close

Enter

Log in using OpenID

12-13 aprile 2014, torna la 24 ore di torino di corsa

embedDownload
12-13 APRILE 2014, TORNA LA 24 ORE DI TORINO
DI CORSA VERSO IL MONDIALE
E' tutto pronto per la sesta edizione della 24 Ore di Torino, prova
internazionale di corsa su strada endurance in programma al Parco
Ruffini sabato 12 e domenica 13 aprile 2014 (partenza e arrivo alle
ore 10). La sesta edizione dell'evento organizzato dall'Asd Il Giro d'Italia
Run sarà una sorta di “prova generale” in vista dei mondiali di 24
Ore in programma a Torino l'11-12 aprile 2015, anno in cui la
Città sarà Capitale Europea dello Sport.
La formula non cambia: vince chi in un giorno intero, cioè 24 ore
consecutive, percorre più chilometri di corsa su un percorso di 1,420
km (misurato e omologato FIDAL) tracciato lungo i viali
alberati del parco. La 24 Ore, appuntamento entrato di diritto nel
panorama dell'ultrapodismo internazionale, è un inno alla fatica, una
sfida contro il limite umano, un appuntamento imperdibile per i
temerari ultrapodisti e per chi vuole assistere a una spettacolare vicenda
di sport e determinazione.
Anche quest'anno la gara del Ruffini si fa in tre: oltre alla prova classica
sulle 24 ore, infatti, ci sarà una competizione sulle 6 ore e una sui 100
km, tutte accompagnate dall’appassionante alternarsi dei partecipanti
alla gara a staffette. A oggi la manifestazione organizzata dall'Asd Il Giro
d'Italia Run del presidente Enzo Caporaso ha oltrepassato quota 250
iscritti complessivi (al via della prova individuale saranno in 150,
cifra record per la corsa torinese), ma il numero crescerà nei giorni che
precedono la gara.
LA LOTTA PER IL PODIO
In una start list in continua evoluzione, con una quota rosa che si attesta
intorno al 30% degli iscritti, si segnalano molte presenze di atleti
stranieri, in arrivo da Germania, Svezia, Irlanda, Svizzera,
Francia, Romania, Argentina e Brasile.
Diverse presenze importanti al via della 24 ore con otto atleti con
personali al di sopra dei 210 Km. Tra questi il romeno naturalizzato
italiano Vasile Frigura (Cicciano Marathon), già campione italiano nel
2011 a Fano e nel 2013 proprio a Torino (con 202 km all'attivo, quasi
cinque maratone consecutive, in linea d'aria la distanza che separa
Torino da Parma), lo svedese Christian Ritella (Team UltraSweden)
forte di un primato personale di 233,605 km, il tedesco Jens Hilpert
(TUS Masseheim), già vincitore della 24 Ore di Torino nel 2012, oltre al
pinerolese Osvaldo Beltramino (Volare Pinerolo), al genovese
Massimo Petruzzelli (Maratoneti Genovesi), al vicentino Remo
Lavarda (Terzo Tempo Team) e Antonio Mamoli (Croce d'Oro
Prato). A dare loro battaglia il toscano Michele Evangelisti (Triangolo
Sport Langhe Monferrato Roero) e il napoletano Ciro Di Palma
(Atletica Reggio), rispettivamente primo e terzo alla 6 Ore di Torino
ospitata lo scorso 16 marzo da Recordando, oltre a un altro agguerrito
esordiente, il verbanese Nerino Paoletti (Maratolandia), già primo sul
traguardo della 100 Km delle Alpi del 2011.
Nella corsa rosa i favori del pronostico sono per l'azzurra Maria Ilaria
Fossati (Road Runners Club Milano), terza alla 24 Ore di Torino del
2011, che se la vedrà soprattutto con Sonia Lutterotti (Garda Sport
Events) quinta alla 100 Km delle Alpi dello scorso anno, con la svedese
Ann Ritella (Team UltraSweden), con Daniela Ubertalli (Gs
Ermenegildo Zegna) e con la piemontese Giancarla Agostini (Gruppo
Città di Genova), vincitrice della 24 Ore di Torino del 2012 nonché
accreditata di un personal best sulla distanza superiore ai 180 km.
Desta molto interesse anche la presenza al via della bellissima atleta
Cristiane Rosa de Oliveira e Silva, in arrivo direttamente dal
Brasile.
Promette spettacolo anche la prova a staffette. Già iscritte 5 squadre
di 8 elementi ciascuna, ma anche in questo caso il numero è
destinato a crescere ulteriormente. Ogni singolo componente sarà
chiamato a correre tre frazioni da un’ora intervallate da sette ore di
riposo.
Nella sezione 100 Km fari puntati soprattutto sul pugliese Francesco
Milella (Bio Ambra New Age), intenzionato a battere il crono di 7h20'
stabilito l'anno scorso. La grande attrazione della prova sulle 6 ore sarà
invece la 42enne di Courmayeur Francesca Canepa (Trail Running
Team Vibram), dominatrice delle ultime due edizioni del durissimo Tor
des Géants nonché vicecampionessa mondiale ISF Ultra Trail.
PROVE TECNICHE DI MONDIALE
Il sogno dell'organizzazione è diventato una splendida realtà. La sesta
edizione dell'ultracorsa del Ruffini sarà anche una vera e propria prova
generale in vista del Mondiale di specialità del 2015, anno in
cui la città sarà Capitale Europea dello Sport. L’evento iridato,
organizzato dall’Asd Il Giro d’Italia Run, si terrà sabato 11 e
domenica 12 aprile 2015, sempre presso il Parco Ruffini.
Ai nastri di partenza del Mondiale si presenteranno circa 450
ultramaratoneti in rappresentanza di 35 nazioni di tutto il
mondo, ai quali si aggiungeranno altri 120 podisti iscritti alla gara
“open”. Si tratterà, insomma, di un evento di grandissimo rilievo se si
tiene conto che l'Italia ha sin qui ospitato soltanto tre rassegne iridate di
ultramaratona: Tarquinia 2008 (Mondiale di 100 km), Bergamo 2009
(Mondiale di 24 Ore) e Seregno 2012 (Mondiale 100 Km).
Il teatro di gara sarà il nuovo circuito di 1,420 km inaugurato il 16 marzo
scorso in occasione di Recordando, interamente disegnato tra i viali
alberati del Parco, in grado di garantire agli atleti un percorso
completamente all’ombra durante il giorno e perfettamente illuminato
durante le fasi notturne e al pubblico di spostarsi agevolmente lungo
tutto il circuito transennato per seguire da vicino ogni fase della gara. Il
Palasport si candida come luogo ideale per la cerimonia di apertura
e le premiazioni, mentre lo stadio Primo Nebiolo ospiterà l’area di
neutralizzazione.
Altro importante valore aggiunto sarà la partnership con l'Istituto di
Medicina dello Sport di Torino che, forte della sua esperienza
maturata in oltre 50 anni di attività, curerà la parte medica del Mondiale
di 24 Ore.
24 ORE DI TORINO E RUN FOR PARKINSON'S:
INSIEME... SULLA LUNA
La sesta edizione della 24 Ore di Torino è idealmente
gemellata con la terza edizione di “Run for Parkinson's”, corsa
non competitiva organizzata dall'Associazione Italiana Parkinsoniani
A.I.P – Sezione “G. Cavallari” di Torino e dall'A.A.P.P. Associazione
Amici Parkinsoniani Piemonte. La manifestazione andrà in scena
domenica 13 aprile 2014 presso lo Stadio Primo Nebiolo del
Parco Ruffini. Il via è alle ore 10, e cioè nel preciso istante in cui
scadranno le 24 ore di fatica degli ultramaratoneti. Si tratta del più
grande evento al mondo dedicato a questa malattia, quest’anno
infatti sono ben 10 le nazioni coinvolte, tra cui l’Italia, che vede più di
40 città impegnate con già 50.000 iscritti, un numero
sicuramente destinato a salire. La partecipazione è libera e non
competitiva: tutti possono partecipare secondo le proprie possibilità,
correndo o camminando, con l'obiettivo di promuovere la
consapevolezza sul Parkinson a livello mondiale e dimostrare solidarietà
verso i malati e i loro familiari che, con la diagnosi, hanno visto
trasformarsi in una continua corsa a ostacoli la propria vita.
I chilometri percorsi individualmente dai partecipanti – camminando,
marciando o correndo – si sommeranno, perché, come recita lo slogan
della manifestazione, “insieme” possiamo stabilire un record
assoluto: correre la distanza che separa la Terra dalla Luna. In
questo senso, tutti i chilometri percorsi dagli ultramaratoneti iscritti alle
prove individuale o a squadre della 24 Ore di Torino (24 ore, 100 km e 6
ore) verranno “regalati” all'Associazione Italiana Parkinsoniani A.I.P da
una
madrina
d'eccezione
come
Francesca
Canepa,
vicecampionessa mondiale ISF Ultra Trail.
Maggiori informazioni sul sito www.run4parkinson.org. Iscrizioni
tramite la Segreteria A.I.P. (011-3119392), al numero verde 800-884422
oppure
compilando
il
modulo
presente
sul
sito
www.parkinsonpiemonte.it oppure presso lo stand dell'Associazione il
giorno della gara.
STORIE DAL MONDO ULTRA: SIMONE LEO
Al solito la 24 Ore è un contenitore di storie appassionanti e di
incredibili vicende umane. E' il caso, tra gli altri, di Simone Leo,
novarese classe 1978 passato nel breve volgere di pochi anni da
sedentario sovrappeso a instancabile ultramaratoneta. Il suo percorso
sportivo comincia nel 2007 quando, ormai prossimo ai 95 kg di peso,
inizia a correre e ad appassionarsi al podismo di resistenza. Nel 2009
completa la sua prima mezza maratona competitiva e la prima maratona
di New York; nel 2010 fonda la società sportiva Novara Che Corre; nel
2011 l'esordio alla 100 Km del Passatore, completata in 15 ore:
un'esperienza che ispirerà la pubblicazione di un libro intitolato
“Spostando il limite un po' più in là”; nel 2012 la sua prima 100 Km nel
deserto; nel 2013, subito dopo la sua terza volta al Passatore, è l'unico
italiano sul traguardo dell'UltraBalaton (212 km in 31 ore). Oltre alla
passione per la corsa di resistenza c'è un forte impegno sociale: Simone
Leo, testimonial della campagna sociale La Via della Felicità,
promuove il messaggio di una vita sana, attiva, libera dalle droghe,
rispettosa per se stessi, per gli altri e per l'ambiente.
INTERVENTI ISTITUZIONALI
Così l'Assessore allo Sport e Tempo Libero della Città di Torino Stefano
Gallo: “Saluto con piacere gli atleti partecipanti alla quinta edizione della '24 Ore di
Torino' e gli organizzatori dell’Asd Giro d’Italia Run per aver scelto anche
quest’anno la nostra Città quale sede di quello che ormai è diventato un
appuntamento fisso e imperdibile per gli ultra podisti nazionali e internazionali.
Scegliere un’area pedonale completamente immersa nel verde come Parco Ruffini,
per disputare questa corsa su strada, è coerente con i nostri propositi di
promuovere sempre più lo sport all’aria aperta.
In qualità di Assessore allo Sport, non posso che accogliere favorevolmente eventi i
cui ingredienti principali sono agonismo, spirito di sacrificio, determinazione e
spettacolarità.
Un altro motivo d’orgoglio è sapere che questa manifestazione ospiterà il
Campionato Mondiale di 24 Ore del 2015, anno in cui Torino Capitale Europea dello
Sport offrirà un calendario sportivo che al momento può già contare su 40 eventi di
livello mondiale, europeo e italiano. Auguro agli atleti di conseguire i risultati per i
quali si sono allenati e, nel contempo, invito i torinesi a non perdere l’occasione di
assistere ad una gara veramente suggestiva e avvincente”.
Così il consigliere nazionale Fidal con delega per l'ultramaratona
Riccardo D'Elicio: “Da quando ho ricevuto questa nomina ho scoperto un mondo
pressoché nuovo, seppur vicino a quello dell'atletica leggera, mosso da grandi valori
e motivazioni. La Fidal è molto vicina a una realtà estrema come quella
dell'ultramaratona, un contenitore di grandi esperienze sportive all'insegna della
tenacia e della determinazione. Complimenti all'organizzazione targata Il Giro
d'Ialia Run e un grande in bocca al lupo ai podisti della 24 Ore di Torino”.
Così il presidente della Circoscrizione 3 Daniele Valle: “La Circoscrizione 3
è felice e orgogliosa di ospitare questo importante evento sul suo territorio. Il Parco
Ruffini è una palestra a cielo aperto, con due prestigiosi impianti sportivi come lo
stadio Nebiolo e il PalaRuffini. Ma l'impianto più frequentato è il parco stesso che,
oltre ai suoi viali perfetti per correre, offre un percorso ginnico dotato di
attrezzature rinnovate. La 24 Ore di Torino non può che valorizzare il nostro
“gioiellino” e farlo conoscere fuori dal territorio cittadino e nazionale”.
ALBO D'ORO 24 ORE DI TORINO
UOMINI
ANNO
DONNE
Luca Sala 192 Km
2009
Marinella Satta
Diego Di Toma 232 Km
2010
Anne Marie Gross 179 Km
Marco Vannucci 214 Km
2011
Sara Valdo
Jens Hilpert 218 Km
2012
Giancarla Agostini 163 Km
Vasile Frigura 202 Km
2013
Patrizia Negri
Ufficio Stampa Il Giro d'Italia Run
www.giroitaliarun.it
143 Km
160 Km
155 Km
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
295 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content