close

Enter

Log in using OpenID

deliberatariffetari - Comune di Granaglione

embedDownload
COMUNE DI GRANAGLIONE
(Provincia di Bologna)
Adunanza ordinaria di prima convocazione Sessione pubblica
COPIA
VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 21
Oggetto:
IMPOSTA
UNICA
COMUNALE
(I.U.C.).
APPROVAZIONE
DELLE
TARIFFE
PER
L'APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI (TARI) – ANNO 2014.
Addì NOVE AGOSTO DUEMILAQUATTORDICI, dalle ore 10:00 a seguire, nella sala delle adunanze
consiliari, convocato con appositi avvisi e previa l'osservanza di tutte le formalità prescritte dal Testo Unico
delle leggi sull'ordinamento degli Enti Locali, si è riunito il Consiglio Comunale di Granaglione con l 'intervento
dei suoi componenti che previo appello nominale, risultano come di seguito distinti per presenti ed assenti:
Componenti
Funzioni
1)
NANNI GIUSEPPE
Sindaco
Presente
2)
EVANGELISTI MARTA
Consigliere
Assente
3)
GAGGIOLI ANDREA
Consigliere
Presente
4)
LABANTI MARCELLO
Consigliere
Presente
5)
COPPI PIERLUIGI
Consigliere
Presente
6)
NASCI FILIPPO
Consigliere
Presente
7)
GUIDUCCI CELSO
Consigliere
Assente
Constatata la legalità del numero dei componenti intervenuti,
Presenti/Assenti
NANNI GIUSEPPE - SINDACO, assume la
Presidenza dell'Assemblea Consiliare e dichiarata aperta la seduta,
provvede, per eventuali esigenze di
votazione segreta, alla nomina degli scrutatori nelle persone dei consiglieri:
COPPI PIERLUIGI, LABANTI MARCELLO, NASCI FILIPPO.
quindi invita l'Assemblea a provvedere in ordine agli argomenti descritti nell'ordine del giorno.
Partecipa, assiste e verbalizza il SEGRETARIO COMUNALE, DOTT.SSA PASQUINI PAOLA.
COMUNE DI GRANAGLIONE D.C.C. N. 21/2014
IL CONSIGLIO COMUNALE
Premesso che la legge di stabilità 2014 (art. 1, commi 639-731, legge 27 dicembre 2013, n. 147), nell’ambito
di un disegno complessivo di riforma della tassazione immobiliare locale, ha istituito l’Imposta Unica
Comunale (IUC), composta di tre distinti prelievi:
l’imposta municipale propria (IMU) relativa alla componente patrimoniale;
la tassa sui rifiuti (TARI) destinata alla copertura dei costi del servizio di gestione dei rifiuti;
il tributo sui servizi indivisibili (TASI), destinata alla copertura dei costi dei servizi indivisibili
erogati dai comuni;
Richiamati in particolare i commi da 641 a 668 dell’articolo 1 della legge n. 147/2013, come modificati dal
decreto legge 6 marzo 2014, n. 16 (conv. in legge n. 68/2014), i quali contengono la disciplina della tassa sui
rifiuti;
Ricordato che la TARI:
•
opera in sostituzione della Tassa smaltimento rifiuti solidi urbani interni di cui al Capo III del d.Lgs. n.
507/1993, della Tariffa di igiene ambientale di cui al d.Lgs. n. 22/1997, della Tariffa integrata
ambientale di cui al d.Lgs. n. 152/2006 nonché del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi di cui
all’articolo 14 del d.L. n. 201/2011 (L. n. 211/2011);
•
assume natura tributaria, salva l’ipotesi in cui i comuni che hanno realizzato sistemi puntuali di
misurazione delle quantità di rifiuti conferiti al servizio pubblico possono prevedere l’applicazione di
una tariffa avente natura corrispettiva (comma 677);
•
deve garantire l’integrale copertura dei costi del servizio (commi 653-654);
•
fa salva l’applicazione del tributo provinciale per l’esercizio delle funzioni di tutela, protezione e igiene
dell’ambiente di cui all’articolo 19 del d.Lgs. n. 504/1992 (comma 666);
Visto il Regolamento per l’applicazione della Tassa sui Rifiuti, approvato con deliberazione di Consiglio
Comunale n. 19 in data odierna, il quale all’articolo 10 demanda al Consiglio Comunale l’approvazione delle
tariffe sulla base del Piano finanziario predisposto dal soggetto gestore ed approvato dal Consiglio Comunale
ovvero dall’autorità competente;
Visto il Piano finanziario relativo ai costi di gestione dei servizio rifiuti, approvato con deliberazione di
Consiglio Comunale n. 20 in data odierna, dal quale emergono costi complessivi per l’anno 2014 di €
415.282,36;
Tenuto conto, ai fini della determinazione delle tariffe, che:
è stato applicato il metodo normalizzato di cui al D.P.R. 158/1999;
•
le utenze sono state suddivise in domestiche e non domestiche, secondo la classificazione approvata
con regolamento comunale;
1
COMUNE DI GRANAGLIONE D.C.C. N. 21/2014
•
la tariffa é composta da una quota determinata in relazione alle componenti essenziali del costo del
servizio di gestione dei rifiuti, riferite in particolare agli investimenti per le opere ed ai relativi
ammortamenti, e da una quota rapportata alle quantità di rifiuti conferiti, al servizio fornito e all'entità
dei costi di gestione, in modo che sia assicurata la copertura integrale dei costi di investimento e di
esercizio;
•
la tariffa è commisurata alle quantità e qualità medie ordinarie di rifiuti prodotti per unità di superficie,
in relazione agli usi e alla tipologia di attività con una ripartizione dei costi tra le utenze domestiche e
non domestiche nel rapporto di 80,19/19,81;
Dato atto che nella determinazione delle tariffe sono state prese in considerazione tutte le riduzioni previste
dal vigente regolamento, attraverso la riduzione delle tariffe e finanziando la minore entrata con le tariffe non
ridotte;
le scelte operative e gestionali hanno comportato per l’ente la scelta dei coefficienti di produttività potenziali
di cui al D.P.R. 158/1999;
Ritenuto quindi di determinare la ripartizione tariffaria per l’anno 2014 , secondo i coefficienti di
produttività di seguito specificati:
Parte fissa utenze domestiche
N. componenti
nucleo familiare
1
2
3
4
5
6 o più
numero
tot superficie
utenze
(mq)
382
42.612,00
1724
162.753,00
187
23.989,00
96
12.016,00
31
3.449,00
8
1.082,00
Ka
(zona Nord)
0,84
0,98
1,08
1,16
1,24
1,30
Quf
TFd(n)
35794,08
159497,94
25908,12
13938,56
4276,76
1406,60
31664,55
141096,79
22919,12
12330,48
3783,35
1244,32
Cu
TVd(n)
TFd
0,74309
0,86694
0,95540
1,02617
1,09694
1,15002
Parte variabile utenze domestiche
Categorie
1
2
3
4
5
6 o più
numero
utenze
tot
superficie
(mq)
Kb
Quv
382
42.612,00 0,94
1724 162.753,00 1,74
187
23.989,00 2,05
96
12.016,00 2,20
31
3.449,00 2,90
8
1.082,00 3,40
359,08
2999,76
383,35
211,2
89,9
27,2
2
30,79874 11765,12
57,01043 98285,98
67,16746 12560,32
72,08215 6919,89
95,01738 2945,54
111,3997
891,20
TVd
30,80
57,01
67,17
72,08
95,02
111,40
COMUNE DI GRANAGLIONE D.C.C. N. 21/2014
Parte fissa utenze non domestiche
Cat
Descrizione
1
Musei, biblioteche, scuole, associazioni,
luoghi di culto
2
Num
utenze
Tot mq
Kb
Qapf
Tf(ap)
TF
17,00
3443,00
0,48
Campeggi, distributori carburanti
3,00
326,00
0,78
254,44
371,74
1,14029
3
Stabilimenti balneari
1,00
240,00
0,59
142,20
207,75
0,86563
4
Esposizioni, autosaloni
4,00
326,00
0,41
133,82
195,51
0,59973
5
Alberghi con ristorante
1,00
216,00
1,29
278,86
407,40
1,88612
6
Alberghi senza ristorante
2,00
328,00
0,89
293,07
428,17
1,30538
7
Case di cura e riposo
0,00
0,00
0,99
0,00
-
1,45002
8
Uffici, agenzie, studi professionali
30,00
1380,00
1,11
1532,49 2.238,93
1,62242
9
Banche ed istituti di credito
2,00
232,00
0,58
10 cartoleria, ferramenta e altri beni durevoli
16,00
2887,00
1,07
11 Edicola, farmacia, tabaccaio, plurilicenze
3,00
169,00
1,45
12 idraulico, fabbro, elettricista parrucchiere)
13,00
1618,00
13 Carrozzeria, autofficina, elettrauto
10,00
Negozi abbigliamento, calzature, libreria,
1657,80 2.422,02
133,52
0,70346
195,06
0,84079
3100,64 4.529,97
1,56909
358,63
2,12207
0,99
1605,06 2.344,95
1,44929
1373,00
1,12
1543,25 2.254,66
1,64214
11,00
9462,00
0,84
7929,16 11.584,33
1,22430
29,00
7135,00
1,01
7199,22 10.517,90
1,47413
16 Ristoranti, trattorie osterie, pizzerie
7,00
1185,00
4,84
5735,40 8.379,30
7,07114
17 Bar, caffè, pasticceria
7,00
429,00
3,64
1561,56 2.281,41
5,31796
18 salumi e formaggi, generi alimentari
4,00
787,00
1,76
1385,12 2.023,63
2,57132
19 Plurilicenze alimentari e/o miste
8,00
396,00
1,54
609,84
20 Ortofrutta, pescherie, fiori e piante
0,00
0,00
9,78
0,00
21 Discoteche, night club
1,00
440,00
1,55
682,00
Attività artigianali tipo botteghe (falegname,
Attività industriali con capannoni di
14 produzione
Attività artigianali di produzione beni
15 specifici
Supermercato, pane e pasta, macelleria,
3
245,47
890,96
2,24991
- 14,29275
996,39
2,26452
COMUNE DI GRANAGLIONE D.C.C. N. 21/2014
Parte variabile utenze non domestiche
Cat
Num
utenze
Descrizione
Tot mq
1
Musei, biblioteche, scuole, associazioni,
luoghi di culto
2
Campeggi, distributori carburanti
3,00
3
Stabilimenti balneari
4
Cu
TV
3,96 1.519,86
0,44144
326,00
6,39
232,36
0,71276
1,00
240,00
4,89
130,73
0,54472
Esposizioni, autosaloni
4,00
326,00
3,39
123,28
0,37817
5
Alberghi con ristorante
1,00
216,00 10,61
255,45
1,18262
6
Alberghi senza ristorante
2,00
328,00
7,35
268,70
0,81922
7
Case di cura e riposo
-
-
8,13
-
0,90678
8
Uffici, agenzie, studi professionali
9,14 1.405,50
1,01848
9
Banche ed istituti di credito
4,74
122,53
0,52816
8,82 2.838,01
0,98303
10
17,00 3.443,00
Kd
30,00 1.380,00
2,00
Negozi abbigliamento, calzature, libreria,
cartoleria, ferramenta e altri beni durevoli
232,00
16,00 2.887,00
11 Edicola, farmacia, tabaccaio, plurilicenze
3,00
Attività artigianali tipo botteghe (falegname,
169,00 11,90
224,23
1,32682
12 idraulico, fabbro, elettricista parrucchiere)
13,00 1.618,00
8,11 1.462,76
0,90405
13 Carrozzeria, autofficina, elettrauto
10,00 1.373,00
9,19 1.406,64
1,02450
11,00 9.462,00
6,90 7.277,87
0,76917
29,00 7.135,00
8,26 6.567,33
0,92044
16 Ristoranti, trattorie osterie, pizzerie
7,00 1.185,00 39,67 5.240,26
4,42216
17 Bar, caffè, pasticceria
7,00
429,00 29,82 1.426,06
3,32415
18 salumi e formaggi, generi alimentari
4,00
787,00 14,43 1.265,94
1,60857
19 Plurilicenze alimentari e/o miste
8,00
396,00 12,59
555,77
1,40345
-
- 80,22
-
8,94220
1,00
440,00 12,72
623,72
1,41756
Attività industriali con capannoni di
14 produzione
Attività artigianali di produzione beni
15 specifici
Supermercato, pane e pasta, macelleria,
20 Ortofrutta, pescherie, fiori e piante
21 Discoteche, night club
Ritenuto di provvedere in merito;
Ritenuto altresì di dover stabilire, come definito nel reg.to per la disciplina della TARI le seguenti scadenze di
versamento per l’anno 2014:
- N. 2 RATE con scadenza rispettivamente il 30/09/2014 ed il 01/12/2014;
Visto l’articolo 53, comma 16, della legge 23 dicembre 2000, n. 388, come modificato dall’articolo 27, comma
8, della legge n. 448/2001, il quale prevede che il termine per deliberare le aliquote e le tariffe dei tributi locali
e per approvare i regolamenti relativi alle entrate degli enti locali è stabilito entro la data fissata da norme
statali per l’approvazione del bilancio di previsione e che i regolamenti sulle entrate, anche se approvati
4
COMUNE DI GRANAGLIONE D.C.C. N. 21/2014
successivamente all’inizio dell’esercizio, purché entro tale termine, hanno effetto dal 1° gennaio del l’anno di
riferimento;
Visti:
•
il Dm Interno 19 dicembre 2013 (GU n. 302 in data 27 dicembre 2013) il quale ha differito al 28
febbraio 2014 il termine per l’approvazione del bilancio di previsione dell’esercizio 2014;
•
il Dm Interno 13 febbraio 2014 (GU n. 43 in data 21 febbraio 2014) con il quale è stato prorogato al
30 aprile 2014 il termine di cui sopra;
•
il Dm Interno 29 aprile 2014, (GU n. 99 in data 30 aprile 2014) con il quale è stato prorogato al 31
luglio 2014 il termine di cui sopra;
•
il Dm Interno 18 luglio 2014, (GU n. 169 in data 23 luglio 2014) con il quale è stato, da ultimo,
prorogato al 30 settembre 2014 il termine di cui sopra;
Richiamato infine l’articolo 13, comma 15, del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, conv. in legge n.
214/2011, il quale testualmente recita:
15. A decorrere dall'anno d'imposta 2012, tutte le deliberazioni regolamentari e tariffarie relative alle
entrate tributarie degli enti locali devono essere inviate al Ministero dell'economia e delle finanze,
Dipartimento delle finanze, entro il termine di cui all'articolo 52, comma 2, del decreto legislativo n. 446
del 1997, e comunque entro trenta giorni dalla data di scadenza del termine previsto per l'approvazione
del bilancio di previsione. Il mancato invio delle predette deliberazioni nei termini previsti dal primo
periodo è sanzionato, previa diffida da parte del Ministero dell'interno, con il blocco, sino
all'adempimento dell'obbligo dell'invio, delle risorse a qualsiasi titolo dovute agli enti inadempienti. Con
decreto del Ministero dell'economia e delle finanze, di concerto con il Ministero dell'interno, di natura
non regolamentare sono stabilite le modalità di attuazione, anche graduale, delle disposizioni di cui ai
primi due periodi del presente comma. Il Ministero dell'economia e delle finanze pubblica, sul proprio
sito informatico, le deliberazioni inviate dai comuni. Tale pubblicazione sostituisce l'avviso in Gazzetta
Ufficiale previsto dall'articolo 52, comma 2, terzo periodo, del decreto legislativo n. 446 del 1997.
Vista la nota del Ministero dell’economia e delle finanze prot. n. 5343 in data 6 aprile 2012, con la quale è
stata resa nota l’attivazione, a decorrere dal 16 aprile 2012, della nuova procedura di trasmissione telematica
dei
regolamenti
e
delle
delibere
di
approvazione
delle
aliquote
attraverso
il
portale
www.portalefederalismofiscale.gov.it ;
Visto il D.Lgs. n. 267/2000;
ACQUISITI, ai sensi dell’art. 49 - 1° Comma, del T.U.E.L. - D.Lgs. 18.08.2000 n. 267, i pareri riportati
nell’allegato che è parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;
A VOTAZIONE UNANIME FAVOREVOLE RESA NEI MODI E FORME DI LEGGE;
DELIBERA
1) di approvare per l’anno 2014, ai sensi dell’articolo 1, comma 683, della legge n. 147/2013 e del
relativo Regolamento comunale, le seguenti tariffe della TARI relative alle utenze domestiche e non
domestiche:
5
COMUNE DI GRANAGLIONE D.C.C. N. 21/2014
Utenze domestiche
N. componenti nucleo
familiare
Tariffa mq €
(TFd(n))
Tariffa a categoria €
(TVd(n))
1
0,74309
30,80
2
0,86694
57,01
3
0,95540
67,17
4
1,02617
72,08
5
1,09694
95,02
6 o più
1,15002
111,40
Utenze non domestiche
Tf(ap)
Descrizione
1
Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di
culto
0,70346
0,44144
1,1449
2
Campeggi, distributori carburanti
1,14029
0,71276
1,85305
3
Stabilimenti balneari
0,86563
0,54472
1,41035
4
Esposizioni, autosaloni
0,59973
0,37817
0,9779
5
Alberghi con ristorante
1,88612
1,18262
3,06874
6
Alberghi senza ristorante
1,30538
0,81922
2,1246
7
Case di cura e riposo
1,45002
0,90678
2,3568
8
Uffici, agenzie, studi professionali
1,62242
1,01848
2,6409
9
Banche ed istituti di credito
0,84079
0,52816
1,36895
10
Negozi abbigliamento, calzature, libreria,
cartoleria, ferramenta e altri beni durevoli
1,56909
0,98303
2,55212
11
Edicola, farmacia, tabaccaio, plurilicenze
2,12207
1,32682
3,44889
12
Attività artigianali tipo botteghe (falegname,
idraulico, fabbro, elettricista parrucchiere)
1,44929
0,90405
2,35334
13
Carrozzeria, autofficina, elettrauto
1,64214
1,02450
2,66664
14
Attività industriali con capannoni di produzione
1,22430
0,76917
1,99347
15
Attività artigianali di produzione beni specifici
1,47413
0,92044
2,39457
16
Ristoranti, trattorie osterie, pizzerie
7,07114
4,42216
11,4933
17
Bar, caffè, pasticceria
5,31796
3,32415
8,64211
18
Supermercato, pane e pasta, macelleria, salumi e
formaggi, generi alimentari
2,57132
1,60857
4,17989
19
Plurilicenze alimentari e/o miste
2,24991
1,40345
3,65336
20
Ortofrutta, pescherie, fiori e piante
14,29275
8,94220
23,23495
21
Discoteche, night club
2,26452
1,41756
3,68208
6
Tv(ap)
Tariffa totale €
al mq
Cat
COMUNE DI GRANAGLIONE D.C.C. N. 21/2014
2) Di stabilire le seguenti scadenze di versamento TARI per l’anno 2014:
n. 2 rate con scadenza rispettivamente 30/09/2014 e 01/12/2014;
3) di quantificare in €. 415.282,36 il gettito complessivo del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi;
4) di trasmettere telematicamente la presente deliberazione al Ministero dell’economia e delle finanze
per il tramite del portale www.portalefederalismofiscale.gov.it entro 30 giorni dalla data di esecutività
e comunque entro 30 giorni dal termine ultimo di approvazione del bilancio, ai sensi dell’articolo 13,
comma 15, del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 2011 (L. n. 214/2011) e della nota MEF prot. n.
5343/2012 del 6 aprile 2012.
Successivamente la presente deliberazione con votazione unanime favorevole viene dichiarata
immediatamente eseguibile ai sensi dell'art. 134 - 4° comma - T.U.E.L. approvato con D.Lgs. n. 267 de l
18/08/2000.
7
Copia Conforme
IL SINDACO
IL SEGRETARIO COMUNALE
F.to Giuseppe Nanni
F.to Dott.ssa Paola Pasquini
*********************************************************************************************************
La
presente
deliberazione
viene
pubblicata
all'albo
pretorio
on-line
per
quindici
giorni
consecutivi dal 27/08/2014 al 11/09/2014.
F.to IL SEGRETARIO COMUNALE
Lì, 27/08/2014
F.to Dott.ssa Paola Pasquini
*********************************************************************************************************
Copia conforme all'originale, in carta libera per uso amministrativo.
IL SEGRETARIO COMUNALE
Lì, 27/08/2014
Dott.ssa Paola Pasquini
*********************************************************************************************************
CERTIFICATO DI ESECUTIVITA'
Il sottoscritto Segretario Comunale visti gli atti d'ufficio
ATTESTA
Che la presente deliberazione è divenuta esecutiva il 09/08/2014
a) essendo stata dichiarata immediatamente eseguibile (art. 134 4° comma 4° T.U.E.L. ).
X
b) essendo decorsi 10 gg. della data di inizio della pubblicazione senza che siano pervenute
richieste di invio al controllo (art. 134 comma 3° T.U.E.L.).
Granaglione, lì _________________
IL SEGRETARIO COMUNALE
F.to Dott.ssa Paola Pasquini
COMUNE DI GRANAGLIONE
Provincia di Bologna
PROPOSTA DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE
Oggetto: IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.). APPROVAZIONE
L'APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI RIFIUTI (TARI) – ANNO 2014.
DELLE
TARIFFE
PER
Ai sensi dell'art. 49, 1° comma, del D.Lgs. 18/08/2000 n. 267, con riferimento alla proposta di
deliberazione di cui all'oggetto, si esprime:
PARERE FAVOREVOLE SULLA REGOLARITA' TECNICA
Lì, 09.08.2014
IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO
F.to Rag. Luca Cecchini
PARERE FAVOREVOLE SULLA REGOLARITA' CONTABILE
Lì, 09.08.2014
IL RESPONSABILE SERVIZI FINANZIARI
F.to Rag. Luca Cecchini
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
0
File Size
587 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content