e
“Alive”,
“Rendezvous” con Cassandra Wilson e
“What It Is”, con Michael Brecker e
Mino Cinelu. Seguono “À Paris”,
“Smile” e l’album in solo “Mirror”. Un
successo dopo l’altro e una carriera
che è cresciuta grazie al prestigio delle
numerose collaborazioni, al potere
della sua musica minimalista ed energica e grazie a quell’intuito e quell’apertura che lo hanno portato ad accogliere dei futuri talenti del jazz nei suoi
numerosi gruppi.
MILKY
CHANCE
Mercoledì 21
Teatro Studio ore 21
ph. David Ulrich
M USICA
Per la prima volta a Roma i Milky
Chance, ovvero Clemens Rehbein e
Philipp Dausch, un duo alternative
pop folk rock tedesco, con influenze
reggae ed elettroniche. Clemens
proviene da un quartetto jazz, in cui
suonava il basso. Philipp ha una formazione come DJ. Cominciano a
lavorare nel 2012, caricando del
materiale online, in particolare
“Stolen Dance”, che con il passaparola si è diffusa a macchia d’olio, fino a raggiungere 17 milioni di visualizzazioni. Nel 2013 realizzano l’album autoprodotto “Sadnecessary”, accolto bene da pubblico e critica, dove sono inclusi i brani “Stolen
Dance” e “Down by the River”. Nel maggio del 2013, Milky Chance intraprende un tour interamente sold
out in Germania, per promuovere l’album, partecipando a numerosi festival musicali tra cui il Dockville
Festival di Amburgo. Nel 2014 parte un meritatissimo tour europeo. In Italia oggi, il singolo che precede
l’uscita dell’album è settimo in classifica mentre è quattordicesimo nella classifica dell'airplay mondiale. In
Germania sono stati la rivelazione dell'anno: “Stolen Dance” è stato numero 1 su iTunes con 300mila
download.
Milky Chance
Biglietti: 15 euro.
Riduzioni: Parco della Musica Card,
giovani fino a 26 anni, over 65 anni,
ACI, American Express, Bibliocard,
Carta Giovani, Carta Per Due, CTS e
cral convenzionati, Feltrinelli Carta Più,
Interclub, Arion Card
M USICA
ph. Roberto Cifarelli
M USICA
Piano solo
FRANCO
D’ANDREA
L'iridescente arte
di Franco D'Andrea
è un poliedro tendente alla sfera.
L'oceanica immensità
della
sua
costante ricerca di
un linguaggio per-
sonale all'interno della tradizione jazzistica, trova nel piano solo una
Venerdì 23
Teatro Studio ore 21
rappresentazione adamantina. Una straordinaria panoramica sul suo
pensiero musicale libero da manierismi di sorta e costantemente alla
ricerca di un'espressività autentica e profonda. Musica di una caparbie-
Franco D’Andrea
tà gentile, appuntita, magmatica, scattante e raffinata. Travolgente e
pianoforte
coerente allo stesso tempo. Mirabilmente in bilico tra Apollo e
Biglietti: 15 euro.
Riduzioni: Parco della Musica Card, giovani
fino a 26 anni, over 65 anni, ACI, American
Express, Bibliocard, Carta Giovani, Carta Per
Due, CTS e cral convenzionati, Feltrinelli
Carta Più, Interclub, Arion Card
26
Dioniso. Intensamente personale, completamente jazz. In un'epoca in
cui nella maggior parte dei casi si maneggiano forme, estetica e arte
con i guanti dell'anatomopatologo a proteggersi dalla formalina,
Franco e la sua musica sono una delle luci più forti in una notte buia.
Un faro da seguire per superare un mare scuro e viscoso in bonaccia.
© Studio Eidos
M USICA
WALTER
BELTRAMI
Dopo le vertigini del precedente lavoro “Paroxysmal Postural Vertigo”, il chitarrista Walter
Beltrami presenta il suo ultimo album, pubblicato dalla Parco della Musica Records, “Kernel
Panic”, accompagnato da Francesco Bearzatti, Giovanni Falzone, Danilo Gallo e Stefano
Tamborrino. Secondo la definizione di Wikipedia, il kernel panic è un’azione intrapresa da un
sistema operativo informatico volta a identificare un errore fatale interno. Concretamente, si
Walter Beltrami
“Kernel Panic”
tabula rasa che costituisce la sola
Walter Beltrami
chitarre
Giovanni Falzone
tromba
Francesco Bearzatti
sax tenore e clarinetto
Danilo Gallo
basso elettrico
Stefano Tamborrino
batteria
via d’uscita possibile al crash di
Biglietti: 15 euro.
un qualunque sistema, persona-
Riduzioni: Parco della Musica Card,
giovani fino a 26 anni, over 65 anni,
ACI, American Express, Bibliocard,
Carta Giovani, Carta Per Due, CTS e
cral convenzionati, Feltrinelli Carta Più,
Interclub, Arion Card
manifesta sotto forma di una videata composta da caratteri incomprensibili e minacciosi che
indica all’utente che il sistema si è inceppato, incartato su se stesso senza possibilità di uscita se non con un drastico reset.
Kernel Panic
Sabato 24
Teatro Studio ore 21
Metaforicamente, per il chitarrista,
il kernel panic è un ultimo avvertimento, un faccia a faccia con l’ignoto e le emozioni che esso
scatena in noi: l’urgenza di una
le, artistico-creativo, politico-economico (e quale scenario sullo
sfondo più appropriato dell’attuale crisi europea e, nel caso specifico, italiana?).
M USICA
L’ORAGE
L’Età dell’oro
Ghironde, organetti, cornamuse
e violini. Punto di fusione ideale
tra la musica tradizionale e quella più rock e sanguigna dei grandi raduni all’aperto, condita con
gli ingredienti della miglior canzone d’autore, L’Orage è una
band che è cresciuta esponenzialmente suscitando l’entusiasmo di illustri colleghi come
Carmen Consoli e Francesco De
Gregori. L’Orage è un crocevia di
intelligenze, cultura e sperimentazione tra le impervie Valli
Valdostane e la Torino più dinamica e pensosa. Ne fanno parte i fratelli Rémy e Vincent Boniface, virtuosi polistrumentisti
discendenti da una famiglia di infaticabili custodi dell’antica tradizione musicale delle Alpi
Occidentali; Alberto Visconti, autore dei testi, passato dalla Scuola Holden alla Fondazione
Sandretto Re Rebaudengo, agitatore della cultura occidentale con il suo Mountain Jam Festival;
Matteo Crestani, noto e apprezzato scultore del legno nonché liutaio; Ricky Murray, percussionista scozzese membro di alcune delle band più attive nel repertorio celtico del panorama anglosassone; Stefano Trieste e Florian Bua, la sezione ritmica che rappresenta l’anima più sanguigna
e rock della band, grazie ai loro ricchi percorsi nella scena hard e indie rock del nord-ovest.
Martedì 27
Teatro Studio ore 21
L’Orage
“L’Età dell’oro”
Rémy Boniface
violino, organetto, ghironda, voce
Vincent Boniface sassofoni,
clarinetto, cornamuse, flauti dritti,
organetto, tastiere, voce
Alberto Visconti voce, chitarra
Memo Crestani chitarra acustica
e elettrica, oud, mandolino
Ricky Murray percussioni
Stefano Trieste basso
Florian Bua batteria
special guest
Naif d’Herin e Sandro Joyeux
Biglietti: 16 euro.
Riduzioni: Parco della Musica Card, giovani fino a 26 anni, over 65 anni, ACI,
American Express, Bibliocard, Carta
Giovani, Carta Per Due, CTS e cral convenzionati, Feltrinelli Carta Più, Interclub,
Arion Card
Keywords
ph. Andrea Boccalini
M USICA
ENRICO
ZANISI
Dopo il successo del precedente “Life Variations” e il premio
Top Jazz come Miglior Nuovo
Talento 2012, Enrico Zanisi conferma le sue doti con “Keywords”, realizzato insieme al contrabbassista americano Joe Rehmer e il batterista Alessandro
Paternesi. Romano, classe 1990, Zanisi è cresciuto ascoltando gruppi come gli Emerson Lake Palmer, i Genesis e i Led
Zeppelin; si è diplomato con lode in pianoforte classico e si è laureato, sempre con lode, in jazz. Questa pluralità di studi e
di ascolti gli ha permesso di acquisire una padronanza tecnica che gli permette di avventurarsi su ogni territorio con sorprendente sicurezza e consapevolezza. All’Auditorium Parco della Musica presenta il nuovo lavoro discografico nel quale ha racchiuso dieci nuovi brani che hanno come titolo altrettante parole-chiave, i punti fermi del suo presente. Un percorso netto
tra atmosfere ariose (“Equilibre”), oasi di quiete (“Au revoir”) e ritmi trascinanti (“Power fruits”), con un unico spazio lasciato in chiusura allo spartito della “Träumerei” di Robert Schumann: tre minuti di eleganza pura.
Mercoledì 28
Teatro Studio ore 21
Enrico Zanisi
“Keywords”
Enrico Zanisi pianoforte
Joe Rehmer contrabbasso
Alessandro Paternesi batteria
Biglietti: 12 euro.
Riduzioni: Parco della Musica Card, giovani fino a 26 anni, over 65 anni, ACI,
American Express, Bibliocard, Carta
Giovani, Carta Per Due, CTS e cral convenzionati, Feltrinelli Carta Più,
Interclub, Arion Card
27
f i e l d
DA N Z A / M U S I C A
Sabato 31
Sala Petrassi ore 21
Michele Rabbia
Virgilio Sieni
“In an open field”
percussionista e multi strumentista Michele Rabbia, artista residente della stagione
2013–2014, che incontrerà in
un progetto inedito l’arte del
movimento del coreografo e
danzatore Virgilio Sieni accompagnato da Garth Knox alla
Virgilio Sieni
danza
Michele Rabbia
percussioni e elettronica
Garth Knox
viola
Daniele Roccato
contrabbasso
o p e n
viola e Daniele Roccarato al
Biglietti: 15 euro.
contrabbasso.
“Nel mio principio è la mia
fine. Una dopo l'altra case sorgono cadono crollano vengono
ampliate vengono demolite
distrutte restaurate o al loro
posto c'è un campo aperto...”.
Partendo dall'incipit del secondo dei quattro quartetti di
a n
Virgilio Sieni: ph. Josep Aznar • Michele Rabbia: ph. Musacchio& Ianniello
Thomas S. Eliot, questi artisti
incrociano le loro esperienze
creando spazi sonori che partono dal gesto per ritornare ad
esso sotto forma di suonomovimento. Gesto inteso co-
I n
Riduzioni: Parco della Musica
Card, giovani fino a 26 anni, over
65 anni, ACI, American Express,
Bibliocard, Carta Giovani, Carta
Per Due, CTS e cral convenzionati,
Feltrinelli Carta Più, Interclub,
Arion Card
Ultimo appuntamento con il
me generatore di materia
sonora e suono come disegnatore di spazi drammaturgici.
MICHELE RABBIA
VIRGILIO SIENI
EXTRA
Roma. La storia dell’arte.
Lezioni di arte sul museo
a cielo aperto di Roma.
IV Edizione
ACHILLE BONITO OLIVA
Mario Schifano
e Andy Warhol
Andy Warhol e Marco Schifano rappresentano l’identità culturale di
Domenica 4
Sala Sinopoli ore 11
due contesti, Europa e America, che negli anni Sessanta hanno pro-
Achille Bonito Oliva
Mario Schifano
e Andy Warhol
Entrambi hanno sviluppato una ricerca puntata sulla capacità dell’ope-
dotto un’arte capace di dialogare con il mondo contemporaneo.
ra di creare una larga comunicazione. Warhol, il Raffaello della società di massa americana, ha dato classicità all’oggetto di consumo o ad
icone dei media riconoscibili dal grande pubblico. Non esistono
Biglietti: 8 euro.
Riduzioni: Parco della Musica Card,
giovani fino a 26 anni, over 65 anni,
ACI, American Express, Bibliocard,
Carta Giovani, Carta Per Due, CTS e
cral convenzionati, Feltrinelli Carta
Più, Interclub, Arion Card
28
misteri o profondità in quanto l’artista americano opera sui principi
dell’oggettività, impersonalità e neutralità. Non esiste profondità psicologica del produttore soltanto il protagonismo assoluto del prodotto. Nel contesto europeo, specificamente in quello italiano, Mario
Schifano rappresenta il passaggio dalla soggettività dell’Informale a uno splendente superficialismo che azzera la superficie e si propone come immagine senza mistero, riproducente simboli di consumo collettivo come la Coca Cola.
EXTRA
LUNEDÌ 5 OSPITE SPECIALE CAPAREZZA
Pensatore libero in musica, viaggiatore attraverso parole semplici e complesse Caparezza si muove alla visionaria ricerca di
nuove parole chiave, capace di prendere forme sempre diverse
e nuove, questo è Caparezza. Dal 1999, anno in cui Michele
Salvemini si trasforma in Caparezza, ad oggi ha saputo realizzare progetti sempre interessanti, testi mai ovvi, caratterizzandosi
per scelte musicali e culturali originali. Caparezza si racconta ad
Ernesto Assante e Gino Castaldo il 5 maggio, all'indomani della
pubblicazione del suo nuovo album, "Museica".
Lezioni di Rock
Lunedì 5
Sala Sinopoli ore 21
ospite speciale
Caparezza
Mercoledì 7
Sala Petrassi ore 21
Tutto Springsteen 1
TUTTO SPRINGSTEEN 1, 2, 3
"Ho visto il futuro del rock’n’roll e il suo nome è Bruce
Springsteen", scriveva Jon Landau il 22 maggio del 1974 sulle
pagine di un giornale di Boston. Aveva ragione e Springsteen,
Martedì 20
Sala Petrassi ore 21
Tutto Springsteen 2
Mercoledì 28
Sala Petrassi ore 21
Tutto Springsteen 3
da allora, ha fatto del suo meglio per dimostrare che era davvero così. Ernesto Assante e Gino Castaldo ripercorreranno la
straordinaria avventura di Springsteen da Long Branch, New
Jersey, fino ai palcoscenici di tutto il mondo, dagli esordi a oggi,
riproponendo gli album e le canzoni più celebri, raccontando
amicizie e amori, storie e storia, le strade d’America e i sogni di
una generazione "nata per correre".
A cura di Ernesto Assante
e Gino Castaldo
Biglietti: 8 euro a lezione.
Riduzioni: Parco della Musica Card,
giovani fino a 26 anni, over 65
anni, ACI, American Express,
Bibliocard, Carta Giovani, Carta Per
Due, CTS e cral convenzionati,
Feltrinelli Carta Più, Interclub, Arion
Card
F OTO G R A F I A
Una produzione
In collaborazione con
INCONTRI CON LA
FOTOGRAFIA
FRANCESCO MERLO
FOTOGRAFIA, GIORNALISMO, POTERE
Per il ciclo Incontri con la fotografia Ferdinando Scianna incontra Francesco
Merlo, scrittore e giornalista. “Francesco Merlo ha appena pubblicato un
romanzo. Stanza 707, da Bompiani. I lettori dei suoi scintillanti articoli non ne
saranno certo sorpresi. La sua scrittura giornalistica è densa di stratificazioni
di e con Ferdinando Scianna
Lunedì 26
Teatro Studio ore 21
letterarie. Ma non è per questo che ho voluto esplorarne le opinioni in questi
Fotografia, giornalismo, potere
incontri con la fotografia. Sul risvolto di copertina del suo romanzo, invece
dialogo con Francesco Merlo
giornalista e scrittore
della solita biografia, c’è soltanto scritto che Francesco Merlo è giornalista, da
sempre. Da sempre è un sacco di tempo. Diciamo che Merlo è da sempre giornalista anomalo: scanzonato serissimo, anche sociologo
Biglietti: 5 euro
in presa diretta col mondo ma con una patina barocca da moralista settecentesco. Inoltre da un po’ di tempo si confronta per Repubblica
con libere analisi e decodificazioni di fotografie che raccontano l’attualità del mondo. Abbastanza per aspettarsi interessantissime aperture e divagazioni sulla fotografia oggi e sui suoi rapporti con giornalismo, costume, attualità, potere.” Ferdinando Scianna
Prossimo appuntamento
24 giugno con Toni Servillo
FRANCESCO JODICE
Nel maggio 2012 Instagram ha festeggiato il caricamento dell’immagine nume-
FOTOGRAFIA
ro 1.000.000.000. La fotografia è di nuovo una lingua famosa, un codice con-
16, 17 e 18 Sala Stampa
diviso da milioni di persone per conoscere, condividere, comprendere e critica-
Orari: il 16 dalle ore 15 alle 19;
il 17 e 18 dalle ore 10 alle 18
DI COSA STIAMO PARLANDO
QUANDO PARLIAMO DI FOTOGRAFIA
WORKSHOP
re la realtà che cambia intorno a noi. Il workshop si incentra, sia nella parte teorica che nel laboratorio pratico, sul senso e sulle forme del linguaggio fotografico oggi, utilizzando i paesaggi urbani e i paesaggi umani come territori presi a
© Francesco Iodice: San Paolo 2006
pretesto per una verifica sull’attualità e l’incidenza della fotografia nella cultura e
nella società contemporanea. Il laboratorio indaga il dispositivo fotografico e la
fotografia nelle sue diverse fasi: concezione, realizzazione, esposizione, con particolare attenzione a quest’ultima, ovvero alla forza che le immagini assumono
quando sono decontestualizzate e ricollocate in ambienti e ambiti culturali inusuali. Alla parte teorica sarà affiancato un progetto fotografico a tema come processo di verifica del linguaggio fotografico come pratica artistica in grado di svolgere una poetica civile e di lasciare dei segni visibili nel tessuto sociale.
Francesco Jodice
Di cosa stiamo parlando
quando parliamo di fotografia
Quota di partecipazione: 290 euro.
Massimo 20 persone
Iscrizioni e pagamento online:
www.formafoto.it
Oppure prenotare scrivendo a:
[email protected]
[email protected]
I partecipanti al corso dovranno portare
con sé la propria macchina fotografica e
un portfolio composto da circa 10-30
fotografie in formato cartaceo o digitale.
29
L ET T E R AT U R A
Promosso da
Fondazione
Maria e Goffredo Bellonci
in collaborazione con
Fondazione Musica per Roma
Dopo Melania G. Mazzucco, Domenico Starnone e
Premio Strega:
classico contemporaneo
Walter Siti, sarà Alessandro Barbero, Premio Strega nel
1996 con Bella vita e guerre altrui di Mr. Pyle, gentiluomo (Mondadori), ad incontrare il pubblico della
Domenica 4
Teatro Studio ore 11
seconda edizione della rassegna Premio Strega: clas-
Alessandro Barbero
Premio Strega 1996
dalla Fondazione Bellonci con la Fondazione Musica per Roma. Un’occasione per
Il dolore perfetto
di Ugo Riccarelli
ca del Premio che più di ogni altro dal Dopoguerra a oggi ha contribuito a creare un
sico contemporaneo, il ciclo di incontri presentato
riscoprire alcuni capolavori letterari del Novecento e per celebrare la continuità storipubblico di lettori per la narrativa. L’incontro sarà un’occasione per rendere omaggio
a Ugo Riccarelli, vincitore dello Strega nel 2004, a lungo componente del comitato
Biglietti: 5 euro.
direttivo del Premio, scomparso nel luglio 2013. Il dolore perfetto, romanzo corale in cui l’epos incontra il realismo magico nell’intreccio
di diverse generazioni scandite da nascite, morti, tradimenti, sogni, inganni e riconciliazioni, è l’opera che sarà riletta da Alessandro Barbero.
Con quest’ultimo incontro si conclude il ciclo che ha visto quattro vincitori dello Strega rileggere i capolavori dell’albo d’oro del premio, un
modo per mettere a confronto grandi partiture letterarie mescolando le categorie di “classico” e “contemporaneo”. In attesa dell’imminente Premio Strega 2014.
EXTRA
S P O N S O R
Domenica 11
Sala Sinopoli ore 11
Barbara Spinelli
IL SOGNO
Barbara Spinelli
Il Sogno
1941.
Il manifesto di Ventotene
Si
ringrazia
1941. IL MANIFESTO DI VENTOTENE
Per un’Europa libera e unita è il titolo del Manifesto redatto da Ernesto
Rossi e Altiero Spinelli sull’isola di Ventotene, durante il confino fascista.
Un’idea per i tempi tanto più rivoluzionaria perché maturata negli anni
bui della Seconda Guerra Mondiale, in un continente diviso e devastato
dagli eserciti e dai bombardamenti. In un simile contesto un gruppo di
persone di diversa storia personale e di vario orientamento ideale e politico sogna un’Europa federale, libera e giusta. Un sogno che ha iniziato
a prendere forma per iniziativa di una lungimirante classe dirigente europea, decisa, prima di tutto e a ogni costo, a evitare nuove guerre; un
sogno che oggi - di fronte alla sfida dell’unità politica - è messo a dura
prova dalla miopia di governi ed élite.
Biglietti: 9 euro
Riduzioni: Parco della Musica Card,
giovani fino a 26 anni, over 65
anni, ACI, American Express,
Bibliocard, Carta Giovani, Carta Per
Due, CTS e cral convenzionati,
Feltrinelli Carta Più, Interclub, Arion
Card
Barbara Spinelli è tra i commentatori italiani più autorevoli sui temi
della politica internazionale.
EXTRA
Domenica 11
Teatro Studio ore 11
Viaggio nel capolavoro
Ko-Ko
di Charlie Parker
Domenica 25
Teatro Studio ore 11
Guida all’ascolto
In The Beginning Duke
Alla scoperta dei “Sacred
Concerts” di Duke Ellington
a cura di Stefano Zenni
Biglietti: 8 euro a lezione.
Riduzioni: Parco della Musica Card,
giovani fino a 26 anni, over 65 anni,
ACI, American Express, Bibliocard,
Carta Giovani, Carta Per Due, CTS e
cral convenzionati, Feltrinelli Carta Più,
Interclub, Arion Card
30
CAPOLAVORO
VIAGGIO NEL
Ko-aKrlieoParker
di Ch
paci di
usica ca
m
i
d
centrici,
ti
e minu
gesti ec
,
tr
à
i
it
d
v
o
o
Men
o di n
oro,
univers
ni di lav
dere un
iu
h
c
te in an
c
ia
ra
d
o,
tu
s
ente
umorism
curatam
mma e
ra
d
i,
ll
idee ac
ce
il
degli uc
scoprire
i, canti
mo a ri
ia
v
citazion
ro
P
nergia.
.
ne ed e
per nota
astrazio
p nota
o
b
e
b
l
oro de
capolav
COLTO
GUIDA ALL’AS
e
k
u
D
g
n
i
n
n
In sTcohpeerta Bdeie“Sgacired Concerts” di Ellington
nutrì di
gton si
in
ll
E
i,
h
oc
come p
ittoria.
carnale
Uomo
ontradd
c
e
del
a
ri
va
visione
itualità
ò la sua
id
ff
una spir
a
,
mondo
ccatore
io di un
ente pe
h
it
c
n
c
e
e
p
p
s
Im
ite,
certi-su
otico e
tre con
arro, ca
z
iz
b
o
sacro a
, di cert
no.
rse sacro
llo terre
bello, fo
e a que
il
im
s
te
damen
tremen
Alla
L ET T E R AT U R A
ANTONIO CATANIA legge
“Mosca sulla vodka” di Venedikt Viktor Erofeev
Lunedì 12
Teatro Studio ore 21
Nato nel 1938 in un villaggio oltre il Circolo Polare Artico (il padre, capostazione, fu condannato nel ’46 a 6 anni di lager per “propaganda antisovietica”), Venedikt Erofeev, insieme ai
Conversazioni e letture
a cura di Valerio Magrelli
suoi fratelli, venne affidato dalla madre a un orfanatrofio. Dopo essersi diplomato brillantemente, fu espulso da varie università per assenteismo o rifiuto di sostenere gli esami. Caricatore,
legalmente a Mosca. È del 1970 il suo capolavoro, Moskva-Petuški, via via uscito in Italia come
Mosca sulla vodka (Feltrinelli, trad. di P. Zveteremich, 1977), Tra Mosca e Petuški (Fanucci,
trad. di M. Caramitti, 2003) e Mosca-Petuški e altre opere (Feltrinelli, trad. di G. Zappi, 2004).
Diffuso attraverso il samizdat, questo “poema in prosa” fece dell’autore un mito dell’altra letteratura e di un’altra vita: genio e sregolatezza (l’alcolismo), ma soprattutto rifiuto del canone
sovietico, non solo letterario. Fra le altre sue opere ricordiamo le Memorie di uno psicopatico
e il saggio Vasilij Rozanov visto da un eccentrico (1973). Dopo cinque anni di malattia, morì
di un cancro alla gola nel 1990.
ph. Loris T. Zambelli - Photomovie
muratore, stuccatore, bibliotecario, magazziniere, guardiano, si sposò nel ’76 e da allora visse
Antonio Catania
legge “Mosca sulla vodka”
di Venedikt Viktor Erofeev
Introduzione di Serena Vitale
Biglietti: 15 euro.
Riduzioni: Parco della Musica Card,
giovani fino a 26 anni, over 65 anni,
ACI, American Express, Bibliocard,
Carta Giovani, Carta Per Due, CTS e
cral convenzionati,Feltrinelli Carta Più,
Interclub, Arion Card
EXTRA
Stefano Zenni DUKE ELLINGTON
GUIDA
ALL’ASCOLTO DI UN PROTAGONISTA DEL
NOVECENTO
Edward “Duke” Ellington (1899-1974) è stato il più geniale dei compositori jazz e dunque uno dei maestri del Novecento.
Domenica 18
Sala Sinopoli ore 18
Lezioni di Musica
Stefano Zenni
DUKE ELLINGTON
GUIDA ALL’ASCOLTO
DEL NOVECENTO
DI UN PROTAGONISTA
Comporre jazz è come comporre musica classica? Come si integra l’improvvisazione? In che modo le sonorità dei solisti sono parte
del processo creativo? E, nello specifico, qual è il senso profondo della musica di Duke Ellington? Questa conversazione proverà
a dare risposta a queste domande, attraverso l’ascolto e l’analisi per avvicinarsi a quel vasto e variegato universo sonoro e intellettuale che è la musica di Ellington. La lezione è seguita da un breve concerto del pianista Antonio Figura intorno alle suggestioni del compositore.
Biglietti: 8 euro.
Riduzioni: Parco della Musica Card,
giovani fino a 26 anni, over 65 anni,
ACI, American Express, Bibliocard,
Carta Giovani, Carta Per Due, CTS e
cral convenzionati, Feltrinelli Carta Più,
Interclub, Arion Card
EXTRA
Mercoledì 21
Sala Sinopoli ore 21
Secondo e ultimo appunta-
Modigliani.
Sull’orlo dell’abisso
mento per la serie Modigliani.
I falsi e i capolavori
Sull’orlo dell’abisso, dedicata
all’artista maledetto più importante del nostro Novecento,
curata dallo storico dell’arte Claudio Strinati e dallo scrittore e giudice Giancarlo De Cataldo. Nel corso dell’incontro si affronte-
a cura di
Giancarlo De Cataldo
Claudio Strinati
rà il tema dei falsi e dei capolavori del maestro livornese. Si parlerà quindi di Modigliani protagonista della stagione irripetibile
della Parigi delle Avanguardie e si analizzerà con uno sguardo investigativo la fama dell’artista ottenuta anche attraverso le speculazioni dei galleristi e falsari dopo la sua morte. Se le ricerche inedite e l’analisi critica di Strinati ci porteranno a leggere in
una nuova ottica l’artista Modigliani, lo scrittore Giancarlo De Cataldo aggiungerà un sapiente tocco noir ed investigativo al racconto personale e umano della vita di Amedeo e della sua fama. Al pianoforte Lucio Perotti con un repertorio eclettico di musi-
Biglietti: 8 euro.
Riduzioni: Parco della Musica Card,
giovani fino a 26 anni, over 65 anni,
ACI, American Express, Bibliocard,
Carta Giovani, Carta Per Due, CTS e
cral convenzionati, Feltrinelli Carta
Più, Interclub, Arion Card
che di atmosfera che spazieranno dalla grande tradizione popolare ebraica ai ragtime di inizio Novecento. Un ricco apparato
di contributi multimediali arricchirà il percorso di analisi critico e creativo, decisamente inedito e molto spettacolare.
31
EXTRA
In collaborazione con
Venerdì 16, sabato 17,
domenica 18 maggio
Giardini pensili ore 10 - 20.30
Si è affermato come il più prestigioso appuntamento di gardening nazionale. Sui Giardini
pensili dell’Auditorium Parco della Musica una festa lunga un chilometro con i migliori vivai
italiani, giardini e installazioni di architetti del paesaggio, design e arredamento da esterni,
corsi e laboratori per adulti e bambini, artigiani ricercati, musica e arte contemporanea. Per
soddisfare il piacere del giardinaggio, si possono acquistare alberi da frutto, piante acquatiche, rampicanti, cactus, rose … un'infinita varietà per terrazzi, balconi e giardini.
Tra gli appuntamenti da non mancare le sorprendenti installazioni di paesaggio delle “Follie
d’Autore”, mostra curata da Franco Zagari, i giardini temporanei realizzati dai vincitori del
concorso “Avventure creative: innamorarsi in giardino” e i “Balconi per Roma”, allestimenti
creativi del tipico balcone di città selezionati da un contest riservato agli under 30. Oggetti,
arredamento , antiquariato, proposte creative da giardino; giochi a tema per bambini, corsi
Biglietti: intero 10 euro;
ingresso gratuito fino a 12 anni.
di giardinaggio, orticoltura e progettazione di giardini, gratuiti per tutti i visitatori.
Pic-nic sull’erba, bistrò e aperitivi con musica jazz completano il piacere di partecipare ad
www.festivaldelverdeedelpaesaggio.it
32
un evento così originale.
M O ST R E
Una coproduzione
Dal 6 maggio
al 27 luglio
AuditoriumExpo
tutti i giorni
dalle ore 11 alle 21
Nel 2014 ricorrono gli 80 anni dalla prima storica vittoria della Nazionale azzurra del Campionato del Mondo di Calcio. Il 10 giugno 1934, infatti, la
Nazionale italiana incontra la Cecoslovacchia e, sul campo di gioco romano, vince la II edizione delle Coppa del mondo Jules Rimet. Nel 2014 si svolge in
Brasile la XX edizione della Coppa del Mondo. A 80 anni dalla prima storica vittoria dell’Italia della Coppa Rimet (1934) e in concomitanza con lo svolgimento della XX edizione della competizione mondiale, questa mostra vuole ripercorrere la storia della Nazionale, da sempre la più grande passione degli
italiani, l’elemento che unisce la nostra penisola, da Nord a Sud, non meno del tricolore o dell’inno nazionale. L’azzurro delle maglie, introdotto nel 1911
come omaggio a casa Savoia, è entrato in oltre un secolo di vita nell’immaginario e nel costume stesso del Paese fino a diventare il colore di tutto lo sport
La Nazionale tra
emozioni e storia
Un secolo
di calcio azzurro
italiano. Da qui, dal senso di appartenenza e amore che la Nazionale suscita in milioni di persone, nasce l’idea di organizzare la prima mostra che ne racconti i cento anni di storia. Un viaggio affascinante, romantico, suggestivo, scandito in sezioni e singoli capitoli. Cento anni raccontati attraverso le storie, i
successi, i momenti bui, le sconfitte e le riprese. Cento anni di emozioni sportive che strettamente si legano alla storia del Paese, ai cambiamenti sociali,
culturali, al costume e così via. Protagonisti, avvenimenti, curiosità, corrono lungo questo racconto ricco e articolato, nel quale sono enfatizzati momenti di
emozione collettiva, il coinvolgimento e la partecipazione di tutti. Come non ricordare i milioni di tifosi in piazza per la vittoria del Mondiale 1982 o come
Mostra promossa
dalla
Federazione
Italiana
Giuoco Calcio
cancellare la festa del Circo Massimo per il successo nel Mondiale 2006? Questi passaggi sono messi in stretta connessione con gli avvenimenti di storia
sociale, di cronaca, di costume e d’attualità che l’Italia ha vissuto nell’arco del medesimo periodo, così da creare uno sfondo ricco di contenuti che conferisce maggiore profondità a tutto il percorso espositivo. Molti oggetti, alcuni mai esposti prima, accompagnano l’ampia selezione di fotografie, video con
audio originale, documenti, curiosità. La maglia di Silvio Piola ricamata a mano dalla madre accanto alle pipe di Enzo Bearzot e del presidente Sandro
Pertini. E ancora la maglia nera imposta da Mussolini alla squadra nel 1938 al fianco dei palloni, delle medaglie e dei trofei più recenti. Un’installazione
spettacolare e suggestiva accoglie la Coppa del Mondo, non solo trofeo ma vero e proprio oggetto di culto. L’allestimento si avvale di tecnologie di ultima
Biglietti:
5 euro intero;
ridotto 4 euro
per le scuole
generazione e monitor touch-screen, che creano un ambiente immersivo capace di accogliere i visitatori e condurli al centro di uno spettacolo dinamico
ed emozionale. In mostra, oltre alle immagini delle più belle partite azzurre di sempre, con audio originali, la rassegna dei 760 giocatori che hanno vestito la nostra maglia. I piccoli e grandi eroi che hanno contribuito a scrivere una leggenda unica. E oggi a disposizione di tutti.
Partner
Sponsor
In collaborazione
33
Una produzione
Con il patrocinio
SPONSOR
Ordine dei Medici Veterinari
della Provincia di Roma
All’Auditorium Parco della Musica la prima grande festa dell’etologia in Italia.
Tra il 22 e il 25 maggio i giardini pensili accoglieranno cani, gatti e altri simpatici animali domestici insieme ai loro amici umani. Un lungo weekend
con tanti diversi appuntamenti, ideato e organizzato da Pino Donghi, scanditi dalla presenza di una significativa rappresentanza del meglio della ricerca etologica italiana. Al professor Enrico Alleva, Accademico dei Lincei, l’onere di inaugurare le giornate raccontando
dell’invasione delle nostre città da parte di specie che prima poco o nulla eravamo abituati a incontrare: cani, gatti ma
anche pecore, maiali, gabbiani. Il cane sarà oggetto di più incontri, con Pasqualino Santori, che parlerà della migliore
comprensione della prima specie domesticata e Paola Valsecchi, che si chiederà quanto ci capisce e ci ama “Fido”. E
perché “Fido”, appunto, e non Filippo? La risposta a Enzo Caffarelli, uno dei massimi esperti italiani di onomastica. Ma
anche la “vita sociale del gatto”, di cui si occuperà Roberto Bonanni con il quale scopriremo soprattutto la vita dei gatti
domestici di strada. Gli animali domestici non sono solo di straordinaria compagnia: possono essere fonte di cure e
Un lungo weekend tra etologia,
psicologia, storie, arti,
spettacoli e... passione
per gli animali!
22 - 25 maggio 2014
Idea e progetto editoriale
Pino Donghi
Responsabile scientifico
Enrico Alleva
guarigione per diverse patologie. Federica Cirulli dell’Istituto Superiore di Sanità illustrerà la potenzialità di utilizzo degli
animali come strumento terapeutico. Claudio Carere guiderà il pubblico tra le evoluzioni aeree degli storni mentre
Federica Pirrone sottoporrà gli spettatori a test per mostrare come la stretta vicinanza con l’uomo, il cane e il gatto
hanno modificato alcuni comportamenti al fine di ottimizzare la comunicazione interspecifica con “lui”. C’è forse una
filosofia del rapporto tra uomo e animali che va infatti ripensata e sarà Felice Cimatti a proporre alcune importanti
riflessioni a questo proposito. In effetti, diciamo di sapere tanto degli animali ma allo stesso tempo ne sappiamo
pochissimo. Mentre ne parliamo molto… e ci aiuterà a capirne i discorsi il semiologo Paolo Fabbri che, partendo dai
modi di dire la gatta morta, il coraggio da leone, la fierezza della tigre, la memoria dell’elefante… spiegherà questi
veri e propri totem linguistici. E ancora: come e quanto si stressano gli animali? C’è una base evolutiva dello stress?
Lo chiarirà Simone Macrì. Carlo Rondinini parla di ricci&faine. Fantastica la carrellata di Ernesto Assante sul tema: La
voce del padrone... una serata con la storia della canzoni che raccontano dei nostri amici animali. E imperdibile l’appuntamento con Raffaele La Capria, testimone di come sia la vita dell’uomo a contatto con gli amici “domestici” e di
quale ruolo rivestano nella letteratura. A cura dell’ordine dei veterinari una serie d’incontri su temi quali: viaggiare con
cane o gatto: passaporto ed altri consigli pratici; attenzione ai parassiti; il cucciolo: patologie di crescita e prevenzione
nel primo anno di vita; animali non convenzionali (convivenza con coniglio, furetto e rettili)… e molti altri.
Un festival culturale e scientifico ma insieme una grande festa, un’occasione per incontrarsi lasciando da parte tutto
ciò che ogni tanto ci fa “guardare in cagnesco” il nostro collega d’ufficio o comportarci, in casa… come cani e gatti!
34
Biglietti: 10 euro.
Ridotto 8 euro: giovani fino a 26 anni, over 65 anni,
ACI, American Express, Bibliocard, Carta Giovani, Carta
Per Due, CTS e cral convenzionati, Feltrinelli Carta Più,
Interclub, Arion Card, militari e veterinari.
Ridotto 7.50 euro: possessori Parco della Musica Card.
Ridotto ragazzi fino a 16 anni: 5 euro.
Bambini fino 1 metro altezza ingresso gratuito.
Abbonamento:
sabato - domenica: 17 euro intero e 14 ridotto.
Promozione Famiglia (2 adulti + minori):
8 euro per adulti e 5 euro minori.
Il biglietto d’ingresso non garantisce il posto
a sedere per assistere alle conferenze.
La possibilità di accedere alle conferenze
è subordinata alla capienza disponibile
al momento dell’ingresso.
TECNICI
Palco Scientifico-Culturale ore 15
INAUGURAZIONE
Enrico Alleva
Accademico dei Lincei
con Daniela Santucci
Istituto Superiore di Sanità
Cani, gatti, pecore, maiali, pappagalli,
gabbiani... gli italiani tra nuovi alieni e
vecchi amici
Palco Scientifico-Culturale ore 11
Paolo Fabbri
Università Luiss di Roma
Totem linguistici e passioni bestiali
Palco Scientifico-Culturale ore 17
Enzo Caffarelli
Rivista Italiana di Onomastica
Tra Lupo e Leone, Rex e Peppa Pig. Gli
animali nell’onomastica
Palco medico-veterinario ore 16
Anna Faini
Medico Veterinario ASL Roma D
settore igiene urbana veterinaria
Viaggiare con cane e gatto: passaporto
ed altri consigli pratici
Palco medico-veterinario ore 18
Donatella Loni
Presidente dell’Ordine dei Medici
Veterinari di Roma
Anche il cavallo è uno di famiglia
Palco Scientifico-Culturale ore 19
Ernesto Assante
Giornalista musicale
La Voce del padrone
serata con la storia della canzone
attraverso i testi che parlano degli animali
Palco Scientifico-Culturale ore 12.30
Roberto Bonanni
Sapienza – Università di Roma
Vita sociale del gatto di strada
Palco Scientifico-Culturale ore 16.30
Raffaele La Capria
Scrittore
La mia famiglia e altri animali
Incontro con uno dei nostri grandi
scrittori, tra le pagine della sua letteratura
Palco medico-veterinario ore 18
Paolo Selleri
Medico Veterinario
Diplomato Europeo in Medicina
degli Animali non Convenzionali
Animali non convenzionali: la
convivenza con coniglio, furetto e rettili
Palco Scientifico-Culturale ore 19
Claudio Carere
Università della Tuscia
Piogge di guano e nuvole di storni:
perturbazioni di volatili nei cieli urbani
Palco Scientifico-Culturale ore 11
Paola Valsecchi
Università di Parma
Pensare da cani: processi affettivi e
cognitivi in Canis familiaris
Palco Scientifico-Culturale ore 11
Federica Pirrone
Università degli studi di Milano
ComuniCANdo… quando le parole
non servono
Palco Scientifico-Culturale ore 12.30
Pasqualino Santori
Veterinario e Bioeticista
Umani e cani: una storia millenaria, tra
convivenza e randagismo
Palco Scientifico-Culturale ore 12
Francesca Cirulli
Istituto Superiore di Sanità
Cani, gatti... e altri medici in famiglia!
Palco medico-veterinario ore 14.30
Francesca Bellini
Medico Veterinario ASL RMA
Specialista in etologia applicata
e benessere animale,
Alessia Liverini
Medico Veterinario Specialista in etologia
applicata e benessere animale,
Antonio Sessa
Medico Veterinario, libero professionista
esperto in comportamento animale
La convivenza uomo/animale
nell’ambiente urbano moderno
Palco Scientifico-Culturale ore 15.30
Felice Cimatti
Università della Calabria
Filosofia dell’animalità
Palco medico-veterinario ore 16
Michele D’Amato
Medico Veterinario, Specialista in clinica
degli animali d’affezione, Vicepresidente
SIOVET - società italiana di ortopedia
veterinaria
Patologie ortopediche e prevenzione
nel primo anno di vita
Palco Scientifico-Culturale ore 17.30
La mia famiglia e altri animali...
Dacia Maraini parla di “Storie della
Preistoria” di Alberto Moravia.
Un video di Serafino Amato
Palco medico-veterinario ore 13.30
Anna Faini
Medico Veterinario ASL Roma D
settore igiene urbana veterinaria
Viaggiare con cane e gatto: passaporto
ed altri consigli pratici
Palco Scientifico-Culturale ore 14.30
Simone Macrì
Istituto Superiore di Sanità
Anche i topi nel loro piccolo si
stressano
Palco medico-veterinario ore 15
Manuela Farabolini
Medico Veterinario, Past President SIRVAC
- Società Italiana di riproduzione
veterinaria per animali da compagnia
Neonatologia: consigli pratici per la
gestione dei gattini nei primi mesi di
vita
Palco medico-veterinario ore 16.30
Giuseppe Larosa
Medico Veterinario libero professionista
Zoonosi e non solo: attenzione ai
parassiti interni ed esterni del cane e
del gatto
Palco Scientifico-Culturale ore 17
Amici… nostri!
Enrico Alleva, Umberto Agrimi, Simone
Macrì, e altri protagonisti della Festa,
incontrano il pubblico per le ultime
domande, curiosità, racconti…
Palco medico-veterinario ore 18
Gladia Macrì
Medico Veterinario, Responsabile
Direzione Operativa Sierologia IZSLT
Leishmaniosi canina: insetto, cane e
uomo
Palco Scientifico-Culturale ore 19
Carlo Rondinini
Sapienza – Università di Roma
Ricci, Faine & co. Storie di ordinaria
convivenza tra uomo e fauna selvatica
35
EXTRA
Fondazione Musica per Roma
in collaborazione con
INCISIONI, QUALITÀ,
PIACERE D’ASCOLTO
Suono e Audiogamma
LEZIONI DI ASCOLTO
L’ultimo appuntamento della rassegna Lezioni d’Ascolto, il
ciclo di lezioni dedicate alla storia dell’Hi-Fi e all’approfondimento di tematiche legate alle tecnologie di riproduzione
audio, è dedicato al tema “Incisioni, qualità, piacere d’ascol-
Dal cilindro di Edison all’IPod
to”. Una riflessione su quanto
A cura di Paolo Corciulo
direttore rivista Suono
in collaborazione con
Giancarlo Valletta
direttore marketing Audiogamma
la qualità della ripresa e della
registrazione influenzano il
risultato finale. Ascolti a confronto e considerazioni.
Martedì 6 Spazio Ascolto ore 21
“Incisioni, qualità, piacere d’ascolto”
Biglietti: 5 euro
SOUND
CORNER
Maggio
Sound Corner
ingresso libero
Sound Corner / 13
RAM - radioartemobile, Roma
presenta
Cristiano Luciani
Enter the Void
2014
10’ loop
CRISTIANO LUCIANI
M O ST R E / A RT E
Sound Corner è un’installazione sonora permanente collocata
nello spazio di passaggio tra il foyer della Sala Petrassi e il Teatro
Studio: un angolo del suono con una programmazione periodica mensile destinata ad accogliere brani sonori di artisti sempre
diversi, proposti di volta in volta da curatori, artisti e istituzioni.
L’opera sonora Enter the Void di Cristiano Luciani, è una composizione realizzata con sintetizzatori analogici e digitali, effetti e
suoni naturali. I suoni elettronici atmosferici, astratti e fluttuanti
si fondono nei suoni concreti - field recordings - creando un
ambiente sonoro evocativo e suggestivo, cinematografico.
La musica è concepita per immergere l'individuo in un'atmosfera sognante, ipnotica e visionaria: l'opera si definisce nell'immaginario dell'ascoltatore, suggerendo, nella complessa stratificazione materico-pittorica delle frequenze sonore, sensazioni,
E n t e r
t h e
V o i d
2014
10' loop
visioni e memorie dell'anima.
M O ST R E / A RT E
Dal 15 maggio
al 1 giugno
AuditoriumArte
ingresso libero
Orari:
dal lunedì al venerdì
dalle ore 17 alle 21;
sabato e domenica
dalle ore 11 alle 21
One Space / One Sound 3
FRANCESCO
FONASSI
Francesco Fonassi
Canto minore
(Minor Strain)
A cura di
Anna Cestelli Guidi
Canto minore
(Minor Strain)
2014
La mostra di Francesco Fonassi è il terzo appuntamento del progetto espositivo della Fondazione Musica per Roma dedicato all’arte del suono per lo spazio AuditoriumArte: “One Space / One Sound”. Il lavoro di Francesco Fonassi (Brescia, 1986) si focalizza
sulle dinamiche dell’ascolto e sui meccanismi della percezione uditiva, testandone limiti e potenzialità in termini intersoggettivi. In
collaborazione con Michele Ducceschi - fisico teorico e PHD presso il dipartimento di fisica acustica dell’università di Parigi – l’artista presenta Canto minore (Minor Strain), fenomeno acustico generato attraverso un codice che applica modelli fisici non-lineari
alla sintesi sonora digitale. Un piatto metallico simulato viene percosso e messo in vibrazione applicando e modificando le condizioni fisiche nelle quali virtualmente suona, secondo criteri compositivi atti a misurarne e controllarne i modi. Canto minore (Minor
Strain) accorpa al lavoro sonoro un video, una partitura incisa su lastre metalliche e un journal che traccia - per accoppiamento e
36
sostituzione - il perimetro di un territorio a venire.
EXTRA
Sabato 3 e domenica 4
Spazio Risonanze
sabato dalle ore 11 alle 20,
domenica dalle ore 10 alle 20
M USICA
Domenica 25
Sala Sinopoli ore 19
Concerto di beneficenza a favore dell’Ospedale Bambino Gesù
Tanzania Itigi e The Children for Peace Onlus
Concerto di beneficenza a favore
dell’Ospedale Bambino Gesù –
Tanzania Itigi e The Children for
Peace Onlus
ORCHESTRA ROMA SINFONIETTA
GABRIELE BONOLIS • CHARLIE SIEM
OLIO IN PIAZZA 2014
Orchestra Roma Sinfonietta
a cura di
Unioncamere Lazio
Gabriele Bonolis direttore
Charlie Siem violino
M. Bruck Concerto in sol
minore per violino e orchestra
Ingresso libero
F. Schubert Sinfonia n.5
Olioinpiazza2014
Danzatori Federico Bonelli,
Letizia Giuliani, Amilcar
Moret Gonzalez
Coreografia
Massimo Moricone
L’evento ha lo scopo di raccogliere fondi per aiutare
La mostra”Olio in piazza”, sponsorizzata da Unioncamere Lazio, si propone di valorizzare
Musica Alva Noto
le eccellenze della produzione olivicola del Lazio. Dal 3 al 4 maggio all’interno dello
e con Valerio De Rosa e
Francesco Morabito
Spazio Risonanze si terranno degustazioni gratuite sulla qualità organolettiche e qualitati-
e sostenere l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù,
centro di eccellenza a livello internazionale per la
salute dei bambini e dei ragazzi; l’ospedale donerà il
ve del prodotto oleario e sarà anche possibile degustare gratuitamente i migliori oli della
ricavato dell’evento al “Village of Hope”, costruito 10
Biglietti: da 15 a 20 euro
regione.
La mostra si pone l’obiettivo di far conoscere a un pubblico sempre più vasto e competente questo prodotto che, nel panorama della produzione agro-alimentare italiana, riveste un ruolo fondamentale, sia da un punto di vista economico che culturale. La coltiva-
anni fa in Tanzania. Parte del ricavato sarà devoluto
anche alla Onlus The Children for Peace, organizzazione che opera nelle zone più povere del
mondo per aiutare i bambini orfani e malati di HIV. Il contributo andrà a sostegno del nuovo
centro pediatrico in Mali. Stella della serata sarà il violinista Charlie Siem, talento indiscusso
zione dell’olivo, infatti, è al tempo stesso elemento caratteristico e caratterizzante del pae-
e musicista tra i più interessanti del panorama internazionale, che per la prima volta si esibi-
saggio e prodotto tipico per antonomasia.
rà a Roma con l’ Orchestra Roma Sinfonietta diretta dal M° Gabriele Bonolis. A seguire,
Attraverso il concorso regionale Orii del Lazio, si intende mostrare che l’olio non è solo
Federico Bonelli, stella italiana del Royal Ballet di Londra, insieme ad Amilcar Moret Gonzalez
sinonimo di gusto e di cucina di qualità, ma è diventato una vera e propria cultura, che
e Letizia Giuliani, danzerà le coreografie che Massimo Moricone, tra i più noti e talentuosi
segna il paesaggio e i modi di produzione, soprattutto nel Lazio dove l’olivo è stato colti-
coreografi italiani, creerà per la serata. Ospiti musicali saranno: Valerio de Rosa (Xfactor) con
vato da millenni.
il singolo “Una Musica per i Bambini”, composto per l’occasione, e il piccolo ma grande chitarrista Francesco Morabito che a soli 9 anni di età si esibirà con questi grandi artisti.
Un’occasione veramente unica per godere di emozioni e suggestioni che danza e musica
sanno offrire.
F E ST I VA L D I V I L L A A D R I A N A
Promosso da
Prodotto da
AREA ARCHEOLOGICA DI VILLA ADRIANA • TIVOLI
18 GIUGNO - 15 LUGLIO 2014 ore 21
18 e 19 giugno
TEATRO
EMMA DANTE
Verso Medea
26 giugno
MUSICA
RICHARD GALLIANO
Tangaria Quartet
3 luglio
DANZA
CAROLYN CARLSON
Dialogue with Rothko
21 giugno
MUSICA
MARIO BRUNELLO
Odusia
27 giugno
TEATRO MUSICA
MIMMO CUTICCHIO
AMBROGIO SPARAGNA
I Quattro Canti di Palermo
6 luglio
CIRCO CONTEMPORANEO
C!RCA
Beyond
23 giugno
DANZA
BRUNO BELTRÃO
H3
In collaborazione con
Direzione Regionale per i Beni
Culturali e Paesaggistici del Lazio
COMUNE DI
TIVOLI
25 giugno
DANZA
MARTHA GRAHAM
DANCE COMPANY
La Sagra della Primavera
Depak Ine
Diversion of Angels
Errand
1 luglio
MUSICA
UTE LEMPER
con PMCE PARCO DELLA
MUSICA CONTEMPORANEA
ENSEMBLE
Canzoni dal secolo breve
(1914-1991)
10 e 11 luglio
DANZA
NEDERLANDS
DANS THEATER 2
I New Then
Shutters Shut
Subject to Change
Cacti
14 luglio
TEATRO
NIGHT COMMUTERS
di Oscar Pizzo
e Guido Barbieri
15 luglio
TEATRO
URBANO BARBERINI
con la partecipazione di
DANILO REA
Le rovine di Adriano
www.auditorium.com
37
DITA
N
E
V
IN
IÀ
G
A
E
V
A
C
GRANDI CONCERTI IN
ALL’AUDITORIUM PER
Luglio suona bene
LUGLIO
1 Jeff Beck
3 Rufus Wainwright
7 Patty Pravo
8 Massive Attack (MIT)
10 Asaf Avidan
11 Keith Jarrett
12 Robert Plant
14 Kraftwerk 3D (MIT)
15 Damon Albarn
16 Stefano Bollani landa
Hamilton De Ho
ub
17 Buena Vista Social Cl
18 Pino Daniele
Sinfonico a metà
21 James Blunt
22 Yann Tiersen
23 The National
25 Mogwai
26 Herbie Hancock
Wayne Shorter
27 Simple Minds
28 Loredana Berté
30 Massimo Ranieri
31 Roberto Vecchioni
1 AGOSTO Avion Travel
Ulteriori aggiornamenti su: www.auditorium.com
38
ISTITUZIONALI
ACCADEMIA
NAZIONALE DI
SANTA CECILIA
SOCI FONDATORI
Stato Italiano
PA RT N E R I ST I T U Z I O N A L I
PRIVATI
M E D I A
ANTICIPAZIONI GIUGNO 2014
ACCADEMIA NAZIONALE DI SANTA CECILIA
MAGGIO 2014
L’Auditorium è aperto tutti i giorni
dalle 11 alle 20; domenica e
festivi dalle 10 alle 20.
FONDAZIONE MUSICA PER ROMA
VISITE GUIDATE
YURI TEMIRKANOV
TORI AMOS
Giorni feriali
Visite architettoniche solo
su prenotazione per gruppi
da min. 10 persone.
FILARMONICA
DI SAN PIETROBURGO
lunedì 2
PAT METHENY
UNITY GROUP
musiche di Ciajkovskij,
Sciostakovich, Stravinskij
martedì 10
mercoledì 18
Swing Symphony
WAYNE MARSHALL
dirige Ellington e Marsalis
sabato 14, lunedì 16, martedì 17
dal 18 giugno al 15 luglio
ANTONIO PAPPANO
Roma!
Luglio suona bene
Respighi
“Pini e Fontane di Roma”
Maxwell Davis
“Alla ricerca di Borromini”
venerdì 27
3, 10, 17 LUGLIO 2014
Stagione estiva
SUITES CIAJKOVSKIJ
Il favoloso mondo di Pëtr Il'icˇ
tra fiabe e concerti
LUGLIO 1 Jeff Beck • 3 Rufus Wainwright
• 7 Patty Pravo • 8 Massive Attack (MIT)
• 10 Asaf Avidan • 11 Keith Jarrett • 12
Robert Plant • 14 Kraftwerk 3D (MIT) •
15 Damon Albarn • 16 Stefano Bollani
Hamilton De Holanda• 17 Buena Vista
Social Club • 18 Pino Daniele Sinfonico a
metà • 21 James Blunt • 22 Yann Tiersen
• 23 The National • 25 Mogwai • 26
Herbie Hancock Wayne Shorter • 27
Simple Minds • 28 Loredana Berté • 30
Massimo Ranieri 31 Roberto Vecchioni
AGOSTO 1 Avion Travel
Nel rispetto dell’ambiente questo
numero è stampato su carta
S O C I
Sabato, domenica e festivi
Partenze ogni 60 minuti
dalle 11.30 alle 16.30.
Altri turni solo su prenotazione
per scuole e gruppi da 10 a 40
persone.
Percorso
Sala Santa Cecilia, Sala Sinopoli,
Sala Petrassi, Cavea, Foyer, Parco
Pensile.
Per esigenze tecnico - artistiche
non tutte le sale potrebbero
essere accessibili e le visite
guidate potrebbero essere
annullate, anche con breve
preavviso, in caso di spettacoli,
prove o altri avvenimenti.
Biglietti
Visita guidata: intero 9 euro;
ridotto per gruppi da 10 a 40
persone e over 65: 7 euro;
fino a 26 anni, studenti, gruppi
scolastici organizzati: 5 euro
Informazioni
Tel. 06 802.41.281
Fax 06 802.41.420
[email protected]
www.auditorium.com
Bibliomediateca
La più moderna biblioteca
musicale di Roma. Postazioni
multimediali per l’ascolto dei
concerti dell’Accademia di Santa
Cecilia e accesso alle teche RAI.
Aperta dal lunedì al venerdì dalle
11 alle 17, ingresso libero.
tel. 06 80242332
www.santacecilia.it
MUSA Museo degli
Strumenti Musicali
dell’Accademia Nazionale
di Santa Cecilia
Aperto tutti i giorni dalle ore 11
alle 17. Chiuso il giovedì.
Info e prenotazioni:
tel. 06 80242382
http://museo.santacecilia.it
[email protected]
Ingresso gratuito
AUDITORIUM
PARCO DELLA MUSICA
Viale Pietro de Coubertin
00196 Roma
Biglietteria: aperta tutti i
giorni dalle 11 alle 20.
Nei giorni di spettacolo
chiude a inizio evento.
Acquisti telefonici:
Call Centre LisTicket
Tel. 892.982 (serv. a pag.)
dal lunedì al sabato:
ore 10 - 13; 14 - 18
(esclusi i festivi)
Call Centre Zètema
(Comune di Roma)
Tel. 06.06.08
Ricevitorie Lottomatica
abilitate al servizio di
biglietteria LisTicket
www.listicket.com
acquisto con carta di credito
Tutte le riduzioni previste
sono applicabili soltanto
presso la biglietteria
dell’Auditorium.
www.auditorium.com
Infoline Musica per Roma:
06 802.41.281
(dalle ore 11 alle ore 18)
www.santacecilia.it
Infoline Santa Cecilia:
06 80.82.058
[email protected]
BIGLIETTI MUSICA PER
ROMA A DOMICILIO.
Per tutti gli eventi
programmati è attivo il
servizio di spedizione a casa
dei biglietti acquistati via
internet, al costo di 12 euro
su tutto il territorio nazionale.
PARCHEGGIO
TARIFFE PARCHEGGI
AUDITORIUM (parcheggio a
raso con accesso da Viale de
Coubertin e parcheggio
multipiano con accesso da Viale
de Coubertin e/o viale
Marescialllo Pilsudski).
Carnet di ticket prepagati con
posto non assicurato.
Da 5 ticket: 10 euro;
da 10 ticket: 20 euro.
Ticket prepagati singoli con
posto assicurato.
Costo ticket 3 euro.
Info: www.atac.roma.it
Call Center:
ATAC Parcheggi 06 57118333
dal lunedì al venerdì ore 9 - 17
S P O N SO R
Note Book
Nel bookshop
dell’Auditorium è disponibile
un ampio assortimento di
libri, CD, DVD, spartiti. Un
luogo dove leggere e/o
ascoltare, oppure acquistare
il merchandise
dell’Auditorium.
Orario: tutto il giorno
fino a tarda sera.
Tel. 06 80693461
Per Piacere
Nell’emporio dell’Auditorium
è possibile trovare gioielli,
cravatte, quadri, vino e
impianti Hi-Fi. Un luogo di
qualità dove ogni oggetto è
esclusivo.
Orario: dalle 11 fino a
tarda sera.
Tel. 06 80690384
ReD
È un innovativo ristorante show room, aperto da
pranzo fino a tarda notte.
Tel. 06 80691630
www.redrestaurant.roma.it
CREDITS
MUSICA PER ROMA
Redazione a cura
Ufficio Comunicazione
di Musica per Roma
Responsabile
José Manuel Irigoyen
Testi di
Noemi Di Muro
Elena Fiorà
Maria Laura Proietti
Massimo Pasquini
Marta Fontana
Giorgio Enea Sironi
Teodora Cosmidis
Eleonora Donati
José Manuel Irigoyen
ACCADEMIA NAZIONALE
DI SANTA CECILIA
Redazione a cura
Ufficio Comunicazione e
Marketing Accademia
Nazionale di Santa Cecilia
Responsabile
Giovanna Maniezzo
Emanuela Floridia
Daniele Battaglia
Leandro Giori
Testi di
Paola Pacetti
Foto di
Riccardo Musacchio
e Flavio Ianniello
Progetto grafico e
impaginazione
Marco Sauro
Stampa Grafiche Deste Srl
F O N D AT O R I
SPONSOR ISTITUZIONALI
P A R T N E R
T E C N I C I
M EDIA
MUSICA
PER ROMA
Agenzia delle Dogane
e dei Monopoli
CANALE 68 DEL DIGITALE TERRESTRE
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
15 492 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content