close

Enter

Log in using OpenID

1. Introduzione alla cellula - E

embedDownload
Biologia Molecolare e Cellulare D'Addario
25/02/2014
1. Introduzione alla cellula la più piccola unità strutturale e funzionale della materia vivente capace di esistenza indipendente contiene materiale protetto da copyright, ad esclusivo uso personale; non è
consentita diffusione ed utilizzo di tipo commerciale
LIVELLI DI ORGANIZZAZIONE DEI VIVENTI 1
Biologia Molecolare e Cellulare D'Addario
25/02/2014
A coniare il termine cellula (dal latino: piccola camera) fu Robert Hooke (1635 -­‐ 1703), che utilizzando un microscopio di sua invenzione, osservò una somiglianza tra la struttura del sughero e le piccole camere dei monasteri. Le sue osservazioni sull anatomia di diversi insetti furono pubblicate nel libro Micrographia (1685) vero best-­‐seller dell epoca usato fino all ottocento Anton van Leeuwenhoek (1632-­‐1723) scienziato dile<ante, autore delle prime osservazioni al microscopio di rilievo biologico, noto per avere posto le basi della biologia cellulare e della microbiologia, scoprendo i protozoi nel 1674 e successivamente anche i globuli rossi e gli spermatozoi. Illustrazione del microscopio di van Leeuwenhoek 2
Biologia Molecolare e Cellulare D'Addario
25/02/2014
LA TEORIA CELLULARE 1838 Schleiden, botanico tedesco, concluse che tutti i tessuti vegetali sono costruiti da insiemi organizzati di cellule. 1839 Schwann, zoologo tedesco, estese le osservazioni ai tessuti animali e propose una base cellulare comune a tutti gli esseri viventi. 1858 Virchow, medico tedesco, concluse che tutte le cellule derivano da cellule preesistenti Ma<hias Schleiden (1804-­‐1881)‫ ‏‬ Theodor Schwann (1810–1882) Rudolf Virchow (1821–1902) la moderna TEORIA CELLULARE enuncia che 1.  Gli organismi viventi sono composti da una o più cellule 2. Le cellule sono le unità funzionali di tutti gli organismi viventi 3.  ogni cellula deriva da un altra cellula preesistente 4. L informazione genetica è trasmessa da una generazione all altra 5. Le reazioni chimiche che costituiscono il metabolismo avvengono all interno delle cellule 3
Biologia Molecolare e Cellulare D'Addario
25/02/2014
Caratteristiche comuni a tutte le cellule •  Tulle le cellule (Procarioti & Eucarioti) contengono DNA •  Tulle le cellule sono dotate di una membrana plasmatica, che separa l’ambiente interno della cellula dall’ambiente esterno •  Tulle le cellule sono in grado di completare alcune funzioni metaboliche di base –  Sintesi e degradazione di molecole –  Produzione di energia –  Assunzione di materiali dall’esterno ed “eliminazione dei rifiuti” –  Movimento e comunicazione –  Regolazione e coordinazione delle attivita’ Esistono mol; ;pi di cellule diversi tra loro ma tu=e le cellule hanno in comune alcune cara=eris;che fondamentali. Sono separate dall'esterno mediante una membrana plasmatica Contengono una serie di istruzioni genetiche sotto forma di DNA All'interno della cellula c'è il citoplasma, in cui si trovano le parti specializzate necessarie alla vita 4
Biologia Molecolare e Cellulare D'Addario
25/02/2014
Il frazionamento cellulare permette di separare le componenti cellulari da KLEINSMITH & KISH Principi di biologia cellulare e molecolare
Le cellule hanno dimensione, forma e funzioni diverse 5
Biologia Molecolare e Cellulare D'Addario
25/02/2014
La forma della cellula è legata allo stato di aggregazione e alla sua funzione: c. sferoidali, che in genere sono quelle che si trovano libere in un mezzo liquido (globuli bianchi, cellule uovo); ma la maggior parte delle cellule assume la forma più varia in seguito alle spinte meccaniche e alle pressioni delle cellule con;gue: si hanno così cellule a piramide, a cubo, a prisma, a poliedro. Dimensioni delle cellule NB I so=omul;pli pico e femto (10-­‐15) non sono comunemente usa; nelle misure di lunghezza, ma sono in uso per altre misure (es. picogrammi, femtomoli) 6
Biologia Molecolare e Cellulare D'Addario
25/02/2014
Dimensioni delle cellule le cellule sono normalmente piccolissime, con dimensioni comprese tra 0,4 e 100 um Occhio umano = un decimo di millimetro (100 µm) Microscopio ottico = un decimo di micron (100 nm) IL NOSTRO OCCHIO RIESCE A PERCEPIRE COME SEPARATI DUE PUNTI SE DISTANO ALMENO 0.2 mm IL VALORE DI 0.2 mm VIENE QUINDI DEFINITO COME IL LIMITE DI RISOLUZIONE DELL OCCHIO UMANO LA MAGGIOR PARTE DELLE CELLULE HA UN DIAMETRO INFERIORE A 100 μm (0.1 mm). QUESTO VALORE È < AL LIMITE DI RISOLUZIONE DEL NOSTRO OCCHIO. ANCHE NEL CASO DELLE CELLULE PIU GRANDI NON SIAMO IN GRADO DI DISTINGUERE ALCUN DETTAGLIO, POICHÉ GLI ORGANELLI INTERNI HANNO DIMENSIONI DELL ORDINE DEL μm 7
Biologia Molecolare e Cellulare D'Addario
25/02/2014
I microscopi ci perme=ono di esplorare l interno delle cellule Il microscopio oSco (LM, Light Microscope) perme<e di vedere forma e stru<ura di una cellula Ingrandisce le cellule (vive e conservate) fino a 1000 volte le loro dimensioni reali. Oculare Lenb dell oculare Lenb dell obiecvo Campione Lenb del condensatore Fonte di luce Il microscopio ele=ronico ha un potere di risoluzione molto più elevato (è in grado d ingrandire un immagine anche 100 000 volte) e rivela i de<agli cellulari. In tutti gli organismi, anche quelli grandi, le dimensioni delle cellule sono più o meno le stesse. Perché le cellule sono piccole? principio fisico: rapporto superficie/ volume la cellula vive in dipendenza dallo scambio di alcuni materiali con l ambiente esterno, attraverso la membrana che ricopre la superficie della cellula. Se si aumentasse il volume della cellula, si aumenterebbe anche la quantità dei materiali da trasportare. Ma il volume aumenta molto più rapidamente della superficie una cellula molto grande scambierebbe i materiali troppo lentamente per riuscire a vivere Ci sono dei limiti alle dimensioni rappresentato dal rapporto tra la superficie e il volume della cellula. 8
Biologia Molecolare e Cellulare D'Addario
25/02/2014
Quali sono i limi; delle dimensioni cellulari? Perché le dimensioni delle cellule non possono superare cer; limi;? S = 6L2 V = L3 REGOLA S/V:
all’ aumentare della grandezza delle cellule,
la S cellulare aumenta meno rispetto al suo V
Le cellule piccole hanno un rapporto superficie/volume alto, che perme<e di avere una membrana più estesa per effe<uare gli scambi Grandi organismi = molte cellule Le cellule di un elefante non sono più grandi di quelle di una formica http://sun.menloschool.org/~dspence/biology/chapter6/chapt6_1.html
9
Biologia Molecolare e Cellulare D'Addario
25/02/2014
Perché le cellule rientrano tutte in un breve intervallo di dimensioni (da 1 a 100 μm) ? •  Il limite superiore dipende da: –  Minimo rapporto tra area di superficie e volume –  Tassi di diffusione delle molecole –  Concentrazione locale di substrati ed enzimi •  Il limite inferiore dipende da: -­‐ Numero minimo di substrati ed enzimi -­‐ Volume minimo per contenere il DNA Il volume e correlato al metabolismo, mentre dalla superficie dipende la quantita di sostanze che puo transitare dall esterno alla cellula e viceversa ECCEZIONI UNA CELLULA NERVOSA PUÒ AVERE PROLUNGAMENTI LUNGHISSIMI, ANCHE DI OLTRE UN METRO I prolungamen; delle cellule nervose, pur essendo molto lunghi, sono estremamente so,li: gli scambi quindi possono avvenire con facilità. Inoltre dispongono di meccanismi efficien; di trasporto interno delle sostanze UN UOVO DI GALLINA, FORMATO DA UNA SOLA CELLULA, HA UN DIAMETRO DI OLTRE 2 CENTIMETRI Le uova, pur essendo talvolta enormi, sono in gran parte occupate da sostanze nutrien; di riserva. La porzione a,va metabolicamente è limitata ad una piccola e soSle area superficiale di poche decine di μm 10
Biologia Molecolare e Cellulare D'Addario
25/02/2014
Le prime cellule I fossili hanno rivelato che le prime cellule erano simili ai batteri e fecero la loro comparsa circa 3,8 miliardi di anni fa. I primi fossili di organismi eucarioti risalgono invece a circa 1,7 miliardi di anni fa. 11
Biologia Molecolare e Cellulare D'Addario
25/02/2014
L ORIGINE DELLA VITA
•  La Terra si e formata circa 4.5 miliardi di anni fa (mya), e fino a circa 3.9 mya e stata bombardata da grosse rocce e cosi calda da non poter ospitare acqua liquida. •  Le rocce piu antiche datano 3.8 mya (Isua, Groenlandia). •  I fossili piu antichi di procarioti (microfossili di batteri ) datano circa 3.5 mya (Australia occidentale). à La vita sulla Terra ha avuto origine tra 4 e 3.5 miliardi di anni fa Origine delle cellule
Ipotesi Autotrofa
il primo organismo era capace di autonutrirsi (qualcosa di simile alle piante
fotosintetiche), cioè di autosintetizzare le molecole di cui aveva bisogno.
Ipotesi eterotrofa
il primo organismo simile ad un virus con una forma di vita molto semplice
circondato da un ambiente formato da complesse molecole organiche.
12
Biologia Molecolare e Cellulare D'Addario
25/02/2014
la vita comincia con strutture autoreplicanti La prima cellula vivente era un entità autoreplicante circondata da membrana Passaggio da un iniziale comunicazione incontrollata tra l interno e l esterno di questi sistemi alla capacità di mantenere condizioni diverse all interno rispetto all esterno. da Cellule – B. Lewin, Zanichelli
la vita comincia con strutture autoreplicanti •  La vita si è sviluppata a partire da materiali non viventi ordinati in aggregati molecolari, che, un po alla volta acquisirono la capacità di autoreplicarsi e di compiere reazioni metaboliche. •  L ipotesi più credibile prevede che processi chimici e fisici nell ambiente della Terra primordiale finirono per produrre cellule rudimentali attraverso una serie di stadi. 13
Biologia Molecolare e Cellulare D'Addario
25/02/2014
Evoluzione chimica: 1 
2 
3 
4 
Sintesi abiotica di piccole molecole organiche. Formazione di polimeri. Origine di molecole autoreplicantesi. Impacchettamento in protobionti circondati da membrana. EVOLUZIONE CHIMICA
Esperimento di Miller-­‐Urey (1953) di simulazione delle condizioni presenti sulla Terra primitiva: • Riscaldamento dell acqua in presenza di CH4, NH3, and H2 •  la miscela vaporizzata viene colpita da scariche elettriche. •  Si ottiene produzione ed accumulo di composti organici da Invito alla Biologia; Curtis, Barnes; Zanichelli
14
Biologia Molecolare e Cellulare D'Addario
25/02/2014
Composti ottenuti durante l esperimento di MillerUrey
EVOLUZIONE CHIMICA
Formazione spontanea di polinucleotidi e polipeptidi per
polimerizzazione casuale.
Formazione abiotica (a = senza Biotos = Vita) di polimeri: verificata facendo sgocciolare soluzioni di monomeri su sabbia, argilla o rocce calde. 15
Biologia Molecolare e Cellulare D'Addario
25/02/2014
EVOLUZIONE CHIMICA
Replicazione abiotica dell RNA
Riproduzione di polinucleotidi a partire da stampi precostituiti, in base all appaiamento spontaneo delle basi complementari. EVOLUZIONE CHIMICA Replicazione di una sequenza di RNA •  Esperimenti di autoreplicazione dell RNA •  1980 T. Cech scopri i ribozimi •  Evoluzione in vitro di RNA 16
Biologia Molecolare e Cellulare D'Addario
25/02/2014
EVOLUZIONE CHIMICA
Origine spontanea di protobionti
Organic
molecule
Formazione spontanea di membrane di fosfolipidi. I fosfolipidi sono molecole anfipatiche, che in presenza d acqua formano spontaneamente aggregati ordinati in doppi strati, vescicole in grado di racchiudere una soluzione acquosa. EVOLUZIONE BIOLOGICA
Possibili stadi di evoluzione di
cellule simili a quelle attuali a
partire da sistemi semplici di
molecole di RNA
autoreplicantisi
17
Biologia Molecolare e Cellulare D'Addario
25/02/2014
L ORIGINE DELLA CELLULA EUCARIOTICA
La complessità della cellula eucariotica si è evoluta a partire da strutture preesistenti (cellule procarioti ancestrali) grazie a ripetizioni seriali dei seguenti processi: -­‐ invaginazioni della membrana plasmatica -­‐ endosimbiosi. L endosimbiosi primaria coinvolge l ingresso di un batterio in un altro organismo vivente. L’endosimbiosi secondaria avviene quando lo stesso prodotto dell endosimbiosi primaria viene inglobato e trattenuto da un altro vivente eucariote. L endosimbiosi secondaria è avvenuta molte volte e ha dato luogo a gruppi estremamente diversi di alghe e altri eucarioti. da Cellule – B. Lewin, Zanichelli
18
Biologia Molecolare e Cellulare D'Addario
25/02/2014
Le cellule sono tutte uguali? •  Sono delimitate da una membrana plasmabca il cui ruolo principale è separare la cellula dall'ambiente esterno e di proteggerla; •  All'interno contengono una massa gelabnosa, il citoplasma; •  Contengono il materiale genebco, cioè il DNA. da Cellule – B. Lewin, Zanichelli
19
Biologia Molecolare e Cellulare D'Addario
25/02/2014
Due modelli
Ogni cellula presente sulla Terra può appartenere a due grandi categorie: •  CELLULE PROCARIOTE (archiba<eri, ba<eri)‫ ‏‬ •  CELLULE EUCARIOTE (probsb unicellulari, organismi pluricellulari)‫ ‏‬ La divisione dei viventi
da http://it.wikipedia.org/wiki/Regno_(biologia)
20
Biologia Molecolare e Cellulare D'Addario
25/02/2014
L albero della vita – The tree of life
da www.broad.mit.edu/.../results_tree_figure.html
•  Gli esseri viventi oggi esistenti si sono formati da altri esseri viventi piu ancestrali e
sono legati da relazioni di tipo evolutivo, schematizzabili in alberi filogenetici
•  Lo studio del patrimonio genetico delle specie permette di ricostruirne la storia
passata e le relazioni con altre specie
Mancano di nucleo Organizzazione più semplice Dimensione più piccola http://medicinapertutti.altervista.org/
argomento/cellula-procariotica
Hanno un nucleo Organizzazione più complicata Sono più grandi http://medicinapertutti.altervista.org/argomento/
cellula-eucariotica
Caratteristiche delle cellule procariotiche ed eucariotiche 21
Biologia Molecolare e Cellulare D'Addario
25/02/2014
PROCARIOTI (1-­‐2 µm) (ba=eri, alghe azzurre, ecc.) -­‐106/107 bp per 1000-­‐4000 geni Due domini dis;n; -­‐ Archeoba=eri ambien; estremi e non. Dal DNA alle proteine simili agli eucario;. Metabolismo simile agli euba=eri Micoplasma 4580070 nt per 477 geni -­‐Euba=eri la > parte, si incontrano nella vita di tuc i giorni EUCARIOTI (20-­‐30 µm) (c. animali, vegetali, fungine e pro;s;) -­‐ Unicellulari -­‐ Pluricellulari: diversi ;pi cellulari specializza; (differenziamento) (Uomo: 100 000 miliardi di cellule) 22
Biologia Molecolare e Cellulare D'Addario
25/02/2014
Dimensioni delle cellule a confronto
23
Biologia Molecolare e Cellulare D'Addario
25/02/2014
24
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
5 965 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content