close

Enter

Log in using OpenID

Camminata della legalità

embedDownload
Domenica 5 ottobre 2014
Comune di Pegognaga
9°CAMMINATA
della LEGALITÀ
Comune di Suzzara
Comune di Gonzaga
con partenza da Brusatasso
Comune di Motteggiana
Comune di Moglia
Comune di San Benedetto Po
con il patrocinio di
Camminata in memoria di Lea Garofalo, testimone contro
la ‘ndrangheta uccisa dalla famiglia dell’ex compagno
ore 9.00 partenza partecipanti corsa (2 percorsi di 5 e 10 Km)
ore 9.30 partenza partecipanti camminata (percorso 5 km)
ore 12.00 Pranzo della legalità presso circolo Arci Margonara
(con prenotazione ai nr 348.7034274 - 347.253376)
Saluto delle Istituzioni e degli Enti promotori
Intervento di Valerio d’Ippolito referente di Libera zona Monza Brianza
Ai partecipanti è richiesto un contributo di 2.50 euro e il ricavato
verrà devoluto alla Coop VALLE DEL MARRO di Gioia Tauro
Ai partecipanti verrà consegnato un pacco di pasta con grano coltivato nei terreni confiscati alle mafie
Gonzaga 1
in collaborazione con
Gruppo Podistico Avis Suzzara - Parrocchia di Brusatasso - Comitato Sagra Polesine
Protezione Civile di Suzzara - Croce Rossa delegazione di Suzzara
di
Coordinamento Mantova
Lea Garofalo (Petilia Policastro, 1974 – Milano, 24 novembre 2009)
testimone di giustizia, vittima della 'Ndrangheta.
Biografia[fonte wikipedia]
Lea Garofalo era una testimone di giustizia sottoposta a protezione dal 2002,
quando aveva deciso di testimoniare sulle faide interne tra la sua famiglia e
quella del suo ex compagno Carlo Cosco. L'azione di repressione del clan
Garofalo si concretizza il 7 maggio 1996, quando i carabinieri di Milano
svolgono un blitz in via Montello 6 e arrestano anche Floriano Garofalo,
fratello di Lea, boss di Petilia Policastro dedito al controllo dell'attività
malavitosa nel centro lombardo.
Floriano Garofalo, nove anni dopo l'arresto e dopo l'assoluzione al processo
viene assassinato in un agguato nella frazione Pagliarelle di Petilia Policastro l'8
giugno 2005. In particolare, Lea, interrogata dal pm Antimafia Sandro Dolce,
riferì dell'attività di spaccio di stupefacenti condotta dai fratelli Cosco grazie al
benestare del boss Tommaso Ceraudo.
Ammessa già nel 2002 nel programma di protezione insieme alla figlia Denise
e trasferita a Campobasso, si vede estromessa dal programma nel 2006 perché
l'apporto dato non era stato significativo. La donna si rivolge allora prima al
TAR, che le dà torto, e poi al Consiglio di Stato, che le dà ragione. Nel
dicembre del 2007 viene riammessa al programma, ma nell'aprile del 2009 –
pochi mesi prima della sua scomparsa – decide all'improvviso di rinunciare
volontariamente a ogni tutela.
Nel novembre del 2009 Cosco attirò l'ex compagna con l'intento di parlare del
futuro della loro figlia Denise. Alcune telecamere inquadrarono madre e figlia
nelle ore del pomeriggio lungo i viali che costeggiano il cimitero Monumentale
a Milano: sono gli ultimi fotogrammi prima della scomparsa definitiva di Lea
Garofalo.
Lea fu rapita e consegnata a Vito e Giuseppe Cosco, i quali la torturarono per
ore per farla parlare e poi la uccisero. Il corpo venne portato in un terreno nella
frazione di San Fruttuoso (Monza) dove venne bruciato in un barile d'acciaio.
In viaggio con Lea
Valerio d’Ippolito e Valentino Marchiori, esponenti di Libera Monza Brianza
hanno attraversato tutta la penisola, dalla Lombardia fino alla Calabria, dal
cimitero di Monza-San Fruttuoso, dove Lea è sepolta per arrivare a Petilia
Policastro dove Lea è nata.
1178 km a piedi, passo dopo passo per ricordare che "Oggi non basta parlare
di verità, dobbiamo cercarla".
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
273 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content