close

Enter

Log in using OpenID

Clicca qui - Il Verde Editoriale

embedDownload
ESTRATTO
DA
ACER
© IL VERDE EDITORIALE
MILANO
NEWS
AGENDA
CONVEGNI
dei territori #2”, tenuto
da Jean-Michel Landecy,
sul ruolo della fotografia
nel rappresentare le
trasformazioni del territorio.
■ Acma, via Conte Rosso 34,
TORINO
Arboricoltura
26-28 maggio.
Presso il Centro congressi
Torino Incontra si terrà
la conferenza europea
di arboricoltura 2014
dal titolo “Progettare la città
verde: relazioni tra alberi
e infrastrutture”, organizzata
dalla Società italiana
di arboricoltura (Sia) e Città
di Torino, nello Smart city
festival. Il 29 maggio presso
i Giardini Reali si terrà
una giornata dedicata al tree
climbing, e dal 30 maggio
al 1° giugno i campionati
italiani, in una settimana
di eventi che celebrano i
20 anni di Sia come chapter
italiano dell’International
society of arboriculture.
■ Sia, viale Cavriga 3, 20900
Monza, tel. 039 325928,
fax 039 8942517.
[email protected]
20134 Milano, tel. 02 70639293,
fax 02 70639761.
[email protected]
www.acmaweb.com
FIERE
MONACO (GERMANIA)
Freising
garden fair
NANTES (FRANCIA)
Floralies
8-18 maggio. Le Floralies internazionali di Nantes sono
una prestigiosa manifestazione floreale che si tiene ogni
cinque anni nel parco “Le beaujoire”, lungo il fiume Edre.
Ogni edizione attrae oltre duecento espositori professionali e appassionati dalla Francia e da tutto il mondo che
realizzano giardini e composizioni paesaggistiche e
floreali: il tema di quest’anno è “Bouquet di arti” e le scene ornamentali si ispireranno ad architettura, scultura,
pittura, danza, musica, poesia, cinema e fumetti.
■ Comité des Floralies, Hôtel de l'Horticulture 7, quai Henri
Barbusse, 44000 Nantes (Francia), tel. +33 2 40145860,
fax +33 2 40370550. [email protected]
www.comite-des-floralies.com
www.isaitalia.org
ROMA
Effetti della Pac
MONTECATINI TERME (PT)
19 giugno.
Il Coordinamento
delle associazioni tecnicoscientifiche per l’ambiente
e il paesaggio (Catap)
organizza il convegno
“Effetti della nuova
Politica agricola comune
2014-2020 sull’ambiente e
sul paesaggio in Italia”, alla
sala convegni del Vittoriano.
■ Catap, c/o Aipin,
Green urbanism
[email protected]
www.catap.eu
7, 85354 Freising, Germania,
tel. +49 8161 81887,
[email protected]
CORSI
tel/fax 040 7600254.
architect, Obere Domberggasse
fax +49 8161 82887.
www.isaeuropeancongress.eu
via del Monte 2, 34121 Trieste,
9-11 maggio. La 18a Fiera
internazionale di Freising
avrà come Paese ospite la
Spagna. Le piante speciali
per il giardino sono il punto
forte della fiera, che attira
125 espositori da diversi
Paesi, con un’ampia gamma
di piante rare e speciali.
■ Anita Fischer landscape
8-11 maggio.
Consorzio Toscana Produce
e Osservatorio nazionale
del verde urbano e storico
(Onvus) organizzano
la scuola-laboratorio
Green urbanism 2014 per
la pubblica amministrazione
e gli specialisti in restyling
urbano. Il cuore dell’evento,
organizzato in workshop,
convegni e seminari,
è il laboratorio di ricerca e di
progettazione, incentrato sul
"terroir urbano", un concetto
che applicato all’urbanistica
si traduce su come
tipicizzare i luoghi urbani ed
elevarne la qualità in termini
di benessre e comfort.
■ Sede operativa Onvus,
c/o Cra-Viv, via dei Fiori 8,
51012 Pescia (PT), tel 0572
5033, fax 0572 453309.
[email protected]
com
www.osservatorionaziona
leverdeurbano.it
MILANO
Per osservare
4-8 giugno. Nell’ambito
del Master in architettura del
paesaggio, Acma organizza
il workshop “L’osservatorio
chaftsarchitektin.de
www.freisingergardentage.de
KOPPIGEN (SVIZZERA)
Öga
25-27 giugno.
Torna la più grande fiera
del verde della Svizzera,
con oltre 500 espositori che
porteranno su dodici ettari
l’assortimento completo di
attrezzature, macchine per
la cura del verde, sementi, e
piante per gli spazi pubblici.
■ Segreteria Öga, Oeschberg,
3425 Koppigen (Svizzera),
tel. +41 34 4138030,
fax +41 34 4138032.
[email protected]
www.oega.ch
ACER 2/2014 • 6
MOSTRE
CAZZAGO SAN MARTINO (BS)
ROVATO (BS)
CERVIA (RA)
Franciacora
in fiore
Giardinaria
Città giardino
24-25 maggio. La mostra
mercato di fiori e piante si
svolge in concomitanza con
l’inaugurazione delle aiuole
fiorite realizzate da architetti
paesaggisti di tutto il mondo
per le strade di Cervia,
che saranno visitabili per
tutta l’estate in una mostra
a cielo aperto: Cervia città
giardino. Saranno applicate
le tecniche più innovative
per le aiuole più originali,
in una competizione senza
vincitori. Alcune realtà,
come la città di Milano, le
dedicheranno a Expo 2015.
■ Comune di Cervia,
Cervia (RA), tel. 0544 974400,
25046, Cazzago San Martino
24-25 maggio.
Nei giardini del seicentesco
Castello Quistini si terrà
la seconda edizione di
Giardinaria, mostra mercato
di stagionali, perenni,
rose, ortensie, peonie,
piante rare e officinali, arredi,
attrezzature, organizzata
dall’Associazione
florovivaisti bresciani e dal
Castello. Sono attesi 2500
visitatori e oltre quaranta
espositori, con piante,
fiori, arredo e oggettistica
da giardino: produttori
specializzati provenienti
da tutto il Nord Italia.
■ Castello Quistini, via
via Montenapoleone 8, 20121
(BS), tel. 030 7750750,
Sopramura 3/A, 25038 Rovato
Milano, tel. 02 76001496.
fax 030 725008.
(BS). Per info: cell. 339 1351913.
fax 0544 72340.
[email protected]
[email protected]
[email protected]
[email protected]
www.orticola.org
www.franciacortainfiore.it
www.giardinaria.it
www.turismo.comunecervia.it ■
MILANO
Orticola
9-11 maggio. Ai Giardini
pubblici Indro Montanelli
arriva la nuova edizione
della mostra mercato di fiori
e piante più famosa
di Milano. Le novità sono
il Giardino della rosa italiana
con 59 varietà diverse
di sedici ibridatori,
i Giardini dei vivaisti,
diciassette spazi realizzati
da giovani paesaggisti
e vivaisti specializzati, e
gli allestimenti verdi e floreali
dei tre ingressi alla mostra,
di paesaggisti e vivaisti.
■ Orticola di Lombardia,
16-18 maggio. L’antico
borgo di Bornato, frazione
di Cazzago San Martino,
è la nuova sede della
rassegna nazionale
di rose ed erbacee perenni:
storia, fragranze e sapori
di Franciacorta, giunta alla
sedicesima edizione. Il tema
dominante di quest’anno
sarà la promozione della
cultura del verde, mentre
la nuova direzione curerà
particolarmente il concorso
dei paesaggisti del verde.
■ Pro loco Cazzago
San Martino, via Carebbio 32,
piazza Garibaldi 1, 48015
ESTRATTO
NEWS
DA
ACER
MONDO VERDE
© IL VERDE EDITORIALE
MILANO
FONDAZIONE
WEB
Un tavolo trentino
Amici da imparare a coltivare
In occasione dell’apertura
della quarta edizione del
corso per tecnico superiore
del verde della Fondazione
Edmund Mach di San
Michele all’Adige (TN),
è stata annunciata la nascita
di un tavolo per il verde, un
gruppo di lavoro coordinato
dalla Fondazione stessa
per analizzare i fabbisogni
del comparto verde urbano
e ornamentale e individuare
soluzioni sotto il profilo della
formazione e dell’assistenza
tecnica. Includerà quindi
alcuni rappresentanti
di Associazione florovivaisti
trentini (Aflovit) e Provincia
Autonoma di Trento,
che lavoreranno fianco a
fianco con docenti, tecnici
e ricercatori di San Michele.
■ www.fmach.it
Alberi maestri, associazione per la tutela
degli alberi, promuove la cura e la tutela
del patrimonio arboreo, attraverso
la diffusione della moderna arboricoltura
e delle tecniche di tree climbing. Nella
homepage del sito si trova un elenco
di corsi di formazione e aggiornamento,
attività didattico-sportive, ludicoeducative e il link “Video gallery” al
canale Youtube con i filmati di convegni
e attività dell’associazione. Interessante
la sezione“Dedicato a voi” con
informazioni di base su attrezzi, tecniche di potatura; ricche
di spunti le sezioni “Bibliografia” e “Adotta un albero”, che
propone a scuole ed enti locali adozioni di esemplari di
rilievo storico, naturalistico, ambientale e sociale.
■ www.alberimaestri.com
Fondi per Villa Litta
Fondazione Cariplo
ha annunciato
all’amministrazione
comunale di Lainate (MI) lo
stanziamento di un milione
di Euro per il recupero delle
antiche serre liberty di Villa
Visconti Borromeo Litta.
Il progetto prevede uno
spazio polifunzionale per
mostre, eventi, laboratori
culturali, e la possibilità che
una delle due serre torni alla
sua funzione originale, la
coltivazione delle orchidee.
■ www.comune.lainate.mi.it
VIVIAMOLAQ
Costruirsi da sé
I giovani progettisti
e studenti di Viviamolaq,
associazione nata con
l’obiettivo di ridefinire spazi
aggregativi e di crescita
sociale nella città di L’Aquila
dopo il terremoto del 2009
attraverso l’organizzazione
di laboratori territoriali
di architettura partecipata,
hanno ideato e costruito
Parcoaleno, un parco giochi
nella frazione di Santa
Rufina che ospita i Moduli
abitativi provvisori (Map).
Un unico elemento fluido,
un “nastro” costituito
da materiale di esubero dei
cantieri come tubi innocenti
dei ponteggi e listelli di
legno dei pallet, si piega e
si modella per accogliere le
varie funzioni suddivise per
aree tematiche (creatività,
sport, giochi tradizionali,
verde attrezzato) diventanto
panchina, recinto, portale.
■ http://viviamolaq.blogspot.it/
ARBORICOLTURA2/MULTIPROGETTO ALA VALLI GRANDI
Tutti per uno, uno per tutti
L’Unione europea propone un tipo di ruralità indirizzata alla
produzione di derrate alimentari ma anche al reddito del
settore primario, valorizzando l’ambiente. In questo solco
è nata Ala Valli Grandi (Arboricoltura, legno, ambiente)
un “multiprogetto”, mosaico di iniziative per coinvolgere
mondo agricolo, artigianale e produttivo nella conduzione
di impianti arborei per produrre reddito, ambiente e
benessere. È sviluppato da Consorzio di bonifica veronese,
in collaborazione con Associazione arboricoltura da legno
sostenibile per l’economia e l’ambiente (Aalsea)
di Arezzo, Cooperativa
gestione verde (Cogev)
di Verona e Compagnia delle
foreste che cura gli aspetti
divulgativi. Online anche
la sezione news e lo
sportello di assistenza.
■ www.progettoala.it
MAURO RIGAMONTI
COMUNE DI LAINATE (MI)
MAURO RIGAMONTI
ARBORICOLTURA1/ALBERI MAESTRI
MIRCO CARRETTA
EDMUND MACH
ARBORICOLTURA3/ARBOR DAY FOUNDATION
Tendenze da oltreoceano
ACER 1/2014
Progetto Insem
In riferimento all’articolo
“Oltre i confini” di Paola
Spoleto (ACER 1/2014,
pp. 46-50), si precisa che
il sito internet corretto della
Fondazione Fojanini di Studi
Superiori cha ha collaborato
al progetto Insem è:
www.fondazionefojanini.it ■
La missione di Arbor Day, fondazione no profit americana,
è “ispirare le persone a piantare, coltivare e celebrare
gli alberi”. Dalla sezione “Programs” del sito internet
si accede alla pagina “Tree line USA", che promuove
pratiche di arboricoltura urbana. Diverse le sottosezioni:
“L’albero giusto nel posto giusto”, “Scopri i vantaggi per
la tua comunità” ecc. Il sito presenta progetti per alberi
e foreste americane e di molti altri Paesi, per aumentare non
solo negli addetti ai lavori, ma anche nel grande pubblico,
la consapevolezza che gli alberi sono una ricchezza.
■
■ www.arborday.org
ACER 2/2014 • 8
NEWS
PUBBLICAZIONI
L. BRANCALI
A rose is a rose
is a rose.
Rose Barni dal 1882
Mondadori Electa, Milano,
140 pagine, 39,00 Euro
Il libro, dedicato alla celebre
famiglia di coltivatori e
ibridatori di rose da quattro
generazioni, è soprattutto
un racconto per immagini
con cui il fotografo Luca
Brancali mostra il lavoro,
che può durare dai sette
ai dieci anni, per ottenere
nuove varietà. Dopo i testi
introduttivi di Lamberto
Cantoni, Francesca
Marzotto Caotorta,
Paolo Pejrone e Pietro
Barni, i capitoli su ricerca,
produzione in pieno campo
e in vaso, caratteristiche
delle rose, scritti da Beatrice
Barni, guidano, su inserti
di carta e formato diversi,
in questa attività in linea con
la natura e la qualità italiana.
C. BATTISTI, M.CONIGLIARO,
G. POETA, C.TEOFILI
Biodiversità,
disturbi, minacce
Forum, Editrice Universitaria
Udinese, Udine,
238 pagine, 26,50 Euro
L’inquadramento teorico
dell’ecologia del disturbo,
quello naturale, e l’analisi
delle minacce antropiche
sono i due ambiti su cui
9 • ACER 2/2014
si concentra il volume, rivolto
a coloro che operano per la
gestione e la conservazione
di siti sottoposti all’azione
trasformatrice dell’uomo,
oltre che agli studenti
di ecologia. In particolare,
la definizione e lo studio
delle minacce antropiche
permette la comparazione
di eventi differenti, e quindi
la definizione di priorità
nelle strategie. Molte schede
su casi studio e strumenti
correlati, redatti da diversi
specialisti, rendono il testo
utile in contesti operativi.
M.A. GIUSTI BURBATTI
Naturalmente
giardino. Il verziere
di Montalto Dora
Edizioni Pendragon,
Bologna, 190 pagine,
16,00 Euro
Il racconto della nascita
del parco Burgiù in provincia
di Torino, opera e proprietà
dell’autrice, architetto,
e di suo marito, psichiatra,
si intreccia con l’esperienza
di una vita e dei suoi cicli, e
con la ricerca dei significati
più profondi del coltivare.
Rose, cipressi, bossi, vigne,
orto, salici, erbe, fioriture
stagionali scandiscono
il percorso di progettazione
e di cura quotidiana del
verziere, nella certezza che
“tra gli individui e la natura vi
siano connessioni emotive”.
Il giardino, teatro anche
di un workshop nel 2010, ha
rivelato tutta la sua funzione
terapeutica e la sua energia,
legata al ciclo della vita. ■
ESTRATTO
DA
ACER
© IL VERDE EDITORIALE
MILANO
NEWS
INDUSTRIA PROPONE
TERRAPLUS
Più resistenza con Bacillus subtilis
WEED BRUSH
Metodo ecologica
contro le erbacce
La normativa sui trattamenti
chimici in ambito urbano
è sempre più severa,
sia a tutela della salute
dei cittadini sia per
garantire il rispetto
dell’ambiente. Di recente
anche la Gianni Ferrari ha
realizzato una spazzola da
diserbo, sistema ecologico
e ideale per rimuovere le
erbacce da marciapiedi,
strade asfaltate, vialetti
lastricati ecc. Il modello
può essere applicato
alle motrici della gamma
Turbo 1-2 e 4 e al nuovo
Turbo 4 Cruiser con cabina.
Grazie al sistema di
aspirazione, la pulizia è
immediata e il risultato
estetico è garantito anche
in presenza di erbacce alte.
La spazzola si compone
di 32 trefoli d’acciaio
da 22 mm di diametro.
La bocchetta di
aspirazione è mobile
e regolabile per la
massima efficacia.
■ Gianni Ferrari,
via Vespucci 53,
42046 Reggiolo (RE),
tel. 0522 973697,
fax 0522 973707.
[email protected]
www.gianniferrari.com
Sono attualmente due le titolazioni della nuova linea di concimi organo-minerali TerraPlus pero il prato e le colture da giardino. Stimolano la crescita delle piante, rivitalizzano il substrato e, grazie al Bacillus subtilis, accrescono la resistenza nei confronti
di importanti patogeni fungini.TerraPlus Resistance (NPK 9-612) è studiato per la concimazione di mantenimento di tappeti
erbosi, alberi, arbusti, colture orticole e frutticole. Il particolare rapporto N/K e la presenza del Bacillus subtilis migliorano
la sanità delle piante e ne incrementano la resistenza alle avversità ambientali e patologiche. TerraPlus P (NPK 8-18-5) è
ideale per la concimazione alla semina, alla zollatura e alla rigenerazione dei tappeti erbosi, all’impianto di siepi, alberi, arbusti, colture orticole ed ornamentali. Alto contenuto di fosforo per l’attecchimento delle piante e l’insediamento del prato.
Bacillus subtilis migliora la resistenza agli attacchi dei funghi terricoli.
■ Compo Italia, via Marconato 8, 20811 Cesano Maderno (MB), tel. 0362 5121, fax 0362 512587.
[email protected]
ALGAE CONTROL SYSTEM
Ultrasuoni
contro le alghe
Algae Control System
(ACS), il nuovo sistema
a ultrasuoni di Rain Bird,
è la soluzione per eliminare
le alghe da laghi e stagni,
senza usare prodotti
chimici e senza alla fauna
e alla flora acquatiche.
Posto sotto la superficie
dell’acqua, emette
onde ultrasoniche che
si propagano a ventaglio
e inibiscono la crescita
e la diffusione delle alghe.
I primi risultati sono già
visibili dopo tre settimane
dall’installazione. La scelta
del modello dipende dal
posizionamento e dalla
www.compo-specialistidelverde.it
quantità di alghe presenti:
posizionando i trasduttori
ai lati opposti del bacino,
gli ultrasuoni coprono
tutta la superficie. Facile
da mantenere, installare
e usare, ACS può essere
alimentato tramite rete
elettrica o pannello solare.
■ Rain Bird Europe, 900
Rue Ampère, 13792 Aix en
Provence, Cedex 3, Francia.
Area manager Italia:
Giorgio Cortuso,
tel. 049 68180, fax 049
681807, cell. 335 8328871.
[email protected]
www.rainbird.eu
dal posto di guida mediante
pulsante elettrico. Il raggio
di svolta di soli 310 mm
garantisce manovrabilità in
aree ingombre di ostacoli
(alberi, panchine e altri
elementi di arredo ecc.).
Caratteristiche tecniche
• Motore: Yanmar 3TNV82,
diesel, 31 HP, 1331 cm3
• Larghezza taglio: 132 cm
• Altezza taglio: 20-100 mm
• Velocità: 0-15 km/h
• Capacità: 12.000 m2/h
• Capacità cesto
di raccolta: 900 litri
• Altezza di scarico: 200 cm
■ Grillo, via Cervese 1701,
47521 Cesena, tel. 0547
FD 19.09 4 WD
633111, fax 0547 632011.
Regolazione
in continuo
[email protected]
www.grillospa.it
FD 13.09 4 WD è il nuovo
rasaerba professionale
idrostatico con raccolta
introdotto da Grillo nel
2014. L’apparato di taglio
è costituito da un robusto
piatto frontale a due lame
controrotanti e con kit
mulching. La regolazione
dell’altezza è in continuo
e non a scatti, e avviene
ACER 2/2014 • 10
NEWS
INDUSTRIA PROPONE
BM46
Niente raccolta,
niente discarica
EVOLUTION
Si programma
dal Pc
Il nuovo programmatore
Evolution Toro controlla
da quattro a sedici settori,
e consente fino a tre
programmi d’irrigazione
e uno ausiliario per pompa,
fontante e altre esigenze di
controllo. Grazie al software
gratuito, la programmazione
può avvenire direttamente
computer, per essere
successivamente trasferita
sul campo attraverso
una normale chiavetta Usb.
Il connettore intelligente,
opzionale, permette
invece al programmatore
di comunicare via radio con
il sensore meteorologico,
il comando a distanza
portatile, il relè e fino
a tre sensori per registrare
le condizioni del terreno.
■ Prato Verde, via San
Tra le novità di Grin
per il 2014, il rasaerba
BM46 è alimentato
dalla batteria Lithium
Gl 3609, con display Lcd
per tenere sotto controllo
il livello carica, ed
elettronica di controllo
integrata, per il taglio fino
a 500 m2 di tappeto erboso
in condizioni normali.
Il tipo di alimentazione
consente una silenziosità
elevata durante il lavoro
e livello zero di emissioni
inquinanti. Caratteristica
comune agli altri modelli
a marchio Grin è il sistema
di taglio brevettato che
centrifuga e polverizza
l’erba, eliminando la
raccolta e lo smaltimento
in discarica. L’altezza di
taglio sulle quattro ruote
(con speciale battistrada
Grip Grin) viene regolata
attraverso un’unica leva.
■ Grin, via delle Industrie 13,
Inoltre, City Plus Ecology
apporta giovamento alle
piante urbane operando
per fertiniezione e per la
decompattazione degli
apparati radicali, oltre
a essere impiegato per
rivitalizzare e sanificare
esemplari storici. In ambito
civile invece è destinato
alla disinfestazione di
ambienti e a trattamenti
termonebbia-aerosol in
capannoni, reti fognarie,
depuratori, grandi aree
aperte e discariche.
■ Tifone Ambiente,
via Modena 248/A, 44124
Cassana (FE), tel. 0532
23896 Sirtori (LC), tel. 039
730586, fax 0532 730588.
955198, fax 039 8900082,
[email protected]
numero verde 800 543858.
www.tifone.com
[email protected]
fresaceppi Star FC lavora
ancora di più: la sua
produttività è stata infatti
incrementata del 50%
rispetto alla precedente.
Può essere impiegata
su trattori con potenza
massima di 250 CV alla
presa di forza, riducento
i costi d’esercizio.
Invariata la potenza
minima richiesta.
In un solo passaggio
fresa il terreno, rimuove
i ceppi e trincia i residui
del raccolto, rendendosi
utile nel rinnovo delle
messe a dimora in colture
forestali, vigneti e frutteti.
Il nuovo utensile Mono
protect di serie assicura
resistenza ai sassi ed
efficienza nel triturare
i ceppi. Il telaio è rivestito
con lamiere antiusura
Hardox intercambiabili,
il cofano idraulico può
essere completamente
aperto per permettere,
in caso di necessità,
l’abbattimento di piccole
piante. Star FC raggiunge
fino a 40 cm di profondità
al primo passaggio.
■ Seppi M., zona artigianale
www.mygrin.it
STAR FC
CITY PLUS ECOLOGY
Pronta la nuova
versione
1, 39052 Caldaro (BZ),
(PD), tel. 049 9128128,
fax 049 9128129.
Soffia anche
nelle aree verdi
Disponibile con larghezze
di lavoro di 75 e 100 cm,
la nuova versione della
fax 0471 962547.
Pelagio 2, 35020 Due Carrare
[email protected]
www.pratoverde.it
11 • ACER 2/2014
Con motore diesel da 26,
35 o 52 HP, City Plus
Ecology viene proposta da
Tifone per la disinfestazione
in ambito urbano, la difesa
e la cura professionale delle
aree verdi e dell’ambiente.
L’ambito di intervento
spazia così dai trattamenti
antiparassitari su alberate,
aree verdi, scarpate e siepi
a quelli per via linfatica,
fino ai trattamenti soft su
cespugli in piena fioritura.
tel. 0471 963550,
[email protected]
www.seppi.com
■
ESTRATTO
DA
ACER
© IL VERDE EDITORIALE
MILANO
NEWS
ARREDO URBANO
WINDMILL
Con la natura si gioca
GINKGO BILOBA
‘FASTIGIATA’
Solo il buono
La varietà ha un habitus
molto compatto rispetto
a quello della specie,
un portamento eretto con
ramificazione abbastanza
densa e grande resistenza
all’inquinamento. È allevata
nella forma ad alto fusto
o ramificata alla base; ha la
tipica colorazione autunnale
dorata della chioma,
ma non produce i frutti che
emettono un cattivo odore.
■ Innocenti & Mangoni Piante,
via del Girone 17, 51100
Chiazzano (PT), tel. 0573
530364, fax 0573 530432.
[email protected]
www.innocentiemangonipiante.it
SWISSPEARL
Nuovi monoliti
Le fioriere Swisspearl
(nella foto Osaka), distribuite
in Italia da Samar, sono
prodotte artigianalmente in
un mix di cemento e polvere
di fibra cellulosa e resistono
alle condizioni meteo più
estreme. Adatte a vari
volumi di terreno, sono in
vari colori e su misura. Il
materiale, riciclabile al
100%, regola l’umidità
automaticamente, ha una
resistenza al gelo garantita
per dieci anni
e un utilizzo minimo di venti.
■ Samar, via Cogol 4,
37053 Cerea (VR), tel. 0442
30444, fax 0442 82005.
[email protected]
www.samarlegno.com
Windmill di Richter, distribuito in Italia da Demetra, è un vero e proprio mulino a vento che mette in funzione una pompa per il trasporto dell’acqua, utilizzata a scopo ludico nelle aree gioco. La struttura, alta 6 m, è in acciaio inossidabile ed è costituita da sei pale
del diametro di 2,2 m fissate a un traliccio triangolare, rivestito con
lastre in acciaio nella parte bassa per impedire l’arrampicata. La
pompa a membrana, a un’altezza di 50 cm, è collegata a una ruota. Quando la forza del vento aumenta la ruota si discosta in modo che il mulino non sia attivo durante i temporali e non crei pericoli.
■ Demetra, via Visconta 75, 20842 Besana Brianza (MB), tel. 0362 802120, fax 0362 802113.
[email protected]
www.demetra.net
PETALO
Illustre maestra
La panchina Petalo di Citysì
si ispira, nella forma ottenuta
dalla sapiente lavorazione
dell’acciaio, a un petalo
ripiegato ed è composta
da due parti: una lamina di 8
mm di spessore, sagomata
al laser e pressopiegata,
che si restringe alla base, e
un’anima centrale, di 15 mm
di spessore, che sostiene
e segue la struttura.
Grazie alla sua forma
organica e leggera e agli
innumerevoli colori è adatta
a tutti i contesti. Dimensioni:
1375x386/652x450 mm;
altezza seduta: 450 mm.
■ Citysì, via Calefati 269,
70122 Bari, tel. 080 5381044,
fax 080 5308675.
[email protected] www.citysi.it
PAMIDRE
Tutto al suo posto
La pacciamatura minerale
Pamidre tiene pulite dalle
infestanti aiuole pubbliche e
private. È facile da
applicare e non richiede
manutenzione: ogni sacco
va unito a 1,5 litri di acqua
(con temperature alte la
quantità di acqua aumenta),
mescolato,
e steso con 1-2 cm di
spessore su fondo livellato e
pulito. Si indurisce dopo due
giorni; non è calpestabile.
■ Granulati Zandobbio,
via Selva 29, 24060 Zandobbio
(BG), tel. 035 941584.
[email protected]
www.granulati.it
■
POPULUS NIGRA ‘ITALICA’ SAN GIORGIO
Le tradizioni sono salve
Populus nigra ‘Italica’ è una pianta tipica del paesaggio italiano
che, con la sua forma alta e stretta che ricorda i cipressi di Bolgheri, segna molti canali, fossi e confini rurali della nostra penisola. In passato da essa gli agricoltori ricavavano pregiato fogliame per l’alimentazione invernale del bestiame; oggi è molto apprezzata per l’aspetto maestoso e per la ricca produzione dei funghi “pioppini”. Unico difetto è l’abbondante dispersione primaverile della lanugine o pappo, che provoca reazioni allergiche molto diffuse. Il pioppo cipressino ‘San Giorgio’ di Umbraflor, sprovvisto di lanuggine, permette di superare il problema, così come
la varietà ‘Bellini’ e il pioppo bianco degli stessi vivai, adatti anche a viali, alberate e campeggi.
■ Umbraflor, via Castellaccio 6, 06038 Spello (PG), tel./fax 0742 315007.
[email protected] www.umbraflor.it
ACER 2/2014 • 12
0
NEWS
UOMINI E AFFARI
Una nuova
maturità
ESTRATTO
DA
ACER
© IL VERDE EDITORIALE
MILANO
Il recente approdo di Laterlite al settore del verde
ha ampliato le applicazioni dell’argilla espansa
Leca alla realizzazione di giardini pensili intensivi
ed estensivi, al florovivaismo e ai campi sportivi
Luca Beligni, responsabile
assistenza tecnica
e marketing di Laterlite.
na nuova maturità, facendo tesoro di 50
anni di storia per rinnovarsi, senza dimenticare il
passato. È quel che Laterlite
ha vissuto nel 2013, quando
ha ampliato l’ambito di intervento al verde tecnologico, urbano e sportivo. Nata come
azienda di produzione di argilla espansa a marchio Leca,
Laterlite è da sempre attiva in
edilizia. Allo stabilimento parmense di Rubbiano di Solignano si sono aggiunti quelli di
Bojano (CB), Lentella (CH) ed
Enna, con un continuo ampliamento della gamma di soluzioni. Ce ne ha parlato Luca
Beligni, responsabile assistenza tecnica e marketing.
U
espansa sfuse, e LecaDrain,
con granulometria 3-20 mm.
Il primo è in gamma da anni,
ma con l’apertura al mondo
del verde ha acquisito nuova
vitalità, il secondo è una novità. Sopra il drenaggio si realizza lo strato colturale, operazione per la quale Leca ha
studiato quattro nuovi prodotti: LecaGreen 400 e 600, declinati per giardini pensili
estensivi e intensivi. In base a
esigenze e al campo d’applicazione, c’è dunque un substrato colturale più, 400 kg/m3,
o meno, 600 kg/m3, leggero.
Altre applicazioni?
L.B.: Nella messa a dimora di
alberi, aggiungere AgriLeca
nel substrato assicura l’arieggiamento, evitando il soffocamento radicale. Il prodotto serve inoltre a creare una zona
di drenaggio, per evitare ristagni idrici dannosi alle piante.
Discorso analogo per i campi sportivi, con l’impiego AgriLeca e LecaDrain.
Come si passa dal
substrato al tetto verde?
L.B.: Nello studio di tali applicazioni abbiamo avviato una
partnership con Climagrün,
azienda di Bolzano attiva da
anni nel verde pensile. Il valore di Laterlite è tecnico, con
le nostre soluzioni inserite un
pacchetto certificato, che va
dalla progettazione alla rea-
Come è avvenuto
l’approdo al verde?
Luca Beligni (L.B.): A inizio
2013 abbiamo esplorato il
potenziale del settore. In pochi mesi abbiamo lanciato sul
mercato una monografia tecnica sulle applicazioni dell’argilla espansa e una gamma di prodotti per giardini
pensili estensivi e intensivi. I
campi d’impiego spaziano
inoltre al florovivaismo, alle
colture idroponiche e agli
strati drenanti in generale.
Quali sono i prodotti?
L.B.: Per la formazione dello
strato drenante proponiano
AgriLeca, palline di argilla
Posa del substrato colturale LecaGreen 600 estensivo.
Sotto, giardino pensile intensivo con strato drenante
LecaDrain e substrato colturale LecaGreen 400.
La monografia tecnica
disponibile su www.leca.it.
lizzazione del tetto verde in
ogni suo aspetto, comprensivo anche della fornitura di
specie ed elementi accessori. Si crea un doppio canale
tra i clienti delle due aziende,
che possono trarre i vantaggi di una proposta univoca.
Ultime novità?
L.B.: Il 26 marzo abbiamo organizzato nella sede di Parma un primo seminario tecnico per presentare a progettisti, installatori, posatori e distributori sia la qualità delle
soluzioni in argilla espansa
Leca per il verde sia le buone pratiche costruttive. L’incontro è servito anche a comunicare il nuovo ruolo di Laterlite nel settore del verde e
nella partnership con Climagrün. Riteniamo che per ottenere realizzazioni di qualità,
la formazione sia fondamentale e perciò intendiamo allargarne la portata sul territorio
e negli studi di progettazione.
Questo servirà non solo ad
accrescere la nostra presenza sul mercato, ma anche a
rendere noti i benefici dei tetti verdi in relazione all’edificato, a livello energetico e urbanistico. I nuovi appuntamenti saranno comunicati nella sezione convegni e formazione
del nostro sito www.leca.it e
sui social network.
D.D.
ACER 2/2014 • 14
NEWS
ESTRATTO
ACER
UOMINI E AFFARI
BARENBRUG
■ Barenbrug Italia, via Vittorio
Obiettivo Italia
Veneto 22, 20852 Villasanta
Barenbrug Royal Group
ha costituito la sua filiale
italiana Barenbrug Italia che,
da febbraio 2014, opera
direttamente nel mercato
del verde professionale
con la produzione
e distribuzione di sementi,
fertilizzanti e prodotti per
la cura del tappeto erboso.
Contestualmente Barenbrug
Royal Group ha acquisito
dalla società Prolanda tutte
le attività e i marchi relativi
ai prodotti distribuiti, nonchè
il personale attualmente
in forza presso la società; la
continuità sul mercato sarà
garantita dalla permanenza
del marchio Prolanda
che verrà affiancato
per il prossimo futuro al
prestigioso brand Brenbrug.
(MB), tel. 039 305909.
[email protected]
www.prolanda.it
JCB
La forza del golf
Jcb ha annunciato un
nuovo piano di investimenti
DA
© IL VERDE EDITORIALE
MILANO
in Staffordshire (Regno
Unito) che comprenderà
anche la realizzazione
di un campo da golf
da diciotto buche, su una
superficie di 240 ettari a Sud
del suo quartier generale
mondiale di Rocester. Il
campo sarà principalmente
a disposizione dei 770
rivenditori globali Jcb come
strumento per costruire
relazioni con nuovi clienti e
consolidare quelle esistenti,
incrementando le vendite
e la conoscenza globale
del marchio. Nella foto
l’amministratore delegato
Graeme Macdonald
nella futura area del parco.
■ Jcb Italia, via Fermi 16,
KOMATSU
20090 Assago (MI), tel. 02
35042 Este (PD), tel. 0429
48866507, fax 02 4880378.
616111, fax 0429 616177.
[email protected]
[email protected]
www.jcb.com
www.komatsu.it
Novità web
È online il nuovo sito
internet di Komatsu
in Italia (www.komatsu.it):
oltre ad avere una veste
grafica attuale e fresca,
è stato progettato con una
tecnologia che permette
una fruizione intuitiva,
semplice e immediata
da qualsiasi dispositivo:
pc, tablet o smartphone.
Nuovi contenuti e nuovi
strumenti, come i calcolatori
che permettono di ottenere
le rate da pagare,
affiancano l’individuazione
di distributori, concessionari
e officine autorizzate.
■ Komatsu Italia, via Atheste 4,
■
0
ESTRATTO
DA
ACER
© IL VERDE EDITORIALE
MILANO
NEWS
UOMINI E MACCHINE
I tre colori del trattore
Marzo è stato un mese di novità per John Deere, con il lancio sul mercato europeo del nuovo trattorino
X950R. Di recente introduzione nella gamma con divisa verde, gialla e nera è anche il Gator XUV 855
diesel a due e a quattro posti, che si affianca ad altri utility vehicle Gator HPX 4x4, XUV 550 e 550 S4
Il Gator XUV 855 diesel dispone di cassone di carico deluxe
regolabile, con capienza da 460 litri e 454 kg di portata.
l verde, giallo e nero
della sua scocca sono
entrati nell’immaginario collettivo. Il pensiero di un
trattore vola spesso a quest’accoppiata cromatica, che
ha fatto la storia della meccanizzazione ed è sbarcata
persino al cinema. Una lunga storia americana e oggi
planetaria, iniziata nel 1837
nell’Illinois con il capostipite
John Deere, fabbro e inventore dell’aratro in acciaio con
cui è cominciata la produzione aziendale. Una storia familiare fino al 1982, quando,
dopo quasi 150 anni, viene
nominato un amministratore
delegato non appartenente
alla dinastia Deere. Un successo costante ha portato
oggi la John Deere nell’Olimpo dei produttori mondiali di
macchine per l’agricoltura, il
verde e l’industria. Ogni anno la gamma si espande con
l’introduzione di nuovi modelli, e di migliorie per incrementare le prestazioni e ridurre consumi ed emissioni.
I
Novità per il verde
Tra le novità 2014, marzo è
stato il mese del lancio in Europa del trattorino X950R con
piatto rasaerba ventrale, scarico e raccolta posteriore. La
trasmissione è idrostatica, il
il motore diesel 900 cc a tre
cilindri. L’apparato falciante
professionale a due lame, in
acciaio stampato, si avvale di
un comodo sistema di sollevamento idraulico. È disponibile con larghezza di taglio da
122 o 137 cm. L’altezza di taglio è regolabile in 13 posizioni, da 25 a 112 mm. Duplice
opzione per il raccoglierba,
facilmente agganciabile e rimuovibile grazie al sistema ad
attacco rapido Quick attach.
La versione a scarico alto (con
capienza 650 litri) consente lo
svuotamento da un’altezza di
2 m direttamente dentro a un
cassone o a un rimorchio.
Il sollevamento del raccoglierba a scarico basso (capacità
di 570 litri), indicato per svuotamenti più frequenti, avviene
a basso regime mediante una
pompa idraulica separata.
Con il X950R l’operatore del
verde può lavorare comodamente su qualsiasi terreno,
grazie ai comandi ergonomici, al servosterzo idraulico e
al sedile confort.
Superando gli ostacoli
All’interno della sua vastissima gamma, John Deere riserva un posto particolare agli
utility vehicle Gator, impiegabili sia nella cura e manutenzioni di parchi e campi da golf
sia in contesti meno antropizzati, per esempio in ambito forestale e in montagna.
Ultima novità è il modello XUV
855 diesel, nelle versioni a due
e quattro posti. Raggiunge
una velocità massima di 52
km/h e si adatta in scioltezza
a diversi contesti operativi. A
Compatto e versatile in giardino e in città
V
ersatilità e multifunzionalità rappresentano i
punti di forza del nuovo trattore compatto
1026R (nella foto) a trasmissione idrostatica con
pedali twin touch, omologato per la circolazione su
strada. Attrezzature facilmente intercambiabili (l’attacco è a tre punti) lo trasformano in un autentico
tuttofare, in grado di muoversi agilmente anche su
terreni accidentati, grazie alle quattro ruote motrici, negli spazi ristretti. La manovrabilità durante il
taglio dell’erba è assicurata dall’applicazione ventrale del piatto AutoConnect con scarico laterale,
disponibile da 137 cm e opzionale da 152 cm. Per
il carico e la movimentazione di terra e materiali viene invece impiegato un caricatore frontale, comandato con un joystick montato sul trattore. L’applicazione della spazzola o dello spazzaneve lo rendono utile per operazioni di pulizia delle strade tutto anno. Altro aspetto di rilievo
è il confort dell’operatore, grazie alla piattaforma piana di facile accesso e a una dotazione di
serie che comprende sedile con sospensioni deluxe e braccioli, cruise control e sterzo inclinabile. Lo stesso montaggio del piatto AutoConnect avviene senza doversi alzare dalla postazione di comando: è sufficiente portarsi sopra il piatto per agganciarlo. Opzionale è invece la cabina: spaziosa e con fari di lavoro integrati, garantisce una visibilità ottimale sul contesto operativo. In caso di necessità, per esempio per il passaggio sotto gli alberi o per il rimessaggio
del trattore, il telaio antiribaltamento di sicurezza Rops può essere ripiegato.
ACER 2/2014 • 16
NEWS
UOMINI E MACCHINE
seconda delle necessità, è
possibile scegliere tra la trazione delicata, per ridurre al
minimo il calpestamento del
tappeto erboso (per esempio
su campi sportivi e da golf),
e una trazione integrale effettiva on demand, utile su passaggi difficili e terreni in pendenza. Questo sistema è in
grado di rilevare automaticamente se una delle ruote posteriori sta slittando e interviene innestando entrambe
le anteriori per aumentare la
trazione. Altro punto di forza
è il cassone di carico deluxe,
con una capacità di 460 litri
e una portata di 454 kg.
Gator XUV 550 e 550 S4 presentano sospensioni indipendenti sulle quattro ruote, per
un’ottimale tenuta di strada,
e sistema di trazione integrale. Sono equipaggiati con
pneumatici XT per terreni
estremi e tra le attrezzature
disponibili figurano il verricello e la lama da 1,68 m per la
rimozione di neve e materiali leggeri. Il 550 S4 è il primo
modello 4x4 John Deere
omologato per il trasporto di
4 persone provvisto di sedile posteriore con schienale
abbassabile per agevolare il
trasporto di carichi ingombranti e fino a 544 kg.
La trazione integrale effettiva
on demand e le sospensioni
indipendenti sulle quattro ruote spiccano anche nella dotazione del Gator HPX 4x4,
che non teme terreni impervi
e fangosi. Altre caratteristiche
del modello sono l’elevata silenziosità del motore da 854
cc e il telaio idrostampato ad
alta resistenza. Le attrezzature dedicate comprendono
verricello e lama anteriore da
1,83 m, normale e a V.
Stop alle emissioni
Grande sensibilità è riservata da John Deere nei confronti dell’ambiente, con progetti
e strategie di intervento sia a
livello di processi operativi che
di prodotti. Propulsori in linea
con le più avanzate normative sulle emissioni, contenuti
consumi di carburante senza
penalizzare le prestazioni, circuiti idraulici a perfetta tenuta per eliminare possibili perdite d’olio, uso di materiali riciclati o rigenerati, come le
sostanze plastiche a base di
mais e soia, un forte impegno
in settori come la produzione
di energia da biomasse sono
alcuni degli aspetti in cui si
esplica quel concetto di agricoltura sostenibile che rappresenta uno dei cardini della politica aziendale del marchio statunitense.
D.D.
Gator XUV 550 S4 monta sospensioni indipendenti su tutte
le ruote ed è omologato per il trasporto di quattro persone.
Un road movie atipico
C
ome una star di
Hollywood, un
trattorino John Deere
del 1966 (nella foto) è
immortalato in “Una
storia vera”, film del
1999 con la regia di David Lynch. La pellicola
narra del viaggio compiuto nell’estate del
1994 dal 73enne Alvin Straight da Laurens (Iowa), dove risiede, a Mount Zion (Wisconsin), per andare a trovare il
fratello Lyle, colpito da infarto e con il quale non parla da
anni. Alvin non ha la patente e nessuno può accompagnarlo. La soluzione è geniale: compra un vecchio tosaerba
John Deere, lo equipaggia con un rimorchio e parte. La
traversata dura sei settimane, durante le quali Alvin copre
le 240 miglia (390 km) che lo separano dal fratello. Appendice indispensabile per il vecchio Alvin, il suo John Deere
viene elevato nel film al livello di un vero e proprio protagonista. Solcando a velocità ridotta le strade degli Stati
Uniti, che si riempiono del suo rumore, incarna al tempo
stesso un senso di libertà e di uno stile di vita slow, che
porta Alvin (e non solo lui) a ripensare i valori su cui basare la propria esistenza. Quando i due fratelli si riabbracciano, Lyle mormora commosso “Hai fatto tanta strada con
quel coso per venire da me?” “Sì, Lyle” risponde Alvin.
Provvisto di sistema Quick attach, il cassone del nuovo
X950R con scarico raggiunge un’altezza operativa di 2 m.
ESTRATTO
DA
ACER
© IL VERDE EDITORIALE
MILANO
NEWS
WEB PROFILING
Fiori in primavera
Nel rapporto “Parole-chiave nella società liquida. Temi, memi e tendenze in Italia secondo
la Rete” (gennaio 2014) emergono, attraverso l’analisi delle ricerche effettuate dagli utenti
del web, vere e proprie “regole” di attenzione del pubblico che si ripetono costantemente negli anni.
In moltissimi casi gli utenti cercano le stesse parole-chiave nei medesimi periodi, anno dopo anno.
Questa rubrica si propone, attraverso alcuni semplici esempi relativi al verde pubblico e privato, di
mostrare questo particolare meccanismo per capire le tendenze in atto nella nostra società considerata
sempre più liquida e individuare in tal modo i termini più utilizzati, il significato e il peso loro attribuito
a figura 1 mostra
l’insieme degli andamenti delle attenzioni negli ultimi anni relative ai tre termini indicati. La
scala pone =100 il volume
medio annuale di ricerche
nel 2013 per il primo termine della serie, ovvero “viole”
e “violette”. Gli andamenti
nei tre casi sono risultati abbastanza ravvicinati: le quantità di click del pubblico per
le parole considerate sono
state quasi equivalenti. Si nota anche la successione regolare negli anni, con i picchi massimi registrati nei primi mesi e i minimi negli ultimi mesi dell’anno.
La figura 2 fornisce indicazioni più precise su queste
regolarità. In essa sono state riportate le medie, calcolate sul decennio 2004-2013,
dei dati relativi ai medesimi
intervalli temporali. A tal fine
L
FIGURA 1 - ANDAMENTI DELLE ATTENZIONI
NEGLI ANNI RECENTI
Viole e violette
Margherite
Tarassaco
250
L’andamento
I profili risultanti ci mostrano
che le attenzioni del pubblico, per tutti e tre i tipi di fiori
analizzati, partono da valori
minimi all’inizio dell’anno e
crescono rapidamente raggiungendo i loro massimi annuali: “viole” e “violette” (soprattutto queste ultime) prima
degli altri, a marzo; “margherite” e “tarassaco” ad aprile.
Anche i click nel resto dell’anno viaggiano in parallelo. Per
tutti i casi esaminati c’è un minimo estivo, una risalita autunnale e un crollo a fine anno. In realtà, mentre i profili di
“margherite” e “tarassaco”
sono molto allineati, con uno
stacco molto forte tra i mesi
più attenti e quelli meno, si
nota che le “viole” sono molto più cercate anche nei mesi estivi. Una spiegazione potrebbe essere la seguente:
“margherite” e “tarassaco”
crescono spontanee nei prati e nei cigli delle strade (come le “violette”), mentre le
“viole” comprendono anche
quelle del pensiero, comprate dal fiorista o seminate e coltivate non solo in primavera.
Secondo natura
È interessante una riflessione sulla “fenologia” delle attenzioni. Così come In bota-
Q u o t a a n n ua (n.)
Non sono state
analizzate “Viola”,
“Violetta” e “Margherita”,
che riflettono nomi
femminili ancora più
ricercati dei fiori.
si è considerato un anno tipo suddiviso in 24 periodi costituiti dalla metà di un mese.
200
150
100
50
0
2008
2009
2010
2011
2013
2012
Anno
FIGURA 2 - PROFILO MEDIO STAGIONALE
DELLE ATTENZIONI
Viole e violette
Margherite
Tarassaco
10
Quota annua (%)
Parole chiave
• Viole e violette,
con ricerche cumulate.
• Margherite.
• Tarassaco,
con ricerche cumulate
per “tarassaco”
e “dente di leone”.
8
6
4
2
0
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Gen
Anno tipo
nica la fenologia è lo studio
delle apparizioni della flora
nelle diverse stagioni, comparando specie e zone, così si può considerare anche
una fenologia degli interessi
umani, che corrisponde in
buona parte a quella propria
della natura stessa.
Non sempre questi profili di
attenzione sono così facilmente prevedibili a priori, come nei casi esemplificati in
questa pagina, soprattutto
quando si esce dalle indicazioni generali (del tipo “i funghi si cercano in autunno”)
e si entra nel dettaglio.
Un approfondimento delle
implicazioni di queste regole ricorrenti potrebbe interessare fioristi e amministrazioni del verde, che così potrebbero di conseguenza calibrare in modo più mirato le
loro offerte al pubblico.
Sergio Malcevschi
Web Profile Project
ACER 2/2014 • 18
INFORMAZIONE PUBBLICITARIA
via di Badia 14, 51100 Bottegone (PT)
tel. 0573 530051/532093, fax 0573 530486
marketing @giorgiotesigroup.it
www.giorgiotesigroup.it
Ricerca e salvaguardia delle specie
L
a Giorgio Tesi Group è una delle aziende
vivaistiche leader in Europa per produzione
di piante ornamentali, dimensioni e superficie
coltivata. Oltre alla sede di Pistoia, capitale europea
dei vivai, l’azienda possiede altre quattro filiali situate
a Grosseto, Orbetello (GR), Piadena (CR) e San
Benedetto del Tronto (AP). Il Gruppo produce tutte le
specie e le varietà di piante che richiede il mercato
europeo ed extraeuropeo (oltre 700 sono le varietà di
piante coltivate, per una produzione annua di 2,7 milioni di piante), dalle giovani piante agli esemplari di grandi dimensioni, dalle forme geometriche agli alberi
per le città e i viali, piante per i garden center e la grande distribuzione, per tutte le zone climatiche, per le
varie tipologie di aree a verde pubblico e privato.
La ricerca
La nostra azienda collabora in
maniera permanente con l’Istituto
per la protezione delle piante del
Consiglio nazionale delle ricerche
(Cnr) per la salvaguardia del cipresso (minacciato dal Seiridium cardinale volgarmente detto “cancro del
cipresso”) e dell’olmo
(a sua volta soggetto alla malattia denominata “grafiosi dell'olmo”), attraverso
progetti di ricerca di nuove varietà resistenti a queste malattie e con caratteri
ornamentali di qualità.
di ricerca così importante. Inoltre al suo interno sono
disponibili alla vendita immediata circa 15mila piante
da 2 a 9 metri delle varietà prima elencate.
L’olmo
La Giorgio Tesi vanta la licenza di sfruttamento del
brevetto del clone resistente alla grafiosi, denominato ‘Morfeo’, con l’obiettivo di reintrodurre l’olmo
nell’ambiente urbano e migliorare il paesaggio
euroasiatico e nordamericano. Questo progetto è
portato avanti nella nostra filiale di Piadena dove
siamo partiti con la coltivazione del clone ‘Morfeo’, a
oggi coltivata in contenitore e dal prossimo anno in
pieno campo. La Pianura Padana è un’area particolarmente adatta alla coltivazione dell’olmo; fino a
mezzo secolo fa, era una campagna alberata in cui
esso era di gran lunga la specie più rappresentata.
L’azienda in numeri
500 ettari di superficie (di cui 360 per colture in piena
terra, 125 in vaso e 16 coperti a serre e ombrari).
18 vivai di produzione
200 dipendenti fissi
700 varietà di piante coltivate
2500 clienti
50 Paesi dove esportiamo
Il cipresso
La Giorgio Tesi Group dispone dell’esclusiva a livello
mondiale per la produzione e la commercializzazione
dei cloni storici, resistenti e testati dal Cnr nel corso di
tanti anni di studi e cioè le varietà ‘Bolgheri’, ‘Mediterraneo’ e ‘Italico’, varietà bellissime a portamento più o
meno colonnare, e la varietà “Agrimed” a portamento
fastigiato allargato. Molto importante, per questa attività, è stata l’acquisizione dell’azienda Il Terzo di Grosseto che collabora con il Cnr da oltre 30 anni. L’acquisizione ha permesso di non disperdere un patrimonio
19 • ACER 2/2014
Le coltivazioni di cipressi di Giorgio Tesi Group,
che detiene l’esclusiva per alcuni cloni storici,
e, in alto, una panoramica dei vivai dell’azienda.
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
1 897 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content