close

Enter

Log in using OpenID

Comune di San Polo di Piave (TV) RELAZIONE DI FINE MANDATO

embedDownload
Comune di San Polo di Piave (TV)
RELAZIONE DI FINE MANDATO
2014
Comune di San Polo di Piave (TV)
Indice
Premessa......................................................................................................................................... 4
PARTE I - DATI GENERALI ........................................................................................................ 5
1.1 - Popolazione residente.......................................................................................................... 5
1.2 - Organi politici ..................................................................................................................... 5
1.3 - Struttura organizzativa ........................................................................................................ 6
1.4 - Condizione giuridica dell’ente............................................................................................. 6
1.5 - Condizione finanziaria dell’ente .......................................................................................... 7
1.6 - Situazione di contesto interno/esterno.................................................................................. 7
1.7 - Parametri obiettivi per l’accertamento della condizione di ente strutturalmente deficitario ai
sensi dell’art. 242 del TUEL...................................................................................................... 11
PARTE II - DESCRIZIONE ATTIVITA’ NORMATIVA E AMMINISTRATIVA SVOLTE
DURANTE IL MANDATO ......................................................................................................... 12
2.1 - Attività normativa ............................................................................................................. 12
2.2 - Attività tributaria............................................................................................................... 13
2.2.1 - ICI/IMU ..................................................................................................................... 13
2.2.2 - Addizionale IRPEF..................................................................................................... 13
2.2.3 - Prelievi sui rifiuti........................................................................................................ 14
2.3 - Attività amministrativa...................................................................................................... 14
2.3.1 - Sistema ed esiti dei controlli interni ............................................................................ 14
2.3.2 - Controllo di gestione .................................................................................................. 15
2.3.3 - Valutazione delle performance ................................................................................... 15
2.3.4 - Controllo sulle società partecipate/controllate ai sensi dell’art. 147 quater del TUEL.. 16
PARTE III - SITUAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA DELL’ENTE ................................ 17
3.1 - Sintesi dei dati finanziari a consuntivo del bilancio dell’ente ............................................. 17
3.2 - Equilibrio parte corrente del bilancio consuntivo relativo agli anni del mandato ................ 18
3.3 - Gestione di competenza - Quadro riassuntivo .................................................................... 18
3.4 - Risultati della gestione: fondo cassa e risultato di amministrazione.................................... 19
3.5 - Utilizzo avanzo di amministrazione................................................................................... 19
3.6 - Analisi anzianità dei residui distinti per anno di provenienza.............................................. 20
3.7 - Rapporto tra competenza e residui..................................................................................... 21
3.8 - Patto di stabilità interno..................................................................................................... 21
3.8.1 - Indicare in quali anni è risultato eventualmente inadempiente al patto di stabilità ....... 21
3.8.2 - Se l'ente non ha rispettato il patto di stabilità interno indicare le sanzioni a cui è stato
soggetto................................................................................................................................. 21
3.9 - Indebitamento ................................................................................................................... 21
3.9.1 - Evoluzione indebitamento dell’ente............................................................................ 21
3.9.2 - Rispetto del limite di indebitamento............................................................................ 22
3.10 - Conto del patrimonio in sintesi ........................................................................................ 22
3.10.1 - Conto del patrimonio relativo al primo anno del mandato ......................................... 22
3.10.2 - Conto del patrimonio relativo all’ultimo anno del mandato....................................... 23
3.11 - Riconoscimento debiti fuori bilancio - Chiusura dell'esercizio finanziario 2013 ............... 23
3.12 - Spesa per il personale ...................................................................................................... 23
3.12.1 - Andamento della spesa del personale durante il periodo del mandato......................... 24
3.12.2 - Spesa del personale pro-capite .................................................................................. 24
3.12.3 - Rapporto abitanti/dipendenti..................................................................................... 24
Relazione di Fine Mandato 2014
Pagina 2
Comune di San Polo di Piave (TV)
3.12.4 - Rispetto dei limiti di spesa per il lavoro flessibile...................................................... 24
3.12.5 - Spesa sostenuta per il lavoro flessibile rispetto all’anno di riferimento indicato dalla
legge ..................................................................................................................................... 24
3.12.6 - Rispetto dei limiti assunzionali da parte delle aziende partecipate ............................. 25
3.12.7 - Fondo risorse decentrate ........................................................................................... 25
3.12.8 - Indicare se l’ente ha adottato provvedimenti per le esternalizzazioni......................... 25
PARTE IV - RILIEVI DEGLI ORGANISMI ESTERNI DI CONTROLLO .................................. 26
4.1 - Rilievi della Corte dei conti............................................................................................... 26
4.2 - Rilievi dell’organo di revisione ......................................................................................... 27
4.3 - Azioni intraprese per contenere la spesa............................................................................. 27
PARTE V - ORGANISMI CONTROLLATI................................................................................. 29
5.1 - Rispetto dei vincoli di spesa da parte delle società partecipate ........................................... 29
5.2 - Misure di contenimento delle retribuzioni per le società .................................................... 29
5.3 - Organismi controllati ai sensi dell’art. 2359, co. 1, n. 1 e 2, c.c.......................................... 29
5.3.1 - Risultati delle controllate relativi al primo anno di mandato (anno 2009) ........................
5.3.2 - Risultati delle controllate relativi all’ultimo anno di mandato (2012) ..............................
5.4 - Esternalizzazioni attraverso società ed enti (diversi dai precedenti) ................................... 29
5.4.1 - Risultati relativi al primo anno di mandato (anno 2009)..................................................
5.4.2 - Risultati relativi all'ultimo anno di mandato (anno 2012) ................................................
5.5 - Provvedimenti adottati cessione di società o partecipazioni non strettamente necessarie.. 29
CERTIFICAZIONE DELL’ORGANO DI REVISIONE CONTABILE.......................................... 30
Relazione di Fine Mandato 2014
Pagina 3
Comune di San Polo di Piave (TV)
Premessa
La presente relazione viene redatta dal nostro ente ai sensi dell’art. 4 del Decreto Legislativo 6
settembre 2011, n. 149, recante: “Meccanismi sanzionatori e premiali relativi a regioni, province e
comuni, a norma degli articoli 2, 17 e 26 della Legge 5 maggio 2009, n. 42” per descrivere le
principali attività normative e amministrative svolte durante il mandato, con specifico riferimento a:
a)
b)
c)
d)
e)
f)
sistema e esiti dei controlli interni;
eventuali rilievi della Corte dei Conti;
azioni intraprese per il rispetto dei saldi di finanza pubblica programmati e stato del
percorso di convergenza verso i fabbisogni standard;
situazione finanziaria e patrimoniale, anche evidenziando le carenze riscontrate nella
gestione degli enti controllati dall’ente ai sensi dei numeri 1 e 2 del comma primo
dell’articolo 2359 del codice civile, ed indicando azioni intraprese per porvi rimedio;
azioni intraprese per contenere la spesa e stato del percorso di convergenza ai
fabbisogni standard, affiancato da indicatori quantitativi e qualitativi relativi agli output
dei servizi resi, anche utilizzando come parametro di riferimento realtà
rappresentative dell’offerta di prestazioni con il miglior rapporto qualità-costi;
quantificazione della misura dell’indebitamento dell’ente.
Ai sensi del D.M. 26 aprile 2013 (pubblicato in G.U. n. 124 del 29 maggio 2013), la presente
relazione è sottoscritta dal Sindaco entro il novantesimo giorno antecedente la data di scadenza
del mandato e, non oltre dieci giorni dopo la sottoscrizione della stessa, deve risultare certificata
dall’organo di revisione dell’ente e trasmessa al tavolo tecnico interistituzionale istituito presso la
Conferenza permanente per il coordinamento della finanza pubblica.
L'articolo 11 del D.L. 06/03/2014 n° 16 ha assegnato termini più lunghi agli organi degli enti
interessati per assolvere ai relativi adempimenti. Il documento deve essere sottoscritto dal Sindaco
(organo politico dell'Ente locale) non oltre il sessantesimo giorno, anziché il novantesimo giorno,
antecedente la data di scadenza del mandato. La relazione deve risultare certificata dal Revisore
non oltre i 15 giorni successivi, anziché dieci giorni, e deve essere trasmessa alla sezione
regionale della Corte dei conti nei tre giorni successivi, anziché entro i dieci giorni dalla
sottoscrizione da parte dell'organo politico. Infine, entro sette giorni dalla data di certificazione della
relazione da parte dell'organo di revisione, deve essere pubblicata sul sito istituzionale dell'ente,
con l'indicazione della data di trasmissione alla sezione regionale della Corte dei conti
L’esposizione di molti dati viene riportata secondo uno schema già adottato per altri adempimenti
di legge in materia, per operare un raccordo tecnico e sistematico fra i vari dati ed anche nella
finalità di non aggravare il carico degli adempimenti dell’ente.
La maggior parte delle tabelle, di seguito riportate, sono desunte dagli schemi dei certificati al
bilancio ex art. 161 del TUEL e dai questionari inviati dall’organo di revisione economico finanziario
alla Sezione regionale di controllo della Corte dei Conti, ai sensi dell’art. 1, comma 166 e seguenti
della Legge n. 266 del 2005. Pertanto, i dati qui riportati trovano corrispondenza nei citati
documenti, oltre che nella contabilità dell’ente.
Relazione di Fine Mandato 2014
Pagina 4
Comune di San Polo di Piave (TV)
PARTE I - DATI GENERALI
1.1 - Popolazione residente
La popolazione residente nel periodo in esame ha registrato le seguenti variazioni:
Popolazione
2009
2010
2011
2012
2013
Residenti al 31.12
5.007
5.021
4.989
4.925
4.949
1.2 - Organi politici
Gli amministratori in carica, che hanno concorso al perseguimento dei risultati di
mandato, sono i seguenti:
Composizione Consiglio
e Giunta
Titolo
Lista politica
ANDRETTA VITTORIO
SINDACO
NUOVA SAN POLO - LEGA NORD
ONGARO LUCIANO
CONSIGLIERE - ASSESSORE
NUOVA SAN POLO - LEGA NORD
BUOSI PAOLA
CONSIGLIERE - ASSESSORE
NUOVA SAN POLO - LEGA NORD
BIANCOLIN FABIO
CONSIGLIERE - ASSESSORE
NUOVA SAN POLO - LEGA NORD
MASUT LEOPOLDO
CONSIGLIERE
NUOVA SAN POLO - LEGA NORD
ZANINOTTO GALILEO
CONSIGLIERE - VICE-SINDACO
NUOVA SAN POLO - LEGA NORD
TREVISAN PAOLO
CONSIGLIERE
NUOVA SAN POLO - LEGA NORD
PRIZZON ANDREA
CONSIGLIERE
NUOVA SAN POLO - LEGA NORD
DARIN KETTY
CONSIGLIERE - ASSESSORE
NUOVA SAN POLO - LEGA NORD
VETTORELLO MAURO
CONSIGLIERE - ASSESSORE
NUOVA SAN POLO - LEGA NORD
SPESSOTTO PIO MAURO
CONSIGLIERE
NUOVA SAN POLO - LEGA NORD
ZAMBON MASSIMO
CONSIGLIERE
NUOVA SAN POLO - LEGA NORD
FACCHIN ANGELO
CONSIGLIERE
SAN POLO VIVA - PDL-UDC
BRUGNERA BRUNO
CONSIGLIERE
SAN POLO VIVA - PDL-UDC
DAL BO' PAOLO
CONSIGLIERE
SAN POLO VIVA - PDL-UDC
GARDENAL ALBERTO
CONSIGLIERE
SAN POLO VIVA - PDL-UDC
DARIN DEVIS
CONSIGLIERE
SAN POLO VIVA - PDL-UDC
Relazione di Fine Mandato 2014
Pagina 5
Comune di San Polo di Piave (TV)
1.3 - Struttura organizzativa
L’organigramma dell’ente è così riassumibile:
Organigramma
Denominazione
Direttore
Nome Cognome
Segretario:
Dott. Fabio DE TOFFOL
Numero dirigenti
N.
Numero posizioni organizzative
N. 4 (RIDOTTE A N. 3 DAL 01/01/2014)
Numero totale personale dipendente
N. 13
Struttura organizzativa dell'ente:
Settore: AREA AMMINISTRATIVA
dipendente: BELTRAME ANTONIO
Servizio: SEGRETERIA - PROTOCOLLO
dipendente:
Ufficio: Segreteria
dipendente: SCARPEL MARIA NICOLETTA
Settore: AREA FINANZIARIA
dipendente: BIANCO ARMANDO
Servizio: RAGIONERIA
dipendente:
Ufficio: Ragioneria
dipendente: BISIGATO SONIA
Servizio: TRIBUTI
dipendente:
Ufficio: Tributi
dipendente: ARTICO SANDRA
Servizio: ASSISTENZA (*)
dipendente:
Ufficio: Assistenza
dipendente: ACANFORA PATRIZIA
Settore: AREA TECNICA
dipendente: CAMILOTTO CINZIA
Servizio: URBANISTICA
dipendente:
Ufficio: Urbanistica - Edilizia Privata
dipendente: CAMILOTTO CINZIA
Servizio: LAVORI PUBBLICI - MANUTENZIONI
dipendente:
Ufficio: Lavori pubblici - Manutenzioni
dipendente: GIACOMIN SERGIO
Settore: AREA VIGILANZA
dipendente: LIO GUIDO
Servizio: POLIZIA LOCALE (*)
dipendente:
Ufficio: Polizia Locale - Attività Produttive
dipendente: BASEI MARA - CANCIAN ALBINA
Servizio: DEMOGRAFICI
dipendente:
Ufficio: Anagrafe, Stato Civile, Elettorale, ecc.
dipendente: MODOLO ANNA MARIA - MAZZER IRIS
(*) Le funzioni IV-Istruzione pubblica, V-Cultura e X-Assistenza sociale, dal 28/09/2012 sono state trasferite
all'Unione dei comuni di Cimadolmo, Ormelle e San Polo di Piave. Dal mese di ottobre 2013 è stata
trasferita anche la funzione III-Polizia Locale.
1.4 - Condizione giuridica dell’ente
Nel periodo del mandato
L'ente è commissariato o lo è stato nel periodo di mandato
Relazione di Fine Mandato 2014
Stato
NO
Pagina 6
Comune di San Polo di Piave (TV)
1.5 - Condizione finanziaria dell’ente
Nel periodo del mandato
Stato
l'ente ha dichiarato il dissesto finanziario ai sensi dell'art. 244 TUEL
NO
l'ente ha dichiarato il predissesto finanziario ai sensi dell'art. 243-bis TUEL
NO
l'ente ha fatto ricorso al fondo di rotazione di cui all'art. 243-ter e 243-quinquies del TUEL
NO
l'ente ha fatto ricorso al contributo di cui all'art. 3-bis del D.L. 174/12 convertito con L. 213/2012
NO
1.6 - Situazione di contesto interno/esterno
Nella seguente tabella vengono descritti in sintesi, per ogni settore / servizio
fondamentale del nostro ente, le principali criticità riscontrate e le soluzioni realizzate
durante il mandato.
Settore/Servizio
AREA AMMINISTRATIVA
Criticità riscontrate
Carenza di personale e
aumento dei carichi di
lavoro anche in seguito
all'avvio dell'Unione dei
comuni.
Relazione di Fine Mandato 2014
Soluzioni realizzate
Inizialmente il servizio segreteria e protocollo
poteva contare su n° 2 dipendenti che
seguivano anche il servizio trasporto scolastico
e la gestione delle sale riunione e impianti
sportivi. Nel corso del mandato, a seguito il
pensionamento di una dipendente dell'ufficio
anagrafe, si è reso necessario, stante il blocco
delle assunzioni, lo spostamento di una
dipendente dal protocollo ai servizi demografici.
Per sopperire alla carenza venutasi a creare è
stato fatto ricorso a dei Lavoratori Socialmente
Utili che hanno assicurato un valido aiuto
all'unica dipendente di ruolo del servizio. La
soluzione non soddisfa del tutto le necessità,
anche perché la crescente digitalizzazione del
lavoro e l'esigenza di dare la massima
trasparenza all'operato della pubblica
amministrazione comportano sempre maggiori
carichi di lavoro e richiedono conoscenze
informatiche e tempestività difficilmente
conciliabili con la disponibilità di un solo addetto.
Pagina 7
Comune di San Polo di Piave (TV)
AREA FINANZIARIA
L'area finanziaria comprende il servizio
ragioneria (contabilità, bilancio e personale) e il
servizio tributi (ICI, IMU, TOSAP, ecc.).
Conclusasi, nel 2009, l'esperienza decennale
del servizio associato con il Comune di Ormelle,
l'attività è stata organizzata utilizzando la
dipendente del servizio tributi anche in ruoli tipici
del servizio ragioneria, tra cui l'economato. Ciò
ha consentito di affrontare, senza grossi traumi,
l'introduzione di nuove procedure informatiche e
Conclusione del servizio
di superare la "prima fase" del ciclo
associato con il Comune di
amministrativo. Successivamente, a seguito
Ormelle e rispetto delle
l'avvio di uno specifico progetto per la lotta
norme sul Patto di Stabilità
all'evasione tributaria, si è reso necessario
Interno. Contrasto
destinare completamente a tale scopo la
all'evasione tributaria e
dipendente del servizio. E' stata mantenuta e
incremento dei contribuenti
incrementata l'attività per la bollettazione
OK.
dell'ICI-IMU per i c.d. "Contribuenti OK".
Il servizio finanziario è stato notevolmente
coinvolto nella gestione corrente dell'intero ciclo
amministrativo e nella realizzazione degli
investimenti. Il rispetto delle norme del patto di
stabilità interno (dal 2010 in poi) e la
pianificazione dei lavori pubblici e dei relativi
pagamenti, hanno richiesto particolare
attenzione da parte del Responsabile e del
personale del servizio
Relazione di Fine Mandato 2014
Pagina 8
Comune di San Polo di Piave (TV)
AREA TECNICA
La Responsabile dell'area tecnica ha richiesto,
in più occasioni, di poter disporre di un
collaboratore amministrativo per gli adempimenti
strettamente burocratici connessi all'attività del
servizio. Finché le disposizioni di legge (in
materia di spese di personale) e le disponibilità
di bilancio, lo hanno consentito, si è fatto ricorso
ad agenzie interinali per tale necessità.
Successivamente vi ha provveduto il personale
interno che, di conseguenza, risulta oberato e
ricorre frequentemente a prestazioni fuori orario
Carenza di personale
da remunerare con il fondo per lavoro
amministrativo in presenza
straordinario o altre forme di finanziamento.
di numerosi LSU e appalti
Nonostante la riduzione dei lavori pubblici,
per lavori e interventi di
diretta conseguenza dell'applicazione del Patto
manutenzione.
di Stabilità Interno, abbia liberato il personale da
gran parte del carico di lavoro connesso alla
realizzazione delle opere, il continuo andirivieni
di Lavoratori Socialmente Utili chiamati a
svolgere le mansioni che furono del personale
operaio, collocato in pensione nel corso del ciclo
amministrativo, e il coordinamento delle ditte
appaltatrici delle manutenzioni ordinarie (verde
pubblico, cimiteri, impianti elettrici ed idraulici,
ecc.), richiedono notevole impegno da parte del
personale dell'area.
Relazione di Fine Mandato 2014
Pagina 9
Comune di San Polo di Piave (TV)
L'area di vigilanza, istituita fin dai primi mesi di
questa Amministrazione, ha svolto sia il servizio
di polizia locale e attività produttive, che i servizi
demografici (anagrafe, stato civile, elettorale,
ecc.).
Per ciò che riguarda la Polizia Locale si è
provveduto all'assunzione di un nuovo agente
portando l'organico da due a tre unità. Si è
potuto con ciò intensificare i servizi sul territorio
a tutto vantaggio della sicurezza della
popolazione. Grazie alla convenzione con i
limitrofi comuni di Cimadolmo, Ormelle, Ponte di
Piave e Salgareda, beneficiando di un contributo
regionale, si è potenziata la dotazione degli
agenti con una nuova autovettura, le dotazioni
informatiche, l'armamento e un congruo numero
di videocamere posizionate in posti strategici.
Di recente il servizio Polizia Locale e attività
produttive è stato trasferito all'Unione dei
comuni di Cimadolmo, Ormelle e San Polo di
Piave.
AREA VIGILANZA
Assunzione nuovo agente
di Polizia Locale.
Pensionamento di una
dipendente.
Relazione di Fine Mandato 2014
I servizi demografici (anagrafe, stato civile,
elettorale, ecc.) rappresentano, nell'immaginario
collettivo, l'essenza stessa del "comune". Gli
uffici e gli addetti che si occupano di tali servizi
rappresentano il biglietto da visita dell'ente
Comune e dell'Amministrazione Comunale.
Durante questo ciclo amministrativo il servizio in
questione è stato chiamato ad affrontare
svariate difficoltà.
Si è provveduto alla digitalizzazione di tutti i
cartellini anagrafici e fogli di famiglia. E' stato
adottato e reso efficiente il nuovo programma
informatico PeDemografici. E' stato svolto il
Censimento dell'Agricoltura nel 2010, il
Censimento della Popolazione nel 2011, varie
consultazioni elettorali, la digitalizzazione dei
cartellini delle carte d'identità.
Il servizio, che può contare su personale
altamente competente, anche in materie non
attinenti il proprio lavoro (centro elaborazione
dati), ha assicurato l'avvio e i quotidiani
aggiornamenti del sito internet istituzionale e
curato i rapporti con l'esterno per le attività nei
social network (facebook). Inizialmente il
servizio poteva contare su n° 2 dipendenti di
lunga esperienza. In seguito al pensionamento
di una delle due si è dovuto trasferire una
dipendente della segreteria e protocollo con
parte del relativo carico di lavoro.
L'addestramento della nuova risorsa, curato
internamente, ha consentito in breve tempo di
assicurare al servizio le necessarie energie per
la notevole mole di lavoro richiesta e per avviare
alcune iniziative volte a regolarizzare le
concessioni cimiteriali.
Pagina 10
Comune di San Polo di Piave (TV)
1.7 - Parametri obiettivi per l’accertamento della condizione di ente
strutturalmente deficitario ai sensi dell’art. 242 del TUEL
Il numero dei parametri obiettivi di deficitarietà risultati positivi all’inizio ed alla fine del
mandato sono riepilogati nella seguente tabella:
Parametri obiettivi
Rendiconto inizio mandato
Rendiconto fine mandato
Parametri positivi
1 su 10
1 su 10
Trattasi del parametro n° 7 "Consistenza dei debiti di finanziamento ... superiore al 150% rispetto alle
entrate correnti per gli enti che presentano un risultato contabile di gestione positivo ... )
Il parametro al quale si fa riferimento è stato introdotto con Decreto 24/09/2009 "Individuazione degli enti
locali strutturalmente deficitari sulla base di appositi parametri obiettivi per il triennio 2010-2012." (GU n. 238
del 13/10/2009). In precedenza era sottoposta a controllo unicamente l'incidenza della spesa per interessi
passivi su mutui rispetto alle entrate correnti; veniva cioè prestata attenzione al costo del debito piuttosto che
all'entità del debito.
Questa Amministrazione Comunale, allora da poco insediatasi, chiuse il rendiconto 2009 con una avanzo di
amministrazione di € 339.614,65 ed accertamenti di parte corrente per complessivi € 2.616.750,47 per cui, in
applicazione del nuovo parametro, da poco istituito, determinò il tetto dell'indebitamento in € 3.925.125,71
(150% delle entrate).
Al 31/12/2009 il debito ammontava già ad € 4.580.664,63 pari al 175,05% delle entrate correnti. Negli anni
successivi tale percentuale è aumentata, soprattutto per la riduzione delle entrate legata a varie cause.
Il debito rappresenta effettivamente una criticità per l'Amministrazione Comunale, che destina al ripiano
(quota capitale e quota interessi) circa il 20% delle proprie risorse correnti (dati Bilancio 2014).
L'entità del debito potrà essere ridotta con l'utilizzo di avanzo di amministrazione per estinzione anticipata di
mutui (ipotesi improbabile e comunque poco rilevante) o con l'alienazione di beni patrimoniali il cui ricavato
venga destinato a tal fine. L'alternativa, sulla quale tutt'ora si confida, è rappresentata da un incremento delle
entrate tributarie ed extratributarie che riporti il parametro entro i limiti stabiliti dal Decreto.
Relazione di Fine Mandato 2014
Pagina 11
Comune di San Polo di Piave (TV)
PARTE II - DESCRIZIONE ATTIVITA’ NORMATIVA
AMMINISTRATIVA SVOLTE DURANTE IL MANDATO
E
2.1 - Attività normativa
Le modifiche statutarie e le modifiche/adozioni regolamentari effettuate nel corso del
mandato sono riepilogate nella seguante tabella:
DELIBERA
D.G. N. 80
D.C. N. 27
D.C. N. 4
D.C. N. 5
D.C. N. 32
D.G. N. 78
D.C. N. 37
D.C. N. 38
D.C. N. 40
D.C. N. 62
D.C. N. 67
D.C. N. 4
D.C. N. 10
D.G. N. 66
D.C. N. 34
D.C. N. 7
Data
Oggetto
MODIFICA AL "REGOLAMENTO COMUNALE DI SEMPLIFICAZIONE DEI
16/06/2010 PROCEDIMENTI DI SPESE IN ECONOMIA E DI ALIENAZIONE E
LOCAZIONE DI BENI DI LIMITATO VALORE"*
APPROVAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA
27/07/2010 DELLE ATTIVITA' DI BARBIERE, ACCONCIATORE, ESTETISTA,
TATUAGGIO E PIERCING*
APPROVAZIONE CRITERI GENERALI PER LA DEFINIZIONE DEL NUOVO
01/02/2011 REGOLAMENTO SULL'ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI
ALLA LUCE DEI PRINCIPI DETTATI DAL D.LGS. 150/2009*
APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA
01/02/2011
VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE*
MODIFICA ARTICOLO 4 DEL REGOLAMENTO COMUNALE SUL
26/04/2011 FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI DOCUMENTAZIONE STORICA
SULLA GRANDE GUERRA*
CLUB ALPINO ITALIANO (CAI) - SOTTOSEZIONE DI SAN POLO DI PIAVE
17/05/2011 - PRESA D'ATTO REGOLAMENTO E PIANO TARIFFARIO UTILIZZO
STRUTTURA SPORTIVA
INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI
13/06/2011 SENSIBILI E GIUDIZIARI TRATTABILI ED I TIPI DI OPERAZIONE CON
QUESTI ESEGUIBILI AI SENSI DEL D. LGS. N. 196/2003
APPROVAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE INTERNO
13/06/2011
DELLA PALESTRA DI ARRAMPICATA LIBERA OUTDOOR*
APPROVAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER IL
12/07/2011 FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DI SAN POLO DI
PIAVE*
APPROVAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE
28/11/2011
E IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO DI GEMELLAGGIO
APPROVAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E
FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA'
29/12/2011 PRODUTTIVE E PROTOCOLLO D'INTESA TRA COMUNI E ENTI TERZI
PER LA GESTIONE DELLO SPORTELLO UNICO TELEMATICO PER LE
ATTIVITA' PRODUTTIVE IN PROVINCIA DI TREVISO*
IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) - APPROVAZIONE
22/05/2012
REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE
APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER IL CONSIGLIO COMUNALE DEI
22/05/2012
RAGAZZI*
REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E
10/07/2012 DEI SERVIZI - ADEGUAMENTO AI PRINCIPI DETTATI DAL D. LGS.
150/2009
ART. 14 D.L. 201/2011 CONVERTITO NELLA L. N. 214/2011. ISTITUZIONE
TARIFFA SUI RIFIUTI E TRIBUTO COMUNALE SUI SERVIZI E
28/12/2012
APPROVAZIONE RELATIVI REGOLAMENTI, APPROVAZIONE
CONVENZIONE CON IL C.I.T.*
COMITATO DI GEMELLAGGIO - MODIFICAZIONE AL REGOLAMENTO
12/03/2013
RIGUARDANTE LA FIGURA DEL SEGRETARIO*
Relazione di Fine Mandato 2014
Pagina 12
Comune di San Polo di Piave (TV)
D.C. N. 16
D.G. N. 48
D.C. N. 35
D.G. N. 10
D.G. N. 11
30/05/2013 APPROVAZIONE NUOVO REGOLAMENTO DI POLIZIA CIMITERIALE
APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA: DELLE
MODALITA' DI ASSUNZIONE DEL PERSONALE, DEI REQUISITI PER
08/10/2013
L'ACCESSO, DELLE PROCEDURE DI SELEZIONE, DELLA
PROGRESSIONE VERTICALE
APPLICAZIONE LEGGE SULLE RAPPRESENTANZE DI GENERE 19/11/2013 MODIFICAZIONI ALLO STATUTO COMUNALE E AL REGOLAMENTO DEL
CONSIGLIO COMUNALE
METODOLOGIA OPERATIVA CONTROLLI INTERNI (RIFERIMENTO
DELIBERA DI CONSIGLIO N. 35/2012 "D.L. N. 174/2012, CONVERTITO IN
18/02/2014
LEGGE N. 213/2012 - APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER
CONTROLLI INTERNI"*
DEFINIZIONE TARIFFE PER TRASLAZIONE SALME - ART. 49
18/02/2014
REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA CIMITERIALE*
D.C. = Delibera del Consiglio Comunale
D.G. = Delibera della Giunta Comunale
2.2 - Attività tributaria
2.2.1 - ICI/IMU
Nella seguente tabella vengono riportate le tre principali aliquote applicate (per
abitazione principale e relativa detrazione, per altri immobili e, limitatamente all’IMU,
per i fabbricati rurali strumentali):
Aliquote ICI/IMU
2009
2010
2011
2012
2013
Aliquota abitazione principale
0,6 %
0,6 %
0,6 %
0,40 %
esente
€ 150,00
€ 150,00
€ 150,00
€ 200,00
0,6 %
0,6 %
0,6 %
0,76 %
0,76 %
0,20 %
0,20 %
Detrazione abitazione principale
Altri immobili
Fabbricati rurali e strumentali
(solo IMU)
2.2.2 - Addizionale IRPEF
Nella seguente tabella vengono riportate l’aliquota massima applicata, le fasce di
esenzione e le eventuali differenziazioni di aliquota:
Addizionale IRPEF
Aliquota massima
Fascia esenzione
2009
2010
2011
2012
2013
0,50 %
0,50 %
0,50 %
0,80 %
0,80 %
10.000,00
10.000,00
Differenziazione aliquote
Relazione di Fine Mandato 2014
Pagina 13
Comune di San Polo di Piave (TV)
2.2.3 - Prelievi sui rifiuti
Il servizio rifiuti è svolto dal Consorzio Igiene del Territorio che svolge il servizio tramite
SAVNO SCRL e riscuote direttamente la relativa tariffa.
2.3 - Attività amministrativa
2.3.1 - Sistema ed esiti dei controlli interni
Nel rispetto delle previsioni di cui al D.Lgs. n. 267/2000 ed ai sensi del vigente Statuto
nonché del vigente regolamento sull’organizzazione degli uffici, approvato con delibera
della Giunta n. 66 del 10/07/2012, il nostro Ente ha adottato, con deliberazione della
Giunta n° 10 del 18/02/2014, un sistema dei controlli interni, articolato secondo le
logiche della pianificazione e controllo per obiettivi, orientato:
 alla verifica dell’efficienza, dell’efficacia e dell’economicità dell’azione svolta;
 alla valutazione dell’adeguatezza delle scelte compiute e della congruenza delle
stesse rispetto agli obiettivi definiti,
 al costante mantenimento degli equilibri finanziari della gestione e degli
obiettivi di finanza pubblica previsti nel patto di stabilità,
Il sistema di controlli interni prevede, oltre alle attività di controllo sulla regolarità
amministrativa e contabile, assicurata rispettivamente da ogni responsabile di servizio e
dal responsabile del servizio finanziario, anche la formale assegnazione degli obiettivi e
delle risorse ai responsabili dei servizi nonché il procedimento di verifica sullo stato di
attuazione degli obiettivi e dei programmi e che, nel periodo del mandato, sono
riconducibili ai seguenti atti:
Adozioni atti rilevanti ai fini del
2009
controllo interno
Assegnazione risorse ed obiettivi
DG n° 9 del
ai Responsabili - Approvazione
20/01/2009
PEG/PDO
Ricognizione stato attuazione
DC n° 35 del
29/09/2009
programmi
2010
2011
2012
2013
DG n° 38 del
09/03/2010
DG n° 66 del
10/05/2011
DG n° 62 del
03/07/2012
DG n° 40 del
20/08/2013
DC n° 33 del
27/09/2010
DC n° 49 del
26/09/2011
DC n° 23 del
25/09/2012
DC n° 28 del
30/09/2013.
Con riferimento agli obiettivi di gestione assegnati agli uffici ed agli indicatori ad essi
associati, si conferma che, anche nel nostro ente, nel corso del mandato in esame,
sono state poste in essere una serie di iniziative di carattere gestionale ed operativo
volte:
 a consolidare, presso i responsabili degli uffici, la logica della direzione per
obiettivi,
 al contenimento del numero degli obiettivi in funzione della loro rilevanza
gestionale e, nel contempo, al rafforzamento delle modalità di misurazione dei
risultati.
Relazione di Fine Mandato 2014
Pagina 14
Comune di San Polo di Piave (TV)
Con riferimento alle attività di Controllo sulla qualità dei servizi erogati, al fine di porre
in essere iniziative volte a garantire il miglioramento della qualità percepita dai
cittadini-utenti, anche promuovendo la semplificazione e l’innovazione dei processi di
erogazione, nel nostro ente sono stati attuati interventi finalizzati:
o all’adozione di piani interni di miglioramento gestionale, tesi alla semplificazione e
dematerializzazione dei processi nonché alla semplificazione amministrativa;
o alla promozione dell'attività di ascolto degli utenti da parte dei responsabili dei
singoli uffici.
2.3.2 - Controllo di gestione
I principali obiettivi inseriti nel programma di mandato ed il livello della loro realizzazione
alla fine del mandato sono sintetizzati nella seguente tabella:
Inizio
Fine
mandato mandato
Descrizione
Personale - Razionalizzazione della pianta organica (n. dipendenti)
15
13
Personale - Razionalizzazione degli uffici (n. uffici)
9
9
Personale - Razionalizzazione orari apertura al pubblico degli uffici (n. ore settimana)
15
18
Lavori pubblici - investimenti programmati (in milioni di euro)
vedi tabella
Lavori pubblici - investimenti impegnati (in milioni di euro)
vedi tabella
Investimenti
A preventivo
A consuntivo
Anno 2009
Anno 2010
Anno 2011
Anno 2012
Anno 2013
2.148.520,00
1.139.028,91
1.204.520,00
1.317.753,62
411.520,00
877.061,78
211.520,00
179.944,22
167.280,00
248.732,84
2.3.3 - Valutazione delle performance
Il sistema di valutazione permanente delle perfomance adottato dal nostro ente è
orientato alla realizzazione delle finalità dell’ente, al miglioramento della qualità dei
servizi erogati e alla valorizzazione della professionalità del personale; la performance è
valutata con riferimento alla amministrazione nel suo complesso, alle posizioni
organizzative o aree di responsabilità in cui si articola e ai singoli dipendenti.
La performance viene valutata sotto il profilo organizzativo ed individuale.
Il ciclo di gestione della performance adottato nel nostro ente si sviluppa nelle seguenti
fasi:
o definizione e assegnazione degli obiettivi che si intendono raggiungere, dei
valori attesi di risultato e dei rispettivi indicatori;
Relazione di Fine Mandato 2014
Pagina 15
Comune di San Polo di Piave (TV)
o
o
o
o
o
collegamento tra gli obiettivi e l’allocazione delle risorse;
monitoraggio in corso di esercizio e attivazione di eventuali interventi correttivi;
misurazione e valutazione della performance organizzativa ed individuale;
utilizzo dei sistemi premianti, secondo criteri di valorizzazione del merito;
rendicontazione dei risultati agli organi di indirizzo politico/amministrativo.
Tali criteri sono formalizzati nel metodo proposto dall'Associazione dei Comuni della
Marca Trevigiana e Centro Studi, adottato con deliberazioni del Consiglio Comunale n° 3
del 01/02/2011 e della Giunta Comunale n° 67 del 10/05/2011. A completamento è stata
adottata la deliberazione della Giunta n° 68 del 10/05/2011 con la quale veniva nominato
l'Organismo di Valutazione.
2.3.4 - Controllo sulle società partecipate/controllate ai sensi dell’art. 147
quater del TUEL
Le tipologie di controllo applicate sono:
o Controllo analogo: applicato alle società che gestiscono servizi in house providing.
Per controllo analogo si intende un’attività di vigilanza e controllo analoga a
quella svolta istituzionalmente dall’Ente riguardo all’attività dei propri uffici, in virtù
della titolarità dei servizi pubblici locali o delle attività amministrative di
competenza e del suo ruolo di garante nei confronti dell’utenza locale. Le
tipologie di controllo analogo effettuate sono di due tipi: giuridico- contabile e
sulla qualità dei servizi erogati.
o Controllo sulle società a partecipazione maggioritaria: Il controllo viene esercitato
sulla base di relazioni e rapporti informativi di carattere amministrativo,
gestionale, finanziario - contabile e con verifiche anche presso le sedi delle
aziende stesse.
Per le informazioni di dettaglio riferibili agli organismi partecipati dall’ente, si rinvia alla
parte V della presente relazione.
Relazione di Fine Mandato 2014
Pagina 16
Comune di San Polo di Piave (TV)
PARTE III DELL’ENTE
SITUAZIONE
ECONOMICO
-
FINANZIARIA
3.1 - Sintesi dei dati finanziari a consuntivo del bilancio dell’ente
Entrate
(in euro)
Entrate correnti
2009
2010
2011
2012
2013
Percentuale
incremento
decremento
rispetto
primo anno
2.616.750,00
2.532.178,00
2.401.051,00
2.340.723,00
2.041.847,00
-22%
TITOLO IV
Entrate da alienazioni e
trasferimenti di capitale
300.545,00
684.947,00
238.534,00
179.974,00
75.983,00
-75%
TITOLO V
Entrate derivanti da
accensioni di prestiti
721.020,00
450.280,00
570.000,00
0,00
152.167,00
-79%
3.638.315,00
3.667.405,00
3.209.585,00
2.520.697,00
2.269.997,00
-38%
TOTALE
Spese
(in euro)
2009
2010
2011
2012
2013
Percentuale
incremento
decremento
rispetto
primo anno
TITOLO I
Spese correnti
2.153.051,00
2.311.032,00
2.249.452,00
2.073.505,00
1.844.446,00
-14%
TITOLO II
Spese in conto capitale
1.139.029,00
1.317.753,00
877.062,00
179.944,00
248.732,00
-78%
278.837,00
306.325,00
160.320,00
215.284,00
177.272,00
-36%
3.570.917,00
3.935.110,00
3.286.834,00
2.468.733,00
2.270.450,00
-36%
TITOLO III
Rimborso prestiti
TOTALE
Partite di giro
(in euro)
TITOLO VI
Entrate da servizi per
conto di terzi
TITOLO IV
Spese per servizi per
conto di terzi
2009
2010
2011
2012
2013
Percentuale
incremento
decremento
rispetto
primo anno
203.467,00
197.745,00
195.209,00
148.570,00
194.020,00
-5%
203.467,00
197.745,00
195.209,00
148.570,00
194.020,00
-5%
Relazione di Fine Mandato 2014
Pagina 17
Comune di San Polo di Piave (TV)
3.2 - Equilibrio parte corrente del bilancio consuntivo relativo agli anni
del mandato
Equilibrio di parte corrente
2009
2010
2011
2012
2013
Totale titoli (I+II+III) delle entrate
2.616.750,00 2.532.178,00 2.401.051,00 2.340.723,00 2.041.847,00
Spese Titolo I
2.153.051,00 2.311.032,00 2.249.452,00 2.073.505,00 1.844.446,00
Rimborso prestiti parte del Titolo III
278.837,00
306.325,00
160.320,00
215.284,00
177.272,00
Saldo di parte corrente
184.862,00
-85.179,00
-8.721,00
51.934,00
20.129,00
2011
2012
2013
Equilibrio di parte capitale
2009
2010
Entrate Titolo IV
300.545,00
684.947,00
238.534,00
179.974,00
75.983,00
Entrate Titolo V
721.020,00
450.280,00
570.000,00
0,00
152.167,00
Totale titoli (IV+V)
1.021.565,00 1.135.227,00 808.534,00
Spese Titolo II
1.139.029,00 1.317.753,00
877.062,00
179.944,00
248.732,00
-117.464,00 -182.526,00
-68.528,00
30,00
-20.582,00
Differenza di parte capitale
Entrate correnti destinate ad
investimenti
Utilizzo avanzo di amm.ne applicato
alla spesa c/capitale (eventuale)
Saldo di parte capitale
179.974,00
228.150,00
0,00
0,00
0,00
0,00
0,00
117.464,00
182.526,00
68.528,00
0,00
20.582,00
0,00
0,00
0,00
0,00
0,00
NOTE: ** Esclusa categoria I "Anticipazione di cassa"
3.3 - Gestione di competenza - Quadro riassuntivo
Gestione di competenza
2009
2010
2011
2012
2013
Riscossioni
2.965.576,00 2.574.601,00 2.254.156,00 2.229.614,00 2.118.073,00
Pagamenti
2.882.832,00 2.444.856,00 2.147.931,00 1.998.144,00 1.758.371,00
Differenza
106.225,00
231.470,00
359.702,00
Residui attivi
876.206,00 1.290.549,00 1.150.638,00
439.654,00
345.946,00
Residui passivi
891.552,00 1.687.999,00 1.334.113,00
619.159,00
706.100,00
Differenza
-15.346,00 -397.450,00 -183.475,00 -179.505,00
-360.154,00
Avanzo (+) o disavanzo (-)
Relazione di Fine Mandato 2014
82.744,00
129.745,00
67.398,00 -267.705,00
-77.250,00
51.965,00
-452,00
Pagina 18
Comune di San Polo di Piave (TV)
Risultato di amministrazione
2009
Vincolato
44.919,00
0,00
0,00
0,00
10.000,00
Per spese in c/capitale
11.037,00
0,00
0,00
0,00
4.391,00
0,00
0,00
0,00
0,00
0,00
Non vincolato
283.659,00
90.893,00
28.086,00
59.685,00
66.052,00
Totale
339.615,00
90.893,00
28.086,00
59.685,00
80.443,00
Per fondo ammortamento
2010
2011
2012
2013
3.4 - Risultati della gestione: fondo cassa e risultato di amministrazione
Descrizione
2009
Fondo cassa al 31.12
2010
314.659,00
2011
531.242,00
2012
615.274,00
2013
538.615,00
552.771,00
Totale residui attivi finali
1.165.968,00 1.758.493,00 1.867.547,00 1.775.602,00 1.531.733,00
Totale residui passivi finali
1.141.012,00 2.198.842,00 2.454.735,00 2.254.532,00 2.004.060,00
Risultato di amministrazione
339.615,00
90.893,00
28.086,00
59.685,00
80.443,00
Utilizzo anticipazioni di cassa
3.5 - Utilizzo avanzo di amministrazione
Utilizzo avanzo di amministrazione
2009
2010
2011
2012
2013
Reinvestimento quote accantonate per
ammortamento
0,00
0,00
0,00
0,00
0,00
Finanziamento debiti fuori bilancio
0,00
0,00
0,00
0,00
0,00
Salvaguardia equilibri di bilancio
0,00
0,00
0,00
0,00
0,00
Spese correnti non ripetitive
0,00 42.000,00
0,00
0,00
0,00
Spese correnti in sede di assestamento
0,00 43.179,00
972,00 28.086,00
0,00
Spese di investimento
Estinzione anticipata di prestiti
Totale
Relazione di Fine Mandato 2014
117.464,00 182.526,00 68.528,00
0,00
0,00
0,00
0,00 20.581,00
0,00
0,00
117.464,00 267.705,00 69.500,00 28.086,00 20.581,00
Pagina 19
Comune di San Polo di Piave (TV)
3.6 - Analisi anzianità dei residui distinti per anno di provenienza
RESIDUI ATTIVI al 31/12
2009 e
precedenti
2010
2011
2012
2013
Totale da
rendiconto
Titolo I Entrate Tributarie
0,00
169,00
464,00
18.266,00
145.374,00
164.273,00
Titolo II Trasferimenti da Stato,
Regione, altri enti
0,00
36.182,00
0,00
0,00
32.683,00
68.865,00
Titolo III Entrate Extratributarie
13.343,00
3.853,00
1.000,00
4.400,00
12.294,00
34.890,00
Totale
13.343,00
40.204,00
1.464,00
22.666,00
190.351,00
268.028,00
144.439,00
120.000,00
110.460,00
100.000,00
0,00
474.899,00
63.209,00
0,00
570.000,00
0,00
138.907,00
772.116,00
207.648,00
120.000,00
680.460,00
100.000,00
0,00
0,00
0,00
0,00
220.991,00
160.204,00
681.924,00
122.666,00
345.946,00 1.531.731,00
2010
2011
2012
2013
Conto capitale
Titolo IV Entrate da Alienazioni
e trasferimenti di capitale
Titolo V Entrate derivanti da
Accensione di prestiti
Totale
Titolo VI Entrate da servizi per
conto di terzi
Totale generale
RESIDUI PASSIVI al 31/12
2009 e
precedenti
Titolo I Spese correnti
138.907,00 1.247.015,00
16.688,00
16.688,00
Totale da
rendiconto
17.899,00
37.996,00
22.032,00
39.660,00
533.289,00
650.876,00
194.373,00
170.713,00
722.971,00
92.005,00
170.657,00
1.350.719,00
Titolo III Rimborso di prestiti
0,00
0,00
0,00
0,00
0,00
0,00
Titolo IV Spese per servizi per
conto terzi
0,00
0,00
310,00
0,00
2.155,00
2.465,00
212.272,00
208.709,00
745.313,00
131.665,00
706.101,00
2.004.060,00
Titolo II Spese in conto capitale
Totale generale
Relazione di Fine Mandato 2014
Pagina 20
Comune di San Polo di Piave (TV)
3.7 - Rapporto tra competenza e residui
Rapporto tra competenza e residui
Percentuale tra residui attivi titoli I e III e
totale accertamenti entrate correnti titoli I e
III, in conto competenza
2009
2010
2011
2012
2013
25,03%
20,12%
16,58%
15,19%
10,05%
2009
2010
2011
2012
2013
NS
S
S
S
S
3.8 - Patto di stabilità interno
Patto di stabilità
Patto di stabilità interno
Legenda: S soggetto al patto, NS non soggetto al patto, E escluso per disposizioni di legge
3.8.1 - Indicare in quali anni è risultato eventualmente inadempiente al patto
di stabilità
Il nostro ente nel corso del mandato ha sempre rispettato le prescrizioni previste per il
rispetto del patto di stabilità.
3.8.2 - Se l'ente non ha rispettato il patto di stabilità interno indicare le
sanzioni a cui è stato soggetto
Nel corso del mandato, il nostro ente non è stato soggetto a sanzioni a causa del mancato
rispetto delle prescrizioni previste per il rispetto del patto di stabilità.
3.9 - Indebitamento
3.9.1 - Evoluzione indebitamento dell’ente
Le entrate derivanti da accensione di prestiti di cui al titolo V, categorie 2-4, sono
evidenziate nella seguente tabella:
Indebitamento
Residuo debito finale
2009
2010
2011
2012
2013
5.038.070,00
5.182.025,00
5.431.705,00
5.216.420,00
5.039.147,00
5.007
5.021
4.989
4.925
4.949
Popolazione residente
Rapporto tra residuo debito e
1.006,00
1.032,00
1.088,00
1.059,00
popolazione residente
Note: Tabella tratta dal Questionario Corte dei Conti – Bilancio di previsione
Relazione di Fine Mandato 2014
1.018,00
Pagina 21
Comune di San Polo di Piave (TV)
3.9.2 - Rispetto del limite di indebitamento
L’incidenza in percentuale dell’importo annuale degli interessi sommato a quello dei
mutui contratti, a quello degli eventuali prestiti obbligazionari emessi, a quello delle
eventuali aperture di credito stipulate ed a quello derivante da garanzie prestate ai
sensi dell'articolo 207 TUEL, al netto dei contributi statali e regionali in conto interessi,
sulle entrate relative ai primi tre titoli di entrata risultanti dal rendiconto del penultimo
anno precedente quello in cui si è realizzata l'assunzione dei mutui, è riportata nella
seguente tabella:
Rispetto limite di indebitamento
2009
2010
2011
2012
2013
Incidenza % degli interessi passivi
sulle entrate correnti (Art. 204
TUEL)
7,63%
8,33%
8,78%
8,77%
9,92%
L'ultimo mutuo è stato assunto nel 2011. Successivamente non sono stati assunti mutui in
quanto il limite è stato fissato al 8% (art. 8 comma 1 Legge 183/2011).
3.10 - Conto del patrimonio in sintesi
3.10.1 - Conto del patrimonio relativo al primo anno del mandato
Attivo
Immobilizzazioni immateriali
Immobilizzazioni materiali
Immobilizzazioni finanziarie
Rimanenze
Crediti
Attività finanziarie non immobilizzate
Disponibilità liquide
Ratei e risconti attivi
Totale
Relazione di Fine Mandato 2014
Importo
primo anno
Passivo
19.584,00 Patrimonio netto
13.188.915,00 Conferimenti
530.612,00 Debiti
0,00 Ratei e risconti passivi
Importo
primo anno
6.344.066,00
3.428.872,00
5.486.546,00
0,00
1.205.714,00
0,00
314.659,00
0,00
15.259.484,00 Totale
15.259.484,00
Pagina 22
Comune di San Polo di Piave (TV)
3.10.2 - Conto del patrimonio relativo all’ultimo anno del mandato
Attivo
Importo ultimo
Passivo
anno
Immobilizzazioni immateriali
Immobilizzazioni materiali
16.693,00 Patrimonio netto
13.176.216,00 Conferimenti
Immobilizzazioni finanziarie
530.612,00 Debiti
Rimanenze
Crediti
5.732.118,00
4.437.115,00
5.692.489,00
0,00 Ratei e risconti passivi
0,00
1.585.430,00
Attività finanziarie non immobilizzate
0,00
Disponibilità liquide
552.771,00
Ratei e risconti attivi
Totale
Importo ultimo
anno
0,00
15.861.722,00 Totale
15.861.722,00
3.11 - Riconoscimento debiti fuori bilancio - Chiusura dell'esercizio
finanziario 2013
Dati relativi ai debiti fuori bilancio dell'ultimo certificato al conto consuntivo approvato
Sentenze esecutive
Importo
Copertura di disavanzi di consorzi, aziende speciali e di istituzioni
0,00
0,00
Ricapitalizzazione
0,00
Procedure espropriative o di occupazione d'urgenza per opere di pubblica utilità
0,00
Acquisizione di beni e servizi
0,00
Esecuzione forzata dell'ultimo certificato al conto consuntivo approvato
Procedimenti di esecuzione forzata
Importo
0,00
Il dato si riferisce al certificato consuntivo 2012.
Nel corso del 2013 sono stati riconosciuti e finanziati debiti fuori bilancio per complessivi € 67.704,00 di cui
€ 22.118,00 per sentenze esecutive ed € 45.586,00 per acquisizione di beni e servizi.
Relazione di Fine Mandato 2014
Pagina 23
Comune di San Polo di Piave (TV)
3.12 - Spesa per il personale
3.12.1 - Andamento della spesa del personale durante il periodo del mandato
Andamento spesa
2009
2010
2011
2012
2013
Importo limite di spesa (art. 1, c.
557 e 562 della L. 296/2006)*
580.139,00
710.537,00
746.979,00
660.669,00
596.903,00
Importo della spesa di personale
calcolata ai sensi dell'art. 1, c. 557 e
562 della L. 296/2006
572.363,00
746.979,00
660.669,00
596.903,00
596.903,00
Rispetto del limite
Incidenza della spesa di personale
(compresi i rinnovi contrattuali) sulle
spese correnti
SI
NO
SI
SI
SI
33,00%
32,32%
29,37%
28,79%
32,36%
Note: * Linee guida al Rendiconto della Corte dei Conti
Dal 2010 il Comune è entrato a far parte degli enti soggetti al patto di stabilità interno e, come tale, tenuto a ridurre
annualmente la spesa di personale.
3.12.2 - Spesa del personale pro-capite
Spesa pro capite
Spesa personale / Abitanti
2009
2010
2011
2012
2013
142,00
148,00
132,00
121,00
120,00
Note: * Spesa di personale da considerare: intervento 01 + intervento 03 + Irap
3.12.3 - Rapporto abitanti/dipendenti
Rapporto abitanti/dipendenti
2009
2010
2011
2012
2013
Abitanti/Dipendenti
313
314
356
379
381
3.12.4 - Rispetto dei limiti di spesa per il lavoro flessibile
Nel periodo del mandato
Per i rapporti di lavoro flessibile, instaurati dall'amministrazione nel periodo di mandato,
sono stati rispettati i limiti di spesa previsti dalla vigente normativa
Stato
SI
3.12.5 - Spesa sostenuta per il lavoro flessibile rispetto all’anno di
riferimento indicato dalla legge
Nel corso del mandato è stato mantenuto un contratto, avviato in precedenza, per
prestazione interinale all'ufficio tecnico per gli anni 2009, 2010 e 2011. Per rispettare i limiti
fissati dall'art. 9, comma 28, del D.L. 78/2010 convertito in Legge n° 122/2010, tale
prestazione è stata interrotta.
Relazione di Fine Mandato 2014
Pagina 24
Comune di San Polo di Piave (TV)
3.12.6 - Rispetto dei limiti assunzionali da parte delle aziende partecipate
Nel periodo del mandato
Stato
I limiti alle assunzioni sono stati rispettati da parte delle aziende speciali e dalle
istituzioni nel periodo considerato, a quanto risulta.
SI
3.12.7 - Fondo risorse decentrate
Nel periodo del mandato
2009
2010
2011
2012
2013
Fondo risorse decentrate
70.436,00
76.056,00
54.013,00
43.852,00
43.852,00
3.12.8 - Indicare se l’ente ha adottato provvedimenti per le esternalizzazioni
L’ente, nel periodo in esame, ha adottato provvedimenti:
ai sensi dell'art. 6-bis del D.Lgs 165/2001 (acquisizione all'esterno di servizi
originariamente prodotti al proprio interno). A seguito il pensionamento di tutti e due
gli operai, il Comune ha dovuto affidare a ditta esterna i servizi cimiteriali (tumulazioni,
inumazioni, ecc.) e la manutenzione del verde pubblico. Per limitare le spese di tali
servizi è stato fatto ricorso ai Lavoratori Socialmente Utili.
ai sensi dell'art. 3, comma 30, della L. 244/2007 (trasferimento delle risorse umane,
finanziarie e strumentali in misura adeguata alle funzioni esercitate mediante società,
enti, consorzi o altri organismi). In data 28/09/2012 è stata istituita l'Unione dei comuni
di Cimadolmo, Ormelle e San Polo di Piave. Tale organismo utilizza attualmente il
personale dei comuni attraverso l'istituto del comando.
Relazione di Fine Mandato 2014
Stato
SI
SI
Pagina 25
Comune di San Polo di Piave (TV)
PARTE IV CONTROLLO
RILIEVI
DEGLI
ORGANISMI
ESTERNI
DI
4.1 - Rilievi della Corte dei conti
Attività di controllo – Nel periodo in esame, l’ente è stato oggetto delle seguenti
deliberazioni, pareri, relazioni, sentenze in relazione a rilievi effettuati in seguito ai
controlli di cui ai commi 166-168 dell’art. 1 L. n. 266/2005:
Un rilievo, ricorrente, si riferisce al parametro di deficitarietà n° 7 (consistenza dei debiti di finanziamento).
Si ripropone, ad ogni buon fine, il rilievo della Corte dei Conti:
Corte dei Conti: Parametro di deficitarietà n. 7 :
Si rileva che, sulla base delle verifiche effettuate, non è stato rispettato il parametro n. 7 (relativamente alla
consistenza dei debiti di finanziamento non assistiti da contribuzione superiore al 120% rispetto alle entrate
correnti). La percentuale raggiunta risulta del 207,77% .
Si chiede, pertanto, di fornire notizie e adeguate motivazioni al riguardo, a firma del Sindaco e dell'Organo di
revisione, entro 7 giorni dal ricevimento della presente.
Integrazione (del Comune):
Il parametro al quale si fa riferimento è stato introdotto con Decreto 24/09/2009 "Individuazione degli
enti locali strutturalmente deficitari sulla base di appositi parametri obiettivi per il triennio 20102012." (GU n. 238 del 13/10/2009). In precedenza era sottoposta a controllo unicamente l'incidenza
della spesa per interessi passivi su mutui rispetto alle entrate correnti; veniva cioè prestata
attenzione al costo del debito piuttosto che all'entità del debito.
Questa Amministrazione Comunale, allora da poco insediatasi, chiuse il rendiconto 2009 con una
avanzo di amministrazione di € 339.614,65 ed accertamenti di parte corrente per complessivi
€ 2.616.750,47 per cui, in applicazione del nuovo parametro, da poco istituito, determinò il tetto
dell'indebitamento in € 3.925.125,71 (150% delle entrate).
Al 31/12/2009 il debito ammontava già ad € 4.580.664,63 pari al 175,05% delle entrate correnti. Negli
anni successivi tale percentuale è destinata ad aumentare, soprattutto per la riduzione delle entrate
legata a varie cause.
Il debito rappresenta effettivamente una criticità per l'Amministrazione Comunale, che destina al
ripiano (quota capitale e quota interessi) circa il 17% delle proprie risorse correnti (dati Bilancio
2012).
L'entità del debito potrà essere ridotta con l'utilizzo di avanzo di amministrazione per estinzione
anticipata di mutui (ipotesi improbabile e comunque poco rilevante) o con l'alienazione di beni
patrimoniali il cui ricavato venga destinato a tal fine (il Comune non dispone di beni alienabili).
L'alternativa, sulla quale si confida maggiormente, è rappresentata da un incremento delle entrate
tributarie ed extratributarie che riporti il parametro entro i limiti stabiliti dal Decreto.
Altro rilievo ha riguardato il patto di stabilità interno, nel suo primo anno di applicazione.
Si ripropone anche tale rilievo:
Corte dei Conti: Rispetto al Patto di stabilità :
Atteso che, sulla base dei dati forniti, gli obiettivi programmatici del patto di stabilità interno previsti
dall'art. 77-bis, commi da 2 a 31, del D.L. 25/06/2008, n° 112 convertito, con modificazioni, nella Legge
06/08/2008 n° 133 e successive modificazioni ed integrazioni,e dal D.L. 25/01/2010 n° 2 convertito, con
modificazioni, nella Legge 26/03/2010 n° 42, nonché dagli artt. 14 e 50 del D.L. 31/05/2010 n° 78, sembrano
essere stati rispettati, tuttavia, si nutrono alcune perplessità sulla compilazione dei prospetti, in quanto i dati
relativi al saldo finanziario obiettivo, di cui al punto 6.4, divergono dai dati corrispondenti forniti a suo tempo
nel questionario per il preventivo 2010, rendendo di fatto impossibile comprendere come sia stato costruito il
dato del saldo finanziario obiettivo indicato nel prospetto 6.4 del questionario 2010.
Si chiede, pertanto, di fornire notizie e adeguate motivazioni al riguardo, a firma del Sindaco e dell'Organo di
revisione, entro 7 giorni dal ricevimento della presente.
Relazione di Fine Mandato 2014
Pagina 26
Comune di San Polo di Piave (TV)
Integrazione (del Comune):
Va premesso e considerato che questo Comune è entrato a far parte del gruppo di enti "soggetti al
Patto di Stabilità Interno", a decorrere dall'esercizio 2010, avendo superato (di poche unità) la soglia
dei 5000 abitanti al 31/12/2008.
Ciò premesso, esaminata la documentazione ricordata nel rilievo (determinazione dell'obiettivo,
questionario preventivo 2010-punto 6 e questionario consuntivo 2010-punto 6.4), si concorda con le
perplessità su un probabile errore di esposizione dei dati, dovuto essenzialmente alla scarsa
conoscenza dell'argomento. Inizialmente si riteneva che l'ente dovesse concorrere alla manovra
migliorando il proprio saldo 2007 del 48% (primo passo del triennio 2009-2010-2011).
Successivamente è stato chiarito che gli enti neo entrati avrebbero dovuto contribuire migliorando il
proprio saldo 2007 del 96%. Obiettivo peraltro ampiamente raggiunto. Va anche considerato che
questo Comune ha dedicato, nella fase di avvio dell'applicazione delle norme sul patto di stabilità
interno, particolare attenzione alle risultanze a "consuntivo" più di quanta non ne abbia dedicata alle
"previsioni"; suscettibili, a volte, di consistenti modifiche e variazioni nel corso dell'esercizio.
Ad ogni buon fine si allega il prospetto della "determinazione dell'obiettivo 2010" dal quale si evince
il saldo obiettivo riportato nella "certificazione finale" che anche si trasmette.
Altri rilievi hanno riguardato aspetti formali o di scarsa importanza ai fini della presente relazione.
4.2 - Rilievi dell’organo di revisione
Nel periodo in esame, la funzione di Revisore è stata svolta dal dott. Giuliano Caldo,
nominato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 37 del 25/11/2008, per il triennio
01/12/2008 - 30/11/2011. Successivamente, con deliberazione consiliare n. 57 del
28/11/2011, tale nomina è stata prorogata in attesa dell'entrata a regime della nuova
procedura e comunque "fino alla nomina del successore".
Il nuovo Revisore, dott. Michele Marchetto, è stato nominato, a seguito estrazione a sorte,
con deliberazione del Consiglio Comunale n° 33 del 19/11/2013.
Entrambi i Revisori non hanno sollevato rilievi sull'operato dell'Amministrazione tali da
impedirne l'attività, anzi, in più occasioni, hanno suggerito soluzioni o espresso
raccomandazioni per il buon andamento dell'attività amministrativa nel rispetto delle norme
e nell'interesse della collettività.
4.3 - Azioni intraprese per contenere la spesa
Le principali azioni di contenimento della spesa, effettuate nel corso del presente
mandato, ed i conseguenti risparmi ottenuti, sono così riassunti.
Il ciclo amministrativo di cui alla presente relazione è stato caratterizzato, per ciò che
riguarda in generale gli enti locali, da una progressiva riduzione dei trasferimenti statali e
regionali accompagnata dall'incremento della pressione fiscale, in gran parte a solo
beneficio della fiscalità statale.
Si aggiunga, per quanto riguarda il comune di San Polo di Piave, che, superata la soglia
dei 5000 abitanti nel 2008, oltre alla conseguente riduzione dei trasferimenti ha dovuto
rinunciare drasticamente alla realizzazione di alcuni investimenti programmati per
rispettare i vincoli del Patto di stabilità interno. L'Amministrazione Comunale lascia infatti
Relazione di Fine Mandato 2014
Pagina 27
Comune di San Polo di Piave (TV)
incompiuti, alcuni interventi progettati (Via Campagna e Via Aldo Moro), già finanziati, che
potranno essere realizzati nel prossimo futuro.
Sul fronte della spesa corrente l'Amministrazione ha operato, già nel 2012, prima che lo
imponessero le norme statali, una propria "spending review". I consiglieri comunali hanno
spontaneamente rinunciato ai loro gettoni di presenza. Sono stati ridotti gli stanziamenti
per le indennità di funzione al Sindaco ed agli Assessori, per il funzionamento della sede
municipale, delle scuole e degli impianti sportivi e per l'illuminazione pubblica. Sono stati
anche drasticamente ridotti i contributi alle associazioni.
Aderendo ad una proposta della Cassa Depositi e Prestiti che ha consentito la
rinegoziazione di alcuni mutui, la rata di ammortamento ha subito una riduzione di circa
€ 54.000,00 nonostante siano stato assunti, nel corso degli anni, alcuni nuovi mutui.
L'entità del debito è rimasta invariata (vedi pag. 21).
Ammortamento
mutui
Interessi passivi
Quote capitale
Totale rat a
ammortament o
Anno 2009
Anno 2010
191.018,74
209.271,87
278.837, 00
306.325, 00
469.855,74
515.596,87
Anno 2011
Anno 2012
229.655,65
222.127,57
160.320, 00
215.284, 00
389.975,65
437.411,57
Anno 2013
238.113,19
177.272, 00
415.385,19
Relazione di Fine Mandato 2014
Pagina 28
Comune di San Polo di Piave (TV)
PARTE V - ORGANISMI CONTROLLATI
5.1 - Rispetto dei vincoli di spesa da parte delle società partecipate
Nel periodo del mandato
Stato
Le società di cui all'art. 18, co. 2-bis, D.L. 112/2008 controllate dall'ente, hanno rispettato i
vincoli di spesa previsti dall'art. 76, co. 7, del D.L. 112/2008 (contenimento delle spese per
il personale)
SI
5.2 - Misure di contenimento delle retribuzioni per le società
Nel periodo del mandato
Stato
Sono previste, nell'ambito dell'esercizio del controllo analogo, misure di contenimento delle
dinamiche retributive per le società di cui al punto precedente
NO
5.3 - Organismi controllati ai sensi dell’art. 2359, co. 1, n. 1 e 2, c.c.
Forma giuridica
Tipologia di società Denominazione
ASCO HOLDING Spa
PIAVE SERVIZI Scrl
ATO Veneto Orientale
Campo di attività
gas metano
idrico integrato
territorio e amb.
Percentuale di
Risultato di
Patrimonio
partecipazione
esercizio
netto azienda o
o di capitale di
positivo o
società
dotazione
negativo
0,36% 226.700.503,00 14.297.067,00
0,3996%
30.000,00
0,51% 2.360.255,00 1.108.072,00
Le partecipazioni riguardano il servizio di distribuzione del gas metano e il servizio
acquedotto.
Le partecipate non hanno costituito un problema per l'Amministrazione, viste anche le
modeste quote.
Il dividendo distribuito annualmente da Asco Holding rappresenta, invece una importante
risorsa che viene utilizzata per finanziare il complesso delle spese correnti.
5.4 - Esternalizzazioni attraverso società ed enti (diversi dai precedenti)
L'Amministrazione non ha proceduto alla esternalizzazione di servizi.
La sola iniziativa simile può essere considerata la costituzione con i limitrofi comuni di
Cimadolmo ed Ormelle dell'Unione dei comuni, alla quale sono state trasferite alcune
funzioni fondamentali.
5.5 - Provvedimenti adottati di cessione di società o partecipazioni non
strettamente necessarie
Nel corso del ciclo amministrativo è stato sciolto il Consorzio del Comprensorio Opitergino,
con sede ad Oderzo (TV), che raggruppava n° 14 comuni della zona e che svolgeva, per
conto dei comuni, alcuni servizi (progettazione opere pubbliche, elaborazione stipendi,
ecc.).
Relazione di Fine Mandato 2014
Pagina 29
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
754 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content