close

Enter

Log in using OpenID

avviso procedura di valutazione professore di II fascia

embedDownload
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI
CATANIA
Protocollo Generale
0 4 LU6. 2014
vu
•
Decreti
Università degli Studi di Catania
Avviso relativo alla indizione della procedura di valutazione ai fini della chiamata a
professore di seconda fascia ai sensi dell'art. 24, comma 6, della legge 30.12.2010, n. 240.
IL FtETTORE
- Vista la legge 30.12.2010, n. 240;
- Visti i decreti interministeriali con i quali sono state assegnate, fra le altre, all'Università degli
Studi di Catania le quote, relative agli anni 2011, 2012 e 2013, per l'attuazione del piano
straordinario per la chiamata di professori di seconda fascia;
- Visto il D.R. n. 477 del 07.02.2014, con il quale è stato emanato il "Regolamento per la
disciplina della chiamata dei professori di prima e di seconda fascia (artt. 18 e 24 della legge
240/2010)";
- Vista la richiesta avanzata dal consiglio del dipartimento di Scienze politiche e sociali in ordine
all'avvio della procedura di chiamata di professori di seconda fascia, ai sensi dell'art. 24,
comma 6, per il settore concorsuale 13/D3: DEMOGRAFIA E STATISTICA SOCIALE - s.s.d
SECS-S/05 "Statistica sociale";
- Vista la delibera del 27.06.2014, con la quale il Consiglio di amministrazione, previo parere
favorevole espresso in data 24.06.2014 dal Senato accademico, ha approvato, tra le altre, la
suddetta richiesta, a valere sui punti organico assegnati all'ateneo con i citati decreti
interministeriali;
- Verificato che il dott. D'AGATA Rosario Giuseppe, nato il 26.09.1975, è l'unico ricercatore a
tempo indeterminato in servizio presso l'Ateneo di Catania, in possesso dell'abilitazione
scientifica nazionale per il settore concorsuale 13/D3: DEMOGRAFIA E STATISTICA
SOCL4LE;
- Vista la dichiarazione ai sensi del D.P.R. 445/2000, resa dall'interessato in ordine a quanto
previsto dall'art. 18, comma 1, lett. c) della legge 240/2010;
DECRETA
E' avviata la procedura di valutazione, ai sensi dell'art. 24, comma 6, della legge 240/2010 nonché
del "Regolamento per la disciplina della chiamata dei professori di prima e di seconda fascia (artt.
18 e 24 della legge 240/2010)", per la chiamata a professore di seconda fascia, per il settore
concorsuale 13/D3: DEMOGRAFIA E STATISTICA SOCL4LE - s.s.d SECS-S/05 "Statistica
sociale" del dott. Rosario Giuseppe D'AGATA.
CL
La struttura didattica presso la quale il dott. D'AGATA verrà incardinato, in caso di esito positivo
della presente procedura valutativa, è il dipartimento di Scienze Politiche e sociali.
Modalità di svolgimento della procedura valutativa
La procedura valutativa è effettuata sulla base degli standard qualitativi di cui al titolo II del
"Regolamento per la disciplina della chiamata dei professori di prima e di seconda fascia (artt. 18 e
24 della legge 240/2010)".
Ai fini della valutazione dell'attività didattica, sono considerati l'entità, la continuità e la qualità
dell'attività, con particolare riferimento agli insegnamenti e ai moduli di cui si è assunta la
responsabilità, agli esiti della valutazione da parte degli studenti dei moduli/corsi tenuti, con gli
strumenti predisposti dall'Ateneo di appartenenza, e alla partecipazione alle commissioni istituite
per gli esami di profitto.
Ai fini della valutazione dell'attività didattica integrativa e di servizio agli studenti, sono considerati
le attività di assistenza nella elaborazione delle tesi di laurea, di laurea magistrale e delle tesi di
dottorato, i seminari, le esercitazioni e il tutoraggio degli studenti.
Ai fini della valutazione dell'attività di ricerca scientifica, gli standard qualitativi tengono in
considerazione i seguenti aspetti:
a) organizzazione, direzione e coordinamento di centri o gruppi di ricerca nazionali e
internazionali o partecipazione agli stessi e altre attività di ricerca quali la direzione e la
partecipazione a comitati editoriali di riviste;
b) conseguimento della titolarità di brevetti, nei settori in cui è rilevante;
c) conseguimento di premi e di riconoscimenti nazionali o internazionali per attività di
ricerca;
d) partecipazione in qualità di relatore a congressi e convegni di rilevanza nazionale o
internazionale.
Ai fini della valutazione delle pubblicazioni scientifiche, sono considerati le pubblicazioni e i testi
accettati per la pubblicazione secondo le norme vigenti, nonché i saggi inseriti in opere collettanee e
gli articoli editi su riviste in formato cartaceo o digitale, con l'esclusione di note interne o rapporti
dipartimentali. La valutazione delle pubblicazione scientifiche deve anche tenere conto della
consistenza complessiva, dell'intensità e della continuità temporale della stessa, fatti salvi i periodi
adeguatamente documentati, di sospensione del rapporto di lavoro e altri periodi di congedo o di
aspettativa stabiliti dalle leggi vigenti e diversi da quelli previsti per motivi di studio.
La valutazione delle singole pubblicazioni scientifiche è svolta sulla base dei seguenti criteri:
a) originalità, irmovatività, rigore metodologico e rilevanza di ciascuna pubblicazione;
b) congruenza di ciascuna pubblicazione con le tematiche del settore concorsuale e del
settore scientifico-disciplinare specificato nel bando;
c) rilevanza scientifica della collocazione editoriale di ciascuna pubblicazione e sua
diffusione all'interno della comunità scientifica;
d) nell'ambito dei settori in cui ne è consolidato l'uso a livello internazionale, le
commissioni si avvalgono anche di uno o più dei seguenti indicatori, riferiti alla data di
inizio della valutazione:
1) numero totale delle citazioni;
2) numero medio di citazioni per pubblicazione;
3) impact factor totale;
4) impact factor medio per pubblicazione;
2
5) combinazioni dei precedenti parametri atte a valorizzare l'impatto della produzione
scientifica del candidato (indice di Hirsch o simili).
Nelle pubblicazioni con più autori, la commissione provvederà ad una determinazione analitica,
anche sulla base di criteri riconosciuti nella comunità scientifica intemazionale di riferimento,
dell'apporto individuale del candidato.
Al termine della procedura la Commissione delibererà in ordine all'esito della valutazione
Documentazione da presentare
Il dott. Rosario Giuseppe D'AGATA, se interessato ad essere sottoposto alla presente procedura
valutativa, dovrà presentare la seguente documentazione:
1) curriculum vitae, datato e sottoscritto, contenente l'elenco dei titoli, delle pubblicazioni e delle
attività svolte, redatto ai sensi del DPR 445/2000;
2) pubblicazioni scientifiche, in unica copia presentate in originale o in copia conforme
all'originale. Tale conformità potrà risultare da dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà, ai
sensi degli artt. 19 e 47 del D.P.R. sopra citato. Per i lavori stampati all'estero deve risultare la
data e il luogo di pubblicazione. Per i lavori stampati in Italia devono essere adempiuti gli
obblighi previsti dalla Legge 106/2004 e dal relativo Regolamento emanato con D.P.R.
252/2006. L'assolvimento di tali obblighi va certificato con idonea documentazione rilasciata
dal soggetto su cui grava l'obbligo del deposito oppure con una dichiarazione sostitutiva
dell'atto di notorietà, ai sensi dell'art. 47 del D.P.R. 445/2000, dalla quale risulti che la
pubblicazione è stata stampata entro il termine di cui al successivo comma, con l'indicazione
del nome, ovvero della denominazione o della ragione sociale del domicilio o della sede del
soggetto obbligato al deposito;
3) elenco sottoscritto delle pubblicazioni scientifiche presentate;
4) eventuali documenti e titoli, in unica copia, che si ritengano utili ai fini della procedura
valutativa, da produrre in originale o in copia autenticata ed in carta libera ovvero in copia
dichiarata conforme all'originale mediante dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà, ai
sensi degli artt. 19 e 47 del D.P.R. 445/2000, e relativo elenco in unica copia. Il possesso dei
titoli di cui trattasi può essere comprovato anche mediante dichiarazione sostituiva di
certificazione, ai sensi dell'art. 46 del D.P.R. 445/2000, o mediante dichiarazione sostitutiva
dell'atto di notorietà, ai sensi dell'art. 47 dello stesso D.P.R.
Le dichiarazioni sostitutive saranno sottoscritte dall'interessato in presenza del dipendente addetto
ovvero sottoscritte e presentate unitamente a copia fotostatica non autenticata di un documento di
identità del sottoscrittore, ai sensi dell'art. 38 del D.P.R. 445/2000.
Non è consentito il riferimento a documenti e pubblicazioni presentati presso questa od altre
amministrazioni o a documenti inviati per la partecipazione ad altro concorso.
Agli atti e documenti redatti in lingua straniera deve essere allegata una traduzione in lingua italiana
certificata conforme al testo straniero, redatta dalla competente rappresentanza diplomatica o
consolare ovvero da un traduttore ufficiale.
Le pubblicazioni possono essere prodotte nella lingua originale se essa è una delle seguenti:
italiano, latino, francese, inglese, tedesco e spagnolo. Altrimenti, devono essere tradotte in una delle
predette lingue. Le traduzioni devono essere presentate in copie dattiloscritte insieme con il testo
stampato nella lingua originale e accompagnate da una dichiarazione sostitutiva dell'atto di
notorietà, con la quale si attesti la conformità all'originale del testo tradotto.
4-
3
Tale documentazione dovrà essere consegnata o fatta pervenire a mezzo raccomandata A.R. (o
altro mezzo idoneo a comprovare la data di spedizione) al seguente indirizzo: Università di
Catania - Area per la gestione amministrativa del personale - Piazza Università 16 - 95131
Catania. La consegna o la spedizione della documentazione dovrà avvenire entro 20 giorni
dalla data di pubblicazione dell'avviso sul sito web di Ateneo. A tal fine farà fede il timbro a
data dell'ufficio postale accettante.
Il mancato rispetto di detto termine equivale a rinuncia alla presente procedura valutativa.
Commissione
La commissione è nominata dal rettore, su proposta della struttura didattica che ha richiesto
l'attivazione della procedura, e la sua composizione è pubblicata nel sito istituzionale dell'Ateneo.
La commissione è composta da tre professori di ruolo di prima fascia in possesso, all'atto della
nomina, della qualificazione necessaria per l'inserimento nelle liste dei professori eleggibili per la
partecipazione alle commissioni per l'abilitazione scientifica nazionale di cui all'art. 16 della legge
240/2010.
Almeno due componenti devono essere esterni all'Università di Catania e in servizio presso altri
atenei italiani. Il terzo componente, interno o esterno all'Ateneo di Catania, viene indicato dalla
struttura didattica. I componenti delle commissioni devono appartenere ad atenei diversi tra loro e
devono essere individuati tra i docenti inquadrati nel settore scientifico-disciplinare SECS-S/05
"Statistica sociale", ovvero se necessario nel settore concorsuale 13/D3: DEMOGRAFIA E
STATISTICA SOCIALE, ovvero, se ulteriormente necessario, ad uno dei settori concorsuali
ricompresi nel medesimo macrosettore 13/D STATISTICA E METODI MATEMATICI PER LE
DECISIONI
I professori esterni all'Università di Catania sono selezionati a seguito di un sorteggio, effettuato
dalla conunissione sorteggi dell'Ateneo, nell'ambito di una lista contenente un numero triplo di
docenti esterni individuati dalla struttura didattica tra coloro che siano in possesso della
qualificazione di cui al comma 2.
Non possono far parte delle commissioni i docenti componenti di commissioni per le abilitazioni
scientifiche nazionali che abbiano abilitato il candidato. I commissari che si trovassero in tale
situazione di incompatibilità saranno sostituiti, con atto del rettore, con commissari individuati
secondo le modalità previste nei precedenti commi.
La commissione individua tra i suoi membri un presidente ed un segretario verbalizzante.
La commissione svolge i lavori in modo collegiale, assumendo le proprie deliberazioni a
maggioranza assoluta dei componenti.
Le commissioni possono avvalersi di strumenti telematici di lavoro collegiale, previa autorizzazione
del rettore.
Termini del procedimento
La commissione giudicatrice deve concludere i propri lavori entro trenta giorni dalla data del
decreto rettorale di nomina. Il rettore può prorogare, per una sola volta e per non più di trenta giorni,
il temine per la conclusione della procedura per comprovati motivi segnalati dal presidente della
commissione. Decorsi tali termini, il rettore avvia le procedure per la sostituzione della
4
commissione ovvero per la sostituzione dei componenti ai quali siano imputabili le cause del
ritardo.
Nel caso in cui gli uffici riscontrino irregolarità nello svolgimento della procedura, il rettore
restituisce, con provvedimento motivato, gli atti alla commissione, assegnandole un termine per
provvedere alla regolarizzazione.
Gli atti della procedura sono costituiti dai verbali delle singole riunioni e dalla relazione riassuntiva
dei lavori svolti dalla conunissione.
Il rettore, accertata da parte degli uffici la regolarità formale degli atti, dichiara l'esito della
procedura valutativa. Tale atto è pubblicato nel sito web dell'Ateneo.
Chiamata del candidato
In caso di esito positivo della valutazione, il Consiglio della struttura didattica interessata, entro due
mesi dalla pubblicazione dell'atto rettorale di cui sopra, propone al Consiglio di amministrazione la
chiamata del candidato.
La proposta di chiamata è deliberata dal Consiglio della struttura didattica a maggioranza assoluta
dei professori di prima e di seconda fascia.
Nel caso in cui nel termine di cui al precedente comma 1 la struttura didattica non adotti alcuna
delibera di proposta, la stessa non potrà richiedere, nei due armi successivi alla pubblicazione
dell'atto rettorale di cui al precedente articolo, la copertura di un posto per la medesima fascia e per
il medesimo settore concorsuale o scientifico-disciplinare per i quali si è svolta la procedura.
Il decreto di immissione nel ruolo dell'Ateneo è sottoscritto dal rettore e dal direttore generale.
Il candidato immesso in ruolo è incardinato nella struttura didattica che ha formulato la proposta di
chiamata per un periodo non inferiore a tre armi.
I diritti e i doveri del professore immesso in ruolo a seguito delle procedure di cui al presente bando
sono quelli previsti dalle vigenti disposizioni di legge in materia di stato giuridico del personale
docente.
Il trattamento economico e previdenziale è quello previsto dalle leggi che ne regolano la materia.
Trattamento dati personali.
Ai sensi del decreto legislativo 30.06.2003, n. 196, i dati personali forniti dai candidati saranno
trattati, anche con strumenti informatici, per le finalità di gestione della procedura di chiamata e
dell'eventuale procedimento di immissione in ruolo.
Il presente avviso è reso pubblico per via telematica sul sito dell'Ateneo (www.unict.it , alla
voce "Bandi")
I 4 IDG, 2514
Il diretto e erale
(F. Pese
ii{ettore
. Pigi:atm:o)
Oerin
MILI Vroliettore
A. Gentile
5
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
106 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content