close

Enter

Log in using OpenID

Contenuti 2 lezione - Save a Life - Movimento Giovani Croce Verde

embedDownload
www.savealife.it – [email protected] – 010 78 56 360
Check-list e materiali
INIZIO TURNO: ad ogni inizio turno è buona norma che l’equipaggio effettui un controllo della
presenza e della funzionalità delle attrezzature.
Inoltre si deve provvedere alla sostituzione dell’acqua nel gorgogliatore dell’ossigeno.
Per effettuare la check-list ci si può affidare alla tabella presente a bordo di ogni mezzo di
soccorso
Calcolo autonomia impianto Ossigeno
Esempio:
= 140 minuti
RIENTRO DAL SERVIZIO:
Dopo ogni servizio è opportuno:
• Reintegrare il materiale utilizzato
• Sostituire l’acqua del gorgogliatore
• Pulire il mezzo di soccorso con soluzione disinfettante
Corso Aspiranti Soccorritori
Check-list e materiali
Controllo autonomia ossigeno
Controllo livelli di Ossigeno
DATA
ORA
Mezzo: 3-33_
BOMBOLA 1 BOMBOLA 2
DICEMBRE 2013
SCORTA
(2Kg)
ZAINO
FIRMA
Registro pulizia mezzo di soccorso
SCHEDA PULIZIA MEZZI
DATA
ORA
Mezzo: 3-33_
PULIZIA
DICEMBRE 2013
FIRMA
NOTE
Lista di controllo materiali
1.
MATERIALE DI PROTEZIONE
Guanti monous o 2 XL
Mas cherine protezione x 4
Mas chera chirurgica x 2
Occhiali di protezione x 4
Camici monous o x 4
Cas co di protezione x 4
ELETTROMEDICALI
Defibrillatore 3 deriv.
DAE completo
SI
SI
SI
SI
SI
SI
NO
NO
NO
NO
NO
NO
SI NO
SI NO
6.
MATERIALE MEDICAZIONI
Garze non s terili (s fus e)
Garze s terili mis . 36x40 1 conf
Garze s terili mis . 18x40 1 conf
Benda per fas ciature x 3
Cerotto carta 1 x mis . 2,5
Cerotto carta 1 x mis . 5
Cerotto s alvelox N° 10
Cerotto TNT 1x mis . 5-10
Rete tubolare 1 x mis . 3-5
Corso Aspiranti Soccorritori
SI
SI
SI
SI
SI
SI
SI
SI
SI
NO
NO
NO
NO
NO
NO
NO
NO
NO
Check-list e materiali
Corso Aspiranti Soccorritori
Lo zaino di soccorso (aggiornamento 2013)
A partire da OTTOBRE 2013 è stato adottato un nuovo sistema di codifica colore, per la disposizione dei materiali
nello zaino (e entro gennaio 2014 anche a bordo del mezzo)
•
•
•
•
GIALLO
ROSSO
BLU
VERDE
DIAGNOSTICA (Saturimetro, sensori, termometro, sfigmomanometro e fonendo)
RIANIMAZIONE (AMBU completo e montato, mascherine, cannule, tiralingua ecc)
DISINFEZIONE (garze, soluzione fisiologica, acqua ossigenata)
MEDICAZIONI (Coperta isotermica, ghiaccio, cerotti, bende, nastro carta, laccio emostatico, ecc.)
Idealmente gli zaini sono divisi
in step, legati alla gravità.
Step 1:
diagnostica e O2
Step 2:
rianimazione
medicazioni
disinfezione
Tasca principale:
Diagnostica e Ossigenoterapia
Tasca secondaria:
Rianimazione, Medicazioni,
Disinfezione
Corso Aspiranti Soccorritori
Il Mezzo di soccorso (aggiornamento 2013)
A partire da OTTOBRE 2013 è stato adottato un nuovo sistema di codifica colore, per la disposizione dei materiali
nello zaino (e entro gennaio 2014 anche a bordo del mezzo)
•
GIALLO
DIAGNOSTICA (Monitor , Sfigmomanometro e fonendo)
•
ROSSO
RIANIMAZIONE (AMBU completo e montato, mascherine, cannule, tiralingua ecc)
•
BLU
DISINFEZIONE (garze, soluzione fisiologica, acqua ossigenata)
•
VERDE
MEDICAZIONI (Coperta isotermica, ghiaccio, cerotti, bende, nastro carta, laccio
NERO
KIT AMPUTAZIONI (sacco arto, ghiaccio, fisiologica, tampon-benda, garze sterili,
ROSA
KIT PARTO D’EMERGENZA ( coperta isotermica baby, telo sterile, bende sterili,
BABY
MATERIALE PEDIATRICO ( sfigmomanometro, stetoscopio, AMBU maschera,
•
•
•
emostatico)
guanti sterili)
clamp, pinza ombelicale ecc.)
cannula)
Corso Aspiranti Soccorritori
Valutazione e codici colore
Prima di iniziare con le manovre di soccorso è necessario conoscere quelli che sono i nostri punti di riferimento: i Parametri
Vitali.
I parametri vitali devono essere sempre rilevati e comunicati alla C.O., è importante fornire il maggior numero di informazioni
relative al paziente in modo da consentire all’operatore di codificare correttamente il nostro paziente, ed inviare il mezzo di
soccorso adeguato. I parametri vitali insieme all’anamnesi forniscono una visione a 360° del quadro clinico della persona.
È bene ricordare che noi siamo gli occhi della Centrale Operativa
I parametri vitali sono valori oggettivi e universali che ci consentono di compiere una valutazione della condizione di un
paziente e classificarlo secondo dei codici di gravità.
Osserviamo questi due riferimenti nel dettaglio:
Parametri Vitali:
Stato di Coscienza
Respiro
Polso
Pressione Arteriosa
Temperatura corporea
Stato della cute
Glicemia
I Codici di Gravità:
oCodice Bianco – paziente non critico –
NON URGENTE
Codice Verde – paziente poco critico –
URGENZA MODESTA
Codice Giallo – paziente mediamente critico -
URGENZA
Codice Rosso – paziente molto critico -
EMERGENZA
Corso Aspiranti Soccorritori
Parametri Vitali:
Stato di Coscienza: la valutazione si effettua utilizzando la scala AVPU, acronimo che attribuisce una lettera per ogni stato di
coscienza, analizziamola:
A: Alert paziente cosciente, occhi aperti,parla e risponde correttamente alle domande
V: Verbal il paziente è confuso, reagisce se chiamato, risponde in modo incerto
P: Pain il paziente è soporoso reagisce solo agli stimoli dolorosi, non risponde alle domande
U: Unresponsive paziente incosciente, non risponde a nessuno stimolo (Cod. Rosso)
Respiro: la respirazione è quell’insieme di atti inspiratori ed espiratori necessari per gli scambi gassosi a livello polmonare.
I valori da controllare per questo parametro sono essenzialmente due :
•Numero di atti respiratori al minuto
•Saturazione periferica di Ossigeno
Il numero di atti respiratori normale è tra i 12 e i 20 al minuto, con valori diversi si parla di difficoltà respiratoria
Atti al minuto:
12-20
9-11/21-29
<8 / >30
La Saturazione periferica di Ossigeno (SpO2) è un valore percentuale rilevabile utilizzando uno strumento chiamato saturimetro.
La saturazione va rilevata appena giunti sul posto, avremo cosi la «saturazione in aria».
Attenzione!
Il saturimetro rileva la quantità di emoglobina ‘legata’, senza distinguere a cosa, in condizioni normali questa si lega all’ossigeno
o all’anidride carbonica. In caso di INTOSSICAZIONE da CO (monossido di carbonio), a causa delle sue proprietà chimiche
che lo rendono un ottimo legante verso l’emoglobina, il saturimetro rileverà una SpO2 di 100% !
I valori sono
95-100 %
90-94 %
< 94 %
Corso Aspiranti Soccorritori
Parametri Vitali:
Polso: rappresenta l’espressione del battito cardiaco, questo parametro può essere rilevato premendo sull’arteria radiale (polso
periferico) o sull’arteria carotide (polso centrale)
Per questo parametro i valori da controllare sono tre:
•Frequenza Cardiaca : i valori normali sono a riposo tra i 60 e 100 battiti al minuto
•Carattere : Pieno o Debole
•Ritmo : Regolare o Irregolare
Essendo però alle prime armi ci preoccuperemo solo di valutare la Frequenza Cardiaca
Frequenza cardiaca:
60-100
50-59 / 101-149
<50 / >150
Altri polsi risultano molto importanti nella valutazione del paziente traumatizzato, poiché ci danno un idea dello stato
cardiocircolatorio della persona.
Questi sono:
• Carotideo (importante nell’arresto)
• Femorale
• Brachiale (importante nel lattante)
• Radiale
• Tibiale
Pressione Arteriosa : è la pressione esercitata dal sangue sulle pareti arteriose nei 2 momenti cardiaci la Sistole (contrazione) e
la Diastole (rilassamento), si parla rispettivamente di pressione Massima e Minima, si misura in millimetri di mercurio (mmHg), con
lo Sfigmomanometro.
I valori normali sono:
•Sistolica : tra 90 e 160 (180) mmHg
•Diastolica : tra i 60 e i 90 mmHg
Corso Aspiranti Soccorritori
Valutazione neurologica – Cincinnati Stroke Scale
Un utile e veloce strumento per la valutazione neurologica del paziente è data dalla Cincinnati Stroke Scale, in realtà non è realmente
una scala valutativa poiché un solo valore positivo (punteggio ≥ 1) è sufficiente per sospettare che sia in atto un Ictus (rischio
superiore al 70%).
1. Simmetria del volto: invitare il paziente a sorridere o mostrare i denti
normale se entrambi i lati del viso si muovono allo stesso modo
anormale se un lato del viso si muove differentemente rispetto all'altro
0
+1
2. Coordinazione: invitare il paziente a chiudere gli occhi e sollevare le braccia)
•
normale se entrambi gli arti si muovono allo stesso modo
•
anormale se un arto cade o si muove differentemente rispetto all'altro
0
+1
•
•
3. Linguaggio: invitare il paziente a pronunciare una frase
•
normale se il paziente pronuncia correttamente la frase
0
•
anormale se il paziente sbaglia le parole, le strascica, o è incapace di parlare +1
Un punteggio maggiore/uguale a 1 è una condizione di URGENZA, il paziente va immediatamente ospedalizzato
Parametri Vitali: strumenti diagnostici
Saturimetro (o Pulsiossimetro):
strumento non invasivo per rilevare la
percentuale di emoglobina legata nel
sangue. In condizioni normali il valore è
riferito al legame con O2 e rimane
intorno al 100%.
Attenzione: in caso di intossicazione da
CO il valore sarà comunque 100% poiché
lo strumento rileva la quantità di
emoglobina legata, senza distinguere il
legame con CO o O2.
Il Monossido di carbonio ha un’affinità
migliore rispetto all’ossigeno quindi lega
in maniera molto salda l’emoglobina
Sfigmomanometro ad aneroide:
strumento utilizzato per la misurazione
della Pressione Arteriosa in modo Non
Invasivo (NIBP), costituito da un bracciale
pneumatico ed un manometro graduato
su cui è possibile rilevare il valore
pressorio in mmHg. Per la Misurazione
corretta va utilizzato insieme ad uno
stetoscopio .
Esistono varie misure di bracciale in base
alla corporatura del paziente ( bambino,
adulto normale, adulto obeso, ecc.)
Corso Aspiranti Soccorritori
Stetoscopio (o Fonendo): Utilizzato
dal personale medico per auscultare i
vari distretti corporei, viene utilizzato
dal soccorritore per la rilevazione
della Pressione Arteriosa unitamente
ad uno sfigmomanometro ad
aneroide
Parametri Vitali: Lifepak 12
Come si usa – Accensione/Spegnimento
Prima di compiere qualsiasi operazione con Lifepak 12 è necessario
accenderlo, come si fa?
• Premere il tasto ON (Area1), subito sentiremo un segnale
acustico e lo strumento inizierà l’autotest.
• Per spegnere lo strumento premere nuovamente ON
Dopo lo spegnimento, verificare sempre che si accenda la spia
gialla BATT.CHG
SPIA SERVICE: segnalare tempestivamente l’eventuale accensione
di questa spia
Come si usa – Rilevazione SpO2 % e Frequenza Cardiaca
• Accendere lo strumento (vedi passo 1)
• Applicare il sensore a molletta al dito del paziente (come
saturimetro), dopo alcuni istanti nella parte sinistra dello
schermo compariranno i dati della rilevazione (vedi slide
precedente).
Come si usa – Misurazione della Pressione Arteriosa (NIBP)
• Accendere lo strumento (vedi passo 1)
• Applicare bracciale al paziente (come sfigmomanometro)
• Premere il tasto NIPB (Area3), durante la misurazione si
accenderà la spia vicino al tasto.
• Terminata la misurazione i valori appariranno in basso a sinistra
(vedi slide precedente)
29/06/2012
Appendice Monotematica 1 - Lifepak 12
Parametri Vitali: UT4000A e UT6000A
Monitor Philips, diversi per dimensioni
ma uguali per funzionamento.
ECG: 5 derivazioni
Rilevazione SpO2
Rilevazione NIBP (pressione arteriosa)
ECG
Accensione
Blocca/Freeze
Tacita allarmi
Pressione
arteriosa
29/06/2012
Stampa (solo
UT6000)
Appendice Monotematica 1 - Lifepak 12
Approccio al paziente traumatizzato:
Il paziente traumatizzato ci pone di fronte ad una serie di problemi in più rispetto ad un paziente non traumatizzato, uno tra tanti, come
fare a non peggiorare la sua condizione?
Poiché gli scenari possono essere molteplici, è bene agire seguendo un criterio standard in modo da non tralasciare nessun particolare.
Per valutare e proteggere il traumatizzato dobbiamo agire nel seguente modo:
•Messa in sicurezza della scena evento
•Allontanamento curiosi
•Valutazione della vittima ABCDE
Ecco per quel che riguarda la valutazione seguiremo il protocollo ABCDE molto semplice da ricordare e allo stesso tempo efficace
Immobilizzazione del Rachide Cervicale (COLLARE)
Stato di Coscienza
Ossigeno (se possibile)
A – Vie aeree (Airways) e Coscienza
Attività Respiratoria
B Respiratoria
– Respiro (Breathing)
Frequenza
Simmetria movimenti torace (se possibile)
C – Circolo
Controllo Polso (Periferico e Centrale)
– Disability
esame
RicercaD
sommaria
di emorragie (se (Piccolo
presenti tampono
per arginareneurologico)
la fuoriuscita di sangue)
– Exposure (Esposizione parti traumatizzate)
Stato diE
Coscienza
Pupille (se possibile)  Sono entrambe uguali? Sono entrambe rotonde? Alla luce reagiscono?
Esposizione delle parti traumatizzate
Valutazione “testa-piedi”
Protezione dall’ipotermia
Questo ultimo passo è solitamente fatto in ambiente protetto (ambulanza)
Corso Aspiranti Soccorritori
Approccio al paziente traumatizzato:
•
•
•
Valutazione coscienza
Immobilizzazione rachide cervicale
Somministrazione ossigeno
Alert
Verbal
Pain
Unresponsive
Corso Aspiranti Soccorritori
Approccio al paziente traumatizzato:
•
•
•
Rilevazione Saturazione
Valutazione attività respiratoria
Simmetria movimenti toracici
Corso Aspiranti Soccorritori
Approccio al paziente traumatizzato:
•
•
•
Ricerca emorragie
Valutazione polso
Stato della cute
La presenza di un polso
periferico (radiale) indica una
pressione sistolica (massima)
adeguata = o sup. 80 mmHg
Se Radiale assente ricercare
polso Carotideo
Carotideo presente PAS = o sup
60 mmHg
La caduta della PA è di norma un
sintomo tardivo dello Shock, e il
valore strumentale sarà rilevato
nella rivalutazione prima del
trasporto
Corso Aspiranti Soccorritori
Approccio al paziente traumatizzato:
•
•
Rivalutazione stato di coscienza
Stato delle pupille
Alert
Verbal
Pain
Unresponsive
Corso Aspiranti Soccorritori
Approccio al paziente traumatizzato:
•
•
•
Valutazione testa-piedi
Prevenzione ipotermia
Scelta strategia di mobilizzazione
Corso Aspiranti Soccorritori
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
1 620 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content