close

Enter

Log in using OpenID

bando_di_gara_pisl_scalea

embedDownload
COMUNE DI SCALEA
(PROVINCIA DI COSENZA)
BANDO DI GARA
Bando di Gara mediante procedura aperta per l’affidamento in Concessione di Lavori Pubblici, ai sensi degli artt.
53, comma 2, lett. c), art. 143 - 144 del DLgs 163/06 e ss.mm. ed ii, della Progettazione definitiva ed esecutiva,
direzione lavori, coordinamento alla sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione, realizzazione e gestione
economica dell’opera relativa al “PISL Sistema Turistico Locale “Riviera dei Cedri:Sostenibile, Accessibile e
Competitiva”. - “Riqualificazione delle aree prospicienti l’aviosuperficie di Scalea ai fini della realizzazione
di servizi turistici e della riduzione dell’impatto ambientale” da aggiudicare con il criterio dell’offerta
economicamente più vantaggiosa. - C.U.P.: G26D13000500005---- C.I.G. 5523494371
SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE
I.1) DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO.
Denominazione ufficiale: Comune di Scalea (CS);
lndirizzo postale: Via Plinio il Vecchio, 1
città: Scalea (CS)
Codice postale: 87029
Paese:
ITALIA
Punti di contatto: Ufficio Tecnico Settore Lavori Pubblici Telefono: (+39) 0985 282220
Posta elettronica certificata: [email protected]
Fax: (+39) 0985 042061 – (+39) 0985 21804
Amministrazione aggiudicatrice (URL) : www.comune.scalea.cs.it
Ulteriori informazioni sono disponibili presso:
• I punti di contatto sopra indicati e sul sito www.comune.scalea.cs.it;
Una documentazione specifica è disponibile presso:
• I punti di contatto sopra indicati e sul sito www.comune.scalea.cs.it;
Le domande vanno inviate a:
• I punti di contatto sopra indicati – PEC: [email protected]
I.2) TIPO DI AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE E PRINCIPALI SETTORI DI ATTIVITA
 Autorità regionale o locale
 Infrastruttura pubblica
Agenzia ufficio regionale o locale
SEZIONE II - DESCRIZIONE ED OGGETTO DELLA PROCEDURA DI GARA
II.1) DESCRIZIONE DELLA CONCESSIONE
II.1.1) Denominazione conferita all'appalto dall'amministrazione aggiudicatrice.
Procedura di gara. Concessione di Lavori Pubblici, affidamento con procedura aperta ai sensi degli artt.
53, comma 2, lett. c), 143 - 144 del DLgs 163/06 ss.mm.ii. usando il criterio selettivo dell’offerta
economicamente più vantaggiosa, della Progettazione definitiva ed esecutiva, direzione lavori,
coordinamento alla sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione, realizzazione e gestione economica
dell’opera relativa al “ PISL Sistema Turistico Locale “Riviera dei Cedri:Sostenibile, Accessibile e
Competitiva”. - “Riqualificazione delle aree prospicienti l’aviosuperficie di Scalea ai fini della
realizzazione di servizi turistici e della riduzione dell’impatto ambientale”
II.l.2) Tipo di appalto e luogo di esecuzione
 Tipo di appalto il Comune di Scalea, in esecuzione delle deliberazione del Commissario
Straordinario con i poteri della Giunta Comunale n°142 del 06/11/2013 di approvazione del progetto
preliminare delle opere in oggetto e della determinazione a contrarre n. 22/R.G. del 21/01/2014
(n.07/LP del 1 4 / 0 1 / 2 0 1 4 ) , indice una gara pubblica mediante procedura aperta ai sensi del D.
Lgs. n. 163/ 2006 art. 55 comma 5 da espletarsi con il criterio dell’offerta economicamente più
Pag. 1/12

vantaggiosa disciplinato dall’art. 83 del D. Lgs n. 163 del 2006, per la progettazione definitiva
ed esecutiva, la realizzazione e la gestione economica dell’opera relativa al “ PISL Sistema
Turistico Locale “Riviera dei Cedri:Sostenibile, Accessibile e Competitiva”. “Riqualificazione delle aree prospicienti l’aviosuperficie di Scalea ai fini della realizzazione di
servizi turistici e della riduzione dell’impatto ambientale”.
Sito o luoghi dei lavori: località La Bruca del Comune di Scalea (CS) - Codice NUTS: ITF61
II.1.3) Breve descrizione dell'appalto
La presente procedura di gara ha ad oggetto l’affidamento in Concessione:
della progettazione definitiva ed esecutiva dell’opera redatta in conformità all’art. 24 del D. Lgs n. 163
del 2006 e ss.mm.ii. e al DPR 207/2010;
- dall’esecuzione dei lavori;
- Dalla Direzione dei lavori, coordinamento alla sicurezza, contabilizzazione delle opere;
- Dalla gestione economica delle opere realizzate;
- Dalla manutenzione ordinaria e straordinaria dell’opera realizzata per tutta la durata della concessione;
- Dalla consegna all’amministrazione concedente, alla scadenza della concessione, delle opere e degli
impianti in buono stato di conservazione.
Tutto per come meglio specificato negli altri documenti di gara (disciplinare di gara, Progetto preliminare,
Piano Economico Finanziario, capitolato prestazionale e schema di contratto).
II.1.4) CPV (vocabolario comune per gli appalti) -
Oggetto principale:
Oggetto secondario:
45213331-2
45230000-8
II.2) QUANTITATIVO O ENTITÀ DELL'APPALTO
II.2.1) Quantitativo o entità totale (compresi tutti gli eventuali lotti e opzioni obbligatori)
L'importo complessivo dell'intervento (progettazione e costruzione), per come risultante dal Progetto e
dal Piano Economico Finanziario, relativo ai Lotti I e II obbligatori ammonta, ad € 5.100.000,00
(euro..cinquemilioniecentomila/00), di cui:
- € 3.797.000,00 per lavori;
- €
44.000,00 per oneri di sicurezza;
- € 501.344,00 per somme a disposizione;
- € 757.656,00 per iva ai sensi di legge.
L’importo complessivo di € 5.100.000,00 è così coperto per € 2.100.000,00 con investimento pubblico e
per €.3.000.000,00 con investimento privato, così distinti:
Quote
Pubblico
Privato
TOTALE
Investimento
€ 1.882.664,00
€ 2.459.680,00
€ 4.342.344,00
IVA
€ 217.336,00
€ 540.320,00
€ 757.656,00
Totali
€ 2.100.000,00
€ 3.000.000,00
€ 5.100.000,00
Le singole voci d’investimento sono dettagliatamente indicate nei Q.T.E. del progetto preliminare posto
a base di gara.
II.2.2) Lavorazioni di cui si compone l’intervento:
Il progetto preliminare prevede: la ripartizione dell’intero intervento in due lotti obbligatori ed indispensabili ai
fini della corretta funzionalità del progetto proposto (il Lotto n°1 a carico del pubblico nell’ambito del POR
Calabria per € 2.100.000,00 ed il Lotto n°2 a carico del privato investitore per € 3.000.000,00).
- I lavori previsti nel primo lotto sommariamente interessano: la realizzazione di una strada di
collegamento con la SS 18, impianto di pubblica illuminazione, la riqualificazione dell’area oggetto di
intervento che sarà completamente riprogettata con una nuova distribuzione planimetrica sistemazione di
parcheggi con la realizzazione del “Terminal Bus”, creazione di nuove spazi verdi quali aiuole e panchine
circondate da piccoli alberelli. Nello specifico l’investimento pubblico di cui al Lotto n° 1 come da
progetto preliminare presente una quota di lavori pari ad € 1.615.000,00 dei quali € 1.595.000,00 soggetti
a ribasso ed € 20.000,00 quali oneri di sicurezza non soggetti a ribasso; inoltre delle spese generali per
complessivi € 193.800,00 vi sono € 146.800,00 per spese di progettazione e D.L. soggette a ribasso, per
come specificato nel successivo paragrafo IV.1) CRITERI DI AGGIUDICAZIONE (sottocriteri 2.1 e
2.2) del presente bando di gara.
Pag. 2/12
- I lavori previsti nel secondo lotto sommariamente interessano: adeguamenti agli impianti (elettrici, idrici,
antincendio ecc) della struttura esistente, la creazione della pista TXW (taxi way), della Barriera JDB,
realizzazione delle luci pista disposte ogni 25 m su ambo i lati della pista, le sistemazione e realizzazioni
di uscite di emergenza sulla attuale pista, realizzazione della torre di controllo ed istallazione di
segnalatori di tutti gli ostacoli che possono interferire con il decollo e l’atterraggio degli aeromobili.
Il progetto preliminare prevede, altresì, la realizzazione di un terzo lotto non obbligatorio (da realizzare sempre
con risorse private), ed indica le altre opere da realizzare per un massimo di € 1.200.000,00 quali migliorativi da
offrire in sede di gara e per i quali è prevista l’assegnazione di un punteggio premiante per come riportato al
paragrafo IV.1) CRITERI DI AGGIUDICAZIONE (sottocriterio 1.3) del presente bando di gara.
l’importo dei lavori e delle somme a disposizione al netto di Iva ammonta ad € 4.342.344,00 con Categoria
prevalente OG1 - classifica III bis del DPR n. 207/2010
CATEGORIE DI LAVORAZIONI
Lavorazioni
Categoria
Classifica
OG1
OG3
OG11
OS34
OG10
III-bis
III
III
II
I
TOTALE complessivo
importo
€
€
€
€
€
%
1.578.800,00
1.063.600,00
1.018.900,00
483.500,00
197.544,00
37%
24%
24%
11%
4%
€ 4.342.344,00
100%
Prevalente
o Scorporabile
Prevalente
Scorporabile
Scorporabile
Scorporabile
Scorporabile
I candidati concessionari dovranno presentare un progetto definitivo come previsto dagli artt. 24 e ss del DPR
n. 207 del 2010. I partecipanti avranno altresì la facoltà di presentare delle migliorie rispetto agli elaborati posti
a base di gara, purché queste concretizzino scelte progettuali coerenti e conformi alle linee essenziali e
l’impostazione di fondo e le strutture espresse dall’Amministrazione nel progetto, nei documenti e nella
relazione tecnico - amministrativa posta a base di gara indicate nel terzo lotto non obbligatorio.
Costituiscono un onere delle imprese partecipanti tutti gli studi, i rilievi, le verifiche e gli accertamenti che si
rendessero necessari e opportuni ai fini della redazione della progettazione definitiva e delle soluzioni progettuali
in essa prevista, questi sono inclusi nelle voci di spesa indicate nei Q.T.E. approvati.
II.2.3) Percentuale minima dei lavori da aggiudicare a terzi
Il concessionario non ha obbligo di affidare appalti a terzi;
II.2.4) Costi e Ricavi
In base agli studi economici e finanziari svolti in sede di redazione del P.E.F. (Piano Economico
Finanziario) la concessione prevede:
- che l’intervento s i a r e al i zza t o :
a ) in parte con risorse pubbliche, per un importo massimo complessivo pari ad € 2.100.000,00
omnia comprensive, concesse dalla Regione Calabria, al Comune di Scalea PISL Sistema
Turistico Locale “Riviera dei Cedri:Sostenibile, Accessibile e Competitiva”, giusta convenzione
sottoscritta con la Regione Calabria l'offerente, in quanto responsabile dell'avvio e
dell'attuazione dell'operazione cofinanziata e quindi beneficiario finale ai sensi dell'art.
2, comma 4 del Reg. CE n. 1083/06, in sede di gara dovrà provvedere, sulla base della
nuova formulazione del piano di gestione dell'investimento, al ricalcolo del contributo
comunitario per come indicato e specificato all’art. 8 del Capitolato Prestazionale posto
a base di gara.
b ) in parte con risorse private per un importo minimo pari ad € 3.000.000,00 IVA inclusa;
- Le prestazioni richieste consistono nella progettazione definitiva ed esecutiva, nella direzione e
contabilizzazione dei lavori, nel Coordinamento alla Sicurezza in fase di progettazione e di esecuzione
delle opere e nella realizzazione dei lavori di “Riqualificazione delle aree prospicienti
l’aviosuperficie di Scalea ai fini della realizzazione di servizi turistici e della riduzione
dell’impatto ambientale”. Inoltre, la concessione prevede anche l’onere tecnico ed economico di
gestione della procedura espropriativa finalizzata alla acquisizione del terreno per un tratto di strada da
realizzare. I soggetti partecipanti, che dovranno eseguire le prestazioni di progettazione, direzione dei
Pag. 3/12
lavori, contabilizzazione, coordinamento della sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione dei
lavori, devono comprovare di possedere i requisiti necessari secondo quanto appresso richiesto. Il
tutto, dimensionato sulla scorta del Quadro Economico Riepilogativo del progetto preliminare e
meglio dettagliato nel Disciplinare di Gara allegato al presente bando;
- la gestione economica e funzionale delle opere realizzate, con il rientro del capitale investito come da
P.E.F.. L’impresa concessionaria dovrà presentare a tal fine un dettagliato Piano Economico e
Finanziario degli investimenti e della connessa gestione amministrativa delle opere oggetto tra
l’altro di valutazione.
II.2.5) Durata della Concessione
La concessione avrà la durata massima complessiva di anni 25 (veticinque) decorrenti dalla data
di sottoscrizione del contratto, oltre un tempo non superiore a 140 giorni per le fasi progettuali. Il
tempo concesso per l’esecuzione dei lavori è non superiore a 395 giorni, o il minor tempo indicato in
sede di offerta.
SEZIONE III: INFORMAZIONI Dl CARATTERE GIURIDICO, ECONOMICO, FINANZIARIO E
TECNICO - CONDIZIONI DI PARTECIPAZIONE
III.1) Soggetti ammessi alla Gara
Possono partecipare alla procedura di gara i soggetti di cui all’art. 34 del D. Lgs. n. 163/2006 e s.m.i.,
costituiti da imprese singole, riunite o consorziate ai sensi degli artt. 92, 93 e 94 del DPR 207/2010,
ovvero da imprese che intendano riunirsi o consorziarsi ai sensi dell’art. 37 del D.Lgs. 163/2006,
nonché concorrenti con sede in altri Stati membri dell’Unione Europea alle condizioni di cui all’art. 47
del D. Lgs 163/2006 e s.m.i., che non si trovino nelle cause di esclusione di cui all’art. 38 del D. Lgs. n.
163/2006 e ss.mm.ii. e che siano in possesso, ai sensi dell'articolo 95 del D.P.R. n.207/2010, dei
requisiti economico-finanziari e tecnico-organizzativi indicati rispettivamente nei successivi punti III.2),
III.3) e III.4). (I requisiti minimi di ammissione e le condizioni preclusive sono specificate nel
disciplinare di gara e devono essere dimostrati con le modalità, le forme ed i contenuti previsti in tale
documento).
III.2) Capacità economica e finanziaria
I concorrenti devono essere in possesso, ai sensi dell'articolo 95 del D.P.R. n. 207/2010 dei
seguenti requisiti:
a) fatturato medio relativo alle attività svolte negli ultimi cinque anni (2008-2012) antecedenti alla
pubblicazione del bando non inferiore al dieci per cento dell’investimento previsto per l’intervento;
b) capitale sociale non inferiore ad un ventesimo dell’investimento previsto per l’intervento;
c) svolgimento negli ultimi cinque anni di servizi affini a quello previsto dall'intervento per un importo
medio non inferiore al cinque per cento (5%) dell’investimento previsto per l’intervento;
d) svolgimento negli ultimi cinque anni di almeno un servizio affine a quello previsto dall'intervento
per un importo medio pari ad almeno il due per cento (2%) dell’investimento previsto per
l’intervento;.
In alternativa ai requisiti previsti dalle lettere c) e d) il concessionario può incrementare i requisiti
previsti dalle lettere a ) e b) in misura pari al doppio di quanto rispettivamente sopra indicato.
In caso di raggruppamento temporaneo di concorrenti o consorzio i requisiti di cui alle lettere
a) e b) devono essere così posseduti: ciascun requisito deve essere posseduto dalla capogruppo nella
misura minima del 40%, mentre le restanti percentuali di ogni singolo requisito devono essere
possedute cumulativamente dalle mandanti, ciascuna nella misura minima del 10%, purché la somma
sia almeno pari a quella richiesta nel presente Bando.
Per servizio affine si intende: la costruzione, la gestione di aviosuperfici aeroporti e servizi
connessi alle attività aeroportuali e turistiche..
III.3) Capacità tecnica
Il possesso dei requisiti economico-finanziari e tecnici può essere dimostrato mediante il ricorso
all’avvalimento secondo il disposto dell’art. 49 del D.Lgs. 163/2006 e dell’art. 88 del D.P.R. n.
207/2010. In ogni caso trova applicazione l’art. 41 del D.Lgs. 163/2006 (come modificato dal D.L.
06/07/2012 n° 95, convertito in legge 07/08/2012 n° 135).
Pag. 4/12
Se il concessionario non esegue direttamente i lavori e la progettazione oggetto della concessione deve essere
in possesso esclusivamente dei requisiti di cui al punto III.2).
- nel caso in cui il Concessionario intenda eseguire i lavori direttamente oltre ai requisiti richiesti
quale concessionario al precedente punto III.2), dovrà essere in possesso di :
Attestazione SOA di qualificazione per prestazione di progettazione e costruzione o di sola
costruzione, rilasciata da società di attestazione (SOA) regolarmente autorizzata, per categorie e
classifiche adeguate all’importo dei lavori che si intendono eseguire direttamente.
- nel caso in cui il concessionario intenda eseguire i lavori tramite imprese collegate ai sensi
dell’art. 149, commi 4 e 5 del Decreto Legislativo n. 12 aprile 2006 n. 163 s.m.i le imprese collegate
dovranno essere in possesso :
oltre ai requisiti generali di cui all’art. 38 del citato D.Lgs 163/2006, attestazione SOA di
qualificazione per prestazione di progettazione e costruzione o di sola costruzione, rilasciata da società
di attestazione (SOA) regolarmente autorizzata, per categorie e classifiche adeguate all’importo dei
lavori che dette imprese intendono eseguire direttamente.
In entrambi i casi, l’attestazione SOA dovrà essere completa dell’indicazione della
certificazione del sistema di qualità di cui all’art. 3 c.1, lettera mm) del D.P.R. 207/2010 (ex art. 4
DPR 34/2000), in corso di validità.
L’attestazione SOA del concorrente che eseguirà i lavori direttamente o delle imprese collegate
indicate nella dichiarazione richiesta dovrà essere presentata o dichiarata in sede di accesso alla gara
Qualora l’offerta presentata dal concorrente preveda lavori appartenenti a categorie e classifiche diverse
da quelle previste nel presente bando di gara, l'attestazione di qualificazione deve documentare
il possesso di tali categorie per le corrispondenti classifiche.
Raggruppamenti di tipo orizzontale.
Nel caso in cui l’impresa concorrente faccia ricorso all’A.T.I. di tipo orizzontale, le associazioni
temporanee ed i consorzi di cui all’articolo 34, c.1, lettere d), e), f) del D.Lgs.n. 163/2006, devono
possedere i requisiti di qualificazione SOA prescritti, nella seguente misura: la capogruppo nella
misura minima del 40%, mentre alle mandanti è richiesto il possesso dei medesimi requisiti nella
misura minima del 10%, purché la somma dei requisiti sia almeno pari a quella richiesta nel
presente Bando. L’impresa mandataria in ogni caso deve possedere i requisiti di qualificazione in
misura maggioritaria.
La percentuale di possesso dei requisiti di qualificazione SOA dovrà in ogni caso corrispondere
alla quota di partecipazione al raggruppamento. Le imprese riunite in ATI sono tenute ad eseguire i
lavori nella percentuale corrispondente alla quota di partecipazione al raggruppamento.
Raggruppamenti di tipo verticali
Nel caso in cui l’impresa faccia ricorso all’ATI di tipo verticale, le associazioni temporanee di
imprese ed i consorzi di cui all’art. 34, c. 1, lettere d , e), f), del D.Lgs n. 163/2006, devono possedere
i requisiti di qualificazione SOA prescritti, nella seguente misura: la capogruppo deve possedere i
requisiti prescritti con riferimento alla categoria prevalente, mentre a ciascuna mandante sono
richiesti i medesimi requisiti con riferimento alla categoria che la stessa intende assumere e nella
misura indicata per l’impresa singola.
Sono ammesse a partecipare le associazioni miste.
L’impresa e/ o le imprese che intendono riunirsi in associazione temporanea, qualora in
possesso dei requisiti sufficienti per l’assunzione integrale dei lavori possono associare altre
imprese qualificate anche per categorie ed importi diversi da quelli richiesti nel bando, a condizione
che i lavori eseguiti da queste ultime non superino il 20% dell’importo complessivo dei lavori e
che
l'ammontare complessivo delle qualificazioni possedute da ciascuna sia almeno pari
all'importo dei lavori che saranno ad essa affidati. Tali imprese devono possedere i requisiti di
idoneità professionale (art. 39, comma 1 del D. Lgs. n. 163/2006) e di ordine generale (art. 38 del D.
Lgs. n. 163/2006) da attestare mediante apposita dichiarazione sostitutiva.
L'impegno di costituire il R.T.I., al fine di garantirne l'immodificabilità ai sensi dell'art. 37 comma 9,
del D.Lgs n. 163/2006, deve specificare il modello, se orizzontale, verticale, misto ed anche se vi
son imprese cooptate, nonché le parti dell'opera secondo le categorie del presente bando che verranno
eseguite da ciascuna associata ai sensi dell'art. 92 del D.P.R. n. 207/2010.
Pag. 5/12
La mancata indicazione dei suddetti elementi relativi alle forme di raggruppamento, salvo che
questi possano essere ricavati con immediatezza e con certezza dalla qualificazione delle imprese
raggruppate, costituisce motivo di esclusione.
E’ fatto divieto ai concorrenti di partecipare alla gara in più di un’associazione temporanea o
consorzio di cui all’art. 34 comma 1 lett. d) ed e) del Codice dei contratti ovvero di partecipare
alla gara anche in forma individuale qualora abbia partecipato alla gara medesima in associazione
o consorzio. Tale divieto si applica anche ai soggetti di cui all’art. 34 coma 1 lett. f) del codice dei
contratti.
I consorzi di cui all’art. 34 comma 1 lett. b) e c) del D.Lgs. 163/2006 sono tenuti, pena l’esclusione,
ad indicare in sede di offerta per quali consorziati il consorzio concorre, a questi ultimi è fatto
divieto di partecipare, in qualsiasi altra forma, alla medesima gara. In caso di aggiudicazione i
soggetti assegnatari dell’esecuzione dei lavori non possono essere diversi da quelli indicati.
- Laddove in possesso di attestazione SOA di progettazione e costruzione dovrà attestare che i
requisiti tecnico professionali indicati successivamente sono posseduti dal proprio staff di
progettazione;
- nel caso in cui il concessionario intenda dar corso alla progettazione direttamente oltre ai requisiti
richiesti quale concessionario al precedente punto III.2) e alle abilitazioni professionali dovrà essere in
possesso dei requisiti tecnico professionali indicati al punto successivo;
- nel caso in cui il concessionario intenda dar corso alla progettazione tramite terzi dovrà indicare
il progettista che eseguirà la progettazione, scelto tra i soggetti di cui all’articolo 90 del D.Lgs
163/2006, in possesso e in grado di dimostrare oltre ai requisiti generali di cui all’art. 38 del D.Lgs 163
ed alle abilitazioni professionali, i requisiti tecnico professionali indicati al successivo punto.
III.4 REQUISITI PER LA PROGETTAZIONE
Premesso che l’importo stimato per le attività di progettazione definitiva ed esecutiva e per il
coordinamento della sicurezza in fase di progettazione, è stimato in € 170.000,00 il progettista incaricato,
associato/ausiliario dovrà essere in possesso dei requisiti di cui all'art. 263 del DPR 207/2010 per come
appresso riportato:
l) fatturato globale per servizi di cui all'articolo 252 del DPR n. 207/20 l O, espletati negli ultimi cinque
esercizi antecedenti alla pubblicazione del bando, per un importo pari a due volte l'importo dell’onorario
stimato e quindi pari ad € 340.000,00;
2) servizi di cui all'articolo 252 del DPR n. 207 del 2010, svolti negli ultimi 10 anni antecedenti alla
pubblicazione del bando alla G.U.R.I., per lavori individuati nelle classi, di cui all'art. 14 della legge n. 143
del 1949, I cat. class.B), III cat. class.A) e VI cat. class.A) , per un importo dei lavori medesimi non
inferiore a due volte l'importo stimato dei lavori da progettare per come meglio specificato nel seguito:
• Classe III-A: importo progetto € 1.699.944,00 importo richiesto come requisito € 3.399.888,00
• Classe I-B: importo progetto € 1.578.800,00 importo richiesto come requisito € 3.157.600,00
•Classe VI-A: importo progetto 1.063.600,00 - importo richiesto come requisito € 2.127.200,00
3) avvenuto svolgimento negli ultimi dieci anni di almeno due servizi di cui all'articolo 252 del DPR. n.
207/2010, relativi ai lavori, appartenenti ad ognuna delle classi e categorie dei lavori cui si riferiscono i
servizi da affidare, individuate sulla base delle elencazioni contenute nelle vigenti tariffe professionali,
per un importo totale non inferiore ad un valore pari a 0,40 volte l'importo stimato dei lavori cui si
riferisce la prestazione, calcolato con riguardo ad ognuna delle classi e categorie e riferiti a tipologie di
lavori analoghi per dimensione e per caratteristiche tecniche a quelli oggetto dell'affidamento e quindi
pan a:
• Classe III-A: importo progetto € 1.699.944,00 importo richiesto come requisito € 679.977,60
• Classe I-B: importo progetto € 1.578.800,00 importo richiesto come requisito € 631.520,00
•Classe VI-A: importo progetto . 1.063.600,00 - importo richiesto come requisito € 425.440,00
4) numero medio annuo del personale tecnico utilizzato nei migliori tre anni del quinquennio antecedente la
data di pubblicazione del bando, così come definito all’art. 263 comma 1 lett. d), del D.P.R. 207/2010, in
misura non inferiore a 4 unità, pari a 2 volte le unità minime ritenute necessarie per lo svolgimento
dell’incarico (2 unità).
Se la progettazione è eseguita da un sub-raggruppamento temporaneo di cui all’art. 90, comma 1 lett. g)
del D.Lgs. 163/2006, i requisiti finanziari e tecnici di cui all’art. 263 del D.P.R. 207/2010 e specificati
Pag. 6/12
sopra alle lett. a), b), c), d), devono essere posseduti in conformità alle previsioni di cui all’art. 261 commi
7 e 8 del medesimo D.P.R. Il mandatario in ogni caso deve possedere i requisiti in misura maggioritaria
rispetto a ciascuna delle mandanti.
Resta inteso, che qualora il concessionario si avvalga di progettista incaricato, la stazione appaltante rimarrà
estranea a qualsiasi vicenda contrattuale fra le parti e che, pertanto, il concessionario sarà ritenuto
responsabile nei confronti della stazione appaltante per l’operato del progettista stesso.
In caso di partecipazione di operatori economici stabiliti in stati diversi dall’Italia si richiamano gli articoli
47 del Decreto Legislativo 12 aprile 2006 n. 163 e 62 del D.P.R. 207/2010
I lavori non realizzati direttamente, o tramite imprese collegate, dovranno essere comunque eseguiti da
soggetti qualificati ai sensi dell’art. 40 del D.Lgs 163/2006
Come sopra enunciato trova applicazione quanto previsto agli artt. 149 e seguenti del D.Lgs
163/2006. In caso di sub- raggruppamento nel’esecuzione dei lavori si dovrà tenere conto
dell’articolo 92 del D.P.R. 07/2010.
Si richiamano da ultimo i divieti di cui agli articoli 34, 36, 37, 49, comma 8, Decreto Legislativo 12 aprile
2006 n. 163 e s.m., e art. 253 commi 1,e 2 del D.P.R. 207/2010 e le sanzioni ivi previste.
SEZIONE lV: PROCEDURA DI GARA
IV.1) CRITERI DI AGGIUDICAZIONE
Procedura aperta ai sensi dell'art. 55 del D.Lgs. 163/2006.
Criterio di aggiudicazione: offerta economicamente più vantaggiosa determinata applicando i criteri, i
sottocriteri, i pesi ed i sottopesi specificati nel disciplinare di gara con riferimento al metodo aggregativo
compensatore con confronti a coppie, lettera a) punto 2, di cui all'Allegato G del D.P.R. 207/2010, sulla base
dei seguenti elementi con i relativi punteggi massimi:
Criterio 1) – Offerta Tecnica (qualitativa):
punteggio massimo 70
Criterio 2) – Offerta Economica (quantitativa):
punteggio massimo 30
Totale 100
Gli elementi presi in considerazione ed i punteggi assegnati per l’aggiudicazione della concessione sono i
seguenti:
Elementi di valutazione di natura qualitativa/quantitativa:
Sub peso
Peso
Ponderale Ponderale
Criterio 1 (qualitativo)- Valore tecnico del progetto definitivo e
Coerenza della pro po st a a l progetto preliminare (Max 70 Punti)
1.1 qualità tecnica e completezza del progetto definitivo
1
2
1.2 Qualità funzionale ed efficienza energetica della proposta progettuale,
mediante utilizzo di materiali e/o tecnologie che consentano l’abbassamento
dei costi di gestione e/o manutenzione.
1.3 Opere migliorative proposte – coerenza con gli interventi indicati nel 3
lotto nel progetto preliminare.
Totale Criterio 1
Criterio 2 (quantitativo) - valutazione afferente il contenuto del piano
economico finanziario (Max 30punti)
30
20
20
70
2.1 Ribasso offerto sulla quota di investimento pubblico relativa ai soli lavori
del Lotto n°1 (ribasso offerto su € 1.595.000,00)
15
2.2 Ribasso offerto sulla quota di investimento pubblico relativa alle sole
prestazioni tecniche di progettazione e direzione lavori Lotto n°1(ribasso offerto
su € 146.800,00)
2.3 Riduzione Tempo di esecuzione dei lavori
5
2.4 Riduzione della durata della concessione
Totale Criterio 2
TOTALE 1+2
5
5
30
100
IV.2) TERMINE, INDIRIZZO DI RICEZIONE, MODALITÀ DI PRESENTAZIONE , DATA DI
APERTURA DELLE OFFERTE E PUBBLICAZIONI.
IV.2.1) TERMINE PER IL RICEVIMENTO DELLE RICHIESTE DI DOCUMENTI O PER
L’ACCESSO AI DOCUMENTI O PER PORRE QUESITI: è possibile da parte dei soggetti
Pag. 7/12
che intendono concorrere alla procedura, ottenere chiarimenti in ordine alla presente
procedura mediante la proposizione di quesiti scritti da inoltrare al Responsabile del
procedimento Ing. Pasquale Latella ai punti di contatto indicati nella SEZIONE I del
presente Bando entro e non oltre il decimo giorno antecedente la scadenza fissata per la
presentazione dell’offerta, non saranno fornite risposte ai quesiti pervenuti successivamente al
termine sopra indicato. Inoltre il disciplinare di gara contenente le modalità di presentazione
della domanda di partecipazione alla gara e le modalità di presentazione dell'offerta con la
specificazione della documentazione da presentare a corredo delle stesse è disponibile sul sito
ufficiale www.comune.scalea.cs.it , presso l’Ufficio Tecnico (0985/282220-282268- fax
0985/042061) sono disponibili gli elaborati della: progettazione preliminare, P.E.F., capitolato
prestazionale e schema di contratto, in formato elettronico (pdf).
IV.2.2) TERMINE DI SCADENZA PRESENTAZIONE OFFERTE: entro e non oltre le ore
12,00 del giorno 01/04/2014.
Il recapito tempestivo dei plichi e la loro integrità rimangono ad esclusivo rischio
dei concorrenti ove, per qualsiasi motivo, gli stessi non giungano a destinazione in
tempo utile ovvero pervengano laceri o aperti.
Oltre il termine stabilito nel bando di gara non sarà ritenuta valida alcun’altra
offerta anche se sostitutiva o aggiuntiva di offerta precedente.
IV.2.3) INDIRIZZO A CUI FAR PERVENIRE LE OFFERTE: Comune di Scalea Via
Plinio il Vecchio, 1 – 87029 Scalea (CS)
IV.2.4) Lingue utilizzabili per la presentazione delle domande:
Italiano
IV.2.5) APERTURA DELLE OFFERTE: in prima seduta pubblica il giorno 03/04/2014 ore 13,00
presso la sede del Comune di Scalea Via Plinio il Vecchio, 1 – 87029 Scalea (CS).
IV.2.6) TERMINE DI VALIDITA’ DELL’OFFERTA: 180 giorni dalla scadenza di
presentazione dell’offerta.
SEZIONE V: ALTRE INFORMAZIONI PER LA PARTECIZIONE ALL’APPALTO
V.1) FINANZIAMENTO e MODALITA’ DI PAGAMENTO:
APPALTO CONNESSO AD UN PROGETTO E/0 PROGRAMMA COFINANZIATO CON FONDI
COMUNITARI: Sì
Finanziamento: L’opera è finanziata con:
fondi pubblici per un massi mo di € 2.100.000,00 omnia comprensive, con convenzione
sottoscritta tra il Comune di Scalea e la Regione Calabria, DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE
NAZIONALE E COMUNITARIA Progetti integrati di Sviluppo Locale - POR Calabria FESR 20072013 RESTA INTESO che l'offerente, in quanto responsabile dell'avvio e dell'attuazione
dell'operazione cofinanziata e quindi beneficiario finale ai sensi dell'art. 2, comma 4 del Reg.
CE n. 1083/06, in sede di gara dovrà provvedere, sulla base della nuova formulazione del
piano di gestione dell'investimento, al ricalcolo del contributo comunitario. Si rileva, infatti,
che la determinazione del funding gap non si esaurisce nella fase propedeutica all'approvazione del
progetto, ma può avvenire anche in momenti successivi, anche a seguito di verifiche che l'Autorità
di Gestione del POR Calabria (AdG) ovvero altro Organismo deputato porrà in essere a
determinate scadenze. Se dal ricalcolo del contributo comunitario si dovesse accertare che c’è uno
scostamento rilevante tra i ricavi netti stimati ex-ante e quelli realizzati, l'AdG provvederà alla
riduzione del contributo assegnato ovvero al recupero della differenza del contributo eventualmente
già erogato. In questo ultimo caso, si procederà secondo la regola seguente: la restituzione è pari
alla differenza tra il contributo dei fondi strutturali calcolato ex-ante e quello calcolato sulla base
dei dati verificati.
La restituzione non si applica nel caso di:
a) scostamenti non rilevanti, ovvero per variazioni dei proventi netti inferiori al 10%;
b) scostamenti dovuti a fattori esterni (ad es. inflazione).
Per ulteriori chiarimenti si fa espresso riferimento all’art. 8 del Capitolato Prestazionale;
L’erogazione della quota di finanziamento pubblico avverrà con le modalità stabilite nello schema
di contratto.
- Fondi carico di capitale privato e per un importo minimo pari ad € 3.000.000,00 IVA inclusa
Sono a carico del Concessionario in quota parte le spese relative alla procedura di affidamento compresi i
compensi della commissione di valutazione che sarà nominata dall'Amministrazione. Tali spese
dovranno essere rimborsate a semplice richiesta dell'Ente.
Pag. 8/12
V.2) INFORMAZIONI COMPLEMENTARI
a) Si informa che all’interno dell’Area dell’Aviosuperficie è in essere una convenzione con la società SkyNet s.r.l. per concessione in comodato d’uso fino al 28/02/2032 di spazi per esercizio di attività tecniche e
di supporto alle attività di trasporto pubblico, lavoro aereo ed altre attività aureo natiche ed aeroportuali.
Nello specifico le due aree per complessivi 2.200 mq. di cui 1500 mq. da impiegare come hangar con
servizi e 700 mq. per deposito carburante e sosta autobotti di distribuzione con impianto di erogazione ed
impianto antincendio.
b) Cauzioni e garanzie richieste, da prestarsi secondo le modalità previste nel disciplinare di gara:
- Cauzioni da presentare in fase di gara cauzione provvisoria di cui all'art. 75 del d.lgs n. 163/2006, pari al
2% del valore dell'investimento si veda disciplinare di gara;
c) Cauzioni e polizze all’atto della stipula del contratto
1) cauzione definitiva ai sensi dell'art. 113 del d.lgs 163/2006, pari al 10% dell'importo contrattuale si
veda disciplinare di gara;
2) Polizza assicurativa per responsabilità civile professionale dei progettisti ai sensi dell’art.
111 del D.Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii.;
3) Polizza assicurativa per i danni di esecuzione e responsabilità civile verso terzi, art. 125
D.P.R 207/2010 si veda disciplinare di gara;
4) Polizza assicurativa indennitaria decennale di cui art.126 del D.P.R 207/2010, art. 129 del
D.Lgs. 163/2006.
Resta inteso che, le cauzioni sono costituite mediante fideiussione bancaria o polizza fideiussoria
assicurativa o fideiussione rilasciata da intermediari finanziari iscritti nell'elenco speciale di cui
all'articolo 107 del D. Lgs. n. 385/93 e s.m.i., che svolgono, in via esclusiva o prevalente, attività
di rilascio di garanzie, a ciò autorizzati dal Ministero dell'Economia e delle Finanze, secondo le
polizze tipo approvate con D.M. 12 marzo 2004, n. 123, ove previste, ed in conformità a quanto
previsto dagli articoli 75 e I 13 del D. Lgs. n. 163/06 e s.m.i ..
Le cauzioni devono prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione
del debitore principale, la rinuncia all'eccezione di cui all'articolo I 957, comma 2, del Codice
Civile, nonché l'operatività della garanzia entro quindici giorni, a semplice richiesta scritta della
Stazione Appaltante.
L'importo della cauzione provvisoria e della cauzione definitiva r i s p e t t i v a m e n t e l e t t . b ) e
l e t t . c p u n t o 1 ) è ridotto del cinquanta per cento nei confronti delle imprese in possesso di
certificazione di sistema di qualità conforme alle norme europee della serie UNI CEI ISO 9000,
rilasciata da soggetti accreditati ai sensi delle norme europee della serie UNI CEI EN 45000 e della
serie UNI CEI EN ISO/IEC I 7000. Nell'ipotesi di partecipazione alla gara di associazioni
temporanee di concorrenti o di consorzi di cui ali'art. 2602 c.c., la riduzione della cauzione
provvisoria e di quella definitiva sarà consentita solo nell 'ipotesi in cui tutte le imprese che
compongono il raggruppamento siano in possesso della predetta certificazione di sistema di qualità.
Nell'ipotesi di partecipazione alla gara di associazioni temporanee di concorrenti o di consorzi di
cui all'art.2602 C.C., la garanzia fideiussoria prestata a titolo di cauzione provvisoria deve essere,
a pena di esclusione, intestata a tutte le imprese partecipanti al raggruppamento.
La cauzione provvisoria verrà svincolata: per l'aggiudicatario al momento della stipula del contratto;
per gli altri concorrenti non aggiudicatari entro trenta giorni dalla comunicazione dell'avvenuta
aggiudicazione.
Le fideiussioni, qualora escusse anche parzialmente, dovranno essere tempestivamente reintegrate
nella loro consistenza iniziale.
d) Il concessionario ha la facoltà di costituire dopo l’aggiudicazione definitiva, ai sensi dell’art.156 del
D.Lgs. 163/2006 e s.m.i., una società di progetto in forma di società per azioni o a
responsabilità limitata, anche consortile, con capitale minimo di € 500.000,00. La società costituita
diventa la concessionaria subentrando nel rapporto di concessione all’aggiudicatario senza necessità di
approvazione o autorizzazione. Tale subentro non costituisce cessione di contratto.
e) Soggetti ammessi all’apertura delle offerte: i rappresentanti dei concorrenti e professionisti
associati al concorrente, in numero massimo di due persone ciascuno. I soggetti muniti di delega
o procura, o dotati di rappresentanza legale o direttori tecnici dei concorrenti, come risultanti dalla
documentazione presentata, possono chiedere di verbalizzare le proprie osservazioni.
f) Contribuzione a favore dell’Autorita’ di Vigilanza sui Contratti Pubblici: E’ fatto obbligo ai concorrenti,
a pena di esclusione, di provvedere al versamento della contribuzione prevista dall’art. 1,commi 65
Pag. 9/12
g)
h)
i)
j)
k)
l)
m)
e 67 della Legge 266/2005, ( € 2 0 0 ,0 0 ) da effettuarsi secondo le modalità previste nel sito
istituzionale dell’Autorità di Vigilanza sui Contratti Pubblici.
La Commissione ha facoltà di escludere dalla gara le imprese per le quali attraverso la
consultazione del casellario Informatico dell’Autorità di Vigilanza o in qualunque altro modo rilevato,
emergano casi di grave negligenza o malafede intervenuti nell'ambito di rapporti negoziali con altre
Stazioni Appaltanti, ove reiterati e seri e derivanti da uno o più committenti pubblici (v.
determinazione n. 1 /2010 A.V.C.P).
si farà luogo all'esclusione dalla gara di tutti quei concorrenti che non abbiano fatto pervenire
il contenitore nel luogo e nel termine ivi indicati ovvero per i quali manchi o risulti incertezza
assoluta sul contenuto o sulla provenienza dell’offerta, per difetto di sottoscrizione o di altri elementi
essenziali ovvero in caso di non integrita’ del plico contenente l’offerta o la domanda di partecipazione
o altre irregolarità relative alla chiusura dei plichi ed in tutti gli altri casi previsti dall’art. 46 del D.Lgs.
n. 163/2006 - nel rispetto di quanto stabilito dall’Autorità di Vigilanza sui Contratti Pubblici con
Determinazione n°. 4 del 10/10/2012.
Non sono ammesse, a pena esclusione, le offerte condizionate o quelle espresse in modo indeterminato
o con riferimento ad offerta relativa ad altro appalto, le offerte in aumento o alla pari, le
offerte parziali e/o condizionate e/o limitate; non sono altresì ammesse, a pena di esclusione
dalla gara, le offerte che rechino abrasioni, ovvero correzioni non espressamente confermate o
sottoscritte.
Si procederà all’aggiudicazione, anche in presenza di una sola offerta valida, purché ritenuta
congrua dall’Amministrazione.
Le autocertificazioni, le certificazioni, i documenti e l’offerta devono essere in lingua italiana o
corredati di traduzione giurata.
Gli importi dichiarati da imprese stabilite in altro stato membro dell’Unione Europea, qualora
espressi in altra valuta, dovranno essere convertiti in euro.
Poiché l’Amministrazione con Deliberazione di G.C. N°75 del 29/05/2012 ha approvato il Protocollo
d’Intesa per la prevenzione dei tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nel settore degli
appalti e concessioni di lavori pubblici con la Prefettura di Cosenza il contratto conterrà le
seguenti clausole che l’impresa aggiudicataria dovrà sottoscrivere e dichiarare di accettare in fase di
gara, dichiarazione rese come di seguito indicato:
m.1) di essere a conoscenza di tutte le norme pattizie di cui al protocollo di legalità, sottoscritto nell' anno
2012 presso la Prefettura di Cosenza, tra l'altro consultabile al sito http://prefettura.it/cosenza, e che
qui si intendono integralmente riportate e di accettarne incondizionatamente il contenuto e gli effetti;
m.2) di impegnarsi a comunicare alla stazione appaltante l'elenco delle imprese coinvolte nel piano di
affidamento con riguardo alle forniture ed ai servizi di cui agli artt. 2 e 3 nonché ogni eventuale
variazione successivamente intervenuta per qualsiasi motivo;
m.3) di impegnarsi a denunciare immediatamente alle Forze di Polizia o all'Autorità Giudiziaria ogni
illecita richiesta di denaro, prestazione o altra utilità ovvero offerta di protezione nei confronti dell'
imprenditore, degli eventuali componenti la compagine sociale o dei rispettivi familiari (richiesta di
tangenti, pressioni per indirizzare l'assunzione di personale o l'affidamento di lavorazioni, forniture o
servizi a determinate imprese, danneggiamenti, furti di beni personali, di cantiere o di laboratorio).
m.4) di impegnarsi a segnalare alla Prefettura l'avvenuta formalizzazione della denuncia di cui alla
precedente clausola 2 e ciò al fine di consentire, nell'immediato, eventuali iniziative di competenza.
m.5) di essere a conoscenza e di accettare la clausola risolutiva espressa che prevede la risoluzione
immediata ed automatica del contratto, ovvero la revoca dell'autorizzazione al subappalto o
subcontratto, qualora dovesse essere comunicato dalla Prefettura, successivamente alla stipula del
contratto o subcontratto, informativa interdittiva ai sensi dell’art. 94 del D.Lgs. 159/2011, ovvero la
sussistenza di ipotesi di collegamento formale e/o sostanziale o di accordi con altre imprese
partecipanti alle procedure concorsuali d'interesse. Qualora il contratto sia stato stipulato nelle more
dell'acquisizione delle informazioni del Prefetto, sarà applicata a carico dell'impresa, oggetto dell'
informativa interdittiva successiva, anche una penale nella misura del 10% del valore del contratto
ovvero, qualora lo stesso non sia determinato o determinabile, una penale pari al valore delle
prestazioni al momento eseguite; le predette penali saranno applicate mediante automatica
detrazione, da parte della stazione appaltante, del relativo importo delle somme dovute all'impresa in
relazione alla prima erogazione utile.
m.6) di essere a conoscenza e di accettare la clausola risolutiva espressa che prevede la risoluzione
immediata ed automatica del contratto, ovvero la revoca dell'autorizzazione al subappalto o
subcontratto in caso di grave e reiterato inadempimento delle disposizioni in materia di
Pag. 10/12
collocamento, igiene e sicurezza sul lavoro anche con riguardo alla nomina del responsabile della
sicurezza e di tutela dei lavoratori in materia e contrattuale e sindacale.
m.7) di essere a conoscenza del divieto, per le stazioni appaltanti pubbliche, di autorizzare subappalti a
favore delle imprese partecipanti alle operazioni di selezione e non risultate aggiudicatarie, salvo le
ipotesi di lavorazioni altamente specialistiche.
(Le dichiarazioni di cui ai punti da m .1) a m.7) andranno rese come “Dichiarazione di
accettazione”)
n) Gli eventuali subappalti, disciplinati dall’art. 118 del D.Lgs. 163/2006 e dall’art. 170 del DPR
207/2010, saranno autorizzati a condizione che siano indicati e richiesti in sede di offerta. E’ fatto
divieto di subappalto ad imprese che hanno partecipato in qualsiasi forma alla medesima gara.
o) I pagamenti relativi ai lavori svolti dal subappaltatore o cottimista verranno effettuati
dall’aggiudicatario che è obbligato a trasmettere all’Ente appaltante, entro venti giorni dalla data di
ciascun pagamento effettuato, copia delle fatture quietanzate con l’indicazione delle ritenute a
garanzia effettuata. Qualora l’aggiudicatario non trasmetta le fatture quietanzate del subappaltatore o
del cottimista entro il predetto termine, l’Ente appaltante può sospendere il successivo pagamento a
favore dello stesso, secondo quanto previsto dall’art. 118 del D. Lgs. 163/06 e successive
integrazioni e modifiche;
p) Le imprese, per il solo fatto che partecipano alla presente procedura di gara, accettano
esplicitamente e totalmente tutti i patti, le condizioni, i vincoli, gli obblighi e le clausole stabilite dal
presente bando nel disciplinare di gara, nel capitolato prestazionale, nel piano economico finanziario e
nello schema di contratto, nessuna esclusa;
q) L’ente appaltante riserva la facoltà di non procedere all’aggiudicazione se nessuna offerta risulti
conveniente o idonea in relazione all’oggetto del contratto;
r) In caso di esito non favorevole dei controlli sulle dichiarazioni rese ai sensi del D.P.R. n. 445/2000,
eseguiti sul soggetto provvisoriamente aggiudicatario, l’appalto verrà aggiudicato al concorrente che
segue in graduatoria;
s) La seduta di gara potrà essere sospesa ed aggiornata ad altra ora o giorno successivo;
t) A norma dell’art. 34, comma 35, del D.L. n.179/2012 (c.d. Decreto crescita) le spese per la
pubblicazione sono rimborsate alla Stazione appaltante dall’aggiudicatario entro il termine di
sessanta giorni dall’aggiudicazione; Inoltre sono a carico in quota parte tutte le altre spese come da
Q.T.E. di progetto approvato;
u) La documentazione di gara inviata rimane tutta acquisita agli atti e non è previsto alcun rimborso;
v) La Stazione si riserva il diritto di annullare la gara, di rinviare l’apertura delle offerte o di non
procedere all’aggiudicazione, in qualsiasi momento, senza che gli offerenti possano avanzare pretese
di qualsiasi genere e natura;
w) L’Ente Appaltante procederà ai sensi dell’art. 140 commi 1, 2 del D.Lgs.163/2006 per come
modificato dalla legge n. 106/2011, in caso di fallimento dell'esecutore o risoluzione del contratto;
x) Il contratto, a termini dell’art.11 comma 10 del D.lgs 163/2006, non potrà essere stipulato prima di
trentacinque giorni dall’invio dell’ultima delle comunicazioni del provvedimento di aggiudicazione
definitiva ai sensi dell’art. 79, fatto salvo quanto previsto al comma 10-bis del medesimo articolo di
legge. La stipula dovrà comunque avvenire, sensi dell’art.11 comma 9) del D.lgs 163/2006, entro 180
giorni decorrenti dalla data di efficacia dell’aggiudicazione definitiva e rimane subordinata all’esito
positivo delle procedure previste dalla normativa vigente in materia di lotta alla mafia ed alla
consegna del piano di sicurezza, ai sensi dell’art. 131 del D.Lgs n. 163/2006 e s.m.i;
y) Le richieste di chiarimenti o documenti da parte della Stazione appaltante sospendono i termini di cui
all'art. 12 comma 1 del D.lgs. n. 163/2006;
z) Sono a carico dell’impresa aggiudicataria le spese di contratto, comprese quelli di bollo, registro e
quelle propedeutiche, connesse e correlate alla stipula del contratto d’affidamento, nonchè dei
documenti e disegni di progetto con relative copie;
aa) Ove nei termini fissati, l’aggiudicatario non si presenti per la consegna dei lavori o per la stipula del
contratto, l’Ente Appaltante procederà a termini di legge all’applicazione delle relative sanzioni e
segnalazioni;
bb) La Stazione Appaltante comunicherà tutte le informazioni attinenti alla presente gara d’appalto,
esclusivamente sul sito istituzionale del Comune di Scalea www.comune.scalea.cs.it. Pertanto, le
imprese sono invitate a consultare il sito del Comune per ottenere tutte le notizie attinenti
all’appalto di cui trattasi (rinvio della seduta di gara, annullamento della gara, sospensione della
gara, comunicazione della nuova data di apertura della documentazione amministrativa, ect.);
Pag. 11/12
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
305 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content