close

Enter

Log in using OpenID

04 11 14 Foggia metropol mafia

embedDownload
PUGLIA E BASILICATA 11
Martedì 4 novembre 2014
L’ALLARME
LE INFILTRAZIONI NEGLI APPALTI
La Prefettura: nell’azienda assunte 6
A febbraio due guardie giurate e un ex
persone vicine alla criminalità organizzata, poliziotto arrestati perché vendevano
uno fu vittima di agguato mafioso
i posti da guardia giurata a 12mila euro
200 DIPENDENTI
La Metropol ha l’appalto della
vigilanza anche agli Ospedali
Riuniti di Foggia
[foto Maizzi]
dal nostro inviato
MASSIMILIANO SCAGLIARINI
l FOGGIA. Alla portineria del
Poligrafico di Foggia, dove stampano le targhe delle auto e le
ricevute del Lotto, può capitare
di essere fermati da una guardia
giurata che nel 2007 sfuggì d’un
soffio ad un agguato mafioso. È
un dipendente della Metropol, la
più grande società di vigilanza
privata della provincia, 200 dipendenti e oltre 1.000 contratti
attivi: a chi chiama il loro centralino, potrebbe rispondere
una signora che è moglie e figlia
di due esponenti di spicco della
Società foggiana. Per tre volte,
negli ultimi due anni, la Prefettura ha provato a sospendere
la licenza della Metropol, cui a
marzo ha anche ritirato il certificato antimafia. Le prime due
volte gli è andata male. Ma quello che è accaduto stavolta, nelle
aule della giustizia amministrativa, ha davvero del paradossale.
Questa è la storia di
quanto sta accadendo a
Foggia, dove - nel sostanziale disinteresse
delle istituzioni locali una società privata sospettata di gravi infiltrazioni mafiose ha il
compito di sorvegliare
non solo il Poligrafico,
ma anche gli Ospedali
Riuniti e persino il Tribunale. Compresi gli
stessi uffici della Procura che, a febbraio del
2014, hanno chiesto e ottenuto l’arresto di due
guardie giurate della Metropol e
di un ex ispettore di polizia: secondo l’accusa, vendevano posti
da guardia giurata a 12mila euro
l’uno, peraltro a gente contigua
ai clan. A far scattare l’indagine,
va detto, è stata una denuncia del
titolare della Metropol, Leonardo Rizzi. Ma il gip del Tribunale
di Foggia, Michela Valente, non
ha mancato di rilevare che l’ex
ispettore, Michele Laccetti, «in
virtù delle sue conoscenze, riusciva a far ottenere nuovi incarichi ai germani Rizzi, cui però
chiedeva in cambio l’assunzione
di specifiche persone». E fa
l’esempio di quanto avvenuto
per l’aeroporto Gino Lisa: Laccetti «riferiva di mantenere
stretti rapporti con l'avv. Pucillo
(titolare dell'Alidaunia) e di essere in grado di fare da tramite
per fare acquisire loro (cioè alla
Metropol, ndr) il servizio di por-
.
giudice del lavoro. La Prefettura
ha poi rilevato che l’azienda ha
«richiesto il rilascio del porto
d’arma e del titolo di guardia
giurata in favore di altre persone
con frequentazioni riferibili ai
pregiudicati della criminalità
organizzata locale»: uno ha addirittura presentato documenti
contraffatti.
A fronte di questo quadro, il
Poligrafico ha rescisso il contratto con la Metropol (i cui dipendenti sono da mesi senza stipendio). La vicenda è finita davanti al Tar di Bari, dove l’istituto di vigilanza ha impugnato
anche la revoca dell’autorizzazione prefettizia. Venerdì 10 i
giudici amministrativi
hanno deciso, respingendo entrambi i ricorsi. La sentenza è stata
depositata a metà mattinata. Meno di 24 ore
dopo, cioè di sabato, un
decreto monocratico
del Consiglio di Stato
ha sospeso entrambe le
sentenze. Una decisione rapidissima, se si
pensa che in meno di 24
ore i legali della Metropol hanno scritto due
appelli di 113 pagine, li
hanno notificati, ne
hanno preparato 7 copie, hanno predisposto
i fascicoli di parte (tre
copie) con alcune centinaia di
pagine di documenti cartacei e
le due copie in formato digitale,
hanno iscritto ciascun ricorso a
ruolo, hanno presentato istanza
di fissazione, quindi hanno portato tutto a Roma entro mezzogiorno dove - di sabato - hanno
trovato un magistrato che si è
letto tutte le carte ed ha concesso
la sospensiva, rinviando la discussione a dopodomani.
Non è la prima volta che accade. L’11 luglio, il Tar di Bari ha
respinto il ricorso di un altro
istituto di vigilanza, la Sever Security, cui la Prefettura di Foggia aveva sospeso la licenza per
due mesi per via di irregolarità
nel versamento dei contributi.
L’ordinanza è uscita di venerdì.
La mattina dopo, lo stesso magistrato del Consiglio di Stato
l’ha sospesa. C’è un giudice a
Roma, anche nel weekend.
Foggia, allarme per i vigilanti
«Poligrafico in mano ai clan»
Il venerdì licenza sospesa dal Tar, il sabato il Consiglio di Stato la sblocca
ALL’AEROPORTO
LA SECONDA VOLTA
I giudici: la società ebbe
favori anche per il
contratto al «Gino Lisa»
A luglio la licenza di un
altro istituto fu congelata il
venerdì e restituita il sabato
tierato presso l'aeroporto Gino
Lisa. Seguiva un incontro con
l'avv. Pucillo cui i Rizzi erano
presentati dal Laccetti come
suoi parenti e, a seguito di formale offerta, la Metropol otteneva l'indicato servizio».
Lo stesso giorno degli arresti,
la Prefettura ha revocato alla
Metropol
l’autorizzazione
all’esercizio della vigilanza privata, e all’inizio di marzo anche
il certificato antimafia: ha rilevato che sei dipendenti (poi licenziati) hanno «legami familiari e rapporti di frequentazione
con famosi sodalizi criminali
presenti nel Foggiano». Uno, la
guardia giurata Gianluca Caione, nel 2007 è rimasto ferito
nell’agguato teso da due motociclisti al cognato Pasquale Moretti, pregiudicato, figlio del
boss ergastolano Rocco Moretti.
Un’altra, Caterina Antoniello, è
moglie e figlia di due noti pregiudicati, ed è stata messa al centralino perché - secondo la Prefettura - così si evitano i controlli
antimafia. Tutti sono poi stati
licenziati, ma le due centraliniste sono state reintegrate dal
La sede foggiana del Poligrafico di Stato [foto Maizzi]
IL CASO L’AUTORITÀ ANTICORRUZIONE METTE NEL MIRINO UN CONTRATTO DA 7 MILIONI DI EURO
Cantone bacchetta l’Asl Bari
«Dubbi sull’appalto archivi»
l BARI. L’aggiudicazione
dell’appalto da 7 milioni di
euro per gli archivi della Asl
di Bari potrebbe essere avvenuta in assenza delle verifiche di legge sui requisiti
dei partecipanti. Per questo il
presidente dell’Autorità anticorruzione (Anac), Raffaele
Cantone, ha chiesto all’azienda sanitaria di intervenire: se
non lo farà entro 30 giorni, la
legge prevede che l’Anac segnali il caso alla magistratura.
L’appalto è stato oggetto di
ricorsi al Tar e al Consiglio di
Stato, entrambi respinti, da
parte dell’azienda seconda
classificata. Tuttavia, secondo
l’Anac, la Asl avrebbe aggiudicato il contratto a un raggruppamento di imprese (Telecom Italia-Cni) diverso da
quello che aveva presentato
l’offerta, in quanto la terza
società (Sma spa) aveva poi
ceduto il ramo di impresa alla
stessa Cni. In questo passaggio, però, la Asl avrebbe omesso di verificare se Sma aveva i
requisiti per partecipare alla
gara. In più, il raggruppamento vincitore avrebbe pro-
posto come sede dell’archivio
un capannone condiviso con
altre aziende, mentre il bando
prevedeva un archivio unico
per i documenti della Asl.
Nel 2008 un troncone delle
indagini baresi sulla sanità quello in cui fu arrestato l’ex
vicepresidente della giunta regionale, Sandro Frisullo - si
concentrò (anche) sugli appalti per l’archivio. Poi nel 2012
l’allora Autorità di vigilanza
sui contratti si interessò al
servizio, rilevando il ricorso
eccessivo alle proroghe dei
contratti.
[m.s.]
ECONOMICI
I prezzi di seguito elencati debbono intendersi per ogni parola e per un minimo di
10 parole ad annuncio. (*)
AVVISI EVIDENZIATI maggiorazione di 15,00 euro
Per annunci in grassetto/neretto tariffa doppia.
1 Acquisti appartamenti e locali, Euro 3,00-3,50; 2 Acquisti ville e terreni, Euro 3,00-3,50; 3
Affitti appartamenti per abitazione, Euro 3,00-3,50; 4 Affitti uso ufficio, Euro 3,00-3,50; 5
Affitti locali commerciali, Euro 3,00-3,50; 6 Affitti ville e terreni, Euro 3,00-3,50; 7 Auto, Euro
3,00-3,50; 8 Avvisi commerciali, Euro 3,00-3,50; 9 Camere, Pensioni, Euro 3,00-3,50; 10
Capitali, Società, Finanziamenti, Euro 14,00-16,20; 11 Cessioni rilievi aziende, Euro
14,00-16,20; 12 Concorsi, Aste, Appalti, Euro 14,00-16,20; 13 Domande lavoro, Euro
0,60-0,60; 14 Matrimoniali, Euro 3,00-3,50; 15 Offerte impiego e lavoro, Euro 4,50-5,50; 16
Offerte rappresentanze, Euro 4,50-5,50; 17 Professionali, Euro 7,00-9,00; 18 Vendita
appartamenti per abitazione, Euro 3,00-3,50; 19 Vendita uso ufficio, Euro 3,00-3,50; 20
Vendita locali commerciali, Euro 3,00-3,50; 21 Vendita ville e terreni, Euro 3,00-3,50; 22
Vendita Fitti immobili industriali, Euro 3,00-3,50; 23 Villeggiatura, Euro 3,00-3,50; 24 Varie,
Euro 7,00-9,00.
(*) Il secondo prezzo si riferisce agli avvisi pubblicati giovedì, domenica e festività
nazionali.
Si precisa che tutti gli avvisi relativi a «Ricerca di Personale» o «Offerte di Impiego e Lavoro»
debbono intendersi riferiti a personale sia maschile che femminile. Ai sensi dell’art.1 legge
9-12-’77 n. 903, è vietata qualsiasi discriminazione fondata sul sesso, per quanto riguarda
l’accesso al lavoro, indipendentemente dalle modalità di assunzione e qualunque sia il
settore o il ramo di attività.
24 VARIE
A Bari Emma italiana 42enne splendida
donna no anonimi. 334/912.14.85.
BARI trans nuovissima affascinante disponibilissima massimo relax 24/24.
389/579.76.99.
CASSANO novità stupenda coccolona
bravissima completissima tutto con calma. 342/503.70.21.
FOGGIA trans esperta massaggiatrice
completo relax tutti giorni. Chiamami
389/198.42.03.
MATERA trans anaconda 24 motivi per
non dimenticare. 348/839.40.16.
MATERA: bravissima sudamericana decolté abbondante snella completissimi
momenti naturali. 331/598.93.81.
NOICATTARO Katia bellissima bambolina stravolgente massaggiatrice decoltè
prorompente
completissima.
324/616.98.87.
NOVITA' a Matera Janet bellissima mora
frizzante indimenticabile esperienza.
338/369.46.14.
POLICORO Roberta spettacolare bionda 25 dolce completissima abile massaggiatrice. 366/495.30.11.
PUTIGNANO novità bellissima stravolgente stallona decoltè prorompente indimenticabile
completissima.
345/600.10.89.
SANGIORGIO novità Nicol stravolgente
superstallona decoltè prorompente completissima bodythai. 331/402.17.36.
Author
Document
Category
Uncategorized
Views
1
File Size
211 KB
Tags
1/--pages
Report inappropriate content