close

Enter

Log in using OpenID

Centro storico e turismo Ecco la nostra ricetta

embedDownload
2014
Seguici tutti i giorni su www.corrieredellumbria.it
Economia
Il Cna detta il decalogo anti crisi
Iscrizioni
L’indirizzo sportivo “gonfia” i dati
Scatta l’allarme
a Santa Croce:
chiesa in pericolo
Meno tasse
e più aiuti
ai cittadini
Liceo primo
ma il Cassata
non ci sta
7
a pagina
3
Giovedì 10 aprile
La questione
Servono interventi urgenti
a pagina
a pagina
Supplemento gratuito al numero odierno del Corriere dell’Umbria - Tel. 075 91191 - Fax 075 4659140/1/2/3 - email: [email protected]
\ A tu per tu con i candidati
Idee e soluzioni di Palazzari, Stirati, Lupini, Gagliardi e Rughi tutti aspiranti alla poltrona di sindaco
Centro storico e turismo
Ecco la nostra ricetta...
8
\ Il progetto
Accordo di 4 anni, Bove coordinatore, entra Luca Pierotti
Nasce un unico settore giovanile
tra Atletico, Gubbio e Fontanelle
Cosa fatta l’accordo tra Gubbio e Atletico per
il settore giovanile e la creazione di un unico
organismo con il Fontanelle. L’accordo sarà
di 4 anni ad ampio raggio, non solo per la
gestione degli impianti sportivi. Bove è il gran
capo, Luca Pierotti nuovo direttore tecnico
dell’Atletico. Intervista a Filippo Barbetti.
A pagina 11
\ Cultura e spettacolo
Colpo grosso per la band eugubina che corona il suo sogno
Blu Jade in tour con l’icona
del rock Joe Lynn Turner
I Blue Jade dal 13 aprile saranno in tour con
Joe Lynn Turner, celebre cantante americano
dei Deep Purple. La band eugubina ha coronato il suo sogno, un tour che è anche un
riconoscimento artistico di grande prestigio e
sul quale in pochi avrebbero scommesso,
ma che è diventato realtà.
Alle pagine 12 e 13
\ Sport
Nei prossimi anni rotazione per la massima carica
Tanti progetti, alcuni innovativi, altri meno. Pareri contrastanti sul futuro della
palestra di San Pietro, tutti d’accordo (ora) sulla delicata questione dei rifiuti
a pagina
Fioriti resta presidente
Barbetti diventa vice
4e5
Il Gubbio, ormai fuori dalla lotta play off, sta
organizzando il suo nuovo assetto societario.
Alla guida del club resterà Marco Fioriti, ma
tra i vicepresidenti c’è la new-entry rappresentata da Filippo Barbetti. Con lui Sauro Notari e Rodolfo Mencarelli. Vano il tentativo per
riportare nella dirigenza Giancarlo Brugnoni.
a pagina 22 e 23
2 Giovedì 10 aprile 2014
Tutto GUBBIO
PRIMO PIANO
Tutto GUBBIO
Il punto
Ballottaggio con l’incognita Grillo
Città divisa, decisiva la campagna
All’appuntamento manca soltanto Forza Italia. E se proprio vogliamo essere pignoli è
ancora incerto pure il futuro di Gubbio Partecipa, forza di opposizione nell’ultima legislatura. Entrambe le risposte arriveranno,
con ogni probabilità, quando andremo in
stampa. Ma nel secondo caso non sembra ci
sia molto da scoprire. Il movimento che tanto bene aveva fatto nei due anni di governo
Guerrini appare destinato ad abdicare da
lista civica ad associazione politica. Un vero
peccato, anche se comprendiamo le ragioni
(forte delusione per lo svanire della coalizione di tutte le liste civiche) di chi finora
aveva lavorato in consiglio comunale con
lungimiranza e intelligenza dando vita a
un’opposizione responsabile e seria, mai
preconcetta e populista. Quanto aForza Italia, a oggi, mancano solo gli Azzurri nella
lista dei candidati a sindaco. Nelle ultime
ore il nome di Giovanni Rossetti appare in
calo e non si esclude una possibile convergenza su Renzo Menichetti o Luigi Girlanda, capogruppo uscente e consigliere più
votato nel 22-23 maggio 2011. Ma all’interno del partito c’è anche chi vorrebbe il centro destra unito (compreso Fratelli d’Italia)
nel nome di Gagliardi (ipotesi comunque
difficile). Per il resto che dire se non la grande incertezza che regna nel panorama politico cittadino. Tutti vorrebbero sapere chi andrà al ballottaggio. Eh sì perché finirà così,
checché ne possa pensare qualcuno. E molto dipenderà dalla reale forza dei grillini
eugubini, oggi per tutti difficile da valutare
con precisione. La sensazione è comunque
una: in città voti divisi, la campagna potrebbe essere l’ago della bilancia. Quanto ai programmi, molti improvvisamente sono diventati simili per non dire uguali (vedi vicenda rifiuti), altri sono portatori di buoni
propositi ma non indicano le vie economiche per il raggiungimento dei fini. Che, badate bene, non deve giustificare i mezzi. La
città stanca della politica si è affidata alle
liste civiche. In segno di protesta e desiderosa di candidati super partes...
3
y La questione
Crepe e lesioni minacciano la chiesa. La Confraternita in prima linea per salvare l’edificio
Ora è allarme a Santa Croce
Si rischia la chiusura totale
Anna Maria Minelli
di Luca Mercadini
y
Giovedì 10 aprile 2014
Un intervento che non può essere più rimandato, perché il
rischio che si corre è quello
di non poter più accedere a
uno degli edifici religiosi di
maggior pregio del territorio,
luogo di preghiera e simbolo
della devozione locale. Che
nella chiesa di Santa Croce
della foce fosse necessario
un lavoro di consolidamento
è noto già da anni, nel 2009
fu presentato un primo progetto. Un milione e mezzo di
euro, questa la cifra ora necessaria, per un intervento
sia strutturale che architettonico sull’edificio religioso, risalente al XIII secolo e sede
della Confraternita di Santa
Croce della foce custode della tradizione secolare della
processione del Cristo morto
del venerdì santo. Crepe
enormi e lesioni evidenti interessano la parte retrostante
della chiesa, quella sotto la sacrestia. La situazione è emersa in tutta la sua gravità tre
anni fa, quando la zona della
cripta è stata ripulita ed è stato spostato in un altro luogo
sacro l’ossario. Sono emerse
in tutta la loro evidenza le crepe, una situazione resa ancor
più critica di recente a causa
delle scosse di terremoto che
si sono susseguite in questi
mesi e che ha portato alla decisione, come ci ha spiegato
il priore laico della Confraternita Giuseppe Filippetti di interdire tutto lo spazio dell’abside e della sagrestia. Questo
comporterà che il “bacio del
Cristo morto” di venerdì e sabato santi sarà come sempre
nella chiesa, ma nella navata
principale senza salire quindi i gradini. Allo stesso modo, la vestizione dei “Sacconi” per la processione non potrà tenersi nella chiesa. La
processione partirà comunque da Santa Croce, nulla è
cambiato in questo senso,
ma sarà il rientro a seguire un
x
Una situazione
nota da anni
e che si è
aggravata
negli ultimi mesi
a causa dello
sciame sismico
L’area a rischio
è quella sotto
la sacrestia
percorso diverso, terminando infatti nella chiesa di San
Domenico, le statue del Cristo e della Madonna saranno
riportate a Santa Croce in forma privata. Non si parla di rischi di crollo, ma se non si
y
interviene in tempi rapidi la
situazione attuale potrebbe
anche peggiorare privando
gli eugubini della possibilità
di accedere a tutta l’area della
chiesa, con il rischio che il
luogo sacro sia chiuso al cul-
to. La Confraternita ha già intrapreso l’iter affinché la chiesa sia ristrutturata, come conferma Filippetti. L’auspicio
da parte di chi frequenta la
struttura è che gli interventi
partano al più presto.
Venerdì santo
La variazione riguarda solo il tratto di strada in via Perugina
La processione cambia percorso
e passa dal Mausoleo dei 40 martiri
Le lesioni nella chiesa non comportano
cambiamenti per i riti del venerdì santo.
L’unzione delle ferite del Cristo con l’iperico, la tradizione del bacio saranno spostati solo di pochi metri nella navata centrale e la processione partirà sempre da
Santa Croce della foce. Il cambiamento
sarà effettuato sul rientro che avverrà a
San Domenico, le statue del Cristo e della Madonna saranno riportate a Santa
Croce in forma privata. Una novità riguarda invece il percorso in via Perugina: su
richiesta del vescovo Mario Ceccobelli la
processione non tornerà indietro in quel
tratto, modalità che comportava confusione, ma proseguirà attraverso viale
Don Minzoni e via del Mausoleo, passando vicina al Mausoleo dei Quaranta Martiri. Una scelta, che anche se nasce da un’esigenza di maggiore ordine nel percorso,
è stata molto apprezzata dalle Famiglie
dei Quaranta martiri che sottolineano appunto come in questo modo la processione passerà vicina al Mausoleo, caro agli
eugubini e alla chiesa della Madonna del
Prato. Trovano di contro davvero poca
linfa le polemiche sulla variazione, che
risponde a pieno al significato della processione, percorso religioso, non sfilata,
che tocca da sempre luoghi sacri e legati
alla presenza delle Confraternite.
[email protected]
4 Giovedì 10 aprile 2014
LA CITTA' CHE VERRA'
Tutto GUBBIO
y A tu per tu con i candidati
Quanti progetti per il rilancio del centro storico. Ma c’è anche chi pensa a sgravi per gli artigiani e chi vuole riportarvi gli studi medici
Dalla Bottega delle botteghe
al Festival della città ideale
Luca Mercadini
Il problema del centro storico e la questione rifiuti nelle idee e nei progetti dei candidati alla poltrona di sindaco
Il PROBLEMA DEL CENTRO STORICO
Filippo Stirati Primo atto cruciale è il recepimento da parte del nostro Comune della
legge regionale 12/2008 (Norme per i centri storici). Il nostro tessuto medievale va
curato nei dettagli. Il traffico non deve depotenziare le attività commerciali, va gestito con regole certe, con provvedimenti stagionali e calendarizzati, con ulteriori soluzioni tecnologiche (installazione, nei parcheggi in prossimità del centro storico, di
colonnine di approvvigionamento elettrico
per autoveicoli, scooter e bici elettriche; impiego di una navetta ad alimentazione ibrida che ridimensioni l'utilizzo del mezzo privato). pensiamo anche nel centro storico a
una "Bottega delle botteghe" che illustri pla- 40 Martiri va ripensata e non può continuasticamente, anche attraverso pratiche labo- re ad essere un banale parcheggio con una
ratoriali, l'eccellenza del nostro artigianato sola via di scorrimento. L'idea è anche quelartistico; l'istituzione dell' "Università delle la di fare di Gubbio ed in particolare del
arti e dei mestieri" (scalpellini, fabbri, fale- centro storico una "cittadella del sapere" anche in ragione della sua
gnami, calzolai, sarti); riUn occhio
antica vocazione culturatorno della Lumsa nell'ex
le. In questo quadro ocseminario; realizzazione
su piazza 40
corre recuperare il progetdi uno spazio, magari nelMartiri
to LUMSA che prevedeva
la Centro Servizi, destinae per la Lumsa
l'insediamento in città di
to a supportare la nascita
nuovi corsi di laurea, l'attidi imprese di giovani nel
settore dell'artigianato, del turismo, dell' vazione di master internazionali in collaborazione con le più importanti Università del
agroalimentare.
Ennio Palazzari Puntiamo, intanto, sul ri- mondo ed il progetto di un Festival della
lancio di Parco Ranghiasci. Il centro storico città ideale che dovrebbe coinvolgere persodeve essere un luogo bello da vivere. Piazza naggi importanti del mondo della cultura e
y
dell'imprenditoria.
Rodolfo Rughi La rivitalizzazione del centro storico passa per un rilancio del turismo
e per il completamento delle infrastrutture
di parcheggio e di collegamento tra dentro
e fuori le mura. Riporteremo le sedi di diversi medici, apriremo un incubatore di impresa nel centro, favoriremo tutti coloro che
hanno progetti di reinsediamento di attività
produttive. Gubbio tornerà la città del "sì,
facciamolo!".
Pavilio Lupini Qualsiasi progetto per il
centro storico deve prevedere il potenziamento delle possibili funzioni: residenza,
commercio, servizi, offerta turistica e culturale. Esso deve partire da un intervento di
rifunzionalizzazione di piazza 40 martiri,
elemento baricentrico da cui dipende la
riorganizzazione del centro della città, a partire dalla mobilità veicolare e pedonale di
residenti, non residenti e visitatori. In questo quadro risulta centrale il tema dell'uso
dell'ex ospedale: oltre ai esrvizi pubblici
(presidio sanitario, studi medici, farmacia,
uffici comunali) sono necessari investimenti privati a supporto e completamento dell'
offerta complessiva del centro, anche quella commerciale.
Francesco Gagliardi E' necessario "reimpiantare" nel centro storico le botteghe artigiane per rilanciare le arti ed i mestieri, che
rappresentano la tradizione e parte della
ricchezza storica della città. L'amministrazione pubblica dovrà incentivare l'imple-
LA CITTA' CHE VERRA'
Tutto GUBBIO
y
Giovedì 10 aprile 2014
5
La questione del Puc 1
Ma c’è anche chi pensa al coinvolgimento del quartiere e chi vuole un’inchiesta
Completiamolo, no “riduciamolo”
Per altri serve un nuovo progetto
x
I candidati a sindaco per le elezioni amministrative
Filippo Stirati, Ennio Palazzari, Rodolfo Rughi,
Pavilio Lupini e Francesco Gagliardi
rispondono alle domande sui progetti per la città
mentazione di queste attività, mediante ro con quanta convinzione lo facciano. Noi
sgravi fiscali di competenza comunale ed il diciamo a Perugia le stesse cose che afferreperimento di risorse pubbliche extraco- miamo a Gubbio, a diffrenza di tutti gli altri!
munali, destinate al rilancio dell'artigianato Francesco Gagliardi Diciamo no ad un
di qualità. Passando per il potenziamento provvedimento regionale che imponga l'utilizzo del CSS nei cemendell'offerta forSistemare Parco
tifici. Rodolfo Rughi
mativa, a cui
Da noi né si brucia, né
Gubbio non può
Ranghiasci, mentre sui
si dovranno usare i rifiuassolutamente ririfiuti ora sono tutti
ti per produrre combununciare
d’accordo: non si brucia
stibile da bruciare. EnLa QUESTIONE
nio Palazzari I rifiuti
RIFIUTI
Pavilio Lupini Il no all'incenerimento è de- nella nostra città non verranno bruciati. Ficiso e categorico; è il motivo principale per lippo Stirati Incrementiamo la raccolta difil quale ci presentiamo come coalizione au- ferenziata e non all’incenerimento senza
tonoma, visto che gli altri si stanno ora acco- ambiguità, giri di parole, brusche inversiodando sulle nostre posizioni ma non è chia- ni di marcia!
y
La questione della palestra di San Pietro e la sua risoluzione. Ecco cosa ne
pensano i candidati a sindaco
Pavilio Lupini
La priorità rimane la conclusione di
un’opera rimasta purtroppo incompiuta, progettata per dare risposte al
problema dei parcheggi e box auto al
servizio del centro e della sede comunale di San Pietro. I problemi economici dell'impresa e l'immobilismo di
questi ultimi tre anno ci consegnono
una presenza architettonica inquietante. L'emergenza assoluta è ora di rivedere ma soprattutto di completare il
parcheggio nel più breve tempo.
Francesco Gagliardi
L'opera dovrà essere "rivisitata" con
un intervento immediato che elimini
l'impatto ambientale devastante. Dove non fosse possibile la rimessa in
pristino dei luoghi, quantomeno dovrà essere ridotta l'opera sul fronte
della strada.
Rodolfo Rughi
Qualcosa non è andato per il verso
giusto: lo scopriremo usando l'articolo 40 dello Statuto Comunale con una
commissione di inchiesta. Un concetto è chiaro: è inguardabile, brutto, orribile. Il parcheggio (ormai praticamente concluso) va mantenuto, cercheremo di eliminare la parte fuori terra, completare il "tetto giardino" e spostare sul primo piano interrato una
parte commerciale.
Ennio Palazzari
Il rischio è di far cadere il comune in
un ammanco di bilancio incolmabile
in quanto il non rispetto della convenzione stipulata con la Regione a garanzia dei Fondi Comunitari ottenuti per
y
L’opera incompiuta del parcheggio di San Pietro
la sua realizzazione, potrebbe comportare la restituzione di circa
3.500.000,00 alla stessa UE. Serve
quindi intervenire e con un nuovo progetto che permetta di superare un
drammatico impatto e con il sacrificio
in parte di quanto costruito, creando
inoltre una comunicazione fondamentale tra la stessa strada e l'area verde.
Filippo Stirati
Va completata l'opera finalizzata a un
importante parcheggio a ridosso del
centro e a una ulteriore facilitazione
di accesso, per eliminare la grave ferita prodotta dall'ultimo piano della
struttura e per definire una appropriata sistemazione di tutto il contesto recependo anche i suggerimenti e le sollecitazioni del Comitato di Quartiere.
6 Giovedì 10 aprile 2014
ZOOM
Tutto GUBBIO
x
Parola d’ordine rilancio del turismo in città
Tante idee e progetti, a cominciare da quello legato alle
Tavole Eugubine, ma chi vincerà dovrà metterli in pratica
Luca Mercadini
L’annosa questione del rilancio del turismo a Gubbio nel
pensiero dei candidati a sindaco.
Filippo Stirati
Va ripristinata una solida governance fondata su di un
patto tra parte pubblica e privata, ricreando una rete ed
un sistema in cui gli operatori del settore siano protagonisti. Questi i filoni fondamentali: storico-artistico e
Determinante
architettonico-monumentala sinergia
le, museale, religioso (S.
pubblico-privato
Ubaldo e S. Francesco),
folklorico, quello delle mani in- y Parlano i candidati sindaco
telligenti dell'artigianato, quello Tutte le proposte per il rilancio del turismo: più investimenti nel settore tagliando inutili spese comunali
sportivo e convegnistico, paesaggistico e ambientale, quello dell'
agricoltura di
qualità e del prodotto
tipico,
l'eno-gastronomico. I pacchetti turistici integrati e diversificati possono esNon basta il web, serve altro. Vanno riscoperte le nostre crescere i flussi, ma soprattutto le permanenze.
sere molteplici e distribuiti
radici, dai Montefeltro a Sant’Ubaldo per risolvere
Rodolfo Rughi
razionalmente nel corso dell'
l’eterno problema della scarsa permanenza in città
Sarà necessario ricreare un
anno con il sostegno fondasoggetto di coordinamento
mentale dei grandi eventi turistico-culturali
(Gubbio Non basta il web. C’è ad maggior raccordo tra gli ope- ciò che Gubbio ha da offrire tra gli investimenti pubblici
Summer Festival, No Bor- esempio da migliorare la ma- ratori del settore locali, in dal punto di vista storico-ar- e privati. Il comune dovrà
ders, Teatro romano, Bien- nutenzione della viabilità in- modo da offrire un'offerta re- tistico, paesaggistico, cultu- raddoppiare gli investimennale da rilanciare, etc.). Sul- tercomunale per valorizzare cettiva quanto più possibile rale e gastronomico. Vanno ti sul turismo, mediante tagli
la civiltà degli Umbri e sulle le attività turistico-naturali- integrata, che coinvolga an- realizzati eventi, manifesta- di bilancio, per creare un
Tavole Eugubine è possibile stiche presenti sul territorio che il settore dell'artigianato zioni e occasioni d'incontro progetto turistico integrato
sviluppare una efficacissi- anche attraverso accordi e quello della ristorazione. che siano l'occasione per vi- in cui promuovere territocon gli altri comuni della fa- Servono pacchetti integrati sitare Gubbio. Tutto ciò con rio, percorsi, marketing e coma promozione.
scia appenninica. Serve un che tengano conto di tutto l'obiettivo non solo e ad ac- municazione. ImportantissiEnnio Palazzari
y
Dalle Tavole Eugubine al Bottaccione
senza dimenticare San Francesco...
y
me saranno le relazioni con
i comuni vicini (Assis, Urbino, Perugia) e l'internazionalizzazione della nostra offerta su un portale internet dal
quale poter "navigare" e prenotare tutte le risorse del territorio.
Francesco Gagliardi
Tre direttrici principali: valorizzazione dei percorsi scientifici legati alla Gola del Bottaccione, sulla scorta del successo della Mostra sui dinosauri; riscoperta delle radici
storico-culturali del Ducato
del Montefeltro, "immerso"
nell'affascinante Quattrocento; percorso religioso e
spirituale sulle orme di San
Francesco. Il punto di partenza di tutto è la realizzazione di una rete di collaborazione con gli altri enti locali
regionali e sovraregionali,
perché il turismo non può
essere affrontato con una gestione "domestica", così
com'è accaduto.
Pavilio Lupini
Dobbiamo far sì che il nostro turismo diventi "emozionale" e dunque stabile ed in
grado di autoalimentarsi;
per questo occorre puntare
sulle specificità eugubine
che oltre al centro storico,
folklore ambiente e paesaggio secondo noi sono anche
"i luoghi ed i percorsi francescani" , il museo scientificodidattico legato alla gola del
Bottaccione. Più in generale
è indispensabile costruire
percorsi dedicati concordati
con gli operatori del settore
cultur, ceramica, enogastronomia del territorio.
ATTUALITA'
Tutto GUBBIO
Giovedì 10 aprile 2014
x
L’associazione
ha organizzato
un incontro
per fare il punto
della situazione
insieme
agli imprenditori
del territorio
e per presentare
le sue proposte
y
7
L’iniziativa
In prima fila Rotary e Marcella Marcelli
Ella Armostrong e gli Angels
per l’ospedale di Turalei
x
Il concerto
benefico
si terrà
sabato 12
nella chiesa
di San
Domenico
alle ore 21
y La questione
La Cna presenta un pacchetto di misure anti-crisi ai candidati a sindaco
Detrazioni per i più deboli e
aliquote differenziate per le
attività produttive. Sono alcune delle proposte emerse
dall’incontro
organizzato
dalla Cna per fare il punto
su tassazione e sviluppo del
nel territorio. Il quadro dipinto dall’associazione, dati
alla mano, e tutt’altro che
confortante. Se ne è parlato
in un dibattito organizzato
dalla Cna al quale sono intervenuti oltre 100 partecipanti, circa 70 tra artigiani e piccole medie imprese del territorio. Sono stati il portavoce
della consulta territoriale di
Gubbio Stefano Pierotti e il
rappresentante della Cna
Umbria Fabiano Coletti a illustrare lo studio dell’andamento dei bilanci previsionali del comune eugubino
dal 2009 al 2013 (disponibile on line sul sito www.
cnaumbria.it), dai quali
emergono “un aumento vertiginoso della tassazione locale, l’aumento della spesa
corrente e la forte riduzione
degli investimenti pubblici”.
In sostanza, hanno sottolineato, a risentire in particolar
modo dell’incremento della
tassazione sono state le imprese, a causa delle aliquote
Imu (10,6) e Tares “fissate
dal Comune ai massimi livelli sui capannoni e gli immobili a destinazione produttiva/commerciale, assimilati
a beni di lusso mentre in realtà sono luoghi in cui si
crea occupazione e reddito”.
Meno tasse alle imprese
e aiuti alle fasce deboli
anche l’abbassamento
y Chiesto
delle aliquote applicate al massimo
e più investimenti pubblici
Non si può inoltre escludere
affermano dalla Cna che nel
2014 possa arrivare una nuova stangata e questo a causa
dell’introduzione della Tasi
e della possibilità di aumentare ulteriormente le aliquote. Tra le altre questioni sul
piatto anche la doppia tassazione per le imprese a causa
della gestione dei rifiuti:
“non è logico nè corretto il
fatto che le imprese debbano smaltire a proprie spese i
rifiuti speciali prodotti e debbano allo stesso tempo ‘ripagare’ il servizio di smaltimento pubblico di cui non
possono usufruire per legge”. L’associazione chiede
quindi una sterzata al Comune, ricordando che mediamente le imprese garantiscono il 60% delle entrate.
Le richieste
Proprio dall’incontro sono
quindi partite una serie di
proposte che nei prossimi
giorni saranno presentate ai
candidati a sindaco, una sorta di vademecum attraverso
il quale ridare fiato al tessuto produttivo.
In primis sono stati chiesti
interventi concreti che non
“spremano” ulteriormente
chi crea lavoro, partendo
quindi da modifiche sulla
tassazione. Tasi: si chiede di
“differenziare le aliquote applicate ai capannoni industriali e ai laboratori artigianali da quelle previste per le
seconde (o terze, quarte
etc…) case e applicare ai capannoni industriali e ai laboratori artigianali l’aliquota
minima dell’8,6 per mille. Tares: “distribuire i costi relativi allo smaltimento dei rifiuti al 50% tra utenze domestiche e non domestiche Escludere dalla base imponibile
le superfici dei capannoni industriali e dei laboratori artigianali dove si svolgono le
lavorazioni e si producono
rifiuti speciali, i cui costi ven-
gono sostenuti a parte dalle
imprese.Introdurre
premialità per le utenze non
domestiche che avviano a recupero parte dei rifiuti prodotti. Eliminare le inefficienze nei servizi di smaltimento. Irpef: “Reintrodurre le detrazioni Irpef per le fasce
più deboli (come gli anziani). Applicare le detrazioni a
tutte le categorie produttrici
di redditi (compresi i lavoratori autonomi). Non compensare le detrazioni Irpef
con aumenti delle imposte
sui capannoni industriali e i
laboratori artigianali”.
Non sono mancate proposte
anche sul rilancio dell’economia del territorio, partendo dal turismo con la possibilità di dare vita a sistemi
turistici integrati, passando
per l’edilizia con l’affidamento di appalti. Necessaria secondo i presenti anche una
maggiore efficenza della
macchina amministrativa.
Tutte istanze alle quali i candidati a sindaco saranno
chiamati a dare risposte nei
prossimi giorni.
altro servizio a pagina 18
Sabato 12 aprile alle 21 appuntamento nella chiesa
di San Domenico con il suggestivo concerto Gospel
della cantante Ella Armstrong - Tour 2014. Apriranno il concerto i giovani eugubini di "Angels Gospel
Coro", diretto da Giovanni Bartolini. Musica, spettacolo e solidarietà dunque saranno protagonisti per
ricordarci sia quelle forme di schiavitù che ancora
esistono in Africa e che vedono vittime soprattutto i
bambini, sia il nostro comune impegno per l'ospedale di Turalei, ormai entrato nel cuore degli eugubini. La struttura rappresenta sicuramente uno dei
più importanti presidi sanitari in Sud Sudan. "La
schiavitù in Africa è il punto di partenza del gospel
e di tutti gli stili che ne derivano - spiega Ella Armstrong - e il gospel è anche il punto di partenza
dello spettacolo, che a mano a mano si apre a celebri sonorità blues, jazz e latine".
Le composizioni sono state arrangiate dal maestro
Fabio Vannini. Il concerto, promosso dall'associazione "Arte, Cultura e Dintorni”, nata di recente con
l'intento di favorire sia iniziative che creino opportunità di incontro, di sviluppo e di lavoro per i giovani sia grandi eventi che diano visibilità alla stessa
città di Gubbio, è stato organizzato insieme e con il
sostegno del Rotary Club eugubino che, da sempre, pone grande attenzione alle necessità del territorio e ai giovani e, fin dall'inizio, sostiene la funzionalità operativa dell'ospedale Sant’Ubaldo a Turalei. Il nosocomio è stato realizzato oltre che con il
concreto contributo di molti eugubini, anche grazie all’impegno in prima linea di Marcella Marcelli,
personaggio molto conosciuto in città. Fondamentale la collaborazione dell'associazione “Amici della Musica L.Salvati”.
Le forti tinte dell'evento hanno trovato l'entusiastica adesione dell'amministrazione comunale e della
curia cittadina; hanno contribuito inoltre alla realizzazione dell’iniziativa l'Università dei Muratori e
Scalpellini, l’associazione Maggio Eugubino, le Famiglie ceraiole, Sirci, Autotrasporti Cappannelli
Fernando, Autotrasporti Umberto Menichetti, F.lli
Mori Autotrasporti, G.P.Autotrasporti, F.lli Ragni
Autotrasporti, Ma.Pi.Trasporti, Eurocomm 2002.
“Uniamoci in questo coro comune - si conclude la
nota del Rotary - e ancora molte vite saranno salve
grazie alla nostra città”.
8 Giovedì 10 aprile 2014
CRONACHE
Tutto GUBBIO
y Scuola
Boom al Mazzatinti trascinato dall’indirizzo Sportivo. Nadery, dirigente del Cassata, polemico: “Solo spettacolarizzazione, un titolo che non dà sbocchi professionali”
Iscrizioni, Liceo primo ma l’Its non ci sta
Benedetta Pierotti
Chiuse anche per l'anno scolastico 2014/2015 le iscrizioni. Molte sono le matricole
che a settembre varcheranno la soglia degli Istituti superiori eugubini. La prima
campanella suonerà per
340 studenti (conteggiati al
momento), suddivisi nei 14
indirizzi di studio attivi nel
territorio eugubino.
E se l'Istituto "Mazzatinti"
(ex liceo) conta oggi il maggior numero di iscrizioni,
con 176 unità in ingresso,
regge altrettanto bene l'Istituto tecnico sperimentale
"Cassata" che si ferma però,
a quota 132 iscritti. Un vero
e proprio boom è stato registrato al liceo Scientifico, come non si contava più forse
dall'anno dell'attivazione,
forte anche della nuova sottosezione, attivata per l'anno scolastico 2014/2015
per la prima volta, del liceo
Sportivo, che è riuscita a catalizzare l'attenzione di molti giovani sia di Gubbio che
di città limitrofe. Le novità
sono sempre motori ed attrazioni capaci di catalizzare l'attenzione dei giovani.
Saranno sette le classi operative al "Mazzatinti" spartite tra le sezioni: una per l'indirizzo Scienze umane, tre
per lo Scientifico, due per il
Classico, una per l'Artistico,
e una (la sola permessa per
legge) per la new entry dello Sportivo. "Siamo contenti
per i numeri in entrata commenta la dirigente scolastica, Mariella Marinangeli - sintomo che il nostro Istituto ha saputo lavorare bene ed attirare attenzione sui
progetti realizzati in questi
mesi. Ci sono ben 46 iscritti
in più rispetto allo scorso
anno. Sette le classi attivate,
nessun problema di spazi.
Siamo pienamente entusiasti e speranzosi. Le aule a
disposizione, sia qui (piazzale Leopardi) che nella sede distaccata di via dell'Arboreto, sono confortevoli e
capienti. C'è da parte di tut-
!
"#$ !"#%&&
ti grande euforia, orgoglio e
soddisfazione per la positiva risposta da parte della comunità eugubina e dei comuni limitrofi, frutto dell'
impegno di tutti. Siamo stati aiutati - prosegue Marinangeli - da un trend nazionale che vede riscoprire
l'istruzione liceale, in particolare l'indirizzo Sportivo
ha fatto da traino, vera novità nel panorama scolastico
eugubino, ancora orfano
dell'indirizzo Alberghiero".
Scienze umane registra in
ingresso 23 ragazze, lo
Scientifico conta 61 unità,
tra ragazzi (32) e ragazze
(29). Sportivo e Classico se
la giocano alla pari: il primo
conta 33 iscritti (di cui 26
maschi, 7 ragazze), mentre
il secondo 37, di cui però,
in controtendenza, 27 ragazze. Quest'anno, dopo diverso tempo anche l'indirizzo
Artistico conta oltre 20 unità, 22 gli iscritti (11 ragazzi
e 11 ragazze). Gli stranieri
iscritti al "Mazzatinti" sono
in totale 7. Situazione più
variegata al "Cassata" diretto da David Nadery. L'Istituto tecnico conta 7 indirizzi.
"I due indirizzi che hanno
avuto maggiore appel, come sempre, sulla giovane
popolazione eugubina, sono stati Chimica e microbiologia e Agraria" commenta
Nadery.
Gli iscritti a Chimica sono
39 e 20 quelli di Agraria. Sono 15 gli alunni sia per Costruzioni che per Elettronico. Si ferma a quota 19 invece uno degli indirizzi che fino a qualche anno fa andava per la maggiore, Informatica e comunicazioni. Solo
17 i ragazzi che andranno a
y
formare la classe di Meccanica e meccatronica. Paradossalmente, data la vocazione turistica di Gubbio,
l'indirizzo Turistico conta
meno di una decina di iscritti, solo 7. "Questo perché,
crediamo, il nuovo indirizzo del liceo, lo Sportivo, abbia attirato l'attenzione di
molta parte della popolazione scolastica che ha scelto il
liceo solo per poter frequentare tale indirizzo. Se non ci
fosse stata una simile opportunità crediamo bene che
tutti quei giovani si sarebbero invece orientati verso
l'Its, come sempre. È anche
da considerare la tipologia
di diploma che lo Sportivo,
affiliato al liceo, rilascia, un
titolo invero privo di sbocchi professionali immediati. Scelto più forse per la
spettacolarizzazione con
cui è stato presentato che
per reali interessi ed opportunità lavorative. È anche
vero che quest'anno i giovani in uscita dalle medie sono meno, per cui non ci
L’associazione
Annalisa Volpotti alla presidenza, tante le iniziative in programma
Il nuovo direttivo di Gubbio fa Centro
Si è messo già al lavoro per rendere il
centro storico eugubino sempre più
più frizzante. Si è rinnovato da pochi
giorn il consiglio direttivo di Gubbio
fa Centro, che è ora composto da Ivo
Lucci, Mauro Frenguellotti (vicepresidente), Elisabetta Bedini (segretaria),
Claudia Monacelli (tesoriere), Chiara
Minelli, Maurizi Dottori, Andrea Baffoni, Claudio Sannipoli. L’organismo
si è messo infatti già al lavoro, insie-
me alla neo presidente Annalisa Volpotti e sta programmando diverse iniziative a favore degli operatori del
centro storico. A breve saranno inoltre annunciati anche i primi progetti
che hanno come sempre, nello spirito
dell’associazione, come scopo primario, la rivitalizzazione del centro storico per rendere sempre più movimentata l’accoglienza per i cittadini e i turisti.
aspettavamo
comunque
grandi numeri. Comunque
dobbiamo considerare il dato reale, ed è che il "Mazzatinti" ha qualche decina di
iscrizioni in più rispetto al
"Cassata", cosa raramente
accaduta, ma nostri indirizzi reggono bene. Siamo soddisfatti del lavoro fatto, del
percorso intrapreso e di tutto l'impegno speso. In particolare dei numeri dell'Agrario, che sta diventando un
fiore all'occhiello per questa scuola, con i numerosi
progetti e collaborazioni intessuti sul territorio. Quest'
anno sono stato ancora dirigente anche dell'istituto
commerciale-professionale
"Gattapone", c'è stata una
buona risposta anche lì".
Anche i due orientamenti
che fanno capo al "Gattapone" hanno registrato per il
2014/2015 una buona tenuta. Sono ben 33 i ragazzi in
ingresso. Il biennio sarà comune, in terzo sceglieranno la specializzazione. Anche il professionalizzante,
dal 1995 accorpato al commerciale, sta reggendo: 22
iscritti ad Elettrici e 15 per
l'indirizzo Moda.
ATTUALITA'
Tutto GUBBIO
y
Il progetto
Giovedì 10 aprile 2014
9
y La questione
Proteste anche per le buche. Minelli (Gubbio rinasce): “Marciapiede in mezzo e querce da abbattere”
Strada stretta e senza luce
Via dell’Arboreto nel caos
Roberto Minelli
L’iniziativa di “Fiorisce la musica classica”
Giovani cantanti “live”
Applausi a scena aperta
Applausi a scena aperta per il concerto dal vivo
tenutosi all’interno del progetto “Fiorisce la musica
classica” segno che l’iniziativa è ormai entrata a far
parte del bagaglio culturale. Il progetto, nato da
una collaborazione tra l’Its “Maria Letizia Cassata”
e la scuola comunale di musica, è rivolto a tutta la
popolazione, anche a coloro che per la prima volta
si avvicinano alla musica lirica e classica. Il quinto
incontro ha avuto come cornice il refettorio di San
Pietro, si è svolto in forma di concerto dal vivo con
giovani studenti cantanti lirici eugubini con
accompagnamento al pianoforte. Ad esibirsi il
soprano Valeria Fratini del conservatorio di
Perugia, il soprano Sara Saldi, il tenore Giorgio
Piccotti e il tenore Loris Righi del conservatorio di
Perugia, accompagnati al pianoforte da Annabella
Barbetti docente di musica alla scuola comunale di
musica di Gubbio. Il programma di sala prevedeva
brani di tipo operistico tratti da opere famose:
“Don Giovanni” di Mozart, “La Traviata” di Verdi,
“La figlia del reggimento” di Donizetti, “La gazza
ladra” e “Il barbiere di Siviglia” di Rossini, “L’elisir
d’amore” di Donizetti, ma anche classici della
canzone napoletana e romanze da salotto. Scopo
del concerto dal vivo era quello di far conoscere e
valorizzare giovani eugubini studenti di canto
lirico che con passione e sacrificio affrontano gli
studi musicali. L’esecuzione dei vari brani è stata
preceduta da un breve commento del docente di
canto e soprano Sabrina Sannipoli e del professor
Lucio Vinciotti secondo una prassi seguita in tutti
gli altri incontri del progetto. Il folto pubblico
presente in sala ha mostrato tutto il suo calore ai
giovani cantanti ed ha apprezzato il buon livello di
esecuzione dei brani proposti. Il sesto incontro di
“Fiorisce la musica classica” si terrà venerdì 11
aprile alle 17 all’aula magna dell’Its “Cassata” con
la visione da Dvd dell’opera “Lucia di
Lammermoor” di Gaetano Donizetti.
[email protected]
Abbattimento delle 5 querce
ai lati della via, realizzazione
di un marciapiede in mezzo
alla carreggiata con panchine e piante, nuovo impianto
di illuminazione e doppio
senso di circolazione con
transito consentito al fianco
dello stesso marciapiede.
Questo il progetto che Adamo Minelli, esponente della
lista congressuale "Gubbio rinasce" interna al Pd, avrebbe
in mente per il totale rinnovo
di via dell'Arboreto, da tempo oggetto delle (poche) preoccupazioni delle istituzioni
competenti e dei (parecchi)
timori dei cittadini. Da tempo infatti non mancano le
proteste per la carreggiata
stretta, con le macchine che
faticano non poco a transitare contemporaneamente. Un
problema che si è reso ancor
più pesante dopo la realizzazione del supermercato "Eurospin". In molti avevano segnalato la pericolosità del
tratto, ben prima dell'incidente avvenuto lo scorso 21
marzo, le cui cause sono riconducibili proprio alla ristrettezza della strada e dall'
illuminazione inadeguata. A
essere coinvolti un'automobile e un ciclomotore, con il
giovane conducente di quest'
ultimo costretto al ricovero
in ospedale.
Insomma, la discussione è
appena iniziata, anche perché la situazione nel medio
periodo sembra destinata a
peggiorare, con la costruzione nelle vicinanze della nuova caserma dei vigili del fuoco. L'immagine grottesca di
un mezzo dei pompieri imbottigliato nel traffico tra residenti della zona e clienti del
supermercato non sarebbe
così impossibile da vedere se
le condizioni rimanessero invariate. Le lamentele infatti
non riguardano soltanto la ristrettezza della carreggiata,
x
Un’immagine di
via dell’Arboreto:
proteste per le
condizioni del
manto stradale,
l’assenza di
illuminazione e la
ristrettezza della
carreggiata
ma anche la mancanza di un
impianto di illuminazione
adeguato e il manto stradale
pessimo, caratterizzato da
buche di grosse dimensioni.
La riqualificazione è ora inevitabilmente rinviata alla
giunta che si insedierà dopo
le elezioni di maggio. La siste-
y
mazione dei manti stradali
da tempo è vista come "ordinaria amministrazione insignificante", tanto che l'ultimo sindaco Guerrini era abituato a dire: "Non mi interessa se ci sono più buche, io
lavoro per lo sviluppo della
città". Sviluppo che non si è
nemmeno intravisto. Basta
grandi opere, almeno per il
momento. Strade decenti e
transitabili senza correre rischi per le proprie auto sarebbero già un buon viatico per
far sì che gli eugubini tornino quanto meno a non detestare la politica.
L’associazione
Il percorso di apprendimento è durato 2 anni tra teoria e degustazioni
La delegazione Ais ha nominato
ventitrè nuovi esperti sommelier
Sono stati nominati nuovi sommelier
dalla delegazione Ais di Gubbio.Dopo
oltre due anni di approfondimento di
temi enogastronomici, tra impegnative
lezioni teoriche e degustazioni, hanno
concluso il percorso didattico, ricevendo il prestigioso attestato. Sono 23 i
nuovi sommelier provenienti non solo
da Gubbio, ma anche dai Comuni limitrofi e addirittura dalle Marche. I nuovi
ambasciatori del vino, formatisi nella
Delegazione di Gubbio dell’Associazione Italiana Sommelier Umbria sono:
Giuseppe Agostinelli, Daniela Baldelli, Claudio Baldinelli, Angelo Barbetti,
Riccardo Bertinelli, Alessandro Buschi, Sergio Ceccarelli, Loris Fiorani,
Riccardo Girelli, Stefano Gobbini, Gabriele Lametti, Igino Antonio Leone Patamia, Alessandro Manucci, Roberto
Menichetti, Luana Morelli, Edoardo
Panfili, Miriana Picchi, Marco Ragnacci, Giordano Rocca, Alessandro Sabini,
Mattia Spigarelli, Antonina Stolyarchuk e Anna Rita Vagnarelli.
Due anni quindi impegnativi attraverso i quali i nuovi sommelier hanno raggiunto il loro obbiettivo diventando
esperti conoscitori e ambasciatori del
vino.
10 Giovedì 10 aprile 2014
Tutto GUBBIO
Tutto GUBBIO
LA NOVITA'
Giovedì 10 aprile 2014
11
x
Nero su bianco Firmato l’accordo con il Gubbio, tra le tante cose il prossimo
anno la Berretti giocherà al Marco Minelli di Fontanelle, gli Allievi e i
Giovanissimi al Luciano Cambiotti, nella foto una squadra dell’Atletico
Luca Mercadini
L’accordo tra Atletico e
Gubbio calcio è realtà. Ci
spiega come sono andate
le cose? “Sono ormai 4 anni
che l'Atletico Gubbio - spieLuca Pierotti
ga il suo presidente Filippo
quest’anno
Barbetti - sta spingendo per
al Bastia,
fare questo accordo, anche
sarà il nuovo
iGiammarioli lo ha ricordato
responsabile
di recente. I tempi sono maturati”. Come si è arrivati altecnico
la firma? “C’è visione unanidell’Atletico
me fra Lucio Bove e Alessane guiderà i
dro Nicchi, il dialogo costrutGiovanissimi
tivo fra i due staff tecnici ha
nazionali
determinato una veloce accelerata al progetto”. Che pre- y A tu per tu con Filippo Barbetti
vede anche il
coinvolgimen- Accordo di 4 anni, si comincia dai bambini di 5 fino ai ragazzi di 17 anni. Oltre al Parma, coinvolgimento di Milan, Roma, Fiorentina e Torino
to delle Fontanelle?”Certo, la
loro organizzazione
quanto
quella dell'Atletico ha le carte in
regola per formare i giovani
calciatori
rossoblù di domani. E poi la
mia presenza all'
interno del CDA del Gubbio ti, ndr), vogliamo invece un Torino. Vogliamo insegnare dell’Atletico e guiderà i Gio- quadriennale che deve serviha creato un dialogo costrut- settore giovanile organizza- ai nostri giovani una vera e vanissimi del Gubbio, ndr) re a creare le condizioni dettivo che prima purtroppo to e con un'identità ben pre- propria filosofia calcistica, che permettono alla nostra te. Purtroppo nel calcio e sonon c'era. Da qui l'idea di cisa che parte dall'attività di che comprende anche un'eti- scuola di fare degli allena- prattutto con i giovani, il
creare un unico settore gio- base (5/12 anni) fino ai cam- ca comportamentale ben menti divertenti e aggregati- tempo è sempre una incognivanile e di redigere un pro- pionati nazionali (13/17 an- precisa. La scelta degli alle- vi al tempo stesso senza tra- ta, ma è giusto partire. Dobgetto, che non può essere vi- ni)”. Quindi? “il fine è sem- natori e degli educatori è il scurare però un percorso biamo lavorare costruendo
sto solo come "l'utilizzo da pre lo sbocco principale ver- punto cardine di questo ac- tecnico di crescita studiato squadre che abbiano un
parte del Gubbio delle infra- so il calcio professionistico, cordo, non a caso sono sem- in modo accademico”. Che trend di crescita sempre postrutture delle scuole calcio ma allargando gli orizzonti pre più coinvolti nel proget- tempi vi siete dati? “Il pro- sitivo nel tempo, parlo di cre(il prossimo anno la Berretti verso club di serie A non so- to ex giocatori professionisti- getto va visto a lungo termi- scita non di classifiche, la
giocherà a Fontanelle, Allie- lo come Parma e Milan, ma ci (Luca Pierotti sarà il pros- ne (5/8 anni) ed ha come ini- crescita va vista soprattutto
vi e Giovanissimi al Cambiot- anche aFiorentina, Roma e simo responsabile tecnico zio uno start-up di durata durante gli allenamenti e du-
y
Verso un unico settore giovanile
tra Gubbio, Atletico e Fontanelle
rante il percorso. Noi dobbiamo far crescere i ragazzi
con il lavoro e con i giusti
metodi per evitare di colmare l'enorme gap che c'è fra
settore giovanile e prima
squadra. Nell'ambito dell'attività di base, Il progetto prevede la costruzione di squadre con il nome dell'As Gubbio, mentre per quanto riguarda l'attività agonistica
verranno fatte squadre di fascia A (campionati nazionali) e squadre di fascia B (campionati regionali A1 / A2 /
sperimentali), in questo modo si può lavorare con un
programma che consentirà
di far crescere i ragazzi più
avanti dal punto di vista fisico e tecnico anticipandone
il percorso di uno o due anni”. Vi siete dati un budget? “Tutto il progetto va visto a livello economico come un’unica realtà di settore
giovanile che consentirà alle
scuole calcio di continuare a
lavorare con i propri budget
economici e finanziari”. E l’Atletico del prossimo anno?
“In sinergia con il Gubbio faremo gli Allievi nazionali
1998-1999 (Gubbio), Allievi
regionali A1 1998 - 1999 (Atletico), Giovanissimi nazionali 2000 - 2001 (Gubbio),
Giovanissimi regionali A1
2000 (Atletico)Giovanissimi
regionali A2 2001 (Gubbio),
Giovanissimi sperimentali
2002 (Gubbio), Esordienti
2003 (Atletico) Esordienti
2004 (Gubbio): per l’attività
di base Pulcini 2005 - 2006
(Atletico), Piccoli amici
2007-2008-2009 (Atletico).
12 Giovedì 10 aprile 2014
SPETTACOLI & CULTURA
y L’esposizione
Tutto GUBBIO
x
I Blue Jade a Gubbio con Joe Lynn turner
durante la visita a dicembre
del popolare cantante americano
Protagoniste le maioliche
Grasselli presenta
“Città maestra”
x
y
La mostra sarà inaugurata sabato 12 aprile
Con il patrocinio del Comune e il contributo di Caf - Ceramiche Artistiche,
sarà inaugurata sabato 12 aprile alle
17, nello spazio espositivo di via Lucarelli, la mostra di maioliche di Giancarlo Grasselli, dal titolo “Città Maestra”.
Sono circa 30 le realizzazioni dell’autore e testimoniano il legame profondo con Gubbio e le tante forme di ispirazione che essa suscita, dall’arte, alla
storia, all'architettura. L’artista, che da
vari anni affianca la passione della ceramica all’attività didattica di insegnante, riesce a innovare l'artica arte,
con stimoli e interpretazioni inedite,
dalle Tavole Eugubine, alle miniature
dei Corali, al patrimonio millenario
delle tradizioni, orgoglio e vanto della
memoria e della identità eugubina, fra
tutte il Palio della Balestra e la Festa
dei Ceri. L’esposizione resterà aperta
al pubblico fino al 4 maggio, con orario 10 - 13 e 16 - 20.
Francesco
Fagiani
impegnato
alla chitarra
y Musica rock
La band eugubina strega il cantante americano dei Deep Purple che li vuole con sè. Si parte il 13 aprile
Colpo dei Blue Jade: in tour
con il grande Joe Lynn Turner
Luca Mercadini
Chi l’avrebbe mai detto. I Blue Jade in tour
con Joe Lynn Turner. Sì, proprio con il celebre cantante americano dei Deep Purple.
La band eugubina ha coronato il suo sogno. Un riconoscimento artistico di grande
prestigio e sul quale in pochi avrebbero
scommesso.
La storia
Tutto ha inizio nel dicembre 2013, quando
i Blue Jade invitano a Gubbio il cantante
Turner. L’idea è quelle di tenere con lui un
concerto. Il popolare cantante accetta.
Chi sono i Blue Jade
Il complesso eugubino è presente sulla scena artistica ormai da diversi anni. La loro
forza sta nella straordinaria passione per la
musica, il rock in particolare. Ma anche nel
la voglia di confrontarsi con questo repertorio e in quella incredibile determinazione
che li ha portati a dividere il palco con artisti che del rock hanno fatto la storia. Da Ian
Paice (storico batterista dei Deep Purple) a
Glenn Hughes (bassista e cantante dei
Deep Purple). Può bastare? Per i Blue Jade
no. Per questo 4 mesi fa si sono voluti misurare anche con Joe Lynn Turner (Rainbow,
Deep Purple). Ne viene fuori un concerto
SPETTACOLI & CULTURA
Tutto GUBBIO
Giovedì 10 aprile 2014
13
y Amarcord
y
Atene il primo
y Ad
concerto, si prosegue
nel resto d’Europa
Tutto è nato
da un “live”
a Gubbio
nel dicembre
dello scorso anno
di grande qualità e di straordinaria intensità.
A tu per tu con Francesco Fagiani
“Il momento più intenso" - racconta Francesco Fagiani, chitarrista dei Blue Jade - "sono state le prove prima dello show. Joe ci
ha messo subito a nostro agio. E’ così che
siamo entrati in sintonia sia umana che musicale con lui. Ed è così che tutta la band è
riuscita a dare il massimo. Joe è rimasto
Gli inizi nel 1968 a Madonna del Ponte, nel 1971 l’addio del gruppo
Il chitarrista Fagiani
“Joe ce lo aveva
promesso dopo
l’esibizione insieme”
entusiasta anche della struttura dove abbiamo provato, Al Fondino, il centro musicale
del quale faccio parte e dove gestisco i corsi musicali assieme a Paolo Ceccarelli. E’ lì
che sono attive le sale di prova e pure uno
studio di registrazione. Ma Joe è rimasto
stregato dalla nostra città. Gubbio lo ha entusiasmato da subito. Per non dire del mangiare. E’ rimasto folgorato dalla nostra cucina”.
Il resto lo ha fatto il concerto
Con queste premesse la band eugubina partiva da una base solida. Poi il concerto live
pieno di energia e qualità ha fatto il resto. E
così, alla fine, Turner ha scelto i Blue Jade.
E’ con loro, con la band eugubina che si
esibirà in una serie di concerti in Europa. E
ci siamo, perchè il via è arrivato. Si parte il
13 aprile da Atene.
Promessa mantenuta
“Ce lo aveva promesso finito il concerto continua Fagiani -. Ci disse: Vi chiamerò,
state tranquilli”. Ma in tutta sincerità erano
in pochi a crederci per davvero. E invece...”Ha chiamato per davvero, per noi è
proprio un sogno che si realizza”.
La band al completo
Miglior riconoscimento per questi musicisti proprio non poteva esserci. E allora conosciamoli tutti. Con Francesco Fagiani ci
sono altri due eugubini: Lorenzo Cannelli
(organo Hammond) e Michele Baccarini
(basso). Poi Alberto Quaquarini e Philip
Sorana. Bravura, passione, talento e determinazione: ecco la ricetta dei Blue Jade.
Semplice e complessa al tempo stesso. Intanto, sperando che il tuor riesca a trovare
una tappa anche in Italia, chi si è perso il
concerto di Gubbio può prenotare un volo
per la Grecia. Appuntamento ad Atene, il
13 aprile. Sarà un successo. Ne siamo convinti.
Li Balistrari suonavano per 21mila lire
Quando a Montecorona il contadino...
Maurizio Ceccarelli
Questa settimana parliamo del complesso "Li Balistari". Nella foto, in
piedi partendo da sinistra, vediamo: Fausto Pontani ('l perugino)
chitarra basso, Bruno Gaggiotti ('l
bricco) organo, Piero Marcheggiani (pieretto)
chitarra e voce, seduti da
sinistra Serafino
Becchetti ('l barella) tromba, Luciano
Cecchetti ('l
cecco) batteria.
Il complesso
"Li Balistari"
Inizia a provare in un locale a Madonna del
Ponte
nel
1968 e, una
volta perfezionato il repertorio prettamente da
ballo di genere melodico, inizia la sua attività il
13 giugno 1968 esibendosi in una
serata in un locale del comprensorio per 21.000 lire. Avere il bassista
di Perugia e l'organista di professione rappresentante, consente al
gruppo di inserirsi in locali al di fuori dell'ambito eugubino come Città
di Castello, Perugia, Sigillo, Valfab-
brica e Pierantinio.
Per andare a suonare si utilizza il
camioncino dell'amico Marino Mariucci e la fiat 500 del Becchetti.
Una volta, di ritorno da una serata
effettuata a Parlesca, Piero Marcheggiani e Serafino Becchetti decidono, in piena notte, di fermarsi a
Montecorona per prendere un po'
delle famose pesche in
un
modo
non proprio
ortodosso.
Scesi dalla
macchina
con indosso
ancora le camicie di raso blu della
serata, iniziano ad armeggiare sugli
alberi
per la delizia del palato. Ma gli
strani rumori finiscono
per svegliare il contadino che, vedendo fuggire i due con quelle inusuali camicie
esclama "farabutti oltre che ladri anche finocchi".
Li Balistari cessano la loro attività il
10 gennaio 1971. Hanno fatto parte
del complesso anche Mario Rosetti (marione) batteria, Angelo Biccheri basso, Mauro Fofi basso, Guido Procacci (porcaccio) organo.
14 Giovedì 10 aprile 2014
GLI SCATTI
Tutto GUBBIO
Inserisci il tuo scatto nella nostra rubrica: [email protected]
1988 Torneo
dell’amicizia
Brugnoni super
E’ tricolore
Questa volta l’album dei ricordi ci
porta indietro nel tempo arrivando
sino al 1988. La foto è quella della
squadra di Padule con la formazione che partecipò quell’anno al Torneo dell’Amicizia. Un tuffo nel passato che riporta alla memoria tanti
momenti passati tra sport e amicizia nei quali in molti si riconosceranno. Tra i partecipanti al torneo riconosciamo in piedi partendo da sinistra: Sergio Bellucci, Novello Ragnacci, Domenico Chierico, Giuseppe Ciamarrughi, Enzo Castellani, Paris Volpi, Luigi Vispi, Stefano Traversini, Andrea Lilli, Franco Ragnacci.
Accosciati, partendo sempre da sinistra ci sono: Mauro Ceccarelli, Marco Ragnacci (Mascotte), Ivo Ragnacci, Bruno Cambiotti, Battistelli, Massimo Pugnitopo.
Fausto Brugnoni, campione italiano
Enalcaccia dopo il 34˚ torneo nazionale, posa con Crema e Criss.
Rossi e Traversini “benemeriti”
Volano alto gli atleti del Circolo Tennis
Il Comitato nazionale dell’Associazione italiana arbitri ha nominato quattro Arbitri Benemeriti: Adolfo Traversini e Roberto Rossi della sezione di Gubbio “Carlo
Angeletti”, Mirco Galigani della sezione di Perugia,
Alfredo De Santis della sezione di Foligno. Traversini
è arbitro dalla stagione 1980/81, Rossi dal 1985/86.
Ottimi risultati per i giovani portacolori del Circolo
Tennis Gubbio ai campionati regionali umbri Indoor
di categoria disputati a Todi. Andrea Militi Ribaldi si è
classificato terzo tra gli Under 16, mentre Maria Re-
Al top i giovani del Judo Kodokan
Ottima performance
per il Judo Kodokan
Gubbio Asd che con i
suoi atleti ha conquistato a Terni un oro,
un argento e due medaglie di bronzo.
Al 16˚ Trofeo Judo Umbria Green, i judoka
eugubini nella categoria Cadetti ed Esordienti, guidati dal Maestro
Dario Dionisi hanno
ottenuto ottimi risultati grazie all’oro di Marsilio Fiorucci, all’argento di Luca Bianchini e
infine anche grazie alle due medaglie di
bronzo ottenute da
Giordano Paoletti e Enrico Tironzelli. Da incorniciare anche il
quinto posto del judoka Simone Paoletti.
becca Frondizi ha chiuso al secondo posto nell’Under
14 femminile davanti alla compagna Maddalena Pierotti. Hanno partecipato anche Federico Capannelli e
Francesco Bettelli, protagonisti di buone prestazioni.
Boom di presenze al raduno 4x4
Anche quest’anno si è svolto il 4˚ memorial “Massimo Mencarelli” raduno di fuoristrada organizzato dal club I Matti di Gubbio 4x4 che ha
avuto un successo sbalorditivo con partecipanti arrivati da tutta Italia
(Varese, Verona, Bologna, Ascoli,Terni ,Roma) e da tante altri città.
Quest’anno il numero degli equipaggi ha raggiunto la cifra di 224.
Tutto GUBBIO
Giovedì 10 aprile 2014
15
16 Giovedì 10 aprile 2014
Tutto GUBBIO
Appuntamenti
Giovedì 10 aprile 2014
Tutto GUBBIO
y
CELEBRAZIONI
Il 21, 22 e 23 aprile
Sangiorgiari
Il 21 aprile alle 17 nella basilica di Sant’Ubaldo è in programma la presentazione della reliquia di san Giorgio acquisita dalla Famiglia dei Sngiorgiari
lo scorso agosto, la messa sarà officiata dal vescovo Mario Ceccobelli, quindi la discesa dal monte in processione
sino a Santa Maria al corso, con sosta
alla seconda Capeluccia e al duomo,
per la presentazione del nuovo altare
di San Giorgio, l’installazione della reliquia e la veglia. Il 22 alle 21 a Santa
Maria al corso la commemorazione
dei defunti e la consegna delle pergamene alla memoria. Il 23, giorno in cui
si celebra San Giorgio, alle 9 appuntamento alla seconda Capeluccia per la
recita dei salmi, alle 9,30 una breve
colazione. Alle 18,30 a Santa Maria al
corso l’investitura del Capodieci per il
15 maggio cerimonia che a partire da
quest’anno si terrà il 23 aprile e non
più il 25. alle 20,30 la cena agli Arconi.
FORZE SOCIALI
Il 15 aprile
La Gubbio che vorrei
Il 15 aprile alle 20,30 all’hotel Beniamino Ubaldi è in programma un incontro, pubblico con tutti i candidati a sindaco del Comune organizzato dal Tavolo delle Forze sociali della rappresentanza del lavoro e dell’impresa. L’intento è quello di confrontarsi con i candidati a Sindaco sulle proposte e progetti per Gubbio nell’interesse di cittadini, delle imprese, del territorio e della città.
PALAZZO DEL BARGELLO
Sino al 27 aprile
Biennale d’Arte
Il Palazzo del Bargello ospita la prima
edizione della Biennale d’Arte, promossa e organizzata dal portale d’arte
PITTart.com. Sono dodici gli artisti
che esporranno sino al 27 aprile. È possibile visitare la mostra dal mercoledì
alla domenica dalle 10 alle 13 e dalle
15 alle 18.
PALAZZO DEI CONSOLI
Sino al 22 aprile
Il rosso e il giallo
Il Si tiene a Palazzo dei Consoli sino al
22 aprile la mostra “Flussi: il rosso e il
giallo” dell’artista Alberto Timossi.
L’artista presenta una serie di lavori degli ultimi due anni, di cui alcuni inediti
e realizzati per questa occasione, collocati nel salone centrale dell’Arengo e
in una sala della sezione archeologica
in un interessante confronto tra antico
e contemporaneo. Dal lunedì alla domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle
18.
nacelli ed Elisa Polidori del Polo museale diocesano di Gubbio sarà aperta
sino al 27 Aprile, ogni venerdì, sabato
e domenica, dalle 10,30 alle 13 e dalle
15 alle 18.
IRDAU
Si terrà venerdì 11 Aprile alle 17 alla
Sala Morena della biblioteca Sperelliana, nel complesso di San Pietro a Gubbio la conferenza organizzata dall’irdau: “Francesco Marcattili, I significati
del colore di Caronte nella pittura funeraria etrusca”.
Sarà presentato sabato 12 aprile alle
17 alla sede della Società operaia il libro di Giampiero Gaggiotti “Filosofia
Sammartinara” duecento tra motti, frasi secche e aneddoti che ci riportano
indietro nel tempo, per raccontare il
quartiere di San Martino attraverso la
penna di un “sammartinaro doc”. Oltre all’autore interverranno anche Pier
Luigi Neri che ha scritto la prefazione
e il presidente della Società operaia
Ulisse Fata.
IL LIBRO
LA RASSEGNA
11 aprile
Sino al 19 aprile
Mastro Giorgio
Targa d’oro
Si terrà venerdì 11 aprile alle 17, alla
Sala Trecentesca del Comune la presentazione del libro “Mastro Giorgio
da Gubbio Art, Science and Technology of Lustred Majolicas”, il volume nasce a valle del Simposio Internazionale “Mastro Giorgio da Gubbio: Arte,
Scienza e Tecnologia delle maioliche a
Lustro”, tenutosi a Gubbio nel novembre 2005.
Si tiene agli Arconi di Palazzo dei Consoli sino al 19 Aprile, la IX Rassegna
Internazionale di Arte Contemporanea “Premio Targa d’Oro Città di Gubbio 2014”. Parteciperanno artisti da 16
Paesi del Mondo. La rassegna ideata
dal Maestro Arnaldo Pauselli nel 2006,
è organizzata e curata da Matilde Orsini Presidente NautArtis - Associazione
Culturale Internazionale Gubbio.
INCONTRO PUBBLICO
TEATRO
11 aprile
11 e 12 aprile
Minori
La cicogna si diverte
Il Lions Club Gubbio Piazza Grande in
collaborazione con il Lions Club Gubbio Host propone un incontro pubblico su “Abusi e maltrattamento ai minori: le istituzoni si incontrano” venerdì
11 aprile alle 16, all’aula magna Iis
“Matteo Gattapone”. Diversi gli interventi in programma.
Si terrà venerdì 11 e sabato 12 aprile
alle 21,15 al teatro comunale lo spettacolo del gruppo teatrale Città di Gubbio “Sauro Clementi” “La cicogna si diverte” di André Roussin, con alfonso
Uccellani, Nadia Menichetti, Anna Calzuola, Luigi Moretti, Roberto Berettoni, Rosanna Rosi, Mattia Sebastiani, Teresa Zoppis, regia di Luigi Moretti, musica di Gianni Pauselli. Prenotazioni
telefoniche: Nadia 3477932747, teatro
comunale 0759275551, cassa parcheggi 0759222027.
11 aprile
Pittura etrusca
SANTA MARIA DEI LAICI
Sino al 27 aprile
Pippo Borrello
Si tiene sino al 27 aprile la mostra antologica di Pippo Borrello allestita alla
chiesa di Santa Maria dei Laici. Il maestro, di origini napoletane, celebrato
dalla critica, ha esposto in sedi prestigiose in Italia ma non solo, in Germania, Spagna, Austria, Brasile fino a Singapore. La mostra curata da Catia Mo-
Sott’occhio
Gubbio summer festival
y
Gli eventi
Tra gli insegnanti
anche l’eugubino
Fabio Vagnarelli
ormai noto a livello
internazionale con i
suoi Oblivion
Prestigosi anche
gli altri nomi
grazie alla direttrice
artistica Katia Ghigi
che negli anni ha
saputo dare lustro
alla manifestazione
LA PUBBLICAZIONE
Il 12 aprile
Filosofia Sammartinara
ANNUNCIO
In regalo
Pastore tedesco
Regalasi cuccioli di pastore tedesco.
Per informazione basta telefonare al
numero 3333579999.
Il Gubbio summer festival soffia sulle 25 candeline
e festeggia il traguardo con otto nuovi corsi. Dal 21
luglio al 5 agosto torna la prestigiosa manifestazione che trasforma la città di pietra nella culla della
musica sotto la direzione artistica di Katia Ghigi e
sfidando il periodo non favorevole per la cultura,
con l’ausilio degli enti promotori anche quest’anno
apre le porte a protagonisti assoluti del panorama
internazionale. Saranno 27 i corsi, 33 i docenti in
arrivo e 8 le nuove sezioni tra fagotto, controfagotto, chitarra, composizione colonne sonore, musical, tecnica vocale, chitarra rock, musicista dalla a
alla z. Confermata la formula vincente dei concerti e
delle masterclasses capace di soddisfare gli allievi e
il foolto pubblico che immancabile tutti gli anni segue con attenzione e passione la manifestazione.
Per quanto riguarda il violino, i docenti protagonisti saranno Felice Cusano e Oleksandr Semchuk,
per la viola Piero Massa, per il violoncello Giovanni
Gnocchi, per la chitarra Roberto Taufic, mentre Tiziano Mealli e Michele Marvulli si occuperanno del
masterclass di pianoforte e musica da camera. Per i
fiati ci saranno Mario Caroli e Giustina Marta per i
corsi di flauto, Gabriele Mirabassi per il clarinetto,
mentre David Brutti, Mike Applebaum, Fabiano Fiorenzani, Guglielmo Pellarin terranno le masterclasses di sassofono, tromba, trombone e corno. Per il
mandolino ci sarà Dorina Frati, Lucia Antonacci all’arpa e Fabio Furia al bandoneon, per l’opera Stefano Mastrangelo, Stefano Piacenti e Taguchi Kosuke,
per il canto gregoriano Giovanni Conti e padre Maurizio Verde. Il corso di fagotto e controfagotto sarà
tenuto da Michele Gladioli, quello di chitarra da
Roberto Taufic e quello di Musical dall’eugubino
Fabio Vagnarelli che insieme agli Oblivion sta spopolando in tutti i teatri italiani. Il corso di composizione di colonne sonore sarà tenuto da Bakalov,
nome famoso per l’oscar tributato al film “Il postino”, quelli di musica moderna da Giacomo Castellano chitarra elettrica, Roberto Tiranti si occuperà del
corso sulla tecnica vocale e sull’articolazione del
suono, Alex De Rosso di chitarra rock e improvvisazione, strumentazione e sound e registrazione. Info
corsi e costi potete visitare il sito www.gubbiosummerfestival.it.
l’Oroscopo della settimana
DIRETTORE RESPONSABILE
Anna Mossuto
Supplemento a cura di Luca Mercadini
EDITORE
GRUPPO CORRIERE S.r.l. - Socio Unico
Presidente Giampaolo Angelucci
Consiglieri Daniele Cavaglià
Direttore operativo Vito Nobile
Presidente Onorario Maria Antonella Barbetti
REDAZIONE
Via Pievaiola, 166 F-6
Tel. 075 91191 - Fax 075 4659140/1/2/3
e-mail: [email protected]
CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÀ
PUBLIKOMPASS S.p.A.
PERUGIA - Via Pievaiola, 166 F-6 Tel. 075.5288741-2-3
FOLIGNO - Via Oberdan, 16 Tel. 0742.356667
TERNI - Piazza del Mercato, 8 Tel. 0744.426826
STAMPA
Litosud s.r.l. - Via Carlo Pesenti 130 - Roma
Supplemento gratuito al numero odierno del
17
Periodo appassionato per la vita
affettiva. Nel rapporto di coppia
metterete tutto il vostro calore, la
voglia di esserci e condividere
emozioni che saranno forti e vive
Un bell'aspetto di Venere, vi
porterà leggeri attraverso la
settimana. Stare bene con sé
stessi è il primo presupposto
per stare bene con gli altri.
Con tanti aspetti benefici, starete in gran forma tutta la settimana. Ottimo periodo per prendervi una vacanza. Anche la vita
sociale sarà piuttosto vivace.
Tensioni varie potrebbero causare contrasti con i collaboratori. La vostra scarsa predisposizione alla mediazione potrebbe peggiorare i rapporti.
Quando il Sole, la vostra guida, è in
buon aspetto come in questi giorni,
state benissimo. Anche Marte ci
mette lo zampino, aggiungendo spirito sportivo e grande sprint.
Le giornate lavorative scorreranno via fluide e senza problemi, magari un po' a rilento.
Per ravvivarle, provate una volta tanto a osare.
La dissonanza di Mercurio vi rende distratti e poco efficienti nello
svolgimento del vostro lavoro quotidiano. Possibili passi indietro di
un progetto a cui tenete molto.
I raggi benefici del cielo vi terranno su di tono tutto il periodo. Anche se non starete al top, vi sentirete comunque bene in sintonia
con voi stessi e con il mondo.
Finalmente tutto quadrerà come preventivato! Avrete la
mente ben connessa con il lavoro da svolgere e con le persone con cui collaborate.
Nonostante le difficoltà del momento, potrete fidarvi e confidarvi
sempre col partner che vi sarà vicino. Così il rapporto ne trarrà motivo di crescita e approfondimento.
Energie psicofisiche quasi al
top per tutti. Gli astri vi infondono di forza, calore, verve, spirito di adattamento. Seguite
l'istinto.
La presenza di Venere accentuerà il vostro fascino e vi renderà seduttivi al punto giusto
da far cadere il partner nelle
vostre trame seduttive.
Lettere al Direttore
L’appello
Tasse alle stelle
Vanno rivisti i servizi
Entrate tributarie del Comune di Gubbio cresciute del 66% in 5 anni, aumentate le spese correnti (+ 17,7%), mentre sono diminuite quelle per investimenti (- 37,6%). Necessaria un'urgente inversione di rotta. Un aumento vertiginoso delle entrate tributarie del Comune di Gubbio, che dal 2009 al 2013
sono cresciute dell’66% a fronte di
una riduzione dei trasferimenti statali
del 38%; una spesa corrente incrementata di quasi il 18% e spese per investimenti ridotte del 37,6%. È questo, in
poche parole, il quadro che emerge
dall’indagine commissionata da Cna
Umbria al centro studi Sintesi, condotta sui bilanci previsionali del comune
di Gubbio (disponibile on line su
www.cnaumbria.it). Il dato più allarmante è proprio quello relativo al prelievo fiscale, impennatosi soprattutto
con l’avvento dell’Imu, ma non solo.
A fronte di questa impennata del prelievo fiscale da parte del Comune, che
equivale a un incremento delle tasse
pari a oltre 6 milioni e seicentomila
euro, i trasferimenti da parte dello Stato sono diminuiti complessivamente
di poco più di 3 milioni di euro: in
pratica una differenza positiva di oltre
3 milioni, che non giustifica imposte
così elevate. Andando nel dettaglio
delle imposte, risulta che l’ICI / IMU,
con il suo aumento di oltre 4 milioni
di euro in 5 anni, ha pesato per 280
euro per abitante (Narni 160 euro per
abitante). Sul fronte dell’Irpef le cose
non vanno meglio: il gettito del Comune è aumentato del 57% dal 2009, passando da 1 milione e 700mila euro a 2
milioni e 700mila euro, con una quota
di 84 euro per abitante (54 euro per i
cittadini di Fabro, mentre l’unica amministrazione a non aver applicato
l’addizionale Irpef è quella di Assisi).
E se i cittadini sono chiamati sempre
più a far fronte alle esigenze di cassa
dell'ente, nel Comune non vi è cenno
a una riduzione significativa delle spese correnti, anzi la spesa corrente è
y
cresciuta del 17,7%. Se togliamo una
lieve riduzione delle spese per il personale, dovuta generalmente anche
in altri comuni alla mancata sostituzione di dipendenti andati in pensione,
le spese sostenute per acquisto di beni e servizi crescono dell’8% e le altre
spese del 102%. Questi dati rappresentano il segno inequivocabile della
necessità di revisione non solo delle
piante organiche dell’amministrazione locale, ma anche di tutta la gestione dei servizi. Dato ancor più grave è
che le spese che diminuiscono maggiormente sono quelle per investimenti, calate dal 2009 del 37,6 %, solo
nel 2013 un calo del 16%. Sulla base
dell’analisi approfondita dell'indagine, la Cna proporrà una serie di interventi concreti e sostenibili volti alla
riduzione della tassazione locale, che
verranno integrati con altre proposte
provenienti direttamente dalle imprese su specifiche tematiche del nostro
Comune.
È nostra intenzione incontrare i candidati a sindaco col duplice fine di intraprendere un cammino partecipativo
propositivo e di formulare le nostre
proposte per il rilancio della città e
per la riduzione della tassazione locale, sulle quali ci auguriamo ci siamo
degli impegni chiari da parte dei futuri amministratori.
Cna Umbria
Il ricordo
Gino, fulgido esempio
per tutti i Rotariani
Amici, dopo avergli dato l’estremo saluto, sento il bisogno di ricordare anche
se brevemente ciò che Gino è stato per il
Rotary Club. Sono riaffiorati i ricordi di
tanti anni trascorsi insieme al servizio
della comunità a cominciare dal lontano
1982 quando insieme a lui e Giovanni
Dragoni ebbi l’onore di essere ammesso
al club, allora presieduto da Luigi Fiorucci, durante una bellissima conviviale
al ristorante Porta Tessenaca. Da quel
momento con umiltà, come era suo costume, Gino iniziò la sua intensa vita
rotariana: una incessante attività di servizio che non si fermò neanche quando,
ormai avanti con gli anni, venne nominato socio onorario. Era poliedrico e perfezionista in tutto quello che faceva, come
quella memorabile gita a Venezia da lui
organizzata e coordinata con grande
professionalità, dove tutto funzionava e
fluiva a meraviglia. Era una continua fucina di idee: dall’illuminazione del teatro romano di Gubbio che progettammo
e realizzammo insieme, al restauro del
monumento di piazza Quaranta Martiri
(opera ancora mancante dell’impianto
18 Giovedì 10 aprile 2014
di illuminazione che con Gino avevo
progettato), ai significati simbolici del
monumento di viale della Rimembranza, alla intitolazione del giardino ai caduti di Nassirjia lungo la stessa via, allo
studio dell’illuminazione della Porta
dell'Amicizia presso la chiesa di San
Francesco (ancora da realizzare) e tanto
altro ancora. Ma il suo essere rotariano
lo manifestava anche nella vita di tutti i
giorni, ad esempio non esitò a mettermi
a disposizione la sua esperienza e le sue
conoscenze quando stavo restaurando
gli affreschi della chiesa di Sant’Agostino e lamentavo la mancanza di fondi
per un'adeguata illuminazione che esaltasse quei grandi capolavori. Insomma
ovunque ci fosse bisogno della sua professionalità o semplicemente della sua
presenza, Gino c’era. Era dotato anche
di una rara sensibilità, aveva capito la
mia difficoltà (per sopraggiunti problemi personali) ad allestire la mostra del
cinquantesimo del club ed insieme ad
un altro galantuomo qual è Giancarlo
Sollevanti, iniziò, malgrado l’età, una faticosa ed instancabile opera di reperimento del materiale storico necessario
all’esposizione. Tanto per “dare una mano”, com’era solito dire. Ci mancherà
questo fulgido esempio di autentico Rotariano.
Augusto Solano
Tutto GUBBIO
y
Il “Premio Bandiera”
allo studioso Francois Dolbeau
in nome di sant’Ubaldo
Il 28˚ premio “Bandiera di Gubbio 2013”, ideato nel
1986 dal Gruppo Sbandieratori di Gubbio è stato
assegnato al professor François Dolbeau, storico Medievalista francese, specializzato nella lessicografia
latina, studioso e profondo conoscitore della letteratura latina tardoantica (in particolare S. Agostino) e
medievale e direttore degli studi presso l'Ecole Pratique des Hautes Etudes di Parigi. Questa la motivazione: “Per averci restituito la parte più preziosa del
nostro spirito". Il professore Dolbeau, con il suo straordinario lavoro di ricerca, nel 1977hapubblicato
nel Bollettino dellaDeputazione di storia patria dell'
Umbria il testo integrale de “LaVitadi Sant'Ubaldo”,
scritto pocodopola suamorte (16 maggio 1160) dal
confratello Giordano da Città di Castello. Il relatore
che ha introdotto la consegna del riconoscimento, il
presidente emerito della Corte Costituzionale Cesare Mirabelli, già premio “Bandiera di Gubbio” nel
2006.
Ma la n otizia più grossa l’ha data al termine della
cerimonia, don Angelo Maria Fanucci: “Gubbio, grazie al lavoro della commissario D’Alessandro, della
Fondazione Cassa di Risparmio e del nostro Vescovo, riavrà l’Università della Lumsa, è cosa fatta”.
eu. gri.
In memoria
Arteo Frenguellotti
Il saluto degli amici
Caro Arteo, te ne sei andato alla bella
età di 100 anni. Ti abbiamo voluto bene e ti abbiamo sempre apprezzato
per quello che hai fatto e per quello
che ci hai trasmesso. Sei stato per tutti
noi un caro amico. Ci mancherai. Un
abbraccio e una promessa: sarai sempre nei nostri ricordi.
La vicenda
Sulla Sirio ecologica
servono risposte certe
La Cgil in rappresentanza dei dipendenti della Sirio preoccupati per l’esito negativo della asta pubblica del marzo 2014;
angosciati per la decisione di indire una
nuova asta per ottobre 2014; in riferimento all’immobilismo attuale del Gruppo Maio, affittuario delle attività Sirio,
sul piano di ricollocamento del personale; richiede che venga convocato il tavolo di crisi con i soggetti interessati alla
vicenda per avere informazioni circostanziate, prorogare gli ammortizzatori
sociali in deroga per i dipendenti e agevolare la ricollocazione del personale.
Cgil
Il fatto
Vandali “per noia” devastano un edificio a Semonte
Sono stati beccati proprio mentre stavano lanciando dalle
finestre oggetti che avevano poco prima divelto e distrutto.
A compiere l’atto vandalico, secondo la ricostruzione dei
carabinieri guidati dal tenente Pier Giuseppe Zago, sono
stati tre sedicenni che hanno preso di mira un edificio della
Usl 1 a Semonte. Dopo il sopralluogo effettuato dal personale della Usl era stata presentata una denuncia ai carabinieri
nella quale si affermava che “qualcuno” si era introdotto nei
locali danneggiando porte, finestre, sanitari e suppellettili
varie. Considerata la gravità della situazione e vista anche la
possibilità che potesse ripetersi, i militari della compagnia
carabinieri di Gubbio hanno organizzato alcuni servizi di
osservazione. I responsabili del gesto, tre 16enni, sono stati
quindi colti sul fatto. Fermati e ascoltati in presenza dei
genitori, mortificati, si sono scusati dell’accaduto ed hanno
ammesso che erano stati (due dei tre) più volte nell’edificio,
semplicemente per sfogarsi. Hanno compreso sia la gravità
che la pericolosità del gesto e hanno rassicurato sia i genitori che i carabinieri che tali gesti non si ripeteranno.
Per le lettere scrivete a: [email protected]
Il riconoscimento
y
La pubblicazione
Il culto di San Giorgio
Presentato il libro
sulla devozione nel territorio
Riscoprire le origini del culto di San Giorgio nel nostro
territorio, ma sempre con il fine ultimo di arrivare, in
questo caso tramite la sua figura, a Sant’Ubaldo. Con
queste parole il presidente della Famiglia dei Sangiorgiari Vittorio Fiorucci ha introdotto la presentazione del
libro “San Giorgio - il grande martire” appunti per una
storia del culto a Gubbio, a cura di Silvia Alunno e Filippo Paciotti, con i contributi di don Stefano Bocciolesi,
Francesco Mariucci, Ettore Sannipoli e don Pietro Vispi.
L’idea è nata sulla spinta di Andrea Martiri Capodieci
per il Cero di San Giorgio nel 2013 e del cappellano don
Stefano Bocciolesi. Una attenta ricostruzione che potrà
dare slancio anche ad ulteriori studi sul perchè della
devozione in terra eugubina al santo e ancora sul perché a lui sia dedicato uno dei tre Ceri della festa del 15
maggio come protettore dei merciai. A sottolineare il
lavoro svolto con il volume Laura Proietti, docente di
Storia della Chiesa all’Università di Perugia che ha presentato la pubblicazione. Così si scopre che al culto del
santo guerriero (del quale si ha notizia a partire dal
1600) erano dedicati dei luoghi sacri e che la devozione
al santo, che incarna gli ideali della cavalleria, potrebbe
essere legata a scambi commerciali o essere stata introdotta per via militare partendo dal periodo delle Crociate. Interessante infine la ricostruzione dedicata alle reliquie del santo.
a.m.m.
Tutto GUBBIO
Giovedì 10 aprile 2014
19
Rubriche
y
20 Giovedì 10 aprile 2014
Lo sapevate che...
Tutto GUBBIO
y
... si è tenuto con successo
il sesto memorial “Ayala”?
Il vitello d’oro a...
y
Tanti auguri a...
...organizzatore di cena in famiglia
invita tutti a casa sua ma lui non c’è
Nicole
a Nicole Martinelli
tanti auguri
alla nostra principessa
per il battesimo
da mamma Jessica,
babbo Alessio e i parenti
Si è tenuto il sesto memorial Luca Rossi “Ayala” organizzato dalla Aps Gubbio Lenza eugubina,
guidata dal presidente Giuseppe Gasparri e che prevedeva la
gara di pesca al colpo individuale nazionale. Il memorial si è
svolto al complesso Fipsas presso i Laghi di Faldo. Numerosi sono stati i partecipanti, circa 120
gli iscritti alle gare che sono previste dal trofeo con il quale si
vuole ogni anno ricordare un
amico purtroppo scomparso
prematuramente. Il nome del
vincitore per quanto riguarda gli
iscritti della Aps Gubbio Lenza
eugubina è Francesco Pierotti,
mentre a classificarsi vincitore
assoluto del trofeo è stato Enzo
Beltrami della società Arcs di Perugia.
y
Foto
di gruppo
in occasione
del memorial
Luca Rossi
“Ayala”
per il quale
si è svolta
la sesta
edizione
organizzata
dall’Aps
Gubbio
Lenza
eugubina
guidata
dal presidente
Giuseppe
Gasparri
Motivazione: Una cena organizzata
(quasi) alla perfezione. “Venerdì sera tutti a casa mia, invito tutti i parenti”. Questi ultimi, ben contenti
di accettare la proposta, si organizzano nei giorni che precedono l’appuntamento cucinando un dolce
oppure comprando una bottiglia di
vino. Tutti comunque si presentano
all’appuntamento di venerdì sera
sotto casa dell’organizzatore. Qui la
sorpresa: non c’è nessuno. Interpellato al telefono lui non nasconde
l’imbarazzo: “Ma
non era sabato la
cena?”. Dai parenti perdono immediato, ma la
prossima volta...è
meglio
che si va da
un’altra parte.
y
Vitello d’oro a
un eugubino
capace di
invitare tutti i
parenti a casa
sua e non farsi
trovare
all’appuntamento. Interpellato
al telefono si è
giustificato: “Ma
la cena non era
domani?”. Dai
parenti il
perdono è
arrivato quasi
subito, ma il
vitello d’oro è
inevitabile
Gli sposi
tanti auguri ad Arteo
e Annunziata che il 5
aprile hanno festeggiato
i 50 anni di matrimonio
dai figli, le nuore e i nipoti
Erika, Tania e Nicola
Martina
a Martina Corazzi
che si è laureata in
Scienze dell’Educazione
e della Formazione
con 110 su 110 e lode
Hanno detto...
Istituzioni e diocesi
Alla coordinatrice della Rete delle macchine a spalla
Patrizia Nardi, con la richiesta di rientrare nel protocollo che ha ottenuto il riconoscimento di patrimonio
immateriale dell’Unesco: “la decisione della nostra
città di uscire dalla Rete è stata frutto di un macroscopico equivoco”.
Promossi
La famiglia e il fidanzato
Bocciati
Giovanni Minelli
Altra performance di prestigio per il cinquantanovenne
eugubino, che ha partecipato all’edizione 2014 della
Stramilano, mezza maratona di 21 chilometri. Minelli
ha chiuso con il tempo di 1 h 47’ e 27 secondi,
piazzandosi 129esimo nella sua categoria. Oltre
5mila gli atleti arrivati al traguardo.
Alessandro
Tantissimi auguri
ad Alessandro
Sassari
“La Comunità festiva sassarese guarda con favore alla
possibilità che la Festa dei Ceri di Gubbio ritorni a far
parte a pieno titolo della ‘famiglia’ riunita entro la Rete
delle grandi macchine a spalla. Per noi, il legame con
gli eugubini ha solide radici ed è suggellato dal gemellaggio tra le due città e le due principali feste religiose”.
Nola
“Il riavvicinamento tra le nostre comunità non può che
arricchirci ulteriormente e arricchire il percorso, che non
si è chiuso con il riconoscimento Unesco, ma che ha
aperto nuove e importanti prospettive. Ci auguriamo che
le nostre Feste diventino portatrici di messaggi universali
di unità, fratellanza, scambi sociali, culturali e turistici”.
Studenti del “Cassata”
Riconoscimento per l’indirizzo informatico dell’Its “Cassata”.
La classe 3 Informatico ha partecipato al concorso “Best
Booktrailer-Best App”. Concorso Aica-Usr per la promozione delle competenze digitali tra gli studenti. L’applicazione realizzata dai ragazzi dell'informatico “ informaSchool” ha vinto il concorso a livello regionale.
Norcia,
40 anni
e non sentirli
Dagli amici tifosi
Cori del Miserere
Il coro della Madonna e il coro del Signore sono stati in
udienza da papa Francesco. Una grande emozione
proseguita poi con l’incontro a Santa Maria Maggiore
con il cardinale Ennio Antonelli, già vescovo di
Gubbio, al quale hanno regalato due “battistrangole” una delle quali da consegnare al papa.
Martina
Tanti
cari auguri
a Martina
Palmi
Truffatrice
“La comunità festiva di Palmi e della Varia ha deciso di
accogliere l’istanza e di riabbracciare in questo percorso di condivisione e di inclusione, la comunità dei Ceri,
convinti che la forza acquisita dalla Rete e consolidata
con il riconoscimento Unesco possa contribuire al percorso che la comunità eugubina ha intrapreso”.
Ennesima truffa agli anziani. Una donna fingendosi esperta di cosmesi ha raggirato una anziana
signora, con la scusa di provare una crema per il viso
è riuscita a sottrarle una preziosa collana. Su quanto
accaduto indagano i carabinieri del comando di Gubbio
guidati dal capitano Pier Giuseppe Zago.
Viterbo
Ladri nella basilica
L’assemblea del sodalizio dei facchini di Santa Rosa
ha bocciato la richiesta della città di Gubbio di rientrare a far parte della rete delle grandi macchine a
spalla: “L’atteggiamento di Gubbio e la decisione
all’epoca di uscire dalla Rete ha sconfessato lo spirito della Rete stessa”.
Alcuni ignoti hanno forzato una delle cassette di
legno poste all’ingresso della basilica di sant’Ubaldo e hanno rubato i soldi delle offerte. Il furto è stato
scoperto dai religiosi che hanno provveduto a risistemare la cassettina che comunque porta i segni evidenti della
forzatura da parte dei ladri.
Marcella Marcelli
Cornicione pericolante
“I santi dei Ceri trasferiti nel museo delle Memorie
ubaldiane a fianco della basilica devono tornare nelle
chiesa dei Muratori e devono fare la sfilata, non sono
una cosa usata da lasciare dietro un vetro. Se il museo
vuole tre santi simili li procureremo, siamo già in
4.000 ad aver firmato per questo e non ci femeremo”.
Nel chiostro del complesso di San Pietro sede
della scuola primaria e dell’infanzia Montessori, si è
staccato un cornicione proprio nel luogo dove i bambini
andrebbero messi in sicurezza in caso di evacuazione in
occasione di scosse di terremoto. L’area è stata poi transennata e sono seguiti i sopralluoghi dei tecnici del Comune.
Con affetto
da un ammiratore
segreto
Valentina
Auguri di cuore
a Valentina
che il 2 aprile
ha festeggiato
il suo compleanno
Dagli amici più stretti
Per fare gli auguri invia una mail
a [email protected]
Giovedì 10 aprile 2014
Tutto GUBBIO
Jeep con
®
jeep-official.it
L’AVVENTURA È UN’ATTITUDINE
Nuova Jeep® Cherokee 2014. Built Free.
Nuova Jeep® Cherokee con cambio automatico a 9 marce, motori diesel e benzina
da 140 a 272 cv, innovativo sistema di trazione Active Drive con Selec-Terrain®
e 5 Stelle Euro NCAP per il massimo della sicurezza nella sua categoria.
VIENI A SCOPRIRLA IL 12 E IL 13 APRILE.
Jeep® è un brand Chrysler Group LLC.
Gamma Cherokee: consumi ciclo combinato da 5,3 a 10 l/100Km. Emissioni CO2 da 139 a 232 g/km.
21
SPORT
y L’editoriale
22 Giovedì 10 aprile 2014
Tutto GUBBIO
y Il futuro societario
di Luca Mercadini
Nuovo esecutivo con poteri paritetici tra tutti i soci e possibilità di rotazione negli anni a venire per la
y
Giallombardo
entra negli
spogliatoi del
Barbetti dopo
l’espulsione
rimediata per
proteste
contro L’Aquila
Serve una squadra di carattere
La figuraccia rimediata con L'Aquila ha, se non
altro, un merito. Quello di archiviare in netto
anticipo la stagione. Il che dovrebbe consentire
di pensare con calma al futuro. Di programmare
con una visione temporale allargata quello che
sarà. Il primo tassello, innegabile, è quello societario. Il seme è stato gettato e qualcosa spunterà. A meno che, di fronte a una crisi economica
così devastante, non si voglia essere masochisti
fino al punto di far ripensare chi ha già dato la
sua disponibilità. Ma siccome ne abbiamo viste
di ogni in questi ultimi anni, nulla è da escludere.
Il Parma, gli sponsor e...
Dalla società all'accordo con il Parma il passo è
breve. Per il mantenimento della categoria professionistica l'accordo con i Ducali è vitale. Come, da sempre, quello con gli sponsor.
...chi deve fare la squadra
Pochi soldi? Nessun problema, basta essere chiari fin dall'inizio. Dire a tutti come stanno le cose,
guai a creare false aspettative. L'obiettivo è la
salvezza? Benissimo, si lavori in quella direzione e lo si dica a chiare note. Ma per farlo va
costruita una squadra di temperamento, che abbia i requisiti giusti per essere aiutata dal tifo
rossoblù. E con un allenatore (Roselli o chi per
lui) di personalità. Che sappia tener testa a tutti,
a cominciare dai giocatori. Abituati ad avere (anche in questa stagione) troppi alibi a fronte di
un rendimento (soprattutto comportamentale)
modesto e alquanto biasimevole.
Fioriti resta presidente, Filippo
Luca Mercadini
Il bilancio della stagione
che volge al termine e il futuro del calcio tra obiettivi da
perseguire e nuove basi su
cui lavorare. E' in estrema
sintesi il contenuto della riunione amichevole ospitata
nei giorni scorsi nella residenza di Fernando Barbetti
a Gubbio. Il noto imprenditore, figlio del presidentissimo Pietro e numero uno della società negli anni '70, da
sempre legato alle sorti del
Gubbio, ha voluto lanciare
un messaggio agli attuali
vertici del sodalizio in un periodo di grandi difficoltà
economiche e finanziarie,
che rischiano di minare il futuro dello sport eugubino.
Da qui il summit nel tentativo di ricompattare tutto l'ambiente cercando massima
unità di intenti tra tutte le
componenti del club. Erano
presenti il presidente Fioriti, i vice Notari e Mencarelli,
Fernando e Filippo Barbetti, Giuseppe Pannacci e
Giancarlo Brugnoni. Si è
parlato della necessità di
confermare l'accordo con il
Parma che assieme ai contributi federali legati al minutaggio dei giovani e al fondamentale apporto degli sponsor rappresenta oggi l'unica
vera strada da percorrere
per mantenere il calcio
rossoblù a livello professio-
nistico. E' stato affrontato
anche l'argomento del gruppo dirigenziale chiamato a
supportare da vicino le finanze del club. Da qui la
possibilità di creare un esecutivo con responsabilità
omogenee e "solidali" tra tutti i componenti. In pratica,
un organismo dove ogni
componente ha una posizione paritetica e che preveda
pure la possibilità di rotazione della presidenza. Da qui,
la proposta di Fernando Barbetti a Giancarlo Brugnoni
di rientrare nel gruppo di
vertice. Da qui, la possibili-
tà per Filippo Barbetti di far
parte della vice presidenza
del club. Ma da qui anche la
necessità di limare i recenti
contrasti con Sauro Notari
che, visto il ruolo ricoperto,
chiede maggiore coinvolgimento nelle decisioni. Tutto
questo nel tentativo di "rico-
www.corrieredellumbria.it
Tutto GUBBIO
Giovedì 10 aprile 2014
y
23
Altri sport
massima carica dirigenziale. Tentativo per riportare Brugnoni nel sodalizio, ma l’imprenditore dice no
A Foligno nel campionato interregionale
o Barbetti entra come vice
Emanuele Tinti è super
Taekwondo d’argento
x
Da sinistra, il dg
Pannacci, il
presidente Fioriti e il
vicepresidente
Notari. La novità
riguarda Filippo
Barbetti, che entrerà
nella dirigenza come
vicepresidente.
Fioriti resta il
numero uno
struire" un vertice forte che
sappia fare fronte alle grandi difficoltà del momento
con pienezza di poteri e tempestività di intervento, viste
le necessità sempre più impellenti legate alle scadenze
federali e alle incombenze
di cassa che coinvolgono la
società da una parte, la città
nei suoi molteplici aspetti
dall'altra. Si parte da una base buona: il bilancio è sano
e il conto economico è in salute, resta da limare soltanto il debito pregresso. Per
questo la serata di lunedì è
stata importante. Ha gettato
x
Zoom
y
Emanuele
Tinti, in cintura
rossa,
secondo al
campionato
interregionale
di taekwondo
a Foligno
le basi per un rinnovato rapporto di fiducia tra tutti i vertici societari venendo in aiuto di Fioriti (oggi oggettivamente molto solo) e permettendo di pensare a nuove
prospettive. “Entro in società - dichiara Filippo Barbetti
- perché con mio padre Fer-
nando abbiamo deciso di dare una mano in questo momento difficile anche perché il Gubbio è parte integrante della nostra storia.
Fioriti resta alla presidenza,
io farò il vice con gli altri.
Chi dice cose diverse si sbaglia di grosso”.
Si è disputato il primo campionato interregionale
umbro di taekwondo al palasport di Foligno. Hanno partecipato circa 230 atleti provenienti da tutta
italia. All’appuntamento non poteva mancare la
scuola di taekwondo di Gubbio, che ha partecipato con un solo atleta nella categoria “87kg” dove
Emanuele Tinti (cintura rossa) si è battuto contro
le cinture nere. Dopo aver vinto due incontri ha
ceduto soltanto in finale, meritandosi comunque
una prestigiosa medaglia d'argento. Soddisfazione per il suo maestro Daniele Allegrucci per la
prestazione dell'atleta, che non si è fatto intimorire dai suoi avversari cinture nere.
Rugby Continua la corsa del Rugby Gubbio verso
i play off. La formazione di Pauselli e Angeloni ha
incontrato a Todi il Guardia XV, la Senior di Guardia Martana. La partita si è chiusa con il punteggio
finale di 35-12 in favore del quindici rossoblù, che
ha battuto a fatica la formazione martanese. In
campo anche due tesserati della Under 20, Rogari
e Bocci. E’ stata tutta un’altra gara rispetto a quella
d’andata, nella quale i rossoblù erano riusciti a
prevalere con il netto punteggio di 71-0. Il Gubbio
comunque si è confermata una delle formazioni
più forti del campionato di serie C girone UmbriaMarche, di cui è leader in classifica. La prova contro i martanesi ha permesso alla squadra di Angeloni e Pauselli di conquistare 5 punti e avvicinarsi
sempre più ai playoff. Domenica 27 aprile, alle
15,30, Gubbio in trasferta contro il Cus Perugia.
24 Giovedì 10 aprile 2014
Tutto GUBBIO
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
2
File Size
11 255 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content