close

Enter

Log in using OpenID

Associazione Cosa sono gli ssociazione Intercomunale Lucania

embedDownload
Associazione Intercomunale Lucania
per la difesa del territorio e dall’inquinamento ambientale
________________________________________________
LEGGERE per meditare e riflettere, pensando a sé stessi e agli altri.
LEGGERE pensando non solo ai propri interessi, ma anche alla propria
responsabilità verso la collettività e al dovere di salvaguardare il Bene
comune anteponendolo al proprio tornaconto.
*****
Cosa sono gli OLII DIATERMICI ?
Per il funzionamento dell’impianto
dell’
termoelettrico IBRIDO (fonte solare a
tecnologia termodinamica + gas metano)
metano della società Teknosolar Italia 2
s.r.l. è previsto l’utilizzo di ingenti quantità di sostanze pericolose ed
infiammabili all’interno di lunghe tubazioni
Per l’ipotetico impianto della società Teknosolar Italia 2 S.r.l., come per tutti gli impianti a
concentrazione solare (CSP) a specchi parabolici,
parabolici vi è un sistema di specchi che raccoglie
raccog e concentra la
radiazione solare normale diretta (DNI) su una miriade di tubazioni contenenti un fluido termovettore
che viene riscaldato e portato ad elevatissima temperatura così da trasformare l’energia solare in
energia termica con conseguente trasformazione,
trasformazione, a valle del ciclo termodinamico, in energia elettrica
da immettere in rete. Il fluido termovettore impiegato è rappresentato da olii sintetici ad alta capacità
termica chiamati OLII DIATERMICI
RMICI.
_______________________________________________________________________________________________
_______________________________________________________________________________________
1
Associazione Intercomunale Lucania
per la difesa del territorio e dall’inquinamento ambientale
________________________________________________
Nella Relazione Tecnica di prevenzione incendi (p. 49) della società Teknosolar Italia 2 S.r.l. si legge:
“Trattasi di elevate quantità di olii industriali, utilizzati per il ciclo produttivo della centrale.
Le quantità di liquido infiammabile, presente nell’insediamento della centrale termosolare,
utilizzate per il ciclo industriale, sono: 3338 metri cubi di olio diatermico contenuto in tutto
t
il
circuito della centrale”.
Gli olii diatermici (HTF) utilizzati sono prodotti dalla Dow Chemical Company
del tipo “DOWTHERM* A”
“Dowtherm* A”” è un olio diatermico costituito da una miscela al 26.5% di Difenile
(chimicamente fenilbenzene) e al 73.5% di ossido di Difenile.
Difenile
- Temperatura di infiammabilità = 113°C
- Temperatura di ebollizione = 257°C
- Temperatura di progetto prevista per l’impianto della Teknosolar = 390 °C
Accidentali fuoriuscite di olii diatermici (allo stato liquido e gassoso),
gassoso) ad
elevate temperature,
temperature cosa causerebbero all’ambiente e alla salute?
salute
È un rischio che ha senso prevedere in un territorio tutt’altro che desertico
e tutt’altro che disabitato?
Per rispondere vediamo cosa afferma la scheda tecnica dell’olio
diatermico DOWTHERM* A
AVVERTENZA:: la scheda
scheda tecnica è stata redatta dalla società “Dow
Chemical Company” a cui ovviamente interessa vendere il proprio
prodotto. Nonostante ciò si legge:
Tossicità cronica e cancerogenicità
Contiene uno o diversi componenti che hanno causato il cancro in animali di laboratorio.
laboratorio
Comunque il/i componenti non è/sono genotossico/i, e non si conosce la rilevanza del potenziale
cancerogeno per l'uomo.
(Molto rassicurante sapere che agli animali ha causato il cancro, così com’è molto rassicurante
sapere che non si conoscono gli effetti
effetti sull’uomo. Quindi, alla domanda se il “DOWTHERM* A” è
cancerogeno per l’uomo, NON C’È RISPOSTA).
_______________________________________________________________________________________________
_______________________________________________________________________________________
2
Associazione Intercomunale Lucania
per la difesa del territorio e dall’inquinamento ambientale
________________________________________________
(A fronte di ciò, penso sia più che mai utile appellarsi al rispetto del PRINCIPIO
RINCIPIO DI PRECAUZIONE
dettato dal’art. 3 ter d.lgs. n. 152/2006. Dal principio di precauzione deriva l’esigenza di un’azione
ambientale consapevole e capace di svolgere un ruolo teso alla salvaguardia dell’ecosistema in
funzione preventiva , anche quando non sussistono evidenze scientifiche conclamate che illustrino
la certa riconducibilità di un effetto devastante per l’ambiente ad una determinata causa umana. - cfr.
TAR PUGLIA, Lecce, Sez. I - 14 luglio 2011, n. 1341)
Stabilità chimica
Termicamente stabile alla temperatura di utilizzo tipica.
(In caso di guasti? Ovviamente trattasi di un problema marginale e del tutto controllabile!)
controllabile
Condizioni da Evitare:
Il prodotto può decomporsi per esposizione ad elevate temperature.
Misure antincendio
5.1 Mezzi di Spegnimento
Acqua nebulizzata. Estintori a polvere chimica. Estintori ad anidride carbonica. Schiuma. Sono da
preferire, se disponibili, schiume sintetiche di tipo universale (comprese quelle di tipo AFFF) o
schiume a base di proteine. Le schiume a prova di alcool (tipo ATC) possono anche
anc funzionare. Una
nebulizzazione idrica, applicata gradualmente, può essere usata come copertura per l'estinzione
dell'incendio.
Mezzi di spegnimento da evitare: Non usare getto d'acqua diretto. Può propagare il fuoco.
5.2 Pericoli speciali derivanti dalla
da sostanza o dalla miscela
Prodotti pericolosi di combustione:
combustione Durante un incendio il fumo può contenere il materiale
originario oltre a prodotti di combustione di varia composizione che possono essere tossici o
irritanti. Prodotti pericolosi di combustione possono includere, ma senza limitarsi a: Monossido di
carbonio. Anidride carbonica.
(Chi respirerà i prodotti della combustione in caso di incendio? Ovviamente “nessuno” perché
l’area è “desertica” e “disabitata”)
Rischi particolari di incendio e di esplosione: Una violenta generazione di vapore o una eruzione
può accadere su applicazione diretta di flusso d'acqua sul liquido caldo. La nebbia liquida di questo
prodotto può bruciare. Delle concentrazioni di vapori infiammabili possono accumularsi
acc
a
temperature superiori al punto di ignizione.
ignizione Si produce un fumo denso bruciando il prodotto.
(Cos’è la temperatura di ignizione? È la temperatura di autoaccensione che per il “DOWTHERM*
A” è di 599° C NON c’è nessun errore di battitura: 599 °C)
Misure in caso di rilascio accidentale
6.1 Precauzioni personali, dispositivi di protezione e procedure in caso di emergenza: Tenersi
sopravvento allo spargimento. Ventilare l'area dove è avvenuta la fuga o perdita del prodotto.
Impedire l'accesso nella zona a personale non necessario e non protetto adeguatamente.
(Mi chiedo: nel caso in cui non è possibile tenersi sopravvento? Nel coso di vento con direzione
variabile, per quanto ore occorre fare il “girotondo” al fine di mantenersi sopravvento? Forse si
sta confondendo l’impianto industriale con una innocua giostra, ma non mi pare ci siano persone
disposte a giocare. Tutt’altro!)
6.2 Precauzioni ambientali: Evitare che penetri nel suolo, nei fossi, nelle fognature, nei corsi
d'acqua e/o nelle acqua di falda.
falda
_______________________________________________________________________________________________
_______________________________________________________________________________________
3
Associazione Intercomunale Lucania
per la difesa del territorio e dall’inquinamento ambientale
________________________________________________
Informazioni Tossicologiche
Tossicità di dosi ripetute
I dati presentati sono per il materiale seguente: Ossido di difenile (vapori)
I dati presentati sono per il prodotto seguente: bifenile.
Nell'uomo sono stati rapportati effetti sui seguenti organi: Sistema nervoso centrale. Fegato. Sistema
nervoso periferico.
13.1 Metodi di trattamento dei rifiuti
Questo prodotto, quando viene smaltito inutilizzato e non contaminato dovrebbe essere trattato come
rifiuto pericoloso secondo la Direttiva CE 91/689/CEE. Le pratiche di smaltimento devono
osservare tutte le leggi e regolamentazioni nazionali e locali che governano i rifiuti pericolosi. Per il
prodotto utilizzato, contaminato e per i suoi residui possono essere necessarie ulteriori valutazioni.
Non scaricare nelle fogne, sul terreno o nei corpi idrici.
******
In un autorevole lavoro scientifico della
International Association for Fire Safety Science
intitolato Explosion Hazard of Dowtherm (Rischio
Rischio di esplosione di Dowtherm)
scritto da A.N. Baratov (Institute of Fire Protection, Balashikha, Russia)
Russia e da V.L. Bard
(Explosion Safety Center, Moscow, Russia)
si legge:
“Dowtherm
Dowtherm (a mixture of 26.5% of diphenyl and 73.5% of diphenyl oxide) is a high-boiling
high boiling liquid, used in industry as
a high-temperature
temperature heat carrier. In the case of emergency depressurization of process equipment, in which
Dowtherm is in a heated state
te under pressure, it undergoes atomization, partial evaporation, a liquid aerosol, and,
eventually, an explosion-hazardous
hazardous vapour-aerosol
vapour
mixture (VAM) is formed”.
Dowtherm (una miscela di 26,5% di difenile e 73,5% di ossido di difenile) è un liquido ad elevato
temperatura di ebollizione, utilizzato nell'industria come vettore di calore ad alta temperatura. In casi
emergenziali di depressurizzazione delle apparecchiature industriali, in cui il Dowtherm è ad elevate
temperature e in pressione, esso subisce un’atomizzazione, un’evaporazione
evaporazione parziale, un areosol
liquido, ed, eventualmente, si forma una miscela vapore-aerosol (VAM) a rischio di esplosione.
Lì, 3 maggio 2014
Sig. Savino TRITTO
Presidente Ass. Intercomunale Lucania
Ing.
ng. Donato Cancellara
Socio Ass. Intercomunale Lucania
_______________________________________________________________________________________________
_______________________________________________________________________________________
4
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
530 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content