close

Enter

Log in using OpenID

2014 - IT4Fashion

embedDownload
IT4FASHION
Firenze
Teatro Obihall
3 Aprile
2014
Come possono le nuove
tecnologie aiutare la supply chain
del lusso?
e
Atti del
convegno
e
Il presente documento raccoglie tutti i contributi di questa quarta edizione del Convegno IT4Fashion. L’obiettivo è
quello di sottolineare come ciascuna azienda abbia risposto, con progetti innovativi, alle sfide di un mercato in
continua evoluzione come quello della moda.
I proceedings relativi alle sessioni plenarie e a quelle parallele sono stati strutturati in modo da offrire una visione
complessiva dell’azienda e delle recenti sfide che questa si è trovata a fronteggiare.
Agli speaker è stato chiesto di individuare anche gli obiettivi del progetto presentato, sottolineando i vantaggi e le
criticità riscontrate e indicando i passi futuri che il business intende muovere in un’ottica di miglioramento della
propria posizione competitiva.
Il documento segue la suddivisione del programma del convegno in sessioni plenarie e parallele, quest’ultime dedicate
alle tematiche di NPD, SCM e Retail.
Nella sessione NPD, gli interventi mirano a sottolineare come l’implementazione di soluzioni PLM possa accrescere
l'efficienza operativa e la flessibilità organizzativa delle aziende del fashion, velocizzando parimenti il processo di
sviluppo prodotto e migliorando la comunicazione tra i diversi team coinvolti nella creazione di una collezione, a
partire dalle fasi dal design fino alla realizzazione prodotto finito. Il ciclo di vita di un prodotto moda, per quanto molto
breve, richiede infatti una particolare attenzione da parte del business che deve essere in grado di individuare quali
sono i processi chiave e come garantire un supporto tramite le Information and Communication Technologies. In
alcuni casi si è ritenuta strategica la fase di campionatura, supportata da sistemi RFID, o di prototipazione del prodotto
e i progetti posti in essere hanno riguardato la creazione di prototipi virtuali in 3D, partendo da un pattern 2D
realizzato dal modellista, attraverso il CAD. In altri casi i progetti hanno riguardato l’implementazione di specifici
moduli a supporto di processi aziendali, come il sales budgeting e la previsione della domanda.
All’interno della sessione SCM si discute di come ottimizzare la gestione delle informazioni lungo la Supply Chain di
un’azienda della moda, per esempio tramite la realizzazione di una piattaforma integrata così da ridurre le inefficienze
di gestione delle informazioni relative alla produzione. I progetti presentati sottolineano come l’introduzione di nuovi
sistemi informativi ERP o MRP per il fashion abbia prodotto una profonda rivisitazione delle funzionalità e dei ruoli
aziendali. Ancora, nella stessa sessione, sono proposte anche applicazioni di piattaforme B2B di scambio dati tra
l’azienda e i suoi terzisti, in modo da poter monitorare e ripianificare le attività di produzione in maniera più flessibile.
Un caso, infine, ha riguardato l’impatto dell’ottimizzazione matematica per favorire la “fattibilità” produttiva e
l’efficienza dei flussi di materiali nel contesto fashion.
La sessione Retail vede come protagonista il tema dell’eCommerce, ossia una piattaforma innovativa per supportare il
business digitale, e il rifacimento delle interfacce verso le piattaforme logistiche ed il mondo Retail. I progetti non
trascurano l’importanza del cliente e dei distributori. Per i primi, il “Remote Showroom”, soluzione in grado di
prolungare il processo di acquisto anche successivamente alla visita in Showroom. Nel caso di importanti distributori,
la messa a punto di sistemi EDI di dialogo tra l’azienda e i partner, realizza un sensibile miglioramento del modo di fare
business nel mondo della moda.
Il documento si conclude con i curricula degli speaker e una breve presentazione degli sponsors che hanno reso
possibile l’organizzazione di questo evento.
Ringraziandovi per la partecipazione,
Il responsabile scientifico
Program Chair della conferenza
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Programma
1
e
Sommario
Programma ............................................................................................................................................................................... 7
Sessione Plenaria...................................................................................................................................................................... 10
PLENARIA 1 - Lectra ........................................................................................................................................................... 11
When you change nothing, nothing changes .................................................................................................................. 11
Industry background......................................................................................................................................................... 11
Abstract ............................................................................................................................................................................... 12
Plenaria 2 – RTT.................................................................................................................................................................... 13
Going Digital: Opportunities and Challenges in the word of Fashion...................................................................... 13
Industry background......................................................................................................................................................... 13
Abstract ............................................................................................................................................................................... 14
PLENARIA 3 – DDway Srl .................................................................................................................................................. 15
Trent’anni di innovazione al servizio della moda ........................................................................................................... 15
Industry background......................................................................................................................................................... 15
Abstract ............................................................................................................................................................................... 15
New Product Development ..................................................................................................................................................... 16
NPD 1 - Devanlay/Lacoste.................................................................................................................................................. 17
Implementing PLM to facilitate Devanlay’s collaborative reach information system for tomorrow’s
assortment lifecycle (Cristal)’ project .............................................................................................................................. 17
Industry background......................................................................................................................................................... 17
Le sfide di Devanlay .......................................................................................................................................................... 17
Obiettivi e vantaggi del progetto................................................................................................................................... 17
Conclusioni e futuri steps ............................................................................................................................................... 18
Parole Chiave ..................................................................................................................................................................... 18
NPD 2 – Imperial S.p.A. ...................................................................................................................................................... 19
Imperial: il Fast-Fashion........................................................................................................................................................ 19
Industry background......................................................................................................................................................... 19
Le sfide di Imperial ............................................................................................................................................................ 19
Parole Chiave ..................................................................................................................................................................... 19
NPD 3 – Guess Europe ....................................................................................................................................................... 20
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Programma
2
e
Ottimizzare la pianificazione Wholesale, il valore di una soluzione integrata ........................................................ 20
Industry background......................................................................................................................................................... 20
Le sfide di Guess Europe................................................................................................................................................. 20
Obiettivi e vantaggi del progetto................................................................................................................................... 20
Parole Chiave ..................................................................................................................................................................... 21
NPD 4 - Bottega Veneta ..................................................................................................................................................... 22
Bottega Veneta: lo sviluppo del brand passa anche dal PLM ...................................................................................... 22
Industry background......................................................................................................................................................... 22
Le sfide di Bottega Veneta .............................................................................................................................................. 22
Obiettivi e vantaggi del progetto................................................................................................................................... 22
Conclusioni e futuri steps ............................................................................................................................................... 23
Parole Chiave ..................................................................................................................................................................... 23
NPD 5 - Staff International S.p.A....................................................................................................................................... 24
Progetto pilota CLO 3D ..................................................................................................................................................... 24
Industry background......................................................................................................................................................... 24
Le sfide di Staff International .......................................................................................................................................... 24
Obiettivi e vantaggi del progetto................................................................................................................................... 24
Parole Chiave ..................................................................................................................................................................... 25
NPD 6 – Proenza Schouler................................................................................................................................................. 26
Proenza Schouler, RFId tra stile Americano ed artigianalità Toscana ...................................................................... 26
Industry background......................................................................................................................................................... 26
Le sfide di Proenza Schouler .......................................................................................................................................... 26
Obiettivi e vantaggi del progetto................................................................................................................................... 26
Supply Chain Management .................................................................................................................................................... 28
SCM 1 - Bottega Veneta S.p.A. .......................................................................................................................................... 29
Stealth 3000 in Cloud per i laboratori ............................................................................................................................. 29
Industry background......................................................................................................................................................... 29
Le sfide di Bottega Veneta .............................................................................................................................................. 29
Obiettivi e vantaggi del progetto................................................................................................................................... 29
Parole Chiave ..................................................................................................................................................................... 30
SCM 2 - Cariaggi Lanificio S.p.A. ....................................................................................................................................... 31
Cariaggi, un’applicazione di integrazione della filiera del filato di qualità per l’ottimizzazione della
programmazione.................................................................................................................................................................... 31
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Programma
3
e
Industry backgroud ........................................................................................................................................................... 31
Le sfide di Cariaggi ............................................................................................................................................................ 31
Obiettivi e vantaggi del progetto................................................................................................................................... 32
Parole Chiave ..................................................................................................................................................................... 33
SCM 3 - La Perla Global Management S.r.l. .................................................................................................................... 34
Come l’ottimizzazione matematica migliora la “fattibilità” produttiva e l’efficienza dei flussi di materiali nel
contesto fashion .................................................................................................................................................................... 34
Industry background......................................................................................................................................................... 34
Le sfide di la Perla ............................................................................................................................................................. 34
I vantaggi del progetto ..................................................................................................................................................... 34
Parole Chiave ..................................................................................................................................................................... 35
SCM 4 - Il Gufo S.p.A. .......................................................................................................................................................... 36
Il sistema ERP fashion per lo sviluppo aziendale ............................................................................................................ 36
Industry background......................................................................................................................................................... 36
Le sfide de Il Gufo ............................................................................................................................................................. 36
Obiettivi e vantaggi del progetto................................................................................................................................... 37
Conclusioni ......................................................................................................................................................................... 38
Parole Chiave ..................................................................................................................................................................... 38
SCM 5 - Luxottica Group ................................................................................................................................................... 39
New Planning System Project ............................................................................................................................................ 39
Industry background......................................................................................................................................................... 39
Obiettivi e vantaggi del progetto................................................................................................................................... 39
Parole chiave ...................................................................................................................................................................... 40
SCM 6 - Binda Group........................................................................................................................................................... 41
rEvolution Project ................................................................................................................................................................. 41
Industry background......................................................................................................................................................... 41
Le sfide di Binda Group ................................................................................................................................................... 42
Obiettivi e vantaggi del progetto................................................................................................................................... 42
Retail ......................................................................................................................................................................................... 44
Retail 1 - Aeffe S.p.A. ........................................................................................................................................................... 45
Dal Digital Showroom al Remote Showroom grazie all’utilizzo evoluto della tecnologia a servizio del
business.................................................................................................................................................................................... 45
Industry background......................................................................................................................................................... 45
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Programma
4
e
Le sfide di Aeffe ................................................................................................................................................................. 45
Obiettivi e vantaggi del progetto................................................................................................................................... 45
Parole Chiave ..................................................................................................................................................................... 46
Retail 2 - Salvatore Ferragamo S.p.A. ............................................................................................................................... 47
Il product configurator in web (MTO in store e via e-Commerce) ......................................................................... 47
Industry background......................................................................................................................................................... 47
Le sfide di Salvatore Ferragamo: ................................................................................................................................... 47
Obiettivi e vantaggi del progetto................................................................................................................................... 47
Parole Chiave: .................................................................................................................................................................... 48
Retail 3 - Gruppo Germani – Kocca ................................................................................................................................ 49
La gestione centralizzata per una strategia Omnichannel e di crescita di successo.............................................. 49
Industry backround........................................................................................................................................................... 49
Obiettivi e vantaggi del progetto................................................................................................................................... 49
Parole Chiave ..................................................................................................................................................................... 50
Retail 4 - Logislab .................................................................................................................................................................. 51
Industry background......................................................................................................................................................... 51
Obiettivi e vantaggi del progetto................................................................................................................................... 51
Conclusioni e futuri steps ............................................................................................................................................... 51
Retail 5 - Accessories Bags & Cosmetics SpA Change Management - un modello sostenibile nell’epoca della
complessità ............................................................................................................................................................................. 52
Industry Background ........................................................................................................................................................ 52
Le sfide di ABC .................................................................................................................................................................. 52
Obiettivi e vantaggi del progetto................................................................................................................................... 54
Conclusioni e futuri steps ............................................................................................................................................... 54
Parole Chiave ..................................................................................................................................................................... 54
Retail 6 - Guess Europe Sagl .............................................................................................................................................. 56
[email protected] ............................................................................................................................................................................ 56
Industry background:........................................................................................................................................................ 56
Le sfide di Guess Europe................................................................................................................................................. 56
Obiettivi e vantaggi del progetto................................................................................................................................... 57
Conclusioni e futuri steps ............................................................................................................................................... 57
Parole Chiave ..................................................................................................................................................................... 57
Indice degli Speaker .............................................................................................................................................................. 58
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Programma
5
e
Adriano Aere ..................................................................................................................................................................... 58
Romeo Bandinelli .............................................................................................................................................................. 58
Federico Bertini ................................................................................................................................................................. 58
Attilio Campedel ............................................................................................................................................................... 58
Alberto Caprioli ................................................................................................................................................................ 58
Guido Chiavelli .................................................................................................................................................................. 59
Elisa d’Avolio ...................................................................................................................................................................... 59
Erika Filipponi..................................................................................................................................................................... 59
Stéphane Gaillard .............................................................................................................................................................. 59
Massimo Gentili ................................................................................................................................................................. 59
Simone Gilardoni............................................................................................................................................................... 59
Luca Greco ......................................................................................................................................................................... 60
Marco Gubbiotti ................................................................................................................................................................ 60
Gianluca Guidotti .............................................................................................................................................................. 60
Daniel Harari ...................................................................................................................................................................... 60
Giampiero Izzo .................................................................................................................................................................. 60
Dario Marafon ................................................................................................................................................................... 61
Giovanni Marini ................................................................................................................................................................. 61
Diego Picciani ..................................................................................................................................................................... 61
Rinaldo Rinaldi ................................................................................................................................................................... 62
Jan Rosenberg .................................................................................................................................................................... 62
Marco Spotti....................................................................................................................................................................... 62
Luca Tonello....................................................................................................................................................................... 63
Laura Valagussa .................................................................................................................................................................. 63
Adriano Voglino ................................................................................................................................................................ 63
SPONSOR ................................................................................................................................................................................. 64
Sponsor Platinum .............................................................................................................................................................. 65
Sponsor Gold ..................................................................................................................................................................... 65
Sponsor Silver ................................................................................................................................................................... 66
Sponsor Standard .............................................................................................................................................................. 68
MEDIA PARTNER .................................................................................................................................................................... 79
CON IL PATROCINIO DI ........................................................................................................................................................ 79
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Programma
6
e
Programma
Sessione plenaria
08.30 Registrazione dei partecipanti
09.30 Apertura dei lavori e presentazione del convegno
Prof. Rinaldo Rinaldi (Responsabile scientifico LogisLab)
Romeo Bandinelli (Ricercatore Logislab)
10.00 When you change nothing, nothing changes
Daniel Harari (Chief Executive Officer Lectra SA)
10.30 Going Digital – Opportunities and Challenges in the word of Fashion
Jan Rosenberg (RTT Head of Lifestyle Division)
Laura Valagussa (RTT Business Director Lifestyle Division – Italy & South EU)
11.00 Coffee break e visita area espositiva
Sessione NPD
11.30 - 12.00
Caso di Studio
DEVANLAY –
LACOSTE
Titolo: Implementing PLM
To Facilitate
DEVANLAY’S ‘collaborative
reach information
system for tomorrow’s
assortment lifecycle
(CRISTAL)’ Project
Sessione SUPPLY
CHAIN
Caso di Studio
BOTTEGA VENETA
Titolo: Un ERP in Cloud
per i laboratori
Relatore:
Adriano Voglino (MIS
Manager)
Caso di Studio
IMPERIAL S.P.A.
Titolo: IMPERIAL: Il FastFashion
Caso di Studio
AEFFE GROUP
Titolo: Dal Digital
Showroom al Remote
Showroom grazie all’utilizzo
evoluto della tecnologia a
servizio del business
Relatore:
Federico Bertini
(Marketing Manager)
Diego Picciani (IT
Manager)
Relatore:
Stéphane Gaillard
(Business process & PLM
project Manager)
12.00 - 12.30
Sessione RETAIL
Caso di Studio
CARIAGGI
LANIFICIO S.P.A.
Titolo: CARIAGGI:
Un’applicazione di
Caso di Studio
SALVATORE
FERRAGAMO
Titolo: Il Product
Configurator in Web (MTO
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Programma
7
e
Relatore:
Adriano Aere
(Fondatore e Presidente)
Cristina Canovi
(Responsabile Prodotto)
integrazione della filiera del
filato di qualità per
l’ottimizzazione della
programmazione
Relatore:
Giovanni Marini
(Consulente responsabile
per IT e organizzazione)
12.30 - 13.00
Caso di Studio
GUESS EUROPE
Titolo: Ottimizzare la
pianificazione wholesale, il
valore di una soluzione
integrata
Relatore:
Simone Gilardoni
(Datawarehouse
Specialist)
Caso di Studio
GRUPPO LA PERLA
Titolo: Come
l’ottimizzazione matematica
migliora la “fattibilità”
produttiva e l’efficienza dei
flussi di materiali nel
contesto fashion
Relatore:
Gianluca Guidotti
(Global IT Director)
IN STORE e via ECOMMERCE)
Relatore:
Erika Filipponi (Retail
Marketing Director)
Marco Spotti (eBusiness IT Manager)
Caso di Studio
GRUPPO GERMANI –
KOCCA
Titolo: La gestione
centralizzata per una
strategia Omnichannel e di
crescita di successo
Relatore:
Giampiero Izzo (Retail
Manager)
13.00 Pranzo
Sessione plenaria
14.30 30 anni di innovazione al servizio della moda
Luca Tonello (Sales Executive & Channel Manager, DDway Srl)
Sessione NPD
15.00 - 15.30
Caso di Studio
BOTTEGA VENETA
Titolo: Bottega Veneta: lo
sviluppo del Brand passa
anche dal PLM
Relatore:
Adriano Voglino (MIS
Manager)
Sessione SUPPLY
CHAIN
Sessione RETAIL
Caso di Studio
IL GUFO
Titolo: Il Sistema ERP per
lo sviluppo aziendale: dalla
collezione, alla produzione e
logistica fino alla vendita
Caso di Studio
LOGISLAB
Titolo: Strategie e
metodologie a supporto del
Retail Management nel
settore moda
Relatore:
Guido Chiavelli
Relatore:
Romeo Bandinelli,
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Programma
8
e
15.30 - 16.00
Caso di Studio
STAFF
INTERNATIONAL
SPA
Titolo: Progetto pilota 3D
(Amministratore
Delegato)
Elisa d’Avolio
(Università di Firenze)
Caso di Studio
LUXOTTICA GROUP
Titolo: NPS – New
Planning System Luxottica
Caso di Studio
ACCESSORIES,
BAGS & COSMETICS
S.P.A.
Titolo: Change
management – un modello
sostenibile nell’epoca della
complessità
Relatore:
Attilio Campedel (IT
Planning Demand
Manager)
Relatore:
Dario Marafon (3D
Project Manager
Relatore:
Luca Greco (Direttore
Organizzazione e Sistemi)
16.00 - 16.30
Caso di Studio
PROENZA
SCHOULER
Titolo: Proenza Schouler:
RFId tra stile Americano ed
artigianalità Toscana
Caso di Studio
BINDA GROUP
Titolo: rEvolution Project
Caso di Studio
GUESS
Titolo: [email protected]
Relatore:
Alberto Caprioli (ICT
Director)
Relatore:
Raffaele Gamberini
(CIO)
Relatore:
Massimo Gentili (IT
manager)
16.30 Coffee break e visita area espositiva
Sessione plenaria
17.00 - 17.30 Chiusura dei lavori – Rinaldo Rinaldi (Responsabile scientifico LogisLab)
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Programma
9
e
Sessione Plenaria
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Sessione Plenaria
10
e
PLENARIA 1 - Lectra
When you change nothing, nothing changes
Daniel Harari
Industry background
Lectra è la numero uno al mondo tra i provider di soluzioni tecnologiche integrate per le aziende che
utilizzano tessuti, pelli, tessuti industriali e materiali compositi. Accelera e ottimizza i processi di design,
sviluppo e fabbricazione del prodotto per i mercati del fashion, dell'automotive e dell'arredamento, come
per molti altri quali l'aeronautica, la marina e l'energia eolica. Le soluzioni software e di taglio automatico,
unite all'esperienza e alla variegata offerta di servizi, contribuiscono all'eccellenza operativa del cliente. In
qualità di azienda internazionale con 1.400 dipendenti, Lectra sviluppa rapporti privilegiati con clienti
prestigiosi in oltre 100 paesi. Il know-how di Lectra nel mondo del fashion è rinomato su scala mondiale. Le
soluzioni avanzate integrano le best practice industriali acquisite in oltre 40 anni di lavoro con marchi leader
specializzati nel prêt-à-porter per uomo, donna e bambino, ma anche nell'intimo, nel lusso e nel fast fashion.
Fondata nel 1973 e con sede in Francia, grazie a 1400 dipendenti Lectra serve 23000 clienti in oltre 100
nazioni e nel 2013 ha registrato ricavi per 203 milioni di Euro. La società è quotata alla borsa valori NYSE
Euronext.
La rete di Lectra, unica nel suo genere, conta 31 filiali e consente di collaborare con i principali marchi del
fashion e gruppi produttivi mondiali, ovunque si trovino, per aiutarli a superare le sfide che caratterizzano
l'attuale contesto economico globalizzato. I team locali e internazionali uniscono il know-how delle attività
dei clienti al controllo delle tecnologie, per realizzare con successo progetti globali e locali nel rispetto delle
diverse culture. Inoltre, gli esperti di Lectra all’interno dei cinque centri di Customer Care a Bordeaux,
Shanghai, Milano, Madrid e Atlanta forniscono ai clienti il supporto necessario e controllano i loro software
e gli strumenti da remoto, attraverso una connessione sicura. Lectra si avvale di 175 esperti di settore,
esperti di soluzioni e project manager per garantire che il cliente riceva il livello di know-how e di
assistenza più elevato possibile. Tali esperti forniscono consulenza, valutazioni, gestione di progetti e servizi
di formazione e si affidano alle migliori best practice del settore per potenziare le performance del cliente.
Lectra è sempre stata all'avanguardia e questo ha caratterizzato la sua competitività. La passione per
l'innovazione è parte integrante della vita quotidiana. Lectra è determinata a mantenere la leadership
tecnologica per poter garantire l'eccellenza della sua offerta, e porterà avanti il programma d'investimento
in ricerca & sviluppo, che negli ultimi dieci anni si è attestato a 170 milioni di Euro (9% dei profitti). Inoltre,
la decisione di mantenere in Francia il sito di produzione e ricerca e sviluppo ha consentito a Lectra di
aumentare il valore della propria offerta.
L’International Advanced Technology and Conference Center (IATC) di Bordeaux-Cestas (Francia), è il
cuore innovativo di Lectra, dedicato interamente ai clienti. Consente ai visitatori di esplorare le ultimissime
soluzioni dedicate al design, allo sviluppo e alla fabbricazione dei prodotti e di svolgere dei test nelle loro
precise condizioni di produzione, sfruttando i materiali più complessi. Come centro internazionale di
incontro e meta per eventi e seminari, l'IATC fornisce un contesto moderno che stimola creatività e
collaborazione.
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | PLENARIA 1 - Lectra
11
e
Lectra è sempre stata coinvolta nella formazione degli studenti degli istituti di moda. Grazie al programma
di partnership, oltre 850 istituti formativi nel mondo hanno beneficiato dell’esperienza Lectra riguardo le
best practice del settore fashion. Lectra fornisce licenze software e forma il personale docente sulle proprie
tecnologie più avanzate. Oltre 60.000 licenze vengono utilizzate dagli studenti per sviluppare le proprie
competenze nella creazione e nella gestione delle collezioni.
Abstract
Il “Change Management” rappresenta oggigiorno molto di più di un semplice concetto astratto, perciò deve
essere tradotto in azioni concrete all’interno del business. L’obiettivo dell’intervento è mostrare il punto di
vista di Lectra circa il Change Management e, in questo contesto, verranno sottolineati quegli aspetti che
bisogna considerare per essere competitivi sul mercato
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | When you change nothing, nothing
changes
12
e
Plenaria 2 – RTT
Going Digital: Opportunities and Challenges in
the word of Fashion
Jan Rosenberg, Laura Valagussa
Industry background
RTT is the leading one-stop-provider of high-end software, consulting and creative services in professional
3D visualization. As a strategic partner, RTT offers sustainable, effective and seamless process support
across the entire product lifecycle with its holistic approach. As a result, products are developed faster and
more cost-effectively, while time-to-market is significantly reduced. Through creative, photorealistic CGI
implementations RTT enables innovative sales and marketing advantages and new dimensions of emotional
brand staging. The Group´s customer-base includes companies like Adidas, Audi, BMW, Daimler, EADS,
Electrolux, Ferrari, General Motors, Harley-Davidson, Porsche, The North Face and Volkswagen. RTT AG
was founded 1999 in Munich and is listed on the Frankfurt Stock Exchange (Xetra: R1T; WKN: 701220;
ISIN: DE0007012205). The RTT Group employs 754 staff at 15 offices worldwide (as of September 16,
2013).
RTT recognized the importance of 3D realtime visualization as a key technology for companies at a very
early stage, and has developed from a pioneer since its founding in 1999 into a market leader for
professional 3D visualization, with 15 locations worldwide. The most renowned global players from the
automotive, aerospace, consumer goods industries and beyond rely on our holistic approach, which is both
strikingly simple and supremely complex: CAD development data are taken as a central element to enable
products to be experienced and validated across the whole company by means of highly realistic 3D
visualization, and across the entire product life-cycle.
End-to-end data consistency is achieved based on this 3D reference model, resulting in greater efficiency in
design, development, marketing and sales. The core software, RTT DeltaGen, can be seamlessly integrated
in any IT architecture and process environment and contribute to the sustainable use of product data along
the entire value chain. This helps companies in their efforts to replace costintensive physical prototypes
with virtual or computer-generated equivalents, to speed up decision-making processes in product
development, and to stage products even more attractively for end-customers, for example. Besides
implementing and integrating visualization solutions, we at RTT also advise and support companies in
process optimization – thanks to our many years of experience and in-depth industry expertise. As a fullservice provider we undertake the complete creation and production of 3D content such as images, movies
and interactive product presentations. Realtime configurators on websites or in the showrooms of car
manufacturers enhance the quality of consulting and boost sales success. Our customers benefit from
shortened innovation cycles and more efficient processes in company-wide communications. They see their
globally-oriented marketing strategies being underpinned by emotional and exciting brands and product
experiences. And last, but not least: the creation and production of 3D contents that can be deployed
across media sets new benchmarks in terms of flexibility, efficacy and cost-efficiency.
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Plenaria 2 – RTT
13
e
RTT leads in professional high-end 3D visualization, turning it into a key technology for its clients. As a
strategic partner, RTT enables companies to explore innovative approaches towards a truly breathtaking
realtime digital experience across the entire product life cycle – from design and development to marketing
and sales applications. RTT’s unique portfolio of high-end technology, creative turn-key solutions and CGI is
the basis for customized applications as well as end-to-end process support. RTT’s comprehensive
approach combines with industry-specific expertise, ensuring sustainable processes to develop and market
products faster, cost-effectively and in exciting new ways.
RTT ‘s founders, Ludwig A. Fuchs and Christoph Karrasch, identified the potential inherent in 3D realtime
visualization back in the early 1990s. Seizing the opportunity, RTT was founded in 1999 in Munich. Over the
past 14 years, the company has developed from a pioneer to an international market leader that deploys
professional 3D visualization as a key technology for its customers. Renowned product manufacturers,
including from the automotive, aerospace and consumer goods industries, rely on our holistic approach,
which is both strikingly simple and exceptionally complex: CAD development data are taken as a central
element to enable products to be experienced and validated across the entire company by means of highly
realistic 3D visualization, and across the entire product life-cycle. End-to-end data consistency is achieved
based on this 3D reference model, resulting in greater efficiency in design, development, marketing and
sales. The core software, RTT DeltaGen, can be seamlessly integrated in any IT architecture and process
environment and contribute to the sustainable use of product data along the entire value chain. This helps
companies in their efforts to replace costintensive physical prototypes with virtual or computer-generated
equivalents, to speed up decision-making processes in product development, and to stage products even
more attractively for end-customers, for example. In short, RTT is far more than just a software
manufacturer, consultant or creative services provider. What companies gain with RTT is a strategic
partner that helps them utilize high-end 3D visualization as an innovative and efficient key technology on
their way to sustainable business success.
Besides implementing and integrating visualization solutions, we at RTT also advise and support companies
in process optimization – thanks to our many years of experience and in-depth industry expertise. As a fullservice provider we undertake the complete creation and production of 3D content such as images, movies
and interactive product presentations. Realtime configurators on websites or in the showrooms of car
manufacturers enhance the quality of consulting and boost sales success.
Abstract
The speech will focus on the capability of 3D high quality visualization to ensure a massive competitiveness
in the market. The time range between product design and selling has been drastically shortened.
Therefore, 3D data are used since the primary engineering and development phases to the creation of
marketing and sales information for different distribution channels, such as wholesale, retail, up to ecommerce.
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Going Digital: Opportunities and
Challenges in the word of Fashion
14
e
PLENARIA 3 – DDway Srl
Trent’anni di innovazione al servizio della moda
Luca Tonello
Industry background
DDway è un azienda del network Dedagroup.
Il gruppo, tra le prime 10 realtà ICT a capitale italiano, conta 11 aziende federate, 21 sedi operative in Italia
ed all’estero, 1500 professionisti e 200 Mln di Euro di fatturato nel 2013.
Entrata a far parte del del network Dedagroup nel 2012, DDway offre soluzioni e servizi di business per
supportare le aziende, pubbliche e private, nella gestione di grandi progetti di trasformazione grazie alla
conoscenza profonda dei business driver e dei processi dei mercati di riferimento, alle competenze
specifiche nelle aree consulenza, system integration e project management, alla capacità di fondere visione
strategica e all’utilizzo efficace delle tecnologie.
Vanta una presenza capillare sul territorio nazionale presidiando tutte le principali aree di mercato.
Tra i principali clienti 20 Enti della Pubblica Amministrazione Centrale, 13 dei maggiori Gruppi Bancari
Italiani e 12 Gruppi Assicurativi, oltre 220 aziende nei settori Manifatturiero, Utility, Telecomunicazioni e
Fashion&Retail.
In particolare, nel mercato del Fashion&Retail, è presente da 30 anni con la soluzione Stealth, l’ERP
specificatamente pensato per le Aziende della Moda ed adottato da quasi tutte le più prestigiose firme del
Made in Italy.
Abstract
Nel corso degli ultimi 30 anni Stealth ha accompagnato le aziende della moda supportandole nelle loro
esigenze produttive e di business.
Tale longevità trova le sue ragioni, oltre che nelle qualità intrinseche della soluzione, anche nelle continue
innovazioni introdotte nel corso degli anni per mettere a disposizione dei clienti un ERP sempre aggiornato
ed al passo coi tempi.
Partendo dalla revisione del prodotto su tecnologia open Oracle e Java di inizio anni 2000 fino alle
ultimissime versioni Lite ed aaS, introdotte per venire incontro alla crescente richiesta da parte delle
aziende della moda di velocità di risposta alle esigenze di un mercato sempre più globalizzato.
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | PLENARIA 3 – DDway Srl
15
e
New Product Development
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | New Product Development
16
e
NPD 1 - Devanlay/Lacoste
Implementing PLM to facilitate Devanlay’s
collaborative reach information system for
tomorrow’s assortment lifecycle (Cristal)’ project
Stéphane Gaillard
Industry background
Devanlay è l’azienda francese licenziataria esclusiva mondiale del marchio Lacoste per tessuti, accessori e
pelletteria. Ha conosciuto un notevole sviluppo a partire dal lancio, nel 1933, della famosa polo L1212
creata da René Lacoste e André Gillier. Oggi Devanlay è presente in Europa, USA e Asia con 15
stabilimenti in tutto il mondo (8 in Francia) per la produzione e la distribuzione internazionale dei suoi
prodotti.
Le sfide di Devanlay
Devanlay si è anche diversificata rispetto alla pura produzione tessile, tanto che ora si occupa del marketing
e della distribuzione mondiale dei prodotti, con ricadute significative sull’infrastruttura informatica.
Attiva su un mercato estremamente competitivo e in continua evoluzione, Devanlay ha quindi scelto di far
progredire i propri strumenti e metodi di lavoro per guadagnare in efficienza.
La necessità avvertita in modo crescente era rendere più efficiente il processo di creazione dei prodotti e
delle collezioni. Devanlay necessitava di una soluzione PLM flessibile, facile da utilizzare e configurare che
diventasse la base del progetto CRISTAL (Collaborative Reach Information System for Tomorrow’s
Assortments Lifecycle), finalizzato ad incrementare la competitività dell’azienda, attraverso:
•
Una migliore segmentazione dell'offerta di prodotti allo scopo di acquisire nuove quote di mercato;
•
Un maggiore controllo sui tempi di sviluppo delle collezioni;
•
La massima sincronizzazione di tutti i team, a monte e a valle della catena produttiva.
Un’attenta analisi delle soluzioni disponibili e delle opportunità fornite in termini di flessibilità e
personalizzazione ha portato nel 2012 Devanlay a scegliere PTC Windchill FlexPLM® la soluzione
enterprise di PTC per la gestione del ciclo di vita dei prodotti, dedicata alle esigenze dell'industria tessile e
dell'abbigliamento. PTC Windchill FlexPLM® supporta stilisti, responsabili di prodotto, modellisti,
progettisti, addetti all’industrializzazione e produzione, fornitori e “buyers” per realizzare un ambiente
collaborativo, senza bisogno di costose e difficili personalizzazioni del software.
Obiettivi e vantaggi del progetto
L'obiettivo dell’implementazione di una soluzione PLM, PTC Windchill FlexPLM® (programmata in diverse
fasi a partire da febbraio 2012) era accrescere l'efficienza operativa e la flessibilità organizzativa di Devanlay
per accelerare i volumi delle vendite.
I vantaggi attualmente riscontrati sono i seguenti:
•
rafforzamento della cooperazione tra team internazionali e quindi incremento dell'innovazione di
prodotto e della creazione di valore attraverso il progetto CRISTAL, (basato su PTC Windchill FlexPLM®).
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | NPD 1 - Devanlay/Lacoste
17
e
•
integrazione nel progetto CRISTAL degli aspetti commerciali aggiuntivi basati sulla segmentazione di
marketing.
•
migliore segmentazione dell'offerta di prodotti
•
maggiore controllo sui tempi di sviluppo delle collezioni;
•
incremento dell’efficienza operativa e della flessibilità organizzativa
Olivier Descamps, Direttore industriale e finanziario di Devanlay, sostiene che: "Uno degli obiettivi di
Devanlay è quello di sviluppare prodotti sempre più innovativi, rafforzando al contempo il fascino, la
riconoscibilità e il carattere delle collezioni. In quest'ottica, il miglioramento delle procedure di creazione
dei prodotti è una delle sfide principali che ci attendono. Grazie a questo progetto e al PLM, puntiamo a
ottimizzare il nostro ciclo di sviluppo prodotto e a gestire meglio la varietà delle nostre collezioni."
Conclusioni e futuri steps
L’introduzione della nuova tecnologia ha consentito vari vantaggi già nella Fase 1:
•
TEAM WORK: incremento e miglioramento degli scambi di informazioni e della cooperazione tra
team internazionali
•
INNOVAZIONE: crescita dell'innovazione di prodotto e della creazione di valore attraverso il
progetto CRISTAL (basato su PTC Windchill FlexPLM®) grazie ad una gestione dei prodotti più completa.
•
MIGLIORE APPROCCIO DEL MERCATO: integrazione nel progetto CRISTAL degli aspetti
commerciali aggiuntivi, basati sulla segmentazione di marketing.
•
UNIFICAZIONE DEI SISTEMI INFORMATIVI: la prima fase del progetto CRISTAL – ha portato a
unificare i sistemi informativi esistenti e a migliorare quindi la funzionalità, la collaborazione e la trasparenza
in tutti i marchi.
•
GESTIONE DATI DI PRODOTTO LUNGO TUTTA L’AZIENDA: l’utilizzo della soluzione PLM
(PTC Windchill FlexPLM®) per integrare merchandising, marketing, progettazione e sviluppo consente di
rendere disponibili i dati di prodotto a tutti i reparti per le diverse competenze.
•
PROSSIMI RISULTATI DA OTTENERE: la Fase 2 del progetto CRISTAL prevede l’estensione delle
funzionalità del sistema PLM verso l’integrazione con Sourcing, Supply-Chain e Assicurazione Qualità.
Parole Chiave
ottimizzazione prodotti, competizione internazionale, supply chain, PDM, PLM, integrazione, qualità,
collaborazione, PTC, PTC Windchill, FlexPLM, PTC Windchill FlexPLM, ROI, flessibilità, semplicità
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Implementing PLM to facilitate
Devanlay’s collaborative reach information system for tomorrow’s assortment lifecycle (Cristal)’
project
18
e
NPD 2 – Imperial S.p.A.
Imperial: il Fast-Fashion
Adriano Aere, Cristina Canovi
Industry background
Fondata a Bologna nel 1978 da Adriano Aere e Emilia Giberti, Imperial produce abbigliamento per uomo e
donna per 4,000 consumatori in tutto il mondo, compresa Italia, Europa e Asia. L’azienda, che propone 6
milioni di capi in un anno, ha deciso di ampliare la propria attività nel 2012 investendo nell’apertura di 80
negozi multi-brand. Il livello delle esportazioni sfiora il 50% del fatturato che a fine 2013 si è attestato sui
155 milioni di euro. Il portafoglio clienti della nostra società è costituito da circa 5.500 operatori del
settore, di cui almeno 4.000 operativi e costanti, dislocati in diversi paesi. I nostri clienti significativi sono
attivi nell’area del sud-est asiatico (principalmente Hong Kong, Giappone, Corea e Taiwan), nell’area Nord
americana (Canada) ed in modo massiccio nell’Europa comunitaria ed extra-comunitaria (Svizzera e Paesi di
lingua slava).
Le sfide di Imperial
La sfida di Imperial è riuscire a far fronte alle crescenti attività, pur continuando a fornire collezioni
aggiornate rispettando tempi e qualità. “Con la nostra società che cresce a un ritmo molto veloce,
dobbiamo essere in grado di padroneggiare il processo di sviluppo dall’inizio alla fine,” afferma Adriano
Aere, fondatore e Presidente di Imperial. “Visto che i consumatori richiedono sempre maggiore varietà dei
capi e novità, abbiamo bisogno di diventare più veloci e produrre in tempi più ridotti” aggiunge.
Il brand del fast fashion ha deciso di integrare Lectra Fashion PLM per velocizzare il processo di sviluppo
prodotto e per migliorare la comunicazione tra i diversi team coinvolti nella creazione di una collezione, dal
design fino al prodotto finito. “Incorporare i nostri dati tecnici all’interno del Lectra Fashion PLM ci aiuterà
a condividere specifiche tecniche o le informazioni sugli stili meglio e più velocemente,” dice Adriano Aere.
Imperial si basa, infatti, su un modello di business fondato sul mass market, in cui la collaborazione
costruttiva tra team creativo e tecnico è fondamentale.
Questa piattaforma comune faciliterà il lavoro giorno per giorno e semplificherà il processo di sviluppo. Il
piano di Imperial è di fare un ulteriore passo avanti condividendo i dati di pre-produzione e produzione e
aprendo il Lectra Fashion PLM ai fornitori (sia di materiali sia di servizi) attraverso la piattaforma web.
La lunga esperienza di Lectra in qualità di partner delle aziende del fashion e, in particolare, il proficuo
rapporto di collaborazione tra Imperial e Lectra hanno fatto la differenza. “Negli ultimi 18 anni, abbiamo
costruito una partnership con Lectra, basata sulla fiducia. Crediamo che Lectra, come partner strategico,
continuerà a supportare la nostra strategia globale anche grazie alla soluzione PLM che sta sviluppando per
l’industria del fashion,” conclude Adriano Aere.
Parole Chiave
Lectra Fashion PLM; PLM; Imperial; Mass-market; fast-fashion
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | NPD 2 – Imperial S.p.A.
19
e
NPD 3 – Guess Europe
Ottimizzare la pianificazione Wholesale, il valore
di una soluzione integrata
Simone Gilardoni
Industry background
Azienda dinamica e in fortissima espansione, Guess disegna, commercializza e distribuisce collezioni
complete di abbigliamento, calzature e accessori annoverando brand di primissimo piano, tra cui GUESS,
GUESS by Marciano e G by GUESS. Guess è ben riconosciuta e visibile in Europa con circa 300 Property
Stores e 450 Licensing Stores. L’azienda è caratterizzata dalla presenza di numerosi canali distributivi: i
prodotti sono venduti attraverso i canali retail, wholesale, e-commerce e licensing. Il canale Wholesale
europeo, oltre a vendere ai più noti Department Store, si basa anche su un gran numero di distributori e
agenti regionali. C'è da aggiungere inoltre che i ricavi delle vendite ai negozi Licensing vengono riconosciute
come Wholesale.
Le sfide di Guess Europe
In un contesto di crescita globale e di diversificazione dei canali di vendita è emersa per Guess la necessità
di adottare una soluzione di pianificazione integrata in grado di supportare processi di business complessi e
nel contempo, di garantire che le decisioni in ambito operativo siano costantemente allineate con le linee
guida strategiche. La presentazione illustrerà come a supporto di questi obiettivi, Guess abbia deciso di
dotarsi della soluzione TXTPlanning di TXT. Focus della presentazione sarà l’applicazione di TXTPlanning in
ambito “wholesale planning” e il supporto a processi chiave come il sales budgeting e la previsione
collaborativa della domanda.
Obiettivi e vantaggi del progetto
Obiettivo del progetto di “wholesale planning” realizzato con TXT è stata l’introduzione di un processo di
budgeting e forecasting standardizzato ed omogeneo per tutte le business unit dell'organizzazione.
Attraverso lo strumento si procede a:
 Allineare e ripartire gli obiettivi aziendali a tutti i livelli (pianificazione top-down e bottom-up lungo
tutta l’organizzazione)
 Definire un corretto livello di inserimento dei dati
 Coinvolgere diverse funzioni aziendali in un processo formale di approvazione (HQ / Regional Director
EU / Country Manager)
La crescita aziendale e il forte dinamismo del business ponevano infatti sfide importanti da un punto di vista
della pianificazione: difficoltà legate alla gestione di canali distributivi multipli con logiche differenti, alla forte
crescita del numero di negozi, così come all’acquisizione di nuovi distributori e licenziatari. In più, a rendere
complesso il processo di pianificazione e budgeting è la diversa struttura di vendita delle diverse “region” e
la molteplicità delle anagrafiche da gestire per le diverse linee di prodotto.
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | NPD 3 – Guess Europe
20
e
Come in molte realtà, risultava importante per Guess superare i limiti di un processo di pianificazione
basato sull’uso di “fogli elettronici” e avvalersi di una piattaforma che consentisse integrazione e visibilità in
modo trasversale al business.
Con l’adozione di TXTPlanning, Guess ha migliorato la previsione di domanda e il budgeting collaborativo,
dotando tutte le funzioni coinvolte nel processo di una base informativa condivisa. La soluzione, che
attraverso l’interfaccia utente Excel consente un’operatività immediata, integra avanzate funzionalità di
pianificazione e di analisi a tutti i livelli, top-down e bottom-up. Supporta inoltre aspetti critici per il business
quali la gestione delle nuove aperture e modifiche alla struttura aziendale, la gestione delle stime di chiusura
e di campagna.
L’introduzione di una struttura anagrafica standardizzata ha portato un vantaggio in termini di analisi e
reperimento dei dati tra i diversi canali di vendita e tra le diverse linee.
In più, l’adozione di “template” per la raccolta ordini ha limitato l’utilizzo di fogli elettronici non integrati
evitando il lavoro di raccolta dati e di costruzione dei file stessi, con la possibilità per gli utenti di
concentrarsi sulle attività a più alto valore aggiunto analisi dei dati e dei risultati aziendali.
La soluzione consente una maggiore standardizzazione dei processi regionali e una maggiore visibilità per
l'intera organizzazione. Il flusso di lavoro, governato dal sistema di workflow management di TXTPlanning,
agevola le interazioni e la collaborazione tra funzioni, accelerando l’intero processo.
Parole Chiave
Sales Budgeting, Previsione della domanda, processo collaborativo, multicanalità
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Ottimizzare la pianificazione
Wholesale, il valore di una soluzione integrata
21
e
NPD 4 - Bottega Veneta
Bottega Veneta: lo sviluppo del brand passa
anche dal PLM
Adriano Voglino
Industry background
Bottega Veneta è uno dei marchi più importanti del mondo nei prodotti di lusso, celebrato per i suoi
straordinari articoli in pelle. Oggi, oltre a borse, valigeria, piccola pelletteria e calzature, la gamma di
prodotti si estende anche al prêt-à-porter maschile e femminile, all’alta gioielleria, all’arredamento e ad altro
ancora.
I prodotti della maison sono distribuiti in tutto il mondo nelle oltre 200 boutique di proprietà e attraverso
una rete globale di rivenditori. Con sede a Milano, l’azienda fa parte del gruppo Kering Luxury Group (in
passato PPR). Il fatturato 2012 ha raggiunto i 945,1 milioni di euro, registrando una crescita annua del 38,5%
rispetto al 2011.
Le sfide di Bottega Veneta
Negli ultimi anni Bottega Veneta ha registrato una crescita esponenziale del fatturato, che è andata di pari
passo con l’estensione della rete di distribuzione. In parallelo, la gamma di prodotti proposta è stata
enormemente arricchita, sia in ampiezza che in profondità.
Il numero di prodotti da sviluppare ad ogni nuova stagione, in costante aumento, ha quindi coinvolto nel
processo una rete sempre maggiore di attori, in particolare l’ufficio stile, lo sviluppo tecnico, il costing, la
gestione della qualità e dei materiali, ma anche la supply chain, il sourcing e i fornitori esterni. Questa rapida
crescita del brand a livello globale ha portato con sé un aumento della mole di dati di prodotto da gestire e
scambiare tra le varie funzioni.
A livello di sistemi informatici, ogni linea di prodotto utilizzava un sistema differente per la gestione dei dati
di collezione, situazione che rendeva più difficoltoso, da parte del management, l’ottenere una visione
d’insieme sull’andamento del processo di sviluppo.
Si era quindi venuto a creare un contesto favorevole all’introduzione di una soluzione integrata di gestione
del ciclo di vita del prodotto, che fosse in grado di gestire l’insieme dei dati di collezione per le categorie di
prodotto proposte dall’azienda (pelletteria, ready-to-wear e calzature).
Obiettivi e vantaggi del progetto
A valle di una valutazione complessiva del mercato, la scelta di Bottega Veneta è ricaduta su Centric 8 PLM,
la soluzione di gestione del ciclo di vita del prodotto dedicata ai settori moda, lusso, retail, calzature e beni
di largo consumo.
Il primo utilizzo in produzione della soluzione PLM è previsto per l’inizio di maggio 2014, non è quindi
ancora possibile valutare i reali benefici apportati dalla soluzione.
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | NPD 4 - Bottega Veneta
22
e
In ogni caso, i principali vantaggi di business che Bottega Veneta prevede di ottenere mediante tale
soluzione sono:
•
Supporto alla crescita della società mediante l’ottimizzazione delle fasi dalla pianificazione
preliminare di collezione, concept, prototipia e campionario fino all’industrializzazione dei prodotti per
tutte le divisioni (Calzature, Accessori Metallici, Abbigliamento e Pelletteria)
•
Maggior controllo e visibilità su avanzamento e costi fin dalle prime fasi di sviluppo
•
Snellimento e semplificazione di alcune attività specifiche di sviluppo prodotto, mediante ad
esempio l’utilizzo flessibile e veloce di regole di coloritura automatiche nello sviluppo della pelletteria o la
gestione della “struttura” delle Calzature
•
Attuazione di maggiori sinergie e condivisione di best practice tra le varie divisioni della società
•
Significativa riduzione del rischio di errori, rifacimenti e ritardi e maggior garanzia di mantenere gli
standard di eccellenza qualitativa che da sempre caratterizzano i prodotti di Bottega Veneta mediante una
migliore comunicazione e collaborazione.
Conclusioni e futuri steps
Come nel paragrafo sopra, il progetto PLM è ancora in una fase di preliminare di introduzione in azienda e
quindi non è possibile valutarne gli impatti effettivi. Ad inizio del prossimo maggio è previsto il go live della
divisione Calzature ed Accessori Metallici, in seguito, da agosto, quello di pelletteria e ready-to-wear.
L’introduzione del PLM di Centric si inserisce in un quadro strategico più ampio, volto a supportare lo
sviluppo del brand Bottega Veneta e a consolidare la tradizione di alta artigianalità che da sempre
rappresenta il marchio.
Dopo la prima fase di avvio si prevedono degli impatti positivi e significativi sulla modalità di lavoro di ogni
singola divisione, in particolare:
•
L’effettiva possibilità di intraprendere azioni più tempestive ed informate per risolvere eventuali
criticità nello sviluppo/mantenere il budget previsto per lo sviluppo collezione/ la profittabilità di prodotto
attesa
•
La possibilità di ridurre i picchi di lavoro prima del lancio di ogni collezione, grazie alla possibilità di
trasferire le informazioni di prodotto man mano che vengono create e non solo a ridosso del lancio stesso
•
La semplificazione di attività a valle dello sviluppo prodotto, come acquisti e produzione o la
generazione del materiale a supporto della vendita (come modellari e cataloghi) grazie alla disponibilità di
informazioni più accurate.
Parole Chiave
Massimo 5 keywords, tali da identificare le tematiche investigate e le tecnologie e metodologie utilizzate:
PLM, sviluppo prodotto, ottimizzazione processi di sviluppo
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Bottega Veneta: lo sviluppo del
brand passa anche dal PLM
23
e
NPD 5 - Staff International S.p.A.
Progetto pilota CLO 3D
Marafon Dario
Industry background
Staff International è stata fondata nel 1976 a Noventa Vicentina (VI). Fin dai primi anni ’80, l’azienda si
impone nel panorama della moda grazie allo spiccato know-how e alle eccellenti competenze sartoriali,
disegnando, producendo e distribuendo alcuni tra i marchi più rappresentativi del “Made in Italy”.
Nell’ottobre del 2000 l’azienda viene acquisita dal gruppo Only The Brave di Renzo Rosso con il preciso
obiettivo di integrare in modo sinergico all’interno del gruppo un partner dal respiro internazionale già
affermato nel mondo del ready-to-wear. L’enorme sviluppo dell’azienda di questo ultimo decennio ha visto
aprirsi nuove opportunità e la creazione di due distinte divisioni, una Divisione Prime Linee e una Divisione
Contemporary. I marchi attualmente nel portafoglio Staff International, tramite accordi di licenza produttivi
e distributivi, sono Maison Martin Margiela, Viktor & Rolf, Dsquared2, Vivienne Westwood, Marc Jacobs
Men, Just Cavalli, ma nel passato l’azienda ha seguito progetti creativi per altri marchi prestigiosi.
Le sfide di Staff International
I modelli di Staff International sono particolari, creativi, unici nel loro genere. Spesso il modellista,
attraverso un campione di carta, passa dalla stampa al taglio e costruisce il prototipo per verificare
silhouette, proporzioni e dettagli.
Si tratta di un processo essenziale ma laborioso, circa 1.5 ore a campione cartaceo, che si verifica per circa
il 37% di tutti i modelli.
Durante il processo di prototipia è spesso necessario effettuare delle modiche che, seppur minime,
comportano un prolungamento dei tempi di consegna con conseguente aumento dei costi.
Ci sono casi in cui l'atelier si trova con pezzi mancanti ad esempio la fodera o l’ adesivo. Se si tratta di un
pezzo importante, il processo viene interrotto fino a ricevere il pattern per procedere con la costruzione
del prototipo.
Se invece è necessario apportare piccole modifiche, come ridurre la lunghezza di una gonna o la larghezza,
vengono fatte direttamente attraverso l'Atelier, e notificate al modellista. Le grandi modifiche comportano
l'intervento del modellista e spesso il rifacimento del modello.
Infine, ci sono casi in cui i modelli vengono cancellati e/o sostituiti con nuovi. Si tratta di una piccola
percentuale, ma è la più gravosa per l'azienda perché il processo deve ripartire dall'inizio.
Obiettivi e vantaggi del progetto
Staff International disegna, produce e distribuisce alcuni tra i marchi più rappresentativi del “Made in Italy”,
è inevitabile quindi per l'azienda mantenere alti i livelli di qualità e efficienza con la continua ricerca di
soluzioni innovative che consentano il miglioramento del processo sviluppo prodotto.
Dopo un'analisi delle tecnologie presenti sul mercato è stato deciso di approfondire la soluzione CLO 3D,
sviluppata dalla società coreana CLO Virtual Fashion, che permette di creare un prototipo virtuale 3D del
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | NPD 5 - Staff International S.p.A.
24
e
modello a partire da un pattern 2D realizzato dal modellista, attraverso il CAD, e assegnare tessuti, varianti
colore e accessori.
“Abbiamo intrapreso un progetto pilota, durato 3 settimane – racconta XXX - durante il quale è stato
testato l'inserimento di CLO 3D nel processo di realizzazione e sviluppo di due linee di abbigliamento
uomo-donna, verificando di volta in volta vestibilità, sdifettamento, inserimento dei particolari e non per
ultimo le tempistiche.
Dopo una breve fase di affiancamento e training on the job, con i tecnici del partner italiano Prisma Tech, e
i consulenti della CLO Virtual Fashion, siamo stati in grado di creare in autonomia silhouettes e outfit
virtuali, constatando un'effettiva riduzione dei tempi di realizzazione rispetto al modello cartaceo e
beneficiando della possibilità di valutare un maggior numero di varianti”.
“I prototipi virtuali 3D possono essere utilizzati per comunicare in maniera chiara e immediata dettagli,
modifiche e indicazioni per il confezionamento all'interno dell'azienda e delle filiali estere e, nel futuro per
presentare le collezioni ai buyers e ai consumatori.
Resta importante migliorare l'integrazione con il CAD 2D.
Parole Chiave
Prototipo virtuale 3D; Virtual garment; Sfilata virtuale; Virtual fit models.
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Progetto pilota CLO 3D
25
e
NPD 6 – Proenza Schouler
Proenza Schouler, RFId tra stile Americano ed
artigianalità Toscana
Massimo Gentili
Industry background
Proenza Schouler Italia realizza accessori in pelle che rappresentano la massima espressione dello stile unito
alla grande capacità realizzativa tipica della pelletteria Fiorentina e li distribuisce con risultati molto
interessanti verso clienti di tutto il mondo.
Questo marchio americano rappresenta una giovane realtà in fermento nata nel 2002 come marchio di
abbigliamento ed ha iniziato i primi approcci con la Pelletteria a fine 2008. E’ cresciuta a ritmi significativi
diventando una bella ed importante realtà nel mondo della accessoristica di alta moda, con un approccio
costantemente innovativo che coniuga alla perfezione le capacità tipiche degli artigiani fiorentini con la
produttività ed il marketing made in USA.
Nata e radicata nella realtà Fiorentina e Toscana Proenza Schouler Italia rispecchia il meglio del made in
Tuscany, come conferma l’ incremento dei prodotti in Pregiato che fornisce una misura della continua
affermazione ed apprezzamento che riceve dai propri clienti di fascia alta...
Le sfide di Proenza Schouler
Utilizzare la tecnologia e l’innovazione per arricchire il prodotto e facilitare i processi lavorativi. Questo è
quello che Proenza Schouler Italia ha messo in atto utilizzando tag RFID e QR code, un modo per rendere
più completa e ricca la Customer Experience e nello stesso tempo garantire vantaggi logistici ed una
migliore protezione contro l’anticontraffazione ed il mercato cosiddetto “grigio”.
Unire tecnologie come quella dell’RFID con un prodotto, che fa della sua realizzazione quasi a livello
artigianale, uno dei punti di forza è stata la sfida che abbiamo voluto superare.
Obiettivi e vantaggi del progetto
Grazie a queste tecnologie siamo arrivati ad una gestione matricolare del prodotto, con tutti i vantaggi che
ne derivano, controllo lungo tutta la filiera, dalla realizzazione delle facón esterne fino al retail.
L’applicazione di una etichetta solidale con il prodotto ci ha consentito l identificazione e la tracciabilità
totale. Tutti i Tag sono censiti all’interno del data Repository aziendale. Cosa che ci permette di identificare
il nostro prodotto in ognuna delle fasi della sua “vita”. Si va dalla certezza del materiale presente all’interno
dei nostri Box di spedizione, non solo la quantità e la tipologia, ma anche quale specifica borsa era
all’interno dello specifico box. Al riconoscimento in caso di rientro per riparazione.
Tramite lettori RFID i nostri supervisori o gli addetti nei nostri punti retail sono in grado di determinare
l’autenticità dell’articolo che hanno di fronte ed anche la sua “storia”, stagione di emissione, a quale punto
retail è stato spedito per la vendita fino ad arrivare alla precisa data di entrata in azienda ed il relativo
produttore.
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | NPD 6 – Proenza Schouler
26
e
A tutto questo si aggiunge l ‘uso del QR code , che tramite lettura attraverso qualsiasi smart phone, se
dotato di collegamento internet, rimanda il cliente direttamente alla pagina web del prodotto acquistato,
questo per far partecipe il cliente del mondo a cui appartiene il prodotto che ha acquistato, verificandone sì
l’originalità, ma spingendosi oltre, per proporre gli abbinamenti che noi consigliamo per quel dato prodotto,
e rendendo partecipe il cliente degli eventi e notizie relative al nostro brand. Offrendo inoltre la possibilità
di accesso diretto al nostro sito e-commerce per sfogliare i prodotti consigliati come abbinamento o le
varie combinazioni del modello acquistato.
Insomma, promuovendo l’unione tra “magia” delle nuove tecnologie ed arte artigiana Fiorentina della
pelletteria, Proenza Schouler Italia intende offrire un prodotto ed un servizio migliori ai propri clienti.
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Proenza Schouler, RFId tra stile
Americano ed artigianalità Toscana
27
e
Supply Chain
Management
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Supply Chain Management
28
e
SCM 1 - Bottega Veneta S.p.A.
Stealth 3000 in Cloud per i laboratori
Adriano Voglino
Industry background
Bottega Veneta : discrezione, qualità, e maestria artigianale – Da quando è stata fondata a Vicenza nel 1966,
Bottega Veneta ha creato un nuovo standard del lusso. Immersa nelle tradizioni dei maestri artigiani italiani
della pelle e a lungo celebrata per i suoi straordinari articoli in pelle, Bottega Veneta si è fatta strada nel
settore del lusso riuscendo a diventare uno dei marchi più importanti del mondo. Il famoso motto della
masion, “When your own initials are enough”, esprime la filosofia dell’individualità e della sicurezza in se
stessi che oggi copre un’ampia gamma di prodotti, dal prêt-à-porter maschile e femminile all’alta gioielleria,
all’arredamento e altro ancora.
Il capitolo più recente della storia di Bottega Veneta inizia nel febbraio 2001, quando la società viene
acquisita da Kering Luxury Group,un tempo conosciuto come Gucci Group. Il Direttore Creativo Tomas
Maier approda in azienda nel giugno dello stesso anno e presenta la sua prima collezione Primavera-Estate
2002, che ottiene l’immediata acclamazione della critica. Fin dal principio, la sensibilità della maison è
raffinata, sensuale e personale, ideata per un cliente sofisticato e sicuro di sé. Negli anni successivi, Bottega
Veneta introduce interessanti novità nelle collezioni, tra cui profumi, raffinati gioielli, un orologio, elementi
d’arredo e accessori per la casa, pur continuando ad offrire un esclusivo e ricercato assortimento di
creazioni prêt-à-porter, borse, scarpe, piccola pelletteria, occhiali, valigeria, e articoli da regalo.
Bottega Veneta distribuisce le proprie creazioni in tutto il mondo: Europa, Australia, Asia, Nord e Sud
America, dove la distribuzione presso boutique e department store selezionati è completata da un numero
sempre crescente di boutique firmate Bottega Veneta. Queste boutique, ideate da Tomas Maier e
meticolosamente realizzate con gli esatti standard di Bottega Veneta, permettono ai clienti di fare shopping
immersi nel più completo lusso, riservatezza e comfort. Rappresentano, come i prodotti che espongono, il
riflesso della eccezionale eredità e della superlativa qualità di Bottega Veneta.
Le sfide di Bottega Veneta
Negli ultimi anni Bottega veneta ha registrato una crescita esponenziale del fatturato che è andata di pari
passo sia con l’estensione della rete di distribuzione che con l’arricchimento, in ampiezza e profondità, della
propria gamma prodotti.
L’aumento dei volumi ha reso necessario ha comportato sia un incremento dei partner produttivi che del
volume dei dati scambiati, con conseguente necessità di magggior controllo dell’avanzamento di produzione.
A seguito di queste esigenze si è reso necessario realizzare una piattaforma integrata al fine di ridurre le
ineficienze di gestione delle informazioni relative alla produzione.
La soluzione adottata e ST3K in modalità “service” vale a dire nessuna installazione locale, nessun
investimento hardware e software, ridotti tempi di attivazione, condivisone di un unico modello dati.
Obiettivi e vantaggi del progetto
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | SCM 1 - Bottega Veneta S.p.A.
29
e
Oggi BOTTEGA VENETA produce e controlla la filiera senza più preoccuparsi di inviare fogli elettronici o
documenti cartacei che non siano quelli fiscali. Inoltre ha la garanzia che il modello produttivo di ogni
artigiano sia unico e costantemente seguito. Abbiamo reso possibile l’approccio di Bottega Veneta nei
confronti del lusso ovvero la collaborazione tra artigiano e designer, attraverso un sistema moderno e non
invasivo
La gestione cloud garantisce la replicabilità e la rapida adozione di nuovi laboratori autonomi e già
perfettamente integrati con il sistema centrale
Le conseguenze portate in azienda sono tangibili :
Controllo e integrazione del processo dal disegno alla produzione
Coerenza e unicità dei dati
Semplicità dell’adozione dei laboratori
I passi futuri saranno quelli di aumentare il grado di integrazione e fornire maggiori strumenti per la
realizzazione della produzione
Parole Chiave
Stealth 3000 , Stealth 400, DDway , Cloud , Laboratori
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Stealth 3000 in Cloud per i
laboratori
30
e
SCM 2 - Cariaggi Lanificio S.p.A.
Cariaggi, un’applicazione di integrazione della
filiera del filato di qualità per l’ottimizzazione
della programmazione
Giovanni Marini
Industry backgroud
Cariaggi SpA è un produttore di filati di alta gamma situato a Cagli (PU), con un fatturato di circa 100
milioni e 260 dipendenti; è specializzato nella produzione e sviluppo di filati di cashmere, per maglieria,
tessitura ed accessori, vende a marchi nazionali ed internazionali di prestigio come ( Ermenegildo Zegna,
Brunello Cucinelli, Hermes, Ralph Laurent, Chanel……..).
Ferrini SrL è una tintoria industriale localizzata a Torgiano (PG), con un fatturato di circa 3 milioni e 34
dipendenti, che lavora per Cariaggi.
Cariaggi è uno dei principali esponenti del Consorzio IPSA, insieme alla Tintoria Ferrini (tintura di filati), al
Gruppo Colle (tintura greggio a Prato) e alla Filatura Lama (filatura di Biella) con l’obiettivo di sperimentare
una soluzione IT innovativa per l’integrazione della filiera eSupply Chain).
Web Science è un’azienda dedicata a progetti di innovazione ed IT con 130 dipendenti e sede a Milano,
presente anche a Lecce e Treviso, che ha sviluppato per Cariaggi ed IPSA una piattaforma sul web per
l’integrazione di filiera in stretta collaborazione con la Fondazione Politecnico di Milano.
Computer House Prato srl è una software house specializzata in soluzioni integrateper l’industria tessile ed
ha sviluppato l’ ERP di Cariaggi.
Le sfide di Cariaggi
La produzione di filato di Cariaggi ha un andamento stagionale ed ha un periodo in cui la capacità produttiva
è satura e quindi ogni nuova commessa con scadenza a breve richiede una gestione della produzione a
capacità finita, anche per le parti realizzate esternamente, e spesso una rinegoziazione delle date di
consegna in funzione delle priorità e delle esigenze provenienti dal mercato di riferimento e dalle politiche
aziendali.
Ulteriori requisiti che rendono problematico lo scenario sono:
dimensione del lotto minimo con dimensioni molto ridotte (produce una forte frammentazione
degli ordini di produzione)
tempi tecnici di produzione dei filati che possono arrivare a 4/5 settimane
livello di servizio da assicurare al cliente superiore al 99% (quindi rispetto della data di consegna
scrupoloso o sua rinegoziazione con largo anticipo)
parte delle lavorazioni (le tinture) sono totalmente in subcontracting
una commessa di lavorazione può essere suddivisa in più lotti per ragioni tecniche (ad esempio
capacità delle vasche di tintura) e quindi prima di decidere una rischedulazione è necessario conoscere lo
stato effettivo dei diversi lotti di filato e della materia prima.
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | SCM 2 - Cariaggi Lanificio S.p.A.
31
e
Obiettivi e vantaggi del progetto
L’obiettivo di Cariaggi e del Consorzio IPSA era realizzare uno strumento di integrazione di filiera che
consentisse di vedere la capacità produttiva e le attività di produzione presso i terzisti come fossero parte
della propria azienda in modo da poter monitorare e rischedulare continuamente le attività nel modo più
flessibile possibile.
In particolare è essenziale per Cariaggi:
- avere un cruscotto da cui poter sospendere una commessa e riassegnare materiali e capacità produttiva
ad una diversa commessa in breve tempo (nella scala dei minuti), indipendentemente dal fatto che si
trovino presso un terzista, mantenendo un quadro certo al 100% dello stato di ogni lotto di
lavorazione.
- ridurre le comunicazioni e gli errori per concentrarsi sulle attività che richiedono, per complessità di
gestione, la giusta attenzione degli operatori.
- mantenere e migliorare il livello di servizio ai clienti oltre il 99% anche in presenza di un’importante
crescita dei volumi gestiti.
L’approccio scelto è stato quello di definire una collaborazione strategica con i terzisti articolata su:
- riserva di una quota percentuale della capacità produttiva del terzista per le commesse di Cariaggi
- dialogo diretto tra gli scheduler delle aziende (che sono sistemi differenti) per gestire gli interventi di
rescheduling (con automazione delle parti che non richiedono decisione umana)
- integrazione del flusso di dati di gestione delle commesse (commessa, risposta, modifica, spedizione,..)
con consegna dei documenti/messaggi diretta agli operatori interessati e un sistema di evidenziazione
privilegiata per tutto ciò che proviene dall’integrazione di filiera
- utilizzazione di messaggi standard (quindi un formato non proprietario) per lo scambio dei dati tra gli
ERP aziendali
- messa a punto di una piattaforma B2B di scambio dati ed integrazione di filiera (con interfaccia WEB ad
integrazione dei flussi machine to machine), in grado di segnalare attraverso e-mail agli operatori
interessati tutte le anomalie nella gestione di scambio documenti.
Operativamente questo consente a Cariaggi (il committente) di vedere lo stato avanzamento delle
commesse indifferentemente presso terzista o presso propri impianti:
- sapendo quali lotti sono già lanciati in produzione il decisore aziendale può decidere di voler mutare la
data di esecuzione di una lavorazione,
- questa azione produce l’invio in automatico di una richiesta di sospensione al sistema del terzista che,
sempre automaticamente ed in un tempo di due minuti, provvede a verificare se la lavorazione può
essere sospesa,
- in caso affermativo dispone la sospensione e ne informa il committente inviando un messaggio di
conferma della modifica al sistema del committente che aggiorna il cruscotto;
- a quel punto il decisore aziendale può riallocare le risorse per ottimizzare la produzione, quando ha
deciso manda la richiesta al sistema del terzista che a sua volta la valuterà e la attualizzerà.
L’utilizzazione di una piattaforma B2B di scambio dati e l’uso di un formato standard ha consentito di non
gestire internamente al sistema gestionale la parte relativa al trasporto dei messaggi tra i partner
assicurando, grazie all’uso dello standard ebXML, sicurezza e affidabilità del trasporto dati.
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Cariaggi, un’applicazione di
integrazione della filiera del filato di qualità per l’ottimizzazione della programmazione
32
e
In particolare, la piattaforma B2B realizzata da WebScience, risulta particolarmente flessibile, in quanto
consente il dialogo tra un insieme di aziende della filiera con le modalità più opportune.
Il sistema è operativo ed ha consentito alla Cariaggi di raggiungere il 99% di livello di servizio al cliente
prefisso e inoltre:
- una riduzione di oltre il 95% delle telefonate e delle e-mail per la gestione delle rinegoziazioni delle
schedulazioni (restano telefonate per accordi più complessi per i quali sarebbero necessari troppi
tentativi di sospensioni e modifiche per trovare una giusta soluzione).
- una riduzione del 100% dell’invio e ricevimento di fax per disposizioni di produzione e modifiche delle
stesse, con conseguente miglioramento dell’efficienza per il processamento dei documenti.
- una riduzione dei costi di gestione stimata in circa il 30% del tempo degli addetti alla pianificazione e
programmazione della produzione limitatamente ai partner interessati all’integrazione della filiera.
- l’eliminazione degli errori di trascrizione dei dati nei sistemi dei partner.
- una riduzione di oltre il 95% dei ritardi sulle consegne non preventivamente segnalate e gestite, sempre
limitatamente ai partner interessati all’integrazione della filiera.
- un aumento di circa il 25% della produttività nella gestione della pianificazione e controllo della
produzione (n. 2812 disposizioni gen-ott 2011 contro n. 3569 disposizioni gen-ott 2012).
- un Sistema informativo sempre aggiornato e allineato, e visibile a quanti necessitano delle informazioni
sulla schedulazione della produzione.
Tra i benefici indiretti, difficilmente quantificabili, seppure apprezzabili, c’è il miglioramento della
soddisfazione dei clienti, l’aumento della fidelizzazione e l’aumento del volume d’affari, quest’ultimo
estremamente significativo se analizzato in un periodo di crisi (quantità vendute: +22,2% 2010/2009, +11,9
% 2011/2010).
Il tempo di risposta ad una richiesta di sospensione, che rappresenta il presupposto per una corretta
gestione delle variazioni alle disposizioni di produzione presso i terzisti collegati con documenti eBIZ, è di
due minuti (misurati al cruscotto del pianificatore Cariaggi).
La piattaforma di scambio dati ha supportato senza problemi il flusso di 20000 documenti di business
all’anno scambiati tra i partner.
Il sistema ha consentito alla Cariaggi di vedere la capacità produttiva dei terzisti come fosse propria; i
terzisti possono ‘cedere’ quote di capacità produttiva mantenendo la propria autonomia e senza doversi
mettere in casa software esterno proprietario dei clienti.
Parole Chiave
filiera, tessile, standard, ebiz, planning collaborativo, produzione.
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Cariaggi, un’applicazione di
integrazione della filiera del filato di qualità per l’ottimizzazione della programmazione
33
e
SCM 3 - La Perla Global Management S.r.l.
Come l’ottimizzazione matematica migliora la
“fattibilità” produttiva e l’efficienza dei flussi di
materiali nel contesto fashion
Gianluca Guidotti
Industry background
La Perla, fondata nel 1954, è uno dei principali player nel settore del Luxury Underwear. La produzione
avviene nella sede centrale di Bologna, in due “plant” esteri oltre ad un buon numero di laboratori esterni
(terzisti).
Le sfide di la Perla
Il contesto produttivo è estremamente complesso in quanto oltre a tutte le variabili tipiche del mondo del
“fashion” (variabilità delle collezioni, previsione della domanda a volte incerta o volubile, tempistiche di
distribuzione molto rigide, etc…) è caratterizzato da prodotti finiti che necessariamente prevedono
omogeneità di lotto nella loro realizzazione (completi intimi ad esempio, ma non solo …) oltre a vincoli
dettati da logiche di rispetto di un certo “mix” ottimale di prodotti finiti per soddisfare le esigenze di
distribuzione (assortimenti), ma anche limiti dovuti a minimi di produzione per ragioni di efficienza e costi di
fabbrica.
Molto spesso emergono vincoli che sono potenzialmente in contrasto fra loro: aumentare i lotti di
produzione aiuta l’efficienza della fabbrica ma limita il mix di prodotti finiti disponibili alla distribuzione, per
esempio.
Come conciliare le molteplici esigenze presenti in un contesto di questo tipo nell’assegnazione dei materiali
più critici alle diverse richieste? Come definire un piano produttivo che:
1. sia fattibile (non produca semilavorati che si fermano in fabbrica);
2. con l’adeguato mix di finiti (garantendo il servizio alla distribuzione e quindi al cliente finale);
3. efficiente (rispetti i minimi produttivi previsti anche con i terzisti);
4. che consideri i vincoli di lotto dei materiali;
5. che segua le priorità “commerciali” indicate dall’azienda (priorità cliente, mercato, area …); ma
soprattutto che sia il piano “ottimo”, ossia il migliore nel conciliare tutte queste esigenze fra i tanti possibili?
La Perla risponde a questa domanda utilizzando i potenti strumenti di ottimizzazione matematica offerti
dalla soluzione GPS64b Global Planning System di MBM all’interno del proprio processo di pianificazione
della produzione, unitamente alla possibilità di simulare diversi scenari produttivi in real time, possibilità
offerta dalla soluzione utilizzata, confrontandoli fra loro e verificando sempre la coerenza fra la disponibilità
dei materiali e la disponibilità delle risorse produttive.
I vantaggi del progetto
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | SCM 3 - La Perla Global
Management S.r.l.
34
e
I risultati ottenuti sono molteplici ad iniziare dal “clock” di pianificazione che è passato da settimanale a
giornaliero aumentando considerevolmente la reattività aziendale alle situazioni “critiche” sia da un punto di
vista produttivo che commerciale. Oggi La Perla pianifica ogni giorno più di 60.000 articoli e 500.000 righe
di ordini cliente o piani previsionali di vendita, nello scenario produttivo vengono pianificati circa 200.000
ordini (acquisto e produzione) e coinvolte circa 20.000 giacenze.
Grazie a queste metodologie supportate dagli strumenti software l’azienda ha significativamente
incrementato l’efficienza produttiva migliorando anche il livello di servizio ai propri clienti attraverso la
gestione di ordini “fattibili” (evitando e superando quindi le problematiche sui “mancanti”) e migliorando il
rispetto delle date di richiesta consegna.
L’azienda ora ha sotto controllo il flusso dei lotti e ne ottimizza l’impiego dei materiali attraverso la
definizione di “regole di riservatezza” e gli strumenti di simulazione permettono di verificare a priori gli
effetti delle scelte effettuate dai pianificatori. Inoltre, grazie ad una miglior visibilità sul carico delle risorse
oggi La Perla può spostare ordini da uno stabilimento all’altro o all’interno della finestra per la loro
esecuzione con l’obiettivo di garantire il livello di saturazione degli impianti nel rispetto delle quantità
minime di produzione prefissate.
I principi applicativi e le metodologie pratiche messe a disposizione dall’APS Advanced Planning System di
MBM consentono di migliorare l’utilizzo dei materiali e l’impiego delle risorse con risultati che sorprendono
per significatività rispetto alle tecniche “euristiche” (basate sul buon senso) e precedentemente impiegate
che, in contesti di elevata complessità come quelli descritti, possono essere addirittura fuorvianti.
Parole Chiave
Analisi “fattibilità” in produzione, Ottimizzazione matematica, Simulazione e confronto di piani produttivi,
Pianificazione lotti produttivi, web based APS.
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Come l’ottimizzazione matematica
migliora la “fattibilità” produttiva e l’efficienza dei flussi di materiali nel contesto fashion
35
e
SCM 4 - Il Gufo S.p.A.
Il sistema ERP fashion per lo sviluppo aziendale
Guido Chiavelli
Industry background
Il Gufo è un marchio leader di abbigliamento lusso italiano per bambini, specializzato nella progettazione,
produzione e distribuzione di collezioni uniche e di alta qualità per bambini da 0 a 14 anni. La linea bambino
è completata da una collezione di scarpe, corredino e una linea di golf per i bambini dai 6 ai 16 anni.
Cresciuto da piccoli inizi artigianali, Il Gufo oggi è una società internazionale con sede in Asolo con canali di
distribuzione in più di 30 paesi.
Fin dai primi bavaglini fatti a mano alle creazioni più complesse di oggi i valori ispiratori Il Gufo sono rimasti
immutati: qualità dei materiali, attenzione ai dettagli, l'esclusività della produzione.
Dal prototipo alla produzione, ogni capo è accompagnato ogni passo del cammino dallo stesso team di
specialisti, per controllare con attenzione tutte le fasi di produzione, con un attento studio di stile,
vestibilità e comfort.
La distribuzione è multicanale, tramite una rete di agenti internazionali, dallo Showroom di Milano,
attraverso distributori per alcuni mercati esteri, una rete di negozi monomarca e il web tramite proprio
eCommerce.
Le sfide de Il Gufo
Il crescente trend di sviluppo ha condotto il management ad individuare, nell’adozione di un ERP
internazionale specifico per il settore fashion, la scelta strategica necessaria a sostenere l’evoluzione
aziendale, per automatizzare e integrare i processi, migliorare controllo e pianificazione, incrementare la
produttività.
A seguito di una software selection è stato scelto il sistema ERP Microsoft Dynamics Nav con la
verticalizzazione Navitex Fashion&Textile proposto dalla società Dynamics Fashion Group.
La prima fase del progetto è stata un analisi dei flussi e di dettaglio che ha coinvolto tutti reparti:
- Commerciale Italia ed estero
- Ufficio prodotto e stile
- Acquisti
- Produzione
- Magazzino – Logistica
- Amministrazione e finanza
La principali criticità rilevate riguardavano:
- Molti processi non erano gestiti sul sistema aziendale ma demandati a manualità o fogli excel
- La prototipia ed il campionario venivano gestiti esclusivamente sul PDM esterno, sul sistema
gestionale venivano trasferite le anagrafiche di collezione a posteriori, contestualmente alla partenza
della campagna vendite
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | SCM 4 - Il Gufo S.p.A.
36
e
-
Il calcolo del fabbisogno di materiali per i componenti di campionario veniva svolto fuori dal sistema
e solo gli ordini di acquisto venivano immessi a sistema
La produzione del campionario veniva gestita extra sistema tramite l’ausilio di Excel
Il lancio di commessa e l’avanzamento produzione venivano svolti con l’ausilio di Excel e qui
effettuati anche i controlli sugli ammanchi di produzione e sui materiali ancora da inviare ai terzisti
Non venivano gestiti su sistema i listini fornitori e terzisti, con conseguente elevato disagio nel
controllo delle fatture passive di acquisto e di lavorazione
La ricezione e spedizione dei prodotti avvenivano con la gestione delle collocazioni di magazzino ma
senza evidenza delle giacenze per collocazione e percorsi di prelievo
L’attività di ricezione, ricondizionamento e spedizione a carico della logistica esterna avveniva in
modalità parziale. La gestione del conto lavoro e della conta capi in recezione era manuale.
Non si riusciva ad ottenere il costo effettivo dell’articolo
Gli ordini di riassortimento venivano acquisiti in modo non automatico e inseriti manualmente sul
sistema gestionale
Obiettivi e vantaggi del progetto
ERP Microsoft Dynamics – Navitex Fashion & Textile:
- Gestione integrata di tutti i processi: ufficio stile, acquisti, vendite, produzione, logistica,
amministrazione e finanza
- Informatizzazione ufficio stile (prototipia, campionario,produzione)
- Gestione della produzione interna e del conto terzi
- Logistica in e out con sistema mobile per ottimizzazioni spazi e percorsi di prelievo
- Gestione ordini e riassortimenti con sistema web
- integrazione PDM fashion
- Integrazione con sistemi Pos Retail
L’introduzione del nuovo sistema informativo ha prodotto una rivisitazione delle funzionalità e dei ruoli
aziendali. Tutte le fasi sono state procedurizzate al fine di ottenere la disponibilità dei dati al verificarsi dei
singoli eventi.
L’Ufficio prodotto, che opera quale interfaccia fra lo stile ed i reparti acquisti e produzione, è stato dotato
di una integrazione che si preoccupa di passare al PDM le anagrafiche materiali.
Le anagrafiche dei prodotti industrializzati vengono generate da quelli di campionario e completati di
abbinamenti colore/taglia.
E’ stata introdotta la corretta attribuzione dei costi materiali finalizzati al calcolo dei costi stimati e previsti
dei diversi articoli materie prime e prodotti finiti.
Si è gestito in toto l’iter di campionario, dalla creazione delle anagrafiche, ai lanci in produzione, agli acquisti
di commercializzato, rientro del prodotto finito a magazzino.
Sono stati introdotti gli ordini di campionario per agente, utilizzati quale base per l’assegnazione e
l’approntamento delle spedizioni agli agenti.
Sono state effettuate le spedizioni agli agenti tramite l’ausilio di lettori per il prelievo e l’inscatolamento.
E’ stato mappato il magazzino prodotti finiti ed automatizzati il prelievo e la spedizione dei prodotti finiti,
tramite l’ausilio di strumenti ottici.
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Il sistema ERP fashion per lo
sviluppo aziendale
37
e
Sono state introdotte, l’automatizzazione dell’assegnazione priorità clienti, decorrenze pagamento per
stagione.
Per gli approvvigionamenti materiali, gli uffici acquisti materiali e prodotti commercializzati utilizzano,
strumenti della piattaforma per l’analisi dei fabbisogni da previsione e da consuntivo.
Il reparto produzione, grazie al nuovo ERP, utilizza per i propri lanci il prospetto MRP/MPS per la creazione
automatica delle commesse, avvalendosi di reports che permettono il controllo puntuale del rispetto delle
scadenze e delle quantità di prodotto a totale copertura della domanda cliente.
Alla luce di quanto sopra riportato, possiamo evincere che la conseguenza più significativa derivante
dall’introduzione del nuovo sistema ERP è stata l’aumento di efficienza e capacità di controllo, attraverso:
-
Gestione delle peculiarità del settore moda bimbo (modello/taglia/colore/stagione/marchio/linea) in
tutta la supply chain.
Acquisizione degli ordini di campagna e riassortimenti in tempo reale e con eliminazione di errori
manuali
Gestione integrata del prodotto, dallo stile alla fase di industrializzazione
Riduzione dei lead-time ed innalzamento delle performance produttive, grazie all’utilizzo della
pianificazione approvvigionamenti e risorse produttive, su ordini e previsione di vendita
Logistica avanzata in entrata con controllo qualità, conta dei capi tramite palmare e proposta delle
aree di stoccaggio
Logistica avanzata in uscita con liste di prelievo, con ottimizzazione imballi e percorso di prelievo
Verifica ordini in approntamento e generazione dei documenti di spedizione
Gestione integrata dell’amministrazione e finanza
Conclusioni
L’introduzione del sistema Navitex – Microsoft Dynamics NAV for Fashion&Textile con la competenza di
settore del Team Dynamics Fashion Group che ha implementato la soluzione, è stato un passo
fondamentale per rivedere i processi aziendali e, attraverso le potenzialità del sistema, integrare tutti i
processi consentendo di migliorare pianificazione e controllo, aumentando la competitività dell’azienda.
Parole Chiave
ERP fashion internazionale, Integrazione processi, Aumento competitività, Incremento produttività e
controllo, Riduzione costi, Microsoft Dynamics, Navitex Fashion &Textile.
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Il sistema ERP fashion per lo
sviluppo aziendale
38
e
SCM 5 - Luxottica Group
New Planning System Project
Attilio Campedel
Industry background
Fondata nel 1961 da Leonardo Del Vecchio, da sempre impegnata nella protezione degli occhi e nel
migliorare il look in tutto il mondo, il Gruppo Luxottica è oggi una realtà verticalmente integrata, che
produce e distribuisce occhiali da vista e occhiali da sole di alta qualità e alla moda.
Le performance delle operations sono eccezionali in termini di design e di alta qualità e sono ben note in
tutto il mondo.
I brand inclusi nel proprio portafoglio sono, solo per citarne alcuni, Ray-Ban, Oakley, Vogue, Persol,
Arnette.
Luxottica è anche in possesso di licenze per varie marche tra cui Bvlgari, Burberry, Chanel, D&G, Paul
Smith e molti altri.
Il gruppo ha una rete di distribuzione all’ingrosso che copre più di 130 paesi nei cinque continenti, dispone
di 20 centri di distribuzione e oltre 40 filiali commerciali che consentono una presenza diretta nei mercati
principali. La penetrazione del Gruppo raggiunge livelli significativi nei mercati emergenti, mentre è in
aumento in nuovi canali di distribuzione come i grandi magazzini e i negozi al dettaglio destinati ai viaggiatori
(aree di transito come aeroporti e stazioni ferroviarie).
Le operazioni di vendita all'ingrosso sono completate da una vasta rete di vendita al dettaglio per i segmenti
di occhiali da vista e da sole che comprendono oltre 7.000 punti vendita in tutto il mondo (dati al 31
dicembre 2013).
Nel settore degli occhiali da vista Luxottica opera nel Nord America attraverso le sue marche al dettaglio
LensCrafters e Pearle Vision e possiede una licenza di vendita per Sears Optical e Target Optical; in AsiaPacifico opera attraverso OPSM e Laubman & Pank, in Cina attraverso LensCrafters e in America Latina
attraverso OGM.
Luxottica ha inoltre sviluppato una organizzazione retail globale per rafforzare le sue marche dedicate agli
occhiali da sole e di lusso: Sunglass Hut, Ilori, The Optical Shop of Aspen e Bright Eyes. La marca Sunglass
Hut in particolare, ha una presenza globale in Nord America, Asia-Pacifico, Sud Africa, Europa, America
Latina e Medio Oriente.
Obiettivi e vantaggi del progetto
Lo scopo del gruppo di pianificazione e del team IT in Luxottica è stato quello di implementare una nuova
soluzione MPS - MRP per l'approvvigionamento e la produzione di componenti e prodotti finiti.
I principali problemi legati alla pianificazione erano l'elevato numero dei compiti operativi richiesti ai
progettisti durante la creazione del nuovo piano, l'incertezza dell’ inventory al momento della pianificazione,
l'impossibilità di utilizzare correttamente la domanda come driver principale per la pianificazione,
l’impossibilità di gestire il piano utilizzando la manodopera e i macchinari negli stabilimenti di produzione.
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | SCM 5 - Luxottica Group
39
e
Un ambiente globale complesso con un elevato numero di impianti di produzione diffusi in tutto il mondo,
l'alta complessità della supply chain nell’area procurement, la produzione e l’ integrazione delle vendite e
della domanda, hanno portato Luxottica a investire in una nuova soluzione IT utilizzando strumenti come
SAP AFS MRP, SAP BW e SCP JDA.
Il team di Luxottica era composto da:
• pianificatori centrali, progettisti di stabilimento, responsabili di pianificazione
• dipendenti e manager IT specializzati su temi di pianificazione
Il team di consulenti era composto, oltre ad Accenture, da MEA, Aprilems, Roges Infotech.
I principali risultati forniti dal nuovo sistema di pianificazione IT sono stati:
• Utilizzare la domanda come driver principale per il sistema di pianificazione;
• Ottimizzare la pianificazione concomitante di prodotti semilavorati e prodotti finiti in un MPS globale;
• Gestire e controllare l'inventario industriale globale, a partire da materiali di acquisto sino ai prodotti
finiti;
• Essere più vicini all’execution e attivare processi di supply chain semplici mediante la soluzione SAP AFS
MRP;
• Ridurre le attività operative del gruppo di pianificazione e migliorare il loro valore aggiunto;
• Ottimizzare i risultati della pianificazione attraverso l'utilizzo di un modello globale che gestisce un
ambiente complesso.
Il progetto è stato decisivo e il team ha fatto un grande sforzo per sviluppare e testare tutte le nuove
funzionalità seguendo queste fasi principali:
1 . Analisi dei requisiti e progettazione della soluzione da implementare;
2 . Implementazione del Supply Chain Planner tool;
3 . Implementazione di una soluzione SAP AFS MRP che permetta una piena integrazione delle attività di
pianificazione di SCP con SAP AFS;
4 . Implementazione di soluzioni tecniche nel sistema BW per trasferire dati indispensabili e corretti ai
sistemi impattati.
I prossimi passi includono la creazione di un efficace sistema di reporting che può aiutare l’operatore di
pianificazione a riassumere i KPI del planning .
Parole chiave
SCP, AFS, MRP, SAP, JDA
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | New Planning System Project
40
e
SCM 6 - Binda Group
rEvolution Project
Alberto Caprioli
Industry background
L’azienda Binda viene fondata nel 1906 da Innocente Binda, nonno di Marcello e Simone, oggi AD del
Gruppo che conta tre sedi principali a Milano, New York e Hong Kong.
Da oltre 100 anni gli orologi rappresentano Il core business dell'azienda, affiancati da gioielli e accessori.
Attualmente il Gruppo Binda possiede, produce in licenza e distribuisce marchi di orologi e di gioielli che si
rivolgono ad un pubblico ampio ed eterogeneo, attento alle novità e alle tendenze, ma anche esigente e alla
ricerca di prodotti dall'elevato contenuto qualitativo.
Le competenze del Gruppo permettono infatti di portare avanti un’ampia offerta e di presidiare tutte le
fasce di mercato più interessanti. Ecco dunque prodotti dall'appeal contemporaneo a un prezzo accessibile;
modelli fashion e di tendenza; orologi più classici, di elevato contenuto tecnico e qualitativo, che si
collocano in una fascia di prezzo più elevata.
Tra i marchi di proprietà figurano:
Breil, marchio leader sul mercato italiano degli orologi e gioielli, caratterizzato da prodotti innovativi e
riconoscibili, da un posizionamento unico e da una comunicazione memorabile. Un marchio che nel
2001 ha saputo rivoluzionare il mondo della gioielleria, con il lancio della prima linea di gioielli in
acciaio.
Hip Hop, orologio icona degli anni Ottanta, riproposto nel 2010 con altrettanto successo. Un
prodotto unico per le sue caratteristiche di design, di gamma colori e utilizzo di materiali innovativi e
per la sua intercambiabilità.
Vetta, marchio storico che dal 1932 è sinonimo di tradizione, eleganza ed elevata qualità; un marchio
che coniuga classicità e raffinatezza con un tocco di modernità e originalità.
Chronotech, entrato a far parte del portafoglio del Gruppo nel 2012. Un marchio che ha dominato la
scena sul mercato negli ultimi anni grazie all'estetica riconoscibile e identificativa dei suoi prodotti e al
suo posizionamento glamour e fortemente aspirazionale sul target di riferimento.
Freestyle, marchio sportivo leader negli Usa, nato nel 1981 in California. Particolarmente popolare fra i
surfisti della West Coast, con il tempo si è legato anche a numerose altre discipline. Funzionalità e alta
qualità sono le caratteristiche principali delle diverse collezioni che incarnano al meglio lo spirito libero
e sportivo.
Prestigiosi e differenti per target e stile i fashion brand che il Gruppo Binda produce e distribuisce in
licenza: Love Moschino Watches e Kenneth Cole New York.
Il Gruppo Binda, inoltre, dal 1997 distribuisce in esclusiva sul territorio italiano i marchi Seiko e Lorus.
La crescita del Gruppo Binda ha saputo far leva su specifiche competenze di elevato livello: design,
marketing, supply chain e distribuzione.
Design
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | SCM 6 - Binda Group
41
e
•
Team di designer internazionale
•
Stile innovativo e all’avanguardia
Brand Management
•
Forti marchi di proprietà
•
Ampio portafoglio
•
Diversificazione merceologica: orologi, gioielli e accessori
•
Campagne di marketing di successo
Distribuzione globale
•
Forza vendita internazionale
•
Network distributivo radicato in Europa e Stati Uniti
•
Efficienza nella gestione delle fasi di produzione e supply chain
Le sfide di Binda Group
Il mercato Fashion-Retail estremamente dinamico, in continua evoluzione, fortemente orientato
all’innovazione di prodotto, all’internazionalizzazione e alla distribuzione multicanale, ha indotto il Gruppo
Binda ad avviare un percorso di evoluzione anche dal punto di vista informatico essendo le soluzioni
utilizzate ormai obsolete.
Questo percorso ha avuto inizio nel 2010 con la mappatura dei processi primari AS-IS, per giungere nel
2011 al progetto ”rEvolution” coinvolgendo tutte le funzioni e gli ambiti aziendali.
Il progetto “rEvolution” aveva come obiettivi:
1.
La revisione di processi e procedure
2.
La ridefinizione di ruoli e responsabilità
3.
L’adozione di una nuova infrastruttura tecnologica
4.
L’introduzione di nuove soluzioni applicative
5.
La riorganizzazione della struttura ICT
Il sistema ERP adottato, Dynamics AX, doveva avere i seguenti requisiti: essere multisocietario, multilingua,
multivaluta; disporre di localizzazioni per i principali mercati worldwide; essere prodotto da un vendor
internazionale; essere sviluppato con tecnologie moderne; avere un piano di sviluppo evolutivo a mediolungo termine; godere di un ampio supporto diretto ed indiretto; soddisfare i requisiti tecnico/funzionali di
Binda.
Obiettivi e vantaggi del progetto
Grazie al progetto “rEvolution” oggi il Gruppo Binda ha acquisito maggiore fluidità dei processi, maggiore
reattività e flessibilità alle dinamiche del mercato, facile accesso alle informazioni, una grande semplificazione
operativa e una riduzione dei costi di gestione.
Il progetto ha riguardato i seguenti ambiti:
Enterprise Resource Planning (Finance, Controlling, Sales, Purchasing, Logistics)
Customer Relationship Management
Sales Force Management
-
B2B web Portal & Workflow
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | rEvolution Project
42
e
-
Collaboration for Product Management
Search and Content Management
Data Infrastructure and BI Platform
Data Mining
Aree funzionali :
-Sales
-After Sales
- Provvigioni
- Finance & Controlling (BI)
- Acquisti e Logistica
- Salesforce.COM
- Enterprise Portal
L’entrata ordini è gestita attraverso :
Ufficio acquisti su grandi clienti
Portale
Agenti attraverso CRM e Tablet
Interfacce più significative:
Attivata interfaccia per la gestione dei magazzini in outsoursing e dei negozi
Progetto su aree di Ricerca e Sviluppo : interfacciato Sharepoint in Dynamics AX. La gestione
documentale attraverso Sharepoint segue il ciclo di vita del prodotto.
Integrazione Tagetik per la parte finanziaria
Il progetto è andato live a Gennaio2013 ed è durato circa un anno.
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | rEvolution Project
43
e
Retail
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Retail
44
e
Retail 1 - Aeffe S.p.A.
Dal Digital Showroom al Remote Showroom
grazie all’utilizzo evoluto della tecnologia a
servizio del business
Federico Bertini, Diego Picciani
Industry background
Aeffe S.p.A. insieme a Moschino S.p.A. e Pollini S.p.A costituiscono un Gruppo, che opera a livello
internazionale nel settore della moda e del lusso, ed è attivo nella creazione, produzione e distribuzione di
un'ampia gamma di prodotti che comprende prêt-à-porter, calzature, pelletteria ed accessori.
Il Gruppo sviluppa, produce e distribuisce le proprie collezioni, in un'ottica di costante attenzione all'unicità
ed esclusività, sia con marchi di proprietà, tra i quali "Alberta Ferretti", "Moschino", “Philosophy” e "Pollini",
sia con marchi di cui è licenziataria "Ungaro" e "Cedric Charlier".
Il Gruppo, inoltre, ha concesso in licenza a qualificati partner la produzione e distribuzione di altri prodotti,
con i quali completa la propria offerta (profumi, linee bimbo e junior, orologi e occhiali).
Le sfide di Aeffe
Aeffe S.p.A. dopo aver evidenziato a fine 2011 l’esigenza di dotarsi di strumenti tecnologicamente avanzati
sia di tipo mobile che web, per gestire e presentare nel modo più semplice, accattivante e immediato le
proprie collezioni di moda e favorire la raccolta degli ordini, ha proseguito lo sviluppo del progetto in ottica
di internazionalizzazione e sviluppo del business, riconfermando Alterna come partner implementativo con
competenze tecnologiche all’avanguardia e per la sua forte esperienza nel mondo fashion.
Dopo aver realizzato un vero e proprio 'Showroom Digitale’ su IPAD, caratterizzato dall’essere uno
strumento fondamentale a supporto del processo di vendita di tipo enterprise, multibrand e multi ERP, il
Gruppo Aeffe ha intrapreso la fase due del progetto “Digital Showroom” con l’obiettivo di estendere
l’utilizzo della tecnologia implementata nella prima fase e rendere disponibile l’esperienza showroom anche
al di fuori del tipico spazio fisico di vendita (showroom).
L’esigenza quindi era quella di replicare lo showroom digitale sul web per essere sempre in contatto con i
clienti di tutto il mondo, con l’obiettivo di fare evolvere il processo di vendita ampliandone i confini spaziali
e temporali grazie all’innovazione e alle nuove tecnologie.
Obiettivi e vantaggi del progetto
E’ stato realizzato un sistema denominato “Remote Showroom” in grado di prolungare il processo di
acquisto anche successivamente alla visita in Showroom. Il venditore utilizzando l’IPAD può creare una
wishlist, attraverso la quale far visionare i prodotti di maggiore interesse al buyer. Successivamente, il buyer
anche da remoto (con un semplice browser web), può rivedere i prodotti selezionati e finalizzare l’ordine
attraverso l’inserimento delle quantità per taglia.
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Retail 1 - Aeffe S.p.A.
45
e
Una vera e propria applicazione di vendita via web (BtoB) integrata con il sistema di vendita in showroom
(con il quale condivide parte della tecnologia e tutti i contenuti) che ha l’obiettivo di estendere le
opportunità di vendita e relazione sia sui clienti che vedono la collezione in showroom, sia sui clienti
impossibilitati a venire, dandogli l’opportunità di rivedere virtualmente la collezione e modificare o
effettuare l’ordine definitivo.
L’applicazione Web, ricca di contenuti (modellario, tessutario, photobook, media) e tecnologicamente
innovativa, essendo multi browser e multi device, ha permesso inoltre ad Aeffe di sviluppare e sostenere in
modo eccellente lo sviluppo delle vendite ed i piani di crescita della gamma dei prodotti. Molto importante
e alla base di tutta la filosofia del progetto è che la tecnologia è stata messa a servizio del business.
Successivamente all’implementazione del Remote Showroom, si è passati alla realizzazione di un ulteriore
processo completamente automatizzato che, anche in fase preliminare alla pubblicazione di articoli e listini
sul’app dello Showroom Digitale, ha consentito la produzione di specifici cataloghi di vendita in una veste
grafica accurata e riccamente corredata di foto di capi e tessuti (Cartelle Colori).
Il Gruppo Aeffe, a seguito dell’ultima fase di implementazione, ha ora la possibilità di produrre cataloghi di
vendita in formato digitale con diversi layout legati alla categoria di articoli: abbigliamento, accessori o
calzature e con informazioni differenziate, in molteplici lingue, etc.
Questo ha consentito un notevole snellimento del processo di creazione dei cataloghi a supporto dell’uscita
di tutte le nuove collezioni, un’ottimizzazione dei costi legati alla produzione fotografica, ed infine una
razionalizzazione organizzativa di tutta la filiera di produzione dei contenuti che alimentano i 3 sistemi (SR
Digitale su IPAD, SR Remoto e Cartelle Colori)
Parole Chiave
Showroom Digitale, Gestione vendite via web, Portale B2B, Innovazione, Showroom remoto, Cartelle
Colori
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Dal Digital Showroom al Remote
Showroom grazie all’utilizzo evoluto della tecnologia a servizio del business
46
e
Retail 2 - Salvatore Ferragamo S.p.A.
Il product configurator in web (MTO in store e
via e-Commerce)
Erika Filipponi, Marco Spotti
Industry background
Salvatore Ferragamo S.p.A. è la capogruppo del Gruppo Salvatore Ferragamo, uno dei principali player del
settore del lusso le cui origini possono farsi risalire al 1927. Il Gruppo è attivo nella creazione, produzione
e vendita di calzature, pelletteria, abbigliamento, prodotti in seta e altri accessori, nonché profumi per
uomo e donna.
La gamma dei prodotti si completa, inoltre, con occhiali e orologi, realizzati su licenza da terzi. Attenzione
all'unicità e all'esclusività, realizzate coniugando stile, creatività e innovazione con la qualità e l'artigianalità
tipiche del Made in Italy, sono le caratteristiche che contraddistinguono da sempre i prodotti del Gruppo.
Con oltre 3.000 dipendenti e una rete di oltre 620 punti vendita monomarca al 31 Dicembre 2013, il
Gruppo Ferragamo è presente in Italia e nel mondo attraverso società che consentono di presidiare il
mercato europeo, americano e asiatico.
Le sfide di Salvatore Ferragamo:
Il business driver che ha promosso l’introduzione del sistema presentato è fondamentalmente di
comunicazione digitale: aumentare la brand awareness e raggiungere un target cliente web addicted,
facendo leva sui prodotti iconici e riconoscibili quali Vara e Varina, che maggiormente rappresentano
l’immagine ed il DNA del Brand.
Obiettivi e vantaggi del progetto
L’obiettivo del progetto è quello di creare una infrastruttura applicativa sul web che permetta al consumer
di personalizzare modelli iconici di prodotti Ferragamo (scarpe donna e successivamente anche borse) e di
ordinarli direttamente tramite la piattaforma eCommerce oppure visitando il Negozio del canale Retail,
creando quindi una interazione diretta tra On Line ed Off Line.
L’ambito è il mercato worldwide e la messa “live” della Web Application è strettamente correlata ad eventi
di lancio ed iniziative di marketing, in aree geografiche di volta in volta individuate e con durata definita e
limitata nel tempo, facendo leva su prodotti iconici e identificativi del Brand.
Oltre alla possibilità di configurazione “self-standing” è stata creata una cerimonia di vendita dedicata ai
Sales Associates con l’obiettivo di supportare il cliente in boutique nell’esperienza di personalizzazione on
line del prodotto su supporto iPad.
L’Ordine MTO (Made To Order) è generato dalla “scheda prodotto” del Configuratore sotto forma di
Ordine eCommerce o Ordine Generato “in cassa”. Di fatto questo da luogo ad un Ordine Produttivo per
la fabbricazione personalizzata.
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Retail 2 - Salvatore Ferragamo
S.p.A.
47
e
I risultati commerciali del lancio sono stati superiori alle aspettative, tanto che il periodo di durata è stato
prolungato rispetto al previsto.
Parole Chiave:
Configuratore, e-Commerce, MTO, Vara, Varina
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Il product configurator in web
(MTO in store e via e-Commerce)
48
e
Retail 3 - Gruppo Germani – Kocca
La gestione centralizzata per una strategia
Omnichannel e di crescita di successo
Giampiero Izzo
Industry backround
Kocca è il marchio di punta del Gruppo Germani, dedicato all’universo femminile e nato nel 1995 e che
rappresenta oggi una delle realtà più dinamiche del settore moda italiano.
Le collezioni sono pensate per giovani donne dai 17 ai 40 anni, che hanno ancora tanta energia, gioia di
vivere e voglia di scoprire il mondo day-by-day.
Non a caso “Enjoy Everyday !” è il claim, nonché il leitmotiv che ispira la creazioni di ogni singolo capo delle
collezioni Kocca. Femminile e seducente, ma anche romantica ed autoironica la donna di Kocca non si
prende mai troppo sul serio e si diverte a mixare i capi con innata eleganza.
Il gruppo di ricerca creativa è il fulcro dai cui i prodotti hanno origine: un’alchimia di emozioni, esperienze,
culture, che tramite l’innovazione e la reinterpretazione delle mode passate ed attuali, danno un’anima ad
ognuno dei singoli capi prodotti.
La strategia di espansione retail dell’azienda conta ad oggi 21 flagship store presenti capillarmente su tutto il
territorio italiano ma lo staff Outstore insieme al suo Amministratore non ha però intenzione di fermarsi…
già si progetta l’apertura di Marghera (10/04) e molti altri accordi commerciali sono stati chiusi e altri
saranno definiti. Il primo traguardo da raggiungere sarà arrivare agli oltre 30 pv per il 2014.
Obiettivi e vantaggi del progetto
Visti i piani piuttosto sfidanti nel medio-lungo termine la necessità era quella di avere un partner che ci
supportasse a 360° gradi per una gestione intelligente e centralizzata della rete di distribuzione con una
soluzione che supportasse altresì la strategia omnichannel per accompagnarci nello sviluppo della rete retail
in Italia e all’estero e ci permettesse di crescere trasversalmente
Molte le funzioni aziendali coinvolte nell’analisi delle problematiche aziendali : Retail Manager, IT Manager,
Buyer & Category Manager, Controllo gestione, Amministrazione, HR, Staff Vendita. L’obiettivo è stato
proprio quello di condividere con tutte le funzioni le problematiche aziendali per capire al meglio come
selezionare la soluzione più adatta alle nostre esigenze.
Nel dettaglio, tutto lo staff Back Office & Front Office:
 Buyer & Category Manager per gestione e rotazione stock, immessi, riassortimenti, controllo merce,
gestione attività promozionali
 HR per Timbratura
 Controllo Gestione per creazione stampe, monitoraggio indicatori, monitoraggio incassi, analisi margini
 CED per Gestione listini merce full price e outlet, formazione utenti, sviluppo nuovi progetti
 Amministrazione per Controllo documenti, bolle, file
 Store Manager per apertura, timbratura gestione cassa a 360 gradi, controllo statistiche
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Retail 3 - Gruppo Germani –
Kocca
49
e

Addette vendita per apertura, timbratura gestione cassa a 360 gradi
La soluzione di Cegid, Yourcegid Retail ci ha permesso di raggiungere risultati importanti che prima erano
difficilmente raggiungibili:
 Utilizzo di un unico sistema Front-Office per tutti i negozi KOCCA del gruppo
 Informazioni e report affidabili da un unico database centralizzato, completi, sempre disponibili e in
tempo reale
 Facilità nella gestione dell’apertura di un nuovo punto vendita grazie alla tecnologia Web Access
 Controllo totale di tutte le attività da parte del back office
 Completa autonomia a seguito di una buona formazione e supporto
Tutto ciò è stato possibile grazie ad un progetto ad hoc sviluppato nel corso del 2012 e il roll out di tutti i
punti vendita nel 2013, sviluppando e implementando via via specifiche necessità quali: Gift Card,
integrazione contapersone, software per creazione del bollino.
Yourcegid Retail contribuisce non solo a disporre in tempo reale di una visione consolidata dell’attività di
insieme dei nostri punti vendita, ma anche a costruire relazioni ottimali e a valorizzare con efficienza ed
efficacia gli obiettivi della nostra strategia multicanale.
Non ci sono state criticità particolari, questo frutto dell’ottima interazione tra il tema Cegid e il team
Kocca che ha permesso di mettere le basi anche per i prossimi imminenti progetti, ovvero
l’implementazione del CRM per un’analisi ancora più precisa della nostra customer base.
Parole Chiave
real time database, omnichannel, CRM
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | La gestione centralizzata per una
strategia Omnichannel e di crescita di successo
50
e
Retail 4 - Logislab
Strategie e metodologie a supporto del Retail
Management nel settore moda
Romeo Bandinelli, Elisa d’Avolio
Industry background
LogisLab è un laboratorio universitario creato con l'obiettivo di sviluppare relazioni tra università e imprese
operanti sia sul territorio che a livello nazionale su tematiche inerenti l’incremento delle prestazioni
logistiche dei sistemi aziendali. LogisLab si configura quindi come partner per l’ideazione e lo sviluppo di
soluzioni innovative piuttosto che il trasferimento alle imprese di soluzioni allo stato dell’arte, miranti
all'ottimizzazione delle loro prestazioni aziendali.
Obiettivi e vantaggi del progetto
La filiera del fashion è caratterizzata da molteplici attori e processi. Spesso le aziende che operano in
questo contesto si trovano ad affrontare numerose sfide per continuare ad essere competitive sul mercato.
Si tratta di un settore in cui i prodotti “seasonal” costituiscono una maggioranza e il fattore critico di
successo principale è il time to market.
L’obiettivo del progetto è quello di ottimizzare i processi che vanno dal Merchandise Planning alla vendita,
per aumentare la flessibilità lungo la filiera e la rispondenza alle esigenze di mercato. La metodologia si è
basata su una accurata analisi della letteratura e soprattutto sullo studio di 7 casi del settore.
Innanzitutto è stato condotto un assessment del processo di riordino presso le aziende intervistate, per
comprendere le criticità principali e le variabili in gioco. Vista la complessità dei casi analizzati, la ricerca ha
preso due direzioni principali:


La prima mira a ottimizzare il processo di riordino presso una delle aziende intervistate:
analizzando le Lost Sales a livello di negozio, articolo e taglia, è possibile valutare le performance del
buying team e l'eventualità di un rilancio della produzione per ripristinare la merce mancante.
La seconda analizza le più importanti misure di performance utilizzate dai Retailers: il Sell-Through
è un indice chiave per il settore ed è anche utilizzato come strumento a supporto della decisione di
acquisto per la nuova stagione.
Conclusioni e futuri steps
Lo speech si conclude sottolineando l‘importanza dello sviluppo di strumenti e algoritmi a supporto del
Retail Management e dei suoi processi. Il passo successivo della ricerca riguarderà l’individuazione di misure
di performance industry-specific non solo a livello Retail, ma relative alla Supply Chain nel suo complesso.
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Retail 4 - Logislab
51
e
Retail 5 - Accessories Bags & Cosmetics SpA
Change Management - un modello sostenibile
nell’epoca della complessità
Luca Greco
Industry Background
Creata a Firenze negli anni Settanta grazie all'iniziativa imprenditoriale della famiglia Zini, il gruppo ABC
SpA, Accessories Bags & Cosmetics, ha sviluppato nel corso degli anni una expertise tale da essere oggi
leader nel mercato degli accessori e della pelletteria.
Specializzata nel business delle licenze di borse e accessori per grandi marchi, ABC Spa ha ormai da oltre
trent'anni la licenza in esclusiva mondiale per gli accessori di United Colors of Benetton e Sisley.
L’attività della società è articolata in tre aree:
- commercializzazione dei prodotti identificati con il marchio di proprietà “Segue…” ed altri marchi in
licenza (come Walt Disney, UCB, Sisley) nei negozi ad insegna “Segue…”,
- commercializzazione a terzi dei prodotti identificati con marchi dei quali la società è licenziataria o
distributrice (UCB e Sisley del gruppo Benetton, Levi’s, Fornarina, Tokidoki, Calvin Klein, The Bridge
Wayfarer, Ferrari)
- fornitura di prodotti destinati ad iniziative pubblicitarie e promozionali.
La commercializzazione dei prodotti nei negozi “Segue…” avviene attraverso una rete commerciale,
presente sia in Italia che all’estero, costituita da punti vendita gestiti sia direttamente che da terzi sulla base
di contratti in franchising stipulati con l’azienda.
Il successo delle collezioni è dovuto alla capacità di saper interpretare le tendenze e gli sviluppi del mercato.
Le oltre cinquecento linee realizzate annualmente per i diversi marchi in licenza e per il marchio Retail
Segue... sono studiate e sviluppate internamente da un team di creativi nella sede principale di Firenze terra
natale di aziende di pelletteria famose in tutto il mondo. Per i marchi in licenza vi è grande versatilità ed
elasticità per creare collezioni che siano in linea con l’immagine delle rispettive case madri.
L’headquarter è situato a Firenze, con uffici a Hong Kong e Miami e con una produzione di oltre 10.000.000
unità, la distribuzione può contare di punti vendita, department stores e shop in shop in negozi specializzati,
includendo shopping mall e duty free shops localizzati in tutto il mondo. ABC SpA conta ad oggi una
distribuzione in ben oltre 110 paesi in tutto il Mondo.
Il fatturato consolidato si attesta a circa 76 milioni di Euro e conta circa 380 dipendenti.
Le sfide di ABC
L’azienda ha puntato e costruito la sua fortuna sui Brand storici ed universalmente riconosciuti come quelli
di Benetton / Sisley. Successivamente Levi’s, Fornarina, Tokidoki. La volontà e la necessità di nuove ed
importanti acquisizioni in termini di licenze e marchi in distribuzione, al fine di cogliere le opportunità che il
mercato nel corso degli anni creava ed imponeva, nonché l’aumento del valore delle marche e delle
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Retail 5 - Accessories Bags &
Cosmetics SpA Change Management - un modello sostenibile nell’epoca della complessità
52
e
relazioni di cui ABC si andava occupando, la coesistenza del settore Retail ad insegna Segue… direttamente
gestita al proprio interno, ha obbligato un ripensamento del modello di controllo del business.
La grande capacità di acquisire opportunità doveva essere accompagnata, per stare sul mercato ed essere
sostenibile, da un adeguato modello di Governance e, di conseguenza, da un adeguato modello di governo
dei processi e sistemi ICT. Presentarsi ad un nuovo ed importante cliente in aree anche estremamente
diverse tra di loro non doveva costituire un problema operativo, pena la non possibilità di siglare contratti
importanti.
Per cogliere le opportunità che il mercato proponeva erano necessari continui e repentini mutamenti. Si
richiedeva al sistema azienda ed ai sistemi ICT versatilità, sia in ambito domestico che internazionale.
Nel settore Retail si andava imponendo una sempre maggiore necessità del controllo del rapporto
prezzo/qualità/costo e relativo impatto sulla promozionalità e marginalità dei prodotti al fine di mantenere
la necessaria competitività. Questa necessità si è manifestata con effetto sempre crescente già a partire dal
2008, con l’inizio della crisi economica che tutt’ora influenza i mercati. Perdipiù, in questo contesto, alcuni
importanti Retailer hanno manifestato nei confronti dell’azienda necessità di servizi aggiuntivi in termini di
outsourcing dei processi di riassortimento e distribuzione logistica diretta ai punti vendita per ottenere
importanti saving in termini di costi di struttura e di costi logistici.
La Supply Chain era ed è organizzata su due poli logistici principali, uno nel Far East – governato dalla
struttura di Hong Kong - per la pianificazione e la distribuzione dei prodotti commercializzati nei continenti
asiatici, americani ed europei - e l’altro in Italia per la pianificazione e distribuzione dei prodotti
commercializzati nel territorio Italiano ( Wholesales e Retail ).
La customer service e la logistica domestica, oltre a servire i clienti Wholesales e riassortire la propria
struttura Retail, pianifica ed esegue il riassortimento diretto su centinaia di punti vendita per conto di
primari Retailer operanti nel territorio nazionale secondo processi di Cross Docking. I sistemi centrali di
ABC interscambiano i dati del venduto e dello spedito da e per i singoli negozi.
La numerosità delle SKU trattate, circa 500 collezioni per anno, imponeva un rigoroso sistema di codifica
dei prodotti per il coordinamento delle funzioni di stile, prodotto, acquisti e vendite in modo da
accompagnare fin dalle prime fasi di disegno e di prototipazione i documenti e le specifiche a supporto.
Le responsabilità commerciali, distribuite per aree geografiche, a livello globale facevano riferimento anche
a fasi stagionali di vendita disallineate ed invertite fra di loro. Il coordinamento tra la fase di vendita e quella
di acquisto, era ed è quindi un momento strategico per garantire il corretto rapporto tra i costi ed i tempi
di consegna, che devono essere sostenibili nel mercato di riferimento. Data la varietà dei prodotti
commercializzati, si uniscono altresì alle fasi di vendita stagionali quelle continuative.
Le funzioni aziendali, sia quelle italiane che del Far East, dovevano essere particolarmente sincronizzate tra
di loro a dispetto anche dei fusi orari e delle differenti culture.
I dati di analisi a sistema dovevano permettere analisi secondo una logica comune ed essere sempre
disponibili a tutte le funzioni aziendali per le opportune decisioni strategiche. Il time to decision doveva
essere notevolmente e drasticamente ridotto. Dovevamo assolutamente uscire dalla logica make to order
per approdare ad una logica make to stock al fine di diminuire i tempi di delivery dei prodotti ai clienti finali.
Nel 2012 erano presenti complessivamente 5 sistemi legacy non dialoganti tra di loro e dislocati
singolarmente nelle singole sedi operative. Non permettevano l’interoperabilità necessaria tra le aziende ne
tantomeno una coerente tracciabilità dei processi di supply chain.
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Retail 5 - Accessories Bags &
Cosmetics SpA Change Management - un modello sostenibile nell’epoca della complessità
53
e
Di fronte a questo scenario si è reputato necessario il coinvolgimento ed il convincimento della proprietà
finalizzato alla creazione di un progetto di rivisitazione dei processi, dell’organizzazione e dei sistemi a
supporto delle complessità strategiche ed operative sopra esposte.
Durante il progetto sono state coinvolte tutte le aree aziendali, sia residenti in Italia che nel Far East.
Obiettivi e vantaggi del progetto
E’ stato quindi deciso di adottare un approccio “best practice driven” con l’adozione della piattaforma SAP
AFS, specifica per il mondo del fashion, ed in particolare dei moduli SD, MM, LE-TRA, FI, TR, CO, PA, AS
nonchè dei sistemi Business Objects e Web Channel in sostituzione dei precedenti 5 sistemi legacy ( 2 ad
HK e 3 in Italia ) datati, di onerosa gestione e che ormai non permettevano più l’integrazione e l’espansione
dei processi di business di cui l’azienda aveva bisogno. Lo scope del progetto ha visto anche l’intero
rifacimento delle interfacce verso le piattaforme logistiche ed il mondo Retail.
Il progetto è cominciato a febbraio del 2013 e, dopo un periodo di analisi di tre mesi che ha coinvolto ogni
singola funzione aziendale, ha visto il primo go-live della struttura di Hong Kong ad ottobre 2013 ed il golive dell’Headquarter a gennaio 2014.
I vantaggi sono stati fin da subito evidenti, altri in ne succederanno nei prossimi mesi.
In generale:
- Miglior controllo della Supply Chain, adeguato coordinamento dei processi di acquisto e vendita.
Creazione e centralizzazione nell’Headquarter dei ruoli di coordinamento dei processi core
permettendone la centralizzazione dei ruoli chiave con conseguente ottimizzazione dei costi occulti di
struttura. Migliore focalizzazione dei KPI essenziali per ottenere una maggiore marginalità e mitigazione
dei rischi.
- Versatilità e scalabilità delle soluzioni proposte per Business futuri senza costi e start up onerosi.
- Univocità delle strutture di bilancio e metriche di analisi della marginalità all’interno del gruppo.
- Raccolta ordini immediata e controllata in diretta dal sistema SAP WCEM con conseguente
alleggerimento della struttura della Customer Service .
- Enforce del cambio organizzativo aiutato dalla filosofia del sistema SAP. Filosofia fatta propria per la
quale lavorare in qualità significa lavorare a monte e non a valle.
Conclusioni e futuri steps
Il progetto ha portato alla luce i Gap Formativi che necessariamente un progetto del genere naturalmente
implica e che per parte ha coperto. Tuttavia questo aspetto è stato vissuto positivamente da tutte le
persone coinvolte come opportunità di crescita professionale. Vi era la coscienza che per essere allineati
alle richieste del mercato del lavoro, erano necessari skill sempre maggiori.
In futuro possibili progetti riguarderanno
1.
il processo di gestione del ciclo di vita del prodotto attraverso l’adozione di sistemi PLM
2.
Gestione del ciclo di vita ed archiviazione sostitutiva dei documenti.
3.
Sistemi di vendita in dotazione agli agenti
Parole Chiave
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Retail 5 - Accessories Bags &
Cosmetics SpA Change Management - un modello sostenibile nell’epoca della complessità
54
e
SAP AFS, WebChannel, Business Objects, Organizzazione.
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Retail 5 - Accessories Bags &
Cosmetics SpA Change Management - un modello sostenibile nell’epoca della complessità
55
e
Retail 6 - Guess Europe Sagl
[email protected]
Marco Gubbiotti
Industry background:
Guess Inc, così come la sua controllata europea Guess Europe, realizza design e marketing, distribuisce
direttamente e attraverso licenze, abbigliamento e accessori per uomo, donna e bambino. La società opera
attraverso 5 mercati principali: Europa, Retail in Nord America, Asia, Distribuzione in Nord America e
Franchising.
I suoi prodotti sono venduti al dettaglio, mediante distribuzione, attraverso il canale e-commerce e
attraverso negozi in franchising.
Le linee includono collezioni complete di abbigliamento (jeans, pantaloni, gonne, vestiti, felpe, magliette,
giacche, pullover e abbigliamento intimo)
Guess ha concesso apposite licenze a partner per la produzione e la distribuzione di occhiali, orologi,
borse, calzature, abbigliamento per bambini e neonati, accessori in pelle, costumi da bagno, profumi,
gioielleria and altri accessori di moda.
L’attività europea di Guess è diretta dalla sede centrale di Bioggio (Lugano) e governa un business retail di
più di 200 negozi di proprietà e circa 300 negozi in franchising, nonchè tutta la distribuzione attraverso
terze parti.
Il giro d’affari della società in Europa è di circa 700M €.
Le sfide di Guess Europe
Il business di distribuzione coinvolge (in tutta Europa) diverse migliaia di clienti, ciascuno con requisiti
informativi diversi e complessi.
Il sistema centrale che governa le operazioni di distribuzione Europea si trova a Lugano e ha lo scopo di
consentire una facile acquisizione degli ordini cliente, una efficiente gestione degli stock ed un completo ed
esauriente soddisfacimento degli ordini.
Una parte rilevante di questi obiettivi è legata alla capacità del sistema di colloquiare, nel modo più
automatico possibile, con i sistemi del cliente: un metodo tradizionale per consentire questa attività è l’uso
delle tecniche EDI.
Esse offrono anche una guida de-facto alla realizzazione ed esecuzione dei processi di dialogo.
Guess è stata inizialmente sollecitata dai distributori più evoluti, sotto il profilo informatico, a realizzare
queste metodologie; nel tempo ha maturato una solida esperienza nel loro uso ed ha deciso di adottarle
ovunque possibile, per facilitare il dialogo con i propri clienti.
L’area commerciale dell’azienda, la funzione logistica e l’area della gestione contabile sono state le principali
funzioni coinvolte nel progetto, sia in fase di definizione dei requisiti, sia nella fase successiva di utilizzo dei
sistemi.
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Retail 6 - Guess Europe Sagl
56
e
Obiettivi e vantaggi del progetto
Nel caso di importanti distributori (department stores quali COIN, Rinascente, El Corte Ingles) la messa a
punto di sistemi EDI di dialogo tra Guess e i partner ha rappresentato la differenza tra fare business e non
fare business.
In altre parole solo l’abilitatore tecnologico ha fatto sì che si potesse fare business con questi partner. La
soluzione ICT ha abilitato la generazione del valore.
Le tecniche EDI sono state utilizzate sia verso l’esterno (comunicazione ai clienti di cataloghi, listini e
spedizioni), sia verso l’interno (ricezione degli ordini, conferma degli ordini, recupero dei dati di venduto e
di giacenza).
L’adozione delle tecniche EDI ha consentito di limitare al minimo indispensabile (talvolta di evitare) la
introduzione manuale dei dati (duplicata) con potenziali errori. Ha quindi svolto una funzione di
velocizzazione delle comunicazione e innalzamento della qualità.
Scopo del progetto è stato quello di creare un ambiente EDI completo perfettamente riusabile in ogni
circostanza, per stabilire nuove relazioni commerciali, arrivando alla costruzione di una Guess EDI Guide.
I vantaggi conseguenti alla adozione delle tecniche EDI ha valorizzato il ruolo dell’IT nella considerazione del
business e ne ha al contempo rilevato la necessità (talvolta l’indispensabilità)
Processi farraginosi, con frequenti interventi “umani”, costellati di errori, sono stati sostituiti (parzialmente
o completamente) da processi automatici, governati dai sistemi.
La necessità di avere disponibili gli abilitatori tecnologici al momento in cui le reazioni commerciali vengono
stabilite e cominciano a lavorare, ha spostato nel tempo, anticipandola, la presenza dell’IT e ne ha
aumentato conseguentemente le responsabilità.
Conclusioni e futuri steps
Un ambiente europeo, meno maturo ed incline di quello nord americano, alla adozione di queste tecniche
ci ha dimostrato come la parte più difficile del problema sia stabilire correttamente la relazione col partner:
in termini squisitamente tecnici, come scambiarsi le informazioni di prodotto e di prezzo (PRICAT).
Un ulteriore problema organizzativo, al quale stiamo cercando di ovviare con una alfabetizzazione di massa
sulle tecniche EDI, riguarda la gestione dei problemi che talvolta intervengono nell’uso di queste tecniche:
poiché esse sono governate dai sistemi, la “tentazione” del business è quella di attribuire la causa di ogni
malfunzionamento a un problema di natura tecnica o applicativa, comunque responsabilità IT.
Al contrario, come peraltro accade anche in altre aree, i problemi sono determinati dalla incoerenza o
incompletezza delle informazioni: lo sforzo è quello di convincere l’utente di questi sistemi ad approfondire
le cause di un problema prima di coinvolgere la funzione IT e provocarle un sovra-lavoro.
Parole Chiave
EDI, EDI Guide, Organizzazione, Gestione Ciclo Clienti.
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | [email protected]
57
e
Indice degli Speaker
Adriano Aere
La mia figura di imprenditore nasce circa 35 anni fa ed è strettamente legata e si identifica con la storia della Soc.
Imperial, che mia moglie ed io abbiamo fondato alla fine degli anni ’70, e della quale tuttora deteniamo la guida e
l’intero capitale sociale.
La società, con sede principale al Centergross di Bologna e filiale a Milano,, opera nel settore definito del “pronto
moda” ed è da considerarsi l’azienda leader italiana di tale settore. Questa è, in breve sintesi, la storia dell’azienda che
ho co-fondato e con la quale è nata e si è consolidata la mia figura di imprenditore.
Romeo Bandinelli
Romeo Bandinelli si laurea nel 2002 in Ingegneria Meccanica presso l’Università degli Studi di Firenze.
Nominato Dottore di Ricerca nel 2006, attualmente è ricercatore a contratto presso la Facoltà di
Ingegneria dell’ateneo fiorentino e responsabile dei progetti PLM per il laboratorio LogisLab. Autore di
oltre 40 articoli su journal e conferenze internazionali, è nel comitato scientifico e program chair della
conferenza IT4FASHION. Dal 2012 è membro del comitato scientifico dell’Osservatorio Italiano sui
processi di progettazione (Osservatorio GeCo, Gestione dei Processi Collaborativi di Progettazione)
del Politecnico di Milano.
Nell’ambito delle attività svolte all’interno del laboratorio universitario Logislab si occupa di ricerca e di trasferimento
tecnologico nelle aree che riguardano la gestione della filiera logistica (SCM), i supporti tecnologici (ICT) per la
reingegnerizzazione dei processi aziendali (BPR), la simulazione di impianto (SM&A) e il Product Lifecycle Management
(PLM).
Federico Bertini
Federico Bertini entra in Aeffe S.p.A. nel 1999 e vive la trasformazione dell’azienda in un importante Gruppo
internazionale nel settore del fashion.
Da allora l’obiettivo del suo team è quello di sviluppare un SIM (Sistema Informativo di Marketing) prima per Aeffe e
poi per tutto il Gruppo, di definire la strategia di marketing legata ai progetti di evoluzione ed innovazione. Gestisce
tutti i siti ecommerce del Gruppo, coordina lo sviluppo della comunicazione on line (SEO, SEM, WebMarketing), e
partecipa allo sviluppo dell’online brand Identity di tutti i brand del Gruppo (Moschino, Alberta Ferretti e Pollini).
Completano gli skill professionali, le competenze ed esperienze per quanto riguarda il marketing interaziendale, le
ricerche di mercato, l’analisi della competition e tutta la Business Analysis legata alle vendite con il supporto di
strumenti di CRM e sales force automation.
Bertini si è occupato sin dagli inizi del progetto con Alterna evidenziando lui per primo l’esigenza del Gruppo Aeffe di
dotarsi di strumenti tecnologicamente avanzati sia di tipo mobile che web, per gestire e presentare nel modo più
semplice, accattivante e immediato le proprie collezioni di moda e favorire la raccolta degli ordini.
Attilio Campedel
Alberto Caprioli
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Indice degli Speaker
58
e
Guido Chiavelli
Elisa d’Avolio
si laurea nell’Aprile 2013 in Ingegneria Gestionale presso l’Università degli Studi di Firenze. Attualmente è
titolare di un assegno di ricerca sulla tematica “Il miglioramento delle prestazioni della supply chain del lusso
come leva per aumentare la competitività del Made in Italy” presso il Dipartimento di Ingegneria Industriale
dell’ateneo Fiorentino.
Erika Filipponi
Laureata nel 1997 in Economia e Commercio presso l’Università degli Studi di Pisa con 110/110; ha conseguito nel
1998 il Master in Marketing e Comunicazione d’Impresa Publitalia’80 a Milano. Ha ricoperto responsabilità crescenti
nell’area Marketing di aziende multinazionali, iniziando nel settore dei FMCG in Kraft Foods Italia, successivamente in
consulenza nell’Area Strategy - Retail & Fashion di Ernst & Young. Nel 2005 entra in Salvatore Ferragamo SPA
assumendo inizialmente il ruolo di Marketing Intelligence Manager e successivamente di Retail Marketing Director.
Stéphane Gaillard
Stéphane Gaillard attualmente ricopre il ruolo di PLM e Business Process Manager di Devanlay-Lacoste fin dal luglio
2011. In questo ruolo ha la responsabilità di tutti gli aspetti della gestione del progetto del PLM, tra cui la definizione
del budget, gestione delle risorse, reporting progresso, analisi di fase e la validazione, l'analisi dei rischi, la generazione
del piano di attuazione, l'organizzazione di documenti e il recupero dei dati e la pulizia. Le esperienze precedenti di
Stéphane Gaillard sono tutte all’interno del settore Fashion.
Massimo Gentili
Massimo Gentili Software Architect, System, Network and New Technologies Specialist in Proenza Schouler Italia.
Dopo aver collaborato come consulente esterno per più di un anno, è entrato a far parte di Proenza Schouler Italia da
Gennaio 2014. Durante questa collaborazione, si è occupato dei diversi progetti tecnologici, dall’integrazione tra i
diversi sistemi utilizzati come Microsoft Dynamic AX e Stealth allo sviluppo/riorganizzazione dei supporti tecnologici
hardware e software utilizzati. E’ impegnato particolarmente nella definizione e realizzazione dell’innovativo ed
importante progetto, già in fase operativa , legato all’utilizzo di tecnologie quali RFID e QR code con molteplici
obiettivi aziendali relativi alla logistica (coerenza e tracciabilità), al controllo del prodotto ed anticontraffazione ed al
marketing (con particolare attenzione alla Customer Experience).
Proenza Schouler rappresenta una realtà in costante crescita che coniuga al meglio l’esperienza sul prodotto e la
capacità innovativa italiana con la dinamicità aziendale tipicamente americana, con l’obiettivo di rappresentare un punto
di riferimento nel mondo della moda.
Simone Gilardoni
Terminati gli studi tecnici lavora come sviluppatore e consulente informatico presso aziende del tessile e della moda
(2000-2004), dopo una parentesi importante come sviluppatore e consulente informatico nel mondo dell'automazione
industriale (2004-2008), nel 2008 comincia ad occuparsi di Business Intelligence presso un istituto di Credito (Carta Sì)
dove segue la manutenzione Evolutiva e Correttiva di alcuni ambiti del Datawarehouse (Back End) oltre alla
reportistica (Front End). Dal 2010 lavora presso l'HQ Europeo di Guess? Inc con sede in Ticino (Svizzera), dove
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Indice degli Speaker
59
e
occupa attualmente la posizione di Datawarehouse Specialist. Si occupa inizialmente soprattutto dello sviluppo e della
manutenzione del Datawarehouse.
Negli ultimi due anni, oltre a seguire comunque l'evoluzione e la manutenzione del Datawarehouse si occupa sin dalle
fasi iniziali del progetto di Planning.
Luca Greco
Laureato in Ingegneria Informatica nel 1992 presso l’Università degli Studi di Siena intraprende l’attività lavorativa
come consulente e analista di processi lavorando per importanti società nel settore alimentare, pubblico e delle utility.
A partire dal 1996 lavora presso la Carapelli Firenze Spa con crescenti ruoli di responsabilità fino ad assumere la
Direzione IT nel 2009 nell’ambito del comitato direttivo. In questo periodo guida numerosi progetti di integrazione a
SAP di aziende storiche, come la Minerva e la Bertolli, partecipando ed essendo responsabile di progetti internazionali
affidati dal gruppo Deoleo, leader mondiale nel settore degli olii extravergini.
Dal settembre 2012 accetta la sfida ed intraprende l’esperienza nel settore del Fashion come Direttore
Organizzazione e Sistemi nel gruppo ABC Spa riportando al CDA. In questo periodo costituisce e guida il progetto di
change management di gruppo attraverso la piattaforma SAP AFS.
Marco Gubbiotti
ERP & EDI Senior Manager Guess
Gianluca Guidotti
Nato nel 1972 a San Benedetto del Tronto (AP), nel 1998 si laurea in Ingegneria Informatica a Bologna. Dal 2007 è
ICT Corporate Manager del Gruppo La Perla, azienda di produzione e distribuzione di lingerie di lusso, abbigliamento
mare e underwear. Attualmente è coinvolto in progetti strategici a livello worldwide: tra i principali vi sono lo sviluppo
canale Retail e la ottimizzazione processi del Gruppo. Dal 1999 inizia a collaborare dapprima come consulente esterno
e poi, dal 2000, ha avuto un ruolo determinante nello start-up di una società del Gruppo La Perla. In precedenti
esperienze lavorative, da libero professionista, ha avuto incarichi presso progetti della Comunità Europea per la
Regione Emilia Romagna e per la Provincia di Bologna.
Daniel Harari
Daniel Harari è Director e Chief Executive Officer di Lectra sin da Maggio 2002 e anche
Chairman dell’Executive Committee fin dal sua nascita, nel 2005. Ha cominciato la sua
carriera come Chairman e Chief Executive Officer in Lectra nel 1991.
Daniel Harari è stato Director (sin dal 1981) e Chief Executive Officer (sin dal 1986) della
Compagnie Financière du Scribe, una azienda specializzata nel settore tecnologico. André
Harari and Daniel Harari sono stati i suoi principali shareholders fino alla sua fusione con
Lectra il 30 Aprile 1998. Ha cominciato la sua carriera come Vice Presidente della Société d'Etudes et de Gestion
Financière Meeschaert, un’azienda che si occupava di asset management. Successivamente è stato Chairman e Chief
Executive Officer de La Solution Informatique (1984-1990), un’azienda che si occupava di distribuzione e servizi per
PC, e di Interleaf France (1986-1989), entrambe fondate a Parigi.
Daniel Harari si è laureato presso l’École Polytechnique di Parigi e l’Institut Supérieur des Affaires, associato con il
secondo anno del Stanford Business School MBA program, Palo Alto, CA, United States.
Giampiero Izzo
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Indice degli Speaker
60
e
In Kocca si occupa di definire le linee strategiche e commerciali dei negozi monomarca, sviluppando la strategia su
tutta la rete Retail.
Attualmente, in qualità di Retail manager outstore, coordina 16 persone nell’HQ Kocca ed è responsabile di tutti punti
vendita, attualmente 21, sul territorio nazionale.
Dario Marafon
Dario attualmente ricopre la figura 3d project manager in Staff International, segue la prototipazione di capi in 3d all
interno dell area tecnica di Staff. Sta introducendo il concetto di 3D all interno del processo aziendale ai fini di
migliorare la comunicazione tra ufficio stile ed area modellistica in modo da poter soddisfare al meglio le richieste
stilistiche nella realizzazione dei capi di abbigliamento.
Utilizzando la visualizzazione 3D dei prototipi si riesce ad avere un antemprima delle dimensioni, volumi. e
caratteristiche del capo in tempi brevissimi , e molte volte apportando fin da subito modifiche modellistiche ai capi al
fine di eliminare la maggior parte dei difetti e migliorarne da subito la qualita' evitando di confezionare capi non
corretti e che non rispettano le caratteristiche richieste. Dario entra giovanissimo subito dopo gli studi informatici nel
mondo del abbigliamento. Parte dalla sala taglio e confezione dove impara i comportamenti e le problematiche dei vari
tipi di tessuti durante il processo di produttivo, affiancando sempre la tecnologia per ottenere un prodotto di alta
qualità, Successivamente entra nell' area tecnica di Staff international dove inizia a seguire il processo di produzione di
abbigliamento.
Da subito inizia in ufficio Cad dove si occupa di realizzazzare di piazzamenti e calcolo consumi di prototipi, campionari
e produzione, incomincia ad apprendere i tempi e le fasi di produzione e prototipazione dei capi, e sfrutta da subito gli
strumenti informatici al fine di velocizzare e automatizzare i processi produttivi.
Spesso si trova a collaborare con case produttrici di software ai fini di sviluppare nuove funzioni richieste dal processo
aziendale.
Dopo questo periodo (6 anni) viene individuato il suo profilo all interno dell azienda, e viste le conoscenze
informatiche e la buona conoscenza del ciclo produttivo aziendale, viene scelto come candidato per sviluppare il
progetto 3D all interno dell' azienda.
Giovanni Marini
Informatico dal 1978, IT manager dal 1984 per il gruppo Arnaldo Caprai e consulente per IT e organizzazione
aziendale al Lanificio Cariaggi dal 2005.
Ha maturato significative esperienze nel settore tessile (Gruppo Tessile Arnaldo Caprai e Tintoria Ferrini),
nell’abbigliamento (Maglital - Cruciani) e in altri settori non tessili.
Nel 2007 è stato incaricato Direttore del progetto avente titolo “Progettazione e sviluppo di un sistema evoluto di
cooperazione di filiera laniera attraverso l’utilizzo delle moderne tecnologie ICT”, dal Consorzio IPSA, di cui il
Lanificio Cariaggi è capofila.
Diego Picciani
Diego Picciani dall’anno 2000 è IT Manager per tutto il Gruppo Aeffe. Riporta direttamente al CEO del gruppo, si
occupa di seguire tutto il sistema informativo aziendale e tutto ciò che è correlato alla comunicazione come telefonia,
infrastrutture tecnologiche, LAN/WAN, servers, clients, software, e applicazioni per l’intero gruppo (Aeffe S.p.A.,
Velmar S.p.A., Pollini S.p.A., Moschino S.p.A. e altri).
La sua esperienza di molti anni in qualità di IT Manager in diversi campi di business si contraddistingue in particolare
nel mercato del Luxury e Fashion.
Picciani si è occupato sin dagli inizi del progetto con Alterna e la sua esperienza ed il suo grande interesse per le
nuove tecnologie, hanno consentito il raggiungimento degli obiettivi di progetto.
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Indice degli Speaker
61
e
Rinaldo Rinaldi
Rinaldo Rinaldi è professore associato per il raggruppamento ING-IND/17 presso la Scuola di
Ingegneria dell’Università degli Studi di Firenze. È docente di “Gestione Integrata della
Produzione e della Logistica” per il corso di laurea magistrale in Ingegneria Meccanica e di
“Operations Management” per corso di laurea magistrale in Governo e Direzione di Impresa.
Le sue aree di ricerca e di interesse riguardano il dimensionamento di sistemi logistici, la
programmazione e controllo della produzione, l’ottimizzazione dei processi produttivi e della
Supply Chain, l’utilizzo di tecnologie quali l'RFID e l'EPC Network per l'ottimizzazione del
sistema logistico e la gestione della tracciabilità.
Rinaldo Rinaldi è fondatore e responsabile scientifico del laboratorio “LogisLab - Laboratorio per logistic process
management and intelligence systems development” dove svolge attività di ricerca su numerose tematiche legate in
particolar modo alle esigenze delle imprese che operano nel sistema fashion, tra cui:
• Analisi di processi manifatturieri e logistici e ottimizzazione degli stessi mediante metodologie di lean production
• Applicazione di modelli avanzati di ottimizzazione/simulazione ai sistemi logistici aziendali;
• Metodologie e tecniche informatiche a supporto dei sistemi logistici;
• Applicazioni di altre tecnologie a supporto dei processi logistici e della trasformazione
• Sviluppo di strategie per il miglioramento delle prestazioni logistiche di magazzino
• Applicazione di tecnologie di identificazione automatica miranti a garantire l’autenticità, la tracciabilità e
l’identificabilità dei prodotti lungo l’intera filiera
• Sviluppo di un modello SMART SHOP basato su tecnologia RFId per l’implementazione di nuove modalità
commerciali allo scopo di aumentare il grado di soddisfazione e di fidelizzazione della clientela
Rinaldo Rinaldi è anche l’organizzatore del convegno annuale “It4Fashion: come possono le tecnologie aiutare le
aziende del fashion”. Il convegno, che si svolge nel mese di aprile a Firenze, è incentrato sull’utilizzo delle nuove
tecnologie a supporto della gestione della suppy chain del lusso.
Jan Rosenberg
Jan is Global Head of Lifestyle & Consumer Appliances at Realtime Technology (RTT). RTT is the
leading company in the field of high-end 3D visualization of merchandize, yielding significant impact
on various elements of the value chain. A major interest in RTT was recently acquired by Dassault
Systèmes.
Prior to RTT, Jan lead as CEO the CBR Fashion Group and served as Member of the Board of
Triumph International with responsibility for Global Marketing & Sales.
In his earlier days, he spent several years with The Boston Consulting Group and Procter & Gamble.
Jan received an MBA from INSEAD Fontainebleau and holds a Master of Engineering from the Technical University of
Munich.
Marco Spotti
Laureato in Scienze dell’Informazione presso l’Università degli Studi di Bologna nel 1994 ha iniziato presso il
dipartimento IT di un’azienda manifatturiera multinazionale seguendo progetti nell’ambito dell’allora nascente mondo
della multimedialità e nello sviluppo di tools informatici di supporto alla progettazione. È passato al mondo della
consulenza IT presso alcune importanti aziende nell’area fiorentina con la responsabilità di progetti ERP e di sviluppo
di Web Application Java. Al momento ricopre il ruolo di e-Business IT Manager del gruppo Salvatore Ferragamo.
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Indice degli Speaker
62
e
Luca Tonello
Luca Tonello è Ingegnere informatico con più di 20 anni di esperienza nell’Information
Technology con ruoli di vendita e responsabilità sempre crescenti. Ha fatto esperienza in
diverse multinazionali e in piccole start-up innovative nel mercato italiano, come SAET SpA,
Electa I.T. s.r.l. e Storagetek Italia SpA Milano. In Xerox ha ricoperto il ruolo di Account
Manager ed in Sun è stato Sales Manager. In Oracle, in qualità di Technology Sales Executive, è
stato responsabile di tutte le vendite di prodotti software di Oracle Tecnologia e anche Sales
Team Leader su Luxottica e Benetton, coordinando l'offerta di vendita di tutta le linee di prodotto Oracle (tecnologia
e applicazioni).
Attualmente ricopre la posizione di Sales Executive & Channel Manager in DDway BU Fashion & Retail, con
responsabilità della vendita di Stealth via canale e su alcuni clienti strategici. E’ anche membro del comitato di
Direzione della BU.
Marito e padre di 4 figli , è appassionato di Mountain Bike e Pesca a Mosca.
Laura Valagussa
Laura is Business Development Director for Lifestyle & Consumer Appliance market at Realtime
Technology (RTT), overseeing Italy and South Europe. RTT is the leading company in the field of
high-end 3D visualization of merchandize, yielding significant impact on various elements of the
value chain. A major interest in RTT was recently acquired by Dassault Systèmes.
Laura has almost 20 years of experience in Fashion & Lifestyle Industries, focusing on business
challenges and process, mainly for Strategic Accounts. At RTT her main focus is on “accelerating
business by going digital with 3D high-end visualization”.
Previously Laura worked in Lectra Italy for almost 15 years, where she covered different positions, starting from presales up to managing – as Professional Services Manager – the entire team of Consultants and Trainers, supporting
sales team, especially in strategic Accounts and Projects.
Laura also gained experience with an ERP software company, implementing ERP software dedicated to the Fashion
market.
Laura studied Mathematic and Engineering at Università degli Studi di Milano and Politecnico di Milano.
Adriano Voglino
Laureato all’Università di Lecce nel 1998, Adriano Voglino ha iniziato la sua carriera professionale ricoprendo il ruolo
di Product Manager prima in Gruppo Formula e poi in Cézanne Software. Nel 2002 ha iniziato la sua esperienza in
Bottega Veneta in qualità di project Manager IT nell’area Produzione e Logistica e in quella Risorse Umane. Ora
ricopre il ruolo di MIS Manager e riporta gerarchicamente alla Direzione Finanziaria e funzionalmente alla direzione IT
di Gruppo. Tra le sue responsabilità vi sono la pianificazione e lo sviluppo del sistema informatico e di comunicazione
aziendale, tramite la definizione degli obiettivi attuali e futuri, al fine di proporre innovazioni nell’organizzazione a
favore della competitività aziendale. Inoltre si occupa della definizione del budget e delle sue revisioni (Project
Portfolio), del Project Management, del controllo dei costi IT, della gestione degli acquisti IT ed è membro del MIS
Management Commettee di Gruppo (MMC)
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | Indice degli Speaker
63
e
SPONSOR
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | SPONSOR
64
e
Sponsor Platinum
Lectra è la N°1 al mondo tra i provider di soluzioni tecnologiche integrate per le aziende che
utilizzano tessuti,pelli, tessuti industriali e materiali compositi. Accelera e ottimizza i processi di
design, sviluppo e fabbricazione del prodotto per i mercati del fashion, dell’automotive e dell’
arredamento, come per molti altri quali l’aeronautica, la nautica e l’energia eolica. Le soluzioni
software e di taglio automatico, unite all’esperienza e alla variegata offerta di servizi,
contribuiscono all’eccellenza operativa del cliente.
In qualità di azienda internazionale con 1.400 dipendenti, Lectra sviluppa rapporti privilegiati con
clienti prestigiosi in oltre 100 paesi. Il know-how di Lectra nel mondo del fashion è rinomato su
scala mondiale. Le soluzioni avanzate integrano le best practice industriali acquisite in oltre 40
anni di lavoro con marchi leader specializzati nel prêt-à-porter per uomo, donna e bambino, ma
anche nell’intimo, nel lusso e nel fast fashion.
Fondata nel 1973 e con sede in Francia, Lectra ha registrato nel 2013 profitti per 203 milioni di
Euro ed è quotata presso Euronext NYSE.
Per ulteriori informazioni, visitare il sito www.lectra.com
Sponsor Gold
Il nostro nome è Dedagroup ICT Network. Siamo un gruppo italiano di aziende federate e
portiamo innovazione con forti competenze nel mercato dell’Information and Communication
Technology ad Aziende, Pubblica Amministrazione e Istituti finanziari. Con l’ingresso nel gruppo
di DDway, la realtà nata dall’acquisizione di CSC Italia srl, siamo At Work con rinnovate
competenze anche sul Fashion e Retail. Qui DDway porta in dote la propria soluzione leader
Stealth 3000, con cui da oltre vent’anni aiuta i grandi nomi della moda italiana nella loro
espansione internazionale. La soluzione, già adottata da 180 realtà grandi e medie del Fashion
italiano, nasce per rispondere alle esigenze specifiche delle aziende della moda: gestione delle
problematiche taglia/colore e stagionalità, controllo costante delle singole fasi del processo
manifatturiero, gestione ottimale della rete distributiva. DDway e Dedagroup ICT Network
affiancano alla soluzione servizi di consulenza e integrazione progettati sulla base dello specifico
contesto di mercato in cui operano i clienti.
Per maggiori informazioni: www.dedagroup.it – www.ddway.it
RTT è l’azienda leader, fornitore globale in ambito visualizzazione 3D, di software high-end, così
come di servizi di consulenza e creatività. In qualità di partner strategico e grazie al suo
approccio olistico, RTT offre un supporto sostenibile, efficace e continuo nei processi dell’intero
ciclo di vita del prodotto. Come conseguenza, i prodotti sono sviluppati più velocemente e in
modo più conveniente, mentre il time-to-market è notevolmente ridotto. Attraverso
implementazioni CGI (Computer Generated Images) creative e foto realistiche RTT permette
modalità di vendita innovative così come vantaggi marketing e nuove dimensioni per un go to
market sempre più emozionale. La base installata del Gruppo comprende clienti Lifestyle come
Adidas, Hugo Boss, Coach, Vans, Sketchers, Qiadan, Atomic, ecc. , così come clienti quali Audi,
BMW, Ferrari, Lamborghini, Electrolux, General Motors, Harley-Davidson, Porsche, ecc.
Per maggiori informazioni si prega di visitare www.rtt.ag
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | SPONSOR
65
e
Sponsor Silver
Forniamo soluzioni informatiche a supporto dei processi di comunicazione e vendita multicanale
per brand nel settore del Fashion, Luxury, Design e Retail/GDO.
Supportiamo gli IT Manager nella gestione di progetti di miglioramento, avendo profonda
conoscenza dei processi di comunicazione interna ed esterna all’azienda e delle logiche di
interazione tra tutti gli attori coinvolti (agenzie, web agencies, prepress, stampatori, digital sales,
media, marketplace, ecc.).
Le nostre soluzioni si preoccupano della costruzione, edizione e delivery dei Marketing Product
Master Data, con particolare attenzione al processo fotografico e alla sua interazione con dati e
processi legati all’eCommerce e alla comunicazione multicanale.
Con la suite Chalco.Net abbiamo creato un potente sistema di back-end – integrato con i
maggiori sistemi ERP, PLM e PDM – in grado di gestire la vita di un contenuto digitale, dalla sua
ideazione all’elaborazione e distribuzione, garantendo ove necessaria la relazione con dati e
informazioni di prodotto.
Per ulteriori informazioni www.hyphen-italia.com
LAB ID srl è un’azienda leader a livello Europeo nella realizzazione di prodotti e soluzioni basati
su tecnologia RFID. Nello stabilimento alle porte di Bologna, progetta e produce inlay/tag RFID
passivi, HF e UHF.
LAB ID è nata nel 2002 con la missione di realizzare un progetto nell’area dell’identificazione
automatica per il settore tessile. L’esperienza ed il know-how del Centro R&D interno
garantiscono a LAB ID flessibilità ed efficienza nell’offrire soluzioni sia standard sia personalizzate,
basate su specifiche esigenze progettuali. ll nostro team di qualificati ingegneri RF offre
un’eccezionale competenza nella progettazione di tag RFID e consente di sviluppare prodotti e
soluzioni che garantiscono ottime performance in svariati settori applicativi; logistica,
identificazione al livello item nel modo del fashion/tessile, ticketing, controllo accessi.
Per ulteriori informazioni www.lab-id.com
TEMERA, Delivery InnoFashion, un progetto per lo sviluppo di tecnologie innovative per
l’Industria e la Cultura.I servizi che TEMERA offre partono dall’RFID (Radio Frequency
IDentification) la tecnologia che permette di leggere informazioni che diventano veicolo di dati
legati alla produzione, alla distribuzione, alla catalogazione, all’archiviazione per aziende
specialmente appartenenti al settore Fashion/Luxury ma anche per Enti e Istituzioni culturali.
TEMERA è specializzata nel campo della Protezione del Brand rispetto a potenziali contraffazioni
e falsi, sul Controllo della struttura distributiva, sulle sinergie tra Retail fisico e e.commerce..
TEMERA offre un sistema completo di gestione del patrimonio digitale/fisico aziendale: la
tracciabilità di abiti, disegni, immagini, rassegne stampa, schede tecniche finalizzata alla
conservazione del patrimonio dell’impresa, alla ricerca di spunti per nuove collezioni, alla
preparazione di eventi.
TEMERA offre inoltre servizi di retail experience (magic mirror, smart fitting, led wall, touch
screens) e di “metriche” retail.
Per maggiori informazioni www.temera.it
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | SPONSOR
66
e
L’eccellenza nell’innovazione è la caratteristica che contraddistingue la visione di Motorola
Solutions, che continua a essere leader nella fornitura di prodotti e servizi di comunicazione
per applicazioni mission critical dedicate al mondo dell’impresa privata e al settore degli enti
pubblici. Grazie a una tecnologia delle comunicazioni innovativa e all’avanguardia, Motorola
Solutions è un leader a livello globale in grado di offrire ai propri clienti soluzioni che
consentano loro di agire al meglio nei momenti più cruciali. Motorola Solutions offre quindi alle
imprese le soluzioni tecnologie per la mobilità aziendale: dalle soluzioni RFID integrate per la
supply chain e la tracciabilità/disponibilità in tempo reale di prodotti e merci (retail) , alle linee
di prodotti di Advanced Data capture.
Le soluzioni di mobilità di Motorola Solutions consentono ai dipendenti di accedere in maniera
sicura a dati ed applicazioni aziendali affinchè questi possano prendere decisioni in tempo reale
ed incrementare così l’efficienza dei processi organizzativi e produttivi. L’offerta di Motorola
Solutions soddisfa le esigenze dei mercati verticali quali retail, assistenza e mobilità sul campo
(field mobility), trasporto e logistica, sanità e pubblica sicurezza. L’azienda opera in molti paesi
del mondo tra i quali l’Italia.
www.motorolasolutions.com
Il 1 Giugno 2013 nasce Telecom Italia Digital Solutions , un progetto ambizioso nato dall’esigenza
di esprimere nuove forze creative, sviluppare business in un contesto tecnologico in continua
evoluzione ed essere protagonista nella trasformazione digitale del business dei propri Clienti,
collaborando con le strutture operative della Direzione Business di Telecom Italia.
I principali filoni d’innovazione del portafoglio di TI Digital Solutions sono rappresentati dalla
Multicanalità Evoluta che, tramite la gestione integrata dei nuovi canali digitali, permette alle
Corporate di gestire a 360 gradi la Customer Experience dei Clienti; altri punti di forza sono le
offerte Web, App & Social, per essere presenti su quella piazza virtuale dove Internet, mobilità e
partecipazione ormai convergono sempre di più.
Per maggiori informazioni: www.tidigitalsolutions.it
Cade quest’anno, il 2014, il 20^ anniversario della nascita di Telecom Italia ed il 50^ di quella di
SIP, la società telefonica che unifica tutte le precedenti e che nel 1994 si trasforma in Telecom
Italia. Ricorre anche l’anniversario di Teti – la Società telefonica Tirrena fondata 1924 e confluita
in SIP – e di CSELT – Centro Studi e Laboratori Telecomunicazioni nato nel 1994.
Le telecomunicazioni di questi 50 anni sono un simbolo del loro tempo: il telefono (l’unico) fisso
di casa, il duplex, il fax, la segreteria telefonica, i servizi supplementari, le cabine telefoniche
pubbliche, poi il cellulare ed internet.
Oggi siamo nell’era digitale: un mondo moderno, semplice e sicuro dove essere sempre
informati ed in contatto, per lavoro o per divertimento, scaricare video e contenuti digitali, fare
shopping, consultare la propria banca o i servizi della pubblica amministrazione. I simboli sono
smartphone e tablet, web tv e device over the top, cloud e reti ultrabroadband.
Telecom Italia continua ad offrire servizi di telecomunicazioni, internet, contenuti digitali, servizi
cloud e molto altro. Per il 2016 si è data l’obiettivo di assicurare a più del 50% degli italiani la
copertura con la nuova rete ultrabroadband fissa e all’80% con quella mobile.
www.telecomitalia.com www.impresasemplice.it
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | SPONSOR
67
e
Sponsor Standard
Accenture è un’azienda globale di consulenza direzionale, servizi tecnologici e outsourcing che conta oltre
281 mila professionisti in oltre 120 paesi del mondo. Combinando un’esperienza unica, competenze in tutti
i settori di mercato e nelle funzioni di business e grazie ad un’ampia attività di ricerca sulle aziende di
maggior successo al mondo, Accenture collabora con i suoi clienti, aziende e pubbliche amministrazioni, per
aiutarli a raggiungere alte performance.
A livello globale, i ricavi netti per l’anno fiscale 2013 (settembre 2012 – agosto 2013) ammontano a 28,6
miliardi di dollari.
www.accenture.com, www.accenture.it
For more information www.acnovate.com
Alterna Srl è un System Integrator con elevata esperienza consulenziale, da oltre 10 anni al fianco delle
imprese del Fashion per aiutarle nei loro percorsi di crescita, innovazione ed internazionalizzazione.
Cogliere le emozioni del cliente ed anticipare le tendenze è la mission principale delle aziende del fashion.
Alterna le accompagna lungo tutta la catena del valore attraverso le nuove tecnologie digitali, in logica
Omni-Channel. Soluzioni “total look” concepite per questo mercato: dalla Collezione allo Showroom,
dall’e-Commerce al Retail, dall’ERP alla Business Intelligence.
Top Player nel panorama internazionale di Microsoft con competenze e certificazioni Microsoft Gold ERP e
CRM, esprime il suo forte commitment con soluzioni specifiche per il mondo Enterprise, come Microsoft
Dynamics AX, e per le PMI, sia “on Premise” che “on cloud”.
Soluzioni sempre capaci di rispondere ai requisiti dei processi del mondo della Moda. Complete, semplici,
agili, basate su tecnologie familiari per favorire l’aumento della redditività, la riduzione dei tempi, il
miglioramento dell’efficienza e il grado di soddisfazione del Cliente.
Caratteristiche che fanno dell’offerta di Alterna una proposta unica nel panorama dell’IT per il fashion.
Sito web: www.alternanet.it
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | SPONSOR
68
e
Con oltre 120.000 dipendenti in 40 paesi nel mondo, Capgemini è una delle maggiori multinazionali di
Management Consulting, Information Technology e Outsourcing. Nel 2011 il Gruppo ha registrato ricavi
per 9,7 miliardi di euro.
Insieme con i propri clienti, Capgemini elabora e implementa soluzioni di business e soluzioni tecnologiche
adatte alle loro esigenze e ai risultati attesi.
Una organizzazione profondamente multi-culturale, un modo unico e distintivo di lavorare – la
Collaborative Business Experience™ – e un modello globale di delivery distribuita chiamato Rightshore®,
da sempre distinguono il Gruppo Capgemini.
L’offerta Capgemini Italia è orientata verso questi mercati: Fashion, Financial Services, Energy & Utilities,
Manufacturing, Automotive, Consumer Products, Retail & Distribution, Public Administration, Telecom
Media & Entertainment. Ad oggi Capgemini Italia conta su circa 2.500 professionisti dislocati su 13 sedi in
Italia.
Per maggiori informazioni visita www.it.capgemini.com
Cegid è un Gruppo Internazionale provider di soluzioni omnichannel dedicate a supportare lo sviluppo e a
migliorare la competitività e la produttività di insegne specializzate. Cegid conta più di 2.000 collaboratori,
400.000 utilizzatori nel mondo ed un fatturato 2012 di 258,1M€. Oggi, più di 1.000 insegne e 25.000 punti
vendita in 75 Paesi hanno fiducia in Yourcegid Retail per ottimizzare la propria catena di distribuzione e
gestire le proprie performance. Dalla produzione alla vendita, l’offerta Yourcegid Retail aiuta le società di
tutte le dimensioni ad ottimizzare l’esperienza del cliente nel punto vendita.
Cegid unisce una infrastruttura e una visione internazionale con la presenza locale in Europa, Russia, Cina,
USA, America Latina e Africa così come una rete di business partner in tutto il mondo.
www.cegid.it
Centric Software è un fornitore, leader in Europa, di soluzioni di Product Lifecycle Management (PLM)
dedicate ai settori moda, lusso, retail, calzature e beni di largo consumo.
La soluzione Centric 8 PLM offre funzionalità dedicate per gestire in maniera integrata i processi di business
relativi al ciclo di vita del prodotto: sviluppo prodotto e materiali, sourcing, pianificazione temporale ed
economica della collezione, gestione di prototipia e campionari, collaborazione con i fornitori, qualità.
Il PLM di Centric propone anche una serie di app mobile accessibili da dispositivi iPad e iPhone, integrate
con la soluzione PLM.
L’approccio modulare e user-friendly della soluzione, associato alla metodologia Agile Deployment(SM),
rende la fase di implementazione molto veloce e permette di ottenere benefici rapidamente.
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | SPONSOR
69
e
Centric ha ricevuto il riconoscimento Frost & Sullivan 2012 Global Product Differentiation Excellence
Award come migliore tra le soluzioni PLM dedicate ai settori moda, fashion e retail, ha vinto le Top 100
North America e Top 100 Global Red Herring 2013 ed è stata nominata Market Leader nel PLM per il
Fashion nella Annual Review 2012-213 di WhichPLM.
Centric Software ha sede in California a Los Gatos, nel cuore della Silicon Valley, e conta diverse filiali negli
Stati Uniti e in Europa, dove nel 2013 ha ulteriormente esteso la propria presenza inaugurando nuove sedi
in Germania, a Monaco di Baviera, e in Spagna, a Barcellona, che si aggiungono agli uffici già esistenti di
Parigi, Londra e Milano.
Crea Solution è una compagnia leader italiana specializzata in fornitura di software, servizi e consulting it e
fornisce soluzioni esclusivamente dedicate al settore fashion, luxury goods e soft materials sia nelle aree
production & sales con tecnologie CAD 2D e 3D, PLM, ERP che nel RETAIL con soluzioni per il VISUAL
MERCHANDISING ed E-COMMERCE.
La personalizzazione di progetti in ambito Plm è oramai una prassi consolidata di tutti i Vendor. Quanto
offre Crea in più è che le personalizzazioni, grazie alle tecnologie “EDITOR” congiunte con il concept
“WYSIWYG” sono quanto di più semplice e rapido si possa fare. Un progetto Plm con Crea significa la
possibilità di un progetto integrato con tutta la suite di software che Crea offre al mercato, dal designsketch alla scheda tecnica, alla di-ba, alla modellistica industriale alla visualizzazione 3D tridimensionale al
costing con l’automazione del piazzamento automatico integrato sino all’e-commerce e al visual
merchandising, tutto in modalità Crossboard. Gli applicativi di replenishement, workflow e pricing
management sono ulteriori must dell’offerta Crea.
Sono circa mille i clienti italiani che hanno scelto Crea come partner tecnologico tra i quali; kiton, Maria
Grazia Severi, Dirk Bikkemberg, Xacus, Montura, Paul & Shark, Felisi, Bagutta, Gattinoni, Marni, Jhon
Richmond, Altana, Golden Goose, Belstaff, Calzedonia, Silvian Heach, Museum, Kaos, Cristinaeffe,
Northland, Il Gufo, Alea, Franklin & Marshall, Nike e Miroglio, Canali…
Visita Crea www.creasolution.it
Dassault Systèmes, the 3DEXPERIENCE Company, mette a disposizione di aziende e persone universi
virtuali nei quali immaginare innovazioni sostenibili. L’azienda propone software di progettazione in 3D e
soluzioni evolute di 3D Digital Mock-Up e Product Lifecycle Management (PLM) capaci di trasformare il
modo in cui i prodotti vengono progettati, realizzati e gestiti. Le soluzioni collaborative di Dassault
Systèmes promuovono la “Social Innovation”, aumentando le possibilità che il mondo virtuale possa
contribuire al miglioramento del mondo reale.
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | SPONSOR
70
e
Forbes l’ha recentemente classificata tra le 40 società più innovative al mondo. Nella sua piattaforma
tecnologica “3DEXPERIENCE”, l’azienda è riuscita a riunire scienza, arte e tecnologia, producendo il più
potente set di software collaborativi per gestire l’innovazione di prodotto e contribuire ad accrescere il
valore offerto da ogni industria ai propri mercati e ai propri clienti finali. Infatti, Dassault Systèmes (3DS)
serve oltre 170.000 clienti, aziende di tutte le dimensioni, in dodici settori industriali, in oltre 140 Paesi.
Il quartier generale è in Francia, a Vélizy-Villacoublay, Parigi, con uffici di Dassault Systèmes presenti in più
di 35 nazioni, riuniti in 13 “regioni commerciali”, fra le quali l’area EMEA conta il maggior numero di
dipendenti.
Soluzioni a marchio: CATIA, SOLIDWORKS, SIMULIA, DELMIA ENOVIA, GEOVIA, EXALEAD,
NETVIBES, 3DSWYM, 3D VIA
Per maggiori informazioni consultate il sito www.3ds.com
Presente su tutto il territorio nazionale con 6 sedi, un team di più di 160 professionisti e un parco clienti di
oltre 350 aziende, il Gruppo NTTAGIC si propone come partner tecnologico specializzato sulle
piattaforme Microsoft per le medie e grandi imprese, potendo fornire competenze e supporto locale in
Europa e nel mondo grazie al proprio network internazionale.
DFG – Dynamics Fashion Group è la società del Gruppo NTTAGIC dedicata ai settori Fashion, Luxury e
Textile, con un portafoglio di esperienze trentennali sui processi ed una suite di applicazioni internazionali
su misura per il comparto moda e abbigliamento unica e integrata in ambito Microsoft Dynamics, dal
sistema ERP, al Retail, alla Business Analytics fino al CRM. Navitex – Microsoft Dynamics NAV for Fashion
&Textile è l’ERP affidabile e completo dedicato alle PMI della moda made in Italy che in un unico motore
potente e veloce fornisce tutte le informazioni necessarie, dalla collezione, alla produzione fino alla logistica
e al punto vendita. www.nttagic.com – www.dynamicsfashiongroup.com
DocFlow Italia S.p.A. è un’azienda specializzata nella digitalizzazione dei processi aziendali e propone
applicazioni che semplificano e orchestrano i processi collaborativi e i flussi documentali.
In particolare DocFlow fornisce soluzioni per acquisire, conservare, distribuire e condividere i documenti e
per migliorare l’efficienza e l’efficacia dei processi aziendali attraverso workflow disegnati sulle specifiche
esigenze del Cliente nelle diverse aree aziendali. Per le aziende del fashion realizza applicazioni specifiche tra
le quali: CREAZIONE PRODOTTI E MODELLI, DAM, APERTURA NUOVO PUNTO VENDITA,
SVILUPPO COLLEZIONE, RASSEGNA STAMPA. Le aree di focalizzazione:
- Order2Cash: Gestione ciclo attivo, dall’arrivo dell’ordine d’acquisto da parte del cliente all’avvenuto
incasso
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | SPONSOR
71
e
- Procure2Pay: Gestione ciclo passivo, dalla nascita di una richiesta di acquisto al pagamento del fornitore
(es. qualifica fornitori e portale, RAI, RDA, Verifica Fattura, cruscotto pagamenti)
- Human Resource: Gestione processi di employee self service, digitalizzazione documentazione del
Personale e supporto ai processi organizzativi (es. assunzione, formazione, valutazione competenze)
- Communication HUB: Gestione della corrispondenza multicanale in ingresso e in uscita, analisi contenuti e
indirizzamento alle aree di business (es. Protocollo e PEC)
- Multi-Compliance: Gestione attività, controlli e documenti ai fini L. 262/2005, D. Lgs 231/2001, D. Lgs
81/2008
- Gestione Commesse: Gestione dei documenti e dei processi collaborativi legati alla dimensione
documentale di una commessa, dalla progettazione al rilascio della documentazione verso i destinatari
interni ed esterni.
Tutte le applicazioni sono rese immediatamente fruibili ai dispositivi mobile grazie al Client ShareDocs.
DocFlow offre inoltre il servizio di Conservazione sostitutiva a norma e garantisce ai suoi Clienti
l’adeguamento tecnologico e normativo.
Per maggiori informazioni: www.docflow.com
EDICOM è una multinazionale leader nell’offerta di soluzioni EDI in OUTSOURCING per lo scambio
elettronico di documenti B2B (catalogo prodotti, ordini, ddt, fatture, vendite, stock…).
Tutti i software, sviluppati internamente, sono offerti in modalità ASP/SaaS e sono accessibili via Web ed
integrabili con qualsiasi piattaforma ERP.
Grazie a EDICOM le aziende possono gestire ogni necessità nell’ambito dello scambio dei documenti EDI
con i propri partners e i Department Stores di tutto il mondo, nonché progetti di Fatturazione Elettronica
internazionale, integrazione dati multiformato, Catalogo Elettronico GDSN+Custom, ecc.
Oltre che in Italia EDICOM è presente in Spagna, Francia, Messico, Argentina, Brasile e Stati Uniti.
EDICOM, nata nel 1995, ad oggi fornisce i propri servizi a oltre 11.000 imprese di tutto il mondo operanti
in diversi settori, ed è un punto di riferimento mondiale nel mercato delle soluzioni EDI/B2B.
ENEA CROSS-TEC è un laboratorio del Tecnopolo ENEA di Bologna appartenente alla Rete per l’Alta
Tecnologia della Regione Emilia Romagna che si occupa di definizione, adattamento e diffusione degli
standard per l’eBusiness. Da anni il laboratorio è impegnato nello sviluppo e diffusione dello standard di
filiera per il Tessile Abbigliamento eBIZ, recentemente rilasciato come CEN CWA 16667.
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | SPONSOR
72
e
Il servizio e gli strumenti offerti dal laboratorio ambiscono ad aiutare le imprese ICT e manifatturiere a
risolvere problemi di interoperabilità legati all’eBusiness ed all’uso di standard internazionali nelle
collaborazioni tra imprese e tra imprese e Pubblica Amministrazione, attraverso servizi quali:
- analisi di scenari e studi di fattibilità
- azioni di accompagnamento nell’adozione, definizione di profili d’uso degli standard
- messa a punto di metodologie di test di interoperabilità
- progettazione e sviluppo pre-competitivo di dimostratori e strumenti software a supporto dell’interoperabilità.
Queste azioni vengono svolte in stretta correlazione con comitati di standardizzazione ed associazioni
nazionali, internazionali ed europee.
ICM.S è una società specializzata nella fornitura, implementazione e avviamento delle applicazione SAP per il
mercato manifatturiero e in particolare delle applicazioni AFS di SAP specifiche per le aziende del Settore
Moda.
Per il mondo Fashion ICM.S ha costituito uno specifico Centro di Competenza in grado di dare copertura e
assistenza a livello internazionale ai propri Clienti. Il Centro di Competenza Fashion di ICM.S utilizza
strumenti, tecniche di ingegnerizzazione e metodologie di implementazione approvati e certificati da SAP.
Unitamente alla consociata ESPEDIA, società leader in Italia nelle soluzioni di Gestione dell’Innovazione e
del Processo di Sviluppo Prodotto, ICM.S è in grado di dare una copertura a 360 gradi sulla totalità delle
tematiche gestionali delle aziende del Sistema Fashion.
Molteplici aziende ai vertici del Settore Moda hanno scelto ICM.S, in Italia e all’estero, come Partner di
riferimento per il rinnovo del Sistema Informativo.
ICM. S è GOLD PARTNER di SAP.
MBM, fondata nel 1980, è una tra le prime “software factory” italiane operanti nell’ambito dei sistemi
gestionali per il fashion con soluzioni ERP (Enterprise Resource Planning) integrate e modulari, sviluppando
applicazioni per aziende i cui prodotti sono caratterizzati da varianti estetiche e dimensionali: sport-system,
occhialeria, calzaturifici, accessori moda …
MBM unisce, quindi, l’esperienza maturata in più di 33 anni di attività alle migliori tecnologie oggi disponibili
per realizzare le proprie applicazioni software, sviluppate in Java, completamente web-based e con un’ampia
copertura applicativa: dal PDM alla pianificazione e schedulazione della produzione con tecniche di
ottimizzazione matematica, dalla gestione fisica del magazzino con identificazione automatica dei materiali
alla costificazione industriale del prodotto finito, dalla gestione della supply chain aziendale fino alla
contabilità analitica e al controllo di gestione.
La conoscenza acquisita nelle best practices e l’innovazione apportata nell’erogazione dei servizi ne fanno
un partner affidabile nella messa in esercizio di soluzioni anche complesse, garantendo tempi e costi certi a
priori: MBM porta presso i propri Clienti know-how gestionale e tecnico di altissimo livello qualitativo (non
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | SPONSOR
73
e
solo è certificata ISO 9001, ma ha anche ottenuto la certificazione come “ente formatore” – EA 33 37 – dal
British Standards Institution).
Completano l’offerta i servizi di “project financing”, grazie a partner specializzati nella locazione operativa di
software e hardware, e alla disponibilità delle proprie soluzioni in ambiente Cloud Computing con modalità
SaaS (Software as a Service).
Per maggiori informazioni www.mbm.it
MHT è una società leader nell’implementazione delle piattaforme CRM e ERP Microsoft. Il know-how
funzionale e tecnologico, l’approccio metodologico e l’offerta di un servizio globale sono gli asset che hanno
permesso a MHT di diventare un punto di riferimento nel mercato dei sistemi gestionali ERP e CRM.
Con sede legale a Treviso, sei filiali in Italia – (Milano, Teramo, Padova, Modena, Catania e Savona) – e una a
Belgrado in Serbia, MHT ha realizzato nel 2013 un fatturato di circa 10 milioni di Euro.
Forte della sua esperienza nel settore Fashion e Luxury, MHT proporrà ai visitatori di IT4Fashion il
pacchetto di soluzioni MODADY, la suite completa e flessibile di soluzioni gestionali basate su Microsoft
Dynamics per dare una risposta completa a tutte le esigenze del settore. Globale, flessibile e specifica è
composta da tre soluzioni tra loro integrate: MODADY.ERP, MODADY.CRM e MODADY.WEB.
Presenteremo anche di Loyalty.CRM, la soluzione basata su Microsoft Dynamics CRM sviluppata
appositamente per gestire in maniera completa ed efficiente le carte fedeltà dei consumatori.
Per informazioni 800278078 – www.mhtnet.it
IT research NewCo. In partenship with “The moving Fondation Artanim Geneve “ create a multiplatform
new buying experience and a new Retail channel for luxury brands and their supplying chain.
Virtual fitting system , top quality 3D and motion detection advanced can revolutionate the entire supplying
chain and the experience of buying personalized garments and products.
Tracking free marker solutions for any kind of products.
www.nobrandsolution.com
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | SPONSOR
74
e
Prisma TECH vanta oltre 20 anni di esperienza nella fornitura di sistemi CAD e PDM alle aziende
manifatturiere italiane impegnate nel miglioramento del processo di sviluppo prodotto.
Durante questi anni Prisma TECH ha saputo mantenere e consolidare il proprio know-how diventando uno
dei partner di riferimento per Autodesk in Italia, ottenendo i seguenti risultati:
▪ Primo rivenditore Autodesk in Italia e uno dei primi in Europa con la specializzazione PLM.
▪ Forte connotazione tecnica: in particolare in ambito Industrial Design , PDM/PLM, Simulation.
▪ Oltre 900 clienti tra le migliori aziende manifatturiere italiane. 1600 giornate all’anno di assistenza e manutenzione
ai sistemi di progettazione dei nostri clienti.
Il nostro obiettivo è quello di poter offrire ai nostri Clienti una soluzione in grado di generare un reale
incremento di efficienza e un ritorno dell’investimento nel breve periodo.
Nel 2012 Prisma TECH ha avviato una partnership strategica con la società coreana CLO VirtualFashion, ed
ha aperto una nuova divisione, fashion360, con l’obiettivo di promuovere una soluzione per il Digital
Prototyping nel mercato dell’abbigliamento.
Nel corso del 2013 importanti aziende italiane nel mercato del fashion hanno adottato la tecnologia
CLO3D per la prototipazione digitale.
L’azienda ha il proprio headquarter a Bologna e filiali a Padova, Milano e Torino.
PTC (Nasdaq: PMTC) consente ai produttori di ottenere consistenti vantaggi nel prodotto e nel servizio. Le
sue soluzioni tecnologiche aiutano i clienti a trasformare il modo in cui essi realizzano e supportano i loro
prodotti lungo l’intero ciclo di vita del prodotto stesso – dalla concezione e progettazione,
all’approvvigionamento e al servizio. Fondata nel 1985, PTC impiega oltre 6.000 professionisti e si rivolge a
oltre 27.000 imprese operanti in tutto il mondo in settori produttivi in rapida evoluzione.
PTC è presente a IT4Fashion 2014 con la soluzione PTC® Retail PLM, sviluppata per soddisfare le esigenze
delle aziende dei settori Retail, calzature e abbigliamento e costruita sulla base tecnologica di PTC
Windchill® FlexPLM® per la gestione del ciclo di vita del prodotto (PLM).
La soluzione PTC è nata dalla collaborazione decennale con alcune delle organizzazioni più importanti e
innovatrici del mondo, il risultato è una soluzione pronta all’uso, ma arricchita dall’offerta personalizzata
delle “best practice”, per consentire alle aziende di sfruttare al meglio le tendenze, rispettare i tempi e
contenere i costi di produzione.
Approccio confermato anche dalle analisi di mercato condotte da Gartner Group, secondo cui quando
un’azienda utilizza una soluzione pronta all’uso è in grado di sfruttare al meglio le best practice e le
funzionalità specifiche che il fornitore software ha programmato all’interno della soluzione tecnologica
offerta. Anche la standardizzazione e la scalabilità sono vantaggi importanti di una tecnologia come quella di
PTC.
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | SPONSOR
75
e
Per maggiori informazioni potete consultare il sito dedicato al settore Retail: http://it.ptc.com/topics/retailfootwear-apparel/
SAP è l’azienda leader nelle soluzioni software per il business
SAP è stata una delle prime aziende IT ad occuparsi del processo di innovazione delle imprese, diventando
un punto di riferimento per l’intero mercato.
Da sempre si è posta al fianco delle imprese come partner di business sviluppando piattaforme innovative in
grado di fornire il supporto necessario all’evoluzione, alla crescita, a una strategia flessibile e a una gestione
ottimale dei processi, contribuendo allo sviluppo economico su scala globale.
Attraverso soluzioni standard, aperte, integrate e scalabili, facilmente integrabili nei sistemi IT esistenti, SAP
è in grado di rispondere alle esigenze delle aziende: aumentare i profitti, migliorare la soddisfazione dei
clienti, ottimizzare i processi di tutta la catena del valore e incrementare il livello di competitività.
All’utilizzo di soluzioni SAP vengono associati valori quali efficienza, qualità, innovazione e affidabilità.
Grazie all’esperienza maturata in mercati differenti, SAP ha sviluppato soluzioni dedicate in grado di coprire
tutte le aree strategiche aziendali e soddisfare le esigenze delle imprese legate alla specificità del settore in
cui operano, quali, per esempio, tessile, sanitario, banking, retail, grazie a 24 soluzioni verticali preconfigurate.
Maggiori informazioni su SAP sono disponibili al sito www.sap.com/italy
SAGSoftware AG (FRA: SOW) consente alle imprese di raggiungere i propri obiettivi di business più
velocemente. Le sue tecnologie in merito a big data, integrazione e processi di business abilitano i clienti nel
conseguire efficienza operativa, modernizzare i sistemi e ottimizzare i processi per ottenere decisioni più
intelligenti e un servizio migliore. Vantando oltre 40 anni di innovazione orientata al cliente, l’azienda è
classificata come leader in 14 categorie di mercato, grazie anche ai prodotti core Adabas- Natural, ARIS,
Terracotta, webMethods, Alfabet ed Apama. Software AG conta ca. 5.200 dipendenti in 70 paesi e nel 2013
ha fatturato €973 milioni (IFRS, non certificati).
Scopri di più www.softwareag.it
Sopra GroupSopra Group è una realtà multinazionale di Consulting, System Integration,Technology e
Outsourcing che da oltre 40 anni affianca i propri Clienti sia nella fase di definizione delle strategie e dei
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | SPONSOR
76
e
processi, che in quelle della progettazione e dello sviluppo di soluzioni tecnologicamente avanzate ad alto
valore aggiunto. Tra i principali player internazionali dell’area e-Commerce, Sopra Group sviluppa progetti
integrati per il B2C, B2B e B2B2C, offrendo soluzioni innovative “end-to-end” in grado di massimizzare le
vendite on-line. Grazie anche ad un forte orientamento al risultato, Sopra Group è oggi partner di
importanti brand multinazionali leader dei mercati Luxury, Fashion, Retail, GDO, Bet Market, per progetti
complessi di e-Commerce, altamente personalizzabili, indipendenti da tipo mercato, volumi di vendita e
modello di business. Con oltre 16.000 risorse in Europa, Sopra Group opera sul territorio italiano
attraverso le sue sedi di Milano, Parma, Roma e Padova.
T.T. Tecnosistemi Spa (www.tecnosistemi.com) è un’azienda leader in Italia nel settore dell’Information
Technology, focalizzata in soluzioni informatiche avanzate.
Con un organico di 150 persone operanti nella sede di Prato e nelle filiali di Arezzo, Bologna, Imola e Jesi,
T.T. Tecnosistemi Spa è oggi una realtà di riferimento nel panorama italiano per tutte quelle aziende che
vogliono utilizzare le nuove tecnologie informatiche al fine di raggiungere e mantenere un vantaggio
competitivo sul mercato.
La profonda competenza acquisita sui processi aziendali, la conoscenza delle dinamiche dei mercati in cui
operano i clienti e la capacità di integrare nuove tecnologie nell’ambiente esistente, costituiscono il
principale background maturato da TT Tecnosistemi.
Digital e social media, business intelligence e datawarehouse, progetti per l’ottimizzazione dei sistemi,
sensoristica RFID e sistemi per la tutela del marchio, sono le soluzioni a valore che proponiamo alle
imprese operanti nel settore del fashion attraverso un qualificato team di professionisti certificati ai massimi
livelli.
TXT e-solutions è fornitore leader di soluzioni collaborative di pianificazione integrata in ambito Moda e
Retail. La suite di prodotti combina pianificazione e intelligence fornendo tutti gli strumenti per gestire in
modo “end-to-end” il ciclo di vita della collezione, dal design ai canali di vendita.
TXT supporta infatti la gestione integrata di tutti i processi critici per il business: la pianificazione strategica
e il sales budgeting, la pianificazione di merchandise, assortimenti, la gestione dei processi “in season” come
il reforecasting e la pianificazione del replenishment. La copertura funzionale si estende inoltre a monte, ai
processi di Product Lifecycle Management (PLM).
Quotata alla Borsa Italiana (TXT.MI), TXT e-solutions ha più di 500 dipendenti e oltre 450 clienti in tutto il
mondo, tra i quali: Arcadia, Artsana (Chicco), Auchan, Columbia, Desigual, Geox, Guess, Levi Strauss &
Co., Louis Vuitton Malletier, Steve Madden e Tesco.
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | SPONSOR
77
e
TXT ha sede in Milano e uffici in tutta Italia, Francia, Spagna, Germania, Regno Unito, Canada e Australia.
Per maggiori informazioni: http://www.txtgroup.com
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | SPONSOR
78
e
MEDIA PARTNER
CON IL PATROCINIO DI
PIN, Polo Universitario Città di Prato, Laboratorio Logislab | MEDIA PARTNER
79
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
1 811 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content