close

Enter

Log in using OpenID

continua - Ilmontepremi.it

embedDownload
Anno I - Numero 36
L
a ventunesima edizione
del
torneo
Interforze si
accinge a chiudere i
battenti cominciando
a far scorrere i titoli
di coda. Anche questa manifestazione è
dunque arrivata al
termine dal momento
che in settimana verrà svolta la finale che
sancirà la vincitrice
del torneo. La prima
finalista è l’Esercito
Italiano di Davide
Forte, squadra costruita appositamente per vincere il torneo dopo la delusione per aver perso la
finale scorsa a discapito della Ksm. I militari hanno guadagnato la finale avendo
ultimato la Regular
Season al primo posto. L’altra finalista
Domenica 20 Luglio 2014
verrà
fuori
dallo
scontro tra Carabinieri e Reparto Comando che si giocherà questo Lunedi alle
18,00. I Carabinieri
hanno eliminato Brigata Aosta e Ksm,
mentre il Reparto
Comando la Sicurarmor e la Polizia Penitenziaria. La finale
sarà di scena nella
giornata di Mercoledì
alle 18,30 dopodiché
sarà celebrata la premiazione di rito che
anche in questa circostanza
riserverà
diverse sorprese. Che
lo spettacolo abbia
inizio e che vinca il
migliore, in bocca al
lupo!!
(Giuseppe Lanzo)
E
L
ntrambe le squadre si presentano all’appuntamento
con le migliori formazioni possibili anche se in casa
del Cas spiccano subito le assenze di Marcello Rinati
ed Umberto Guarnera lasciando così senza punti di
riferimento la squadra in fase offensiva. La Polizia Penitenziaria, abituata per gran
parte del campionato
a giocare con gli uomini
contati, in questo ottavo di finale ha
l’abbondanza della
scelta. Dopo qualche
minuto di equilibrio,
la Polizia Penitenziaria
rompe gli indugi e
passa in vantaggio con
Domenico Nastasi che
viene imitato subito dopo
da Luigi Raineri. Il
Cas stenta ad imporre il
proprio gioco ed
incassa altre due reti da Nino Solano parte di Nastasi che
in questo frangente di
gara si conferma il
migliore in campo. Nella parte finale del tempo il Cas rinviene
e dimezza il punteggio con Giovanni Giaimo e Giuseppe Costantino così da ritornare negli spogliatoi sul 2-4. Nella ripresa
ci si aspetta la rimonta da parte del Cas ma ciò rimane pura
utopia dal momento che la squadra mostra molti limiti in fase
avanzata come anticipato nella parte iniziale di questo articolo.
Per la Penitenziaria la casa si mette sempre più in discesa e col
passare dei minuti il divario tra le due compagini comincia a
farsi sempre più evidente. Le Fiamme Azzurre cominciano a
farsi sempre più spazio tra le fila avversarie riuscendo a mandare a segno buona parte degli uomini scesi in campo. Tra questi si fanno notare Massimo Messina e Nino
Solano che segnano una
tripletta evidenziando
le loro doti in fase realizzativa. La Polizia Penitenziaria riesce dunque a
passare il turno senza
tante difficoltà avendo
avuto di fronte un avversario piuttosto arrendevole e poco competitivo. Il Cas purtroppo
esce anzitempo dalle
fasi ad eliminazione
buttando alle ortiche
un dignitoso campiona- Ludovico Parisio to fatto di alti e bassi
a livello agonistico ma
sicuramente positivo
sotto tutti gli altri punti di vista soprattutto in quello disciplinare che le ha consentito di vincere l’apposita coppa.
a Sicurarmor dopo aver disputato un campionato di
tutto rispetto acquisendo una buona posizione di classifica si presenta al cospetto del Reparto Comando
che differenza dei suoi avversari nella regular season
non ha ben figurato. I vigilantes evidenziano diverse assenze tra
squalifiche ed infortuni
mostrandosi più vulnerabili del solito. Il Reparto Comando che
per tutto il campionato ha
sofferto per scendere
con la miglior formazione
riesce finalmente a
schierare la squadra migliore. I militari dopo
pochi minuti riescono a
sbloccare il risultato
con Emanuele Aricò ma
poco dopo vengono
raggiunti dalla rete di
Giovanni Giannetto.
In questo frangente la Tony Nuccio gara viene caratterizzata da un certo equilibrio sia sotto il
profilo del gioco che del risultato. Il Reparto Comando riesce a
passare nuovamente in vantaggio sempre con Aricò e poco dopo allungano il passo con Alessandro Catalano. La Sicurarmor
non molla la presa e mantiene il passo degli avversari con Antonio Sparacio che batte Giuseppe Arena ma Michele Laurianti
su calcio di rigore fissa il parziale sul 4-2. Nella ripesa il gioco
comincia a farsi sempre più veloce con la Sicurarmor che accorcia ancora con Sparacio mettendo i brividi agli avversari
che cominciano a temere il recupero degli avversari. Intorno al
trentacinquesimo il Reparto Comando comincia a mettere sempre più pressione agli avversari che cominciano ad accusare la
fatica ed il caldo. Il gioco della Sicurarmor
comincia a sgretolarsi
sempre di più e per il
Reparto Comando diventa un gioco da ragazzi
iniziare a prendere le
distanze. Laurianti ed
Andrea Turturici cominciano a farsi notare
sempre più in attacco ed
i loro gol arrivano con
una certa puntualità. Al
contrario delle aspettative i militari si aggiudicano il passaggio
Mario Boscia
del turno riuscendo in
una sola serata a
cancellare i tanti bocconi amari ingoiati
durante l’anno. Per la Sicurarmor si chiude un bel ciclo con la
speranza di rifondare il tutto già dal prossimo mese di Settembre.
POLIZIA PENITENZIARIA
REPARTO COMANDO
ROMANO STELLO
C.A.S.
7
MONTAPERTO CARLO
6
ARENA GIUSEPPE
SICURARMOR
6,5
6,5
GIANNETTO GIOVANNI
6,5
SPARACIO ANTONIO
6,5
NASTASI DOMENICO
7,5
SANTONOCETO FRANCE
SV
NUCCIO TONY
TURIACO GIUSEPPE
7,5
GIAIMO GIOVANNI
6,5
ARICO’ EMANUELE
MESSINA MASSIMO
6,5
COSTANTINO GIUSEPPE
7
CATALANO ALESSANDRO
7
BOSCIA MARIO
6,5
RAINERI LUIGI
7
COGLITORE GIUSEPPE
6
LAURIANTI MICHELE
7
RUNDO ENZO
6,5
SOLANO ANTONINO
7
GIAMO GIOVANNI
6,5
TURTURICI ANDREA
7
GIAQUINTA GIANNI
PARISIO LUDOVICO
6,5\
PINO SEBASTIANO
ZIZZO MASSIMO
6,5
6
7
BOSCIA ROSARIO
6,5
7
Q
L
uesta partita inizia con qualcosa di davvero scandaloso a testimonianza della poca serietà della Polizia
Stradale, non tanto per coloro che sono scesi in campo
quanto per quelli che hanno disertato la gara. La Ksm
è arrivata all’appuntamento con estrema puntualità a testimonianza di aver preso la
giusta strada in questo finale di campionato
sotto questo profilo.
La Polizia Stradale invece ha sbagliato a
leggere l’orario della
gara arrivando con
una buona mezzora di
ritardo. Malgrado
tutto qualche giocatore
ha pensato bene di
aggravare ulteriormente
il ritardo a tal punto
che il direttore di gara
ha iniziato la partita
dopo 40 minuti. I poli- Orazio Santamaria ziotti sono scesi in
campo in inferiorità
numerica nell’attesa
che arrivassero gli eterni ritardatari tanto da giocare quasi
tutto il primo tempo con un uomo in meno. La Ksm invece ha
schierato la formazione tipo, quantomeno quella intravista negli ultimi mesi, e non ha avuto eccessive difficoltà a battere un
avversario già debole e malandato. Ad approfittare della situazione è stato soprattutto Roberto Santamaria che in questa gara
ha avuto la possibilità di aggiudicarsi il premio di capocannoniere avendo segnato ben dieci reti, così da staccare abbondantemente sia Marcello Rinati del Cas che Nunzio Raineri della
Sicurarmor entrambi assenti negli ottavi di finale. Per la cronaca il primo tempo si è concluso sul 9-0 con i vigilantes che hanno abbondantemente
ipotecato prima del
riposo sia la vittoria che
il passaggio del turno.
Nella ripresa i poliziotti
hanno ripristinato la
parità numerica in campo con i ritardatari che
hanno avuto pure qualcosa da ridire senza guardare bene il loro comportamento del tutto irriconoscente verso i presenti. La gara ovviamente è stata più equilibrata con la Polizia
Ivan Lanzo
Stradale che è riuscita
quantomeno a segnare qualche rete ma con
la consapevolezza di
dover rifondare questo gruppo che mai come quest’anno era
caduto in basso sotto tutti i punti di vista, classifica compresa.
a Brigata Aosta termina questo campionato nel peggiore dei modi possibile avendo buttato alle ortiche
quanto di buono era riuscita a fare soprattutto nella
prima parte di torneo. La squadra di Gioacchino Cancelliere per l’ennesima volta è arrivata all’appuntamento con
gli uomini contati tanto
da compromettere la
gara proprio per non
avere cambi a disposizione. I Carabinieri al
contrario degli avversari, scendo in campo con
una rosa ben fornita
tanto da attuare addirittura il turn over tra i
portieri. La gara per tutto
il primo tempo ha
evidenziato un certo equilibrio tra le due compagini che hanno offerto
un buon calcio su
entrambi i fronti. La G. Cancelliere Brigata Aosta è riuscita a tenere testa agli
avversari tanto da
metterli in difficoltà in più occasioni. Il punteggio è stato sbloccato per prima dai militari che con Salvatore calì hanno trovato
la rete del provvisorio vantaggio. I Carabinieri hanno saputo
reagire per tempo ribaltando il tutto con le reti di Fulvio Risiglione e Sebastiano Perrone ma la tipletta di Gioacchino Cancelliere è valso il nuovo vantaggio per i militari. Nel finale di
tempo c’è spazio anche per Nazzareno cala fiore ed Alfredo
Rigano pertanto il parziale viene fissato sul 4-4. Nella ripresa
la Brigata Aosta rimane con il fiato negli spogliatoi tant’è che i
Carabinieri cominciano a maturare quel vantaggio necessario
a prendere definitivamente le distanze. Col passare di minuti la
Brigata Aosta tira sempre più i remi in barca
non avendo più a disposizione le forze per
reagire mentre i Carabinieri cominciano a
ruotare nelle sostituzioni
inserendo forze fresche. Il passivo punisce
oltremodo la Brigata
Aosta che paga a caro
prezzo qualche assenza pesante come quelle di
Felice Pergola e Marco Tarantino. I Carabinieri invece possono
essere contenti sia per Seby Perrone aver superato il turno ma soprattutto per
aver ritrovato la
giusta grinta all’interno del proprio gruppo che nelle ultime
settimane non aveva brillato. Tra i migliori in campo segnaliamo la prova di Nazzareno Calafiore autore di una quaterna.
KSM
BRIGATA AOSTA
POLIZIA STRADALE
BOSCIA FRANCESCO
7
CARDULLO LILLO
6,5
BELARDI DIEGO
SANTAMARIA ORAZIO
7
LANZO IVAN
6,5
CANCELLIERE GIOACCH
SANTAMARIA ROBERTO
8
FAZIO SALVATORE
6,5
GIARDINA MIRCO
RIZZO ROSARIO
7
FEDERICO SANTI
6,5
CALI’ SALVATORE
FERRAU’ DOMENICO
7
MACELI FRANCESCO
4
ORIGLIA BRUNO
7
CIPRIANO DARIO
4
SAPIENZA
CARABINIERI
6,5
7
VAVASSORI GIOVANNI
7
MONACO EMANUELE
6,5
7,5
PERRONE SEBASTIANO
6,5
6,5
RIGANO ALFREDO
7
7
NICOTRA ROBERTO
6,5
RISIGLIONE FULVIO
7
CHILLEMI MARCO
7
CALAFIORE NAZZARENO
7
D
L
opo la fine della Regular Season in pochi avrebbero
scommesso che queste due compagini sarebbero
arrivate ai quarti di finale dato che le rispettive
posizioni di classifica erano state del tutto deludenti. Il Reparto Comando è stato capace di battere la Sicuramor
mentre la Polizia Penitenziaria ha prevalso
abbondantemente sul Cas.
Anche in questa circostanza le due compagini
sono scese in campo
con le rispettive formazioni al meglio con i militari che hanno avuto modo di schierare la formazione tipo ad eccezione
dell’infortunato Michele Laurianti, la Polizia
Penitenziaria dopo
averci abituati ad un
campionato con gli
uomini contati aveva
addirittura
ben nove
Luigi Raineri
giocatori, anche se
qualcuno non avrebbe potuto partecipare, con le Fiamme Azzurre che sono state
messe al corrente che in caso di reclamo avrebbero perso la
gara a tavolino. La gara è stata piuttosto bella soprattutto nel
primo tempo con le due formazioni che si sono date battaglia
alla pari riuscendo ad alternarsi anche nel punteggio. La Polizia Penitenziaria ha sbloccato per prima il punteggio con un
bel gol di Luigi Raineri ma poco dopo è stata scavalcata dai gol
di Andrea Turturici, Emanuele Aricò e Salvatore Previti che
hanno chiuso il primo tempo sul 3-1 in favore dei militari. Nella
ripresa la Polizia Penitenziaria ha accorciato subito con Domenico Nastasi che ha rilanciato il gioco dei suoi, poco dopo Nino
Solano segna il gol del
momentaneo pareggio
illudendo non poco la
sua squadra. Da questo momento in avanti il
Reparto Comando
inizia a far valere le
proprie ragioni e con
quattro reti in rapida
successione si riporta
abbondantemente in
vantaggio Arrivando
sul 7-3. Nel finale di
gara c’è qualche spazio per due reti della
Penitenziaria che
Lele Aricò
r i a p r e
s o l o
nell’immaginario la
partita. Il Reparto Comando ancora una
volta riesce a superare un difficile ostacolo e si candida come
possibile finalista ma per arrivare a giocare con i cugini
dell’Esercito Italiano dovrà vedersela prima con i Carabinieri.
a Ksm si presenta al cospetto dei Carabinieri con
l’assenza di Rosario Rizzo che avrebbe potuto cambiare il volto della partita con la sua giovane età. I Carabinieri al contrario degli ottavi di finale appaiono
piuttosto ridimensionati nel numero di giocatori evidenziando
qualche assenza. Entrambe le squadre scendono in campo molto motivate e si mettono in
luce per le loro belle
giocate tanto da rendere la gara piuttosto
piacevole. Dopo diveri capovolgimenti di
fronte la Ksm riesce
a sbloccare la gara con
una bella rete di Bruno Origlia ma fallisce in
almeno un paio di
circostanze il raddoppio.
I Carabinieri si organizzano al meglio e Mimmo Ferraù grazie a Roberto
Nicotra e Nazzareno
Calafiore ribaltano
il punteggio. L’equilibrio continua a farla da padrone e Roberto Santamaria prima e Origlia dopo pareggiano nuovamente la
partita. Nel finale di tempo Nicotra trova il gol dell’ennesimo
vantaggio chiudendo la prima frazione sul 4-3. Nella ripresa la
Ksm incassa subito il gol del 3-5 ancora con Calafiore ma non
disperano più di tanto avendo la convinzione di poter recuperare in qualsiasi momento. La gara comincia a farsi sempre più
corta e la Ksm accelera i tempi nel tentativo di pervenire al
pareggio. Alcuni imperdonabili errori da parte dell’attacco dei
vigilantes e qualche parata di troppo da parte di Emanuele
Monaco tengono inalterato il risultato con i Carabinieri che
cominciano a giocare
sempre con ordine. La
Ksm si butta sempre più
in attacco, mentre gli
avversari giocano di rimessa e proprio con
questa tattica Nazzareno
cala fiore riesce a trovare quei due gol che
tagliano definitivamente le gambe agli avversari
incapaci per tutta la
ripresa di trovare la via
del gol. La Ksm dopo
tre anni consecutivi non
riesce ad arrivare
alla finale chiudendo di Nazzareno Calafiore fatto un ciclo vittorioso, i Carabinieri
ritrovano la strada
della finale dopo due anni ma per affrontare l’Esercito Italiano
dovranno prima superare la rivelazione Reparto Comando.
POLIZIA PENITENZIARIA
KSM
ROMANO STELLARIO
ZIZZO MASSIMO
REPARTO COMANDO
6,5
6
7
BOSCIA FRANCESCO
TURTURICI ANDREA
7
SANTAMARIA ORAZIO
6,5
CALAFIORE NAZZARENO
6
SANTAMARIA ROBERTO
6,5
NICOTRA ROBERTO
7,5
FERRAU’ DOMENICO
6,5
RISIGLIONE FULVIO
8
TURIACO GIUSEPPE
6,5
PREVITE SALVATORE
SOLANO NINO
6,5
NUCCIO TONY
RAINERI LUIGI
7
PINO SEBASTIANO
IRRERA FELICE
NASTASI DOMENICO
6,5
7
6,5
CARABINIERI
ARENA GIUSEPPE
6,5
7
MONACO EMANUELE
ARICO’ EMANUELE
8
ORIGLIA BRUNO
6,5
PERRONE SEBASTIANO
CATALANO ALESSANDRO
7
RICCIARDO MASSIMO
6,5
GIUNTA FRANCESCI
7,5
8
7,5
7
Jack Cancelliere
Seby Perrone
Ludovico Parisio
Ivan Lanzo
Mario Boscia
Tony Nuccio
Diego Belardi
Alfredo Rigano
Agostino Lanzo
Giovanni Giannetto
Davide Forte
Orazio Santamaria
Umberto Guarnera Salvatore Biondi
Ciccio Boscia
Nino Solano
Stello Romano
Michele Laurianti
Franco Santonoceto
Giuseppe Cipullo Roberto Santamaria
Roberto Nicotra
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
10 099 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content