close

Enter

Log in using OpenID

Attenzione

embedDownload
Istruzioni di montaggio e di
servizio
VIESMANN
per il personale specializzato
Vitoligno 300-C
Tipo VL3C
Caldaia a pellet in legno
Avvertenze sulla validità all'ultima pagina
VITOLIGNO 300-C
5459 703 IT
1/2014
Da conservare!
Avvertenze sulla sicurezza
Avvertenze sulla sicurezza
Si prega di attenersi scrupolosamente alle avvertenze sulla sicurezza per evitare pericoli e danni a persone e cose.
Pericolo
Questo simbolo segnala il pericolo di danni a persone.
!
Attenzione
Questo simbolo segnala il pericolo di danni a cose e all'ambiente.
Avvertenza
Le indicazioni contrassegnate con la
parola Avvertenza contengono informazioni supplementari.
Interessati
Le presenti istruzioni sono rivolte esclusivamente al personale specializzato.
■ Gli interventi all'impianto elettrico
devono essere eseguiti unicamente
da personale specializzato e qualificato a norma di legge.
■ La prima messa in funzione deve
essere eseguita da un centro di assistenza autorizzato.
Normative
In caso di interventi attenersi
■ alle norme di installazione nazionali,
■ alle norme antinfortunistiche,
■ alle norme per la salvaguardia
ambientale,
■ alle disposizioni dell'istituto di assicurazione contro gli infortuni sul lavoro
■ alle disposizioni di sicurezza pertinenti
previste dalle norme in vigore
2
Comportamento in caso di perdite di
gas di scarico
Pericolo
I gas di scarico possono provocare intossicazioni mortali.
■ Spegnere l'impianto di riscaldamento.
■ Aerare il luogo d'installazione.
■ Chiudere le porte dei locali.
Sistemi di scarico fumi e aria di combustione
Accertarsi che i sistemi di scarico fumo
siano liberi e non possano essere intasati, ad esempio, a causa di accumuli di
acqua di condensa o di fattori esterni.
Garantire un'alimentazione sufficiente
dell'aria di combustione.
Informare il conduttore dell'impianto sul
fatto che è vietato apportare modifiche
successive alle condizioni costruttive (ad
es. posa dei tubi/cavi, rivestimenti o
pareti divisorie).
Pericolo
Sistemi di scarico fumi non a
tenuta/ostruiti o un convogliamento insufficiente dell'aria di
combustione sono la causa di
intossicazioni mortali provocate
dal monossido di carbonio presente nel gas di scarico.
Garantire il funzionamento corretto del sistema di scarico fumi.
Le aperture per l'adduzione dell'aria di combustione non devono
essere richiudibili.
5459 703 IT
Spiegazione delle avvertenze sulla
sicurezza
Avvertenze sulla sicurezza
Avvertenze sulla sicurezza (continua)
Apparecchi d'espulsione d'aria
Pericolo
Le superfici roventi possono provocare ustioni.
■ Prima delle operazioni di
manutenzione e di assistenza,
spegnere e far raffreddare l'apparecchio.
■ Non toccare le superfici roventi
di caldaia, bruciatore, sistema
di scarico fumi e raccordi.
In caso di installazione di dispositivi di
scarico dell'aria all'esterno (cappe con
tubo di ventilazione, apparecchi d'espulsione aria, climatizzatori) durante l'aspirazione non si deve creare depressione.
In caso di funzionamento contemporaneo della caldaia può crearsi una corrente inversa di gas di scarico.
Pericolo
Il funzionamento contemporaneo
della caldaia con dispositivi di
scarico dell'aria all'esterno può
provocare intossicazioni mortali a
causa della corrente inversa dei
gas di scarico.
Montare un circuito di blocco
oppure garantire un'alimentazione sufficiente dell'aria di combustione adottando dei provvedimenti adeguati.
Interventi sull'impianto
Attenzione
Eventuali scariche elettrostatiche
possono danneggiare i componenti elettronici.
Prima di eseguire i lavori, scaricare a terra la carica elettrostatica toccando oggetti come i tubi
dell'acqua o del riscaldamento.
Lavori di riparazione
!
Attenzione
Effettuare lavori di riparazione su
componenti con funzione tecnica
di sicurezza compromette il
sicuro funzionamento dell'impianto.
Sostituire i componenti difettosi
unicamente con ricambi originali
Viessmann.
5459 703 IT
■ Disinserire la tensione di rete dell'impianto (ad es. agendo sul fusibile
separato o sull'interruttore generale) e
controllare che la tensione sia disinserita.
■ Assicurarsi che non possa essere
reinserita.
!
3
Avvertenze sulla sicurezza
Avvertenze sulla sicurezza (continua)
Componenti supplementari, parti di
ricambio e pezzi soggetti ad usura
Attenzione
Parti di ricambio e pezzi soggetti
ad usura che non sono stati collaudati unitamente all'impianto
possono provocare danni all'impianto stesso o comprometterne
il funzionamento. Il montaggio di
componenti non omologati e le
modifiche non autorizzate possono compromettere la sicurezza
e pregiudicare i diritti di garanzia.
Per la sostituzione utilizzare
esclusivamente ricambi originali
Viessmann o parti di ricambio
autorizzate da Viessmann.
Far eseguire l'installazione o la
sostituzione unicamente da personale autorizzato.
5459 703 IT
!
4
Indice
Indice
Istruzioni di servizio
Informazioni sul prodotto
Impiego conforme alla norma...............................................................................
7
Istruzioni di montaggio
Preparazione del montaggio.............................................................................
9
Sequenza di montaggio
Montaggio degli accessori per funzionamento a camera stagna.........................
Modifica per riempimento manuale......................................................................
Montaggio delle lamiere di rivestimento...............................................................
Posa dei cavi elettrici............................................................................................
Allacciamenti elettrici............................................................................................
Allacciamento lato fumi........................................................................................
Allacciamento lato acqua.....................................................................................
Montaggio di ulteriori lamiere di rivestimento.......................................................
Montaggio dello sportello pellet............................................................................
Applicazione della targhetta tecnica.....................................................................
Montaggio dei tubi flessibili per pellet...................................................................
13
15
17
19
20
24
25
26
28
29
30
Istruzioni di servizio
Prima messa in funzione, ispezione, manutenzione
Sequenza operazioni – prima messa in funzione, ispezione e manutenzione..... 32
Ulteriori indicazioni sulla sequenza delle operazioni............................................ 34
Codifiche
Codifica 1............................................................................................................. 62
Codifica 2............................................................................................................. 80
Verifiche assistenza
Funzioni Service................................................................................................... 89
Verifica degli stati d'esercizio e dei sensori ......................................................... 89
5459 703 IT
Eliminazione dei guasti
Segnalazione di guasto........................................................................................ 90
Riparazione.......................................................................................................... 98
Descrizione delle funzioni
Dispositivi di segnalazione e regolazione............................................................. 105
Funzioni regolazione............................................................................................ 106
Sistema di trasporto ad aspirazione..................................................................... 114
Diagramma di funzionamento combustione pellet............................................... 116
5
Indice
Indice (continua)
Schemi
Schema dell'allacciamento elettrico e cablaggio.................................................. 118
Liste dei singoli componenti
Panoramica dei moduli......................................................................................... 127
Modulo isolamento termico.................................................................................. 128
Modulo caldaia..................................................................................................... 130
Modulo stiva pellet................................................................................................ 142
Modulo regolazione.............................................................................................. 144
Modulo dispositivo per l'aumento della temperatura del ritorno........................... 146
Modulo alimentazione.......................................................................................... 148
Modulo contenitore della cenere.......................................................................... 150
Modulo varie......................................................................................................... 152
Protocolli............................................................................................................. 153
Dati tecnici.......................................................................................................... 155
Certificati
Dichiarazione di conformità.................................................................................. 157
5459 703 IT
Indice analitico................................................................................................... 158
6
Informazioni sul prodotto
Impiego conforme alla norma
È consentito installare e far funzionare
l'apparecchio in modo conforme alle
norme solo in sistemi di riscaldamento
chiusi a norma EN 12828 e attenendosi
a quanto riportato nelle rispettive istruzioni di montaggio, di servizio e d'uso.
L'apparecchio è previsto esclusivamente per il riscaldamento di acqua
potabile.
Assistenza
L'impiego conforme alla norma presuppone che sia stata eseguita un'installazione fissa in abbinamento a componenti
omologati specifici per l'impianto.
L'impiego commerciale o industriale per
scopi diversi dal riscaldamento di edifici
o dalla produzione d'acqua calda sanitaria è considerato non conforme alla
norma.
Un altro tipo di impiego diverso da quello
previsto deve essere di volta in volta
autorizzato dal costruttore.
5459 703 IT
Un uso errato o improprio dell'apparecchio (ad es. funzionamento prolungato in
condizioni di apertura) è vietato e comporta l'esclusione della responsabilità.
Per uso errato s'intendono anche modifiche di funzionamento conforme alla
norma di componenti del sistema di
riscaldamento (ad es. a chiusura dei
condotti fumi e di adduzione aria) oppure
quando vengono utilizzati per questo
apparecchio combustibili diversi da
quelli previsti.
7
Manutenzione e pulizia
!
!
Attenzione
Durante le operazioni di pulizia e
manutenzione e l'azionamento
del contenitore della cenere sussiste il pericolo di incendio e di
ustioni provocato da componenti
e cenere roventi.
■ Indossare guanti di protezione
adatti.
■ Smaltire la cenere rovente solo
in contenitori ignifughi con
coperchio.
Attenzione
Durante le operazioni di pulizia e
quando si utilizza il contenitore
della cenere, la polvere dei pellet,
la cenere e la fuliggine costituiscono un pericolo per le vie respiratorie.
Per proteggere le vie respiratorie
munirsi di maschera antipolvere.
Avvertenza
Attenersi alle normative locali per lo
smaltimento delle sostanze ausiliarie,
dei rifiuti e dei componenti dell'impianto
accumulatisi.
5459 703 IT
Avvertenza
Prima di procedere alla riaccensione dell'impianto di riscaldamento, occorre aver
richiuso sulla caldaia tutti i coperchi e le
valvole aperti.
8
Preparazione del montaggio
Preparazione del montaggio
(100)
130
Distanza di installazione (salvo diversa prescrizione e/o normativa)
130
730
(100)
775
(700)
Montaggio
(700)
5459 703 IT
■ Altezza min. locale installazione caldaia: 1800 mm
■ Misure tra parentesi: caldaia con rivestimento
■ Le distanze dalla parete indicate sono
necessarie per le operazioni di montaggio e manutenzione.
9
Preparazione del montaggio
Preparazione del montaggio (continua)
Introduzione ed installazione
Introduzione
!
!
Attenzione
Forti scossoni possono danneggiare la camera di combustione.
Introdurre e installare la caldaia
con molta cautela, evitando violenti scossoni.
Attenzione
Durante il trasporto con un carrello portacasse la caldaia
potrebbe subire dei danni.
■ Spingere il carrello portacasse
solo sotto il lato destro della
caldaia.
■ Fissare la caldaia al carrello
con nastri di serraggio.
■ I nastri di serraggio devono
essere fatti passare sotto i
listelli di aggancio perpendicolari.
Avvertenza
■ Trasportare la caldaia sul luogo di
installazione mantenendola in posizione verticale e possibilmente su pallet.
■ La caldaia può essere trasportata
anche con un carrello portacasse.
■ Con gli ausili di trasporto forniti a corredo B (vedi pagina 12, 4 tubi da
avvitare alla caldaia) la caldaia può
essere trasportata da 4 persone.
■ Per l'occhiello di trasporto A (vedi
pagina 12) è possibile sollevare l'intera caldaia.
Al riguardo, svitare in primo luogo il
condotto per i cavi elettrici e metterlo
da parte.
■ Per introdurla in spazi ridotti, è possibile smontare singoli componenti sul
lato anteriore e sinistro della caldaia,
Installazione
Avvertenza sulle caratteristiche del
pavimento
La caldaia deve essere posata su una
base non infiammabile. Non è necessario un basamento speciale.
2. Rimuovere le 4 viti per legno a testa
esagonale, sollevare la caldaia dal
pallet e installarla.
5459 703 IT
1. Allentare i nastri di serraggio e rimuovere il telaio in legno.
Svitare al riguardo le 4 viti per legno
inferiori e sollevare il telaio in legno al
di sopra della caldaia. In mancanza di
spazio occorre smantellare il telaio in
legno.
10
Preparazione del montaggio
Preparazione del montaggio (continua)
5. Staccare dalla traversa sinistra la
busta con la targhetta tecnica della
caldaia e conservarla. La targhetta va
incollata in un secondo momento
sulla lamiera di rivestimento sinistra.
6. Staccare lo scovolo per la pulizia e la
maniglia dalla caldaia e conservarli.
Montaggio
3. Allineare orizzontalmente la caldaia
agendo in basso sui 6 piedini regolabili.
■ Rimuovere gli ausili di trasporto
dalla caldaia.
■ Portare dapprima a media altezza
il piedino regolabile posteriore
destro. Questo piedino sarà più
tardi fuori portata.
■ Per l'allineamento del piedino regolabile posteriore centrale, estrarre il
contenitore della cenere (vedi
pagina 49).
5459 703 IT
4. Controllare tutti i listelli di aggancio e
le traverse con livella a bolla d'aria.
Risistemarli all'occorrenza in senso
perpendicolare od orizzontale, è possibile al riguardo allentare le viti di fissaggio.
11
Preparazione del montaggio
Preparazione del montaggio (continua)
A
B
4x
2.
A Occhiello di trasporto
B Ausili di trasporto (4 tubi, con attacchi filettati)
12
5459 703 IT
3.
Sequenza di montaggio
Montaggio degli accessori per funzionamento a camera stagna
5.
A
4.
Montaggio
2.
9.
3.
6.
1.
2x
7.
1. Staccare le spine sui motori della serranda dell'aria.
5459 703 IT
2. Svitare i 4 dadi e rimuovere l'unità
della serranda dell'aria.
3. Rimuovere le bussole distanziatrici e
la lamiera scorrevole. La guarnizione
sul retro della lamiera scorrevole
rimane sull'apparecchio.
8.
2x
4. Aprire la staffa di serraggio sulla
camera di adduzione e staccare il
coperchio.
5. Sistemare la camera di adduzione
sull'apertura d'immissione aria.
6. Infilare la bussola distanziatrice sul
perno filettato e avvitare l'unità della
serranda dell'aria con 4 dadi.
Coppia di serraggio: 6 Nm
13
Sequenza di montaggio
Montaggio degli accessori per funzionamento a… (continua)
7. Infilare nuovamente le spine sui
motori della serranda dell'aria e spingere le boccole integrate dei cavi
elettrici nelle aperture A nella parete
laterale della camera di adduzione.
9. Fissare il condotto adduzione aria
alla camera di adduzione con
fascetta per tubo
8. Inserire il coperchio in basso e chiuderlo in alto con la staffa di serraggio.
B
A
B Posa per attacco adduzione aria in
alto
5459 703 IT
A Posa per attacco adduzione aria
posteriore
14
Sequenza di montaggio
Montaggio degli accessori per funzionamento a… (continua)
Avvertenza
■ È possibile prevedere l'attacco
adduzione aria, a scelta, sul lato
posteriore o su quello superiore
della caldaia.
■ Ritagliare lungo la perforazione la
lamiera di rivestimento corrispondente per l'attacco di adduzione
aria.
■ Se si opta per un attacco adduzione aria sul lato superiore della
caldaia occorrerà staccare, per
operazioni di manutenzione successive, il collegamento adduzione
aria per consentire lo smontaggio
della lamiera superiore posteriore.
2. Fissare il condotto adduzione aria
all'attacco di adduzione aria con
fascetta per tubo.
3. Dopo il montaggio della lamiera laterale (vedi pagina 17): inserire l'attacco di adduzione aria sul lato
interno della lamiera di rivestimento e
avvitarlo dall'esterno.
Avvertenza
Diametro dell'attacco di adduzione
aria: 80 mm.
Per realizzare sul posto l'adduzione
aria sull'attacco di adduzione aria:
■ max. 15 m di lunghezza
■ max. 4 curve da 90°
Modifica per riempimento manuale
5459 703 IT
Se si intende riempire manualmente la
caldaia, il sensore pellet va installato in
basso sulla stiva pellet.
15
Montaggio
1. Eseguire la posa del condotto adduzione aria nella caldaia.
Sequenza di montaggio
Modifica per riempimento manuale (continua)
2.
1.
4.
57
3.
2. Smontare il coperchio inferiore dalla
stiva pellet.
Avvertenza
Conservare il coperchio per un possibile riutilizzo.
16
5459 703 IT
1. Aprire il coperchio per riempimento
sulla stiva pellet e smontare il sensore pellet.
Sequenza di montaggio
Modifica per riempimento manuale (continua)
3. Montare il sensore pellet nella
lamiera apposita fornita a corredo.
Avvertenza
Non deve essere ostruita l'apertura per
sensore nel coperchio per riempimento.
4. Montare la lamiera con sensore nella
guarnizione presente.
Montaggio delle lamiere di rivestimento
5459 703 IT
Montaggio
Avvertenza
Per funzionamento a camera stagna con
attacco di adduzione aria sul lato superiore della caldaia: prima di montare la
lamiera posteriore ritagliare l'apertura
perforata sulla lamiera.
17
Sequenza di montaggio
Montaggio delle lamiere di rivestimento (continua)
4x
3.
1.
Avvertenza
Le viti autofilettanti St 4,8 x 9,5 sono
comprese nella fornitura.
18
5459 703 IT
2.
Sequenza di montaggio
Montaggio delle lamiere di rivestimento (continua)
Avvertenza
La lamiera anteriore e quella superiore
vengono montate in un secondo
momento.
Posa dei cavi elettrici
2.
Montaggio
3.
8.
3x
1.
2. Condurre i cavi elettrici esterni attraverso l'apertura sinistra nella lamiera
di rivestimento posteriore.
5459 703 IT
1. Aprire il coperchio dell'involucro della
regolazione.
19
Sequenza di montaggio
Posa dei cavi elettrici (continua)
Avvertenza
■ La posa ha luogo sul lato sinistro
della caldaia lungo le traverse
superiori.
■ Non devono venire a contatto con
motori o componenti roventi della
caldaia.
3. Posare i cavi elettrici esterni sul
davanti verso l'involucro della regolazione e fissarli con fascette alla traversa sinistra.
4. Posare i cavi elettrici interni e fissarli
con fascette
Avvertenza
I cavi elettrici non devono ostacolare
operazioni di manutenzione successive.
Non devono venire a contatto con
motori o componenti roventi della caldaia.
5. Condurre tutti i cavi elettrici verso il
lato sinistro, superiore o inferiore dell'involucro della regolazione, a
seconda del lato allacciamento della
regolazione.
Allacciamenti elettrici
In fase d'allacciamento di contatti d'inserimento e componenti esterni alla bassa
tensione di protezione della regolazione,
attenersi alle prescrizioni della classe di
protezione II, vale a dire mantenere una
distanza tra i contatti di 8,0 mm e uno
spessore d'isolamento di 2,0 mm
rispetto ai componenti attivi.
Per tutti i componenti da prevedere sul
posto (tra cui si annoverano anche PC/
PC portatili) deve essere prevista un'interruzione elettrica di sicurezza secondo
EN 60 335 e IEC 65.
!
Attenzione
Eventuali scariche elettrostatiche
possono danneggiare i componenti elettronici.
Prima di eseguire i lavori, scaricare a terra la carica elettrostatica toccando oggetti, quali
ad es. tubi dell'acqua o del riscaldamento.
Schema degli allacciamenti elettrici
5459 703 IT
Schema schede e schema allacciamento elettrico e cablaggio da
pagina 118
20
Sequenza di montaggio
Allacciamenti elettrici (continua)
Introduzione e fissaggio dei cavi nell'involucro della regolazione
Cavo con passacavi incorporato
Cavo senza passacavi incorporato
3.
2.
Montaggio
1.
2.
1.
Chiudere le aperture non necessarie
nella parte inferiore della regolazione
con il passacavi (non tagliato).
Allacciamento del sensore temperatura esterna
Funzione
Ai
GND
Informazioni supplementari
Pt1000
5459 703 IT
Assegnazione
1
2
1 2
1
Spina ! sensore temperatura esterna
21
Sequenza di montaggio
Allacciamenti elettrici (continua)
Allacciamento sensori temperatura accumulo
Assegnazione
1
2
3
4
5
6
1 2 3 4 5 6
9
Spina ): sensori temperatura accumulo
Funzione
Informazioni supplementari
Sensore temperatura accumulo 1 (superiore) Pt1000
Sensore temperatura accumulo 2
Pt1000
Sensore temperatura accumulo 3
Pt1000
Sensore temperatura accumulo 4
Pt1000
Sensore temperatura accumulo 5
Pt1000
GND (per tutti e 5 sensori)
—
Ulteriori allacciamenti elettrici
Procedere a ulteriori allacciamenti elettrici in base a quanto riportato nella
documentazione allegata “Esempi d'impianto„ e nello schema allacciamento
elettrico e cablaggio da pagina 118.
Allacciamento rete fÖ vedi
pagina 125.
22
5459 703 IT
Allacciamento rete
Sequenza di montaggio
Allacciamenti elettrici (continua)
Norme
Per ogni intervento sull'allacciamento
rete e sui dispositivi di sicurezza (ad es.
interruttore differenziale), attenersi alle
prescrizioni di allacciamento previste
dalle aziende erogatrici di energia elettrica e alle normative in vigore! Il cavo di
alimentazione della regolazione deve
essere provvisto di fusibili da max.
16 A.
Requisiti dell'interruttore generale
(se necessario)
2. Collegare (sul posto) il cavo rete nella
scatola di allacciamento e nella regolazione.
Pericolo
Un'assegnazione errata dei
conduttori può causare lesioni
gravi e danni all'apparecchio.
Non invertire i conduttori
“L1„ (fase) e “N„ (neutro).
Contrassegno colori secondo DIN IEC
60757:
BN
marrone
BU
blu
GNYE verde/giallo
Attenersi alle prescrizioni di legge relative agli allacciamenti elettrici e ai dispositivi di sicurezza. Installare l'interruttore
generale al di fuori del locale d'installazione e separare contemporaneamente
tutti i conduttori privi di messa a terra e
con una distanza tra i contatti pari ad
almeno 3 mm.
Cavo rete consigliato
Cavo a tre conduttori a scelta tra i
seguenti:
■ H05VV-F3G 1,5 mm2
■ H05RN-F3G 1,5 mm2
5459 703 IT
1. Verificare che il cavo di alimentazione per la regolazione sia provvisto
di fusibili da max. 16 A.
23
Montaggio
Direttive
Sequenza di montaggio
Allacciamento lato fumi
C
B
Avvertenza
Per evitare la propagazione del suono
provocato dalla occorre montare un raccordo elastico nel tubo fumi.
Non murare il tubo fumi all'interno del
camino.
A
A Apertura per la pulizia con attacco di
misurazione per rilevazione di temperatura fumi e di emissioni
(distanza tra l'attacco di misurazione e il bocchettone di scarico
della caldaia o l'ultima curva:
2 x 7)
B Isolamento termico
C Bocca elastica d'entrata gas di scarico
1. Montare il tubo fumi con leggera pendenza rispetto al camino (possibilmente 45°).
Tubo fumi (diametro interno):
7 100 mm
Lunghezza max. tubo fumi:
3000 mm
3. Isolare termicamente il tubo fumi con
uno spessore di almeno 30 mm.
4. Montare un regolatore di tiraggio
(accessorio) nel camino:
Istruzioni di montaggio separate
5459 703 IT
2. Rendere a tenuta di gas di scarico
tutto il tubo fumi insieme all'apertura
per la pulizia.
24
Sequenza di montaggio
Allacciamento lato acqua
Montaggio
C BA
5459 703 IT
D
A Ritorno caldaia Rp 1½
B Mandata caldaia e attacco vaso di
espansione Rp 1½
C Attacco collettore apparecchiature
di sicurezza R 1½ (attacchi di sicurezza)
D Scarico
Rimuovere i coperchi di protezione sugli
attacchi.
Avvertenza
Si possono collegare solo circuiti di
riscaldamento con regolazione del
miscelatore.
25
Sequenza di montaggio
Allacciamento lato acqua (continua)
Installare le tubazioni di sicurezza.
Istruzioni di montaggio collettore
apparecchiature di sicurezza
Pressione max. d'esercizio: 3 bar (0,3
MPa)
Pressione di collaudo: 4 bar (0,4 MPa)
Avvertenza
Dotare la caldaia di una valvola di sicurezza di tipo omologato e di dimensioni
idonee alla caldaia alla quale viene applicata, come previsto dalle normative
vigenti.
Montaggio di ulteriori lamiere di rivestimento
5459 703 IT
Per funzionamento a camera stagna con
attacco di adduzione aria in alto sulla
caldaia:
■ Prima procedere al montaggio della
lamiera superiore posteriore, ritagliare
l'apertura perforata A.
■ Dopo aver montato la lamiera superiore posteriore, montare dall'esterno
l'attacco di adduzione aria sulla
lamiera di rivestimento.
■ Inserire sull'attacco di adduzione aria
il condotto adduzione aria dal lato
interno della lamiera di rivestimento e
fissarlo con fascetta per tubo.
26
Sequenza di montaggio
Montaggio di ulteriori lamiere di rivestimento (continua)
2.
A
Montaggio
1.
4.
3.
5459 703 IT
1x
1. Applicare la lamiera superiore posteriore e spingerla all'indietro.
2. Applicare la lamiera superiore e spingerla verso destra.
27
Sequenza di montaggio
Montaggio di ulteriori lamiere di rivestimento (continua)
3. Avvitare la lamiera superiore.
4. Montare la lamiera anteriore.
Avvertenza
La vite autofilettante St 4,8 x 9,5 è
compresa nella fornitura.
Montaggio dello sportello pellet
2.
3x
5.
3.
4.
1.
7.
5459 703 IT
6.
28
Sequenza di montaggio
Montaggio dello sportello pellet (continua)
1. Montare la mensola per il limitatore di
apertura sportello.
4. Estrarre gli agganci della rispettiva
cerniera e innestarli nei fori.
2. Inserire nello sportello pellet i 3 tamponi a forma di fungo forniti in dotazione.
5. Montare l'asta del limitatore di apertura sportello sullo sportello pellet.
6. Agganciare l'asta nella mensola.
7. Chiudere lo sportello pellet.
Montaggio
3. Applicare lo sportello pellet sulla caldaia.
Applicazione della targhetta tecnica
5459 703 IT
Incollare la targhetta tecnica sulla
lamiera di rivestimento sinistra.
29
Sequenza di montaggio
Montaggio dei tubi flessibili per pellet
5.
4.
A
a
1.
B
3.
50
50
2.
5459 703 IT
Misura a: ca. 1000 mm
30
Sequenza di montaggio
Montaggio dei tubi flessibili per pellet (continua)
A Tubo flessibile di alimentazione pellet
B Tubo flessibile di ritorno
Montaggio
1. Accorciare i tubi flessibili alla lunghezza richiesta.
Per il cavo di terra considerare, inoltre, 50 mm supplementari su ciascuna estremità dei tubi flessibili.
Scoprire di circa 50 mm il cavo di terra
su ciascuna estremità e ripiegarlo
all'indentro nel tubo flessibile.
2. Lucidare il rivestimento metallico di
tutti gli attacchi (anche quello per l'alimentazione da magazzino).
Avvertenza
Rimuovere i coperchi di protezione
dagli attacchi.
3. Spingere i tubi flessibili con cavo di
terra lungo la zona lucidata degli
attacchi.
4. Fissare con fascette i tubi flessibili
agli attacchi.
5. Fissare i tubi flessibili a distanze di
max. 1000 mm con fascette per fissaggio a parete.
5459 703 IT
Avvertenza
Si consiglia di montare le fascette per
fissaggio a parete dei tubi flessibili
con tasselli fonoassorbenti.
31
Prima messa in funzione, ispezione, manutenzione
Sequenza operazioni – prima messa in funzione, ispezione e manutenzione
Per ulteriori indicazioni sulla sequenza delle operazioni vedere la pagina indicata
Sequenza delle operazioni per la prima messa in funzione
Sequenza delle operazioni per l'ispezione
Sequenza delle operazioni per la manutenzione
1. Riempimento dell'impianto di riscaldamento.............. 34
•
•
2. Controllo della tenuta di tutti gli attacchi lato
riscaldamento
•
3. Inserimento della tensione di rete e avvio della
sequenza di messa in funzione..................................... 35
•
•
•
•
4. Impostazione della lingua.............................................. 35
•
•
•
•
•
•
8. Selezione del sensore magazzino per pellet................ 38
•
•
•
•
•
•
10. Selezione del tipo di accumulatore............................... 39
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
13. Selezione dell'allacciamento acqua calda.................... 40
32
5. Impostazione della data................................................. 35
6. Impostazione dell'ora esatta.......................................... 36
7. Configurazione del sistema di alimentazione/schema
caricamento..................................................................... 36
9. Impostazione del numero di sensori temperatura
accumulo......................................................................... 39
11. Selezione di caldaia supplementare............................. 39
12. Selezione dell'allacciamento per circuito
riscaldamento 1 - 3......................................................... 40
14. Selezione del ricircolo.................................................... 40
15. Selezione allacciamento Solare.................................... 41
16. Selezione del tipo di solare............................................ 41
17. Modifica del nome dei circuiti di riscaldamento.......... 41
18. Diagnosi........................................................................... 41
19. Controllo uscite (attuatori) e sensori............................ 42
•
•
•
20. Taratura sonda O2........................................................... 43
21. Riempimento modulo di aspirazione............................ 43
22. Conclusione della messa in esercizio.......................... 43
5459 703 IT
•
•
Pagina
Prima messa in funzione, ispezione, manutenzione
Sequenza operazioni – prima messa in funzione,… (continua)
Sequenza delle operazioni per la prima messa in funzione
Sequenza delle operazioni per l'ispezione
Sequenza delle operazioni per la manutenzione
•
•
•
Pagina
23. Visualizzazione della struttura del menù...................... 44
24. Impostazione dei tempi per l'alimentazione
combustibile (per sistema ad aspirazione).................. 44
•
25. Adattamento della regolazione all'impianto di
riscaldamento ................................................................ 44
•
26. Taratura delle curve di riscaldamento.......................... 44
•
•
27. Spegnimento dell'impianto............................................ 48
•
31. Pulizia di camera di combustione, griglia a lamelle e
collettore gas di scarico................................................. 57
•
•
•
•
•
32. Pulizia delle superfici di scambio termico................... 58
28. Svuotamento del contenitore della cenere.................. 49
29. Apertura della caldaia per operazioni di pulizia.......... 50
30. Schema operazioni di manutenzione e pulizia nella
caldaia.............................................................................. 56
33. Pulire il tubo fumi
34. Eliminare la cenere volatile dal camino
35. Pulizia del vano cenere e del trasporto della cenere. . 59
36. Pulire la griglia di aspirazione e il sensore pellet nella
stiva pellet....................................................................... 60
•
37. Lubrificazione delle catene di trasmissione e dei
supporti (ogni 3 anni)
•
•
38. Controllo di tutti gli interruttori di posizione a
disposizione
•
•
39. Controllo del vaso di espansione a membrana e della
pressione dell'impianto.................................................. 61
•
•
40. Controllo del funzionamento delle valvole di
sicurezza
41. Istruzioni per il conduttore dell'impianto..................... 61
5459 703 IT
•
•
•
•
•
Assistenza
•
33
Prima messa in funzione, ispezione, manutenzione
Ulteriori indicazioni sulla sequenza delle operazioni
Riempimento dell'impianto di riscaldamento
Acqua di riempimento
!
Attenzione
L'impiego di acqua di riempimento non adatta o non trattata
adeguatamente favorisce la formazione di depositi e corrosione
e può quindi provocare danni
all'apparecchio.
■ Lavare a fondo l'impianto di
riscaldamento prima di riempirlo.
■ Riempire esclusivamente con
acqua conforme alla normativa
vigente.
■ All'acqua di riempimento si può
aggiungere un prodotto anticongelante speciale per
impianti di riscaldamento. L'idoneità deve essere accertata
dalla ditta del prodotto anticongelante.
■ L'acqua di riempimento e di
rabbocco con una durezza dell'acqua superiore ai valori
seguenti deve essere addolcita, ad es., con un impianto di
piccole dimensioni per l'addolcimento dell'acqua di riscaldamento.
Durezza massima complessiva dell'acqua di riempimento e di rabbocco
Potenzialità tota- Contenuto specifico acqua impianto
le
kW
< 20 l/kW
≥ da 20 l/kW a
≥ 50 l/kW
< 50 l/kW
≤ 50
≤ 3,0 mol/m3
≤ 2,0 mol/m3
< 0,02 mol/m3
(16,8 °dH)
(11,2 °dH)
(0,11 °dH)
1. Controllare la pressione di precarica
del vaso di espansione.
Se la pressione di precarica è inferiore alla pressione statica dell'impianto, riempire con azoto finché la
pressione di precarica non supera la
pressione statica dell'impianto di un
valore compreso tra 0,1 e 0,2 bar (10
- 20 kPa).
Se la pressione di precarica è eccessiva, adattarla in modo corrispondente.
5459 703 IT
2. Aprire le valvole di ritegno.
34
Prima messa in funzione, ispezione, manutenzione
Ulteriori indicazioni sulla sequenza delle… (continua)
3. Riempire d'acqua l'impianto di riscaldamento e sfiatare finché la pressione di riempimento non supera la
pressione di precarica del vaso di
espansione di un valore compreso tra
0,1 e 0,2 bar (10 - 20 kPa).
Pressione max. d'esercizio: 3 bar (0,3
MPa)
Pressione di collaudo: 4 bar (0,4
MPa)
4. Contrassegnare la pressione di riempimento sul manometro A.
5. Riportare le valvole di ritegno in posizione di funzionamento.
Inserimento della tensione di rete e avvio della sequenza di
messa in funzione
Dopo che è stata inserita la tensione di
rete viene avviata una sequenza della
messa in funzione. Se non si avvia automaticamente premere contemporaneamente i tasti Ù e Ú per ca. 5 secondi.
Durante le immissioni successive è possibile premere anche questi tasti:
ä per un passo indietro
å per visualizzare la struttura del
menu di messa in funzione
Impostazione della lingua
Poco tempo dopo che è stata inserita la
tensione di rete appare “Imposta lingua„.
2. d
per confermare.
Sul display appare “Imposta
data„.
2. d
per confermare.
Sul display appare “Imposta
ora„.
Premere i seguenti tasti:
Impostazione della data
Premere i seguenti tasti:
5459 703 IT
1. |/~ per la data desiderata.
35
Assistenza
1. |/~ per la lingua desiderata.
Prima messa in funzione, ispezione, manutenzione
Ulteriori indicazioni sulla sequenza delle… (continua)
Impostazione dell'ora esatta
Premere i seguenti tasti:
2. d
per confermare.
1. |/~ per l'ora desiderata.
Configurazione del sistema di alimentazione/schema caricamento
In fabbrica, il sistema di alimentazione
per l'estrazione è regolato da un sistema
di trasporto ad aspirazione da un silo
pellet (impostazione “1„)
Premere i seguenti tasti:
1. |/~ per il sistema di alimentazione desiderato “0„, “1„ o
“3„.
per confermare.
Impostazione “1„ per alimentazione pellet da parte di un sistema di trasporto ad
aspirazione da un silo pellet:
5459 703 IT
2. d
Quando si configura il sistema di alimentazione è possibile selezionare i
seguenti sistemi di alimentazione:
Impostazione “0„ (stato di fornitura) per
alimentazione pellet solo dalla stiva pellet della caldaia in caso di alimentazione
manuale della stiva pellet (non raffigurato).
36
Prima messa in funzione, ispezione, manutenzione
Ulteriori indicazioni sulla sequenza delle… (continua)
5459 703 IT
Assistenza
Impostazione “3„ per alimentazione pellet con punto di alimentazione per coclea
da un magazzino per pellet e trasferimento da parte di un sistema di trasporto
ad aspirazione:
37
Prima messa in funzione, ispezione, manutenzione
Ulteriori indicazioni sulla sequenza delle… (continua)
Impostazione “3„ per alimentazione pellet con sistema Talpa da un magazzino
per pellet e trasferimento da parte di un
sistema di trasporto ad aspirazione:
Selezione del sensore magazzino per pellet
Per indicare se è presente un sensore di
livello nel magazzino per pellet, premere
i tasti seguenti:
2. d
per confermare.
5459 703 IT
1. |/~ per sensore magazzino per
pellet “Sì/No„
38
Prima messa in funzione, ispezione, manutenzione
Ulteriori indicazioni sulla sequenza delle… (continua)
Impostazione del numero di sensori temperatura accumulo
Premere i seguenti tasti:
2. d
per confermare.
1. |/~ per sensore temperatura
accumulo “No„, “3„, “4„ o
“5„
L'impostazione “No„ è preimpostata.
Selezione del tipo di accumulatore
Se si intende selezionare il punto di rilevamento per la temperatura di sistema,
premere i tasti seguenti:
2. d
per confermare.
1. |/~ per tipo di accumulatore.
Selezione di caldaia supplementare
Se si intende selezionare un generatore
di calore supplementare, premere i tasti
seguenti:
2. d
per confermare.
5459 703 IT
Assistenza
1. |/~ per caldaia supplementare
“Sì/No„
39
Prima messa in funzione, ispezione, manutenzione
Ulteriori indicazioni sulla sequenza delle… (continua)
Selezione dell'allacciamento per circuito riscaldamento 1 - 3
Per indicare dove è allacciato il circuito
di riscaldamento in questione, premere i
tasti seguenti:
2. d
per confermare.
1. |/~ per “No„:
Non presente.
per “Sulla caldaia„:
Allacciamento su scheda
interna.
per “Sul modulo miscelatore„:
Allacciamento via BUS-KM
su kit di completamento.
Selezione dell'allacciamento acqua calda
Per indicare dove è allacciata la produzione d'acqua calda sanitaria, premere i
tasti seguenti:
2. d
per confermare.
2. d
per confermare.
1. |/~ per “No„:
Non presente.
per “Sulla caldaia„:
Allacciamento su scheda
interna.
per “Sul modulo miscelatore„:
Allacciamento via BUS-KM
su kit di completamento.
Per indicare dove è allacciata la pompa
ricircolo acqua calda sanitaria, premere
i tasti seguenti:
1. |/~ per ricircolo “Sì/No„
40
5459 703 IT
Selezione del ricircolo
Prima messa in funzione, ispezione, manutenzione
Ulteriori indicazioni sulla sequenza delle… (continua)
Selezione allacciamento Solare
Premere i seguenti tasti:
2. d
per confermare.
2. d
per confermare.
1. |/~ per “No„:
Non presente.
per “Sulla caldaia„:
Allacciamento su scheda
interna.
per “Sul modulo solare
esterno„:
Allacciamento via BUS-KM
su Vitosolic.
Selezione del tipo di solare
Disponibile solo se si è selezionato dapprima “Sulla caldaia„.
Premere i seguenti tasti:
1. |/~ per valvola deviatrice “Sì/
No„
Premere i seguenti tasti:
2. Ù/Ú
per selezionare il carattere
successivo.
3. d
per confermare.
1. |/~ per modificare le lettere.
5459 703 IT
Diagnosi
Dietro a ciascun termine sull'indicazione
deve apparire un valore o un'annotazione. Se non vengono visualizzati valori
o annotazioni, controllare l'allacciamento elettrico corrispondente.
Con il tasto d si passa all'indicazione
successiva.
Appaiono, una dopo l'altra, le indicazioni
seguenti:
■ “In generale„
■ “Caldaia„
■ “Accumulatore„
■ “Caricamento„
■ “Circ. riscald. 1„
41
Assistenza
Modifica del nome dei circuiti di riscaldamento
Prima messa in funzione, ispezione, manutenzione
Ulteriori indicazioni sulla sequenza delle… (continua)
■ “Circ. riscald. 2„
■ “Circ. riscald. 3„
■ “Acqua calda„
■ “Solare„
Controllo uscite (attuatori) e sensori
Possono essere comandati gli attuatori
caldaia e i sensori seguenti
■ “In generale„
– “Guasto cum.„
■ Caldaia
– “Ventola fumi„
– “Accensione„
– “Apertura serr. aria prim.„
– “Chiusura serr. aria prim.„
– “Apertura serr. aria sec.„
– “Chiusura serr. aria sec.„
– “Pompa caldaia„
– “Apertura valvola caldaia„
– “Chiusura valvola caldaia„
– “Rimozione cenere„
■ “Caricamento„
– “Dosatore a coclea„
– “Inserimento acceso„
– “Coclea di trasp.„
– “Modulo aspiraz.„
– “Estrazione„
■ “Sistema idraulico„
– “Caldaia supp.„
■ “Riscald.„
– “Circ. riscald. 1 - Pompa„
– “Circ. riscald. 1 - Apertura valvola„
– “Circ. riscald. 1 - Chiusura valvola„
– “Circ. riscald. 2 - Pompa„
– “Circ. riscald. 2 - Apertura valvola„
– “Circ. riscald. 2 - Chiusura valvola„
– “Circ. riscald. 3 - Pompa„
– “Circ. riscald. 3 - Apertura valvola„
– “Circ. riscald. 3 - Chiusura valvola„
■ “Acqua calda„
– “Acqua calda - Pompa„
– “Acqua calda - Apertura valvola„
– “Acqua calda - Chiusura valvola„
■ “Ricircolo„ (sulla caldaia, scheda
HKK)
– “Ricircolo - Pompa„
■ “Solare„ (sulla caldaia, scheda HKK)
– “Solare - Pompa„
– “Solare - Apertura valvola„
– “Solare - Chiusura valvola„
■ Schema distribuzione di calore
Circ. riscald. 1
■ Schema distribuzione di calore
Circ. riscald. 2
42
5459 703 IT
Vengono visualizzate le impostazioni
effettuate:
Prima messa in funzione, ispezione, manutenzione
Ulteriori indicazioni sulla sequenza delle… (continua)
■ Schema distribuzione di calore
Circ. riscald. 3
■ Schema Acqua calda
■ Schema Ricircolo
■ Schema Solare
Taratura sonda O2
Avvertenza
La taratura della sonda lambda può aver
luogo solo manualmente.
Per la taratura della sonda lambda vedi
pagina 101.
Riempimento modulo di aspirazione
Premere i seguenti tasti:
1. |/~ per “Sì„
Per impostazione
“Manuale„: riempire la stiva
di pellet, procedere quindi
con d.
Per impostazione “Automatico„: la turbina di aspirazione si avvia automaticamente dopo aver premuto
d.
Premere i seguenti tasti:
2. d
Assistenza
Conclusione della messa in esercizio
per confermare.
5459 703 IT
1. |/~ per “Sì/No„
per selezionare “Sì„: è completata la sequenza di messa
in funzione. Viene visualizzato il menu di base.
per selezionare “No„: riavvio
della messa in funzione
43
Prima messa in funzione, ispezione, manutenzione
Ulteriori indicazioni sulla sequenza delle… (continua)
Visualizzazione della struttura del menù
Se si esce dalla sequenza di messa in
funzione con il tasto “å„, viene visualizzata la struttura del menu di messa in
funzione. Da qui è possibile passare al
menù di base o al menù principale.
Impostazione dei tempi per l'alimentazione combustibile (per
sistema ad aspirazione)
Per determinati intervalli di tempo, in cui
non occorre l'alimentazione, è possibile
un'impostazione individuale.
Istruzioni d'uso Vitoligno 300-C
Adattamento della regolazione all'impianto di riscaldamento
La regolazione deve essere adeguata
alla tipologia dell'impianto. Diversi componenti dell'impianto vengono riconosciuti automaticamente dalla regolazione e la codifica viene impostata automaticamente.
Controllare tutti gli indirizzi in Codifica 1 ed impostarli, se necessario (vedi
capitolo “Codifica 1„).
Avvertenza
Ulteriori possibilità d'impostazione sono
indicate in Codifica 2.
Taratura delle curve di riscaldamento
Dalla temperatura di mandata dipende a
sua volta la temperatura ambiente.
Taratura al momento della fornitura:
■ inclinazione = 1,4
■ scostamento = 0
5459 703 IT
Le curve di riscaldamento rappresentano il rapporto esistente tra temperatura
esterna e temperatura di mandata.
Più semplicemente: più bassa è la temperatura esterna, più elevata è la temperatura di mandata.
44
Prima messa in funzione, ispezione, manutenzione
1,6
1,8
2,0
2,8
2,6
2,4
2,2
3,0
3,4
90
Inclinazione
1,4
80
1,2
70
1,0
60
0,8
50
0,6
40
0,4
30
0,2
30
Te
25
mp
nom erat
20
ina ura
15
le i am
n ° bie
C
nte
C
10
10
0
5
Esempio per una temperatura esterna di
−14 °C:
A Impianto di riscaldamento a pavimento, inclinazione da 0,2 a 0,8
B Impianto a bassa temperatura, inclinazione da 0,8 a 1,6
C Impianto di riscaldamento con temperatura di mandata superiore a
75 °C, inclinazione da 1,6 a 2,0
B
A
-10
-20
-30
-14
Temperatura esterna in °C
La curva di riscaldamento viene spostata
lungo l'asse del valore nominale di temperatura ambiente. Essa provoca un
inserimento/disinserimento diverso della
pompa circuito di riscaldamento, quando
la funzione ottimizzatrice della pompa
circuito di riscaldamento è attiva.
Assistenza
35
Temperatura di mandata in °C
3,2
Ulteriori indicazioni sulla sequenza delle… (continua)
Impostazione della temperatura
ambiente nominale
5459 703 IT
Impostabile separatamente per ogni circuito di riscaldamento.
45
Prima messa in funzione, ispezione, manutenzione
Ulteriori indicazioni sulla sequenza delle… (continua)
Temperatura ambiente normale
110
A
26°C
20°C
Premere i seguenti tasti:
1. å.
2. |/~ per selezionare il circuito di
riscaldamento.
C 26
D
20
B -20°C
E
3. d
4. |/~ per “Temp.amb.normale„.
5. d
modifica della temperatura ambiente
normale da 20 a 26 °°C
per confermare.
6. |/~ per il valore desiderato.
7. d
per confermare.
5459 703 IT
A Temperatura di mandata in °C
B Temperatura esterna in °C
C Valore nominale di temperatura
ambiente in °C
D Pompa circuito di riscaldamento
disinserita
E Pompa circuito di riscaldamento
inserita
per confermare.
46
Prima messa in funzione, ispezione, manutenzione
Ulteriori indicazioni sulla sequenza delle… (continua)
Temperatura ambiente ridotta
110
Premere i seguenti tasti:
A
C
D
14°C
3°C
20
14
3
B -20°C
E
Modifica della temperatura ambiente
ridotta da 3 a 14 °C
1. å.
2. |/~ per selezionare il circuito di
riscaldamento.
3. d
per confermare.
4. |/~ per la “Temp. ambiente
ridotta„.
5. d
per confermare.
6. |/~ per il valore desiderato.
7. d
per confermare.
5459 703 IT
Assistenza
A Temperatura di mandata in °C
B Temperatura esterna in °C
C Valore nominale di temperatura
ambiente in °C
D Pompa circuito di riscaldamento
disinserita
E Pompa circuito di riscaldamento
inserita
47
Prima messa in funzione, ispezione, manutenzione
Ulteriori indicazioni sulla sequenza delle… (continua)
Modifica dell'inclinazione e dello scostamento
Impostabile separatamente per ogni circuito di riscaldamento.
110
3. d
3,5
Temperatura acqua di caldaia o
temperatura di mandata in °C
2. |/~ per selezionare il circuito di
riscaldamento.
per confermare.
4. |/~ per “Curva riscaldamento„.
A
1,4
B
0,2
+20
-20
Temperatura esterna in °C
5. d
6. |/~ per “Inclinazione„ o “Scostamento„.
7. d
per confermare.
8. |/~ per il valore desiderato.
9. d
A Modifica dell'inclinazione
B Modifica dello scostamento (scostamento parallelo verticale della curva
di riscaldamento)
per confermare.
per confermare.
10. Mediante il tasto ä passare alla
segnalazione di base.
Premere i seguenti tasti:
1. å.
Spegnimento dell'impianto
48
1. Spegnere la caldaia premendo il
tasto “START/STOP„ sulla regolazione.
2. Attendere il ritardo nello spegnimento
e lasciar raffreddare la caldaia.
3. Disinserire l'interruttore generale dell'impianto e assicurarsi che non
possa essere reinserito.
5459 703 IT
Pericolo
Il contatto con componenti sotto
tensione o bollenti può causare
lesioni gravi.
Prima di iniziare le operazioni di
pulizia disinserire la tensione di
rete (ad es. agendo sul fusibile o
sull'interruttore generale) e attendere finché la caldaia non si è raffreddata.
Prima messa in funzione, ispezione, manutenzione
Ulteriori indicazioni sulla sequenza delle… (continua)
Svuotamento del contenitore della cenere
D
A
C
Assistenza
E
B
1. Disinserire la caldaia.
5459 703 IT
2. Staccare la lamiera anteriore A
dalla caldaia.
3. Aprire i dispositivi di chiusura B
esercitando pressione sul fissaggio
della staffa.
49
Prima messa in funzione, ispezione, manutenzione
Ulteriori indicazioni sulla sequenza delle… (continua)
4. Estrarre i bulloni di sbloccaggio C e
spingere indietro la paratia della
cenere D fino all'arresto.
5. Spingere appena a sinistra il contenitore della cenere E ed estrarlo in
avanti.
6. Svuotare il contenitore della cenere.
Togliere al riguardo il coperchio dal
contenitore della cenere.
8. Introdurre il contenitore della cenere
e chiudere la caldaia procedendo nell'ordine inverso.
Avvertenza
Prima di chiudere la caldaia riaprire la
paratia della cenere D.
9. Reinserire la caldaia.
7. Pulire il vano interno della caldaia da
residui di cenere.
Apertura della caldaia per operazioni di pulizia
Smontaggio del rivestimento
5459 703 IT
Pericolo
Le superfici bollenti possono provocare lesioni gravi.
Aprire la caldaia solo dopo che si
è completamente raffreddata.
50
Prima messa in funzione, ispezione, manutenzione
Ulteriori indicazioni sulla sequenza delle… (continua)
A
B
2. Togliere 2 cerniere con aggancio B
e staccare lo sportello pellet.
5459 703 IT
Assistenza
1. Ribaltare verso destra lo sportello
pellet A.
51
Prima messa in funzione, ispezione, manutenzione
Ulteriori indicazioni sulla sequenza delle… (continua)
B
C
2x
D
E
1x
A
5459 703 IT
F
52
Prima messa in funzione, ispezione, manutenzione
Ulteriori indicazioni sulla sequenza delle… (continua)
3. Svitare 2 viti D e staccare la lamiera
laterale E.
2. Staccare la lamiera superiore posteriore C estraendola in avanti.
Smontare dapprima l'attacco adduzione aria se è montato sulla lamiera
superiore posteriore.
4. Staccare la lamiera anteriore F.
5459 703 IT
Assistenza
1. Svitare la vite A sulla lamiera superiore B e staccare quest'ultima.
53
Prima messa in funzione, ispezione, manutenzione
Ulteriori indicazioni sulla sequenza delle… (continua)
Apertura in alto della caldaia
A
B
C
D
1. Togliere il materassino termoisolante
A.
54
2. Separare i connettori B della sonda
lambda e della ventola fumi.
5459 703 IT
E
Prima messa in funzione, ispezione, manutenzione
Ulteriori indicazioni sulla sequenza delle… (continua)
3. Allentare i dadi C sul bocchettone di
scarico.
4. Staccare il coperchio D con ventola
fumi. Svitare al riguardo i 4 dadi.
6. Pulire il lato interno del coperchio
della camera di combustione e controllare che la guarnizione non sia
danneggiata.
5. Rimuovere il coperchio della camera
di combustione E. Svitare al
riguardo i 3 dadi.
Apertura in basso della caldaia
C
B
D
5459 703 IT
1. Estrarre il contenitore della cenere
A (vedi pagina 49)
Assistenza
A
2. Staccare il coperchio B. Svitare al
riguardo i 4 dadi.
55
Prima messa in funzione, ispezione, manutenzione
Ulteriori indicazioni sulla sequenza delle… (continua)
3. Pulire il lato interno del coperchio
B.
4. Smontare gli attacchi per il fissaggio
dei turbolatori C. Svitare al riguardo
le viti D.
Avvertenza
Dopo averne smontato gli attacchi
per il fissaggio, i turbolatori scivolano
in basso.
Schema operazioni di manutenzione e pulizia nella caldaia
Dopo un consumo di pellet
di 1000 kg o almeno 1 volta
all'anno
Controllare pressione dell'impianto
X
Pulire la camera di combustione
X
Pulire la griglia a lamelle
X
Pulire la camera d'inversione
X
Pulire il collettore gas di scarico
X
Pulire la sonda lambda con un pennello
X
Pulire le superfici di scambio termico
X
Pulire il tubo fumi
X
Eliminare la cenere volatile dal camino
X
Pulire vano cenere e trasporto della cenere
X
Aspirare la griglia di aspirazione nella stiva pellet X
Pulire il sensore pellet nella stiva pellet con un
X
pennello
Controllare tutte le guarnizioni del coperchio ed
X
eventualmente sostituirle
Manutenzione di parti mobili (catene di trasmissione, ruote dentate, alberi e supporti)
Controllare tutti gli interruttori di posizione a diX
sposizione
Dopo un consumo di pellet di
5000 kg o almeno 3 volte all'anno
X
5459 703 IT
Attività
56
Prima messa in funzione, ispezione, manutenzione
Ulteriori indicazioni sulla sequenza delle… (continua)
Pulizia di camera di combustione, griglia a lamelle e collettore
gas di scarico
E
F
G
H
D
C
Assistenza
A
B
2. Pulire il collettore gas di scarico D
servendosi di scovolo per la pulizia e
di aspiratore.
5459 703 IT
1. Pulire camera d'inversione A,
camera di combustione B e griglia a
lamelle C servendosi di scovolo per
la pulizia e di aspiratore.
57
Prima messa in funzione, ispezione, manutenzione
Ulteriori indicazioni sulla sequenza delle… (continua)
3. Pulire il lato interno dell'involucro
della sonda lambda E con un pennello e controllare che non presenti
danni.
5. Pulire il lato interno del coperchio e
controllare che la guarnizione G non
sia danneggiata.
4. Pulire la ventola F con pennello e
aspiratore e controllare che non presenti danni.
6. Pulire l'attacco scarico fumi H servendosi di scovolo per la pulizia e di
aspiratore.
Pulizia delle superfici di scambio termico
A
5459 703 IT
B
58
Prima messa in funzione, ispezione, manutenzione
Ulteriori indicazioni sulla sequenza delle… (continua)
1. Estrarre e pulire i turbolatori A.
Estrarre dapprima i turbolatori posteriori, quindi, con l'ausilio di un turbolatore, quelli anteriori.
2. Pulire le superfici di scambio termico
B servendosi di scovolo per la pulizia e di aspiratore.
Pulizia del vano cenere e del trasporto della cenere
2. Se necessario, pulire le coclee con
uno scovolo per la pulizia.
5459 703 IT
1. Pulire il vano cenere A e B con un
aspiratore.
B
59
Assistenza
A
Prima messa in funzione, ispezione, manutenzione
Ulteriori indicazioni sulla sequenza delle… (continua)
Pulire la griglia di aspirazione e il sensore pellet nella stiva pellet
A
B
C
1. Aprire il coperchio d'ispezione A.
Svitare al riguardo le 4 viti.
2. Pulire la griglia di aspirazione B servendosi di pennello e aspiratore.
4. Pulire il sensore pellet D con un
pennello e controllare che non presenti danni.
Avvertenza
Se il caricamento è manuale, il sensore
pellet si trova in basso a sinistra nella
stiva pellet (vedi pagina 15).
5459 703 IT
3. Aprire il coperchio C.
D
60
Prima messa in funzione, ispezione, manutenzione
Ulteriori indicazioni sulla sequenza delle… (continua)
Controllo del vaso di espansione a membrana e della pressione
dell'impianto
Eseguire la verifica ad impianto freddo.
1. Scaricare l'impianto o chiudere la valvola del vaso di espansione, riducendo la pressione finché il manometro non indica “0„.
2. Se la pressione di precarica del vaso
di espansione è inferiore alla pressione statica dell'impianto, riempire
con azoto finché la pressione di precarica non risulta maggiore di un
valore compreso tra 0,1 e 0,2 bar
(10 - 20 kPa) rispetto alla pressione
statica.
3. Rabboccare con acqua finché, ad
impianto freddo, la pressione di riempimento non è di almeno 1,0 bar
(0,1 MPa) e non supera la pressione
di precarica del vaso di espansione di
un valore compreso tra 0,1 e 0,2 bar
(10 - 20 kPa).
Pressione max. d'esercizio: 3 bar
(0,3 MPa)
Istruzioni per il conduttore dell'impianto
Documentazione d'uso e di servizio
Conservare tutte le liste dei singoli componenti, istruzioni d'uso e istruzioni di
servizio nel raccoglitore e consegnarle al
conduttore dell'impianto.
Assistenza
Istruzioni per il conduttore dell'impianto
5459 703 IT
La ditta installatrice specializzata è
tenuta a istruire il conduttore dell'impianto in merito all'impiego e a consegnargli lo scovolo per la pulizia.
61
Codifiche
Codifica 1
Richiamo della codifica 1
Premere i seguenti tasti:
1. d + å contemporaneamente
per circa 4 s.
Appare il menù “Service„.
2. |/~
per “Codifica 1„.
3. d
per confermare.
4. |/~
per selezionare il
gruppo desiderato.
5. d
6. |/~
per la codifica desiderata.
7. d
per confermare.
8. |/~
per il valore desiderato.
9. d
per confermare.
Sul display appare brevemente “Memorizzato„.
10. ä
Uscire dal menù Service.
per confermare.
Schema
■ “Caldaia„
vedi pagina 72
■ “Accumulatore„
vedi pagina 73
■ “Solare„
vedi pagina 75
■ “Acqua calda„
vedi pagina 77
■ “Generatore di calore supplem.„
vedi pagina 77
5459 703 IT
Gli indirizzi di codifica sono visualizzati a
gruppi in base alla configurazione dell'impianto:
■ “In generale„
vedi pagina 63
■ “Caricamento„
vedi pagina 63
■ “Hardware„
vedi pagina 65
■ “Riscald.„
vedi pagina 67
62
Codifiche
Codifica 1 (continua)
In generale
Codifiche
Codifica allo stato di fornitura
Possibile modifica
Casa monofamiliare o plurifamiliare
7F:1
Casa monofamiliare, pro- 7F:0
Casa plurifamiliare, possigramma ferie uguale per
bilità di impostare separatutti i gruppi riscaldamentamente il programma feto
rie.
Temperatura minima sensore d'accumulo superiore
91:0
Nessuna temperatura mi- 91:1
Se si dispone di un accunima.
fino a
mulatore acqua di riscalda91:100
mento combinato, è possibile impostare una temperatura minima dell'accumulatore superiore (rilevata
da PTS 1).
Caricamento
Disponibile se è impostata la codifica
“Schema caricamento„, gruppo Hardware.
Codifiche
14:1
fino a
14:50
Campo di taratura in %
15:1
fino a
15:99
Campo di taratura in %
Assistenza
Possibile modifica
5459 703 IT
Codifica allo stato di fornitura
Dosatore a coclea ciclo riscaldamento
14:20
Ciclo di avviamento del
dosatore a coclea del
20 % dopo l'accensione
della caldaia.
Dosatore a coclea ciclo massimo
15:90
Limitazione al 100 % del
ciclo max. del dosatore a
coclea
63
Codifiche
Codifica 1 (continua)
5459 703 IT
Codifica allo stato di fornitura
Possibile modifica
Contenitore giornaliero tempo a vuoto (caricamento man.)
27:30
Tempo a vuoto della val- 27:1
Campo di taratura in min.
vola stellare di 30 min.
fino a
con caricamento manua- 27:100
le della caldaia. La codifica è disponibile solo in
caso di caricamento manuale della caldaia.
Contenitore giornaliero tempo a vuoto (caricamento autom.)
2C:250
Tempo a vuoto della val- 2C:1
Campo di taratura in min.
vola stellare di 250 min., fino a
prima che si avvii il mo2C:1000
dulo di aspirazione. La
codifica è disponibile solo
in caso di caricamento
automatico della caldaia.
Estrazione tempo di impulso
30:5
Tempo di impulso estra- 30:2
Campo di taratura in s
zione di 5 s
fino a
30:30
Estrazione tempo di pausa
31:1
Tempo di pausa estrazio- 31:0
Campo di taratura in s
ne di 1 s
fino a
31:100
Ritardo estrazione
32:5
Ritardo di 5 s
32:0
Campo di taratura in s
fino a
32: 100
64
Codifiche
Codifica 1 (continua)
Hardware
5459 703 IT
Codifica allo stato di fornitura
Possibile modifica
Accumulatore
Accumulato- Nessun accumulatore ac- Accumulato- Accumulatore acqua di rire:No
qua di riscaldamento
re:3
scaldamento con 3 sensori
temperatura accumulo
Accumulato- Accumulatore acqua di rire:4
scaldamento con 4 sensori
temperatura accumulo
Accumulato- Accumulatore acqua di rire:5
scaldamento con 5 sensori
temperatura accumulo
Acqua calda
Acqua calNon risulta produzione di Acqua calLa produzione di acqua
da:No
acqua calda
da:Sulla cal- calda è allacciata alla regodaia
lazione della caldaia.
Acqua calLa produzione di acqua
da:Sul mocalda è allacciata al kit di
dulo misce- completamento.
latore
Caldaia supp.
Caldaia
Nessuna caldaia supp. a Caldaia
Caldaia supp. a disposiziosupp.:No
disposizione
supp.:Sì
ne
Circ. riscald. 1
Circ. riscald. Non risulta alcun circuito Circ. riscald. Il circuito di riscaldamento
1:No
di riscaldamento 1
1:Sulla calè allacciato alla regolaziodaia
ne della caldaia.
Circ. riscald. Il circuito di riscaldamento
1:Sul modu- è allacciato al kit di comlo miscelato- pletamento.
re
Circ. riscald. 2
Circ. riscald. Non risulta alcun circuito Circ. riscald. Il circuito di riscaldamento
2:No
di riscaldamento 2
2:Sulla calè allacciato alla regolaziodaia
ne della caldaia.
Circ. riscald. Il circuito di riscaldamento
2:Sul modu- è allacciato al kit di comlo miscelato- pletamento.
re
65
Assistenza
Codifiche
Codifiche
Codifica 1 (continua)
Ricircolo
Ricircolo:No
Non è allacciato alcun ricircolo alla regolazione
della caldaia.
Schema caricamento
Schema ca- Caricamento autom. con
ricamento:1 modulo di aspirazione
Sensore deposito del combustibile
Sensore de- Nessun sensore di livello
posito del
nel deposito del combucombustibi- stibile
le:No
Solare
Solare:No
Non risultano gruppi solari
Possibile modifica
Circ. riscald.
3:Sulla caldaia
Circ. riscald.
3:Sul modulo miscelatore
Il circuito di riscaldamento
è allacciato alla regolazione della caldaia.
Il circuito di riscaldamento
è allacciato al kit di completamento.
Ricircolo:Sì
È allacciato un ricircolo alla
regolazione della caldaia.
Schema caricamento:0
Schema caricamento:2
Nessun caricamento automatico della caldaia
Caricamento autom. con
modulo di aspirazione ed
estrazione
Sensore deposito del
combustibile:Sì
Sensore di livello nel deposito del combustibile
Solare:Sulla
caldaia
Il gruppo solare è allacciato
alla regolazione della caldaia.
Solare:Sul
Il gruppo solare è allacciato
modulo sola- alla regolazione solare
re esterno
esterna.
Tipo accumulatore
Tipo accuValore reale di tempera- Tipo accumulatore:0
tura di sistema con premulatore:1
lievo a caldo da accumulatore = temperatura su
sensore temperatura accumulo 1
È a disposizione solo se
codifica “Accumulatore:
3, 4 o 5„.
66
Valore reale di temperatura
di sistema con prelievo a
caldo da accumulatore =
temperatura su sensore
temperatura accumulo 2
5459 703 IT
Codifica allo stato di fornitura
Circ. riscald. 3
Circ. riscald. Non risulta alcun circuito
3:No
di riscaldamento 3
Codifiche
Codifica 1 (continua)
Codifica allo stato di fornitura
Valvola deviatrice solare
Valvola deIl gruppo solare allacciato
viatrice sola- alla caldaia non presenta
re:No
valvola deviatrice per il
caricamento dell'accumulatore acqua di riscaldamento
È disponibile solo per codifica “Solare:Sulla caldaia„.
Possibile modifica
Valvola de- Il gruppo solare allacciato
viatrice sola- alla caldaia presenta una
re:Sì
valvola deviatrice per il caricamento dell'accumulatore acqua di riscaldamento
Gruppo Riscaldamento
Codifiche
Possibile modifica
A0:1
A0:2
5459 703 IT
Funz. economizz. estiva temperatura ambiente
A5:5
Con funzione ottimizzatri- A5:0
ce della pompa circuito di
riscaldamento (funzione
economizzatrice): pompa A5:1
circuito di riscaldamento fino a
“disins.„, quando la tem- A5:15
peratura esterna (TE) supera di 1 K il valore nominale di temperatura ambiente (TAnom)
Parametri indirizzo “A5„:
1
2
3
4
5
Con Vitotrol 200A: riconoscimento automatico.
Con Vitotrol 300A: riconoscimento automatico.
Senza funzione ottimizzatrice della pompa circuito di
riscaldamento
Con funzione ottimizzatrice
della pompa circuito di riscaldamento (vedi la tabella seguente)
Pompa circuito di riscaldamento “disinserita„
Funz. economizz. estiva attiva
TE > TAnom + 5 K
TE > TAnom + 4 K
TE > TAnom + 3 K
TE > TAnom + 2 K
TE > TAnom + 1 K
67
Assistenza
Codifica allo stato di fornitura
Telecomando
A0:0
È disponibile se è allacciato il telecomando.
Senza telecomando
Codifiche
Codifica 1 (continua)
TE > TAnom
TE > TAnom − 1 K
fino a
TE > TAnom 9 K
Codifica allo stato di fornitura
Funz. economizz. estiva assoluta
A6:36
Funzione economizzatrice ampliata non attiva
Possibile modifica
A6:5
fino a
A6:35
Funzione economizzatrice miscelatore
A7:0
Senza funzione econoA7:1
mizzatrice miscelatore
68
Funzione economizzatrice
ampliata attiva, cioè ad un
valore variabile tra 5 e
35 °C più 1 °C la pompa
circuito di riscaldamento
viene disinserita. Il miscelatore viene chiuso. Il riferimento è la temperatura
esterna elaborata risultante dalla temperatura esterna effettiva e da una costante di tempo. Tale costante tiene conto del comportamento di raffreddamento di un edificio di medie dimensioni.
Impostazione consigliata:
tra “A6:16„ e “A6:18„
Con funzione economizzatrice miscelatore (ampliamento della funzione ottimizzatrice della pompa circuito di riscaldamento):
pompa circuito di riscaldamento inoltre “disins.„:
il miscelatore è andato in
chiusura per più di 20 min.
Pompa circuito di riscaldamento “ins.„
■ il miscelatore passa al
funzionamento regolare
oppure
■ in caso di pericolo di gelo
5459 703 IT
6
7
fino a
15
Codifiche
5459 703 IT
Codifica allo stato di fornitura
Possibile modifica
Sensore ambiente correzione da temperatura ambiente
B0:0
Disponibile se impostata B0:1
Programma di riscaldala codifica “A0:1„ o
mento: esercizio in funzio“A0:2„, gruppo Riscaldane delle condizioni climatimento.
che esterne senza correProgramma di riscaldazione da temperatura ammento/funzionamento a
biente
regime ridotto:esercizio
Funzionamento a regime
in funzione delle condiridotto: esercizio in funziozioni climatiche esterne
ne delle condizioni climatisenza correzione da temche esterne con correzione
peratura ambiente
da temperatura ambiente
B0:2
Programma di riscaldamento: esercizio in funzione delle condizioni climatiche esterne con correzione
da temperatura ambiente
Funzionamento a regime
ridotto: esercizio in funzione delle condizioni climatiche esterne senza correzione da temperatura ambiente
B0:3
Programma di riscaldamento/funzionamento a regime ridotto:esercizio in
funzione delle condizioni
climatiche esterne con correzione da temperatura
ambiente
Sensore ambiente fattore di incidenza ambiente
B2:8
Disponibile se impostata B2:0
Fattore di incidenza amla codifica “A0:1„ o
biente 8
“A0:2„ e “B0:1„ o
B2:1
Fattore di incidenza am“B0:2„ o “B0:3„, gruppo fino a
biente regolabile da 1 a 31
Riscaldamento.
B2:31
Fattore di incidenza ambiente 8
69
Assistenza
Codifica 1 (continua)
Codifiche
Codifica 1 (continua)
Codifica allo stato di fornitura
Possibile modifica
Sensore ambiente funz. economizz. estiva
B5:5
Disponibile se impostata B5:0
Senza funzione ottimizzala codifica “A0:1„ o
trice della pompa circuito di
“A0:2„, gruppo Riscaldariscaldamento in funzione
mento.
della temperatura ambienCon funzione ottimizzatrite
ce della pompa circuito di B5:1
Con funzione ottimizzatrice
riscaldamento in funzione fino a
della pompa circuito di ridella temperatura amB5:8
scaldamento in funzione
biente
della temperatura ambiente (vedi la tabella seguente)
Parametri in- Pompa circuito di riscaldamen- Pompa circuito di riscaldadirizzo “B5„: to “Disins.„
mento “Ins.„
funz. economizz. estiva attiva funz. economizz. estiva passiva
1
TAreale > TAnom + 5 K
TAreale < TAnom + 4 K
2
TAreale > TAnom + 4 K
TAreale < TAnom + 3 K
3
TAreale > TAnom + 3 K
TAreale < TAnom + 2 K
4
TAreale > TAnom + 2 K
TAreale < TAnom + 1 K
5
TAreale > TAnom + 1 K
TAreale < TAnom
6
TAreale > TAnom
TAreale < TAnom −1 K
7
TAreale > TAnom − 1 K
TAreale < TAnom −2 K
8
TAreale > TAnom − 2 K
TAreale < TAnom −3 K
5459 703 IT
Codifica allo stato di fornitura
Possibile modifica
Limitazione temperatura minima di mandata
C5:20
Limitazione elettronica
C5:1
Regolabile da 1 a 100 °C
temperatura minima di
fino a
mandata a 20 °C
C5:100
Limitazione temperatura massima di mandata
C6:75
Limitazione della tempe- C6:10
Regolabile da 10 a 100 °C
ratura massima di man- fino a
data a 75 °C
C6:100
70
Codifiche
Codifica 1 (continua)
Possibile modifica
C8:1
fino a
C8:30
Limite di incidenza ambiente regolabile da 1 a 30 °C
F2:0
Nessun limite temporale
per la funzione party. La
funzione party viene disattivata quando si passa al
programma d'esercizio
“Riscaldare„.
Limite temporale regolabile
da 1 a 12 h
F2:1
fino a
F2:12
F3:0
Per il circuito di riscaldamento selezionato la funzione “Conduzione calore„ è disattivata.
F4:15
fino a
F4:255
Valore impostabile in s
5459 703 IT
Espulsione calore
F3:1
Con la funzione “Conduzione calore„ si regola alla temperatura di mandata max. impostata del circuito di riscaldamento
(codifica “C6„, gruppo
Riscaldamento).
Ciclo nom.
F4:140
Per il circuito di riscaldamento selezionato è in
funzione il motore della
valvola miscelatrice
140 s.
Assistenza
Codifica allo stato di fornitura
Sensore ambiente limitazione
C8:31
Disponibile se impostata
la codifica “A0:1„ o
“A0:2„ e “B0:1„ o
“B0:2„ o “B0:3„, gruppo
Riscaldamento.
Nessun limite di incidenza ambiente.
Limite temporale funzione party
F2:8
Limite temporale della
funzione party a 8 h
71
Codifiche
Codifica 1 (continua)
Caldaia
Codifiche
Codifica allo stato di fornitura
Ciclo caldaia carico
01:600
Ciclo max. della caldaia a
pieno carico di 80 min.,
prima che la caldaia commuti alla pulizia griglia.
O2 residuo nominale
0C:8,0
Valore nominale della
concentrazione di ossigeno residuo nel gas di scarico dell'8,0 %
Temperatura caldaia valore limite
0E:90
Temperatura max. acqua
di caldaia di 90 °C
Caldaia ritorno minimo
12:55
Temperatura minima del
ritorno caldaia di 55 °C
Possibile modifica
01:60
fino a
01:1000
Campo di taratura del ciclo
max. pieno carico fino a pulizia griglia in min.
0C:5,0
fino a
0C:12,0
Campo di taratura del valore nominale di ossigeno residuo in
intervalli dello 0,1 %
0E:70
fino a
0E:90
Campo di taratura della
temperatura max. acqua di
caldaia nella caldaia in °C
12:50
fino a
12:75
Campo di taratura in °C
Campo di taratura in %
Campo di taratura in %
Campo di taratura in %
5459 703 IT
Ventola fumi giri all'avvio
3C:70
All'avviamento della cal- 3C:50
daia (accensione) il nufino a
mero di giri della ventola 3C:100
fumi corrisponde al 70 %
del numero max. di giri.
Ventola fumi numero minimo di giri
3D:55
Numero minimo di giri
3D:25
della ventola fumi pari al fino a
55 % del numero massi- 3D:100
mo di giri
Ventola fumi numero giri massimo (8 kW)
3E:75
Numero massimo di giri 3E:25
della ventola fumi pari al fino a
75 % del numero massi- 3E:85
mo di giri
72
Codifiche
Codifica 1 (continua)
Codifica allo stato di fornitura
Possibile modifica
Ventola fumi numero giri massimo (12 kW)
3E:90
Numero massimo di giri 3E:25
Campo di taratura in %
della ventola fumi pari al fino a
90 % del numero massi- 3E:100
mo di giri
Richiesta dall'esterno
44:0
Non risultano richieste
44:1
È presente una richiesta
dall'esterno (digitali) della
dall'esterno (digitale) della
caldaia.
caldaia
Preimpostazione potenza
45:0
Non risultano preimpo45:1
È presente una preimpostazioni di potenza dall'estazione di potenza dall'esterno (0 - 10 V) della calsterno (0 - 10 V) della caldaia.
daia.
Ciclo min. ritardo spegnimento caldaia
8C:10
Ritardo min. di 10 min.,
8C:0
Campo di taratura in min.
prima dello spegnimento fino a
della caldaia.
8C:60
Accumulatore
Codifiche
34:30
fino a
34:100
Campo di taratura in °C
35:30
fino a
35:100
Campo di taratura in °C
Assistenza
Possibile modifica
5459 703 IT
Codifica allo stato di fornitura
Temperatura accumulo massima
34:85
Temperatura media max.
dell'accumulatore acqua
di riscaldamento di 85 °C
(limite superiore campo di
regolazione)
Temperatura accumulo minima
35:60
Temperatura media min.
dell'accumulatore acqua
di riscaldamento di 60 °C
(limite inferiore campo di
regolazione)
73
Codifiche
Codifica 1 (continua)
5459 703 IT
Codifica allo stato di fornitura
Possibile modifica
Caricamento accumul. fino a sensore
36:3
La caldaia carica l'accu- 36:1
La caldaia carica l'accumumulatore acqua di riscallatore acqua di riscaldadamento fino al terzo
mento fino al primo sensosensore temperatura acre temperatura accumulo
cumulo.
(superiore).
36:2
La caldaia carica l'accumulatore acqua di riscaldamento fino al secondo
sensore temperatura accumulo.
36:4
La caldaia carica l'accumulatore acqua di riscaldamento fino al quarto sensore temperatura accumulo.
36:5
La caldaia carica l'accumulatore acqua di riscaldamento fino al quinto sensore temperatura accumulo.
Caricamento accumul. fino a temperatura
37:70
La caldaia carica l'accu- 37:30
Campo di taratura in °C
mulatore acqua di riscal- fino a
damento, fino a raggiun- 37:100
gimento della temperatura di 70 °C impostata sul
sensore (codifica
“36:1-5„, gruppo Accumulatore).
74
Codifiche
Codifica 1 (continua)
Codifica allo stato di fornitura
Possibile modifica
Avvio caldaia sensore
39:1
La caldaia si avvia se non 39:2
La caldaia si avvia se non
viene raggiunta la tempeviene raggiunta la temperatura nominale di sisteratura nominale di sistema
ma sul primo sensore
sul secondo sensore temtemperatura accumulo
peratura accumulo (supe(superiore)
riore)
39:3
La caldaia si avvia se non
viene raggiunta la temperatura nominale di sistema
sul terzo sensore temperatura accumulo (superiore)
39:4
La caldaia si avvia se non
viene raggiunta la temperatura nominale di sistema
sul quarto sensore temperatura accumulo (superiore)
39:5
La caldaia si avvia se non
viene raggiunta la temperatura nominale di sistema
sul quinto sensore temperatura accumulo (superiore)
Solare
Possibile modifica
6E:1
fino a
6E:50
Campo di taratura della
temperatura differenziale
in K
5459 703 IT
Codifica allo stato di fornitura
Differenza acqua calda
6E:10
Temperatura differenziale di 10 K tra solare e produzione di acqua calda
per l'attivazione del riscaldamento dell'acqua
calda da parte dell'impianto solare
75
Assistenza
Codifiche
Codifiche
Codifica 1 (continua)
Codifica allo stato di fornitura
Temperatura massima acqua calda
6F:70
Limitazione max. di temperatura acqua calda per
riscaldamento da parte
dell'impianto solare. Entro questa temperatura,
l'acqua calda viene caricata dall'impianto solare.
Differenza accumulatore
70:20
Temperatura differenziale di 20 K tra solare e accumulatore acqua di riscaldamento per l'attivazione del riscaldamento
dell'accumulatore acqua
di riscaldamento da parte
dell'impianto solare
Funzione supplementare solare
71:0
Funzione supplementare
del riscaldamento del bollitore da parte dell'impianto solare disattivata.
La codifica è a disposizione solo in caso di allacciamento della produzione d'acqua calda sanitaria sulla caldaia.
6F:0
fino a
6F:100
Campo di taratura in °C
70:1
fino a
70:50
Campo di taratura in °C
71:1
fino a
71:23
Ora esatta di inizio della
funzione supplementare
solare. Funzione supplementare solare: segnale
per l'attivazione della pompa di stratificazione dell'impianto solare. In questo
modo viene riscaldata alla
temperatura desiderata
anche la parte inferiore del
bollitore. Orario impostabile dalle ore 01:00 (“71:1„)
alle 23:00 (“71:23„)
72:1
fino a
72:180
Ciclo della pompa di stratificazione solare in min. Regolabile da 1 a 180 min. Disponibile solo per codifica
“71:1 - 23„.
5459 703 IT
Funzione supplementare ciclo
72:0
Pompa di circolazione
spenta.
Possibile modifica
76
Codifiche
Codifica 1 (continua)
Gruppo Acqua calda
Codifiche
Codifica allo stato di fornitura
Acqua calda differenza
0C:0
La temperatura differenziale della produzione
d'acqua calda sanitaria
(differenza sensore temperatura a bracciale o
sensore temperatura ad
immersione) viene rilevata automaticamente.
Acqua calda temperatura di ritorno
0D:10
Regolazione portata attiva. La temperatura nominale del ritorno corrisponde alla temperatura acqua calda più 10 °C
Possibile modifica
0C:1
fino a
0C:20
Temperatura differenziale
impostabile tra 1 °C e
20 °C
0D:0
Regolazione portata disinserita. La valvola è sempre
completamente aperta.
Regolazione portata attiva.
La temperatura nominale
del ritorno corrisponde alla
temperatura acqua calda
più il valore impostato in
°C.
0D:1
fino a
0D:30
Generatore supplementare di calore
5459 703 IT
Assistenza
Disponibile se è impostata la codifica
“Caldaia supp.: Sì„, gruppo Hardware.
77
Codifiche
Codifica 1 (continua)
Codifica allo stato di fornitura
Possibile modifica
Caricamento accumul. fino a sensore
D0:0
Il generatore di calore
D0:1
Il generatore di calore supsupplementare non cariplementare carica l'accuca l'accumulatore acqua
mulatore acqua di riscaldadi riscaldamento.
mento fino al primo sensore temperatura accumulo.
D0:2
Il generatore di calore supplementare carica l'accumulatore acqua di riscaldamento fino al secondo
sensore temperatura accumulo.
D0:3
Il generatore di calore supplementare carica l'accumulatore acqua di riscaldamento fino al terzo sensore
temperatura accumulo.
D0:4
Il generatore di calore supplementare carica l'accumulatore acqua di riscaldamento fino al quarto sensore temperatura accumulo.
D0:5
Il generatore di calore supplementare carica l'accumulatore acqua di riscaldamento fino al quinto sensore temperatura accumulo.
Caricamento accumul. fino a temperatura
D1:75
Il generatore di calore
D1:50
Valore impostabile in °C
supplementare carica
fino a
l'accumulatore acqua di
D1:100
riscaldamento, fino a raggiungimento della temperatura di 75 °C impostata
sul sensore (codifica
“D0:1-3„).
78
5459 703 IT
Codifiche
Codifiche
5459 703 IT
Codifica allo stato di fornitura
Possibile modifica
Ritardo inserimento
D2:10
Ritardo inserimento di 10 D2:0
Valore impostabile in minumin del generatore di ca- fino a
ti
lore supplementare
D2:250
Temperatura nom. d'inserimento sistema
D3:-10
Temperatura d'inseriD3:-100
Valore impostabile in K
mento del generatore di fino a
calore supplementare.
D3:0
Condizione per l'inserimento: temperatura di sistema nominale > temperatura accumulo - valore
impostato (qui: 10 K)
Ciclo min.
D4:5
Ciclo minimo di 5 min del D4:0
Valore impostabile in minugeneratore di calore sup- fino a
ti
plementare
D4:250
Tempo minimo di pausa
D5:5
Tempo minimo di pausa D5:0
Valore impostabile in minudi 5 min del generatore di fino a
ti
calore supplementare
D5:250
Accensione non ritardata temp. nom. sistema
D6:-20
Accensione non ritardata D6:-100
Valore impostabile in K
del generatore di calore fino a
supplementare. Presup- D6:0
posto: temperatura di sistema nominale > temperatura accumulo - valore
impostato (qui: 20 K)
79
Assistenza
Codifica 1 (continua)
Codifiche
Codifica 1 (continua)
Codifica allo stato di fornitura
Funzionamento parallelo
D7:1
È possibile il funzionamento parallelo di entrambi i generatori di calore.
Possibile modifica
D7:0
Il funzionamento parallelo
di tutte e due le caldaie
non è possibile.
Avvertenza
Funzionamento parallelo
possibile solo se il generatore di calore supplementare è dotato di una
pompa circuito di caldaia.
Codifica 2
Richiamo della codifica 2
Avvertenza
■ Nel livello di codifica 2 sono accessibili
tutte le codifiche, anche quelle del
livello 1.
■ Non vengono visualizzate eventuali
codifiche che, a causa della tipologia
dell'impianto di riscaldamento o a
seguito dell'impostazione di altre codifiche, non posseggono una funzione.
2. ä + d
contemporaneamente
per circa 4 s.
Nel menù “Service„ appare “Codifica
2„.
3. |/~
per “Codifica 2„.
4. d
per confermare.
Premere i seguenti tasti:
5. |/~
per la codifica desiderata.
6. d
per confermare.
7. |/~
per il valore desiderato.
5459 703 IT
1. d + å contemporaneamente
per circa 4 s.
Appare il menù “Service„.
80
Codifiche
Codifica 2 (continua)
8. d
per confermare.
Sul display appare brevemente “Memorizzato„.
9. ä
Uscire dal menù Service.
Panoramica
Gli indirizzi di codifica sono visualizzati a
gruppi in base alla configurazione dell'impianto:
■ “In generale„
vedi pagina 81
■ “Caricamento„
vedi pagina 82
■ “Riscaldamento„
vedi pagina 83
■ “Caldaia„
vedi pagina 86
■ “Acqua calda„
vedi pagina 88
In generale
5459 703 IT
Codifica allo stato di fornitura
Possibile modifica
Ritardo uscita segnalaz. guasti
80:6
Durata minima del guasto 80:0
Impostabile da 0 s a 995 s.
di 30 s fino alla segnala- fino a
1 punto d'impostazione ≙ 5
zione di guasto.
80:199
s.
Commutazione automatica ora legale/ora solare
81:1
Commutazione automati- 81:0
Commutazione manuale
ca ora legale/ora solare
ora legale/ora solare
Costante di tempo temperatura est.
90:128
Costante di tempo per il 90:0
Adattamento veloce (valori
calcolo della temperatura fino a
bassi) o lento (valori alti)
esterna modificata 21,5
90:199
della temperatura di manh
data rispetto al valore impostato in caso di modifica
della temperatura esterna;
1 punto d'impostazione ≙
10 min
Offset temperatura est.
92:0
Nessuna correzione della 92:- 10
Correzione della temperatemperatura esterna.
fino a
tura esterna modificandola
92:10
del valore impostato in °C.
81
Assistenza
Codifiche
Codifiche
Codifica 2 (continua)
Caricamento
Disponibile se è impostata la codifica
“Schema caricamento„, gruppo Hardware.
Codifiche
5459 703 IT
Codifica allo stato di fornitura
Possibile modifica
Tempo riempimento focolare
1E:130
Durata di 130 s del dosa- 1E:10
Campo di taratura in s
tore a coclea
fino a
1E:240
Tempo riempimento coclea
1F:80
Durata di 80 s per il riem- 1F:5
Campo di taratura in s
pimento del dosatore a
fino a
coclea.
1F:120
82
Codifiche
Codifica 2 (continua)
Gruppo Riscaldamento
Codifiche
Codifica allo stato di fornitura
Possibile modifica
Precedenza acqua calda
A2:0
Nessuna dispositivo di
A2:1
Durante il riscaldamento
precedenza per riscaldadel bollitore il miscelatore si
mento del bollitore.
chiude. Per il cablaggio del
circuito di riscaldamento alAvvertenza
la regolazione della caldaImpostabile separataia: la pompa circuito di rimente per ogni circuito di
scaldamento rimane inseriscaldamento. Selezione
rita. Se si utilizza un kit di
del circuito di riscaldacompletamento per il cirmento con Á
cuito di riscaldamento: la
pompa circuito di riscaldamento viene disinserita.
A2:2
Durante il riscaldamento
del bollitore il miscelatore si
chiude, la pompa circuito di
riscaldamento viene disinserita.
Durante il riscaldamento
del bollitore, il valore nominale delle temperatura di
mandata viene impostato
sul valore nominale del
programma di riscaldamento ridotto, la pompa circuito di riscaldamento viene disinserita.
5459 703 IT
A2:3
83
Assistenza
Avvertenza
Possibile solo per circuiti di
riscaldamento allacciati alla regolazione della caldaia.
Codifiche
Codifica 2 (continua)
Codifica allo stato di fornitura
Temperatura antigelo
A3:2
Temperatura esterna inferiore a 1 °C: Protezione
antigelo “Accesa„
Temperatura esterna superiore a 3 °C: Protezione
antigelo “Spenta„
!
Possibile modifica
A3:-9
fino a
A3:15
Protezione antigelo “Accesa„/“Spenta„ vedi tabella seguente
Attenzione
Con impostazioni inferiori a 1 °C esiste il pericolo di congelamento delle tubazioni non protette dall'isolamento termico dell'edificio.
Tener conto in modo particolare del programma di spegnimento, ad es.
durante le vacanze.
Protezione antigelo/Pompa
circuito di riscaldamento
“Spenta„
−8 °C
−7 °C
−6 °C
−5 °C
−4 °C
−3 °C
−2 °C
−1 °C
0 °C
1 °C
2 °C
3 °C
fino a
16 °C
5459 703 IT
Parametri indi- Protezione antigelo/Pompa
rizzo “A3„:
circuito di riscaldamento
“Accesa„
−9
−10 °C
−8
−9 °C
−7
−8 °C
−6
−7 °C
−5
−6 °C
−4
−5 °C
−3
−4 °C
−2
−3 °C
−1
−2 °C
0
−1 °C
1
0 °C
2
1 °C
fino a
fino a
15
14 °C
84
Codifiche
Codifica 2 (continua)
Possibile modifica
A4:1
La protezione antigelo è disattivata. Impostazione
possibile solo se è stata impostata la codifica “A3:–
9„.
E2:0
fino a
E2:49
E2:51
fino a
E2:99
Correzione - 5 K fino a correzione di segnalazione
- 0,1 K
Da correzione di segnalazione + 0,1 K a correzione
di segnalazione + 4,9 K
F1:1
fino a
F1:6
Asciugatura sottofondo pavimento regolabile in base
a 6 profili temperatura-tempo selezionabili (per ulteriori informazioni vedi capitolo "Funzione sottofondi
pavimento").
85
Assistenza
Avvertenza
Osservare l'avvertenza
della codifica “A3„.
5459 703 IT
Codifica allo stato di fornitura
Attivazione antigelo
A4:0
La protezione antigelo è
attivata. È possibile impostare la temperatura di
inserimento e disinserimento della funzione (codifica “A3„, gruppo Riscaldamento).
Protezione antigelo: la
pompa circuito di riscaldamento viene inserita alla rispettiva temperatura
esterna, viene impostata
una temperatura minima
della mandata di 10 °C.
Alla temperatura esterna
corrispondente viene disinserita automaticamente.
Sensore ambiente offset
E2:50
Disponibile se impostata
la codifica “A0:1„ o
“A0:2„, gruppo Riscaldamento.
Nessuna correzione del
valore reale di temperatura ambiente
Asciugatura sottofondo pavimento
F1:0
Asciugatura sottofondo
pavimento non attiva
Codifiche
Codifica 2 (continua)
Caldaia
Codifiche
Regolatore potenza
46:10
Velocità di reazione del
regolatore potenza della
caldaia.
86
Possibile modifica
0D:0
fino a
0D:5,0
Campo di taratura in %
0F:0
fino a
0F:240
Campo di taratura in s
11:1
Regolazione della temperatura di mandata della caldaia attiva
13:0
L'impostazione della temperatura nominale min. del
sistema è disattivata.
3F:50
fino a
3F:150
Campo di taratura in °C
46:5
fino a
46:15
Campo di taratura: un valore più piccolo rallenta il
regolatore mentre uno più
grande lo accelera.
5459 703 IT
Codifica allo stato di fornitura
O2 residuo correzione carico ridotto
0D:2,0
Correzione del valore nominale della concentrazione di ossigeno residuo
nei gas di scarico del 2,0
% in funzione della potenza momentanea della caldaia
Temp. caldaia ritardo
0F:60
Ritardo di spegnimento di
60 s in caso di superamento della temperatura
max. caldaia (codifica 1,
indirizzo E, gruppo Caldaia)
Regolatore mandata attivo
11:0
La regolazione della temperatura di mandata della
caldaia non è attiva
Temperatura di sistema nom. minima
13:1
Qualora i circuiti di riscaldamento non fossero regolati dalla regolazione
della caldaia, è possibile
impostare una temperatura nominale minima del
sistema.
Temperatura fumi minima
3F:70
Limitazione della temperatura fumi min. a 70 °C
Codifiche
Codifica 2 (continua)
Possibile modifica
47:5
fino a
47:15
Campo di taratura in s
Campo di taratura in %
Campo di taratura in %
Campo di taratura in %
Campo di taratura in passi
Campo di taratura in passi
Campo di taratura in passi
5459 703 IT
Regolatore materiale ritardo
4A:100
Ritardo dell'alimentazio- 4A:1
ne del combustibile di
fino a
100 s durante accensione 4A:240
del combustibile.
Regolatore materiale valore limite (8 kW)
53:70
Se la serranda dell'aria
53:25
oltrepassa il valore impo- fino a
stato del 70 %, viene ri53:80
dotta la quantità di combustibile alimentato.
Regolatore materiale valore limite (12 kW)
53:90
Se la serranda dell'aria
53:25
oltrepassa il valore impo- fino a
stato del 90 %, viene ri53:120
dotta la quantità di combustibile alimentato.
Regolatore materiale minima di mandata
56:30
Posizione min. della ser- 56:25
randa dell'aria del 30 %
fino a
con carico ridotto
56:120
Serr. aria prim. potenz. max caldaia (8 kW)
82:50
Posizione della serranda 82:20
aria primaria di 50 passi a fino a
pieno carico
82:80
Serr. aria prim. potenz. max caldaia (12 kW)
82:55
Posizione della serranda 82:20
aria primaria di 55 passi a fino a
pieno carico
82:80
Serr. aria prim. carico ridotto
83:30
Posizione della serranda 83:10
aria primaria di 30 passi a fino a
carico ridotto
83:80
Campo di taratura: un valore più piccolo rallenta il
regolatore mentre uno più
grande lo accelera.
87
Assistenza
Codifica allo stato di fornitura
Regolatore materiale
47:7
Velocità del regolatore
materiale della caldaia.
Codifiche
Codifica 2 (continua)
Codifica allo stato di fornitura
Possibile modifica
Serr. aria prim. avvio caldaia
84:5
Posizione della serranda 84:0
Campo di taratura in passi
aria primaria di 5 passi al- fino a
l'avviamento della calda- 84:30
ia
Serr.aria sec. minima
87:15
Posizione min. di 15 pas- 87:0
Campo di taratura in passi
si della serranda aria se- fino a
condaria
87:30
Tarare automaticamente sonda lambda
F9:1
■ Attivazione automatica F9:0
■ Riscaldamento sonda
riscaldamento sonda
lambda sempre attivo
■ Taratura solo manuale
lambda
■ Taratura solo manuale
della sonda lambda
della sonda lambda
F9:2
■ Attivazione automatica
riscaldamento sonda
lambda
■ Taratura automatica della sonda lambda
Tipo sonda O2
FF:1
Sonda lambda tipo NGK FF:0
Sonda lambda tipo
LSM 11
Gruppo Acqua calda
Codifiche
5459 703 IT
Codifica allo stato di fornitura
Possibile modifica
Isteresi di inserimento acqua calda
59:0
Riscaldamento del bolli- 59:1
Inserimento regolabile da 1
tore
fino a
a 10 K al di sotto del valore
Inserimento: valore nomi- 59:10
nominale
nale −2,5 K
Temp. nom. acqua calda esclus. integr. riscald.
67:0
Esclusione dell'integra67:1
Valore nominale acqua calzione riscaldamento della fino a
da per esclusione attiva
regolazione solare ester- 67:90
dell'integrazione riscaldana disattivata
mento della regolazione
solare esterna in °C
88
Verifiche assistenza
Funzioni Service
È possibile selezionare le seguenti funzioni Service:
■ “Diagnosi„ vedi da pagina 89
■ “Prova degli attuatori„ vedi da
pagina 42
■ “Codifica 1„ vedi da pagina 62
■ “Codifica 2„ vedi da pagina 62
■ “Caldaia„
■ “Cronistoria guasti„ vedi da
pagina 91
■ “Terminare Service„
Ingresso nel menù Service
Il menù Service può essere attivato in
ogni menù.
2. |/~
per la funzione Service
desiderata.
Premere i seguenti tasti:
1. d + å contemporaneamente
per circa 4 s.
Appare il menù “Service„.
Uscita dal menù Service
È possibile uscire dal menù Service
come spiegato qui di seguito:
■ Con il tasto ä
■ Automaticamente dopo 30 minuti
■ Opzione di menù “Esci dal menù Service„
Assistenza
Verifica degli stati d'esercizio e dei sensori
5459 703 IT
Nel menu delle informazioni del “Menù
ampliato„ e nel “Menù Service„ (sottomenu Diagnosi + Caldaia) è possibile
verificare gli stati di esercizio e i sensori.
89
Eliminazione dei guasti
Segnalazione di guasto
I guasti vengono segnalati sul display
dall'indicazione “Guasto„ e dal lampeggiare della spia di guasto rossa.
Se alla spina gÖ è allacciato un dispositivo segnalazione guasti, esso viene
inserito.
Verifica e conferma del guasto
Avvertenza
Se il guasto non viene eliminato, alle ore
7:00 del giorno seguente viene nuovamente visualizzata la segnalazione di
guasto.
3. d
per “Annullare„ tutte le
segnalazioni di guasto.
4. |/~ per “Si„ o “No„.
5. d
per confermare.
Premere i seguenti tasti:
1. d
per la ricerca guasti.
Dopo aver eliminato il guasto premere il
tasto “START„, per riavviare la caldaia.
2. |/~ per visualizzare ulteriori
segnalazioni di guasto, se
sono presenti più guasti.
Richiamo di segnalazioni di guasto annullate
Premere i seguenti tasti:
3. d
1. å.
4. |/~ per l'elenco dei guasti attivi.
per confermare.
2. |/~ per “Segnalazioni di guasto„.
Vengono visualizzati con testo in chiaro
i seguenti guasti. Il significato del guasto
e del relativo codice posto a destra è
indicato nella tabella a pagina 92.
■ “Sovratemperatura„
■ “Ripetere accensione„
■ “Guasto–sonda O2„
■ “Mandata caldaia„
90
■
■
■
■
■
■
■
■
“Ritorno caldaia„
“Sensore fumi„
“Sensore esterno„
“Sensori bollitore„
“Sensore di mandata„
“Sensore acqua calda„
“Sensore del ritorno„
“BUS-KM„
5459 703 IT
Segnalazioni di guasto con testo in chiaro
Eliminazione dei guasti
Segnalazione di guasto (continua)
Verifica dei codici di guasto nella memoria guasti (cronologia
guasti)
Gli ultimi 10 guasti verificatisi vengono
memorizzati e possono essere richiamati.
I guasti sono in ordine cronologico, in
base al quale il guasto più recente viene
indicato con il numero di guasto 1.
Guasto
Sensore esterno
34
Guasto sonda O2
91
Annullare con
2. |/~
per “Cronistoria guasti„.
3. d
per confermare.
4. |/~
per “Visualizza„.
5. ä
premere ripetutamente
questo tasto finché non
appare la segnalazione
di base.
OK
Premere i seguenti tasti:
1. d + å contemporaneamente
per circa 4 s.
Appare il menù “Service„.
5459 703 IT
Assistenza
Cancellazione dei codici di guasto dalla memoria guasti
Premere i seguenti tasti:
4. |/~
per “Cancella„.
1. d + å contemporaneamente
per circa 4 s.
Appare il menù “Service„.
5. |/~
per “Sì„.
6. d
per confermare.
7. ä
premere ripetutamente
questo tasto finché non
appare la segnalazione
di base.
2. |/~
per “Cronistoria guasti„.
3. d
per confermare.
91
Eliminazione dei guasti
Segnalazione di guasto (continua)
Codici di guasto
Codice di
guasto sul
display
20
21
22
24
25
26
27
28
29
Bruciatore in blocco
Causa del guasto Provvedimento
Corto circuito sensore temperatura
caldaia
■ Si apre la valvola
Corto circuito senaumento della tem- sore temperatura
peratura del ritorno del ritorno caldaia
■ Si inserisce la pompa circuito di caldaia
Bruciatore in blocco Corto circuito sensore temperatura
fumi
Regolazione su tem- Corto circuito senperatura esterna di
sore temperatura
0 °C
esterna
Nessuna produzione Corto circuito sendi acqua calda
sore temperatura
accumulo superiore
Funzionamento rego- Corto circuito senlare
sore temperatura
accumulo 2
Funzionamento rego- Corto circuito senlare
sore temperatura
accumulo 3
Funzionamento rego- Corto circuito senlare
sore temperatura
accumulo 4
Funzionamento rego- Corto circuito senlare
sore temperatura
accumulo 5
Bruciatore in blocco Interruzione sensore temperatura
di mandata caldaia
Controllare il sensore
temperatura caldaia
Controllare il sensore
temperatura del ritorno
caldaia
Controllare il sensore
temperatura fumi
Controllare il sensore
temperatura esterna
Controllare il sensore
temperatura accumulo
superiore
Controllare il sensore
temperatura accumulo
centrale
Controllare il sensore
temperatura accumulo inferiore
Controllare il sensore
temperatura accumulo inferiore
Controllare il sensore
temperatura accumulo inferiore
Controllare il sensore
temperatura di mandata
caldaia
5459 703 IT
30
Comportamento
dell'impianto
92
Eliminazione dei guasti
Segnalazione di guasto (continua)
32
34
35
Comportamento
dell'impianto
Causa del guasto Provvedimento
■ Si apre la valvola
aumento della temperatura del ritorno
■ Si inserisce la pompa circuito di caldaia
Bruciatore in blocco
Interruzione sensore temperatura
del ritorno caldaia
Controllare il sensore
temperatura del ritorno
caldaia
Interruzione sensore temperatura
fumi
Interruzione sensore temperatura
esterna
Interruzione sensore temperatura
accumulo 1 (superiore)
Interruzione sensore temperatura
accumulo 2
Interruzione sensore temperatura
accumulo 3
Interruzione sensore temperatura
accumulo 4
Interruzione sensore temperatura
accumulo 5
Manca contenitore
della cenere
Controllare il sensore
temperatura fumi
Regolazione su temperatura esterna di
0 °C
Nessuna produzione
di acqua calda
Funzionamento regolare
37
Funzionamento regolare
38
Funzionamento regolare
39
Funzionamento regolare
3D
Bruciatore in blocco
3E
Bruciatore in blocco
Controllare il sensore
temperatura accumulo
Controllare il sensore
temperatura accumulo
Controllare il sensore
temperatura accumulo
Controllare il sensore
temperatura accumulo
Controllare il sensore
temperatura accumulo
Controllare la posizione
del contenitore della cenere
Il numero di giri
Controllare la ventola fucorrente della ven- mi
tola fumi non corrisponde al numero
di giri nominale
5459 703 IT
36
Controllare il sensore
temperatura esterna
93
Assistenza
Codice di
guasto sul
display
31
Eliminazione dei guasti
Segnalazione di guasto (continua)
Codice di
guasto sul
display
41
42
43
44
45
46
Causa del guasto Provvedimento
Nessun funzionamento regolare su
circuito di riscaldamento 1 (BUS-KM)
Nessun funzionamento regolare su
circuito di riscaldamento 2 (BUS-KM)
Nessun funzionamento regolare su
circuito di riscaldamento 3 (BUS-KM)
Nessuna incidenza
ambiente su telecomando con rilevamento della temperatura ambiente 1
(BUS-KM)
Nessuna incidenza
ambiente su telecomando con rilevamento della temperatura ambiente 2
(BUS-KM)
Nessuna incidenza
ambiente su telecomando con rilevamento della temperatura ambiente 3
(BUS-KM)
Nessun funzionamento regolare su
circuito di riscaldamento 1 (BUS-KM)
Interruzione per kit Controllare il collegamendi completamento to a kit di completamento
1 (BUS-KM)
1
Interruzione per kit Controllare il collegamendi completamento to a kit di completamento
2 (BUS-KM)
2
Interruzione per kit Controllare il collegamendi completamento to a kit di completamento
3 (BUS-KM)
3
Interruzione per telecomando con rilevamento della
temperatura ambiente 1 (BUS-KM)
Controllare il collegamento a telecomando con rilevamento della temperatura ambiente
Interruzione per telecomando con rilevamento della
temperatura ambiente 2 (BUS-KM)
Controllare il collegamento a telecomando con rilevamento della temperatura ambiente
Interruzione per telecomando con rilevamento della
temperatura ambiente 3 (BUS-KM)
Controllare il collegamento a telecomando con rilevamento della temperatura ambiente
Corto circuito sensore temperatura
di mandata circuito
di riscaldamento 1
(BUS-KM)
Controllare il sensore
temperatura di mandata
circuito di riscaldamento
1
5459 703 IT
51
Comportamento
dell'impianto
94
Eliminazione dei guasti
Segnalazione di guasto (continua)
Comportamento
dell'impianto
Causa del guasto Provvedimento
Nessun funzionamento regolare su
circuito di riscaldamento 2 (BUS-KM)
Corto circuito sensore temperatura
di mandata circuito
di riscaldamento 2
(BUS-KM)
Corto circuito sensore temperatura
di mandata circuito
di riscaldamento 3
(BUS-KM)
Corto circuito sensore temperatura
bollitore
Interruzione sensore temperatura
di mandata circuito
di riscaldamento 1
(BUS-KM)
Interruzione sensore temperatura
di mandata circuito
di riscaldamento 2
(BUS-KM)
Interruzione sensore temperatura
di mandata circuito
di riscaldamento 3
(BUS-KM)
Interruzione sensore temperatura
bollitore
Durante il funzionamento non viene
raggiunta la temperatura del ritorno
Nessun funzionamento regolare su
circuito di riscaldamento 3 (BUS-KM)
54
Nessuna produzione
di acqua calda
61
Nessun funzionamento regolare su
circuito di riscaldamento 1 (BUS-KM)
62
Nessun funzionamento regolare su
circuito di riscaldamento 2 (BUS-KM)
63
Nessun funzionamento regolare su
circuito di riscaldamento 3 (BUS-KM)
64
Nessuna produzione
di acqua calda
8C
Bruciatore in blocco
Controllare il sensore
temperatura di mandata
circuito di riscaldamento
3
Controllare il sensore
temperatura bollitore
Controllare il sensore
temperatura di mandata
circuito di riscaldamento
1
Controllare il sensore
temperatura di mandata
circuito di riscaldamento
2
Controllare il sensore
temperatura di mandata
circuito di riscaldamento
3
Controllare il sensore
temperatura bollitore
Controllare il sensore
temperatura del ritorno
5459 703 IT
53
Controllare il sensore
temperatura di mandata
circuito di riscaldamento
2
95
Assistenza
Codice di
guasto sul
display
52
Eliminazione dei guasti
Segnalazione di guasto (continua)
Codice di
guasto sul
display
8F
Comportamento
dell'impianto
Causa del guasto Provvedimento
Bruciatore in blocco
90
Bruciatore in blocco
Il contenuto di ossigeno nel gas di
scarico durante il
funzionamento
sotto carico è troppo basso
■ Combustibile
troppo umido
■ Sonda lambda
imprecisa
91
Bruciatore in blocco
A4
Bruciatore in blocco
A5
Bruciatore in blocco
A6
Bruciatore in blocco
Controllare la sonda
lambda
5459 703 IT
■ Utilizzare solo combustibile adatto e asciutto
■ Procedere a una nuova
taratura della sonda
lambda
■ Annullare con d
■ Sonda lambda
■ Pulire la sonda lambda
molto sporca
■ Procedere a una nuova
■ Sonda lambda
taratura della sonda
difettosa
lambda
■ Guasto nel grup- ■ Annullare con d
po elettronico
Guasto mancanza ■ Controllare il livello di ridi materiale
empimento del deposito del combustibile.
■ Caricamento manuale:
controllare il livello di riempimento del contenitore giornaliero
Guasto mancanza Rettificare il tempo di
di materiale per via blocco del modulo di aspidi tempo scaduto
razione nella regolazione
Impostazione troppo lunga del tempo
di blocco del modulo di aspirazione.
Contenitore della
■ Svuotare il contenitore
cenere pieno
della cenere
■ Annullare il guasto
96
Eliminazione dei guasti
Segnalazione di guasto (continua)
B3
B4
B5
B7
B8
BC
BD
F9
Causa del guasto Provvedimento
Bruciatore in blocco
La caldaia presen- ■ Controllare i valori nota sovratemperatuminali nella regolazione
ra
■ Controllare la pompa
■ Controllare le valvole
■ Controllare i sensori
Bruciatore in blocco Guasto caricamen- Controllare il funzionato esterno
mento del caricamento
esterno
Funzionamento rego- Deposito del com- Controllare il livello di rilare
bustibile vuoto
empimento del deposito
del combustibile
Bruciatore in blocco Guasto motore do- Controllare il motore dosatore a coclea
satore a coclea
Bruciatore in blocco Guasto motore tra- Controllare il motore del
sporto della cene- trasporto della cenere
re
Bruciatore in blocco Guasto motore tur- Controllare il motore della
bina di aspirazione turbina di aspirazione
Bruciatore in blocco Coperchio d'ispe- Controllare il coperchio
zione estrazione
d'ispezione sull'estrazioaperto
ne
Bruciatore in blocco Coperchio d'ispe- Controllare il coperchio
zione/portina ded'ispezione/portina depoposito del combu- sito del combustibile
stibile aperto
Bruciatore in blocco Non raggiunta po- ■ Annullare il guasto
sizione finale della ■ Se il guasto interviene
griglia
nuovamente, controllare la griglia
■ Pulire eventualmente la
griglia
Bruciatore in blocco Interruttore di pros- Pulire l'interruttore di
simità nella stiva
prossimità
pellet permanentemente sporco
5459 703 IT
FA
Comportamento
dell'impianto
97
Assistenza
Codice di
guasto sul
display
AA
Eliminazione dei guasti
Riparazione
Fusibili
Per la posizione di montaggio vedi
pagina 118.
F10
■ T10A
■ 250V 50/60 Hz
■ Cavo di alimentazione KSK
F30
■ T5A
■ 250V 50/60 Hz
■ Cavo di alimentazione HKK
F20
■ T5A
■ 250V 50/60 Hz
■ Cavo di alimentazione ZPK
Batteria
La batteria serve a memorizzare l'ora e
la data in caso di interruzione di corrente.
Per la posizione di montaggio vedi
pagina 118.
■ Pila a bottone, tipo CR2032, 3 V
■ Sostituzione: ogni 5 anni
Termostato di sicurezza a riarmo manuale (STB)
Avvertenza
Il termostato di sicurezza a riarmo manuale, una volta scattato, deve essere
sbloccato a mano.
Attivazione della funzione
Il termostato di sicurezza a riarmo manuale interviene quando la temperatura di
mandata supera i 100 °C.
98
Disattivazione della funzione
Avvertenza
Il ripristino possibile solo dopo che la
temperatura di mandata è scesa a ca.
70 °C.
!
Attenzione
Se non si effettua il ripristino, si
compromette il funzionamento
del dispositivo di sicurezza e si
può così danneggiare l'impianto.
Dopo ogni intervento della sicurezza di scarico termico accertarsi che ne sia stato effettuato il
ripristino!
5459 703 IT
Il termostato di sicurezza a riarmo manuale è un componente della caldaia ed è
ubicato dietro all'unità di servizio della
caldaia.
Eliminazione dei guasti
Riparazione (continua)
2. Premere il pulsante verde del termostato di sicurezza a riarmo manuale.
Si deve percepire un leggero
“schiocco„ che segnala il ripristino del
termostato di sicurezza a riarmo
manuale.
3. Richiudere il coperchio A dell'unità
di servizio.
A
4. Confermare con d la sovratemperatura sull'unità di servizio della regolazione.
1. Spingere verso destra il coperchio
A dell'unità di servizio.
Sensori
Tipo di sensore Pt1000:
■ sensore temperatura di mandata
■ sensore temperatura accumulo
■ sensore temperatura del ritorno
■ sensore temperatura fumi
■ sensore temperatura esterna
Curva caratteristica del sensore del kit di
completamento per circuito di riscaldamento con miscelatore:
Istruzioni di montaggio kit di completamento
Allacciamento
5459 703 IT
Assistenza
Vedi capitolo “Schema allacciamento
elettrico e cablaggio„ , da pagina 118.
99
Eliminazione dei guasti
Riparazione (continua)
Controllo dei sensori
Sensore temperatura fumi
Resistenza in kΩ
1,75
1,25
0,75
A
50
0
Temperatura in °C
150
100
200
A Dati visualizzati: resistenza di
1078 Ohm a una temperatura di
20 °C
Altri sensori
1,20
1,15
1,05
1,00
0,95
0,90
0,85
-30
-20
-10
0
Temperatura in °C
1. Staccare la rispettiva spina.
100
10
20
30
40
50
2. Misurare la resistenza del sensore
sulla spina.
5459 703 IT
Resistenza in kΩ
1,10
Eliminazione dei guasti
Riparazione (continua)
3. Confrontare il risultato con la temperatura reale (per la verifica vedi capitolo “Diagnosi„).
Se il valore si discosta notevolmente,
controllare il montaggio e, se necessario, sostituire il sensore.
Sonda Lambda
Controllare la sonda lambda
1. Controllare che la sonda Lambda non
presenti insudiciamenti o guasti (vedi
pagina 57).
2. Controllare che i cavi di allacciamento non siano danneggiati.
1. Tenere agganciata la sonda per
almeno 15 minuti al di fuori della caldaia nel locale installazione.
2. Richiamare il menù Service sulla
regolazione.
3. Con |/~ selezionare l'opzione di
menù “Caldaia„. Confermare con
d.
4. Con |/~ selezionare l'opzione di
menù “Tarare la sonda O2„. Confermare con d.
Il tempo di attesa di 3 minuti viene
indicato in secondi.
Per i dati tecnici della sonda lambda vedi
pagina 102.
Allacciamento
La sonda Lambda è collegata con la
spina a:K (vedi capitolo “Schema allacciamento elettrico e cablaggio„ da
pagina 118).
5459 703 IT
Avvertenze
■ La sonda non deve essere verniciata,
cerata, o sottoposta a simili trattamenti. Per lubrificare il filetto utilizzare
esclusivamente grasso speciale per
sonde Lambda.
■ La sonda Lambda riceve la sua aria di
riferimento tramite il cavo di allacciamento. Per questo motivo le spine d'allacciamento devono sempre essere
pulite e asciutte e non devono essere
trattate con spray per contatti, anticorrosivi ecc.
■ Il cavo di allacciamento non deve
essere trattato con stagno per saldare,
ma essere crimpato, collegato tramite
morsetto o raccordo.
Taratura della sonda lambda
101
Assistenza
Per il rilevamento del contenuto di ossigeno nel gas di scarico.
Eliminazione dei guasti
Riparazione (continua)
Dati tecnici sonda lambda
Di produzione NGK, tipo OZAS-S1
Curva caratteristica
50
45
40
35
30
25
Tensione sonda Us (mV)
20
15
10
5
0
-5
-10
0
2
4
6
8 10 12 14 16 18 20
Contenuto di ossigeno O2 (%) nei gas di scarico
22
Punto di misurazione: spina a:K, nr. 3
e 4, vedi pagina
5459 703 IT
Tipo di sonda
OZAS-S1
Temperatura ambiente ammessa
■ durante il deposito e il trasporto – 40 - + 60 °C
■ durante il funzionamento
Punta dell'elemento: da 350 a 900 °C
All'esterno: – 40 - + 100 °C
102
Eliminazione dei guasti
Riparazione (continua)
Kit di completamento per circuito di riscaldamento con miscelatore, articolo 7301063 (montaggio miscelatore) o 7301062
(montaggio a parete)
Componenti:
■ servomotore, con cavo di allacciamento
■ spina per allacciamento della pompa
circuito di riscaldamento
■ sensore temperatura di mandata (sensore temperatura a bracciale)
Sensore temperatura di mandata
Sensore temperatura di mandata
Tipo di sensore
Tipo di protezione
Temperatura ambiente ammessa
■ durante il funzionamento
■ durante il deposito e il trasporto
NTC 10 kΩ, a 25 °C
IP 53 secondo EN 60 529, da garantire mediante montaggio/inserimento
da 0 a + 120 °C
−20 - + 70 °C
Curva caratteristica
Assistenza
10
8
6
4
2
1
0,8
0,6
0,4
10 30 50 70 90 110
Temperatura in °C
5459 703 IT
Resistenza in kΩ
20
103
Eliminazione dei guasti
Riparazione (continua)
Servomotore, articolo 7450 657
Controllo del senso di rotazione
Con la prova degli attuatori della regolazione (vedi pagina 42) il miscelatore
viene portato in posizione di apertura e
di chiusura.
Durante la prova degli attuatori osservare il senso di rotazione del servomotore.
Avvertenza
Il sensore temperatura di mandata deve
ora rilevare una temperatura più elevata.
Un abbassamento della temperatura è
da attribuirsi ad un errore nel senso di
rotazione del motore o nel montaggio del
miscelatore.
Istruzioni di montaggio miscelatore
Modifica il senso di rotazione del servomotore (se necessaria)
1. Smontare il coperchio superiore dell'involucro del kit di completamento.
gS
|
~ BU
Pericolo
Pericolo di morte dovuta a
scossa elettrica.
Prima di aprire l'apparecchio
disinserire la tensione di rete,
ad es. tramite il fusibile o l'interruttore generale.
2. Invertire i conduttori sui morsetti “ „ e
“ „ della spina gS.
3. Rimontare il coperchio dell'involucro.
Dati tecnici del kit di completamento
5459 703 IT
Istruzioni di montaggio kit di completamento
104
Descrizione delle funzioni
Dispositivi di segnalazione e regolazione
Display
A
Prelievo da accumulatore
Caldaia
Accumulatore
Riscaldamento
Acqua calda
B
Seleziona con
(
d Per confermare la selezione o salvare l'impostazione eseguita.
Per richiamare un testo guida per
l'opzione di menù selezionata
Per richiamare il menù ampliato
5459 703 IT
Assistenza
A Indicazione della fase operativa
B Riga di dialogo
Tasto Indietro
Un passo indietro nel menu o l'annullamento di un'impostazione iniziata
Tasti cursore
Scrolling nel menu o impostazione
di valori
105
Descrizione delle funzioni
Funzioni regolazione
Regolazione circuito di riscaldamento
Breve descrizione
Programmazione delle fasce orarie
■ Il valore nominale della temperatura di
mandata di ogni circuito di riscaldamento si ricava dai parametri seguenti:
– temperatura esterna
– valore nominale di temperatura
ambiente
– programma d'esercizio
– inclinazione e scostamento della
curva di riscaldamento
■ La regolazione della temperatura di
mandata dei circuiti di riscaldamento
ha luogo tramite apertura o chiusura
graduale dei miscelatori.
Il comando del servomotore del miscelatore modifica i tempi di regolazione e
di pausa in funzione della differenza di
regolazione (variazione di regolazione).
■ Indirizzi di codifica che influenzano
la regolazione circuito di riscaldamento:
da A0 a FB.
Per la descrizione vedi lo schema delle
codifiche.
L'orologio programmatore della regolazione commuta, a seconda degli orari
programmati nel programma “Riscaldare„, tra i programmi di esercizio Riscaldamento a temperatura ambiente normale e Riscaldamento a temperatura
ambiente ridotta.
Ogni programma d'esercizio è dotato di
un proprio livello di valore nominale.
Funzioni
Temperatura esterna
Per eseguire la taratura della regolazione in base all'edificio e all'impianto di
riscaldamento, deve essere impostata
una curva di riscaldamento (vedi capitolo
“Taratura della curva di
riscaldamento„).
L'andamento della curva di riscaldamento determina il valore nominale della
temperatura di mandata in funzione della
temperatura esterna. La regolazione ha
luogo in base alla temperatura media
esterna. Questo valore risulta dalla temperatura esterna effettiva e dalla temperatura esterna elaborata.
5459 703 IT
La temperatura di mandata dei circuiti di
riscaldamento viene rilevata dal sensore
temperatura di mandata.
106
Descrizione delle funzioni
Funzioni regolazione (continua)
Temp. acqua di caldaia o
di mandata in °C
Esempio con le impostazioni allo stato di fornitura
90
80
A
70
60
50
B
40
35
0
-5 -10 -15 -20
Temperatura esterna in °C
0
B Curva di riscaldamento del funzionamento con temperatura ambiente
ridotta
Temperatura ambiente
Temperatura acqua calda sanitaria
In abbinamento a telecomando e correzione da temperatura ambiente (indirizzo di codifica “B0„):
se confrontata con la temperatura
esterna, la temperatura ambiente ha un
influsso maggiore sul valore nominale
della temperatura di mandata (modifica
mediante indirizzo di codifica “B2„).
Il dispositivo di precedenza del riscaldamento del bollitore può essere impostato
separatamente per ogni circuito di riscaldamento. Impostazione tramite codifica
A2, gruppo riscaldamento per ogni circuito di riscaldamento. In questo modo è
possibile stabilire il circuito di riscaldamento coinvolto dal dispositivo di precedenza durante il riscaldamento del bollitore.
5459 703 IT
A Curva di riscaldamento del funzionamento con temperatura ambiente
normale
107
Assistenza
30
3
Te 0 2
mp
. no 5 2
min 0
10 5
ale
1
am 5 1
b. i
0
n°
5
C
Descrizione delle funzioni
Funzioni regolazione (continua)
■ Con dispositivo di precedenza:
durante il riscaldamento del bollitore, il
valore nominale della temperatura di
mandata del circuito di riscaldamento
corrispondente viene impostato su
0 °C.
Il miscelatore chiude e la pompa circuito di riscaldamento viene disinserita.
■ Senza dispositivo di precedenza:
la pompa circuito di riscaldamento funziona con valore nominale invariato.
■ Con dispositivo di precedenza ridotto:
durante il riscaldamento del bollitore, il
valore nominale della temperatura di
mandata del circuito di riscaldamento
corrispondente viene impostato sul
valore nominale del programma di
riscaldamento ridotto.
Funzione ottimizzatrice della pompa
di riscaldamento (funzione economizzatrice)
La pompa circuito di riscaldamento viene
disinserita e il valore nominale della temperatura di mandata viene impostato su
0 °C, quando è soddisfatto uno dei
seguenti criteri:
■ La temperatura esterna supera il
valore impostato tramite l'indirizzo di
codifica “A6„.
■ Ha luogo una riduzione del valore
nominale di temperatura ambiente tramite l'indirizzo di codifica “A9„.
■ Il miscelatore è stato chiuso per 12 min
(funzione economizzatrice miscelatore, indirizzo di codifica “A7„).
■ Il valore reale di temperatura ambiente
supera il valore impostato tramite l'indirizzo di codifica “B5„.
Protezione antigelo
A temperature esterne inferiori a +1 ºC
viene garantita una temperatura di mandata di almeno 10 ºC. Per la modifica
della taratura vedi indirizzo di codifica
“A3„, limite protezione antigelo variabile.
5459 703 IT
La pompa circuito di riscaldamento viene
disinserita (valore nominale della temperatura di mandata impostato su 0 °C)
quando la temperatura esterna supera il
valore impostato tramite l'indirizzo di
codifica “A5„.
Funzione economizzatrice ampliata
108
Descrizione delle funzioni
Funzioni regolazione (continua)
1,6
1,8
2,0
2,8
2,6
2,4
2,2
3,0
3,4
90
Inclinazione
1,4
80
1,2
70
1,0
60
0,8
50
0,6
40
0,4
30
30
Te
25
m
nom perat
20
u
ina ra
15
le i am
n ° bie
C
nte
C
B
A
0,2
10
10
0
5
Esempio per una temperatura esterna di
−14°C:
A Impianto di riscaldamento a pavimento, inclinazione da 0,2 a 0,8
B Impianto a bassa temperatura, inclinazione da 0,8 a 1,6
C Impianto di riscaldamento con temperatura acqua di caldaia superiore
a 75 °C, inclinazione da 1,6 a 2,0
Limite superiore del campo di regolazione
-20
-30
-14
Temperatura esterna in °C
Modifica tramite indirizzo di codifica
“C6„.
Avvertenza
Il termostato di massima non può sostituire il termostato di blocco per riscaldamento a pavimento.
Termostato di blocco per impianto di
riscaldamento a pavimento:
il termostato di blocco disinserisce la
pompa circuito di riscaldamento al superamento del valore impostato. La temperatura di mandata in questo caso si
abbassa solo lentamente, vale a dire,
l'attivazione automatica può impiegare
alcune ore.
5459 703 IT
Termostato elettronico di massima
Campo di taratura: da 1 a 127 ºC,
-10
109
Assistenza
35
Temperatura di mandata in °C
3,2
Regolazione della temperatura di mandata
Descrizione delle funzioni
Funzioni regolazione (continua)
Limite inferiore del campo di regolazione
Termostato elettronico di minima
Campo di taratura: da 1 a 127 ºC
Modifica tramite indirizzo di codifica
“C5„.
Attiva solo nel funzionamento a temperatura ambiente normale.
Regolazione temperatura bollitore
■ La regolazione temperatura bollitore è
una regolazione costante. Essa ha
luogo mediante accensione e spegnimento della pompa di carico bollitore.
Il differenziale d'intervento è pari a
10 K.
■ Durante il riscaldamento del bollitore il
riscaldamento viene disinserito (per
dispositivo precedenza per riscaldamento bollitore attivato vedi codifica
A2, gruppo Riscaldamento).
■ Indirizzi di codifica che influenzano
la regolazione temperatura bollitore:
– 0C, 0D(gruppo Acqua calda)
– A2 (gruppo Riscaldamento)
Per la descrizione vedi lo schema delle
codifiche.
Funzioni
Programmazione delle fasce orarie
Per la produzione d'acqua calda sanitaria e la pompa di ricircolo è possibile
selezionare una programmazione automatica o individuale di fasce orarie.
Nella programmazione individuale delle
fasce orarie è possibile impostare
mediante l'orologio programmatore fino
a 4 fasce orarie al giorno per la produzione d'acqua calda sanitaria e fino a 4
fasce orarie per la pompa di ricircolo.
110
Il riscaldamento del bollitore una volta
avviato viene sempre portato a termine
indipendentemente dalla programmazione oraria.
Dispositivo di precedenza
Il dispositivo di precedenza del riscaldamento del bollitore può essere impostato
separatamente per ogni circuito di riscaldamento.
■ Con dispositivo di precedenza: (codifica 2 “A2:2„, gruppo Riscaldamento):
durante il riscaldamento del bollitore, il
valore nominale della temperatura di
mandata viene impostato su 0 ºC.
Il miscelatore chiude e la pompa circuito di riscaldamento viene disinserita.
■ Con dispositivo di precedenza: (codifica 2 “A2:1„, gruppo Riscaldamento):
durante il riscaldamento del bollitore, il
valore nominale della temperatura di
mandata viene impostato su 0 ºC.
Il miscelatore chiude, la pompa circuito di riscaldamento è in funzione.
Possibile solo in caso di cablaggio del
circuito di riscaldamento sulla scheda
interna della caldaia. Se si utilizza un
kit di completamento per il circuito di
riscaldamento, la pompa circuito di
riscaldamento si spegne.
5459 703 IT
Breve descrizione
Descrizione delle funzioni
Funzioni regolazione (continua)
Valore nominale della temperatura
acqua calda sanitaria
La pompa di ricircolo convoglia acqua
calda ai punti di erogazione a orari regolabili.
Sull'orologio programmatore è possibile
impostare fino a 4 fasce orarie.
Impianto con Vitosolic
Tramite l'indirizzo di codifica “67„ è possibile immettere un 2º valore nominale
della temperatura acqua calda sanitaria.
Al di sopra di questo valore è attiva l'esclusione dell'integrazione riscaldamento mediante la caldaia. Il bollitore
viene riscaldato solo attraverso l'impianto solare.
Sequenza regolazione
La pompa di carico bollitore viene inserita se la differenza tra la temperatura
accumulo (sensore superiore) e il valore
reale della temperatura del volano termico è superiore al valore di taratura
(indirizzo di codifica “0C„).
La pompa di carico bollitore viene disinserita se la temperatura acqua di caldaia/temperatura accumulo (sensore
superiore) è inferiore al valore reale della
temperatura del volano termico della differenza risultante dai valori di indirizzo di
codifica “0C„.
5459 703 IT
Il valore nominale della temperatura
acqua calda sanitaria può essere impostato in un campo compreso tra 10 e
70 °C.
Con il menu è possibile ampliare il
campo del valore nominale.
Pompa ricircolo acqua calda sanitaria
111
Assistenza
■ Con dispositivo di precedenza ridotto:
(codifica 2 “A2:3„, gruppo Riscaldamento)
la pompa circuito di riscaldamento
rimane inserita. Il valore nominale
della temperatura di mandata del circuito di riscaldamento viene abbassato al valore nominale del programma di riscaldamento ridotto finché durante il riscaldamento del bollitore non è stato raggiunto il valore
nominale della temperatura di mandata.
Il valore nominale della temperatura di
mandata si ricava dai seguenti parametri:
– temperatura esterna
– differenza tra valore nominale e
valore reale della temperatura
acqua di caldaia
– inclinazione e scostamento della
curva di riscaldamento
■ Senza dispositivo di precedenza:
(codifica “A2:0„, gruppo Riscaldamento)
la regolazione circuito di riscaldamento funziona con valore nominale
invariato.
Descrizione delle funzioni
Funzioni regolazione (continua)
Il bollitore si raffredda (valore nominale
10 K):
■ Pompa inserita:
– inserimento della pompa di carico
bollitore in funzione della temperatura caldaia (codifica “61:0„):
La pompa di carico si inserisce
quando la temperatura acqua di caldaia supera la temperatura acqua
calda sanitaria.
Il bollitore è caldo:
■ Ritardo spegnimento della pompa:
quando la caldaia è in funzione, la
pompa di carico resta attiva dopo un
riscaldamento del bollitore finché non
è stato raggiunto uno dei criteri
seguenti:
– la differenza tra la temperatura
acqua di caldaia e acqua calda sanitaria è troppo bassa (codifica 0C,
gruppo acqua calda)
– viene superato di 5 K il valore nominale della temperatura acqua calda
sanitaria
Funzione sottofondi pavimento
■ dati di messa a regime con relative
temperature di mandata
■ temperatura max. di mandata raggiunta
■ stato d'esercizio e temperatura
esterna al momento della consegna
È possibile impostare curve di temperatura differenti mediante l'indirizzo di codifica “F1„.
Dopo un'interruzione di corrente o lo
spegnimento della regolazione la funzione viene ripresa. Quando la funzione
sottofondi pavimento si è conclusa o la
codifica “F1:0„ viene impostata manualmente, si attiva “Riscald. e acqua
calda„.
5459 703 IT
La funzione sottofondi pavimento consente l'essiccamento dei sottofondi pavimento. A questo scopo occorre assolutamente attenersi alle indicazioni del fornitore del sottofondo pavimento.
Con la funzione sottofondi pavimento
attivata, viene inserita la pompa circuito
di riscaldamento e la temperatura di
mandata viene mantenuta conforme alla
curva impostata. Al termine (dopo 30
giorni) il circuito miscelatore viene regolato automaticamente con il parametro
impostato. Rispettare la EN 1264. Il protocollo di competenza dell'installatore
deve comprendere i seguenti dati di
messa a regime:
112
Descrizione delle funzioni
Funzioni regolazione (continua)
Temperatura
di mandata °C
Curva di temperatura 1 (EN 1264-4), codifica “F1:1„
50
40
30
20
10
1
5
10
15
20
25
30
Giorni
Temperatura
di mandata °C
Curva di temperatura 2 (Associazione generale per la pavimentazione a parquet
e la tecnica di pavimentazione generale), codifica “F1:2„
50
40
30
20
10
1
5
10
15
20
25
30
Giorni
25
30
Giorni
1
5
10
15
20
Assistenza
50
40
30
20
10
5459 703 IT
Temperatura
di mandata °C
Curva di temperatura 3, codifica “F1:3„
113
Descrizione delle funzioni
Funzioni regolazione (continua)
Temperatura
di mandata °C
Curva di temperatura 4, codifica “F1:4„
50
40
30
20
10
1
5
10
15
20
25
30
Giorni
Temperatura
di mandata °C
Curva di temperatura 5, codifica “F1:5„
50
40
30
20
10
1
5
10
15
20
25
30
Giorni
Temperatura
di mandata °C
Curva di temperatura 6, codifica “F1:6„
60
50
40
30
20
10
1
5
10
15
20
25
30
Giorni
Mediante un sistema di depressione i
pellet vengono trasportati dall'attacco
dell'alimentazione da magazzino o del
relativo silo alla stiva pellet della caldaia.
114
5459 703 IT
Sistema di trasporto ad aspirazione
Descrizione delle funzioni
Sistema di trasporto ad aspirazione (continua)
Processo di trasporto
Una volta avviato il processo di trasporto, viene attivato prima di tutto il
modulo di aspirazione per la rimozione
di quei pellet rimasti nel sistema di tubazioni durante il processo di trasporto precedente.
Successivamente viene avviato il funzionamento ciclico per il trasporto dal
magazzino per pellet.
5459 703 IT
Assistenza
Se il motore di immissione è in funzione,
viene rilevato il tempo durante il quale il
motore è inserito. Da questo intervallo di
tempo si determina la quantità di pellet
combusti e quando si deve avviare il processo di trasporto successivo. Il sensore
corrispondente, integrato nella stiva pellet, deve inoltre confermare la necessità
di un nuovo trasporto di pellet.
Se sull'unità di servizio della regolazione
sono stati configurati dei tempi di mandata individuali, il processo di trasporto
deve essere avviato solo nei tempi stabiliti. Se necessario, al termine del tempo
stabilito il sensore pellet avvia un ulteriore processo di trasporto per riempire
completamente la stiva pellet.
115
116
5459 703 IT
Pulizia
superfici di
scambio termico
e
Pulizia
griglia
Valvole
dell'aria
Componente
dell'accensione
Motore
di immissione
Ventola
fumi
A´
l1
A
r1
w1
l2
ra1
B
l3
e1
ra2
C
z
D
l4
e2
ra3
E
A
F
l5
ra4
G
Descrizione delle funzioni
Diagramma di funzionamento combustione pellet
Descrizione delle funzioni
Diagramma di funzionamento combustione pellet (continua)
Inizio avviamento bruciatore
Fase di lavaggio
Inizio fase di accensione
Accensione
2. Fase di accensione
Funzionamento regolare
Arresto
Stato di riposo
Con regolazione della potenza
ra1
ra2
ra3
ra4
e1
e2
z
l1
l2
l3
Regime di lavaggio
Regime di accensione
Regime 2ª fase di accensione
Regime di arresto
Immissione tempo di riempimento
Immissione 2ª fase di accensione
Accensione inserita
Valvole dell'aria calibrazione
Valvole dell'aria posizione di lavaggio
Valvole dell'aria posizione di accensione
l4 Valvole dell'aria 2ª fase di accensione
(regolata)
l5 Valvole dell'aria posizione di arresto
w1 Pulizia superfici di scambio termico
r1 Pulizia griglia
5459 703 IT
Assistenza
A'
A
B
C
D
E
F
G
A
117
Schemi
Schema dell'allacciamento elettrico e cablaggio
Posizione delle schede
A Schede nel vano allacciamenti della
regolazione
A
Panoramica delle schede
ZPK 2.02
HKK 2.01
KSK 2.03
E
B
C
B Fusibile F20
C Fusibile F30
118
D Fusibile F10
E Batteria
5459 703 IT
D
Schemi
Schema dell'allacciamento elettrico e cablaggio (continua)
DI
AI
119
Assistenza
GND
AO
0 ... 20mA
0 ... 20mA
AI
sMÖ Richiesta dall'esterno
s;Ö Preimpostazione potenza dall'esterno
s;A Riscontro di potenza
s;G Capsula manometrica/sensore
massa aria
s:J Interruttore di finecorsa griglia a
lamelle
5459 703 IT
sXG Interruttore di finecorsa rimozione
cenere
sVA Interruttore finecorsa di sicurezza
sportello silo
sVJ Livello di riempimento deposito
combustibile
sVK Sensore pellet
sBÖ Interruttore di finecorsa unità di
commutazione pellet
sBA Controllo per troppo pieno terminale aspirazione pellet
0 ... 10V/20mA
GND
+
0 ... 10V/20mA
+
DI
DI
GND
+
DI
DI
DI3
DI2
DI1
DI
+
DI
+
+
+
+
+
GND
Scheda ZPK 2.02
Schemi
L
PE
N
M
1~
1
2
3
MAX
250VAC/5A
M
1~
L
PE
N
M
1~
L
PE
N
M
1~
L
PE
N
M
1~
L
PE
N
M
1~
LR
LL
PE
N
Collegamento a scheda HKK 2.01
Griglia a lamelle
Coclea di rimozione della cenere
Dosatore a coclea
Turbina di aspirazione
sYG Motore unità di commutazione pellet
sYJ Coclea di alimentazione
sYK Coclea di trasporto
sYL Stato funzionamento
5459 703 IT
s-Ö
sYA
sYS
sYD
sYF
M
1~
LR
LL
PE
N
Schema dell'allacciamento elettrico e cablaggio (continua)
120
Schemi
Schema dell'allacciamento elettrico e cablaggio (continua)
Scheda HKK 2.01
Avvertenza
L'assegnazione delle prese ad innesto
su questa scheda può differire a
seconda della tipologia dell'impianto.
Assegnazione specifica per l'impianto
delle prese ad innesto:
Assistenza
AO
GND
AI
AI
GND
AI
GND
AI
GND
GND
0 ... 20mA
0 ... 20mA
“Esempi di impianti„
d-F Sensore temperatura acqua di
riscaldamento
d;Ö Impostazione numero di giri per
pompa di carico bollitore
5459 703 IT
d-A Sensore temperatura di mandata
circuito di riscaldamento 1
d-S Sensore temperatura di mandata
circuito di riscaldamento 2
d-D Sensore temperatura bollitore
121
Schemi
L
PE
N
M
1~
Y1
Y2
PE
PE
N
L
PE
N
M
1~
PE
N
Y1
Y2
PE
N
N
N
Y1
Y2
PE
PE
N
M
1~
L
PE
N
Schema dell'allacciamento elettrico e cablaggio (continua)
dXÖ
dXA
dCÖ
dCA
Pompa circuito di riscaldamento 2
Valvola circuito di riscaldamento 2
Pompa di carico bollitore
Pompa di ricircolo acqua calda
5459 703 IT
s-Ö Collegamento a scheda ZPK 2.02
e KSK 2.03
dYÖ Pompa circuito di riscaldamento 1
dYA Valvola circuito di riscaldamento 1
122
Schemi
Schema dell'allacciamento elettrico e cablaggio (continua)
Scheda KSK 2.03
M
M
+
DI
+
DI
5
4
2
1
+
DI
GND
DI
+
3
2
1
AI
6
5
4
3
5459 703 IT
2
1
GND
AI
4
3
13V
13V
2
1
Assistenza
GND
GND
AI
GND
AI
GND
AI
GND
AO
GND
AO
0 ... 20mA
0 ... 20mA
0 ... 20mA
0 ... 20mA
Raffigurata con rotazione di 90°
123
Schemi
Schema dell'allacciamento elettrico e cablaggio (continua)
!
?
)
aG
aJ
sLB
kSA
lJ
a-ÖA Retroazione di velocità ventola
fumi
a-ÖB Numero di giri ventola fumi
aVG BUS-KM
a:K Sonda lambda
s-D Serrande aria primaria motore
passo passo
s-DA Serrande aria primaria motore
passo passo
s-F Serrande aria secondaria motore
passo passo
s-FA Serrande aria secondaria motore
passo passo
CAN BUS CAN
5459 703 IT
lK
Sensore temperatura esterna
Sensore temperatura di mandata
Sensore temperatura accumulo
Sensore temperatura fumi
Sensore temperatura del ritorno
Numero di giri pompa circuito di
caldaia
Pulizia superfici di scambio termico posizione finale
Portina della camera di combustione interruttore di finecorsa 1
Portina della camera di combustione interruttore di finecorsa 2
124
Schemi
Schema dell'allacciamento elettrico e cablaggio (continua)
N
PE
L
STB
PE
N
STB
STB
L
HS
LHS
NHS
1
PE
2
MAX
250VAC/5A
1
2
3
MAX
250VAC/5A
1
2
3
M
1~
L
PE
N
PE
N
L
PE
N
5459 703 IT
Y1Y2 PE N
PE
N
M
1~
Assistenza
1
PE
2
Y1Y2 PE N
1 2 PE N
L
PE N
M
1~
Raffigurata con rotazione di 90°
125
Schemi
Schema dell'allacciamento elettrico e cablaggio (continua)
sL
fÖ
gÖA
gF
jL
a-Ö Ventola fumi
aBÖ Limitatore della temperatura di
sicurezza e interruttore generale
aBS Sicurezza per mancanza d'acqua
aBD Pressostato acqua
a;A Valvola volano termico
a;S Valvola caldaia
s-Ö Collegamento a scheda HKK 2.01
5459 703 IT
kS
Pompa circuito di caldaia
Allacciamento rete 230 V, 50 Hz
Dispositivo segnalazione guasti
Accensione
Consenso generatore di calore
supplementare
Pulizia superfici di scambio termico
126
Liste dei singoli componenti
Panoramica dei moduli
A
B
E
F
Assistenza
D
C
5459 703 IT
G
A Targhetta tecnica
B Modulo isolamento termico
C Modulo caldaia
H
K
D Modulo stiva pellet
E Modulo regolazione
127
Liste dei singoli componenti
Panoramica dei moduli (continua)
F Modulo dispositivo per l'aumento
della temperatura del ritorno
G Modulo alimentazione
H Modulo contenitore della cenere
K Modulo varie
Modulo isolamento termico
Componente
Lamiera anteriore superiore
Lamiera anteriore
Lamiera laterale
Lamiera posteriore
Lamiera superiore posteriore
Lamiera superiore
Sportello pellet
Listelli di aggancio
Traverse
Vite sagomata M5
Minuteria isolamento termico
Elementi di fissaggio isolamento termico
Limitatore di apertura sportello
Rivestimento termoisolante
Materassino termoisolante superiore
Materassino termoisolante lamiera piedino caldaia
Isolamento termico bocchettone di scarico
Articolo
7840031
7840032
7840033
7840034
7840035
7840246
7840201
7840202
7840203
7814668
7840006
7840205
7840504
7840248
7840249
7840250
7840242
5459 703 IT
Pos.
0001
0002
0003
0004
0005
0006
0007
0008
0009
0010
0011
0012
0013
0014
0015
0016
0017
128
Liste dei singoli componenti
Modulo isolamento termico (continua)
0005
0004
0006
0013
0009
0007
0015
0017
0009
0008
0003
0009
0001
0010
0014
0010
0008
Assistenza
0016
0003
0002
0010
0012
5459 703 IT
0011
129
Liste dei singoli componenti
Modulo caldaia
Componente
Accensione/valvole dell'aria
Camera di combustione
Unità di azionamento
Pulizia SC/camera d'inversione
Coperchio
Articolo
7124350
7124349
7124347
7124348
7124352
5459 703 IT
Pos.
0001
0002
0003
0004
0005
130
Liste dei singoli componenti
Modulo caldaia (continua)
0002
0004
Assistenza
0003
0005
5459 703 IT
0001
131
Liste dei singoli componenti
Modulo caldaia (continua)
Accensione e valvole dell'aria
Componente
Unità tubo accensione
Componente dell'accensione
Kit guarnizioni unità tubo accensione
Unità della serranda dell'aria
Motori passo-passo
Piedino regolabile M12 x 60 Mis17 esagono
Articolo
7840212
7838748
7840213
7840216
7840217
7840537
5459 703 IT
Pos.
0001
0002
0003
0004
0005
0006
132
Liste dei singoli componenti
Modulo caldaia (continua)
0005
0004
0005
0003
Assistenza
0002
0001
0003
5459 703 IT
0001
0003
0006
133
Liste dei singoli componenti
Modulo caldaia (continua)
Camera di combustione
Componente
Griglia a lamelle
Guarnizione lamiera di supporto griglia
Snodo per alberi griglia a lamelle
Camera di combustione
Combustione completa
Articolo
7840214
7840215
7840224
7840226
7840227
5459 703 IT
Pos.
0001
0002
0003
0004
0005
134
Liste dei singoli componenti
Modulo caldaia (continua)
0005
0004
Assistenza
0005
0002
5459 703 IT
0003
0001
135
Liste dei singoli componenti
Modulo caldaia (continua)
Unità di azionamento
Componente
Azionamento pulizia della caldaia
Kit catene unità di azionamento
Unità supporto azionamento
Motore sincrono GMSM130006
Articolo
7840218
7840219
7840220
7840221
5459 703 IT
Pos.
0001
0002
0003
0004
136
Liste dei singoli componenti
Modulo caldaia (continua)
0003
0004
Assistenza
0002
5459 703 IT
0001
137
Liste dei singoli componenti
Modulo caldaia (continua)
Pulizia e camera d'inversione
Componente
Turbolatore
Kit bilancieri turbolatore
Scovolo per la pulizia D=51 x 100 - M10
Rivestimento camera d'inversione
Coclea cenere volatile
Articolo
7840229
7840230
7819551
7840208
7840499
5459 703 IT
Pos.
0001
0002
0003
0004
0005
138
Liste dei singoli componenti
Modulo caldaia (continua)
0003
0002
0001
Assistenza
0005
0004
5459 703 IT
0004
139
Liste dei singoli componenti
Modulo caldaia (continua)
Coperchio
Componente
Confezione 16 x 12 L=2000
Ventilatore radiale
Kit blocco isolante coperchio camera di combustione
Vetro d'ispezione coperchio della camera di combustione
Coperchio rimozione cenere
Kit guarnizioni coperchio rimozione cenere
Nipplo isolante
Confezione 8x8
Articolo
7820301
7840234
7840228
7840225
7840235
7840236
7832973
7836750
5459 703 IT
Pos.
0001
0002
0003
0004
0005
0006
0007
0008
140
Liste dei singoli componenti
Modulo caldaia (continua)
0002
0007
0004
0008
0001
Assistenza
0001
0006
0005
0006
0003
5459 703 IT
0006
141
Liste dei singoli componenti
Modulo stiva pellet
Componente
Profilo a tenuta tipo 11
Materassino d'urto
Tubo a spirale 50 x 0.8
Turbina di aspirazione Y4Z-A44-001
Articolo
7840237
7840238
7840239
7840240
5459 703 IT
Pos.
0001
0002
0003
0004
142
Liste dei singoli componenti
Modulo stiva pellet (continua)
0001
0003
0002
5459 703 IT
Assistenza
0004
143
Liste dei singoli componenti
Pos.
0001
0002
0003
0004
0005
0006
0007
0008
0009
0010
0011
0012
0013
0014
0015
0016
0017
0018
0019
0020
0021
0022
0023
0024
0025
0026
0027
0028
0029
0030
0031
0032
0033
0034
0035
0036
0037
144
Componente
Involucro della regolazione
Unità di servizio BMK 2.03
Involucro di supporto
Parte laterale aperta
Sonda lambda NGK
Cavo sonda lambda NGK
Cavo di allacciamento motore alimentazione
Microinterruttore posizione griglia
Microinterruttore rimozione cenere
Cavo di allacciamento motore unità di azionamento
Cavo di allacciamento ventola fumi
Cavo di allacciamento sonda Hall ventola fumi
Cavo di allacciamento componente dell'accensione
Cavo di allacciamento motore passo passo secondario
Cavo di allacciamento motore passo passo primario
Cavo di allacciamento turbina di aspirazione
Cavo di allacciamento pompa circuito di caldaia
Cavo di allacciamento valvola di regolazione caldaia
Sensore pellet
Sensore temperatura di mandata
Sensore temperatura del ritorno
Sensore temperatura fumi
Timer motore di immissione
Fusibili T5A e T10A (rispettivamente 5 pezzi)
Ponticello di massa
Scheda KSK 2.03 per 8 kW
Scheda KSK 2.03 per 12 kW
Scheda HKK 2.01
Scheda ZPK 2.02
Alimentatore regolazione
Kit di spine ad innesto
Kit ponticelli schede
Boccole dei cavi (10 pezzi)
Fermacavi (10 pezzi)
Batteria pila a bottone 3,0 V 230 mAh
Sensore temperatura esterna
Cavo a pettine
Fermo sensore
Articolo
7840367
7840347
7840281
7836780
7838597
7840508
7840370
7840223
7840247
7840374
7840376
7840377
7840378
7840379
7840375
7840380
7840372
7840232
7840381
7840382
7840383
7840384
7840385
7836253
7840373
7840413
7840414
7840415
7840416
7840371
7840343
7840342
7836784
7836862
7836823
7840553
7836833
7832513
5459 703 IT
Modulo regolazione
Liste dei singoli componenti
Modulo regolazione (continua)
0033
0030
0031
0029
0036
0001
0028
0027
0032
0035
0034
0024
0032
0004
0004
0026
0037
0025
0023
0032
0010
0016
0006
0019
0017
0022
Assistenza
0005
0011
0021
0012
0018
0013
0009
0014
0008
5459 703 IT
0015
0004
0003
0002
0007
0020
0001
145
Liste dei singoli componenti
Modulo dispositivo per l'aumento della temperatura del ritorno
Componente
Aumento della temperatura del ritorno ghisa montato
Meccanismo miscelatore per miscelatore 3
Meccanismo miscelatore per DN 15-40
Kit di fissaggio miscelatore e CR1
O-Ring p.miscelatore 3+4
O-Ring p.miscelatore 3+4
Tappo di chiusura bypass
Kit guarnizioni A 32 x 44 x 2 (5 pezzi)
Pompa di circolazione Yonos Para RS 25/6
Servomotore
Articolo
7840503
7811971
7813581
7833677
7814712
7814726
7833558
7839823
7839962
7450657
5459 703 IT
Pos.
0001
0002
0003
0004
0005
0006
0007
0008
0009
0010
146
Liste dei singoli componenti
Modulo dispositivo per l'aumento della… (continua)
0008
0008
0007
0008
0002
0003
0004
0005
0006
0007
0008
0009
0010
0001
0006
0005
0008
0003
0009
0004
0008
5459 703 IT
0010
0004
147
Assistenza
0002
Liste dei singoli componenti
Modulo alimentazione
Componente
Unità di alimentazione completa
Unità coclea alimentazione
Kit pignoni alimentazione
Kit guarnizioni alimentazione
Bronzina ed elementi di fissaggio
Motore di immissione
Articolo
7840204
7840206
7840207
7840209
7840210
7840211
5459 703 IT
Pos.
0001
0002
0003
0004
0005
0006
148
Liste dei singoli componenti
Modulo alimentazione (continua)
0006
0004
0003
0002
0005
0001
0002
0003
0004
0005
0006
0005
5459 703 IT
Assistenza
0001
0002
0003
0004
0005
0006
149
Liste dei singoli componenti
Modulo contenitore della cenere
Componente
Contenitore cenere completo
Confezione 12 x 12 +-10%
Dispositivo di chiusura
Dispositivo di chiusura con staffe di fissaggio
Articolo
7840241
7840231
7840243
7840245
5459 703 IT
Pos.
0001
0002
0003
0004
150
Liste dei singoli componenti
Modulo contenitore della cenere (continua)
0002
0003
0004
0001
0002
Assistenza
0002
0003
0004
0001
0004
0003
5459 703 IT
0004
0003
151
Liste dei singoli componenti
Modulo varie
Pos.
0001
0002
0003
0004
0005
Componente
Vernice spray vitosilber (argento) bomboletta da 150ml
Penna per ritocchi vitosilber (argento)
Vernice spray antracite
Istruzioni di montaggio e di servizio Vitoligno 300-C
Istruzioni d'uso Vitoligno 300-C
Articolo
7819545
7819546
7839489
5794523
5794525
0002
0001
0003
0005
5459 703 IT
0004
152
Protocolli
Protocolli
Prima messa in funzione
Manutenzione/
Assistenza
Manutenzione/
Assistenza
Manutenzione/
Assistenza
Manutenzione/
Assistenza
Manutenzione/
Assistenza
Manutenzione/
Assistenza
Manutenzione/
Assistenza
Manutenzione/
Assistenza
Manutenzione/
Assistenza
Manutenzione/
Assistenza
Manutenzione/
Assistenza
il:
da:
il:
da:
il:
Assistenza
da:
il:
5459 703 IT
da:
153
Protocolli
Protocolli (continua)
Manutenzione/
Assistenza
Manutenzione/
Assistenza
Manutenzione/
Assistenza
il:
5459 703 IT
da:
154
Dati tecnici
Dati tecnici
Tensione nominale
Frequenza nominale
Corrente nominale
Potenza assorbita
Classe di protezione
Tipo di protezione
Funzionamento
Temperatura ambiente ammessa
■ durante il funzionamento
■ durante il deposito e il trasporto
da 0 a +40 °C
impiego in vani d'abitazione e
in locali caldaia (normali condizioni ambientali)
−20 - +65 °C
4 (2) A∼*1
4 (2) A∼*1
4 (2) A∼*1
4 (2) A∼*1
4 (2) A∼*1
0,2 (0,1) A∼*1
max. 200 W
5459 703 IT
Assistenza
Carico massimo delle uscite del relè a 230 V∼
Pompe circuito di riscaldamento
Pompa di carico bollitore
Pompa del circuito solare, in alternativa alla pompa
circuito di riscaldamento M2
Pompa ricircolo acqua calda sanitaria
Dispositivo segnalazione guasti
Servomotore
Motore di alimentazione alimentazione da magazzino/silo, Talpa
230 V∼
50 Hz
10 A∼
120 W (media aritmetica)
I
IP 20 D secondo EN 60529, da
garantire mediante montaggio/inserimento
Tipo 1 B secondo
EN 60730-1
*1
Totale max. 4 A∼
155
Dati tecnici
Dati tecnici (continua)
Campo di potenzialità utile
Tiraggio necessario alla potenzialità
massima*2
Tiraggio max ammesso
Gas di scarico*3
Temperatura fumi
■ alla potenzialità massima*4
■ a carico ridotto (30 % della potenzialità massima)*4
Portata
■ alla potenzialità massima
■ a carico ridotto (30 % della potenzialità massima)
Contenuto di CO2
■ alla potenzialità massima
■ a carico ridotto (30 % della potenzialità massima)
kW
Pa
mbar
Pa
mbar
2,4 - 8
2
0,02
15
0,15
2,4 - 12
2
0,02
15
0,15
76
52
91
52
kg/h
kg/h
14,4
7,2
21,6
7,2
% vol.
% vol.
14, 5
10,6
14, 5
10,6
°C
°C
*2
*3
*4
Da considerare per il dimensionamento del camino.
Valori orientativi per il dimensionamento del sistema di scarico fumi secondo la
norma DIN EN 13384.
Temperatura fumi come valore lordo medio secondo normativa europea DIN EN
304 riferito ad una temperatura aria di combustione di 20 °C.
156
5459 703 IT
La caldaia soddisfa i valori limite della
classe caldaia 5 e del marchio ecologico
“Angelo Blu„ secondo RAL-UZ 112.
Certificati
Dichiarazione di conformità
Noi, Viessmann Werke GmbH & Co KG, D-35107 Allendorf, dichiariamo sotto la
nostra responsabilità che il prodotto Vitoligno 300-C è conforme alle seguenti
norme:
DIN EN 303-5
DIN EN 304
DIN EN 50 090-2-2
DIN EN 50 366: 2006-11
DIN EN 55 014
DIN EN 61 000-3-2
DIN EN 61 000-3-3
DIN EN 60 335
Conformemente alle disposizioni delle direttive seguenti questo prodotto viene contrassegnato con _:
2006/95/CE
2004/108/CE
2006/42/CE
Allendorf, 15 gennaio 2014
Viessmann Werke GmbH & Co KG
5459 703 IT
Assistenza
ppa. Manfred Sommer
157
Indice analitico
Indice analitico
B
Batteria...............................................98
C
Cancellazione dei codici di guasto.....91
Caratteristiche del pavimento............10
Cavo rete...........................................23
Codifica 1
– gruppo Acqua calda..................77, 88
– gruppo Riscaldamento....................67
Codifica 2
– gruppo Riscaldamento....................83
Codifiche
– acqua calda........................77, 81, 88
– caldaia............................................81
– caricamento....................................81
– codifica 2........................................81
– codifiche con testo in chiaro...........62
– in generale......................................81
– richiamo della codifica 1.................62
– riscaldamento.....................67, 81, 83
Codifiche 1
– accumulatore..................................62
– acqua calda....................................62
– caldaia............................................62
– caricamento....................................62
– generatore di calore supplementare62
– hardware.........................................62
– in generale......................................62
– riscaldamento.................................62
– solare..............................................62
Codifiche per la messa in funzione....44
158
Configurazione del sistema di alimentazione..................................................36
Cronologia guasti...............................91
D
Dati tecnici...............................155, 156
Descrizione delle funzioni................105
Dichiarazione di conformità..............157
Display.............................................105
Dispositivi di regolazione.................105
Dispositivi di segnalazione...............105
Dispositivo di precedenza................110
Dispositivo precedenza per riscaldamento bollitore.................................110
F
fermacavi...........................................21
Funzione economizzatrice...............108
Funzione economizzatrice ampliata.108
Funzione economizzatrice miscelatore...................................................108
Funzione ottimizzatrice della pompa di
riscaldamento...................................108
Funzione sottofondi pavimento........112
Funzioni regolazione........................106
Funzioni Service................................89
Fusibile...............................................98
G
Guasti.................................................90
I
Impostazione dei tempi alimentazione44
Impostazione dell'ora esatta..............36
Impostazione della data.....................35
Impostazione della lingua..................35
Impostazione della temperatura
ambiente nominale.............................45
Inclinazione della curva di riscaldamento.................................................48
Inserimento della tensione di rete......35
5459 703 IT
A
Acqua di riempimento........................34
Allacciamenti elettrici.................20, 118
Allacciamenti lato acqua....................25
Allacciamento lato fumi......................24
Allacciamento rete.............................22
Annullamento della segnalazione di guasto......................................................90
Indice analitico
Indice analitico (continua)
Installazione
– distanza di installazione....................9
– Introduzione....................................10
Interruttore generale..........................23
K
Kit di completamento per circuito di
riscaldamento con miscelatore........103
L
Limitazione temperatura massima
– temperatura di mandata.................70
Limitazione temperatura minima di mandata....................................................70
M
Memoria guasti..................................91
Modifica del nome dei circuiti di riscaldamento.................................................41
N
Norme................................................23
5459 703 IT
P
Pompa ricircolo acqua calda sanitaria.....................................................111
Pompe
– ritardo spegnimento......................112
Processo di trasporto pellet.............115
Programmazione delle fasce orarie
– produzione d'acqua calda sanitaria..................................................110
– riscaldamento...............................106
Protezione antigelo..........................108
Prova degli attuatori...........................42
Pulizia della camera di combustione..57
Pulizia della ventola fumi...................59
Pulizia delle superfici di scambio termico.............................................57, 58
R
Regolazione circuito di riscaldamento...............................................106
Regolazione della temperatura di mandata..................................................109
Regolazione temperatura bollitore...110
Ricerca guasti....................................90
Richiamo segnalazione di guasto......91
S
Scheda
– spina 9............................................22
– spina sensore temperatura accumulo................................................22
Schede
– HKK 2.01......................................121
– KSK 2.03......................................123
– panoramica...................................118
– posizione......................................118
– ZPK 2.02.......................................119
Schema allacciamento elettrico e
cablaggio......................................20, 22
Schema dell'allacciamento elettrico e
cablaggio..........................................118
Schema di cablaggio............20, 22, 118
Schemi dell'impianto..........................44
Scostamento della curva di riscaldamento.................................................48
Segnalazione di guasto
– conferma.........................................90
– disattivazione..................................90
– testo in chiaro.................................90
Selezione allacciamento Solare.........41
Selezione dell'allacciamento acqua
calda..................................................40
Selezione dell'allacciamento per circuito
riscaldamento 1 - 3............................40
Selezione del ricircolo........................40
Selezione del sensore temperatura
accumulo............................................39
Selezione del tipo di accumulatore....39
Selezione di caldaia supplementare. .39
Senso di rotazione del servomotore 104
159
Indice analitico
Indice analitico (continua)
V
Valore nominale della temperatura
acqua calda sanitaria.......................111
Valvola deviatrice...............................41
Vaso di espansione a membrana......61
Verifica degli stati d'esercizio.............89
Verifica dei sensori.............................89
Vitosolic............................................111
Avvertenze sulla validità
Nr. di fabbrica
7537217
7537381
Viessmann S.r.l.
Via Brennero 56
37026 Balconi di Pescantina (VR)
Tel. 045 6768999
Fax 045 6700412
www.viessmann.com
160
Salvo modifiche tecniche!
T
Taratura delle curve di riscaldamento44
Tasti.................................................105
Tasto cursore...................................105
Temperatura acqua calda sanitaria. 107
Temperatura ambiente.....................107
Temperatura ambiente normale.........46
Temperatura ambiente ridotta............47
Temperatura di mandata
– limitazione elettronica temperatura
minima............................................70
– limitazione temperatura massima...70
Temperatura esterna.......................106
Termostato di sicurezza a riarmo manuale (STB)............................................98
Testo guida......................................105
5459 703 IT
Sensore magazzino per pellet...........38
Sensore temperatura bollitore............99
Sensore temperatura caldaia.............99
Sensore temperatura di mandata....103
Sequenza di messa in funzione.........35
Servomotore....................................104
Sistema di trasporto ad aspirazione.114
Sonda Lambda.................................101
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
1
File Size
7 160 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content