close

Enter

Log in using OpenID

Arrampicare in sicurezza

embedDownload
Per la tua sicurezza
L’upi è il centro svizzero di competenza per la prevenzione degli
infortuni al servizio della popolazione. Conformemente al mandato
federale, l’upi persegue lo scopo di divulgare i risultati scientifici
derivanti dalla propria attività di ricerca tramite le sue consulenze,
le formazioni e le campagne destinate tanto agli specialisti quanto
al vasto pubblico. Il sito www.upi.ch offre maggiori informazioni.
L’arrampicata è uno sport che richiede un’attenzione particolare ai
requisiti di sicurezza. Il minimo errore può avere conseguenze fatali! Un equipaggiamento funzionale, dimestichezza nell’assicurarsi e
una spiccata sensibilità per i pericoli concorrono a ridurre i rischi.
L’upi desidera contribuire a migliorare ulteriormente la sicurezza
negli sport di arrampicata.
Arrampicare – divertimento assicurato!
Il tuo upi
Upi – Ufficio prevenzione infortuni, casella postale 8236, CH-3001 Berna
Tel. +41 31 390 22 22, fax +41 31 390 22 30, [email protected], www.upi.ch
2
Introduzione
L’arrampicata sportiva ha avuto negli ultimi decenni un importante
sviluppo e attira di anno in anno un numero sempre crescente di
appassionati. Un elemento che ha sicuramente contribuito al successo di questo sport, è la molteplicità di applicazioni: passaggi
difficili in palestra, vie lunghe in ambiente alpino, scalate piacevoli
su soleggiate falesie; arrampicando ognuno trova piacere indipendentemente dall’età e dalle capacità. Per godere appieno di questa
affascinante attività, bisogna però conoscere e applicare delle
importanti regole di sicurezza.
L’arrampicata comporta dei rischi. Lasciati istruire!
Nell’ambito del promovimento della sicurezza nell’arrampicata
sportiva, il Club Alpino Svizzero CAS, con il sostegno dell’upi, di
alcune scuole di alpinismo e dell’associazione dei centri di arrampicata, ha sviluppato e mette a disposizione l’opuscolo „arrampicare
in sicurezza”. Obiettivo di questo piccolo manuale è quello di definire e proporre delle regole elementari di sicurezza per minimizzare
i rischi dell’arrampicata sportiva.
Buon divertimento arrampicando in sicurezza.
Bruno Hasler, Responsabile settore formazione CAS
3
L’arrampicata comporta dei rischi. Lasciati istruire!
Regole di base dell’arrampicata
1 Riscaldamento
Con esercizi o salite di riscaldamento, non proteggi solo le tue articolazioni, i tendini e i muscoli da eventuali ferimenti, ma puoi
anche aumentare la tua prestazione sportiva.
2 Controllo del compagno prima di ogni salita („Partnercheck“)
Verificate a vicenda e con attenzione: chiusura dell’imbracatura, nodo d’incordamento, attrezzo di sicurezza, ghiera del moschettone,
capo della corda.
3 Comportamento corretto dell’assicuratore
Manipolare correttamente l’attrezzo di sicurezza, mantenere una posizione adeguata e attenta, lasciar poca corda lasca, calare in
modo controllato.
4
4 Comportamento corretto dell’arrampicatore
Moschettonare la corda da posizione stabile e vicina al punto d’incordamento, considerare l’andamento della corda.
5 Comunicazione chiara
Una comunicazione chiara evita malintesi e incomprensioni. Informa sempre il tuo assicuratore prima di appenderti alla corda.
6 Mai corda su corda
Rinviare la corda unicamente in ancoraggi metallici. Mai inserire due corde nello stesso moschettone.
7 Proteggiti la testa
Nell’arrampicata outdoor, porta sempre il casco; ti protegge il capo in caso di caduta o caduta sassi.
8 Mantieni un comportamento adeguato
Rispetta gli altri arrampicatori, correggili in caso di errori o pericoli; considera inoltre l’eventuale zona di caduta. Informati sulle regole
„locali“ della palestra. Rispetta i divieti di arrampicata.
5
Controllatevi vicendevolmente.
6
Fibbia dell’imbracatura
Nodo e punto d’incordamento
Controllo del compagno
Attrezzo di sicurezza
Ghiera del moschettone
prima di ogni salita.
Capo della corda
7
Toprope
8
Devi essere in grado di
indossare e chiudere correttamente l’imbracatura
incordarti con il nodo a otto infilato
controllare il compagno „Partnercheck“
salire una via in toprope
assicurare e calare in toprope
comunicare chiaramente
applicare le regole d’arrampicata
9
Stringere bene il nodo
10
Stringere la fibbia
Incordarsi con il nodo a otto infilato
Controllo del compagno
Incordarsi: possibile anche con nodo a otto e due moschettoni a ghiera
11
1
12
2
3
4
5
Assicurazione in toprope e calata con nodo del mezzo barcaiolo -- corda frenante dalla parte opposta dell’apertura del moschettone!
1
2
3
4
Sicurezza e calata con tuber -- pollice della mano frenante in direzione del tuber
13
Consigli Toprope
Indossare l’imbracatura
Incordamento con nodo a otto infilato o con nodo a otto
e asola in due moschettoni a ghiera
Controllo del compagno prima della salita
14
L’imbracatura deve essere indossata seguendo le indicazioni del
produttore.
Per l’arrampicata in toprope consigliamo l’incordamento diretto
all’imbracatura. Il capo della corda deve fuoriuscire di almeno
10 cm dal nodo dell’otto.
È possibile incordarsi anche con due moschettoni a ghiera o con
uno a doppia sicurezza (moschettoni Safe-Lock vedi pag. 17).
Chi si appresta ad arrampicare e chi sta assicurando verificano
reciprocamente la correttezza delle manipolazioni. Consigliamo di
procedere in modo sistematico sempre con la medesima sequenza:
chiusura dell’imbracatura, nodo e punto d’incordamento, attrezzo
di sicurezza (test di tenuta), chiusura della ghiera del moschettone,
capo della corda. Al capo libero della corda viene eseguito un nodo
a otto (asola) o sarà allacciato al sacco della corda.
Assicurare e calare in toprope
Comunicazione chiara
Regole d’arrampicata
Fra i numerosi sistemi di sicurezza disponibili, consigliamo
l’impiego del moschettone a ghiera con mezzo barcaiolo o di un
tuber. Impiegando il mezzo barcaiolo la mano guida passa ad ogni
manovra di corda, sotto la mano di trattenuta. Con i tuber le due
mani restano nella stessa posizione, la corda vi scorre attraverso.
Durante la calata, la corda deve essere accompagnata lentamente e
in modo regolare. Nella sosta di una via percorsa in toprope deve
essere posizionato almeno un moschettone a ghiera, oppure due
moschettoni normali con apertura opposta. Per garantire una sicurezza ottimale, la corda scorre inoltre nel rinvio lasciato all’ultimo
chiodo prima della sosta. Nessuno arrampica in toprope assicurato
a un unico moschettone non a ghiera!
Vedi capitolo arrampicare da primo di cordata, pag. 29
Già a partire da questa fase formativa devono essere introdotte
le principali regole d’arrampicata.
15
Dettaglio dell’assicurazione con
nodo del mezzo barcaiolo (immagini a lato)
mano guida
mano di
trattenuta
Manipolazione degli attrezzi di sicurezza
16
Solo se conosciamo il funzionamento e manipoliamo correttamente il nostro attrezzo di sicurezza, siamo in grado di arrestare
una caduta. È indispensabile che la mano di trattenuta stringa
costantemente la corda di frenata (principio della mano frenante).
La mano guida (o mano sensore), funge da allarme in caso di
caduta. Chi sta assicurando, nel momento in cui la mano guida
percepisce una forte trazione, bloccherà in modo istintivo la corda
con entrambe le mani.
Una caduta potrà essere trattenuta solo se entrambe le mani sono
posizionate correttamente, considerando però la diversa meccanica
di frenata dei vari attrezzi disponibili. Un errato impiego di un
Moschettoni con doppia sicurezza (Safe-Lock):
Belay Master (sinistra), Ball Lock (destra)
Differenze di peso
Cadute e pendoli
Moschettoni di sicurezza
attrezzo non potrà mai essere compensato da una maggiore
attenzione.
La differenza di peso fra assicuratore e arrampicatore non
dovrebbe superare il fattore di 1.3.
Pendoli in toprope (p.es. in caso di vie molto strapiombanti
o traverse) vengono evitati moschettonando alcuni rinvii.
Per assicurare consigliamo di impiegare unicamente
moschettoni con doppia sicurezza (a baionetta con bloccaggio,
vedi immagine)o con ghiera a vite. Moschettoni a baionetta
semplici non andrebbero impiegati.
17
Arrampicata da primo
18
Devi essere in grado di
incordarti con il nodo a otto infilato
controllare il compagno „Partnercheck“
assicurare e calare il primo di cordata
caduta controllata e sicurezza dinamica
arrampicare da primo di cordata
comunicare chiaramente
applicare le regole d’arrampicata
19
20
Incordarti con il nodo
a otto infilato
Controllare il compagno
Parare
1
2
1
3
Assicurazione al primo di
cordata con nodo del mezzo barcaiolo
2
3
Assicurazione al primo di
cordata con Tuber (cestello)
21
Posizione corretta
Sicurezza dinamica
Trattenere sempre
la caduta
22
Errato: troppa corda lasca
Corretto: rinviare la corda da posizione
stabile vicino al punto d’incordamento
Sbagliato: rinviare la
corda sopra il capo
Come rinviare correttamente
la corda ad una sicurezza intermedia
Inserimento corretto
della corda nel rinvio
Inserimento della
corda errato
Mai corda su corda
23
Posizione della corda corretta
24
Posizione della corda pericolosa
Caduta controllata e sicurezza dinamica
Comunicazione al top: „Cédric, blocca“, „cala“
25
Consigli arrampicata da primo
26
Incordamento con nodo a otto infilato
Controllo del compagno prima della salita
Assicurare e calare il primo di cordata
Consigliamo l’incordamento con nodo a otto direttamente
all’imbracatura (cosciali e cintura). Chi arrampica da primo di cordata non deve mai incordarsi con un moschettone!
Chi si appresta ad arrampicare e chi sta assicurando verificano
reciprocamente la correttezza delle manipolazioni. Consigliamo di
procedere in modo sistematico sempre con la medesima sequenza:
Chiusura dell’imbracatura, nodo e punto d’incordamento, attrezzo
di sicurezza (test di tenuta), chiusura della ghiera del moschettone,
capo della corda. Al capo libero della corda viene eseguito un nodo
a otto (asola) o sarà allacciato al sacco della corda.
Fino al rinvio del primo punto d’ancoraggio, l’assicuratore si
tiene pronto a parare un’eventuale caduta. In seguito l’assicuratore
si posizionerà a un metro di distanza dalla parete e ad un metro
lateralmente dalla linea di caduta, manipolando correttamente l’attrezzo di sicurezza. Assicurando, la mano guida e quella frenante
scorrono lungo la corda senza mai lasciarla! Se viene impiegato il
nodo del mezzo barcaiolo, la mano di trattenuta può anche essere
mantenuta sotto il moschettone di sicurezza.
Attenzione: cadute al suolo
Sicurezza dinamica
Mai corda su corda
Differenze di peso
Per evitare rovinose cadute a terra evitate in modo sistematico
di lasciare troppa corda lasca. Per poter dare e ritirare la corda in
modo rapido va utilizzata tutta la lunghezza del braccio; si può
aumentare la velocità di questa operazione, avvicinandosi o allontanandosi dalla parete.
Se l’altezza lo permette, le cadute vengono di norma arrestate
in modo dinamico. Al momento della trazione dovuta a un caduta,
l’assicuratore deve lasciarsi (consapevolmente) tirare verso l’alto
e/o la mano di trattenuta (bloccando la corda) si avvicina all’attrezzo di sicurezza. Lo spazio di caduta al suolo o in parete deve
essere libero da ostacoli. Per la calata, entrambe le mani si trovano
sulla corda di frenata.
Attenzione: mai corda su corda! Mai inserire due corde nello
stesso moschettone o anello di calata.
La differenza di peso fra assicuratore e arrampicatore non
dovrebbe superare il fattore di 1.3.
27
28
Arrampicare su di una via da primo di cordata
Caduta controllata
Il rinvio della corda negli ancoraggi intermedi deve avvenire da
posizione stabile e vicino al punto d’incordamento. Rinviando la
corda a braccio teso sopra il capo si aumenta la distanza di caduta
e si corre il rischio di raggiungere il suolo! Prestate attenzione a
rinviare correttamente la corda nei moschettoni degli ancoraggi
intermedi (che vanno tutti rinviati) e osservate sempre la posizione
della corda che non deve mai essere dietro le gambe. Raggiunto il
top, prima da lasciare la presa, provate a caricare la corda verificando che sia effettivamente trattenuta; ciò evita incomprensioni
ed incidenti.
Un mirato allenamento alla caduta vi permetterà una reazione
controllata e corretta indispensabile in caso effettivo. La caduta va
possibilmente preannunciata all’assicuratore, al momento di
lasciare la presa, una o due mani si stringono in prossimità del
Comunicazione chiara
Regole d’arrampicata
nodo d’incordamento, mai sull’altra corda (pericolo di ustione o
ferimento). Al termine del volo, con piedi e mani rivolti alla parete,
si para l’eventuale collisione con la roccia, proteggendo così la
testa ed il corpo.
Utilizza unicamente i seguenti comandi:
„blocca“ voglio fermarmi e sedermi nella corda
„cala“ fammi scendere
„attenzione“ punto particolarmente impegnativo o pericoloso
„corda“ ho bisogno di più corda
Per rendere la comunicazione più chiara, soprattutto se vi sono
più persone o se è difficile farsi sentire, andrebbe utilizzato il nome
dell’assicuratore (ad es. „Cédric, blocca”) oppure usare dei gesti
concordati.
Le regole d’arrampicata, in questa fase, devono essere conosciute.
29
Outdoor basic
30
Devi essere in grado di
controllare il compagno
arrampicare da primo di cordata
eseguire correttamente la manovra di rinvio della corda alla sosta
comunicare chiaramente
eseguire il nodo di bloccaggio al tuo attrezzo di sicurezza
applicare le regole d’arrampicata
31
Autosicurezza
Facendo un nodo dell’otto o
un barcaiolo, fissare la corda
all’anello di servizio tramite
un moschettone a ghiera.
Manovra di rinvio della corda alla sosta
32
Sciogliere il nodo
d’incordamento e passare il
capo della corda nell’anello
di calata.
Incordarsi nuovamente,
controllare il nodo, scogliere
il nodo del barcaiolo.
Dare l’ordine: „Nina, blocca”
Caricare la corda, quando è
tesa, sganciare l’auto sicurezza,
dare l’ordine: „cala”.
Mai dire: „sosta“!
Mai corda su
corda (o fettuccia)!
33
Nodo di bloccaggio del mezzo barcaiolo
34
Nodo di bloccaggio impiegando un Tuber
35
Consigli outdoor basic
36
Controllo del compagno prima della salita
Arrampicare su di una via da primo di cordata
Manovra di rinvio della corda alla sosta
Chi si appresta ad arrampicare e chi sta assicurando verificano
reciprocamente la correttezza delle manipolazioni. Consigliamo di
procedere in modo sistematico sempre con la medesima sequenza:
chiusura dell’imbracatura, nodo e punto d’incordamento, attrezzo
di sicurezza (test di tenuta), chiusura della ghiera del moschettone,
capo della corda. Al capo libero della corda viene eseguito un nodo
dell’otto (asola) o sarà allacciato al sacco della corda.
Scegli una via adeguata al tuo livello. La corda deve sempre
essere rinviata correttamente, verifica costantemente la posizione
della corda rispetto alle tue gambe.
Prima di iniziare la salita va definito con il compagno, se la
discesa avverrà calando oppure in corda doppia. L’autosicurezza,
che può essere fatta anche con due rinvii, verrà sganciata solo
quando l’arrampicatore ha verificato che l’assicuratore è pronto a
calarlo. L’assicuratore sgancerà l’attrezzo di sicurezza unicamente
quando il compagno è di nuovo a terra. La parola „sosta“ non va
mai utilizzata arrampicando su dei monotri o in palestra, in quanto
questo termine, normalmente usato nell’arrampicata su vie di più
Comunicazione chiara
Nodo di bloccaggio all’attrezzo di sicurezza
Regole d’arrampicata
lunghezze, è l’ordine di sganciare la sicurezza, dato al compagno
che sta assicurando.
Utilizza unicamente i seguenti comandi:
„blocca“ voglio fermarmi e sedermi nella corda
„cala“ fammi scendere
„attenzione“ punto particolarmente impegnativo o pericoloso
„corda“ ho bisogno di più corda
Per rendere la comunicazione più chiara, soprattutto se vi sono
più persone o se è difficile farsi sentire, andrebbe utilizzato il
nome dell’assicuratore (ad es. „Nina, blocca”) oppure usare dei
gesti concordati.
È importante saper eseguire il nodo di bloccaggio all’attrezzo
di sicurezza con la corda in tensione. Una volta eseguita questa
manipolazione, si avranno poi entrambe le mani libere per ulteriori
misure che potrebbero essere necessarie. Il nodo di bloccaggio può
essere sciolto facilmente anche con la corda in tensione; questo
deve però essere sempre assicurato con un nodo del pescatore.
Le regole d’arrampicata devono essere conosciute.
37
Contenuto
Ringraziamenti
Ulteriori
indicazioni
38
Il contenuto dell’opuscolo „arrampicare in sicurezza“ si
concentra essenzialmente sugli aspetti di sicurezza per
l’arrampicata in palestra o nelle falesie con vie di una lunghezza.
Aspetti di tecnica o tattica d’arrampicata non vengono presentati,
trattandosi di tematiche sviluppate in corsi di formazioni specifici
per i vari livelli.
Le tecniche presentate nell’opuscolo sono il frutto di una lunga
esperienza maturata nell’impiego regolare in arrampicata, per questo motivo viene consigliato il loro utilizzo.
Grazie al sostegno dell’ufficio prevenzione infortuni upi, è stato
possibile realizzare questo opuscolo. Mammut Sports Group ha
realizzato le immagini e messo a disposizione gli atleti Nina Caprez
e Cédric Lachat. Il contenuto e il concetto grafico è stato ripreso
dall’analoga pubblicazione edita dal Club Alpino Austriaco. La presente edizione è stata rielaborata da un gruppo di coordinamento
formato da Christoph Schaub della scuola YoYo, Thomas Georg di
Kraftreaktor, Valentino Sorpresi del centro Magnet e da Christian
Frischknecht del CAS. Un ulteriore sostegno è stato dato da Walter
Britschgi, Jürg Haltmeier e Hans-Christian Leiggener così come
dalla ditta Roger Guenat SA e dal comitato dell’associazione centri
di arrampicata svizzeri.
Conclusioni
Consigli di lettura
Richiesta di esemplari
I principi, i comportamenti standard e le regole di arrampicata
descritti in questo manuale, sono delle importanti premesse per
assicurare correttamente ed arrampicare in tutta sicurezza. Grazie
alla collaborazione con: il Deutschen Alpenverein (DAV),
l’ Oesterreichischen Alpenverein (OeAV) e l’Alpenverein Südtirol
(AVS) è stato possibile, a complemento dell’opuscolo „arrampicare
in sicurezza“, realizzare dei manifesti didattici utili anche a chi non
intende frequentare corsi di formazione. Il Club Alpino Svizzero
CAS augura ai lettori delle giornate d’arrampicata piacevoli e senza
incidenti.
Per completare la formazione in particolare per le tecniche
d’arrampicata su vie di più lunghezze di corda, consigliamo il
seguente manuale: Winkler Kurt, Brehm Hans-Peter, Haltmeier Jürg
(2008): Sport di montagna in estate. CAS, Berna. Edizione Italiana
ISBN 978-3-85902-282-9.
Ulteriori esemplari possono essere richiesti al seguente indirizzo:
Club Alpino Svizzero CAS, casella postale, 3000 Berna 23,
031 370 18 18, [email protected], www.sac-cas.ch. Vari documenti
tecnici sul tema arrampicare in sicurezza si trovano sul sito
internet www.sac-cas.ch nella rubrica Downloads/sicher klettern,
Téléchargements/Grimper en sécurité.
39
In collaborazione con:
© Club Alpino Svizzero CAS, www.sac-cas.ch, 1a edizione 2008
Traduzione Giovanni Galli, CH-6526 Prosito
Layout Christine Brandmaier, www.auseinandersetzung.at
Foto Rainer Eder, www.rainereder.com
Stampa Jordi AG, www.jordibelp.ch
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
1 133 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content