close

Enter

Log in using OpenID

DELIBERA DI GIUNTA COPIA

embedDownload
DELIBERA DI GIUNTA
COPIA
N. 123 del 30.06.2014
OGGETTO: Atto di indirizzo: procedura negoziata per affidamento servizi analoghi
inerenti il servizio di ristorazione scolastica per il periodo 01/09/2014 – 31/08/2017
L’anno duemilaquattordici, addì trenta del mese di giugno alle ore 9.00 nella sala
delle adunanze della sede Comunale si è riunita la Giunta Comunale con la
partecipazione dei Signori:
CAVARRA Alessio
Sindaco
RAVECCA Elisabetta
Assessore
ACCORSI Sara
Assessore
BAUDONE Massimo
Assessore
CHIATTI Giulia
Assessore
MICHELUCCI Juri
Assessore
Risultano assenti i Sigg.:
Assume la presidenza il Sig. Alessio CAVARRA – Sindaco
Partecipa il Segretario Generale Dott.ssa Paola MICHELINI incaricato della
redazione del verbale.
Il Presidente, dato atto della regolare costituzione della adunanza, dichiara aperta
la seduta ed invita gli intervenuti a deliberare in ordine all’argomento in oggetto.
11
DELIBERA DI GIUNTA
LA G I U N T A C O M U N A L E
Su proposta dell'Assessore alle Politiche dell'infanzia Elisabetta Ravecca.
Premesso che:
- il Comune di Sarzana assicura il servizio di refezione scolastica per gli alunni delle
scuole dell'infanzia, primarie e medie inferiori del territorio, oltre che per le strutture
educative comunali (asilo nido “Tendola” e scuola dell'infanzia “Lalli”);
- con determinazione dirigenziale n. 224 del 05.08.2011 servizio di ristorazione
scolastica è stato affidato, a seguito dell'espletamento di procedura di gara approvata
con determinazione dirigenziale n. 127 del 03.06.2011, in esecuzione della Deliberazione
della Giunta Comunale n. 101 del 11.08.2010, a CIR Food Soc. Coop;
- la gara per detto affidamento prevedeva quale durata dell’appalto il periodo di anni
tre, dal 01.09.2011 al 31.08.2014, con facoltà per l’Amministrazione di richiedere la
‘ripetizione di servizi analoghi’ per l’ulteriore triennio 01/09/2014 – 31/08/2017; a seguito
di espletamento di procedura aperta (pubblica gara) con aggiudicazione con il criterio
dell’offerta economicamente più vantaggiosa;
- l’A. C. deve pertanto assumere le determinazioni di propria competenza in ordine
alla fornitura del servizio di ristorazione scolastica per l'anno 2014 – 2015.
Preso atto che:
1. gli atti di gara ed il contratto d’appalto stipulato con l’aggiudicataria CIR prevedono la
possibilità di proroga e/o rinnovo del contratto con apposito provvedimento
dell’Amministrazione Comunale nel rispetto della normativa vigente e previa verifica
delle ragioni di convenienza e pubblico interesse in tal senso ;
2. vista la nota prot. 9653 in data 04/04/2014 con la quale la ditta CIR ha formulato la
proposta per il rinnovo dell’affidamento del servizio che prevede:
a) disponibilità a mantenere invariato il costo del pasto per l’anno scolastico
2014/2015, fatto salvo l’annuale adeguamento Istat;
b) adeguamento alle normative vigenti, relativamente al centro pasti “XXI Luglio”,
degli impianti di rilevamento fumi, gas e luci di emergenza;
c) fornitura di menu speciali per alcune giornate a tema;
2
DELIBERA DI GIUNTA
d) fornitura gratuita al Comune di Sarzana, nell'arco del triennio, di n. 6.000 bottiglie
d'acqua per manifestazioni organizzate dal Comune;
3. in base ai contatti intercorsi ed alle controproposte formulate dalla A. C., la
aggiudicataria CIR ha confermato la propria disponibilità ad introdurre anche le
seguenti ulteriori migliorie:
a. fornitura, attraverso il sistema Etica, di un pacchetto di n. 5.000 SMS per i solleciti
agli utenti con saldo negativo;
b. disponibilità della fornitura, senza alcun sovrapprezzo, di carne halal per gli alunni
di religione islamica;
c. eventuale elaborazione ed applicazione, su richiesta, di un menu differenziato per
la scuola dell'infanzia comunale.
Riscontrato che è al momento in fase di studio una ipotesi di affidamento
complessivo di lavori e servizi relativi all'asilo nido, che potrebbe comportare anche la
realizzazione di un nuovo centro di cottura, e rilevata quindi la necessità di inserire nel
nuovo contratto con CIR Food Soc. Coop. a r. l. la previsione espressa della facoltà per il
Comune di porre fine al contratto in anticipo rispetto al triennio previsto.
Ritenuto prioritariamente necessario valutare il servizio reso dalla ditta durante il
periodo di affidamento;
Effettuate a tal fine le debite verifiche attraverso il competente ufficio comunale e
riscontrato che:
- l’affidataria ha complessivamente adempiuto agli obblighi contrattuali, fornendo
inoltre supporto e collaborazione all’A.C., e dimostrando nel corso del rapporto
contrattuale adeguata capacità organizzativa ed operativo/gestionale anche per la
tempestiva risoluzione di situazioni contingenti e per soddisfare le richieste dell’Ente;
- circa la qualità del servizio reso all’utenza ed il relativo grado di soddisfazione, gli
stessi sono stati positivamente monitorati sia dal competente ufficio Pubblica Istruzione
attraverso accessi e sopralluoghi al centro di produzione pasti ed ai refettori, sia dal
Comitato mensa partecipato dai genitori degli alunni con acquisizione delle relative
schede di valutazione del pasto, ed in ultimo attraverso questionari (“analisi di qualità”)
somministrati da un soggetto specializzato ad un campione significativo degli alunni
fruitori del servizio per ogni ordine di scuola;
3
DELIBERA DI GIUNTA
- dal punto di vista della garanzia della sicurezza alimentare, non si è verificato
durante tutto il triennio di affidamento nessun evento critico e la stessa è stata verificata
mediante acquisizione dei referti delle analisi di laboratorio periodicamente effettuate (
alimenti, acqua, piani di lavoro, mani personale).
Ritenuto pertanto di esprimere una valutazione complessivamente soddisfacente e
positiva del servizio prestato dalla ditta affidataria.
Valutata altresì la vantaggiosità e convenienza economica dell’offerta presentata
dalla ditta per l’eventuale affidamento del servizio per un ulteriore triennio così come
sopra riportata , nonché la rispondenza della medesima all’ esigenza di miglioramento
del servizio a beneficio dell’utenza , atteso che la situazione economico finanziaria del
Comune non avrebbe certamente consentito di apportare le migliorie proposte.
Considerato inoltre che l’indizione di nuova gara d’appalto comporterebbe la
necessità di rideterminare il prezzo del pasto tenuto conto degli incrementi delle voci di
costo che concorrono a determinarlo (personale, materie prime, etc.).
Rilevato che da quanto sopra esposto si rileva la sussistenza per l’A. C. delle
ragioni di convenienza e pubblico interesse per un nuovo affidamento del servizio
all’attuale gestore.
Atteso che occorre pertanto verificare se tale motivato intendimento è consentito
dalla vigente normativa in materia, a tale riguardo si osserva che:
- il già citato art. 57 comma 5 lett b) del D. Lgs. 163/2006 che consente, al
verificarsi dei presupposti ivi stabiliti, la ripetizione di servizi analoghi già affidati al
contraente a seguito di precedente procedura di gara pubblica era stato espressamente
richiamato nel bando della procedura aperta bandita dal Comune di Sarzana nell'anno
2010;
- il servizio di ristorazione scolastica è compreso nell'elenco dei servizi descritti
dall’allegato 2b del suddetto D.Lgs 163/06 per i quali le disposizioni del Codice dei
contratti pubblici trovano parziale e limitata applicazione (art. 20); tali servizi sono quelli
per i quali le esigenze di libera concorrenza tra gli operatori economici assumono un
minor peso rispetto agli altri servizi non inclusi nell’elenco: sembra infatti del tutto fondato
ritenere che la ristorazione in genere ed a maggior ragione la ristorazione scolastica, per
le peculiarità che la contraddistinguono, in primis quella della specialissima categoria di
4
DELIBERA DI GIUNTA
fruitori esclusivi del servizio, impone all’ente pubblico appaltante di verificare la
sussistenza in capo alle imprese di tutte le qualità e capacità atte ad offrire la massima
garanzia di sicurezza igienico sanitaria, di regolarità nell’esecuzione delle prestazioni, di
soddisfacimento e adattabilità alle esigenze dell’utenza; caratteristiche che accertate a
livello potenziale in sede di gara, possono tuttavia essere concretamente verificate solo
nel corso del rapporto contrattuale e quindi a posteriori; si ritiene quindi che
nell’affidamento del servizio in esame sia consentito all’A. C. esercitare il proprio potere
discrezionale soppesando e valutando da un lato l’interesse pubblico generale alla libera
concorrenza e dall’altro l’interesse pubblico concreto ed attuale dell’Ente ad affidare il
servizio al medesimo operatore economico (già selezionato con gara) che ha dato prova
di saper correttamente adempiere in modo oggettivamente soddisfacente alle prestazioni
richieste e mantenga inalterato il rapporto qualità/prezzo;
Le ragioni di fatto esposte al punto A della presente premessa integrano
pienamente i presupposti di diritto che giustificano nel caso in esame la prevalenza
dell’interesse del Comune all’affidamento senza gara del servizio di refezione all’attuale
gestore ;
Le considerazioni sopra espresse forniscono altresì un ulteriore sostegno giuridico
motivazionale all’applicazione dell’istituto disciplinato dall’art. 57 comma 5 lettera b) per
l’affidamento diretto del servizio di refezione alla ditta CIR attesa la sussistenza
nell’appalto di che trattasi dei requisiti prescritti dalla norma e precisamente:
- il servizio consiste nella ripetizione di servizi analoghi già affidati all’aggiudicatario
del contratto iniziale dalla medesima stazione appaltante;
- tali servizi sono conformi all‘iniziale progetto di servizio presentato dalla ditta
affidataria come previsto in sede di partecipazione alla gara aggiudicata con il criterio
dell’offerta economicamente più vantaggiosa a seguito di espletamento di procedura
aperta;
- non sono decorsi tre anni dalla stipula del contratto iniziale, stipulato in
esecuzione della Determinazione dirigenziale n. 224 del 05.08.2011 ad oggetto
“Approvazione verbali di gara, aggiudicazione provvisoria ed affidamento del servizio di
ristorazione scolastica per il periodo 01.09.2011 – 31.08.2014 (con facoltà per
l’Amministrazione di richiedere la ‘ripetizione dei servizi analoghi’ per l’ulteriore triennio
5
DELIBERA DI GIUNTA
01/09/2014 – 31/08/2017)”, che prevedeva la possibilità di affidare nuovamente il servizio
al contraente;
- già il bando di gara approvato con la Determinazione dirigenziale n. 127 del
03.06.2011 non solo prevedeva espressamente la facoltà di 'ripetizione dei servizi
analoghi' ma dichiarava quale valore complessivo dell'appalto sia quello relativo al
triennio sia il “Valore stimato per l’appalto per la durata di sei anni, compresi i tre anni
dell’eventuale rinnovo ai sensi dell’art. 57, comma 5, lettera b) del D. Lgs. 163/2006 e s.
m. i.” (art. 7 del Disciplinare di gara).
Per tutto quanto sopra visto e considerato si ritiene di approvare l’instaurazione di
nuovo rapporto contrattuale con l’attuale ditta appaltatrice del servizio di refezione
scolastica CIR FOOD Soc. Coop. a r. l. per l’espletamento di servizi analoghi per un
ulteriore periodi di tre anni scolastici a tal fine demandando al Dirigente dell'Area 2
Servizi
Esterni
ogni
successivo
adempimento
necessario
al
perfezionamento
dell’affidamento e stipula del contratto.
Richiamato l’art. 107 del D. Lgs. 18 agosto 2000, n. 267.
Visto l’art. 192 del D. Lgs. 18 agosto 2000, n. 267.
Visto il PEG approvato ai sensi dell’art. 169 del D. Lgs. 267/2000 e preso atto che
le somme necessarie al pagamento del servizio dovranno essere impegnate sui
competenti capitoli del bilancio 2014.
Visto l’allegato parere tecnico favorevole attestante la regolarità tecnica e la
correttezza dell’azione amministrativa
della proposta di provvedimento indicata in
oggetto, espresso dall’ufficio competente, ai sensi e per gli effetti degli artt. 49, comma 1
D.Lgs. n. 267 del 18.08.2000, dando atto che non è stato acquisito il parere del
responsabile dell’area economico finanziaria, in quanto il provvedimento non comporta
oneri contabili.
Accertata la competenza a provvedere ai sensi dell’art. 48 D.Lgs. n. 267 del
18.08.2000.
A voti unanimi favorevoli.
DELIBERA
1. di richiamare la premessa a costituire parte integrante del presente dispositivo;
6
DELIBERA DI GIUNTA
2. di approvare, quale indirizzo al competente Dirigente dell'Area 2 Servizi Esterni,
l’instaurazione di nuovo rapporto contrattuale con l’attuale ditta appaltatrice del
servizio di refezione scolastica CIR FOOD Soc. Coop. a r. l. per l’espletamento di
servizi analoghi per un ulteriore periodi di tre anni scolastici, sulla base del
capitolato d’oneri esistente ed alle medesime condizioni contrattuali, fatte salve le
migliorie descritte nella premessa del presente atto;
3. di inserire nel nuovo contratto con CIR Food Soc. Coop. a r. l. la previsione
espressa della facoltà per il Comune di porre fine al contratto in anticipo rispetto al
triennio previsto, nel caso in cui prima del termine dell'anno scolastico 2016/2017
avvenga l'affidamento
complessivo di lavori e servizi relativi all'asilo nido,
comprendente anche la realizzazione di un nuovo centro di cottura;
4. di demandare al competente Dirigente dell'Area 2 Servizi Esterni ogni successivo
adempimento preordinato al perfezionamento dell’affidamento e stipula del
contratto a norma e nell’osservanza dell’art. 57 comma 5 lett b) del D. Lgs 163/06 e
le altre disposizioni di legge in materia;
5. di dichiarare il presente provvedimento,con separata unanime votazione,
immediatamente eseguibile;
6. di richiedere alla ditta Cir Food Soc. Coop, in attesa della stipula del contratto, di
proseguire la gestione del servizio di ristorazione scolastica a partire dal giorno 1°
settembre 2014;
7. di prendere atto che il presente provvedimento sarà esecutivo, ai sensi dell’art. 151
del D. Lgs 267/2000 dopo l’apposizione del visto di regolarità contabile;
8. di richiedere la pubblicazione del presente atto all’albo pretorio ai sensi e per gli
effetti dell’art. 10 del citato D. Lgs 267/2000.
Con separata unanime votazione, resa e riscontrata nei modi e forme di legge
DELIBERA
Di dare al presente atto immediata eseguibilità, stante l’urgenza di procedere, ai sensi e
per gli effetti di cui all’art. 134, ultimo comma, del D.Lgs. n. 267/2000.
7
Allegato alla deliberazione
G.C. N. 123 del 30.06.2014
OGGETTO: Atto di indirizzo: procedura negoziata per affidamento servizi analoghi
inerenti il servizio di ristorazione scolastica per il periodo 01/09/2014 – 31/08/2017
Il sottoscritto, Dott.ssa Patrizia Rossi in qualità di responsabile del servizio ai sensi
degli artt. 49, comma 1 D.Lgs. n. 267 del 18.08.2000, esprime PARERE FAVOREVOLE
di regolarità tecnica, attestante la regolarità e la correttezza dell’azione amministrativa
della proposta di provvedimento indicata in oggetto.
Sarzana, lì 30.06.2014
IL RESPONSABILE
F.to Dott.ssa Patrizia Rossi
8
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
1
File Size
117 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content