close

Enter

Log in using OpenID

embedDownload
COMMISSIONE
EUROPEA
Bruxelles, 19.9.2014
C(2014) 6494 final
ANNEXES 7 to 8
ALLEGATI
del
Regolamento delegato della Commissione
del XXX
che integra e modifica il regolamento (UE) n. 167/2013 del Parlamento europeo e del
Consiglio per quanto concerne la costruzione dei veicoli e i requisiti generali di
omologazione dei veicoli agricoli e forestali
IT
IT
ALLEGATO VII
Requisiti applicabili alle strutture di protezione antiribaltamento (trattori a cingoli)
A.
1.
B.
1.
1,1
1.2.
Disposizioni generali
I requisiti dell'Unione applicabili alle strutture di protezione antiribaltamento (trattori a
cingoli) sono stabiliti alla lettera B.
Requisiti applicabili alle strutture di protezione antiribaltamento (trattori a cingoli)(1)
DEFINIZIONI
[Non pertinente]
Struttura di protezione antiribaltamento (ROPS)
Per struttura di protezione antiribaltamento (a cabina o a telaio di protezione), di
seguito denominata "struttura di protezione", si intendono i dispositivi installati sul
trattore aventi essenzialmente lo scopo di evitare ovvero limitare i rischi per il
conducente in caso di ribaltamento del trattore durante il normale utilizzo.
La struttura di protezione antiribaltamento fornisce lo spazio per una zona libera
sufficientemente ampia da proteggere il conducente seduto all'interno dell'involucro del
dispositivo o in uno spazio delimitato da una serie di rette tangenti ai bordi esterni della
struttura e a qualsiasi parte del trattore che può entrare in contatto con il terreno piano ed è
in grado di sostenere il trattore in tale posizione in caso di capovolgimento.
1.3.
Carreggiata
1.3.1.
Definizione preliminare: piano mediano della carreggiata
Il piano mediano della carreggiata è equidistante dai due piani che comprendono la periferia
nei loro bordi esterni.
1.3.2.
Definizione della larghezza della carreggiata
La larghezza della carreggiata è costituita dalla distanza tra i piani mediani delle carreggiate.
1.3.3.
Definizione supplementare: piano mediano del trattore
Il piano verticale perpendicolare all'asse nel suo punto centrale costituisce il piano
mediano del trattore.
1.4.
Struttura di protezione
Sistema di elementi strutturali disposti su un trattore in modo da adempiere allo scopo
principale di ridurre la probabilità che l'operatore sia schiacciato in caso di ribaltamento del
trattore. Gli elementi strutturali includono subtelaio, ganci, montanti, spinotti, bulloni,
IT
2
IT
coppiglie, sospensioni o ammortizzatore flessibile usati per fissare il sistema al telaio del
trattore, ad esclusione delle disposizioni di montaggio del telaio del trattore.
1.5.
Telaio del trattore
Il telaio principale o gli elementi portanti principali del trattore che si estende sulla maggior
parte del trattore e su cui si monta direttamente la struttura di protezione.
1.6.
Complesso struttura di protezione - telaio del trattore
Sistema che consiste nella struttura di protezione montata sul telaio del trattore.
1.7.
Banco di prova
Una parte sostanzialmente rigida della struttura di prova su cui viene montato il telaio del
trattore ai fini della prova.
1.8.
1.8.1.
1.8.2.
1.8.3.
1.9.
Punto indice del sedile (SIP)
Il punto indice del sedile (SIP) si trova nel piano longitudinale centrale dell'apparecchiatura
per la determinazione dopo l'installazione del sedile dell'operatore. Il SIP è fissato rispetto
al trattore e non si sposta con il sedile in caso di regolazione o oscillazione di quest'ultimo.
Quando si determina il SIP, il sedile deve essere regolato nella posizione centrale insieme a
tutte le regolazioni anteriori, posteriori, verticali e angolari. I sistemi di sospensioni devono
essere regolati in modo che il sedile sia nel punto centrale dell'intervallo di oscillazione con
l'apparecchiatura per la determinazione del SIP in posizione.
Il SIP deve essere stabilito mediante l'apparecchiatura illustrata nella figura 8.1. Tale
apparecchiatura è posizionata sul sedile. Una massa di 20 kg è aggiunta 40 mm davanti alla
marcatura del SIP sulla sezione orizzontale dell'apparecchiatura. Una forza orizzontale di
circa 100 N deve essere applicata all'apparecchiatura nel SIP (cfr. Fo alla figura 8.1). Infine
una massa di 39 kg viene aggiunta 40 mm davanti alla marcatura del SIP sulla sezione
orizzontale dell'apparecchiatura.
Volume limite di deformazione (DLV)
Il volume che, in relazione all'operatore, serve a fissare i limiti e le deformazioni
ammissibili nella valutazione di laboratorio della struttura di protezione (figura 8.2). È
un'approssimazione ortogonale delle dimensioni di un operatore di grande taglia in
posizione seduta.
1.10.
Piano di riferimento verticale
Il piano di riferimento è un piano verticale, generalmente longitudinale rispetto al trattore,
che passa per il punto indice del sedile e per il centro del volante o delle leve di comando a
mano. Di norma il piano di riferimento verticale coincide con il piano mediano del trattore.
1.11.
IT
Piano del suolo laterale simulato
3
IT
Superficie su cui si presume che il trattore, dopo il ribaltamento, rimane immobile su uno
dei lati. Il piano del suolo simulato è determinato come segue (cfr. 3.5.1.2.):
a
elemento superiore cui è applicata la forza;
b
punto più esterno del lato dell'elemento come definito alla lettera (a) sopra;
c
linea verticale che passa per il punto definito alla lettera (b) sopra;
d
piano verticale parallelo all'asse longitudinale del trattore che passa per la retta
definita alla lettera (c) sopra;
e
ruotare il piano descritto alla lettera d sopra di 15° nella direzione opposta al
DLV su un asse perpendicolare alla retta verticale di cui alla lettera c sopra e
che passa per il punto descritto alla lettera b sopra; ciò stabilisce il piano del
suolo simulato;
Il piano del suolo simulato deve essere stabilito su una struttura di protezione non carica e
deve spostarsi con l'elemento cui viene applicato il carico.
1.12.
Piano del suolo verticale simulato
Per una macchina che rimane immobile in una posizione capovolta il piano è
definito dall'elemento trasversale superiore della struttura di protezione e la parte
anteriore (posteriore) del trattore che probabilmente entrerà in contatto con il
terreno piano contemporaneamente alla struttura di protezione e che è in grado di
sostenere il trattore capovolto. Il piano del suolo verticale simulato si sposta con
la struttura di protezione deformata.
Nota: il piano del suolo verticale simulato si applica solo alle strutture di
protezione a due montanti.
1.13.
Massa non zavorrata
La massa del trattore senza dispositivi di zavorramento. Il trattore deve essere in ordine di
marcia e munito di serbatoi, circuiti, radiatore, struttura di protezione con rivestimento e
ogni apparecchiatura di carreggiata o componenti supplementari di trazione anteriore
necessari per l'utilizzo normale. L'operatore non è incluso.
1.14.
1.15.
Tolleranze ammesse nelle misure
Tempo:
± 0,1 s
Distanza:
± 0,5 mm
Forza:
± 0,1 % (dell'intera scala del sensore)
Angolo
± 0,1 °
Massa:
± 0,2 % (dell'intera scala del sensore)
Simboli
D
F
IT
(mm)
(N)
Deformazione della struttura
Forza
4
IT
2.
M
(kg)
U
(J)
La massa massima del trattore consigliata dal
costruttore del trattore deve essere pari o
superiore alla massa non zavorrata di cui al
punto 1.13.
Energia assorbita dalla struttura in relazione
alla massa del trattore
CAMPO DI APPLICAZIONE
Il presente allegato si applica ai trattori che si spostano su cingoli con almeno due
assi con attacchi per cingoli e le seguenti caratteristiche:
2.1.
2.2.
una massa non zavorrata del trattore di almeno 600 kg;
un'altezza libera dal suolo pari o inferiore a 600 mm, sotto il punto più basso degli
assi anteriore e posteriore.
3.
NORME E DIRETTIVE
3.1.
Regolamentazione generale
3.1.1.
La struttura di protezione può essere fabbricata dal costruttore del trattore o da
un'impresa indipendente. La prova comunque è valida solo per il tipo di trattore su
cui essa è stata effettuata. La struttura di protezione va provata nuovamente per ogni
tipo di trattore su cui viene montata. Tuttavia, il laboratorio di prova può certificare
che le prove di resistenza sono valide anche per i tipi di trattore derivati da quello
originale mediante modifiche al motore, alla trasmissione, allo sterzo e alla
sospensione anteriore (cfr. il punto 3.6. sotto: Estensione ad altri tipi di trattore).
D'altra parte, è possibile provare più di una struttura di protezione per ciascun tipo
di trattore.
3.1.2.
La struttura di protezione va presentata alla prova applicata normalmente al trattore
o al telaio di trattore, su cui è usata. Il telaio del trattore deve essere completo degli
elementi di fissaggio e delle altre parti del trattore passibili di essere sollecitate dai
carichi imposti alla struttura di protezione.
3.1.3.
La struttura di protezione può essere progettata unicamente per proteggere il
conducente in caso di ribaltamento del trattore. Su tale struttura deve essere
possibile montare una protezione dalle intemperie per il conducente, anche di
tipo temporaneo, che può essere rimossa dal conducente durante la stagione
calda. Esistono anche strutture di protezione il cui rivestimento è permanente
e la ventilazione nella stagione calda è assicurata da aperture o deflettori.
Poiché il rivestimento può aumentare la resistenza della struttura e se
smontabile può essere assente al momento di un infortunio, tutte le parti che
il conducente può asportare saranno rimosse ai fini della prova. Porte,
aperture del tetto e finestre che possano essere aperte, per la prova vanno
rimosse o fissate in posizione aperta per non aumentare la resistenza della
struttura di protezione. Va annotato se, in tale posizione, esse diano luogo a
rischi per il conducente in caso di ribaltamento.
Le norme che seguono si riferiscono solo alle prove della struttura di
IT
5
IT
protezione. È sottinteso che sono inclusi i rivestimenti permanenti.
Si deve includere nelle specifiche una descrizione di tutti i rivestimenti temporanei
forniti. Prima della prova occorre rimuovere tutti i materiali vetrosi o fragili. I
componenti del trattore e della struttura di protezione che possono subire danni
inutili durante la prova e che non influiscono sulla sua resistenza o sulle sue
dimensioni possono essere rimossi prima della prova, se il costruttore lo desidera.
Durante la prova non possono essere effettuate riparazioni o regolazioni.
3.1.4.
Nel verbale di prova si devono descrivere e indicare le misurazioni di ogni
componente del trattore che contribuisce alla forza della struttura di protezione (ad.
es. parafanghi) e che è stato rinforzato dal costruttore.
3.2.
Apparecchiatura
3.2.1.
Volume limite di deformazione
Il DLV e la sua posizione devono essere conformi alla norma ISO 3164:1995
(cfr. figura 8.3). Il DLV deve essere fissato saldamente alla stessa parte della
macchina in cui è fissato il sedile dell'operatore e deve rimanere in tale
posizione per tutto il periodo della prova ufficiale.
Per i trattori a cingoli con una massa non zavorrata inferiore a 5 000 kg,
muniti di una struttura di protezione a due montanti fissata davanti, il DLV
corrisponde alle Figure 8.4 e 8.5.
3.2.2.
Zona libera e piano di sicurezza
La zona libera di cui all'allegato VIII (definizioni, sezione 1.6) deve rimanere
coperta dal piano di sicurezza, S, conformemente alle Figure 8.2 e 8.4. Il
piano di sicurezza è definito come un piano obliquo, perpendicolare al piano
longitudinale verticale del trattore, tangente alla parte anteriore della struttura
di protezione e alla parte posteriore di uno dei seguenti elementi fissi del
trattore che evita che il piano S entri nella zona libera mediante:
un carter o un elemento rigido della parte posteriore del trattore;
le carreggiate;
una struttura fissa supplementare fissata stabilmente sulla parte posteriore
del trattore.
3.2.3.
Prova per l'elemento fisso posteriore
Se il trattore è munito di una sezione rigida, di un carter o di un altro
elemento fisso situato dietro il sedile del conducente, si ritiene che tale
elemento costituisca un punto protettivo in caso di capovolgimento laterale.
L'elemento fisso situato dietro il sedile del conducente deve essere in grado
di sopportare, senza rompersi né penetrare nella zona libera, una forza verso
il basso Fi , in cui:
Fi = 15 M
è applicata perpendicolarmente alla parte superiore del telaio nel piano
centrale del trattore. L'angolo iniziale di applicazione della forza è di 40° ed è
calcolato in rapporto a una retta parallela al suolo, come indicato nella figura
IT
6
IT
8.4. La sezione rigida deve avere una larghezza minima di 500 mm (cfr.
figura 8.5).
Tale elemento deve inoltre essere sufficientemente rigido e saldamente fissato alla
parte posteriore del trattore.
3.2.4.
Ancoraggi
Dispositivi per fissare il complesso struttura di protezione - telaio del trattore al
banco di prova, come descritto sopra, e per applicare i carichi orizzontale e verticale
(cfr. figure da 8.6 a 8.9).
3.2.5.
Strumenti di misurazione
L'apparecchiatura di prova deve essere dotata di strumenti di misurazione
della forza applicata alla struttura di protezione e della deformazione della
struttura.
Le percentuali che seguono sono valori nominali dell'accuratezza della
strumentazione e non indicano che sono necessarie altre prove di
compensazione.
Misura
Accuratezza
Deformazione della struttura di
protezione
± 5% della deformazione massima
misurata
Forza applicata alla struttura di
protezione
3.2.6.
± 5% della forza massima misurata
Esempi di applicazione del carico
Esempi di applicazione del carico sono indicati nelle Figure 8.7 e da 8.10 a 8.13
(carico laterale), nelle figure 8.8 e 8.9 (carico verticale) e nella figura 8.14 (carico
longitudinale).
IT
3.3.
Condizioni di prova
3.3.1.
La struttura di protezione deve essere conforme alle specifiche di produzione e va
montata sul telaio del tipo appropriato di trattore conformemente al metodo di
montaggio indicato dal costruttore.
3.3.2.
Il complesso struttura di protezione - telaio del trattore deve essere fissato al banco
di prova in modo che gli elementi che collegano il complesso e il banco di prova
subiscano una deformazione minima quando il carico viene applicato lateralmente
alla struttura di protezione. Durante l'applicazione del carico laterale il complesso
struttura di protezione - telaio del trattore non deve ricevere un sostegno dal banco
di prova, ad eccezione di quello dovuto al fissaggio iniziale.
3.3.3.
La struttura di protezione deve essere munita delle apparecchiature necessarie per
ottenere i dati forza-deformazione richiesti.
3.3.4.
Tutte le prove sono eseguite sulla stessa struttura di protezione. Non vanno eseguite
operazioni di riparazione o di raddrizzamento di qualsiasi elemento della struttura di
7
IT
protezione o del trattore durante l'applicazione del carico laterale e verticale.
3.3.5.
Per l'applicazione del carico laterale e longitudinale, il fissaggio al banco di prova
va effettuato attraverso la struttura principale o la carreggiata (cfr. Figure da 8.6 a
8.8).
3.3.6.
Per l'applicazione del carico verticale non vi sono limitazioni sul fissaggio o sul
supporto del complesso struttura di protezione - telaio del trattore.
3.3.7.
Una volta completate tutte le prova vanno misurate e registrate le deformazioni
permanenti della struttura di protezione.
3.4.
Procedura di prova
3.4.1.
Disposizioni generali
Le procedure di prova comprendono le operazioni descritte ai punti 3.4.2, 3.4.3 e
3.4.4 nell'ordine elencato.
3.4.2.
Applicazione del carico laterale
3.4.2.1.
Le caratteristiche forza/deformazione sono determinate applicando un carico laterale
ai principali elementi superiori longitudinali della struttura di protezione.
Per una struttura di protezione con più di due montanti, il carico laterale è applicato
mediante un dispositivo di distribuzione del carico la cui lunghezza massima è pari
o interiore all'80 per cento della lunghezza diritta dell'elemento superiore L tra i
montanti anteriore e posteriore della struttura di protezione (cfr. figure da 8.13 a
8.16). L'applicazione iniziale del carico deve avvenire nella zona che è stabilita dalla
proiezione verticale di due piani paralleli ai piani anteriore e posteriore del DLV e
ubicati 80 mm all'esterno di tali piani.
3.4.2.2.
Per una struttura di protezione con uno scherma in alto e un sistema a due montanti,
l'applicazione iniziale del carico è dettata dalla distanza longitudinale totale tra i
principali elementi superiori della struttura di protezione L e la proiezione verticale
dei piani anteriore e posteriore del DLV. Il punto di forza (carico) non deve essere
compreso nella distanza L/3 dai montanti.
Se il punto L/3 si trova tra la proiezione verticale del DLV e i montanti, il
punto di forza (carico) deve essere spostato dal montante finché non entra
nella proiezione verticale del DLV (cfr. Figure da 8.13 a 8.16). Qualsiasi
piastra di distribuzione del carico utilizzata non deve impedire o limitare la
rotazione della struttura di protezione attorno un asse verticale durante
l'applicazione del carico e non deve distribuire il carico attraverso una
distanza superiore all'80 per cento di L.
La forza va applicata ai principali elementi superiori e longitudinali, ad eccezione di
quando viene usata una struttura a montante senza lo scherma in alto a sbalzo. Per
questo tipo di struttura la forza deve essere applicata in linea con l'elemento
superiore trasversale.
IT
3.4.2.3.
La direzione iniziale della forza deve essere orizzontale e perpendicolare a un piano
verticale che passa attraverso l'asse longitudinale del trattore.
3.4.2.4.
Con la continuazione dell'applicazione del carico le deformazioni del complesso
struttura di protezione - telaio del trattore possono provocare un cambiamento di
8
IT
direzione della forza; ciò è consentito.
3.4.2.5.
Se il sedile dell'operatore non è allineato all'asse longitudinale del trattore,
l'applicazione del carico avviene contro il lato esterno più vicino al sedile.
3.4.2.6.
Per i sedili allineati all'asse, se il montaggio della struttura di protezione è tale che
vengono ottenuti rapporti di forza-deformazione dal lato destro o sinistro, il lato cui
è applicato il carico deve essere quello che sottoporrebbe il complesso struttura di
protezione - telaio del trattore ai requisiti più severi.
3.4.2.7.
Il tasso di deformazione (applicazione del carico) deve essere tale da essere
considerato statico, cioè inferiore o pari a 5 mm/s.
3.4.2.8.
Si devono registrare e tracciare la forza e la deformazione ad incrementi di
deformazione non superiori a 25 mm nel punto di applicazione del carico risultante
(Figura 8.17).
3.4.2.9.
Si deve continuare l'applicazione del carico finché la struttura di protezione non ha
raggiunto i requisiti di forza ed energia. L'area sotto la risultante curva di forzadeformazione (Figura 8.17) è l'energia.
3.4.2.10.
La deformazione usata nel calcolo dell'energia deve essere quella della struttura di
protezione lungo la linea d'azione della forza. La deformazione deve essere misurata
a metà dell'applicazione del carico.
3.4.2.11.
La deformazione eventuale di elementi usati per sostenere i dispositivi di
applicazione del carico non deve essere inclusa nelle misurazioni della
deformazione usate per il calcolo dell'assorbimento di energia.
3.4.3.
Applicazione del carico verticale
3.4.3.1.
Dopo la rimozione del carico laterale, si deve applicare un carico verticale alla parte
superiore della struttura di protezione.
3.4.3.2.
Il carico viene applicato usando una trave rigida con uno spessore di 250 mm.
3.4.3.3.
Per le strutture che hanno più di due montanti il carico verticale deve essere
applicato davanti e dietro.
3.4.3.3.1.
Applicazione del carico verticale dietro (figure 8.10, 8.11.a e 8.11.b)
3.4.3.3.1.1
3.4.3.3.1.2
IT
La trave di schiacciamento deve essere sistemata sugli elementi superiori più
arretrati della struttura di protezione; la risultante delle forze di
schiacciamento si trova nel piano verticale di riferimento. La forza di
schiacciamento è applicata e mantenuta per 5 secondi dopo la scomparsa di
qualsiasi movimento percettibile della struttura di protezione.
Se la parte posteriore del tetto della struttura di protezione non regge tutta la forza di
schiacciamento, la forza viene applicata finché il tetto si inflette fino a coincidere
con il piano che congiunge la parte superiore della struttura di protezione con la
parte posteriore del trattore in grado di sostenere il trattore in caso di
capovolgimento. L'applicazione della forza è quindi sospesa e la trave di
schiacciamento viene riposizionata sopra la parte della struttura di protezione in
grado di sostenere il trattore interamente capovolto. Si applica poi la forza di
schiacciamento.
9
IT
3.4.3.3.2.
Applicazione del carico verticale davanti (figure da 8.10 a 8.12)
3.4.3.3.2.1
La trave di schiacciamento deve essere sistemata sugli elementi superiori più
avanzati della struttura di protezione; la risultante delle forze di schiacciamento si
trova nel piano verticale di riferimento. La forza di schiacciamento F è applicata e
mantenuta per 5 secondi dopo la scomparsa di qualsiasi movimento percettibile
della struttura di protezione.
3.4.3.3.2.2
Se la parte anteriore del tetto della struttura di protezione non regge tutta la forza di
schiacciamento (figure 8.12.a e 8.12.b), la forza viene applicata finché il tetto si
inflette fino a coincidere con il piano che congiunge la parte superiore della struttura
di protezione con la parte anteriore del trattore in grado di sostenere il trattore in
caso di capovolgimento. L'applicazione della forza è quindi sospesa e la trave di
schiacciamento viene riposizionata sopra la parte della struttura di protezione in
grado di sostenere il trattore interamente capovolto. Si applica poi la forza di
schiacciamento.
3.4.3.4.
Per una struttura di protezione con un sistema a due montanti, l'applicazione
del carico verticale è dettata dalla distanza longitudinale totale tra i principali
elementi superiori della struttura di protezione L e la proiezione verticale dei
piani anteriore e posteriore del DLV. Il punto di forza (carico) deve essere a
una distanza almeno pari alla distanza L/3 dai montanti (cfr. figura 8.9).
Se il punto L/3 si trova tra la proiezione verticale del DLV e i montanti, il
punto di forza (carico) deve essere spostato dal montante finché non entra
nella proiezione verticale del DLV.
Per le strutture di protezione montate anteriormente con un sistema a due montanti e
senza uno schermo superiore, l'applicazione del carico verticale deve essere in linea
con l'elemento trasversale che collega gli elementi superiori.
3.4.4.
Applicazione del carico longitudinale
3.4.4.1.
Dopo la rimozione del carico verticale, si deve applicare un carico longitudinale alla
struttura di protezione.
3.4.4.2.
Il carico longitudinale viene applicato nella parte deformata del punto
originariamente stabilito, poiché l'applicazione del carico laterale (e
verticale) alla struttura di protezione risulterà probabilmente nella
deformazione permanente di quest'ultima. Il punto stabilito originariamente è
determinato dalla posizione del distributore del carico e dello spinotto prima
dell'esecuzione di qualsivoglia prova sulla struttura.
Il dispositivo di distribuzione del carico può coprire tutta la larghezza nei
casi in cui non esistono elementi trasversali posteriori (anteriori). In tutti gli
altri casi il dispositivo non può distribuire il carico su una lunghezza
superiore all'80% della larghezza W della struttura di protezione (cfr. figura
8.18).
IT
3.4.4.3.
Il carico longitudinale deve essere applicato agli elementi strutturali superiori della
struttura di protezione lungo l'asse longitudinale della struttura di protezione.
3.4.4.4.
La direzione del carico deve essere selezionata in modo da imporre i requisiti più
severi al complesso struttura di protezione-telaio del trattore. La direzione iniziale
10
IT
dell'applicazione del carico deve essere orizzontale e parallela all'asse longitudinale
originario del trattore. Altri fattori da prendere in considerazione per decidere la
direzione in cui applicare il carico longitudinale sono:
la posizione della struttura di protezione rispetto al DLV e l'effetto che la
deformazione longitudinale della struttura di protezione avrebbe sulla protezione
dell'operatore dallo schiacciamento;
le caratteristiche del trattore, ad es. gli altri elementi strutturali del trattore che
possono resistere alla deformazione longitudinale della struttura di protezione, che
possono limitare la direzione del componente longitudinale dell'applicazione del
carico alla struttura di protezione;
l'esperienza che potrebbe indicare la possibilità di ribaltamento longitudinale o
la tendenza di trattore di una classificazione particolare di inclinarsi quando ruota
attorno un asse longitudinale in un effettivo capovolgimento.
3.4.4.5.
Il tasso di deformazione deve essere tale che il carico possa essere considerato
statico (cfr. 3.4.2.7). L'applicazione del carico deve continuare finché la struttura
non ha raggiunto i requisiti di forza.
3.5.
Condizioni di accettazione
3.5.1.
Disposizioni generali
3.5.1.1.
Durante ogni prova nessuna parte della struttura di protezione deve entrare nel
volume limite di deformazione. Inoltre la deformazione della struttura di protezione
non deve consentire al piano del suolo simulato (definito ai punti 1.11 e 1.12) di
entrare nel DLV.
3.5.1.2.
La deformazione della struttura di protezione durante ogni prova non deve
provocare l'estensione dei piani laterali del DLV cui è applicato il carico oltre il
piano del suolo simulato o l'intersezione con quest'ultimo (cfr. figure 8.19 e 8.20).
La struttura di protezione non deve dividersi dal telaio del trattore a causa del
cedimento di quest'ultimo.
3.5.2.
Requisiti della forza-energia di carico laterale, della forza di carico verticale e della
forza di carico longitudinale
3.5.2.1.
Tali requisiti devono essere soddisfatti entro le deformazioni consentite di cui al
punto 3.5.1.1.
3.5.2.2.
La forza di carico laterale e l'energia minima assorbita devono raggiungere
almeno i livelli indicati nella tabella 8.1, dove:
F è la forza minima raggiunta durante l'applicazione del carico laterale;
M (kg) è la mass massima raccomandata dal costruttore del trattore;
U è l'energia minima assorbita durante l'applicazione del carico laterale.
Se la forza prescritta viene raggiunta prima dell'energia prescritta, la forza può
diminuire ma deve raggiungere di nuovo il livello prescritto quando l'energia
minima è raggiunta o superata.
3.5.2.3.
IT
Dopo la rimozione del carico laterale il complesso struttura di protezione-telaio del
trattore va sottoposto a una forza verticale:
11
IT
F = 20 M
per una periodo di 5 min o finché non si è conclusa l'eventuale deformazione,
a secondo di quale dei due è più breve.
3.5.2.4.
La forza del carico longitudinale deve raggiungere almeno i livelli indicati nella
tabella 8.1, dove F e M sono definiti al punto 3.5.2.2.
3.6.
Estensione ad altri tipi di trattori
3.6.1.
[Non pertinente]
3.6.2.
Estensione tecnica
Se vengono apportate modifiche tecniche al trattore, alla struttura di
protezione o al metodo di fissaggio della struttura di protezione al trattore, il
laboratorio di prova che ha effettuato la prova originaria può rilasciare un
"verbale di estensione tecnica" nei casi seguenti:
3.6.2.1.
Estensione dei risultati di prove strutturali ad altri tipi di trattori
le prove d'urto e di schiacciamento non sono necessarie per ogni tipo di
trattore, purché la struttura di protezione e il trattore soddisfino le condizioni
di cui ai punti da 3.6.2.1.1 a 3.6.2.1.5.;
3.6.2.1.1.
la struttura deve essere identica a quella sottoposta alle prove;
3.6.2.1.2.
l'energia richiesta non deve superare di oltre 5 per cento l'energia calcolata
per la prova originale;
3.6.2.1.3.
il metodo di fissaggio e i componenti del trattore che vengono fissati sono
identici;
3.6.2.1.4.
componenti come i parafanghi e il cofano, che possono servire da sostegno
alla struttura di protezione, sono identici;
3.6.2.1.5.
3.6.2.2.
la posizione e le dimensioni critiche del sedile all'interno della struttura di
protezione, nonché la posizione relativa della struttura di protezione sul
trattore, devono essere tali che il DLV rimanga protetto dalla struttura
durante le varie fasi delle prove e nonostante le deformazioni subite.
Estensione dei risultati di prove strutturali a tipi modificati di strutture di
protezione
Se le disposizioni di cui al punto 3.6.2.1 non vengono rispettate, deve essere
seguita la procedura di seguito illustrata. Tuttavia essa non va applicata se il
metodo di fissaggio della struttura di protezione al trattore è stato
profondamente modificato (ad es. sostituzione di supporti in gomma con un
dispositivo di sostegno):
3.6.2.2.1.
IT
modifiche che non incidono sui risultati della prova iniziale (ad es. il
fissaggio mediante saldatura della piastra di un accessorio in un punto non
12
IT
critico della struttura), come l'aggiunta di sedili con SIP diversi nella struttura
di protezione (con riserva di verifica che i nuovi DLV restino all'interno dello
spazio protetto dalla struttura deformata per tutta la durata delle prove);
3.6.2.2.2.
Modifiche che possono incidere sui risultati della prova originaria senza
mettere in dubbio l'accettabilità della struttura di protezione (ad es. modifica
di un componente strutturale o del metodo di fissaggio della struttura di
protezione al trattore). Può essere effettuata una prova di convalida i cui
risultati vanno inclusi nel verbale di estensione.
I limiti fissati per questo tipo di estensione sono i seguenti:
3.6.2.2.2.1.
3.6.2.2.2.2.
3.6.2.2.2.3.
3.6.2.2.3.
i risultati del test di convalida sono accettati per un'estensione se sono
soddisfatte tutte le condizioni di accettazione del presente allegato e se la
forza misurata quando il livello di energia richiesto è stato raggiunto nelle
varie prove di carico orizzontale non devia di oltre ± 7% dalla forza misurata
quando l'energia richiesta è stata raggiunta nella prova originaria e la
deformazione misurata(2) quando il livello di energia richiesto è stato
raggiunto nelle varie prove di carico orizzontale non devia di oltre ± 7% dalla
deformazione misurata quando l'energia richiesta è stata raggiunta nel
verbale di prova originario;
in un unico verbale di estensione è possibile includere più di una modifica
della struttura di protezione, purché si tratti di diverse opzioni della stessa
struttura di protezione, ma può essere accettata solo una prova di convalida.
Le opzioni non sottoposte a prova vanno descritte in un'apposita sezione del
verbale di estensione.
Aumento della massa di riferimento dichiarata dal fabbricante in una
struttura di protezione già sottoposta a prova. Se il costruttore intende
mantenere lo stesso numero di omologazione è possibile rilasciare un verbale
di estensione dopo aver effettuato una prova di convalida (i limiti di ± 7 % di
cui al punto 3.6.2.2.2.2 non sono applicabili in questo caso).
3.7.
[Non pertinente]
3.8.
Funzionamento delle strutture di protezione a basse temperature
3.8.1.
3.8.2.
IT
senza prova di convalida possono essere accettate non più di 5 estensioni;
Il costruttore, se dichiara che la struttura di protezione è particolarmente
resistente alla fragilizzazione a basse temperature, deve fornire dati da
includere nel verbale.
Le procedure e i requisiti seguenti sono destinati a rafforzare la struttura e a
renderla resistente alle fratture da fragilizzazione a basse temperature. Si
propone di applicare le seguenti prescrizioni minime relative ai materiali per
valutare la capacità di una struttura di protezione di funzionare a basse
temperature nei paesi che richiedono questa ulteriore protezione di
funzionamento.
13
IT
3.8.2.1.
3.8.2.2.
3.8.2.3.
I bulloni e i dadi utilizzati per fissare la struttura di protezione al trattore e
per unire le sue parti strutturali devono dimostrare adeguate proprietà di
resistenza alle basse temperature, che vanno debitamente verificate.
Tutti gli elettrodi per saldatura utilizzati nella fabbricazione di elementi
strutturali e supporti devono essere compatibili con i materiali utilizzati per la
struttura di protezione come indicato al punto 3.8.2.3.
I materiali in acciaio utilizzati per gli elementi strutturali della struttura di
protezione devono essere caratterizzati da una particolare resistenza, da
sottoporre a verifica, e dimostrare un livello minimo prescritto di energia
d'urto secondo la prova Charpy con intaglio a V, come indicato nella tabella
8.2. Il tipo e la qualità dell'acciaio sono precisati conformemente alla norma
ISO 630:1995; Amd1:2003.
Un acciaio con uno spessore grezzo di laminazione inferiore a 2,5 mm e un
tenore di carbonio inferiore allo 0,2% è considerato conforme a quanto
prescritto.
Gli elementi strutturali della struttura di protezione costituiti da materiali
diversi dall'acciaio devono dimostrare un'equivalente resistenza agli urti a
basse temperature.
3.8.2.4.
3.8.2.5.
3.8.2.6.
3.8.2.7.
Nella prova Charpy con intaglio a V relativa al livello di energia d'urto
prescritto, le dimensioni del campione non devono essere inferiori alla
dimensione maggiore tra quelle elencate nella tabella 8.2, per quanto
consentito dal materiale.
Le prove Charpy con intaglio a V sono effettuate secondo la procedura
descritta dalla norma ASTM A 370-1979, tranne per quanto riguarda le
dimensioni dei campioni, che devono essere conformi a quelle indicate nella
tabella 8.2.
Un'alternativa a questa procedura è l'impiego di acciaio calmato o
semicalmato, per il quale deve essere fornita una specifica adeguata. Il tipo e
la qualità dell'acciaio sono precisati conformemente alla norma ISO
630:1995; Amd1:2003
I campioni devono essere longitudinali e prelevati dai materiali che saranno
utilizzati nella struttura di protezione, piatti, a sezione tubolare o di base,
prima della formatura o della saldatura. I campioni a sezione tubolare o di
base vanno prelevati dalla parte centrale nel lato con le dimensioni maggiori
e non devono contenere saldature.
Massa della
macchina, M
IT
Forza
di
Forza di carico Energia di carico
Forza di carico
carico
laterale, F
laterale, U
longitudinale, F
vertica
le, F
14
IT
kg
N
J
N
N
800<M≤463
0
6M
13000(M/10000)1,
20M
4,8M
4630<M≤59 70000(M/10000) 13000(M/10000
1,2
500
)1,25
20M
56000(M/10000)
25
M>59500
10M
2,03M
1,2
20M
8M
Tabella 8.1
1.1.1.
Equazioni della forza e dell'energia
Dimensioni del campione
IT
Energia a
Energia a
- 30 °C
- 20 °C
mm
J
Jb)
10 x 10a)
11
27,5
10 x 9
10
25
10 x 8
9,5
24
10 x 7,5a)
9,5
24
10 x 7
9
22,5
10 x 6,7
8,5
21
10 x 6
8
20
10 x 5a)
7,5
19
10 x 4
7
17,5
10 x 3,5
6
15
10 x 3
6
15
10 x 2,5a)
5,5
14
15
IT
Tabella 8.2
Livello minimo dell'energia d'urto secondo la prova Charpy con intaglio a V
a) Indica la dimensione preferita. La dimensione del campione non è
inferiore alla dimensione maggiore preferita che il materiale consente.
b) L'energia richiesta a – 20 °C è pari a 2,5 volte il valore specificato per –
30 °C. Altri fattori influenzano l'intensità dell'energia d'urto, quali il senso
di laminazione, il limite di snervamento, l'orientamento dei grani e la
saldatura. Al momento della scelta e dell'utilizzo dell'acciaio tali fattori
vanno presi in considerazione.
IT
16
IT
Figura 8.1
Apparecchiatura per la determinazione del punto indice del sedile (SIP)
IT
17
IT
Figura 8.2
Intrusione del piano del suolo simulato nel DLV
VSGP
DLV
IT
18
IT
Figura 8.3
Volume limite di deformazione (DLV)
Figura 8.4
Struttura di protezione montata anteriormente con due montanti, vista laterale
Volume limite di deformazione (DLV)
IT
19
IT
IT
20
IT
Figura 8.5
Struttura di protezione montata anteriormente con due montanti, vista posteriore
Volume limite di deformazione (DLV)
415 MIN
SIP
IT
21
IT
Figura 8.6
Esempio tipico di fissaggio della struttura di protezione al telaio del trattore
Non a contatto con il banco di prova
Figura 8.7
Esempio tipico di applicazione del carico laterale alla struttura di protezione
Spinotto
Distributore del carico
Bloccato per
prevenire la
deformazione
IT
Blocchi contro
entrambe le
carreggiate
22
IT
Figura 8.8
Esempio tipico di fissaggio del telaio del trattore e di applicazione del carico verticale
Figura 8.9
Esempio tipico di applicazione del carico verticale alla struttura di protezione
Barra verticale di carico
Bloccati per prevenire
l'oscillazione
IT
Bloccati contro entrambe le
carreggiate
23
IT
Figura 8.10
Esempio di prova di schiacciamento
Trave di schiacciamento
Giunti universali
Carico
Carico
Cilindro
idraulico
Giunti
universali
Blocchi sotto gli assi anteriore e posteriore
IT
24
IT
Figura 8.11
Posizione della trave per le prove di schiacciamento anteriore e posteriore
cabina di sicurezza e roll-bar posteriore
Posizione della trave per la prova di
schiacciamento posteriore
Posizione della trave per la prova
di schiacciamento anteriore
Figura 8.11.a Cabina di sicurezza
Figura 8.11.b Roll-bar posteriore
IT
25
IT
IT
26
IT
Figura 8.12
Posizione della trave per la prova di schiacciamento anteriore
se la forza di schiacciamento non è retta dalla parte anteriore
Seconda posizione della trave per la prova di schiacciamento
anteriore dove la parte anteriore del tetto non sosterrà tutta la
forza di schiacciamento
Piano del suolo immaginario
Parte del trattore in grado di reggere la
massa del trattore capovolto
Figura 8.12.a Cabina di sicurezza
Figura 8.12.b Roll-bar posteriore
IT
27
IT
Figura 8.13 e 8.14
Struttura con sistema a quattro montanti
Dispositivi di distribuzione del carico, carico laterale
max.
max.
Forza
Forza
Spinotto
Distributore del
carico
max.
Forza
Distributore del carico
Spinotto
Il distributore del carico e gli spinotti sono usati per prevenire la penetrazione locale e per
fissare il dispositivo di generazione del carico
IT
28
IT
Figura 8.15
Struttura con un sistema con più di quattro montanti
Dispositivo di distribuzione del carico, carico laterale
DLV
dietro
DLV
davanti
0,8 L max
Forza
Spinotto
Distributore del
carico
Zona di carico
DLV
davanti
DLV
dietro
Il distributore del carico e lo spinotto sono usati per prevenire la penetrazione e per fissare il
dispositivo di generazione del carico
Figura 8.16
Struttura con sistema a due montanti
Dispositivo di distribuzione del carico, carico laterale
Distributore del carico
Forza
max.
Spinotto
Asse di localizzazione (LA) del DLV
Il distributore del carico e lo spinotto sono usati per prevenire la penetrazione e per fissare il
dispositivo di generazione del carico
IT
29
IT
Figura 8.17
Forza
Curva di forza-deformazione per le prove di applicazione del carico
Deformazione
Energia
Per ottenere l'energia in joule dividere l'area sotto la curva di forza-deformazione per 1000.
IT
30
IT
Figura 8.18
Punto di applicazione del carico longitudinale
Parallelo alla linea centrale longitudinale del trattore
0,8 W max
Distributore del carico
Spinotto
IT
31
IT
Figura 8.19
Applicazione del volume limite di deformazione (DLV) determinazione del piano del suolo laterale simulato (SGP)
Nota: Cfr. punto 1.11 per i significati delle lettere da a ad e.
IT
32
IT
Figura 8.20
Rotazione consentita del DLV superiore sull'asse di localizzazione (LA)
15º max
Asse di
localizzazione
IT
33
IT
________________________
Noti esplicative dell'allegato VII
(1)
(2)
IT
Salvo disposizioni contrarie, il testo dei requisiti e la numerazione di cui alla lettera B sono identici
al testo e alla numerazione del codice standard OCSE relativo alle prove ufficiali delle strutture di
protezione montate sui trattori a cingoli agricoli e forestali, codice OCSE 8, edizione 2015, luglio
2014.
Deformazioni permanente + elastica misurate nel punto in cui viene raggiunto il livello di energia
richiesto.
34
IT
ALLEGATO VIII
Requisiti applicabili alle strutture di protezione antiribaltamento (prove statiche)
A.
1.
B.
1.
1.1.
1.2.
Disposizioni generali
I requisiti dell'Unione applicabili alle strutture di protezione antiribaltamento (prove
statiche) sono stabiliti nella lettera B.
Requisiti applicabili alle strutture di protezione antiribaltamento (prove
statiche)(1)
DEFINIZIONI
[Non pertinente]
Strutture di protezione antiribaltamento (ROPS)
Per struttura di protezione antiribaltamento (a cabina o a telaio di protezione), di
seguito denominata "struttura di protezione", si intendono i dispositivi installati sul
trattore aventi essenzialmente lo scopo di evitare ovvero limitare i rischi per il
conducente in caso di ribaltamento del trattore durante il normale utilizzo.
La struttura di protezione antiribaltamento fornisce lo spazio per una zona libera
sufficientemente ampia da proteggere il conducente seduto all'interno dell'involucro del
dispositivo o in uno spazio delimitato da una serie di rette tangenti ai bordi esterni della
struttura e a qualsiasi parte del trattore che può entrare in contatto con il terreno piano
ed è in grado di sostenere il trattore in tale posizione in caso di capovolgimento.
1.3.
1.3.1.
Carreggiata
Definizione preliminare: piano mediano della ruota o della carreggiata
Il piano mediano della ruota o della carreggiata è equidistante dai due piani che
comprendono la periferia dei cerchioni o delle carreggiate nei loro bordi esterni.
1.3.2.
Definizione della carreggiata
Il piano verticale che passa per l'asse delle ruote interseca il piano mediano lungo una
retta che in un punto incontra la superficie di sostegno. Se A e B sono i due punti così
definiti delle ruote che si trovano sullo stesso asse del trattore, la larghezza della
carreggiata è costituita dalla distanza tra i punti A e B. La carreggiata può così essere
definita sia per le ruote anteriori che per quelle posteriori. In caso di ruote gemellate, la
carreggiata è costituita dalla distanza tra due piani, ciascuno dei quali è il piano
mediano delle coppie di ruote.
Per i trattori a cingoli la carreggiata è costituita dalla distanza tra i piani mediani delle
carreggiate.
IT
35
IT
1.3.3.
Definizione supplementare: piano mediano del trattore
Si considerano le posizioni estreme dei punti A e B nell'asse posteriore del trattore per
ottenere il valore massimo della carreggiata. Il piano verticale perpendicolare al
segmento AB nel suo punto centrale costituisce il piano mediano del trattore.
1.4.
Interasse
Distanza tra i piani verticali che passano per i due segmenti AB sopra definiti, uno per
le ruote anteriori e uno per le ruote posteriori.
1.5.
Determinazione del punto indice del sedile; posizione e regolazione del sedile ai
fini delle prove
1.5.1.
Punto indice del sedile (SIP)(2)
Il punto indice del sedile è determinato conformemente alla norma ISO 5353:1995.
1.5.2.
Posizione e regolazione del sedile ai fini delle prove
1.5.2.1.
se la posizione del sedile è regolabile, il sedile deve essere regolato nella sua posizione
più arretrata.
1.5.2.2.
se l'inclinazione dello schienale è regolabile, deve essere regolata nella posizione
mediana;
1.5.2.3.
se il sedile è dotato di sospensione, quest'ultima va fissata nella posizione intermedia,
tranne in caso di esplicite istruzioni contrarie da parte del costruttore;
1.5.2.4.
se la posizione del sedile è regolabile unicamente in lunghezza e in altezza, l'asse
longitudinale che passa per il punto indice del sedile deve essere parallelo al piano
longitudinale verticale del trattore che passa per il centro del volante con una
deviazione laterale non superiore a 100 mm.
1.6.
Zona libera
1.6.1.
Piano di riferimento per il sedile e il volante
La zona libera, illustrata nelle figure da 4.11 a 4.13 e nella tabella 4.2., è definita in
rapporto al piano di riferimento e al punto indice del sedile. Il piano di riferimento è
definito all'inizio della serie di cariche; esso è un piano verticale, generalmente
longitudinale rispetto al trattore, che passa per il punto indice del sedile e per il centro
del volante. Di norma il piano di riferimento coincide con il piano mediano
longitudinale del trattore. Si suppone che il piano di riferimento si sposti
orizzontalmente con il sedile e il volante durante l'applicazione del carico, rimanendo
però perpendicolare al trattore o alla base della struttura di protezione antiribaltamento.
La zona libera è definita conformemente ai punti 1.6.2 e 1.6.3.
1.6.2.
Determinazione della zona libera per trattori con sedili non reversibili
La zona libera per trattori con sedili non reversibili è definita ai punti da 1.6.2.1 a
1.6.2.10 ed è delimitata dai seguenti piani, con il trattore posto su una superficie
orizzontale, il sedile regolato e fissato secondo i punti da 1.5.2.1 a 1.5.2.4(2) e il volante,
se regolabile, posto nella posizione mediana per un conducente seduto:
1.6.2.1.
IT
un piano orizzontale A1 B1 B2 A2, (810 + av) mm sopra il punto indice del sedile con la
36
IT
linea B1B2 ubicata (ah - 10) mm dietro il SIP;
1.6.2.2.
un piano inclinato G1 G2 I2 I1, perpendicolare al piano di riferimento, compresi un
punto 150 mm dietro la linea B1B2 e il punto più arretrato dello schienale del sedile;
1.6.2.3.
una superficie cilindrica A1 A2 I2 I1perpendicolare al piano di riferimento, con raggio di
120 mm e tangente ai piani definiti ai punti 1.6.2.1. e 1.6.2.2.;
1.6.2.4.
una superficie cilindrica B1 C1 C2 B2, perpendicolare al piano di riferimento, con un
raggio di 900 mm, che si estende in avanti di 400 mm ed è tangente al piano definito al
punto 1.6.2.1., lungo la linea B1B2;
1.6.2.5.
un piano inclinato C1 D1 D2 C2, perpendicolare al piano di riferimento, contiguo alla
superficie definita al punto 1.6.2.4. e che passa a 40 mm dal bordo anteriore esterno del
volante. Se il volante è in posizione elevata, tale piano si estende in avanti partendo
dalla linea B1B2 ed è tangente alla superficie definita al punto 1.6.2.4.;
1.6.2.6.
un piano verticale D1 E1 E2 D2, perpendicolare al piano di riferimento e situato 40 mm
davanti al bordo esterno del volante;
1.6.2.7.
un piano orizzontale E1 F1 F2 E2 che passa per un punto (90 - av) mm sotto il punto
indice del sedile;
1.6.2.8.
una superficie G1 F1 F2 G2, curva se necessario, che si estende dal limite inferiore del
piano definito al punto 1.6.2.2 fino al piano orizzontale di cui al punto 1.6.2.7
risultando perpendicolare al piano di riferimento e a contatto con lo schienale del sedile
per tutta la sua lunghezza;
1.6.2.9.
piani verticali J1 E1 F1 G1 H1 e J2 E2 F2 G2 H2. Questi piani verticali si estendono verso
l'alto dal piano E1 F1 F2 E2 per 300 mm; le distanze E1 E0 e E2 E0 sono pari a 250 mm;
1.6.2.10.
piani paralleli A1 B1 C1 D1 J1 H1 I1 e A2 B2 C2 D2 J2 H2 I2 inclinati in modo che il
bordo superiore del piano sul lato in cui si applica la forza si trovi almeno a 100 mm
dal piano di riferimento verticale.
1.6.3.
Determinazione della zona libera per trattori con posto di guida reversibile
Per i trattori con posto di guida reversibile (sedile e volante reversibili), la zona libera
consiste nello spazio che circonda le due zone libere definite dalle due diverse
posizioni del volante e del sedile.
IT
1.6.4.
Sedili aggiuntivi
1.6.4.1.
Nel caso di trattori che potrebbero essere dotati di sedili aggiuntivi, durante le prove
viene utilizzato lo spazio che comprende i punti indice del sedile relativi a tutte le
opzioni proposte. La struttura di protezione non può penetrare nella zona libera più
ampia che tiene conto di questi diversi punti indice del sedile.
1.6.4.2.
Se dopo l'esecuzione della prova viene proposto una nuova opzione per i sedili, si
procede a verificare se la zona libera che circonda il nuovo SIP rientra nello spazio
precedentemente stabilito. In caso contrario occorre effettuare una nuova prova.
1.6.4.3.
Il sedile aggiuntivo non include un posto a sedere per una persona in aggiunta al
conducente e in una posizione in cui il trattore non può essere controllato. Il SIP non è
determinato perché la definizione della zona libera è determinata in relazione al sedile
37
IT
del conducente.
1.7.
Massa
1.7.1.
Massa non zavorrata
La massa del trattore senza dispositivi di zavorramento e, nel caso dei trattori con
pneumatici, senza liquido di zavorramento nei pneumatici. Il trattore deve essere in
ordine di marcia e munito di serbatoi, circuiti, radiatore, struttura di protezione con
rivestimento e ogni apparecchiatura di carreggiata o componenti supplementari di
trazione anteriore necessari per l'utilizzo normale. L'operatore non è incluso.
1.7.2.
Massa massima ammissibile
La massa massima del trattore indicata dal costruttore come tecnicamente ammissibile
e dichiarata nella targhetta identificava del veicolo e/o nel manuale d'uso;
1.7.3.
Massa di riferimento
La massa selezionata dal costruttore per il calcolo dell'energia immessa e delle forze di
schiacciamento da utilizzare per le prove. Non deve essere inferiore alla massa non
zavorrata e deve essere sufficiente a garantire che il rapporto di massa non sia
superiore a 1,75 (cfr. punto 1.7.4).
Rapporto di massa
1.7.4.
Il rapporto
non deve essere superiore a 1,75.
1.8.
Tolleranze ammesse nelle misure
Tempo
Distanza
Forza
Angolo
Massa
1.9.
IT
± 0,1 s
± 0,5 mm
± 0,1 % (dell'intera scala del sensore)
± 0,1°
± 0,2 % (dell'intera scala del sensore)
Simboli
ah
av
D
(mm)
(mm)
(mm)
D'
EIS
EIL1
EIL2
(mm)
(J)
(J)
(J)
F
Fmax
(N)
(N)
F'
M
(N)
(kg)
Regolazione orizzontale del sedile a metà
Regolazione verticale del sedile a metà
Deformazione della struttura di protezione nel punto di applicazione del
carico lungo l'asse di applicazione
Deformazione della struttura di protezione per l'energia calcolata richiesta
Energia immessa, da assorbire durante l'applicazione del carico laterale
Energia immessa, da assorbire durante l'applicazione del carico longitudinale
Energia immessa, da assorbire nel caso di una seconda applicazione del
carico longitudinale
Forza di carico statico
Massima forza di carico statico sviluppata durante l'applicazione del carico,
eccettuato il sovraccarico
Forza per l'energia calcolata richiesta
Massa di riferimento usata per calcolare l'immissione di energia e le forze di
schiacciamento
38
IT
2.
CAMPO DI APPLICAZIONE
2.1.
Il presente allegato è applicabile ai trattori con almeno due assi per ruote munite di
pneumatici o con cingoli e con una massa non zavorrata di almeno 600 kg. Il rapporto
di massa (massa massima ammissibile/massa di riferimento) non deve essere superiore
a 1,75.
2.2.
La carreggiata minima delle ruote posteriori deve essere generalmente superiore a 1
150 mm. Si riconosce che possono esistere tipi di trattori, ad esempio tosaerba, trattori
a carreggiata stretta per vigneti, trattori a basso profilo per l'uso in edifici con uno
spazio libero in altezza limitato o in frutteti, trattori con spazio libero in altezza e
macchine progettate appositamente per usi forestali, quali le macchine a strascico
(skidder) o autocaricanti (forwarder) per l'esbosco, cui non è applicabile il presente
allegato.
3.
3.1.
3.1.1.
3.1.2.
NORME E DIRETTIVE
Regolamentazione generale
La struttura di protezione può essere fabbricata dal costruttore del trattore o da
un'impresa indipendente. La prova comunque è valida solo per il tipo di trattore su cui
essa è stata effettuata. La struttura di protezione va provata nuovamente per ogni tipo di
trattore su cui viene montata. Tuttavia, il laboratorio di prova può certificare che le
prove di resistenza sono valide anche per i tipi di trattore derivati da quello originale
mediante modifiche al motore, alla trasmissione, allo sterzo e alla sospensione
anteriore. D'altra parte, è possibile provare più di una struttura di protezione per
ciascun tipo di trattore.
La struttura di protezione va presentata alla prova statica applicata normalmente al
trattore o al telaio del trattore su cui è usata. Il telaio del trattore deve essere completo
degli elementi di fissaggio e delle altre parti del trattore passibili di essere sollecitate
dai carichi imposti alla struttura di protezione.
3.1.3.
Nel caso di un trattore doppio, si deve usare la massa della versione standard del pezzo
cui è applicata la struttura di protezione.
3.1.4.
La struttura di protezione può essere progettata unicamente per proteggere il
conducente in caso di ribaltamento del trattore. Su tale struttura deve essere possibile
montare una protezione dalle intemperie per il conducente, anche di tipo temporaneo.
Durante la stagione calda, il conducente di solito lo toglierà. Esistono anche strutture di
protezione il cui rivestimento è permanente e la ventilazione nella stagione calda è
assicurata da aperture o deflettori. Poiché il rivestimento può aumentare la resistenza
della struttura e se smontabile può essere assente al momento di un infortunio, tutte le
parti che il conducente può asportare saranno rimosse ai fini della prova. Porte,
aperture del tetto e finestre che possano essere aperte, per la prova vanno rimosse o
fissate in posizione aperta per non aumentare la resistenza della struttura di protezione.
Va annotato se, in tale posizione, esse diano luogo a rischi per il conducente in caso di
ribaltamento.
Le norme che seguono si riferiscono solo alle prove della struttura di protezione. È
sottinteso che sono inclusi i rivestimenti permanenti.
IT
39
IT
Si deve includere nelle specifiche una descrizione di tutti i rivestimenti temporanei
forniti. Prima della prova occorre rimuovere tutti i materiali vetrosi o fragili. I
componenti del trattore e della struttura di protezione che possono subire danni inutili
durante la prova e che non influiscono sulla sua resistenza o sulle sue dimensioni
possono essere rimossi prima della prova, se il costruttore lo desidera. Durante la prova
non possono essere effettuate riparazioni o regolazioni.
3.1.5.
3.2.
Nel verbale di prova si devono descrivere e indicare le misurazioni di ogni componente
del trattore che contribuisce alla forza della struttura di protezione (ad. es. parafanghi) e
che è stato rinforzato dal costruttore.
Apparecchiatura
Per verificare non vi siano state interferenze con la zona libera durante la prova si
devono usare i mezzi descritti al punto 1.6, figure da 4.11 a 4.13 e nella tabella 4.2.
3.2.1.
Prove di carico orizzontale (figure da 4.1 a 4.5)
Quanto segue va utilizzato nelle prove di carico orizzontale:
3.2.1.1.
materiale, attrezzatura e ancoraggi atti a fissare saldamente il telaio del trattore al suolo
in modo che sia sostenuto senza i pneumatici;
3.2.1.2.
dispositivo di applicazione di una forza orizzontale alla struttura di protezione. Occorre
far sì che il carico sia distribuito in modo uniforme, nella direzione del carico;
3.2.1.2.1.
si deve utilizzare una trave di lunghezza non inferiore a 250 mm e non superiore a 700
mm, in esatti multipli di 50 mm. La trave deve avere una dimensione verticale di 150
mm;
3.2.1.2.2.
i bordi della trave che si trovano a contatto con la struttura di protezione devono essere
convessi, con un raggio non superiore a 50 mm;
3.2.1.2.3.
si devono inserire giunti universali o mezzi equivalenti affinché il dispositivo di carico
non faccia ruotare o traslare la struttura in una direzione diversa dalla direzione di
carico;
3.2.1.2.4.
se la retta definita dalla trave appropriata sulla struttura di protezione non è
normalmente nella direzione dell'applicazione del carico, è necessario frapporre
un'adatta zeppa in modo da distribuire il carico su tutta la lunghezza;
3.2.1.3.
attrezzatura per misurare la forza e la deformazione nella direzione del carico, relativa
al telaio del trattore. Per garantire la precisione le misurazioni vanno prese con letture
continue. I dispositivi di misurazione devono essere posizionati in modo da registrare
la forza e la deformazione nel punto di e lungo la linea di applicazione del carico.
3.2.2.
Prove di schiacciamento (figure da 4.6 a 4.8)
Quanto segue va utilizzato nelle prove di schiacciamento:
3.2.2.1.
IT
materiale, attrezzatura e ancoraggi atti a fissare saldamente il telaio del trattore al suolo
in modo che sia sostenuto senza i pneumatici;
40
IT
3.2.2.2.
3.2.2.3.
3.3.
3.3.1.
3.3.2.
3.3.3.
3.3.4.
3.3.5.
3.3.6.
3.4.
dispositivo di applicazione di una forza verso il basso alla struttura di protezione,
inclusa una trave rigida con uno spessore di 250 mm;
attrezzatura per misurare la forza verticale totale applicata.
Condizioni di prova
La struttura di protezione deve essere conforme alle specifiche di produzione e va
montata sul telaio del tipo appropriato di trattore conformemente al metodo di
montaggio indicato dal costruttore.
Il complesso deve essere fissato al banco di prova in modo che i relativi elementi di
collegamento del complesso e del banco di prova non subiscano, rispetto alla struttura
di protezione, deformazioni significative sotto carico. Tale complesso non deve
ricevere sostegni sotto carico diversi da quello dovuto al fissaggio iniziale.
Se possibile, si deve scegliere un'impostazione regolabile per la larghezza delle ruote o
dei cingoli in modo da evitare interferenze con la struttura di protezione durante le
prove.
La struttura di protezione deve essere munita delle apparecchiature necessarie per
ottenere i dati forza-deformazione richiesti.
Tutte le prove sono eseguite sulla stessa struttura di protezione. Non vanno eseguite
operazioni di riparazione o di raddrizzamento degli elementi tra le diverse fasi delle
prove.
Una volta completate tutte le prova vanno misurate e registrate le deformazioni
permanenti della struttura di protezione.
Sequenza delle prove
Le prove vanno eseguite nella sequenza seguente:
3.4.1.
Applicazione del carico longitudinale
Per un trattore con ruote con almeno il 50% della massa sull'asse posteriore e per i
trattori a cingoli il carico longitudinale viene applicato dietro. Per gli altri trattori, il
carico longitudinale viene applicato davanti.
3.4.2.
Prima prova di schiacciamento
La prima prova di schiacciamento viene effettuata sulla stessa estremità della struttura
di protezione sulla quale è stato applicato il carico longitudinale.
3.4.3.
Carico laterale
Qualora il sedile non sia situato nel piano mediano o nel caso di una struttura di
protezione a resistenza non simmetrica, il carico laterale viene applicato sul lato in cui
IT
41
IT
può verificarsi più facilmente un'interferenza con la zona libera.
3.4.4.
Seconda prova di schiacciamento
La seconda prova di schiacciamento viene effettuata sull'estremità della struttura di
protezione opposta a quella su cui è stato applicato il primo carico longitudinale. Nel
caso di strutture a due montanti, la seconda prova di schiacciamento può essere
effettuata nello stesso punto della prima prova di schiacciamento.
3.4.5.
3.4.5.1.
Secondo carico longitudinale
Un secondo carico longitudinale va applicato ai trattori muniti di una struttura di
protezione pieghevole (due montanti) o inclinabile (non con due montanti), se sussiste
una delle condizioni seguenti:
piegamento temporaneo per condizioni di funzionamento particolari;
strutture progettate per essere inclinate durante il funzionamento, a meno che il
meccanismo di inclinazione non sia indipendente dall'integrità strutturale della struttura
di protezione antiribaltamento.
3.4.5.2.
3.5.
3.5.1.
3.5.1.1.
Per le strutture di protezione pieghevoli, se il primo carico longitudinale è stato
applicato nella direzione di piegamento non è necessario applicare un secondo carico
longitudinale.
Carichi orizzontali posteriore, anteriore e laterale
Disposizioni generali
Il carico applicato alla struttura di protezione deve essere distribuito uniformemente
mediante una trave rigida, normalmente nella direzione di applicazione del carico (cfr.
punto 3.2.1.2). La trave rigida può essere munita di un dispositivo che le impedisca di
slittare lateralmente. Il tasso di applicazione del carico deve essere tale da essere
considerato statico. Mentre viene applicato il carico si devono registrare la forza e la
deformazione in modo continuo per garantire la precisione. Una volta iniziata
l'applicazione, il carico non deve essere ridotto sino al completamento della prova. La
direzione della forza applicata deve essere entro i seguenti limiti:
all'inizio della prova, a carico nullo: ± 2°;
nel corso della prova, sotto carico: 10° sopra e 20° sotto l'orizzontale.
Il tasso di applicazione del carico è considerato statico se il tasso di deformazione sotto
carico è pari o inferiore a 5 mm/s.
3.5.1.2.
3.5.2.
Se nel punto di applicazione del carico non esistono elementi strutturali, si può
utilizzare una trave sostitutiva di prova, che non aumenti tuttavia la resistenza.
Carico orizzontale (figure 4.1 e 4.2)
Il carico viene applicato orizzontalmente e parallelamente al piano mediano del
trattore. Se il carico è applicato dietro (punto 3.4.1), il carico longitudinale e il carico
laterale vanno applicati su lati diversi del piano mediano del trattore. Se il carico
IT
42
IT
longitudinale è applicato davanti, deve essere sullo stesso lato del carico laterale.
Esso viene applicato sulla traversa superiore della struttura di protezione (ossia alla
parte che dovrebbe per prima urtare il suolo in caso di capovolgimento).
Il punto di applicazione del carico si situa a un sesto della larghezza della parte
superiore della struttura di protezione, misurato verso l'interno a partire dall'angolo
esterno. La larghezza della struttura di protezione deve corrispondere alla distanza tra
due parallele al piano mediano del trattore tangenti le estremità esterne della struttura
di protezione sul piano orizzontale tangente alla faccia superiore delle traverse
superiori.
Se il ROPS è formato di elementi curvi e non esistono angoli appropriati, si applica la
seguente procedura generale per determinare W. Il responsabile della prova deve
identificare l'elemento curvo che dovrebbe per prima urtare il suolo in caso di
capovolgimento asimmetrico posteriore o anteriore (ossia un ribaltamento in avanti o in
dietro dove un lato del ROPS dovrebbe sostenere il carico iniziale). Le estremità di W
sono i punti mediani dei raggi esterni creati tra altri elementi diritti o curvi che formano
la parte superiore della struttura ROPS. Se si possono scegliere diversi elementi curvi,
il responsabile della prova deve stabilire le linee del suolo per ogni elemento possibile
in modo da determinare quale superficie urterà per prima il suolo. Cfr. figure 4.3 a) e b)
per gli esempi.
NOTA: Nel caso di elementi curvi si deve considerare solo la larghezza all'estremità
della struttura cui si applicherà il carico longitudinale.
La lunghezza del dispositivo di distribuzione del carico (cfr. 3.2.1.2) non deve essere
inferiore a un terzo della larghezza della struttura di protezione e non superiore di oltre
49 mm a questo valore minimo.
Si deve bloccare l'applicazione del carico longitudinale quando:
3.5.2.1.
l'energia assorbita dalla struttura di protezione è superiore o pari all'energia immessa
necessaria, EIL1 dove:
EIL1 = 1,4 M
3.5.2.2.
3.5.3.
la struttura di protezione interferisce con la zona libera o lascia la zona libera senza
protezione (condizione di accettazione di cui al punto 3.8).
Carico laterale (figure 4.4 e 4.5)
Il carico orizzontale viene applicato orizzontalmente a 90° al piano mediano del
trattore. Esso è applicato applicato all'estremità superiore della struttura di protezione a
un punto (160 - ah) mm davanti al punto indice del sedile.
Per i trattori con posto di guida reversibile (sedile e volante reversibili) è applicato
all'estremità superiore della struttura di protezione nel punto mediano tra i due punti
indice del sedile.
Se è chiaro che un elemento particolare qualsiasi della struttura di protezione urterà per
primo il suolo quando il trattore si capovolge lateralmente, il carico è applicato a tal
punto, purché ciò consenta una distribuzione uniforme del carico come specificato al
punto 3.5.1.1. Nel caso di una struttura di protezione a due montanti, il carico laterale è
applicato all'elemento strutturale laterale più in alto, indipendentemente del punto
indice del sedile.
IT
43
IT
Le specifiche per la trave di distribuzione del carico sono indicate al punto 3.2.1.2.1.
Si deve bloccare l'applicazione del carico laterale quando:
3.5.3.1.
l'energia assorbita dalla struttura di protezione è superiore o pari all'energia necessaria
EIS , dove
EIS = 1,75 M
3.5.3.2.
3.6.
3.6.1.
3.6.1.1.
la struttura di protezione interferisce con la zona libera o lascia la zona libera senza
protezione (condizione di accettazione di cui al punto 3.8).
Prove di schiacciamento
Schiacciamento posteriore (figure 4.6 e da 4.7.a a 4.7.e)
La trave di schiacciamento deve essere sistemata sull'elemento superiore più arretrato
della struttura di protezione; la risultante delle forze di schiacciamento si troverà nel
piano verticale di riferimento del trattore. La forza di schiacciamento F viene applicata
dove:
F = 20 M.
Questa forza è mantenuta per 5 secondi dopo la scomparsa di qualsiasi movimento
percettibile della struttura di protezione.
3.6.1.2.
3.6.2.
3.6.2.1.
Se la parte posteriore del tetto della struttura di protezione non regge tutta la forza di
schiacciamento, la forza viene applicata finché il tetto si inflette fino a coincidere con il
piano che congiunge la parte superiore della struttura di protezione con la parte
posteriore del trattore in grado di sostenere il trattore in caso di capovolgimento.
L'applicazione della forza è quindi sospesa e la trave di schiacciamento viene
riposizionata sopra la parte della struttura di protezione in grado di sostenere il trattore
interamente capovolto. Si applica poi la forza di schiacciamento F = 20 M .
Schiacciamento anteriore (figure da 4.6 a 4.8)
La trave di schiacciamento deve essere sistemata sugli elementi superiori più avanzati
della struttura di protezione; la risultante delle forze di schiacciamento si troverà nel
piano verticale di riferimento del trattore. La forza di schiacciamento F viene applicata
dove:
F = 20 M.
Questa forza è mantenuta per 5 secondi dopo la scomparsa di qualsiasi movimento
percettibile della struttura di protezione.
3.6.2.2.
IT
Se la parte anteriore del tetto della struttura di protezione non regge tutta la forza di
schiacciamento (figure 4.8.a e 4.8.b), a forza viene applicata finché il tetto si inflette
fino a coincidere con il piano che congiunge la parte superiore della struttura di
protezione con la parte anteriore del trattore in grado di sostenere il trattore in caso di
capovolgimento. L'applicazione della forza è quindi sospesa e la trave di
schiacciamento viene riposizionata sopra la parte della struttura di protezione in grado
44
IT
di sostenere il trattore interamente capovolto. Si applica poi la forza di schiacciamento
F = 20 M .
3.7.
Seconda prova di carico longitudinale
Il carico deve essere applicato nella direzione opposta a e nell'angolo più lontano dal
punto di applicazione del primo carico longitudinale (figure 4.1 e 4.2).
Si deve bloccare l'applicazione del carico longitudinale quando:
3.7.1.
l'energia assorbita dalla struttura di protezione è superiore o pari all'energia necessaria
EIL2 , dove
E IL2 = 0,35 M
3.7.2.
3.8.
la struttura di protezione interferisce con la zona libera o lascia la zona libera senza
protezione (condizione di accettazione di cui al punto 3.8).
Condizioni di accettazione
Per essere accettata la struttura di protezione deve conformarsi alle condizioni seguenti
duranti e dopo il completamento delle prove:
3.8.1.
3.8.2.
3.8.3.
3.8.4.
3.8.5.
3.8.5.1.
IT
nessuna parte deve entrare nella zona libera durante le prove. Nessuna parte può colpire
il sedile durante le prove. Inoltre, la zona libera non può trovarsi al di fuori dello spazio
protetto dalla struttura di protezione. A tal fine è considerata esterna allo spazio
protetto dalla struttura qualsiasi parte della zona libera che entri a contatto con un
terreno piano, qualora il trattore si capovolga nella direzione in cui è stato applicato il
carico durante la prova. Per consentire tale stima vengono scelti i pneumatici e la
carreggiata con le più piccole dimensioni standard indicate dal costruttore;
per i trattori articolati si presume che siano allineati i piani mediani delle due parti;
dopo l'ultima prova di schiacciamento viene registrata la deformazione permanente
della struttura di protezione. A tal fine, prima di iniziare la prova viene registrata la
posizione degli elementi principali della struttura di protezione rispetto al punto indice
del sedile. Quindi si deve registrare qualsiasi spostamento degli elementi risultante
dalle prove e ogni cambiamento dell'altezza degli elementi anteriori e posteriori del
tetto della struttura di protezione;
nel punto in cui viene raggiunto l'assorbimento dell'energia necessario in ognuna delle
prove di carico orizzontale indicate la forza deve essere superiore a 0,8 Fmax;
una prova di sovraccarico deve essere effettuata se la forza applicata diminuisce di più
del 3 % nell'ultimo 5% della deformazione raggiunta quando l'energia prescritta è
assorbita dalla struttura (cfr. figure da 4.14 a 4.16). Descrizione della prova di
sovraccarico
una prova di sovraccarico consiste nella continuazione dell'applicazione del carico
orizzontale in incrementi di 5% dell'energia originariamente prescritta, fino ad un
massimo di 20% di energia supplementare;
45
IT
3.8.5.2.
3.8.5.3.
3.8.6.
3.8.7.
3.8.8.
3.9.
3.9.1.
3.9.2.
il test di sovraccarico è completato con successo se dopo l'assorbimento di 5, 10 o 15 %
di energia supplementare la forza diminuisce meno del 3% per ogni incremento di
energia di 5%, rimanendo nel contempo superiore a 0,8 Fmax o se, dopo l'assorbimento
di 20% di energia supplementare la forza è superiore a 0,8 Fmax ;
durante la prova di sovraccarico sono ammesse rotture o incrinature supplementari o la
penetrazione nella zona libera o la mancanza di protezione in tale zona in seguito a una
deformazione elastica. Tuttavia dopo la rimozione del carico la struttura di protezione
non deve entrare nella zona libera, che deve essere completamente protetta;
la forza prescritta deve essere mantenuta in entrambe le prove di schiacciamento;
non vi devono essere elementi o componenti sporgenti che potrebbero causare lesioni
serie durante un capovolgimento del veicolo o che, mediante la deformazione, possano
intrappolare l'operatore, ad esempio intrappolando una gamba o un piede;
nessun componente deve presentare un pericolo per l'operatore.
Estensione ad altri tipi di trattori
[Non pertinente]
Estensione tecnica
Se vengono apportate modifiche tecniche al trattore, alla struttura di protezione o al
metodo di fissaggio della struttura di protezione al trattore, il laboratorio di prova che
ha effettuato la prova originaria può rilasciare un "verbale di estensione tecnica" nei
casi seguenti:
3.9.2.1.
Estensione dei risultati di prove strutturali ad altri tipi di trattori
Le prove di carico e di schiacciamento non sono necessarie per ogni tipo di trattore,
purché la struttura di protezione e il trattore soddisfino le condizioni di cui ai punti da
3.9.2.1.1 a 3.9.2.1.5.
3.9.2.1.1.
3.9.2.1.2.
3.9.2.1.3.
3.9.2.1.4.
3.9.2.1.5.
IT
la struttura deve essere identica a quella sottoposta alle prove;
l'energia richiesta non deve superare di oltre 5 % l'energia calcolata per la prova
originale. Il limite del 5 % si applica anche alle estensioni in caso di sostituzione dei
cingoli con ruote sullo stesso trattore;
il metodo di fissaggio e i componenti del trattore che vengono fissati sono identici;
componenti come i parafanghi e il cofano, che possono servire da sostegno alla
struttura di protezione, sono identici;
la posizione e le dimensioni principali del sedile all'interno della struttura di protezione
e la rispettiva posizione della struttura di protezione sul trattore sono tali da far sì che la
zona libera resti all'interno dello spazio protetto dalla struttura deformata per tutta la
46
IT
durata delle prove [la verifica viene effettuata utilizzando gli stessi valori di riferimento
della zona libera indicati nel verbale di prova originario, rispettivamente il punto di
riferimento del sedile (SRP) o il punto indice del sedile (SIP)].
3.9.2.2.
Estensione dei risultati di prove strutturali a tipi modificati di strutture di protezione
Se le disposizioni di cui al punto 3.9.2.1 non vengono rispettate, deve essere seguita la
procedura di seguito illustrata. Tuttavia essa non va applicata se il metodo di fissaggio
della struttura di protezione al trattore è stato profondamente modificato (ad es.
sostituzione di supporti in gomma con un dispositivo di sostegno)
3.9.2.2.1.
3.9.2.2.2.
Modifiche che non incidono sui risultati della prova iniziale (ad es. il fissaggio
mediante saldatura della piastra di un accessorio in un punto non critico della struttura),
l'aggiunta di sedili con SIP diversi nella struttura di protezione (con riserva di verifica
che le nuove zone libere restino all'interno dello spazio protetto dalla struttura
deformata per tutta la durata delle prove).
Modifiche che possono incidere sui risultati della prova originaria senza mettere in
dubbio l'accettabilità della struttura di protezione (ad es. modifica di un componente
strutturale o del metodo di fissaggio della struttura di protezione al trattore). Può essere
effettuata una prova di convalida i cui risultati vanno inclusi nel verbale di estensione.
I limiti fissati per questo tipo di estensione sono i seguenti:
3.9.2.2.2.1.
3.9.2.2.2.2.
3.9.2.2.2.3.
3.9.2.2.3.
3.10.
3.11.
3.11.1.
IT
senza prova di convalida possono essere accettate non più di 5 estensioni;
i risultati del test di convalida sono accettati per un'estensione se sono soddisfatte tutte
le condizioni di accettazione del presente allegato e se la forza misurata quando il
livello di energia richiesto è stato raggiunto nelle varie prove di carico orizzontale non
devia di oltre ± 7% dalla forza misurata quando l'energia richiesta è stata raggiunta
nella prova originaria e la deformazione misurata(3) quando il livello di energia
richiesto è stato raggiunto nelle varie prove di carico orizzontale non devia di oltre ±
7% dalla deformazione misurata quando l'energia richiesta è stata raggiunta nel verbale
di prova originario;
in un unico verbale di estensione è possibile includere più di una modifica della
struttura di protezione, purché si tratti di diverse opzioni della stessa struttura di
protezione, ma può essere accettata solo una prova di convalida. Le opzioni non
sottoposte a prova vanno descritte in un'apposita sezione del verbale di estensione.
Aumento della massa di riferimento dichiarata dal fabbricante in una struttura di
protezione già sottoposta a prova. Se il costruttore intende mantenere lo stesso numero
di omologazione è possibile rilasciare un verbale di estensione dopo aver effettuato una
prova di convalida (i limiti di ± 7% di cui al punto 3.9.2.2.2.2 non sono applicabili in
questo caso).
[Non pertinente]
Funzionamento delle strutture di protezione a basse temperature
Il costruttore, se dichiara che la struttura di protezione è particolarmente resistente alla
47
IT
fragilizzazione a basse temperature, deve fornire dati da includere nel verbale.
3.11.2.
3.11.2.1.
3.11.2.2.
3.11.2.3.
Le procedure e i requisiti seguenti sono destinati a rafforzare la struttura e a renderla
resistente alle fratture da fragilizzazione a basse temperature. Si propone di applicare le
seguenti prescrizioni minime relative ai materiali per valutare la capacità di una
struttura di protezione di funzionare a basse temperature nei paesi che richiedono
questa ulteriore protezione di funzionamento.
I bulloni e i dadi utilizzati per fissare la struttura di protezione al trattore e per unire le
sue parti strutturali devono dimostrare adeguate proprietà di resistenza alle basse
temperature, che vanno debitamente verificate.
Tutti gli elettrodi per saldatura utilizzati nella fabbricazione di elementi strutturali e
supporti devono essere compatibili con i materiali utilizzati per la struttura di
protezione come indicato al punto 3.11.2.3.
I materiali in acciaio utilizzati per gli elementi strutturali della struttura di protezione
devono essere caratterizzati da una particolare resistenza, da sottoporre a verifica, e
dimostrare un livello minimo prescritto di energia di carico secondo la prova Charpy
con intaglio a V, come indicato nella tabella 4.1. Il tipo e la qualità dell'acciaio sono
precisati conformemente alla norma ISO 630:1995; Amd1:2003.
Un acciaio con uno spessore grezzo di laminazione inferiore a 2,5 mm e un tenore di
carbonio inferiore allo 0,2 % è considerato conforme a quanto prescritto. Gli elementi
strutturali del dispositivo di protezione costituiti da materiali diversi dall'acciaio
devono dimostrare un'equivalente resistenza ai carichi a basse temperature.
3.11.2.4.
3.11.2.5.
3.11.2.6.
3.11.2.7.
Nella prova Charpy con intaglio a V relativa al livello di energia di carico prescritto, le
dimensioni del campione non devono essere inferiori alla dimensione maggiore tra
quelle elencate nella tabella 4.1, per quanto consentito dal materiale.
Le prove Charpy con intaglio a V devono essere effettuate secondo la procedura
descritta nella norma ASTM A 370-1979, tranne per quanto riguarda le dimensioni dei
campioni, che devono essere conformi a quelle indicate nella Tabella 4.1.
Un'alternativa a questa procedura è l'impiego di acciaio calmato o semicalmato, per il
quale deve essere fornita una specifica adeguata. Il tipo e la qualità dell'acciaio sono
precisati conformemente alla norma ISO 630:1995; Amd1:2003.
I campioni devono essere longitudinali e prelevati dai materiali che saranno utilizzati
nella struttura di protezione, piatti, a sezione tubolare o di base, prima della formatura o
della saldatura. I campioni a sezione tubolare o di base vanno prelevati dalla parte
centrale del lato di dimensione maggiore e non contengono saldature.
Dimensioni del
campione
mm
10 x 10a)
IT
48
Energia a
Energia a
-30 °C
-20 °C
J
Jb)
11
27,5
IT
10 x 9
10
10 x 8
25
9,5
24
9,5
24
10 x 7
9
22,5
10 x 6,7
8,5
21
10 x 6
8
20
10 x 5a)
7,5
19
10 x 4
7
17,5
10 x 3,5
6
15
10 x 7,5
a)
Tabella 4.1
Livello minimo dell'energia d'urto secondo la prova Charpy con intaglio a V
a)
Indica la dimensione preferita. La dimensione del campione non è inferiore alla
dimensione maggiore preferita che il materiale consente.
b)
L'energia richiesta a -20°C è pari a 2,5 volte il valore specificato per -30°C.
Altri fattori influenzano l'intensità dell'energia d'urto, quali il senso di laminazione, il
limite di snervamento, l'orientamento dei grani e la saldatura. Al momento della scelta
e dell'utilizzo dell'acciaio tali fattori vanno presi in considerazione.
3.12.
IT
[Non pertinente]
49
IT
Figura 4.1
Applicazioni di carico anteriore e posteriore,
Cabina di sicurezza e roll-bar posteriore
Dimensioni in mm
Carico
posteriore
Carico anteriore
Punto
indice
del
sedile
Figura 4.1.a Cabina di sicurezza
Figura 4.1.b Roll-bar posteriore
IT
50
IT
Figura 4.2
Applicazioni di carico longitudinale
IT
51
IT
Figura 4.3
Esempi di "W" per ROPS con elementi curvi
Punto terminale
di W
Figura 4.3.a ROPS con quattro montanti
LEGENDA
1 – Punto indice del sedile
2 – SIP, piano mediano longitudinale
3 – Punto della seconda applicazione di carico longitudinale, anteriore o posteriore
4 – Punto di applicazione di carico longitudinale, anteriore o posteriore
Figura 4.3.b ROPS con due montanti
IT
52
IT
LEGENDA
1 – Punto indice del sedile (SIP)
2 – SIP, piano mediano longitudinale
3 – Punto della seconda applicazione di carico longitudinale, anteriore o posteriore
4 – Punto di applicazione di carico longitudinale, anteriore o posteriore
IT
53
IT
Figura 4.4
Applicazione del carico laterale (vista laterale),
cabina di sicurezza e roll-bar posteriore
Punto di applicazione del carico
Deformazione dovuta al
carico longitudinale
posteriore
SIP
Figura 4.4.a Cabina di sicurezza
Punto di applicazione del carico
Deformazione dovuta al
carico longitudinale
posteriore
SIP
Figura 4.4.b Roll-bar posteriore
IT
54
IT
Figura 4.5
Applicazione del carico laterale (vista posteriore)
(a)
IT
(b)
55
IT
Figura 4.6
Esempio di prova di schiacciamento
Trave di schiacciamento
Giunti universali
Carico
Carico
Cilindro idraulico
Giunti universali
Blocco di fissaggio
dell'asse anteriore
Blocco di fissaggio
dell'asse posteriore
IT
56
IT
Figura 4.7
Posizione della trave per le prove di schiacciamento anteriore e posteriore
cabina di sicurezza e roll-bar posteriore
Posizione della trave per la prova di schiacciamento
Posizione della trave per la
prova di schiacciamento
posteriore
Figura 4.7.a
Schiacciamento
Posizione della trave per la prova di schiacciamento anteriore
Figura
4.7.b
Schiacciamento anteriore
IT
57
IT
Figura
4.7.c
Prova di schiacciamento per roll-bar posteriore
IT
58
IT
Posizione della trave per la prova di
schiacciamento posteriore
Posizione della trave per la prova di
schiacciamento anteriore
Figura 4.7.d Cabina di sicurezza
Posizione della trave per la
prova di schiacciamento
posteriore
Posizione della trave
per la prova di
schiacciamento
anteriore
Figura 4.7.e Roll-bar posteriore
IT
59
IT
Figura 4.8
Posizione della trave per la prova di schiacciamento anteriore
se la forza di schiacciamento non è retta dalla parte anteriore
Seconda posizione della trave per la prova di
schiacciamento anteriore dove la parte anteriore del
tetto non sosterrà tutta la forza di schiacciamento
Piano del suolo immaginario
Parte del trattore in grado
di reggere la massa del
trattore capovolto
Figura 4.8.a Cabina di sicurezza
Figura 4.8.b Roll-bar posteriore
IT
60
IT
Figura 4.9
La forza di schiacciamento è applicata con il punto mediano della trave che passa per il
piano di riferimento verticale del trattore (essendo anche quello del sedile e del volante).
Caso 1.- quando il ROPS, il sedile e il volante sono fissati rigidamente al telaio del trattore;
Caso 2.- quando il ROPS è fissato rigidamente al telaio del trattore e il sedile e il volante sono posizionati su una
superficie (sospesa o no), ma NON sono connessi al ROPS.
In questi casi il piano di riferimento verticale riferito al sedile e al volante include normalmente anche il baricentro del
trattore durante l'esecuzione dell'intera serie di carichi.
CASI 1 e 2
Trave di schiacciamento
Punto di localizzazione (centro della trave di
schiacciamento)
100 mm min
Zona libera
ROPS fissato
stabilmente al telaio del
trattore
PIANO DI RIFERIMENTO VERTICALE del
trattore, del sedile e dello sterzo
Figura 4.10
La forza di schiacciamento è applicata con il punto mediano della trave che passa solo per il
piano di riferimento verticale del trattore.
I casi 3 e 4 possono essere definiti come quelli in cui il ROPS è fissato a una piattaforma, rigidamente (caso 3) o
sospeso (caso 4) rispetto al telaio del trattore. Queste soluzioni di connessione causano diversi movimenti nei confronti
della cabina e della zona libera nonché del piano di riferimento verticale.
CASO
Punto di localizzazione (centro della
CASO 4
trave di schiacciamento)
Trave di schiacciamento
Trave di schiacciamento
Piano di riferimento dello sterzo
e del sedile
Piano di riferimento verticale del
trattore
Piano di riferimento dello
sterzo e del sedile
100 mm min
Zona libera
Piano di riferimento verticale del trattore
ROPS fissato stabilmente al trattore
attraverso la base
IT
SIP
ROPS fissato mediante
blocchi silenziosi o sistema
di sospensione
61
IT
Tabella 4.2
Dimensioni della zona libera
IT
Dimensioni
mm
Osservazioni
A1 A0
100
minimo
B1 B0
100
minimo
F1 F0
250
minimo
F2 F0
250
minimo
G1 G0
250
minimo
G2 G0
250
minimo
H1 H0
250
minimo
H2 H0
250
minimo
J1 J0
250
minimo
J2 J0
250
minimo
E1 E0
250
minimo
E2 E0
250
minimo
D0 E0
300
minimo
J0 E0
300
minimo
A1 A2
500
minimo
B1 B2
500
minimo
C1 C2
500
minimo
D1 D2
500
minimo
I1 I2
500
minimo
F0 G0
-
I0 G0
-
a seconda del
C0 D0
-
trattore
E0 F0
-
62
IT
Figura 4.11
Zona libera
LEGENDA
1 – Punto indice del sedile
Nota: per le dimensioni cfr. la tabella 4.2 sopra
IT
63
IT
Figura 4.12
Zona libera
Figura 4.12.a
Vista laterale
Sezione nel piano di riferimento
Figura 4.12.b
Vista posteriore o anteriore
LEGENDA
1 – Punto indice del sedile
2 – Forza
3 – Piano di riferimento verticale
IT
64
IT
Figura 4.13
Zona libera per trattori con sedile e volante reversibili,
cabina di sicurezza e roll-bar posteriore
Zona libera per sedile
orientato nella
direzione di marcia
Zona libera per sedile
orientato nella direzione
contraria al senso di
marcia
Figura 4.13.a Cabina di sicurezza
Zona libera per sedile
orientato nella
direzione di marcia
Zona libera per sedile
orientato nella
direzione contraria al
senso di marcia
Figura 4.13.b Roll-bar posteriore
IT
65
IT
Figura 4.14
Curva forza/deformazione
Prova di sovraccarico non necessaria
Forza di carico statico
Fmax
Energia calcolata richiesta
(cfr. nota 2)
Deformazione
Note:
1. Posizionare Fa in relazione a 0,95 D'
2. La prova di sovraccarico non è necessaria poiché Fa ≤ 1,03 F'
IT
66
IT
Figura 4.15
Curva forza/deformazione
Prova di sovraccarico necessaria
Forza di carico statico
Fmax
Energia calcolata richiesta
(cfr. nota 2)
Energia aumentata del 5%
(cfr. nota 3)
Deformazione
Note:
1. Posizionare Fa in rapporto a 0,95 D'
2. La prova di sovraccarico è necessaria poiché Fa > 1,03 F'
3. Il risultato della prova di sovraccarico è soddisfacente poiché Fb > 0,97F' e Fb > 0,8F max
IT
67
IT
Figura 4.16
Curva forza/deformazione
Prova di sovraccarico da continuare
Forza di carico statico
Fmax
Enegia calcolata richiesta
(cfr. nota 2)
Energia aumentata del 5%
(cfr. nota 3)
Energia aumentata del 10%
(cfr. nota 4)
Energia aumentata del 15%
(cfr. nota 5)
Energia aumentata del 20%
(cfr. nota 6)
Energia aumentata del 20%
(cfr. nota 6)
Deformazione
Sovraccarico
Note:
1. Posizionare Fa in relazione a 0,95 D'
2. La prova di sovraccarico è necessaria poiché Fa > 1,03 F'
3. Fb < 0,97 F' pertanto è necessario un'ulteriore sovraccarico
4. Fc < 0,97 Fb pertanto è necessario un'ulteriore sovraccarico
5. Fd < 0,97 Fc pertanto è necessario un'ulteriore sovraccarico
6. Il risultato della prova di sovraccarico è soddisfacente se Fe > 0,8 F max
7. Se in qualsiasi fase il carico scende al di sotto di 0,8 Fmax la struttura è respinta
IT
68
IT
________________________
Noti esplicative dell'allegato VIII
(1)
(2)
(3)
IT
Salvo disposizioni contrarie, il testo dei requisiti e la numerazione di cui alla lettera B sono identici
al testo e alla numerazione del codice standard OCSE relativo alle prove ufficiali delle strutture di
protezione montate sui trattori agricoli e forestali (prova statica), codice OCSE 4, edizione 2015,
luglio 2014.
Si ricorda agli utilizzatori che il punto indice del sedile è determinato conformemente alla norma
ISO 5353 e consiste in un punto fisso rispetto al trattore, che non si sposta quando il sedile è
regolato in una posizione diversa da quella mediana. Per la determinazione della zona libera il
sedile è spostato nella posizione più arretrata.
Deformazioni permanente + elastica misurate nel punto in cui viene raggiunto il livello di energia
richiesto.
69
IT
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
3 833 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content